Erfreu Dich an Millionen von E-Books, Hörbüchern, Magazinen und mehr

Nur $11.99/Monat nach der Testversion. Jederzeit kündbar.

Il profumo rubato: Le misteriose origini dell'Eau de Cologne

Il profumo rubato: Le misteriose origini dell'Eau de Cologne

Vorschau lesen

Il profumo rubato: Le misteriose origini dell'Eau de Cologne

Länge:
327 Seiten
4 Stunden
Freigegeben:
23. Aug. 2018
ISBN:
9783960414445
Format:
Buch

Beschreibung

Colonia 1737. Anna è inquieta e un flaconcino della preziosa sa fragranza le scivola di mano. È successo un'altra volta: è stato rubato l'ennesimo carico dello spedizioniere Dalmonte, che l'ha accolta in casa come una figlia. Dalla finestra, la giovane donna nota uno strano forestiero appostato davanti al loro palazzo. Avrà a che fare con i furti? E come si spiega la morte improvvisa della fiflia del profumiere Feminis? C'é forse la mano di Farina, che distilla lo stesso profumo? Quando un nuovo crudele lutto colpisce la comunità, Anna decide che è arrivato il momento di intervenire.
Freigegeben:
23. Aug. 2018
ISBN:
9783960414445
Format:
Buch

Über den Autor


Ähnlich wie Il profumo rubato

Ähnliche Bücher

Verwandte Kategorien

Buchvorschau

Il profumo rubato - Petra Reategui

Per tutti gli spazzacamini,

in particolar modo per Faustino

che perse la vita sul lavoro.

Il diritto può essere infranto per spavalderia

o perché l’individuo non si sente compreso dalla società.

Il singolo può essere mosso dalle motivazioni più svariate.

Talvolta può esservi una ferita assai profonda o l’incapacità di

comprendere. Talaltra, invece, c’è soltanto il desiderio

o la volontà di calpestare le leggi.

Jochen Gerz,

Platz der Grundrechte

Saumarkt Durlach, Karlsruhe

Capitolo 1

Il rombo di un tuono lacerò l’inusuale afa di quel venerdì pomeriggio, l’ultimo del mese di marzo del 1737. Anna sussultò per lo spavento. La bottiglietta verde scuro che stava per trasferire da una custodia a una cassetta più spaziosa e robusta le scivolò dalle dita e si infranse tintinnando sul pavimento di pietra. Tra le schegge di vetro disseminate ovunque si raccolsero minuscole pozze di un liquido trasparente e nelle fughe delle piastrelle si formarono rivoletti.

Sulle prime Anna restò paralizzata dall’orrore, quindi si inginocchiò e raccolse con cura i frammenti sparpagliati attorno alla sedia dello scrittoio. Li annusò. Il profumo speziato dell’Aqua mirabilis rovesciata per terra sovrastava il tanfo di fango che dalla strada penetrava in casa da ogni fessura. Prese un panno e asciugò il pavimento. L’aroma esotico le pizzicava il naso. Non aveva ancora avuto occasione di annusare quella pregiata acqua miracolosa. Chiuse gli occhi e inspirò a fondo quella fragranza sconosciuta. L’odore delicato di… Esitò, inspirò ancora… Di arance, pensò. E c’era anche l’aspro dei piccoli limoni verdi che gli ambulanti del Sud vendevano porta a porta.

Ma c’erano anche altri ingredienti che non riusciva a individuare. Quel dolciastro persistente che le sembrava quasi di assaporare con la lingua era forse il bergamotto di cui tanto aveva sentito parlare dai signori Dalmonte e Feminis? Oppure il neroli, l’olio talvolta riportato nei registri delle merci che facevano avanti e indietro tra i due commercianti? Neroli. Amava il suono misterioso di quella parola in cui si celava tutto il mondo del Sud. La distesa abbagliante del Mediterraneo, la scintillante aria azzurra sopra i boschetti di cipressi, il trillo delle allodole che si libravano alte nel cielo, i viali ombreggiati degli alberi di melangolo sferzati dal vento. Era così che si figurava la campagna italiana.

Con il secondo tuono arrivò una pioggia torrenziale simile a un diluvio. Fiumi di acqua sciabordarono contro i vetri ed entrarono in casa attraverso la finestra accostata che affacciava su Filzengraben. Una folata di vento spalancò il battente mandandolo a colpire il muro.

Anna si rialzò per chiudere la finestra. Nel vicolo le donne correvano tenendosi le vesti. Gli uomini cercavano inutilmente di non infradiciarsi tenendo le giacche sollevate sulla testa. Alcuni passanti si accalcavano nelle nicchie delle porte e sotto le tettoie, altri ancora avevano cercato riparo sotto il colonnato della casa di fronte, detta Al Giglio Giallo. Riconobbe la perpetua del parroco di San Giorgio. Vicino a lei, con le mani in tasca, un uomo alto e magro scrutava nella sua direzione.

Anna si affrettò a mettere il fermo alla finestra. Sbirciò lo sconosciuto attraverso il vetro opaco. Teneva la testa inclinata tra le spalle rialzate e tremava, cosa che non gli impediva di tenere spudoratamente d’occhio casa Dalmonte. Era un tipo scarno e indossava abiti miseramente leggeri, pensò Anna. Quando lo sguardo dello sconosciuto tornò a cercare la finestra dietro cui si trovava, si ritrasse. Sebbene ormai l’altro non potesse più vederla, si sentiva osservata.

Aveva ancora in mano il panno e i frammenti di vetro. Nell’armadio trovò un piattino di stagno e ve li posò sopra. Anna avrebbe dovuto confessare la sua goffaggine al signor Dalmonte. La spedizione per Hartig a Maastricht non poteva partire incompleta; se non avessero trovato altre bottiglie in magazzino, avrebbero dovuto chiedere un rimpiazzo alla figlia di Feminis, Johanna Catharina. Quel pensiero l’angustiava. Non che lo spedizioniere fosse mai stato scortese con lei, tutt’altro. Però era irritata con se stessa per aver lasciato cadere la piccola bottiglietta che tutti chiamavano flacone Rosoli, con quella costosa acqua terapeutica. E tutto per uno stupido temporale. Di solito non si lasciava impaurire così facilmente.

Quando da bambina navigava ancora con i suoi genitori a bordo delle niederländer, aveva conosciuto intemperie di ogni sorta: vele lacerate dalla tempesta, alberi spezzati, carichi sbilanciati che minacciavano di capovolgere la nave. Tuoni, fulmini, lampi. Non rammentava di avere mai avuto realmente paura. Le bastava guardare suo padre, il modo in cui sfidava gli elementi mettendosi a gambe larghe e impartendo ordini ai suoi uomini, e subito si tranquillizzava. La fiducia che nutriva in lui era sconfinata, li avrebbe portati tutti sani e salvi al porto d’approdo, fosse esso Düsseldorf, Dordrecht, Rotterdam o qualsiasi altro. Così pensava allora Anna.

Oggi invece non era più altrettanto sicura che suo padre potesse davvero superare qualsiasi tempesta o le cateratte più infide. Certo, aveva imparato a governare le navi sul Reno sin da piccolo, era abile e aveva grandissima esperienza. Ma doveva ringraziare anche la buona sorte e la fede in Dio. Insomma, ogniqualvolta il padre tornava a Colonia sano e salvo, la fanciulla si sentiva sollevata.

Si fermò davanti alla carta del Reno, appesa all’armadio a muro tra i faldoni e i registri dei clienti e dei fornitori. L’ultima lettera del padre le era giunta tre giorni prima, e come sempre Anna l’aveva piegata e infilata nella fessura tra carta e cornice. Le aveva scritto da Emmerich che erano in ritardo di un giorno, ma se il tempo avesse tenuto, sarebbero arrivati a Dordrecht puntuali. Anna seguì con gli occhi il percorso del fiume sino al porto delle Province Unite. Probabilmente il padre l’aveva già raggiunto e vi aveva anche già calato l’ancora da tempo. Rimpianse di non poter essere con lui come una volta.

Da bambina amava sedere in mezzo ai marinai e ascoltare affascinata le diverse lingue in cui gli uomini imprecavano, litigavano, cantavano e si scambiavano storie avventurose. Afferrava frammenti in francese e in italiano, lussemburghese e alemanno. L’olandese, di contro, lo aveva appreso dal padre, mentre con la madre parlava tedesco, com’era uso tra la gente di Bacharach. Quando poi si piantava a gambe larghe davanti all’equipaggio come il padre e ripeteva quanto aveva sentito, gli uomini scoppiavano a ridere e si offrivano di procurarle di nascosto noci, frutti e altre leccornie. Ad Anna piaceva essere viziata in quel modo. Sua madre, invece, brontolava e riportava la bambina in cambusa. Lì la bimba sedeva immusonita a mondare carote o a sgranare piselli, ma intanto contava piano: "Un, due, tre / Buonanotte a te! / Quatre, cinq, six / Domani è un altro dì! / Sieben und acht / Il sole splenderà / Negen en tien / È primavera alfin!" e per dispetto si ficcava in bocca una manciata di quelle piccole sfere così verdi e dolci.

Quando aveva tredici anni, il padre l’aveva portata a Utrecht, dalla famiglia. Non era appropriato che seguitasse a vivere in mezzo a quegli uomini rozzi. In quella cittadina venne perciò mandata in una scuola tra Oudegracht e Nieuwegracht, cosa che non le dispiacque, per imparare lì a leggere e a scrivere, e dallo zio pastore persino qualche parola di latino. Ma con sorpresa del padre, quel che più le andava a genio era la matematica. Pertanto un giorno egli l’aveva condotta con sé a Colonia dal suo vecchio amico, lo spedizioniere e commissionario Paul Dalmonte. Anna aveva appena compiuto diciassette anni. Se non fosse stata la figlia del suo comandante, il lombardo si sarebbe senza dubbio rifiutato di prendere con sé una ragazzina nel suo ufficio commerciale. D’altro canto, era sommerso dal lavoro e sino ad allora tutti i suoi tentativi di trovare un bravo scrivano erano miseramente falliti. Un anno dopo, in un momento di estrema debolezza, aveva ammesso davanti alla fanciulla che grazie a lei aveva profondamente modificato la sua idea sulle capacità muliebri.

A ripensarci, Anna si sentiva arrossire.

Levati gli ultimi frammenti di vetro, si pulì accuratamente le mani con uno strofinaccio. Il profumo dell’Aqua mirabilis le pungeva ancora le narici. Neroli! Bergamotto! Forse anche un poco di lavanda? No, rosmarino semmai. Annusò alternativamente il palmo destro e quello sinistro. Quell’odore delicato persisteva persino sotto le unghie. Oh, sì, era proprio vero quanto si diceva! L’acqua miracolosa liberava le vie otturate del cervello! A un tratto si sentì rinfrescata e allegra. Peccato per la bella bottiglietta e peccato per il contenuto prezioso di cui rimaneva soltanto una macchia scura sulle mattonelle di pietra.

Con il piattino in mano andò alla ricerca del signor Dalmonte. Passando davanti alla finestra vide che l’acquazzone si era attenuato. Piovigginava ancora un poco, ma la gente aveva lasciato gli archi dei portoni. E anche il tipo lungo e magro era sparito.

Anna trovò lo spedizioniere in ufficio, al piano ammezzato. La ragazza bussò e attese fuori dalla porta che le facesse segno di entrare.

Meno male che sei venuta. De Ridder vuole salpare domattina alle otto. Occupati del nolo e dei documenti doganali. E mi raccomando, che i facchini siano puntuali! Se Melchior Pütz si ripresenta ubriaco, è l’ultima volta che lavora per me, lo giuro sulla santa Madonna di Re.

Come a confermare quelle parole, il pappagallo sulla spalla di Dalmonte gracchiò. Stizzito, emise un fiotto di versi incomprensibili. Parla egiziano, aveva assicurato il mercante di uccelli allo spedizioniere quando glielo aveva rifilato tanti anni addietro, è una prova della sua straordinaria intelligenza! In capo a due mesi avrebbe parlato la lingua di Dalmonte. Il lombardo si era lasciato convincere, non tanto dall’incredibile intelligenza del volatile quanto dai suoi occhi, che lo guardavano devoti e fedeli. E non era rimasto deluso: l’uccello amava il vecchio, e quando questi lo tirava fuori dalla gabbia, gli saltellava instancabilmente sulle spalle, gli si infilava quasi nel colletto della veste da camera, gli mordicchiava teneramente l’orecchio destro e gli tirava i pochi capelli grigi che spuntavano dalla berretta. Però l’italiano non lo aveva mai imparato, e neppure il tedesco.

Devo andare. Da Laurenz Bianco.

Dalmonte indicò una lettera che aveva in mano. Per un attimo parve che volesse leggerla ad Anna, ma poi ci ripensò, spinse via il pappagallo borbottante dal suo posto abituale e si alzò. Era serio in volto e Anna comprese che era nuovamente accaduto qualcosa.

Un paio di settimane prima era risultata mancante una botte di vino. Gli schröder l’avevano portata nel piccolo magazzino in cantina, dove Anna l’aveva debitamente annotata nel registro delle merci. Il giorno appresso, però, era scomparsa senza lasciare tracce. E con lei una damigiana di vetro di spirito. Qualcuno doveva avere dimenticato di chiudere a chiave le porte. Poco dopo avevano cercato invano per tutta la casa due casse contenenti diverse decine di bottiglie di Aqua mirabilis ordinate da un cliente di Amsterdam al commerciante e profumiere di Colonia Johann Paul Feminis, forse ignorando che questi era deceduto poco tempo prima. In ogni modo, la vedova e la figlia, Johanna Catharina, che portavano avanti l’attività a casa Neuenburg in Unter golden Wagen, all’angolo con Minoritenstraße, avevano ancora a disposizione delle scorte d’acqua miracolosa, cosicché per qualche tempo ancora sarebbero state in grado di rifornire i clienti tramite Dalmonte.

La spedizione di Filzengraben non era stata l’unica a cadere vittima di qualche sporca canaglia. Nelle ultime settimane si era registrato un gran numero di furti e aggressioni ai danni di facchini e carri. I ladri erano spuntati fuori ovunque. Agivano in fretta e con abilità e scomparivano prima che si avesse il tempo di guardarsi attorno. Nessuno era in grado di darne una descrizione. Oltre alle bevande alcoliche di ogni tipo, sembrava che i manigoldi avessero preso di mira in particolar modo spezie e oli essenziali, fatto che tutti i commercianti trovavano oltremodo sconcertante. Stoffe preziose, manufatti in oro e argento, vetri, specchi: tutto questo avrebbe avuto senso. Ma gli oli essenziali? E per giunta frutti provenienti dal Sud, alcol etilico, acqua di lavanda e Eau de Portugal.

Sulle prime Dalmonte non era parso particolarmente preoccupato da tali accadimenti. Nel campo delle spedizioni e delle commissioni, perdite di questo tipo andavano messe in conto, diceva. Ma quando le lamentele si erano moltiplicate in seguito all’incremento del numero di furti, il lombardo aveva fatto di tutto per porvi rimedio, risarcendo i clienti danneggiati e portando risolutamente avanti la sua attività. Ma nessuno, né la moglie di Dalmonte, la signora Gertrude, né Anna o i domestici, si lasciava ingannare dalla sua apparente tranquillità.

L’anziano signore prese la parrucca appesa con trasandatezza alla spalliera. Quel capo così prezioso! pensò Anna allibita. Il signor Dalmonte doveva davvero essere altrove con la testa. Era una fortuna che la signora Gertrude non lo avesse veduto.

Lo spedizioniere si sistemò la capigliatura posticcia con qualche difficoltà e la raddrizzò allo specchio.

Può andare per le lunghe, mangiate pure senza di me, disse esaminandosi con occhio critico.

Anna attese che avesse lasciato l’ufficio. Rifletté un momento, quindi posò sulla scrivania il piattino con i frammenti di vetro. L’aroma che si levava era seducente e la fanciulla esitò. Quando avvolse i due pezzi più grossi nel panno che aveva usato per asciugare il pavimento, le tremavano le mani. Si sentiva quasi una ladra. Inspirò ancora una volta la delicata fragranza di fiori, quindi infilò il fagotto in una delle poche sotto le gonne. Infine richiamò il pappagallo, che camminava impettito avanti e indietro sulla libreria, offeso per la mancanza di attenzioni, ma che di buon grado rientrò nella voliera vicino alla finestra.

Anna vide uscire in strada il signor Dalmonte, e fu così che lo notò di nuovo, quello sconosciuto allampanato, che con lo sguardo seguiva lo spedizioniere attraversare Filzengraben e svoltare di fronte, nel vicolo Auf Rheinberg. Non appena quello fu sparito alla vista, il forestiero gli tenne dietro. Anna sentì il cuore in gola.

Capitolo 2

Varcando la Rheingassenpforte per arrivare a Thurnmarkt, Giacomo fu investito da un vento freddo. Si ingannava o gli sguardi delle sentinelle lo seguivano? Le vide parlottare tra loro, e una rise. Sentì il sangue salirgli alla testa, si tirò il cappello logoro sul viso e accelerò il passo. Il signore che camminava assai più speditamente di lui e che lo precedeva di un bel tratto svoltò poco dopo in una strada laterale, allontanandosi dal Reno e scomparendo alla sua vista.

Giacomo si fermò, indeciso. Era certo che quell’uomo con le vesti pregiate e le scarpe dalle fibbie luccicanti fosse Paolo Luciano Dalmonte. Nei suoi lunghi viaggi nella Renania aveva udito sovente parlare di quel conterraneo che, al pari di lui, aveva lasciato la piccola Valle Vigezzo per trasferirsi a Colonia, dove possedeva una fiorente attività di spedizioni ed era assai benestante. Ma non era certo l’unico vigezzino a Colonia. C’era anche un certo Farina originario di Santa Maria, anch’egli spedizioniere e commissionario, che trafficava inoltre in franceserie, vale a dire accessori di moda e articoli di lusso. E Giovanni Paolo Feminis di Crana, distillatore e produttore di una misteriosa acqua terapeutica che si vendeva bene. Un uomo che a casa il parroco non mancava di ricordare nelle sue preghiere per il timore che cessasse di inviare danaro da destinare alla chiesa della sua città natale, ai poveri e al maestro. Giacomo e la sua famiglia, tuttavia, di quei danari non avevano mai goduto. Gli venne il voltastomaco.

Aveva risalito il Reno sino a Colonia da neppure una settimana a bordo di una oberländer. Dopo aver sfacchinato due giorni per scaricare il carico di tufo e di basalto, il comandante aveva pensato bene di comunicargli che per il viaggio di ritorno a Magonza non avrebbero più avuto bisogno di lui. Quando aveva raccolto le sue poche cose e lasciato la nave, l’altro marinaio aveva sogghignato maligno. Dalla riva, Giacomo si era girato a dare un’ultima occhiata: in quell’istante due uomini robusti con il fagotto in spalla venivano accolti calorosamente a bordo. Si erano incrociati poco prima sull’ondeggiante pontile di legno che univa le navi ormeggiate alla riva. Giacomo si morse le labbra. Era sempre così: quando il padrone doveva mandare via qualcuno o mostrarsi compiacente con qualcun altro, a essere cacciati per primi erano sempre i forestieri, i meridionali provenienti dai paesi mediterranei, i lavoratori stagionali italiani. Così il lunedì precedente si era ritrovato senza sapere dove andare e aveva trascorso la notte al riparo del muro non illuminato di una chiesa.

L’indomani mattina i suoi passi lo avevano portato prima di tutto proprio da quel Feminis, in Unter golden Wagen, dove tuttavia era rimasto deluso, perché l’uomo era morto quattro mesi addietro. Così gli aveva detto la vecchia di fronte.

In fondo aveva più di settant’anni.

E la sua attività?

Per tutta risposta quella si era stretta nelle spalle e gli aveva sbattuto la porta in faccia. Non aveva neppure avuto modo di chiederle di Dalmonte o di Farina. Senza sapere dove andare, si era aggirato per le strade scansando carri, facchini e lavandaie, contando le chiese e i monasteri dietro le alte mura, finché non erano diventati troppi, e cercando invano di comprendere le parole che commercianti e venditrici si scambiavano al mercato. E dire che dopo tanti anni trascorsi sulle strade aveva creduto di parlare bene il tedesco.

Finalmente al mercato del pesce aveva fermato una donna dai capelli rossi.

Dalmonte? Non lo conosco, gli aveva risposto con tono impertinente. Tuttavia gli aveva indicato la strada per la locanda di Gerrit, dove si incontravano tutti i forestieri. Là qualcuno lo avrebbe sicuramente aiutato.

E se non trovi niente, vieni da me. Aveva accompagnato l’offerta con un gesto inequivocabile. Ma quando Giacomo aveva rovesciato le tasche vuote dei pantaloni, gli aveva sputato sui piedi piantandolo in asso. Giacomo si era adirato con lei, ma aveva seguito le sue indicazioni e infine aveva trovato la taverna L’Olandese Volante di Gerrit e poi la casa di Dalmonte, detta Alla Nave Rossa.

Un po’ più su, sull’altro lato di Mühlenbach, una donna affitta posti per dormire, gli aveva urlato dietro Gerrit. Forse là trovi una sistemazione. Ma Giacomo preferiva rimanere nella nicchia nascosta del muro in cui aveva trovato riparo la prima notte.

Nei giorni seguenti aveva girovagato nei pressi della casa dello spedizioniere, dove c’era un andirivieni di commercianti, domestici e facchini che arrivavano carichi di merci o trascinavano giù al porto casse, botti, rotoli di stoffe e pacchi di ogni dimensione. Una volta, dalla porta aperta, aveva intravisto nel vestibolo una cassapanca con borchie in ferro dotata di tre lucchetti robusti.

Lo stomaco tornò a farsi sentire. Fatta eccezione per un tozzo di pane e una mela mezza marcia, non mangiava da due giorni. Tornò sui propri passi, ripercorrendo la strada dell’andata. Quando aveva cercato casa Dalmonte per la prima volta, aveva notato alcuni mendicanti in fila davanti a una chiesa in una stradina laterale. Forse anche quella sera vi avrebbero distribuito del cibo.

L’odore di cavoli e rape che ristagnava nel vicoletto lo tranquillizzò. Si mise in fila con gli altri, muniti di scodella e cucchiaio. I loro sguardi lo squadrarono da capo a piedi, soffermandosi sgradevolmente sulla bisaccia rigonfia che portava a tracolla. Non si vergognavano di guardarlo sfacciatamente in viso. Non sei di qui, sembravano dirgli, e Giacomo non seppe capire se fosse un rimprovero o un invito a unirsi a loro. Decise di rimanere.

Ben presto sotto il portale della chiesa comparvero due tipi robusti che issarono sulla panca un pentolone. Li seguivano due donne armate di mestolo. A quel punto la folla perse interesse per Giacomo e cominciò a spingere in avanti per timore che non ci fosse cibo a sufficienza. Quando arrivò il suo turno, Giacomo rimase impacciato davanti alle due pie donne.

Tieni, prendi la mia, io posso aspettare.

Non aveva compreso la parlata dialettale dell’ometto che gli aveva generosamente passato la scodella, ma mangiò con avidità la zuppa di cavoli ben calda, quindi restituì la stoviglia al proprietario. Quando tutti si furono saziati, l’uomo che gli aveva prestato la ciotola gli tirò la manica e se lo portò dietro, in chiesa. Giacomo lo lasciò fare. Insieme con gli altri poveracci che erano stati in fila davanti e dietro di lui, si inginocchiò e cantilenò un rapido paternoster, un’Avemaria par ul nést Signur e, vedendo gli altri ancora immersi in preghiera, un nuovo paternoster. Non osava alzarsi e andarsene. Tirò fuori dal colletto la catenina con l’amuleto. Una Madonna con Bambino. Allora, quando aveva lasciato la valle con suo padre, la vecchia nonna Zanotti gliel’aveva messa al collo benedicendolo.

Cun la Madona di Re!

I ricordi si affollano. Le quattro zitelle Zanotti ferme davanti alla caséla, mute e con gli occhi sgranati. Giovanna che piange. Lo sguardo implorante che passa dalla nonna alla mamma. Questa che invece rientra in casa senza dire una parola e si chiude la porta alle spalle. Il pesante battente di legno che di giorno rimane sempre aperto per lasciar entrare aria e luce e per vedere chi passa per strada. Il raspo del paletto quando sbarra la porta. Adesso sua madre è seduta al buio.

Rincorre il padre, che si è già incamminato giù per la valle sulla strada sconnessa e piena di sassi. Giovanna li accompagna con la faccia gonfia di lacrime. Giù a Druogno il padre le accarezza i capelli e la rimanda dalla madre su all’alpeggio, a Piodabella. Giovanna obbedisce. Abbraccia Giacomo, che con i suoi otto anni è alto quasi quanto lei. Quando sarai diventato un uomo ritorna, te ne prego! gli sussurra all’orecchio la sorella maggiore.

Non era diventato un uomo, era diventato un mendicante! Uno che prendeva la minestra al banco dei poveri e in cambio doveva pregare per la salvezza dell’anima dei suoi benefattori! A ogni buon conto si era saziato. Giacomo baciò l’immagine della Madonna di Re e la infilò di nuovo sotto la camicia, quindi diede un colpetto furtivo sul braccio del vicino gentile e indicò con il mento la porta della chiesa.

Se ti occorre qualcosa, chiedi di me. Sono Tilman, biascicò quello, e di nuovo Giacomo lo comprese a fatica. Quindi il mendicante gli si avvicinò ancor più e gli mise in mano scodella e cucchiaio. Io ne ho altri, gli disse con una smorfia. In bocca gli mancavano due denti di sopra.

Fuori dalla chiesa Giacomo svoltò a destra. Già dopo pochi passi rivide la casa a tre piani con l’aggetto sostenuto da due pilastri sotto il quale soltanto un’ora prima aveva cercato riparo dalla pioggia. Si arrestò all’angolo con Filzengraben. Il sole si era fatto strada tra i nuvoloni scuri e i timidi raggi lo invogliarono a scendere verso il Reno. Poi però piegò nella direzione opposta e superò la casa Alla Nave Rossa. La porta d’ingresso era spalancata e Giacomo ci passò davanti lentamente. Alcuni bambini giocavano a biglie lì vicino, mentre due donne gli venivano incontro con le ceste dei panni.

Ti ho già visto un paio di volte qui in giro.

La più tonda delle due posò la cesta con aria diffidente e gli si piantò minacciosa davanti.

Stai cercando qualcuno? Perché ti aggiri sempre da queste parti?

Lavoro per il signor Dalmonte.

Non suonò convincente, perciò girò sui tacchi sperando che le donne non lo seguissero. Arrivato ai gradini d’ingresso della casa dello spedizioniere, si voltò a guardare: erano ferme nello stesso punto e lo osservavano. Sgusciò dentro cercando di non fare rumore.

Il vestibolo quasi quadrato non era arredato sontuosamente, ma la mobilia lasciava trasparire agiatezza. Al centro troneggiava un grosso tavolo di legno scuro su cui erano posati registri e documenti. Davanti c’era la cassapanca con le borchie e i tre lucchetti. L’intera parete destra era occupata da una lunga libreria. In fondo, sulla sinistra, un corridoio conduceva sul retro della casa e, Giacomo immaginò, al cortile. Sulla destra, una scala a chiocciola portava al ballatoio del piano ammezzato. Ai piedi della scala vegliava una statua di legno chiaro. Una Madonna di Re.

All’orecchio gli giunsero delle voci, ma non riuscì

Sie haben das Ende dieser Vorschau erreicht. , um mehr zu lesen!
Seite 1 von 1

Rezensionen

Was die anderen über Il profumo rubato denken

0
0 Bewertungen / 0 Rezensionen
Wie hat es Ihnen gefallen?
Bewertung: 0 von 5 Sternen

Leser-Rezensionen