Sie sind auf Seite 1von 20

Capitolo 1

1.3 tipi di materiali


I materiali di interesse tecnologico sono divisi in tre classi principali: materiali metallici,
materiali ceramici e materiali polimerici.
1.3.1 materiali metallici
I materiali metallici sono sostanze organiche composte da uno o pi elementi metallici e
possono contenere anche alcuni elementi non metallici (carbonio, azoto, ossigeno). I metalli
hanno una struttura cristallina nella quale gli atomi sono disposti in modo ordinato
I metalli sono buoni conduttori termici ed elettrici.
Hanno buona resistenza meccanica e duttilit a temperatura ambiente e molti mantengono
buona resistenza meccanica ad alta temperatura.
I metalli e le leghe vengono suddivisi in 2 classi:
1) Metalli e leghe ferrose (contengono una grande percentuale di ferro come gli acciai e
le ghise).
2) Metalli e leghe non ferrose (non contengono ferro oppure ne contengono solo una
piccola quantit es alluminio, rame, zinco, titanio e nichel).
1.3.2 materiali polimerici
I materiali polimerici sono costituiti da lunghe catene molecolari o reti che sono generalmente
costituite a partire da composti organici (contenenti carbonio). Strutturalmente, la maggior
parte non sono cristallini.
La resistenza meccanica e la duttilit dei materiali polimerici molto variabile.
Sono buoni isolanti.
Si stanno sviluppando leghe di materiali polimerici per adattarsi a specifiche applicazioni per
le quali nessun materiale polimerico adeguato.
1.3.3 materiali ceramici
I materiali ceramici sono materiali inorganici costituiti da elementi metallici e non metallici
legati chimicamente tra loro.
Possono essere cristallini, non cristallini, o parzialmente cristallini e parzialmente non
cristallini.
Vantaggi: hanno alta durezza ed elevata resistenza meccanica ad alte temperature, basso
peso specifico, buona resistenza termica e allusura, ridotto coefficiente di attrito e sono
buoni isolanti termici (per questo vengono usati come rivestimento di forni per produzione di
acciaio)
Svantaggi:
Tendono ad essere fragili (piccola o nessuna deformazione prima della rottura)

1.3.4 materiali compositi


Un materiale composito pu essere definito come due o pi materiali integrati fra loro per
formare un nuovo materiale.
I costituenti mantengono invariate le proprie propriet e il composito avr propriet diverse
dalle singole propriet dei componenti
I materiali compositi sono formati da un riempitivo di rinforzo e di una matrice polimerica
con esso compatibile, legati tra loro in modo da ottenere caratteristiche particolari e
propriet utili per lapplicazione richiesta.
I compositi non si sciolgono luno nellaltro quindi i componenti possono essere individuati
fisicamente.
I compositi pi diffusi sono quelli di tipo fibroso (fibre annegate in una matrice) o di tipo
particolato (particelle annegate in una matrice).
Per la produzione di materiali compositi possono essere utilizzate molte combinazioni di
rinforzi e matrici es. (per la matrice si pu utilizzare un metallo come lalluminio, un ceramico
come lallumina oppure un materiale polimerico come la resina epossidica) a seconda del tipo di
matrice utilizzata, il materiale composito pu essere catalogato come:
1) Composito a matrice metallica (MMC)
2) Composito a matrice ceramica (CMC)
3) Composito a matrice polimerica (PMC)
I materiali compositi hanno unelevata resistenza meccanica e un peso specifico ridotto, per
questo si tende a utilizzarli per gli impieghi dove la riduzione del peso importante.
Il difetto principale come per i materiali ceramici lalta fragilit e la bassa tenacit a
frattura.
Due importanti materiali compositi molto utilizzati sono:
1) Fibre di vetro in una matrice di resina poliestere o epossidica.
2) Fibre di carbonio in una matrice di resina epossidica.

Capitolo 3 (struttura cristallina e amorfa dei materiali)


La struttura fisica dei materiali solidi di interesse tecnologico dipende principalmente dalla
disposizione degli atomi, ioni o molecole che compongono il solido e dalle forze che li legano
fra loro.
Gli atomi dei vari materiali seguono 2 diverse leggi di disposizione a seconda della natura del
materiale:

Solidi cristallini: Atomi o ioni di un solido sono presenti secondo una


disposizione ripetitiva nelle tre dimensioni dello spazio, essi formano un solido
che ha unordine a lungo raggio (LRO) (metalli, leghe e alcuni materiali ceramici)

Materiali amorfi (senza forma): atomi e ioni costitutivi non disposti in maniera
ripetitiva, periodica e a lungo raggio, possiedono solo unordine a corto raggio
es:(acqua liquida, possiede unordine a corto raggio allinterno delle molecole ma
le molecole a loro volta sono legate da legami piu deboli in modo casuale.

3.2 3.3 PAG 50

3.10 Allotropia
Molti elementi e composti a differenti condizioni di temperatura e pressione esistono in pi di
una forma cristallina; questo fenomeno chiamato allotropia. Esempi materiali che subiscono
trasformazioni allotropiche sono mostrati in tabella 3.5 pag. 71.
Un esempio importante il ferro: fino alla temperatura di 912 C si presenta come ferro con
struttura CCC, da 912 C a 1394 C come ferro e da 1394 C a 1539 C (temperatura alla
quale liquefa) come ferro con struttura CCC come per il ferro , il ferro a differenza del
ferro ha una costante reticolare maggiore.

Capitolo 4 Solidificazione e imperfezioni cristalline

4.1 Solidificazione dei metalli:

La solidificazione dei metalli e delle leghe un importante processo industriale, poich la


maggior parte dei metalli vengono prodotti partendo dal metallo fuso e facendolo solidificare
come semilavorati o direttamente come prodotti finiti.
In generale il processo di solidificazione di un metallo o di una lega pu essere diviso nei
seguenti stadi:

Formazione di nuclei stabili di solidificazione (nucleazione)


Crescita dei nuclei a formare cristalli, e formazione di una struttura a grani.

4.1.1 Formazione di nuclei stabili nei metalli liquidi

I due meccanismi principali mediante i quali avviene la nucleazione di particelle solide nel
metallo liquido sono: la nucleazione omogenea e la nucleazione eterogenea.
-Nucleazione Omogenea:

La nucleazione omogenea avviene in un metallo fuso quando il metallo stesso fa s che gli atomi
formino nuclei. Quando un metallo puro liquido raffreddato in modo adeguato al di sotto
della sua temperatura di solidificazione di equilibrio, si creano numerosi nuclei omogenei a
seguito del fatto che alcuni atomi soggetti a lento movimento si legano tra loro. La nucleazione
omogenea di solito richiede un notevole sottoraffreddamento rispetto alla temperatura di
solidificazione di equilibrio, che pu essere per alcuni metalli anche di 100 C sotto alla
temperatura di equilibrio. Perch un nucleo sia stabile cosi che possa crescere a formare un
cristallo, esso deve raggiungere una dimensione critica
Un gruppo di atomi legati di dimensione inferiore alla dimensione critica detto embrione, un
gruppo di atomi legati di dimensione maggiore alla critica detto Nucleo. A seguito della loro
instabilit gli embrioni sono continuamente formati e risciolti nel metallo fuso.
-Nucleazione eterogenea
La nucleazione eterogenea avviene sulle pareti che contengono il liquido, su impurezze
insolubili, o altri materiali strutturali che abbassano lenergia libera critica richiesta per
formare un nucleo stabile.
Dal momento che durante i processi di solidificazione
industriale non si raggiungono elevati gradi di sottoraffreddamento (in genere tra 0.1 e 10 C),
si deduce che in questi casi la nucleazione eterogenea. La nucleazione eterogenea quindi,
richiede un grado molto minore di sottoraffreddamento per formare un nucleo stabile.

4.1.2 Crescita di cristalli e formazione di una struttura a grani


Dopo che sono stati formati nuclei stabili in un metallo che solidifica, questi nuclei si
accrescono formando cristalli. In ogni cristallo che solidifica gli atomi sono disposti in modo
essenzialmente regolare, ma varia lorientazione di ogni cristallo. Quando la solidificazione del
metallo completata, i cristalli (o grani) si uniscono tra loro pur se con diverse orientazioni,
formando legami fra i grani limitati a un certo numero di atomi.
Il numero di siti di nucleazione che si creano in un metallo che solidifica influisce sulla
struttura dei grani del metallo solido:
-Pochi siti di nucleazione: struttura grossolana (a grani grossi)
-Molti siti di nucleazione: struttura a grani fini (quasi tutti i metalli e leghe di interesse
tecnologico vengono fatti solidificare in modo da ottenere grani fini, perch la struttura a
grani fini ha migliori propriet di resistenza meccanica e di uniformit nei prodotti finiti.
Quando un metallo relativamente puro fatto solidificare in una lingottiera non agitata e
senza lutilizzo di affinatori di grano, si ottengono di solito due principali tipi di struttura dei
grani:
-Grani equiassici: si formano quando la nucleazione e laccrescimento avviene in modo tale
che i grani possano crescere in modo uguale in tutte le direzioni (di solito a contatto con le
pareti raffreddate della lingottiera per il maggiore sottoraffreddamento e quindi per la
maggiore presenza di nuclei che si ha in queste zone.
-Grani colonnari: si formano quando il metallo si raffredda relativamente piano in presenza di
un forte gradiente di temperatura, sono grani allungati e irregolari, si sviluppano non a
contatto e perpendicolarmente ai bordi della lingottiera per il forte gradiente di temperatura
che si ha in quella direzione.

4.1.3 Struttura dei grani nei getti industriali


Nella produzione industriale, i metalli e le leghe sono ottenuti realizzando la solidificazione in
varie forme:
Se il metallo deve essere deformato dopo la solidificazione, si producono grossi getti di forma
semplice,
che poi vengono trasformati negli opportuni semilavorati.
Il
metallo
In molte
altre applicazioni invece il metallo viene fatto solidificare
solidificato
direttamente nella sua forma finale, come avviene ad
contenente
molti
esempio
per i pistoni delle automobili.
cristalli detto
Per
quanto riguarda lindustria dellacciaio, circa il 60%
policristallinico
dellacciaio viene ottenuto mediante la colata in lingottiera,
Le superfici tra i
mentre
circa il 40% per colata continua (vedi figure pag 90).
grani: bordi di

Per ottenere getti con dimensione fine dei grani, vengono spesso aggiunti al metallo liquido,
prima di colarlo degli affinatori di grano, in modo da avere durante la solidificazione dei nuclei
eterogenei finemente dispersi. (nelle leghe di alluminio si aggiungono piccole quantit di
titanio, boro, o zirconio)
Un lingotto solidificato in assenza di affinatori di grano ha struttura a grandi grani colonnari,
mentre in presenza di affinatori si creano grani fini equiassici.

4.3 Soluzioni solide metalliche


La maggior parte dei metalli di interesse tecnologico sono combinati con altri metalli o non
metalli per ottenere: maggiore resistenza meccanica, pi alta resistenza alla corrosione o
altre propriet desiderate.
Una lega una miscela di due o pi metalli o di metalli o non metalli. Le leghe possono essere
semplici, come lottone giallo formato da 70%Cu e 30%Zn, o essere estremamente complesse,
formate anche da 10 elementi.
Il tipo pi semplice di lega la soluzione solida; la soluzione solida un solido che consiste di
due o pi elementi atomicamente dispersi in una struttura monofase. In generale esistono 2
tipi di soluzioni solide:
1. Sostituzionali
2. Interstiziali.

4.3.1 Soluzioni solide sostituzionali


Nelle soluzioni solide interstiziali formate da due elementi, gli atomi di soluto possono
sostituire nel reticolo cristallino atomi del solvente. La struttura cristallina del solvente non
varia, ma il reticolo pu essere distorto dalla presenza di atomi di soluto, in particolare se c
una significativa differenza di diametri atomici tra gli atomi del solvente e quelli del soluto (il
reticolo atomico pu sostenere solo una quantit limitata di contrazione o espansione, oltre il
15% di differenza tra raggio atomico soluto/solvente solubilit diminuisce) . La frazione di
atomi di un elemento che pu disciogliersi in un altro pu variare da una frazione di una
percentuale atomica al 100% a seconda della situazione.
Le situazioni che favoriscono unampia solubilit allo stato solido di un elemento in un altro allo
stato solido (regole di Hume-Rotery) sono le seguenti:
1. I diametri atomici degli atomi degli elementi non devono differire di pi del 15%;
2. Le strutture cristalline degli elementi devono essere le stesse;
3. Non dovrebbero esserci differenze apprezzabili nelle elettronegativit dei due
elementi in modo che non si formino composti.
4. I due elementi dovrebbero avere la stessa valenza.

4.3.2 Soluzioni solide interstiziali


Nelle soluzioni solide interstiziali gli atomi di soluto si collocano negli spazi tra gli atomi di
solvente. Le soluzioni solide interstiziali possono formarsi quando un atomo pi grande di un
altro; esempi di atomi che possono formare soluzioni solide interstiziali per le loro piccole
dimensioni sono idrogeno, carbonio, azoto e ossigeno.
Un esempio importante di soluzione solida interstiziale quella formata dal carbonio nel ferro
di tipo CFC, che stabile tra 912 e 1394 C; il raggio atomico del ferro 0.129 nm e quello
del carbonio 0.075 nm, con una differenza di raggio atomico del 42%, per questa differenza
nel ferro si pu dissolvere interstizialmente fino al 2.08% di carbonio a 1148C.
Non si pu sciogliere pi del 2.08% di carbonio nel ferro perch il raggio vuoto pi grande
nella sua struttura cristallina di 0.053nm mentre il raggio atomico del carbonio 0.075nm
Il raggio del maggiore vuoto interstiziale del ferro CCC 0.036 nm nel quale si pu
sciogliere massimo lo 0.025% di carbonio.

4.4 Difetti cristallini


Nella realt i cristalli non sono mai perfetti; contengono vari tipi di imperfezioni e di difetti
che influenzano alcune loro propriet fisiche e meccaniche, che a loro volta influenzano alcune
propriet tecnologiche come la deformabilit a freddo delle leghe, la conduttivit elettronica
dei semiconduttori, la velocit di diffusione degli atomi nelle leghe e la corrosione dei metalli.
I difetti del reticolo cristallino sono classificati secondo la loro geometria in:
1. Difetti a zero-dimensione o difetti di punto
2. Difetti a una-dimensione o difetti di linea
3. Difetti a due-dimensioni o difetti di superficie

4.4.1 Difetti di punto


Vacanza: quando un atomo del reticolo cristallino mancante; possono essere prodotte:

Durante la solidificazione come risultato di disturbi locali durante la crescita dei


cristalli, o da un riordinamento degli atomi in un cristallo gi formato a causa della
mobilit atomica.
Nei metalli possono essere introdotte vacanze addizionali tramite deformazioni
plastiche, raffreddamento rapido per intrappolare vacanze e dal bombardamento con
particelle energetiche.

Nei metalli la concentrazione di equilibrio delle vacanze raramente supera quella di 1 ogni
10000 atomi
Le vacanze di non equilibrio tendono a formare addensamenti, formati da due o tre vacanze.
Le vacanze possono muoversi scambiandosi di posizione con atomi a loro vicini favorendo, in
particolare ad elevate temperature, la diffusione degli atomi nello stato solido.
Autointerstiziale: quando un atomo in un cristallo occupa una posizione interstiziale tra atomi
che lo circondano, questi difetti di solito non si generano naturalmente, a causa dellelevata
distorsione con essi connessa, ma possono essere introdotti in una struttura a seguito di una
radiazione.
Difetti nei cristalli ionici:
Per la necessit di mantenere la neutralit elettrica quando 2 ioni di carica opposta si
allontanano da un cristallo ionico, si crea una bivacanza catione-anione chiamata difetto di
Schottky. Se un catione positivo si muove in un sito interstiziale in un cristallo ionico, si crea
anche la vacanza di un catione nel normale sito dello ione, questo doppio difetto viene
chiamato difetto di Frenkel. La presenza di questi difetti nei cristalli ionici favorisce la
loro conduttivit elettrica.

Vedere libro pag. 98 4.4.2 difetti di linea 4.4.3 difetti planari 4.4.4 difetti di volume.

5.2.1 Diffusione nei solidi in generale


La diffusione il meccanismo con cui la materia trasportata attraverso la materia. Gli atomi
nei gas, nei liquidi e nei solidi sono in costante movimento e possono migrare, pur se con tempi
diversi.
Il movimento degli atomi nei gas relativamente rapito, si pu notare dalla rapida diffusione
degli odori.
Il movimento degli atomi nei liquidi pi lento rispetto a quello nei gas, come evidenziato dal
movimento di tinture colorate nellacqua limpida
Il movimento degli atomi nei solidi ancora pi lento, a causa dei legami che tendono a
mantenerli nelle posizioni di equilibrio.
La diffusione di atomi nei metalli e nelle leghe di particolare importanza poich la maggior parte delle
reazioni allo stato solido coinvolgono movimenti atomici ad esempio: precipitazione di una seconda fase
dalla soluzione solida, nucleazione e crescita di nuovi grani nella ricristallizzazione di un metallo
deformato a freddo

5.3 APPLICAZIONI INDUSTRIALI NEI PROCESSI DI DIFFUSIONE


Molti processi di diffusione industriale utilizzano la diffusione allo stato solido:

5.3.1 Cementazione gassosa


Molti componenti in acciaio che operano in condizioni di rotazione o scorrimento, come
ingranaggi o alberi di motori, devono avere uno strato superficiale indurito resistente allusura
e allo stesso tempo un cuore interno tenace resistente alle sollecitazioni statiche e dinamiche
cui sono soggetti.
Nella realizzazione di un componente in acciaio cementato, il pezzo viene prima lavorato alle
macchine utensili quando non ancora indurito superficialmente, e quindi, dopo la lavorazione,
lo strato esterno viene indurito attraverso processi di indurimento superficiale come la
cementazioni, che pu essere: solida, liquida o gassosa.
Gli acciai da cementazione sono acciai a basso tenore di carbonio, in cui C va dallo 0.10 allo
0.25%
Nel caso della cementazione gassosa, le parti di acciaio sono poste in un forno a contatto con
unatmosfera contenente metano o altri idrocarburi gassosi a 927C. il carbonio dallatmosfera
diffonde attraverso la superficie degli ingranaggi, dopo successivi adeguati trattamenti
termici, gli ingranaggi acquisiranno elevata durezza superficiale, dovuta allalto tenore di
carbonio.
Il tenore di carbonio in relazione alla distanza dalla superficie dipende dal tempo dalla durata
della cementazione.

Capitolo 6 (sforzi e deformazioni nei metalli)


6.2 Deformazione elastica e plastica
Quando un elemento metallico sottoposto ad una forza di trazione, subisce una
deformazione, questa deformazione pu essere di 2 tipi:

Elastica: quando dopo aver tolto la forza il metallo torna alle sue dimensioni originali, il

metallo tollera solo piccole deformazioni elastiche poich gli atomi del metallo vengono
allontanati dalla loro posizione originale ma non tanto da poter occupare nuove posizioni
reticolari; pertanto una volta tolta la forza gli atomi tornano nella loro posizione
originale.
Plastica: Quando il metallo viene deformato tanto da non poter recuperare
completamente le sue dimensioni originali. Durante la deformazione plastica gli atomi
del metallo vengono spostati permanentemente dalla loro posizione originale per
assumere nuove posizioni reticolari.

Lattitudine di alcuni metalli a essere deformati plasticamente senza rompersi una


importante propriet tecnologica dei metalli. Ad esempio la grande deformabilit plastica
dellacciaio consente lo stampaggio di componenti delle automobili (cofani portiere) senza che
il metallo si rompa.

6.2.2 Sforzo nominale e deformazione nominale

Sforzo nominale:

Consideriamo una barra cilindrica di lunghezza l0 e sezione A0 sottoposta a una forza di


trazione lungo il suo asse:

Sforzo nominale =

F (forzamedia lungo l' asse)


A 0(sezione iniziale )

Lunit di misura di il Pascal: 1Pa = 1 N/m2 siccome gli sforzi agenti sui materiali metallici
sono elevati si usa il MegaPascal: 1MPa = 106 Pa = 1 N/mm2

Deformazione nominale:

La deformazione nominale il rapporto tra la variazione di lunghezza della barra di prova


causata dalla forza di trazione e la sua lunghezza iniziale:

Deformazione nominale = l-l0/ l0 = l (variazione di lunghezza del provino)/l0 (lunghezza


iniziale)

Nella maggior parte dei casi la deformazione nominale determinata da una piccola porzione
della lunghezza del provino, che pu essere circa 5 cm, oppure pari a 5 volte il diametro.
La deformazione adimensionale e spesso si converte in deformazione percentuale o
allungamento percentuale.

6.2.3 Modulo di Poisson


Una deformazione elastica longitudinale in un metallo accompagnata da una variazione delle
misure laterali.
Uno sforzo di trazione longitudinale (z) genera una deformazione assiale (z) e delle
contrazioni laterali
(x) e (y) Se il materiale isotropo le contrazioni lungo x e lungo y
sono uguali.

Il modulo di Poisson per materiali ideali dovrebbe essere


compreso tra 0.25 e 0.4.

=0.5, invece per i materiali reali

6.2.4 Sforzo di taglio e deformazione di taglio


Un metallo pu essere deformato tramite lazione di uno sforzo di taglio. Lazione di una
semplice coppia di forze (le forze di taglio agiscono in coppia) su un corpo cubico mostrata in
figura.

6.3 Prova di trazione e diagramma sforzo-deformazione


La prova di trazione consente di valutare la resistenza meccanica dei metalli e delle leghe.
La prova consiste nel tirare un campione di metallo fino a rottura in un tempo relativamente
breve e a velocit costante di deformazione.
La forza che agisce sul provino viene misurata tramite una cella di carico, la deformazione
invece tramite un estensimetro attaccato al provino. I dati registrati sono registrati da un
software di controllo tramite computer.
Di solito si usano i seguenti Provini:

6.3.1 Propriet meccaniche ottenute dalla prova di trazione


Le propriet meccaniche dei metalli e delle leghe, importanti per la progettazione strutturale
che si possono ricavare tramite la prova di trazione sono:

1.
2.
3.
4.
5.

Il modulo di elasticit;
Il carico di snervamento a una deformazione dello 0.2%;
Il carico di rottura;
Lallungamento percentuale a rottura;
La strizione percentuale a rottura.

Modulo di elasticit:

Nella prima parte della prova di trazione il provino viene deformato elasticamente (per i
metalli la massima deformazione elastica di solito minore dello 0.5%). In generale i metalli e
le leghe mostrano una relazione lineare tra lo sforzo e la deformazione nella zona a
comportamento elastico del diagramma sforzo-deformazione, del tipo:
(sforzo) = E (deformazione)
oppure
LEGGE DI HOOKE : E= (sforzo) / (deformazione)

si misura in Pa o piu spesso in GPa

Nella regione elastica il modulo di Young non cambia aumentando la sollecitazione.

Carico di snervamento:

Il carico di snervamento una grandezza molto importante per la progettazione strutturale,


poich rappresenta la sollecitazione al di sopra della quale nel metallo o nella lega si
manifestano significative deformazioni plastiche.
Dato che in genere nel diagramma sforzo-deformazione non si ha un ben definito punto in cui
finisce la deformazione elastica e inizia quella plastica, il carico di snervamento si definisce
come la sollecitazione in corrispondenza alla quale si ha una prefissata deformazione plastica
permanente residua (presente sul provino dopo averlo scaricato), in genere pari allo 0.2%.

Carico di rottura

Il carico di rottura il massimo valore di resistenza raggiunto nel diagramma sforzodeformazione. Superato tale carico si manifesta sul provino un restringimento localizzato
della sezione (strizione), di conseguenza lo sforzo nominale diminuir allaumentare della
deformazione fino al sopraggiungere della rottura, in quanto esso viene calcolato in
riferimento alla sezione iniziale del provino e non a quella effettiva. Il carico di rottura di un
metallo viene determinato tracciando una linea orizzontale dal valore massimo sulla curva
sforzo-deformazione fino allasse degli sforzi.

Allungamento percentuale

Lallungamento che un provino subisce durante la prova di trazione fornisce un valore della
duttilit del metallo. In generale pi elevata la duttilit e pi elevato il valore di
allungamento percentuale. Durante la prova si utilizza un estensimetro per monitorare la
deformazione del provino. Tuttavia lallungamento percentuale del provino dopo la rottura pu
essere misurato ricongiungendo le due met del provino e misurando la lunghezza finale con un
calibro. Il valore dellallungamento percentuale si calcola cos:

Lallungamento percentuale a rottura oltre a darci informazioni sulla duttilit del materiale
anche un valido indice della qualit del metallo, infatti, se nel metallo sono presenti porosit o
inclusioni o se il metallo danneggiato da surriscaldamento, lallungamento percentuale del
provino diminuisce rispetto alloriginale.

Strizione percentuale

La duttilit del materiale metallico pu essere espressa sia come allungamento percentuale sia
in termini di riduzione percentuale della sezione (strizione)
Conoscendo il diametro iniziale del provino e quello di rottura la strizione percentuale si
calcola con la seguente equazione:

Anche la strizione percentuale come lallungamento indice di qualit oltre che di duttilit
6.3.2 diagramma pagina 155

6.3.3 Sforzo reale e deformazione reale


Lo sforzo nominale viene calcolato rispetto alla sezione iniziale del provino, poich durante la
prova di trazione la sezione cambia, lo sforzo nominale calcolato non quello reale.
In particolare dopo che si verificata la strizione lo sforzo nominale diminuisce allaumentare
della deformazione, determinando un massimo nel valore dello sforzo nominale.

In realt, una volta che iniziata la strizione, lo sforzo reale nella prova di trazione pi alto
di quello nominale e dato dalla seguente equazione:

I progetti strutturali non sono basati sullo sforzo di rottura poich non appena viene superato
il carico di snervamento il materiale inizia a deformarsi. I progettisti usano invece il carico di
snervamento allo 0.2%, corretto con opportuni coefficienti di sicurezza.

6.4 durezza e prove di durezza


La durezza una misura della resistenza di un metallo alla deformazione plastica permanente.
Viene misurata comprimendo un penetratore sulla superficie del metallo in esame. Il
penetratore pu essere:
-

Una sfera
Una piramide
Un cono

costituito da un materiale molto pi duro di quello in esame: acciaio temprato, carburo di


tungsteno o il diamante.
La prova si esegue applicando lentamente una forza nota, che comprime il penetratore in
direzione perpendicolare alla superficie del metallo in prova. Dopo aver realizzato limpronta il
penetratore viene tolto dalla superficie, quindi si calcola o si legge direttamente sulla
macchina il valore empirico di durezza, che si basa sullarea dellimpronta o sulla sua
profondit. (i tipi di prova sono indicati nella tabella sottostante)

6.5 Deformazione plastica dei metalli monocristallini


6.5.1 Bande di scorrimento e linee di scorrimento
Consideriamo la deformazione plastica di una barra cilindrica costituita da un monocristallo di
zinco, ottenuta sollecitando la barra oltre il suo limite elastico. Dopo la deformazione,
esaminando la superficie del metallo si notano delle deformazioni a gradino (chiamate bande
di scorrimento; dovute a sforzi di taglio); le bande di scorrimento sono causate dalla
deformazione dovuta a sforzi di taglio e si generano lungo specifici piani cristallografici detti
piani di scorrimento.

10000 diametri atomici

50/500 diametri atomici

6.5.2 Deformazione plastica nei cristalli dei metalli per meccanismi di


scorrimento
Se i metalli rispettassero il modello atomico a lato
avrebbero una resistenza circa da 1000 a 10000
volte pi grande rispetto alla resistenza allo
scorrimento realmente osservata, i metalli infatti,
hanno unelevata densit di difetti, chiamati
dislocazioni. Le dislocazioni si formano in gran
numero gi durante la solidificazione del metallo, e
se ne formano molte di pi quando il cristallo viene
deformato.
La figura libro pag. 161 mostra come una dislocazione a spigolo possa indurre ad uno
scorrimento unitario in presenza di bassi sforzi di taglio (perch in ogni istante solo un piccolo
numero di atomi scorre sugli altri).

6.5.3 VEDERE LIBRO PAG. 160


fare 6.6-6.7 e definizioni 6.8