You are on page 1of 4

Fede e Ragione

CHI

SONO
LUNED

Le prove dell'esistenza d... | Home | La "favola" di Adamo ed E...

Blogger: ianitor "Adorate il Signore,Cristo,nei vostri cuori,pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che in voi"(1 Pietro 15) La scienza,la filosofia,la storia, a servizio della Verit per smascherare le menzogne del Relativismo... COMMENTI RECENTI utente anonimo in La Santa Casa di Lor... ARCHIVIO oggi --- 2008 ----- 2007 --CATEGORIE 33 del paradiso adamo ed eva amore anime dannate bandiera europea benedetto xvi chiesa codice da vinci cristianesimo dan brown demonio dio disegno intelligente dna ebraismo esorcismo eucarestia fatima fede e ragione ges cristo giovanni paolo ii guadalupe i 10 comandamenti inaugurazione inferno islam la ss trinit lanciano limbo maria miracoli monogenismo ordine naturale padre amorth padre pio panteismo pascal peccato mortale

, 23 APRILE 2007

Le prove dell'esistenza di Dio - Parte 3

- Condizione esistenziale dell'uomo Il terzo argomento che possiamo portare a sostegno della nostra tesi rappresentato dalla nostra stessa condizione di vita.Infatti l'uomo,da quando sulla Terra,ha sempre avvertito con grande intensit il bisogno di credere in qualcosa,o per meglio dire,Qualcuno,che sia pi grande di lui,che sia la causa prima e il fine ultimo della sua esistenza.Sicuramente,dal punto di vista dell'efficacia questa fra le tre,la prova pi "debole",perch il fatto che l'uomo avverta la necessit di affidarsi ad un Essere Superiore che rappresenti la vera ragione della sua vita,non dimostra,di per s,che Costui esista.Nonostante ci,non possiamo esimerci dal fare alcune importanti considerazioni in merito. -Come anticipazione delle considerazioni filosofiche,voglio riportare una splendida pagina dello scrittore Eugenio Corti,dove sono sintetizzati con maestria la constatazione dello straordinario finalismo della natura,la costante tendenza dell'uomo a meravigliarsi dinanzi alle bellezze del Creato,il naturale slancio della ragione verso l'infinito. Il brano descrive alcune farfalle osservate da una trincea: Farfalla "Ne venivano spesso,aleggiando,a posarsi sui bordi di terra smossa della nostra trincea,forse per suggerne l'umidit.Un pomeriggio ne arriv una particolarmente bella:era nero-velluto,striata di fuoco,con macchie bianche.La mia attenzione fu attirata dalla leggiadria di quei colori,i quali -mi resi conto- non erano disposti a caso:anzi,anche un grande pittore,soltanto in un momento di particolare grazia avrebbe saputo comporli con tanta arte.

peccato veniale politeismo principio di causalit principio di indeteminazione prove della resurrezione purgatorio religione santa casa di loreto sentimenti sindone unione europea universo vangeli apocrifi vangeli canonici verit LINKS

Cerca in questo blog

PARTECIPANO

FOTO RECENTI BOTTONI

La considerai attento:quanto a lei,certo,non era cos per propria scelta,non sapeva nemmeno di essere una farfalla,non se ne accorgeva.Nemmeno di esistere si accorgeva:esisteva e basta,e ferma sul bordo di terra della trincea,muoveva ritmica le ali,come uno che respiri nel sonno,inconsciamente lieta del miracolo grande dell'estate di cui faceva parte.Quando per,di l a poco,ne comparve un'altra della stessa specie,la farfalla si alz in volo e prese a volteggiarle intorno,mostrando si sarebbe detto con intenzione all'altra i propri colori,ostentandoli,nascondendoli,ostentandoli di nuovo con somma grazia,come una provetta attrice. Insetto,concretamento di qualcosa che la trascendeva infinitamente,anche lei come noi. Specchio -minimo,come il luccichio di un granello di sabbia al sole- della gioia e del colore che stanno nella mente di Dio. Una farfalla,mi resi improvvisamente conto,basterebbe da sola a dimostrare l'esistenza di Dio"(tratto da "Gli ultimi soldati del re"). -Blaise Pascal fra coloro che meglio hanno colto l'incredibile contraddizione della condizione umana;egli si riferisce all'uomo chiamandolo "giudice di tutte le cose e debole verme della terra,depositario della verit e cloaca d'incertezza e di errore,gloria e rifiuto dell'universo".L'uomo,un fragilissimo essere che per allo stesso tempo rappresenta la pi alta forma di vita dell'universo;l'essere umano racchiude dentro la propria condizione questo irrisolvibile paradosso,e Pascal lo spiega attraverso la "dottrina della caduta":secondo il filosofo,fra tutte le religioni,l'unica vera il Cristianesimo,poich solo esso parlando di una caduta della specie umana da una primordiale situazione paradisiaca,riesce a spiegare pienamente la condizione esistenziale di quel "mostro incomprensibile" che l'uomo.Infatti,che costui accolga in s due opposti come la grandezza e la miseria o una tragica assurdit,oppure il segno che l'uomo non come dovrebbe essere,in quanto privo di qualcosa che in un tempo lontano deve aver posseduto.Avendo perso,a causa del peccato originale,la Verit,il Bene e la Felicit,egli avverte la sofferenza della loro mancanza e l'anelito al loro riacquisto;e Pascal usa un'immagine molto bella per descrivere tale condizione:come un sovrano decaduto che in esilio conservi il ricordo degli

q q q q

RSS 2.0
q

ATOM 0.3
q

Segnala il blog
q

Powered by Splinder
q

CONTATORE visitato *loading* volte

antichi splendori,cos l'uomo avverte la nostalgia della dignit regale che sente connaturata alla propria persona.Infatti se non avesse mai conosciuto la Verit,e non avesse mai posseduto la piena felicit,egli non ne avrebbe idea e non ne avvertirebbe la mancanza."Chi si sente infelice di non essere re,se non un re spodestato?"E' mai possibile che l'unica differenza tra l'uomo e l'animale sia che il primo sa di dover morire?E con questa domanda(retorica)ci avviamo all'altro aspetto della questione. -"L'uomo l'unico animale che arrossisce.O che ne ha bisogno". Questo aforisma di Mark Twain evidenzia efficacemente l'immenso valore dei sentimenti nella vita dell'uomo.La straordinariet dell'essere umano,nel panorama della natura, testimoniata proprio dal fatto che egli possiede una forma di conoscenza che non semplicemente istintiva come quella degli animali,ma soprattutto intellettuale e quindi trascende la percezione e l'elaborazione meccanica dei dati sensoriali:l'uomo in grado di conoscere realt immateriali come la bellezza,la bont o la cattiveria sul piano morale,e dalla loro comprensione riesce a trarre un'emozione. La capacit emotiva costituisce un nucleo essenziale nella natura dell'essere umano,che non pu essere ridotto ad una semplice conseguenza della sua razionalit!I sentimenti si collocano in una dimensione che va oltre quella materiale.Ci confermato dal fatto che l'uomo pu essere influenzato dall'ambiente che lo circonda,ma trascende ogni tipo di condizionamento:mentre la nostra libert esteriore pu essere limitata e finanche annientata,la libert interiore,quella che proviene dalla nostra volont, intangibile e pu superare ogni costrizione esterna. A questo punto possiamo osservare che tra volont ed emotivit corre una relazione strettissima,dalla quale nasce la nostra capacit affettiva,il saper "prendere a cuore" qualcosa.Da tutto ci possiamo dedurre che l'uomo possiede una interiorit che travalica i meccanismi psico-fisici del suo corpo,un'anima che costituisce il centro unico dal quale scaturiscono tutti i suoi atti personali. Insomma il "soffio vitale" che risiede in ciascun uomo,pu ragionevolmente essere considerato di natura spirituale.

-Ricordiamo poi,che all'argomento della condizione esistenziale dell'uomo possiamo riallacciare alcune prove "secondarie",che hanno la funzione fondamentale di farci capire perch la Mente creatrice che all'origine di tutto debba necessariamente coincidere con il Dio cristiano: 1)Le prove storico-scientifiche: -la storicit dei vangeli canonici -il "mistero" della Sindone 2)Le prove filosofiche: -le opere di Ges Cristo -le prove della Resurrezione 3)Le prove soprannaturali: -i miracoli -gli esorcismi Di tutti questi argomenti si parler pi avanti. Riferimenti bibliografici: - "Protagonisti e testi della filosofia" Abbagnano, Fornero - "Uomo: n angelo, n bestia" Paola Premoli De Marchi

postato da: ianitor alle ore 17:56 | link | commenti categorie: amore, dio , sentimenti, pascal

Commenti

Template by splinder.com