Sie sind auf Seite 1von 29

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 6 dicembre 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 44 euro 1,20

44
19 Scuola
Roberta Vinerba Da atea a suora
li studenti Liceo delle Scienze GImmacolatadelumane lhanno incontrata a Perugia

Diocesi
Ritornano i Dialoghi per la citt
l cardinale Ruini e Sandro Mazzola Irelatori dei primisono i due appuntamenti

Attualit
Emilia Una legge per la ricostruzione
ccelerare tempi e rispettare i cenAabitati, siaisiaborghi tri i rurali

Cultura
Lomaggio di Ilario Fioravanti al Monte
na mostra permamente di formelle Uterracotta lasciate in in eredit dallartista

23

EDITORIALE Globalizzare lumano


di Francesco Zanotti

La Trevi di Pievesestina raggiunge un nuovo primato nel sottosuolo

cristiani sono chiamati a essere coscienza critica. Lo ha ripetuto ai partecipanti allundicesimo Forum del Progetto culturale il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale italiana. Lo ha fatto con la sua relazione alla due giorni di lavori svoltasi a Roma venerd e sabato della scorsa settimana. Davanti a una cultura debole e quasi pericolosa in Europa che fa breccia nella mentalit comune, i credenti sono invitati a un supplemento di testimonianza che la mondializzazione offre come opportunit. Il vecchio continente tutto preso dalla gravissima crisi economica. Gli Stati arrancano e le famiglie pure, sotto il peso di una recessione che riduce i posti di lavoro e non lascia intravedere alcuna ripresa. Manca uno sguardo dinsieme sulluomo che sappia mettere le ali a un presente aggrovigliato su se stesso nella vana ricerca di una ricetta valida per tutti. Dimensione globale e territorio non dialogano. Le informazioni viaggiano per lo pi in rete, la vera rivoluzione di questi anni che ha mutato i conni di un recente passato. In questo nuovo contesto le persone spesso si ritrovano pi sole, un fatto quasi assurdo nellera della comunicazione spinta alleccesso. Esiste una ricetta per invertire una tendenza che sembra inarrestabile? A questa domanda incombente e incessante si risponde con il comandamento dellamore, ha ricordato il cardinal Ruini al termine del Forum. Questa la vera sda e soltanto mettendo in pratica il comandamento evangelico i cristiani diventano anche storicamente credibili. Accanto alla testimonianza risulta decisivo lannuncio. La Verit incontrata viene proposta, e non imposta, a tutti. S, perch la verit salvica per il cristianesimo non qualcosa costruito da noi ha detto ancora il cardinal Ruini qualcosa di ricevuto in dono e di escatologico. Lesperienza cristiana la risposta alla domanda di senso, presente nel cuore di ogni persona. Una domanda che oggi non emerge, sovrastata dal frastuono di un mondo assordante. Abbiamo bisogno di recuperare il silenzio. Un silenzio pieno di ascolto e di attenzione, di relazioni umane e di affetti. Abbiamo bisogno di recuperare la dimensione della comunit nella quale si vive e si sperimenta la condivisione. Davanti alla prima generazione incredula, si avverte la necessit di globalizzare lumano. Questa la vera sda: in un mondo in cui luomo si sente spesso abbandonato, possiamo portare il messaggio della speranza cristiana, lunica che non delude mai.

Profondit da record

Le nuove attrezzature dellazienda di perforazioni Leconomia ancora in fase di stagnazione e non ci sono segni evidenti di una ripresa nel breve periodo. In centro storico, a Cesena, sono tante le saracinesche abbassate. Fra i vari settori delleconomia, si distingue la Trevi che ha messo a punto un sistema per scavare pozzi e realizzare diaframmi in cemento a 250 metri sotto terra. Dopo linaugurazione del Technogym Village, adesso la Trevi mantiene altissimo il nome di Cesena nel mondo. Con loro altre aziende cesenati sono leader di settore (Orogel, Apofruit-Almaverde, Amadori, solo per citare le pi famose) a dimostrazione che anche nel mezzo di una tempesta epocale si possono trovare vie duscita. Primo piano alle pagine 4 e 5

Cesena 12 LeTende di Natale di Avsi si aprono al mondo Longiano 16 La citt si anima con cinquanta nativit

Cesena 14 A Roversano presepe inerpicato in collina Sarsina 17 Monteriolo Da mille a undici abitanti

Opinioni

Gioved 6 dicembre 2012

Imu e non profit, ossia la storia infinita


(FOTO SIR) Dopo numerose polemiche, interminabili modifiche passando per ben due bocciature del Consiglio di Stato, il ministero dellEconomia ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale il regolamento per il pagamento dellImu da parte delle organizzazioni non profit. Quindi di tutti gli enti non commerciali e non solo della Chiesa, anche se si continua a parlare solo degli immobili della Chiesa. Questo regolamento dovrebbe permettere la chiusura, entro breve, della procedura dinfrazione aperta, su sollecitazione dei Radicali italiani, dalla Commissione europea. La questione era nata in considerazione dellesenzione Imu stabilita allart. 7, comma 1, lettera i), del decreto legislativo n. 504/1992 che riguarda immobili utilizzati dagli enti non commerciali destinati esclusivamente allo svolgimento con modalit non commerciali di attivit assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive. Sulle vere attivit commerciali la Chiesa ha sempre pagato lIci, ora Imu. L8 dicembre entrer in vigore un decreto che regolamenta lImu per gli enti non commerciali e stabilisce le modalit e tutte le procedure per lapplicazione anche proporzionale, a partire dal 1 gennaio 2013, dellesenzione Imu per le unit immobiliari destinate allo svolgimento delle attivit istituzionali con modalit non commerciali. I requisiti richiesti sono diversi a seconda dellattivit non commerciale che svolge lente: attivit assistenziali e sanitarie, didattiche, ricettive, ricreative, sportive e culturali. Le strutture possono essere classificate come non commerciali (e quindi no-Imu) se

Limportanza di liberare la domenica

La Vignetta

Tempi di lavoro e di riposo condivisi dalla comunit


il terzo intervento in tre settimane. Il Corriere Cesenate mantiene vivo largomento. Lapertura domenicale dei negozi non ha dato i risultati sperati dal punto di vista degli incassi. Non porta vantaggi al commercio e mette in difficolt tante famiglie di lavoratori dipendenti e autonomi. Nellavvicinarci al Natale importante fare comprendere che custodire il riposo settimanale significa custodire la dignit della persona e la sua capacit di relazione, valido per tutti, credenti e non credenti. La scelta di liberalizzare completamente gli orari degli esercizi commerciali permettendo lapertura tutte le domeniche, le feste, e in notturna si rivelata sostanzialmente un fiasco per lItalia. Lo dicono i dati raccolti durante il 2012 su consumi e aperture di esercizi commerciali. La politica ha dato fiducia a uno dei primi provvedimenti del governo Monti ma non ha pi avuto il coraggio di tornare sulla vicenda (c stata loccasione di un ordine del giorno alla Camera nel mese di marzo 2012 bocciato sonoramente a larghissima maggioranza). Vista dal fronte delle famiglie una ricerca recente ha rilevato che solo il 30 per cento considera indispensabile poter fare acquisti di domenica. La maggior parte sfrutta questa opportunit per rinnovare il guardaroba e solo in seconda battuta per approvvigionarsi di cibo e dichiara che se i negozi fossero sempre aperti non cambierebbe comunque il giorno che dedica abitualmente alla spesa alimentare. I piccoli imprenditori del commercio si sono trovati probabilmente di fronte a costi maggiorati e a un carico di lavoro personale aumentato, senza apprezzabili risultati in cassa. Qualche cosa in pi potrebbe averlo ottenuto la grande distribuzione organizzata. Liniziativa Libera la domenica mira ad abolire questa liberalizzazione. Lobiettivo non quello di vietare aperture festive e domenicali, ma di renderle compatibili con effettive esigenze di imprenditori e consumatori. La nostra legislazione aveva gi stabilito a suo tempo il riposo settimanale di domenica, precisando le possibili deroghe: sanit e assistenza, trasporto pubblico, lavorazioni a ciclo continuo, ampi settori dellagricoltura, il comparto turistico, per citare solo alcuni casi, devono funzionare 365 allanno. Se non ci sono obiezioni di principio alla possibilit di lavorare anche di domenica per necessario che il metro di misura sia molto preciso. In caso contrario le situazioni di necessit sarebbero infinite. Una comunit ha bisogno di tempi di lavoro e di riposo condivisi da tutti proprio per rimanere una comunit. Anche in questo caso, come ci ha ricordato Benedetto XVI nella Caritas in Veritate, il primo capitale da

salvaguardare e valorizzare luomo, la persona, nella sua integrit. Spetta a noi evitare derive liberiste che rischiano di indebolire il sistema di valori su cui si riconoscono le nostre citt. Non fermiamoci solo alla firma che viene chiesta per riaprire una questione, perch un compito di civilt che si allarga alla dialettica fra imprenditori e sindacati, alla responsabilit delle istituzioni e al dibattito culturale, cui possiamo concorrere attivamente da cittadini impegnati a perseguire il bene comune. William Casanova

offrono il servizio gratis, ma anche se incassano un corrispettivo simbolico non superiore alla met della media dei prezzi dei listini delle attivit adiacenti. Uneccezione viene fatta per le strutture sanitarie accreditate o convenzionate che si sostituiscono al servizio sanitario nazionale. Per le attivit didattiche si richiede che lattivit sia paritaria, non vi siano discriminazioni, sia previsto laccoglimento di alunni portatori di handicap, siano rispettati i contratti di lavoro e che lattivit sia gratuita o con corrispettivi dimporto simbolico e tali da coprire solamente una frazione del costo effettivo. Negli immobili misti, dove cio vengono svolte attivit istituzionali e negli stessi luoghi si esercita un commercio di qualsiasi genere, lImu sar pagata secondo criteri proporzionali calcolati in base allo spazio, al numero dei soggetti coinvolti e al tempo di utilizzo. Ora si aspetta lemanazione di una successiva circolare applicativa per la spiegazione definitiva degli aspetti pratici. Una circolare che spiega un regolamento, che spiega a sua volta un decreto. Evviva! Ma allora le scuole paritarie, tutte le nostre materne parrocchiali, devono pagare lImu? Se questo fosse vero, si creerebbe unevidente disparit di trattamento tra le scuole non statali e quelle statali, pur in un contesto che dovrebbe metterle sullo stesso piano. La legge di parit, infatti, nel 2000 definiva il sistema nazionale distruzione come composto da scuole gestite dallo Stato e da altri enti e privati sullo stesso piano, paritarie appunto. Le scuole statali, infatti, lImu non la pagano e dunque non si capisce perch dovrebbero pagarla le scuole non statali ugualmente pubbliche. Il problema linterpretazione di importo simbolico e tale da coprire solamente una frazione del costo effettivo. Su questo specifico punto - conferma il senatore Marco Stradiotto, membro della Commissione finanze e tesoro mi sono confrontato con Vieri Ceriani, sottosegretario allEconomia con delega sullImu, il quale ribadisce limportanza di comprendere che il pagamento deve essere una frazione del costo. Quindi, se le rette non arrivano al 100% dei costi, vuol dire che queste coprono solamente una frazione del costo, ci significa niente Imu. Allora basta con questa storia su Imu e Chiesa, non ne possiamo davvero pi. Sergio Criveller

Gioved 6 dicembre 2012

Primo piano

Il presidente della Camera di Commercio: "Le nostre imprese sono sottodimensionate.Serve una maggior consistenza e pi propensione allexport"

Contro la crisi aziende pi grandi


n Italia falliscono mille imprese al giorno". E la provincia di Forl-Cesena, che pure aveva evitato le primissime fasi della crisi, non unisola felice. I numeri sullo stato delleconomia provinciale, con un occhio specifico al comprensorio cesenate, sono stati illustrati la settimana scorsa, nella sede di Cesena della Camera di Commercio, dal presidente camerale Alberto Zambianchi. I principali indicatori riportano una selva di segni negativi. A fine ottobre nel cesenate erano attive 22mila 112 imprese, in calo dell1,6 per cento rispetto allo stesso periodo dellanno precedente (stessa percentuale per il dato provinciale, contro il calo dello 0,6 per cento in Italia e il calo dell1 per cento in regione). La produzione nel territorio cesenate calata dell1,7 per cento rispetto a fine

"I

ottobre 2011, mentre il fatturato segna un timido pi 0,4 per cento e loccupazione un pi 0,9 per cento. "Per quanto riguarda la produzione, grazie ad agroalimentare e calzature, il cesenate presenta comunque numeri migliori che nel resto della provincia", ha sottolineato Zambianchi. Il numero delle imprese agricole cesenati in calo del 3,5 per cento (3,1 in meno in provincia), le attivit manifatturiere calano del 2,1 per cento (3,1 in meno in provincia), le imprese di costruzioni segnano 2,9 per cento in meno (3,1 in meno in provincia), il commercio cede l1,2 per cento (meno 1,5 in provincia), i trasporti e limmagazzinaggio scivolano dell1,7 per cento (2,5 in meno in provincia), le attivit immobiliari si contraggono dell1 per cento (0,7 in meno in provincia). Timidi segnali arrivano solo dai servizi di alloggio e ristorazione (pi 0,1 per cento nel cesenate, pi 0,8 in provincia), dalle attivit finanziarie e assicurative (pi 0,3 per cento contro un calo provinciale dell1,4), dalle

attivit professionali, scientifiche e tecniche (pi 1,1 per cento, 1,7 in provincia). Preoccupa la flessione, nel terzo trimestre 2012, nelle vendite del commercio al dettaglio in provincia: meno 8,3 per cento. Maggiori difficolt per la piccola e media distribuzione (11,6 per cento e -8), rispetto alla grande distribuzione (-2,8). Nuvoloni neri sul fronte delloccupazione A fine giugno 2012, il centro per limpiego rilevava 32mila 366 disoccupati, in crescita del 13,9 per cento su giugno 2011. Prima della crisi i disoccupati in provincia oscillavano tra i 20 e i 25mila. A questi si aggiungono 4268 iscritti alle liste di mobilit, in crescita del 14,1 per cento. Le assunzioni nei primi sei mesi sono calate dell1,8 per cento, mentre le ore di cassa integrazione ordinarie nei primi 9 mesi del 2012 sono quasi raddoppiate, con un pi 96,2 per cento. Le ore di Cig totali da gennaio a settembre sfiorano i sei milioni, in crescita dell11 per cento. Un quadro fosco quello dellosservatorio congiunturale,

eppure specchio fedele della realt: "I nostri numeri sono corroborati da interviste agli addetti ai lavori, non si tratta di semplici statistiche". Ancora una volta lattenzione della Camera si concentra sulla dimensione delle imprese locali, troppo piccole: "Il 94 per cento delle imprese in provincia - ha spiegato il presidente Zambianchi - ha meno di 10 addetti. Per il 54,5 per cento si tratta addirittura di imprese individuali. Quando unimpresa piccola e sottocapitalizzata diventa anche pi difficile accedere al credito ed esportare nei mercati esteri". Quello delle dimensioni, per, un problema tipicamente italiano: il 95,3 per cento delle imprese italiane ha meno di 10 addetti. "Per avere successo - ha suggerito Zambianchi ci sono una serie di fattori sui quali puntare. Le giuste dimensioni dimpresa, una buona capacit di export, produzioni di qualit, scommettere sullinnovazione, buoni rapporti sociali con il territorio. Le imprese che presentano queste caratteristiche sono quelle che stanno riuscendo a superare senza danni la crisi economica". Michelangelo Bucci

Economia: per le imprese locali una leggera ripresa nel 2013


Credito: la Camera di Commercio d una mano alle aziende
Le previsioni per il 2013 indicano una timida ripresa (pi 0,5 per cento) per la provincia di Forl-Cesena. Eppure la situazione resta drammatica. Per questo la Camera di Commercio pronta a sostenere le imprese l dove pi urgente: nellaccesso al credito.

"Questanno spalmeremo sul territorio interventi per 3,5 milioni di euro - ha spiegato il presidente Zambianchi - con interventi anche sulle cooperative di garanzia, al ne di migliorare il merito di credito e abbassare il costo del denaro". Interventi quanto mai necessari se si tiene conto che i rubinetti dei prestiti sono sempre pi chiusi, specie per le piccole e medie imprese (-3,7 per cento di prestiti ad agosto 2012 sullanno precedente, contro il -3,1 per cento dei presiti alle imprese medio-grandi). In provincia a soffrire di pi della stretta

creditizia il settore delle costruzioni: -5,9 per cento. Le sofferenze (prestiti non rimborsati) sul totale degli impieghi sono in linea, in provincia, con il resto del Paese: 5,69 per cento contro il 5,91 regionale e il 5,71 nazionale. "Questo 2012 preoccupa per il perdurare della crisi, specie nelledilizia e nei trasporti, un forte calo della redditivit, criticit occupazionali, stretta creditizia. Il tutto in uno scenario internazionale difficile, con il perdurare della crisi del debito".

EURO CATERING
di Giunchi Fabio e Piraccini Davide
Via Fossa 87/c - 47042 Cesena co (Fc) tel. 0547 86470 - fax 0547 683041 - E-mail euro-catering@ scali.it

Si confezionano cesti natalizi

Primo piano
La crisi non accenna a mollare la sua presa. In centro storico, a Cesena, aumentano le saracinesche abbassate. Cresce di giorno in giorno la preoccupazione in molte famiglie. Il futuro si fa molto incerto, come dimostrano anche i dati diffusi la scorsa settimana dalla Camera di commercio. In queste due pagine affrontiamo, per lennesima volta, il tema della crisi economica. Lo facciamo non certo per pian-

Gioved 6 dicembre 2012

IL COMMENTO | Aziende che lottano


gerci addosso, ma per tentare la via della risalita. Accanto alle vetrine che restano chiuse nonostante lavvicinarsi del Natale, qualche luce di speranza ancora si intravvede in fondo al tunnel. Si avverte una lieve ripresa nelle aziende del nostro territorio, anche se molti settori sono ancora in profonda depressione. Si deve puntare sulla qualit, larma vincente del Made in Italy. E sul genio italico che occorre fare leva, soprattutto quando si diffonde un certo sconforto e pare impossibile trovare soluzioni percorribili. Un esempio eloquente quel che acca-

di Francesco Zanotti
de alla Trevi, la societ sorta nel 1959 da unidea di Davide Trevisani, da anni vertici nel settore delle fondazioni. Il messaggio che giunge dallazienda che ha la sua sede a Pievesestina, con filiali in tutto il mondo, chiarissimo: davanti a una richiesta, anche ambiziosa, ci si mette in gioco.

Ci si ingegna, ci si tuffa in una nuova ricerca per portare a casa una commessa importante. E quello che accaduto in questi mesi alla Trevi che ha realizzato una perforatrice in grado di costruire diaframmi di cemento armato a una profondit di 250 metri. Un record assoluto che con ogni probabilit consentir al marchio cesenate di acquisire un importantissimo lavoro in Medio oriente.

Per il gruppo Trevi un nuovo record nelle perforazioni


C un settore che cerca di scrollarsi di dosso la crisi: la ditta di Pievesestina ora in grado di scavare fino a 250 metri e realizzare diaframmi in cemento
Cristiano Riciputi
cavare un pozzo profondo 250 metri rimanendo perfettamente in verticale non era mai stato fatto prima di oggi, al mondo. E tanto meno avere la tecnologia adeguata per costruire, a quella profondit, diaframmi in cemento. C riuscito il gruppo Trevi di Cesena grazie allimpiego di una Idrofresa di nuova concezione. La profondit di 250 metri supera di oltre 100 metri il limite massimo mai raggiunto prima, e rappresenta un primato tanto sul piano applicativo, quanto su quello delle conoscenze necessarie alla gestione del terreno e delle acque profonde, cos come della messa a punto di una macchina capace di scavare fino a quella quota. La presentazione della nuova attrezzatura avvenuta la scorsa settimana alla presenza di Davide e Simone Trevisani. Dopo unillustrazione in sede a Pievesestina attraverso un filmato, ci si trasferiti a Gualdo, in Valle del Savio, ma in territorio di Roncofreddo, per vedere le nuove attrezzature in grado di scavare pozzi fino a 250 metri di profondit e iniettare calcestruzzo. "La parte difficile di tutto il progetto - ha spiegato Trevisani - sta nel realizzare il pozzo esattamente sulla verticale del punto di scavo in superficie. La tolleranza massima prevista di 2,5 centimetri in obliquo rispetto alla linea retta verticale. Si tratta di uno scarto irrisorio se si pensa che i rotori di scavo sono agganciati con cavi di acciaio e nel terreno, in pratica, si comportano come un pendolo. Gli sfasamenti pi consistenti si rischia di averli quando si incontrano strati di roccia molto dura. E poi vi

Foto di gruppo dei partecipanti alla presentazione del nuovo sistema di perforazione

lincognita calore: pi si scende nel terreno e pi aumenta la temperatura, anche quella degli organi escavatori". Al mondo solo unaltra ditta, tedesca, in grado di raggiungere elevate profondit e iniettare strati di calcestruzzo. Ma fino ad oggi lo scavo pi profondo era arrivato a 136 metri. Gli ingegneri della Trevi si sono messi al lavoro quando un Ministero dei lavori pubblici di una nazione in Medio oriente ha fatto sapere che una loro diga necessitava di manutenzione. Lacqua si sta infiltrando a 250 metri di profondit e occorre unazienda in grado di fare uno scavo e porre dei diaframmi contenitivi a quella quota per una lunghezza di alcuni chilometri. E, ad oggi, solo la Trevi pare essere in grado di eseguire lavori del genere. Solo fra qualche tempo si sapr a chi sar dato lappalto. Limportante sperimentazione, condotta in un sito che riproduceva reali condizioni operative perch caratterizzato da geologia varia e significativa, particolarmente rilevante ed stata sostenuta sul piano scientifico dallUniversit di Bologna, dal

Politecnico di Torino e dalla Universit Politecnica delle Marche. Il traguardo raggiunto, oltre a dare ulteriore conferma della grande sinergia fra le varie divisioni del Gruppo, apre altres nuovi orizzonti per la partecipazione alle pi complesse commesse internazionali. In particolare la nuova tecnologia messa a punto da Trevi Spa permette ai progettisti di affrontare e risolvere problematiche geotecniche complesse, legate a infrastrutture idrauliche e non solo in cui necessario la realizzazione di diaframmi di impermeabilizzazione profondi. SoilMec, la divisione meccanica del Gruppo, ha dato un contributo fondamentale al successo ottenuto dalla sperimentazione, grazie alla messa a punto della nuova idrofresa Tiger, ad oggi lunica al mondo in grado di raggiungere la profondit di 250 metri. Leccezionale risultato stato possibile anche grazie al sistema DMS (Brevetto SoilMec) che ha permesso il monitoraggio in tempo reale dei principali parametri di scavo, consentendo il controllo della verticalit.

Cesena, proposte per il commercio


Economia che arranca, vetrine in centro che si spengono e si chiudono con tristi fogli di carta e pagine di vecchi giornali. Per contrastare questo fenomeno, che a Cesena conta circa 100 negozi sfitti su un totale di 500, il Comune corre hai ripari e riconosce ai proprietari un bonus di 13 euro per ogni metro quadrato di superficie per chi concede in comodato gratuito il negozio per esposizioni e mostre. Nei giorni scorsi stata accesa una delle prime vetrine che sfruttano questa opportunit. In Corte Piero della Francesca, la Cna ha allestito una vetrina con esposizione di tele stampate, ceramica, vetri artistici, accessori moda: uno spazio pensato per far conoscere lartigianato locale di qualit. Le imprese aderenti al progetto, coordinate da Maria Letizia Antoniacci presidente di Cna artistico e tradizionale, sono Artidea, che si occupa di ceramica artistica; Vetroerre, di lavorazione vetro; Salf, di lavorazione del ferro; la Stamperia Braghittoni per la stampa tradizionale a ruggine; Il Gufo, specializzato nella lavorazione della cartapesta; Gianluca Buratti, che si occupa di restauro di mobili e orologi; Unica come te per la lavorazione della stoffa e la vetreria Bondi per la lavorazione del vetro. "Occorre far tornare in centro - afferma Roberto Sanulli, segretario Cna - lartigianato di qualit. Se facciamo mente locale, ci accorgiamo che gli artigiani sono scappati dal centro, per lo pi a causa di affitti alti. Con la crisi economica il problema delle vetrine vuote si acuito. Se si abbassassero i canoni di locazione si potrebbe pensare a una serie di iniziative per far tornare gli artigiani in centro. Sono loro quelli che caratterizzano una citt, non tanto le catene di abbigliamento che si ripetono in tutte le citt".

Confartigianato Imprese alle strette


"La salassata di Natale. Altro che tredicesime: per le imprese artigiane si materializza lo spettro delle feste pi belle dellanno con movimenti finanziari che Foto darchivio per imprese con dipendenti arrivano a diverse decine di migliaia di euro". Lo afferma la Confartigianato cesenate che ha effettuato i conteggi degli emolumenti da pagare a fine anno a carico delle imprese. Un dato probante quello medio che riguarda imprese con quattro, cinque dipendenti e immobili di propriet che arrivano a 50-60 mila euro. Se i dipendenti sono tre limporto scende a 45-50mila, ma resta improbo. "I conti su dati reali per unimpresa campione sono presto fatti informa il segretario Stefano Bernacci -. Acconto Irap 5600 euro, acconto Irpef soci-titolare 18mila euro; acconto Inps soci-titolare 12mila euro. Stipendi novembre 6.400 euro, tredicesima 4.300 euro. "Contributi ai dipendenti 3000 euro, pagamento Iva 4000 euro, Imu 2600 euro. In tutto fanno 56mila euro, e servirebbe un mutuo, se li concedessero. Si tratta di scadenze ravvicinate, che incombono come una spada di Damocle".

Gioved 6 dicembre 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Solennit dellImmacolata
Celebrazioni in Cattedrale a Cesena, da gioved 6 a sabato 8 dicembre
Iniziata sabato 1 dicembre, prosegue fino a venerd 7 dicembre il Settenario in preparazione alla festa dellImmacolata (sabato 8 dicembre). In Cattedrale a Cesena, ogni giorno alle 10 messa con omelia celebrata dal parroco canonico Giordano Amati; alle 17 rosario solenne e vespro; alle 18 messa con omelia celebrata da monsignor Onerio Manduca, penitenziere. Gioved 6 dicembre: alle 16,30 adorazione eucaristica nella cappella della Madonna del Popolo. Venerd 7 dicembre: alle 18 messa della solennit. Sabato 8 dicembre, celebrazione della solennit: messe alle 7, 8,30, 11,30. Alle 10 messa parrocchiale. Alle 16,45 rosario, canto delle litanie e alle 17,15 vespro. Alle 18 messa solenne presieduta dal vescovo Douglas Regattieri (la schola diocesana Santa Cecilia diretta dal maestro Gianni Della Vittoria eseguir la Missa Salve Regina del maestro Valeriano Tassani).

IL GIORNO DEL SIGNORE


Grandi cose ha fatto il Signore per noi
Domenica 9 dicembre - Anno C 2 Domenica di Avvento Bar 5,1-9; Sal 125; Fil 1,4-6.8-11; Lc 3,1-6
Vogliono indicare una preparazione spirituale. Si tratta di rendere la nostra volont pi conforme alla volont di Dio. necessario assumere un atteggiamento di umilt, di allontanare da noi lorgoglio e ogni forma di autosufficienza. In queste settimane cosa possiamo correggere nei nostri atteggiamenti? Cominciamo dalla preghiera e dalla carit. In questo Avvento, Giovanni Battista da ascoltare e da imitare. Come lui si lasciato invadere dalla Parola di Dio, cos anche noi: ritorniamo allascolto abbondante della Parola di Dio, sia personalmente sia nelle nostre famiglie. La Parola di Dio, che Cristo. Come Giovanni, ritiriamoci nel deserto. Accontentiamoci di ci che essenziale, stacchiamoci da ci che superfluo e impariamo ad essere solidali con gli altri e a condividere anche i beni con loro. La conversione che il Battista chiede e vive radicale. In questo Avvento non limitiamoci a qualche facile e superficiale ritocchino del nostro essere discepoli di Ges, ma lasciamoci potare dal Signore, per un rinnovamento profondo. Non accontentiamoci mai di un Cristianesimo allacqua di rose, ma inseguiamo la meta alta della vita cristiana, che quella della santit. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 10 dicembre Madonna di Loreto Is 35,1-10; Sal 84; Lc 5,17-26 marted 11 San Damaso Is 40,1-11; Sal 95; Mt 18,12-14 mercoled 12 B.V. Maria di Guadalupe Is 40,25-31; Sal 102; Mt 11,28-30 gioved 13 santa Lucia Is 41,13-20; Sal 144; Mt 11,11-15 venerd 14 san Giovanni della Croce Is 48,17-19; Sal 1; Mt 11,16-19 sabato 15 Santa Paola di Rosa Sir 48,1-4.9-11; Sal 79; Mt 17,10-13

Padre Guglielmo Gattiani


In Cattedrale, celebrazione presieduta dal vescovo Douglas
Nel 13esimo anniversario della morte del servo di Dio padre Guglielmo ofm cappuccino e a un anno dalla chiusura del processo diocesano per la sua Causa di Beatificazione e Canonizzazione del Servo di Dio, il vescovo Douglas Regattieri celebrer una messa in Cattedrale a Cesena sabato 15 dicembre alle 18. Gli amici di padre Guglielmo si incontro il giorno 15 di ogni mese alle 21 presso il convento dei cappuccini.

n questa seconda domenica di Avvento la Chiesa ci invita alla fiducia e allimpegno: alla fiducia perch Dio promette la venuta del Figlio. Allimpegno, perch questa venuta deve essere preparata. La prima Lettura un invito alla fiducia. Predice le meraviglie che Dio vuole realizzare. Gerusalemme in lutto, perch stata devastata e i suoi figli sono in esilio. Il profeta la invita a deporre il lutto e a rivestirsi dello splendore della gloria. Nel Vangelo vediamo che le promesse di Dio stanno per compiersi. Levangelista ci d anche lindicazione temporale. Il momento solenne, decisivo: Dio sta per intervenire. In che modo? La Parola di Dio scese su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Preparava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. La voce del Battista spinge a un serio impegno di preparazione che noi dobbiamo ascoltare in queste settimane che precedono il Natale. Bisogna preparare la via del Signore, raddrizzare i sentieri, riempire i burroni, abbassare i monti e i colli, rendere diritti i sentieri tortuosi.

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Basilica del Monte, San Pietro, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi, Case Finali, San Rocco 15.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, Osservanza, San Domenico 18.30 San Pietro, Cappuccini 19.00 San Bartolo 10 San Giacomo, Villamarina; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Santa Maria Goretti, Boschetto, Gatteo Mare; 17,30 Cappuccini; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 17 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11;
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi Cappella dellospedale (no al sabato) 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Giuseppe Artigiano, San Rocco, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X

Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9 / 11 / 18; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Pieve di Rivoschio: 16 Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30

San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18.30 (sabato); 8 / 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola: 9.30; Capanne: 11.00

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero, Formignano 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.30 Istituto Lugaresi 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata 18.00 Cattedrale, San Domenico, Santo Stefano, San Rocco, SantEgidio, Case Finali, Osservanza, San Vittore, Bulgarn, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, San Bartolo, Santa Maria della Speranza 19.00 San Giorgio, Tipano 20.00 San Giovanni Bono, San Pio X, Villachiaviche, Gattolino, Bulgaria, Calisese, Ruffio, Pievesestina, Pioppa 20.30 Ponte Pietra

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, Gattolino, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina; 17,30 Cappuccini, Santa Maria Goretti; 18 San Giacomo; 16 San Giuseppe; 20 Sala; 20,30 Villalta; Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini; 9,45 Cannucceto, San Pietro;

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 43 del 29 novembre 2012: 7.400 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 4 dicembre 2012

Vita della Diocesi

Gioved 6 dicembre 2012

Tornano iDialoghi per la citt con ospiti deccezione


Avvier la serie il cardinale Camillo Ruini. Poi ci saranno lex calciatore Sandro Mazzola, il Rettore dellUniversit di Bologna e lastrofisico Marco Bersanelli
efinito il calendario dei Dialoghi per la citt. Attorno al tema generale Dilatare gli spazi della ragione si svolger il quinto ciclo di incontri promosso dalla Diocesi. Si tratta di quattro serate che si terranno tutte il luned sera (inizio alle 21) nellaula magna della facolt di Psicologia, a Cesena. La serie 2013 si aprir il 14 gennaio con la presenza del cardinale Camillo Ruini, gi

presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei), ora alla guida del Progetto culturale della Chiesa italiana e coordinatore della Commissione internazionale sulle apparizioni di Medjugorje. La fede in Dio, oggi il tema assegnato al porporato che certamente non mancher di parlare anche del suo recente volume Intervista su Dio (Edizioni Mondadori), pubblicato in settembre assieme al giornalista Andrea Galli. Luned 11 febbraio sar la volta di un grande campione nel passato. Verr a Cesena lex calciatore dellInter e della Nazionale, Sandro Mazzola che ha compiuto da poco 70 anni e per loccasione ha rilasciato unampia e toccante intervista a Massimiliano Castellani, giornalista del quotidiano Avvenire. Anche Mazzola ha da poco pubblicato un volume realizzato con laiuto del telecronista Rai, Marco Civoli. Ho

scelto di stare davanti alla porta il titolo del libro per i tipi della Limina editore. Le ragioni del cuore il titolo della sua serata. Luned 11 marzo toccher al rettore dellUniversit di Bologna, il professor Ivano Dionigi, insigne latinista. Proprio per questa sua peculiarit, papa Benedetto XVI il 10 novembre lo nominato presidente della Pontificia Accademia di latinit istituita perch si riscontra un rinnovato interesse per la cultura e la lingua latina. Chiuder il ciclo 2013 il professor Marco Bersanelli, astrofisico, gi presente a Cesena in affollatissimi incontri pubblici con gli studenti delle scuole superiori. Bersanelli docente allUniversit di Milano. Si occupa in particolare dellosservazione delluniverso primordiale e ha partecipato a due spedizioni scientifiche al Polo Sud. Attualmente collabora con lAgenzia spaziale europea.

Un incontro alCantiere 411delle suore francescane della Sacra Famiglia

Brevi
Appuntamento per tutti i fidanzati
Un momento di incontro, conoscenza e festa, proposto a tutti i danzati della diocesi, per sperimentare che il cammino condiviso da tanti sostegno e slancio per il quotidiano. Lappuntamento, promosso dallUfficio Famiglia e dallAzione Cattolica diocesana, per sabato 15 dicembre alle 18,30 presso il seminario diocesano. Relazione, cena, festa e preghiera offriranno alla serata motivo di fraternit. Per informazioni e adesioni: massimiliano@turci.biz, ftappi@libero.it

eresa Lega Madre T

Donna di speranza per il nostro tempo

GIOVED 22 NOVEMBRE, CANTIERE 411 IN VIA MAMI A CESENA: DA SINISTRA, CARMELINA LABRUZZO, PADRE MICHELE COLAGIOVANNI, IL VESCOVO DOUGLAS, LA MADRE SUPERIORA DELLE SUORE DELLA SACRA FAMIGLIA MADRE LINA ORFEI E, IN PIEDI, SUOR ORNELLA FIUMANA

Incontro per separati soli


Luned 10 dicembre alle 21, presso il seminario di Cesena, si terr lincontro del percorso per separati soli, organizzato dallUfficio di pastorale familiare. Tema dellappuntamento: Dio ha posto la sua dimora in mezzo a noi. Per info: Ivan e Floriana Bartoletti Stella, ivanbs@tiscali.it; tel. 0547 662055 - 388 6186867.

La serata si conclusa con linvito a partecipare uor Maria Teresa Lega: donna di speranza per il nostro tempo. il 13 gennaio 2013, alla chiusura dellanno Bicentenario Di vita in vita, duecento anni per la vita. nella solenne celebrazione eucaristica presieduta Questo il titolo della tavola rotonda che si svolta nei giorni scorsi, dal vescovo Douglas, nella Cattedrale di Cesena. presso il Cantiere 411, in via Mami a Cesena, promossa dalle suore Per chi fosse interessato, lintero evento francescane della Sacra Famiglia in occasione del bicentenario di nascita della Fondatrice della Congregazione, suor Maria Teresa Lega. visibile in streaming sul sito delle suore Lincontro - al quale hanno partecipato monsignor Douglas della Sacra Famiglia (www.suoresacrafamiglia.it) Regattieri, padre Michele Colagiovanni, missionario del Preziosissimo Sangue e Carmelina ha gettato luci per comprendere e Labruzzo, presidente dellAzione storia che appunto storia sacra perch accogliere le sfide di questo nostro tempo Cattolica diocesana ed educatrice - resa tale dalla presenza di Dio. Cos ha storico che chiede sempre pi testimoni stato voluto per condividere la ricchezza letto la storia suor Maria Teresa Lega: ha di speranza, di amore e di carit umana, spirituale e apostolica di suor vissuto la storia e dalla storia ha tratto la attraverso un impegno educativo, Maria Teresa Lega che, nella Chiesa, ha sapienza e questo lha animata a riempire pastorale, missionario, politico e generato e genera lidentit delle suore questa storia di speranza. Se la fede non ci caritativo. della Sacra Famiglia. permette di dormire sonni tranquilli In particolare, il vescovo Douglas ha La superiora generale madre Lina Orfei, perch ci fa cogliere nelloggi continue evidenziato, nella rilettura delle tappe nel suo saluto iniziale, ha ricordato che sfide e stimoli, la speranza ci fa costruire fondamentali della vita di suor Teresa, nella Gaudium et Spes si legge, tra laltro: nella storia opere di carit perch la uno schema che si ripete nelle vite dei Si pu pensare legittimamente che il speranza voglia di costruire nelloggi il santi: lincontro con Dio che richiede futuro dellumanit sia riposto nelle presente di Dio. E infine, Carmelina Labruzzo ha silenzio, preghiera, tempi lunghi di mani di coloro che sono capaci di tratteggiato, in toni vivaci e con maturazione, la formazione di una solida trasmettere alle generazioni di domani entusiasmo, il volto di suor Maria Teresa spiritualit, la fecondit nelle opere di ragioni di vita e di speranza (Gs, 31) e come educatrice. A partire dai suoi scritti carit dove lincontro con i poveri papa Benedetto XVI afferma che dal ne emerso un bel vademecum per scintilla, occasione che scardina le nostre nostro operare scaturisce speranza per qualsiasi educatore e testimone della fede sicurezze e ci conduce su vie nuove. La noi e per gli altri e che la speranza che potremmo racchiudere in alcuni radicalit del Vangelo e lanelito alla attiva quando ci adoperiamo affinch il slogan: santit, la ricerca dellessenziale mondo diventi un po pi luminoso e - compromettersi perch non si educa nellincontro personale con Cristo e umano (Spe salvi, 35). A partire da stando a guardare. lumilt semplice nella povert, tratto queste esortazioni forti alla speranza - fare un lavoro di squadra perch non si questo tipicamente francescano, sono le stato gettato uno sguardo sullesperienza educa da battitori liberi. coordinate fondamentali della vocazione vissuta da suor Maria Teresa Lega, la - saper attendere di una attesa feconda di suor Teresa che lhanno condotta a quale, nella seconda met dell800, per vedere bene, per vedere oltre. dare vita a una famiglia religiosa che si fidandosi di Colui che lha chiamata, - educare credere nella forza del seme e dedicasse alla cura e alleducazione della stata pronta a investire sul futuro, della semina, coltivare radici profonde e bambine povere del suo tempo. attraverso una lettura lucida del presente dare tempo, senza aspettarsi nulla in Padre Michele Colagiovanni, autore di che non le ha risparmiato fatica, cambio. una biografia di suor Teresa dal titolo Le sofferenza, incomprensione e delusioni, Tutto grazia e Per Ges tutto poco, due vite di Madre Teresa Lega che facendosi carico delleducazione delle amava ripetere suor Maria Teresa. Lei ha proprio in questi giorni esce in una nuova figlie del popolo che costituiscono la saputo ascoltare i suoi sogni e ci invita a edizione per i tipi delleditrice Stilgraf di parte pi debole della societ. far diventare anche questo un metodo Cesena, ha invitato a guardare, attraverso La pluralit degli interventi, che si sono educativo: ascoltare i sogni, quelli grandi, la vicenda di suor Teresa, la storia come susseguiti, ha progressivamente quelli che Dio mette nel nostro cuore che storia sacra. Solo lo sguardo della fede sottolineato vari aspetti utili non tanto e sono via per realizzare il Regno di Dio su permette di cogliere, nellintreccio delle non solo per fare memoria di una questa terra. vicende e dei giorni, la presenza viva e esperienza personale segnata suor Ornella Fiumana vivificante dello Spirito che conduce la dallirrompere di Dio, quanto piuttosto

Scuola di preghiera Alla ricerca del tesoro


I giovani nellanno della Fede. Per vivere pienamente lAnno della Fede, spinti dalle parole del Papa e dallincoraggiamento del vescovo Douglas, le suore francescane della Sacra Famiglia, lAzione Cattolica, lUfficio diocesano per le Vocazioni e il Servizio per la Pastorale giovanile offrono a tutti i giovani (18-35 anni) lesperienza di Scuola di preghiera Il Tesoro, per imparare ad ascoltare la Parola di Dio e farla risuonare nella vita quotidiana. La scuola di preghiera consiste in un incontro mensile (la domenica nel tardo pomeriggio) e prevede una breve accoglienza e introduzione-preparazione, il momento di preghiera e un momento di fraternit e condivisione della cena. Sono invitati tutti i giovani che desiderano un momento di formazione e di ricarica spirituale. Il prossimo appuntamento per domenica 16 dicembre alle 18,30 presso il Cantiere 411 (via Mami 403, Cesena).

Azione Cattolica, Lectio Divina al Suffragio


Date voi stessi da mangiare: lAzione Cattolica diocesana ha avviato una serie di momenti di preghiera Lectio divina, guidati dallassistente diocesano di Ac monsignor Sauro Rossi. La Lectio si tiene, una volta al mese, al Santuario del Suffragio in via Zefferino Re, a Cesena. Il primo appuntamento per venerd 14 dicembre alle 21. In particolare, la riessione sar sul passo del Vangelo di Luca 15,11-32 Il padre misericordioso.

Gioved 6 dicembre 2012

Vita della Chiesa


Nomina Nuovo vescovo a Ferrara
monsignor Negri, gi pastore a San Marino
Monsignor Luigi Negri, 71 anni, dal 2005 vescovo di San MarinoMontefeltro, stato nominato venerd 30 novembre arcivescovo di FerraraComacchio, quale successore di monsignor Paolo Rabitti, che lo scorso 28 ottobre ha compiuto 76 anni. La decisione di Benedetto XVI, che nel 2011 visit San Marino e che ha incluso il nome di Negri tra i vescovi del recente Sinodo sulla nuova evangelizzazione. Negri nato a Milano nel 1941, ha frequentato il liceo classico G. Berchet, dove ha conosciuto don Luigi Giussani e ha aderito al movimento di Giovent Studentesca, divenendone dal 1965 al 1967 il primo presidente diocesano. Si laureato allUniversit Cattolica di Milano ed diventato assistente del professor Gustavo Bontadini. Entrato nel seminario di Venegono stato ordinato sacerdote nel giugno 1972 dal cardinale Giovanni Colombo. Nellambito di Comunione e Liberazione si occupato in particolare del settore scuola ed educazione, impegnandosi anche nella costituzione di una scuola permanente sulla dottrina sociale della Chiesa. Ha insegnato storia, filosofia e introduzione alla teologia alla Cattolica di Milano. autore di molti saggi e volumi, in particolare sul magistero di papa Wojtyla. Nel 2005 Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo di San Marino e Montefeltro, e il cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, lha consacrato vescovo. Ora succede per la seconda volta a monsignor Rabitti, il quale dal 1995 al 2004 stato vescovo di San Marino e Montefeltro, per essere poi trasferito a Ferrara.

Sabato 8 dicembre la Chiesa celebra ivit la solennit dellImmacolata Concezione Fest

Maria ci aiuta ad accogliere Ges nella nostra vita


8 dicembre 1854, Pio IX proclamava la donna vestita di sole esente dal peccato originale, tutta pura, cio Immacolata, con la bolla Ineffabilis Deus. Fu un atto di grande fede e di estremo coraggio, che suscit gioia tra il popolo cristiano e indignazione tra i nemici del Cristianesimo, perch il dogma dellImmacolata era una diretta smentita dei naturalisti e dei materialisti. Dopo quattro anni, una prodigiosa conferma del dogma avvenne l11

A LOURDES, IL 25 MARZO 1858, LA BEATA VERGINE SI PRESENTA ALLA PICCOLA BERNADETTE SOUBIROUS DICENDO: IO SONO LIMMACOLATA CONCEZIONE

Benedetto XVI, spiegando il significato della festa dellImmacolata, ha citato Dante:Umile e alta pi che creaturae percipiena di grazia, il nome pi bello della Vergine, nome che le ha dato Dio stesso
febbraio 1858 alla grotta di Lourdes, quando la Vergine si present a Bernadette come Immacolata Concezione. Dopo la proclamazione del dogma, fu fatta erigere a Roma, in piazza di Spagna, una statua della Madonna Immacolata, e cos fu fatto anche in tante altre piazze dellEuropa. La rinascita cattolica in Italia e in Europa avviene sotto il segno dellImmacolata. Ogni anno all8 dicembre proviamo grande gioia nel festeggiare lImmacolata Concezione di Maria, la solennit mariana per eccellenza del tempo di Avvento, che vuole predisporci a vivere con lo stesso Cuore Immacolato della Madre laccoglienza di Ges nella nostra vita, cio il senso vero del Natale. Per cogliere il significato della festa dellImmacolata, occorre richiamare alla nostra mente ci che successo allinizio della storia umana: il peccato dei progenitori Adamo ed Eva. Dopo questo peccato, Dio maled il serpente e disse: Io porr inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe (Gen 3,15). Questo il primo annuncio della salvezza, la promessa del Messia che dovr venire. Il Salvatore nascer da una donna. E questa sar Colei che schiaccer la testa al serpente, sintesi e principio di ogni male. Nonostante ci, Dio ha continuato ad amare luomo, fino al punto di progettare di inviare il suo Figlio Unigenito sulla terra. Dante nel suo inno di lode alla Vergine dice: Tu Maria hai cos nobilitato la natura umana che Dio stesso non disdegn di prendere in te forma umana, decaduta per colpa originale (Tu se colei che lumana natura / nobilitasti s, che l suo Fattore / non disdegn di farsi sua fattura). Nella liturgia odierna, levangelista Luca scrive: Rallegrati, o piena di grazia, il Signore con te (Lc 1,28). A queste parole Ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto e che cosa significassero quelle straordinarie parole e in particolare lespressione piena di grazia. Langelo le disse: Non temere, Maria, perch tu hai trovato grazia presso Dio. Ecco, concepirai un figlio, lo dirai alla luce e lo chiamerai Ges Lo Spirito Santo scender su di te, su te stender la sua ombra la

potenza dellAltissimo. Allora Maria disse: Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga per me secondo la tua parola (Lc 1,38). Troviamo scritte queste parole in latino dietro laltare maggiore della chiesa dellOsservanza, a Cesena: Ecce ancilla Domini fiat mihi secundum verbum tuum. Benedetto XVI, spiegando il significato della festa dellImmacolata, ha incominciato il suo discorso citando Dante: Umile e alta pi che creatura e perci piena di grazia, il nome pi bello della Vergine, nome che le ha dato Dio stesso. Il Pontefice spiega perch Dio, tra tutte le donne, ha scelto proprio Maria di Nazareth, per la sua umilt, come Madre del suo Figlio. Ella veramente, come la chiama Dante, figlia del suo figlio. Tra i due dogmi, lImmacolata e lAssunzione, vi un stretto legame, dice Giovanni Paolo II. La Madonna fu assunta in cielo col proprio corpo, perch Immacolata, concepita senza peccato originale. Il sommo poeta Dante nel canto XXV del Paradiso dice che solo Cristo e la Vergine si trovano in cielo in anima e corpo: Con le due stole nel beato chiostro / son le due luci solo che salir. Tutta la liturgia di oggi ci invita a contemplare quanto Dio si degnato a compiere in Maria. Ella ha riportato sulla terra lamore scomparso dopo il peccato originale. In questa ricorrenza chiediamo con fiducia il suo aiuto: O Maria, concepita senza peccato, prega per noi che a te ricorriamo. Invochiamola, perch ci assista nei pericoli e nelle nostre sofferenze umane. Secondo Zanelli

Attualit
Intervista

Gioved 6 dicembre 2012

A colloquio con Pasquale Andria, presidenteTribunale per i minorenni. Da oggi in avanti non esisteranno pi figli naturali e legittimi, ma figli e basta

Dal 12 dicembre Il Papa su Twitter


Scintille di verit e perle di saggezza
Il Papa su Twitter per comunicare Scintille di verit e perle di saggezza: questo il cuore di questa nuova esperienza, che prender ufficialmente il via con il primo tweet che verr lanciato durante ludienza generale mercoled 12 dicembre, festa di Nostra Signora di Guadalupe. Levento di Benedetto XVI che digiter e spedir il primo messaggio di massimo 140 caratteri in rete, tramite Twitter, stato illustrato luned 3 dicembre in Vaticano. Larcivescovo monsignor Claudio Maria Celli, presidente del Ponticio Consiglio delle comunicazioni sociali, ha riferito ai numerosi presenti dello stupore di alcuni giornalisti che nei giorni scorsi avevano argomentato su questa novit, domandandosi se non si trattasse di un tributo eccessivo alla modernit. Twitter - ha spiegato monsignor Celli - ha oltre 500 milioni di iscritti e di essi oltre 140 milioni sono attivi. Di loro oltre il 40 per cento composto da giovani. Il desiderio del Papa di entrare in contatto con gli uomini e le donne del nostro tempo, dovunque essi si trovino e con qualunque mezzo sia possibile. Per questo - ha aggiunto Twitter si presta, per la sua natura di mezzo rapido e di forte divulgazione, a diffondere le scintille di verit e le perle di saggezza che il Papa vorr scrivere. Le lingue dei tweet del Papa saranno per ora 8: inglese, spagnolo, italiano, portoghese, tedesco, polacco, arabo e francese. Indirizzo centrale (inglese): @pontifex; italiano @pontifex_it. La Chiesa deve esserci, con qualunque medium, che sia efficace per diffondere il suo messaggio: lo ha detto alla conferenza stampa di presentazione del Papa su Twitter il giornalista statunitense Greg Burke, incaricato quale media adviser della segreteria di Stato. Sarebbe sorprendente se il Papa non fosse su Twitter, ha aggiunto, precisando che i primi tweet saranno tratti dai discorsi e testi ufficiali delle udienze, incontri, omelie. Poi si vedr. Il direttore de LOsservatore Romano, Gian Maria Vian, ha richiamato la secolare tradizione della Chiesa nella comunicazione a partire dal II secolo quando ha avviato il passaggio dal Rotolo al Codice. Da allora si sono susseguite iniziative importanti e anche prese di posizione sorprendenti: come quando Albino Luciani nel marzo 1973 aveva preconizzato lera dei giornali che si sarebbero letti a casa su uno schermo. In pratica, parlava dei tablet!. Con monsignor Claudio Maria Celli, il segretario del Ponticio Consiglio, monsignor Paul Tighe, e lo stesso direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, hanno spiegato la presenza della Chiesa sui new media: il Vaticano , infatti, su YouTube, su internet con News.Va e vatican.va e in futuro varer gli e-book, le Pope app per iPhone e Android, oltre a potenziare lo stesso YouTube che attualmente presente in otto lingue, compreso il cinese.

Legge sui figli, un passo avanti e un salto nel buio


ei giorni scorsi la Camera ha dato il via libera definitivo al disegno di legge che eguaglia i diritti dei figli naturali a quelli dei legittimi, nati allinterno del matrimonio. Il disegno di legge passato con 366 favorevoli, 31 contrari, 58 astenuti, senza modifiche. La riforma ha lobiettivo di eliminare tutte le distinzioni di status tra figlio legittimo e figlio naturale. A Pasquale Andria, presidente del Tribunale per i minorenni a Salerno, abbiamo chiesto un parere dopo aver preso conoscenza del testo.
FOTO SIR

Presidente, come giudica la legge? Nella misura in cui realizza unequiparazione di trattamento giuridico tra figli nati nel matrimonio e fuori del matrimonio, una legge attesa da tempo e unanimemente auspicata perch nel nostro ordinamento giuridico permanevano, pur dopo la riforma del diritto di famiglia del 1975, delle intollerabili disparit di trattamento assolutamente ingiustificate, soprattutto con riguardo ai vincoli di parentela, che finora non si estendevano per i figli naturali anche ai parenti del genitore che aveva effettuato il riconoscimento. Non erano, quindi, previsti per i figli naturali neanche i diritti successori nei confronti della parentela. Non c dubbio che si dovesse giungere a una sostanziale equiparazione di tutti i figli senza alcuna discriminazione. Da oggi in avanti non esisteranno pi figli naturali e legittimi, ma figli e basta, con gli stessi diritti uguali per tutti. Di questa legge fa discutere la norma riguardante lincesto Spiace che questa legge

contenga delle disposizioni molto discutibili, soprattutto in merito allestensione della possibilit di riconoscere, in modo indiscriminato, tutti i figli nati da rapporti incestuosi. Questo non detto che sia un bene per il figlio, soprattutto quando minore. Sarebbe stato necessario valutare con maggiore ponderazione leffettivo interesse del minore a vedersi riconosciuto da un padre nonno o da un padre fratello, tanto pi che la legislazione attuale prevede gi il riconoscimento dei figli incestuosi nel caso in cui i genitori abbiano in buona fede ignorato il rapporto di parentela. Non solo: la Corte costituzionale con la sentenza n. 294 del 2002 ha consentito la possibilit di promuovere da parte del legale rappresentante del minore o del maggiorenne la dichiarazione giudiziale di paternit naturale anche in caso dincesto. Con la nuova norma, invece, la dichiarazione giudiziale di paternit proviene dal genitore che protagonista dellincesto. La legge prevede il vaglio da parte del giudice

minorile che deve autorizzare il riconoscimento, ma gi aver introdotto questa possibilit rende la norma molto pericolosa perch pu provocare pregiudizio per il minore se non ben gestita in sede di autorizzazione. Inoltre, in qualche modo la norma pu significare una specie dindiretta legittimazione di un comportamento assolutamente riprovevole e anche sanzionato penalmente dallart. 564 del Codice penale nel caso in cui ne derivi pubblico scandalo. C anche un altro aspetto della legge che non la convince? La legge ha impropriamente operato un trasferimento di competenza in materia civile, parziale, ma di portata piuttosto rilevante, dal giudice minorile al giudice ordinario. Concretamente, in materia di figli di genitori non sposati finora sono stati i Tribunali per i minorenni a decidere riguardo al loro affidamento quando lunione di fatto cessa; dora in poi, invece, sar il Tribunale ordinario. Questo perch i

figli naturali non devono avere un giudice diverso da quello che si occupa della separazione e del divorzio, ma una motivazione molto debole. Non solo: viene trasferita anche una serie di altre competenze tipiche del giudice minorile, come la decisione sulla potest genitoriale quando si in corso di separazione o divorzio. Questo appare non solo in contrasto con lesigenza della specializzazione in questa materia, ma anche con le linee guida che il Comitato dei ministri del Consiglio dEuropa il 17 novembre 2010 ha adottato in materia, riaffermando la necessit di un giudice specializzato per le questioni inerenti i minori. Non basta: la nuova legge produce uno spacchettamento delle competenze, in attesa di una riforma complessiva di riordino delle competenze tra giudice ordinario e minorile e in vista della possibile istituzione di un unico giudice per i minori e la famiglia, di cui si discute da tempo. Anche in questa legislatura stato presentato un disegno di legge che non potr ormai vedere lesito essendo la legislatura alla sua conclusione, ma che indubbiamente il Parlamento ha iniziato a prendere in esame. stato contraddittorio, quindi, anticipare un riparto di competenze senza attendere una riforma organica complessiva che sarebbe lunica auspicabile, unificando in capo a un solo giudice specializzato tutte le materie inerenti la persona in genere, il minore e la famiglia. Adesso dobbiamo augurarci che su queste disposizioni, come su quelle riguardanti lincesto, il futuro legislatore voglia tornare per porvi rimedio. Gigliola Alfaro

SANTA MARIA NUOVA: in palazzina di recente costr.e, appartamento al primo piano con ingresso indip. composto da soggiorno con cucina, 2 camere da letto, bagno, piccolo ripostiglio, 2 balconi (1 con barbecue) e garage doppio. Ottime finiture, riscaldamento a pavimento e predisp. aria condizionata. 195.000 / Rif. 1210 PORTA TROVA - VIA PIAVE: appartamento al quarto piano con ascensore composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto di ampie dimensioni, 1 bagno, 2 balconi, cantina e garage. 155.000 / Rif. 1198 ZONA SEMINARIO/OSPEDALE: in palazzina immersa nel verde e nella tranquillit appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 3 camere da letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 255.000 / Rif. 1129 ZONA STADIO: appartamento al primo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, balcone, cantina e garage doppio. 180.000 / Rif. 1128 ZONA CENTRALE: (adiacenze stazione) appartamento al 1 piano con ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, balcone, cantina interrata, ripostiglio a piano terra e ampio terrazzo condominiale. 150.000 / Rif. 1114 SAN CARLO: in zona residenziale villetta a schiera dangolo con interni da rivedere composta da soggiorno, cucina con tinello, 3 camere da letto, 2 bagni, balcone, cantina, garage, cortile e giardinetto di propriet. 260.000 / Rif. 1208

CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

Attualit

Gioved 6 dicembre 2012

11

A sei mesi dal sisma presentata dalla Regione una proposta di legge
IL MUNICIPIO DI SANTAGOSTINO, IN EMILIA, E RIDOTTO A UN CUMULO DI MACERIE DOPO LABBATTIMENTO CON ESPLOSIVO IN SEGUITO AI GRAVI DANNEGGIAMENTI DEL TERREMOTO DEL MAGGIO SCORSO (FOTO SIR)

SuperAbile
di Arianna Maroni

RICONOSCIMENTO DEL CAREGIVER


Sono pi di 800 e quasi certamente taglieranno il traguardo di 1.000: aumentano di ora in ora le adesioni allazione legale collettiva promossa dal Coordinamento famiglie disabili gravi e gravissimi, in cui si chiede il riconoscimento giuridico della figura del caregiver familiare. Un riconoscimento gi avvenuto in tutti i Paesi dellUnione europea, ma che in Italia fatica ad affermarsi. Nel nostro Paese, anzi, manca anche la definizione di questa figura, tanto che facile confonderlo con chi, questo lavoro di cura e assistenza, lo fa per professione, spiega Maria Simona Bellini, presidente del Coordinamento e principale promotrice delliniziativa. Quando abbiamo avviato la raccolta di adesioni, esattamente un mese fa - spiega - non ci aspettavamo certo queste cifre, tanto che inizialmente ricevevamo le adesioni via mail. Poi abbiamo dovuto attivare la raccolta on-line attraverso il blog La cura invisibile, dove la procedura automatizzata. Oggi siamo praticamente certi che raggiungeremo il traguardo di 1.000 firme che ci eravamo posti. Una volta conclusa la raccolta di adesioni, tra fine anno e inizio del prossimo, sar elaborato il testo dellazione legale, con laiuto di un team di legali specializzati in queste materie, tra cui Paolo Cendon, creatore in Italia della figura dellAmministratore di Sostegno, e Marco Vorano, sostenitore del riconoscimento alle cure con cellule staminali. Le richieste del Coordinamento riguardano la valorizzazione del lavoro di cura svolto dai familiari che assistono persone con disabilit. Chiediamo la retribuzione per il lavoro svolto, ma soprattutto la tutela sanitaria, attraverso unopportuna copertura assicurativa, e la tutela previdenziale. C poi, dentro questo riconoscimento, anche la nostra richiesta storica: il prepensionamento per i familiari che assistono disabili. Lazione legale ha per un respiro pi ampio, includendo anche i bisogni di chi il lavoro o non lha mai avuto, o ha dovuto lasciarlo. Ma cosa si intende per caregiver? In mancanza di una definizione ufficiale nella normativa italiana, infatti, c da aspettarsi che in tanti chiedano di essere riconosciuti come tali, soprattutto qualora lazione legale dovesse risolversi positivamente. Noi facciamo riferimento alla normativa europea e quindi ci riferiamo a chi presta assistenza per almeno 10 ore al giorno, includendo unassistenza vigile durante le ore notturne. A proposito di normativa europea, sul blog La cura invisibile (http://la-curainvisibile.blogspot.it/ ) il coordinamento sta svolgendo una vera a propria ricerca comparativa tra le diverse legislazioni: per ora abbiamo studiato la Spagna e la Francia, ma presto parleremo di Inghilterra, Germania e Paesi scandinavi - annuncia Simona Bellini -. Quel che emerge, finora, larretratezza della normativa italiana rispetto a tutti i paesi dellUnione. La Spagna, che pure sta messa piuttosto male, ci supera abbondantemente.

Emilia remoto in Ter

Al via i cantieri della ricostruzione?


na legge per la ricostruzione nei territori interessati dal terremoto che ha colpito lEmilia Romagna il 20 e il 29 maggio. Si presenta come una disciplina speciale, semplificata nelle procedure ed essenziale nei contenuti, che consentir di realizzare celermente il complesso degli interventi ricostruttivi, in particolare per quanto riguarda i centri storici, la proposta di legge (Norme per la ricostruzione nei territori interessati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012) varata di recente dalla Giunta regionale, che presto sar al vaglio dellAssemblea legislativa della Regione. Accelerare i tempi. Tutte le norme che aiutano i territori colpiti dal terremoto a ripartire sono importanti, afferma Ciro Donnarumma, segretario regionale Cisl Filca (Federazione italiana lavoratori costruttori e affini). La semplificazione e laccelerazione nelle procedure per la ricostruzione, obiettivi di questa proposta di legge, sono fondamentali, ma per la Cisl Filca lo sono altrettanto il controllo sulle imprese che lavorano alla ricostruzione, per esempio attraverso certificazioni come il Durc (Documento unico di regolarit contributiva) e gli elenchi di merito delle imprese edili e di costruzione per poter rilanciare lo sviluppo nella legalit, continua Donnarumma. Per fortuna - sottolinea - abbiamo della brava gente che da subito si messa allopera per ripartire il pi velocemente possibile. Lunico problema ora riguarda le risorse: c bisogno di mettere a disposizione rapidamente quei soldi che servono sia alle imprese sia ai cittadini per ricostruire, perch finora hanno sborsato di tasca propria. Anche Coldiretti, che ha collaborato alla stesura della proposta di legge, ne evidenzia gli obiettivi:

Limpressione proprio quella di voler accelerare i tempi sulla ricostruzione attraverso metodologie omogenee, afferma Alessandro Ghetti, responsabile ufficio legislativo di Coldiretti Emilia Romagna. Centri storici e campagne. Nella proposta di legge, rimarca lesponente di Coldiretti, prevista una specifica disciplina per gli aggregati urbani da recuperare attraverso una progettazione unitaria degli interventi. Ma questo porter via ancora molto tempo, soprattutto per i centri storici. Per quanto riguarda le zone rurali, invece, siamo contenti che sia stata inserita la problematica dello sprawl (espansione incontrollata) nelle campagne perch un elemento di grande attualit. Nel tempo - ha chiarisce Ghetti - il numero delle costruzioni nelle campagne aumentato in modo spropositato e tale progetto di legge permette di far ripartire le imprese al pi presto, razionalizzando il tessuto rurale e dando la possibilit di poter aggiustare il sistema abitativo e imprenditoriale: infatti sono previste speciali disposizioni che consentono di ridurre lo sprawl insediativo, ammettendo laccorpamento degli edifici rurali sparsi facenti parte di ununica azienda agricola e la delocalizzazione dei fabbricati non pi funzionali allattivit agricola nel territorio urbanizzato o urbanizzabile. Infine, anche Ghetti ammette che il problema pi rilevante oggi riguarda i finanziamenti per la ricostruzione: Sono 5mila le aziende agricole colpite dal sisma e fra le aree pi problematiche c sicuramente quella modenese per intensit sia di popolazione sia di imprese. Laspetto positivo che gi oggi si vede il grande lavoro che stato fatto per volont delle persone.

La situazione delle chiese. Marco Soglia, coordinatore tecnico per la ricostruzione della diocesi di Carpi, la pi colpita dal sisma, commenta: Spero davvero che siano semplificate le procedure perch in questa fase abbiamo bisogno di tutto tranne che di normative che complichino i progetti e allunghino i tempi. Come Diocesi abbiamo deciso di essere ente attuatore non solo delle successive opere di ricostruzione, ma anche degli interventi di messa in sicurezza e questo ci ha portato ad aprire un notevole numero di cantieri che iniziano i lavori non appena vengono finanziati. Finora abbiamo presentato ventiquattro progetti di messa in sicurezza che sono stati approvati: quattordici finanziati e iniziati (tra cui il duomo di Carpi) e otto finiti (quasi tutti i campanili). Al momento sono in fase di presentazione altri diciassette progetti relativi alla copertura delle chiese scoperte (tra cui duomo di Mirandola e la chiesa di San Paolo a Concordia) e/o alla loro messa in sicurezza interna. Abbiamo inoltre presentato 9 progetti per la riapertura definitiva delle chiese e stiamo predisponendo dodici progetti per la sistemazione delle canoniche. Mirandola, San Possidonio e Concordia rimangono i centri storici pi colpiti della diocesi: questo provvedimento aiuter la ricostruzione? Ad oggi - risponde Soglia non sappiamo come verr risolta la problematica, di sicuro occorrer parlarne con i sindaci e la soprintendenza. La nostra intenzione comunque quella di ricostruire tutti i beni danneggiati. Nel frattempo, abbiamo deciso di realizzare, in tutte le situazioni critiche tra cui i tre centri storici citati, una struttura che possa fare le veci della chiesa fino a quando questa non verr sistemata. Lucia Truzzi

il Periscopio

di Zeta

19 NOVEMBRE 2009, TEATRO PETRELLA DI LONGIANO: MAX TRESOLDI, ACCOMPAGNATO DA MAMMA E BABBO

Prosegue la testimonianza di Max Tresoldi luomo rimasto in coma per oltre dieci anni

Un inno da ascoltare
stato un ritorno a casa. Un tuffo in famiglia, come mi aspettavo da tempo. E successo venerd della scorsa settimana, a Roma. Lo racconto perch la vicenda di Max Tresoldi ha coinvolto anche il nostro territorio. Il 19 novembre 2009 lo portammo al teatro Petrella di Longiano, per ascoltare la sua storia incredibile. Ma andiamo per ordine. Max un uomo rimasto in stato vegetativo persistente per oltre dieci anni. S, i lettori hanno capito bene: oltre dieci anni di coma, per dirla in termini pi popolari. La sua vicenda venne alla ribalta dopo la morte di Eluana Englaro, la donna che rimase in stato vegetativo per 17 anni, senza mai risvegliarsi. Max venne a Longiano su invito del Corriere Cesenate che decise di raccontare unaltra verit. Venne accompagnato da mamma Ezia e da babbo Ernesto, due genitori che non si sono mai dati per vinti, ma hanno sempre lottato contro tutto e contro tutti, anche contro i luoghi comuni. Hanno sempre visto Max come una persona, anche in grado di comunicare. Max, dopo dieci anni di apparente sonno, si risvegli e da allora ha compiuto notevoli progressi. Ma torniamo a venerd della scorsa settimana. La cesenate Francesca Baldini, trasferitasi a Roma da qualche tempo, ha organizzato la

presentazione del libro uscito per le edizioni Ancora di Milano, scritto dalla mamma di Max con i giornalisti di Avvenire, Lucia Bellaspiga e Pino Ciociola. Ho fatto i salti mortali per essere presente. Qualcosa mi diceva che non potevo non esserci, visto che non mi trovavo molto lontano, anche se impegnato in altri incontri. La stretta di mano di Max ti prende e ti scalda il cuore. Il suo desiderio di esserci e farsi sentire enorme e passa da persona a

persona. Tutti si stringono attorno a lui, in un abbraccio fortissimo, commovente. stato emozionante andare al ristorante e vedere come mamma Ezia cura il suo ragazzo in carrozzina. stato bellissimo anche notare come i camerieri si sono adoperati per aiutare la famiglia Tresoldi, per farli sentire a casa loro, senza imbarazzi. Anzi, tutti ci siamo sentiti circondati da immenso affetto, anche se nessuno conosceva tutta la vicenda di Max. Tre anni sono trascorsi dalla serata di Longiano, ma mi sono sembrati nulla rispetto al legame che da allora si creato e non venuto mai meno. Il pollice allins di Max che dice un ok felice al nostro ritrovarci assieme attesta un desiderio talmente forte di vivere che lascia sbalordito chiunque. Un inno alla vita, titolammo il pezzo che raccontava lincredibile storia della famiglia Tresoldi. Un inno che merita di essere ascoltato. (772)

12

Gioved 6 dicembre 2012

Cesena
San Pio X
Il Sibario in scena
Non una semplice rappresentazione teatrale, ma unesperienza che vuole catapultare nel mistero del Natale da una prospettiva umana e al contempo spirituale. E ispirato al piccolo capolavoro di Erri De Luca "In nome della Madre", il nuovo spettacolo della compagnia "Il Sibario", in scena l8 dicembre alle 17 al teatro della parrocchia San Pio X alle Vigne, in replica il 15 dicembre alle 20.45 al Cantiere delle suore della Sacra Famiglia (via Mami 41). "In nome della Madre" un romanzo breve pubblicato nel 2006, che narra la storia di una giovane ebrea che improvvisamente si trova a essere chiamata a diventare madre del glio di Dio, Ieshu, Salvatore dellumanit. Lintento dellautore quello di mettere in risalto laspetto umano della storia, il coraggio, le emozioni e le sofferenze di Miriam/Maria, lamore profondo di una madre per il glio. "Erri De Luca riempie i nove mesi di vuoto evangelico tra lannuncio dellangelo e il momento del parto, immaginando le quotidiani difficolt di una coppia che si trova a portare a termine una gravidanza fuorilegge in una societ ostile", commenta Alessandro Sbrighi, regista e attore della compagnia. Per cercare di far immergere lo spettatore in questo mare di emozioni, lo spettacolo presenta varie forme teatrali. "A anco della normale recitazione in proscenio - spiega Sbrighi - ci sar la voce fuori campo di Maria che ricorda il periodo della gravidanza, insieme alle ombre cinesi e alle immagini che proietteranno lo spettatore nella Palestina dellanno zero, con le musiche de La buona novella di De Andr". Per informazioni: tel. 347.9731724. Francesca Siroli

Gi attive le Tende di Natale

Con Avsi un aiuto a tutto il mondo


ostruendo un bene per tutti: ecco il titolo delle Tende di Natale 2012/2013, la campagna di solidariet a sostegno dei progetti di Avsi nel mondo. La Fondazione Avsi unorganizzazione non governativa, onlus, fondata nel 1972 dal cesenate Arturo Alberti. E impegnata con oltre 100 progetti di cooperazione allo sviluppo in 38 Paesi del mondo. In centro a Cesena gi attivo il mercatino di solidariet, situato a palazzo Ghini in corso Sozzi. "Acquistando presso i nostri mercatini - spiega il volontario Renato Casadei - si sostengono i progetti di Avsi. Il mercatino di Cesena, che rimane attivo fino al 24 dicembre, offre prodotti di artigianato di tutto il mondo, ma anche creazioni di un gruppo di volontarie del territorio. Si possono trovare oggetti generici cos come manufatti legati al tema del Natale". Anche a Cesenatico, presso la parrocchia di San Giacomo, sar attivo il mercatino fino al 6 gennaio.

In centro a Cesena, a palazzo Ghini, si possono trovare oggetti artigianali locali e delle missioni
Le tende di Avsi questanno hanno come obiettivo la raccolta fondi per progetti in Ecuador (asili familiari), in Uganda (per la scuola Giussani di Kampala), in Siria (per le famiglie in fuga dalla guerra) e in Etiopia per lUniversit cattolica di Addis Abeba. La presentazione dei progetti e della campagna Tende di Natale in programma per il 13 dicembre presso la chiesa SantAgostino a Cesena, alle 21. Interverr Clara Broggi educatrice Avsi in Uganda. Le iniziative non si fermano qui. A Cesenatico alla galleria comunale dal 15 dicembre al 6 gennaio sar allestita una mostra di Presepi provenienti da tutto il mondo. Lapertura prevista nei giorni

Mercatino Avsi (foto darchivio)

prefestivi e festivi dalle 16 alle 19 (per le scuole: Marzia Casadei 3207478284 ). Domenica 16 dicembre alle 15.30 si terr la tradizionale asta di Natale alla sala "Biagio Dradi Maraldi" a Cesena, nella sede della Cassa di Risparmio. E infine il 6 gennaio dalle 15 alle 18 in programma "In piazza con la befana. Momento di festa con le famiglie" in piazza Giovanni Paolo II. Il Mercatino Avsi di Cesena aperto dal luned al sabato dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19. Domenica e festivi 15,30-19.Mercatino di Cesenatico tutti i giorni dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 19. Barbara Baronio

NOZZE

Si spostata in viale Carducci

San Vittore | Campagna abbonamenti

Una nuova sistemazione per la Fiera del libro


Tutti gli amici della redazione del Corriere Cesenate augurano ogni bene allamica, e gi collaboratrice del Corriere Cesenate,
Nuovo corso per la Fiera del libro, classico appuntamento del periodo natalizio, promossa dagli ambulanti del consorzio "Le citt. I mercati". Nei giorni scorsi ha aperto la "Fiera del Libro nella Citt" che questanno compie 30 anni. La rassegna ha traslocato dalla sede abituale di piazza Almerici e si posizionata in uno spazio inedito: il Giardino "Caduti di Cefalonia" in viale Carducci (di fronte al Cinema Eliseo), in una zona nevralgica alle porte del centro storico. Nella citt della Biblioteca Malatestiana la Fiera del Libro in cui si trovano stand di operatori ambulanti si pone da anni come luogo per stimolare la lettura di opere di letteratura classica o moderna, italiana o straniera con pi di 10mila titoli di testi, tra cui anche alcuni usati e ormai introvabili, a prezzi vantaggiosi. "Adiacente alla Barriera - commenta il presidente del consorzio Le citt. I mercati Alverio Andreoli - la Fiera del Libro fa tornare in mente quando nello spazio limitrofo veniva realizzata la Settimana Cesenate e contribuisce a riappropriarsi di un luogo pubblico da condividere molto caro ai cesenati, in uno dei viali simbolo della citt". La Fiera del Libro rester aperta no al 6 gennaio 2013.

Giuditta Lughi, che sabato 8 dicembre alle 15,15 a Santa Maria della Speranza si unir in matrimonio con Riccardo Lanzoni

E partita la campagna abbonamenti del Corriere Cesenate. La parrocchia di SanVittore , da sempre, in prima linea grazie allimpegno della signora Enrica Campana che cura la diffusione del nostro settimanale. In occasione della giornata della stampa cattolica, il direttore Francesco Zanotti e il giornalista Cristiano Riciputi hanno parlato al termine delle messe per sostenere il quotidiano Avvenire e il giornale diocesano.

PropostAC
Inserto a cura dellAzione Cattolica di Cesena-Sarsina
Numero 50 Dicembre 2012

Cinque pani I e due pesci per fare grandi cose


Liniziativa annuale, il dono del Concilio e lindizione dellAnno della Fede ci accompagnano alla festa delladesione

l nuovo anno associativo ha gi varcato le porte delle nostre case e delle nostre comunit parrocchiali, siamo insieme in cammino verso la festa dellImmacolata, in cui rinnoveremo il nostro s allAc e alla Chiesa, e verso il Natale. Come ai tempi della nascita di Ges cera la stella cometa, in questo nuovo anno ci vengono offerti a piene mani alcuni grandi punti cardinali che orienteranno il nostro cammino: lindizione dellanno della fede, in occasione dei ventanni dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica, il Sinodo dei Vescovi sulla nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana e la ricorrenza del cinquantesimo anniversario dellapertura del Concilio Vaticano II. Per la nostra associazione e per la Chiesa tutta sono occasioni preziose per rinnovare il nostro impegno a educare alla vita buona del Vangelo, per lasciarci interrogare in profondit dallesperienza della fede, ma anche per cercare parole nuove con cui raccontarne la bellezza e la forza (Benedetto XVI) alle persone. Lo facciamo con lo stile che ci contraddistingue da sempre: creando legami di vita buona, spendendoci con gioia nella certezza che nulla viene perduto, portando la tuta da lavoro in Chiesa e la veste battesimale nei luoghi di lavoro e della nostra ferialit. Fede non solo una parola, unesperienza particolare, da sola non va da nessuna parte e ha bisogno di compagnia per acquisire concretezza e per incarnarsi; fede non roba da museo, non un vestito che puzza di naftalina; fede vita, vita bella, profumata, fede aria pulita; fede si declina in ogni et della vita: nessuno escluso; fede si accorda con quotidianit, relazione, amore, studio, ricerca, passione, sguardo al domani, servizio, responsabilit, fiducia, vocazione, sogni grandi... Come i Dodici ci avviciniamo a Ges dicendo: Congeda la folla perch vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta. Eh gi: siamo in una zona deserta in cui c fame di relazioni, di parole buone, di giustizia, di libert, di futuro, di vita piena. Chiediamo al Signore di fare qualcosa e Ges ci risponde: Voi stessi date loro da mangiare. Ma non abbiamo quasi niente cinque pani e due pesci Al Signore questo basta per fare grandi cose: diamo noi stessi da mangiare, diamo la nostra vita, tutta, senza mettere da parte nulla, perch tutti, ma proprio tutti possano mangiare a saziet e vivere... felici e credenti. Buon anno! Carmelina Labruzzo presidente diocesana di Ac

Convegno regionale a Parma


Famiglia, Chiesa e citt nel cuore dellAc
Famiglia, piccola citt. Relazioni familiari e formazione dei cittadini. Questo il titolo dellappuntamento nella terza tappa del Giro dItalia in sedici convegni, che la Presidenza Nazionale di Azione Cattolica ha proposto nel cuore della citt di Parma, come contributo in preparazione alla 47 Settimana Sociale dei cattolici italiani in programma nel mese di ottobre a Torino. In gergo ciclistico trattandosi della terza tappa si potrebbe dire che ci sono ancora tanta strada e tante pedalate da fare, ma lo stile e lo spirito familiare che da sempre alimenta lassociazione quello di elaborare progetti e confrontarsi, ponendo al centro la famiglia come esperienza relazionale che permette di generarci nella reciprocit e nella diversit. In un mondo dove si sceglie tutto, non si sceglie certo in che famiglia nascere o crescere. Ed sulla base della diversit che possiamo costruire relazioni intense passando da una semplice alleanza a legami di vita buona. La famiglia un capitale sociale che pu migliorare lintera societ, un luogo che educa alla responsabilit e alla cittadinanza attiva. Lo slogan del convegno richiama volutamente un vecchio libro di Carlo Carretto: Famiglia, piccola Chiesa, infatti lesperienza della vita familiare vissuta in tutte le sue dimensioni di unicit e bellezza, superando con coraggio anche le prove, concorre a fare la Chiesa e le dinamiche che si intrecciano al suo interno non hanno un signicato solo privato, ma assumono una dimensione pubblica. In questo modo la famiglia diventa scuola di amore e solidariet con la citt e nella citt, dove i gli possono incontrare adulti veri che sappiano dare risposta al loro bisogno di essere accompagnati nelle scelte importanti della vita. Adulti che sappiano dare un credito di ducia alle nuove generazioni in un circolo virtuoso dove anche i genitori sono o sono stati gli, raccontando insieme, con pi forza, la carica trasformatrice dellamore. Il secondo giorno il confronto continuato su argomenti altrettanto cari a tutta lAc: adesione, vita associativa e formazione, in condivisione con le presidenze diocesane della regione al gran completo, senza chiudere gli occhi di fronte alle difficolt, ma nel dialogo aperto e costruttivo. Il presidente Franco Miano ha ribadito che lAc non per se stessa, ma per la vita di tutta la Chiesa e di ogni persona, per incontrare il Signore Ges. Scegliere di aderire allAc aiuta a compiere le grandi scelte della vita fatte insieme, servendo la missionariet della Chiesa tutta intera, facendola propria nelle nostre parrocchie e nel territorio. Una Azione Cattolica popolare posta a servizio del popolo di Dio, nel processo di cambiamento della societ di oggi affinch quella terra e quelle persone crescano insieme. La formazione il cuore di questa scelta, e per noi formazione assumere la forma di Cristo, in modo da essere nelle comunit soggetti relazionali. Dentro la vita delle chiese locali, lAc pu davvero proporre molto di pi con una proposta che va sempre aiutata e alimentata a crescere nel suo tessuto associativo guardando al grande messaggio del Concilio. Grande cura e attenzione va ai presidenti parrocchiali perch sono loro a tessere relazioni vere e profonde nella vita e nei luoghi della quotidianit, tenendo conto delle profonde trasformazioni del territorio. Tutti insieme abbiamo la responsabilit di fare conoscere lAzione Cattolica, anche a chi non la ama profondamente, come bene di tutta la Chiesa. Limmagine suggerita dal vescovo di Parma, monsignor Enrico Solmi, quella di paragonare lAc a un grosso olmo radicato in una piana come testata dei lari della vigna che con la sua forza e umilt sostiene e accompagna nella crescita i giovani tralci no al raccolto e al vino buono, senza che poi nessuno se ne ricordi. Coraggio amici di Ac, ci aspetta una bella e lunga pedalata! Rosauro Amadori

11 ottobre di cinquantanni fa si apriva nella Basilica di San Pietro il Concilio Vaticano II, il ventunesimo concilio ecumenico nella storia della Chiesa. La ricorrenza stata celebrata nel modo pi solenne da Benedetto XVI che ha voluto dare avvio proprio in questo giorno allo speciale Anno della Fede, da lui voluto per una sempre pi piena conversione a Dio, per rafforzare la nostra fede in lui e per annunciarlo con gioia alluomo del nostro

Abbiamo visto che il Signore non ci dimentica


tempo. Conversione e gioia sono parole ricorrenti nel magistero di papa Ratzinger, il teologo che si fatto catechista per accompagnare ogni persona a incontrare il DioAmore, conoscerlo e farlo entrare nella propria vita. Di trasformazione spirituale e di gioia umile, Benedetto XVI ha parlato brevemente anche la sera dell11 ottobre 2012, affacciandosi dalla finestra del Palazzo Apostolico per salutare i 40mila fedeli accorsi per la fiaccolata promossa dallAzione Cattolica e dalla Diocesi di Roma. Dopo aver ricordato che anche lui, giovane perito conciliare, era in piazza ad ascoltare lindimenticabile discorso della luna di Giovanni XXIII, il papa ha evocato lentusiasmo di quei momenti mettendolo a confronto con la gioia forse pi sobria con cui oggi i credenti guardano al tempo contemporaneo. Abbiamo visto ha spiegato che la fragilit umana presente anche nella Chiesa, che la nave della Chiesa sta navigando anche con vento contrario. Ma questa, ha subito aggiunto, solo una parte delle esperienze fatte in questi cinquantanni, perch abbiamo anche avuto una nuova esperienza della presenza del Signore, della sua bont, della sua forza. Infatti, abbiamo visto che il Signore non ci dimentica. Anche oggi, a suo modo, umile, il Signore presente e d calore ai cuori, mostra vita, crea carismi di bont e di carit che illuminano il mondo e sono per noi garanzia della bont di Dio. S, Cristo vive, con noi anche oggi, e possiamo essere felici anche oggi perch la sua bont non si spegne; forte anche oggi!. C molto dellinsegnamento conciliare in queste parole, e anche del filo prezioso che tiene insieme un pontificato sempre pi simile a un grande itinerario educativo. La guida un uomo che sa accordare il pensiero e il cuore, la luce della verit e il mistero della bellezza. Dal carattere molto affine alle caratteristiche con cui, contemplando la distesa di fiaccole accese nella notte dell11 ottobre, descriveva il fuoco di Cristo: Non un fuoco divoratore, distruttivo; un fuoco silenzioso, una piccola fiamma di bont, di bont e di verit, che trasforma, d luce e calore.

LANNO DELLA FEDE |

di Ernesto Diaco

Indice
Le prossime iniziative La cura dei passaggi La festa delladesione Intervista a monsignor Sigalini Consigli per la lettura Appuntamenti Notizie in pillole... dai Settori II II III III IV IV IV

II

Gioved 6 dicembre 2012

PropostAc

LAcr servita Dove troveremo tutto il pane?


AVillamarina Tre giorni dei Ragazzi di Azione Cattolica! Vogliamo essere in tanti, proprio come quel gruppo dal 28 al 30 dicembre di persone che seguiva Ges nella parabola della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Loro venivano si svolger da villaggi diversi e lontani, noi dobbiamo partire da laTre giorni tutte le parrocchie della nostra diocesi con la Acr fame di incontrarlo e il desiderio di saziarci

Ehi tu! Anche questanno tempo di partire per la

della sua Parola. unoccasione in pi per ascoltare cosa vuole dirci in questa esperienza e per far s che mettiamo in gioco i nostri talenti, che sono unici e inimitabili. Ges ci incoraggia, non ci lascia mai soli, fa di tutto per stupirci e farci sentire la sua presenza. Chiede ai discepoli di avere ducia in Lui e nonostante i dubbi iniziali, loro non esitano a mettersi a servizio della folla. Pensi di non essere allaltezza? Pensi che i tuoi cinque pani e due pesci non basteranno per tutti? E invece sai Ges cosa dice? Date voi

stessi da mangiare. Se ti sembra cos difficile e incredibile, la soluzione facile: venire alla Tre giorni con tanta voglia di donarti, con lo stile di chi desidera crescere insieme ad amici ed educatori e con la tipica carica gioiosa, esplosiva e colorata dellAcr! Ti aspettiamo dal 28 al 30 dicembre a Villamarina di Cesenatico. Saremo distribuiti in tre hotel: uno per le elementari, uno per prima e seconda media e uno per la terza media. Per informazioni: Giacomo, 347 4865337. Serena Amadori

Continua la scelta di un luogo della spiritualit come tappa per la Tre giorni
UNIMMAGINE DALLA TRE GIORNI 2011 DEI GIOVANISSIMI AD ASSISI

PASSAGGI
Il cammino di Ac Una proposta per ogni et
Si comincia da bambini. Dalle 14,30 alle 16 il sabato pomeriggio nelle salette in parrocchia. Cartelloni, giochi, canti, lanimazione della messa una domenica al mese E poi le Tre giorni, i campiscuola. Arrivano le medie e con esse i primi amici da altre parrocchie. Non compagni di scuola, perch quelli ancora sono dello stesso quartiere, ma amici che ci si scelti, conosciuti grazie ai momenti diocesani dellAcr. Poi c il primo passaggio difficile: le superiori, il gruppo giovanissimi, gli interessi che si allargano, le strade che prendono direzioni diverse. E parallelamente legami gi esistenti si stringono, si forma il gruppo di amici che durer no ai tempi delluniversit e del primo lavoro. Si inizia a partecipare anche alle veglie di preghiera, alla lectio, a quei momenti un tempo considerati il noioso prezzo da pagare per potersi divertire per una settimana lontano dai genitori. E ancora dai giovanissimi ai giovani Il tempo da dedicare agli incontri si assottiglia, c chi va a studiare fuori citt, chi gi lavora, chi fa il pendolare e chi si allontano da un pezzo. Arrivano anche i primi matrimoni, e qualche amico sceglie di entrare in noviziato. il momento della consapevolezza della strada che si scelta, della gioia, ma anche della fatica a mantenersi costanti, perch ci si rende conto che ci che Dio chiede la totalit, la tua vita, non le briciole di tempo o uno stare nella Chiesa senza essere n carne n pesce. Inne, lultimo passaggio, quello agli adulti. Eh gi, perch a trentanni suonati si adulti a tutti gli effetti, anche se no ai quarantanni si continuano a frequentare i momenti destinati ai neo-ventenni, la cui quotidianit lontana anni-luce dalla propria. Ma almeno loro si incontrano, fanno festa, partono, interagiscono! Per chi si sposa c lalternativa: le veglie e gli incontri per danzati o giovani sposi, per poi saltellare da un incontro allaltro, bambini permettendo. Il mondo degli adulti invece fa un po paura: aderenti con in tasca tessere che risalgono agli anni 70, o gli adultissimi, che sono stati beniamine e aspiranti, si conoscono da cinquantanni e parlano con affetto di altri soci storici che tu non hai mai conosciuto n sentito nominare. Niente pi giochi n bans, pochi canti, rare gite fuori porta Timore, spaesamento, dubbi Quasi quasi smetto di aderire, che differenza fa? Non ho neanche il tempo per partecipare alle attivit!. Oppure Aderisco ancora per i miei ricordi, per i trascorsi in Ac. Eppure Eppure proprio vero: lAc una grande famiglia in cui trovano posto persone di tutte le et. C il tempo della spensieratezza e dellallegria, il tempo delle domande di vita che pungulano e chiedono risposte autentiche, il tempo delle scelte grandi nelle relazioni e nel lavoro, il tempo della preghiera per chi ha ancora le forze per partecipare attivamente e il tempo, a tutte le et, per ringraziare per la vita bella dellAc, per i doni ricevuti grazie ad essa, per i volti incontrati e per la speranza, la certezza, che pi avanti ci aspetta ancora di pi! Una giovane adulta

i Giovanissim

Al Santuario della Santa Casa di Loreto, dal 27 al 29 dicembre laTre giorni per i ragazzi delle superiori

Ho risposto s perch ho creduto


uale occasione migliore per passare il tempo natalizio della Tre giorni per giovanissimi di Ac? Come, non sapete nulla? Per quelli distratti facciamo mente locale: questanno si va a Loreto al Centro Giovanni Paolo II, vicino al santuario della Santa Casa, dal 27 al 29 dicembre. Ma perch venire a questa Tre giorni? Non sarebbe meglio stare a casa a godersi le vacanze di Natale Eh s, proprio Ges (avete una volta tanto? presente?). Qualcuno potrebbe Beh, io e i miei amici andremo, per obiettare: Ma chi lha visto?, o Ci diversi motivi. credi ancora?. Io s, e vi confesso che Anzitutto le vacanze non sono vere lo incontro spesso: anzitutto nelle vacanze senza gli amici, e alla Tre celebrazioni liturgiche, poi nella giorni incontreremo tantissimi preghiera personale, nella vita ragazzi dai 14 ai 18 anni Inoltre, comune dei tre giorni che passeremo c unamicizia di cui a volte insieme, nei gesti concreti di affetto rischiamo di dimenticarci: un e di carit che accadono (per caso amico silenzioso, che non disturba, forse?) tra amici, con gli educatori molto rispettoso della tua libert, Una cosa che mi stupisce di questa ma che vuole instancabilmente il iniziativa che ogni anno vedo tuo bene. per incontrare questo ragazzi che poco prima di tornare a Amico che anche questanno decido casa hanno le lacrime agli occhi. di partecipare alla Tre giorni.

Chiss perch Forse hanno percepito qualcosa di straordinario, di bello che ha scaldato il loro cuore, la loro vita. Ho questa intuizione: il vivere insieme, anche se solo per poco tempo, la scommessa dove giocarsi la propria vita. Mangiare insieme, dormire insieme, abitare uno spazio comune per un tempo che limitato, che sta per scadere, ci aiuta a rafforzare i legami tra di noi e ha ripercussioni positive sulla nostra vita, e anche sulla nostra vita di fede. lo stile del Vangelo! Difficile? Impegnativo? Vi lascio con questa domanda: c qualcosa di bello che non costi fatica? Linvito che vi faccio di tre parole: Venite e vedrete. Fabrizio Ricci

Il 19 e 20 gennaio a Cesenatico la Due giorni per adulti e famiglie

La fede cresce se comunicata con gioia


a fede cresce quando vissuta come esperienza di un amore ricevuto e quando viene comunicata come esperienza di grazia e di gioia (Benedetto XVI, Porta fidei). Pu accadere che essere adulti o famiglia ed essere cristiani impegnati nella fede appaiano due cose molto, troppo incompatibili. O che solo pochissimi possano conciliare il tutto Il tempo del lavoro e delle responsabilit sembra non poter andare a braccetto con momenti di spiritualit e di riflessione personale, e a volte si finisce per ricordare con un po di malinconia le belle esperienze da giovani.

Ehi! Non sempre cos! Lo scorso anno, oltre cento persone (tra adulti, famiglie e figli al seguito) ci hanno dimostrato che, nonostante il lavoro, le responsabilit, i figli piccoli, piccolissimi e adolescenti, possibile prendersi del tempo per riscoprire la pro-

pria fede, per ritrovarsi sposi, genitori, adulti, per vivere lamicizia. E allora questanno ci riproviamo! Per questo vi aspettiamo sabato 19 e domenica 20 gennaio 2013 per la due giorni adulti e famiglie di Ac a Cesenatico, presso

lhotel Domus mea. Ci guider monsignor Giancarlo Grandis, vicario della diocesi di Verona. La nostra due giorni ha un titolo speciale: La fede in famiglia: seme di felicit. Verranno cos coniugati nella riflessione sia lanno della fede, indetto dal nostro papa Benedetto XVI e appena iniziato, e lattenzione che come diocesi il nostro vescovo Douglas sta ponendo sul tema educativo, legandosi per questo anno alla parabola del seminatore. Vi aspettiamo allora, insieme a tutti gli amici che vorrete portare con voi. Valentina&Massimiliano per lArea famiglia e vita di Ac

PropostAc
Perch aderire allAzione Cattolica? Una riflessione fra il serio e lironico in vista dell8 dicembre

Gioved 6 dicembre 2012

III

Aderire allAc scelta che nasce nel cuore


+ Domenico Sigalini

Aderire allAC non prendere la tessera

dellAutomobil Club, che pure pu essere una bella cosa per farsi soccorrere quando sei in panne con la tua automobile; non come aderire alla raccolta di cibo per gli animali al supermercato, che gi molto meno nobile che aderire alla raccolta di cibo per i bambini che muoiono di fame; nemmeno come abbonarsi a Sky per vedersi tutte le partite di calcio possibili, che oggi sono scandite come gli orari delle messe della domenica.

LAc, casa sempre aperta


- Scusa? - Beh, insomma, non me lo aspettavo Ma tu lo sai che gente c nellAzione Cattolica? - Vorresti dire...? - Ci sono quelli che vanno in parrocchia solo per mettersi in mostra, per sentirsi dire bravi, quelli che si siedono nella prima panca alla messa della domenica e stanno l tutti impettiti come dei baccal a farsi guardare dalla gente. - Certo sei davvero un attento osservatore della liturgia domenicale, ma... - E poi ci sono anche quelli che frequentano solo perch non sanno dove altro andare, non hanno neanche uno straccio di amico e allora pur di

Aderire allAzione Cattolica acquistare un kit da portare sempre con s: dentro ci sta una tuta da lavoro da metterti tutti i giorni che vai in chiesa, in parrocchia, al gruppo e la veste battesimale da portare in tutti i luoghi in cui passi la tua vita. Aderire allAC dire di s a Ges Cristo
che porta la sua croce e aiuta te a portare la tua e quella di tanti altri, senza farsi una faccia da bulldog, ma con la gioia di chi sa che attraverso la croce si arriva dritti alla gioia per se e per tutti qualche sms per fare una raccolta di fondi spinto dallemozione, ma decidere di sostenere tutto quello che serve per aiutare te a crescere e far crescere altri come te nella fede. Chiesa tua, tua madre, la tua famiglia, la tua casa, il crocevia necessario per essere cristiani nel mondo. coraggiosi testimoni del vangelo ovunque ti trovi a vivere: a scuola, in ufficio, in famiglia, nel tempo libero, in strada, allo stadio, nei cinema, al supermercato, in palestra, nel cantiere, allospedale, nei tuoi progetti e nei tuoi sogni. book o Badoo: non ti accontenti di rapporti virtuali, ma con i tuoi amici vivi, preghi, gioisci, lavori, scrivi un mondo di relazioni vere, belle e importanti. ci stai, lo ascolti e lo segui senza riserve e lo apprezzi anche al bar, col tuo vescovo sei corresponsabile e il tuo parroco non solo lo sopporti, ma ti sta a cuore.

-N

o dai non ci posso credere! Davvero fai la tessera dellAzione Cattolica?

non restare da soli cominciano a fare la vita dei gruppi: Tre giorni, campiscuola, esercizi spirituali, veglie di preghiera... e dai e dai magari trovi anche la morosa o il moroso quando si va a bere qualcosa alla fine della lectio divina... - Ho capito, ma non sono mica tutti cos! - Ah scusa! Scusa se mi sono dimenticato quelli bolsi, quelli seri che si danno delle arie da persone impegnate che parlano alto, parlano di cultura, che sono andati alluniversit e si occupano della formazione. - Mi pare di avvertire una punta di polemica, anche un tantino acida direi. - Ma sei tu che provochi, hai detto che ADERISCI allAzione Cattolica! Ma perch? - Vedi, lAzione Cattolica non fatta di gente, come dici tu, ma di persone, di volti, di facce che mi stanno dentro al cuore e che col loro sorriso, col loro pianto, a volte, perch no, anche con la loro rabbia o con la loro solitudine mi fanno sentire a casa.

LAzione Cattolica una casa sempre aperta, una casa dove si pu sempre aggiungere un posto a tavola (e nessuno ti viene a chiedere: Sei aderente? quando ti metti a sedere). Sicuramente ci sono persone che assomigliano alla descrizione (parziale) che ne hai fatto tu, per almeno sono persone che si mettono in gioco, che si compromettono davanti a tutti con quel pezzetto di carta che porta un nome ai nostri giorni un po fuori moda: tessera, persone disposte a mettersi in cammino, ciascuno col suo passo. NellAzione Cattolica pu capitare che le persone che si siedono in prima fila in chiesa poi imparino a sorridere a chiunque si sieda a fianco a loro, pu capitare che chi era in cerca di amici diventi davvero un amico, pu capitare che le persone serie riescano a ridere e parlare con le parole semplici dei bambini e dei ragazzi dellAcr... Aderisco allAzione Cattolica perch se ha almeno un difetto per ogni aderente ha senza dubbio molti doni da condividere per ciascuno di loro. Lucia Antinozzi

Aderire allAC non solo mandare

Aderire allAC dire a tutti che la

Aderire allAC farsi aiutare a diventare

Aderire allAC molto meglio che face-

Aderire allAC dire a tutti che col papa

Intervista a monsignor Sigalini, assistente generale di Ac

Dobbiamo essere pronti a rendere ragione della nostra fede

La crisi ha smascherato autentici ladri. I cattolici devono stare pi attenti

Diciamo quanto bello Dio per le strade del mondo


l 12 novembre scorso la chiesa di SantAgostino ha ospitato monsignor Domenico Sigalini, assistente generale dellAzione Cattolica, nel contesto della VIII Settimana Sociale cesenate. Il vescovo di Palestrina (Roma) intervenuto sul tema I giovani nella Chiesa. Prima della serata, abbiamo approfittato della sua presenza per unintervista a tutto campo.

LUNED 12 NOVEMBRE, CHIESA DI SANTAGOSTINO (CESENA): IL VESCOVO DOMENICO SIGALINI HA PARTECIPATO AL SECONDO INCONTRO DELLA SETTIMANA SOCIALE CESENATE. NELLA FOTO (DI A. GIANGRASSO), MONSIGNOR SIGALINI INSIEME ALLA PRESIDENTE DIOCESANA DI AC, CARMELINA LABRUZZO

che servano solo i soldi. Ringraziamo Dio che si fa tirar fuori lumanit, la solidariet. La crisi ha smascherato autentici ladri, i politici. Non ho problemi a dirlo. Il cattolico deve stare un po pi attento. Possibile che non ci siamo accorti di niente? Che tipo di interesse abbiamo per il bene comune? Come uscire dalla crisi? Lavoro e famiglia. Il lavoro un fattore educativo essenziale: non pensare ai soldi, ma misurarsi su un progetto, su una fatica. essenziale anche mettersi insieme: lassociazione crea unatmosfera di genialit nellaffrontare i problemi. C speranza. I sacrifici non si fanno per niente, anzi, aiutano a far nascere la solidariet. Questo visibile in particolare nella famiglia, che la realt che pi aiuta a uscire dalla crisi. Cosa pu dire la Chiesa ai giovani? Nella Chiesa manca la stima dei giovani. Occorre mettersi in ascolto vero. Non per conquistare, ma per

accogliere, correndo il rischio di non orientare. Ascolto, non controllo. Inoltre dobbiamo essere pronti a rendere ragione alla ricerca delle ragioni razionali della fede. E questo monsignor Sigalini lo sa bene, avendo insegnato per venticinque anni matematica. Negli anni in cui frequentavo il seminario scelsi di studiare contemporaneamente per il diploma di liceo classico. Il seminario era privato e se fossi ne uscito avrei avuto in mano solo un diploma di 5 elementare. Volevo essere libero di decidere. Poi andai allUniversit di Milano a studiare matematica La meraviglia di vedere unequazione! La matematica mi ha dato chiarezza di esposizione: si sa da dove si parte e dove di arriva. Pi avanti si ritrov in mezzo al 68 Ringrazio lAc che mi ha tenuto in riga. Ho partecipato a parecchie manifestazioni fino a quando non ci hanno messo le pistole in mano

Si avvicina l8 dicembre, e con esso ladesione. Perch aderire, oggi? Mettersi dentro la chiesa in questa maniera una vocazione a cui rispondi. A un certo punto devi scegliere da che parte stare. Ladesione una presa di posizione di una persona nei confronti di un percorso spirituale e umano. Oggi tutti si aggregano e noi non facciamo nessuna associazione per dire quanto bello Dio per le strade del mondo? Rispetto alla crisi economica, come si pone lAc? Abbiamo sepolto luomo e pensiamo

Non rinnego niente del 68: aver aperto luniversit a tutti, mentre prima solo chi aveva fatto un liceo poteva accedervi! Cosa racconta della sua vocazione? A dieci anni ho servito messa per lordinazione di un prete. Finita la celebrazione andai davanti al tabernacolo e dissi: Io voglio diventare prete qui!. E fu cos. Da vescovo, poi, ho scelto per il mio stemma, contro le consuetudini, un motto in italiano: Collaboratori della vostra gioia. Il contesto Non intendiamo essere i padroni della vostra fede, ma collaboratori della vostra gioia. La citazione paolina in latino recita adiutores, ma la gioia si costruisce insieme. Claudia Coppari

IV

Gioved 6 dicembre 2012

PropostAc

Consigli per la lettura


Il Concilio e lAnno della Fede
Per saperne di pi
La casa editrice Ave ha predisposto una serie di strumenti, e altri sono in cantiere, in occasione dellanniversario del Concilio e dellapertura dellAnno della Fede. Il volume Leredit viva del Concilio. Cristiani che guardano avanti a cura di Gianni Borsa, direttore della rivista Segno. Il libro contiene ampie interviste con studiosi di storia della Chiesa e del movimento cattolico, con testimoni e con responsabili associativi che approfondiscono vari aspetti della vicenda del Vaticano II e, soprattutto, avanzano chiavi di lettura sulleredit e lattualit dellevento ecclesiale. certamente un volume che sottolinea la stringente attualit del grande evento ecclesiale, solo temporalmente collocato negli anni 1962-1965: con esso, la Chiesa cattolica, ponendosi nel solco della sua tradizione bimillenaria, ha saputo nuovamente, umilmente, intelligentemente mettersi in ascolto del messaggio di Cristo e dei segni dei tempi, per far incontrare il primo con i secondi, dentro il fluire della storia, a vantaggio dellumanit in cammino. Unaltra proposta Ave, specialmente dedicata ai ragazzi, invece intitolata Anche per te! La Chiesa bella del Concilio e firmata da Teresa Borrelli, Claudio Di Perna e Paolo Reineri. Si tratta di un lavoro strutturato per una scoperta del Concilio, del suo significato nella vita della comunit cristiana universale, del suo valore per levangelizzazione di oggi, scritto con un linguaggio chiaro e accessibile, illustrato dalla matita e dai colori di Fabrizio Zubani. Si compone di una tabella cronologica con le date essenziali del Concilio, di un vocabolario del Vaticano II, di una parte che ne presenta le figure-chiave; seguono le interviste con due protagonisti diretti, monsignor Luigi Bettazzi e monsignor Loris Capovilla. Infine, una parte ricca di illustrazioni che spiega i contenuti e le novit essenziali introdotte dal Concilio. Ivan Fusconi (per informazioni 347 8008531; ivan.fusconi@gmail.com)

CHE VIP! Laici vivaci impegnati e protagonisti


UN WEEK END DA DIO: ADULTI DI AC A SPELLO (LUGLIO 2012)

anti i volti incontrati dallequipe adulti nel suo tour nelle parrocchie svoltosi a fine ottobre. Un andare per raccontare dellAc e far conoscere gli appuntamenti diocesani, ma anche per ascoltare e conoscere le attivit parrocchiali e le esigenze dei soci. Abbiamo incontrato: unAc vivace, con una sana visibilit che nasce dalla bellezza di fare associazione e di volerlo testimoniare; unAc informata, che sa

Settore adulti: il cammino parte dalle parrocchie T


leggere le problematiche delle nostre parrocchie e del quartiere; unAc popolare fatta e proposta a tutti, un impegno grosso, perch deve tener conto sia delle et degli adulti, sia delle loro esperienze di vita. Abbiamo incontrato adulti vivaci, con relazioni belle e significative, felici di proporre esperienze di Chiesa. Adulti motore dellunitariet in associazione, impegnati nelleducazione dei giovani e

nel servizio; ma anche tanti adulti che in parrocchia svolgono le mansioni pi umili che rendono belle anche esteriormente le nostre chiese. Mi piace ricordare anche quegli adulti che per via dellet non escono di casa, che sono con noi nella preghiera e che l8 dicembre aspettano con gioia la visita del presidente parrocchiale e la loro tessera. Gli adulti di Ac non sono diversi dagli altri adulti, anzi ne condividono pienamente la condizione e sono immersi nelle stesse situazioni di vita, ma hanno scelto di accogliere la chiamata del Signore. Persone che si confrontano con la Parola rendendo presenti le attese e le istanze dellet adulta, che si interrogano sulla vita e che traducono la loro esperienza in domande facendo in modo che la formazione sia la risposta. Persone che, a servizio della Chiesa e in particolare della comunit parrocchiale, si sentono responsabili e contribuiscono alla costruzione di legami fraterni e solidali capaci di offrire ragioni di speranza alle donne e agli uomini del nostro tempo. Persone che, per qualificare la loro presenza nei luoghi che frequentano, fanno la scelta associativa. In tutti c lesigenza di formarsi, il desiderio di partecipare il pi possibile agli appuntamenti parrocchiali e diocesani proposti, di aprirsi alle unit parrocchiali e agli altri gruppi presenti in parrocchia con la consapevolezza che per essere veri adulti v.i.p., occorre innanzitutto essere adulti d.o.c. Gennaro Bucci

Fotonotizia | A Budrio 470 ragazzi Acr alla Festa del Ciao


Non si sono lasciati intimorire dalle incerte condizioni meteo, cos oltre 470 ragazzi ed educatori dellAcr, provenienti da 21 parrocchie della nostra diocesi, sabato 27 ottobre hanno invaso con il loro entusiasmo la parrocchia di Budrio, in occasione dellimmancabile festa del Ciao. Come ogni anno, una bella occasione per cantare, ballare, giocare, conoscersi, pregare, condividere e fare esperienza dellessere Chiesa. Ringraziamo di cuore tutti i partecipanti: i ragazzi, che con la loro numerosa presenza, hanno testimoniato di essere in cammino in cerca dAutore, gli educatori che si sono messi in gioco in modo straordinario, il nostro assistente don Claudio che ha celebrato lEucarestia e Ges che sempre ci accompagna con la sua gioia. Elena Brandolini

Prossimi appuntamenti Ac
Venerd 14 dicembre alle 21, presso il Santuario del Suffragio Lectio divina Il Padre misericordioso Sabato 15 dicembre alle 20,45, presso la parrocchia di SantEgidio: Amori in corso 27-29 dicembre, a Loreto: Tre giorni giovanissimi 28-30 dicembre a Villamarina: tre giorni Acr Luned 1 gennaio: Marcia della Pace Luned 7 gennaio: presentazione del mese della Pace 19 e 20 gennaio: Due giorni Adulti e Famiglie Sabato 26 gennaio alle 21, in Cattedrale a Cesena: Veglia della Pace

Msac: la tradizionale Quattro giorni Il multiculturalismo e il dialogo tra le culture


Ehi ciao Ac! :) In queste brevi righe parleremo di un evento, non poco importante, avvenuto allinterno della nostra diocesi: la 4 giorni Msac! Anche questanno il Movimento studenti di Azione Cattolica ha organizzato quattro giorni di condivisione per i ragazzi, dal 18 al 21 ottobre. Ospitati dalle suore benedettine di Celincordia, noi studenti msacchini siamo stati per quattro giorni sempre insieme, scherzando e divertendoci, ma senza saltare la scuola n tanto meno lo studio, anche se difficile da credere! Tra compiti, giochi e risate, per non sono mancati i momenti di preghiera per la formazione di noi ragazzi di Ac, come i vespri con le suore e la partecipazione alla veglia missionaria in duomo di sabato 20, n gli incontri e le riflessioni, tutti incentrati sul tema fondamentale di questa nostra Quattro giorni: "Il multiculturalismo e il dialogo tra le culture", argomento assai significativo al giorno doggi. Beh, questo un po il riassunto di questa bellissima avventura trascorsa insieme; unesperienza che merita davvero di essere vissuta e vogliamo proporla a sempre pi giovani delle nostre parrocchie e della nostra diocesi! Un saluto dai ragazzi di Msac!

FIOCCO AZZURRO
Felicitazioni dallAc diocesana a FEDERICA DE CESARI e STEFANO TAPPI, gi responsabili del Settore Giovani, per la nascita di GIACOMO

LAUREE
La Fuci ha dato i suoi frutti! Si sono laureati i responsabili diocesani FRANCESCA MASSANOVA (Scienze dellEducazione) e LORENZO SPADA (Chimica) Ai neo dottori le congratulazioni di tutta lassociazione

Cesena

Gioved 6 dicembre 2012

13

Martorano e Pievesestina come i 20 plessi gi dotati di pannelli


Miserocchi e Lia Montalti - rientra allinterno di una serie di iniziative che compongono il Piano energetico comunale, tra cui "Caldaie in rete" e "Manutenzione globale", individuate in unottica di sostenibilit economica e ambientale. Se finora la maggior parte degli interventi ha riguardato scuole gi esistenti, ancora pi importante la realizzazione di nuove strutture progettate fin dal principio in accordo con i pi rigorosi criteri di bioedilizia". Per quanto riguarda la scuola materna di Martorano, sar installato sul tetto delledificio un impianto fotovoltaico da 19 KWp composto da 132 pannelli, che sar affiancato da un impianto solare termico che garantir il fabbisogno di acqua calda delledificio. Tutti gli spazi della nuova scuola sono stati studiati per garantire unelevata illuminazione naturale, anche grazie a particolari "serre solari", cio particolari verande in grado di raccogliere non solo la luce, ma anche il calore dal sole. Nella nuova scuola elementare di Pievesestina, invece, ampliamento significativo della struttura gi esistente, sar installato un impianto fotovoltaico della potenzialit complessiva di oltre 47 KWp. In particolare, 96 pannelli solari saranno montati sul tetto della nuova ala in costruzione, mentre 106 andranno a rivestire la copertura delledificio esistente.

Pievesestina
In ricordo di suor Angela
Nelle scorse settimane morta suor Angela Biguzzi (nella foto), di 76 anni, originaria di Pievesestina. Aveva emesso la professione religiosa nel 1964 e quella perpetua nel 1969. Dopo gli studi di Infermiera professionale, ha prestato servizio prima allospedale di Bentivoglio, poi stata inserita nella comunit Addolorata prestando servizio nei reparti di Santa Bernardetta e SantAnna e nella comunit Cottolengo. In seguito stata trasferita nelle case Cottolengo di Cerro Maggiore, di Roma e di Sant Vincent. La salma stata tumulata nel cimitero di Torino. Pubblichiamo alcuni stralci della testimonianza resa da una consorella, suor Alfredina Marcias.
E unesigenza del cuore rispondere a ci che mi stato chiesto, cio di esprimere il mio ricordo di suor Angela Biguzzi, suora di San Giuseppe Benedetto Cottolengo. Suor Angela ha scelto di giocare la sua vita allinterno del carisma cottolenghino. Il nostro fondatore, San Giuseppe Cottolengo, ha posto come fondamento e motivo del nostro agire il "Caritas Christi Urget Nos". Con suor Angela ho trascorso alcuni anni alla Piccola casa della divina provvidenza "Cottolonego" a Torino, per la formazione e la preparazione professionale per servire meglio i poveri a noi affidati dalla Divina provvidenza, di cui siamo umili strumenti per testimoniare lamore di Dio. In tutto questo periodo ho potuto ammirare e godere della semplicit e spontaneit, bont e laboriosit di suor Angela. Queste caratteristiche sono state predominanti in lei, no alla ne della vita. Suor Angela ha vissuto una fedelt creativa al carisma cottolenghino. I suoi gesti suscitavano meraviglia in chi li riceveva: ad esempio, realizzava dei bellissimi e originali biglietti, segnaposti per compleanni, onomastici e occasioni varie. Il tutto fatto con gioiosa e disarmante spontaneit. Dopo tanti anni ci siamo ritrovate insieme per quindici giorni a Lemie, in alta valle di Lanzo. Sono stati giorni ricchi di ricordi belli e signicativi, puntualizzando le grandi cose che Dio compie, come in ogni persona, quando trova docile adesione al suo progetto. Nel 2003 il Signore ci ha permesso di ritrovarci insieme nella realt cottolenghina di Saint Vincent e abbiamo avuto la fortuna di festeggiare i nostri 40 anni di professione religiosa ritrovandoci con tante sorelle con cui abbiamo iniziato il nostro cammino di suore di san Giuseppe Cottolengo. Durante tutto il tempo della malattia sembrava che parlasse di altre persone. Tuttavia, abbandonata duciosa a Dio, sempre stata docile ad ogni iniziativa dei medici che la curavano dicendo: "Hanno deciso di fare, iniziano questa cura, pensano di spostarmi in unaltra realt, andiamo". Si preparata coscientemente a ricevere il sacramento dellunione degli infermi. Suor Angela ha avuto la fortuna di essere seguita costantemente, con premurose cure materne e fraterne da tante sorelle che conosceva, dai nostri sacerdoti cottolenghini.

Due scuole cesenati che andranno "a sole"


uovo passo avanti per linstallazione di impianti fotovoltaici negli istituti scolastici della citt. Dopo la "conversione ecologica" che, grazie al progetto "Scuole del sole", ha interessato negli ultimi due anni una ventina di plessi gi presenti in diversi quartieri della citt, a beneficiare ben presto dellenergia pulita prodotta dal sole saranno questa volta due nuovi edifici

attualmente in costruzione, la scuola elementare di Pievesestina e la scuola materna di Martorano, interventi per i quali nei giorni scorsi lAmministrazione comunale ha dato il via libera in unottica di risparmio energetico e riduzione dellimpatto ambientale. "Linstallazione di impianti fotovoltaici nelle scuole della citt ricorda il sindaco Paolo Lucchi insieme agli assessori Maura

ANNIVERSARIO

Missione estera

Io sono la resurrezione e la vita, chi crede in me, anche se morto, vivr 9/12/2010 9/12/2012 In occasione del secondo anniversario della morte della cara SEVERINA PASOLINI i figli la ricordano con immutato affetto Una messa di suffragio sar celebrata marted 11 dicembre alle 20 nella chiesa parrocchiale di San Biagio in Bulgaria

Macfrut ha incontrato gli ucraini


A Kiev si rinnovato interesse per la filiera ortofrutticola italiana e Macfrut in particolare. Loccasione stata la partecipazione della fiera cesenate insieme a varie imprese italiane- a Fresh produce Ucraina, che si svolta a fine novembre. "Siamo stati a Kiev - sottolinea Valentina Piraccini, responsabile dellUfficio Estero di Macfrut - con uno stand dove abbiamo ospitato i nostri espositori di Macfrut. Questa trasferta rientra nella strategia di internazionalizzazione per creare nuove opportunit in nuovi mercati. A Fresh Produce abbiamo incontrato operatori ucraini e russi, parecchi dei quali hanno visitato Macfrut a settembre e stiamo gi programmando nuovi contatti per organizzare incontri, nel 2013 a Cesena, con aziende italiane". La scomparsa delle vecchie agenzie dimportazione e la presenza crescente di catene europee della grande distribuzione (come Billa, Metro, Rewe o Auchan) potrebbe permettere un maggiore accesso di frutta europea in un mercato che, oggi, conta 50 milioni di consumatori. Non solo, ma, come emerso a Fresh Produce, oggi c una rinnovata domanda di macchinari per adeguare le esportazioni ucraine agli standard richiesti.

VIAGGI DI GRUPPO FIRMATI ROBINTUR Splendidi tours esclusivi


Per il 2013 abbiamo programmato i seguenti tour, con accompagnatore dallItalia Programmi disponibili in agenzia TOUR DELLA BIRMANIA: 13 febbraio febbraio 2013, completo! Stiamo programmando il secondo gruppo! TOUR DELLA CINA: 15 giorni, dal 4 marzo, volo di linea, pensione completa Pechino, Taiyuan, Pingyao, Xian, Guilin, Suzhou, Shanghai da 2.770 euro TOUR DEL MAROCCO: le citt imperiali, tra il deserto e il mare... 12 giorni, dal 6 aprile, volo da Bologna, pensione completa Casablanca, Rabat, Meknes, Fes, Midelt, Erfoud, Merzouga, Quarzazate, Taroudant, Agadir, Essaouira, Marrakech da 1.560 euro TOUR DEL PER: ... a due passi dal cielo 15 giorni, dal 25 maggio, volo da Bologna Lima, Cuzco, valle sacra dellUrubamba, Machu Picchu, Puno e il lago Titicaca, Colca, Arequipa, Nazca, Paracas e isole Ballestas da 3.430 euro
Ecco gli altri tour 2013: TOUR DELLUZBEKISTAN - TOUR DELLISLANDA - TOUR LE PERLE DEL BALTICO - TOUR DELLA TURCHIA - TOUR DEL SUD AFRICA - TOUR DELLANDALUSIA

VACANZE, TOURS E SOGGIORNI E PELLEGRINAGGI AUTUNNO 2012


AL SOLE DELLISOLA DI GRAN CANARIA Volo da Bologna, dal 4 all11 febbraio. Sea Hotel Resort Barcel Margaritas 4 stelle all inclusive Possibilit di fantastiche escursioni e di gite in bicicletta ISOLE MALDIVE BRAVO CLUB ALIMATHA 9 giorni, dal 27 gennaio con volo e all inclusive (anzich 2.720 euro) Partenze 10, 17 febbraio e 17 marzo Partenza del 7 aprile KENIA MARE NELLOCEANO INDIANO (9 giorni) Club all inclusive, volo da Verona da gennaio a marzo 2013

da 830 euro 2.160 euro da 1.970 euro 1.430 euro

da 990 euro

SONO IN PREPARAZIONE I PROGRAMMI DI GRUPPO DEI PELLEGRINAGGI VENERI-ROBINTUR 2013: TERRA SANTA, LOURDES, SANTIAGO DE COMPOSTELA E CAMINO...

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI, TOURS E CROCIERE AUTUNNO-INVERNO 2012

VIAGGI VENERI

14

Gioved 6 dicembre 2012

Cesena
Poste
Salvi gli uffici di Cesena
La scure di Poste italiane si abbatte a met. La scorsa settimana stato ufficializzato che sono salvi gli uffici postali di Gattolino e Calisese, mentre saranno chiusi quelli di Linaro e Pieve di Rivoschio. "Ho appreso con sollievo - spiega il sindaco di Cesena Paolo Lucchi - che Poste italiane ha ridimensionato il piano di chiusure messo a punto nei mesi scorsi e che fra gli uffici salvati ci sono i due di cui si paventava la soppressione nel comune di Cesena, vale a dire Calisese e Gattolino". Il sindaco conclude dicendo che, "accanto alla soddisfazione per il salvataggio degli uffici postali di Calisese e Gattolino resta, per, il rammarico per la confermata chiusura delle sedi di Linaro e Pieve di Rivoschio, nella consapevolezza che ci provocher disagi a quelle comunit.

Inaugurazione sabato 8 dicembre

Roversano, un presepe che si rinnova


l caratteristico presepe di Roversano verr inaugurato sabato 8 dicembre alle 15, presso la chiesa. Parteciperanno il coro "San Carlo Borromeo" e la scuola di musica "Savini". Il presepe, che viene allestito sfruttando una grotta della zona e le pendenze della collina, questanno si amplia ulteriormente con la rappresentazione della scena dellAnnunciazione allinterno della

chiesa di Roversano. Interamente realizzato dai parrocchiani, composto da 57 statue a dimensione naturale, collocate nella zona ex acquedotto, allinizio del paese. Di notte molto suggestivo anche grazie alla particolare illuminazione adottata. Quando in auto si sale verso Roversano, prima dellarrivo in paese, guardando a sinistra la parete scoscesa della collina, non si

Mercatino solidale
immaginerebbe che verso il culmine vi sono cos tante scene del presepe. Lopera visitabile tutti giorni, dalle 9 alle 23, fino a domenica 20 gennaio. Durante lo scorso periodo natalizio, grazie anche alla clemenza della stagione metereologica, il presepe stato visitato da oltre 10mila persone.

Dei bimbi di Saiano

Mercoled 12 dicembre sotto il loggiato del Comune di Cesena i bambini e le bambine della scuola primaria Sergio Mariani di Saiano allestiranno un mercatino di Natale. Liniziativa rientra in un progetto in cui si ricorda la gura di Gianfranco Zavalloni. I manufatti esposti sono stati costruiti dai bambini stessi allinterno di un laboratorio di falegnameria. Ricavato in benecenza.

Villa Bianchi | Condivisione e disabilit

Martorano | I 40 anni della chiesa

Nella sede diVilla Bianchi a Ponte Abbadesse, la scorsa settimana si svolto un seminario di studi promosso dallOpera Don Dino.Titolo:Vivere listituzione tra etica e professionalit. Sono scaturite motivazioni forti per vivere, pur nei diversi ruoli, una condivisione di vita che privilegia la dimensione della relazione con i diversamente abili. Nella foto, lo psichiatra Sandro Rodighiero, la dottoressa Luigia Parentelli e Giobbe Gentili, presidente dellOpera don Dino.

La chiesa di Martorano, santuario diocesano dedicato al Sacro Cuore, stata consacrata il 7 dicembre 1972. La comunit ricorda lavvenimento con una mostra con pannelli fotografici allestita negli ambienti parrocchiali e visitabile liberamente. Insieme al parroco don Andrea Budelacci, si sono occupati dellallestimento Marisa Severi e Guglielmo Galbucci.

Cesenatico

Gioved 6 dicembre 2012

15

La Bcc di Sala dona una Lim


Una lavagna multimediale in dono dalla Bcc di Sala. Le due classi 1 A, 1 B della scuola primaria "Salvo dAcquisto" di Cesena dai giorni scorsi sono dotate di una moderna Lim. La lavagna interattiva multimediale costituita da una supercie di grandi

dimensioni che consente di visualizzare e interagire con contenuti e applicazioni in formato digitale: testi, immagini, animazioni, video, software. E una moderna periferica collegata a un computer dove si possono visualizzare i contenuti impostati dai docenti oppure navigare in Internet. A farsi portavoce di questa esigenza presso la Bcc di Sala che annovera una moderna liale in zona Fiorita, sono state la Dirigenza scolastica del IV circolo e le insegnanti della scuola

primaria "Salvo DAcquisto". Il Consiglio dAmministrazione della banca ha deciso di accogliere favorevolmente lappello ed ha stanziato la somma necessaria. Linsegnante Donata Turrini e i 34 alunni delle due classi prime hanno presenziato alla consegna della Lim a cura del vice direttore della liale della Bcc Sala, Giorgio Magnani, che ha consegnato nelloccasione a tutti gli alunni anche un kit tradizionale con matite, temperino e righello.

Presentata nelle scorse settimane a Cesenatico


la pesca pi indolore considerata quella con attrezzi fissi come nasse, bertovelli, reti da posta, cestelli. In sostanza si tratta di gabbie, di trappole o reti in cui pesci e molluschi restano intrappolati. Nellopuscolo curato da Lombardi una sezione dedicata ai vari tipi di pesca. Non manca un riferimento al fatto che, grazie al pesca-turismo, gli operatori possono integrare il proprio reddito portando in alto mare turisti e scolaresche. Ampio spazio dedicato anche allallevamento dei mitili che, nel mare di fronte a Cesenatico, registra molti allevamenti. "Sul mercato - continua Lombardi - disponibile tanto pesce, ma non tutto fresco, o pescato localmente dalle nostre imbarcazioni. La guida ha anche lo scopo di dare suggerimenti per riconoscere il pesce fresco da quello scongelato, oppure far conoscere il periodo migliore per acquistare quello pi indicato e a miglior prezzo". Lultima sezione del libretto dedicata alla descrizione di una trentina fra pesci, molluschi e crostacei con le relative malizie per capire se ci si trova di fronte a pesce fresco. In pi vi riportato anche qualche consiglio per cucinarlo. Lautunno la stagione migliore per la pesca della triglia, dello sgombro, della mazzancolla. Linverno il momento ideale per le vongole, la cappasanta, la sogliola, la razza, la mazzola, le acciughe (o alici) e il suro. Cristiano Riciputi

In centro storico
Mercatini natalizi
Cesenatico, nel tempo di Natale, assume una connotazione che va al di l della semplice poesia. Tutto ruota attorno al celebre presepe della marineria che stato inaugurato domenica scorsa. Non ci sono grotte o capanne con i sentieri coperti di muschio, le cime innevate e le pecorelle al pascolo a fare da sfondo alla Nativit, bens Bragozzi, Battane, Lance, Trabaccoli Paranze e Barcht, le antiche e coloratissime imbarcazioni dellalto e medio Adriatico. Nella romantica cornice del porto canale leonardesco le imbarcazioni del Museo della Marineria ospitano la Sacra Famiglia, i Re Magi e tutti gli altri personaggi del presepe, e qui, accolto da tre delni scolpiti, la notte di Natale, nascer il Bambino. A fare da sfondo c la citt con lo scorcio suggestivo delle antiche Conserve e delle case colorate che si specchiano nellacqua del porto canale. Il Presepe, iniziato nel 1986, opera degli artisti Maurizio Bertoni e Mino Savadori su progetto di Tinin Mantegazza e da unidea di Guerrino Gardini. La prima statua, dopo la sacra Famiglia e i Re Magi stata quella di San Giacomo, patrono di Cesenatico. Nel corso degli anni se ne sono aggiunte altre che rappresentano personaggi e scorci di vita della marineria locale, intagliati nel legno di cirmolo. Gli abiti realizzati in tela e i voluminosi drappeggi (modellati su unintricata rete di metallo), sono ottenuti grazie a uno strato di cera pennellata a caldo. I colori sono quelli con cui venivano tinte le vele e la cera quella che serviva per ammorbidire il sartiame. Dallo scorso anno, tra laltro, il Presepe galleggiante pu vantare il prestigioso riconoscimento Patrimonio dItalia per la tradizione, conferitogli direttamente dal Ministero del Turismo per la sua capacit di mantenere vivo il folklore e le tradizioni del territorio, pur rinnovandole e adeguandole al mutamento dei tempi e trasformandole in attrattori turistici in grado di registrare una sempre pi ampia e crescente partecipazione. Ogni ne settimana, per tutto il periodo delle festivit nel centro storico, verranno organizzati mercatini di Natale, spettacoli, musica, giochi e animazione. Sono circa 50 gli alberghi aperti nel periodo natalizio che offrono pacchetti-soggiorno a prezzi speciali.

Una guida per conoscere i segreti del mare


n opuscolo per far conoscere le risorse del mare. Si chiama "La pesca, il pesce e le sue stagioni" il libretto pubblicato nelle scorse settimane per iniziativa della Regione, del Ministero, col supporto del Fondo europeo per la pesca. I testi, distribuiti su 20 pagine, sono del giornalista ed esperto Antonio Lombardi, mentre i disegni sono di Otello Cattani. Hanno contribuito anche la cooperativa casa del Pescatore di Cesenatico, il Comune e la Provincia. "Il mare Adriatico - spiega Lombardi - habitat ideale dove si sviluppano, a ciclo

continuo, diverse specie a cominciare dal pesce azzurro. Acciughe, sardine, papaline, suri e sgombri rappresentano una vera ricchezza e un pesce a buon mercato. La pesca si effettua in prevalenza con il sistema "a volante", vale a dire con due pescherecci che navigano appaiati e che trainano a poppa ununica rete, calata a mezzacqua". La pesca a "strascico" quella che, praticata con barche molto potenti, indicata come concausa dellimpoverimento del mare. Per contro,

Lavori in viale Trento


Partono i lavori per rendere denitiva la viabilit in viale Trento. Da diversi mesi lAmministrazione aveva posto delle barriere creando cos una rotatoria sfruttando lo stradello parallelo. Lo scopo quello di rallentare la velocit delle auto in una zona dove, in passato, sono accaduti incidenti anche mortali. Non tutti concordano con la decisione: fra i contrari la Confesercenti di Cesenatico secondo la quale cos facendo il usso del traffico viene peggiorato. Alcuni negozianti della zona hanno espresso il proprio dissenso. I lavori sono partiti e prevedono una riqualicazione di tutta larea.

Pippofoto

16

Gioved 6 dicembre 2012

Valle del Rubicone


Savignano
La fiera di Santa Lucia
Pare gi di sentirlo il profumo di caldarroste e di torrone nellaria pungente di dicembre. E tempo di era a Savignano. Sono giunti ormai al termine i preparativi per la festa della patrona cittadina in programma il 13, 15 e 16 dicembre con lanteprima della Piccola Fiera dellImmacolata l8 e il 9 dicembre.. I dettagli del programma di eventi, mostre e proposte della Fiera 2012 sono contenuti nel giornale della Fiera disponibili nei luoghi pubblici, oppure sul sito del comune (www. comune.savignano-sul-rubicone.it). Da non perdere l8 dicembre la cerimonia del restauro del quadro La consegna delle chiavi di Giovan Battista Amato (1598) alla presenza di Piergiorgio Pasini (Collegiata di Santa Lucia ore 15), il volo inaugurale delle lanterne volanti in piazza Borghesi (ore 16,45), laccensione delle luminarie (17,45), lincontro pubblico con Pietro Sarubbi, interprete di Barabba in "The Passion" di Mel Gibson (Teatro Moderno ore 21). A partire dal 13 dicembre la era entrer nel vivo: non mancheranno il tradizionale mercato gastronomico "Metti a tavola il Natale"; il mercato ambulante e il mercatino natalizio, dellhobbistica e del vintage. In piazza Faberi sar attivo il "Pala e20" a cura dei giovani della parrocchia di Santa Lucia che conferma lappuntamento religioso del 13 dicembre con la Liturgia Eucaristica nella collegiata (ore 18) presieduta dal vescovo di Rimini Francesco Lambiasi.

Longiano: le iniziative natalizie

Una citt votata ai presepi artistici


itorna "La Longiano dei presepi", la rassegna che da 22 anni offre, nel centro storico del paese, un percorso di suggestioni culturali, turistiche e gastronomiche. La nuova edizione curata dal Comune in collaborazione con la Pro loco e durer dall8 dicembre al 6 gennaio 2013. Per lassessore al turismo e alla cultura Maria Cristina Minotti "si tratta di unedizione ricca, con pi di 50 presepi allestiti nel centro storico e una serie di eventi collaterali che arricchiranno la piazza nei giorni di festa. Organizzare questa importante manifestazione costa al Comune 9mila e 800 euro". Il circuito dei presepi prevede una passeggiata nel centro storico lungo 30 punti-presepe, che vanno dal santuario del Santissimo Crocifisso al giardino di via Rangoni. Fra i presepi da segnalare ci sono quelli allingresso e alluscita del rifugio bellico e l"Adorazione dei magi" di Ilario Fioravanti, collocata nel Museo darte sacra. Nella sala San Girolamo saranno esposti i "presepi della solidariet" del Lions Club (15

Pi di 50 nativit realizzate lungo le strade e gli anfratti del centro storico


formelle dautore) e dellIstituto oncologico romagnolo, assieme a una decina di altri presepi. La fondazione "Tito Balestra" esporr nellex-chiesa Madonna di Loreto "Il presepe deserto" di Luigi Teodosi e una selezione di opere dellautore (inaugurazione alle 11,30 di sabato 15 dicembre). Da segnalare anche due incontri sul presepe nella storia dellarte (il 13 e il 27 dicembre alle 21) nella sala dellArengo del Castello malatestiano, con gli studiosi Marco Vallicelli e Marina Marinelli. Le Pro loco del territorio saranno presenti nei giorni di festa in piazza Tre Martiri per laccoglienza dei visitatori con castagne, vin brul e cioccolata calda. Fra gli appuntamenti in programma ci sono spettacoli di giocoleria (il 9 e il 23 dicembre dalle 15) e musica itinerante (il 16, il 26 e il 30 dicembre dalle 15), le "camminate dei babbi natale" (l11 e il 18 dicembre dalle 20,30) e i laboratori creativi gestiti da Barbara Fina di "Spazio 33" (nei giorni 15, 16, 22, 24, 29, 30 dicembre e 5 gennaio, presso la sala San Girolamo). Linizio della manifestazione prevista per il pomeriggio di sabato 8 dicembre. Linaugurazione ufficiale della rassegna in programma alle 16 di sabato 15 dicembre, alla presenza del vescovo della diocesi di Cesena-Sarsina, Douglas Regattieri. Matteo Venturi

Gambettola I prossimi lm a un euro luno


Nella "Multisala Abbondanza" in corso Mazzini a Gambettola, a partire da gioved 6 dicembre, via al secondo ciclo di proiezioni del "Metrofestival", la rassegna cinematograca di pellicole di qualit, patrocinata dal Comune di Gambettola. "Metrofestival" consente la visione in abbonamento di 7 lm al costo di 7 euro. Il calendario del secondo ciclo (dicembre 2012-gennaio 2013) prevede i seguenti lm: gioved 6 e venerd 7 dicembre "Marigold Hotel" di John Madden; gioved 13 e venerd 14 dicembre "W.E.- Edward e Wallis di Madonna. Gioved 20 e venerd 21 dicembre "Un sapore di ruggine e ossa"; gioved 17 e venerd 18 gennaio E' stato il glio; gioved 24 e venerd 25 gennaio Un giorno speciale. Piero Spinosi

A Montiano l8 dicembre

Savignano | Nuovi Filopatridi

La Rocca malatestiana si anima di nativit


Riapre a Montiano il grande presepe meccanico allestito nelle grotte della Rocca malatestiana dagli artigiani della famiglia Gualtieri. Per il terzo anno la Pro loco di Montiano, subentrata allassociazione "Amici del presepe", a dare la possibilit di visitare il presepe meccanico e altri presepi artistici. Linaugurazione del "Presepe alla rocca" prevista per le 16 di sabato 8 dicembre, alla presenza del vescovo di CesenaSarsina, Douglas Regattieri, del sindaco di Montiano, Fabio Molari, e di don Domenico Altieri, nuovo amministratore parrocchiale. A seguire, saranno offerti dalla Pro loco vin brul e cantarelle. Il presepe sar visitabile no a domenica 27 gennaio con i seguenti orari: sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18, gli altri giorni su richiesta. Lingresso a offerta libera. Il ricavato andr a favore della ristrutturazione della chiesa dei Tre Monti. Matteo Venturi

E stato inaugurato il 362 anno accademico dei Filopatridi. Questi i nuovi accademici: Alessandro Bellanti, Adele Briani Fioravanti, Marco Marconi, Annamaria TorriTonetti, MargheritaTorroni, Roberta Silvagni, Paolo Zanfini, Agostina Melucci, Rosanna Ugolini Canini, Antonia Zavatta, Massimo Pazzini,Tito Masi, Stefano Ferrari. Nuovi soci onorari: Antonio DeVita, Antonio Paparella,Vittorino Andreoli. E stato inaugurato il busto di Bartolomeo Borghesi, ricollocato in nuova sede.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Valle del Savio


San Piero
Messa per Manuela
Venerd 7 alle 17 si celebra nella chiesa parrocchiale una Messa in suffragio di Manuela Camagni, la sampierana che prestava il proprio servizio tra le "Memores Domini" che accudiscono lappartamento papale, deceduta il 24 novembre 2010.

Gioved 6 dicembre 2012

17

In gennaio scade la cassa integrazione

Simona, riunione per le ex dipendenti


San Piero in Bagno: erano quasi tutte presenti, le dipendenti ex Simona, alla riunione convocata la scorsa settimana dai sindacati per un aggiornamento sulla situazione del gruppo La Perla e della vertenza in corso. Il rinnovo della cassa integrazione, a met gennaio 2012, aveva coinvolto 88 dipendenti. E attualmente sono in 87 ad usufruirne, segno che in circa un anno c stata una sola persona che ha maturato il diritto alla pensione o ha trovato unaltra occupazione. La riunione era stata convocata con una certa urgenza, dopo le ultime notizie che giungevano da Bologna dove in corso una dura trattativa tra sindacati e gruppo La Perla. I sindacati locali hanno confermato che la situazione dei dipendenti ex Simona comunque collegata con la situazione dei dipendenti di Bologna dello stesso gruppo. La possibilit di un ulteriore periodo di cassa integrazione a Bologna dovrebbe portare la stessa opportunit anche per le ex Simona, visto che fino ad ora gli accordi hanno sempre riguardato tutto il gruppo (che oltre a Bologna e San Piero vede alcuni dipendenti anche a Roseto degli Abruzzi). Occorre per, ed quello che i sindacati stanno chiedendo con forza, la presentazione da parte del gruppo di un chiaro e credibile piano di rilancio dellazienda. Ed occorre in tempi brevissimi, visto che lattuale periodo di cassa integrazione scade il14 gennaio 2013, che ci sono le festivit natalizie nel mezzo e che laccordo va sottoscritto in sede ministeriale. Al di l della cassa integrazione "pura e semplice", si anche detto che si potrebbe pensare a percorsi di riqualificazione professionale per le persone che intendono comunque aggiornare le proprie competenze od acquisirne di nuove. Alberto Merendi

Raccolta solidale
Nelle domeniche di Avvento verranno raccolti prodotti utili per la Piccola Famiglia dellAssunta di Canataio. Negli appositi cesti in Chiesa potranno essere lasciati generi alimentari, prodotti per la pulizia della casa, quaderni, colori e penne.

Il libro del Papa


Luned 10 alle 20,45, nel teatrino parrocchiale, verr presentato "Linfanzia di Ges", il recente libro di Papa Benedetto XVI, edito da Lev Rizzoli.

A Monteriolo il 13 dicembre si festeggia Santa Lucia


avviene da pi di mezzo secolo, diventando "priore" e continuando lusanza del padre. Ubicata in un luogo che ha qualcosa di incantevole, la pieve di Monteriolo ha radici antichissime. Il primo documento rimastoci del 950, confermato dallo stile stesso della chiesa e dai reperti. Nellabside era visibile solamente laffresco della Madonna con Bambino ma il 19 dicembre 1972 vennero trovati altri quattro personaggi, identificati poi grazie al resoconto della Visita Pastorale di monsignor Peruzzi del 6 luglio 1608: San Cassiano, imolese, patrono della parrocchia; San Vicinio di Sarsina patrono della Diocesi, Santa Caterina dAlessandria, SantIppolito. Tali affreschi, unici nella zona, si trovavano in uno stato piuttosto precario, soprattutto a causa degli interventi dei secoli successivi che avevano coperto e alterato le immagini originali, rendendo lacunoso parte dello strato originario. La Sovrintendenza ha compiuto il restauro nel 2010, con buoni risultati. Questa comunit ha sofferto il pi spaventoso spopolamento, passando da un migliaio di abitanti prima della Seconda guerra mondiale, con parroco e cappellano, agli attuali 11 residenti, molto distanti tra loro, che ancora hanno la fortuna di avere la presenza, una volta al mese, di don Renzo Marini di Sarsina. Daniele Bosi

Mercato Saraceno
Serata gastronomica
Appuntamento gastronomico e culturale di rilievo gioved sera 6 dicembre, alle 20, presso la "Trattoria Da Elena", a Montecastello di Mercato Saraceno. Slow Food Cesena, in collaborazione con lAssessorato alla Cultura del Comune di Mercato Saraceno, la Confesercenti Cesenate e lassociazione culturale Fogli Volanti, organizza una serata collegata allevento internazionale Slow Food Terra Madre Day Festeggiamo mangiando locale. Per loccasione Marino Niola, antropologo della contemporaneit, docente universitario, gastronomo, presenter il suo ultimo libro Non tutto fa brodo. Durante la serata, sar protagonista la cucina di Elena Babbi, (presente da oltre 10 anni sulla guida Osterie dItalia, di Slow Food Editore), che valorizza nel modo migliore i prodotti del territorio. I piatti del men saranno accompagnati dai vini della storica Cantina Braschi, di Mercato Saraceno. Quota di partecipazione: 30 euro a testa (25 euro per il socio e consorte). In omaggio ai partecipanti il libro Non tutto fa brodo, di Marino Niola, edito da Il Mulino (in libreria a 13,00 euro). Per prenotare: tel. 0547.622602 348.7517095.

Da oltre mille abitanti a soli undici residenti


nche questanno alle porte uno degli eventi religiosi pi sentiti nel sarsinate, per il quale centinaia di persone, incuranti delleventuale maltempo, si recano alla pieve di Monteriolo di Sarsina. Levento la ricorrenza di Santa Lucia, gioved 13 dicembre. Sebbene non sia la patrona della parrocchia la Santa pi venerata nella parrocchiale, dopo che nel Seicento il cadente oratorio presso

Taverna venne abbattuto e fu creata una cappella a lei dedicata. Alle 11 ci sar la messa cantata, con brani tradizionali noti a tutta lassemblea, concelebrata da vari sacerdoti della zona. Alle 15.30 si terr la messa solenne, celebrata dal vescovo Douglas, alla quale seguir il rinfresco per tutti preparato dalla famiglia di Ruscelli Renzo, che in questo giorno ospita a pranzo i sacerdoti e il vescovo, come

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE


e sul sito www.corrierecesenate.com
La tua pubblicit SPEDITA IN ALLEGATO al CORRIERE CESENATE raggiunge gli abbonati nelle zone di Cesena, Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Gambettola, Longiano, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Montiano, Mercato Saraceno, Bagno di Romagna, Sarsina, Verghereto

contatta: 0547 300258; commerciale@corrierecesenate.com

18

Gioved 6 dicembre 2012

Solidariet
stato giorni scorsi in Comune Cesenapresentato neidal Coordinamento a il Progetto Bussola, primo progetto realizzato e nanziato comunale del volontariato, organo di rappresentanza delle associazioni di volontariato no prot operanti nel comprensorio di Cesena, istituito nel 2002 dal Comune di Cesena. Il progetto persegue tre obiettivi: la promozione della conoscenza sul territorio del Ccv, del suo ruolo e delle sue funzioni; la costituzione di un Osservatorio sulla conoscenza e analisi della progettazione e del lavoro di rete delle associazioni aderenti al Ccv, sulle attivit offerte, compiti dei volontari, ecc.; lapertura di un Punto di Ascolto, uno spazio informativo, di orientamento e consulenza e ascolto psicologico (da qui deriva il nome Progetto Bussola) condotto da una professionista psicologa-psicoterapeuta e rivolto a persone con disabilit o affette da malattie o che si riconoscono in una qualsiasi situazione di disagio psichico o sociale, o che desiderano trovare quelle bussole dentro di s come allesterno, nellambito del territorio, dei servizi offerti a carattere sociale e sanitario, e delle associazioni di volontariato presenti, utili a individuare e costruire la propria rotta anche con lindividuazione di percorsi personalizzati. Il Punto Bussola attivo presso le sedi del Coordinamento e del Centro Servizi del Volontariato situate in via Serraglio 18; aperto tutti i gioved dalle 11,15 alle 13,15. Per prenotare un appuntamento, telefonare al 342 5700815 il luned (dalle 12 alle 14) e gioved (dalle 13 alle 14), inviare un sms o lasciare un messaggio alla segreteria telefonica dello stesso numero, scrivere una mail a puntobussolacesena@libero.it

Progetto Bussola: punto di ascolto, consulenza e orientamento

Nel territorio raccolti 51.246 kg di alimenti in 56 supermercati


770 volontari e tutti i prodotti donati saranno destinati a 45 strutture caritative del territorio, che assistono 6.730 persone bisognose. La 16esima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, a livello nazionale si svolta in pi di 9mila supermercati. Grazie allaiuto di oltre 130mila volontari sono state raccolte 9.622 tonnellate di prodotti alimentari, confermando sostanzialmente, nonostante la crisi, il dato delledizione 2011 (9.600 tonnellate). Il cibo raccolto sar ora distribuito alle oltre 8.600 strutture caritative convenzionate con la Rete Banco Alimentare che assistono ogni giorno 1 milione e 700mila poveri. Il Presidente della Fondazione Banco Alimentare onlus Andrea Giussani, ringraziando tutti i volontari e i donatori, afferma che, ancora una volta, lopportunit di donare tocca le radici della persona e, contro il pessimismo, rilancia una piccola o grande responsabilit individuale. In Emilia Romagna le tonnellate raccolte sono state 1.049 (-1,7 per cento rispetto al 2011), 15mila volontari hanno partecipato alliniziativa in oltre 1.100 punti vendita. Nella provincia di ForlCesena le persone hanno donato 100.579 chilogrammi di alimenti che saranno destinati a 107 strutture che aiutano16.143 bisognosi. Barbara Baronio

Convegno a Cesena Povert ed emarginazione


Gioved 6 dicembre alla Fondazione Crc
Povert ed emarginazione sociale a Cesena il tema del convegno che si terr gioved 6 dicembre alle 20,30 nella sala convegni Biagio Dradi Maraldi della Cassa di Risparmio di Cesena, in via Tiberti a Cesena. Promotrici dellincontro, aperto a tutti, sono lassociazione Benigno Zaccagnini e la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena. Dopo il saluto del presidente della Zaccagnini di Cesena Paolo Zanni e di Bruno Piraccini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio, terr una relazione Ivo Colozzi, docente di Sociologia allUniversit di Bologna. Seguiranno interventi di: Filippo Pieri (segretario zonale Cisl), Adolfo Zanuccoli (Mater caritatis Caritas), Alessio Bonaldo (Banco di Solidariet), Ettore Lucchi (San Vincenzo de Paoli), Pier Paolo Bravin (Progetto Povert Assiprov). Le conclusioni sono affidate a Simona Benedetti, assessore ai Servizi Sociali del Comune di Cesena, e Arturo Alberti, Commissione assistenza della Fondazione Crc. Lincontro promosso in collaborazione con: Acli zona Cesena, Agesci zona Cesena, Assiprov, Azione Cattolica, Banco Alimentare, Banco di Solidariet, Campo Emmaus, Cantiere 411, Mater Caritatis Caritas, Centro di Aiuto alla Vita, cooperativa Cils, Cisl zona Cesena, Fondazione Romagna Solidale, Movimento dei Focolari, associazione San Vincenzo de Paoli.

Colletta alimentare Successo oltre la crisi


stimato in circa 153.700 euro il valore degli alimenti raccolti nella diocesi di Cesena-Sarsina in occasione della 16esima Giornata della Colletta alimentare, promossa dalla Fondazione Banco alimentare onlus in collaborazione con la Compagnia delle Opere sociali,

lassociazione nazionale Alpini e la societ San Vincenzo De Paoli, che si tenuta in tutta Italia sabato 24 novembre. In particolare, nellarea di Cesena sono stati donati 51.246 chilogrammi di alimenti in 56 supermercati aderenti alliniziativa. La colletta ha coinvolto in diocesi

Anche la Fnp Cisl provinciale si mobilita


Anche la Fnp Cisl di Forl Cesena, guidata dal segretario generale Luigi Brancato, sar presente alla mobilitazione. Gli iscritti alla Fnp Cisl saranno presenti il 7 dicembre dalle 9 alle 12 davanti alla prefettura di Forl per presentare le ragioni della protesta. Inoltre previsto un incontro tra il sindacato pensionati e il Prefetto. Nelloccasione la Fnp Cisl provinciale, assieme agli altri sindacati, consegner al Prefetto una lettera affinch si faccia portavoce presso il Presidente della Repubblica Italiana e il Presidente del Consiglio dei Ministri delle richieste dei pensionati. Nel documento i pensionati chiedono al governo, al Parlamento, alle amministrazioni locali e alle forze politiche interventi concreti e urgenti in favore dei pensionati e delle persone anziane attraverso il sostegno dei redditi da pensione, una nuova politica scale, il rilancio del welfare pubblico e una legge nazionale per la non autosufficienza.

NOTIZIARIO PENSIONATI
concessionario sarebbe opportuno considerare, nella richiamata comunicazione di indebito, che si ricorrer alla procedura della riscossione mediante concessionario, solo in presenza di dolo accertato come nel caso di rate di pensione riscosse dopo la morte del beneciario. Si ribadisce, pertanto, che le procedure per il recupero degli indebiti, in particolare senza dolo, debbano essere applicate solo a seguito di una specica verica e che auspichiamo contenga le motivazioni ed i redditi inuenti che hanno originato lindebito, nonch la data della verica e la notica dellindebito stesso.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Tempo scaduto. Il 7 dicembre mobilitazione Spi-Fnp-Uilp


Le organizzazioni sindacali dei Pensionati di Cgil, Cisl e Uil, Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil, organizzano il 7 dicembre una giornata di mobilitazione nazionale, con presidi di fronte alle Prefetture e ai Comuni delle principali citt italiane, per richiamare lattenzione delle Istituzioni e dellopinione pubblica sulle difficili condizioni in cui vive la popolazione anziana nel nostro Paese. I Sindacati dei Pensionati sono fortemente preoccupati per landamento della crisi economica e sociale che il Paese sta vivendo. Milioni di pensionati e di anziani stanno pagando un prezzo altissimo, colpiti duramente dagli effetti della crisi e dalle misure di rigore finora adottate dal Governo: blocco della rivalutazione delle pensioni; introduzione dellImu sulla prima casa; tagli al welfare; tagli ai trasferimenti a regioni ed enti locali; aumento dei prezzi di beni, servizi e tariffe. Con questa giornata di mobilitazione, Spi, Fnp e Uilp chiedono al Governo, al Parlamento, alle amministrazioni locali e alle forze politiche: interventi concreti e urgenti a sostegno dei redditi dei pensionati. Una nuova politica fiscale che abbatta drasticamente levasione e riduca la tassazione sui redditi da pensione e da lavoro. Soluzione al problema degli incapienti, di quelle persone, cio, che hanno redditi cos bassi da non poter usufruire delle agevolazioni fiscali. Rilancio del welfare pubblico, equo e solidale, in grado rispondere alle esigenze di tutti i cittadini, a partire da quelli in maggiori condizioni di bisogno, con particolare attenzione alle persone anziane, disabili e non autosufficienti. Approvazione di una legge nazionale per la non autosufficienza, con relativo Fondo adeguatamente finanziato, quale gesto di civilt che ci avvicinerebbe alle altre grandi nazioni europee. Equit nella distribuzione dei sacrifici, che fino ad oggi sono ricaduti principalmente sulle spalle dei lavoratori e dei pensionati. Razionalizzazione della spesa pubblica. Contrasto agli sprechi, alla mala gestione e ai costi impropri della politica.

Pensioni: situazione non pi sopportabile


I dati diffusi oggi dallInps, che hanno sorpreso molti, sono solo la certicazione del fatto che le battaglie che stiamo portando avanti ormai da tempo a favore dei pensionati giunti allo stremo delle proprie forze non sono campate in aria, ma evidenziano limpossibilit dei pensionati stessi di far fronte ad una crisi sempre pi grave. quanto afferma la Fnp dopo la presentazione da parte dellistituto di previdenza del bilancio sociale 2012. Il governo deve rendersi conto che siamo giunti oramai ai tempi supplementari: urgente

Recupero coattivo indebiti


Dal momento che il passaggio dal recupero ordinario degli indebiti a quello coattivo, investe una pluralit di casi e una notevole platea di pensionati, per i quali, nel caso in cui non dovessero rispettare le tempistiche della rateizzazione, si proceder alla riscossione mediante

trovare delle soluzioni che mettano ne al problema per restituire ai pensionati unesistenza dignitosa. Se cos non fosse - conclude la Fnp

- sar inevitabile che questa parte importante della societ non sar pi in grado di sopportare ogni ulteriore decisione vessatoria che

verr adottata nei suoi confronti e sar costretta a dimostrare in modo eclatante la propria disapprovazione.

Cultura&Spettacoli Al Bonci in scena Wordstar(s) E Ugo Pagliai diventa Beckett ordstar(s) il testo ispirato alla gura e alla biograa WSamuelpi graffianti della letteratura italiana odierna: lodi Beckett scritto per il teatro da Vitaliano Trevisan, una delle voci
mette in scena Giuseppe Marini, affidando il ruolo del protagonista a Ugo Pagliai. Da gioved 6 a domenica 9 dicembre lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni, in scena al Bonci di Cesena, per la stagione Prosa. Accanto a Pagliai, un cast di primordine, che conta anche Paola Gassman. Il titolo si riferisce al programma di scrittura pi diffuso prima dellavvento di Microsoft Word: Allo stesso modo, come un programma di scrittura ormai obsoleto, si spegne un vecchio scrittore, Samuel, scrive lautore. Tenendosi al riparo dalla cronistoria o dalla biograa teatralizzata, Trevisan immagina gli ultimi giorni di vita del drammaturgo irlandese, colto nella sua quotidianit comicamente scandalosa. La vertigine del pensiero e il tormento creativo dellartista si coniugano con la goffaggine delluomo, del suo corpo, cervello compreso, che va in malora e che gli impedisce le pi elementari attivit quotidiane. Biglietteria, tel. 0547 355959, info@teatrobonci.it

Gioved 6 dicembre 2012

19

Cinema
Uci Romagna Savignano

di Filippo Cappelli

LAWLESS
di John Hillcoat I temi e le suggestioni sono tipici americani: gli anni del proibizionismo e della grande depressione, i gangster, i mitragliatori Thompson, i poliziotti corrotti. Eppure John Hillcoat, regista australiano alla seconda prova Usa dopo il buon The Road, non se ne preoccupa troppo e torna a confrontarsi con un nuovo romanzo: La contea pi fradicia del mondo di Matt Bondurant, che ha raccontato lepopea dei suoi nonni, concentrandosi sulle vicende dei Bondurant Brothers, Howard, Forrest e Jack, coinvolti nel commercio clandestino di alcolici nella contea di Franklin, in Virginia. La trama: Virginia, Contea di Franklin, 1920. Questo il contesto in cui i tre fratelli Bondurant mettono in piedi la maggiore attivit di contrabbando di alcool della zona. Forrest (Tom Hardy) e Howard (Jason Clarke) sono uomini di mondo, hanno vissuto sempre correndo sul vetro e non sono pi facilmente impressionabili. Anzi, vengono ritenuti invincibili dopo che il primo si salvato dalla Spagnola che ha ucciso i loro genitori e il secondo scampato alla carneficina della Grande Guerra. Jack (Shia LaBeouf), il minore dei tre, invece un ragazzo sensibile e impressionabile. Da Chicago viene inviato lo spietato agente speciale Charlie Rakes (Guy Pearce) per ristabilire lordine nella contea di Franklin. Ora i fratelli Bondurant dovranno restare uniti pi di prima. Dopo aver rispolverato il western con toni allucinati ne La proposta, Hillcoat descrive lepopea dei moonshiners (i distillatori di questo tipo di whisky) tra ironia ed esplosioni di una violenza piuttosto truculenta (lo sgozzamento e la successiva vendetta dei Bondurant). Senza avere la presunzione di reinventare un genere, n di imporsi come nuovo modello, Lawless offre un entertainment spettacolare e godibile. Quello che nasce un film coinvolgente e violento, ma anche romantico e sorprendentemente ironico. Tom Hardy nel ruolo di Forrest Bondurant supera se stesso in uninterpretazione dura, violenta, ma anche orgogliosa e addirittura a tratti comica. Cos come il giovane Shia Lebeouf crea un personaggio ricco e complesso, il vero protagonista del film. Da sottolineare anche il ruolo delle donne, che in questo differisce dalla serie di pellicole sugli eroi-criminali che sta invadendo le sale negli ultimi anni. Maggie (Jessica Chastain) una donna bellissima, elegante, ma dal passato oscuro e doloroso e forse proprio per questo lunica a riuscire a capire e farsi capire da Forrest senza bisogno che ci sia scambio di parole tra i due. Hillcoat riesce cos a portare sullo schermo il film che stava cercando da tanto e nel momento pi opportuno: la pellicola ha per il regista, infatti, molte connessioni con la realt di oggi, fatta di crisi economica, leggi dure e cambiamenti ambientali (allepoca la Virginia era investita da violente tempeste di sabbia). Non ancora la prova della consacrazione per Hillcoat, ma sulla buona strada.

La mostra composta da quattordici formelle di terracotta dellarchitetto cesenate

te stero del Mon Mona

Lomaggio di Ilario Fioravanti

DOM GABRIELE DALLARA, PRIORE DEL MONTE, INSIEME AL PRESIDENTE DELLA SOCIET AMICI DEL MONTE LUCIANO ALMERIGI, NEL CORRIDOIO DOVE SONO ESPOSTE LE FORMELLE DELLARTISTA ILARIO FIORAVANTI. SOPRA, UNA DELLE OPERE

n dono come segno concreto di devozione e Lesposizione, allestita in uno dei corridoi gratitudine. Verso la Madonna del Monte, del monastero cesenate, sar inaugurata riconosciuta come sostegno e fedele compagna di una lunga e ricca vita artistica e personale, e alla citt venerd 7 dicembre alle 18. A Cesena lunica di Cesena. Quattordici formelle policrome in terracotta sono mostra permanente di opere dellarchitetto lomaggio che larchitetto cesenate Ilario Fioravanti, deceduto a Savignano sul Rubicone lo scorso 29 gennaio a e artista deceduto nel gennaio scorso quasi 90 anni di et, ha desiderare fare - tramite gli eredi - alla Basilica del Monte. E dallomaggio, alla lontana. Unaffezione personale e mostra. Lunica esposizione dellopera di Fioravanti a tutto tondo: discreta lo portava a salire al Monte permanente e visitabile a Cesena suo il progetto di architettura, sue le avendo trovato nel monaco dom Pio dellartista Fioravanti, allestita sculture (una Via Crucis in zona Vallicelli il suo confessore. E si parla nellelegante corridoio del monastero monastica) e suoi sono alcuni affreschi. degli anni Cinquanta. In quegli stessi cesenate che collega la sagrestia con la Nellarchivio della Basilica del Monte anni fu tra i soci fondatori della Societ biblioteca. Sar inaugurata venerd 7 sono ancora custoditi i progetti Amici del Monte, e nel trentennale dicembre alle 18, dopo la recita del acquerellati che larchitetto realizz dellassociazione, ne fu nominato socio Vespri, alla presenza di monsignor negli anni Cinquanta e che onorario. Sua la medaglia Walter Amaducci, vicario per la riguardavano la ristrutturazione del commemorativa realizzata nel 2009 per pastorale e parroco di San Pietro piazzale antistante il Monte e la i cinquantanni di fondazione della apostolo. costruzione di una torre campanaria. Societ. Una presenza e partecipazione Le formelle, della misura di 30x40 per noi familiari una grande gioia che si fatta anche incontro. Nellestate centimetri, sono state realizzate da vedere ben realizzato quello che stato di qualche anno fa, nel chiostro del Fioravanti nel 2003, nel suo laboratorio un desiderio espresso in vita da mio Monte, si ricorda la brillante a Cesena. I soggetti si dividono tra reali marito Ilario - ha precisato la vedova conversazione su arte e fede tra e ipotetici ex voto, immaginati dellartista, signora Adele -. Una larchitetto Fioravanti e il pittore Alberto intenzione ben precisa che ho voluto dallartista e messi su creta, e alcune Sughi. Un legame che andava oltre al rappresentazioni di scene vissute da portare a compimento e di cui ringrazio rapporto di lavoro era anche quello con Fioravanti durante un pellegrinaggio al la comunit benedettina e quanti la comunit benedettina femminile: il santuario mariano di Lourdes. hanno voluto bene a Ilario e desiderano monastero dello Spirito Santo, a due Un legame, quello dellarchitetto con la ricordarlo anche cos. passi dal Monte, ha visto il compimento Basilica del Monte, che ha memoria Sabrina Lucchi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
LE FESTE SCIPPATE Riscoprire il senso cristiano delle festivit di Mimmo Muolo (ed. Ancora, 2012)
Delle feste scippate di cui parla Mimmo Muolo, vaticanista di Avvenire, nel volume dallomonimo titolo, ce ne sono due che pi di altre hanno sempre goduto di minor fama: Ascensione e Pentecoste. Nel suo brillante lavoro che ha come obiettivo il riscoprire il senso cristiano delle festivit, lautore offre una rilettura personale ma assolutamente rigorosa del significato di queste feste, ma soprattutto restituisce ai lettori la possibilit di valutare in quale misura la cultura del nostro tempo abbia lavorato a fondo per privarle di senso. Come sempre accade, quando si legge un libro, spesso si rimane colpiti da un capitolo, da un passaggio, da unimmagine o da uninterpretazione felice. quanto accaduto anche a me, quando mi sono imbattuto nel capitolo dedicato, appunto, ad Ascensione e Pentecoste. La ragione del mio interesse scaturita dallurgenza dellautore di situare in queste due feste, e non in altre come pure sarebbe stato possibile, la cosiddetta questione antropologica che sta tanto a cuore al Magistero del Papa e dei Vescovi. Anzi, Muolo si spinge ad affermare che queste sono le feste dellantropologia cristiana. Cos argomenta: Lescatologia cristiana ha cambiato il concetto e linterpretazione della storia. Non solo: ha cambiato lantropologia e i rapporti sociali. E tutto questo avvenuto per effetto dellonda lunga provocata dallevento pasquale con i suoi corollari dellAscensione e della Pentecoste. Per cui noi oggi, al di l di ogni altra valenza, possiamo definire queste due fondamentali ricorrenze dellAnno liturgico come ununica grande festa dellantropologia cristiana. Il che ci spinge a porre la domanda: Che cosa luomo?. Domanda alla quale lautore risponde ricordandoci come la Pentecoste ci aiuti a capire che luomo non solo materia, non solo il suo corpo, non solo ci che mangia. E neanche solo il suo pensiero e la sua capacit di dare risposte con fondamento scientifico. Ma lunica creatura vivente a possedere una dimensione trascendente che lo rende assolutamente diverso e gli permette di cercare il senso profondo della sua esistenza. In una parola, gli permette di volgersi verso Dio. Questa dimensione spirituale che viene rafforzata dal dono dello Spirito Santo, fa delluomo il motore della storia e del cambiamento. Possiamo chiederci: sufficientemente diffusa questa consapevolezza nel popolo cristiano? Non rispondiamo, ma adottiamo il metodo Muolo: in chiusura di ogni capitolo suggerisce qualcosa da fare per non dimenticare il senso originale di ogni singola festa cristiana a rischio scippo. Lautore ricorda che dopo aver ricevuto lo Spirito Santo gli apostoli fecero cose inimmaginabili, anche per la loro pur fervida fantasia. Innanzitutto presero coraggio e come uomini nuovi guardarono il mondo con occhi nuovi. E noi sappiamo bene come lantropologia cristiana abbia trasformato e purificato il mondo antico e abbia vivificato la storia come la conosciamo. Muolo suggerisce, soprattutto agli adulti e ai genitori, di guardare il mondo con lintelligenza della fede. E di applicarla, da subito, a tutto ci che ci viene offerto dal mondo della comunicazione che plasma e deforma la nostra antropologia: dagli spot ai programmi tv, dai libri ai film, dalle fiction alle canzoni. Per noi che ci occupiamo di comunicazione un bel modo di applicare la nostra intelligenza illuminata dalla fede. Una sfida certamente da raccogliere. Domenico Delle Foglie

20

Gioved 6 dicembre 2012

Cesena&Comprensorio
Cesenatico
Commedia e musica
Al Comunale, sabato 8 dicembre alle 21, la compagnia Amici del teatro metter in scena la commedia "La camisa dla Madona" di Corrado Contoli. Domenica 9 alle 16,30 il duo Gladis Rossi e Davide Cavalli eseguir musiche di Haendel, Mozart, Verdi, Puccini.

Cesena flash
Lohengrin di Wagner
Al Victor di San Vittore, venerd 7 dicembre alle 17,30 in diretta dal teatro Alla Scala sar trasmesso il "Lohengrin" di Richard Wagner. Direttore Daniel Baremboim. Interpreti Ren Pape, Jonas Kaufmann, Anja Harteros, Tmas Tmasson, Evely Herlitzius e Zeljko Lucic. Regia di Claus Guth. Ingresso 10 euro.

Gatteo

Presepi in paese
Avr luogo venerd 7 dicembre alle 20,30 la VI edizione delliniziativa "In cammino per i presepi" a cura del gruppo La Ligaza. Saranno allestiti presepi lungo le vie del paese, con musiche,canti, racconti e incontri.

Cesenatico

Problemi urbanistici
Si terr al Palazzo del turismo, marted 11 dicembre dalle 15 alle 18, lincontro organizzato da Adac, associazione degli albergatori, sul tema "Nuova urbanistica per Cesenatico". Dopo il saluto del sindaco, interverranno Giancarlo Barocci, gli architetti Ivano Biondi, Giovanni Lucchi, Vittorio Foschi e lingegnere Andris Pavan e Mirko Marchesini. Poi dibattito e conclusioni. Moderatore Bruno Gobbi.

Cori cesenati
Si terr venerd 7 dicembre alle 21 nella chiesa dellOsservanza la III rassegna dei cori cesenati, sponsorizzata dalla Banca di Cesena e organizzata dalla corale " Alio Modo Canticum". Vi prenderanno parte i cori lirici "Araba fenice" e "Alessandro Bonci", il coro "Cai", le corali "La Gregoriana", "Vox animae", "Alio Modo Canticum" e "La Schola diocesana Santa Cecilia". Ogni gruppo proporr tre canti natalizi o mariani e insieme eseguiranno "Adeste deles".

Spettacolo teatrale a Case Finali (Cesena) sabato 8 dicembre

Si accende la lampada di Aladino


"La cosa stupefacente il numero delle persone che collaborano a questa iniziativa: si sono coinvolti la maggior parte gruppi della parrocchia, anche le signore del gruppo di taglio e cucito, per i costumi". Parola di Matteo Tozzi, uno dei protagonisti dello spettacolo teatrale dal titolo Aladin e la compagnia della lampada, per la regia di Fabrizio Ciani, che si terr sabato prossimo (8 dicembre) presso la parrocchia di Case Finali (ore 20.45). Il gruppo dei teatranti, della parrocchia stessa, sembra aver trovato una formula doro per collaborare insieme e convogliare energie: la passione per il teatro, per il palcoscenico, dove la parola si incarna nel corpo di attori e attrici. "Si tratta del secondo anno in cui ci uniamo per preparare uno spettacolo - spiega Tozzi -. Lanno scorso organizzammo Aggiungi un posto a tavola, ma ci accorgemmo che il target di persone attirate dalla proposta era piuttosto adulto. Questanno abbiamo deciso di presentare qualcosa che potesse affascinare anche i pi piccoli, come i bambini dellasilo della nostra parrocchia, di abbastanza originale e adatto alle nostre capacit. La scelta caduta su Aladin: abbiamo iniziato a provarlo da gennaio. " Lo spettacolo non ha scopo di lucro: i soldi che si ottengono dal prezzo del biglietto servono per pagare le attrezzature e le scenografie, e il resto viene destinato a progetto di aiuto. Oltre alla prima dell8 dicembre, Aladin verr replicato nelle serate del 9 dicembre (ore 17) e del 15 dicembre (ore

Il vescovo allUte
Lincontro sulla preghiera con il vescovo Douglas Regattieri di chi frequenta lUniversit della terza et- Fnp Cisl si svolger marted 11 dicembre alle 15,30 nella sala Fantini in via Renato Serra. In precedenza, venerd 7 dicembre alle 15,30 Dino Pieri tratter il tema "Mendicanti e vagabondi per le strade di Cesena".

Ilario Sirri a San Vittore


Nella chiesa parrocchiale di San Vittore, sabato 8 dicembre alle 20,30, lattore cesenate Ilario Sirri interpreter "In nome della Madre" dello scrittore napoletano Erri De Luca. La storia di Maria e Giuseppe.

20.45) sempre a Case Finali. Info: Matteo Tozzi (340/8463820) o Marzio Tozzi (335/5243868). Filippo Cappelli

Cesena

Chitarra e voce
La parrocchia di San Carlo e la scuola di musica "Savini" hanno programmato per sabato 8 dicembre alle 21 un concerto in teatro per chitarra e voce con Michelangelo Severi e Claudia Macori. Ingresso ad offerta libera per una missione in Africa.

Libro di Zina Righi


Nella sala Einaudi della Banca popolare in corso Sozzi, mercoled 12 dicembre alle 17, la scrittrice cesenate Zina Righi presenter il suo ultimo libro "La grande menzogna" (Editore Pendragon- 2012). Lincontro promosso dal Comitato della societ Dante Alighieri.

Longiano

Concerto del T

Longiano

Opere di Leonardo Castellani


Ultimi giorni per visitare nellex chiesa della Madonna di Loreto al Castello malatestiano la mostra, a cura di Flaminio e Massimo Balestra,dedicata allopera graca di Leonardo Castellani, pittore, scultore, ceramista e scrittore. Le opere sono state donate dal glio Claudio alla fondazione Tito Balestra. Aperta no a domenica 9 dicembre dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

Al Petrella, domenica 9 dicembre alle 16 Stefano Pecci al sax e Paolo Benedetti proporranno brani di Piazzolla, Faur, Bach, Vinas e Machado. Ingresso unico 8 euro, ridotto 6.

Gatteo, offerte per Finale Emilia


Sono stati consegnati al sindaco di Finale Emilia Fernando Ferioli, nella sala consiliare di Gatteo, 7250 euro, frutto della raccolta fondi La Romagna per lEmilia. Il Comune di Gatteo e il Gatteo Mare Village hanno organizzato, in settembre, una serie di eventi nel corso dei quali lAssociazione Onlus Var ha curato la vendita di magliette. Lintero incasso, pari a 7.250 euro, stato destinato ad una associazione del comune emiliano. "Abbiamo avuto diversi milioni di danni causati dal sisma - ha sottolineato Ferioli e solo per quello che riguarda il patrimonio pubblico abbiamo fatto una stima approssimativa di circa 120 milioni". Cf

Cesena flash
Pittore russo
La galleria comunale ex Pescheria ospiter no al 16 dicembre la mostra "Pesce fresco" del russo Innokentiy Fateev che dal 2001 vive e lavora a Faenza. E aperta tutti i giorni, esclusi luned e gioved, dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 19,30.

Concerto lirico
Il coro lirico cesenate "Maria Callas", sabato 8 dicembre alle 21, dar un concerto nella chiesa di San Domenico. Dirige il maestro Giorgio Borghi. Al piano Yuko Tateishi e Pia Zanca, basso F. Ellero DArtegna, soprano Christine Knorren.

Cesena

Il Torrente e il Santo
Il gruppo archeologico cesenate organizza, per marted 11 dicembre alle 20,45 presso la sede del Quartiere Cesuola a Ponte Abbadesse, un incontro sul Cesuola e San Giovanni Bono relativamente al sito e alla toponomastica. Interviene Maurizio Abati.

Cesena

Film al Victor

Cesena

Una festa che pensa ai bimbi malati


Una festa di Natale per i pi piccoli, organizzata dallassociazione lAquilone di Iqbal e dal consorzio Romagna iniziative, il cui ricavato andr a favore dei piccoli pazienti ricoverati. Lappuntamento per domenica 9 dicembre, dalle 15 alle 18, al Teatro Verdi a Cesena. Ad animare la festa Verde Natale saranno i dottori-clown de I nasi rossi del dottor Jumba, la gattina Hello Kitty che distribuir doni ai bambini, i personaggi televisivi della Melevisione con lo spettacolo Non sporcate il Fantabosco.

A San Vittore gioved 6 dicembre alle 21 sar in visione il lm "Amour". Sabato 8 e domenica 9 alle 15 e alle 17 sar proiettato "Ribelle - The Brave". Sabato 8, domenica 9 e marted 11 alle 21 sullo schermo il lm "Argo" di Ben Affleck. Ingresso 3,50 euro.

Verso il Natale
Promosso dai monaci e dalla societ Amici del Monte, marted 11 dicembre alle 21, nella cripta della basilica di Santa Maria del Monte, avr luogo un incontro sul tema "In cammino verso il Natale" con padre Giuseppe Febbo, osb e Mauro Casadei Turroni Monti. Voci recitanti Giuseppe Valzania e Maria Faggiano. Allorgano Pia Zanca e al violoncello Elisabetta Canziani.

Cesena

Un libro di Angelo Sacchetti


Sar presentato gioved 13 dicembre alle 20,45 nella sede del quartiere Rubicone a Calisese il volume di Angelo Sacchetti "Profumo di gigli e odor di veleno" (Il Ponte VecchioCesena 2012). Interverranno il presidente e il vice dellassociazione culturale Pro Rubicone, Rino Zoffoli e Paolo Turroni.

Cesena

Le Quattro Stagioni
Concerto conclusivo della rassegna "Suoni e colori" venerd 7 dicembre alle 21 nella chiesa di SantAgostino. Lesecuzione delle "Quattro Stagioni" di Vivaldi affidata allorchestra Corelli diretta da Jacopo Rivani. Solista al violino Niccol Grassi. Introdurr le singole parti lattore Antonio Salines. In apertura il liutaio Tullio Bassi illustrer le caratteristiche del violino. Nella seconda parte 200 cantori delle scuole primarie di Sala e "Marino Moretti" di Cesena eseguiranno canti natalizi.

Cesena

Un ballo in maschera
Per la stagione lirica al cinema Eliseo, marted 11 dicembre alle 20, in diretta dal Metropolitan di New York, sar trasmessa lopera di Giuseppe Verdi "Un ballo in maschera", cantata in italiano. Ingresso 12 euro, ridotto 10.

Concerto
Nella chiesa di SantEgidio, domenica 9 dicembre alle 21, dar un concerto l"Intercity gospel train orchestra". 50 elementi in tunica viola ed unorchestra esprimeranno la propria gioia attraverso la musica gospel con la partecipazione attiva del pubblico. Ingresso libero.

Sport

Gioved 6 dicembre 2012

21

Con lEmpoli occorre quellastuzia mancata a Lanciano


Da par suo il Cesena chiamato a digerire la "delusione" per il terzo punto consecutivo racimolato allo stadio Biondi di Lanciano. In Abruzzo non bastata la roboante tripletta di Davide Succi per rientrare in Romagna con i tre punti in saccoccia. La vena realizzativa ritrovata dal centravanti nativo di Bologna aveva illuso il Cesena fino al 3-1 sui rossoneri padroni di casa. Poi per qualcosa si guastato nella macchina allestita da Bisoli e il Lanciano, prima su rigore e poi in zona recupero, tornato in parit, lasciando parecchio amaro in bocca alla truppa romagnola. Per togliersi dalle zone calde della classifica serve di pi, a partire dal cinismo. Certe occasioni come quella appena sprecata non vanno pi fallite in futuro se non si vuole rendere questo campionato pi in salita di quanto gi non lo sia diventato. Con lEmpoli tempo di invertire la rotta in maniera decisa davanti al pubblico amico del Manuzzi. I punti in classifica non sono tanti e il livello di guardia va mantenuto sempre molto alto. 16 punti raccolti in 17 gare sinora disputate non permettono certo di dormire sonni tranquilli. In dicembre si giocher parecchio, anche il 26 e il 30. Gennaio vicino, e al mercato di riparazione si dovr intervenire con almeno tre pedine se non si vuole rischiare di rendere pericoloso il prosieguo di questo torneo di serie B. Eric Malatesta

Body building
Campione di muscoli
Palestra, esercizio sico e alimentazione controllatissima: questa la ricetta di Mattia Vecchi che lo ha portato a conquistare il titolo di body building natural. La gara si tenuta a met novembre a Miami, negli Stati Uniti, ma gi in questi giorni il 32enne di Sala di Cesenatico ha ripreso gli allenamenti. "In America - spiega Vecchi, che nella vita quotidiana titolare di unazienda di arredamenti per ufficio - ho vinto il titolo mondiale dei dilettanti. Grazie a questa performance, ora ho la possibilit di gareggiare con i professionisti". Fino ad oggi quella dellatleta di Sala stata una passione senza remunerazione. Solo il viaggio in America stato rimborsato dalla Federazione. Nelle gare professionistiche invece sono previsti premi per i primi classicati, anche se Vecchi non si fa illusioni. "Vedo spesso i professionisti natural e devo dire che sono grossi, molto grossi. Devo lavorare sodo per poter gareggiare con loro". Natural una categoria che, in teoria, dovrebbe essere scontata: sta a signicare che gli atleti ottengono masse muscolari eccezionali solo col lavoro in palestra e con lalimentazione, senza luso di farmaci o, peggio ancora, sostanze proibite. Cristiano Riciputi

Pippofoto

Il Cesena deve imparare a essere pi cinico


l Cesena prova a riprendere i tre punti al Manuzzi. Sfuggita di poco la vittoria nel beffardo 3-3 di Lanciano, i bianconeri vogliono tornare ad alzare le braccia sabato pomeriggio tra le mura amiche. Di fronte c lEmpoli nono in classifica a quota 22 punti, con sei lunghezze di vantaggio sui ragazzi allenati da mister Bisoli. La formazione toscana guidata da Sarri proviene dal pareggio interno al

Castellani per 2-2 contro lo Spezia. Gli azzurri che hanno evitato la sconfitta grazie a una rete su rigore siglata da bomber Tavano saranno un avversario ostico e non certo da sottovalutare. Partiti molto male in avvio di campionato, i toscani hanno via via risalito la china portandosi in zone pi tranquille. Particolare attenzione bisogner prestare allattacco empolese con giocatori del calibro di Tavano e Maccarone, sempre pronti a pungere.

Kw Sailing, proseguono i campionati velici


Buon inizio per limbarcazione Witz del cesenate dadozione Marco Dalla Rosa. La competizione organizzata dal Ravenna yacht club
Iniziati alla grande, per i colori dellAssociazione sportiva dilettantistica KW Sailing, i campionati velici invernali di Ravenna e dei monotipi "Memorial Pirini" di Cerva. Witz, il delta 84 armato dal socio Kw Sailing Marco Dalla Rosa, cesenate dadozione, nella prima giornata prevista dal calendario del 31 Campionato invernale organizzato dal Ravenna yacht club (RYC) in testa alla classifica della

categoria Open Charlie. Sono state disputate per ora due prove con un bel vento di ponente di 8-10 nodi, con oltre cento le imbarcazioni al via divise tra ORC, open e vele bianche. Nella categoria Open Charlie, (una cinquantina gli open delle diverse dimensioni dai 21 ai 50 piedi allo start) iniziata subito la lotta per le prime posizioni tra Witz, i due Lutra 30v1 e il BRYC 31 Penelope. I Lutra, importati a Ravenna da Dubai dove venivano usati nelle regate del Dubai Match Race ISAF, hanno dimostrato la loro potenzialit in misura ridotta rispetto alle attese. Witz, dopo una partenza non felice nella prima prova comunque riuscito a prendere il comando dei diretti concorrenti a seguito di un avvincente duello di attacchi e difese allorza con uno dei Lutra 30 sotto gennaker. Nella seconda prova, con leggero un rinforzo del vento e una partenza sul filo dei secondi Witz ha controllato agevolmente gli avversari anche grazie alla scelta di usare lo spinnaker anzich lasimmetrico permettendo una linea pi

breve verso la boa di poppa. Inoltre gli inseguitori si davano battaglia per la seconda piazza per cui la testa della classifica di categoria dopo le prime prove (circa 10 miglia di percorso su boe ma oltre 5 ore in mare per il raggiungimento del campo di regata e l attesa di oltre unora per il secondo start) vede Witz a 2 punti e poi tre barche a 6 punti grazie allo scambio delle posizioni di rincalzo nelle due prove. A Cervia, dopo le prime due giornata del Trofeo Pirini organizzato dal Circolo nautico Amici della Vela, Kaster lo scafo della KS Sailing condotto dal socio Alfredo Liverani, primo nei monotipi J24 dopo tre prove molto combattute, con arrivi con scarti limitati tra le diverse barche e notevoli soprese di piazzamenti non allaltezza delle precedenti edizioni da parte degli equipaggi pi titolati. Grande soddisfazione degli equipaggi KW Sailing e degli sponsor Dial Funghi Oro della Montagna e Urios engineering. Per entrambi i campionati sono iniziati meglio del previsto dati I valori in gioco.

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino
sas

FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

22

Gioved 6 dicembre 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Nascono gli ambasciatori e gli amici dello sport in oratorio


L

400 sl agli Europei Vasca Corta di Debrcen 2012; Antonio Rossi, medaglia doro ai Giochi Olimpici di Atene 2004; Emiliano Mondonico, allenatore di calcio e commentatore tv; Paola Cardullo, oro ai Mondiali di volley in Germania nel 2002; Giacinto Facchetti (alla memoria); Bruno Pizzul, voce storica della Nazionale di calcio e Giusy Versace, anciamo ufficialmente due nuove gure. La prima quella degli runner biamputata, primatista italiana 100 e 200 metri. Li ambasciatori dello sport in oratorio. Al massimo dieci nomination ritroveremo presto in oratorio, perch accettando lincarico hanno allanno, deliberate dal Consiglio nazionale del Csi. Per candidarsi a anche formalizzato la loro disponibilit a trascorrere almeno un questo incarico bisogna avere alle spalle un vissuto importante in pomeriggio l dove lo sport resta ancora gioco, divertimento e valore oratorio: come ragazzo, come educatore, come atleta... I nomi dei primi per la vita. Lanciamo anche una caccia al tesoro, la ricerca degli ambasciatori, destinati a rimanere in carica sino ad ottobre 2013, amici dello sport in oratorio. Si tratta di scovare tutti quelli che sono Mauro Berruto, coach della Nazionale maschile di volley, di ritorno ritengono lo sport in oratorio una realt importante che merita di con un bronzo dai Giochi Olimpici di Londra; Samuel Pizzetti, bronzo nei essere valorizzata e sostenuta.

Meeting Csi Ad Assisi saremo pi di 500


Dal 7 al 9 dicembre lincontro nazionale
Saranno 512 i partecipanti (rappresentanti di 88 comitati territoriali del Csi) con un posto assicurato alla Domus Pacis di Santa Maria degli Angeli, laddove dal 7 al 9 dicembre si terr il tradizionale meeting umbro, che avr come gura centrale quella di San Francesco. Se proporre nella cittadina umbra lincontro nazionale per soci e dirigenti nei giorni a ridosso della festa dellImmacolata ormai una tradizione per il Csi, questanno la spiritualit francescana sar qualcosa di pi di unatmosfera da cui farsi avvolgere e commuovere. Se il tema generale dellevento - sulla scia delliniziativa Per Sport, il progetto promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali - ancora quel Giocare per credere che costituisce limpegno dellassociazione per il quadriennio 2012-2016, esprimendo la volont di fare dellesperienza sportiva unattivit capace di dare senso alla vita dei giovani e accompagnarli alla scoperta o alla riscoperta della fede, la sua declinazione passer ad Assisi attraverso lo sforzo di fare dello spirito francescano lanima delle scelte. Una forzatura? Tuttaltro. C davvero poca distanza tra il signicato della fraternit francescana che deve affratellare gli uomini e quella sussidiariet orizzontale - cui il Csi si richiama - che chiede ai cittadini, associati o no, di mettersi a supporto di chi ha bisogno. Cercare e trovare il punto di contatto tra un principio e laltro diventa allora quasi semplice. Ad Assisi, ad esempio, sar laforisma di San Francesco Chi lavora con le sue mani un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa e il suo cuore un artista a ispirare lincontro di riessione dei dirigenti territoriali su come diventare per la comunit di riferimento lievito di speranza e di sviluppo. In apertura di Meeting lintervento di Don Alessio Albertini, consulente ecclesiastico nazionale del Csi, avr lo spunto da Fisico ordinario e splendore eccezionale. Sabato mattina Predicate il Vangelo, e se proprio necessario usate anche le paroledar il la a don Antonio Mazzi nel suo intervento Perch la chiesa crede nello sport, mentre domenica mattina toccher al direttore Ufficio sport, turismo e tempo libero della Cei, monsignor Mario Lusek, proporre come tema lanno della fede e limpegno dei laici cristiani nello sport e con lo sport sul tema Francesco, va e ripara la mia chiesa che, come vedi, tutta in rovina! e ancora la frase di San Francesco riferita al suo incontro con i lebbrosi, E partendomi da loro, quello che prima mi parve amaro si convert in dolcezza di animo e corpo, sar il punto di partenza per sviluppare una riessione su come mettere uno sport ispirato dalla sussidiariet, votato alla missionariet, al servizio delle politiche sociali del Paese. Sar questo un momento cruciale del Meeting, che vedr impegnati in un dibattito il direttore generale dellImmigrazione del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Natale Forlani, il presidente della Fondazione con il Sud, Carlo Borgomeo, e il direttore del settimanale no prot Vita, Riccardo Bonacina. Sorprendente nella sua concretezza e attualit sar unaltra frase francescana citata nel Meeting: Cominciate col fare ci che necessario, poi ci che possibile. E allimprovviso vi sorprenderete a fare limpossibile. cos infatti che sar introdotta lesperienza che il Csi ha condotto e sta conducendo ad Haiti, per crearvi un Centro Sportivo Haitiano e dotarlo di alcune strutture di gioco e sport destinate ai bambini. Unesperienza che avr un testimone eccellente in Jean Roosevelt Ren, ministro dello Sport dellisola caraibica. Nel programma anche interventi pi squisitamente sportivi come quelli di Emiliano Mondonico, una vita sulle panchine di mezza serie A, e di Mauro Berruto, allenatore della nazionale azzurra di pallavolo, che avranno come riferimento pezzi della spiritualit francescana.

Risultano iscritte rispettivamente dieci e ventuno squadre

on lapprossimarsi della stagione invernale arriva il periodo in cui si svolgono i tornei di calcio a in palestra. Per quanto concerne la competizione di calcio a 5 femminile, occorre segnalare che il termine di iscrizione fissato per il 17 dicembre e che nella serata dello stesso giorno si svolger la riunione delle societ interessate. La formula del torneo sar stabilita in base al numero delle squadre iscritte; verranno inoltre premiate tutte le societ partecipanti, nonch la migliore realizzatrice e il miglior portiere. I tempi di gioco saranno due ,della durata di 20 minuti cadauno e si giocher la domenica dalle 17,30 alle 21, a partire dal 13 gennaio. Alla Coppa di calcio a 5 maschile hanno dato sino ad ora la loro adesione dieci squadre: la Pol.1980, la Pol. Soglianese, il Borgorosso Senior, lAs La Torre, il Bar Ciccio Futsal, il Borgorosso Circolo 09, il Gs Cella, il Real Circolo, lAtletico Circolo e la Dinamo Rontagnano. Il termine ultimo di iscrizione previsto per il 30 novembre e linizio dellattivit il

Calcio a 5 e Calcio a 7 tutto pronto per i tornei invernali C

Per il torneo di calcio a 5 giovanile in palestra previste le categorie Scuola calcio, Pulcini, Esordienti, Giovanissimi e Allievi
4 febbraio. Ventuno sono invece le societ iscritte alla Coppa di calcio a 7 maschile: il Gs Santa Paola, la Torpedo Montecastello, lAtletico Il Passatore, lAs Montenovo Montiano, il Gp Vigne New, lAssociazione Homo Viator, la Virtus San Mauro Mare, lAtletich Miv, lUs Pagigi, la Pol. Osservanza, lAc Sgumb, il Romagna Sport, la Tecnoperforazioni, il Gp Vigne Arisan, il Ritorno, il Montaletto Lucy Bar, La Pol. San Lorenzo, il New Team San Piero, la Dl Costruzioni 2000, il San Cristoforo- Friforiferi Caporali e il Ristorante Mario da Cervia. Il 30 novembre scaduto il termine di iscrizione alla competizione, che con la formula dei minigironi e gare di sola andata prender avvio il 14 gennaio. Per quel che riguarda infine il torneo di calcio a 5 giovanile in palestra, sono previste le seguenti categorie: Scuola calcio (per atleti nati negli anni 2004 e 2005), Pulcini (2002, 2003), Esordienti (2000, 2001), Giovanissimi (1998, 1999) e Allievi (1995, 1996, 1997). La formula di svolgimento sar stabilita in base al numero delle squadre partecipanti, che dovranno confermare la loro adesione entro il 17 dicembre, mentre linizio dellattivit previsto per il 13 gennaio. La giornata delle gare quella domenicale dalle 14,30 alle 18; i due tempi di gioco saranno di 13 minuti ognuno, senza possibilit di time out e senza lammissione di giocatori fuori quota.

Csi Cesena | Un po di storia... recente

Nuovifischietti Corso per arbitri di pallavolo


er tutti giocare vedere pallavolo e che Pvoglionoocoloro cuilanon basta soloe la conoscere no in fondo misurarsi con se stessi e intendono entrare in campo in serieA, ecco una proposta davvero interessante. Il Comitato provinciale Fipav di ForlCesena, in collaborazione con il Csi Cesena, organizza un corso gratuito per arbitro di volley. Per informazioni, contattare il 335 226246 o il 347 0774619 o inviare una mail allindirizzo: arbitri@pavforli.it

La foto di questa settimana rappresenta la S.S. Cesenatico, che ha partecipato al campionato di Calcio a 5 nella stagione sportiva 2003-2004.

Pagina Aperta

Gioved 6 dicembre 2012

23

Il direttore risponde
Ancora sulla parit scolastica Attenzione a nuove forme di discriminazione

LOcchio indiscreto

aro direttore, per dare alla ragione di ciascuno qualche strumento che aiuti a giudicare con verit la scuola pubblica in Italia, parliamo di la scuola pubblica, sempre amatissima, in otto flash, per arrivare a un giudizio condiviso che vada bene a tutti. 1) In Italia la legge 62/2000 dice che il sistema scolastico nazionale costituito dalle scuole statali e da quelle paritarie. La medesima legge riconosce espressamente come pubblico il servizio svolto dalle scuole paritarie, anche se gestite da soggetti privati. 2) In merito, nella scuola bisogna distinguere e cio non bisogna confondere: - il servizio scolastico erogato (che pubblico indipendentemente dalla natura, pubblica o privata del soggetto che gestisce listituzione scolastica) ed - il soggetto giuridico, che gestisce listituzione scolastica). 3) A seguito della legge 62/2000 in Italia il servizio scolastico erogato pubblico quando svolto parimenti e indifferentemente: - dallo Stato (nelle scuole statali), - da altri soggetti pubblici (nelle scuole degli Enti Locali parificate o paritarie) - da soggetti privati (nelle scuole private parificate o paritarie). Si vede cos che il medesimo servizio pubblico delleducazione e dellistruzione esercitato parimenti sia dallo Stato sia da altri enti, sia pubblici che privati, che esercitino un servizio che sia parificato o paritario. Nel merito, la legge 62/2000 stabilisce che latto di riconoscimento della parit si configura come un atto dichiarativo consistente nella verifica della idoneit della scuola secondo i parametri legislativamente fissati, idoneit che afferma il carattere di servizio pubblico dellattivit di istruzione da essa svolta e che pertanto le scuole non statali possono essere riconosciute paritarie se: rispettano gli ordinamenti generali dellistruzione; accolgono tutti coloro che, accettando il progetto educativo della scuola, chiedano liscrizione; sono in possesso dei requisiti previsti dalla legge (idoneit locali, abilitazione docenti, pubblicit bilanci, applicazione Ccnl). 4) NellArticolo 33 della Costituzione richiesta lequipollenza del trattamento scolastico degli alunni delle scuole non statali, con quelli delle scuole statali. Lequipollenza stata intesa dalla giurisprudenza amministrativa non solo come equivalenza a tutti gli effetti giuridici della carriera e dei titoli scolastici degli alunni delle scuole non statali, ma stata estesa al profilo economico e riferita anche alle attivit, servizi e mezzi strumentali destinati alla popolazione scolastica senza distinzioni. 5) Lespletamento di questo obbligo ha costi analoghi indipendentemente dal soggetto giuridico che gestisce il servizio pubblico. In tale senso, sono stati previsti speciali sussidi (nella forma di vouchers o buoni-scuola), soprattutto dalla legislazione regionale, erogati alle famiglie degli studenti, da utilizzare nella scuola scelta in adempimento della libert di educazione. Tale formula vuole assicurare la parit del diritto allo studio dello studente senza che ci sia un finanziamento diretto alle scuole private, per il quale esistono posizioni divergenti riguardo al comma 3 dellArt. 33, Cost. secondo il quale enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti

di educazione, senza oneri per lo stato. 6) In ogni caso, il suddetto comma 3 dellArt. 33, Cost. si riferisce agli oneri per la istituzione delle scuole private, ma non per lerogazione, da parte di soggetti privati, del servizio scolastico pubblico, che ha la stessa funzione del servizio scolastico statale. Attualmente il costo del servizio scolastico pubblico erogato dallo Stato pi alto del costo del servizio scolastico pubblico erogato dalle scuole paritarie, per cui favorendo il servizio erogato dalle scuole paritarie lo Stato diminuisce lonere complessivo a proprio carico del servizio scolastico pubblico. 7) Riassumendo, il servizio scolastico pubblico non costituito da due tronconi distinti e cio da una parte la scuola pubblica (erroneamente chiamando cos la scuola statale) e dallaltra la scuola privata (erroneamente chiamando cos le tante scuole cattoliche paritarie che realizzano il servizi pubblico educativo). Viceversa, assieme la scuola statale e la scuola privata parificata (specie quella non profit) attuano quel servizio scolastico ed educativo che assicura ai cittadini il diritto allo studio per tutti e nella libert della scelta della scuola e dellindirizzo educativo, cos da realizzare integralmente entrambi i principi costituzionali: A. il diritto allo studio per tutti, di cui allArt. 34 della Costituzione B. la libert di insegnamento di cui allArt. 33 della Costituzione. 8) Infine, in Italia (differentemente a quanto avviene in quasi tutti gli altri Paesi Europei) sembra che purtroppo si possano constatare nei confronti delle scuole paritarie gestite da soggetti giuridici privati, forme di discriminazione che richiamano altre forme di discriminazione (quali di razza, religione, ecc.) condannate dallOnu. associazione Il Crocevia Cesena Carissimi amici del Crocevia, la vostra lunga lettera chiarisce, ancora una volta, come costituito il sistema scolastico italiano. Vi ringrazio per le precisazioni che contribuiscono a mettere un po di ordine in un momento in cui si nota molta confusione. La legge del 2000, a firma del ministro Luigi Berlinguer, parla in maniera netta di sistema scolastico costituito dalle scuole statali e non statali. Ormai non ho pi voce per raccontare sempre la stessa storia. Credo che non ci sia peggior sordo di chi non vuole ascoltare le ragioni altrui e continua a negare levidenza. Immancabile ritorna anche il refrain dellarticolo 33 della Costituzione italiana e il comma 3 con quel suo senza oneri per lo Stato. Anche in questo caso risulta inutile insistere che si tratta di oneri per listituzione delle scuole, non per il loro funzionamento, proprio come accade quasi ovunque in Europa. Ma si sa, lUnione europea viene invocata a singhiozzo, secondo le convenienze. Comunque si voglia pensare, per, le scuole non statali pesano molto meno sul bilancio italiano e se domani, in un sol giorno, tutti gli studenti dovessero essere ospitati in edifici statali e affidati a prof pagati dallo Stato non so dove andremmo a finire. Cordialmente. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Locchio indiscreto di questa settimana si sposta in Valle Savio e si fa videocamera. Prendiamo in prestito dalla webcam delleremo di SantAlberico questa immagine che si riferisce alla tarda mattina di marted 4 dicembre. I primi fiocchi di neve hanno imbiancato leremo e le montagne che lo custodiscono, in unatmosfera del tutto natalizia. Ad aiutare, anche il bel presepe che leremita fra Michele Falzone ha realizzato sotto il porticato delleremo.

A San Paolo apostolo la Missione giovani


Dal 14 al 21 ottobre nella parrocchia di San Paolo apostolo, a Cesena,, si svolta una Missione giovani guidata dalle Sorelle e dai Fratelli di San Francesco di Mantova e Verona. Un clima gioioso e fraterno ha contraddistinto tutti gli incontri sia di gruppo che personali. Non sono mancati gli incontri con gli adulti e con le famiglie. Al termine della settimana, le suore e i frati hanno inviato una lettera aperta a tutti i giovani che desideriamo condividere con tutta la comunit diocesana. Se dovrai attraversare le acque, sar con te, i fiumi non ti sommergeranno; se dovrai passare in mezzo al fuoco, non ti scotterai, la fiamma non ti potr bruciare perch tu sei prezioso ai miei occhi, perch sei degno di stima e io ti amo (Is 43). Questo stato il tema della Missione Giovani che abbiamo vissuto insieme a voi, carissimi giovani della parrocchia San Paolo di Cesena. Abbiamo scelto appositamente questo brano della Sacra Scrittura perch siamo sicuri che Dio sempre con noi questo il messaggio di speranza che squarcia il buio e le tenebre del mondo: Io sono con te... Tu sei prezioso ai miei occhi e io ti amo. Queste parole le ha dette Dio stesso in questi giorni di missione a ciascuno di voi, e le sussurra ai vostri orecchi continuamente Lui non un Dio lontano ma il Dio vicino, il Dio-con-noi; cos vicino da farsi uomo in Ges di Nazareth solo Ges che pu dare una risposta definitiva alla vostra ricerca di senso, solo Lui che pu donarvi quella libert a cui tanto anelate, solo Cristo lAmore vero che pu dissetare quella sete che arde nel vostro cuore. Lui ci sar sempre accanto a voi, non vi lascer soli e non verr meno alle sue promesse. Carissimi giovani che avete partecipato con fedelt e costanza alla Missione, che avete percepito la grandezza e la bellezza della vita con Cristo, non spegnete la luce che Lui ha acceso nei vostri cuori, continuate ad approfondire la relazione con Lui; permettetegli di starvi vicino nellascolto della Sua Parola, accostandovi allEucaristia e al Sacramento della Riconciliazione, e Cristo non vi deluder, render la vostra vita sempre pi bella e sempre pi appagante. Comunit parrocchiale di San Paolo apostolo Cesena

Studenti del Liceo "Immacolata" hanno incontrato a Perugia suor Roberta Vinerba

Quando lamore disarma. E linfinito diviene a portata di mano "C


iao a tutti, io sono Roberta". in maniera molto naturale e schietta che suor Roberta Vinerba si presenta agli studenti del Liceo Immacolata di Cesena, in gita dIstituto a Perugia nelle scorse settimane. Un esordio simile a quello usato dagli alcolisti anonimi, come lei stessa ha sostenuto, eppure il pi incisivo ed efficace che potesse usare, immediato, diretto. Basandosi su un approccio di questo tipo, la donna ha costruito lintero dialogo con i giovani, parlando della sua esperienza di avvicinamento allInfinito, una parola che ne sottintende tante altre, lunica capace di condurre alla vera felicit. La differenza tra felicit e piacere sottile, tuttavia importante. Questultimo, infatti, procura un benessere temporaneo, che tende a evaporare dopo pochi attimi, mentre la felicit qualcosa che riempie lesistenza, un sentimento che dona soddisfazione vera e apre il cuore, come Roberta ha spiegato. Ed proprio ci che successo a lei, una bambina costretta dai genitori ad assistere alla messa la domenica mattina, poi una ragazza atea e ribelle e oggi una donna matura e realizzata, che ha trovato lamore negli occhi di Dio. La conversione non stata facile: il suo cuore era talmente pieno di odio per la Chiesa che il giorno dellattentato a papa Giovanni Paolo II (13 maggio 1981) pianse dalla rabbia perch il tentativo di ucciderlo non era andato a buon fine. Quella fu la

prima volta in cui pianse veramente, con convinzione. La seconda stata determinata da una ragione che stupisce e suscita in egual modo scalpore, questa volta per la sua semplicit. Spinta dalla sorella con un falso espediente, Roberta incontra un parroco. Si ritrova al suo fianco del tutto contrariata, ma il prete la prende a braccetto e iniziano a passeggiare, poi allimprovviso le dice: "Dio ti ama". Come si pu rimanere indifferenti di fronte a quelle tre parole? Dio ti ama. da quel momento che cambiata la vita di Roberta, dal momento in cui la sua anima ha ascoltato lamore di Dio: lamore che accoglie, lamore che disarma, lamore che colma. Dio ci vuole felici. Giorgia Tisselli Liceo della Comunicazione

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

OPERE DONATE A UNA CHIESA


Azione Cattolica Quattro pagine speciali
C.I.P - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2012 .

FIORAVANTI