You are on page 1of 1

Libro II,

23

127

no n sicera 97 , non mangiava carne di animali, non passava mai il rasoio sull a testa, non si spalmava mai di olio, non prendeva mai i bagni. 6. A lui solo era possibile accedere al santuario; in fatti non indossava abiti di lana, ma di lino. Entrava solo nel Tempio e lo si trovava genuflesso a supplicare il perdono per il popolo. Poich adorava Dio e chiedeva il perdono per il popo lo sempre in questa posizione, gli erano venuti i calli alle gi nocchia come i cammelli. 7. Per la sua estrema giustizia fu det to "il Giusto" e " Oblias " , che tradotto in greco significa "for tezza del popolo e giustizia " , come i Profeti affermano di lui. 8 . Alcuni poi delle sette fazioni presenti fra il popolo 98 , di cui ho gi parlato (nelle Memorie) , gli chiesero quale fosse la porta di Ges; egli disse che era il Salvatore. 9. Da ci alcuni credet tero che Ges il Cristo. Ma le fazioni suddette non credeva no n alla resurrezione n che Cristo sarebbe ritornato sulla ter ra per dare a ciascuno secondo le sue opere; quanti credettero in ci lo fecero grazie a Giacomo. 1 0 . Poich dunque molti an che dei capi credettero, Giudei, Farisei e Scribi si ribellarono, dicendo che si correva il rischio che tutto il popolo ritenesse Ges il Cristo. Andati allora da Giacomo, gli dissero: "Ti avvi siamo, controlla il popolo che tu hai ingannato su Ges, facen dogli credere che egli il Cristo. Ti chiediamo di persuadere ri guardo a Ges tutti coloro che si sono radunati per celebrare il giorno di Pasqua; tutti noi infatti abbiamo fiducia in te, dal momento che, insieme a tutto il popolo, diciamo che tu sei giu sto e imparziale. 1 1 . Persuadi pertanto la folla a non ingannar si sulla persona di Ges, poich tutto il popolo e noi tutti ab biamo fiducia in te. Mettiti dunque sul pinnacolo del Tempio affinch tutto il popolo, riunito in tutte le fratrie e le trib in oc casione della Pasqua, possa vederti e udire le tue parole" . 1 2 . Allora gli Scribi suddetti e i Farisei spinsero Giacomo sul pin97

98 Esseni, Galilei, Masbotei, Emerobattisti, Samaritani, Sadducei, Farisei.

Bevanda inebriante.