Sie sind auf Seite 1von 370

I T IA

1976

1976

'


. ,
, .
.

,
!

.
.
.
.
.
.
.

. , 25 ,

,

. ,
, ,
,

.
,
, ,
, ,
,
.

, ,
,
.

. , ,

,
, ,
,
.

, , ,
, .

, ,
, .
,
Betant
, ,
,
.

.
.
.
,
.
585

18261831.

. 585

. ,
, . , 14
1943, ,
,
.
, ,
.
. , ,
. .
,
1801
1807, . ,
, .
, , ,

, .

.
,
.
.
,
,
.
, .
, ,
, , ,

.
,
,
. .
.
,
.
,
.
, , ,
.
. ,
,
.

.
,
,
. . . , ,

.

.

, , ,

, ,
,
, . -

,
. , ,
, .
, ,
.
.

.
.
.


, 1822,


.
* * *


.

.
.
,
. .
,
.
,
.
,

. , ,

.
,
.

.
, .
'
: -


. :

.

,
,
,
. , ,
,
.

, .
,

,
,
. ,
, .
, .
* * *


. .
.
. , ,

.
,

.

. ,
,
.
.
.
** *

, ,

.
:
,
.

. , ,
, :

, ,
.

,
, .
. ,

,
. ,
.
.
. ,
, , .

. ,
, ,
.
.


31 , 11 1776.
, ,
, ,
.
,
, ,
,

. , ,

, , , ,
, ,
. , , ,
,
, ,
. , , ,

.

,
1875, ,
, 1. :
, ,
,
.

. , L e
com te C a p o d istria s a p p a rtien t d so rm a is lhistoire . ,
, ,

1.

. , 1875.
, 1962. , . 61 - 62.

,
.
, , ,
,
2. ,
, , ,
,
,
. ,
1929, .
. . - 1. . , 182618313 :
. ,
,
,
,
:
,
1800, 1801, 18024,
, , ,
, , , ,
.
. ,
,
,
,
. . .
5: , ,
. ,
: ,
, . , .

2. ,
: John Capodistrias and the G r eek H istoria n s : A Selective Bi
bliographical Review, . Balcan Studies, T. 7, 1966.
3. , T T 1 - 2 . ,
. ( 1930).
4. , 1889. , , .
. : . . , .
, , . 5, 1956, . 143 - 187, . 175.
5. 176 , 1809 - 1820.
. 1972.

, . ,
, ,
, .

. ,
, ,
, ,
,
. ,
, , , K r
dener6, a .
, ,
, , . ,
, ,
, ,
,
, , 1826
, 7.
, ,
,
,
, , ,
.
, , ,
,
,
,
. ,

,

6.
D e K rdener (1764 - 1824).

.
.
.
7. .
, 1940.

.
, 1962.

, 18198. ,
, , .

1811
, : ,
, ,
9 .
,
-
, ,
,
,
.
, ,
, , ,
, :
10. ,
,

11
, , , ,
,
8. 6/18 1819.
, 1967.
9. T. I ( ), . . ,
1973, . 279 - 310.
10. . 289 (. . . 299).

.
11. ( .
9 ). G . L. A rs . A. F .
M iller , ,
, ,
M moires Biographiques H istoriques su r le
Prsident de la Grce, Le Comte Jean Capodistrias, , T T 1 - 2, 1837 1838, . 130 . A. F. M iller , .
M ustapha Pacha B araktar, 1975, . 265 (
. 40). .
, . ., . 328, ,

: . G. Spiridonakis ; E mpire O tto
man Inventaire des mm oires et docum ents aux archives du M inistre des A f
faires Etrangres de France, 1973, J. A. N icolopoulos ; Inventaire
du fonds grec au quai d O rsay Correspondance politique 1707 - 1833. M moires et
documents 1821 - 1862, 1975.

. , , :
,

.
: , , :
,
: , ,
,

, .
,
,
,
,
, .

.
* * *

, ,
.

, , ,
,

, 12.
,
. ,
,
, ,
:
, ,
, . , . ,
,
,
, : ,
, ,
, , ,
.
12. . , . . . 151.

. ,
,
, ,
, ,


, , ,
. ,
,
, ,
13,
11.
: .
,
. ,

, ,
. ,
, ,
.
, , , .
,
1776,
1830,
, ,
.
,
,

. , ,
, .
.
,
, ,
.
: 13. . . , .
. , . 19, 1948 (. 315).
14. . : . ,
, 1917, . 23.
.

, ,
: .
, ,
, , 1806, a
, .

, , ,
,
, , , ,
, : . . .

. . . 15
,
,
.
1831,
: ,
, .
,
,
16.

, , .
, ,
, , ,
, ,
, ,
, ,
.

.
,
,
15. ,
1803 - 1822. , , 1958,
. 3, . 10.
,
. , , ,
, 1805, 1806. .
, . 353.
16. . : . . , - - , .
, , T. I, 1962, . 14 - 62.

, .
, ,
,
, .
,
,

,
. ,
, ,
,
, , .
, , ,
,

, , , ,
, .
, , , .
,
, ,
, , 17.
, ,
,
, , ,
. 1809,
, , ,

18.
,

,
, 1811
,
17. : . ,
(1453 - 1864), . , , , 5, 1956, . 7 - 142
. ,
(1886 - 1864), .
, . 8 1874, . 198 - 237 . ,
, 1805 - 1824, . , . , 1890.
. , . .
18. S. L ascaris, C apodistr ias a v a n t la R volution
que ju sq u en 1822, , 1918, . 30.

G r eque. Sa carrire politi

, , ,
.
, , ,
. , ,
( 1809)19, ,
, 20.

21.
,
, , ,
.
.
,
, .
,
Em . de Fellenberg 22
, ,
, 23,
Castlereach24.
, , .
. ,

,
.
:

25. ,
,
,
.

:
, ,
. , 10. . , . ., . 290.
20. . . 11. A. F. Miller , . .
21. . . ., . 289.
22. . , . ., .
23. . .
24. , Castlereach, M aitland,
.
25. . , . ., .


, ,
, ,
, . , ,
.
,
,

. .

26 ,
,
,
, . ,
,
,
.

:
, , ,
, , , ,
,
. ,
,
.
. .

26. . , . ., . G4.

TO

1776 10 :
.

: .
: .
.


:

T urgot
N ecker.
A dam Sm ith
In q u iry on the
n ature and causes of the
w ealth of n a tions.
4 :
.
1777 :
.
1778 . 6:


13 .
.
11:
C hatham . 30,
V oltaire.

2:

Rousseau, 3.

.

1779 13:
Teschen
.
16:

.

.
1780 10:


13 ,

.
. , 20: -

1781



.


. 29:
.
1781 :

N ecker.


.
1782 . 5 :

.
. 19:
N orth .
:

.
1783 . 3:

,
, 13
.
13 .
.
. 19:
P itt .

,
M ontgolfier.
1785
,

.
. 7 :

.
23 :


.
1786 A . 17:
.
1787
-

1788

.
,


.

P atrick Miller
.
1788
.
A . 8:
5
1789 Les tats G nrau x.
. 27 : Necker
.
1789 . 7:
. 30:

. . .

5:
Les tats
G nraux

.
14:
.
. 4 :
.
:

.
. 13:

.
1790 . 20:
.
. 2:

.
1791 . 4: Mi
rabeau.
A . 27 :
Pillnitz.

.
A . 30:
Sistova
.
.
. 3: -

.
. 15:


.

1792
,


.

.




,

.

,

.

1792 . 9:

.
.

.
. 7:

.
1 :

.
29:

.
. 20:

.
19:
.
24 :

. ,
,

.
A . 10:
T uille
ries
.
A . 13:


T em ple.
. 2 :
.
. 20: -


V alm y.
. 22:
.
1793

.

1793 I . 21:
.
. :



, , .
, , ,
.
. 6:


.
7 :
.
24:
.
13 : C h ar
lotte C ord av
M arat.
. 1 6 :
.
. 26 :
W eissen
burg.
1794.


Lille.
. 5:
D anton .
25:
.
28:
R obespierre Saint - J u s t.
. 28:


.

1794 :

Padova.
.

. 25:

.

1795 :

P adova.

1795 . 22:
.
. 24:
,

.
. 3:

.

1797 10:

P adova.

.

. 27 :
.

1796
. .
A . 19:


( . 5)
.
. 16
.
1797 . 16:
Loeben
.
16:
.
I 28 :
.
. 17:
Cam po Form io.

,
, ,

.
1798 19:

.
. 1 :

.

1798
,
,


,



.

1799 ( . 12)


.

. 7 :

.
. - .

. .
,
,
.
. 29:
.
1799
. 3:
. .
3:


.
12:

,
:


, ,
, .
,
.
. 25 27:

.
. 9:
.
. 22:
.
. 9: (18 B rum aire) :

.


1800 14: Bo
Marengo.
2 :
.
.
. 5:
.
21

,

,
.
1801 . 9:
Lunville
.
3:

...
23:
.

.
. 2:


.

1801 9 27




1800.
:
.
Dep utazione
della citt, borgi e contado.

15 :

.
. 9:

. .
1802 . 27:


.
1802 4:

.
. 28: .

.

1802 . 4 21:

.
1803 :

1803 18: .

.

.
R obert
F o u lton
.
. 5:

.

1804 15:

,


,
.

1804 . 20:
D Enghien.
. 21 :

.
. 2 :

.
1805 . 11: .


.
. 19:
U lm .
. 21:
T rafalgar.
. 2:
Austerlitz.
. 26:
Pressburg
.

.
1806 I . 23: P itt
.
. 31:



.
. : .

1807 I 2:




.
. 12:
.


.
5:

.
12 :

.
. 6 :



,
1 1 .8 .1 8 0 4 .
. 14:

A uerstdt.
. 21:
.

.
. 11:
.
. 27 :
,

.
. 28:
.
1807 7 8:
.
29 :
.
1807 14:
F riedland.
9:


.
28 :
.
. :
(-

1808

,

.
1809 I . 28:
.
2 :



.

1811 . :


).


.
1808 :


.

M urat,

,
.
. 1 :

,
1 3 .1 1 -1 8 0 7

Braganza.
1808 . :

E rfurt.

1809
1:
.
5 6:
W agram .
. 17:

.
.
. 8: M etternich

.
. 14:

.
1810 .
- .
1811 . 29:
(
Reichstadt) .
:
.

1812 1 : O


.
1812 . 21:

.

1812 28:

.
18: A . . .

. .
I 2 4 :
.
. 12:
.
. 14:
.
. 18:
.

1813 . 15:

.

1813 . 28:
.
:
Lutzen
Bautzen.
. 12:

.
. 26 27:
.
. 7 :

.
. 16 18:
.

1814 . :


.

1814 I . 1:

.
. 11:



.

.

3 0 :


.
25: S te
phenson
.
. :
.
. 2 4 :

H . .A. . .
1815 1:
.

8:

.
18: .
22 :
.
7 :


I H .
. 8:


.
1815 . 11:


.

1815 . 26:
,

.
.
.
. 5:

.

.
. 20:




.
, ,
.

1816 I . 31:

(3
) .

1818 . . :
Aachen.

1819 10
18:
.
. :

.

1819 . 20:
Carlsbad.



.
1820 I . 1:
.
I . 29:
.
. 14:
de Berry.
2 :
.
. 24:
.
. . :
T roppau.


.
1821 I . :
T roppau
L aibach.
. 6:
.
7 :
R ie ti
.
10:
.
.
25 .
6 :
.

1822 . 19:
,

.
. :

.

5 :
.
12:
Laibach.
1822 . 1 13:
.

.
. 12:
(
1812) Castleregh
.
George Canning.
. . :
V erona.
1823. . 7:


.
. 2 5 :
.
. 2:
Monroe
. . .


.


.
1824 . 14:
. . .
.
. 16:
.

I .


.
1825 . 23:

.

1827 . 14:


.
12:

.
1828 I . 18:
.
1829 . 23:
,





.
1831 26 . 13:




.

1831 . 9 :

. 1 :
.
. 26 :

.
: 1)
T ra d e U n ions,
2)
Stockton
D arligton .
1826 . :


.
. 22:
.
1827 6 :
.
,



.
. 8:
G.
Canning.
. 2 0 :
.
1830 . 3:
( . ,
, )



Sachsen - C oburg.
21 :

.
27 29:
.
I
.
. 4 :
Sachsen - Coburg
.

A'

1798
1822 (A p e r u de m a c a r r ire p u b liq u e d e p u is 1798 j u s
q u 1822)
1826 ,
,
1822
.
,
.

,
,
I. .1

, , 1868
. . Z lo b in

(S bor n ik ru ssk a g o
isto ric e sk a g o o b se stv a ,
. I ll, 1868, . 162 - 2 9 2 ) .
.

1863
1818

1820.
1818
Silder
.
,
( . (1877) . 281 - 284)
.
( 1868)
1901,
1912.
.

,

1. . ,
, . 1962.

.
Silder
,
, , .
.

,
13
14 1943.
,
,

.
,
( 1822)

,
,
. . . . ..

,
... . . .


,
. . .
.1


. ,
.
1943
.
1868
,
,
,

.

1.

. . . . : .

. .

MO
TO 1798 TO 1822
,
.
1798 1
, 2
, ,
,
. ,
, , ,
,


. ,
(, ),
,
,
, .
3.
, 1800

,
.


.

1. (1743 - 1817).
.
1798
. 1807 .
2. . .
. . ,
... , . , 1865, . 201 - 204.
3. (1741 - 1821).


,
,
.
,
,
. ,
,

, ,
.

. 1803
4,
. ,
1870,
, , ,
5.
, ,
,
,

, .
,
6,
,

4. , ,
(+ 1836).
5. .
6.
. , D ella R epubblica Settin
sulare, 1863, . 215 - 218, .
(1797 - 1810) ,
1954, . 550 - 553 556 - 559. ,
[ ]
,
.

, ,
, ,
,
.


,
.
A ,
,
,
7.
,
,
,


.
,

,

.
,

, ,
.
,
, ,
,
,
.
,
, ,
.
,
, 1808

.
,
,
. ,

7.
1826
1807,


- . ,
1815 .

,
, ,

.

8, ,

.
,
,

, .
,
, , ,
,

.

, 9,
, 10, . .

,
,
.

, .
, ,
, .
1809 .
,
,
.
3.000 11.
, ,
8. B erthier
(1769 - 1819),
,
1807 1808.
9. (1754 - 1826)
1807, 1808 .
10. , ,
15 1808.
11. 20 1809.


.
.
.

12
,
, .
,
. . .
,
.
.
,
,
.
1.200 13.
1811. .
14 ,
,
.

,
.
, ,


.
.

.
,
.
.
.
, ,
.
12. .
13. 1 1811.
14. Stackelberg,
1908 1810, .


.
,
,

. ,
,
,
, 15
. ,
,


. ,

.


. ,
,
, ,
.
,

. 16,
, ,
.
,
500.000 .

. , ,
, . ,
,

-

15. ,
, .
16. (1765 - 1849).
1807 - 1809, 1812
,
( 1812).

17. A

. ,
. ,

,
.

,
,
,
.

,

18 (conseiller d tat
actuel) .
,
,
,

.

.


.
, ,
- - 19,
,
, ,
.

.
- -
. 20.
.
17. . .
18. 8 1812.
19. Barclay de Toly (1761 - 1818)
16 1813 , ( 26 )
.
20. 8 16 1813.

,
,
2 . ,

22, ,
,
.


. ,
,
, .
23,
24 ,
. 25
.

,

,
26.
21. 16 . 20
21
.
22.
Plessw itz 4 . . .
23. 27 1813.
24. 10 1813.
25. (30 1813),
Vandam m e, ,
.
26.
1804, (1806 - 1812)
. 1812

.
,
. ,
, 8
.
8 , ,
,
. ,

,
, Y

.
.
, ,
. .
. :
. ;
, .
, .
, ,
, ,
.
.
,

.
. , ,
,
.
.
,
.
:
.

. ,
,

.
,
. ,
, ,
.
, ,
.
. 1813
.
(1816),
.


, , ,
27,

, 28,
,
.
29

.
,
,
,
7
.
,
.
,
, .

,
, .

.
.
, ,

, .
,
,
. .
,
,
27. N esselrode (1780 - 1862),
1811, 1826
1844 1856.
28. dA n stett (1760 - 1835).

, .
,
.
29. 16 - 19 1813.

. .
.

,
. 30.
,
,

, ,
.

,
,
,
.
, .
.
. ,
.

.
.
, ,
,
, ,

,
.
,
,
,

.
30.

( )
,
. . ,
Capo
distrias
a v a n t la r e v o l u t i o n g r e c q u e 1918, .
, L a S u i s s e et l E u r o p e 1813-1814, 1931.

, E. d e L e v i s M i r e p o i x (
) Une mission diplom atique au stro -ru sse en Suisse
(1813-1814) 1931, M m oires et papiers de Lebzeltern, 1949.

, ,


.

,
, ,
.
,
(A cte d e m diation), ,
.
, , , ,

.
,

.
,
,

. ,

.
.
,

.
,

.

; .
,
.
31
.

31.
( ) von Lebzetern (1771 - 1854).
1810 ,
. 1815

, , ,
.

. ,
.

,

,
. , ,
,
.
.
. ,

.

;
, ,
. ,
. ,
,
.

.
,
.
. .
.

. ,
,

.
,
. 32. ,

,
.
1813.

32.
( ) M etternich (1773 - 1859),
1809 1821
1848.

,
.

(L andam m an) .
33 .
,

,
,
.
,


.
,


.

. .
,
.

13
V aud . 34,
,
,
.
35 . 36
33. von R einhard (1755 - 1835).
,
, (Landamman) 180 7
1813.
34. ( ) Senfft von Pilsach, (1774 - 1853).
(1809 - 1813),
. ,
,
, .
, . 1825
, 1847
, , .
35. Schwarzenberg (1771 - 1820 ),
.
36. Schwarzenberg 21 1813,
.


, ,
.
.
,
,


.
.
. ,
,
, .
:
.
, ,


.

.
, , .
, .
,

.
, ,


.
. ,
,
,
.
,
,


.
:
, ,
.

,

.
.
,
.
,
19
.

.
,
;
,


.
48
,
. . 37,
;
.
, ,
, , .

, .
,

( ) .
. .

, 11

. ,
.
, , :

. , ,




.
37.
von Schraut
1807 1825.

(1746 - 1825),

.
.


.
,
,
. ,

.

. T ro y es,
L a n g re s
C h a u m o n t. O ,
,

.
, ,

,

.
,
.
, ,
.
,


,

.

,


19 .




.
38
38. 31 1814.

.

,
.
Troyes
.
, 15
, ,



.
,

.
,

.
, .

.
.
.
,

. ,

,
,




,

. :
.
.
,

,
.

.
,
.
: ,
.

.
, ,
.
, ,
.
, ,
.
39.
.
;
;
, ,
.
, , .
.
,
.



,
.

.

, .
,



.
1814.

39.
von M linen
.

(1760 - 1833),


.
.

.
.
;
.
, ,
.


40
.
: .
.
.

41.
, ,

42, ,



.

,
. :
,
;
40. . , . 10, . 26.
41. , (1765 1828).
42. ,
, ,
,
. , ,

,

, . 32 - 35 41.

,
,
.

.
,
,
.
,
, .

, :
,
.
.
.

,

,
.
, .
, ,
, .
43
. ,

,
.

.
44
. ,
200 . . .
100 . ,

43. 1 1813
. . . , , .
( . , , 1959), . 128 - 131.
44. ( ,
, )
.

, .

,
.
,
,

,
,

. .
1814

. .
. ,

.
, 45,
46,

180547,
.
:
.
.
, ,
. ,
.
,

45. Stew ar t
Castereagh
( L ondonder
ry) (1768 - 1822). .
. 1809
,
,
. 1812 ,
.
46. H ardenberg (1750 - 1820), 1807
1810 .
47.
,
(1814) .

.

,
. .

, .
, .

.
;
, :
.
,

.
, ,
. ,
,
,

46.
,

, 49.

.
,
, ,


.
50

48.
.
49. C h au
mont 1 1814,
.
50. ( ) Lieven (1777 - 1838),
1812.


.
,
, .
51, ,
,

.
,

.
52,

,
,
53.
,
.
( T u ile r ie s )
. ,
, 3) 15 1815, ,
,
.
51. ( ) (1752 - 1836).
,
(1799). (1801),
1816 .
52. von W essenberg (1773 - 1858).
1814 , , .
,
, 1819,
1830, 1835.
(1848) .
53. , Tailleyrand,
,

, , ,
. ,

( ),
,

.


.
, ;
, .
, ,

.
.

.
.
25 1815.
, ,


.
, ,

.
,
. , ,

,
54,
.
1815
.


. ,
,
55,


. .
(L a C h ar te )
.

54. .
55. W ellesley, W ellington
.

(1769 - 1852),


.

14) 26 , .

.
.

, ,

.

,
.
,
, , ,
.
.
.
, , ,
.
V e rtu s
.
.
,



,
,
,
,
,

.


,


, ,
, ,
. .
,
,
, . I -



.
, .

. ,
, , ,
.
.
,
.
,

.
.
,
.

.
, , .
,
. ,
, .
: , .

(Secr ta ire d t a t ) ,
V ertus

, ,
,
.
,
,
. 8) 20
1815.

,
.
, , ,

.
, .

56, , ,
.


,

,





, ,

,
. .
, .
.

.
,
, .
.
, ,

.
,
.



.
,
,
, . 57

, , ,

56. von F lo re t.
57. (1791 - 1854),
.


.

1816.
,
.
,


,
,

.

,
.
,
1822,
.

, ,
, ,
ad hoc.


.

,


.
,
,
.

.
. .
,
.


58 .
,
,
(conseiller priv).


8/20 1815.


,

.

,
.


. 59
. 60, 61
62
.

.
,

.

,



.
. 63
58. . , . 9 10, . 26.
59. ( ) (1 7 7 0 -1 8 5 7 ),
, (1816-1821) .
60. (1743 - 1827),
1812 1816,
.
61. (1777 - 1861),
.
62. .
63. .


,

.
, ,
,
64
.
,
, .
,
.
.
,
,
.
,

. ,
,
,
,
;
, , ,

. ,
,
, , ,
.
,
,
,
,
,
.
, ,
, ,
, ,
,
. , ,
64.

, ,

,
. ,

,
;
.
,
; ,
,
,
,
,
;

,
, ;
,
.
. ,

,
, .

. , , :
,
, .

.
. ,

. ,
.
,

.
. .

,
. .
,


.
,
. ,


,

. ,
,
,
,


.

.
,
.
,


.

14/26
65.
,
.
,


14/26 . ,
.
,
,
.

.
1817
.
65.

,
,
,
, .

. ,
, ,
, , ,
.
:
;
, .
;
. ,
. , ,
, , .
, . .
.
.
!
,
.
.

.

.

.
.

,

:
, ,
, ,
,
, ,
.
,
.


,
,

, .

.
,

. ,
,
.

.

.
,
.
,


,
, 66.

,
, .



,
67
.
. ,
. :
;
;
, ,
.
66.
(1776 - 1852).
67. Shaw, C athcart (1755 - 1845),
.

.
. .
68 ,
,
.
.
.

.
.
, .
,
, .
, ,

. ,

.
, ,
. ,


.

. ,
, ,
. ,

, ,
,
, .
, ,
. .

.
,

,
,
68.

(1770 - 1858), ,
1811 1821.


.
,
,


.




.
,
.
1817 ,
.
,
. .
,
,
.

. 1818,


.

- - 69.
, 70,
,
,
.

69. , ,
, 1807 ,
1820. 1816
Banda O riental ( ) ,
1825, .
70.
,

.

,


,
71.



. ,



73
,

, .
. 73 ,
, ,
- - -
.

,

, ,

.
.
, . 74 .

,
,
, (
) ,

71.

,
.
72. .
73. . . 32.
74. (1768 - 1845),
. .
.


.

, .
1818 1819
.
,
.
,
.
, ,
,
.
.
,
,
.
,
, ,
.

,
,
,



.

75.

76,
1807.
75. , ,
,
, ,
, , . I. ,
. , ,
. 1925, . , . 17.
76. (1760 - 1810) . ,
,. , 1887, . 201-206.

,
: ,
. ,
,
, ,
.
,
, .

.

.
,
. ,

,
.
,
1818

. ,

. ,
.

,

. . .
, , ,
,
.
,
,
.
. .
77, ,
,
78.
77. M u rat
(1767 - 1815), 1808
1815.
78. M aresca, Serracapriola (1750- 1822),
.


,
.
,
, ,



,
.

.
.
,

, .
. .
,
N ugent79, 1820.
,
.

,
.


, .

,
.

.

.

. .
: .
.
79.

( ) N ugent (1772 - 1862)


1817
, 1820.

,
: ,

.

,
.
, :
. .
:
,
, .

,
.


,


.
. .
: .
. ,
.

. , ,
.
. .

ultim atum . , ,
.
.

.
. 80
.
.

.
80. 27 1818 .


,
. ,


.

.
81,
, , . .
.
,
, , ,
.
, , ,
;
. ,
;
, ,
, ;
;
,

.

,
.
,

.
,
.


, ,

, ,
. , :
81.


(1791 - 1865), , .

.
.


. ,

.
62 83
,
.

, ,
.
,

.
,
,
. ,
. .
.


1818.

.


.
,
, .

,

.

,
, .
82. (1765 - 1845), 1812
1818.
83. (1773 - 1821),
1812 1818.


.


. ,
(
)
.

.
.
.
,
.

.

.
,
C haum ont ,
, ,

.
,
,

.
,
, , ,
3
1815. ,
,
,

.
,

,
.
,
.

.
. .
,
:

, ,
,
, , ,

.


. , ,
.
, ,
.
,

.

.

,
.
, ,
,
.

84, ,

.
.

84.

(1811-1818)
, 1817
, H ochberg. T
,
,
. ,
, Hochberg ,

.

, . .

.
. 85, ,

. 86.
, ,
, .
,
.
.
,

,

.
,
.

,

.

.

, .

, ,
,

.
85. Zea B erm udez (1770 - 1834).
1810
(g u e rra de la Indepen
dencia)
1824 ,

. 1824 . ,
(1825, 1832, 1833) .
86. 1818.
(1830)
,
.
.


, , . .
. .
.


,
.
,
. .
. ,
.


,


.
, ,
. ,


.
,
1819

.
.
.

,
,

.

87
.
, ,
. 87. (1778 - 1857).

,
.

( 11/23 , )
: , ,
.
.
.
.
.
.
.
,
. .
.

.

, ,
,
.

.
:
.
.
,
.
1819 , , , .
.
. ,
,
.
.

88,
, , ,
88.
M aitland (1 7 5 9 -1 8 2 4 ),
1816 1824.

,
. .

,
,

.
,
,
,
.


,
,
:




,

,

, ,

,
, .
,
, ,
, ,
.

,
, ,

, ,
, .
, ,
, .
. .

, .

, .
.
. ;

;
. !
, .
,
,
, .


. .

,

.
,
, ,
. , ,

,

.
,

, 89
.
.

!

. , ,
.
.
.
89.

5 1815,
.



.

,
. , ,
. 90
,
, , .



. , ,
. ,


.
, ,


,
.
,
,

.
,
, ,
.
,
91,
.

. 93
. , .
. , ,
. .
90.

92.
92.
1820.

T 23 1819 Sand
von Kotzebue (176 1 -1 8 1 9 ).
Gall (1758 - 1828), .
Decazes (1880- 1880), 1819 -

,
.

93

.
,


.
.
,
, ,
.

,
. , , .
.
94

.
, , ;
. ,
,

95
96.

.
.
,
.
,
93.
Lieven (1785 - 18 5 7 ),
.
94. R u ffo , C astelcicala
(1 7 5 5 - 1832),
.
95. di Somma
di C irello,
.
96. de Medici, O ttaian o Sarno
(1759 - 1830), .



,
.
, , ;
.

.

. .

,

.
. ,
, . 97

,
. , , ,


.

.
B ath u rst98,
, ,

.
,
,
.

. 99
.
.
97. (1820 - 1830)
1810 .
98. Bathurst (1762 - 1834), 1812 1827
.
99. Jenkinson, Liverpool
(1770 - 1828),
1812 1827.

,
100 ,
.
,
.
,
.
,
B a th u rst

, .
B athu rst
. ,
,
.
, ,

.
.
, , ,
,


.

,

,
.
, ,
,
.
,

.
.

.
.
100. . . 25 . 50.


.
.
. ,

, ,
1819 1821,
.
,
, .
.
, ,
,
.

,
.

B athurst.

.



101.
. ,

, ,
,
, ,
, ,

.

101.
,
( 1819),
.

,

.

.
, .

,
, .
,
102

, , ,

.

.



1815103.
,
,



104
.

, ,


.
1819 1820

.

.
.
.
102. 1820
, Berry.
103. . , . 27.
104.
.

. 05
,
,
.
, 106
. .
.

,
,
.
B ath u rst
.

. .
, ,
, .

. B athurst
.


.

,
,

.
,

,
. . ,
, ,
, ,

.

105. (1752 - 1817),
(1804 - 1813). . , . 10, . 26.
106. (1780 - 1861), 1815
1839 1859 1861.


. , ,
, ,
107, .
.

.


,
.
. ,

.
, 1824, ,
,
1815
.




.
1820

.

,
,
. .
, ,
108,
, ,

. .

107.
S bornik
r usskago istoriceskago obscestva,
I I I , . 297 - 303
( . ) : , 1903, .
5 0 - 53.
108. du Plessis Richelieu (1766 - 1822).



, .
,
, , ,

,

, ,
.
, .
, .


.
,
.
.

.

.

. .
;

;
, ,
.

, . ,
, ,

.
.


,
, .


.
,
.

.
1820
,
. ,


.
, ,

.
,

.
,

, .
,


, .

,
,

.



,
.

,

, ,
1814 1815
,





.



, .


109.

, .
.
.
, ,
,

1820.

,
.


,

.

,
.
.
.


.
: , , . .
.

109. .


, .

,
.
.
,

.




110 .



. . 111
, ,
.

.
, ,
, .

112.
. ,
, .
.

, .

, ,
, ,
110. .
111.
.
112.
28 1820.
,
.

,
.
.
,

,
.



.

,
:
.

,
,

.
,
.

,

,
.
,

,
.
,

.
113 114, -

113. (1768 - 1845), (


).
114. L angeron (1763 - 1831), , 1814
1822 ( ).

,
,
.


,

.

,


.


,

.

statu quo ante.
, , ,
. , ,
,


statu quo , .
,
. .

. . :

.

,


.
: .
, ,
.
, , ,
,

,
. .
,
.


.
, :
... .
.

.


115.

, , ,

.

,

116.
, ,


.

, agenda,

.
117,
, (agenda) ,


, 115. 10 1821
,
,
, 6.169 .
116. .
117. Prokesch O sten, I I I , . 95 -101.




.





,
.
, ,
118

.

, .
119
, ,
.
, ,
,
,
,

,
,

,
.


. .

, .
.
1821.
118. 1821.
119. (1762 - 1846),
.

,


.
,
,
.
.
.
.

... .
.
, ,
, ,
.

,
. , ,
.


, ,
;

,
;
,

.

. :
,
, , ,
.
120. ,

.
,
,
120. .

.

,
.
, ,

,
,
.

,
, , ,
.

.
:
,
,
.


.

, ,
.

,
.
, ,

.
.

, ,
.
, , ,

, ,
,
.


:
, , , ,
,
. , ,
,
.
, ,
. ,
. ,
, .

, .


. ,
, .

, .

,
. ,
,
. .

. ,
,
.

,
, , (agenda) ,
.
,
,

.
,
, ,

,
,



.

, .

,


.
. .
121, .

.

,
, ,
.



.





,
,




,
,
, ,

121.
, ,
,
1837
( ).


.

.
125,

, ,
.


.
, , ,

.


.

,
, , ,

,
.


.





.

,


.
, , ,

.
122. Prokesch Osten I I I , . 191 - 196.

,
, .

, , ,

.
,
,

.
, ,
;

, ,
.
, ,

, .

,

:

,
,


.
,
.
: ,
,

.

.

.

.

123,
,
.
,

.
. ,
, .
.

.


,

.
.
, .
. .
,

.

.
.
.

, ,
,

.
.
.
, ,
.


. .
123.

(1761 - 1844)
1807 ,
.

.
. .
.

. .

.


.
,
,
,
.
.
, ,
,


, .
:
,
,
.
, .
,
,
.
,
,



.

.

,
.
,
,

,
.
,
124.

, .
:
. ,
.
, , ,
.


.
.

.
.
,
.
.
.

.
.
.
.

,

.
1815, .
, ,

,
124.

:
:
.
, .
, , .

.


.



.
,
.
:
, .

.


,
.
,
,


.
, , ,
. .

,
. , .
.


.
, , :
, , .
.
1822
.
.
, ,
.
.


, ,
,
,
.

,

1807

,


, ,

: ,
, ;
. . . ,
.
.

.




.

1821 ,

. .

,

125 ,
, ,

.
125.
(1821)
(1823).


, ,
,
.
,

,

.





.
1825 126

.
,
,
.
,

.

,

127

.
.

.
,
1822, : , ,
,
.
.
126.
, .
127. .


.
,
,

,
, . . ,
,
. :

,
.
,
1822
,
,
,
.
,

,
.
, .

,

.

, :
,
.

. ;
;
, , ,


,
;

, ,
,


.
. .
.


.
12/2 4 1826



1800
, ,
, , .
,

.
25 - 6 1800

, , ,
- ,
.
, , ,
. ,
9 1801,

, (Pubblica galeotti
na) .

, , , , ,

.


,
.

27 1801.
. .

,

.

, ,
,
. ,

,


.

.


.
,
,
. ,
,
,
, , ,
, , .
,
.

,
,
,
.

. 29
.
,

,
.
,
.

.
* * *
,
, 48,
.
,
.
,
, . ,
,
, .
.
27 1801 25
1801. , 22 1802
9 1802.
-

,
.
I. .

,
.


.

, ,
.

. , .
.

( 188 9 ). ,
. .
,
,

.

,
.




. ,
,
,
,

, .,

.
, ,
,
.


.
, ,
, .
,
.
(
, , ,
, , . )
, ,
, .., .
, ,
.
,
,
,
, .

,
, ,
.

,

,
,
.

, d i f f i c v i t a t o , i n s t i t u z i o n e ,
i n s p i r a t e . .., l u o c o , s i n g u l i , i n n a n t i .
,
s p e r a v a ( . .), e s p o n e r e b b e .

. , ,
.
: c a 1a f a (,
), c i i e r a (
), c o m p r i t a (), c u g n o (
), d e g r a d o
(, ),
d o a n a ( ), gr p e t ( ), m a n e r a - m a n e r i
n ( ), m a n u e n s e (, ),
m a t a r e ( ), m i s t r i (), s b i a c a (
), s o g e z i o n a r (, ), t r e s p i o (, ),
t r i p i e r ( , . )
.
, ,

.
, ,
.
, , , ,
.
e a

( n e c e s s i t - a r e b b e , s e m b r
e r e b b e , r a s s e g n - a r e m o , .).
a v r e s s i m o , s a p r e s s i m o ( a v re m
m o, sa p re m m o ),
-sse sce- (a e s c e , f o s c e )
s i en o
( siano) f a c c i n o
faccian o ). i d e m o ,

( v ed em m o ) -in d o

-ire ( -endo).

a n n o ( = h a n n o )
,
h . ho h a
.

. -j
-io m i l l e ,
( m ila).
: ) : u
( d i v o l g a z i o n e, b o r r a s c a ,
p o n t u a l e , d iv u lg a zio n e ,
b u rra s c a , p u n tu a le , u l i v o olivo) e a ( c a n c e l
larla,
segretaria,
giandarm eria,
can celleria, se
g r e te r ia , g e n d a rm e ria ) z c ( d i s p a z z i , c a l z e , d i
spacci, calce, i m p a r c i a l i t , i m p a c i e n z a , im
p a rz ia lit , im p a z ie n z a ) ) : t r i n c i e r a , s c i e g l i e r e ,
s a g g i e z z a , s c i a m b e c c o , trin c e ra , scegliere, saggezza, sc ia
b ecco ) : c q,
( a q u a r t i e r a r e , a q u i s t a r e , p i a q u e , a c
q u a rtie ra re , a c q u ista re , p iacq u e).

, .
, .
,
.
,

.
, . .,
.
.
,
,
.

<

>
< .................>
[
]
(
)

.

:
:
:
:
<
> :
.

1

7, . 3

Eccellen za,
Si affretta la Com m issione Im periale di p artecipare a ll E.V. ed al
Prestantissim o Senato il suo felice arrivo in questa isola di Cefalonia nel
giorno di Sabato passato, 27 corrente. Ella si com piace poi di com unicare
all E.V ., al Pres(tantissi)m o Senato, le pi consolanti notizie riguardo al
prospero e felice incam m inam ento, e quale si aspetta im pazientem ente
d alla nazione, degli affari tu tti risguardanti la nuova sistem azione del
governo costituzionale in q u e st isola.
Q u an to sia stato provvido, opportuno ed efficacissim o l arrivo della
Com m issione in q u e st isola nella notte dei 27 si rilever d a ll annesso
rap p o rto (no 1) con cui fu la Com m issione in struita dello stato d ell isola
e citt dal benem erito, dal zelante, d a ll attivissim o nobile s(igno)r Col.
N icol Pieri.
U n m ovim ento di fieri rustici arm ati, app artenenti tu tti a differenti
fazioni, a ltri allarm ati, altri lusingati da prom esse < d i > piratiche
depredazioni; i loro capi con la pi bassa e vile reit riscaldati episto
larm ente dal sospetto di essere spogliati dalla Com m issione Im periale
della m ilitare divisa di cui attualm ente sono rivestiti. A lcuni influenti e,
per ogni riguardo, rispettabilissim i patricj del rip arto di Lixuri, messi in
apprensione col mezzo p u re epistolare che dalla Com m issione si sarebbero
rese nulle tu tte le venerate decretazioni em anate d a ll Ecc(ellentissi)m o
Senato in esaudim ento delle istanze di quella popolazione, sin d all anno
decorso... T u tte queste d ifferenti affezioni h anno certam ente m esso una
qualche p erplessit n e ll anim o di alcuni individui. Q uesti pochi hanno
bilanciato e bilanciano tu ttav ia, prim a di porsi con espansione di cuore ed
. l v entusiasm o, / di p erco rrere quella cooperante cam era ed adorarsi con

quella influenza e zelo che la Com m issione vede con suo conforto posta
in esercizio dai veri e legittim i p ad ri della p a tria , e di cui ella certam ente
abbisogna p er adem piere u tilm ente al suo uffizio.
M algrado tu tti questi prim i m a n(on) m olto valutabili ostacoli,
m algrado la differenza e disparit di interessi, di passioni, di m ire, la
Com m issione ebbe la com piacenza di essere stata accolta da tu tti in d istinta
m ente, m a con vera e com m ovente esultanza dai pi ragguardevoli fra
i patricj di questa egregia ed illustre citt.
N el giorno di D om enica 28 la Com m issione, trovando opportuno
di occupare lo spirito attivo, energico ed anzioso di novit di questi abi
tanti, ha p u bblicato la sua proclam azione con cui si annunziata. Ella
ne ha diretto l uffizio della p u b b licazione alla spettabile D eputazione e
Presidenza con suo particolare foglio (n 2 ) ed in p ari tem po h a rim esso
alla stessa Presidenza la v enerata lettera con cui l E.V. h a ben voluto
accreditare la Com m issione presso questo Provvisorio G overno.
Fu dalla spettabile Presidenza con l annessa lettera (n 3) ris
c o n t r a t a la pubblicazione del Proclam a con tu tta la sonorit e con
tu tte le decorazioni m ilitari che si convenivano in cadauno dei tre ri
p arti; A rgostoli, L ixuri e Fortezza.
Felicit nello stesso giorno di D om enica il G overno di q u est isola
. 2. l arrivo della Com m issione / col suo eloquentissim o e dotto segretario
D r. Lisseo.
La Com m issione restitu l uffizio colla m issione successiva dei due suoi
m ilitari aju tan ti nob. s(igno)r Cap. Teotochi e nob. s(igno)r Cap. M ocenigo.
P u n t p er la giornata susseguente di L u n e d la visita pubblica che ella
h a pensato di fare al G overno p rim a di vedere alcuno o di uffizialm ente
ragionare del p roprio uffizio con chi se sia.
F u accolto l invito. F urono invitati dalla zelantissim a Presidenza ad
assistere al p atrio ttico spettacolo tu tte le au to rit costituite com ponen ti
il Provvisorio G overno, tu tti i p atricj e tu tti i capi di fam iglia di q u a
lunqu e ordine si fossero.
Fu la Com m issione oggi nobilm ente chiam ata alla sua m arcia da un
num ero ragguardevole di patricj delegati dal G overno e da u n a parte dei
m ilita ri che presidiano questa piazza. Ella p a ss dalla sua abitazione al
palazzo pubblico, decorata da questo nobile e generoso seguito. F u accla
m ata dal popolo che m anifest in tu tte le m aniere le pi esuberanti la
propria letizia.
I
nobili P residenti e D eputati siedevano alla testa d ell adunanza
copiosa ed aspettante. Prese la paro la il giovine C. di C apodistria, D ele
gato Com m . Im p., e brevem ente espose i principi che guidavano la Comm.
Im per. n e ll adem piere al suo uffizio in questa m agnifica citt ed isola

le leggi dalle quali questi erano dedotti, i m etodi in quali la Commis


sione si era proposto di m etterli in pratica. D im and pubblicam ente la
Com m issione il favore, la cooperazione di tu tti indistinta(m ent)e. T erm in
col rivolgere il suo discorso p rim a alla benem erita Presidenza che con
. 2V onore, zelo ed attiv it sostenne le redini del G overno in tem pi / difficili
e calam itosi; poi ai m agistrati e trib u n ali che fin ora hanno beneficata
la popolazione tu tta , dim andando la continuazione del loro zelo ed
influenza p er cooperare a ll instituzione del nuovo G overno.
Q u in d i ai valorosi m ilitari benem eriti della tran quillt di q u e st isola,
in fine ai p atricj tu tti ed a tu tti gli ab itan ti, eccitandoli, anim andoli a
voler sentire con p u rit di anim o, elevazione di m ente la sublim it del
loro destino.
Rispose a questo uffizio il nobile s(igno)r Savio A nino, Presidente e
D eputato, con corrispondenza di intenzioni e di oggetti, m ostrando ad
evidenza quan to era sensibile alla citt ed isola di Cefalonia la siste
m azione a cui la chiam ano i sovrani deliberatori e per cui la Commissione
era p ro n ta e sollecita di occuparsi con studj efficaci ed im parziali fatiche.
C os term in la giornata di oggi, piena di giubilo e letizia e con
tentam ento p er questa m agnifica citt; e non m eno lieta e confortante la
Comm issione.
Eccellentissim o P rincipe, Prestantissim o Senato; la R epubblica di
C efalonia sar e q uanto p rim a degna di essere dalle altre isole sorelle
im it< fltf> a, em ulata, non m ai vinta, non soverchiata nel sublim e divisa
m ento in cui ella e sar sem pre pi di sostenere e di onorare l Eccel
lentissim a Settinsulare R epubblica, di cui ella presto far la p i utile,
la pi preciosa parte.
In riscontra lum inoso di quanto si onora la C om m is(sio)ne d i 1 e pre
, 3 conizzare dia / l annessa lettera di questa Presidenza, da cui si rileva
q u an to sieno solleciti ed industriosi i prodi naviganti di Cefalonia di
trascorrere i m ari sotto l o m bra ed il presidio del paviglione nazionale.
La Com m issione continuer l opera sua avendo in m ira soltanto di
fa r che ella sia della m aggior soddisfazione e contentam ento generale
ne passer g l ulteriori riscontri m etodicam ente a V .E.
Le ben augurate felicitazioni con cui l E.V. degnata di accom
pagnare la Com m. Esecutrice ebbero gi la loro prim iera verificazione.
Sotto tali auspicj la Com m issione certa che il fine corrisponder
piena(m ent)e al principio cotanto lusingiero e felice.
La C om m issione si pro testa colla p i distinta stim a, ossequio, con
siderazione.
A rgostoli 29 A prile 1801
D i V .E.
1. .

Poich si r ita rd a ta la parten za d ell espresso corriere che in o ltra la


Com m issione, ella ragguaglia V .E. ed il Prestantissim o Senato di u n a
sopravvenienza accaduta jeri di dopo pranzo. Le cagioni sono quelle
stesse che ella si o n o rata di m entovare nel principio di questo suo
rap p o rto . E bbero jeri qualche certo sviluppo che parve casuale. Si sarebbe
forse ingrandito l avvenim ento. L uso pericoloso e sanguinario delle arm i
prese d a tu tti si sarebbe verificato, q ualora n(on) avesse accorso col
. 3V suo raro zelo, talenti e viste m olteplici il C om an d. Col. / Pieri d all una,
i patricj tu tti coi loro consigli ed influenza, la Com m issione stessa Ese
cutrice, conferindo colla Presidenza stessa segretam (ent)e ed associandosi
poi dodici p i ragguardevoli personaggi d i questa citt i C (ont)i
C oraf, i Pignatoro, i Focas e ponendo quindi in p ratica il preso
p artito di conciliare gli u rta ti ed arm ati p artiti.
D ietro alle p artico lari insinuazioni ed ufficj di tu tti i m em bri com po
nenti l estrao rd in aria consulta, che si bene perm anente fino alle tre
della notte di jeri, questa m attin a dinanzi alla Com m issione Im periale
segu l am icam ento colle p i solenni e giurate protestazioni di am icizia
esternata da am bedue le p arti.
L a C om m is(io)ne p a ss dalla Presidenza e si com piacque di presen
tare al G overno p er m ezzo suo fratern izzata q uesta p arte di abitanti. G li
evviva i p i entusiastici alla nuova R epubblica, la gioja e l esultanza
generale con cui da tu tti si sentita la riconciliazione di questi p artiti
assicurano la Com m issione che di oggi in poi non saranno p i p er essere
distratte le sue cure da avvenim enti di questa spezie.
A vendosi la Com m issione astenuto di levare d all isola di Pax quei
soldati e basso uffiziale che d all E.V. gli furono accordati si trovata
in necessit oggi p er supplire a ll urgenza del buon servigio di questa citt
ed isola di dirigere le sue dim ande alla S pettabile Presidenza di Itac a onde
quella picciola guarnigione e q u ell uffiziale si trasferiranno in Argostoli
fino a tanto che si sieno verificate le prim e operazioni che la Com m issione
si appresta di eseguire,

. 4

/ Ella spera che d a ll E.V. si far generosa approvaz(io)ne alla m isura


che q(uesta) sola urgenza sia presa.
R innova le sue proteste di considerazione
N IC O L O G R A D E N IG O SICU RO
C onte di Siila, C av(aliere)
G IO V . C. di C A PO D IST R IA
D eleg. C (om m ission)e Im p.

. 1

/ : A S.E. il P rincipe P reside del P(restantissi)m o Federativo


Settinsulare Consesso
C orf
:
A ddi 7 M aggio 1801 s.v. ricev.

N 1 i n due fogli con inserte tre .

,
..

, 27 .
..,
,

,
.

27 ,
(. 1),
, ,
.
, ,
,

,

.
, ,


, ,
. . . .
.
,
. 1 , /

, ,

, .
, ,

, ,
,
,
.
, 28, ,
,

.


(. 2)

..
.

(. 3)

, , .
, ,
/
.

,
.

,
.
.


, ,
.


.

. ,
.

.
, ,

,
.
, .
, ,
2 /
,
,

. , < >
,
, ,
,
.

, ,
< > ,



.
,

.
,
, ,
, , ,

,
, ,
.
3

< ... > 1

/ ,


.


.. .
..
1.
.


.

.
,
, .
29 1801
..
.. 3 0

, ..
.

.
. .
,
, ,
,
. 3
/
, ,


, ,

.

,
,
,

.


.
,


.


, ,

,
,
,

.
/ ..
.
.

,
.

/ : ..

: . 1 . 7 1801
. . .

2

7, . 9

Eccellentissimo Principe,
Colla n ostra le ttera segnata 30 A prile abbiam o partecipato a ll E.V.
le insorgenze, le cause da noi ravvisate p er in fluenti, gl espedienti m om en
tanei, le m isure prese e messe in pratica p e r ottenere una tranquillit
p rovv iso ria, la forza arm ata di cui abbisogna indispensabilm ente la Com
m issione E secutrice p er sostenersi e p er sostenere con energia l im parzia
lit .....
In continuazione si onoriam o di p resentare alla m atu rit di V .E. la
n ostra situazione in q u est isola, la p arte che abbiam o sostenuto fin ora in
questa azione che p e r prodigio non ancora d ivenuta tragica.
Le riconciliazioni n on valsero a ten er ferm a la tran q u illit d i Argostoli

stoli, che p e r pochi istan ti. N oi si siam o convinti col consiglio dei saggi e
p ru d e n ti sig(no)ri e col fatto che p er evitare g l u rti bisognava certam ente
togliere l occasione degli incontri ai p rincipali m otori delle insorgenze.
D opo m olti studj e diligenze, neg< o> ziative si pervenne di allontanare
d alla citt i fratelli R iziardopulo m andandoli onoratam ente in com m issione
a Livat. P er tal m aniera si sono co n ciliati alla pubblica sicurezza e sod
disfazione i rigu ard i che si dovevano avere verso di questa fam iglia per
m olti titoli in fluenti, ed in spezialit nella pertin enza di L ivat2.
V erificato l allontanam ento della fam iglia R iziardopulo re sp ir , fu
tran q u illa questa citt. M a p er u n giorno solam ente. La cam pagna tu tta
in tum ulto, in arm i, il pallore di m orte dipinto nella faccia di tu tti gl abi
tan ti. O uesti tram o rtiti cingono tu tti ed im pugnano le arm i, gridano, cor
rono; m a p er rin tan arsi sem pre nelle loro abitazioni, convertite, sin dal
m ese di A gosto d ell anno scorso, in tan te rustiche fortezze, custodite da
parap etti e feritoje, fo rnite di arm i, di m unizioni da guerra e da bocca.
C onobbim o dunque con evidenza che qualche m otivo causava codesti
tum u lti ed allarm i e che egli era tale che senza estinguerlo assolutam ente
il nostro uffizio n on poteva esser verificato n la C ostituzione potrebbe
aver luogo.
Studiando e cercando i possibili rim edj si tro v regolare di chiam ar
u n a conferenza com posta dai prin cip ali e pi influenti patrizj di cadaun
rip arto , onde dalla loro voce legalm ente conoscere quali erano le cause
dello stato lacrim evole e spaventante di questa citt ed isola e p e r qual
via pergiunger si potesse, se non a cangiarlo, a renderne alm eno pi tra n
quillo l aspetto.
N el giorno p(ri)m o M aggio si verific codesta convocazione. Si onoriam
o
.1v di ac/co m p ag n are la lista dei chiam ati (n 1).
Si a p r la prim a sessione esponendo che la Com m issione Im periale
Esecutrice vedeva con suo dolore e m eraviglia l isola tu tta in rivoluzione.
Essa arriv ata (si disse) a C efalonia p er fa r che si verifichi in ogni sua
p a rte l instituzione del nuovo governo, non p er vedersi so tt occhio rivolu
zionata l isola. Q uindi si d im and con r isoluzione dalle conoscenze di
cadauno di quei sig(nori) la vera esposizione delle cause di tanti disordini
e sovvertim enti. Il progetto di estirparle, F esecuzione di questo progetto
p ro n ta ed energica. Egli p er ci che a ll adunanza stessa si convengono
le funzioni ed il titolo di Com m issione di P ubblica Sicurezza e C ustodia.
Egli p er l u n it delle operazioni e politiche e civili e m ilitari e per la
loro cospirazione alla m eta di veder costituito ed in attivit possia il nuovo
1. . : conciliate
2. : A llontanati R izardopulo.

G overno che si propose e fu accolta la presidenza di questa estraordinaria


Com m issione, com posta dai due com m issarj Im periali e dal sig(nor) Co
l(onnello) C< om > an d an te delle a rm i .
P e r d are poi a q uesta instituzione tu tta la convenevole legalit si
ebbero gli assensi del G overno non p er com unicazioni uffiziali ed episto
lari, poich l istan taneit del m om ento ed il continuo dover accorrere qua
e l p er sospendere e distraere g l azzuffam enti, il fuoco, ne rese im possibile
la regolarit.
D evenuta quindi la Com m issione di P ubblica Sicurezza e C ustodia
ad occuparsi delle cause che prom ovevano tan ti disordini risu lt dai p ro
cessi verbali e dalla lettu ra di alcune lettere p articolari che l arrivo n ell
isola di C efalonia del p atricio E ustachio M etax aveva cagionato tu tti
i m entovati sconvolgim enti2. Fu questo sig(nore) consigliato a partirsene.
Egli rispose che n on credeva ingenue e veritiere le avanzate sollecitudini.
Q u in d i, dopo varie discussioni, fu preso e trovato regolare dalla Com m is
sione tu tta di ratificare quan to p rivatam ente i m entovati sig(nori) gli ave
vano scritto. Si fece com e n ell annessa (n 3) e coll oggetto principa(le)
di determ inare questo sig(nore) e d a r luoco d a ll isola con pienissim e assi
curazio n i, com e V .E. potr riscontrare.
N on s ebbe in risposta nessun riscontro. P rivatam ente egli fece sapere
le sue allora ardite intenzioni. L allarm e si aum enta. Il G overno dell
isola si trova m inacciato, attentato. La sovversione diviene im m inente. (Si
unisce le copie a, b, c , d )3.
In tale urgenza la Com m issione pren d e con pienezza di suffragi l an
nessa decretazione (n 4).
N on si ottiene l am m ansam ento di questo sig(nore).... Egli anzi infierisce
2 ed il m ovim ento / dei villici diviene sem pre p i m inaccioso. Il G o
verno vuol garantirsi; o rdina u n arm o copioso di rustici sotto la direzione
del M aggiore R izardopulo, en tran o degl altri in citt sotto gl ordini del
C. M etax. F rattan to arriva il C. A ndrea Senatore.... N o n v h a nessun che
no n paven ti, non trem i, non si allarm i.
L arrivo di fatto, la perm anenza p er alcuni giorni in segreta e m iste
riosa m aniera del patrizio E ustachio M etax n ell isola, non nella citt di
C efalonia, la sua condotta forse necessitata dal sospetto in cui egli era ed
tu ttav ia di vedersi atte n ta ta la vita; l esser egli contornato d a villici
arm ati, li rinn o v ati ra p p o rti di anziane clientele, la com m ozione che deve
aver portato la sua vista fra quei villici che ebbero dalla sua influenza
dei benefizj e protezione in passato; la partenza di questo personaggio d a ll
1. : C o m (m is)si(o )n e d i P(ubblica) Sicurezza.
2. : C om parsa M etax e mozioni.
3. Si unisce .

isola del Z an te che diviene di giorno in giorno il fom ite e l esem pio d ell
insubordinazione e della rivolta in trionfo; la divolgazione che questo si
g (nor)e avesce seco lui u n a som m a generosa di danaro e d ell insegne ri
m archevoli; tu tti questi oggetti dovevano certam ente colla loro presenta
zione e vera ed artifiziosa dalla p arte di alcuni m ettere in m ovim ento ed
apprensione le spirito di tu tti gl abitan ti; e quindi allo risvegliarsi di non
estinte, m a sopite passioni, vendette, progetti di dispotism o o di dom inio,
dovevasi, come avvenne, esser tu rb ata dalla civica influenza la pace di
tu tti g l a b itan ti della cam pagna, eccitarsi in essi la terribile avidit della
rapina.
Q uesta generale convulsione, dobbiam o confessarlo, ci fece u n poco
app ren d ere ed abbiam o dovuto m editare su di noi stessi, sul nostro uffizio
ed in to rn o a quan to ci poteva soprastare, non conoscendo precisam ente
le intenzioni, i progetti del s(igno)r M etax, tanto p i che generalm ente
si assicurava esser egli pervenuto in q u est isola come u n em anazione za
cintia, e tan to p i influente e pericolosa quan to ella ci sem brata no n im
preved u ta, n o n in asp ettata dai p i fra i ragguardevoli e preponderanti
patrizj.
N el giorno dei 3 Maggio noi si trovam m o assai angustiati, non sapendo
ben conoscere sopra quali fra i tan ti e tan ti arm ati che contornavano noi
e la poca m a assai b rav a n o stra tru p p a dovevano contare e quali ove acca
desce u n fatto d arm i si dovevano inseguire e b attere. La tru p p a sem pre
in ap p arato ed apprestam ento di guerra h a costantem ente occupato la gran
guardia, fedele custode del nosto adorato vessillo, e l 1 giuram (m )o tu tti
di perire anzicch vederci so tt occhio disonorati ed offesi.
Si travagliato accorrendo in varie p a rti tu tto quel giorno inspirando
.2V ed a s/su m e n d o confidenza dalla p a rte del G overno, consigliando o tra t

tan d o eziandio con tu tti quelli che m al soffrendo il G overno, avrebbero


senza il nostro riguardo d ata u n a spin ta alla sua caduta. Stanchi da queste
perplessit e dubbiezze che ci agitavano lo spirito, abb attu ti per i travagli
anco personali, cercavam o nella sera stessa u n qualche riposo, quando
fum m o confidenzialm ente avvisati she p er opera del s(igno)r E ustachio
M etax quella parte degli ab itan ti che si credeva favorevole e proteggitrice
in ogni urgenza 2 delle arm i pub b lich e e della Com m issione non credeva
p u nto di m ancare a se stessa, favorindo ed appoggiando l introduzione in
citt dello stesso; percioch egli non veniva che p er voler anco con la sua
opera ed influenza favorire l instituzione del nuovo G overno C ostituzio
nale e p er onorare il nostro vessillo.
Q u al velo ci fu levato dagl occhi? Q ual m ano se lo leva? O ve siam o?
1. . : la
2. . : Ungenza

C hi ci circonda? Chi ci appoggia? E chi ci tradisce? In mezzo a tan to con


flitto di apprensioni, di com m ozioni, di dubbiezze, di perplessit? Il gio
vine C. di C apodistria arditam ente risolse su ll istante di p o rtarsi in p er
sona a vedere, a p a rlare con q u est uom o, che solo non doveva b astare per
m etter in sovversione u n isola cotanto popolosa ed estesa .
L in stan tan eit della risoluzione, l aver egli afferrato con im peto un
com pagno, che p oteva in qualche p arte garantire la sua vita nel n o tturno
passaggio p e r m ontuose ville arm ate ed in rivoluzione, fece che in q u ell
istante non si potesse d al suo collega n tratten ere n consigliare. N on
valsero le osservazioni che gli si fecero d al C om (andant)e C ol(onnello) Pie
ri n ell accom pagnarlo alla sponda del m are. Disse soltanto di voler p er
sonalm ente riconoscere in fine di che si trattav a n che questa conoscenza
si poteva p i affidare a nessuno. P a rt in fa tti alle due ore di notte. A rriv
passando da arm ati e coi favori delle tenebre in u n a villa a m ezza notte...
Ivi lo si fece en trare in u n a rustica capanna. T u tto era bujo; u n segreto m or
m orio a bassa voce indicava che ivi erano in agguato m oltissim i rustici
arm ati... A pparve dopo m ezz o ra u n a lucerna che discopersce agl occhi
d e l giovine l o rrid o ap p arato di quella scena. Lo si fece aspettare per
qualche ora. In fine arriv il s(igno)r Eustachio M etax.
Il colloquio continu per q u attro ore... E bbim o la sorte di conoscere
che E ustachio M etax non era arrivato n e ll isola di Cefalonia in tal epoca
piutto sto che in a ltr a , fuorch p er rim ettersi nel prim iero suo posto di Presi
. 3 de della citt e di riacquistare p er / tal m aniera quanto egli aveva perduto,
sia nella p u b b lica considerazione come nel p ro p rio interesse. Egli a ci a s
solutam ente aspirava e con tan to p i di in tensit e fanatism o, quanto egli
era convinto che d ietro a ll instituzione del sistema costituzionale i suoi
aspiri, la sua rindennizzazione e quella dei sfortunati suoi com pagni, tu tto
si sareble sm arrito, rallen tato , difficultato, ove l ordine, la legalit m eto
dica avesse a decidere di uno spoglio cotanto o rrendo e p er il suo esempio
fatale2.
C onvinti come lo siam o dopo di ci che il s(igno)r Eustachio non
arriv ato n e ll isola p e r o perare contro a ll instituzione del nuovo G overno,
m a soltanto p er rim ettersi in influenza e p e r rip arare alla sua povert,
conoscendo eziandio che q u e st uom o dopo di aver persuaso quasi tu tti
gl a b itan ti di A rgostoli della rettitu d in e e della giustizia delle sue
intenzioni, progetti non contava pi in questa citt che dei poderosi ed
influen ti appoggi; trovando in fine che dalla p arte del G overno la distra
zione, la divisione e la povert di risorse favoriva indirettam ente la p r e
ponderanza del d (o tto )r E ustachio M etax . . . I nostri studj , le nostre
1. : G ita Capodistria.

cure si convertirono d a ll u n a e d a ll altra p arte per im pedire e sospendere


u na esplosione che d ora in o ra m inacciava P isola tutta.
N el giorno dei 3 corrente abbiam o convocato in consulta di stato la
Presidenza ed il m ag(istra)to di A lta Policia. Esposim o le cose, si dim anda
rono rim edj; le proposizioni furono sconsigliate e tale che evidentem ente
dim ostrasi la loro inconfidenza verso le pubbliche forze... Poich non
pensarono su ll istante che di fa r passare in citt degl altri villici arm ati,
di som m inistrare a quelli della cam pagna e denaro e m unizioni d a guerra
e da bocca... Eseguito questo progetto nel giorno dei 4 la nostra angustia
si accrebbe. N oi si trovam m o sem pre p i in mezzo a due fuochi, tanto
p i che i rustici arm ati che progettavano l ntroduzione violente del d(o tto )r
M etax e la sua rim essa nel posto di Preside a torm e a torm e s in tro
dussero in citt, occuparono delle case, si collocarono in avvantaggiosi ap
postam enti, circondarono la citt, occuparono robustam ente tu tte le ve
nute. N oi su ll istante abbiam o fatto il nostro picciolo bagaglio. La fa
miglia tu tta ed i dom estici si m isero in custodia nel bergantino e noi siam o
passati con tu tta la n ostra tru p p a ad occupare la piazza, a custodire il
nostro vessillo, a m ettersi in istato di u n a aspettazione p er q u anto debole,
sem pre p e r im ponente, avendo col suo genio il nostro C ol(onnello) Pieri
decorato tu tte queste operazioni colla m assim a dignit, energia, risolu
zione2.. Si p ra n s a ll eroica in quella piazza, m ilitarm ente si fecero delle
feste e m ostrando a ll esterno u n a letizia, u n coraggio, u n a determ inazione
.
3V
/ che n on ci erano certam ente inspirate d alla conoscenza e dal senso
delle nostre forze, passeggiando francam ente p er tu tta la citt, in m ezzo
agl appostam enti nem ici, noi ebbim o la fo rtu na di sospendere per quel
giorno l im m inente rovina e distruzione della citt, che si sarebbe certa
m (ente) non inondata di sangue, m a divenuta il cam po di u n a orribile
pirateria e di qualche parziale assassinio.
T rovando che in questo stato di violenza non si potevam o pi soste
nere, che i b rav i nostri soldati ed ufficiali com m inciavano ad am m aliarsi
per la continuit e qualit di im m ense fatiche; trovando pure che noi
stessi non eravam o pi in grado di m antenere l equilibrio p er l aum ento
che d o ra in o ra si andava facendo di rustici arm ati d a ll u n a e d a ll
altra, abbiam o preso il p artito di p ro p o rre l instituzione instan tan ea di
una C om m (ission)e alla Pace, la quale definitivam ente sciogliesse e deter
m inasse cadauna differenza ed operasse coll oggetto principale di allon
tanare i villici arm ati. Si propose, si institu sul m om ento, n o n senza
altern are m inaccie, consigli , preghiere, com andam enti, provvida in stitu
zione, dappoich , m entre si stava occupati nel tra tta re e com ponere u n a
1. : Pericoli.
2. : Studiate apparenze.

convenzione, gi si era com inciata la guerra e nei vullaggi vicini e nella


c itt . Subito si spedirono arald i annunziando e gridando per le strade
che la pace era seguita, che i nobili si erano u n iti a questo effetto. Si
spedi im m ediatam ente in cam pagna a cavallo il Cap. T eotochi, che affron
tando i pericoli e fatica riusc nella b e ll opera di fa r sospendere ii
fuoco. Si unisce il suo rap p o rto (n 5). D opo tre ore di travaglio si per
venne a fa r segnare ai partizj ad u n ati p er stabilire la pace la convenzione
che si onoriam o di accom pagnare (n 6 ). D opo che se ne diffuse la p u b
blicazione, dopo che p e r le p i freq u en tate strade della citt la Com
m issione alla Pace si fece vedere con il ram o d i ulivo alla m ano, dopo che
in fin e cadauno di quei p atrizj h a assicurato dal suo canto la popolazione,
i villici, che la pace si doveva sostenere e garantire da ogn uno colle
pro p rie influenze ed o p erazioni, cangi faccia e colorito la citt tutta.
E qualche tran q u illit ebbe luogo in quel giorno.
N el giorno 6 i D elegati si p o rtaro n o a p arlam entare sol sig(nor) M e
tax. Il loro ritorno, il loro arrivo fu ansiosam ente aspettato e pari a ll
aspettazione finito. Subito si sped u n araldo p er tu tta la citt assi
curan d o tu tti del p rospero successo della m issione.
N el giorno seguente si pubblicata l annessa proclam azione (n 7),
da cui si ebbe u n pi lodevole effetto... N on ostante, i rustici arm ati non
volevano d a r luogo ed alcuni a<c > q u artierati in u n a venuta della citt
. 4 hanno strac(c)iato e solennem ente ingiuriato la / carta pubblicata dalla
Com m (issione) alla Pace.
A questo annunzio nuovi turbam enti dal canto di tu tti e noi di nuovo
ci siam o posti di m ezzo, onde non sopravvengano disordini e stragi. A bbia
m o sul m om ento convocato la Com m is(sione) alla Pace, abbiam o fatto la
proposizione che si chiam ascero sul m om ento i prim ati, i sacerdoti a p p arte
nenti a quelle ville che in arm i circondavano la citt. Sul m om ento se
ne ad u narono sei p e r ogni p a rte coi loro pap . N ella nostra abitazione
arrivati, ove siedeva la Com m issione alla Pace, si p a rl a questa gente.
L 2 si eccit a verificare in fatto la pace, si abbracciarono e ad u n a voce
giurarono di g aran tir tu tti la pace fra gli ab itan ti, la tran q u illit n ell
isola, affinch la loro R epubblica sia in stituita. G iurarono fedelt alla
R epubblica, al vessilo, h an n o bevuto alla conservazione e vita della R e
p ubb l. e dei n o b ili3.
D opo questa p relim inare fraternizzazione li abbiam o invitati a con
venire reciprocam ente su i m etodi coi quali si doveva verificare la loro
uscita dalla c itt e dai soborghi. A m ichevolm ente si sono convenuti. D opo
1. : Co m ( m) is s (io) ne d i Pace.
2 . . : la

la loro convenzione abbiam o alla testa della Com m issione alla Pace, accom
pagnati dal seguito di questi rustici, trascorsa tu tta la citt e si siam o
p o rta ti fino ai loro posti avvanzati, da dove speravam o di vederli sul
m om ento uscire. L 1 arrivati nuove questioni... Le abbiam o sul m om ento
calm ate, m a trovando dalla p arte dei seguaci e sostenitori di M etax un
ardire ed una energia che non si sapeva decidere se figlia della p reponde
ranza o d ell arte, e trovando su ll istante della pi urgente im portanza
di rilevare lo stato vero delle forze loro, il bravo, l in trepido sig(nor)
C ol(onnello), nostro in s ta < n > c a b ile com pagno in tanti travagli e collopera
e col consiglio, si determ inato di portarsi personalm ente nel centro delle
arm i ru sticane di am bedue i p artiti e nei loro appostam enti, onde illum i
nare colle p ro p rie osservazioni di m estiere la Com m issione Im periale e
deciderla dopo queste p er qual p artito ella dovesse abbracciare. F rattan to ,
m entre la gita del sig(nor) Col(onnello) fu suggerita e diretta da codesto
divisam ento, ella p o rt il lodevole effetto di fa r che si sospendesse il fuoco
che gi com inciava, di o rdinare il ritiro del sig(nor) M aggior R iziardopulo
dal luoco ch egli occupava, di persuaderli tu tti. La m aggior p arte dei
villani si rid rata e noi abbiam o il fedele, il puntuale riscontro della
prepo n d eran za p er num ero, e spezie di arm ati dal canto degl insorgenti,
come dicono essi, affinch la legge, la costituzione abbia ad essere verifi
cata. Q uesti non si sono gi ritirati n in tu tto il decorso giorno dei 8 n in
quello dei 9 n fino oggi p er la to talit. C ontinuarono anzi altri a partirsene,
altri a rito rn are, altri a sopravvenire o ra sotto questo ora sotto altro pretesto.
4V / Bisogna p er attestare che in questo frattem po, dopo il ritiro dei villani
d all altra p arte che fu fedelm ente eseguito nei m odi e tem po convenuto,
abbench vadino e tornino questi a ltri p er la citt, abbench girino arm a
ti, p u re colla m aggior regolarit e fedelt lasciarono e lasciano tranquillo
ognuno e dopo il giorno dei 7 non si conta nessuna sopravvenienza n alla
rm i. A nzi rim arcabile e o n o rata l im presa delle num erose fam iglie
C ostato e G arb in i, le quali abbench insorte non h an n o spiegato altro
desiderio che quello di portare fra le loro braccia il vessillo nostro, inalbe
rarlo in fortezza, onorarlo con num erosi scarichi di fucile e di m uscoli,
custodirlo, adorarlo. F urono pienam ente esauditi in questa loro nobile e
patrio ttica dim anda. Un ufficiale dei nostri, il sig(nor) M arco Pieri
T (esorier)e, decorato di ordinanze, a n d nel giorno 9 corrente a essere
testim onio di tan ta fedelt e patriottism o.
Siano grazie ai zelanti ed influ en ti sig(nori) N icolino A nino e D e
metrio Pignatorre; essi si sono ardentem ente interessati, affinch tan ti
villici arm ati in m oto con tante e cos ard ite pretensioni si siano appagati
e vinti colla ragione e colla rifflessione e che il disarm o totale d ell isola
1. . : la

l evacuazione dalla citt di questi esseri -m alefici, siegua come dob


biam o sperare, con ta n ta spontaneit e m etodo.
M entre eravam o anim ati dalla speranza di p o ter dopo tante fatiche
occuparsi in ufficio delle n ostre p ro p rie funzioni, jeri ebbim o l annessa
(n 8 ) dalla S p(etta)b(ile) P residenza, con cui vediam o affidato alle nostre
cure il governo dell isola. N m en p e r questo stranissim o e d a noi non
atteso avvenim ento ci siam o tu rb a ti o disanim ati. A bbiam o convocato la
Com m (ission)e di P ubblica Sicurezza e C ustodia. Si espose l accaduto
e si an n u n ci alla stessa il nostro divisam ento nel proclam a che accom pa
gniam o (n 9 )2.
Si fece p u b b licare3, poche ore dopo la Com m (ission)e di Sicurezza
P ubblica ne fece prom ulgare u n secondo (10), di cui l oggetto prin ci
pale si di assicurare cad au n o che nessuna innovazione sar per esser
fa tta n in nessuna p arte da questa in terin a am m inistraz(ione) si vorr
alterare o distruggere quan to si decretato d a ll abdicatosi governo: altri
due proclam i contem poraneam ente si p ubblicarono, coi quali si spera di
assicurare la concordia e la confidenza fra g l abitanti tu tti (n 11 , 12 ).
Si poi occupata in secondo luogo la Com (m ission)e di jeri n e ll
eseguire la neccessaria diram azione degli uffizj am m inistrativi che con
ponevano le funzioni e m inisteri della Presidenza e D eputazione; n ell
annessa (n 13) V. E. riscontrer l operato.
5
/ P er q uanto sem bri, sperabile la tran q u illit e la vera pace in A rgo
stoli. N on siam o del pari tranquilli intorno a Lixuri e L ivat. R iparto
Lixuri assai interessante e capricioso e p ertinenza Livat, la quale ali
m enta e n u tre la finanza di questo G overno colla sua peculiar estesissim a
com m erciale navigazione.
Q u an to a L ixuri, ebbim o in oggi (11 corrente) l annessa (n 14) da
u n a p arte di questa abdicatasi Presidenza. D ue dei sei m em bri che la
com ponevano soggiornano a L ixuri, dai loro collega di A rgostoli non
veduti che di rad o n in queste stri< n > genti circostanze p er nulla inte
ressati o nde servire la com une patria. Il p atriottism o di questi sig(nori) di
L ixuri n on sem bra ingenuo, avendo essi proposto di traslocare il G overno
in Lixuri, con d anno certam ente d ell unione, della concordia e della possi
b ilitt d i costituire q u e st isola4. R ileviam o poi che questi P residenti e
quelli d e ll A lta Polizia che ivi soggiornano, fom entati da qualche inquieto
spirito di cost, vogliano ten tare dei m ovim enti contrarj alla tran q u illit
generale ed al b u o n ordine. N on ci sgom entano, non ci fanno m eno insistenti
1. . : ne
2. : D im essione e assu n z(io n )e d i Presidi.
3. . : bubblicare

stenti nel voler prosperam ente com pito il nostro ufficio n questi atten tati
n q u an ti altri si sapessero rinvenire. N oi abbiam o sem pre operato con
candore, abbiam o a Lixuri dirette le nostre generali e parciali proclam a
zioni (n 15), abbiam o sem pre rispettate le au torit costituite. Siam o nel
ferm o divisam ento di rispettarle, di consigliarle, sem prech no n vogliano
con, indirette operazioni co ntraoperare al nostro m inistero.
Q uan to a la pertinenza di L ivat, non si m ancato n si m ancher
di attivare tu tte le possibili negoziazioni private, di adoperare tu tte le arti
e consigli che valessero a tranqu illizzare quegli abitanti ed a farli, come
sono am ici con entusiasm o della R epubblica e del nostro vessil(l)o, cos
anco di q uella instituzione e regola, m erc cui soltanto p o tr esistere la
R epubblica e p o tr essere onorato e glorioso il vessil(l)o stesso. N oi
contiam o assai sui talenti e sul p atriottism o del sig(nor) A ndrea P an e
dalla sua influenza, com ech dalla negazione di oppostam ente agire della
fam iglia R izardopulo speriam o, e forse non in vano. Il giovine s(igno)r
M arino M etax < A n > zolato, pieno di nobile repubblicanism o, p arte fra
qualche giorno p e r Livat. Egli va a p o rtare con la sua viva voce la quiete
in quella pertin en za, p arler, tranqu illizzer quegli abitanti, assicurer che
la Com (m issione) Esecutrice n on si lascia giam m ai vincere n sedurre da
locali o particolari interessi e pretensioni.
R iscontriam o il ricevim ento della v enerata lettera 7 corrente. Ci con
fo rta la generosit con cui l E. V. si com piace di onorare le nostre .
5V o
perazioni. V .E. conoscer ab /b astan za che la n ostra condotta in tanto diffi
cili e pericolose circostanze fu necessitata e dalla debolezza dei m ezzi
che starebbe a noi di adoperare p e r fa r risp ettare e valere la pubblica auto
rit, la legge, la pi scrupolosa im p arcialit, e dalla ferm a nostra determ ina
zione d i voler q uanto p rim a costituita q u est isola ed associata con i p i
fo rti legam i alla Federazione.
N IC O L O G R A D E N IG O SIC U R O
C (on)te di Siila C av(alie)r C om (m issari)o
Im p(eriale) e Collega
P. S. 11 M aggio. N ella sessione di oggi la Com m issione Interin a(l)e
G overnativa h a preso con pienezza di suffragi l instituzione di a ltri 100
villani soldati e quella di 80 soldati civici. Fu esagerato, sostenuto il bi
sogno, qu(ale) assicurare im m ancabilm ente la tranquillit della c itt n e ll
istante, spezialm ente delle adunanze dei consigli. Fu forza accordarlo dalla
parte n ostra, giacch il non accordarlo non avvebbe fatto che lasciare
soccom bere n ell opinione.
O ve ci giungano li tan to a noi necessarj rinforzi d a terra ed il
1. .

pubblico t ravaglio, sarebbe eziandio necessario che d all au torit dell E.V.
fossim o autorizzati di in stitu ire degl esam i ed osservazioni sulla forza
arm ata territoriale di q u e st isola, di agire col consenso di quei capi m ili
ta ri che ci piacesse, di associarci e di d eterm inare con essi provviso
riam (ente) il tu rn o e delle tru p p e e degli uffiziali1. L esecuzione di questo
giro sarebbe assai ard u a, q u alo ra ella dovesse essere appoggiata alla sola
persuasione che questa la circostanza a consigli term inati in cui si deve
necessariam (ente) adoperare la pi v alida e la pi determ inata forza.
A ltrim enti l isola di C efalonia non si lib erar giam m ai da questa m alat
tia che tu tte consum a e distrug(g)e le sue forze vitali. O ram ai non vi
nessun ab itan te di q u alu n q u e o rdine o condizione egli sia, il quale o n(on)
sia u n m ilitare deposto , m a pagato, o n(on) funzioni di nom e o non aspiri
a questo uffizio. Poich si p(er) tal m aniera universalizzata la sm ania
del m ilitare servizio e l avidit di questo inonesto guadagno, egli evi
dente che p e r q u an to onesta e p atrio ttica esser possa anco la nuova am m i
nistrazione costituzionale, giam m ai si p ervenir ad apprivare qu est isola
d a ll infecione m ilitare.
Le ultim e notizie che noi abbiam o del s(igno)r M etax sono che egli
guard ato a vista da alcuni v illici e ci si prom ette la sua lontananza dalla
c itt fino a tan to che la costituzione si sia verificata,
. 6
/ N oi conosciam o ab bastanza la qualit ed il spirito di questa condi
zione, noi p e r sarem o assai paghi e soddisfatti qualora, com e si spera,
egli favorisca il nostro divisam ento e non ci guasti sin dai suoi principi
u n o p era d a tan te altre p arti com battuta, insidiata. A bbiam o m otivo di
sperarlo.
Sappiam o p(er) fedeli relazioni che n ell isola del Z ante la tru p p a
la m eno attaccata a quelle rivoltose auto rit costituite sia l albanese e
che da essa n o n si aspetti fuorch u n raggio di luce che dilegui quelle
tenebre, nelle quali l si avvolge, per dedicarsi apertam ente alla causa
della n ostra R epubblica2. Il s(igno)r C (avalie)r Benachi p u solo fare
che q uesta b u o n a gente si disingani. Q uesta operazione p o tr essere assai
utile e vantaggiosa a quelle altre che si volessero verificare p(er) riacqui
stare alla F ederazione q u ellisola.
Siam o con p ro fo n d a venerazione ed ossequio
G IO V . C. D I C A P O D IS T R IA Deleg. C .I.
. 1
/ : A S.E. il Principe del Settinsulare Federativo Conssesso
C orf
: A dd 17 M ag(gi)o 1801 s.v. ricev(uta).
N 6 in tre fogli con inserte dieciotto.
1. : E sam i is(tit)u zio n e forza arm ata.
2. : Z a n te.

,
, 30 ,
Y. . ,

,
,
, ,
.....

.. ,

,
.

, .
( = )

.
< >

.


, .

, . .
, ,
. ,
, , ,
,
,
, ,
.



.

,

,

1. : .


, ,
.
.
.1V / (. 1 ) .
,

. () ,
,
.
,

.
,

.

,

,
,
, .

,
,
,
, ,
.

,


2.
.
.
, ,

. ,
(. 3) , 1. : .

, Y. .
.
.
.
. , .
. ( a, b, c, d ) .

(. 4) .
.
2. /
. ...

, .
, ...
, , .
,

, ,


, ,


,



,
,

, , ,
, ,
,
.
, ,

,
, ,
,
,
,


.
3 ,



.
,
,

.

.2
/ ,

,
.
, ,
,
,



,


.
;
; ; ; ;
; , ,
, ;
,
, ,
1.
,
,

,
.
,
1. : .

.

.
.
. . .
. ,
.. .
,
...
.
.
.

,

/
, .

,
,
, , ,
, ,

1.
, ,

,
,
, ,

< > ,

,

, ,
,
.
3 ..
.
,

1. : .

1. . .
,
. . .
4 .
,

, -
, ,
, ,
. .

,
, ,
, ,

, ,
2.. .
, ,
. 3 , , /
,
,

, ,

.

,


,
,
,


. , ,
, , , , , ,

,
3.
1. : .
2. : .
3. : .

,
. ,

. (. 5 ) .

,
(. 6 ) . ,

,
,

,
. .
6
. , ,
, ,

.

(. 7 ) , .. .


/
.

, .
,
,
.
.
, ,
.
,

, ,
. , ,
1.


.
1. : .

.
,
,
, .
. ,

,
,

, ,
,
,
,


. ,

, ,
,
, .
,

, , ,
.
, 8 .., 9
. , ,
. 4 . /

,
,
, ,
,
7
.
,
, ,
, ,
, , .
.
, , ,
, 9
.




,
,
,
, .

,
(. 8) ,
.

.
.
(. 9) .
,
(. 1 0 ) ,



,

(. 11, 1 2 ).

,

(. 13) Y. . .
/ ,
.
. ,
,
.
,, (11 )
(. 14)
.
,
,
.
,
, 1. : .

, 1.

,
,
. ,

.
,
(. 15),
. ,
,
.
,

, ,
,
,
,

.

,
, .
, ,
. ,
, ,
,

.
7 .
Y. .
.5 . .. /



, ,
, ,

.

, ,
1. : , .

. . 11 .

100 80 .
,
,
. , ,

.

,
..
,
,

1.
,

,
. ,
,
.
,
, , ,
.

, ,
,

.


, .
.6

/ ,
, , ,

, .
.



1. : .

, ,
,
1.
.

, ,
.



. 1

/ : ..

: . 6 .
: 17 1801 . . .

3

7, . 8
Eccellentissim o Principe,
La tran q u illit, la pace in q u estisola si va da giorno in giorno viepi
stabilindo. A ffinch questo stato sia assoluto, non ci resta che tranquilliz
zare Lixuri e L ivat, che sentono tu ttavia gleccitam enti dei briganti
e riv o lu zio n arj. Si travaglia attualm (ent)e con questo divisam ento, si
scrissero varie lettere p rivate, si spedirono jeri dei m issionarj, onde
assicurino quei rustici ab itan ti e quei patricj rusticani che d ora innanzi
non si avr in anim o che la loro pienissim a soddisfazione perch questa
sia concorde alla legge, alla giustizia, a llim parcialit. N e aspettiam o
gleffetti. E li speriam o favorevoli.
Q ueste direzioni saranno pi valide, pi efficaci, lorch le addot
terim m o, essendo anco nel caso di tran q u illizzarli con la forza. E d questa
forza, sono questi Presidi che abbiam o im plorato; ci furono prom esi;
aspettiam o con im pacienza.
Si aggiungi a q u a n to ebbim m o l onore di dim andare col nostro
dispaccio 30 passato il bisogno di otto m o rtaretti coi loro accom pagna
1. : .

m enti. Il nostro zelan(tissi)m o e bravo C ol(onnell)o ha concepito un


piano di esercizio, di rappresen tan za che far rispettare adesso e p(er)
sem pre i voleri d e ll Ecc(ellentissi)m o Senato. Si sar quanto prim a
p (ro )p (r)io alla regola. P rosperi il cielo u n tanto lavoro.
R iguardo a Stati M etax siam o tranquilli.
Si protestiam o con piena consid(erazione).
A rgostoli 14 M aggio 1801
G IO V . C A PO D IST R IA Del. Co. I.

1801 s.v. ricev(uta).

: A dd 18 M ag(gi)o

,
H ,
. ,
,
.
,
, ,

,
, , .
. .
, ,
,
.

,
. ,
3 0
.

, <
> ,
< > .
.
, .
14 1801

. . .

1801 . . .

18

4

7, . 11
Eccellen tissim o Principe,
A bbiam o veduto, accolto con v era esultanza la tru p p a da noi as
p ettata. Il stren u o sig(nor) C ol(onnello) V aruca, i bravi u ffiziali com po
nenti il suo segu ito sono tu tti arriv ati felicem ente jeri ed oggi, 15 corrente,
in questo dopopranzo si verificato il suo pom poso ingresso in citt. Fu
b en disposta e concertata questa p rim a rappresentazione. N e ritrassim o
anco u n effetto p roporzionale a ll im pressione che fece n e ll anim o di
tu tti questi a b itan ti la sola noticia precorsa che alla Com (m issione) Im pe
riale arrivava u n rinforzo di soldati; u n colonnello dei capitani ci prest
delle forze n avali .
D isposta, acq uartierata, risto rata che sia la tru p p a stessa si com in
cier a farla travagliare tan to colla necessaria sua distribuzione ed
espedizione nei rip a rti d e ll isola, come nell esercizio rappresentativo
della stessa in questa piazza. Se abbiam o validam ente sostenuto il decoro,
i d iritti d ell Ecc(ellentissi)m o G overno Federativo, se fecimo con fan a
tism o risp ettare e venerare il vessillo nostro, se la Com m issione si fece
<v>iolare e considerare <f i n > o r a in mezzo alle arm i alla civile guerra col
solo artifizio di m ostrarsi pi sicura e pi forte di quello che lo perm et
tesse il vero e giusto sentim ento [di] delle sue forze, se il valoroso ed
industriosissim o C ol(onnello) Pieri, unindo ai talenti m ilitari gl epici, i
dram m atici, non avesse im posto alla popolazione; noi non dobbiano punto
d u bitare che in questo istante in cui si sentiam o addoppiata la nostra forza
ed addoppiato l entusiasm o, che si riverbera rapidam ente d a ll autorit
civile sopra il graduato m ilitare, dal graduato sopra il subalterno, da
questi sopra il popolo e cos vicendevolm ente; noi non possiam o certa
m ente dub itare che quan to prim a il repubblicanism o settinsulare, sen<t > ito
con tan ta vivacit ed interesse da questi valorosi m ilitari e dai nostri
soldati con subordinazione e vera attivit di servigio, non sia per inspirarsi
nello s p < i > r i to del popolo e dei p atrizj, i quali vorrebbero am are il nuovo
governo, la nuova costituzione, che non si sentono u n anim a abbastanza
serv a1 di orgasm i, vendette, feudalism i p er appagarsi e felicitarsi di uno
stato p olitico e civile il quale n on p u favorire, spalleggiare, garantire
l esercizio delle feudali e fazionarie passioni.
La necessit di astenersene raffred a alcuni, fa filosofare gl altri
sulla caducit delle instituzioni governative in q u e st epoca. N oi non
1 . . : Sevra

sappiam o esser sorpresi di questa degradazione del spirito pubblico, prim a


allarm ato, disposto ed apprestato alla guerra, oggi p er necessit di con
venzione, p er la forza delle prepon d eran ti influenze di alcuni fra gl ottim i
patrizj di q u est isola, p er l im pressione di u n a forza autorevole obbli
gato a cadere. N oi sappiam o che il m entire pubblicam ente i proprj p rin
cipi o m assim e sostenute con tan ta insistenza si un tratto di m orale
.lv virt che non esigibile per certo dai nostri / repubblicani in quello stato
di educazione e di superfiziale civilizzam ento in cui li attrova l epoca
presente.
C he che ne dicano, noi contiam o assaissim o sopra i repubblicani
sentim enti di alcuni, copra la loro influenza, sulla nostra insistenza ina
m ovibile di voler estirpare, per q uanto ci sar possibile, i germ i della
civile discordia, apprestare poi colle nostre cure, con quelle dei zelanti
nostri cooperatori u n favorevole terreno a questa dilicata p ian ta, che noi
custodiam o con tan ta gelosia da ta n te m orbifere e m aligne m eteore, che
la vorrebbero sterilizzare. N on sar m ai qual ci fu affidata e qual p o tr
prosperare in questo focoso terreno si p ian ter la nostra pian ta del rep u b
blicano governo. Sarem o appieno felici, se vorranno tranquillam ente las
ciare che le radici s in v is < c > e rin o , si n u tran o nel nativo terren o che le
deve accogliere.
D a queste generali conside<r > a z io n i passiam o alle particolari indi
viduali circostanze, in cui si atrovano g l affari.
arrivati dal Z ante il s(ignor) G iovanni Coidan, il suo figlio da
T rieste, si riu n ita questa rispettabile fam iglia, spogliata, dispersa dalla
rusticana rivolta di Agosto d ell anno passato. Sono anco arrivati dal
Z ante i figli del patricio E ustachio M etax; si aspetta a m om enti il re
stante della sua fam iglia... Il popolo tu tto com m osso... O g n uno lo
ricerca. I p i in fluenti fra g l ottim i cercano il ritorno nella p a tria di
questo cittadino.
Eccitati noi dalla generale aspettazione, vinti dalla giustizia, non
abbiam o p o tu to dietro al rap p o rto che alla Com m issione D elegata si p re
sent d a llEsim io s(ignor) C. C oraf, che si onoriam o di accludere 2 (n
1), e d ietro alla pon d erata considerazione della carta (n 2 ) di decretare
l annullazione d ell edito nostro, segnato 2 Maggio, nei m odi e condi
zioni espresse nella n o stra proclam azione, oggi p u bblicata col consenso
e ratifica della Comm issione tu tta D elegata (n 3).
N on si diede l ostracism o ad E ustachio M etax, che in q u anto si
dubitava l effetto della sua v en u ta n e ll isola e dopo la considerazione
che questa intem pestiva e non aspettata v enuta avesse ad essere ferace di
turbam enti politici e civili.
1. . : tanti
2. . : occludere

.2

C onvinti come lo fum m o dopo il parciale colloquio che ebbe con


lui il C. di C apodistria che il progetto di questo sig(nor)e non era certa
m ente quello di atten tare al destino politico della R epubblica di Cefalo
nia, convinti in secondo luogo dopo il diradam ento dei rustici arm ati,
dopo l instituzione di u n provvisorio, interino governo / che il d(otto)r
M etax n on avrebbe p o tu to n poteva in fatto assum ere colla sua venuta
il carattere ed il posto di Preside d e ll isola, come lo fu fino a ll epoca
della sua deposizione, opetata dalla riv o lta di Agosto dell anno scorso,
e com e egli avrebbe desiderato, visto in fine il disarm o generale dell isola
a la possibilit di riconciliare alla p u bblica e generale tran q u illit li
difficili e tro p p o estesi d iritti e pretensioni degli stessi danneggiati.
N oi si siam o d eterm inati di richiam are alla p a tria questo cittadino,
oggi senza colpe, p e r potere con esso, coi suoi danneggiati com pagni tra t
tare il grande, l im portante affare del loro risarcim ento.
D a questo a nostro p arere dipende la tran q u illit assoluta d ell isola,
la generale riconciliazione. Q u an ti sono i sospetti autori delle crim inose
operazioni piratich e del mese di A gosto dell anno passato tu tti questi sono
in arm i, fom entano i p a < c > i f ic i abitatori del r iparlo di Lixuri e pertinenza
di L ivat, cuoprono le loro fom entazioni col velo di p o litic h e e civili
cagioni, pretese, dim ando irriconciliabili coll oggetti e m ire della costi
tuzione che si h a da realizzare... N oi pensiam o che tolti dalle loro radici
questi germ i di atuale discordia e di fu tu ra civile guerra si possa insti
tu ire con vera u tilit di q u est isola e della Federazione la R epubblica in
Cefalonia.
A questo grande oggetto sono diretti i p i intensi nostri studj, le
nostre fatiche. Prosperi il cielo e la clem enza divina u n tanto e si ardito
progetto. N oi pensiam o di riconoscere p rivatam ente col colloquio, col
consenso dei danneggiati la qualit e q u an tit dei sofferti danni. Noi
progettarem o a norm e delle dim ande varj m etodi di risarcim ento. T u tti
p er saranno p ian tati sul p rincipio che il risarcim ento di questi patrizj
n o n abb ia a p o rtare la p erp etu it della g uerra civile, bens abbia a sogge
zionare i p irati, soddisfare le giuste dim ande e bisogni dei pregiudicati,
no n tu rb a re n adesso n m ai la pace e la tran q u illit dell isola, non
lasciare nem m eno i semi della civile discordia e della fu tu ra reazione.
N oi siam o certi che quando ci fosse d ato di riuscire in questa im pre
sa, la diradazione, l annichilam ento successivo delle arm ate legioni dei
rustici, oggi necessitato da u n a p arziale difesa di cui ogn u n o abbisogna,
sar p e r essere della m aggior facilit. Q uesta im portante operazione, veri
ficata la R epubblica di C efalonia, diviene ed in se stessa felice ed utile
alla Federazione in ogni riguardo.
M algrado tu tte queste predisponenti operazioni, noi abbiam o dim andato

dato a ll E. V. col nostro divoto rap p o rto dei 11 M aggio u n autorizza


zione di p o ter agire liberam ente sulla dissipazione di questi rustici ed
urb an i m ilitari. N oi ripetiam o caldam ente le nostre istanze, giacch non
.2V sappiam o ben determ inare se sia la spon / taneit o la forza che abbia
a operare questa salutare rigenerazione in q u est isola.
Q uanto ai m ilitari nostri, rico rd arem o alla sapienza d ell E.V. che la
gratificazione accordata di tre p a ra ai soldati, q u attro alli caporali, cin
que ai sargenti, dieci ai p o rta bandiere e quindici piastre agli ufficiali,
deve essere m an ten u ta e p er oggetti econom ici e p er il ristauro di questa
tru p p a, sia rispetto al vestiario come al suo sostentam ento, tanto pi che
il divario che n on p ass a n o t < i z > i a di questi m ilitari, m a che si seppe
dalli stessi e che fu rim esso alla in allora Presidenza di q u e st isola, non
ap p o rta u n a m ensuale corrisponsione considerevole. D unque sem bra giu
sto che < r e > s ti fissata d all E cc(ellentissi)m o Senato la prim a determ ina
zione della Presidenza deliberata a favore dei m ilitari.
Oggi colla cooperazione dei d estinati collega abbiam o com pito il
lavoro della regola, con cui si h a da conform are il M aggiore Consiglio.
N oi non si risparm iam o da nessuna fatica purch ci riesca di arrivare al
term ine che ci siam o prefisso.
N oi calcherem o le vie tu tte del priv ato m aneggio per condurre gl abi
tanti tu tti alla generale riconciliazione. O ve queste per fino non bastasse
ro, allora si farem o risoluti, usarem o delle forze che possediam o. Insom m a
noi n on vogliam o che il com inciato travaglio abbia a sospendersi. V oglia
mo vederlo assolutam ente com pito e lo speriam o.
D im andiam o p er q u est oggetto d a ll E.V. l autorizzazione di agire
risolutam ente con q uanti si provassero opponenti contraoperanti a ll insti
tuzione che siamo p er verificare.
Ci anim a a far questa dim anda la venerata lettera d ell Ecc. V.,
segnata 8 M aggio, la quale versa intorno a ll em igrazione d all Ecc(el
lentissi)m o Senato del sig(nor) C. A nd rea M etax. D irem o u n a parola
su questo signore.
A rrivato in Cefalonia noi n on la abbiam o trascurato, lo vidim m o, m a
dalle sue m isteriose e profetiche prodizioni abbiam o rilevato che, non
ben sicuro d ell esito delli suoi progetti, egli non poteva tener con noi il
linguaggio d ell ingenuo e libero cittadino. Lorch poi le nostre o p era
zioni hanno portato il fru tto del generale disarm o in A rgostoli, la fam iglia
dei C. M etax che era riccam ente fo rn ita di rustici arm ati, acquartierati
tu tti nella sua dom inicale abitazione, si im m ediatam ente esportata in
cam pagna e la sappiam o che tu ttav ia in arm i ella resta non certam ente
colla m ira di offendere, m a con quella di restarsene nella necessaria diffesa
da u n a p av en tata irruzione.

Seguendo d u nque con costanza i nostri principj ed i m etodi che si


siam o prefissi noi non usarem o d ell au to rit che d all E .V. ci viene
im partita, che nel solo caso in cui si risultasse irrim ediabilm ente concilia
bile la fraternizzazione di questi p atricj, p er tan te cause oggetti, interessi
aspram ente concitati ed inim icati. A ggiungerem o a questa dim anda u n
. 3 altra / riguardante il com pim ento del m ilitare servigio.
Ci sia spedito (ove l E.V. trovasse ci verificabile) l obice da 40
esistenti alla G ran G u a rd ia , fornito dei relativi apprestam enti e m unizioni ci
a dire cariche, bom be e sacchetti, ino ltre co n quanta o sessanta f a s < c > ine
incendiarie im barilate. T u tti questi bellici e distruttivi instrum ent< i> n o n
li dim andiam o che p er essere in istato di poter operare robustam ente,
quand o la pi stretta necessit lo im perasse.
11
strenuo C ol(onnello) V aruca h a pienam ente assunto il suo uffizio
in q u est isola, come ci fu ordinato d all E.V. col venerato foglio 10
Maggio. Il C ol(onnello) P ieri, di cui giam m ai dir abbastanza la Commissio
ne Im periale e p er i<l
> suo zelo e p er il disappassionato m a entusiastico
suo servigio verso la n o stra R epubblica, h a rispettato con vera grandezza
di anim o le sovrane deliberazioni d ell Ecc(ellentissi)m o Senato e le m ili
tari discipline, cedendo al suo superiore il com ando stesso della piazza
di Cefalonia. N oi p er gli abbiam o conferito col consenso del Col(onnello)
C om andante il carico di C olonnello d Ispezione per serbare a questo
zelante m ilitare attivissim o, ben am ato e rispettato dai C efaleni, quella
influenza ed azione da cui noi ripetiam o in gran p arte i prosperi successi
delle nostre direzioni civili e politiche in q u est isola.
Noi dobbiam o pregare V .E. e l Ecc(ellentissi)m o Senato che non
ci sia m ai divietato, ove fossim o tanto felici di poter passare nelle altre
isole a com piere il nostro uffizio, di aver p er com pagno nella m ilitare
esecuzione questo abilissim o ed a tanto uopo esperim entato m ilitare.
Q uesto interino G overno si fa da noi m eno attivo che sia possibile,
appun to p erch am iano di m antenere costantem ente ferm e le nostre pro
clam azioni. Si affrettiam o p er ci di passare alla com posizione del M aggior
Consiglio e q uindi a ll elezione del nuovo Pritanico M agistrato, instituito
il quale noi pensiam o di renderlo funzionante onde togliere affatto di
azione q uesta in terin a am m inistrazione governativa.
Siam o con pienissim a considerazione
A rgostoli 17 M aggio 1801

N IC O L O G R A D E N IG O SICU RO

C (on)te di Siila C (avalie)r, Commiss. Im p.


G IO V . C. D I C A P O D IS T R IA D el. Comm. I.

. 1

/ :

9 in fogli due con inserte quattro.

A dd 21 M ag(gi)o 1801 s.v. ricev(uta).

,
,
.
, ,
, 15 ,
.
.



.
, , ,


. ,
,
,



,


,
,
,
,
,
,
,


,
, , -

,
, , ,
, <
> , ,
.
,

.
, ,
,
,
,
.
, ,
,

.1 /

.
, ,
, ,
,
, ,
, ,
,
,
.

,
. ,
, ,
.

, .
. ,
, , ,

.

. . . . . . . .

.

,
,
. ,
(. 1 ),
(. 2 )
2 ,
,

(. 3).
,

.2

,
,

, ,
,

/

, ,
,
,


,
, ,
, ,
.
,
.

,
,

, ,
. . .



.


, .
.
, ,
.
.

,
,
,
,
. ,
, ,
,
, ,
. ,
,
.

Y. . 11

.
,

. 2
/
.
,
Y. .
, , ,

,
,
,
,
,
.

.

,
.
.

,
.
, ,
.
.
.
Y. .
,
.

Y. . 8 ,
.
.
,
,

.
,
,
, ,
, , ,
,
.

, ,
Y. .,
,
,
.
. 3 / .
( . . )
4 0 ,
, ,
,
.
,
, .

, Y. .
10 . ,


,

,
.

,
,
,

, , .
Y. .
,

, ,

.

,
.

,
,
.
17 1801


, ,


1

/ : . 9 .
: 21 1801 . . .

5

7, . 22

Serenissim o P rincipe,
D obbiam o render conto allE.V. di quan to avvenne in q u estisola dal
giorno 1 G iugno fino a l d d oggi. Incontriam o questo dovere con tanto

p i d interesse e di sollecitudine, q uanto il soddisfarlo


singa che dalle v enerate risposte di V.E. i nostri passi
u na p i risoluta e decisiv a direzione, la nostra im presa
tan ti contrasti, dibattim enti, guerre, e civili e m ilitari,
glorioso successo.

pienam ente ci lu
possano prendere
possa avere dopo
il pi com pito e

Fino dagli ultim i giorni del decorso mese di Maggio noi ci vedevam o
sparire ogni giorno qualche m em bro della Commissione G enerale, interi
nam ente al G overno appartenente al rip arto di Lixuri. Saccrebbe il loro
ritiro fino a non vederne pi nessuno e le p articolari se< z> ioni, econom ica
ai viveri e m ilitare, restarono cuoperte soltanto da soli A rgo sto lio tti.. .
Alla n o stra vigilanza n on sf< u > gito q u < e> sto p r < i > m o el< e> m en
della nuova m inacciata divisione. Si invitarono espressam ente senza
fru tto . S < p > a < rse> ro non reclam i m a notizie esterne che < i l > M agi
strato di Sanit di Lixuri era in r is s < a > , in questioni col M agistrato di
A rgostoli. In fine, alle nostre scrupolose indagini non sfugita la positiva
notizia che degli am m assi, assoldam enti, arruolam enti d ellapprestam ento in
fine guerresco che si p rep arav a d ag linsorgenti nella cam pagna di A rgostoli,
correvano delle com unicazioni, delle intelligenze anco con alcuni abitanti di
L ixuri. Iv i si fecero generosi acquisti di m unizioni da guerra in quella rada,
i p i stu d iati tentativi p er im padronirsi apparentem ente del vascello cuoperto
dal Cap. Ferendino, p er darci anco battaglia m arittim a, m entre che dallo
terrestre si sarebbe travagliata la devastazione della citt. 11 sig(nor) A na
stasio C azaiti, scrivano del bastim ento, fece questa deposizione ed il veri
ficarla cost con m aggiori dettagli n on sarebbe difficile.
L insurrezione dunque generale era ben disegnata ed abbench ella
sem brasse inverificabile per i tan ti Presidi che si sono presi, pure i soli
sospetti autorizzavano il bisogno di nuove legioni, di nuovi assoldam enti
e sacrifizj dalla p arte del G overno. L allarm e generale autorizzava le
arm i, le arm i il disordine e l orgoglio guerresco nei rustici.
Conveniva dun q u e scioglier l incanto, ap p urare le notizie, isolarle,
distinguerle p er q u in d i d eterm inare l assoluta dissipazione e fuga dei
nem ici che colla seduzione saccrebbero in p arte colloro e colli generosi
appu n tam en ti andavano a estendersi a dism isura.
A bbiam o determ inato di passare a Lixuri personalm ente per conosce
re meglio la situazione e lo spirito di quegli abitanti, per acquistarli anco
.1v e tem poreggiare. / N el giorno p(ri)m o G iugno passam m o a Lixuri, scortati
dalla guarnigione che doveva dare il solito cam bio a quella che avevam o
l destinata.
Presim o im barcazione sulla nostra galeottina. Il nostro arrivo m ise in
grandissim a agitazione quegli abitanti sedotti , riscaldati da pochi b ri
g an ti, i quali sparsero subito che noi eravam o l arrivati per distruggere

l U ffizio di Sanit, i trib u n ali giudiziarj, p er verificare l incendio delle


case di alcuni taum aturghi di quel rip arto ... Q ueste non furono che vane
voci; u n nostro proclam a sul m om ento p ubblicato, l esecuzione del cam bio
della guarnigione ha dissipato i tim ori, e noi fum m o accolti con m olta
esultanza da tu tti. Si siam o trasferiti nel celebre casino. Ivi fu adunata a
nostra richiesta u n a popolosa sessione. Espose lanziano C (avalie)r di Siila
g loggetti che avevano condotto la Com m issione Im periale a Lixuri. Ella
voleva sentire dai pi savj quali erano le cause della m inacciata divisione
con A rgostoli e per qual sconsigliato p artito volevano perdere il pi
grande, il pi prezioso dei beni che accordava a quel rip arto , come ad
ogni altro , l inviolabile costituzione.
A questo breve m a energico discorso rispose il sig(nor) Liberale T i
paldo P retenderi in m aniere bens cortesi, non p er precisi e tali che ci
abbisognavano. D oglianze, m eraviglie, dubbj, perplessit, incertezze. Q ual
che altro sig(nor) che assisteva a lladunanza prese la parola e con pi
francezza en tr in arringo, dim ostrando che verso i sig(nori) di Argostoli
non potevano avere confidenza, percioch l esperienza li aveva abbastanza
docum entati in tu tti i tem pi che i loro d iritti avrebbero certam ente p er
duto della loro utile essenza, se anco si preservassero sotto altre m oda
lit o form e; che quindi il loro allontanam ento e la loro separazione da
A rgostoli era necessitata dal presentim ento che avevano che la loro vera
libert si andava presto a m utare in schiavit; che in fine erano determ i
n ati di sacrificare tu tto alla preservazione della loro indipendenza da
Argostoli.

.2

Rispose il C. C apodistria; la diffidenza non propria di chi sa di


esigere giustizia e di chi vede dinanzi u n giudice che deve am m inistrarla
severam ente con sua responsabilit. L ixuri poteva diffidare per abitudine
delli s(ignori) di A rgostoli, non lo doveva per riflessione dei Commissarj
Esecutori, che avevano m anifestato pi volte a quel riparto le loro istru
zioni, il loro divisam ento... colpa di Lixuri senza giustificazione il non
aversi diretto con suoi legati ai Com m issarj; colpa il tum ultuare
poggiando sui sem plici sospetti; colpa sottrarsi e negarsi a quella
associazone che voluta dalla legge, adducendo p er tu tta causa un
sospetto non conferm ato da nessuna apparenza. Si em endi dunque / pro n ta
m ente u n errore. Si elegano quattro sig(nori) che godano la pubblica opi
nione; questi vengano il pi presto a conferire degli affari della loro p atria
coi com m issarj, coi p i saggi di A rgostoli, senza arm i, senza com bric
cole, senza progetti rivoluzionarj, colla riflessione fredda e tran q u illa di
scutendo pazientem ente le proposizioni; si verr certam ente a capo di
ogni im presa e colla m aggior pace si convertiranno tu tte le differenze e
contrasti in uguaglianza, arm onia, accordo. Chiuse il suo discorso il C.

C apodistria dim ostrando che la R epubblica doveva essere il p i presto


instituita; che i sovrani pro tetto ri lo volevano; che la clem enza bene
fattrice di A lessandro I, Im p. di tu tte le R ussie, accordava alla R epubblica
una forza im periale e che sar questa forza, che desidera in fine le que
stioni, q ualora ragione, am icizia, patriottism o spontaneo non vogliano con
correre, p e r fa r sorgere questo nuovo governo sulle basi della reciproca
confidenza e persuasione. Si fini coi pi anim ati evviva alla nuova Re
p u b b lica, ci che prom osse la letizia ed il contentam ento generale... F ini
brillante quella giornata. Si in sp ir nel popolo la fiducia che il loro U ffi
zio alla S anit, i loro trib u n ali di giustizia resteranno intangibili, e tu tto
sar verificato con pieno contentam ento di tu tti.
La gita n ostra non poteva essere p i fruttuosa. A bbiam o subito nel
giorno seguente ricevuto g luffiziali rap p o rti delle provenienze d a q u ell
U ffizio di Sanit, ci che non avevam o m ai veduto prim a. I m em bri della
Com m issione sono intervenuti nelle sessioni regolari. Q ualche tranquillit
vi fu a Lixuri ed abbiam o p otuto, anzich ten er divise, separate le nostre
forze ed attenzioni riu n irle in u n solo p unto e per quella parte, dove il
pericolo poteva essere pi im m inente.
P er term inare ci che p er o ra riguarda Lixuri aggiungem o che l ele
zione dei q u attro d ep u tati a conferenza fu differita, crederem m o, p e r le
accusate ragioni. Sappiam o poi oggi p er u n a lettera ricevuta da alcuni di
quei sig(nori) che nel giorno dei 9 corrente < h > anno verificato la nom inata
elezione di m olti soggetti investindoli del d iritto di parlare a nom e di tu tti.
Noi non vorrem m o occuparsi con u n a m oltitudine, aggradirem o bens
di sentire q u attro o cinque di quei saggi patrizj che possono tran q u illa
m ente d ar delle notizie, r itraere e convenire dei risultati e raffredare con
la loro p ru d e n z a quella vulcanizzata popolazione, m etterla poi nella via
del giusto e della convenienza. A ttendiam o ci con im pacienza e non
sappiam o disperare di successi vantaggiosi.
R assegnarem o ora glavvenim enti parziali di A rgostoli, di L ivat.
U nita nel giorno dei due la D elegata Commission di Sicurezza P ubblica,
. 2 V abbiam o riscontrato / varj rap p o rti, deposizioni, esami verbali, dai quali
sem pre pi eravam o conferm ati che la m inacciata irruzione rusticana
sotto quei stessi stendardi e duci, che p ortarono la fatale rivoluzione di
Agosto, si approssim ava a gran passi verso la citt e la m arcia andava a
farsi con qualche m ilitare regolarit, a p p ro v v ig i< o n > a m e n ti copiosi di m u
nizioni da guerra e da bocca, leva fo rzata di pacifici villani, guastatori
forniti di m anaje, bitum i, in somm a ap p arati di una spezie assai strava
gante ed insiem e m inacciosa. Si tratten n e ogni determ inazione risoluta
fino alla pi chiara precisione ed esattezza delli riscontri.
1. .: prodenza

I docum enti che si onoriam o di accom pagnare (a. cart. n 10)


m ostrano ad evidenza la m arcia regolare di duecento e p i arm ati, p a rtita
dalla villa O m ala e direttasi a cassa b atten te verso Livat, le sacre ceri
m onie, l acquartieram ento nella villa Focata, la conferm azione del p ro
getto di distruggere la citt di A rgostoli.
Sem brerebbe strano e pazzo questo divisam ento. M a gli appoggi, la
confluenza delle linee del disegnato p ian o verso m olti p u nti che stavano
in questa stessa citt, la seduzione im ponente di u n ricco bottino nelle
doviziose cose di questi signori, la versatilit dello spirito di quei rustici,
ai qu ali era affid ata la custodia esterna di u n a citt senza recinti; le pi
scrupolose ricerche fatte da noi consigliando, sim ulando con m olti abi
tan ti di A rgostoli, le precise conoscenze che abbiam o ritra tto , l incoraggi
m ento in cui erano i villani arm ati, ai quali si fece credere che la nostra
tru p p a doveva ritirarsi a llarrivo di u n a irruzione al lazzaretto per restare
in aspettazione; tu tto questo p rospetto, tranquillam ente contem plato, ci
fece pensare che, se anco non fosse stata verificabile l im presa di invadere
la citt, certam ente il disordine, lo sconvolgim ento di qualche rusticana
zuffa a breve distanza da noi avrebbe m esso in gravissim o pericolo la
citt, confusa, inv ilu p p ata la direzione che tener si doveva dalla nostra
forza. Com prom essa quindi la sicurezza di tu tti e p erd u ta certam ente la
cam pagna, q u alo ra si avesse lascialo 1 tranquillo l acquartieram ento degl
insorgenti e dei p irati a cinque sole m iglia dalla citt; perd u ta u n a volta
la cam pagna, allora n m ila n due m ila n sei m ila soldati di qualunque
nazione ci fossero b astarebbero a dom arla senza scagliar fulm ini da tutte
le p arti, ferire ed im perversare, senza riguardo, sopra i rei, come sopra
glinnocenti. G iacch la necessit avrebbe fatto indossare l abito di fellonia
a tu tti generalm ente, la preziosa p ertinenza di Livat, a ll eccezione di
qualche villa, si d im ostrata leale resistendo a forza di dar suffragi agl
.3 eroi della rivolta. N on m eritava ella le nostre cure? / Pure ella sarebbe stata

alla fine costretta di p ren d er necessariam ente parte o con i ribelli o di


battersi con essi.
N oi dovevam o restarsene oziosi alla vista di tanti pericoli? D i tanta
sovversione im m inente? A vressim o m ai p o tu to sperare di rid o n ar quest
isola alla Federazione?
Si siam o dun q u e determ inati di operare e m algrado l im periosit dell
urgenza noi abbiam o con tu tta la freddezza e m etodo tratta to questo grave
argom ento.
Si ordinata la spedizione (n 1) nel dopo pranzo dei 2 del
sig(nor) M agg(ior) della piazza A nastasio Foca, m ilitare che diede in pi
circostanze saggi di valore e di determ inazione p atriottica, con una centuria

ria di civichi e territoriali soldad. Egli occup l avanti posto di Coco


lata, posizione m ontuosa che guarda la villa Focata di rim petto. A bbiam o
spedito p u re in quellistesso istante due abili bassi uffiziali coll ordine
di pren d ere tu tte le topiche e geografiche posizioni, p u ntarle e conoscere
di fatto la situazione d ellinim ico, verificarla col loro ritorno. A bbiamo
r itratto le pi esatte notizie. preso il M ilitare Consiglio con il sig(nor)
C om andante e con il sig(nor) Col(onnello) P ieri, destinato direttore e co
m andante di quella spedizione. Si fissato p er le ore 3 1/2 la spedizione
della nostra tru p p a. Si estesero, si consegnarono le istruzioni relative, come
si vedr n e ll annesso n (u m ero) 2. Il n(um ero) 3 far vedere u n altra
istantanea m isura che si presa e di cui si fornito il s(ignor) Col(onnello)
per tranquillizzare i buoni pacifici abitanti della cam pagna, per soggezio
nare quelli di cui le direzioni potevano essere equivoche.
Il n(um ero) 5 p resen tala a llE.V., aHEcc(ellentissi)m o Senato il
rapporto, la fedele puntuale n a rra z ione che ci fece il strenuo s(ignor) Col.
Pieri, che in questa, come in tutte le altre occasioni diede i pi lum inosi
saggi di eroism o e di patriottism o il pi esem plare e degno di im itazione.
I degni suoi alunni, i giovani uffiziali si portarono m eravigliosam ente.
Il nostro Cap. Teotochi a viva forza ha voluto las<c > iarc i per correre l ar
ringo m arziale.
Il sig(nor) M aggior della piazza A nastasio Foca si valorosam ente
b attu to e diede prove di una rara m oderazione e filantropia. Egli m erita
certam ente o norata m enzione, come tutti g laltri, ed uffiziali, nostri ed
urban i, e soldati che ottennero indistintam ente e con nobile gara ed en tu
siasm o l onorata palm a della vittoria.
Chi espone il suo petto alle ferite, chi non educato a questo eserci
zio, chi non si batte p er principj col suo trionfo una fiera n vai a
. 3V trattenerla ordine o forza. / Non dunque strano, se alla vittoria di Focata

si associato lo spoglio esteso ed illim itato di qu ellesteso villaggio. U n


esem plare e m em orabile punizione si era p rescritta, non un generale
sacco, m a i rustici che si sono b attu ti sentivano qualche m oderazione,
p u r diedero il fatale principio... La fam a ha volato. Ed ecco in u n subito
a torm e a torm e da tutte le p arti rustici che non appartenevano alla spedi
zione m inacciare la prosecuzione della pi orrenda pirateria.
Il
zelante, l attentissim o nostro C olonnello ripara a tutto sul m om en
to, ci passa subito avvisi. N oi ripariam o pure facendo subito correre
araldi e pubblicare l annesso editto, n(um ero) 6 .
Il
ritiro , ben consigliato, della nostra tru p p a, la pubblicazione delle
ditto fece sospendere la prosecuzione della strage.
Sopravviene la notte. Il nuovo giorno fa vedere ancora in vari gruppi
nascosto un im m enso s< c > iam e di villici, che tu tti ansiosam ente aspettavano

u n a nuova spedizione p er approfittate delle spoglie. La loro p e rm anenza


qua e l m ise il terrore n e llisola tu tta e noi si s i amo affrettati di arginare
il disordine, inspirare fiduc ia e m ettere la tran quillit sui buoni. Si fece
pubblicare nuovam ente l editto 3 G iugno. Si spedirono in cam pagna i
prim ati i sacerdoti di pi ville p er p ersuadere i villici di ritirarsi. M a tutto
fu vano, abbench non siano successi nuovi disordini.
N el giorno 3 di G iugno trovandosi ancora in varie guise m inacciata
l a sicurezza e la p ro p riet, spezialm ente di quei di Livat, si prese dalla

Com m issione D elegata di p u bblicare lannesso editto, n(um ero) 7. I ze


lanti m em bri della stessa Com m issione, il sig(nor) D em etrio Pignatorro,
il sig(nor) Spiridion C oraf G iam battista, il sig(nor) Nicol A nino, si
portaro n o personalm ente in cam pagna e col fatto f e cero sparire t u tta
questa m inacciosissim a turba. A m aggior tran q u illit e sicurezza di Li
vat si l spedito il C ap(itano) M attei con cinquanta soldati e vi re st
p e r q u attro giorni con vero contentam ento e soddisfazione di quella p erti
nenza. Oggi tu tto tranquillo. N on vi sono pi attruppam enti attentatori
nella cam pagna. U n nostro so l dato gira l isola tutta, porta deglordini e
si obbediscono su ll istante.
Ci siam o onorati di partecip are in som m ario a llE.V. gleffetti salu
tari e prodigiosi della gloriosa sped i zione 3 G iugno.
D irem o adesso soltanto dei CC. M etax. Il C . A ndrea si rintanato

. 4 nella s u a villa / di O m al, m al sicuro di se stesso e tim oroso di u n om bra...


I l suo fratello C. Cesare, ram ingo p er lisola, cercava forse asilo e sicu
rezza altrove... D im and con sua s u p < p l > ica, n(um ero) 8, il C. A ndrea
di essere dalla p u b b lica forza scortato e garantito nel suo passaggio per
m ettersi alla disposizione della giustizia. Si accord, fu con tu tta l indul
genza trattato , si m and il Cap. C apodistria nella notte 9 corrente con
sei ordinanze nella sua villa e di l lo trasfer sul bordo del pubblico russo
naviglio che ancorato in questo canale.
Il
volgo che sem pre volgo e che si fa pensare e ziarlare come si
vuole com inci a tu m u ltu arsi p er aver veduto questo trattam ento del
Conte M etax... N oi lo abbiam o trascurato n ci im posero le m inaccie le
pi strane ed insiem e considerabili.
L editto oggi pubblicato, n(um ero) 9, m ostrer con evidenza la dire
zione che abbia< mo p r e > so, le cause, gleffetti che si dobbiam o prom ettere.
N oi siamo astretti di tra tta re questo sfortunato con la p i severa giustizia,
appunto perch u n a popolazione la quale avrebbe il diritto di reclam are,
m a che eccitata, in fiam m ata da m andici anim atori, ferocem ente reclam a
l e rivoluzioni passate e q u estultim a ed esige u na pro n ta deliberazione, la
quale m ostri a tutti che il nobile reo non che pi reo di qualunque altro
uom o il quale com m ettesse lo stesso delitto.

L esim ia v irt sapere di V .E., Sereniss. Principe, illum iner (e lo


im ploriam o colla maggiore sollecitudine) le nostre m enti in questa che
e va a divenire da giorno in giorno pi stringente circostanza. L im pa
cienza di sentire il giudizio di q u estuom o non sar tanto ragionevole,
m a presso questi abitanti ella si fa im ponente, e non sapressim o bene p re
dire in quali eccessi potessero p o rtare il contrasto, la resistenza dalla
parte nostra. D iciam o eccessi; e l ultim a p arte delleditto di oggi ne sar
una prova.
N on cederem o di una linea alle pretensioni ardite, capriziose o ree,
sosterrem o con forza i d iritti del G overno, glinteressi della Federazione.
Ci siam o riusciti n e ll epoca p er noi la pi calam itosa. Oggi non vi devono
essere ostacoli.
La p rudenza solo ci trattien e da ulteriori determ inazioni, appunto
perch speriam o l autorevole presidio russo che abbiam o im plorato e che
ci siam o lusingati di avere col p u b b lico legno qui arrivato. D a questo il com
pim ento felicissimo d e llopera n o stra senza fuoco, senza canone, senza
devastazioni. D a questo lo scioglim ento d elle legioni villane. D a questo
il riordinam ento ed il ristauro di questa finanza locale. D a questo l utile
associazione di q u estisola alle altre nel com ponere il federativo governo.
.
4V
/ La b e llopera, la vasta e difficile im presa, non esige m eno di cento
soldati Russi n im portarebbe m olto altra pubblica forza navale, basta
che a governo instiuito si possa lasciare in Cefalonia una guarnigione
conveniente, comp osta da Russi e da nostri.
Agli altri p u n ti che risguardano le venerate lettere di V.E. ci ri
serviam o di dare risposta, m andando anco leffettuazione degli ordini stessi.
Siam o con pienissim o ossequio e considerazione
A rgostoli 12 G iugno 18 0 1

.1

Di V E

G IO V . C. D I C A P O D IST R IA , Deleg. C .I.


/ : A S .E. il Serenissim o P rincipe e Preside del Federativo Consesso
in C orfu
: 19 in tre fogli con inserte venti.

,
. . ,
1 .
,

. .
,

,
, , .

, <
>
.
, ,
, .

. ,
,
.
, ,
,
, ,
.
, ,

, ,
.
, ,
.

,
,
.
,
. ,
, ,
,

.
,
,
.1 . /

,

.
.
,
,

, , ,

...
,
.
.
.
.


,
, ,
, .

,
. , , , ,
.


,

,

,


.

.2



,
.
, ,

, .




.
/ . ,
,

,
, , ,
,


, , .


, ,

, , ,
, ,

.
,
.. . .
,
.
.

, .
.
,
, ,
,
.

,
, , .

9
.
,
,
,

,
.
.
,
. 10

.2

, / ,
, ,

,
, ,
,
, ,
, ,
.
.
(.
1 0 )
,
, ,
,
.
.
,
,
< >
, ,

,
,
,
,
,
, ,
,
, ,

,
, ,

,
.
,

, ,
, .
,

. 3

, ,

. ; /

.

; ;
;


.
2 (.
1) ,

,
. ,
.

,
,
.
.
,
. 3.30.
, ,
( . 2 ) . . 3
,
,
. . 5
Y. ., , ,

, , ,

.
, , .

, .

.
, ,
, , ,


.
,
,
. 3 . /

.
, ,
,
... .
, ,
.
,
, .

. 6 .
,
.
.
,
,
.
,
, .
3 .
, ,
. , .
5 ,
, ,

( . 7 ) . ,
, ,
,
.


.
.
. ,
.
. .

3
.
.
/
... ,
,
. . . ( . 8 )
,
. ,
, 9

,
.
,
, ,
... ,
.
( . 9) <
> , ,
.
,
, [ ] , 1

,

.
Y. ., ,
( )
,
.
,

,
.
.
,
,
, .
. .
, 1.

. m andici m aldicenti, .


.
, ,


. 4 . /
,
,

.
Y. .

.
.
12 1801
Y. .


. 1

/ ..


: . 19 .

6

7, . 23

Serenissim o Principe,
Vi u n a m ano divina la quale veglia ed agisce per salvare glinno
centi . Erim o p er chiudere il pacchetto delle pubbliche lettere, quando ci
venne l avviso che i N ero n i, i Clodi di A rgostoli hanno fatto jeri di n o tte
sottoscrivere u n a carta, con cui m entre profondono lidi e ville e seducente
am m irazione verso di noi, dim andano con ingiustizia e con ree intenzioni
che d a llauto rit dellE.V. siano levati di uffizio nob. s(igno)r c(avalie)r
di Siila ed il nob. s(igno)r C om (andan)te dellArmi V aruca.
A ll esim ia v irt di V .E. risu lter evid(entem en)te a quale risponsabi
lit ci esponerebbe non l esaudim ento di questa vile istanza, che n(on)

.9 v

p u avere accoglienze n e llanim o del nostro Principe, m a il nostro silenzio


in questo istante.
Egli un estraordinario, u n im previsibile evento, quello che ci sco
perse questa tram a. Ella non ha altro scopo che di avvilupparci, di fissare
l opinione pubblica sopra di noi, di farci credere associati, interessati alla
loro fazione che noi detestiam o e che non / abbiam o m ai seguito, nem m eno
p (er) indulgenza. A nzich abbiam o sem pre b a ttu to esponendo pi voite
con giovanile im prudenza le p articolari nostre persone.
Im ploriam o dunque d a llauto rit, dalla giustizia dellE.V. che in
espresso particolare decreto di V .E., diretto alla Presidenza dellInterino
G overno, sia disapprovata e condannata l ingiusta, im m odesta dim anda,
m otivando anche le nostre fervorose sollecitazioni su questo proposito,
onde la lacerazione nella nostra fam iglia in questa patria peregrinazione
e le successive discussioni, odj, vendette, che insorgerebbero fra le fam iglie
nostre in C orf, da costoro cancellate, l onore nostro, la nostra responsa
bilit n(on) abbiano a sofrire le colpose m acchie di un silencio che
potreb b e essere in terp retato sinistram (en)te dai malvagi.
Protestiam o a llE.V. il nostro profondo ossequio e venerazione.
A rgostoli 28 G iugno 1801
G IO V . C. C A P O D IS T R IA Deleg. C .I.
N IC O L O P IE R I C ol(onnell)o

. 1

/ K :

A S.E. il Serenissim o P rincipe


a C orf

: A dd 4 Luglio 1801 s.v. rice(vuta)

,
, ,
. ,
,
, ,
,

. . . .
.
. .

,
, .
1. . battute.

,
. ,
, ,
, ,
. 1 / , .
,
.
, Y. .
Y. .,
, ,
,
,
,
, ,
, , , ,
,
.
Y. . .
28 1801

.
,
. 1

/ : A. .

: 4 1801 . . .

7

7, . 30

S e r e n is s im o Principe,
Il
C ap(itano) T en(en)te A vraclioti, datom i dal G overno di Pax,
assum e l incarico di scortare allubbidienza dell E. V. la galeottina e gl
oggetti in essa contenuti.
Io
ho calcolato in pericolo il pub(blic)o legno, giacch un capitano
reo che doveva tem ere la giustizia d ell Em (inentissi)m o Senato poteva anco

com binare la fuga p ro p ria colla p erd ita del p u b(blic)o vascello della Re
pub(blic)a.
T anto rassegno e supplicando l E.V. di prendere sollecite m isure,
onde, rio rd in ato l arm o e la direzione della galeottina, ci sia spedita in
Itaca.
Sono con piena consideraz(io)ne
Pax,

p (ri)m o Agosto 1801 s.v .


di V .E.
G IO V . C. C A P O D IS T R IA
D el. C .I.

: A d d 3 Agosto 1801 s.v. ricev(uta).

,
,
,
. . .
,
, ,

.
. .
, , ,
.

1801 . .
. .

.
: 3 1801 . .


7, . 38
Serenissim o Principe,
Q uel Lixuri di cui si tem eva per le esternate dissensioni, per il pro
getto di dividersi, p er quello di esaurire la pubblica finanza, questo stesso
Lixuri che assunse in q u est anno, nel mese di Agosto e nel giorno dei
qu attro , quella stessa rivoltosa divisa che disonoratam ente e con infam ia
h a vestito n ell anno decorso, nel giorno 12 Agosto, ci m ette in qualche
angustia.
Q uesto im provviso avvenim ento rende p er il m om ento inverificabile
lo s < c > io g lim e n < to> della guarn ig ione secondo il venerato decreto di
V.E. 30 Luglio.
Si sta da noi prendendo tutte le possibili m isure per r i s t r o r a r < e > il
pi p r e < s to > ed istantaneam ente la piazza di Corf della dim andata
forza e p er non abbandonare alla sua perdizione l isola di C efalonia.
Q ualu n q u e risorsa che dalla p atern it di V.E. ritrovar si potesse ana
loga alla circostanza di cui le corrispondenze sono ben a conoscenza di
V.E. si pren d a ed il pi presto si com unichi a nostro lum e e conforto.
Lo strenuo Col. V aruca, giusta il richiam o avuto, passa cost colla
sua persona p er riparare intanto alle urgenze di cost.
Noi si affrettarem o di rap p o rtare fedelm ente con maggiore tran q u illi
t l istoria tu tta degli avvenim enti.
Argostoli 5 A gosto1
G IO V. C. D I C A P O D IS T R IA
Deleg. Co. I.
A S.E. il Principe del Senato
: A dd 13 Agosto 1801 s.v. ricev (uta).

,

, ,
,


1. .

, 12 , .

, Y. .
30 .
,


.

Y. . ,
Y. .,
.
. ,
, ,
.

.
5
T O
.
A. .
: 13 1801 . .

9

7, . 41
Serenissim o Principe,
G l oggeti che trassero istantaneam (ent)e la Commisione in Itaca, ci
che ella fece, lo stato in cu i si lasci q u ellisola, sono tre argom enti che
debbono essere posti in piena luce da questo rapporto, che io m i affretto
di presentare alla sapienza ed auto rit di V.E. onde dalle generali e paterne
cure d e llEcc(ellentissi)m o Senato n(on) sfuga q u e llisola sorella, per varj
riguardi interessante.
L isola d Itaca divisa in tre rip arti; V ati, A noi, O xoi. Il prim o
rappresen ta la citt, ivi siede il G overno e la m aggior parte deglottim ati

vi han n o < d o m ic ili> o.. G laltri due sono pertinenze abitate da < . ..>
1
coltivatori della terra, pochi ed influenti nobili e da un misurato e < . . .>
2
numero di commercianti.
Q u e stisola fu sem pre governata. N ellepoca francese si govern sola;
ebbe u n a m unicipalit eletta da prim arie assemblee.
Lorch furono le isole sotto la protezione russo - ottom ana, m entre nel
m are Ionico stavano ancora am bedue le squadre im periali, il nobile s(i
gno)r Angelo O rio , destinato dagli Ecc(ellentissi)m i A m m iragli, si occup
p er il corso di tre e pi mesi onde divenire alla com posizione di un governo
grato a quella popolazione. Pare che ai travagli di questo sig(no)re siano
stati corrispondenti i f r u tti. . . Vi fu in quel tem po tranquillit, pace,
ordine in Itaca. Il G < > v e r n o fu com posto dai rappresentanti di < d e t t > a
isola da personaggi indistintam ente eletti dal< .. . > 3 tu tti glabitanti.
N elle sistem atiche e legislative cure del C (avalie)r Tisingausem ebbe
parte l isola d Itaca. N el breve giro di otto giorni si verificata col

. l v linterin a costituzione. / Un Consiglio G enerale com posto da sessanta nobili


circa, u n Conclave, m olti giudici, sei P residenti, un M ag(istrat)o Econom ico,
uno alla Sanit. T utti codesti funzionarj pubblici tratti dal corpo dei
nobili . . . . Ecco P o rg a n iz z a z i< io n > e del C (avalie)r Tisingausem .
Come quel G overno si sia dipo rtato dal tem po della sua installazione
fino a q u e stultim a epoca del mese di Agosto 1801 l Ecc(ellentissi)m o
Senato, l E.V. lo sapr.
Sa soltanto la Com m issione che il suo ista n ta n < eo. .>
4
in Itaca
fu determ inato da u n a im m inente insurrezione la quale si era proposta
u n ordine nuovo ed a rb itra rio di < . . . > 5 < . . . zio> e ne < . . . > del
vessillo B ritannico . . . . e s< i e d a > in Itaca il vessillo . . .
E rano co
nosciute le com m ission< i >, i prem j proposti, le lusinghe m anifestate in
sed a< . . . . > 6 aspetto dai pi prossim i interessati ad accom unare ed
am pliare la colpa rivoluzionaria.
Sa la Com m issione di aver ricevuto nel giorno stesso del suo arrivo
in Itaca la spontanea abdicazione del G overno (n 1); a cui ella ha risposto
(n 2) ferm am ente che n(on) si poteva senza colpa ritirarsi dal G overno
chi lo ha rappresentato sino a q u ellultim a epoca.
1.
2.
3.
4.
5.
6.

.
, piccolo.
.
, arrivo.
.
.

Sa in fine la Com m issione che la p ubblica finanza non era pi;


che le pubb lich e dazioni n(on) si contribuivano e che nessuna m agistratura
era p i n in credito n in funzione n in attivit.
In questo < s > tato pericoloso, allarm ante, difficile la Com(missione)
t < r > o v a t o l < i s o l a > d I taca. Ella avea settan ta e p i< > soldadi. M < a
non s i s a p > eva com e n o d rirli . . . n era facile r < i n > venirne i m ezzi.. .
N on di m eno si rip arato a ta n ta urgenza e nel periodo di otto giorni
attivam (n t)e operando si p o tu to arginare tante im m inenti irru zio n i. . . .
F urono chiam ati i p rim ati di tu tti tre i rip arti. Si confer con essi
intorn o al riord in am (en t)o dellam m inistrazione ed esazione d ellerario
. 2 pubblico ed alla / costituzione di u n governo soddisfacente e tale che vi
fossero prove di lasciarlo in una perm anente attivit ed utile uffizio.
Q u an to alle esazioni delle pubbliche d errate pu e deve attestare la
Com m issione di aver trovato le m igliori intenzioni e di averle riscontrate
col fatto negli ab itan ti di am bedue le pertinenze di Anoi ed O xoi. N on
nel rip a rto di V ati.
Q uanto alla conform azione di un governo stabile u g u < a l > m ente
ben disposte, deferenti, seconde le stesse pertinenze.
A rd ita, i m p e < r a n > t e , pretendente quella di V ati, ed era tale perch
evidentem ente nella p arte s u < . . . > 1 lib ile, corrotta dalla seduzione, dalla
briga zacintia che le aveva fatto sperare tesori e trionfi collinalberam ento
del vessillo Inglese.
Come p rep o n d eran ti nel num ero le due ben intenzionate e buone
pertinenze di O xoi e di A noi cos si fece dalla Com m iss(io)ne il progetto
di sogezionare i baldanzosi e prepotenti di V ati coll istituzione del
governo.
Le operazioni tu tte d irette a questa m eta, eseguite la dilatazione,
ben inteso del voto elettivo, la nessuna p reponderanza ed influenza dei
pochi e violenti; l universalizzazione del contentam ento e della coopera
zione a llinstituzione di u n governo libero ed indipendente; tu tto era
d< isp o s> to < e ben > confluiva allo stabilim ento di un g <
o verno>
< . . . . . . > 2 i ato a llisola d Itaca, alle circostanze del g i o r < . . . . . > 2,
all< a > m aggiore u tilit e p ro sp erit della Federazione . . . . Q uando
le nuove di una riform a proposta nel G overno d ellisola di C orf raffred
darono n e llinteresse quei di A noi e di O xoi ed inorgoglirono l am bizione
e l interesse di quei di V ati a n(on) m utare l interino governo che n(on)
fu , non poteva, n esser p o tr m ai governo che anarchia, e trionfante,
. 2 V
/ N on p u esser governo dietro a quella sistem azione, sessanta nobili
in confronto ad 8 .0 0 0 abitan ti; nobili che non sono distinti dalla
1. .

ricchezza, non d a llim ponenza degli antenati. Pochi anni avanti tutti
erano ugualm (ent)e sudditi di u n nobile Cefaleno. N obili che son in fatto
artisti, com m ercianti, coltivatori e la m aggior parte interessati con un
ristretto e violento negozio coglaltri abitanti dellisola.
Interessati fra di loro per consanguineit, per conven< zio> ni di
com pagnia n ellesazione della p ubblica ren d ita, nel negoziato dei prodotti
che debbono som m inistrarla.
Q uesti, Principe Serenissim o, sono i Presidenti dell isola, i giudici,
i M agistrati alla Finanza, alla Sanit, ai V iveri.
Si sostennero, vero, senza essere vittim e di una rivoluzione in te rn a . . .
. . . . M a questo il presso dei riguardi ed interessi particolari, della
diffusione dei p ro fitti in quella sfera di ab itan ti che per la loro influenza
p otrebbero soli prom overla e sostenerla; di quella anarchia che piace,
soddisfa l assassino, il p irata, il brigante; e briganti, p ira ti, assassini popo
lano con pien a loro pace e tran q u illit lisola d Itaca.
L E cc(ellentissi)m o Senato ne ha docum enti p u r troppo funesti e
convincenti.
N on si deve om ettere a questo passo di considerare c < he la >
o si< zione> delle isole m aggiori, le rivoluzioni, l anar< c h ia > < . . . > 1elle,
le m utazioni continue n(on) abbia< n > o da< to> credito, energia alla
lissenza, al disordi< n e > che regna poderosam ente in Itaca.

. 3

N si pu senza c o < l > pa ravvisare tu tti g labitanti d Itaca sotto


questo prospetto. Vi sono dei b u o n i, dei m oderati, dei tranquilli. Q uesti
fedelm ente contribuiscono alle pubbliche im poste, m a chiedono in prem io
sicurezza pubblica, giustizia. / N l un a, n l altra p u aver luogo in Itaca.
Sar u n a p rova convincente d ellesposta situazione di quell isola l avve
nim ento che m i onoro di rip o rtare onde si conosca precisam ente come si
perde la p ubblica ren d ita e com e questa p erd ita sia in trionfo e rispetto
presso q u est ab itanti.
U no dei nobili potenti del casato D raculi ed il no < b i l e> s(igno)r
C ostantino P etal R odoteato han n o , appena a r r i v < a t o > in Itaca la
Com m is(sio)ne, com pletato p er q u an to ad essi spettava il carico di
uva passa sopra u n vasc< ello> con p a v ig lio n < e> R usso. L accusa
segreta < s i seppe> alla Com m iss(io)ne, quando il vascello che ne era
caricato avea fatto velia per Fiscardo ove si era portato (per) c o m p l o t t a
re della stessa m aniera il suo carico. La Com m is(sio)ne h a subito divisato
di riscontrare laccusa col fatto e sped di n otte la galeottina sotto la dire
z i o n e del Cap. Calosguro in traccia di questo vascello com andato da A ngiolin
1. .

lin Sam belli colla com m iss(ion)e di incontrare soltanto se vero era che
avesse caricato in Itaca uva passa senza la lissenza del governo, quanta
e da chi, e se vero e < r a > eziandio che vi fossero un D raculi ed u n figlio
d el s(igno)< r > R odoteato com e sopraccarichi e proprietarj dell uva
passa in quel vascello.
N el giorno successivo alla spedizione della galeottina fu la
C o m < m > (issio)ne uffizi< a t > a dal s(igno)r V ice Console Russo D e
m etrio di < . . . . >1o N icola, il quale esponendo la v < e r it> del con
t r a < bbando d i> m andava che dalla Com m issione si assolvessero i colpe
voli, assoggettandoli al sem plice pagam ento del dazio. N on si p rest
orecchio a questo uffizio. A llora consider il s(igno)r Vice Console che,
essendo il vascello cuoperto dal paviglione Russo, n(on) si avrebbe certa
m (ent)e osato di fargli nessuno insulto. C erta la C om m iss(ion)e del
.3v puntuale eseguim ento / degl ordini che ella diede a questa riflessione

rispose al s(igno)r Vice Console che poteva risparm iare i duri consigli,
giacch g lordini commessi n(on) potevano pi essere ritira ti.. . . Q uesta
austera sentenza m ise lo spavento.. . . Il s(igno)r V ice Console se ne
partito.
I rei stessi D raculi e R odoteato si presentarono dim andando piet.
La Com m issione rifiu t l ascolto. Fece bens arrivare alli stessi la notizia
che ove avessero pagato il dazio ed u n a grossa pena pecu n iaria, la Com
m issione gli avrebbe esentati da ulteriori spregi e pubblicit.
A llora em ersero nuove questioni. Il R odoteato p ass in villa p(er)
assicurare la sua persona. Il D racu li, n(on) essendo il principale colpevole
re st in citt, affidando forse la sua persona ai pi dissoluti ed arm igeri
della sua contrada.
R ito rn dalla sua spediz(io)ne la nostra galeottina. Il cap. Calisguro
col suo rap p o rto (n 3) diede le pi precise notizie alla C om m iss(io)ne e
la C om m is(sio)ne avrebbe progredito a llesaurim ento di questo im portan
tissim o argom ento, se ella n(on) avesse conosciuto di m etter m ano in una
assai com plicata spezie di affari dai quali n(on) si sarebbe disim barazzata
che im pegnando l uso delle arm i pubbliche in spedizioni, arresti, esecu
zioni. E lo avrebbe fatto, se a q u estuso non si o p p o n < e sse> l assoluta
m ancanza dei m ezzi di sostenere < i s o l d > ati che reclam avano da alcuni
giorni il loro si < ..............>
1, se n e pochi giorni che pe(r) tal causa la
Com m i(ssio)ne avea divisato di trattenersi in Itaca ella non avesse avuto
da occuparsi di altri obietti che escludevano codesta spezie di inquisi
zioni e di operazioni.
F rattan to da questo fatto risulta una im portantis(sim a) conoscenza e
riguardo alla p u b b licit e confidenza con cui si com m ette il delitto di
1. .

defrau d are la p ubblica / d errata e riguardo al valido consenso ed intelli


genza d ellim p o rtan ti rappresentanze p er q u ellisola del Vice Console
Russo.
D al rap p o rto d ell uffiziale s(igno)r cap. Calosguro si conosce che
nel m anifesto consolare l uva passa apparisse caricata a M issolongi e
dalla spontanea confessione e del V ice Console e dei delinquenti risu lta
che l uva passa stessa si caricata in Itaca.
N on si aggiunger davvantaggio su questo argom e<n to > . La sapienza
d ellE.V. e le provvidenze deHEc(cellentissim o) S e n < a to > m etteranno
certam (ent)e delle d i s < c > i p l i n e che m oderino gl <
1del l e auto
.>
rit consolari di questi agenti di < . . . . . . . . . > 2 che sotto lim portante loro
insegna si credono e autorizzati e da rispettarsi.
La C om m is(sion)e doveva p a rtire da Itaca. Doveva rip arare alla m i
nacciata irruzione dei rivoltosi che volevano inalberare il vessillo Bri
tannico. D oveva assicurare la ren d ita p ubblica del dazio delluva passa
n e ll anno passato, p(er) q u attro e p i quindi p erduto. D oveva in fine
lasciare u n governo ed esaudire le giuste dim ande delle ancora tranquille
pertinenze di Anoi e di O xoi. C rede la Com m issione di aver soddisfatto
a tu tti questi doveri.
Il n 4 contiene u n a proclam azione con cui si cercato di tener
ferm o il gov< er > no e di farlo sostenere dai particolari riguardi.
Col < d e > c reto (n 5) si previsto al caso della p reponderanza dei
com plotti rivoluzionarj, ove questa avesse a prevalere nel rip arto di V ati.
Le accordate prem inenze alla pertin en za di O xoi e, quel che p i , la
raccom andata custodia del vessillo R epubblicano, la parziale am m inistra
zione del pubblico erario, la p ubblica forza, il credito di quella pertinenza;

4V
. tutto atto a sogezionare / i m atti intenzionati di V ati.
Il decreto (n 6 ) diretto a m antenere nelle lodevoli intenzioni di
fedelt alla F ederazione la p ertinenza di A noi, a n(on) fare che si sospenda
la bu o n a disposizione di pagare le pubbliche im poste ed in quella e n e ll
altra sua congiunta p ertinenza di O xoi.
L o rd in e (n 7) al nobile s(igno)r N icolino V ret di O xoi m ette in
piena luce e fu o r di equivoco la circostanza sola in cui aver possono luogo
i decreti (n 5, n 6 ).
L editto (n 8 ) ha p(er) oggetto di assicurare p(er) l anno corrente
una qualche p arte della p u bblica ren d ita. Era solito praticarsi linserra
gliam ento d elluva passa sotto l inspezione im m ediata del governo, affinch
l estrazione non potesse essere verificata senza la liscenza ed il riscontro
1 . , , .
2 . .

del pubblico pesatore da cui lesazione del dazio. N ellanno decorso l uva
passa d Itaca n(on) fu serragliata e pochi onesti cittadini, m algrado questo
disordine, hanno contribuito il p ubblico dazio. N el corrente anno lesegui
m ento di queste p ratich e si rendeva assai p i inverificabile, m olto p i che
le estrazioni frau d o len ti avranno avuto uno orrendo loro incom m inciam ento.
Le m isure prese dietro a llunica previdenza che ebbe il governo di
far connotare l uva passa esistente nelle are od i proprietarj assicura
l esazione del dazio e le successive p ratich e stabilite n e ll editto stabi
liscono i personaggi dai q uali u n tem po p o tr od il governo solo od un
com m issario d e llEcc(elentissi)m o Senato ripetere la pubblica rendita.
La dim inuzione del dazio a sole p iastre venti al m igliajo si creduta
inevitabile p(er) assicurare la r i u s < c > ita delle operazioni attribuite a ll
in stitu ita Com m issione.
/ La lettera (n 9) con cui alla Presidenza si accom pagna l editto, si
raccom anda il vessillo, si notifica la proclam azione, si annunzia la necces
sit di levare la guarnigione e si da la responsabilit del m antenim ento del
G overno fino a nuova deliberazione d ellEcc(ellentissim o) Senato relativa
al preso divisam (ent)o di o p ponete con ogni studio e diligenza alla briga,
al maneggio zacintio una resistenza e sogezionata da operazioni precedenti.
La C om m is(sio)ne p rim a di staccarsi da Itaca d u ra n te la notte stessa
dei 25 Agosto, fece diffondere tu tte le sopraccennate proclam azioni,
decreti, ordini, inviandone copie autentiche alla Presidenza, ai notaj d ell
isola, al P roto p ap ed incaricando tu tti di pubblicare il contenuto.
Al rev(erendissim o) P rotopap si scrisse come nell u n ita copia (n 10).
La C om m is(sio)ne n(on) ha p otuto fa r di p i p(er) garantire l isola
d Itaca.
La sua situazione dim anda dalla provvidenza dell Ecc(ellentissim o)
Senato, da V .E. rip ari, riordinam ento sieno solleciti.
Q u ell isola vive d a ll esem pio. I m odelli che le stanno d intorno
n(on) la possono istru ire u tilm e n < te. L > I t a c a p u divenire rapidam ente
uno scoglio selvaggio. La sua navigazione piratica p u estendersi. La sicu
rezza dei m ari che bagnano le sponde interne delle isole m aggiori ne soffri
r, e m olto.
Le colpe, i delitti di quei com m ercianti non puniti, anzi in trionfo,
renderan n o odiosa e detestabile la nostra navigazione. Il novello nostro
vessillo sar screditato, senza riparo.
/ Principe Serenissim o. L isola d Itaca, i buoni fra i suoi abitanti
im plorano dalla p a te rn it vostra, dalla vostra giustizia, dalla vostra auto
rit , salvezza, onore, libert.
1 . .

M i onoro di accom pagnare il processo di T eodorin Schiotti, reo d ell


assassinio artico.
Io u m ilio a llE.V. la pi pro fo n d a venerazione ed ossequio.
C orf 16 7bre 1801 s.v.
G IO V . C (O N T )E C A PO D IST R IA Del.
.1

/ : A S.E. il Serenissim o Principe d ell Eccel(lentissi)m a Settinsu


lare R epubblica.

: N 4 0 i n fogli tre con inserte dieci.

,

,
, ,

,
.,
,
.
, , ,
. ,
, < ...> 1 ...
< . . . > 2 ,
< . . . > 3 .
.
,
.
,

, ,
, ,

.
.... , ,
. < >
1. .
2.
3. , .

, < ... > 1


.

.
. 1 . /
, , ,
, , .
...
.

1801
, Y. .
< . . . > 2
,
< . . .> 3 . . . <
> ... ,
, < .. . .> 4

.

(. 1 ) ,
(. 2 )

.

,
.
, ,
< > . .
< > . . .
.. .

.. .
.

. 2
/ ,
1. .
2. , .
3 . .


,.



,
.

, , . ,
, , ,
< . . . > 1
,
.

,

.
,
,
,
,
,
< > < . . . .>1
, < ...> 1 ,
. . .


,
, ,
, .
.2

/ ,
8.000
.
. ,
, ,


,

1 . .

,
.
, , ,
, , , .
, ,
. . . .
,

,
, , , ,

.

.

<
, , ,
>

,
, ,
.

. , ,
. ,

3. , . /
.

,

.

,
, , ,
. < >
,
, ,
.

.
, ,



.

. < . . . .> 1
, , ,
,
. .
,
,
. 3 . /

,
. . . .
...
.

. .
, ,

.
.
. , ,
,
.
. .
(. 3)

,
, ,
, ,
.. . . ,
,
< .. . . > 2 ,

, ,
.

1 . .
2 . .

. 4


.
.


.
. ..

, < .. . . > 1 < .. . > 2,

.
.

.
,
.
.
.

. 4

.
( . 5)
,
.
, ,
, , ,
. 4 /
.
(. 6 )
,

, .
(. 7)

( . 5, 6 ) .
( . 8 ) 1. .
2 . .

.
,

, .
, ,
, .

,
.


,


.

.5


,
.
/ (. 9)
, ,
,


,

.

25
, , ,
, , ,
.

(. 1 0 ) .
,
.
, .. ,
.
.
. < >
.
.

, . ,
, ,
, .
, .
. 5
/ . ,
, ,
, , , , .
,
.
..
.
16 1801 . .
,
. 1

/ : ..
.


:
. 40
.

10

7, . 42
24 7m bre 1802 Cefalonia
Eccellenza,
La benefica spedizione p er le isole felicem ente arrivata nel giorno
dei 22 in questo p o rto di A rgostoli. Ieri si apprestarono le caserm e per
i gran atieri e si rinvennero abitazioni p er gli uffiziali, e q u an t(unqu)e
n ai q u artieri n agli apprestam enti relativi si fosse dato u n pensiero
attivo ed utile da u n a certa tardissim a com m issione, da questo G overno
d ue giorni p rim a del nostro arrivo espressam ente instituita; p u re ci
r iu sc di ottenere il tu tto con piena soddisfazione di questi buoni e pazienti
com andanti m ilitari. Oggi si verifica lo sbarco. D im ani io p resen tar al
G overno che sem bra fin ora di ignorare ogni successiva m isura la lettera
di V .E. ed a ssu m er cos lesercizio delle m ie funzioni.
Il s(igno)r C (avalie)r di Sorokin si incaricato di tra tta re in persona
al Z an te l argom ento im portante del Reggente di C efalonia. Io gli p asser
le relative lettere.
1. artico.

La spedizione p e r il Z an te p a rtir dom ani a sera.


Prevengo l E.V. che con tanto zelo ed affetto si trattato e si tratta
da questi egregi uffiziali, e spezialm ente dal illustre s(igno)r C (avalie)r
S orokin, ogni argom ento relativo al vero riordinam ento ed alla perm a
nente salute delle isole; che l unico voto che da u n buono repubblicano pu
farsi si che questo zelo ed affetto s inspiri e faccia agire i figli stessi
della R epubblica.
Protesto intanto a llE .V. la pi alta considerazione e rispetto.
D i V.E.
V en. div(otissim )o Luog(otenente)
Il Com m (issar)io G IO V . C A P O D IS T R IA
K : A S.E. Il Principe della Settinsulare R epubblica etc. etc.

24 1802
,
22
.. .


,
< >
,

. .
,
, ..
.

.
.
.
. .

, ,

,

,
.
..
.
..


:
A. .
.., ..

11

7, . 43

2
Serenissim o Principe,
In continuaz(io)ne del m io rap p o rto n t(erz)o devo rassegnare a ll
E.V. la storia precisa di ogni m ia operazione.
Il
giorno 25 del corr(ent)e mese fu occupato per intiero nello stabilire
ogni sistem az(io)ne relativa a ll acquartieram (enf)o e som m inistrazione da
prestarsi alle in vitte truppe im periali.
N el giorno 26 sono passato a Lixuri col sig(nor)e Col. C om andante
p er riconoscere quella piazza, p er fissare i quartieri e per ordinare gli
apprestam (ent)i tu tti necessarii al m ovim (ent)o della g u arn izione russa in
questo rip arto . T u tto si fece; e nel giorno dei 27 le truppe russe passarono
a Lixuri e presidiarono quella piazza.
N ella sera stessa io ho presentato a S.E. il P ritano le lettere di uffizio
di V.E. e gli m anifestai anco a voce quale doveva essere la m ia destina
z(ion)e che non sem br p er nessuna m aniera aspettata. Egli se ne
m ostrato assai contento.
C om unque siasi io ho ricevuto le carte pubbliche relative all am m i
nistraz(io)ne intera del G overno ed un rap p o rto assai dettagliato con cui
furono accom pagnate. Mi sono occupato subito a travagliare intorno
a ll interin a reggenza ed alle m isure tu tte da prendersi per dare piena
esecuzione alle venerate com m issioni d ell E.V ., come risulter dal mio
rappo rto n 3 che in o ltrai 1 a ll E.V. collo stesso espresso2.
S.E. il Reggente di S. M aura ha ricevuto da m e le sue com m issioni.
1 . . innaltro

Egli p ronto e sta per avviarsi al suo posto; n attende che la m ia


assistenza p e r dare inviam (ent)o a quella spedizione. Sto com binando una
istessa im barcaz(io)ne tan to p er le tru p p e d Itaca, come per quelle di S.
M aura, onde dim inuire possibilm (ent)e le spese.
. l v

.1

/ Io mi sono lungam (ent)e tratten u to col sig(no)r A nino onde m etterlo


dettagliatam (ent)e al fatto di ogni cosa attinente alla sua reggenza.
A ncorch io non potessi realizzare il m io passaggio a S (ant)a M aura, S. E.
il Reggente inform ato gi abbastanza di tutto, n dubito pu n to che nell
esercizio delle sue funzioni col egli non sia per corrispondere a ll aspetta
z(io)ne universale ed ai pubblici em inenti oggetti che hanno determ inato
questa instituz(io)ne provvisoria.
Io p er sono determ inato di non om ettere il mio passaggio nelle
isole, q ualora l eseguim (ent)o esatto delle mie com m issioni, il pubblico
servigio e l u tilit pubblica lo esigeranno.
H o inoltre spedito p er espresso pedone a S. M aura una lettera di
avviso a S.E. il sig(no)r D ezorzi onde invitarlo a passare cost o in Itaca,
ove p er il p(ri)m o di O tto b re venturo o per li due la guarnigione russa
pu essere in caso di passare.
Q uesto q uanto io ho saputo fare in esecuz(io)ne alle generali com
m issioni che m i furono date.
Protesto intanto la pi ossequiosa veneraz(io)ne e rispetto.
Cefalonia 29 Settem bre 1802
Il div(otissim )o obbed.
G IO V . C (O N T )E C A P O D IS T R IA
/ Al Sereni(sim o) Principe Co. Giorgio Spiridion Teotochi
C orf

. 2
,
, . 3,
.. .
25

.
26
, ,

.


27
.
..
Y. .
, .
.
,

, .

, ..,
. 3 , ..
.
.. .
.
,
.
, . ,
.1v .
/ . .
.

. , .. ,


, .

, ,
.
. .., .
, ,
.
,
.
.
29 1801
,

. 1

12


7, . 44
3
Serenissim o Principe,
L u n ita proclam azione sotto n 1 far conoscere a llE.V . u < . . . . > 1
che io dovuto adottare, onde abbia p ro n ta esecuzione il p i im p < o r>
tante articolo delle mie com m issioni2.
H o dovuto accelerare questa pubblicaz(io)ne, poich trattavasi nulla
m eno che di risparm iare il grave dispendio di sei m ila piastre che nel
giorno prim o di O tto b re avrebbesi dovuto altrim enti incontrare.
La chiam ata personale dei capi e di due soldati per ogni com pagnia fu
diretta a rendere m eno acerba questa nuova alle legioni stesse ed a ga
ran tirle dai pericoli in cui le avrebbe esposte il ridicolo che di esse si
avrebbe fatto.
Sono in fatti prontam ente venuti. H o detto a tu tti che la m aniera
con sui erano stati invitati a ritivarsi e a deponere le arm i doveva p ersua
derli che essi posseggono la p ubblica stim a e confidenza. E ra in potere
d ell au to rit C om m ittente e nel m io dirsi loro di ordinare che qualunque
si fosse trovato dopo due ore colle arm i avesse ad essere soggetto alli
m ilitari castighi... E voi, brava gente, avreste sofferto un insulto e non
vi restava che obbedire. Si fece altrim enti, appunto perch si voluto
m anifestare a tu tta la nazione che voi avete servito da valorosi e buoni
cittadini la p atria in tem pi pericolosi e che da m oderati ed obbedienti
oggi sarete pro n ti di ab bandonare le arm i e ritirarvi nelle vostre case.
O ltre a ci soggiunto che io era incaricato da S.E. il Plenipotenziario
di pren d ere i nom i dei loro capi e quelli delli respettivi s < o l d > a ti di ogni
com pagnia, affine di presentare con questi nom i a S.E. un ruolo dei p i
raccom andabili, lorch n e ll organizzazione della forza arm ata della R e
pubblica fosse p er essere necessaria l instituzione di una gendarm eria3
u rbana.
Q uesta notizia li di m olto confortati e benedindo il nom e di S.M.
l Im peratore, quello di S.E. il Plenipotenziario e delle truppe russe sono
.lv tutti regolarm ente e senza nessun scandalo p artiti, avendo sem pre / p re
sente l idea e l occupazione lietissim a e confortante della com posizione
di questi ruoli; si affrettano di farm eli avere dopo dom ani.
1. .
2. .
3. . giandarm eria

L idea di fare che questi stessi capi m i diano il ruolo dei loro soldati
m i sem brata tan to p i lodevole e necessaria, quantoch, oltre alla
tranquillizzazione che ella opera in questa gente, m i d a u n preciso e sponta
neo docum ento nelle m ani, p er cui gl esam i e confronti necessari, onde
conoscere la legittim it di questa am m inistrazione econom ica locale, riescono
assolutam ente evidenti e m anifesti.
M i perm etta ancora l E.V. qualche cenno intorno alle avvertenze
che io avuto nel licenziam ento di q uesta gente.
G l annunzj pub b lici esternati colla proclam azione, quelli fatti colla
voce non bastavano a m io intendere p e r garantire e preservare l isola
dalli disordini che potevano aver luogo nella partenza e diffusione di
questi di p er se stessi e per le funzioni esercitate odiosi esseri. Q uindi
io concertato col s. C ol(onnell)o p er la citt tanto di A rgostoli come di
Lixuri qualche pattugliam ento estraordinario e per la cam pagna fatto
diffondere con rapid it m olti esem plari del proclam a stesso, raccom an
dandone la pubblicazione alli prim atti, ai sacerdoti, ai giudici delle p erti
nenze, dim andando da tu tti p er la sicurezza della cosa i precisi riscontri
d e l operato.
H o inoltre prevenuto l U ffiziale di P olizia1 s. M attei in A rgostoli e
s. M ilona in Lixuri d invigilare eziandio p er mezzo di confidenti persone
se 2 m ai qualche reazione o m otteggio o scandalo si esternasse, onde rep ri
m erne instantaneam ente g l effetti sem pre funesti.
Fu assai o p p o rtu n a questa m isura, poich ella inspirato confidenza
e sicurezza a questi m ilitari urban i... e qualche arrestazione e breve p ri
gionia fu bastevole p er m anifestare quella attivit del G overno che inspira
giusto tim ore ai tristi e che inonda il suore di contentezza ai buoni.
P er tal m aniera l operazione ebbe il pi felice riuscim ento, com bi
nando colla possibile saddisfazione delle dolenti e congedate legioni urbane
la tran q u illit e la sicurezza p ubblica in tu tta l estesa dell isola e la vera
e positiva com piacenza e ricreazione di quan ti furono fino a qu est epoca
soggiogati ed oppressi.
Io
nel m ettere in esecuzione questo progetto m i sono fatto un dovere
di tratten erm i pi volte sul proposito della tru p p a u rb an a con quelle em i
nenti persone che avevano u n interesse di preservarle, se non in tutto
alm eno in p arte da questa tem pesta... O gnuno mi disse che era necessario
adm ettere delle m odificazioni, ma che bisognava m olto pensare prim a
di risolversi, im percioch trattavasi di grave ed im portante argom ento da
cui la salute del paese dipendeva. Io, p rim a della pubblicazione del
1. . p u lizia

proclam a, mi sono m ostrato sem pre persuaso della difficolt dell im presa ed
pi volte seriam ente d innanzi ad essi giudicato che era im possibile
troncare ad un tratto tu tta questa tessitura di rap porti e d interessi p a rti
colari e pubblici.
Pieni di questa confidenza io sono certo che alle ripetute dim ande
che ebbero dai p rincipali gonfalonieri1 e dai subalterni di questa tru p p a
.2 brutale, come le ebbi io , abbiam o sem pre annunziato / ci che fu dalla
pubblicazione fatta n da nessuno presentita solennem ente sm entito.
Io creduto assai im portante questo giuoco, onde fa r che cessi quella
p reponderanza nella p ubblica opinione che le circostanze avevano eccessi
vam ente dato ai singuli e p er cui l equilibrio sociale in vano cercavasi
in questo paese.
G i g leffetti ne sono orm ai sensibili e questi abitanti da giorno in
giorno riprendono um ani, pacifiche, tranquille, ridenti fiso n o m i< e> . R as
segno a llE.V. n ellinserta sotto n 2 la copia di una nota circolare che
o creduto necessario di spedire a tu tti i trib . e m ag(istra)ti che si attro
vano attualm ente in funzione2.
M i sem brato che la sopravveglianza del Reggente qui allora p o tr
essere conosciuta efficace, utile e grata, quando un rap p o rto uffiziale
sullo stato attuale di cadauna am m inistrazione lo p o rta al caso di cono
scere legittim am (ent)e l essenza di ognuna sotto i p u nti di vista m arcati
dalla stessa circolare.
La risposta cos diram ata, come indicato, apre l op p o rtu n it di far
adottare quelle addizioni e quei cam biam enti tanto nel num ero e qualit
dei m em bri che com pongono le varie m agistrature come nelle attribuzioni
e funzioni di o gnun a, p er cui il m igliore servigio pub(blic)o sperabile,
senza o tten erlo p er altra via che p er < q u e sta > della spontaneit e della
em enda la pi uffiziosa e m o d e r< a ta > .
Io
gi r icevuto dei rap p o rti da p i d uno dei m ag(istra)ti e
in t< e ri> nali ed a seconda del bisogno va q u a e l in ternando le m ie consi
derazioni e suggerindo quel riordinam ento che da m e si pu escogitare
e credere opportuno.
Mi occupo incessantem ente into rn a alla conform azione del M ag(i
stra)to Econom ico ad a ll o rd itu ra 3 di u n o rdinanza che valga a presidiare
la sicurezza e la giusta am m inistrazione della locale finanza. H o trovato
un m ostro assai strano : egli non di cento teste m a di u n a sola testa e
di cento m ani assai m al educate nel m aneggiare il tesoro della nazione.
bello il vedere che p er effetto della m isura adottata questo stesso
1. . confalonieri
2 . . . 19
3 . . ordita ra

m ostro si dipinto di p er se stesso. La Com m issione E straordinaria Eco


nom ica Federativa avr di che occuparsi.
Prevengo in tanto l E.V . che questa cassa locale fino al giorno d oggi
conta di effettive p iastre 20.134. Le contar forse p er lungo tem po e ne
sar pi ricca in seguito, poich col licenziam ento della tru p p a villana si
sono risparm iate sei m ila piastre p er ogni decade, ossia diciotto m ila 1 al
mese che si sacrificavano a ll avidit di questo fatale esercito agreste.
Io non posso assoggettare il piano di spese ord in arie, poich oltre
alle gi sistem ate e col possibile pub(b lic)o risparm io delle giornaliere
som m inistrazioni di carne, vino, legna da fuoco, oglio p e r le tru p p e e
gratificazioni ag l uffiziali restano a calcolarsi quelle poche che il M ini
stero e la Reggenza del s. Co. M ercati sar p e r apportare. D ietro a llarrivo
di questo egregio sig(nor)e io d a r term ine anco a questa picciola im presa
e sa r , com e io m i lusingo, l apportato re dei conti precisi e delle spese
. 2 V e d ell e n trata e se converr come io / il s. Co. M ercati di tu tto quel dinaro
che sopravanzasse alle stabilite occorrenze locali.
Io sono stato e sono ferm o costantem ente nel rinunziare ascolto ed
accoglienza a tu tte quelle petizioni che dim andano dinaro. I creditori
pubblici sorgono giornalm ente e le molestie e le angustie c h io soffro sono
eccessive. Io resisto, m a oso di rim arcare a llE.V. che bisognarebbe neces
sitare costantem ente questa resistenza, facendo passare cost sem pre tutto
il dinaro che sopravanza, n credo bastevole l articolo espresso nelle com
m issioni che l E.V . dato ai respettivi reggenti su questo proposito.
L um ilt m ia ardisce di suggerire u n assoluta e forte decretaz(ion)e,
la quale proibisce sotto responsabilit dei respettivi reggenti qualunque
siasi dispendio oltre ai convenuti e sanciti p er le locali occorrenze.. .
Q uesti sano gi convenuti e saranno sanciti, lorch l E. V. ne avr il
preciso dai respettivi reg(gen)ti, che sono incaricati di trasm etterli colla
m aggior celerit, inv iando in p ari tem po lo stato attivo di cadauna cassa
coi relativi docum enti.
Q uesta decretazione la sola arm a con cui potranno diffendersi i de
legati di V .E. dallim perioso e costante attacco che tanti e tan ti rinvigo
riti nelle loro speranze dalla vista di qualche sopravanzo nella tesoreria si
farann o uno studio di pazientem (en)te sostenere... Il num ero dei creditori
pubblici innum erabile qui, come io credo in tutte le altre isole, poich
nella fu anarchia, q ualora non si potuto pagare il favore pubblico con
dinaro, si creduto di acquistarlo con una patente o con un decreto, il
quale prom etta ed accordi appuntam enti.
Io sto aspettando il sig. Co. M ercati. Al suo arrivo gli p asser subito
1. . m ille.

la recevuta e da m e come dalle scarse mie forze


am m inistrazione di questi p ubblici affari.

concesso

trattata

M i o n o rer di um iliare a ll E.V. il rapp o rto successivo delle m ie ope


razioni e quello con cui p a sse r categoricam ente al prelodato sig. Co.
M ercati ogni argom ento relativo a questa reggenza.
Protesto in tan to la m ia venerazione.
Cefalonia 29 Settem bre 1802 s.v.
Il div(otissim )o obbed.
G IO V . C. C A PO D IST R IA

.1

/ :

Al Serenis(sim o) Principe Co. Spiridion G iorgio Teotochi


Corf

. 3
,
H . 1 Y. . < . . . > 1
,
.
,

,
.



.
.

.


. . . , ,
, . ,



.
A. .
1 . .

,
A. .
,
.
,
.. , . .
,
.
1 /

.


, ,
,
,
,
,
.
Y. .
.
, ,
, ,

,
.



, ,
, ,
.
.
.

,
< > .
,
.. .
,

.






.
,


, ,
.. . ,
, , ,
,
.


, .


,

. 2 , /
,
.
,


.

, ,
, . . .
. 2 ,
,
.

, ,


.
< > ,

,
, < >
,
,
.



.

, ,
.
,
.

.
.
Y. .
20.134 .
,

, ,
.
,

, , ,


.
,
, ,
. 2 / ,


.

.

. ,
Y. .

,

Y. .
.

,
,
. . . < >
, . . ,

,
.

Y. .
,
,
. . .
, ,
,
,
< > ,
.
.
,
,
.
Y. .


.
.
29 1802 . .
,

. 1

/ :

13

7, . 44,
C opia

No I

Il C om m issario di S.E. il Principe della S ettInsulare R epubblica


Agli ab itan ti tu tti d ell isola di Cefalonia
V oi siete, o ab itan ti di questa preziosa p arte della SellInsulare R e
pubblica, chiam ati oggi a nuova vita, a felice esistenza, a gloriosi destini
dalla com parsa e dal presidio delle invitte tru p p e dell A u g u s t o
S o v r a n o d e l l e R u s s i e e da tu tte quelle instituz(io)ni che
m erc di questo appoggio possente la vostra vera felicit devono
com ponere.
Innalzate il vostro spirito... R ichiam ate a voi stessi l antica vostra
istoria. N on obliate quella d e vostri giorni e rendete grazie alla Provvi
denza D ivina ed alla clem enza di A l e s s a n d r o P r i m o .
Pace, concordia, obbedienza alle leggi, rispetto ed am ore al G overno,
affetto alla p u b b (lic)a sicurezza senza ostentaz(io)ne o prepotente en tu
siasm o, m oderaz(io)ne repubblicana sieno n e ll isola di Cefalonia e fra
di voi, o suoi ab itanti.
L esercizio d i queste v irt , la soddisfaz(io)ne assoluta di questi do
veri e gli em inenti oggetti, intorno ai quali la m ente riordinatrice dello
stato travaglia, esigono che in voi tu tti indistintam (ent)e vi sia u n cor
rispondente carattere.
Q uindi io, fedele esecutore degli ordini precisi che m i furono dati
devo annunziarvi :
Prim o; che alle sole costituite potest, cio al Reggente solo, ai
m agistrati e trib u n ali che sono sopravvegliati e che devono agire entro 1
soli rispettivi loro confini spetta esclusivam (ent)e il pensiero , la cura,
il discorso d e p ubblici affari.
Secondo. N essuno deve sospettare che queste costituite potest o che
le invitte tru p p e che le sostengono possano giam m ai soffrire che avvenga
lo sviluppo fatale delle passioni vendicative o delle reazioni.
Sappiano anzi tu tti che ogni germ e o p rincipio di civile discordia
devesi sradicare... E sar sradicato... Resti dunque o g < n > u n o tranquillo
ove si attrova n osi con m ovim enti atten tato rii di determ inare l attenzione
1. . pensiere

ne e lavigilanza p ubblica sopra i suoi passi... Le esteriorit, i m oti ingiu


riosi, le parole provocatrici saranno stim ate crim inose... I delinquenti
avranno punizioni m ilitari.
T erzo. A lle sole gloriose truppe di S.M .I. affidata la sicurezza p u b
blica e la p riv ata... Q uindi non solo inutile, ma crim inoso per voi
tutti, o ab itan ti, di m ostravi arm ati d inanzi alle truppe im periali che qui
sono p e r custodirvi e presidiarvi.

. 1v

/ Il p o rtare arm i dunque v en tiq u attro ore dopo la pubblicaz(io)ne


di questo proclam a u n delitto che offende la dignit delle tru p p e im pe
riali e che avr p er ci corrispondenti punizioni m ilitari.
Q uarto . Siano i prim i a deponerle q u e bravi abitanti che in tem pi
difficili e pericolosi le h anno prese con valore repubblicano p er diffen
dere la p a tria .
Sappiano ancora questi che dietro a ll eseguim (ent)o di questa prescri
z(io)ne io ne aspetto i capi e due m ilitari di ogni com pagnia, onde an n u n
ziar loro im p o rtan ti e grate notizie.
Q uinto. S appiano gli ab itan ti tu tti delle pertinenze e ville che la loro
condotta sopravvegliata e che s intende che le arm i sieno deposte da
tu tti in ogni luogo.
Q uindi l uso delle arm i e l am m asso di arm ati in qualunque punto
dell isola stim ato crim inoso... I colpevoli saranno puniti m ilitarm (ent)e.
Sesto. Le arm i deposte non devono essere in nessun luogo am m assa
te... La raccolta di arm i, ovunque ritrovisi, attirer esecuz(io)ni m ilitari
nel luogo che le custodisce e corrispond(ent)e castigo a colpevoli.
O voi, q u an ti siete illu m in ati, giudiziosi, influenti, de quali la voce
ascoltata ed esaudita, adoperatevi a far intendere e consoscere ai sem plici
e buo n i il valore e l im portanza di q uanto oggi viene prescritto e che
devesi assolutam (ent)e eseguire.
A bitanti, io vi ho detto di dover essere fedele esecutore degli ordini
che ho ricevuto... Io con questa proclam az(io)ne lo sono stato... V i esorto
e vi prego di volerm i dare il conforto di essere, p er quanto la m ia breve
destinaz(io)ne lo im porter, il testim onio d ell esercizio delle vostre virt
repubblicane e della vostra obbedienza.
Vi prevengo che dovete obbedire e che l obbedienza forzata inde
gna di voi che siete nati p er essere figli di una libera patria.
D al Palazzo di Pubb(lic)a Reggenza li 28 Settem bre 1802 s.v.
C om m issario CO . CAPO D IST R IA


..

, ,
, ,

,
, ,
.
. . .
.
.
, , ,
,
,
, .
,


.
,
, :
,
, ,
,
, , .



.
. . . . . .




.. . , ,
. .
A. . .
. . . ,
, ,
, ,
.

.1

/


.


,
.
,
.


.

. . . .

. , ,

.
, , ,


.
< > ,
...
. . .
,
, .

,
.
, 28 1802 . .

14

7, . 45

Serenissim o Principe,
L u n ita lettera che ho addrizzato a S.E., il Reggente del Z ante, pre
senta alla sapienza di V .E. la stabilita com unicazione che p ia < c > q u e al
sig(no)r C alichiopulo di voler tenere con m e p er essere partecipe di ci
che si opera a C efalonia, onde pren d ere norm a ed agire in conform it al
Z an te, p(er) quan to lo com portano le sue com m issioni e le circostanze di
q u e ll isola .
P resenta ino ltre la necessit in cui io sono stato di prevenirlo
in to < r > n o a ll i m p o r t za>
<
na di tratten ere al Z a n te quelle persone che
sono sta < te ba > n dite < d > al passato governo e che col loro ritorno gi
qui sperato e sospettato necessitarebbe assolutam (ente) la Reggenza a
prendere delle m isure violenti sopra di essi, onde ev itare lo sviluppo e
l azione di nuove passioni e l o p p o rtu n it a nuovi disordini.
Raccoglier da tu tto questo la sapienza d ellE.V. che uno dei preci
pui oggeti delle m ie occupizioni fu quello di conoscere possibilm (ent)e
lo stato m orale di questo paese e quindi illum inarm i intorno a ci che
g u arir potesse le cause p erenni d i recidive m alattie rivoluzionarie.
P er ora basta p er u n a p arte l allontanam (ent)o di questi banditi. Per
l altra sono in dovere di rassegnare a llE.V. che non devesi in questo m o
m ento trascu rare e lasciare inosservato l altro profondo germe di civile
discord ia, cio quello che causato dalle doglianze dei danneggiati e
dalla im punit d e danneggiatori.
N on provvida m isura il lasciare la conoscenza, la discussione e le
successive deliberaz(io)ni di questo affare alla sola Reggenza. . . . La m ente
pu b b lica devesi persuadere che il felice progresso delle azioni di queste
Reggenze esige u n sostegno e rifugio sotto l om bra e presso l autorit
lontana ed im ponente d ell E.V.
Q u in d i per agevolare un qualche risu ltato definitivo di questo di per
se stesso difficile ed assai inviluppato argom ento io oso proponere a ll

.1v E.V . l in stituz(io)ne di u n a com m issione apposita residente in / C orf,


la quale chiam i a se i ricorsi dei danneggiati cost dim oranti N N . SS.
C oidan ed E ustachio M etax.
C onosciute queste dim ande, v alutate nella loro essenza, discusse le
cause, adm esse tu tte le p ro ced u re le p i opportune, che la Commissione
1 . . .

pronu n zi u n gindizio e che al Reggente d ell isola di C efalonia col favore


della forza russa ne sia raccom andata l esecuzione.
C os questo difficile affare avr p ro n ta esecuzione... Il Reggente
n o s < t r o > espone che a d ar eseguim (ent)o ad un giudizio altrove pro
nunziato n i suoi p a ssi gove<rna> t i v i < s i s v i > luppano in questo lab irin to
in cui sm arrirebbero certam (ent)e con pregiudizio della p i im parziale
giustizia.
Sono questi, Serenissim o Principe, i m iei divoti pareri su questo p ro
posito.
L E.V. abbia la clem enza di accoglierli come una testim onianza di
quel vivo interesse c h io sento p er p o ter come meglio io posso conflu(ire)
al ben essere, al riordinam (ent)o di q u e st isola.
Q u an to ad altre successive osservazioni intorno alle cause di pi
rim ote civili discordie ed ai m etodi di estirparle mi o n o re r di um iliare
con altro apposito rap p o rto le mie divote considerazioni.
Io
stava p er chiudere i miei rap p o rti, quando mi giunsero le inchi
nate lettere di V .E., s < e > g n a t e 24, 25 Settem bre. L una, riguardante il
credito H um bsk e T im oni, l altra il detenuto sig(no)r L o v erd o . . . Ad
am endue io d a r risposta a prim a successiva opportunit e quando, come
io spero, il sig(nor) M arcati che qui < s > aspetti d ora in ora p o tr egli
stesso trattare questi affari.
Protesto in tanto la pi divota venerazione ed ossequio .
Cefalonia 29 Settem bre 1802
Um. div. obb.
G IO V . CO . C A P O D IS T R IA
. 1

/ : Al Seren(issim )o P rincipe Co. Spirideon G iorgio Teotochi


C orf
: 4 3 con inserte tre.

,
, A. .
, Y. .
,
, ,
,

.


-

,

.
..



.
,
< > Y. .

,

.
,

. . .

..

.1

,
..
, / ,

. ,
, ,


.
. . .
,
,
,
.
, ,
.
H ..
,
,
.



.
,
.., 24, 25 . ,
H um bsk ,
...
, , ,
, .
.
29 1802
., ., .

. 1

/ :

: . 43 .

15

7, . 45,
Copia di lettera scritta dalPEcc(ellentissim o) Com (m issario) Interino
Reg(gente) di Cefalonia a S.E. il Co. s. Starno Calichiopulo, Reggente del
Z ante, in data 29 Settem bre 1802.
C orrispondendo con ogni sollecitudine al desiderio che lE.V. si
com piaciuta di esternam i m i affretto di spedirle oggi con un espresso
nelle occluse carte sotto n 1, 2, 3 in copia una parte dei ra p p o rti appron
tati p e r spedire questa notte aHEcc(ellentissi)m o nostro Principe.
R ilevar l E.V . dalli stessi tutto il piano che m i sono fatto e come
su quelle traccie io abb ia dato p rincipio alle m ie operazioni.
O ram ai ci credo che S.E. il s. C. M ercati trover ap p ianata la via
e mi chiam er assai fortunato, se gli piacer di com patire e segondare
gl incom inciati travagli.
Prevengo l E.V. della necessit in cui sono di rinnovarle le m ie pre
m ure in u ffizio, onde p er ora li b an d iti C efaleni cost raccolti e dom i
ciliati non abbiano a passare in C efalonia... Sotto il n 4 TE.V. trover
il paragrafo delle com m issioni che le riguarda... Io sopra luoco sono

convinto che il loro rito rn o darebbe occasione a fatali reazioni... G i la


speranza dei seguaci e dei satelliti fin o ra oppressi p re n d e1 una nuova
elasticit colla sola aspettazione. Q uesta incom oda e scandalosa elasticit
deve essere, e lo in fatti, con m olta attenzione sopravvegliata da robusta
m ano che sta p er reprim erla, ove fatalm ente com inciasse a m ettersi in
azione.
A d evitare questa necessaria ripressione, la quale sarebbe tanto pi
dannosa, quan to dovrebbe agire sopra esseri fin ora connucleati, e darebbe
alto rilievo ed estim azione a quella p arte che sino a questo m om ento
p repo n d erato , non v studio, n on v diligenza a m io intendere che
basti. Q u in d i m io divoto p arere che l E.V ., messo cos a parte dettaglia
tam ente delle circostanze e delle necessit di d ar m ano, onde si ottenga l
allontanam ento di queste fin ora persone rim arcate ed intorno alle quali
non v uno in q u est isola, il quale non tenga fissi i suoi sguardi senza
necessitare spiacevoli deliberazioni dalla p arte di questa Reggenza.
L E.V . non trover nelle com piegate carte nulla per ora intorno a ll
. l v im m ensa tu rb a degl uffiziali che portan o divisa. Sono / gi tutti venuti
d a m e a rassegnarsi; fatto intendere colla voce a tutti che io tengo
delle instruzioni intorno ad ognuno, m a che m i facciano il piacere di
aspettarne l annunzio delle im portanti cose che sono incaricato di pale
sare dopo che av r spedito il m io espresso al Principe.
Sono determ inato di chiam arli tu tti in una conferenza e di annunziar
che m ente d e ll au to rit suprem a del P rincipe e dell ordinatrice facolt
dello Stato che la Cassa n on abbia a co n tribuire paghe che alli soli u ffi
ziali che restano strettam ente addetti al servizio della piazza e che non
possono essere add etti che i catalogati. Fra i catalogati non si sar nessuno
di essi.
A p rir loro la p i seducente scena p er l avvenire, m o stra r che
il Senato e le nuove facolt espressam ente costituite daranno il libero
concorso ai bravi uffiziali, affinch nel nuovo o(r)dine di cose trovino
onorato e stabile collocam ento.
Ecco, Eccellenza, quan to io posso p er o ra annunziarle. Accolga l E.V.
questa p ro n ta testim onianza del m io zelo e le proteste della m ia conside
razione.

1 . . prendono.
2 . . ficin o .

,
, .. .
, , 29
1802.

..
. 1, 2, 3
,
. ..

.
.. .
,
.
..

, ,
.. . .. . 4
. . .
. . .
, ,
.
,
, ,
, .
,
,

,
,
. , ..,
,


,
.
H ..
.1 . /

,
,
.

< >

< > ,
,
,
. .

,



,
.

, , , .
..
.

16

7, . 46

No 5
Serenissimo Principe,
Il
C av(alie)r Sorokin p arte questa sera. Egli mi coglie nel m om ento
in cui io passo l am m inistazione del G overno a S.E. il Co. M arcati.
R esto qualche giorno in A rgostoli e forse fino alli 7 del cor(ren)te
p er com binare il passaggio della guarnigione russa in Itaca.
Il
Reggente di S (ant)a M aura e la guarnigione per q u ellisola oggi
intrapresero il loro viaggio.
Passato c h io sia colla guarnigione in Itaca, cooperato c h io abbia
col a llinstituzione della R eggenza, io passo a S (ant)a M aura da dove
p ren d e r im barco p er C orf.
D om ani il Co. M ercati assum e pubblicam (ent)e la sua Reggenza con
quella b arca c h io spero di poter inviare cost col dinaro che sopravanza
dalle gi stabilite spese m ensuali. Io m i o n o re r di dare dettagliato
rap p o rto allE.V. di q uanto appartiene a questa Reggenza di Cefalonia.

Protesto in tanto a llE.V. le m ie divote considerazioni.


Cefalonia 4 O ttobre 1802
P.S. O so um iliare a llE.V. che sarebbe giovevole e giusto che il Senato
a nom e della R epubblica esterni u n uffizio di ringraziam ento al C (ava
lie)r Sorokin p er le tante cure ed attenzioni che egli si prese, onde la
spedizione delle isole p rosperi e form i la loro felicit, come gi attualm ente
la fa.
L um . div (otissim )o obbe. serv.
Il Comm. C. C A P O D IS T R IA

: A dd 6 8 b re 1802 s.v. ricev(uta).

,
Sorokin .
..
.
, 7
, .

.
,
, ,
.

< >

.
.. ,
.
. .
.
4 1802
.. ..
-

1. , . ome gl.

Sorokin

,
, .
., , . .

:

6 1802 . ., .

17

7, . 47

N o t(erzo).
Eccellenza,
Mi onoro di rassegnare sotto n 1 a llE.V. in copia il rapporto con
cui a < l l > E . S . il Reggente di Cefalonia passato l am m inistrazione di
questo locale < .................>
1.
R isulta da questa scrittu ra la precisa e dettagliata relazione di q u < el
che > io o p e ra to , d < i > que < l l > e osservazioni che io feci e di quelle
sistem azioni < che io > creduto di dover stabilire in ogni diram azione, e
particolarm ente < in quel > l a, del giornaliero e m ensuale dispendio che da
q uesta P ubblica Cassa a < v r > in contrare. M i sono fatto un sacro dovere di
fissare le contribuzioni giornaliere, tanto di vitto p er la tru p p a russa come
di p o rzioni e gratificazioni ag l uffiziali che sono addetti alla stessa, con
ciliando in ognuna il possibile risparm io ed il contentam ento di questi
m ilitari, verso i quali i nostri riguardi devono essere uguali ai nostri doveri.
Stabilite le m ensuali spese, v alutato il d inaro effettivo e quello che
certam ente deve en trare in q uesta cassa, io creduto che senza rem ora
di dove sse rim ettere qualche som m a, come nel m io rap porto indicata a
codesta G enerale Finanza. Io aveva desiderato che questa rim essa cost si
fosse fa tta col mezzo della fregata russa di ritorno. M a le circostenze e
quella fred d a lentezza che il prod o tto della novit della cosa sulla non
corrispondente elasticit e fervore di chi la im prende m i costringono a
desiderare tu tto ra quella decisione, intorno a cui io avrei sul m om ento
d eliberato ed o p rato senza rem ora, senza esitanza.
P are che q uesta rim essa d i d inaro sia riservata a p i tran q u illa epoca.
Io non vorrei che q u e stepoca ritardasse di m olto e che questo ritardo

non avesse a soverchiam ente dim inuire il da me contem plato sovvegno


alle esigenze della generale finanza...
I n vista al m io rap p o rto ed a quelle riflessioni che io osato di
rassegnare alla m atu rit del sig(nor) Co. M arcati l E.S. si com piaciuta di
1. pubblicare l in/ stituzione di u n M ag(istra)to Econom ico, di un altro Alle
V ituarie e di un T rib u n al di Pace.
G leletti personaggi, i destinati a cuoprire questi posti, sono certa
m ente i pi raccom andabili ed io la com piacenza di riscontrare che le
scelte fatte in gran p arte ottennero i suffragi della popolazione.
O ltre a queste pubblicazioni S.E. il R eg(gen)te si annunzi con un
assai preteso e pastorale proclam a, con cui egli ebbe la bont di chiam are
nuovam ente in esecuzione quelle provvidenze che io pubblicato colla
m ia proclam azione dei 28 del passato mese.
Egli in fine con a ltro 1, assai p atern o proclam a, chiam ati in seno
alla p a tria gli em igrati e quelli tu tti che, senza essere stati n inquisiti n
processati n sentenziati, possono trovare nel loro paese u n accoglienza non
opposta dal G overno e non contraria alla generale tran q u illit.
Su questo p ro p o sito io ard ito di fare qualche considerazione a
S.E.... M i pareva che il rito rn o degli em igrati dovesse essere p iu ttosto il
risultato delle n atu rali attrattiv e di u n im parziale e ben regolato governo,
di quello che < > l effeto d u n a dovuta obbedienza a llinvito oggi
ripetuto.
C onsiderando le particolari circostanze di q u estisola e la storia tu tta
di quelli avvenim enti che a queste circostanze la condussero egli certo
che i pi riguardevoli fra gli em igrati sono quelli che m al soffrindo per
la loro am bizione o p er lo stesso spirito di prepotenza, il predom inio e
la forza del passato G overno, p resc [ i] e lsero l espatriazione alla pacifica
tolera n z a ... N pu si credere che essi abbi< a> no dato luogo per evitare le
persecuzioni del G overno, poich egli era dotato di una s estesa potenza
e tan to fu attivo nel scagliarsi contro ai suoi nem ici che n(on) avrebbe
certam ente lasciato sfuggire dalle sue estese reti nem m eno una sola di
quelle che egli avesse p otuto considerare per necessarie vittim e. N e sia u n a
pruova la num erosa lista dei b anditi...
Io credeva dun q u e che questa razza d uom ini dovesse essere negletta
per o ra e n on m ai chiam ata con esortazioni paterne a quella cristiana
riconciliazione, di cui gleretici n on sono lealm ente capaci, ed a llesercizio
di quelle v irt locali che non sentono e n on sono atti a conoscere.
U n em igrato potente dietro u n generale invito, il quale non esca da
quel luogo ove la di lui m ancanza sentita, se anco rito rn a, egli oscuro
1. . altra.

.2

ed egli deve cercare di guadagnarsi colla sua condotta m oderata e pacifica


q u ellopinione e q u e ll affetto c h egli aveva perduto.
M a ove egli sia chiam ato da quella voce che im pera alle pubbliche
cose della sua p a tria , il suo ritorno lum inoso ed egli en tra colle pom pe,
collorgoglio e colle apparenze di u n uom o che alla pubblica cosa
interessante... Q uindi che il generale invito, fatto da S.E. il Plenipo
tenziario, utile. Q uello fatto dalla Reggenza di Cefalonia dannoso,
tanto pi che questo u n popolo vassallo, che pochi sono i suoi feudatari,
c h egli ab itu ato a venerarli e che p er gli avvenim enti passati dobbiam o
essere anco convinti che allo stesso del p ari interessante che uno od u n
altro sia il svio padrone e che gli basta solo averne uno.
/ Se la m ia interm ediaria destinazione ebbe lo scopo di m anifestare
alla popolazione in tiera che le invitte arm i im periali non erano venute
per appoggiare nessun p artito , e m olto m eno il Reggente, egli m io divoto
parere che tenendo ferm o lo stesso principio sia affatto disdicevole e peri
coloso il m ostrare p er nessuna m aniera che queste a rm i, che questa Reg
genza, che queste interine instituzioni appoggino od accreditino nella p u b
blica opinione q u ellaltro che fu soverchiato, b attu to e vinto; e per il vero
dire senza m eritarsi non lagrim e, non com m iserazioni, m a nem m eno dalla
m aggiorit deglab itan ti m inorazione di dispregio e di abbattim ento.
Il
richiam o di qualche riguardevole em igrato, lindulg< e n z > a verso
alcuni im prigionati, la preconizzata assoluzione o condizionato sprigiona
m ento di alcuni condannati a relegazione, il rito rn o gi n ellisola di alcuni
banditi del rip arto di L ixuri, il quale fa presentire la successiva venuta di
queglem inenti capi e condottieri che qual peste si tem ono finalm ente
l ordine di V .E. di fa r passare cost il processo di un certo Loverdo, gi
d a ll ex G overno sentenziato a llesilio; tu tti questi sono fatti che con
troppa velocit s incontrano per fare che d innanzi a questa popolazione
si eriga u n nuovo idolo, a cui tacitam ente p reparasi, quando la com pressio
ne della forza r u s s < a > si toglier o quando alla forza stessa si sar
q < u e s ta > popolazione < f > am iliarizzata < c o n > nuovi e sanguinosi
sacrifizj.
T olga il C < ie> lo
.<........> e1 < q u > esta poco vigile, poco avvedu ta
1a llisola di C efalonia, m ostri che q u estepoca asso
condotta de < .........>
m igliar si pu a < quella> che segnata col nom e di Tisingausen. Io rifletto
a q u e lle o rre < n d e> vicende, considero e r ifletto in salutare2 di questa gente.
Veggo q u (an t)o invincibile il valore delle insistenti loro brighe e con
fesso che lo stato di questa p er tan ti riguardi interessante parte della R e
pubblica oggi nella sua pi critica e decisiva posizione.
1. .
2. .

Se il G overno colla sua au to rit e collim ponente forza che q u i p er


< s o > s t e n erlo terr ferm a la p rescritta legge della p i scrupolosa im par
z < ia > li t ; se i capi, i p otenti, i feu d ararj saranno con avvedute direzioni in
p a rte allo n tan ati dal luogo ed in p arte isolati e m anifestati alla popola
zione intera, assolutam ente non influ en ti ed anzi negletti; se si guadagna
la pu bblica confidenza col risarcim ento dei danneggiati, colla punizione
esem plare degl auto ri ed esecutori delle rivoluzioni, i quali tanto p i
devono m eritarsi l attenzione del G overno q uanto l im punit loro fin ora
ad o ttata caus le successive rivoluzioni ed il pesante governo del < ... > 1ta
niato; se in fine si te rr ferm o largine stesso nellam m inistrazione delle
pubblich e ren d ite; io posso assicurare e ne sar garante fatto che q u est
isola div err a preferenza di tu tte le altre la pi gloriosa alla R epubblica
ed al nazionale decoro, la pi ferace di tu tte nella produzione interessante
di uom ini illustri p er il governo, p er la navigazione, per il com m ercio,
p e r le arti, p e r le scienze e p e r le lettere.
P er lo co ntrario, q ualora oggi si negligesse u n a delle m entovate ra
2. zioni, siccome tu tte si attengono alle stesse cause e siccome il tem po / il
p i favorevole, non si sarebbe altrim enti che travagliare in vano e forse
colla certezza di p rep arare a questo paese fu tu ri disordini e stragi, alla
R epubblica perp etu o sconvolgim ento e fatali destini. Q u anto ai banditi
e danneggiati rassegnato a llE.V. il m io divoto parere nel m io rapporto
n 4. Q uanto a lleconom ia del pub(blic)o teso ro , osato di fa r qualche
osservazione col m io rap p o rto n 3.
Im ploro d a llE.V. perdono, se io a rd ito di cos diffusam (ent)e tra t
tenerla in to rn o a questo proposito, m a lim portanza di tu tti questi affari,
il fervido m io zelo p e r la salute di questo paese m i fecero oltrepassare i
confini che io, conoscitore di me stesso, avrei dovuto segnarm i.
A lcune provvide m isure dal Co. M ercati in altri tem pi sperim entate,
utili in questo paese, furono da S.E. proposte. Im portano queste lapposta
m ento in lontane pertinenze delle arm i pubbliche. Q uesta salutare opera
zione dim anda u n aum ento d i guarnigione, n on gi di tru p p a russa che
non si p u di tan to allontanare dal centro delle sue discipline e d e suoi
sistem i, m a di tru p p a le g g [i]e ra repubblicana. E ra di avviso S.E. di
partecipare questa sua esigenza allE.V ., m a avendo il sig(no)r C ol(onnell)o
considerato che la tru p p a rep u b b lican a residente in C orf non pu
soffrire questo sm em bram ento, inteso il servizio che ella cost p resta ed
avendo io trovato che le g u a r< n > igloni albanesi del Z ante e S (ant)a M aura
p o sso n o so m m in ist< r a r e > q u < e s > t o suffraggio, cos si convenuto che
dietro alli rap p o rti che p erveniranno al sig(no)r C ol(onnell)o Co1. .

C
om a n < d a n te >
dello Stato delle respettive guarnigioni delle isole a lui
su b o rd in a te egli o rd in ar il tra n s< corrim ento d i > quella porzione di
A rbanesi che m eno sar sensibile al luogo da sui si levano e pi utile a
questo in cui passeranno.
Io
tu tto stabilito e p ro n to p er la partenza della guarnigione russa
p e r Itaca passo io p u re in q u ellisola colla speranza che il contem poraneo
arrivo del sig(no)r D e Z orzi m i disim pegnar da Itaca p e r subito passare
a S (ant)a M au ra e di l a C orf.
D opo dom ani io p a rto p e r Itaca. P ro c u rer di ritraere prim a le
positive notizie e le stabilite deliberazioni di S.E. il Reggente intorno alla
rim essa cost del liquidato sopravanzo di pubblico dinaro.
A spetto u n rap p o rto assai interessante d a questo M ag(istra)to di
Com m ercio e N avigazione, in cui un provvido regolam ento si propone per
la navigazione della n ostra R epubblica.
Io
m i o n o re r di rassegnarlo colle divote mie considerazioni allauto
rit d e llE.V.
Protesto in tan to la m ia divota obbedienza e rassegnazione.
C efalonia 7 O tto b re 1802
L u m (ilissim o), div(otissim )o, obbe(dientissim o) serv(itore)
G IO V . C (O N T E ) C A P O D IS T R IA
:

47 con inserte due.

,
.. . 1
, ..
< > .

,

,
, .

,
,
,
.
,

, ,


.
.

< >


, .

.

.. .

, ..
. 1
/ ,
. ,
,

.
A. .
< > ,


28 .
, , , ,

,
,
.

. . . . .

,
.



,
,
,
. ,

,

,

.
...


,
,
.
,
,
,


.

, ,

. . .
, .. , .
,
, ,



.
2.
/
,
,
, , ,

, ,
,
, ,
,
.
,
,
,

,
,
..
,

,
, ,

.

<
.....> 1 ,
< . . . > 1 ,
< >
Tisingausen.
,
<
.....]> 1 .



.

, ,
,
,


,

,
,

< . . . > 1
,
,
,

, , , ,
.
,
,
. 2 / ,

1. .


,
.
, ..
, . 4. ,
, . 3.
..,
,
,
, ,
, .
,
, , ..

. ,
,

, .
.. ..,

,
,

,
,
,
,
,
.



,
.
,
..

.

,


,
.. .
.
7 1802
, ,

:

. 4 7 .

18

7, . 47,

Copia di lettera scritta d a ll Eccell(entissim )o Com m iss(ari)o Co. C apodi


stria a S.E. Co. G iacom o M arcati, D elegato Reggente di Cefalonia, d atata
li 4 O tto b re 1802
D ebbo presen tare a llE.V. u n preciso rapp o rto di quanto io operato
n ell isola di Cefalonia dietro al m io arrivo e fino al giorno d oggi a
norm a delle instruzioni e deglo rd in i che io ricevuto da S.E. il nostro
Principe e da S.E. il Plenipotenziario.
D oveva io prestarm i affinch le invitte truppe di S.M. lim peratore
di tutte le Russie ed i valorosi uffiziali addetti alle stesse avessero a trovare
in q u e stisola caserm e, quartieri ed il convenuto trattam ento.
Io non trovato nessuna predisposizione. Pure oggi i soldati sono
acquartierati. G l uffiziali si trovano discretam ente contenti. Le razioni
giornaliere convenute, giusto l inserta (n 1), sono stabilite p er ci che
riguarda carne e v ino (come nel n 2 ) e p er ci che riguarda oglio e legna
come risulta (dal n 3), per ci che riguarda porzioni cd appuntam enti
come risulta dal n 4.
A lla guarnigione russa si conveniva di prendere il possesso di questa
piazza. Io doveva colle mie locali conoscenze scortare i capi a questa
occupazione cos avvenuta ed oggi la piazza di A rgostoli guardata dalla
tru p p a russa. La venuta principale della citt che il posto di S(a)n N icol
custodita da un picchetto russo. Il rip arto di Lixuri guarnito pure di
R ussi. Per tal m aniera questo im ponente presidio diffuso con giusta
ripartizione l dove la pubblica custodia e la sicurezza pi direttam ente
lo chiam a.

O ltre alle m entovate disposizioni della forza arm ata russa e sistem a
zioni relative alla stessa, io doveva p er le m ie instruzioni presentare al
G overno di q u e stisola, com posto da u n pritan o e da una sindicale m ag(i
stra tu )ra , u n a lettera di S.E. il Principe < c o n > cui lo stesso G overno doveva
sullinstante passare a me l am m inistrazione del G overno e tu tti i docu
m enti che alla m edesim a am m inistrazione appartenevano.
Io
eseguito p u n tu alm (en )te l o rdine che m i fu dato ed il G overno
di q u estisola con p a ri sollecitudine ed esattezza m i rim esso ogni parte
della sua am m inistrazione. Io presento a llE.V. il rapporto che mi
passato il G overno sotto n 5 ed u n indice delle carte tutte e di tutti li
docum enti relativi. R estar che il seg(reta)rio di V .E. abbia la com piacenza
di riceverne l effettive filze e di rilasciarm i u n a ricevuta.
Io
doveva assum ere u n a interina reggenza. Coi lum i delle presentate
carte dal G overno m i risultava che il pagam ento della tru p p a urbana
ascendeva m ensualm ente a diciotto m ila 1 piastre e che nel giorno prim o
di O tto b re dovevasi pagare sei m ila p er saldo di una sola decade. Io
dunque pensato di p o rre u n argine al fatale dispendio e di eseguire in
pari tem po la pi essenziale p arte delle mie com m issioni. A questi due
oggetti io creduto di corrispondere colla proclam azione che feci pu b
blicare nel giorno 28 Sett(em br)e spirato e che sotto n 6 mi onoro di
rassegnare a llE .V .2.
P er essa la tru p p a tu tta villana fu dissipata e la nazionale tesoreria
preservato il suo prezioso dinaro. Per essa questa agreste tu rb a senza
nessun disordine si pacificam ente ritirata, come risulta dal mio rapporto
inviato gi al Principe e che sotto n 7 rassegno a llE.V.
D oveva inoltre pren d ere conoscenza dello stato in cui trovavasi ogni
ram o delPam m inistrazione governativa. H o creduto di supplire a questa

.l v im portante / ricerca collannessa sotto n 8 circolare, diretta a tutti i


tribun ali e m agistrati 3 e p er cui io ebbi li corrispondenti rap p o rti, come
risulta dalla filza Lettere e Memoriali ch io rassegno e dentro a cui i
m entovati rap p o rti trovano luogo.
R isulta da questi rap p o rti che il pi essenziale m ag(istra)to, come si
quello delle Finanze, nel pi m ostruoso disordine, essendo m ostruosa
m ente conferm ato. R isulta che i trib u n ali i pi interessanti p er il loro
im m ediato contatto colla popolazione, come sono quelli di prim a instanza
civile e crim (ina)le, sono assolutam ente defettivi, il prim o per il vizio del
M inistro, il secondo p er quello dei m em bri che lo com pongono e p er le
attribuzioni violenti date ad u n agreste am m asso di prim ati di tutte le
1. . m ille .
2. . . 13

ville e pertinenze. R isulta che il ram o geloso ed interessante della M ag(i


stratu )ra alle V ittuarie in ogni rip arto di q u estisola non solo inculto,
m a nella sua n atu rale selvacit gigante m ostruoso ed alla salute della
popolazione in tiera perniziosissim o.
R isulta in fine che ogni trib. e m ag(istratu)ra addim anda dalla
Reggenza di q u estisola u n im m ediato studio ed applicazione, onde m odi
ficarla e m etterla in quello stato, tanto nella sua conform azione com e nelle
sue attribuzioni, che pi al pubblico servigio ed utilit corrisponda.
Io
n on m i perm etto che queste generali osservazioni: lascio alla
virt , a llesperienza e m atu rit di V .E. il grave incarico di travagliare
questa grande opera.
O ser soltanto di riflettere che il prim o m ag(istra)to che le speziose
sue cure deve interessare di quello delle Finanze... In questo io n o n
creduto di fare nessuna m utazione, appunto perch io voluto essere
fedele esecutore delle com m issioni che m i furono im partite.
Presento sotto n 9 lo stato attu ale della cassa. La som m inistrazione
p e r ci che riguarda vino e carne alle tru p p e stabilita ed soddisfatta
fino alli 10 corr(en)te. Sono pagati per ci che riguarda porzioni e grati
ficazioni g luffiziali Russi fino a tu tto il mese di O ttobre; sono pagate
le tru p p e del C ap(ita)no M attei fino alli 10 del cor(rent)e m ese; ed alli
provvigionieri di legna ed oglio dato un acconto, com e risu lta d a ll
inserta copia sotto n 10, di piastre 500, onde [colle m entovate som m inistra
zioni] abbiano a scontare p er ogni decade il ricevuto dinaro colle som m ini
strazioni che faran n o o che saranno docum entate da un riscontro dello
strenuo sig(no)r C ol(onnell)o. Devesi alli stessi S.S. Provvigionieri dietro
accurato esam e sanzire le polizze che saranno presentate per l accom oda
m ento della cassa del T en(ent)e C ol(onnell)o ed altre spese per il servigio
della tru p p a riscontrate.
P resenta q u in d i la T esoreria di questa locale am m inistraz(io)ne di
effettivo p iastre 13.987.35, di spese da incontrarsi ancora p er tu tto il m ese
di O tto b re p iastre 1030. V i u n resto di piastre 12.957 e si certam (ent)e
nel ven tu ro mese N ovem bre len trata di piastre 4.399.20, oltre a 116.851
che possono essere suscettibili di considerabile aum ento per la correzione
da f arsi n e llesazione di decim a, pi tali. 371 pagabili ad ogni richiesta.
Q u in d i m io divo to p arere che nel sopravanzo di piastre 12.957 debbano
p rim ieram (ent)e fare la rim essa alla cassa del Senato, invigilata dalla
E strao rd (in ari)a Com m issione Econom ica, di piastre 12.000 e di dare
cos la pi energica e p ro n ta esecuzione ai suprem i voleri del Principe ed
alle stringenti esigenze della R epubblica.
.2

/ Agginugo divotam ente che p er questa rim essa di dinaro dovrebesi


cogliere la favorevole o p p o rtu n it del passaggio della fregata russa in

C orf, potendo cosi essere tranquilli intorno alla sicurezza di questa pre
ziosa spedizione.
D oveva io pren d ere eziandio in esam e l im portantissim o argom ento
della non m eno popolosa tu rb a di cittad in i, vestiti del sacro abito della
m ilitare uniform e... H o trovato in q u estisola cos esteso il num ero degl
uffiziali, com e lo ugualm ente in tu tte le altre.
Io
non m i sono p er il m om ento servito che di quelli che sono indi
spensabilm (ent)e necessari, cio a dire del sig(no)r M ilona, il quale parla
il russo e che l uffiziale di com unicazione a Lixuri presso quel Com an
d(an )te colla paga com e risu lta nello stato; del sig(no)r Luigi Poggi, il
quale d otato della stessa capacit occupa il posto di aiutante presso il
sig(no)r Col. C om and(ant)e collappuntam ento, come risulta nello stato
stesso; del s(i)gn(o)r T en(ent)e Beretta, Bardese e M etax quali giovani
uffiziali sono a p arere eziandio del s(i)g(no)r C om and(ant)e, stretta
m ente indispensabili al servigio della piazza... D eglaltri tu tti io , auto
rizzato dalle m ie com m issioni, detto e positivam (ent)e dipo che non
possono esigere dalla p u b (b lic)a cassa nulla, perch a nulla servono, n
servir possono, fino a tan to che col nuovo sistem a non diano docum enti
positivi della loro abilit m ilitare.
C onferindo collo stesso sig(no)r C ol(onnel)lo abbiam o preso in esame
l argom ento interessante d e llinstruzione p er questi giovani uffiziali e mi
lusingo di ottenere coi m iei vocali e scritti rap p o rti, tanto a S.E. il Principe
come a S.E. il Plenipotenziario sul proposito, le p i soddisfacenti delibe
razioni.
D oveva io assum ere p er le mie instruzioni una diretta ingerenza
intorno a llinstituzione d ellO spitale... La presa... E l O spitale insti
tuito, giusto il docum ento che mi onoro d i com piegare sotto n 11. A lcuni
utensili ed effetti, apparten en ti indispensabilm ente allo stesso O spitale,
m ancano. Q uesti sono o rd in ati ed al m om ento della loro apprestazione
com pleta Ella avr la b o n t di ordinare il pagam ento da questa locale
finanza.
R esta che intorno allo stato econom ico io presenti colle com piegate
carte sotto n 12 l ingrato argom ento di u n eccessivo debito a cui
soggetta questa popolazione a favore della d itta H ubs e Tim oni di
C ostantinopoli.
Io
n on en tro dettagliatam ente a trattare questo argom ento. Solo mi
riservo d i m anifestare alcune divote m ie considerazioni a voce, affinch
la provvidenza sua p ren d a sul proposito le p i utili e soddisfacenti
m isure. Di pi non d ir intorno ai m entovati oggetti d e llam m inistrazione
di questo G overno uffizialm ente.

Devo rim arcare che tuttavia le carceri di questo paese sono piene di
prigionieri. A ltri vi sono p er oggetti di Stato, altri per cause di sospetate
rivoluzioni, altri p er om icidj com m essi, altri p er sentenze rese dal fu T rib.
di A lta Polizia.
Egli lo poteva, perch ne era autorizzato dalla legittim a costituzione,
perch l Ecc(ellentissi)m o Senato ne sem pre e con esuberante pienezza
appro v ata e corroborata l autorizzazione.
Le filze, i colti c h io trasm etto portano i docum enti di queste
.2V pro / cedure. Ella li conosca conosca eziandio se il carattere di questi
ab itan ti, se l econom ia delle loro passioni, se le abitudini che <h > anno
contratto p er g lavvenim enti passati di rivoluzionare, di controrivoluzio
n are, di essere perdonati, di aver prem j anzich castighi, im porti esiga
che p er il m om ento l autorit p u b b lica sia indulgente ed ap ra colle porte
delle prigioni u n nuovo vasto ed interm inabile arringo alle passioni, alle
reazioni, alle vendette.
A vuto riguardo a queste im portanti considerazioni ed alle com m is
sioni che m i furono date, io m i sono creduto abbastanza sicuro e garantito
n ell essere ferm o e stabile intorno al proposito di questi prigionieri e dei
band iti, p er i quali gi scritto a S.E. il Reggente del Z ante, com e costa
d a ll unito foglio (sotto n 12 ) .
Io
prego l E.V. di rim arcare n e llunito foglio sotto n 13 le m ie divote
considerazioni a Sua S erenit, il Principe, intorno al gelosissimo argo
m ento delle indennizzazioni, intorno al quale io debbo accom pagnare una
m em oria ed u n progetto di parziale risarcim ento che mi fu presentato dal
sig(no)r E ustachio M etaxa col m ezzo del suo p rocuratore sig(no)r Foca.
In questo particolare argom ento io non preso alcuna deliberazione,
riservandone il m erito e la cura alla di lei v irt ed um anit. Per m e non
posso che vivam ente raccom andarle il m entovato sig(no)r M etaxa, di cui
le circostanze sono abbastanza note alla R epub(blic)a tutta.
U n cenno devo fare sullo stato di q u estisola. L ixuri, A rgostoli, Li
vato e la fortezza ne com pongono i tre rip arti. Lixuri, anim ato dalla falsa,
m a assai prediletta idea di com ponere una parte di governo distinta,
separata, autonom a, fu sem pre ferocem ente nemico di ogni sistem a che
avesse p er base e fondam ento l unione. Q uindi le guerre civili, quindi la
separazione, sostenuta colle arm i alla m ano, quindi le ostilit dalla parte
di Lixuri esternate, quindi la conquista di quel riparto, o tten u ta dai due
altri colla predom inante forza arm ata, quindi le conseguenti irruzioni 2 di

1. . . 15.
2. . irussioni.

arm ata gente connazionale e le re [c ]q u isiz io n i cruenti di dinaro che


ebbero luoco in quel rip arto nella passata Reggenza Pritanica.
Q uesta conquista dim andava l oppressione, l abbattim ento e la disso
luzione assoluta di quella fazione che trovando qualche appoggio e
sostegno n e rip arti stessi di A rgostoli e Livato [e] poteva per li parziali
suoi oggetti vendicativi anim are e ren d er pi potente la popolazione di
Lixuri contra queste altre. Fu oppressa, b a ttu ta, disciolta questa fazione
dal G overno, d appoich la irregolare condotta della fam iglia potente dei
Coo. M etaxa, che n era l anim a e l essenza, fece di che la pubblica opinione,
il voto pubblico si del i be r per la sua perdizione.
R isulta tu tta questa tragica storia dai colti dei processi che colla
scorta d e llindice si pu facilm (ent)e riscontrare.
S radicata questa opponente fazione il G overno rest solo, oper
da solo senza opposizione ed ecco m utata la scena in qu estisola e la popo
lazione si trova divisa in due soli partiti.
U na la vincitrice, prep o n d eran te ed orgogliosa, com posta dai pi affe
zionali am ici del G overno, perch dal G overno nodriti, satollati col p u b
blico e col privato tesoro. L altra oppressa e vile, perch b a ttu ta c vinta,
. 3
/ La p rim a oggi stupida e disanim ata, perch ella vive fuori del
suo elem ento e le sta dinanzi la storia del passato e quella di un avvenire
che per nessun riguardo assom igliargli p u . I rapporti ed i fili tutti, per i
quali questi uom ini com unicavano, sono spezzati. Lo spirito che infondeva
fra di loro l unione p er l id en tit deg l interessi spento, dacch l autorit
pub(b )lica per le prese m isure non li autorizza ed essere uniti, arm ati,
prepotenti, dacch la nazionale finanza non paga pi col suo tesoro
questo fatale predom inio arm ato.
La s eco nda oggi chiam ata a n u ova v ita e com incia a sperare; si
rin n o v a e vorrebbe in questi prim i aneliti di sua vita essere gi abbastanza
forte p er potersi m ostrare e reagire... Le m ancano p e r i capi, i condottie
ri... Egli e questi un corpo senza capo, senza m ente... e tanto basta per
rnderlo inerte. Tolga il Cielo che questo capo, che questa m ente ritorni.
Le reazioni non avranno fine e queste necessitaranno a dispiacevoli m isure
la facolt reggitrice di q u estisola.
A lcuni pochi ab itan ti, civilizzati cittadini, d orrore non potenti p e r
agresti rap p o rti e clientelle, com inciano a respirare dalla speranza di un
fu tu ro sistem a che non addim andi l appoggio ed il favore di suddetta
gente, si fanno gloriosi e felici.
Lo sguardo vigile del G overno deve tutto conoscere e tutto valutare,
onde avvenga quel giusto e [c ]q u ilib rio fra le classi tutte che com pongono
questa popolazione p er cui laccoglienza ed il fondato stabilim ento di
1. . roruove.

quel sistem a, q ualunque gli siasi che dovr reggere questo paese, abbia
facile introduzione e stabile perm anenza.
E lla accolga queste testim onianze del mio zelo p er il pubblico
servigio e le proteste della m ia divota stim a e considerazione.

.
.. . ,
, 4
1802
..


.. .. .
,
.. ,
, ,
.
.
. .
, (. 1 ) ,

( . 2 ) ,
, . 3, ,
. 4.

.

.
, ,
.
.

.


,
, .. ,



.


. ..
( . 5)
.
..
.
.



.

.

28 , .
6, ..

.

, ,
, . 7, ..

.
/ . 8,
. 1

,
,
,
.
,
,
,

, ,
,
,

.


,
.

,
( )

.

: , ..
.




.
,
.

( . 9) .
,
10 . ,

10
,
. 10, 500, [
]

.
..


.

13.987.35,
1030. 12.957

4.399.20, 116.851,

371, .
, 12.957
,
, 12.000,

.2
/

,
.


. . .
, .
,
,

Luigi P oggi,
,

,
,
, ...
, < > ,

, ,

.



, .. ..
, .

.. . . . .
,
. 1 1 . ,
, . ,
,
.

. 12
,
Hubs .
.

,
.

.

. ,
, ,

. < > ,
,

.
,
. 2 . /
, ,

, , ,
,

, ,
.


,
, ..
, ( . 12) .
.. .
13 , ,
,
,

.
,
. ,
,
.

. , ,
. , ,
,
, ,

.
, ,
,
, ,
,


.
,
, ,
,


. , , ,

, ,
,
.

,
.

. 3


, , ,

: , ,
, ,
,
, .
/ ,

, .
,
, .
,
,
, ,
.


,
. .
, ...

, . . . ,
. ,
.
.
, ,
< > ,
,
,
.

,
,
,

, .


.

19

7, . 47,

2
C opia di circolare in d ata delli 28 Settem bre 1802 s.v. spedita al
T rib. Civ. di P(ri)m a In s(tan )za in A rgostoli;
altra
altra
altra
altra
altra
altra
altra
altra

al C rim inale di P(ri)m a Ins(tan)za;


a quello di Lixuri;
alla C am era di Revisione;
al M agistrato di Sanit di A rgostoli e Lixuri;
al M agistrato Econom ico;
al M agistrato ai V iveri;
al Collegio di X I; ed
al Consiglio di X V D efinitivo.

Il Com m issario di S.E. il P rincipe Interino Reggente d ellisola di

C efalonia deve in esecuzione alle instruzioni ricevute rivolgersi al... per


dom andare un rap p o rto in iscritto, diram ato in tre parti:
P(ri)m o. C onfiguraz(io)ne d e l..... (num ero e nom i dei m em bri che lo
com pongono); sue attribuzioni, o rdinanza delle sue funzioni e m inistero.
Secondo. Breve ragguaglio della passata am m inistraz(io)ne e suo stato
attuale in ogni p arte, e spezialm (ent)e in quella della sua attivit e del
corrispond(ent)e suo effetto.
T erzo. Esigenza di ognuno e suoi pareri in torno a ci che nell
esercizio delle sue funzioni p otrebbe occorrergli, onde aver quell estesa,
q u ell appoggio e q u ell energia che al vero p ubb(lic)o servigio conve
niente.
Si prevengono i m em bri risp ettab ili del... che non si adm etter la
dispensa di nessuno sotto qualu n q u e siasi p < x > e te s to . Si desidera la pi
veloce soddisfaz(io)ne alla richiesta che con questa m em oria si fa. Si
protesta considerazione.

28 1802 . .,




.
..
, ,
... , :
: . . . (
) . , .
:
,
.
:
,
,
.
. . .
.
.
.

20

7, . 48

(No 7)
Serenissim o Principe,
Mi attrovo in Itaca. Vi sono arrivato colla guarnig(io)ne nel giorno
12 del corrente. D opo avere p(er) il corso di tre giorni attraversato F isola
tu tta d i Cefalonia
.<..... > 1 le pi im portanti e considerabili pertinenze.
S.E. il Reggente di Itaca ha prevenuto il mio arrivo di alcuni giorni.
Ci m olto agevolato lacq u artieram en to dei soldati, quello dell U ffi
ziale e sua fam iglia ed ogni altra relativa sistem azione.
A vrei anco oggi progredito il m io viaggio per S. M aura, se l installa
zione di questa Reggenza che io ho tro vato inoperosa nell aspettaz(io)ne
del m io a rrivo, n(on) m i avesse trattenuto...
Si sta o rdinando il G overno di questo paese co llistituzione di alcune
m agistrature indispensabili e col rifacim ento del pubb. erario. Si i nsti
tuito u n m ag(istra)to econom ico, p er cui io sono stato invitato di estendere
il m andato. Q uesta ondinanza e le relative attribuzioni ottennero 1a ap pro
vazione di S.E. il Reggente.
O ggi si travaglia intorno alla riscossione del pubb. m alversato erario
e con p ro fitto di questa cassa. Siccome poi questa operazione il risultato
delle com andate da V .E. al Reggente di q u estisola, cos egli certo ed
io
ho assicurato l E.S. che quan ti sono g laddolorati per l obbligazione di

.l v restituire al pubb. il m alversato de / n aro non oseranno di presentarsi


per reclam are e, se m ai lo facessero, avranno corrispondenti punizioni.
H o stabilito lo stato delle spese m ensuali per ci che risguarda la
trupp a.
H o assoggettato alla m atu rit di S.E. il Reggente un progetto intorno
allo scuoprim ento del d efraudato dazio del uva passa e delle altre ru b ate
rendite p u b b lic h e . . . Egli avuto la b o n t di adottarlo e di prendere tutte
le preventive necessarie m isure p(er) m etterlo in esecuzione.
Io
mi o n o rer di um iliare a llE.V. queste scritture col m io rapporto
intorno a llisola di Itaca che sto attualm (ent)e com pilando...
H o fissato la m ia partenza p er il giorno 19 del corrente, avuto
riguardo alla som m a ed alla successiva delle occupazioni che m i furono
date d a ll Ecc(ellentissim o) Reggente di q u estisola e che io ho dovuto
assum ere p(er) agevolare il corso di questi involuti affari econom ici.
Prevengo in tan to lE.V. che io tengo m eco la somma di 8.000 pia1. , .
Cefalonia . Itaca.

iasptre levate dalla Cassa di C efalonia p e r consegnarle alla G enerale di cost,


m algrado le difficolt fatte p er questa com m a e m algrado la m ia ferm a
determ inazione di levarne 1 2 .0 0 < 0 > .
Passando da S. M aura io spero di p o ter accrescere questo prim o
frutto d ellattu ale spedizione.
/ Protesto in tan to la pi di vota venerazione ed il pi ;rispettoso
ossequio.
Itaca 16 O tto b re 1802
D i V .E.
L um ilis(sim o) div. servitore
Il Comm. K A PO D IST R IA
. 1

/ : A S.E. il Principe d e l< la > S e tti< n s u la r> e R epubblica



: A dd 19 7m b re 1
1802 s.v. ricev(uta).

,
. 12
.
. < >

.
..
.
,
.

, ,
,
.

.
,
< > .
.. .


< > .
1. , 8bre.

. 1

..
, ..
.
/
, , ,
.
,
.
..

. . .

, .
..
, . . .
19 ,
,

,
.
..
8.000 , ,
,
1 2 .0 0 0 .

,

. 2

/
.
16 1802
..

. 1

/:

A. . .

: 19 ( = ) 1802 . . .


,
, .
,
(1800 1807).

,

.
,
.
2 2 1815
:
, .
,
.
,
.
,

.
,
.

, ,
,
:

; , , ,
, , .
.
.

, ,
. , ,
.
.
.

.
.

,
.
.

, ,

,

.

, ,
.
***

, ,
.

,
,
.
,
. ,
, .
,
. ,
,
, 12 ,
.
.

.
,
.
. ,
. ,

,
.


: , ,
,
.
.
,


, .
* * *

20 1799.
,
.
, 2 1799,
.
:

.
, .
,
1801. 30
:
,
,
. ,
,

.
,
.
16
,
.
.

.

.
* * *

I.

.
,

1940 .
.
(1453 18 6 4 ),
1939
1956 ( ) .
,

15

, .
, ,
.
. ,
, .


.
. .

11 1802 .
.
, ,
. ,
,
, .
, .
.




!

,
,
.

,
,
, .

, ,

,
, ,
.



, , ,
,
.
,
,
,

.
H ,
,

, ,
,
.
, ,

.
,
. , ,
,
,
; 1

. , ,
, ,
.
, , ,
, .
A , ,
,
.
,

,
, ,

1.
,
.

,
.
, ,
,
,
.
,
.

,
. .

.
.
.

2

11.12.1802.

1803,
:


, ,
,
, 1.
, ,
, ,
. ,
1. ,
I. . ,
, .

, ,
, .

,
, ,
, .
, ,
,
,
,

, .


, ,
, ,
, .


.
,
,
.
.
, ,
, ,
.

.
, ,
, .
,
, ,
.
, ,

.
, ,
,
.

.
,
.


.


.

.

( ),
, ,
.
, .
,
, ,
.

3

.

.
,
, ,
, , ,
.

, ,
,
.

,
.
, ,
. , ,
.

, ,


.
, ,

, ;
,
, ,
, ,
.
,
,
,
.
,
,

.
O
,
, ,
, , ,
.

,
, , .
, ,
, .

:
27 1803


. ,
18) 30 . ,

.

, ,
, , ,
,
.
, , ,

,
.


.

,
.
,

, , , ,
,
,
.
.

, ,
, , , ,
, , ,
, , , ,
, . , , .
, , . , , .
, .

4
I.
,
.
.

194, . 145

A lleccellentissim o Senato
Il Segretario di Stato
M ancherei a lluffizio di cui il G overno m i ha onorato se in ora
c h egli si occupa della regolare sistem azione delle scuole norm ali non
chiam asi la sua atten zione e le sue providenze intorno ai giovani settinsu
lari che servono tuttavia la R epubblica come assistenti nei vari d ip p arti
m enti del m inistero e che col titolo di p ratican ti si lusingano di abilitarsi
coi giornalieri loro travagli a divenire m eritevoli di pi im portanti uffizi
e di ren d er alla p atria pi essenziali serviggi.
I nostri p ratican ti sentono come tu tti gli altri giovani delle Sette
isole il bisogno assoluto di u n a guida che conduca per d iretti e regolari
vie le facolt del loro intendim ento, ora che messe in giornaliero attrito
dalla diversit degli oggetti che rapidam ente colpiscono la nuda loro
sensibilit com inciano a sviluparsi, cio a rim arcare il bisogno di esser
tratten u te nel sentire, nel riflettere, nel confrontare, nel giudicare.
I nostri giovani p ratican ti la lingua italiana e la greca m eccanicam ente
e p er im m itazione reclam ano la necessit di conoscerle e di m aneggiarle
con discernim ento [e] con regola.
Sono essi in mezzo alla societ e sentono giornalm ente p arlare delle
leggi che tener devono in arm onia e reciproco accordo i suoi m em bri. M a
ignorano non p ertan to i doveri sociali d elluom o e del cittadino, n possono
privi di queste conoscenze giustam ente farsi un idea d elluom o pubblico
e d e suoi doveri verso la patria e del m odo di esercitarli fruttuosam ente.
Q uindi non possono proporsi un m odello d innanzi, cui m ettersi in
confronto, studiarsi ed uniform arsi, onde arrivare a quelli . . . . po c h essi
propongonsi ed in cui la R epubblica ansiosam ente aspetta di vederli arri
vati p er accoglierli e farli suoi sostegni.
Finalm ente larte non com une fra noi di scrivere con caratteri u n i
form em ente arm onici e con quel gusto di esatezza e precisione che previene
favorevolm ente intorno a chi la sa bene eseguire m anca affatto. Ed i nostri
giovani quasicch esercitassero u n arte p er essi non fam iliare, scrivono

con quel carattere incerto, vario non uniform e, non nitido, che in educa
zione dim ostra o novit di esercizio appalesa in chi suponersi deve in
q u estarte p articolarm ente esercitato.
Le scuole norm ali non possono offrire ai nostri praticanti n conve
nienza, n tu tte le o p p o rtu n it delle quali abbisognano p er correre senza
stento questa carriera. Le occupazioni di uffizio, che devono tenerli diu rn a
m ente fissi nei pubb lici m aggistrati, u n certo non dispireggievole am or di
pu b b lica m ansione, che si allontan areb b e d a llassocciarsi spontaneam ente
alla giovent, non prescielta a llincarico c h essi fruiscono e che li suppone
gi fuori del bisogno di concorrere alle scuole norm ali, la capacit di alcuni
fra di essi di u n a superiore educazione, tu tto si unisce per rendere necessa
ria u n a partico lare prev id en za che li riguardi.
P are che questa providenza debba consistere nel p ro curare ai nostri
pratican ti u n a < u na> m aniera di am ichevole istruzione, la quale derivi alli
stessi da quelle fonti, dalle quali essi gi si sono proposti di ritirare am
m aestram ento collascriversi alla lista dei praticanti.
P er ottenere questo intento il mezzo pi diretto sem bra quello di
incaricare d elluffizio d e llistruzione quei m inistri del G overno, ai quali
la cura di educare al p ubblico servizio i p ratican ti sem bra che esser debba
raccom andata. O ffro q uindi in m e stesso l istrutore dei p raticanti, per ci
che rig u ard a gli elem enti d ellarte di sentire, di pensare, di ragionare.
Presento nel signor d. G abriel Stabile Pagano il precettore di m orale;
nel signor D elvinioti, che ascriversi dovrebbe al m inistero, il m aestro di
lingua italiana e greca, il trad u tto re pubblico, il ravisore delle pubbliche
stam pe e delle pubbliche carte, che dai nostri p ratican ti vengono copiate
alla giornata; nel signor A ntonio Sigism ondo Pacm or il m aestro di
carattere.
I due nuovam ente ascritti devonsi dal G overno provedere di un
m ensuale appuntam ento tratto dalli fondi della pubblica educazione. Per
il prim o restringersi potreb b e a tallari quindici al mese, per il secondo
a dieci, avuto riguardo al posto ch egli occupa attualm ente di capitano
del genio ed a quelle occupazioni che non gli accorderebbero che uno
lim itato, m a bastevole tem po p er occuparsi della scuola del carattere.
Il signor G abriele Stabile Pagano, desiderando soltanto il pubblico
gradim ento p e r l offerta che il p uro am ore della pubblica cosa gli fa
esternare, im plora p er m ezzo m io dalla p u b blica m unificenza la sua
considerazione, lorcch si tra tte r di precisare e distribuire i fondi che
allim entar debbono le fonti della pubblica educazione.
Io
che non posso tacere quanto sia l anim o mio ripieno di gratitudine
p e r la degnazione con cui il governo riguarda tuttoci c h in m e possibile
d i consacrare al servizio della R epubblica, oso pregarlo di voler accogliere

i m iei tenui travagli nella nuova carriera che m i propongo di percorrere


coi m iei valenti colleghi, come u n ommaggio di quella riconoscenza che
sar in m e eterna come la m em oria di questa p rim a epoca della m ia vita
ben augurata, sotto gli auspicii benefici di questo prim ario consesso.
Q uallo ra l eccellentissim o Senato fosse p er esser persuaso di qu an to fin
qui ennuanziato, non resta che con la seguente form a di sancirne
il proggetto e disciplinare ed o rdinare l educazione.
Il Segretario di Stato conte CA P O D IS T R I A
A di 14 settem bre 1803
In Senato
U dito il rap p o rto del Segretario di Stato che presenta u n progetto di
educazione p ubblica p er i giovani p ratican ti del M inistero, decreta:
1 Che sieno incaricati della progettata istruzione i nom inati conte
C apod istria, d. G abriel Stabile Pagano, signor N icolo D elvinioti e signor
Pacm or nei respettivi q u attro dipartim en ti di elem enti di filosofia , di
m orale, di lingua italiana e greca, e di carattere.

2 Che il signor D elvinioti e P acm or abbiano il proposto ap p u n ta


m ento m ensuale, com inciando dal giorno in cui pervenir alli stessi le loro
com m isioni.
3 Che sia incaricato il Segretario di Stato di com pilare tu tte quelle
discipline e m etodi c h egli creder convenienti allotten im ento del lodevole
fine che questo regolam ento di educazione proponesi.
4 Che tu tti i p ratican ti delle Segretarie di Stato, Econom ica, M ilitare,
di A m m inistrazione G enerale e quelli che sar per spedire la Reggenza
locale sieno subordinati alle regole e discipline di pubblica educazione
m inisteriale che saranno istituite dal Segretario di Stato.
5 Che nelle pubbliche lezioni ed esercitazioni possano intervenire
tutti quei giovani del paese che si sentono anim ati dalla buona vocazione
d istruirsi.
6 Che sia auttorizzato il Segretario di Stato di ponere in esecuzione

in ogni sua p arte questa decretazione del G overno, ordinando a suo nom e
tuttocci relativo.
S piridion G iorgo Teotochi preside
S piridion N aranzi senatore
D em etrio V affea senatore
Stefano Polazzol Scordili senatore
N icola C rassan senatore
M arco C alichiopoli senatore
A gustin Calichiopolo senatore

M em i M etaxa senatore
G iovanni C rassan aggionto
V ettor Z uv ato aggionto
Z u an n e V eglianiti senatore
Spiridion Sundia aggionto
M . P aulini senatore




, ,
,
,


.
, ,
,
,
,
, ,
, , .
,
,

.

,
.
, , ,

.
, ,

,
.
, , ,
,

, . ,
,
, , ,
,
.
,
, , ,
. ,
,
,


,
,
.

,

, .
,

,
.
, ,
.

,
,
, , ,

.

.
,
,
,
.

,
.
,

,
,
,
,

.
,


.

II

14 1803

,

,

. ()
, ,
, :
, ,
.
.
,
.
. ,
,
, .
.


,
.
.
, .

.
,
, .
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
. ,

5
11 1804 . (
. 97)
.

198, . 218

A di 1 1 maggio 1804
In Senato
Letto il rap p o rto del Segretario di Stato, il Senato decreta:
1 Che p er o ra il reverendo sacerdote A ndrea Idrom eno istitutore
di lingua greca, tratten u to dal G overno dedichi le sue cure e travagli
alleducazione gram m aticale, letteraria ed ecclesiastica dei sacerdoti
educabili della citt ed isola di C orf ed a quella eziandio di tu tti quei
giovani che sono iniziati al sacerdozio o di quelli d e secolari che fossero
ben avvanzati nella greca lingua.
2 Che perci sia invitato il m onsignor arcivescovo Ieroteo di C orf
di spedire a lleccellentissim o Senato la lista di tutti quei sacerdoti c h esso

conosce bisognevoli e capaci di istruzione gram m aticale, letteraria ed


ecclesiastica.
3 Che esso sia p u re invitato di spedire parim enti la lista di tu tti
gli iniziati al sacerdozio, della citt, borghi e ville.
4 C he queste liste siano rim esse dal Segretario di Stato al reverendo
m aestro Idrom en, colle discipline e regolam enti relativi alla instruzione
dei nom inati, q u an to a m etodi generali, esatezza e tem pi, queste istru
zioni saranno approvate dal Senato.
5 Che di queste istruzioni sia inform ato il m onsignor m etropolita,
affinch esso corrispondentem ente ne faccia invigilare l esecuzione.
6 Che l oggetto di queste discipline e regolam enti sia quello soltanto
di fare che pontualm ente e con regolarit in te rvengano alle scuole gli allievi
e che dalle scuole stesse ricavino essi quel p ro fitto che dal G overno viene
contem plato.
7 Che il secolare istitutore signor Perev sia deputato ad istruire
nella lingua nazionale i giovani adetti al M inistero, al foro, al notariato e
q u an ti a ltri vi volessero concorrere.
8 Che perci sia invitato il P ritano di C orf di ritira re con ordine
circolare da tu tti i capi d ogni M inistero e dai notai la lista deglassistenti
e p ratican ti a tti a questa specie di educazione, e che ritira ta questa lista
sia essa rim essa al Segretario di Stato, onde p er suo mezzo la abbia listi
tu to te Perev, colle istruzioni relative a lla destinazione, regolarit e m etodo
della sua scuola; queste istruzioni saranno approvate parim enti dal Senato
ed av ranno p er oggetto ci che si [] an nunziato n e llarticolo 6 .
11 Segretario di Stato C O N T E C A P O D IS T R IA

11 1804
H
,
:
. . ,
, ,
,
,
,
,
.
. . ,


, .
.
, , .
.
. ,
,

, , .
. . ,
.
.
,
.
.
,
.
. ,
,
,
,
,
, ,
.
, 6 .

6
,
:

,

,
.
, , ,
,

, ,

. , ,
, , ,

,
,
, ,
; .
.

I .

7
( . 99)
.

.

10
10

10

2
2

40

:
: 2 , 2 , 6 .
: 1. 1,
1, 7.
: 3. 7.
: 2. 2.
: 1. 1.
: 1. 1.
: 1. 1.

, , ,
, ,
,
, .

, .

,
,
.
,
.
, .
,
.
,
.
,
.
30
(1 . = . 70),
12. 15,
8 .


.. .

8
8 1804 ,
.

.
. , ,
. 18
1804 ,
, , .

. 143

1 8 /3 0 1804.


,
,
.
, ,
.. .
,
, ,


,
.
.
, ,
,

,
,
, .
,
.

.
.
,

,
, ,
,
..
.

9

198, . 218

A di 12 novem bre 1804


In Senato
L etta la M em oria del nobil signor G abriele Stabile Pagano, Segretario
delle Com m issioni Econom ica e M ilitare, che p er m otivi di alterata salute
ricerca la sua dim issione d a llim piego stesso ed im plora poi di essere anno
verato fra i professori che dovranno servire nel ginnasio nazionale, con la
gratificazione in aspettativa di tale incarico, che la m unificenza pubblica
trovasse conveniente di proporzionargli p er l altro im piego di professore
di etica conferitogli con decreto 14 settem bre 1803, ad istruzione degli
assistenti delle Segretarie del G overno G enerale e dalla Reggenza locale.
C onsiderati i titoli che scortano il supplicante alla pubblica considera
zione ed equit p er il lungo, onorato e fedele servigio che con lodevole
zelo p rest alla R epubblica nel geloso affidatogli M inistero. C onsiderato
il suo m erito e capacit nelle lettere e nelle scienze. U dito il rapporto della
Com m issione di A m m inistrazione G enerale, il Senato.
D ecreta

1o
Che allottim o m inistro G abriel Stabile Pagano, attesa l esposta alte
razione della sua salute, sia accordato l im plorato sollievo dal fino ad ora
ben sostenuto posto di Segretario. F. cossi dalle funzioni sue m inisteriali
tolto, ch sar eletto il suo successore.
2o
Che da quel m om ento sia egli tratten u to a disposizione del G overno
aspettativa di essere colocato opportunem ente in quel posto che creder
conveniente il Senato p er l educazione pubblica, avuto riguardo alla sua
destinazione presente.
3o
Che intanto continui il m edesim o nellimpiego di professore d etica
p e r gli assistenti delle Segretarie a cui fu destinato col decreto 14 set
tem bre 1803, col dovere p er d istru irli giornalm ente ed in ore determ inate
di lib ert dalle occupazioni d uffizio e d istruir pure tu tti quegli altri

giovani nazionali, che bram essero di tra r p ro fitto d a suoi am m aestram enti.
4o

Che il professore stesso conseguisca il m ensuale appuntam ento tratto


dalli fondi della p u bblica educazione di tallari venti, com inciando dal
giorno in cui cesser dalle funzioni di segretario. E gli sia inoltre asse
gnato p er le giornaliere sue lezioni u n conveniente locale pubblico ed ove
ne m anchi si p roveda di casa p riv ata, ricevendo dalla cassa per conto
di pigione tallari q u attro al mese.
Il Segretario di S tato d ar esecuzione al presente decreto.
Il Segretario di Stato conte C apodistria

12 1804


, ,


,

,
14 1803,
.

,

,
,
,

,
,
, . ,
, .


,

,
.


,
14 1803,
, ,
,
.


2 0 ,
.

,
.

.

10
,
, ,
.
4 1805
:

2 0 2 , . 106

A llIllustrissim o Signor Segretario di Stato d ellin tern o


L Inspettore d ella p u bblica scuola del Tenedos
A di li 4 G ennaro 1805
Il segretario di stato G . Sicuro

A utorizzato d allarticolo X del regolam ento della pubblica scuola del


T enedos presen t n e llin serta polizza docum entata tu tte le spese da me
incontrate p er l ap e rtu ra ed attivazione della scuola m edesim a.
D evo giustificarle. A lcuni restau ri fa tti nel luogo ed alcuni appresta
m enti p o rtan o u n a d ata anteriore al regolam ento 23 ottobre, potrebbero
q uind i co nsiderarsi q uali opere e dispendi non autorizzati. D ir lealm ente
sin dal m ese di agosto d ellanno passato, epoca in cui io sono stato inca
ricato di com pilare u n rap p o rto ed u n progetto relativo a llattivazione
provvisoria della suddetta scuola e tem po nel quale io ho anco adem piuto
prontam en te al datom i o rdine, ho creduto che quali esser si potessero le
p u b b liche r isoluzioni sulla organizzazione della scuola m edesim a, sem pre
dovendo essere necessari gli ap prestam enti locali potessero giovare il p re
ventivo ristau ro del luogo e la preventiva confezione di poche panche e
tavole. M i sono quindi diretto a llonesto proto A ntonio F ranchini ed
p e r mezzo suo che le opere tro v ate allora necessarie furono eseguite colla
m aggior possibile p u bblica econom ia.
In seguito aperta che fu la pubblica scuola delle altre ancora furono
richieste e si fecero diversi ristau ri e questi appertam enti sono visibili ed
esistono nella p u b b lica scuola. Spero q uindi che l equit dello pubblico
dipartim en to e la giustizia d elleccellentissim o Senato vorr trovare acco
glibile questa giustificazione p er lu tilit d elloggeto, per la p u rit dei
m ezzi e p e r l evidenza dei riscontri.
N e devo u n a secon da. Sessanta tre tallari ho fin oggi dispendiato per
accogliere e tratten ere u n giovane greco di C ipro arrivato a C orf fino dal
mese di aprile e condotovi dal lodevole divisam ento di cercare istruzione
greca, essendo in libero greco e cristiano paese. Mi si p resent questo
giovane solo senza m ezzi di sussistenza, senza l appoggio e la protezione
di nessuno che si sia. M isero, m a virtuoso, cercava soltanto istruzione e
stretti m ezzi d i p arca sussistenza, fuggiva esso da paese ottom ano e da
ottom ani pericoli e la fam iglia sua appena ha p otuto dargli pocche m onete
che b astarono al suo viaggio fino a C orf, ove per la fam a precorsa erede
vasi dalla m edesim a aperte le pubbliche scuole.
Le scuole non erano aperte, m a erano b en tratten u ti i m aestri. D ovevasi
per m ancanza di m ezzi di sussistenza rim andare questo giovane in C ipro
o nella G reccia. Q uesto giovane ben avvanzato nella conoscenza della
lingua nazionale, come lo dim ostra il docum ento (No 12) e com e puosi
ognora che si voglia riscontrarlo con esam i, prom etteva in esso lui lacquisto
in breve volger di tem po di u n ottim o in stitutore. Penetrato da tutte
queste riflessioni h o pregato l ottim o institutore d. A ndrea Idrom eno di
tratten erlo presso di s, e pel suo alim ento gli ho anco accordato tallari
sette al m ese, avendo sin da q u ellinstante deciso di m ettere a carico mio

p a rticolare questa m ensualit, sem precch l eccellentissim o Senato non


stim asse di adm etterla.
O gni altro articolo della polizza perfettam ente in uniform it del
regolam ento 23 ottobre e non ha d uopo di nessuna u lterio r giustificazione.
O ra devo ren der conto dello stato della scuola provvisoria e dei pre
sidi dei quali essa abbisogna p er progredire. Sessanta e pi sono i giovanetti
che ogni giorno ricorrono alla scuola, oltre agli ecclesiastici per istruirsi
nella lingua nazionale. M olti di essi sono appena in istato di leggere e
q uindi l assistenza del solo istitutore Perev non p u a m edesim i bastare.
D ue protoscoli sono in giornaliera ed assidua attivit; questi dim andano
una gratificazione m ensuale e se la m eritano. Fra questi com prendesi lo
stesso giovane ciprioto. Io ho prom esso ai m edesim i di presentare alla
guistizia delleccellentissim o Senato questa instanza: Potrebbesi m ettere
al livello del soldo che accorda il regolam ento allusciere.
I due istitutori Idrom eno e Perev n on possono m antenersi col soldo
di venti tallari al mese. Il fatto me ne convince, poich ricorrono m ensual
m ente p er avere in antecipazione i loro ap puntam enti, perch m i sono
debitori di qualche tenue som m a di dennaro che ho dovuto necessaria
m ente passare ai m edesimi ad im prestito. Sua Eccellenza il signor conte
M ocenigo p enetrato dallo stesso convincim ento ha hovuto parim ente sufra
garli pi d una volta. D altronde nessun ignora che qu aran ta tallari al
m ese non possono bastare al m antenim ento di due fam iglie, e fam iglie
hanno am bedue gli istitutori.
D ivoto parere m io sarebbe che fino a llorganizzazione perm anente di
questa scuola fosse autorizzato l interino soprasoldo di tallari otto a ca
dauno. Le stesse osservazioni e le stesse ragioni hanno luogo anco p er il
professore di filosofia, il quale con suo rapp o rto rassegna l im possibilit
in cui esso di pi oltre sussistere col soldo che gli si accorda. Per esso
pure portebbe interinam ente avere luogo l appuntam ento attrib u ito ai pro
fessori di filosofia dal sancito regolam ento della scuola norm ale. N ulla si
p u dire del professore di m atem atiche; esso nulla dim anda e la sua
scuola non prom ette fin ora successi che eguaglino quelli delle altre.
In generale i giovani alluni della scuola del Tenedos ap p ro fittan o .
C om plessivam ente ogni giorno si p u contare che cento vi com m orano com
prese tu tte q uatro le lezioni. D a r il m io rap p orto dettagliato in seguito,
poich le occupazioni del M inistero della Finanza, che ho dovuto per obbe
dienza sostenere interinam ente, m i ha necessariam ente d istratto da quella
assidua e giornaliera sopraveglianza che o r torno a riprendere. Prego per
altro rispettosam ente di essere dalla m agnificenza pubblica assistito coi
mezzi che dim ando, p er ottenere dagli istitutori quel serviggio che non si
h a u n buon diritto di esigere, quando p rovata l angustia nella quale

versano p e r la ristrettezza d ellappuntam ento fin ora accordato ai medesim i.


H o l onore di protestare al P rim ario D ipartim ento d ellin terno
la m ia ossequiosa considerazione e di im plorare d a lleccellentissim o Senato
la continuazione della p ubblica grazia.
C orf 4 gennaro 1806
L inspettore della p u bblica scuola di Tenedos
G IO V A N N I C A PO D IST R IA
A di 8 gennaro sudetto. F urono trasm esse le citate carte al D ip arti
m ento Finanza colla copia del relativo decreto.




4 1805
10

,
.
.
23 ,
.
,


,
, ,
, ,
.
,
.
,

.

,
.

().

, ,
,
.
, . ,
, ,
,
,
,
.
, .
,
. ,
, (. 12 )
,
.


,
,
.

23
.

.

, , .

.

. .

:
.

20 .
, ,
, ,

. A. . ,
, .


,
.
, ,
.
()
, ,
.

.

.
.
, ,
,
, ,
,

.
,
,
,
.


.
, 4 1806

8 .
, .

11

198, . 218

A ddi 4 febraio 1805


Il Senato
T rib u tando u n giusto testim onio della p u bblica considerazione verso
il nob. signor G abriel Stabile Pagano p er la zelante e fruttosa sua gestione
nel posto di Segretario della prescritta Com m issione Econom ica e M ilitare,
il Senato volendo conservare al pubblico servizio questo egregio perso
naggio in esecuzione del C odice di organizzazione del Senato e l articolo
60, come anco in esecuzione dei decreti em anati riguardo al m edesim o.
D ecreta

1
Il nobil signor G abriele Stabile Pagano eletto pubblico Revisore alla
stam pa.
2
E deputato ed eletto institutore di filosofia e m orale e per o ra tra tte
nuto a lleducazione dei giovani assistenti delle Segreterie di Stato, del
P ritan iato e delle altre am m inistrazioni. R egolam enti particolari stabili
rano le necessarie discipline.
3
P er u n a qualche retribuzione a questi serviggi accoglier esso signor
Stabile la continuazione del soldo m ensuale che esso attualm ente riceve,
anzicch la retribuzione che gli fissar il decreto dei 12 novem bre.
Il Segretario di Stato incaricato d ellesecuzione.
Il Segretario di Stato conte C A P O D IS T R IA
4 1805




, ,
,
60,

'

.
'


, .
.
'

, ,
12 .

12

198, . 218
A ddi 17 giugno 1805
Il Senato
U dito il rap p o rto della C am era d ellin te rn o il Senato.
D ecreta
1 Il nob. signor G abriele Stabile Pagano eletto con decreto p ro
fessore di filosofia ed ettica p er i giovani addetti al M inistero; il nob. signor
Cesare Pelegrini nom inato con deliberazione dei 20 gennaro 1805 p ro
fessore di m atem atiche ed arte m ilitare; il reverendo sacerdote Idrom eno
destinato con pubb lich e deliberazioni insegnare la gram m atica superiore
della lingua grecolitterale, tu tti tratten u ti per occuparsi nel fu ttu ro gim na
sio nazionale, saranno provisoriam ente posti in attivit in C orf per i
rispettivi som m i. L appuntam ento del signor Cesare Pellegrini in ragione
di talleri tren ta m ensuali gli sar retrib u ito dalla Cassa Studi d ellisola
di C orf a contare dal giorno 20 gennaio 1805.
2 C ontem plando l instruzione da darsi dai tre prelodati soggetti
principalm ente persone im m ediatam ente attacate allo Stato, l instruzione
stessa sar sopravegliata da u n inspettore scelto dai Funzionari G enerali.

3 La Casa del T enedo fo rn ir il locale conveniente p er le riduzioni


scolastiche. La b iblio teca in essa Casa esistente sar preferibilm ente scelta
a tal uopo.
4 L Inspettore progetter un piano p er m antenim ento, m igliorazione
ed uso vantaggioso della P ubblica Biblioteca unica per ora nello Stato.
5 ! L Inspettore, udito il p arere d e professori e m aestri indicati
n e llarticolo prim o, progetter al Senato per la necessaria approvazione un
piano di discipline e di regolam enti intern i p er le scuole o rd inate nello
stesso articolo prim o.
6 E destinato a q u e stincarico il signor conte G iovanni C apodistria.

Il Segretario di Stato d ellIn tern o incaricato dellesecuzione.


A ndrea P an, vice preside
Il Segretario di Stato conte Sicuro

17 1805
H
,


.

.
2 0 1805
. . ,
,
.

.

, 20 1805.
.
, ,

.
.

.
.
. ,
,
.
. ,
, ,


.
. .

.
,

13

198, . 218

A di 15 ottobre 1805
Il Senato
Letto il detagliato rap p o rto della Cam era dellin tern o c h esam ina e
discute il rap p o rto d ellisp etto re alla scuola del Tenedo.
D ecreta
L approvazione di esso rap p o rto della C am era ordinando la trasm issio
ne del m edesim o ad esso Ispettore, perch entro otto giorni offerisca il
relativo regolam ento a senso del decreto 17 giugno decorso, p er la pi
solecita attivazione di essa scuola del Tenedo.
R. Com uto preside e presidente
G iov anni C appadoca senatore
Pasquale G ram m aticopulo senatore
A nd rea Pacm or senatore
Rocco D ezoni senatore
A nziolo C alichiopulo senatore
Basilio G av senatore
G iovanni Q uerin i senatore

G iorgio Stai senatore


G iovanni Pillarino A ttanasio senatore
Z u an n e M acri senatore
M ichele T ipaldo senatore
Il Segretario di Stato conte SIC U R O
A lleccellentissim o Senato
La Sua C am era d ell In tern o
25 Settem bre 1805
H a letto attentam ente la Cam era d ellin te rn o il rapporto zelantissim o
dellisp etto re delle scuole del T enedo conte G iovanni C apodistria.
Fornito di superiori talen ti, pieno di spirito pubblico ed ardente di
veder verificata u n a scuola che dia m ovim ento e sprone alla pubblica
educazione, oggetto di tan ti voti, studi e travagli, egli espone il prospetto
di quelle provvidenze che rep u ta necessarie alla sua attivazione e presenta
li principi coi quali proponesi di sistem are questo instituto.
La cam era rifferente d ietro anche la discussione seguita in appo
sita conferenza sotto l ispezione di Sua Eccellenza il Serenissim o Principe
con li presidenti delle due altre Cam ere e rispettivi secretari di Stato e
colla presenza di Sue Eccellenze li consiglieri di Stato, datasi di nuovo a con
siderare le intese opinioni e, posto sotto li p ro p rii r ifflessi il decreto 19 giugno
dalla di cui deliberazione dedotto esso rap p o rto, crede di suo indispensa
bile dovere di em ettere le ingenue sue considerazioni alla gravit del
consesso, dietro le quali sar sem pre di sua doverosa rassegnazione seguire
q uanto l eccellentissim o Senato credesse meglio utile e conferente al grande
oggetto che vien contem plato.
Il
corpo legislativo avendo p er m ira vitale delle sue legislative deli
berazioni il prom overe la p ubblica instruzione, c h era contem plata dalla
C ostituzione, h a sancito u n a legge che organizzava le Scuole N orm ali ed
un articolo addizionale ad d it alla nazione, che gi contem plava l attiva
zione anche di u n G innasio nazionele, come la C ostituzione aveva fissato.
La m ancanza dei m aestri p er le scuole norm ali e dei professori per
il ginnasio occupava la m ente p ubblica in ogni tem po e fu provida cura
del Senato trovando qualche straniero che proclive fosse a dedicarsi nello
Stato a tale oggetto di trattenerlo con u n relativo aggiuntam ento.
U n decreto del Senato delli 11 maggio 1804 trattiene provvisoria
m ente il reverendo sacerdote A ndrea Idrom eno institutore di lingua greca
p e r leducazione gram m aticale, letteraria ed ecclesiastica dei sacerdoti
educabili di C orf e di quei giovani, che o fossero iniziati nella lingua

greca fossero iniziati al sacerdozio e ne detta li m etodi e la disciplina.


L istesso decreto d eputa il secolare m aestro signor Perev a llinstru
zione della lingua nazionale dei giovani adetti al m inistero, al foro, al
notariato e di q u an ti altri concorrer volessero d ellisola di C orf.
U n altro decreto delli 12 novem bre 1804 tratiene il signor G abriele
Stabile Pagano a disposizione del G overno in aspettativa di essere colocato
p er l educazione pubblica, continuando in tan to n ellim piego di professore
di ettica gi destinato col decreto 14 settem bre 1803 p er instruire gli
assistenti delle secretan e collappanaggio di tallari 24 accresciuto a 30 col
decreto di 4 febb raro 1805, che viene eletto in institutore di filosofia e
m orale p er l educazione degli assistenti delle Segretarie di Stato del P ri
taniato e delle altre am m inistrazioni di Corf.
E rano questi tre m aestri traten u ti e stipendiati, senza che in fatto
fossero em anate le discipline con le quali ap rir dovevano l instruzione, e
m entre non si parlava che de m ezzi da rip etere dei m aestri e non si
sospirava che l attivazione di scuola, questi stavano inoperosi attendendo
le pubbliche disposizioni, come p u re lo era l illum inato signor Cesare
Pelegrini con deliberazione dei 20 gennaro 1805 tratten u to e nom inato in
professore di m atem atiche ed arte m ilitare.
La Cam era d ellin te rn o prom osse l attivazione provvisoria di questi
in C orf p er i respettivi ram i, e col decreto 19 giugno il Senato h a ci
decretato q uanto al signor Stabile, al signor Pelegrini ed al reverendo
Idrom eno, colla sopraveglianza di u n ispettore destinato nella persona
del prelodato conte C apodistria, da tenersi nella localit del Tenedo, dietro
un piano che fosse l isp etto re p er progettare, di disciplina e di regolam enti
interni a llapprovazione del Senato.
Il
succitato rap p o rto offre appunto le idee relative ad u n tale pro
getto di discipline e di interni regolam enti e q u alora esse vengono accolte
d allau to rit del Senato, si propone di p o rtare alla sua sanzione il positivo
regolam ento. T rattasi dunque di riconoscere la convenienza di tali idee
relativam ente alla deliberazione 19 giugno predette, giacch non avvi
questione di m assim a di u n stabilim ento di scuola possibilm ente il pi
perfetto ed il m eglio conducente alla m eta della pubblica educazione,
ciocch riservato al piano delle scuole norm ali ed allinstituzione di un
ginnasio nazionale, o nello stato o fuori dello Stato, o ad u n piano di
superior educazione n e llestero, q ualora si trova che non corrisponda la
legge attuale; m a di riconoscere se i principi esternati come regolatori
della scuola del T enedo, se li m ezzi proposti per ponerla in attivit sieno
analoghi ad essa decretazione 19 giugno e possano esser accolti quali
norm e d iretrici alla com pilazione di tale regolam ento.

Le m isure delle quali l isp etto re ricerca di esser autorizzato per la


pron ta verificazione d i essa scuola si riferiscono o al luogo o alli m ezzi
o a lloggetto ed alla fine. In quanto al luogo, la sala contem plata della
pubblica biblioteca e le altre due che ravvisa come proprio a lloggetto e
la terza che si propone di aggiungere e la ricercata autorizzazione ad
incontrare i dispendi necessari p er ogni ristauro e dovuta conferm azione.
E cosi quanto alli m ezzi sia c h essi riguardino la fo rn itu ra di m obilie
necessarie, sia c h essi riguardino la custodia, la cura e la m ondezza del
luoco, sia ch essi riguardino l oggeto delle scolastiche applicazioni nella
provvista delli libri e di altri instrum enti necessari ed utensili, la Cam era
crede opportu n a, conveniente e necessaria la ricercata autorizzazione
senza di cui invano sp erar si potreb b e di veder u n a volta prosperare ed
attivarsi loggetto della pubblica volont.
R estano dunque a considerarsi li principi con i quali inerendo alle
disposizioni del decreto 17 giugno si considera in esso rapporto che incon
tra r si possa l oggetto e la fine del decreto m edesim o.
Il decreto 17 giugno volendo che occupati restino li m aestri e p ro
fessori dal governo traten u ti p er occuparsi nel fu tu ro ginnasio nazionale,
delibera c h essi sieno provvisoriam ente posti in attivit in C orf per i
rispettivi loro ram i a quali sono stati addetti; il rapporto d ellispettore
vuole essa scuola che sia d ich iarita perm anente e che abbia il titolo di
Prototokos, ossia Prim ogenita.
Il decreto ponendo in attiv it tre institutori per i reprettivi loro ram i,
la scuola naturalm en te divisa in tre sezioni. Il rap p o rto d ellispettore
divide la scuola in q u attro sezioni e q u in d i estende a q u attro institutori
la provvidenza.
Il decreto 17 giugno deliberando provvisoria l attiv it di questi insti
tutori, c h erano traten u ti p er occuparsi o nelle scuole norm ali o nel ginna
sio, essi dovrebbero o nelle une o nell altro addonnarsi, verificate che
fossero. Il rap p o rto d e llisp etto re dischiarindo la scuola di T enedo perm a
nente ed il corso dei studi triennale, essi in stitutori sono to lti per sem pre
alle scuole norm ali ed il ginnasio trasp o rtato sostanzialm ente a C orf in
violazione della legge e della costituzione e collabuso p i ingiustificabile
del decreto 17 giugno sudetto.
La ravvisata graduazione delle progressive lezioni, le ennunciate
discipline relative a llanno scolastico, la d u rata di esso, la form a degli
esam i an n u i, la distribuzione delle diverse lezioni, l inizietiva d ellanno
scolastico, la p ubblica form a delle prolusioni dei professori e dellap ertura
del letterario Liceo, l intervento qualificato delle prim arie au torit dello
Stato, civili, m ilitari ed ecclesiastiche, il potere augusto da cui ricever

deve il m ovim ento, il pubblico invito a tu tti li p adri fam iglia, l ordine
d un elenco che p o rti l inscrizione degli studenti, l autorevole form a di
questa conscrizione solenne, la fondata ripartizione di classi e la pubblica
rispettiva m atricolazione con patente a stam pa, le form e pubbliche che
assicurino l assidua applicazione ed i progressi, l intervenzione d im m ediata
parte e conoscenza del G enerale G overno e del Senato, la relativa diretta
influenza sullo stato sociale e politico di essi studenti, le pene e decadenze
da im pieghi civili, i prem i d onore sociale a cui sono i diligenti chiam ati,
tutto caratterizza ed annuncia in essa scuola com divisata e costituita
con carattere di perm anenza con vera universit non analoga certo a llidea
sem plice del decreto 17 giugno, non deliberata dal Senato, non sancita
dalla nazione, non forse u tile p er alcun rap p o rto quando si voglia per tale
lealm ente ravvisarla e discutere i veri rapp o rti.
La Cam era d e llln tern o lungi p erci dal poter vedersi al caso di conve
nire nei principi su quali crede fondare l ispettore la preacennata scuola del
Tenedo; trovando anzi ch essi divergano d a lloggetto del decreto 17 giugno
sudetto; trovando che una simile scuola, o come norm ale, o come ginnasio,
espressam ente e direttam ente contraria alla legge; trovando ch essa viole
rebbe la prescrizione della Costituzione e della legge nel carattere di per
m anenza non solo nei oggetti m a anche nei fondi da quali rittra r dovrebbe
consistenza e progresso; trovando che assoggettandola alle nuove disposi
zioni del corpo legislativo non le toglie u n a simile condizione com une a
tutte e pi assolute disposizioni il carattere sem pre pericoloso e funesto,
che ora anderebbe ad assum ere la Cam era dell in tern o , in dovere di
dissentire solennem ente a tali principi e form a ad eccitare esso Ispettore
ad offrire il regolam ento ch precitato d a llarticolo 5 di esso decreto 17
giugno relativo a quella attivit provvisoria, che fu voluta e deliberata
dalla pubblica m ente delleccellcntissim o Senato per li institutori tra te
nunti e stipendiati.
La C am era quindi propone la seguente form ula di decreto:
A di settem bre 1805
Il Senato
Letto il dettagliato rap p o rto della C am era d ell Interno c h esam ina e
discute il rap p o rto d ellispettore alla scuola del T enedo
D ecreta
L approvazione di esso rap p o rto della Cam era ordinando la trasm is
sione del m edesim o ad esso Ispettore, perch entro otto giorni offerisca il
relativo regolam ento a senso del decreto 17 giugno decorso p er la pi
solecita attivazione di essa scuola del Tenedo.

13 1805


,



,
17
.
. ,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,



25 1805

.
,
,
, ,
,
( )
.
,
A . .

, -

19

,
, ,
.
,

,

, .

,
,
, .
11 1804
.
,
,
,
.


,
.
12 1804
,
,
, 14
1803, 24
, 30 4 180 5,

,
.


,
,
,
2 0
1805.

,

19 , ,
. ,
,
, ,
.


, . ,

19 ,
,
,
,
, ,


19
.
,
,
.
,
,
, ( )
.
, ,
, ,
,
. ,
,
.
,
,
17 .
17 ,

,
.
,
.
-

, .


.
17
,
, ()
() , .

,

,
17 .
,
, , ,
, ,
,
, , ,

,
, ,
,
,
,
,
,
,


17 , ,
,
.


.
17 , ,
, ,


,

,

,

17 ,
, ,
.
:

....

1805


,


,
,
17
, .

14
I.
. 3 1805
. , , :


.
.
.
V I I
22 ,
.
!
.
. .

.
, ,
.

1
,

, ,
, .

2


.
3
.

. . .
.
. . .
,
. .
.
. . . .
.
15
.
. . . .
. .

.
,
:


1. ,
,
.
2. ,
.
3.

.
4. .
5. .
.

6 . ,
.

7. .
8 .

, .
9.

.

.
.
.
10.
, .
11.

.
12. .
.
13. 2
,
.
8 11. 3 ..
5 ..
14.
. .
15.
:
) .
.
.
16. :
.
17. .
18. ,
.
19. 2
:
.
.


.
20.
.
21. ,
2 .. 5 ..
22. ,
9 .. 11 ..
:
.

.
23.
.
24. 20 .
.

.
.

.
3 1805

15

199, . 291

A di 5 gennaro 1806
Il Senato
C onsiderando il zelante rapp o rto dell em erito Inspettore della pu b
blica scuola del T enedos conte C apodistria e la polizza delle spese dalla
sua lealt incontrate p er l attivazione della scuola stessa, altre anteriori
ed altre posteriori al regolam ento 23 ottobre, tu tte ineccepibilm ente docu
m entate, e nelle q uali si ravisa il risparm io e l u tilit d elloggetto, conciliato

in ogni rap p o rto dalla vigilanza, attivit e virtuoso zelo d ellInspettore


stesso, che alle altre gravi sue inspezioni onora se stesso, la p atria e la
nazione col consacrarsi al felice andam ento della pubblica educazione tanto
interessante le p atern e cure del G overno.
C onsiderando il filantropico sentim ento che mosse l Inspettore stesso
a prestare accoglim ento um ano, ospitalit e sussistenza al greco ciprioto,
che abbandonando il p atrio suolo senza appoggi e protezioni, colla fid u
cia della generosit della R epubblica venne nel di lei seno a ricevere
istruzione e mezzo di sussistenza.
C onsiderando la proposizione di sciegliere due Protoscoli, che p re
sta r si debbano con assidua attivit al sollevo deglln stitu to ri ed al m iglior
andam ento deglaluni con u n a m ensuale gratificazione eguale a quella
d e llusciere.
C onsiderando la proposizione fa tta p er l assegno di u n soprasoldo
alli due In stitu to ri Idrom eno e Perev ed al Professore di filosofia, udito
il parere della sua Cam era d ellin tern o , decreta:
1 E m anifestato il pubblico pienissim o aggradim ento a llegregio
Inspettore della pubblica scuola conte C apodistria per il suo consacra
m ento in argom ento che prom ove il ben essere della societ ed interessa
le pi tenere ed affettuose cure del Senato.
2 Sono pienam ente approvate le spese incontrate dal m edesim o con
tanto risparm io p er l attivazione della p ubblica scuola e p er il soccorso
prestato al giovine ciprioto ascendenti a tallari 264 a tenor della polizza
p ro d o tta e d e relativi docum enti, delli quali dovr essere rim borsato dal
fondo destinato p er la p ubblica instruzione.
3 Si risserva il Senato di deliberare opportunem ente sopra le altre
proposizioni de Protoscoli e p er al soprasoldo da assegnarsi aglIn stitu to ri
ed al Professore di filosofia.
4 Il Segretario di Stato d e llIn tern o incaricato di dar corso al
presente.
Stamo C alichiopulo vice preside
G iovanni C appadoca senatore
Pasquale G ram aticopulo senatore
E ustachio Pignatore senatore
A nziolo C alichiopulo senatore
Basilio G avo senatore
G iovanni Q uerin i senatore
G iorgio Stai senatore
Rocco Cezoni senatore

G iovanni P illarino A ttanasio senatore


M ichele T ipaldo senatore
G ianni V last senatore
Il Segretario di Stato conte SIC U R O

5 1806
H



, 22
,
,
,
,
,
.
,
,
,

,
.
,

.


, ,

.
,
,
.
. ,

, 264 ,
,
.
.

.
.
.
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,

16
23 1806


.

,
,
.
, ,

.
,
.
H

,
(
, ,
, ,
) .
,
.

, ,

, .

.
, ,
,
,
, .
,
,
. .
,
, ,
,
.
,
.
, ,
.
,
.
,
,
.
,
,
,
. ,
, .
,
. ,
, ,

, ,
.

15 1806.


1. 8
.
2. .
3.
.
4.
. 21 ,
.
5. ,
.
6 .
21 ,
.
7.

, .
8 . .
9.
.
10. 1,
2, 3, 4, 5, 6 . .
7 8 .

17
23 1806

.
. :

, ,
,

, , ,
.
1803, 34
, 19 , 10
, 7 7
.
,
, , 7 , 4
, ,
, .
)
.
, 48
.
.

100 .000 , .

18
2 1806 .


. ,
,

, ,
, ,
.

1
.
. ,
.

, ,
, ,

.
, , -

.
2.
.
3. ,
, ,
.
,
. ,
,
.
4.
,
.
5.
.
, .
, ,
.
6 .
,
, .
,
;
7. ,
,
, ,
, ,
.
H ,
,
.
8 . , ,
, ,
.
.

.

,
.

19
15
1 8 0 6 , :

1.

.
2.
:
20 .

.
,
.
3. ,
,
.
,
, ,
.
4. ,
,
.
5 . , ,
.
,
, .
6 .
, ,
. .

7.

.
, , .
8 .
,
. .

9.
.
10. .

20
15 ,
12
1806, I. .

,
.
23 1806 :

202, . 75
(
)

A di 23 luglio 1806
Il Senato
Letto il rap p o rto del zelante Inspettore della Scuola provvisoria del
Tenedos 12 andante.
V isto l articolo X mo del decreto 15 giugno.
Letto il progetto di Regolam ento per gli esami e prem i degli alluni
di detta Scuola proposto dal d etto Inspettore.
Inteso il parere della C am era d e llinterno.
D ecreta
1 N ella Scuola del T enedo si chiude il corso d ellanno scolastico il
15 di agosto. Si riapre il giorno 15 di ottobre lorch per pubblica delibera
zione non venisse a q u ellepoca perm anentem ente attivata a norm a del Re
golam ento di Pubblica Instruzione.

2 A com inciare dal giorno 15 di settem bre principieranno gli esami


degli alunni con quelle form alit e discipline che saranno opportunam ente
stabilite.
3 Si esam ineranno per sezioni.
4 Q uelli che d aran n o delle pubbliche prove di aver aproffitato n ell
anno scolastico in m aniera d istinta e segnalata, saranno prem iati.
5 G li esam i si regolano della m aniera reguente:
Prim a Sezione
1 G li alunni della P rim a sezione dovranno d a r delle prove di aver
acquistato nella lingua nazionale buon carattere di saper legger e scri
vere corettam ente.
Prem i
Saranno distribuiti tre prem i.
Il
prim o lo o tterr quel giovine che sapr meglio leggere e scrivere
corettam ente e di bel carattere nel greco volgare a llim pronto.
Il
secondo lo o tterr quel giovinetto che presenter u n quinternetto
di v en tiq u attro fogli scritto di m iglior carattere nitido e grande senza
nessun errore di ortografia e che sapr m eglio leggere in libro non suo.
Il
terzo lo o tterr quel giovinetto che presenter un q u internetto di
egual volum e scritto del m iglior carattere co llesem plare del M aestro e
che sapr leggere corettam ente nel suo libro.
Il prim o prem io sar u n a m edaglia d oro del valore di due zecchini.
Il secondo u n altra d argento del valore di tallari quatro.
Il terzo di argento del valore di uno.
Q ueste m edaglie avranno un em blem a ed una inscrizione relativa.
P otranno essere p o rtate al petto con n astri di differenti colori secondo il
grado e carattere degli a lu n n i che saranno prem iati.
Sezione Seconda
2 G li alunni della Seconda sezione e quelli della prim a, che per
essere iniziati nella gram m atica vi appertengono, sono divisi in due classi.
D ovranno avere la capacit e valore dei prem iati della prim a sezione.
Q uelli della p rim a classe dovranno saper fare a llim proviso la tecno
logia ossia sostenere gli esami gram m aticali e dovranno saper spiegare un
testo degli usitati nella Scuola in quella parte, p e r che non hanno per
anco studiato.
Q uelli della seconda baster che sappino fare la tecnologia.
Prem i
S aranno destinati p er gli alunni di questa sezione due prem i. O tterr
il prim o quello che m eglio degli altri suoi colleghi legger a llim proviso

un testo; scriver con ottim o e coretto carattere; far la tecnologia esatta


m ente; spiegher u n testo com e si detto di sopra senza com m etter errori.
O tterr il secondo quello che meglio ed ottim am ente legger il suo
testo; scriver o p o rter scritto di suo pugno in bel carattere u n q u in ter
netto; far a llim proviso la tecnologia.
Il prim o prem io sar u n a m edaglia od u n a croce di onore del valore
di q u attro zecchini d oro. Il secondo una m edaglia o croce del valore di
tre. I prem iati la p o rteran n o al petto.
T erza Sezione
3 G li alunni della T erza sezione avranno il dovere di portare scritto
di p ro p rio pugno in decente form a con caratteri n itidi il testo ch stato
dettato dal loro professore; saranno esam inati sul testo m edesim o.
Prem i
Saranno deliberati due prem i. Il prim o lo o tterr quello fra gli alunni
di questa sezione il quale avr p resentato il pi ben scritto e pi decente
testo di pro p rio pugno; il quale in secondo luogo meglio risponder alle
questioni che gli saranno fatte sul m edesino; il quale scioglier aHim pronto
u n problem a che gli verr dato su qualche atticolo delle gi trascorse
sezioni.
Il secondo lo o tterr quegli il quale risponder alle due prim e condi
zioni che si esigono nel prim o prem io.
Il prim o prem io consiste nel dono di libri del valore di zechini
qu attro e se lalluno m ilitare, anche in quello di una spada del valore
di zechini sei. Se non m ilitare, p o tr essere destinato al servigio m ilitare
in qualu n q u e vacanza fosse p er accadere delli ufiziali della propria isola
in seguito alle prom ozioni volute d a lloptazione ed o tterr parim enti il dono
m entovato dei libri.
Il secondo prem io consiste in lib ri od in m edaglia del valore di tallari
dieci.
Q u arta Sezione
4 G li alunni di questa sezione dovranno tu tti presentare il quadro
analitico delle lezioni di logica avute n e llanno scolastico, e dovranno saper
rispondere a quelle dim ande che veranno ad essi fatte relativam ente al
quad ro analitico sudetto.
Prem i
S aranno agli alunni di questa sezione accordati due prem i. O tterr
il prim o quello che presenter il q u ad ro analitico il meglio com pilato
relativam ente al testo che giudic le pubbliche lezioni; quello che risponde
r meglio a tre questioni che gli veranno fatte sul m edesim o quadro; quello

che oltre al q u ad ro sudetto presenter un estrato ragionato di una o pi


p arti della logica insegnata.
O tterr il secondo quello che risponder meglio alle due prim e prove
c h esigonsi quel prem io prim o.
C onsiste il prem io prim o nel d iritto che acquista l alunno prem iato se
trovasi inscritto nella classe degli assistenti del M inistero G enerale o p a rti
colare di essere com preso nella nom ina in qualunque vacanza d impiego
utile della sua com petenza pel quale esso si dichiari e nel dono di libri
del valore di zecchini q u attro .
Se non della classe degli assistenti sudetti, di esservi inscritto nelle
piazze lucrose a p rim a vacanza fruendo parim enti del dono dei libri,
salve le proporzioni fissate da leggi an teriori p er le isole.
Il secondo nel dono di u n opera del valore di zecchini cinque.
6 O ltre ai prem iati vi sono degli alunni che danno delle prove di
poco in feriori a quelle che ottengono i prem i. Il nom e di questi dopo gli
esam i p u b b licato colla stam pa in seguito a quello dei prem iati.

7 Dei non prem iati n m eritevoli di onorata m enzione, ma diligenti,


si dar il nom e a p ubblica conoscenza nella classe di quelli dai quali spera
la p atria ed il governo.
8 I negligenti saranno parim enti fatti noti colla stam pa onde alla
fine d e ll anno scolastico sieno egualm ente noti i nom i.

9 I prem i saranno co nferiti in seguito agli esami ed al giudizio che


sar em anato colle form e che si stabiliranno. A vr luogo u n a pubblica
solennit in cui gli alunni prem iati riceveranno queste m arche della pu b
blica predilezione. In questa solennit sar fatta m enzione della benem erita
fam iglia Sossim.
10 I protoscoli sono esclusi dal concorso stabilito da questo rego
lam ento.
11 L inspettore incaricato di portare a llesame e sanzion del Senato
sulle norm e di questo regolam ento il progetto di discipline che sono rela
tive alla sua esecuzione.
12 Sar il presente stam pato in am bedue gli idiom i e pubblicato.
A tanasio M onte Santo senatore preside
Pasquale G ram aticopoulo senatore
D im itrio V affea senatore
E ustachio Pignatorre senatore
G iovanni M acri senatore
A nziolo C alichiopulo senatore
G iorgio Stai senatore
T eodoro Sicuro senatore

A ntonio Pacm or senatore


G iovanni Pilarino A ttanasio senatore
M ichele T ipaldo senatore
A ndrea Z erbini senatore
G iovanni M artinengo senatore
Basilio G av senatore
C O N T E FLAM BU RIARI
Il segretario di stato

23 1806

12
.
10 15 .

,
.
.

. 15
. 15 ,
,
.
. 15
, .
. .
.
,
.
. :

.
,
.


.

, ,
, .


.
.
() .
().
.
,
.

.
, :

.
,


, .
.

.

,
,
.

,
,
.

. ().
.

.

.

,
.

.

, ,
. ,
,

.

.

.


, .

.

,
,

.

.


,
.
,
, ,
,
.

()
.
.
.
, ,
.
. , ,
,
.
. ,
.
.
.

.
.
I .
.
.

.
I B . .
, ,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,

21

203, . 155
A ddi 31 Agosto 1806
Il Senato
Letto il rapp o rto dellInspettore della scuola del Tenedos conte C apo
distria, con cui richiede che sia soddisfatto l usciere della scuola Luigi
Z anella, delle spese incontrare a lire 152 come per la polizza trasm essa.
Inteso il parere della C am era d ellin tern o
D ecreta
Sar pagata dal fondo d ellinstruzione p u b b lica la polizza d ellussier
della scuola del Tenedos Luigi Z anella nella sum m a di lire cento cinquanta
due, vistata d a llinspettor conte C apodistria.
Il Segretario di Stato d ar corso al pubblico decreto.
A ntonio A gorast vice preside
Pasquale G ram aticopulo senatore
D im i trio V affea senatore
G iovanni M artinengo senatore
A tanasio M onte Santo senatore
G iovanni M acri senatore
G iovanni Pillarino A ttanasio senatore
G iorgio Stai senatore
A ndrea Z erbini senator
M ichele T ipaldo senator
T eodoro ...............................
Il Segretario di Stato conte FLAM BURIARI
Al Segretario di Stato d e llin tern o
L Inspettore della p u b b lica scuola del Tenedos
C orf li 28 agosto 1806
R icevuto 1806 29 agosto
Il Segretario di Stato conte F lam buriari
Signore,
R iscontro il ricevim ento dei libri e ne spedisco l inserto esem plare
cattalogato il quale da un docum ento del fatto passaggio. Sono questi libri
custoditi nella pubblica biblioteca. Sar opportuno che un regolam ento ne
6tabilisca gli usi. Senza di questo io nella qualit di inspettore non ne

saprei farne nessuno poich a nessuno autorizzato e senza autorizzazione


dopo aver rilasciato u n a ricevuta, la quale m i rende risponsabile di questi
libri, io li lascier sem pre in custodia. S in occupato particolarm ente di
oggetti scolastici p o tr q u ando il G overno lo gradisca presentare rispetto
sam ente le mie idee su questo soggetto, cio intorno a lluso di questi libri
ed alla m aniera di g arantirne sem pre un legittim o ed utile.
Vi sono parechi che p er coltivare le lettere e la lingua nazionale e
per essere p artico lari in stitu to ri si credono in d iritto di possedere qualche
esem plare dei libri trasm essi in dono dal signor Sossim e fra questi vi il
reverendo p ap V laco, il quale si presentato anco con u n a m em oria a Sua
Eccellenza il signor P lenipotenziario conte M ocenigo. L eccellente signor
ebbe la com piacenza di rim etterm ela, io p er rispondere alla petizione su
d e tta dim ando istruzioni dall eccellentissim o Senato.
Unisco la polizza delle spese incontrate p er la scuola del Tenedos nel
decorso di quasi u n sem estre ed autorizzato dal regolam ento ricerco rispet
tosam ente che sieno d ati gli ordini relativi al pagam ento di questa polizza
di cui va creditore l usciere della scuola Luigi Z anella.
R endendo infinite grazie delle uffiziali notizie passatem i intorno alle
deliberazione delleccellentissim o Senato sui rispettosi miei rap p o rti pre
vengo che non ho m ancato di tosto indirizzarm i n ellestero per pi pronto
rinvenim ento e venuta dei professori richiesti alla scuola pubblica di C orf.
H o l onore di p rotestare a llillustrissim o signor Segretario di Stato
d e llin te rn o la m ia ossequiosa stim a e considerazione.
L Inspettore della pubblica scuola di Tenedos
C O N T E C A P O D IS T R IA
A di 8 agosto 1806
N ota

della

tangente

dei

libri

spettanti

a llisola

di

C orf

ricevuti

d a ll Inspettore conte G iovanni C apodistria


C orso d i m atem atiche in tre volum i
com presa in esso num ero u n a copia presa ad
im prestito dal precettor Pelegrini

No 11

Corso d inni ecclesiastici in un volum e

No

Sulla processione dello Spirito Santo copie


in due volum i

No

No

E neidi e G eorgiche di V irgilio copie in


q u attro volum i p er ciascheduna
vi in esso num ero com presa una copia
av u ta in im prestito dal signor dotor A ntonio M elichi

Elogi di A lessandro
Foglio di precetti m orali

No
No

G ram atiche latine Poretti

No 11

Epistole di C icerone

N o 12

Poli Fisica in cinque volum i copia

No

G eografia Buffier

No

Corticelli lingua toscana

No

Tragedie A lfieri in cinque vo lum i copie

No

G ram atica G ondar


Poesie M onti in due volum i copie

No
No

Favole di Fedro

No

N ovelle di Soave in due volum i copie

No 13

Cornelio N ipote

No

Sinonim i Francesi in tre volum i copie


Telem achi
Sinonim i Francesi in due volum i copia

No
No
No

1
1

5
1

L inspettore della pubblica scuola di C orf


C O N T E C A PO D IST R IA
N ota p er le publiche scuole
Lire
L.
L.
L.
L.
L.
L.
L.
L.
L.
L.

D uo gotti d acqua
Pene
Inchiostro
Polverina
Scope V eneziane
C alam aji e sponghe
Scudelotti di legno
Sechio di ram e
Per il m anico e fattu ra
Corda
Z are e bocali

5
16
20
6

9
8

4
50
4
8
10

140
12

Inchiostro e spolvero

152
Luigi Z an ela deve aver
28 agosto 1806

Lire 152
R iscontro buono a pagarsi
L Inspetore conte C A PO D IST R IA

N o 115
Inspetto re conte C apodistria,
R iscontra ricevim ento della porzione dei lib ri trasm essigli, dom m anda
di essere autorizzato a p resentare le sue idee su lluso di questi libri, chiede
il pagam ento di alcune spese.

31 1806
H

,

152, ,


, 152 ,

.

.
,
,
,
,
,
,
,
,
,
,
............ .............



28 1806
29 1806

,

.
, .
, ,
, .
,
,
.
, , ,
,
,
.
,
,

. . ,

.
,
, .



,
.


,

.


.


8 1806

, :

.

.

.
.

.


.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.
:
.

.

.

.

.

11

4
3
4

1
1
11
12
1
1
3
7
6
7
7
13
7
2

5
16
20


6

9

8

4

50
4

8

10
140

12

152

152
28 1806

. 115.



.

22
23 1806
23
. ,
.
,
. , ,
.
30 1806
,
4 1807. ,
. ,
, :



,

.
28 1806
.



,
.
,
. ,
,
,
, 7 11

.
.

,
,
.


.


. .


.

1.
27 .

.

23
12 1807
1806 - 1807
.


.

120 ,
, ,
.
, 60

1. : S aran n o d eco rati dalle m edaglie d onore.


.
.
: , .
.

.


.

.
, 50
.

, ,
, .

,
, , .


,
.
,

.

.

15 1807

, .
:
.
, .
, ,

. ,
.

[ , ,
,
.

,

.
, ,
.
,
,
,
.
].

[
, .
. ,
,
].

A r l i o t i , D e m . : La v ita di G iovanni conte C apodistria scritta nel 1833.


C orf 1859.
, . : ,
. 1968.
, . : I. (1 8 0 7 ).
1911.
, . .: I .
. 1886.
, .: . ,
. 1932.
, .:

. . , . 17120, 5
1933.
, A. I .:
. 1954.
, A. I .: . 1957.
, A. I .: (
). . , 22
1964.
, . .: .
I. (1962) . 14 64.
D o n t a, D o m m a : John C apodistrias and the G reek H istorians. A
selective Bibliographical R eview , B alkan Studies 7 ( 1966).
, . : Y .
1965.
, . : . 176
1809 1820. 1972.
, . : ,
. 1894.
, X .: . 3
(1955) 213 217.
, . .:
. 7 (1932) 130 142.
, A. .: , .
1900.
, : .
1936.
, . : I . ,
, 1873.
, I .: , 1900.
K o , : . .
(1 9 5 8 ), . 213 235.
K o , : . .
4 (1960) . 33 48.
, .: . . . . . 4 .
1964.
, I .: . . 5. 1957
1958
, . .: . 1 (1928) .
80 . .
, . .: .
2 (1927 1928) . 131 134.

, , .: . (1932)
59 61.
, .: .
3 (1965) . 15/16 . 125 144.
, .: . .
1044, 1971.
, . .: .
8 (1934) 65 71 . 127 132.
, . .: . 1948.
, . .:
.
(1932) . 97 118.
, . .: . 1936.
, . .: (1821 1 9 1 4 ).
1945.
L a s c a r i s , S. T h .: C apodistrias avant la revolution grecque, sa carrire
politique ju sq u en 1822, Lausanne 1918.
L a s c a r i s , S. T h.: Le com te C apodistrias et la F rance au lendem ain de
W aterloo. L A cropole 6 (1931) 1 2 9 - 136.
, .: . , 1931.
, .: .
(1 9 5 9 ).
, .: . .
. 1971.
, .: I .
. 1964.
, . ,:
, . , 7 1963.
, .: . , 1927.
, .: (1797
1 8 1 0 ). 1954, . 2.
, I .: ( ). :
1967.
, .: . ,
2 (1960) 445 475 3 (1961) 103 126, 207 238.
, .:
. 14 (1889) . 65 67.
, .: .
, . . 246 252. 1967.
, .: . (1886) . 377 446.
O e c nm s, L y s . : Essai su r la vie de com te C apodistrias, etc. puis

sa d epart de Russie en A ot 1822 ju sq u son arrive en G rce


en Janvier 1828. T oulouse Paris 1926.
, A .: .
4 (1928) 736 742, 789 794.
Papadopoulo - Vretos,
A.: M moires biographiques - histo ri
ques, sur le Prsident de la G rce com te J. C apodistrias. 2 v.
Paris 1837.
. : .
1913. 1912.
, .: I. 6/18
1819. . .
1967, . 298 328.
, .: , 1964.
, .: , .
, . IV , 1959.
, .:
. .
, . 60, 1956.
, .: , 1908.
, .: . ,
,
. 1886.
, I .: .
1834.
, I .: .
1859 61.
, .: .
1885, . 434 469.
, .:
, . 2, 1874 1877.

B e l la i r e , J. P. Prcis des o p erations gnrales de la division Franaise


du Levant. Paris 1805.
, :
1889.
, .
1917.

.:

(1797 1 7 9 9 ).

, . .: .
1888.
, .: (. -
) .
, .: (. .
- ) . 1971.
, . : (1797 1 8 1 5 ). .
. 1889.
, .: . .
. 1937.
, .: . 5.
, : . . 1 2. 1904
1960.
, .:
. 1966.
, .: . . 3.



,
,
.
,
, ,
,
.
,
,
.
, ,
, , .
, ,

. ,
.
, , ,
, .
, . ,

,

.
,
,

.
, ,
.
,

.

,

.
29 1797 Gentili

,
.
A nselm o Gentili
. Guy,
. .
48. , 40 40 .
40. 24. 15. 15.
(17 1797)

. 20 1797 :
, , .
.
.
, .
Gentili 22 G habot

J. . Com eyras. Comeyras
D ubois,
12 1798
1798
, ,

. 14
1798 26 . 30
. 3
.
, 20 1799.
,
. , ,
,
,
.

1797 1798.
24 1798 ,
,
, , ,
, .

, 29 ,
. , - ,

,
, . . , ,
.
(Deputazione e Presidenza di Cefalonia),

(Vicario Plenipotenziario e Presidente della Commisione dellisola).

. .
,
.
, . ,
. ,
,
, , .
,

, 28 1800
, .
15 ,
.
, ,
12 1800.
,
.
, .
.
13 .

, ,
, .
, . ( . .
, . 1, . 331) ,
.

, I. . ,
. ,
, ,

, .

, . .
, ,
, ,
, . . .
,
, .
,

.
.
, .

.

. ,
30 1799,
.
(6 1800)
, ,
,
21 1800
.
.
.
29
1801 .
. 97. . 14. ( ).
,
, .
,
.

,
, ) ,
.


.
.
. , .
. 97. . 21. . 1534
, Laxuri.
1538 581.
.
,
.
,
. 1799

. (30 1799)
:
6.000 , ,
, ,
.
.
, 20.000

...
,
, ,

, ,
....
,
.
.
, 4.000
,
.
, .
,
.
.
.
.
. 98. . 17. . .
19
. 1757,
450 ,
,
.
. 98. . 17. .
. 320 .
, 16.000 . 600 .
, ,
.
1262. 1500
1504
,
.
, 1757,
40 .
,
. ,
450
.
, (
E r gastolo).
. ,
Santa M aria
della Salute. ,
,
.

.
. 98. . 20.

(1752 - 1820).

. 1786 .
1795 - 1796 , .
,
,
, 1802 . ,
. . 1818
1819.

,
.
. 99. . 99. , ,
1799 - 1802, ,
.

,
( . .
, )

,
. (. : , .
, . 384).
. 112. . 19. .
.
. .
.
,
. 25 , ,
.
. 113. . 31. . .
.
(. , . 426 - 427).
. ,
1784. 1798
.
,
,
.
.
. .
1801 .
,
, .

,
, .

.
, ,
.

. 114. . 14. , ...


. .
) . ,
,
.
.
,
.
, 1800, 1801
1802. , ,
, 1821,
.
. 118. . 6 .. ...
.... :

.
,
, .
.
.
. .
. ,
,
, ,
.
,
,
,
.
, ,
1) 2)
3)

4)
, , 5)
15 ,
6)
.

,
.
,
, , ,
.
. 118.
.

( - ).

. 121. ( ).
, .
. ,

,
.
. 122. . 2 1 -2 9 .
. ,

,
. ,
, .
.
,
, .
,
.
. 130. , ,
. .
,
.
. 147. . 23. 3.30.
.
, ,
,
,
.

.

. 12
.
.
( ,
. , . 390):
,
.
, ,
.
,
,
.



,
.
. 147. . 26.
, ,
:
, ,
.
.



.

. ,
. 231
.
. 149. . 3 ..
.


.
,
,

.

.
,
. 28 . ,
, . 22
,
30 1805. .

, ,
.
. 155. . 2 .. ,
,
.
.
,
.
. ,


,
.
23
.

.
, .
.
1801
.
1802, .
. 1801 1802
,

23 1802. . (
1968 . 63 - 64) : 23 1802
, ,
, .
, .
, , ,
. ,
.
. ,
, ,
, ,
.

(. . ) . 444 - 454.

.
19 1801, .
28
1802. (. .) .
115 - 125.
:
,
,

,
, ,
15 , 1.500 , 9.000 ,
100.000 , ,
.
,
,
, ,
,

, ,

.

,

, .
,
,
,
,
30
1799 ,
, ,

.

9 1800
,
, .
, ,
,
,
.
, , ,
,
,

, ,
,
,
,
. .
, ,
,
,
, ,
8 , 10,

,
96 , ,
.
, ,
, .

, ,
,
. ,
, ,

, ,
, , , ,
, ,
.

, ,
,
,
, .

, ,
.
()
,
,


, ,

,
.
, , ,
, ,
,
30 6 ,
.
,
, 346 7 .

:

, .
, ,

,
,

.
,
, .

, ,
.

,
.
, ,

, , . ,
,

,
,
, .
, ,

.
,
.
, .

, ,
160 .
, , ;
; , ,
.

; .
.


,
, ,
,
.

, 4 1801,
.
. 185. . 36.
, ,
, ,
.
,
,
. .
. 18
.
. 210. 1
1802 .
, . , ,
, ,
, ,
, , ,
, , .
, ,
, .

, A .:
. 1908.
, .:
. . 9
. . . . . . . 1971.
, .:
. 1917.
, .: 1463 1964.
. . V. 1955.
, E . : 1803 22.
. 1958.

, .: . .
. . 12. 1965.

, .:
, , 1938.
, .:
: 1959.

I . .

, .:
, 1967.
. .: I. ,
. 11 12, 1932.
, E . : ,
. , 1957.
, .: I. I.
, 1915.



() 152,
153.
. . 3.
3, 20, 21, 25, 26, 28, 29, 33,
40, 48, 52, 54, 56, 58, 62, 64, 65,
66, 71, 73, 75, 77.

16.

(
) 125, 130, 134, 150, 151,
154, 155.
35, 43, 44, 58, 59, 63, 64,

3, 4, 60, 1 7 1 , 1 7 2 , 173,
19 3 , 194, 198, 199, 203, 218, 219,

27.
26, 32, 48, 50.

()
233, 236, 240, 281, 285, 286, 289.
()
233, 237, 240.
13, 51, 53.
9.
49.
14, 16, 17, 20, 21.
30, 48, 76.
, , 59.
41, 76, 78, 79.
26.
9, 32, 35, 43, 45, 46, 66,
79.
7, 9, 20, 21, 22, 27, 28, 30, 48,
49, 50, 51, 61, 63, 67, 74, 75, 76,
77, 78, 79, 81, 82.
9.
275, 287, 291.
( ) 90.
() 271,
272.
33, 45, 59, 69.
287, 290.
10.
37.
9, 68.
4.
4, 5, 6, 7, 8, 14, 17, 25,
26, 33, 72.
3.
34.
3.
3, 38, 66.
275.
39, 40.
81.
160, 167.

220 .

( )
243.
286, 289.
53, 80.
1, 4.
5, 52.
268.
52.
39.

(
) 1, 2, 4, 6, 8, 15, 19, 3,
132, 138, 145, 183, 185, 242, 275,
288, 291, 295.
4, 5, 42, 52, 53, 57, 62,
67, 69, 295.
288, 291.
40, 49, 66, 79.
47, 72.
41.
108, 120, 141, 148,
172, 173.
88, 95, 99.
73, 75.
12.
155, 157, 160, 162, 164, 167.
56.
16.
88, 94, 95, 96, 98, 100,
101, 105, 109, 112, 116, 120, 124,
128,
129, 134, 136, 137, 138, 139,
142, 143, 144, 145, 146, 150, 151,
152, 154, 155, 169, 170, 175, 179,
193, 194, 204, 208, 209, 210, 214.

()
233.
9, 10, 16, 17, 18, 20, 25, 26,
32, 33, 40, 47, 48, 50, 58, 59, 64,
65, 69, 73, 74, 75, 77, 80, 81.
46, 47, 48, 49, 50, 63, 66.
17, 32, 48, 50.
155, 157, 180, 162, 164, 167, 243.
. 4.

68

B ath u rst 56, 57, 58, 60.


B uffier 288,291.
( ) 243.
36, 37, 38, 39, 61.

19, 20, 21, 25, 27, 28, 33, 39,


46, 48, 54, 57, 61, 63, 64, 65, 80,
225.
276.
83.
33, 46, 47, 54, 57, 58, 59, 82.
32, 35.

()
258, 262, 270, 272, 281, 285.
108, 119.
269.
69, 75.
38.
( ) 3, 68.
Chaumont 19, 47.
8.
58.
58.
172, 173, 199, 203.
54, 55, 56.
235, 236, 238,
239.

110,
121, 129, 135, 137, 144, 150, 151.
. . 2.
. 41.
. () 233.
26.
13, 14, 15, 16, 17, 18, 19,
21, 28, 30, 59, 79, 80.
5, 23, 29, 43, 62, 66, 67,
70, 75, 80, 81.
79.
243.
3, 4, 6, 51, 52. 53, 54,
81, 90, 295.
4, 5, 80, 87,
89,
183, 185, 223, 231, 274.
7.
8.
23.
22, 33.
9, 11, 31, 34, 63, 66, 67,
79, 81.

20,
69,

56,
88,

3, 5, 52, 57, 61.

H ochberg 48.
H um bsk e Tim oni ( )
188, 190, 207, 213.
() 94, 98,
118,
140, 147.
295.
89, 90.
275.


173, 178, 182, 188, 190, 227,
236, 240.
. 90, 225,
9, 10.
275.

4, 60, 87, 104, 111, 114.


122, 126, 131, 169, 170, 187, 188,
190, 192, 198, 203, 208, 214, 275.
159, 165.
16, 17, 18, 19.
281, 285, 286, 289.
. 61.
15, 17, 18, 20, 21.
() 274, 281.
275.

172,
233,
226.

66
22.
240, 241, 242,
249, 250, 252, 255, 256, 259, 263,
264, 267, 270, 271, 294.

( )
240, 241.
66.
36, 87, 1 0 1 , 153, 155, 156, 157,
158, 159, 160, 161, 162, 163, 164,
165, 166, 167, 168, 172, 173, 193,
199, 203, 218, 219, 220, 243, 275.
8.
3, 20, 23, 29, 41, 42, 43,
57, 58, 223, 224, 295.
30, 88, 89, 225.
90.
39, 40, 49, 50, 59, 63, 65, 72,
80.
47, 50, 51, 82, 224, 245.
. 32.
275, 295.
Jenkinson ,
56.

70,

107,

40.
.37.
39.
46, 59.
158, 159, 160, 165, 166,
167.
60, 61.
24.
67.
() 141, 149.
3, 87,
94, 98.
50.
81, 83, 87, 89,
90, 91, 96, 101, 105, 111, 115, 123,

124, 127, 129, 132, 135, 137, 138,


142, 144, 145, 146, 150, 151, 152,
153, 154, 155, 162, 169, 170, 171,
172, 173, 178, 182, 184, 186, 188,
190, 194, 195, 199, 204, 210, 219,
220, 223, 224, 225, 226, 227, 230,
231, 234, 236, 239, 241, 242, 243,
247, 248, 251, 253, 254, 255, 256,
258, 259, 262, 264, 266, 269, 270,
271, 274, 275, 277, 278, 286, 287,
288, 289, 291, 292, 293, 294, 295.
()
257, 262, 270, 272.
10, 60.
45, 46, 59.
39, 46, 47, 58.
42.
48.
293.
( ) 248.
24, 25, 29, 30, 47, 48, 49,
54, 56, 57, 58, 65, 73, 74, 223, 224,
230.
(
) 243.
136, 143.
4.
55.
82, 87, 101, 111, 123, 142,
150, 151, 152, 154, 155, 157, 162,
164, 169, 178, 182, 187, 188, 190,
193, 194, 198, 199, 203, 207, 213,
227, 240, 241, 243, 244, 251, 252,
253, 255, 256, 259, 260, 263, 265,
272, 275, 276, 286, 287, 290, 291,
294.
87, 88, 93, 95, 97, 99,
102, 103, 105, 111, 113, 114, 116,
122, 127, 128, 129, 132, 133, 134,
135, 142, 150, 154, 155, 169, 170,
172, 173, 178, 182, 183, 185, 186,
187, 188, 189, 190, 192, 193, 194,
195, 197, 199, 201, 202, 204, 210,
217, 218, 219, 227, 243, 275, 295.
288, 291.
45, 63, 66, 69.

(
) 147.
49.
( ) (
) 103, 114, 141.
.
( )
262.
58.
275.
288, 291.
. 54.


()
258, 262, 270, 272.
10.

8.


()
233,
237, 240.

()
236, 240.
8.
80.
87, 243, 275.
249, 252, 271.
3, 4, 9, 32, 33,
41, 66, 68, 69, 74, 75, 76, 87, 207,
213.
108, 119.
( ) 243.
66.
) 268.
I, 2.
13.
59, 65, 66, 67, 68, 71.
11, 12, 16.
. 14, 15, 16, 17,
64, 65, 74.
4, 87, 243, 275, 295.
275.
88 , 93, 94, 97, 98, 109,
120, 123, 124, 127, 132, 136,
138, 143, 144, 145, 154, 171,
173, 175, 179, 197, 201, 204,
208, 209, 210, 213, 214, 215,
243.
102, 109, 110, 112, 120,
123, 124, 127, 132, 138, 145,
148, 208, 209, 214, 215.
. 25, 57, 76.
9.
39.
188, 190, 197, 202.
51.
54,56, 58, 75, 76.
31, 54.
. 4, 89, 90.
( ) 94,
10.

18,

110,
137,
172,
207,
216,
121,
147,

98.

40, 49.
12.
. 51, 52, 53, 54, 57, 60,
81, 82.
() 258,
262, 281, 285, 286, 289.
61.
281, 285, 289.
() 141, 148, 175,
179, 206, 212.
80, 90.
. 45.
293.
) 90.
55, 56.

287, 291.
20.
. 177, 178, 181, 182,
188, 1 90, 192, 193, 194, 196, 198,
200, 203, 204, 210.
80.
160, 167.
128, 134, 149.
103, 104, 105, 106,
107, 108, 111, 113, 114, 115, 116,
117,
118, 119,
122, 124,
126,
127, 128, 131, 132, 141, 187, 188,
208, 214.
141, 149.
110,
121.

233.
237, 240.
15, 16, 18, 24, 26, 29, 47,
49, 55, 65, 74, 75, 76, 77, 81, 82.
30, 31, 33, 45, 59, 66, 69.
16, 50.
281, 286, 289.
288, 291.
() 94, 98.
276.
35, 39, 41, 42, 43, 44, 46.
4, 225, 227, 229,
230, 231, 232, 245, 246, 250, 253,
287, 290.
293, 294, 295.
. () 233.
10.
. 9, 10.
() 207, 213.
. 6.
6.
4.
26.
21.
44, 53.
175, 179, 207, 213.
42, 43.
Mirepoix de Levis E. 13.
( ) 26, 33,
61, 295.
()
233, 236, 240.
4, 42, 43, 51, 53, 55, 56, 63,
64, 65, 80.
12, 21, 28, 30,
31, 32, 35, 68, 72, 75, 76, 77, 78,
79.
8.
( )
1, 2 .

258, 262.
N ugent 43.

()

11, 60.
36, 38, 41, 42, 45, 46, 66,
69.
275.
155, 157, 160, 162, 164, 167.
156, 162.
50.
27, 49, 50, 54, 56.
3, 225.
235,
236, 238, 239, 241, 247, 254, 255,
256, 259, 263, 264, 267, 294.
() 258,
262.
() 282,
285.
(
) 235, 236, 238,
295.
110, 121, 256, 257.
45.
87, 100, 152, 153, 243, 275.
() 233,
237, 240.
. . 3.
. 41.
3, 51, 52, 53, 57.
27, 28, 29, 30, 35, 70, 76, 78.
275.
65.
255, 256, 259, 263,
264, 267, 287, 291, 294.
5, 52, 61, 68.
241, 242, 250,
252,
259, 262, 267, 270, 271, 294.
60, 61, 63.
1, 6, 7, 8, 28, 29, 30, 31,
35, 36, 37, 39, 41, 46, 49, 59, 61,
68, 76, 79.
24.
38.

()
93, 97, 100, 105, 106, 115, 117, 125,
129,
130, 134, 140, 147, 151, 152.
223.
( ) 108,
119.
108, 120, 141,
148.
270, 272, 281,
285.
226.
293.
63.
25, 26, 43.
288, 291.
40.
3.

137, 144.

45, 70.
20, 24, 25, 26, 50, 58, 64,
73, 76.
(
) 258, 262, 271, 272, 281,
285, 286, 289.
Poggi, Luigi 207, 213.
Prokesch Osten 68, 74.
3.
. 26, 29.
I. 16.
10.
4.
53.
24.
13.
- - - 39, 40.
61.
() 102, 112.
() 103,
108, 110, 114, 119, 121.
) 158,
159, 165, 166.
. 6, 7.
293.
51, 65.
2, 4, 5, 6, 9. 10, 20, 22, 23,
24, 25, 26, 30, 33, 34, 35, 38, 39, 40,
43, 45, 47, 48, 52, 53, 54, 55, 58,
60, 61, 62, 64, 69, 70, 71, 73, 74,
75, 79, 80, 81, 82, 83, 274, 275.
16, 43.
. 16.
8, 10, 33, 35, 60.
42, 43.
(
) 256, 257, 258, 262, 271, 272.
87, 88,
96, 101, 110, 121, 129, 135.
281, 285.
42.
162, 169.

(
) 236, 240.
41.
8.
288, 291.
() 89,
169,
170, 193, 194, 195.
3, 53, 62.
233, 237, 240,
49.
18.
() 258,
262, 270, 272, 281, 285, 286, 289.
7, 8, 30.
89, 92.

30, 32, 39, 54.


22, 33, 34, 35, 39, 41, 42,
46, 53, 60, 63, 66, 67, 68, 69, 75.
65.
IT . 40, 50, 76, 77, 78.
( ) 225, 248, 250, 251,
253, 256, 257, 259, 260, 261, 262,
264, 265, 266, 269, 271, 272, 276,
278, 286, 287, 289, 290, 291, 293,
295.
1, 67, 68, 126, 131.
276.
286, 287, 288,
289, 290, 292.
237, 240.
(
) 156, 163, 197, 202.
4, 5.
76.
51.
4, 16.
32, 70, 72, 75, 79.
59, 64, 65, 66, 68, 71.
233
. 55.
II. 8, 9, 33.
270, 272.
() 258,
262, 271, 272, 281, 285, 286, 289.
Tailleyrand 26.
Troyes 19, 20.

67, 69.

61,

66,

Vaud 16.
65.
() 136, 143.
158, 165.
() 281, 285, 286,
289, 290.
30.
16.
249, 251.
() 78, 82.
12, 16, 18, 32, 48.
17.
139, 140, 147, 208,
214.
( ) 146,
147.
16.

(
) 258, 262, 270, 272, 281, 285.

. ()
233, 236, 240.
236, 240.
187, 188, 190,
192, 270, 272.
. 24.
80.

126, 131, 187, 188.


268.
41.
) 126, 132.
141, 148.
80.

:
,

, 5 , . 32.13.330


:
, O .E ., . 2,
, . 631.146

. :

..............................................................................

. . : .........................................................................

...................................................................................

.....................................................................................................................

1-

3 - 83

...................................................................................

. 8 7 - 89

. :

9 0 - 92

............................................................................................................

93 - 220

...

..................................................................................

. 223 - 226

.....................................................................................................................

227 - 295

......................................................

. 297 - 314

........................................................................................................

316-320

..................................................................................................

321