Sie sind auf Seite 1von 2

E il Pensiero che Genera la Materia

Se si acquista un abito nuovo che si f di solito? Lo si indossa sopra a quello vecchio? No di certo quello vecchio, essendo consumato ed inutilizzabile lo buttiamo ed indossiamo quello nuovo una metafora, si sa che i nostri armadi sono pieni di abiti e raramente buttiamo qualcosa, si tiene l non si sa mai potrebbe sempre servire; ma chiss perdendo qualche kilo pu ancora essere utile! Non funziona cos il cambiamento, a livello di pensiero e di conseguenza energetico, ci che vecchio non serve pi, il pensiero deve essere nuovo, non pu essere riciclato, quando il pensiero cambia, non si pu pi essere quelli di prima. Chi recrimina e punta il dito sul passato e sui protagonisti del passato, non ha ancora veramente cambiato il suo pensiero, n il suo modo di essere. Quasi tutti conosciamo il passato poco glorioso dellUmanit, non tutti ne sono consapevoli ma chi in cammino, sul sentiero della conoscenza e della consapevolezza, conosce fatti aberranti, compiuti da umani e non umani, divini inconsapevoli; ma a chi giova continuare a parlarne e soprattutto a chi porta vantaggio continuare a puntare il dito accusatore? Dobbiamo guardare avanti, il passato serve soltanto per comprendere e non ripetere le stesse esperienze. Dobbiamo purificarci da quelle vecchie energie che sono parte di un passato ormai trascorso; le esperienze ci hanno insegnato o fatto ricordare, arricchito della conoscenza essenziale per progredire, la conoscenza di noi stessi ed il loro scopo era quello; ora giunto il momento di indossare labito nuovo e proseguire il cammino pi saggi e pi presenti a noi stessi e a ci che ci accade! Lenergia nuova cambier ci che sar giusto cambiare, lenergia nuova che sapremo produrre attraverso il nostro pensiero. Oramai abbiamo capito e magari anche com-preso, che: Non la materia che genera il pensiero, il pensiero che genera la materia. Giordano Bruno

Senza alcuna tecnologia ausiliaria, solo ed unicamente il pensiero ha il potere di creare, questo il segreto che non ci era mai stato rivelato cos apertamente come negli ultimi anni. Il pensiero, esercitarlo e svilupparlo primariamente nei nostri ambiti personali; colui che conosce se stesso sa cosa deve modificare del proprio pensiero. Colui che presente a se stesso conosce i propri pensieri e identifica i propri limiti, le paure che generano pensieri non pensati ma che nascono dal terreno del timore e dellabitudine. Chi conosce se stesso corregge giorno per giorno il proprio pensiero, purifica il proprio essere tramite pensieri purificanti, il pensiero pu tutto! Sperimentare solo sperimentando avremo la prova tangibile di ci che i grandi Maestri ci suggeriscono da millenni. Ora questi insegnamenti sono alla portata di tutti e chi conosce e crede, ora che cominci a sperimentare per com-prendere che la frase che da anni ci ripetiamo e rimbalza in ogni dove una verit: Cambia te stesso e cambierai il mondo! Patrizia di Visione Alchemica

Bisogna capire il pensiero e chiederci se il pensiero pu vedere qualcosa di nuovo; o se invece il nuovo pensiero non sia sempre vecchio, cos quando si affronta un problema della vita che sempre nuovo non se ne pu vedere la novit perch lo si interpreta nei termini del proprio condizionamento. Jiddu Krishnamurti

CONSIGLI PER CAMBIARE IL MONDO di Mohandas Karamchand Gandhi, detto il Mahatma 1. Cambia te stesso. E inutile cambiare il mondo esterno restando noi stessi, con le nostre paure e i nostri dispiaceri; il primo passo cambiare le cose che non amiamo di noi e creare una realt interiore migliore. 2. Ricorda chi ha il controllo. Lunica persona che pu influenzarti davvero sei tu, anche se spesso lo dimentichiamo abbiamo il potere di decidere quello che ci tocca e ci che ci indifferente. 3. Perdona. Perdonare e dimenticare sono le chiavi per distruggere il male che ci hanno fatto, combatterlo con altra negativit non serve a niente se non a permettere al nostro carnefice di esercitare controllo su di noi. 4. Agisci e non nasconderti. Se senti di dover fare qualcosa, agisci e non nasconderti dietro ad attivit simili solo per non sentirti inutile. 5. Goditi il presente. Impara ad apprezzare i momenti che stai vivendo, qualunque cosa tu faccia e non sprecare la tua vita pensando continuamente al futuro. 6. Guarda gli uomini per quello che sono. Cerca di non essere invidioso del successo altrui, di non seminare zizzania e soprattutto ricorda che siamo esseri umani e che crearsi delle persone-standard inutile, cerca di conoscerle davvero e di giudicarle il meno possibile. 7. La persistenza la virt dei forti. Persisti in quello che fai ed impegnati per superare gli ostacoli. 8. Aiuta gli altri. Conoscere chi ti circonda, scoprirne pregi e difetti ed aiutare gli altri non migliora solo la loro vita, ma ti arricchisce molto di pi di qualunque lavoro o bene materiale. 9. Sii te stesso. Mostra agli altri come sei fatto veramente senza paura e cerca di dare il meglio di te, uno degli strumenti pi efficaci per contribuire a migliorare le relazioni sociali. 10. Continua ad evolverti. Non fermarti al primo obiettivo raggiunto ma continua il tuo percorso senza smettere mai di osservare ed ascoltare e ricorda che la conoscenza fondamentale per accrescere la ricchezza spirituale, tua e degli altri.

Fonte:

http://www.visionealchemica.com/e-il-pensiero-che-genera-la-materia/