Sie sind auf Seite 1von 6

Analisi matematica

Limiti
Per il calcolo dei limiti ( x tende ad un numero finito o all'infinito ), si utilizzano le formule seguenti quando sono noti i
limiti finiti l e m. Noti: lim f(x)=l e lim g(x) = m
( ) ( ) [ ]
( )
( )
( ) ( ) ( ) [ ] ( ) ( ) ( )
( )
( ) ( )
( )
( ) ( ) ( ) a x f x f x f
a a
l x f
e a usare a er p
a
x f
x f usare x f Per
e e l l x f lm x g x f m
m
l
x g
x f
m l x g x f
ln
ln
ln
log : log
lim 0 ln ln lim lim 0 lim lim

>
1
]
1

t t
Nei casi esclusi dalle regole precedenti o per limiti infiniti si possono applicare le seguenti relazioni formali.
Somma:
+ + + t t ; ; l
Prodotto:
( ) ( ) ( ) ( ) ; ; 0 t t t t t l l
ale la regola dei segni.
Quoziente: ( )


0
; 0
0
l
l

0
0
; 0
t

t
l
Esponenziale:
( )
( )
( )
( )

'

+
< <

'


+
+
>
l
l
l
l
l
l
0
! 0 ;
0
!
( )
( )
( )
( )
( )
( )
( )

'


+
+
<

'

+
+
+
+
+ +
>
0
0
0
0 ;
0 0
0
m
m
m
m
Logaritmo:
( ) ( )
( ) ( )
( )

'

< < <


> >

+ +
0 ln ! 0
0 ln !
ln
ln
log : log
ln ; 0 ln
a a
a a
a
x f
x f
a
usare x f
a
Per
Limiti notevoli
( )
( ) ( )


,
_

+


,
_

+

x
x
x
x
x
x
e
x
x
x
e
x
x
x
e
x
x
x
! ln
0
lim ) " ; !
! ln
0
lim ) # ;
!
!
0
lim ) $ ; ! lim ) % ;
!
! lim ) !
( )
e
a
a
x
x
a
x
e x x
x
x
x
x
x
x
e
x
log
!
ln
!
0
lim ) ! . & ; 0 ; 0 ln
0
lim ) & ; 0
ln
lim ) ' ; lim ) (

>
+

+
+
+

( )
( )
( )
( )
{ }
( )

+

+

+

k k
x
k
x
x
a
a
e
a
x
x
a
x
x f
x f
e
x f
x
x
e
x
;
! !
0
lim ) !% ; ! ;
ln
!
log
! log
0
lim ) !! ; !
!
0
lim ) !0 ; !
!
0
lim ) )
( )
%
!
%
%
cos !
0
lim ) !' ; !
cos !
0
lim ) !( ; !
tan
0
lim ) !" ; 0 !
sen
0
lim ) !# ; !
sen
0
lim ) !$

x
x
x
x
x
x
x
x
x
a
ax
ax
x
x
x
x
( ) gradi in x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x
x poich
x
x
x
!&0
sen
0
lim ) %0 ;
% %
sen
%
0 0
%
sen
%
0
lim ) !) ;
!
sen 0
!
sen
0
lim ) !&

,
_

,
_

<

Forme indeterminate
!,%)

e
0
0
si applica la formula di *e +',opital
( )
( )
( )
( ) x g
x f
x g
x f
'
'
lim lim
Per le funzioni razionali fratte con

'

d grado di inatore den


n grado di numeratore
om

'

<

>

+
+
t
d n per
d n per
b
a
d n per
d
bx
n
ax
x
0
...
...
lim
$) 0 -i riconduce al caso
( ) ( )
( )
( ) ( )
( ) x f
x g
x g x f oppure
x g
x f
x g x f o
!
) (
!
) (
0
0

#,",()

! ;
0
;
0
0 -i trasforma usando
( ) ( ) [ ] ( ) ( )
( ) ( ) ( )
( ) + ,
ln
lim lim ; 0 . ln lim anche l
l
e
x f x g
e
x g
x f ind forma l x f x g
') -i riporta ad uno dei precedenti casi:
( )
( )
( ) ( )
( )
( )
( )
( ) ( ) ( )
( )
( )

'

,
_


,
_


x f
x g
x f x g x f oppure l se ind forma
x f
x f
x g
x g x f l
x f
x g
! !
0
0
.
!
!
lim
-e ci sono radicali si pu. razionalizzare: si moltiplica e si di/ide per lo stesso fattore, c0e elimina la differenza (o somma) fra
radicali; ad es. se la funzione 1 del tipo t , si moltiplica e si di/ide per
Derivate
2 = c 2' = 0 2 = logx = lnx
x
y
!
'
2 = x
n
2' = nx
n3!
2 = a
x
2' = a
x
loga
2 = senx 2' = cosx 2 = e
x
2' = e
x
2 = cosx 2' = 3senx 2 = arc senx
%
!
!
'
x
y

2 = tgx
x tg
x
y
%
!
%
cos
!
' +
2 = arc cosx
%
!
!
'
x
y


2 = ctgx
)
%
! (
%
sen
!
' x ctg
x
y +
2 = arc tgx
%
!
!
'
x
y
+

y x
x
y
%
!
'
2 = arc cotgx
%
!
!
'
x
y
+

y x
n

n
n
x n
y
!
!
'

( )
[ ]
( )
y f x
g x

( ) [ ]
( )
( ) ( ) ( )
( )
( )

)

'

+
x f
x f
x g x f x g
x g
x f y
'
log ' '
2 = logax
a x
e
a
x
y
ln
!
log
!
'
*c = 0
Funzione potenza
!

n n
nx Dx * x = !
x
x
x x D sgn
n
n
x n
x D
n
!
!

%
! !
x x
D
x
x D
%
!

Funzioni goniometriche
* senx = cosx * cosx = 3senx
x tg
x
Dtgx
%
!
%
cos
!
+
)
%
! (
%
sen
!
x ctg
x
Dctgx +
Funzione logaritmica
a x
e
a
x
x D
a
ln
!
log
!
log
x
x D
!
ln
Funzione esponenziale
* a
x
= a
x
ln a * e
x
= e
x
Inverse delle funzioni goniometriche
%
!
!
arcsen
x
x D

%
!
!
arccos
x
x D


%
!
!
arctg
x
x D
+

%
!
!
arctg
x
x D
+

Funzioni iperboliche
* s0x = c0x * c0x = s0x
x ch
Dthx
%
!

x sh
Dcthx
%
!

egole di derivazione
* 4f(x) = 4f'(x) * 5f(x) 6 g(x)7 = f'(x) 6 g'(x) * 5f(x) g(x)7 = f'(x) g(x) 6 g'(x) f(x)
( )
( )
( ) ( ) ( ) ( )
( ) [ ]
%
' '
x g
x f x g x g x f
x g
x f
D

* f5g(x)7 = f'5g(x)7 g'(x)


( ) [ ]
( )
( ) [ ] ( ) ( ) ( )
( )
( )

)

'

+

,
_

x f
x f
x g x f x g
x g
x f x f D
x g
'
log '
x
x D
!
ln ( ) [ ] ( ) [ ] ( ) x f x f n x f D
n n
'
!

( ) ( )
( ) x f a a Da
x f x f
' ln
( ) ( )
( ) x f e De
x f x f
'
( )
( )
( ) x f
x f
x f D
'
ln
Studio di funzione
8ffinc09 una funzione 2 = f(x) sia continua nel punto x = c de/ono /erificarsi contemporaneamente le seguenti
condizioni:
!) esistenza del /alore della funzione per x = c;
%) esistenza del limite finito l della funzione per x c (cio1
l x f x f
c x c x

+

) (
lim
) (
lim
);
$) coincidenza tra l e f(c).
:uando anc0e una sola delle tre condizioni non 1 /erificata si dice c0e la funzione 1 discontinua e c0e x = c 1 un punto
di discontinuit! per la funzione (o anc0e punto singolare).
Punti di discontinuit! di prima specie
-i dice c0e per x=c la funzione 2 = f(x) 0a un punto di discontinuit! di prima specie, quando esistono e sono finiti e
diversi tra loro i limiti dalla destra e dalla sinistra della funzione, a prescindere dall;e/entuale /alore della f(x) per
x = c
) (
lim
) (
lim
x f x f
c x c x
+

Punti di discontinuit! di seconda specie


-i dice c0e per x=c la funzione 2 = f(x) 0a un punto di discontinuit! di seconda specie, quando non esiste, o non esiste
finito, uno almeno dei due limiti dalla destra o dalla sinistra di c.
Punti di discontinuit! di terza specie
-i dice c0e per x=c la funzione 2 = f(x) 0a un punto di discontinuit! di terza specie o eliminabile, quando esiste
finito, il limite per x c di f(x), ma f(c) o non esiste o 1 di/ersa dal /alore del limite.
"rafico probabile di una funzione
a) determinare il dominio indi/iduando do/e f 1 continua
<) determinare le e/entuali intersezioni del suo grafico con gli assi coordinati
c) studiare il segno della funzione indi/iduando l;insieme di positi/it= e negati/it=
d) calcolare i limiti della funzione per x e in corrispondenza ai suoi punti di discontinuit=, deducendo gli
e/entuali asintoti orizzontali e /erticali
e) tracciare, tenendo conto degli elementi acquisiti, il grafico pro<a<ile della funzione.
Flessi a tg# orizzontale
>icerco la !
a
deri/ata 0
) ( '
!
x f ) ( ' '
!
x f ) ( ' ' '
!
x f
f x
iV
( )
!
ordine pari
f x
V
( )
!
ord. dispari
=0 ?0 min
@0 max
=0 =0 ?0 fl. asc.
@0 fl. disc.
=0 =0 =0 ?0 min
@0 max
=0 =0 =0 =0 ?0 fl. asc.
@0 fl. disc.
f'(xi) ? 0 funz.crescente f''(xi) ? 0 conca/it= /erso l'alto
f'(xi) @ 0 funz decrescente f''(xi) @ 0 conca/it= /erso il <asso
per tro/are i flessi si pone f''(x) = 0 , si studia il segno di f''(x) nell'intorno dei /alori tro/ati, se f''(x) cam<ia segno tra
destra e sinistra del punto considerato si 0a un flesso altrimenti no.
-e si 0a un max o un min a tg orizzontale f'(x0) = 0
Aondizione necessaria, non sufficiente, affinc01 /i sia un flesso in x0 1 c0e f''(x0)=0
Per tro/are i flessi perci. si de/e porre f''(x)=0
-i studia quindi il segno della f''(x) nell'intorno dei /alori tro/ati
-e f''(x) cam<ia di segno a destra e a sinistra del punto considerato si 0a un flesso altrimenti no.
-e f'(x0) ? 0 funzione crescente in x0 -e f''(x0) ? 0 conca/it= /erso l'alto
-e f'(x0) @ 0 funzione decrescente in x0 -e f''(x0) @ 0 conca/it= /erso il <asso
$assimi e minimi: se si 0a un massimo o minimo relati/o a tangente orizzontale f'(x0) = 0
Per ricercare tutti i flessi anche %uelli a tg# &bli%ua
0 ) ( ' ' x f
(condizione necessaria non sufficiente)
) ( '
!
x f ) ( ' '
!
x f ) ( ' ' '
!
x f
ordine dispari
) (
!
x f
IV
ordine pari
0 = 0 0 fl. o<liq.
0 = 0 =0 0 ne min. ne max. ne flessi.
la cur/a /olge la conca/it= /erso
l;alto ? 0
la cur/a /olge la conca/it= /erso il
<asso @ 0
x
0
Bassimo relati/o
6 3
-egno f'(x)
x
0
Binimo relati/o
3 6
-egno f'(x)
'abella delle primitive
( )

+
+

+
! ,
!
!
!
n c x
n
dx x
n n

+ c x dx

+ c x xdx
%
%
!

+ c x dx x
%
$
%

+ c x dx
x
%
!

+ c
x
dx
x
! !
%
c x dx
x
+

ln
!

+ c x xdx cos sen

+ c ax
a
axdx cos
!
sen

+ c x xdx sen cos



+ c ax
a
axdx sen
!
cos

+ c tgx dx
x
%
cos
!

+ c ctgx dx
x
%
sen
!

+ c x tgxdx cos ln

+ c x xdx g sen ln cot

+ c e dx e
x x

+ c a
a
dx a
x x
ln
!

c x dx
x
arcsen
!
!
%

+
+
c x dx
x
arctg
!
!
%

c
a
x
dx
x a
arcsen
!
% %
( )

+
+
0 , arctg
! !
% %
a c
a
x
a
dx
x a

+ +
+
c a x dx
a x
x
%
%
( ) 0 .
%
%
> +

a c x a dx
x a
x

c
x a
x a
a
dx
x a
ln
%
! !
% %

+
+

c
a x
a x
a
dx
a x
ln
%
! !
% %
c a x x dx
a x
+ t +
t

% %
% %
ln
!
c ctgx ecx c
x
tg dx
x
+ +

cos ln
%
ln
sen
!

+ + +
,
_

+ c tgx x c
x
tg dx
x
sec ln
# %
ln
cos
!
( ) c x x x xdx +

cos sen
%
!
sen
%
( )

+ + c x x x xdx cos sen


%
!
cos
%
c x a x
a
x
a dx x a +
,
_

% % % % %
arcsen
%
!

+ c chx shxdx

+ c shx chxdx

+ c thx dx
x ch
%
!

+ c cthx dx
x sh
%
!
Cormula di 8rc0imede per l'area di un segmento para<olico
$
(
!
d a S