Sie sind auf Seite 1von 35

Progetto svolto da Alessandro Gottardi, Fabio Lenzo e Kewjn Witschi.

Corso interdisciplinare Anno scolastico 2003/2004

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 0 di 35

INDICE:
1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13.
OBIETTIVI DELLA RICERCA INTRODUZIONE GENERALE SUL TEMA DELLE MIGRAZIONI QUESTA POVERA ITALIA (DATI STATISTICI) SITUAZIONE GENERALE BOOM ECONOMICO LE MIGRAZIONI INTERNE LA CASSA DEL MEZZOGIORNO IL MECCANISMO PERVERSO DEI DAZI IL RUOLO DEL GOVERNO LE CAUSE DELLO SQUILIBRIO NORD SUD LEMIGRAZIONE VERSO I CENTRI INDUSTRIALI MIGRANTI DAL NORD E MIGRANTI DAL SUD LO SVILUPPO ECONOMICO-SOCIALE DELL'ITALIA NEGLI ANNI SESSANTA (APPROFONDIMENTO) p. 13 p. 17 p. 19 p. 20 p. 2 p. 3 p. 4 p. 8 p. 9 p. 9 p. 10 p. 11 p. 11 p. 11 p. 12 p. 12

14. 15. 16. 17. 18. 19.

CONSUMI FIAT E OLIVETTI STRANIERI IN ITALIA

LE MIGRAZIONI E LA SOCIET MULTIETNICA (CONCLUSIONE) p. 21 CURIOSIT (FILM, TESTI, CANZONI, FOTOGRAFIE E ALTRO) BIBLIOGRAFIA p. 22 p. 32

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 1 di 35

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 2 di 35

OBIETTIVI DELLA RICERCA

Con questa ricerca ci siamo posti lobiettivo di mostrare limmenso movimento migratorio che si sviluppato in Italia dal dopoguerra ad oggi. Abbiamo messo in luce situazioni di vita, di lavoro o solo di sopravvivenza che possono sembrare di un altro mondo, ma invece si sono verificate nella vicina Italia alcuni anni or sono. La realt era ben diversa da quella di oggi, cerano i migranti del Sud che erano mal visti dalle popolazione del Nord, venivano considerati come gli extracomunitari ai giorni nostri. Abbiamo messo laccento sul fatto che la vita di chi emigrava non era per niente bella, era piena di problemi e di difficolt di ogni genere. Spesso chi emigrava verso la terra promessa non trovava quello che si aspettava, la sua situazione poteva anche peggiorare, quindi non sempre lemigrazione era la soluzione al disagio in cui si era costretti a vivere nel dopoguerra.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 3 di 35

Migrazione" pu avere diversi significati; per maggiore chiarezza in questo lavoro si intende come "spostamenti umani motivati soprattutto dalla ricerca di un impiego o di una miglior situazione di vita".

INTRODUZIONE GENERALE SUL TEMA DELLE MIGRAZIONI


La migrazione un fenomeno in continuo cambiamento. Negli ultimi 30 anni questo fenomeno ha continuato a crescere fino a raggiungere flussi di circa 150 milioni di persone a livello mondiale. I maggiori poli di attrazione dellimmigrazione sono i paesi ricchi del Nord, in particolare Europa occidentale e Usa; in questi Stati gli immigrati rappresentano circa il 5-10% della popolazione totale. Ci sono tantissime persone che migrano per il mondo, per i motivi pi diversi, di solito si tratta di una fuga, dalla guerra, dalla persecuzione politica, dalla carestia. C chi si sposta per semplice curiosit, voglia di vedere il mondo, o anche perch desidera un lavoro o uno stipendio pi alto, in generale tutti cercano un futuro migliore. Questi emigranti sono alla ricerca delle opportunit che la loro terra dorigine non gli offriva: spesso sono confrontati con il dilemma di vivere in una situazione socioeconomica disastrata. Una gran parte di queste persone si sposta allinterno del cosiddetto "Sud del mondo", lontano da noi. Tante situazioni personali diverse, anche se i motivi si contano sulle dita di una mano. I cosiddetti "esperti", gente che studia le migrazioni da una vita, parlano di cinque grandi cause: a) limpoverimento della campagna: ci si sposta verso la citt, perch la propriet della terra nelle mani di poche persone e i braccianti sono sfruttati e mal pagati. Non si riesce pi a vivere solo con ci che offre la terra; b) i mass-media che alimentano un sogno irraggiungibile creano aspettative di ricchezza, mostrando unimmagine del mondo ricco (il Nord, la citt) falsa: non si vedono le periferie poverissime, ma solo il ricco centro finanziario, non si vede la fine che far la maggior parte dei fuggitivi; c) la costruzione di nuove, moderne e veloci vie di comunicazione e mezzi di trasporto facilitano la mobilit delle persone, diventa pi facile raggiungere il lontano e ricco Nord; d) lenorme differenza dei salari tra i luoghi di provenienza e i luoghi di arrivo del tragitto migratorio spinge molti a pensare di sistemare la propria situazione stando solo pochi anni al "Nord"; e) la presenza di parenti, amici, paesani nei luoghi di immigrazione lanello dappoggio di una "catena migratoria" che trascina verso i vari Nord le persone che fuggono dai tanti Sud. Ci sono diverse situazioni e diversi bisogni. Si dice che la migrazione fa parte della vita delluomo, che spesso forzata da uneconomia che uccide o da spietate dittature, ma non bisogna dimenticare che dietro ogni migrazione c una vicenda umana.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 4 di 35

QUESTA POVERA ITALIA (DATI STATISTICI)


Ed ora approfondiamo il tema cominciando ad illustrare qualche grafico sulla povert dellItalia prima dellavvento del boom economico. Italia 1951: grande miseria
fonte: "Commissione Parlamentare sulla miseria 1951" Famiglie che non consumavano mai zucchero, vino e carne Famiglie che vivevano in case sovraffollate, tuguri o grotte Abitazioni senza latrina Vani a disposizione di ogni abitante del rione Monti a Roma Gabinetti presenti alla borgata Giordani di Roma Suicidi per miseria a Napoli sul totale Abitanti in condizione di estremo disagio a Matera 869.000 (7,5%) 2.793.000 (24,1%) 95,0% 0,37 1 ogni 200 persone 49,0% 94,5%

Questo grafico mostra la situazione disastrata dellItalia nellimmediato dopoguerra: si pu notare che in citt come Matera praticamente tutta la popolazione viveva in pessime condizioni. Era assolutamente necessario porre rimedio a tutto questo. Italia 1951: salario e potere acquisto
fonte: "Commissione Parlamentare sulla miseria e Sommario statistiche storiche italiane 1861-1955, Roma, 1958

salario medio giornaliero in lire :

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 5 di 35

- prezzi medi al consumo in lire :

Confrontando gli ultimi due grafici ovvero quello sul salario medio e quello sui prezzi medi, si pu notare che un comune bracciante, col suo salario poteva permettersi ben poco. Vivere in queste condizioni era quasi impossibile ed emigrare era la sola via duscita. Un fattore determinante per il flusso migratorio Sud Nord Italia era la pessima situazione economica della maggior parte dei lavoratori del Sud.

Case del Veneto nel 1961: strascichi di miseria alla vigilia del boom
Case del Veneto nel 1961 fonte: "Paese Veneto", di Ulderico Bernardi, ed. Il Riccio, Firenze 1987

Questo grafico mette in evidenza le condizioni di vita degli italiani nel Veneto ma facile immaginare che questa situazione si vivesse in gran parte del paese. La popolazione si trovava a vivere in una situazione di disagio, lo stipendio dei lavoratori in moltissimi casi non bastava neanche per comprare beni di prima necessit. La vita non era facile e si pu vedere dal grafico che persino lacqua corrente mancava nella met delle abitazioni. evidente che le condizioni igenico-sanitarie della popolazione erano pessime. A questa popolazione, oltre a dare il cibo bisognava anche trovare una casa, il problema era immenso.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 6 di 35

Percentuale di analfabeti nel 1931


fonte: sito www.bibliolab.it su dati tratti da "Storia della scuola in Italia dal Settecento ad oggi" di Genovesi ed. Laterza e La scuola in Italia, di Marcello Dei, ed. Il Mulino

Un altro grande problema, che andava ad aggiungersi a tutti gli altri, era il fatto che circa 1/5 della popolazione fosse analfabeta. Questo 20% avrebbe fatto fatica ad inserirsi in qualsiasi settore lavorativo che non fosse lagricoltura, per loro emigrare era ancora pi difficile, ma una volta emigrati non sarebbero riusciti a difendere i loro interessi o a sfruttare i loro diritti (basti solo pensare che molti operai chiamati dalla FIAT per un colloquio di lavoro si acquistavano il biglietto da soli senza essere a conoscenza del fatto che questo doveva essere pagato dalla FIAT).

Percentuale di analfabeti nel 1961


fonte: sito www.bibliolab.it su dati tratti da "Storia della scuola in Italia dal Settecento ad oggi" di Genovesi ed. Laterza e La scuola in Italia, di Marcello Dei, ed. Il Mulino

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 7 di 35

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 8 di 35

SITUAZIONE GENERALE
Alla fine della Seconda Guerra Mondiale l'Italia era un paese logorato dalla tragedia appena vissuta. I problemi da affrontare erano tanti ma bastarono pochi anni di pace e di libera democrazia per ridare un nuovo volto al Paese, che in breve si ripresent fiorente e migliore di prima. Nell'Europa occidentale gli Stati Uniti riuscirono a consolidare in tempi molto brevi la propria area di influenza, sfruttando soprattutto lo stretto legame tra aiuti economici e richieste politiche. Il piano Marshall* fu lo strumento fondamentale di questa politica: gli U.S.A. fornivano a condizioni favorevoli materie prime, macchinari, navi, ecc, in modo da scacciare lo spettro della fame, aiutare la ricostruzione e far decollare nuovamente la produzione industriale; per contro per, ponevano condizioni economiche (come l'acquisto di manufatti statunitensi) e, soprattutto politiche. Gli U.S.A. subordinarono di fatto gli aiuti del piano Marshall a interventi nella politica interna delle nazioni interessate, cui davano "consigli" sul comportamento da tenere nei confronti dei sindacati, dei partiti di sinistra, della politica estera. Nel 1948 l'Italia era un Paese in gran parte agricolo, tanto che l'industria occupava solo il 17% dei lavoratori: in poco meno di trenta anni essa si svilupp e arriv ad occupare il 32% dei lavoratori, mentre l'agricoltura perse il 30% degli addetti ai lavori. Furono soprattutto le piccole e medie aziende, grazie alla loro flessibilit ed alla capacit di adattarsi rapidamente alle necessit del mercato, la base d'affermazione dell'economia italiana. Un altro fattore di sviluppo dell'economia fu la costruzione, da parte dello Stato, di una fitta rete autostradale che rese agevoli e veloci le comunicazioni e i trasporti fra le regioni del Paese e gli altri Stati europei. Era un enorme giro di ricostruzioni: case, strade, ferrovie ecc questo creava molti posti di lavoro, in pi cresceva anche il benessere e quindi ripartirono i consumi. Bisognava produrre di pi, che in quei tempi voleva dire ingrandirsi e assumere. In quel periodo alcune industrie esistenti si potenziarono sino a divenire grandi multinazionali come ad esempio la Fiat, specializzata nel settore automobilistico.

* Marshall il nome del segretario di stato americano che lo attu tra il 1948 e il 1952

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 9 di 35

BOOM ECONOMICO
Fra il 1952 e il 1963 il reddito pro-capite in Italia ebbe un incremento molto superiore rispetto a quello conosciuto da tutti gli altri paesi Europei, ci consent una vera e propria rivoluzione nei consumi. Il decollo industriale Italiano fu favorito dall'adesione nel 1951 alla Comunit economica europea (Cee), istituita con i Trattati di Roma ed entrata in vigore il 1 Gennaio 1958. Negli anni compresi tra il 1958 e il 1963 l'industria italiana conobbe uno straordinario sviluppo, soprattutto nei settori della meccanica, della chimica e dell'elettricit, tanto che si parl di un vero e proprio miracolo economico. L'Italia divenne la settima potenza industriale del mondo. Tuttavia l'economia Italiana continu a presentare due volti differenti: il Sud rimase arretrato e povero, con un'agricoltura ancora in gran parte latifondistica, senza infrastrutture (strade, centrali elettriche, porti ecc.) non in grado di consentire l'insediamento d'industrie, che invece rimasero concentrate al Nord nel "Triangolo industriale" Milano-Torino-Genova. Lemigrazione ha impoverito il Sud, ha contribuito alla crescita delle disuguaglianze. Il Sud ha vissuto una forte fuga di manodopera e non riuscito ad entrare nel circolo dellindustrializzazione, (si intende che le industrie non si insediavano al Sud).

LE MIGRAZIONI INTERNE
Le prime migrazioni in Italia hanno avuto carattere agricolo i pastori portavano le loro greggi a pascolare assai lontano dalle montagne, nelle pianure sottostanti; i mietitori accorrevano in frotte nel Tavoliere delle Puglie e in altre zone coltivate intensamente a grano; inoltre, il raccolto e la monda del riso avevano sempre attirato manodopera stagionale prevalentemente femminile dalle altre regioni confinanti con la Lombardia.

Il secondo dopoguerra vide l'Italia diventare in pochi anni un paese industriale; questo provoc un grosso movimento migratorio che ebbe come effetto un gigantesco mescolamento di popolazione al suo interno. L'avvento dell industrializzazione infatti richiese forti contingenti di lavoratori dagli altri paesi e soprattutto dalle campagne: le citt si popolarono e crebbero in modo vertiginoso.
Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 10 di 35

Dal 1946 ad oggi circa sei milioni di italiani emigrarono all'estero, mentre negli stessi anni altri 17.000.000 di italiani cambiarono residenza, trasferendosi per motivi di lavoro da una parte all'altra del Paese, ma soprattutto nelle citt industriali del Centro- Nord. Fu soprattutto nel corso degli anni Sessanta che un imponente flusso migratorio port molti lavoratori dalle aree agricole del Mezzogiorno verso le regioni e le citt industrializzate dellItalia del Nord che potevano garantire posti di lavoro nelle loro fabbriche. Tipico il caso di Torino dove gli stabilimenti FIAT assorbirono grandi quantit di manodopera, al punto che in alcuni reparti pi dell'80% degli operai era di origine meridionale.

LA CASSA DEL MEZZOGIORNO


Nel dopoguerra leconomia del Sud Italia, come visto in precedenza, era ancora molto arretrata; cos il governo di allora cerc un modo per incentivare lo sviluppo al Sud. Il rimedio sembrava essere la "Cassa del mezzogiorno" che venne istituita nel 1950 e fu seguita da una legge del 1953 di credito agevolato. Il progetto consisteva nello stanziamento di 1000 miliardi di lire (circa 7 miliardi di franchi allepoca) da destinare alle industrie che si fossero localizzate sotto una linea immaginaria che si trovava a sud di Roma. La linea fu tracciata l, perch si stimava che in quel area risiedeva una percentuale pari al 38% della popolazione nazionale, quindi gli aiuti avrebbero toccato moltissime persone. La cassa del Mezzogiorno era un incentivo che serviva per invogliare le industrie a stabilirsi nel sud Italia, cos facendo avrebbero contribuito a sviluppare questa area. Inoltre vi era la concessione di esenzioni fiscali e di contributi a fondo perso a tutti coloro che volevano creare attivit industriali nel sud. Spesso succedeva che chi decideva di stabilire la propria attivit sistemasse le sue industrie il pi vicino possibile alla linea di divisione della penisola dato che il mercato non era certo nel sud Italia bens al nord; in tal caso i prodotti giungevano molto pi rapidamente nella Pianura Padana e loro potevano comunque usufruire dei sussidi e delle esenzioni da tasse. Nel mezzogiorno e nelle isole furono create grandi aziende chimiche siderurgiche e meccaniche dette "Cattedrali del deserto", si pensava che esse avrebbero dato lavoro a milioni di disoccupati ma anche che avrebbero potuto produrre e vendere a condizioni convenienti e che intorno si sarebbe potuto sviluppare il cosiddetto indotto costituito da tante piccole aziende private al servizio dellazienda pubblica. Purtroppo non fu cos perch le grandi aziende che furono costruite erano poco efficienti e molto inquinanti. I loro dirigenti furono nominati molto spesso per motivi politici anche se non avevano esperienza industriale. Le industrie costruite nelle cosiddette zone depresse si rivelarono troppo grandi e troppo costose. In pochi anni sperperarono quantit consistenti di denaro pubblico senza riuscire a creare n un indotto n uno sviluppo economico.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 11 di 35

IL MECCANISMO PERVERSO DEI DAZI


Il governo italico decise di introdurre dei dazi doganali per disincentivare le importazioni, questo rappresent un vantaggio per gli industriali che producevano e vendevano allinterno dei confini dello Stato, perch ora non temevano pi la concorrenza estera e potevano quindi vendere i loro prodotti a prezzi pi alti. Dallaltra parte i consumatori si trovano con un potere dacquisto pi basso e tutti coloro che esportavano vedono i loro utili diminuire perch gli altri paesi, ad esempio la Francia, rispose ponendo a loro volta dazi sulle merci italiane. Questi dazi sono solo serviti ad arricchire ulteriormente le grandi industri, come la FIAT, e ad impoverire i piccoli artigiani e il popolo. Tutto ci pu significare che il governo tenesse la parte alle grandi industrie.

IL RUOLO DEL GOVERNO


Per assicurare maggiore stabilit ai governi la Democrazia cristiana decise di avviare un dialogo con il Partito socialista, creando cos una sorta di coalizione di centro-sinistra. I primi governi di centro-sinistra realizzarono alcuni importanti riforme: Elevazione dellobbligo scolastico da 11 a 14 anni; Nazionalizzazione delle aziende che producevano energia elettrica; Potenziamento della Cassa del Mezzogiorno; Riforma degli ospedali e della sanit; Miglioramento dei trasporti urbani; Abolizione dei contratti di mezzadria. Abolizione dellavviamento professionale e istituzione della scuola media unica.

I governi pensavano che il paese si sarebbe sviluppato pi rapidamente allargando la presenza dello Stato nelleconomia; inoltre, queste riforme contribuirono a dare un notevole impulso al mutamento sociale ed economico che gi negli anni precedenti era stato intenso.

LE CAUSE DELLO SQUILIBRIO NORD-SUD


Attorno al 1950, l'industria italiana, da poco uscita dalle rovine della guerra, impegnata nella ricostruzione. Dopo la ricostruzione l'economia meridionale, nonostante uno sviluppo generale, vede diminuire il suo peso sull'economia nazionale. L'agricoltura del Sud conosce un certo sviluppo, ma nello stesso arco di tempo lo sviluppo dell'agricoltura del Nord molto pi rapido. Analogamente, mentre nel 1951 l'industria meridionale rappresenta il 14,9% della produzione industriale nazionale, nel 1960 essa passava al 14,6%, sostanzialmente rimane uguale anche se arriva il boom economico e il Nord cresce a dismisura. Quanto alle attivit terziarie, queste erano passate, nel Mezzogiorno, dal 23,4% (nel 1951) al 23,0% (nel 1960). Complessivamente, la parte di prodotto nazionale proveniente dal Mezzogiorno passa in dieci anni dal 23,4 al 21,2% del totale.
Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 12 di 35

Lo squilibrio tra le due parti del paese si aggrava col passare del tempo, il Sud non migliora mentre il Nord avanza rapidamente. I contadini devono costituire il cosiddetto esercito industriale di riserva, cio una massa di lavoratori da trasformare in operai soltanto se l'industria italiana fosse entrata in una fase di espansione, erano una specie di riservisti. Lafflusso massiccio di contadini poveri dal Sud al Nord andrebbe a ingrandire la massa gi immensa dei disoccupati creando una serie di tensioni sociali gravissime. A questo punto, la politica di riforma manifesta contraddizioni nelle proprie decisioni. L'obiettivo della riforma agraria accontentare la richiesta di terra dei contadini meridionali, e bloccare un movimento di massa ormai pericoloso, con la riforma agraria si raggiunge lobbiettivo. In seguito gli interventi di bonifica e di finanziamento della Cassa del Mezzogiorno cominciano a diventare pi selettivi, meno indiscriminati, concentrandosi cio in prevalenza su quella che viene definita la polpa del Mezzogiorno - le zone fertili costiere, la piana del Volturno, ecc. - lasciando perdere l'osso, e cio le zone montane scarsamente produttive, se non del tutto sterili. Si cerca cio di finanziare un'agricoltura altamente meccanizzata, basata su colture specializzate, in grado di produrre a prezzi competitivi per i mercati europei. E' una soluzione logica, dal punto di vista strettamente economico. Ma in questo modo i milioni di contadini che vivevano una vita stentata nelle zone che costituivano l'osso del Mezzogiorno, vengono abbandonati a se stessi.

L'EMIGRAZIONE VERSO I CENTRI INDUSTRIALI


Anche negli anni '50 la soluzione provvisoria delle contraddizioni del Mezzogiorno viene dall'emigrazione. Ma, a differenza della grande emigrazione che si era attuata tra '800 e '900, questa non diretta soltanto verso l'estero, che in quegli anni significa specialmente il Belgio, ma soprattutto verso linterno, verso lItalia settentrionale e in particolare il triangolo economico. L'impetuoso sviluppo dell'industria del Nord negli anni del "miracolo economico", provoca un fenomeno di migrazioni interne senza precedenti nella storia d'Italia, sia per le sue dimensioni, sia per le trasformazioni sociali cui esso d luogo. Le persone lasciano le campagne con la prospettiva di trovare lavoro e benessere nella macchina produttiva del Nord, ovvero lindustria.

MIGRANTI DAL NORD E MIGRANTI DAL SUD


Per chi lasciava le campagne del Nord la situazione era, in genere, pi favorevole. C'era una forte corrente migratoria dalle zone collinari povere di alcune regioni (soprattutto del Veneto) verso citt lontane come Milano e Torino. Ma nella maggior parte dei casi si trattava di andare dalla campagna al capoluogo di provincia, o a un grosso paese in cui erano nate delle industrie. In questi casi gli spostamenti erano limitati (poche decine di chilometri) o addirittura inesistenti: molti potevano continuare a risiedere dov'erano prima, e limitarsi a cambiare mestiere. In termini di condizioni di vita, di abitudini, di integrazione nell'ambiente sociale circostante, i cambiamenti erano modesti e non drammatici.
Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 13 di 35

Ben diverso era, invece, il caso di chi abbandonava la campagna meridionale. Qui, essendo mancato - o assai ridotto nelle sue dimensioni - uno sviluppo industriale moderno, partire significava fare non decine, ma centinaia e anche migliaia di chilometri. Significava passare in un mondo diverso, caratterizzato da abitudini, mentalit diverse e spesso ostili. Il quartiere di San Salvario a fianco della stazione di Porta Nuova a Torino stato per anni il primo approdo degli immigrati dal Sud, che appena arrivati cominciavano a girare per quelle strade alla ricerca di un alloggio. In un clima di diffidenza, spesso l'unica soluzione era rappresentata dalle pensioni ed affittacamere che noleggiavano i letti secondo i turni di lavoro delle fabbriche. Si calcola che da tutto il Paese circa 6.000.000 di italiani si trasferirono al Nord, mettendo in crisi le amministrazioni comunali delle grandi citt che, soprattutto nei primi anni, non seppero offrire loro case adeguate, scuole, ospedali, strade e tutte le altre attrezzature civili che caratterizzano una citt progredita. Intere comunit di immigrati che non potevano permettersi una casa nei quartieri pi centrali e che non riuscivano a trovare alloggi nei quartieri operai delle citt industriali, si concentravano in enormi quartieri dormitori sorti nelle periferie dotate di pochi servizi pubblici e lontani dal centro. Le migrazioni interne richiedono agli inizi gli stessi gravi sacrifici personali di quelle all'estero: lasciare a casa la famiglia, andare a lavorare da soli nelle grandi citt, cambiare attivit lavorativa, vivere in una camera d'affitto con pi compagni da lavoro o in una baracca, cucinarsi da soli i cibi se non vi la mensa aziendale della fabbrica, risparmiare i soldi da inviare a casa, acclimatarsi al nuovo ambiente di lavoro e alla nuova mentalit, e, infine, se il lavoro sar sicuro, il salario sar giusto, affrontare il problema della chiamata della famiglia. Questo comporta trovare una casa a poco prezzo nei quartieri pi modesti o nei dintorni della citt in cui si lavora, pagare le spese del trasferimento della famiglia e del trasloco dei pochi mobili, e poi subito dopo affrontare e risolvere tutti i problemi educazione dei figli, della scuola nuova, del trovare lavoro ad altri membri della famiglia perch questa possa sostentarsi in una societ e in un gruppo sociale straniero che praticamente saranno avversi all'emigrato.

LO SVILUPPO ECONOMICO-SOCIALE DELL'ITALIA NEGLI ANNI SESSANTA (APPROFONDIMENTO) Introduzione:


Negli anni 60 sbocci il benessere; alla fine del 1965 oltre la met delle famiglie aveva un frigorifero, il 49% un televisore, il 23% una lavatrice, le case in costruzione aumentarono a dismisura, ecc. Gli occupati nell'industria erano quasi 7 milioni, il doppio della gente che lavorava nei campi, mentre crebbero gli studenti, gli impiegati e le casalinghe. L'Italia era cos sicura di un futuro sereno che il servizio di leva fu ridotto da diciotto a quindici mesi. Si lavorava meno e in condizioni migliori, cera molto pi tempo libero. Dal punto di vista socio culturale l'aspetto prevalente degli anni sessanta fu quello dell'instaurarsi di costumi propri del consumismo capitalista. Durante questi anni la famiglia italiana pass dal risparmio al consumo.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 14 di 35

Bisogna sottolineare che ci avvenne anche perch la famiglia non aveva abbastanza capitali per investirli in beni durevoli. Le famiglie italiane, da allargate che erano, tendevano a divenire nucleari: capitava pi spesso che fosse solo un membro a procurare il denaro per tutta la famiglia. Dopo la tv si poteva aspirare a possedere anche un'autovettura (di preferenze la "grandiosa" FIAT 600). Si pass dalle 342.000 vetture immatricolate negli anni cinquanta ai 4.670.000 veicoli circolanti a met del sessanta. Per far fronte a tutti questi veicoli si programm la costruzione di unestesissima rete autostradale, che in breve tempo divenne la seconda d'Europa dopo quella della Germania. Naturalmente la FIAT non era estranea a questa scelta che privilegi il trasporto su ruote rispetto a quello su rotaia, fatto che finir per creare giganteschi problemi di viabilit. Cos molte famiglie erano costrette a comprarsi la macchina soprattutto perch dei mezzi pubblici non se ne vedeva traccia. Altro dato importante di questo periodo fu la massiccia migrazione della popolazione dal sud nelle regioni del nord. Citt come Milano e Torino, dove un cittadino su nove lavorava alla FIAT, videro aumentare il numero degli abitanti. Di conseguenza si verific una violenta e incontrollata urbanizzazione, mentre aument la speculazione edilizia. Per tutti gli anni del boom economico erano aumentati i profitti, era aumentata la produzione e gli investimenti, ma i salari erano rimasti sempre i soliti. Faticosamente, fra il 1962 ed il 1963, i sindacati riuscirono a cambiare rotta. Per per resistere al conseguente aumento dei prezzi, ed alla crisi economica dovuta anche alla minore competitivit delle merci sui mercati esteri, nonch al crescente disavanzo della bilancia commerciale, la banca d'Italia dovette attuare una pesante stretta creditizia. Tutto ci caus una fuga di capitali all'estero e un notevole calo degli investimenti con conseguente caduta dell'occupazione. Chi ha subito i colpi pi duri stata la manodopera femminile, ma ne risent anche quella maschile. Ci causer seri problemi sia a livelli pensionistici, (infatti aumentarono ulteriormente le pensioni di invalidit), che a livello scolastico. In questi anni le scuole cominciarono ad essere considerate aree di "parcheggio" per la forza lavoro giovanile in attesa di occupazione, anche se poi, ottenuto il titolo di studio, spesso il lavoro diventa solo un miraggio. Tutto ci spiega abbondantemente la grande protesta degli studenti medi che, manifestatasi per la prima volta nel biennio 1968/69, finir per diventare una delle costanti della vita italiana. Lo stato cerc di risolvere l'economia rilanciando l'industria pubblica e trasferendo al sud l'industria pesante. Gli investimenti nel Mezzogiorno aumentarono notevolmente e furono compiute generose assunzioni nell'amministrazione pubblica. Il tutto ha comportato un aumento della spesa pubblica e nuovi oneri fiscali che caddero soprattutto sui lavoratori dipendenti: con la riforma del sistema fiscale, nei primi anni sessanta la quota spettante al fisco viene prelevata direttamente dalla busta paga, senza che il contribuente debba fare alcun sforzo. Gli industriali del Nord cercarono di reagire alla crisi decentrando la produzione, aumentando i ritmi di lavoro e lasciando peggiorare le condizioni di vita in fabbrica. In questo periodo viene incentivata la produttivit mediante aumenti salariali. Quindi la ripresa della crescita produttiva, dopo il 1967 legata principalmente al massimo sfruttamento del lavoro operaio. Anche fuori dalle fabbriche la situazione non era facile: i servizi pubblici sono scarsi e di cattiva qualit. Lo stato spendeva molto, ma male. Tutto ci avveniva mentre gli industriali invece di reinvestire i profitti preferivano trasferirli in luoghi pi sicuri, dando il via ad una vera e propria industria dell'espatrio clandestino di capitali. Tutta questa situazione esplose fra il settembre ed il novembre del 1969, in occasione del rinnovo
Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 15 di 35

contrattuale dell'industria. L'azione sindacale venne profondamente mutata, rispetto ai decenni precedenti, ed al centro delle rivendicazioni non vi era pi soltanto la richiesta di un maggior salario, ma anche quella di migliori e pi umane condizioni di lavoro. Nonostante le difficolt incontrate il movimento sindacale riusc ad ottenere clamorosi successi. Oltre agli aumenti salariali, al miglioramento delle condizioni di lavoro, si ottenne l'importantissimo statuto dei lavoratori, attraverso il quale si attuava un ampio controllo sindacale, si impediva agli imprenditori di licenziare liberamente. A tutto ci si aggiunse l'abolizione delle "gabbie salariali", che permettevano di erogare al sud stipendi inferiori che al nord e l'approvazione delle 150 ore. Si trattava di ore di permesso, servendosi delle quali i lavoratori avrebbero potuto riprendere a studiare e quindi riqualificarsi. In conclusione si pu dire che, alla fine del decennio sessanta, gli imprenditori ebbero ci che si meritavano. Infatti avevano creduto di risolvere la crisi del 64/66 riducendo gli investimenti ed aumentando i ritmi di lavoro, ora si ritrovavano le fabbriche piene di impianti vecchi e di operai ribelli. Bisogna ricordare che per fra il 1964 ed il 1969, i consumi e i redditi degli italiani continuarono ad aumentare.

Lo sviluppo economico nella seconda met degli anni sessanta:


Il periodo compreso tra il 1964 e il 1969 pu essere suddiviso in due momenti qualitativamente assai significativi, che ancora oggi fanno discutere. Il primo momento rappresentato da una crisi economica del tutto imprevista che, apertasi alla fine del 1963, esplose a pieno nel 1964 e fu superata solo alla fine del 1965. Si tratt di una crisi che apparve allora temporanea e in seguito fu considerata una specie di preannuncio della grande crisi del 1970. Tutte e due le ipotesi sono fondate: la crisi del 1964-65 fu l'espressione di un momento negativo ampiamente superato nel quadriennio successivo e fu allo stesso tempo un'anteprima di quello che sarebbe successo negli anni seguenti. Il secondo momento quello della ripresa, dei primi passi della programmazione economica e della riaffermazione del libero mercato, secondo una logica diversa dal passato. In questo periodo che va dal 1966 al 1969 si ebbe la crescita del prodotto interno lordo, dopo il periodo di rallentamento del 1964. Pur nettamente distinguibili tra loro, questi due sottoperiodi sono accumulati da un nuovo quadro politico, il centro-sinistra, sorto con l'intento di modificare le linee della politica economica del periodo precedente. Sulla carta il disegno dell'intervento dello stato era abbastanza dettagliato; nei fatti le autorit di politica economica dovettero fare i conti con due ostacoli imprevisti alla realizzazione dei programmi elaborati: la crisi del 1964-65 e l'affermazione di un nuovo modello spontaneo di sviluppo che fu chiamato "intensivo".

La crisi del 1964-65


Nel 1964 il governo di centro-sinistra, nato nel 1963, dovette far fronte a due impegni urgentissimi: far fronte all'inaspettato e preoccupante squilibrio della bilancia dei pagamenti e contrastare le spinte inflazionistiche generate dalla crescita del costo del lavoro. Abbiamo visto come il costo del lavoro increment nei primi anni sessanta. L'offerta di lavoro, alimentata dall'esodo agricolo, si rivel niente affatto illimitata e la manodopera incominci a scarseggiare. I salari presero ad aumentare, da prima per effetto delle leggi del libero mercato e poi a seguito dell'azione sindacale. I consumi interni crebbero
Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 16 di 35

velocemente, i prezzi incominciarono a salire, le esportazioni non erano pi competitive sui mercati esteri e le importazioni rallentarono notevolmente. L'emergere di questa situazione negativa blocc i progetti di riforma del governo e obblig la banca d'Italia a prendere, tra la fine del 1963 e l'inizio del 1964, una serie di misure anticrisi: furono innalzati i tassi di interessi. In Italia ci si accorse che l'unica strada praticabile per contrastare queste situazioni negative era rappresentata soltanto dalla politica monetaria. In effetti nel 1964-65 le modalit di intervento ebbero pieno successo. Quando la liquidit scarseggia, il credito razionato, il tasso di interesse aumenta in misura rilevante e i pagamenti verso l'estero vengono assoggettati a vincoli onerosi, le imprese si vedono costrette a risparmiare su tutti i fattori di produzione; riducono cos le scorte, effettuano licenziamenti, rinviano i piani di investimento. Tutti questi comportamenti hanno un effetto negativo sulla domanda e conseguentemente sul livello di attivit. Diminuisce, quindi, anche la domanda di importazioni mentre le imprese cercano nei mercati esteri la domanda che venuta a mancare sui mercati interni, favorendo le esportazioni. In questo modo la bilancia dei pagamenti migliora. Contemporaneamente, sul mercato interno delle merci accade che la caduta del prodotto interno lordo, si accompagna a una consistente riduzione di tutte e due le componenti della domanda finale interna: gli investimenti e i consumi delle famiglie, perch il reddito di queste colpito dal ritorno della disoccupazione, con il risultato di una stabilit artificiale dei prezzi che allontana lo spettro dell'inflazione. Negli anni sessanta siamo ancora lontani dal benessere diffuso. Nelle strade circolano ancora le vecchie 600, i televisori sono in bianco e nero, la vecchia catena di montaggio domina in tutte le fabbriche. Nel periodo compreso tra il 1964 e il 1969 il governo, che aveva dovuto rinunciare al suo piano iniziale, fu costretto a trovare un compromesso per salvare l'Italia. Cos dapprima (1964-65) prese le misure anticrisi e successivamente (nel 1966), in sintonia con la ripresa, rilanci l'idea di programmare un piano di riforme approvando il piano di sviluppo economico per il quinquennio 1967-1971 presentato dal ministro Pieraccini. Gli industriali reagirono a questo periodo di crisi modificando il loro assetto produttivo e finanziario, le modalit di impiego della forza lavoro e il modello di sviluppo dell'intera economia.

La ripresa del 1966-1969


I tassi di crescita annua del PIL reale tornano ad essere elevati come all'epoca del miracolo economico, gli operatori ritrovarono fiducia nelle prospettive economiche. Con la crisi del 1964-65 il sistema si era allontanato dalla piena occupazione, molti lavoratori avevano preso il posto e altri non riuscivano a trovare il primo impiego: in un certo senso si erano ricostituite le condizioni che negli anni cinquanta avevano alimentato un'offerta illimitata di lavoro con cui frenare la dinamica salariale, tenere basso il costo del lavoro e ampliare l'occupazione a buon mercato. In effetti i salari frenarono la loro corsa dopo l'impennata registrata durante il miracolo e i costi di produzione diminuirono: Ci nonostante la domanda di lavoro ristagnava. La crescita sostenuta del prodotto interno lordo non si bas su un incremento dell'occupazione, ma esclusivamente su una straordinaria espansione della produttivit del lavoro. Contemporaneamente quella sorta di blocco della domanda di lavoro si un con il blocco dell'offerta che suscit allora vivaci discussioni.
Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 17 di 35

Il blocco della domanda, invece, da considerarsi il perno su cui hanno ruotato tutti gli eventi successivi (la grande crisi degli anni settanta, la fine prematura dell'idea di programmazione dell'idea economica, la nascita dello stato assistenziale, la rivoluzione tecnologica degli anni ottanta).

CONSUMI
Negli anni 50 e 60, quando ebbe inizio il "boom economico", si ebbe anche una grande proliferazione di oggetti che la ripresa della produzione industriale metteva a disposizione delle persone le quali, grazie ad una maggiore disponibilit economica, potevano acquistare.

SCOOTER: questo oggetto ebbe il suo sviluppo nei primi anni del boom economico e fu davvero una bella scoperta perch nel giro di due o tre anni tutti ne possedevano una. La prima azienda a immetterla sul mercato fu la Piaggio dopo di che si immise la mitica Lambretta.

TELEVISIONE: Questo oggetto invece ebbe il suo sviluppo verso il 1954 quando incominci ad entrare nelle case dei pi facoltosi e ricchi italiani e nei ritrovi pubblici come bar e sala da biliardo. Nel 1960 tutti si riunivano nei bar o in casa di chi possedeva il televisore, per assistere ai programmi pi famosi del tempo come LASCIA O RADDOPPIA condotto da Mike Bongiorno o le famose Olimpiadi di Roma.

LAUTOMOBILE: ebbe il suo sviluppo nel 1960 con la fine delle olimpiadi di Roma e deve la sua grande diffusione e popolarit ai grandi miglioramenti delle strade e alla costruzione delle prime autostrade. Lazienda leader di quegli anni fu la F.I.A.T, una industria che crebbe e prosper dando un contributo significativo allintera economia italiana. Fu Giovanni Agnelli a guidare lazienda sulla falsa riga di Henry Ford, indirizzandone la produzione verso modelli di serie destinati a una fascia pi larga di utenti.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 18 di 35

LA CAMBIALE: lo strumento che insieme agli oggetti entr nelle case di molti italiani perch consent lacquisto di elettrodomestici e altri beni durevoli anche senza avere a disposizione subito il contante; listituto poligrafico dello stato stamp tanti tipi di "pagher" che diventarono lo strumento per circondarsi subito di tante suppellettili.

TURISMO ALL ITALIANA: Verso gli anni 55 fino agli anni 60-62 la costiera romagnola ebbe il suo boom: italiani e non incominciarono per le vacanze a venire qui in Italia. Gli albergatori affittavano stanzette con tutti i confort per la modica cifra di 600-1000 al giorno verso il 1959 la voce "divertirsi" divent un imperativo, e tutto ci venne costatato dall'improvviso aumento dei bilanci familiari. Ogni persona spendeva quasi 3000 lire per spettacoli e manifestazioni e 2500 per il cinema.

CENTRI COMMERCIALI: le persone incominciarono a frequentare i centri commerciali, mentre fino a poco tempo prima conoscevano solo il piccolo negozietto a gestione famigliare. Le persone non andavano solo per fare la spesa ma anche per incontrarsi e passare un po di tempo.

RADIO: essa ebbe il suo sviluppo alla met degli anni 60 quando le persone incominciarono a richiedere cose diverse dalla TV, nacquero vari programmi radiofonici condotti da persone che divennero molto famose.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 19 di 35

FIAT E OLIVETTI
Tra i principali gruppi del "triangolo industriale" Milano, Genova, Torino, la FIAT e lOlivetti furono tra i primi nel dopoguerra ad affrontare un processo di riorganizzazione aziendale con lapertura verso il mercato internazionale. FIAT la sigla della Fabbrica Italiana Automobili Torino, una societ automobilistica costituita nel 1899 sotto la guida di Agnelli. A partire dal 1915 la FIAT partecip attivamente alle forniture belliche, ascendendo in tal modo al terzo posto tra le industrie italiane, dopo lAnsaldo e lIlva. Nel dopoguerra la FIAT intensific la produzione e lesportazione di auto, promuovendo il considerevole sviluppo della motorizzazione privata. La possibilit di produrre a costi decrescenti dipendeva, da un lato, dal massimo sfruttamento degli impianti, di pari passo con la sostituzione dei macchinari pi obsoleti; dallaltro, dallallargamento del mercato interno, in presenza di un aumento generale del potere di acquisto, e da una graduale liberalizzazione degli scambi. Si pu dire, in sintesi, che la FIAT fu un asse portante del modello di sviluppo caratteristico del "miracolo economico" italiano degli anni 60, avendo esteso, in quegli anni, la sua presenza allestero sino a diventare un gruppo multinazionale. All inizio degli anni Sessanta, infatti, pi della met della popolazione torinese viveva direttamente del lavoro del gruppo FIAT, ma consistenti frange di addetti alle attivit terziarie, al commercio e ai servizi operavano ai margini del vasto giro di interessi alimentato dalla principale impresa motrice e dalle sue affiliate. Inoltre la continua crescita della produzione automobilistica e delle costruzioni accessorie aveva richiamato a Torino e nella sua cintura, fra il 1951 e il 1961, un continuo flusso migratorio, specialmente dalle zone depresse del Mezzogiorno e dalle campagne pi povere dellentroterra regionale. Altrettanto intensa fu la trasformazione dellOlivetti. Poste le basi fra il 1946 e il 1947 per unopera costante di rinnovamento dei sistemi di lavorazione e di controllo, lazienda di Ivrea si avvalse degli aiuti governativi e di quelli americani per progettare nuovi impianti e inaugurare un tipo di produzione standardizzata per categorie differenziate di consumatori e per una pi ampia gamma di impieghi. Fu merito di Adriano Olivetti lelaborazione di un piano di sviluppo complessivo, che teneva conto sia dei risultati gi raggiunti dopo il 1937 nel campo delle macchine per scrivere e delle calcolatrici, sia delle nuove potenzialit offerte dal settore dellattrezzaggio (rettificatrici, macchine multiple e speciali, impianti di lavorazione automatizzati). Sotto il profilo economico la sua espansione si svolse pi o meno negli stessi tempi e con le stesse cadenze di quella della FIAT. Dopo la pausa di "raccoglimento" del 195253, in coincidenza con una breve fase recessiva, il periodo centrale degli anni Cinquanta rappresent per limpresa di Ivrea un momento cruciale. Anche in questo caso, a innescare uno sviluppo quantitativo senza precedenti e a costi decrescenti, fondato sul binomio ad ogni livello di tecnica e organizzazione, fu limpetuosa crescita della domanda di nuovi beni di consumo durevoli. Fra il 1946 e 1958 il numero delle macchine per scrivere di tipo standard si moltiplic per pi di quattro volte e mezzo, quello delle portatili di quasi nove, e quello delle macchine da calcolo e contabili per pi di sessantasei volte.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 20 di 35

STRANIERI IN ITALIA
Le migrazioni dai paesi del sud del mondo un fenomeno di dimensione planetaria: negli ultimi 10 anni sono venute anche in Italia moltissime persone alla ricerca di condizioni di vita migliori di quelle dei paesi dorigine: sono lavoratori che provengono da molti paesi ancora in via di sviluppo, dove leconomia sociale molto difficile e la situazione politica di grande incertezza. Su 130 milioni di rifugiati e immigrati nel mondo lItalia comunque ne ospita poco pi di 1 milione. L'irregolarit ha assunto sempre pi consistenza nonostante i provvedimenti di sanatoria o di regolarizzazione (e comunque un fenomeno diffuso in tutta Europa): la maggior parte dei cittadini extracomunitari riescono a trovare un lavoro precario al Centro Sud della penisola nel settore agricolo, della pesca e dell'edilizia. Il caso italiano comunque rimane anomalo per l'interesse della malavita che sta attivando una vera e propria tratta di manodopera e purtroppo di nuovi "schiavi" o "schiave". Come per i "nostri" primi emigrati italiani, anche per i cosiddetti extracomunitari molto difficile trovare unabitazione, oltre che un lavoro in regola. Gli emigrati sono visti spesso come elementi di disturbo: vogliono lavorare, ma spesso questi sono costretti ad accettare lavori "in nero" o, peggio, illegali; hanno bisogno di alloggi e di abitazioni dignitose, ma il paese ha gi i "suoi" senza casa, i "suoi" poveri, che vivono in condizioni abitative inadeguate; hanno bisogno di assistenza sanitaria, ma questo un servizio che gi costa moltissimo e che non soddisfa nemmeno le necessit degli italiani. E' un vero problema, che comunque certo non si risolve non accettando pi immigrati, poich le nostre industrie hanno bisogno di loro per poter funzionare e perch non si pu impedire a nessuno di cercare condizioni di vita migliori. Molte societ occidentali sono da lungo tempo multietniche, composte cio da persone di etnie differenti. LItalia si trovata impreparata di fronte a questo fenomeno: i provvedimenti del governo sono stati tardivi e sono operativi da poco tempo circa i nuovi ingressi (vedi la "Legge Martelli"). Dobbiamo comunque prepararci a vivere in societ composte da razze, religioni, etnie diverse: l'importante trovare un modo per vivere tutti insieme pacificamente.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 21 di 35

CONCLUSIONE: LE MIGRAZIONI E LA SOCIET MULTIETNICA I flussi migratori:


Rispetto al passato il mondo contemporaneo seguito da un considerevole incremento dei flussi migratori. Oggi si emigra da tutte le aree povere del mondo verso quelle ricche: la scelta della destinazione condizionata da fattori non solo geografici ed economici (dal Centro al Nord-America, dalla riva Sud a quella Nord del Mediterraneo, dallEuropa Orientale a quella Occidentale), non solo politici, ma anche culturali (la lingua, la regione, la presenza di comunit di connazionali). La portata di questo flusso imponente non facilmente misurabile, anche perch in parte considerevole le migrazioni si svolgono in forma clandestina. Proprio il carattere incontrollabile e, in apparenza inarrestabile del fenomeno costituisce un problema di non facile soluzione per le economie e per le opinioni pubbliche dei paesi industrializzati.

La societ multietnica:
Diverse sono state le reazioni. Da un lato (sinistra politica) si manifestata nelle chiese cristiane, ma anche in una parte della cultura liberale la tendenza a cogliere gli aspetti positivi dellimmigrazione: non solo lafflusso di nuova forza lavoro pronta a svolgere qualsiasi lavoro, ma anche lingresso di nuovi valori, usanze e culture. In questa prospettiva il multiculturalit viene considerato un valore positivo: cos sostenuta lidea di una societ multietnica, in cui le differenze culturali e religiose siano adeguatamente protette e valorizzate, soprattutto in ambito scolastico.

La reazione identitaria:
Dal lato opposto, il fenomeno migratorio ha suscitato risposte di ansia e ripulsa (con punte di vera e propria xenofobia), risvegliando lantica paura dellOccidente di essere sommerso da ondate di popoli pi numerosi e demograficamente pi vitali. Questa minaccia, vera o presunta, portata agli equilibri dei paesi ospiti dallingresso degli immigrati (soprattutto se dotati di forte coesione culturale, com il caso dei musulmani) ha accentuato, per reazione, la tendenza alla riscoperta e alla difesa golosa delle identit nazionali o religiose, gi alimentata dalla caduta dei grandi sistemi ideologici.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 22 di 35

CURIOSIT (FILM , TESTI CANZONI, FOTOGRAFIE E ALTRO)


I temi dellemigrazione e del boom economico sono stati oggetti di diversi film dal dopoguerra fino ai giorni nostri. Dal 1945 al 1950 il cinema italiano si riscatta con la ricca e feconda stagione del neorealismo, quando alcuni registi girano, con attori presi dalla strada, con pochi mezzi e senza sostegni dallo Stato, film che raccontano storie ambientate nella realt dellItalia distrutta dalla guerra come: "La terra trema", "Roma citt aperta" e "Ladri di biciclette". Ecco alcuni dei film pi famosi che ritraggono la realt del dopoguerra italiano.

LADRI DI BICICLETTE (1948) A un padre di famiglia che ha trovato un impegno come attacchino nella Roma del dopoguerra rubano la bicicletta, strumento fondamentale per il lavoro. Disperato, cerca di rubarne una allo stadio: bloccato e aggredito dalla folla viene lasciato libero davanti alle lacrime del figlio Bruno che commuovono la gente. Questo film una delle opere migliori del neorealismo "centro attorno al quale orbitano le opere degli altri neorealisti", ed una lucida e profonda anali della dura realt di quei anni.

IL BOOM (1963) Per risollevare i propri affari e pagare i troppi debiti Giovanni Alberti decide di vendere un occhio a un riccone. Ma arrivato a un passo delloperazione subentra la paura. Il film si regge tutto sulla recitazione di Sordi sulla sua abilit nel descrivere le meschinit dellItaliano medio.

COSI RIDEVANO (1998)

Anche se il film recente, la storia ambientata negli anni 50/60, periodo in cui il boom economico invest il nord e in particolare la Torino della Fiat e degli operai. Il titolo del film si rif a una vecchia rubrica della rivista "La domenica del corriere": sullultima pagina comparivano delle barzellette che per non facevano ridere pi nessuno, ma semmai intenerivano per lingenuit di un pubblico ormai scomparso. Nella Torino degli anni 50, centinaia di meridionali arrivavano ogni giorno. Il calabrese Pietro arriva a Torino e cerca subito il fratello maggiore Giovanni. Lui, gi a Torino da qualche anno, va in giro ben vestito, sembra un signorino, ma si vergogna delle origini e dei propri segreti. Giovanni vuole che Pietro diventi un bravo maestro. Pietro crede ciecamente nella bont di Giovanni, che in realt diventato un delinquente. Per amore del fratello Pietro si auto accusa di un omicidio commesso dal fratello, e rinuncia ad una vita che poteva dargli riscatto sociale e un lavoro prestigioso.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 23 di 35

I COMPAGNI (1963) Il professore Sinigalia guida uno sciopero di lavoratori tessili Torinesi alla fine dell' 800. L'arrivo di un gruppo di crumiri, alcuni tafferugli e l'intervento della polizia fanno fallire lo sciopero, ma gli operai hanno cominciato a prendere coscienza delle loro forze. Il film un affresco spettacolare, divertito e malinconico su un nascente movimento operaio dove qualche sdolcinatura alla De Amicis non limita la forza di questa commossa rievocazione del socialismo Torinese agli inizi del secolo.

TREVICO-TORINO (1973)

L'amara presa di coscienza di un giovane emigrato del Sud nella capitale dell'auto: il contatto traumatico con la citt, l'assunzione alla Fiat, l'amicizia con un sindacalista e con una giovane extraparlamentare, l'inasprimento del lavoro dopo un litigio con il caporeparto. un film realizzato seguendo l'idea zavattiniana del giornale cinematografico che cerca di equilibrare documentario, narrazione e sensibilit psicologica.

PANE E CIOCCOLATA (1974) L'emigrato Italiano (Manfredi) cameriere nella linda Svizzera, compie l'efferato crimine di orinare in pubblico, perdendo lavoro e permesso di soggiorno: comincia cos una vita di clandestinit fino al disperato e fallimentare tentativo di simulata arianit con tintura bionda ai capelli. Nonostante l'ingombrante presenza di Manfredi che non si rifiuta nessun vezzo gigionesco, Brusati riesce ad affrontare il tema dell'emigrazione senza cadere nel populismo e lavorando efficacemente sul registro grottesco - surreale. L'emigrazione (sia verso l'America che dal sud al nord d'Italia) fu oggetto anche di molte canzoni. Molte raccontavano delle difficolt incontrate durante il viaggio e nei primi momenti dell'integrazione, ma parlavano anche di nostalgia per la terra lontana considerata pur sempre come la vera "casa", nonostante le necessit di andarsene per trovare un lavoro.

"AMERICA AMERICA" Mamma mia dammi cento Lire Che in America voglio andar, cento Lire io te le do ma in

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 24 di 35

America no no no Suoi fratelli alla finestra: "Mamma mia, lasciala andar!" "Va' va' pure, o figlia ingrata, bastimento s'affonder." Quan' fu stata in mezzo al mare Bastimento l' affond. "Il mio vestito da ballerina l'acqua del mare lo bagner. I miei capelli son ricci e belli: l' acqua del mare li marcir. E la mia carne tanto tenera I pesci del mare la mangieran. Le parole dei miei fratelli Sono quelle che m' han trad. Le parole della mia mamma Son venute la verit

CASA MIA (Equipe 84) Torno a casa, siamo in tanti sul treno occhi stanchi, ma nel cuore il sereno Dopo tanti mesi di lavoro mi riposer dietro a quella porta le mie cose io ritrover la mia lingua sentir, quel che dico capir Dolce sposa, nel tuo letto riposa Al mattino sai di avermi vicino

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 25 di 35

apri la valigia c' il vestito che sognavi tu guardati allo specchio, tu sei bella non levarlo pi Nostalgia che passa e va, fino a quando tu verrai Casa mia, devo ancora andar via non chiamarmi, io non posso voltarmi porto nel mio sguardo la mia donna tutto quel che ho torno verso occhi sconosciuti che amar non so questa volta chi lo sa, forse l'ultima sar.

AMARA TERRA MIA (Domenico Modugno) Sole alla valle e sole alla collina per le campagne non c' pi nessuno addio, addio amore, io vado via amara terra mia, amara e bella Cieli infiniti e volti come pietra mani incallite ormai pi senza speranza addio, addio amore io vado via amara terra mia, amara e bella Fra gli uliveti nata gi la luna un bimbo piange, allatta un seno magro amara terra mia, amara e bella

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 26 di 35

Durante gli anni del Boom economico si form una vera e propria "classe operaia", che, attraverso la canzone politica, parlava di sfruttamento e di condizioni di vita dure. Ecco alcuni testi che affrontano i vari temi di quegli anni.

LA CASSA DEL MEZZOGIORNO (Versi di M. Cardarola, Musica di E. A. Mario) Simmo arrivate a nepoca Ca o munno fatto e dollare Cu e dollare 11America Stu munno o vo cagn: perci e ccitt se cagnano: so tale e quale a e ffmmene ca cu e ggioielle e 11abbite so bone dabbagli! Ogge, a Cassa do' ' mezzogiorno scecche a cc, scecche a 11sa e stu Napule che ne fa! Tutto popolo, notte e giorno, spinne a cc, spinne a 11av fa o munno maravigli. Per sultanto a fmmena a stessa restarr. Te ve' bene? E nfrughete-nfru! 'A Capri nfi' 'e Camldule, n'incrocio 'e teleferiche, e 'a gente vene e va! Pe' tramme, projettile! Pe' treno, n'elicottero!
Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 27 di 35

S'arriva dint' a n' attimo Addo' se vo' arriy! Ce sta 'a Cassa d' 'o Mezzogiorno? Scecche 'a cc, scecche 'a 11, ogne ghiuorno na nuvit! Viene 'a 11'estero, e vuo' i' attuorno? Spinne 'a cc, spinne 'a 11, truove chello che vu truv. certo ca 'a miseria Afflige viecchiem e giuvene, e vide ca s'ammsciano vicchiaia e giuvent Stu core mio, ca giovine E faciarria mircule, ahim, se fa nu pizzeco, Ma c 'a Cassa d' 'o Mezzogiorno -scecche 'a cc, scecche 'a llviecchonun se po' addevant. Nun sempe chillu taluorno: spienne 'a cc, spienne 'a ll, truove chello ca vu truov! E allora pure 'a fmmena Se proje ll pe' ll Tu lle dice: -Nfrunghete-nfru? Te risponne: -E ndringhete-ndr.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 28 di 35

SARETE VOI PADRONI AD EMIGRARE Quel giorno che so andato a Settentrione Lhai maledetto sempre, o moglie mia; stato per la disoccupazione che ho dovuto lasciare la terra mia. La Svizzera ci accoglie a braccia chiuse, ci mette il pane duro dentro in bocca; tre anni lho inghiottito questo pane, tre anni carcerato alle baracche. Lo sfruttamento calcolato bene, ci carica fatica ogni minuto; un orologio di gran precisione, la Svizzera cammina col nostro fiato. Padroni dellItalia e dellEuropa Luno allaltro stretti son legati, mentre che i sindacati traditori vogliono separare gli sfruttati. Sono tornato a maggio per il voto, ma non ha vinto il proletariato, perch finch ci sono le elezioni vincono i riffiani e i padroni. Ma noi ci organizziamo per lottare E per unirci a tutti i proletari; sarete voi padroni ad emigrare, ad emigrare ma da tutto il mondo

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 29 di 35

DIALOGO FRA DUE GIOVANI SULLE DONNE NEGLI ANNI 50/60

M.= Che ne pensi Luca del modo in cui le donne venivano trattate nel secolo scorso (cio ormai nel 1900) e del "rispetto" che ricevono oggi? L.= Non lo so, non ho seguito questo argomento. M.= Perch non approfondiamo? L.= Ok ci sto! M.= Ho trovato questo libro "Enciclopedia pratica per la famiglia", un vecchio testo per la scuola media del 1961. Pensa che una volta non c'era educazione Tecnica, ma i ragazzi facevano cose diverse dalle ragazze. La materia si chiamava "Applicazioni tecniche". Ho sfogliato il libro per curiosit, per capire cosa facevano le nostre mamme (e nonne) a scuola, e sfogliandolo mi sono resa conto che molti argomenti sono veramente assurdi. L.= Scrutando lindice ho visto cose strane, che le donne di oggi non si degnerebbero di fare e nemmeno di pensare. M.= Per esempio hai visto il paragrafo in cui la donna, moglie e madre modello, doveva cambiare arredamento per ogni occasione? L.= S ci ho dato unocchiata sono pratiche veramente inusuali. Chiaramente il presupposto era che la donna non lavorava, altrimenti come faceva? E tu hai dato uno sguardo allagenda pratica delle cose da fare e da ricordare nei dodici mesi dellanno? M.= La donna era considerata "schiava della casa e della famiglia". Anche al giorno doggi alle donne riservato un gradino sempre inferiore agli uomini, quando tornano dal lavoro sono sempre in cucina o a rimettere in ordine casa, anche se oggi luomo pi disponibile nei loro confronti. L.= Hai ragione, ma devi considerare che fino a pochi anni fa i posti di lavoro per le donne erano scarsi, mentre oggi si sono aperti nuovi orizzonti che offrono pi importanza alla donna sul piano sociale. M.= Sono daccordo con te, ma la parit di diritti ancora un traguardo da raggiungere.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 30 di 35

FOTO
La piaga dell'acqua Nella fotografia, cortesemente concessa dal "Gazzettino" di Venezia, una donna alla fontana pubblica in Friuli verso la fine degli anni Cinquanta. Una parte dell'Italia, anche di quella oggi ricca, viveva ancora senza avere in casa l'acqua corrente. Nel Veneto del 1961, all'immediata vigilia del boom, ricorda il sociologo Ulderico Bernardi, su 100 case 48 erano senza l'acqua corrente, 52 senza il gabinetto, 72 senza il bagno, 15 senza la luce elettrica, 81 senza il gas a rete, 86 senza il termosifone.

L'ecatombe infantile Nella foto, una scuola rurale del 1910. I bambini ritratti sono praticamente gli scampati a una mortalit infantile spaventosa. Spiega il "Sommario delle statistiche storiche" edito dall'Istat che nel decennio1900-1910 morirono in media 719.565 italiani l'anno dei quali 296.576 bambini al di sotto dei 5 anni: il 41%. Nello stesso decennio furono registrate mediamente 1.138.373 nascite. Il che vuol dire che uno su quattro dei piccoli non arrivava ai cinque anni. Eppure in passato i dati erano stati perfino peggiori: basti dire che l'et media in cui si moriva, nel decennio 1881-1890, era di sei anni e quattro mesi. Oltre dieci volte pi bassa di quella che si sarebbe registrata tra il 1951 e il 1955 (69 anni) o di quella di oggi. Ma negli orfanatrofi, spiega Ernesto Nathan nel suo <Vent'anni di vita italiana>, le cose andavano ancora peggio: nel 1887 <si ricevettero nei Brefotrofi o si collocarono direttamente a balia, tra figli legittimi, illegittimi ed esposti, 23.913 fanciulli, d'ambo i sessi s'intende; ne morirono 12.859, il 53,77%>. E anche qui in passato era andata perfino peggio: <la mortalit, per crassa ignoranza , incuria o indifferenza delittuosa, stata inaudita, spaventevole: in alcuni casi da arrivare fino al 99% degli entrati>.

1953: nudi nelle miniere Nella straordinaria fotografia del grande Fulvio Roiter, tratta dal suo libro "Visibilia", due minatori al lavoro in una miniera di zolfo a Caltanissetta. Costretti a lavorare nudi per il caldo soffocante e perch i vestiti si appiccicavano alla pelle, i picconieri (per non parlare dei "carusi" che prendevano ancora meno) guadagnavano allora 530 lire al giorno: il costo di tre chili di pasta (154 lire l'uno) o di tre etti di salame (1.461 lire il chilo). Il poeta Alessio di Giovanni dedic ai "carusi", i bambini che trasportavano lo zolfo fuori dalla miniera e che cominciavano a lavorare gi a sette o otto anni.

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 31 di 35

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 32 di 35

BIBLIOGRAFIA

FONTI:
Italia 1951: grande miseria: Commissione Parlamentare sulla miseria 1951" Italia 1951: salario e potere acquisto: "Commissione Parlamentare sulla miseria e Sommario statistiche storiche italiane 1861-1955, Roma, 1958

Case del Veneto nel 1961: strascichi di miseria alla vigilia del boom: "Paese Veneto", di Ulderico Bernardi, ed. Il Riccio, Firenze 1987 Percentuale di analfabeti nel 1931: sito www.bibliolab.it su dati tratti da "Storia della scuola in Italia dal Settecento ad oggi" di Genovesi ed. Laterza e La scuola in Italia, di Marcello Dei, ed. Il Mulino Percentuale di analfabeti nel 1961: sito www.bibliolab.it su dati tratti da "Storia della scuola in Italia dal Settecento ad oggi" di Genovesi ed. Laterza e La scuola in Italia, di Marcello Dei, ed. Il Mulino

INTERNET :
http://www.caritasroma.it/immigrazione/ http://www.istat.it/novit/stranieri.html http://www.svileg.censis.it/ricerche/immigrazio13/tab_06.htm http://www.cronologia.it http://kidslink.scuole.bo.it/ic7-bo/emigrazione/pagine/ http://www.bdp.it/~trends10/netdays/lav2.htm http://www.a-torino.com/storia4.htm http://www.bassafriulana.org/scuole/icpal/medie_carlino/progetti/900/boom.htm http://itczanon.org/iodonna/i/inquadramenti/Manzini/II%20boom%20economico

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 33 di 35

Libro: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto, Itinerari nella Storia 3: il mondo


contemporaneo dal 1918 a oggi. Roma-Bari, 1999, Editori Laterza.

Film: Trevico Torino (Ettore Scola 1973)

Le migrazioni Sud-Nord Italia dal dopoguerra ad oggi: un caso FIAT

Pagina 34 di 35