Sie sind auf Seite 1von 27

La Grande Quaresima

Ufficio dellAkathistos
Nella quinta settimana della Grande Quaresima

SantAtanasio dei Greci


Via del Babuino 149
Roma
2014

Ufficio dellAkathistos
Sac.: Benedetto il Dio nostro in ogni tempo, ora e sempre nei secoli dei secoli.
Coro: Amn.
Coro: Amen.
Sac.: Gloria a te, Dio nostro, gloria a te.
Re celeste, Paraclito, Spirito della verit, tu che ovunque sei e tutto riempi, tesoro dei
beni ed elargitore di vita, vieni e poni in noi la tua dimora, purificaci da ogni macchia
e salva, o buono, le anime nostre.
Lettore: Santo Dio, santo forte, santo immortale, abbi piet di noi. (3 volte.)
Gloria al Padre e al Figlio e al santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen.
Santissima Trinit, abbi piet di noi; Signore, placati di fronte ai nostri peccati; Sovrano, perdonaci le nostre iniquit; o santo, visitaci nelle nostre infermit e guariscici per
il tuo nome.
Signore, piet; Signore, piet; Signore, piet.
Gloria ora e sempre
Padre nostro che sei nei cieli,
Sac.: Poich tuoi sono il regno, la potenza, la gloria: del Padre, del Figlio e del santo
Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli.
Coro: Amn.
Coro: Amen.
Lettore: Signore piet (12 volte)
Gloria ora e sempre
Venite, adoriamo e prostriamoci al Re, nostro Dio.
Venite, adoriamo e prostriamoci al Cristo Re, nostro Dio.
Venite, adoriamo e prostriamoci a lui, il Cristo Re e Dio
Salmo 50
Piet di me, o Dio, secondo la tua grande misericordia, e secondo la moltitudine delle
tue compassioni, cancella il mio delitto.
Lavami del tutto dalla mia iniquit e purificami dal mio peccato.
Poich la mia iniquit io conosco, e il mio peccato dinanzi a me in ogni tempo.
Contro te solo ho peccato, e il male davanti a te ho fatto: cos che tu sia riconosciuto
giusto nelle tue parole, e vinca quando sei giudicato.
Ecco che nelle iniquit sono stato concepito, e nei peccati, nel piacere, mi ha concepito
mia madre.
Ecco, la verit hai amato: le cose occulte e i segreti della tua sapienza mi hai manifestato.
Mi aspergerai con issopo e sar purificato; mi laverai, e sar fatto pi bianco della
neve.
Mi farai udire esultanza e gioia, esulteranno le ossa umiliate.
Distogli il tuo volto dai miei peccati, e cancella tutte le mie iniquit.
Un cuore puro crea in me, o Dio, e uno spirito retto rinnova nelle mie viscere.
Non rigettarmi dal tuo volto, e il tuo spirito santo non togliere da me.

Rendimi lesultanza della tua salvezza, e confermami con lo spirito che guida.
Insegner agli iniqui le tue vie, e gli empi a te ritorneranno.
Liberami dal sangue, o Dio, Dio della mia salvezza, e la mia lingua celebrer con esultanza la tua giustizia.
Signore, apri le mie labbra, e la mia bocca proclamer la tua lode.
Certo, se tu avessi voluto un sacrificio, lo avrei dato: di olocausti non ti compiacerai.
Sacrificio a Dio uno spirito contrito: un cuore contrito e umiliato Dio non lo disprezzer.
Benefica, Signore, nel tuo compiacimento, Sion, e siano edificate le mura di Gerusalemme.
Allora ti compiacerai del sacrificio di giustizia, delloblazione e di olocausti; allora offriranno vitelli sul tuo altare.
Salmo 69
O Dio, volgiti in mio aiuto; Signore, affrettati ad aiutarmi.
Siano confusi e svergognati quelli che cercano lanima mia; siano respinti indietro e
restino confusi quelli che vogliono per me il male.
Siano respinti allistante, confusi, quelli che mi dicono: Bene, bene!
Esultino e si allietino in te tutti quelli che ti cercano, o Dio, e dicano sempre: Sia magnificato il Signore, quelli che amano la tua salvezza.
Ma io sono povero e misero: o Dio, aiutami. Mio aiuto e mio liberatore sei tu, Signore,
non tardare.
Salmo 142
Signore, ascolta la mia preghiera, porgi lorecchio alla mia supplica nella tua verit;
esaudiscimi nella tua giustizia.
E non entrare in giudizio con il tuo servo, perch non sar giustificato davanti a te alcun vivente.
S, il nemico ha perseguitato lanima mia, ha umiliato fino a terra la mia vita, mi ha
fatto sedere in luoghi tenebrosi, come i morti dai tempi antichi.
Si abbattuto in me il mio spirito, in me si turbato il mio cuore.
Mi sono ricordato dei giorni antichi e ho meditato su tutte le tue opere: sulle azioni
delle tue mani meditavo.
Ho teso a te le mie mani; la mia anima, davanti a te, come terra senzacqua.
Presto esaudiscimi, Signore, venuto meno il mio spirito; non distogliere da me il tuo
volto, perch sarei simile a quelli che scendono nella fossa.
Fammi sentire al mattino la tua misericordia, perch in te ho sperato; fammi conoscere, Signore, la via su cui camminare, perch a te ho levato lanima mia.
Strappami ai miei nemici, Signore, perch in te mi sono rifugiato.
Insegnami a fare la tua volont, perch tu sei il mio Dio; il tuo spirito buono mi guider nella via retta.
Per amore del tuo nome, Signore, mi farai vivere; nella tua giustizia trarrai dalla tribolazione lanima mia.
Nella tua misericordia sterminerai i miei nemici e farai perire tutti quelli che oppri-

mono lanima mia, perch io sono tuo servo.


Piccola Dossologia
Lettore: Gloria a Dio nel pi alto dei cieli, pace sulla terra, e per gli uomini benevolenza.
Noi ti celebriamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie
per la tua grande gloria.
Signore, Re del cielo, Dio Padre onnipotente; Signore, Figlio unigenito, Ges Cristo, e
santo Spirito.
Signore Dio, agnello di Dio, Figlio del Padre, tu che togli il peccato del mondo abbi
piet di noi: tu che togli i peccati del mondo.
Accogli la nostra supplica, tu che siedi alla destra del Padre, e abbi piet di noi.
Perch tu solo sei santo, tu solo Signore, Ges Cristo, a gloria di Dio Padre. Amin.
Ogni giorno ti benedir, e loder il tuo nome in eterno e nei secoli dei secoli.
Signore, ti sei fatto nostro rifugio di generazione in generazione. Io ho detto: Signore,
abbi piet di me, sana lanima mia perch ho peccato contro di te.
Signore, in te mi sono rifugiato: insegnami a fare la tua volont, perch tu sei il mio
Dio.
Poich presso di te la sorgente della vita, nella tua luce vedremo la luce.
Dispiega la tua misericordia per quelli che ti conoscono.
Concedici, Signore, in questa notte, di essere custoditi senza peccato.
Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri, degno di lode e glorificato il tuo nome nei secoli. Amin.
Sia la tua misericordia, Signore, su di noi, come in te abbiamo sperato.
Benedetto sei tu, Signore: insegnami i tuoi decreti.
Benedetto sei tu, Sovrano, dammi lintelligenza dei tuoi decreti.
Benedetto sei tu, Santo, illuminami con i tuoi decreti.
Signore, la tua misericordia in eterno, le opere delle tue mani non trascurare.
A te si addice la lode, a te si addice linno, a te si addice la gloria: al Padre, al Figlio e
al santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Simbolo niceno-costantinopolitano
Lettore: Credo in un solo Dio
Lettore: veramente cosa degna proclamarti beata, o Madre di Dio, sempre beata e
tutta immacolata, Madre del nostro Dio. Pi venerabile dei cherubini, incomparabilmente pi gloriosa dei serafini, tu che senza corruzione hai generato il Verbo Dio,
realmente Madre di Dio, noi ti magnifichiamo.
Tropario aftmelon. Tono pl. 4.

Per due volte lentamente, la terza in forma semplice

Coro: To prostachthn mistiks, lavn en


ghnsi, en ti skin tu Iosf, spudh epsti,
o Asmatos lgon ti Apirogmo, o klnas
ti katavsi tus urans, chorte anallitos
los en si. n ke vlpon en mtra su, la-

Coro: Conosciuto lordine che gli era stato dato segretamente, sollecito giunse
lincorporeo alla dimora di Giuseppe e
disse allignara di nozze: Colui che ha
piegato i cieli con la sua discesa, immuta-

vnda dhlu morfn, exstame kravgzin bile, tutto contenuto in te; e io vedendo
si, chre, Nmfi anmfefte! (3)
nel tuo grembo lui, che ha preso forma di
servo, in profondo stupore a te esclamo:
Gioisci, sposa senza nozze. (3 volte)

STASI 1

Il sacerdote, stando davanti allicona della Ss.ma Madre di Dio intona la


Stanza 1.
Sac.: nghelos protosttis, uranthen
epmfthi, ipn ti Theotko to Chre (3) ke
sin ti asomto fon, somatmenn se
theorn Krie, exstato ke stato,
kravgzon pros aftn tifta.
Chre, dhi' is i char eklmpsi, chre, dhi'
is i ar eklpsi.
Chre, tu pesndos , Adhm i anklisis,
chre ton dhakron tis Evas i ltrosis.
Chre, psos dhisanvaton anthropnis
loghisms, chre, vthos dhistheriton ke
Anghlon ofthalms.
Chre, ti iprchis Vasilos kathdhra,
chre, ti vastzis ton vastzonda pnda.
Chre, astr emfnon ton lion, chre, gastr enthu sarkseos.
Chre, dhi' is neurghte i ktsis, chre, dhi'
is vrefurghte Ktstis.
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 2.
Sac.: Vlpusa i Agha, eaftn en aghna, fis to Gavril tharsalos. To pardhoxn su
tis fons, dhispardhektn mu ti psich
fnete, aspru gar sillpseos tin kisin pos
lghis; krzon, Allilia.

Sac.: Il primo degli angeli fu inviato dal


cielo a dire Gioisci, alla Madre di Dio,
(3) e vedendo te, o Signore, che allincorporeo suono della voce, assumevi un
corpo, ristette attonito, a lei cos acclamando:
Gioisci, tu per cui risplender la gioia;
gioisci, tu per cui cesser la maledizione.
Gioisci, tu che richiami dallesilio il caduto Adamo; gioisci, riscatto delle lacrime
di Eva.
Gioisci, altezza inaccessibile ai pensieri
umani; gioisci, profondit imperscrutabile anche agli occhi degli angeli.
Gioisci, tu che sei trono del Re; gioisci,
perch porti colui che tutto porta.
Gioisci, stella che manifesti il sole; gioisci,
grembo della divina incarnazione.
Gioisci, tu per cui si rinnova la creazione;
gioisci, tu per cui si fa bambino il Creatore.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Sac.: Vedendosi, la santa, nella sua castit, con ardire dice a Gabriele: Il paradosso della tua parola appare inammissibile
allanima mia. Tu parli di parto da una
concezione senza seme!, e acclami: Alleluia!
Coro: Alleluia, Alleluia!

Coro: Allilia, Allilia.


Stanza 3.
Sac.: Ghnsin ghnoston ghnne, i Par- Sac.: Cercando la Vergine di conoscere
thnos zitsa, evise pros ton liturgnda: una scienza sconosciuta, esclam rivolta

Ek lagnon aghnn, Iin pos esti techth- al sacro ministro: Dal mio grembo casto,
ne dhinatn, lxon mi. Prs in eknos fi- com possibile che un figlio sia partorisen en fvo , pln kravgzon to,
to? Dimmelo! Ed egli a lei rispose, con
santo timore cos acclamando:
Chre, vuls aporrtu mstis, chre, sighs Gioisci, iniziata a ineffabile consiglio;
dheomnon pstis.
gioisci, prova di eventi che richiedono silenzio.
Chre, ton thavmton Christ to prmion, Gioisci, preludio dei prodigi di Cristo;
chre, ton dhoghmton aft to kefleon.
gioisci, compendio dei suoi dogmi.
Chre, klmax epurnie, dhi ' is katvi o Gioisci, celeste scala, per la quale disceThes, chre ghfira metgusa tus ek ghis so Dio; gioisci, o ponte che fai passare i
pros urann,
figli della terra al cielo.
Chre, to ton Anghlon polithrliton Gioisci, meraviglia decantata dagli angeli;
thvma, chre, to ton dhemnon po- gioisci, dei demoni lamentata sconfitta.
lithrniton trvma,
Chre, to Fos arrtos ghennsasa, chre, to Gioisci, tu che ineffabilmente hai generapos midhna dhidhxasa.
to la luce; gioisci, tu che a nessuno hai indicato il come.
Chre, sofn ipervnusa ghnsin. chre, Gioisci, tu che superi la scienza dei sapistn katavgzusa frnas.
pienti; gioisci, tu che rischiari il cuore dei
credenti.
Chre, Nmfi anmfefte.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Stanza 4.
Sac.: Dhnamis tu Ipsstu, epeskase tte, Sac.: La potenza dellAltissimo adombr
pros sllipsin ti Apirogmo. ke tin evkar- allora lignara di nozze s chessa concepon tftis nidhn, os agrn ipdhixen pisse, e del suo grembo fecondo fece un
idhn pasi, tis thlusi therzin sotiran, ameno campo per quanti vogliono mieen to psllin tos. Allilia.
tervi salvezza, cos cantando:
Alleluia!
Coro: Allilia. Allilia.
Coro: Alleluia! Alleluia!
Stanza 5.
Sac.: chusa theodhchon, i Parthnos tin Sac.: Con Dio nel suo grembo, corse la
mtran, andhrame pros tin Elisvet, to Vergine da Elisabetta, e il bambino di lei,
dhe vrfos eknis efths, epighnn ton subito riconoscendo il suo saluto, gio, e
tftis aspasmn, chere! ke lmasin os con salti, come con cantici, esclamava alla
smasin, eva pros tin Theotkon.
Madre di Dio:
Chre, vlast amarndu klma, chre, Gioisci, virgulto di pianta che non appaskarp akirtu ktma,
sisce; gioisci, possesso di frutto puro.
Chre, gheorgn gheorgsa filnthropon, Gioisci, tu che coltivi il coltivatore amico
chre, fiturgn tis zos imn fusa.
degli uomini; gioisci, tu che generi colui
che genera la nostra vita.

Chre, rura vlastnusa evforan, iktirmn, chre, trpeza vastzusa efthinan


ilasmn.
Chre, ti limna tis trifs anathllis, chre, ti limna ton psichn etimzis.

Gioisci, terreno che produci abbondanza


di misericordia; gioisci, mensa che porti
copia di perdono.
Gioisci, perch fai rifiorire il giardino di
delizie; gioisci, perch prepari il porto
delle anime.
Chre, dhektn presvas thimama, chre, Gioisci, gradito incenso di intercessione;
pands tu ksmu exlasma.
gioisci, propiziazione del mondo intero.
Chre, The pros thnits evdhoka, chre, Gioisci, benevolenza di Dio per i mortali;
thnitn pros Then parrisa.
gioisci, fiducia dei mortali in Dio.
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 6.
Sac.: Zlin ndhothen chon, loghismn
amfivlon, o sfron Iosf etarchthi, pros
tin gamn se theorn, ke klepsgamon
iponon membte, mathn dhe su tin
sllipsin ek Pnevmatos aghu, fi. Allilia.
Coro: Allilia. Allilia.
Ode 1.: Cantico di Mos.
Coro: Anxo to stma mu, ke plirothsete
pnevmatos, ke lgon erevxome, ti vasildhi Mitr, ke ofthsome, fedhrs panighirzon, ke so ghithmenos, tftis ta
thvmata (2)
Iperagha Theotke, sson ims.
Christ vvlon mpsichon, esfraghismnin se Pnevmati, O mgas Archnghelos,
Aghn themenos, epefni si, Chre chars dhochon, dhi' is tis Promtoros ar lithsete.
Iperagha Theotke, sson ims.
Adhm epanrthosis, chre Parthne
Thenimfe, tu dhu i Ankrosis, chre
panmome, to paltion, tu mnu Vasilos. chre thrne prine, tu Pandokrtoros.
Dhxa...
Rdhon to amrandon, chre i mni
vlastsasa, to mlon to evosmon, chre i

Gioisci, sposa senza nozze!


Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Sac.: Avendo nellintimo una tempesta di
contrastanti pensieri, il casto Giuseppe
rest turbato, vedendoti non maritata e
sospettando ununione furtiva, o irreprensibile. Ma, conosciuto il tuo concepimento da Spirito santo, disse: Alleluia!
Coro: Alleluia! Alleluia!
Coro: Aprir la mia bocca, si colmer di
Spirito, e proferir un discorso per la regina Madre: mi mostrer gioiosamente in
festa e canter lieto le sue meraviglie. (2)
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Il grande arcangelo, o pura, contemplandoti quale vivente libro di Cristo sigillato
dallo Spirito, cos a te si rivolgeva: Gioisci, ricettacolo di gioia, tu per cui sar
abolita la maledizione della progenitrice.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
O restaurazione di Adamo, gioisci, Vergine sposa di Dio, morte dellAde; gioisci,
o tutta immacolata, reggia dellunico Re;
gioisci, igneo trono dellonnipotente.
Gloria...
Gioisci, o sola che sei sbocciata come rosa
che non appassisce; gioisci, tu che hai ge-

txasa, to osfrdhion, tu pndon Vasilos, nerato il melo odoroso, o profumato


chre apirgame, ksmu dhisosma.
mazzo floreale del Re di tutti; gioisci,
ignara di nozze, salvezza del mondo.
Ke nin...
Ora e sempre...
Aghnas thisvrisma, chre dhi' is ek tu Gioisci, tesoro di castit: grazie a te siamo
ptmatos, imn exanstimen, chre stati risollevati dalla nostra caduta; gioiidhpnoon, krnon Dhspina, pists evo- sci, giglio olezzante che profumi i fedeli,
dhizon, thimama evosmon, mron pol- o Sovrana: incenso fragrante, preziosistimon.
simo unguento.
Ode 3.: Cantico di Anna
Coro: Tus sus imnolgus Theotke, os Coro: Quale sorgente viva e copiosa, o
zsa ke fthonos pigh, thason sinkrot- Madre di Dio, rafforza i tuoi cantori, che
sandas, pnevmatikn steroson, ke en allestiscono per te una festa spirituale; e
tha dhxi su, stefnon dhxis axoson
nel giorno della tua divina memoria rendili degni di corone di gloria.
Iperagha Theotke, sson ims.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Stchin i vlastsasa ton thon, os chra Tu, terra non arata che hai prodotto la
anrotos safs, chre mpsiche trpeza, spiga divina, gioisci, mensa vivente che
rton zos chorsasa, chre tu zndos accogli il pane della vita; gioisci, fonte
dhatos, pigh aknotos Dhspina.
inesauribile di acqua viva, o Sovrana.
Iperagha Theotke, sson ims.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Dhmalis ton mschon i teksa, ton Gioisci, giovenca che hai partorito per i
momon, chre tis pists, chre amns fedeli il vitello senza macchia; gioisci,
Kisasa, The amnn ton ronda, ksmu agnella che hai generato lagnello che
pands ta ptsmata, chre thermn porta le colpe di tutto il mondo; gioisci,
ilastrion.
fervente propiziatorio.
Dhxa...
Gloria...
rthros fains chre i mni, ton lion Gioisci, luminoso mattino, tu che sola
frusa Christn, fots katikitrion, chre porti il Cristo Sole, o abitacolo di luce;
to sktos lsasa, ke tus zofdhis dhmo- gioisci, tu che dissipi le tenebre, e totalnas, olotels ekmisasa.
mente annienti i tenebrosi demoni.
Ke nin...
Ora e sempre...
Chre pli mni in o Lgos, dhidhevse Gioisci, unica porta che il Verbo unicamnos i mochls, ke plas dhu Dhspi- mente ha attraversato, tu che col tuo parna, to tko su sindrpsasa, chre i tha to hai infranto le sbarre e le porte dellAsodhos, ton sozomnon panmnite.
de, o Sovrana; gioisci, divino ingresso dei
salvati, o degna di ogni canto.
Kondkion. Tono pl. 4.
Coro: Ti ipermcho stratig ta nikitria, os Coro: A te, conduttrice di schiere che mi
litrothsa ton dhinn, evcharistria, ana- difendi, io, la tua citt, grazie a te riscattagrfo si i Plis su, Theotke, all' os chusa ta da tremende sventure, o Madre di Dio,
to krtos aprosmchiton, ek pandon me dedico questi canti di vittoria in rendi-

10

kindhnon elefthroson na krzo si, Ch- mento di grazie. E tu che possiedi linvinre, Nmfi anmfefte.
cibile potenza, liberami da ogni specie di
pericolo, affinch a te io acclami: Gioisci,
sposa senza nozze.

STASI 2

Il sacerdote, stando davanti allicona della Ss.ma Madre di Dio:


Stanza 7.
Sac.: kusan i pimnes ton Anghlon imnndon tin nsarkon Christ parusan, ke
dhramndes os pros pimna, theorsi
tton os amnn momon, en ti gatr
Maras Voskithnda, in imnndes pon,
Chre, amn ke pimnos mtir, chre, avl
loghikn provton.
Chre, aorton echthrn amindrion, chre, Paradhsu thirn aniktrion.
Chre, ti ta urnia sinagllete ti ghi, chre, ti ta epghia sinchorevi urans.
Chre, ton Apostlon to asghiton stma,
chre, ton athlofron to ankiton thrsos.
Chre, sterrn tis psteos risma, chre,
lambrn tis chritos ghnrisma.
Chre, dhi' is eghimnthi o dhis, chre,
dhi' is enedhthimen dhxan.
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 8.
Sac.: Theodhrmon astra theorsandes
Mghi, ti ttu ikolthisan ghli, ke os lchnon kratndes aftn, dhi' aft irevnon
kraten nakta, ke fthsandes ton fthaston, echrisan Aft vondes, Allilia.

Sac.: Udirono i pastori gli angeli che cantavano la venuta di Cristo nella carne, e
corsi a vedere il pastore, lo contemplano
agnello immacolato, che aveva avuto per
pascolo il grembo di Maria, e a lei inneggiando dissero:
Gioisci, Madre dellagnello e del pastore;
gioisci, ovile delle pecore razionali.
Gioisci, riparo da invisibili nemici; gioisci, tu che apri le porte del paradiso.
Gioisci, perch le regioni celesti esultano
con la terra; gioisci, perch le regioni terrestri fanno coro con le celesti.
Gioisci, o tu, degli apostoli bocca che non
tace; gioisci, dei vittoriosi martiri invitto
coraggio.
Gioisci, saldo sostegno della fede; gioisci,
fulgido segno della grazia.
Gioisci, tu per cui fu spogliato lAde;
gioisci, tu per cui noi fummo rivestiti di
gloria.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Sac.: Veduta la stella che guidava a Dio, i
magi seguirono la sua luce, e tenendola
come una lucerna, con essa rintracciarono
il potente Principe; e raggiunto
lirraggiungibile gioirono, a lui acclamando: Alleluia!
Coro: Alleluia, Alleluia!

Coro: Allilia Allilia.


Stanza 9.
Sac.: dhon pdhes Chaldhon, en chers Sac.: Videro i figli dei caldei nelle mani
tis Parthnu, ton plsanda chir tus an- della Vergine colui che di sua mano ave-

11

thrpus, ke Dhesptin nondes aftn, i va plasmato gli uomini, e comprendendo


ke dhlu lave morfn, spevsan tis dh- che era il Sovrano, anche se aveva preso
ris therapevse ke vose ti Evloghimni,
forma di servo, si affrettarono a onorarlo
con doni, e ad esclamare alla benedetta:
Chre, astros adhtu Mtir, chre, avgh Gioisci, Madre di astro che non tramonta;
mistiks imras.
gioisci, chiarore di mistico giorno.
Chre, tis aptis tin kminon svsasa, Gioisci, tu che hai spento la fornace
chre, tis tridhos tus mstas fotzusa.
dellinganno; gioisci, tu che illumini gli
iniziati della Trinit.
Chre, trannon apnthropon ekvalsa tis Gioisci, tu che hai espulso dal suo domiarchs, chre, Krion filnthropon epidh- nio il tiranno nemico degli uomini; gioixasa Christn.
sci, tu che hai mostrato il Cristo, il Signore amico degli uomini.
Chre, i tis varvru litrumni thriskas, Gioisci, tu che riscatti da barbari culti;
chre, i tu vorvru riomni ton rgon.
gioisci, tu che liberi da opere di fango.
Chre, pirs prosknisin pvsasa, chre, Gioisci, tu che hai posto fine alladoraflogs pathn apalltusa.
zione del fuoco, gioisci tu che liberi dalla
fiamma delle passioni.
Chre, pistn odhigh sofrosnis, chre, Gioisci guida di castit per i credenti;
pasn ghenen evfrosni.
gioisci, letizia di tutte le generazioni.
Chre, Nmfi anmfefte.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Stanza 10.
Sac.: Krikes theofri ghegonndes i Sac.: Divenuti i magi araldi tefori, ritorMghi, ipstrepsan is tin Vavilna, ek- narono a Babilonia, compiendo il tuo oratelsands su ton chrismn ke kirxands colo, e a tutti proclamando che tu sei il
se ton Christn pasin, afndes ton Ird- Cristo, noncuranti di Erode vaniloquente
hin os lirdhi, mi idhta psllin. Allilia
che non seppe cantare:
Alleluia!
Coro: Allilia, Allilia .
Coro: Alleluia, Alleluia!
Stanza 11.
Sac.: Lmpsas en ti Eghpto fotismn ali- Sac.: Fatta risplendere in Egitto la luce
thas, edhoxas tu psevdhus to sktos, ta della verit, hai fugato la tenebra della
gar dhola tftis, Sotr, mi ennkand su menzogna: caddero infatti gli idoli
tin ischn pptoken, i tton dhe risthn- dellEgitto, o Salvatore, non resistendo aldes evon pros tin Theotkon,
la tua forza, e quelli che da essi furono liberati, acclamavano alla Madre di Dio:
Chre, anrthosis ton anthrpon, chre, Gioisci, tu per cui si risollevano i mortali;
katposis ton dhemnon.
gioisci tu per cui cadono i demoni.
Chre, tis aptis tin plnin patsasa, ch- Gioisci, tu che hai calpestato il potere
re, ton idhlon ton dhlon elghxasa.
dellerrore; gioisci, tu che hai smascherato
la frode degli idoli.

12

Chre, thlassa pondsasa Fara ton noton, chre, ptra i potsasa tus dhipsndas tin zon.
Chre, prine stle, odhign tus en skti,
chre, skpi tu ksmu, platitra neflis

Gioisci, mare che hai sommerso il faraone


spirituale; gioisci, roccia che hai abbeverato quanti avevano sete di vita.
Gioisci, colonna di fuoco che guidi quanti
sono nella tenebra; gioisci, o riparo del
mondo, pi ampio della nube.
Chre, trof tu mnna dhidhoche, chre, Gioisci, nutrimento che succedi alla mantrifs aghas dhikone.
na; gioisci, dispensiera di santa delizia.
Chre, i Ghi tis epanghelas, chre, ex is Gioisci, terra della promessa; gioisci, tu
ri mli ke gla.
da cui scorre latte e miele.
Chre, Nmfi anmfefte.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Stanza 12.
Sac.: Mllondos Simenos tu parndos
enos methstasthe tu apatenos, epedhthis os vrfos aft, all' eghnsthis tto
ke Thes tlios, dhiper exeplghi su tin
rriton sofan, krzon, Allilia
Coro: Allilia, Allilia.
Ode 4. : Cantico di Abacuc.
Coro: O kathmenos en dhxi ep thrnu
thetitos, en nefli kfi, lthen Iiss o
iprtheos, ti akirto palmi, ke dhisose,
tus kravgzondas. Dhxa Christ, ti dhinmi su.
Iperagha Theotke, sson ims.
En fons asmton psti, si vomen Panmnite, Chre pon ros, ke tetiromnon
en Pnevmati, chre lichna ke stmne,
Mnna frusa, to ghliknov, ta ton evsevn esthitria.
Iperagha Theotke, sson ims.
Ilastrion tu ksmu, chre chrande
Dhspina, chre klmax ghthen, pndas
anipssasa chriti, chre i ghfira ndos, i
metgusa, ek thantu pndas, pros zon
tus imnnds se.
Iperagha Theotke, sson ims.

Sac.: Mentre Simeone stava per lasciare il


presente mondo fallace, gli fosti dato come bambino, ma da lui fosti riconosciuto
anche come Dio perfetto; egli stup per la
tua ineffabile sapienza e gridava: Alleluia!.
Coro: Alleluia, Alleluia!
Coro: Colui che siede nella gloria sul trono della divinit, Ges, Dio trascendente
ogni pensiero, venuto su nube leggera,
con la sua forza immacolata, e ha salvato
quanti acclamano: Gloria, o Cristo, alla
tua potenza.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Tra voci di canto, con fede a te acclamiamo, o degna di ogni canto: Gioisci, monte
pingue, e per virt dello Spirito coagulato
gioisci, lampada e urna portatrice della
manna che infonde dolcezza ai sensi dei
fedeli.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Gioisci, propiziatorio del mondo, o Sovrana immacolata; gioisci, scala che per
grazia tutti eleva dalla terra; Gioisci, o
ponte che davvero fa passare dalla morte
alla vita tutti coloro che ti cantano.
Santissima Madre di Dio, salvaci.

13

Urann ipsilotra, chre ghis to themlion, en ti si nidhi, chrande akpos vastsasa, chre konchli porfran than vpsasa, ex emton su, to Basil ton Dhinmeon.
Dhxa...
Nomothtin i teksa, aliths chre
Dhspina, ton tas anomas, pndon dhoren exalfonda, akataniton vthos,
psos rriton, apirgame, dhi' is ims
ethethimen.
Ke nin...
Se tin plxasan to ksmo, achirplokon
stfanon, animnologmen, Chre si Parthne kravgzondes, to filaktrion pndon ke charkoma, ke kratoma, ke iern
katafghion.
Ode 5.: Cantico di Isaia.
Coro: Exsti ta smbanda, ep ti tha dhxi
su, si gar, apirgame Parthne, sches en
mtra, ton ep pndon Then, ke ttokas
chronon Iin, psi tis imns se, sotiran
vravevonda.
Iperagha Theotke, sson ims.
Odhn i kisasa, zos chre Panmome, i
kataklism tis amartas, ssasa ksmon,
chre Thenimfe, kusma ke llima friktn, chre endhitima, tu Dhesptu tis
ktseos.
Iperagha Theotke, sson ims.
Ischs ke ochroma, anthrpon chre
chrande, tpe aghismatos tis dhxis,
nkrosis dhu, nimfn olfote, chre ton
Anghlon charmon, chre i vothia, ton
pists dheomnon su.
Iperagha Theotke, sson ims.
Pirmorfon chima, tu Lgu chre
Dhspina, mpsiche Pardhise to xlon,
en mso chon zos ton Krion, u o ghli-

Gioisci, o pi alta dei cieli, tu che hai portato senza fatica nel tuo grembo il fondamento della terra, o immacolata; gioisci, o conchiglia che tingi col tuo sangue
la divina porpora per il Re delle schiere.
Gloria...
Gioisci, o Sovrana, tu che realmente hai
partorito il legislatore che gratuitamente
cancella le iniquit di tutti. O abisso incomprensibile, ineffabile altezza, o ignara
di nozze, tu per cui noi siamo stati deificati!
Ora e sempre
A te noi inneggiamo, a te che hai intrecciato per il mondo una corona non fatta
da mano umana, e a te acclamiamo, o
Vergine: Gioisci! o presidio di tutti, rocca,
luogo trincerato e sacro rifugio.
Coro: Sbigottisce luniverso per la tua divina gloria: tu infatti, Vergine ignara di
nozze, hai portato in seno il Dio che su
tutti domina, e hai partorito il Figlio che
oltre il tempo, e che elargisce salvezza a
tutti quelli che ti cantano.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Gioisci, o tutta immacolata, tu che hai generato la via della vita, che hai salvato il
mondo dal diluvio del peccato; gioisci,
sposa di Dio, portentosa notizia, portentoso racconto; gioisci, soggiorno del Sovrano del creato.
Santissima, Madre di Dio, salvaci.
Fortezza e roccaforte degli uomini, gioisci, o immacolata, luogo di santit della
gloria; morte dellAde, talamo di luce;
gioisci, gaudio degli angeli; gioisci, aiuto
di chi ti invoca con fede.
Santissima, Madre di Dio, salvaci.
Gioisci, Sovrana, igneo cocchio del Verbo,
paradiso vivente che reca nel mezzo
lalbero della vita, il Signore, la cui dol-

14

kasms zoopi, psti tus metchondas, ke


fthor ipokpsandas.
Dhxa...
Ronnmeni sthni su, pists anavomn
si, Chre plis tu Pamvasilos, dhedhoxasmna, ke axikusta, per is lellinde
safs, ros alatmiton, chre vthos amtriton.
Ke nin...
Evrchoron sknoma, tu Lgu chre
chrande, kchlos i ton, thon margartin, proagagsa, chre panthvmaste,
pndon pros Then katallagh ton makarizndon se, Theotke ekstote.
Ode 6.: Cantico di Giona.
Coro: Tin than tftin ke pndimon, telndes eortn i thefrones, tis Theomtoros, dhefte tas chras krotsomen, ton
ex afts techthnda, Then
Iperagha Theotke, sson ims.
Pasts tu Lgu amlinde, eta tis ton
pndon theseos, chre Panchrande, ton
Profitn perichima, chre ton Apostlon,
to enkallpisma.
Iperagha Theotke, sson ims.
Ek su i dhrsos apstaxe, floghmn politheias i lsasa, then vomn si, Chre, o
pkos o ndhrosos, on Ghedhen Parthne, proethesato.
Dhxa...
Idh si Chre kravgzomen, limn imn
ghen thalattevusi ke Ormitrion, en to
pelghi ton thlpseon, ke ton skandhlon
pndon, tu polemtoros.
Ke nin...
Chars eta chartoson, imn ton loghismn tu kravgzin si, Chre i flektos v-

cezza vivifica quanto ne partecipano con


fede, e li sottrae alla corruzione.
Gloria...
Rinvigoriti dalla tua forza, con fede a te
acclamiamo: Gioisci, citt del Re
delluniverso: s, cose gloriose e degne di
fama sono state dette di te; gioisci, montagna non tagliata, gioisci, insondabile
abisso.
Ora e sempre...
Gioisci, immacolata, spaziosa dimora del
Verbo; conchiglia che ha prodotto la divina perla; gioisci, mirabilissima; riconciliazione con Dio di tutti coloro che con
fede, o Madre di Dio, continuamente ti
acclamano beata.
Coro: Celebrando questa divina e venerabilissima festa della Madre di Dio, o voi
che avete senno divino, venite, battiamo
le mani, glorificando Dio che da lei stato
partorito.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Incontaminato talamo del Verbo, causa
della deificazione di tutti, gioisci, o tutta
immacolata, risonante grido dei profeti;
gioisci, decoro degli apostoli.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Da te ha stillato la rugiada, che ha sedato
linfiammazione del politeismo; per questo a te acclamiamo: Gioisci, o vello imbevuto di rugiada, che gi Gedeone, o
Vergine, aveva contemplato.
Gloria...
Ecco, o Vergine, a te noi gridiamo: Gioisci! Sii porto per noi che navighiamo sul
mare, sii luogo di riparo nelloceano delle
tribolazioni e di tutti gli inciampi posti
dallavversario.
Ora e sempre...
O causa di gioia, infondi gioia al nostro
pensiero affinch a te gridiamo: Gioisci,

15

tos nefli Olfote, i tus pists apvstos,


episkizusa.
Kondkion. Tono pl. 4.
Coro: Ti ipermcho stratig ta nikitria, os
litrothsa ton dhinn, evcharistria, anagrfo si i Plis su, Theotke, all' os chusa
to krtos aprosmchiton, ek pandon me
kindhnon elefthroson na krzo si, Chre, Nmfi anmfefte.

roveto incombusto, nube tutta luminosa


che incessantemente adombra i fedeli.
Coro: A te, conduttrice di schiere che mi
difendi, io, la tua citt, grazie a te riscattata da tremende sventure, o Madre di Dio,
dedico questi canti di vittoria in rendimento di grazie. E tu che possiedi
linvincibile potenza, liberami da ogni
specie di pericolo, affinch a te io acclami: Gioisci, sposa senza nozze.

STASI 3.

Il sacerdote, stando davanti allicona della Ss.ma Madre di Dio:


Stanza 13.
Sac.: Nan dhixe ktsin, embansas o
Ktstis, imn tis ip' aft ghenomnis ex
aspru vlastsas gastrs, ke filxas tftin,
sper in, fthoron, na to thvma vlpondes, imnsomen aftn, vondes:
Chre, to nthos tis aftharsas, chre, to
stfos tis enkratas.
Chre, anastseos tpon eklmbusa, chre, ton Anghlon ton von emfnusa.
Chre, dhndhron aglakarpon, ex u
tfonde pist, chre, xlon evskifillon, if'
u skptone poll.
Chre, kioforsa odhign planomnis,
chre, apoghennsa litrotn echmaltis.
Chre, Krit dhiku dhispisis, chre,
polln ptendon sinchrisis.
Chre, stol ton ghimnn parrisas, chre,
storgh pnda pthon niksa.

Sac.: Una nuova creazione rivel il Creatore apparendo a noi nati da lui, poich
germogli da grembo non seminato e lo
serb come era, incorrotto, affinch vedendo il prodigio, inneggiassimo a lei,
acclamando:
Gioisci, fiore di incorruttibilit; gioisci,
corona di continenza.
Gioisci, tu che fai brillare il tipo della risurrezione; gioisci, tu che manifesti la vita
degli angeli.
Gioisci, pianta dal bel frutto, di cui si nutrono i fedeli; gioisci albero dai rami ombrosi, sotto cui molti si riparano.
Gioisci, tu che porti in grembo la guida
degli erranti; gioisci, tu che generi il liberatore dei prigionieri.
Gioisci, supplica che piega il giusto Giudice; gioisci, perdono di molti che sono
caduti.
Gioisci, veste che ridona franchezza agli
ignudi; gioisci, amore che vince ogni desiderio.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!

Chre, Nmfi anmfefte.


Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 14.
Sac.: Xnon tkon idhndes, xenothmen Sac.: Veduto il parto strano, rendiamoci

16

tu ksmu, ton nun is urann metathndes, dhi tto gar o ipsils Thes ep ghis
efni tapins ndropos, vulmenos elkse
pros to psos tus Aft vondas: Allilia.
Coro: Allilia. Allilia.
Stanza 15.
Sac.: los in en tis kto, ke ton no udhlos apn o apergraptos Lgos; sinkatvasis gar theik, u metvasis dhe topik ghgone; ke tkos ek Parthnu
theolptu akusis tfta:
Chre, The achortu chra; chre, sept
mistiru thra.
Chre, ton apston amfvolon kusma;
chre, ton pistn anamfvolon kvchima.
Chre, chima panghion tu ep ton Cheruvm; chre, kima panriston tu ep ton
Serafm.
Chre, i tananda is taft agagsa; chre, i
parthenan ke lochan zevghnsa.

estranei al mondo, trasferendo al cielo


lintelletto: per questo infatti lAltissimo
sulla terra apparso umile uomo, volendo trarre in alto quanti a lui acclamano:
Alleluia!
Coro: Alleluia, Alleluia!

Sac.: Tutto fu quaggi il Verbo incircoscritto, pur senza allontanarsi da lass;


evento di divina condiscendenza, infatti,
non mutamento di luogo fu il parto della
Vergine, che rapita in Dio cos udiva:
Gioisci, spazio di colui che da nulla contenuto; gioisci, porta di sacro mistero.
Gioisci, dubbia novella per gli increduli;
gioisci, certo vanto dei credenti.
Gioisci, cocchio santissimo di colui che
siede sui cherubini; gioisci bellissima dimora di chi sta sopra i serafini.
Gioisci, tu che hai riunito gli opposti in
uno; gioisci, tu che hai congiunto generazione e verginit.
Chre, dhi' is elthi parvasis; chre, dhi' Gioisci, tu per cui stata dissolta la trais inchthi Pardhisos.
sgressione; gioisci, tu per cui stato aperto il paradiso.
Chre, i klis tis Christ vasilas; chre, Gioisci, chiave del regno di Cristo; gioisci,
elps agathn eonon.
speranza di eterni beni.
Chre, Nmfi anmfefte.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Stanza 16.
Sac.: Psa fsis Anghlon kateplghi to Sac.: Tutta la stirpe degli angeli rest atmga tis sis enanthropseos rgon, ton tonita, per la grande opera della tua inaprsiton gar os Then, etheri psi pro- carnazione: poich colui che come Dio
sitn nthropon imn men sindhigonda, inaccessibile, lo vedeva uomo accessibile
akonda dhe par pndon tos; Allilia
a tutti, uomo che insieme a noi viveva,
ma da tutti si sentiva dire: Alleluia!
Coro: Allilia, Allilia.
Coro: Alleluia, Alleluia!
Stanza 17.
Sac.: Rtoras polifthngus os ichthas Sac.: I retori dalle tante parole, come peafnus ormen ep si, Theotke; aporsi sci muti vediamo davanti a te, Madre di
gar lghin to pos ke Parthnos mnis ke Dio, perch sono incapaci di spiegare
tekn schisas; ims dhe to Mistrion tha- come tu resti vergine e hai potuto partori-

17

vmzondes, pists vomen:


Chre, sofas The dhochon, chre, pronas aft tamon.
Chre, filosfrus asfus dhiknusa; chre,
technolgus algus elnchusa.
Chre, ti emornthisan i dhin sizitit;
chre, ti emarnthisan i ton mthon piit.
Chre, ton Athinon tas ploks dhiaspsa; chre, ton alion tas saghnas plirsa.
Chre, vith aghnas exlkusa; chre, polls en ghnsi fotzusa.
Chre, olks ton thelndon sothne; chre, limn tu vu plotron.
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 18.
Sac.: Sse thlon ton ksmon o ton lon
kosmtor, pros tton aftepngheltos lthe,
ke pimn iprchon os Thes, dhi' ims
efni kath' ims nthropos; omo gar to
mion kalsas, os Thes aki; Allilia.

Coro: Allilia, Allilia.


Ode 7.: Cantico dei tre fanciulli.
Coro: Uk eltrevsan, ti ktsi i thefrones,
par ton ktsanda all pirs apiln, andhros patsandes, chrondes psallon. Ipermnite, O ton Patron Krios, ke Thes
evloghits i.
Iperagha Theotke, sson ims.
Animnmn se, vondes Chre chima,
Ilu tu noit, mbelos alithin, ton vtrin
ton ppiron, i gheorghsasa, non stzrnda, ton tas psichs evfrnonda, ton pists

re. Noi invece, ammirando il mistero, acclamiamo con fede:


Gioisci, ricettacolo della sapienza di Dio;
gioisci, celliere delle sua provvidenza.
Gioisci, tu che mostri privi di sapienza i
filosofi; gioisci, tu che dimostri privi di
parole gli esperti nel parlare.
Gioisci, perch sono divenuti stolti i sottili ragionatori; gioisci, perch si sono
estinti i fabbricatori di miti.
Gioisci, tu che sciogli i contorti pensieri
degli ateniesi; gioisci, tu che riempi le reti
dei pescatori.
Gioisci, tu che trai fuori dallabisso
dellignoranza; gioisci, tu che illumini
molti nella conoscenza.
Gioisci, barca di quanti vogliono salvarsi;
gioisci, porto di quanti navigano nella vita.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Sac.: Volendo salvare il mondo, venne in
esso secondo il suo volere, colui che tutto
il creato ha disposto, ed essendo nostro
pastore come Dio, per noi apparve uomo
come noi: come simile, infatti, chiam a
s il proprio simile, e come Dio si sente
dire: Alleluia!
Coro: Alleluia, Alleluia!
Coro: I fanciulli di senno divino non prestarono culto alla creatura in luogo del
Creatore, ma calpestata coraggiosamente
la minaccia del fuoco, cantavano gioiosi:
O celebratissimo, o Signore e Dio dei padri, tu sei benedetto.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Ti celebriamo acclamando: Gioisci, cocchio del sole spirituale, vite vera che hai
coltivato il grappolo ben maturo dal quale stilla il vino che allieta le anime di

18

se dhoxazndon.
Iperagha Theotke, sson ims.
Iatra, ton anthrpon i kisasa chre
Thenimfe, i rvdhos i mistik, nthos to
amrandon, i exanthsasa, chre Dhspina, dhi' is chars plirmetha, ke zon
klironommen.
Iperagha Theotke, sson ims.
Ritorevusa, u sthni ghlssa Dhspina,
imnologhse se, ipr gar ta Serafm,
ipsthis kisasa, ton Vasila Christn, on
ikteve, psis nin vlvis rsasthe, tus pists se proskinndas.
Dhxa...
Evfim se, makarzonda ta prata, ke
anakrzi si. Chre o tmos en o, dhaktlo
enghgrapte, Patrs o Lgos Aghn, on
ikteve, vvlo zos tus dhlus su, katagrpse Theotke.
Ke nin...
I dhl su ke klnomen iketevomen, gni
kardhas imn. Klnon to us su Aghn, ke
sson tus thlpsesi, vithizmenus ims,
ke sindrison, psis echthrn alseos, tin
sin Plin Theotke.
Ode 8.: Cantico delle creature.
Coro: Pdhas evaghs en ti kamno, o
tkos tis Theotku dhiessato, tte men
tipmenos. nin dhe energmenos, tin
ikumnin pasan, aghri psllusan, ton
Krion imnte ta rga, ke iperipste, is
pndas tus enas.
Iperagha Theotke, sson ims.
Nidhi ton Lgon ipedhxo, ton pnda
vastzonda evstasas, glakti exthrepsas, nevmati ton trfonda, tin ikumnin
pasan, Aghn o psllomen. Ton Krion
imnte ta rga, ke iperipste, is pndas
tus enas.
Iperagha Theotke, sson ims.
Moss katenisen en vto, to mga mi-

quanti con fede glorificano te.


Santissima Madre di Dio, salvaci.
Gioisci, tu che hai generato il medico degli uomini, o sposa di Dio; mistico virgulto che hai fatto fiorire il fiore che non appassisce; gioisci, Sovrana, tu per cui siamo colmati di gioia ed ereditiamo la vita.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
O Sovrana, non giunge la lingua eloquente a cantarti, perch sei divenuta pi elevata dei serafini, avendo generato il Cristo Re: supplicalo di liberare da ogni male
quanti a te si prostrano con fede.
Gloria...
Ti esaltano i confini della terra, dicendoti
beata, e a te acclamano: Gioisci, libro in
cui stato scritto il Verbo dal dito del Padre, o pura: supplicalo di scrivere i tuoi
servi nel libro della vita, o Madre di Dio.
Ora e sempre...
Noi tuoi servi ti supplichiamo, piegando
le ginocchia del cuore: Piega, o pura, il
tuo orecchio, e salvaci, immersi come
siamo nelle tribolazioni; custodisci la tua
citt, o Madre di Dio, perch mai sia
espugnata dai nemici.
Coro: Il parto della Madre di Dio, allora
prefigurato, ha salvato nella fornace i
fanciulli intemerati; ma ora che si attuato, convoca tutta la terra che salmeggia:
Celebrate, opere, il Signore, e sovresaltatelo per tutti i secoli.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Hai accolto in grembo il Verbo, hai portato colui che tutto porta; hai nutrito con
latte colui che con un cenno nutre tutta la
terra, e al quale, o pura, noi cantiamo: Celebrate, opere, il Signore, e sovresaltatelo
per tutti i secoli.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Mos contempl nel roveto il grande mi-

19

strion tu tku su. Pdhes proiknisan,


tto emfanstata mson pirs istmeni,
ke mi flegmeni, akrate agha Parthne,
then se imnmen, is pndas tus enas.

stero del tuo parto; i fanciulli lo prefigurarono con tutta chiarezza, stando in
mezzo al fuoco, senza venir bruciati, o intatta Vergine santa: perci, per tutti i secoli, noi ti cantiamo.
Iperagha Theotke, sson ims.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
I prin apti ghimnothndes, stoln Noi che un tempo siamo stati spogliati
aftharsas enedhthimen, ti kiofora su, ke dallinganno, ci siamo ora rivestiti della
i kathezmeni, en skti paraptseon, fos veste di incorruttibilit grazie al tuo parkatoptevsamen, fots katikitrion, Kri, to; e quanti sedevamo nelle tenebre delle
then se imnmen, is pndas tus enas.
cadute, abbiamo veduto la luce, o Vergine, dimora della luce. Perci, per tutti i
secoli, noi ti cantiamo.
Dhxa...
Gloria...
Nekr dhia su zoopinde, zon gar tin I morti ritrovano grazie a te la vita, perenipstaton ekisas, evlali i lali, prin ch tu hai partorito la vita enipostatica;
chrimatzondes, lepr apokathronde, quanti prima erano muti divengono elonsi dhikonde, pnevmton aeron ta quenti; i lebbrosi sono purificati, le malatplthi, ttinde Parthne, vrotni sotira.
tie cacciate, le folle degli spiriti dellaria
sono vinte, o Vergine, salvezza dei mortali.
Ke nin...
Ora e sempre...
I ksmo teksa sotiran, dhi' is ap ghis is O tu che hai partorito al mondo la salpsos rthimen, chris pandevlghite, vezza, tu per cui dalla terra siamo stati
skpi ke kratoma, tchos ke ochroma, portati in alto, gioisci, o tutta benedetta,
ton melodhndon Aghn. Ton Krion riparo e fortezza, muro e luogo fortificato
imnte ta rga, ke iperipste, is pndas per quanti cantano, o pura: Benedite,
tus enas.
opere il Signore, e sovresaltatelo per tutti
i secoli.
Ode 9.: Cantico della Madre di Dio e di Zaccaria.
Coro: pas ghighens, skirtto to Coro: Ogni abitante della terra esulti nelpnevmati, lambadhuchmenos, panighi- lo spirito, recando la sua fiaccola; sia in
rizto dhe, ailon Non, fsis gherrusa, tin festa la stirpe degli intelletti immateriali,
iern panghirin, tis Theomtoros, ke celebrando la sacra solennit della Madre
voto. Chris pammakriste, Theotke di Dio, e acclami: Gioisci, o beatissima, o
Aghn, aiprthene.
Madre di Dio pura, o sempre Vergine.
Iperagha Theotke, sson ims.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
na si pist, to Chre kravgzomen, i dhia Affinch noi fedeli ti gridiamo Gioisci!,
su tis chars, mtochi ghenmeni, tis noi, grazie a te partecipi della gioia, libeaidhu, rse ims pirasm, varvariks raci dalleterno tormento, dalloccupaalseos, ke psis llis plighs, dhia plthos, zione dei barbari, e da ogni altro flagello
Kri paraptseon, episis vrots amar- che sovrasta, o Vergine, i mortali pecca-

20

tnusin.
Iperagha Theotke, sson ims.
fthis fotisms, imn ke vevosis, then
vomn si. Chre stron dhiton, isgon
ksmo, ton mgan lion, chre Edhm
anxasa, tin keklismnin Aghn, chre
stle, prine isgusa, is tin no zon to anthrpinon.
Iperagha Theotke, sson ims.
Stmen evlavs, en ko The imn, ke
ekvosomen. Chre ksmu Dhspina, chre Mara, Kira pndon imn, chre i mni
momos, en ghinex ke kal, chre skevos,
mron to aknoton, ep se kenothn isdhexmenon.
Dhxa...
I perister, i ton elemona apokisasa, chre aiprthene Oson pndon, chre to kvchima, ton athlitn stefnoma, chre
apndon te, ton Dhikon, thon enkallpisma, ke imn ton pistn to dhisosma.
Ke nin...
Fse o Thes, tis klironomas su, tas amartas imn, psas paravlpon nin, is tto
chon, ekdhisopsn se, tin ep ghis aspros se, kioforsasan, dhia mga leos thelsanda, morfothne Christ, to alltrion.

Kondkion. Tono pl. 4.


Coro: Ti ipermcho stratig ta nikitria, os
litrothsa ton dhinn, evcharistria, anagrfo si i Plis su, Theotke, all' os chusa
to krtos aprosmchiton, ek pandon me
kindhnon elefthroson na krzo si, Chre, Nmfi anmfefte.

tori per la moltitudine delle loro colpe.


Santissima Madre di Dio, salvaci.
Sei divenuta nostra luce e sicurezza, perci a te acclamiamo: Gioisci, astro senza
tramonto che porti al mondo il grande
Sole; gioisci, tu che hai aperto lEden
chiuso, o pura; gioisci, colonna di fuoco,
che introduci nella vita celeste il genere
umano.
Santissima Madre di Dio, salvaci.
Stiamo con piet nella casa del nostro
Dio, e acclamiamo: Gioisci, Sovrana del
mondo; gioisci, Maria, Signora di noi tutti; gioisci, o unica immacolata e bella tra
le donne; gioisci, o vaso che hai ricevuto
linesauribile unguento profumato in te
effuso.
Gloria...
O colomba che hai generato il misericordioso, gioisci, o sempre vergine. O vanto
di tutti i santi, gioisci, corona dei lottatori; gioisci, divino ornamento di tutti i
giusti e salvezza di noi fedeli.
Ora e sempre...
Risparmia, o Dio, la tua eredit, senza
guardare a tutti i nostri peccati, perch
per questo ti implora colei che sulla terra
senza seme ti ha generato, quando per la
tua grande misericordia, o Cristo, hai voluto assumere la forma che ti era estranea.
Coro: A te, conduttrice di schiere che mi
difendi, io, la tua citt, grazie a te riscattata da tremende sventure, o Madre di Dio,
dedico questi canti di vittoria in rendimento di grazie. E tu che possiedi
linvincibile potenza, liberami da ogni
specie di pericolo, affinch a te io acclami: Gioisci, sposa senza nozze.

21

STASI 4.

Il sacerdote, stando davanti allicona della Ss.ma Madre di Dio:


Stanza 19.
Sac.: Tchos i ton Parthnon, Theotke
Parthne, ke pndon ton is se prostrechndon, o gar tu uran ke tis ghis, kateskevas se Piits chrande, iksas en ti
mtra su, ke pndas si prosfonn
dhidhxas.
Chre, i stli tis parthenas. chre, i pli tis
sotiras.
Chre, archigh noits anaplseos. chre,
chorigh theiks agathtitos.
Chre, si gar aneghnnisas tus sillifthndas eschrs. chre, si gar enuthtisas tus
silithndas ton nun,
Chre, i ton fthora ton frenn katargsa.
chre, i ton spora tis aghnas teksa.
Chre, pasts aspru nimfevseos. chre,
pists Kiro armzusa,
Chre, kal kurotrfe parthnon. chre,
psichn nimfostle aghon,
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 20.
Sac.: mnos pas, ittte, sinektnesthe
spevdhon, to plthi ton polln iktirmn
su, isarthmus gar ti psmmo odhs, an
prosfromn si, Vasilev ghie, udhn telmen xion, on dhdhokas imn, tis si
vosin, Allilia.
Coro: Allilia Allilia.
Stanza 21.
Sac.: Fotodhchon lambdha, tis en skti
fansan, ormen tin aghan Parthnon, to
gar ilon ptusa fos, odhigh pros
ghnsin theikn pandas, avgh ton nn
fotzusa, kravgh dhe timomni tfta.

Sac.: Baluardo tu sei dei vergini, o Vergine Madre di Dio, e di tutti coloro che a te
ricorrono: il Creatore del cielo e della terra ti ha formata infatti, o immacolata, per
abitare nel tuo grembo, insegnando a tutti a rivolgersi a te cos:
Gioisci, colonna della verginit; gioisci,
porta della salvezza.
Gioisci, capostipite di nuova creazione
spirituale; gioisci, dispensatrice di divina
bont.
Gioisci, perch tu hai rigenerato quanti
nella vergogna sono stati concepiti; gioisci, perch tu hai ridonato senno a quanti
erano stati privati dintelletto.
Gioisci, tu che hai annientato il corruttore
delle menti; gioisci, tu che hai partorito il
seminatore della castit.
Gioisci, talamo di nozze senza seme; gioisci, tu che fidanzi al Signore i fedeli.
Gioisci, bella nutrice di vergini; gioisci
paraninfa delle anime sante.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Sac.: vinto ogni inno che tenti di adeguarsi allabbondanza delle tua molteplice misericordia, poich anche se ti offrissimo, o santo Re, cantici numerosi come i
granelli di sabbia, nulla compiremmo di
degno di quanto hai dato a noi che a te
acclamiamo: Alleluia!
Coro: Alleluia, Alleluia!
Sac.: Apparsa come lampada che alberga
luce per quanti sono nella tenebra, cos
noi vediamo la santa Vergine. Accesa infatti limmateriale luce, tutti essa guida
alla scienza divina, illuminando lintellet-

22

Chre, akts noit Ilu, chre, vols tu


adhtu fngus.
Chre, astrap tas psichs katalmbusa,
chre, os vrond tus echthrs kataplttusa,
Chre, ti ton polfoton anatllis fotismn, chre, ti ton polrriton, anavlzis
potamn.
Chre, tis kolimvthras zografsa ton
tpon, chre, tis amartas anersa ton
rpon,
Chre, lutr ekplnon sindhisin, chre,
kratr kirnn agallasin.
Chre, osm tis Christ evodhas. chre,
zo mistiks evochas,
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 22.
Sac.: Chrin dhne thelsas, oflimton archon, o pndon chreoltis anthrpon,
epedhmise dhi' eaft, pros tus apodhmus tis aft chritos, ke schsas to chirgrafon, aki par pndon tos, Allilia
Coro: Allilia Allilia.
Stanza 23.
Sac.: Psllonds su ton tkon, animnmn se pndes, os mpsichon nan,
Theotke, en ti si gar iksas gastr, o sinchon pnda ti chir Krios, ighasen, edhxasen, edhdhaxe von si pndas.
Chre, skin tu The ke Lgu. chre,
Agha Aghon mzon,
Chre, kivot chrisothsa to Pnevmati.
chre, thisavr tis zos adhapnite,
Chre, tmion dhidhima, vasilon evsevn. chre, kvchima sevsmion, Ieron
evlavn,

to col suo chiarore, mentre con questa acclamazione onorata:


Gioisci, raggio del sole spirituale; gioisci
dardo di luce senza tramonto.
Gioisci, folgore che rischiari le anime;
gioisci, perch come tuono sbigottisci i
nemici.
Gioisci, perch fai sorgere la luce sfolgorante; gioisci, perch fai sgorgare il fiume
che scorre abbondante.
Gioisci, tu che sei figura del fonte battesimale; gioisci, tu che togli la sozzura del
peccato.
Gioisci, lavacro che purifichi la coscienza;
gioisci, coppa che mesce esultanza.
Gioisci, fragranza del soave profumo di
Cristo; gioisci, vita del mistico banchetto.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Sac.: Volendo far grazia dei debiti antichi,
colui che per tutti gli uomini ha pagato,
da se stesso venne straniero presso quanti
dalla sua grazia si erano estraniati: e lacerata lobbligazione del debito, da tutti cos
si sente dire: Alleluia!
Coro: Alleluia, Alleluia !
Sac.: Cantando il tuo Nato, tutti ti celebriamo come tempio vivente, o Madre di
Dio: poich, avendo abitato in te, il Signore che tutto tiene in sua mano, ti ha santificata, ti ha glorificata, e a tutti ha insegnato ad acclamare a te cos:
Gioisci, tenda del Dio e Verbo; o santa
che superi lantico santuario.
Gioisci, o arca rivestita doro dallo Spirito
santo; gioisci, inesauribile tesoro della vita.
Gioisci, prezioso diadema dei re credenti;
gioisci, sacro vanto dei pii sacerdoti.

23

Chre tis Ekklisas o asleftos prgos. chre, tis vasilas to aprthiton tchos.
Chre, dhi' is eghronde trpea. chre,
dhi' is echthr katapptusi.
Chre, chrots tu em therapa, chre,
psichs tis ems sotira.
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Stanza 24.
Sac.: panmnite Mter, i teksa ton
pndon Aghon aghitaton Lgon,
dhexamni tin nin prosforn, ap psis
rse simfors pandas, ke tis mellsis
ltrose kolseos tus si vondas, Allilia.
Coro: Allilia Allilia.
Sac.: nghelos protosttis, uranthen
epmfthi, ipn ti Theotko to Chre ke sin
ti asomto fon, somatmenn se theorn
Krie, exstato ke stato, kravgzon pros
aftn tifta.
Chre, dhi' is i char eklmpsi, chre, dhi'
is i ar eklpsi.
Chre, tu pesndos, Adhm i anklisis,
chre ton dhakron tis Evas i ltrosis.
Chre, psos dhisanvaton anthropnis
loghisms, chre, vthos dhistheriton ke
Anghlon ofthalms.
Chre, ti iprchis Vasilos kathdhra,
chre, ti vastzis ton vastzonda pnda.
Chre, astr emfnon ton lion, chre, gastr enthu sarkseos.
Chre, dhi' is neurghte i ktsis, chre, dhi'
is vrefurghte Ktstis.
Chre, Nmfi anmfefte.
Coro: Chre, Nmfi anmfefte.
Kondkion. Tono pl. 4.
Coro: Ti ipermcho stratig ta nikitria, os
litrothsa ton dhinn, evcharistria, anagrfo si i Plis su, Theotke, all' os chusa
to krtos aprosmchiton, ek pandon me

Gioisci, della Chiesa incrollabile torre;


gioisci, del regno inespugnabile baluardo.
Gioisci, tu per cui si innalzano i trofei;
gioisci, tu per cui cadono i nemici.
Gioisci, cura per il mio corpo; gioisci, salvezza della mia anima.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Sac.: O Madre degna di ogni canto, tu che
hai partorito il Verbo, pi santo di tutti i
santi, accolta ora lofferta, libera tutti da
ogni sventura, e riscatta dalla pena futura
quanti insieme acclamano: Alleluia!
Coro: Alleluia, Alleluia!
Sac.: Il primo degli angeli fu inviato dal
cielo a dire Gioisci, alla Madre di Dio, e
vedendo te, o Signore, che allincorporeo
suono della voce, assumevi un corpo, ristette attonito, a lei cos acclamando:
Gioisci, tu per cui risplender la gioia;
gioisci, tu per cui cesser la maledizione.
Gioisci, tu che richiami dallesilio il caduto Adamo; gioisci, riscatto delle lacrime
di Eva.
Gioisci, altezza inaccessibile ai pensieri
umani; gioisci, profondit imperscrutabile anche agli occhi degli angeli.
Gioisci, tu che sei trono del Re; gioisci,
perch porti colui che tutto porta.
Gioisci, stella che manifesti il sole; gioisci,
grembo della divina incarnazione.
Gioisci, tu per cui si rinnova la creazione;
gioisci, tu per cui si fa bambino il Creatore.
Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: Gioisci, sposa senza nozze!
Coro: A te, conduttrice di schiere che mi
difendi, io, la tua citt, grazie a te riscattata da tremende sventure, o Madre di Dio,
dedico questi canti di vittoria in rendi-

24

kindhnon elefthroson na krzo si, Ch- mento di grazie. E tu che possiedi linvinre, Nmfi anmfefte.
cibile potenza, liberami da ogni specie di
pericolo, affinch a te io acclami: Gioisci,
sposa senza nozze.
Lettore: Santo Dio, santo forte, santo immortale, abbi piet di noi. (3 volte.)
Gloria al Padre e al Figlio e al santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen.
Santissima Trinit, abbi piet di noi; Signore, placati di fronte ai nostri peccati; Sovrano, perdonaci le nostre iniquit; o santo, visitaci nelle nostre infermit e guariscici per
il tuo nome.
Signore, piet; Signore, piet; Signore, piet.
Gloria ora e sempre
Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la
tua volont, come in cielo, cos in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti
a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori. E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal maligno.
Sac.: Poich tuoi sono il regno, la potenza, la gloria: del Padre, del Figlio e del santo
Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli.
Coro: Amin.
Coro: Amen.
Lettore: A te, conduttrice di schiere che mi difendi, io, la tua citt, grazie a te riscattata da tremende sventure, o Madre di Dio, dedico questi canti di vittoria in rendimento di grazie. E tu che possiedi linvincibile potenza, liberami da ogni specie di pericolo, affinch a te io acclami: Gioisci, sposa senza nozze.
Signore piet (40 volte)
Tu che in ogni tempo e ogni ora, in cielo e sulla terra, sei adorato e glorificato, o Cristo Dio, magnanimo, ricco di misericordia, pietosissimo, tu che ami i giusti e hai piet
dei peccatori, tu che tutti chiami alla salvezza con la promessa dei beni futuri, tu, Signore, accogli anche le nostre suppliche in questora, e dirigi la nostra vita nei tuoi
comandamenti. Santifica le nostre anime; rendi casto il corpo; correggi i pensieri; purifica le intenzioni; e liberaci da ogni tribolazione, male e dolore. I tuoi angeli, come
baluardi ci circondino, affinch, custoditi e guidati dal loro schieramento, giungiamo
allunit della fede e alla conoscenza della tua gloria inaccessibile.
Poich benedetto tu sei per i secoli dei secoli. Amin.
Signore, piet; Signore, piet; Signore, piet.
Gloria al Padre e al Figlio e al santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Pi venerabile dei cherubini, incomparabilmente pi gloriosa dei serafini, tu che senza corruzione hai generato il Verbo Dio, realmente Madre di Dio, noi ti magnifichiamo.
Nel nome del Signore, benedici, padre.
Sac.: Dio abbia piet di noi e ci benedica; faccia risplendere il suo volto su di noi e abbia misericordia di noi.
Lettore: Vergine senza macchia, incontaminata, incorrotta, immacolata e pura, Sovrana sposa di Dio, tu che con il tuo concepimento straordinario hai unito il Verbo Dio

25

agli uomini e hai ricongiunto ai cieli la natura umana che ne era stata scacciata; tu, sola speranza dei disperati, aiuto di quelli che sono combattuti, sollecito soccorso di
quelli che a te ricorrono e rifugio di tutti i cristiani: non avere orrore di me peccatore
ed esecrabile, di me che ho rovinato tutto me stesso con pensieri, parole e azioni turpi
e sono divenuto schiavo dei piaceri della vita per mollezza danimo. Tu anzi, quale
Madre del Dio amico degli uomini, con lo stesso amore muoviti a compassione di me
peccatore e dissoluto, accetta la preghiera offerta a te dalle mie sordide labbra e,
usando della tua materna famigliarit, implora il tuo Figlio, Sovrano e Signore nostro,
perch apra anche a me le amorose viscere della sua bont, e, senza tener conto delle
mie innumerevoli cadute, mi converta alla penitenza e mi renda un provato esecutore
dei suoi comandamenti.
E tu siimi sempre accanto, misericordiosa, pietosa e amante del bene qual sei: nella
vita presente, sii per me fervida avvocata, aiuto e baluardo contro le incursioni degli
avversari, mia guida verso la salvezza; nellora del mio esodo prenditi cura tu della
mia anima misera e scacciane lontano le tenebrose visioni dei demoni malvagi; e nel
tremendo giorno del giudizio, strappami tu alleterno castigo e rendimi erede
dellineffabile gloria del Figlio tuo e Dio nostro.
Tale gloria, possa io raggiungerla, o mia Sovrana, santissima Madre di Dio, con la tua
mediazione e il tuo soccorso: per la grazia e lamore per gli uomini dellunigenito tuo
Figlio, Signore, Dio e Salvatore nostro Ges Cristo, al quale si addice ogni gloria, onore e adorazione, insieme al Padre suo senza principio e al santissimo, buono e vivificante suo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Concedi, o Sovrano, a noi che ci disponiamo al sonno, riposo del corpo e dellanima.
Custodiscici dal cupo sonno del peccato, e da ogni volutt tenebrosa e notturna. Seda
gli impeti delle passioni, estingui i dardi infuocati del maligno insidiosamente diretti
contro di noi; reprimi linsorgere della carne e placa ogni nostro sentimento terrestre
e materiale. Concedici, o Dio, intelletto vigilante, pensiero temperante, cuore sobrio,
sonno leggero e libero da ogni fantasia diabolica. Destaci per lora della preghiera,
saldi nei tuoi comandamenti e recanti in noi stessi il ricordo intatto dei tuoi giudizi.
Concedi che linno alla tua gloria riempia tutta la nostra notte, per celebrare, benedire
e glorificare il venerabilissimo e magnifico tuo nome: del Padre, del Figlio e del santo
Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Gloriosissima Madre di Dio, sempre Vergine e benedetta, offri la nostra preghiera al
Figlio tuo e Dio nostro, e chiedigli di salvare per mezzo tuo le anime nostre.
Mia speranza, il Padre; mio rifugio, il Figlio; mia protezione, lo Spirito santo. Trinit
santa, gloria a te.
In te ripongo ogni mia speranza, Madre di Dio: custodiscimi sotto la tua protezione.
Sac.: Gloria a te, Dio nostro, gloria a te.
Lettore: Gloria al Padre e al Figlio e al santo Spirito, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Signore, piet; Signore, piet; Signore, piet. Padre santo, benedici.
Sac.: Cristo, vero Dio nostro, per lintercessione della purissima e immacolata Madre

26

sua; dei santi e gloriosi apostoli, degni di ogni lode; dei nostri padri pii e tefori, e di
tutti i santi, abbia piet di noi e ci salvi, poich buono e amico degli uomini.
Sac.: Per le preghiere dei nostri santi padri, Signore Ges Cristo, Dio nostro, abbi piet di noi.
Coro: Amn.
Coro: Amen
Tono 3.
Choros:. Tin oretita tis parthenas su, ke Coro: Attonito di fronte alla bellezza delto iprlambron t ts aghnas su, o Gavril la tua verginit e al vivido splendore delkataplaghs eva si Theotke, Pin si en- la tua purit, Gabriele a te gridava, o
kmion, prosaggo epxion, ti dhe ono- Madre di Dio: Quale lode degna potr ofmso se; apor ke exstame, dhi os pro- frirti? E quale nome potr darti? Lo stusetghin vo si. Chre i Kecharitomni.
pore mi lascia smarrito, perci, come mi
stato comandato, a te io grido: Gioisci,
piena di grazia.
***

27

Sommario
Ufficio dellAkathistos ............................................................................................................. 1
Salmo 50 ................................................................................................................................. 3
Salmo 69 ................................................................................................................................. 4
Salmo 142 ............................................................................................................................... 4
Piccola Dossologia ................................................................................................................ 5
Simbolo niceno-costantinopolitano ................................................................................... 5
STASI 1 ....................................................................................................................................... 6
Ode 1.: Cantico di Mos. ..................................................................................................... 8
Ode 3.: Cantico di Anna ...................................................................................................... 9
STASI 2 ..................................................................................................................................... 10
Ode 4. : Cantico di Abacuc. ............................................................................................... 12
Ode 5.: Cantico di Isaia. ..................................................................................................... 13
Ode 6.: Cantico di Giona. .................................................................................................. 14
STASI 3. .................................................................................................................................... 15
Ode 7.: Cantico dei tre fanciulli. ....................................................................................... 17
Ode 8.: Cantico delle creature. ......................................................................................... 18
Ode 9.: Cantico della Madre di Dio e di Zaccaria. ........................................................ 19
STASI 4. .................................................................................................................................... 21