Sie sind auf Seite 1von 40

gioved 2 aprile 2015 anno 119 - numero 78 euro 1,40

11
Antonio
Conte
45 anni
c.t. azzurro

Conte, partita in Procura


Il c.t. ha presentato un memoriale e chiesto di essere interrogato
In ballo il possibile rinvio a giudizio per frode sportiva per Siena
CENITI A PAGINA 14

SCHWAZER
CON DONATI
SFIDA CHE FA
DISCUTERE

Alex Schwazer con Sandro Donati

Il tecnico: Vile dare a lui


ogni colpa. Il marciatore
controllabile 24 ore su 24

LE ANALISI DELLA GAZZETTA

VOL TA
FIN LE

BUONGIOVANNI, PICCIONI A PAG. 31

LINTERVENTO
di don Luigi Ciotti

19

SOLO UNOPERAZIONE
DI MARKETING
L'ARTICOLO A PAGINA 19
Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

SYLVINHO
IL VICE
DI MANCINI
SA ESSERE
UN DURO

Vuole che lInter


giochi con unintensit
da Champions, dove
vietato sbagliare

IO TRADITO
DALLA ROMA
MI RIALZER
COL GENOA

IL COMMENTO
di Fausto Narducci

Dallalto da sinistra: Muriel (Sampdoria), Destro (Milan), Pjanic (Roma), Callejon (Napoli),
Defrel (Cesena), Anderson (Lazio), Rodriguez (Fiorentina), Podolski (Inter) Sau (Cagliari)

10 PARTITE LO SNODO CHAMPIONS


10 GIOCATORI TURBO ANDERSON E...
10 DOMANDE PER SAPERE TUTTO
LUCA BIANCHIN ALLE PAGINE 2-3

Lattaccante rossobl:
Per me ci voleva Gasp
Bello e dannato? Storia
che mha fatto soffrire
DA RONCH, GRIMALDI A PAGINA 13

20

OGGI LE ALTRE SFIDE DI B

Carpi sempre pi vicino alla A


Batte il Bologna 3-0: +16 sulla 3a
BINDA, FORESI, SETTI ALLE PAGINE 20-21

28

24

INIZIATIVA GAZZETTA

FORMULA 1

Giannini ministro Vettel fa festa


a Maranello
in maglia rosa:
100 mila bambini Mi avete dato
con BiciScuola una bella Ferrari

9 771120 506000

50 4 0 2>

10

BORRIELLO

L'ARTICOLO A PAGINA 19

El Shaarawy vicino al
ritorno al Genoa: Lo
diamo in prestito per
fargli ritrovare fiducia
hanno detto i Ringo Boys.

OLIVERO E PASOTTO A PAGINA 11

13

SU ALEX LA GARANZIA
DI UN VERO MAESTRO

IL ROMPIPALLONE
di GENE GNOCCHI

La mezzala rossonera:
La colpa della crisi
anche mia, ma io non
mollo. E miglioreremo

BREGA, DALLA VITE A PAGINA 10

19

MILAN,
O
RIPARTIAMO
DAL NUCLEO
ITALIANO

DA NON
PERDERE
1 Il borsino degli azzurri
da Buffon a Pell
chi sale e chi scende
LICARI A PAGINA 15

2 Da Monti a Valdifiori
com cambiato il ruolo
di direttore dorchestra
SCHIANCHI A PAGINA 16

DI GIOVANNI
A PAGINA 28

CREMONESI
A PAGINA 24

3 De Vrij un altro Stam


Cara Olanda, la Lazio
mi ha fatto crescere
BOCCI A PAGINA 8

Marco Borriello, 32 anni

31

POLI

Andrea Poli, 25 anni

CALCIOSCOMMESSE / ENTRO APRILE SAR SENTITO A CREMONA

Silvinho, 40 anni

www.gazzetta.it / GazzettaTv canale 59

Primo piano R

LAGENDA
UNO SPRINT
IN DUE MESI

CLASSIFICA DOPO LA 28a


Juventus 67; Roma 53; Lazio 52;
Sampdoria 48; Napoli 47; Fiorentina
46; Torino 39; Milan 38; Genoa*
e Inter 37; Palermo 35; Udinese* ed
Empoli 33; Sassuolo, Chievo e Verona
32; Atalanta 26; Cagliari e Cesena 21;
Parma** (-3) 9 (* una gara in meno;
** due gare in meno)

29a GIORNATA 4 APRILE


Ore 12.30: ROMA-NAPOLI;
ore 15: Atalanta-Torino,
Cagliari-Lazio, Genoa-Udinese,
Inter-Parma, Palermo-Milan,
Sassuolo-Chievo,
Verona-Cesena.
Ore 18.30: Fiorentina-Sampdoria.
Ore 21: Juventus-Empoli.

30a GIORNATA 11-12 APRILE


Sabato, ore 18: Genoa-Cagliari
e Parma-Juventus,
ore 20.45: Verona-Inter.
Domenica, ore 12.30: Cesena-Chievo,
ore 15: ATALANTA-SASSUOLO,
Lazio-Empoli, Napoli-Fiorentina,
Torino-Roma, Udinese-Palermo.
Ore 20.45: Milan-Sampdoria.

31a GIORNATA 18-19 APRILE


Sabato, ore 18: Sampdoria-Cesena,
ore 20.45: Juventus-Lazio. Domenica,
ore 12.30: Sassuolo-Torino.
Ore 15 Chievo-Udinese, Empoli-Parma,
Palermo-Genoa, Roma-Atalanta,
ore 18: Cagliari-Napoli,
ore 20.45: INTER-MILAN.
Luned, ore 20.45: Fiorentina-Verona.

32a GIORNATA 25-26 APRILE


Sabato, ore 18 Udinese-Milan,
ore 20.45: Inter-Roma.
Domenica, ore 12.30: Atalanta-Empoli,
ore 15: Genoa-Cesena, VeronaSassuolo, Lazio-Verona, ParmaPalermo, Torino-Juventus;
ore 18: Fiorentina-Cagliari.
Ore 20.45: NAPOLI-SAMPDORIA.

Campionato: 10
1

LANALISI DI LUCA BIANCHIN


La fine di campionato di solito non la fine del mondo. A volte si vedono
partitacce, pareggini sospetti e squadre con approccio metafisico: il
corpo in campo e la testa oltre confine, alle coppe. Il 2 aprile per lascia
speranze per il 2015. Intanto giorno serissimo: basta pesci. Poi
ragiona per cifre tonde. Mancano 60 giorni, 100 partite, 10 giornate.
Serviranno per dividere il calcio italiano in due. Felici e infelici. Salvi e
retrocessi. Qualificati alle coppe e specialisti del divano infrasettimanale.
Si pu capire chi saranno partendo da 10 partite, 10 giocatori,
10 domande.

f10 PARTITE
2

Rincorsa Napoli
Sabato la Roma
allultima la Lazio
1Snodo Champions anche il torrido derby romano

alla penultima. Cesena-Atalanta: si salvi chi pu

l campionato ha snodi ferroviari: passa da


stazioni pi importanti delle altre. Lazio-Inter del 5 maggio vale un campionato e MilanSamp 99 poco meno. Il 2015 non avr partite cos
pesanti, per...
GIORNATA 29: ROMA-NAPOLI La partita pi importante del sabato di Pasqua la pi triste. Roma
e Napoli, le anti-Juve, sono anti-Samp: giocano
per evitare il rimontone di Mihajlovic (oltre che
della Lazio). Si giocher con fisico, piedi e testa.
Fisico: Yanga-Mbiwa contro Koulibaly. Piedi: Pjanic contro Hamsik, se solo ricordassero chi sono.
Testa: il Napoli sembra una classe in quinta superiore (ancora due mesi insieme, poi ognuno per la
sua strada), ma la Roma molto pi fragile. Se
perde, probabile caduta libera.
GIORNATA 30: ATALANTA-SASSUOLO Quartultima e quintultima, ma con turno pasquale non
complicato. Scenario (per loro)
ottimistico. Potrebbero arrivare
al 12 aprile con 8 e 14 punti sul
Cagliari: il Sassuolo sarebbe
salvo, lAtalanta quasi. L1 a Bergamo renderebbe la lotta salvezza meno interessante di un
film coreano senza sottotitoli.
Scenario pessimistico. Con una
sconfitta alla 30a, allAtalanta
suonerebbero le sirene: campionato a rischio, non unesercitazione.
GIORNATA 31: INTER-MILAN
Derby triste, da periferia dellimpero. Milano, quarta citt
per somma punti, emette la sentenza definitiva: chi perde sigilla la stagione peggiore del millennio. Partita lunga 130 giorni:
ampie ripercussioni sul mercato, fino al 31 agosto.

rato il binocolo. Spettatrici interessate.


GIORNATA 33: CESENA-ATALANTA LA PARTITA,
maiuscolo, per la lotta salvezza. Il Cesena ora a
-5 ma occhio, ha fatto 5 punti nelle ultime quattro
e si messo in testa di rimontare con le vittorie in
casa. Una deve arrivare il 29 aprile. Nota a margine: Bergamo-Cesena una tratta da commercianti. Brienza, Lucchini, Capelli, Marilungo, Nica,
Giorgi e Cazzola vestono bianconero ma hanno
un passato allAtalanta.
GIORNATA 34: FIORENTINA-CESENA Sottovalutata ma bivalente: Europa e salvezza. La Fiorentina ha un calendario difficile, con Samp, Napoli e
Juve nelle prossime cinque. Se arriva lanciata,
salta il Cesena e affronta col passo giusto gli ultimi quattro ostacoli. Dritta in
Champions. Al contrario...

IL NUMERO

La Roma negli ultimi


10 turni giocher contro
6 delle altre 9 squadre
che compongono la top 10
Calendario complicato

GIORNATA 35: CHIEVO-VERONA Derby col punto interrogativo. Magari sar commentato in
dialetto veronese: con due squadre salve, interesserebbe solo
alla citt. Magari una delle due
finir in zona-Cesena e tutto si
complica: vuoi mettere, mandare in B i cugini? Nel caso, intrighi da Montecchi e Capuleti.
GIORNATA 36: INTER-JUVE
Servono spiegazioni?

Francesco Totti, capitano della Roma

GIORNATA 32: NAPOLI-SAMP Cominciamo a


inoltrarci nella selva oscura: difficile capire come
si arriver al 25 aprile. Per Napoli e Samp, in ogni
caso, non sar una Liberazione: lotteranno per
lEuropa fino a maggio. Qui tre punti pesanti: Inter e Roma, impegnate in anticipo, hanno prepa-

GIORNATA 37 LAZIO-ROMA
Qui s, servono. Il sottotitolo
psicodramma allOlimpico: al
99% decider per la Champions. Ricordate quanto ha pesato il gol di Lulic nel derby pi
importante di sempre? Ecco,
riscriviamo la definizione.

GIORNATA 38: NAPOLI-LAZIO Lotito al sorteggio


dei calendari non scappato in motorino ma il
finale della Lazio complesso. Lultima giornata
sembra non avere incroci delicati, con una eccezione al S. Paolo. Higuain-Klose un anno dopo:
questa non vale Argentina-Germania ma non andiamo troppo lontano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

f10 GIOCATORI

Turbo-Felipe
senza freni
Se Podolski
si sveglia...
Eppure ci sono calciatori che
pi di altri possono indirizzare
il finale. Il loro rendimento peser tanto, forse tantissimo.
SPORTIELLO LAtalanta non ha
mai vinto una partita con pi di
un gol di scarto e il suo portiere

FELIPE ANDERSON Attaccanti


col turbo parte 1. Felipe al momento il miglior giocatore del

la Fiorentina che resti in salute Rodriguez

elle ultime giornate


del 2013-14 hanno
segnato Larrondo,
Obinna, Andreolli, Rebic,
Guana, Cofie, Cherubin. Basta, la morale chiara: questo non un film, non si pu
prevedere chi far leroe.

SAU Laltra faccia della lunasalvezza. Marco Sau ha fatto


quattro gol in era-Zeman ma
non segna dal 25 ottobre. In
pi, gli deve un favore: un suo
gol ha deciso lesonero alla Roma. Se Sau non ricomincia in
fretta, ci si rivede tutti in B.
PJANIC Giotto, suo vecchio
soprannome, non fa un cerchio
perfetto da novembre: doppietta allInter. Nel 2013 ne segn due anche al Napoli e Garcia gradirebbe il replay sabato
a pranzo. Se le stelle si vedono
quando fa buio, nel momento
difficile la Roma chiede aiuto
al suo giocatore pi quotato.

1LAtalanta prega che non cali Sportiello,

lottavo giocatore del campionato per le pagelle. Deduzione:


se Sportiello avesse fatto trequattro miracoli in meno,
lAtalanta guarderebbe il Cesena negli occhi. Per questo importante: se cala lui (e il Papu
Gomez non d continuit ai
progressi), Reja rischia.

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

33a GIORNATA 27-28-29 APRILE


Marted, ore 20.45: Udinese-Inter.
Mercoled, ore 20.45:
CESENA-ATALANTA,
Chievo-Cagliari, Juventus-Fiorentina,
Lazio-Parma, Milan-Genoa,
Palermo-Torino, Sampdoria-Verona,
Sassuolo-Roma.
Gioved, ore 20.45: Empoli-Napoli.

34a GIORNATA 2-3-5 MAGGIO


Sabato, ore 18: Sassuolo-Palermo.
Ore 20.45: Sampdoria-Juventus.
Domenica, ore 12.30: Roma-Genoa,
ore 15: Atalanta-Lazio, Cagliari-Parma,
FIORENTINA-CESENA,
Verona-Udinese, Inter-Chievo,
ore 20.45: Napoli-Milan.
Marted, ore 18.30: Torino-Empoli

35a GIORNATA 9-10 MAGGIO


Sabato, ore 18: Udinese-Sampdoria,
ore 20.45: Milan-Roma.
Domenica, ore 12.30:
CHIEVO-VERONA,
ore 15 Cesena-Sassuolo, EmpoliFiorentina, Genoa-Torino, JuventusCagliari, Palermo-Atalanta, ParmaNapoli. Ore 20.45: Lazio-Inter.

36a GIORNATA 17 MAGGIO


Domenica, ore 15:
Atalanta-Genoa,
Cagliari-Palermo,
Fiorentina-Parma,
INTER-JUVENTUS,
Napoli-Cesena, Roma-Udinese,
Sampdoria-Lazio, Sassuolo-Milan,
Torino-Chievo, Verona-Empoli.

37a GIORNATA 24 MAGGIO


Domenica, ore 15:
Cesena-Cagliari, Chievo-Atalanta,
Empoli-Sampdoria, Genoa-Inter,
Juventus-Napoli,
LAZIO-ROMA,
Milan-Torino, Palermo-Fiorentina,
Parma-Verona,
Udinese-Sassuolo.

38a GIORNATA 31 MAGGIO


Domenica, ore 20.45:
Atalanta-Milan, Cagliari-Udinese,
Fiorentina-Chievo, Inter-Empoli,
NAPOLI-LAZIO,
Roma-Palermo,
Sampdoria-Parma,
Sassuolo-Genoa, Torino-Cesena,
Verona-Juventus.

passi alla meta


3

f10 DOMANDE

Tevez re del gol?


Le milanesi fuori
dallEuropa?
Chi dopo Inzaghi?
1Le ultime giornate potrebbero innescare una
rivoluzione di panchine e ribaltare la Capitale...

DA MURIEL A SAU
I PROTAGONISTI
CHE ASPETTIAMO
Dieci protagonisti del
campionato per le prossime
dieci giornate. 1 Luis Muriel, 23
anni (Sampdoria). 2 Mattia
Destro, 24 anni (Milan).
3 Miralem Pjanic, 25 anni oggi
(Roma). 4 Jos Callejon, 28 anni
(Napoli). 5 Gregoire Defrel,
23 (Cesena). 6 Felipe Anderson,
21 anni (Lazio). 7 Gonzalo
Rodriguez, 30 anni (Fiorentina).
8 Lukas Podolski, 29 anni (Inter).
9 Marco Sportiello, 22 anni
(Atalanta). 10 Marco Sau, 27 anni
(Cagliari)

campionato: 7,5 di media a


marzo. La Champions della Lazio passa dal suo pie veloce.
MURIEL Attaccanti col turbo
parte 2. Laccelerazione contro
lInter - scatto e dribbling - ha
ricordato il vecchio Muriel. A
Mihajlovic, bravissimo, sta andando tutto bene. Per la Champions gli serve un attaccante
da 4-5 gol in due mesi. Okaka?
Difficile. Eder? Occhio a sbalzi
post-Nazionale. Lindiziato ha
un accento sudamericano.
GONZALO La Fiorentina da
agosto ha una delle migliori difese per, con Gonzalo Rodriguez indisponibile, ha preso 4
gol dalla Lazio. Tatarusanu sta
per tornare e gi il portiere
argomento delicato: gioca lui o
Neto? Montella al suo leader
difensivo chiede solidit. Se
poi aggiungesse i soliti gol...
CALLEJON Gol di Callejon fino
al primo novembre: 9 in 10
giornate. Gol di Callejon dal
primo novembre: zero. Non
un santo. Il Napoli non vince
da quattro partite e ormai dal

IL NUMERO

I gol di Defrel in 24
partite col Cesena. In tre
stagioni sono 12 in 92
gare, oltre a uno nella
finale playoff col Latina

Gregoire Defrel, uomo gol a Cesena

suo 7 si aspetta di tutto. Dimmi


quanti gol far lo spagnolo e ti
dir che coppa farai il prossimo anno.
PODOLSKI Ovazione ad Appiano: Poldi ha segnato allAustralia. Con il club non succede dal

ieci domande tra aprile e maggio possono


valere una promozione: interrogazione
decisiva a scuola. Qui al massimo si ragiona di retrocessione, ma si pu preparare un questionario per il campionato (e suggerire le risposte).
JUVE CAMPIONE? 1) La Juventus ha gi vinto lo
scudetto? Risposte accettate: una, affermativa. Il
resto esercizio di stile: immaginare come si possono perdere 14 punti in 10 giornate dopo averne
lasciati 17 in 28 turni.

10

20 aprile 2014: Hull CityArsenal 0-3. LEuropa sembra una missione impossibile, roba da chiamare Tom
Cruise, ma se Lukas comincia a fare gol...
DESTRO Stesso ragionamento, con il rosso al posto
dellazzurro. Menez non
pu crescere ancora, allora
Inzaghi spera che il suo 9
aggiunga i gol per il gran finale. Brutte notizie: tra
aprile e maggio ha segnato
3 gol negli ultimi 3 anni...
DEFREL La vera matta in zona salvezza. Prima una frase
forte: il giocatore chiave del
Cesena Krajnc. Con lo sloveno, 16 punti in 12 giornate, media da settimo posto.
Poi una frase pi saggia:
luomo salvezza non pu essere lui e forse nemmeno
Djuric, che lotta ma non fa
gol. Luomo salvezza pu essere Defrel: rapidit e colpi.
Dicono a Cesena: Sarebbe
un fenomeno, se solo potesse giocare senza pensare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

E SE LA LAZIO...? 2) Che cosa succede se la Lazio


supera la Roma? Domanda insidiosa che per associazione di idee fa venire in mente psicodrammi romanisti, mille prese in giro nei bar, un esonero, sei citazioni in latino di Lotito compresa
Lazio caput mundi. Chiaro che dalla risposta
dipende la lotta per il secondo posto, cio per la
Champions senza preliminare. La Roma a +1
sui cugini ma al momento i favoriti giocano con
unaquila sul petto.

attaccanti che stressano gli agenti su whatsapp


chiedendo novit. Leffetto a catena un classico.
Esempio 1: Montella va al Milan, Di Francesco alla Fiorentina, Iachini al Sassuolo, chiss chi al Palermo. Esempio 2: Mihajlovic va al Napoli, Di
Francesco alla Samp, Marino al Sassuolo. Il campo centrale Roma: Sabatini traballa e anche la
panchina di Garcia in zona sismica.
MILANO EUROPEA? 6) Milano rester fuori dallEuropa? Da quando ci sono le coppe, una squadra della citt si sempre qualificata. A settembre
2015 si rischia la prima volta storica: i tifosi arriverebbero a Malpensa solo per lExpo. Il Milan ha
9 punti da recuperare sul Napoli, lInter 10. Pi
probabile finiscano in tempo i cantieri in zona
Fiera.
CHI IN B? 7) Chi lascer la Serie A assieme al
Parma? A Bergamo, plebiscito per la risposta A:
Cagliari e Cesena. la pi logica e salverebbe
lAtalanta, quartultima a +5. Chievo, Verona,
Sassuolo, Empoli e Udinese invece sembrano
tranquille. Lotito, rimasto con la testa alla domanda 2, noter che da ieri sera ci sono altre certezze: il Carpi praticamente in A. (I tifosi cantano Castori portaci in Europa ma i punti di vantaggio non si possono convertire
in un bonus per la Champions).

M&M INCOMPIUTI? 3) Mihajlovic e Montella


completeranno la grande stagione centrando un
obiettivo? La domanda ha un retrogusto accusatorio. Montella allena un gran
calcio ma non va oltre: MouIL NUMERO
rinho noterebbe gli zeru tituli
in bacheca e Della Valle avr fatto considerazioni simili con altro accento. LAeroplanino ha
due occasioni in due mesi: la
Coppa Italia (ha vinto 2-1 a Torino landata delle semifinali) e Le stagioni durante
lEuropa League (quarti contro le quali Inter e Milan
la Dinamo Kiev). Oppure, pi
semplicemente, pu guada- sono stati insieme
gnarsi un altro giro europeo. fuori dalle
Mihajlovic gioca su un solo tavo- coppe europee
lo - il campionato - ma ha sempre la faccia cattiva. Se EtooMuriel-Eder tengono anche in
primavera, il confine si avvicina.

CAPOCANNONIERE? 8) Chi sar il capocannoniere del campionato? Con tutto laffetto, non
Krajnc del Cesena. Se la giocano
Tevez (16 gol), Icardi e Menez
(15), Higuain e Toni (13), Dybala (12). Gli altri hanno bisogno
di un miracolo: la moltiplicazione dei gol primaverili. Statistica: Icardi e Toni nel 2014 ne fecero 5 tra aprile e maggio.
NOVIT? 9) Quali nomi a sorpresa segneranno la primavera?
Se c una domanda difficile,
questa. Succede sempre: un paio di giovani (o quasi) nel finale
hanno spazio e si affermano.
Quasi impossibile prevedere chi
saranno. Ipotesi: Sturaro, Verde, Suso, Belotti, Mchedlidze.

MILAN 2016? 4) Chi allener il


Milan della prossima stagione?
Domanda facile, la risposta meno. Bisogna citare Inzaghi,
Montella, Sarri, Di Francesco,
Spalletti, Ventura, Mihajlovic, Guarin e Muntari nel derby dandata
SCANDALI? 10) Come rovinereConte, se parlate le lingue anche
Emery e Klopp. Di sicuro questione affascinan- mo i nostri pomeriggi? Finale triste, cupo. Siamo
te, che pu trascinarsi oltre maggio. Soprattutto, abituati a un calcio in decomposizione e viene naturale pensare a multe da fair play finanziario
ne nasconde altre. Ad esempio, questa.
(Inter), scontri (fate i bravi), societ che corrono
IL MERCATO? 5) Quali saranno i casi di mercato verso il fallimento. La Serie A si ricordi che non ha
della primavera? Se ne parla poco ma le trattative pi Maradona e Platini: non esageri con la fantadestabilizzano ogni campionato. Difensori che sia, grazie.
RIPRODUZIONE RISERVATA
non danno il massimo per allenatori in partenza,

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Serie A R Dopo le sfide internazionali

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

QUANTA SERIE A IN GIRO PER IL MONDO


1

1 Radja Nainggolan (Roma) con la maglia del Belgio 2 Gonzalo Higuain (Napoli) con lArgentina contro El Salvador 3 Alvaro
Morata (Juventus) va a segno contro lUcraina 4 Josef Martinez (Torino) scatta con il Venezuela 5 Adem Ljajic (Roma)
controlla il pallone in Portogallo-Serbia AFP/ACTION IMAGES/EPA

Morata, Lulic e il club millemiglia


1La A ha prestato 118 giocatori alle nazionali: ora faranno i conti con lo sprint campionato
Giulio Di Feo
@fantedipicche

ormalmente lequazione
semplice: se hai pi giocatori nel giro della nazionale perch sei pi forte, di conseguenza accusi maggiormente
quando c la pausa e mezza
squadra schizza via per il mondo. un bel flusso, ancora pi
eterogeneo visto quanto diventato cosmopolita il nostro
calcio, che solo nellultima tornata ha coinvolto 118 nazionali
di Serie A (maggiori, perch
estendendo il discorso alle Under si sale), e che alla ripresa
del campionato finisce per mescolare sempre un po il mazzo.
Per la Roma brutte carte dalla
Costa dAvorio: Gervinho rotto
per tre settimane, Doumbia
malconcio con ancora le scorie
nelle gambe di 45 minuti durissimi con lAngola in un campo
zuppo a livelli fantozziani. E sabato allOlimpico c il Napoli,
dove Higuain reduce da una
trasferta yankee lunga ma rilassante: 90 con El Salvador, panca con lEcuador, sorrisi, autografi ed Nba. I numeri dicono
che a parit di nazionali, otto
per parte, quelli del Napoli hanno giocato un filino meno (684
minuti contro 736), ma hanno
circa settemila chilometri in pi
sul groppone. Anche qui per
c da mettere in conto lunico
volo intercontinentale che
quello del Pipita (costa est, peraltro) e il fatto che Ghoulam le
due gare con lAlgeria le abbia
giocate a Doha: Napoli pi rilassato, insomma, per quanto si
possa esserlo in una gara importantissima per il posto
Champions. La Juve invece,
forte anche del blocco azzurro,
prima per minuti in nazionale, 1136. Pure lei ci ha rimesso

LA CIFRA

gol per Ishak Belfodil in


Oman-Algeria 1-4, che si
prepara alla gara dellex:
sabato con il Parma
ritrova la sua Inter

un big (Marchisio) ma ha ottime notizie sullattacco che verr: in Spagna Morata viene
osannato come nuovo Raul e
lui stesso cosparge di miele
lambiente bianconero, intanto
nellUnder 19 francesi Coman
fa gol e scintille, e reclama spa-

zio per lanno prossimo.


SPUNTI Le nazionali logorano,
ma a volte ci cavi fuori anche
coraggio e idee. Sempre in tema Roma, Wilmots ha scoperto
che se nel suo Belgio Nainggolan fa il mediano ne guadagna

in libert Witsel e in inserimenti-gol Fellaini: Garcia ha preso


appunti. LAtalanta invece ha
scoperto che Boakye c: chiamato in extremis dal Ghana dopo due anni che non se lo filavano, in poco pi di 90 in due gare ha segnato, causato un rigo-

re e lottato parecchio. Quando


ha segnato lui, contro il Senegal (che poi ha vinto 2-1), dallaltra parte in panchina cera
Babacar: non entrato, ma ha
brindato allesordio tre giorni
dopo in un altro test non ufficiale con il Le Havre. Altre note

liete: per il Cagliari il primo gol


di Mpoku in maglia Congo (poi
hanno perso 2-1 con lIraq) e un
solidissimo Ekdal nella mediana svedese, per Genoa e Torino
la consapevolezza di avere degli ottimi venezuelani (Rincon
leader, Martinez pungente),
per lInter un Brozovic da valorizzare e un Podolski in cui sperare, per la Fiorentina un Salah
contentissimo di avere Cuper
c.t. ( luomo giusto, ci porter in alto). La Lazio abbonda
di sorrisi: Onazi perno della Nigeria, De Vrij invalicabile, Biglia ottimo ingegnere nellArgentina, Lulic che smazza tre
assist per tre gol di Dzeko, persino il lusso della mezzala della
Primavera (Oikonomidis) che
senza aver giocato un solo minuto di A se n sparati otto con
lAustralia nellamichevole in
Macedonia. Mihajlovic, che
non pi il c.t. della Serbia per ci tiene e ai tempi lo tagli
proprio per questo, avr scoperto che Ljajic ancora non canta linno. A Lisbona partito titolare, e la tv lha inchiodato:
era lunico con la bocca chiusa.
Poi 85 discreti nonostante la
sconfitta e un leggero bisticcio
con Coentrao che gli ha tirato
un orecchio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IN CAMPO
ECCO QUANTI MINUTI HANNO
SPESO LE SQUADRE ITALIANE IN
QUESTO TURNO DI NAZIONALI
MAGGIORI (SOMMA DEI SINGOLI
CALCIATORI )
JUVENTUS
LAZIO
ROMA
INTER
NAPOLI
UDINESE
CHIEVO
TORINO
SAMPDORIA
GENOA
FIORENTINA
EMPOLI
SASSUOLO
MILAN
CAGLIARI
PALERMO
VERONA
PARMA
CESENA
ATALANTA

1136
985
736
722
684
564
527
490
446
401
364
318
299
298
270
233
182
122
93
91

Serie A R Il personaggio

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Vidal rivuole il trono


La Juve in emergenza
aspetta Re Arturo
1Da mister 50 milioni a giocatore normale. Ma senza Pogba

e con Pirlo-Marchisio acciaccati, tocca a lui guidare la mediana


tutto sulle sue spalle. Vidal dovr tornare a essere leader e
trascinatore come lo stato
spesso in passato, dovr dimostrare di essere ancora il giocatore decisivo per cui i grandi
club erano disposti a fare follie.

Fabiana Della Valle


MILANO

e c una cosa che Arturo


Vidal non sopporta avere i capelli in disordine. Li
fa sistemare almeno due volte a
settimana dal parrucchiere, STAGIONE IN CALO Lestate
scorsa Arturo vaperch vuole che
leva 50 milioni,
la cresta sia semora la situazione
pre impeccabile.
IL DIGIUNO
cambiata e il
Vidal appartiene
suo prezzo di
alla categoria di
mercato calato
chi insegue semproporzionalpre la perfeziomente alle sue
ne, in ogni ambiprestazioni. I nuto. Per questo la I giorni trascorsi
meri raccontano
stagione in corso dallultimo gol
bene una stagionon pu soddine al di sotto delsfarlo appieno. Il di Vidal: il 3-1 della
le sue potenzialicileno il primo Juve a Napoli
t: 32 presenze,
a sapere che tutti l11 gennaio
6 gol, nessuno in
da lui si aspettano di pi, perch dopo aver abi- Champions League, cosa mai
tuato i tifosi al top, appena il accaduta nelle precedenti anrendimento cala tutti iniziano a nate bianconere. Arturo nel
domandarsi che cosa sia suc- 2011-12 si era presentato ai ticesso. Adesso pi che mai il fosi bianconeri con 7 reti. Poi
suo momento, perch con Pog- era stato un crescendo: 15 la
ba fuori causa per un po e Pirlo stagione successiva, addirittue Marchisio in fase di recupero ra 18 lanno scorso. Tutto perdai rispettivi infortuni, il cen- fetto, fino al brutto infortunio
trocampo bianconero pogger al ginocchio di fine marzo

81

Arturo Vidal, 27 anni, quarta stagione alla


Juventus: per lui 32 presenze e 6 gol LAPRESSE

2014, che lha costretto a operarsi e ha condizionato pesantemente anche la nuova stagione. Un anno dopo, Vidal convinto che sia arrivato il momento di riprendersi la scena.
Come ai vecchi tempi, quando
correva, lottava e segnava gol
pesanti.
PRIMAVERA AL MASSIMO Arturo rientrato luned a Vinovo
dopo lamichevole di Londra. Il
centrocampista ha giocato 80
minuti contro il Brasile (vittoria della Seleao per 1-0). Sono al massimo della forma e in
questi mesi voglio dimostrarlo
in campo, aveva dichiarato
con convinzione dal ritiro cileno. Buon per la Juventus incerottata, che in un aprile stracolmo di impegni (tra campionato, quarti di finale di Champions League e semifinale di
ritorno di Coppa Italia) ha pi
che mai bisogno del miglior Vidal. E lui vuole riprendersi tutto, anche il posto fisso di primo
rigorista. Contro il Genoa infatti stato Tevez a tirare (sbagliando) e non Arturo, come
era sempre accaduto finora alla
Juventus con il cileno in campo. Tevez, forte dei suoi 24 gol
stagionali, ha voluto prendersi
questa responsabilit e Vidal,
probabilmente condizionato
anche due penalty falliti questanno (in Champions con
lOlympiacos e in campionato
con il Cesena), non ha opposto
resistenza. A Firenze, nella gara di ritorno di Europa League,
un anno fa il ginocchio di Arturo inizi a dare problemi. Marted prossimo nello stesso stadio, il centrocampista spera di
ripartire con unaltra marcia.
Semifinale di ritorno di Coppa
Italia, una gara da dentro o fuori. Quelle che piacciono a Vidal, che vuole a tutti i costi ricominciare a essere decisivo per
la sua Juve.
RIPRODUZIONE RISERVATA

VERSO LEMPOLI

Marchisio-Pirlo
pi no che s
Manca il regista
1Allegri non vuole rischiarli ma
ha poche alternative in mezzo:
Sturaro o Padoin sono in pole

onto alla rovescia: ormai siamo a due


giorni dalla gara con lEmpoli, prossimo
avversario dei bianconeri in campionato.
Allegri dovr fare i conti con infortuni e rientri
transoceanici. Pereyra e Tevez saranno gli ultimi a tornare a Vinovo: sono attesi oggi nel pomeriggio, quindi molto a ridosso della partita.
Per questo il tecnico dovr decidere se utilizzarli
lo stesso o dare a entrambi un turno di riposo. In
attacco le alternative non mancano: da Llorente
a Morata, da Matri fino a Coman, tutti scalpitano per avere un po di spazio. Il tecnico ha solo
limbarazzo della scelta. A centrocampo invece
la situazione pi complicata, perch Pogba
fuori causa e Marchisio e Pirlo sono ancora in
via di guarigione.

MANCA IL REGISTA Difficile che Allegri li rischi con lEmpoli, visto che appena tre giorni
dopo ci sar la semifinale di ritorno di Coppa
Italia con la Fiorentina e dopo unaltra settimana si giocher landata dei quarti di Champions.
Pi facile che il tecnico li tenga entrambi a riposo, optando per una soluzione alternativa in
mezzo al campo: sarebbe la prima volta in questa stagione che la Juve scende in campo senza
uno tra Pirlo e Marchisio in cabina di regia. In
quel ruolo potrebbero giocare Sturaro o Padoin
(che Allegri ha gi provato in quella posizione in
estate), con Pereyra e Vidal ai fianchi. Ieri Allegri ha risposto alle domande dei tifosi: Alla Juve tutto organizzato alla perfezione. Il club
presente e ambizioso. La Coppa Italia manca da
tanto e faremo di tutto per conquistarla. Possiamo ribaltare landata. Il mio timore pi grande
era quello di non riuscire a entrare nel cuore dei
tifosi, perch avevo promesso di farlo con i risultati. Per ho perdonato lo scetticismo iniziale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A R Il leader

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

E lApache conquist Washington

1Martino entusiasta di Tevez, che rientra alla Juve dagli Usa dove si ripreso la Seleccion
Massimo Lopes Pegna
INVIATO A EAST RUTHERFORD (USA)

PER LUI GEORGETOWN S TINTA DI BIANCONERO

arlos Tevez tira dritto insieme ai compagni ritrovati, ma non ha per nulla
la faccia cattiva. Anzi. E persino
soddisfatto, anche del quarto
dora, lultimo, che gli ha concesso Tata Martino sotto la nevicata, quasi da pesce daprile, nel
New Jersey. Solo pochi palloni
toccati da centravanti al posto di
Aguero, a risultato gi acquisito,
2-1 per la Seleccion contro il
modesto Ecuador. Ma la sua recita principale era andata in scena sabato a Washington, dove
lattaccante juventino contro El
Salvador aveva fatto un figurone nella sua prima da titolare
con la maglia biancoceleste dopo i quasi quattro anni in cui era
stato messo da parte. Giocando
alle spalle del nove, in questo caso Higuain, il ruolo che pi ama.
Anche nella Juve si muove pi
indietro questanno, Allegri gli
lascia ampia libert. Sempre in
movimento, il pi dinamico di
tutti, aveva spiegato Martino.
Solo un palo e un salvataggio del
portiere gli avevano negato il
gol. Partire dallinizio unaltra
cosa: affronti la gara in modo
differente, aveva detto felice.

PARLANO I GOL Essere rientrato


nel gruppo che conta ci che lo
mette di buonumore. Lo si capito anche marted sera in quella cinquantina di metri percorsi
in silenzio fino al pullman, ma
sfoderando un bel sorriso, quello di chi sa di essersi riconquistato un futuro. Come? Segnando

1 Il salvadoregno Larin aggrappato alle mutande di Tevez nel tentativo di fermarlo durante la sfida con lArgentina. 2 LApache in ritiro
allUniversit di Georgetown, a Washington, con Higuain e Messi 3 mentre firma una maglietta della Juventus con il suo nome AFP/REUTERS

per la sua Juve. Obbligando


Martino a convocarlo. In Argentina dicono che sia stata la scelta
pi difficile del nuovo tecnico,
dopo che lApache non era neppure entrato fra i trenta del
Mondiale brasiliano, gestito dal

44

i mesi dallultima partita di


Tevez da titolare nellArgentina
(16 luglio 2011, quarto di finale di
Coppa America perso 5-4 ai
rigori contro lUruguay)

c.t. Sabella. Ma i gol nella Juve a


Buenos Aires fanno davvero fragore. Soprattutto quelli segnati
in Champions League, perfetto
trailer per una nuova storia
damore, ricominciata a novembre nelle amichevoli contro Croazia e Portogallo.
TANTA ATTESA Si era congedato dalla Nazionale il 16 luglio
2011 non nel modo migliore: nei
quarti contro lUruguay, in Coppa America, quella casalinga che
lArgentina da sempre costretta a vincere, aveva fallito uno dei
rigori che erano costati lelimi-

nazione. Allora sbott con una


frase poco diplomatica: Sono
stato schierato esterno sinistro,
non il ruolo in cui mi esprimo al
meglio. Il gruppo non laveva
presa benissimo. Poi cera stata
la guerra fredda con Messi (ma
sempre smentita dai diretti interessati), caratterialmente allopposto. Il merito di Martino di
aver ricomposto le fratture interne. E qui in New Jersey si era
ben preparato anche la risposta
allinevitabile domanda su la
Pulce e lApache. Leo e Carlos
sono assolutamente compatibili. E comunque, lo verificheremo

strada facendo. In verit, nella


trasferta Usa, Messi non ha messo piede in campo (quello della
botta rimediata nel clasico, non
riusciva neppure a infilarlo nella
scarpa). Dettagli. Tevez ora
certo che Carlitos Way sia stata la via giusta, che confermarsi
artillero della Serie A con la camiseta bianconera sia diventata
la svolta della sua nuova carriera. Chiss se il ritorno in Nazionale a pieni voti peser sulla sua
decisione di fermarsi a Torino al
meno fino alla scadenza del contratto (2016).
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL BANDO GAZZETTA

Borsa Giavazzi
Stage di 4 mesi
per studenti
e neolaureati
Per favorire lavvicinamento
dei giovani al giornalismo, La
Gazzetta dello Sport e Rcs
Mediagroup istituiscono
anche questanno una serie di
borse di studio intitolate alla
memoria di Giorgio Giavazzi,
caporedattore centrale del
giornale, sempre impegnato
nel valorizzare le risorse
umane, prematuramente
scomparso, a 45 anni, nel
1998. Per il 2015 si tratta di
almeno 10 borse di studio, che
si realizzeranno attraverso
stage di 4 mesi attivati tramite
convenzioni con universit e
scuole di giornalismo; ogni
percorso garantir, con il
supporto di un tutor, la
partecipazione alla vita
redazionale della Gazzetta
dello Sport - quindi seguendo
lambito della confezione del
quotidiano, ma anche delle
notizie pubblicate sul sito web
e la preparazione dei notiziari
o dei diversi programmi tv - e
preveder un rimborso spese
mensile. Il bando riservato a
giovani iscritti a un corso
universitario o in possesso di
una laurea da non pi di 12
mesi. I curricula,
accompagnati da una breve
lettera di motivazione,
dovranno essere inviati via
mail a borsa.giavazzi@rcs.it
entro il 13 aprile, data dopo la
quale previsto un ulteriore
colloquio di selezione. La
ricerca rivolta a entrambi i
sessi (Legge 903/77) ed
valida per le sedi di Milano e
di Roma.

Serie A R Sotto i riflettori

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

fDIFENSORE E GOLEADOR

IN NAZIONALE E GIA UN LEADER

De Vrij, un altro Stam


Olanda, guardami
La Lazio mha cambiato
1Celebrato dopo il gol alla Spagna, il difensore spiega la sua
crescita: In Italia ci vuole il fisico, lavoro anche per questo

L'IDENTIKIT

Alessandra Bocci

STEFAN
DE VRIJ

NATO IL 5 FEBBRAIO 1992


A OUEDERKEERK AAN DEN IJSSEL
RUOLO DIFENSORE
ALTEZZA 189 CM PESO 78 KG

Stefan de Vrij entrato nel vivaio


del Feyenoord quando aveva
dieci anni. A ventanni, nellagosto
2012, ha debuttato nellOlanda.
Con la maglia oranje si era gi
distinto a livello giovanile
A ROTTERDAM
Con il Feyenoord ha esordito in
prima squadra nel settembre
2009. Nel maggio 2010 ha
segnato la prima rete da
professionista, allHeerenveen
A ROMA
Dopo il Mondiale arrivato in
Italia, alla Lazio. Prima uscita in
coppa Italia, poi in campionato, a
San Siro, contro il Milan: esordio
complicato

INVIATO A AMSTERDAM

l debutto nel campionato


italiano non stato dei migliori, daltra parte nemmeno quando si presentato al
mondo nel giugno 2014 si
gridato al miracolo: un rigore
fischiato sullo 0-0 contro la
Spagna poteva certificare il fallimento della spedizione Van
Gaal e il ritorno di Stefan de
Vrij nellarmadio delle belle
promesse che poi vediamo che
cosa diventano. Ma c un minuto nella partita che cambia
tutto, quello del gol di Van Persie, e segna il riscatto completato fra laltro da un gol del
suddetto giovane De Vrij ha
cambiato molte storie. De Vrij
ha replicato marted a Amsterdam in amichevole. Ormai sta
diventando un incubo per Piqu e compagnia.
COINCIDENZE Bisognerebbe
giocare sempre contro la Spagna, ha detto ridendo De Vrij
dopo il match. Tre gol in na-

zionale, due alla Spagna, ma


credo sia una coincidenza. E
comunque contro la Spagna
siamo andati meglio rispetto
alla gara con la Turchia per il
semplice motivo che la Spagna
vuole giocare a calcio e quindi
lascia giocare lavversario. Sinceramente segnare a una squadra top come la Spagna d
grande soddisfazione, ma io
avrei preferito i tre punti con la
Turchia e un pareggio in amichevole con gli spagnoli.
AMBIENTAMENTO Non sempre si pu scegliere, come invece ha fatto lui quando si trattato di decidere se lasciare il
Feyenoord, club del quale era
gi una bandiera, e soprattutto
dove andare lasciando lOlanda. Si parlato a lungo di Premier League, e ancora in questi
mesi qualche giornale inglese
ha rilanciato lipotesi di un De
Vrij che andr a ritrovare lex
c.t. Van Gaal allo United. Ma
De Vrij sta comodo nella sua
nuova dimensione laziale:
lesordio in campionato contro
il Milan non era stato dei mi-

Stefan de Vrij, 23 anni, prima stagione in Italia. La Lazio lo ha ingaggiato lestate scorsa, mentre stava
giocando il Mondiale con lOlanda, del quale diventato un uomo chiave. De Vrij cresciuto nel
Feyenoord. Finora per lui con la Lazio 28 presenze e un gol. Tre le reti con lOlanda ACTION IMAGES e LAPRESSE

le reti segnate da De Vrij alla


Spagna in due gare. In tutto le
reti segnate in oranje sono tre:
una lha realizzata in Repubblica
Ceca nel settembre scorso

28

le presenze del centrale


difensivo olandese con la maglia
della Lazio. Gli altri centrali si
sono alternati, lui diventato
rapidamente un punto fisso

gliori, per lambientamento


stato veloce. I giornalisti olandesi osservano stupiti il nuovo
De Vrij, fisicamente pi potente e lui spiega che in Italia un
po di muscoli in pi sono necessari. Per contrastare gli attaccanti della serie A tecnica e
velocit non bastano e sto lavorando sul piano fisico. La Lazio
mi sta dando la possibilit di
evolvermi e sono molto contento di come stanno andando
le cose. Mi sento molto pi
completo. Sto diventando un
difensore migliore. Su questo,
pochi dubbi: anche giocando
senza Vlaar, il suo faro al Mondiale, De Vrij ha sbrogliato

molte situazioni complicate.


EREDITA Viene da una piccola
citt, un tipo tranquillo ma
sta imparando a fare il duro, almeno in campo: ai tifosi laziali
forse sembra di rivedere Stam.
In Olanda non corrono tanto
lontano: Jaap stato uneccezione negli ultimi ventanni di
calcio olandese, eppure De Vrij
si avvia a diventare davvero il
centrale che alla nazionale
oranje mancava da tempo. Plasmato da Koeman, migliorato
da Pioli: a 23 anni ha il tempo
di fare tutto, anche di avvicinarsi ai successi di Stam.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A R Verso la grande sfida

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

LATTACCANTE

IL DIFENSORE
sita dei tre punti, diversamente
c il rischio concreto che possa
fallire il primo obbiettivo stagionale.

arriva con lora legale e linverno ormai alle spalle.


IN FORMA la carta a sorpresa.
Ma quasi una carta obbligata.
Chi lha visto allenarsi da vicino
in questi giorni, giura di essere
rimasto colpito da un ragazzo
in grande ascesa dal punto di
vista fisico, esuberante e forse
avvantaggiato da spalle con poco peso addosso. Il peso che
pu avere Iturbe, lo stesso
Doumbia, quello che avrebbe
avuto anche Gervinho (se non
fosse gi fuori causa per infortunio muscolare): per Ibarbo,
invece, non vale il discorso di
un Olimpico impaziente, assetato per una vittoria che manca
dal 30 novembre e pronto a
esplodere in caso di altro flop.
No, non cos. Il colombiano ha
la leggerezza addosso, unita alla motivazione di giocarsi una
conferma tuttaltro che scontata.

Victor Ibarbo, 24 anni, alla Roma in prestito dal Cagliari MANCINI

Lora di Ibarbo
La Roma
mette il razzo
da Champions
1Pure Totti in forte

dubbio: spazio
al debutto dal 1 del
colombiano, che non
segna da... Napoli

le reti arrivate dagli


attaccanti della Roma nel girone
di ritorno: due da Ljajic, una da
Totti. Garcia ora ha il settimo
attacco del campionato

12,5

i milioni di euro che servono


alla Roma per riscattare dal
Cagliari il cartellino di Ibarbo a
fine stagione. Per il colombiano
due reti in questo campionato

Davide Stoppini
ROMA

agari un segno del


destino. Perch altrimenti, come leggere
diversamente il fatto che lultima grande partita di Ibarbo in
Serie A stata proprio contro il
Napoli, 23 novembre, quando
la Roma non era neppure un discorso su carta, Trigoria era un
nome qualunque e Rudi Garcia
un allenatore osservato con distacco, magari giusto tratteggiato da qualche ex compagno.
Victor il colombiano quel giorno si mise in tasca Koulibaly per
il gol dell1-1, poi serv a Farias
la rete del 3-3 finale. Storie di
calcio: se la Roma oggi pu
quasi eliminare il Napoli dalla
corsa al secondo posto, un po
lo deve anche a Ibarbo, che nel
sabato di Pasqua si piazza dentro luovo pronto a uscire. Per la
prima volta dallinizio con la
Roma, uno strano debutto che

TOTTI: NUOVE NOZZE? Chiss


se baster alla Roma. Chiss se
baster a Garcia, che deve guarire una squadra che ha perso il
vizio di segnare, e deve farlo
con mezzo attacco ai box. Di
Gervinho s gi detto, di
Doumbia pare complicato immaginare un impiego dal primo
minuto, lui che tornato prima
dagli impegni con la Costa
dAvorio proprio per seguire un
programma di lavoro personalizzato. Di Totti invece vanno
registrati dei passi in avanti,
nellumore ancor prima che
nelle condizioni fisiche. Il flessore della gamba sinistra ieri
faceva un po meno male, ma
soprattutto il capitano ha avuto
sensazioni migliori rispetto allallenamento di marted. Oggi
dovrebbe tornare a calciare. Ma
difficile pensare che il capitano possa essere tra i titolari. Pi
semplice immaginarlo tra i convocati e in panchina, pronto alluso in caso di bisogno. Per
Garcia sarebbe la terza partita
consecutiva senza Totti, Europa League compresa. Proprio
nei giorni in cui i siti specializzati in gossip danno per certo
che il 19 giugno a 10 anni di
distanza dal matrimonio con
Ilary Blasi il capitano festegger la ricorrenza con una nuova cerimonia, a casa, con i figli
Cristian e Chanel grandi protagonisti. Conferme ufficiali non
ce ne sono, ma neppure smentite. La smentita che cerca la Roma tutta: un attacco che ha
smesso di segnare, non pu
centrare la Champions. Magari
la storia la cambia proprio Ibarbo, che in questi giorni, ripensando a quel dribbling su Koulibaly, ha convinto Garcia a regalargli lOlimpico.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MERCATO

ROMA

rmai non occorre un


grande sforzo di immaginazione per accostare
Rio Mavuba alla Roma. Lagente del 31enne centrocampista
del Lilla, svincolato a giugno,
Pascal Boisseau, lo stesso di
Garcia (oltre a Gervinho e Keita), che ieri ha pensato bene di
twittare queste dichiarazioni
rilasciate a Sky dal suo assistito. La Roma una possibilit
che mi potrebbe piacere di sicuro. Garcia (che lo ha allenato
al Lilla, ndr) ha un contratto

RIECCO KOULIBALY Potr contare sul pieno recupero di Kalidou Koulibaly che ritrover
Raul Albiol. Cos, contro la Roma, Rafa Benitez riproporr la
coppia centrale titolare, mentre sugli esterni agiranno Maggio e Ghoulam. Prover a spaventare lattacco romanista con
la fisicit, lallenatore spagnolo. Proprio cos come aveva fatto nella gara dandata, quando
la Roma venne completamente
travolta dallazione pressante
del Napoli e dalle progressioni
del difensore francese. Quel
giorno Koulibaly fu tra i migliori in campo, insieme con Albiol,
resero inoffensivi Totti e Gervinho e contribuirono al successo che li port a quattro
punti dal secondo posto.

Kalidou Koulibaly, 23 anni, alla prima stagione con il Napoli FORTE

Il Napoli
alza il muro
Rafa rilancia
Koulibaly
1Fu tra i migliori

allandata contro
i giallorossi, prima
della crisi. Ora ha
la chance giusta

le maglie indossate da
Koulibaly da professionista,
prima di sbarcare a Napoli
la scorsa estate: ha giocato
con Metz e Genk

i cartellini gialli di
Koulibaly in campionato, di
cui due contro la Samp (e
conseguente rosso). Per il
difensore anche una rete

Mimmo Malfitano
NAPOLI

rima condizione: evitare


di prendere gol. Lhanno
capito bene i difensori
del Napoli. Alla Roma non bisogner concedere vantaggi, perch la sfida dellOlimpico potrebbe essere decisiva per le
ambizioni del club che vuole a
tutti i costi un posto nella prossima Champions League.
Unimpresa o quasi, considerato il distacco dal terzo posto (5
punti da recuperare alla Lazio)
e la discontinuit nei risultati
evidenziata fin qui dal collettivo napoletano, soprattutto nel
settore difensivo. Dopo 28 partite, il Napoli si ritrova con un
passivo di 36 reti, due in meno
rispetto a quelle incassate in
tutto il campionato scorso. Un
dato rilevante, certo, che crea
apprensione in un momento
estremamente delicato: lo
scontro diretto di sabato neces-

RENDIMENTO ALTERNO Diciannove partite dopo, lo scenario che offre la classifica non
apre allottimismo. Il Napoli
scivolato al quinto posto e, probabilmente, lo scontro diretto
dellOlimpico resta lultima opportunit per rientrare in gioco
per lEuropa dei grandi. Ci vorr la prestazione super, una
concentrazione massima in
modo da evitare distrazioni e
errori che spesso caratterizzano le domeniche dei difensori
napoletani. A Koulibaly, per
esempio, legata la sconfitta di
Torino, maturata per un suo
improponibile retropassaggio.
Insomma, per lo stopper francese ci sar la possibilit di riscattarsi, perch anche nella
gara del rientro, dopo linfortunio, contro lAtalanta, la sua
prestazione stata deludente.
Sabato, si ritrover di fronte
Ibarbo, al rientro dopo due mesi di assenza per un problema
muscolare. Come Gervinho,
non recuperabile per sabato,
anche lex attaccante del Cagliari un giocatore velocissimo, abile negli spazi stretti e
pericoloso nelle ripartenze.
Caratteristiche che Benitez
prover a limitare affidandolo,
appunto, a Koulibaly che sul
piano della fisicit e della corsa
sicuramente pi affidabile di
Albiol. Scelte obbligate, dunque, perch il momento non
permette turnover o esperimenti, pure se mercoled prossimo ci sar la semifinale di ritorno di Coppa Italia, con la Lazio, al San Paolo. E per recuperare crediti, il difensore
francese dovr riabilitarsi in
questo finale di stagione, perch fin qui il suo rendimento
non ha mai convinto del tutto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DAL SINDACO AL CONI

Mavuba, gi derby
Direi di s a Garcia
La Lazio star dietro
Massimo Cecchini

con la Roma e sappiamo che


nel calcio le cose vanno molto
veloci. N io n lui sappiamo
dove saremo il prossimo anno.
Se restasse, sarebbe una soluzione interessante. In quel caso
il contatto con la Roma sarebbe pi semplice. Abbiamo gi
vinto insieme. I problemi? Credo che le cose non siano andate
come sperava.. Le cose gli si sono rivoltate contro, ma fa parte
della vita di ogni allenatore e
se vuoi vincere devi rischiare.
Ora pi complicato, ma bisogna aver fiducia in lui. Finiranno bene, in ogni caso davanti
alla Lazio. E se gi pensa al
derby il segnale pare chiaro.

Sar sfida pi soft


ma la polizia vigila
Giocate per Ciro
ROMA

Rio Mavuba, 31 anni, del Lilla AFP

IDEA AOGO Sempre sul fronte


mercato, viene segnalato linteresse dei giallorossi per Dennis Aogo, esterno dello Schalke
04, classe 1987 (contratto in
scadenza nel 2017), che ha in
questa stagione 25 presenze
fra Bundesliga e Champions.
Ma lo sprint ancora lungo e
gli esterni in lizza parecchi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

approssimarsi di RomaNapoli, quasi per riflesso condizionato, fa scattare lallerta ordine pubblico.

MILLE AGENTI In realt, stavolta sembra che le misure


preventive delle forze dellordine (trasferta vietata ai residente in Campania) e lorario
scelto (le 12.30) possano aver
disinnescato i rischi, mentre
sembrano poco concrete gli
ipotizzati raid di ultr napoletani, anche se alcuni striscioni
esposti allandata evocavano

ritorsioni. Previsti comunque


mille agenti in servizio e controlli
ai caselli e alle stazioni.
UN LIBRO PER CIRO Secondo il
Viminale, un effetto deterrente c
anche grazie al libro di Antonella
Leardi, mamma di Ciro Esposito, il
tifoso del Napoli ucciso a Roma. Il
volume: Ciro Vive (Graus Editore), scritto con la giornalista con
Vittoriana Abate e presentato ieri
dal sindaco Marino e dal presidente del Coni Malag, unopera di
ricordi che contiene un forte messaggio di pacificazione. Io non ci
sar ha detto la Leardi ma che
non ci siano napoletani una sconfitta per la tifoseria sana. Ha spie-

Lo striscione del San Paolo ANSA

gato Marino: Questa tragedia dovr unire le due citt, spero che la
sfida sia nel nome di Ciro. Ha aggiunto Malag: Iniziativa bellissima. Per sabato non ho sentito gran
fermento, spero che non covi fuoco
sotto la cenere. Fuoco damore e
rispetto quello che invece si denota nelle parole di Luca Di Bartolomei per il libro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

10

Serie A R Lintervista

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

DALLARRIVO IN EUROPA AI TRIONFI COL BARA: UNA VITA DA VINCENTE

LARRIVO IN EUROPA
Sylvinho stato il primo brasiliano della storia
dellArsenal. Arrivato nellestate del 1999 dal
Corinthians, rimase a Londra per due stagioni
prima di trasferirsi al Celta

IN NAZIONALE
capitato nellepoca di Roberto Carlos e pertanto
non ha trovato molto spazio in nazionale. In tutto
sono state solo 6 le partite giocate in Verdeoro.
Qui si allena con Aldair e Cafu AP

Il fido Sylvinho
Ok, ve lo do io
il vero Mancio
Se sinfuria...
1Il tecnico in seconda dellInter:

Mancini annusa laria e sarrabbia.


Sa essere duro. E sorridere se perde

Sylvinho, 40 anni, e Roberto Mancini, 50, seduti in panchina durante Inter-Wolfsburg BOZZANI

IL PRIMO INCROCIO
Mancini ha giocato un mese a inizio 2001 (tra
gennaio e febbraio) in Premier League con il
Leicester City. E in quel brevissimo lasso di tempo
incroci Sylvinho giocando contro lArsenal AP

Matteo Brega Matteo Dalla Vite


INVIATI AD APPIANO GENTILE

l dietro le quinte del Mancio. Uno spettacolo


comunque. Se non capite bene, fermatemi e ripeto... dice lui. Lui Sylvinho, the winner: pensa
che il suo italiano zoppichi e teme che la lingua faccia
filtro al suo pensiero. Non cos. Il pensiero del vice di
Roberto Mancini sciolto, pieno, tondo. E scorre. Italiano chiaro e voglia infinita di parlare. Dentro ai suoi
racconti ci sono la tattica e lapproccio, gli spogliatoi
top dEuropa e i sorrisi, il dialogo con i calciatori di
oggi e le gag con quelli di ieri. Sylvinho uno che ha
vissuto il calcio in prima fila, stravincendo. Sylvinho
uno che, ora, vive la seconda fila con un doppio obiettivo: completare Mancio contemplando la trasformazione dellInter in squadra vincente.

TRIPLETE IN BLAUGRANA
Con il Barcellona ha vinto 7 trofei in 5 stagioni.
Nella foto posa con il Triplete conquistato
nellanno di grazia 2008-09: Liga, Champions e
Coppa del Re SPORT.ES

dalla fine del campionato. Sono arrivato dopo ma sono qui, nonostante il Timao avesse pensato anche a me
come primo allenatore.
Che mondo lInter?
Sto benissimo e si fa un gran bel lavoro. Per certi versi
mi sembra di essere tornato al 99, quando dal Brasile
passai allArsenal di Wenger. Perch? Niente ritiro il
giorno prima delle partite a Londra. Ultimo allenamento e poi via a casa. Rimasi sconvolto, ero abituato
in Brasile ad andarci fin dal venerd se giocavamo la
domenica. Mi sentivo quasi in colpa! Questo per dire
che unesperienza bella, nuova, diversa, forte. E
Mancini insegna tantissimo.

Lei stato allenato da Wenger, Rijkaard, Guardiola e


Mancio. Qual il tecnico perfetto prendendo le qualit
di ognuno?
Dovrebbe essere un padre come Rijkaard; avere la cuDomanda apparentemente banale: come si insegna a ra maniacale nella preparazione delle partite di Guarvincere?
diola, uno che se stava ore a studiaNon si insegna a diventare vinre avversari e contromosse; lintelcenti. Vincenti si nasce e basta.
ligenza gestionale di Wenger; linPENSARE DI GIOCARE
Messi e Neymar, per esempio, lo
tensit dinamica di Mancini. Cosa
SEMPRE IN CHAMPIONS
erano gi a 15-16 anni.
dovrebbe avere di me? Io credo nel
DOVE SE SBAGLI, PAGHI:
comportamento del giocatore e
LINTER DEVE AVERE
E allInter com la situazione?
amo intensit e qualit. Anche RoQUESTA MENTALIT
Qui c grande qualit umana e
berto tifoso del bel calcio, un
tecnica. Bisogna lavorare grado
vincente, ama lorganizzazione
per grado e far capire ai giocatori
non solo tattica, lintensit. E ogni
che devono imparare a lavorare
tanto diventa matto se vede che
ROBERTO UN VINCENTE
per stare sempre al massimo livelqualcosa non migliora.
CHE AMA LINTENSIT.
lo. Ovvero? Pensare che si gioca
I SUOI PIZZINI? GENIALI
sempre un match di Champions:
Quindi non vero che troppo buoIL MILAN? LHO GI
quando giochi l, un errore gol.
no?
BATTUTO DA SEDUTO
Ecco, questa squadra deve avere la
Sincazza, eccome. Non dico
mentalit votata a questo concetquando, ma ha avuto tre sfoghi
to: zero margini di errore. Quanto
non male... Sa essere duro, sarrabci vorr a questa squadra per arri- SYLVINHO
bia sapendo annusare laria.
vare in Champions? Un anno, mas- ALLENATORE IN SECONDA
simo due....
E sa scrivere bene i pizzini.
Una genialata, non avevo mai visto nessuno usarli
Al momento va sradicata la fragilit della sconfitta o prima di lui. Senn come fai a parlare col terzino daldella difficolt di vincere. Come si fa?
laltra parte.
Il giorno dopo il k.o. con la Samp, noi dello staff ci
siamo presentati tutti con il sorriso sulle labbra. Siamo Il pre-gara momento sacro. Quali parole si dicono
i punti di riferimento della squadra e non possono ve- ai giocatori nello spogliatoio?
derci abbattuti.
Non esiste la parola giusta. Io volevo essere lasciato tranquillo mentre Deco, al Barcellona, si
Lei completa Mancio e parla coi giocatori.
avvicinava e mi parlava di tutto, mi chiedeva, la
Certo, io di pi di Roberto. Mi sento ancora un gioca- famiglia, la quotidianit. Io gli dicevo Ehi, fra
tore, so come ragionano: un calciatore non ti inganna. 3 si va in campo! e lui continuava, e un quarto
Ascolto i problemi, cerco di risolverli. Solo quando la dora dopo dava spettacolo davanti a 100 mila persosituazione da... allarme dico: Ehi Roby, qui sta a ne. Ho vissuto anche Edmundo: sbraitava, urlava, era
te Ma nel resto io non potr mai sostituirmi a lui. il suo modo di sfogare la tensione. Poi in campo segnava sempre. Il modo perfetto non esiste quindi.
La prima offerta di fargli da vice quando stata?
Roberto mi voleva vice gi nel 2010, quando gli dis- Il modo perfetto di vivere Milano (anche) vincere il
si che avrei smesso di giocare, al City. Rifiutai, ma solo derby.
perch avevo bisogno di tornare un po in Brasile visto E io lho gi battuto: giocando con il Celta (nel 2003,
che ero in Europa dal 1999. Da allora siamo rimasti ndr) al Meazza, e poi lho eliminato in semifinale di
sempre in contatto. A novembre, quando tornato al- Champions nel 2006 con il Barcellona. Ero seduto
lInter, mi ha telefonato. Mi voleva subito. Ero al Co- in tribuna? Beh, anche la prossima sar seduto....
RIPRODUZIONE RISERVATA
rinthians, non potevo mollare la squadra a 4 partite

TRA PRESENTE E FUTURO

Icardi: Firma vicina, via solo se mi cedono


1Largentino: Chi mi vuole deve parlare

con lInter. Quando rinnover, sar felice


e lo sar anche il club se vorr tenermi
MILANO

e lInter vorr cedermi, far i bagagli e


andr. Altrimenti rester perch qui io e la mia famiglia stiamo benissimo.
Mauro Icardi ha scelto e lo dice
chiaramente nellintervista rilasciata alla Cnn poco tempo fa.
Lattaccante parla di tutto, dal
campo, al contratto fino alla si-

tuazione privata con Wanda


Nara.
RINNOVO IN VISTA Si parla
del mio rinnovo contrattuale ha aggiunto - perch quello in
essere risale al mio arrivo a Milano. Per me era un buon contratto, avevo firmato con entusiasmo e con la voglia di dimostrare il mio valore e di essere
un giocatore importante per
lInter. Ora i miei agenti stanno

parlando con il club e stanno


arrivando a un accordo, stanno
vedendo come risolvere questa
soluzione e quando succeder
firmer il rinnovo. E sono sicuro: sar felice io e sar felice
lInter se vorranno che resti
qui. La valutazione riguarda il
futuro prossimo, il progetto che
a partire dalla prossima stagione avr come obiettivo lo scudetto. Per poter operare sul
mercato con un discreto margine ci sar un sacrificato deccezione. Kovacic pi di Mauro
sembra lindiziato. Se Manchester, Chelsea o non so chi altro mi dovessero volere, dovrebbero parlare con lInter - ha

aggiunto largentino -. Se lInter


vorr cedermi, far i bagagli e
andr. Altrimenti rester allInter perch io e la mia famiglia
stiamo benissimo qui.
AYEW E MAZZARRI Intanto il
mercato dellInter prosegue, in
entrata e uscita. A ore previsto
lincontro tra il d.s. Piero Ausilio e Abed Pel, padre e manager di Andr Ayew del Marsiglia
(in scadenza a giugno). Dalla
Francia arriva leco di un possibile interesse del Marsiglia per
Walter Mazzarri (ancora sotto
contratto-Inter) in caso di addio di Bielsa.
Mauro Icardi, 22 anni LAPRESSE

RIPRODUZIONE RISERVATA

SYLVINHO
nato a
San Paolo
(Brasile) il 12
aprile 1974.
Ex terzino
sinistro,
ufficialmente
collaboratore
tecnico di
Mancini.
In pratica
il suo vice.
Cresciuto
nel
Corinthians
(con cui ha
vinto 5 titoli),
arrivato
in Europa
nel 1999,
acquistato
dallArsenal
(a Londra
rimasto fino
al 2001).
Poi ha vestito
le maglie
di Celta
(2001-04),
Barcellona
(2004-09)
e Manchester
City (2009-10)

Kovacic recupera
e lavora in gruppo
Febbre Andreolli
Con il rientro dei nazionali
tutto il gruppo ha lavorato
ieri pomeriggio con Roberto
Mancini. Ranocchia, Guarin e
Bonazzoli hanno lavorato a
parte dopo le partite giocate
con le rispettive nazionali,
mentre sono tornati in
gruppo Obi e Kovacic. Lunico
assente era Andreolli,
bloccato a casa dallinfluenza.
Ranocchia ha parlato a Inter
Channel: Dobbiamo giocarci
tutto in queste partite: non
possiamo finire la stagione
nella posizione in cui siamo
ora. Promozione speciale
per la gara con il Parma: i
minorenni potranno accedere
ai primi anelli a soli 10 euro.

Serie A R Lintervista

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

11

IL FILM DELLA SUA CARRIERA HA VESTITO ANCHE IL NERAZZURRO

SAMPDORIA
E la squadra in cui ha militato il maggior
numero di stagioni: 4 (con 94 presenze e 3 reti).
Nella foto il gol al Genoa del novembre 2012:
stato il suo primo centro in A SPORT IMAGE

SASSUOLO
Poli esulta dopo aver fatto un gol col Sassuolo.
Il centrocampista ha vestito il neroverde in Serie B,
nella stagione 2008-09, scendendo in campo
in 33 occasioni e realizzando 5 reti IPP

Grinta Poli
Io non mollo
E questo Milan
crescer
1La mezzala e la crisi: Colpa anche

mia, ma ora nello spogliatoio c un


nucleo italiano da cui si pu ripartire

MILAN
In rossonero ha messo insieme in tutto 65
presenze e 3 gol. Nella foto, quello realizzato in
questo campionato contro il Sassuolo, che per
non servito a evitare la sconfitta ANDREOLI

INVIATO A MILANELLO (VA)

stammo in 10 dopo 20 minuti, ma riuscimmo a


qualificarci lo stesso. Perch in Champions
sempre un altro Milan.

Scusi lintrusione nella vita privata: cosa ha fatto


marted sera?
Sono andato a cena con due compagni.

G.B. Olivero
lic. Al 9 del primo tempo di Milan-Sassuolo (6 gennaio) il gol di Andrea Poli
manda virtualmente i rossoneri al quarto
posto a soli due punti dal terzo e in attesa del
posticipo del Napoli. Poi qualcuno spegne la luce. Clic. E la stagione del Milan, allimprovviso,
muore.
Perch, Andrea? Cos successo?
Non semplice da spiegare. Gli infortuni hanno inciso, ma in generale stato un insieme di
fattori che ci ha impedito di avere continuit. Il
calcio anche ciclico, ci sono tempi da rispettare nella fase di ricostruzione. Per siamo consapevoli di aver perso una grande occasione per
accorciare i tempi della risalita del Milan. Non
siamo contenti: c poco da dire e molto da fare.
Lei il pi presente dopo Menez. E giusto dire che sta andando benino ma che avrebbe
potuto fare di pi?
Assolutamente s. Se la stagione andata cos, tutti potevamo fare di pi. Io per primo.
Ma adesso siamo concentrati
per cercare di ricostruire qualcosa di importante.

Ecco: Valdifiori, Parolo e Soriano stavano giocando Italia-Inghilterra. Rimpianti?


Non rimpianti, ma la speranza di tornare nel
gruppo. Purtroppo allultima convocazione non
ero al top. Ho avuto loccasione di allenarmi con
Conte: si nota subito la sua voglia di vincere e si
percepisce che un grandissimo tecnico. Tatticamente un mostro.

Il 12 giugno c Croazia-Italia. E il suo obiettivo


per la fase finale della stagione?
Mi auguro di esserci. Ma il primo obiettivo
fare bene con il Milan per poter
convincere Conte a convocarmi. Dobbiamo chiudere bene il
NON ERO AL TOP
campionato per noi stessi, per i
QUANDO CONTE
tifosi e per questa maglia mitiMI CONVOC: SPERO
ca.

DI CONVINCERLO
A RICHIAMARMI

Servirebbe qualche suo gol. Arriva spesso in area, ma altrettanto spesso sbaglia. Come si
impara a segnare sugli inseriLA FAME DELLA JUVE
menti?
EMERGE SEMPRE:
Faccio allenamenti specifici,
SCUDETTI MERITATI.
cerco di gestire meglio le forze
POGBA LA MIGLIOR
Gattuso aveva indicato lei come
durante la gara per non perdeleader del nuovo Milan. Cosa
MEZZALA DELLA SERIE A
re lucidit in area, Inzaghi
manca ancora nella sua cresciqualche gol in carriera lha
ta caratteriale?
fatto e mi d dei consigli. Ma
Faccio parte di un gruppo, ma ANDREA POLI
la cosa migliore sarebbe secerco di assumermi le mie re- CENTROCAMPISTA MILAN
bbe
gnare in partita: mi darebbe
sponsabilit. E credo che nel
maggiore tranquillit al monostro spogliatoio ci sia un bel nucleo di italiani mento del tiro davanti alla porta.
da cui ripartire. Tutti insieme possiamo essere
leader. Questo il momento in cui dobbiamo Cosa potete chiedere a questo finale di cammassumerci le responsabilit.
tipionato? Il discorso sulle dieci finali oggettivamente non regge.
Berlusconi vuole un Milan giovane e italiano. Co- Abbiamo lobbligo di fare bene. La fase finale
nale
me lo vede, da dentro?
ella
di questa stagione in realt linizio della
Quando il Milan comandava in Europa, cera prossima: dobbiamo ripartire di slancio.
uno zoccolo duro di giocatori italiani. Adesso a
Milanello c un bel gruppo di ragazzi che han- E stato a vedere il Clasico un paio di settimaano gi una discreta esperienza e sono attaccati ne fa. Il 19 aprile ci sar il derby di Milano:
alla maglia rossonera. Il progetto bello.
un altro sport?
L sono pi avanti: un altro pianeta. E poi
Non invidia un po la fame di vittoria della Juve? sono abituati ad avere una mentalit proposiosiQuattro scudetti ormai... Se li sono meritati. La tiva, vincente. Crescono su palcoscenici miloro voglia di vincere emerge sempre. E una gliori. Ma quando San Siro pieno, non c
qualit che si pu allenare, ma devi anche aver- confronto: qui latmosfera pi calda.
la dentro. Io difficilmente mollo, in campo e
fuori: il mio carattere e a volte eccedo.
Chi la miglior mezzala attualmente?
nica,
In Italia sicuramente Pogba: qualit, tecnica,
Le manca la Champions?
forza fisica, gol. Nel mondo per tanti anni il pi
Eccome. Anche perch l emerge davvero il dna bravo stato Iniesta.
del Milan. Nella scorsa edizione contro lAjax re RIPRODUZIONE RISERVATA
SERVATA

RIENTRO DAL GIAPPONE

ANDREA POLI
E nato a
Vittorio Veneto
(Tv) il 29
settembre 1989.
Gioca a
centrocampo,
dove pu essere
impiegato
da mezzala
sia a destra
che a sinistra.
Primi passi
nel Treviso, con
cui debutta in B
nella stagione
2006-07.
Quindi, lannata
successiva,
il passaggio
alla Sampdoria,
il prestito al
Sassuolo, altri
due anni alla
Samp, uno
allInter, ancora
Samp e nel 2013
il Milan. Ha fatto
tutte le giovanili
azzurre e ha 5
presenze
in Nazionale A
LAPRESSE

LAVVERSARIO

Honda atterra
e si allena subito
Ma Cerci favorito
MILANO

Alessio Cerci, 27 anni GETTY

INTER
Lavventura in maglia nerazzurra durata una
stagione, in prestito dalla Samp. Andrea ha messo
insieme 20 presenze e un gol (foto), negli ottavi
di Coppa Italia contro il Genoa ANSA

he sia un professionista
esemplare chiaro da
tempo, e comunque Keisuke Honda non perde occasione per ricordarlo. Ieri mattina,
praticamente appena rientrato
da Tokyo, il giapponese invece
di andare a casa a rilassarsi si
diretto a Milanello per allenarsi. Un gesto (non nuovo) chiaramente molto apprezzato.

Qualche dubbio, per, sul fatto


che la buona volont si trasformi in una maglia da titolare:
Cerci pare favorito (e Suso per
ora non va oltre il ruolo di terzo incomodo). Oltre a Honda e
allo stesso Cerci ieri con Galliani presente a Milanello sono rientrati dalle nazionali anche Antonelli, Abate e De Jong.
In questi giorni lagente di Armero sta incontrando Milan e
Udinese: il colombiano a un
passo dal Flamengo. Intanto
Bonera rimasto vittima di un
pesce daprile. Sul web circolata una falsa prima pagina del
quotidiano spagnolo Marca
che titolava: Bonera del Real Madrid, con tanto di foto(montaggio) assieme a Perez
e maglia blanca numero 16.
m.pas.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Palermo allattacco
Iachini pensa
a Belotti nel 4-3-1-2
PALERMO

I
Andrea Belotti, 21 anni LAPRESSE

achini ha recuperato tutti i


giocatori impegnati con le
nazionali e studia le mosse
anti-Milan. La partitella in famiglia di ieri ha fatto intravedere segnali di un Palermo pi
spregiudicato. Il tecnico potrebbe tornare alla formula con
Vazquez dietro a Dybala e Belotti, messa in soffitta nel girone di andata, anche se ancora

presto per dire che sar la formula definitiva. Iachini sa che


la squadra pu esprimersi attraverso diversi sistemi. E lopzione con Quaison in versione
doppio trequartista accanto a
Vazquez in un 4-3-2-1 vivr parallelamente. Quello che appare pi certo lo schieramento
difensivo che sar a quattro e
registrer il rientro di Gonzalez, dopo tre turni di assenza
per un problema muscolare. Il
costaricano ha pienamente recuperato e guider il reparto arretrato nel quale si preannunciano alcune novit: Vitiello potrebbe spostarsi nel ruolo di
centrale proprio accanto a Gonzalez, scalzando nelle preferenze Terzi, mentre Rispoli dovrebbe agire da terzino sinistro.
f.v.
RIPRODUZIONE RISERVATA

12

Serie A R La strana coppia

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Gila e Diamanti
Arrivati dalla Cina
ma senza furore
1Alino era partito bene, ora in flessione. Gila
deve ancora ingranare. La conferma difficile

Giovanni Sardelli
FIRENZE

erve uno scatto. Per conquistare il riscatto. La


storia parallela di Gilardino e Diamanti prosegue, e
anche lobiettivo comune rimane identico. Conquistarsi
un futuro a Firenze. Amici,
quasi fratelli, e gi compagni
di squadra al Bologna e al
Guangzhou Evergrande prima
di tornare in viola nel gennaio
scorso. Alino ha un anno in
meno (classe 83) e molti minuti in pi giocati nel 2015 fiorentino. Alberto ha per la
stessa fame e un sogno. Toccare i 200 gol in Serie A (ne mancano 26).
Alessandro Diamanti, 31 anni, alla Fiorentina da gennaio ANSA

RUSH FINALE Mancano due


mesi alla fine della stagione.
Una sessantina di giorni di
tempo per convincere la Fiorentina a fidarsi di loro anche
nella prossima annata. Sono
arrivati in prestito con diritto
di riscatto (2 milioni per Diamanti, 1,5 invece per Gila) dalla Cina; con furore, certo, ma
anche con una condizione fisica logicamente precaria considerando i mesi di inattivit.
Dovendo oltretutto lottare con
linsolito affollamento del reparto attaccanti viola. Diamanti ha beneficiato quasi su-

IL CONCORSO

Vinci la finale di Europa League


Volete assistere alla finale di
Europa League a Varsavia? La
Gazzetta dello Sport in
collaborazione con Hankook
Tire, uno dei principali
produttori mondiali di
pneumatici, ha organizzato un
concorso che mette in premio
due biglietti (viaggio incluso)
per la partita del 27 maggio.
Fino al 19 di aprile baster

andare sul sito internet della


Gazzetta o collegarsi
direttamente digitando
(http://www.gazzetta.it/promoti
on/hankook), completare la
registrazione e rispondere
a tre domande sulla storia
dellEuropa League e il mondo
di Hankook. Rispondendo
correttamente si parteciper
alla estrazione finale.

bito della fiducia di Montella.


Che il 31 gennaio scorso lo ha
inserito per la prima volta titolare a Genova contro il Genoa.
Gara che ha visto anche lesordio, nel finale, del Gilardino
parte seconda con la Fiorentina. Una settimana dopo Diamanti ha trovato il primo gol
(contro lAtalanta) con un numero dei suoi. Giocando sei
partite di campionato consecutive dal primo minuto, quasi
un record. Alberto ha faticato
molto di pi a trovare spazio.
Una gara da titolare contro il
Milan, giocando malino. E altri
cinque spezzoni. Per entrambi
niente gioia in Europa League,
non essendo stati inseriti nella
lista Uefa.
CALO Se lavventura del numero 9 deve quindi praticamente
ancora cominciare, linizio di
Diamanti stato travolgente.
Seguito per da una brusca
flessione. Nelle ultime tre gare
di campionato ha giocato solo
45 minuti, venendo sostituito
allintervallo nel disastro viola
contro la Lazio. Per poi guardare dalla panchina le sfide
con Milan ed Udinese, e dalla
tribuna il confronto europeo
con la Roma. Nelle ultime settimane quindi poca FiorenCina, nonostante il nome di Diamanti sia tornato in ballo per la
partita di sabato contro la
Sampdoria. Il ballottaggio
tosto, considerato che deve
provare a sfilare la maglia al fenomenale Salah per poter giocare in appoggio a Mario Gomez. La gara di tre giorni pi
tardi con la Juventus per
(Coppa Italia), pu aiutarlo.
Anche perch la turnazione
operata da Montella proseguir incessante in questo aprile
caldissimo. Nel via vai di procuratori passati in questi giorni
dal centro sportivo viola, ieri si
visto anche Luca Puccinelli,
agente di entrambi. Visita di
aggiornamento per fare il punto della situazione. Che resta
in continua evoluzione. Non
ancora tempo di decisioni. Serve giocare e, magari, segnare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DOPO IL CRAC DEL CLUB

Albertini, un saggio per il Parma


Consulente dei curatori fallimentari
1 Lex centrocampista e n 2 Figc, esperto di diritto sportivo e norme federali,
stato nominato dal giudice. Il team manager Melli: Dar un contributo concreto
Andrea Schianchi

emetrio Albertini gioca


con il Parma. Sar il consulente dei due curatori fallimentari designati dal tribunale
per gestire il crac della societ
giallobl. Albertini stato chiamato direttamente da Angelo
Anedda e Alberto Guiotto, i
commercialisti che si stanno occupando della delicata vicenda,
e quindi ufficialmente nominato dal giudice delegato Pietro
Rogato. Il compito di Albertini
sar, sostanzialmente, quello di
fornire un contributo sul piano
sportivo e regolamentare durante il periodo della procedura
fallimentare. Le sue conoscenze
in materia di diritto calcistico e
di norme federali (visto che ha
ricoperto per diversi anni la carica di vicepresidente della Federcalcio) saranno molto utili
ai curatori che, di fatto, stanno
lavorando soprattutto sul versante economico. Albertini dovr rapportarsi con i tanti tesserati del Parma. Obiettivo chiaro: arrivare, se possibile, a una
ristrutturazione del debito
sportivo, in modo da tutelare i
creditori. Domani la prima usci-

LAGENDA

L8 aprile va consegnata
la stima economica del
club: ma Collecchio e
brand sono di Manenti...
Servono 73 milioni per
ripartire dalla Serie B:
un gruppo canadese
sta studiando le carte

ta ufficiale di Albertini davanti


alle telecamere. Intanto arriva
il gradimento di Alessandro
Melli, team manager e voce
molto ascoltata nellambiente:
Ritrovo un amico e una persona molto in gamba. Con Demetrio abbiamo giocato anche in
Nazionale, lo conosco da sempre, quasi un mio coetaneo.
Penso possa darci una mano.
Sono sicuro che potr dare anche tanta concretezza per quello che sar il suo compito.
PROSSIMI PASSI Mercoled 8
aprile tocca ai commercialisti
presentare una stima della societ (operazione non semplice,

visto che il centro sportivo di


Collecchio e il marchio non
rientrano nei beni del club, ma
appartengono a Eventi Sportivi) e poi dovranno attendere la
decisione del tribunale che deve autorizzare la prosecuzione
dellesercizio provvisorio fino al
termine della stagione. La nomina di Albertini da parte del
giudice Rogato fa ipotizzare che
ci sia lintenzione di andare
avanti con la procedura e di preparare lasta per la vendita del
club. Da escludere, al momento, che Albertini rappresenti
una cordata di investitori disposti a rilevare il titolo sportivo. Il
discorso prematuro. Per restare in Serie B e non scendere tra
i Dilettanti gli eventuali compratori devono sborsare 74 milioni di euro, cio il totale del
debito sportivo corrente: si pu
arrivare a una transazione e
pensare di spendere circa 40
milioni, ma loperazione rimane complessa. Un fondo canadese sembra interessato e ha
iniziato una serie di colloqui attraverso professionisti e legali
vicino alla Federcalcio. Il presidente Tavecchio molto sensibile allargomento, ma limpresa davvero molto complicata.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL BABY FUTURO VIOLA

Hagi difende il figlio


Kovacs vada via,
umilia i pi giovani
1Lex campione sfida
il coordinatore delle
Under, che ribatte:
Lui non conta

Ghoerghe Hagi, 50 anni EPA


FIRENZE

uria Hagi. Il pi forte


calciatore della storia
romena sceso in campo. Stavolta per difendere il
figlio Ianis, classe 98 che il
prossimo anno dovrebbe giocare nella Primavera della
Fiorentina. Ianis loggetto
di una lettera aperta scritta
da pap Gheorghe alla Federazione rumena: lex stella di
Barcellona e Brescia ha accusato il coordinatore delle Nazionali giovanili, Zoltan Kovacs, di aver umiliato pubblicamente il figlio e due compagni durante il ritiro
dellUnder 17.

LETTERA Caro Anghel Iordanescu - ha scritto Hagi al


selezionatore della Naziona-

CLASSIFICA
SQUADRE

PT

JUVENTUS
ROMA
LAZIO
SAMPDORIA
NAPOLI
FIORENTINA
TORINO
MILAN
GENOA
INTER
PALERMO
UDINESE
EMPOLI
SASSUOLO
CHIEVO
VERONA
ATALANTA
CAGLIARI
CESENA
PARMA (-3)

67
53
52
48
47
46
39
38
37
37
35
33
33
32
32
32
26
21
21
9

le maggiore della Romania mi


sono permesso di inviare questa
lettera in qualit di ex giocatore,
ex capitano della Nazionale e,
non da ultimo, padre del giocatore Ianis Hagi. Siete stati informati di ci che successo nellUnder 17 in cui Florin Coman,
Carlo Casap e Ianis Hagi sono
stati offesi e umiliati da Zoltan
Kovacs durante la riunione tecnica e durante lallenamento in
Olanda e anche nel Torneo Elite. Il signor Kovacs ha detto loro: Anche se vi allenate con la
prima squadra di una formazione della massima divisione (Ianis Hagi gioca nel Viitorul FC),
voi siete zero. Come si sono
sentiti, signor Anghel Iordanescu, questi sedicenni osservati
dai loro compagni e dai loro
preparatori mentre venivano
offesi ed umiliati? Come crede
che si siano sentiti, signor Anghel Iordanescu, gli altri giocatori della Nazionale Under 17 e
come potranno fidarsi delle loro
guide che hanno formato ragazzi considerati zero?.
REPLICA Hagi ha poi chiesto
lallontanamento di Kovacs,
spiegando di rispettare la scelta
del figlio che ha deciso di prendersi del tempo per decidere se
rispondere in futuro a una convocazione nella nazionale giovanile. Rispetto il signor Hagi
ha replicato Kovacs - ma non sar lui a decidere il futuro. Non
ho detto che valgono zero. Con
nulla intendevo dire che loro
non avevano fatto niente in
campo. E ho detto a Ianis che il
suo cognome per me non ha importanza.
g.s.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TACCUINO

PARTITE

RETI

28
28
28
28
28
28
28
28
27
28
28
27
28
28
28
28
28
28
28
26

20
14
16
12
13
12
10
9
9
9
8
8
6
7
8
8
5
4
4
3

7
11
4
12
8
10
9
11
10
10
11
9
15
11
8
8
11
9
9
3

1
3
8
4
7
6
9
8
8
9
9
10
7
10
12
12
12
15
15
20

55
39
51
37
47
41
32
41
37
42
38
31
30
34
21
33
23
34
25
21

14
21
27
28
36
31
30
35
33
36
41
36
30
43
30
48
38
53
49
53

CHAMPIONS PRELIMINARI DI CHAMPIONS


EUROPA LEAGUE RETROCESSIONI

PROSSIMO TURNO
SABATO 4 APRILE, ore 15
ROMA-NAPOLI (ore 12.30)
(0-2)
ATALANTA-TORINO
(0-0)
CAGLIARI-LAZIO
(2-4)
GENOA-UDINESE
(4-2)
INTER-PARMA
(0-2)
PALERMO-MILAN
(2-0)
SASSUOLO-CHIEVO
(0-0)
VERONA-CESENA
(1-1)
FIORENTINA-SAMPDORIA (ore 18.30) (1-3)
JUVENTUS-EMPOLI (ore 21)
(2-0)

OGGI LINAUGURAZIONE

A Torino un giardino
dedicato a Pozzo
A Torino il giardino del
campus Einaudi dellUniversit
sar intitolato oggi a Vittorio
Pozzo, c.t. della Nazionale negli
anni Trenta e Quaranta, unico
tecnico vincitore di due
edizioni consecutive del
Campionato del mondo (1934 e
1938, in pi oro olimpico 1936).

IL 2 GIUGNO

Partita del Cuore


Da oggi i biglietti
I biglietti per La Partita del
Cuore (Nazionale Cantanti
contro Campioni per la
Ricerca), allo Juve Stadium il 2
giugno, sono disponibili da
oggi nelle ricevitorie Listicket
(gruppo Ticketone) e sul sito
listicket.com. Prezzi da 10 a 20
euro, il ricavato a Telethon e
alla Fondazione Piemontese
per la Ricerca sul Cancro.

CALCIO FEMMINILE

Sensi al lavoro
Via al rinnovamento
(m.cal.) Primo giorno per
Rosella Sensi alla guida della
Commissione Figc per lo
sviluppo del calcio femminile.
Lex presidente della Roma,
nominata lo scorso 27
febbraio, ha presentato il
piano per la crescita del
movimento: riforma dei
campionati, valorizzazione
delle nazionali, comunicazione
e marketing, rapporto con
scuole e universit.

Serie A R

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

A TU PER TU CON...

13

CONTENUTO
PREMIUM
1

SABATINI
ALLA PRIMA
CONFERENZA
DISSE CHE ERO
UN PROBLEMA
IO BELLO
E DANNATO?
LUOGO COMUNE
MA DA GIOVANE
CI SOFFRIVO

In carriera Marco Borriello ha giocato con 10 club: in questa carrellata lo vediamo


indossare la maglia della Roma (foto 1), del West Ham (2), della Juventus (3), del Milan (4) e
della Nazionale (5). Sotto con lex fidanzata Belen (6). In basso con la divisa del Genoa
5
6

L'IDENTIKIT
MARCO
BORRIELLO
NATO IL 18 GIUGNO 1982
A NAPOLI
RUOLO ATTACCANTE
ALTEZZA 185 CM PESO 76 KG

Borriello

TRADITO A ROMA
IL MIO MOTORE
ORA IL GENOA
A TRIGORIA CERCAVANO
ATTACCANTI, MA IO ERO
SEMPRE IN CODA. MI HANNO
BOCCIATO SENZA VEDERMI.
CON GASP FATICO TANTO: ALLA
MIA ET MI SERVIVA LUI
LINTERVISTA di
ALESSIO DA RONCH-FILIPPO GRIMALDI

l Genoa ha un sogno: lEuropa. I suoi tifosi


coltivano una speranza: Borriello, che sia
lui fra i protagonisti dellimpresa. Eppure il
centravanti, arrivato dalla Roma a fine gennaio,
in due mesi ha giocato solo quattro spezzoni di
partita, senza realizzare gol. Dopo un lungo periodo di anonimato in giallorosso, ha scelto Genova per rilanciarsi, con il contratto in scadenza
e un futuro da scrivere. Cosa cerca? Cosa spera?
Cosa vuole dalla sua terza avventura rossobl?
Semplice, voglio il Genoa. Ho scelto questa
squadra per rilanciarmi. La conosco, ho dovuto
fare dei sacrifici, ma so cosa pu darmi. Inseguo
lEuropa con i miei compagni, la riconferma per
me e anche qualcosa in pi: questo un biennio
importante, che porta agli Europei, un obiettivo
significativo per tutti. Vorrei provarci anchio.
Per qui sta faticando?
Ogni squadra ha metodi di allenamento diversi. In questi anni ho sempre fatto vita da professionista, in allenamento e nellalimentazione. Al
Genoa linizio stato duro, ma lavevo messo in
preventivo. Ora il mio fisico si adattato.

Lei non gioca titolare dal novembre 2013 (RomaSassuolo) e non segna dallottobre precedente.
Quel giorno, con il Sassuolo, presi un colpo da
Magnanelli. Nessuno lha mai saputo, ma ho
avuto un edema della spongiosa, una microfrattura al perone, dolorosissima... Poi cambiata la societ e sono state fatte scelte diverse.
Sono andato al West Ham, rimanendo fuori per
un mese e mezzo. Un giorno dissi allallenatore:
Vedo Sky anche a Roma, non sono venuto qui
per guardare le partite in tv. Solo la squalifica
di Carroll ha permesso a me e a Cole di alternarci in campo: una cosa irritante per entrambi. Accadde poi che nel giorno di riposo andai ad allenarmi da solo. Troppo carico, finii stirato. Al
rientro il campionato era alla fine.
Eppure a Roma cera il problema del centravanti.
Cosa passa nella testa di un attaccante che resta
fuori?
Ti fai delle domande, ma la risposta era
chiara: la nuova dirigenza aveva fatto scelte
diverse. Ricordo che Sabatini alla prima
conferenza disse che Borriello era un problema.
Sono arrivati Osvaldo, Destro, Borini, Doumbia,
e io, senza essere mai stato valutato sul campo,
ero sempre la terza o quarta punta. Eppure il
primo anno fu eccellente. Ricordo una statistica
che diceva che tra Batistuta, Balbo, Vller e Totti
io avevo una media gol migliore nei primi sei
mesi in giallorosso. Poi via Ranieri, e dentro
Montella, con Totti centravanti, l iniziato il
declino. Gi lo scorso anno volevo tornare al Genoa, dove avevo realizzato 12 gol. Ho pure insistito pensando che avrei fatto almeno 15 reti e
sarei potuto andare al Mondiale. Per Destro era k.o. e non mi hanno lasciato partire. Quando s infortunato Totti ho giocato 8 delle 10 partite vinte consecutivamente, segnando il gol della decima.
Una soddisfazione personale.

Marco Borriello cresciuto nelle


giovanili del Milan. Esordio tra i
pro con la Triestina (2001), poi
Treviso in C1. Ritorna al Milan e
debutta in A nel 2002, poi Empoli,
ancora Milan, Reggina e Samp.
Nel 2006 altro ritorno al Milan,
ma lesplosione arriva al Genoa:
19 gol in A. Da allora 3 stagioni al
Milan, poi Roma, Juve, Genoa,
Roma, West Ham, Roma e Genoa.
In Nazionale 7 presenze dal 2008
LA CARRIERA NEI CLUB
TRIESTINA
TREVISO
MILAN
EMPOLI
MILAN
REGGINA
SAMPDORIA
TREVISO
MILAN
GENOA
MILAN
ROMA
JUVENTUS
GENOA
ROMA
WEST HAM
ROMA
GENOA

gennaio-giugno 2001
2001-2002
luglio-dicembre 2002
gennaio-giugno 2003
2003-2004
2004-2005
luglio-dicembre 2005
gennaio-giugno 2006
2006-2007
2007-2008
2008-2010
2010-dicembre 2011
gennaio-giugno 2012
2012-2013
luglio-dicembre 2013
gennaio-giugno 2014
luglio-dicembre 2014
da gennaio 2015

Questanno a Roma neppure un minuto in campo.


Perch, allora, questa bocciatura?
Mi fa piacere che qualcuno noti la cosa. Vorrei
avere avuto quantomeno la possibilit di sbagliare, ma tutti sono liberi di fare le loro scelte.
Io sono rimasto a Roma anche per far cambiare
idea a qualcuno, ma battevo contro un muro.
E rieccola al Genoa. La terza volta in una piazza
che la ama da sempre.
Qui mi conoscono bene. I dirigenti e Gasperini
mi hanno voluto, i tifosi mi apprezzano perch
in campo ho sempre lottato. Hanno apprezzato
pi quello che i miei gol. Qualcuno da altre parti
mi considera un giocatore finito, na pippa,
come dicono a Roma. Sono qui per ripagare la
fiducia della societ, ma anche e soprattutto per
dimostrare a me stesso che... sto ancora sul pezzo. Mi sento bene e considero ancora lontano il
momento in cui smetter. Quel giorno vorrei
sentir dire che Borriello era un buon giocatore.
Lei ha accettato di venire qui con il contratto in
scadenza, senza altre pretese. Perch?
A gennaio mi hanno offerto contratti di un anno e mezzo, per sapevo quel che mi serviva,
Conosco Gasperini e il suo staff. Mi serviva questo: lavorare duramente, riprendere a faticare.
Per recuperare ci vuole sacrificio, gli allenamenti di Gasperini sono molto duri. Ho in pi la spinta dei tifosi che mi hanno sempre voluto bene.
Letichetta di bello e dannato ha condizionato la
sua carriera?
Ci ho fatto labitudine, da giovane ci soffrivo,
ma i luoghi comuni e linvidia ci saranno sempre, cos come le chiacchiere della gente. Lunico
modo per smentire tutto il campo. Purtroppo
ultimamente non ne ho avuto lopportunit. Ma
c solo una cosa certa: giocando da titolare, in
doppia cifra sono sempre andato.
Ora i suoi gol servirebbero per conquistare lEuropa.
Ci crediamo, eccome. Ci attendono tre partite
in casa con avversari alla nostra portata. Saranno difficilissime, ma siamo pronti. Arriviamo da
due passi falsi, per il Ferraris una carta a favore. Contro lUdinese ho gi fatto dieci gol. Ricordo soprattutto le due triplette nel 2008.
Nella sua situazione, vorrebbe spaccare il mondo. Come gestisce la situazione?
Invecchiare ha dei vantaggi: esperienza e
saggezza le ho acquisite pure io. So cosa devo
fare in campo. Ho ritrovato lentusiasmo di allenarmi per un obiettivo. Non mi spinge la rabbia, ma un sentimento positivo.
La panchina un problema?
No. Nessuno mi ha detto che avrei avuto il
posto assicurato, figurarsi con un allenatore come Gasperini. Per raggiungere lobiettivo serve tanto sacrificio. Lavoriamo con
il gps, si coprono dagli 8 ai 12 chilometri
ad allenamento, ad alta intensit, sempre. Il mister sa che sono pronto. Guai a
mollare, ma Gasperini una garanzia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

14

Serie A R Calcioscommesse

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Conte e la partita in Procura


Vuole chiarire dal pm a Cremona
1I legali della Figc hanno presentato un memoriale e chiesto linterrogatorio:

in ballo c il possibile rinvio a giudizio per frode sportiva su due match del Siena

Francesco Ceniti

opo lInghilterra, Cremona. C unaltra partita


allorizzonte del c.t. Antonio Conte e non quella di
giugno contro la Croazia: il tecnico della Nazionale nelle prossime settimane (entro aprile)
sar sentito dal procuratore Roberto di Martino, titolare dellinchiesta sul calcioscommesse. La richiesta stata fatta dagli avvocati della Federcalcio:
fa parte di una strategia tesa a
evitare in extremis il rinvio a
giudizio per frode sportiva del
c.t. indagato per Novara-Siena
2-2 e AlbinoLeffe-Siena 1-0 del
2011. Nei giorni scorsi i legali
(Arata e Galavotti) hanno depositato un memoriale proprio
per tentare di rispondere giuridicamente alle contestazioni
mosse dal pm nella chiusa inchiesta (coinvolti pi di 60 tra
giocatori, dirigenti ed ex atleti)
dinizio febbraio. Una mossa
non isolata e seguita dal prossimo interrogatorio. Conte si tro-

LE TAPPE
DELLINCHIESTA
LAST BET

ver faccia a faccia con di Martino e potr rispondere alle domande del magistrato, spiegando perch si ritiene estraneo
alla presunta combine.
NIENTE REATO PENALE La tesi
difensiva spiegata nel memoriale: leventuale (e da dimostrare) colpa di Conte non prefigurabile come reato penale,
ma semmai unomessa denuncia gi scontata in sede sportiva
con la squalifica di 4 mesi dellallora allenatore della Juve. Le
accuse del pm si basano sulle dichiarazioni del pentito Carobbio (il mister ci disse nella riunione tecnica prima di NovaraSiena che cera un accordo per il
pari) e su quelle del portiere
Coppola per AlbinoLeffe-Siena
(Conte, preso atto dellaccordo
con gli avversari, lasci a noi la
decisione). Sul primo passaggio gli avvocati di Conte fanno
notare che nessun giocatore del
Siena ha confermato le parole
di Carobbio, anzi sono piovute
una serie di smentite e il tecnico
stato assolto dalla giustizia

sportiva per laccusa di omessa


denuncia. Condanna, invece,
arrivata per la sfida di Bergamo
dove laccordo stato confermato pure da alcuni giocatori
dellAlbinoLeffe. La frase di
Coppola (potrebbe parzialmente ritrattare in questi giorni)
rafforza laccusa, ma i legali

PRIMI ARRESTI
Nel giugno 2011 la Procura di
Cremona arresta diverse persone
(tra cui Signori, Paoloni, Bellavista,
Bressan e Micolucci) con laccusa di
aver combinato alcune partite di A, B
e Lega Pro. Diverse le bande criminali
attive in Italia: slavi e asiatici quelle
considerate le pi pericolose.

IN CARCERE DONI E SARTOR


Nel dicembre 2011 altri arresti:
finiscono in carcere anche Doni
(confesser le sue colpe), Sartor,
Zamperini, Carobbio e Gervasoni. Gli
ultimi due decidono di collaborare con
il pm di Martino, ammettendo diverse
combine e spiegando nei dettagli
come agivano i clan delle scommesse

Antonio Conte, 45 anni, il c.t. della Nazionale dallagosto 2014 LAPRESSE

RDi Martino ha

convocato Doni:
dovr spiegare la
chat con Santoni su
Crotone-Atalanta

della Figc, se non riuscissero a


scardinare la contestazione,
punterebbero sul fatto che il c.t.
non avrebbe preso parte alla
combine, ma semmai lavrebbe
subita. Lunica colpa sarebbe
stata quella di non denunciare il
tutto alla giustizia sportiva, un
comportamento pagato con la
squalifica del 2012. Il prossimo
interrogatorio servir a mettere
sul tavolo le carte. Il rinvio a
giudizio del c.t. resta probabile,
ma la partita resta aperta e
come tutte le partite sono possibili gol allultimo minuto.
DONI E GLI ALTRI Conte non sar lunico ad andare a Cremona
nei prossimi giorni. C molto
movimento tra gli indagati e sono tanti quelli che hanno chiesto di essere sentiti: tra gli altri
Ariatti, Ventola, Fontana, Bombardini. Cristiano Doni, invece,
stato convocato dal pm di
Martino dopo la richiesta formale degli avvocati di Stefano
Colantuono e del d.s. Zamagna.
Dovr spiegare le frasi scritte
nella chat con Santoni su Crotone-Atalanta: lasciavano intendere una presunta combine e tiravano in ballo Colantuono e
Zamagna. Doni andr in Procura prima di Conte, probabilmente dopo Pasqua. Entro aprile scadranno i termini per presentare le istanze al pm: sono
numerose le richieste di patteggiamento. Anche Beppe Signori
potrebbe scegliere questa strada. Le richieste di rinvio a giudizio sono attese a maggio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MANETTE A MAURI E MILANETTO


Nel maggio 2012 nuova raffica di
arresti: finiscono in cella anche Mauri,
Milanetto e Tisci. A Coverciano, dove
la Nazionale si trova in ritiro per
preparare lEuropeo, arriva la polizia
per una perquisizione a Criscito. Tra
gli indagati c anche Antonio Conte
per delle gare del Siena da lui allenato

GEGIC, IL CIV E IL VECCHIETTO


Nel novembre 2012 si consegna Gegic,
lex giocatore del Chiasso latitante dal
2011 e considerato uno dei capi della
banda degli slavi. Rivela al pm di altri
personaggi italiani che erano a
conoscenza di combine. Nel dicembre
2013 la Procura arresta Bazzani (detto
il Civ) e Spadaro (il vecchietto)

A GIACARTA

Arrestato
vice di Dan Tan
Sar estradato?
Mentre a Cremona c il via
vai dindagati e avvocati in
vista delle ultime mosse
difensive prima delle richieste
di rinvio a giudizio del pm,
dallaltra parte del mondo
arriva la notizia dellarresto di
uno dei presunti componenti
della banda dei singaporiani,
considerata la pi pericolosa
nel business di tarocchi e
gare truccate, proprio a
seguito del mandato
internazionale diramato dalla
Procura di Cremona: si
tratterebbe del numero due
del clan guidato da Dan Tan
(finito in carcere a Singapore
per unaltra inchiesta). Il
fermo avvenuto a Giacarta
in Indonesia ed un primo
passo positivo, considerando
che qualche mese fa un altro
componente della banda era
stato fermato e subito
rilasciato dalle autorit
malesi. Il pm di Martino ha
gi inviato la richiesta di
estradizione: non sar
semplice e soprattutto i
tempi sono incerti, ma se
lestradizione dovesse andare
a buon fine, si aprono scenari
interessanti per linchiesta:
sono molti i segreti che il vice
di Dan Tan potrebbe svelare.

LE ACCUSE DEL PM
Lo scorso febbraio, dopo 4 anni
dindagini, il pm di Martino deposita la
chiusa inchiesta: sono oltre 120 le
persone a rischio rinvio a giudizio per
associazione per delinquere e frode
sportiva. Richiesta di archiviazione per
Vieri, Criscito, Kaladze. Gattuso era
uscito dallinchiesta a settembre 2014

Nazionale R Il bilancio
IL BORSINO
dei 56 convocati
del c.t. Conte

3
pareggi

56
43

I convocati di Conte

I giocatori schierati

vittorie

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

PORTIERI DIFENSORI
Buon (5/-3)
Sirigu (3/-2)
Perin (1/0)
Marchetti (0/0)
Padelli (0/0)

Bonucci (7/1)
Barzagli (1/0)
Rugani (0/0)
Astori (2/0)
Ogbonna (1/0)
Acerbi (1/0)

CENTROCAMPISTI
Chiellini (5/2)
Ranocchia (5/0)
Moretti (2/0)
Paletta (0/0)
Rossettini (0/0)

partite

11

LATERALI
CENTRALI
Darmian (7/0)
Pirlo (1/0)
Antonelli (3/0)
Marchisio (4/0)
Pasqual (4/0)
Giaccherini (2/0)
Cerci (1/0)
Valdiori (1/0)
Santon (0/0)
Verratti (4/0)
Abate (1/0)
Parolo (3/0)
El Shaarawy (1/0)
De Rossi (3/1)
De Sciglio (4/0)
De Silvestri (1/0)
Poli (1/0)
Criscito (0/0)
T.Motta (0/0)

15

ATTACCANTI
Soriano (3/0)
Candreva (5/1)
Bertolacci (2/0)
Bonaventura (1/0)
Florenzi (4/0)

Eder (2/1)
Zaza (5/1)
Immobile (7/1)
Destro (3/0)
Okaka (1/1)
Quagliarella (0/0)
Osvaldo (0/0)

Pell (3/2)
Vazquez (1/0)
Gabbiadini (2/0)
Giovinco (4/0)
Balotelli (0/0)
Matri (1/0)

Sturaro (0/0)
Aquilani (3/0)

Maggio (0/0) ha deciso di lasciare la Nazionale

Il ranking Fifa ad aprile

VERSO LEUROPEO

Sicuri

In ballottaggio

A rischio

(-/-) Presenze/Gol
GAZZETTA DELLO SPORT

Cantiere Italia
Dalla cintola in su
quante incognite
1Bulgaria e Inghilterra hanno promosso la difesa

Ma a Conte servono forze nuove in mezzo e davanti


ovrebbe essere la Nazionale di Pirlo, ma Pirlo,
colpa degli infortuni, ha
giocato poco pi di unora contro lAzerbaigian: una presenza
su 8. Naturalmente da Pirlo
non si pu prescindere e dalla
sua collocazione discenderanno i ruoli di Marchisio e Verratti, per fare due nomi. Comunque, dopo 8 gare (5 successi, 3
pari, differenza gol 12-5), 55
convocati e 43 schierati, un primo bilancio possibile. AllEuropeo andranno in 23 e c chi
gi in vantaggio.

no aggiungersi, se confermeranno quanto fatto finora, Pasqual, Soriano, Verratti, Zaza e


Immobile e probabilmente Perin, terzo portiere, finora preferito a Marchetti. E siamo a 19.
Come dire: da designare ancora 4 nomi. Naturalmente sono
discorsi lontani: siamo a quasi
14 mesi dalle liste ufficiali. Potrebbe spuntare un Messi, perch no? DallUnder 21 piacciono Zappacosta e Romagnoli.
Conte ha ammesso che avrebbe
convocato Sansone (Sassuolo)
allo stage e aspetta sempre Insigne. Qualcuno dei favoriti pu
entrare in crisi. Ma, oggi, la situazione pi o meno questa.

VERSO FRANCIA 2016 Se qualificati, ma non dovrebbe essere


impresa impossibile, hanno un
piede in Francia: Buffon e Sirigu (portieri); Barzagli, Bonucci, Chiellini e Ranocchia (difensori); Darmian, Pirlo, Marchisio, Giaccherini, Candreva
(centrocampisti); Eder, Pell
(attaccanti). A questi 13 posso-

IN BALLOTTAGGIO Di questi 4
mancanti, uno sar un difensore: al momento la lotta Moretti-Rugani, con Ogbonna e Astori in attesa. Due i centrocampisti da definire: non si pu negar e c h e , s e r i t r ove r l a
condizione perduta, De Rossi
entrer sicuramente in lista.
Poi un esterno: Conte potrebbe

Fabio Licari

LE CHIAVI

Pericolo ranking: siamo


undicesimi, rischiamo
di non essere testa
di serie a Russia 2018
Conte offre la cena a
Tavecchio, Lotito e Abodi
e li tranquillizza: per ora
non intende lasciare

Antonio Conte, 45 anni, ha 8


panchine sulla Nazionale ANSA

sceglierne uno di ruolo (Abate,


Antonelli, Santon), oppure rischiare uno come Florenzi
(milleusi). Infine, un attaccante: al momento un ballottaggio
pu essere Vazquez-Gabbiadini. Ma la situazione fluida e,
da Immobile a Pasqual, il posto
va conquistato. Si parler anche di posizioni (Verratti mezzala? In quale ruolo rende meglio Candreva? Darmian meglio a sinistra?). E di moduli: il
3-5-2 potrebbe prestarsi a qualche accorgimento.

fAMARCORD SAMP

ITALIA DA TV A cena ieri con


Tavecchio, Lotito e Abodi, ai
quali ha offerto la cena, Conte
ha confermato che non intende
lasciare la Nazionale. Ai tifosi
lItalia piace: 7,4 milioni hanno
visto in tv lamichevole con lInghilterra.

inque anni dopo, marted sera Beppe Iachini si messo davanti


alla tv ed stato un po come
riassaporare frammenti di
una vecchia felicit. Come
riviverla ma in un altro modo, con altre sensazioni. Allora con Eder e Pell condivise la gioia per una Samp ricatapultata in A, e forse allinizio ci credeva solo lui;
laltro ieri Eder e Pell in azzurro gli hanno rinfrescato
la soddisfazione che un tecnico prova nel vedere suoi
ragazzi che decollano: quando li alleni non immagini se
potranno o meno arrivare
cos in l, per ci speri.

RANKING: ATTENZIONE 2018


Con due pari, per, si perde
qualcosa nel ranking Fifa: il 12
aprile sar pubblicata la classifica aggiornata e lItalia perder una posizione, scendendo
all11 posto. Niente scherzi: il
25 luglio a San Pietroburgo saranno sorteggiati i 9 gruppi di
qualificazione a Russia 2018.
Sar necessario restare tra le
prime 8 europee per essere teste di serie (pi la Russia di diritto). Ad aprile lItalia sar
proprio l8 europea.
INFORTUNI AZZURRI Cambier qualcosa nellimmediato futuro: la gestione degli infortuni. Niente pi comunicazione
della diagnosi, lasciata al buon
cuore del club. Rapporti da sistemare, visto che anche il famoso comunicato federale su
Marchisio era stato concordato
nel pomeriggio con la Juve.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Eder e Pell promossi


da Iachini: Cresciuti
ma ancora generosi
Andrea Elefante

PI CONSAPEVOLI In quella
Samp arrivarono tutti e due
a gennaio, avevo Pozzi che
segnava sempre, ma li feci
giocare insieme diverse volte, si completavano bene gi
allora. E gi allora avevano i
movimenti giusti, anche Pell che a vederlo cos noti prima la struttura, da lui ti
aspetti anzitutto gol come
quello contro lInghilterra,
ma in realt un attaccante
tecnico, che sa anche legare
il gioco, non solo far salire la

Beppe Iachini, 50 anni FORTE

squadra. Con loro due potevo


disegnare un reparto piatto o
un reparto verticale e rivedendoli non li ho trovati cambiati:
pi consapevolezza, ma sempre
il contrario dellindividualismo, disposti ad un lavoro per
la squadra che gli ho sempre
chiesto e mi hanno sempre dato.
VAZQUEZ SEMPLICE Quello
che Iachini ha visto fare anche
al suo Vazquez nella mezzora di
Torino: Ha giocato un po pi
semplice rispetto alle sue abitudini, magari a due tocchi. Almeno un paio di volte avrebbe
potuto cercare luno contro uno
e la superiorit numerica: forse
con noi ci avrebbe provato, ma
era giusto che seguisse le direttive di Conte. Avr tutto il tempo per farlo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PRESENTANDO IL SUO LIBRO

Sacchi punge ancora: Allegri non spettacolare


1Lex c.t.: Altri tecnici pi divertenti di

lui, ma entrer presto tra i miei preferiti:


a Dortmund la sua Juve mi ha colpito
Andrea Tosi
INVIATO A MILANO MARITTIMA (RA)

rrigo Sacchi sceglie il


giorno del suo 69simo
compleanno per presentare il libro Calcio totale,

scritto insieme a Guido Conti,


davanti a 200 ammiratori e colleghi tra cui spiccano Alberto
Zaccheroni (un altro nato il
giorno del pesce dAprile),
Franco Colomba e Massimo Bonini. Novanta minuti di didattica e aneddotica applicata al cal-

cio. Poi alla fine lex c.t. tira fuori il suo club di allenatori che
fanno spettacolo. Sono otto:
Ancelotti e Conte in testa, poi
Mancini, Benitez, Garcia, Montella, Mihajlovic e Sarri. Nella
lista manca Allegri, una dimenticanza? Max non ancora nel
mio club ma presto ci entrer sorride Sacchi - e le nostre ruggini in tv non centrano. In passato ha giocato con troppi difensori, ultimamente si messo
sulla strada che piace a me. La

prova di forza e di protagonismo della sua Juve a Dortmund


mi ha impressionato, con questo spirito i bianconeri posso
andare in finale.

Arrigo Sacchi, ex tecnico ed


ex c.t. ha compiuto ieri 69 anni

GLI ORIUNDI LArrigo si sofferma


sulle polemiche degli ultimi tempi:
La questione sugli oriundi capziosa, uninutile dispersione di
energie. Se si fosse trattato di Messi,
nessuno avrebbe fiatato. E dal 1934
che in azzurro giocano i naturalizzati. Il caso Marchisio? Un cattivo

esempio di comunicazione che ha


alimentato la fase autodistruttiva
del nostro sistema. Infine una battuta sulle crisi delle sue due squadre
del cuore: La vicenda del Parma mi
amareggia. Tutti colpevoli. Ripartire dalla serie D non un dramma,
limportante non cercare persone
che promettono soldi facili. Il Milan
invece ha cambiato tanto ma non ha
trovato giocatori funzionali al progetto e complementari tra loro. Il
talento buono ma non basta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

16

Calcio R

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

FOCUS TECNICO

RUOLO STORY
LEVOLUZIONE
DAGLI ANNI 30

CONTENUTO
PREMIUM
4-3-3

1 COMBI
2 MONZEGLIO

3 ALLEMANDI

REGISTA

REGISTA

REGISTA
4 FERRARIS

5 MONTI

10 MAZZOLA

6 BERTOLINI

ATTACCANTE 1
2

ATTACCANTE 2

PASSAGGIO

MOVIMENTO

LITALIA DEL 1934


E Luisito Monti il centromediano
metodista di Pozzo. A lui il compito di
bloccare gli avversari e rilanciare.

PASSAGGIO

MOVIMENTO

IL SISTEMA DEL GRANDE TORINO


Nel WM del Grande Torino il
quadrilatero di centrocampo crea il
gioco. Mazzola il regista.

PASSAGGIO

MOVIMENTO

IL REGISTA NEI TEMPI MODERNI


Schierato come vertice di un triangolo
il regista deve coordinare tutte le
manovre: difensive e offensive.

PASSAGGIO

MOVIMENTO

LAZIONE DI DISIMPEGNO
il regista, in fase di disimpegno, deve
farsi vedere dai difensori, ricevere il
pallone e indirizzarlo sugli attaccanti.

Ciak si gioca
DA METODISTI A REGISTI
DIRIGONO SEMPRE LORO
LANALISI di ANDREA SCHIANCHI

trica al servizio della squadra, giocavano con le


spalle rivolte alla porta avversaria, prendevano
botte e si rialzavano come se fossero uomini di
gomma. Vien da sorridere, oggi, quando si sente
dire che un regista ha fornita una prestazione
mediocre perch stato marcato a uomo: non
succedeva a tutti, trenta o quarantanni fa? Il
fatto che allora i giocatori avevano le qualit
per superare lavversario, mentre adesso spesso
fanno fatica a stoppare il pallone...

on esiste una grande squadra senza un


grande regista. Cos come non pu esserci una grande orchestra senza un grande
direttore. Questa la dimostrazione che la bacchetta del comando fondamentale quando si
tratta di leggere e interpretare uno spartito, per
poi farlo eseguire ad altri. Pensate alle formazioni pi belle e vincenti della storia del calcio
italiano e non ne troverete una che abbia fatto a QUESTIONE DI TESTA Un buon regista, pi che
meno del regista: nellItalia di Pozzo, Mondiale grandi doti atletiche (che comunque sono semdel 1934, cera Luisito Monti; nel Grande Torino pre gradite), deve avere innanzitutto predispoa occupare quel ruolo era Valentino Mazzola; sizione al comando, rapidit dintuizione e di
nella mitica Inter di Herrera i lanci di Luisito esecuzione. Il suo un doppio lavoro: sia in fase
Suarez erano un trampolino verso il successo; il difensiva sia in fase di costruzione. lui il primo
Milan di Rocco si reggeva sulle invenzioni di Ri- schermo davanti ai difensori, lui a dover filtravera; nel Brasile di Pel, tanto per uscire dai no- re i passaggi degli avversari, e guai se viene sustri confini, a cucire la manovra era Did, mae- perato in velocit innescando lazione di constro di tecnica e professore di architettura. E, ar- trattacco dei nemici. NellItalia di oggi, rispetto
rivando ai tempi moderni, le fortune della Na- ai tempi di Pozzo, c un vantaggio numerico: i
difensori centrali sono tre, e
zionale di Lippi, nel 2006, cos
non due, quindi il Pirlo di turcome quelle del Milan targato
no ha un supporto maggiore.
Ancelotti e della Juventus di
Pi che con
Quando viene recuperato il
Conte hanno tutte un minimo
le gambe i registi
pallone, tocca a lui farsi
comune denominatore: la prevedere dai compagni per
senza di Andrea Pirlo, cio del
devono essere
gestire la manovra. Demiglior regista del mondo. Ora
veloci
con
la
testa
ve avvicinarsi al terziche gli anni avanzano, e la carno, ad esempio, e
ta didentit un avversario
e con il pensiero
mentre ne riceve il
terribile, logico ricercare
passaggio ha loblerede, ammesso che ci sia. Il
c.t. Conte ci sta provando: prima Verratti, poi bligo di pensare gi alla giocata
Valdifiori. Uno pi offensivo, laltro pi diligen- successiva. questo laspetto
te. Nessuno dei due ancora allaltezza del mae- che fa la differenza: saper prestro, ma si pu lavorare per raggiungere buoni vedere lo svolgimento della
storia, intuire in anticipo
risultati.
quali possono essere
IERI E OGGI Il calcio in Italia, in un secolo e pi gli spazi da occupadi storia, ha cambiato pelle parecchie volte, ma re o da attaccare.
il ruolo centrale del regista sempre rimasto. Pirlo fantastico
Con il Metodo (che era, tradotto in numeri con- perch sa sempre
temporanei, un 2-3-2-3), nel periodo preceden- come spiazzare gli avversari con lanci improvvite alla Seconda Guerra Mondiale, il c.t. Pozzo si che mirano a innescare gli attaccanti: sono
voleva un giocatore fisicamente forte, ottimo rasoiate che tagliano in mezzo le retroguardie
nel contrasto e nellimmediato rilancio, da piaz- nemiche e non c verso di fermarle. Rivera era
zare nel ruolo di regista. Si chiamava non a caso addirittura divino, quando veniva servito e si
centromediano metodista e indossava la ma- preparava allassist decisivo: spediva in porta i
glia numero 5, secondo lusanza dellepoca. Lui- compagni con impressionante facilit. Suarez
sito Monti il perfetto interprete. Si scrisse di era pi geometrico e lineare, ma altrettanto eflui: Accoppia terrificanti durezze nelle chiusu- ficace. Tutti avevano pi cervello che gambe, e
re difensive alla qualit dei lunghi rilanci precisi i compagni sinchinavano di fronte alla loro saal millimetro con cui arriva il gioco offensivo; pienza tecnica e alla loro saggezza tattica. Con
il vertice arretrato di un triangolo con i due in- Pirlo la stessa cosa. Auguriamoci che Verratti
terni, Meazza e Ferrari, che collaborano alla co- e Valdifiori seguano le orme dei predecessori.
RIPRODUZIONE RISERVATA
struzione pi che far parte del quintetto offensivo. Quando le squadre italiane si convertono al
Sistema (il famoso WM) e poi al modulo con il
libero e le rigide marcature a uomo, il compito
di impostare la manovra e dettare i tempi cade
sulle spalle del numero 10. Si pensi a Gianni Rivera, a Luisito Suarez e alle loro invenzioni: tallonati dal primo allultimo minuto da un avversario che si occupava soltanto di loro e li seguiva
anche negli spogliatoi, riuscivano a dribblare,
passare, toccare, lanciare e tirare in porta. Mettevano la loro tecnica e la loro capacit geome-

PASSAGGIO

MOVIMENTO

IL CAMBIO DI FRONTE
Uno dei compiti cui chiamato il
regista riguarda il cambio di gioco: un
lancio e si va dallaltra parte.

Volti e storie
di un ruolo

LUISITO MONTI
(1901-1983)
Argentino naturalizzato
italiano, vinse con gli azzurri
di Vittorio Pozzo
il Mondiale del 1934.

MIRKO VALDIFIORI
Il centrocampista dellEmpoli,
classe 1986, ha esordito con la
Nazionale contro lInghilterra
marted scorso a Torino

VALENTINO MAZZOLA
(1919-1949)
E stato il capitano del Grande
Torino scomparso
nella tragedia di Superga
nel maggio 1949.

LUIS SUAREZ
(1935)
LInter lo acquista dal
Barcellona nel 1961. Regista
classico, con lui si esaltano
le qualit di Jair e Mazzola.

LA CIFRA

il numero di maglia che,


nel calcio di una volta,
veniva indossata dai
centromediani metodisti
(i registi di oggi).
Quando arriv in Italia,
nel 1980, Falcao chiese di
giocare con la maglia
numero 5 perch cos si
usava in Sudamerica

FANNO IL DOPPIO LAVORO: SEMPRE PRONTI


IN COPERTURA E POI RAPIDI
NELLIMPOSTAZIONE DELLAZIONE.
PIRLO E IL MAESTRO DELLULTIMO PERIODO,
ORA BISOGNA CERCARNE GLI EREDI

GIANNI RIVERA
(1943)
Non solo regista, ma anche
fantasista, trequartista,
inventore di calcio. Vince
il Pallone dOro nel 1969.

Mondo R La sorpresa

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Capo Verde fa la storia


Primo k.o. del Portogallo

1Non era mai successo che una nazionale delle ex colonie battesse

la rappresentativa di Lisbona: una piccola Corea per Fernando Santos

SOGNO MONDIALE

Eroe Kluivert
Ora Curaao
punta la Russia
1Lex milanista

c.t. dei caraibici


qualificati al 2
turno eliminatorio
per la coppa 2018

La festa dei tifosi del Capo


Verde per la storica vittoria
contro il Portogallo

Patrick Kluivert, 38 anni,


il c.t. del Curaao ANSA

rappresentante delle ex colonie


dAfrica: Mozambico, Angola,
Guinea Bissau, So Tom e, appunto, Capo Verde.

LARCIPELAGO
CAPO VERDE
MAURITANIA

SENEGAL
GAMBIA
GUINEA-BISSAU
GUINEA

RCS

Iacopo Iandiorio

agari non diventeranno


famosi come il nord coreano Park Doo-ik in
Italia. Ma Admilson Estaline
Dias de Barros detto Geg e
Odar Junior Lopes Fortes di certo a Lisbona e dintorni saranno
ricordati a lungo. Sono loro ad
aver firmato laltro ieri sera allo
stadio Coimbra da Mota, Estoril,
la prima sconfitta del Portogallo
contro Capo Verde (2-0) in 40
anni di indipendenza dellarcipelago atlantico. vero che finora le due nazionali si erano incontrate solo due volte: il Portogallo aveva portato a casa un
successo (4-1 nel 2006) e un pari
(0-0 nel 2010). Ma questo k.o.,
storico, segna anche la prima
sconfitta dei lusitani contro una

7 DEB Ora va be la solidariedade,


e i 50 mila euro presi dallincasso
e versati alle famiglie vittime
delleruzione dellisola di Fogo
(nellOceano Atlantico). Va bene
anche gli esperimenti: il c.t. Fernando Santos aveva lasciato a
casa i senatori Cristiano Ronaldo, Nani, Danny, Moutinho, Tiago, Quaresma, Carvalho e Bruno
Alves per sette debuttanti (di cui
4 dallinizio). Ma una sconfitta
casalinga contro una ex colonia
a Lisbona non se laspettava nessuno. Anche se i segnali che i Tubares azuis, gli squali azzurri
dellarcipelago atlantico, fossero
cresciuti erano tanti e andavano
presi sul serio.

pochi anni dal 108 posto nel


ranking Fifa fino al 35. E poi, a
gennaio scorso, Capo Verde
uscito nei gironi finali di coppa
dAfrica solo per aver segnato un
gol in meno del Congo ex Zaire.
Insomma, un team in crescita
evidente. Inoltre nel febbraio
2014 salito fino al 27 posto Fifa e oggi 38 (6 in Africa). Infi-

IL NUMERO

38

lattuale posto
nel ranking Fifa di Capo
Verde: 6 in Africa.
stato anche 27
nel febbraio 2014

LEX C.T. PILOTA In


n primis il teta 10 isole e
am che rappresenta
ne di creoli (e
quasi mezzo milione
one emiun altro mezzo milione
ndo) si
grato in tutto il mondo)
time 2
qualificato alle ultime
irittura
coppe dAfrica: addirittura
rienalla sua prima esperiennza, nel 2013, raggiunigendo i quarti di finale, con c.t. lex pi-lota e controllore di
volo di Sal, Lucio
Antunes, che avevaa
portato gli isolanii in

ne allEstoril ha schierato tutti i


suoi titolari, perch ci teneva a
fare bella figura in casa degli ex
colonizzatori: e ormai nella sua
rosa sono soltanto in due a giocare in Africa (in Angola), gli altri sono tutti in Europa. E a buoni
livelli.
LIMBIANCHINO Come Odar
Fortes, autore dell1-0 al Portogallo, attaccante del Reims in Ligue 1, sbarcato in Francia a 17
anni, e dallo zio avviato al mestiere di imbianchino fino alle 21
primavere, finch vinse il torneo
di quinta serie nel 2008 e fin in
Ligue 2 a Reims appunto, dove
subito lo chiamarono TGV, come
il treno ultrarapido. O come
Geg, autore del 2-0 (il suo primo gol con gli Squali), difensore
centrale di Praia (isola di Santiaggo), 27 anni, da sette in Portoprofessionista da 5, prima
gallo e profes
al Trofense e ora al Maritimo di
di CR7, sempre
Madeira (a casa
c
isole, sempre Atlantiisole
co).
co Guidati ora in
panchina
da agosto
pan
scorso
scor da un portoghese
s doc come Rui
Aguas, ex Porto e
Benfica. A Sal e nelle altre isole dellarcipelago
staranno
c
intonando
di sicuro
in
qualche
morna creoq
la
l di Cesaria Evora.
RIPRODUZIONE RISERVATA

SPAGNA

Danilo va al Real Madrid


Il Porto incassa 31,5 milioni
1Annuncio ufficiale
dellacquisto del
laterale del Brasile.
Pepe si infortuna
e salta il Granada

Andr Viana

ppena passata la mezzanotte, ma non per far credere a uno scherzo, il Real
Madrid ha ufficializzato lingaggio del brasiliano Danilo dal Porto. Anche il club portoghese ha
confermato loperazione chiusa
sulla base di un accordo da 31,5
milioni di euro, anche se la situa-

zione finanziaria del club portoghese non permette di capire se


tutti i milioni arriveranno poi in
cassa o saranno girati tra debiti e
intermediari.
CHE PLUSVALENZA Lesterno
classe 1991, arrivato ad Oporto
nel gennaio del 2012 e pagato 11
milioni al Santos, firmer un contratto fino al giugno del 2021 e vestir la maglia del Real a partire
dalla prossima stagione. Secondo
la stampa portoghese la societ di
Florentino Perez verser subito
una prima rata di 10 milioni. La
plusvalenza dunque notevole:
20,5 milioni. Danilo, nazionale
brasiliano, era anche nel mirino
di tanti altri club importanti, Barcellona compreso. La casa blanca ha bruciato tutti e in Spagna

Danilo Luiz Da Silva, 23 anni:


dal Porto al Real Madrid EPA

gi circolano i commenti sul duello con il suo amico Neymar: ai


tempi del Santos i due ragazzini
vinsero insieme in un anno la Libertadores e il campionato paulista. Sempre nel 2011, con lUnder
20 del Brasile prese il campionato
sudamericano di categoria.
COLONNA DEL PORTO Danilo
uno dei giocatori fondamentali
del Porto di Lopetegui, che nei
quarti di Champions affronter il
Bayern di Guardiola. Finora ha
giocato 34 partite ufficiali, realizzando quattro gol e quattro assist.
Pochi giorni fa si era detto lusingato dalla possibilit di giocare per il
Real Madrid: Mi sento pronto per
giocare nel club pi forte di tutti,
ha dichiarato. Intanto il Real in difesa perde Pepe. Il centrale portoghese stato sottoposto ad accertamenti che hanno evidenziato
una lesione muscolare al vasto
intermedio della coscia destra:
non sono stati resi noti i tempi di
recupero ma la sua presenza col
Granada in forte dubbio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

17

Alessandra Bocci

maligni potrebbero dire


che il posto adatto a
lui, che in vacanza da
una vita. Sono gli stessi che
hanno sempre giudicato
con severit la carriera di
Patrick Kluivert, che aveva
talento da vendere e un po
lo ha sprecato. Ma chi lo ha
visto lavorare con Van Gaal
nella nazionale olandese e
chi sa quante volte sia stato
utile nel parlare con un giocatore scontento o intristito,
sa anche che Kluivert non
andato in vacanza in Curaao, ma ha colto loccasione per dimostrare che non
scherzava quando diceva di
voler fare lallenatore. E il
suo Curaao ha superato il
primo step, passando alla
seconda fase di qualificazione al Mondiale 2018 per la
zona Concacaf.
INIZIO OK Caraibi, mare
blu, paradisi tropicali, come
si suol dire, ma anche una
certa difficolt a trovare
giocatori validi: alcuni
oranje famosi, tipo il terzino
del Psg Van der Wiel, sono
originari di questa isola occupata dagli olandesi nel
XVII secolo, ma il percorso
di oriundi al contrario

complicato. Kluivert per si


buttato nel lavoro con entusiasmo e in meno di un mese ha
strappato il biglietto per il turno successivo grazie a un pareggio e una vittoria casalinga
contro Montserrat. Il Curaao
si qualificato con Barbados,
St. Kitts and Nevis, Nicaragua,
Bermuda, Belize e Dominica.
Dalla lista dei nomi si capisce
che la strada lunghissima, ma
Kluivert sempre stato un tipo
positivo.
SFIDE Da tempo sentiva il bisogno di non fare pi il vice. Il
suo apprendistato con Van
Gaal si concluso al Mondiale:
per lo United lex c.t. ha formato un nuovo staff, e se Blind
rimasto con Hiddink in attesa
di prenderne il posto (al pi
tardi dopo Euro 2016, sempre
che lOlanda si qualifichi),
Kluivert ha capito che questo
capitolo della sua storia era finita. Ed ecco arrivare il territorio doltremare, dove il clima
tropicale e il campionato ha un
nome ovviamente esotico
(Sekshon Pag). Una sfida per
lex ragazzo al quale tutta
lOlanda rimprovera il talento
buttato, ma che piano piano il
pubblico ha imparato ad apprezzare per i modi usati nello
staff oranje. Amante in teoria
del calcio dattacco, in pratica
dei successi che si ottengono
con qualche cura alla difesa,
Kluivert ha la chance per dimostrare di non essere soltanto un
ex giocatore. E siccome di
chance ne ha gi buttate tante,
questa volta ha fatto in modo
di partire col piede giusto. Perch non si dica che a Curaao si
gioca un calcio da vacanza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ISOLA CARAIBICA
HAITI

REP. DOMINICANA
PORTO RICO

Mar
dei Caraibi

CURAAO

VENEZUELA
GDS

TACCUINO
GERMANIA

SPAGNA

Bayern, che botta


Alaba fuori due mesi

Elche senza soldi


Protesta dei giocatori

MONACO (spess) I timori


erano fondati: David Alaba si
procurato una lesione al
legamento collaterale del
ginocchio sinistro durante
lamichevole dellAustria con
la Bosnia, marted. La
prognosi parla di sette
settimane prima di poter
tornare a disposizione di
Guardiola. Se fosse una
stagione normale, il giocatore
potrebbe gi pensare alla
prossima annata: invece la
finale di Champions si
disputer il 6 giugno, quindi
Alaba ieri ha dichiarato al sito
del club: Sono molto triste.
Ma ho un grande obiettivo e
voglio tornare per la fine
della stagione. Sabato il
Bayern sar a Dortmund:
mancheranno anche Robben
e Ribery.

MADRID Guai finanziari anche


nella Liga: i giocatori e lo staff
tecnico dellElche hanno deciso
di attuare un boicottaggio nei
confronti del club fino a quando
non saranno pagati gli stipendi
che mancano da due mesi.
Giocatori e staff non
prenderanno parte pi a eventi o
conferenza stampa in cui
rappresenteranno la societ.

MONDIALE 2018

Senatori Usa alla Fifa


No alla Russia
WASHINGTON Un gruppo di
senatori degli Stati Uniti ha
scritto alla Fifa, esortandola a
considerare di togliere alla
Russia lorganizzazione del
Mondiale 2018 a causa del suo
ruolo avuto nella crisi Ucraina e
per l occupazione della Crimea.

18

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

A SOLI

3,99*

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

OPINIONI
La vignetta

19

www.gazzetta.it

TUTTE LE NOTIZIE SUL NOSTRO SITO

Twitter

SARA ERRANI
Tennista
Grande Beli!!!
#goodluck #miami #spurs
#nba @marcobelinelli
@SaraErrani

di Stefano Frosini

ANDREA LO CICERO
Ex azzurro di rugby
Ringrazio i corazzieri dei
Carabinieri per la splendida
giornata passata insieme
@andrealocicero1

JORGE LORENZO
Pilota di MotoGP
Orgoglioso di Palma di
Maiorca, felice di vivere nella
migliore citt del mondo!
@lorenzo99

LARA GUT
Sciatrice svizzera
Era ora di darci un taglio.
Capello accorciato e boccoli
per qualche ora... Che ne dite?
@Laragut

GIGI DATOME
CESTISTA NBA
Da sempre attratto da
quella fascia det, non
vedo lora di vedere
I bambini sanno di
@VeltroniWalter
@GigiDatome

Pro

Il compleanno della prestigiosa coppa europea

SU SCHWAZER LA GARANZIA E DONATI


LINTERVENTO
di DON LUIGI CIOTTI
fondatore dellassociazione
Libera

andro Donati che allena


Alex Schwazer: non
come ha detto qualcuno
unoperazione dimmagine, una
trovata pubblicitaria. Posso dirlo
perch conosco Sandro Donati.
Sandro un uomo onesto, serio,
coerente, che ha fatto scelte
difficili e ha pagato di persona.
Ma al tempo stesso un maestro
dello sport. Essere maestri dello
sport significa allenare, oltre ai
muscoli, le coscienze. Significa
insegnare una cosa preziosa,
fondamentale: che nello sport,
come nella vita, non si bara. Che
pi dignitoso arrivare ultimi ma
puliti, che primi truccando i
propri limiti.
Libera con cui Donati collabora
da anni crede da sempre in
questo. Crede nella dimensione

etica e formativa dello sport, uno


sport che non prepari soltanto
alle gare, ma alla vita, che sia
veicolo di crescita umana, sociale,
culturale. Qualcuno dir che un
idealismo ingenuo, ignaro dei
poteri e degli interessi in gioco. In
realt un realismo che vuole
guardare oltre, oltre quella logica
del profitto che ruba anima e
verit a tante realt della vita.
Credo allora che si debba ripartire
da tre parole. La prima
coraggio. Per cambiare rotta ci
vogliono scelte radicali e al tempo
stesso lungimiranti. Ben vengano
le regole; e ben vengano
rispetto al doping agenzie di
controllo che siano terze, che non
svolgano al tempo stesso il ruolo
di controllore e controllato. Ma i
codici non bastano. Occorre una
riforma delle coscienze, occorre
liberarci di un sistema, non
soltanto sportivo, dove il primato
dellindividuo impone il sacrificio
del bene comune.

responsabilit. Tutti dobbiamo


costruire un cambiamento: con i
nostri stili di vita, con le nostre
scelte, con i nostri
comportamenti. Il doping
sportivo si inserisce in un pi
vasto scenario di falsi in
bilancio: politici, economici,
culturali.
La terza parola bellezza. C una
relazione stretta, da riscoprire, fra
bene e bello, utile e giusto, forma
e sostanza. La poetica dello sport
inseparabile dalletica dello
sport, dalla sua capacit di farci
vedere, senza effetti speciali, la
meraviglia di chi insegue i propri
sogni senza dimenticarsi dei
propri limiti.
Grazie allora a Sandro per esserti
rimesso in gioco, e forza Alex!
Sei inciampato, ma ti fa onore la
voglia di rialzarti, di collaborare
con la giustizia, di ridare speranza
a chi crede che sia sempre lonest
a vincere, nello sport e nella vita.

La seconda parola

RIPRODUZIONE RISERVATA

Contro

ALEX, SOLO UNOPERAZIONE DI MARKETING


IL COMMENTO
TO
ARDUCCI
di FAUSTO NARDUCCI
email: fnarducci@rcs.it
rcs.it
twitter: @Ammapp1
p1

noperazione di marketing. Non


ci sono altre etichette per
definire liniziativa che ha
permesso ad Alex Schwazer di uscire
dal suo carcere dorato (nel quale
laveva recluso il pi clamoroso caso di
doping degli ultimi anni) verso la
libert vigilata che porta
direttamente a Rio. Non c dubbio
che la chance di recupero riservata
allolimpionico non era stato concessa
a nessuno degli altri azzurri finiti nella
rete dellantidoping. In fondo non ci
sorprende pi di tanto che dietro al
lifting mediatico, dal quale scaturita
ieri una di quelle conferenze stampa
riservate ai protagonisti delle grandi
imprese sportive, ci possa essere la
manager dellatleta. E tutto sommato
possiamo capire anche che sia sceso in
campo il Coni che forse sente odore di
medaglie. Ma ci sorprende, eccome,

che a dare il timbro di garanzia


alloperazione si sia prestato un
personaggio come Sandro Donati che,
nella vita e nelle opere, non aveva mai
concesso una seconda occasione a
nessuno. Seconda occasione che non
siamo noi a voler negare, visto che ne
hanno usufruito in tanti, ma da cui
proprio il principe dellantidoping e
con lui lintera struttura di Libera e i
fratelli De Benedictis avrebbero fatto
bene a tenersi alla larga.
Perch a Schwazer (e a lui solo) viene
concesso questo trattamento di
favore? Perch in tanti che
professavano una linea dura e senza
sconti ora invocano (o almeno
sognano) una riduzione di pena, in
contrasto con le decisioni della
Procura antidoping? Non vogliamo
pensare che ci sia una ricerca e un
bisogno di visibilit da parte dei
protagonisti delloperazione, anche
perch proprio leccessiva
esposizione che ha portato il
campione a deragliare dalla retta via.
Resta da aspettare cosa far la Fidal:
riuscir il presidente Alfio Giomi,

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
DIRETTORE RESPONSABILE
ANDREA MONTI
andrea.monti@gazzetta.it
VICEDIRETTORE VICARIO
Gianni Valenti
gvalenti@gazzetta.it
VICEDIRETTORI
Pier Bergonzi
pbergonzi@gazzetta.it
Stefano Cazzetta
scazzetta@gazzetta.it
Andrea Di Caro
adicaro@gazzetta.it
Umberto Zapelloni
uzapelloni@gazzetta.it
Testata di propriet de La Gazzetta
dello Sport s.r.l. - A. Bonacossa 2015

PRESIDENTE
Angelo Provasoli
VICE PRESIDENTE
Roland Berger
AMMINISTRATORE DELEGATO
Pietro Scott Jovane
CONSIGLIERI
Fulvio Conti,
Teresa Cremisi,
Luca Garavoglia,
Attilio Guarneri,
Piergaetano Marchetti,
Laura Mengoni
DIRETTORE GENERALE DIVISIONE MEDIA
Alessandro Bompieri

grande elettore di Malag, a


mantenere la sua promessa di sbarrare
la strada olimpica a un atleta
squalificato, come richiesto anche
pubblicamente da molti marciatori?
Lultimo comunicato fa pensare a
unapertura...
Chiunque abbia pensato alla regola
che vieta a un atleta squalificato di
usare gli impianti del Comitato
olimpico deve aver ritenuto che avesse
una logica: impedire a questi di
usufruire di strutture e agevolazioni
pubbliche fintanto che la squalifica
in atto. Verr applicata questa norma?
Teoricamente s, ma sar difficile per
Schwazer, Donati e Mario De
Benedictis preparare Rio in strada su
una ciclabile e la tentazione di
utilizzare una pista sar forte. Come
pure, al netto della disponibilit
gratuita dello staff, ci chiediamo chi
pagher il soggiorno a Roma di
Schwazer per un anno e mezzo.
Unoperazione di marketing con molti
misteri, ma Rio sembra gi
apparecchiata.

RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Quotidiani


Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano
Responsabile del trattamento dati (D. Lgs.
196/2003): Andrea Monti
privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000
COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A.
DIVISIONE QUOTIDIANI
Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo
quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici,
meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar
perseguita a norma di legge
DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA
MILANO 20132 - Via A. Rizzoli, 8 - Tel. 02.62821
ROMA 00187 - Via Campania, 59/C - Tel. 06.688281
DISTRIBUZIONE
m-dis Distribuzione Media S.p.A. - Via Cazzaniga, 19
20132 Milano - Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306
SERVIZIO CLIENTI
Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola
Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it
PUBBLICIT
RCS MEDIAGROUP S.P.A.
DIR. COMMUNICATION SOLUTIONS - Via A. Rizzoli, 8
20132 Milano - Tel. 02.25841 - Fax 02.25846848
www.rcscommunicationsolutions.it

RIPRODUZIONE RISERVATA

AUGURI CHAMPIONS
SEI NATA 60 ANNI FA
LA ROVESCIATA
ATA
di ROBERTO
BECCANTINII

al brivido di una
visionaria scommessa a
ricavi per 1,9 miliardi di
euro, come ha scritto
Fabio Licari sulla
Gazzetta del 31 marzo.
Sessantanni di Coppa dei Campioni
hanno accompagnato e stravolto il
calcio. Pochi soldi, alla partenza;
troppi, allarrivo. Dalla stagione
1992-93 sponsor e televisioni
lhanno sequestrata, imponendole il
nome del proprio casato:
Champions League. I primi passi
degli stati uniti dEuropa, romantici
ma laboriosi, risalgono al 1957: a
Roma, su iniziativa di Belgio,
Francia, Germania Federale, Italia,
Lussemburgo, Olanda, sorse il
Mercato comune europeo.
Lo sport, meno pigro, aveva gi
colto lo spirito del tempo. Nel 1955,
un giornalista francese de
LEquipe, Gabriel Hanot, si era
inventato la Coppa dei Campioni. Il
nome gli venne imposto. Avrebbe
preferito chiamarla Coppa Europa
per club. Di sicuro, sapeva guardare
lontano. Glielo imped lUefa. Una
tenera e fragile Uefa, appena
sbocciata, timorosa che un progetto
cos ambizioso potesse rovinarle
lesistenza e soffocare la nascente
attivit delle rappresentative
nazionali.
Anche gli inglesi erano perplessi.
Proprio loro, che avevano innalzato
il Wolverhampton Wanderers al
rango di squadra pi forte del
mondo solo perch in un freddo e
umido dicembre del 1954 - come
ricorda Adalberto Bortolotti sui
Quaderni del Guerin Sportivo aveva vinto due amichevoli di
prestigio, la prima sulla grande
Honved di Puskas (3-2), la seconda
sui referenziatissimi sovietici dello
Spartak Mosca (4-1).
Rimase sbalordito Gabriel Hanot,
inviato a Londra, nello sfogliare il
Daily Mail. La squadra pi forte
del mondo. Il Wolverhampton

EDIZIONI TELETRASMESSE
RCS Produzioni Milano S.p.A.- Via R. Luxemburg 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Tel.
02.6282.8238  RCS PRODUZIONI S.p.A. - Via
Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 
RCS Produzioni Padova S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073  Editrice La
Stampa SpA - Via Giordano Bruno, 84 - 10134 Torino 
Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle
Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel.
080.5857439  Societ Tipografica Siciliana S.p.A. Zona Industriale Strada 5 n. 35 - 95030 CATANIA Tel. 095.591303  LUnione Sarda S.p.A. - Centro
Stampa Via Omodeo - 09034 ELMAS (CA) - Tel.
070.60131 Milkro Digital Hellas LTD - 51 Hephaestou
Street - 19400 Koropi - Grecia BEA printing sprl - 16
rue du Bosquet - 1400 NIVELLES (Belgio) 
Speedimpex USA, Inc. - 38-38 9th Street Long Island
City, NY 11101, USA  CTC Coslada - Avenida de
Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID)  La Nacin
- Bouchard 557 - 1106 BUENOS AIRES  Miller
Distributor Limited - Miller House, Airport Way,
Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta  Hellenic
Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti
Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

Wanderers. Qualcosa non gli


tornava. Si crede davvero la pi
forte? Lo dimostri. Come, glielo
spiego io. Lo spieg, in ordine
sparso, ai suoi colleghi e agli
impacciati dirigenti dellUefa:
Prima di proclamare linvincibilit
del Wolverhampton, aspettiamo che
replichi le sue vittorie a Budapest e
a Mosca. E vediamolo di fronte al
Milan o al Real Madrid. Certo, lidea
di un campionato del mondo, o
almeno dEuropa, per club, pi
estesa, pi significativa e meno
episodica della Mitropa Cup, e pi
originale di un campionato dEuropa
per squadre nazionali, merita di
essere lanciata. Noi ci proveremo.
Se ledizione introduttiva del torneo
risale alla stagione 1955-56, il piano
dettagliato viene pubblicato da
LEquipe il 17 novembre 1954.
Titolone: LEquipe prsente son
projet dun Championnat dEurope
interclubs. LEquipe presenta il suo
progetto di un Campionato dEuropa
per club. Sommario: un
reprsentant par Fdration Matches aller et retour en milieu de
semaine et en nocturne - Patronage
ventuel de la Telvision
internationale. Un rappresentante
per federazione, partite di andata e
ritorno a met settimana e in
notturna. Eventuale patrocinio della
televisione internazionale.
Un reprsentant par Fdration:
che tenerezza, a pensarci. Sarebbero
diventati due, poi tre, poi quattro,
fino alla moderna babele di formule,
di partite, di quattrini. Resta la
folgorazione dellidea. Campionato
dEuropa per club. E dietro langolo,
la televisione. Gi un secolo fa. In
largo anticipo su ogni anelito di
europeismo politico. Lo sport come
rompighiaccio.
Monsieur Hanot convoc per il 2 e 3
aprile 1955 a Parigi i delegati di 16
fra le migliori societ europee. Ecco
la scintilla, la ricorrenza. Fu il passo
decisivo, latto ufficiale. Prima
partita, 4 settembre 1955: Sporting
Lisbona-Partizan Belgrado 3-3.
Primo gol: Joao Baptista Martins
(Sporting) dopo 14 minuti. Prima
finale: 13 giugno 1956 a Parigi, Real
Madrid-Reims 4-3. Ma questa
unaltra storia.

PREZZI DABBONAMENTO
C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS MEDIAGROUP
S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI
ITALIA
7 numeri
6 numeri
5 numeri
Anno:
403
 357
 279
Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare
allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI


Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it
Testata registrata presso il
tribunale di Milano n. 419
dell1 settembre 1948
ISSN 1120-5067
CERTIFICATO ADS N. 7952 DEL 9-2-2015

La tiratura di mercoled 1 aprile


stata di 257.385 copie

RIPRODUZIONE RISERVATA

COLLATERALI
* con Masha e Orso N. 1 3,39 - con DVD Il grande Mazinga
N. 2 7,39 - con The Walking Dead N. 1 6,39 - con Disney
e i Nostri Amici Animali N. 4 9,39 - con Mim N. 5  7,39 con DVD Lucio Dalla N. 5 12,39 - con TopoStory N. 6 
8,39 - con Beast Quest N. 7 7,30 - con Alpinismo N. 6 
12,39 - con Rocky Joe N. 8 11,39 - con Magazine Violetta N.
10 3,90 - con Campionato Io ti amo 2015 N. 10 11,39 con Disney English N. 12  11,39 - con Espaol da Zero N. 13
 12,39 - con Asterix N. 14  7,39 - con Maserati Collection
N. 9 14,39 - con The Beatles Collection N. 19  14,30 - con
Speciali Go Nagai Robot N. 6  21,39 - con Il Teatro di
Eduardo N. 22  12,39 - con DVD Poirot N. 23  11,39 - con
Blueberry N. 32 5,39 - con Diabolik Nero su Nero N. 37 
8,39 - con Ric Roland N. 43 5,39 - con Robot Collection N.
63 14,39 - con Ferrari Build Up 11,39

ARRETRATI
Richiedeteli al vostro edicolante oppure a Corena S.r.l
e-mail info@servizi360.it - fax 02.91089309 - iban IT 45 A
03069 33521 600100330455. Il costo di un arretrato pari al
doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

PREZZI ALLESTERO: Albania  2,20; Argentina $ 16,50; Austria  2,20; Belgio  2,20; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 64; Cipro  2,20; Croazia Hrk 17; Francia  2,20; Germania  2,20; Grecia  2,50; Irlanda  2,20; Lux  2,20; Malta  2,20; Monaco P.  2,20; Olanda  2,20; Portogallo/Isole  2,50; SK Slov.  2,20; Slovenia  2,20; Spagna/Isole  2,50; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Hong Kong HK$ 45; Ungheria
Huf. 700; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 4,00.

20

Serie B R 34a giornata

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Panucci gi al bivio: Ma il Livorno si rialzer


1Il tecnico rischia contro il Lanciano: Con una vittoria via i fantasmi. Poi una frase sibillina: I nostri problemi sono a monte...
Francesco Foresi
LIVORNO

ue partite, due sconfitte,


zero gol realizzati, tre subiti. Numeri impietosi
per il Livorno sotto la gestione
Christian Panucci, che aveva sognato un inizio ben diverso per
la sua prima avventura da capo
allenatore. Ma Panucci non si tira indietro, tira fuori gli artigli
convinto di poter uscire dal tunnel in cui entrata la squadra
amaranto, reduce da tre sconfitte consecutive (la prima a La
Spezia sotto la gestione Gelain). C gi chi definisce quella di oggi con il Lanciano lultima spiaggia. Non credo spiega Christian Panucci , certamente un momento difficile. Ci
serve una scossa e soprattutto
una vittoria per scacciare tutti i
fantasmi. Da parte mia come da

PT

CARPI
BOLOGNA (-1)
VICENZA
FROSINONE
SPEZIA
AVELLINO
PESCARA
LIVORNO
PERUGIA
LANCIANO
BARI
ENTELLA
MODENA
CITTADELLA
TRAPANI
PRO VERCELLI
LATINA
TERNANA
CROTONE
CATANIA
BRESCIA (-6)
VARESE (-4)

68
56
52
51
50
49
48
47
47
46
44
40
39
39
39
38
37
37
36
35
28
28

BENZINA Il presidente Spinelli,


che domenica ha incontrato sia
il tecnico che la squadra, confermando la massima fiducia a
Panucci, ha detto che manca la
benzina. Non credo replica
lallenatore anche perch la
squadra a Bologna per circa
unora si espressa su buoni livelli. Abbiamo avuto dei problemi davanti dove siamo stati
troppo statici. Forse manca un
po di qualit e intensit e se

AVELLINO

CLASSIFICA
SQUADRE

parte della squadra c la voglia


di tirarci fuori da questa situazione. Dobbiamo solo concentrarci sul presente. Ma esiste
una ricetta per poter rivedere il
vero Livorno? Panucci non ha
dubbi: Serve maggiore coraggio, quel coraggio che forse
mancato nelle ultime partite,
ma sono convinto che nonostante tutto si riesca ad uscire
da questa situazione.

(4-3-1-2)

MODENA

PARTITE

RETI

34
34
33
32
33
33
33
33
33
33
33
33
33
33
33
33
32
33
33
33
33
33

19
15
14
14
13
13
12
13
11
10
12
9
8
8
9
10
8
9
9
8
8
7

11
12
10
9
11
10
12
8
14
16
8
13
15
15
12
8
13
10
9
11
10
11

4
7
9
9
9
10
9
12
8
7
13
11
10
10
12
15
11
14
15
14
15
15

53
41
37
49
46
32
55
47
37
46
36
33
28
40
44
35
27
28
32
43
37
35

24
29
31
40
35
30
43
39
37
39
39
44
28
42
55
46
30
41
41
48
46
54

SERIE A PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSIONI

PROSSIMO TURNO
VENERD 10 APRILE, ore 20.30
VICENZA-AVELLINO
SABATO 11 APRILE, ore 15
BARI-CROTONE
BRESCIA-BOLOGNA
CATANIA-TRAPANI
CITTADELLA-CARPI
FROSINONE-PESCARA
MODENA-ENTELLA
PRO VERCELLI-LIVORNO
SPEZIA-TERNANA
LANCIANO-LATINA
LUNED 13 APRILE, ore 20.30
PERUGIA-VARESE

(1-0)
(0-3)
(2-1)
(2-2)
(2-5)
(0-3)
(1-1)
(1-3)
(0-0)
(0-1)
(1-1)

E adesso il Vicenza
guarda al 2 posto
Noi non molliamo
VICENZA La sconfitta al Menti
con il Carpi ha interrotto una
serie positiva che durava da 11
giornate, cio dallinizio del
girone di ritorno: un bottino di
25 punti che ha proiettato il
Vicenza sul podio della Serie B
con vista sui playoff e non solo.
La sconfitta del Bologna dar
per altra energia al Vicenza,
che con nove partite da giocare
pu addirittura pensare alla
promozione diretta (il 2 posto
a 4 punti). Nessuna tabella,
nessun obbligo, perch la
squadra ripescata era partita
per salvarsi, ma adesso Marino
e i giocatori vogliono sfruttare
tutte le possibilit, a partire dalla
partita di stasera a Vercelli.
Non meritavamo di perdere
contro il Carpi, la prestazione
della squadra, stata allaltezza,
ha ricordato il tecnico. E Stefano
Giacomelli, per esempio, ha
escluso ogni rischio di
contraccolpo negativo: Non
siamo demoralizzati, ma anzi,
siamo determinati a ripartire
subito. E intanto proprio ieri la
societ ha annunciato laumento
della capienza del Menti fino a
12.124 posti.
a.m.

(4-3-3)

OGGI ore 20.30

ANDATA 2-1

non ce le hai fai fatica. Ho partecipato a un Mondiale con la


Russia durante il quale sono andate a casa squadra importanti
come Italia e Inghilterra perch
andavano a due allora. La preparazione fondamentale per
non credo che questo sia il vero
problema del mio Livorno.
Forse il problema mentale e
caratteriale. In queste due settimane dice lallenatore amaranto ho cercato di studiare la
squadra parlando molto e sono
convinto che contro il Lanciano
si riuscir a vedere quellorgoglio di gruppo che mancato.

Christian Panucci, 42 anni il prossimo 12 aprile, tecnico del Livorno LAPRESSE

CROTONE
SPEZIA
OGGI ore 20.30

22
GOMIS
19
PISACANE

5
ELY

8
D'ANGELO

4
ARINI

20
BITTANTE
21
KONE

11 SBAFFO
10
CASTALDO

29
TROTTA

39
FEDATO

32
GRANOCHE

7
ACOSTY

8
NIZZETTO

25
MARTINELLI

26
SIGNORI

33
RUBIN

ENTELLA

(4-3-3)

LATINA

(4-3-3)

LIVORNO

(3-5-2)

PERUGIA

(3-5-2)

CITTADELLA

(4-4-2)

LANCIANO

(4-3-3)

ANDATA 1-2

OGGI ore 20.30

28
ZOBOLI

15
CIONEK

13
GOZZI

12
PINSOGLIO

ANDATA 1-2

24
MARTELLA

2
IACOPONI

27
LIGI

16
CESAR

3
CECCHINI

21
SUCIU

4
VOLPE

6
DI TACCHIO

23
BOTTA

8
CRIMI

18
VALIANI

20
AMMARI

28
CIANO

18
PADOVAN

39
STOIAN

31
CUTOLO

9
SFORZINI

10
MAZZARANI

35
ODUAMADI

11
LITTERI

24
BIDAOUI

21 NEN
10
CATELLANI

7
DE LAS CUEVAS
30
BREZOVEC

17
5
20
MIGLIORE BIANCHETTI DATKOVIC
1
CHICHIZOLA

25
MILOS

45
ARDEMAGNI
4
15
NIELSEN
CRESCENZI
5
HEGAZY

11
FABINHO

9
GERARDI

28
7 LANZAFAME 2
VERRE
FARAONI
29
6
GIACOMAZZI GOLDANIGA

OGGI ore 20.30

ANDATA 3-1

OGGI ore 20.30

29
ROSSI

3
GERMANO

6
MILESI

17
19
ARDIZZONE RONALDO

5
BUDEL

19
SESTU

5
COSENZA

25
SCAGLIA

21
CASTIGLIA

10
FABIANO

TERNANA

(4-3-1-2)

BARI

(4-3-3)

OGGI ore 20.30

ANDATA 1-0

22
BRIGNOLI
24
6
16
DIANDA MECCARIELLO BASTRINI
4
VALJENT

3
5
MAMMARELLA TROEST

2
AQUILANTI

18
CONTI

10
VIOLA

12
NICOLAS

(4-3-1-2)

VARESE

(4-1-4-1)

FROSINONE

(4-3-1-2)

CATANIA

(4-3-1-2)

ANDATA 1-4

OGGI ore 20.30

ANDATA 1-2

OGGI ore 20.30


1
GOMIS

17
POPESCU

26
CRECCO

15
PERTICONE

4
33
PAGLIARULO TERLIZZI

14
6
CIARAMITARO ZAMPA

29
RIZZATO

17
BARILL

20 FALCO

20
9
AVENATTI CERAVOLO

9 MARCHI

24
DI CECCO

TRAPANI

7 GAVAZZI

30 DI ROBERTO

42
SANSOVINI

7 CORVIA
34
26
SODINHA
BERTOLI
18
H'MAIDAT

ANDATA 1-2
22
RUSSO

7
32
16
8
POLITANO MEMUSHAJ BRUGMAN BJARNASON
9
MELCHIORRI

(4-3-3)

25
BACINOVIC

ARBITRO Roca di Foggia.


GUARDALINEE Bottegoni-DApice.
TV Sky Calcio 1 HD PREZZI 9-80 euro

ARBITRO Abisso di Palermo.


GUARDALINEE Di Francesco-Tolfo.
TV Sky Calcio 9 PREZZI 15-35 euro

(4-4-1-1)

23
GROSSI

ARBITRO Pasqua di Tivoli.


GUARDALINEE Del Giovane-Villa.
TV Sky Calcio 11 PREZZI 12-85 euro

ARBITRO Pezzuto di Lecce.


GUARDALINEE Gori-Cangiano.
TV Sky Calcio 10 PREZZI 10-55 euro

VICENZA

10
PICCOLO

LANCIANO Paghera e Amenta non ci


saranno. In difesa pronto al rientro
Ferrario. In avanti potrebbe rientrare
Piccolo. PANCHINA 1 Aridit, 19 Ferrario,
21 Nunzella, 17 Vastola, 32 Pinato, 7 Turchi,
15 De Silvestro, 9 Thiam, 27 Cerri. ALL.
DAversa. SQUALIFICATI nessuno. DIFF.
Ferrario, Di Cecco, Paghera, Grossi.

ARBITRO Sacchi di Macerata.


GUARDALINEE Mondin-Intagliata.
TV Sky Calcio 2 HD PREZZI 15-30 euro

PRO VERCELLI

13
25
SCAGLIA CAPPELLETTI

8
MONACHELLO

CITTADELLA Out Pellizzer e Rigoni, Scaglia


o Camigliano in coppia con De Leidi. Stanco
e Gerardi favoriti su Sgrigna e Coralli.
PANCHINA 22 Valentini, 18 Donazzan, 7
Coralli, 16 Benedetti, 20 Bazzoffia, 2
Pecorini, 10 Sgrigna, 6 Signorini, 32
Camigliano. ALL. Foscarini. SQUAL.
nessuno. DIFF. Coralli, Sgrigna, Camigliano.

PERUGIA Out gli infortunati Rizzo, Lo Porto


e Parigini. Non al meglio Fossati. In difesa
dubbio Comotto-Giacomazzi. In mezzo
ballottaggio tra Verre, rientrato ieri dalla
Under 20, e Taddei. In avanti Ardemagni
preferito a Falcinelli. PANCHINA 32 Amelia,
44 Mantovani, 20 Baldan, 25 Comotto, 33
Vinicius, 19 Fossati, 17 Fazzi, 10 Taddei, 9
Falcinelli. ALL. Camplone. SQUAL. Nicco.
DIFF. Fazzi, Falcinelli, Parigini.

(4-4-2)

30
KUPISZ

18
JEFFERSON

28
GATTO

LIVORNO Problema fisico per Bernardini


non convocato come Rivas mentre tornano
Biagianti e Maicon dallunder 21 brasiliana.
In attacco Jefferson favorito su Galabinov.
PANCHINA 39 Bastianoni. 22 Cipriani, 16
Galabinov, 27 Biagianti, 23 Maicon, 21
Gonnelli, 7 Belingheri, 2 Strasser, 6
Empereur. ALLENATORE Panucci. SQUAL.
Jelenic, Vantaggiato. DIFFIDATI Siligardi,
Moscati, Mazzoni, Ceccherini.

SPEZIA Agli acciaccati Katanec e


Canadjija, si aggiunge Stevanovic. Dubbio
in difesa tra Milos e De Col. Bakic o
Acampora al posto dello squalificato
Juande. PANCHINA 22 Nocchi, 3 De Col, 11
Luna, 26 Valentini, 31 Piccolo, 4 Acampora,
24 Gagliardini, 32 Kvrzic, 14 Cisotti. ALL.
Bjelica. SQUAL. Giannetti, Juande. DIFF.
De Col, Canadjija, Milos, Catellani.

(4-3-2-1)

26
SILIGARDI

3
GEMITI
28
DJOKOVIC

LATINA Tre per il ruolo di punta centrale,


con Litteri favorito su Sowe e Mangni.
Viviani squalificato, gioca Ammari, con
Olivera prossimo allintervento per tendinite
cronica. PANCHINA 12 Farelli, 3 Bruscagin,
5 Bouhna, 6 Angelo, 17 Talamo, 19 Mangni,
21 Sowe, 26 Macciucca, 28 Jaadi. ALL.
Iuliano. SQUAL. Viviani. DIFF. Alhassan,
Brosco, Bruscagin, Figliomeni, Milani,
Oduamadi, Ristovski, Sowe.

MODENA Cionek e Fedato titolari, in difesa


dubbi Gozzi-Calapai, e Zoboli-Marzorati. Out
Ferrari e Salifu, Nizzetto preferito a
Schiavone. In attacco Acosty o Garritano.
PANCHINA 1 Manfredini, 16 Zucchini, 6
Marzorati, 2 Calapai, 11 Sakaj, 23 Schiavone,
24 Marsura, 38 Garritano, 19 Beltrame.
ALL. Melotti-Pavan. SQUAL. nessuno. DIFF.
Fedato, Schiavone, Zoboli, Acosty.

BRESCIA

4
DE LEIDI

38
APPELT

10
LUCI

1
PIEROBON

ENTELLA Prina diramer le convocazioni


solo stamattina dopo aver valutato alcuni
giocatori non al meglio. Sicuri assenti, per,
Masucci e Staiti. Rientra Iacoponi.
PANCHINA 36 Coser, 5 Russo, 24 Belli,, 17
Costa Ferreira, 8 Troiano, 32 Battocchio, 14
Latour, 20 Eric Lanini, 19 Rozzi. ALL. Prina.
SQUAL. nessuno. DIFF. Ligi.

PESCARA

3
BARRECA

ANDATA 0-1

1
MAZZONI
17
5
11
CECCHERINI EMERSON LAMBRUGHI
8
MOSCATI

31
STANCO

11
17
23
MINESSO BUSELLATO PAOLUCCI

OGGI ore 20.30

1
KOPRIVEC

CROTONE Recuperato Dos Santos Drago


ha qualche problema con Padovan e
Matute. In preallarme Dezi e Rabusic.
Squalificati Torregrossa. PANCHINA 22
Stojanovic, 5 Cremonesi, 23 Gigli, 4
Galardo, 20 Salzano, 6 Dezi, 7 Ricci, 10 De
Giorgio, 19 Rabusic. ALL. Drago. SQUAL.
nessuno. DIFF. Ferrari.

11
ZAMPANO

13
RISTOVSKI

ANDATA 1-1

22
DI GENNARO
23
15
14
BROSCO DELLAFIORE ALHASSAN

17
MAIELLO

AVELLINO Rientrano i nazionali Ely e


Trotta, oltre Sbaffo dalla squalifica. Rastelli
pensa al 4-3-1-2. Gomis favorito su Frattali.
Dubbi a centrocampo, in attacco tandem
Castaldo-Trotta. PANCHINA 1 Frattali, 14
Regoli, 25 Almici, 23 Angeli, 18 Schiavon, 3
Zito, 15 Soumar, 30 Mokulu, 9 Comi. ALL.
Rastelli. SQUAL. Fabbro. DIFF. Pisacane,
Castaldo, Schiavon, Almici, Kone, Zito.

1
FIORILLO
15
13
SALAMON ZUPARIC

OGGI ore 20.30

1
PARONI

14
MATUTE

29
BAKIC

RIPRODUZIONE RISERVATA

(4-3-3)

30
3
13
BALASA DOS SANTOS FERRARI

18
SITUM

PICCOLO TIFOSO Stasera sui


gradoni del Picchi ci sar anche
il piccolo Juan, figlio 14enne di
Panucci, grande tifoso del pap.
Juan molto agitato per questa partita, per sa che suo pap
una persona seria e che far di
tutto per uscire da questa situazione. Nelluovo di Pasqua
Christian vorrebbe trovare i
suoi primi tre punti da dedicare
al piccolo Juan. Panucci ci crede, ora bisogna vedere se la
squadra ha recepito il segnale.

(4-2-3-1)
1
CORDAZ

27
CHIOSA

MESSAGGIO Resta il fatto che il


Livorno, con Gautieri, creava
tantissime palle gol tanto da
avere avuto in pi di unoccasione il miglior attacco del campionato. Ora tutto questo non esiste pi. Il Livorno fa una fatica
tremenda a presentarsi davanti

al portiere avversario nonostante un parco attaccanti di


grande qualit. Di questo Panucci ben consapevole e cercher di trovare dei rimedi: Il
problema a monte, ma di questo non voglio parlare. Tratter
largomento a fine campionato
con il presidente e il direttore
sportivo Signorelli.

9
ABATE

10
GIACOMELLI

19
COCCO

27
LAVERONE

9
DE LUCA

18
CAPUTO

10
GALANO

8
CINELLI

4
MORETTI

20
SBRISSA

33
BELLOMO

5
DONATI

4
ROMIZI

18
DIONISI
7
FRARA

11
CURIALE
9
D. CIOFANI
29
CARLINI

8
GUCHER

1
PERUCCHINI
13
5
14
2
FIAMOZZI BORGHESE
ROSSI
LUONI
21
BARBERIS
24
6
15
30
ZECCHIN
BLASI
OSUJI
CULINA
17
KURTISI
7
9
MANIERO
CALAI
19 CASTRO
39
ODJER

5
GORI

21
RINAUDO

44
SCIAUDONE

8
3
6
15
SCAGLIA ANT. CARACCIOLO DI CESARE ZAMBELLI

3
17
7
31
D'ELIA MANFREDINI BRIGHENTI SAMPIRISI

27
15
8
23
CALDERONI CONTINI RINAUDO SCHIATTARELLA

1
ARCARI

22
VIGORITO

1
GUARNA

PESCARA Fastidio alladduttore per


Sansovini: dovrebbe farcela, pronto
Pettinari. Bjarnason rientrato ieri sera
dalla nazionale, ma giocher dal 1, al pari di
Memushaj, Zampano e Zuparic. PANCHINA
18 Aresti, 2 Pucino, 6 Fornasier, 17 Abecasis,
24 Selasi, 20 Gessa, 10 Caprari, 25
Pasquato, 19 Pettinari. ALL. Baroni. SQUAL.
nessuno. DIFF. Aresti, Zampano, Melchiorri.

PRO VERCELLI Torna in campo, proprio


contro il Vicenza, contro cui si era lesionato
il ginocchio allandata, Pompeu Ronaldo,
operato al crociato nel novembre scorso.
PANCHINA 1 Viotti, 29 Ferri, 4 Bani, 11
Liviero, 8 Scavone, 20 Musacci, 16 Sprocati,
7 Luppi, 18 Belloni. ALL. Scazzola. SQUAL.
nessuno. DIFF. Ronaldo, Fabiano, Ferri,
Ardizzone, Belloni, Coly.

TERNANA Possibile ritorno al 4-3-1-2.


Dianda al posto di Fazio con Popescu a
sinistra. In mezzo torna Valjent dopo la
parentesi con lUnder 21 della Slovacchia.
PANCHINA 1 Sala, 2 Janse, 3 Vitale, 5
Ferronetti, 23 Russo, 28 Palumbo, 15
Bojinov, 19 Dugandzic, 31 Milinkovic.
ALLENATORE Tesser. SQUALIFICATI Fazio.
DIFFIDATI Falletti, Bastrini, Bojinov.

TRAPANI In difesa recuperato Rizzato. A


centrocampo al posto di Aramu
ballottaggio Falco-Scozzarella. Ancora
assenti per infortunio Caldara, Nadarevic e
Vidanov. PANCHINA 22 Marcone, 3 Da, 5
Scozzarella, 7 Basso, 18 Citro, 19 Martinelli,
21 Feola, 23 Lo Bue, 31 Malele. ALL. Cosmi.
SQUAL. Aramu. DIFF. Curiale, Da, Lo Bue,
Nadarevic, Perticone, Rizzato e Zampa.

VARESE Bettinelli, senza punte, obbligato


al 4-1-4-1 con Forte in dubbio. Ospite
allOssola la nazionale femminile australiana
di calcio. PANCHINA 22 Birighitti, 25 Simic,
3 De Vito, 27 Jebbour, 28 Capezzi, 23
Cristiano, 7 Falcone, 32 Jakimovski, 18
Capello. ALL. Bettinelli. SQUAL. Corti e
Miracoli. DIFF. Falcone, De Vito, Neto
Pereira, Capezzi, Borghese e Luoni.

BRESCIA Andrea Caracciolo convocato ma


non al meglio. Sestu in mediana, Bertoli
favorito per giocare al fianco di Sodinha.
PANCHINA 22 Andrenacci, 2 Lancini, 4
Tonucci, 23 Morosini, 24 Coly, 29
Bentivoglio, 9 Andrea Caracciolo, 11 Da
Silva, 28 Valotti. ALL. Calori. SQUAL. Benali
(3). DIFF. Andrea Caracciolo, Morosini,
Tonucci.

VICENZA Al posto dello squalificato Di


Gennaro verr spostato Moretti e Sbrissa,
guarito dallaffaticamento muscolare,
giocher sulla destra. PANCHINA 1
Bremec, 26 Camisa, 5 Rizzi, 14 Garcia Tena,
6 Alhassan, 16 Vita, 34 Mancini, 28 Ragusa,
11 Spinazzola. ALL. Marino. SQUAL. Di
Gennaro. DIFF. Ragusa, Sciacca, Laverone,
Cinelli, Petagna, Garcia Tena, Moretti.

BARI Caputo al posto dello squalificato


Ebagua. lunica novit rispetto alla
squadra che ha battuto la Pro Vercelli.
PANCHINA 22 Donnarumma, 2 Sabelli, 3
Salviato, 16 Filippini, 21 Rada, 13 Benedetti,
25 Defendi, 14 Minala, 7 Boateng.
ALLENATORE Nicola. SQUALIFICATI
Ebagua. DIFFIDATI Caputo, Calderoni, De
Luca, Camporese, Sabelli, Defendi, Donati.

FROSINONE In difesa si riforma la coppia


Russo-Blanchard, con M. Ciofani esterno
sinistro. A centrocampo rientra Gori. In
panchina De Lucia, della Primavera al posto
di Pigliacelli. Out Paganini. PANCHINA 12
De Lucia, 30 Pamic, 21 Bertoncini, 15 Cosic,
16 Fraiz, 24 Ranelli, 23 Sammarco, 11
Santana, 19 Lupoli. ALL. Stellone. SQUAL.
Crivello e Soddimo. DIFF. Gori e M. Ciofani.

CATANIA Rosina squalificato, al suo posto


Castro. Rientra Schiavi dalla squalifica e
Gillet dalla Nazionale, ma va in panchina.
PANCHINA 1 Gillet, 26 Belmonte, 24
Capuano, 28 Parisi, 8 Escalante, 27
Jankovic, 25 Piermarteri, 14 Barisic, 34
Rossetti. ALL. Marcolin. SQUAL. Rosina (1).
DIFF. Ceccarelli, Del Prete, Escalante,
Gyomber e Sciaudone.

ARBITRO Chiffi di Padova.


GUARDALINEE Paiusco-Pentangelo.
TV Sky Calcio 4 HD PREZZI 10-55 euro

ARBITRO Mariani di Aprilia.


GUARDALINEE Soricaro-Caliari.
TV Sky Calcio 3 HD PREZZIda 10 a 60 euro

ARBITRO La Penna di Roma.


GUARDALINEE Di Iorio-Bindoni.
TV Sky Calcio 6 HD PREZZI 7-35 euro

ARBITRO Abbattista di Molfetta.


GUARDALINEE Valeriani-Colella.
TV Sky Calcio 7 HD PREZZI 10-27 euro

ARBITRO Manganiello di Pinerolo.


GUARDALINEE Zivelli-Bolano.
TV Sky Calcio 5 HD PREZZI 8-47 euro

13
M. CIOFANI

6
4
BANCHARD
RUSSO
1
ZAPPINO

2
ZANON

43
45
MAZZOTTA CECCARELLI

5
SCHIAVI

18
DEL PRETE

22
TERRACCIANO

Serie B R Lanticipo della 34 giornata

E un Carpi stellare
Bologna spazzato via

1Pasciuti, Di Gaudio e Lollo decidono lo scontro diretto

e portano il piccolo club a un passo dalla A. Tonfo Lopez


CARPI
BOLOGNA

3
0

PRIMO TEMPO 1-0


MARCATORI Pasciuti al 37 p.t.; Di
Gaudio al 12, Lollo al 38 s.t.
CARPI (4-4-1-1) Gabriel; Struna,
Romagnoli, Gagliolo (dal 37 s.t.
Molina), Letizia; Pasciuti, Porcari,
Bianco (dal 29 s.t. Sabbione), Di
Gaudio (dal 24 s.t. Poli); Lollo;
Lasagna.
PANCHINA Maurantonio, Modolo,
Inglese, Mbakogu, Gatto, Laner.
ALLENATORE Castori.
BOLOGNA (3-5-1-1) Da Costa;
Oikonomou, Gastaldello, Ferrari
(dal 16 s.t. Mancosu); Casarini,
Zuculini (dal 24 s.t. Improta),
Matuzalem (dal 35 s.t. Krsticic),
Laribi, Morleo; Sansone; Cacia.
PANCHINA Coppola, Perez,
Troianiello, Bessa, Masina, Buchel.
ALLENATORE Lopez.
ARBITRO Pinzani di Empoli.
ESPULSI Laribi (B) al 40 s.t.
per gioco scorretto.
AMMONITI Matuzalem (B),
Pasciuti (C), Di Gaudio (C) e
Oikonomou (B) per gioco
scorretto.
NOTE paganti 3.027, incasso di
36.700 euro; abbonati 1.117, quota
di 15mila euro circa. Tiri in porta
3-3. Tiri fuori 0-6. In fuorigioco
1-3. Angoli 3-3. Recuperi: p.t. 0,
s.t. 4.

Nicola Binda
INVIATO A CARPI (MO)

orando Pietri, gloria sportiva di qui, prima di tagliare il traguardo ai Giochi di


Londra era stremato, venne aiutato dai giudici e per questo squalificato, entrando comunque nel
mito. Il Carpi no. Vede la linea
darrivo e corre pi di prima,
esaltato, scatenato. Due vittorie
in trasferta di fila e adesso questa
travolgente, storica, contro il Bologna. LEmilia qui, la Serie A
pure. Per Castori, ovviamente.
Lopez adesso si deve preoccupare vista la prova della sua squadra. Non male per 37, fino al pri-

mo gol. Poi piccola piccola, smarrita, impaurita anche, senza un


gioco, confusa, nervosa. Questo
crollo deve far riflettere la societ. La A a fortissimo rischio.
PIENONE La festa tutta del Carpi, in uno stadio tutto esaurito nei
suoi 4.144 posti; erano affollati
anche i balconi dei condomini che
saffacciano sul Cabassi, in citt si
parla di Serie A come se fosse arrivata Belen a suonare al citofono.
Dopo due precedenti in C1, per la
prima volta arrivata la squadra
del capoluogo nellex velodromo
che in Serie A sar abbandonato
(per andare a Modena, non pi a
Parma come sembrava). Ed stato un trionfo: 3-0 e Bologna a ca-

I giocatori
del Carpi
festeggiano
la vittoria
davanti ai
propri tifosi
Il club
biancorosso
ha giocato
per la prima
volta in B
nella stagione
2013-14
SYNC

sa. LEmilia del calcio si capovolta. Joey Saputo, per la prima volta
in trasferta, non credeva ai suoi
occhi. Marco Di Vaio, in panchina,
era sconvolto.
ILLUSIONE BOLOGNA Quella
del Carpi la classe operaia in
paradiso. C sostanza, pochi ricami. C tutta lanima di Castori. La partita allinizio lha fatta il
Bologna, che ha cercato di sfoggiare la sua classe, non certo il
suo gioco. La capolista aspettava
serena, compatta, cercando di
innescare Lasagna, solo contro
tutti. Solo quando il Carpi s
sbilanciato Sansone ha potuto
cercare il gol, paradossalmente
in contropiede, e c voluto super Gabriel (il Milan qui ha un
tesoro) per evitare il gol. Altre
due volte Sansone ci ha provato,
ma senza trovare la porta. E
quando il Bologna iniziava a crederci, arrivata la doccia gelata.
Uno strano diagonale di Letizia
diventato un assist per Pasciuti, bravo a inserirsi e a infilare Da
Costa.
CARPI SCATENATO La partita
finita l. Per il Bologna almeno, visto che la brezza che accarezzava
la serata se l portato via. E ha caricato il Carpi. Castori e il pubblico spruzzavano alcool sulla squadra, che nella ripresa ha dato le
altre fiammate. Al 12 Letizia ha
servito in verticale Di Gaudio,
bravo nellinserimento e perfetto
nel calciare sul palo opposto. Lopez a quel punto ha messo prima
Mancosu (4-3-3 con Sansone a sinistra e Morleo abbassato dietro)
e poi Improta a sinistra (4-2-4 con
Sansone a destra), con risposta di
Castori col quinto difensore Poli
(5-4-1) e poi il sesto Sabbione (a
centrocampo). Un miracolo di Gabriel su Mancosu ha detto che la
serata no del Bologna era totale, il
terzo gol di Lollo (dopo pasticcio
della difesa) lha resa da incubo,
lespulsione di Laribi per un fallaccio ha fatto stendere il velo pietoso. Apri gli occhi Bologna: questo non un pesce daprile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL TECNICO CAPOLISTA

Castori brinda gi: La A nostra


1Siamo a +12

sul Bologna: solo


se andiamo in
vacanza perdiamo
la promozione

Davide Setti
CARPI (MO)

la notte del trionfo del


Carpi, celebrata dalla
musica di The final

countdown degli Europe sparata dagli altoparlanti del Cabassi. Un conto alla rovescia
che nemmeno Fabrizio Castori
ha voglia di bloccare. Con 12
punti di vantaggio sul Bologna
la Serie A praticamente nostra
spiega il tecnico del Carpi
possiamo perderla solo se andiamo in vacanza... Questa
stata la presentazione della tesi
di laurea da parte del Carpi, ora
manca solo laritmetica. Dopo
aver vinto a Vicenza la squadra
ha confermato la sua forza, senza il minimo segnale di cedimento e questa la cosa che mi

inorgoglisce di pi in questo
gruppo. Sapevamo che il Bologna una squadra tecnica, che
va presa sul ritmo e siamo stati
bravi a non togliere mai il piede
dal gas, anche se nel primo tempo ci siamo fatti sorprende un
paio di volte in contropiede.
Poi per il gol di Pasciuti ci ha
ridato la forza per giocare un
secondo tempo sontuoso.
ALLA META Non si sbilancia Antonio Di Gaudio, a segno per la
settima volta in stagione. Siamo vicini alla meta, ma non
ancora fatta. Almeno non posso

21

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Lorenzo
Pasciuti,
25 anni

dirlo, altrimenti il mister si arrabbia... Il gol? Be, Letizia mi


ha dato una palla a occhi chiusi, ci intendiamo al volo, per me
quasi un fratello.
DELUSI Grande amarezza
nelle parole di Lopez, anche se per il tecnico bolognese la sconfitta troppo larga. Credo che il 3-0 ci
penalizzi troppo. Siamo stati in
partita fino alla mezzora del
primo tempo e se fossimo andati in vantaggio la gara sarebbe
cambiata.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LE PAGELLE
di N.BIN.

LASAGNA INCANTA ANCORA


GABRIEL UNA CERTEZZA
LARIBI PERDE LA TESTA
CARPI

8
IL MIGLIORE
DI GAUDIO

8
Fa soffrire Oikonomou spingendo a sinistra con la sua
velocit. In pi aiuta i centrocampisti nel pressing e
firma il gol del 2-0 con una prodezza di destro sul palo
lontano.
GABRIEL 7,5 Una gran parata su Sansone e due su
Mancosu: una garanzia.
STRUNA 7 Non passa mai la met campo, spaventato
da Morleo, ma un muro.
ROMAGNOLI 7 Conosce bene Cacia e lo annulla. Poi
scala su Mancosu e gli concede due palle di testa.
GAGLIOLO 7,5 E uno di quelli che il Carpi ha scoperto
in D. E gi da A. Un leone. (Molina s.v.)
LETIZIA 7,5 Spinge molto e propizia i due gol: il primo
casualmente, il secondo con una gran giocata.
PASCIUTI 7,5 E il veterano, unico reduce dalla serie D:
entra nella storia del club anche per questo gol.
PORCARI 7 Con esperienza e modi bruschi fa capire
che al centro non si passa.
BIANCO 7,5 Grande prova per qualit e anche quantit.
SABBIONE 7 E un difensore ma viene messo a
centrocampo e fa legna.
POLI 7 Entra a rinforzare la difesa e prende in
consegna Cacia, che resta inattivo.
LOLLO 7,5 Trequartista per modo di dire, il primo
frangiflutti di Castori e corona la sua prova con il gol del
3-0.
LASAGNA 7,5 Ha la verve del ragazzino ma le giocate
del veterano: meritava il gol.
ALL. CASTORI 8 Pancia piena? Non ditelo a lui. Vojo
vigne ripete in dialetto marchigiano. E la squadra
esegue.

BOLOGNA

5
IL MIGLIORE
SANSONE

6
Stavolta gioca tra le linee, svariando attorno a Cacia,
ed il pi pericoloso con il suo violento sinistro in
almeno quattro occasioni. Il gol lo meritava.
DA COSTA 6 Becca tre tiri e tre gol: era imbattuto,
cade dopo 307.
OIKONOMOU 4,5 Soffre Di Gaudio e soprattutto soffre
quanto ha la palla tra i piedi: imbarazzante.
GASTALDELLO 5,5 Usa tutta lesperienza su Lasagna.
FERRARI 5 Rientrato in extremis dallUnder 20, balla
perch non ha punti di riferimento e poi crolla.
MANCOSU 5,5 Pericoloso di testa due volte, ma la
seconda un gol mangiato.
CASARINI 5 Gioca in casa, visto che di Carpi, ma
non trova mai lo spunto.
ZUCULINI 5,5 E il pi incisivo fino al gol, poi sparisce
ed esce in barella.
IMPROTA 5 Entra per attaccare, ma gira a vuoto.
MATUZALEM 4,5 Pallida regia, si limita a tocchi
laterali. (Krsticic s.v.)
LARIBI 4,5 Parte discretamente, evapora alla distanza,
perde la testa e si fa espellere.
MORLEO 5,5 Attaccante aggiunto, grande spinta nel
primo tempo, poi arretra.
CACIA 5 Partita anonima, mai servito, conclude solo
una volta su corner. Non sembra lui.
ALL. LOPEZ 5 La squadra piace per latteggiamento
fino al primo gol, ma non ha gioco, cammina e dopo l10 sparisce. Le occasioni sono estemporanee, i cambi
logici ma infruttuosi. Col potenziale che ha...

PINZANI Terza gara dopo la rottura


del tendine dAchille a ottobre proprio
col Carpi (a Pescara): gi in forma.
PERETTI 6-ALASSIO 6

22

Lega Pro R 33a giornata

GIRONE A

GIRONE B

CLASSIFICA

Cattaneo-Iocolano
Il Bassano fa paura
Il Como si arrende
1Due gol in 21 minuti: Asta primo per una notte

Le Noci non basta, proteste per un rigore negato


COMO

BASSANO

MARCATORI Cattaneo (B) al 4,


Iocolano (B) su rigore al 21, Le Noci
(C) su rigore al 34.
COMO (4-2-3-1) Crispino 6; Marconi
6, Giosa 6, Lebran 6, Marchi 6;
Castiglia 6,5 (dal 25 s.t. Casoli s.v.),
Fietta 6,5; Cristiani 6,5 (dal 32 s.t.
Scapuzzi s.v.), Le Noci 6, Ganz 6; De
Sousa 6 (dal 25 s.t. Defendi s.v.).
(Falcone, Ambrosini, Berardocco,
Rolando). All. Sabatini 6.
BASSANO (4-4-2) Rossi 6,5;
Semenzato 6, Priola 6,5, Bizzotto 6,
Stevanin 6; Furlan 6,5 (dal 32 s.t.
Nol s.v.), Cenetti 6,5, Dav 6,
Cattaneo 7 (dal 26 s.t. Zanella s.v.);
Iocolano 7, Pietribiasi 6,5 (dal 19
s.t. Proietti 6). (Grandi, Ingegneri,
Cortesi, Spadafora). All. Asta 6,5.
ARBITRO Illuzzi di Molfetta 5,5.
NOTE paganti 690, abbonati 739,
incasso n.c. Espulso Ganz al 49 s.t.;
ammoniti Rossi, Bizzotto, Cattaneo,
Lebran e Giosa. Angoli 13-4.

Lilliana Cavatorta
COMO

tita che ha quasi definitivamente chiuso il gruppo delle prime


quattro. Il Bassano stato concreto, il Como ha fatto per certi
aspetti una gara persino migliore, pi padrone del campo, ma
altrettanto certamente meno
abile degli avversari nel dare
concretezza alla propria pressione. Del resto la situazione si
indirizzata subito in direzione
ospite, visto che dopo soli quattro minuti mentre il Como stava
gi facendo incetta di calci
dangolo sette soltanto nei primi dieci minuti di gioco il Bassano alla prima occasione segnava. Cross di Iocolano, bravo
Cattaneo a trovare dal limite il
punto giusto dove infilare il pallone del vantaggio. Il Como riparte ancora, il Bassano raddoppia un quarto dora dopo.
Calcio di rigore, per un contatto
tra Giosa e Pietribiasi. Un po discusso, ma il rigore c. E Iocolano lo segna. Il Bassano chiude
bene, il Como cerca in tutti i
modi di trovare un varco, anche
se in maniera a volte un po
troppo macchinosa. Ma non si
rassegna, e su un tiro di Castiglia c un tocco di mano di Cattaneo. rigore per il Como, che
Le Noci trasforma rianimando
ancora di pi la squadra di casa.

ola il Bassano, il Como si


allontana di un altro
punto dai playoff. Poteva
essere una partita decisiva per i
padroni di casa, che dovevano
per forza vincere dopo essere
caduti sabato a Cremona. Invece potrebbe essere stata la par-

POCHE OCCASIONI Nella ripresa le cose non cambiano. Sem-

LAlessandria
resta in scia
Pro Patria gi

Super Brighenti
festa Cremonese
Pavia, crisi nera

Lesultanza di Iocolano LAPRESSE

pre Como alla ricerca del pareggio, sempre Bassano bravo a


non scomporsi. Non arrivano
per, tantissime palle gol. Nemmeno da parte di chi deve recuperare lo svantaggio. La conclusione migliore un colpo di testa di Defendi, entrato a rinfrescare e rinforzare lattacco
comasco insieme a Casoli e successivamente Scapuzzi. Troppo
poco per far paura a una squadra che a questo punto punta
apertamente alla vittoria del
campionato. Qualche brivido
corre sulla schiena degli ospiti
quando, a recupero praticamente scaduto, Ganz entra in
contatto in area con Stevanin.
Sembra rigore, larbitro non decide cos. Anzi, espelle lattaccante del Como mostrandogli il
secondo giallo. Grandi proteste
comasche, apparse anche legittime. Come legittimo sarebbe
stato il pari per quello che si
visto in campo. Ma la concretezza del Bassano stata premiata
pi dellenergia del Como.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Alimi-Guerra in gol
Tra Venezia e Lume
il pareggio giusto

ALESSANDRIA

CREMONESE

VENEZIA

PRO PATRIA

PAVIA

LUMEZZANE

MARCATORI Spighi al 19 p.t.,


Mora al 22, Iunco al 46 s.t.
ALESSANDRIA (3-5-2) Nordi 6;
Sosa 6, Morero 6,5, Sirri 6 (dal 17
s.t. Sabato 6); Spighi 7,
Vitofrancesco 6, Obodo 6,5,
Mezavilla 6,5, Mora 6,5; Rantier 6
(dal 23 s.t. Iunco 6 ), Marconi 6
(dal 32 s.t. Germinale s.v.). (Poluzzi,
Terigi, Cavalli, Valentini). All.
DAngelo 6.
PRO PATRIA (4-3-3) Melillo 6;
Guglielmotti 5, La Morte 6, Botturi
6, Taino 5,5; Giorno 6,5 (dal 33 s.t.
Palumbo s.v.), Bovi 6, Cannataro 6
(dal 21 s.t. DErrico 6); Candido 6,
Serafini 5,5, Terrani 5,5 (dal 36 p.t.
Zaro 6,5). (Perilli, Panizzi, Romeo,
Baclet). All. Montanari 6.
ARBITRO Proietti di Terni 6,5.
NOTE paganti 1.934, abbonati 764,
incasso non comunicato. Espulso
Guglielmotti al 32 p.t.; ammoniti
Bovi. Angoli 6-0.

MARCATORE Brighenti al 34 p.t. e


al 34 s.t.
CREMONESE (4-3-3) Galli 6,5;
Gambaretti 6.5, Briganti 6.5,
Castellini 6, Crialese 6; Marchi 6
(40 s.t. Campagna s.v.), Jadid 7,
Palermo 6.5; Di Francesco 6.5 (dal
30 s.t. Finazzi 6), Brighenti 7,5,
Ciccone 6 (dal 25 s.t. Manaj 6).
(Quaini, Zieleniecki, Moroni,
Haouhache). All. Giampaolo 7.5.
PAVIA (4-3-1-2) Facchin 7; Cardin 5
(dal 21 s.t. Grbac 6), Abbate 5.5,
Biasi 5.5, Sabato 6, Carotti 6 (dal
29 s.t. Ferretti 5.5), Pederzoli 5,
Rosso 6 (dal 1 s.t. Cogliati 5.5),
Cesarini 5, Marchi 5.5, Soncin 6.
(Fiory, Marino, Ghiringhelli,
Angelotti). All. Maspero 5.
ARBITRO Morreale di Roma 6.5.
NOTE paganti 853, abbonati 2.494,
incasso di 5.268 euro. Espulso
Abbate 47 s.t.; ammoniti Castellini,
Abbate e Sabato. Angoli 7-3.

ALESSANDRIA LAlessandria
torna alla vittoria con una prova
convincente che rimette in corsa la
formazione di DAngelo. I padroni di
casa spingono subito
sullacceleratore difettando per
nellultimo passaggio. Rantier cicca
la conclusione da buona posizione
al 5. Al 19 lAlessandria passa in
vantaggio: Mora pennella in area
per laccorrente Spighi che non ha
difficolt a trafiggere Melillo
siglando cos la sua prima rete in
maglia grigia. Al 32 lepisodio
chiave: Mora si invola sulla sinistra
e Guglielmotti esagera con il
gomito. Per il direttore di gara
rosso diretto. I padroni di casa, in
superiorit numerica, cercano il
raddoppio prima con Spighi (38)
con palla che termina di poco alta,
poi con Mezavilla (43), forte ma
centrale e ancora con Rantier che
si vede deviare in angolo la
conclusione. Nella ripresa al 22
lAlessandria raddoppia: Spighi
dalla destra rende il favore a Mora
appostato a centro area che al volo
di destro trova langolino. In
chiusura di tempo (46) Iunco a
triplicare per i padroni di casa
sfruttando lassist di Spighi.
Nicola Pilotti

CREMONA La Cremonese
abbatte il Pavia 2-0 al termine di
90 dominati. Decisivo Brighenti,
autore delle due reti. Giampaolo ha
messo in crisi Maspero (applaudito
ex Cremonese) grazie a intensit e
velocit. Un 4-3-3 con Federico Di
Francesco (seguito dal padre
Eusebio, mister del Sassuolo, in
tribuna) a creare confusione nella
difesa pavese. I biancobl sono
andati in tilt subito. La Cremonese
al 1 aveva gi avuto una clamorosa
occasione con Crialese, bissata un
minuto dopo da Brighenti. I
padroni di casa hanno sfiorato il
gol ancora su punizione di Jadid e
con Gambaretti che al 12 si visto
annullare un gol per un mani di
Brighenti. Lo stesso Brighenti
stato decisivo al 34 sfruttando un
assist di Jadid e mettendo la sfera
allincrocio. La risposta pavese
arrivata con lunico vero tiro, al 46,
con Marchi. Nella ripresa la musica
non cambiata. Al 9 Abbate ha
salvato sulla linea un tiro di Jadid e
al 13 stata la volta di Facchin a
compiere un miracolo su Crialese.
Al 34 il 2-0 in contropiede con
Finazzi che ha servito una palla
doro a Brighenti.
Fabrizio Barbieri

MARCATORI Alimi (L) all11, Guerra (V)


al 31 p.t.
VENEZIA (4-3-1-2) Fortunato 5;
Capogrosso 6, Cernuto 6,5, Legati 6,
Sales 5,5; Zaccagni 6,5 (dal 37 s.t.
Varano 6), Giorico 6,5, Espinal 5,5;
Greco 6 (dal 29 s.t. Bellazzini 5,5);
Magnaghi 5, Guerra 6. (DArsi,
DellAndrea, Peccarisi, Scialpi,
Scanferlato). All. Serena 6.
LUMEZZANE (4-3-3) Furlan 6; Mogos
6, Belotti 6, Nossa 6, Pantano 6 (dal 13
s.t. Pippa 5,5); Baldassin 6, Gatto 5,5,
Alimi 6,5; Ekuban 6,5, Sarao 5 (dal 27
s.t. Potenza 5,5), Varas 5,5. (Guagnetti,
Biondi, Cruz, Franchini, Monticone).
All. Nicolato 6.
ARBITRO Balice di Termoli 5.
NOTE paganti 289, abbonati 571,
incasso di 5.049 euro. Ammoniti
Giorico, Legati, Zaccagni, Sales, Gatto e
Pippa. Angoli 2-3.
VENEZIA Il Venezia, imbattuto da 4
gare, si avvicina alla tranquillit con la
politica dei piccoli passi; il Lumezzane
ritrova la strada del gol, ma la zona
salvezza rimane lontana. Partita senza
molte emozioni: Venezia gelato dal gol
di Alimi, bresciani che hanno provato a
sorprendere in contropiede con le
ripartenze di Ekuban e Varas. Pronti,
via e il Lumezzane passa: punizione
sulla trequarti, traiettoria ingannevole
di Alimi con Fortunato che sbaglia il
tempo e viene scavalcato dalla
parabola dellesterno di Nicolato. Il
Venezia accusa il colpo, complice
anche il fresco ricordo dellultimo
quarto dora di Bergamo (da 3-0 a 3-3),
fatica a ritrovare il gioco, e al 26 su
uno spiovente Fortunato rischia la
seconda frittata perdendo il pallone
sulla linea di porta. Il Venezia inizia a
spingere e pareggia al 31: corner di
Greco, deviazione di Giorico e zuccata
vincente di Guerra. Seconda frazione
giocata a centrocampo, il d.s. De
Franceschi viene espulso dalla
panchina al 15 per proteste, i sussulti
nel finale: al 31 Baldassin centra la
parte superiore della traversa. Minuti
infuocati con un flipper dentro larea
del Venezia e poi un gran tiro al volo di
fuori di Varano che sarebbe terminato
in rete se Pippa non lavesse respinto di
testa a centro area.
Michele Contessa

SQUADRE

PT

BASSANO
NOVARA
ALESSANDRIA
PAVIA (-1)
COMO
FERALPI SALO'
REAL VICENZA
AREZZO
VENEZIA
SUDTIROL
CREMONESE
MANTOVA (-3)
RENATE
TORRES
GIANA
MONZA (-2)
LUMEZZANE
ALBINOLEFFE
PRO PATRIA (-1)
PORDENONE

64
63
62
60
54
48
46
44
44
43
42
40
40
38
36
35
31
28
25
24

PARTITE

RETI

33
32
33
33
33
32
32
32
33
32
33
32
32
32
32
32
33
32
33
32

18
18
17
17
16
12
11
11
12
11
10
12
10
9
9
9
7
6
5
6

10
9
11
10
6
12
13
11
8
10
12
7
10
11
9
10
10
10
11
6

5
5
5
6
11
8
8
10
13
11
11
13
12
12
14
13
16
16
17
20

51
51
50
50
40
39
40
31
41
35
38
32
32
29
25
32
28
23
35
25

33
28
28
36
31
37
33
29
38
32
39
27
42
33
30
33
44
44
60
50

PROMOSSE PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSA

COS OGGI
Ore 14.30
SDTIROL (4-3-3) Miori; Tait, Kiem,
Mladen, Peverelli; Furlan, Bertoni,
Branca; Marras, Novothny,
Fischnaller. (Melgrati, Allegra,
Mazzitelli, Zullo, Cia, Campo,
Shekiladze). All. Sormani.
TORRES (3-5-2) Testa; Aya,
Marchetti, Migliaccio; Buonaiuto,
Cerone, Bottone, Foglia, Ligorio;
Baraye, Maiorino. (Costantino,
Minarini, Schiavino, Petermann,
Marinaro, Scotto, Colombi).
All. Bucchi.
ARBITRO Guarino di Caltanissetta
(Novellino-Rossi). (andata 1-0)
Ore 17
RENATE (3-5-2) Cincilla; Adobati, Di
Gennaro, Riva; Muchetti, Perini,
Malgrati, Chimenti, Iovine; Odogwu,
Cocuzza. (Vannucchi, Morotti,
Mantovani, Florian, Spampatti, Mira,
Scaccabarozzi). All. Boldini.
PORDENONE (3-5-2) Careri;
Salvatori, Ferrani, Fissore; Panzeri,
Fortunato, A. Migliorini, Mattielig,
Bertolucci; Bjelanovic, Franchini.
(Bazzichetto, Ghinassi, Placido,
Maracchi, G. Migliorini, Maccan,
Ravasi). All. Rossitto.
ARBITRO Mancini di Fermo
(Nocenti-Michieli). (3-1)
Ore 19.30
ALBINOLEFFE (4-3-1-2) Offredi;
Salvi, Moi, Allievi, Anghileri; Gazo,
Spinelli, Maietti; Bradaschia; Pesenti,
Moment. (Amadori, Ondei,
Cortinovis, Bentley, Girasole,
Vorobjovs, Silva Reis.) All. Mangone.
NOVARA (3-5-2) Tozzo; Freddi,
Gavazzi, Bergamelli; Dickmann,
Bianchi, Pesce, Foglio, Garufo;
Gonzalez, Evacuo. (Montip, Vicari,
Garofalo, Miglietta, Schiavi, Della
Rocca, Corazza). All. Toscano.
ARBITRO Giovani di Grosseto
(Lipzer-Bassutti). (1-4)
MONZA (3-5-2) De Lucia; De Bode,
Martinez, El Hasni; Pugliese, Conti,
Pessina, Uliano, DAmbrosio; Torri,
Bernasconi. (Chimini, Corduas,
Cojocnean, Toskic, Asante,
Carbonaro, Grandi). All. Pea.
FERALPI SALO (4-3-3) Branduani;
Tantardini, Leonarduzzi, Carboni,
Broli; Fabris, Pinardi, Palma;
Bracaletti, Romero, Galuppini.
(Proietti Gaffi, Codromaz, Cavion,
Ragnoli, Gulin, Di Benedetto, Zerbo).
All. Scienza.
ARBITRO Mei di Pesaro (EvoliMarchi). (0-1)
REAL VICENZA (3-5-2) Tomei;
Beccaro, Solini, Carlini; Lavagnoli,
Cristini, Pavan, Malag, Vannucci;
Margiotta, Bruno. (Bonato,
Calcagnotto, Chiarello, Sandrini,
Caporali, Gomes, Bardelloni).
All. Marcolini.
AREZZO (3-5-1-1) Benassi; Villagatti,
Panariello, Crescenzi; Brumat,
Cucciniello, Gambadori, Dettori,
Sabatino; Erpen; Bonvissuto. (Rosti,
Guidi, Franchino, Coppola, Padulano,
Montini, Mariani). All. Capuano.
ARBITRO Fiorini di Frosinone
(Granci-Mariani). (0-2)
Ore 20.45
MANTOVA (3-4-3) Zima; Trainotti,
Siniscalchi, Scrosta; Gonzi, Paro,
Raggio Garibaldi, Pondaco; Zanetti,
Beleck, Caridi. (Festa, Todisco, Blaze,
Zammarini, Di Santantonio, Sartore,
Boniperti). All. Juric.
GIANA (4-4-1-1) Paleari; Perico,
Polenghi, Montesano, Solerio;
Rossini, Marotta, Biraghi, Pinto;
Gasbarroni; Sinigaglia. (Ghislanzoni,
Bonalumi, Augello, Crotti, Perna,
Spiranelli, Recino). All. Alb.
ARBITRO Massimi di Termoli (Dal
Borgo-Bertasi). (2-0)

Non basta Span


Reggiana raggiunta
da un buon Prato
1Colombo domina i primi 45 e prende un palo
Nella ripresa segna, ma Bocalon fa subito l1-1
PRATO

REGGIANA

MARCATORI Span (R) al 27,


Bocalon (P) al 29 s.t.
PRATO (4-4-2) Gazzoli 6,5; Rinaldi 6,
Sorbo 5,5, Dametto 6, De Agostini 6;
Bandini 5,5 (dal 12 s.t. Coccolo 6,5),
Urso 6,5, Cavagna 6, Grifoni 6 (dal
43 s.t. Roman s.v.); Fanucchi 6,5
(dal 29 s.t. Santini 5,5), Bocalon 7.
(Ivusic, Rickler, Gabbianelli, Rubino).
All. Esposito 6,5.
REGGIANA (4-3-3) Feola 6,5;
Andreoni 6, Span 7, De Giosa 7,
Mignanelli 6; Angiulli 6,5, Maltese 6
(dal 43 s.t. Tremolada s.v.), Vacca 6;
Alessi 5,5 (dal 32 s.t. Messetti s.v.),
Petkovic 6,5 (dal 36 s.t. Ruopolo
s.v.), Siega 6. (Messina, De Biasi,
Sabotic, Vernocchi). All. Colombo
6,5.
ARBITRO Serra di Torino 6,5.
NOTE spettatori 500 circa;
abbonati 727, paganti e incasso non
comunicati. Ammoniti Fanucchi, Di
Giosa e Bocalon. Angoli 5-3.

re. Allinizio la Reggiana


manovra con unintensa ragnatela a met campo alla
quale partecipano gli esterni
dattacco in frequente ripiegamento, tanto da trasformare il 4-3-3 in albero di Natale con Petkovic avanzato.
Ma a parte unoccasione dello stesso Petkovic su svarione di Sorbo al quarto dora e
luscita di Gazzoli sU Siega
al 29 del primo tempo, larma pi efficace della Reggiana sono gli inserimenti
dei difensori centrali sui calci dangolo. Alla mezzora
del primo tempo Di Giosa
colpisce il palo, di testa, e
pi tardi Span incorna in
tuffo e segna cogliendo impreparata una difesa lenta a
intuire gli schemi avversari.

a Reggiana governa il primo tempo, il Prato la ripresa e alla fine il pareggio giusto. Le recriminazioni
pi fondate per il risultato sono
per della squadra di casa, ingenuamente infilata mentre attraversava il momento miglio-

COPERTA CORTA Se la Reggiana capitalizza le incursioni dei propri difensori, il


Prato prova da lontano con
Urso che nella ripresa sfiora
due volte il successo (bravo
Feola nella prima occasione), sfruttando la copertura
concessa dallinedito 4-4-2
che Esposito improvvisa per
sfruttare la spinta di Grifoni
sulla sinistra. uno schema
che da un lato serve a proteggere le fasce, ma dallaltro sottrae a Fanucchi (se-

Il Pisa si sveglia:
il derby suo
Carrarese k.o.

Pari con brivido


Colpo in faccia:
Romiti in ospedale

Piero Ceccatelli
PRATO

CARRARESE

PONTEDERA

PISA

PISTOIESE

MARCATORI Lisuzzo (P) al 4 p.t.;


Floriano (P) al 1, Cellini (C) al 17 s.t.
CARRARESE (4-4-2) Zanotti 6,5;
Berra 6, Massoni 5, Teso 5, Lancini
6,5; Belcastro 6, Brondi 6, Gnahor
6,5 (dal 38 s.t. Battistini s.v.),
Gherardi 6 (dal 18 s.t. Di Nardo
5,5); Merini 6 (dal 29 s.t. Ademi
s.v.), Cellini 6,5. (Anedda, Sbraga,
Disabato, Beltrame).
All. Remondina 6.
PISA (4-4-2) Pelagotti 7; Pellegrini
5,5, Paci 6, Lisuzzo 7,5, Costa 6,5;
Finocchio 5, Iori 5,5 (dal 39 s.t.
Caponi s.v.), Misuraca 5, Floriano
7,5 (dal 30 s.t Frediani s.v.); Arma
5,5, Beretta 5,5 (dal 20 s.t. Napoli
5,5). (Adornato, Ricciardi, Benga,
Nuti). All. Amoroso 6,5.
ARBITRO Baldicchi di Citt di
Castello 6.
NOTE paganti 787, abbonati 380,
incasso di 4.921 euro. Ammoniti
Gnahor e Misuraca. Angoli 7-5.

MARCATORI De Cenco (PO) all11,


M. Ricci II (PI) al 32 p.t.;
PONTEDERA (3-5-2) Cardelli 5;
Videtta 6, Redolfi 6,5, Romiti s.v.
(dal 23 p.t. Segoni 6); Ceciarini 5,5,
Luperini 5 (dal 1 s.t. Giordani 6),
Bartolomei 6, Settembrini 6,
Gasbarro 6; Cesaretti 5 (dal 36 p.t.
Disanto 5,5), De Cenco 6.
(Anacoura, Daly, Francesa Gherra,
Polvani). All. Indiani 6.
PISTOIESE (4-3-3) M. Ricci I 6;
Golubovic 6, Piana 6, Di Bari 6 (dal
17 s.t. Falasco 6), Frascatore 6,5;
Calvano 6,5, Mungo 6, M. Ricci II
6,5; Falzerano 6 (dal 45 s.t.
Provenzano s.v.), Romeo 6 (dal 34
s.t. Martignago s.v.), Piscitella 6.
(Olczak, Bortoletti, Coulibaly,
Anastasi). All. Sottili 6.
ARBITRO Strippoli di Bari 5,5.
NOTE paganti 402 abbonati 167,
incasso di 4183 euro. Ammoniti
nessuno. Angoli 2-5.

CARRARA Il Pisa vince il derby


toscano con la Carrarese. Per
sbancare lo stadio dei Marmi ai
nerazzurri bastano i primi minuti
delle due frazioni di gioco, complici
due black-out della retroguardia
apuana. I ragazzi di Amoroso
sbloccano il risultato al primo
tentativo, dopo appena 4 minuti,
con una punizione di Costa
indirizzata ad Arma: il centravanti
intercetta la palla sul secondo palo
e mette in mezzo per Lisuzzo che
segna il pi facile dei gol. Il Pisa
potrebbe raddoppiare all8 con
Floriano, che sfrutta un errore di
Brondi, si invola verso larea, ma al
momento di concludere non trova
lo specchio della porta. Il primo
tempo si chiude con
loccasionissima per Cellini che si
libera dei marcatori allinterno
dellarea pisana, ma la conclusione
centrale. In apertura di ripresa il
raddoppio del Pisa: Floriano fugge
sulla sinistra, entra in area e segna
con un tocco a girare. La
Carrarese si rif sotto al 17 con un
rigore realizzato da Cellini (fallo di
Misuraca su Merini), ma non riesce
a raggiungere il pari.
Luca Santoni

PONTEDERA (Pi) Laspetto


migliore del derby che il pareggio
serve a interrompere la serie di
sconfitte sia per il
rimaneggiatissimo Pontedera (2)
che per la Pistoiese (4) che riparte
con il primo pareggio dellera
Sottili. Si decide tutto nella prima
frazione: granata in vantaggio con
un tocco ravvicinato di De Cenco (il
gol interrompe unastinenza
casalinga durata 378) su azione
Bartolomei-Redolfi, arancioni al
pari con un destro improvviso dalla
distanza di Matteo Ricci II che
trova Cardelli impreparato. In
mezzo ai due episodi momenti di
grande ansia sugli spalti e in
campo per una rovesciata aerea di
Romeo che colpisce al volto Romiti:
il difensore granata piomba al
suolo dove resta immobile per tre
lunghissimi minuti prima di venir
trasportato in ospedale. Per
fortuna gli viene riscontrato solo
un forte trauma facciale e viene
trattenuto per precauzione. Nella
ripresa la paura di perdere prende
il sopravvento, lintensit cala
vistosamente e le emozioni (nessun
tiro in porta) restano... incartate
nelluovo di Pasqua.
Stefano Lemmi

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

GIRONE C

CLASSIFICA

Riccardo Bocalon, 26 anni LAPRESSE

conda punta al fianco di Bocalon) le incursioni che


quando impiegato come trequartista ne hanno fatto il
secondo bomber della squadra. E senza i suggerimenti e
i cambi di passo del numero
10, per la manovra e per lo
stesso Bocalon sono guai.
BELLA GARA A pareggiare il
conto, subito dopo il vantaggio reggiano, ci pensa Bocalon di testa su cross di Cavagna. Poi Santini tutto pepe e
poca concretezza crea scompiglio in area, ma senza costrutto. Gara agonisticamente pregevole, impreziosita da spunti tecnici di qualche rilievo e punto prezioso
per il Prato in direzione salvezza. La Reggiana ha conservato appena un minuto e
mezzo il vantaggio che le
avrebbe permesso di rendere pi saldo il terzo posto.
Ma alla fine va bene cos a
entrambe.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Santarcangelo,
tre punti doro
Grosseto steso
SANTARCANGELO

GROSSETO

MARCATORI De Respinis (S) al 26


p.t.; Pichlmann (G) al 16, Falconieri
(S) al 26 s.t.
SANTARCANGELO (4-2-3-1) Nardi
6; Traor 6, Olivi 6,5, Capitanio 6,
Rossi 6; Bisoli 6,5, Obeng 6;
Possenti 5,5 (dal 20 s.t.
Taugourdeau 6), Graziani 6,5 (dal
32 s.t. Radoi s.v.), Falconieri 7; De
Respinis 6,5 (dal 20 s.t. Guidone 6).
(Lombardi, Cola, Adorni, Garufi).
All. Cuttone 6,5.
GROSSETO (3-4-1-2) Baiocco 6;
Monaco 6, Biraschi 5, Legittimo 5,5;
Albertini 5,5 (dal 35 s.t. De Feo s.v.),
Onescu 5,5, Okosun 6,5, Boron 5,5
(dal 9 s.t. Paparusso 6); Gambino 6
(dal 14 s.t. Fofana 5,5); Pichlmann
6,5, Torromino 6. (Mangiapelo,
Burzigotti, Della Latta, Volpe).
All. Silva 6.
ARBITRO Pillitteri di Palermo 5,5.
NOTE paganti 167, abbonati 252,
incasso di 4.850 euro. Ammoniti
Obeng, Graziani, Biraschi, Okosun e
Traor. Angoli 3-2.
SANTARCANGELO (Rn) E un
colpo dautore di Falconieri a
decidere Santarcangelo-Grosseto.
Nel momento migliore degli ospiti,
sul pari al quarto dora della
ripresa, la punta di Cuttone
sinventa una gran corsa in
contropiede, salta Albertini e
Biraschi e infila il sinistro basso
dove Baiocco non pu arrivare. Il
Santarcangelo era gi andato in
vantaggio nel primo tempo, col
colpo di testa sul secondo palo di
De Respinis a deviare in rete una
rovesciata di Graziani. Obeng
manca il raddoppio prima
dellintervallo (colpo di testa alto) e
nella ripresa il Grosseto alza il
baricentro. Al 15 il pari, con
Pichlmann a deviare in rete, di
testa, la punizione di Torromino.
Nel momento migliore degli ospiti,
per, ecco il colpo dautore di
Falconieri. Un gol bello e
importante dichiara la punta -:
un passo importante verso la
salvezza. La squadra ha buone
qualit dice Silva, tecnico del
Grosseto - ma bisogna lottare con
poche chiacchiere e tanti fatti.
Loriano Zannoni

SQUADRE

PT

TERAMO
ASCOLI
REGGIANA
PISA
L'AQUILA
SPAL
ANCONA
PONTEDERA
LUCCHESE
TUTTOCUOIO
CARRARESE
GUBBIO
GROSSETO (-1)
SANTARCANGELO
PRATO
SAVONA
PISTOIESE
FORLI'
PRO PIACENZA (-8)
SAN MARINO

62
59
55
51
51
46
45
45
44
44
41
39
38
37
36
35
34
33
28
26

PARTITE

RETI

32
32
32
32
32
32
31
33
32
32
33
32
33
32
33
32
31
32
32
32

17
16
15
14
13
13
11
11
11
11
8
9
9
9
7
9
9
8
10
6

11
11
10
9
12
7
12
12
11
11
17
12
12
10
15
8
7
9
6
8

4
5
7
9
7
12
8
10
10
10
8
11
12
13
11
15
15
15
16
18

49
50
43
35
36
34
36
37
35
37
42
40
37
29
37
32
33
30
28
32

26
29
25
24
27
28
33
32
33
47
37
40
36
33
45
48
51
46
45
47

PROMOSSE PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSA

COS OGGI
Ore 14.30
LUCCHESE (4-4-2) Di Masi; Risaliti,
Espeche, Calistri, Nol; Scapinello,
Mingazzini, Degeri, Lo Sicco; Forte,
Raicevic. (Pazzagli, Caz, Pizza,
Bianchi, Santeramo, Russo,
Strizzolo). All. Galderisi.
SAN MARINO (4-3-1-2) Caio Secco;
Bregliano, Benassi, Cammaroto,
Cruz; Soligo, Diawara, Cuffa; Sensi;
Musetti, Baldazzi. (Vivan, Fogacci,
Bangoura, Magnanelli, Varone,
Bangal, Cicarevic). All. DAdderio.
ARBITRO Amabile di Vicenza
(Zanardi-Argento). (andata 1-0)
SAVONA (4-4-2) Rossini; Marchetti,
Marconi, Cabeccia, Antonelli; Eguelfi,
Taddei, Giorgione, DAmico; Scappini,
Demartis. (Addario, Tonon, Carta,
Giovinco, Morosini, Munarini,
Frugoli). All. Riolfo.
LAQUILA (4-2-3-1) Zandrini; Scrugli,
Pomante, Zaffagnini, Pedrelli;
Perpetuini, Del Pinto; Triarico,
Corapi, Sandomenico; Virdis.
(Cacchioli, Carini, Gotti, Djuric, Vella,
Pozzebon, Perna). All. Zavettieri.
ARBITRO Marinelli di Tivoli
(Pancioni-Malacchi). (0-1)
Ore 17
ASCOLI (4-2-3-1) Lanni; Nardini,
Mori, Mengoni, DellOrco; Grassi,
Addae; Mustacchio, Berrettoni,
Chiric; Altinier. (Ragni, Barison ,
Gualdi, Pirrone, Orsolini, Giovannini,
Minnozzi). All. Petrone.
PRO PIACENZA (4-4-2) Alfonso;
Petrini, Sall, Silva, Castellana;
Matteassi, Schiavini, Bacher, San;
Speziale, Alessandro. (Iali, Ignico,
Marmiroli, Mella, Mascolo, Giovio,
Caboni). All. Franzini.
ARBITRO Panarese di Lecce
(Squarcia-Diomaiuta). (3-0)
TERAMO (5-3-2) Tonti; Scipioni,
Caidi, Speranza, Perrotta, Masullo;
Di Paolantonio, Amadio, Cenciarelli;
Lapadula, Donnarumma. (Narduzzo,
Diakite, Brugaletta, Di Matteo, Fiore,
Petrella, Bucchi). All. Vivarini.
TUTTOCUOIO (4-3-1-2) Bacci;
Pacini, Falivena, Ingrosso, Zanchi;
Dramane, Gargiulo, Vitale; Serrotti;
Gio, Civilleri. (Morandi, Mancini,
Bachini, Pane, Colombini, Gelli,
Agrifogli). All. Alvini.
ARBITRO Mainardi di Bergamo
(Grieco-Antonacci). (0-0)
Ore 19.30
GUBBIO (4-3-3) Iannarilli; Luciani,
Manganelli, Lasicki, DAnna; Guerri,
Loviso, Casiraghi; Mancosu, Cais,
Tutino. (Citti, Caldore, Rosato,
Domini, Castelletto, Regolanti,
Vettraino). All. Acori.
ANCONA (4-2-3-1) Lori; Cangi, Paoli,
DOrazio, Parodi; Camillucci, Di
Ceglie; Lisai, Bondi, Tulli; Paponi.
(Aprea, Bambozzi, Barilaro,
Gelonese, Morbidelli, Cognigni,
Tavares). All. Cornacchini.
ARBITRO Boggi di Salerno
(Monetta-Abagnara). (4-2)
Ore 20.45
SPAL (5-3-2) Menegatti; Lazzari,
Gasparetto, Cottafava, Silvestri,
Nava; Gentile, Capece, Di Quinzio;
Zigoni, Finotto. (Albertoni,
Aldrovandi, Giani, Togni, Gerbaudo,
Fioretti, Rovini). All. Semplici.
FORLI (4-3-3) Casadei; Casini,
Catacchini, Fantini, Turi; T. Arrigoni,
Pettarin, Pastore; Melandri, Docente,
Castellani. (Scotti, Bevitori, Fantoni,
Morga, Gliozzi, Capellini, Cejas).
All. Firicano.
ARBITRO DApice di Arezzo
(Argentieri-Giuliani). (0-1)

Moracci spinge
la Salernitana
Iella Paganese
PAGANESE

SALERNITANA

MARCATORE autorete di Moracci


(P) al 9 s.t.
PAGANESE (4-3-3) Casadei 6;
Donida 6, Tartaglia 6, Moracci 4,5,
Djibo 6; Vinci 6, Bergamini 6 (dal 15
s.t. D. Franco 6), Deli 6; Longo 5,
Girardi 5,5, Ruffini 6 (dal 22 s.t.
Biasci 5,5). (Novelli, Coulibaly,
Baccolo, Malaccari). All. Sottil 6.
SALERNITANA (4-3-3) Gori 6;
Colombo 5,5, Lanzaro 6, Tuia 6, M.
Franco 6; Bovo 6, Moro 6, Favasuli
6 (dal 10 s.t. Perrulli 6); Gabionetta
5,5, Caetano 5,5 (dal 16 s.t. Cristea
6), Negro 6 (dal 31 s.t. Mendicino
6). (Russo, Bocchetti, Pezzella,
Tagliavacche). All. Menichini 5,5.
ARBITRO Paolini di Ascoli Piceno
6,5.
NOTE paganti 1.770, incasso 11.000
euro, giornata con sospensione
degli abbonamenti. Ammoniti
Colombo, Tuia, Longo, Vinci. Angoli
2-5.

Papini punisce
il Benevento
Lecce da playoff
LECCE

BENEVENTO

MARCATORE Papini al 30 s.t.


LECCE (3-5-2) Scuffia 6,5; Vinetot
6, Abruzzese 6,5, Diniz 6; Beduschi
6,5, Salvi 7 (dal 43 s.t. Sacilotto
s.v.), Papini 7,5, Bogliacino 6,5 (dal
19 s.t. Herrera 6,5), Lopez 6;
Doumbia 6, Gustavo 6 (dal 40 s.t.
Embalo s.v.) (Chironi, Filipe, Parlati,
Manconi). All. Bollini 7.
BENEVENTO (4-4-2) Pane 4; Celjak
5,5, Lucioni 6, Scognamiglio 5,5,
Som 5; Alfageme 5 (dal 23 s.t. Pezzi
5,5), Vitiello 6, DAgostino 5,5 (dal
32 s.t. Marotta 5,5), Campagnacci
5 (dal 29 s.t. Padella 5,5); Eusepi 5,
Mazzeo 5,5 (Piscitelli, Doninelli,
Agyei, Allegretti). All. Brini 5.
ARBITRO Dei Giudici di Latina 7.
NOTE paganti 1.518, abbonati 2.228,
incasso di 25.293,32 euro. Espulsi
Pane al 50 s.t.; ammoniti Doumbia,
Beduschi, Campagnacci,
Scognamiglio, Papini, Vitiello e
Pezzi. Angoli 3-5.

Il Melfi si regala
il colpo salvezza
Tonfo Casertana
CASERTANA

MELFI

MARCATORI Caturano (M) al 15,


Mancino (C) al 28 p.t.; Idda (C) al 6,
Dermaku (M) al 15, Fella (M) al 31 s.t.
CASERTANA (4-3-3) Fumagalli 6; Idda
6, Mattera 6, Murolo 5,5, Tito 5,5 (dal
42 s.t. Bianco 6); Mancosu 6, De
Liguori 5 (dal 25 s.t. Diakite 5,5), De
Marco 5,5; Caccavallo 5 (dal 17 s.t.
Cunzi 5,5), Cisse 6, Mancino 6.
(DAgostino, DAlterio, Pontiggia,
Kolawole). All. Campilongo 6
MELFI (4-3-1-2) Perina 6; Annoni 6,
Dermaku 6,5, Di Filippo 6, Pinna 6;
Agnello 6,5, Spezzani 6, Gallo 6 (dal 26
s.t. Giacomarro 6); Tortori 6; Caturano
7, Fella 6,5 (dal 42 s.t. Colella s.v.).
(Gagliardini, Di Marcurio, Nappello,
Luparini, Falomi). All. Bitetto 6.
ARBITRO Fiore di Barletta 6.
NOTE spettatori 2.500 circa; paganti,
abbonati e incasso non comunicati.
Ammoniti Spezzani, De Liguori, Fella,
Murolo, Tortori e Perina. Angoli 4-6.

PAGANI (Sa) Unautorete di


Moracci regala alla Salernitana il
derby con la Paganese e la quarta
vittoria di fola, che vale il +5 sul
Benevento. Non stato facile per
gli uomini di Menichini aggiudicarsi
i tre punti a causa del pressing
asfissiante della Paganese. I locali
partono a razzo e al 4 Deli da
centroarea calcia sullesterno della
rete. Gli ospiti stentano nel gioco e
si affidano ai tiri di Negro per
cercare di bucare Casadei. Al 44
Salernitana in gol con Colombo, ma
la rete annullata per fuorigioco.
Nella ripresa la Paganese cala il
ritmo e la Salernitana ne approfitta
(9): affondo sulla sinistra
dellesterno Franco e velenoso
cross a centro area, Moracci
nellintento di spazzare la palla
infila Casadei. La reazione della
Paganese blanda e la Salernitana
cerca il raddoppio al 37 con
Gabionetta (tiro fuori). Al 49 Longo
da buona posizione sparando alto.
Antonio Campitiello

LECCE Papini ci mette la testa e


firma il gol che tiene il Lecce in
corsa per i playoff. Il Benevento
rimane incredibilmente sotto
vuoto spinto. La squadra di Brini
sembrata votata esclusivamente
alla gestione dello 0-0 e alla fine si
ritrovata a 5 punti di distacco
dalla capolista Salernitana. In
piena emergenza, Bollini decide di
passare al 3-5-2, affidando la
missione in attacco ai pesi leggeri
Doumbia e Gustavo. Nel primo
tempo, al 29 il Benevento spreca
lunica vera occasione costruita,
con Eusepi che si fa ipnotizzare da
Scuffia. Il Lecce sfiora il gol con
Vinetot, Abruzzese e Bogliacino. Al
30 i salentini svoltano: su
punizione, Herrera pennella per
lincornata di Papini (un pupillo di
Brini nella Ternana e nel Carpi), che
poi festeggia indossando una
maschera con barba, per la
dedica a Moscardelli in tribuna. Nel
recupero, il portiere Pane solleva di
peso Embalo (infortunato a terra),
rifilandogli colpi proibiti. In tribuna
scaramucce tra tesserati del
Benevento e tifosi del Lecce.
Giuseppe Calvi

CASERTA Il Melfi batte con merito la


Casertana, che perde in casa per la
terza volta in questa stagione. La
giovane squadra di Bitetto, per nulla
intimorita dai 21 punti di differenza in
classifica, si battuta fin dallinizio
senza timori contro la squadra di casa
priva di quattro centrocampisti, tutti
infortunati. Il match si apre con un tiro
a volo di Cisse che va alto. Replicano gli
ospiti con Annoni sul quale Fumagalli
para in due tempi. Al 9 ci prova
Caturano, ma il tiro da fuori parato
dal portiere, che nulla pu poi al 15 sul
tiro del centravanti ospite, ex di turno,
che sfrutta un erroneo rimpallo della
difesa. Al 26 Mancino con un destro
a volo, su assist di Mancosu, a
superare Perina e a pareggiare. La
reazione casertana viene ribadita poi
dal palo colpito da Mattera al 33,
dallautogol sfiorato da Dermaku su
Caccavallo al 36 e dal gol del
vantaggio al 6, in apertura di ripresa di
Idda assistito da Cisse. Il Melfi per
non si d per vinto e dopo la punizione
di Agnello finita fuori di poco, al 15
trova il gol del pareggio con Dermaku
di testa. Dopo la traversa sfiorata da
Tortori al 29, arriva il gol della vittoria
con Fella.
Lucio Bernardo

La Juve Stabia
torna a sorridere
Battuta lAversa

Tra Barletta
e Catanzaro
pari da amici

Disastro Reggina,
cori contro Foti
Colpo dellIschia

JUVE STABIA

BARLETTA

REGGINA

AVERSA NORMANNA

CATANZARO

ISCHIA

MARCATORI Gammone (JS) al 18,


Mosciaro (AN) su rigore al 35,
Bombagi (JS) al 38 p.t.; Mosciaro
(AN) al 7, Nicastro (JS) al 35 s.t.
JUVE STABIA (4-2-3-1) Pisseri 6,5;
Cancelotti 6,5, Polak 6, Migliorini
6,5, Contessa 6; Maiorano 6, La
Camera 6; Gammone 6,5 (dal 19 s.t
Caserta 6), Bombagi 7, Nicastro
6,5 (dal 43 s.t Liotti s.v); Gomez 6,5
(dal 19 s.t. Carrozza 5,5).
(Santurro, Liotti, Burrai, Aveni,
Lepiller). All. Savini 6,5.
AVERSA NORMANNA (3-5-2)
Despucches 5,5; Scognamillo 6,
Cossentino 6, Magliocchetti 5,5; Del
Prete 5 (dal 1 s.t. Sassano 5,5),
Catinali 6, Geroni 6, Capua 5,5,
Amelio 6 (dal 36 s.t. De Luca 4);
Mosciaro 6,5 (dal 34 s.t. De Vena
5,5), Mangiacasale 5,5.
(Lagomarsini, Esposito, Giannusa,
Giannatasio). All. Marra 6.
ARBITRO Giua di Pisa 5.
NOTE paganti 567, abbonati 378,
incasso di 8.825 euro. Espulsi
Maiorano (JS) al 33 p.t e De Luca
(NA) al 38 s.t.; ammoniti Contessa,
Scognamillo, Magliochetti,
Mosciaro, Cancelotti, Bombagi e
Geroni. Angoli 6-3.
CASTELLAMMARE DI STABIA
(Na) La Juve Stabia ritrova la
vittoria al Menti, dopo due pari
interni consecutivi, battendo una
combattiva Aversa Normanna.
Locali in vantaggio con un tocco
ravvicinato di Gammone dopo aver
colpito in precedenza una traversa
con una sassata di Bombagi.
LAversa impatta grazie a un rigore
contestato, assegnato su
segnalazione del guardalinee per
un mani sulla linea di porta di
Maiorano, poi espulso. Dal
dischetto Mosciaro spiazza Pisseri
prima che lo stabiese Bombagi, di
testa su azione di angolo, riporti di
nuovo in vantaggio la Juve Stabia.
Nella ripresa un guizzo di Mosciaro
regala il pari allAversa. Bombagi
coglie il secondo legno della serata,
ma a far esplodere per la terza
volta il Menti Nicastro. Tensione
nel dopogara: un giornalista
aggredito dai tifosi di casa.
Gianpaolo Esposito

MARCATORI Ingretolli (B)al 17 p.t;


autorete di Radi (C) al 7 s.t
BARLETTA (4-3-3) Liverani 6;
Zammuto 5,5, Stendardo 5,5, Radi
5, Guarco 6; De Rose 5,5, Legras
5,5, Cortellini 6 (dal 18 s.t. Branzani
5,5); Danti 5,5 (dal 5 s.t. Rizzitelli
5,5), Ingretolli 6, Fall 5,5. (De
Martino, Perpignano, Kiakis, Sokoli,
Giannarelli) All. Corda 5,5
CATANZARO (4-1-4-1) Bindi 6;
Daffara 6, Orchi 5,5, Rigione 5,5,
Ghosheh 5,5 (dal 31 s.t. Squillace
s.v.); Giandonato 6; Caputa 5,5 (dal
18 s.t. Giamp 5,5), Badara 5,5 (dal
5 s.t. Mounard 5,5), Zappacosta 6,
Mancuso 5,5; Russotto 5,5 (Migani,
DOrsi, Jhonson, Ilari) All. DUrso
5,5 (squalificato Sanderra).
ARBITRO Zanonato di Vicenza 6.
NOTE paganti 360, abbonati 1.194,
incasso 6.479,07 euro. Ammoniti
Zammuto, Branzani, Giandonato e
Russotto. Angoli 1-5.

BARLETTA Pareggio annunciato:


Catanzaro ormai fuori da qualsiasi
obiettivo, Barletta che a piccoli
passi dovrebbe raggiungere la
salvezza. Difficile mettere assieme
parecchie note di cronaca in una
gara avara di emozioni che non ha
convinto molti tifosi che hanno
fischiato i protagonisti in campo.
Nessun sussulto fino al 17 quando
Ingretolli raccoglie di testa uno
spiovente di Guarco e batte Bindi.
La reazione dei calabresi non c e i
locali sfiorano il raddoppio con
Cortellini. Nella ripresa arriva
lautorete di Radi. che sbuccia una
palla calciata da Daffara e batte
Liverani. Ci sarebbe tempo per
tentare di vincere la gara, ma
lultima mezzora noiosissima,
solo un paio di spunti di Fall al 21 e
al 34 creano qualche problema a
Bindi. Il Catanzaro, senza lo
squalificato Sanderra, in panchina
sostituito da DUrso, porta casa un
punto che potrebbe essere utile
per la qualificazione nella prossima
Coppa Italia, mentre il Barletta - a
un passo dal traguardo - deve ora
pensare ai problemi societari per
poter ripartire nel prossimo
campionato di Lega Pro.
Matteo Tabacco

MARCATORE Sirignano al 2 s.t.,


REGGINA (3-5-2) Belardi 5; Ungaro 5,
Camilleri 5 (dal 27 s.t. Di Michele 5), Di
Lorenzo 5; Ammirati 5,5, Salandria 5,
Armellino 5, Maimone 5 (dal 42 s.t.
Masini s.v.), Benedetti 4,5; Insigne 5,
Viola 5,5 (dal 10 s.t. Balistreri 5).
(Kovacsik, Scionti, Karagounis, Zibert,
Masini). All. Alberti 4,5
ISCHIA (4-3-1-2) Giordano 6,5; Finizio
6,5, Impagliazzo 6,5, Sirignano 7,5,
Bruno 6,5; Bulevardi 6,5 (dal 32 s.t.
Verachi s.v.), Chiavazzo 6, Armeno 6;
Alvino 6,5 (dal 37 s.t. Gerevinis.v.) ;
Ciotola 6,5 (dal 24 s.t. Massimo 6),
Fumana 6,5. (Ioime, Caso, Formato,
Schetter). All. Maurizi 6,5.
ARBITRO Tardino di Milano 7.
NOTE paganti 310, abbonati 2.245,
incasso di 15.985 euro. Espulso
Benedetti al 43 s.t.; ammoniti Viola,
Alvino, Camilleri, Armellino e Insigne.
Angoli 6-6.
REGGIO CALABRIA La Reggina potr
uscire dal coma irreversibile in cui
versa da tempo, con due retrocessioni
dalla Serie A alla Lega Pro in 5 anni,
con la Serie D che potrebbe significare
la fine del calcio a Reggio Calabria? E
con pi di 10 milioni di debiti, di cui
550 mila euro lanno da scontare con
lAgenzia delle Entrate in 15 anni,
riuscir il presidente Foti a vivacchiare
con la spada di Damocle che pende
sulla sua testa? La citt e la tifoseria
sono stanche e si sentono tradite da
chi da 28 anni al timone del club,
anche se per 9 campionati nella
massima categoria. Ieri lennesimo
scempio in uno scontro diretto. A fare
festa stato lIschia, che con un solo
tiro in porta del guerriero Sirignano
al 2 della ripresa, di testa, su punizione
battuta da Finizio, porta a casa 3 punti
preziosi senza rubare nulla. La Reggina
si era fatta vedere in avvio con Viola,
che dopo uno scambio con Benedetti
di sinistro ha colpito il palo. Finale
nervoso tra i padroni di casa, con
Benedetti che mette le mani in faccia a
Fumana e larbitro lo espelle. Con i cori
ostili contro Foti da parte dei tifosi, che
chiedono al patron di farsi da parte, si
va alla Santa Pasqua in modo
traumatico. E la domanda che tutti si
pongono : il ciclo di Foti finito?
Lorenzo Vitto

23

CLASSIFICA
SQUADRE

PT

SALERNITANA
BENEVENTO
JUVE STABIA
MATERA
LECCE
CASERTANA
FOGGIA (-1)
CATANZARO
BARLETTA
COSENZA
VIGOR LAMEZIA
MELFI (-2)
MARTINA
LUPA ROMA
PAGANESE
ISCHIA
MESSINA
SAVOIA
AVERSA NORMANNA
REGGINA (-4)

73
68
60
57
57
56
51
48
43
40
40
38
35
35
34
29
27
27
26
22

PARTITE

RETI

33
33
33
32
33
32
32
33
33
32
32
33
31
32
33
33
32
32
33
33

22
19
16
16
17
16
13
13
11
9
9
9
9
8
8
6
5
6
5
6

7
11
12
9
6
8
13
9
10
13
13
13
8
11
10
11
12
9
11
8

4
3
5
7
10
8
6
11
12
10
10
11
14
13
15
16
15
17
17
19

46
47
48
47
43
47
50
40
30
33
34
36
33
35
28
26
31
29
32
24

23
25
31
30
29
29
31
37
32
33
36
39
35
50
39
48
49
46
48
49

PROMOSSE PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSA

COS OGGI
Ore 14
COSENZA (4-4-2) Ravaglia; Corsi,
Tedeschi, Blondett, Zanini; Fornito,
Arrigoni, Caccetta, Tortolano;
Calderini, Cori. (Saracco, Carrieri,
Ciancio, Criaco, Statella, Cesca, De
Angelis). All. Roselli.
SAVOIA (3-4-3) Gragnaniello; Riccio,
Checcucci, Mercadante; Sanseverino,
Saric, Pizzutelli, Verruschi;
DAppolonia, Di Piazza, Scarpa.
(Volturo, Cremaschi, Sirigu, Boilini,
Giordani, Vosnakidis, Partipilo).
All. Papagni.
ARBITRO Dionisi di LAquila (Menicacci-Della Vecchia). (andata 1-1)
MESSINA (4-4-2) Berardi; Cane,
Silvestri, Altobello, Donnarumma;
Damonte, Mancini, Nigro, Ciciretti;
Corona, Orlando. (Scardino, Sciotto,
Izzillo, Bortoli, Spiridonovic, Bonanno,
De Paula). All. Di Costanzo.
MARTINA (4-4-2) Bleve; De Giorgi,
Samnick, Patti, Memolla; Arcidiacono,
De Lucia, Bucolo, Tomi; Pepe,
Pivkovski. (Modesti, Kalombo,
Brunetti, Diop, Calvetti, Caruso,
Montalto.) All. Imbimbo.
ARBITRO Vesprini di Macerata
(Robilotta-Scarica). (1-2)
Ore 14.30
LUPA ROMA (4-4-1-1) Rossi;
Frabotta, Conson, Cascone, Celli;
Bariti, Cerrai, Capodaglio, Raffaello;
Margarita; Tulli. (Santi, Martorelli,
Curcio, Santarelli, Prevete, Tajarol,
Del Sorbo). All. Cucciari.
VIGOR LAMEZIA (4-3-3) Piacenti;
Spirito, Kostadinovic, Filosa, Malerba;
Puccio, Battaglia, Scarsella; Improta,
Del Sante, Montella. (Forte, Di Bella,
Di Marco, Papa, Maglia, Rossini,
Held). All. Erra.
ARBITRO Bertani di Pisa (SolazziMartinelli). (2-2)
Ore 20.45
MATERA (3-4-3) Bifulco; DAiello,
Flores, Mucciante; Ashong, Coletti,
Iannini, Ferretti; Letizia, Diop,
Carretta. (Russo, Faisca, Pagliarini,
Bernardi, Madonia, Albadoro, Di
Noia). All. Auteri.
FOGGIA (4-3-3) Addario;
Bencivenga, Potenza, Gigliotti,
Agostinone; Agnelli, Quinto, Minotti;
Sarno, Iemmello, Maza. (Micale,
DAngelo, Loiacono, DAllocco,
Barraco, Cavallaro, Leonetti).
All. De Zerbi.
ARBITRO Pelagatti di Arezzo
(Campitelli-De Filippis). (0-0)
SERIE D
Esposto su Caravaggio-Pro Sesto
Un esposto alla Procura federale
affinch verifichi che Caravaggio-Pro
Sesto abbia avuto una condotta di
gara, da parte dei giocatori in campo
e, pi in generale, di tutti i tesserati
delle due societ, regolare. A
presentarlo la Pro Sesto, vittoriosa
per 3-2. Una partita sub iudice visto
che il Caravaggio ha presentato un
reclamo in quanto ritiene che la Pro
Sesto abbia sbagliato una
sostituzione (non rispettando la
regola della presenza in campo di 4
under) e quindi vada punita con il 3-0
a tavolino. La Pro Sesto, con una
nota sul proprio sito, parla di un
comportamento del Caravaggio non
propriamente in linea con i principi
della lealt e della correttezza
sportiva. Al momento della
sostituzione incriminata (21 s.t.) il
Caravaggio era in vantaggio per 2-0.
Dopo che il Caravaggio aveva
sostituito 3 giocatori esperti e titolari
con altrettanti under 1996, nei 15
finali la Pro Sesto ha segnato 3 reti.
Questa condotta di gara - spiega la
Pro Sesto - viene motivata dal
Caravaggio dal fatto che onde
evitare infortuni e ammonizioni,
hanno tirato i remi in barca . E che
ormai la partita era terminata al 70.
Vincevamo 2-0 , fino ad allora la Pro
Sesto non aveva fatto un tiro in
porta. Il mister ha fatto tre cambi
mettendo in campo 6 giovani,
pensando alla gara di gioved a
Ciliverghe.

24

Formula 1 R Dopo il trionfo in Malesia

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Vi porto con me sulla Ferrari


1Vettel a Maranello: Mi avete dato una bella macchina, vivremo altre gioie cos
1

Andrea Cremonesi

a Ferrari Formula 1 ma
anche supercar da sogno, agonismo ed esclusivit, lusso. Unazienda con
due anime e un solo cuore:
Sebastian Vettel, che il mito
del Cavallino ha imparato a
conoscerlo fin da bambino,
quando, appeso alle reti di
Fiorano, rimase folgorato dal
suo idolo Michael Schumacher, lo sa bene. Per cui ieri,
nel giorno che segnava il suo
ritorno in fabbrica dopo la
trionfale cavalcata di Sepang,
gli venuto naturale brindare
al successo presso la Gestione
Sportiva ma poi mangiare un
boccone al ristorante Il podio dove solo 24 ore prima
era stata esposta la coppa riservata ai costruttori. Quella
la zona di ristoro dei dipendenti della Gestione Industriale ed il tedesco voleva
condividere la propria gioia
proprio con coloro che, pur
non lavorando sulla proprio
monoposto, contribuiscono
giorno dopo giorno, turno dopo turno ad alimentare la leggenda delle auto pi amate e
desiderate al mondo. Il messaggio chiaro: la Ferrari
una sola.
DISCORSO Allinterno della
Logistica, dalle forme e colore
dei dirigibili tedeschi fabbricati dalla Zeppelin, Vettel si
rivolto alla squadra in italiano, con un discorso improvvisato (ci provo, ha confessato). Come aveva fatto via radio prima in Australia e poi in
Malesia. stata unemozione
grandissima. Ho vinto tante
gare (39 coi colori della famiglia Red Bull; n.d.r.), ma la
prima con la Ferrari molto,
molto speciale. Domenica
notte ho voluto festeggiare coi
meccanici e ho anche detto loro: grazie mille, ma io voglio
essere uno di voi. N pi, n
meno. Io sono parte della
squadra e anche se in pista sono da solo, so che in realt
non lo sono mai. Perch sono
sempre con voi. Vi voglio ringraziare per avermi dato una
bella macchina e penso, anzi
so, che vivremo ancora grandi
momenti insieme.

1 La gioia di Sebastian Vettel, domenica a Sepang, allarrivo nel parco chiuso subito dopo avere
conquistato il suo primo gran premio al volante della Ferrari 2 Sebastian parla ai dipendenti della Ferrari:
con lui sul palco ci sono Maurizio Arrivabene (a sin.) e il terzo pilota Esteban Gutierrez 3 Per concludere
la festa, ecco che Vettel scatta una foto con il telefonino ai dipendenti in trance da tifo per il loro nuovo idolo

RIl tedesco brinda

col team e pranza


con i dipendenti
della Gestione
Industriale

RLa Kehm, manager


di Schumi, manda
un messaggio di
complimenti
alla Scuderia

luto di Kimi Raikkonen, volato in Finlandia per il battesimo del figlio Robin, ha colto
loccasione per lanciare un
messaggio al team: Credo
che in quel Forza Ferrari
detto da Seb alla radio subito
dopo il traguardo ci fossero i
suoi sogni da bambino, i momenti che ha passato con un
altro grande che ci ha fatto
vincere tanto, Michael, e che
ci fosse soprattutto la gioia di
essere qui con tutti voi. Voi
siete qui da tanto tempo e ve
lo meritate.
SABINE Schumi, che di Vettel
stato prima idolo, poi amico,
sostenitore e compagno di
squadra in diverse edizioni
della Corsa dei Campioni, non
ha potuto assistere al trionfo
della rossa o quantomeno,
nelle condizioni in cui versa
dopo lincidente sugli sci del
29 dicmebre 2013 a Meribel,
difficilmente se ne sar reso
conto. Ma la moglie Corinna e

BATTESIMO Accanto a lui ad


applaudirlo cerano Maurizio
Arrivabene e il collaudatore e
terzo pilota Esteban Gutierrez. Il capo della Gestione
Sportiva, che ha portato il sa-

Sabine Kehm hanno trepidato


davanti alla tv per il loro connazionale. E alla fine la ex
portavoce e oggi manager del
campionissimo ha spedito un
sms a Maurizio Arrivabene
per complimentarsi.
LAVORO Ma la giornata di Vettel a Maranello non era soltanto finalizzata a celebrare
con i dipendenti il ritorno al
successo dopo quasi due anni
di digiuno (GP Spagna 2013),
il tedesco ha infatti lavorato al
simulatore perch limpresa
della Malesia deve essere solo
il punto di partenza come ha
sottolineato nel discorso alla
squadra lo stesso Arrivabene.
Il traguardo delle due vittorie,
dopo Sepang, diventato di
colpo un obiettivo minimo.
Ma guai ad esaltarsi: Dobbiamo continuare a lavorare
linvito rivolto da Arrivabene
con la massima dedizione e
concentrazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Arrivabene:
Siamo la F.1
Una F.1 senza la Ferrari non
sarebbe pi la F.1: perderebbe il
60-70% del valore. Per questo la
Ferrari non comparabile con
nessunaltra squadra. La Ferrari
la F.1. E chi lha dimenticato si
rinfreschi le idee. A parlare
cos al settimanale Autosport
Maurizio Arrivabene, team
principal del Cavallino. Che
parla di Sergio Marchionne
(Sono fortunato da avere il
miglior capo e maestro che ogni
team manager si sogni. Prima di
parlare con lui, meglio
ascoltarlo il pi possibile) e del
futuro: La F.1 deve diventare pi
abbordabile. Ma non faccio io le
regole. Le domande vanno fatte
ad altri: Ecclestone, Fia,
organizzatori... Sono la
maggioranza. I team sono
accusati per decisioni di altri.

TACCUINO
ASTA SU EBAY

Vale colora la 125


Valentino Rossi e Javier
Zanetti per i bambini poveri
argentini della Fondazione
P.U.P.I: allasta su ebay andr
una Yamaha YZF-R125 con la
livrea della M1 MotoGP di Vale.

FORMULA E

Trulli conferma Liuzzi


Vitantonio Liuzzi ancora con
il team Trulli nella 5a tappa F.E
a Long Beach (Usa).

DAKAR 2016

Resta la Bolivia
Il presidente boliviano Evo
Morales, ha incontrato Etienne
Lavigne, direttore della Dakar:
confermata nel 2016

MotoGP R Aoyama alternativa Honda

Pedrosa: Decider presto


Ma cos non posso correre
Paolo Ianieri

orre, non corre. Si ritira,


si ferma il tempo necessario a risolvere il problema fisico. Sono tanti i punti
interrogativi che aleggiano attorno alla figura di Dani Pedrosa, che dopo avere corso una
gara di sofferenza, domenica
notte in Qatar ha annunciato lo
stop, perseguitato dal dolore
allavambraccio destro per
quel problema di sindrome
compartimentale da cui non
riesce proprio a liberarsi.

PALLINA DA TENNIS Il braccio di Dani dopo la gara faceva


paura ha raccontato un
membro del team Honda , il
muscolo si era gonfiato cos
tanto che sembrava che sotto
la pelle avesse una pallina da
tennis. Tempo dieci minuti, per, e la situazione era tornata
alla normalit.
DOLORE E PERICOLO Iniziare il
campionato cos, stata una
mazzata per il 29enne pilota di
Sabadell, che nel tentativo di
replicare allo strapotere di
Marc Marquez sulla RC213V

Dani Pedrosa, 29 anni IPP

gemella, nellinverno aveva


cambiato mezza squadra tra
capotecnico, ingegneri e meccanici, presentandosi al via del
campionato apparentemente
molto sereno, oltre che con risultati molto convincenti in pista. Ma il fatto che lo spagnolo
nei test girasse sempre senza
mai forzare troppo, limitandosi a sequenze di pochi giri, oggi
pu essere compreso con la sua
preoccupazione. Io che mi sono fatto operare per lo stesso
problema, posso dire che una
delle cose pi brutte e dolorose
che possono succedere a un pilota spiegava domenica notte Andrea Dovizioso . Non
riesci a guidare ed pericoloso, ti toglie il pieno controllo
della guida. Mi spiace per Dani, spero trovi una soluzione.
BLOG TRISTE Se esiste, al mo-

mento non lo sa neppure Pedrosa, che in questi giorni sta


visitando diversi specialisti in
Spagna, e altri potrebbe incontrarne negli Stati Uniti o in Finlandia. Da quando scrivo sul
mio blog, questa la pi difficile le parole pubblicate da
Dani ieri sul suo diario online
. Da un anno ho problemi allavambraccio destro. Lo scorso anno mi sono anche operato, ma il problema non si risolto. Prima della stagione ho
viaggiato tanto proprio per
cercare di risolvere il problema
e disputare questa stagione al
cento per cento. Il GP del Qatar
mi ha confermato che non sar
cos. Non posso competere al
massimo delle mie possibilit.
E questo tutto quello che posso dire per il momento. Spero
di poter dare presto buone notizie, perch prender una de-

cisione nei prossimi giorni.


AOYAMA PRONTO Insomma,
Pedrosa non chiarisce quale
possa essere il suo futuro, facendo per intuire come quella
del ritiro non sia assolutamente unipotesi campata in aria,
qualora lingrossamento del
muscolo dellavambraccio in
condizioni di particolare sforzo, non possa essere contenuta
entro limiti accettabili. E intanto la Honda Hrc si prepara a
tutte le opzioni. Dani si sta facendo vedere da alcuni specialisti e in un paio di giorni al
massimo prenderemo una decisione conferma Livio Suppo, team manager Hrc . Io
spero che Dani ce la faccia, ma
se dovesse dare forfait, al suo
posto correr Aoyama. Stoner?
Basta con questa storia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Formula 1 R Dopo il trionfo in Malesia

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

STORIE GAZZETTA

25

CONTENUTO
PREMIUM

A sinistra, James Allison. Sopra, la felicit di


Sebastian Vettel dopo il successo in Malesia. Sotto,
il tedesco sul podio di Sepang GETTY-OLYMPIA-EPA

Allison

UN GENIACCIO ROCK
PER LA SVOLTA ROSSA
James Allison,
47 anni, d.t.
Ferrari dal
2014. Era gi
stato a
Maranello fra
il 2000 e il
2004, durante
lera Schumi
LIVERANI

le nuvole. In F.1 c arrivato per caso. Nel 1991,


fresco di laurea, invi una lettera e un curriculum a Giorgio Ascanelli, che avrebbe voluto asuo padre John era un ufficiale fra i pi de- sumerlo come aerodinamico junior alla Benetcorati della Royal Air Force britannica, co- ton. Ma John Barnard, che guidava lantenna tecmandante in capo del reparto logistico. E nologica di Godalming, non era stato avvertito e
lui cresciuto in mezzo a vecchi aerei da restau- si infuri. Per fortuna gli concesse lo stesso un
rare e auto depoca, le due passioni di famiglia. colloquio, decidendo che non poteva farselo
Perci era destino che James Allison prima o poi scappare. Poi, dopo una breve parentesi alla Laincontrasse il mondo delle corse. Anche se non rousse e il ritorno in Benetton con i trionfi di Mine aveva la pi pallida idea, quando scelse luni- chael Schumacher, arriv la grande occasione
versit di Cambridge, corso di laurea in ingegne- Ferrari. Allison segu Ross Brawn e Nicholas
ria aerospaziale: Mi piacevano la matematica e Tombazis, restando a Maranello per cinque anni,
il restauro delle vetture. Ma soprattutto pensavo fra il 2000 e il 2004, cio dallinizio alla fine delche questo avrebbe reso orgolepopea in rosso di Schumi, cogliosi i miei genitori. Di queronata da 5 Mondiali piloti. Ma
gli anni, i pi duri e intelletnon aveva il ruolo chiave di ogHa avuto lultima
tualmente stimolanti della
gi. Era aerodinamico di pista.
parola
su
ogni
mia vita, luomo del miratornato nel maggio 2013, volucolo Ferrari in realt ricorda
parte della SF15-T to dallallora team principal
soprattutto i divertimenti
Stefano Domenicali, e ha posto
il nuovo Brawn
da diciottenne, come ha dile fondamenta tecniche del richiarato in unintervista.
o un altro Newey? lancio. Lo cercavano sia la
McLaren sia la Mercedes, che
DUE ANIME Non lo diresti,
laveva sondato attraverso Niki
ascoltando questo tecnico dallaspetto contem- Lauda, e non c da meravigliarsi, pensando a ci
plativo e dalla parlata quieta, che alterna inglese che Allison nel frattempo era stato capace di fare
e italiano con la propriet di un bilingue. Cos alla Renault (due titoli con Fernando Alonso) e
come non ti aspetteresti da uno con il carattere soprattutto alla Lotus (due vittorie con Kimi
british di chi viene dal Lincolnshire, che allim- Raikkonen), nonostante un budget limitato.
provviso ti sorprenda con una frase tipo: Domenica a Sepang volevo solo ballare, gridare dalla UOMO CHIAVE La SF15-T, lauto che ha trionfato
gioia e abbracciare tutte le persone del team che domenica in Malesia nelle mani di Sebastian Vetavevano condiviso con me una lunga giornata di tel, spezzando unegemonia Mercedes che duraemozioni. Ma Allison, che al massimo d lim- va da 8 gare consecutive e un digiuno del Cavallipressione di un tranquillo padre di famiglia a cui no lungo quasi 2 anni, la prima Ferrari nata
affidare i propri figli, nasconde unanima rock interamente sotto la sua guida. Allison, per sua
dietro allimmagine di geniaccio con la testa fra stessa ammissione, non ne ha disegnato un solo

IL RITRATTO di LUIGI PERNA

L'IDENTIKIT
JAMES
ALLISON
NATO IL: 21 FEBBRAIO 1968
A: LINCOLNSHIRE (GRAN BRETAGNA)
STATO CIVILE: SPOSATO CON
REBECCA, HA TRE FIGLI.

1990
Fresco di laurea in ingegneria
aerospaziale a Cambridge entra
alla Benetton. Nel 1992 passa in
Larrousse come responsabile
dellaerodinamica, poi rientrare
in Benetton nel 1994.
1999
Passa alla Ferrari dove resta
sino al 2005. Poi va in Renault
dove diventa d.t. nel 2009.
2013
Torna a Maranello e dal 29 luglio
d.t della Ferrari.

bullone, ma ha avuto lultima parola su tutte le


scelte progettuali, coordinando il lavoro di motoristi, telaisti e aerodinamici. Non un caso che
sia stato anche lunico superstite dellepurazione
seguita ai fallimenti dellultima stagione ferrarista (Marmorini, Tombazis, Fry), a cavallo fra il
regno di Luca di Montezemolo e la presidenza di
Sergio Marchionne. Lex team principal Marco
Mattiacci ne aveva fatto il suo referente. E il ruolo non cambiato dopo larrivo di Maurizio Arrivabene. Segno che Allison gode di una fiducia
incondizionata.
RE MIDA Bisognava dare una svolta. E la Ferrari
firmata Allison ha tagliato i ponti con il passato.
La nuova power unit, il cui responsabile Mattia
Binotto, ha beneficiato di scelte pi coraggiose,
guadagnando cavalli (oltre 80 Cv) e guidabilit.
Laerodinamica sfrutta i vantaggi della rinnovata
galleria del vento e il telaio (chief designer Simone Resta) ha potuto contare sul lavoro delle sospensioni del mago Rory Byrne, con il risultato
che la monoposto gentile con le gomme perfino
pi delle frecce Mercedes. Molti pensano che Allison sia il nuovo Ross Brawn, anche se a dividerli
ci sono decine di titoli iridati a favore dellex d.t.
ferrarista. Di certo, scorrendo la sua carriera da
Re Mida che vince ovunque vada, viene da chiedersi: ma anche il nuovo Adrian Newey?
Quando sono andato via la prima volta dalla
Ferrari ero davanti a una scelta di vita, perch la
mia figlia pi grande doveva passare alle scuole
medie e avrebbe significato restare a Maranello
altri 11 anni. Cos tornai indietro. Oggi i suoi
figli una si chiama Emily come la primogenita
di Vettel sono grandi e James ha potuto rituffarsi nel Mito. Che ci resti a lungo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL D.T. DI MARANELLO: A SEPANG


VOLEVO BALLARE E GRIDARE PER
LA VITTORIA. CON LE SUE IDEE IN
UN INVERNO HA CAMBIATO TUTTO

26

Mondomotori R Auto

New York va a tutto Suv

1Auto Show con novit rivolte al mercato europeo. Alla Lexus RX (300 Cv) rispondono
Mercedes GLE 500, Bmw X5 xdrive40e, Toyota Rav4 Hybrid. E quella Boxster Spyder...
1

Corrado Canali

NEW YORK

on Detroit, il Salone delle tante novit


che non a caso si svolge nella capitale
americana dellauto e neppure Los Angeles, la pi glamour delle rassegne negli Usa che
a novembre apre i battenti nel mercato numero
uno per le quattroruote a stelle e strisce che
la California. LAuto Show di New York, tuttavia,
il pi proiettato verso lEuropa, visto che quasi
tutte le anteprime annunciate arriveranno a distanza di poco nel Vecchio Continente, dai noi.
Un esempio? La nuova Lexus RX, un modello
storico, stata lanciata nel 1989, per il brand di
lusso di Toyota che si ripresenta con lobiettivo
di ritornare in testa al gradimento degli utilizzatori di Suv. Linee audaci come la sorellina minore, la NX che in Europa in pochi mesi ha scalato le classifiche delle vendite. E poi, la propulsione ibrida, ormai un marchio di fabbrica per
Toyota che, infatti, a New York fa debuttare anche il Rav4 Hybrid.

QUANTI CAVALLI La nuova RX che ormai sfiora


i cinque metri di lunghezza, ha una motorizzazione che abbina un benzina di 3.500 cmc ad un
elettrico con una potenza che sfiora i 300 Cv.
Inoltre, il montante posteriore discendente,
quasi da coup, la risposta di Lexus ai nuovi
Suv pi sportivi, come la GLE Coup di Mercedes che ha debuttato a Detroit o la nuova Bmw
X6. In vendita negli Usa fra qualche mese, la RX
sbarcher anche in Europa a fine anno. Dal top
del lusso al Suv compatto e accessibile, il Rav4
Hybrid col 2500 cmc da 197 Cv e un look ristilizzato rispetto al resto della gamma Rav4 con
lambizione di diventare lo sport utility compatto pi venduto in Europa, dove sar disponibile nel corso dellanno.

IDROGENO La scelta di ampliare la propria offerta ibrida per Toyota una prova di forza rispetto ad altri costruttori che, invece, spingono
per la scelta pi estrema, quella elettrica. Alla
Toyota, se mai, dimostrano di credere di pi allidrogeno con la Mirai, la berlina che dopo il
debutto al Salone di Los Angeles dellanno scorso ha fatto incetta di ordinativi in Giappone, anche grazie agli incentivi varati dal governo, ma
nei prossimi mesi sbarcher in Europa, sia pure
in quei Paesi nordici, come la Danimarca, che
dimostrano di puntare pi di altri sulla mobilit
green.

QUI GERMANIA Pronta la risposta a Lexus di


marchi tedeschi del lusso. Bmw espone al Salone di NY la X5 xDrive40e, unibrida plug-in da
313 Cv, ma capace di consumare solo 3,3 l/100
km e con emissioni da record: 77 g/km. Le pre-

1. la Bmw X5 xDrive40e, ibrida plug-in da 313 Cv;


2. La Lexus RX abbina a un benzina da 3.500 cmc
un motore elettrico per una potenza totale di quasi
300 Cv; 3. Toyota Rav4 Hybrid, attesissimo; 4. La
Porsche Boxster Spyder; 5. La Mercedes GLE 500

stazioni sono da sportiva: 6,8 secondi da 0 a 100


km/h. E anche Mercedes con la GLE, la nuova
denominazione della Classe M, punta ad aprire
una nuova era di Suv ibridi con la GLE 500 e
4Matic unibrida plug-in da 325 Cv. Dai Suv alle
berline, che a New York non mancano mai. A
cominciare dalla nuova Jaguar XF che punta al
settore premium, ma soprattutto la Kia Optima
rivoluzionata nello stile che, infatti, prende
spunto dalla concept Sportspace, una sorta di
Sportwagon dei nostri giorni esposta al Salone
di Ginevra. La Optima oltre a motori benzina e
diesel offre anche una variante ibrida e arriver
entro lanno in Europa.
LE AMERICANE E poi due novit tutte made in
Usa: la Cadillac CT6 che mostra i muscoli
grazie ai 400 Cv del 3000 cmc a benzina che la
equipaggia; oppure la Lincoln Continental, per
ora si tratta una concept, ma che andr in produzione nel 2016. Prefigura una futura lussuosa
berlina. Volkswagen, invece, per festeggiare i
sessantanni del marchio negli Stati Uniti propone quattro originali concept del Maggiolino che
potrebbero diventare altrettante serie speciali
in arrivo.

lLE NOSTRE Intanto, la presenza dei brand sportivi del Gruppo Fca Alfa Romeo e Maserati
guadagna posizioni negli spazi espositivi al salone di NY, non a caso per la Casa del Tridente
gli Usa sono sempre il mercato pi importante,
mentre per lAlfa Romeo larrivo in forze ormai
vicino.
NOSTALGIE Infine, folla allo stand Porsche che
espone la Boxster Spyder, unauto veramente
daltri tempi. E non solo perch le gobbette richiamano il modello originale la 718 Spyder
ma per una essenzialit che se riferita ad
unauto che costa 83.084 euro pu sembrare
una provocazione. E, infatti, lo : niente radio o
climatizzatore e la capote disponibile soltanto
ad apertura manuale: Tutti questi sono gadget
che potranno essere richiesti allatto dellacquisto, per questa la sciccheria senza sovrapprezzo. Lobiettivo dichiarato della Casa
quello di spingere lutente a concentrarsi sulla
dinamica di marcia. Una sorta di sfida nei confronti di chi ipotizza che in futuro gli esseri umani alla guida di unauto potrebbero non servire
pi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

APPENA ARRIVATA

Discovery Sport, ovunque ma con stile british


1La Land Rover

nata per loff-road,


ma in strada
agile, comoda... di
classe superiore

LA SCHEDA
LAND ROVER DISCOVERY
SPORT SD4 HSE

MOTORE 4 CILINDRI TURBODIESEL


CILINDRATA 2.179 CMC
POTENZA MASSIMA 190/140 CV/KW
COPPIA MASSIMA 420NM A 1.750
GIRI/MIN
CAMBIO AUTOMATICO A 9 RAPPORTI
TRAZIONE INTEGRALE PERMANENTE
PESO 1.850 KG A VUOTO
DIMENSIONI LUNGHEZZA 4.599 MM,
LARGHEZZA 2.069 MM, ALTEZZA 1724 MM
CONSUMO MEDIO 6,1 L/100 KM
EMISSIONI CO2 159 G/KM
VELOCIT MASSIMA 188 KM/H
ACCELERAZIONE DA 0-100 IN 89
PREZZO 47.800 EURO

1
1
1
1

1
1

1
1
1

Alessandro Giudice

u sembrare scontato ma
passare dallasfalto al
sentiero off-road coperto
di neve bagnaticcia e instabile,
ripido e pieno di tornanti, con
naturalezza, senza patemi
danimo e con la stessa sensazione di sicurezza e controllo
che si prova su strada non
una cosa da poco. E quello che
succede al volante della nuova
Land Rover Discovery Sport,
che non un fuscello (1.850
kg) e nemmeno una miniatura,
con i suoi 4,6 metri di lunghezza, ma che in montagna si arrampica come uno scoiattolo.
Lo fa grazie al Terrain Response, la tecnologia esclusiva Land
Rover che prepara lauto ad affrontare, oltre ad un generico
fuoristrada, anche lerba/ghiaia/neve, il fango e i solchi, la
sabbia e, con loptional Active
Driveline, ad ottimizzare la
guida su asfalto con la modalit Dynamic, passando da trazione anteriore a integrale a

Asfalto bagnato, neve e tornanti di montagna: la Discovery Sport va a nozze

seconda delle necessit. Programmi che il pilota sceglie


premendo un tasto posto sul
tunnel centrale, dove c anche
il comando Hill Descent Control, che regola automaticamente la velocit in discese ripide e con poca aderenza. La
Discovery Sport disponibile
in tre motorizzazioni, una benzina e due diesel, e quattro livelli di allestimento, con prezzi
da 35.600 a 56.100 euro.

TEST Abbiamo provato la SD4


HSE (47.800 euro): il quattro
cilindri turbodiesel pi potente
(190 Cv) e il cambio automatico a 9 rapporti (optional da
2.420 euro) ne fanno unauto
scattante ai bassi regimi (la
coppia di 420 Nm a 1750 giri/
min) ma un po in affanno agli
alti, dove lo spunto va cercato
utilizzando il cambio. Nonostante dimensioni, peso e un
assetto adatto alloff-road ma

confortevole anche su strada,


la Discovery Sport agile e in
curva sta abbastanza piatta, limitando il rollio al minimo e
accentuando un po di pi il
beccheggio in accelerazione e
frenata. Tutto questo cullando
i passeggeri in un ambiente accogliente, che miscela stile british con esigenze tecniche e costruttive di unauto pratica ma
di qualit. Gli interni sono ampi (ci sta la terza fila di sedili
per 7 posti totali), bagagliaio
compreso, che ha una capacit
di 980 litri ed tutto bello
squadrato, con il nuovo assale
posteriore multilink che lascia
il pianale libero. Limpressione
di trovarsi su unauto di categoria superiore (leggi Range
Rover) confermata anche
dallestetica, che riprende stilemi, forme e proporzioni delle
recenti creazioni del Centro
Stile di Solihull e che in Italia,
ancor prima della presentazione nelle concessionarie, ha collezionato 1400 prenotazioni a
scatola chiusa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL NOSTRO GIUDIZIO

S
Design
Linea moderna e accattivante
Comfort
Insonorizzazione e qualit dei
sedili da auto di lusso.
Off-road
Sicurezza ed efficacia al top.

No
Prestazioni
I motori diesel meriterebbero
qualche cavallo in pi a
disposizione per spingerla
meglio. Forse con il benzina da
240 CV meglio

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Che party per la XF!


Leleganza Jaguar
si veste dalluminio
1Attrici e modelle

al lancio: cambiati
2.669 pezzi su 3.194
Gi peso e consumi
non le prestazioni
Paolo Matteo Cozzi
NEW YORK
@paolocozzi

appuntamento per il lancio mondiale della terza generazione XF al Center 548,


un vecchio edificio commerciale nel distretto artistico di Chelsea, a Manhattan. la vigilia del
New York International Auto Show (3-12 aprile)

e Jaguar sceglie un party in tipico stile


newyorkese per il lancio del modello XF.
PARTY Un modello importante per via dei numeri di mercato: dal 2007 a oggi stato venduto
in oltre 250.000 pezzi. Ora il costruttore ha
completamente rinnovato anzi evoluto questa
berlina. Al loft che ospita circa 200 invitati, fra
cui la supermodel-pilota Jodie Kidd e lattrice
curvy di Mad Men Christina Hendricks, si accede con un montacarichi gigante. Latmosfera
da film. C spazio anche per il cameo di Gerry
McGovern, estrosa firma stilistica Land Rover, e
della sua ultima (per)versione Range Rover. Si
chiama SVAutobiography ledizione realizzata
in una elegante carrozzeria bicolore e animata
da 550 cavalli di potenza. Una virt che la rende
la Range pi potente di sempre. Ma quando un
orgoglioso Ian Callum, numero 1 del design Jaguar, prende la parola per presentare la sua ultima creazione che la festa entra nel vivo. E
unauto coerente col capitolato Jaguar, con linee
semplici, precise, che hanno una propria forza
espressa millimetro dopo millimetro, spiega
Cullom. La sua forza appare nel sapiente mix fra
stile e tecnologia: Anche larchitettura interna,

LA SCHEDA
JAGUAR XF
2.0 BENZINA 240 CV

MOTORE BENZINA 4 CILINDRI TURBO


CILINDRATA 1.999 CMC
VALVOLE PER CILINDRO 4
POTENZA MASSIMA 240 CV A 5.500
GIRI/MINUTO
CAMBIO ZF 8HP45 AUTOMATICO A 8
RAPPORTI
DIMENSIONI LUNGHEZZA 4.954 MM,
ALTEZZA .457 MM, PASSO 2.960.
LARGHEZZA 1.605 MM (POST. 1.594)
PESO A VUOTO DA 1.590 KG
540 LITRI
VOLUME BAGAGLIAIO
SERBATOIO CARBURANTE : 74 LITRI
PRESTAZIONI 0-100 KM/H 7,0
VELOCIT MASSIMA 248 KM/H
CONSUMO (L/100 KM) COMBINATO
7,5
EMISSIONI CO2 (G/KM)
COMBINATO 179
PREZZO DA 48.000 EURO

1
1
1

1
1
1
1
1

27

sviluppata per linee orizzontali, si rinforza grazie ai materiali essenziali, importanti, autentici
come i profili in alluminio ma anche i grandi display che garantiscono un effetto teatrale. La
struttura dellauto in alluminio ad alta intensit: rispetto al modello precedente ci sono 2.669
componenti (su 3.194) completamente nuovi
(l80%). Il 75% del mondo XF in alluminio,
ma c anche il magnesio ad alta resistenza cos
il nuovo modello il 28% pi rigido ma pesa
l11% in meno, il 24% pi efficiente nei consumi (3,9 l/100km) a fronte di prestazioni sempre
allaltezza.
DETTAGLI Dentro c spazio a volont, i materiali sono fra i pi innovativi, la tecnologia a bordo
la pi moderna che c: basta una app sul telefonino per controllare lauto in remoto. Come le
scultoree vetture inglesi anni 60 e 70, XF dispiega una serie di dettagli tipicamente britannici; particolari come pieghe e nervature della
carrozzeria, la grande griglia del radiatore, le
caratteristiche impunture che spezzano le trame tipiche delle sellerie in pelle Jaguar. Proprio
comerano le poltrone delle auto di una volta.

1. Pieghe e
nervature:
sono gli
elementi che
caratterizzato
le linee della
XF; 2. Il telaio
dove domina
lalluminio ad
alta intensit a
vantaggio
della rigidit;
3. il motore;
4. Le prese
daria e i fari
anteriori;
5. La
sospensione
posteriore
Integral Link

RIPRODUZIONE RISERVATA

LA PROVA

Uno spasso pure con la pioggia


la nuova Aprilia Caponord Rally
LA SCHEDA
APRILIA CAPONORD
1200 RALLY

MOTORE BICILINDRICO A V DI 90, 4


VALVOLE PER CILINDRO, 4 TEMPI
CILINDRATA 1.197 CMC. ALESAGGIO E
CORSA 106 MM X 67,8 MM
POTENZA MASSIMA 125 CV (92 KW)
A 8.000 GIRI/MIN
COPPIA MASSIMA 11,7 KGM A 6.800
GIRI/MIN
FRENI ANTERIORE A DOPPIO DISCO
DI 320 MM, PINZE RADIALI
MONOBLOCCO A 4 PISTONCINI;
POSTERIORE A DISCO DI 240 MM CON
PINZA A SINGOLO PISTONCINO
SERBATOIO 24 LITRI
PREZZO 17.050 EURO F.C.

1
1

Edoardo Margiotta

aponord e Rally: sono i


nomi di modelli che hanno segnato la storia Aprilia. Li troviamo abbinati sulla
enduro stradale che sfida le regine del mercato, puntando su
piacere di guida, tecnologia e
dotazione di serie. Rispetto alla
Caponord, il bicilindrico a V di
90 da 1.197 cmc e 125 Cv pu
contare su nuovi risuonatori
nellimpianto di scarico (disponibili anche come retrofit da installare sulle Caponord 1200
gi consegnate) per aumentare
la coppia ai bassi regimi e rendere pi dolce lerogazione nei
tre Riding Mode: Touring e
Sport a potenza piena, Rain da
100 Cv.
MODIFICHE Il telaio con struttura mista, composta dalla sezione anteriore a traliccio in tu-

bi dacciaio e da una coppia di


piastre pressofuse in alluminio,
non stato modificato a differenza del diametro della ruota
anteriore che passa da 17 a 19
con pneumatico 120/70. Interessante la possibilit di montare anche misure pi adatte allimpiego fuoristrada, gi riportate sul libretto. Il serbatoio
passa a 24 litri e sono di serie il
plexiglas pi largo e protettivo,
le protezioni per il motore e la
pompa dellolio, i fari supplementari e le belle borse rigide
con pannelli in alluminio.
ELETTRONICA La Caponord
1200 Rally offre, sempre di serie, un pacchetto di controlli
elettronici che comprende cruise control (aCC), controllo di
trazione, Abs Continental e sospensioni semi-attive (aDDAprilia Dynamic Damping). In
particolare lAprilia Dynamic
Damping interviene continua-

IL NOSTRO GIUDIZIO

S
Guida
Intuitiva e divertente.
Comfort
Vibrazioni contenute, protezione
dallaria efficace: mix ideale.
Dotazione
C praticamente tutto di serie.

No
Design
La somiglianza del frontale con
le sportive riduce loriginalit
stilistica del modello.
Prezzo
Offrendo una dotazione ricca, il
prezzo di listino si alza.

La Caponord Rally: spiccano le borse rigide coi pannelli dalluminio

mente sulla componente idraulica delle sospensioni per adeguarle a strada e stile di guida.
Cos il pilota dispone in ogni
momento della miglior combinazione tra prestazioni e
comfort.
IN SELLA Provata sotto la pioggia, la nuova Caponord Rally
facile da guidare. Lerogazione
dolce e le sospensioni semi-attive esaltano lequilibrio della

moto. Merito anche agli pneumatici Metzeler Touring Next.


Comoda per posizione in sella,
la Caponord Rally ripara bene
dallaria grazie al plexiglas largo e regolabile in altezza. Tre i
colori: Dune Yellow, Safari
Grey, Army Green. Il prezzo di
listino di 17.050 euro, pi alto
rispetto a una parte delle concorrenti, ma include la ricchissima dotazione di serie.
RIPRODUZIONE RISERVATA

28

Ciclismo R Il caso

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Uci-Astana scontro finale


La chiave in una lettera
1A Ginevra la Commissione Licenze decide il futuro del team kazako
Ci sarebbero le accuse dellex Kessiakoff. Nibali testimone via email
Claudio Ghisalberti
Luca Gialanella

eide, isola di Tenerife. Ai


2000 metri di questo vulcano in mezzo allAtlantico, da 25 anni si decidono le
classifiche nei grandi giri. Da
Rominger e Armstrong in poi,
tutti gli aspiranti al successo finale di Giro, Tour e Vuelta sono
venuti a prepararsi qui. Fino a
ieri cerano solo Vincenzo Nibali, Purito Rodriguez e Roman Kreuziger. Oggi arriva Fuglsang. Da domani lAstana si
rinforza con il gruppo Giro di
Fabio Aru. Da gioved ci sar
traffico con Contador e Basso,
alle prese con i mal di testa della Tinkoff, e la pattuglia Sky di
Porte e Froome. Tutti nello
stesso hotel.
Ma per Nibali e compagni oggi
non una giornata qualsiasi. A
Ginevra si decide il futuro dellAstana. Lorgoglio di una nazione: petrolio, gas e linee aeree sulla maglia, budget illimitato, e un corridore di Messina
che ha portato al presidente
Nazarbayev i trionfi al Giro
2013 e al Tour 2014. Adesso il
suo destino nelle mani dei tre
membri della Commissione Licenze dellUci, pi il presidente
Pierre Zappelli. Il giudizio non
sar emesso oggi al termine
delludienza, a quanto risulta:
la Commissione si prender
una settimana per decidere.
Lotta politica-sportiva durissima. Da un lato lUci del presidente Cookson, che porta sul
banco degli accusati la squadra

del re del Tour; dallaltro il peso del team. Ci sono pure frizioni interne nellUci, come testimoniato dalle accuse tra Di
Rocco (Fci) e Cookson: decisione non allunanimit nel Direttivo. E alcuni consulenti tecnici dellUci avrebbero espresso dubbi sulla procedura.

una decisione senza precedenti, lUci rimanda lAstana alla


Commissione. Poi le 550 pagine dellinchiesta penale di Padova, che coinvolge Vinokourov (il general manager) e il
medico Ferrari (inibito a vita
per il caso Armstrong), i 17
corridori dellAstana citati nelle carte relative al 2010 e 2011.
Pi una novit: la lettera che
Fredrik Kessiakoff, allAstana
per quattro stagioni dal 2011 al
2014, avrebbe mandato allUci.
Ora lo svedese si ritirato, ma
nei fogli avrebbe spiegato come funziona da dentro la
squadra. E il suo punto di vista,
le accuse al sistema Astana sono state prese molto in considerazione dallUci e si sarebbero intrecciate come in un puzzle con i risultati dellaudit.

LA CHIAVE

La sentenza arriver
entro una settimana.
Se avr torto, sicuro il
ricorso dellAstana al Tas
Due mesi per il verdetto
definitivo? Nibali e Aru
nel frattempo potranno
correre con la sospensiva

I documenti: il report di Losanna, le carte di Padova,


la lettera di Kessiakoff.
La licenza WorldTour serve per
correre le grandi corse. Il 10 dicembre lAstana la riceve, ma
sotto esame: deve essere sottoposta a un audit dellistituto
di scienze sportive delluniversit di Losanna. Un decalogo
sullorganizzazione interna, la
preparazione, i carichi di lavoro, i rapporti tra corridori e dirigenti. Interviste di sociologi e
psicologi. Ma perch? Nel 2014
ci sono state 5 positivit nel
gruppo Astana: i fratelli Iglinskiy e lo stagista Davidenok del
team WorldTour, 2 nella Continental (giovani). Laudit di Losanna negativo. La situazione
precipita il 27 febbraio: con

fLINIZIATIVA GAZZETTA

Le accuse alla squadra.


Oltre ai rapporti tra Vinokourov e Ferrari, allAstana vengono contestati:
- la gestione della squadra, non
considerata adatta a contrastare il doping;
- i rapporti tra corridori e allenatori: troppo lontani i ciclisti
per essere tenuti adeguatamente sotto controllo;
- la capacit dei dirigenti della
squadra, non considerati allaltezza di un team WorldTour;
- gli incontri troppo sporadici
tra i corridori e la struttura medica della squadra.

La difesa: nuova politica


antidoping.
Vincenzo Nibali la carta
migliore che lAstana pu gio-

corridori seguiti ciascuno da


un dottore, sotto la supervisione del responsabile medico;
miglioramento delle comunicazioni tra allenatori, d.s. e
dottori; piattaforma computerizzata per migliorare la comunicazione nel team. Tutti
aspetti gi sottolineati nel dossier di Losanna e implementati
dalla squadra. Gli avvocati dellAstana potrebbero anche
avanzare la richiesta di parit
di trattamento con gli altri team. Sosterrebbero, cio, che
gli esami a cui stata sottoposta la squadra sono diversi da
quelli dei rivali.

Vincenzo Nibali e Alexandre Vinokourov felici per la vittoria al Tour BETTINI

care: mai coinvolto e citato in


alcuna inchiesta, mai sfiorato
da nulla. Una carriera specchiata. Il messinese ha mandato via email alla Commissione
Licenze un documento scritto a
difesa del team.
Oggi a Ginevra ci saranno Vinokourov e due corridori: Fuglsang e un kazako. LAstana
ha gi annunciato una nuova
policy antidoping: riorganizzazione della struttura allenatori-corridori, con due gruppi
seguiti ciascuno da un tecnico
responsabile e un assistente;
riorganizzazione della direzione sportiva, con 5 gruppi di 6
corridori sotto la supervisione
di un d.s. per ciascun gruppo;
riorganizzazione della struttura medica, con 3 gruppi di 10

IN BELGIO

La Panne, Kristoff bis


Viviani 2, Modolo 5
A Koksijde (Belgio), Alexander
Kristoff ha centrato anche la 2a
tappa della Tre Giorni di La Panne
con un altro sprint imperioso. Il
velocista della Katusha ha tenuto
a bada la rimonta di Viviani e del
neozelandese Archbold (5
Modolo, 6 Sbaragli). Per il
norvegese il 7centro stagionale.
Oggi nella chiusura a La Panne
(111,4 km in linea al mattino, 14,2
km a crono nel pomeriggio)
riparte con 16 su Devolder e 17
su Bak (Viviani 5 a 48). Occhio a
Wiggins: 31 a 54.

I tempi: sospensiva e Tas.


Il secondo e ultimo grado
di giudizio il Tas, tribunale arbitrale sportivo di Losanna. LAstana ha gi annunciato il ricorso in caso di perdita della licenza, e probabilmente vi ricorrer anche lUci
in caso la Commissione confermi il titolo sportivo al team kazako. Ma dalla sentenza della
Commissione a quella del Tas
potrebbero passare anche due
mesi. Tra deposito della prima
sentenza, istruzione del lodo,
scelta degli arbitri, deposito
degli atti, ascolto dei testimoni
delle parti. Se lAstana non
avesse pi la licenza, chiederebbe subito la sospensiva della decisione della Commissione: in presenza di un ricorso, il
Tas gliela concederebbe. In tal
modo la squadra avrebbe via libera per correre anche nel periodo di intermezzo. Periodo
in cui cade il Giro dItalia, che
scatta tra soli 37 giorni.

Il colpo di scena: laddio di


Vinokourov?
Come detto, questa una
battaglia finale, che lascer sul
campo vittime pesantissime: o
lAstana o lUci, che se sconfitta
dalla Commissione Licenze o
dal Tas perderebbe la faccia.
Una via di mezzo c: che Vinokourov scelga di fare un passo
indietro e porti nel team un general manager senza macchia.
A questo punto la vicenda si
potrebbe risolvere. Chiss,
questa soffiata potrebbe essere
proprio la carta nella manica
da giocare a Ginevra.
RIPRODUZIONE RISERVATA

BiciScuola per centomila bambini


Con la benedizione del ministro Giannini

Giuseppe Di Giovanni
ROMA

ntramontabile, affascinante, unica. La bicicletta continua a piacere a tutti. Soprattutto ai bambini (dai 6 agli 11 anni) che fanno
parte del progetto BiciScuola, liniziativa legata
al Giro dItalia che in 14 anni ha coinvolto circa
1 milione e 400 mila giovani. Nel 2015 sono
4323 le classi e 100 mila le famiglie italiane inserite nel progetto di Rcs, in collaborazione con
WWF, Polizia di Stato e Federciclismo. Liniziativa prevede una serie di lavori in classe su temi
che riguardano principalmente leducazione civica e una fase sul campo durante il Giro dItalia
(dal 9 al 31 maggio) che porter le classi vincitrici di BiciScuola ad assistere dal vivo a una
tappa della corsa rosa. I ragazzi avranno a disposizione uno spazio dedicato, allinterno dellOpen Village di ogni sede darrivo, per attivit
ludiche ed educative.
LEVENTO Seguo il ciclismo fin dai tempi della
rivalit tra Moser e Saronni ha dichiarato il
ministro dellIstruzione, Stefania Giannini, alla
presentazione delliniziativa al Ministero dellIstruzione, Universit e Ricerca di Roma .
Iniziative come BiciScuola, che mirano a uno
stile di vita pi sano, sono fondamentali. Per
questo, nella nostra riforma La Buona Scuola
in discussione al Parlamento proponiamo il potenziamento delle discipline motorie. Il mio
rapporto oggi con la bicicletta? Ho una bici da
corsa che uso poco (ride ndr). Il ministro si
anche vestita di rosa e ha familiarizzato con i
bambini della 3a C dellIstituto Carlo Levi di Roma.

IL MINISTRO E LA MASCOTTE WOLFIE


Il ministro dellistruzione, Stefania Giannini, alla
presentazione di BiciScuola, con la mascotte del
Giro dItalia, il Lupo Wolfie. A destra il ministro e
la.d. di Rcs Sport, Raimondo Zanaboni, con alcuni
bambini della classe 3a C dellIstituto Carlo Levi di
Roma ANSA

RECORD BiciScuola un progetto didattico con


numeri da record che coinvolge 20.000 scuole
ha affermato Raimondo Zanaboni, a.d. di Rcs
Sport . La mobilit sostenibile e la cultura della bicicletta sono fondamentali per la crescita e
formazione personali. Le iniziative legate al Giro sono un esempio eccellente di come il Gruppo
Rcs abbia sempre creduto e continui a sostenere
attivamente i temi legati alla sfera del sociale.
Lamore per la bici appartiene anche al direttore
delle specialit della Polizia di Stato, Roberto
Sgalla. Chi impara ad andare in bici non se lo
scorda pi. Purtroppo, per, circa il 5% degli
incidenti che avvengono ogni anno vedono
coinvolti i ciclisti, anche se nel 99% dei casi non
colpa loro. Lo sport insegna molto da questo

punto di vista: i professionisti, per esempio,


portano il caschetto, come dovrebbe fare chiunque.
MASCOTTE Nelloccasione stato presentato
anche il Lupo Wolfie, mascotte del Giro. Il
WWF ha stretto una partnership con Rcs ha
detto Sergio Savoia, direttore del Programma
Alpino Europeo per spiegare ai giovani il rispetto degli animali e in particolare del lupo,
che non quello cattivo delle favole ma un
animale che deve essere conosciuto meglio.
Inoltre, la bicicletta un simbolo di sostenibilit. E bisogna cominciare dai bambini per educare gli adulti ad utilizzarla.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Basket R Serie A: due azzurri primi nella valutazione statistica

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

29

Che numeri! I migliori sono italiani


LALA DELLA REGGIANA

IL PLAY DI CREMONA

Polonara: A Reggio
credono in noi,
ma uneccezione
1Primo assoluto, 2

per media: Gioca chi merita?


Esatto, infatti Mussini sabato stato in campo 34
o

Francesco Pioppi

Vitali: Ci scordiamo
molto spesso
delle cose positive

2008

1 in testa per media-partita: Cifre che riflettono quanto


produce il gruppo. La Nazionale ci ha aiutato a crescere

Ultima vittoria di un italiano,


Danilo Gallinari (Milano) nella
valutazione totale con 818
(davanti a Sharrod Ford) e per
media con 22.1 (2Morris Finley)

vora con una programmazione


a lungo termine. Chi fa parte di
quel nucleo ha contribuito al
cambiamento a livello di risultati. Che poi si riflettono anche
sugli individui. Datome andato nella Nba, Aradori allestero,
Cinciarini ha vinto lEurochallenge. A volte si guarda troppo
a cosa non va e poco alle cose
che funzionano.

l talento ti fa vincere
una partita, lintelligenza e il lavoro di
squadra ti fanno vincere un campionato. Si pu partire da questa frase di Michael Jordan che
Achille Polonara ha tatuato sul
braccio per intuire quale sia la filosofia di gioco dellala di Reggio
Emilia, litaliano pi utilizzato
della serie A (31.4).
Due italiani al comando nella valutazione, non succedeva da 14
anni: il vento sta cambiando?
A Reggio sicuramente, qui credono davvero negli italiani e li
fanno giocare, ma da altre parti
entrano solo per fare rifiatare gli
americani, cos non possono crescere.
Spesso ci si difende dicendo che:
Gioca sempre chi merita.
Senza dubbio e per questo Mussini contro Capo dOrlando ha
giocato meritatamente 34 nonostante sia del 96, ma vanno
cambiate le regole. I giovani di
Reggio sono sulla bocca di tutti
perch sono forti e hanno la faccia tosta, ma sono uneccezione.
Giovani, ma anche veterani che
vogliono vincere subito come
Kaukenas e Lavrinovic: qual il
vostro obiettivo?
Vogliamo arrivare secondi per
incontrare Milano eventualmente solo in finale, per riuscirci
dobbiamo innanzitutto battere
Venezia e Sassari nei prossimi
scontri diretti.
Incontrer anche il signor Metta
World Peace. Pi incuriosito o pi
preoccupato?
Tutte e due le cose perch non
avrei mai pensato di vedere un
personaggio cos in Italia, ma
credo porti una ventata daria
fresca che ci voleva. Certo se
penso che lo dovr marcare un

Il continuo turnover di stranieri


ha contribuito al distacco tra
squadra e territorio?
Indubbiamente. Manca soprattutto la mentalit di progettare, di mantenere un nucleo
per lanno successivo. E poi ha
ucciso il lavoro sugli italiani. La
responsabilit va comunque divisa 50-50 coi giocatori, che devono avere il coraggio di scommettere su loro stessi e cogliere
loccasione, avere fame. Le societ devono credere in loro.

2001

Ultimo anno con due italiani,


Pozzecco e Fucka (nella foto), ai
primi 2 posti nella valutazione
per media partita. Fucka fu
anche n.1 in valutazione assoluta.
Achille
Polonara, 23
anni, nato
ad Ancona.
Ha debuttato
in A nel 2007
a Teramo, nel
2012
passato a
Varese e da
questa
stagione a
Reggio Emilia.
E il quarto
rimbalzista
assoluto della
serie A a 8.5
di media: ha
un massimo in
una singola
partita di 34
punti e 16
rimbalzi
CIAM-CAST

po meno, star molto attento a


non farlo innervosire.
In estate c lEuropeo, ladesione
degli Nba Gallinari, Datome e
Bargnani rischia di toglierle spazio. Come vive questa situazione?
LItalia ha bisogno di loro, sono
ragazzi di grande talento e che
hanno piacere di vestire la maglia azzurra, se in passato non
sono venuti stato solo per colpa
degli infortuni o perch i club
non li hanno lasciati. Io ce la
metter tutta per trovare un posticino fra i 12
Il suo idolo Michael Jordan, mai
pi nessuno come lui?
MJ inarrivabile, quando ha
smesso di giocare con i Bulls ero
piccolino e negli anni ho rivisto
tutti i suoi dvd. Adesso il pi forte LeBron, ma io tifer Golden
State: a parte Curry e Thompson, adoro Draymond Green e
Harrison Barnes.

clic
COS LA VALUTAZIONE?
SOMMA LE VOCI POSITIVE
E SOTTRAE LE NEGATIVE
La valutazione una
statistica che somma le voci
positive (+1) e sottrae quelle
negative (-1). Vengono
sommati punti, assist, palle
recuperate, rimbalzi,
stoppate, falli subiti e tolti tiri
sbagliati, palle perse, falli
commessi, stoppate subite.
Il record in A-1 di Roosevelt
Bouie con 69 stabilito il 26
ottobre 1988, quando
giocava a Reggio Emilia
(come Polonara...) contro
Cant. A livello di squadra, il
primato invece del Banco
Roma con 286 l11/10/87 nel
130-110 su Brescia.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Massimo Oriani

numeri saranno pure freddi ma raccontano anche verit che il test dellocchio,
ovvero quello che vedi in campo, confermano. E cos per Luca Vitali, play di Cremona, numero uno nella valutazione per
media partita (18.9).
Vitali, c sostanza dietro questa
cifra?
Sono numeri ma anche la somma di quanto produce il gruppo. Polonara a Reggio fa parte
di una bella squadra, in crescita
costante. Anche noi a Cremona,
pur con parametri diversi, stiamo lavorando col piacere di stare assieme in una squadra costruita con le idee giuste.
Il vostro primato il segnale di
una crescita degli italiani?
S, qualcosa che si vede da
anni anche in Nazionale, che la-

NBA: A LOS ANGELES

Griffin ai tifosi Clippers


Dov il fattore campo?
S
e nei playoff latmosfera allo Staples
Center sar come
quella di stasera, allora addio
fattore campo. Lamara considerazione di Blake Griffin, ala
dei Clippers, dopo la sfida casalinga persa coi Warriors, durante la quale i tifosi di Golden
State si sono fatti sentire molto
pi di quelli di Los Angeles.
Non so cosa si possa fare ha
aggiunto la prima scelta assoluta 2009 ma sarebbe bello se
nella postseason non fosse cos.
E come quando giochiamo
contro i Lakers, anzi, forse era
pure peggio.

Sfogo comprensibile per una


squadra che ha come obiettivo
il titolo Nba. Che difficilmente
arriver per.

FORTI COI DEBOLI Anche se la


squadra di coach Doc Rivers sta
attraversando un momento di
grande forma (il k.o. con gli
Splash Brothers ha chiuso una
serie di 7 successi), i numeri
raccontano una storia diversa.
Contro squadre con un bilancio
vincente (sopra il 50%), i Clippers hanno vinto solamente 19
volte in 40 partite, mentre sono
30-5 quando incontrano team
perdenti, che nei playoff non ci

saranno. Golden State invece


29-8 contro squadre vincenti.
Solo 5 altri team vantano un record positivo: Atlanta (22-10),
Memphis (23-16), Portland
(21-17), Cleveland (19-15) e
Chicago (18-15). San Antonio
si ferma a 19-19.
CASA C per unaltra classifica da tenere in considerazione,
pi legata al discorso di Griffin.
I Warriors avranno il fattore
campo favorevole per tutti i
playoff, finali comprese. In casa
hanno perso solo due volte in
stagione (34-2), i Clippers sono
27-11, solamente decimi (Est
compreso). Andate voi a vincere allOracle nella postseason...
Risultati: Brooklyn-Indiana 111-106;
Detroit-Atlanta 105-95; Miami-San
Antonio 81-95 (Belinelli 6); LA Clippers-Golden State 106-110.

Blake Griffin, 26 anni REUTERS

Luca Vitali
San Giorgio di
Piano (Bo) il 9
maggio 1986.
Ha esordito in
serie A con
Siena l8/2/04
contro
Livorno. In
passato ha
giocato per
Montegranaro, Milano,
Roma, Virtus
Bologna (nelle
cui giovanili
cresciuto) e
Venezia. E
alla seconda
stagione con
Cremona (la
prima nel 1213) CIAMILLO

RIPRODUZIONE RISERVATA

Cremona sta faticando nel girone di ritorno.


Stiamo comunque facendo
una stagione sopra le righe, siamo arrivati tra le prime otto alla
fine del girone dandata, un risultato inimmaginabile. A quel
punto si corre il rischio di dare
tutto per scontato, invece dobbiamo ricordarci che siamo partiti per salvarci.
Quanto ha pesato aver perso Cusin cos a lungo?
Tantissimo. Ci dava esperienza, una grande mano, ha permesso di fare il salto di qualit a
una squadra giovane. La sua assenza ha rallentato il processo
di crescita che continuiamo ad
inseguire lavorando in quella
direzione.
Cosa ha portato larrivo di Metta
World Peace?
Sicuramente una ventata di
entusiasmo, sul piano tecnico
non lho ancora visto quindi
non posso giudicare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TACCUINO
EUROLEGA

Milano, gli occhi su


Vitoria-Fenerbahce
Stasera partita chiave per le
residue speranze di Milano di
raggiungere i playoff di
Eurolega. Se il Laboral Vitoria
dovesse battere il
Fenerbahce, anche
laritmetica condannerebbe
lEA7, impegnata domani (ore
19) a Istanbul contro lEfes. In
caso contrario lOlimpia
resterebbe in corsa battendo
i turchi, con decisione
rimandata allultima giornata,
che vedr Milano in casa col
Cska Mosca, lEfes che
ospiter il Fener e Vitoria a
Malaga. Per passare ai
tricolori servirebbe un
successo con doppio k.o. di
Efes e Laboral.

Girone E, oggi: Maccabi Tel AvivGalatasaray Istanbul; BarcellonaReal Madrid; Panathinaikos


Atene-Alba Berlino.
Domani: Zalgiris Kaunas-Stella
Rossa Belgrado.
Classifica: Real Madrid* 10 vinte2 perse; Barcellona* 9-3;
Panathinaikos, Maccabi 7-5; Alba
6-6; Zalgiris 4-8; Stella Rossa 39; Galatasaray 2-10.
Girone F, oggi: Laboral VitoriaFenerbahce Istanbul (ore 21, Fox
Sport 2); Nizhny NovgorodUnicaja Malaga.
Domani: Cska MoscaOlympiacos Pireo; Efes IstanbulEA7 Milano.
Classifica: Fenerbahce*, Cska*
10-2; Olympiacos* 9-3; Efes,
Vitoria 5-7; Milano 4-8; Nizhny 39; Malaga 2-10. *: gi qualificate.
Ai playoff le prime 4 dei due
gironi.

30

Tennis R Il protagonista

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Djokovic ha 7 vite
Chi gli pu negare
il doppio triplete?

IL TORNEO

Il traguardo
di Serena
Vittoria n. 700

1Il n. 1 rimonta Dolgopolov: favorito nei quarti con

Ferrer e rivede il tris Melbourne-Indian Wells-Miami


PUO SUPERARE I MITI

Vincenzo Martucci
@VinceMartucci

ncora, e ancora, e ancora. Come quando


rimaneva per ore nascosto in cantina abbracciato alladorato nonno mentre la
Nato bombardava la sua Serbia. Anche sul campo da tennis, Novak Djokovic allenatissimo alla resistenza, con lelmetto calato sulla testa, in
trincea, inchiodato fino al 6-7 1-4 dai traccianti
di quel diavolo di Alexander Dolgopolov.
Quando sei incudine statti e quando sei martello batti, direbbero i saggi. Infatti, appena il
genietto ucraino si rilassa in quel mulinare imprevedibile di braccia e gambe, abbassando
quellaffascinante, imprevedibile, personalissimo samba di colpi di controbalzo, Djoker il campione elastico schizza fuori dallinferno e porta
in paradiso il match col 7-5 6-0 finale.
VOLONTA Il tennis del numero 1 del mondo non
frizzante e allegro come quello di Dolgo, ma
essenziale e micidiale come quello di Ivan Lendl, anni 80. Non istintivo e casuale, ma deciso dalla forza di volont. Nole, nato povero, senza sponsor e in un piccolo paese senza tradizione tennistica, come Ivan Drago, figlio dellex
Cecoslovacchia, che fuggiva da mamma Olga e
dalla grigia Ostrava. Non a caso, tutte due i
campioni, un po meccanici ed esempi di professionalit, preparazione fisica e continuit, hanno vinto tanto: Ivan s fermato solo davanti allerba di Wimbledon, Nole finora solo da-

tel.02/6282.7555 - 7422,
fax 02/6552.436
Si precisa che ai sensi dellArt. 1, Legge
903 del 9/12/1977 le inserzioni di ricerca
di personale devono sempre intendersi rivolte ad entrambi i sessi ed in osservanza
della Legge sulla privacy (L.196/03).

AIUTO contabile, impiegata commerciale con pluriennale esperienza offresi full/part-time. 366.42.67.679
AGENTE di commercio valuta proposte concrete di proficua collaborazione. 347.73.12.582 ididdl@icloud.com

COMMERCIALE KEY ACCOUNT


con esperienza vendita gdo
vari settori merceologici offresi. Tel. 335.84.75.908

AUTISTA di fiducia, esperienza ventennale, referenziato, cerca lavoro anche part-time. 333.95.76.523
BARMAN premiato preparato anche
per piccola cucina e piccola pasticceria
raffinata. 345.76.29.136
ASSISTENZA disabili, italiano, autista, tuttofare, trasferimenti estero, ottimo spagnolo, presenza, seriet
338.64.68.647
DOMESTICO srilankese pluriennale
esperienza cuoco, badante, giardiniere, ottime referenze offresi fisso, Lombardia. 339.50.93.604
CONTABILE neopensionato, autonomo fino bilancio, adempimenti/dichiarazioni, inglese, tedesco/francese scolastici, reports, padronanza PC, offresi
par-time/full-time 339.29.95.573

Roger Federer
Nel 2006 lo
svizzero delle
meraviglie si
conferma il re
assoluto del
cemento
battendo
Baghdatis alla
Rod Laver Arena
di Melbourne,
Blake in
California e
Ljubicic in Florida
(lu.mar.)

vanti alla terra del Roland Garros. Che lattende


a fine maggio da favorito, dopo i successi agli
Australian Open e a Indian Wells, con la concreta possibilit di conquistare anche Miami, questa settimana. Primo di sempre a fare il bis, dopo limpresa del 2011 quandha pareggiato il triplete di Pete Sampras 1994, di Andre Agassi
2001 e di Roger Federer 2006. Cui aggiungerebbe il record della terza accoppiata nei Masters
1000 coast to coast. Col quinto urr in Florida.

SIGNORA 33enne srilankese, referenziata, regolare, offresi come babysitter o collaboratrice domestica. Pluriennale esperienza. 349.66.50.768
BADANTE 52enne, moldava referenziata offresi fissa/diurno, anche weekend, libera subito zone Milano, Parma,
Trento. 328.64.32.374
GIOVANE srilankese, patente B, attestato OSS, esperienza pluriennale
con persone anziane, referenze controllabili, offresi anche per lavori domestici. 389.84.12.142

ABRUZZI 7 palazzo signorile ultime


abitazioni due, tre locali. CE: F> - IPE:
147 kWh/mqa 02.28.38.12.08 Granvela.it
ARENA Giannone 9 appartamenti
nuovi uno, due, tre locali. CE: F - IPE:
153 kWh/mqa 02.33.61.71.12 Granvela.it
BILOCALI /trilocali S.Gregorio, ristrutturati a nuovo. CE: G - IPE: 187,5
kWh/mqa 02.88.08.31 cod. C04
www.filcasaimmobili.it
BOCCACCIO signorile palazzo d'epoca, mq 175, quarto piano CE: G - IPE:
175,30 kWh/mqa 02.48.01.18.83
Granvela.it
DERGANO, Maffucci 52, bilocali, trilocale, ristrutturati CE: G - IPE: 180,97
kWh/mqa 02.39.31.05.57 Granvela.it
PRECOTTO via Rucellai, appartamenti nuovi, varie tipologie, vendonsi. CE:
B>
IPE:
37
kWh/mqa
02.25.71.50.01 Granvela.it
TRILOCALI nuovi Murat. Piani alti.
box. CE: C - IPE: 74,9 kWh/mqa
02.88.08.31 cod. T09 filcasaimmobili.it

VIA LOMAZZO nuovo quadrilocale.


Pluriservizi, giardino privato. CE: B IPE: 42,7 kWh/mqa 02.88.08.31 cod.
P15 filcasaimmobili.it
VINCENZO MONTI 79, in stabile signorile mono-bilocali, ristrutturati a
nuovo. CE: F> - IPE: 147,24 kWh/mqa
02.48.01.18.83 Granvela.it
A chi vende appartamenti o palazzi Milano garantiamo pagamento contanti.
Sarpi Immobiliare 02.76.00.00.69
SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03

BANCHE
MULTINAZIONALI

RICERCANO appartamenti affitto vendita. Milano e provincia


02.29.52.99.43

BANCHE e multinazionali ricercano


immobili in affitto o vendita a Milano.
02.67.17.05.43
MULTINAZINALE cerca trilocale/
quadrilocale in Milano zona servita.
02.67.47.96.25

AFFARISSIMO Mentone Garavan,


appartamenti ristrutturati a nuovo,
fronte mare / spiagge sabbiose, vista
mare mozzafiato, varie metrature, dal
monolocale 189.000 euro al superattico extra lusso 1.650.000 euro. Ideale
investimento
7%.
Chiama
348.26.40.793
www.italgestgroup.com

Novak
Djokovic ha
firmato nel
2011 il quarto
e ultimo tris
sul cemento
nobile dinizio
stagione:
battendo in 3
set Murray in
Australia, e in
3 Nadal sia a
Indian Wells
che a Miami.

Donne, quarti: Suarez Navarro


(Spa) b. V. Williams (Usa) 0-6 6-1
7-5; S. Williams (Usa) b. Lisicki
(Ger) 7-6 (4) 1-6 6-3.
Uomini, quarti: Murray (Gb) b.
Thiem (Aut) 3-6 6-4 6-1
Uomini, ottavi: Djokovic (Ser) b.
Dolgopolov (Ucr) 6-7(3) 7-5 6-0;
Murray (Gbr) b. Anderson (S.Af)
6-4 3-6 6-3; Nishikori (Gia) b.
Goffin (Bel) 6-1 6-2; Isner (Usa) b.
Raonic (Can) 6-7(3) 7-6(6) 7-6(5);
Ferrer (Spa) b. Simon (Fra) 7-6(5)
6-0. In tv Miami in diretta tv, le
donne su SuperTennis dalle 19, gli
uomini su SkySport2 dalle 21.
QUINZI A NAPOLI Wild card per
le speranze azzurre Quinzi, Donati
e Gaio al Challenger di Napoli
(116mila , terra).

RIPRODUZIONE RISERVATA

NIZZA
fronte mare, inizio promenade, splendido appartamento 110 mq., terrazzo,
parking. +33.6.76.02.90.98
um.maggi@gmail.com
PORTO ROTONDO Marinella, punta Marana, in esclusivo residence sul
mare, quadrilocale con ampia veranda. Classe G. 0789.66.575. euroinvest-immobiliare.com

CENTRALISSIMO (Manzoni), ufficio


affittato, mq 180 CE: E - IPE: 49,5 kWh/
mca 02.25.71.50.01 Granvela.it

U FFICI altissima rappresentanza, pieno centro, edificio


storico, scaloni monumentali,
affreschi, grandi spazi artisticamente restaurati. 900 mq. divisibili CE: D - IPE: 104,5 kWh
/mca 02.88.08.31 cod. C05 filcasaimmobili. it

PASQUA Rimini Hotel Glenn tre stelle


0541.72.25.12 - 30 metri mare. Ogni
conforts. Speciale 3 giorni pensione
completa, pranzo pasquale, compreso
bevande, parcheggio Euro 135,00 a
persona - 1 Maggio 120,00 www.hotelglenn.it

ACQUISTARE, vendere aziende, immobili, ricercare soci, joint-venture?


Trentennale esperienza nazionale, internazionale, pagamenti garantiti.
www.cogefim.com - 02.39.26.11.91

ACQUISTIAMO,
VENDIAMO,
PERMUTIAMO

OROLOGI MARCHE PRESTI-

GIOSE, gioielli firmati, brillanti,


coralli. www.ilcordusio.com 02.86.46.37.85

PUNTO D'ORO
CATTOLICA Hotel Savoia quattro
stelle. 0541.96.11.74. Esclusivo con
tutti confort. Grande piscina riscaldata. Idromassaggio. Giardino. Garage.
Offertissima Pasqua. www.hotel-savoia.com
MILANO MARITTIMA Hotel King
www.hotelking.org
tel.
0544.99.43.23. Speciale estate 2015
offerte riservate alle coppie e clienti senior. Fino al 19 giugno e settembre
tariffe scontate del 30%. Luglio ed agosto, sconti dal 20% al 25%. Sul mare,
camere con ogni comfort, spiaggia inclusa, ottima cucina.

compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi,


moderni, orologi prestigiosi, oro, diamanti. Sabotino
14 - Milano. 02.58.30.40.26

ACQUISTIAMO

AUTOMOBILI E FUORISTRADA, qualsiasi cilindrata. Passaggio di propriet, pagamento immediato. Autogiolli, Milano.
02.89.50.41.33 - 327.33.81.299

Una nuova vetrina: ASPETTANDO EXPO MILANO 2015

EXPO 2015

B&B

Interpreti
e traduttori

oppure nei giorni feriali


presso lagenzia:

Milano Via Solferino, 36

Andre Agassi
Nel 2001 il punk
di Las Vegas
vince le 3 finali
Doc nel primo
Slam e nei primi
due Masters
1000 stagionali,
senza perdere
set: a Melbourne
simpone a
Clement, a Indian
Wells a Sampras
e a Key Biscayne
a Gambill.

Alloggi

Gli annunci si ricevono


tutti i giorni su:

www.piccoliannunci.rcs.it
agenzia.solferino@rcs.it

Pete Sampras
Nel 1994 il
primo a centrare
il triplete nei
principali tornei
dinizio stagione
sul cemento: agli
Australian open
di Melbourne
schianta in finale
Martin, a Indian
Wells vince in
rimonta su
Korda come a
Miami su Agassi.

FRUSTRAZIONE Anche Djokovic, come Lendl,


perde la tramontana. E distrugge qualche racchetta. Anche lui rifiuta la parola sconfitta,
semplicemente si oppone, di testa, a tutto quel
talento che gli arriva da Dolgopolov e sembra
travolgerlo. Cos, dal 4-5 del secondo set, infila
nove games, concedendo appena cinque punti
su quarantuno al folletto di Kiev (tre nellintero
terzo set!). Per riproporsi come un incubo, nei
quarti, a David Ferrer, che ha battuto le ultime
sette volte, lasciandogli solo due set. Come sta il
campione dalle sette vite? In campo non mi
sentivo molto fresco. Ero frustrato. Nel primo
set non mi sentivo bene e ho perso la calma. Ho
cercato un modo per rientrare nel match, lottando. Questi match in particolare mi aiutano a
guadagnare fiducia e autostima perch non
mollo fino allultimo punto e mando un messaggio agli altri giocatori. Cos deve fare un numero 1 che lontano appena 7 giorni dalle 141 settimane in vetta allAtp Tour, come Rafa Nadal,
sesto posto della storia, cio dal 23 agosto 1973,
quand nato il sistema di classifica del computer. Ci tengo molto a queste statistiche storiche. Bravo veterano? E tanto che gioco a tennis, s, sono un veterano. Torno sempre indietro,
alla fanciullezza, ai primi tempi della carriera,
ai sogni di diventare numero 1. Non ho garanzie. Essere dove sono mi ha richiesto tanto, duro, lavoro. E ancor di pi me ne chiede per restarci. Se riuscir a mantenere questa continuit e questauto-disciplina i risultati seguiranno. Ancora, e ancora, e ancora.

erena Williams conquista nei quarti di Miami


(5.000.000 euro, cemento) la vittoria numero 700
in carriera, appena ottava nella
storia a riuscirci dopo Navratilova (1442), Evert (1309), Graf
(902), Wade (839), SnchezVicario (759), Davenport (753)
e Martnez (739). E questo a dispetto di 44 errori gratuiti
(contro 24 vincenti) e appena il
45% di punti con la prima di
servizio conto la tedesca Lisicki, che nel 2013 laveva sconfitta a Wimbledon. Serena ha
salvato un set point con un dritto lungolinea sul 4-5 del primo
set, poi ha vinto il tie-break.
Non si comunque rilassata, ha
protestato con larbitro per
qualche aiutino verbale che arrivava dal clan tedesco alla avversaria. E, pur cominciando
bene il secondo parziale, lo ha
mollato per 6-1. Per poi riaccelerare, con pi calma, nel terzo.

Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport con le edizioni


stampa e digital offrono quotidianamente agli inserzionisti una
audience di oltre 8 milioni di lettori, con una penetrazione sul
territorio che nessun altro media
in grado di ottenere.
La nostra Agenzia di Milano a
disposizione per proporvi offerte
dedicate a soddisfare le vostre
esigenze e rendere efficace la vostra comunicazione.
TARIFFE PER PAROLA IVA ESCLUSA
Rubriche in abbinata: Corriere
della Sera - Gazzetta dello Sport:
n. 1 Offerte di collaborazione:
2,08; n. 2 Ricerche di collaboratori: 7,92; n. 3 Dirigenti:
7,92; n. 4 Avvisi legali: 5,00;
n. 5 Immobili residenziali compravendita: 4,67; n. 6 Immobili
residenziali affitto: 4,67; n. 7
Immobili turistici: 4,67; n. 8
Immobili commerciali e industriali: 4,67; n. 9 Terreni:
4,67; n. 10 Vacanze e turismo:
2,92; n. 11 Artigianato trasporti:
3,25; n. 12 Aziende cessioni e
rilievi: 4,67; n. 13 Prestiti e investimenti: 9,17; n. 14 Casa di
cura e specialisti: 7,92; n. 15
Scuole corsi lezioni: 4,17; n.
16 Avvenimenti e Ricorrenze:
2,08; n. 17 Messaggi personali:
4,58; n. 18 Vendite acquisti e
scambi: 3,33; n. 19 Autoveicoli: 3,33; n. 20 Informazioni e
investigazioni: 4,67; n. 21 Palestre saune massaggi: 5,00; n.
22 Chiromanzia: 4,67; n. 23
Matrimoniali: 5,00; n. 24 Club
e associazioni: 5,42.
RICHIESTE SPECIALI
Data Fissa: +50%
Data successiva fissa: +20%
Per tutte le rubriche tranne la 21,
22 e 24:
Neretto: +20%
Capolettera: +20%
Neretto riquadrato: +40%
Neretto riquadrato negativo: +40%
Colore evidenziato giallo: +75%
In evidenza: +75%
Prima fila: +100%
Tablet: + 100
Tariffa a modulo: 110

Atletica R Unoperazione discussa

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

2
45

31

LE REAZIONI

Apertura Fidal
De Luca: Ma non
fatene un esempio

Gli ori di Schwazer: 50 km ai


Giochi di Pechino, 20 km agli
Europei di Barcellona 2010 per la
squalifica doping di Emelyanov

1Il sito federale: Progetto con

elevate garanzie Lazzurro della


50 km: Stordito e sconcertato

I mesi della squalifica di Alex


Schwazer. Senza sconti di pena,
laltoatesino dovr rimanere fuori
fino al 29 aprile 2016
Sandro Donati
(67 anni) e Alex
Schwazer in
conferenza
stampa ANSA

Marco De Luca, 33 anni, delle Fiamme Gialle COLOMBO

Ora Schwazer sposa Donati


Lo seguirei pure in Siberia

1Il tecnico: vile dare ogni colpa allatleta. Una sfida che scompagina
Niente finestra oraria, latleta sar disponibile per i test 24 ore su 24

Valerio Piccioni
ROMA

o, nessun pesce daprile.


La coppia impossibile,
lolimpionico squalificato per epo e lo storico numero
uno dellantidoping italiano,
diventata progetto. Fino a qualche settimane fa, erano almeno nellimmaginario pi comune luno il contrario dellaltro.
Oggi Alex Schwazer e Sandro
Donati sono invece un atleta e il
suo allenatore. Diciamoci la verit: rischia molto pi il secondo del primo. Schwazer lo sa:
Mi trasferir a Roma, ma se
Donati fosse stato in Siberia
lavrei seguito in Siberia. Senza
di lui non sarei ripartito. E
lui che dice? Sono certo che
qualcuno non capir e si chieder Ma come, Donati si mette
con un atleta dopato?. Mi dispiace, cos non andiamo da
nessuna parte. Le persone hanno pieno diritto a riacquistare
tutta la loro dignit dopo gli errori che hanno commesso. Il
patto riceve la spinta di Malag, il tifo convinto di Don
Ciotti e di Libera, che apre la
conferenza con Enrico Fontana,
il coinvolgimento del chimico
Dario DOttavio e dellematologo Benedetto Ronci, che teste-

ranno Schwazer oltre i parametri del passaporto biologico. In


sala, c anche Vincenzo Manco, il presidente dellUisp, uno
degli enti che ha firmato il manifesto antidoping di Libera che
chiede la terziet dei controlli, e sposa lidea del perdono.
Ma fuori il problema. Su facebook viene lanciata la petizione
Mai pi dopati in Nazionale.
VILTA Donati spiega che una
vilt quella di concentrare sullatleta ogni colpa e vedere i dirigenti farsi indietro quando un
atleta incappa nello scandalo
doping. Per il professore antidoping, questa sfida sa di rivincita e di futuro: Non si pu negare che questa avventura
scompagini gli equilibri. Dopo
le mie denunce contro il doping
sono stato cancellato come allenatore di alto livello: mi stato
reso chirurgicamente impossibile allenare a quei livelli.
24 ORE SU 24 DOttavio, chimico gi membro della commissione ministeriale antidoping,
spiega che si tratter di esami
almeno mensili. Ronci, primario di ematologia del San Giovanni di Roma, annuncia che si
prender in considerazione un
nono parametro, oltre agli otto
del passaporto biologico, quel-

lo marziale, che rileva le alterazioni dei livelli di ferro. Non


ci sar finestra oraria per
Schwazer. Sar disponibile 24
ore su 24 per i controlli, dice
Donati. Ho pensato a unapplicazione sul telefonino per superare il meccanismo dei whereabouts, aggiunge il marciatore.
DA UNO A 10, 3...Che parla il
meno possibile di Rio. Da uno a
10 quanto ci pensa Schwazer?
Tre. Sono realista, faccio uno
sport di fatica, ci sono tanti passi da fare, voglio sistemare le
cose con la mia squalifica, non
solo per Rio, ma per esempio
per potermi allenare allAcqua
Acetosa.
A MENO CHE... Spiega comunque lavvocato Brandstaetter
che nei prossimi giorni partir
la lettera per la procura antidoping del Coni. Obiettivo: lo
sconto di pena in base anche allintegrazione della sua confessione fornita ai magistrati di
Bolzano, un passaggio non
ininfluente nella decisione di
Donati. Schwazer, forse, potrebbe affrontare per altri giudici. il momento delle domande su Carolina Kostner. Se me
la chiedono, andr a Losanna
davanti al Tas a testimoniare.

clic
CERCA UN APPARTAMENTO A ROMA
PAGHERA TUTTI I CONTROLLI
SI ALLENERA SULLA PISTA CICLABILE
Il primo problema che Alex Schwazer (che
con Donati sar ospite oggi di 24 Mattino su
Radio 24 dalle 8.15 alle 8.40) affronter a Roma
(dove si trasferir probabilmente la prossima
settimana) trovare un appartamento. A sue
spese. Pagher anche il costo di tutti i controlli
canonici, come previsto dal codice Wada, e di
quelli del progetto, mentre tutti i tecnici e
consulenti offriranno una collaborazione
gratuita. Da squalificato non pu frequentare
gli impianti sportivi gestiti da societ, Coni e
Federazioni fino a due mesi prima della fine
della squalifica (29 aprile 2016). Quanto agli
allenamenti, sono stati studiati diversi percorsi,
dal Parco delle Valli, dove c anche una minipista, alla pista ciclabile Nord (nella foto). Uno
dei percorsi preferiti anche da Marco De Luca,
lattuale numero 1 italiano della 50 chilometri.

RIPRODUZIONE RISERVATA

a la Fidal che dice? Il presidente Alfio Giomi stato messo al corrente


da Donati di tutta la natura del
progetto. Nella nota apparsa sul sito federale, si parla di una decisione che spicca per
originalit, oltrech per lelevato profilo di
garanzia offerto. Nessun riferimento a una
violazione del codice etico, varato proprio
allinizio della gestione Giomi, che vieta a un
atleta di vestire la maglia azzurra se squalificato per pi di due anni per doping. Ma che
stato approvato dopo lepo di Schwazer. E
quindi, questo filtra, non pu essere considerato retroattivo (la stessa interpretazione
fornita dallatleta in conferenza stampa). Per
il resto, la storia sempre la stessa: nessuna
regola ad personam per Rio, scelta dei marciatori per le Olimpiadi entro il 30 ottobre
2015, a meno che manchino tre specialisti
sufficientemente competitivi, da primi 16,
convocabili. Questo allungherebbe inevitabilmente la finestra temporale, avvantaggiando Schwazer. Marco De Luca preselezionato, Matteo Giupponi praticamente certo, la terza piazza ancora in bilico.

FRASTORNATO Ma Giomi e la Fidal sanno


che il problema non solo regolamentare.
Come la prenderanno i compagni che si sentono ancora ingannati da Schwazer? A fotografare lo stato danimo ci sono le parole di
Marco De Luca, il migliore cinquantista azzurro sulla marcia. Mi sento frastornato e
sconcertato.Ho sempre pensato che se il regolamento permette di rientrare dopo aver
scontato la pena,qualsiasi atleta libero di
poter tornare: lho accettato per altri miei avversari e lo far anche per lui. Quindi se mai
dovesse rientrare per Rio sar un avversario
in pi da battere! Non accetto, per, che venga considerato latleta da seguire come
esempio contro il doping. Perch se da una
parte,la seconda possibilit non si nega a
nessuno,dallaltra non si pu neanche far
finta che non sia successo nulla. Ci sono tantissimi altri campioni, senza macchie,che lo
meriterebbero e potrebbero essere il giusto
modello per i giovani atleti. E se lo incontrasse sulla pista ciclabile, magari in allenamento? Io e Alex non abbiamo mai avuto un
grande rapporto. Se dovessi incrociarlo sulla
ciclabile lo saluterei per educazione, ma
niente di pi...
v.p.

PURE LUI NELLO STAFF

Mario De Benedictis: Scelta unica e blindata


1 stato un s

istintivo, Donati
lo meritava.
il momento di fare
cose dirompenti

Andrea Buongiovanni

are quasi emozionato:


Mario De Benedictis, il
49enne pescarese gi allenatore del fratello Giovanni (
oltre a tanto altro bronzo olimpico a Barcellona 1992 e argento mondiale a Stoccarda 1993
nella 20 km) sar il tecnico specializzato che, al fianco di Sandro Donati, tenter di riportare
ai vertici della marcia mondiale
Alex Schwazer.

Perch ha accettato?
Il mio s a Sandro stato
istintivo. Figlio del debito che
ogni allenatore dovrebbe sentire di avere nei suoi confronti. Si
esposto per tutti noi e per oltre
trentanni ha ricevuto schiaffi.
Mi sono confrontato in modo
deciso anche con Giovanni:
arrivato il momento di fare
qualcosa, anche qualcosa di dirompente.
Crede davvero nel progetto?
Sportivamente parlando, ab-

biamo tutti qualcosa da perdere. E un rischio. Ma legittimo


che latleta pensi in grande. E
unoccasione unica, blindata,
controllata e garantita. Ma
lorizzonte, forse, dovrebbe andare oltre lOlimpiade di Rio
2016.

di stress non indifferenti, ma


sul piano motivazionale non
avr rivali.

E plausibile che, dopo tre anni di


stop, Alex possa tornare dovera
stato?
Ci sono delle possibilit da giocare e non credo siano ridotte al
lumicino. Alex vivr una serie

Avete gi impostato un programma?


Chiariamo: lallenatore Sandro, che nella specialit non ha
esperienze dirette. Cos, con
quello che reputo un atto di in-

Vi conoscete da tanto?
Personalmente da qualche
ora. Ma dora in poi dovremo
sentirci quotidianamente.

telligenza, mi ha chiesto una


mano. Il gesto della marcia
particolare, difficile, serve un
occhio avvezzo per comprenderlo. Sono qui per questo. Comunque il nostro sar uno staff
tanto atipico, quanto bilanciato. A cominciare dagli esperti in
fatto di doping.
In qualche modo si mette in gioco anche lei?
Il progetto pu diventare un
modello, un fatto educativo, un
paradigma per tanti. Nessuno,
in precedenza, ha messo a disposizione il proprio corpo come far Alex, nemmeno Lance
Armstrong.
RIPRODUZIONE RISERVATA

32

Siamo in onda R

IN PALINSESTO
TANTE NEWS E
CONDO CONFIDENTIAL

MATTINA
7.15.e 7.30 Gazzetta News
7.45 e 8 Gazzetta News
8.15 e 8.30 Gazzetta News
8.45 Gazzetta News
9 11x90
9.05 Campioni a confronto
9.30 Explorers: avventure pericolose
10 11x90

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

10.05. Sport Science


11 11x90
11.05. Cond Confidential
11.30 Campioni a confronto
12 11x90
12.05 The Speedgang - La banda dei
motori
13 e 13.30 Gazzetta News
POMERIGGIO

14 Gazzetta News
14.15 Sottorete
14.45 Autogol News
15. 11x90
15.05.Sfide senza limiti - 1a TV
15.30 Campioni a confronto - 1a TV
16 11x90
16.05 Sport Science
17 11x90

17.05 Speedgang La banda dei motori


18 11x90
18.05 Sfide senza limiti
18.30 Sottorete replica
19 e 19.30 Gazzetta News
SERA
20 Speciale Motori-Il sorpasso
20.30 Gazzetta News
20.45 Autogol News

21 11x90
21.05 Cond Confidential
21.35 The Speedgang
22.30 Campioni a confronto
23 e 23.30 Gazzetta News
23.45 e 24 Gazzetta News
0.30 e 1 Gazzetta News
1.30 e 2 Gazzetta News
2.30 e 3 Gazzetta News

Scorpacciata di schiacciate in rosa

1Oggi il c.t. Berruto racconta le sue scelte a Sottorete. Nel fine settimana di GazzettaTV la Champions donne
Gian Luca Pasini

atale con i tuoi e Pasqua


con chi vuoi. E se sei un
appassionato di pallavolo facile che il weekend pasquale lo passi in compagnia di
Gazzetta Tv. Un weekend molto lungo che praticamente inizia gi oggi pomeriggio alle
14.15, con il consueto appuntamento settimanale con Sottorete, il contenitore di schiacciate che avr una ampia parentesi sulle finali di Champions
femminile, in programma sabato e domenica a Stettino in
Polonia. Sarah Castellana con
Rachele Sangiuliano in studio
sveleranno i retroscena del pi
importante appuntamento europeo per il volley in rosa con
unintervista a Valentina Diouf
che era andata a Busto proprio
per giocare la Champions ed
arrivata fino alle finali al primo tentativo. Sulla strada delle ragazze di Carlo Parisi ci sar il Chemik Police di Beppe
Cuccarini che interverr telefonicamente in trasmissione
per raccontarci cosa si apprestano a vivere i 130 tifosi italiani che raggiungeranno Stettino
per fare il tifo per lUnendo

Yamamay. Dopo la Champions rossi, questo per quanti muri


spazio ai playoff femminili che prende di solito la centrale toiniziano sabato sera con Nova- scana -. Mi auguro di fare lo
ra-Bergamo sentendo lazzurra stesso anche in queste finali .
Chirichella. Spazio anche alla Per me sono le seconde, ma le
sorpresa Casalmaggiore, se- prime a Istanbul le ho vissute
conda in stagione regolare e su dalla panchina. Adesso invece
questo exploit sentiremo la ca- cerco di essere protagonista in
pitana Pom, Valentina Tirozzi. campo e per me fa una bella
Nella seconda parte della tra- differenza. In Champions si
smissione spazio al big match vista la Busto migliore. E vodellultima del campionato gliamo continuare cos fino almaschile, con
la fine, agunintervista
giunge Pisani.
al regista braDomenica su
Nel weekend 4
siliano della
Gazzetta Tv
dirette di volley:
Lube Maceraalle 15 e alle
ta,
Ricar18 telecronaoltre alla Coppa
dinho. Piatto
ca delle due filuned gara-1 dei
for te della
nali (laltra segiornata linmifinale un
quarti playoff
tervista telederby fra
fonica a Mautecnici italiani
ro Berruto. Il ct della Naziona- Gianni Caprara e Giovanni
le maschile racconter in diret- Guidetti che guidano rispettita le scelte fatte nello stilare la vamente lEczacibasi Istanbul e
lista dei 25 per la World League il Vakifbank Istanbul), quella
che verr diramata appunto in per la medaglia di bronzo (pomattinata.
sizione in cui arriv Busto nel
2013) e quella per loro. La maIN EUROPA Sabato (ore 15) di- ratona delle schiacciate paretta della semifinale fra Busto squali su Gazzetta Tv si conclue Police. Non vediamo lora di de (al momento) luned con
scendere in campo - racconta landata dei quarti: fra Pom
Giulia Pisani, soprannominata Casalmaggiore e Metalleghe
Miss Murone, dai tifosi bianco- Sanitars Montichiari: ore 19.

Giulia Pisani a muro in Champions League TARANTINI

clic

COME RISINTONIZZARE
I VOSTRI TELEVISORI
E VEDERE IL CANALE 59
Eseguire le seguenti procedure.
Se possiedi Tv o Decoder Digitale Terrestre
1. Premere il tasto MENU sul telecomando
2 Selezionare Impostazioni/Avanzate
3. Posizionarsi sulla voce relativa alla Sintonizzazione
automatica dei canali e premere il tasto OK, accedi
alla configurazione dei canali
4. Impostare Modalit di sintonia dei canali su DTV
5. Posizionarsi sul pulsante Avvia scansione e
premere il tasto OK per avviare la ricerca.
Soluzione dei problemi
Se avete gi provveduto alla risintonizzazione senza
esito e il vostro televisore collegato ad un sistema
con antenna centralizzata, fate verificare dal vostro
antennista che sia presente nella centralina
dellantenna stessa il modulo (o filtro) necessario per
la ricezione dei segnali tv del canale/mux 55
(frequenza 746 MHz), quello che supporta anche il
canale 59 di Gazzetta Tv. Se il modulo manca, fatelo
inserire: unoperazione molto semplice.
Se possiedi una Sky Digital Key
1. Premere il tasto Menu del telecomando SKY e
premere OK per accedere al digitale terrestre
2. Premere il tasto rosso (Ricerca) e lasciare inviata
la configurazione
3. Premere due volte il tasto rosso (Avvia ricerca)
4. Attendere il completamento dei canali e quindi
premere OK

Pallavolo R Il recupero della 25a di Superlega


TRENTO

MONZA

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

TACCUINO
Europeo Under 18
Italia ancora un k.o.
Semifinale a rischio

(25-17, 25-16, 25-22)


ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO:
Lanza 5, Sol 9, Nemec 16,
Kaziyski 15, Birarelli 4, Zygadlo;
Colaci (L), Burgsthaler 5, Giannelli,
Fedrizzi 1. N.e. Nelli, Mazzone, Thei
(L). All. Stoytchev.
VERO VOLLEY MONZA: Bonetti
4, Gotsev 9, Padura Diaz 9,
Galliani 4, Vigil Gonzalez 3,
Jovovic; De Pandis (L), Procopio
(L), Botin 9, Tiberti, Wang 6, Elia 3.
N.e.: Botto. All. Vacondio.
ARBITRI: Puecher e Gnani
NOTE Spettatori: 3465. Durata
set: 22, 22, 26; tot. 70. Energy
T.I.: battute sbagliate 4, vincenti 7,
muri 5, 2a linea 6, errori 11.
Monza: b.s. 10, v. 1, m. 4, 2a l. 6, e.
29. Trofeo Gazzetta: 6 Nemec, 5
Colaci, 4 Kaziyski, 3 Botin, 2
Zygadlo, 1 Burgsthaler.

Nicola Baldo
TRENTO

llaria dalta quota Trento, sar per le montagne


che la cingono, ormai
abituata. Tanto che ci voluta
tornare subito lass in vetta,
prendendosi dautorit tre punti pieni nel recupero della penultima giornata di regular season contro il Vero Volley Monza. Gara a senso unico a favore
d e l l a s qu a d r a d i R a d o
Stoytchev cui ora basteranno
due punti sabato a Piacenza per
sigillare la settima stagione regolare della propria storia (con
annesso pass per la Champions). Contro Piacenza abbiamo giocato tante partite importanti e di sicuro non ci regaleranno nulla, commenta Massimo Colaci, libero della Energy
T.I. Diatec e Mvp ieri sera al PalaTrento, unico campo ancora
imbattuto della SuperLega. A
parte un premio simbolico che
mi hanno dato i tifosi prosegue il 30enne pugliese questo
il primo Mvp della carriera.
Ovvio che sono contento....
Ora che avete la vittoria della regular season ad un passo avvertite pi pressione del dover vincere?
S credo che pressione sia la
parola giusta, questanno abbiamo iniziato puntando a fare
del nostro meglio e ora ci ritroviamo l al primo posto. Ed ovvio che ora tutti intorno si
aspettano di pi da noi, ma siamo abituati a reggere la pres-

33

Max Colaci, 30 anni, libero pugliese di Trento, festeggiato dai compagni di squadra dopo aver ottenuto il primo Mvp della sua carriera TRABALZA

A Trento c pressione
ma alleniamo il carattere

1Il libero Colaci dopo il recupero con Monza. Siamo tornati

in testa: ora Piacenza, Coppe, i playoff.... E oggi arriva Djuric


LA GUIDA
Nel weekend si conclude la stagione
regolare con lultima giornata, dalla
settimana successiva iniziano i playoff.
Sabato ore 20.30: Copra PiacenzaEnergy T.I. Trento. Domenica ore 18:
Exprivia Molfetta-Sir Safety Perugia;
Parmareggio Modena-Lube Macerata
(diretta Rai Sport 1); Vero Volley
Monza-Tonazzo Padova; Altotevere
Sansepolcro-Calzedonia Verona; Cmc
Ravenna-Revivre Milano. Riposa:
Top Volley Latina.
Classifica: Trentino 59; Modena,
Macerata 57; Perugia 48; Verona 44;
Latina 41; Ravenna 32; Molfetta 31;
Piacenza 25; Monza 20; Padova 15;
Milano 11; Sansepolcro 10.

sione oppure a giocare ogni tre


giorni gare di alto livello. Ci faremo trovare pronti per la finalissima di Coppa Cev contro la
Dinamo Mosca e poi i playoff.

lavoro. Ancora abbiamo qualcosa in meno rispetto ad altre


squadre, per riusciamo a colmare le distanze con il carattere
e la mentalit.

Lei ha vissuto la prima epoca


Trento ed ora protagonista di
questa: ha un sapore diverso rispetto al passato?
Assolutamente s, negli anni
scorsi si iniziava una stagione
sapendo che, pi o meno, potevamo arrivare in fondo a ogni
manifestazione mentre questanno partivamo in seconda o
terza fila. Credo che questa nostra stagione dimostri quanto
davvero si possa fare con il duro

Ad esempio?
Le partite che ad inizio stagione abbiamo vinto 3-2 rimontando da 0-2. La mentalit che
ha questo ambiente stato
spesso fondamentale, non molliamo mai e questa cosa sembrer strano ma si pu anche
allenare. Spesso in settimana ci
alleniamo nel 6 contro 6 partendo da una situazione di
svantaggio e dovendo cos rimontare.

Un po come nel poker ora vi giocate lall-in: Coppa e scudetto,


potete vincere tanto o...
Saranno tutte gare da dentro o
fuori, baster una giornata
storta e si rischia di uscire subito. Nei quarti potremmo trovare Molfetta e noi in campionato
a Molfetta abbiamo perso.
E oggi dovrebbe sbarcare a
Trento anche Mitar Djuric.
E un grande e conosce gi
lambiente, se arriva ci dar una
grande mano. Forse non la regola pi giusta verso chi ha giocato tutto lanno, ma c e quindi si pu utilizzare.

(a.a.) Le azzurrine vedono allontanarsi


la semifinale dellEuropeo Under 18 in
svolgimento a Samokov. La formazione
di Marco Mencarelli ha subito dalla
capolista Serbia (che si qualifica con
una giornata di anticipo) un secco 3-0
(25-18, 25-17, 25-16). Domani lultima
gara del girone con la Germania dove
anche con una vittoria bisogner
sperare che la Grecia batta la Russia.
Italia: Pamio 1, Mazzaro 6, Piani 5,
Egonu 9, Lubian 7, Orro 1; Zannoni (L),
Carraro, Masiero 1, Bartesaghi 1, Tenti
2. N.e.: Mancini.
RISULTATI Serbia-Italia 3-0 (25-18, 2517, 25-16), Russia-Slovenia 3-0 (25-14,
25-16, 25-18), Germania-Grecia 3-1 (1425, 25-19, 25-23, 25-12). Oggi SloveniaSerbia, Italia-Germania, Grecia-Russia.
CLASSIFICA: Serbia 12; Russia 8; Italia
7; Germania 6; Grecia 3; Slovenia 0.
Girone di Plovdiv: Olanda-Polonia 1-3
(24-26, 25-23, 17-25, 19-25), BulgariaTurchia 0-3 (14-25, 19-25, 28-30),
Rep.Ceca-Belgio 2-3 (25-19, 25-23, 2325, 19-25, 8-15). Oggi Turchia-Olanda,
Polonia-Rep.Ceca, Belgio-Bulgaria.
CLASS. Turchia 11; Belgio 8; Polonia 7;
Rep.Ceca 6; Olanda 3; Bulgaria 1.
Polonia femminile
ANDERSON NO (an.me.) Pare che ci
sia un problema fisico allorigine dello
stop al trasferimento di Anderson da
Kazan a Perugia. La scadenza per
tesserare i nuovi giocatori prima dei
playoff. E comunque lo schiacciatore
americano ha deciso di restare in
Russia anche il prossimo anno, quindi
certamente non chiuder questa
stagione in Italia, mal di schiena o no
IN POLONIA (a.a.) Il Sopot di Lorenzo
Micelli (Gabban scout, Donati
preparatore) la quarta semifinalista
playoff ed affronter il Muszyna. Ha
eliminato il Lodz superandolo 3-1 (2516, 25-15, 17-25, 25-14) nella gara di
ritorno. Nellaltra parte del tabellone il
Chemik Police di Giuseppe Cuccarini
contro il Cracovia.
ARRIGHETTI IN SEMIFINALE (a.a.)
Si chiusa la stagione regolare in
Azerbaigian con la capolista Rabita che
ha battuto 3-1 (22-25, 25-19, 25-23, 2624) il Lokomotiv Baku di Valeria Rosso
e Valentina Arrighetti. Questi gli
accoppiamenti delle semifinali: RabitaAzerrail e Azeryol-Lokomotiv.
SUPER LUCARELLI (m.can.) Il Sesi di
Murilo (ex Valentia e Modena),
Marcelinho (ex Palermo e Treviso),
Srgio (ex Piacenza) arriva alla finale
del campionato brasiliano maschile di
pallavolo contro il Cruzeiro, con la
seconda vittoria alle semi: 3-1 sul
Taubat. Miglior marcatore Lucarelli,
27 punti col Sesi.
GIOCHI: IL VOLLEY VA FORTE
(m.can.) Nel primo giorno di iscrizioni
online per i candidati in Brasile a
comprare i biglietti per lOlimpiade Rio
2016, la cerimonia dapertura, le finali
della pallavolo maschile, del calcio
maschile, della pallavolo femminile e
quella del basket maschile sono gli
eventi pi richiesti. Oltre 500 mila
biglietti richiesti.

Vela R Coppa America nel caos

Catamarani pi piccoli
Gli sfidanti si spaccano
1New Zealand e Luna Rossa votano contro. Si parla di una

barca di circa 15 metri. Il consorzio di Bertelli se ne andr?

lzarsi, salutare la compagnia e dargliela vinta


senza combattere (in acqua). O andare avanti in questa
specie di teatrino (si pu dire
anche farsa) sperando di riuscire a strappare lAmericas Cup
agli americani che ogni giorno
di pi sembrano non allaltezza
di gestire un evento del genere,
contraddicendosi di continuo.
Prima vogliono il catamarano
grande e correre in una grande
citt ora sono nella fase regata
in unisola in mezzo allAtlantico riducendo le misure delle
barche! Questa la decisione
presa (a maggioranza) dagli
sfidanti e dal defender sconfessando quello che era stato stabilito 14 mesi fa. Catamarani ridotti (si dice 48 piedi, circa 15
metri, la misura definiva in settimana) tesi sposata dal defen-

der capeggiato da Russell Coutts, ormai padrone della Coppa,


con linglese Ben Ainslie, il consorzio svedese, quello francese
e quello tedesco di supporto. Di
coloro che sono contro, Luna
Rossa e New Zealand, non si fa
menzione nei comunicati.
CACCIATE LITALIA? Si ha la
sensazione che sarebbero pochi nellorganizzazione che
piangerebbero se il consorzio
di Patrizio Bertelli togliesse il
disturbo, in questo delirio di
onnipotenza che ha contagiato
i vertici di quella che una volta
era la regata pi affascinante
del mondo. Forse alla luce degli
ultimi accadimenti si capisce
anche come mai dopo aver vinto la Coppa con Coutts (nel
2003), Ernesto Bertarelli (linventore di Alinghi), arriv alla

rottura definitiva con Mister


Coppa America...
KIWI Ma non sono solo gli italiani in disaccordo: i neozelandesi hanno tuonato per bocca
del numero 1 di New Zealand,
Grant Dalton, che ha dichiarato
come il suo team si sia rivolto
allArbitration Panel (una sorta
di giudice di Coppa). Faremo
di tutto per portare ad Auckland una fase di qualificazione, ha detto. Allo stesso tempo continuiamo a tenere aperta
la trattativa con gli altri team.
Per New Zealand avere una
tappa (addirittura le qualifiche
come si era ipotizzato) non
unopzione, assolutamente
necessario. Il governo, infatti,
ha posto questa come condizione senza la quale non finanzier la campagna di Coppa... Si

Edizione numero 34: Team New Zealand e Luna Rossa in gara nella baia di San Francisco nel 2013

2017

In questa data prevista la


prossima edizione della Coppa
America, che per la prima volta
stata assegnata alle Isole
Bermuda in pieno Atlantico

capiscono bene, quindi, gli


sforzi di Dalton e il suo sbracciarsi anche nelle dichiarazioni. Tutto al contrario di Luna
Rossa che ha scelto il silenzio.
Nel 2013 andata allattacco di
Oracle, ora ha provato con la
mediazione, ma non ha trovato
soddisfazione. Gli americani

hanno cambiato ancora idea,


inseguendo (dicono) un numero maggiore di sfidanti. Non
fermandosi a valutare cosa
stanno perdendo in termini di
credibilit. Ma questo sembra
non importare. La scelta a Luna
Rossa: restare o andare...
g.l.p

34

Nuoto R Il rientro

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

I MITI DELLO SPORT

DA SYDNEY 2000 A SYDNEY 2015


Olimpiade 2000: Grant Hackett
vince i 1500 e mette fine allepopea
di Perkins. Sydney 2015: il
bicampione olimpico rientra ai
Trials australiani per qualificarsi ai
Mondiali di Kazan. Da stanotte a
domenica nei 400, 200 e 100 sl. Si
era ritirato ai Giochi di Pechino 08.

Hackett con la moglie Candice Alley, cantante folk

CONTENUTO
PREMIUM

Hackett

Fenomeni
e ritorni

THE MACHINE
SI RIACCENDE:
DOPO IL BUIO

MICHAEL JORDAN
(BASKET)
Sei titoli Nba con Chicago, si
ritirato prima per il baseball
dal 1993 al 95 e poi dal 98 al
2001 (rientro a Washington)

LA STORIA di STEFANO ARCOBELLI

l nuotatore perfetto. Anzi The Machine: ma


Grant Hackett non mai stato solo una macchina di bracciate. LItalia lo ricorder per sempre
perch il 23 marzo di 15 anni fa cancell il decennale record mondiale nei 200 sl di Giorgio Lamberti in
14469 passando dal 24 tempo dellanno a primatista. Dal 99 al 2008, quando smise per aver fallito il
terzo oro olimpico consecutivo nei 1500 (battuto dal
tunisino Oussama Mellouli) e il tentativo di prendere la medaglia nella 10 km di fondo dopo aver vinto
le selezioni, ha dominato la scena del mezzofondo
mondiale. Squalo sempre in acqua, talvolta debole,
sofferente ed insofferente fuori. Soprattutto perch
non riusciva a rubare la scena a Ian Thorpe. Tutti i
media correvano dal Piedone e nessuno da Grant,
cui lAustralia forse non ha mai perdonato di aver
messo fine allepopea di Kieren Perkins, laltro fenomeno del mezzofondo, ai Giochi di Sydney 2000. La
storia di Hacky riprende stanotte ancora da Sydney.
Ed lennesimo tentativo di rientro, di rilancio, da
parte di un campione che ha vinto tutto ma non
abbastanza saturo, come in questo caso, di cloro. Lo
fa per soldi, per rifarsi una vita che fuori dallacqua
stata perdente? Lo fa per dimostrare allex moglie
cantante famosa, la folker Candice Alley che lo sbatt fuori di casa, di saper stare ancora sulla scena dello sport, ma finora incapace persino di portare a
spasso il figlio (che spar davvero da un hotel)?
SOFFERENZA La storia potrebbe partire proprio da
quellanello di diamanti da 4.2 carati che Grant regal come promessa di matrimonio a Candice Marie
Giannarelli (nonni toscani), in arte Alley, nellincantevole Yarra Valley, a unora di auto da Melbourne,
dove Grant si era trasferito appunto per amore nel
2007. E in quel momento ed in quei Mondiali a casa
della promessa sposa, che limbattibilit di Grant
sinterrompe nei 1500. Per 10 anni, Grant detiene il
record mondiale in 143414 fino allirruzione nel
2011 del cinese Sun Yang, poi rivelatosi dopato come il tunisino Mellouli che gli negher loro a Pechino e, di fatto, gli troncher la carriera. Nei Mondiali
in cui avrebbe dovuto ribadire la tripletta doro mondiale di Melbourne 2005, succede che Grant si am-

NIKI LAUDA (FORMULA 1)


Due titoli con la Ferrari (197577). Nel 76 lincidente al
Nurburgring. Laustriaco
smette nel 79 e torna nell82.
Iridato nell84 con la McLaren

Grant Hackett
(nella foto a
Sydney 2000)
nato il 9-5-80:
7 medaglie
olimpiche (3 ori),
18 mondiali (10).
E stato
primatista
mondiale 200,
800 e 1500 sl
(143414 dal
2001 al 2011) in
lunga, e dai 200
ai 1500 in corta
(lo ancora nei
400 e 800)

mala, gareggia coraggiosamente per un 6 e un 7


posto dopo largento nei 400, ma in quel momento il
ragazzone della Gold Coast chiude il suo lungo sodalizio con Dennis Cotterell (dal quale tornato
questanno) per affidarsi al predicatore Ian Pope.
Come spesso accade con i i cambiamenti, loperazione non riesce. E questo rimpianto pu essere lorigine della sconfitta olimpica, delladdio immediato,
dei guai, del ripensamento e del ritorno a un nuoto
che sta per ritrovare totalmente cambiato, senza superbody, con avversari che hanno la met dei suoi
34 anni. Nei 1500, Hackett stato mostruosamente
superiore a tutti, tanto che in America avevano messo una taglia in denaro per chi fosse il primo a
battere laustraliano. In quegli anni, Grant aveva un
solo rivale nel fratello Craig: ma nel surf. Come faceva? Faccio sempre la stessa gara: parto forte e tiro
finch c benzina, se qualcuno mi pu seguire lo
faccia, gli auguro buona fortuna... s, mi sento un po
squalo. Lunica sofferenza stata convincere la cantante a dire s: stato molto pi difficile che vincere
un oro olimpico. Per la prima volta ho avuto paura.
Non trovava rivali, insomma, li lasciava a 18 e in
fondo gli mancato un avversario come Thorpe:

DOMINAVA I 1500, INVIDIAVA THORPE, FACEVA FOLLIE PER


UNA CANTANTE ED FINITO IN CURA. A 34 ANNI CI RIPROVA

Ho provato inutilmente a chiedergli di gareggiare


contro nella mia specialit per animare la scena, ma
lui non ha accettato. Oppure avrei dovuto nascere
prima per sfidare Salnikov, che duello fantastico sarebbe stato.
SONNIFERI Come Thorpe e grandi assi dello sport
anche Hackett ci riprova a distanza di 9 anni. Come
Thorpe ha avuto problemi: In acqua alcuni giorni
sono belli come i diamanti, altri sono come le pietre.
Ma la vita fuori dallacqua peggio. Il 26 febbraio
2014 finisce in clinica riabilitativa a Los Angeles per
dipendenza da sonniferi: Due anni da incubo testimonia il padre, che ha provato a proteggerlo dopo
quel venerd nero nellhotel di Melbourne in cui viene trovato in stato confusionale a cercare tra i piani
uno dei due figli (Jagger) avuti dalla cantante che
nel frattempo (2011) lo aveva lasciato per averlo
scoperto ubriaco a devastare un lussuosa camera al
57 piano di un hotel di Melbourne. Un disastro dietro laltro, e un lavoro in banca e in tv che non potevano colmare certi vuoti. A settembre torna alle origini, Gold Coast: Voglio una vita felice, voglio essere un buon padre e fare bene le cose. Sono orgoglioso di me stesso, ho avuto coraggio di affrontare i
problemi e grazie al nuoto mi sto ritrovando: non ho
grandi aspettative. Hackett non nuoter pi i 1500,
ma punta soprattutto sui 200, ovvero una finestra
per la staffetta. Lo vedremo a Kazan? E ai Giochi?
RIPRODUZIONE RISERVATA

BJORN BORG (TENNIS)


Lo svedese (6 titoli a Roland
Garros e 5 a Wimbledon) si
ritirato nel 1983 ma il suo
rientro, nel 1991, non stato
fortunato

IAN THORPE (NUOTO)


Laustraliano (8 medaglie
olimpiche e 11 titoli iridati) si
ritira dopo Atene 04, rientra
nel 2011 ma non si qualifica ai
trials olimpici di Londra 2012

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

TUTTENOTIZIE

1RUGBY: PRATO PENALIZZATO (i.m.) Il giudice sportivo, in Eccellenza, ha inflitto quattro

punti di penalizzazione e cento euro di multa al Prato per aver impiegato il giocatore
squalificato Giuseppe Datola contro la Lazio. In classifica i toscani restano ultimi, ma ora a -4.

RUGBY

ATLETICA

Muliaina per le Zebre


E campione del mondo
Andrea Buongiovanni

no cos, dalle nostre


parti, non si vedeva da
parecchio tempo. Diciamo dai primi anni Novanta, dalle stagioni gloriose dei
David Campese e dei Jason
Little. Mils Muliaina, dal
prossimo Pro12, giocher
con le Zebre. Ha firmato un
contratto annuale. E se vero che, a 34 anni, non pi il
giocatore dominante di una
volta, resta una stella di prima grandezza. Basta ricordare che luomo nato a Samoa, ma arrivato in Nuova
Zelanda quando aveva tre
anni, con gli All Blacks vanta
cento caps giusti giusti (il
primo nel 2003), col pesante
contorno di 33 mete? Nella
storia della Nazionale della
felce argentata, a tale traguardo, prima di lui (e per
una questione di giorni...)
giunto solo Richie McCaw.
Cinque, con tre mete, le presenze contro lItalia.

LA CARRIERA Muliana,
estremo saracinesca (ma alloccorrenza anche centro o
ala), ha chiuso con i tuttineri
nel giorno pi bello, quello
del trionfo nella Coppa del

NUOTO

Mils Muliaina, 34 anni, in maglia All Blacks (100 caps) nel 2009 AFP

Mondo 2011. Anzi, in verit,


aveva chiuso poco prima, sempre allEden Park di Auckland,
nei quarti di finale contro lArgentina quando, dopo il primo
tempo, aveva dovuto alzare
bandiera bianca con la spalla sinistra fratturata. Gi nel corso
della rassegna iridata, per,
con la maglia n. 15, gli era stato
preferito lemergente Israel
Dagg. Insomma, i suoi giorni
migliori risalgano agli anni
Duemila. E che giorni... Mils,
punto di forza anche dei Blues e
dei Chiefs nel Super Rugby, 92
kg per 184 cm, con le sue folate,
la sua visione di gioco e la sua
difesa, ha interpretato il ruolo

PALLANUOTO

in modo moderno, diventando


una sorta di pietra miliare.
BURGESS Dopo aver giocato
anche nel campionato giapponese, arriver dallirlandese
Galway, dal Connacht dove,
con alterne fortune, sta vivendo la prima esperienza europea. Lallenatore neozelandese
Pat Lam spesso gli preferisce il
talentuoso 21enne Darragh
Leader. Per le Zebre, in ogni caso, sar un personaggio adatto
per il rilancio. E nel mirino,
adesso, c anche Luke Burgess,
gi mediano di mischia dellAustralia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Chesani, tendine operato


La sua stagione gi finita
V
enticinque giorni fa, a
Praga, festeggiava
uno scintillante argento europeo indoor nellalto, una delle tre medaglie
della spedizione tricolore.
Ieri mattina, operato a Pavia
dal dottor Franco Benazzo al
tendine dAchille destro, ha
sostanzialmente gi concluso il suo 2015. E la parabola,
repentina e triste, di Silvano
Chesani. Il 26enne trentino
di Bosentino trapiantato a
Modena, l8 marzo, in Repubblica Ceca, arrampicandosi fino a 2.31, aveva compiuto unimpresa, confermando il suo talento. A precederlo, con la stessa
misura, ma due errori in meno, solo il russo Tsyplakov,
con il greco Mastoras a sua
volta dargento.

ALTI E BASSI Ma deve essere destino: la carriera del poliziotto allenato da Giuliano
Corradi fatta di continui alti e bassi. Nel 2013 il record
italiano con 2.33. Nel 2014
un sacco di problemi: prima
uninfiammazione al tendine appena operato, poi un
polpaccio strappato e una
stagione da spettatore. Sembrava tornato ai massimi livelli, tanto da sognare il po-

POLITICA SPORTIVA
ATLETICA

Voci tedesche
Niente Mondiali
per Phelps?

Michael Phelps, 29 anni


Michael Phelps, secondo fonti,
non sar ai Mondiali di Kazan e
neanche ai Panamericani. Un
portavoce della Federnuoto Usa
dice alla tedesca Dpa: Non fa
parte della squadra per i Mondiali
per una decisione presa da ambo
le parti. Luned 6 scadr la
sospensione di sei mesi decisa
dopo la condanna per guida in
stato di ebbrezza ed eccesso di
velocit. Il suo rientro alle gare il
15 aprile a Mesa.
CHE AGNEL (al.f.) Ai Trials
francesi di Limoges, Yannick
Agnel nei 200 sl tocca in 14597,
miglior crono 2015. Stravius
invece domina i 100 dorso davanti
a Lacourt (entrambi qualificati
per Kazan). Uomini: 200 sl Agnel
14597, Mallet 14796, Mignon
14829, Pothain 14850; 100 do
Stravius 5346, Lacourt 5420,
Stasiulis 5450. Donne: 1500 sl
Van Rouwendaal (Ola) 161509 (2
t. 2015), Berthier 163604; 100 do
Gastaldello 10054, Cini 10104;
100 ra Bonnet 10834.
DETTI IN FORSE Selezioni
mondiali (dal 14) a rischio per
Gabriele Detti per
uninfiammazione alle vie urinarie.
Stop di una decina di giorni e
ripresa lenta. Decisione dopo
lecografia della prossima
settimana.

35

Pro Recco allunga:


+8 sul Brescia
e blinda il 1 posto
Cos negli anticipi della
penultima giornata: Recco si
porta a +8 sul Brescia.
RECCO-ACQUACHIARA 15-11
(3-0, 4-2, 4-6, 4-2)
Pro Recco: Tempesti, Pijetlovic
1, Prlainovic 2, Felugo 2, F.Di
Fulvio, A.Fondelli 1, N.Gitto 2;
Giorgetti 2 (1 rig.), Figlioli 1,
Giacoppo 1, Aicardi 2, Barattini
1, Pastorino. All. Milanovic.
Acquachiara: Caprani, Rossi,
Marziali 2, Scotti Galletta 2,
Lanzoni 1, Valentino, M.Gitto;
S.Luongo 3 (1 rig.), Perez,
Petkovic 2 (1 rig.), Astarita,
Ferrone 1. N.e. Lamoglia. All.
De Crescenzo. (i.v.)
FLORENTIA-POSILLIPO 13-19
(5-4, 2-4, 4-6, 2-5)
Florentia: Mugelli, Panerai 2,
Gambacorta 1, Coppoli 2 (1
rig.), Brancatello 1, Dani, Gobbi
3; Generini 4, Turchini, Bosazzi,
Ercolano, E. Calcaterra.
N.e. Pezzulla. All. Vannini.
Posillipo: Negri, Dolce 1,
Klikovac 3, Radovic 5, Gallo 4
(2 rig.), Russo 1, Saccoia 2;
Briganti, Foglio 1, Mauro,
Bertoli, Mandolini 2 (1 rig.),
Caruso. All. Occhiello. (a.p.)
DONNE Andata dei quarti:
Rapallo-Bogliasco 11-12 ai
rigori (7-7), Orizzonte-Messina
4-9 (gara-2 il 18).

Maurizio Felugo (Recco) CIAMILLO

Delega sport
a Luca Lotti,
un ex calciatore

PISTA MONDO (si.g.) Talenti


giamaicani in evidenza ai
campionati scolastici di Kingston:
4493 di Akeem Bloomfield (97) nei
400 e 4901 di Jaheel Hyde (97) nei
400 hs. Uomini. 200 (-1.8): OHara
(96) 2059. 400: 2. Allen 4530. A
Mayaguez (P. Rico). Uomini. 200 (1.4)/
400: 2./1. L. Santos 2131/4528.
800: Culson 15033. A C. Messico
(Mes). 200 (0.0): Herrera 2033
(r.n.). A Germiston (Saf). Uomini.
Lungo: Samaai 8.12 (+0.9, mpm 15).
A Buenos Aires (Arg). Uomini.
Martello: Fajdek (Pol) 78.99.
Giavellotto: Toledo 82.90 (r.n.).

Silvano Chesani, 26 anni, l8 marzo agli Euroindoor di Praga COLOMBO

dio dei Mondiali di Pechino del


prossimo agosto in coppia con
Marco Fassinotti. E invece...
Dopo cinque anni di fastidi
ha spiegato pensavo di poter
tirare dritto fino a dopo lOlimpiade di Rio 2016. Ma si reso
necessario anticipare lintervento per evitare ulteriori rischi. Quanto successo a Daniele Greco lestate scorsa agli Europei di Zurigo, ha evidentemente creato un precedente di
riferimento. Silvano, per chiarire, soffriva di una tendinopatia
inserzionale con sindrome di
Haglund.

ga ha aggiunto stata una


gioia immensa, ma questa
operazione, anche se in tempi diversi, una cosa che avevo gi messo in conto. Come
in passato, affronter anche
questa situazione con tranquillit e impegno. Adesso
mi attendono tre settimane a
casa in Trentino, poi la riabilitazione tra Modena e Pavia.
Il 2015 sar un anno di recupero per rientrare al meglio
ai Giochi. Latletica italiana,
intanto, sempre pi falcidiata dagli infortuni, perde
unaltra pedina preziosa.
a.b.

IL RECUPERO Largento di Pracol Lombardia Trophy, non sar


presente nemmeno nelle Challenger
Series. Ieri, intanto, primo giorno di
lavoro del nuovo segretario Ippolito
Sanfratello, 41enne piacentino,
olimpionico in pista lunga che rimpiazza
Alberto Berto dopo 14 anni.

HOCKEY GHIACCIO

FINALE, GARA 4 (m.l.) Finora stato


un solo gol di scarto a decidere il
risultato e la serie di finale (al meglio
delle 7) dopo gara-3 vede in vantaggio
lAsiago (2-1) capace di rimontare
liniziale successo del Renon. La
squadra altoatesina torna oggi a
Collalbo (Bz) per gara-4. Gara-4: RenonAsiago (ore 20.30, diretta RaiSport 2).
Serie: 1-2.

RIPRODUZIONE RISERVATA

ANCHE Tr.: Bologna (14.55) e


Taranto (15.15). Gal.: Pisa (14.30).

RUGBY
COPPE EUROPEE (i.m.) Oggi, alle
20.45, Gloucester-Connacht in
Challenge Cup apre i quarti di finale
delle coppe europee. Domani.
Champions Cup: Leinster-Bath;
Clermont-Northampton. Challenge:
Dragons-Cardiff; Exeter-Newcastle.
Qualificazioni: El SalvadorCalvisano; Enisei-Mogliano.
Domenica. Champions: RacingSaracens; Tolone-Wasps. Challenge:
London Irish-Edimburgo.

SCHERMA

Il sottosegretario Luca Lotti


(v.p.) Da un libero vecchio
stampo a un centrocampista di
rottura. Oggi, a meno di colpi di
scena, Graziano Delrio
dovrebbe lasciare la delega
dello sport del governo Renzi a
Luca Lotti, 32 anni, fedelissimo
del premier, ex calciatore
dilettante (come il suo
predecessore, vicino al
ministero delle Infrastrutture e
dei Trasporti, in sostituzione del
dimissionario Maurizio Lupi).
Lotti un grande appassionato
di calcio: non lha solo giocato,
ma ha anche allenato le giovanili
del Montelupo, la squadra di
casa sua ( di Montelupo
Fiorentino, a qualche minuto da
Empoli, provincia di Firenze). Su
uno dei suoi profili facebook c
una sua foto in maglia da
calciatore insieme con Cesare
Prandelli. Ma il suo cuore da
tifoso batte per il Milan. Diverse
volte, per qualche iniziativa di
beneficenza, si trovato a
giocare con Renzi, che per,
almeno fino allavvento a
Palazzo Chigi, era pi
maratoneta. Lotti uno dei due
sottosegretari alla presidenza
del Consiglio e dovrebbe
dunque allargare il campo delle
sue deleghe con il mini
rimpasto in corso.

CURLING

MONDIALI MASCHILI
Ai Mondiali uomini di Halifax (Can),
altre due sconfitte per lItalia
(bilancio 2-6): contro la Russia (5-4)
e la Norvegia (9-2).

GHIACCIO
EUROPEI FIGURA 2018
LITALIA SI CANDIDA
LItalia, molto probabilmente, con
Milano e il Forum di Assago (o in
seconda battuta con Torino e il
Palavela), si candider
allorganizzazione degli Europei di
figura 2018. Al momento non ci
sarebbero alternative. La rassegna,
a un paio di mesi dallOlimpiade di
PyeongChang, si disputerebbe
ventanni dopo Milano 1998. La Fisg
per, gi esclusa da Grand Prix
assoluto e junior, dopo la positiva
esperienza della scorsa stagione

IPPICA
VARGIU RIENTRA A SAN SIRO
CON UNA DOPPIETTA
Una doppietta, un secondo e un quinto
posto ieri a San Siro per Dario Vargiu
che rientrava sulle piste italiane dopo la
consueta campagna giapponese. Il
38enne fantino sardo ha vinto con so
Many Shot (lanno scorso a segno nel
Pr, Incisa di gr 3) una condizionata sul
miglio e una reclamare sui 2000 con
Monfesta. Secondo posto invece nel
Premio Razza del Soldo (m 1600) verso
il Regina Elena
IERI 5-11-3-1-10 A Roma (m 1600): 1
Rum e Coca Day (Fed. Esposito) 1.14.1; 2
Rugantino Ans; 3 Rushmore Dvm; 4.
Ramona K dete; 5 Pilates Bi; Tot.: 1,91;
1,43, 2,01, 1,84 (14,10). Quint: 947,07.
Quart: 71,00. Tris: 42,15
OGGI QUINT A NAPOLI Ad Agnano
(inizio convegno alle 15) scegliamo Pol
de Leon Allez (13), Orbex Bi (15), Oro Caf
(5), Parhon Breed (12), Ronaldo Lp (7) e
Rosy Bee Power (17).

Giornata contro la trombosi


Lo sport prezioso alleato
(si.gal.) La trombosi non
conosce et: non pi solo un
mondo per vecchi. Con questo
messaggio stata presentata ieri
alla Casa dei diritti di Milano la
quarta Giornata nazionale per la
Lotta alla Trombosi, in programma
il 15 aprile con eventi in 4 citt
(Milano, Bari, Ferrara e Cassino).
Oggi solo 33 italiani su 100 sanno
che ictus, infarto o embolia sono
originati da una trombosi: per

questa ragione ALT (Associazione per


la lotta alla trombosi e alle malattie
cardiovascolari) dal 1987 fa
dellinformazione il suo mandato.
Alleato in questa campagna lo
sport, capace di trasmettere valori e
stili di vita sani. La trombosi
democratica: colpisce a tutte le et,
con incidenze diverse ha spiegato la
presidente Lidia Rota Vender -. I
bambini vanno motivati fin da piccoli
perch crescano in salute.

MONDIALINI Da oggi a Tashkent


(Uzb) i Mondiali cadetti e giovani. Si
comincia oggi con la spada
cadetti/8, domani la sciabola
cadette e fioretti maschile cadetti,
venerd fioretto femminile cadetti e
sciabola maschile cadetti, sabato
competizione sperimentale mista e
da domenica u. 20. Oggi Valerio
Cuomo, Federico Marenco, Alessio
Preziosi, Alessandra Bozza,
Eleonora De Marchi, Federica Isola.

SCI ALPINO

CIAO ZURBRIGGEN A 34 anni lo


svizzero Silvan Zurbriggen si ritira
per i continui problemi alla schiena.
Argento iridato in slalom ai
Mondiali 2003 e bronzo in
supercombinata ai Giochi di
Vancouver 2010, Zurbriggen lascia
dopo 254 gare di Coppa con due
vittorie (combinata Kitzbuhel 2009
e discesa Val Gardena 2010) e altri
11 podi.

CORTE DAPPELLO
DI PALERMO
SEZIONE TERZA PENALE
In data 22 ottobre 2014 la Terza Sezione Penale della Corte dAppello di
Palermo ha condannato, con sentenza n. 4192/2014 Sent, il Sig.
Corbelli Carlo, nato a Modena in
data 12.02.1973, nellambito del
procedimento penale n. 1604/2014
R.G.N.R. - 509/2014 R.G.T. Tribunale di Palermo - 538/2014 R.Sent.
- 2400/2014 Reg. Gen. App. alla
pena finale di anni 1 mesi 4 di reclusione, pena condizionalmente sospesa, per il reato di cui agli artt. 112
n. 1, 588 commi 1 e 2 c.p., 61 n. 1
c.p. e artt. 8 e 8 ter L. 401/89.

36

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

AltriMondi R

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

amministratori, i direttori generali, i dirigenti


preposti alla redazione dei documenti contabili
societari, i sindaci e i liquidatori, i quali, al fine
di conseguire per s o per altri un ingiusto profitto, nei bilanci, nelle relazioni o nelle altre comunicazioni sociali dirette ai soci o al pubblico,
previste dalla legge, consapevolmente espongono fatti materiali rilevanti non rispondenti al vero, ovvero omettono fatti materiali rilevanti la
cui comunicazione imposta dalla legge sulla
situazione economica, patrimoniale o finanziaria della societ o del gruppo al quale la stessa
appartiene, in modo concretamente idoneo ad
indurre altri in errore, sono puniti con la pena
della reclusione da uno a cinque anni. Forza
Italia ha votato contro, i grillini pure, la Lega e
Sel si sono astenute.

IL FATTO
DEL GIORNO
IL CASO
ISCHIA

Massimo DAlema, 65 anni, assediato dalla stampa ieri a Bari. stato premier dal 1998 al 2000 ANSA

Vediamo adesso che cosa non va in questa


legge.
A naso non ci piace lavverbio consapevolmente fatto cadere nel bel mezzo della norma.
Poich per delinquere bisogna aver falsificato
consapevolmente, ne viene che tutti i falsificatori cercheranno di dimostrare che, ammesso
pure il falso, lo hanno compiuto inconsapevolmente. I legislatori italiani, anche i giovani e
moderni renziani, hanno questo vizio di predisporre sempre nelle loro leggi una scappatoia
che faccia tra laltro arricchire gli avvocati. Detto che falsificare i bilanci deve essere un reato e
che su questo la legge sacrosanta, contesto il
principio che inasprire le pene di per s aiuti a
risolvere il problema. Mi pare di capire che il
semplice inasprimento delle pene non faccia in
realt paura a nessuno. La vera paura quella di
essere scoperti. E, su questo punto, la legge mi
pare poco pratica, diciamo.

Il fatto che DAlema


venda il vino alle coop
un reato o serve
4
solo a fare notizia?
1Lex leader Pd si scaglia contro luso delle intercettazioni

e minaccia querele. Intanto, il Senato vota la reintroduzione


del falso in bilancio: pene pi dure ma non ancora legge
trimenti ci sarebbe un altro rimpallo. E cos via,
la ragione per cui Renzi vuole passare dal sistema a due camere al sistema con una camera sola
(o con una camera e mezza).

di GIORGIO DELLARTI
gda@gazzetta.it

Mentre ci si accapiglia intorno al caso Ischia (fatto locale, fatto enorme, inchiesta decisiva, il pm
Woodcock non ne ha mai azzeccata una, come
mai i magistrati hanno fatto circolare il nome di
DAlema che non neanche indagato, eccetera eccetera) il Senato, con bella mossa, ha approvato il
disegno di legge sul falso in bilancio, ristabilendo
che il falso in bilancio, specie per le societ quotate, un reato. vero che la maggioranza, su molti
articoli, lha spuntata per un pelo, ma pure vero
che Renzi ha portato a casa un altro trofeo, proprio nel momento in cui Bersani fa capire che potrebbe persino mettere il Paese davanti alla Ditta, cio fare la scissione.

La minaccia di scissione riguarda lItalicum.


Stiamo ai fatti di ieri. Che sono sostanzialmente due: questa approvazione del falso in
bilancio e, mi permetto di ricordarglielo, lincazzatura cosmica di Massimo DAlema.
Gi, gi. Premettiamo che questo disegno sul
falso in bilancio, approvato dal Senato, deve ancora passare alla Camera. Cio non ancora una
legge in vigore. Bisognerebbe poi che la Camera
approvasse lo stesso testo varato dal Senato. Al-

Se siete veri giornalisti (cosa tutta da dimostrare) a questo punto bisognerebbe rispondere a un paio di domane. In che cosa
consiste il testo approvato dal Senato; quali sono
i difetti di questo testo approvato dal Senato?
In generale, reintroducendo il reato, la legge
prevede sanzioni pi dure di prima. I soggetti
giuridici presi di mira sono di fatto suddivisi in
tre gruppi: societ quotate, societ non quotate
e piccole imprese. C anche il reato di lieve entit. La definizione del falso in bilancio sta allarticolo 8 (relativo alle societ non quotate): gli

OCCORRE UN INTERVENTO
LEGISLATIVO PER
LONORABILIT DELLE PERSONE
CHE NON SONO INDAGATE
MASSIMO DALEMA
EX PREMIER

A proposito: e DAlema?
La legge prevede che si possano intercettare solo gli amministratori delle societ
quotate. Niente spiate alle non quotate e niente
spiate quindi alle cooperative (sempre pi al
centro di giri corruttivi, e sto parlando soprattutto di coop di area rossa). DAlema, finito inopinatamente in mezzo allo scandalo di Ischia
(tangenti per la metanizzazione dellisola, sindaco in galera eccetera), infuriatissimo proprio sul problema delle intercettazioni. Ha detto
al Corriere: Non cera alcuna necessit di utilizzare intercettazioni fra terze persone, senza valore probatorio, dove si parla di me de relato.
Allora mi viene il sospetto che ci sia un motivo,
per cos dire, extra-processuale. Cio, dubito
che la notizia dellarresto del sindaco di Ischia e
di qualche suo presunto complice sarebbe finita
sulle prime pagine dei giornali, se nellordinanza non fossero stati citati DAlema, Tremonti,
Lotti o qualche altro personaggio di richiamo.
Giusto, ha ragione e, soprattutto, lintercettazione non dovrebbe essere considerata prova.
Mai. Dico solo: come sarebbe stato forte questo
discorso se DAlema, invece di pronunciarlo a difesa di se stesso, lo avesse messo in campo a protezione garantista di qualche avversario. Perch
nel passato, non so se lo ricorda, di uso improprio delle intercettazioni ne stato fatto davvero tanto

E ho sentito dire che nella conferenza stampa di ieri poi DAlema ha esagerato...
Beh, ha ammesso di aver venduto vini alla
cooperativa Cpl, ma contestando il fatto che
questo debba essere contenuto in un atto giudiziario dal momento che non un reato. Poi,
per, ha finito per litigare con un cronista di Virus, programma di Rai 2: Lei ha detto che ho
venduto il vino durante una convention del Pd?
Siccome sto denunciando diversi giornali, denuncio anche lei con loccasione. Ma tutto questo davanti a uno stuolo di telecamere.

IL NUOVO RIMPASTO

Renzi accelera: Delrio alle Infrastrutture


1Il premier sceglie

un suo fedelissimo
per sostituire Lupi
Ncd avr il ministero
degli Affari regionali

ggi dovrebbe arrivare


lufficialit: il nuovo ministro delle Infrastrutture sar Graziano Delrio, attuale
sottosegretario a Palazzo Chigi.
Renzi ha deciso di accelerare
lempasse, piazzando un fedelissimo per rimettere ordine in
una struttura che sembra andata fuori controllo a causa delle
dimissioni di Maurizio Lupi per
via dellinchiesta sul superma-

nager del ministero Ercole Incalza. Il passo successivo sar


quello di nominare il ministro
degli Affari regionali, posto vacante da fine gennaio dopo laddio di Maria Carmela Lanzetta,
andata a fare lassessore regionale in Calabria. E questa delega dovrebbe finire al Nuovo
Centrodestra: in questo modo
Renzi riequilibrer i rapporti allinterno dellesecutivo e cementer lalleanza.
LE MANOVRE Scenari che sono
stati al centro di un vertice a Palazzo Chigi tra lo stesso capo
del governo, il leader dellNcd
Angelino Alfano e il ministro
uscente Lupi. Per completare il
puzzle si fanno i nomi di Gaetano Quagliariello, ma anche

quelli delle deputate Dorina


Bianchi e Rosanna Scopelliti. Ci
saranno anche cambi interni al
partito. Alfano ha incontrato la
De Girolamo: a breve dovr la-

Il premier
Matteo Renzi
e Graziano
Delrio, attuale
sottosegretario

sciare il posto da capogruppo


alla Camera della neo costituita
Area Popolare. Il posto serve
per Lupi, dice una fonte vicina
alla De Girolamo, alla quale si
contesta una linea troppo antirenziana per essere la presidente di un gruppo di maggioranza, ed una volont di ricostruzione del centrodestra con Fi.
Quanto alla partita del governo, la richiesta di Alfano resta
quella di avere un ministero con
portafoglio (mentre ancora non
chiaro se la competenza sui
fondi Ue sar associata agli Affari regionali). Il leader Ncd intende ponderare le sue scelte
per stoppare le voci che lo vogliono supino al premier.
dan. va.
RIPRODUZIONE RISERVATA

37

TASCABILI
COLLOQUI: LA MINACCIA ALLIRAN

Nucleare, ultimatum Usa:


Accordo o altre sanzioni
La scadenza passata e laccordo tra gli Usa e
le altre potenze mondiali con Teheran ancora
non c. Ma la maratona negoziale a Losanna in
Svizzera sul programma nucleare iraniano va
avanti comunque, anche se Obama inizia a
perdere la pazienza. Il portavoce della Casa
Bianca, Josh Earnest, ha precisato: Si
raggiungano risultati altrimenti lIran potrebbe
subire nuove e pi pesanti sanzioni. Marted il
ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov aveva
assicurato che cera unintesa sui punti chiave.

NELLA SUA VILLA DI LOS ANGELES

Usa, morto Andrew Getty


nipote del ricco petroliere

Andrew Getty, 47 anni, trovato morto a Los Angeles


Il nipote del petroliere americano Jean Paul
Getty, il 47enne Andrew Getty, stato trovato
morto, ieri, nella sua villa di Los Angeles. Lo
hanno reso noto i suoi genitori, chiedendo il
rispetto della loro privacy. La polizia ha
dichiarato che le indagini sono agli inizi, ci sono
degli interrogatori, ma nessun sospetto stato
preso in custodia. Il 47enne stato trovato
senza vita nella vasca da bagno nella sua villa.
Luomo aveva richiesto due settimane fa un
ordine di restrizione nei confronti della sua ex
fidanzata, che stata ascoltata come testimone.

IN FRANCIA, AL CONFINE CON LITALIA

Valanga sulle Alpi: 5 morti


Tra le vittime un italiano
Almeno cinque persone sono morte ieri sotto
una valanga che si staccata dalle Alpi francesi,
a un centinaio di chilometri dal luogo dove si
schiantato laereo della Germanwing. Per la
procura francese nel gruppo di sciatori travolti
(tra cui due austriaci) ci sarebbe un italiano, ma
la Farnesina non conferma: Lindagine in
corso. Un altro sciatore stato trovato in gravi
condizioni. La valanga si staccata dal massiccio
degli Ecrins, nel dipartimento francese delle
Hautes-Alpes, non lontano da Vallouise.

VENETO, I FORZISTI SOSTENGONO ZAIA

Regionali, accordo Lega-Fi:


Toti candidato in Liguria
Il dialogo tra il leader della Lega Matteo Salvini
e Silvio Berlusconi ha dato, ieri, i primi risultati
concreti in vista delle Regionali in Veneto e in
Liguria. Forza Italia appogger Zaia nella corsa
per il bis come governatore, mentre in Liguria la
Lega rinuncer al suo candidato a favore del
sostegno a Giovanni Toti. Per quanto riguarda la
Toscana, il segretario leghista ha confermato a
Radio Padania che, almeno al primo turno, Fi e
Lega andranno da soli. Il Carroccio si schierer
con il professore No euro Claudio Borghi.

FIRENZE: LA DONNA SPAR IL 3 MARZO

Modella trovata in un sacco


Arrestato lex compagno
Davide Di Martino, 50 anni, il compagno di
Irene Focardi, lex modella scomparsa dal 3
febbraio, finito in carcere, ieri, con laccusa di
omicidio. Il cadavere della donna era stato
trovato domenica dentro un sacco nero, in un
fosso a Firenze. A casa del 50enne sono stati
trovati dei sacchi neri simili a quello dove era
il corpo di Irene. Di Martino si trovava gi ai
domiciliari per maltrattamenti. Luomo non ha
confessato e si chiuso in se stesso: ha detto
il procuratore di Firenze, Giuseppe Creazzo.

38

AltriMondi R

PRESO CAMPO PROFUGHI

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Ancora caos a Istanbul


Questura assaltata:
morta donna kamikaze

VITTIMA DELLA STRADA

1Raffica di attacchi: nella sede della polizia feriti anche 2 agenti


I profughi siriani in fuga EPA

LIsis avanza
fino a Damasco
Duri scontri
Non si ferma lavanzata
dellIsis in Siria: i miliziani
dello Stato islamico sono
arrivati alla periferia di
Damasco. Ieri hanno
attaccato il campo profughi
palestinese di Yarmouk, 8
chilometri a sud di Damasco,
occupandone la maggior
parte: lo ha denunciato
Anouar Abdel Hadi, membro
della rappresentanza dellOlp
in Siria, spiegando che nella
zona sono ancora in corso
combattimenti. La situazione
in evoluzione in tutto il
Paese. La Giordania ha chiuso
il principale valico di frontiera
con la Siria per motivi di
sicurezza, dopo gli intensi
scontri fra esercito siriano e
ribelli nelle zone vicine al
confine. Gli estremisti sono
stati invece sconfitti in Iraq.
Il centro di Tikrit, la citt
natale di Saddam Hussein,
stato liberato marted dalla
presenza delle milizie dellIsis.
Ieri il premier iracheno
Haider al-Abadi giunto in
visita per verificare la
situazione sul posto e vedere i
vertici delle forze che hanno
condotto loffensiva antijihadista: lesercito regolare,
le forze di sicurezza
governative, le milizie sciite
della mobilitazione popolare e
le formazioni tribali sunnite.
A Tikrit si trova anche il
ministro dellInterno,
Mohammed Salem al-Ghaban,
che ha messo in guardia sulle
sacche di resistenza dellIsis
ancora esistenti nei
sobborghi settentrionali.

Fiera in ritardo:
a un mese dal via
il 9% delle opere
I lavori per Expo 2015,
al via il primo maggio,
proseguono senza sosta (con
turni di 24 ore), ma la situazione
ancora in alto mare. Tre
cantieri su quattro sarebbero in
ritardo con le scadenze, mentre
solo il 9% dei padiglioni sarebbe
in fase di collaudo. Ottimista,
per, il commissario
straordinario di Expo, Giuseppe
Sala: Sar tutto pronto, sarei
un pazzo se bleffassi. Rischiano
di fare una brutta figura anche
alcuni Paesi che il padiglione se
lo stanno costruendo da s e
pure in gran ritardo. La Russia e
la Turchia, tra tutte, sono in
grande affanno.

Operai al lavoro per lExpo 2015

Terrore in mattinata con il blitz agli uffici del partito di Erdogan

Investito in bici
Scout di 16 anni
ucciso a Monza

Francesco Rizzo

ella Turchia che il 7 giugno va al voto, divampa


un incendio incontrollato. Marted due terroristi rossi
hanno rapito il magistrato che
indagava sulle responsabilit
della polizia nella morte di un
ragazzo, durante le proteste anti governative di Gezi Park: blitz
delle teste di cuoio e tre morti,
gli assalitori e il magistrato. Nella notte, scontri di piazza tra
manifestanti e agenti. Ieri ancora caos a Istanbul. Un uomo armato entra nella sede dellAkp,
il partito del premier Erdogan,
allontana i presenti, espone una
bandiera turca con laggiunta di
una scimitarra: viene arrestato.
stato un tentativo di minare il
processo di pace con i militanti
curdi, sostiene il presidente Erdogan, toccando uno dei temi
pi delicati per il suo governo.
Poco dopo, un uomo e una donna (che, secondo la procura,
portava con s dellesplosivo)
aprono il fuoco contro la sede
della polizia, nel centro della
citt: la terrorista viene uccisa,
luomo ferito e arrestato. Colpiti
anche due agenti.
FORZE OSCURE La Turchia si
sente sotto assedio, priva di sicurezze: ieri il panico ha toccato
anche un volo Turkish Airlines
per Lisbona, su cui stata individuata una borsa senza proprietario. Falso allarme, ma il
quarto in pochi giorni. Nelle
stesse ore venivano arrestate 32
persone che, secondo gli inquirenti, farebbero riferimento al
Fronte Popolare Rivoluzionario
di Liberazione, protagonista
dellassalto di marted al palazzo di giustizia che ha messo in
evidenza le falle nella sicurez-

La bici di Matteo, investito a Monza FOTOGRAMMA

1Travolto da unauto marted sera

Il conducente chiama i soccorsi:


sarebbe positivo al test sulle droghe

roprio ieri Giuseppe Cucca, senatore del


Pd e relatore del testo di legge sullomicidio stradale, ha fissato i tempi: Contiamo di far entrare in vigore la nuova normativa prima dellestate. E unindagine della
fondazione francese Vinci Autoroutes rivela
che il 12% degli italiani guida anche se supera
il limite consentito di alcol, se non ne avverte
gli effetti. Voci e dati che fanno da sfondo allultima tragedia della strada: a Monza, marted sera alle 23, Matteo Trenti, un ragazzo di 16
anni che stava tornando a casa in bicicletta da
una riunione del suo gruppo scout, stato travolto da una Volkswagen. Sbalzato a 10 metri
di distanza, stato immediatamente soccorso
e portato in ospedale, dopo 40 minuti di manovre di rianimazione. Ma ieri pomeriggio i
medici ne hanno dichiarato la morte celebrale. I genitori hanno dato lassenso allespianto
degli organi.

za. Lattentato di ieri alla questura dovrebbe essere opera


dello stesso gruppo, le modalit
ricordano quelle di unoperazione che proprio il gruppo
marxista leninista ha compiuto
contro lambasciata Usa ad
Ankara, in febbraio. E mentre il
ministro della Giustizia Kenan
Ipek promette caccia alle forze
oscure che minacciano il Paese, ci si interroga su cosa accada in Turchia. Tra gli osservatori
c lipotesi che sia in corso una
strategia della tensione: presentandosi come uomo forte,
Erdogan, con laiuto dei servizi

segreti, trarrebbe giovamento


dal panico, magari creato ad arte, proprio in vista del voto. Dopo il quale punterebbe a modificare la costituzione per accentrare il potere. Ma lopposizione
lo accusa di corruzione, contesta la repressione dei dissidenti
e le limitazioni delle libert personali, teme una dittatura islamica. E intanto, per quotidiano
Zaman, il magistrato ucciso era
contrario allinsabbiamento
delle indagini sulla violenza
della polizia a Gezi Park. Un
eroe, chiosa Erdogan.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Allinterno
del frame di
un video,
la donna
kamikaze
che ha
cercato
di attaccare
la questura
di Istanbul
ed stata
uccisa. Con
lei anche un
uomo, ferito
e arrestato
dagli agenti

NUOVO ESAME A dare lallarme stato lo stesso conducente dellauto, un 20enne che risultato negativo allalcoltest e positivo a quello
per la guida sotto leffetto di stupefacenti. Test
che per verr ripetuto: la polizia spiega che il
primo esame pu dare un esito falso positivo. La dinamica dellincidente da chiarire:
pare che il ragazzo, in sella a una mountain
bike senza luci, stesse attraversando la strada
ma da verificare quale sia stato il comportamento del guidatore. Due mesi fa lassociazione Monza in Bici aveva segnalato le problematiche di chi usa la bici in citt: tra i punti in
questione, lefficacia di una ciclopedonale nella via in cui stato ucciso il 16enne.
f.riz.

ANSA

RIPRODUZIONE RISERVATA

ALLEXPO MILANESE

Un campo verticale per spiegare Israele


1Il Paese uno dei

pionieri nella lotta


alla desertificazione

Massimo Arcidiacono
INVIATO A GERUSALEMME (Israele)

un certo punto, dallunica


strada che attraversa il
Negev verso Eilat, si scorge il Mar Morto scintillare al sole.
Da l ci si butta verso il Central
Arava, regione del Wadi Araba, la
lunga valle con le sue distese di
serre, i suoi moshav (le comunit
agricole cooperative) e i suoi kibbutzim. qui che bisogna venire
per toccare con mano un miracolo di sopravvivenza. qui che il
deserto si sta trasformando in
giardino. Oggi, nonostante rappresenti il 6% del territorio nazionale, ci vivono appena 3500
persone, producendo il 60% dellesportazione israeliana di ortaggi. Maayan Kitrom la coordinatrice dellAgricoltural Research
Station di Hatzeva. Gli agricoltori

pongono problemi concreti ai


quali i ricercatori devono trovare
risposte. Nel Centro crescono fragole enormi, melanzane o peperoni di svariati tipi, ma anche il
pisello del deserto o il bitter mellon da cui si estrae un pesticida
naturale. Senza ricorrere a Ogm
assicura Maayan . Miglioriamo le tecniche di drip irrigation,
coltiviamo in serra, conduciamo
unavanzata lotta biologica agli
infestanti. Tutto si gioca nel conquistare mercati, producendo
fuori stagione. Senza farsi mancare piccole intuizioni. Qualche
anno fa, per esempio, ci fu il successo di Nemo, il film della Disney. Bene, qui si misero ad allevare pesci pagliaccio, la specie
oceanica di Nemo. Nel deserto, da
dove oggi esportano in tutto il
mondo. Ancora pi a sud, a Sapir,
si trova il Trainee Center, la scuola dove ogni anno arrivano un migliaio di studenti da Africa e Asia
per apprendere le moderne tecniche agricole. Pensavo che Israele fosse grande. Invece piccolissimo, questo mi ha sorpreso, dice Jo San, birmano. Quando sono par tito a casa erano

Il rendering del Padiglione Israele a Expo 2015; a destra le coltivazioni in serra ad Hatzeva, nel deserto dellArava

preoccupati: Attento, l pericoloso dice Emanuel, del Sud Sudan, una delle zone pi tormentate del pianeta. Parole e pensieri
del comun sentire (e dei luoghi
comuni) che Israele prova a sovvertire.
START UP Testimonianza di tale
sforzo sar il Padiglione allExpo
2015, a cominciare dal titolo:
Fields of Tomorrow (i campi del
domani). Un campo verticale
fornito di un sistema computerizzato di irrigazione si erger a

fianco del Padiglione Italia. Grano, riso e mais cresceranno sul


giardino in un mix di profumi e
colori. Disegnato da David Knafo
e realizzato con materiali riciclabili, il Padiglione sar poi donato
a Milano. Allinterno sar raccontata la storia di tre generazioni
di contadini. Un ruolo importante avr il KKL, Jewish National
Fund, che ha piantato 240 milioni
di alberi negli ultimi 70 anni e gestisce 40 mila ettari di boschi. Ma
oggi Israele anche innovazione:
Ci piace definirci una Start up-

Nation dice Menachem Gantz,


portavoce del Padiglione. Anche
qui pu servire toccare con mano.
Per esempio a Gerusalemme, al
Jvp Media Quarter, dove si incubano decine di start up ad alto
tasso hi-tech, dallInternet delle
cose alla cyber security. Riceviamo 700 richieste allanno spiega Nimrod Kozlovski , ne scegliamo 6 o 7. Da qui sono gi uscite 27 start up: lultima, Cyberark,
si quotata ad ottobre. La 113a
societ israeliana al Nasdaq.
RIPRODUZIONE RISERVATA

AltriMondi R

GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT

Non solo bella


Moran ci racconta
le scelte del cuore

LINVASIONE DI SCHERZI

a anche una bella testa


Moran Atias. Basta una
chiacchierata per capire
che una donna che non cede ai
pregiudizi e che guarda il mondo
senza dar niente per scontato.
Modella e attrice di una bellezza
imbarazzante, Moran, nata 33
anni fa ad Haifa, in Israele, a 17
anni gi in Germania a sfilare
per i migliori al mondo. Poi in Italia a lavorare come valletta con
Raffaella Carr e Carlo Conti, ma
pure come attrice: c anche lei
nel cast de Le rose del deserto, lultimo film di Monicelli. Quindi a
Los Angeles dove azzecca un provino dopo laltro, tra cui quello
per la serie Crash, tratta dallomonimo film e diretta dal premio Oscar Paul Haggis. E di Haggis anche il film in cui la vedremo da oggi al cinema, Third Person, insieme a Liam Neeson, Mila
Kunis, Adrien Brody e James
Franco, Olivia Wilde, ma anche
agli italiani Scamarcio e Marchioni. Davvero un super cast.
Lei anche coproduttrice e cosceneggiatrice. Aveva qualcosa di
importante da dire?
Sul set di Haggis c una magia
speciale e volevo una storia unica
da raccontare con lui. Ho capito
che la cosa pi affascinante e misteriosa, il vero punto interrogativo nella vita di tutti, il rapporto uomo-donna. Perch ripetiamo sempre gli stessi errori?
Quanto c del nostro retaggio
culturale e familiare in una scelta
che crediamo fatta per amore?
Mi sono ispirata alla mia vita e a
storie di cui ho letto: per esempio, nel film, la vicenda di Mila
Kunis nasce dal delitto di Cogne.
Il marito di Annamaria Franzoni
le sempre rimasto accanto, co-

Moran Atias, 33 anni, in una scena del film Third Person, da oggi nelle sale

IL VERO PUNTO
INTERROGATIVO
NELLE ESISTENZE DI
TUTTI IL RAPPORTO
TRA UOMO E DONNA
MORAN ATIAS
ATTRICE

me possibile?.
Tante domande. Riuscite a dare
anche delle risposte?
Ognuno avr le sue. Il film un
puzzle, va seguito con attenzione
per capire. Io ho fatto tante cavolate, ma Third Person davvero

bellissimo. Celebra lamore e la


vita, per questo lo abbiamo girato
in Italia, un Paese che si lascia
trasportare dalla realt.
Il caso vuole che nella serie che
sta girando, Tyrant (la prima
stagione stata vista da 50 milioni
di persone, ora si lavora alla seconda, ma in Italia non ancora
arrivata), lei ebrea interpreta la
first lady di un Paese musulmano.
Un personaggio interessante.
Una donna che cerca spazio ma
che trova di fronte a s i muri altissimi fatti di millenni di tradizioni. Anche se i veri muri sono
quelli che mettiamo intorno a noi
stessi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

OROSCOPO LE PAGELLE di ANTONIO CAPITANI


21/4 - 20/5
TORO

21/5 - 21/6
GEMELLI

22/6 - 22/7
CANCRO

23/7 - 23/8
LEONE

24/8 - 22/9
VERGINE

7,5

5,5

7+

Lavoro e morale
recuperano,
nonostante il
sedere cubico che
dovete farvi per la
fatica. Ci che
nasce oggi ha vita
lunga, fornicazione
rinfranca.

Nel lavoro, in
famiglia, alla guida
vola forse qualche
vaffanglutei. La
calma la
soluzione, lira no.
Insulsaggini suine
intervengono,
lamor sfigh.

Colloqui, viaggi e
lavoro, possono
sortire effetti oltre
le vostre stesse
aspettative. E le
finanze rallegrano.
Charme e
sudombelico
(quasi) al top. Uau.

Potete incassare
soldi, impiegarli
bene, essere
apprezzaterrimi
nel lavoro. Lamor
vi divora di gioia,
ma il sudombelico
non par brillar per
efficienza.

La Luna nel segno


d lo start
fortunato a ogni
iniziativa, nel lavoro
e negli altri ambiti.
Voi siete
apprezzati, il fiuto
v daiuto, suinally
too.

23/9 - 22/10
BILANCIA

23/10 - 22/11
SCORPIONE

23/11 - 21/12
SAGITTARIO

22/12 - 20/1
CAPRICORNO

21/1 - 19/2
ACQUARIO

20/2 - 20/3
PESCI

6,5

5,5

7,5

7-

5,5

Dovete fare tutto


da soli. Ma sarete
premiati, forsanche
lautamente. Bench
la fatica sia tanta.
Suinamente, per,
trovate mucha
cooperazione.
Bene.




   

Il morale sale.
Perch gli amici
vamano, lo staff
collabora, lamor
appaga cuore e
sudombelico.
Colpetti di glutei
nellaere risolvono
noie e rogne.

Il lavoro rompe, gli


impicci
saccavallano, la
forma fisica accusa
una debcle.
Prendetevi una
pausa, se potete. E
non strozzate i
fallocefali, evitateli.

La Luna tour
operator efficace
in fatto di vacanze
e viaggi, anche
daffari. Lavoro e
affetti recuperano
slancio, i secondi
soprattutto di tipo
suino.

Come ogni 1 aprile che si


rispetti anche ieri non sono
mancate le burle e le bufale
planetarie, soprattutto online.
Tra le prime, quella
dellabolizione del canone Rai.
Molto in voga le panzane
geopolitiche. Mentre Hillary
Clinton divorziava e
depositava le carte per
candidarsi alla Casa Bianca
nel 2016 per diversi media
americani, secondo
greekreporter il ministro
delle Finanze greco Yanis
Varoufakis annunciava
luscita dalleuro e ladozione
del bitcoin. In tema Ue ha
provocato diverse telefonate
allarmate la notizia data dalla
Tribuna sammarinese
dellentrata di San Marino in
Europa come regione italiana.
E con lItalia si divertito
molto il Guardian, lanciando
sul sito la notizia che la torre
di Pisa sarebbe stata venduta
per farne un resort di lusso.
Comica la novit annunciata
da Stoccarda di una Smart
trasformabile in tram con
tanto di ruote in metallo per
muoversi sui binari e
pantografo sul tetto per farsi
alimentare dalla rete delle
linee tranviarie. Delusi pure
quelli che avevano creduto al
lancio di un Taki-kebab del
marchio britannico Vauxhall.
Non mancata la fantamusica: radio Number One ha
annunciato un duetto tra
Vasco Rossi e Ligabue. Con
un brano gi in uscita
Ricominciamo (Fish
Records, ovviamente).

IL CONSIGLIO

21/3 - 20/4
ARIETE
La vostra solerzia
cresce e, unita alla
grinta, vi fa
portare a
compimento tutti
gli impegni della
giornata. Il
sudombelico vuole
(e puote) stupire.

Torre di Pisa bersaglio di scherzi

Pisa senza torre


e Liga con Vasco
I pesci sul web

Elisabetta Esposito

Fate i vostri
interessi con
grinta. E gettate
via i pensieri
sfigopenduli: tutto
va bene, anche nel
lavoro. Operosit
sudombelicale,
per, perfettibile.

I rapporti sono
agitati. Evitate i tiri
alla fune, dribblate
chi vi affetta gli
zebedei con
critiche e pretese.
Lormone ritrova
per uno smalto
superbo.





 





 




 

 


 
 

 
 

 
 

 


 



DA DOMANI SU DEAKIDS

Tecno-Muciaccia
Via forbici e colla,
ora stampo in 3D

1LAtias, attrice e sceneggiatrice per Third Person

Il film di Haggis celebra lamore, la vita e pure lItalia

39

UNO SPECIALE
E UN FILM

UNA SERATA
DEDICATA
ALLAUTISMO
Ci siamo. Serata per
lautismo levento
promosso stasera per la
giornata mondiale della
consapevolezza
dellautismo promossa dalle
Nazioni Unite. In tv ci sar
uno speciale dove storie ed
esperienze serviranno a
comprendere la condizione
delle persone con autismo e
delle loro famiglie. In prima
serata il film Pulce non
c del regista Giuseppe
Bonito.
DA VEDERE STASERA
SU RAI TRE ORE 21.05

iamo di fronte a
un passaggio storico. Ed significativo che io ne sia il testimone. A parlare Giovanni Muciaccia, il volto di Art
Attack, quello che chiede
fatto?, ancora amatissimo
dai bambini di oggi per i lavoretti realizzati a colpi di
forbici e colla vinilica. Ma il
mondo cambia e anche Muciaccia si evolve: fuori cartoncini colorati, dentro
stampanti 3D, frese, laser
cutter e schede arduino. Comincia domani alle 20 su
DeaKids XMakers, il nuovo
programma in cui il creativo
conduttore e la sua squadra
mostreranno ai ragazzi i pi
diversi e divertenti modi per
utilizzare gli strumenti che
a breve cambieranno la nostra vita. Fa un certo effetto
che sia proprio io a far vedere questa rivoluzione culturale e sociale. Nellimmaginario collettivo sono un
maker, fino a ieri usavo le
forbici, ora la tecnologia.
Abbiamo creato un FabLab
(unofficina di fabbricazione digitale, ndr) allinterno
degli studi dellAntoniano di
Bologna. Qui mostreremo
tutte le potenzialit di questi strumenti, trasformando
gli oggetti da ordinari a straordinari.

Giovanni Muciaccia, 45 anni

Qualche esempio?
Usiamo soprattutto giocattoli: li smontiamo, li studiamo e
li trasformiamo, cercando di
realizzare i sogni dei pi piccoli. Un monopattino, grazie alla
stampante 3D, pu trasformarsi in un dinosauro su ruote,
grazie a un trapano pu avere
un motore, grazie a una scheda
arduino pu essere dotato di
riconoscimento vocale.
Tutto questo cambier davvero
le nostre abitudini?
Le stampanti 3D, che ora sono
rare, diventeranno comuni fino a entrare nelle nostre case.
Facciamo un esempio: vi si
rompe il gancio dellaspirapolvere? Prendete le istruzioni,
trovate il codice di riferimento
e ricreatelo con la stampante
3D. Fatto?
e.e.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Faletti postumo in libreria


Il 13 maggio esce La piuma
scomparso il 4 luglio
dellanno scorso ma Giorgio
Faletti sta per tornare in
libreria: il 13 maggio, per
Baldini&Castoldi, uscir
infatti La piuma. Non
un giallo ma una favola
struggente che
accompagna il lettore
attraverso le piccole,
meschine, ignoranti
bassezze degli uomini, sino
a comprendere, attraverso
il pi innocente e semplice

degli sguardi, il senso profondo


delle cose, del loro ruolo.
E della fine. Lattore e
cabarettista piemontese aveva
debuttato come scrittore nel
2002 con Io uccido, che ha
venduto 4 milioni di copie (dati
del 2014) e che ha rivelato il
talento di Faletti per il genere
crime. Da allora, altri cinque
libri, per Baldini&Castoldi e per
Einaudi (fra i titoli, Io sono
Dio, del 2009), oltre a raccolte
di racconti. Ora, lultima fatica.

LO SPORT IN TV
  





  
+  
     &
    
+  

 
   2
    
+  

 
   &4
     
+  

 
   $
     
+  

 
   &&
      
+  

 
   &
   
+  

 
   
  
  
+  

 
   1
    
+  

 
   .
    
+  

 
      
+  

 
   

   
 
3+%!
      2

 
    
   

 (+'! )

  
   2



  
      
 #! 300%* + 

    2


 

     
(+'! )
    
  
   
    

     
   
     
3+%'# 3
(+'! )

    2
  
  
3+%'# 3
(+'! )

    2
  
  

  
3+%'# 3
     2

 

  


 
,  %3+*
 3"! 00 # 0
  
   1

 
,  %3+*
 3"! 00 # 0
(+'! )

  
   1

  
%" # * +%+"" ! +%
 #   # (+'! )
     2

 
  
  #%
    

   

 

 
    
 
  
   2

Il concorso sar valido dal 31/03/2015 al 26/05/2015, montepremi 3.789,60 + Iva. Regolamento completo su www.inter.it/milionidinomi

40
GIOVED 2 APRILE 2015 LA GAZZETTA DELLO SPORT