Sie sind auf Seite 1von 1

Ges insegnava loro come uno che ha autorit

Mt 7,21-29
21In quel tempo, Gesu? disse ai suoi discepoli: Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrer nel regno dei
cieli, ma colui che fa la volont del Padre mio che nei cieli. 22In quel giorno molti mi diranno: Signore, Signore,

non abbiamo forse profetato nel tuo nome? E nel tuo nome non abbiamo forse scacciato demni? E nel tuo
nome non abbiamo forse compiuto molti prodigi?. 23Ma allora io dichiarer loro: Non vi ho mai conosciuti.
Allontanatevi da me, voi che operate l'iniquit!. 24Perci chiunque ascolta queste mie parole e le mette in
pratica, sar simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. 25Cadde la pioggia, strariparono
i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perch era fondata sulla roccia. 26
Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sar simile a un uomo stolto, che ha costruito la
sua casa sulla sabbia. 27Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa,
ed essa cadde e la sua rovina fu grande.
28Quando Ges ebbe terminato questi discorsi, le folle erano stupite del suo insegnamento: 29egli infatti
insegnava loro come uno che ha autorit, e non come i loro scribi.

A conclusione del discorso della montagna Ges espone un criterio semplicissimo per verificare se lo abbiamo
ascoltato: siamo disposti a mettere in pratica le sue parole? Non basta stupirsi per lautorevolezza del suo insegnamento,
se poi esso resta lettera morta, privo di effetto sulla nostra vita
Per ben nove volte in Mt 7,13-27 si ripete il verbo fare; se davvero crediamo in Ges, siamo chiamati a operare una
scelta decisiva:
- o la porta (la via) stretta o la porta (la via) larga (vv. 13-14);
- o lalbero buono o lalbero cattivo (vv. 15-20);
- o il fare la volont del Padre o il dire senza fare;
- o la casa sulla roccia o la casa sulla sabbia.
Ogni commento a queste ultime due alternative deve guardarsi dallattutire la semplice nettezza e la netta semplicit
delle parole di Ges.
Quanto alla prima, la si pu chiosare con un altro monito di Ges: Chiunque fa la volont del Padre mio che nei cieli,
egli per me fratello, sorella e madre (Mt 12,50). Ma Ges si mostra ancor pi fine, perch semplicit non
sinonimo di grossolanit! Per questo aggiunge: In quel giorno molti mi diranno. Il suo sottile discernimento
smaschera una forma di ipocrisia tipicamente religiosa: si pu presumere di agire in nome di Cristo e invece ingannarsi;
ossia, di nuovo, non fare la volont del Padre. Non basta compiere gesti prodigiosi, perch queste opere possono
trasformarsi in idoli seducenti in quanto creati dalle nostre mani, in azioni che mirano a dare gloria a chi le compie. No,
ci che il Padre vuole la misericordia: lannuncio della misericordia di Dio che deve trasparire dalla nostra prassi,
ed solo su questo che saremo giudicati nellultimo giorno. Allora afferma Agostino molti che pensavano di essere
dentro saranno trovati fuori, e viceversa! Come? Quando sentiranno Ges proclamare: Ho avuto fame e mi avete dato
da mangiare Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli pi piccoli, lavete fatto a me (Mt 25,35.40).
Infine, chi ascolta le parole di Ges e cerca di metterle in pratica, edifica saldamente la propria casa sulla roccia che
Ges stesso; chi invece ascolta e non fa un uomo stolto, il quale non si rende conto che la propria casa andr in rovina
quando, come prima o poi accade nella vita, giunger la tempesta, perch le sue fragili fondamenta sono poste sulla
sabbia. Dai loro frutti li riconoscerete, aveva detto Ges (Mt 7,20); da ci che resta della casa dopo la tempesta
saremo riconosciuti, potremmo parafrasare ora. E si noti: la differenza tra i due tipi umani non sta in un diverso ascolto,
ma in qualcosa di successivo: sapienza ascoltare e fare; stoltezza ritenere che basti una comprensione
intellettuale
Vale sempre limpegno assunto dal popolo credente nellora dellalleanza al Sinai: Tutto ci che il Signore ha detto, noi
lo faremo e quindi lo ascolteremo (Es 24,7), ovvero lo conosceremo e lo capiremo nel metterlo in pratica. Altrimenti
saranno state solo parole, parole, parole
Fratel Ludwig

Monastero di Bose - Pagina 1 di 1