Sie sind auf Seite 1von 432
1

1

1

INDICE

RIASSUNTO BREVE ‘’LA REALTA’ SUPERA LA FANTASIA”

- CHI CONTROLLA IL MONDO

- QUAL’E’ IL PROBLEMA IN ITALIA

- ENERGIA PULITA E OCCULTATA

- FILM CONSIGLIATI

- MAPPE , NETWORK BILDERBERG,TRILATERALE

DOSSIER: CHI COMANDA I MASS MEDIA

IL SIGNORAGGIO

DOSSIER BILDERBERG

- Quel che non sapete del Gruppo Bilderberg

- Banchiere svizzero smaschera i criminali del Bilderberg

- Ferdinando Imposimato: "Dietro le Stragi di Stato, il Gruppo Bilderberg"

- Henry Kissinger e il gruppo Bilderberg dietro all'omicidio di Aldo Moro

- I piani segreti del Bilderberg e Mario Draghi per l’Italia del futuro

- Il discorso che costò la vita a J.F. Kennedy: attuale come non mai

- Le associazioni massoniche: il trait d'union tra le lobby dell'alta finanza che gestiscono le multinazionali

- Chi è davvero Mario Monti

- 2005: Il programma segreto del gruppo Bilderberg

DOSSIER M.E.S. MECCANISMO EUROPEO DI STABILITA’

DOSSIER: La sporca cronistoria del Nuovo Ordine Mondiale!

- Chi governa il mondo? La prova consistente che un gruppo ristretto di ricchi elitari tira le fila

- CHI CONTROLLA IL DENARO?

DOSSIER: FAMIGLIE PIU’ POTENTI DEL MONDO

- LE 13 FAMIGLIE CHE COMANDANO IL MONDO

- DOSSIER: La famiglia Rockefeller

- DOSSIER: La famiglia più potente del mondo: i ROTHSCHILD

DOSSIER GOLDMAN SACHS

COME HANNO AGITO A NOSTRA ISAPUTA, descrizione dei piani attuati nella storia economica fino ad oggi da parte dei grandi banchieri

DOSSIER SOVRANITA’, COME CI HANNO TOLTO TUTTO

I MIGLIORI SITI DI INFORMAZIONE LIBERA CHE NON FANNO CENSURA E FANNO VERA

2

2

INFORMAZIONE

ALTRI DOCUMENTI E INDAGINI

Pure le banche hanno una storia

Lista dei partecipanti al meeting dei Bilderberg - Germania 5-8 maggio 2005

Misteri e segreti del B'nai B'rith

I massoni e la sinistra italiana

Simbolismo esoterico nel dollaro statunitense?

Marzo di Sangue e nuovo dollaro

Bush e Kerry fratelli di loggia e cugini di sangue!

Bush e Kerry divisi in politica ma uniti da una loggia: quella del «Skulls & Bones»

La cazzuola George Washington

Maastricht e la perdita della Sovranità Monetaria

La massoneria governa l'Europa

I soci privati delle Banche Centrali (private)

Come lo Stato può guadagnare dal signoraggio

Il segreto del capitale

Draghi e Rohatyn: attacco a tenaglia contro la Nuova Bretton Woods

La stirpe dei Draghi

Mario Draghi & la lobbies bancaria

Antonio Fazio e lo scontro tra Opus Dei & Rothschild

I francesi resistono a Goldman Sachs

L’Italia consegnata a Goldman Sachs

Mario Monti il puro passa (strapagato) alla Goldman Sachs

Titanic Italia

Grazie banchieri

PERCHE' LE BANCHE ITALIANE FANNO GOLA ALLE STRANIERE

COME USCIRE DALL'EURO

L'Europa delle lobby sempre piu' potente

Il vero volto dei due economisti

PROTOCOLLI DEI "SAVI ANZIANI" DI SION

LE TAPPE FONDAMENTALI DEI PROTOCOLLI DEI SAVI DI SION PER LA

DISTRUZIONE DELLA CIVILTA’ CRISTIANA

DAVID ICKE - POTERI DI CARTA

ILLUMINATI Dalla luce di LUCIFERO alla consacrazione del DRAGO

Scirtto e assemblato da ENOCH THRIVE

3

3

LA REALTA’ SUPERA LA FANTASIA

“Caro amico qual è la verità?“ “che tu sei uno schiavo. come tutti gli altri sei nato in catene, sei nato in una prigione che non ha sbarre, che non ha mura, che non ha odore, una prigione per la tua mente. nessuno di noi è in grado purtroppo di descriverlo agli altri. dovrai scoprire con i tuoi occhi che cos'è. è la tua ultima occasione: se rinunci, non ne avrai altre. - pillola azzurra: fine della storia. domani ti sveglierai in camera tua e crederai a quello che vorrai, quello che ti impongono i media i giornali e gli altri mezzi di manipolazione - pillola rossa: resti nel paese delle meraviglie e vedrai quanto è profonda la tana del bianconiglio. ti sto offrendo solo la verità, ricordalo. niente di più.Magari bastasse una semplice pillola per aprire gli occhi alla gente come succedeva nel film Matrix quando Morpheus offriva questa chance al protagonista….purtroppo ste pillole ancora non le vendono così nel mio piccolo cercherò di divulgare quel che posso, sono solo una goccia nell’oceano ma cos’è l’oceano se non un unione di tante gocce?? Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario.( George Orwell) La faccenda non è molto complicata se si cerca di metter da parte tutti gli stereotipi e le convenzioni che abbiamo e ci sono state inculcate da quando siamo nati dai vari mezzi di informazione, dalla società e dalla mentalità comune, che molte volte ci spingono ad avere i paraocchi, a non cercare di guardare oltre il nostro naso e al guardare solo all’apparenza delle situazioni e delle cose senza andare affondo, fidandoci per sentito dire o sulla base di notizie che in realtà possono essere distorte Bisogna sempre tenere a mente che i mezzi di comunicazione giornali ,tv sono uno strumento di manipolazione della massa, basta cercare e informarsi a chi appartengono le tv e i giornali, le loro quote azionarie, da chi vengono finanziate e potrete capire chi può manipolare le informazioni nei suoi interessi e come facilmente può mettere a tacere informazioni rilevanti o reati che li riguardano, lo Stato è il primo manipolatore e censuratore. In Italia comanda, decide e ordina la disinformazione. Tutto quello che si sa non è vero. Si sa quello che vuole il sistema. ( Legame tra stampa, industria e finanza http://www.rivistapaginauno.it/Legami-stampa-industria-finanza.php ; chi controlla i Mass- media, stampa e tv

Sembra impossibile ma la verità come spesso succede supera la fantasia, ci sono documenti che

testimoniano e trattano tutti i temi e le ipotesi descritte, molti portano a notizie ufficiali, altri portano

prove a sostegno di alcune teorie

verità dogmatica prendetela come una teoria e cercate di trovare da soli la veridicità delle fonti e il nesso tra i vari collegamenti, forse scoprirete che molte cose non sono campate in aria, lo scopo di

tutto ciò è di svegliare le coscienze e far riflettere in modo che un giorno non troppo lontano quando queste cose saranno sotto gli occhi di tutti voi non vi troviate impreparati . Emblematiche sono le parole tratte dal film matrix “fai parte di un sistema.e quel sistema è nostro nemico. ma quando ci

sei dentro ti guardi intorno e cosa vedi? uomini d'affari, insegnanti, avvocati, falegnami

la storia è questa a grandi linee e sommariamente, ma più che una

le

proiezioni mentali della gente che vogliamo salvare. ma finché non le avremo salvate, queste persone faranno parte di quel sistema, e questo le rende nostre nemiche. devi capire che la maggior parte di loro non è pronta per essere scollegata. tanti di loro sono così assuefatti, così disperatamente dipendenti dal sistema, che combatterebbero per difenderlo, inconsapevoli di lottare per il loro stesso nemico." (Morpheus) Sarà solo una storia fantasiosa e complottistica ma forse non lo è……. VITA MEDIA Prima di parlare di teorie a cui si può credere o no, voglio concentrarmi su una cosa certa su cui non tutti riflettono. L’essere umano medio nasce, fino a 6 anni rimane un essere umano, ovvero è

4

4

caratterizzato ancora dalla gioia verso la vita e dalla curiosità, vuole sapere il perché di tutto, guarda con stupore ogni cosa ed è felice, felice di esserci. Arrivati i 6 anni comincia la scuola, a questo punto il bambino viene indottrinato e la sua essenza umana viene distrutta, gli vengono inculcate false idee e fatte passare per verità assolute, e inconsciamente gli viene imposto l’ordine ”non devi pensare e non devi avere un senso critico, devi accettare tutto ciò che ti viene propinato dalle fonti ufficiali come i libri di scuola e se non lo farai verrai ridicolizzato ed isolato dal resto della società”. Inoltre il bambino è costretto a studiare cose che non gli piacciono e comincia ad odiare la cultura in tutte le sue forme e così evita ogni genere di libro perché lo considera noioso e inutile, vuole solo divertirsi e non pensare, perché il pensare da come ha potuto capire a scuola lo annoia e lo rende ridicolo agli occhi degli altri. Una volta terminato il periodo scolastico, questo gli può dare qualche inutile e misera base per continuare gli studi con l’università (ovviamente non potrà scegliere liberamente quella che vuole, ma si dovrà accontentare dato che sono tutte a numero chiuso o costano troppo) oltre a dargli nessunissima base teorica o pratica per un futuro lavoro.( Ciò non vuol dire che la cultura sia sbagliata, anzi i mali del mondo nascono proprio dall’ignoranza, ma la cultura che ci danno le istituzioni non è abbastanza ed è insegnata con metodi arretrati, gli insegnanti dovrebbero essere guide, fonti di cultura e insegnamenti e non autorità che si impongono in maniera dittaturiale andando contro gli studenti ). Deve quindi cercare un lavoro, perché senza di esso non potrà sopravvivere e non verrà rispettato, verrà considerato un poco di buono, quindi deve buttare 8 ore della sua vita nel cesso perché così gli è stato imposto, perché senza il denaro non si può sopravvivere in questa società e perché gli è stato insegnato che la vita deve essere una continua lotta alla sopravvivenza. Infatti l’essere umano diventato ormai un pezzente che lavora 8 ore al giorno 6 giorni su 7 , non riesce spesso ad arrivare nonostante tutto alla fine del mese se ha da mantenere una famiglia ed è costretto a vivere una vita umiliante. Deve vivere costantemente con la paura di perdere il posto, e con quello anche la casa se ne ha una, dato che ha un mutuo da pagare. Oltre il danno la beffa, perché la maggior parte dei soldi che guadagna li dovrà devolvere in tasse, perché è così che funziona in questa società, bisogna essere contribuenti, bisogna versare tasse allo stato per finanziare opere e servizi pubblici, dai cui fondi si arricchiscono i politici comunali che van li per arraffare il più possibile e parlamentari che navigano nell’oro per generazioni grazie alle nostre tasse. Ma il povero essere umano non sa che le tasse serviranno a pagare il debito pubblico. Debito pubblico generato dalle banche, un debito eterno che non potrà mai essere estinto. Poverino, non è a conoscenza del signoraggio, il motivo per il quale è schiavo. Una volta che l’essere umano torna dalle sue 8 ore di lavoro a casa è stanco e depresso e non ha neanche la voglia di ascoltare e di pensare, vuole solo rilassarsi perché distrutto, si siede sul divano e accende la TV riempiendosi il cervello di spazzatura e di false notizie spacciate per verità, proprio come quando andava a scuola. Chi glielo spiega che la TV è in mano alle persone sbagliate che manipolano le informazioni in modo da fargli pensare ciò che loro vogliono che pensi, facendogli credere che tali idee vengano da lui, è ignaro anche di questo, ma non vuole saperlo perché non gli interessa. Vuole continuare la sua vita rimanendo nel suo guscio che lo fa sentire protetto, vuole la macchina, il cibo, i soldi, il sesso facile, e tutte le cose che gli vengono proposte dalla TV e la pubblicità come stereotipi di successo e punti di arrivo, lo spingono a volere ciò di cui non ha bisogno. In oltre il cibo che ingerisce è pieno zeppo di sostanze chimiche che lo fanno ammalare o lo faranno ammalare, ma non gli interessa neanche questo, non da peso a queste cose, vuole vivere protetto nel suo guscio, sotto la così detta campana di vetro , perché ha paura della realtà e della verità che può rompere questo guscio mandando a monte tutte le sue sicurezze. Dopo 35 anni di lavoro arriva finalmente la misera pensione, la tanto attesa pensione, ma l’essere umano ormai è vecchio e non sa più cosa farsene del tempo libero, ha trascorso una vita talmente alienata nel suo lavoro che non conosce più la libertà, o meglio non sa cosa sia, inoltre non è mai riuscito a coltivare degli interessi e degli hobby, perché non

ne ha avuto mai il tempo, nel frattempo vivendo così ha perso pure la fede spirituale e non ha

coltivato neanche il suo spirito e la sua interiorità, quindi è una persona vuota, un automa, una specie

di essere senza anima e senza cultura. Perciò non sapendo che fare incomincia a deprimersi, ad

5

5

annoiarsi e a trascorrere le sue giornate vegetando e aspettando la morte, ma la morte non si fa

attendere e arriva in fretta, infatti dopo essersi ingozzato di alimenti contaminati per una vita intera,

in un ambiente inquinato utilizzando medicine che non curano davvero i mali ma li rendono cronici

per farli ricomparire in modo che compri altre medicine, dopo aver trascorso una vita sedentaria,

nella maggior parte dei casi si ammala terminando la sua angosciante vita. Secondo voi la vita così

come la concepiamo ha un senso logico?? Secondo me no…

FATE COPIA E INCOLLA SUL BROWSER SE NON SI VEDONO ALCUNI LINK O NON SI APRONO CHI CONTROLLA IL MONDO Il mondo è controllato da pochi, i capi di governo controllano e guidano gli stati chi poco onestamente, e chi con molta disonestà, i capi di governo a loro volta sono condizionati dall’

economica del paese, e dalle condizioni economiche dei loro sostenitori, quindi si può dire che chi controlla l’economia di un paese o di più paesi a sua volta può controllare le sorti politiche e le condizioni economico-sociali dell’intero paese. Se ne deduce che per capire chi controlla il mondo, bisogna capire chi controlla e manipola l’economia dei paesi, queste sono sempre al 90% le Banche Centrali, e le Multinazionali ad esse collegate. Ovviamente chi controlla le banche può controllare interi paesi in maniera quasi del tutto

invisibile

economiche, organizzare complotti, manipolare informazioni, organizzare messinscene, comprare il silenzio, corrompere, ecc ecc….il denaro non ha limiti. Dietro grandi eventi che segnano la strada e l’andamento del mondo è molto plausibile che ci siano poche famiglie potenti che possono controllare i governi in maniera subdola e invisibile, hanno creato una cerchia segreta tra di loro nella quale discutono le sorti di interi continenti e hanno ben chiaro quello che è il disegno finale al quale vogliono arrivare, questo lo sanno solo loro all’interno della loro Cerchia Ristretta(detti ILLUMINATI), costoro possiedono tutto, petrolio, sanità e case farmaceutiche, banche compresa la Banca Mondiale, hanno patrimoni economici infiniti superiori a

quelli dei singoli stati, sono nati nel lusso smisurato e il loro obiettivo non è diventare più ricchi ma è

di natura ideologica, vogliono il potere assoluto e il controllo su tutto, vogliono creare un Nuovo

Ordine Mondiale, con l’ intera società mondiale sottomessa e controllata da loro. Questa cerchia più piccola è il “Vero Burattinaio”, ed anche se questo può risultare impensabile c’è da ammettere che queste famiglie esistono realmente. C'è da dire che l'egoismo e l'avidità di certe persone è senza limiti, a quei livelli si ha in mano così tanto da avere deliri di onnipotenza, sentimenti che si tramandano di generazione in generazione, ed è logico se si immagina come può essere la mentalità dovuta al contesto sociale di chi nasce in famiglie che hanno un patrimonio così enorme, i suoi membri hanno sicuramente un determinato profilo psicologico, una visione distorta del mondo non sapendo cosa vuol dire guadagnare lavorando o accontentarsi di ciò che si ha, non sanno cosa vuol dire sacrificio, pensano che tutto gli è dovuto e che sono persone superiori e migliori degli altri ,perché hanno di più. Sicuramente se fossero generosi e caritatevoli non ci sarebbe più povertà al mondo dato che potrebbero da soli eliminare la miseria e la fame nel mondo, con una mentalità così l'obiettivo può esser solo la totale dominazione di tutti gli uomini del mondo, ma nascondendosi e lasciando la responsabilità dei governi in mano a insignificanti uomini politici, e a lungo termine di creare un nuovo ordine mondiale fatto di sudditi inconsapevoli e repressi manipolati secondo certi stereotipi sin dalla nascita.

C’è poi una Cerchia Larga (i MASSONI) che comprende personaggi di spicco dell’economia e della politica, ovviamente non conoscono qual è il vero disegno finale degli illuminati,in tal caso a loro vengono date altre motivazioni, vengono motivati comprati, corrotti e manipolati, oppure se lo conoscono vuol dire che a loro sta bene così pur di avere la loro “fetta di torta”. La Cerchia Larga ha

(tratto da video CoscienzaSveglia)

ovviamente

chi ha questo potere può, con pochi sforzi avendo quasi infinite risorse

6

6

una duplicità, è sia marionetta inconsapevole” del “Vero Burattinaio” (Cerchia Stretta) dal quale prende ordini, sia “Burattinaio” del Popolo (“la Marionetta”) che viene manipolato. Costoro (massoni) sono “marionette inconsapevoli”, inconsapevoli perché sono i Burattinai del Popolo , ma non si rendono conto o se ne accorgono ma sono d’accordo ,che a loro volta sono le marionette dei ‘’Veri Burattinai”(Cerchia Ristretta). Noi purtroppo siamo la loro “marionetta”. Va bene se hai letto fin qui e non credi che esistano i massoni devi sapere che non hanno bisogno di nascondersi, spesso ne vanno fieri e sono intoccabili, la loro sede è stata fino a poco tempo fa Palazzo Giustiniani l’attuale appartamento del presidente del senato, ed hanno addirittura un sito dettagliato in bella mostra vedere per credere… http://www.grandeoriente.it/ La Cerchia Larga è conosciuta sotto il nome di BILDERBERG, assemblea che si raduna dal 1954 in posti diversi e che decide e mette in atto tutti i più significativi eventi che modificano le sorti del mondo. Questo gruppo da quando è stato smascherato ha addirittura un sito ufficiale http://www.bilderbergmeetings.org/governance.html nel quel ammette i 60 incontri che si sono tenuti dal 1954 ai quali hanno partecipato le più importanti personalità, mescolanza di Capi di Stato, Re, Regine, Ministri, Presidenti di Parlamenti , Commissari Europei, chiusi in segreti ambiti con banchieri come David Rockefeller, o altri ai massimi livelli della BancaCentraleEuropea, della Federal Reserve, della Banca Mondiale, con i vertici delle massime multinazionali, con giornalisti delle principali testate, e insomma con gli uomini chiave di tutto quanto accade nel mondoOvviamente il sito è di copertura e omette i veri argomenti segreti degli incontri. Chissà perché in 59 anni di incontri ammessi e certificati con dei partecipanti così importanti tutti insieme, la stampa non ne ha mai parlato e solo adesso hanno ammesso la loro esistenza…(il Bilderberg è il più importante ma ce ne sono altri tra cui TRILATERALE, AUSPEN, COUNCIL OF FOERING RELATIONSHIP)

(Tutto quello che non sapete dei membri del http://www.nocensura.com/2012/10/quel-che-non- sapete-del-gruppo.html )

(parole di Daniel Estulin ex spia e agente segreto http://www.youtube.com/watch?v=z4JWaBjvdII )

( Rivelazioni del Magistrato Ferdinando Imposimato presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione http://www.youtube.com/watch?v=-8wizYyAuzc http://www.nocensura.com/2013/04/imposimato-la-zanzara-dietro-strategia.html )

Nuovo ordine mondiale

(Le riunioni segrete del bilderberg

( Documento ufficale dell’Unione Europea nel quale si chiedono spiegazioni delle relazioni tra Mario Monti e il Bilderberg VIDEO e articolo con la spiegazione del caso

7

7

Bilderberg-e-sulla-Trilaterale.aspx Doc Ufficiale Unione Europea del 2003

INTERO LIBRO “il Club Bilderberg” scritto dall’ex agente segreto Daniel Estulin

SCARICABILE DA QUI

 

tra i componenti di questo gruppo ci sono:

- capi di governo che cambiano in base al periodo storico-politico, Presidenti delle nazioni più importanti

- esponenti dell’elite economica mondiale di grandi aziende, e telecomunicazione

- presidenti delle più grandi banche

- qualche rappresentante della Cerchia Ristretta Tra questi partecipanti spiccano:

1)

la prima famiglia, la più potente d’europa che agisce nell’ombra da un centinaio di anni, i

ROTHSCHILD

famiglia talmente potente che ha prestato soldi a intere nazioni come l’inghilterra e verso cui è ancora debitrice, da secoli influenzano la storia finanziando da dietro le quinte i più grandi avvenimenti storici. Famiglia i le cui proprietà tra banche e aziende sono inimmaginabili, in alcuni paesi hanno anche la facoltà di emettere moneta… è facile capire come anche se i libri di storia dovrebbero essere pieni di riferimenti a loro questi sono talmente ricchi e potenti da esser riusciti quasi del tutto a rimanere anonimi, per loro il silenzio è facile da comprare

( Video storia dei Rothschild http://www.youtube.com/watch?v=ItL1AUuh1a4 )

(dossier dettagliato sulla famiglia Rothschild http://www.nocensura.com/2012/02/dossier-la- famiglia-piu-potente-del.html )

(Proprietà dei Rothschild

77242b98a4/index.html banche di proprietà dei Rothschild

(hanno un sito ufficiale nel quale sono riportate le loro attività e la loro storia http://www.rothschild.com/our_history/

2)

la seconda famiglia, la più potente d’america alleata della prima, i ROCKFELLER che controllano le multinazionali di petrolio , Banche, le industrie farmaceutiche più potenti ( attraverso le quali boicottano tutti i medicinali curativi, in favore di medicinali che non curano ma fanno sparire i sintomi facendoli ripresentare dopo qualche tempo in modo da rendere croniche le malattie, che senso avrebbe per loro fare medicinali che guariscono direttamente? poi gli altri a chi li vendono? informarsi per credere…ovviamente il cibo che mangiamo non è genuino ma contaminato in modo da causare continue malattie da curare )

8

8

e varie associazioni internazionali tra le quali la Banca Mondiale, implicati anche nella più grande messinscena della storia, cioè l’attentato dell’11 settembre e quello che ne deriva….

(Alleanza tra Rotschild e Rockfeller http://www.lastampa.it/2012/05/31/blogs/finestra-sull-

(dossier dettagliato sulla famiglia Rockfeller

(cosa è davvero la Rockfeller foundation

Documenti sull’11 settembre attentato alle Torri Gemelle

(Rivelazioni di un amico dei Rockfeller informato 1 anno prima di quello che sarebbe

(VIDEO falsati sull’attacco https://www.youtube.com/watch?v=DWxoqKSjTp4

VIDEO SUL FALSO ATTENTATO

ARTICOLO SCIENTIFICO SUL RITROVAMENTO DI ESPLOSIVO MILITARE TRA LE MACERIE http://italian.irib.ir/notizie/mondo/item/89983-11-settembre- ritrovato-esplosivo-nelle-torri-ora-e-ufficiale versione ufficiale dell’articolo originale apparsa sulla Bentham Chemical Physics Journal, una delle riviste più accreditate negli USA e che ha approvato alcuni Premi Nobel,

ALTRI DOCUMENTI

3)

altri componenti sono i proprietari della GOLDAMAN SACHS, altra società ricchissima, proprietaria delle più prestigiose banche americane, capace di decidere se far crollare o no l’economi in paesi come gli stati uniti in base ai propri interessi agendo sul mercato azionario.

(DOSSIER Goldman Sachs: tutto sulla "superbanca" da 1 trilione di dollari http://www.nocensura.com/2011/11/dossier-goldman-sachs-tutto-sulla.html )

9

9

(il collegamenti tra Goldman Sachs e politica europea http://www.youtube.com/watch?v=18Bjge_xiNQ )

4)

i più importanti BANCHIERI SVIZZERI, se ci pensate bene il 99% dei miliardari ha almeno metà delle proprie ricchezze al sicuro in una banca svizzera, si può dire che 90% delle ricchezze mondiali sono accumulate all’interno delle loro banche, con quella mole di denaro possono praticamente comprare e fare tutto, possono decidere eventi di enorme portata(omicidi, complotti, o altro) e metterli in atto comprando il silenzio e agendo nell’ombra….

(testimonianza di un ex banchiere svizzero sul collegamento tra Bilderberg e banche svizzere

(Ombra delle banche al potere

(il caso della banca inglese HSBC finanziatrice di terroristi e mafiosi di tutto il mondo

(cronistroria del Nuovo Ordine Mondiale http://www.nocensura.com/2013/03/dossier-la-sporca- cronistoria-del-nuovo.html ) Quanto detto e ipotizzato ha recentemente trovato conferma in un articolo, in altri termini ma che arriva alle stesse conclusioni, ed è stato scritto dopo la scrittura di questo che state leggendo, che è in continuo aggiornamento dal 15/01/13 http://www.informarexresistere.fr/2013/02/07/chi-governa-il-

DOSSIER MOLTO INTERESSANTE SULLA SOVRANITA’ , COME CI HANNO TOLTO TUTTO

10

10

ITALIA

Tralasciando le migliaia di imbrogli che queste organizzazioni hanno messo in atto negli altri paesi, e di cui potete trovare notevoli testimonianze e documenti anche nelle loro lingue originali a seconda di dove si è indagato, spagnolo, inglese, francese, greco, se prendiamo in considerazione solo la nostra realtà politica, ci sono un paio di cose importanti da considerare sullITALIA:

1)

siamo in Europa ed è stato creato l’euro solo perché una sola moneta è più facile da controllare da parte dei pochi che ne hanno il potere. Le nazioni hanno perso la loro sovranità monetaria. Per non parlare del pericolo imminente del MES Meccanismo Europeo di Stabilità, un sistema che può imporre la dittatura su tutte le nazioni europee

Trattato Ufficiale del MES http://www.european-

2)

la causa del debito infinito italiano e delle altre nazioni è opera del signoraggio da parte della Banca Centrale Europea

(il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz ammette che la banca europea è una truffa http://www.youtube.com/watch?v=KqAARYQJ67s )

(in cosa consiste la truffa della B.C.E. http://www.youtube.com/watch?v=lmkL23GyuNI )

(Parole del Parlamentare Europeo Britannico Nigel Farage durante una seduta del Parlamento Europeo sull’egemonia della germania in europa e sulla necessità di uscire dall’euro per l’italia e gli altri paesi http://www.youtube.com/watch?v=TilaarKihMA

(il signoraggio della Banca Centrale Europea http://www.vanillamagazine.it/chiarezza-sul- signoraggio-bancario-della-bce/ ) (spiegazione storica di come abbiamo perso la sovranità monetaria http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=QTEIjXNoWOw ) (altri avvenimenti dovuti alla perdita di sovranità monetaria

11

11

3)

questo debito viene incrementato ancora di più dal signoraggio primario e secondario fatto dalle banche appartenenti ai singoli paesi

(Ministro Tremonti spiega il signoraggio

(cosa è il signoraggio http://www.youtube.com/watch?v=2PRRk-YM4rM)

(Ministro Tremonti spiega il signoraggio Banca Centrale Europea

(il signoraggio secondario delle banche http://www.viviconsapevole.it/articoli/signoraggio- secondario.php)

(il video parla nella prima parte della Riserva frazionaria cioè il signoraggio secondario, http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=AsoYXIDVQQw )

4)

vi chiederete come la Banca d’Italia possa permettere ciò? Non tutti sanno che la banca d’italia non è più della nazione ma è stata privatizzata, solo il 10% è dello Stato, il resto appartiene a tutte le altre banche italiane, basta andare sul sito ufficiale della banca per vedere a chi appartengono le quote azionarie e in che percentuale, quindi appartenendo per il 90% alle Banche private, non può far altro che agire per i propri interessi e non per la collettività. (Banca d’italia non è pubblica ma privata http://www.mednat.org/finanza/banca_italia.htm )

5)

tutte queste truffe nascoste sono appesantite ed eclissate da altri gravi problemi che affliggono l’Italia:

la classe politica completamente e totalmente corrotta, che pensa a fare solo i propri interessi, costituita perlopiù da gente ignorante

la mafia ed associazioni a delinquere varie che si sono insidiate a tutti i livelli della nostra struttura politica e sociale ed in tutte le regioni.

siamo stati governati per circa 20 anni da Berlusconi un imprenditore criminale e corrotto di cui conoscete le porcate che ha fatto sotto il naso di tutti…ma non quelle gravissime che ha fatto in silenzio….

Tutti i reati commessi da Berlusconi

Tutte le bugie e dichiarazioni raccolte

Storia affaristico-politica-giudiziaria di Berlusconi

Storia della loggia massonica P2 a cui apparteneva Berlusconi

12

12

sostituito da Mario Monti, un massone alle dipendenze della Cerchia Larga che comanda il mondo, che ha dato il colpo di grazia ad un paese già in rovina http://www.nocensura.com/2012/06/litalia- vittima-di-un-complotto-e-le.html Monti a sua volta insieme al Bilderberg ha scelto il suo sostituto, il nostro voto era solo un illusione, chi decide sono sempre loro era tutto già deciso e lo potete notare da questa strana coincidenza:

alla riunione di giugno 2012 Monti mandò come suo sostituto alla riunione del Bilderberg un certo LETTA, che casualmente ora è diventato il nuovo Premier…. Quel giorno comunicarono tramite

biglietti scritti a mano, uno di questi è stato sbadatamente mostrato da Monti…

vedere per

6)

A breve saremo tutti costretti a usare bancomat e altri strumenti messi a disposizione dalle banche anche per comprare un pacchetto di caramelle , ogni nostro acquisto sarà tracciato e non ci sarà privacy , il denaro contante verrà fatto sparire tutto a vantaggio delle banche…

7)

Molte cose non le dicono perché il silenzio è facile da comprare e il popolo ignorante è facile da controllare… Ci tengono a mantenere il popolo ignorante perché fa comodo in ogni ambito, l’istruzione si sta privatizzando soprattutto a livello universitario, ci sono barriere sia economiche che di selezione per le Università che non tutti possono superare, non c’è vera meritocrazia e così facendo si distruggono songi e speranze di milioni di ragazzi vogliosi di studiare il cui talento andrà sprecato, e costretti ad abbandonare gli studi o a ripiegare su discipline per le quali non provano interesse e passione, che sono solo un ripiego per avere un pezzo di carta in mano che possa dargli qualche possibilità di futuro.

8)

Altro grave intoppo alla nostra evoluzione verso un mondo migliore è l’ignoranza scintifico- tecnologica in cui le grandi aziende, i petrolieri, le case farmaceutiche e i governi, tengono a tenerci. hanno reso schiavi e dipendenti dai loro prodotti. Sono innumerevoli i casi di cure definitive trovate per certe malattie che sono state fatte sparire dalle case farmaceutiche o vengono dichiarate non riconosciute, perché produrrebbero danni economici al business dei medicinali che danno sollievo ma non curano definitivamente, creando una dipendenza del malato da quel medicinale e una rendita perpetua assicurata per le case farmaceutiche.

9)

L’ Italia e quasi tutte le altre nazioni europee tranne la Germania che se la comanda, devono assolutamente riacquisire la loro sovranità monetaria, e uscire dall’euro è l’unica soluzione finchè non cambieranno completamente le regole della Banca Centrale Europea, in questo doc. in italiano ne parlano approfonditamente grandi economisti di livello internazionale dott. Warren Mosler - macroeconomista - Stati Uniti prof. Mathew Forstater - macroeconomista - Stati Uniti prof. Alain Parguez - macroeconomista - Francia Paolo Barnard - giornalista Italia http://paolobarnard.info/docs/programma_memmt_orig.pdf

13

13

ENERGIA PULITA E OCCULTATA

A livello energetico esistono enormi alternative per la creazione di energia pulita e indipendente che potrebbero rivoluzionare il mondo eliminando la nostra dipendenza dal petrolio, dal nucleare, con mezzi di trasporto non inquinanti alimentati a basso costo e con energia che si rigenera naturalmente. Ma tutto questo trova opposizione da parte dei potenti e dalle multinazionali interessate a garantirsi il potere e la ricchezza, questi ostacolano o fanno sparire comprando i brevetti a prezzi astronomici o anche in maniera illecita, ricorrendo anche all’assassinio, tutto ciò che possa intaccare il loro business. Ma per fortuna ci sono persone che nonostante gli ostacoli proseguono nella ricerca, e cercano di diffondere le loro scoperte…

Basta guardare questo video per avere un primo assaggio su ciò che non conosciamo sul mondo energetico http://www.youtube.com/watch?v=4774JAc1ADw

Qui ci sono tutte le notizie disponibili sull’E-CAT cioè una fonte di energia termica che ha rendimenti superiori ai limiti stabiliti dalla fisca termodinamica che produce più del doppio di quando assorbe e potrebbe risolvere i problemi energetici del mondo intero http://www.ecatnews.it/

Incredibile pensate alla tecnologia sviluppata dalla KESHE FOUNDATION fondazione senza scopo di lucro che ha consegnato tali tecnologie ai governi e che sta trovando opposizione nella realizzazione dei suoi progetti che cambierebbero e migliorerebbero la vita dell’intero pianeta, creando energia non inquinante di potenza talmente elevata senza la necessità di petrolio o altro.

auto con motore alimentato ad aria la cui tecnologia era stata realizzata una decina di anni fa e solo adesso si è riuscito ad avere qualche applicazione concreta senza opposizione dei potenti

motori magnetici a energia pulita e illimitata L'inventore turco Muammer Yildriz

auto che potrebbero consumare meno della metà grazie ad un innovativo sistema ideato e brevettato dal Leonardo Grieco KineticDriveSystem

La lista dei casi è davvero lunga….il mondo sarebbe già un posto migliore se tutte le conoscenze fossero utilizzate a fin di bene e non per arricchirsi e per sottomettere gli altri… C’è addirittura un libro sull’argomento

14

14

“Scoperte scientifiche non autorizzate”

(Video che parla del Nuovo Ordine Mondiale che si sta instaurando sul Mondo

)

LA NOSTRA VITA RACCONTATA IN 3 MINUTI DA VEDERE….

FILM DOCUMENTARIO SUI TEMI TRATTATI E MOLTO ALTRO, CHE MOSTRA UNA VISIONE GLOBALE SULLA REALTA’ TENUTA SEGRETA AL POPOLO, CON SOLUZIONE PER COSTRUIRE UN MONDO

DIVERSO

DAVVERO

STUPENDO E ILLUMINANTE

(la bibliografia delle notizie relative alle argomentazioni del film si trovano su questo sito http://www.thrivemovement.com/home i fatti trattati sono tutti

documentati e testimoniati da persone autorevoli)

FILM

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ORw7Pjml

Hhg#!

Questo FILM DOCUMENTARIO, spiega in termini molto chiari che il sistema monetario attuale, nientaltro è che una nuova forma di schiavismo senza uscita. Quindi, vengono proposte valide alternative per liberarci dal debito.

Ottimo per riflettere

Altro FILM da vedere che è diviso in 4 capitoli: natura umana, patologia sociale, progetto terra e l’ascesa

FILM documentario sugli studi scientifici che hanno portato a scoperte OCCULTATE sull’ ALIMENTAZIONE ad opera dei dottori B. Amstrong e R. Doll, Fattori

15

15

QUALI SONO LE CONCLUSIONI??

innanzitutto non sei obbligato a credere a tutto cio’… ma se non credi a queste informazioni, devi quantomeno accertarti che quello in cui credi tu sia il vero.

qual è il senso della vita per me? Nessuno può dirti chi sarai o quale tra le tante opzioni del destino devi scegliere, ma sicuramente prendere coscienza di se, del mondo che ti circonda, del male che c’è in giro, cercando di fare qualcosa di buono e agire per arricchirsi innanzitutto spiritualmente, è la base di tutto, per un futuro pieno di soddisfazioni, bisogna evolversi…. Non sei nato per una semplice inseminazione, ma sei una anima mandata da un entità superiore sulla terra in un corpo materiale per evolversi immaterialmente…. A cosa serve accumulare soldi per tutta la vita, dannandoti, sacrificandoti e commettendo torti al tuo prossimo per ottenerli, dato che dovrai comunque morire e lasciarli sulla terra? non ti serviranno nel posto in cui andrai….quindi vivi dignitosamente ma senza essere avido, tirchio, o sperperatore…

leggere e informarsi il piu’ possibile prima di parlare e di credere alla tv, alla stampa, al sentito dire…. tenere sempre a mente che i media come i tg trasmettono molti servizi di cronaca veri, non per informare ma per acquisire la fiducia di chi li vede, far credere alla gente che se accade una cosa grave questa verra’ trattata dal tg……ma non e’ cosi’….le cose importanti che riguardano i potenti , la politica, lo stato o chiunque abbia potere sono e saranno sempre censurate e le informazioni saranno manipolate.

ai Media basta dire che non c’è crisi o che c’è per cambiare la mentalità e lo stato d’animo di una persona che modificherà il suo agire in base a quello che ha sentito…se tu sei convinto che c’è crisi ti comporterai di conseguenza e come te gli altri, innescando una reazione a catena in tutta la società e l’economia ed ecco che anche se era una menzogna alla fine la crisi si crea per davvero…questo semplice esempio ti fa capire il potere dei media e quanto è importante non farsi condizionare da cio’ che dicono…

noi tutti siamo solo piccole gocce nell’oceano, viene da pensare che rispetto a queste grandi forze non possiamo far nulla, ci vorrebbe uno tsunami per abbattere queste forze e a me piace pensare che gli tsunami sono fatti da tante piccole gocce…. questi potenti controllano le grandi cose ma non le piccole ed è questa la nostra forza……quindi attiviamoci tutti e cerchiamo di fare qualcosa….nulla è impossibile, la vera rivoluzione inizia da noi….il cambiamento e’ possibile…

16

16

Quando si teorizza l'esistenza di crimini commessi contro l'umanità da parte di società segrete, bisogna usare sempre l'aggettivo 'deviate', per "società segrete deviate" si intende NON una società segreta nel suo insieme, ma quei gruppi di persone che al loro interno, si mettono d'accordo fra di loro per abusare del loro potere(economico,militare,occultistico,persuasivo) allo scopo di trarre vantaggio a danno delle popolazioni, tradendo gli ideali di altruismo e di contribuzione concreta al miglioramento della qualità della vita e di auto all’evoluzione di tutti gli esseri umani, e non soltanto dei loro membri, unica vera ragione per cui certe importanti società segrete erano invece state fondate. I pregiudizi verso chicchessia sono sempre dannosi, anche perché il fenomeno della

"deviazione", della corruzione non riguarda solo le società segrete, ma può interessare (come insegna la storia), tutti gli ambiti di qualsiasi organizzazione: religiosa, politica,

autorità,intelligence,gli stessi servizi segreti, ecc

dalla più pubblica alla più segreta si trovano sia persone buone ed oneste che persone

malvagie e corrotte e questo principio vale per qualsiasi organizzazione.

In qualsiasi organizzazione umana,

Tutti devono comprendere che il vero male , quello assoluto, non funzionale al bene involutivo è nella calunnia contro il proprio avversario, allo scopo di dividere. Creando provocazioni e ingiustizie a danno del popolo per dividerlo in fazioni, che poi vari agenti, più o meno deviati, strumentalizzano in nome dell’odio, impedendo qualsiasi forma di accordo fra le parti, così che una più nazioni afflitta da questo problema diventano di fatto ingovernabili, creando liti, conflitti e guerre. Chiamiamola coincidenza ma il termine "diavolo", che ne è incarnazione, significa proprio "calunniare per dividere". Dunque si agisca tutti insieme a fin di bene per tutti e non solo di noi stessi perché indipendentemente dal nostro nome ,dai nostri saperi, credi e convinzioni è logico che combattere il male con il male equivale a voler spegnere il fuoco gettando sopra benzina. Quindi superiamo le forze deviate che vogliono trascinarci tutti in guerre che non ci appartengono, migliorare davvero il mondo ha inizio soltanto da noi stessi, dal miglioramento del nostro mondo interiore. Non è faclie, perché si cade spinti proprio da chi tale miglioramento lo ritiene di intralcio ai suoi affari, o ci si può lasciar corrompere dal denaro, dalla superbia e dal potere. Bisogna NON calunniare i propri avversari, diventa essenziale per conseguire il miglioramento della qualità della vita di tutti, per non alimentare odio, occorre evitare nel modo più assoluto avere pregiudizi verso chicchessia, poiché in realtà, è esperienza comune il verificare che tutte le organizzazioni e società umane, e non soltanto le "segrete", sono composte tanto da persone buone, che persone che lo sono meno. E’ ora il tempo di guardare oltre le nostre maschere e non in riferimento a quelle del proprio abito ma a quelle di carne che spesso e volentieri nascondono il nostro vero spirito, non importa se siamo massoni, illuminati , agenti segreti, cialtroni , pagliacci o come sarebbe più giusto uomini o donne puri e semplici con pregi e difetti come tutti. E’ tempo anche di superare gli scandali i pettegolezzi e quell’atavica voglia di giudicare male il nostro prossimo per sentirci meno in colpa con noi stessi, che un giorno qualcuno possa insegnare davvero a tutta l’umanità nessuno escluso una materia importante chiamata “Rispetto Reciproco”, fin dall’infanzia e con dolcezza rendendola prioritaria nelle famiglie e nel scuole. Nell’arco di 50 anni massimo un secolo, fiorirebbero generazioni di persone altruiste in grado di sapersi gestire, aiutare, di autogestirsi talmente bene, e nel Rispetto Reciproco, da far venire meno

17

17

l'esigenza di una autorità stessa che le controlli sotto la minaccia di punire. Vi sarà forse meno tecnologia ma più famiglie felici. (cit. A.Kadmon)

viviamo in un’ illusione che tutti chiamano realta’ controllata da gente che fa solo i suoi interessi, bisogna aprire gli occhi e la mente e non rimanere nel buio dell’ ignoranza , causa di tutti i mali

anche la chiesa ha i suoi problemi, ha molta corruzione al suo interno, puoi perdere facilmente la fiducia in essa, ma questo non vuol dire che tu debba perdere fiducia in ciò che rappresenta, quindi fatti una cultura spirituale in maniera autonoma, leggendo e imparando per tuo conto testi sacri o altro….

se dopo che hai letto questo, hai constatato la veridicita’ di almeno uno di questi punti, condividilo con chi ha ancora gli occhi bendati, ricerca e diffondi tutto cio’ che i mezzi di informazione non dicono, cio’ che viene nascosto o manipolato, per aiutare a diffondere la verita’ ,la conoscenza e la consapevolezza, che sono le fondamenta per un futuro migliore…

scritto da ENOCH THRIVE

verita’ ,la conoscenza e la consapevolezza, che sono le fondamenta per un futuro migliore… scritto da

18

18
19

19

19
21

21

21

22

22
23

23

23

MAPPA BILDERBERG, TRILATERALE, COUNCIL ON FOERNG

)

MAPPA BILDERBERG, TRILATERALE, COUNCIL ON FOERNG RELATIONSHIP ( http://www.nwoo.org/obrazky/bilderberg2009etc.jpg ) 24

24

24
25
25
26
26

DOSSIER: CHI COMANDA I MASS MEDIA

Lo studio “riservato” dell'Unione Europea, redatto allo scopo di fornire nuove definizioni di “antisemitismo” come delitto penalmente perseguibile, pubblicato sul sito del parlamentare europeo Daniel Cohn-Bendit, individua tra gli “esempi contemporanei di antisemitismo il fare

allegazioni mendaci, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipe degli ebrei come tali o del potere

degli ebrei come collettivo, come, specificamente ma non esclusivamente, il mito [

controllino i media, l'economia, il governo o altre istituzioni sociali.”Per esempio sarà reato dire che

AOL-TW fu creata quando la America On Line (AOL) acquistò la Time Warner per 160 miliardi di dollari nel 2000 e che l’unificazione delle due società mise insieme Steve Case (non-ebreo e allora presidente) e Gerald Levin, ebreo, l’allora amministratore delegato? Sarà reato ricordare che nel 2001 Gerald Levin, che era già stato presidente della Time Warner ed era diventato amministratore delegato della AOL-Time Warner, licenziò Ted Turner, amministratore della Turner Broadcasting, società venduta alla Time Warner, sostituendolo temporaneamente con Robert Pittman (non ebreo) e poi con Walter Isaacson, un ebreo che era stato trasferito dalla sua posizione nella Time inc. a dirigere l’azienda creata dal nulla da Ted Turner? La AOL TIME WARNER, il cui logo stilizzato rappresenterebbe il Delta luminoso di massonica memoria, presente anche sul biglietto da 1 dollaro, non è un’azienda qualsiasi, non è nemmeno solo una grande azienda, non è nemmeno solo un colosso dei “media”, è il primo raggruppamento al mondo nell’ambito dei media. Controlla varie case editrici tra le quali Time-Life International Books, Time-Life Education, Time- Life Music, Time-Life AudioBooks, Book-of-the-Month Club (sia la divisione bambini che quella adulti), Paperback Book Club, History Book Club, Money Book Club, HomeStyle Books, Crafter’s Choice, One Spirit, Little Brown, Bulfinch Press, Back Bay Books, Warner Books, Warner Vision, The Mysterious Press, Warner Aspect, Warner Treasures, Oxmoor House, Leisure Arts, Sunset Books e TW Kids. La AOL-TW controlla poi le seguenti TV via cavo e satellitari: Cinemax, Time Warner Sports, HBO (7 divisioni americane e 6 internazionali), CNN (10 divisioni in tutto il mondo), Time Warner Cable, Road Runner, Time Warner Communications (servizio primariamente telefonico), New York City Cable Group, New York 1 (una specie di CNN dedicata esclusivamente all’ area di New York), Time Warner Home Theater, Time Warner Security (video monitoring), Court-TV (in comproprietà con Liberty Media), Comedy Central (in comproprietà con Viacom) e Kablevision (Ungheria). La stessa società controlla i seguenti canali TV e studi cinematografici: Warner Brothers, WB studios, WB Television (produzione, animazione e reti), Hanna-Barbera Cartoons, Telepictures Production, Witt-Thomas Productions, Castle Rock Entertainment, Warner Home Video, WB Domestic Pay-TV, WB Domestic TV Distribution, WB International TV Distribution, The Warner Channel (società separate sono state create per l’ America Latina, l’ Asia e la regione del Pacifico, l’ Australia e la Germania) e WB International Theaters in 12 paesi. Il redattore capo della intera divisione della carta stampata è Norman Pearlstine, anche lui ebreo. Quali riviste possiede?

Poca roba

Pacific, Time Money, Time For Kids, Fortune, Life (la nuova versione blanda), Sports Illustrated (e le varie versioni di Sports Illustrated come SI Women/Sport, SI International e SI For Kids), Inside Stuff, Money, Your Company, Your Future, People, Who Weekly (Australia), People en Español,

] che gli ebrei

Time, Time Asia, Time Atlantic, Time Canada, Time Latin America, Time South

27

27

Teen People, Entertainment Weekly, EW Metro, The Ticket, In Style, Southern Living, Progressive Farmer, Southern Accents, Cooking Light, Travel Leisure, Food & Wine, Your Company, Departures, Sky Guide, Vertigo, Paradox, Milestone, Mad Magazine, Parenting, Baby Talk, Baby on the Way, This Old House, Sunset, Sunset Garden Guide, Health, Hippocrates, Costal Living, Weight Watchers, Real Simple, President (Giappone) e Dancyu (Giappone). Questo diluvio cartaceo non tiene conto delle altre decine di riviste (prevalentemente di hobbistica e tempo libero) che AOL-TW possiede nel Regno Unito e che si aggiungono a questo non disprezzabile pacchetto di case discografiche: Atlantic Group, Atlantic Classics, Atlantic Jazz, Atlantic Nashville, Atlantic Theater, Big Beat, Background, Breaking, Curb, Igloo, Lava, Mesa/Bluemoon, Modern, Rhino Records, Elektra, East West, Asylum, Elektra/Sire, Warner Brothers Records, Warner Nashville, Warner Alliance, Warner Resound, Warner Sunset, Reprise, Reprise Nashville, American Recordings, Giant, Maverick, Revolution, Qwest, Warner Music International, WEA Telegram, East West ZTT, Coalition, CGD East West, China, Continental, DRO East West, Erato, Fazer, Finlandia, MCM, Nonesuch e Teldec. Tutto questo ben di Dio da chi è controllato e da chi è amministrato? Potremo in futuro ancora saperlo, scriverlo, comunicarlo, o l’unica concentrazione di potere mediatico di cui sarà lecito - se non doveroso - parlare, anzi sparlare, sarà quella di Silvio Berlusconi? E passiamo al secondo raggruppamento di “media” (con un fatturato di 27 miliardi di dollari nel 2003), vale a dire la mitica Walt Disney Company, che dal 1984 non è più della famiglia Disney, ma è passata in altre mani. Il suo presidente e amministratore delegato e` Michael Eisner, ebreo. La Disney per l’anno fiscale 2004 gli ha accordato un bonus della modica cifra di 7,3 milioni di dollari, perché la società avrebbe “migliorato molto” i suoi risultati finanziari rispetto ai due anni precedenti. Partiamo dal livello televisivo dell'impero Disney, cui fanno capo: Walt Disney Television, Touchstone Television, Buena Vista Television e TV via cavo con più di 100 milioni di abbonati. Le TV locali possedute da Disney sono: WLS (Chicago), WJRT (Flint), KFSN (Fresno), KTRK (Houston), KABC (Los Angeles), WABC (New York City), WPVI (Philadelphia), WTVD (Raleigh), KGO (San Francisco) e WTVG (Toledo). Disney possiede poi le seguenti stazioni radio:

WKHX, WYAY e WDWD ad Atlanta; WMVP, WLS e WXCD a Chicago; WBAP e KSCS a Dallas; WDRQ, WJR e WPLT a Detroit; KLOS e KTZN a Los Angeles; KQRS, KXXR, KDIZ, KZNR e KZNT a St. Paul; WPLJ a New York; KSFO a San Francisco; WMAL, WJZW, e WRQX a Washington e ESPN Radio. Per quanto riguarda il “core businnes” dell’azienda, cioè la produzione cinematografica, la Walt Disney Motion Pictures Group, controllata dalla Walt Disney Studios e capeggiata da Joseph E. Roth (anche lui ebreo), include la Walt Disney Pictures, la Touchstone Pictures, la Hollywood Pictures e la Caravan Pictures. Roth creò la Caravan Pictures (con a capo Roger Birnbaum, ebreo) nel gennaio del 1993. Disney possiede anche la Miramax Films, gestita dai fratelli ebrei Weinstein, Bob e Harvey Nell'agosto del 1995, Eisner acquistò anche Capital Cities/ABC, Inc., che possiede la rete televisiva ABC, la quale a sua volta controlla dieci TV locali nei grandi mercati come New York, Chicago, Philadelphia, Los Angeles, San Francisco e Houston. In più, la ABC possiede 225 TV locali affiliate negli Stati Uniti e partecipazioni azionarie in svariate società televisive europee. Inoltre, la ABC possiede la rete TV via cavo ESPN a capo della quale c'e` l’ebreo Steven Bornstein e controlla le reti TV via cavo Lifetime Television e A & E, con 67 millioni di abbonati ciascuna. E’ proprietaria anche della rete di stazioni radio ABC Radio Network, la quale possiede a sua volta

28

28

26 stazioni radio AM e FM, concentrate nelle maggiori città come New York, Washington e Los Angeles, con oltre 3.400 stazioni radio affiliate (che fanno spesso uso di programmi ABC). Anche se Capital Cities/ABC è principalmente una società di media elettronici, nel 1997 ha guadagnato più di un miliardo di dollari con i media su carta stampata. Inoltre, la Disney possiede le case editrici Walt Disney Company, Book Publishing, Hyperion Books e Miramax Books, cui si aggiungono sei quotidiani locali, come l’Albany Democrat e il St. Louis Daily Record. Disney se la passa bene anche nel campo delle riviste. Sono sue: Automotive Industries, Biography (in comproprietà), Discover, Disney Adventures, Disney Magazine, ECN News, ESPN Magazine, Family Fun, Family PC, Institutional Investor, Jane, JCK, Kentucky Prairie Farmer, Kodin, Los Angeles, Multichannel News, Penny Power, Talk, Top Famille (Francia), Video Business, e Quality. Stando ad una rilevazione del mese di Aprile 2000, fanno capo a Disney circa 700 negozi in tutto il mondo e, tanto per differenziare gli investimenti, ha cospicue partecipazioni nel settore energetico e petrolifero. Anche in internet Disney è ben presente, controllando Buena Vista Internet Group, ABC Internet Group, ABC.com, ABCNEWS.com, Oscar.com, Mr. Showbiz, Disney Online, Disney’s Daily Blast, Disney.com, Family.com, ESPN Internet Group, ESPN.sportzone.com, Soccernet.com, NFL.com, NBA.com, Infoseek (in parte) e Disney Interactive. La gloriosa casa produttrice Walt Disney, prima del 1984, quando è stata acquistata da Eisner, era famosa per i cartoni animati per bambini e famiglie. Anche se mantiene ancora tutti i diritti su film che ne hanno

fatto la storia, l'avvento di Eisner ha portato la società ad investire fortemente nei film per adulti, mentre le cantanti acqua e sapone, venute dal Disney Club americano, come Britney Houston e Cristina Aguilera espongono senza remore le loro grazie epidermiche, senza dimenticare il bacio lesbo con Madonna agli award di MTV. Già, MTV! Nel primo trimestre del 2001 MTV fu dichiarata come la rete TV più guardata da telespettatori di eta` compresa tra i 12 e i 24 anni per il

sedicesimo trimestre di fila. MTV è la TV che fa musica, video, spettacolo, tendenza

valori:

sesso, droga, rock&roll, peace e love. Di chi è MTV? E’ di VIACOM. E cos’è VIACOM? VIACOM INC. è la numero tre nella lista delle maggiori società di media nel 1997, con un fatturato di oltre 13 miliardi di dollari (25 miliardi nel 2002), capeggiata da Sumner Redstone, nato Murray Rothstein, anche lui ebreo. Fondata nel 1971 per aggirare una

sentenza anti-monopolio della commissione federale per le telecomunicazioni (FCC), che imponeva alla CBS di vendere parte dei suoi canali TV via cavo, nel 1999, dopo che la CBS si ingrandì di nuovo con l'ennesima acquisizione di King World Productions (leader nella produzione TV indipendente), Viacom acquistò la società madre, la CBS, facendo strame delle sentenze di cartapesta contro il monopolio dei mezzi di comunicazione sociale. Nel 1999 le vendite sono state di 12,86 miliardi di dollari ed il 70% del fatturato è stato raggiunto dall’intrattenimento e dalla televisione. Paragonando l’andamento generale con quello di altre aziende del medesimo settore si può riscontrare come esso non sia stato entusiasmante: alla Comcast Corporation il fatturato è salito del 20,7%, alla Cablevision System Corporation del 20,8% e alla Clear Channel Communications addirittura del 96,5%. Paradossalmente, però, nelle ultime 52 settimane di riferimento il valore di una singola azione è cresciuto di più alla Viacom che nelle altre aziende concorrenti: +21%, decisamente in controtendenza all’andamento delle azioni, ad esempio, della Clear Channel Communications, che sono diminuite di più del 30%. I dividendi non sono mai stati pagati da questa azienda negli ultimi sei anni. Potenza del gruppo! La Viacom produce e distribuisce programmi per le tre più grosse reti

29

29

televisive (CBS, NBC, ABC), possiede 13 TV e 12 stazioni radio e possiede lo studio cinematografico Paramount Pictures, diretto da Shery Lansing, anch’essa ebrea. L'amministratore delegato della CBS che ora lavora per Redstone è Melvin A. Karmazin, dal cui cognome capirete che appartiene alla stessa etnia di Redstone (nato Rothstein) e di Shery Lansing. Karmazin è il maggiore azionista dell'azienda che possiede la rete TV CBS Television Network, 14

TV locali presenti prevalentemente nelle maggiori citta`, 160 stazioni radio, i canali TV via cavo Country Music Television e Nashville Network e un gran numero di spazi pubblicitari (per affissione

di cartelli) in tutta l'America. La Viacom possiede anche una nutrita schiera di case editrici: Simon

& Schuster, Scribner, The Free Press, Fireside, Archway Paperbacks, Minstrel Books, Anne

Schwartz Books, MTV Books, Nickelodeon Books, Pocket Books e Washington Square Press.

Anche la catena Blockbuster con piu` di 4000 negozi nel mondo (inclusa la catena Video Flicks in Australia) é di Viacom. Inoltre la Viacom è anche coinvolta in attivita` di trasmissioni satellitari, parchi

di divertimento e video games. La Viacom è inoltre famosa per essere la più grande società al

mondo nella produzione e distribuzione di programmi per la TV via cavo, tramite le proprie reti come Showtime, MTV, Nickelodeon e altre. Dal 1989 la MTV e la Nickelodeon hanno acquisito una fetta sempre più larga della audience adolescenziale e giovanile. Beavis e Butthead sono i protagonisti di un cartone animato trasmesso su MTV e riassumono tutti i difetti dello stereotipo dell’adolescente americano (ottuso, volgare, cattivo, sporco, portatore di un consumismo sfrenato, di un maschilismo senza limiti, con un senso del rispetto praticamente assente e un’ idiozia fuori dal comune). Redstone, che personalmente possiede 76% delle azioni Viacom, propone Beavis e Butthead come modelli adolescenziali da imitare. MTV, che trasmette per lo più musica, accompagnata da videoclip che eccitano tutte le perversioni possibili, è il più importante promotore di meticciato culturale tra gli adolescenti e pre-adolescenti, distribuito a 210 milioni di famiglie in 71 paesi ed esercitando un’influenza preponderante sui teenagers in tutto il mondo. Nickelodeon, con 65 millioni

di abbonati, ha la maggiore audience TV nel segmento dei bambini di 4-11 anni in America e sta

rapidamente espandendosi in Europa. La maggior parte dei programmi di questa rete non è ancora scaduta al livello di MTV, ma viene usata da Redstone per abituare gradualmente i bambini alle perversioni di MTV. Nel 2001, Nickelodeon era già da nove anni consecutivi la TV via cavo più seguita per bambini e giovani adolescenti. La Viacom è comproprietaria con Vivendi Universal di due studi cinematografici: la United Cinemas International (UCI) e la United International Pictures (UIP). Vivendi Universal nasce dalla fusione di Vivendi con Seagram Company Ltd., la gigantesca azienda che produce bevande alcoliche, di proprietà di Edgar Bronfman jr., figlio di Edgar Bronfman sr., il presidente del Congresso Mondiale Ebraico. Seagram Company Ltd possedeva gli Universal Studios e Interscope Records, società che adesso appartengono alla Vivendi Universal. Bronfman è il numero uno dell’industria discografica, perchè nel maggio del 1998 ha acquisito il controllo della PolyGram, il gigante discografico europeo, proprietaria di Deutsche Grammophon, Decca-London e di Philips Record, acquistandola per 10.6 miliardi di dollari proprio dalla societa olandese Philips. Sommando il fatturato della PolyGram con quelli della MCA e della Vivendi Universal, Bronfman è proprietario del quarto più importante gruppo di media, con un fatturato annuo di circa 12 miliardi di dollari. Nel Giugno del 2000, la famiglia Bronfman vendette la Seagram alla Vivendi, una società francese diretta da Jean-Marie Messier (non ebreo). La nuova società, Vivendi Universal, mantiene Edgar Bronfman jr., come vice presidente. Insomma due dei quattro più grossi gruppi mediatici sono nelle mani di ebrei (Disney e Viacom), mentre negli altri

30

30

due la percentuale di ebrei nei posti dirigenziali è altissima, molto al di sopra della loro proporzione nella popolazione americana, che si dice sia intorno al 3-4%. Rammentare questi fatti, significherà fare “allegazioni mendaci, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipe degli ebrei come tali o del potere degli ebrei come collettivo, come, specificamente ma non

esclusivamente, il mito [ istituzioni sociali.”? Mito?

quello che avete letto non si potrà più dire. Fra un po’, appunto. Intanto noi lo diciamo: “Nullum crimen, nulla poena sine praevia lege penali.” O almeno così ci hanno insegnato

che gli ebrei controllino i media, l'economia, il governo o altre chiamano mito!? Affrettatevi a memorizzare, perché fra un po’ tutto

J

lo

31

31

LA VOCE DEL PADRONE

di Roberto Seghetti

L’informazione è un bene pubblico, che contribuisce alla consapevolezza dei cittadini e li aiuta nell’esercizio dei loro diritti, non ultimo quello della scelta dei rappresentanti. Ma è anche un affare privato, per grandi gruppi editoriali, nei quali si intrecciano i destini e le volontà dei più importanti protagonisti del capitalismo italiano. Ecco la mappa dei padroni del quarto potere.

I rapporto tra la funzione di servizio collettivo che svolge l’informazione nella società e i legittimi ma privati interessi degli industriali, dei banchieri, dei finanzieri e dei politici che posseggono i pacchetti azionari di quotidiani, periodici, tv, radio e società di raccolta pubblicitaria è da molto tempo argomento di dibattito appassionato. Se ne parla in Italia, ma anche in tutti gli altri paesi in cui si presenta sempre più spesso il problema degli intrecci tra l’industria della notizia, l’intrattenimento, le imprese manifatturiere, il sistema bancario e finanziario. In questo breve articolo non si punta a sostenere un’opinione o una proposta di soluzione. L’obiettivo è più semplice: mettere in fila i nomi degli azionisti ai quali fanno capo oggi i principali gruppi editoriali privati italiani e indicare alcuni dei rapporti che li collegano. Può essere un esercizio apparentemente banale: gli addetti ai lavori conoscono già, in tutto o in parte, queste informazioni. Il problema è che non le conoscono gli altri. E la conoscenza non è mai un fatto banale. In questo primo elenco, che prende le mosse da Rcs Mediagroup, un salotto dove si possono incontrare alcuni tra i nomi più importanti del capitalismo italiano, non si trovano in realtà tutti gli editori. Tra l’altro mancano le agenzie di stampa, fornitori all’ingrosso e strumento centrale quanto poco conosciuto dell’industria dell’informazione. Se ne parlerà in un prossimo articolo. Le informazioni sono tratte da notizie di stampa e dalle pubblicazioni della Consob, la Commissione che vigila sul mercato finanziario. La Consob pubblica regolarmente gli azionisti che posseggono pacchetti di titoli superiori alla soglia del due per cento del capitale sociale delle aziende quotate e i patti parasociali con relativi firmatari (www. consob.it, vedere sotto società quotate: vi si trovano l’azionariato, le partecipazioni rilevanti, gli organi sociali, gli eventuali patti parasociali). Le informazioni risalgono al 14 febbraio 2007.

RCS MEDIAGROUP

Rcs è uno dei principali gruppi editoriali italiani ed europei. Oltre al settore libri e librerie (un marchio per tutti: Rizzoli), il gruppo controlla quotidiani, periodici, radio, raccolta pubblicitaria. Tra questi: Corriere della sera , Gazzetta dello sport , City , Io Donna , Magazine , Il Mondo , Style , ViviMilano , Sportweek , Novella 2000 , Astra , Amica , Anna , Brava casa , Max , Casamica , Rcs pubblicità, Agr radio, Cnr radio, Play Radio, Rin Digital Radio. Tra le partecipazioni all’estero, in Spagna Rcs Mediagroup controlla, tra l’altro: El Mundo , il quotidiano economico Expansion e quello sportivo Marca . Al gruppo Rcs fa anche capo il 7,5 per cento del gruppo italiano Poligrafici editoriale, che controlla Il Giorno , La Nazione , Il Resto del Carlino , il Quotidiano nazionale .

Chi controlla Rcs Mediagroup

Il capitale sociale della Rcs Mediagroup è controllato da un patto di sindacato di cui fanno parte i principali operatori finanziari, bancari e industriali italiani, uniti da un accordo di mutuo rispetto e legame. Del patto di sindacato, che controlla oltre il 60 per cento delle azioni, fanno parte con pacchetti di titoli di diversa ampiezza: Mediobanca, Fiat, Gruppo Pesenti, Gruppo Ligresti, Diego Della Valle, Pirelli, Banca Intesa, Generali, Capitalia, Sinpar, Merloni, Mittel, Eridano finanziaria,

32

32

Edison, Gemina. Fuori dal patto vi sono anche altri azionisti forti, tra i quali figura per esempio lafamiglia dei costruttori romani Toti. Non solo. Al di là del patto di sindacato, ciò che emerge è anche un intreccio diretto e indiretto di partecipazioni tra i diversi azionisti. Tutto questo fa di Rcs Mediagroup un caso emblematico del capitalismo italiano e un esempio di come l’assetto proprietario dei mezzi di comunicazione crei oggi un oggettivo conflitto tra la necessaria libertà, autonomia e neutralità dell’informazione e i potenziali interessi di coloro che sono i proprietari dei veicoli che portano le notizie fino al pubblico.

I principali azionisti:

Mediobanca

La banca d’affari milanese (la più importante dal punto di vista storico ma con una forte e stabile presenza ancora oggi in tutti gli affari più importanti del capitalismo nazionale) controlla direttamente il 14,2 per cento di Rcs. Mediobanca è a sua volta partecipata da alcuni grandi azionisti, tra i quali: la banca romana Capitalia (possiede 9,6 per cento di Mediobanca e il 2,1 per cento di Rcs), la banca milanese Unicredito (7,7 per cento), il gruppo assicurativo, immobiliare e sanitario della famiglia Ligresti (controlla il 4 per cento di Mediobanca e il 5,1 per cento di Rcs), il finanziere francese Bolloré (4,9 per cento), il gruppo finanziario francese Groupama (4,8 per cento), il gruppo immobiliare del costruttore romano Danilo Coppola (4,5 per cento), il principale gruppo assicurativo italiano, le Generali (hanno il 2,1 per cento di Mediobanca e il 3,7 per cento di Rcs). Anche altri azionisti contano molto, pur non controllando quote di rilievo, perché fanno parte

di uno storico patto di sindacato che controlla Mediobanca. Ecco i nomi e i relativi pacchetti

azionari secondo quanto è scritto in questo accordo: il gruppo assicurativo milanese, vicino a Berlusconi, Mediolanum (1,8 per cento), la Pirelli (gomme e telecomunicazioni) di Marco Tronchetti Provera Pirelli (1,8 per cento di Mediobanca e 4,8 per cento di Rcs), il regno della famiglia Agnelli, la Fiat (1,8 per cento di Mediobanca e 10,2 per cento di Rcs), il colosso delle comunicazioni Telecom Italia (1,8 per cento), Ferrero (0,66 per cento), l’imprenditore dell’abbigliamento e finanziarie Della Valle (0,4 per cento e 4,3 per cento di Rcs), Cerutti e altri. La Fininvest della famiglia Berlusconi non fa parte del patto di sindacato direttamente. Da informazioni di stampa risulta avere lo 0,1 per cento della Mediobanca. Ma dire solo questo sarebbe riduttivo. Mediobanca è anche il principale azionista di: • Assicurazioni Generali, gigante assicurativo, forse la più importante multinazionale italiana (Mediobanca ne possiede il 13,6 per

cento), le quali a loro volta controllano: il 3,7 per cento della Rcs; il 5,2 per cento della Pirelli, che a sua volta possiede il 4,8 per cento di Rcs; il 5,0 per cento di Intesa San Paolo, che a sua volta controlla il 4,8 per cento di Rcs; il 2 per cento della Fiat, che a sua volta controlla il 10,2 per cento

di Rcs; il 2,1 per cento di Mediobanca che possiede appunto il 14,2 per cento di Rcs.

Pirelli, società attraverso la quale Tronchetti Provera controlla insieme ad altri soci

Telecom Italia (Mediobanca possiede il 3,9 per cento di Pirelli), la quale a sua volta controlla il 4,8 per cento di Rcs.

Fiat

Il gruppo Fiat controlla il 10,2 per cento di Rcs e vede tra i suoi principali azionisti Agnelli & C

Sapa (30,4 per cento. La famiglia controlla direttamente anche il quotidiano La Stampa e la società

di raccolta pubblicitaria Publikompas), Generali (possiedono il 2,0 per cento della Fiat e il 3,7 per

cento della Rcs), Unicredito (5,2 per cento).

Gruppo Pesenti

33

33

Il gruppo cementiero (Italcementi) che fa capo alla famiglia Pesenti controlla il 7,2 per cento della

Rcs, ma è anche tra i principali azionisti (2,6 per cento) della Mediobanca, che a sua volta possiede

il 14,2 per cento di Rcs (vedi Mediobanca).

Gruppo Ligresti

Il gruppo assicurativo, immobiliario e delle cliniche (Fondiaria, Sai, Milano) che fa capo alla

famiglia Ligresti controlla il 5,1 per cento di Rcs. Ma è anche azionista di: Mediobanca (Ligresti ne possiede il 4,0 per cento), la quale a sua volta controlla il 14,2 per cento di Rcs (vedi a cascata le partecipazioni di Mediobanca); Pirelli (Ligresti ne possiede il 4,2 per cento) che a sua volta controlla il 4,8 per cento di Rcs.

Gruppo Benetton

La famiglia Benetton (abbigliamento, Autostrade, Autogrill, telecomunicazioni, televisione) controlla il 5,0 per cento della Rcs Mediagroup. Nello stesso tempo è anche azionista di Pirelli (3,9 per cento), che a sua volta possiede il 4,8 per cento di Rcs.

Famiglia Toti

Attraverso la Si.To. la famiglia di costruttori romani Toti controlla il 5,1 per cento di Rcs Mediagroup. Nello stesso tempo la famiglia Toti è anche un azionista importante di Capitalia (fa parte del patto di sindacato), la quale a sua volta possiede direttamente il 2,1 per cento di Rcs ed è azionista fondamentale di Mediobanca.

Banca popolare italiana Formalmente la Banca popolare italiana, ex Lodi, controllata da migliaia di azionisti, fra i quali figurano Holmo (Coop) con il 3,4 per cento, Leonardo Capital (2,0) e Credit Suisse (2,0), possiede il 5,8 per cento dei titoli Rcs. Ma è già noto che la famiglia Rotelli (cliniche)

ne ha opzionato a tempo una parte e così, quando il passaggio delle azioni avverrà, Rotelli giungerà

a superare il 5,0 per cento della Rcs Mediagroup con un corrispondente calo della partecipazione della Bpi.

Intesa San Paolo

Questa mega banca è il prodotto della fusione tra Banca Intesa e San Paolo di Torino. Possiede

direttamente il 4,8 per cento della Rcs ed è controllata da Credit Agricole (5,4 per cento), F. Cassa

di

Risparmio di Bologna (2,7), F. Cassa di Risparmio di Padova (4,1), F. Cariplo (4,6) Generali (5,0

di

Intesa San Paolo e 3,7 di Rcs), Giovanni Agnelli & C (2,4 e, attraverso Fiat, 10,2 per cento di

Rcs), Carlo Tassara Spa (2,2), Compagnia San Paolo (7,6), F.Cr Parma (4,9).

Pirelli

Il gruppo Pirelli (cavi e telecomunicazioni) controlla il 4,8 per cento della Rcs (oltre a essere uno

dei principali azionisti della catena di controllo di Telecom Italia , nella cui pancia ci sono anche la rete televisiva La 7 e l’agenzia di stampa ApCom) ed è a sua volta partecipato da: Gruppo Ligresti (4,2 per cento Pirelli e 5,1 della Rcs), Tronchetti Provera (25,5 per cento), Mediobanca (3,9 per cento e 14,2 della Rcs), Gruppo Benetton (3,9 per cento e 5,0 di Rcs), Generali (5,2 per cento e 3,7

di Rcs), Capitalia (1,5 per cento e 2,1 di Rcs).

Della Valle

34

34

Diego della Valle (Tod’s, Fay

controlla direttamente il 4,3 per cento della Rcs Mediagroup.

),

che partecipa anche al capitale di Mediobanca,

Assicurazioni Generali

È il principale gruppo assicurativo italiano e una delle poche, vere multinazionale italiane.

Direttamente le Generali controllano il 3,7 per cento di Rcs Mediagroup. A sua volta le Generali sono partecipate da: Mediobanca (ha il 13,6 per cento di Generali ed il 14,2 di Rcs), Banca d’Italia

(4,7 per cento), Gruppo Ligresti (2,4 per cento e 5,1 per cento di Rcs), Capitalia (3,0 per cento e 2,1

di Rcs), (Tassara 2,2 per cento Generali e grande azionista anche di Intesa San Paolo), Unicredito

(3,6 per cento). Le Assicurazioni Generali sono anche azioniste di: Mediobanca (ne possiedono il

2,1 per cento) la quale a sua volta controlla il 14,2 per cento di Rcs (vedi a cascata le partecipazioni

di Mediobanca); Intesa San Paolo (5,0 per cento), che a sua volta controlla il 4,8 per cento di Rcs;

Capitalia (2,3 per cento), a sua volta azionista Rcs con il 2,1 per cento; Pirelli ( 5,2 per cento), a sua volta azionista Rcs con il 4,8 per cento.

Capitalia

La grande banca romana controlla il 2,1 per cento di Rcs. Nel suo capitale figurano F.Cr. Roma (7,1), Banco di Sicilia (3,3), F. Manodori (3,8), Abn Amro (7,6), gruppo Ligresi (3,1 di Capitalia e 5,1 diretto di Rcs), Generali (2,3 di Capitalia e 3,7 diretto di Rcs), Libyan Arab B. 5,0), Regione Sicilia (3,3 per cento), famiglia Angelucci (2,1 per cento, famiglia attiva nel settore delle cliniche ma anche in quello dei quotidiani), famiglia Toti (2,0 per cento e 5,1 per cento diretto Rcs). Al di fuori di questo gruppo figurano come azionisti anche il banco Santander della potente famiglia spagnola Botin, presente anche nelle Generali, il finanziere francese Bolloré, azionista di rilievo della ediobanca, che è a sua volta azionista centrale di Generali e di Rcs. Capitalia è azionista a sua volta di: Mediobanca (9,6 per cento e 14,2 per cento diretto Rcs); Pirelli (1,5), che a sua volta possiede il 4,8 di Rcs; Generali (3,0) che a sua volta possiede direttamente il 3,7 per cento di Rcs;

Ubs fiduciaria

Possiede il 3,4 per cento di Rcs.

Mittel

È la finanziaria bresciana roccaforte di Giovanni Bazoli. Possiede l’1,2 per cento di Rcs. Mittel è

decisiva anche in Intesa San Paolo , di cui Bazoli è nume tutelare, la quale possiede il 4,7 di Rcs. E’ in corso la trattativa per la fusione tra Mittel e la Hopa , finanziaria bresciana guidata da Chicco Gnutti, in cui figura come azionista anche l’Unipol. In seguito a questo matrimonio Mittel parteciperà alla catena di comando della Telecom Italia.

Gemina Gemina controlla l’1,0 per cento di Rcs. A sua volta è controllata da Investimenti Infrastrutture (famiglia Romiti, famiglia Benetton, che controlla direttamente il 5,0 per cento di Rcs) con il 20 per cento, dalla famiglia Toti con il 12,2 per cento (a sua volta possiede il 5,1 per cento di Rcs), da Capitalia con il 2,0 per cento (controlla il 2,1 di Rcs), Generali con il 2,8 per cento (controlla il 3,7 di Rcs), Mediobanca con il 12,6 per cento (controlla il 14,2 per cento di Rcs) e gruppo Ligresti con il 3,0 per cento (controlla il 5,1 per cento di Rcs).

Edison

35

35

Il gigante privato dell’elettricità controllato da Edf e Transalpina possiede l’1 percento di Rcs.

36

36

Merloni

La Merloni Invest di Francesco Merloni possiede l’1,5 per cento di Rcs.

Sinpar

La Sinpar della famiglia Lucchini (ex acciaierie di Brescia ora finite in mano a investitori russi) possiede l’1,8 per cento della Rcs.

Eridano Finanziaria

La finanziaria della famiglia Bertazzoni (elettrodomestici Smeg) controlla l’1,1 per cento di Rcs.

MEDIASET

Mediaset è un colosso televisivo e pubblicitario in Europa. In Italia controlla Canale 5, Italia uno, Rete quattro. La società di raccolta pubblicitaria è Publitalia. Nel luglio 2006 la capogruppo Mediaset ha celebrato i dieci anni dalla quotazione alla Borsa valori di Milano. Oggi rappresenta il principale gruppo televisivo commerciale italiano e una delle maggiori imprese di comunicazione a livello mondiale. I ricavi netti consolidati dell’attività in Italia hanno raggiunto nel 2005 2.748,1 milioni di euro (+4,5%% rispetto al 2004). Il risultato operativo è stato di 828,7 milioni di euro (+4,1%). La redditività operativa ha toccato la soglia del 30,2% (30,2% nel 2004). L’utile preimposte è stato di 778,6 milioni di euro (+4,6%). Il Gruppo Mediaset, in Italia, è impegnato nelle seguenti attività: televisione generalista analogica; canali tematici gratuiti in digitale terrestre; offerta pay per view in digitale terrestre; multimedialità. Il gruppo Mediaset controlla oggi più del 40 per cento dell’intero share nazionale e il 20 per cento dello share in Spagna. Raccoglie una quota proporzionale di risorse pubblicitarie.

Chi controlla Mediaset

L’azionariato del gruppo Mediaset è abbastanza semplice: la quota di maggioranza è controllata, attraverso la Fininvest , dalla famiglia Berlusconi , che ha interessi anche nel settore immobiliare e alcune partecipazioni nel settore assicurativo e bancario. Direttamente alla famiglia Berlusconi, sempre attraverso la Fininvest , fa capo anche la maggioranza del gruppo editoriale Mondadori, colosso librario e dei periodici. Alla signora Veronica Lario, moglie di Silvio Berlusconi, fa capo una quota importante del quotidiano Il Foglio . Al costruttore Paolo Berlusconi e alla Mondadori fanno capo importanti pacchetti azionari del quotidiano Il Giornale . La Fininvest ha piccole partecipazioni in Mediobanca e in Capitalia, che a loro volta sono azioniste di Rcs Mediagroup.

Fininvest (39,2 per cento)

È la società finanziaria controllata dalla famiglia Berlusconi.

Capital Research and Management Company

Questo fondo internazionale possiede il 7,5 per cento del gruppo Mediaste.

ARNOLDO MONDADORI EDITORE

Il gruppo Mondadori è il principale gruppo librario e di periodici in Italia e tra i più importanti in

37

37

Europa, con partecipazioni forti in Francia, Grecia, Inghilterra. La Mondadori pubblicità ha unaquota decisiva del mercato in Italia. La distribuzione è altrettanto forte. Tra i marchi librari, oltre alla stessa Mondadori, basti citare il controllo diretto di Einaudi, Sperling & Kupfer, Electa, Piemme, Random House Mondadori, più le partecipazioni in altri marchi. Tra periodici e radio ecco una breve e incompleta lista delle testate più importanti: Panorama , Tv Sorrisi e canzoni , Chi , Donna moderna , Grazia , Auto oggi , Cambio , Casa viva , Confidenze , Economy , Flair , Focus , Guida Tv , Men’s Health , Prometeo , Starbene , Sale & Pepe , Cosmopolitan , Cucina moderna , Nuovi argomenti , Ciak, Radio 101.

Chi controlla la Mondadori

La famiglia Berlusconi , attraverso la Fininvest e altre società, controlla il 57,4 per cento del gruppo.

Silchester International Investors Ldt

Questo fondo detiene il 3,1 per cento della Mondadori.

Tweedy Browne Company LLC

Questo fondo controlla il 5,0 della Mondadori.

GRUPPO EDITORIALE L’ESPRESSO

Il gruppo Editoriale l’Espresso è uno dei principali poli editoriali italiani. Controlla il quotidiano La Repubblica e i periodici ad esso collegati, una catena di giornali locali di grande rilevanza, il settimanale l’Espresso , ma anche Limes e Micromega ; il sito di Repubblica.it è, tra le testate di informazione on line, il più visitato in Italia, Kataweb è una delle principali imprese in Internet. Posizioni di assoluto rilievo sul mercato hanno conquistato le radio del gruppo, a cominciare da Radio Deejay e Radio Capital, la televisione All Music e la concessionaria di pubblicità A. Manzoni. Ecco alcune delle testate controllate: La Repubblica ( Il Venerdì , D La repubblica delle donne , Salute , Trova Roma , Trova Milano , Metropoli , XL , Velvet ), L’Espresso , Micromega , Limes , National Geographic Italia , Le Scienze , Il Tirreno , La Nuova Sardegna , Messaggero veneto , Il Piccolo , Gazzetta di Mantova , Il Mattino di Padova , La Provincia Pavese , Il Centro , La Tribunadi Treviso , Gazzetta di Reggio , La Nuova Ferrara , Nuova Gazzetta di Modena , La Nuova Venezia , La Città .

Chi controlla il gruppo Espresso

Il gruppo Editoriale l’Espresso è controllato da Carlo De Benedetti , attraverso alcune sue società, con il 53,2 per cento delle azioni. De Benedetti, oltre ad essere uno dei principali editori italiani, ha interessi nel settore delle comunicazioni e dell’energia. Tra l’altro oggi partecipa a una delle cordate per rilevare l’Alitalia.

Carlo Caracciolo

Caracciolo è uno dei fondatori de l’Espresso e di Repubblica . Oggi possiede il 10,0 per cento del gruppo.

Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste

38

38

Questa fondazione possiede il 2,0 per cento del gruppo editoriale. Assicurazioni Generali

Il colosso assicurativo possiede il 2,0 per cento del gruppo Espresso. Ma a sua volta controlla una

quota del gruppo Rcs Mediagroup ed è partecipata da diversi azionisti presenti anche nel gruppo Rcs, come Capitalia e Mediobanca.

Giulia Maria Crespi Mozzoni

La signora Crespi controlla il 2,3 per cento del gruppo Espresso. Fa parte di una famiglia storica dell’editoria italiana, presente tra l’altro nella storia della proprietà del principale concorrente di Repubblica , Il Corriere della Sera .

GRUPPO CALTAGIRONE

Caltagirone Editore è oggi uno dei principali gruppi editoriali d’Italia. La società fu costituita nel dicembre del 1999 e quotata in Borsa nel luglio del 2000. Controlla testate storiche come Il Messaggero di Roma Il Mattino di Napoli, Il Gazzettino di Venezia, il Corriere Adriatico di Ancona

e il Nuovo quotidiano di Puglia. Caltagirone Editore è presente anche nel settore della free press con Leggo , il primo quotidiano nazionale gratuito, con oltre 1.050.000 mila copie distribuite ogni giorno; è presente in Internet con il portale Caltanet. Appartengono al gruppo le concessionarie di pubblicità Piemme ed Area Nord Spa, B2Win, specializzata in servizi di Contact Center, e l’emittente regionale Telefriuli.

Chi controlla il gruppo Caltagirone

Il 54,7 per cento del capitale della Caltagirone editore, società del gruppo Caltagirone (un impero nel settore delle costruzioni e delle grandi opere, azionista anche di banche come il Monte dei Paschi di Siena), appartiene a società che fanno capo a Francesco Gaetano Caltagirone. Il 33,3 per cento fanno capo a società di Edoardo Caltagirone.

GRUPPO RIFFESER

Il gruppo editoriale che fa capo alla famiglia Riffeser controlla diversi quotidiani diffusi nelle

regioni del Centro Italia e del Nord. Tra questi, il Quotidiano nazionale , Il Giorno , La Nazione , Il Resto del Carlino . Fanno capo al gruppo anche alcuni periodici, diversi impianti di stampa e la Spe , società per la raccolta pubblicitaria.

Chi controlla il gruppo Riffeser

Le società che fanno capo a Maria Luisa Riffeser Monti controllano il 57,8 per cento del gruppo. Andrea Riffeser , amministratore delegato del gruppo, possiede il 7,4 delle azioni. Tamburi investment partner ha un pacchetto del 7,8 per cento di titoli del gruppo Riffeser. Tuttavia va tenuto presente che quotidiani ed altre attività di informazione sono sotto il controllo della società Poligrafici editoriale , della quale Maria Luisa Riffeser Monti controlla, attraverso le proprie società, il 60 per cento del capitale. La Fondazione Cassa di risparmio di Trieste ha il 2,9 per cento. L’ Amber Capital LP controlla il 2,6 per cento. E il gruppo Rcs controlla il 7,5 per cento di Poligrafici Editoriale La Stampa è uno dei principali quotidiani italiani. Insieme alla società di raccolta pubblicitaria Publikompass rappresenta uno dei gruppi editoriali più importanti del Paese.

39

39

Chi controlla La Stampa

La Stampa è il giornale della famiglia Agnelli . Al gruppo Fiat fa anche capo il 10,2 per cento del gruppo Rcs.

IL SOLE 24 ORE

Il Sole 24 Ore è uno dei principali quotidiani italiani per copie vendute. Nel settore dell’economia è il numero uno in Italia e tra i primi in Europa. Oltre al quotidiano, il gruppo Sole 24 ore controlla Radio 24, una delle principali emittenti di informazione radiofonica in Italia e un complesso editoriale di prima grandezza, un colosso nel settore delle pubblicazioni di carattere tecnico, scientifico, economico, professionale.

Chi controlla il gruppo de Il Sole 24 ore

Il gruppo fa capo alla Confindustria , oggi presieduta da Luca Cordero di Montezemolo, che è anche presidente del gruppo Fiat. Nella Confindustria hanno un ruolo decisivo molti degli industriali che figurano nei principali gruppi editoriali, da Rcs a l’Espresso.

TELECOM ITALIA MEDIA (LA7 E APCOM)

Sia la emittente televisiva La7, tv generalista e quarto polo televisivo nazionale, dopo Mediaset, Rai e Sky, sia l’agenzia di stampa ApCom fanno capo a Telecom Italia Media.

Chi controlla Telecom Italia Media

Telecom Italia , con il 69,2 per cento del capitale, è il maggiore azionista. Il gruppo delle comunicazioni è controllato a sua volta da una complicata catena di azionisti: Hopa (Fingruppo, Antonveneta, Unipol, Montepaschi e Bpi) controlla il 3,7 per cento di T.I.; Olimpia ( Pirelli e Benetton , entrambi presenti anche nel capitale di Rcs Mediagroup) controlla il 18,0 per cento; Brandes Investment partners controlla il 3,6 per cento; Assicurazioni Generali (presenti anche nel capitale di Rcs Meadiagroup e del Gruppo Editoriale l’Espresso) posseggono il 2,0 per cento.

GRUPPO CIANCIO SANFILIPPO

È un gruppo di prima grandezza e di fondamentale importanza soprattutto nel Mezzogiorno quello che fa capo a Mario Ciancio Sanfilippo . Questo editore è oggi il punto di riferimento di alcune emittenti televisive, tra le quali Antenna Sicilia e Telecolor, di emittenti radiofoniche come Radio Sis e Radio Telecolor. Mario Ciancio Sanfilippo controlla il quotidiano La Sicilia , è azionista di maggioranza de La Gazzetta del Mezzogiorno , è azionista de La Gazzetta del Sud . Ha inoltre altre partecipazioni in emittenti e gruppi editoriali. Mario Ciancio Sanfilippo stampa e distribuisce in Sicilia e nella provincia di Reggio Calabria diversi quotidiani nazionali.

SKY

La piattaforma digitale via satellite è nata il 31 Luglio 2003. Nel dicembre 2006 il numero degli abbonati SKY è risultato di 4 milioni, con un incremento delle sottoscrizioni di oltre 2 milioni e 100 mila famiglie dal suo lancio sul mercato italiano. Il 95 per cento dei sottoscrittori ha scelto di

40

40

abbonarsi ai pacchetti premium che includono il cinema e/o lo sport. Diversi canali sono compresi nel pacchetto offerto, compresi canali di informazione all news, come SKY Tg24 o i classici Cnn, Bbs, Sky o Al Jazeera. La piattaforma digitale di SKY comprende oltre 160 canali tematici, audio, pay per view e servizi interattivi. Di fatto la platea televisiva di SKY è stimata in oltre 13 milioni di telespettatori. Al netto delle repliche e delle attività di autopromozione dei canali, la piattaforma trasmette ogni anno oltre 31 mila ore di programmi televisivi autoprodotti, di cui più di 18 mila ore prodotte dalle reti SKY e 13 mila ore dai canali terzi.

Chi controlla SKY SKY Italia fa capo al 100 per cento a News Corp, società Usa controllata dal magnate australiano Rupert Murdoch.

(AIDEM 2.2007)

A chi appartiene l'informazione in Italia?

Beh, per iniziare giusto per vederci meglio, un bel post per capire come siamo messi a informazione in Italia. Che l’informazione italiana sia profondamente assoggettata ai poteri politici ed economici è un dato di fatto. I gruppi editoriali dei maggiori quotidiani nazionali sono controllati da politici e da aziende.

La “Repubblica” e l’“Espresso” (oltre che Radio deejay eRadio Capital) fanno parte del gruppo editoriale “L’Espresso SpA” che risponde direttamente alle Compagnie Industriali Riunite della famiglia De Benedetti. [1] Il “Corriere della Sera” appartiene al gruppo RCS, assieme alla “Gazzetta dello Sport”, a “Radio 105”, a “Radio Montecarlo” e alle case editrici “Rizzoli”, “Bompiani”, “Fabbri Editori”, “Sonzogno”, “Sansoni”. La società editoriale ha fra i suoi maggiori azionisti Mediobanca, Fiat, il gruppo Pirelli (rappresentato dall’imprenditore Marco Tronchetti Provera), e Banca Intesa San Paolo. [2] Il quotiano torinese “La Stampa” appartiene all’azienda automobilistica FIAT. La Confindustria[3] (l’attuale presidente è Emma Marcegaglia) controlla il “Sole 24 Ore”. “Milano Finanza” è del gruppo “Mediolanum”, di proprietà per il 50% della “Fininvest” di Maria Elvira Berlusconi. [4] Panorama” e “Radio 101” sono editi dalla “Mondadori” che fa parte anch’essa del gruppo “Finivest”. [5] “Il Giornale”, fondato da Indro Montanelli nel 1974 è di proprietà, per l’89%, di Paolo Berlusconi. [6] La maggiore azionista de “Il Foglio”, quotidiano fondato nel 1996 da Giuliano Ferrara, è Veronica Lario Berlusconi, con il 36% delle azioni. [7]

Il Messaggero” e “Il Mattino” appartengono al gruppoCaltagirone Editore di Gaetano Caltagirone [8] (la figlia, Azzurra, è compagna del leader dell’UDC Pier Ferdinando Casini). Attraverso una lunga e articolata normativa, col tempo sempre più clientelare e gravosa, avviata in epoca moderna con la legge n° 461 del 5 agosto 1981, chiamata “Disciplina delle imprese editrici e provvidenze per l’editoria”, e proseguita poi con la legge n° 62 “Nuove norme sull’editoria e sui prodotti editoriali” del 7 marzo 2001, lo Stato italiano elargisce, annualmente, intorno ai 700 milioni di euro per finanziare i vari gruppi editoriali. [9] Alcuni esempi: il “Corriere della Sera”, e quindi il gruppo RCS, ottiene dallo Stato circa 23 milioni di euro l’anno. Il quotidiano della Confindustria, “Il Sole 24 Ore”, riceve più di 19 milioni

di euro, quello della Fiat ne percepisce 7 milioni e laMondadori, l’azienda di Silvio

Berlusconi, 10 milioni, oltre a uno sconto statale per le spedizioni postali di quasi 19 milioni

41

41

CHI POSSIEDE O CONTROLLA, SEDUTO NEI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE, I PRINCIPALI QUOTIDIANI ITALIANI? INCHIESTA SULLA LONGA MANUS DELLA BANCHE E DELL’INDUSTRIA NELLA CARTA STAMPATA La teoria dei ‘sei gradi di separazione’ è un’ipotesi secondo cui qualunque persona può essere collegata a qualunque altro abitante del globo terrestre attraverso una catena di conoscenze con non più di cinque intermediari. Proposta per la prima volta nel 1929 dallo scrittore ungherese Karinthy in un racconto breve intitolato Catene, venne confermata nel 1967 dal sociologo americano Stanley Milgram e più tardi, nel 2001, da Duncan Watts della Columbia University. La ricerca di Watts, pubblicata su Sciencenel 2003, permise l’applicazione della teoria dei sei gradi di separazione anche in aree differenti, tra cui l’analisi delle reti informatiche ed elettriche, la trasmissione delle malattie, la teoria dei grafi, le telecomunicazioni e la progettazione della componentistica dei computer. La nostra inchiesta vuole dimostrare che la legge di Watts non si applica alle relazioni fra le principali testate giornalistiche italiane e il capitalismo industriale-finanziario, o più precisamente che, analizzando i legami esistenti, andrebbe corretta al ribasso, in non più di tre gradi di separazione. Con quali effetti sulla libertà di informazione? La cosiddetta linea editoriale è ciò che distingue in sostanza una testata giornalistica da un’altra. Rappresenta, diremmo in linguaggio aziendale, una sorta di missione strategica, l’ipotesi di fondo a partire dalla quale si scelgono e si analizzano le notizie. Dall’esistenza di linee editoriali diverse il cosiddetto pluralismo informativo dipende la qualità dell’informazione, perché il pluralismo garantisce al cittadino/lettore la possibilità di conoscere notizie differenti lette da punti di vista differenti. Non solo. Dal pluralismo informativo dipende anche la possibilità che uno Stato possa dirsi democratico, dal momento che un elettore adeguatamente informato è messo in condizione di esercitare un voto consapevole. Il caso opposto, quello cioè di una rappresentazione univoca della realtà socio- politico-economica di un Paese (pensiamo alla Pravda di staliniana memoria), impedisce la corretta formazione del consenso, e quindi il libero esplicarsi dei meccanismi democratici. Ciò detto, dove si forma la linea editoriale di una testata? Come suggerisce il termine, è espressione della visione dell’editore, e si forma nel luogo in cui questi (che è il proprietario del giornale) prende le sue decisioni strategiche. Nelle moderne società capitalistiche questo luogo è il Consiglio di amministrazione. Diamo quindi un’occhiata a chi siede nei Cda dei principali giornali italiani e valutiamo di quali tipi di interessi siano portatori, dal momento che sulla base degli interessi del Consiglio si forma la linea editoriale.

42

42
Partiamo dal più importante quotidiano a diffusione nazionale, il Corriere della Sera. Il suo editore

Partiamo dal più importante quotidiano a diffusione nazionale, il Corriere della Sera. Il suo editore è il gruppo RCS (Rizzoli Corriere della Sera), quotato in borsa. Il Corsera ha fama di essere il giornale super partes per definizione, quello che meglio rappresenta il tipo di linea editoriale tipico dell’informazione anglosassone (come si dice di solito, ‘all’americana’), per definizione indipendente da interessi particolari. Ma, analizzando il suo Cda, più che super partes dovremmo definirlo inter partes: in esso siedono infatti John Elkann, presidente di Fiat e di Exor (la holding finanziaria della famiglia Agnelli); Franzo Grande Stevens, avvocato storico di casa Agnelli, ex vicepresidente Fiat e attualmente presidente della Fondazione San Paolo; Carlo Pesenti, consigliere di Italcementi, Unicredit, Italmobiliare e Mediobanca; Berardino Libonati, consigliere di Telecom Italia e Pirelli; Jonella Ligresti, consigliere di Fondiaria, Italmobiliare e Mediobanca; Diego Della Valle, consigliere di Tod’s, Marcolin e Generali Assicurazioni; Renato Pagliaro, consigliere di Telecom Italia, Pirelli e Mediobanca; Giuseppe Lucchini delle omonime acciaierie; Paolo Merloni, CEO (Chief Executive Officer, ossia amministratore delegato) di Merloni Finanziaria, gruppo Indesit Company; Enrico Salza, consigliere di Intesa San Paolo; Raffaele Agrusti, consigliere di Assicurazioni Generali; Roberto Bertazzoni, consigliere di Mediobanca; e Claudio De Conto, di Pirelli Real Estate. Fra Corsera e Fiat, Pirelli, Telecom Italia, Mediobanca, Intesa, e tutte le altre aziende citate, ci sono zero gradi di separazione, cioè sono direttamente collegate fra loro. Grande finanza, banche, assicurazioni, automotive, telecomunicazioni, cementifici, acciaierie, pneumatici, immobili, moda, elettrodomestici:

non c’è praticamente nessun settore del made in Italy che non possa dire la sua sui contenuti e sulla posizione del giornale. Viene da dire che in Italia essere indipendenti coincide col dipendere da tutti, nessuno escluso: la linea editoriale del Corrierone nazionale risentirà quindi delle esigenze e degli accordi reciproci fra le aziende che siedono in Consiglio: nessuna visione strategica a prescindere, e una pletora di manovre tattiche in risposta alle necessità del momento.

43

43

Meno compromessa, ma solo all’apparenza, La Repubblica, che fa parte del Gruppo l’Espresso di Carlo De Benedetti. Nel Cda de L’Espresso troviamo Sergio Erede, amministratore di

Luxottica; Luca Paravicini Crespi, consigliere della Piaggio dei Colaninno (dove siede accanto a Vito Varvaro, il quale a sua volta è anche nel Cda della Tod’s di Diego Della Valle) e figlio di Giulia Maria Crespi, ex direttore editoriale del Corriere ed ex presidente del Fai; e Mario Greco, consigliere di Indesit Company (dove siede anche Emma Marcegaglia) e della Saras di Massimo Moratti (già rappresentato nel Cda del Corriere attraverso i consiglieri del gruppo Pirelli). Massimo Moratti rappresenta inoltre il trait d’union fra il Gruppo L’Espresso e la famiglia Berlusconi, poiché siede, oltre che nel Cda della Saras, anche in quello della Pirelli, accanto a Carlo Secchi, ex rettore della Bocconi e amministratore Mediaset. La famiglia Berlusconi controlla direttamente Il Giornale, edito dal gruppo Mondadori, mentre la famiglia Agnelli è proprietaria del quotidiano La Stampa di Torino.

Il Messaggero di Roma, il Mattino di Napoli, il Gazzettino di Venezia e il Nuovo Quotidiano di Puglia

sono editi dalla Caltagirone Editore, di proprietà della famiglia Caltagirone (grandi opere, cementifici, immobili): fra gli altri, siedono nel Cda di Caltagirone Editore, Azzurra Caltagirone, moglie di Pier Ferdinando Casini, e Francesco Gaetano Caltagirone, consigliere di Monte dei Paschi e di Generali Assicurazioni.

Il Resto del Carlino di Bologna, la Nazione di Firenze e Il Giorno di Milano sono invece posseduti

dalla Poligrafici Editoriale, collegata con due gradi di separazione a Telecom Italia, Generali Assicurazioni e Gemina (attraverso Massimo Paniccia e Aldo Minucci); e con tre gradi di separazione (attraverso Roberto Tunioli, Sergio Marchese e Giuseppe Lazzaroni), alla Premafin della famiglia Ligresti.

Infine una notazione quasi umoristica. Libero, l’aggressiva testata di destra e Il Riformista, quotidiano timidamente di sinistra, hanno lo stesso editore (e quindi zero gradi di separazione!): Giampaolo Angelucci, proprietario di un impero fatto di cliniche e strutture sanitarie (fra cui l’ospedale S. Raffaele di Roma), e messo agli arresti domiciliari il 9 febbraio dello scorso anno per falso e truffa ai danni delle Asl. La situazione non migliora, anzi se possibile peggiora, quando si analizzano i quotidiani finanziari. Il Sole 24 Ore, come è noto, è appannaggio dell’universo Confindustria, quindi diretta espressione dei desiderata dei principali gruppi industriali del Paese. Nel suo Cda siedono, fra gli altri, Giancarlo Cerutti, consigliere di amministrazione di Saras; Luigi Abete, presidente di Bnl (gruppo Paribas), fratello di Giancarlo Abete (presidente della Figc) e consigliere anche della Tod’s di Diego Della Valle;

e Antonio Favrin, collega di Cda, in Safilo Group, di Ennio Doris, che siede in Mediolanum della

famiglia Berlusconi e in Mediobanca. A proposito dei legami fra industria, editoria e sport, è interessante notare come quattro delle principali squadre di calcio italiane appartengono a gruppi industriali che possiedono, o amministrano più o meno direttamente, almeno un quotidiano generalista:

la Juventus degli Agnelli (che influenzano la Stampa e il Corriere), il Milan di Berlusconi (Il Giornale), la Fiorentina dei fratelli Della Valle (il Corriere), e infine l’Inter di Massimo Moratti (il Corriere e La Repubblica). Milano Finanza e Italia Oggi, quotidiani economici molto conosciuti fra gli addetti ai lavori, sono invece editi dalla Class dei fratelli Panerai, e nel Cda del gruppo “leader nell’informazione finanziaria, nel lifestyle e nei luxury good products” (come si autodefinisce), siedono Maurizio Carfagna, consigliere di Mediolanum, e Victor Uckmar, il più celebre fiscalista italiano, i cui servigi sono stati richiesti in passato da ogni possibile gruppo industriale, e che oggi è amministratore della Tiscali di Renato Soru. Non sorprende quindi che gli analisti finanziari italiani lamentino l’impossibilità di rintracciare informazioni equilibrate sulla base delle quali valutare i bilanci delle società, o che scandali come quello della Cirio o della Parmalat siano stati tenuti nascosti finché non è stato ‘troppo tardi’ perché i piccoli investitori (ma non le grandi banche!) potessero rendersi conto della reale situazione. E qui è necessario notare un dettaglio sconcertante. Tiscali è l’editore de L’Unità – il

quotidiano del principale partito ‘di sinistra’ del Paese, il Pd – che risulta pertanto a un solo grado di separazione da Milano Finanza e Capital (attraverso Uckmar); e a due gradi di separazione (lo stesso Uckmar e Carfagna), dalla Mediolanum di Berlusconi. Esiste poi un Consiglio di amministrazione dove tutti i gruppi industriali e bancari citati, a eccezione

44

44

della famiglia De Benedetti, si incontrano, ed è quello di Mediobanca, ai tempi di Enrico Cuccia suo fondatore – il ‘salotto buono’ della grande finanza, quella che dirigeva i destini dell’economia

italiana sulla base di un preciso progetto strategico (più o meno condivisibile, per carità, ma almeno un progetto c’era), e ora trasformato in enclave di ogni possibile mediazione. Nessuno stupore che l’economia italiana navighi, per la verità a ritmi piuttosto bassi, alla deriva, priva com’è di un timoniere (una volta questo era il ruolo dei politici), in grado di darle una rotta qualsiasi.

E ora tiriamo le somme: se sei sono i gradi di separazione fra due entità qualsiasi prese a caso, è

evidente che tre, due, uno, o nessun grado di separazione non rappresentano un legame casuale. Esiste quindi la precisa volontà da parte di industria e finanza di controllare le notizie. Prova ne sia l’ostinazione con cui tanti imprenditori e manager italiani (un esempio per tutti senza scomodare Silvio Berlusconi è Diego Della Valle, che si è sottoposto ad anni di paziente anticamera pur di essere ammesso al Cda del Corsera), cercano di forzare la porta dei circuiti informativi. Ovviamente non è prudente che il legame sia sempre diretto, perché una situazione di controllo trasparente potrebbe far nascere qualche lecito dubbio nella mente dei cittadini lettori/elettori sull’attendibilità di quel che apprendono nella lettura dei quotidiani o addirittura potrebbe obbligare i direttori e le redazioni dei grandi giornali a fare i conti con il loro ruolo di utili idioti (ovviamente in buona fede, non ne abbiano a male per la definizione). Divengono quindi necessari degli ‘intermediari’ che intorbidino le acque nascondendo gli interessi reali, e che nello stesso tempo costituiscano il trait d’union fra quelli che devono apparire come opposti estremismi. Il profilo tipico di questa figura essenziale è quello del ‘tecnico’: avvocato, consulente, commercialista, revisore, sempre al corrente dei panni sporchi di famiglia (di più famiglie), al contempo confessore e uomo di fiducia, vincolato, più o meno direttamente, al segreto professionale. Come Berardino Libonati (classe 1934), titolare dello studio legale Jaeger-Libonati e ordinario di diritto commerciale all’Università La Sapienza di Roma, che ha ricoperto la carica di presidente del Cda del Banco di Sicilia dal 1994 al 1997; dal 1998 al 1999 e stato presidente di Telecom Italia e di Tim; ha fatto parte del collegio sindacale di Eni dal 1992 al 1995; dal 2003 al 2007 è stato membro del Cda della Nomisma di Romano Prodi; dal 2001 al 2007 è stato consigliere di amministrazione di Mediobanca; è stato presidente del Cda di Alitalia dal febbraio al luglio 2007, e presidente del Cda di Banca di Roma dal 2002 al 2007. Attualmente, oltre a far parte dei Cda di Pirelli, Telecom e RCS, è vicepresidente del gruppo Unicredit. Nel suo curriculum vitae pubblicato sul sito di Pirelli, in una nota particolarmente umoristica, si legge che “è in possesso dei requisiti contemplati dal codice di autodisciplina delle società quotate per essere qualificato come indipendente”. Un altro ‘super tecnico’ è Mario Greco (classe 1957), consigliere del gruppo l’Espresso, di Saras, di Indesit Company, di Fastweb e di Banca Fideuram, laureato con lode in economia all’Università di Roma. Partner fino al 1994 di McKinsey&Company, la più importante società mondiale di consulenza strategica, è stato amministratore delegato e CEO di Ras dal 1998 fino al 2005. Poi c’è Carlo Secchi (classe 1944), professore ordinario di Politica economica europea all’Università Commerciale Luigi Bocconi (è stato il diciassettesimo rettore della stessa università dal 2000 al 2004), attualmente nel Consiglio di amministrazione di cinque aziende quotate in borsa: Pirelli, Italcementi, Mediaset, Allianz-Ras e Parmalat, nonché di FondazioneTeatro alla Scala, TEM Tangenziali Esterne di Milano, Milano Serravalle, La Centrale Sviluppo del Mediterraneo, Premuda, e futuro consigliere della società che dovrà organizzare l’Expo 2015 a Milano. Uomini potenti perché loro sì informati, ma nello stesso tempo condannati a servire il sistema, indispensabili ma sostituibili, schiavi delle beghe piccole e grandi e dei capricci degli imprenditori di cui sono al soldo, con la loro indubbia statura professionale che basta a stento a ritoccare la facciata.

Quali sono gli effetti di questa tragica analisi sulla libertà di informazione? 7 aprile 2010. Poco prima delle 10.30 decolla dall’aerodromo militare di Payerne il primo aereo alimentato esclusivamente a energia solare. Si chiama Solar Impulse e ha sorvolato per due ore la Svizzera occidentale. L’aereo è stato progettato per volare giorno e notte senza produrre alcuna emissione. Sulle ali del Solar Impulse, costruito in fibra di carbonio, sono installate 12mila cellule fotovoltaiche. L’aereo è a elica ed è spinto da quattro motori elettrici.

Il velivolo, per la cui costruzione sono stati impiegati sei anni, è il prototipo di un aeroplano che secondo

45

45

i programmi compirà il giro del mondo senza carburante nel 2012. Si tratta di un aereo dalle vaste dimensioni, ha infatti l’apertura alare di un Airbus A340, ma il suo peso è equivalente a quello di un’auto di medie dimensioni.

In un periodo in cui il prezzo del petrolio è in brusca risalita e il tema della sostenibilità ambientale

sempre più trattato, ci si immagina che questa notizia debba ricevere gli onori della cronaca e che venga salutata con entusiasmo. Invece no, in Italia nemmeno una parola, né in televisione né sui giornali, con l’eccezione di un articoletto sul Sole 24 Ore pubblicato sull’inserto online Nuove energie e di un pezzo su L’Osservatore Romano. Forse perché l’opinione pubblica rimanga convinta dell’insostituibilità dell’oro nero? Quante altre notizie non vengono date? Non possiamo saperlo, ma siamo ragionevolmente certi che le notizie pubblicate sono quelle che non infastidiscono nessuno. Cronaca nera, pettegolezzi politici e non, pochissimo approfondimento e quasi nessuna inchiesta, notizie dall’estero estremamente limitate, e solo quando non se ne può fare a meno: guerre, tsunami, terremoti. Anche la lotta tutta nostrana fra chi è pro

e chi contro Berlusconi, fra il partito dell’odio e quello dell’amore, o la querelle fra Stato confessionale e Stato laico, sono comode cortine di fumo per non parlare di altro: la crisi economica, la responsabilità delle banche nel suo perdurare, la grande impresa che non sa che fare. Emma Marcegaglia chiede al governo, nel corso del convegno degli industriali del 10 aprile 2010, di impegnarsi entro due mesi per un investimento di almeno 1 miliardo di euro su ricerca e innovazione e

di

circa 1-1,5 miliardi sulle opere infrastrutturali. Ma con i soldi di chi? E tagliando quali costi? E cosa

ci

darebbe in cambio la grande industria? Emma non lo dice, nessuno glielo chiede. Intrallazzi fra

pubblico e privato costantemente oscurati, miliardi che corrono ma nessuno lo sa, accordi sottobanco con la criminalità organizzata, servizi segreti a disposizione di interessi privati: verità solo annusate che

è impossibile addentare, mentre leggiamo di pedofilia vaticana, di un federalismo misterioso, dell’ennesima esternazione di un premier che ormai ha superato i confini del bene e del male e della morte prematura di un Presidente polacco. È proprio il caso di dirlo: beata ignoranza!

Giovanna Baer

46

46

IL SIGNORAGGIO

Indisturbate, sotto gli occhi della magistratura, le banche centrali, tra cui la Banca d’Italia (BdI) e la Banca Centrale Europea (BCE), incredibilmente private, praticano il crimine del signoraggio primario, mentre le banche di credito praticano l’ancor più grave signoraggio secondario. Crimini realizzati, come vedremo, in modo tale che le ‘dinastie’ – una ‘cupola’ che controlla di fatto le banche nel mondo realizzino anche, mediante degli immensi falsi in bilancio, due ulteriori obiettivi. Il primo, il furto, agli azionisti delle banche di credito (quindi ‘azionisti’ indiretti anche della BdI e della BCE), dei proventi dello stesso signoraggio primario e secondario. E, il secondo, un’evasione fiscale maggiore delle tasse sia pagate che evase dal resto della società. Proventi del signoraggio che, dopo averli rubati, la ‘cupola’ ricicla mediante centrali interbancarie mondiali, tra cui innumerevoli fonti Internet indicano la Clearstream, l’Euroclear, la Swift e altre. Dopo averlo infatti segretato già dalla nascita della Repubblica fin negli atti del Parlamento (con gli omissis), si è ‘scoperto’ che la BdI è di privati (85% banche, 10% assicurazioni, 5% ignoti), come gran parte delle altre banche centrali; fra cui la BCE, che è al 14,57% della BdI, e quindi dei suoi proprietari. Una privatezza di cui, da quando, pochi anni fa, la si è scoperta, si cerca di sminuire la rilevanza, ma che è la causa della miseria e del malessere del mondo. Signoraggio primario della BdI/ BCE e delle altre banche centrali che consiste in quel che segue. 1) Nello stampare continuamente le banconote al costo della carta e dell’inchiostro o nel creare il denaro elettronicamente con un click (dal 1929 non occorre alcun corrispettivo in oro, ma è una favola che prima occorresse). Banconote i cui numeri di serie non sono progressivi e dei quali non si conosce il significato, sicché la loro quantità, nota solo a loro, è fuori dal controllo sociale. 2) Usarle (al valore in euro, dollari ecc. su esse stampato) per comprare dagli Stati udite udite un pari importo in titoli del debito pubblico (BOT, CCT, BPT, CTZ). 3) Vendere i titoli alle aste, riprendendosi i soldi e lasciando allo Stato il ‘debito pubblico’ inventato mediante questo crimine. 4) Realizzare il predetto falso in bilancio iscrivendo fraudolentemente al passivo l’importo delle banconote stampate a costo tipografico o create elettronicamente allo scopo di ‘pareggiare’ iscrivendo all’attivo i titoli o il ricavato della loro vendita, e di occultare così queste enormi somme. Un occultamento al quale (fermo restando che, come vedremo, le tasse sono illecite), all’aliquota del 50%, consegue un’evasione fiscale per un importo pari alla metà delle banconote emesse o del denaro elettronico creato per ‘acquistare in contropartita’ il debito pubblico, il solo pagamento dei cui interessi è sufficiente a rovinare la società. Un fenomeno prima di produzione incontrollata e da falsari del denaro e poi, come vedremo, di cinquantuplicazione del suo uso a opera delle banche di credito (signoraggio secondario), che è la causa sia dell’inflazione che dell’attuale, illecito sistema fiscale, creato anche a fini di dominio dei cittadini criminalizzandoli quali evasori, riciclatori ecc. Crimini che, tra l’altro, fermo restando l’obbligo dello Stato di pagare ai compratori alla scadenza i titoli già emessi con i promessi interessi, rendono responsabili del ‘debito pubblico’ le ‘dinastie’ e, per esse, la BdI/BCE, avendone esse (non lo Stato) riscosso il corrispettivo. 5) Riciclare, nel modo già detto, il denaro così truffato. Fenomeni che hanno stravolto il mondo, a partire da ciò che si definisce inflazione, che è tutt’altro da ciò che si ritiene, perché è frutto della produzione del denaro a opera di falsari. Osserviamo infatti che se, ad esempio, il denaro globale è 100, e un falsario (è un falsario chiunque produca denaro ma non sia lo Stato, e quindi anche le banche) ne crea un altro ammontare pari di nuovo a 100, nel momento in cui lo mette in circolazione (lo spende), da un lato si appropria indebitamente di metà della ricchezza reale, e dall’altro porta a 200 il denaro globale, per cui ne diminuisce del 50% il potere di acquisto, ovvero determina una (cosiddetta) inflazione del 50%. Inflazione che non si verifica se è lo Stato a produrre il denaro. Questo perché lo Stato, per legge, può poi erogarlo solo a corrispettivo di beni, prestazioni, diritti ecc., ovvero inverandolo (facendoselo coprire) mediante il parallelo incremento della ricchezza reale che riceve in cambio, per cui il potere di acquisto del denaro rimane invariato, dato il parallelo incremento del denaro e della ricchezza reale.

47

47

Inveramento (processo che ho definito proprio io) che non c’è quando a produrre il denaro è un falsario (una banca), perché il falsario lo assegna a sé senza prima coprirlo, e solo dopo lo mette in circolazione spendendolo. Definisco quindi inflazione quel fenomeno che si verifica quando, avendo dei falsari introdotto del denaro non inverato mediante lo spenderlo, abbiano così causato (oltre che un incremento della percentuale del denaro nelle loro mani che, appena speso, si traduce in un aumento della percentuale di ricchezza reale di loro proprietà) un incremento del denaro globale senza un incremento della ricchezza, e quindi una diminuzione del potere di acquisto del denaro. Considerazioni dalle quali si deduce anche che i cittadini hanno il potere di inverare i soldi (chiunque li produca) per il sol fatto di riceverseli, perché sussiste la presunzione di fondo che non li ricevano a titolo gratuito, ma sempre coprendoli con la prestazione, il bene o il diritto che offrono a corrispettivo. Un quadro nel quale, se un falsario ‘presta’ dei soldi a un ignaro cittadino, che li spende mettendoli irrimediabilmente in circolazione, ma poi viene a sapere della loro falsità e può provarla, nulla dovrà al

falsario, sia perché il falsario nulla gli ha dato, e sia perché il corrispettivo dello spendere quei soldi il cittadino lo otterrà dalla collettività, non dal falsario; sicché è alla collettività (allo Stato) che dovrà restituirli. Motivi per i quali sostengo di seguito che fidi, mutui, quinti di stipendio ecc. non vanno restituiti alle banche, e che se si vogliono rendere veri i ‘debiti’ dei cittadini verso di esse, per poterli poi esigere, occorre prima confiscarle e nazionalizzarle, essendo altrimenti i loro crediti inesigibili in quanto crediti

di falsari e di truffatori.

Cose la cui eliminazione, e crediti la cui riscossione, renderà ricchissimo lo Stato debellando anche la drammatica demonetizzazione pilotata dalle banche per indebolirci e dominarci. Infatti, nel momento in cui il denaro è prodotto dallo Stato, sicché produrlo non causa inflazione, ne va

stampato un adeguato quantitativo, perché ciò incrementa gli scambi ed è benefico per l’economia.

Accuse di violazione degli artt. del codice penale n. 241, 283, 648 bis, 501, 501 bis, 416, 61 ecc. che vanno ai soli beneficiari diretti e consci di questi delitti. Opera di falsificazione delle Banche Centrali (signoraggio primario), a cui si aggiunge quella delle banche di credito (loro proprietarie) attraverso il meccanismo del ‘moltiplicatore monetario’ (signoraggio secondario). Moltiplicatore monetario in virtù del quale le banche, secondo prassi che una prona e scellerata dottrina

di regime dà per scontate, ma sono il massimo della criminalità, realizzano prestiti per un ammontare 50

volte maggiore del denaro che detengono.

In sostanza, se Tizio versa su Banca Intesa SanPaolo (proprietaria del 44,25% di BdI) 100.000 euro, essa

banca tratterrà il 2% come riserva (per arrotondare, in realtà è l’1,6%), e presterà il 98% che, una volta

depositato in un’altra banca, di nuovo, a cascata, sarà prestato al 98% all’infinito. Finché, non la singola banca, ma il sistema bancario, attraverso un giro di prestiti di un importo ogni

volta più basso del 2%, avrà azzerato i 100.000 euro iniziali, ma avrà lucrato interessi su prestiti per

5.000.000.

Un usare 50 volte sempre lo stesso denaro che serve a monetizzare la società e non arreca, di per sé, vantaggi alle banche (gliene arreca molti, fermo restando però che ogni volta che una banca presta a taluno c’è un altro a cui deve restituire), ma serve loro per lucrare illecitamente interessi su ognuno di questi prestiti di denaro altrui, per i quali hanno diritto solo al compenso per il servizio (che già riscuotono), mentre gli interessi devono andare ai proprietari del denaro, e allo Stato per i prestiti frutto della cinquantuplicazione. Interessi cinquantuplicati che costituiscono una creazione di denaro dal nulla in loro vantaggio che si realizza come effetto di ogni forma di ‘versamento’ o di pagamento, ovvero anche attraverso l’uso degli assegni, delle carte di credito, dei bonifici ecc.

Se infatti Caio paga a Tizio 1.000 euro con una carta di credito, un assegno o un bonifico, la banca addebita a Caio 1.000 euro inverati, perché abbiamo detto che il cittadino il denaro non può crearlo dal nulla. 1.000 euro che si configureranno come la costituzione presso la banca di un fondo che essa userà per fare pagamenti o prestiti al 98% come sopra cinquantuplicati lucrando anche qui i predetti interessi su denaro altrui.

48

48

Meccanismi di moltiplicazione i cui proventi (signoraggio secondario) non vanno nemmeno essi agli azionisti, ma vengono di nuovo sottratti dalla ‘cupola’ attraverso complessi falsi in bilancio e trucchi il cui effettivo accertamento richiede che una magistratura molto specializzata entri finalmente con i suoi poteri nel profondo del sistema, anziché astenersene garantendo che vi fioriscano ogni genere di imperscrutabili mostruosità. Meccanismi di moltiplicazione del denaro a opera di falsari che non possono che provocare una continua svalutazione che però non si avverte, o si avverte meno, perché è neutralizzata dall’altrettanto continua grande diminuzione dei costi frutto della crescente meccanizzazione\semplificazione dei processi produttivi. Quanto poi all’attuale sistema fiscale è illecito perché il grosso delle tasse e delle imposte serve per rastrellare denaro inverato da usare per acquistare il denaro da inverare dalle banche. Tasse e imposte destinate all’acquisto del denaro dalle banche che non serviranno quando lo Stato il denaro lo stamperà da sé. Un nuovo sistema in cui potrà bastare un’unica imposta (potremmo definirla la ‘generale’) da pagarsi – senza compensazioni tra dare e avere su ogni consumo di beni, prestazioni, servizi ecc. in una misura variabile, in ipotesi, dall’1% al 20%. Meccanismi fraudolenti che, tra signoraggio primario e secondario, processi inflattivi a loro vantaggio, tasse evase e fiscalità illecita, stanno consentendo alle dinastie che governano le banche di rastrellare una incredibile quantità di denaro e di spingere gli Stati e le stesse banche, sia di credito che centrali, al fallimento per demenziali fini di dominio. Motivi tutti per i quali, così come si può sostenere che non è dovuta a un ladro la restituzione di un prestito di somme rubate, si può sostenere nelle cause che non è dovuta alle banche la restituzione dei fidi, mutui, quinti di stipendio ecc., essendo essa dovuta al vero proprietario: la collettività. Logica in cui non è dovuto nemmeno il pagamento delle attuali imposte e tasse. Contestazioni che vanno fatte salvaguardandosi con ogni indispensabile strategia giudiziaria e, specie per i mutui e le imposte, continuando, se possibile, nel mentre a pagarli. Cause in cui bisogna addurre anche, in subordine, ciò che la giurisprudenza già riconosce: come l’illegittimità di anatocismo, accredito tardivo dei versamenti, commissione di massimo scoperto, usura ecc. Conquiste giurisprudenziali ora in forse a causa delle cinque leggi illegittime regala-soldi alle banche, quattro delle quali recentissime, contro le quali spero però riusciremo presto a condurre a buon fine l’opera di abrogazione, o in via referendaria, mediante il Comitato promotore del referendum per la loro abrogazione, o mediante la loro bocciatura da parte della Corte costituzionale (vedi da www.marra.it i ricorsi per anticostituzionalità che io stesso ho formulato). Citazioni impostate cioè in modo da ottenere già in primo grado l’accoglimento anche solo parziale delle subordinate (per importi sovente elevati), per poi proseguire, per il resto, in appello e in cassazione, in attesa che, in breve, la giurisprudenza si evolva. Come pure vanno promosse le cause contro le tasse e le imposte, formulando anche qui, quale domanda principale, la richiesta che venga pronunziata la loro non debenza stante la illiceità del sistema fiscale e, quali subordinate, tutte le altre ordinarie richieste. Cupola che ha imposto al mondo le sue regole codificandole nei sistemi fiscali vigenti o nei famosi accordi di Basilea, di cui tutti si riempiono ridicolmente la bocca, ignorando che sono solo dei volgari accordi illeciti tra privati. Cose che ora, per la verità proprio in seguito alla vasta diffusione di questo documento, sono divenute note. Cose da eliminare attraverso la nazionalizzazione o delle banche o comunque della produzione del denaro in via primaria o secondaria, in modo che lo Stato, quando ha bisogno di denaro, possa semplicemente stamparlo, o crearlo virtualmente (accade già perché lo Stato crea le monete di metallo, che però sono solo il 2% delle banconote). Vanno inoltre pareggiati gli interessi passivi e attivi in modo che vadano ai proprietari dei soldi, e quelli frutto del moltiplicatore monetario vadano allo Stato.

49

49

Interessi, quelli bancari, peraltro generalmente usurai. Usura che consistendo il signoraggio secondario, come abbiamo visto, nell’appropriarsi indebitamente di interessi cinquantuplicati sui prestiti

di denaro altrui ne costituisce quindi la forma estrema.

Stampa delle banconote e creazione del denaro virtuale da parte dello Stato che richiede una modifica del trattato di Maastricht e della Costituzione Europea, però aggirabile confiscando e nazionalizzando le banche e/o eliminando i fattori di criminalità dal loro operato.

Trattato, Costituzione Europea e sistemi fiscali scritti di pugno dalle banche, e con i quali hanno tentato

di rapinare gli Stati della sovranità economica per ricettarla a queste cosche, ma senza potervi riuscire,

perché resta il contrasto con tutti i principi fondamentali della Costituzione Italiana, della Convenzione

Europea dei Diritti dell’Uomo, e con tutti gli altri principi della stessa Costituzione Europea e di ogni altra norma. Stampa dei soldi da parte dello Stato non indispensabile anche da varie altre angolazioni, essendo sufficiente che lo Stato li paghi alla BCE/BdI al mero costo tipografico, o anche solo che le banche centrali iscrivano come è ovvio all’attivo le banconote che creano e vi paghino le tasse: cosa che non risolve tutto il problema, ma basta ad arricchirci e a evidenziare la criminalità dell’attuale sistema. Prassi queste della BCE come della Federal Reserve eccetera, nonché dei sistemi fiscali contro le quali non è vero che nessuno e nessun Paese può nulla, perché non appena magistratura, politica e informazione inizieranno a fare il loro dovere questi mostri saranno sconfitti in un baleno; e se non lo faranno saranno travolti lo stesso insieme ai loro mezzani; grazie a Internet: la nuova alleanza. Alfonso Luigi Marra

SIGNORAGGIO SECONDARIO

Come prestare denaro che non esiste e chiedere anche gli interesse

Come funzionano i prestiti bancari? Facciamo un “piccolo” passo indietro nel tempo. Una volta i mercanti giravano con le loro belle monete d’oro per le strade d’Europa, ma viaggiare così era piuttosto scomodo e insicuro, così pensarono di trovare un’alternativa.

Il sistema ideato era semplice ma ingegnoso: le monete venivano depositate presso alcuni uffici (le

banche) le quali rilasciavano degli attestati che garantivano il possessore dell’equivalente in oro del credito che contraevano col mercante. Per riscuotere l’oro relativo, bastava recarsi dal banchiere, dargli il “titolo” e in cambio si ricevevano le monete. La banca si faceva pagare la commissione sui servizi offerti. Il risultato era che le monete restavano ferme e quello che girava erano solo pezzi di carta, coperti dall’oro depositato e dalla fiducia di poterlo riscuotere. Per fare un esempio, io mi recavo dal banchiere con 100 monete d’oro e lui mi dava 10 titoli validi per 10 monete l’uno. Dopodichè mi recavo dal contadino e compravo della frutta dandogli non le monete,

ma un pezzo di carta che da un lato attestava il mio debito nei suoi confronti, dall’altro il suo credito nei confronti della banca per 10 monete. Così facendo anche la banca aveva un debito, coperto dall’oro che gli davo in custodia.

A questo punto il contadino ha due possibilità: o va dal banchiere col titolo di credito e ritira le monete

d’oro, oppure fa altri acquisti pagandolo coi titoli (lasciando le monete sempre a disposizione del banchiere). Col passare del tempo, il banchiere si accorse che solamente il 10% dei titoli venivano riscossi, mentre il 90% dell’oro rimaneva fermo nei suoi depositi. Allora pensò di farlo fruttare cominciando a prestarlo, bastava tenerne fermo il 10% e non c’erano problemi. Lasciamo ora i tempi andati e trasferiamoci nelle odierne banche. Come sappiamo (si veda l’articolo sul signoraggio primario) al giorno d’oggi, il denaro non è più coperto da riserve auree; infatti oggi i prestiti

devono essere coperti dal capitale bancario. C’è solo un piccolo problema: il capitale di cui si parla non corrisponde ai soldi realmente posseduti dalle banche. Vediamo di spiegare meglio la situazione. Gli accordi definiti “Basilea I” del 1988 stabilivano che i prestiti dovevano essere coperti almeno per l’8% con capitale proprio (Eigenkapital). Nel 2006 si sono siglati i nuovi accordi, “Basilea II”, che hanno variato la percentuale, tra l,6% ed il 12% secondo il rischio di insolvenza, ma hanno lasciato

50

50

immutato il fatto che la copertura sia data dal capitale e non dal denaro; infatti nel capitale di una banca rientrano anche i crediti che questa ha concesso alla clientela. Facciamo un esempio considerando il sistema bancario come un soggetto unico. Io chiedo alla mia banca un prestito di 1.000 Euro e per questa cifra mi viene fatto credito, l’istituto conteggerà 1.000 Euro come liability (denaro dovuto) e 1.000 Euro nell’asset (attivo patrimoniale). Ora io uso questo credito emettendo un assegno ad una ditta per pagare dei lavori e quest’ultima invece di incassarlo lo versa sul suo conto in banca.

A questo punto la banca accredita alla ditta i 1.000 Euro e contemporaneamente segna nel suo

patrimonio gli stessi 1.000 Euro, senza togliere i miei 1.000. Così facendo il patrimonio della banca risulterà aumentato del 100%, da 1.000 a 2.000, senza aver utilizzato nessun denaro reale; infatti, giova ricordare, che gli accrediti, i bonifici, gli assegni,ecc. non sono reale denaro, ma solo promesse di pagamento per un certo valore di denaro! Come abbiamo detto, la copertura dei prestiti è data dal patrimonio bancario, che in questo caso, senza

aver nessun tipo di reale garanzia, sarà raddoppiato, così come raddoppierà la possibilità della banca di prestare denaro. Senza considerare che con questo stratagemma, le banche nascondono enormi guadagni; infatti comunemente il sistema ci fa credere che le banche guadagni solo le differenze d’interesse, ma non spiegano gli enormi aumenti “virtuali” di patrimonio da cui ricavano ulteriori interessi. Ora che abbiamo visto che la banca presta “denaro virtuale” senza alcuna garanzia e soprattutto senza alcun costo, tranne la fatica di fare un click col mouse , vediamo nel dettaglio come funziona la creazione di questo “denaro virtuale”. Supponiamo che io depositi 1.000 Euro in banca e che il coefficiente di riserva frazionaria, la quantità che per legge va detenuta nell’istituto,sia del 2,5%, la banca stessa potrà prestare 100:0.05=2.000 Euro, ora se l’interesse sui prestiti fosse sempre del 2,5%, la banca guadagnerebbe di soli interessi 2.000x2.5%= 50 Euro. Il risultato è che la banca, sui 100 Euro che ho depositato, guadagna il 50% di interessi ed il 2.000% di capitale (questo si chiama signoraggio secondario)!!!! Secondo alcuni studiosi, però, questi sono dati al ribasso. Infatti, esiste una legge che consente alle banche la mobilizzazione delle riserve, cioè possono movimentare l’intera riserva, purché alla fine della giornata la riserva media giornaliera calcolata su un mese sia pari all’ammontare della riserva dovuta, in buona sostanza possono prestare l’intero deposito, purché a fine giornata il conto che ogni istituto ha preso la banca centrale non sia in negativo. Questo fa sì che girando il “denaro virtuale” attraverso vari istituti durante la giornata, 1.000 Euro “reali”possono diventare 50.000 nell’arco di 24 ore, con un evidente pauroso guadagno da signoraggio secondario, considerando un tasso del 5% si parla di ricavo per 2.500 Euro, a fronte di interessi pagati di appena 20 Euro(al 2%)!(per approfondimenti: G. Venturi, riserva frazionaria vs. riserva totale).

Alcune considerazioni s’impongono. Innanzitutto bisogna denunciare la menzogna che viene comunemente diffusa che le banche guadagnerebbero la differenza tra interessi passivi e attivi; infatti, come abbiamo visto, le cifre sui cui queste percentuali vengono calcolate sono molto diverse! Secondo, che grazie a questo sistema, il 90% del denaro circolante è “virtuale”(assegni, bonifici, accrediti, prestiti,ecc.), quindi “creato” senza costi dalle banche, ma sul quale il cittadino deve pagare interessi frutto del suo lavoro, facendo guadagnare loro cifre spaventose, al contempo indebitandosi sempre più. Infine, va considerato che il “denaro virtuale” circolante al mondo è 5 volte maggiore di tutti i beni esistenti. Ciò significa che il denaro circolante rappresenta un debito scoperto per l’80%! Il sistema mondiale si regge sul fatto statistico che meno del 2% dei depositi bancari verranno ritirati. Il “giochino”

si rompe quando succedono crisi come in Argentina o in Inghilterra, allorché la gente va in banca

pensando di poter ritirare il “denaro reale”, col risultato di inutili file davanti agli sportelli per sentirsi

rispondere che i soldi non ci sono!!!

51

51

DOSSIER BILDERBERG

- La storia segreta dei padroni del Mondo. di Daniel Estulin INTERO LIBRO SCARICABILE DA QUI

L'edizione aggiornata del libro "Il club Bilderberg" scritto dal giornalista spagnolo Daniel Estulin; la più approfondita

inchiesta sul "club dei potenti" del quale tra gli altri, fa parte anche Mario Monti (che non è l'unico italiano).

Un breve video di Estulin che parla del Bilderbeg: "Daniel Estulin denuncia il progetto criminale del club Bildeberg"

Da quando la prima edizione statunitense di The True Story of the Bilderberg Group fece la sua esplosiva apparizione nel settembre 2005, molte cose sono cambiate nell’era della politica del potere globale. All’epoca vivevamo in un mondo unipolare con un solo centro di autorità e un solo centro di forza. Alla fine del 2011 le cose sono nettamente diverse.

Non viviamo più in un mondo con un unico padrone militare. La minaccia che l’umanità di oggi si trova ad affrontare

proviene dall’usurpazione del potere da parte di leader di terrorismo finanziario; la folle fase finale di un progetto che dura da

secoli e si propone di neutralizzare lo sbalorditivo successo delle conquiste del Concilio di Firenze del 1439-1440, che aveva

provvisoriamente riunificato i riti orientali e occidentali della Chiesa cristiana.

A quei tempi il Concilio di Firenze mise in moto una rivoluzione all’interno delle istituzioni politiche che governavano il

mondo e che avevano il proprio centro nello stato nazionale di Venezia e nella Nobiltà nera veneziana. Dopo l’esplosione

della bolla del debito nel 1345 e la conseguente distruzione della ricchezza di Venezia, nel 1582 l’oligarchia veneziana

accettò di trasformare le Isole britanniche in una nuova base di potere globale finanziario e marittimo.

Nella seconda metà del XX secolo questo progetto totalitario nemico si diede il nome di “Gruppo Bilderberg”. Dalla

pubblicazione di The True Story of the Bilderberg Group, il termine Bilderberg ha fatto il proprio ingresso nella lingua

inglese, diventando parte del lessico, come Ground Zero. Ha finito anche per avere significati diversi per diverse persone.

Alcuni hanno travisato il Bilderberg in un modo assolutamente stupido, presentandolo come un “occhio maligno che vede

tutto, una cospirazione dell’uomo nero”. Altri lo vedono come un monolite, un gruppo di personaggi potenti che si incontrano

in stanze buie, in locali chiusi, seduti intorno a un tavolo rotondo, tenendosi per mano e fissando una sfera di cristallo,

52

52

pianificando alacremente la conquista del mondo. Nessuna di queste definizioni si avvicina a ciò che è effettivamente

l’organizzazione che si è data il nome di Bilderberg.

Ecco un test per tutti quelli che non sono d’accordo con me. Alla vostra sinistra ci sono gli artefici del Bilderberg, alleati fra

loro per questo e per quello scopo; alla vostra destra c’è la Storia, che abbraccia gli ultimi 2500 anni, dall’epoca di Platone e

Socrate ai giorni nostri. Come hanno fatto i personaggi in grado di influenzare i principali avvenimenti mondiali a interferire

con un particolare corso della storia umana guidando il potere degli strateghi mondiali?

Vedete, quelli che scelgono la via d’uscita facile con affermazioni del tipo «il Bilderberg ha detto a questo e a quell’individuo

di fare questo e quest’altro per ottenere questo o quell’obiettivo » vivono in un mondo popolato da finti complotti puerili

orditi da cospiratori esperti. Sciocchezze populiste e insignificanti partorite da menti sottosviluppate.

Detto questo, il gruppo Bilderberg fu fondato da circoli collegati a un ex membro del Partito nazista, il

principe Bernhard d’Olanda (che si dimise dal Partito nazista per poter sposare la principessa olandese). Si trattava di un

organismo sponsorizzato dalla monarchia anglo-olandese, esplicitamente patrocinato dalle consorti reali inglese e olandese, e

rientra tipicamente in una rete che coincide in parte con lo stesso concerto di sinarchia internazionale di interessi finanziari

sotto forma di una rete di istituti bancari privati, come oggi Lazard Frères. Dietro l’instaurarsi dei regimi fascisti in Europa

nel periodo compreso fra il 1922 e il 1945 c’era appunto questa banca, le cui attività andavano in direzione di un tentativo di

stabilire un sistema mondiale di fascismo internazionale sotto la copertura della “globalizzazione”, che è semplicemente un

altro termine per impero.

che non sapete del Gruppo Bilderberg" di Thierry Meyssan Di Thierry Meyssan Prima riunione del gruppo

Di Thierry Meyssan

Prima riunione del gruppo presso il Bilderberg Hotel (1954)Ogni anno, dal 1954, un centinaio delle personalità più eminenti di Europa occidentale e Nord America s’incontrano, a porte chiuse e sotto un’altissima protezione, in seno al Gruppo Bilderberg. Il loro seminario dura tre giorni e nulla traspare sulle loro discussioni.

Dalla disgregazione dell’Unione Sovietica, i giornalisti sono interessati a questa organizzazione elitaria e segreta. Alcuni autori vi hanno visto un governo mondiale embrionale e gli attribuiscono le principali decisioni politiche, culturali, economiche e militari della seconda metà del ventesimo secolo. Una interpretazione sostenuta da Fidel Castro, ma nulla lo conferma né lo smentisce.

Per sapere cosa è o non è il Gruppo Bilderberg, ho cercato documenti e testimoni. Ho avuto accesso a tutti i suoi dati del periodo 1954-1966 e a numerosi altri elementi, e ho potuto chiacchierare con uno dei suoi ex-ospiti, che conosco da molto tempo. Nessun giornalista, fino ad oggi, e certamente non gli autori di successo che ha reso popolari gli stereotipi presenti, hanno avuto accesso ai documenti interni del Bilderberg.

53

53

Ecco cosa ho scoperto e capito.

Il primo incontro

70 personalità provenienti da 12 paesi parteciparono alla prima riunione del Gruppo. Si trattava di un seminario di tre giorni,

29-31 maggio 1954, in prossimità di Arnhem (Olanda). Gli ospiti furono divisi in due alberghi nelle vicinanze, ma i dibattiti

si tennero in quello principale, diede il nome al gruppo.

Gli inviti, carta intestata del Palazzo Soestdijk, erano sibillini: "Apprezzerei sinceramente la vostra presenza alla conferenza internazionale, senza carattere ufficiale, che si terrà in Olanda a fine maggio. Questa conferenza vuole esplorare una serie di questioni di grande importanza per la civiltà occidentale, e si propone di stimolare la comprensione reciproca e la buona volontà attraverso un libero scambio di opinioni". Erano firmati dal principe consorte dei Paesi Bassi, Bernhard zur Lippe-Biesterfeld, e accompagnati da alcune pagine d’informazione amministrativa sul trasporto e l’alloggio. Al massimo, si apprende che i delegati arrivarono dagli Stati Uniti e da 11 paesi dell’Europa occidentale, e 6 sessioni di 3 ore ciascuna furono previste.

Dato il passato nazista del principe Bernhard (che aveva servito nella cavalleria delle SS fino al suo matrimonio nel 1937, con la Principessa Juliana) e nel contesto del maccartismo, è chiaro che le "questioni di grande importanza per la civiltà occidentale" ruotavano intorno alla lotta contro il comunismo.

Una volta lì, l’impressione degli ospiti fu temperata dai due presidenti: l’imprenditore statunitense John S. Coleman e l’uscente ministro belga degli affari esteri Paul van Zeeland. Il primo era un attivista del libero scambio, il secondo un sostenitore della Comunità europea di difesa (CED) [1]. Infine, si scorgeva all’estremità della tribuna Joseph Retinger, eminenza grigia degli inglesi. Tutto ciò suggerisce che le monarchie olandesi e britannica promossero questo incontro per sostenere la difesa europea e il modello economico capitalistico del libero mercato, contro l’anti-americanismo che i comunisti e i gollisti promuovevano.

Tuttavia, le apparenze ingannano. Non si trattava do fare una campagna per la CED, ma di mobilitare le élite per la Guerra Fredda.

SAR il Principe Bernhard fu scelto per convocare questa conferenza, perché il suo status di principe consorte gli dava un carattere ufficioso, senza essere ufficiale. Nascondeva lo sponsor: un’organizzazione intergovernativa che si propone

di manipolare i governi di alcuni dei suoi Stati membri.

John S. Coleman non era nemmeno il presidente della Camera di Commercio degli Stati Uniti, ma creò il comitato "Comitato cittadino per una politica nazionale del commercio” (Citizen’s Committee for a National Trade Policy - CCNTP). Secondo lui, il libero scambio assoluto, vale a dire, la rinuncia a tutti i dazi doganali, avrebbe consentito ai paesi alleati degli Stati Uniti di aumentare la loro ricchezza e finanziare la Comunità europea di difesa (vale a dire dire, riarmare la Germania e integrare il suo potente potenziale militare nella NATO)

Tuttavia, i documenti in nostro possesso dimostrano che il CCNTP di cittadino aveva solo il nome. Questa in realtà era una iniziativa di Charles D. Jackson, il consigliere per la guerra psicologica della Casa Bianca. L’operazione era pilotata a monte da William J. Donovan, l’ex comandante dell’OSS (i servizi segreti degli Stati Uniti durante la guerra), ora responsabile della costruzione del ramo statunitense del nuovo servizio segreto della NATO, Gladio [2].

Paul van Zeeland non era solo il promotore della Comunità europea di difesa, ma anche un politico di grande esperienza. Alla Liberazione, ha presieduto la Lega indipendente per la cooperazione europea (LICE) il cui obiettivo era creare una unione doganale e monetaria. Questa organizzazione fu creata dal già citato Joseph Retinger.

In particolare Retinger, che fungeva da segretario della conferenza Bilderberg, servì durante la guerra nel servizio segreto

inglese (OES), del generale Colin Gubbins. Avventuriero polacco, Retinger si trovò consulente del governo di Sikorski in

esilio nel Regno Unito. A Londra, ha ospitato il microcosmo dei governi in esilio, creando quindi il miglior indirizzario dell’Europa libera.

Il suo amico Sir Gubbins aveva ufficialmente lasciato il servizio e il SOE era stato sciolto. ora dirigeva una piccola azienda di

tappeti e tessili, che serviva da "copertura". Infatti, accanto al suo omologo Donovan, fu responsabile della creazione della filiale inglese di Gladio. Ha partecipato a tutte le riunioni preparatorie della Conferenza del Bilderberg e fu presente tra gli ospiti, seduto accanto a Charles D. Jackson.

All’insaputa dei partecipanti, furono dunque i servizi segreti della NATO ad essere il potente ospite. Bernhard, Coleman e Van Zeeland furono dei paraventi.

Non dispiaccia ai giornalisti fantasiosi che hanno creduto di discernere nel Bilderberg la volontà di creare un governo mondiale segreto, questo club è uno strumento della lobby influente della NATO che promuove i propri interessi. E’ molto

54

54

più grave e pericoloso, perché è la NATO che mira ad essere un governo mondiale segreto, garantendosi la perennità dello status quo internazionale e dell’influenza degli Stati Uniti.

D’altronde, la sicurezza di ciascuna riunione successiva non sarà fornita dalla polizia del paese ospitante, ma dai soldati dell’Alleanza.

Tra i dieci relatori iscritti, vi furono due ex primi ministri (Guy Mollet, Francia, Alcide de Gasperi, Italia), tre funzionari del Piano Marshall, il falco della Guerra Fredda (Paul H. Nitze) e soprattutto un finanziere molto potente (David Rockefeller).

Secondo i documenti preparatori, una ventina di partecipanti ne era già a conoscenza. Sapevano più o meno in dettaglio, chi sono i burattinai e hanno redatto in anticipare il loro intervento. I più piccoli dettagli furono adattati e non vi fu alcun elemento di improvvisazione. Invece, gli altri cinquanta partecipanti non sapevano nulla di ciò che stava accadendo. Furono scelti per influenzare i governi e l’opinione pubblica dei loro rispettivi paesi. Il seminario fu organizzato per convincerli e spingerli a impegnarsi a diffondere il messaggio che si voleva diffondere.

Gli interventi non affrontavano i grandi problemi internazionali, ma analizzavano la strategia ideologica assunta dai sovietici

e spiegavano come doveva essere contrastata nel "mondo libero".

I primi interventi valutavano la minaccia comunista. I "comunisti coscienti" sono individui che intendono mettere le loro

patria al servizio dell’Unione Sovietica per imporre un mondo collettivista. Dovevano essere combattuti. Ma questa lotta era difficile, perché questi "comunisti coscienti" in Europa erano incorporati nella massa degli elettori comunisti che non sapevano nulla circa i loro piani malvagi, e li seguono nella speranza di migliori condizioni sociali.

Gradualmente, la retorica si induriva. Il "mondo libero" deve affrontare il "complotto comunista mondiale", non solo in generale, ma anche rispondendo alle domande specifiche sugli investimenti statunitensi in Europa o sulla decolonizzazione.

Infine, gli oratori giunsero al problema principale -i sovietici, assicuravano, stanno sfruttando a loro profitto: per motivi culturali e storici, i leader politici del "mondo libero" che usavano argomenti diversi negli Stati Uniti e in Europa, argomenti che a volte si contraddicevano-. Il caso più emblematico era quello delle purghe organizzata dal senatore McCarthy negli Stati Uniti. Erano essenziali per salvare la democrazia, ma il metodo scelto era percepito in Europa come una forma di totalitarismo.

Il messaggio finale era che nessuna trattativa diplomatica, nessun compromesso, era possibile con i "Rossi". Si doveva

evitare ad ogni costo che i comunisti svolgessero un ruolo in Europa occidentale, ma ci voleva astuzia: se non si potevano arrestare e fucilare, bisognava neutralizzarli con discrezione, senza che i loro elettori se ne rendessero conto. In breve, l’ideologia che si sviluppò era quella della NATO e di Gladio. Non è mai stato detto che si sarebbero truccate le elezioni, ne che sarebbero stati uccisi i tiepidi, ma tutti i partecipanti convennero che per salvare il "mondo libero" si doveva mettere la libertà tra parentesi.

Sebbene la proposta della Comunità europea di difesa (CED) fosse venuta meno dopo tre mesi, sotto i colpi dei deputati comunisti e degli "estremisti nazionalisti" (vale a dire, gollisti) del Parlamento francese, la conferenza fu considerata un successo. Nonostante le apparenze, non era destinato a sostenere la creazione della CED o qualsiasi altra misura politica specifica, ma a diffondere un’ideologia della classe dominante, e quindi attraverso di essa, nella società. Oggettivamente, gli europei occidentali erano sempre meno consapevoli della libertà di cui erano privati ed erano sempre più consapevoli delle libertà di cui erano stati privati i popoli dell’Est.

Il Bilderberg diventa un’organizzazione Una seconda conferenza si svolse in Francia, il 18-20 marzo 1955. A Barbizon. A poco a poco l’idea che queste conferenze fossero annuale e che bisognassero di una segreteria permanente s’impose. Il principe Bernhard si ritira quando fu colto in flagrante per i suoi traffici d’influenza (scandalo Lockheed). Cedette la presidenza all’ex Primo Ministro britannico Alec Douglas Home (1977-1980), all’ex cancelliere tedesco e presidente Walter Scheel (1981-1985), all’ex governatore della Banca d’Inghilterra Eric Roll (1986-89), all’ex Segretario generale della NATO Peter Carrington (1990-1998), e infine, all’ex vice presidente della Commissione europea, Etienne Davignon (dal

1999).

Per molti anni il presidente del gruppo Bilderberg era assistito da due segretari generali, uno per l’Europa e il Canada (Stati vassalli) e uno per gli Stati Uniti (il sovrano), tuttavia, non vi è un segretario generale dal 1999.

Da un anno all’altro, i dibattiti furono altamente ridondanti, poiché gli ospiti cambiavano. C’era sempre un nucleo duro che preparava il seminario in anticipo e ai nuovi arrivati era inculcata la retorica atlantista del momento.

55

55

Attualmente, i seminari annuali riuniscono oltre 120 partecipanti, di cui sempre un terzo costituisce ancora il nucleo duro. Sono stati selezionati dall’Alleanza in base all’importanza delle loro relazioni e alla loro capacità di influenzare, a prescindere dalle loro funzioni nella società. Pertanto, restano i membri del nucleo quando cambiano lavoro.

Ecco l’elenco esatto di questo zoccolo duro, compresi i membri del Consiglio di Amministrazione, che servono da paraventi per gli ospiti, e dei soci meni visibili, per non spaventare i nuovi arrivati.

Étienne Davignon, Segretario Generale del Gruppo Bilderberg Consiglio di Amministrazione Josef Ackermann banchiere svizzero, capo della Deutsche Bank, Vice-Presidente del Forum di Davos. Roger C. Altman banchiere statunitense, consulente della campagna elettorale di John Kerry e Hillary Clinton, direttore della banca di investimenti Evercore Partners Inc. Francisco Pinto Balsemão ex primo ministro socialista del Portogallo (1981-83), presidente e fondatore del più grande gruppo televisivo portoghese SIC. (T) Fran Bernabè banchiere italiano, l’attuale capo di Telecom Italia (T) Henri de Castries CEO dell’assicuratore francese AXA. Juan Luis Cebrián direttore del gruppo stampa e media spagnolo Prisa. W. Edmund Clark banchiere canadese, AD del Toronto-Dominion Bank Financial Group. Kenneth Clarke ex vice presidente del British American Tobacco (1998-2007), Guardasigilli e ministro della Giustizia britannico, vicepresidente del Movimento europeo del Regno Unito. George A. David amministratore delegato della Coca-Cola. Étienne Davignon uomo d’affari belga, ex vicepresidente della commissione europea (1981-1985), attuale vice-presidente di Suez-Tractebel. Anders Eldrup amministratore delegato della compagnia petrolifera e del gas danese DONG Energy. Thomas Enders direttore di Airbus. Victor Halberstadt professore di Economia presso l’Università olandese di Leida, è consigliere di diverse società come Goldman Sachs oDaimler-Chrysler. James A. Johnson finanziere degli Stati Uniti, è stato uno dei principali responsabili del Partito Democratico e uno degli architetti della nomina di Barack Obama. E’ il vice-presidente della banca di investimento Perseus. John Kerr of Kinlochard già ambasciatore britannico a Washington, è il vice presidente del Royal gruppo petrolifero olandese Royal Dutch Shell (T) Klaus Kleinfeld CEO tedesco del colosso statunitense dell’alluminio, Alcoa. Mustafa V. Koç amministratore delegato di Koç Holding, la prima azienda turca. Marie-Josée Drouin-Kravis editorialista economica della stampa e della radiotelevisione canadese. Ricercatrice guerrafondaia presso l’Hudson Institute. E’ la terza moglie di Henry Kravis. Jessica T. Mathews ex direttrice degli Affari Globali al Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti. Attuale direttrice della Fondazione Carnegie. Thierry de Montbrial economista, direttore e fondatore dell’Istituto Francese per le Relazioni Internazionali (IFRI) e della World Policy Conference. Mario Monti economista italiano, ex commissario europeo per la Concorrenza (1999-2005), co-fondatore del Gruppo Spinelli per il federalismo europeo. Egil Myklebust ex presidente del padronato norvegese direttore della Scandinavian Airlines System (SAS). Matthias Nass vicedirettore del giornale tedesco Die Zeit. Jorma Ollila uomo d’affari finlandese, ex CEO di Nokia, presidente attuale del gruppo petrolifero Royal Dutch Shell. Richard N. Perle ex presidente del Consiglio consultivo della Difesa al Pentagono, è un leader chiave degli straussiani (discepoli di Leo Strauss) e come tale, una delle maggiori figure del neo-conservatorismo. Heather Reisman donna d’affari canadese, amministratrice delegata del Gruppo Editoriale Indigo-Chapters. Rudolf Scholten ex ministro delle Finanze austriaco, Governatore della Banca Centrale. Peter D. Sutherland ex commissario europeo irlandese per la concorrenza, poi direttore generale dell’Organizazione Mondiale del Commercio. Ex direttore di BP. Attuale presidente di Goldman Sachs International. Ex presidente della sezione europea della Commissione Trilaterale, e Vice-Presidente della Tavola Rotonda Europea degli industriali, ora presidente onorario del Movimento europeo in Irlanda. J. Martin Taylor ex parlamentare britannico, amministratore delegato del gigante chimico e agroalimentare Syngenta. Peter A. Thiel imprenditore degli Stati Uniti, amministratore delegato diPayPal, presidente della Clarium Capital Management e a tal titolo, azionista di Facebook. Daniel L. Vasella CEO del gruppo farmaceutico svizzero Novartis. Jacob Wallenberg banchiere svedese, è amministratore di molte società transnazionali. Henry Kissinger, principale responsabile degli inviti al Gruppo Bilderberg Membri occulti del nucleo duro. Carl Bildt ex primo ministro liberale della Svezia (1991-94), ex inviato speciale dell’Unione europea e dell’ONU nei Balcani (1995-97, 1999-2001), attuale ministro degli affari esteri svedese. (T) Oscar Bronner CEO del quotidiano austriaco Der Standard. Timothy C. Collins finanziere degli Stati Uniti, direttore del fondo di investimento Ripplewood. (T) John Elkann amministratore delegato del gruppo italiano Fiat Auto (il nonno Gianni Agnelli è stato per quarant’anni uno dei

56

56

leader del Gruppo Bilderberg. Ha ereditato il patrimonio di famiglia dopo la morte per cancro del nonno Giovanni Agnelli e

la prematura scomparsa dello zio Edoardo. Tuttavia, fonti della

polizia sono convinte che Edoardo sia stato assassinato dopo essersi convertito all’Islam sciita, in modo che la ricchezza andasse al ramo ebraico della famiglia). Martin S. Feldstein ex consigliere economico di Ronald Reagan (1982-84), e attuale consigliere economico di Barack Obama. E’ stato anche consigliere di George W. Bush per l’intelligence estera. E’ docente ad Harvard. (T) Henry A. Kissinger ex consigliere per la sicurezza nazionale e segretario di stato degli USA, figura centrale del complesso militare-industriale statunitense, attuale presidente della società di consulenza Kissinger Associates. Henry R. Kravis finanziere degli Stati Uniti che gestisce i fondi d’investimentoKKR. Si tratta di uno dei più importanti collettore di fondi per il partito repubblicano. Neelie Kroes ex ministro liberale dei Trasporti olandese, commissario europeo per la concorrenza e attuale commissario alla società digitale. Bernardino Léon Gross diplomatico spagnolo, Segretario Generale della Presidenza del governo socialista di Jose Luis Zapatero. Frank McKenna ex membro della Commissione di sorveglianza dei servizid’intelligence del Canada, ambasciatore del Canada a Washington (2005-06), Vice-Presidente della Toronto-Dominion Bank. Beatrice dei Paesi Bassi Regina d’Olanda. È la figlia del principe Bernhard. George Osborne ministro delle Finanze britannico. Questo neo-conservatore è visto come un euroscettico. Si deve capire che è contrario alla partecipazione del Regno Unito all’Unione europea, ma che è un sostenitore dell’organizzazione del continente in seno all’Unione. Robert S. Prichard economista canadese, direttore del gruppo stampa e audiovisivo Torstar. David Rockefeller il patriarca di una lunga serie di finanzieri. E’ il membro più anziano del nucleo duro dei Bilderbergers. E’ anche presidente della Commissione Trilaterale, un’organizzazione simile che incorpora dei partecipanti asiatici. James D. Wolfensohn finanziere australiano che ha preso la cittadinanza statunitense per diventare Presidente della Banca Mondiale (1995-2005), ora direttore della società di consulenza Wolfensohn e Co. Robert B. Zoellick diplomatico statunitense, ex delegato al commercio degli Stati Uniti(2001-05), attuale presidente della Banca Mondiale. David Rockefeller, consigliere del Gruppo BilderbergI Bilderbergers non sono vincolanti alle aziende o alle istituzioni in cui lavorano. Tuttavia, è interessante osservare la diversità dei loro settori di attività.

La lobby della più potente organizzazione militare del mondo Negli ultimi anni, il numero di argomenti discussi, in occasione

di seminari annuali, è aumentato in base all’attualità internazionale. Ma questo non ci dice nulla, perché queste discussioni

non hanno alcuno obiettivo in sè, sono solo scuse per inviare messaggi. Purtroppo, non abbiamo accesso ai documenti preparatori più recenti e possiamo solo fare congetture circa le parole d’ordine che la NATO cerca di diffondere attraverso questi opinion leader.

La reputazione del Gruppo Bilderberg ha portato alcuni autori ad attribuirgli la capacità di fare nomine. E’ stupido ed oscura i veri burattinai che sono in seno all’Alleanza atlantica.

Ad esempio, è stato riferito che durante le ultime elezioni presidenziali negli Stati Uniti, Barack Obama e Hillary Clinton sono andati per un giorno, il 6 giugno 2008, a negoziare di nascosto la fine della loro rivalità. In realtà sono andati al seminario annuale del Gruppo Bilderberg, a Chantilly (Virginia, USA). Ma il giorno dopo, la signora Clinton ha annunciato il suo ritiro dalla corsa. Alcuni autori hanno concluso che la decisione fu presa durante la riunione del Bilderberg. Questo non è logico, dal momento che la decisione era certo da tre giorni, dato il numero di voti al senatore Obama nel Comitato delle nomination del Partito democratico.

Secondo la nostra fonte, qualcos’altro è successo. Barack Obama e Hillary Clinton hanno concluso di nascosto un accordo finanziario e politico. Il senatore Obama ha salvato i fondi della sua rivale e gli ha offerto una posizione nella sua amministrazione (Clinton ha negato la vice-presidenza e ha scelto il Dipartimento di Stato), in cambio del suo sostegno attivo durante la campagna contro il candidato repubblicano. Poi, i due leader sono stati introdotti da James A. Johnson alla conferenza del Bilderberg, dove i partecipanti hanno assicurato che avrebbero lavorato insieme. Già da molto tempo, Barack Obama era il candidato della NATO. Obama e la sua famiglia hanno sempre lavorato per la CIA e il Pentagono [3]. Inoltre, il finanziamento iniziale della sua campagna fu forniti dalla Corona d’Inghilterra attraverso l’uomo d’affari Nadhmi Auchi. Nel presentare il senatore nero al Bilderberg, l’Alleanza atlantica organizzava a livello internazionale le pubbliche relazioni del futuro presidente degli Stati Uniti.

Allo stesso modo, è stato segnalato che il Gruppo Bilderberg ha tenuto un pranzo improvvisato, al di fuori del seminario, il 14 novembre 2009 presso il Castello di Val Duchesse, di proprietà del re del Belgio. L’ex primo ministro del Belgio Herman Van Rompuy vi aveva pronunciato un discorso. E, cinque giorni dopo, fu eletto presidente del Consiglio europeo. Anche in questo caso, alcuni autori hanno torto nel concludere che il gruppo Bilderberg sia stato il "kingmaker".

57

57

In realtà, il presidente dell’Unione europea non poteva essere scelto al di fuori degli ambienti NATO, come ricorderete, l’Unione europea è cresciuta dalle clausole segrete del Piano Marshall. E questa scelta dovrebbe essere approvata dagli Stati membri. Questo tipo di decisione richiede lunghi negoziati e non si prende in una cena tra amici.

Sempre secondo la nostra fonte, il Presidente del Gruppo Bilderberg, Etienne Davignon, ha convocato questa cena speciale per presentare van Rompuy ai suoi agenti d’influenza. La cosa era tanto più necessaria, poiché era la prima personalità ad occupare la nuova carica di presidente dell’Unione ad essere totalmente sconosciuta al di fuori del proprio paese. Durante il pasto, il signor Van Rompuy hadelineato il suo programma per la creazione di una tassa europea per finanziare direttamente le istituzioni dell’Unione, senza passare per gli Stati membri. Non è rimasto ai Bilderbergers che proclamare ovunque potessero, che conoscono Herman von Rompuy e testimoniano le sue qualità di presiedere l’Unione.

La realtà del gruppo Bilderberg è meno romantica di quanto alcuni autori di successo hanno immaginato. Lo spiegamento incredibile di forze militari per garantirne la sicurezza non è tanto destinata unicamente alla protezione, ma a impressionare coloro che vi partecipano. Non mostra il proprio potere, ma dimostra che l’unico potere reale in Occidente è la NATO. Liberi di sostenerla e d’essere sostenuti da essa, o combatterla ed essere schiacciati inesorabilmente.

Inoltre, sebbene il Gruppo Bilderberg abbia sviluppato, al suo debutto, una retorica anti-comunista, non era rivolta contro l’URSS e che non è rivolta oggi contro la Russia. Ne consegue che la strategia della Alleanza non è un patto contro Mosca, ma la difesa -e forse l’estensione- della zona di influenza di Washington. Alla sua creazione, la NATO aveva sperato di integrare l’Unione Sovietica, che sarebbe equivalso a un impegno

di Mosca a non contestare la divisione del mondo nelle Conferenze di Postdam e di Jalta. Recentemente l’Alleanza ha accolto

il presidente Dmitrij Medvedev al vertice di Lisbona e ha proposto che la Russia vi aderisse. Non si tratterebbe di una sottomissione, ma del riconoscimento del Nuovo Ordine Mondiale, in cui tutta l’Europa centrale e orientale è caduta nell’orbita degli Stati Uniti. Un’adesione della Russia sarebbe, in qualche modo, un trattato di pace: Mosca ammetterebbe la sconfitta nella guerra fredda e la nuova divisione del mondo.

In questo caso, il gruppo Bilderberg inviterebbe personalità russa nelle sue riunioni annuali. Non chiederebbe loro

d’influenzare l’opinione pubblica in Russia per americanizzarla, ma per convincerla a rinunciare ai sogni di grandezza del passato.

Josef Ackermann, CEO della Deutsche Bank e membro del Bilderberg (sopra) da tempo fattorino dei Rothschild, esemplifica

i peggiori eccessi dei Bilderbergers.

“Il caso Strauss-Kahn dimostra quanto queste persone siano corrotte, mentalmente instabili, sature di vizi, vizi che vengono

tenuti nascosti dagli ordini a cui appartengono. Alcuni di loro come Strauss-Kahn stuprano le donne, altri praticano il sado

maso, altri ancora si dedicano alla pedofilia, molti si appassionano al satanismo. Quando andate in alcune banche potete

vedere chiaramente questi simboli satanisti, come nella Banca dei Rothschild a Zurigo “.

“Hanno un nuovo piano per censurare Internet, perché Internet è ancora libero. Vogliono controllare e usare il terrorismo

per creare il motivo. Potrebbero anche inventarsi qualcosa di orribile per avere una scusa”.

L’intervista ha avuto luogo il 30 maggio tramite il settimanale russo “NoviDen”

D: Può dirci qualcosa riguardo il suo coinvolgimento nel settore bancario svizzero?

A: Ho lavorato per le banche svizzere per molti anni. Fui designato come uno dei direttori di una delle più grandi banche

svizzere. Durante il mio lavoro venni coinvolto nel pagamento, nel pagamento diretto in contanti di una persona che uccise il

presidente di un paese straniero. Ero presente alla riunione in cui venne deciso di dare questi soldi in contanti all’assassino.

Tale decisione mi ha riempito di rimorsi. Non fu l’unico caso grave, ma fù sicuramente il peggiore. Vennero inviate istruzioni

di pagamento su ordine di un servizio segreto straniero, scritte a mano, con le disposizioni di pagare una certa somma ad una

persona che aveva ucciso un leader di un paese straniero. E non fù l’unico caso. Abbiamo ricevuto numerose lettere scritte a

mano, provenienti da servizi segreti stranieri, che davano l’ordine di pagamenti in contanti, da conti segreti, per finanziare

rivoluzioni o per l’uccisione di persone. Posso confermare quello che John Perkins ha scritto nel suo libro “Confessioni di un

Sicario Economico”. Esiste veramente un solo Sistema e le banche svizzere hanno le mani in pasta in esso.

58

58

D: Il libro di Perkins è stato tradotto ed è disponibile in russo. Ci può dire di quale banca si tratta e chi è il responsabile? A: Era una delle prime 3 banche svizzere a quell’epoca il responsabile fù il presidente di un paese del terzo mondo. Non voglio però entrare nei dettagli, mi troverebbero facilmente se dicessi il nome del presidente e il nome della banca. Rischio la mia vita. D: Non è possibile fare il nome di una persona di quella banca? R: No non posso, ma vi posso assicurare che tutto ciò è accaduto. Eravamo in molti nella sala riunioni. Il responsabile del pagamento fisico del denaro è venuto da noi (dirigenti) e ci ha chiesto se gli fosse consentito il pagamento di una così grande somma di denaro in contanti. Uno dei direttori spiegò lui il caso e tutti gli altri acconsentirono a procedere. D: Accaddero spesso cose del genere? I soldi erano una specie di fondi neri? R: Sì. Questo era un fondo speciale gestito in un posto speciale nella banca dove arrivavano tutte le lettere in codice dall’estero. Le lettere più importanti venivano scritte a mano. Una volta decifrate, contenevano l’ordine di pagare una certa somma di denaro da conti per l’assassinio di persone, il finanziamento di rivoluzioni, il finanziamento di attentati e per il finanziamento di ogni tipo di partito. So per certo che alcune persone all’interno del gruppo Bilderberg erano coinvolti in questo genere di operazioni. Hanno dato l’ordine di uccidere. D: Puoi dirci in quale anno o decade tutto questo è accaduto? R: Preferisco non darvi l’anno preciso ma è stato negli anni 80. D: Hai mai avuto problemi con questo lavoro? R: Sì, un problema molto grande. La notte non riuscivo a dormire e dopo un po’ lasciai la banca. Diversi servizi segreti provenienti dall’estero, soprattutto di lingua inglese, diedero l’ordine di finanziare azioni illegali, compresa l’uccisione di persone attraverso le banche svizzere. Dovevamo pagare, sotto ordine di potenze straniere, per l’uccisione di persone che non seguirono gli ordini del Bilderberg o del FMI o della Banca Mondiale, per esempio. D: Quella che stai facendo è una rivelazione molto importante. Perché senti il bisogno di dirlo qui e adesso? R: Perché il prossimo Bilderberg meeting si farà in Svizzera. Perchè la situazione mondiale peggiora sempre di più. Infine perché le maggiori banche Svizzere sono coinvolte in attività non etiche. La maggior parte di queste operazioni sono al di fuori del bilancio. Non sono sottoposte a verifica e non prevedono tasse. Si parla di cifre con molti zeri. Somme enormi. D: Si parla di miliardi? A: Molto ma molto di più, si parla di triliardi, illegali, non sottoposti a controllo fiscale. Fondamentalmente si tratta di una rapina per tutti. Voglio dire le persone normali pagano le tasse e rispettando le leggi. Quello che sta accadendo qui è completamente contro i nostri valori svizzeri, come la neutralità, l’onestà e la buona fede. Negli incontri dove fui coinvolto, le discussioni erano completamente contro i nostri principi democratici. Vedete, la maggior parte degli amministratori delle banche svizzere non sono più locali, sono stranieri, soprattutto anglosassoni, sia americani che britannici, non rispettano la nostra neutralità, non rispettano i nostri valori, sono contro la nostra democrazia diretta, basta loro usare le nostre banche come mezzi per fini illegali. Utilizzano enormi quantità di denaro creato dal nulla e distruggono la nostra società e distruggono le persone in tutto il mondo solo per avidità. Cercano il potere e distruggono interi paesi, come Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda. Una persona come Josef Ackermann, che è un cittadino svizzero, è l’uomo di punta di una banca tedesca e usa il suo potere per avidità e non rispetta la gente comune. Ha un bel paio di casi legali in Germania e ora anche negli Stati Uniti. E’ un Bilderberger e non si preoccupa della Svizzera o di qualsiasi altro paese. D: Stai dicendo che, alcune di queste persone che citi parteciperanno alla imminente riunione del Bilderberg a St. Moritz? R: Sì. D: Quindi i partecipanti sono attualmente in una posizione di potere? R: Sì. Hanno enormi quantità di denaro disponibile e lo utilizzano per distruggere interi paesi. Distruggono la nostra industria e la ricostruiscono in Cina. Dall’altra parte hanno aperto le porte a tutti i prodotti cinesi in Europa. La popolazione attiva europea guadagna sempre meno. Il vero obiettivo è quello di distruggere l’Europa.

59

59

D: Pensa che la riunione del Bilderberg a St. Moritz abbia un valore simbolico? Perché nel 2009 erano in Grecia, nel 2010 in Spagna e guardi cosa è successo loro. Può significare che la Svizzera dovrà subire qualcosa di brutto? R: Sì. La Svizzera, per loro, è uno dei paesi più importanti, perché vi sono immensi capitali. Si riuniscono in Svizzera anche perchè vogliono distruggere ciò che questa terra rappresenta. Capisca che è un ostacolo per loro, non essendo nella UE o nell’euro, non del tutto controllata da Bruxelles e così via. Per quanto riguarda i “valori” non sto parlando delle grandi banche svizzere, perchè non hanno più niente di svizzero, la maggior parte di esse sono guidate da americani. Sto parlando, invece, del vero spirito svizzero a cui la gente comune tiene. Certo che l’incontro ha e ha avuto un valore simbolico. Il loro scopo è quello di essere una specie di club elitario esclusivo che gestisce tutto il potere, mentre quelli sotto di loro, appassiscono. D: Pensa che lo scopo del Bilderberg sia quello di creare una sorta di dittatura globale, controllata dalle grandi imprese globali, dove non esisteranno più gli stati sovrani? R: Sì, la Svizzera è l’unico posto in cui vige ancora la democrazia diretta e lo stato si trova nel mirino di questi gruppi elitari (proprio perchè non è completamente asservito ad essi). Utilizzano il ricatto del “too big to fail”, come nel caso di UBS per far aumentare il debito del nostro paese, proprio come hanno fatto con molti altri paesi. Quello che si deduce è che forse si vuole fare con la Svizzera quello che è stato fatto con l’Islanda, in cui sia banche che paese erano in bancarotta. D: Anche l’UE è sotto queste influenze negative? R: Certo. L’Unione europea è sotto la morsa del Bilderberg. D: Come pensa che si potrebbe fermare questo piano? R: Beh, questa è la ragione per cui mi rivolgo a voi. La verità. La verità è l’unica strada. Fare luce sulla situazione, esporli ai riflettori. A loro non piace molto essere al centro dell’attenzione. Dobbiamo creare trasparenza nel settore bancario e in tutti i livelli della società. D: Quello che sta dicendo ora, è che c’è un lato sano del business delle banche svizzere, mentre ci sono delle “mele marce”, cioè alcune grosse banche che fanno cattivo uso del sistema finanziario, per portare a termine le loro attivitù illegali. R: Sì. Le grandi banche formano il loro personale con i valori anglo-sassoni. Li formano ad essere avidi e spietati. Avidità e spietatezza che stanno distruggendo la Svizzera e tutti gli altri paesi europei e mondiali. Come paese abbiamo, se si guardano le banche piccole e medie, la maggior correttezza finanziaria al mondo. Sono le banche grandi che operano a livello mondiale che sono fonte di problemi. Esse non sono più svizzere e non si considerano tali. D: Pensi che sia una buona cosa che la gente stia esponendo il Bilderberg e mostrando chi siano veramente i suoi componenti? R: Il caso Strauss-Kahn dimostra quanto queste persone siano corrotte, mentalmente instabili, sature di vizi, vizi che vengono tenuti nascosti dagli ordini a cui appartengono. Alcuni di loro come Strauss-Kahn stuprano le donne, altri praticano il sado maso, altri ancora si dedicano alla pedofilia, molti si appassionano al satanismo. Quando andate in alcune banche potete vedere chiaramente questi simboli satanisti, come nella Banca dei Rothschild a Zurigo. Queste persone vengono controllate tramite il ricatto data la loro debolezza mentale. Devono seguire ordini o saranno svergognati pubblicamente, distrutti o addirittura uccisi. D: Da quando Ackermann è nel comitato direttivo del Bilderberg, pensa che abbia preso delle decisioni importanti? R: Sì. Ma ce ne sono molti altri, come Lagarde, che probabilmente sarà il prossimo capo del FMI, ed è anche un membro del Bilderberg, poi Sarkozy e Obama. Hanno un nuovo piano per censurare Internet, perché Internet è ancora libero. Vogliono controllare e usare il terrorismo per creare il motivo. Potrebbero anche inventarsi qualcosa di orribile per avere la scusa. D: Quindi è questa la sua paura? A: Non è solo paura, ne sono certo. Come ho detto, hanno dato l’ordine di uccidere, sono quindi in grado di compiere azioni terribili. Se avessero la sensazione che stanno per perdere il controllo, come nelle rivolte in Grecia e in Spagna, con l’Italia che probabilmente sarà la prossima, allora faranno un altro Gladio. Ero vicino alla rete Gladio. Come sapete istigarono il terrorismo pagandolo con soldi americani per controllare il sistema politico in Italia e in altri paesi europei. Per quanto riguarda l’assassinio di Aldo Moro, il pagamento è stato fatto attraverso lo stesso sistema come ti ho detto su.

60

60

D: Ackermann faceva parte di questo sistema di pagamenti?

A: (Sorriso) … E’ lei il giornalista. Guardì come la sua carriera è arrivata rapidamente alla cima.

D: Cosa pensa si possa fare per impedirglielo?

R:

Beh ci sono molti buoni libri là fuori che spiegano il contesto e fanno chiarezza sull’argomento, come quello che ho citato

di

Perkins. Queste persone hanno veramente sicari che vengono pagati per uccidere. Alcuni di loro ricevono i soldi attraverso

le

banche svizzere. Ma non solo, hanno un sistema capillarizzato in tutto il mondo. Per evitare che esso venga scoperto sono

addestrate a fare di tutto. Quando dico di tutto intendo tutto proprio.

D: Attraverso l’informazione si potrebbero sgominare?

R: Sì, bisogna dire la verità. Siamo di fronte a criminali davvero spietati, compresi grandi criminali di guerra. Sono pronti e

in grado di uccidere milioni di persone solo per restare al potere e avere il controllo.

D: Può spiegarci dal suo punto di vista, perché i mass media in Occidente se ne stanno più o meno completamente in

silenzio per quanto riguarda il gruppo Bilderberg?

R: Perche’ esiste un accordo tra loro e i proprietari dei mezzi di comunicazione. Alle riunioni vengono invitate anche alcune

personalità di spicco del mondo dei media, ma viene detto loro di non riferire nulla di ciò che vedono o sentono.

D: Nella struttura del Bilderberg, vi è una cerchia interna che conosce i piani e poi c’è una maggioranza che segue solo

gli ordini?

R: Sì. Hai la cerchia interna dedita al satanismo ci sono poi le persone ingenue o meno informate. Alcuni addirittura pensano

di fare qualcosa di buono, nella cerchia esterna.

D: Secondo i documenti esposti e le stesse dichiarazioni, il Bilderberg ha deciso nel 1955 di creare l’Unione europea e

l’Euro, quindi hanno preso importanti decisioni.

R: Sì e deve sapere che il Bilderberg è stato fondato dal principe Bernardo, ex membro delle SS e del partito nazista lavoro

infine anche per la IG Farben, che era una sussidiaria della Cyclone B. L’altro tipo che ha fondato il gruppo era a capo della

Occidental Petroleum, che aveva stretti rapporti con i comunisti dell’Unione Sovietica. Lavorarono per entrambe le parti, in

realtà, però, queste persone sono fascisti che vogliono controllare tutto e tutti quelli che si frappongono sulla loro strada

vengono “rimossi”.

D: Come fanno a mantenere queste operazioni fuori del sistema internazionale Swift?

R: Beh, alcune delle liste Clearstream erano vere in pricipio. Inserirono solo dei nomi falsi per far credere alla gente che

l’intero elenco fosse falso. Anche loro fanno degli errori. Il primo elenco era vero e si possono estrapolare un sacco di cose.

Vedete, ci sono delle persone in giro che scoprono le irregolarità e poi trasmettono agli altri la verità. Verranno poi

ovviamente costituiti disegni di legge che ridurranno al silenzio questo genere di persone. Il miglior modo per fermarli è

quello di dire la verità, portando alla luce le loro malefatte. Se non riusciamo a fermarli diventeremo i loro schiavi.

Grandissimo Ferdinando Imposimato! Grazie! Ora vediamo se i servi sciocchi del sistema daranno del "complottista"

pure a te

mattanza degli italiani

che sia di esempio per gli alti funzionari dello stato che SANNO e TACCIONO per comodo

avallando la

senza capire che un giorno anche loro pagheranno le conseguenze del delirio del gruppetto di

banchieri massoni

- - -

Il Gruppo internazionale Bilderberg implicato nelle stragi degli anni Settanta e Ottanta in Italia operate prima dai nuclei

- -

61

61

terroristici neri e poi dalla mafia. A rivelarlo è il Presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione (mica pizza e fichi), Ferdinando Imposimato, durante la presentazione napoletana del suo nuovo libro "La repubblica delle stragi impunite". "Ormai sappiamo tutto della strategia del terrore, che fu attuata dalla struttura Gladio (Stay Behind) in supporto ai servizi segreti (non deviati) italiani" conferma Imposimato "La strategia serviva a scoraggiare l'instaurarsi di governi di sinistra ed era orchestrata dalla Cia".

Quanto affermato perciò dal Presidente Imposimato è sconvolgente, se consideriamo la levatura dalla quale si apprende questa verità, Imposimato infatti è una persona attendibilissima, ed è per questo che ci chiediamo come sia possibile allora, che pur sapendo la verità esatta e composta di come si svolsero i fatti che riguardano le stragi di stato, le persone colpevoli di tutto questo, siano "protette" da leggi ad personam, e siano libere di girare indisturbate per l'europa, senza che per loro sia un problema.

Noi italiani, pretendiamo che sia fatta giustizia, che siano resi pubblici i nomi e i cognomi dei responsabili che hanno attraverso la strategia del terrore, manipolato votazioni, convinto politici a fare cose immonde, sacrificando il popolo italiano sull'altare della grande finanza internazionale, e che quindi paghino per i loro sporchi crimini, che sia la giustizia del popolo italiano a decidere per le loro malefatte.

e il gruppo Bilderberg dietro all'omicidio di Aldo Moro HENRY KISSINGER E IL GRUPPO BILDERBERG DIETRO

HENRY KISSINGER E IL GRUPPO BILDERBERG DIETRO ALL'OMICIDIO DI ALDO MORO

«Nel 1982, John Coleman, un ex agente dell'intelligence che poteva accedere a tutti gli stadi del potere e a tutte le carte segrete, rivelò che l'ex Presidente del Consiglio italiano Aldo Moro, «un alto esponente della Democrazia Cristiana, che si opponeva alla “crescita zero” e alle politiche di riduzione della popolazione [oltre che al signoraggio (Nota di Andrea Di Lenardo)], pianificate per il suo Paese, fu ucciso da killer gestiti dalla loggia massonica P2 [di Licio Gelli, amico di Henry A. Kissinger, membro del R.I.I.A. e del Gruppo Bilderberg (Nota di Andrea Di Lenardo)], allo scopo di piegare l'Italia ai voleri del “Club di Roma” e del Bilderberg, volti a deindustrializzare il Paese e a ridurne in modo considerevole la popolazione». In La Cerchia dei Cospiratori1, Coleman afferma che le forze della globalizzazione volevano utilizzare l'Italia per destabilizzare il medio Oriente, il loro obiettivo principale. «Moro progettava di dare stabilità all'Italia attraverso la piena occupazione e la pace industriale e politica, rafforzando l'opposizione cattolica al comunismo e facendo in modo che la destabilizzazione del Medio Oriente fosse più difficile da

ottenere»2.

Coleman descrive con dovizia di particolari la sequenza di eventi che paralizzò l'Italia: il rapimento di Moro e la spietata esecuzione della sua scorta, da parte delle Brigate Rosse [collegate, almeno per quanto riguarda la figura di Franceschini, con i vertici dei Liberali al Parlamento Europeo, esattamente con un funzionario del Parlamento Europeo, amico di Gaetano Martino, di Antonio Martino (membro della P2) e del padre di Alessio Vinci, come provano le lettere originali di cui sono in possesso (Nota di Andrea Di Lenardo)], nella primavera del 1978 alla luce del giorno, e la sua successiva uccisione. Il 10

62

62

novembre 1982, in un'aula del tribunale di Roma, Corrado Guerzoni, un intimo amico della vittima, testimoniò che Aldo Moro che è stato un leader politico per decenni – «fu minacciato da un agente del “Royal Institute for International Affaire” (RIIA), mentre era ancora ministro».

Coleman racconta che, durante il processo ai membri delle Brigate Rosse, «molti di loro testimoniarono di essere venuti a conoscenza dell'implicazione di un alto funzionario degli Stati Uniti nel pieno per uccidere Moro». Tra il giugno e il luglio del 1982, «la vedova di Aldo Moro testimoniò che l'omicidio di suo marito era stato il risultato di una serie di minacce alla sua vita, mosse da qualcuno, che lei definì una figura molto importante della politica degli Stati Uniti». Quando il giudice le chiese se poteva dichiarare alla Corte cosa aveva detto precisamente questa persona, Eleonora Moro ripeté esattamente lo stesso concetto espresso da Guerzoni: «Se non cambi la tu alinea politica, la pagherai cara». In una delle pagine più emozionanti del libro, Coleman scrive: «A Guerzoni, richiamato dal giudice, venne chiesto se era in grado di identificare la persona, di cui aveva parlato la signora Moro. Guerzoni rispose che si trattava di Henry Kissinger, come aveva già detto precedentemente». Perché un importante uomo politico statunitense minaccia un leader di una nazione europea indipendente? La testimonianza sensazionale, e potenzialmente distruttiva delle relazioni tra Stati Uniti e Italia, di Guerzoni fu immediatamente diffusa da tutti i media dell'Europa occidentale, il 10 novembre 1982. curiosamente, nessun canale televisivo americano pose l'attenzione su quella notizia, anche se Kissinger venne condannato per complicità in omicidio. Ma questo silenzio non è poi tanto sorprendente, come capiremo meglio nella seconda parte del libro, quando parleremo del “Council [on (Nota di Andrea Di Lenardo)] Foreign Relations” [C.F.R. (Nota di Andrea Di Lenardo)]»3.

63

63
del Bilderberg e Mario Draghi per l’Italia del futuro Di Matteo Vitiello - buenobuonogood.wordpress.com

Di Matteo Vitiello - buenobuonogood.wordpress.com “Italia: diretta da un primo ministro non eletto, devastata da una crisi economica, una disoccupazione endemica ed un aumento dei suicidi, è entrata nella spirale della morte”.Comincia cosí questo speciale di approfondimento sulla situazione politico-economica e sociale del nostro Paese, presentata da Daniel Estulin nel suo programma “Desde la sombra” (di cui ve

ne consiglio vivamente la visione link a fondo articolo, ndr). Venticinque minuti in cui la situazione italiana è spiegata meglio di qualsiasi altro editoriale, programma, giornale o salotto televisivo nostrano, dove non si fa altro che addormentare lo spettatore, con una saga infinita di luoghi comuni e giri di parole, espressione di una volontà d’esprimersi repressa dalla censura dei contenuti e dalla continua ricerca di una forma che non infastidisca uno o l’altro politico di turno. Pura ipocrisia, paura ed omertà.

In quest’epoca in cui tornano in auge Berlusconi, le sue puttane e le sue puttanate e tutti si lamentano di Monti e di quello che

ha fatto al povero Belpaese, trovate per favore venti minuti per seguire questo programma e scoprirete, se già non lo immaginate, quale sarà il futuro della nostra cara vecchia penisola.

Ci sono tre punti fondamentali che vengono argomentati da Estulin e dall’invitato al programma, l’economista dell’Istituto

Schiller, Claudio Celani:

Mario Monti è stato eletto per sopprimere la democrazia parlamentare in Italia. Monti è una marionetta dell’oligarchia finanziaria internazionale, il cui obiettivo è creare un governo mondiale con il profilo di un’impresa finanziaria, quella che Daniel chiama“Impresa Mondiale Spa”. Il modo in cui Monti è arrivato al potere in Italia è stato il colpo di Stato, lo sappiamo bene tutti (spero, ndr), un colpo di stato silenzioso, senza alzate di voce

ndr), un colpo di stato silenzioso, senza alzate di voce all a tecnico a cui l’Italia

alla

tecnico a cui l’Italia doveva assolutamente ricorrere (senza interpellare i cittadini, ovviamenete, ma solo rassicurandoli a

colpo avvenuto, dicendo “è per il nostro bene”, ndr) per ristabilire l’equilibrio politico-economico in seno ad una crisi

economica globale. Insomma, una presa per il culo nei confronti di tutto il popolo italiano, che, senza più diritto a votare e dopo aver vissuto (forse neanche tutti consciamente, ndr) e capito com’è facile calpestare il concetto di democrazia anche in

un Paese “Grande” come l’Italia, è arrivato a sperare che il nonnetto Mario, dalla faccia di persona affabile ed affidabile,

potesse fare qualcosa di meglio di Berlusconi.

vecchia maniera ma mascherato da un concetto di necessità di un governo

Mario Monti (leggete Mario Monti, leggete Berlusconi, leggete quello che volete ma abbiate chiaro che il Primo Ministro Italiano di oggi non ha nessun potere decisionale perché è solo il semplice attuatore delle decisioni prese dai magnati della finanza mondiale, ndr) è soggetto alle decisioni di Mario Draghi, che riveste un ruolo ben più importante per l’Italia. Draghi conosce bene il concetto di Impresa Mondiale Spa e sta facendo di tutto affinchè

64

64

i

i piani dell’oligarchia finanziaria si realizzino. Mario Draghi ha definito i piani di sviluppo della transizione

piani dell’oligarchia finanziaria si realizzino. Mario Draghi ha

definito i piani di sviluppo della transizione al nuovo governo mondiale con i magnati delle grandi banche della Gran Bretagna, durante una riunione a bordo dello yacht reale inglese“Britannia”, il 2 giugno 1992: durante questa riunione si discusse su come creare un mercato finanziario in Italia mediante la privatizzazione dell’industria italiana. Nel corso del programma di Estulin si ribadisce come a Draghi non importi poi più di tanto della situazione interna italiana, perchè le priorità di una nazione sono scese in secondo piano rispetto all’evoluzione del piano strategico della creazione di un unico governo di controllo finanziario mondiale. Dal 1992, quindi, è cominciato un cammino che ci ha portati alla situazione drammatica che viviamo oggi, quando ci ritroviamo ad accettare un colpo di stato perché ci hanno detto che non è un colpo di stato, quando facciamo quello che ci dicono e quando siamo contenti se abbiamo qualche soldo in più o disperati se non ce l’abbiamo, quando pensiamo alla Germania ed agli Stati Uniti come potenze di riferimento o guardiamo la Gracia o la Spagna, per tirarci sù di morale, senza capire che l’Italia è nella stessa situazione, nelle mani degli stessi criminali in giacca e cravatta che stanno applicando politiche d’austerità criminale. Queste sono persone a cui, in fin dei conti, non gliene importa poi molto dell’Italia, “trattiamo con un’elité i cui membri non si considerano italiani, pensano di avere un’identità che nei tempi antichi si sarebbe chiamata cosmopolita, non sentono la minima identificazione con la cultura italiana, odiano il popolo italiano e preferiscono parlare in inglese piuttosto che italiano”.

e preferiscono parlare in inglese piuttosto che italiano”.  Mario Monti, Mario Draghi e tutta la

Mario Monti, Mario Draghi e tutta la compagnia dell’oligarchia finanziaria europea è ossessionata con il modello utopico pubblicato dal 1944 dal gruppo che circondava Altiero Spinelli, il fondatore del Movimento Federalista Europeo. Secondo Spinelli, come scrive nel suo Manifesto, le Nazioni-Stato provocano guerre in maniera intrinseca e per questo motivo, per mantenere la pace, bisognerebbe distruggere le Nazioni-Stato e costruire degli Stati Uniti d’Europa. Questa è l’ideologia che sta alla base delle decisioni prese oggigiorno nei piani alti dell’Unione Europea: un unico Stato Europeo con un governo oligarchico privato.

L’Italia è un Paese forte. Abbiamo un’industria di prima linea a livello mondiale (siamo anche tra i migliori produttri d’armi del mondo, settore che da sempre fa guadagnare bene, ndr) ma i capoccia della finanza internazionale vogliono che l’Italia rinunci un poco alla volta al 50% della sua produzione, in nome della globalizzazione, per agevolare la transizione al nuovo assetto geopolitico mondiale. “Questo significherebbe il completo collasso sia economico che sociale del Paese” . Estulin e Celani parlano chiaro: se l’Italia uscisse dall’euro, se solo ne avesse almeno l’intenzione, potrebbe risorgere e farsi addirittura portavoce, grazie alla sua eccellenza in ambito indutriale e manufatturiero, di una nuova ripresa e sviluppo del mercato dell’intero bacino Mediterraneo, dagli Stati del sud d’Europa al Nordafrica. Ma questo non accadrà fintantoché chi decide le sorti dell’Italia, non gliene importa poi un granché del bene dell’Italia perché è più attento a soddisfare i bisogni di un progetto finanziario mondiale globale. E se noi siamo d’accordo o no con questo progetto, non importa: zitti, lavorare, divertirsi e se vi lamentate, manganellate.

65

65

A conclusione del programma Estulin avverte che il futuro dell’Italia è nero. Siamo i figli di una nazione forte e per tanto protetta ma allo stesso tempo tradita dagli stessi governanti, interessati di pìù a quello che si ostinano a chiamare un bene maggiore ma che non è nient’altro che la realizzazione degli interessi privati di un’oligarchgia finanziaria a cui non importa un bel niente dei diritti dell’uomo e dei popoli e che stanno portando avanti, sulla nostra pelle, una politica egemonica mondiale, “per creare un governo mondiale, come un Impero, con la differenza che non avrà l’aspetto degli antichi imperi, non ci sarà una nazione dominante come per esempio nell’Impero Britannico ma ci sarà un Impero dominato e governato dagli interessi finanziari privati. L’obiettivo ultimo è controllare le risorse naturali del pianeta ed uccidere gran parte della popolazione mondiale, per poter mantenere il dominio ed il controllo di tali risorse”. Matteo Vitiello [Un grazie speciale a Daniel Estulin] [nella foto: 1) Lord Jacob Rothschild 2) Nathaniel Rothschild 3) Baron John Rothschild, 4) Sir Evelyn Rothschild 5) David Rockefeller 6) Nathan Warburg 7) Henry Kissinger 8) George Soros 9) Paul Volcker 10) Larry Summers 11) Lloyd Blankfein 12) Ben Shalom Bernanke] Guardate e riflettete almeno cinque minuti sul seguente schema:

Summers 11) Lloyd Blankfein 12) Ben Shalom Bernanke] Guardate e riflettete almeno cinque minuti sul seguente

66

66

MONTI E I PIZZINI SUL BILDERBERG 2012

QUESTO ARTICOLO SCRITTO IN DATA 7 giugno 2012 OGGI 24/04/13 ASSUME UNA NUOVA LUCE DOPO CHE LETTA E’ DIVENTATO IL NUOVO PREMIER……

ERA STATO TUTTO GIA’ DECISO IN QUELL’INCONTRO??

UNA GRANDE FARSA PER ACCONTENTARE I CITTADINI….IL PREMIER ERA STATO GIA’ DECISO DAL BILDERBERG……

LE

VOTAZIONI SONO STATA SOLO

Pubblicato il 7 giugno 2012

13

Tutto come da regolamento, o quasi: Chi sta a capo di un governo, non può essere invitato alla riunione del Bilderberg. Neanche se ti chiami Mario Monti, uno dei Membri Permanenti del Gruppo, uno dei più influenti là dentro. Ergo, niente Bilberberg 2012 per il premier. Da qui la trovata di farsi sostituire da un fidato, uno che potesse portare il verbo montiamo dentro la Riunione e le sacre sentenze fuori dalla Riunione: Il nostro capo di governo non c’è la fa proprio a non intrallazzare con i potenti del Mondo, non riesce proprio a starne fuori…E ciò lascia solo presagire l’importanza delle decisioni prese là dentro. Il fidato talpone da imbucare nel Bilderberg é Enrico Letta, l’enfant prodige della politica italiana, deputato del PD e nipote di quell’altro Enrico Letta, il berlusconiano. I due hanno comunicato per tutta la durata del Meeting con dei pizzini. In pieno stile mafioso, cercando il modo più discreto possibile per comunicare nell’era delle intercettazioni telematiche, si sono affidati alla scuola Riina e Provenzano, comunicando con dei pezzi di carta scritti a mano, fatti poi recapitare al diretto interessato, in questo caso fin dentro il Parlamento, da persone fidate, in piena segretezza. Come si sa tutto questo? Semplicemente perché abbiamo il primo pizzino che Letta ha fatto recapitare a Monti: Eh si, il premier, in udienza in Parlamento, si é fatto fotografare con il pizzino in mano, sciaguratamente rivolto verso l’obiettivo di una macchina fotografica. « Mario, quando vuoi, dimmi forme e modi con cui posso esserti utile dall’esterno. Sia ufficialmente (Bersani mi chiede per es. di interagire sulla questione dei vice) sia riservatamente. Per ora mi sembra tutto un miracolo! E allora i miracoli esistono ! »

67

67
Purtroppo il Post Sciptum a fondo pagina é coperto dalla dita di Monti che lo

Purtroppo il Post Sciptum a fondo pagina é coperto dalla dita di Monti che lo hanno saldamente afferrato. Quindi il talpone Letta é dentro, eccitato come un bambino in un negozio di caramelle, invoca al miracolo:

Trovarsi a decidere le sorti dell’economia mondiale, anche se per conto terzi, deve essere stata la sua massima aspirazione. Subito si mette a disposizione, vuol sapere da Monti in che forme e modi può mettersi al suo servizio. S’intuisce che chiede addirittura consigli a Bersani, un’altro che predica democrazia e uguaglianza, ma che in realtà é completamente connivente ai poteri dei padroni del Mondo, vile schiavo del potere e traditore della fiducia degli Italiani. Insieme a Monti che monitora a distanza e allo spifferatore Letta, gli altri italiani presenti alla riunione, che si é tenuta a Chantilly, nello stato della Virginia, negli Stati uniti d’America tra il 31 maggio e il 3 giugno 2012, sono:

Franco Bernabé: Direttore Generale di Telecom Italia e di La7

Fulvio Conti: Direttore Generale dell’ENEL s.p.a.

John Elkan: Direttore Generale del Gruppo FIAT

E misteriosamente la nota giornalista di LA7 Lili Gruber

68

68
F a effetto vedere tra gli uomini più potenti e ricchi d’Italia, a capo delle

Fa effetto vedere tra gli uomini più potenti e ricchi d’Italia, a capo delle più importanti aziende nostrane, proprio quella Gruber che solo qualche mese fa aveva pubblicamente dato del massone a Monti, in diretta su LA7. Chissà che strigliate avrà preso da Bernabé, il suo capo, proprietario dell’emittente televisiva per cui lavora e assiduo membro del Bilberberg dell’amico Monti…poi però, li vedi lì, a braccetto che vanno insieme al Bilberberg, quasi come se si volesse tenere buona la giornalista, allettandola, facendole respirare l’aria delle stanze in cui aleggia il potere. Chissà adesso se la Gruber si permetterà mai più di dare del massone a qualcun’altro, ora che é stato con loro.

69

69

2005: Il programma segreto del gruppo Bilderberg

World Mirror | 8 maggio 2005 - Tutto esaurito dal 5 all'8 maggio 2005: lussuoso hotel vicino ad un lago, come piace al gruppo Bilderberg, 60 km ad est di Monaco di Baviera. Il luogo ideale per loro dal momento che le strade di accesso sono facilmente bloccate. Alla vigilia di una trionfante visita del presidente Bush sul suolo del vecchio continente, preceduta dal viaggio di Condoleeza Rice, tutti i segnali mostrano che i leader europei stanno semplicemente fingendo di 'opporsi' agli Stati Uniti. A Nice (nel sud della Francia), il segretario alla difesa Rumsfeld è riuscito a convincere gli europei ad addestrare e finanziare centinaia di nuovi poliziotti iracheni. La NATO sta ora dislocando le truppe in Afghanistan e sta aiutando le forze armate americane a ricostruire questo paese. L'Arabia Saudita ha visto svolgersi le sue prime elezioni amministrative dopo il grande successo delle elezioni irachene. L'Ucraina stava organizzando le proprie elezioni alla fine dello scorso anno con l'aiuto sovversivo da parte di alcune organizzazioni americane appoggiate dalla CIA. Un personaggio, il cui nome è Jack Wheeler, conosciuto come il "miglior uomo informato degli Stati Uniti" ed ex consigliere di Ronald Reagan, (si veda il sito http://worldnetdaily.com per capire di chi sto parlando), è seriamente convinto che G.W. Bush debba ricevere il Premio Nobel per la Pace per il suo ruolo eccellente nell'istituzione della democrazia in questi paesi. Anno 2005: "Il mondo nuovo" di Bilderberg Nel frattempo, Bush fa riferimento al coraggio e alle opere di Natan Sharansky, ex dissidente russo. Tuttavia, alcuni israeliani hanno dimostrato che questo eroe della Guerra Fredda era, in realtà, un informatore del KGB. Perciò, in questa situazione minacciosa dove le persone sembrano non distinguere più tra verità e menzogna, possiamo certamente temere che questi leader scelgano di imboccare la direzione peggiore.

UNA RAPIDA OCCHIATA AL POTERE DELLA DEMOCRAZIA Quando il governo degli Stati Uniti parla di 'democrazia', la prima cosa da prendere in considerazione è vedere che tipo di democrazia vuole istituire. Dalla sua bocca, il termine suona come una democrazia di individui reali (non è mia intenzione scrivere democrazia 'popolare' che, come ognuno sa, è un'altra cosa). In effetti, se prendiamo rapidamente in esame le persone che il governo degli Stati Uniti sta seguendo ed aiutando, ci accorgiamo che queste stesse persone sono attratte dal modello europeo o vogliono sottrarsi ad un'influenza esterna. Questo atteggiamento è piuttosto evidente nel caso dell'Ucraina, dove Yutschenko (sposato con una donna americana) è politicamente legato a Yulia Timochenko, una miliardaria ucraina, il cui passato è legato al mondo degli affari nei settori petrolifero e del gas della Russia. Abbiamo il petrolio ed abbiamo la democrazia ora. Ma si può davvero definire democrazia una situazione in cui le persone nelle strade hanno qualcosa da dire? Apparentemente sì dalla "rivoluzione arancione" ucraina, ma non dovremmo dimenticare il fiume di denaro che traboccava dalle tasche delle fondazioni di Soros così come dalle fondazioni americane (la Freedom House gestita dall'ex direttore della CIA Woosley, il National Endowment for Democracy, conosciuto come intermediario della CIA dalla sua implicazione nel colpo di stato del Venezuela). Fino ad ora, la struttura del potere e della democrazia ucraina si fonda su alcuni plutocrati che assomigliano ad una gang mafiosa. La differenza con quest'ultima è che queste persone sono ora mafiosi dall'aspetto occidentale. La rivoluzione georgiana finanziata dalle organizzazioni di Soros è in difficoltà. La Georgia si trova a sud del Mar Caspio e Putin, dall'altra parte, non sta mostrando alcun segno di voler abbandare la Cecenia (si vedano le sue dichiarazioni ad Auschwitz contro il terrorismo a imitazione degli Stati Uniti). Il primo ministro della Georgia è morto recentemente di avvelenamento da biossido di carbonio mentre dormiva ed era il braccio destro del presidente di questo paese. I russi non intendono abbandonare la loro base militare in Georgia così come in Sebastopol, nella Crimea ucraina, dove è