You are on page 1of 185
MARTIN HEIDEGGER SENTIERI ‘INTERROTTI (Holzwege) Presentasione e uadusione di Pretno Cuoot «LA NUOVA ITALIA » EDITRICE FIRENZE PROPRIETA ‘LETTERARIA RISERVATA 1 eisioe: pile 1968 ‘Tie oiinde dtTopern Hakwese ‘osemann, Fraokiut om Main, 1950 (@ 1950 by Klowemana, Frankfort aa. Main 1968 by La Nuova Tala» Edie, Peense PRESENTAZIONE La presente traducione degli Holewege heidetgeriani ¢ stata da me computa fra il 1992 e it 1952. Per rapioné tdlitorlé vede la luce soltanto ora, dopo wna revsione cbe fom ba nrntsto nulla nel tess4to terminologico-nterprets tivo allora sabilito e confermeto dai miei tecersii studi beideggerian Now 2 agevole « trdurre » Heidegger, ¢ meno ancora radurve le tredusioni beideggeriane dei claici. Heidegger orca costantemente la madrelingua tedesca« quella che eglt ‘consider la madrelingna occidentale, il grec, in uno sforz0 Gi risalimento che accetlerebbe di venir considereio « et Imologico » solo a patto cbe la « veracitd» dell ¥ruues ve ise inter come (o storicizcarsi della verita dell esere mel ores. come Worewerden des Seins. Il linguaggio non 2 (quulcosa di posedato dal! uomo, poické, al contraio, 2 Ves Tere —- come parola — che pretende e possiede luomo: i inguazsio ® linguoggfo delestere. ‘Ma Vessere non «2, o7tia non & um ente, € quindi eppure il xsommo ente» Loblio dell'esere ¢ Ia sus Cauivocesone a entesanno alla radie della metasca come ontoeologia — metfiice che costituisce it fordamento ella inevitaile e progreszva deievione dell Occidente, Ler Seve mon & ma anwest: di sso non si pub dire ist, ma es ibe, ossia «c2 > dendosi (geben) come disvelamento, La Sua essence (lesen) rom esprime wor reat ideale ma (a presen vertative in senzo avo; Wesen & prima di tutto berbo, verbum, fatum: « come tale storia. quindl importante ortervare come Uessere autodi- suelantesi nella parla non sia storico per am qualcbe ca rattere inesensile; la stricta 3 Vessencs estrema dell'es tere, ls nature del ruo esser prerensaltd vertaive, Les tere ba 0, meglio, un Geschick. In questo termine tedesco rizwonaino i ceguenti sgnifeatic Jorma comveniente: strut tara necertaria, destino. L’essere ba tal Geschick — cioé lfessre st addice una tal ctruttura necessaria — per cui, ‘menire si rivela, od un tempo si nasconde, si sospende, Quests sospensione, questa epoché f2 si che Vestere sie epocele, cioe 1 rivell per epocke. L'epocaltd comtituisce la Uoriits originaria ¢ costtutiva — il destino — dels: sere, Lesser geschicklich dllersere @ il fordamento ¢ Vor dine del tuo exter geichichtlich, cioe storce, Dunguer Verere 2 autorivelaione nella perola, auto- vivelaione che, avendo Tuogo secondo wna « convenienza » dell essere con se stesso, fonda e isttwsce (a storia nella sua necestaria epocalitd. La storia finsce quindi per essere il ‘linguaggio del Geschick » dell'esere. Il fato. che Hei degger design? sovente Tessere come ies non deve jin barre nelerrre di eredere che la sus concecione del lin (guaggia rzponda od un etimologismo orienteto nel rento dell potest naturalctica del Ceatilo platonico; le « natura » Deideggeriana 2 la « convenienza», il « convenire » delles ere con ie rtesso nella sue sratiura epocsle; Varpetto “cstoricitco » delle tri convensionalistica nom solo nom 8 assente ma determinante: si tratta perd i una « conven- me» che Uesire stipula mecesseramente com $¢ stesso ‘quale fondamento della propria storiciti. Resta de vedere (ual conto prenda un « convenire » legato a una storicitd come «necesita» epocale. i noti comunque che qui « ne esttd» non significa coztritione erterna, ma Uanico modo possibile dé comvenire della convenionza stessa. Le natura epocale dela storia dellesere fa si che ogni epoca muova de am metzimo di rivelatione congiunto 4 un minimo di foccultamento, per concludersi in um massimo di occulta mento congiunto a un minimo di rivelacione, L'estrema povertd dellepace prepare il suo capovolgimento in una innovate riveleione. Oggi sta complendesi, nellorcarit