You are on page 1of 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 28 marzo 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 13 euro 1,20

13
8
Torna lora legale
Alle 2 di domenica 31 marzo occorre mandare avanti di unora le lancette dellorologio. Lora legale rester in vigore fino a ottobre

Dialoghi per la citt


Luned 8 aprile nellaula magna di Psicologia
astrofisico Marco BerL sanelli, esperto delluniverso primordiale, interverr su Scienza e fede: una lunga amicizia

Primo piano
Il fascino delle parole di papa Francesco
omelia della messa di L inizio pontificato ha lasciato il segno per lattenzione a bambini, anziani e Creato

4-5

Chiesa
Essere pontefice significa costruire ponti
l discorso di papa FranI cesco agli ambasciatori e al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede

MESSAGGIO DEL VESCOVO

Una Pasqua nuova


di Douglas Regattieri

ari fratelli e sorelle, le inaspettate dimissioni dal sommo ponticato di Benedetto XVI e la sorprendente elezione del cardinale Jorge Mario Bergoglio a Vescovo di Roma e, quindi, a Pastore universale della Chiesa, rendono questa Pasqua 2013 particolarmente nuova. Ma nuova deve essere soprattutto per levento che celebriamo: Cristo morto e risorto per noi. Con la risurrezione di Ges, la luce stessa creata nuovamente. Egli ci attira dietro di s nella vita nuova della risurrezione e vince ogni forma di buio. Egli il nuovo giorno di Dio, che vale per tutti noi (Benedetto XVI). Nella grande Veglia pasquale che ogni comunit parrocchiale celebrer, al culmine del percorso di tutto lanno liturgico, esprimeremo questa novit di vita rinnovando la nostra fede nel Signore Risorto. E lo faremo facendo un cammino a ritroso. Torneremo al nostro Battesimo, alle origini della nostra fede. Per riviverla, rinnovarla e renderla sempre incisiva perch si traduca in concreta testimonianza di vita. Nella Nota liturgicopastorale sulla celebrazione del Battesimo che pubblicher a Pasqua, riporto alcuni testi dei Padri della Chiesa che, commentando il rito del Battesimo, ne traggono utili insegnamenti di vita. Col Battesimo abbiamo concluso con Dio dei patti non con linchiostro, ma con lo spirito, non con la penna, ma con la lingua (San Giovanni Crisostomo). Mediante il Battesimo siete morti e siete nati, lacqua salutare vi fu sepolcro e madre (San Cirillo di Gerusalemme). Nel Battesimo noi che abbiano rivestito Cristo potremo, anche tacendo, mostrarne a tutti la potenza di colui che abita in noi (San Giovanni Crisostomo). E tale e tanta la potenza della Grazia divina operata in noi nel Battesimo, che il semplice esistere da cristiani anche senza parlare si esprimer necessariamente allesterno e attirer. Il bisogno di novit insito nel cuore delluomo e nel mondo, trova pieno appagamento non solo in una nuova elezione ponticia o in un nuovo governo istituzionale e nemmeno solo nellesplosione della primavera e nellalternarsi delle stagioni, ma pi profondamente nel restare ancorati allevento che ha cambiato la storia del mondo e di ogni uomo, Cristo risorto da morte. Egli ancora vivo per ognuno di noi grazie allacqua battesimale che ci ha fatti nuovi, il cui signicato - con gioia e con rinnovata coscienza cristiana rinnoveremo durante la madre di tutte le veglie, la Veglia pasquale.

Cristo risorto

Il primo giorno dopo il sabato, di buon mattino, si recarono alla tomba, portando con s gli aromi che avevano preparato. Trovarono la pietra rotolata via dal sepolcro; ma, entrate, non trovarono il corpo del Signore Ges. Mentre erano ancora incerte, ecco due uomini apparire vicino a loro in vesti sfolgoranti. Essendosi le donne impaurite e avendo chinato il volto a terra, essi dissero loro: Perch cercate tra i morti colui che vivo? Non qui, risuscitato (Lc 24,1-6). Il Signore Ges vivo oggi, in mezzo a noi, presente nella chiesa, perch dove sono due o tre riuniti nel mio nome, Io sono in mezzo a loro. A tutti i lettori i migliori auguri per una Buona e Santa Pasqua!

Cesena 14 Pensionati, novit per avere il Cud

Cesena 14 Celiachia, primo negozio specializzato

Gambettola 16 Al via i Corsi mascherati di primavera

Sarsina 17 Proposte per rilanciare il lago di Quarto

Spettacoli 19 A SantAgostino concerto diretto dal maestro Olmi

Opinioni

Gioved 28 marzo 2013

Sulla pelle del bambino conteso


F

Caso Padova: il piccolo, figlio di genitori separati, ancora una volta sotto i riflettori

Per tanti anni stato suo il record del mondo nei 200 metri

La Vignetta

Addio Pietro Mennea Troppo veloce, troppo presto


n giornale ha titolato: Troppo Veloce. Ha fatto tutto troppo in fretta Pietro Mennea: ha trionfato su tutte le piste datletica, ha stabilito un record del mondo epocale sui 200 metri piani, ha vinto unOlimpiade allultimo respiro, quando tutti lo avevano dato per spacciato. E se ne andato troppo presto, sconfitto da un male incurabile a soli 60 anni, dopo aver dedicato lultimo periodo della sua vita alla lotta al doping. Per un paio di generazioni era stato un simbolo di quellItalia del Sud che nata senza mezzi, si era riscattata grazie a tanto sudore e una ferrea tenacia. Sono un uomo del Sud che ha fatto il record del mondo senza avere una pista, amava dire, per far capire a tutti quante difficolt aveva incontrato in una Barletta allora senza campi dallenamento, a imporsi nella grande atletica della velocit a costo di grandissimi sacrifici (veniva da una famiglia come tante, il pap sarto, la mamma casalinga) e una forza di volont senza pari: lui gracilino eppure veloce, imprendibile anche per i colossi di colore, che dovettero attendere 17 anni per battere quel favoloso 1972, che resta tuttora miglior tempo di sempre a livello europeo sui 200 metri. Proprio quella fantastica avventura, coronata dal record mondiale a Citt del Messico, era nata a Formia sotto lo sguardo vigile del suo mentore, il professor Vittori, sempre con il cronometro in mano, con allenamenti pazzeschi che duravano fino a notte. Un talento purissimo, con un carattere forte, deciso, che non faceva sconti, ma che ai giovani insegnava tanto: la voglia di sacrificarsi, la convinzione che se uno vuole arrivare nella vita, pu farcela, ma senza scorciatoie, senza furbizie e soprattutto senza la vergogna del doping. Un modo di fare che aveva avuto fin da bambino, quando sfidava in velocit, a piedi, le fuoriserie, dalle Porsche alle Ferrari, per pagarsi un cinema o un panino. La stessa grinta che poi mise negli studi quando, terminata la carriera agonistica, consegu una dopo laltra quattro lauree (Giurisprudenza, Scienze politiche, Lettere e Scienze motorie) altro record per uno sportivo. Poi la carriera politica, con lelezione a eurodeputato. Ma la sua notoriet, Mennea, la mise anche a servizio degli altri: nel 2006 aveva inaugurato la Fondazione Mennea, onlus a carattere filantropico, con donazioni e assistenza sociale a enti caritatevoli o di ricerca medicoscientifica. In tempi di caduta dei valori, anche sportivi, Mennea si ritrovava sempre meno con quello che per oltre ventanni era stato il suo mondo e che ora era ostaggio degli sponsor e delle tv, o ancora peggio di quei laboratori che generavano mostri anabolizzanti, che in gara pompavano in maniera

Dopo oltre ventanni di reciproca soddisfazione, si interrompe momentaneamente la preziosa collaborazione con il nostro giornale dellartista Antonio Dal Muto. Con le sue vignette ha scandito gli avvenimenti locali e nazionali con lironia tipica di chi prende la vita sempre col sorriso sulle labbra. Un grazie sincero allamico Dal Muto. Un grazie che non ripaga di certo limpegno profuso con passione e professionalit a favore del giornale e dei suoi lettori.
innaturale le loro ginocchia allaltezza della testa di Pietro. Addio Mennea, chi ha seguito la tua parabola continuer a correre per te. Leo Gabbi

Gioved 28 marzo 2013

Primo piano
Foto Siciliani-Gennari/Sir

Francesco Acerbi, direttore del Centro residenziale per anziani Don Baronio: La tenerezza aiuta a parlare da cuore a cuore

Unitalsi
Proprio nel giorno in cui si ricorda lanniversario dellapparizione della Madonna a Lourdes, papa Benedetto XVI ha annunciato le proprie dimissioni, l11 febbraio scorso, aprendo cos la Chiesa mondiale a uno scenario del tutto nuovo e allelezione di papa Francesco. LUnitalsi, associazione che da oltre cento anni fa dei pellegrinaggi ai santuari mariani - e a Lourdes in particolare - uno dei cardini della propria presenza e mission nella Chiesa, attivo in diocesi con un nutrito gruppo di volontari che si pongono a servizio degli ammalati. Insieme alla dama volontaria Giovanna Baiardi che periodicamente accompagna pellegrini e ammalati a Lourdes, abbiamo fatto un parallelo tra le esperienze forti e coinvolgenti dei giorni del pellegrinaggio e le parole del Papa. Il prendersi cura domanda bont, chiede di vivere con tenerezza. Nei Vangeli, san Giuseppe appare come un uomo forte, coraggioso, lavoratore, ma nel suo animo emerge una grande tenerezza, che non la virt del debole e anzi denota fortezza danimo e capacit di attenzione, di compassione, di vera apertura allaltro e capacit di amore. Non dobbiamo avere timore della bont, della tenerezza E il custodire apre lorizzonte della speranza, aprire uno squarcio di luce in mezzo a tante nubi, portare il calore della speranza. Papa Francesco invita a metterci in cammino insieme alle persone pi fragili - ha detto Giovanna - con cura e tenerezza. La stessa tenerezza che noi volontari dellUnitalsi proviamo quando accompagniamo i pellegrini, e gli ammalati in particolare, al santuario di Lourdes, allincontro con Maria, madre nostra e mamma che porta a Ges. Ogni volta per noi motivo di consolazione e gioia notare che il nostro servizio pu essere tanto umile quanto prezioso se ogni nostro gesto accompagnato dallascolto sincero, dal calore di una mano, da un sorriso che illumina e un abbraccio che riscalda - ha concluso Giovanna -. E pregare insieme unAve Maria davanti alla grotta di Lourdes, proprio come ha fatto Jorge Mario Bergoglio quando si affacciato per la prima volta come papa Francesco, d un grande senso di partecipazione e di Chiesa in cammino. SaL

Custodi della vita dei pi fragili


iamo custodi della creazione, del disegno di Dio iscritto nella natura, custodi dellaltro, dellambiente; non lasciamo che segni di distruzione e di morte accompagnino il cammino di questo nostro mondo. Custos, farsi custodi. Nel giorno in cui si ricordavano la sapienza e lumilt di Giuseppe - a cui Dio affida la missione di prendere con s la sua sposa e di essere custode di Maria e di Ges, per poi estenderla alla Chiesa marted 19 marzo, il messaggio dellomelia di papa Francesco alla Messa di inizio del proprio ministero petrino ha fatto risuonare nella gremita piazza e nel cuore di chi ha ascoltato per tante volte la parola custodire. il custodire la gente, laver cura di tutti, di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi,

di coloro che sono pi fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore. laver cura luno dellaltro nella famiglia: i coniugi si custodiscono reciprocamente, poi come genitori si prendono cura dei figli, e con tempo anche i figli diventano custodi dei genitori. A Francesco Acerbi, direttore del Centro residenziale anziani Opera Don Baronio, in via Mulini a Cesena, abbiamo chiesto una riflessione proprio a partire dal richiamo chiaro e forte di papa Francesco di aver cura di tutti, di ogni persona con amore, specialmente di coloro che sono pi fragili. Il messaggio di papa Francesco ha parole semplici e forti perch capaci di parlare allanimo di ciascuno. Parole nuove che ci portano con il cuore alla storia dellumanit, alle radici delle nostre comunit e del vivere insieme, dalla nascita allalba della vita - ha esordito Acerbi -. Chi frequenta e opera nel nostro

Centro residenziale anziani sa bene quanta dedizione necessaria per custodire la vita stanca, spesso precaria e sofferente di anziani che giorno dopo giorno vedono diminuire le loro energie. Cos, la custodia si fa quotidiana accoglienza. E il prendersi cura deve avere laffabilit capace di superare le distanze e infondere fiducia e sicurezza negli anziani ospiti. La tenerezza aiuta a parlare da cuore a cuore. Questo riguarda figli, nipoti e amici degli ospiti, e riguarda allo stesso modo il personale della nostra Casa, ognuno nella condizione in cui . Ieri lo sapevamo - ha concluso il direttore Acerbi - e oggi lo sappiamo ancora di pi: il Papa ci richiama a essere capaci di tenerezza, parola che non esprime debolezza, ma autenticit umana. Ringraziamo papa Francesco: le sue parole ci danno conferma e ci aiutano nel nostro impegno. Sabrina Lucchi

Maria Ridolfi, del Centro di Aiuto alla Vita, commenta le parole del Pontefice
Foto Claudio Pagliarani

Ha parlato di amore, bont, tenerezza, tutti sentimenti che si vivono in famiglia con i figli, le madri, i pap, i nonni e lo ringrazio. Sono queste le parole di Maria Ridolfi, presidente del Centro di aiuto alla Vita di Cesena allindomani della messa di inizio pontificato di papa Francesco. Non c tenerezza pi grande di custodire i bambini - prosegue la Ridolfi -. Il Papa ha pronunciato pi volte il verbo custodire: custodire i nostri fratelli e tutte le persone che camminano con noi, avere cura gli uni degli altri, custodire noi stessi, i nostri cuori, i nostri sentimenti, custodire gli ammalati e gli anziani. Custodire il Creato. Per noi volontari del Centro di Aiuto alla Vita il verbo custodire deve far parte del nostro modo di essere. Non basta ascoltare, condividere e aiutare. Custodire con tenerezza molto di pi: ogni mamma custodisce per nove mesi il suo bambino nel suo ventre. Lo nutre, lo ama, lo protegge e lo custodisce come Maria che, secondo il Vangelo di Luca, Custodiva tutti questi fatti meditandoli nel suo cuore. Noi volontari del Centro di Aiuto alla Vita dobbiamo custodire le madri, perch a loro volta possano custodire il loro bambino. Poi quando nellAngelus il Papa ha parlato di Misericordia immediato stato per la Ridolfi il collegamento con lopera del Centro. Il pensiero della misericordia di Dio - spiega - ci riempie il cuore e ci spinge ad essere misericordiosi con le persone che ogni giorno incontriamo al Centro di Aiuto

Il privilegio di custodire i bambini


Monica, una mamma: Non dimentichiamo anche la grande opera portata avanti da papa Benedetto per far crescere la Chiesa
alla Vita. La miseria umana grande e a volte noi siamo tentati di giudicare, ma la Misericordia di Dio ci purifica e ci rende capaci di accogliere tutti con amore e tenerezza. Lo Spirito Santo che sceso sul conclave straripato fino al Centro di Aiuto alla Vita di Cesena. Io mi sento cambiata. Non c pi posto per la stanchezza, lavvilimento per gli insuccessi per i bambini non salvati. Mi sento piena di gioia perch in Lui tutto ha un senso. Vivo questo periodo di Grazia con esultanza. Ringrazio

continuamente il Signore che mi fa vivere avvolta nel suo spirito. Il Movimento per la Vita italiano ha chiesto unudienza con papa Francesco in occasione del 30esimo anniversario dellEvangelium Vitae. Sono veramente molto desiderosa di incontrarlo. So che ama la vita e ne riconosce il suo valore fin dal concepimento. Le parole del pontefice sono state accolte e meditate anche da coloro che, ogni giorno, vivono il proprio essere genitori con gioia e trepidazione. Credo che papa Francesco con il suo modo di porsi sia pi comprensibile per i bambini - spiega Monica di Cesena - . Oggi i miei figli sono piccoli, ma credo che gi per i bambini un po pi grandi, come quelli dellet delle elementari, lapproccio di questo Papa sia pi immediato. Non appena stato eletto ne sono stata molto felice. Papa Francesco mi piace. Lunica cosa che un po stride questa simpatia che subito ha generato in tutti. Molti guardano al carattere del Papa, ma a me interessa quello che il Papa , quello che dice e fa, e non importante che a pelle mi vada a genio. Ad esempio ho stimato molto Ratzinger e lho apprezzato tanto la sua opera per la Chiesa. Ho limpressione che, dato che questo Papa ha un carisma diverso dal suo predecessore, in molti si aspettino cambiamenti radicali nel magistero della Chiesa. E invece spero che prosegua lopera di Benedetto. Barbara Baronio

Primo piano

Gioved 28 marzo 2013

Dal Papa parole che incoraggiano il nostro lavoro


A colloquio con Luciano Terranova, presidente di Italia Nostra sezione di Cesena. Dal Pontefice indicazioni di tutela dellambiente
Nel cesenate occorre limitare le nuove costruzioni e rispettare il paesaggio
Cristiano Riciputi
ifendendo il Creato difendiamo noi stessi. Dobbiamo lasciare in eredit ai nostri figli un mondo migliorie di quello che abbiamo ricevuto. Per questo le parole di papa Francesco non possono che fare piacere a chi si occupa in prima persona di ambiente. Cos Luciano Terranova, presidente di Italia Nostra, sezione di Cesena, commenta alcuni dei passaggi che hanno caratterizzato lomelia che papa Francesco ha pronunciato in occasione della messa dellinizio del ministero petrino, il 19 marzo. Il Creato, lambiente, di tutti - afferma il presidente -. Non possiamo ridurlo a una responsabilit delle sole associazioni ambientaliste. Il fatto che papa Francesco labbia ricordato nella sua messa di inizio pontificato significativo: ogni cristiano, ogni uomo deve essere rispettoso del luogo in cui vive. Le parole del Papa per non devono rimanere tali, ma essere concretizzate in azioni quotidiane. E se da un lato gli Stati e gli uomini di potere hanno grandi responsabilit, ci non toglie che ogni singola persona sia chiamata ad azioni quotidiane. Piccoli gesti - aggiunge Terranova - che sono educativi nei nostri confronti cos come verso i figli. Pu sembrare una sciocchezza, ma lasciare le luci accese dove non servono, moltiplicato per milioni di case, causa un grande spreco di energia. Quando ero piccolo ricordo che mi fu insegnato di spegnerle sempre quando uscivo e se mi dimostravo menefreghista arrivava uno scappellotto. Meno auto, pi bici Secondo il presidente anche lautomobile dovrebbe essere lasciata di pi in garage: Non sono di certo di quelli che dice no alle auto per partito preso. La macchina indispensabile, per lavoro e per svago. Ma non per forza. Se dobbiamo fare poche centinaia di metri, o anche un paio di chilometri, si pu andare a piedi o in bicicletta. Allo stesso modo possiamo consumare meno, usare meno plastica, riutilizzare gli stessi sacchetti, riciclare il pi possibile. Terranova ritiene che in tante, in troppe famiglie i genitori non educano al rispetto. E se non si ha rispetto per lambiente, per il luogo in cui si vive, dove si gioca o si va a scuola, non si ha rispetto neanche per le persone. Mi capitato - aggiunge - di richiamare un bambino perch aveva gettato a terra la carta di un gelato. Il genitore, poco distante, arrivato e mi ha detto che dovevo pensare ai fatti miei. Penso che

Zona collinare del cesenate. Il tema della custodia del Creato al centro degli argomenti di papa Francesco

un genitore responsabile dovrebbe richiamare il figlio e non prendersela con chi invita a gesti di educazione. Occorrono delle campagne di sensibilizzazione, a partire dalle scuole. Terranova ritiene che sarebbe utile la presenza di un volontario che parlasse agli scolari portando la propria testimonianza in tema di rispetto ambientale. Un rispetto per lambiente passa anche dalla tutela del territorio e del paesaggio e su questo fronte Italia Nostra insiste per un ritorno allagricoltura. Non detto che al termine della crisi economica le aziende e le industrie riescano ad assorbire tutti i lavoratori licenziati in questi anni. Per contro, il settore agricolo ha ampie potenzialit, se solo i prodotti come frutta e verdura fossero remunerati il giusto. Gli agricoltori sono i primi custodi del territorio, soprattutto in collina. E infine un accenno al consumo dei terreni agricoli: Nel cesenate abbiamo troppi capannoni vuoti, troppe palazzine costruite e invendute. Penso che si impiegheranno anni per finire di costruire ci che stato sospeso e per piazzare quel che rimasto invenduto. Non si devono pi concedere

nuove aree edificabili. Sono gi troppe quelle permesse negli ultimi 10 anni. Le parole del Papa Questi alcuni passaggi dellomelia pronunciate il 19 marzo: La vocazione del custodire, per, non riguarda solamente noi cristiani, ha una dimensione che precede e che semplicemente umana, riguarda tutti. E il custodire lintero creato, la bellezza del creato, come ci viene detto nel Libro della Genesi e come ci ha mostrato san Francesco dAssisi: lavere rispetto per ogni creatura di Dio e per lambiente in cui viviamo. () E quando luomo viene meno a questa responsabilit di custodire, quando non ci prendiamo cura del creato e dei fratelli, allora trova spazio la distruzione e il cuore inaridisce. (). Vorrei chiedere, per favore, a tutti coloro che occupano ruoli di responsabilit in ambito economico, politico o sociale, a tutti gli uomini e le donne di buona volont: siamo custodi della creazione, del disegno di Dio iscritto nella natura, custodi dellaltro, dellambiente; non lasciamo che segni di distruzione e di morte accompagnino il cammino di questo nostro mondo.

Custodi, come Mastro Giuseppe


I nostri schemi sociali stanno andando in frantumi e, probabilmente, anche quelli sottesi al nostro vivere da credenti. La prima reazione dinanzi al custode relativa al rango, indubbiamente basso, di secondo ordine, una posizione che, se ti consente di sbarcare il lunario, non ti consente rilevanza e prestigio. Papa Francesco, con mite calma, li abbatte e, si direbbe di gusto!, con precisa e ne ironia. La parola centrale dellomelia, quella del la del programma di ponticato, proprio custode: ben strano con un ponticato inteso come supremazia, vertice ragguardevole e dignit somma. Il custode si spende in solo servizio e si identica con una persona ben precisa, una persona umana che, come ben conosciamo dal racconto evangelico, i dubbi, le perplessit, le esitazioni le ha sperimentate, tanto da prendere una decisione radicale: rimandare la sposa incinta. Decisione equa, spiegano gli esperti. Non quella di Dio per ed qui che risplende la grandezza di Giuseppe: sa cambiare ottica. Il custode non uomo di fatica e di basso rango, anche se di lavoro per mantenere la famiglia Giuseppe ne dovette fare tanto, ma persona che riconosce il segno dello Spirito e si muove in ogni evento pienamente abbandonato: Sa leggere con realismo gli avvenimenti, attento a ci che lo circonda, e sa prendere le decisioni pi sagge. Vocazione impegnativa la sua, peraltro come quella di ciascuno perch la vita pur sempre una sola! Il Custode quindi ci indirizza correttamente al luogo dove dobbiamo giungere ed incontrare Cristo: centro della vocazione cristiana. Ci insegna come custodirlo perch egli stesso Lo custod. Per noi indubbiamente ma in una postura di piena donazione, rispondendo: - al dono del Creato, vocazione comune a tutti perch precede ed semplicemente umana, riguarda tutti. - alla custodia della gente, allaver cura di tutti, di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi, di coloro che sono pi fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore. - alla custodia fra coniugi, genitori e gli; - alla custodia di ogni volto umano con tenerezza. Custodire comporta anche la dimensione dellespellere Ricordiamo che lodio, linvidia, la superbia sporcano la vita! Custodire vuol dire allora vigilare sui nostri sentimenti, sul nostro cuore, perch da l che escono le intenzioni buone e cattive: quelle che costruiscono e quelle che distruggono!. Ne consegue chiaramente una dimensione nuova che taglia i ponti con il potere, reale o immaginato, di un Papa monarca e ne dona uno che vuole diventare sempre pi evangelico il vero potere il servizio raggiungendone il suo vertice luminoso sulla Croce. Aria ecumenica nuova che incita a far risplendere la stella della speranza, con passi da scarpe usate come quelle di Francesco. Cristiana Dobner

Pasolini Elisabetta
Agenzia Immobiliare
VENDITE

corso Cavour, 157 - CESENA tel. 0547 24228 348 6031576 info@immobiliarepasolini.it www.immobiliarepasolini.it

MADONNA DELLE ROSE (Cesena): vendesi casa depoca di medie dimensioni composta da due appartamenti con ingresso indipendente ciascuno. Ampio balcone e cantine storiche seminterrate. Completa limmobile una zona servizi e bellissimo giardino di mq. 450 ca. Non necessita di lavori strutturali. Rif. V 1 Prezzo: euro 850.000 FORL zona centrale: vendesi luminoso appartamento anni Settanta composto da ingresso, sala e cucina abitabile con balcone, due grandi matrimoniali con balcone, ripostiglio, bagno, grandissima cantina, garage. Impianti autonomi. Rif. A 330 Prezzo: euro 180.000 SANTANDREA IN BAGNOLO (Cesena): vendesi graziosa casa di recente costruzione con ingresso indipendente e giardino. La casa composta da: P.t. sala e cucinotto; p. 1 camera matrim. e cam. singola con ampio terrazzo, bagno. Completa limmobile la mansarda con finestra e lucernaio con attacchi cucina e la taverna seminterrata con due vani, zona lavanderia, bagno e ripostiglio. Il giardino privato di ca. mq. 100 presenta un pergolato e due posti auto scoperti. Rif. C 12 Prezzo: euro 195.000 IPPODROMO: In moderno complesso residenziale di nuova realizzazione, in bioedilizia certificata, vendesi luminoso e confortevole bilocale con ing. indip. con ampio balcone-solarium attrezzato. I pannelli fotovoltaici e solari coprono l80% del fabbisogno delle parti comuni,ascensore e acqua sanitaria, leccedente alimenta la caldaia di riscaldamento. Le geometrie movimentate della struttura, la luminosit, la dinamicit e il comfort degli spazi interni, lampio e profondo balcone attrezzato sono stati pensati per una vita di qualit. Disponibilit di garage, cantina e posto auto coperto. Rifiniture di pregio. Antif., riscald. pavimento, aria cond., asp. central. Rif. B 4 Prezzo: euro 195.900

AFFITTI
SAN MAURO (Cesena): affittasi grazioso bilocale arredato di recente costruzione composto da sala con cucina a vista e balcone, disimpegno, bagno, camera matrimoniale, cantina e garage. Contratto agevolato con cedolare secca. Rif. AA 90 Canone: euro 530 CESENA CENTRO STORICO: affittasi bellissimo appartamento su due livelli dalle rifiniture di pregio. Limmobile composto da cucina abitabile, sala, ampio bagno, due camere matrimoniali, cabina armadio. GARAGE. Ampia corte condominiale. Arredato. Impianti autonomi. Contratto agevolato con cedolare secca. Rif. AA 310 Canone: euro 700 ADIACENZE HOTEL CASALI (Cesena): affittasi ampio appartamento semiarredato con sala con terrazzo, cucina abitabile, 2 matrimoniali, una doppia con terrazzo, una singola, 1 bagno. Impianti autonomi, cantina, giardino condominiale. Contratto agevolato con cedolare secca. Anche a studenti. RIF. AA 440 Canone: euro 750 ZONA CENTRALISSIMA E RESIDENZIALE (Cesena): affittasi luminoso attico di ampie dimensioni composto da sala, cucina abitabile, 2 cam. matrim., 2 bagni e ampio balcone tuttattorno + mansarda con ingresso indip. con matrimoniale e bagno. Completa limmobile un garage, la cantina e il giardino condominiale. Servizio di portineria. Arredato. Rif. AA 410 Canone: euro 800 PONTE SAN MARTINO (Cesena): affittasi grazioso trilocale arredato con ingresso indipendente e ampia tavernetta con finestra. Impianti autonomi, minime spese condominiali. Ampia corte condominiale. Posto bicicletta. Contratto agevolato con cedolare secca. Rif. AA 70 Canone: euro 500

Gioved 28 marzo 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Celebrazioni pasquali in Cattedrale a Cesena


Gioved Santo 28 marzo: alle 8 Ufficio delle letture e lodi. Alle 18 Messa vespertina nella Cena del Signore, presieduta dal vescovo Douglas Regattieri. Alle 21 adorazione eucaristica (fino alle 22,45). Venerd Santo 29 marzo (astinenza e digiuno): alle 8 Ufficio delle letture e lodi. Alle 18 Liturgia della Passione e morte del Signore, presieduta dal vescovo. Alle 21 Via Crucis nelle piazze della citt: partendo dalla chiesa di San Domenico, si concluder in Cattedrale. Durante la notte la Cattedrale rester aperta per la preghiera davanti al Crocifisso. Sono invitati specialmente i gruppi giovanili. Sabato Santo 30 marzo: alle 8 Ufficio delle letture e lodi; alle 9 LOra della Madre: celebrazione mariana ispirata alla liturgia bizantina. Alle 21,30 Veglia pasquale presieduta dal vescovo durante la quale i catecumeni adulti riceveranno i sacramenti. Domenica 31 marzo: Pasqua di Risurrezione del Signore. Messe alle 7, 8,30, 10 e 11,30. Alle 18 solenne messa pasquale presieduta dal vescovo. La Schola diocesana Santa Cecilia eseguir la Missa Rex Gloriae a 3 voci miste, di Valeriano Tassani (direttore maestro Gianni Della Vittoria; organista maestro Terzo Campana). Luned 1 aprile, luned dellAngelo: orario festivo messe alle 7, 8,30, 10, 11,30 e 18.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Questo il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo
Domenica 31 marzo Pasqua: Risurrezione del Signore Anno C At 10,34a.37-43; Salmo 117; Col 3,1-4 opp. 1Cor 5,6-8; Gv 20,1-9
stato levento che ha illuminato la mente e il cuore dei discepoli. La risurrezione di Ges rivela il senso della sua passione. Nella prima Lettura, Pietro proclama il messaggio della risurrezione nella casa del centurione Cornelio. Nella seconda Lettura, Paolo rivela le conseguenze della risurrezione di Cristo per la nostra vita: noi siamo risorti con Cristo. Con il Battesimo, siamo stati sepolti con Cristo nella morte e siamo risorti con Cristo. Se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lass, scrive Paolo. Vuol dire vivere nella fede, in unione con Cristo Risorto. La domenica la prima festa celebrata dai cristiani, perch il giorno di Pasqua, la Pasqua della settimana. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 1 aprile Luned dellAngelo At 2,14.22-33; Sal 15; Mt 28,8-15 marted 2 san Francesco da Paola At 2,36-41; Sal 32; Gv 20,11-18 mercoled 3 san Riccardo At 3,1-10; Sal 104; Lc 24,13-35 gioved 4 santIsidoro At 3,11-26; Sal 8; Lc 24,35-48 venerd 5 san Vincenzo Ferrer At 4,1-12; Sal 117; Gv 2,1-14 sabato 6 san Celestino At 4,13-21; Sal 117; Mc 16,9-15

Il professor Bersanelli ai Dialoghi per la citt


Luned 8 aprile alle 21 nellaula magna di Psicologia
Quarto appuntamento dei Dialoghi per la citt, luned 8 aprile alle 21 nellaula di Psicologia, a Cesena. Il professor Marco Bersanelli, docente di Astrofisica, sar il protagonista dellincontro con tema Scienza e fede: una lunga amicizia.

ggi celebriamo la Risurrezione del Signore. La festa di Pasqua la pi importante di tutto lanno liturgico. Il Vangelo ci riferisce gli eventi del mattino della domenica di Pasqua. Il giorno dopo il sabato, Maria di Magdala si reca al sepolcro di buon mattino, quando ancora buio. Quando giunge alla tomba, ha una sorpresa. Si accorge che la pietra stata ribaltata dal sepolcro. La risurrezione era un evento inatteso con la morte di Ges. Non avevano capito le predizioni di Ges sulla sua risurrezione. Hanno portato via il Signore dal sepolcro, conclude Maria di Magdala. E corre a riferirlo a due discepoli che si recano subito al sepolcro. Sono Pietro e Giovanni. Ma hanno una intuizione: il corpo di Ges non stato rubato. Ges ha ripreso vita. Laltro discepolo vide e credette. La risurrezione di Ges

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Tipano, San Cristoforo, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo Basilica del Monte, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, San Pietro, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi, Case Finali, San Rocco Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, Osservanza, San Domenico 18.30 San Pietro, Cappuccini 19.00 San Bartolo, Villachiaviche Villamarina; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Santa Maria Goretti, Boschetto, Gatteo Mare; 17,30 Cappuccini; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 18,30 (sabato); 9 / 11.15 / 17 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 17 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro:
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato) 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, SantEgidio, Cappuccini 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 Villachiaviche, Gattolino

18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9 / 11 / 17; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Pieve di Rivoschio: 16 Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero, Formignano 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.30 Istituto Lugaresi 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata, San Vittore 18.00 Cattedrale, San Domenico, Santo Stefano, San Rocco, Villachiaviche, Case Finali, Osservanza, Bulgarn, San Mauro in Valle, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, Santa Maria della Speranza, SantEgidio 19.00 San Giorgio, Tipano, Ponte Pietra 20.00 San Giovanni Bono, San Pio X, Gattolino, Bulgaria, Ruffio, Pievesestina, Pioppa 20.30 Calisese

San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17 (sabato); 11.15 / 17; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15 (domenica); Balze: 16 (sabato), 11.30; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola: 9.30; Capanne: 11.00

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

7.00 Cattedrale, San Rocco 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco,

Messe festive

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina; 17,30 Cappuccini, Santa Maria Goretti; 18 San Giacomo; 16 San Giuseppe; 20,30 Sala, Villalta; Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini; 9,45 Cannucceto, San Pietro; 10 San Giacomo,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche srl www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

15.00

Tiratura del numero 12 del 21 marzo 2013: 7.500 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19 di marted 26 marzo 2013

Vita della Diocesi

Gioved 28 marzo 2013

Pellegrinaggio diocesano a SantApollinare in Classe


Gioved 25 aprile insieme al vescovo Douglas Regattieri. Le iscrizioni in parrocchia
ellegrinaggio di tutta la diocesi alla P basilica di SantApollinare, a Ravenna. in programma per gioved 25 aprile e si tiene in occasione dellAnno della Fede. Ci si recher sulla tomba del vescovo che ha dato il via alla diffusione del Cristianesimo nelle nostre terre con il

primo annuncio del Vangelo, giungendo per questo alla Gloria del martirio. Il pellegrinaggio, vista la vicinanza con la diocesi di Ravenna, sar effettuato con mezzi propri. Il programma prevede larrivo attorno alle 9,45 alla basilica di SantApollinare in Classe. Alle 10,30 ci sar una solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Douglas Regattieri. Al termine della messa previsto il pranzo che ognuno si potr organizzare in maniera libera.

Nel pomeriggio le attivit riprenderanno alle 14,30 con lanimazione per i ragazzi e il Vangelo secondo Ravenna per giovani e adulti. Alle 15,30 prevista una preghiera conclusiva, tutti insieme. Per loccasione stato previsto un kit del pellegrino che comprende un foulard necessario per lingresso in basilica. Per informazioni e iscrizioni ci si deve rivolgere in parrocchia. I sacerdoti e i diaconi concelebranti dovranno essere muniti dei paramenti di colore liturgico rosso.

Tre catecumeni riceveranno i sacramenti, sabato 30 marzo alle 21,30

Brevi
In Cattedrale a Cesena Veglia alla Croce e lOra della Madre
a Cattedrale di Cesena, Venerd Santo 29 L marzo, sar aperta tutta la notte per la preghiera ai piedi della croce. Dalle 24 di venerd 29 alle 7 di sabato 30 marzo, si alterneranno diversi gruppi parrocchiali. Sabato 30 marzo alle 9, dopo le lodi e lUfficio delle Letture, sempre in Cattedrale ci sar lOra della Madre, momento di spiritualit mariana proposto dalle suore francescane della Sacra Famiglia.

Battesimo,CresimaeComunione durantelaVegliapasqualeinCattedrale
l catecumenato nella Chiesa lo sviluppo pluriennale e comunitario per entrare nella fede cristiana. Ha sapore di primavera. Porta i colori di una fioritura. In pi, il traguardo stupisce, fa ringraziare il Signore e rincuora anche noi, cristiani di piantagione stagionata. I sacramenti ai catecumeni nella Veglia pasquale, celebrati dal vescovo, hanno una spiccata rilevanza nella Chiesa locale. Ci fa vedere come cresce la comunit cristiana. di incitamento e di rimprovero alla "piantagione stagionata" e talora smemorata, meno coerente. Questanno arrivano a quel traguardo tre persone. Una ragazza e due giovani. Formano parrocchie, specialmente nella un terzetto variopinto: un volto Domenica in Albis, prendono parte nero con occhi luminosi giunge alla gioia dei neonati delle dal Senegal, la Mezzaluna turca loro comunit. sventola insieme alla bandiera Quella domenica, italiana e un sorriso pensoso e dopo aver preso parte pienamente coinvolgente, venuto dalla alla messa parrocchiale, i neofiti, Bielorussia. deposta la "veste bianca" segno della Anche le parrocchie interessate nuova vita, vengono festeggiati dai sono tre: la Cattedrale, San fratelli e dalle sorelle della Giacomo e Gambettola. parrocchia. La festa non limitata a loro tre. Per gli extracomunitari, non di rado, Gli accompagnatori delle anche gli amici delle loro zone di parrocchie che li hanno seguiti in provenienza, cristiani o non, sono questi anni, insieme ai membri felici di partecipare a un momento dellquipe diocesana, vi di festa. partecipano e la vivono in In realt la stessa comunit pienezza. E anche le tre diocesana che ringrazia e fa festa.

Rinnovamento nello Spirito Santo


Domenica 7 aprile, dalle 8,30 presso il seminario a Cesena, il gruppo del Rinnovamento nello Spirito Santo propone una giornata di ritiro per una nuova effusione nello Spirito Santo. Tema: Ges e Nicodemo (Gv 3-1,8). Saranno presenti i frati della comunit del Mandorlo della diocesi di Isernia. Alle 14,30, celebrazione della messa.

Da nove anni sono presenti catecumeni alla Veglia pasquale. E questa significativa presenza fa pi ricca la Pasqua di tutti. Mario Morigi

Donne e Concilio, incontro al Cantiere 411


Gioved 4 aprile alle 21, presso il Cantiere 411 in via Mami a Cesena (suore francescane della Sacra Famiglia), la teologa Stella Morra terr lincontro Tra cielo e terra. Donne, Chiesa e Concilio.

Gioved 28 marzo 2013

Vita della Chiesa

ome sapete, ci sono vari motivi per cui ho scelto il mio nome pensando a Francesco di Assisi, una personalit che ben nota al di l dei confini dellItalia e dellEuropa e anche tra coloro che non professano la fede cattolica. Uno dei primi lamore che Francesco aveva per i poveri. Quanti poveri ci sono ancora nel mondo! E quanta sofferenza incontrano queste persone! Sullesempio di Francesco dAssisi, la Chiesa ha sempre cercato di avere cura, di custodire, in ogni angolo della Terra, chi soffre per lindigenza e penso che in molti dei vostri Paesi possiate constatare la generosa opera di quei cristiani che si adoperano per aiutare i malati, gli orfani, i senzatetto e tutti coloro che sono emarginati, e che cos lavorano per edificare societ pi umane e pi giuste. Ma c anche unaltra povert! la povert spirituale dei nostri giorni, che riguarda gravemente anche i Paesi considerati pi ricchi. quanto il mio Predecessore, il caro

STRALCIDELDISCORSODIPAPA FRANCESCOALCORPODIPLOMATICOPRESSOLASANTASEDE
Attenti alla povert spirituale dei nostri giorni che riguarda i Paesi considerati ricchi
dialogo tra noi aiuti a costruire ponti fra tutti gli uomini, cos che ognuno possa trovare nellaltro non un nemico, non un concorrente, ma un fratello da accogliere ed abbracciare! Le mie stesse origini poi mi spingono a lavorare per edificare ponti. Infatti, come sapete la mia famiglia di origini italiane; e cos in me sempre vivo questo dialogo tra luoghi e culture fra loro distanti, tra un capo del mondo e laltro, oggi sempre pi vicini, interdipendenti, bisognosi di incontrarsi e di creare spazi reali di autentica fraternit. In questopera fondamentale anche il ruolo della religione. Non si possono, infatti, costruire ponti tra gli uomini, dimenticando Dio. e venerato Benedetto XVI, chiama la dittatura del relativismo, che lascia ognuno come misura di se stesso e mette in pericolo la convivenza tra gli uomini. E cos giungo ad una seconda ragione del mio nome. Francesco dAssisi ci dice: lavorate per edificare la pace! Ma non vi vera pace senza verit! Non vi pu essere pace vera se ciascuno la misura di se stesso, se ciascuno pu rivendicare sempre e solo il proprio diritto, senza curarsi allo stesso tempo del bene degli altri, di tutti, a partire dalla natura che accomuna ogni essere umano su questa terra. Uno dei titoli del Vescovo di Roma Pontefice, cio colui che costruisce ponti, con Dio e tra gli uomini. Desidero proprio che il

VENERD 22 MARZO, PAPA FRANCESCO HA INCONTRATO I DIPLOMATICI ACCREDITATI (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Ma vale anche il contrario: non si possono vivere legami veri con Dio, ignorando gli altri. Per questo importante intensificare il dialogo fra le varie religioni, penso anzitutto a quello con lIslam, e ho molto apprezzato la presenza,

durante la Messa dinizio del mio ministero, di tante Autorit civili e religiose del mondo islamico. Ed pure importante intensificare il confronto con i non credenti, affinch non prevalgano mai le differenze che separano e feriscono, ma, pur nella diversit, vinca il desiderio di costruire legami veri di amicizia tra tutti i popoli. Lottare contro la povert sia materiale, sia spirituale; edificare la pace e costruire ponti. Sono come i punti di riferimento di un cammino al quale desidero invitare a prendere parte ciascuno dei Paesi che rappresentate. Un cammino difficile per, se non impariamo sempre pi ad amare questa nostra Terra. Anche in questo caso mi di aiuto pensare al nome di Francesco, che insegna un profondo rispetto per tutto il creato, il custodire questo nostro ambiente, che troppo spesso non usiamo per il bene, ma sfruttiamo avidamente a danno luno dellaltro. Francesco

Nellomelia della domenica delle Palme, il racconto di Ges e del suo trono di croce

A riguardo del potere e della sete di denaro: Mia nonna diceva a noi bambini: il sudario non ha tasche!

Papa Francesco: Per favore, non fatevi rubare la speranza


ioia, Croce, giovani: sono le tre le parole chiave della Domenica delle Palme e della Passione del Signore che stamattina Papa Francesco ci ha consegnato nella messa che ha presieduto sul sagrato della basilica di San Pietro, dopo aver benedetto i rami di ulivo e aver partecipato alla processione in piazza, dallobelisco al sagrato. Nellomelia il Santo Padre, ricordando che da 28 anni la Domenica delle Palme la Giornata della Giovent, ha dato appuntamento ai giovani a Rio de Janeiro per la Gmg. Le speranze risvegliate. Ges - ha osservato il Pontefice - ha risvegliato nel cuore tante speranze soprattutto tra la gente umile, semplice, povera, dimenticata, quella che non conta agli occhi del mondo. Lui ha saputo comprendere le miserie umane, ha mostrato il volto di misericordia di Dio e si chinato per guarire il corpo e lanima. Questo Ges, questo il suo cuore, guarda a tutti noi, guarda le nostre malattie, i nostri peccati.

grande lamore di Ges. Perci, quando Ges entra in Gerusalemme si respira un clima di gioia ed una scena bella: piena di luce dellamore di Ges, di gioia, di festa. Quella scena si ripete: Anche noi abbiamo accolto Ges; anche noi abbiamo espresso la gioia di accompagnarlo, di saperlo vicino, presente in noi e in mezzo a noi, come un amico, come un fratello, anche come re, cio come faro luminoso della nostra vita. Ges Dio, ma si abbassato a camminare con noi, ha affermato il Santo Padre, offrendo cos la prima parola: gioia!. Di qui linvito: Non siate mai uomini e donne tristi: un cristiano non pu mai esserlo! Non lasciatevi prendere mai dallo scoraggiamento! La nostra non una gioia che nasce dal possedere tante cose, ma dallaver incontrato una Persona: Ges, che in mezzo a noi, nasce dal sapere che con Lui non siamo mai soli, anche nei momenti difficili, anche quando il cammino della vita si scontra con problemi e ostacoli che sembrano insormontabili, e ce ne sono tanti!. E, ha messo in

guardia Francesco parlando a braccio, in questo momento viene il nemico, viene il diavolo, mascherato da angelo. Tante volte insidiosamente ci dice la sua parola: non ascoltiamolo! Seguiamo Ges. Ancora il Santo Padre ha esortato soprattutto a sapere che Lui ci accompagna e ci carica sulle sue spalle: qui sta la nostra gioia, la speranza che dobbiamo portare in questo nostro mondo. E, per favore ha continuato a braccio - non lasciatevi rubare la speranza! Non lasciate rubare la speranza! Quella che ci d Ges. Sul trono della croce. Quando entra Ges in Gerusalemme, la folla lo acclama come Re, ma non ha una corte che lo segue, non circondato da un esercito simbolo di forza. Chi lo accoglie gente umile, semplice, che ha il senso di guardare in Ges qualcosa di pi, ha quel senso della fede, che dice: questo il Salvatore. Ges non entra nella Citt Santa per ricevere gli onori riservati ai re terreni, a chi ha potere, a chi domina; entra per salire il Calvario carico di un legno. Ed ecco la seconda parola:

Croce. Ges entra a Gerusalemme per morire sulla Croce. Ed proprio qui che splende il suo essere Re secondo Dio: il suo trono regale il legno della Croce!. Qui, a braccio, il Pontefice ha ricordato quello che Benedetto XVI diceva ai cardinali: voi siete principi, ma di un Re crocifisso. Quello il trono di Ges. Ges, ha chiarito il Papa, prende su di s il male, la sporcizia, il peccato del mondo, anche il nostro peccato, e lo lava, lo lava con il suo sangue, con la misericordia, con lamore di Dio. Il Pontefice ci ha, quindi, esortato a guardare intorno a noi: Quante ferite il male infligge allumanit! Guerre, violenze, conflitti economici che colpiscono chi pi debole, sete di denaro. E poi, ha affermato a braccio, nessuno lo pu portare con s, deve lasciarlo. Mia nonna diceva a noi bambini: il sudario non ha tasche!. Oltre allamore per il denaro, Francesco ha ricordato gli altri mali: sete di potere, corruzione, divisioni, crimini contro la vita umana e contro il creato!. Buon cammino a tutti! Al termine della messa, al momento della recita dellAngelus, il Santo Padre ha invocato lintercessione della Vergine Maria affinch ci accompagni nella Settimana Santa. Lei, che segu con fede il suo Figlio fino al Calvario, ci aiuti a camminare dietro a Lui, portando con serenit e amore la sua Croce, per giungere alla gioia della Pasqua.

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino
sas

FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

Vita della Chiesa

Gioved 28 marzo 2013

Sabato 23 marzo. Inginocchiati uno a fianco allaltro in preghiera. Evocate lumilt e la tenerezza

n abbraccio caloroso ha suggellato lincontro, nella mattina di sabato 12 marzo, tra Francesco e Benedetto XVI, quando il primo atterrato con alleliporto delle Ville pontificie di Castelgandolfo, accolto dal secondo. Unimmagine, ripresa dal Ctv (Centro televisivo vaticano), che sicuramente far il giro del mondo, insieme con quella di papa Bergoglio e papa Raztinger che, inginocchiati insieme nello stesso banco, pregano nella cappella del Palazzo apostolico. Immagini uniche di un momento che rester storico nella vita della Chiesa. A dieci giorni dalla sua elezione, infatti, papa Francesco si recato sabato 23 a mezzogiorno a Castel Gandolfo per incontrare in privato Benedetto XVI e intrattenersi con lui a pranzo, per poi ritornare in Vaticano. Un programma semplice per un momento invece unico, preceduto in questi giorni da molte manifestazioni di affetto da parte del nuovo Pontefice nei riguardi del suo predecessore. Il viaggio. Mentre a Castelgandolfo cresceva lattesa, alle 11,45 il Santo Padre lasciava la Domus Sanctae Marthae per recarsi alleliporto vaticano. Alle 12,05 si innalzato in volo lelicottero con a bordo il Pontefice. Quando lelicottero ha sorvolato per due volte la piazza della cittadina ( la prima volta che succede un fatto del genere), la folla esplosa in un applauso. Dopo un volo di 20 minuti, il Santo Padre Francesco atterrato alleliporto delle Ville pontificie, accolto da Benedetto XVI. Il Santo Padre Francesco e Benedetto XVI si sono trasferiti in auto al Palazzo apostolico per lincontro privato e il pranzo. Durante tutto il tempo, la gente ha applaudito e innalzato cori, nella speranza di attirare cos lattenzione di Francesco e Benedetto XVI e farli affacciare.

occasione dellincontro con i cardinali, il 28 febbraio, e quindi ha avuto certamente modo, in questo incontro - che stato un momento di altissima, profondissima comunione - di rinnovare questo suo atto di riverenza e di obbedienza al suo successore, mentre certamente papa Francesco ha rinnovato la gratitudine sua e di tutta la Chiesa per il ministero svolto da papa Benedetto nel corso del suo pontificato. Immagini nella storia. Il Ctv ha diffuso alcune immagini significative dellincontro tra Francesco e Benedetto XVI. La prima quella dellelicottero che atterra. Papa Bergoglio scende e si avvia a passo svelto verso Papa Ratzinger che appoggiato a un bastone a sua volta gli va incontro. Labbraccio caloroso, poi i volti sorridenti mentre si scambiano qualche parola, mani nelle mani, occhi negli occhi. La seconda riprende Francesco, avanti, e Benedetto XVI, pi lentamente, appoggiato al bastone, che si avviano verso la cappella papale. Papa Ratzinger offre al suo successore il posto allinginocchiatoio donore, ma questultimo, dicendogli No, siamo fratelli, ha voluto che si inginocchiassero insieme nello stesso banco, a pregare. Non difficile immaginare che quellimmagine dei due Papi, vestiti di bianco, Benedetto XVI ancora con la giacca a vento bianca sulla talare, inginocchiati, le spalle ricurve, che pregano, entrer nella storia. La terza immagine: Francesco dona a Benedetto XVI unicona della Madonna dellUmilt. Dellumilt, bella, dice Ratzinger. A proposito dellumilt, mi permetta di dirle una cosa - afferma Bergoglio -. Ho subito pensato a lei e glielho voluta portare in dono: ci ha dato tanti esempi di umilt nel suo pontificato. Davvero la tenerezza. Non dimentichiamola, ha esortato, Benedetto XVI, che, commosso, pi volte ha ripetuto grazie, stringendo forte le mani di Francesco. Infine, c limmagine dellinizio del colloquio tra i due nella biblioteca. Nel pomeriggio, dopo il pranzo e una passeggiata nei giardini, papa Francesco, accompagnato dal suo predecessore, ha raggiunto in auto leliporto delle Ville pontificie di Castel Gandolfo. Lelicottero partito alle 14,42 per fare rientro in Vaticano.

Francesco e Benedetto Siamo fratelli


La visita di Bergoglio a Ratzinger nella splendida cornice di Castelgandolfo. Rispetto, amicizia e solidariet, i sentimenti prevalenti
un bellissimo abbraccio (nella foto Siciliani-Gennari/Sir). Poi hanno salutato le altre persone presenti, il vescovo di Albano e il direttore delle Ville Pontificie. Dopo Francesco e Benedetto XVI sono saliti in auto. La macchina si portata agli ascensori e quindi i due protagonisti dello storico incontro sono saliti nellappartamento pontificio e si sono recati subito alla cappella per un momento di preghiera. Padre Lombardi ha proseguito rivelando che l stato molto bello perch il Papa emerito ha offerto il posto donore allinginocchiatoio davanti allaltare a Papa Francesco, ma questi ha rifiutato preferendo inginocchiarsi insieme nello stesso banco. Per quanto riguarda labbigliamento, padre Lombardi ha precisato che effettivamente il Papa emerito porta una semplice talare bianca, senza fascia e senza mantelletta: sono i due particolari che lo distinguono, invece, dallabbigliamento di papa Francesco che ha anche una mantelletta e la fascia. Dopo il breve momento di preghiera, si sono portati alla Biblioteca privata dove, verso le 12,30, incominciato lincontro riservato. Anche qui, ha ricordato padre Lombardi, c stato un altro momento bello: Papa Francesco ha portato in dono al Papa emerito una bella icona della Madonna, dicendo che si tratta della Madonna dellUmilt. Poi incominciato il colloquio che durato circa 45 minuti. Al pranzo hanno partecipato i due segretari, monsignor Georg e monsignor Xuereb. Colloquio gi avviato. Ricordo ancora - ha precisato padre Lombardi - che questo non il primo incontro: il primo incontro di persona, per papa Francesco ha gi rivolto molte volte il suo pensiero al Papa emerito: sia gi dalla Loggia delle Benedizioni, in occasione della prima comparsa, sia con due telefonate personali: la sera stessa dellelezione e il giorno di San Giuseppe per fare gli auguri. Quindi, il colloquio era gi avviato, anche se lincontro personale, fisico, non era ancora avvenuto. Ricordiamo anche che il Papa emerito aveva gi manifestato la sua incondizionata riverenza e obbedienza per il suo successore in

Il racconto di padre Lombardi. Padre Federico Lombardi, il direttore della Sala Stampa vaticana, a Castelgandolfo ha raccontato ai giornalisti come si svolto lincontro, dopo latterraggio dellelicottero: Il Santo Padre sceso, accompagnato dal sostituto, monsignor Becciu, da monsignor Sapienza e da monsignor Alfred Xuereb. Il Papa emerito si avvicinato subito, scendendo dalla sua macchina, e c stato

La partecipazione annunciata di papa Francesco ha suscitato grande entusiasmo

braccio, stando in piedi, quasi a volerli guardare negli occhi uno ad uno: papa Francesco ha parlato cos alle migliaia di giovani assiepati in piazza san Pietro per la messa della Domenica delle Palme, giorno in cui la Chiesa, da 28 anni, celebra la Giornata della Giovent. Ha parlato loro di gioia e di Croce, li ha esortati, con forza, a non farsi rubare la speranza, ad essere missionari, a portare la Croce rispondendo allinvito di Ges Andate e fate discepoli tutti i popoli, che il tema della Giornata della Giovent di Rio de Janeiro (23-28 luglio), meta del suo primo viaggio internazionale. Vi do appuntamento in quella grande citt del Brasile! Preparatevi bene, soprattutto spiritualmente nelle vostre comunit - ha detto il Papa - perch quellIncontro sia un segno di fede per il mondo intero. I giovani devono dire al mondo: buono seguire Ges; buono andare con Ges; buono il messaggio di Ges; buono uscire da se stessi, alle periferie del mondo e dellesistenza per portare Ges!. Sulle parole del Pontefice, le prime rivolte direttamente ai giovani, Daniele Rocchi, per il Sir, ha chiesto un parere a padre Eric Jacquinet, responsabile della sezione Giovani del Pontificio Consiglio per i laici.

Gmg in Brasile, boom di iscrizioni e programma rivoluzionato A

BANDIERA DEL BRASILE E DELLARGENTINA, IN PIAZZA SAN PIETRO (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

chiedendo a tutti di diventare missionari nel mondo. Li ha invitati a uscire e a recarsi nelle periferie del cuore e del mondo ad annunciare che buono seguire Ges, buono il messaggio di Ges. Parlando a braccio ha mostrato tutto il suo cuore di pastore desideroso di guidare la parte pi giovane del suo gregge verso quella speranza che non devono farsi rubare dal male. C poi unaltra cosa che mi preme segnalare. Quale? Il Pontefice, nel ribadire che la nostra non una gioia che nasce dal possedere tante cose, ma dallincontro con una persona, Ges, si innesta con forza e continuit nel pontificato di Papa Benedetto XVI che di questa affermazione ne aveva fatto uno dei temi pi ricorrenti. Nellomelia papa Francesco ha parlato anche di Croce, parola che sembra distante dalle attese dei giovani Molti giovani vivono la Croce, vivono la sofferenza nella loro vita, e penso alla mancanza di lavoro, di prospettive, alle ingiustizie che subiscono in tanti ambiti, alla difficolt di crearsi una famiglia e un progetto di vita. Papa Francesco, ricordando loro che queste sofferenze corrispondono alla Croce di Cristo, offre un senso a questo dolore che si portano dentro. E il senso ultimo che questa, abbracciata con amore, non porta alla tristezza ma alla gioia. Abbracciare la Croce , al tempo stesso, una denuncia delle ingiustizie e una chiamata alla conversione.

Qual la sua impressione davanti alle parole di papa Francesco ai giovani? La cosa che pi mi ha colpito il fatto che il Papa abbia parlato a braccio con energia rivelando grande attenzione per i giovani, ma soprattutto grande fiducia in loro

Il Pontefice, chiudendo lomelia, ha dato appuntamento ai giovani di tutto il mondo alla Gmg di Rio de Janeiro. A che punto lorganizzazione di questo evento e cambier qualcosa ora che a fare il viaggio sar papa Francesco e non Benedetto XVI? Lelezione di papa Francesco ha rilanciato in modo straordinario le iscrizioni, un boom, alla Gmg di Rio de Janeiro da parte dei giovani sudamericani e in modo particolare di quelli argentini. Questi ultimi dopo aver saputo che il Papa non avrebbe fatto tappa in Argentina dopo la Gmg hanno cominciato a iscriversi in gran numero. Non solo. Larrivo di papa Francesco, con la sua vitalit e dinamismo, sta rimettendo in discussione il programma che era stato pensato per Benedetto XVI. Lagenda brasiliana di papa Ratzinger, proprio a causa della sua stanchezza, prevedeva un ridotto numero di incontri e di minore durata, fino a un massimo di unora e trenta. Ora possiamo rielaborare sia il numero sia la durata degli eventi. Il cardinale presidente del Pcpl, Stanislaw Rylko, ha parlato in questi giorni con il pontefice e cercheremo di rispettare le sue decisioni. Al momento non ci sono eventi definiti ma solo alcuni sogni, tra i quali un incontro con i giocatori di calcio, sport che papa Francesco segue. noto, infatti, che in Argentina tifoso della squadra del san Lorenzo de Almagro. Sarebbe bello avere anche una partita di calcio nel programma.

10

Gioved 28 marzo 2013

Attualit

BUENOS AIRES, PLAZA DE MAYO, MARTED 19 MARZO: PER LA MESSA INAUGURALE DI PAPA FRANCESCO (FOTO SIR)

Con papa Francesco cresce lautostima dei latinos


Intervista a Loris Zanatta, tra i massimi esperti in Italia della Chiesa argentina e sudamericana
suo apostolato, sar un ulteriore impulso affinch la crescita economica che, in America Latina si sta producendo, assuma sempre di pi contorni sociali specialmente nel campo di una maggior distribuzione della ricchezza. Puntare sullevangelizzazione del continente latinoamericano attraverso anche questa elezione, pu rappresentare una scommessa per una Chiesa che in Europa appare un po in difficolt? Senzaltro. C chi sostiene che la scelta di un Papa latinoamericano corrisponda al tentativo di arginare la secolarizzazione in unarea del mondo in cui la Chiesa particolarmente forte. C invece chi sostiene, ma le due cose non sono necessariamente in contraddizione, che la scelta di un Pontefice latinoamericano sia stata in certa misura difensiva. Come se la Chiesa, in difficolt soprattutto nel continente europeo, cercasse in America Latina, e quindi nellunico continente in cui rimane maggioritaria, una nuova giovent, una rigenerazione. Sicuramente scegliere questo continente per la Chiesa rappresenta una scommessa forte, indice di unistituzione che sa leggere con lucidit la realt contemporanea. Cosa pensa delle accuse lanciate al nuovo Papa sulla vicinanza alla dittatura di Videla? Distinguerei due cose che in questa polemica vengono confuse ingiustamente. Una cosa la responsabilit storica della Chiesa argentina che innegabile. E cio quella di avere a lungo, nel corso del XX secolo, coltivato lambizione di esercitare una sorta di monopolio e di tutela sullidentit nazionale argentina. In nome di ci ha fatto di tutto per rimanere avvinghiata allo Stato e dentro lo Stato, in particolare alle Forze Armate come canale della cristianizzazione del paese. Questo ha determinato che si creasse una Chiesa poco sensibile alla necessit della propria indipendenza e della propria autonomia e, viceversa, estremamente legata ai poteri dello Stato. Per cui quando lArgentina precipit nella dittatura militare, una buona parte della Chiesa trov del tutto naturale sostenere le Forze Armate in quello che esse presentavano come lennesimo intervento a difesa della cattolicit della Nazione. Per ci che riguarda, nello specifico, le accuse rivolte a papa Francesco? Diverso invece, e questa unoperazione scorretta, trasformare un ragionamento storico, una responsabilit storica in colpe individuali. Tra laltro Bergoglio negli anni della dittatura era Provinciale dei Gesuiti, non era ai vertici della gerarchia ecclesiastica e nulla di concreto e di serio lascia pensare che abbia avuto delle compromissioni specifiche. Il caso che gli si imputa quello dei due sacerdoti della Compagnia di Ges che lui avrebbe, secondo i suoi accusatori, consegnato alle autorit militari che li fecero sparire. Esistono diverse testimonianze che vanno piuttosto nel senso di indicare il suo impegno per cercarne la liberazione. Da parte mia posso dire di aver visto i documenti dellarchivio dellAmbasciata argentina presso la Santa Sede: non ci sono tracce di Bergoglio ma ci sono tracce molto evidenti delle grandissime e anche perentorie pressioni fatte dalla Compagnia di Ges sul Governo argentino per la liberazione di due sacerdoti. Le responsabilit individuali vanno collocate in un contesto e soprattutto vanno dimostrate e devono essere concretizzate. Invece qui mi sembra ci sia molto fumo, e la volont molto precisa di coinvolgere il Papa in questo passato in cui sono ben pochi a volersi dire del tutto innocenti, men che meno i suoi accusatori. Michela Mosconi

l primo argentino, il primo gesuita, il primo latinoamericano della storia. Un Papa dalla fin del mundo, ad indicare non solo la collocazione geografica della sua patria, ma anche quella sociale di tutto il continente latinoamericano che conta il maggior numero di cattolici al mondo. Quali tratti assumer il nuovo Pontificato? Quale ricaduta sul Nuovo continente? A queste e ad altre domande risponde Loris Zanatta, docente di Storia dellAmerica Latina presso la Facolt di Scienze Politiche dellUniversit di Bologna, uno dei massimi esperti italiani di Storia della Chiesa argentina che subito entra nel merito delle accuse sollevate sul passato del nuovo Papa nel tempo della dittatura: scorretto trasformare un ragionamento storico, una responsabilit storica in colpe individuali. Una campagna diffamatoria, come lha definita il portavoce vaticano padre Federico Lombardi che, a riguardo, ha citato anche una dichiarazione del premio Nobel per la pace, Adolfo Perez Esquivel, 82 anni, argentino, militante dei diritti umani, per il quale non cera compromissione del cardinale Bergoglio con la dittatura. Una affermazione, questa, ribadita con chiarezza dal Nobel anche in unintervista esclusiva concessa al Sir. Che significato assume questa elezione per il continente sudamericano che oggi conta il maggior numero di cattolici al mondo? I temi sociali si imporranno nel pontificato di papa Bergoglio? La mia impressione che lelezione di questo Papa contribuir ad aumentare in maniera straordinaria lautostima, gi in elevata crescita, dellintera Regione. LAmerica Latina sta vivendo ormai da dieci, quindici anni una fase di profondo sviluppo economico, di inclusione sociale, di democratizzazione politica. Tutto ci accresce il suo ruolo nel mondo. Ora, diventare attraverso il Papa, il fulcro della cattolicit mondiale ovviamente non far che aumentare questa sensazione di autostima e di crescita del proprio ruolo nel mondo. Per quello che riguarda la dimensione sociale la presenza del Papa, soprattutto di questo Papa che della questione sociale ha sempre fatto uno degli elementi centrali del

Attualit
Via libera agli aiuti Ue, ma il sistema bancario dellisola deve cambiare Non sar pi una sorta di isola off-shore, un paradiso fiscale nel Mediterraneo Qui sono approdati per anni i capitali russi, ma anche di piazze europee

Gioved 28 marzo 2013

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

ESAME SUPERATO
Una delle prove pi difficili per ogni leader che, a qualsiasi titolo, si affacci sulla scena mondiale quella dei media. Piaccia o non piaccia, il sistema della comunicazione gioca un ruolo fondamentale anche nel dispiegarsi delle dinamiche pubbliche, comprese quelle con cui ha a che fare e che cerca di orientare la Chiesa cattolica. Sotto questo profilo, dicevamo, papa Francesco ha superato lesame pi difficile, riuscendo a imporsi fin dal primo istante sul panorama comunicativo semplicemente essendo se stesso. Anzi, proprio grazie allautenticit e alla semplicit del suo tratto umano. Lo riconosceva, sul Corriere della Sera, il critico Aldo Grasso, definendo il successore di Ratzinger una Grande star mediatica, senza bisogno di strategie della comunicazione. Una settimana di papa e Twitter gi lo ama, ribadisce sullo stesso quotidiano il blog dedicato alla vita digitale. A sette giorni dalla sua elezione, infatti, le statistiche parlano di un volume record di sei milioni di cinguettii da tutto il mondo, col 90 per cento di contenuti positivi. Se papa Bergoglio ha brillantemente superato la prova, non si pu dire altrettanto di tutto il circuito mediatico. Tristi eccezioni, certo minoritarie rispetto allapproccio serio e rispettoso della gran parte degli operatori. Ma qualche caduta di stile non mancata, cos come aveva caratterizzato i giorni del conclave allinsegna di presunti intrighi, letture banali e riduttive, forzature ideologiche. Senza abbandonare lumilt che gli stata subito universalmente riconosciuta, una lezione di comunicazione venuta dallo stesso papa Francesco. Gli eventi ecclesiali ha spiegato incontrando i giornalisti accreditati presso la sala stampa vaticana non sono certamente pi complicati di quelli politici o economici! Essi per hanno una caratteristica di fondo particolare: rispondono a una logica che non principalmente quella delle categorie, per cos dire, mondane, e proprio per questo non facile interpretarli e comunicarli a un pubblico vasto e variegato. Ai comunicatori assiepati nellaula Nervi il Papa ha quindi ricordato che la Chiesa, da parte sua, riserva una grande attenzione alla vostra preziosa opera. Il lavoro giornalistico, infatti, necessita di studio e di sensibilit, ma non solo. Esso comporta una particolare attenzione nei confronti della verit, della bont e della bellezza. E questo ha concluso ci rende particolarmente vicini, perch la Chiesa esiste per comunicare proprio questo: la Verit, la Bont e la Bellezza in persona.

La crisi di Cipro Uneconomia da rifondare


iutare Cipro a ricostruire la sua economia su basi nuove. Il commissario Ue agli affari monetari, Olli Rehn, non fa mistero dei tempi difficili che attendono il popolo cipriota. Laccordo fra troika (Ue, Bce, Fmi) e governo di Nicosia per salvare il Paese dalla bancarotta ed evitare luscita dalleuro, coster caro ai ciprioti. Ma, come ha riconosciuto il ministro delle finanze Michael Sarris, andiamo incontro a tempi duri, eppure il miglior accordo che potessimo fare. Il salvagente europeo. Il piano di salvataggio messo nero su bianco tra il 24 e il 25 marzo prevede uno stanziamento di fondi internazionali per 10 miliardi a fronte di un contributo proveniente dallisola di circa 7 miliardi. Questi ultimi arriveranno da unampia manovra di ridefinizione del settore bancario, a partire dalla chiusura della Laiki Bank (le perdite maggiori graveranno su detentori di azioni e obbligazioni, quindi sui proprietari dei depositi oltre i 100mila euro), secondo istituto di credito dellisola, i cui asset saranno ripartiti tra una good bank e una bad bank; a sua volta il primo istituto, la Bank of Cyprus, verr coinvolta nelloperazione: assorbimento della good bank e tassazione dei depositi sopra i 100mila euro (sotto quella cifra sono garantiti dalla norme Ue), che potrebbe raggiungere anche il 30 per cento. Lintervento preso nel suo insieme dovrebbe portare ai 7 miliardi attesi dalla troika per gettare il salvagente a Nicosia. Ci eravamo resi conto in passato di queste difficolt, e anche di quelle relative al bilancio del Paese, e gi nel novembre 2011 la Commissione aveva proposto un programma di assistenza finanziaria, aggiunge Rehn. Ma non se ne era fatto nulla, soprattutto perch a Cipro, ai suoi politici, alle sue banche, forse anche a suoi cittadini, leconomia casin (secondo una formula coniata dal ministro francese Moscovici) stava bene cos e tutti sembravano guadagnarci. Una sorta di isola off-shore, un paradiso fiscale nel cuore del Mediterraneo, cui sono approdati per anni e anni i capitali dei magnati russi (con sospetto di riciclaggio di denaro sporco), ma anche delle banche greche, di finanzieri della City londinese e di altre piazze europee. Troppe anomalie. Ora nelle citt cipriote la gente scende in piazza, le code agli

militarmente dalla Turchia, mentre sullaltra met la Grecia ha sempre esercitato un forte influsso politico ed economico. Non bisogna trascurare che a sud dellisola vi sono giacimenti di gas dal valore inestimabile, il cui sfruttamento gi iniziato assegnando la concessione a potenti compagnie europee e non. Accelerare lUnione bancaria. Il commissario Rehn ha anche spiegato che la Commissione far tutto il possibile per alleviare le conseguenze sociali di questo shock economico. Il neo eletto presidente cipriota, Nicos Anastasiades, ha cercato di ammorbidire le pressioni europee, pur sapendo che i margini di manovra erano minimi: per rimanere nel club della moneta unica occorreva piegarsi alle disposizioni dellUe. Per il presidente dellEurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, lintesa raggiunta pone fine alle incertezze su Cipro e sulla zona euro e avvia una profonda ristrutturazione del settore bancario di Cipro. Le Borse hanno accolto positivamente laccordo. Christine Lagarde, direttore del Fmi, ha voluto ulteriormente rassicurare i mercati parlando di una buona intesa che fra laltro limita le misure alle due banche maggiormente problematiche e divide equamente il peso del salvataggio tra Ue e Cipro. Del resto non si poteva fare diversamente: lEuropa ha speso non meno di 350 miliardi di euro per soccorrere Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna; ora non poteva tirarsi indietro di fronte al dramma cipriota. Al Paese mediterraneo si chiede per una reale trasformazione del sistema bancario che, in definitiva, peser sugli stessi ciprioti e, ancora una volta, sugli altri cittadini europei. Il segnale giunto da Nicosia richiama, non da ultimo, unurgenza politica: lUnione bancaria, alla quale si lavora - senza eccessivo impegno - da mesi, e che incontra le obiezioni dei Paesi del Nord Europa, non pu essere procrastinata: se fosse gi stato in funzione, il sistema di sorveglianza unico avrebbe esercitato concreti poteri di controllo, avrebbe favorito lintervento del fondo salva-Stati senza andare a gravare sul bilancio gi instabile di Cipro e avrebbe posto in sicurezza leuro, evitando di trasmettere ancora una volta limmagine di una moneta debole e sempre a rischio. Gianni Borsa

CIPRO - IL GOVERNO DI CIPRO E LA TROIKA (UE, BCE E FMI) HANNO CONCORDATO UN PRELIEVO FORZOSO DEL 20 PER CENTO SUI DEPOSITI BANCARI DI OLTRE 100MILA EURO CUSTODITI NELLA BANCA DI CIPRO E DEL 4 PER CENTO SU QUELLI PER LO STESSO AMMONTARE IN ALTRE BANCHE

sportelli bancomat si allungano, mentre il presidente russo Putin e il premier Medvedev minacciano lEuropa di ogni possibile ritorsione Ma quando la Commissione lanciava lallarme, doverano tutti? I capitali custoditi nei forzieri ciprioti pare corrispondano (le cifre esatte mancano) a quattro o cinque volte il Prodotto interno lordo nazionale. Un terzo - e forse oltre - di tali depositi di provenienza russa. Inoltre il debito pubblico marcia verso il 100 per cento del Pil, rispetto a uneconomia che rappresenta lo 0,2 per cento del Pil dellUnione. Un livello insostenibile, il quale preoccupa Bruxelles non meno della Laiki Bank. La realt cipriota presenta poi altre anomalie: basti pensare alla forzata divisione in due dellisola, con la parte nord orientale occupata

il Periscopio

di Zeta
abbraccia Cristo tutto intero, senza mezze misure. Lo vive in prima persona e lo comunica con il suo sorriso e i suoi gesti di padre amoroso che si fa ultimo con gli ultimi. Ma c unaltra povert ha detto al corpo diplomatico (cfr. pagina 8) la povert spirituale dei nostri giorni, che riguarda gravemente anche i Paesi considerati pi ricchi. quanto il mio predecessore, il caro e venerato Benedetto XVI, chiama la dittatura del relativismo, che lascia ognuno come misura di se stesso e mette in pericolo la convivenza tra gli uomini. Non finiranno di certo qui le sorprese di questo papa argentino. Sono certo che la meraviglia e lo stupore dei primi giorni proseguiranno a lungo. Anzi, sar tutta una sorpresa, nel segno del duo Benedetto-Francesco (il secondo c perch il primo ha rinunciato, bene non dimenticarlo), due grandi riformatori della Chiesa del medioevo e due papi immortalati in una foto che gi storia. (787)

Papa Bergoglio, una sorpresa dopo laltra nel segno del duo Benedetto-Francesco

Non siate mai tristi

PAPA FRANCESCO ALLA BENEDIZIONE DELLE PALME, DOMENICA 24 MARZO (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Per favore, non lasciatevi rubare la speranza, non lasciatevi rubare la speranza, quella che vi d Ges. Questa una delle frasi pronunciate da papa Francesco in piazza san Pietro, durante la messa della domenica delle Palme. Lennesima esortazione a effetto che il nuovo Pontefice ha saputo esprimere col suo semplice tratto umano che buca il video e raggiunge i cuori di chi lo ascolta. Quel per favore stupendo. Non sappiamo se sia un intercalare per prendere tempo e cercare la giuste parole di una lingua italiana che papa Bergoglio non padroneggia alla perfezione, oppure un atteggiamento delluomo venuto dalla fine del mondo. Io propendo per questa seconda ipotesi. Sono convinto che il Papa usi questo per favore come se volesse dire fermatevi un attimo, aspettate un momento, ho qualcosa di importante da dirvi, non potete scappare proprio ora, statemi a sentire: ho una novit che vi cambier la vita: Non lasciatevi rubare la speranza. Non una questione di poco conto. Sembra facile da dire, invece in quelle poche parole c un mondo nuovo, un nuovo modo di intendere lesistenza umana. Non siate mai uomini e donne tristi, ha aggiunto il vescovo di Roma, come piace al nuovo Papa definirsi. Mai tristi, mai musoni, mai incupiti. Il Figlio di Dio si fatto uomo e ha dato la sua vita per noi. Come si fa a essere tristi davanti a questa realt?

Non ha fatto sconti, papa Bergoglio, nonostante le etichette che gli vengono cucite addosso. Accanto ai temi del Creato, della tenerezza, della misericordia che gli hanno creato simpatie a ogni latitudine, ha aggiunto la Croce, la Verit, la povert. Lui

12

Gioved 28 marzo 2013

Cesena

Il sistema di videosorveglianza ha un costo di gestione pari a 60mila euro lanno


opo mesi di sperimentazione, e anni di polemiche sul progetto, per le telecamere di Icarus arrivato il momento di fare sul serio. Il sistema automatico di controllo degli accessi alle Zone a traffico limitato (Ztl) pienamente operativo dalla mezzanotte di luned scorso, pronto a spedire multe a casa dei trasgressori. La campagna informativa del Comune di Cesena, ad ogni modo, sembra aver dato i suoi frutti. Il 14 gennaio, data dinizio della sperimentazione, due veicoli su tre filmati dalle telecamere di Icarus entravano nelle Ztl senza averne titolo, una media di 2200 trasgressori al giorno su 3300 accessi giornalieri. Luned scorso, dopo 70 giorni di rodaggio, i transiti sospetti si sono ridotti a poco pi di un terzo del totale: 1311 veicoli su 3825. Il dato sui sospetti non deve, comunque, far pensare automaticamente a delle multe. Vero che chi doveva essere inserito in lista per non essere multato in modo improprio, come gli invalidi o le forze dellordine, ormai stato inserito. Restano comunque alcune categorie che hanno 48 ore di tempo, dopo ogni passaggio sotto le telecamere, per regolarizzare il proprio status. Si tratta, ad esempio, degli invalidi residenti in altre citt, chi consegna merci o cibo deperibile ai negozi (negli orari consentiti) senza essersi preregistrato, o chi accede per urgenze a una

Icarus, orasifa sulserio

In primo piano, locchio di una telecamera di Icarus

Luned scorso, dopo 70 giorni di rodaggio, i transiti sospetti si sono ridotti a poco pi di un terzo del totale: 1311 veicoli su 3825

farmacia di turno allinterno del centro storico. Passate 48 ore dal transito, la Polizia municipale procede al controllo dei dati registrati (corrispondenza fra fotografia delle telecamere e dato letto dal sistema elettronico, eventuali documentazioni temporanee o targhe speciali). Al termine di questa operazione lagente incaricato accerta la violazione, predispone il verbale e, dopo un collegamento con la Motorizzazione per individuare il

proprietario del mezzo, fa stampare la contravvenzione allazienda incaricata. Un insieme di passaggi che rende probabile la consegna delle prime multe ai trasgressori verso la met del mese di aprile. A quel punto, c da giurare che tanti automobilisti riottosi si metteranno in regola, smettendo di passare con lauto allinterno di Ztl che, telecamere o non telecamere, sono comunque in vigore da decenni. Solo il mese prossimo, dunque, si sapr quanto incasser il Comune da Icarus, i cui costi sono stimati in 60mila euro lanno (bisogna tener conto per che le riprese delle telecamere, collegate le forze dellordine, servono anche ai fini della sicurezza). Nella fase sperimentale appena conclusa, se tutti i veicoli sospetti fossero stati multati il Comune di Cesena avrebbe incassato pi di 10 milioni di euro, ripagando dunque ampiamente i costi desercizio di Icarus e dando ossigeno alle casse comunali strette dal patto di stabilit. Tra gli otto varchi sorvegliati dal sistema elettronico, quello pi trafficato si conferma via Cesare Battisti (allaltezza di via Martiri della libert), con 1341 transiti totali di cui il 36 per cento irregolare. Quello a pi alto tasso di trasgressione, invece, allincrocio tra piazza della Libert e corso Garibaldi: 187 sospetti (43 per cento) su 440 transiti. MiB

LAUREA

Convegno | Europa e terza et

Banca di Cesena
La Banca di Cesena alla Sagra della pagnotta. Come ormai consuetudine nelle domeniche che precedono le festivit pasquali, anche questanno nelle giornate del 17 e 24 marzo, la cittadina di Sarsina stata allietata da stand gastronomici e assaggi gratuiti della tradizionale pagnotta pasquale. Banca di Cesena ha partecipato alledizione 2013 della sagra e, in occasione dei due appuntamenti, allinsegna della reciproca conoscenza, della gastronomia e tradizione locale e in collaborazione con il forno "La corte di Raffaello" di Rossi Raffaello, ha offerto e distribuito buoni omaggio per la degustazione della pagnotta. "Banca di Cesena - si legge in una nota inviata dalla banca - rappresenta da sempre un istituto che esprime un forte coinvolgimento nello sviluppo culturale del territorio di appartenenza, anche in termini di salvaguardia delle radici del patrimonio culturale-gastronomico, permettendo di scoprire o riscoprire le gustose tradizioni locali come avvenuto a Sarsina nellantica usanza della pagnotta".

Il marito Cristian, la mamma Carmen e il babbo Fabio si congratulano con CHIARA CORTINI per la laurea in Scienze della formazione primaria conseguita il 22 marzo allUniversit di Bologna, discutendo la tesi Metodi e strumenti per lapprendimento attivo della storia

Massimo Fossati il primo segretario generale della Cisl Romagna. stato eletto la scorsa settimana, con 126 voti su 130 presenti dei componenti del nuovo Consiglio generale scaturito dal Congresso unitario delle tre province romagnole che si svolto alla Fiera di Cesena. Nella foto la nuova segreteria della Cisl Romagna, da sinistra: VanisTreossi, Filippo Pieri, il nuovo segretario della Cisl Romagna Massimo Fossati, Antonio Cinosi, Antonietta Aloisi, Daniele Saporetti. (Bab)

Cesena

Gioved 28 marzo 2013

13

Le lamentele inascoltate di un gruppo di cittadini


prospicenti. "C come una sorta di cunicolo, un tunnel formato dalla Secante e dalle nostre case. E, nel mezzo, c la ferrovia con il passaggio dei treni. E una sorta di cassa di risonanza che rende la vita insostenibile, soprattutto in certi periodi dellanno. In inverno, a finestre chiuse, si sopporta, ma con larrivo della bella stagione le cose diventano difficili". Nei prossimi mesi sulla linea Adriatica potrebbero passare i treni Frecciarossa. "Ho letto sul Corriere Cesenate (di gioved 7 marzo, ndr) che potrebbero transitare i treni super-veloci. E vero che non avranno le velocit di punta di altre zone, per un po di preoccupazione non manca. Per questo sollecitiamo una soluzione". Il rischio che ci sia un rimpallo di responsabilit. Nel 2006 il Comune "evidenziava la necessit da parte di Ferrovie dello Stato di intervenire tramite barriere antirumore". "Sarebbe auspicabile - precisa Ceccarelli - la messa in opera di protezioni trasparenti, cos da non creare un muro davanti alle nostre finestre e che, allo stesso tempo, ci proteggessero dal rumore". Sono passati 12 anni dalle prime segnalazioni, e oltre tre da quando i cittadini hanno fatto lultima segnalazione al sindaco Paolo Lucchi e allassessore Lia Montalti. "Vorremmo almeno un cenno di interessamento" conclude sconsolato Ceccarelli.

Rotary
In aiuto delle mura del Monte
Al Rotary club Cesena si parlato dellAbbazia del Monte. "Il restauro del 2010 voluto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena che da sempre guarda allAbbazia benedettina di Santa Maria del Monte come ad uno dei pi cari, conosciuti e meritevoli luoghi urbani, dedicandovi attenzione e risorse

Fra treni e Secante la vita un caos di rumore


al 2001 a oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta ai nostri problemi". Pierino Ceccarelli il portavoce di un gruppo di residenti di via Del Mare, a Cesena, nella zona del viadotto de Le Terrazze e del sottopasso di Santo Stefano. Le loro case sono a ridosso della ferrovia e ci provoca diversi disagi acustici causati dal rumore del passaggio del treno, ma non questo il nodo. "La ferrovia esiste prima delle

"D

nostre abitazioni - spiega Ceccarelli - e sapevamo che dovevamo convivere con il rumore. Ma i guai sorti dal 2001 e nessuno ancora ha fatto nulla per mitigarne gli effetti". In quel periodo stata costruita la Secante con la relativa barriera. Si tratta di un muro alto 11 metri che stato affiancato alla linea ferroviaria. Prima il rumore dei treni si disperdeva verso la campagna, mentre da quando c la Secante il frastuono rimbalza e fa tremare i vetri delle case

Salute
Corsi per smettere di fumare
Dire addio alla sigaretta per liberarsi di una dipendenza dannosa per la propria salute e per quella di chi sta vicino. Ripartono i corsi per smettere di fumare promossi dal Sert dellAzienda Usl di Cesena, in collaborazione con il Dipartimento di Sanit Pubblica, lo Ior (Istituto Oncologico Romagnolo) e la Societ Italiana di Medicina Generale di Cesena. E gi possibile iscriversi per il primo corso che inizier luned 5 aprile nella sede dello Ior di Cesena (in via Uberti 14/C). Ogni corso, tenuto da un professionista psicologo, dura un mese, per un totale di 8 incontri bisettimanali di unora e mezzo, con la previsione di ulteriori 3 incontri di verica e rinforzo a distanza di 10, 15 e 30 giorni dal termine del corso. Per ulteriori informazioni 0547 352162; 0541 801841.

Bulgaria | Comunit in festa

Domenica 17 marzo la comunit di Bulgaria si riunita per celebrare la Festa degli Sposi. Alle 11 durante la messa solenne, celebrata dal parroco don Enzo Vitali, con la presenza dei diaconi Umberto e Carlo, ed erano presenti 14 coppie che celebravano particolari anniversari. (foto Mario - Gambettola). Dopo la funzione, la festa proseguita presso il ristorante "Borgonovo" di Longiano.

- ha ricordato Franco Faranda, storico dellarte coordinatore del Ministero dei Beni Culturali - ha coinvolto la cupola con gli affreschi mariani di Giuseppe Milani, gli spazi sottostanti (tamburo, vele, pilastri) e il complesso delle facciate conventuali". Da quel restauro, diretto proprio da Franco Faranda, nato un libro La cupola dellAbbazia di Santa Maria del Monte a Cesena edito dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena (testo reperibile gratuitamente, in formato elettronico, al link http://www.noteartistiche.it/lacupola-del-monte.html). Un trattato minuzioso e prezioso che entra nei particolari del restauro e della storia degli affreschi della cupola dellAbbazia del Monte in Cesena. Per ricordare a tutti quanto sia importante preservare lAbbazia del Monte, oggi essa deve affrontare un altro grave pericolo, ovvero il rovinoso crollo delle sue cinta murarie, la scorsa settimana il Rotary Club Cesena, presieduto da Sara Santoro Bianchi, ha invitato come relatore Faranda ad illustrare, direttamente sul luogo del restauro, il magnico risultato ottenuto con la cupola della Basilica del Monte. La serata poi proseguita nelle cantine dellAbbazia, con la cena preparata dalla Societ Amici del Monte e dove il ricavato delle quote di partecipazione degli oltre 100 rotariani presenti stata devoluta per i lavori di restauro delle mura di cinta del monastero beneddettino. Il Rotary Club Cesena ha consegnato, nella stessa serata allabate primate dei benedettini Notker Wolf, anche un assegno di 5.000 euro sempre per il restauro delle mura. Maurizio Cappellini

VIAGGI DI GRUPPO FIRMATI ROBINTUR Splendidi tours esclusivi


Con accompagnatore dallItalia, ecco i prossimi

NOVIT PRIMAVERA ESTATE I viaggi firmati in pullman da Cesena


da giugno a settembre, viaggi da 5 a 11 giorni (programmi in agenzia)
TOUR TOUR TOUR TOUR TOUR SPAGNA E VALENCIA: Costa De Azahar, cultura e relax GERMANIA: Lungo lElba, Dresda e Amburgo POLONIA E LAGHI MASURI: Riserva del Bisonte Europeo DELLA VALLONIA: citt darte, birra, cioccolato... FRANCIA: Loira, vigneti e castelli; Borgogna: arte e gastronomia

TOUR DELLUZBEKISTAN: il paese di Tamerlano, dal 7 giugno (8 giorni) da 1.655 euro TOUR DELLISLANDA: terra di ghiaccio e di fuoco, dall8 luglio (8 giorni) Trasferimento in bus da Cesena per Milano. Ultimi posti! da 2.575 euro TOUR LE PERLE DEL BALTICO: San Pietroburgo, Helsinky e Paesi Baltici 11 giorni dal 12 agosto, volo da Bologna da 2.680 euro

VIAGGI DA 5 A 11 GIORNI, CON ACCOMPAGN. E VISITE, A PARTIRE DA 810 EURO


PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA CON LA PARROCCHIA DI SAN DOMENICO (CESENA) da Nazareth, a Betlemme, a Gerusalemme... 8 giorni dal 29 agosto al 5 settembre 2013. Le prenotazioni sono gi aperte! Il programma disponibile in agenzia e in parrocchia da 1.210 euro

ECCO GLI ALTRI TOUR 2013:


TOUR DELLA TURCHIA TOUR DEL SUD AFRICA - TOUR DELLANDALUSIA

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI, TOURS E CROCIERE PRIMAVERA-ESTATE 2013

VIAGGI VENERI

14

Gioved 28 marzo 2013

Cesena
SantEgidio
A pochi giorni dalla conclusione dellintensa settimana di animazione missionaria - 28 missionari, tra cui una suora, tre sacerdoti, sette seminaristi e una famiglia, tutti della Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue, con entusiasmo e passione hanno dato vita a ricche giornate e incontri in parrocchia, nelle scuole, nelle case, per strada, in ogni centro di aggregazione del quartiere e fra i bambini del reparto di pediatria dellospedale "Bufalini" - la comunit di SantEgidio entra nel vivo delle celebrazioni promosse per festeggiare i sessantanni di costituzione della parrocchia (1953-2013). Luned 1 aprile, luned dellAngelo, giorno di anniversario dellerezione della parrocchia, il vescovo Douglas Regattieri presieder la messa delle 10. Nelloccasione saranno presentati quattro candidati al diaconato permanente, tutti della comunit parrocchiale di SantEgidio: Corrado Amato, Valder Gimelli, Moreno Orlandi e William Tafani. Alle 18, concerto per soli, coro e orchestra Krnungs-Messe di Mozart (Messa dellIncoronazione Kv 317); saranno presenti il coro "Accademia Musicaesena", il coro polifonico "Ludus Vocalis", il coro "Quadriclavio" e lorchestra Arcangelo Corelli (Emanuela Brunga, soprano; Laura Palma, mezzosoprano; Andrea Bianchi, tenore; Alberto Bianchi, basso).Diriger Silvia Biasini; ingresso a offerta libera. Venerd 5 aprile alle 20,30 il cardinale Angelo Comastri, arciprete della basilica di San Pietro in Vaticano, presieder la solenne concelebrazione nel giorno dellanniversario dellinizio pastorale di SantEgidio. A seguire, rinfresco nei locali della parrocchia.

Apre il 30 marzo. A Cesena il primo di questo genere


panorama dei prodotti per la colazione: il negozio vuole essere un punto di riferimento per chi celiaco oppure gli stata paventata unintolleranza al glutine. Il negozio molto apprezzato dai genitori che vanno a fare la spesa insieme al proprio figlio celiaco. Per i bambini pu essere poco simpatico comprare gli alimenti in farmacia, subendo cos una sensazione di essere ammalati. Un negozio invece d un messaggio positivo, di normalit, cos come la possibilit di scegliere fra tanti prodotti proprio come i coetanei al supermercato. "Le statistiche parlano di circa 500mila persone affette da celiachia - aggiunge il titolare - e anche nel cesenate non mancano le persone intolleranti al glutine. Ricordo che il glutine una proteina contenuta in molti cereali che provoca disturbi, talvolta anche gravi, nelle persone che non riescono a digerirla. La sensibilit pu essere tale che le famiglie con una persona celiaca devono tenere due linee diverse nella preparazione degli alimenti. Ad esempio, la pasta senza glutine non va cotta l dove si prepara quella tradizionale". Una novit sta anche nellampio reparto "fai da te": qui si possono trovare farine speciali per preparare la pasta, i dolci, la pizza. Cristiano Riciputi

Un negozio specializzato in prodotti per celiaci


l primo negozio di Cesena specializzato in prodotti per i celiaci. Sar inaugurato sabato 30 marzo alle 16 in via Madonna dello Schioppo, zona Vigne. Lo gestisce Raffaele Belli il quale, insieme al socio Gilberto Bisacchi, gi due anni fa aveva fondato lattivit "Romagna Senza Glutine" a Cesenatico. "Si tratta del primo negozio specializzato di Cesena - esordisce

Belli - dedicato a tutti i prodotti alimentari senza glutine. Al momento ci sono farmacie e alcuni supermercati che hanno degli alimenti, ma non una gamma completa. Noi cerchiamo di offrire tutto quello che il mercato mette a disposizione, dalle marche pi rinomate fino a quelle artigianali, passando per i prodotti di nicchia". Dalla pasta ai dolci, dai surgelati alla birra, dalla piadina al variegato

RINGRAZIAMENTO

Confartigianato sulleconomia

Pisignano (Cervia) | La vecchia guardia

"Imprese locali tartassate da tasse e balzelli"


La famiglia Zandoli, commossa per la grande partecipazione al funerale del carissimo
Confartigianato si scaglia contro le nuove tasse. "Il nuovo registro telematico - si legge in una nota dellassociazione - a cui debbono iscriversi gli artigiani installatori (con oneri pesanti), il balzello per le imprese che partecipano agli appalti pubblici, il patentino di frigorista, gli aggravi formativi a carico delle imprese artigiane alimentari, denunciati da Confartigianato nei giorni scorsi sono solo gli ultimi esempi della proliferazione di provvedimenti amministrativi e burocratici di ogni tipo che producono costi aggiunti a quelli gi alti delle varie forme di tassazione canonica. Alla politica e alle istituzioni, a tutti i livelli, dal nuovo Governo che (se) nascer alle amministrazioni comunali locali Confartigianato rivolge un nuovo appello, a anco degli imprenditori dal fondo di questa voragine che si allunga ogni giorno di pi: vanno create condizioni se non per avvantaggiare le imprese, almeno per non danneggiarle".

PAOLO
ringrazia tutti coloro che hanno dimostrato tanta vicinanza e immenso affetto

Vam (Vigilanza aeronautica militare) alla base di Pisignano dopo 35 anni dal congedo. Facebook come strumento per ritrovarsi? E ormai certo. Ci sono riusciti gli ex avieri dell84 corsoVam di Cervia che hanno prestato servizio nel lontano 1978 presso lallora 8 stormo dellaeroporto militare di Pisignano. E stato grazie al loro maresciallo Santoro che il 17 marzo scorso sono stati ricevuti dal comandante della base Colonnello FrancoTrozzi e hanno potuto rivedere i luoghi familiari della loro giovent, 35 anni dopo il congedo.

Cud per via telematica Pensionati disorientati


LInps non spedisce pi a casa i Cud e ogni anziano dovrebbe scaricarselo da internet.Telefonando ai numeri 800.43.43.20 o 803164 si pu riceve direttamente via posta
Con lavvicinarsi delle dichiarazioni dei redditi, lInps ha ufficializzato la nuova procedura di rilascio dei Cud. Da questanno il Certificato unico dipendente che viene rilasciato dallInps ai pensionati come riepilogo di tutti i redditi corrisposti dallente pensionistico nellarco dellanno solare non verr pi recapitato nella cassetta postale. La nuova modalit telematica: per ottenere il certificato sar necessario collegarsi al sito dellInps e, dopo aver effettuato laccesso con il codice identificativo e seguito un percorso poco intuitivo, procedere al recupero e alla stampa del documento. Ai cittadini in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata conosciuto dallIstituto,

invece, il Cud verr recapitato alla corrispondente casella Pec. Nel tentativo di porre rimedio ad una situazione insostenibile per decine di migliaia di anziani, lInps ha previsto canali alternativi per ottenere il rilascio del Cud in formato cartaceo: telefonare al numero verde 803164, recarsi presso una delle agenzie territoriali dellIstituto, fare visita ai Centri di assistenza fiscale o agli uffici postali appartenenti alla rete Sportello Amico per ottenere la stampa a pagamento. Come riferisce il sindacato pensionati Fnp Cisl di Cesena, lInps, al fine di venire incontro alle esigenze di tutti coloro che non sono in possesso delle competenze e risorse necessarie allutilizzo del canale telematico, informa di avere attivato il numero 800.43.43.20 dedicato alla richiesta di spedizione del Cud al proprio domicilio. Il numero gratuito per le chiamate da rete fissa e non abilitato alle chiamate da cellulare per le quali, invece, a

disposizione il numero 06164164, a pagamento in base al proprio piano tariffario. Il servizio attivo 24 ore su 24 in modalit completamente automatica ed supportato da operatori del conctact-center, dal luned al venerd dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14. In taluni casi sono stati registrati code agli sportelli, sistemi informatici in tilt e servizi telefonici automatizzati che non rispondono alle indicazioni vocali. Per i pensionati italiani, gi sottoposti ad una pressione fiscale a livelli di guardia, non c riposo nemmeno sul fronte previdenziale. Da parte sua lInps giustifica lintroduzione della modalit telematica come adeguamento alla Legge di stabilit varata sul finire del 2012, che invita gli enti previdenziali a non inviare pi il Cud ai pensionati in formato cartaceo. Il tutto in nome della revisione della spesa pubblica e del riassesto del bilancio statale.

Cesenatico

Gioved 28 marzo 2013

15

Dallo sport alla cultura, ecco cosa fare a Cesenatico


Svizzera, Francia e Svezia, per un totale di oltre mille fra atleti, allenatori e accompagnatori. Dal 30 marzo al 2 aprile Eurocamp organizza il 15 torneo di basket "Pasqua allEurocamp 2013" riservato alle categorie Under 19/17/15 maschile e Under 17/15/13 femminile, con la partecipazione di circa 100 squadre provenienti da tutta Europa. Ma Cesenatico a Pasqua non offre solo eventi sportivi: presso la Galleria darte comunale "Leonardo Da Vinci" fino al 2 aprile sar possibile visitare la mostra "I sassi che miagolano e altre meraviglie - Pietre dipinte da Ernestina Gallina", col contributo di Banca Romagna Cooperativa. Orari di apertura: feriali dalle 15 alle 19, festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, ingresso libero. Dal 30 marzo al 21 aprile, il Museo della Marineria ospiter la mostra di installazioni di Roberto Nottoli "Wrecks" aperta al pubblico sabato, domenica e festivi, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. La domenica e i festivi, fino al 21 aprile, lungo il Porto Canale torna il caratteristico Mercatino delle Vele, con proposte regalo, oggettistica varia e prodotti alimentari. Da visitare inoltre il Museo della Marineria e lAntiquarium, aperti sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 - ingresso intero 2 euro, ridotto 1 euro e Casa Moretti, aperta sabato, domenica e festivi dalle 15.30 alle 18.30 con ingresso libero.

Commercio
Il sindaco di Cesenatico Roberto Buda continua nella sua iniziativa "Il Sindaco con te" che lo vede tutti i venerd mattina a incontrare i cittadini, imprenditori, commercianti e ogni categoria professionale, oltre agli appuntamenti giornalieri dufficio. La scorsa settimana Buda si recato a Villalta presso la tabaccheria

Giorni di Pasqua con iniziative e proposte


ltre alle regate internazionali "Vele di Pasqua", sono tanti gli eventi sportivi e culturali organizzati in questo periodo a Cesenatico. Dal 29 marzo al 1 di aprile si rinnova lappuntamento con il Beach Volley Meeting a cura della Beach Volley University: teatro dellevento sar lArena Beach di Piazza Costa dove alcuni dei migliori beachers italiani saranno i protagonisti di lezioni e di camp di

perfezionamento maschili e femminili. Presso gli impianti sportivi comunali dal 29 al 31 marzo avr luogo il XVI Trofeo Cesenatico, torneo internazionale di calcio giovanile organizzato da Asd Bakia in collaborazione con Gesturist Cesenatico, riservato alle categorie pulcini, esordienti, giovanissimi, allievi e juniores, con la partecipazione di 50 squadre, provenienti da Italia, Germania,

"Villaltabacchi" di Pierluigi Disopo e Letizia DAmato. Il titolare ha fatto presente a Buda delle problematiche attraversate in questo periodo di crisi, ma allo stesso tempo gli ha illustrato il punto di forza del suo esercizio commerciale, vale a dire il "Puntoservizi" con il quale si possono effettuare i pagamenti dei bollettini, del bollo, dellImu, del canone Rai, di Equitalia in tutta semplicit. Questo servizio permette ai cittadini di non perdere tempo e poter pagare in fretta le proprie bollette.

Sala | Torneo di maraffone

Sala | Una Via Crucis coinvolgente

Nei giorni scorsi si tenuto un torneo di marafone organizzato dalla Bcc di Sala. Decine di coppie si sono sfidate presso il Circolo Acli di Sala. Ecco lelenco delle coppie vincitrici: 1 coppia classificata: Renzo Zamagni e Giovanni Moretti Giovanni (nella foto con il presidente PatrizioVincenzi); 2:Valentino Golinucci e Giuseppe Grassi; 3: Carlo Braghittoni e Romeo Bassi. I premi sono stati offerti dalla Bcc, mentre le quote di iscrizione sono state devolute a favore della locale scuola materna parrocchiale "Almerici Fabbri".

A Sala, nata da una proposta del parroco don Luca Baiardi ai catechisti, dopo mesi di lavoro per la realizzazione del materiale necessario la scorsa settimana si svolta per le vie del paese la rappresentazione dellaVia Crucis, in preparazione alla settimana Santa. Nove le stazioni rappresentate, con il coinvolgimento di tutte le classi di catechismo, dai bambini delle elementari fino agli adulti.Tante le persone che hanno partecipato a questo importante momento di preghiera e di spiritualit.

16

Gioved 28 marzo 2013

Valle del Rubicone

Longiano, antico documento in mostra al museo darte sacra


Risale al XVIII secolo e ha ancora i sigilli E stato acquistato su E-bay
Un raro documento in mostra da qualche giorno al Museo darte sacra di Longiano. Si tratta di una pergamena miniata (44 x 47 centimetri), datata "Avignone, 1 settembre 1770". Al margine inferiore presenta due sigilli (uno in piombo e uno in ceralacca) di

papa Clemente XIV legati con un lo. Il documento presenta lo stemma e la rma autografa di monsignor Francesco Maria Manzi (1694-1774), nativo di Longiano e pro legato papale ad Avignone (Francia). Il testo, un po sbiadito ma leggibile, riporta la nomina di tale Lorenzo Giorgi di Santa Soa a Cavaliere dellordine dello Speron doro, titolo conferito a coloro che si prodigavano con atti illustri a diffondere il messaggio della Chiesa. "Il documento stato acquistato

mediante unagguerrita asta on-line commenta Giorgio Buda, responsabile del museo -. La singolarit della pergamena il fatto di essere legata a papa Clemente XIV, al secolo Gian Vincenzo Antonio Ganganelli. Papa Ganganelli, originario di Santarcangelo di Romagna". La pergamena e gli altri cimeli conservati nel Museo darte sacra sono visitabili ogni sabato, domenica e festivi, dalle 14,30 alle 18. Matteo Venturi

Montiano
La casa dellacqua
"Un sogno che si realizza. Montiano ha la sua Casa dellacqua". grande la soddisfazione che si legge nelle parole del sindaco Fabio Molari per il distributore pubblico di acqua installato in piazza degli Eroi, vicino alle scuole. Linaugurazione della struttura avvenuta venerd 22 marzo, giornata mondiale dellacqua, alla presenza delle autorit locali e dei bambini accompagnati dai loro insegnanti. Lopera, a "costo zero" per il Comune, stata realizzata con i contributi di Hera e Adriatica Acque, Romagna Acque-Societ delle Fonti e Unica Reti. Il distributore fornir acqua fresca gratuita o frizzante a 5 centesimi il litro. I cittadini potranno riempire self-service le proprie bottiglie. " la prima Casa dellacqua in collina ed anche la pi bella della Romagna", ha sottolineato il sindaco Molari. Il fabbricato abbellito dalle fotograe di scorci del paesaggio di Montiano. Sul retro presenta limmagine della "Fontanazza" di Montenovo e su un lato c san Francesco con la lode "per soraqua" dal Cantico delle creature. "La realizzazione della Casa dellacqua - ha aggiunto il sindaco - mira a incentivare il consumo di acqua pubblica, che buona e controllata. Permette un notevole risparmio alle famiglie e una riduzione della produzione dei riuti". Mv

Prevista anche una rassegna corale al teatro comunale

Gambettola
Le sfilate si svolgono il luned di Pasqua e domenica 7 aprile Sono sette i carri che faranno mostra di s pi i mascheroni di Viareggio Per tutta la settimana appuntamenti a misura di famiglia

Foto Mario Gambettola

Tutto pronto per i Corsi mascherati


ncora pochi febbrili ritocchi ai grandi carri allegorici nel capannone comunale di via Marconi e tutto sar pronto a Gambettola per i Corsi Mascherati di Primavera, in programma Luned di Pasqua primo aprile e la domenica successiva 7 aprile dalle 15,30. "Sar unedizione sempre pi rivolta ai bambini e alle famiglie - precisa Davide Ricci presidente di Gambettola Eventi organizzatrice della manifestazione -. Nonostante i lavori di riqualificazione lungo corso Mazzini faranno ridurre il percorso, abbiamo cercato di allestire un programma con sette carri in sfilata". I quattro carri in concorso sono "Lego star wars" de I Santangio-Lesi, "I vichinghi- i draghi del nord" febbrili trattative condotte tra Luca dellA.s.d. Bar Malatesta, "La pi bella Ronconi consigliere di Gambettola del mondo-secondo Roberto Benigni" Eventi ed Alessandro Sartini del gruppo Amici della Scuola e "Step presidente della Fondazione Up 4" de I giovani tonici. Quello Carnevale di Viareggio. organizzato da Gambettola Eventi Ci saranno due bande musicali, il ospiter, il primo aprile, Bimbobell. corpo bandistico Citt di Gambettola Gli altri due carri saranno uno e la banda di Civitella, gruppi proveniente da Cotignola (Grease) e folcloristici provenienti da tutta Italia, uno del gruppo "Amici dellallegria" truccabimbi, artisti di strada, di Faenza. mangiafuoco clown per offrire ai A questi, e da poco ufficiale la partecipanti pomeriggi di sano notizia, si aggiungeranno due gruppi divertimento". con gigantesche maschere di Fra le due sfilate si rinnova cartapesta provenienti da Viareggio: lappuntamento con la Settimana "La trib del carnevale" realizzate da Gambettolese, che ospiter spettacoli Gionata Francesconi e Giacomo e intrattenimenti nel Teatro Comunale Marsili e "Cera una volta" di Michele e presso lex-Macello di via Roma. Canova, ottenute dopo due mesi di

Gatteo

Concorso fotografico
Al via la 17 edizione del concorso fotograco "Il Gatto". Dal 18 al 21 luglio a Gatteo a Mare si festeggia la "Settimana della Micizia" che comprende un concorso fotograco Le opere devono essere entro il 7 agosto 2013 a "Ufficio turistico comunale di Gatteo, Piazza della Libert, 10 - 47043 Gatteo a Mare (FC). La partecipazione aperta a tutti, le foto, a colori o in bianco e nero, devono essere di formato 20x30 centimetri. (Cf)

Di particolare interesse saranno gli appuntamenti organizzati nella Biblioteca Comunale in corso Mazzini, nei pomeriggi di marted 2, mercoled 3, gioved 4 e venerd 5 aprile dalle 16 con "Piccoli lettori del Bosco" ciclo di letture ad alta voce per bambini, inserito nel progetto nazionale "Nati per leggere" e sostenuto dallAmministrazione di Gambettola in collaborazione con la scuola locale. Sabato 6 aprile nellArena Fellini in corso Mazzini 73 alle 16 "Garibaldi fu ferito con Sganapino apprendista patriota" con Sergio Diotti e Stefano Giunchi. Nel teatro comunale di piazza II Risorgimento alle 17, "IV edizione Rassegna Corale" a cui parteciperanno il Coro Polifonico Voci Bianche Citt di Gambettola, il coro Voci Bianche San Marco di Calabrina e Le Piccole Voci Durantine di Urbania di Pesaro. Invariato il prezzo dingresso alle sfilate: 7 euro gli adulti, gratis i bambini fino agli 11 anni che riceveranno anche numerosi omaggi. Piero Spinosi

Zona Rubicone-Rigossa | Corso fidanzati

Rotary Rubicone | Consegnato il pulmino

Luned 18 marzo, con una veglia di preghiera ed un momento conviviale, si concluso il corso di preparazione al matrimonio della zona pastorale Rubicone-Rigossa. Il corso, al quale hanno partecipato 16 coppie di fidanzati, si articolato in nove incontri durante i quali si sono affrontati argomenti di fede, ma anche di tipo relazionale. I partecipanti hanno dimostrato interesse e gradimento e hanno detto di aver conosciuto temi che ritengono utili per la futura vita di coppia.

Oltre cento partecipanti, la consegna di un pulmino per una cooperativa sociale e la testimonianza di un priore benedettino, padre Natale Brescianini. Sono stati questi gli ingredienti della conviviale del Rotary clubValle del Rubicone, tenutasi la scorsa settimana alle antiche Macine di Montalbano (Santarcangelo).ValerioTomaselli, responsabile della coop Gli Amici di Gigi, ha ritirato le chiavi del pulmino, consegnategli, a nome del club, dal presidente del Rotary Giancarlo Biondini.

Valle del Savio

Gioved 28 marzo 2013

17

Sarsina, lipotesi di un consigliere

Festa
Romagnano e lapparizione
In arrivo la festa pi importante per la comunit di Romagnano, alle porte di Sarsina che ricorda la prodigiosa apparizione della Madonna alla pastorella Agata. Era la mattina di gioved 8 aprile 1563. Questanno un anniversario importante, in quanto sono passati 450 anni da quel lieto evento e ancora ne vivo il ricordo e la gente ricorre con fede al Santuario, eretto dopo il miracolo che fu il fatto religioso pi prodigioso in tutta la valle del Savio. Si legge nella visita pastorale di monsignor Brauzzi, del 1607, che "la festa l8 di aprile, giorno dellApparizione, ma vi accorre molta gente anche al luned e al marted di Pasqua". Oggi invece la gente vi accorre pi numerosi il Luned di Pasqua, che diventato il giorno della festa per eccellenza. Luned 1 aprile saranno

Un lago nel lago per rilanciare Quarto


ealizzare una sorta di lago nel lago, cos da creare una fonte di richiamo turistico. E lipotesi formulata dal consigliere comunale Mirco Gradassi per cercare di ridare smalto e "appeal" alla localit e al bacino di Quarto. Nel 2006 stato realizzato un primo intervento per il risanamento del lago. "Con questo primo stralcio - scrive Gradassi - erano stati asportati 2.000 metri cubi di limo, che sono serviti per realizzare un argine allinterno dellalveo". Questo argine delimita unarea di circa 15.000 metri quadri di superficie destinata ad accogliere il limo del lago con i successivi lavori di risanamento. A distanza di sei anni questo "cratere" predisposto per contenere 50.000 metri cubi di melma rimasto vuoto. Gli abitanti di Quarto, dopo le tante parole e le tante promesse, dubitano fortemente che quellarea venga riempita di terra. Ecco allora la "provocazione" del consigliere. "Perch - chiede Gradassi anzich riempire quellarea con della

Si dovrebbe sfruttare lo scavo effettuato anni fa e che non mai stato riempito di terra e limo
terra sacrificando una parte del lago, non la si riempie dacqua? Cos facendo si creerebbe "un lago nel lago", cio un bacino protetto grazie a quellargine artificiale gi esistente, dove il ricambio dellacqua potr avvenire per captazione, come avviene per questa tipologia di laghi artificiali. In questo modo, tra laltro, questa parte di lago non sarebbe soggetta alle fiumane e quindi al conseguente interramento". C da tenere presente che il lago di Quarto interessato da un velocissimo processo di interramento, tanto che dopo sei anni dal primo intervento la situazione tornata molto vicina alla situazione di partenza. Il lago, secondo Gradassi, deve diventare una opportunit per creare sviluppo per la localit di Quarto. "Se si andr nella direzione di creare un altro lago - insiste il consigliere utilizzando larea di stoccaggio esistente con una spesa minima e alla portata dellente locale si potrebbe creare un piccolo gioiello sullesempio del Lago dei Pontini, per un reale e sicuro sfruttamento turistico". "Il buco che c adesso - conclude Gradassi - meglio pieno dacqua che pieno di terra. La terra, una volta prelevata dal fondo del lago, non fa altro che lasciare il posto ad altra terra trasportata dalle fiumane". Alberto Merendi

Sarsina, i partiti in cerca di candidati

Verso il voto in maggio


Ufficialmente (nel momento in cui andiamo in stampa) non c stata ancora alcuna comunicazione che fissi al 26/27 maggio, il prossimo turno di elezioni amministrative a livello nazionale, la data per il rinnovo del Consiglio Comunale e del sindaco di Sarsina, dopo la morte di Malio Bartolini. E se la comunicazione non arriva in questi giorni non ci saranno pi i tempi per votare a maggio. Ma i "movimenti" sono cominciati gi da un po. Marted 26 il Pd ha tenuto unassemblea di iscritti e simpatizzanti "per una comune riflessione sullesito delle recenti elezioni politiche." Lincontro, al quale ha partecipato il consigliere regionale Damiano Zoffoli, servito anche per avviare un confronto sulle elezioni amministrative. Nei giorni precedenti erano stati i "grillini" a riunirsi per organizzarsi in vallata. Una lista del Movimento 5 Stelle per le comunali di Sarsina sarebbe naturalmente una novit assoluta, ma scontata dopo il risultato ottenuto alle politiche. Il Movimento 5 Stelle il primo partito a Sarsina (634 voti e il 27,82 per cento alla Camera, rispetto ai 538 voti del Pdl ed ai 608 del Pd). Se per consideriamo le coalizioni il centro-destra (+Lega) sale a circa 650 voti ed il centro-sinistra a circa 672. Una situazione che vedrebbe ai nastri di partenza tre raggruppamenti praticamente equivalenti, e con i circa 210 voti "centristi", tra montiani ed Udc, che (in teoria) potrebbero anche risultare determinanti. Quanto alle candidature a sindaco, il centro-destra dovrebbe candidare il vi-

cesindaco Luigino Mengaccini, che sta tuttora svolgendo le funzioni di sindaco, anche se qualche voce sussurra di una possibile candidatura femminile. Nel centro-sinistra, venuta meno la disponibilit dellattuale capogruppo Michele Buldrini, in pole position potrebbe esserci il segretario Faggi, ma non sono escluse altre candidature. Alme

celebrate le messe alle 8 e 9,30 con possibilit di confessarsi, mentre la celebrazione solenne prevista per le 11. Dopo vari anni, la processione ritornata al pomeriggio, per permettere una pi larga partecipazione, specialmente dei "forestieri". Grande stata la partecipazione dello scorso anno. Alle 15 si prega con il Rosario, dopo il quale si terr la processione con la statua della Madonna di Romagnano cantando le litanie secondo il modo sarsinate, scritte da don Ettore Barucci nel 1943. Di fronte alla celletta di via Pieve la processione soster mentre si reciter la preghiera della Madonna di Romagnano. La conclusione sar sul sagrato con linno locale. Nel pomeriggio musica con lorchestra locale "David Pacini", stand al coperto con men locale, pesca e svaghi tradizionali. Saranno attivi giochi per adulti e bambini. Anche questanno sar allestita la mostra con le foto delle feste degli anni passati. Nel 1977, per problemi di conni con le regioni, questo Santuario mariano della Diocesi di Sarsina "passato" alla giurisdizione della diocesi di Pennabilli. Visto il degrado, chiesa e canonica sono state interamente rinnovate nel 2009. La festa del Luned di Pasqua di certo una delle pi care a tutti gli abitanti della zona, praticanti o meno, che vi partecipano a centinaia, fermandosi a sostare in chiesa per una preghiera o una grazia da domandare alla Santa Vergine. Daniele Bosi

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

18

Gioved 28 marzo 2013

Solidariet

Grande partecipazione alliniziativa che nelle scorse settimane ha coinvolto diversi istituti scolastici.Testimonianza del presidente del Banco di solidariet Alessio Bonaldo

Donacibo Gesto vero e leale


uccesso senza precedenti per la settima edizione del Donacibo. La raccolta di alimenti nelle scuole, promossa dal Banco di Solidariet in collaborazione con la San Vincenzo de Paoli e i volontari della Caritas, ha portato alla raccolta di 10 tonnellate e 235 chilogrammi di alimenti, registrando cos un notevolissimo incremento rispetto alle 6 tonnellate del 2012. Anche questanno - spiega Alessio Bonaldo, responsabile del Banco di Solidariet - la raccolta di alimenti nelle scuole ha rappresentato una grande occasione di confronto e amicizia con tutti i ragazzi: pi di quaranta volontari hanno partecipato a 370 incontri in 60 scuole, portando la proposta del Donacibo a 15mila studenti di Cesena, Cesenatico, Valle Rubicone e Valle Savio. Gli alimenti raccolti, una volta smistati, dovranno essere organizzati in pacchi personalizzati da portare alle 600 persone assistite dal Banco nel territorio A questi si aggiungono le 800 persone seguite dalla San Vincenzo cesenate e le oltre 2mila dai volontari della Caritas.

PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO IL CESENA CALCIO STATO PARTNER DI DONACIBO. I RAGAZZI DELLA CLASSE 4 E DELLISTITUTO COMANDINI DI CESENA CLASSE CAPOFILA DEL PROGETTO - HANNO INCONTRATO ALLO STADIO MANUZZI MISTER BISOLI, LUCA CECCARELLI E DAVIDE SUCCI AI QUALI HANNO SPIEGATO LO SCOPO E LIMPORTANZA DEL PROGETTO

Quintali di soddisfazione
Lo scorso anno per la prima volta hanno aderito alla proposta del Donacibo. Una scommessa per questi ragazzi che si sono messi in gioco buttandosi in un progetto mai entrato nei locali dellistituto professionale. Allora i risultati non sono stati entusiasmanti, ma loro non si sono abbattuti. Questanno ci hanno riprovato. Grazie allappoggio del dirigente hanno coinvolto tutta la scuola, compresi i compagni pi piccoli, e questanno la raccolta stata un successo. Quasi due quintali di alimenti raccolti e una soddisfazione senza precedenti. Ecco come stato il Donacibo per gli alunni della 4E dellIstituto professionale Comandini di Cesena. I ragazzi, alunni della classe capofila delliniziativa, hanno incontrato insieme ai colleghi della 4M i volontari del Banco di Solidariet e da questincontro si sono lasciati trascinare. Sostenuti da alcuni docenti hanno promosso liniziativa nelle classi mostrando ai compagni un video da loro realizzato sul Donacibo a Cesena e sulle ragioni che stanno alla base della proposta. Con passione hanno preparato gli scatoloni, controllato che durante la settimana non si perdesse di vista liniziativa e hanno coinvolto anche i docenti e tutto il personale dellistituto, portando gli scatoloni in sala docenti e negli uffici amministrativi. Con il Donacibo - spiega Lorenzo - ci siamo aperti a una realt che ci circonda. Ne abbiamo compreso le difficolt, ma anche le tante opportunit che ci sono per poter cambiare le cose. A partire da noi stessi. B.B.

Con questi alimenti il Banco ottiene un sostegno importante - continua Bonaldo - che ci permette di confezionare pacchi per diversi mesi e soprattutto per sopperire alle numerose richieste che ci giungono ogni giorno dai canali pi diversi. Proprio alla luce di questa situazione di continua emergenza, il Banco ha organizzato Famiglie solidali, una rete di solidariet composta da un centinaio di famiglie che mensilmente acquista o reperisce generi alimentari, articoli per ligiene e la casa, materiale scolastico.... I numeri - spiega il responsabile del Banco - non sono in grado, da soli, di descrivere la straordinaria esperienza che i ragazzi ci hanno permesso di fare. In questo periodo di profonda crisi economica e umana tutto sembrerebbe cospirare per il pessimismo e la sfiducia. Sembrerebbe impossibile essere protagonisti della propria vita dentro a un contesto cos difficile. I dialoghi di queste settimane hanno permesso, invece, di toccare con mano la vera speranza. Non si tratta appena di confidare in un futuro migliore, quasi come fosse un sogno che speriamo che si avveri, ma di vivere la sfida del presente con la certezza che ci sono persone, come quelle che abbiamo incontrato in questi giorni che, pur

dentro le difficolt, maturano, possono essere liete nel prendere iniziativa, riescono a essere creativi nel trovare soluzioni. E nel farlo insieme, si scoprono pi amici. Lattivit del Banco di Solidariet dura tutto lanno. Quello di Cesena fa parte dei 195 Banchi in tutta Italia, con oltre 6mila volontari e 50mila persone beneficiarie, e attualmente segue circa 600 assistiti di cui la met sono cesenati. In citt ci sono tanti poveri - spiega Michele, volontario del Banco - molti per sono nellombra. Tanti pensano che il problema riguardi solo gli stranieri, in realt sono tante le famiglie italiane a cui portiamo il pacco. Per diversi anni ho seguito una famiglia bulgara e da Natale porto il pacco a una famiglia italiana. Il pacco che contiene beni di prima necessit in tante occasioni il pretesto con cui nasce un sincero rapporto di amicizia che poi quello che pi richiedono i nostri assistiti. A volte mi stato chiesto perch non raccogliamo denaro, ma solo cibo. Sicuramente dare soldi un forte gesto di carit, ma in questo caso si delega ad altri il prendersi cura della persona che ha bisogno. La raccolta di cibo come una preghiera: si sceglie di compiere questo gesto e maggiore sono la provocazione e il coinvolgimento del proprio io. Barbara Baronio

Pi badanti che dipendenti AslI


Le donne e gli uomini che assistono i nostri anziani e i nostri malati sono 774mila, contro 646mila persone che lavorano nelle aziende sanitarie locali. Si conta sempre di pi sul welfare fai da te; gli italiani giudicano sempre pi inadeguati i servizi offerti dal Servizio sanitario nazionale. A scattare la fotograa gli esperti delluniversit Bocconi, con il Rapporto Oasi 2012. I dati elaborati dal Rapporto Oasi rivelano che nel centro-sud oramai la maggioranza dei cittadini giudica inadeguati i servizi offerti dal nostro Ssn: 53,5 per cento al Centro e 62,2 per cento al Sud contro una media Italia del 43,9 per cento. E il trend del tutto negativo, come mostra quel 31,7 per cento di assistiti che giudica peggiorati i servizi sanitari della propria regione. Unaltra discriminante nel livello di qualit percepito dagli assistiti poi la massiccia politica di tagli che giocoforza hanno dovuto mettere in atto le otto regioni in piano di rientro dai decit: il 57,8 per cento di chi vive in Campania, Lazio, Abruzzo, Molise, Piemonte, Calabria, Puglia e Sicilia si dichiarato insoddisfatto contro un pi modesto 23,3 per cento di scontenti delle altre regioni.

NOTIZIARIO PENSIONATI
contribuire allunit del mondo del lavoro, alla costruzione di un nuovo soggetto sindacale capace di tutelare e promuovere i diritti dei lavoratori nei luoghi di lavoro, di promuovere sul territorio la solidariet, assumendo le esigenze dei pensionati, dei disagiati, degli esclusi, degli immigrati e di rilanciare, insieme alle priorit delloccupazione, la riforma e riqualicazione dello Stato sociale e, in particolare, di una nuova politica sociale della casa, del territorio e dellambiente. In particolare, il Sicet cura: - linformazione e consulenza sulla regolamentazione legislativa, per il riconoscimento dei diritti alla casa in affitto (bandi Erp); - la consulenza per la determinazione dei canoni di locazione agevolati, per studenti universitari; - la stipula di qualsiasi tipo di contratto di locazione o comodato; - le vertenze per inquilini di edilizia a propriet privata e pubblica, sia individuali che collettive; - le informazioni sui criteri di ripartizione delle spese condominiali, nonch sulla suddivisione dei costi, voce per voce, tra proprietario e inquilino; - informazioni su qualsiasi necessit relativa allabitare burocratica, tecnica o legale. Il Sicet e la Cisl sono impegnati nel confronto continuo con regione, province e comuni sulle politiche della casa sulla riqualicazione urbana e ambientale e per quello che riguarda la Regione la modiche della legge regionale 24/2001,

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Unione Europea: adeguamento delle pensioni 2010-2015


Recentemente la Commissione Europea ha pubblicato il rapporto Adeguamento delle Pensioni nell'Unione Europea 2010-2050. Nellultimo decennio la maggior parte dei Paesi dellUnione ha adottato riforme dei sistemi pensionistici per migliorarne la sostenibilit a medio e lungo termine e per raggiungere lobiettivo delladeguamento. La spesa pubblica per le pensioni rappresenta una quota importante del PIL, l11,3 per cento nella media europea. indubbio che sia necessaria una riforma dei sistemi pensionistici che si adatti allinvecchiamento della popolazione. I livelli pensionistici determinano la percentuale di over 65 esposti al rischio di povert ed esclusione sociale. Il 15,9 per cento della popolazione europea over 65 a rischio povert. In molti Paesi le donne sole, in particolare le over 75, sono quelle pi vulnerabili e in pericolo di povert. Piccole variazioni del reddito pensionistico potrebbero, quindi, causare sensibili cambiamenti nel tenore di vita delle persone e aumentare il tasso di povert tra le persone anziane. e poich non tutti sono sensibili alla lotta allevasione scale (vi sono troppi inquilini senza un regolare contratto) ai Comuni Sicet e Cisl chiedono aliquote Imu ridotte per i locatori che stipulano contratti di locazione abitativi di tipo agevolato e a studenti universitari, pur vericandone la dovuta correttezza. Il Sicet si trova presso le sedi Cisl. dallapplicazione della procedura relativa al conguaglio scale per lanno 20122013, per i trattamenti pensionistici di importo superiore a 18mila euro, che hanno avuto il recupero del debito scale in ununica soluzione, sulla rata del mese di marzo. A seguito di ci, la Fnp Cisl intervenuta contro un ingiusticato comportamento dellIstituto di previdenza, il quale ha assicurato che, dalla prossima mensilit di aprile, il residuo debito scale sar recuperato in pi rate, e no al suo esaurimento, garantendo comunque il doppio del trattamento minimo Inps. Per coloro che hanno un trattamento pensionistico uguale o inferiore al doppio del minimo, il debito sar recuperato con la salvaguardia del limite del quinto della pensione. Al ne di scongiurare qualsiasi altro episodio del genere che possa andare contro gli interessi dei pensionati afferma la Cisl Pensionati - chiederemo un incontro urgente per trovare le possibili soluzioni a favore di chi oggi si trovato con una pensione di pochi euro.

Sicet a servizio degli inquilini


Il Sicet (Sindacato Inquilini Casa e Territorio) unorganizzazione sindacale che ha avviato la sua esperienza negli anni Settanta in alcune aree urbane, coagulando limpegno di operatori e dirigenti sindacali e interpretando un bisogno di presenza assai vivo nellarea che fa riferimento alla Cisl e alle Acli, per la difesa e laffermazione al diritto alla casa e allabitare. Sicet ha lintento di

Un altro danno per i pensionati


Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un provvedimento dellInps, adottato peraltro senza darne preventiva comunicazione, che produce un danno nei confronti dei pensionati. questo il commento della Cisl Pensionati riguardo la decisione da parte dellIstituto di accreditare, senza alcun preavviso, le pensioni ex-Inpdap del mese di marzo per un importo esiguo pari a 2 euro. Il problema stato determinato

La Fnp Cisl augura ai propri iscritti e a tutti gli anziani una

SERENA E FELICE SANTA PASQUA


assieme alle proprie famiglie

Cultura&Spettacoli
Cliciak, dietro le quinte del cinema italiano
li scatti sui set dei lm La migliore offerta di G Giuseppe Tornatore, stato il glio di Daniele Cipr, Il comandante e la cicogna di Silvio Soldini: sono i vincitori della 16 edizione di CliCiak, concorso nazionale per fotogra di scena promosso dal Centro Cinema Citt di Cesena. Il concorso giunto alla sua fase conclusiva lo scorso sabato con linaugurazione della mostra dedicata ai protagonisti della 16 edizione di Cliciak. Lesposizione, allestita alla Galleria comunale di Palazzo del Ridotto no al 21 aprile, raccoglie tutte le foto vincitrici insieme a unampia selezione dei migliori scatti partecipanti. Le foto pervenute questanno al Centro Cinema per partecipare al concorso sono state 1.200 (presentate da una cinquantina di fotogra a documentazione di una settantina di lm) e sono andate a incrementare una fototeca sul cinema italiano contemporaneo che attualmente conta oltre 12mila stampe. Si affianca allarchivio storico gi acquisito dal Centro Cinema che a sua volta raccoglie oltre 130mila foto di scena fra stampe e negativi. La mostra corredata da un catalogo a cura di Antonio Maraldi e Angela Gorini. Oltre alla

Gioved 28 marzo 2013

19

mostra principale, che raccoglie le foto partecipanti alla 16 edizione del concorso, come tutti gli anni CliCiak ospita anche una mostra dedicata a un fotografo di scena del passato. La Retrospettiva Fotogra di scena del cinema italiano dedicata questanno a Vittorio Mazza (Taranto, 1916 - Roma 1992), fotografo di scena che ha iniziato la sua carriera nel dopoguerra come reporter dellagenzia Foto Lif di Aurelio De Laurentis, padre del produttore Dino. Bab

A Cesena, luned 1 aprile alle 21 concerto offerto o n i t s o g A dalla Cassa di Risparmio di Cesena, Fondazione e Banca Chiesa Sant

Cinema

di Filippo Cappelli

Eliseo Cesena, Uci Romagna Savignano

Lo Stabat Mater di Pergolesi diretto dal maestro Paolo Olmi


a Gerusalemme a Cesena nel segno della musica sacra. Far tappa anche in citt lo Stabat mater di Pergolesi diretto dal maestro Paolo Olmi: appuntamento luned dellAngelo, il 1 aprile, alle 21 alla chiesa di SantAgostino. Unesecuzione musicale allinsegna dei nuovi talenti con lEuropean musiciansyouth Orchestra e le due giovani cantanti: il soprano Mariangela Sicilia e il mezzosoprano Adriana di Paola. Il concerto offerto gratuitamente dalla Cassa

BENVENUTO PRESIDENTE
di Riccardo Milani Con il suo nuovo film, Benvenuto Presidente!, Riccardo Milani offre una lettura ironica del malgoverno che caratterizza da decenni il nostro bel paese. Il fulcro narrativo non per espressamente la malapolitica, ma il concetto di onest e lo svilimento che questo valore ha pian piano subto in un Paese che della iniquit e delle furberie ha fatto un modus vivendi. La trama: la storia di Peppino Garibaldi (Claudio Bisio), bibliotecario di un paese di montagna con la passione per la pesca. Intrattiene spesso i bambini inscenando passi dei libri pi famosi e trascorre i pomeriggi fra grigliate di pesce in compagnia degli amici. A sconvolgere la sua quotidianit arriva una classe politica in crisi. Dopo mesi di stallo stato eletto un nuovo Presidente della Repubblica: ignorando totalmente lesistenza di un omonimo vivente, i partiti hanno votato allunanimit Giuseppe Garibaldi come pi alta carica dello Stato. E cos Peppino pu occupare le stanze pi importanti del Quirinale Lo spunto principale del film semplice: sradicare un personaggio semplice dal suo ambiente e trapiantarlo in un mondo di politica, intrighi e regole che non gli appartengono. uno spunto interessante ed estremamente attuale che se maneggiato con la dovuta cura avrebbe potuto essere la base per unottima pellicola. Eppure la ricetta fatica a funzionare. Certamente non ha aiutato la scrittura di una favola-farsa su un argomento tanto scottante: talvolta la sceneggiatura cade in banali luoghi comuni (elargire soldi ai poveri, andare tra i bambini malati) o in citazioni di vecchie commedie (lorigano sulla pizza che in realt droga) Milani, pur nelle difficolt narrative, riesce comunque a cogliere il vero problema: cio la mala educazione che permea il Paese, decisa a insegnare alle nuove generazioni che per andare avanti occorre conoscere le persone giuste nei posti giusti, per una raccomandazione, per un controllo medico saltando le lunghe liste dattesa o semplicemente per non fare la fila alle poste. Cos abbiamo un Paese diviso tra onesti duri e puri, onesti per mancanza di alternative e furbetti della porta accanto, tutti pronti, soprattutto questi ultimi, a scagliarsi con chi ci governa, dimenticando troppo spesso che rispecchiano in tutto e per tutto ci che molti di noi fanno nel proprio piccolo. Film paratelevisivo, ma efficace.

In scena lEuropean musiciansyouth Orchestra e due giovani cantanti: il soprano Mariangela Sicilia e il mezzosoprano Adriana di Paola
di Risparmio di Cesena (Fondazione e Banca) per celebrare la pi grande festa cristiana, un momento in cui la comunit ha pi voglia di incontrarsi e di affermare la propria identit, commenta Paolo Olmi. Liniziativa rientra in un progetto internazionale che coinvolge anche le citt di

Gerusalemme e Ravenna, organizzato da Erconcerti in collaborazione con il Pontificium consilium de cultura, Rai, Regione Emilia Romagna, Ambasciata e Istituto italiano di cultura di Tel Aviv, per promuovere la conoscenza della musica sacra italiana dalla Terra Santa in tutto il mondo. Per le nostre citt si tratta di unoccasione di dialogare con una grande realt quale Gerusalemme - spiega il direttore dorchestra, originario di Ravenna -. nostro auspicio proseguire questa produzione, allargandola ad altre citt, e

facendo conoscere al grande pubblico il repertorio della musica pasquale meno noto. Il brano prescelto lo Stabat Mater (dal latino, Stava la madre) di Giovanni Battista Pergolesi che, partendo dal suggestivo testo di Jacopone da Todi, descrive le sofferenze della Madonna durante la crocifissione di Ges. Un testo di cui, durante il concerto, se ne apprezzer lessenzialit e la bellezza, sottolinea Olmi. La composizione stata eseguita il 23 marzo scorso

nella chiesa di Notre Dame a Gerusalemme, sempre con la direzione di Paolo Olmi, dallOrchestra della Jerusalem academy of music, e andr in onda il 30 marzo alle 10,15 su Rai3, mentre la televisione israeliana lo trasmetter nel resto del mondo. Al concerto cesenate parteciperanno i cori Araba felice, diretto da Barbara Amaduzzi, e Marietta Alboni, diretto da Matteo Salvemini. In programma anche lo Stabat Mater di Vivaldi, lAve Maria dallOtello di Verdi, il Laudate Dominum e lAve Verum Corpus di Mozart. Francesca Siroli

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
FRANCESCO UN PAPA DALLA FINE DEL MONDO
di Gianni Valente Edizioni Emi (5 euro) Il giornalista Gianni Valente ha pubblicato presso la Emi il libro Francesco un papa dalla fine del mondo. Lo stesso autore nellintroduzione scrive: In questo libro sono raccolte le interviste al cardinale Jorge Mario Bergoglio pubblicate sulla rivista internazionale 30 Giorni dal 2002 al 2009. Esse sono introdotte da un reportage pubblicato sulla stessa rivista con il titolo Gli amici di padre Bergoglio. Poveri, preti e santi nelle Villas Miseria di Buenos Aires, che racconta una realt ecclesiale molto cara allattuale Successore di Pietro. In questo libro il reportage reca il titolo La fine del mondo di padre Bergoglio. Opzione preferenziale per i poveri coi fatti. Nella prima intervista, padre Bergoglio difende un prete minacciato dai trafficanti di droga e parla cos dei suoi sacerdoti: Loro lavorano. Non attaccano nessuno. Chi ha detto che la droga un pericolo, non solo nelle favelas ma in tutta la citt, sono stato io durante la messa. Ho detto ai genitori: guardate cosa fanno ai vostri figli, curatevi di loro, perch la droga arriva dappertutto, arriva alle porte delle scuole. Loro, i sacerdoti delle villas, lavorano anche nella prevenzione delle tossicodipendenze e nel reinserimento sociale dei ragazzi drogati. Nella seconda intervista, il cardinale parla de la sollecitudine per favorire in tutti i modi lamministrazione del battesimo e degli altri sacramenti [che] riguarda tutta la chiesa. Se la chiesa segue il suo Signore, esce da s stessa, con coraggio e misericordia: non rimane chiusa nella propria autoreferenzialit. Il Signore opera un cambiamento in colui che gli fedele, gli fa alzare lo sguardo da s stesso. Questa la missione, questa la testimonianza. La terza intervista, realizzata a Roma da Stefania Falasca, moglie di Valente, racconta come andata la Conferenza di Aparecida, dove proprio lui ha presieduto il comitato di redazione del documento finale. Alla domanda Che cosa si dovrebbe fare? il cardinale risponde: Guardare la nostra gente non per come dovrebbe essere, ma per come , e vedere cosa necessario. Senza previsioni e ricette ma con apertura generosa. Attraverso le ferite e le fragilit Dio parl. Permettere al Signore di parlare In un mondo che non riusciamo a interessare con le parole che noi diciamo, solo la sua presenza che ci ama e che ci salva pu interessare. Il fervore apostolico si rinnova perch testimoni di Colui che ci ha amato per primo. Nella quarta intervista ha affrontato i problemi inerenti la crisi economica in Argentina che ha toccato il fondo nel 2001. Ha affermato: Lesperienza cristiana non ideologica. segnata da una originalit non negoziabile. Che nasce dallo stupore dellincontro con Ges Cristo, dal meravigliarsi della persona di Ges Cristo. E questo il nostro popolo lo mantiene, e lo manifesta nella piet popolare. Tanto le ideologie di sinistra quanto questo imperialismo economica del denaro ora trionfante cancellano loriginalit cristiana dellincontro con Ges Cristo che tanti nel nostro popolo vivono ancora nella loro semplicit di fede. Vengono poi proposti alcuni passaggi di un testo pronunciato al Sinodo dei vescovi nel 2001, dove afferma che solo il vescovo che in comunione con Dio pu essere al servizio della speranza. Il libro si conclude con una nota biografica del cardinale Bergoglio.

20

Gioved 28 marzo 2013

Cesena & Comprensorio


Cesena
Corso sulla memoria
Si svolger mercoled 3 aprile alle 16,30 nella sede del quartiere a Borello la presentazione del corso "La ginnastica per la memoria". organizzato dal quartiere, da Caima, associazione famigliari malati alzheimer e da Asp Cesena Valle Savio. Interverranno allincontro Donatella Venturi, Rosalba Magalotti e Elisa Turci. Il corso per 15 partecipanti si terr il luned e il mercoled dalle 17 alle 18,30 dall8 aprile al 20 maggio nella sede del quartiere. E previsto un contributo di 20 euro. La quota restante verr pagata dal quartiere (375 euro) e da Caima (200 euro).

Cesena

Marzo delle donne


Proseguono gli appuntamenti della rassegna "Marzo delle donne". Venerd 29 marzo alle 17,30 alla galleria ex Pescheria riessioni di Alide Tassinari, psicoanalista, su "Femminicidio, violenza e relazioni dintimit". Sabato 30 marzo alle 17,30 nella sala lignea della Malatestiana, Manuela Racci affronta la gura di "Arianna, amante che salva". Musiche di Claudio Monteverdi e Benedetto Giacomo Marcello, a cura di Giuseppe Camerlingo. Soprano Margherita Pieri, al pianoforte Fabiola Crudeli.

Cesena flash
Conferenze allUte
LUniversit della terza et, a cura della Fnp Cisl Cesena, ha programmato altre due conferenze. Il 29 marzo, Venerd Santo, alle 15,30 nella sala Vaienti in via Renato Serra, don Giancarlo Biguzzi, docente di Nuovo Testamento allUrbaniana e allIstituto Biblico di Roma, completer il suo discorso sul Vangelo secondo Giovanni. Nella sala Fantini, marted 2 aprile alle 15,30, Valentino Maraldi, docente di Scienze religiose a Bolzano, terr una conferenza sul tema "Il destino dellanima. Il signicato di una parola antica nella teologia di oggi".

Rubicone

Anziani alle terme


C tempo no al 30 aprile per iscriversi al soggiorno per le localit termali (Fiuggi, Chianciano, Bagno di Romagna, Levico Terme) meta delle vacanze per la terza et per i residenti del Rubicone. Per info 0541.801062; 347 8162364, 366 2977604.

Gambettola

Incontro formativo

Cesena

Film al Victor

Il progetto "Circolatorio" della parrocchia prevede un altro incontro sui temi della diversit. Nella Casa del ragazzo, gioved 4 aprile alle 21, don Paolo Boschini, docente di losoa alla facolt teologica dellEmilia Romagna, parler sul tema "La paura sicura? Incontro o scontro sul piano culturale e religioso?". Seguir un momento conviviale.

Al cineteatro di San Vittore, domenica 31 marzo alle 17 e luned 1 aprile alle 15 e alle 17, sar in visione il lm "Pinochio"(2013) di Enzo dAl. Domenica 31 marzo, luned 1 e marted 2 aprile alle 21 sar proiettato "Re terra selvaggia". Ingresso 3,50 euro.

La sanit vicina
Proseguono gli incontri organizzati dal Comune e dallAsl sulla prevenzione e per migliorare la qualit della vita. Gioved 28 marzo alle 14,30 al centro anziani Arcobaleno in via Vigne il dottor Mauro Palazzi insieme al dottor Paolo Pazzi parler di "Promozione dellattivit sica per anziani". Nella sede del quartiere Cesuola, mercoled 3 aprile alle 20,45, il dottor Roberto Bosio tratter il tema "Senso, obiettivi, prospettive e possibili esiti della riabilitazione per la persona con disagio psichico". Mercoled 3 aprile alle 20,45 al punto anziani di Bulgarn, il dottor Mauro Monesi relazioner sulla "Traumatologia in et senile".

Raccolti nel territorio due quintali e mezzo di rifiuti

a giornata di cittadinanza attiva, promossa dallAmministrazione comunale, denominata "puliAMO Gambettola" ha registrato una buona partecipazione. Nel corso della mattinata sono stati raccolti e conferiti allisola ecologica 60 chilogrammi di carta e cartone; 90 chilogrammi di plastica; un quintale di vetro. Una sessantina di gambettolesi si sono ritrovati sabato 23 marzo presso il giardinetto dello Straccivendolo. Dopo la distribuzione di guanti e casacche, i partecipanti si sono suddivisi in 5 gruppi, ognuno coordinato da un operaio comunale, e hanno preso in consegna un preciso settore del territorio comunale. I volontari, di buona lena, hanno iniziato le "pulizie straordinarie" di Gambettola, che sono andate avanti per tutta la mattinata. "E stato un momento di festa e di lavoro dice lassessore Roberto Sanulli - che ha

Gambettola, i cittadini puliscono il paese L

Mostra di Arrigo Rudi


Avverr gioved 4 aprile alle 17,30 nellex chiesa dello Spirito Santo in via Milani linaugurazione della mostra "Arrigo Rudi, larchitetto in opera". Interverranno Giovanni Leoni, Gino Malacarne, Serena Maffioletti e Simone Barnaba Rudi. E dedicata allarchitetto veronese (1929-2007) e riproposta dal Dipartimento di Architettura dellUniversit di Bologna, sede di Cesena, dallUniversit luav di Venezia col contributo di Romagna Iniziative, Fondazione Crc e Ser.In.ar, con il supporto del Comune. Orari di apertura no al 19 maggio: dal luned al venerd dalle 16,30 alle 19,30, sabato e domenica anche dalle 10 alle 13.

Romanzo di Zina Righi


contribuito a pulire una trentina fra aree verdi e giardini, oltre un centinaio di aree dove sono posizionati i cassonetti e alcuni altri punti come i fossati dove, col tempo, si erano accumulati rifiuti". Inoltre, sono state segnalate una quindicina di postazioni dove erano presenti rifiuti ingombranti: gli operatori di Hera hanno provveduto a rimuoverne quasi 500 chili. "A fine mattinata - conclude lassessore gran parte dei partecipanti si ritrovata al parco Fellini per il pranzo conclusivo". Sar presentato gioved 4 aprile alle 17,15 nella sala lignea della Biblioteca Malatestiana il romanzo di Zina Righi "La grande menzogna" (Pendragon editore). E ambientato negli anni 50 del secolo scorso nel Sud dItalia. Ha per protagonista una bambina di circa 8 anni che si misura con eventi straordinari che rivoluzioneranno la sua vita e quella della sua famiglia. Ne parler Emanuelle Caillat, insegnante e traduttrice.

Cesenatico

Un mare di eventi

Cesenatico

Concerto al Comunale
Il 200esimo anniversario della nascita di Giuseppe Verdi sar celebrato con il concerto in forma semiscenica "Croce e delizia al cor" che si terr al teatro comunale mercoled 3 aprile alle 21. Parteciper il coro "Ad Novas" diretto da Monica Poletti. Solisti Carla Berto, Vincenzina Budini e Paolo Polini. Al pianoforte Fabrizio Di Muro. Con parole e immagini a cura di Andrea Pivato. Ingresso a offerta libera a favore del comitato locale della Croce rossa.

Oltre alle mostre di Roberto Nottoli al museo della Marineria e dei libretti di Tonino Guerra a Casa Moretti, la citt ospita da sabato 30 marzo a luned 1 aprile le gare di catamarani della 39esima edizione delle "Vele di Pasqua" cui parteciperanno circa 200 equipaggi da tutta Europa. Dal 29 marzo all1 aprile sulla spiaggia antistante alla piazza Andrea Costa si svolger il Beach Volley Meeting. Inoltre avranno luogo il torneo internazionale di calcio giovanile e quello di basket. Un centinaio di alberghi aperti per accogliere atleti, allenatori, accompagnatori.

Balletto allEliseo
Al cinema Eliseo domenica 31 marzo alle 17 sar in proiezione registrata "Esmeralda" il balletto del Bolshoi di Mosca, tratto da "Notre Dame" di Victor Hugo. Sostituisce "La sagra della primavera" live di Igor Stravinsky a seguito di quanto accaduto al direttore artistico della compagnia Sergei Filin. Ingresso 12 euro, ridotto 9.

Cesena
Una nuova casa dellacqua
E entrata in funzione, la scorsa settimana, nel quartiere Fiorenzuola la seconda Casa dellacqua di Cesena, realizzata dal Comune in collaborazione con Hera, Adriatica Acque, Romagna Acque e Unica Reti. Collocata in via Marino Moretti a Case Finali, la seconda Casa dellacqua ha caratteristiche analoghe a quella gi presente da due anni lungo il Savio ed in grado di erogare acqua liscia a temperatura ambiente o refrigerata (che potr essere prelevata gratuitamente) e acqua gassata refrigerata (che avr un costo di 5 centesimi al litro). Inoltre, sulla struttura installato un comodo monitor su cui i cittadini potranno consultare i valori dellacqua di Cesena, i quantitativi erogati, le azioni sostenibili connesse, oltre a unampia serie di altre informazioni provenienti dal circuito Cesenadialoga. Allinaugurazione hanno partecipato anche i bambini del Quarto Circolo didattico.

Cesena Fiera | Energie alternative

Gatteo
Un territorio con molti giovani
C un Comune nella provincia che parla giovane: Gatteo e dallo studio commissionato alluniversit di Bologna risulta che in questo territorio risiede il maggior numero di minori rispetto alla percentuale di popolazione anziana. E grande soddisfazione espressa dal sindaco Gianluca Vincenzi che annuncia anche una importante novit: "In questo ultimo anno sono aumentati moltissimo i dati daccesso alla nostra biblioteca comunale - dice Vincenzi - soprattutto da parte dei giovani. Quindi non solo studenti universitari, ma anche ragazzi delle scuole superiori, le classi medie, le elementari, sino ad arrivare a quelli della scuola materna su cui abbiamo puntato con letture insieme alle famiglia e allincontro". Cristina Fiuzzi

Ambiente e natura, insieme a tutti i componenti per il risparmio energetico, ed il rispetto dellambiente e il consumo (energetico) consapevole, sono stati gli elementi che hanno contraddistinto l8a edizione di Agrofer, la rassegna dedicata alle fonti energetiche rinnovabili e al risparmio energetico organizzata da Cesena Fiera, conclusasi domenica 24 marzo. "Ad Agrofer -commenta Domenico Scarpellini, presidente di Cesena Fiera- abbiamo notato interesse per le opportunit e le soluzioni proposte, cos come piaciuto il Salone delViver Sano".

Sport

Gioved 28 marzo 2013

21

Societ Olimpia di Gambettola

Calcio
A Martorano di Cesena il Torneo dellAdriatico
Scatta gioved 28 marzo il Torneo dellAdriatico, manifestazione sportiva giovanile calcistica organizzata dalla societ Romagna Centro di Martorano di Cesena. Lanno scorso sono state 148 le squadre partecipanti e anche in questa edizione si punta a confermare i medesimi numeri. Le compagini giovanili non sono solo italiane, ma anche straniere, e i giovani calciatori spesso sono accompagnati da familiari e amici che approttano del torneo per passare qualche giorno di vacanza in Romagna. La cerimonia inaugurale si terr gioved alle 21 presso lo stadio "Moretti" di Cesenatico. Le partite si giocheranno presso il centro sportivo di Martorano e in diversi campi del circondario cesenate. Le eliminatorie si svolgeranno venerd e sabato. Il giorno di Pasqua sar libero dalle partite mentre le nali si disputeranno luned 1 aprile.

Per le ginnaste un inizio promettente


incominciata nei migliori dei modi la stagione agonistica delle atlete della ginnastica Olimpia Gambettola, impegnate nel campionato italiano di Teamgym (ginnastica acrobatica). Le atlete allenate da Franca Casadei hanno evidenziato, sin dalle prime due gare, lintenzione di riconfermare la propria supremazia (essendo le campionesse in carica), facendo incetta di vittorie a squadra e podi individuali nelle prime due tappe che si sono svolte rispettivamente a Brugnera (Pordenone) e a Noceto(Parma). La squadra junior femminile, oltre a essere impegnata nel campionato italiano di Teamgym, si cimenter, a partire dal mese di maggio, a Dornbirn (Austria) anche nelle prove di Coppa Europa sia come singola societ che, con alcuni atleti, come rappresentativa nazionale. "Un titolo prestigioso, quello continentale, conquistato inaspettatamente due anni fa e sfiorato per pochi punti lo scorso anno

La compagine impegnata nel campionato nazionale di Teamgym


- afferma la preparatrice Franca Casadei- a causa di infortuni occorsi ad alcune atlete di punta. Limpegno che stanno dimostrando negli allenamenti e preparazione sin dalle prime gare del campionato italiano, testimoniano quanto sia importante per loro e per la nostra societ questo obiettivo, coltivandolo anche nella squadra mista dei giovani, promesse future e sorprendenti realt". Negli appuntamenti di Brugnera e Noceto non stata solo la netta superiorit della squadra Junior femminile (comanda la classifica a punteggio pieno) a destare attenzione, ma lincetta di podi conquistati individualmente dalla squadra "giovani mista", attualmente al secondo posto in classifica generale. La squadra Junior femminile della Olimpia composta da Sofia Belletti, Clarissa Biguzzi (assente a Noceto), Giada Lombardi, Eva Luna Maestri, Zoe Paganelli, Beatrice Salaroli e Nicole Zoffoli e a queste atlete si aggiungono Alessandro Zamagni, Luca Burioli e Andrea Aprile, componenti della selezione nazionale italiana. Gli atleti della squadra "giovani mista" sono le femmine Viola Biguzzi, Linda Burioli, Sara Consani, Ilenia Evangelisti, Martina Zani e i maschi Borik Baiardi, Alessandro Evangelisti, Lorenzo Magrini e Matteo Zamagni. La terza prova del Campionatosi terr in provincia di Torino. Piero Spinosi

Il Cesena a Brescia

Con le festivit pasquali alle porte, la serie B ha giocato danticipo. Si svolto tra mercoled e gioved il 34esimo turno del campionato cadetto, dove il Cesena se l vista al Manuzzi col Padova nellanticipo di mercoled sera. Con questa mini-sosta, dopo un turbinio di gare senza tregua, la truppa di mister Bisoli ha cos la possibilit di tirare un po il ato in vista del prossimo impegno, che sar sabato 6 aprile a Brescia.

Panathlon club Cesena: a tu per tu con i campioni


Da Francesco Moser a Cristian Brighi, da Gianluca Casadei a Margherita Magnani.Testimonianze di sacrifici e gioie alla conviviale del club presieduto da Dionigio Dionigi
Ospiti deccezione hanno partecipato la scorsa settimana alla conviviale del Panathlon club di Cesena presso il teatro Verdi a Cesena. La serata, dal titolo "lesempio degli sportivi di ieri per creare gli sportivi di domani", stata la palese dimostrazione della missione del club basata sul coinvolgimento e sulla diffusione degli ideali dello sport. Francesco Moser, ex campione di ciclismo socio del Panathlon cesenate,

Cristian Brighi, originario di Martorano e arbitro di serie A, Margherita Magnani nata a Cesena e campionessa indoor dei 1500 metri e il campione italiano di beach volley Gianluca Casadei (cesenate pure lui) hanno trattenuto i numerosi soci presenti attraverso il racconto di aneddoti della propria carriera sportiva. Per Moser, campione su strada, su pista e detentore del record del mondo solo per citare alcuni dei successi ottenuti in carriera, e primo classificato nel 2012 alla corsa benefica a coppie 2Xbene di Longiano, la concorrenza con Saronni stata spesso deleteria: "Abbiamo buttato via parecchie corse per colpa della rivalit. I giornalisti dellepoca scrivevano pi di Moser e Saronni che dei ciclisti che vincevano le gare. Le ruote lenticolari che mi hanno accompagnato a battere il record dellora, le ho provate un mese prima della gara, realizzate da una ditta che costruiva componenti per aerei". Brighi, allievo del Csi di Cesena, ha arbitrato 101 partite in serie A, Fra i tanti

giocatori, ne ha conosciuti parecchi dotati di una particolare "vena teatrale", e (pochi) altri molto corretti: "Ritengo Javier Zanetti e Gennaro Gattuso i calciatori pi corretti e con particolare spirito sportivo. Nella mia carriera ho arbitrato anche le squadre di Pier Paolo Bisoli e oggi diventato un caro amico". Il campione Gianluca Casadei, che conta di partecipare alle olimpiadi del Brasile nel 2016, consapevole del grosso impegno che lo attende. "Lavorer per ottenere gli appoggi economici e per sfatare lopinione comune che vede il beach volley un solo sport da spiaggia". Partita dallEndas di Cesena e ora atleta delle Fiamme Gialle, Margherita Magnani ha vinto nei 1500 e si piazzata seconda sui 3000. "Le gare di resistenza aiutano a sapersi gestire, organizzarsi e a sopportare meglio le sofferenze. Mi alleno due volte al giorno e spero di centrare lobiettivo delle prossime olimpiadi". Giusy Riciputi

ZONA STADIO (Cesena): in condominio servito di ascensore al quinto piano appartamento completamente ristrutturato composto da salotto, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno con doccia e lavanderia, ripostiglio, balcone e cantina. Ottima luminosit e spazi generosi. 178.000 / Rif. 1277 ZONA OSSERVANZA (Cesena): in condominio servito di ascensore al secondo piano appartamento da ristrutturare composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, ripostiglio, disimpegno, balcone, cantina e garage. 215.000 / Rif. 0905 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 PONTE PIETRA: su un lotto di circa 2.000 mq porzione di villa bifamiliare in costruzione composta al piano terra da ampia zona giorno, bagno, servizi, garage doppio e porticato; al piano primo 3 camere da letto, 2 bagni e balconi. Possibilit di acquistare limmobile grezzo o finito. Info in ufficio / Rif. 1250 SAN MAURO IN VALLE (Cesena): bilocale di recente costruzione al primo e ultimo piano composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, 3 balconi, cantina e posto auto riservato. 165.000 / Rif. 1216 CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso AFFITTO, ZONA CENTRALE (Cesena): a pochi passi dal centro e dai principali servizi appartamento al piano terra di recente costruzione composto da ingresso indipendente, soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, giardino privato e ampia veranda. Posto auto scoperto di propriet. 800 mensili / Rif. 1290 AFFITTO, ZONA VIGNE (Cesena): in condominio servito di ascensore appartamento in ottimo stato all'ultimo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. ARREDI MORDERNI. 700 / Rif. 1289

22

Gioved 28 marzo 2013

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

arissimi presidenti, allenatori, dirigenti, arbitri, atleti, impiegati, consiglieri, membri della presidenza e delle varie commissioni, collaboratori tutti del Centro Sportivo Italiano di Cesena, in occasione della festa cristiana pi importante ormai imminente, desidero formulare a voi e alle vostre famiglie i pi sentiti e cordiali auguri di Buona Pasqua. Il momento politico difficile che la nostra Italia sta attraversando,

GLI AUGURI DEL PRESIDENTE | Buona Pasqua


la forte preoccupazione sociale dovuta alla mancanza di lavoro e sicurezza economica, la progressiva perdita di valori etici e morali fondanti, vengono contrastati da un evento planetario che, in controtendenza, sembra ridare speranza e fiducia alluomo doggi ormai sfiduciato e avvilito: papa Francesco! Questuomo venuto dalla fine del mondo veramente un mandato da Dio! Le sue prime parole, la sua serenit e il suo sorriso dolce di padre, hanno bucato non solo i teleschermi di tutto il mondo, ma soprattutto i nostri cuori e le nostre coscienze, richiamandoci alla straordinaria bellezza e forza del Vangelo di Ges. Lo ha fatto con la semplicit e la profondit di San Francesco dAssisi, al quale si ispirato anche per darsi il nuovo nome di Papa: rivoluzionaria anche questa scelta. Pertanto, carissimi, se tutti noi saremo capaci di recuperare i valori autentici che la Passione di Cristo ci propone e che il nuovo Pontefice non ha lesinato di trasmetterci

fin dallinizio del suo magistero, allora la ripresa soprattutto quella etica e morale sar certa. Con questi auspici, gli auguri di Buona Pasqua che ci scambiamo, rappresentino veramente per ciascuno di noi il desiderio sincero e profondo di una Buona Conversione. Luciano Morosi presidente Csi Cesena

Le classifiche dei campionati organizzati in collaborazione con altri comitati romagnoli

Calcio a 5 e a 7
In giugno il 1 Csi Summer Cup
Il comitato cesenate del Csi, seguendo le indicazioni del presidente nazionale dellassociazione, Massimo Achini, volte a creare e ricreare nuove alleanze per una pi capillare e incisiva diffusione della mission del Centro Sportivo Italiano, ha aderito al progetto di organizzare, insieme a una grande societ sportiva della nostra citt lA.S.D. Romagna Centro un torneo nazionale di calcio a 5 e a 7 riservato alla categoria open sia maschile che femminile, che si terr presso il Centro Sportivo Romagna Centro a Martorano di Cesena dal 28 al 30 giugno prossimo. Si tratta di un periodo molto favorevole non solo per trascorrere sulla riviera romagnola tre giorni di vera vacanza e divertimento, ma soprattutto sottolinea Luciano Morosi, presidente del Csi Cesena - una bellissima occasione di aggregazione, di possibilit per fare nuovi incontri e per vivere e approfondire ancora di pi la nostra esperienza di associazionismo. la prima volta che il comitato cesenate del Csi intraprende uniniziativa cos importante e impegnativa, ed indispensabile laiuto di tutti i collaboratori e operatori dellassociazione per riuscire a centrare lobiettivo di offrire ai partecipanti unesperienza valida e signicativa. Il programma della competizione prevede che tutte le squadre affiliate al Csi giochino un minimo di tre gare il 28 e il 29 giugno, mentre il 30 giugno seguiranno le nali. Per informazioni e iscrizioni si rimanda alle-mail tornei@romagnacentro.it e ai seguenti numeri telefonici: 0547 385000, 348 3844391, 339 3887578 e al numero di fax 0547 632821.

a n g a m o R n i i e n r o T

Volley a tutto campo


rosegue a ritmo intenso lattivit delle numerose competizioni di pallavolo organizzate dal comitato cesenate del Csi in collaborazione con gli altri comitati romagnoli dellassociazione. Nel campionato open femminile, giunto alla sua 28esima edizione, cui hanno aderito complessivamente 40 squadre suddivise in quattro raggruppamenti, per quanto riguarda la serie Eccellenza, il Porto Fuori conduce con sei lunghezze di vantaggio nei confronti della S.S. Redentore B e del Seven Fighters e di dieci sullAtletico Zolino, mentre nel girone A della serie Promozione il Cella distacca di 5 punti lUsd San Marco, di 12 il Borgorosso e di 15 una coppia formata dal Cervia Volley Endas e dal S.S. Redentore A. Nel girone B della stessa serie, il Pgs Pianta Le Pinguine precede di quattro lunghezze una coppia formata dal Pgs Pianta Promo e di cinque lOtello Buscherini; nel girone C il Pontesanto Cesi ha tre punti di vantaggio sul Maccabeus Voltana, cinque sullArgenta Volley e sei sulla Gito. Per quel che concerne il 31esimo campionato di volley maschile, che registra la presenza di 21 compagini che hanno dato vita a tre raggruppamenti, nel girone A

il Mespic Faenza Nel campionato open femminile, precede di un solo giunto alla sua 28esima edizione, punto il Maccabeus Voltana, cui hanno aderito complessivamente di tre il Volley Lugo e 40 squadre, suddivise in quattro di sette il Rapid San Bartolo; raggruppamenti, nel girone A della serie nel girone B il Sg Volley Rimini precede Promozione il Cella distacca di 5 punti di sei lunghezze il lUsd San Marco, di 12 il Borgorosso Macerone Volley e di e di 15 una coppia formata dodici il Ss Redentore e nel dal Cervia Volley Endas girone C il Crald Ausl ha due lunghezze e dal S.S. Redentore A di vantaggio sul Pgs La Pianta e ben quattordici sul Cral nel girone B la Libertas Volley Enrico Mattei. precede di tre punti Nel 12esimo campionato di il Gks Santa Sofia e di nove la pallavolo misto, cui hanno aderito Dinamica e nel girone C nel complesso 20 societ suddivise lAics Volley Cava in vetta in due raggruppamenti, per quanto distaccando di due lunghezze riguarda la serie Eccellenza lArcobaleno Forlimpopoli Bianco e troviamo di quindici la Sammartinese. al comando la Ciupa Friends Nel campionato di Volley rivolto con dodici punti di distacco alla categoria femminile dal Joint Arcobaleno Under 14, che vede e quindici dal Rainbow, ladesione di 11 societ mentre per la serie Promozione il suddivise in due raggruppamenti, Gambettola Volley precede di sole nel girone A il Pgs La Pianta B ha due lunghezze il New Team e di sei punti di vantaggio sulla Libertas tredici il Pgs Pianta Volley e sette sulla Sammartinese, e Misto. nel girone B il Cervia Volley P Le due competizioni riservate precede di un solo punto alle categorie giovanili interessano il Longiano Volley e di undici innanzitutto il campionato lArcobaleno Forlimpopoli. femminile Juniores, Per quanto concerne cui partecipano 18 formazioni infine il campionato femminile suddivise in tre raggruppamenti: Under 12, che registra la nel girone partecipazione di sei compagini, il A lEndas Cesenatico Borello 2002 distacca ha una sola lunghezza di due lunghezze di vantaggio il Longiano Volley e di tre sulla Pol. Sala e sette sul Cella; lArcobaleno Forlimpopoli.

Pagina Aperta

Gioved 28 marzo 2013

23

Il direttore risponde
Il ruolo della donna nella Chiesa e i prossimi passi di papa Francesco

LOcchio indiscreto

aro direttore, leggo alcune parole di madre Ignazia Angelini, badessa del monastero di Viboldone, autrice del libro Mentre vi guardo: C dispiacere tra noi per il ruolo delle donne nella Chiesa. Per un ruolo perduto. Nelle prime comunit cristiane le donne erano importanti. Una donna fu scelta per lannuncio della Resurrezione. Poi nei secoli qualcosa non ha funzionato. A noi rimasto solo il ruolo di brave bambine della Chiesa. stato un grande spreco. Ma il nostro ruolo non diritto, grazia. Non si rivendica, si cerca. Il sacerdozio femminile per esempio. La via oggettivamente aperta, non vedo ostacoli prettamente teologici. Ma non mi par di vedere che lo avremo presto. Non ci sono le condizioni antropologiche ed ecclesiali. Mentre leggo queste parole vengo a sapere, a proposito di condizioni ecclesiali, che sembra vi sia una disposizione dei vescovi che invita i pastori della Chiesa a tenere lontane dal servizio alla messa, del chierichetto per intenderci, le bambine comunande e non. E infatti in alcune parrocchie di Cesena le bambine che preparano la prima comunione non possono servire a messa, mentre i loro compagni s. A me pare, questa, oltre che una discriminazione sessuale inaccettabile per un laico, per un cristiano una discriminazione religiosa tra anime di serie A e anime di serie B, contraria al principio evangelico della fratellanza e delluguaglianza nella comunit

dei credenti. Quanto lontano lo spirito del Concilio Vaticano II! Confido che sui giornali cattolici ci si possa fermare a discutere di questi temi fondamentali per la sopravvivenza della Chiesa, piuttosto che dei temi politici ed elettorali da cui siamo sommersi da ogni parte. Grazie dellospitalit. Francesco Ciotti Carissimo Ciotti, mi pare che le informazioni in suo possesso non corrispondano a ci che accade in numerose nostre parrocchie. Mi risulta che tante bambine, molto di frequente pi dei maschi, servano tranquillamente la messa, in alcuni casi anche senza aver ricevuto la Prima Comunione. Non mi pare si possa parlare, quindi, di discriminazione verso le femmine, come lei scrive nella sua lettera che pubblico volentieri e che non ha trovato spazio nelle scorse settimane perch altre urgenze hanno pressato noi e non solo Che poi questi temi siano fondamentali per la sopravvivenza della Chiesa, come lei annota, mi pare unaffermazione cos forzata, per la quale non mi viene un aggettivo confacente alla mia sorpresa. Ma forse questo argomento gi presente nella fitta agenda di papa Francesco... Lei ci crede? Staremo a vedere i prossimi passi del vescovo di Roma. Saluti cordiali. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Fra una pioggia e laltra, con temperature anche prossime allo zero, la fioritura cerca comunque di conquistare il proprio spazio. Nei giorni scorsi gli albicocchi, specie pi precoce, hanno offerto questo spettacolo. I peschi invece sono riusciti appena ad abbozzare i fiori, ma il brusco calo delle temperature di domenica, luned e marted li ha bloccati. Per la primavera incalza e in breve il paesaggio sar tutto rosa.

Pregate per me, la richiesta del vescovo di Roma


Egregio direttore, scusi se la disturbo, ma vorrei chiedere una sua opinione sul nuovo Papa. Ora con questo aver sconvolto molte usanze non essenziali per il cammino della Chiesa, trovo maggiormente esemplare aver eliminato i gemelli d'oro dalla camicia. E' normale aspettarsi un gesto anche dai cardinali e dai vescovi? Se ogni trenta secondi un bambino muore di fame , con la vendita di tanto oro quanti bambini si potrebbero salvare? Un genitore per salvare il proprio figlio venderebbe anche la casa...... In attesa di una sua gradita risposta, porgo distinti saluti. Un affezionato lettore del Corriere Cesenate Carissimo lettore, le sue righe sono quantomeno singolari. Mi pare evidente ci che pensa il sottoscritto del nuovo Papa, quello che ne dice questo giornale e, soprattutto, cosa ne narra il mondo intero. Su tutto, se mi consentito, mi sentirei di raccomandare la prima preoccupazione del Santo Padre: Pregate per me, il titolo che abbiamo posto in prima pagina la scorsa settimana. E non una richiesta con scadenza. Cordialit. Fz

Ergastolo senza benefici Nulla cambiato


Chi tace sullingiustizia, ne diventa complice. La forza dei malvagi il silenzio degli onesti; la forza dei malvagi la debolezza dei cristiani. E tu qualche volta sei appartenuto a questi onesti? Ci appartieni anche ora? (I Fioretti del

Don di Francesco Lambiasi, Edizioni Il Ponte). Don Oreste, nonostante le numerose iniziative, appelli, le lettere, le firme raccolte e le numerose adesioni di persone importanti come Margherita Hack, Umberto Veronesi, Agnese Moro e Bianca Berlinguer, ma anche di tanti uomini e donne di Chiesa, contro lesistenza in Italia della Pena di Morte Viva, lergastolo senza benefici, nulla cambiato. E i buoni, nonostante siano trascorsi dalle nostre condanne venti, trenta e pi anni, non sono ancora sazi e continuano a torturarci lanima, il cuore e la mente. In questi giorni mi sono domandato che altro possiamo fare per attirare lattenzione, sensibilizzare lopinione pubblica, per fare capire ai buoni che ricambiare male con altro male (murare viva una persona senza neppure la compassione di ucciderla) fa sentire innocente qualsiasi criminale. Don Oreste, ognuno combatte con le armi che ha e ho pensato di proporre a tutti gli uomini ombra, sparsi nelle nostre patrie galere, lo sciopero della Messa di Pasqua, perch per noi, almeno su questa terra, non ci sar mai resurrezione. Che cosa abbiamo noi da spartire con questa festa? Tanto vale non festeggiarla, una presa in giro per noi... Lo so, non sarai sicuramente daccordo, non lo neppure il mio compagno Ignazio che di fronte alla mia cella, che non si perde mai una Messa, ma che altro possiamo fare per tentare di cambiare il cuore della societ civile, dei giudici, dei politici e degli uomini di Chiesa, che spesso si occupano solo

delle nostre anime e non dei nostri sogni e speranze? Don Oreste, da pazzi giudicare un uomo o una donna colpevole per il resto della sua vita e, a parte lerrore, un orrore. Molti di noi sono diventati uomini nuovi, perch continuano a punirci? Che centriamo noi con quelli che eravamo prima? Don Oreste, dallultima volta che ti ho visto nel carcere di Spoleto, quando ti schierasti dalla parte dei pi cattivi (prima di te lo aveva fatto solo Ges) mi manchi. Perch te ne sei andato cos presto in cielo? Potevi rimanere ancora un poco su questa terra per darci una mano ad abolire la Pena di Morte Viva in Italia. Ora ci sentiamo pi soli. Diglielo tu a Dio, io non ho il coraggio (e poi sono anche ateo) che gli uomini ombra per Pasqua non andranno a Messa. Don Oreste, guarda cosa puoi fare da lass perch stiamo invecchiando e non abbiamo pi tempo. Siamo disperati, molti di noi (siamo gi quasi in 300 che hanno aderito) a settembre sono pronti anche per uno sciopero della fame: non ci resta che la nostra vita per cercare di ritornare nel mondo dei vivi e lotteremo con quella. Don Oreste, dura vivere nellombra ed per questo che gli uomini ombra non festeggeranno la Pasqua. Perdonaci almeno tu, se puoi. Il mio cuore ti manda un abbraccio fra le sbarre. Carmelo Musumeci carcere di Padova marzo 2013 Carissimo Carmelo, grazie infinite per la tua lettera, piena di passione, di rabbia, ma anche di amore. Che centriamo noi con quelli che eravamo prima, ti chiedi giustamente? Viviamo tempi cupi, fin troppo oscuri, nei quali ognuno pensa allorticello di casa sua. Ognuno di noi teme di esporsi, di metterci la faccia, anche per le battaglie pi giuste, come quella che tu, assieme alla Comunit fondata da don Oreste Benzi, proponi da tempo. Noi, fuori dalla sbarre che ti tengono imprigionato (e siete tanti, troppi), non comprendiamo il dramma di chi si trova a vivere fra quattro mura, senza la speranza di potere, un giorno anche lontano, tornare a vita nuova. C troppa distanza fra il carcere e ci che scorre al suo esterno. Nel mio piccolo, come ormai ben sai da tempo, cerco di dare voce a te e ai tuoi amici. Diamo spazio e voce a chi non ha voce. Speriamo, prima o poi, di riuscire a fare breccia. Nonostante tutto, Buona Pasqua nel Signore risorto, colui che ha sconfitto la morte. A presto. Fz

Al Liceo della Comunicazione Immacolata intervenuto Eraldo Baldini, autore del libro Luomo nero e la bicicletta blu

Se vuoi essere universale, parla del tuo villaggio


enerd 15 marzo il Liceo delle Scienze Umane Immacolata di Cesena ha incontrato Eraldo Baldini, autore del romanzo Luomo nero e la bicicletta blu (Einaudi, 2011). Lo scrittore si subito presentato al pubblico con grande semplicit, accennando ad alcuni episodi significativi della sua vita che lhanno fatto approdare alla letteratura: linfanzia a Ravenna tra la povert economica, le difficolt familiari e insieme la ricchezza di fantasie e di aspettative; lex lavoro ben pagato in un ufficio stampa, lasciato da un uomo insoddisfatto pronto a scommettere sui propri sogni. Lincontro poi continuato attraverso le domande del pubblico, a cui egli ha risposto esaustivamente, portando gli spettatori ancora pi allinterno dello spirito del romanzo. Luomo nero e la bicicletta blu tra le sue opere quella a cui lautore pi affezionato; in essa ha voluto raccontare la storia di un bambino e del suo percorso di formazione e lo ha fatto attraverso i luoghi e i personaggi della sua fanciullezza. Ci che infatti ha ispirato questo libro stata la voglia di raccontare qualcosa di me, spiega Baldini. Il racconto ambientato nei paesaggi della sua amata Romagna durante gli anni 60, anni

che ancora oggi ricorda con malinconia e fierezza. Anche la scelta dei luoghi non casuale, ma rivela fedelt ai preziosi consigli di Tolstoj: Se vuoi essere universale, parla del tuo villaggio. Lautore ha spiegato il titolo scelto per il libro: la bicicletta rappresenta la cornice, il filo conduttore di tutta la storia; luomo nero invece il simbolo destino terribile per il quale Gigi, il protagonista del libro, vedr svanire la sua infanzia. Perch questa la storia di un passaggio: quello dallinfanzia alladolescenza e Baldini, nel dramma che racconta, interessato a far affezionare il lettore al personaggio protagonista, cos da accompagnarlo attraverso un viaggio di formazione riconducibile a ciascuno di noi. Lincontro, pi simile a una piacevole conversazione con un amico, ha permesso

agli ascoltatori anche di conoscere qualcosa in pi della vita di Baldini: lautore si infatti dichiarato un uomo realizzato e soddisfatto della propria carriera, orgoglioso delle piccole cose che la vita continua a offrirgli, soddisfatto delle sue scelte, ma anche preoccupato per la crisi economica che incide sempre pi sul mondo delleditoria. Su tutto traspare la sua passione per la lettura e la scrittura e la sua grande malinconica comicit: egli ha concluso lincontro con un ricordo del nonno, anchesso presente nel romanzo, facendo sorridere il pubblico con la stessa ironia e tenerezza che hanno caratterizzato tutta la conferenza. Martina Suzzi 5 A Liceo della Comunicazione Immacolata

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

PENSIONATI IL CUD NON SOLO VIA INTERNET


Celiachia: apre negozio specializzato