Sie sind auf Seite 1von 3

, il Neglect.

Le persone affette hanno una patologia al lobo parietale di destra, e non


vedono lemicampo di sinistra. Se voi gli date una pizza, queste persone lasciano la
parte sinistra, proprio perch non la vedono. Se gli fate costruire un orologio, arrivano
fino al 6, proprio perch lemicampo di destra integro, mentre quello di sinistra no.
Se gli fate tracciare una linea e gli chiedete di dividerla in due, poich la parte sinistra
non riescono a vederla, la divideranno in due dalla parte destra. Se, per, questa linea
la portate pi lontano, e gliela fate dividere, questi la dividono normalmente. E
perch? Perch si tratta di uno spazio non centrato sul corpo, ma sulla vista. Si parla di
spazio retino-centrico, centrato cio sullocchio e non sul corpo, e se io vedo un
oggetto in lontananza (es: estintore), io posso solo vederlo ma non posso interagirci. E
uno spazio diverso dal cosiddetto spazio peripersonale, ovvero lo spazio proprio
intorno alla persona.
Quando vediamo un oggetto, facciamo sempre due cose: facciamo una fotografia e la
mandiamo nel lobo temporale. Questo alla base, per esempio, del riconoscimento di
una tazzina rispetto ad una forchetta

Una delle zone del telencefalo importanti per la memorizzazione lippocampo.


NellAlzheimer, una malattia cronica degenerativa del sistema nervoso, interessata
la memoria. Vedete che lippocampo molto sottile.

Se ricordate, il piano sagittale mediano divide in corpo in due antimeri che a livello
degli emisferi CEREBRALI ha un controllo eterolaterale, bilaterale a livello dei nervi
cranici (eccezione del 7 e del 12) ed eterolaterale a livello dei nervi spinali. Ci
implica che, nelleterolateralit, se io ho unemorragia a destra, ad esempio
nellemisfero destro avr una paralisi a sinistra invece se ho un danno a livello
cerebellare a destra, essendo omolaterale, il danno si ripercuoter sulla parte destra
del corpo quindi avr un tremore intensionale sempre a destra. Il tasso di gravit di
una paralisi in relazione allaltezza cio a quanto sono vicino al raggruppamento di
fibre mieliniche che la capsula interna. Per capire com fatta dovete immaginare dei
capelli. Se io effetto un taglio ad un altezza a caso ne taglio ad esempio 300. Se io
invece li raggruppo in una coda e taglio a livello della coda io li taglier tutti. Quindi
se io ho un danno ai primi neuroni motori quindi a livello degli emisferi io avr un
danno pi o meno esteso a seconda dellaltezza a cui io ho avuto il taglio delle fibre
efferenti che stanno scendendo. Ricordando ci che di cui si parlato in anatomia 1
importante ricordare che i corpi dei secondi neuroni motori stanno nel corno anteriore;
in particolare ora specificheremo in quale lamina poich esiste una laminazione, le
famose 10 lamine di REXED che dividono la nostra farfalla in 10 segmentini in cui il
primo segmento il corno posteriore ed il decimo segmento centrale in particolare
dove vi il canale centrale del midollo spinale, il canale ependimale. Larea 9 nel
corno anteriore ed qui che vi sono i corpi dei secondi motoneuroni . I primi
motoneuroni sono nella corteccia cerebrale che la sostanza grigia la sostanza bianca
invece rappresenta la sostanza mielinica ed interna ospitata dal centro semiovale.
Il concetto di piramidale riguarda gli assoni che partono dal 1 neurone corticale, si
raccolgono a ventaglio, passano il centro semiovale e si raccolgono nella capsula
interna(se ho un danno qui ho lemiparesi controlaterale) a livello del bulbo.Corona
radiata e centro semiovale non sono la stessa cosa.La corona radiata si trova

allinterno del centro semiovale che come un ventaglio rappresentato dai fasci
motori cio il fascio piramidale o della motricit volontaria.
Quindi, ricapitolando,un emisfero cerebrale controlla la met del corpo controlaterale.
Se io ho unemorragia a destra a livello della capsula interna ho una postura
particolare caratterizzata dalliperestensione dellarto inferiore e dalla flessione
dellarto superiore per spasticit dei muscoli antigravitari.

. Le fibre sensoriali sono quelle degli organi di senso:vista,udito equilibrio ecc. Le vie
sensitive sono quelle legate alla sensibilit che si divide in enterocettiva(dallinterno
del nostro corpo divisa a sua volta in propriocettiva e dolorifica ) e la sensibilit
esterocettiva cio del mondo esterno(dolore,temperatura,pressione ecc)
Quindi mentre se io ho una paralisi io non posso muovermi (patologia piramidale) se
invece ho una sindrome cerebellare io scompongo il movimento ma mi
muovo(patologia extrapiramidale) poich il sistema extrapiramidale coadiuva il
movimento ma il piramidale a dirigere ed a causare il moviemento. Il cervello,lo
ripeteremo fino alla nausea, non conosce i singoli movimenti. Il cervello conosce
lazione guida la macchina non i singoli movimenti per guidarla ed infatti io posso
guidare la macchina in tanti modi diversi perch ad esempio potrei essere un
amputato e guidare solo con le mani anzich con mani e piedi. Il cervelletto la sede
dellapprendimento. Il lavoro grezzo lo fa larea 4 di Brodmann che esegue il
movimento che pianificato dalle aree premotorie parietale dellarea 6 di Brodmann.

Il liquido cefalorachidiano non altro che un filtrato che viene prodotto dai plessi
coroidei che sono formati da un vaso ricoperto di pia madre e poi rivestito dalle cellule
ependimali. Il liquido contenuto nei vasi oltrepassa lendotelio, oltrepassa la pia
madre, oltrepassa le cellule ependimali e produce un ultrafiltrato che non altro che il
liquido cefalorachidiano che si riversa in questi ventricoli. Il liquido cefalorachidiano
viene riassorbito dalle granulazioni del Pacchioni cio da dei bottoncini di aracnoide
che riassorbono questo liquido a livello dei seni della dura madre che, lo ricordiamo,
sono delle vene particolari formate da uno sdoppiamento della dura madre.

Tornando ai ventricoli, quando il canale spinale oltrepassa il forame occipitale, si apre


nel quarto ventricolo, il cui pavimento formato dalla parte dorsale di ponte e di
bulbo, mentre il tetto formato dai collegamenti tra cervelletto e ponte-bulbo (si
ricordi che il cervelletto collegato al tronco mediante 3 peduncoli, che connettono il
cervelletto al ponte, al bulbo ed al mesencefalo). Il ventricolo posto nella parte
dorsale del tronco, che chiamata calotta, mentre la parte anteriore invece
chiamata piede. Il mesencefalo presenta dorsalmente anche un tetto, dove ci stanno i
quattro tubercoli quadrigemelli, inferiori e posteriori.

Il tronco dellencefalo occupato, oltre che dai nuclei dei nervi cranici, anche dai
cosiddetti nuclei propri del mesencefalo (come ad esempio nucleo rosso, sostanza
nigra, oliva bulbare).

Gli spazi subaracnoidei, bagnati dal liquido, si possono chiamare anche cisterne. Una
di queste molto importante la cisterna magna, da cui si possono effettuare prelievi
per lappunto di liquor.

interventricolare di Monro (interventricolare significa tra i ventricoli a C, ovvero i


laterali, ed il terzo), delimitato anteriormente dal fornice e dietro dal talamo

. Il tetto costituito da un sepimento che si chiama tela corioidea (differisce dal


plesso corioideo perch fatta dallependima e dalla pia madre, ma non da vasi,
presenti invece nel plesso corioideo). La tela non produce liquor, un sepimento
posto tra i due talami a costituirne il tetto. Bucando la tela, che unisce le due facce
superiori del talamo chiamate dorso del talamo, si entra nel terzo ventricolo (il cui
tetto costituito pure in questo caso dalla tela).

Ricapitolando: se guardo il cervello noto subito il corpo calloso, struttura di


collegamento tra i due emisferi
Se si togliesse il corpo calloso si vedrebbe il fornice, sotto cui invece ci sono i due
ventricoli laterali.

Tra i due talami c una struttura, la adesio intertalamica. Il foro interventicolare


di Monro, pari, unisce i due ventricoli laterali al terzo. La capsula interna, delle vie
mieliniche, si pone tra talamo mediale e nucleo caudato e lenticolare. Una porzione del
cervello che non si vede linsula, importante nel circuito del sistema limbico. Il
claustro un nucleo le cui funzioni non sono molto chiare ( una sottile lamina di
sostanza grigia situata nella corteccia dell'insula, in continuit anteriormente con
l'amigdala ed addossata alla corteccia insulare, dalla quale separata soltanto per
l'interposizione della capsula estrema; medialmente, la capsula esterna lo separa
invece dal putamen). Dallesterno verso interno troviamo: corteccia dellinsula,
capsula estrema, claustro, capsula esterna e interna. Il corpo calloso dietro splenio,
poi c corpo, ginocchio e rostro