You are on page 1of 2

UN FILO A PIOMBO

Amos 7:1-9

1 Il Signore, DIO, mi fece vedere questo: Egli formava delle locuste al primo spuntare dell'erba tenera, quella che spunta dopo la falciatura per il re. 2 Quando esse ebbero finito di divorare l'erba della terra, io dissi: Signore, DIO, perdona! Come potr sopravvivere Giacobbe, piccolo com'? 3 Il SIGNORE si pent di questo. Ci non accadr, disse il SIGNORE. 4 Il Signore, DIO, mi fece vedere questo: Il Signore, DIO, annunciava di voler difendere la sua causa mediante il fuoco: il fuoco divor il grande abisso e divor la campagna. 5 Allora io dissi: Signore, DIO, frmati! Come potr sopravvivere Giacobbe, piccolo com'? 6 Il SIGNORE si pent di questo. Neppure ci accadr, disse il Signore, DIO. 7 Egli mi fece vedere questo: Il Signore stava sopra un muro e aveva in mano un filo a piombo. 8 Il SIGNORE mi disse: Amos, che cosa vedi? Io risposi: Un filo a piombo. E il Signore disse: Ecco, io metto il filo a piombo in mezzo al mio popolo, Israele; io non lo risparmier pi; 9 saranno devastati gli alti luoghi d'Isacco, i santuari d'Israele saranno distrutti,e io mi lever con la spada contro la casa di Geroboamo. Il profeta Amos, in realt non apparteneva alla cerchia di quei profeti che si erano formati sotto una scuola, come era in uso a quel tempo, ma il suo essere profeta gli viene direttamente da Dio, infatti lui stesso dice: Allora Amos rispose: Io non sono profeta, n figlio di profeta; sono un mandriano e coltivo i sicomori. Il SIGNORE mi prese mentre ero dietro al gregge e mi disse: "Va', profetizza al mio popolo, a Israele" Amos 7:14-15. Lui dice di se stesso che non era profeta n figlio di profeta, ma nel suo essere umile e reale, dimostra che egli era pi profeta di tanti altri di quel tempo, perch Dio laveva fatto diventare tale. importante riconoscere la nostra pochezza e la nostra incapacit, perch solo allora siamo strumenti validi nelle mani del Signore. Ma tornando al testo letto, una frase diventa oggetto della nostra meditazione: Un filo a piombo. Dio, dopo aver risparmiato Israele prima dalle locuste e poi dal fuoco grazie allintercessione del profeta Amos, per mezzo di questo stesso profeta annuncia che ha intenzione di mettere un filo a piombo in mezzo al popolo dIsraele. La maggior parte sappiamo che cos un filo a piombo e a che serve, ma per quei pochi che non lo sanno , esso uno strumento essenziale che usano i muratori per erigere dei muri che siano effettivamente dritti o come si dice nel gergo a piombo. Molti sono i passi nel libro del profeta Amos dove si ammonisce il ricco e dove si condanna la religiosit esteriore. Le sue profezie di sventura per una mancata conversione troveranno compimento nell'abbattimento del regno del nord da parte degli Assiri e nella conseguente deportazione del popolo di Israele e dei suoi notabili nel 722 a.C. Questo filo a piombo ci parla e ci fa comprendere che ci che viene costruito, deve corrispondere a dei parametri, non possiamo costruire qualcosa in base a nostre personali sensazioni o a nostri individuali desideri, ma dobbiamo attenerci a quelle linee guida essenziali affinch la costruzione abbia alla fine quei requisiti basilari che un edificio deve possedere. Inoltre il filo a piombo ci dice anche che esso deve essere sempre presente allatto della costruzione, perch se non viene usato costantemente, c la possibilit che quello che viene edificato, poi debba essere distrutto perch non pu essere pi sistemato; una parete storta deve per forza essere abbattuta. Da questo ci rendiamo conto che dobbiamo usare questo strumento quotidianamente in ogni aspetto della nostra vita. Comprendiamo anche che il nostro filo a piombo il nostro Signore Ges, la sua vita, i sui insegnamenti, i suoi esempi, il suo amore e la sua abnegazione, devono essere per noi un esempio da cui non dobbiamo mai discostarci. Tre sono gli aspetti su cui ci soffermeremo in cui applicare quotidianamente il famoso filo a piombo: 1) Un filo a piombo nella nostra vita. Filippesi 2:5 Abbiate in voi lo stesso sentimento che stato anche in Cristo Ges . Questo versetto insieme a quelli che lo seguono contiene una verit che non pu essere scissa dalla vita di nessuno che porti il nome di cristiano, infatti ci insegna che dobbiamo avere in noi lo stesso sentimento che anim Ges, il filo a piombo dellumilt e dellubbidienza di Ges deve accompagnare la nostra crescita se vogliamo veramente assomigliare a Lui il quale, pur essendo in forma di Dio, non consider l'essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, ma spogli s stesso, prendendo forma di servo, divenendo simile agli uomini; trovato esteriormente come un uomo, umili s stesso, facendosi ubbidiente fino alla morte, e alla morte di croce Filippesi 2:6-8. Ges il nostro maestro, da lui dobbiamo trarre i giusti esempi per comportarci da veri cristiani, Ges ci ha insegnato il vero perdono in svariati casi come nel passo di Ges in casa di Simone il fariseo in cui da il perdono dei peccati alla donna peccatrice che gli asciuga i piedi, bagnati dalle sue lacrime, con i suoi capelli ( Luca 8: 36-50), o come nel caso della donna adultera che gli partano per giudicarla e che invece di essere lapidata se ne torna a casa con il perdono (Giov. 8:1-11). Anche in questi

casi e tanti altri non citati, vediamo come il filo a piombo del perdono che Ges ci insegna, deve essere sempre presente nella nostra vita State attenti a voi stessi! Se tuo fratello pecca, riprendilo; e se si ravvede, perdonalo. Se ha peccato contro di te sette volte al giorno, e sette volte torna da te e ti dice: "Mi pento", perdonalo Luca 17:3-4 2) Un filo a piombo nella nostra casa. Lapostolo Paolo, affronta diverse volte nelle sue epistole largomento famiglia, dando dei precisi consigli che sicuramente riconosciamo come provenienti dallo S. Santo. Infatti in Efesini 5:22-33 come anche in Colossesi 3:18-25 affronta i vari comportamenti e attitudini che ogni membro della famiglia deve tenere nei riguardi dellaltro al fine di costruire una famiglia felice, e il tutto rapportandolo a Ges il nostro maestro e il nostro filo a piombo, ma non solo lui, anche lapostolo Pietro ci dice qualcosa a riguardo in 1Pietro 3:1-7, parlando anche lui a mogli mariti figli e servi e spiegando come rapportarsi gli uni e gli altri alla luce degli insegnamenti di Ges. La famiglia importante, ricordiamoci che essa unistituzione che trova origine nella mente di Dio, Egli lha voluta e gli ha dato dei parametri precisi, solo che il peccato ha distrutto tutto ci di buono che Lui aveva in mente, trasformandola in un contenitore vuoto e nella maggior parte dei casi pieno di sozzure. Sia ringraziato Dio che quando Gli permettiamo di operare, Egli opera a trecentosessanta gradi, facendo si che le nostre famiglie possano reggere lattacco del maligno, ma per far si che tutto questo sia realizzabile, dobbiamo usare costantemente il filo a piombo della correttezza divina. 3) Un filo a piombo nella chiesa. Anche la chiesa, come la famiglia unistituzione che scaturita dalla mente di Dio, Egli lha immaginata e voluta, e lha organizzata come una famiglia in grande scala. Infatti sempre in Efesini 5:22-33 quando parla della famiglia, prende lesempio della grande famiglia di Cristo. Vediamo allora che il mari to di questa famiglia Ges che ha tanto amato la chiesa al punto che ha dato la sua vita per essa per santificarla dopo averla purificata lavandola con l'acqua della parola, per farla comparire davanti a s, gloriosa, senza macchia, senza ruga o altri simili difetti, ma santa e irreprensibile. Allo stesso modo anche i mariti devono amare le loro mogli, come la loro propria persona. Chi ama sua moglie ama s stesso Efesini 5:25-28. Ges ha fatto tutto questo per noi, pertanto comprendiamo pure che come la moglie deve essere sottomessa al marito, anche la chiesa deve essere sottomessa a Ges. Essere sottomesi a Ges vuol dire dare a Lui in modo tangibile la conduzione di ogni cosa, permettendo allo S. Santo di interagire nella vita comunitaria e in ogni scelta che si debba prendere. Ges prima di andare via da questo mondo disse ai suoi discepoli Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregher il Padre, ed Egli vi dar un altro consolatore, perch stia con voi per sempre, lo Spirito della verit, che il mondo non pu ricevere perch non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perch dimora con voi, e sar in voi Giovanni 14:15-17. Lo S. Santo rappresenta degnamente Ges, e quindi da lui che dobbiamo ricevere guida istruzione e ordini per il miglior andamento della vita della chiesa. Una chiesa che non opera e pensa come vuole lo S. Santo non pu definirsi neanche chiesa. CONCLUSIONE Il signore disse ad Amos Amos, che cosa vedi? ed Amos rispose Un filo a piombo. Forse non ce ne siamo mai accorti, ma Dio ci fa la stessa domanda oggi, cosa vedi? La salvezza stata manifestata da tanto tempo e noi grazie a Dio facciamo parte della famiglia dei salvati, ma Lui vuole che tutto ci che ci riguarda sia in linea con il filo a piombo che Lui ha steso, chiediamoci la nostra vita in linea con il suo filo a piombo? E ancora, la nostra casa, la nostra famiglia in linea con il suo filo,a piombo? E ancora, la nostra comunit in linea a cento per cento con la linea tracciata dal suo filo a piombo? Ognuno dia la sua risposta a Dio. A Dio sia la gloria. ACETO GIACOMO