You are on page 1of 2

La lotta contro il nome di Dio Posted on 07/02/2013di ideacreamanuela Per prolungarne lagonia gli fu posta sul cuore della

lana inzuppata dacqua affinch non morisse subito.LEncyclopaedia Judaica. SI CHIAMAVA Hananiah ben Teradion. Era uno studioso ebreo del II secolo E.V., noto per la sua abitudine di insegnare in pubblico il contenuto del Sefer Tor, un rotolo contenente i primi cinque libri della Bibbia. Di Hananiah ben Teradion si sapeva anche che usava il nome personale di Dio e lo insegnava ad altri. Se si considera che nei primi cinque libri della Bibbia il nome di Dio ricorre pi di 1.800 volte, come avrebbe potuto insegnare la Tor senza parlare del nome di Dio? Limperatore romano aveva vietato, pena la morte, linsegnamento e la pratica del giudaismo. Alla fine i romani arrestarono Ben Teradion. Al momento dellarresto egli aveva in mano una copia del Sefer Tor. Rispondendo agli accusatori, disse apertamente che insegnando la Bibbia non faceva che ubbidire a un comando di Dio. Ci nonostante fu condannato a morte. Il giorno dellesecuzione Ben Teradion fu avvolto nello stesso rotolo della Bibbia che aveva in mano quando fu arrestato. Poi fu arso sul rogo. Sebbene della brutale esecuzione di Ben Teradion fossero responsabili i romani, il Talmud*dice che la punizione del fuoco venne su di lui perch aveva pronunciato il Nome per esteso. S, per gli ebrei pronunciare il nome personale di Dio era davvero una grave trasgressione. Il Terzo Comandamento Sembra che durante il I e il II secolo E.V. sia sorta fra gli ebrei una superstizione relativa alluso del nome di Dio. La Mishnh (una raccolta di commenti rabbinici) afferma che chi pronuncia il nome di Dio con le sue lettere non ha parte nella futura terra paradisiaca promessa da Dio.* LEncyclopaedia Judaica dice che si evita di pronunciare il nome YHWH . . . a causa del fatto che si mal compreso il Terzo Comandamento. Il terzo dei Dieci Comandamenti (vedi anche ildecimo comandamento) dati da Dio agli israeliti recita: Non ti devi servire del nome di Geova tuo Dio in modo indegno, poich Geova non lascer impunito chi si serve del suo nome in modo indegno. (Esodo 20:7) Perci il decreto di Dio contro luso errato del suo nome fu frainteso e trasformato in una superstizione. Di sicuro oggi nessuno sostiene che Dio manderebbe qualcuno al rogo per aver pronunciato il suo nome. Tuttavia le superstizioni ebraiche sul nome proprio di Dio sussistono. Molti continuano a riferirsi al Tetragramma come al Nome ineffabile, o impronunciabile. In certi ambienti qualunque riferimento a Dio viene volutamente storpiato per non violare la

tradizione. Per esempio Iah, o Yah, abbreviazione del nome personale di Dio, viene pronunciato Kah. Alleluia viene pronunciato Hallelukah. Alcuni evitano addirittura di scrivere per esteso la parola Dio, sostituendone una o pi lettere con un trattino. Per esempio, quando devono scrivere Dio in italiano, scrivono D-o. Una consuetudine in contrasto con la volont di Dio La diffusa consuetudine di non usare il nome di Dio si basa chiaramente su tradizioni umane e non su insegnamenti biblici. Nella Tor non c nulla che proibisca di pronunciare il Nome di Dio. Anzi, dalla scrittura evidente che il Nome di Dio era pronunciato regolarmente, spiega il ricercatore ebreo Tracey R. Rich, curatore del sito Internet Judaism 101. S, nei tempi biblici gli adoratori di Dio usavano il suo nome. chiaro che conoscendo e usando il nome di Dio ci avviciniamo al modo giusto di adorarlo, lo stesso modo in cui veniva adorato nei tempi biblici. Questo pu essere il primo passo per stringere una relazione personale con lui, cosa ben pi importante del semplice sapere qual il suo nome. proprio Geova Dio a invitarci a stringere con lui tale relazione. Fece mettere per iscritto questo invito ispirato: Accostatevi a Dio, ed egli si accoster a voi. (Giacomo 4:8) SVEGLIATEVI!, 22/1 2004 Vedi inoltre: Il nome divino: uso e significato, scaricabile dal sito www.jw.org Nota in calce: Il tetragramma biblico o tetragrmmaton, [Immagine in alto] la sequenza delle quattro lettere ebraiche , ['(yod) ( heh) ( vav) ( heh) da leggersi da destra a sinistra] che compongono il nome proprio [ di Dio] descritto nel Tanach.In passato era largamente attestata la traslitterazione JHWH, in epoca contemporanea invece, la traslitterazione pi diffusa YHWH, dato che il valore consonantico e fonetico che la lettera J possiede in diverse lingue neolatine e inglese (come in jeans) non corrisponde alla yod ebraica.wiki. Twitter1 Google +1 Digg StumbleUpon Pubblicalo Tumblr LinkedIn1 Facebook2 Stampa Pinterest Reddit Email

Condividi: