Sie sind auf Seite 1von 2

Fondata da

Antonio Gramsci
nel 1924

1,40
Anno 92 n. 39
Venerd, 7 Agosto 2015

unita.tv

A Casal di Principe
quadri degli Uffizi
e di altri musei
sono in mostra
in una villetta
confiscata
a un boss
della camorra
Unesposizione di opere dalto livello
affidate a giovani volontari come segnale
di ripresa in un territorio difficile P. 20

Direzione Sud

Oggi il vertice Pd. Renzi: Basta piangersi addosso, noi cambiamo con i fatti
Banda ultralarga via libera del governo al piano. 12 miliardi di investimenti P. 2-3 e 14
Non abbiamo
pi alibi

Eguaglianza
e libert

Sanit, la lista degli esami inappropriati P. 12-13

Umberto Ranieri
enerd 7 agosto, non
proprio la data
pi entusiasmante
per avviare una
discussione sullo
stato del Mezzogiorno
e tuttavia, malgrado il solleone, c da
augurarsi che si voglia fare sul serio.
Del resto, era ora che il Pd discutesse
di come stanno le cose in una parte
del territorio nazionale in cui esso
ha le principali responsabilit
amministrative e di governo.
Lallarme per la gravit della
situazione economica e civile del
Sud fondato. La crisi ha indebolito
ulteriormente il Mezzogiorno. Tra il
2008 e il 2014 il Sud ha perso il 13%
del Pil, il doppio del Centro Nord.
Un quadro drammatico riassunto
dalla formula cui ricorre Svimez:
sottosviluppo permanente. Questo
il tremendo destino del Sud?
Sarebbe un imperdonabile errore
se la descrizione dei problemi in
cui si dibatte il Sud oscurasse le
componenti dinamiche presenti nella
economia e nella societ meridionali.
Mi auguro che anche Roberto Saviano
voglia riflettere su questo punto.
Il Mezzogiorno non una realt
indifferenziata, tutta stagnante o
tutta in mano alla criminalit.
emersa in questi anni difficili in un
settore di antica tradizione come
lagro industria una imprenditoria
pi giovane e pi colta; operano nel
Sud realt manifatturiere moderne
dallindustria automobilistica, alla
farmaceutica, allaerospaziale.
Grandi investimenti sono stati
realizzati dalla Fiat a Pomigliano
e Melfi, dallAlenia in Puglia
e Campania. Che senso ha
paragonare alla gracile economia
ellenica quella meridionale?
Una economia, ha ricordato
efficacemente Federico Pirro, che
fornisce allintero paese dallacciaio
agli autoveicoli, dallenergia al
40% dellagroalimentare, dalle
navi ai prodotti farmaceutici.
Altro che Grecia! E tuttavia i
problemi restano e la loro mancata
soluzione compromette lavvenire
delle regioni meridionali.
Ci che va sottolineato non
tanto il persistere del divario
con il Centro-Nord, quanto la
debolezza dei segnali di uno
sviluppo autonomo del Sud.
Uno sviluppo che possa ridurre
la dipendenza da trasferimenti
esterni e innescare una crescita
capace di autosostenersi.
Perch le regioni meridionali
non hanno fatto progressi
adeguati su questa strada? Ecco
linterrogativo da cui partire.
Segue a pag 2

Norberto Bobbio

due valori della libert e


delleguaglianza si richiamano
luno con laltro nel pensiero
politico e nella storia. Sono radicati
entrambi nella considerazione delluomo
come persona. Appartengono
entrambi alla determinazione del
concetto di persona umana, come
essere che si distingue o pretende di
distinguersi da tutti gli altri esseri
viventi. Libert indica uno stato,
eguaglianza un rapporto. Luomo
come persona, o, per essere
considerato come persona, deve
essere, in quanto individuo nella sua
singolarit, libero, in quanto essere
sociale, deve essere con gli altri individui
in un rapporto di eguaglianza.
Libert et Egalit. La Fraternit
appartiene a un altro linguaggio, pi
religioso che politico. Eguaglianza
viene spesso sostituito con Giustizia
nel binomio Giustizia e Libert. Ma
in questo binomio Giustizia precede
Libert. Solo per ragioni di migliore
assonanza? La precedenza delluna
o dellaltra parola dipende anche dal
contesto storico. Le vittime di un
potere oppressivo chiedono prima
di tutto di essere liberi. Rispetto a un
potere arbitrario invocano giustizia.
Di fronte a un potere dispotico, che
sia insieme oppressivo e arbitrario, la
richiesta di libert non pu andar
disgiunta da quella di giustizia.
Segue a pag 18

Staino

Riforme, sfida aperta


anche contro Napolitano
Dalla minoranza Pd
emendamenti per il Senato
elettivo
Neanche un intervento di Napolitano
(sulle riforme non si torni indietro)
riesce a convincerli. I parlamentari
della minoranza Pd hanno presentato una serie di emendamenti per lelettivit del nuovo Senato. Non cambia niente, si vota e vediamo chi ha i
numeri, dice Renzi. Il quale sottolinea anche che diverse importanti
misure sono state approvate in questi
mesi senza una parte del Pd.
Nel partito ormai alta la tensione
e non viene risparmiato neanche
Napolitano. Il suo appello a evitare
modifiche che potrebbero vanificare
il lavoro fin qui svoltoviene criticato
da diversi esponenti della minoranza. E Grasso sottolinea: mia lultima parola P. 9

Locarno: cinquemila rose per Meryl Streep, rockstar mancata P. 21

La Rai di
DallOrto: pi
magra e con
meno talk
Victoria Cabello:
Svecchier quel
pachiderma P. 8

Oltre 1 miliardo
contro il
dissesto
idrogeologico
Il Presidente emerito. Giorgio
Napolitano. Foto: Ansa

S dei sindacati: cantieri


aperti 24 ore su 24 per finire
prima le opere P. 10-11