You are on page 1of 364

COMMENTARIO TEOLOGICO

DEL NUOVO TEST AMENTO

COMMENTARIO TEOLOGICO
DEL NUOVO TEST AMENTO

Collana internazionale pubblicata in lingua italiana,


francese, inglese, tedesca e spagnola

A CURA

DI

Serafin de Ausejo, Lucien Cerfaux, Joseph Fitzmeyr,


Bda Rigaux, Rudo!f Sehnaekenburg, Anton Vogtle
Segretari per l'Italia: G. Scarpat e O. Soffritti
EDITORI

Paideia Editrice, Brescia


Les ditions du Cerf, Paris
. Herder and Herder, New York
Verlag Herder, Freiburg, Base!, Wien
Editoria! Herder, Baredona

La lettera ai Romani
Testo greco e traduzione
Commento di HEINRICH SCHLIER
Traduzione italiana di R. FAVERO e G. TORTI
Edizione italiana a cura di

OMBRO SOFFRITTI

PAIDEIA EDITRICE BRESCIA

r
Titolo originale dell'opera:
Der Romerbriel
Kommentar von Heinrich Schlier .
Traduz. ital. di Roberto Favero e Giovanni Toni
Revisione di Omero Soffritti

ALLE ILLUSTRI
FACOLTA TEOLOGICHE
DELLE UNIVERSIT A
DI INNSBRUCK E DI SALISBURGO
IN SEGNO DI GRATITUDINE
PER LE LAUREE
HONORIS CAUSA

lA traduzzone del lesto biblico di propriet della Casa Paideil1


Ogni riproduzione vietata e sar perseguita (J norma di legge

Verlag Herder, Freiburg im Breisgau


Paideia Editrice, Brescia 1982

1977. !1979

PREMESSA

Non v' dubbio che la lettera indirizzata dall'apostolo Paolo


alla lontana e non sua comunit di Roma appartiene agii scritti
pi difficili del Nuovo Testamento. Basti pensare alla sua forma, al suo stile, ai suoi concetti e, tutto sommato, ai suoi contenuti teologici. gi un segno di tanta difficolt la sterminata
bibliografia esistente sull'intera lettera e su singole parti di essa. Mi sia quindi consentito riportare solo una scelta di questa
bibliografia ed esporre quel che ho direttamente appreso dal
testo. Potr sembrare questo un procedimento soggettivo, ma,
a ben vedere, si tratta della soggettivit che inerisce a qual
siasi incontro.
Alla Casa Editrice Herder debbo un ringraziamento per la
sua grande pazienza e per l'assidua premura che mi ha consentito di giungere alla pubblicazione di questo lavoro.
HEINRICH SCHLIER

Bonn, inverno 1976/77.

TESTI E BIBLIOGRAFIA

A. Commentari (scelta)*
Schelkle K.H., Paulus Lehrer der Viiter. Die altkirchliche Auslegung
von Romer 1-II, Diisseldorf I 9 56.
Pseudo-Ambrosius (Ambrosiaster), PL XVll, 1879.
Tommaso d'Aquino, In omnes S. Pauli Apostoli Epistolas Commenta
rius, ed. II, Torino I9I7, voI.

I.

Luther M., Vorlesung aber den Romerbrief 1515/16, ed. da J. Ficker,


Anliinge relormatorischer Bibelauslegung I, Leipzig 'I925; trad.
tedesca di E. Ellwein, 'I957.
CalvinJ., In omnes Novi Testamenti Epistolas Commentar;; I, Corpus
Relormatorum 77, Braunschweig 1892.
-, In omnes Novi Testamenti Epistolas commentarii I, ed. A. Tholuk,
Gotha 'I834.
Bengel].A., Gnomon Novi Teslamenti, Tiibingen '773, ed. da P. Steudel, Stuttgatt 'I915.
Miihler J.A., Commentar zum Briel an die Romer, ed. da Fr.x. Reithmeyer, Regensburg 1845, ristampa 1968.
De Wette V.M.L., Kurze Erkliirung des Brieles an die Romer, Leipzig
' I8 47.
Estius G., In omnes D. Pauli Epistolas item in Catholicas Commentarii,
curavit J. Holzammer, voI. I, Paris r858.
Delitzsch F., Paulus des Apostels Briel an die Romer, Leipzig 1870.
Vilmar A.F.Chr., Praktische Erkliirung des Neuen Testaments v, Matburg-Leipzig 188o.
Bisping A., Erkliirung des Brieles an die Romer (Exegetisches Handbuch zu den Briefen des Apostels Paulus), Miinster 1883.
Beck].T., Erkliirung de, Brieles an die Romer, ed. da]. Lindenmeyer,
Giitersloh 1884.
Godet F., Kommentar zu dem Briel un die Romer l/II, Hannover
1892/93
Cornely R., Commentarius in S. Pauli Apostoli Epistolas I, Pari, 1896.
Weiss B., Der Briel un die Romer, Giittingen 'I899.

*I

commentari vengono citati col solo nome dell'autore.

12

i!

Il

Il

Testi e bibliografia

Sanday W. - Headlam A.C, The Epistle to ;he Ro~ans (The International CriticaI Commentary), Edmburgh '902, rIstampa '954.
Kiihl E. Der Brief des Paulus an die Romer, Leipzig '9'3.
Barth K:, Der Romerbrief, ," ed., Miinchen '9"9, rist. '963 (Barth I).
-, Der Romerbrief, ed. 2:1 e SS., Miinchen 1922 e SS. (Barth II).
-, Kurze Erkliirung des Romerbriefs, Miinchen 'I959 (Barth III).
Zahn Th., Der Briel des Paulus an die Romer, Leipzig "9 2 5.
Bardenhewer O., Der Romerbrief des Heiligen Paulus, Freihurg i.Br.
I9 26 .
Haering Th., Der Romerbrief des Apostels Paulus, Stuttgart I9 26 .
Gutjahr F.S., Der Briel an die Romer I-II, Graz e Wien "923, I9 2 7.
Sickenberger L Die Briefe des Heiligen Paulus an die Korinther und
Romer (= Die heiligen Schrilten des Neuen Testaments, ed. da F.
Tillmann, VI), Bonn 'I932.
Lietzmann H., An die Romer (Handbuch zum Neuen Testament 8),
Tiibingen 'I933.
_
Schlatter A., Galles Gerechtigkeit, Stuttgart "935, 'I959.
Dodd CH., The Epislle 01 Paul lo Ibe Romans (The Molfat N.T. commentary), London 11 1941 , ristampa 1959.

Lagrange M.J., Sainl Paul, pitre aux Romains, Paris "95 0 .


Kiirzinger L Der Brief an die Romer (Echter Bibel), Wiirzburg "95 1 .
Asmussen H., Der Romerbrief, Stuttgart "95 2
Gaugler E., Der Brief an die Romer I-II, Ziirich I95B e "95 2 .
Huby J. - Lyonnet St., Saint Paul, pilre aux Romains (Verbum Salutis
x), Paris 1957.
Barrett C.K., A Commentary on Ihe Epistle to Ihe Romans (Black's
New Testament Comm., ed. G.H. Chadwick 6), London "957.
Leenhardt F.L L'pilre de Saint Paul aux Romains (Commentaires du
Nouveau Testament VI), Neuch&tel "957.
Nygren A., Der Romerbriel, Gi:ittingen 'I959.
Ridderbos H., Aan de Romeinen (CommentaBr op het Nieuwe Testament), Kampen 1959.
KussO., Der Romerbrie! I-II (sino a Rom. B,9), Regensburg "957,
1959
Murray J., The Epislle to Ihe Romans, London I9 60 .
Boot W. de, Der Brie! an die Romer erkliirt, Wuppertal 19 62 .
Schelkle K.H., Medilationen iiber den Romerbriel, Einsiedeln 19 62 .
Schmidt H.W., Der Brie! des Paulus an die Romer (Theologischer
Handkommentar zum Neuen Testament VI), Berlin 1962.
Taylor V., The Epistle lo Ihe Romans, London 'I9 62 .
Michel O., Der Briel an die Romer (Krit. exeg. Kommentar uber das
Neue TesIament), GOttingen 121963.
Best E., The Letter 01 Paul lo Ihe Romans (The Cambridge Bible Commentary), Cambridge-London 1967.

Testi e bibliografia

"3

Bauls R. L'vangile puissance de Dieu (Lectio Divina 53), Pari. 196B.


Bruce F.F., The Epistle 01 Paul lO Ihe Romans, Grand Rapids '1969.
Althaus P., Der Briel an die Romer (Das Neue Testament Deutsch 6),
GOttingen "'970.
Kasemann E., An die Romer (Handbuch zum Neuen Testament Ba),
Tiibingen '1974.
Grosche R., Kommenlar zum Romerbrief, Werl '975.
B. Studi e opere utili all'interpretazione della lettera ai Romani"
A1thaus P., Paulus und Lulher iiber den Menschen, Giitersloh '195B.
Amiol F., Die Theologie des Heiligen Paulus, Freiburg LBr. - London
19 62 .
.
Andersen W. Ihy seid zur Freiheil berulen. Geselz und Evangel,um
nach bibli;chem Versliindnis (Biblische Studien 41), Neukirchen
19 64.
.
.'
-, Der Geselzesbegriff in der gegenwiirligen Iheologtschen Dtskusswn
(Theologische Existenz heute 1OB), Munchen 1963.
Asting R., Die Heiligkeil im Urchrislenlum, Gi:ittingen 1930.
-, Die Verkiindigung des Worles im Urchrislenlum, Stuttgart ~~39 ..
Bacher W., Die exegelische Terminologie der ;iidischen Trad'lwnsltleralur I, Leipzig 1B99.
-, Die Agada der Tannailen, Strassburg '903.
. .
Balz H.R., Heilsverlrauen und Wellerlahrung. Strukluren der paultmschen Eschalologie nach Romer 8,18-39, Munchen I97I.
BarrettCK., Die Umwell des Neuen Teslamenls. Ausgewiihlte Texle,
hrsg. und ubersetzt von C. Colpe, Tiibingen 1959.
-, From fi"l Adam lo lasl. A Sludy in Pauline Theology, London 1962.
-, Reading Ihrough Romans, London 1963.
Bauer ].B., Bibellheologisches Worterbuch I-II, Graz 'I962.
Bauer W. Griechisch-deulsches Worlerbuch ZU dm Sch"llen des Ne~
en Te;lamenls und der iibrigen urchrisllichen Lileratur, Berltn
'195 B.
.
Bauer K.A., Leiblichkeil das Ende der Werke Gottes. Dte Bedeulung
der Leiblichkeil des Menschen bei Paulus, Gutersloh '97I.
Baumgarten L Paulus und die ApokalYPlik (WMANT 44), Neukirchen
I975
. .
Becker J., Das Heil Gottes. Heils- und Siindenbeg"ff In den Qumranlexlen und im Neuen Teslamenl (Studien zur Umwelt des Neuen Testaments 3), Gi:ittingen 1964.
Bertrams H., Das Wesen des Geisles nach der Anschauung des Aposlels Paulus, Miinster 19I3.

* La presente bibliografia viene citata col nome dell'autore e abbreviazione del ti


tolo. Altri studi sono citati nelle note (1a prima volta per intero).

'4

Testi e bibliografia

Beyer K., Semitische Syntax im Neuen Testament I, Gi::ittingen 1962.


Biard P., La Puissanee de Dieu (Travaux de l'Institut Catholique de
Paris 7), Paris 1960.
Binder H., Der Glaube bei Paulus, Berlin 1968.
Bizer E., Fides ex auditu, Neukirchen '196I.
Bjerkelund C.J., Parakalo, OsIo 1967.
Bliiser P., Das Gesetz bei Paulus, Miinster 194I.
Blass Fr. - Debrunner A., Grammatik des neutestamentliehen Grieehiseh (Ergiinzungsheft von David Tabachovitz), Gottingen "1965.
Bonsirven]., Exgse rabbinique et ex.gse Paulinienne, Paris 1939.
-, L'vangile de Paul (Thologie 12), Paris 1948.
Bormann P., Die Heilswirksamkeit der Verkiindigung nach dem Apostel Paulus, Paderborn 1965.
.
Bornkamm G., Das Ende des Gesetzes, Miinchen 1952.
-, Studien zu Antike und Christentum. Gesammelte Aulsatze II, Miinchen 1959.
-, Geschichte und Glaube 1. Gesammelte Aulsatze III, Miinchen 1968.
-, Geschiehte und Glaube II. Gesammelte Aulsatze IV, Miinchen 197I.
-, Paulus, Stuttgart 1969.
Bousset W., Kyrios Christos, Gottingen 21921.
Bousset W. - Gressmann H., Die Religion des fudentums im spathellenhtischen Zeitalter, Berlin '1926.
Brandenburger E., Adam und Christus, Neukirchen 1962.
-, Fleisch und Geist, Neukirchen 1968.
Braumann G., Varpaulinische christliche Taulverkiindigung (BWANT
2), Stuttgart 1962.
Braun H., Gerichtsgedanke und Reehtlertigungslehre bei Paulus, Leipzig 1930.
-, Qumran und das Neue Testament I-II, Tiibingen 1966.
Bring R., Christus und das Gesetz, Leiden 1969.
Bultmann R., Der Sti! der paulinischen Predigt und die kynisch-stoisehe
Diatribe, GOttingen 1910.
-, Geschiehte und Esehatalogie, Tiibingen '196t.
-, Theologie des Neuen Testaments, Tiibingen 1965.
Bussmann C., Thesen der paulinischen Missionspredigt aul dem Hin
tergrund jiidisch-hellenistischer Missionsliteratur, Bern-Frankfurtj
Main 197I.
Cambier J., L'vangile de Dieu selon l'pltre aux Romains I, Briigge
196 7.
-, Le Chrtien dans la Tbologie Paulinienne, Paris 1962.
-, La Thologie de l'glise suivant Saint Paul, Paris 1965.
Charles R.H., The Apocrypha and Pseudepigrapha 01 the Old Testament I-II, Oxford '9'3.
ConzelmannH., Grundriss der Theologie des N.T., Miinchen 1967:

Testi e bibliografia

15

Cremer H., Die paulinische Rechtlertigungslehre im Zusammenhang


ihrer geschichtlichen Voraussetzungen, Giitersloh '1900.
Cremer H. - Kogel J., Biblisch-theologisches Worterbuch der neutestamentlichen Grazitiit, Gotha "1923.
Cullmann O., Die ersten christlichen Glaubensbekenntnisse, ZollikonZiirich 1943.
-, Die Christologie des Neuen Testaments, Tiibingen 1957
-, Christus und die Zeit. Die urchristliche Zeit- und Geschichtsaulfassung, Zollikon-Ziirich '1962.
-, Heil al, Geschichte. Hei!sgeschichtl. Existenz im Neuen Testament,
Tiibingen 1965.
DahIN.A., Das Volk Gottes. Eine Unterluchung zum Kirchenbewusstsein des Urcbristentum, OsIo 194I,.ristampa 1963.
Daube D., The New Testament and Rabbinie Judaism, London 1956.
Davies W.D., Paul and Rabbinic Judaism. Some Rabbinie Elements in
Pauline Theology, London '1955.
DehnG., Vom ehristlichen Leben. Auslegung des 12. und 13. Kapitels
des Brieles an die Romer (Biblische Studien 6), Neukirchen 1954.
Deichgriiber R., Gotteshymnus und Christushymnus in der friihen Christenheit, Gottingen 1967.
DeissmannA., Lieht vom Osten, Tiibingen '1923.
-, Bibelstudien, Marburg 1895.
DellingG., Der Gottesdienst im Neuen Testament, Berlin 1952.
-, Zeit und Endzeit, Neukirchen 1970:
Dibelius M. - Kiimmel W.G., Paulus, Berlin '1964.
Dietzfelbinger Chr., Paulus und das Alte Testament, Miinchen 1961.
-, Heilsgeschichte bei Paulus?, Miinchen 1965.
Dittenberger W., Sylloge Inscriptionum Graecarum I-IV, Leipzig-HiIdesheim '1960.
Dodd C.H., The Apostolic Preaehing and itI Development, London
195I.
-, Das Gesetl der Freiheit, Miinchen 1960.
-, Gospel and Law, London '1952.
Diilmen A. van, Die Theologie des Gesetles bei Paulus, Stuttgart 1968.
Dupont J., Gnosis, Louvain-Paris 1949.
-, :!:v Xp''''I'i;i, L'union avee le Christ selon St. P. I, Briissel-Paris 1952.
-, La rconeiliation dons la thologie de saint Paul, Paris 1953.
Eichholz G., Die Theologie des Paulus, Neukirchen 1972.
Ellis E.E., Paul's Use 01 the Old Testament, London 1957.
EltesterF.W., Eikon im Neuen Testament, Berlin 1957.
Feine P., Der Romerbrief. Eine exegetische Studie, Gottingen 1903.
FilsonF.V., St. Pau!'s Conception 01 Reeompense, Leipzig 1931.
Fraine J. de, Adam und seine Nachkommen. Der Begrilf der 'korporativen Personlichkeit' in der Heiligen Schrilt, Koln 1962.

16

resti e bibliografia

Frankernolle H., Das Taufverstiindnis des Paulus, Taufe, Tod und Auferstehung naeh Rom 6, Stuttgart 1970.
Freundorfer J., Erbsunde und Erbtod beim Apostel Paulus (Neutesta.
mentliehe Abhandlungen I2), Milnster 1927.
Fuehs E., Christus und der Geist bei Paulus, Leipzig 1932.
-, Die Freiheit des Glaubens. Romer 5-8 ausgelegt, Miinehen '949.
Galley K., Altes und neues Heilsgesehehen bei Paulus, Stuttgart 1965.
GaurnannN., Taufe und Ethik, Milnehen 1967.
Gnilka J., Die Verstoekung lsraels, Milnehen 1961.
Goppelt L., Typos, Giltersloh 1939, ristampa '973.
GrabnerHaider A., Paraklese und Erehatologie bei Paulus, Milnstel'
19 68 .
Greeven H., Gebet und Erehatologie im Neuen Testament, Giltel'sloh
'93 1 .
Grelot P., Peh originel et rdemption partir de l'pitre al/x Romains, Paris 1973Grundmann W., Der Begriff der Kralt in der ntl. Gedankenwelt, Stutt
gart 1932.
-, Der Romerbriel des Apostels Paulus und seine Auslegung dureh M.
Luther, Weima, 1964.
Gutbrod W., Die paulinisehe Anthropologie, Stuttgart 1934.
Haas O., Paulus der Missionar (Miinstersehwarzaeher Studien II),
Miinsterschwarzach I97I.
Haring Th., LlIKAIO~YNH 9EOY bei Paulus, Tiibingen 1896.
Hahn F., Christologisehe Hoheitstitel, Gottingen 1963.
-, Das Verstandnis der Mission im N.T., Neukirehen 1963.
Hahn W.T., Das Mitsterben und Mitaufentehen mit Christus bei Paulus, Giltersloh 1937.
Hainz J., Ekklesia (Milnehener Universit.tssehriften, Kath. TheoI. Fakultat), Miinehen 1972.
Hanson St., The Unity 01 the Chureh in the New Testament, London
1946 .
HarderG., Paulus und das Gebet, Giitersloh 1936.
Harnaek A. von, Marcion, Leipzig '1924.
Harniseh W., Verhangnis und Verheissung der Gesehiehte, Gottingen
19 6 9.
Hateh E .. Redpath H., A Coneordanee to the Septuaginl l-III, Oxford
18 97/19 06 .
Haufe c., Die sittliehe Reehtfertigungslehre bei Paulus, Halle I957.
HegermannH., Die Vorstellung vom Sehopfungsmittler im hellenisti
sehen ludentum uod Urehristentum, Berlin I961.
Heidland H.W., Die Anreehnung des Glaubens zur Gereehtigkeit. Untersuehungen zur Begriffsgesehichte von h.b und .oyO;EO"lct" Stultgart '936.
.

Testi e bibliogra{vJ

I7

Hengel M., ludentum und Hellenismus, Tilbingen I969.


-, DerSohn Gottes, Tiibingen 1975.
Hennecke E., Neutestamentliehe Apokryphen in dea/seher bersettung
Hl, hrsg. von W. Schneemelcher, Tilbingen "959, I964.
Hermann L, Kyrios und Pneuma, Miinchen 1961.
HeroldG., 20m und Gereehtigkeit Gottes bei PauluL P.ine Untersuchung zu Rom r,r6-r8, Zilrieh 1973.
Hoppe Th., Die Idee det" Heilsgeschiehte bei Paulas mi! besonderer
Berucksiehtigung des Romerbriefes, Giltersloh I926.
Jeremias J., The Centrai Message 01 the New Testament, London '965.
Jervell J., Imago Dei. Gen r,261 im Spiit;udentum in der Gnosis und in
den paulinischen Brielen, Gottingen 1960.
.Torns KP., Das hymnische Evangelium, Studien zum NTj, Giltersloh
I97I.
Jilngel E., Paulus und lesas, Tilbingen "962.
Kasemann E., Leib und Leib Christi, Tilbingen I933.
-, Paulinisehe Perspektiven, Tiibingen 'I972.
Kamlah E., Die Form der katalogisehen Pariinese im Neuen Testament,
Tiibingen I964.
Kautzsch E., Die Apokryphen ultd Pseudepigrap;hen des Alten Testaments, Tiibingen I900, ristampa 192I.
Kertelge K., Reehtfertigung bei Paulus. Studien tur Struktur und zum
Bedeutungsgehalt des paulinisehen Rechtfertigungsbegriff,, Milnster
19 66.
Kittel G. - Friedrich G., TheologiJches W'orterbuch zum Neaen Testa
ment, Stuttgart I933 55.
Kittel H., Die Herrliehkeit Gottes. Studien zu Geschichle und Wesen
eines neutestamentUehen Begriffs, Giessen I934.
Knox W.L., St. Paul and the Church 01 the Gentiles, London '196r.
Kramer W., Christos, Kyrios, Gotlessohn, Ziirich 1963.
Kiimmel W.G., Einleitung in das Neue Testament, Heidelberg 17'973.
-, Die Theologie des Neuen Testaments naeh seinenHauptzeugen, Gottingen I969.
Kuhlmann G., Theologia naturalis bei Philo und Paulus, Giitersloh
'93
Kuss O., Paulus, Die Rolle des Apostels in der theologischen Entwick
lung der Urkirche, Regensburg '97I.
Liddell H.B. - Scott R., A Greek-English Lexicon, Oxford 1925 ss.
Ligier L., Pch d'Adam et Peh du Monde. Bible - Kippur - Eucharistie II, Gembloux.Paris 196r.
Limbeek M., Die Ordnung des Heils. Untersuchungen zum Gesetusverstandnis des Friih;udentums, Diisseldorf 1971.
Lindeskog G., Studien Zum neulestamentfichen Schoplungsgedanken,
Uppsala 1952.

18

Tesli e bibliografia

Ljungman H., Pistis. A Study 01 ils Presuppositions and its Meaning in


Pauline Vse, Lund 1964.
Lohmeyer E., Grundlagen paulinischer Theologie, Tiibingen 1929.
Lohse E., Die Texte aus Qumran, Darmstadt 1964.
Liihrmann D., Das OfJenbarungsverstiindnis bei Paulus und in den paulinischen Gemeinden, Neukirchen 1965.
Liitgert W., Der Romerbriel als historisches Problem (BfchrTh ]7),
Giilersloh '9'3.
Luz V., Das Geschichtsverstiindnis des Paulus, Miinchen 1968.
Lyonnet S., Quaestiones in Epistolam ad Romanos H], Roma '955,
195 6 .
-, Exegesis epistolae ad Romanos, Capuf VIII, Roma 1962.
-, Les tapes du myst,e du Salut se/on l'pitre aux Romains, Paris
196 9.
Maier F.W., lsrael in der Heilsgeschichte nach Romer 9-II (Biblische
Zeitfragen 12), MunSler '929.
Maier J., Die Texte vom Tolen Me., l-II, Miinchen 1960.
Marxsen W., Einleilung in das Neue Testament, Giitersloh '1964.
Mattem L., Das Verstiindnis des Gerichls bei Paulus, Zurich 1966.
Maurer Chr., Die Gesetzeslehre des Paulus nach ihrer Vrsprung und
ihrer Enllaltullg dargelegl, Ziirich 1941.
MeinertzM., Theologie des Neuen Testaments l-Il, Bonn '950.
Merk O., Handeln aus Glauben. Die Motivierung der Paulinischen
Etbik, Marburg 1968.
Meuzelaar J.]., Der Leib des Messias. Eine exegetische Studie iiber den
Gedanken vom Leib Christi in den Paulusbrielen, Assen 1961.
Michel O., Paulus und seine Bibel, Giitersloh '929.
Mittring K., Heilswirklichkeit bei Paulus, Giitersloh 1929.
MoUand E., Das paulinische Euangelion. Das Wort und die Sache,
OsIo '934.
Moore G.F., Judaism iII the first Centuries 01 the Christian Era I-III,
Cambridge '1954.
Moule C.F.D., An ldiom-Book 01 N.T. Greek, Cambridge '1968.
Moulton J.H. - Milligan G., The Vocabulary 01 tbe Greek Testantellt
illustraled Irom the Papyri and other nonliterary murces, London
'9 1 4- 2 9.
Mililer c., Gottes Gerechtigkeit und Gottes Vo!k, Gottingen 1964.
MiiUer E.F.K., Rechtlertigung und Heiligung, Neukirchen 1926.
MiiUer K., Anstoss und Gerichl. Eine Sludie tum jiidischen Hintergrund des paulinischen Skandal011begrifJs (StANT 19), Munchen
1969.
Munck]., Paulus und die Heilsgeschichte, Kopenhagen 1954.
-, Chrislus und lsrael. Eine Ausleglmg von Romer 9-11, Kopenhagen
195 6 .

Test; e bibliografia

19

Neugebauer F., In Chrislus, Gottingen 1961.


Nieder L., Die Molive der religios-sittlichen Pariinese in den paulinischen Gemeindebriefen, Miinchen 1956.
Niederwimmer K., Der Begriff der Freiheit im Neuen Te5lament, Berlin 1966.
Nock A.D., Paulus, Ziirich 1940.
Nock A.D. - Festugire A.L Corpus Hermeticum I ss., Paris 1945 ss.
Norden E., Agnoslos Theos. Vntersuchungen tur Formengeschichte
religioser Rede, Leipzig '1913, DarmSladt '1956.
Oepke A., Die Missionspredigt des Apostels Paulu.f, Leipzig 1920.
-, Das neue Gottesvolk in Schrilttum, Schauspiel, bildender Kunst und
Weltgestaltung, Giitersloh 1950.
Osten-Sacken P. von der, Romer 8 als Beispiel paulinischer SOleriologie,
Gottingen '975.
Paulsen H., Oberlielerung und Auslegung in Romer 8, Neukirchen
1974
Percy E., Der Leib Christi in den paulinischen Homologoumena und
Anlilegomena, Lund ] 942.
Peterson E., Die Kirche aus Juden und Heiden, Salzburg '933; Theologische Traktate, Miinchen '951.
Plister W., Das Leben 1m Geist nach Paulus, FribourgjSchweiz 1963.
Plag Chr., lsraels Wege tum Heil. Eine VnteY.fuchung zu Romer 9-II,
Stuttgart 1969.
Pluta A., Gotles Bundestreue. Ein SchliisselbegrifJ in Rom 3,25a, Stuttgart 1969.
Plutta-Messerschmidt E., Gerechtigkeit Gotles bei Paulus, Tilbingen
1973
PohlenzM., Vom Zorne Gotles, Gottingen '909.
-, Die Stoa Hl, Gottingen 1948, 1955-.
Popkes W., Chrislus tradilus, Ziirich 1967.
Prat F., La thologie de Saint PaulI-II, Paris '1961.
Preisigke F., Die Gotteskralt der Iriihchristlichen Zeit, Leipzig 1922.
Priimm K., Die Botschalt des Romerbrieles. lhr Aulbau und Gegenwartswert, Freiburg LBr. 1960.
.
Radermacher L., Neutestamentliche Grammatik, Tiibingen '1925.
RahJfs A., Septuaginta, Stuttgart '1952.
Ranft]., Der Vrsprung des katholischen Traditionsprinzips, W'urzburg
1931.
Rauer M., Die Schwachen in Korinth und Rom (Biblische Studien 2 l),
Neukirchen '923.
Reitzenstein R., Vie hellenistiJchen Mysterienreligionen, Leipzig 31927 ,
ristampa Darmstadt 1966.
!
Ridderhos H., Paulus. Eine Enlwurl seiner rheologie, Wuppertal '970.
Riedl J.. Das Heil der Heiden nach R 2,14-16-16,26.27, Modling 1965.

------------~-

Tefti e bibliografi(/,'

20

Riessler p" Alt;iidisches Schrifttum ausserhalb der Bibel, Augsburg


'9 28 ,
Rigaux B" Paulus und seine Briefe, Der Stand der Forschung, Miinchen
'9 6 4,

Rossler D" Gesetz und Geschichte, Untersuchungen zur Theologie der


;iidischen Apokalyptik und der, pharisiiischen Orthodoxie, Neukirchen 196o,
Roller O" Das Formular der paulinischen Briefe, Ein Beitrag zur, Leh,e
vom antiken Brief, Stuttgart '933,
RoIoff J., Apostolat-Verkiindigung-Kirche, Giitersloh '965,
Romaniuk K" L'amour du Pre et du Fils dans la sotriologie de saint
Paul (AnaIecta Biblica 15), Roma '96I.
Sand A" Der Begriff 'Fleisch' in den paulinischen Hauptbriefen (Bibli
sche Untersuchungen 2), Regensburg '967,
Sass G" Apostelamt und Kirche, Miinchen '939,
SchilleG" Friihchristliche Hymnen, Berlin '962,
Schlatter A" Der Glaube im Neuen Testament, Stuttgart '1927,
-, Die Theologie der Apostel, Stuttgart '1922,
SchmidH,H" Gerechtigkeit als Weltordnung, Tiibingen '968,
Schmidt K,L., Die Judenfrage im Lichte der Kapitel 9.11. des Romerbriefes, Ziirich "947,
SchmithaIs W" Das kirchliche Apostelamt, Gottingen '96I.
-, Der RiJmerbrief als historisches Problem, Giitersloh 1975,
Schmitz O" Die Christusgemeinschaft des Paulus im Lichle seines Genitivgebrauchs, Giitersloh '924'
Schnackenburg R" Das Heilsgeschehen bei der Taufe nach dem Aposle[
Paulus, Miinchen '950,
-, Die Kirche im Neuen Testament, Freiburg i.Br, '961,
Schneider N" Die rhetorische Eigenarl des paulinischen Antithe,re (Hermeneutische Untersuchungen II), Tiibingen '970,
SchniewindJ., Die Begriffe Wort und Evangelium bei Paulus, Diss,
Halle '910,
-, Euangelion I-II, Giitersloh '927, 1931.
Schoeps H.J" Paulus, Die Theologie des Apostels im Lichte der ;iidi.
schen Religionsgeschichte, Tiibingen '959,
SchottroffL., Der Glaubende und die feindliche Well, Neukirchen
'97,
Schrage W" Die konkreten Einzelgebote in der paulinischen Pariinese,
Giitersloh '961.
Schrenk G" Studien tU Paulus, Ziirich '954.
-, Die Weissagung iiber Israel im Neuen Testament ('954),
Schumacher R" Die beiden letzten Kapitel des Romerbriefes, Miinster
'9 2 9,

Schunack G" Das hermeneutische Problem des Todes im Horizont von

Tesli e bibliografia

2I

Romer 5 untersucht (Hermeneutische Untersuchungen zur Theologie


7), Tiibingen '967,
Schweitzer A" Geschichte der paulinischen Forscbung, Tiibingen '9' 1.
-, Die Mystik des Apostels Paulus, Tiibingen '930, ristampa '954,
Schweizer E" Erniedrigung und Erbohung bei Iesus und seinen Nachfolgern, Ziirich "962,
Schiirer E" Geschichte des ;udiscben Volkes im Zeitalter Iesu Christi
I-IV,

Leipzig 191-1911.

Seidensticker Ph" Lebendiges Opfer (Romer 12,1), Miinster '954,


Siber p" Mit Christus leben, Bern '971.
Sommerlath E" Der Urrprung des neuen Lebens nach Paulus, Leipzig
'9 2 3,

Spicq c., Agap dans le Nouveau Testament, Paris '959,


Staab K" PauluIkommentare aus der griecbischen Kirche, Miinster
1933
Stahlin G" Skandalon, Giitersloh '930,
Stalder K., Das Werk des Geistes in der Heiligung bei Paulus, Bern
'9 62 ,
Strack H,L. - Billerbeck p" Kommentar zum Neuen Testament aUI Talmud und Midrosch I-IV, Miinchen '922-1928,
Strobel A" Untersuchungen zum eschatologischen Verzogerungsproblem, Leiden '96I.
Stromberg A, von, Studien zur Theorie und Praxis der Taufe in der
christlichen Kirche der errten zwei Iahrbunderte, Berlin '9'3,
Stuhlmacher p" Gerechtigkeit Gottes bei Paulus, Giittingen 1965,
-, DaI paulinische Evangelium I, Vorgescbichte, Gottingen '968,
Siiss Th" Das neue Leben auf Grund der Zeugnisses vom Romer 6,
Diss, Tiibingen '954,
Tachau P., 'Einst' und 'JetZI' im Neuen Testament, Gottingen 1972.
Taylor V" Forgiveness and Reconciliation, London '948,
Thiising W" Per Christum in Deum, Miinster '965,
ThyenH" Studien zur Siindenvergebung im Neuen Testament und seinen altteItamentlichen und ;udischen Voraussetzungen, Gottingen
'97,
Tibbe J.. Geist und Leben, Eine Auslegung von Romer 8 (Bib!. Studien
44), Neukirchen '965,
Tobac E" Le Problme de la Iustification dans Saint Paul, Louvain
1908, ristampa 1941.

Ulonska H" Paulus und das Alte Testament, Miinster 1964,


Vielhauer Ph" Oikodome (Diss, theo!.), Heidelberg '939; Karlsruhe
'94,
-, Geschichte der urchristlicben Literatur, Berlin '975,
Vogtle A" Die Tugend- und Lasterkataloge im Neuen Testament exegetisch, religions- und formgescbichtlich untersucbt, Miinster 1936,

---------------------------

22

-~--

-_.------------~-

Testi e bibliografoa

-, Das Neue Testament und die Zukunft des Kosmos, Diisseldorf '970.
Vollmer H., Die alttestamentliehen Zitate bei Pau/us, Leipzig 1895.
Volz P., Die Esehatologie deT iiidisehen Gemeinde, Tiibingen '1934.
Wagner G., Das religionsgesehiehtliehe Problem von Romer 6,I-rr,
Ziirich 1962.
Weber F., liidiIehe Theologie, Leipzig ',897.
Weber H.E., Das Problem der Heilsgesehiehte naeh Romer 9-II, Leipzig 1911.
Wegenast K., Das Verstiindnis der Tradition bei Paulus und in den
Deuteropaulinen, Neukirchen 1962.
Weiss B., Lebrbueb der Bibliseben Tbeologie des N.T., Berlin 1903.
Wendland H.D., Die Mitte der paulinisehen Botsehaft, Gottingen
1935
-, Etbik des Neuen Testaments, GOttingen 1970.
Wendland P., Die urebristlieben Literaturformen, Tiibingen '1912.
Wengst K., Cbristologisebe Formeln und Lieder des UTehristentums,
Giitersloh 1971.
Wetter G.P., Cha,is. Ein Beitrag zur Gesebiehte des iiltesten Christmtums, Leipzig '9'3.
Wibbing S., Die Tugend und Lasterkataloge und ihre TTaditionsgesehiehte unter besonderer Beriieksiebtigung der Qumrantexte, Berlin 1959.
Wiederkehr D., Die Theologie der Berufung in den Paulusbriefen, Fribourg (Schweiz) 1963.
WienkeG., Paulus iiber lesu Tod, Giiterslob 1939.
Wikenhauser A. - ScbmidJ.. Einleitung in das Neue Testament, Freiburg i.Br. '1973.
Wiles G.P., Paul's intereessory prayeTs, London 1974.
Windisch H., Paulus und Christus, Leipzig 1934.
-, Paulus und das ludentum, Stuttgart 1935.
Wissmann E., Das VeThiiltnis von 1t(<T't",~ und Christusfrommigkeit bei
Paulus, Gottingen 1926.
WobbeJ.. Der Charisgedanke bei Paulus, Miinster 1932.
WoliIH.W., lesaia.53 im Urehristentum, Berlio "952.
Zel1er D., luden und Heiden in der Mission des Paulus. 5tudien zum
Romerbrie', Stuttgart 1973.
Ziessler}.A., The Meaning 01 Righteournerr in Paul, London/Cambridge 1972.
Zsifkovits V., Der 5taatsgedanke naeb Paulus in Rom 13,1-7 (Wiener
Beitrlige zur Theologie, Bd. VIII), Wien 1964.

PROSPETTO DELLE ABBREVIAZIONI

Bauer, Wb.

Grieehisch-Deutsehes Worterbuch zu den 5ehriften


des Neuen Testaments und der iibrigert urchristlicben Literatur, 5 195 8

Bibl.
Bibl. St.
Bibl. Z.
Blass-Debr.

Biblica
Biblische Studien
Biblische Zeitschrift
F. Blass, Grammatik des neutestamentlichen Griechiseh, bearbeitet von A. Debtunner, "1961. Ergiinzungshelt zur 12. Auflage, 1965
Conj. Neotest.
Conjectanea Neotestamentica
Ev. Th.
Evangeliscbe Theologie
IKZ
Internationale Kirchliche Zeitschrift
Jahrb. Liturgiewiss.Jahrbuch fiir Liturgiewissenschaft
JBL
Journal of Biblical Literature and Exegesis
JThSt
The Journal of Theological Studies
KuD
Kerygma und Dogma
Liddell-Scott
A Greek-Englirb Lexieon compiled by H.G. Liddell
and R. Scott, "1953
Moulton-Milligan The Voeabulary 01 the Greek Testament, 1930
Miinch. ThZ
Miinchener Theologische Zeitschrift
NTSt
New Testament Studies
Nov. Test.
Novum Testamentum
RAC
Reallexikon liir Antike und Christentum, hrsg. von
Th. Klauser
Radermacher
L. Radermacher, Neutestamentliehe Grammatik,
'19 2 5
RB
Revue Biblique
RGG
Die Religion in Gesehiehte und Gegenwart, 3.
Aufl., hrsg. von K. Galling, '957-1965
Stud. Evang.
Studia Evangelica
Stud.Hell.
Studia Hellenistica
Stud. Paul. Congr. Studiorum Paulioorum Congressus Internationalis
Stud. Theol.
Studia Theologica
ThBl
Theologische Blatter
ThEx.heute
Theologiscbe Existenz heute

24

ThLZ
ThQU
ThR
ThSt
TbStKr
ThWb
ThZ
Trier. ThZ
VD
VuF
ZAW
ZThK
ZNW
ZsystTh

P,ospelto delle abbreviazioni

Theologische Literaturzeitung
Theologische QuartalschrHt
Theologische Rundscbau
Theologische Studien
Theologische Studien und Kritiken
Theologisches Worterbuch zumNeuen Testament,
brsg. von G. Kittel und G. Friedrich, dal '933
Theologische ZeitschrHt
Trierer Theologische Zeitschrift
Verbum Domini
Verkiindigung und Forscbung
ZeitschrHt fiir alttestamentliche Wissenschaft
Zeitschrift fiir Theologie und Kirche
ZeitschrHt fiir die neutestamentliche Wissenschaft
und die Kunde der .!teren Kirche
Zeitschrift fiir systematische Theologie

Introduzione

Quattro sono i punti che dobbiamo esaminare prima di intraprendere l'esegesi del testo, ossia: L la situazione storica in
cui stata scritta la lettera ai Romani, 2.l'indole dello scritto,
3. l'estensione della lettera e 4.1a struttura concettuale di essa_

I _ La

situazione storica

Questa lettera cosi importante e che tanta efficacia ha avuto


nella storia della chiesa fu composta da Paolo sul finire della
sua attivit apostolica quale ci nota. Fra gli scritti tramandati nel corpus Paulinum la precedono nel tempo la prima (e
la seconda) ai Tessalonicesi, quella ai Galati e le due ai Corinti: probabilmente la seguono la lettera ai Filippesi (e quelle
agli Efesini, ai Colossesi e le Pastorali). Lo stesso Paolo nel
testo della lettera ci apre uno spiraglio sulle circostanze della
sua composizione. Egli ha annunziato l'evangelo di Cristo
da Gerusalemme tutt'intorno fino all'Illirico ( 15,19 ); e poich egli mira per principio e impegna il suo onore ad annunziare l'evangelo soltanto l dove il nome di Cristo non
ancora giunto (15,20), nessun campo d'attivit (15,23) gli
resta nei paesi d'Oriente. Perci egli intende recarsi in Ispagna passando per Roma (15,23 s. l. Paolo si trova quindi in
un momento risolutivo e a una svolta della sua attivit apostolico-missionaria 1. Gi da molto tempo egli aveva rivolt lo
sguardo all'Occidente spingendolo sino ai confini dell'ecumel. G. Schrenk, Der Romerbriel als Missionsdokument, in Studien :tu Paulus, Ziitich 1954. 8r-106, 82.

1ntroduz.ione

ne (15,22 s.)'; ora l'Oriente lo lascia libero e il disegno a


.
lungo covato pu divenire rea! t.
Ma c' nella lettera ancora un riferimento pi preciso alla
situazione in cui fu scritta. Secondo 15,25 ss. rimane un ostacolo alla partenza immediata per Roma, ed che Paolo, prima
del viaggio in Occidente, deve ancora recarsi a Gerusalemme
per consegnare il ricavato di una colletta fatta dai cristiani di
Macedonia e d'Acaia a favore dei membri della chiesa madre
(dr. anche 15,3 l). Dopo potr muovere alla volta della Spagna passando per Roma.
Difficile da determinare il luogo in cui la lettera fu composta. L'espressione vuvL. 7tOpEvOl1aL Et 'IEpouCTa:DI1 (15,
25) pu essere intesa nel senso che Paolo sta per avviarsi alla
volta di Gerusalemme, oppure che si trova gi in viaggio. Se
si ammette che il capitolo 16 appartenesse a! testo originario
della lettera, la prima interpretazione inevitabile. Infatti in
16,23 Paolo invia i saluti da parte di Gaio che ospitava lui
e tutta la comunit; ora da I Coro 1,14 sappiamo che Gaio fu
battezzato dall'Apostolo a Corinto. Inoltre in 16,1 viene rac
comandata ai destinatari Febe, OLchovo della comunit di
Cenere, il porto di Corinto; probabilmente si tratta della persona che aveva l'incarico di recapitare a Roma la lettera. Ma
se questa fu scritta a Corinto, dovremo collocarne la composizione durante il soggiorno di tre mesi in Grecia menzionato
in Act. 20,2 S. (dr. 19,21). L'anno preciso non si pu stabilire perch tutti i dati della vita di Paolo sono cronologicamente incerti. La maggior parte degli studiosi pensa all'inizio
del 57 o del 58 d.C. Se invece il cap. 16 non apparteneva
j.

2. G. Bornkamm, Chrisius und die Welt, in Das Ende des Gesetzes. Paulusstudien, Miinchen 1952, 157-172, 159 s.
3- W.G. Kiimmel, Einleitung, Heidelberg 121963, 222: intorno al 57 o 58; F.F.
Bruce, Christianity under Claudius: Bull. John Ryland Library 44, 162: inizio de)
57 d.C.; G. Friedrich, Romerbriel, in Rq.c lV, II37-44, II38: Le congetture oscillano tra l'autunno del 54 e la primavera del 59 (probabilmente la lettera fu composta nella primavera del 55)>>. G. Bornkamm, Der Rom als restamenl des Paulus,
in Geschichte und Glaube, 2. Teil, in Gesammelte Aulsatte IV, Miinchen 1971,
120-139, 120: Con qualche probabilit l'inverno del 55156. Ph. Viethauer,
Urchristliche Literatur, Berlin 1975, 175: Non prima del 56, non pi tardi del
59 d.C ..

1'. La situazione storica

29

alla redazione originaria, allora il riferimento a Corinto viene


a cadere e si pu pensare che la lettera sia stata scritta a Filippi in una data un poco posteriore (dr. Act. 20,6) 4. Bisogna
per ricordare che il soggiorno dell' Apostolo a Filippi fu assai
breve e con tutte le difficolt e le cure che lo accompagnarono
dovette lasciare ben poco tempo per la redazione di una lettera
cosi ampia e importante com' quella ai Romani. Sar quindi opportuno ritenere che il luogo di composizione sia stato
Corinto 5.
La comunit cristiana di Roma alla quale la lettera rivolta
esisteva gi da tempo 6 e probabilmente era costituita da varie
comunit domestiche o da raggruppamenti di vicinato ( improbabile invece che vi fossero soltanto singoli cristiani disseminati nella metropoli dell'Impero). Paolo voleva visitare
la chiesa di Roma gi da molti anni" (15,23) e ne fu sempre
impedito (1,13; 15,22SS.). Da 1,8 apprendiamo che si trattava di una comunit molto nota. quindi possibile che Paolo abbia avuto anche sul conto di essa non poche informazioni.
Dal cap. 16 (ammessa la sua appartenenza al testo originario
della lettera) risulta che l'Apostolo aveva in Roma numerosi
conoscenti e amici. Secondo Act. 28,I5 anche certi cristiani
di Roma vanno a ricevere Paolo alle porte della citt.
Quando e per opera di chi sia stata fondata la chiesa di
Roma non sappiamo '. Comunit giudaiche si trovavano naturalmente in Roma gi da gran tempo: le pi antiche notizie
4. Cos G. Friedrich, Riimerbrief cit., Ir38.
5. A. Strobel, Furcht, wem Furcht gebuhrt. Zum profangriechischen Hintergrund
von Rom I3,7: ZNW" .5.5 (1964) 58-62, 62: Con buone ragioni si pensa a Co
rinto. W.G. Kiimmel, Einleitung 222.
6. W. Schmithals, Romerbriej, 1975, passim. La t>rima menzione si trova peraltro
in Valerio Massimo, che parla dell'espulsione dei Giudei insieme con gli astrologi
caldei avvenuta nell'anno 139 a.c. W. Wiesel, Die jiidische Gemeinscbaft im an
tiken Rom und die An{ange der romischen Christentums: Jud 26 (1970) 65-88.
M. Hengel, ]udentum und Hellenismus 478 s. ,60 s.
7 H. Lietzmann, Geschichte der Alten Kirche I, Berlin 1932, 133 s. 209 s_ ritiene probabile che la chiesa romana sia stata fondata da missionari (giunti forse da
Antiochia) che provenivano dalla sinagoga ellenistica. G_ Friedrkh, Riimerbrief
cit., II37. scrive: Probabilmente la comunit sorta molto presto senza l'intervenro di un missionario particolare (cfr. Ambrosiaster, PL q, 47 s.)>>.

1n/rodu1.ione

in proposito risalgono ai primi decenni del I secolo a.C. 8. Il


compilatore romano Valerio Massimo c'informa della presen
za di Giudei in Roma nell'anno 139 a.c. Nel primo secolo
dell 'ra cristiana una forte minoranza giudaica, valutabile in
50.000 membri, si organizz in un gran numero di sinagoghe,
tredici delle quali sinora ci sono note con i loro nomi 9. Le pri
me notizie cristiane sulla penetrazione del cristianesimo nelle
cerchie giudaiche di Roma ci vengono dalla nstra lettera e
da Acl. 28, I 5. Le prime informazioni non cristiane si tro
vano in Svetonio, Claud. 25,14 (intorno al 120 d.C.), dove si
legge: (Claudius) Iudaeos impulsore Cb resto assidue tumultuantes Roma expulit IO. Chrestos un nome ellenistico frequente tra gli schiavi; Svetonio evidentemente si riferisce a
un giudeo di Roma che egli riteneva promotore di disordini
nelle comunit giudaiche. La voce pubblica parlava di un
Chrestos, che probabilmente Cristo. Perci questa notizia che, secondo Orosio, bist. 7,6,15 riguarda avvenimenti
del 49 d.C., sta ad indicare che intorno a quell'anno l'annunzio del Cristo nelle sinagoghe romane mosse le acque a tal
punto, che ne sorsero violenti contrasti. Gli Atti degli Apostoli, che nel racconto della Pentecoste (2,10) parlano di Giudei e proseliti provenienti da Roma e ora abitanti a Gerusalemme e in un altro passo (6,9) accennano a una sinagoga dei
Libertini (i quali forse discendevano dai prigionieri di guerra giudei deportati da Pompeo, nel 61 a.c., a Roma e ivi affrancati) ", confermano la notizia di Svetonio, l dove ( 18,2 )
riferiscono, a proposito di Aquila e Prisca, che erano di recente giunti dall'Italia perch Claudio aveva ordinato che tut8. E. Schiirer, Geschich/e des jiidischen Volkes Ul, Leipzig 4 1909, 59
9. J.B. Frey, Des communauts juives Rome QUX premiers temps de l'glise:
RScR 18 (1930) 275 sS.; A. Wikenhauser, Bini. in das NoT., Freiburg i.Br. 21956,
285 n.l; cfr. anche M. Hengel, Proseuche und Synagoge, Festgabe mr KG. Kuhn,
Gottingen 1972, ptJssim.
lO, Cfr. W. den Baer, Scriptorum ptlgtlnormn l-IV saee. de christioHis testimonitl,
Leiden 1948, 8; 219 6.5, IO; M. Hengel, Die Urspriinge der christlichen Mission:
NTSI 18 (1971) 15-38, 16.
lI.E.Schiirer, op.cit. II, 31. W.G.Kiimmel, Einleitlll1g

Aposlelgeschichte, GOttingen 11 1961, 223 n. 3.

221;

E.Haenchen, Die

---

_.1. La

---------------------------

Jlluo1.iont s/orlctl

3'

ti i Giudei lasciassero Roma. Anche se Aquila e Prisca gi in


Roma si erano convertiti al cristianesimo, ci naturalmente
non poteva sottrarli all'obbligo di andarsene dalla capitale in
sieme coi Giudei. L'esistenza di una comunit giudeocristiana nell'Urbe intorno al 50 d.C. presupposta anche da quel
prologo alla nostra lettera, forse di origine marcionita, che
penetrato nella Vulgata e cos pure da una notizia dell'Ambrosiaster il cui autore apparteneva probabilmente alla chie
sa romana.
Evidentemente il carattere giudeocristiano della comunit
di Roma in seguito venne meno: la stessa lettera ai Romani
non scritta a una comunit prevalentemente giudeocristiana. Gli argomenti che si adducono in contrario hanno scarso
peso. Cos quando l'Apostolo definisce Abramo nostro progenitore secondo la carne (4,1), si qualifica come giudeo assieme ai suoi connazionali: a questi dunque egli pensa, e non
ai giudeocristiani di Roma. 10 stesso pu dirsi per 'Icralx 1;O
7ta1;pC; i)[l.W\/ (9,10). Invece in 4,12 con Abramo nostro
padre si dice che questi padre di tutti i credenti, compresi
i pagani convertiti. L'apostrofe di 2,1: W!i\/l}PW7tE 7ttXc; xp~
\/W\/ mostra soltanto che in EL o cr 'Iovoai:oc; :7to\/o[l.a~u (2,
17) si ha una generalizzazione ('Iovoai:oc; va inteso in senso
tipico) e che d'altronde si tratta qui del giudeo fedele alla legge, non del giudeocristiano. Una vera difficolt costituita
soltanto da 7,1 ss. Ma quando Paolo chiamava i suoi lettori
persone che conoscono la legge (7,1), poteva bene riferirsi
anche agli etnicocristiani per i quali la tor o Pentateuco era
divenuto libro sacro com'era per i giudeocristiani ". Ma forse
Il.

possibile che questi pagani convertiti appartenessero per l'addietro ai timo-

Tati di Dio, come sottolinea lo Schmithals, Romerbriel (passim). per conte

stabile l'argomento principale addotto dallo Schmithals, secondo il quale questo


l'unico modo di spiegare ]a contraddizione per cui l'Apostolo, mentre scrive a
dei pagani convertiti, nella sostanza rivolge il suo discorso contro i Giudei e le
loro resi. Perch mai l'Apostolo, in questa leHera tanto importante, diretta ad una
comunit a lui estranea, nOD avrebbe dovmo esporre anche ad altri pagani convertiti, i quali non avevano nuna a che fare con la sinagoga ma vivevano con giudei e giudeocristiani, il fulcro del suo annuncio, che si opponeva al giudaismo,
ossia la giustizia di Dio in Ges Cristo per i credenti tanto giudei quanto pk1g<1ni?
Del resto Paolo non parla mai di C1E~6~EVOt o qJof3,OVIJ.EVOI. '"to\i ih:o'V, come f<lnno

32

[ntroduzioffe'

si pu anche supporre che l'Apostolo nell'affrontare il nuOvo


tema, ossia la libert dalla legge, prenda anzitutto in considerazione chi stato giudeo ed ora giudeocristiano, facendo per un discorso di principio, tale cio da non escludere i convertiti dal paganesimo. Anche altrove la lettera svolge una discussione di principio con il giudeo, mai per una polemica at
tuale e specifica coi giudeocristiani di Roma (ad es. 2,17-3,8;
3,3 I; 6,1 S. 9-1 l). In una discussione siffatta Paolo doveva
tener conto naturalmente della presenza nella comunit romana anche di giudeocristiani, ond' che la polemica di principio
col giudeo e il giudaismo assumeva un carattere di attualit
per la situazione concreta della chiesa di Roma quando l'Apo
stolo poneva mente ai due gruppi (ex gentili ed ex giudei),
come in r,r6; 2,958.2588.; 3,29; rO,I2; 15,7 S8., o come
quando, nei capp. 9-1 I, trattava diffusamente del destino d'I-

sraele. La presenza di giudeocristiani nella comunit romana


risulta poi dimostrata se il cap. 16 appartiene al testo originario della lettera. I vi infatti (16,7) Andronico e Giunia, che
gi prima dell'Apostolo erano cristiani, vengon chiamati ol
crUYYEVE~C; (.tOU ed Erodione o crUYYEVi}C; (.tOU (16,1 l). Pu
darsi che anche gli ticri}EVOVV1:EC; ( 14, I ) o tiOUva.1:0~ ( 15,1 ) fossero giudeocristiani e che i capp. 14-15,13 tocchino una polemica in atto fra giudeocristiani e convertiti dal paganesimo.
Ma in ogni caso questo contrasto con una corrente giudeocristiana, peraltro tutta speciale, non assimilabile a un dissenso sulle tesi giudaiche di fondo. Nella chiesa romana alla quale
Paolo scrive i convertiti dal giudaismo saranno stati una minoranza 13, anche se dopo la morte di Claudio (54 d.C.) il suo
invece gli Atti degli Apostoli (13,43; 16,14; 17,17 e 10,2.22; 13,16.26). Bibliografia relativa a queste persone si trova in Schmithals, op. cito 70 s. n. 199,
13. Cfr. G. Bornkamm, Pau/us, Stuttgart 1969, 103 s.: L'unica cosa che possiamo
stabilire con sicurezza che essa (scil. la comunit romana), quando fu scritta la
letrera era composta in prevalenza, se non esclusivamente, di convertiti dal paga
nesim~ (Rom. I,j s. 13; II,13; Ij,lj 5S.)>>. Cfr. G. Schrenk, op. cito 85, che richia
ma E. Riggenbach: ThStK (1893) 649 S. G. Klein, Der Ablassungszweck des Rom,
in Rekonstruktion und Interpretation, Miinchen 1969, 129-144 (qui 136) d'avvi
so che Paolo non abbia in alcun modo avvertito come problema la 'composizione
mista' della comunit romana.

SI. Lo situazione storica

33

editto fu applicato pi blandamente o addirittura cadde in


desuetudine, sicclr molti giudeocristiani fecero ritorno nell'Urbe 14. Non v' dubbio che l'Apostolo si rivolga a lettori
provenienti in maggioranza dal gentilesimo 15. Ci risulta direttamente da parecclri testi come, ad esempio, 1,5 s. 13 s.;
II,13 ss.; 15,15 ss. Ma anche quando Paolo pone in risalto
il vincolo clre lo lega ai suoi congiunti secondo la carne (9,3
s.; 10,1 ss.), implicitamente si contrappone ai non Giudei
(Rom. rr,25.28.31). Il modo stesso di rappresentare il passato da cui i lettori si sono distaccati o devono distaccarsi (ad
es. 6,19; 13,13) e cosi pure il richiamo all'o6x~(.to vovc; che
ha da essere rinnovato (1,28; 12,2) indicano clre siamo di fronte a pagani convertiti. Ma anche nell'mbito degli etnicocristiani potevano esservi gruppi tra loro differenti. In 12,3 ss.
Paolo allude ai carismatici e al tipico pericolo che li insidia,
quello cio di U7tEP<PpOVE~V nel pensiero e nell'azione. Forse
appartengono a questi carismatici anche coloro che vengono
ammoniti in 13,1 ss. e inoltre i (<forti" dei capp. 14 e 15.
Identificare i forti coi giudeocristiani azzardato, giacch
non v' il minimo accenno che essi accampassero pretese tipicamente giudaiche, in materia per esempio di circoncisione
o di pasti in comune. Rom. 14,5 non implica necessariamente
l'esistenza di tre gruppi 16. Se poi il cap. 16 appartiene al teste>
q. Cfr. Leenhardt 8 ss.

Ij.~. Schrenk, op. cit. 84, che rinvia a C. Weizsiicker, Apostolisches Zeitalter,
Berlm-Halle 1886, 421, E. Grafe, I.E. BeIseni dello stesso parere sono anche G.
Eichholz: EvTh 21 (1961) 17i W.G. Kiimrnel, Einleitung 221; K.H. Schelkle:
ZKTh 81 (I9j6) 400; G. Bornkamm, Der Romerbrief als restament des Paulus, in
Geschichte und Glaube, 2. Teil: Gesammelte Aufsiitze IV, Miinchen 1971, 126;
W. Schmithals, Romerbrief, Passimi Munck, Heilsgeschichte 26; Kuss, Pau/us,
Regensburg 1971, 188. Ritengono invece che la comunit di Roma fosse giudeocristiana, tra gli altri, F.Ch.Baur, Ober Zweck und Veranlassung des Romerbriefes:
Tub. Ztschr. f. Theol. 3 (r866) 54; Id., Der Apostel Paulus, Leipzig r866, 343 ss.;
:x'.J.Mangold, Der Romerbrief und seine geschichtlichen Voraussetzungen, 1884;
Inoltre A. Schlatter: ThStK j9 (1886) j75 ss.; Th. Zahn, Einleitung in dtn N.T. I,
31924 , 30 sS.; W. Manson, The Epistle to the Hebrews, London I953, 172 SS.;
T. Fahy, St. Paul's Romans were Jewish Converts: The lrish Theological Quarterly 26 (1959) 182 SS.; N. Krieger, Zum Rom: NT 3 (1959) 146-148. Di diversa
opinione K. Kertelge, Rechtfertigung 74.
16. G. Friedrich, Romerbrief cit., II38.

JntroduvoJJt

34

originario, probabile che Paolo avesse notizia di un'infiltrazione gnostica nella comunit romana (dr_ 16,17- 20 l-

2 _ Il carattere

dello scritto

Ma nel momento in cui si accingeva ad un ultimo viaggio


in Oriente a Gerusalemme (se pure non era gi in cammino l
e aveva di'mira l'Occidente come nuovo campo di missione,
che cosa si proponeva l'Apostolo con la sua lettera scritta alla
comunit in maggioranza etnicocristiana di Roma? A questa
domanda si pu rispondere anzitutto che Paolo tratta con una
certa ampiezza della sua preannunciata visita alla comunit
romana e qualifica dunque la lettera proprio col farla precedere alla sua venuta_ Ma si pu anche rispondere tenendo presenti le caratteristiche di forma e di contenuto della lettera
stessa_ Per la prima risposta hanno importanza soprattutto
l'esordio (1,8ss_l e la conclusione (15,I4ss_l, che dobbiamo
qui esaminare brevemente proprio sotto questo aspetto_ L'Apostolo dichiara (l,IO l di pregare Dio che ~li sia ~alment:
concesso di recarsi a Roma (dr _ 15,23 l- Spiega pOI ( I, I I l il
motivo: egli vuole recare ai membri della comunit, allo scopo
di confermarli, un dono spirituale, o meglio (I,nl vuole
uno scambio di consolazioni tra s e loro; aspira a cogliere
qualche frutto tra i Romani come fra gli altri popoli (1,13 l;
detto in modo breve e schietto, intende annunziare l'evangelo
anche a coloro che sono in Roma (1, I 5 l- Gi pi volte si
proposto di fare ci, ma ne stato impedito_ Sen~a _dub?io in
queste motivazioni che Paolo adduce della sua visita SI nota
una certa quale insicurezza_ Il V_I 2 corregge il v _I L Al V_I 3
l'Apostolo dapprima cauto e riservato, ma poi in~lu~e ~en
z'altro anche la comunit romana nel suo campo di miSSIOne
e al v_ 15 afferma recisamente che l'EuaYYE.L~Ecrl}at il suo
scopo anche in Roma (dr_ 1,6 s-l_ Alla fine quindi_~on si parla
pi dei cristiani di ~oma ch~ ~evon~ essere spm~a!ment:
confermati bens del Romaru al quali, come a tuttt I gentl,
li, l'Apostolo dei gentili annunzia l'evangelo_ E proprio qUI

j ~.

J?

(tl,atlere dello Jcritto

35

cade l'affermazione che introduce, sia pure implicitamente,


il tema della lettera (I,I5_16_17l_ Paolo pronto ad annunziare l'evangelo, giacch esso una possente operazione divina
che salva il credente. Nell'evangelo la otxatocruv1] DEOii, l'azione con la quale Dio afferma la propria giustizia, diventa per
chi ha fede una realt presente e manifesta. Si badi: nel contesto della lettera l'Apostolo parla ancora del futuro EuaYYE.L~Ecrl}at in Roma; ma inavvertitamente gi passato a formulare anche il tema proprio di questa lettera, la quale dunque strettamente legata a quell'intento di evangelizzazione.
Quel che l'Apostolo spera di fare (sebbene lo indichi con molta circospezione l quando soggiorner in Roma nel corso del
viaggio per la Spagna, intende farlo gi sin d'ora nella lettera:
annunziare l'evangelo suo, di Paolo. Ci risulta anche da 15.
14-16. Paolo convinto che i cristiani di Roma siano pieni di
ogni conoscenza e sappiano quindi ammonirsi ed esortarsi
reciprocamente. Tuttavia egli ha scritto loro con toni piuttosto audaci, ma solo facendoli ricordare 17, avendo come
scopo di trattare in veste di sacerdote l'evangelo e di presentare a Dio i gentili come un'offerta a lui bene accetta. Gi
la lettera quindi contiene l'evangelo di Paolo. In tal modo per l'Apostolo viene a contraddire il principio suo, che di predicare l'evangelo soltanto l dove il nome di Cristo non ancora noto (15,20; 2 Coro 10,15 s.j1S. Questo spiega anche il
I7. rna\la.p.q.r.vfaaxw non significa solamente -far ricordare di nuovo- o far ricordare ancora una volta~. ma anche semplicemente far ricordare (dr. Plat., leg.,
688a) e precisamente nd significato di un dicordo che si aggiunge a mo' di con
ferma di quanto il lettore gi possiedej cosi Zahn, Michdj di opinione diversa
Schmithals, ROmerbrief 166.
.
18. G. Klein, op. cito 140, vorrebbe sopprimere il contrasto affermando che Paolo
riteneva di poter annunziare l'evangelo in Roma, poich il cristianesimo della c0munit romana non era, ai suoi occhi, di istituzione apostolica~. A me sembra
piuttosto che Paolo cada in contraddizione proprio perch in Rom. 1,13 mostra
di ritenere che in Roma sia gi stato annunziato l'evangdo, ma non il suo vangelo.
Sino a che punto l'Apostolo nella lettera ai Romani concentri il suo vangelo, risul
ta anche da questo, che la lettera tocca certi temi i quali sono attinti a situazioni
precedenti e ora vengono ripensati; dr. G. Bornkamm, Der Rom als Testamenl
des Paulus 130 S8. Contro la tesi di KIein dr. anche Vielhauer, Urchrislliche Li
leralur 184 n.8; Kuss, Paulus 196 S5.; G. Bornkamm) op. cito 120139. In ogni
m

Introduzione

suo modo di esprimersi, cosl titubante e velato, in l,II ss. e


la giustificazione della lettera, fatta con tono di scusa, in 15,
14 s.; non solo, ma spiega altresl perch Paolo metta bene in
rilievo l'intenzione sua di fare soltanto una sosta a Roma per
conoscere quella comunit durante il viaggio alla volta della
Spagna (I5,24) e perch affermi di volere, con la sua lettera,
solo far ricordare in virt della grazia che Dio gli ha concesso. Ma in definitiva anche i cristiani di Roma devono propriamente ascoltare l'evangelo dell'Apostolo al quale Dio ha
affidato l'incarico e la responsabilit della missione fra i gentili: lo ascolteranno quando egli verr a Roma e gi ora l'apprendono dalla lettera, la quale prepara coslla visita di lui 19.
La nostra lettera dunque evangelo, pi precisamente
evangelo introduttivo e preparatorio col quale l'Apostolo si
presenta ai cristiani di Roma 2Jl. Sotto questo aspetto vanno
intese anche le sue caratteristiche formali. Possiamo qui fare
soltanto alcune osservazioni in via provvisoria, giacch la dimostrazione risulter soltanto dall'esegesi del testo. Questo
comunque va detto sin d'ora: l'esame della lettera fa capire
che, nel valutaria complessivamente, occorre evitare due estremi. Da una parte essa non ha il carattere di uno scritto che,
nel suo insieme e nella sua impostazione fondamentale, abbia
tratto motivo da una situazione in atto nella comunit romana.
N i primi undici capitoli sono un tentativo di appianare controversie insorte tra ex giudei ed ex pagani, come affermano
Agostino, Girolamo e gli antichi prologhi, n rappresentano
un conflitto acuto di idee con avversari giudeocristiani presenti in Roma, che fossero suggestionati e incalzati da giudaizzanti di fuori, come molti sostengono (ad es. il Lietzcaso, anche in questa contraddizione si rispecchia la lotta di Paolo per il riconoscimento del suo apostolato e dei suoi limiti.
19. Poich Paolo non pu astenersi dal predicare il vangelo anche alla comunit romana, si comprende poi come da 12,I fino a 15,33 (o 16,23) egli si indirizzi
direttamente ai membri della comunit. Non dunque la parenesi dei capitoli !2.
cbe illumina il carattere della lettera, come ritiene W. Mausen, Einleitung 94.
20. Cosl, tra gli altri, Zahn, Lagrange, Althaus, Dodd, Kiimmel, Einleitung 223 s.;
e anche G. KIcin, op. cito 144.

l'

l'
i

2. Il carattere dello scritto

37

mann). Ma neppure siamo di fronte ad una confessione o ad


un'apologia dell'Apostolo motivata da particolari circostanze
del momento, bench pi volte egli si rivolga ad un interlocutore fittizio o anche reale. D'altro canto la nostra lettera
non costituisce nemmeno una sorta di doctrinae Cbristianae
compendium, qualefu intesa da molti all'epoca della Riforma,
per esempio da Melantone nei suoi loci communes 21. In verit
essa non comprende neppure tutti i temi essenziali che si trovano nel corpus Paulinum come la creazione, la chiesa, l'eucarestia, l'escatologia; inoltre, essa mostra una struttura or:
dinata sl, ma non sistematica 22. Si dovr dire piuttosto che la
lettera contiene entrambi gli elementi, .il contingente e il dottrinale, in quanto una lettera autentica, indirizzata dall'autore in una situazione concreta ad una comunit determinata,
che egli per non ha fondato e che conosce solo indirettamente; in questa lettera, allo scopo di preparare la sua visita 23,
l'Apostolo espone fondamentalmente il suo evangelo, concentrandosi per su alcuni dei temi pi importanti 24; nel suo discorso egli inserisce talvolta qualche nota di attualit (ad es.
3,I SS.; I I,I3 ss.), intervenendo anche nella situazione interna
della comunit romana (ad es. capp. 14-15) e talora giunge
persino a dichiarazioni di carattere personale (ad es. 3,8; 9,I
SS.; IO,I; I l,I 3). Ben si comprende quindi perch egli proceda spesso alla maniera della diatriba 25, in polemica cio e in
dialogo con un interlocutore concreto ma stilizzato, sin quan21. Phii. Melanchthon, Loci communes, del 1521, ed. da G.L. Plitt _Th. Kolde,

~1925, 63

22.,E perci equivoco anche quel che dice il Nygren (1951, IO), ossia che dalla
lettera ai Romani ben pi che da qualsiasi altro scritto del N.T. si apprende che
cosa sia propriamente l'evangelo e che cosa voglia dire la fede cristiana. Parimenti
il Kuss (163) d'avviso che la lettera ai Romani presenti un quadro che si pu
quasi chiamare sistematico dei fondamenti de1Ja fede.
23 U. Borse, Die geschicbtliche und theologische Einordnung des' Romerbriefes:
BZ, N.F. 16 (1972) 73 s. parla di uno scritto d'introduzione.
24- Cfr. R. Bultmann, Theologie 301.

J. ]eremias: ZNW 49 (19,8) 154 s.; Id., Zur Gedankenfiihrung in 'den paulinischen Briefen, in Studia Paulina. In honorem lob.
de Zwaon, Haarlem 1953, 146-154, 149.

25 G. Bornkamm, Paulus 105;

I
!

Introduzione

, I
,

do, prima occasionalmente (3,1 SS.; Il,13 ss.) e poi definitivamente, abbandona il modo diatribico e passa alla parenesi
concreta (12 ,I ss.). Qua e l Paolo riprende anche certe formule tradizionali, interpretandole e modificandole in maniera
conforme alla sua teologia (ad es. 1,3; 3,24 S.; 4,17.24 s.; 8,2
s. II.28.p.34; 10,9).
Dunque la missiva ai Romani una lettera vera e propria 26,
che per sotto l'influsso dell'evangelo va ben oltre i limiti di
una comunicazione epistolare. Essa (sit venia verbo) una
lettera-evangelo, la quale, movendo dal suo tema centrale
e disponendo gli argomenti secondo un certo ordine, espone
l'Eayy.LoV di Paolo con l'intento di renderlo almeno un
poco familiare alla comunit romana che dovr poi ascoltarlo
dalla viva voce dell' Apostolo. Non a caso essa sfocia poi in una
parenesi generale e specifica, o se si preferisce, in una parenesi
di principio e in una parenesi concreta. Nella sezione parenetica si manifesta, come in altre lettere dell'Apostolo, quel ri- ,
chiamo permanente che inerisce all'evangelo e che sorregge
d'altronde anche le riflessioni e spiegazioni teologiche. Concludendo, Rom. una lettera-evangelo sui generis, indirizzata
alla comunit in maggioranza etnicocristiana di Roma; essa
comprende la dottrina, la parenesi e i problemi vivi del momento; scrivendo questa lettera Paolo si trova in conflitto tra
il suo principio (non ann unziare l'evangelo l dove il nome di
Cristo gi noto) e l'universalit del suo apostolato.

3. L'estensione della lettera


Dopo esserci un poco orientati sulla situazione storica da
cui sorta la nostra lettera e sul genere letterario di essa, dobbiamo ora vedere brevemente quale sia il testo autenticamente
26. Cfr. Gaugler I, 5: Certo solo che anche la lettera al Romani non un trattato, non vuole essere il 'catechismo dogmatico e morale dell'Apostolo'. e nemmeno sorta semplicemente dal 'bisogno di Paolo di prendere coscienza del contributo della sua attivit'. ma una vera lettera, che si rivolge a lettori ben determinati, e vuole annum:we ad essi l'evangelo, misurandosi con i loro problemi e i
loro travagli.

f ). L'estensione della lettera

39

paolino della missiva. A tale scopo occorre considerare tre questioni ben distinte. Anzitutto se vi siano nel testo della lettera
glosse spurie. R. Bultmann ha preteso ravvisarne 27 in 2,1.16;
5,6s.; 6,17b; 7,25b; 8,1; 10,17; 13,5, ma ha incontrato un
consenso generale solo per quanto concerne 7,25b. In astratto n.aturalmente non si pu negare la possibilit di tali glosse,
ma In concreto esse sono difficilmente dimostrabili, anzirutto
perch si presentano con caratteri diversi e poi perch mancano indizi esterni, quali sarebbero, per esempio, varianti essenziali nel testo. Si aggiunga che, quand'anche si ammetta
l'esistenza di glosse siffatte, <<nella maggioranza dei casi, come osserva lo Schmithals ", non possibile stabilire con sicurezza se una nota marginale paolina sia penetra ta nel tes to
o se ci si trovi di fronte a un'inconseguenza dell'argomentazione paolina; se una postilla in margine di Paolo sia stata inserita forse in un punto sbagliato del testo, o se per errore dell'amanuense una frase dapprima omessa sia stata poi collocata
fuori posto; oppure infine se si tratti di un'interpolazione vera
e propria. Nell'esegesi del testo dovremo vagliare queste
possibilit caso per caso.
La seconda questione riguarda la dossologia 16,25-2729,
circa la quale convinzione abbastanza generale che non appartenesse al testo originario della lettera 30. Effettivamente la
convinzione confortata da tutta una serie di fatti non irrilevanti: I. la collocazione malcerta o addirittura l'assenza della
dossologia in taluni codici. Infatti: a) si trova dopo 14,23,
senza essere seguita dai capitoli 15 e 16 (Marcione secondo la
testimonianza di Orig., comm. 7,453 [Lommatzsch]), e questa collocazione ha influito su alcuni manoscritti della chiesa
occidentale; b) si trova fra 14,23 e 15,1 (manca 16,24) in S(
104 syh Chrys. ecc.; c) manca in F G g e nell'archetipo di D e
si trova dopo 14,23 in vg 1648 1792 e in altri manoscritti ve27 ThLZ 72 (1947) 197-202.
28. Op. cii. 208.
1:9 E. Kamlah, Trllditionsgeschichtliche Untersuchungen tur Scblussdoxologie des

Romerbriefer, Diss., Tiibingen 195'.

30. Cfr. Uetzmann, Exkurs; H.W. Schmidt, Exkurr n 2:5 s.; W.G. Kummel
58.; Schmithals 108 ss.; Vielhauer, op. cito r89lJ8.

22)

lntrodut.ione

terolatini (stando a certi indici antichi dei capitoli), forse anche in Iren., Tert., Cypr., ecc.; d) si trova fra 15,23 e 16,1-23
in p16; e) si trova due volte, dopo 14,23 e dopo 16,23, in A P
min.; f) si trova alla fine della lettera in p6l B C D sy" d e f vg
bo sah Ambrstr. Non il caso di indagare sull'origine di queste varianti. Diremo solo che f appare la meglio attestata.
per da ritenere che 1,1-16,23 fosse il testo originario della
lettera al quale fu poi congruamente aggiunta ladossologia.
Quel che non si spiega soltanto perch p16 abbia alterato
questa disposizione cosi logica inserendo la dossologia tra 15,
33 e 16,1 ss. Si pu pensare che 16,1-23 non si trovassearicora
nel testo della lettera, ma anche in questo caso l'augurio di 15,
33 poteva gi essere una chiusa adeguata. 2. Anche il dettato
non paolino, la terminologia e i concetti che non hanno riscontro negli scritti dell'Apostolo indicano che la dossologia non
originaria. Comunque presenta uno stile liturgico tardivo. Per
la terminologia si confrontino le espressioni caratteristiche
f1.LWVLOC; DEec; (Gen. 21,33; Is. 26,4; 40,28; Bar. 4,8; Susanna 42; 2 Mach. 1,25; hapax nel N.T.), [leVOC; (2 Mach. 1,25;
I Tim. l,n; Iud. 25), O'Oq>C; DEec; (4 Mach. 1,12; I Clem. 60,
I; dr. Rom. II,32), YVWpLSELV 't [lUO''t1}PLOV (Eph. 1,9; 3,3;
6,19). Sono espressioni che ricordano l'uso linguistico dei
LXX e il linguaggio cristiano di et posteriore. Ma soprattutto no'1 paolino il concetto fondamentale, ossia che l'evangelo
dell'Apostolo e il kerygma di Ges Cristo sono la rivelazione
di un mistero il quale fu taciuto da tutta l'eternit ed ora si
manifestato e mediante le scritture profetiche stato portato a
conoscenza di tutti i popoli 31. Naturalmente resta aperta la
questione se Paolo abbia mutuato unadossologia dalla tradizione della comunit e l'abbia collocata dopo 16,23 per evitare
che la lettera si concludesse soltanto con dei saluti. Anche in
tal caso 16,25-27 non sarebbe un testo paolino, ma l'Apostolo potrebbe essersi riconosciuto in esso. Merita considerazione
3I. Cfr. Kasemann: Il suo (sciI. della dossologia) nucleo centrale quanto mai
vicinb a talune concezioni che si trovano assunte e rielaborate in Col . Eph. e 1
Tim. 3.16. ma va oltre questo stadio di pensiero introducendo l'idea del silenzio divino.

3. L'estensione delta lettera

41

anche l'ipotesi dello Schmithals 32 che la dossologia sia stata


aggiunta al termine di una raccolta delle lettere paoline nella
quale Rom. si trovasse all'ultimo posto, come nel canone muratoriano e in Tertull., Mare. 4,5; praescr. haer. 3633.
In terzo luogo, la questione se il tratto 16,1-23 sia paolino
(come la maggioranza degli studiosi propende a credere) va
distinta dalla questione (risolta per lo pi in senso negativo)
dell'originaria appartenenza di esso alla lettera. Alla prima
questione si pu rispondere senz'altro in senso affermativo,
giacch in 16,1-23 non si trovano elementi non paolini. Quanto al secondo problema, gli argomenti che si adducono contro
l'appartenenza originaria di 16,1-23 alla lettera sono in complesso i seguenti: l .la tradizione del testo, che naturalmente
riguarda non soltanto 16,25-27 ma anche 16,1-23, non dice
nulla quanto all'appartenenza originaria di 16,1-23 alla lettera. Cosi nell'Apostolicum di Marcione e di riflesso in alcuni
manoscritti della chiesa occidentale manca non solo il cap. 16,
ma anche il 15. Si tratta evidentemente di una omissione deliberata. Anche la collocazione di 16,1-23 dopo 16,25-27 in
p16 non dimostra affatto l'esistenza di un manoscritto che terminasse con 15,33 e che in questa forma la lettera sia stata inviata a Roma. P"" infatti contiene anche il cap. 16, solo diversamente collocato. 2. Il numero singolarmente elevato di conoscenti personali che l'Apostolo manda a salutare. un numero
al quale egli altrove mai neppure s'avvicina, anche quando si
tratta della comunit di Corinto, che gli era cosi nota 34. D'altronde, anche ammesso che Paolo avesse tanti conoscenti in
Roma 35, ci si dovrebbe chiedere se fosse consono agli intendi32. Op. cito 1I8 S.
33. Gr. anche Dodd, Kiisemann, Kamlah, op. cito I27 s.
34 Il Kasemann 399 soggiunge ancora che, se Paolo avesse avuto tanti amici in

Roma, non avrebbe avuto bisogno di dar conto della sua specifica dottrina, e l'insicurezza che egli mostra nei confronti dei destinatari apparirebbe strana. Ma
un argomento che non regge, se si considera quanto numerosa e 'variegata doveva
essere la comunit cristiana della metropoli.
35. Gli uomini di allora viaggiavano molto, il traffico marittimo era assai sviluppato, e Roma era un luogo di raccolta e d'incontro per tutto l'ecumene, un albergo del mondo: E'V 'PWI-LTI -rii 'Xoa'J.LO"tp6~ IG XIV, uoS, un compendio del
mondol> (ht,...rol..nl), Gal. 18 A 347; Athen. 1.20b. Cfr. L. Friedlander, Darslellun-

42

Introduziowe

menti della lettera inviare i saluti non alle persone preminenti


della comunit bensl a vecchi e spesso indiretti conoscenti,
3. 'E1taL'VE't'o.; ~uale rl;1tapx.i} 't'ii.; 'A~a.; (16,5) d~ ric<;rcare
in Efeso e non in Roma. Quanto a Prlsca e ad Aquila, SI pensa che essi si trovassero con la loro comunit domestica prima
a Corinto e poi in Efeso (Act. 18,10 s. 26; I ~or: 16,~9): 4:
urgenti ammonizioni (16,17-20) a guardarsI dal falSI crls~lant
che provocano scissioni tra i fedel~ ~al si adat~ano ~a situazione della chiesa romana quale CI e nota e ali atteggiamento
cosl cauto che l'Apostolo tiene sempre nella lettera verso la
comunit a cui si rivolge (dr. l,IO ss.; 12,3 sS.; 15,14 ss.).
5. Le parole di I6,20b, dopo 15,33, costituiscono una s~n
da chiusa della lettera e di ci non si hanno altri esempi nell'epistolario paolino.
Questi argomenti contro l'originaria appartenenza del cap.
16 alla lettera hanno certamente un loro peso, ma, a parer
mio non sono convincenti. Della tradizione testuale abbiamo
gi parlato. Per quanto concerne i saluti, di nove delle ventisei persone menzionate si dovr pensare che si fossero trasferite dall'Oriente a Roma: Prisca e Aquila (v. 3), Epeneto
(v. 5), Andronico e Giunia (v. 7), Ampliato (v. 8), Stachi (v.
9), Rufo e la madre di lui (v. 13). Non detto poi che l'Apostolo conoscesse di persona tutti coloro che manda a salutare.
Ma quand' anche fossero conos.cenze dirette, n?~ ~are?b~ro P?
molte se si considerano la qumdecennale attlvlta miSSIOnarIa
di Pa~lo e la grandezza della comunit romana J6. Per quanto
riguarda, in particolare, Epeneto, la sua qualificazione al v. 5
si comprende meglio in una lettera inviata, a Roma che ~d ~
feso dov'era conosciuto. Anche I6,16b s intende meglio rlvolr~ alla comunit di Roma che a quella di Efeso. E perch

L:

gcn aut der Sittengeschichte RomI I 9, 1919. 17; U. Kahrsta~t, Kulturgpchicht~


de, ,iimischen Kaiserzeit. 1944. 102.236.245 ss. Hengel, op. clt. 183 accenna aglt
antichi rapporti che intercorrevano tra Corinto e Roma e trova in essi una spie,
gazione del lungo elenco di saluti in Rom. 16,3 S5. ,
36. Anche Col. 4,10 ss. contiene saluti rivolti ai membri di una comun~t ,non p~,
Iina. Tali saluti, in effetti, ben pi che semplici ricordi sono 50Imbi dl benedizioni augurali.

j 4. La struttura concettuale

43

Prisca e Aquila dopo la morte di Claudio non dovrebbero essere ritornati a Roma, donde provenivano (Act. I8,2)? Il violento attacco contro quei cristiani che minacciano di scindere
la comunit (16,17-20) non impossibile in un testo paolino
e pu essere variamente spiegato, come dimostrano Zahn,
Lietzmann, Michel, H.W. Schmidt, Dodd ecc. Per le due chiu
se della lettera si possono confrontare Phit. 4,9.23 e I Thess.
3,11-13; 5,23 s.
Ma, anche prescindendo da questi argomenti in contrario,
il vedere nel cap. 16 una lettera indirizzata ad Efeso o ad altro
luogo che non sia Roma comporta gravi diflcolt. Proprio ad
Efeso si doveva inviare una lettera che consiste soltanto in una
raccomandazione, in molti saluti, in un ammonimento e ano
cora in saluti? Uno scritto del genere avrebbe qualche analogia tra le epistole paoline? D'altronde senza il cap. 16 la lettera ai Romani non recherebbe saluti. poi difficile capite come
una <<lettera agli Efesini cosiffatta abbia potuto essere aggregata alla lettera ai Romani, anzi come un tale frammento
di lettera - giacch nient'altro Rom. 16 - abbia potuto esgere conservato. Dove sono andati a finire l'indirizzo e il protocollo di questa <<lettera agli Efesini? Noi siamo perci d'avviso, pur senza averne la certezza 37, che il cap. 16,1-23 appartenesse alla redazione originaria di Rom. un capitolo che
sottolinea in modo speciale come questo scritto paolino, il qua
le, come abbiam detto, risulta in definitiva ben pi di una let
tera, abbia per al suo fondo un carattere di comunicazione
epistolare.

4. La struttura concettuale
Ci resta ora da vedere la struttura concettuale della lettera.
Dopo l'intestazione (1,1-7), che cosl densa sotto ogni aspet
to, e dopo l'esordio, che contiene il ringraziamento a Dio per

Il
I
Il
,

I
!

37 CosI pensano Zahn, Sickenberger, Lietzmann, Jiilicher, GogueI, Michel, Huby~


Lyonnet, Gaugler, SchJatter, Barrett, Leenhardt, H.W. Schmidt. Di opinione con.
traria sono Kiihl, G. Friedrich: RGG v 1138, IGisemann.

Il
I

I!i

-I

I
l

44

Introduzione

lo stato di fede della comunit romana ed esprime il desiderio


e l'intenzione dell'Apostolo di recarsi a Roma (1,8-15), Paolo
formula quello che si potrebbe definire il nucleo del suo evangelo, che egli vuole annunziare anche in Roma, e insieme accenna il tema generale della lettera con la quale prepara la sua
venuta a Roma: nell'evangelo inteso come potenza di Dio
che salva il credente si manifesta la giustizia di Dio (I, I 6
s.). Annunziare l'evangelo , secondo il pensiero dell' Apostolo, mandare ad effetto la OUVGt[1L<; di Dio, la sua dinamica, ed
ecco in che senso: la proclamazione dell'evangelo rende presente all'uomo che crede la OLXGtLO(l"UVTj di Dio, la sua operazione risolutiva di giustizia; e cosl questa giustizia salvifica di Dio si attua nei credenti e fra i credenti rendendoli giusti.
In effetti ( questo il concetto su cui impostata la prima
parte della lettera da I, I 8 a 4,25) la manifestazione della giustizia di Dio produce la giustificazione dei credenti. Prima che
Dio riveli la propria giustizia, la sua oPYT), il giudizio della sua
ira colpisce tutti gli uomini, siano essi pagani (1,18-32), o giudei (2,1-3,20), poich tanto gli uni quanto gli altri sono soggetti al peccato (3,9 ss.) e la legge non pu soccorrerli (3,19
s.). Quest'ultimo concetto qui viene accennato, ma non svolto. Cos la prima parte della lettera (1,18-3,20) non tratta ancora specificamente dell'impotenza della legge a recare la salvezza, bens descrive soltanto la condizione di fatto dell'uomo,
lontano ormai dalla luce e dalla potenza dell'originaria 061;Gt
di Dio (cfr. 3,23). Per un atteggiamento di fondamentale ingratitudine i pagani, commettendo l'ingiustizia, calpestano la
verit, ossia la giustizia di Dio che essi, in quanto creature, avvertono istintivamente nel cuore, e si attirano cos l'ira di
Dio (1,18-32). I Giudei che conoscono la volont di Dio dalIa legge che la incarna (2,17 ss.) - a loro in effetti sono stati
affidati i .6YLGt ""I"OU J)EOU (3,2) - condannano bens i pagani
e il loro agire, ma poi si comportano allo stesso modo e accumulano su di s l'ira di Dio (2,1-3,8). Tutti quindi, pagani e
giudei, sono colpevoli di fronte a Dio come gi avevano detto i
profeti e i salmisti (3,9-20).

4 La struttura concettuale

45

Se tale divenuta la situazione dell'umanit, ora per (vuv~


[3,21]) con Ges Cristo e con l'evento espiatore di lui ha
fatto irruzione nel mondo senza alcun concorso della legge la
/LXGtLOa-UVTj J)EOU per tutti coloro che hanno fede (3,21-26).
In Ges Cristo Dio ha riaffermato la sua giustizia e quindi
la sua verit in mezzo a tutta la ingiustizia del mondo. E
questa giustizia e verit di Dio in quanto iustitia iustificans
non viene acquisita da chi compie le opere della legge, bens
viene donata a chi, nella fede, si apre docilmente ad essa.
L'uomo, tanto giudeo quanto pagano, pu essere giustificato
soltanto per la fede. Ma proprio in tal modo la legge viene riconfermata nel suo significato originario quale disposizione
divina (3,27-31). L'A.T. ci porge un tipo di questa fede giustificante, ossia Abramo, padre dei credenti, siano essi di provenienza giudaica o pagana, e insieme l'esempio anticipatore
della giustizia per la fede. A motivo della sua fede Abramo ricevette da Dio la promessa escatologica che sarebbe divenuto
padre di molti popoli (4,1-25). ben chiaro dunque che soltanto in 3,21-4,25 l'Apostolo viene a parlare della sua tesi di
fondo <tutti gli uomini finora sono falliti di fronte alla legge,
ossia nel compimento di opere buone o empie; la legge non
procura la salvezza), affrontando cos il tema specifico, annunziato in I ,t6 s., della sua lettera e del suo evangelo. Tutto
il discorso da 1,18 a 3,18 solo l'anticipata demonstratio per
negationem della giustezza di quella tesi; , per via negativa,
una conferma, ricavata dalla situazione effettiva dell'uomo,
della verit di quell'asserzione fondamentale. Ma solo in 3,
19 s. la tesi viene propriamente enunciata per negationem e
soltanto in 3,2 I ss. viene collocata positivamente al centro
della riflessione. Proprio a motivo della sua funzione la peri
cape 1,18-3,18 nelle due parti in cui si articola (1,18-32 e 2,
1-3,18) non a caso assume in larga misura tradizioni polemiche e un linguaggio tradizionale. In realt, ci che qui vien
detto non ancora l'essenziale. Ma per l'esegeta il problema
di stabilire sino a che punto anche questa sezione possa gi essere interpretata in relazione al vero e proprio annuncio apostolico entro il quale si trova incorniciata (cfr. 1,17 e 3,20).

] ntroduucme

,
,

Con 5 1 incomincia la seconda parte della lettera ai Romani,


che giu;gesino a 8,39. Se le uI time parole del cap. 4 richiamano la nostra l~xo;(wa"~C; per la quale il Signore Ges stato
risuscitato, 5,1 prende l'avvio con l~xo;~w1)"V"t"EC; oV"V x 1t'a""t"EWC;, e procede a illustrare il processo della giustificazione
per la fede, ossia la l~xo;~oa"v"VT} 1)EOV, l'operazione di giustizia
compiuta da Dio in Ges Cristo con riferimento agli effett~
che essa produce in noi, e quindi al suo provvisorio attuarsI
in questo mondo. Che cosa comporta la iustificatio ex fide, va:
le a dire la giustizia di Dio proclamata nell'evangelo per gh
uomini che ad essa si abbandonano con fede? Anzitutto (5,1II) la dpT)"VT} 1tPC; .. "V 1)E6"V, la pace con Dio, e la .1t!.c; "iic;
161;T}C; "OV 1)EoV, la speranza della gloria di Dio dalla quale
saremo glorificati. Eppoi (5,12-21) la SWT), la vita sic et simpliciter. Questa per una riproduzione molto schematica del
contenuto di 5,12-21. In effetti in 5,12 l'Apostolo non passa
semplicemente da un modo ad un altro di rappresentare la salvezza dei giustificati, ma ancora una volta riprende il discorso
da capo. Il tanto discusso l~L "OV"O ecc. (5,12) si richiam.a
nella sostanza agli enunciati di 3,21 SS., sebbene grammatIcalmente costituisca un aggancio a 5,II. Ma Paolo riprende i
concetti di 3,21 ss. perch ora intende esporre sotto un altro
aspetto quel che avvenuto nella manifestazione della giustizia di Dio in Ges Cristo, sotto l'aspetto cio della contrapposizione fra Adamo e Cristo, il quale, mediante il dono che consiste nel suo l~xo;(Wllo;, nella sua opera di giustizia, si appalesa come l'altro Adamo, l'Adamo della grazia sovrabbondante. Mediante questa azione di giustizia il secondo Adamo non solo controbilancia il peccato, ma elargisce all'umanit un eccesso di grazia per la vita eterna. Con l'evento di Ges Cristo, Dio ha in certo senso compiuto una nuova ed incomparabile creazione del mondo.
Ma se il credente ha ricevuto in Ges Cristo, insieme con
la giustizia giustificante di Dio, la speranza e la vita, egli
(e questo un terzo' aspetto che si inserisce nella concatenazione dei pensieri) in quanto battezzato fondamentalmente
sottratto al peccato (6,1-11), svincolato dalla potenza di esso.

j 4- La

SltUIlUIIl

conctulll4lt-

47

Perci il credente non deve pi essere schiavo della Lllo;P"(o;


(6,8); egli invece soggetto alla I~xo;~oa-V"VT} ricevuta per servire (IOV)"EVEW) nella libert (6,12-23). In tal modo per (e
questo il quarto aspetto) il credente sottratto o morto
anche a quella potenza che provoca il peccato, ossia alla legge
(7,1-25). Di per s la legge che santa, giusta e buona (7,
12) non mira certamente a suscitare il peccato. Ma essa cozza
sempre contro l'uomo venduto al peccato (7,14) e l'uomo,
attaccato cos nella sua condizione di creatura, va incontro alla
morte commettendo quei peccati d'ingiustizia o di giustizia
autonoma che sono provocati proprio dalla legge. L'uomo per (ed ecco un quinto aspetto) pu essere giustificato per la
fede e allora, in virt di quel 1t"VEV[l(1 ..iic; swiic; che ha esplicato l'efficacia sua in Ges Cristo e quindi nella potenza giustificante di Dio, egli vien messo in condizione di accogliere e
dunque di praticare il I~xo;(w[lo; .. OV "VO[lov, la giustizia di
Dio attestata e richiesta dalla legge; in altre parole l'uomo diviene capace di schiudersi alla SWT) in quanto figlio ed erede di
Dio, chiamato a ricevere in avvenire una 161;0; ineffabile, alla
quale insieme con lui parteciper tutto il creato (8,1-30). Dio
quindi ci elargisce, insieme con Cristo, ogni cosa, e nessun
evento e nessuna potenza varranno a separarci dall'amore di
lui che in Cristo Ges (8,31 -39 ). Queste considerazioni svolte nei capp. 6-8, al pari di quelle del cap. 5, non si presentano
come esplicazioni sistematiche dell'evento della salvezza che
dona al credente la giustizia di Dio; esse procedono invece con
sempre nuove riprese, dovute in parte a esigenze retoriche (5,
12; 6,1.15; 7,1.7; 8,31),econ trapassi (8,1.13.18),accompagnandosi anche ad altri aspetti (come il battesimo in 6,155.)
e a digressioni, ad es. 7,7 ss. (peccato e legge), in uno stile diseguale, talvolta rigorosamente argomentativo (7,7 ss.), talvolta liricamente mosso a guisa di inno (8,31 ss.), sicch tutto risulta come sovraccarico di materia teologica. Quindi spesso difficile seguire nei particolari lo svolgimento delle idee.
Tuttavia, anche in questa parte della sua lettera, Paolo non
perde mai di vista quello che di volta in volta il tema particolare e neppure dimentica il tema centrale, bens gira conti-

Introduzione

nuamente intorno ad esso. Tant' vero che alla fine di questa


parte siamo in definitiva ricondotti all'inizio e ci ritroviamo al
punto stesso da cui eravamo partiti, come risulta dai vocaboli
tematici 16~cx., lo~rkseO'}cx.L (cfr. 5,1 s.; 8,18 e 8,30). Proprio
questa 16~a;, la quale, mediante la ILXcx.LOO'UVT) il'EO si aperta
ai ILXcx.Lwil'v"m; come realt futura ma insieme gi in qualche
modo presente, ci di cui sinora tanto i Giudei quanto i pagani erano privi. E cos la pericope 5,1 ss. o i capp. 5-8 si riconnettono addirittura ai capp. 1-3. La sututa riconoscibile
in 3,2 I ss.
Che nella lettera ai Romani l'Apostolo abbia costantemente in vista l'unico tema della ILXcx.LOcrUVT) il'eo con quanto attiene ad esso ma lo esprima sotto aspetti sempre nuovi, risulta
in special modo da questo, che nella terza parte della lettera
egli tratta un tema il quale, esteriormente considerato, appare
affatto diverso, eppure nella sostanza sempre lo stesso. I
capp. 9-I1 hanno quasi l'aspetto di un excursus dopo il quale
con 12,1 ss. si ritorna in argomentoriallacciandosi a 8,39. Si
potrebbero intitolare i capp. 9-1 I il mistero d'Israele, qualificandoli cos apertamente come un'intrusione. Ma chi guardi pi da vicino scopre che anche in questa parte della lettera
continua il tema della ILXcx.LOO'UVT) }EO: sotto l'aspetto puramente terminologico la continuit risulta dal passo fondamentale, che il cardine di tutto il discorso: 9,30 sS.; 10,3 ss. I
capp.9-I1 trattano il mistero di Israele, appuntandosi sul rigetto di quella giustizia di Dio la quale, come gi avevamo
letto in 3,2 I, attestata dalla legge e dai profeti e in tal
senso gi era presente in Israele. L'articolazione concettuale
dei tre capitoli pu essere indicata come segue: il fatto impressionante della riprovazione d'Israele, al quale erano state
rivolte tutte le promesse di Dio, suscita il dolore dell'Apo"
stola, legato al suo popolo da un vincolo fortissimo (9,1-5).
Egli sa per che Dio non venuto meno alla sua parola. Questa, in effetti, era rivolta all"IO'pcx.']- xa;"t'.1tVE[J.cx., all'Israele
che vive in ogni tempo della promessa ricevuta da quel Dio il
quale pu sovranamente far suo chi vuole e pu sovranamente
respingere chi vuole (9,6-29). Israele nel suo complesso ha

I
I

,I
Il:

j 4

lA struttura concettuale

49
voluto stabilire la ~I~cx. ILXcx.LOO'UVT), la giustizia propria, aut?noma, e si cosi privato della giustizia di Dio, la quale non
SI ottiene con la legge e con le opere che essa prescrive, ma con
la fede suscitata dall'evangelo (9,30-10,21). In questa caduta di Israele non per coinvolto un resto, un -EL[J.[J.cx.Xcx."t"x-oy']V XrkPL"t'O (I I ,5); d'altronde la caduta stessa ha
un effetto salutare in quanto serve a fare entrare i gentili, i
quali tuttavia non hanno motivo di trattare Israele conarroganza. La caduta di Israele provvisoria, e precisamente
nel senso che ogni dato storico provvisorio. Apprendiamo
i~fatti come rivelazione di uno speciale mistero che, comptuta la salvezza dei gentili, Dio salver tutto Israele, dimostrando cosi la sua misericordia verso tutti gli uomini (I I,
I-V) La risposta conclusiva dell'Apostolo a tutto ci una
commossa dossologia (I I ,3 3-36). Gi da questa presentazione
sommaria e ovviamente schematica dei tre capitoli si pu vedere come Paolo si lasci trascinare di nuovo, e questa volta
con forza tutta particolare, da un'altra variante del suo tema,
a segno che questa variante appare quasi come un testo autonomo nel corpo della lettera; ma si pu anche vedere come
proprio nel mezzo di questo discorso, l'Apostolo faccia inten:
dere il legame occulto fra esso e la lettera nel suo insieme.
Anche la quarta parte della lettera si ricollega, ancorch non
esplicitamente, al tema centrale della ILXcx.LOcrUVT) il'EO. Effettivamente in questa parte, la quale da 12,1 a I5,I3 contiene esortazioni (una paraclesi, potremmo dire stando a 12
I), si esprimono ancora le esigenze e le richieste di quella 1L~
Xcx.LOO'U\IT) il'eo che si manifestata in Ges Cristo e che si ottiene con la fede. Proprio tale giustizia in I2 I si trova indicata con OL O~X"t'Lp[J.Ot "t'O il'EO e in 12,3 con ;rkPL (cfr. 15,
15) Di.rettamente la ILXcx.LOO'U\IT), intesa come impegno dei
credenti da assolvere nel1tvE[J.cx., menzionata una sola volta
(14,17) e senza grande risalto. Giustizia di Dio non soltanto
misericordia e grazia di Dio, bens anche richiesta e appello
a coloro per i quali essa si manifestata. In questo senso vanno intesi i capp. 12,1-15,13 con le loro indicazioni concrete,
che in parte si riferiscono alla situazione della comunit roma-

llitroduzione

na. La giustizia che grazia di Dio rivelatasi in Cristo richiede dai credenti: I. fondamentalmente e in via generale il sacrificio vivente, santo, accetto a Dio che consiste nell'offrire a lui
se stessi (12,1 s.); 2. in particolare la vigile accortezza nell'esercizio dei carismi e dei servizi comunitari, l'umile carit fraterna a l'agir bene in ogni senso (12,3-21); 3. inoltre, la sottomissione al potere politico (13,1-7: questo un richiamo incidentale ma non per ci meno importante) e poi ancoral'l).,),i)ove; lyamiv in vista delgiorno ormai prossimo della salvezza (13,8-14); 4. infine, con un evidente riferimento alla situazione concreta della comunit romana, il reciproco rispetto
fra coloro che si mostrano audci o timorosi, forti o deboli nell'esercitare la libert della fede (14,1-15,6) e in genere la disposizione ad accogliersi gli uni gli altri come Cristo ha accolto noi per la gloria di Dio (15,7-13). Anche in quest'ultima parte della lettera dove i credenti vengono esortati a confermare praticamente la giustizia di Dio ricevuta per grazia,
Paolo svolge il suo tema in maniera solo frammentaria, ma cogliendolo sotto vari aspetti.
All'esordio della lettera (1,8-15) risponde la chiusa (15,
14-33), dove l'Apostolo torna a parlare del suo desiderio e
proposito di visitare la chiesa romana. Seguono raccomandazioni e saluti inviati da Paolo o a nome proprio o per conto
di persone che gli erano vicine; fra i saluti si trova inopinatamente un accorato ammonimento a guardarsi dai falsi maestri
fomentatori di scissioni nella comunit (16,1-23). Una dossologia aggiunta pi tardi sosdtuisce la benedizione augurale, che
manca alla fine ma che era gi stata formulata in 15,33 e 16,
20b (16,25-27)_

I l

i.l

Testo, traduzione e commento

---

PARTE PRIMA

INTRODUZIONE
(1,1-17)

i,,

I. INTESTAZIONE (1,1-7)
I 1 IIa.i;),o OOUO XpLO""tOU 'J"l)O"OU, ""l)"t li1toO""teo liq>WpLO"IL~O
d EUa.yyLO~ lEOU, 2 1tpOE7t"l)yyda."to OLli "tw~ "pOq>"l)"tw~ a.u"tOU
E~ ypaepa.i fy(a.L 3 1tEpt "teU viou a.u"tOU "tOU y~oIL~ov E" O"1tP!Lll."to
.6.au.o xoc"t'. cnipxa., 4 "t'oD bPLCritV"t'CC; ULOU 1}EOU v OUVO;IJ.El. x!X."t 1'tVEUILa. fYLWO"U~"l) tI; f~a.O""tliO"EW ~E"PW~, 'J"l)O"ou XPLO""tOU "tou "vp(ov

i)v.wv. 5 0r.'OU ciBoIJZv xapt.V xcd l.1tOO"'tO:')V Etc; U7t!X.XO')V 1tLO"'t'EWC;


E~ 1tiiaw "toi ~~EO"LV 1tp "tOU 6~6ILa."te a.u"teU, v OL O""tE "a.t
Ul-1d X)",1]'toi. 'I1)CTOU XptCT-rOV, 77t a.o-W "toLe; QUaLV E'V 'PW1-Lll aya1t1')"toi lEOU, ""l)"toi fY(OL, XfPL UILiv "a.t E(p1)~"l) li1t lEOU 1ta."tp
1)[1W~ "a.t "vp(ov 'J"l)O"ou XPLO""tOU.
l

Paolo, schiavo di Cristo Ges, chiamato ad essere apostolo, traseelta

per annunciare l'evangelo di Dio 2 che egli ha promesso per bocca dei
suoi profeti nelle sacre Scritture, 3 concernente il Figlio suo, nato dal
seme di David secondo la carne, 4 ma costituito Figlio di Dio in potenza secondo lo spirito di santit, con la resurrezione dai morti, Ges

Cristo Signore nostro S tramite il quale abbiamo ricevuto la grazia e


la missione di suscitare ad onore del suo nome l'obbedienza della fede
in tutti i gentili, fra i quali siete anche voi chiamati di Ges Cristo
7

a tutti, quanti sono in Roma diletti da Dio, chiamati santi: grazia e

paCe a voi da Dio, Padre nostro e del Signore Ges Cristo.

Nella forma l'intestazione della lettera ai Romani non appare diversa da quella di tutte le lettere dell' Apostolo. La sua
struttura fondamentale : Paolo ... a tutti i diletti da Dio in
Roma. Grazia a voi ... . Abbiamo dunque la menzione del mittente, dei destinatari e la benedizione augurale. Di contro allo
schema epistolare greco, che nel N.T. si trova attestato tale e
quale nella lettera di Giacomo (Iac. l,I; cfr. Act. 15,23; 23,
26) e che consiste in una sola proposizione, lo schema paolino
comprende due frasi secondo un uso orientale e anche giudai-

Rom.

I,C-7

co che forse risale allo stile curiale delle cancellerie di Babilonia e di Persia e che comunque si trova soprattutto negli
scritti ufficiali. Ecco a mo' d'esempio I Dan.4,I 8: Na.(3ou)(OOOVOCTOP (3a.CT~.EC; 1taCTW "t"o~C; .a.o~C;, q>u.a.~C; xa.l y.WCTCTa.~C; . Etpl]vl] U!lWV1t.l]i)uvi)ELn (cfr. I Petr. 1,2; 2Petr. I,
2; Iudae I; I Clem. l,I s.). Ma si pu ricordare anche Bar.
syr.7 8 ,2: Cosi dice Baruch, il figlio di Neria, ai fratelli che
sono stati deportati. Gra2ia (come) anche pace sia (con) voi.
E per citare un ter20 esempio, T. Sanh. 2,6 (416) nella lettera
di Rabban Gamaliele (90 d.C.): Ai nostri fratelli, abitanti
nella Galilea superiore e nella Galilea inferiore. Grande sia la
vostra pace 2. Dall'uso di tale schema si pu forse inferire che
l'Apostolo considerasse in qualche modo anche le sue lettere
come scritti ufficiali 3. Peraltro v' da osservare che egli ha
trattato assai liberamente questo schema d'intestazione, allargandone e variandone in maniera affatto insolita gli elementi
fondamentali. La titolatura del mittente si estende per ben
cinque versetti; l'indirizzo invece piuttosto contenuto e la
benedizione augurale riveste soltanto quella forma ampliata 4 che si trova anche in I Coro 1,3. Evidentemente Paolo vuoI
presentare in tutta la sua importanza il mittente, ossia se stesso alla comunit che non lo conosce. Significativo il modo
in 'cui ci avviene. Ai due titoli iniziali (l,I) del mittente, che
gi mostrano una certa amplificazione, tien dietro, connessa a
quelli in modo singolare, una caratterizzazione dell'evangelo
LeIr. E.Lohmeyer, Probleme ptlUlinischer Theologie I. Briefliche Grussubersch,i/ten: ZNW 2.6 (192.7) 1,8-173; di opinione diversa G. Friedrich, Lobmeyers
These iiber das paulinische Brielpriiskript kritisch beleuchtet: ThLZ 81 (19,6~
343'346 .
2. StrackBillerbeck I 154
3. Cfr. 2 Mach. l,I S5.; fra gli altri, Sanh. b. ub; Strack-BiUerbeck I 154: III I;
Lietzmann 2.2 5.: excursus sugli inizi delle lettere di Paolo.
4. Ci trova la sua ragione non tanto, come credono Zahn, Miche! ed altri, nel fatto che Paolo, tenendo conto della lunghezza della lettera ai Romani, abbia dato
anche all'intestazione un'estensione pi ampia che in tutte le altre sue lettere,
quanto invece nella particolare situazione in cui stata scritta qu~ta le~tera, ~sia,
ad una svolta dell'attivit missionaria di Paolo, nel fatto che l destlDatan non
conoscevano l'autore e nell'intenzione di Paolo di far conoscete a questa importante comunit il 5U~ vangelo. Lo Zahn, col suo confronto tra la lettera ai Romani
e quella a Tito, lascia intravedere anche quest'ultima motivazione.

:'1

Rom.

I,r-l.1

)5

di Paolo (1,2-4) e della missione di lui (1,5-6)'. L'Apostolo


presenta se stesso qualificando con forte risalto, come avviene
anche altrove (ad es. 15,16.19 [16,25 s.]; I Thess. 204), il
compito a lui affidato. Cosi facendo egli fona in certo modo
la struttura e i limiti di un'intesta2ione. Dopo il v. 6 nessuno
si aspetterebbe ancora un indirizzo, cosi come ai vv. 3 s. non
ci si ricorda pi del mittente. Eppure 1'Apostolo non perde
mai di vista la forma dell'intestazione. Soltanto, egli avverte
la necessit di parlare subito alla comunit romana di se stesso~ chiamato ad essere apostolo, del proprio evangelo e della
propria missione. E cosi il trapasso dal mittente all'indirizzo
risulta insieme abile e maldestro. Il V. 6 si riallaccia senza forzatura al v. 5; invece il dativo necessario del V. 7a cozza col
nominativo del V. 6. Ma Paolo non si cura di questa come di
molte altre anomalie stilistiche.
Com' naturale, il mittente dichiara in primo luogo il proprio nome nella forma in cui esso appare in tutte le sue lettere (e in Act. dal cap. 13 in poi come cognomen o praenomen,
eccezion fatta peri racconti della conversione 22,7.13; 26,14)
ossia IIa.u.oC;. L'Apostolo dunque non usa mai il nome giudaico Saul (Sii'iil, La.OU) che egli portava secondo la testimonianzadi Act. 9.4.17; 22,7.13; 26,I4 (da Luca grecizzato nella forma La.U.OC;), ma, da civis Romanus, adopera la forma latina 6. Nella nostra lettera, diversamente da quanto avviene in
I e 2 Cor., Gal., I e 2 Thess., Philm., Phil., Paolo menziona
se stesso come unico mittente (cfr. anche Eph. l,I). Ci egli
fa a mgion veduta. Ne risulta indirettamente che la lettera ai
Romani uno scritto apostolico esclusivamente di Paolo, che
egli espone in essa il suo evangelo (cfr. 2,16 [16,25]) ed egli
solo ne risponde.
.
AI nome l'Apostolo aggiunge due titoli, disponendoli in
questo modo significativo: prima Sou.OC; Xp~CT"t"OU 'I1)CTou e
I.

,. Cfr. Ed. Schweizer, Die Kirche als Leib Ch,isti in Jen paulinischen Antilegomena; ThLZ 86 (1961)
s.
6. Cfr. H.H. Wend" E. Haenchen, E. ComeImano, Die Apg., ad /.

2"

l'

il,
,

l
I

!'

l'
l'
Il
,

Rom. I,I

poi, volendo accentuare fortemente di fronte alla chiesa romana la propria autorit (come in Gal. l,I ss.), senza per alcun
intendimento polemico, x:rrr .7toO"'t"o)"o .CPWPLO"[l.VO Et
Eayy)"LoV. Anche in questa lettera egli non parla in nome
proprio, ma in nome del suo Signore, come suo schiavo e come
inviato di questo Signore e dunque di Dio. oov)"o indica in
generale lo schiavo e perci in questo caso esprime la piena
dipendenza di Paolo da Cristo in quanto XpLO, nel senso che
egli non soltanto servitore di Cristo ma anche propriet e
strumento di lui '. Su ci non pu esservi dubbio, se si considera come Paolo adopera per solito, senza scostarsi dall'uso
8
profano, i termini oov)"o, oou)"ovv, oou)"E~a, OOU)"EELV Anche in un'altra intestazione di lettera (Phil. l,I) Paolo scrive
OOV)"OL XpLO"'t"OV 'I1}O"ov in riferimento a se stesso e a Timoteo;
altrove OOV)"OL XpLO"'t"OV detto genericamente dei cristiani (ad
es. I Coro 7,22; Eph. 6,6; Col. 4,12). Si pu ammettere che
l'appellativo oov)"o XpLO"'t"OV 'I1}O"ov risenta anche dei LXX, i
quali designano con oov)"o l}EOV o xup~ou oltre agli Israeliti
in generale (Deut. 32,36), al popolo d'Israele (Is. 4 8 ,20; 49,
3; ler. 26,27), ai pii e agli aranti (Ps. 18,12; 26,9; 3 0 ,17;
88,5 1 e passim), anche e con particolare rilievo ~bramo (Ps.
104,42), !sacco (Dan. 3,35), ma soprattutto Mose (Num. 12,
7 s .; los. 14,7A; ISam.8,53; 4 Reg. 18,12; Ps. 104,26 ecc.),
Giosu (Ios.24,30), David (2Sam. 7,5; Ps.88,4.21 e passim), Zorobabele (Ag. 2,23), i profeti (Am. 3,7; lon. 1,9; ler.
7,25 ecC.)9. L'espressione oov)"o XpLO"'t"OV 'I1}O"ov potrebbe
quindi indicare implicitamente anche una dignit; ma ci non
infrma l'altro aspetto, ossia che Paolo, in quanto schiavo di
7. Cfr.

Coro I5,23: CL "t'ov XptCT"t'OV; Rom. 8,9;

Coro 3,23;

Coro IO,7: "t'o\)

XPl.CM;OV EtVa.l..

8. Rengstorff in ThWb II 264 ss.; dr. anche G. Sass, ZurBedeutung von 50u).oC;
bei Paulus: ZNW 40 (1941) 20--3 2 .
9. Cfr. Kiisemann e, per tutto l'argomento, LietzmlUlIl, op. cit.; anche l'articolo di
J. Jeremias, ~a.~C; &tov in ThWb v 653 ss. Anche negli scritti di Qumran l'appellativo di servo di Dio riferito ora ai profeti (ad es. I QS 1,3; I QpHab 2,5) ora
al pio'orante (dr., ad es. IQH7,I6; 9,IOS.; Il,30; 14,25). Si veda G.J.eremias,
Die Lebrer der Gerechtigkeit, 1960, 304 S., il quale fa notare che anche il Maestro di giustizia designa se stesso come servo di Dio.

Rom. I,I

57

Cristo Ges, propriet e strumento di Cristo. In effetti egli


ben consapevole di essere stato comprato da Cristo insieme con gli altri fedeli (cfr. I Coro 6,20; 7,23; Gal. 3,13; 4,5).
~a traduzione schiavo di Cristo dunque la pi adeguata IO.
E da notare poi che nel nostro passo si legge XpLO"'t"OV 'I1}O"ov
e non, come di solito (cfr. 1.4-6.7), 'I1}O"ov XpLO"'t"OV. Forse ci
non senza motivo. A differenza di Ges Cristo, XpLO"'t"
'I1}O"ov fa ancora pensare al Cristo (Messia) che Ges, richiama cio il carattere messianico di Ges 11 e in tal modo
colloca in una luce messianica anche il oov)"o. Se il primo titolo che Paolo si arroga indica <<la sua posizione verso Dio
(Kuss) e dichiara quindi alla chiesa romana la sua assoluta disposizione a servire ilxvpLo, il secondo, x),,1}'t" .7toO"'t"o)"o,
almeno in parte, definisce la sua posizione verso gli uominh>. Si potrebbe anche dire che, mentre oov)"o XpLO"'t"OV 'I1}O"OV indica pi che altro lo stato di Paolo, ma anche la
sua dignit paradossale, xl1}'t" .7toO"'t"olo invece riguarda
piuttosto l' <<ufficio di lui e il significato del suo servizio 12.
Quel che Paolo intende per .7toO"'t"olo risulta proprio dall'uso assoluto del vocabolo. Egli considera se stesso e si d
a conoscere alla comunit romana come .7toO"'t"o)"o sic et simpliciter e non - che sarebbe in certo modo l'opposto - come
IO. c.K. Barrett 15: L'espressione particolarmente appropriata ad un apostolo,
ma pu essere usata per ogni cristiano. H.W. Schmidt: Con ogni probabilit qui
Paolo vuole esporre un carattere essenziale del suo servizio apostolico. H. Lietzmann: -Non vengo per iniziativa mia, ma in obbedienza a un ordine superiore,
come_ semplice strumento di Cristo (8ou).o, in correlazione con x~p!.oc;).
II. Il Lietzmann, a proposito di Rom. l,I, afferma: Ma ben difficilmente si potr
dire con Kiihl che Cristo non ancora diventato un nome proprio.
12. Su a7C6CT"t'o).oc; e sulla storia deI termine dr. Strack-Billerbeck III 28S.; Rengstorff in ThWb I 406 sS.j inoltre, fra gli altri, Lietzmann, Rom., excursus a'1t6lT"t'owo,j H. v. Campenhausen, Der urcbristliche Apostelbegrif]: StTh I (1948) 96-I30;
E. Lohse, Ursprung und Pragung des christlichen Apostolates: ThZ 9 (1953) 259275; E.M. !CredeI, Der-Apostelbegriff in der neueren Exegese: ZKTb 78 (I956)
169-193; J. Roloff, Apostolat-Verkundigung-Kirche, Giiters10h 1965; F. Holtz,
Zum Selbstverstiindnis des Apostels Paulus: ThLZ 91 (1966) 321:'330, che riallac.
eia l'ufficio deI profeta a quello dell'apostolo, rilevando per, alla col. 324, a ra
gione, che non si possono cos semplicemente identificare le due cose. Fra di essi
sta il comune punto di riferimento, cio Ges Cristo-. Cfr. anche Wiederkehr,
Berufung 99-106.

'I

Rom.

fil

.7tOCT"tO.O<; Exx.'l]CTLW'II (2 Coro 8,23;

,
!

Phil. 2,25) 1.1 O come uno


dei missionari quali Andronico e Giunia (16,7). Con un'accentuazione polemica in Gal. l,I Paolo formula cos questo
-,
' 6CT"tOIl.O<;
' OUX
"0:7t
"O:'IIupW7tW'II
",
,~. aL
~ "0:'11concetto: IIO:UII.O<;,o:7t
OUoE
bpW7tOU, .... 8L. 'l'l]CTOV XpLCT"tOV XO:L l}EOV 7to:"tpo<;. Egli
vuoi dunque significare di aver ricevuto direttamente da Ges
Cristo o da Dio una delega o procura, la quale (ma ci non
detto qui) lo mette alla pari di coloro che erano apostoli prima di lui (Gal. 1,17 sS.; I Coro 9,5; 15,2 s.). Nel nostro passo
e in I Coro l,I x.'l]"toc; sta ad indicare che Paolo deve il suo
essere apostolo alla chiamata divina 14 e non a una risoluzione
propria, fondata su un carisma, e neppure ad un incarico ricevuto da altri apostoli o da altre autorit. Sull'espressione x.'l]"t<; .7tOCT"tO.O<; e sul concetto che essa esprime pu aver influito la reminiscenza della chiamata degli uomini di Dio Ut!ll'A.T. Abramo fu chiamato (Gen. 12,1 5S.), e cos pure
Mos (Ex. 3 e 4), Isaia (Is. 6), Geremia (ler. I). Ma natural
mente il pensiero va in primo luogo all'evento che Paolo descrive in Gal. 1,15 s. Vero che anche tutti i cristiani sono
chiamati e precisamente da Dio (vedi, tra i molti esempi.
8,30s.; 9,24; ICor. 1,9.26; 7,15.17s8.; Gal. 1,6; 5,8.I3)
Essi vengono definiti (1,6) X.'l]"tOL 'l'l]CTOV XpLCT"tOV, oppure
(1,7 e I Coro 1,2) X.'l]"tOL a.yLOL, o anche (I Coro 1,24) soltan
to x.'l]"tot Ma i cristiani sono chiamati tramite l'evangelo,
mentre invece Paolo stato chiamato in una rivelazione di
Ges Cristo. Egli ha la consapevolezza di essere stato, ancor
prima della chiamata, .cpWPLCTIl'IIo<; EL<; eo:yy.LO'll. Anche cos Paolo si qualifica in certo qual modo come un profeta (dr. ls. 49,1; ler. 1,5) nell'epoca del compimento; non si
eguaglia ai profeti, ma ravvisa nel x.'l]"t<; .7tOCT"tO.O<;, che in
quanto tale non esisteva ancora nel tempo della promessa,
I). Gr. C.K.Barrett: Tuttavia Paolo non un apostolo della Ichiesa .. .', ma un
apostolo di Ges Cristo (I Coro l,I; .l Coro l,I; Col. l,I; dr. Gal. l,I), dal quale
soltanto sono derivate la sua missione e la sua autorit!..
14. x)..~"'6c; accanto ad a.~6a't'o}..oc; sottolinea proprio il mandato ricevuto diret~
tamente dal Signore, cosa che doveva essere messa in primo piano appunto per
Paolo, che era entrato pi tardi nel.novero degli apostoli)!> (J.T. Bock).

Rom.

T,T

59

una prosecuzione e un compimento del profeta, cos come l'e.


vangelo l'adempimento delle profezie IS. .CPOP'~EL'II significa
mettere da parte, trascegliere e simili e nell'A.T. assai
vicino a .yLa:~EL'II. Da Dio e per Dio (dr. Act. 13,2) Paolo
stato separato dal mondo. Il participio .CPWPLCTlJ.'IIO<; non in
alcun modo un richiamo (che in Roma sarebbe stato incomprensibile) al significato dei vocaboli che in ebraico e in aramaico indicano il fariseo (porui e periia) 16. Nel nostro passo .CPWPLCTlJ.'IIO<; vien dopo x.'l]"t<; .7t6CT"t0.0<;, e ci dovuto al fatto che l'autore passa ora ad indicare il compito che
proprio del suo apostolato. Egli ha la consapevolezza di essere stato trascelto per l'evangelo di Dio (dr. anche Gal. I,
16: .7tOXo:MIjJO:L "t'll UL'll o:"tOV E'II EllO', t'llO: EO:YYE.'~W1l00L O:"t'll E'II "toi:<; E~ECTL'II). Il sostantivo Eo:yy.LO'll in questo passo non indica il compimento del servizio apostolico,
bensl il messaggio della salvezza in quanto tale, quel messaggio di cui l'Apostolo riferisce subito dopo in sintesi il contenuto alla comunit romana. L'uso di Eo:yyE.LO'll senza articolo non ha alcun significato particolare, ma dovuto semplicemente alla preposizione EL<; 17. Il genitivo l}Eov (dr. 15,16;
2 Coro II,7; I Thess. 2,2.8.9; Mc. 1,14; I Petr. 4,17 [Apoc.
10,7]) soggettivo o auctoris e designa Dio come colui che
mediante l'evangelo chiama e in esso pronuncia i suoi ammonimenti, annunzia le sue richieste sovrane e dispiega la sua
potenza 18. Paolo dunque si presenta alla comunit romana

l'.

F~-J. Leenhardt: Vocazione e 'messa a parte' avvicinano l'Apostolo li


profeti. Paolo ha avuto certamente coscienza d'essere, nelle mani di Dio, lo strumento della realizzazione dci suo piano di salvezza.
16. Cfr. O. Kuss; E. Kasemann; di diversa opinione sono, tra gli altri, Zahn,
Schiatter, Nygren, Miche!.
17 Cfr. ad es. Philo, rer. div. her. 159: E'V i.epatc; -rprupatr; MYE'C'aLj poster. C.
1.'8. ~ulla mancanza dell'articolo, anche Zahn 34 n. 28; Hotz 41 n.4. Il Kiih1 ritiene JOvece che, trattandosi dell'unico passo in cui Euayyi-LOv senza articolo
quest'ultimo comporti una ",sfumatura qualitativUo. All'Apostolo preme di for~
nire in ci_ che segue una pi precisa determinazione qualitativa di questo auayy-LOV

tEou.

18. SchIatter 18: Se ... Dio colui che parla attraverso l'evangelo, l'annunzio di
esso un'atto che ha come risultato la comunicazione della grazia divina>lo. Cfr.
anche J. Cambier, L'vangue de Dieu selon l'pltre aux Romains I 177-184; J.

Rom.

60

1,1.2

quale schiavo di Cristo Ges, cio come un uomo del quale


Cristo si serve come d'una propriet e d'uno strumento, e
quale apostolo chiamato direttamente da Dio, trascelto da
lui per annunziare il suo evangelo agli uomini.
Ma di quale evangelo si tratta? A questa domanda Paolo
risponde con una stilizzata professione di fede (vv. 2-4), la
quale contraddistingue l'intestazione della lettera ai Romani
da quella di tutte le altre lettere paoline. La comunit dell'Urbe, che Paolo non conosce e che, a sua volta, probabilmente
conosce poco di lui ed forse diffidente verso il suo evangelo,
deve apprendere questo evangelo, sia pure sommariamente,
gi nell'intestazione. Esso viene caratterizzato in due modi:
anzitutto come l'evangelo che, gi avanti di presentarsi come
tale, era stato proclamato o preannunziato da Dio tramite i
suoi profeti nelle sacre Scritture (v. 2), in secondo luogo come l'evangelo che parla del Figlio di Dio (che Ges Cristo
Signore nostro).
Si tratta dunque dell'evangelo che Dio ha preannunziato per bocca dei suoi profeti nelle sacre Scritture. 'TCpOE7tGtyy)"),,EW significa annunziare in anticipo (cfr. 2 Coro 9,5),
preannunziare, sicch dovremmo intendere che nell'A.T.
mediante i suoi profeti Dio aveva predetto l'avvento dell'evangelo. A me per sembra possibile (e pi consono al pensiero
dell'Apostolo) interpretare 'TCPOE'TCGtyy)"),,EW in guisa analoga
al 'TCpoxGt"t'Gtyy)"),,ELV di Acl. 3,18, nel senso cio che Dio per
mezzo dei suoi profeti nelle Scritture sante aveva anticipato
la proclamazione dell'evangelo. questo, d'altronde, il convincimento che Paolo esprime anche quando afferma (3,21)
che la OLXGtLOG'UV1] i}EOV attestata dalla legge e dai profeti. Si pu richiamare inoltre 15,8, dove si legge che Cristo
col suo servizio ha adempiuto la 'TCGtyyE.LGt fatta ai Padri (cfr.
2 Coro 1,20). Anche la E'TCGtyyE.LGt al pari dell'evangelo si contrappone al v6!J.oC; quale fondamento di salvezza; in quanto
2.

Gibbet, Evangelium S. Pauli juxta Rom.


LLL, 1953) 33"335

I~:r-5

(Collectanea Mechlinensia T. X1CI.ll/

~~

6.

evangelo allo stato di promessa, la E'TCGtYYE)"LGt l'antitesi del


vO!J.OC; (cfr. 4,13 ss.; Gal. 3,14 ss.). Che nel nostro passo l'Apostolo con ogni probabilit voglia riferirsi non al preannunzio dell'evangelo avvenire bens all'evangelo stesso, oggetto
di una promessa, risulta, mi pare, dall'espressione affatto generica per bocca dei suoi profeti nelle sacre Scritture. Ben
difficilmente in termini cos generici Paolo pu aver inteso
dire che i profeti di Dio, quali si leggono nelle sacre Scritture, hanno preannunziato l'avvento dell'evangelo; piuttosto
nelle Scritture i profeti di Dio sono sempre coloro che bandiscono in anticipo l'evangelo; ci spiegherebbe anche certi testi come Rom. 15,4; ICor. 10,1!. L'evangelo la promessa
escatologica nel suo compimento. Si ha per !'impressione - e
questo spiega le insicurezze dell'esegesi - che Paolo si esprima qui in un linguaggio pi tradizionale che suo 19: si noti che
dell'AT. vengono menzionati solo i profeti. Merita attenzione anche l'espressione giudeo-ellenistica iiyLGtL ypGtCjJGtL, di cui
non si hanno altri esempi nel N.T. e che al massimo si pu
confrontare con gli tEpa ypa!J.iJ.Gt"t'Gt di 2 Tim. 3,15. Essa indica al plurale il complesso della sacra Scrittura 20. All'enunciato del V. 2 si riallaccia quello dei VV. 3 e 4, dove si propone alla comunit romana il contenuto dell'evangelo escatologico in una formula di professio {idei che preesisteva all'Apostolo e che egli presenta nella sua interpretazione 21.
I9 Cfr. Schrenk in ThWb I 7555.; Schniewind-Friedrich II 573 S. ,82 s.; Michd;
S. Porubcan, The' Pauline Message and the Propbets, in Stud. Paul. Congr. I (Roma 1963) IIL
20. Cfr. J. ]eremias, Artikelloses XPl.tT't'OC;: ZNW 57 (1966) 214 n. 13.
21. Il Michel ritiene di poter parlare di una -professione battesimale di fede~, ma
per questa tesi non vi sono appigli concreti. Cfr. pure, analogamente, CX. Barrett:

Una breve formula (forse di fede) ... Una formula non composta da lui stesso~; O.
Kuss: Una sorta di excursus cristologico, dipendente da una tradizionelll>j La
formula cristologica dei vv. 3-4a sorprende; essa Don presenta un carattere speci~
ficamenre paolino. Secondo R. Bultmann, Theologie ('1965) 53. si tratterebbe di
un enunciato che manifestamente si rif ad una formula desunta dalla tradizione; anche E. Kasemann ritiene prepaolini i VV.3,4, richiamandosi Il I Co,. 15,1
s. Cfr. pure l'ampia analisi di E. Schweizer, Riim L.) f und de, Gegensalz von
Fleisch und Geist vo,. und bei Pau/m: EvTh 15 (1955) 56) s. (= Neoleslamen~
tica, Ziirich 196,3, 180-188); Id., Ernied,igung und E,hohung bei lesm und seinen

Rom.

I,3'4

3-4. Che nell'mbito dell'intestazione Paolo abbia usato una


formula di tal genere risulta probabile per vari motivi. Un indizio costituito in primo luogo dall'interruzione e poi dalla
ripresa del contesto in 3a: 1I:Ept 'tov vLov a'tov e 4b: 'ITJCTOV
XptCT'tOV 'tov xvpLov 1)(J.Wv. Nella sostanza Paolo vuole specificare alla comunit romana che l'evangelo escatologico da lui
annunziato ha per oggetto Cristo, il Figlio di Dio, che Signore nostro (sul che vi era certamente accordo fra l'Apo.
stolo e la comunit romana). Tale contenuto dell'evangelo
apostolico viene spiegato con un'enunciazione che costituisce
la formula vera e propria e che riguarda i due modi di essere
di questo Figlio e Signore. I.:espressione evangelo del Figlio
suo paolina, come dimostra subito dopo 1,9, dove Paolo
parla del proprio servizio all' evangelo del Figlio suo (scii. di
Dio)>> 22. Ugualmente paolina la dizione piena 'JTJCTOV XptCT'tOV 'tov XVpLOV 1)(J.Wv, la quale ricorre anche altrove (ad es.
I Coro 1,9; 2Cor. 4,5) in luogo del semplice EayytoV 'tov
XptCT'tOV (I Coro 9,12; 2 Coro 2,12; 9,13; 10,14 ecc.). Sovente Paolo, invertendo l'ordine, dice: o XptOe; 1)(J.Wv 'ITJCTOVe; XptCT't6e; (5,LII; 15,30 ecc.). Ma forse nel riprendere
l'espressione Figlio di Dio mediante la formula Ges Cristo Signore nostro si conservato il soggetto che si trovava
nella formula preesistente 23 Tra Figlio di Dio e Ges CriNacblolgern, 1962, 31 S.; K.1. Wegenast, T rodilion 70-76; F. Hahn. Chrislologiscbe
Hobeilslilel, 1963, 2,1 SS.; W. Kramer, Chrirlos, Kyrios, GOllessohn, 19ii3, lO, 5S.;
Vernon H~ Neufe1d, Tbe EarlieSI Ch,islidn Confession, Leiden 1963. 'o S.; K.
Wengst, Chrislolog;sche Formel" und Lieder des Urchrislenlums, Diss. Bonn
1-967,104 ss.; P. Stuhlmacher, Theologiscbe Probleme de! RomerbriefspriisRriples:
EvTh 27-(1967) 374.389; E.Linnemann, Tradi/ion und lnlerpreliltion in Rom I,
J I: EvTh 31 (1971) 264.276. H. Schlier, Zu Rom I,} f, in Neues Testttment und
Geschichte. Festschrift O. CulJmann zum 70. Geburtstag, Ziirich 1972., 2.07.2.18.
2.1..'2tEpt .. una specificazione attributiva di Ea.yyi)~IoO", Zahn, Lietzmann, Mi
chel. Per utl!!; -rov h.ov in Paolo dr. 2 Co,. 1,19; Gol. 2,20j anche Eph. 4,13. E.
Kasemann: Nessun autore neotestamentario ha inteso la figliolanza. divina di Ge
s in un senso che non sia metafisico.
23. Gr. K. Wengst, op. cito 104. J.T. Bcck e molti altri, fra cui ad es. l'Ambrosia
ster. pensano che 'I1)O'oV; XP'oO'"tOC; li 1Upt.~ iI~ riassuma ambedue le ddinizioni dd primo e secondo versetto. J. Huby: Questo appellativo 'Ges Cristo Si
gnorc: nostro' la_ formula completa che designa il Cristo glorificato, il F~glio di
Dio incarnato, posto acaDto al Padu e alla destra della sua maest, al quak j suoi

Rom. 1,J'4

sto Signore nostro stanno ora le proposizioni che qualificano


appunto il Figlio e che si rifanno ad una tradizione gi fissata
nella forma e nel contenuto. Si tratta di una formula bimembre (o trimembre, se si considera l'E aVaCl''taCTEWe; VEXPWV come un membro autonomo) seguita da un breve colon finale".
I due membri hanno una scarna struttura participiale e, cosi
come ora suonano, presentano un paralIelismo antitetico nel
cui mbito si possono cogliere quattro rispondenze: 'toii yEVO!lvov - 'tov optCl'iM,,'toe;, EX Cl'1I:p!la'toe; aavLo - E !vaCT'ta.
CTEWe; VEXPWV, xa'tI CTapxa - xa'tI 1I:VEV!la. Se gi questo fa
pensare ad una formula fissa, tale ipotesi viene poi corroborata sia dall'uso del passivo 25, che frequente anche in altre
formule di professione di fede (ad es. 4,25;. I Coro 15,3 s.; I
Tim. 3,16), sia dalIa circostanza che l'antitesi xa'tI CTapxa _
xa'tI 1I:VEV!la, riferita al modo di essere di Ges Cristo fa
capolino altrove in formule trdite (cfr. I Tim. 3,16; I P~tr.
3,18; 10.6,63). Si consideri poi che all'infuori di questo passo l'Apostolo non formula mai un enunciato cristologico nello
schema secondo la carne . secondo lo spirito 26. E qui colDe in I Tim. 3,16 ecc. si trova anche l'anticipazione pretta.
mente semitica del verbo 27 La stessa terminologia di 1.3 S.
accenna all'origine non paolina di queste proposizioni: EX
CT1tp!lo:'toe; aavLo, 1I:VEV!la lytWCTVTJe;, Optcri}ELe; ed E avo:
CT'taCTEWe; VEXPWV non hanno riscontro in Paolo. Si pu ancora
aggiungere che manca un richiamo alla morte di Ges Cristo
eppure altrove questa morte presentata da Paolo come l'og:
getto della predicazione apostolica che colloca in secondo piano.-rutto
il resto (Zahn). ..
.-....

f~eli rendono un culto di adorazione. Il nome 'Signore' esprime questo dominio


unlver~aIe .e s~~remo ~he eJev~ i.l Crist~ ad un rllllgo propriamente divino e gli
conferIsce ti dirItto agli OmaggI rIservati iii Dio stesso.
24 ~dle la stiliz.zazion~ - mancanza di IIrticolo e IIssenza di Ex davanti a VEXP,;w _
non e, come pensano Uetzmann e Kuss, dovuta a ragioni di eufonia e di brevi.
t, ma tradisce un carattere arcaico. Del resto 2~ ,vana.cnw; VEX-pWV in un

contesto cristologico non ha paralleli nel N.T.

2'. W. Popkes, Ch,islus Tl'ttdill4S

:1'2.

26. Vernon H. Ncufdd, Confession


27 Cfr. E. Norden, AgnosloJ Theos

'0 S.

2'''115-.

Rom. r,3-4

!I

L'Apostolo dunque, dopo aver caratterizzato l'evangelo di


Dio alla stregua di una realt escatologica promessa dai profeti, lo d a conoscere nel suo contenuto come l'evangelo
concernente il Figlio di Dio o concernente Ges Cristo nostro Signore; procede poi a specificare oltre il contenuto di
questo evangelo con due indicazioni disposte in antitesi secondo una formula preesistente che viene assunta e reinterpretata:
Nato dal seme di David secondo la carne,
costituito Figlio di Dio in potenza secondo lo spirito di santit,

dalla resurrezione dai morti.

L''V OVVa.!J,EL, che con ogni probabilit, come riconosce ano


che la maggior parte degli esegeti 28, si riferisce a UtOV l}EOV e
non a opLcnt'V'toc; (il quale non abbisogna di alcuna specificazione), disturba il parallelismo del testo. Esso non ha un equivalente nel primo membro della formula ed probabile che
nel nostro contesto serva ad adeguare la cristologia paolina ad
un'altra pi antica. In effetti, secondo l'evangelo di Paolo, Ges il Figlio di Dio e quindi con la resurrezione dai morti non
pu esser divenuto Figlio di Dio, bensi Figlio di Dio in potenza. Anche altrove l'Apostolo parla del Cristo come di colui che stato resuscitato dai morti in virt della potenza di
Dio (I Coro 6,14), come del Risorto che va sperimentato nella sua OU'VCX!J,LC; e in quanto OU'VCX!J,LC; Cr Coro 5,4; 2 Coro 12,9;
Phil. 3,10) mediante lo spirito e la sua opera (15,13; I Coro 2,
4.5) e in virt dell'evangelo (1,16; ICor. 1,18; I Thess. 1,5
ecc.), della parola della sua potenza. Cristo la stessa l}EOV
OU'VCX!J,LC; (I Coro 1,24). Nella parusia la potenza di lui avr
una manifestazione definitiva (2 Thess. 1,7). In quanto kyrios,
Ges Figlio di Dio in potenza. Nella formula cristologica
preesistente a Paolo non si trovava ancora questa dizione, ma
28. Cfr. ad es. B. Cornely, Zahn, KiihI, Lagrange, Huby.Lyonnet, Nygren, Bartett,
Michel, H.W. Schmidt, od l. Incerti restano Lietzmann e Kuss. Esitante al riguardo
W. Thiising, Per Christum I44 ss. Riferiscono lv 8uvt1tJ.!L a pT.a"itEM;, ad es. Beck,
Schlatter, K. Barth. Per una discussione del problema dr. anche O. Cullmann, Vie
e1slen -chrisllichen Glaubensbekenntnisse, zI949. 49 s.; Id., Vie Cbristologie des
N.T., I957. 299

Rom.

I,)-4

6;;

Paolo doveva esprimersi cosi, giacch per lui Cristo Figlio


di Dio anche avanti la sua resurrezione dai morti (dr. I Coro
8,6; Phil. 2,6); il Figlio che il Padre ha mandato nella carne
simile alla carne del peccato (8,3; dr. Gal. 4,4), che il padre
ha dato (8,32), il Figlio che ha dato se stesso per noi (Gal. 2,
20), che ha sofferto la morte (5,10), che, resuscitato dai morti, .
porta l'ELXW'V celeste (8,29), ossia l'ELXW'V di Dio (2 Coro 4,5);
il Figlio del quale il Padre manda lo Spirito (Gal. 4,5), il Figlio che all'Apostolo si rivelato, per dir cosi, riversandosi
nell'evangelo (Gal. 1,16) e ora viene annunziato nell'evangelo come la giustizia di Dio (1,9; 2 Coro 1,19). Con lui noi siamo chiamati ad entrare in comunione (I Coro 1,9), con lui l'Apostolo si trover dopo la morte (Phit. 1,23 l, nel suo regno
siamo stati trasferiti (Col. 1,13), all'immagine di lui noi veniamo conformati (8,29); lui aspettiamo dal cielo (I Thess. I,
lO); alla fine dei tempi, quando tutto gli sar sottomesso, egli
sottometter se stesso a Dio perch Dio sia tutto in tutto (I
Coro 15,28); in lui si sono adempiute tutte le promesse di Dio
(2 Coro 1,20)29. Proprio questo Figlio di Dio, che tale non
diviene ma tale sempre stato e sempre e che alla fine dei
tempi si manifester, viene stabilito dalla resurrezione dai
morti quale Figlio di Dio in potenza. Con questa specificazione interpretativa l'Apostolo modifica 30 una precedente
formula di professione di fede che poteva suonare cosi:
Nato dal seme di David secondo la carne,
costituito Figlio di Dio secondo lo spirito di santit,
dalla resurrezione dai morti.

Ma nella supposta formula di fede vi sono ancora altri elementi dovuti all'interpretazione di Paolo? Il Bultmann, seguito dal Linnemann, dal Wengst e da altri, pensa che l'anti29 Cfr. O. Kuss :12-15; O. CulLm.ann, Christologie 276 ss.;
28, 8S.; W. Thiising, Per Cbristum .:144I50; R. Bultmann,
Conzelmann, Grundriss 94-Ioo; -W.G. Kiimmel. Theologie
Tradition 74 ss.; P. Stuhlmacher, op. cito 374.389, 382 s.;
105 55. I8] ss.
]0.

8E

F. Hahn, Hobeilstttei
Theologie :127 S5.; H.
I43 s.; KI. Wegenast,
W. Kramer, Cbrislas

Un'analogia formale costituita, in Phil. 2,8, dall'aggiunta paolina: itavoc't'ou


CT't'IXUpOU.

66

,
t

tesi xa'ta crapxa - xa'ta ,"vEV[,Ia y~wcrUv1JC; sia anch'essa


un'aggiunta interpretativa dell'Apostolo. Invece E. Schweizer, col quale concordano, fra gli altri, Wegenast, Zeller e ora
anche il Kasemann, ritiene trattarsi di un'antitesi prepaolina.
A parer mio questa la tesi giusta. ben vero che Paolo cono
sce la locuzione xa'ta crapxa per qualificare l'esistenza umana
(cfr. 4,1; 9,5; rCor. 10,18)31 ed altres vero che, sia pure
in un contesto non cristologico, egli formula esplicitamente
1'antitesi xa'ta crapxa - xa'ta ,"VEV[,\Gt (cfr. Gal. 4,29) e va poi
al fondo di essa (soprattutto in 8,45S.; Gal. 3,1 ss.; 5,17;
Phil. 3,1 ss.) intendendo lacarne fragile come la carne del pec
cato divenuta schiava di se stessa. Ma non paolina la locuzione ,"vEV[,Ia a.y~wcruV1JC; e quindi neppure l'antitesi a crap~,
che essa stabilisce. Paolo usa bens il termine y~wcrUv1J nel
senso di santificazione e santit" in contesti parenetici (2
Coro 7,1; rThess. 3,13), ma parla sempre di ,"vEv[,Ia liy~ov
e mai di ,"vEV[,Ia y~wcruv1JC; 32. Quest'ultima espressione ci
porta nell'mbito del giudeocristianesimo. Nei LXX y~wcrU
V1] indica significativamente la santit di Jahv che va congiunta alla sua regalit; y~wcruv1J corrisponde a Md (maest; Ps. 144,5), qodei (santit; PS.29,5; 96,12) e 'o" (<<p0tenza, sovranit; Ps. 95 ,6). y~wcrUv1J si trova in parallelo
con [,IEyaocrUV1], [,IEyao,"p,"E~a, ouva[,l~C;. In Ps. 144,5 si
legge che i pii 't-f)V [,\Eyao,"p,"E~av 't-ijc; o~1JC; 't-ijc; y~wcru
V1]C; crov ancrovcrw, annunzieranno la magnificenza della
gloria della tua santit. y~wcrUv1J la santa maest e poten
za di Jahv, l'essenza della sua gloria, del suo kiibOd. Questo
legame tra y~wcrUv1] e o~a viene confermato da test. L. 18,
3I.6 XptoO"'t't; 't' xa.'t't crpxa. Cfr. Blass-Debr. S 266.12: L'aggiunta dell'articolo pone in forte rilievo la limitazione (per quanto concerne l'aspetto corporeo)>>-.
Per gli addentellati veterotestamentari e giudaici, i quali per ignorano lo schema xa.'t'et O'o:pxa - xenv: 1NEU(ML, cfr. Ed. Schweizer, Neotestamentictl :r80-I89
32. Il Lietzrnann ritiene che Paolo usi mlEU(.UL :yt.WcNV1}t; in luogo di mlEVj.la.
dyl.ov ~enza differenza di significato e solamente per creare una forte contrapposizione retorica, Ma, prescindendo da ogni altra considerazione, proprio vero
che la contrapposizione retorica si stabilisce mediante la locuzione 1NEUJ,.L. ay~w.
cNV11C;? Cfr. anche B. Schneider, Klltll Pneuma Hllgiosynes (Rom. IA)!: Bib 48
(196 7) 3'9-3 8 7.

il

II, dove si legge che grazie al nuovo sacerdote. messianico


<<i santi mangeranno dell'albero della vita e lo spirito di santit (,"vEV[,Ia y~wcruv1JC;) si poser su di loro. Troviamo qui
la locuzione ,"vEV[,Ia y~wcrUv1JC; e anche indicato il rapporto
fra lo spirito di santit e la o~a. Infatti presso l'albero della vita nel Paradiso dimora la l'kinddi Dio 33. Si pu allora
pensare che il senso della formula cristologica nota a Paolo
fosse questo: Nato dal seme di David secondo la carne, costituito Figlio di Dio secondo lo spirito della gloria dalla ( =
in virt della) resurrezione dai morti 34, dove nato dal seme
di David secondo la carne indicava semplicemente 1'esistenza
terrena di Ges Cristo, il quale per xa'ta ~vl-La yLWcrUV1JC; stato costituito Figlio di Dio. Non si tratta dunque in
alcun modo di una teologia dei due stadi la quale professi
Ges come il Messia terreno (nel primo membro) e come l'Intronizza to (nel secondo membro) 35. Tale forse poteva essere
il senso di una formula ancora pi antica nella quale mancava
anche l'antitesi xa'ta crapxa - xa'ta ""Ev[,Ia e che recitava
semplicemente:

Ges Cristo nato d.l seme di David,


costituito Figlio di Dio dana resurrezione dai morti 36.
33 Su di un a1tro passo ha richiamato l'attenzione Erik Peterson Das Amulett IJO"
Acre, in Pr;;hkirche, Judentum und Gnosis, Freiburg LBr. :1959, ;46-3'4 (specialm.
3JI s.). An~he su questo amuleto si trova la locuzione '7t\IEUJ14 ayl.WOUV1lC;, e preCISamente 10 alternanza con 661;. Il Peterson osserva in proposito: oC(L'amuleto
giudaico di Acre viene ad essere coslla prova che in Rom. 1,4... la locuzione 'J'CVEUJ14 a.Yl.WoUV1)C; non semplicemente equivalente a 1NEUP. 4y"ov ... , bensl sta a
designare la 661;a di Dio, a cui si deve lo resurrezione di Cristo come poi asse'
rito anche in Rom. 6,4.
34 Cfr. F.-J. Leenhardt: oC(~ pu avere i due significati: in virt di. .. o dopo.
Cfr. Beck, Lagrange, Miche1. K. Wengst, clr. op. cito 107.

3' Cosl Ed. Schweizer, Der Glaube Iln Jesus als den He"n in seiner Entwiklung von den ersten Nachlolgern bis zur hellenistischen Gemeinde: EvTh 17
(1957) 17-2Ij inoltre, F. Hahn, Hoheitstitel 252, e anche IGisemann.
36 . L'ipotesi che sia esistita una fonnula siffatta, improntata ad una teologia adozianistica, viene corroborata dall'uso di OP'~I.V. Questo termine non univoco. Il
suo significato, nella formula paolina e prepaolina, pu essere soltanto, come pensano a ragione tra gli altri, il Uetzmann e il Michel, costituire "qualcuno a qualCOS8, insediare. Risulta per dai lessici che questa accezione non ha riscontro
n nel greco profano, n in quello biblico, dove invece 6P't;E~V vuoi dire, in de-

Rom. 1,3-4-5

68

Una formula siffatta ci porterebbe nell'mbito di una primitiva teologia giudeocristiana,la quale nel Ges terre?o rav:
visava il Messia discendente di David e nella resurrezIone di
lui la sua adozione e intronizzazione a Figlio di Dio, intendendo questo appellativo alla stregua di un titolo regale messianico. Ma queste sono semplici congetture che, d'altra parte,
ben poco aiutano a comprendere l'intestazione della nostra l~t
tera. Certo che la formula nota a Paolo e maturata forse In
Roma nella temperie di un giudaismo dlenistico appare lontana da ogni tendenza adozianistica, in quanto esprime l'assoluto contrasto fra il Ges Cristo xa:t"I. CTapxa; e il Ges Cristo
nello spirito della gloria in virt della sua resurre~ione. dai
morti 37. Assumendo questa formula con una modlficazlOne
interpretativa l'Apostolo pone l'accento su quel contrasto e
insieme fa conoscere alla comunit romana il proprio evangelo
che nel suo ncciolo (e ci dev' essere chiaro fin dall'intestazione della lettera) non diverso dall'evangelo della chiesa di
Roma. Insomma Paolo, nel presentarsi ai suoi lettori, subito
riprende la loro professione di fede e la corrobora ~ette~do al
riparo da possibili frainte.nd~menti .il .dat~ es.set;tzla~e
essa
ossia che Ges uomo e InSIeme Flglto dI DlO In Vlttu della
resurrezione dai morti. Si conferma cos che l''i OU'iO:!lE~ serve a tale scopo.

?I

5. Paolo ritorna qui a parlare di se stesso o del suo rapporto


con questo Signore Ges Cristo, chiarendo ancor pi .la .pro:
pria condizione di chiamato all'evangelo (v. ,I). Il Flg~lO ~h
Dio in potenza ha trasmesso all' Apostolo l evangelo dI D~o
o pi precisamente: Tramite lui abbiamo ricevuto la grazia
e l'ufficio apostolico. I cristiani di Roma devono dunque safinitiva dichiarare> oppure {(decretare. Ma entrambi i significati, che in riferi.

mento 'aU'azione divina indicano il contrasto assoluto tra essa e il xa."t'tX at1p~a.,
ben si possono adattare alla supposta formula o~iginari~. Il senso ~n;plesslvo
sarebbe che Ges secondo la sua origine terrena il MeSSia terreno, dlchlar~to. da

Dio nella resurrezione dai morti, figlio suo, e intronizzato cosi quale re messlaruCQ.

37.
Schlatter 26: Come egli per la carne un :fi~o di David~ e ~ :6.gli~ d~
l'uomo, cosi per lo spirito colui che appartiene a DiO ed Il 1m uruto, OSSia FI-

glio di

Dio~.

Rom.

I,j

pere che, se Paolo annunzia l'evangelo di Dio per il quale


stato chiamato e trascelto, in ci si manifesta e agisce un dono
del Signore nostro Ges Cristo, ossia di colui che per l'Apostolo , rispetto a tutti i xup~o~ e a tutti gli di e i signori (I
Coro 8.4 ss.); Dio e Signore e insieme Creatore del mondo e
cosmocrator (I Coro 8,6; Phil. 2,9 ss.). .a~O!lE'i non un cosiddetto pluralis maiestatis e neppure significa noi gli apostoli, ossia Paolo e coloro che erano apostoli prima di lui,
oppure Paolo e altri missionari 38, o anche Paolo e gli altri cristiani, ma un cosiddettopluralis auctoris, col quale chi parla
{l scrive colloca in secondo piano la propria persona 39. L'aoristo indica un fatto particolare che qui per non viene meglio
specificato. Il o~I. 'I1JCTov XP~CT"tOV va inteso in modo concreto: il dono stato elargito e ricevuto tramite Ges Cristo; egli
ne stato l'intermediario 40. Ges Cristo non soltanto colui
dal quale provengono a Paolo la grazia e l'ufficio apostolico
- in tal caso si sarebbe dovuto usare O:1t (cfr. 1,7; I Coro II,
23) - e neppure soltanto colui dalle cui mani l'Apostolo li ha
ricevuti - in tal caso avremmo 1ta;pa (cfr. II,27; Phil.4,18
ecc.) - bensl colui mediante e tramite il quale Paolo ha avuto
quei doni. Da Gal. l,II s. 15 s. risulta in che modo ci avvenuto: con la rivelazione di Ges Cristo fatta all' Apostolo
perch andasse ad annunziare il suo evangelo. Quando Dio manifesto Ges Cristo alI'Apostolo, questi ricevette tramite
lui la grazia e l'ufficio apostolico. Ma gi in ci abbiamo un
indizio del modo in cui xap~ e O:1tOCT"tO:ri vanno intese nel
nostro passo. xa.p~C; non significa qui la conversione d~ll'Apo
stolo alla fede cristiana 4J e neppure identica ad O:1tOCT"tO).1) 42
3 8 . Cos intende, ad es., lo Zahn; d'avviso contrario sono Kuhl, Althaus, Kasemann.
39 Kuss, E. v. Dobschiitz, excursus a I Tbess. 1,3; K. Dkk, Der schrillstelleri.Icbe Plurol bei Poulus (Diss. Halle 1900) specia1m. 151 S5.; ].A. MouIton, BinI. in
die Sprache des N.T., Heidelberg 1911, 1375.
Rom. 3,2; I Coro 9,11 55.; 2
COl'. 1,12 55.; Beck con riferimento a 2 Coro 3;1 s.; ',lI s.; 10,355.; Col. 4,J 5. Di
diversa opinione sono Zahn, Leenhardt, Huby-Lyonner, Kasemann. Contro lo
Zahn sono SchJatter, RoJler, Formular 172.

aro

4 Cfr. A. Schottler, Die pouliniscbe Formel durch Christus, 197,4 ss.


41. Cos Zahn, Gaugler, ]iilicher, Sanday-Headlam', Lagrange, Nygren, Leenhardt.
4 2 . Cos Michel, Bardenhewer, Bisping, Cornely, Gutjahr, Skkenberger, Kuss,

Rom,

I,5

7
con cui formerebbe un'endiadi. XapLC; la grazia manifestata
da Dio tramite Ges Cristo, la quale, per effetto della rivelazione di Ges Cristo all' Apostolo, agisce ora nell'evangelo predicato da li. Questa interpretazione corroborata da tutta
una serie di altri enunciati paolini. Anzitutto Gal. 2,7 9, dove
1tE1tLG"'tE\J[L!:tL 't EU!:tyy.LOV ripreso da XapLC; i] loltE~G"a
[LOL. Paolo ha ricevuto da Dio la grazia in quanto gli stato
affidato l'evangelo. Essa dunque la grazia presente nell'evangelo. A questa grazia si riferisce anche I Coro 3,10 s., dove
Paolo afferma di aver posto il fondamento, che Cristo, secondo la grazia di Dio che mi stata data 43. La grazia di Dio
che egli ha ricevuto la manifestazione di grazia in Cristo Ges, la quale fonda la chiesa e si esprime nell'evangelo. In qu~
sto senso essa l'evangelo dell'Apostolo. Ad essa Paolo SI nferisce anche in I2,3; 15,5
L'Apostolo per ha ricevuto attraverso Ges Cristo, in virt della rivelazione di lui, non solo la grazia di Dio che agisce
nel suo evangelo, bens anche l'a1toG"'to.i]44. Questa la necessaria conseguenza di quella. Illt!:tL fra XapLC; e moG"'toki}
non quindi un lt!:tL epesegetico. Come risulta ancora da Gal.
1,15 s., nella grazia di Ges Cristo rivelatosi in evangelium
implicito il mandato di EU!:tyyE.LSEG"lt!:tL !:tu'tv 1:'.1 EltvEG"W.
Proprio questo in un senso particolare l'a1toG"'to.T). Grazia
e apostolato sono anche necessari dc; U1t!:tltoi]v 1tLG"'tEWC; - 1:'.1
1tiiCTLV 'to~c; EltvEG"LV - 1tp 'tOU OVO[L!:t'tOC; !:tu'tou. Con queste
tre indicazioni quanto mai scarne viene specificato che senso
e che fine abbia il ricevere la XapLC; e l'a1toG"'to.T).
Schlatter H.W. Schmidt tx.<kp!.t; e o:'1toO"'t'o)...'; sarebbero un'endiadi), _Kasemann
(<<quasi ~n'endiadi), G. Sass, Apostelamt 88. Secondo il Ljetz~nn Xo:'PLt; indica
la grazia della conversione al cristianesimo o il carisma apostoltCO. Huby.L~o~e~
sono d'accordo con i Padri greci (Crisostomo e la sua scuola) e contro quelh latml
(tra gli altri, Agostino e Ambrogio) i quali distinguono i due do~i, la graz~ deUa
conversione e la chiamata all'apostolato. Anche A. Satake, op. ett. 9855., mclude
in Xa.PLt; anche l'~1tou"t'o)...';.
43. Cfr. J. Wobbe, XILp!.C,-Gedanke 73 S.; Bormann, Heilrverkundigung 19-2[,

4 2 .46 .
44. Paolo designa con t.1tou-co)..'; il suo ufficio apostolico (r Cor, 9,12; Gal. 2,8). In
Act. 1,25 ,la parola indica l'ufficio apostolico dei Dodici e, si accompagna a OUl
KOvVi..

Rom. r,J

7'

, 1t!:tlt.Ol) 1tLG""tEW~ (cfr. 16,26) di per s potrebbe significare


. l obbedienza che viene prestata alla "fede intesa come l'annuncio della fede giunto nel mondo con Ges Cristo (Gal. 3
,; 3. 2? )45. I? tal caso U1ta;ltoi] 1tLG"'tEWC; si potrebbe rendere co~
Lv!:t \J1t!:tltO\JG"WG"W "tu 1tLG""tEL e avremmo allora una locuzione
analoga a U1t!:tltOUELV 'tc"J E!:t!YE.L~ (10,16; 2 Thess. 1,8; cfr.
3.. 14). Ma p~ob~bilmente. ~LG""tEWC; va inteso come un genitiVO ;pesegetlc? o .appos~t1VO che qualifica [a fede 47. 1t!:tltOT)
senz altra speCificaZIOne SI trova spesso in Paolo nel senso di
obbedienza di fede, ad es. nel passo parallelo 15,18 o anche
16,19; ~~or. ~,15; IO,5.6(cfr. I Thess. 1,8). Lafedeperl'Apostolo e m pnmo luogo obbedienza e precisamente, come fa
mte~dere 6,17, obbedienza all'evangelo in quanto 'tU"ltO lL?!:tXTJC; (cfr. anche Gal. 3,2.5; altoi] 1tLG"'tEWC;). L'obbedienza
e ~unque obbe~ienza della fede, di modo che l'incredulit
puo essere defimta disobbedienza (a1tEmEL!:t, a1tELltE~v, cfr.
10,21; II,30ss.; 15,31; inoltre Eph. 2 2 56 Acl 14 2 .
"
"
. "
19,9 ) .
Ma la gra.zia con.cessa a~I'Apostolo nell'evangelo e il mandat~ apostolico a lUi confento hanno lo scopo di suscitare l'ob~edlenza della f~d~ 48 in ~n senso ampio, ossia 1:'.1 1tiiG"w "to~C;
EltvEG"~~, fra tuttl.1 popoli (pagani). Vale in effetti per tutti i
pop?li .il mes.sagglO apostolico. Nel linguaggio paolino "teX Elt'.Il) m~lca qUi e altrove i non giudei 49 pi o meno distinti dai
Giudei (cfr. 1,13; 2,14; 9,30; II,lL12.13.25; 15,9 ss .; I
Coro 5,1 ecc.). Nel nostro passo il significato di popoli pa.2 Coro IO,'; Act.6,7:
26 (Gal. r,23); Gal. 3,2-3.

rri)XOUO\l

46 . Bultmann, Theologie JI5


semann.

S.;

45 Cfr .

't'n TC~U't'E.~. Ma cfr. anche Rom

IO

g- 16

.,

ThWb vl,206; Eichholz, Theologie 233' Kii'

47 Gutjahr:. Sanday.Headl.am, Lagrange, Kiihl, Zahn, Huby.Lyonnet, Jiilicher


Althaus, Kasemann. 11 Miche! e il Leenhardt collegano le due 'interpretazioni'
L:een~ar~t 24: ~~lla fede l'aspetto obiettivo e l'aspetto soggettivo sono con~
giunti e inseparabIli.
4 8 . Zahn: l'obbedienza, che consiste nella fede. In sostanza il significato viene
a~ essere quello che ha for~ulat? lo Schlatter: Paolo non ha disgiunto l'acooghment~ della parola dalla risoluzione all'obbedienza; l'uno e l'altra sono un unico
e medesimo atto della volont.
49. Cfr. Zeller, Juden emd Heiden 13.

I
,

Rom. 1,5..6

Rom, /,61

73

gani risulta da 'V ot<; cr'tE XCLt I-IE~<;, che altrimenti non
avrebbe alcun senso. Rilevare che i cristiani di Roma quali
x).T)'tot 'IT)crou XpLcr'tOU dimoravano fra i popoli perch in Roma si raccoglievano tutti i popoli, sarebbe stata nel contesto
un'osservazione affatto superflua so. Anche Gal. 2,8 non s'accorderebbe con un'interpretazione siffatta. Vero che nel nostro passo non si trova espressamente indicato lo stacco fra
tDvT) e oL '1ouICL~oL, come per es. in 3,29; 9,24; II,13; al .
2,8. Per mlv'tCL 't EDvT) dr. I 5,P; 16,26; Gal. 3,8b; 2 T,m.
4,17. Di fronte ai cristiani di Roma Paolo si qualifica .co~e
l'Apostolo del mondo, e d quindi al suo evangelo un slgmficato universale (questo risulter con maggior precisione da
15,14 ss.). Tutti i popoli - senza alcuna restrizione - debbo
no essere indotti all'obbedienza della fede mediante la grazia
dell'evangelo concessa all'Apostolo e da lui quale mandatario
di tale grazia. Col suo evangelo Paolo serve i pagani per la loro
salvezza o per la loro perdizione (dr. I Car. 1,18.21; 15,2;
l Thess. 2,16 ecc.), ma solo in quanto serve il nome di Ges
Cristo che il centro dell'evangelo e viene <<nominato insie
me con l'evangelo (Rom. 15,20). L'evangelo serve alla gloria
di questo nome 51 che il nome superiore a tutti i nomi"
(Phil. 2,9 s.; Eph. 1,21), solo in virt del quale e richiamandosi al quale l'Apostolo pu annunziare appunto il suo evangelo (cfr. ICar. l,IO; 2 Thess. 3,6). Mediante la sua proclamazione questo nome deve essere conosciuto e lodato da tutti
i popoli, ma insieme col nome e nel nome dev'essere conosciuto e lodato Cristo stesso.

c.

6. Dunque Paolo deve recare ai popoli (pagani) il nome di Cristo e per condurli all'obbedienza della fede egli ha ricevuto,
50. Cfr. Lietzmann .26: 11 nostro passo chiarito in modo inequivocabile, se mai
v' bisogno di una spiegazione, dal v. 13 e soprattutto da II-,I3.30; 15,1' s. 18.
Cos anche Vilmar Comely, Gutjahr, Bardenhewer, Huby, Hiiring, Jiilicher, Kiihl,
Lagrange, Barreu:H.W. Schmidt, Nygren, AIthaus, Leenhardt; di opinione con
traria sono Zahn e SchJatter.
p. unp usato per indicare sia la causa per cui qualcosa sussiste ed accade, sia
il fine per cui qualcosa avviene (Bcck 50). Cfr. Winer S 47,1; Blass-Debr. 231.

I
I

mediante la riveJazione di Ges Cristo, la grazia e l'ufficio apo.


stolico. A questi popoli appartengono anche i membri della
comunit romana, i quali per vero sono x).T)'tot '1T)crou XPLCT'tou. Ad essi l'Apostolo rivolge direttamente la parola. Ci
a~iene per la prima volta gi nel v. 6 con una regolare propo.
SlZlOne relativa che si riallaccia a quanto precede introducen.
do quanto segue: Fra i quali siete anche voi, chiamati di Gensto 52h'
SICC e - questo potre bbe essere il pensiero sotsu'C
tinteso - io mi rivolgo anche a voi che pure avete ricevuto non
tramite me, bens tramite altri l'effetto della grazia apostolica.
Comunque anche i fedeli di Roma sono chiamati di Ges
Cristo e, in quanto tali, schiavi e propriet di lui. '1T)crou
XpLcr'tOU probabilmente genitivo possessivo e non genitivus
auctaris 53. Per Paolo colui che chiama sempre Dio (cfr. 8,3 0 ;
9,24; ICar. 7,15.17.18.20S5.; Gal. 1,6; 5,8.13 e passiml.
Ma Dio chiama ad entrare in comunione col Figlio suo, Ges Cristo, Signore nostro (I Car. 1,9). Proprio questo fa s
che anche i cristiani di Roma, convertiti in maggioranza dal
paganesimo, appartengano in propriet a Ges Cristo. Gli ap.
partengono in quanto sono in comunione con lui.
7 Con una certa durezza sintattica Paolo accosta ora al nominativo un dativo e passa in questo modo a formulare l'indiriz.
z.o au?urale ai destinatari, i quali vengono ancor meglio qua.
lificatl con due appellativi. L'indirizzo rivolto a tutti i membri della comunit romana (cfr. 1,8; 12,3; 15,33; 16,24). Mi
~em.bra improbabile che ci implichi una contrapposizione (per
mdlcare, ad es., non soltanto i conoscenti di Paolo ma tuna
la chiesa, oppure non soltanto i convertiti dal paganesimo ma
anche i giudeocristiani). Paolo ha di mira la comunit nel suo
complesso e non i singoli membri di essa. 'V 'PWI-ITI omes.
52 Beck 51: Qui x1}'toi apposizione, con la quale Paolo designa il1oro (ici!.
dei cristiani) s/a/us tra i popoli pagani, dopo averli appena prima con fv olC; '7"t
compresi v naaw "toi: ~ihlEcnV.
"
:'j3. Cos anche Blass-Debr. S 183; Kfihl I,: (Propriet di Cristo in virt del hl
chiamata.

74

Rom.

T,7

. 54Id'
so senza ragione da qualche manoscntto.
estmatarI. ven-

, i.
I l',
I,

'r

gono, come abbiamo detto, qualificati in due modi: anzitutto


come ayrx1tTl"t"oL "t"OU l}Eou, espressione di cui non si hanno
altri esempi in Paolo e il cui significato si evince da I T hess. I,
4: aOE.q>oL. TJya.1tTl[1.VOt 1t l}Eou (cfr. 2 Thess. 2,13; Col.
3,12; anche Rom. 9,25). In quanto chiamati da Dio i fedeli?i
Roma sono amati da lui. Di questo amore si parla ancora m
5,5. 8 ; 8,3 2 .39 e v' da osservare che non diversamente da
x. 'l'}"t"o,; anche l'aggettivo verbale aya.1t'l'}"t"o<; (in luogo del perfetto passivo) indica uno sta to, in ques to caso il trovarsi nell'amore di Dio. Ma in tal modo i cristiani di Roma vengono
anche designati come l'Israele del compimento. Infatti Israele
il popolo amato da Dio: l> TJya.1tTl[1.vo<; 'IO"pa.1]. (I s. 44,
2) oppure oL aya.1t'l'}"t"oi O"ou (Ps. 59,7; 107,7; cfr. Deut. 7,~4;
IO,14s.; 23,6; }2,15; 33,5.26; Oso 3,1; II,4; 14,5 e passtm.;
Is. 43,15). Quindi non solo l'evangelo il compimento defim
ti va delle profezie, ma anche la chiesa il compimento di
Israele. In quanto aya.1t'l'}"t"oL l}Eou i cristiani di Roma (ed ecco
la seconda definizione) sono altres x.Tl"t"ot iiytot, che la stessa espressione con la quale Paolo si rivolge ai membri della
comunit di Corinto (rCor. 1,2; 2Cor. I,I)ss, In virt della
chiamata di Dio essi sono trascelti dal mondo e divenuti propriet di lui. Ma forse x. 'l'}"t"ot iirtot intende anche qualificare i cristiani di Roma e di Corinto come un'assemblea convocata per il culto 56. In tal caso la locuzione paolina andrebbe ricollegata all'uso veterotestamentario di designare
l'adunanza del popolo di Israele come miqra' qOdd (Ex. 12,
16; Lev. 23,2 ss. 2IA.24.27.35; Num. 28,25), che i LXX rendono con x.'I'}"t""j ayia. 57, dove x.'I'}"t"1] sostantivo (cfr. Lev.
54. Gd OrigPl , Per ulteriori precisazioni dr. Lietzmann 17, excursus a Rom. 1.~7,
Di diversa opinione Zahn )0 5S., excursus I 61' 55. Anche A. Harnack, Zu Rom
1,7' ZNW 3 (1902) 83. 86 .
55. Kuss II ritiene che l'uso di x.'I')'t'oL dYLOI. neI senso di comunit santa), po.
[rebbe spiegare perch, a differenza di I Thers. l,Ii 2 TheIS. l,I; I Coro ~.2; 2 Coro
l,I (cfr. Gal. 1,2) nell'intestazione della nostra lettera assente ExX}...T)O"I.a.
56. Non per una autodesignazione pi antica rispetto a ~x~)..1)ai~, come ~~S3
Schmithals 68. Ad ogni modo in Rom. 16,5 Paolo parla di T) xa:t otxov I1lJ'tWV
hX.T)crta.
57. Con t-rr:(xT)'to<; d:yia. in Num. 28,18.26; 29.1.7. 12 .

Rom. I,7

75

23,24). x.'I'}"t"oL iirtot sarebbero quindi coloro che compongono la x.'I'}"t"1] aria.. Come Israele, quando si radunava, era
un popolo santo, perch Dio aveva convocato i membri di esso, cos i cristiani nella comunit radunata per il culto rappresentano il nuovo popolo santo di Dio 58. Anche in questo senso
la comunit cristiana, sia essa in Roma o altrove, costituisce
il compimento escatologico d'Israele. Ma in quanto amati da
Dio e in quanto membri di un'assemblea cultuale santa i cristiani sono x. 'l'}"t"ot 'I 'l'}O"ou XptO""t"o, chiamati da Dio e appartenenti in propriet a Cristo.
Cos vengono indicati e qualificati il mittente e i riceventi.
L'intestazione si conclude col saluto che nelle lettere paoline
sempre una benedizione augurale 59. Questa viene agganciata, cotne abbiamo visto, ad una seconda frase. Allo stesso modo la benedizione si trova formulata in r Coro 1,3; 2 Coro 1,2;
Gal. 1,3; Phil. 1,2; 2 Thess. 1,2; Philm. 3; Eph. 1,2, mentre
in I Thess. l,I abbiamo la forma breve Xapt<; [1.tV xa.l ELp1]V'I'}60. Forse la benedizione augurale ricalca una formula che
nelle chiese paoline introduceva la celebrazione cultuale;
certo comunque che essa appare liturgicamente stilizzata: vi
si notano infatti tre nuclei, ciascuno di quattro parole; al fondo c' una formula giudaica nella quale tuttavia all'iniziale
.EO<; l'Apostolo sostituisce Xapt<;. Il nesso xapt<; xa.t E.EO<;
si trova gi in Sap. 3,9; 4,15. Nelle benedizioni augurali 61 delle lettere pi recenti e non paoline, come, per es., r Tim. 1,2;
2 Tim. 1,2, abbiamo la formula pi ampia: xapt<;, .EO<;, EL58. Cfr. R. Asting, Heiligkeit 141144; Leenhardt: (Il nuovo Israele , come
l'antico, x>..'I)'t"'') ay~C(, un'assemblea convocata in 'popolo santo'. L. Cerfaux, LA
thologie de l'glise suivant saint Paul 89; Huby.Lyonnet 50 n.3; Procksch in
ThWb I 108. L'ipotesi che i convertiti dal paganesimo non potessero riconoscere
questa locuzione dei LXX non argomento valido per sostenere che Paolo non
l'abbia usata. Di diversa opinione il Kasemann.
59. Cfr. A. Pujol, De salutatione apostolica: Gra/ia vobis et pax: VD 12 (1932) 38.
40; 76-82.
60. xapLC; da solo si trova nella benedizione finale delle lettere: Rom. 16,20; J
Cor.16,23; Gal. 6,18; Phil.4,2}; I Thess. 5,28; 2 Thess. 3,18; Philm. 25; inoltre
in Eph. 6,24; Col. 4,18; I Tim. 6,21; 2 Tim. 4,22; Tit3,1,.
61. Cfr. L. Btuo, Sege1t und Fluch im Urchristentum, OsIo 1932, }8 .

77

Rom. I,7

: I

;!

, I
,

L.

pT)'I/1j Ct7t l)EOV 7ta-cpC; XaL 'I1ja-oi) XPLa--COi) -coi) XVp~OV TJl.J.W'>I
(cfr. anche Tit. 1,4 var.; 210.3). fEOC; da solo si trova in
Iudae 2 (cfr. l'inscriptio della lettera di Policarpo: EMOC; xal
dpl)'>I1jl. Ma si pensi anche alla benedizione di Gal. 6,16: EtPl)'>I1j 7t' av-co xaL fEOC;, xaL 7tL -C'>I 'Ia-pa'j -coi) l)Eoi).
Paolo sostituisce fEOC; con XapLC; 62 non solo, io penso, per via
dell'affinit col saluto greco xa~pEw, ma perch XaPLC; un
concetto pi ampio e pi profondo 63. Elpl)'>I1j, alla guisa di .fii16m indica in senso lato la salvezza, la quale comprende la
felicit sia interiore sia esteriore. naturalmente quella Etpl)V1j di cui si parla in Phil. 4,7 e che supera ogni comprensione". Ma fonte della salvezza la XapLC;.
La grazia e la pace vengono per Ct7t ilEOi) 7ta-cpc; xal xvp~ov 'I1ja-oi) XPLa--COi). ilEC; e XVPLOC; non hanno articolo, come
anche in altri nessi preposizionali ed espressioni formulari 65
Entrambi, Dio padre e Ges Cristo, sono la fonte della grazia
che la comunit deve ricevere e della pace da cui la comunit
sar avvolta e pervasa 66. XVpLOC; 'I1ja-ovC; XPLa--CC; palesa la sua
derivazione da formule cristologiche ormai fissate (cfr. I Coro
8,6; 12,3). Come risulta da Phil. 2,II, XVPLOC; indica il Si
gnore glorificato della chiesa, il quale anche Signore del
62. Cfr., fra ,gli altri, Lietzmann e A1thaus, j quali pensano che il vocabolo x.tip~c;
sia stato introdotto da Paolo nella formula di saluto; contro questa opinione si
espresso Michel. Vedi l'antica preghiera giudaica delle Diciotto Benedizioni, che
nella quattordicesima e quindicesima invocazione chiede misericordia, nella diciottesima pace sopra Israde, nella diciassettesima esprime la riconoscenza a
Dio per]a grazia e la misericordia. Ma cfr. pure Num. 6,24 55.; apoc. Bar. 78 ,2:
<to:Cosl parla Baruch ... ai fratelli che sono prigionieri: miserkordia e pace siano
con voi.
63. Cfr. Rom.3,24i ',1'.17.20 S.; ICor.l,4; Gal. 1,6; 5,4, e anche Eph.2".8; 2
Tim. 2,1; Til. 2,II; 3,7. Per n.,EOC; dr. Rom. l',9; Eph.2A; TiI3,'; r Petto 1,3.
Vedi ]. Wobbe, op. cii.
64. Althaus 6: Pace ... in bocca all'Apostolo assume senza dubhio il senso particolare di 'pace con Dio', quella pace che la grazia di Dio elargisce attraverso Cristo
(5,r)..
65 Cfr. Blass-Debr. '54'55
66. L'Ambrosiaster ad l. dice: El ut sine Ch,islo nullam eSJe pacem el spem docerei, adiecil gralitJm et pocem non solurn de Deo Patre esse, sed et Il Chrislo
lesli. L'accostamento di Dio Padre a Ges Cristo Signore dovrebbe essere prepaolina, secondo il Kasemann (cfr. Lohmeyer, op. cii.; Michel; Kramer, op.
dI. 150).

cosmo e delle sue potenze. Come suoI fare nell'adunanzaliturgica, cosl ora anche nella lettera (che d'altronde viene letta
durante la liturgia) l'Apostolo, trascelto e chiamato da Dio
per l'evangelo, si rivolge a coloro i quali, chiamati da Dio,
amati da lui e appartenenti a Cristo, sono membri della santa
assemblea cultuale, per trasmettere ad essi la benedizione che
viene da Dio e dal Signore Ges Cristo e che reca grazia e salvezza .. La comunit di Roma ascolta la lettera apostolica dopo
aver ricevuto questa benedizione da Dio e da Ges Cristo mediante l'Apostolo.

Ricapitolazione
L'intestazione risulta dunque sformata dalla sovrabbondanza delle enunciazioni e solo a fatica, come appare dalla giuntura di 1,3 e specialmente dal passaggio di 1,7, riesce a seguire
lo schema usuale. Essa risponde per alla situazione da cui
sorta la lettera e al fine che questa si prefigge 67: l'Apostolo non
conosciuto personalmente in Roma, poco noto e probabilmente spesso frainteso quanto al suo messaggio, presenta con forte rIsalto se stesso quale inviato da Dio e diretto servitore di
Cristo e insieme fa conoscere in modo sommario il contenuto
del proprio evangelo. A quest'ultimo scopo egli si avvale di
un'antica professione di fede giudeocristiana, modifcandola
lievemente secondo la sua teologia. Immediatamente da Ges Cristo Paolo ha ricevuto la grazia nell'evangelo e la missione apostolica per condurre all'obbedienza della fede tutti i
popoli (pagani), fra i quali sono anche i cristiani di Roma che
Paolo, rivolgendosi ad essi come a destinatari della lettera, definisce chiamati di Cristo, amati da Dio, e membri della nuova
santa assemblea cultuale. Su di loro Paolo nel suo saluto augurale riversa la grazia e la pace di Dio. Da tutto ci che vien
~etto nell'intestazione con densa brevit emerge in modo particolare ancora un dato, ossia il carattere escatologico dell'evangelo, dell'apostolato e della comunit romana.
67. Cornely 28: Sollemnissima inscriplio, quae a re/iquis tantum non omnibus
multum discrepel, iis, quibus epislultJ scribitur, esi accommodata.

,I
Rom. 1,817

78
Il. IL PROEMIO

(1,8-17)

'IIpG,..,ov V-<V EVXa.p'O""tw "t';' itE';' l'0V S,. 'I"ljO"oii Xp'O""toii "Ept "a.V
"tWV VI'WV 0-.., iJ ,,(O""t,~ !lWV lOa."ta.1'1')"),,E"ta., v 5)"", "t';' lOofl"ll<i>.
'l'a.p"tv 1'a.p llO tO""tw I> itEO, <il )"a."tpEVW tv "t';' "J<VEUI'a."t( l'0V v "t';'
EVa.1'1'E)"(,,, "",oii vtoii a.v"toii, w aS,a.)"E(""tW~ l'v''a.v !lWV "o,oiil'a.,
IO "av"to"tE t"l "twv "P0O"EVXWV IlOV OEO\lEVO Et ,,~ i]0"lj "O"t 'OOW'
iti)0"01'a., V "t';' itEMjl'a."t' "teii ilEoii t)"itt;;v "P~ l'~. Il ",,,oilw 1'.p
tOE;;V l'~, tVa. "t, \lE"ta.OW Xa.P'O"IlI1. I';;V "J<V'VIll1."t'lOl>v Et "tI> 0""t1]p'xitfiVa., l'ii~, .2 "toii"to O k"tw O"UI'"a.pa.lO),,"ljitfiVa., V !li:v O,. "tij~
V a)")"iJ),,o~ "tO""tEW !lWV"tE lOa.t llOii. 13 OV it)"w O l'~ a1'voE;;v,
a.OE),,'P 0(, O"t, "o)"),,alO'~ "POEitI'"ljV )"ilE;;v "P~ l'ii~, lOa.l ixw}"Uil"IJv
IiXP' "toii OEiipo, tVa. "t'V. lOa.p"V fl"XW lOa.t V I';;V lOa.ilw~ lOa.l V "tO;;~
)"O,"O;; fitvE""V, 14 "E),,),,"ljcr(v "tE lOa.t ~a.p~apo,~, O"O'PO;;~ "tE lOa.t avo";
"to,~ 6'P..)""t"lj~ Etl'(, 15 oihw~ "t xa."t'tv-< "poitvl'0V lOa.l l';;V "to;; v
'PWI'TI EVa.1'1'EMcra.fl"ila.,. .6 OV 1'.p "a.,fl"XUVOI'a., "t EVa.1'1')",ov, 1iUva.I"~ 1'."p ilEoii tO""tW Et~ O"W""'"lJpta.v "a.v"tt "t'i> "'O""tEVOV"t" 'Iovo ...",
"tE "p","",OV lOa.l "E),,),,"ljV" 17 O'lOa.,ocrUV"lj 1'.p ilEoii tv a.v""''i> a"oxa.)"U""tE"ta., tlO "(O""tEW~ Et "tO""t,V, lOa.ilw 1'1'Pa.,,"",a., o O(xa.,o ix
i

"(O""tEW~ ~";0"E'ta.,.

Anzitutto per Ges Cristo ringrazio il mio Dio a motivo di voi rutti,
perch la vostra fede annunziata in rutto il mondo. 9 Iddio, al quale
io servo col mio spirito predicando l'evangelo del Figlio suo, mi
testimone che sempre vi ricordo IO e chiedo continuamente nelle mie
preghiere di riuscire una buona volta, se a lui piace, a venire da voi.
11

Desidero infatti vedervi per comunicarvi qualche dono spiriruale in

modo che ne siate confermati,

12 o

meglio per consolarci reciprocamen.

te a motivo della fede vostra e mia. " Non voglio che ignoriate, o
fratelli, che pi volte mi sono risolto di venire da voi (e sinora ne
sono sempre stato impedito) per raccogliere qualche frutto tra di voi
come fra gli altri gentili. 14 Sono debitore ai Greci e ai barbari, ai sa
pienti e agli ignoranti,

15

e perci ben disposto ad annunziare l'evan-

gelo ancbe a voi che siete in Roma. .6 lo infatti non mi vergogno del.
l'evangelo, che potenza di Dio per lo salvezza di chiunque crede, del
giudeo anzitutto e poi del greco. .7 In esso lo giustizia di Dio si rivela
da fede a fede, come sta scritto: il giusto vivr di fede.

La pericope 1,8-17 segna, dopo l'intestazione, il passaggio


al tema della lettera. Nelle varie proposizioni di cui essa si
compone l'Apostolo esprime anzitutto un ringraziamento a
Dio per la comunit romana e dichiara che di essa si ricorda
incessantemente (1,8-9); fa poi menzione della sua preghiera a
Dio perch gli consenta finalmente di portarsi a Roma (1,10).

Rom. 1,8-17.8

79

questa preghi~ra viene motivata col suo desiderio di comurucare ~nche al ~ristiani di Roma un dono spirituale per confermarlI, ~ meglIo per dare ad essi e da essi ricevere conforto
e consolazIOne <'1,11'12). Gi pi volte egli ha inteso recarsi
da lo~o per ~oghere fra di essi qualche frutto, ma sinora ne
stato Imp~dlto (I ,~?). Oltre a questa motivazione, per dir cos~ sogget~lva, ve n e an~e un'altra di carattere obiettivo, ossia ch~ l Apos~olo ~a nel confronti dei popoli pagani l'impegno di. annunZiare ~ ev~nge~o (1,14-15). E l'evangelo ha il potere di salvare tutti, GIUdeI e Greci, giacch in esso chiunque
ha fede tr~va ~agi?s.tizia di Dio (1,16-17). Il contenuto di questo proemio SI puo msomma cos delineare: l'Apostolo grato
a DIO per la comunit romana e sempre memore di ess~, desid~ra annu~zi~re anc~e ~ Roma quell'evangelo che dischiude
aI creden~I, SI~O eSSI GIUdei o gentili, la giustizia di Dio.
Al P~fl dellmtestazione questa pericope sovraccarica di
concetti , m~ non mostra quella sicurezza con cui nei primi
se~te ver~ettl Paol~ ha dichiarato il proprio evangelo e il propr!(~ ~CIO apostolico e ha caratterizzato la chiesa alla quale
mdIrlz~ata la let~era. Al contrario quasi fino al termine del
proem~o predo~llna un certo impaccio che traspare dal ristagno .del concetti e dalle proposizioni appesantite e complicate
d~ ~lserve e clausole. L'Apostolo prende a parlare in guisa pi
dismvolta e sicura soltanto in 1,14 s., quando sposta il discorso da~e sue personali relazioni con la comunit romana alle
pro,?r~e responsabilit e ai propri impegni di indole generale
e: dlc~amo c~sl, ufficiale, e pi ancora in 1,16 s., quando defirusce m maruera oggettiva l'essenza e l'eflicacia dell'evangelo ..
8. A.nche ~a .formulazione del proemio, come quella dell'intee Impr?ntata, ad un antico uso epistolare, il quale
d altronde b~n SI confa ~~li intendimenti dell'Apostolo. Secondo quest uso, dopo lmtestazione col saluto, il mittente
s~azl0ne,

H. Gree~en, Gebet und .Esehot%gie, Giitersloh 1931. Cfr. P. Schubert, Form


Funetton 01 tbe Pau/me Thankrgiving. Beihefte ZNW 20 Berli
. G
E.chholz
D ooOkumenuc
. he und mtSSlommsche
..
.
'
nEine
'939,
.
,er
Horizont der Kirche
exe e .
tlSche Studie zu Rom I~8-I5: EvTh 21 (1961) 15-27.
.
g ~
I.

a~d

80

Rom. l,tl

(specialmente nei testi databili verso la fine del sec . .! d.C.)


dichiara di pregare per i destinatari, di ringraziare gli di
e insieme comunica notizie personali; altrettanto fa Paolo, il
quale fin nello stile si adegua a tale consuetudine epistolare.
Il Lagrange, nel commento al nostro passo, cita a riscontro da
un papiro di quell'epoca una lettera privata che pu valere
come esempio di tutte le altre: 'Av"twv~oe; MaJ;L\lOe; :EGt~'vn
"tTI liOECPTI 1tEi:CT"tGt XGtLpEW. 1tp \lv 1tanwv EUXO\lGtL CTE
l'
, "
,
,.!,
,
Vy~GtWEW xGt~ EyW yGtp GtV"toe; vy~Gt~VW. \lVE~GtV CTOV 1tOLOV\lEVOe; 1tGtp "t01:e; Ev1)aoE 1)Eo1:e; ExO\lLCTa\l1jV EV EmCT"tLoV XGtL
myvoue; CTE PPW\lV1jV xap1jv (BGU 632) la. La somigliano
za evidente; ma altres evidente la differenza rispetto alla
versione di Paolo. In questa, infatti, come del resto anche in
2 Mach. l,II s., sta al primo posto il ringraziamento, che rivolto a Dio e concerne la fede di coloro ai quali la lettera
indirizzata (come anche in I Thess. 1,2; 2 Thess. 1,3; ICor.
I A; Col. 1,3; dr. pure il ringraziamento e la preghiera di Phil.
1,3.4; Philm. 4,6).
1tpw"tov \lv corrisponde a 1tp \lv 1tav"twv. Non seguito da alcun OEU"tEpOV o E1tEL"tGt o e ha quindi valore rafforza
tivo ed enfatico: Anzitutto, ringrazio il mio Dio. Il ringraziamento dunque viene prima di tutto e costituisce poi il fondamento della preghiera. Significativamente esso non rivolto
ai destinatari (sebbene li riguardi), bens a Dio; pi precisamente al mio Dio. Raramente Paolo dice 1)Ee; \lOV come gli
oranti dell'Antico Testamento: 2Cor. 12,2I; Phil. 4,19 e
nei proemi di Phil. 1,3; Philm4; I Coro lA varo Con questa
espressione Paolo designa il suo rapporto personale con quel
Dio di cui si parler in seguito; esprimendosi in tal modo proprio all'inizio della lettera, egli manifesta subito una certa con
fidenza coi fedeli di Roma ai quali scrive. Non a caso la stessa l0CU2ione si trova al medesimo punto della lettera anche in
Phil. 1,3; Philm. 4. Il ringraziamento di Paolo al suo Dio non
per soltanto suo; se cos fosse non significherebbe gran che.
la.

55.;

Sui particolari dr. anche P. Tebt 412; BGU Il 423; r Moch. n,II; 2 Moch.
Col. 1,955.

l,I

Rom. I,8

8r

Esso invece viene pronunziato dall'Apostolo /iL '!1jCTOU XPL. CT"tOU, ossia mediante il Signore glorificato, che fonte e tramite del ringraziamento dell'Apostolo l. Allo stesso modo,
quando l'Apostolo esorta, esorta per il Signore nostro
Ges Cristo (Rom. 15,30), oppure per la mansuetudine
e la bont di Cristo (2 Coro 10,1). Anche il comando del.
l'Apostolo viene impartito mediante il Signore Ges Cristo come comando di lui (I Thess. 4,2; dr. anche Rom. 7,25
var.). In virt di questo rilievo dato al/iL '!1jCTOU XP~CT"tOU,
il ringraziamento dell'Apostolo a Dio acquista un peso infinito
e trascende qualsiasi ringraziamento umano, pur essendo in
concreto pronunciato da un uomo.
Questo ringraziamento, che per l'Apostolo viene 1tpw"tov,
concerne tutti i fedeli della comunit romana: 1tEPL 1tav"twv
U\lwv. Esso non motivato da questo o quel pregio della chiesa di Roma, bens da ci che comune a tutti i suoi membri
riguarda cio la loro 1tLCT"t~<;, che gi nota in tutto il mondo 3:
certo che qui i) 1tLCT"t~ pu essere intesa nel senso generico
di condizione cristiana o cristianesimo. Ma traducendo
in questo modo si svigorisce assai quel che l'Apostolo vuoi
dire in effetti, ossia quel che in 1,5 ha chiamato U1tGtxoi) 1tLCT"tEW. In Roma questa obbedienza della fede si accesa
- senza il concorso di Paolo e prima di lui - ed rimasta viva,
e in ci appunto sta il motivo per cui l'Apostolo prima di tutto dice grazie al suo Dio /iL '!1jCTOU XP~CT"tOU. A ci si aggiunge
che tutto il mondo parla di questa fede dei Romani e deve
quindi trattarsi di una fede davvero gagliarda e tale da destare
forte impressione. Ma forse con xa"tayy.E"ta~ s'intende
qualcos'altro ancora. Il verbo infatti non significa propriamente parlare, riferire, <<narrare. Paolo ne fa uso in riferi2.

Cfr. Thilsing, Per Christum

175- 1 77.

3 Bornkamm, op. cito 136 pensa, come il Kuss, che questa captatio benevolentiaf!
si richiami al fatto che la fede in Cristo ha gi preso piede in Roma ma non

Ma

perch
dica nulla di preciso sull'estensione e lo stato della comunit romana.
Paolo non si esprime allora in maniera rispondente a questo concetto? Il IGise.
mann pe~sa che il grado di fede della comunit romana fosse noto ovunque, in
quanto SI trattava della comunit deUa capitale. Ma questo non sarebbe davvero
4. Cosi, fra gli altri, Schlatter, Miche!, Kuss.
un motivo per ringraziare Dio.

mento: a) a persone e ad avvenimenti: 'tv XpL<1'tOV (Pbil.


1,17. 18 ; Col. 1,28; cfr. Act. 17,4); 'tv Dava'tov, 'tou x~P~OU
(I Coro II,26; cfr. Act. 4,2D); b)a cose e a fatti: 'to p,ap'tupLOV
'tou Deou (I Coro 2,1); 't eva1'1'.LoV (I Coro 9,14; cfr. Act.
13,5; 15,36; 17,~3: :~ .61'ov 'tou Deou). Ci d'~tronde ~
conforme all'uso lmgUlsuco profano, dove xa'ta1'1'E..ew SIgnifica spesso annunziare solennemente, proclamare e simili 5. Non costituisce quindi un parallelo diretto del nostro
passo l'iscrizione funeraria egizia citata dal Bauer, Wb. 822:
wv i) <1wcppO<1uvl] xa't XO<1p,OV .e.a.l]'taL. Ad ogni modo
pu darsi che in questo passo l'Apostolo col verbo xa'ta1'1'..eLv abbia anche voluto far intendere alla comunit romana
che la sua fede, nota in tutto il mondo, divenuta per tutto il
mondo un evangelo. Che l'Apostolo attribuisse alla notizia della fede nutrita da questa o quella comunit il valore di un annunzio risulta dal parallelo tra .61'o nu x\JP~ou ed i) 7t~
<1'tL vp,wv 7tp 't Deov in I Tbess. 1,8 (cfr. Polyc., ep. 1,2).

I
I

, I
!

9. Ma questo ringraziamento a Dio perla fede della comunit


romana annunziata in tutto il mondo soltanto un aspetto
del ricordo incessante che l'Apostolo nutre per quella chiesa.
Il v. 9 si riallaccia a guisa di motivazione (1'ap) al v. 8: lo
ringrazio il mio Dio per voi tutti ... giacch mi ricordo incessantemente di voi. In quanto li ricorda non pu far altro che
ringraziare Dio a motivo di loro, e, per converso, il ringraziamento sta ad indicare che sempre li ricorda. Vi qui certamente una captatio benevolentiae lPa, non per questo siamo di
fronte ad una semplice frase di convenienza, giacch l'Apostolo assicura che Dio stesso testimone di ci che egli dice.
Forse la comunit romana poteva meravigliarsi di una tale
affermazione e chiedersi chi mai fosse questo Paolo che parlava cos. Eppure era la verit e i lettori dovevano saperla. A.nche altrove l'Apostolo, secondo un uso veterotestamentarlOgiudaico, si richiama a Dio 6 quale testimone della propria ve-

, ,i

'I

'i

-'O Or. J. Schniewind in ThWb I, 68-71.


6. Cfr. LXX 1 Samo 12,6: ~cip"t'uc; XVPI.OC; 1tOt:naac; "'C" Mwvcrijv xaL "t'" 'Aa.-

Ii

ridicit:

Tbess. 2,5.10; Gal. 1,20; 2COr. 1,23; II,31; Pbil.

1,8; Rom. 9,1; 2Cor. 2,17; 12,19, con la differenza che nel

nostro passo questo Dio viene ancora una volta caratterizzato


e si specifica il rapporto che intercorre tra lui e l'Apostolo.
Paolo colloca se stesso a piena disposizione di Dio e del suo
evangelo e ci presuppone ancora una volta che Dio gli si sia
r!vel~to e l'abbia mandato. .a'tpeuew non usato sempre in
nferlmento al vero e proprio servizio cultuale (cfr. invece .a'tpe~a: 9,4; 12,1), ma pu indicare anche il servizio religioso
prestato a Dio, come avviene qui e in Pbil. 3,3. Paolo serve
Dio v 't@ 7tveup,a't~ p,o; ci significa che questo servizio
domina il suo spirito. Comunque, non si allude qui allo spirito di Dio', benS all'<<interiorit che regola e dirige l'uomo '.
Ma in che consiste questo servizio a Dio che tocca l'intimit
pi profonda? v 't@ eva1'1'e.~1!l 'tou ULOU av'tou, ossia nell'annunziare l'evangelo del Figlio di Dio, e quindi propriamente: con l'evangelo concernente il Figlio suo (cfr. 1,3;
2 Coro 8,18; 10,14). Si confronti I Tbess. 3,2, dove Timoteo
viene chiamato <1uvep1' 'tou Deou EV 't@ ea1'1'e.L1!l 'tou XPL<1'tou. Dunque questo Dio, al quale Paolo rende col proprio
spirito, mediante l'annunzio del Figlio suo, un sacro servizio,
pu attestare come l'Apostolo si ricordi incessantemente (cfr.
I Tbess. 1,2; 2,13; 5,17; inoltre Ign., Epb. 10,1; Polyc., ep.
4,3; 8,1 ecc.) della comunit romana. E da questo ricordo
procede il ringraziamento a Dio per la fede che viva in quella
comunit e che viene annunziata in tutto il mondo.
IO. Ma da questo ricordo l'Apostolo indotto altres a pregare sempre Dio che gli conceda finalmente di recarsi a Roma.
7tav'to'tE va riferito a oeop,evo, che non dev'essere quindi preceduto dalla virgola ': diversamente sarebbe troppo contiguo

pWva, \laya,ywv "t'oc; 1ta.-rpac; 1)~\I E ALyU1t'tOV ... ; test. L. 19,13: (J.a.P'tUC;
C1"ri. xUP!.OC; Xa.L J-UiryrupeC; 01. &'YYE)..,cX. a,'tOU ... ; Sib. 2, fr.IA: &0" (J.a.p't'upa

'1taV'twv. Cfr. Bauer, Wb. 977 s.; Klauser in RAC


]. Schlatter, Ed. Schweizer in ThWh

VI,

II, 220 S.

434.

8. Cos MicheI, Leenhardl, Kiisemann. Cfr. anche S. Lyonnet Deus cui servio in
~. Contra Kasemann.
spiritu meo (Rom. I,9): VD 41 (1963) .52-.59.

Rom.

': i

T,TO.TT-r2

ad ao~a..EL1t-rW';. Inoltre 1tli:.",-rO-rE seguito da un'esplicazione (1tL -rw", 1tpOC"EUXW'" [lov) la quale non restringe affatto
l'ambito della preghiera di Paolo, bens ci fa conoscere la circostanza del [l"'Ei:a."'1tO~Ei:~a.~. I! ricordo incessante, che anzitutto ringraziamento, si concreta nelle orazioni di sempre e
in queste si concreta altres quella preghiera che ora ~ien~ menzionata. E tutto ci avviene (giova ricordarlo proprio qUI) non
per una ltlt.l]C"La. sua, di Paolo IO, bensi per una comunit
che gli quasi sconosciuta e forse in parte ostile. In queste
sue preghiere l'Apostolo chiede di poter una buona volta, ~e a
Dio piace, recarsi dai cristiani di Roma. Et 1tw,;, che esprime
l'insicurezza, equivale a 01tw,; o a t",a.. iiol] 1to-r significa una
buona volta (Pbil. 4,10; 2 Ctem. 13,1) Il e ci denota l'impazienza di Paolo. EUOOOV~a.~, passivo, non significa pi essere condotto per una buona strada (come in Tob. 5,I7), bens avere un buon esito oppure aver successo, pi chiaramente (come r Coro 16,2): riuscire (cfr. LXX 2 Cbr. }2,
30; Ecclus 41 ,I). Riuscire s, ma v -r<ii i}E.1}[la.-rt -rOV i}EOV,
con o secondo, la volont di Dio (cfr. I 5 ,32: o~a i}E.1}[la.-rO';
i}EOG). la stessa riserva che Paolo esprime altrove in maniera diversa (cfr. r Coro 4,I9; 16,7). Perci, in definitiva, anche
questa preghiera viene rimessa nelle mani di Dio, sebbene I~
sua formulazione riveli un desiderio urgente e un'attesa quasI
impaziente di visitare i cristiani di Roma.

l'
I

I 1-I2. Legata aquanto precede con un yap, viene introdotta


in questo versetto un'altra motivazione volta a spiegare l'urgente brama dell' Apostolo. una motivazione piuttosto ampia che per giunta procede con un certo impaccio. Paolo dunque anela a vedere i cristiani di Roma. 1tL1tOi}Ei:V significa
avere brama, desiderio,> e sim. (ad es. Pbit. I,8; 2,26; 2 Coro
9,I4); seguito dall'infinito si trova, oltre che qui, in r Tbess.
3,6; 2 Tim. lA. (oEi:v pu avere il senso di rivedere, ma
tanto nel N.T. quanto nella grecit profana significa altresl
lO.

II.

Cfr. Schlatter, G. Eichholz: EvTh


Cos il Lietzmann.

21 (1961) 17

s.

Rom.

I,.iII2

vedere per la prima volta,> (Le. 9,9; 23,8; ACI. 28,20 e passim), dunque, fare la conoscenza,> (Gal. 1,19; cfr. v. 18) 12.
I! motivo di questo desiderio cos intenso viene formulato in
due modi di cui il secondo rettifica (con un -rov-ro li C"-rLV) e
insieme restringe il primo. Una terza formulazione contenuta poi nel v. I 3b. Il senso complessivo di queste varie enunciazioni, ossia il motivo vero e schietto per cui l'Apostolo brama recarsi a Roma risulta poi dalle proposizioni di tono ormai
generale e oggettivo dei vv. 14 s. e 16 s. Paolo quindi, nell'es,?orre alla co~unit non da lui fondata il motivo del suo viaggiO a Roma, SI sforza di essere cauto e riservato ma ci non
gli riesce appieno. Secondo la prima formulazi~ne del v. II
egli intende elargire ai Romani qualche dono spirituale,>. [lE-ra.liLova.~ significa mettere a parte (cfr. r Tbess. 2,8), naturalmente di quel che a sua volta l'Apostolo ha ricevuto (il
che per qui non messo in rilievo). XaPLC"[la. va inteso in senso generale come dono (cfr. 5,15.16; 6,23; II,29; 2 Coro
l,II), caratterizzato per da 1t"'EU[la.-rLlt6", come un dono carismatico, che procede cio dallo spirito e d lo spirito 13. Paolo de~idera quindi portarsi a Roma per recare ai fedeli di quella chiesa qualche dono spirituale. Lo strano -rE di I I b lascia
a~rte tutte le possibilit,> (Kiisemann). Si tratta in ogni caso
dI un dono che serve a confermare la comunit. C"-rl]pL~ELV nel
senso di confermare e corroborare interiormente (r
Thess.3,13: -r1.; lta.pOLa..;) nella fede i cristiani e quindi anche la chie~a, attestato, oltre che qui, in 16,25; 2 Thess. 3,3
ecc. Istruttivo il testo r Petr. 5,10: a.u-r.; lta.-ra.p-rLC"E~ C"-rl]pL!;EL, C"i}E"'WC"EL, i}E[lE.LWC"E~. Si trova poi associato a ~a.pa.
lta..Ei:", e \I1tp -rii.; 1tLC"-rEW'; u[lwv in r Thess. 3,2 (cfr. 2 Thess.
~,1~). Secondo r Tbess. 3,13; 2 Thess. 2,17; 3.3; r Petr. 5,10
e DiO che ~<co~ferma i cristiani. Ma forse proprio questo
scopo d~l VIaggiO a Roma sembra a Paolo formulato in guisa
soverchlamente pretenziosa. Egli si avvede di aver troppo unilateralmente presentato se stesso come colui che d, e di avere
12.

G. Bornkamm, op. cito 127,24.

13 Cosl il Lagrange; di diversa opinione il Kasemann.

T'

'I

86

Rom.

L,II-I2.IJ

per giunta fatto ci rivolgendosi ad una chiesa non sua e tanto famosa; di qui il 't"OU't"O O EO"'t"W esplicativo che corregge la
dichiarazione precedente 14. Non 1'Apostolo soltanto per recare qualche dono spirituale, giacch, ave gli riesca di venire
a Roma, vi sar tra lui e quella comunit un reciproco dare e
ricevere. Come dice il v, 12, vi sar un O"u[l1ta;pa;x.1jl}f)va;~,
un mutuo consolarsi: v V[lLV, <<in mezzo a voi. La consolazione reciproca verr dall'incontrarsi nella fede comune. Quella che detta i) v a..l}.o~ 1t'O"'t"t, cio la fede che agisce in
maniera reciproca, viene specificata ancora con v[lWV 't"E xa;L
E[lOU. Anch'egli, l'Apostolo, ha bisogno di essere confortato
dalla fede dei Romani, come essi dalla sua. Naturalmente questa formulazione cos cauta e riguardosa poggia anche su un
dato teologico, cio su una concezione di fondo che Paolo ha
del proprio ufficio: come dimostra anche la menzione dei coautori che viene fatta in altre lettere, egli in quanto Apostolo
sempre altres fratello. L'ufficio apostolico non rende autosufficiente chi lo esercita (Barth). La realt di questo vincolo fraterno importava assai a Paolo. Si aggiunga che in lui
la coscienza della propria autorit si scontra evidentemente
con la consapevolezza che in Roma di certo, ma anche altrove,
si contestava il suo apostolato.
I3. L'Apostolo prosegue dichiarando non essere nuova in lui
questa brama di visitare la comunit dell'Urbe. I Romani devono considerare che egli gi pi volte si proposto di recarsi
da loro. Non un'idea momentanea che lo spinge a ci. Da
tempo 1'aveva in mente e non dipeso da lui se il suo desiderio
non si attuato. Che anche i fedeli di Roma sappiano ci
importante per lui e per loro. Questo concetto introdotto
con una formulazione piuttosto macchinosa, che frequente
in Paolo e che corrisponde al YWWO"XEtV O"E M.w dell'uso epistolare ellenistico 15: Oli 1l".w o v[lii ayvoELv ... Si tratta di
14. Cfr. la formula ellenistica "'C'oij"'C"~cr"t'L'IJ di 7,18; 9.8; Io,6.8; Philm. 12. Altre
tettifiche dell'autore in 2 Coro 8,1]; Gal. 1,3; I Thess. r,8.
I.,. Bauer, Wb. 70I.

Rom.

l,I)

una formula che esprime l'intenzione di comunicare qualcosa


d'importante. Cos anche II,25; ICor. 10,1; 12,1; 2Cor. I,
8; I Thess. 4,13, dove ritorna la stessa locuzione, sono tutti
passi nei quali Paolo riferisce cose di grande momen to. I fratelli (non a caso qui per la prima volta nella nostra lettera i
membri della comunit vengono apostrofati come fratelli;'
dr. 7,1.14; 8,12; 10,1; II,25; 12,1; 15,14.30; 16,17) devono sapere ht 1tO../l:xt 1tPOEl}[l1jV .l}ELV 1tp v[lii. 1tpO't"'l}EO"l}a;t non qui tanto un proporsi, quanto un prendere
una risoluzione, risolversi. E Paolo ha preso 1to..ax~c;
questa risoluzione. Non sappiamo per <:la quanto tempo e do.
ve: forse da quando per la prima volta mise piede in Europa
e peregrin lungo la via Egnatiana. Un accenno in tal senso
si trova forse in 2 Coro 10,16 (si ricordi che soltanto un intervallo di mezzo anno separa 2 Coro e Rom.). Il V. 13 prosegue
con una frase finale introdotta da Lva;. In mezzo sta un inciso
introdotto da un xa;L avversativo 16. una costruzione degna
di nota; essa dimostra infatti che l'Apostolo, pur dovendo ora
porre in risalto anche il suo frequente divisamento di recarsi
t:~ i cris~iani dell'Urbe, per sempre fermo col pensiero a
c~o c~e SI proponeva col viaggio a Roma. Gli che questa indicaZIOne dello scopo a cui tendeva Paolo con la sua venuta a
Roma ha grande importanza anche per la lettera ed sufficien.
te per. f~r pensare che essa appunto voglia in realt preparare
una VISIta futura. E cos poi anche la terza indicazione dello
sco~o ~i una ~isita di Paolo a Roma continua a svelare quello
che e l Intendimento della nostra lettera. Non dipeso da Paolo se la risoluzione da lui pi volte presa di portarsi a Roma
non andata a buon fine; chiarezza vuole che egli lo dica almeno per inciso ed in modo assai generico; lo ripeter poi alla fine della lettera (15,22). L'xw.Ul}1jV non viene meglio
specificato e al pari dei cristiani di Roma anche noi possiamo
fare in proposito soltanto congetture. Ad impedire il viaggio
a Roma era soltanto quel motivo di carattere generale che risulta da 1 5,18-22, cio il non essere ancora giunta a compir6. BlassDebr. 465,r; KUhI, H.W. Schmidt, Kasemann, e altri.

88

Rom. l,I)

mento la missione di Paolo in Oriente? Oppure di volta in


volta si frapposero impedimenti concreti ai quali l'Apostolo
aveva accennato anche in I Thess. 2,r8? Non lo sappiamo; comunque fosse, le ragioni specifiche non avevano alcuna importanza per la comunit romana. Il passivo xwvih')V sta ad
indicare che i motivi dipendevano dalla volont di Dio_ Se si
riguarda il senso complessivo del proemio, quel che importa
un'altra cosa, ossia che i lettori apprendano ancora una volta
(ed la terza) perch l'Apostolo voleva e vuole recarsi a Roma: LV~ 'tw X~p'ltV Uxw x~l v UlJ.~V x~l)wo; x~l v 't'o~o; OL'ltO~o; El)VEUW. Sono parole queste che sorprendono. Esse riportano il discorso sull'Apostolo e sui suoi intendimenti. Egli
non vuole soltanto confermare'> o rafforzare la comunit nella fede, bens X~p'ltV EXEW o UXE~V, conseguire un profitto,
raccogliere frutti,>. Di per s l'espressione potrebbe essere
intesa ancora in senso generico, alla stregua del v. r 2. Ma
quanto segue mostra che Paolo ha in mente un successo missionario, e del resto X~p'ltV UXE~V richiama il X~p'lto; EPYOU
di Phil. 1,22. L'espressione x~l v ulJ.~V x~l)wo; x~l v 't'o~o;
OL'ltO~o; El)vEUW ne una conferma. Fra gli altri popoli pagani
Paolo, con la predicazione dell'evangelo, ha ricavato frutti e
fondato comunit, ed ora, sempre con la predicazione dell'evangelo, vuoI fare proseliti v UlJ.~V, tra vo, ossia proprio in
Occidente e nella capitale del mondo_ Vero che 't'w X~p'ltV
esprime di nuovo una certa restrizione. In effetti la comunit
romana esisteva gi. Ma chi poteva escludere che l'evangelo
di Paolo l'avrebbe resa ancor pi grande?
Si cosi rivelato il preciso intendimento di quella visita
alla comunit romana, pi volte divisata e pi volte impedita, ma sempre chiesta a Dio. Certo, la comunit romana ha da
essere confermata mediante la comunicazione di doni spirituali; certo, l'Apostolo e la comunit devono reciprocamente
rincuorarsi e consolarsi, manifestandosi vicendevolmente la
propria fede. Ma anche in Roma, come nelle altre citt dei gentili, lo scopo vero e ultimo di Paolo (in forza del suo ufficio
apostolico che non deve mai essere rinnegato) pu essere uno

Rom.

1,1).14

solo: acquisire nuovi membri alla comunit mediante l'EU~Y


yE(~Eul)~L_

Questo termine ritorna subito dopo, nel v. 15, dove l'Apostolo espone la motivazione ultima e oggettiva del suo viaggio
a Roma tanto desiderato ma sinora andato sempre a monte:
in quanto Apostolo (dei gentili), egli in debito verso tutti L7_

14 Verso tutti, ossia nel caso concreto: "ET}ULV x~l ~~p


~a:POLo;, UOqJO~o; 't'E x~l riV01]'t'OLo;. Altrove Paolo oppone spesso "ET}VEo; a 'Iou~~oL (dr. 1,16; 2,9.10; 10,12; Gal. 3,28;
Col. 3,rr al singolare; 3,9; ICdr. 1,22.24; 10,32; 12,13 al
plurale)_ Qui (1,14) gli "ET}VEo; contrapposti ai ~a:P~~POL
costituiscono un gruppo all'interno degli El)vT}_ Ci dimostra
che Paolo ha in mente soprattutto tale gruppo quando scrive
alla chiesa romana e che, nel ripartire in questo modo la maggioranza .non giudaica di quella comunit, egli si adegua al
linguaggio appunto dei "Greci,>. Con "ET}VEC; s'intendono
coloro che nelle grandi citt e perci anche (e nel nostro caso
soprattutto) in Roma parlavano greco e partecipavano della
'lt~LE(~ greco-romana; ~a:P~~POL invece sono gli abitanti non
grecofoni delle varie regioni e province dell'Impero romano
(dr. Col. 3,1 l: ~a:p~apoo;, kxvl)T}c;)_La stessa Spagna, dove
Paolo vuole alla fine recarsi (15,24), non parlava greco e risentiva assai poco della civilt ellenistica_ Anche per l'Apostolo ~a:p~~pOo; ha un che di spregiativo_ La formula qui usata
sorta con ogni probabilit in area greca: "ET}VEo; e ~a:p
~apoL sono i rappresentanti di culture diverse "; l'evangelo
non appiana le loro differenze, ma reclama per s tanto gli uni
quanto gli altri. La seconda qualificazione, uOqJo~o; xal livo1]'t'OLo;, nella sostanza coincide pi o meno con la prima_ In Gal_
3,1.3 i Galati vengono definiti riVOT}'t'OL, e ci dimostra che
per l'Apostolo il criterio di valutazione, e precisamente di valutazione dei singoli, dato dal grado di comprensione dell'e17 Per questo concetto dell'essere debitore dr. p.s. Minear Gratitude and
Mission in the Epistle 01 Romans, in Basileia. Festschrift fiir
Freytag (961 )

W.

4 2 -48 .

18. Bibliografia in Miche141 n. 3. Cfr. anche ThWb l, '44 S.; n, 512 s.

,
,

Rom. r,q.15.r6-17

vangelo IO. Ma anche queste differenze non hanno importanza


alcuna per Paolo e per il suo evangelo. L'Apostolo col suo
evangelo in obbligo verso tutti. Per OCjlEL)..'t"'l] E!vaL col
genitivo o dativo della persona o della cosa cfr. 8,12; 15,27;
Gal. 5,3 10 Il fondamento di codesta obbligazione e il suo ca
rattere assoluto si possono dedurre da I Coro 9,16: davanti ad
essa svanisce ogni differenza naturale di popolo, di civilt e di
levatura intellettuale. In altri termini, l'evangelo ignora (e
questo l'importante) presupposti o impedimenti di ordine
naturale. In ogni caso l'Apostolo col suo evangelo debitore verso tutti.

Il

l'.1

Il
!

,
,

'

.1

15. A tale debito corrisponde la disposizione di Paolo ad annunziate l'evangelo anche in Roma. Il V. 15 trae le conseguenze da quanto detto nel V. 14 e insieme segna la conclusione
di tutti i concetti svolti nei VV. 10- I 3. oV't'w ha il senso di
cosi, in conformit di questo, per questo (cfr. 6,II;
Lietzmann). 't' 1tpol)u!J,ov equivale a iI 1tpol)u!J,ta 21 e indica
tanto il desiderio quanto la disposizione della volont (cfr. 2
Coro 8,1 I S. 19; 9,2). xa't"!J, sostituisce il genitivo, come in
Act.I8,I5; 26,3; Eph. 1,15, secondo un uso ellenistico 22.
Proprio questa disposizione ad annunziare l'evangelo anche in
Roma spiega il forte desiderio dell' Apostolo di recarsi nell'Urbe, e, d'altro canto, essa risponde al dovere che egli ha verso
Dio di portare l'evangelo a tutti i popoli e a tutti gli uomini.
16-17. D'altronde come potrebbe Paolo non essere ben disposto ad annunziare l'evangelo anche in Roma conforme all'uni
versalit del suo servizio? 23. L'evangelo non qualcosa come
una passione teologica dalla quale si pu anche prescindere;
invece una potenza e precisamente una potenza che Dio e

'I

iI
I
.1
I
I
1
1

19. Coslio Schlatterj di diversa opinione sono Miche! e Kuss.


20. Blass-Debr. 190.

2I. Cfr. J M.cb. 5,26: ~ 1tpDUILO" ~",a'),.w ...


22. Cfr. Blass-Debr. 224
23. Il cod. G omette indebitamente "t'OLC; 'V 'PWl-Lll.

9I

sercita per salvare coloro che quell'evangelo accettano. Ecco il


concetto che schiarisce quel che muove e spinge l'Apostolo e
che rende cosi ben disposta la sua volont. Formulando questo concetto Paolo raggiunge nei VV. 16 e I? la fine e il culmine delle sue considerazioni introduttive. Le varie proposizioni
del v. 16 sono collegate con un yap a quanto precede e sono
tra loro strettamente connesse, come denota l'altro yap del
v. 17. ovx 1taLCTx:vvo!J,aL esprime per negationem il concetto
positivo di o!J,o)..oyw. Ci per non vuoi dire che il significato
negativo di ovx 1taLCTx:vvo!J,aL non si avverta affatto e che il
V. 16 si riferisca, come intende il Kiisemann, al 14 e non al
15. 1taLCTX:VVO!J,aL ricorre anche altrove in contesti analoghi
(cfr. Mc. 8,38; Le. 9,26; Rom.6,21; 2 Tim. 1,8; 1,12.16)24.
't' Eayy)..LoV qui evidentemente il messaggio nel suo contenuto, che l'Apostolo non esita ad annunziare (cfr. il precedente Evayyt!;ECTl)aL). 't' Evayy)..LoV usato senz'altra specificazione come in IO,I6; II,28; ICor.4,I5; 9,I4epassim.
Va da s che si tratta di Evayy)..LoV ['t'ou] l)EOU (l,I; 15,16.
19; pass.), o 't' Eayy)..LOV 't'ou XpLCT't'OU (I Coro 9,I2; 2 Coro
2,12 ecc.). Proprio questo messaggio di Dio e del Cristo il
messaggio, l'unico che esista per l'Apostolo (cfr. Gal. 1,6).
E come tale anche l'evangelo suo, di Paolo (cfr. 2,16; 16,25;
2 Tim. 2,8). Di esso egli non si vergogna; anzi lo professa apertamente. Vi sarebbero certo motivi per non professare ed'annunziare l'evangelo, soprattutto motivi (come quelli di cui si
parla, ad es. in I Coro 1,18 ss.) insiti nell'evangelo stesso. Nel
suo ncciolo infatti l'evangelo o Myo 't'ou CT't'aupou e, come
tale, !J,wpta, discorso folle agli occhi dei Greci (cfr. ICor. I,
18.21.23), CTxava)..ov, scandalo e inciampo per i Giudei. L'e
24. Per la patte che segue cfr. O. Glombitza, Von der Scham des Gliiubigen. Erwiigungen zu Rom I,I4-I]: NT 4 (1960) 74-80; A. Strobel, Verzogerungsproblem
(1963) 177-I88; I96-I98. J. Cambier, lustice de Dieu, salut de tous les hommes
et foi: RB 1964, 537-583; Wort Gottes in deT Zeit. Festschrift K.H. Schellde
(1973); H. Schlier, Euayye.Lo'V im Romerbrief 127-142; Michel, Zum Sprachgebrauch von 1ta,LITxu'VOl-tI1L in Rom I,I6, in Glaube und Ethos. Wehrung-Festschrift
(1940) 36-53i Kertelge, Rechtfertigung 85-106, pensa, con riferimento a Mc. 8,38
e 2 Tim. 1,8, che nel v. I6 si trovi la terminologia della primitiva professione di
fede cristiana.

92

Rom. I,I6-I7

vangelo contiene qualcosa che suscita avversione, anzi ripugnanza in qualsiasi uomo, ed la croce, che gli uomini istintivamente aborrono, tutti gli uomini, tanto quelli di alta levatura civile quanto i barbari, tanto le persone di cultura quan"
to gli intelletti e gli animi semplici. Ma Paolo non paventa in
alcun modo n lo scandalo, n la ripulsa, n l'ironia, n l'ostilit. E non perch si senta intellettualmente superiore ai
Greci e ai barbari e si affidi alla propria dialettica, ma perch
la causa che egli sostiene e il servizio che egli presta hanno un
potere incomparabile (dr. I Coro 2,3 s.). L'evangelo (v. 16b)
OU\ll.tI.l.LC; J)EOV ELC; O"w"t"lJPLaV 7tav"t"L"t"iii mO""t"Euov"t"t; potenza di Dio 15; nell'evangelo l'uomo sperimenta la forza prodigiosa di Dio. 10 stesso termine ouvalltC; usato in I Coro 1,18
in riferimento al .6yoC; "t"OV O""t"aupov_ Precisamente l'evangelo
questa possente capacit di Dio in senso fondamen~ale,
perch in esso, come risulta da I Coro 1,24; 2,4; 4,20, vIene
incontro agli uomini colui che J)EOV ouvalltC; ltaL O"ocpLa in
persona e perch codesta autorivelazione di Ges Cristo nell'evangelo una dimostrazione della ouval.l.tC; o del 7tVEvl.l.a.
Col manifestarsi di Ges Cristo nell'evangelo Dio stabilisce,
in virt dello Spirito, il suo regno.
Questa ouval.l.tc;J)EoV, che l'evangelo, agisce ElC; O"W"t"lJpLav. Nell'evangelo contenuta la potenza salvifica di Dio.
O"w"t"lJPLa 1h, nel senso ovvio che l'Apostolo d a questo vocabolo, indica la salvezza escatologica che avr la sua manifestazione definitiva con la parusia di Ges Cristo (cfr_ 5,9; 1.3,II;
I Coro 3 15; 5,5; Phil. 1,19). Il suo contrario 1':7tW.Eta
(2 Coro ~,15; Phil. 1,28). Tuttavia questa salvezza gi in
qualche modo presente, nel senso che essa, come intrinseca all'evento di Cristo, si attua nell'evangelo (cfr. 8,24; II,II_ 14;
I Coro 1,18.21; 2 Coro 2,15; 6,2 ecc.)_ La O"W"t"lJPLa inoltre
una salvezza inseparabile da una ltpLO"tC;, da un giudizio. In efCfr. W. Grundmann, Der Begriff der Kralt in der ntl. Gedankenwelt: ZNW
32 (1933) 53 8S.; ThWb II, 298 s. 309 s. Cfr. Mek. Ex. 1,,2.13.26; 18,1, ecc., dove
la tor viene chiamata, secondo un sicuro principio esegetico, la potenza di Dio.
26. Sul concetto veterote5tamentario~ giudaico (LXX, Qumran) e neotestamentario
di 'salvezza' cfr. Foerster in ThWh VII, 966 ss.

25.

Rom. r,r6-r;

93

fetti l'evangelo non si appalesa Eic; O"w"tlJPLav per chiunque,


bens soltanto per il credente. Ma il mO""t"Euwv (sia detto qui
in via provvisoria), come risulta, ad es., da 10,14.16 s., colui che ascolta il messaggio e si mostra docile a ci che ha ascoltato (cfr. 2,8; 6,q; Phil. 2,12; 2 Thess. 1,8; 3,14 ecc_l. Fra i
credenti non v' eccezione di sorta: 7tav"tL "tiii mO""t"Euovn.
Chiunque si risolva all'obbedienza della fede pu giungere
a far suo l'annuncio escatologico-pubblico rivolto a tutto il
mondo e a ogni singolo uomo (Kiisemann) e pu cos abbandonarsi alla realt che da questo annuncio vien resa in certo
modo presente. L'esplicazione che Paolo fa seguire a 7tav"tL
"tiii 7ttO""t"Euovn, ossia 'IouOaLI!!"tE 7tpw"tov ltaL "E..lJvt, specifica il significato di chiunque e mostra la radicale universalitdell'evangelo. Non solo il giudeo (come questi forse ritiene, cfr. cap. 2) in quanto membro del popolo eletto di Dio
e custode della legge, ma altres il greco, ossia in questo caso
il pagano, pu trovare mediante l'evangelo la salvezza nella
fede. Anche 1'''E..lJv (Paolo non conosce un singolare di "t:
EWlJ, come sarebbe ad es. J)VLltOC; [cfr. Mt. 18,17]), purch
creda, viene afferrato dalla potenza di Dio che salvazione e
salvezza 26a, ossia dall'evangelo. Ma se tutto il mondo investito dalla possente offerta e richiesta salvifica di Dio, ci vaIe in primo luogo per il giudeo. Resta dunque ferma l'economia della salvezza" per cui la strada dell'evangelo passa attraverso Israele per giungere poi ai gentili. 7tpw"tov per non da
intendere soltanto in senso cronologico, giacch la precedenza
ratione temporis fondata nella priorit sostanziale ratione
historiae salutis (cfr. 3,19-II)". Ma pur tenendo conto di ci,
quando si detto in primo luogo si detto tutto. L'evangelo in quanto potenza salvatrice di Dio vale in egual misura per
26a. Rendiamo in questo modo la distinzione fra Rettung, che designa l'atto del
salvare o la salvezza in fieri e Heil, che indica piuttosto lo stato di salvezza. In
italiano la distinzione riesce per malagevole anche perch i nomina actionis salvazione e salvamento suonano ormai leggermente antiquati [n.d.T.].
27. Paolo ha - in tutti i casi - attribuito una preminenza ad brade in ragione
della continuit del piano di salvezza (Kiisemann).-Cfr. Zeller, Juden und Heiden
141

s.

94

Rom.

Rom. 1,16-17

i pagani che giungono alla fede. Anche se 7tpGrcov, con B G


sah Mcion Tert. Ephr. e altri, fosse qui da espungere (ma non
il caso) allo stesso modo in cui non si trova in I Coro 1,24,
diversamente da Rom. 2,9.10, la preminenza dei Giudei nella
storia della salvezza sarebbe pur sempre indicata dalla collocazione di 'lovoai:oc; avanti "E..1]v. Significativo e non solo
casuale il passaggio da "E..1]O"LV"tE xaL (3ap(3apoLC; (v. 14) a
'lovoaLI!J "tE 7tpw"tOV xaL "E..1]VL non soltanto perch quest'ultima esprime pi chiaramente l'universalit della salvezza, ma perch segna il trapasso al tema specifico della lettera,
dove campeggia la salvezza tanto d'Israele quanto dei gentili,
ossia delle due parti dell'umanit che erano dianzi nettamente
separate nella storia della salvezza.
Ma in che senso l'evangelo una Ovva!1LC; i}EOV? A questa
domanda l'Apostolo in certo senso gi risponde nel v. 17 con
una proposizione esplicativa. Nell'evangelo si manifesta la
oLxaLOO"VV1] i}EOV, la giustizia di Dio. Il significa to di questa
espressione s'illuminer gradualmente soltanto in 3,5.21 ss.;
10,3 (per altri schiarimenti si dovr ricorrere soprattutto a 2
Cor.5,21 e Phil. 3,9). Senza dichiararci per ora in proposito 28, ci contenteremo qui di rilevare dal contesto: I. che la
oLxaLoO"vV1] i}EoV reca nell'evangelo, potenza di Dio, la salvezza a chiunque crede; si tratta perci di un'operazione divina la
quale si presenta in pari tempo come un dono; in ogni caso
questa giustizia non intesa come una qualit di Dio, neppure come una qualit che agisce nelle opere di lui, come spesso avviene nei testi di Qumran, ad es. I QH 4,36 ss.; I QS II,
12 29 ; 2. che questa OLxaLOO"VV1] i}EOV una giustizia la quale

28. Circa Ja natura di questo genitivo, si deve subito rilevare che si tratta primaria~
,

l'
, ,

mente, ma non esclusivamente, di un genitivo soggettivo, come dimostra la con


trapposizione con 6PY1) Dt:ou in 1,18. Come genitivus auctoris lo int~pretano. tra
gli altri, i1 Kiih1 e il Kuss.
29. 1 QH 4.36 55.: <c .. Atlola io mi alzai e mi drizzai e il mio spirito riprese di
nuovo fermezza di fronte alla tribolazione i infatti io mi appoggiai alla tua piet
e- alla pienezza ddIa tua misericordia. Perch tu con la tua giustizia ~ondi. il pec:
cato e purifichi l'uomo dalla macchia della colpa)}. L QS Il,Il: -Se IO vacillo, mi
SODO d'aiuto per sempre le manifestazioni della grazia di Dio e se invece io mi
travio per colpa deUa malvagit della carne, la mia giustificazione poggia per in
eterno sulla giustizia di Dio)}.

JJJ6-L7

95

V aV"tcj:l (scii. EvayyE.LI!J) u7tOxa.V7t"tE"taL, ossia occulta


a guisa di mistero e soltanto ora si manifesta nell 'evangelo;
3 che essa costituisce un evento escatologico, se vero che
l'a7toxa.v7t"tELv storicamente inteso rimanda ad un avvenimento escatologico (cfr. 8,18; I Coro 3,13; 2 Thess. 2,3.6.8;
I Petr. 1,5; 5,1); per a7tOxa.vq..LC;, nel senso di svelamento
di una realt affatto nascosta, cfr. 2,5; 8,19; ICor. 1,7; 2
Thess. 1,7; I Petr. 1,7.13; 4,13; 4. che l'oggetto della rive
lazione viene non solo conosciuto, ma anche sperimentato nella s~a efficacia allo stesso modo della py"j i}EOV (1,18), la quale SI appalesa nei castighi e nelle sofferenze degli uoinini abbandonati da Dio in bala di se stessi e viene dunque avvertita
come una realt presente; 5. che non soltanto la giustizia di
Dio ~n fenomeno escatologico, bens (per analogia) anche
la mamfestazione e l'incontro di essa con l'uomo nell'evangelo; quindi un fenomeno escatologico l'evangelo stesso in
quant? rivelazione anticipata di tale giustizia. L'evangelo
una dImostrazione della potenza di Dio nel senso che, quando
esso viene annunziato dall'Apostolo, l'operazione escatologica della giustizia di Dio si manifesta anticipatamente in
guisa da essere sperimentata hic et nunc. L'evangelo in atto
la giustizia di Dio che sin d'ora diventa accessibile nel suo manifestarsi, la oLxaLoa-VV1] i}EOV escatologica che in maniera
provvisoria si svela e s'incontra con l'uomo. In quanto tale,
l'evangelo ovva!1LC; i}Eov ELC; O"w"t1]pLav. La O"w"t1]pLa escatologica ha cominciato ad esplicarsi in questa potenza di
Dio, con essa ha fatto irruzione nel mondo. La salvezza insomma gi in corso perch e in quanto l'evento della giustizia di Dio si compie sin d'ora nell'evangelo, potenza di Dio.
La O"w"t1]pLa per (e ancora una volta questa corrispondenza non viene dimenticata) si attua solo l dove c' la fede che
si apre ad essa e l'accoglie. Soltanto per chi ha la fede questa
anticipata OLxaLoO"vV1] i}EoV diviene esperienza e realt della
salvezza. Ci posto in rilievo con l'espressione x 7tLO""tEW
ELC; 7tLO""tLV 30. questo un semitismo che ha paralleli non solo
30. Su questa formula cfr. A. Friedrichsen, AUJ Glauben
ConiNeot 12 (Uppsal .Lund 1948) 54.

ZII

Glauben: Rom

l,q:

Rom. I,16-q

Rom.I,I6.q

97

in un'iscrizione funeraria (x yTic; ELC; yTj'V (3Loc; oihoc;), ma


anche in numerosi passi dei LXX, ad es. ler. 9,2: x xaxw'V
ELC; xaxa:, Ps. 83,8: x OUWl:!!EWC; ELc; ov'Va!!w, 2 Coro 2,16:
x l}a'Va:t"ou ELC; M'Va"t"o'V . x ~wTic; .ELC; ~wi)'V (cfr. 3,18; 4,
17). Il significato semplicemente rafforzativo di Ex ltLCT"t"EWC;
non allude in alcun modo allo svolgimento della fede nel tempo e al suo processo interiore; quindi fuori luogo intendere x ltLCT"t"EWC; ELC; ltLCT"t"L'V o nel senso che la fede nasce come fiducia per trasformarsi poi in assenso, o che dalla fede
di colui che predica nasce la fede di colui che ascolta, o che la
ltLCTnc; muove dalla fedelt di Dio e approda alla fede
dell'uomo, oppure ancora che dalla fede veterotestamentaria
si passa a quella del N.T. Grammaticalmente la nostra formula non si riferisce n al soggetto n al verbo, bens un'apposizione di tutta la frase. Essa specifica, diciamo cos, la dimensione entro la quale si attua questa rivelazione della giustizia
di Dio ". Che l'evento della giustizia di Dio si compia nell'evangelo, purch incontri una fede senza limiti e riserve, ci,
secondo l'Apostolo, conforme alla Scrittura, la quale vien
citata nel v. I7b a confermare appunto la verit di questa asserzione. La formula che introduce la citazione attestata anche altrove: 2,24; 3,10; 4,17; 8,36; 9,13.33; II,26, con la
variante xal}a:ltEp 3,4; 9,13; 10,15; II,8-I5,3.9.2I; ICor.
1,3 I; 2,9; 2 Coro 8,15; 9,9. La citazione, che si ritrova letteralmente in Gal. 3,II; Hebr. 10,38 e con molteplici variazioni nell'A.T., nei LXX, in I QpHab 7,17 e nei rabbini, procede
da Abac. 2,4 s. 32. Su questo sfondo si pu riconoscere la to-

I
,

l,

31. Cfr. Gaugler, Michel, IGisemann; Stuhlmacher, Gerechtigkeit 83.


si trova nell'mbitO' di un monologo profetco: il profeta' deve fis
sare per iscritto la sua visione e attendere il compimento di essa, che non pu
mancare. Il contenuto della visione per il seguente:
y. 4: a) Ecco, soccombe chi non ha l'anima retta;
b) ma il giusto vivr per la sua fedelt.
\" 5: Soltanto il fedifrago sicuramente non vivr,
l'uomo impudente che non ha nessuna consistenza ...
Il senso del v.4b dunque: la fedelt verso Jahv far vivere il giusto. Negli
scritti posteriori Aba'c. 2,4 viene spesso citato e in un senso significativo. Nei LXX.
si legge: 5t S!"XtX~O~ Ex mO"t'EWC; IJ.OU t;.qO'E"t'tX!., cfr. Hebr. [0,38. Perci: la fedel
t di Dio fa vivere il giusto. In I QpHab 8,[ s. si legge: Il giusto vivr per la sua
32. Abac. 2,4 s.

tale diversit dell'interpretazione paolina. Secondo l'Apostolo, I. il giusto colui che nella fede sperimenta la oLxaLocrV'V1j
l}EOU; 2.1a ltLCT"t"LC; non , come vedremo, un modo di adempiere la legge e quindi un merito, bens l'opposto degli Epya
'V!!ou, delle opere legalistiche; 3. ~1jCTE"t"aL la vita escatologica nel futuro (5,17.21; 6,22 s.; II,25 e passim) e gi nel
presente (6,2.11.13 e passim); 4. infine da tutte le citazioni
risulta probabile che x ltLCT"t"EWC; si debba riferire a ~i)CTE"t"aL.
Pa?lo, dunque, nei vv. 16-17 passa dalle considerazioni personalI al tema della lettera e con parole proprie - a differe02a
di 1,3 s. - espone alla comunit romana quel che secondo lui
l'evangelo , ossia una pote02a di Dio che si manifesta e apporta la salvezza a chiunque crede, non importa se giudeo o greco.
In ~ffet~i: nell',:~angelo si appalesa la giustizia di Dio>', quella gIUstIZIa che SI attua ed agisce nell'mbito della fede, come
attesta gi la Scrittura in Abac. 2A s.

fedelt emuna)>>. Il versetto viene interpretato con riferimento a tutti coloro che
osservano la legge nella casa di Giuda; Dio li salver dalla casa del giudizio per
la loro f~elt al Maestro di giustizia e per il loro travaglio. Perci: 1. si parla del4
la fede1ta (o della fede) dell'uomo; 2. la fedelt o la fede - linguisticamente la
distinzione Don sicura - rivolta al Maestro di giustizia; 3. questa fedelt si
accompagna alla pratica della legge (<<travaglio); 4. il Maestro della legge non
u.n O"W't'-z1P, m~ una sorta di t)"OCO""t'-z1PLOV. Presso i rabbini Abac. 2,4 viene spesso
CItato, ad es. In Mek. Ex. 15.1, tra molti passi della Scrittura che esaltano la fede
('emana). Si tratta di quella fede che si fa carico dell'osse1'Vanza dei comandamenti ed essa stessa una forma di osservanza. Makk. 23b riporta una sentenza di
R.abbi ~jmlai (intorno al 250) sulla progressiva riduzione dei 613 comandamenti
dI Mose a I I per opera di David, a 6 per opera di Isaia, ecc. Ma Rab Nahman ben
Jisha~ (t 35.6 ) pensa che Abacuc riduca a uno i comandamenti, e cita Abac. 2,4:
dI giusto VIV1'3 per la sua fede. Era per controverso come andasse interpretata
qt;esta spiegazione di Rabbi Simlai. Secondo Rashi, col quale concordano Strack.
Billerbeck III 542 SS., si dovrebbe dire nel senso che nel passo del trattato Makko/
la fede, in quanto professione di monoteismo, considerata come la prestazione
minima, l'unica che il profeta richieda nel suo tempo degenerato.

PARTE SECONDA

IL TESTO DELLA LETTERA


(1,18- 1 5,13)

I. LA NECESSIT DELLA RIVELAZIONE

DELLA GIUSTIZIA DI DIO (1,18-4,25)


I.

Gentili e Giudei in preda al peccato (1,18-3,20)

a) L'ira di Dio sui gentili (1,18-32)


lIlIA1toxaV1t"tE"t'al. yp

PYT} i)'Eou lL1c'opcx:vou 1tL miauv aE~E!.a'J

"al ao,,,l.o:v avltpw1tWV 'tWV 't1)v a'Jjlt"av v aO'''L~ "a'tEx 6v'tWV,

"0,6't, 't yvwcr'tv 'toii ltEoii epavEpv cr't'v v a,hot ltE y.xp
&.opa"ta a,'tOV a'7t X"t'LO"EW, x601.Lou
"t'oLt; 7tOI:ijP.lXUt.V VOOUf..LEva xaD"opl-ra.I., il 't'E tOtoc; a't'ou OUVtL(..LL<; "ai.
lt,,6't'lj, EL 't Elva, a,ho ava1tooy'Jj'tou, 21 o''t, yvV'tE 'tv
ltEV OX w ltEV oacrav ii 'ljXtlpLcr't'ljcrav, a'[1a'ta,wlt'ljcrtlv v
'tOt o,aoy,er[1ot tl'twv "tl, erl<o'tLcrlI'l] 1) aO'vE'to a'twv "tlpOLtl.
22 epacrxov'tE Eva, eroepoL Ef1Wpavlt'ljertlv 23 "tlL 'jtltlV 't1)v 06av
'toii aepMp'tou ltEoii v 6[1O,w[1tl't, ""vo <pitap'tou avltpw1tOU "tll 1tE't"vwv "al 'tE'tptl1t60wv "al P1tE'tWV.
24 & 1ttlpOW"EV tl'tO ltE v 'ttlt mltU[1La, 'twv "tlpO'WV a'twv E' a"tlltaperLtlV 'toii a...'[1a~Ecrlttl' 't.x erw[1tl'ta a'twv v a'tot'
15 OL'tWE [1E't'JjtltlV ..1)v a'Jjlt"tlv 'toii ltEoii v 't<l> IjJEVO" "tlL erE~acrlt'ljera\l "tll a'tpEuerav 'tTI "'t,er" ""pa 'tv "'ti.crav'ta, 5 er't'v
E.OYT)'tC; d.C; "t'oe; ai,wva, Ct(J.TrV. 26 Ot&' 't'ciho 1tapowxEV a"toc;
ltE d 1talt1) an[1Ltl, tlL 'tE y.xp lt'Jj"tl, a'twv [1E..1)aav ..1)\1.
<pucn.,(1)v xpfier,v EL 't1)v 1ttlp.x <pver,v, Il [10LW 'tE "aL ol /iperEvE a<pV'tE 't1)v <puer,,(1)v xpfier,v 'tfi lt1)do: E"avlt'ljertlv v 'tTI 6p"
a'twv Et a'Jjou, /iperEvE v /iperEerw 't1)v aerX1)[1oO'V'ljV "tl'tEpytl~6[1EVO' "aL 't1)v aV't'[1,crltLtlV iiv EO" "t'ii 1tav1) a'twv v EtlU'tOt a1toa[1~avov'tE. 28 "tlL "tlltw O" oo"L[1aertlV 'tV ltEV EXEW
v ~1tt'YvwaEL, 1trLpOWXEV a't'oc; Cl 1)EC; Eic; aOOXLI-LOV vouv, 1tOLELV "t'rt
[11) "tllt'Jj"ov'ta, 29 1tE1t1)PW[1vou 1ta"11 a&",~ 1tOV1)pL~ 1tEOVEL~
"tl"'~' [1Eer'to <plt6vou <p6vou lp,oo 06ou ,,a,,01)ltdtl, ljJel)up,cr't<X
lO "a'ttl/iou ltEoer'tuYEt ~p,cr't.x 1tEp1)<pavou atl~va, E<pEUpE'ta "tl"WV, yovEiicr,v a1t"ltEt, 31 aerw'tou aerwlt'tou acr't6pyou
aVEE'Jj[1OVtl 32 OL't'VE 't OLXtl'W[1tl 'tOV ltEov 1t'yVV'tE 5.., ol 'ta
au"toLt; cpavpWO"EV. 20 "t. ytXp

Il
"I
!'

Rom. I,IS-J2,rS

IOO
"t'Ol.tXv"t'tX 1tpa.a'O"OV"t'EC; a,f.OI.

aavcX:tou d.a~v, o l-1ovo'J CLtrr. 1to!.ouar..v

cH.. .a XtXt cruvw8oxOUCiLV 'to'Le; 7tpacrCTOUO"t.V.


Si manifesta infatti l'ira di Dio contro tutta l'empiet degli uomini
e contro l'ingiustizia nella quale essi tengono prigioniera la verit. 19 In
effetti quel che di Dio si pu conoscere noto agli uomini; a loro Dio
stesso l'ha reso manifesto: 20 i suoi attributi invisibili - ossia la sua
potenza eterna e la sua maest divina - fin dalla creazione del mondo
si possono riconoscere dalle cose create, con g1l occhi della mente. Essi
quindi sono inescusabili 21 perch, pur conoscendo Dio, non l'hanno
glorifcato n gli hanno reso grazie, ma si sono resi vani nei loro pensieri e il loro cuore dissennato si avvolto nelle tenebre. 22 Mentre
dicevano di essere saggi, sono diventati stolti 2l e hanno scambiato la
gloria del Dio incorruttibile con le riproduzioni della figura dell'uomo
corruttibile, dei volatili, dei quadrupedi e dei rettili.
~ Per questo, Dio, lasciando che seguissero la concupiscenza del loro
cuore, li abbandon all'impurit, per modo che disonorarono in se
stessi i loro corpi, 25 essi che scambiarono la verit di Dio con la menzogna e tributarono venerazione e culto alla creatura anzich al Creatore, che benedetto per l'eternit. Amen. 16 Per questo motivo Dio
li abbandon a passioni infamanti: le loro femmine scambiarono l'uso
naturale del sesso con quello contro natura, Il e allo stesso modo i maschi, lasciando l'uso naturale _della donna, si accesero di desiderio tra
loro e compirono atti turpi, uomini con uomini, ricevendo cos1 in se
stessi la ricompensa dovuta alla loro aberrazione. "E poich non ritennero di attenersi alla conoscenza di Dio, egli li abbandon alla dappocaggine della loro mente, onde essi hanno preso a fare ci che non
si deve, 29 pieni di ogni ingiustizia, malvagit, cupidigia, malizia, ricolmi di invidia, di omicidi, di contese, di perfidia, di malignit, 30 sussurroni, maldicenti, odia tori di Dio, violenti, superbi, millantatori,
inventivi nel male, disobbedienti ai genitori, 31 dissennati, infidi, senza
amore, senza misericordia. 32 Essi sanno bene che, per disposizione di
Dio, chi si comporta in questa maniera meritevole di morte, eppure
non solo agiscono in tal modo, ma approvano chi fa altrettanto.

18

. i

"'I

Con 1,18 comincia il testo vero e proprio della lettera. Esso


abbracia, come abbiamo gi veduto nell'introduzione, quattro parti principali, di cui la prima costituita da 1,18-4,25
Questa ha per oggetto la necessit e la realt della manifestazione della giustizia di Dio in quanto giustizia per la fede e
a sua volta si pu ripartire in tre sezioni: 1. 1,18-3,20: pagani
e Giudei sono caduti in balia del peccato (Uql'!ll1p"\"Ll1V): .2.
3,21-31: la giustizia di Dio si manifestata ora in Ges Cri-

Rom.

I,I8

101

sto ed accessibile a tutti i credenti; 3. 4, I - 25: che la fede sia


la st~ada per co.nseguire la giustizia attestato gi da Abramo, l! padre del cred~nt!, ~ant~ Giudei, quanto gentili. La prima. di .que~te tre SeZIOnI SI puo ancora suddividere in tre nucleI ~~orJ:. I..1,1~-32: l'ira di Dio e i pagani; 2.2,1-29: l'ira dI DIO e I GIUdeI; 3. 3,1-20: tutti gli uomini sono soggetti
al peccato.
!l primo di codesti nuclei ha una struttura concettuale relativamente chiar~ 1. I gentili a.dorano la creazione in luogo
del Cr~atore. COSI facendo, attuano su di s l'ira di Dio, la
quale s~ appales? nel turbamento e nella dissolutezza dei loro
cO,stum!. .La 'perIcop~ comi~ci~ col v. 18 e si ricollega, con un
yl1p esphcatlvo, agh enuncIati precedenti come antitesi di I
I 7?, ~o.l verbo ~er qu;sta volta collocato !lll'inizio e post~
qUIndI In ~orte rIsalto: l11tOXl1,\I"Tr;1:E1:l1L. Se in 1,16.17 si era
dett?: L eva?gelo una potenza di Dio per la salvezza di
tUtti I credenti, poich in esso la giustizia di Dio si rivela da
f~de a fede, al v. 18 l'Apostolo prosegue: Poich dal cielo
SI manifesta l~ira .di Dio contro tutta l'empiet ecc.. Il ytip
sta du?'1u~ a In?lcare che ~uanto vien detto appresso spiega
p.erche SI : m?nIfe~tata I? luslllla Dei ex fide; dalla congiunzlOn.e ,~s~hcatlVa rIsulta Insomma che si considera ora la necessl.ta dI ~uella rivelazione la. Parafrasando potremmo co.s
spec~fic~re Il nesso causale: Poich tale la situazione ... .
Il yl1p Introduce quindi la rappresentazione dello stato in cui
versa l~um?~it pag.ana e nel quale irrompe la manifestazione
della .glUstl~la di DIO. A.nche i? questa umanit gi in atto
una rIvelaZIOne. La mamfestazlOne della giustizia di Dio di~et~a ad un'altra rivelazione che il contrario di essa e che
I?SJta nell 'umanit storica dei popoli pagani. Come l'altra coSI ,anche questa rivelazione fin d'ora in corso (si noti 1t~xl1,U1t1:ECTl}CXL usato al presente) e come l'altra anche questa una
I..Cfr. S. S~.hu1z, Die Al1klage in Rom I,I832; ThZ 14 (1958) 161.173;
mlas, Zu Rom I,22-j2: ZNW 45 (1954) II9u3.
la. Cos Kasemann, contro Lie[zmann e KllSS.

J. Tere.
.

102

Rom.l,rS

sorta di rivelazione escatologica anticipata. In effetti .1toxa.tl1t'"CEa1}aL, in quanto esprime qualcosa di antitetico alla rivelazione della giustizia di Dio, non ha perduto il suo carattere
escatologico. Ci confermato dall'espressione apri] l}EOV la
quale designa l'ira escatologica di Dio che fin d'ora agisce e si
accumula (dr. 2,5). Codesta manifestazione dell'ira di Dio
che gi nel tempo presente colpisce i pagani l'altra faccia
della rivelazione escatologica della salvezza. apri] l}EOV in Paolo indica non una passione di Dio, bens una manifestazione.
Essa propriamente, come risulta dall'A.T. (cfr. Soph. 1,18;
Dan. 8,19) e dall'apocalittica giudaica, il giudizio dell'ira di
Dio2. Si tratta di una realt futura (cfr. ad es. 2,5.8; 3,5; 5,9;
9,22; I Thess. 1,10; 5,9; Eph. 5,6) ma in certo modo gi presente, come abbiam detto (vedi I Thess. 2,16; forse anche
Rom. 4,15; 12,19). In quanto tale l'ira di Dio rappresenta
il giudizio anticipato e provvisorio che si compie nella storia,
la quale viene sempre interpretata alla luce del futuro. Da
tutto il contesto, ossia dalla descrizione di 1,24 ss., risulta poi
in che consista nel presente questo giudizio dell'ira per quanto
attiene all'umanit pagana: nell'essere i gentili in bala della
sessualit pervertita, nel profluvio dei loro vizi, nella loro coscienza traviata. Codesti fenomeni di autodistruzione del mondo pagano secondo l'Apostolo non si spiegano con ragioni
meramente storiche, psicologiche o sociologiche, bens vanno
.intesi come effetti dell'ira o del furore di Dio, ossia di quel giudizio che avr il suo compimento alla fine della storia ma che
agisce costantemente in essa. L'incessante decadenza e dissoluzione della persona e della comunit umana un dato metafisico. Ma bisogna altres considerare che per l'Apostolo il
decadimento e dissolvimento morale da un lato effetto e dall'altro cagione della collera di Dio. Il giudizio dell'ira di Dio
quell'.SLx~a che provoca tale giudizio. Il pensiero corre
a Sap. II,16 dove si legge: SL'W", '"CLC; .f1ap'"Ca"'EL, OL. '"Cou-

2. GR.C. Macgregor, Tbc Concept 01 tbe Wrath 01 God ifl tbe New Testament:
NTSt 7 (1960/61) 101-109. Bultmann, Theologie 288 s.; Kasemann: Considerata
sotto l'aspetto fenomenologico, l'ira la potenza deUa maledizione), Bussmano,
Thesen 108-122.
,
,

.1

' :
I :j

Rom. 1,18
10 3

'"CW'" xO.a~E'"CaL; ma si possono confrontare anche test. G. 5,


IO; Iub. 4,32; I QS 4,II s. Vero che in tutta la descrizione
di I, I 8 ss. predomina, in contrasto con la tradizione giudaica
l'idea dell'Apostolo secondo cui, nell'esistenza concreta del~
l'umanit, l~ caduta in bala degli idoli e la conseguente decadenza del vivere rappresentano il giudizio dell'ira di Dio nell'ambito della storia. Gli spregiatori della divinit dnno
subito corso in se stessi alla maledizione divina (Kasemann).
Dal contesto di cui ci occupiamo si possono ancora ricavare
due elementi che hanno importanza per il concetto di .1toxa.U1t'"CEcrl}aL: I. la rivelazione dell'ira di Dio non la manifestazione di essa mediante l'evangelo, bensl il suo esplicarsi in
eventi funesti; 2. in quanto tale rivelazione nel senso di
svelamento di un mistero. Il fenomeno dell'.oLx~a di per s
ambiguo. Gli stessi gentili lo intendono in modo diverso da
Paolo. Per l'Apostolo esso costituisce in maniera certo non
dimostrabile ma reale, il giudizio dell'i;a di Dio.
La rivelazione dell'ira avviene a1t' oupa",ov cos come ad
es., in Num. 16,46: Ef}MEV i) apri] a1t 1t~ocrW1tOU l}~ov;
cfr. Ex. 15,7; Num. q,II; PS.68,25; 78,6 ecc. e anche I
Ren. 91,7, dove si parla di un grande castigo che viene dal
cielo e ~he ~otivato dal crescere di <<ingiustizia, peccato,
bestemmia e Violenza in ogni azione e dall'incremento di
apo~t~sia, prc:varicazione e impurit. Proprio questo giudizio
pUOlt1vo aVViene, secondo Paolo, gi ora in modo inesorabile
e i~ prop?rzioni globali ': il cielo infatti si aperto sui pag~Ol.lO gUIsa ~ale, che essi attirano su di s il giudizio punitivo
di DIO, autodistruggendosi persino nella loro realt somatica.
L'Apostolo per nQn dice in modo generico e indeterminato
c?e l'i~a di Dio si abbatte dal cielo sui pagani, bens che essa
s~ n,taOlfe~ta contro tutta l'empiet e l'ingiustizia degli uomi~1I, I quah.conculcano la verit con l'ingiustizia. In proposito
e. deg.no di nota: I. che Paolo specifica qual l'oggetto primaIlO di questo giudizio dell'ira di Dio, ossia il peccato fondamentale dell'uomo. Tale peccato acr~ELa xaL aOLx~a, ter3. H . Sch lier, Von den Heiden, in Die Zeit der Kirche 29-37.

',i
I

Rom. I,I8
1,04

i
I

1,'1

,
"

l'

mini che qui formano quasi un'endiadi. Si tratta dell' empiet, non per intesa ne! senso di i}EO'tT]C;, bens come l'opposto dell'EC'~ELGt, della pia adorazione di Dio con parole e
azioni, con pensieri e fatti. Ma il mondo pagano non forse
pieno di EC'~ELGt? Paolo non di questo avviso, giacch proprio nel culto degli di pagani egli, come dir subito appresso,
ravvisa l'origine dell'C'~ELGt e delle sue conseguenze. Egli
non considera il senso religioso dell'umanit come la via ordinaria per giungere a Dio e la fede cristiana come la via straor
dinaria. Chi segue la cosiddetta via ordinaria, cio il senso re
ligioso dei pagani, non approda in realt a Dio, bens a se stesso, sia pure per un inestinguibile bisogno di Dio. Con C'~ELGt
Paolo intende que! rifiuto di riconoscere e ringraziare Dio di
cui si parla al v. 2 I a e che sta all'origine di ogni comportamento morale dissolvente; l'ira di Dio colpisce dal cielo i pagani
che nel loro modo di essere e di agire sono empi e falsamente
pii in quanto adorano la creazione in luogo de! Creatore. Con
C'~ELGt si intende per anche quell'ILx~Gt che ad essa collegata, ossia la violazione del diritto che Dio ha stabilito nella
sua creazione e nel quale impegna se stesso. Possiamo tradurre ILX~Gt con ingiustizia, purch s'intenda questa appunto
come una trasgressione del diritto che Dio ha elargito alla creazione e che in essa vige. Un siffatto modo empio e ingiusto di
essere e agire, attira su di s dal cielo la collera inesorabile
di Dio.
per significativo 2. anche questo: se l'ira di Dio la risposta al peccato degli uomini, in concreto ne vien colpito l'uomo che commette il peccato. E in effetti cos Paolo continua:
vi}pw7twV 'twv 'tT]V .1}i}ELGtV v ILX~q. XGt'tEXOV'tWV. Si noti come ora si faccia menzione soltanto dell'ILx~Gt, poich essa, come abbiamo visto, implica l'C'~ELGt. l'ILx~Gt degli
uomini che con la loro vita conculcano la verit n1l'ingiustizia. XGt'tXELV significa tener soggetto; un termine che
ricorre sovente negl'incantesimi e che si potrebbe tradurre anche con (<immobilizzare '. Vi in esso l'ide di una oppres-

"

4. Cfr. LiddelJ-Scott 926,26 Id; A. Deissmann, Licht vom Osten ('1923) 260.

10 5

sione violenta e misteriosa. Ci che gli uomini tengono oppresso con la loro ILX~Gt definito qui T] .1}i}ELGt. Ma questa .1}i}ELGt non , come ritiene O.Miche! con A. Schlatter,
un comportamento col quale l'uomo riconosce e preserva da
distorsioni ci che gli viene mostrato e col quale mostra anche
se stesso cos com', e non <<il retto comportamento con
forme al diritto del Creatore. Non neppure, come ritiene
O. Kuss, l'idea di Dio conforme alla realt congiunta con le
conseguenze pratiche che ne scaturiscono. .1}i}ELGt indica
invece, come traspare da 1,25, la realt palese ed effettiva della creazione di Dio, quella realt che i gentili non sopportano,
che falsano collocando la creazione in luogo del Creatore 5 e
che conculcano con la pratica dell'ILx~Gt, non permettendole
di manifestarsi e di esplicarsi. .1}i}ELGt quel che il Creatore
elargisce ed esige nella sua creazione, il giusto dell'essere
e dell'esistere. Paolo muove dunque dal presupposto che verit e ingiustizia siano tra di loro in opposizione. Nell'azione
ingiusta viene sempre violata anche la realt giusta, ossia
quella realt che manifesta ed effettiva nella creazione in
quanto creazione. L'ingiustizia nasconde ed insieme opprime
questa verit. L'opposto della verit non in primo luogo la
menzogna intesa in maniera soggettiva, bens l'ingiustizia che
opprime la creazione sotto il potere della menzogna oggettiva.
3. Anche questo da notare: l'ira di Dio si abbatte su 7tiiC'Gt\l C'~ELGtV XGtL ILX~Gt\l vi}pw7twv. L'assenza dell'articolo davanti ad vi}pw7tw\I non significa che si tratti di alcuni
uomini distinti da altri, bens indica l'umanit in generale. Che
Paolo dica qui vi}pw7tw\I in luogo di i}VW\I, pur avendo in
mente questi, mostra che gli El}vT] vengono da lui intesi in senso tipico, cos come in 2,1 <<l'uomo il giudeo. L'Apostolo
ha in mente sempre l'umanit rappresentata ora da un gruppo
ora da un altro. Come l'ira di Dio non trascura nessun individuo del quale si debba dire che opprime la verit nell'ingiustizia, cos essa non trascura nessuna C'~ELGt o ILX~Gt. Il
7tiiC'Gt\l non un'amplificazione retorica.
5 Cfr. R. Buhmann in ThWb I 244: La realt palese del mondo divino e delle
sue richieste; cfr. Kiisemann; Lachmann, Geheimnis 34-94.176-211.

106

Rom.

I,I8.I9

Tale dunque lo stato dell 'umanit in quanto essa rappresentata dai pagani: il giudizio dell'ira di Dio si attua fin
d'ora colpendo l'agire empio ed ingiusto degli uomini, la storia dei quali una continua proscrizione della verit, ossia della realt palese ed evidente della cr~azione. Ma questo xo.'t
XEL\I 't']v li:IjDELo.v non una fatalit, bens una colpa, e l'ira
di Dio colpisce chi reo di tale colpa. questo il senso del:
le considerazioni che seguono e che, con le loro accuse, SI
rifanno assai di lontano. Per l'Apostolo non esiste il pagano
innocente, sebbene anche per lui il pagano sia relativamente innocente rispetto al giudeo, il quale conosce Dio e la sua
legge, e rispetto al cristiano apostata, il quale ha incontrato
Dio in Ges Cristo.
19. Il OLO'tL ha anch'esso, come il ya.p del v. 18, un senso molto ampio e va quindi tradotto all'incirca cos: Poich si tra~
ta di ci che segue. Procediamo passo passo con l'Apostolo, Il
quale, com' noto e come appare gi dagli astratti 'tll: uopo.'to.
whov, utoLoe; OUVo.[.\Le;, DELO'tl]<; e dalla locuzione 'tll: uopo.'to. ... VOOU[.\EVo. xo.Dopii'to.L 6, si esprime qui coi termini della
filosofia popolare ellenistica 7. 1. Per yVWCT'tV 'tOV DEOV cfr.
't [.\wpv 'tOV DEOV, 't uCTDEV<; 'tOV DEOV (I Coro 1,25), 't
XPl]CT'tV 'tOV DEOV (Rom. 2,4), 't ouvo.'tv o.\I'tOV (Rom. 9,
22) ecc. Il neutro singolare dell'aggettivo tiene il posto di un
sostantivo. 't yVWCT'tOV vale propriamente quod cognoscibile
est de Deo, non quod notum est, che sarebbe una tautologia.
Si pu aggiungere con Tommaso: non in se, sed quoad nos.
2. cpo.VEpOV CT'tL\l -v o.'tOL<; equivale al dativo 8, come in Gal.
1,16; 2Cor.4,3; 8,1; cfr. Rom. 10,20 P'" B D G. Questo
dunque il senso: a) quel che si pu conoscere di Dio loro
(agli uomini) noto, o meglio, manifesto; si trova insomma in
piena evidenza. cpo.VEPOV significa qui non conoscibile, come in Ecclus 2 I ,7 LXX, giacch, se cos fosse, ne risulterebbe,
6. B1ass-Debr. 263,2.
7. Cfr. G. Bornkamm, Die Ogenbarung des Zorns Golles, ROm l'}, in Das Ende
des Gesetzes 9-33, 1455.
8. Blas5-Debr. 220,1.

Rom.

I,I9.20

I07

come abbiam detto, una tautologia: Quel che conoscibile


di Dio, conoscibile da essi. b) Ma attraverso che cosa e in
che modo manifesto? Non in s, ma sul fondamento di ci
che Dio stesso ha manifestato (v. 19b). Egli conosciuto come
colui che si d a conoscere 9, in quanto conoscibile e si d
a conoscere. c) E in che modo si manifestato in guisa da esser
noto agli uomini?
20. Il modo cos indicato: 'tll: uopo.'to. o.'tov ... VOOU[.\EVO: xo:Dopii'to.L. Il plurale del neutro accenna alla pienezza onnicomprensiva dell'essenza di Dio. Forse il plurale usato anche
perch in quel che segue ricorrono due sostantivi, OUVo.[.\L<; e
DELO'tl]<;, che definiscono pi precisamente la realt conoscibile IO. 'tu uopO:'to. ... xo.Dopii'tO:L un ossimoro Il ed equivale a
viene percepito, guardato (cfr. 3 Mach. 3,II; los., anI.
8,168 ecc.). Questo vedere o percepire viene poi ancora specificato da VOOU[.\EVo.. un vedere intellettuale e conosci
tivo (cfr. Hebr. II,3; anche Eph. 3,4.20). Esso determina a
parte hominis il senso di cpo.vEp6v -CTnv v O:'tOLe; e di cpo.VPWCTEV o.'tOL<;. Ma come viene percepita con gli occhi della mente l'essenza invisibile di Dio? La risposta : U1t X'tLCTEWe; X6CT[.\OU 'tOLe; 1tOLl}[.\O:CTL\I, ossia fin dalla creazione del
mondo 12 attraverso ci che creato o in ci che creato (cfr.
Eph. 2,10), inteso in senso comprensivo. chiaro cos anche
come si debba intendere il cpo.VEpV dVo.L -v O:'tOLe; e l'-cpo.vpWCTEV o.'tOL<;. Dio si fatto percepire in ci che ha creato, e
proprio in quanto si dato a conoscere nelle creature per quanto conoscibile, egli pu dirsi manifesto agli uomini. 'tu 1tOLl}[.\o.'to. non sono qui gli atti creatori di Dio (cfr., ad es., I Samo
9 Per cpa;VEpouv usato per indicare la rivelazione cfr. Rom. 3,21; 16,25 S. iJ.uO"-r .....
p'ov ... cp!XVEptl.)fliv",o~; cfr. 2 Coro 2,14; 5,10; Col. ,1,26; 3,4.

IO. W. Michaelis in ThWb V, 370 n. IO; ibid. 32I ss. 335 sS. 369 S. 379 sono l'accolte testimonianze ellenistiche e giudaiche sulla conoscenza naturale di Dio.
II. Cfr. Ps.-Aristot., mund.399b: 1teto-n Dvll-nl cpuO"EL YE,I..,OruVO~ a:il'e:wPll"'C'o~

ci1t'a;-rwv "'C'wv ~pytl.)v itElPE~"'C'fX~.


12. Cfr. Mt. 24,21: ci1t't:.pxii~ xOCT(J.ov; 25,34: d1t xa."t'a.~o)..ii~ xOCT(J.ov; Mc.
t:.1t xa:'t'a.~o)..ii~ x6CT(J.ov; (3,I9: ci1t'a.pxii~ X"'C'LO"El~.

10,6:

108

Rom.

I,20

8,8; 19,4 LXX) e neppure genericamente l'agire di Dio nella


storia (cfr., ad es., Ps. 63,10; 91,5; 142,5; .Eccl. 3,II; 7,13;
8,17 ecc.; I QH 3,23; 10,II; Dam. l,I; 2,14 s. ecc.), bensile

: ,I

opere della creazione che egli compie nel tempo. Sono <de opere delle tue mani di Ps. 8,7, oppure le sue opere (Ps. 102,
22), dette anche <da sua opera (Ecclus 42,16), che egli compie costantemente. Cfr. Bar. syr. 54,18: Infatti le sue opere
non vi hanno istruito e non vi siete lasciati convincere (a conoscere l'Altissimo) dal lavoro di operaio che egli compie nella sua continua creazione. Inoltre I QH 16,8: Sii lodato,
o Signore; tu che sei grande per consiglio e per azioni e tutto
opera tua; oppure I QH 10,10 s.: E quale fra tutte le tue
prodigiose, grandi opere avrebbe la forza di reggere al cospetto della tua gloria? (cfr. anche I QH 13,8; 15,20 ecc.). La
creazione di Dio conserva in s l'aspetto del Creatore che si d
a conoscere. d) Ma nella creazione che cosa percepiscono di
Dio gli occhi della mente? Lo dice l'espressione il 't"E litOLOC;
otU't"OV OUVot!J.LC; xotl ilEL't"1]C;, che spiega 't" li6pot't"ot otu't"ov e
significa <da sua eterna potenza e divinit. litOLOC;, da liEL, si
trova anche in Sap. 2,23; 7,26 come attributo di Dio o della
sua sapienza. ilEL't"1]C; (cfr. Sa;) [8,9: xotl 't"v 't"Tic; ilEL't"1]'t"oc;
v!J.ov) non lo stesso che ilEO't"1]C; (l'essere di Dio, Col. 2,9),
bens indica il carattere divino, ci che qualifica Dio come tale, la divinit. La rivelazione di Dio nelle opere della sua
creazione fa dunque riconoscere la sua maest divina e la sua
potenza superiore. e) In definitiva, per, che significa percepire con gli occhi della mente l'eterna potenza e divinit che
Dio rivela nelle opere della sua creazione? A questa domanda
si d per solito una risposta che O. Kuss formula cos: L'uomo ... dietro a ci che visibile pu vedere colui che rimane
invisibile, in cui tutto il mondo che gli sta attorno ha origine
e sussistenza. Egli non pu accontentarsi semplicemente di
percepire le manifestazioni che gli giungono per le vie dei sensi, ma deve cercarne la causa e l'origine 13 superando l'ambito
del sensibile. Codesta interpretazione ha una sua ragion d'es13. La sortoJineatura deH'autore.

Rom.

I,20

10 9

sere nell'idea, molto diffusa nella filosofia popolare giudeo-ellenistica e prima ancora ellenistica, secondo cui l'uomo pu riconoscere la causa del proprio esistere argomentando da ci
che cade sotto gli occhi a ci che sta al fondo della realt sensibile 14. Ma non v' dubbio che in questo caso Paolo non ha
inteso riferirsi a ci. Il suo pensiero , per cos dire, pi originario. Nel nostro passo egli non si esprime direttamente in
proposito, ma lascia trasparire la sua concezione nel contesto
dei VV. 2 I e 23. Se, infatti, al v. 2 I b si dice che dopo il ripudio
opposto dalle creature al Creatore il loro cuore dissennato
si avvolto nelle tenebre, divenuto cio incapace di comprendere e privo di luce, ci presuppone che dianzi il cuore
avesse intelligenza e luce e che questo cuore intelligente e illuminato fosse aperto e rivolto al Creatore in quanto Creatore.
La conoscenza primordiale di Dio dunque una conoscema
del cuore. Inoltre (e questo un dato ancor pi chiaro) se al
V.23 si dice che gli uomini nel loro rifiuto di Dio, ossia del
Creatore, hanno scambiato 't""jv o!;otv 't"OV liq>M.p't"ov ilEOV
con immagini e idoli, ci presuppone che in origine vi fosse
questa o!;ot 't"OV liq>ilap't"ov ilEOV in cui Dio, il Creatore, si palesava all'uomo e in cui veniva percepito con gli occhi della
mente. Questa gloria era, per cosi dire, il linguaggio che il
Creatore parlava nella sua creazione e che l'uomo intendeva.
In 3,23 apprendiamo che l'uomo decaduto ha perso questa
14 Cfr. ad es. Sen., nato quaest. 7.303: eQugit oculos, cogitatione visendus est,
Philo, spec.leg. 1,32; lego alt. 3,87-93; fug.12 ed altri ancora, ma anche Ba" syr.
54,1788.; test. N. 3,2-5 ecc. Riporteremo solo un esempio pregnante, cio Sap,
13,188.:

rU:'V yp :n;a,V"t'Ec; a:vitpw1t'ot. <pUCTEI., ol 1tGtpi1v DEOU aYVWO'I4, xa.t x


"t'WV opwl1vwv aya1}wv OX WXuO'a,v d6svat. 't'. O\l't'a, OU't'E 't'OL, ~pyot.<; 1tpoO'.XOV't'EC; ~1t'e."'(VwO'av "t'c!lv 't'EXV''t1)V.
2, a)")"'i\ ,ruP. 111C\lEUIMI-.. , i'J cpwO'-rijpa,C; opa,\lOU 1tpu't'aVEt.<; x60v..0v DEOC; fvo..
(J.LO'a,V.
3 WV EL (J.\I -rii xa,..ovfi 't'Ep1t6JJ.EvOL 't'a,v"t'a f)c:oC; lJ1t'E.c4t~a,VOV. "(Vw't'wO'av
1t'60'~ "t'ou"t'wv 6E0'1t6't1]C; EO''t'Lv fjE.'tM.lV.
y.p 't'ou Xa...OUC; YEVE01.a.PX1]C; fX't'LCTEV a,'t'a.
4, EL 6 Mvo:(J.!.'II xal EVe.PYELa.V b1t.aye.v"t'EC;.
vo1]o'a.'t'wo'a,v .1t'a"t'wv 1t6aqJ xll.'t'a.cTXE.uaO'ac; a,'t'. 6uva't'w't'Ep6c; EO'''t'IN'
,. Ex y.p lJ.f.yi1touC; xaL xa,..ovijc; x't'!.O'(lIi"t'wv
a.va6ywC; YEVEO'!.OUpyOC; a,'t'wv DEwpe~'t'at.o
r. 1J.~"t'r.(LOI"

Rom.

Ila

1,20

06ct che, secondo I Coro 1,2 l s., in origine irradiava anche da


lui in quanto creatura. Attraverso questo splendore possente
del Creatore nella creazione, o, come potremmo anche dire
secondo I Coro 1,2 l s., nello splendore della sua sapienza, l'uomo veniva in origine rimandato al Dio che si rivelava, e lo
percepiva. A differenza dunque della sapienza giudeoellenistica, l'Apostolo qui non ha in mente un procedimento argomentativo secondo le categorie di causa ed effetto. D'altra parte
anche il pensiero ellenistico-giudaico non in proposito unitario. Taluni salmi meno antichi, ad esempio, si avvicinano
alla concezione di Paolo, comePs. 18,2 ss. LXX:
ot oupGtvol SL1]yOV"tGtL S6Gtv llEO,
1tot1]OW S )(ELPWV Gtu"to ",v",yy)..)..EL "t a"tEp"'!,Gt
1)!'p", "<ii 1)I'P~ EpEUyE"t"'L pii!'''',
"",l v~ wl<"tl ",vGtyy)..)..EL yvwaLv,
ou" Etalv ).."')..LGtl ouo. MYOL,
WV OUXL &'xovov"t'lX.l. a.L cpw\lat a.u't'w'V
d~ "M"'V "t-/jv yiiv ~ii)"llEV cpll6yyo~ Gtu"twv
"Gtl Et~ "t", 1tpGt"tGt "tii~ ot"ov!,V1]~ "<Il pwGt"tGt Gtu"<wv.

,l'
, '

"

"

: i;

Cfr. anche Ps. 103,31; Ecclus 42,16. Il creato come tale annunzia in s la gloria di Dio e cos, mediante una parola che
non parola, fa sentire il Creatore. Illuminata nel suo cuore
da questa 06ct, la creatura percepisce direttamente il Creatore e avverte in tal modo l'eterna e divina potenza di lui.
Paolo conclude la sua frase (v. 20) con un'aggiunta non del
tutto comprensibile di prim'acchito: EtC;"t ELVctt cx.u"tOC; ILvct"
L" EtC; "t0\ EWctt
T,
.
15 , come, a d es., ln
7tOJl.oYT]"tOUC;.
e consecutivo
3,26; 4,18; 6,12; 7.4 e possim. Grammaticalmente potrebbe
essere anche finale 16; ma dal contesto non risulta un intendimento di rendere gli uomini inescusabili; inoltre un tal concetto snerverebbe non poco l'argomentazione dell'Apostolo.
Qui Paolo vuoI menzionare semplicemente un fatto del quale
verr fornita in seguito la motivazione: che cio i pagani sono
inescusabili. Si chiarisce cos anche la nota fondamentale di
tutto questo discorso di Paolo sui gentili: 1,18-32 un'accu- .
l'.

Cosi Oepke in ThWb

II, 428;

Kiisemannj di opinione contraria

Kiihl, Schlatter, Nygren, Micbdj H.V. Schmidt.

'l'
,
",

SODO

Rom.

1,20.21

sa. Ma perch i gentili sono inescusabili? Ci non stato ancora dichiarato in tutti i sensi. Soltanto un aspetto stato posto in forte rilievo, cio che Dio si fatto conoscere dai pagani
quale Creatore nella sua creazione. E prima ancora l'altro aspetto stato definito con ILOtXLct e con Xct"tXEW "tl]v IL.1}l"EtctV. I pagani non hanno quindi scusa, perch, nonostante
la rivelazione di Dio nel creato, hanno soffocato la verit, ossia la realt palese ed effettiva, con la loro avversione a Dio
e con la loro ingiustizia. Ma ci si potrebbe ancora chiedere:
perch hanno bandito la verit?
2 I. La spiegazione di ci viene qui fornita nel senso che l'enunciato di questo versetto costituisce non pure la motivazione del v. 20C, ma altres una delucidazione supplementare del
v. 18. Il ot6"tt del v. 2 I riprende perci anche quello del v. 19
e ancora una volta in questo senso: Giacch tale la situazione ... . Dunque il fatto che sta all'origine dell'aeT~Etct e
dell'ILotXLct dei pagani menzionato solo al v. 2 la, mentre i
vv. 21b s. indicano gi le conseguenze di quel fatto, le quali sono a loro volta il presupposto di ci che vien detto al v. 23. Gli
uomini hanno conosciuto Dio: cos viene Ofa specificato il concetto di VOOU!J.EVct Xctl"op."tctt in riferimento al concreto modo
di essere della creatura. Ma anche se l'hanno conosciuto (beninteso come colui che si d a conoscere) OUX WC; l"EV 06cteTctV l T]UXcx.pLCT"tT]eTctV. OO&.SEW significa onorare e <<lodare. Dare lode a Dio significa rendergli onore, e viceversa. Nel
contesto OO&.SEW si potrebbe tradurre: <<non gli hanno tributato la considerazione che si deve a Dio. Il verbo indica
comunque un dato fondamentale e cos pure l 'T]UXctpLeT"tT]eTctV,
che va inteso in senso assoluto e, per via della congiunzione
ii (= <<n in enunciati negativi) pu esser considerato come
una sorta di accrescitivo rispetto a ouX ... 06cteTctv 17. Il nostro enunciato assai vicino a 4 Esdr. 8,60: Infatti l'Altissimo non ha voluto la perdizione degli uomini, ma le sue creature hanno contaminato il nome di colui che le ha fatte e si

Zahn,

16. Blass-Debr. S 402 ,2.

III

17. Cfr.

Bauer, Wb. 677.

112

, I

,I
l.

,il
!

Rom.

I,2I-l)

sono mostrate ingrate verso colui che aveva loro preparato la


vita. Rispetto al testo di Paolo vi per una differenza che
ben chiara. 4 Esdr. allude a singoli atti concreti di contaminazione e di ingratitudine verso Dio, compiuti da pagani. Nel
nostro passo invece l'Apostolo non parla ancora di ci, bensi
menziona il fatto fondamentale intervenuto nell'esistenza umana avanti quell'f}aav X1:. (v. 23). Egli ha presente il
peccato originale e basilare dell'uomo, il quale, quando agisce nella storia ha gi ripudiato la sua posizione di creatura e
in quanto essere storico discende appunto da quella scelta primordiale 18. E non neppure vero che Paolo, come intende
un'esegesi assai diffusa, si riferisca al processo per cui da una
conoscenza teoretica l'uomo trae conseguenze pratiche.
yt\lWCTXE~V in realt non significa altra cosa da v TWYVWCTEL
EXEt\I di I,28. Ilooa:sEt\I ii Evxap~CT'tE~V il modo in cui si
riconosce Dio come il Creatore e come tale si continua a conoscerlo. La conoscenza di Dio si palesa e si mantiene in quanto
l'uomo tributa a Dio la dovuta considerazione e il suo ringraziamento. La devota considerazione e riflessione che inerisce
al percepire co~ gli occhi della mente, a cui Paolo si dianzi
riferito, si raccoglie nella devozione che propria della conoscenza di Dio quale Creatore. Questa devozione si manifesta
nel ringraziamento. La conoscenza primordiale di Dio si colloca in definitiva nel ringraziamento, in cui la creatura si fa
debitrice del Creatore. Ma proprio questa conoscenza di Dio,
che consiste nelooa:SEt\I, nel rispecchiamento della 06a di
lui che irradia dalla creazione, nell'Evxap~CT1:av, nelringraziamento, non stata conservata dai pagani. In altre parole:
essi non hanno mantenuto a Dio il riconoscimento che gli si
deve in quanto Dio e sono caduti in uno stato di irriconoscenza.
2 I b-2 3. E ci ha avuto le conseguenze che ora l'Apostolo espone caratterizzando la presente situazione storica dell'uo-,

Rom.

I,21b'2}

IIJ

mo anzitutto (v. 2Ib) per quanto concerne i 1iLaoy~CT(lo~. Gli


uomini nei loro pensieri sono divenuti vani, J.UX.1:a~wh)
,CTav. !la'ta~ovv al passivo diventare nullo o vano nel
senso che ques to pensare vano distorce, altera, falsa e quindi vanifica la realt. !la:'ta~o 19 nei LXX traduce spesso hebel
<soffio, nulla), cfr. ad es. Ps. 93,II, che viene citato in
I Coro 3,20 (con CTOCjlWV in luogo di <vl}pW1I:wv). Di un divenir vano si parla anche in ler. 2,5 a proposito di coloro che
si allontanano da Dio: <1I:CT1:tjCTav !lapx<v <1I:'!lov xal 1I:OpEuh)CTav 1l:~CTW 'twv !la'ta~wv xal !la1:a~wl}tjCTav. Qui il
divenir vano 20 una conseguenza dell'idolatria, del correr
dietro agli di !la:'ta~o~, irreali, e del ripudio del vero Dio (cfr.
Sap. 13,1). Secondo il nostro passo la vanit deriva dalla
fondamentale ingratitudine e dallo spregio verso Dio quale
Creatore e attiene ai 1iLaoY~CT!lO~, alle considerazioni riflessioni, idee degli uomini. Per o~aoy~CT!lO( cfr. Lc. 2,35; 5,22;
9.46 s.; Rom. I4,1; per o~aoY(SECTl}a~ Mc. 2,6.8 par.; 9,33
e passim. Sovente si parla di o~aoY~CT!lO( del cuore (cfr. Mt.
15,I9; Mc. 7,21; Le. 9,47) e in tal senso si esprime ora anche la frase seguente (v. 2 IC): E il loro cuore ottuso si oscurato. CTX01:(SEt\I al passivo e in senso metaforico si trova anche in I I ,IO (Ps. 69,24). Ivi sono gli occhi ad oscurarsi, a perdere la capacit visiva, diventando ciechi. Nel nostro passo
CTX01:(SELV, in quanto conseguenza di quella fondamentale avversione a Dio, predicato della xapo(a, dell'intimit e della
forza pi profonda dell'uomo. Il cuore per Paolo 21 il centro
della vita, inaccessibile in definitiva all'uomo stesso (I Coro
14,25) ma senza segreti per Dio (rThess. 2,4; cfr. Rom. 8,
27) Da esso procedono le inclinazioni (IO, I), le concupiscenze (1,24), le intenzioni (r Coro 4,5), le risoluzioni e le deliberazioni (rCor. 7,37); nel cuore si attuano la conversione (2
5), l'obbedienza (6,17; Eph. 6,5), la fede {,lO,9 s.). In esso ~
19 Cfr. Bauernfeind in ThWb IV, 525-HO.
20. Cfr. il modo in cui vengono caratterizzati gli E&v1j in Eph. 4,17 liS.

18. L'Apostolo pu presentare il fatto del peccato originale anche in un !ltro modo, come risulta da Rom. ,,12 55.; il problema sta nel conciliare le due versioni.

21.. Cfr.

H. Schlier, Dar Merrrche"herz "ach dem Aportel Paulur, in Das El1de der

Zelf (197l) 184-200.

1.14

Rom.

I J Jlb-2j

con esso l'uomo in definitiva pu anche vedere (2 Coro 4,6;


Eph. 1,18). E se dunque, per effetto dell'irriconoscenza verso
il Creatore, i pensieri della creatura son divenuti <<nulli, tali

, '

cio da non cogliere pi la realt, ma da cadere nel vano e


quindi nel vuoto, ci connesso col pi profondo oscuramento dell'esistenza umana, col fatto cio che si ottenebrato il
cuore dell'uomo, la sua IXO"UVE-.Oe; Xll.pOtll., ossia (questo naturalmente il senso dell'espressione) il suo cuore, che ora non
pi capace di O"V'IILVIl.L, di riconoscere, di comprendere, di
concepire 22. Per IXa-UVE-.Oe;, che indica qui la conseguenza dell'ottenebramento, cfr. 1,31; 10,19 e possim. Il cuore dunque divenuto inabile a riconoscere e a comprendere; ma, sebbene ottuso, non ha perduto ogni conoscenza, e, sebbene ottenebrato, non del tutto privo di luce; esso comprende, bens in maniera vana; ossia comprende e insieme non comprende.
Quel che non comprende la realt palese ed effettiva delle
cose, la verit. L'uomo vive in un'esistenza crepuscolare. La
sua tenebra appunto quella del crepuscolo.
22. Ma

questa tenebra tanto pi perniciosa in quanto l'uomo s'inganna su di essa. Egli considera la propria condizione,
che gli fa vedere ogni cosa in una luce crepuscolare e non gli lascia riconoscere la verit, come una forma di saggezza e non
la coglie per quello che : uno stato di follia radicale. L'ambiguo pensare del cuore ottuso un flwpll.vilijvll.L; esso rende
l'uomo folle o, per dirla rudemente, stupido. Per flWPll.tVELV
cfr. I Coro 1,20 e ler. 10,14; Ecclus 23,14 23 Il pensiero dell'uomo fondamentalmente la flWptll. di un flwp6e;. Vale anche per la creatura quel che si legge in I Coro 3,19: i} ... O"olptll.
-.o X60"flOV -.o\hov flWptll. 71ll.p. ilE<il O"-.LV, e in I Coro 3,18:
nessuno si illuda, E~ ne; OOXEL O"OlpOe; ELVIl.L v JflLV v -.<il Il.LWVL -.ou-'/p, flWpOe; yLVO"ilw. Eppure gli uomini non riconoscono la loro pazzia di fondo, bens lpaO"xOV-.Ee; ELVIl.L O"Olpot flWpavilT)O"ll.v. lpaO"xELIi significa qui affermare, assicurare e
22. Il termine si trova associato a xaplita. in MI. 13,15; ACI. 28,27 (= 10.12,40).
23. Cfr. Bertram in ThWb IV 850 ss.

Rom.

I,22.23

II5

sim. 24. Di fronte al V. 21b, il V. 22 rappresenta una sorta di accrescimento e quindi gi per questo motivo si ricollega a quanto precede 25, cos come del resto anche il v. 23, che indica gli
effetti concreti del flll.-.Il.LOO"ilIl.L e flWPll.tIlEO"ilIl.L, cio il risultato a cui approda il rifiuto del Creatore. Giudicando se stesso
come fondamentalmente saggio l'uomo non fa che accrescere la sua pazzia di fatto e dimostra che il suo pensiero, il quale
procede dall'irriconoscenza e della disobbedienza verso il
Creatore, non ha in s la capacit di correggersi e di superarsi.
23. Questo versetto mostra dove si manifesti concretamente
in tutta la sua follia questo pensiero del cuore che vanifica
la verit. Ancora una volta Paolo riprende concetti veterotestamentario-giudaici quali si trovano in Deul. 4,16; PS. 105,
20 S. e anche in ler. 2,11 e possim. Per illustrare plasticamente la vanit del pensiero pagano egli si richiama al divieto posto da Jahv ad Israele di eseguire immagini della creazione e
di costruire un vitello d'oro; ma nella trasgressione del divieto coglie un dato di principio. Paolo insomma vuoI descrivere un tratto fondamentale della creatura che non si sente pi
in debito verso Dio. Il modo in cui ci viene formulato significativo. flOtWflll. e ELXWII di per s voglion dire la stessa cosa,
ossia immagine (cfr. Ceno 1,26 s.), qui per, evidentemente, secondo aspetti diversi: flOLWflll. nel senso che l'ELXWII
presente nella riproduzione; ELXWII nel senso che al fondo
dell'floLWflll. sta una figura. Si pu dire quindi che, se 'flOLWILIl. la riproduzione, ed ELXWII la figura, flOLWflll. ELX6110e;
la riproduzione di una figura (di una qualsiasi creatura) della quale vengon citati come esempi !illllpw7Ioe;, -'0 71E-.ELV611
(<<uccello; cfr. ACI. 10,12; II,6) associati secondo una formula tradizionale (cfr. Ceno 2,20; 7,8) a -.E-.pa7l001l., quadrupedi ed a p7lE-.a, rettili (cfr. Ioc. 3,7). Vi qui un'allusione al culto egizio, che viene esecrato anche in Sop. I 1,15;
12,24 Nell'floLWflll. presente dunque l'ELXWII in quanto
realt effigiata. Si stabilisce una contrapposizione fra i} o6!;1l.
25. Di diversa opinione il Kasemann.

II6

ROrl!. r,l)

'tOU aep)ap'tov )EOU e 0!10LW!1a. ELX6voc; ep)a.p'tou av)pwTl:ov.


Ci significa qualcosa tanto, per o6~.a. quanto per ~~OLW!1a..
0!10Lw !1a. in certo senso oo~a., e, VIceversa, O?~a. e m ce7t~
senso un 0!10LW!1a.. L'elemento comune che In entrambi s~
manifesta quello che viene indicato al genitivo; in entrambI
si pu cogliere di volta in volta una realt particolare. E tuttavia o6~a. e 0!10LW!1a. sono distinti non solo in Ps. 105 ,20, ma
anche per l'Apostolo sebbene egli parli anche della o6~a. del
le creature (cfr. IC~r. 15,40 s.; e anche I Coro II ,7 )25'. Ma
nel caso presente (cos egli pensa) si tratta ~ell'o!1?Lw!1a.,.cio.
dell'aspetto di una creatura, che comporta I~ mamfe~tarsi e. Il
darsi a conoscere della creatura stessa. Non e la manIfestazlo,
ne incomparabile della o6~a. nella quale Dio, il Creatore: si
d a conoscere. Di qui anche il rilievo dato al contrasto: oo~a.
'tOU aep)rl:p'tov )Eou e 0!10LW!1a. ELxevoc; ep)a.p'tou av)pwTl:OV. La oe~a. )EOU , come abbiam visto, lo splendore posse~
te del Creatore o della sua sapienza, quello splendore che Irradia dalla creazione. Ma gli uomini, nella cecit della loro
ingratitudine, scambiarono questa oe~a. di ~io ~o?" .l~ oe~~
propria, che presero ad adorare nelle loro vane dlvlmta. ESSI
concepirono il mondo alla stregua di Dio e Dio ~lla stregua
del mondo. In ci sta la loro fondamentale !1WP~a., che essI
chiamano O"OepLa.. Gli uomini non riescono pi a percepire la
realt originaria, la creazione nello splendore del Creatore; vedono dio nel mondo e il mondo come dio, e ci discende da
quel fondamentale rifiuto di rendere a Dio il ricono~cimento
e il ringraziamento dovuti al Creatore, o, come poss!amo an:
che dire e abbiamo gi detto pi volte, dal non essersI attenuti
all'originaria conoscenza di Dio. Ecco il grande scambio ~ l~
grande illusione che si collocano dentro, accanto e sotto l eSI'
stenza umana quale si presenta storicamente. In ques~o senso
l'uomo colpevole da sempre: egli si chiude alla grandIOsa ma25 a . Per il concetto di 50oc dJ:. J: Sch~eider, Doxa. Eine bedeutungsgeschichtliche
Studie (1932); Kittel, Die Herrltchkett Gottes ~1934); Ch . .Moh~mann, Nole zur
56oc. Sprachgeschichte und Wortbedeutung, lfi Fe~tschrtf~ fu~ A. Deb,":nnr:'
(1954) 321-328' H. Schlier, Doxa bei Paulus als hetlsgeschlchtltcher Begrrff, III
Stud. Paul. Co~gr. I 45'56. Per oiJ.olwll4 dr. J. Jervell, Imago Dei 312 -331.

Rom.

1,2) . .24

117

nifestazione del Creatore nella sua creazione. E in quella colpa l'uomo si presenta pur sempre. La concreta idolatria dell'antico pagano o degli apostati cristiani (dei quali per qui
non si fa parola) soltanto l'estrinsecazione di quel dato fondamentale, ossia dell'irriconoscente ripudio del Creatore da
parte della creatura, la quale proprio da quel ripudio viene
improntata nel suo essere.
A sua volta poi codesta idolatria (cos possiamo ora chia
marla per brevit) si esplica in certe forme concrete. Queste si
trovano descritte in 1,24-32, dove ancora una volta coi concetti e col linguaggio della tradizione giudaico-ellenistica punteggiati da un tripliceTl:a.powxEv a.'toC; (vv. 24.26.28) amo'
di refrain viene esposta la punizione che Dio decreta contro i
pagani rei di aver divinizzato il mondo e se stessi: ossia il pervertimento del vivere spinto fino agli impulsi sessuali (vv. 2427), il traboccare di vizi (vv. 28'31) e la corruzione del giudizio morale (v. 32). Proprio questi sono gli effetti dell'ira di .
Dio provocata dall'avere l'uomo negato riconoscimento e gratitudine al Creatore che si manifesta nella sua creazione. Il
mondo pagano vive sotto questa esecuzione del giudizio dell'ira di Dio. E in questo mondo irrompe con l'evangelo la O~
xa.~oO"VTJ )EOU.
24. La congiunzione mediante o~e presenta espressamente
quanto stato detto come causa di ci che segue, cos come il
secondo 7ta.pOWXEV viene riallacciato con un o~a 'tou'to a
quanto precede e il terzo introdotto mediante una proposizione che s'inizia con xa.)wC;. La conseguenza del fallo dell'uomo viene anzitutto caratterizzata come un 7ta.pa.o~oeva.~ da
parte di Dio, come un dare in mano, un consegnare, o anche un
abbandonare in balia ecc. Con questo significato 7ta.pa.o~oeva.~
si trova, ad es., in I Coro 5,5: 7ta.pa.oo(jva.~ 't!J (ja.'ta.vq. (cfr.
2 Coro 4,II; I Tim. 1,20; 2 Petr. 2,4; anche Eph. 4,19).
Che anche nel nostro caso 7ta.pa.o~oeva.~ mantenga una certa connotazione giuridica poco probabile. Non specificato
in quale modo Dio abbia dato in balla. Pu darsi che abbia
inteso bene Agostino, serm. 57,9: Ira iudicis donavit quosdam

I;

Il8

l'
I

I
I

I
!

Rom.

I,.24

concupiscentiissuis. Quomodd tradidit? Non cogendo, se~


deserendo. A chi furon~ a~bandona~i i ~agan.i? L' Apostolo ~I
sponde anzitutto con E~C; axal)apav.lv , pOI al v. 26 con E~C;
1t(~lh] 'tqLLa;c; e al v. 28 con ELC; &06x~[J.ov voiiv 27. L'&xal)aperLa, che in certi cosiddetti cataloghi di vizi (2 Coro I 2,2 I;
Gal.5,I9; Eph. 5,3; Col. 3,5) figura come vizio particolare
accanto a 7IOpVELa, er:yE~a (7I.EovE1;La), qui, dove sta sola,
intesa come in 6,I9 (Eph. 4,I9); I Thess. 4,7, in senso lato
e allud: alla sfrenatezza sessuale nei pensieri e nelle azioni. Il
predominio dell'eros o meglio del sesso nella vita privata e
pubblica era, secondo il concetto giudaico e cristiano, una delle principali caratteristiche dell'antico mondo pagano nel suo
decadimento. Tale dunque, secondo il nostro contesto, la sfera in cui si esplica l'autoglorificazione dell'uomo. Questo abbandono in balla della sessualit distruttiva avvenuto v 'ta~c;
ml)u[J.La~c; 'twv xapo~wv a,J'twv, in quanto cio i cuori degli
uomini divennero bramosi 28. Insomma il 7Iapao~06va~ in
preda della sessualit pervertita si servito delle ml)v[J.L~~,
che procedono dalla sfera pi intima dell'uomo. Il termme
ml)v[J.La di per s pu essere usato in un senso neutro (come
inPhil. I,23; I Thess. 2,I7; cfr.ml)v[J.E~v: Gal. 5,I7; I Tim.
3, I), ma in Paolo tanto al singolare quanto al plurale indica
per lo pi la bramosia egoistica, la 7I~l)v[J.La erapx6c; (Gal. 5,
I6; cfr. Rom. 7,12; 7,7.8; I3,I4; Gal. 5,24 ecc.) che domina
l'uomo dall'interno. Infine Paolo dichiara quel che significa
esser dati in balla delle concupiscenze sessuali: 'toii &'t~[J.a
sEcrl)a~ 'tll erw[J.a'ta a'twv v a'to~c;. L'infinito consecutivo ...Il erw[J.a'ta a'twv pone in risalto la corporeit dell'uomo la quale per cosi dire, l'mbito prossimo della sua esi" v a'to~c; pu significare tanto med

stenza.
iante se stesSI,
26. In quanto lussuria, l'a.xa.D'apa'a. caratterizza, agli occhi del Giudeo,

l'es~a

del paganesimo (IGisemann).


27. Il concetto pu anche essere ~or~u1ato co?" una ...proposizi,?ne ~nfnitiva.! come
ad es. in Act. 7A2: 1tlXpSWXEV a.u't'ouC; )..a:tpEUEI.V -rn CT't'pOC't't.q. 't'cv Opa.vov.
28. Non si tratta soltanto di una designazione dell'ambito in cui gli uomini si perdono, ma anche del modo in cui essi si perdono (K.A. Bauer, Leiblichkeit I4 1 S.;
IGisemann, ad l.) .

1
"

'i' '

Rom.

I,:14.25

Il9

quanto in se stessi; in ogni caso d rilievo alla circostanza


che gli uomini disonorano e sconciano se stessi e in certo senso rinforza 'tll erw[J.a'ta a'twv. Tutto ci no~ in contrasto
coI7lapao~06va~ da parte di Dio, bens lo specifica, presentando l' es~er ?ati in. balla come uno sconciare se stessi, ponend~ cosi .10. rtsalt~ Il momento della responsabilit. Dunque se
gh uomlm sconClano i propri corpi sessualizzando la vita e ob- ,
bedendo alla concupiscenza del cuore, ci una conseguenza
del7lapao~06va~ da parte di Dio e del giudizio dell'ira di lui.
Con questo giudizio Dio risponde a quella autoapoteosi dell'uomo che ha la sua radice nell'ingratitudine e nella disobbedienza verso il Creatore e trova espressione concreta nelle divinit dei pagani. Il divinizzamento della creazione a cui si
devono; questi fenomeni, conduce a disonorare se stes~i e a profanare Il mondo. Di ci rendono testimonianza storica molteplici forme dell'antico culto pagano. Nell'autodeificazione caratteristica del mondo secolarizzato post-cristiano ritorna lo
sconci~n:ento dell'uomo mediante la sessualit; eppure gli
a?nostici non lo avvertono e non lo presentano come uno sconClamento, bens come una glorificazione. Cos i criteri di valut~ione e ~a stessa capacit di giudizio vengon distorti dal pensiero ambiguo dell'uomo che si nega a Dio.
25. In questo versetto non si dice ancora in che consista l'&'t~
[J.a~Eerl)a~ (richiamato poi dai 7Ial)1] &'t~[J.Lac; delv. 26), ben-

si viene ancora una volta ribadito, con un'altra formulazione


il motivo per
CUI DlO abbandona l'uomo alla &xal)aperLa. Il pronome relativo Oh~VEC; all'inizio della frase ha valore giustificativo come
quello del v. 32. La causa del 7Iapao~06va~ viene ravvisata
ora in un [J.E'ta..aererELV, che significa scambiare come nel
v. 26. Ci <;be nel v. 2 3 ~r~ c~iamato 'tl]V 061;av 't~ii &epMp.. OV I)Eov, vlen detto ora 1] a:i)i~E~a 'toii I)Eoii e, analogamente
a [J.oLw[J.a ELX6voc; epl)ap'toii &vI)PW7IOV corrisponde 't \fJEii~
OOC;. La verit di Dio Dio nella sua verit, il Creatore nella sua realt p~ese ed effettiva, la quale si rivela nella gloria
della sua creaZlOne. E la menzogna, il falso Dio, la creaco~p~essiva e con una frase dal ritmo singolare,

F'

Rom.

120

1,25

tura adorata come Dio. Questo concetto introdotto dal v.


25 b, che accenna al modo in cui avvenuto lo scambio e al
tempo stesso chiarisce il significato di il I:i)DELa 'toii DEOii
e 't <VEiilioC;. Il xaL all'inizio del v. 25b ha valore esplicativo.
Essi, i pagani, adorarono la creazione in luogo del Creatore e
ad essa anzich a lui prestarono un servizio religioso. crE~I
sEcrDaL lo stesso che cr~EcTDaL (cfr., ad es., ep. Ar. 135; Act.
18,13; 19,27 cr~EcrDaL) e significa mostrare una venerazione religiosa. Non diverso, in fondo, ma con una accentuazione del servizio, il significato di .a'tpEuEw (cfr. Dan. 6,17;
Mc. 4,10; Le. 4,8 [= Deul.6,13 s.]; 1,74; Act. 7,7 [= Ex.
3,12] ecc.); con riferimento all'idolatria si trova usato in Act.
7,42 (cfr. Ex. 20,5;'23,24; Ez. 20,32; I Hen. 99,7 ecc.). L'adorazione religiosa e il servizio cultuale sono dedicati 'tU X'tLcrEL anzich (1tapa) ~ allo X'tLcrac; JO. Risulta ora chiaro che l'idolatria, secondo l'Apostolo, l'adorazione religiosa del creato in luogo del Creatore e che la lioa 'toii IcpDap'tov DEOii
la gloria che irradia dal Creatore nel creato e che rimanda a
lui. Non meno chiaro risulta il pensiero del cuore che vanifica
la realt. Questo !1E'ta..lcrcrEw, questa divinizzazione del
creato, che al tempo stesso fa di Dio una creatura, per Paolo
qualcosa che suscita ripugnanza. Non soltanto egli non fa suo
l'atteggiamento della creatura che non rende lode e grazie a
Dio, ma lo rigetta da s con appassionata veemenza. Ecco perch nel nostro passo egli prorompe nella dossologia che era
caratteristica del pio giudeo (v. 25C) 31, ripristinando in tal modo l'onore di Dio. Come in 3 Esdr. 4,40 si legge: Benedetto
sia il Dio della verit, oppure in Pirke Aboth 6: Benedetto
sia colui che ha scelto loro e la loro dottrina, cos qui si dice:
29. Per 1tapa in questo senso dr. Blass-Debr. 2}6,3_
30. X'fl.cra,, rientra nel Dovera dei predicati participiali di Dio e forse risente
dell'usb dei participi che caratteristico dei LXX (G. Delling, Studien %um N.T.

und heUenistischen Judentum [1970] 40')' Cfr. anche la formula: 1C01.:ncra.c; "tv
opavv ii '-d'lv yijv 1\ -rlJv ihi4CTO"a.V: Ex. 20,n; PS.145,6; Dan.4,37; I Hen.
101,8; 10s. et As. n,II; Ios., Ap.2,I2I; test. Iob 2.4; Acl. 4,.24; 14,15 (17,24);
ApOC.IO,6; 14.7.:\!. Essa ha dunque anche un significato apotropaico.

Rom. 1,25.26-27

12 l

che benedetto per l'eternit 32. Amem>. L'I!1T}\I dimostra


che Paolo riproduce una dossologia li turgica, la quale viene
confermata dalla comunit con un'acclamazione. Anche in
questo caso Paolo s'intrattiene, per cos dire, nel servizio cultuale della comunit (cfr. 9,5; II,36; 2 Coro II,31. Vedi le
formule introduttive di 2 Coro 1,3; Eph. 1,3; I Petr. 1,3).
26-27. Proseguendo nel suo discorso, l'Apostolo specifica ora
concretamente l'I"tL!1aSEcrDaL 'tI crw!1a'ta au'tw\I \I a\J'totc;.
Anzitutto nel v. 26, con una formulazione parallela al v. 24,
fa rilevare che Dio ha abbandonato i pagani ELC; 1taD1] I'tL!1LaC;
per avere essi adorato le creature. In 1taD1] I'tL!1LaC; il genitivo di qualit 33; in sostanza la locuzione equivale a 1taDT)
ii'tL!1a. Non soltanto le azioni, ma anche i 1taD1] che le provocano e le determinano sono pervertiti e disonoranti. La perversione entrata nel sangue degli uomini. Ma in che cosa si
manifestano queste passioni vergognose? Nel rapporto sessuale invertito di donne e uomini. Significativa qui la collocazione delle donne prima degli uomini (diverso l'ordine in
MI. 19,4; Mc. 10,6 [= Gen. 1,27 J; Gal. 3,28) e significativo
l'uso dei vocaboli DT}.ELaL e iipcrE\lEC;, che dnno risalto alla
caratteristica sessuale della persona (Kasemann). Le donne
scambiano il loro uso naturale del sesso con un uso contro
. natura. La locuzione XpijO"LC; CPVO"LXT} - il 1tapI cpucrw elleni
stica (per es. Diod. S. 32,11;1: napI CPUCTL\I o!1L.La). Degli
uomini detto invece, nel v. 27, che essi abbandonarono la
cpvcrLxil XpijcrLC; 'tijc; DT).ELac; e arsero di passione tra di loro.
Exaulhjcra\l aoristo passivo di xxaLw 34, <<incendiare,
attizzare; al passivo bruciare. 5pELC; <desiderio, brama, avidit, fregola) attestato a cominciare da Plato
32. dc; "'t'oc; a.LWvc; formula dei LXX che corrisponde all'ellenistico E.tc; "'t'" a.tGl, va.. Dio lodato per tutti i tempi che si perdono nell'eternit.
33. Cfr. test. 101. 7,18: nO'l'Cl'lt'tEI.v na.ftE.!. 'lUftup..la.c;; I Thess. 4,': v -nti&L 'ltl.bulJ.(a.C;; dr. Col. 3,'. Quando miitoc; indica la passione, si tratta preva1entemente
della passione sessuale; dr. Bauer, Wb. II9.5.
34. Cosi anche nella letteratura ellenistica: Alciphr. 3,31,1: ~EXa.UD1)V EtC; ~pw
"'t''l ecc. Cfr. Baller, Wb. 478; anche Ecclus 16,16 e passim.

I
Rom. I,:!.6-27

122

ne, dai LXX; ad es. Luc., Tyr. 4: 't'<; 't'wv iloovwv Op!;E~<; XGt.LVGtYWYE~V, oppure Ecclus 23,16: XO~.LGt<; Op!;E~<;. Queste
pratiche omosessuali sono un 't'ilv CTX1][J.OCTVV1]V XGt't'Epya~Ecr1}Gt~, come naturalmente sono (senza che ci sia espressamente indicato) le pratiche lesbiche menzionate dianzi. Anche l'aCTX1][J.oCTVV1] un concetto (e un vocabolo) comune nella grecit e nel giudaismo ellenistico; cfr. ad es., Epict., diss.
2,5,23; Philo, lego ali. 2,17; 31,58; Flav. los., beli. 223; Sib.
5,389; Ecclus 26,8; 30,13. La conseguenza di siftatto comportamento viene menzionata ancora alla fine del v. 27; gli uo
mini ricevono in se stessi la ricompensa inevitabile della loro
aberrazione. aV't'L[J.LCT~LGt ricompensa, remunerazione
(cfr. 2Cor. 6,13)35. Si tratta, come abbiam detto, di una ri
compensa inevitabile di quella 'lt.av1] (cfr. I Thess. 2,3; 2
Thess. 2,II ecc.), di quella depravazione del senno che l'in
nalzamento della creatura al grado di Creatore 36. Il OE~ indica
la necessit divina, come ad es. anche in I Coro 15,53; 2 Coro
5,10; Act. 1,16; 3,21; 4,12 ecc. Degno di nota il giudizio
che l'Apostolo pronunzia sulle perversioni sessuali da lui poste in risalto come aspetti caratteristici del mondo pagano.
Tale giudizio si pu cos riassumere: 1. il pervertimento degli
istinti e del comportamento sessuale la risposta punitiva di
Dio alla divinizzazione che l'uomo fa di se stesso e del mon
do; 2. la sua ritorsione divinamente necessaria; 3. tale ritorsione si attua sin d'ora in questo mondo nei corpi dei pagani.
Nella condanna di questa aberrazione Paolo va largamente
d'accordo con la polemica giudaica e giudeo-ellenistica contro
i pagani (cfr. ep. ler. 43; Sap. 14,12.23 ss.; ep. Ar. 152; Sib.
3,184 sS. 594 sS.; 5,386 ss.; Hen. slavo 10,4-6). Va detto per
che anche scrittori ellenistici, per es. Musonio e Max. Tyr., or.
18, levarono la voce contro l'omosessualit e' contro l'esaltazione e giustificazione di essa, quale si rrova, ad es., nel Satyricon di Petronio. Ma nella motivazione specificamente teologica del suo rigetto delle perversioni sessuli Paolo non ha
predecessori di sorta.
3.5. a.V"t'L~V SI.S6va!.

't'I.VI.: 2

etem. 1,3;

9,7 ecc.

36. Il Kiisemann (diversamente dal Kuss) riferisce 1t'.avll alla -dissolutezzao.

12 3

Rom.I,28

28. Ritorna per la terza volta l'espressione 'ltGtpOWXEV Gtv't'O<;


6 ~EO<;, qui per con la motivazione anticipata che si richiama
al V. 2 I e ribadisce in forma nuova la ragione di quello scambio fra Dio e il mondo. Non solo, ma questa volta le azioni alle
quali Dio ha abbandonato i gentili non vengono pi rappresentate secondo l'uno o l'alrro paradigma caratteristico
della decadenza pagana, bens con molteplici esempi particolari che attestano un dissolvimento morale e che procedono
da un aooxL[J.o<; vou<; al quale Dio ha abbandonato i pagani. Il
V. 28 comincia con una frase introdotta da xGt~w<;. Di per s
xGt~w<; pu significare come, secondo che, oppure in
base a, quoniam, quippe, siquidem. Qui il significato evidentemente l'ultimo J7. Esso risponde, come abbiam detto, al
oL 't'ou't'O del V. 26 e aloLo't'L del V. 24. ooxL[J.a~ELv significa
qui (esaminare e) prendere una risoluzione, come, ad es.,
anche in 12,2; 14,22; I Coro 16,3(?); 2 Coro 8,22. I pagani
non si sono risolti a serbare Dio nella loro cognizione. chiaro dunque che il mancato riconoscimento della gloria di Dio e
il mancato ringraziamento al Creatore furono non una fatalit, ma un atteggiamento deliberato, o, in altri termini, una
valutazione e una risoluzione, una ben ponderata risoluzione
contro il Creatore. 't'V ~EV EXELV v myvwCTEL equivale sicuramente a mYLVwCTXELV J8 Ma forse l'espressione stata scelta a ragion veduta per sottolineare che la creatura non ha perseverato nella conoscenza del Creatore. 'ltLyvWCTL<; non equivale semplicemente a yVWCTL<;, bens indica una conoscenza che
insieme riconoscimento o comunque una conoscenza nel senso di esperienza, come per es., anche in 3,20; Col. 1,9 s.;
Philm. 6; anche in Rom. 10,2; Eph. 1,17; Col. 3,10. Nella sostanza v 'ltLyVWCTEL EXELV coincide con quel yVWVGtL che perdura nel oo!;a~ELv e nell'EvXGtpLCT't'E~v. Codesto rifiuto di riconoscere il Creatore e la divinizzazione del mondo Che a quel
rifiuto si connette (l'uomo infatti non pu sbarazzarsi di Dio
neppure se lo misconosce) fece s che i pagani fossero abban37. Blass-Debr. 4.53,I s.

38. Cfr. Thuc. 2,6',3: 'V 6pyfi gXEI."

= essere adirato.

Rom.

.!

, .

l'

! :

. i

:1,28

donati da Dio a un li6ltL~O vov. Il Dio non riconosciuto come tale nella lode e nel ringraziamento ha risposto a questo
rifiuto deloltL~a.SELV col 1I:apaOVvaL EL li6ltL~OV vovv. Vi
qui un gioco di parole di cui noi non abbiamo l'equivalente.
Del resto li6ltL~O usato in questo passo in un senso alquanto sbiadito che si avvicina a <<netto, dappoco, inutile
(dr. I Coro 9,27; 2 Coro 13,5 ss.). Da un siffatto vov deriva
poi il 1I:OLELV -c ~'] ltaihiltov-ca, come Paolo dice con un termine stoico. -co ltatijltov l'of/icium e designa quel che la natura ci prescrive di fare in quanto moralmente buono. Per -c
~'] ltaih')ltov-ca cfr. Philo, mut.nom. 42; 2 Mach. 6,4; 3 Mach.
4,16 (secondo la terminologia pi rigorosa deIla Stoa si direbbe per -co 1I:ap -co ltailijltov) 39. Vediamo dunque Paolo
esprimersi in modi tradizionali e convenzionali, per cos dire
nel gergo della filosofia popolare stoica, la quale ha largamente
influito sulla lingua del giudaismo ellenistico e sul suo pensiero. Qui per non soltanto si trova questa formula di tipo
stoico, ma essa viene altres esplicitata in quel che segue. Dal
pensiero inetto nel quale l'uomo precipitato per aver disconosciuto Dio e la sua verit, sgorga, come effetto e testimonianza del giudizio deIl'ira di Dio, una piena di vizi distruttivi
che sommerge l'esistenza dei pagani. E anche questo vien descritto in maniera tradizionale, ossia con uno di quei cataloghi di vizi che si trovano spesso nel corpus P aulinum (dr. 13,
13; I Coro 5,10 s.; 6,9 s.; 2 Coro 12,20 s.. ; Gal. 5,19 ss.; Eph.
4,31; 5,3-5; Col. 3,5.8; I Tim. 1,9s.; 2 Tim. 3,2SS.; Tit3,
3) quali variazioni di cataloghi ellenistici e giudeo-ellenistici,
o anche giudaici, mai per cosi estesi come il presente 40.
Forse nei vv. 29-31 si pu cogliere una certa ripartizione; al
v. 29a vengono enumerate le variet del vizio, al v. 29 b le
manifestazioni del vizio stesso, ai vv. 30 ss. i vizi sociali. Ma
con ci non si esce dal vago. Meglio riconoscibili sono invece
talune caratteristiche formali: a 1I:E1I:.TJPW~vou (l'accusativo
39. H. Schlier in ThWb

ilI

443. .

40. Questo catalogo ripreso parzialmente in

sus 15 s.

Clem. 3.5..5; dr. Lietzmann, excur-

Rom.

I,28.J9.30

12 5

si riferisce ad au-cou) si ricollegano quattro membri di ugual


terminazione (omeoteleuti), a ~Ecr-cou cinque membri indicanti i vizi concreti; alla fine (v. 31) si trovano quattro membri con a privativo. Da questo per risulta soltanto un uso
irriflesso degli artifizi retorici. Per il resto si pu ancora rilevare, come nella diatriba filosofico-popolare, una disposizione
asindetica dei singoli membri 41. Ma in proposito qui vi ben
poco da osservare".
29 Per libLltLa cfr. 1,8, dove per si ha un'accezione di principio; per 1I:OVTJpLa 43 I Coro 5,8; per ltaltLa. (malitia) I Coro
14,20; Eph. 4,3 r. Sono vocaboli tra i quali difficile cogliere
una differenza. Caratteristico invece 1I:.EOVELa. (avaritia), usato non nel senso fondamentale di cupidigia come in Eph.
4,19; 5,3; Col. 3,5: ljn cr-CLV ELW.O.a.-cpELa. Dio ha dunque abbandonato i gentili, che non l'hanno voluto riconoscere, al loro pensiero inetto e quindi all'ingiustizia, alla malvagit, alla malizia, alla cupidigia, e di ci ha riempito (1I:m.TJpW~vou) la loro vita. Questa dunque viene a trovarsi ricolma (~Ecr-COU) di singole ma troppo numerose azioni e disposizioni cattive: invidia, (voglia di?) omicidi 44, litigiosit, (tendenza alle) contese, slealt, malignit 45. I versetti seguenti
recano un lungo elenco di esponenti dell'ingiustizia. In tutto
sono dodici e vengono enumerati asindeticamente e disposti
in maggioranza a coppie; si notano infatti quattro appaiamenti
di vocaboli, cui tien dietro un gruppo quaternario.
41. Le pi l'ecenti considerazioni sugli elementi retorici sono di E. Kasemann 4)' s.
42. Per un esame particolare cfr. A. Vogt1e, Die Tugend. und LAsterkataloge im
N.T. (1936); S. Wibbing, Traditionsgeschichle (1959); E. Kamlah, Katalogische

Pariinese (1964).
43. Invece di 'ltOV1}P~a.,

D~' G pc L S{I vg syP leggono 1tOPVELo:, ma a torto, e, diciamo cosi, per consuetudine.
44. cpD-ovo-tp6'1o10 una paronomasia.
4)' xaxonfttLa non.in senso totale come l'intende Aristot., rhet.3,18 [P.1389b,
20 s.]: "t'O btt "t'O XEL/'JO..... 1tO)..a(1~""'EL"'" &1ta.v"t'a, ma piuttosto come l'intende
Ammonio, p.80 Valk: xax~a xaxpVUf./.V1}i dr. anche 4 Mach. 14i 3,4. Inserita
in un catalogo di vizi la parola si trova nella lettera 43 di Apollonia di Tiana (Philostrat. 1,354): cp&6vov, xa.x01}bda., IJ.WOU, ovx~o\:ii. EX&p; Bauer, Wb. 784.

.1

. Rom . .T,]O.31

126

3 0 .IjJLDvPLC""tl)C; (da IjJLDvp~~EL''/ = sibilare), il delatore il


sussurrone, xa"tti.a.oc;, il calunniatore (pubblico), che sparla di qualcosa 46. DEOC""tVYl)C; l'odiato da Dio (Eur., Tro.
1216), ma qui significa piuttosto colui che odia Dio, come in
Ps.-Clem., homo 1,12: IiOLXOL xat DEOC""tVYE~C;; I Clem. 35,5:
DEoC""tvy~a. J~pLC""tl)C; nel contesto comporta forse anche qui
un riferimento a Dio, ma in senso pi generale ilmalfattore,
altrove anche il violento (cfr. I Tim. 1,13); si trova accanto a
J7tEpl)tpavoc; anche in Diod. S. 5,55,6. Qui per J7tEplJtpavoc;
fa coppia con .~oVEC;. J7tEpl)tpavoc;, superbo, altezzoso
(cfr. Le. 1,5 I ), ricorre in un catalogo di vizi anche in 2 T im. 3,
2 accanto ad .a~ovEC;, ~.aC"tpT)!lot Il contrario "ta7tEw6c;
(lac. 4,6; I Petr. 5,5; Provo 3,34 LXX); anche in Diodoro Siculo lo J7tEpl)tpavoc; viene ripetutamente descritto come colui
che inviso agli di, ad es. 13,21,4; 20,13,3; 23,12,1; 24,
9,2. .a~wv il millantatore, il miles gloriosus e sim. (cfr.
Sap. 5,8; 2 Tim. 3,2); .a~ovELa ricorre in Iac. 4,16; I ~o. 2,
16. tpwpE"tat xaxwv possono essere coloro che escogItano
cose cattive, ad es. Antioco Esifane in 2 Mach. 7,3 I: C" o
7taC"T)C; xax~ac; EJPE"tilc; YEVO!ltvoc; EtC; "tOC; 'E~pa~ovc; 47, oppure anche coloro che vanno alla ricerca del male o lo fanno
ricercare da chi ha un buon fiuto. yOVEUC"LV 7tELDE~C;, come in
Deut. 21,18; 2 Tim. 3,2, vale disobbedienti ai genitori.
3 l. Seguono ancora quattro aggettIVI con a prIVatIvo: acrvVE"tOC; (cfr. Sap. 1,5; II,15; Ecclus 15,7; test. L. 7,2; Mt. 15,
16; Mc. 7,18; Rom. 1,2I), dissennato, che non capisce,
in riferimento anche a deficienze morali. crvvDE"tOC; (altro caso
di paronomasia) vale fellone, infido, incostante (cfr.
Demosth. 19,136; Is. 3,7.11 LXX)"; 1iC""topyoC;, senza amore (cfr. 2 Tim. 3,3) attestato a cominciare da Eschine e in

,.
I.

o.

" '

46. xa.,;a)..a.o; hapdx nel N.T. Cfr. 2 Coro n,20: xa"t'aa)""ai, \jJl.1}upt.alJ.oi.;
Sap. l,n; anche I Clem. 30,3; 3'.5: i}EOO"tV"('a.. Per il sostantivo Ka-ra).,a.ui
dr. Sap. l,II.
47. Cfr. anche Philo, Flacc. 20 a proposito di alcuni capi antjsemiti: tpt.O'J'CPa.yl-lO
'VEO:;, xaxo~v EvpE"ta(, "tapa.!;t.7to)",,,SE.

48. Secondo Fridrjchsen 42 s.: caparbio, bizzarro,

Rom.I,p3 2

12 7

Plutarco ~9, Infine questa enumerazione si chiude con vE.El)!lWV, spIetato, che compare in un elenco di vizi anche in Tit.
1,9 come variante.
3 2 Grosso modo segue ancora un enunciato che finisce di desc~ivere lo stato dell 'umanit colpita dal giudizio dell 'ira di
DIO e al V. 32 segna il trapasso al cap. 2. Da questo enunciato
I~ c?rruttela degli uomini risulta ancor pi grave. Dei pagani
SI dIc,e ora che hanno conosciuto "t oLXa~W!la "tOU DEOU. Qui
OLXaL~!la I~ ~is~o.sizione giuridica, come in 7 ,26; 8,4",
n?n I ~<~tto dI. gI1!S~IZI~.' azione ,gi.usta, come in 5,18. La
dISpOS!ZIOne gIUrIdICa e Intesa pero In un senso affatto specifico. SI tratta .cio di una dispos,!zione particolare che si precisa nella frase Introdotta con un o"t~ epesegetico. I gentili conoscono bene iloLxa~w~, per cui chi reo, come coloro che sono ?ta~i elen:ati e c~me altri simili che non vengono menzionati (OL "to.La~"tcx.. 7tpaC"C"oV"tEC;), si carica di una colpa mortale,
e contro dIIUl Dl(~ ha de~retato la pena di morte. Essi dunque,
che hanno scambIato DIO col mondo e il mondo con Dio e
quin~i sono stati abbandonati da Dio a pensieri e azioni riprov~~oh, sanno per che il modo loro di agire in definitiva pernICIOSO e corruttore. Dalla voce del cuore e della coscienza essi, s~condo 2:14 s., apprendono come il modo loro di agire sia
merItevole dI morte. Tale indicazione della coscienza implica
nat1!~~m~nte anche una consapevolezza della propria responsabIhta dI fronte al Dio punitore, e in questo senso una consapevolezza somma di Dio. Ma questa voce della coscienza
(ed ecco l'altro aspetto) viene soffocata e repressa. I gentili
non soltanto pers~verano nel loro comportamento perverso,
ma approvano ChI fa altrettanto. crvvwooxoucrw col dativo
della persona vale assentire, plaudire (cfr. I Clem. 3 2 ,6),
SI puo confrontare anche test. A. 6,2: i omp6crW7tOL vengono
puniti due volte: O"tL xat 7tpacrcrovcrL "tv xaxv xat crvVEUOOXOUC"L "to~C; 7tpacrC"ovC"LV 51. I pagani, insomma, non paghi di
49 G R. pllat vg i?seriscono uCTnovSou,.
..50. Cfr. Schrenk in ThWh II 22'j.
.51: Ma SI potrebbe rIcordare anche Seno, ep. 39,16: turpia non sO/Uni de/cclanl sed
eIJOH1 placen!.
'

I
. I

128

Rom. I,)2; 2,I-J,20

agire contro la voce della prop~i~ co.s~ienza, ,col loro assenso


incoraggiano altri operatofl di ImqUlta .e C.OSI, anche ~uando
non agiscono sotto l'urgenza delle paSSlOm, con quell appro:
vazione d~l male soffocano quanto resta della coscienza altrui
e della loro. Paolo non specifica a che cosa precisamente alluda
parlando del plauso: se alle discussioni filosofi~he, al teatro,
alla letteratura, al circo, al tribunale o ad altro di questo gen~
re. Neppure egli dice che questo plauso sia .ge~er~le, co~e In
24 ss. e in 29 ss. non intende naturalmente nfen~sl.ad ognl pa:
gana. Il suo scopo di cogliere le note caratten~tlche .n~n di
singoli gentili, ma dell'umanit pagana, o, .in altri termlnl,. del
pagano in quanto tipo dell'uomo al quale viene ora annunziato
l'evangelo. Questo uomo ha pur sempre rinnegato il Cr~atore,
scambiandolo ciecamente con la creatura: per questo e. st~to
da lui abbandonato a se stesso e per questo spenmc;nta Il. giudizio dell'ira di Dio soggiacendo non solo ai pervertl~entl sessuali ma a tutto un profluvio di vizi, e approvandolt'pu.r sa
pendo che essi conducono alla morte. d'~ltra parte slgmficativo che anche nell'ra cristiana, per descnvere una SituaZIOne
analoga, si sia potuto ricorrere alle parole dell' Apostolo (Rom.
1,18 ss.; cfr. Salvian., de gubernatwne del 7 ,r8).
bl Il giudizio di Dio sui Giudei (2,r-3,20)
Si pu considerare 2,r'3,20 come un'unit e si pu fissarne
l'orditura concettuale, sulle orme del Lietzmann, in q~estl
termini: Senza l'evangelo vi soltanto l'ira di Dio che SI manifesta sia sui pagani (r,r8-p), sia sui Giudei (2,Irr). An:
che i gentili, infatti, conoscono in un certo. senso la l~gge di
Dio (2,I2-16), mentre i Giudei, che la po~sledono sCtlt~a, .ne
sono fieri ma non la osservano (2,I 7'29). Ciononostante I GIUdei hanno particolari privilegi (3,I'2) e la loro infedelt non
sopprime la fedelt di Dio all~ sue'promess~ (3,3-8). Ma, per
quanto concerne il peccato, GlUdel e pagam sono eg':lal~ente
colpevoli (3,9'20>. Un'esposizione siffatta h~ per Il d~fett?
di appianare soverchiamente il senso delle slngol.e pefl~?pl;
Rimane troppo in ombra quel che nell'argomentazione VI e di

12 9

imbarazza to e di maldes tra e che sempre si pu rilevare in Paolo. Vero che l'Apostolo non perde mai di vista la sua tesi
principale, annunziata in I, I 8, ed espressamente la ripropone
in 3,9. Inoltre da 2,I a 3,20 egli continua a rivolgere il suo
discorso al giudeo. Eppure 2,I-3,20 non risulta cosi compatto e cos unitario come I,I8-I,p. Questa volta l'Apostolo riprende spesso il discorso e inserisce anche talune piccole digressioni non strettamente necessarie al contesto. Perci, se
ben si guarda, i concetti di 2,I-3,20 si sviluppano in questo
modo: anche l'uomo che giudica gli altri non ha scusa davanti
a Dio, giacch si comporta alla stessa maniera di coloro che
giudica, e davanti al tribunale di Dio Giudei e pagani verranno giudicati secondo le loro azioni senza riguardo di persona
(2,I-I I). Viene ora una prima digressione (2,I2-16): anche i
pagani hanno una legge. Essa scritta nei loro cuori ed mediata dalla voce della coscienza. Ne prova il loro stesso comportamento. Il giudeo (2,17-29), che si gloria di possedere la
legge e si impanca a maestro di essa tra i gentili, in realt non
la osserva e cosi oltraggia il nome di Dio. A nulla quindi gli
serve la circoncisione; egli non veramente n giudeo, n circonciso. Una seconda digressione (3,I-8) esprime questo concetto: il privilegio del giudeo consiste nell'essere state a lui
~ffdate le parole di Dio (3,I-2). la fedelt di Dio ad Israele
non resa vana dall'infedelt dei Giudei; bensi proprio il giudizio cui va incontro il giudeo fa risaltare che Dio verace e
che sua la ragione (3,3-4). Ma se l'ingiustizia serve proprio
a questo scopo, non forse ingiusto Dio col suo giudizio? E
se il peccato altro non fa che glorificare indirettamente Dio
nella sua giustizia, perch allora io vengo giudicato (3,5- 8 )?
Tutta la pericope 3,1-8 contiene dunque un complesso di idee
accessorie che prevengono possibili obiezioni contro le tesi
paoline. Infine '3,9-20 tira le somme di rutto quanto stato
detto e ancora una volta fa chiaramente riconoscere il senso
precipuo del discorso di Paolo, ossia che rutti gli uomini sono
soggetti al dominio del peccato e che tutto il mondo colpe.
vole di fronte a Dio.

13 0

R'om.2,1-11

C) Il criterio del giudizio divino (2,1 -II)


i

2 I <l.L IV ..1to.bY1j'tO Er, wiivilpW1tE 1tii xp(VWV' EV oI! ylp "pLVEL


'tV hEpov, <TEO:V'tV "o:'tO:"PLVEL, 'tI ylp o:u'tI 1tpa.<T<TEL "pLVWV.
2 ot5o:l'-"v O ihL 't "P(fLO: 'tOU ilEOU E<T:'Lv ,,~'t~ a..1)ilELO:V .~t 'tO ~I
'tOLO:U'tO: 1tpl<T<TOV'to:. 3 .oy'l;n O 'tOV'to, w IivilpW1tE "PLVWV 'tOv
"t "to!.au'ta '7tpliaaov"tac; xaL rco!.Wv ,av"tli. 't~ a..xcpEVp 't~ XPLt;a 'to~
ilEOU; 4 l 'tOU 1t.oV'tOV 't'j )(.~<T;o't1j:o..o:v'tOV "o:l 't1j O:~O)(.1j. "~L
't'j fLo:"poilvfL,o: "o:'tO:CPPOVEL, o:yvowv O'tL 't )(.P1j<T'tv, 'tov ilEOV Etc;
fLE'ta.VOLa.V <TE iiyEL; 5 "o:'tI O~ 't1}V ~x)..1jp6't",!'ta. <TOV ~o:l "'fLE;O:V61}'tO,V
"o:po'o:v il1}<To:vpLl;EL <TEO:V't'" OPy1jV v 1}l'-"pq; OPy1j "o:l O:1tOXO:.V<!JEW OL"O:LO"pL<T,o: 'tOU ilEOU 8 a.1tOOW<TEL xa.<T't'" "o:'tI 't1. ~py~
o:u'tOU' 7 'to, fLV "o:il'1tOfLOV1}V ~pyov lyo:ilou 06l;o:v 1'o:t 'tLfL1}V "O:L
IcpilO:P<TLO:V l;1j'tOU<TLV l;w1}v O:'WVLOV, 8 'to' o El; pLilE,o: "o:l a..1tELilOU<TL 'tTI 1.1jilE'q; 1tELilofLVOL 5 'tTI 10L,,(q; 6py1) xo:t ilv~. 9il.L<!JL
"o:t <T'tEVO)(.Wp(o: '1tt 1tii<To:v <!Jv)(.1}V a.vilpW1toV 'tOU "o:'tEpyo:l;ofLVOV 't
"o:,,6v '!ovOO:,OV 'tE 1tpw'tOV "o:t "E..1jvo IO 06l;o: o "o:l 'tLfL1} "o:t
Etp1)V~ 1tO:V'tt 't@ Epyo:l;ofLv", 't lyo:ilov, '!OVOO:,,,, 'tE 1tpw'tOV "o:t
"E..1jVL" Il ou ya.p <T'tLV 1tPO<TW1tO.1jfL<!J(o: 1to:pI 't@ ilE@.
l

Perci o uomo che presumi di giudicare, chiunque tu sia sei inescu-

sabile, perch proprio nel giudicare gli altri condanni te ~tesso. 2 Ma


noi sappiamo che il giudizio di Dio, confor~e ~lla. norma di verit., colpisce chi fa tali cose. 'E tu, o uomo che giudichi coloro ch~ a~lsco~O
in questo modo mentre tu fai lo stesso, pensi forse che sfuggirai al gIUdizio di Dio? 4 Oppure misconosci la ricchezza della sua b?nt~, della
vnol
sua pazienza e della sua longanimit e ignori che la bo~t di
condurti a penitenza? 5 Con la durezza del tuo cuore Impenitente tu
accumuli sopra di te ira per il giorno dell'ira in cui si manifester il giusto giudizio di Dio il quale dar a ciascuno seondo le sue o,!ere:

PIO

71a vita eterna a coloro che, perseveranti nel bene operare, asptrano

alla gloria, all'onore! all'im~orta?t; 81'i~.a e lo sd~gno a co~?ro. ch~,


succubi del loro egOismo e nbelll alla verit, obbediscono all mgmstlzia' 9 tribolazione e angoscia per ogni anima d'uomo che fa il male,
pe; il giudeo anzitutto e poi per il greco; lO gloria, onore e pace p~r
chiunque fa il bene, prima per il giudeo e poi per il greco. Il Poich DIO
non ha riguardo alle persone.

Nello stile della diatriba Paolo si rivolge ad un iRterlocutore fittizio e tipico. Con un trapasso alquanto artificioso e con
un o, I piuttosto sbiadito egli apostrofa questo interlocutore
I.

Cfr., ad es., Lietzmann, Michel, Molland. II Hultmann, Glossen 200, ?en~a che
il v. I sia un'antica glossa marginale, che in origine si riferiva al v. 3 dI CUI tra.eva le conseguenze, ma che poi and a finire all'inizio dci capitolo. In astratto CI
I.

l'

Rom.

2,:1

13 1

con Wa.Vl}PW7tE e gli dichiara: va7toYTr.o Et. Gi questo


indica il tenore degli enunciati seguenti, ossia la colpa degli
uomini che non hanno scusa 2. Ma chi l'inescusabile? 7tii
XpLVWV. L'espressione suona di prim'acchito enigmatica. ltpLVE,V significa pronunziare un giudizio, condannare, esercitare il giudizio, come in 14,3 s. 10.13(: 14a).22; I Coro
4,5; 10,29; Col. 2,16. Chi viene apostrofato dunque uno
che condanna (gli altri): il discorso rivolto a 7tii oXpLVWV.
Il 7tii dimostra che l'Apostolo vuoI dire: 00-1:, liv ii, chiunque tu sia, quindi ogni uomo che si impanca a giudice degli
altri. Altro Paolo non dice, almeno per ora. Solo gradualmente
si schiarir che egli intende riferirsi al Giudeo preso come tipo. Secondo il Crisostomo e Teodoreto, l'Apostolo penserebbe ai magistrati e ai giudici secolari, secondo Origene (e ci
significativo) ai vescovi, ai presbiteri e ai diaconi. L'esegesi odierna abbastanza concorde nel ritenere J che Paolo gi ql!i
abbia in mente i Giudei visti, come abbiam detto, alla stregua
di tipi degli altri rappresentanti dell'umanit accanto ai pagani: in 2,3 ss. vien qualificato senza dubbio il giudeo; nei VV.
9 S. il suo nome accostato a quello del greco, nei VV. I7 sS. il
giudeo direttamente apostrofato. Egli esercita illtpLVELV nei
confronti dei pagani; lo esercita appassionatamente e, potremmo dire, in parte con una certa ingenuit, in parte con grande
consapevolezza. l'ingenuit dell'uomo pio prigioniero di se
stesso, come l'autore di 4 Esdr. che nel dolore per la sorte di
Israele insorge e dice, ad es. (3,22 ss.): Ti ha forse riconosciuto un altro popolo al di fuori d'Israele? O quali trib han-

possibile, ma l'unico argomento a favore di tale ipotesi sarebbe una migliore


disposizione del testo, la quale in Paolo non si pu presupporre sempre e in ogni
caso. D'accordo col Bultmann il Kiisemann.
2. Nessuno, secondo Paolo, pu esprimersi nei termini di Sop. l',2: xal yb-p tv
&.~(Yt.W[lV, eroL ap.EV, E~S6'TEC; erou 'T xpa'TOC;' OX .J.U1p-r1ler6J.Uila S, E~S6'TE.c;,
ht ero!. -E-OY'Ol.1E&a. X'T..

3 Cosi Sanday-Headlam, Lagrange, Lietzm.ann, Dodd, Althaus, Nygren, Huby,


Michel, Kuss e altri. D'avviso contrario sono Zahn, Kiihl, SchIatter, Barrett, Broce, H.W. Schmidt, i quali non escludono i gentili, ci che in un certo senso
giusto. Per tutta la questione dr. H. Schlier, Von den Juden: Rom 2,:1-29, in Die
Zeit der Kirche 38-47.

Rom.

2,1.2

no creduto alle tue alleanze come quelle di Giacobbe, di cui


non si vede la ricompensa e la cui fatica non ha portato frutto? Infatti io sono passato e ripassato attraverso le nazioni e
le ho vedute nella prosperit, anche se hanno dimenticato i
tuoi comandamenti. Metti ora sulla bilancia le nostre iniquit
e quelle degli abitanti della terra e si vedr da quale parte pende il braccio della bilancia. Quando mai gli abitanti della terra non hanno peccato contro di te? Quale nazione ha osservato mai i comandamenti come noi? Tu potrai rrovare singoli
uomini che osservano i tuoi comandamenti, ma popoli non ne
trovi. E chi mai non dovrebbe dar ragione al giudeo? All'Apostolo per non importa che il1t:c; 6 XPLVWV abbia ragione nel
suo giudizio; importa invece che tale giudizio possibile solo
in quanto chi lo pronunzia, il giudeo, non critico verso se
stesso, dimentica i suoi peccati e questa dimenticanza gli consente di condannare gli altri. Ma, pensa l'Apostolo, il XpLVEW
esercitato contro gli altri non fa che rivolgersi contro lo stesso
XpLVWV (v. Ib). v ili pu significare v "to{rl:~ O"tL, per il fatto che tu giudichi l'altro condanni te stesso, oppure (ma
meno probabile, perch ci vien detto con altre parole subito
dopo) pu equivalere a v "tou"t~ v ili (cfr. 8,3), in ci in cui
... . Ma fino a che punto il XpLvwv "tv ihEpOV pronunzia la
sua condanna senza avere scusa? In quanto tu che giudichi
fai le stesse cose (v. IC). Le stesse, "ttX aV"ta ha qui il senso di"ttX "tOLau"ta (vv. 2.3), cose siffatte. Per il XpLVWV potrebbe esservi una scusa solo se il giudizio di Dio fosse parziale
e ingiusto.

2. Ma noi sappiamo che il giudizio di Dio conforme a verit


colpisce coloro che fanno cose simili. xa"ttX tX-1}i}ELav significa in primo luogo in rispondenza alle azioni e senza riguardo alle persone (cfr. 2,rr) e secondariamente <<nel senso che
si attua la verit, si affermano cio i diritti di quella giustizia
che inerisce alla creazione. Questo sapere <e noi sappiamo) il sapere del giudeo, da lui proclamato con grande sicurezza. Cosi R.Akiba secondo Pirke Aboth 3,16: Il giudizio un giudizio di verit ... Egli giudica tutto secondo verit

I
!

Rom.

2,2.)

133
e giustizia 4. Testi analoghi sono 4 Esdr. 7,34: Resta solo il
mio giudizio. La verit rimane e la fede trionfa, tien dietro la
mercede ... ; Bar. syr. 85,9: Ora, prima che il giudizio reclami i s~oi diritti e la verit quel che le compete, vogliamo prepararc!. .. ; r QS 4,19 s.: All'epoca fissata per la tribolazione la verit si manifester per sempre al mondo. Questo infatIl rotolato lungo le strade dell'empiet e del dominio del
peccato fino al momento stabilito per il giudizio. E allora Dio
con la verit sua illuminer tutte le opere dell'uomo ... . Dam.
20,28 ss.: Noi abbiamo commesso l'empiet, noi e i nostri
padri, ribellandoci ai precetti dell'alleanza. La giustizia e la
verit sono il tuo giudizio su di no. Cfr. r QS 10,20; I QH
.1 ,2~ ~.; 4,19 s.; 6,9 ss.; 9,9 s. e passim. Ma come si spiega che
Il critICO del comportamento altrui non avverte la scarsa seriet. del suo ~tteggiamento e la frattura fra il suo giudizio morale
e Il suo agIre? Paolo scopre le ragioni di ci nelle due domande dei vv. 3 e 4.

3 Il XpLVWV ritiene di poter sfuggire al giudizio di Dio. -oYL~EO"i}aL significa qui ritenere, supporre, immaginarsi
e slm. (cfr. 3,28; 8,18; Phil. 3,13 ecc.). Con -0yLSE(l"i}aL ...
che significa qui 'immaginarsi' ... , comincia l'attacco (Kase:
mann). Ritorna l'espressione di significato generale: Wi1vl}pw1tE 6 XPLVWV, e quindi ancora una volta non si fa il nome di colui che impersona un siffatto XPLVWV. Si menziona soltanto la
sua ipocrisia: quella per cui il XpLVWV fa proprio k stesse cos~
(av"ta) di colui sul quale si appunta il suo giudizio. E il motivo di tale ipocrisia ravvisato in un'occulta illusione. Il O"u
in posizione enfatica. Per l'uso di XqlEuynv in riferimento al
giudizio avvenire o presente di Dio e alle sue tribolazioni cfr.
Le. 21,36; rThess. 5,3; Hebr. 2,3; 12,25. In effetti il XpLVWV
sogna di sfuggire al giudiZIO, pensando che i privilegi d'Israele
alla fine lo salveranno. Le parole di Sanh. b. 10,1: Tutto Israele ha parte al mondo futuro si possono anche intendere
come una dichiarazione del singolo che si sente sicuro di s.
4 Strack-Billerbeck

III,

76.

134

Infine v' da considerare che chiunque si elevi a giudice degli


altri immagina che una qualche eccezione lo metta al riparo
dal giudizio di Dio. E non detto che per far questo debba esserne consapevole.
4. Ma la discrepanza tra il giudizio che si d sugli altri e il pro
prio modo di agire dovuta anche ad altri motivi, che si riassumono, potremmo dire, nell'incomprensione della dilazione
chela pazienza di Dio concede all'uomo. In particolare ci significa cheil xp~vwv di cui l'Apostolo sta parlando disprezza
la XPT}CT'\'O'\'T}C; di Dio, la sua mitezza, la sua bont, la sua benignit. Per XPT}CT'\'O'\'T}C;, cfr. Ps. 30,20; Sap. 12,1; 15,1 (?);
Rom. II,22; dove il termine opposto &.1t0'\'0!J.~a.; Tit3,4,
dove accostato invece a q>La.Vl}PW1t~a.. Egli disprezza l'&,voxi) di Dio, ossia l'atteggiamento di lui che trattiene la sua ira
(cfr. 3,26, dove si parla di questa &'voxi) come di un periodo
di tempo) s. Egli disprezza infine anche la !J.a.xpol}v!J.~a. di Dio,
la sua longanimit o magnanimit, la sua paziente sopportazione e cos via (in riferimento a Dio la !J.a.xpol}v!J.~a. viene
menzionata anche in 9,22; I Petr. 3,20; 2 Petr. 3,15); pi
precisamente egli disprezza tutta la ricchezza di questo modo
di essere e di agire di Dio. I tre sostantivi al genitivo dipendono, in un nesso di stampo ellenistico, da '\'ov 1to,hov, cos
come anche altrove (9,23; Eph. 3,16) Paolo parla di ,\, 1tov'\'0c; '\'iic; SOT}C; whov, oppure (Eph. 1,7; 2,7) di 1tov'\'OC; '\'iic;
Xa.pL'\'OC; a.'\'ov. Certamente Paolo trovava 1t.ov'\'OC; come termine escatologico di ampia signifcazione gi nell'uso linguistico del giudaismo ellenistico 6. Dio ricco in tutto. Egli
pienezza. Di sicuro non sbagliato ammettere che Dio ricco
di bont, di pazienza e longanimit. Il xp~vwv ha certamente
5. Cfr. Bar. ryr. 21,20, dove si parla di coloro per i quali la longanimit di Dio
significa debolezza. Cfr. 48,29. e anche 59,16, dove Dio tra l'altro mostra a Mos
come egli reprima l'ira e quanto sia longanime; inoltre la realt del giudizio e
la fonte della sapienza e la ricchezza del discernimento e la sorgente della cona-.
scenza ... . Cfr. anche Schlier in ThWb I 361 e Stiihlin, ibid. v 433
6. R. Rahnenfiihrer, Dar Tertament der Hiob und dar N.T.: ZNW 62 (197 1 ) 74
n.2I.

I
!

Rom. 2,4

ragione se cos pensa di Dio e tuttavia egli in errore circa


questa ricchezza divina. Egli non sa o non vuoI sapere che
la. bont eIa mitezza di Dio - '\' XPT}a''\'ov equivale a i) XPTJa''\'o'\'T}C; 1 - mirano anche e soprattutto alla conversione dell 'uomo. iiyEL presente di conato '. Il xp~vwv trascura cio il vero
senso della. XPT}a''\'o'\'T}C; di Dio. !J.E'\'a.VOLa. (dall'ebraico fab) si
trova in Paolo soltanto qui e in 2 Coro 7,9.10 insieme con un
solo caso di !J.E'\'a.VOELV (2 Coro 12,21). Siamo di fronte ad un
circolo vizioso: chi non sa (o non vuoI sapere) che la bont
e la longanimit di Dio, il suo trattenere la propria ira sono un
costante invito alla conversione, sar portato a tenerne poco
conto. E, per converso, chi sminuisce, chi disprezza' ed
cieco di fronte alla bont di Dio rinnovantesi quotidianamente, non comprender che il tempo e la vita ci vengono concessi
per la nostra conversione. Da codesta persuasione di fondo
procedono il XP~VELV '\'V E'\'EPOV e la stupefacente indulgenza
verso se stessi, senza alcun riguardo al proprio '\'OLa.V'\'a.1tpa.CTa'ELV. Ma questo convincimento del xp~vwv, il quale immagiria che la sua persona possa sfuggire al giudizio di Dio e non
sa vedere nella vita un tempo di grazia concesso per la conversione, pura illusione, una cattiva illusione di chi ritiene
di avere in ogni caso dalla sua Dio, il diritto, la verit. Anche
il giudaismo si talvolta reso conto di ci, ad es. Ecclus 5,4
sS.: Non dire: - lo ho peccato e che cosa mi accaduto? Il
Signore infatti longanime. Non presu\1lere il perdono per
accumulare peccati su peccati. Non dire: - Grande la sua
misericordia ed egli mi perdoner le molte mie colpe. Poich
presso di lui vi la piet e l'ira, e sui peccatori fa pesare la
sua collera. Non indugiare a convertirti a lui, e non differire di
giorno in giorno. Perch la sua collera verr subitanea e nel
giorno del castigo perirai. Cfr. anche Sap. II,23. Ma anche
secondo Paolo la pazienza benevola di Dio non ignora affatto i
peccati del xp~vwv n giustifica costui in considerazione del
suo Xp~VELV '\'v hEpOV; al contrario, il tempo della pazienza
di Dio , per chi non lo sfrutta per convertirsi, il tempo in cui
7. ~eiss in ThWb

IX

473

55.

8. Bauer, Wb. IOq.

..

. I:

---I

Rom. 2,4.5.6

137

l'ira di Dio si accumula per riversarsi su di lui. Ci posto in


forte rilievo dall'Apostolo nei vv. 5 e 6. Sono proposizioni di
accusa , di .ironia e di minaccia.

solve la penombra del destino (Kiisemann) 13. In quel giorno


eromper la giustizia del Dio giusto e non mancher di colpire
anche il XpLVWV insieme con le sue illusioni; giacch avverr
come annunziava il salmista in PS. 62,13 14. Il criterio che Dio
seguir nel giudizio della sua ira saranno le opere. N il XpLVELV n la fallace persuasione su cui s'appoggia il XpLVWV (di
essere cio risparmiato dalla bont di Dio in quanto membro
del suo popolo e quindi appartenente a lui) potranno scalzare
il criterio degli epya. In s queste opere sono distinte dalle
prestazioni, concepite alla maniera giudaica 15. Negli epya
si attua di volta in volta l'esistenza umana, sicch questa va
giudicata in definitiva alla luce di quelli. Cfr. ancora I Coro 3,
'3 ss .; 2Cor5,10; II.15; Gal.6,7ss. Per porre in risalto
questo concetto e per dar peso all'enunciato, la parola della
Scrittura con cui Paolo ha formulato la sua tesi viene allargata
in un duplice parallelismo chiastico e antitetico introdotto da
!1ve o e riceve poi ancora una breve motivazione conclusiva.

5. Risuona qui l'antico rimbrotto profetico dell'indurimento


d'Israele (cfr. Deut. 9,27; 31,27)'. Dietro il misconoscimento e il disprezzo della bont di quel Dio che concede tempo per
la conversione e dietro l'atteggiamento del XPLVWV che non accetta di convertire se stesso inentre con un severo giudizio esi
ge la conversione degli altri, si riconosce la dura cervice d'I
sraele 10 che non vuoI piegarsi: cervice dura verso Dio e quindi verso il prossimo, ma purtroppo cos tenera verso se stessa.
la crx.1]pOXapOLa di Deut. 10,16; Jer.4.4 (Ecclus 16,10);
test. S. 6,2; Mc. 10,5; 16,14; Mt. '9,8, e la a!1E'I"av61]'I"oc;
xapoLa, il cuore irremovibile alla conversione che si ritiene
per convertito. Ma se il duro di cuore fraintende la pazienza
di Dio, il quale trattiene la propria ira, e se pensa di avere l'assenso di Dio quando giudica gli altri, s'inganna. Infatti proprio in questo tempo concesso per grazia si accumula un tesoro d'ira, come suona l'espressione paradossale sempre che
si possa intendere l}1]craupLSELv in senso pregnante ". Ma forse il verbo si pu anche interpretare semplicemente nel senso
di raccogliere, ammassare, come, ad es., in Provo 1,18
(xaxa). L'ira di Dio cresce occultamente e perci tanto pi
spaventosa sar la sua manifestazione v T)!1pq. opyijc; ". S'intende la T)!1pa XUpLOU aVLa'l"OC; l}U!10U xaL opyijc; di Js. 13,6.
9 e passim; Jer. 1,15.18; 2,9 e passim.
6. Si tratta insomma del giudizio escatologico dell'ira che Paolo menziona anche altrove (2,8; 4,15; 9,22; 12,10) e che apporta un'a1toxa.u\jJLC; OLxaLoxpLcrLac;. Soltanto con la manifestazione della oLxaLoxpLcrLa una limpidit escatologica dis
Cfr. anche Behm in ThWb IV 1004: esempi tratti da Qumran.
IO. Cfr. ACI. 7,jl (Deut. 9,13): erx.llPo'tpa.x,.i.o,.
II. Altrove si parla, caso mai, di un tesoro di opere buone, -che si accumulano
presso Dio, ad es. BaI'. syr. 14,12. Cfr. Strack-Billerbeck I 429 S8.; Stah1in in ThWb
Il. v qui, come anche altrove nella koin, equivale a Et, (~per).
v 4399.

7 Gli epya che ottengono come ricompensa SWT)v aLwvLov so


no le opere di coloro che nella perseveranza di un'opera buona
cercano 061;av xaL 'l"L!11]V xaL acpl}apcrLav. Sono dunque le
opere in cui si esplica lo S1]'I"ELV dei beni escatologici. 061;a per
indicare un bene salvifico escatologico si trova anche in 5,2;
8,18.21; Eph. 1,6; Phil. 3,21; Col. 3.4; I Thess. 2,12; 2
Thess. 2,14. Per 'l"L!1'l] in questo senso cfr. I Petr. 1,7; Apoc. 4,
9, e per acpl}apcrLx Sap. 2,23; I Coro 15.42.53.54. Per S1]'I"ELV
cfr. I Coro 7,27b; 2 Coro 12,14; Col. 3,1: 'l"a Iivw S1]'I"ELV.
Tutti questi beni salvifici vengono qui accostati in una maniera
piuttosto formulare, analoga alle dossologie (cfr. I T im. l, '3 ;
I Petr. 1,7; Apoc. 4,9). Come spesso avviene in Paolo al ter13 Per O"Xet~cxptcr':a., dr. LXX, Oso 6,5; test. L. 3,2; Ij,2; inoltre 2 Thess. l,j val'.
14 ~ 61,13 (LXX): o-tt "t' xpa"to, 'tcv ltEOV, xL ero', XUptE, "t lMO" 8"t1. a' 'ito~
OWCTELC; xaer't41 X"t. "t't Epyet a.lhou. Cfr. Provo 24,12.
Ij. II Kase-mann a questo proposito osserva che se l'idea di giudizio non va scisstJ
dall'idea di giustificazione, questa non va per subordinata a quella. Perci egli,
tra l'a1tro, si oppone con buone ragioni a chi intende Je nostre frasi 'come se fossero ipotetiche (ad es. Lietzmann e Sickenberger).

---

13 8

i
,

Rom. 2,7.8

mine delle parti argomentative, il discorso piglia qui un duclus ritmico (dr_ Rom. 8,31 SS.; II ,33 ss.). Si ponga mente anche al chiasmo, alla mancanza di predicati verbali e alla conclusione con una sorta di sentenza al v. I I. Viene indicata una
seconda caratteristica di coloro che ricevono la vita eterna
nel giudizio di Dio; essi cercano i beni salvifci xait'\l1to!J.ov']v
yaito EpyOV, compiendo cio l'opera buona nella perseveranza. In 2 Coro 1,6 si parla della 1to!J.ov'] 'tWV 1tait,!]!J.1hwv,
della perseveranza nel soffrire; in r Thess. 1,3 della 1to!J.ov']
. .1t(oo~, della speranza perseverante. Analogamente qui 1tO!J.ov'] EpyOV yaito non alluder al compimento delle opere
buone, bens all'opera buona in cui agisce la perseveranza, che
un segno e una dimostrazione della speranza (dr. Rom. 5,4).
Coloro che sono rivolti ai beni escatologici e anelano ad essi
persistendo nel compimento del bene con quella perseveranza
per cui l'uomo sperando rinuncia a se stesso, ricevono ~w']v
a[wvLov, che appunto ci a cui mirano con le buone opere.
8. Ed ecco ora il contrario. Anch'esso indirettamente pone in
luce che cos' un'opera buona. La costruzione sin tattica subisce un mutamento: si deve sottintendere EO''taL. 'tOL~ o
pLitE(a~ indica coloro che procedono dall'pLitE(a e da essa
sono guidati. In questo caso pLitE(a non , come in 2 Coro 12,
20; Gal. 5,20; Phil. 1,17; 2,3, litigiosit (cos Lietzmann,
Sickenberger), benS pi generalmente egoismo o bramosia di guadagno (Althaus) 16, ma forse anche presunzione,
arroganza. Cos inteso, il vocabolo costituirebbe un'appropriata antitesi di S'!]'tELV 't']v oav. Coloro che sono bramosi
di guadagno immediato oppure egoisti, sono anche gli 1tEL&OV'tE~ 't'ii .'!]itE(q:, 1tELitO!J.EVOL o 't'ii OLX(q:. Il pensiero va
alla rappresentazione dei pagani di I, I 8 giacch ancora una
volta .1)itELa e OLx(a sono tra loro contrapposte come le
due potenze alle quali ci si pu sottomettere o non sottomettere. L'.1)itELa anche qui la schietta realt della creazione,
16. Secondo Behm in ThWh II 6'7 s. la parola deriva da epL!h;uEw = essere salariato-, comportarsi come un salariato-.

---------------------------------------------------------~

R.om.2,8

139

in quanto reclama, nel nome del Creatore, il diritto alla obbedienza; ma proprio l'obbedienza non viene praticata dai xp(VOV't~, i quali agiscono allo stesso modo dei pagani. In riferimento a Dio, 1tELitELV usato da Paolo ancora in IO ,2 I , nel
contesto di una citazione dove Israele chiamato .a~ 1tELitwv xaL V'tL.ywv; si trova invece con una certa frequenza
per indicare la disobbedienza all'evangelo (II,30 SS.; 15,31;
Eph. 2,2; 5,6; dr. anche l'espressione contraria 1tE(itEG'itaL 't'ii
.'!]itE(q: di Gal. 5,7: obbedire all'evangelo, ossia alla verit
che in esso si esprime). Paolo dunque, trattando del 'tOLa'ta
1tpa.O'O'ELV dei xp(VOV'tE~, usa termini e concetti che altrove
impiega in riferimento tanto alla richiesta sovrana dell'evangelo, quanto alla richiesta che viene dalla creazione, e ci sta
ad indicare che egli vede la condotta morale alla luce dell'evangelo e della realt della creazione. Il "a"v pya.~EO'itaL di
cui parla il V. 8 una forma di OL,,(a, in quanto non porge
ascolto al richiamo della realt palese ed effettiva, irretito com' dall'egoismo o dalla bramosia di guadagno. L'pya.~EG'itaL
't yaitov (v. IO) va perci inteso come un atteggiamento di
obbedienza alla realt della creazione, di obbedienza disinteressata, protesa verso l'acquisto di beni salvifci escatologici e
in questo senso perseverante. Vediamo dunque che le opere
secondo le quali ciascuno sar giudicato non sono semplicemente le azioni moralmente buone o cattive, ma vanno intese
in senso pi profondo. Ma che cosa toccher a coloro che, bramosi soltanto di ricompensa, disobbediscono alla verit? opy']
"aL itv!J.o~, come qui designato in maniera pleroforica il giudizio dell'ira di Dio. itv!J.o~ collera, ira e sim. Soltanto
nei LXX collegato ad opy1) e per lo pi in questo nesso: itv!J.~ 'ti'i~ 6pyi'i~ (Ex. 32,12; Num. 12,9; 14,34; 25,4; 32,14;
Deut. 13,17; Is. 7,4; 9,19; 42,25; Ier. 4,26; 37,24 e passim),
di rado come in Deul. 29,24; Ecclus 36,6: EyELpOV itv!J.v "al
E"XEOV py1)v (45,18; Ier. 7,20). In Ps. 29,6 si legge: apy']
v 'tii> itv!J.ii> av'to. Nel N.T. questa locuzione per indicare il
giudizio dell'ira di Dio si trova altre due volte (Apoc. 16,19;
19,15), ma anche in rClem. 50,4. Si tratta di una formula
giudaico-apocalittica. L'enunciato dei vv. 7 e 8 sulla ricom-

'4

Rom. 2,8.9

pensa e la pena (che sviluppa la breve proposizione del v. 6)


viene ripetuto nei vv. 9 e IO, ma in ordine inverso. Si tratta
di un concetto che deve essere proclamato e inculcato; e a tale
scopo serve anche l'espediente del chiasmo.
9. Il giudizio dell 'ira di Dio viene designato ora con iH"i:IjJL
xat cr-rEvoxwpLa in riferimento agli effetti che esso produce

I
,

nell'uomo. I vocaboli, che si trovano in LXX Deut. 28,5355.


57; Is. 8,28; 30,6, ma anche nella lingua profana dell'elleni.
smo (ad es. Artem. 1,68.82; 2,3 e passim; Epict., diss. 1,25
26) 17, indicano l'oppressione angosciosa e ritornano in 8,35,
dove stanno a significare certe esperienze di questo mondo ca
ratteristiche dell'epoca escatologica (cfr. anche 2 Coro 4,8; 6,
4). i}i:IjJL 18 da solo, nel senso di oppressione, vocabolo
frequente in Paolo per indicare quest'epoca del mondo che
precede la fine (cfr. 5,3; 12,12; ICor. 7,28; 2 Coro 1,8 [detto
di una singola afflizione che porta l'Apostolo in pericolo del
la vita]; 204 ecc.; Eph. 3,13; Phil. 1,17; 4,14; Col. 1,24; I
Thess. 1,6; 3,3.7; 2 Then. 'A). Solo in 2 Thess. 1,6 i}i:IjJL
ci che Dio prepara agli uomini nel giudizio. Considerazioni
analoghe si posson fare per cr-rEvoxwpLa, che per negli scritti di Paolo d'uso pi raro. Rispetto a i}i:IjJL rappresenta un
accrescitivo, come mostrano i verbi usati in 2 Coro 4,8. Il significato del vocabolo stretteZz.,>, angoscia, ad es. in I
Mach.2,53; 3 Mach. 2,10; anche I Hen. 98,10. La tribolazione e l'angoscia colpiscono, come giudizio dell'ira di Dio,
ogni persona 19 che fa il male (cfr. '3, I o). Colpiscono ogni singolo operatore di male e tutti senza eccezione, ossia
Giudei anzitutto e poi anche Greci. Il 'IolioaLo ha ricevuto
i 6yLa -rou i}EOU (3,2) e perci egli, quale unico chiamato da
Dio fra gli uomini, porta una responsabilit maggiore di quella di ogni altro popolo. Naturalmente nel giudizio di Dio non
si applicheranno a lui criteri diversi. Conseguentemente, an-

che in riferimento al dono della salvezza si pu dire: per il


giudeo anzitutto e poi per il greco.
IO. Ancora una volta i beni escatologici vengono indicati, come in 2,7, con oo~a e -rL~1}; essi toccheranno agli operatori di
bene che vi hanno aspirato nella perseveranza del bene
operare. Quale terzo dono salvifico viene ora menzionata la
ELp1}Vl], che soltanto qui appare come una ricompensa del giudizio finale. Le persone a cui andranno quei beni sono indicate
al dativo: 1tav-rt -r0 E:pyaso~v!p -r &yai}ov.
I I.

Viene ora il tocco finale, che in pari tempo illustra la OL-

xaLoxpLcrLa -rOU i}EOU e toglie l'ultima illusione al XpLVWV -rv


E-rEpOV, al giudeo inteso in maniera tipica, il quale pur fa le

stesse cose del pagano. Per 1tpocrW1tol]~IjJ(a, che come sostantivo si trova per la prima volta in Paolo, ma, essendo usato
in connessione con i codici domestici, rimanda ad una tradizioneprepaolina 20 , cfr. Eph. 6,9; Col. 3,25; Iac. 2,1; Polyc.,
ep. 6,1 21. Il verbo 1tpocrW1tOl]~1t-rELV ricorre in Iac. 2,9 e significa considerare la persona, nel senso di tenere un comportamento parziale. derivato da 1tpocrW1tQV a~~civELv, ossia dal nesso con cui i LXX rendono naia' panim (cfr. Ecclus
4,22; 35,13 s.; I Esdr. 4,39). Nel N.T. questa espressione ricorre in Le. 20,21 e Gal. 2,6 per indicare un comportamento
informato a parzialit. I passi in cui si afferma che Dio non ha
riguardo alle persone nel suo giudizio (Rom. 2,rr; Eph. 6,9;
Col. 3,25; Iac ..2,I; Polyc., ep. 6,1) e pi in generale nel suo
agire (Act. 10,34; Gal. 2,6) dimostrano che in definitiva Paolo controbatte il XpLVELV -rv E-rEpOV con un argomento tradizionale che risale fino all'A.T. (Gen. 30,6; Deut. 1,17; 2 Chr_
l,IO), dunque con una proposizione che, almeno teoricamente, era indiscussa anche per il giudeo 22.
20. Lohse in ThWb VI 780.

in Acl. 10,34.
Istruttivo a questo proposito il testo di Iub. 5,I5 8S.: Per quanto concerne
tutti, egli giudica il grande in rispondenza alla sua grandezza e anche il piccolo
secondo la sua piccolezza, e ogni singola persona secondo la sua condotta. Ed egli
21. 'l'tpOcn.1Co)..,i]I-L1C't'r)<; riferito a Dio si trova

17. Bertram in ThWb VII 604SS.


18. Ck Lagrange; Schlier in ThWb III I39ss.
19. 'l'tMct t1Juxn avi}pbmov locuzione semitica e signifira 'ogni singolo uomo'.

l,.,

22.

Rom.

2,11 .12-.16

Il v. I I chiude, come si detto, la pericope 2,1-10, ma serve altres ad introdurre le considerazioni seguenti che nel contesto hanno l'ufficio di chiarire, ritornando con una breve riflessione sul tema dei pagani, che questo giudizio di Dio su
ogni persona possibile perch anche il pagano in un certo
senso conosce le richieste di Dio. Nella parte che segue non
si tratta dunque pi del fatto che anche il pagano viene giudi.
cato, bens - con un morbido trapasso che risulta evidente dal
termine avo[J.wc; - del fatto che pu essere giudicato. Ci conferma indirettamente la tesi I. che il giudizio tien conto soltanto delle opere senza riguardo di persona e 2. che tutti, Giudei e pagani, pagani e Giudei, vengono giudicati. In 2,17 ss.
Paolo torna a parlare al giudeo (e proprio per questo il tratto
2,12-16 appare in certo modo come una parentesi) per opporgli sotto aspetti sempre nuovi, la tesi principale del capitolo.

,d) La legge scritta nel cuore dei pagani (2,12-16)


12 "OO"OL ylJ.p Iiv6[1w i][1"'P"tOv, Iiv6[1w """ li"oO;;V""'L, """ iXrOL EV
v6[1!tl i][1otp"ov, OLIJ. V6[10U "PLlh]O"OV""'L 13 ov ylJ.p oL Ii"po",,,,,,, v6[1ou
O(""'LOL ""'plJ. ["iii] il'iii, 1i),.):oL "oL1)"",L V6[10U OL""'LWil1}O"oV""'L. IO 8""'v ylJ.p .W1),,1J. [1i) v[1oV Exon", cpuO"EL "IJ. "0;; v6[1Ou "OLOio"LV, oihoL
V6[10V [1i) EXOV"E ~",u"o, "O"LV v6[1O" 15 Or"LVE Evod"wv""'L " EPyov "0;; v6[1Ou YP"'''''v iv "",;: ""'POl"'L "'v"wv, O"U[1[1"'P"UpovO"T) ",v
"wv "fi O"UVEL01}O"EW "",L [1E"",V Ii1}wv "WV oyLO"f1wv ""'''1)YO
pouv"wv -l "",L Iim,oyou[1vwv, "EV 1}[1p'l' 8"t:E "PLVEL" ilE,,1J. "PU1t-

't 'tW\I viJ'pw7twV xa"t'. 't Euayy.r.6v IJ.OU or. XpLO"'tOU 'IT)O"ou.
12 Tutti

quelli che hanno peccato senza la legge periranno senza la legge


e tutti quelli che hanno peccato conoscendo la legge satanno giudicati
con la legge. 13 Infatti non gli ascoltatori della legge sono giusti di
fronte a Dio, ma coloro che la praticano saranno giustificati.

14

E ogni

qual volta pagani che non hanno la legge fanno spontaneamente ci che
non tale da aver riguardo alle persone, e non tale da accettare doni, quando
dice: - lo giudicher ogni singolo uomo. Colui che elargisce tutto ci che esiste
sopra la terra, non riceve nessun dono e non ha riguardo alle persone, e non accoglie nulla dalla mano dell'uom~. Egli infatti un giudice giusto. Cfr. 33,18; Bar.
syr. 4404; inoltre test. Iob 43,13: -Giusto il Signore, e veraci sono i suoi giudizi.
Presso di lui non c' alcun riguardo di persona; egli giudica tutti. Cfr. E. Lohse
in ThWb VI 780.

Rom.

2,.12 S.

143

la legge. prescrive, essi che non hanno legge sono legge a se stessi, 15 mostrano cio di avere scritta nei loro cuori l'opera della legge e di ci
sono testimoni la loro coscienza e i loro pensieri che reciprocamente si
accusano e si discolpano (come sar manifesto) 16 nel giorno in cui Dio

giudicher i segreti degli uomini secondo il mio evangelo.

12 s. Anzitutto Paolo fa due asserzioni fondamentali: tutti


vengono giudicati, e non colono che ascoltano la legge, bens
coloro che la praticano verranno giustificati. Il v. 12 piglia in
considerazione ancora una volta i pagani I e i Giudei, riproponendo, ma in altra guisa, l'enunciato del v. II. Vengono meno
zionati per primi, e poi da soli, OhtVEC; avo[J.WC; i')ww,ov; ri
tornano cio in primo piano i pagani (designati espressamente
come tali al v. 14), e ci dimostra che l'Apostolo, scavalcando
in certo senso 2, I - II, si rivolge di nuovo a coloro dei quali si
ocmpatoin 1,8-32. Ancora una volta si presuppone che essi
pecchino, anche se non vien chiarito sino a che punto ci poso
sa dirsi. Peccano avo[J.wc;, che in concreto significa senza la
tor, senza la legge scritta e trasmessa ad Israele. In questo
senso i gentili son detti liVO[J.OL anche in I Coro 9,20 s. Rispetto
a loro i Giudei sono tnt vO[J.ov (Gal. 3,23; 4.4 s. 21; 5,18;
Rom. 6,14) o x vO[J.ov (4,14.16 [Gal. 3,18]) oppure, come
qui e in 3,19, v vO[J.1fJ (dr. Phil. 3,6). I Giudei sono sottopo
sti alla legge; regolano su di essa il loro modo di comprendersi
e di atteggiarsi; vivono sotto il suo potere. La legge in certo
modo la loro sfera vitale, ch li impronta di s. Ma che gli uni
non abbiano la legge, se per legge s'intende la tor, e che gli
altri abbiano invece nella tor tutto il loro mondo in definitiva non ha molta importanza: entrambi, infatti, subiranno il
giudizio di Dio. Gli uni lo subiranno nel senso che, se avranno
peccato, andranno in perdizione senza la tor, gli altri lo subi
ranno nel senso che saranno giudicati mediante la tor.
Forse Paolo varia i termini a ragion veduta. a1Covcril"(U
andare in rovina, perire in senso assoluto, come in I
I. R. Walker, Die Heiden und das Gericht: EvTh 20 (1960) 302-314; O. Kuss,
Die Heiden und die Werke der Gesetzer (nacb Rom 2,.14-16). Auslegung I 213-24';
F. Kuhn, Romer 2,.141 und die Verheissung bei Jeremia 3.1,3.1 6: ZNW" (I964)
243-26 r.

Rom.

144

2,12.1 J

Coro 1,18; 8,II;

2 Coro 2,15; 2 Thess. 2,10 ecc. Anche questa rovina assoluta, che si colloca nel futuro, naturalmente
un giudizio di Dio inteso come la sua definitiva risoluzione di
punire. Ma non un xPLit1)CTECTitaL in senso stretto, ossia un
giudizio oL v6[J.ov, nel quale il v6[J.o abbia una parte in quanto norma di valutazione dei peccati. Tale invece la sorta di
giudizio che risulta, ad es., da Bar. syr. 48,47: Di tutto ci li
(gli empi) rimproverer la loro fine e la tua legge che essi hanno trasgredito, li punir nel tuo giorno, e da 48,27: Il mio
giudizio reclama ci che gli ppartiene e la mia legge reclama
il suo diritto, o anche da Iub. 5,13: E il giudizio su tutti
ratificato e scritto secondo giustizia sulle tavole del cielo, e su
tutti coloro che escon fuori dalla via in cui vien loro ordinato
di camminare. I Giudei - EV v6[J.C!J - sono giudicati da quel
v6[J.o che li abilita al XpLVELV, ma che essi non osservano. La
perdizione e il giudizio aspettano quindi sia coloro che non
posseggono la legge, sia coloro che vivono della legge e nella legge.

I
I

Rom.2,IJ.I4

145

sono OLXa.LOL 1tap itE@ (1tapa col dativo equivale a Evwmov


itEo o a EVa.V'tLOV itEo e accenna all'evento del giudizio) ossia
non essi verranno giustificati, bens oL 1t.oL'l)'tat 'tO v6[J.ov
oLxaLwit1)CTov'taL. Si trova qui per la prima volta nella lettera
ai Romani il verbo oLxaLocritaL; come risulta dal contesto esso designa un processo che si compie nel giudizio, e pre~isa
mente nel giudizio escatologico.

13. Ed ecco la seconda proposizione fondamentale: quel che


conta non l'ascolto, ma l'osservanza della legge. Gli <<uditori, per esempio coloro che di sabato ascoltano la lettura della
tor, oppure anche i rabbini e i loro discepoli che fanno della
tor oggetto di studi, non sono ancora 1tOL'l)'taL. Paolo applica qui un principio rabbinico quale si trova enunciato, ad es.,
in Pirke Aboth 1,15: Johannai (30 a.c.) era solito dire: 'Fa
del tuo studio della tor qualcosa di incrollabile; parla poco
ma agisci molto', 3,17: Suo figlio Simone era solito dire:
'lo crebbi tra i saggi per tutta la mia vita e non trovai fra gli
uomini nulla di meglio del silenzio'. L'essenziale non lo studiare, bens ilfare (dr. 3,9)2. Perci non questi ascoltatori

14- Fermato dunque che tanto i pagani, quanto i Giudei S0110


soggetti al giudizio, e che soltanto chi pratica la legge viene
giustificato, l'Apostolo passa ora a spiegare perch questo principio pu essere applicato anche ai pagani. Pu esservi responsabilit morale, l dove non c' la tor? Non vale forse anche
per i gentili l'assioma di 4,15 e 5,13? Vi anche per essi un'osservanza della legge e, pi in generale, la possibilit stessa di
una tale osservanza? I pagani non hanno, vero, la tor. Ma
ci significa forse che ad essi non giunge nessuna richiesta di
Dio? In realt anch'essi posseggono una legge di Dio e la osservno in determinate circostanze. hav significa ogni qual
volta; tutte le volte che, quando. ititV'l) non ha articolo.
. Quindi la frase significa: Tutte le volte che pagani fanno. Il
riferimento non va a tutti i pagani, ma neppure inteso a porre in rilievo alcuni singoli pagani. 't [J.T] v6[J.ov Exov'ta chiarisce appieno il significato di av6[J.w. Ma se anche Eitv'l) non
hanno la tor, essi fanno per qJUCTEL quel che essa richiede.
qJUCTEL significa qui spontaneamente, da se stessi e in questo senso per natura '. Il contrario sarebbe itCTEL, per disposizione, s'intende, del v6[J.o. Giustamente il Kasemann
parla di un uso sbiadito di qJUCTEL con rimando all'accezione
normale di qJUCTEL in Gal. 2,15; 4,8; Eph. 2,3. Ad ogni modo,
l'espressione usa ta da Paolo esclude la concezione giudaica

2. Strack-Billerbeck III 8458. Cfr. ancora in los., anI, 20,2.4 le parole di Rabbi
Eleazar di Galilea al re Izate (di Adiabene), quando lo vide leggere la legge di
Mos: .aviM:.vELC; .
~t1aI.Mij, "t'Il. (JyI.O'''t'tl. "C'OC; vO(J.OVC; xo.l. S"a.,",,wv "t"
itE" tiSloXW'V. D y.p ava.ywwaxEI.V ue Sei: IJ.6vov a,v'tOC;, &)...M xal 7tPO't'EPOV

rente all'epoca dei Chassidim. Cfr. I Mach. 2,67: 7t(iv't'ac; "t'o 'ltoLl1'tc; "t'OV v6~
iJ..OU; dr. 1348; ma soprattutto I QpHab 7,II; 8,1; 12,4 s. Cfr. J. Maier, Die Texte
vom Roten Meer II I46. Nel N.T. cfr. Iac. 1,22 S.; 4,II. Stando a MI. 23.3, i Farisei non sfuggirebbero alla condanna di Rom. 2,13.

't. 1tpoO"'ta,aUOI-tEVa

'TtOI.ELV

U1t'a.u't'wv (la circoncisione!). Si pu anche richiamare

l'attenzione sul fatto che <,operatori della legge) era una locuzione giudaica co!-

3 Paralleli si trovano presso Lietzmann; Bornkamm, Gesetz: Kleinschmidt in


ThWb

IV 1025;

Pohlenz, Stoa

1133.20158.; Il 101.

14 6

Rom. 2,14.I5

dei precetti adamitici o n03chitici e del loro adempimento specifico da parte dei pagani, ed esclude altres il diritto naturale come noi lo intendiamo. 'tI 'tov v!1oU sono
'tI o~xa~w~rX't'a 'tov v!10U (2,26), indicati qui forse deliberat'amente in modo generico e in forma attenuata. I pagani
fanno ci che la legge richiede, Se dunque EJ)vTJ, che non hanno la tor fanno spontaneamente cose che la tor prescrive,
senza biso~no di riconoscerle come tali, allora costoro (cio
non tutti i pagani), che non hanno la tor, sono tor per se
stessi (au'toi:~). Pagani che non hanno la tor fanno talvolta,
per proprio impulso, cose che la tor prescrive, e in tal modo
divengono essi stessi tor per gli altri. Grande esempio di ci
fu Abramo, secondo Filone, il quale cos conclude il suo trattato de Abrahamo: 'to~ov'to~ J3LO~ 'tov 7tpw'tou xal pXTJy'tou 'tov EJ)vOU CT'tlv, w~ !1v EV~O~ <PT)CTOUCTL\I, v!1~!1o~, w~
{j' 7tap'!1ov .yo~ EOE~E, v!1o atr wv xal }ECT!1 l1.ypa<po~ (Abr, 276)',
15. Questa capacit dei pagani di esser legge a se stessi riceve
ora un altro chiarimento e vien messa cos al riparo da fraintendimenti. Il <pVCTE~ ... 'tI 'tOV v!10U 7tO~Ei:V si pu spiegare
come effetto e segno di una permannte creaturalit. OL'tL\lE
ancora una volta pronome relativo con una leggera sfumatura giustificativa (cfr. 1,25.32). I pagani mostrano, VOELXvuv'ta~ (cfr. ad es. 9,17.22; Eph. 2,7; Tit. 2,10), nel presente,
quindi nel nunc della loro storia e precisamente nelle loro opere, di aver scritto nei loro cuori 't EpyOV 'tOV v!1ou, ossia l'opera richiesta dalla legge, la quale si esplica negli Epya 'tov vILOU. Dunque anche i pagani hanno una scrittura, non per
in un libro, ma nel loro cuore 5. Essi posseggono qualcosa di
4. Cfr. Ps.-Heraclius, lettera 7, cap_4: Ma io ero e sar una legge per gli altri-.
Cfr. anche Aristot., poI. 3,13 (u84,IJ).
5. Van Diilmen, Theologie des Gesetus 78 parla di un'antitesi: rivelazione diretta . sensibilit innata, ma certamente non a quest'ultima si rIferisce l'iscrizione
neI cuQre. P.FJiickiger, Die Werke des Geset~es bei den Heiden (ROm 2J~4!f):
ThZ 8 (19.52) 17-42; G. Bornkamm, Gesetz und Nolur. Rom 2,14-J6. Studlen zu
Antike und Chrislenlum, in Gesommelle Aulsalze II (1959) 93-118; S. Lyonnet,
Lex naturolis et iustificatio Gentilium: Verbo Dom. 41 (1963) 238-242.

Rom. 2,15

147

analogo alla ypa<pT) e ne sono responsabili, cos come i Giudei


sono responsabili della tor che hanno ricevuto (Kasemann).
Suscita meraviglia in questo contesto il singolare 't EpyoV
'tOV vlLou. Si tratta, come ritengono fra gli altri il Lagrange, lo Schlatter, l'Asmussen, dell'azione concreta richiesta
di volta in volta dalla legge, oppure il singolare indica l'azione
richiesta dalla legge, ossia l'yrX.7tTJ (cfr. 13,8 ss.; Gal.5,I4)?
In tal caso il pagano avrebbe scritta nel suo cuore la summa
della legge. Per questa formulazione si rinvia spesso a LXX
Ier. 31(38),33. Ma un riferimento del genere appare improbabile ave si considerino le differenze del v. 15 rispetto al testo del profeta: l'uso del singolare, il richiamo alla condizione
di creatura, e non alla condizione escatologica, il fatto che non
d'Israele si tratta, benS dei pagani. Per quanto concerne la
terminologia, si pu ricordare Is. 51,7: xoVCTa't lLou, ot ELo'tE<; XPLCTL\I, .a !1ou, ov v!10 ILOU v 'tU xapOLq. V[J.Wv,
con la differenza che qui manca il ypa7t'tv 6. Ma in che modo
l'opera scritta nel cuore diventa leggibile? A questa domanda
risponde subito dopo l'ablativo assoluto, il quale, per, a differenza di quanto pensano taluni esegeti, non si riferisce a
tre testimonianze distinte, benS ad una sola testimonianza colta sotto aspetti diversi. Ci risulta gi da questo, che xapoLa
e CT\lVELOTJCT~, conforme al pensiero veterotestamentario (il
vocabolo CTUVELOTJCT~ non ricorre nell'A.T., che in luogo di esso usa xapoLa [leb, l'bab] - sono per l'Apostolo termini strettamente connessi fra loro '. Nel N.T. CTUVELOTJCT~ compare
trenta volte, ventidue delle quali nel corpus Paulinum; CTUVE~
ova~ si trova invece una sola volta, e precisamen te in Paolo (I Coro 4,4). Nell'uso neotestamentario il concetto di 'co6. Cfr. anche lest.lud. 20,3 s. (~A Se): Xa.tYE "t'. "t'Tic; !i"I')D"E!a XIX/. 'T "t'ile; 1t)...i.
yYPI11t'tCtI. 'ltl. 't' O"'t'Tjiloc; 't'ov vftpw'ltOV' xa.1. E'V lxaO''tov alrrw'll YVWpt~Et.
Kupt.oc;. )ta.t OU" u"d xal.P%, E'V ~ 8UVT)O'E'"ttXL >..a.&i:v avftpW1CW\I ~pya., (S'n E'V
1Tl''i}-&E1. CT't'WV atrrou yyypa'1t'tal. V6niLOV KUpLOU. Il testo molto incerto e
poco perspicuo. evidente per che xap!a (O''tijitoC;;=Ieb, cfr. Ex. 29,23.26) _ y'YPa,1t"tal. - ~pya sono tra loro correlati.
\lT]

7 Per CTuvdT}O'LC; ('t' CTUVELOC;;), cfr. l'excursus in Kuss I 76-82 (con indicazioni
bibliografiche). Inoltre B. Reiche, Syneidesis in.Rom 2,15: ThZ 12 (19,6) 157-161;
J. Ste1zenberger, Syneidess im N.T. (I961)_

'4 8

Rom.2,I5

scienza' pu avere tre significati: I .la consapevolezza di essere


oggetto di una richiesta assoluta, oppure la consapevolezza di
essere in ascolto di una richiesta assoluta (ad es. 9,1; 13,5; I
Coro IO,25ss.; 2Cor. 1,12; 4,2); 2. coscienza buona o cattiva,
pulita o sporca; in questa accezione il vocabolo ricorre per lo
pi al di fuori delle epistole paoline (Act. 23,1; I Tim. 1,5.
19; 3,9; 2 Tim. 1,3; Hebr. IO,22; 13,18; I Petr. 3,16.21 e
passim, ma cfr. anche I Coro 8,7.IO.I2); 3. consapevolezza o
conoscenza in senso generale, ad es. Hebr. 10,2: aiJ.ap'nwv;
I Petr. 2,19: l}EOV. Nel contesto di 2,15 CTuvEL/il1CTL<; la voce
che attesta all'uomo ci che scritto nel cuore e richiesto dalla
legge. CTUiJ.iJ.ap'tupEtV qui non significa render testimonianza
assieme a qualcuno, bens attestare a qualcuno (cfr. 8,16).
Cos anche nell'uso assoluto CTUiJ.iJ.ap'tupEtV equivale a un iJ.ap'tUPEtV rafforzato (ch. 9,1). Il senso non quindi che la coscienza rende testimonianza insieme col cuore. Il cuore il
luogo in cui viene scritta e si pu leggere l'esigenza dell'amore. Ma questa esigenza scritta nel cuore si fa udire mediante la
coscienza che la trasmette. La coscienza legge, per dir cos,
ci che scritto nel cuore e l'annunzia all'uomo; e ci avviene
- il xaL esplicativo - in guisa che, nella riflessione della coscienza, si esprimono l'accusa e la difesa. Con la coscienza e
tramite essa l'esigenza della legge scritta nei cuori si esprime
nei .OyLCTiJ.OL (= /iLa.oyLCTiJ.OL, I,2I; 2, I 5C G), nei pensieri,
nelle considerazioni, nelle riflessioni (cfr. Polyc., ep. 403, dove il termine si trova accanto a EVVOLaL; 2 Coro 10,4, dove ricorre sensu malo, come anche in Provo 6,18; cfr. Sap. 1,3.5;
II,I5). Qui .oyLCTiJ.oL significa pi o meno riflessioni, e si
tratta di riflessioni xa'tl1yopovV'tE<;, che cio accusano, incolpano, naturalmente colui che si chiude all'Epyov VOiJ.OU scritto
nel cuore, ma sono anche a1to.oyoUiJ.EVOL, ossia difendono,
discolpano, adducono ragioni a favore dell'accusato (cfr. Le.
12.rr; 21,14; Act. 10,33; 24,10; 25,8; 26,I.24; 2Cor. 12,
19). una sorta di continuo processo giudiziario che avviene
nell'interiorit dell'uomo, una ponderata discussione - iJ.E'ta!; ...TI.wv - di questi pensieri, che gli uni fra gli altri
e con gli altri soppesano la voce della coscienza dell'uomo.

'49
Nelle riflessioni morali sull'agire del! 'uomo si esprime la cosc!enza,. la quale,yer dir cos, volge lo sguardo alla parola di
DIO inCIsa nel bUIO del cuore, la coglie e se ne fa portavoce 8_
E cos anche il pagano, il quale, in virt del suo essere creatura
umana, percepisce la richiesta dei .OYLCTiJ.OL perch la coscienza gliel'attesta, si trova in uno stato di accusa e insieme di difes~, . o~sia appunto in una sorta di incessante processo giudlzlano.

16. Come si dovr intendere questo versetto nel suo contesto?


Preso a s~, es.so si riferisce alla TIiJ.pa., al giorno del giudizio
escatologICO, In cui Dio scoprir e giudicher quel che l'uomo
nasconde nel suo cuore. controverso se /iLa 'll1CTOV XpLCT'tov
si~ conn~sso con XPLVEL oppure con xa'ta 't Euayy.LoV iJ.ou.
DI per se, dunque, l'enunciato del v. 16 appare assai vicino a
I Coro 4,4; 2 Coro 5,10, e ci sembra corroborare anche l'ipotesi che XPLVEL si riferisca a liLa 'll1CTOV XpLCT'tOV. In tal caso
per~ risulterebbe insolita la collocazione di /iLa 'Il1CTOU XPL~
CT'tOU alla fine della frase; tale collocazione induce piuttosto a
ricolle~a~e /iLa_ 'll1CTOV :l5PL;r'tou con secondo il mio evange10. /iLa 1l1CTOU XPLCT'tOU vIene a dire che Paolo nel suo evangelo la voce di Ges Cristo (cfr. 15, I 8) e nello stesso tempo
in certa misura corregge 't Eayy.LoV iJ.0u, che, come tale,
attes~ato altrove solo in 16,25; 2 Tim. 2,8, ma che, per il senS?, SI trova, ad es., anche in I Coro 9,16 s.; Gal. l,II S. Ma
neccoci alla questione: come va inteso il v. 16 nel contesto in
cui lo troviamo? Esso mal si concilia col presente V/iELXVUV'taL, giacch v
TIiJ.pq; 9 ci porta inequivocabilmente al futuro. Necessitate suadente si potrebbe, vero, dare alla for-

't'n

8. Il te.st~ no~ ~ude ~e~amente

3? un esame di coscienza, quale era praticato, ad

es., nel ~li pltag~nCl e quale e raccomandato da Seneca, de ira, 3,26,1

al fio

losofo SestlO per ognI sera: Quod hodie malum tuum sanasti? Cui vitio obstitisti?
QUIZ part~ me.tio~ es? Sen., ep. ~8,IO consiglia: Ideo quantum potes, te ipsum
c~ar.gueJ tnqutre t~ te; accusatorts primum partibus fungere, deinde iudicis no.
Vtsszme deprecatorts.
'

n. .

9 ?ppu,re, ,come preferisce il Lietzmann, v 1(.Lp~


secondo A sah bo mss. La
leztone EV T](J.p~ g'tE (S ~ D G pllat) rappresenta una correzione del testo sug~
gerita dalla caduta di

n.

Rom 2,r6

'5

,
!
(

!i'

li: ,

l! '.
Il

ma verbale presente un significato futuro e riferire tutto l'enunciato alla T][1pot .. OV DEOV. Ma si pu davvero pensare che
la rivelazione del cuore, la quale pur si esprime attraverso la
coscienza e le riflessioni morali presenti in essa, debba avvenire soltanto nel giorno escatologico del giudizio di Dio? Il richiamo alla scrittura del cuore di cui la coscienza trasmette
le richieste connesso evidentemente con 1'enunciato del v. 14
(OL-rWEC;) di cui fornisce la motivazione; i pagani, come dimostra il loro modo di agire, sono legge a se stessi perch la coscienza rende ad essi testimonianza della legge scritta nel cuore. quindi giocoforza sciogliere in altro modo la difficolt
del v. 16. Secondo alcuni esso si riallaccerebbe al 13 e i vv.
14 s. sarebbero una parentesi. Ma per la verit, dopo il v. I3
non ci si aspetterebbe pi un'aggiunta esplicativa di tal genere. E da che si vede che i vv. 14 s. sono una parentesi? Altri,
come Sanday-Headlam, Kirk, Moffat, Dodd ecc., invertono
l'ordine dei versetti in questo modo: 12.13.16.14:15. Ma,
senza contare che siffatta inversione non ha alcuna base testuale, l'enunciato complessivo verrebbe a risultare strano assai;
e neppure si spiega come sia sorta la forma trdita del testo.
E cosi J. Weiss (Beitriige 218) espunse i vv. 14 e I5 come glossa e lo stesso fecero col v. 16 il Bornkamm (Gesetz II8) e il
Bultmann (Glossen 200 s.), quest'ultimo appigliandosi soprattutto alla difficolt del contesto e alla locuzione .. Euotyy.tv
[10V (= 16,25), la quale, per vero, , come abbiam visto, assai precaria. La soluzione pi valida mi sembra essere quella
di H.J. Holtzmann, Jiilicher, Huby, Michel, Leenhardt, Kuss
e altri, i quali pensano ad una breve pausa avanti il v. 16 e sottintendono poi un'idea intermedia da cui risulti che quanto
Paolo ha test detto si manifester nel giorno del giudizio, che
il giorno del disvelamento dei cuori. Con pregnanza il Lagrange inserisce: : on le verra IO. Il dato di fatto sussiste fin
IO. In certo modo ci viene a collimare anche con l'esegesi del Kiisemann. il quale
giustamente spiega il v. 16 con la preoccupazione di stornare un possibile frain,
tendimento. psicologico del v.
H. Saake. Echtheitskritische Oberlegungen 1.U'
Interp,etationshypothese von ROm Il,I6: NTSt 19 (1973) 486'489, 487 s. dimostra che Paolo in Rom. 2 -fa largo uso dello schema di una 'peripezia escatologica'.

l'.

I;

Il''
., I

Rom.2,r6.17- 2 9

15 1

d'ora: anche i pagani hanno una legge che esige 1'EPYOV della
tor, ossia l'ycx,t1]. Ma una legge scritta nei cuori, di cui
rende testimonianza la coscienza con la controversia morale
che in essa avviene. Questo dato di fatto risulter palese soltanto nel giorno in cui Dio scoprir quel che l'uomo nasconde
e lo giudicher. A codesto modo d'intendere ben si adatta anche la solenne conclusione: quel che Paolo annunzia nel suo
evangelo avviene mediante Ges Cristo, il quale proprio
nell'evangelo fa udire la sua voce.
Ripassiamo ancora una VQlta brevemente i vv. 12-16. In
essi Paolo ritorna effettivamente a parlare dei pagani, a proposito dei quali fa le seguenti affermazioni: 1. essi non hanno
la tor; 2. ciononostante accade che dei pagani facciano spontaneamente ci che la tor esige; 3. essi sanno dal proprio cuore che loro richiesto l'Epyov v[1ov, ossia l'y1t1]; 4.1a coscienza, quale voce del cuore, rende ad essi testimonianza
circa le loro azioni e perci essi si trovano in uno sta to di pe
renne controversia: si accusano e si difendono; 5. segue da
tutto ci che anche i pagani possono essere giudicati secondo
il modo loro di agire; 6. proprio questo sar manifesto nel
giorno del giudizio.
Col v. 17 Paolo ritorna a parlare del XPLVWV .. v E'rEpOV.
Questi trasgredisce proprio quella legge che gli fu data nella
tor e della quale ben consapevole (2,17-24). Ma, se cosi fa,
non gli giova neppure la circoncisione, come non gli giova il
giudizio teorico che egli pronunzia sugli altri richiamandosi
alla legge. Quel che importa infatti il modo di agire e solo
dal modo di agire si riconosce il vero Giudeo (2,25-29).
e) La legge e la circoncisione (2,17-29)
17 EL o cr 'Iouolt;;o "ovo[<6;1;11 Xltt "ltvlt"ltu1I 'ilO""" Xltt xltuxlicrltL
t'II ilEiii "Xltt YLVWO"XE' " ilH.l)[11t Xltt ooxL~1;EL "I OLltcppov-tlt Xlt"l)XOU[lEVO x "OV vO[<ou, 19""OL1}6; "tE crEltU"tV O"ljyV 'I:VIt, "tucp-wv, cpw "twv t'II crxe"t.., ""It,oEu"tilv Icppevwv, o,o6;crxlt-ov Vl),,(wv, ~xov"tlt "tilv [.<6pcpwcrLV "tij yVWcrEW Xltt "tij !i-l)1}E(<t v "iii
'110[1"'" 21 l> OUV OLOO;crxWV fnpov "'ltu"tv ov ELOO;crXEL; xl)pucrcrwv [<il
X.""tELV x.""EL; 22 l> -ywv [<il [<OLXEVEW [lOLXEV..; ~oE-ucrcre-

f
Rom.

152

IJ.EVO

't'a EtOw)..,a

Be; EV vop.l}l xauXacraL, ol. 1'i)c; 7Crx.pa&:tl.J..LaSELC; 24 't yp o'VojJ.rJ. "tOV 1)EOU OL 'u-

LEPOCTU)..,ELC;; 23

(3tiaEwc:; "'Cov v6p.ou "tv i)"EV


l-1ii ~.Gtcrcp1]I-1EL't"O" iv 't"OL ~~EcrLV, xGtlw yypGt1t't"Gt.
15 1tEP''t"0I-11} I-1v yp WcpE.EL v V0l-10V 1tp&.crcrn' iv o 1tGtpGt~,h1]
vOJ.1Ou
'h 7CEpt.'tOf.1TJ (iO\) tXXpo(3uO""t'i,ct yYO'VE'V. 26 E:v OV\! '] axpof3UO''t'La. "t'. ol.xal.wJ.1a"trt "t'ov vop.ou cpuacran, ox 1) (btpof3uO"'ti.a
Ei 1tEp.'t"OI-11}V .Oy.cri1}crE't"Gt'; 27 xGtt XpLVEL 1} ix cpUcrEW xpo~ucr't"(Gt
't"v V0l-10V 't"E.OcrGt cr 't"V o. ypal-1l-1Gt't"o "Gt, 1tEp.'t"OI-11j 1tGtpGt~a't"1]v
vop.ou. 2B OV yp b E'V 't'c7> cpa,\lEp@ 'Iouoa.i:6 a'tLV
1) E'V 1'@ cpavEpti)
v crGtpx, 1tEp.'t"OI-11}, 29 a...'o iv 't"'l XPU1t't"'l 'IouoGtLo, xGt, 1tEp.'t"0I-11}
KGtpOLGt v 1tVEUI-1Gt't". O;, ypaI-1I-1Gt't"', o ~1tGtLVO O;,,, i~ a.vlpw1twv
a...'x 't"O lEOU.

nc;.

au"t'ou

ouo

17

Ma tu che ti chiami 'giudeo' e riponi la tua fiducia nella legge, e ti

vanti in Dio, 18 tu che conosci i suoi voleri e, istruito dalla legge, sai
discernere ci che conta, 19 tu che presumi di essere guida dei ciechi,
luce di coloro che sono nelle tenebre, 20 educatore degli stolti, maestro

degli inesperti, perch possiedi nella legge l'incarnazione della scienza


e della verit,

21

tu dunque, che ammaestri gli altri, non ammaestri te

stesso? Tu che predichi di non rubare, rubi? 22 Tu che condanni l'adulo


terio, sei adultero? Tu che aborrisci gli idoli, ne saccheggi i templi?
23 Tu che riponi la tua gloria nella legge, disonori Dio trasgredendo la
legge? 24 Sta scritto infatti: Il nome di Dio viene bestemmiato fra i
gentili per colpa vostra.
15 La circonciSIone certamente utile, se osservi la legge; ma se tu trasgredisci la legge, la tua circoncisione come se non fosse. 26 Se dunque
chi incirconciso osserva le norme della legge, non sar forse tenuto
come circonciso? TI E allora chi inCirconciso per na tura giudicher
te che, nonostante la lettera e la circoncisione, sei trasgressore della

legge. "Non infatti vero giudeo chi tale esternamente, e non la


circoncisione della carne la vera; 19 ma vero giudeo chi tale nel.
l'intimo, ed vera circoncisione quella del cuore secondo lo spirito, non
secondo la lettera. Chi circonciso in questo modo riceve lode non
dagli uomini, ma da Dio.

17.L'interlocutore di 2,1-6 viene di nuovo apostrofato, con


I

la differenza per che questa volta Paolo lo chiama per nome:


eru ... 'Iovoct~oC;, e gli rinfaccia i privilegi che quello accampa.
L'Apostolo non contesta questi privilegi e neppure vi ironizza su; al contrario, li sbalza' vigorosamente, raccogliendo tutte le qualificazioni che il giudeo ama attribuirsi e opponendole al suo interlocutore. Cosi egli comincia: Se tu ti chiami
giudeo ... . Il medio E7tOVOllaSEcrctL vale nominare, chia-

2,17

153

mare per nome. Forse si pu intendere il verbo nel senso


concreto che l'interlocutore di Paolo d a se stesso l'appella.
tivo di giudeo, 'IovoctLoC;, cosi come nella diaspora 'IovoctLoC;
non di rado si trova con valore di nome proprio, ad es. nelle
iscrizioni funerarie (CIG 9916.9926; CI] 530.643) '. Un'eco
di quest'uso si coglie in Acl. 18,2.24; 22,3. Per chi lo porta,
'IovoctLoc; anche un titolo d'onore; lo dimostrano, insieme
con alcune affermazioni rabbiniche, i passi di Apoe. 2,9; 3.9,
dove il veggente nella sua polemica parla dei cosiddetti giudei, intendendo coloro che sono ostili ai cristiani. Una testi
monianza di questa pretesa giudaica si ha, ad es., in 4 Esdr. 6,
55 sS.: lo dissi tutto questo dinanzi a te, Signore, perch tu
hai detto che per noi stato creato il mondo, mentre le altre
nazioni, nate pur esse da Adamo, hai detto che sono un nulla ... E tuttavia, Signore, ecco che queste nazioni che sono considerate un nulla hanno preso il dominio su di noie ci divorano. E noi, il tuo popolo, quello che hai chiamato il primogenito, l'unico, vicino e diletto, noi siamo in bala delle loro mani. Ma se il mondo stato creato per noi, perch non possediamo noi come nostra eredit questo mondo che nostro?
Fino a quando ci?. Cfr. Bar. syr. 3.4-9. Il giudeo, che considera il proprio nome come un titolo d'onore, possiede anche la legge, o pi precisamente confida nella legge 2, si fa forte di essa. E7tctVct7tctuEcrctL. appoggiarsi su, riposarsi su,
tanto in senso letterale (ad es. 4 Bcter. 5,18; 7,2.17; Ez. 29,7;
I Mach. 8,12) quanto in senso figurato: fidarsi, confidare (ad es. Mich. 3,II: XctL E7tctVE7tctuOV1:0 E7tL 1:V XUpLOV,
cfr. I Hen. 61,3: perch essi [i giusti] confidino nel nome
del Signore degli spiriti pei secoli dei secoli). Ma anche nella
letteratura ellenistica il verbo si trova con questo significato,
ad es. Epict., diss. 1,9,9. La legge per il 'IovoctLoc; un sostegno fidato e sicuro della sua vita. Ma nel possesso della legge
anche Dio la gloria del giudeo: XctL xctVxierctL E'II i}E@
r. Cfr. Kuhn; Gutbrod in ThWb 111 356 ss.; G. Bornkamm, Paulinische Anakolutbe, in Ende des Gesetz.es 76-92.
2. Non, come traduce il Lagrange: su una legge.

Rom.2,r8.I9

154

(cfr. Ier. 9,23; Ps. Sal. 17,1). Xo.VXaO'i}o.~ EV, come EV i}.t.jJEO'W (5,3); EV v6[J.~ (Ecclus 39,8). Qui xo.vxa.,.i}o.~ non significa semplicemente menar vanto, bensi cercare la propria
gloria in, trarre le ragioni del proprio vivere da e renderlo
noto l. , per cosi dire, la fiducia, la quale diviene un vanto e
si esprime nelle lodi (cfr. Phil. 3,9 s.; 2 Coro 10,7 s.; ancbe 2
Coro 1,12; 3,4). L'essere giudeo, l'aver la legge, l'avere Dio
come proprio vanto e il farne un motivo di lode: ecco ci cbe
caratterizza gli Israeliti nel loro concetto e nel concetto dell'Apostolo. Anche in questa presentazione del suo interlocutore
Paolo si muove sulle orme della tradizione giudaica. Valga un
esempio per tutti, Bar. syr. 48,22 SS.: Noi abbiamo fiducia
in te percb la tua legge presso di noi; e sappiamo cbe non
cadremo fincb ci appoggeremo alle prescrizioni della tua alleanza. In ogni tempo noi ci rallegriamo di non essere mescolati alle nazioni. Percb noi, tutti noi, siamo un popolo unico
che porta un nome famoso percb da Uno soltanto abbiamo ricevuto una legge. E questa legge che in noi ci assiste e la
scienza che in noi ci sostiene.

155

contesto ci significa cbe i Giudei, nel conoscere e nell'eseguire


la volont di Dio, sanno fare le giuste distinzioni e sanno esat
tamente applicare in concreto quella volont. In effetti essi
sono xo.'tT)XOU(lEVO~ EX 'tOU VO(lOV, parole che vanno riferite
alle tradizioni catecheticbe fisse del giudaismo (Kiisemann),
delle quali il cristianesimo ha ripreso la forma e in parte ano
cbe il contenuto, come dimostra l'uso di Xo.'tT)XEi:.,.i}o.~ (Le.
1,4; Act. 18,25; ICor. 14,19; Gal. 6,6; 2Clem. 17,1) nel
senso di essere informato, essere istruito. Il giudeo che
possiede la legge e conosce la volont di Dio non solo in grado di accertare ponderatamente quel che l'essenziale nei singoli casi, ma ne altresi consapevole e guarda se stesso come
guida ed educatore dei popoli. Tutto ci detto da Paolo con
termini che potrebbero stare sulla bocca di un missionario giu- .
deo o essere tolti da un catechismo giudaico dei proseliti 5.

aramaico jihe' ra'aza', e per es. I QS 8,6: Testimoni veraci


della verit per il giudizio ed eletti della volont (r~on); 9,
23: La volont la stessa; 9,24: La volont di Dio, e
passim. I QS 5,r.8.IO; 8,6; 9,12 SS. 23;24 ecc. I Giudei conoscono la volont della legge e sanno anche interpretarla
adeguatamente. Quest'ultimo concetto vien reso con 8ox~[J.ci
SEW 'ttX 8~o.q>EpOV'to., dove 8ox~(lciSEW vale esaminare e distinguere e 'ttX 8~o.q>EpOV'to. (cfr. Phil. l,IO) ci che importa, l'essenziale, in contrasto con &.8~ciq>opo. 4. Nel nostro

19 Tu presumi di essere guida dei ciechi. Di codesta guida parla ad esempio Flav.los., Ap. 2,41: Vorrei coraggiosamente affermare che noi (Giudei) siamo stati guide degli altri in moltissime e bellissime cose. Cfr. Sib. 3,194S.: Allora il popolo del grande Dio riprender forza e sar guida di
vita per tutti i mortali; inoltre, Sib. 3,582 s. Rientra in quest'ordine di idee anche Philo, Abr. 19 (= 3): Il popolo pi
caro a Dio ha avuto in sorte l'ufficio sacerdotale e profetico
per rutto il genere umano (cfr. vito Mos. 1,149); ancbe I
Hen.l05,1: <<In quei giorni il Signore diede loro ordine di
cbiamare i figli della terra (gli uomini) e di tes timoniare ad essi la loro (scil. dei libri apocalittici) saggezza. Mostratela loro,
percb voi siete le loro guide. In modo particolare, per quanto concerne l'espressione guida dei ciechi si pu ricordare
la polemica di Ges contro i Farisei 6 (Mt. 15,14; 23,16.24),
la quale naruralmente motivata dalla pretesa appunto dei Farisei di essere guide dei ciechi. Ma si pu pensare ancbe a Is.

3. Bultmann in ThWh VII 649; Theologie 243.


I2, p. 430; adulato 35, p. 73a ecc. (Lietz..
mano).

}. Conzelmann in ThWb IX 237.


6. II Kasemann ritiene pero che sia inutile e fuori posto richiamarsi aUa polemica
di Ges con i Rabbini e i Farisei CDodd, Schlatter, Althaus e altri).

18. L'Apostolo continua a caratterizzare l'interlocutore: EL


y~vwO'XEL<:; 't i}.T)[J.o.. i}.T)[J.o., qui come anche in I Coro 16,
12, usato con valore assoluto. il vocabolo col quale i LXX
traducono ra~on. Cfr. anche la formula giudaica hz ra~on, in

i'

4. Bauer, Wb. 378. Cosi anche Plut" aud.

Rom.

42,6.7', dove, a proposito di Israele quale servo di Dio,


detto, secondo i LXX: eowxa CTE EL "t q>w E}VWV, avoi:l;aL
q>}a[.I.o "tucpwv ... xaL El; OLXOU cpuaxf] xa}1][.I.vouc; EV
CTx6"tEL (cfr. 49,6). Ma queste parole del profeta richiamano
anche la successiva definizione dei Giudei: q>WC; "twv EV CTx6"tEL. Tale definizione viene ora evidentemente rivendicata dal
singolo e ci ricorda Sap. 18,4, dove si legge che mediante i
tuoi figli (i Giudei) ii[.l.EnEV"t aq>}ap"tov v6[.1.ou q>WC;"t@ aLwVL oLo6cr}aL. In una formula di benedizione I QSb 4,27 dice: Egli faccia di te un santuario del suo popolo e una luce ...
per tutto il mondo mediante la conoscenza e per illuminare il
volto di molti. Cfr. I QH 18,29; 4,27; anche Sib. 5,260 ss.:
Gerusalemme, nobile luce e degno tralcio; test. L. 14.4; 18,
3; 4,3: q>WC; yVWCTEWC; cpW"tLELC; EV "t@ 'Iaxw~, xaL WC; iiLOC;
"ECTll1tav"tL" CT1tEp[.l.a"tL '1"
,
, xuCTpa1]l\o; test. B. I I ,2: o aya1t1]"toc;
pLOU .. yVWCTL\I xaLV1]V cpW"tL.,WV1taV"ta "ta EvV1].
,

,)"

,,~

20. Ma, in quanto luce nelle tenebre del mondo, secondo Paolo il giudeo , mediante la legge, anche 1taLoEU"t1} &.q>p6vwv,
oLoaCTxaoc; V1]1ttWV, ossia educatore nei riguardi del proselito. Per 1taLoEu"tT)C;, cfr. Hebr. 12,9; OS.5,2; Ps. Sal. 8,29,
dove il vocabolo ha per piuttosto il senso di severo correttore, mentre qui significa educatore, istitutore, come
in Ecclus 37,19; 4 Mach. 5,34, e anche in Philo, omn.prob.
lib. 143 (= 7). acppwv vale, come in I Coro 15,36, dissennato, stolto, naturalmente in riferimento alla legge. vT)mo
immaturo, minorenne, semplice, detto del cristiano
in I Coro 3,1; Eph. 4,14 ecc. Per la tradizione giudaica si possono citare Philo, Abr. 98 (= 19); vito Mos. 149; los., Ap. 2,
41; Sib. 3,195.542 s.; I QH 2,9. Ma ancora una volta codesto
ufficio di guida dei ciechi e di luce dei popoli, di educatore del
mondo, il giudeo se lo arroga in quanto possiede la legge.
Come gi al v. I 8b, cos anche al 20b questa precisazione viene aggiunta con una frase participiale, dove il v6[.1.oC; designato in termini che potrebbero essere iI titolo di uno scritto
7. Cfr. Strack-Billerbeck

237; Conzelmann in ThWb

IX

307-349. 33755.

157

2,20.21

indirizzato ai proseliti: il [.I.6PCPWCTLC; "tf]c; yVWCTEW xat "tf]c;


&.1]}Etac;, <<incarnazione, o sembiante (cfr. test. B. 10,1)
della yvwCTLC; 8 (usata con valore assoluto nel senso di yvwCTLC;
"tO }EO) e dell'&.T)}ELa, anch'essa posta con valore assoluto, come }1][.I.a nel v. 18 '. La legge che fa del giudeo l'educatore del mondo, ossia la tor, la forma nettamente espressa della verit, la verit di Dio in una determinata forma ed insieme costituisce l'accesso alla verit, in quanto trasmette la yVWCTL di essa. A questo punto si ha una brusca
frattura sintattica, un anacoluto, che appare come -l'espressione eloquente del crollo di tutti i privilegi del giudeo IO. Seguono ora quattro proposizioni interrogative d'uguale struttura. Anch'esse appartengono allo stile della diatriba. La quinta, che comincia anch'essa con una frase interrogativa, riprende in termini generali le quattro precedenti. Tutte le proposizioni mettono in evidenza il contrasto fra ci che il giudeo insegna e ci che il giudeo fa. Colui che insegna la legge il prima a non osservarla. Quel che in 2,1 ss. era considerato nell'aspetto generale, viene ora esposto con esempi concreti.
2 I. Nella prima met del verso la formulazione ancora generica: Tu che ammaestri l'altro, non ammaestri te stesso?.
Di questa incongruenza era talvolta consapevole anche il giudeo. Pirke Aboth, R. Nath. 29: Abba Shaul ben Nannos disse: 'Tu hai molti uomini che ammaestrano se stessi e non ammaes trano gli altri, che ammaes trano gli altri e non ammaestrano se stessi, che ammaestrano se stessi e gli altri e non ammaestrano n se stessi, n gli altri'. Cfr._anche Midr. Ruth I,

8. Per "('JWO'~C; cfr.

QS 3.1: Ammaestramento della conoscenza delle giuste pre-

scrizioni; I QS II,3: e per la sua giustizia il suo peccato viene cancellato. Poich dalla fonte della sua conoscenza egli ha acceso la sua luce ... . Cfr. inoltre
Dom. 16,6; I QH 1,35; 10,27 ss.; I2,II ss.
9. Cfr. l'inno finale di I QS II,15 ss.: Sii tu lodato, mio Dio, tu che dischiudi
il cuore del tuo servo alla conoscenza. Guida con giustizia tutte le sue opere e in
nalza il figlio della tua verit, cos come tu ti compiaci che gli eletti dell'umanit
stiano al tuo cospetto in eterno. Tu hai insegnato ogni conoscenza, e tutto ci che
accaduto, accaduto per tuo volere)).
IO.

Strack-Billerbeck

III 17.

158

Rom.

l.2I.l2

159

2 (124b) ecc. ". Nel v. 2Ib seguono tre esempi particolari che
illustrano in concreto la discrepanza fra teoria e prassi. Il o~
oacrxwv vien chiamato ora XT}pucrcrwv, vocabolo che nell'uso
paolino d un forte risalto al momento dell'annunzio pubblico. Ma per ben comprendere il mutamento di verbo si deve
considerare anche la sensibilit stilistica dell'ellenismo (cfr. v.
22: .ywv). L'accusa dura. Il giudeo, secondo Ex. 20,15;
Deut. 5,J9 ecc., vieta di rubare, eppure ruba.

crw !J.T}O cruiiv LEp Ev~xa. La prassi rabbinica nei confron-

22. Il giudeo vieta l'adulterio (secondo Ex. 20,14; Deut. 5,18


ecc.) e commette adulterio. Ed ora giunge piuttosto singolare
in questa sede la terza contraddizione. Il giudeo ha in orrore
gli idoli, eppure sottrae ai templi oggetti sacri. ~oE.ucrcro!J.a~
vale aver orrore, provare ripugnanza; cfr. ~OEUY!J.voC;,
ripugnante (Apoc. 21,8). Cfr. LXX Gen. 26,29; Lev. II,II.
13 epassim; 18,30; Provo 8,7; lobI5,15; ) Mach. 6,9; los.,
beli. 172; los., ant. 14,15; ma anche Polyb. 33,18,10 ecc. 't'
ELowa sono probabilmente gli idoli, come in Polyb. 30,25,
13: }EWV xat oa~!J.ovwv ELowa, in LXX Num. 25,2; I Mach.
J043; Is30,22; 2Chr. 23,1;'; Tob. J4,6; ep.ler. 73; nel N.
T.: ICor. J2,2; Act. 7,41 (=Ps. II5,4); Apoc. 9,20. LEpOcrUELV vale compiere una rapina nel tempio, allo stesso modo
di cruiiv 't' LEpa, 't' LEpOV di los., ant. 4,207; 8,258 ecc. S'intende la sottrazione di propriet sacra da un luogo sacro, ci
che in antico era considerato uno dei crimini pi gravi. Ma si
pu anche intendere, in senso lato, ogni delitto di natura sacrale, ad es.Philo, spec.leg. 3,83; decal. 133 12 Nell'A.T., ad
es. Deut. 7,23 s., il caso di chi si impossessa degli idoli di
Canaan, i quali sono un abominio di fronte a Dio e soggiacciono alla maledizione. los., ant. 207 dice genericamente:
~acrq>T}!J.EL't'W o !J.T}OELC; }EOUC;, oOC; 1t6E~C; li,,a~ VO!J.LSOUl I. E caratteristico che tEPOUUMLV ricorra frequentemente in cataloghi di vizi,
tanto greci quanto ellenistico-giudaici, come ad es. Plato, rep. 9,575b, accanto a
-rubare, irrompere con la forza, imbrogliare, sottrarre abiti ecc.; cfr.
Xenoph., mem.l,2,62; Ps. Heraclius 7. dov' accostato ad 4<avvelenare; Philo,
conl.ting. 163, dov' associato a rubare, commettere adulterio, ammazzare;
Corpo Herm. 12,5: I-lOl.XEUUal. xaL LEpocrvELV, e altri ancora. Cfr. S~hrenk in ThWb
III 254-256.
12. Strack-Billerbeck III 113 sS.

ti di questo crimine era improntata a minor severit 13. Paolo


muove quindi ai Giudei l'aspro rimprovero di depredare i
templi pagani contro l'espresso divieto fatto loro dall'A.T.,
cosl come in Act. 19,37 i gentili ritengono possibile che Paolo
e i suoi accompagnatori siano LEpOcrUO~ e ~acrq>T}!J.oi:iV't'EC;.
E qui pu ravvisarsi anche il significato pi ampio di LEPOcrUE~V, ossia commettere un'azione sacrilega, quale sarebbe,
ad esempio, la ricettazione di un bene rubato dal t~mpio.
23 Il versetto, composto da una frase relativa e da una prin
cipale, va inteso come un riepilogo. Abbiamo qui una pro
posizione non pi interrogativa, ma asseverativa, che viene poi
convalidata con un detto della Scrittura espressamente indi
cato come tale. Il giudeo viene ora menzionato come uno che
v vO!J.1!> xauxiicraL (cfr. V.17: v }E!jl). xauxiicr}a~ indica
qualcosa di pi del precedente 1taVa1tauEcr}a~ vO!J.I!>. Ecco il
rimprovero: colui che, professando e lodando Dio, imposta la
propria vita sulla legge 14 e quindi concepisce l'esser suo alla
luce di Dio e della sua volont, proprio costui trasgredisce la
legge e in tal modo disonora Dio. E questo gi detto nella
Scrittura, come Paolo aggiunge a mo' di conclusione per avo
valorare la sua accusa.
24 Viene citato Is. 52,5: 't'aoE .yE~ XUp~OC; liL'u!J.iic; [oL
1tanoc;] 't' ovo!J.a [!J.ou l ~acrq>T}!J.E~'t'aL v ii}vEcrW. I LXX
ampliano il testo ebraico che cosl suona: Di continuo, ogni
giorno, il mio nome oltraggiato. Qui l'oltraggio quello
dei popoli che tengono schiavo Israele. Paolo intende il testo,
13 Sul gloriarsi della legge, dr. Bar. 3,37 s.: Egli ha scrutato tutte le vie della
sapjenza, e le ha jnsegnate a Giacobbe, suo servo, e ad Israele, suo prediletto. Cos
essa apparve suna terra e abit con gli uomini. 4,1: ~(Essa 1) P~fJOC; 't'wv 1tpoO''tay!-ul't'wv 't'o\) ~o xal v6~c; 6 1tapxw;v Etc; "t'ov td.wva ... convertiti, Gia
cobbe, e abbracciala, SI.6SEUUOV 1tpOC; 't'1lV ~IJII.V xa"t'Vav"t't. 't'ov cpw"t'C; ll't'1}C:;
J.11 6!lC; E"t''p~ "t'1}V S6l;av O'OU, n quanto hai di meglio ad un popolo straniero.
MIlXa.PLOL Uplv, 'Iupa1), O't'L 't'l apeu't'tt "t'~ DU;J i)J.1WV yvwu"t'a EU"t'LV,). Cfr.
anche Srrack-BiUerbeck III
S.
14. Altri esempi in Slrack.BilIerbeck III lIS.

II'

r6r

160

modificandolo un poco, nel senso che Israele stesso oltraggia


il nome del Signore trasgredendo la tor, nel senso cio di Ez.
3 6 ,20, dove, a proposito di Israele disperso per punizione, si
legge: Ed eSsi andarono fra le nazioni. Ma dove giunsero disonorarono il mio santo nome, poich di loro si diceva: 'Questo il popolo del Signore, eppure han dovuto abbandonare la
loro terra'. In proposito si veda l'interpretazione di Mekh.
Ex. 15,2 (44b): Rabbi Shimeon ben El'azer (intorno al 19 0 )
disse: 'Se gli Israeliti fanno la volont di Dio, il suo nome sar glorificato nel mondo (vedi Ios. 5,1; 2,IO s.); ma se essi non
fanno la sua volont, il suo nome sar in certo modo profanato
nel mondo (vedi Ez. 36,20.23 )' 15. Ora Paolo deve rinfacciare al giudeo che proprio lui, che ritiene di avere tanta familiarit con Dio e con la sua volont, di essere il banditore della
sua legge e quindi (non dimentichiamo la connessione con 2, I
ss.) il giudice dei pagani, proprio lui, trasgredendo la legge,
profana il nome di Dio tra i gentili.
Ma al giudeo che agisce in tal modo non serve neppure la
circoncisione, quella circoncisione che per il giudeo il segno
della sua alleanza con Dio e quindi, secondo il suo convinci
mento, un pegno di salvezza. Paolo afferma ci nei vv. 25- 2 9,
dove controbatte punto per punto questa persuasione giudaica. I rabbini tengono per fermo che la circoncisione salver
Israele nell'ra messianica cosi come il sangue della Pasqua
l'ha gi salvato dall'Egitto (cfr. Pirqe R. Nath. 29 [qdl
ecc) [6. Ma per l'Apostolo questa convinzione fondamentale
del giudeo superata. 1tepvto[.LTJ e &.xpo~ucrdet non sono pi
i criteri ultimi e decisivi della salvezza e della perdizione. Sorge allora la questione (che l'Apostolo pone ricollegandosi, foro
se in maniera inconsapevole, certo non esplicita, a tutti i problemi. della diaspora e dei suoi timorati di Dio) dell'utilit
della circoncisione. Tale questione sar affrontata in 3,I, ma
presupposta gi qui. Se in 3,2 detto che al giudeo in quanto
circonciso fu affidato il dono dei .6ytet 't'o ~eo e in 4, I o S.

15. Altri esempi in Strack-Billerbeck III 37-4.1063-1066.


16. Cfr. Zahn; Bultmann, Theologie
.i

,I

262 .

si afferma essere la circoncisione il sigillo posto sulla giustificazione per la fede conseguita da Abramo, nel nostro passo la
sua (<utilit vien fatto dipendere dall'osserva112a della legge.
25. Il yap introduce l'argomento che la circoncisione utile
soltanto se si osserva la legge. Chi trasgredisce la legge - e si
tratta del giudeo dia112i apostrofato - , n pi n meno, un
pagano. 1tept't'o[.LTJ indica qui la condizione del circonciso, come nei vv. 26.27.28; 3,I; 4,lOa; I Coro 7,I 9; Gal. 5,6; invece
in Rom. 3,30; 4,9.12a; 15,8; Gal. 2,7-9; Eph. 2,II; Col. 3,
. I I abstractum pro concreto, e significa i circoncisi, i Giudei.
In Rom. 4,II; Gal. 5,II; Phil. 3,5 (Col. 2,II) 1tept't'o[.LTJ designa l'atto del circoncidere. oepe.erv significa qui naturalmente il vantaggio per la salvezza (cfr. Gal. 5,2; anche lo. 6,63;
Hebr.4,2; 13,9). vO[.Lov 1tpacrcrew (D* lat: epu.acrcrew) la
versione; di 'iifa 'et battora, ad es. Sifre Deut. 32,30. Dunque
soltanto per chi osserva la legge la circoncisione ha un potere
salvifico. Il giudeo che trasgredisce la legge non pu fare affi
damento sulla circoncisione. E nulla pu sostituire l'osservanza della tor. Anzi, la trasgressione della legge trasforma lo stato di circoncisione in uno stato di prepU2io (Act. II ,3; I
COr. 7,18 s.), di non circoncisione; in altre parole fa, o meglio
ha gi fatto, del giudeo un pagano [63. Egli allora non pi
figlio di Abramo, membro del popolo dell'allea112a: e questa
una conseguenza radicale, ripugnante per il giudeo stesso.
26. Ma v' un altro aspetto della questione che deve essere
considerato: i non circoncisi, i pagani che adempiono le richieste della legge, vengono riguardati come Giudei. !iv indica
un'eventualit, non un'irrealt. 't'l. OtXettW[.Let't'et 't'o vO[.LOU
sono le prescrizioni giuridiche della legge (cfr. Deut. 30,16).
Il discorso dell'Apostolo riguarda pur sempre a112itutto i veri
e propri pagani. .oyL1;ecr~ett vale qui registrare, mettere
in conto. n futuro allude al giudizio avvenire. Dio (si noti
16a. xpo!3uO'''t'Ut. per indicare uno stato si trova anche in 4,1I; Gal. 5,6; 6,15;
come abstractum pro concreto, in 2,26; 3,30; 4,9; Gal. 2,7; Eph.2,IIj Col.3,1I.

il passivo) accoglier i pagani che osservano i suoi comandamenti, come se fossero membri del suo popolo. Ancora una
volta dunque quel che decide la pratica della legge. E avverr che i pagani che adempiono la legge giudicheranno i Giudei che la trasgrediscono (v. 27)
27. Senza ~ccorgersene, l'Apostolo sposta il discorso dai pagani veri e propri ai convertiti dal paganesimo. Si potrebbe dire
che egli vede il pagano nella luce del pagano convertito. La
terminologia della sua esposizione diventa singolarmente cristiana. Basterebbe confrontare 'tIX oLxaLw[J.Q.'ta 'tOV vO[J.ov
di 2 26 con 8 4: 't oLxaLw[J.a 'tOV vO[J.ov, ypa[J.[J.a - ltvEv[J.a
"
'
di 2,29
con 2 Coro 3,6 s.; 2,27 con 7,6 1
.I 7
pagam,
che sono
tali in quanto incirconcisi x CjlUCTEW, per natura, ma che
sono (come vien detto ora a differenza dei precedenti 1tpaCTCTELV, 1tOLELV, Cjlv.aCTCTELV) i] IXXpo~vCT'tLa 'tv vO[J.ov 'tE.ovCTa
(cfr. Iae. 2,8), giudicheranno il giudeo che, pur avendo la let-

tera 18, la legge scritta, il libro della legge e la circoncisione,


1tapa~a't1J 'tov vO[J.ov. Precisamente, i pagani (convertiti al
cristianesimo) giudicheranno i Giudei trasgressori, in quanto
nel giudizio saranno approvati e costituiranno la pietra di paragone per i Giudei. Non indispensabile pensare ad una partecipazione attiva di questi pagani alI' atto del giudicare, sebbene il nostro enunciato ne ricordi un altro sugli iiyLOL che giudicheranno gli angeli (I Coro 6,2 s.). Alcuni esegeti ritengono
esservi qui un'eco dellogion di Ges riportato in Mt. I2,4I.
Non cos, anche se fra i due testi vi in senso lato una concordanza, la quale risale semplicemente a una ben nota concezione rabbinica 19.
28- 2 9. Ma qual il motivo per cui il pagano che osserva la legge giudicher il giudeo che non la osserva, ma soltanto la posyptl.f.LIJ.tl. : 1. la tor in quanto legge codificata e 2. la l~gg~ codificata, ch~
esige e ottiene dall'uomo iI compimento di determinate prestazioru. Essa cos1 dIstinta da ypacpi), la quale di per s comporta sempre anche una promessa.
18. 81h. col genitivo indica una circostanza concomitante (Lagrange, Lietzmann,
Michel, Kuss; Bauer, Wb. 326 e altri).
19. Strack-Billerbeck III 12 4.

17.

siede ed circonciso? Ecco la risposta: perch vero giudeo


soltanto colui che circonciso nel cuore. Il concetto di giudeo subisce nei vv. 28 s. un mutamento totale. Per la costruzione della frase al v. 28 c' da osservare che dopo v 't@ CjlaVEP@ va sottinteso un 'IovoaLo. Nel testo 'IovoaLo predicato. Cos pure dopo v CTapxL v' da aggiungere 1tEpL'tO[J.l}.
Lo stesso vale per il v. 29. 'IovoaLo v 't@ CjlaVEp@ colui che
giudeo pubblicamente perch carnalmente, in modo visibile nella carne. Ma questo giudeo esteriore non senz'altro
giudeo, bens giudeo colui che tale v 't@ XPV1t't@, in forma
occulta, non visibile, colui che, come mostra il v. 29, ha la
circoncisione del cuore, come suona l'espressione veterotestamentaria qui ripresa da Paolo. Cfr. Deut. 10,16: Circoncidete dunque il prepU2io del vostro cuore e non continuate
a indurire la vostra cervice; inoltre Lev. 26,41; Deut.30,6;
Ier. 4,4; 6,10; 9,25; El.. 44,7.9. Anche in Filone ritorna spesso questo concetto, ad es. migro Abr. 16; cireume. 1 s. e passim. Fra gli scritti di Qumran si pu ricordare I QpHab I I, .
13: Poich egli non circoncise il prepuzio del suo cuore
(dr. IQS 5,5 ecc.). Ma anche in Od. Sal. II,1-3 si legge: Il
mio cuore era circonciso e apparve la sua fioritura; la grazia
crebbe in esso e rec frutti al Signore. Infatti l'Altissimo mi
circoncise con lo Spirito santo e cos la circoncisione divenne
per me redenzione. 'IovoaLo il giudeo che tale nel segreto accessibile soltanto a Dio, il giudeo che pone mente
al Cjlv.aCTCTELV 'tIX OtxaLw[J.a'ta 'tov vO[J.ov. insomma un giudeo talmente occulto, che anche un pagano il quale osservi la
legge pu esser tale. La 1tEPL'tO[J.l}, ossia la circoncisione del
cuore gi attestata dalla legge e dai profeti, consiste nella conversione e nell'osservanza dei comandamenti e proprio per
questo pu trovarsi anche tra i pagani. Si tratta - cos Paolo
integra quanto ha detto prima e raggiunge il fine del suo discorso - della 1tEPL'tO[J.1] xapOLa v 1tVEu[J.a'tL o ypa[J.[J.a'tL.
Si pu confrontare Iub. 1,23 s., dove si legge: E dopo di ci
essi si volgeranno verso di me in piena rettitudine con tutto il
cuore e con tutta l'anima ed io circoncider il prepuzio del 10ro cuore e il prepuzio del cuore della loro progenie e creer in

I64

l' .

Rom. 2,28-29

essi uno spirito santo e li purificher in modo che essi non si


allontanino pi da me da quel giorno sino all'eternit. E la loro
anima seguir me e il mio comandamentm>. Ci che qui inteso come promessa all'Israele obbediente, vien riferito da
Paolo ai pagani (convertiti al cristianesimo) del tempo presente che osservano la legge. Si ponga mente alla contrapposizione E\I 1t\lEV[1(/;'tL ov ypa:[1[1(/;'tL, che Paolo applica soltanto
al cristiano (Rom. 7,6; 2 Coro 3,6) e secondo la quale lo Spirito santo che adempie le prescrizioni della legge (8,4). Naturalmente, se vi fosse soltanto E\I 1t\lEV[1(/;'tL, si potrebbe anche
trovare il modo d'interpretare il testo senza alcun riferimento
al pagano convertito. Ma allora si dovrebbe, come pensa il
Kuss, ridurre il concetto di spirito. E circoncisione nello
spirito viene allora a significare nell'ordine dello spirito,
non come semplice esecuzione di un rito prescritto dalla legge, dice il Lagrange. L'obbedienza che non stata imposta
dalla legge scritta, ma dallo 'Spirito' e si risolve quindi in un
moto interno di adesione gioiosa, spiega l'Althaus. Ma tutto
ci non paolino. Si dovr quindi riferire anche il v. 29 al cristiano convertito, sebbene Paolo (2,12-16) avesse in mente
il pagano in quanto tale. Di questo vero 'Iouo(/;i:o va det,ta ancora una cosa: egli colui al quale Dio rende lode (v, 29b).
una conclusione solenne che gi in quanto tale dimostra il
rispetto dell'Apostolo per il vero giudeo. Mentre all'E\I 't~
q>(/;\lEP~ 'Iouo(/;i:o viene lode da parte degli uomini, al vero
giudeo la lode viene da Dio. L'espressione richiama I Coro 4,5
Ma si pu pensare anche a Rom. 4,2, dove indirettamente si
afferma che soltanto l'Abramo della fede trova gloria presso
Dio. E anche questo fa intendere che l'Apostolo ha gi cominciato a contrapporre il giudeo al pagano convertito.
Come si vede, nel secondo capitolo Paolo non ha potuto reggere bene la sua argomentazione. Aveva cominciato affermando che anche il giudeo in quanto tale non ha scusa di fronte a
Dio. Egl~, che possiede la tor, giudica bensi gli altri uomini,
ma agisce poi alloro stesso modo. Dio per giudica rettamente secondo le opere e senza riguardo di persona (2,1 -I I). Qui
s'inserisce un'idea intermedia (2,12-16): Dio pu giudicare

anche il pagano secondo le sue azioni. Anche il pagano infatti


ha una sua legge, che per scritta nel cuore e attestata dalla
coscienza. E si d certamente il caso che egli osservi questa
legge. In 2,17-29 Paolo riporta il discorso sul giudeo e muove
accuse violente contro di lui. Il giudeo si vanta di possedere
la legge e si ritiene luce dei popoli, ma, come dimostrano alcuni esempi, nei fatti trasgredisce la legge e in tal modo disonora il nome di Dio fra i pagani. E allora neppure la circoncisione gli giova. Trasgredendo la legge, il giudeo diventa pagano, cos come il pagano, se osserva la legge, diviene un vero
giudeo. giudeo, infatti, colui che circonciso nel cuore mediante lo spirito e riceve lode da Dio.
Con ci Paolo ha ormai abbandonato il terreno pre-cristiano
della pura morale; ma non ancora ben chiaro da quale posizione egli giudichi. Solo in generale si pu dire: da una posizione che conosce l'antitesi fra 1t\lEU[1(/; e ypa:[1[1(/;, di modo che
dal V. 25 in poi il pagano contrapposto al giudeo appare sempre pi come il pagano convertito al cristianesimo. Anche in
3,1-20 la posizione in cui si colloca l'Apostolo non ancora
del tutto chiara. Egli si rivolge anzitutto (3,1-8) contro unaserie di obiezioni che riguardano i dati della sua teologia, ma
conflude poi riaffermando il concetto che sinora fondamentalmente l'ha guidato, ossia che Giudei e Greci sono sottoposti
al peccato.
f) Il primato dei Giudei non esclude
che tutto il mondo sia peccatore (3,1-20)
3 l Ti ov -': lt'pLaav -.:ov 'lov8a;(ov il -.:i 'iI ';'q>ELa; -.:i'j ltEpL-':OI1i'j;
, 1t0 xa;-.: lto.v-.:a; -.:p61t0v. ltpw-,:ov I1v [yp l 5-':L ltLO""tEull1}aa;v -.:
YLa; -':OV 1le0V. 3 -.:i yo.p; Et 1)ltia-':1}ao.v -':WE, 11'iI 'iI o.ltLa-.:!a; a;u-.:wv
-.:i)v lt(a-':Lv -':OV IlEov xa;-.:a;pyl)aEL; 4 11i) yVOL-':O' YLvcrllw 8 IlE
1}ll1), lt, 8 !i\/IlPWltO IjJEua-':1}, xa;llw yypa;lt-.:a;L
51tw !iv 8Lxa;Lwllfjv -.:o' yOL aov
xa;L \/Lx1)aEL v -.:iii xpivEO"lla;( aE.
5 EL I 'iI 8Lxia; i)!1Glv IlEov ILxa;Loauv1}v auvia-':1}aLV, -.:i pOVI1EV; 11i)
i8LXO b Il, b ltLq>pWV -.:i)v Pyl)V; xa;-.: ivllpwltov yw. 11i) y"OL-rO' '1tEL '1tW XpL"Et: Cl itE -r" x6av.ov; 7 Et Tj a:I)DELa -rov itEOV

Rom.

166
E'V "t'4)

E~ ~Eucr(J.a:tt. 1tEpLO"O"EVO"EV

d.c:;

"t'1)V

3,1-20

Rom3,II.20.I.2

nessuno che abbia senno,


nessuno che cerchi Dio.
12 Tutti hanno abbandonato la retta via, insieme si
sono corrotti.
Non vi nessuno che faccia il bene, nemmeno uno.

o!;a.v a,'t'ou, "t'L E'tI. xayw

Il

w oc!-'ttp1:wM XpLVOl-"'L; 8 xttL !-'1] xttlw ~.tt<Tep'l]!-,ou!-,Eltt xttL xttlw


epttO"LV 1:LVE 1]!-'li .yELV ihL 1tOL1]O"W!-,EV 1:OC Xttx<i, LVGt E.ih! 1: ocyttiM.; WV "t'O 'XpL(J.C1 EVOLXOV cr"t'1.V. 9 "t'L ov,,; 1CPOEX6~ED(1; ov 1tav'twc;'
1tPOU1:LttO"<i!-'Eltt yp 'Iou8tttou 1:E xttL "E..'l]vtt 1t<iV1:tt uep'!-'ttp-

't'La:v erva.t., IO xcd'w yypa:rc"t'aL


ov" ECT'tLV 8LXett.OC; oo Elc;,
ECT't't.V "

OVX EO""t'LV

veleno di serpenti sotto le loro labbra.


La loro bocca piena di maledizione e di amarezza.
15 I loro piedi 5000 rapidi a versare sangue.
16 Distruzione e miseria sono sulle loro vie,

't'o"

14

o1tOI.WV XP'l1O"'t'O'tT)"t'a.,

[OUxeO"1:LV] EW EVO.
I3 1:<iepo ttVE",y!-'VO 6 .<ipuy tt,;"wv,
1:tt;: y .WO"O"ttL ttU1:WV ~80.LOUO"ttV,
t aO"TtLOWV trito 't. XEL.T) au'twv'
14 WV 1: O"1:o!-'tt ttpli xttL 1tLXptGt y!-,EL,
15 6ELC; ot rcOOEC; a'twv XX(Lt atI-'a,
16 trUV't'pL(J.(J.a. "aL 't'a.a.L1tWpLa E'V "t'aLe; oSoLe; au"t'wv,
17 xttL 68v Etpi)V'l] OVX EyVWO"ttV.
18 ovx .O"1:LV epo~o lEOU tt1tVttV1:L 1:WV oepltt.!-,wv ttl;"WV.
"oL8ttl-'Ev 8. 5-rL gO"tt 6 vo!-'o .yEL 1:o;: v 1:@ vo!-'''' .tt.E;:, Lva 1tv
O"1:0l-'" eppttrli xttL \",08LXO yV'l]1:ttL 1tli xoO"!-'o 1:@ lE@ ., 8LOt;L El;
EpyWV vo!-'ou OV 8LXttLWli)O"E1:ttL 1t1iO"tt O"pl; ~vwmov tt,;"ou, 8LOC yocp
VO!-'OU ~1ttyVWO"L !-'ttP1:Ltt.
1 Qual dunque il privilegio del giudeo e qual il vantaggio della circoncisione? 'Grande per ogni rispetto. Anzitutto perch ai Giudei furono affidate le rivelazioni di Dio. J E che dunque? Se alcuni non hanno tenuto fede al patto, forse che la loro infedelt pu rendere vana
la fedelt di Dio? 4 Certamente no; al contrario, deve risultare che

Dio verace e che tutti

gli uomini sono mentitori, come sta scritto:

Perch tu sia trovato giusto nelIe tue parole


S Ma

e tu riesca vincitore quando ti impegni in un giudizio.


se la nostra ingiustizia fa risaltare la giustizia di Dio, che diremo?

forse ingius to Dio quando d corso aUa sua ira? (parlo secondo il
senno umano). 6 Non sia mai detto! Altrimenti come potrebbe Dio giu-

dicare il mondo?

Ma se per la mia menzogna la verit di Dio ridonda

a gloria di- lui, perch io vengo ancora giudicato come peccatore?

IO

come sta scritto:

e non hanno conosciuto la via deUa pace.


Non v' timore di Dio davanti ai loro occhi.
19 Ora noi sappiamo che tutto ci che la legge dice rivolto a coloro che
sono soggetti ad essa, per modo che ogni bocca venga ridotta al silen
zio e tutto il mondo risulti colpevole di fronte a Dio, 2Q giacch per le
opere deUa legge nessuna carne sar giustificata davanti a lui; poich
attraverso la legge si ha soltanto la conoscenza del peccato.
17

18

I. Il cap. 3 comincia, al modo della diatriba, con una duplice


domanda che Paolo pone a se stesso. Le due parti di essa sono
legate fra loro con un 1'1 correlativo come in 10,6 s.; I I ,34. La
prima riguarda 't 'ItEPLCTCTOV e quindi 1) 'ItEpLCTCTELa.. intesa come
ci che il giudeo ha in pi degli altri: si tratta naturalmente
della priorit nella storia della salvezza. La seconda parte della domanda concerne pi specificamente il valore (salvifico)
della circoncisione. Per 1) Wq>.ELa.. cfr. l'Wq>E.E~ di 2,25. Se
dunque la trasgressione della legge vanifica la circoncisione e
se il pagano che adempie la legge giudicher il giudeo che non
la osserva, e se pi in generale giudeo colui che ha il cuore
circonciso nello spirito indipendentemente dall'essere o no circonciso nella carne, quale importanza conserva allora la circoncisione fisica, il segno e il pegno dell'appartenenza al papa
lo di Dio? Che ne in genere delle prerogative del giudeo?

forse il caso di dire (come taluni calunniosamente affermano che noi


insegniamo): Facciamo il male perch ne venga il bene?. La con
danna di costoro davvero giusta. 9 Che dunque? Abbiamo forse noi
Giudei un privilegio? In nessun modo; abbiamo infatti denunciato che
tutti, Giudei e Greci; sono soggetti al peccato,
Non vi giusto, neppure uno,

Una tomba aperta la loro gola


si servono della loro lingua per ingannare;

crUVLwV,
ov" EO"'tt.V xs'r)'t'wv
ilEO".
12 1t<iV1;E ~1;~X.LVttV Ii!-'tt i)xPEwl'l]O"ttv
11

ov"

13

o"t't.

2. La risposta che Paolo d a queste domande sembra di prim'acchito riferirsi ad entrambe: ha un tono convinto e veemente che rassicura: 'Ito. xa..'t 'Itav'ta.. 'tPO'ltOV, molta , oppure grande per ogni rispetto I. Nel contenuto per la rispo1.

xoc"t' 1ta.v"t'a "t'p61tov: Xenoph., on. 6,6.,0 e paHim; LXX: Num. r8,7; ep. A,..

F
168

Rom. ),23

sta si riferisce alla prima domanda, la pi generale. Essa comincia con un 'ltpw"t'ov ~v a cui per non segue alcun OEV"t'Epov; anzi Paolo abbandona qui repentinamente l'argomento.
Quel che avrebbe poruto ancora dire del 'ltEPLO"O"OV del giudeo lo apprenderemo da 9,4 s. 2. In ogni caso il privilegio del
giudeo non la circoncisione della carne e neppure la pratica
della legge, bens il dono dei .6YL!:t "t'oii i}Eoii. chL ha un valore
dichiarativo. 'ltLO""t'EVi}1]O"ClV, da 'ltLO""t"EVW, significa affidare,
consegnare a un fiduciario J (cfr. I Coro 9,17 in riferimento alla OLXOVO~LCl dell'Apostolo e I Thess. 2,4 a proposito dell'evangelo). "t'l .6yLCl "t'oii i}Eoii sono in concreto le parole della promessa e della legge. Nell'uso comune questa locuzione
designa il responso oracolare della divinit '; Paolo l'ha mutuata con ogni verosimiglianza dai LXX. Essa ricorre, ad es.,
in Ps. II 8 ventiquattro volte al singolare e al plurale e in alternanza (come anche altrove) con "t'l OLXClLW~Cl"t'Cl, XPL~Cl"t'Cl,
~Clp"t'UPLCl\, V"t'O).,ClL, .6YOL, vo~o<;,ecc. Cfr., oltre a Ps. II8,
I I SS., anche 103 sS. 158 ss.; inoltre Num. 24,4.16; Deut. 33,
9; anche Act. 7,38; Hebr.5,I2.' In ci consiste dunque il vantaggio dei Giudei, nell'aver ricevuto in affidamento le parole
di Dio. un privilegio immane e singolare. Ma non di per
s una garanzia. I ).,0YLCl "t'oii i}EOG devono essere ascoltati, conservati e messi in pratica. Come abbiamo detto, qui Paolo non
fa riferimento ad altri doni.

Rom. 3.3

215; Philo, op. mund. IO; Sib. 3A30 ecc. Bauer, Wb. 1636 s.

mente di 'IouOClLoL. Pi avanti ribadir che solo un resto si


mantenuto fedele a Dio (9,5). Si pu forse dire, col Michel,
che di fronte alla fedelt di Dio l'infedelt dei Giudei infedelt di pochi. Ma forse ha ragione anche l'Althaus quando interpreta "t'LV<; tenendo presente II,2 5 ss. Rispetto alla salvezza escatologica di tutto Israele gli infedeli di ora sono soltanto alcuni. Secondo il Kasemann "t'LV<; starebbe in antitesi con tutto il nuovo mondo caratterizzato dall'obbedienza
della fede. Comunque sia, il problema se la rinuncia di alcuni alla fedelt non sopprima, per avventura, la fedelt di
Dio all'alleanza. 'ltLO""t'ELV qui divenire infedeli, rinnegare la fedelt (cfr. 2 Tim. 2,13) e analogamente 'ltLO""t'LCl
l'infedelt (cfr. Sap. 14,25). i] 'ltLO""t'L<; senza dubbio la fedelt di Dio, quella fedelt alla quale egli s'impegna nella sua
alleanza (cfr. PS. 32,4; OSo 2,21 s.). XCl"t'ClPYT)O"EL con ogni
probabilit futuro logico; XCl"t'ClPyELV corrisponde all'aramaico balel (Esdr. 4,21.23; 5,5; 6,10) e nel N.T. vocabolo quasi soltanto paolina. Si trova infatti negli scritti dell'Apostolo
venticinque volte e al di fuori del corpus Paulinum soltanto
in Le. 13,7; Hebr. 2,14. Il suo significato annullare, sopprimere, ad esempio la promessa, come in Gal. 3,17. La risposta all'obiezione anzitutto ~i] yVOL"t'O, una vigorosa formula di negazione usata anche nella diatriba cinico-stoica 5.
Nella nostra lettera la troviamo ancora in 3,3.6.31; 6,2.15;
7,7. 1 3; 9,14; II,I.II; inoltre in ICor. 6,15; Gal. 2,17; 3,
2 l. La fedelt di Dio all'alleanza non viene dunque annullata
dall'infedelt dei Giudei. Ed ecco lo sviluppo dell'argomentazione di Paolo sino a questo punto: qual il privilegio dei
Giudei? Questo: a loro sono state affidate le parole di Dio.
Alcuni per sono divenuti infedeli. Ci ha forse annullato la
fedelt di Dio all'alleanza? No. I ).,0YLCl "t'oG i}EOG sono stati
trasmessi ad Israele nel suo complesso e per questo anche verso i Giudei infedeli Dio terr fede all'alleanza. La fedelt di
Dio non dipende dalla fedelt del suo popolo.

II ytip non originario. Si trova in S A SP pm, mentre manca in B D*-G al lat.


3. Il Kasemann (seguendo Ranh, Tradition 19' 55.) intende il verbo nel senso del
l'antico diritto depositario.
4. Bauer, Wb. 942.

,. Per es. Epict., diss. 3,8,3: 'tic; OV\! o\Jcri.a inou; crap; J.1'l -y\lO~"t'o' &'yp6c;; 1J.'l.
rvOL't'O. cp1)1J.1); 1J.i) y~"Ot't'o. Bultmann, Stil 33.

3. Egli sposta invece il discorso, servendosi di una nuova formula di congiunzione, sempre nello stile della diatriba: "t'L yp
(cfr. Phil. 1,18: <,Che importa infatti?), ad un'obiezione che
non gli viene formalmente rivolta da altri, ma che egli pone a
se stesso: l'obiezione dell'infedelt d'Israele. Questa infedelt non esclude forse la fedelt di Dio all'alleanza e i suoi doni? "t'LV<; egli dice ora, come dianzi aveva. parlato generica-

2.

I
Il

,i

Rom. J,4

4. Tuttavia il ~i} yvw,o non l'unica risposta che Paolo d


alla domanda che egli ha posto a se stesso. Non soltanto la fedelt di Dio all'alleanza non viene annullata dall'infedelt umana e il privilegio d'Israele - i .6Y.Lct "to i}EO a lui affidati - non viene abrogato, ma accade proprio quel che chiede
la preghiera: Possa Dio mostrarsi verace e ogni uomo mentitore. La fellonia d'Israele ha anche un significato positivo.
Oltre a mettere in luce la permanente fedelt di Dio all'alleanza. essa fa risaltare anche la verit, ossia la realt effettiva
e palese di Dio, mentre dell'uomo rivela non solo l'infedelt,
ma anche la menzogna, ossia il suo essere fondamentalmente malfido 6. Dio e l'uomo debbono dimostrarsi e si dimostrano - questo il senso di YWCTi}w - per quello che sono. Ci risulta gi dalla Scrittura. A conferma del suo enunciato Paolo cita LXX Ps. 50,6 (pi precisamente solo il v. 6b).
Egli stacca il versetto dal contesto della preghiera penitenziale
e perci dobbiamo interpretarlo non nel senso in cui inteso
dal salmista, ma nel modo in cui lo interpreta Paolo. 01tWe; /iv
OLXctLwi}iie; deve corrispondere al YLvECTi}ctL a).'l]M}e;. Nel nostro testo Paolo ha di mira soltanto Dio e a Dio in sostanza
si riferiscono i suoi enunciati. In questi l'Apostolo viene a significare che Dio emerge nella sua giustizia e risulta vincitore
nel processo che gli uomini intentano continuamente contro
di lui. Secondo l'uso dei LXX OLXctLOV, in quanto termine del
linguaggio giuridico, significa genericamente dichiarare giusto qualcuno mediante un procedimento giudiziario e OLXctLOCTi}ctL vale risultare giusto dal processo, esser giusto
agli occhi di tutti, divenire giusto per una sentenza giudiziaria. Tale concetto qui applicato a Dio, il quale proprio
per l'infedelt degli uomini 7 appare giusto nella sua giustizia,
che poi la sua fedelt al patto, ed esce cos vincitore da questo processo 8. E proprio risaltando in tal modo nella sua giu6." 115,2 (LXX).
7. Del resto notevole che Paolo, sebbene abbia di mira il Giudeo come colui che
si oppone a Dio in una sorta di processo, parli dell"uomo'; ma ci significa sol.
tanto che anche qui egli vede il Giudeo come tipo dell'umanit.
8. Per v~x.v in questo senso, dr. Bauer, Wh. 1066.

..

Rom. 345-6

Il'

stizia Dio si appalesa verace e fidato e afferma la propria 1tLCT"tLe;. LXctLWi}1jVctL v "tOLe; .6yoLe; nel contesto significa apparire giusto in quanto manifestamente degno di fiducia per
la fedelt al patto. Il giudeo ha ricevuto in affidamento le
parole di Dio che costituiscono il fondamento e l'attestazione
del patto. Che se poi il giudeo si mostrato infedele, ha cio
trasgredito il patto, ci non ha punto infirmato la fedelt di
Dio al patto. Al contrario, l'infedelt dell'uomo fa risaltare
la fedelt di Dio, proprio come la Scrittura dice: egli uscir
vincitore dal processo e risulter giusto nelle sue parole. In
questo senso i vv. I-4 costituiscono un ragionamento unitario
e compatto, il quale per si allontana in certo modo dalla domanda posta all'inizio. Il contesto risulta dalle parole ed espressioni tematiche"t 1tEpLCTCTV "to 'IoVOctLov. - '!"I. .6yLct
"tO i}Eo -iI 1tLCT"tLe; "to i}EO - i}Ee; a).'l]i}1}e; - LXctLwi}'l]e; v
"toLe; .6YOLe; CTOV - VLX1}CTELe; v "t0 XPLVEcri}ctL CTE. Degno di nota inoltre il modo in cui viene concepita la storia umana: oso
sia come un processo che ha il solo scopo di far sempre meglio
risplendere la giustizia di Dio.
5-6. A queste considerazioni si riallaccia una seconda obiezione che Paolo formalmente rivolge ancora una volta a se stesso, sebbene potesse anche averla udita spesso sulla bocca d'altri. Si tratta di un'obiezione che trae false conclusioni da quanto stato detto sinora. La formulazione del v. 5 mostra che
nella nostra esegesi non ci siamo ingannati. Quel che al v. 3
era designato con i)1tLCT"t'l]CTctV vien detto ora iI aOLXLct iI~wv.
Il "twe; diventato iI~ELe;, sicch <<noi tutti siamo coinvolti.
Inoltre iI 1tLCT"tLe; "tO i}Eo in effetti i}EO OLXctLOCTVV'l], dunque la OLXctLOCTVV'l] che consiste nella fedelt di Dio all'alleano
za e lo fa essere a).'l]i}i)e; nel suo operare. E infine YLVECTi}ctL
a). 'l]~e; e LXctLWi}1jVctL vengono resi, quanto al concetto, con
i}EO OLXctLOCTVV'l]V CTVVLCT"t"aVctL. CTvvLCT"taVctL significa mettere in evidenza, ottenere, dimostrare, come in Rom. 5,
8; 2Cor. 6,4; 7,II; Gal. 2,8. Paolo insiste dunque sul concetto gi toccato al v. 3, ossia che l'infedelt di alcuni non
solo non ha vanificato la fedelt di Dio al patto, ma al contra-

Rom. },56

I7 2

rio l'ha posta in piena luce facendolo apparire incrollabile.


Qui egli d soltanto una diversa formulazione. La nostra in
giustizia serve a rivelare la giustizia di Dio (i}EOV OtXa.LOCTUVl]
inteso in senso escatologico e insieme forense) '. Paolo aggiunge poi anzitutto una domanda la quale contiene di nuovo
un'accusa velata, ma di altro genere, contro Dio. Se la nostra
ingiustizia pone in risalto la giustizia di Dio, non forse in
giusto Dio se d corso alla sua ira (nel giudizio escatologico)
verso di noi? Se in certo qual modo con la nostra ingiustizia
sfidiamo Dio a dimostrare la sua giustizia .. Lov pOV!J.EV, che
dovremo dire? . La domanda nello stile della diatriba, co~
mein4,1; 6,1; 7,7; 8,31; 9,14.30 l0. Non forse ingiusto Dio
quando ci punisce per la nostra aLxLa.? Ma questa conclu
sione, tratta secondo la logica umana, cos assurda che Pao
lo L aggiunge xa... iivi}pw"ltoV yw, come in Gal. 3,15 (cfr.
I Coro 9,8 e Rom. 6,19: avi}pwmvov yw: parlo alla ma
niera umana, parlo come si usa parlare e sim.); 2. ancora
una volta (v. 6) come al V. 3 respinge questa logica con un !J.TJ
yEVOL"O; 3. si richiama al fatto che Dio giudica il mondo:
Giacch come potrebbe altrimenti (per "ltEl "ltW, cfr. II,6.
22, ma gi dell'uso classico ") Dio essere giudice del mondo?. In breve: Dio non ingiusto. Egli infatti il giudice
del mondo (cfr. Sib. 4,184; I Coro 6,2; 10.3,17; 12,47) che,
come abbiamo gi Ietto, <<nel giorno dell'ira e della rivelazione
del giusto giudizio (2,5), senza riguardo alle persone (2,
I I), dar a ciascuno secondo le sue opere. E allora non
ingiusto neppure quando riversa l'ira del suo giudizio su coloro che praticano l'aLxLa., sebbene proprio l'ingiustizia degli uomini ponga in evidenza la giustizia, la fedelt e la verit
di lui. Come si vede, Paolo nella sua argomentazione non muove dall'oggetto della domanda, non esamina cio la debolezza
di quel ragionamento, bens respinge la domanda stessa, appellandosi alle conseguenze che da quel ragionamento deri-

9. Cfr. Bornkamm, Vie OfJenbarung des Zornes Gottes, in Das Ende des Gesetus
(1958) 9-33, specialm. 30 S.
IO. J. ]eremias, 2m Gedankenjiihrung in den paulinischen Brielen, in Studia Paulina, Haarlem 19.53, 146-1..54, 146.
II. Blass-Debr. 456,3.

,
,

Rom3s- 6

I73

vano ma che l'obiettante in effetti non pu trarre. Argomentare che Dio ingiusto, perch grazie alla nostra ingiustizia
balza evidente la sua giustizia, vorrebbe dire escludere che
Dio possa essere il giudice dei popoli e degli uomini. Si noti
ancora: L i}EOV OtXa.LOcrUVl] va inteso senza dubbio, con Kasemann, Stublmacher e altri, come l'estrinsecazione della fedelt di Dio al patto, e questa a sua volta l'esplicazione della
giustizia di Dio, di modo che, posta l'una delle due cose, risulta posta anche l'altra. i}EOV LXa.LOCTUVl] giustizia che si manifesta e si afferma nella "ltLCTn .. ov i}Eov, nella fedelt effettiva di Dio al patto. Ma a sua volta la "ltLCT.. L "OV i}EOV la
fedelt di Dio che si esplica in siffatta giustizia. La giustizia
di Dio ( la seconda volta che se ne parla nella lettera ai Romani) si instaura in quanto Dio fedele all'alleanza e, per converso, la sua fedelt si manifes ta nel suo essere giusto e nel
suo dimostrare la propria giustizia. 2. Poich contro siffatta
giustizia, consistente nella fedelt di Dio all'alleanza, l'ingiustizia umana (che insieme infedelt) non pu far nulla tran.ne che confermarla nel suo corso, essa anche giustizia giudicatrice che colpisce l'iiLxo sotto l'aspetto di oPYlJ e per il
cosmo si appalesa quale XpLCTL. oPYlJ non dunque in contrasto con LXa.LOcrUVl] i}EOV 12. Al contrario, proprio questa
giustizia che si manifesta sotto forma di oPYlJ per colui che si
oppone alla fedelt di Dio al patto. La oPYlJ rappresenta, per
cos dire, il rovescio della LXa.LOCTUVl] i}EOV, la quale la verit della permanente fedelt di Dio al patto. 3. L'Apostolo,
parlando qui della OtXa.LOCTUVl] i}EOV, non ha ancora in )11ente,
come ritiene il Kuss, la giustizia di Dio (cfr. 3,21 ss.; 1,17)
manifestatasi in Cristo e presente nell'evangelo, bens considera la LXa.LOCTUVl] i}EOV secondo presupposti giudaici, rivisti per alla luce dell'evangelo. Non bisogna perder di vista
tutta la concatenazione e lo svolgimento delle idee. Paolo argomenta in questo modo: il giudeo ha un privilegio, ossia le
parole di Dio a lui affidate. In ci si manifesta quella fedelt di
Dio all'alleanza che non venuta meno per causa dell'infedel12.

Come sostiene lo StuhImacher S,.

i
!

174

Rom. 3,5-6.7

t giudaica. N si oppone a ci il fatto che Dio giudica l'empio. Egli in tal modo non diviene ingiusto. Altrimenti come
potrebbe essere il giudice del mondo?

"

:j

, ,
, ,

7 Paolo pone qui una nuova domanda, la quale mette in risalto un'altra conseguenza del fatto che, attraverso l'aoLxLa,
o, come ora vien detto, lo tj;evCTlla dell'uomo, si afferma la
giustizia o la o6!;a di Dio. La nuova formulazione del concetto degna di nota. Con un trapasso retorico abbiamo qui il
singolare in luogo del plurale usato finora. Il singolo uomo acquista cos un maggiore spicco, sebbene anch'egli venga inteso
in senso tipico. Cambiano i vocaboli fondamentali: 't tj;EvO"[.I.a
subentra in luogo di i} a&xLa o i} amO"'tLa. Quell'infedelt
verso il Dio fedele che costituisce l' <<ingiustizia insieme
menzogna nel senso in cui dianzi si parlato di tj;EUO"'tT}
(v. 4), nel senso cio di una radicale fallacia che giunge a conculcare la stessa realt palese ed effettiva. L'a.i}l}ELa 'tov l}EOV
corrisponde naturalmente all'a.T}l}i} del v. 4 e per il significato non diverge dalla l}EOV oLxaLoO"uVT} del v. 5 e dalla 7tLO"'tL del v. 3. Essa l'intatta realt di Dio nella giustizia della fedelt sua al patto. Soltanto bisogna osservare che l}EOV
oLxaLoO"uVT} designa questa realt con riferimento a ci in cui
consiste, ossia alla manifestazione della giustizia ed equit,
7tLO"'tL indica la medesima realt in quanto si attua in un rapporto con Israele e i Giudei, mentre a.1}l}ELa la coglie sotto
un altro aspetto, ossia nel senso che essa, attuandosi, si rende
evidente e palese nella sua validit. Tutti e tre i vocaboli riguardano dunque un'unica realt, della quale per concettualmente si pu cogliere di volta in volta un solo aspetto_ Ricordiamo a questo proposito che gi in 1,18 aOLXLa e a.i}l}ELa
apparivano termini intercambiabili. Ora al v. 7 troviamo un
quarto concetto: EL 't']v o6!;av au'tov_ Esso si ricollega per
un verso alla a.-I}l}ELa 'tOV l}EOV. Leggiamo infatti che questa
verit di Dio mediante (EV strumentale) la mia menzogna
divenuta in misura sovrabbondante o6!;a 'tOV l}EOV. 7tEpLO"O"EUELV significa, come in'5,15; 15,13; I Coro 15,58; 2 Coro l ,
5; 3,9; 8,2 ecc., esser ricco, sovrabbondare, traboccare

Rom. 3,7.8

175

ecc. o6!;a quindi il sorgere e l'irradiarsi - possente e compiuto - della verit di Dio. questa verit che appare nella
gloria di Dio. Per un altro verso o6!;a 'tov l}EOV si riconnette
a l}EOV oLxaLoO"uVT}. Se infatti la mia menzogna fa s che la
verit di Dio sovrabbondi per la gloria di lui, come dire che
la nostra ingiustizia fa palese la giustizia di Dio. Del resto
questa connessione molto chiara in 3,2 I SS.
Ma ritorniamo al nostro enunciato: se la verit di Dio, che
poi la giustizia della sua fedelt all'alleanza, risplende per la
o6!;a e nella o6!;a di lui servendosi della mia menzogna,
cio della mia ingiusta slealt, perch io vengo ancora giudi..
cato come peccatore ,13
r . L' argomentaz1One
SI sposta ora sull'uomo, il quale per la prima volta viene qualificato a[.l.ap'tw..6 (dr. 5,8.19).
8. Anche qui, come in 3,5, si stabilisce un nesso causale tra
il mio peccato e la manifestazione della fedelt di Dio, della
sua giustizia, della sua verit e della sua gloria, e si fa questo
per trarne un motivo di critica verso il comportamento di Dio
quale giudice. Codesto fraintendimento viene rilevato in una
quarta frase dove la conclusione malevola tratta da certi avversari di Paolo viene presentata come pensiero dell' Apostolo. Non vero (xat [.1.-1) + EO"'tLV (hL) quel che taluni empiamente ci fanno dire: Facciamo il male perch ne venga il
, bene. Sappiamo ora donde procedono le obiezioni riportate
dal v. 5 b in poi: dalla polemica giudaica e forse anche giudeocristiana. Per il suo insegnamento, a Paolo vien rinfacciata la
dottrina blasfema (~.aO"cpT}[.I.ELV costruito personalmente) che si debba promuovere l'aoLxLa, il7toLELV 'ta xaxa, perch ne venga il bene, ossia il regime della giustizia di Dio, dimostrazione della sua fedelt e verit, e la manifestazione della sua gloria. Si tratta di una caricatura dell'evangelo paolino
della XaPL, la stessa caricatura che emerger da 6,1 SS. 14 sS.;
7,8 ss. Ma soltanto in questi ultimi passi, ossia dopo aver tratin posizione debole si riferisce a XP'''O(MX.T. (Lietzmann); cfr. 5,3 (S,II; 9.
24 ecc.); I Therr. 2,13; 3.5; nel senso di I Coro 15,29:
xal f3cx:r't'l.!;ov'tru.: -E
che dunque?, perch, ciononostante vengono battezzati?
13 XCLL

't',

,:

17 6

Rom. J,8.9 $S.

tato della giustizia di Dio manifestatasi come potenza in Ges Cristo, l'Apostolo proceder con argomenti contro quella
caricatura. Qui invece egli taglia corto a un discorso siffatto
con un'imprecazione (v. 8b). Di questi calunniatori 't xp~[1a
EVOLXv ECT'tLV. xp~[1a qui, come in 2,2 s.; I Coro II,34;
Apoc. 17,1, condanna, dannazione. EVOLXOV vale fondato nel diritto, conforme al diritto, giusto (cfr. Hebr.
2,12). I 'tLVC; - Paolo non fa alcun nome -, i blasfemi calunniatori dell'Apostolo, i quali, come risulta dalle proposizioni
precedenti, bestemmiano anche Dio, saranno da Dio stesso
giustamente condannati. Forse questi 'tLVC; erano attivI anche
in Roma. Ad ogni modo la comunit dell'Urbe viene a conoscere il pensiero di Paolo su siffatta gente e su siffatte affermazioni.
9 ss. Paolo si discostato assai dall'argomento che aveva preso
a trattare nel cap. 2. Ora nei vv. 9 ss. ritorna al tema, dapprima a quello di 3,1 poi a quello di 2,1 SS., o anche di 1,18 ss.
Con un retorico 't~ OVV (<<come stanno ora le cose?; cfr. 6,15;
II,7; 3,3: 't~ yap) Paolo pone la domanda: 1I:poEx[1Ella;
1I:POXELV pu significare: 1. essere superiore, avere un
vantaggio, mettersi in vista, fare specie, avere un privilegio 14 e sim., ma su questa accezione non attestato al medio; 2. al medio mettere innanzi come scusa, addurre come pretesto, e siro. Ma ben difficilmente nel nostro contesto pu trovarsi questo significato, che d'altra parte varia secondo che si riferisca la prima persona del plurale ai Giudei o
a Paolo. Si deve quindi preferire la prima accezione, sebbene,
ripetiamolo, di un uso mediale del verbo in quel senso finora
non si sia trovato alcun esempio. Secondo questa indicazione
il plurale deve per forza indicare i Giudei, ai quali Paolo si
associa. La risposta alla domanda: Abbiamo noi un privilegio? a prima vista non risulta chiara. ov 1I:av'twc; pu significare per nulla affatto, <<in nessun caso, e sim. Ma in tal
caso l'enunciato sarebbe in pieno contrasto con 3,1 S. Dovre14. Cfr. Bauer, Wh. 1399 s.

Rom. 3,9 ss.

mo quindi preferire l'altro significato possibile, ossia <<non


del tutto, <<non sotto ogni aspetto (Lagrange, Huby, Lietzmann), non in modo assoluto, come in I Coro 15 ,ro. Il senso di Rom. 3,2 risulta allora limitato. Noi, i Giudei, abbiamo
s un privilegio che oggettivamente grande: ci sono stati
affidati i MyLa 'tou llEou. Ma questa preminenza, straordinaria
in s, ha un valore solo relativo per effetto del nostro comportamento, della nostra infedelt, della quale abbiamo gi parlato. Il yap dimostra che ov 1I:aV'twc; viene motivato o illustrato da ci che vien dopo. 1I:p0(XL'tL&CTll(XL equivale a muovere
prima, dianzi, l'accusa, con l'accusativo e l'infinito. Il 1I:pallude naturalmente a ci che stato detto in r,r8-2,29 e viene ora compendiato: Tutti, Greci e Giudei, sono soggetti al
peccato. Il 1I:av'tEC; pone in rilievo, come dimostrano anche
le citazioni seguen ti, che non vi sono eccezioni a ques ta soggezione di tutti gli uomini al peccato. L'espressione riassuntiva
di r,r8-2,29 dovrebbe essere propriamente: Greci e Giu
dei. Ma poich il 1I:EPLCTcrv dei Giudei pur sempre valido,
viene mantenuta la formula (che si giustifica con la storia della salvezza) Giudei e Greci. Il termine a[1(Xp'tt(X ricorre
qui per la prima volta - senza articolo per via della preposizione - e subito al singolare per indicare la potenza del peccato, come in 3,20; 5,r2s.; 6,rs.6s. rosso r6ss. 22 ecc. La
locuzione vcp'a[1ap't~(Xv E(\I(XL corrisponde nella sostanza, per
es., a OOUOL a[1(Xp't~(XC; ELV(XL di 6,r6.17.2o, oppure al CTVVXELCTEV 1] yP(XCP1] 'ta 1I:av't(x V1I: a[1(Xp't~(Xv di Gal. 3,22. L'esistenza umana, quale in effetti si attua, non un'esistenza
di per s libera, benS sottomessa, e precisamente sottomessa
tra l'altro, o meglio, anzitutto, alla potenza del peccato. Ora
tale potenza, secondo 5, r 2, si esplica negli atti peccaminosi,
ossia in tutti quei comportamenti nei quali, secondo r,r8 ss.
e 2,r7 ss. essa si manifesta concretamente. un concetto che
si trova talvolta enunciato anche dai rabbini, cfr. ad es. Sanh.
b. rara: Rabbi Elieser (90 d.C.) ammalato chiese a Rabbi
Akiba: .Ho io forse tralascia to di osservare alcunch della tor?'.Egli rispose: 'Tu ci hai insegnato, Rabbi, che nessun uomo sulla terra giusto e non pecca' (Ecc!. 7,20)>>. Ma, senza

Rom. 3,9 H. 10-18

17 8

'I
,

contare che a questa affermazione se ne potrebbero opporre


altre di tenore diverso (ad es. Sap. 15,2), la formulazione paolina, rispetto alle rabbiniche, pi radicale, nel senso che
l' esistenza peccatrice viene intesa come l'attuazione bic et
nunc di un essere peccaminoso. Ci risulta dalle citazioni
seguenti, le quali confermano l'affermazione sommaria dell'uep'&l-lO;p"dav ELVCl:L col rimando a singoli peccati. Si tratta
significativamente di citazioni della Scrittura, tolte in maggior
parte dai Salmi e in un caso da un-profeta (Is. 59,7 s.), le quali tutte insieme formano in certa guisa un salmo protocristiano - un lamento di Dio, come dice giustamente il Miche!
(cfr. anche Leenhardt) - e non, come ritengono lo Schlatter
e il Kiisemann, una predica di giudizio. Pu darsi che una
siffatta combinazione di citazioni dei salmi e dei profeti (che
in parte coincidono letteralmente 'col testo dei LXX, in parte sono, rispetto ad esso, mutate e abbreviate) preesistesse
all'Apostolo, come una sorta di florilegio IS. certo comunque che Paolo, negli altri casi in cui riporta varie citazioni
dell'A.T., procede diversamente (cfr. 9,21 SS.; 10,13 SS.; II,
8 s.). Nel nostro passo l'accostamento di testi dei salmi e di
un passo profetico ordinato e articolato secondo criteri formali e di contenuto. I vv. 10-12 sono due tricola, i vv. 13- 1 4
due bicola, i vv. 15-18 un tricolone un monocolon. Il v. IO
enuncia la tesi e il v. 18 contiene una conclusione generale. Il
contenuto, per sommi capi, cos articolato: 1. non v' nessuno (cfr. l'ox ECT"tLV che ricorre cinque volte nel salmo e il
corrispondente 7tG.vtEc;) che cerchi Dio e sia giusto; 2.la parola di tutti gli uomini e 3 .le strade di tutti gli uomini sono
corrotte. 4. Cos nessuno pieno di timor di Dio. Qui non
il caso di esaminare i particolari 16.

Rom3,IO-18.I9

'79
QH 4,29 s., 7,17,12,

e innoc,ente nel tuo g~udizio; inoltre I


3 1 s.oLxaLo manca In Ps. 14,1-3, ma per l'Apostolo proprio
questo termine importante e compendia in s tutto il contesto. Nessuno oixaLo 17. E ci implica che nessuno ha senno
e che nessuno cerca Dio. V. I I: il senno che cerca Dio rendeva giusti. Ma (v. 12) tutti si sono allontanati da Dio , tutti
sono corrotti, non v' nessuno, proprio nessuno, che faccia
J! bene, che pratichi la giustizia. Lo dimostra il fatto che (Ps.
5,10; 140,4; 10,7) dalla loro bocca fuoriescono soltanto cose
abominevoli, inganni, velenosit, maledizione e amarezza (vv.
13- 1 4) 17,. Ma lo dimostra (vv. 15-17) anche tutto il loro cammino (Is. 59,7 s.) su una via di guerra e di devastazione. La
chiusa e il compendio (v. 18) sono presi quasi alla lettera da
Ps. 36,2. Ai loro occhi (il testo dei LXX dice: "agli occhi del
malfattore [a-rou]) non v' timor di Dio.
.

19 Che quanto stato detto finora valga per i pagani, un


dato ovvio per il giudeo, il quale per non disposto a riconoscere che possa valere anche per lui. Eppure ci indubitabile proprio secondo un assioma giudaico che l'Apostolo
ha a portata di mano e che i Giudei non possono ignorare:
O~OaJ.l.Ev ... (come 2,2; 8,22.28; I Coro 8,4; 2 Coro 5,1; I Tim.
1,8; I 10.3,2; 5,15 ss.). Si tratta del principio secondo cui il
v6J.l.o parla a coloro che vivono nella sfera di esso. v6J.l.o
equivale in questo caso a '] ypaepij (cfr. le citazioni in I Cor..
14,2 I) 18. La Scrittura accampa i suoi diritti su chi sottoposto al suo regime (cfr. 2,13). Essa parla quindi a coloro e di
coloro che la leggono o l'ascoltano. Ma allora (poich dei pagani non occorre parlare) tutto il mondo si trova sotto accusa.
Esso non pu aprir bocca (v. 19h). Cos come in 3,9 vien tratta qui la conclusione da tutto quanto stato detto. ~va ha in

10-18. Non stato Paolo ad escogitare la tesi formulata nel

v.

IO.

Cfr.

QH 9,14 s.: Nessuno giusto ne! tuo giudizio

15.H. Vollmer, Die atl. Zitate bei Paulus, Freiburg i.Br. - Leipzig 1895, 40 ; P.
Vielhauer, ,Paulus und tJs A.T., in Studien :.tur Geschichte und Theologie der
Rejormation. FestschrHt E. Bizer, Neukirchen 1969, 33-62.
16. Sul rapporto fra 1a citazione e i testi ebraici e g!eci dell'A.T. cfr. Kuss.

1(. Cfr. 1 QH 9,14 s.: -Nessuno giusto secondo la tua sentenza e innocente nel
giudizio; r QH 12,3I s.: ~au sei giust, e nessuno pu reggersi davanti a te.
CII. J QH 4,29 s.; 7,'7.
I7 a . Probabilmente c', nella visuale dell'Apostolo, l'odio giudaico contro l'evangelo (Schlatter).
18. Presso i rabbini, cfr. Strack-BilIerbeck l'll 462 S.

questo caso significto piuttosto consecutivo che finale 19. Perch a codesto modo la Scrittura parla proprio dei Giudei ai
Giudei, tutti hanno tappata la bocca. Per eppaO'O'ELV 't 0''t6~a:
cfr. Ps. r07,42;, 10b 5,r6; I Mach. 9,55; Sib. 8,420. E nessuna bocca pu pi dire qualcosa, poich tutto il mondo (degli uomini) \J1t61~ltoC; "', responsabile, colpevole, passibile di punizione, s'intende di fronte a Dio. 7t61~ltoC; nel
N.T. hapax.
20. L'Apostolo avrebbe potuto cos concludere la primagrande sezione della sua lettera. Invece egli aggiunge una singolare
motivazione del v. r9b e con ci di tutta la parte che va da I,
18 a 3,19. una motivazione che per la verit qui fa soltanto
capolino, anticipando cose che verranno dette pi avanti; essa
perci mal si comprende a questo punto. D'altra parte, l'aggiunta del v. 20 non si pu semplicemente considerare come
maldestra e arbitraria, giacch serve a inserire 1,18-3 ,r 9 nel
vero e proprio evangelo paolina, e, collocando in tal modo
questa sezione della lettera nella giusta luce, fornisce, per dir
cos, la chiave con la quale si pu e si deve interpretarla. In un
certo senso il v" 20 costituisce la prosecuzione di I ,I 7 e il presupposto per negationem degli enunciati di 3,2r ss.
Il V.20 motiva dunque l'asserzione che tutto il mondo,
Giudei e pagani, sono colpevoli davanti a Dio. 1~6't~ non richiede affatto di essere integrato con un yypa:7t'ta:~; significa infatti , come in r ,r9; 8,7; Gal. 2,16 var.; I Thess. 2,18:
, .
giacch ( cos): per le opere della carne nessuno sara gIUstificato. Questa proposizione contiene un richiamo a LXX
Ps. 142,12, dove si legge: Non entrare in giudizio col tuo
servo, Ih~ ov l~lta:~Wi)i}O'E'ta:~ \I(;J1t~6\1 O'OV 7t<1C; 1;w\I. Paolo
cambia dunque 7t<1C; 1;w\I nell'espressione biblica 7t<10'a: O'ap~
(kol baiar, cfr. Gen. 6,r2; I Hen. 8r,5), la quale, per designare il mondo di cui qui si parla, serve assai meglio dell'equivoco 7t<1C; 1;w\I, a cui Paolo attribuisce soltanto un senso
19. Blass-Debr. 331,5; Radermacher 19I.
20.

r81

Rom.j,20

r80

Cfr. Maurer in ThWb

VIIr

jj7 s.

positivo. Ma, quel che pi conta, Paolo aggiunge

!;

~Pyw\I

\l6~ov, che l'elemento fondamentale dell'enunciato. evi-

dente che questa espressione 21 va intesa nel caratteristico significato paolina, del quale per sinora non s' fatto cenno.
Ad ogni modo, parlando di opere della legge l'Apostolo si
richiama a un concetto giudaico. Epya: \l6~ov corrisponde all'aramaico 'ab'de' orarpa' e all'ebraico ma'ase tord, opere dei
comandamenti, quindi opere concrete che la tor richiede e
mediante le quali essa viene adempiuta. In Bar. syr. vengono
chiamate opera praeceptorum, nella tradizione rabbinica spesso anche ma'aszm. La designazione corrente mi!wd, adempimenti dei comandamenti. A queste opere della tor richieste da Dio si oppongono le opere scelte in modo autonomo, ad
es. Bar. syr. 48,38. Queste sono le opere dei comandamenti
di Beliar, contro le quali si erge la legge del Signore. Esse non
sono opere buone (ma'ai/m toblm) che stiano alla pari deile opere dell'assolvimento dei comandamenti (cfr. test. N.
2). Secondo il convincimento giudaico, gli Epya: \l6~ov possono essere compiuti. Ma soltanto nei giusti l' opera della
legge e il merito prevalgono sul peccato e sulla colpa. Ora,
quando Paolo dice che per gli Epya: 'tOV \l6~ov nessun uomo
sar dichiarato giusto (nel giudizio di Dio) e quindi nessuno pu divenir l(lta:~oC;, egli pensa, in contrasto con la concezione giudaica, che non solo mediante le opere autonome
non si pu esser giustificati, ma neppure mediante quelle che
la tor richiede. Anche il giusto, nel senso giudaico del termine, iIquale immagina di possedere un tesoro di mi!wot (cfr.
Bar. syr. 2,2; 14,12 ss. e passim; 4 Esdr. 7,77; 8,33.36 ,ecc.;
Pirke Aboth 6,9; Ps. Sal. 9,5) in effetti, secondo l'Apostolo,
non diventa giusto mediante codeste miswot e in ragione di
esse 22. questo un enunciato capitale deil'evangelo di Paolo,
come risulta dal suo trovarsi varie volte in contesti fondamentali (3,28; Gal. 2,16; 3,2.ro). Naturalmente si devono considerare anche tutti i passi nei quali la stessa affermazione vien
21.
22.

Billerbeck III 16058.; IV 55958.; Bertram in ThWb II 64258.


Il futuro probabilmente gnomico; Bultmann, Theologie 274.

182

fatta menzionando soltanto gli Epya, che nei singoli casi indicano le opere richieste dalla legge e che attuano la legge (ad
es. 3,27; 4,2.6; 9,I2.32; Il,6; Eph. 2,9), cos come altrove
si menziona soltanto il vO!J.o (dr.ro,9; Gal. 2,2I; 3,rr; 5.4;
Phil. 3,6.9). Tutti questi enunciati possono indicarci in via
provvisoria e con termini caratteristici la realt opposta, ossia
il modo in cui, secondo Paolo, effettivamente si attua la giustificazione: 3,28: 7tLCl''tEL; Gal.2,r6: oL 7tLCl''tEWC, 'Il]Cl'o
- G
"EX 7tLCl''tEWC,; G a.l 3,2.5: E.,
' t aXOl]c,
'
- 7tL,
XpLCl''tOV;
a. 3, Il
r s.:
Cl''tEWC,. Ma nel nostro passo questa opposizione non si esprime ancora. Qui a Paolo basta affermare che tutto il mondo,
compresi i Giudei, colpevole di fronte a Dio, perch nessuno viene giustificato dalle opere della legge. Questo enunciato trascende la dimostrazione che nessuno, di fatto, osserva la
legge; esso ha un significato radicale e rimanda ad un'altra dimensione, alla dimensione propriamente paolina. Ci balza
evidente dalla frase conclusiva (v. 20b): oL yp vO!J.ov 7tLyVWCl'L a!J.ap'tLac,. Il v. 20b motiva (yap!) l'enunciazione del
v. 20a, con un richiamo di carattere generale al vero rapporto
che intercorre tra la legge e la salvezza. La legge solo il mezzo
col quale si giunge alI'7tLyVWCl'L del peccato. 7tLyVWCl'LC" che
in r,28; rO,2; Phil. r,9; Philm.6 non si distingue dal semplice yVWCl'L, indica qui, come spesso altrove, una conoscenza pratica o anche un'esperienza 23; tale probabilmente il senso del vocabolo in I,28; Philm. 6, dove per yVWCl'LC, s'intende
un rendersi conto, un riconoscere. Qui, in 3,20, 7tLyVWCl'L a!J.ap'tLa va inteso come in Rom. 7,7.8 o 2 Coro 5,2r (dr.
Herm., mando 2,r; Herm., sim. 9,29,r). Il senso dell'espressione non dunque che attraverso la legge noi possiamo aver
contezza di quel che il peccato, bens che attraverso la legge
noi facciamo l'esperienza del peccato. La linea sulla quale si
colloca questa affermazione la stessa di 4,r 5; 5,20; 7,8;
Gal. 3,I9; 2 Coro 3,6 sS. Nel nostro passo ci risulta anche dal
contesto. Non si spiega infatti l'asserzione che nessuno viene
giustificato in virt delle opere richieste dalla legge, affer23. Bultmann in ThWb I 706 s.; Id.. Theologie 26,.

I,"

Rom.

Rom. 3,20

},20.:H'jl

mando che la legge insegna semplicemente a conoscere il peccato. Ha senso invece dire che nessuno viene giustificato dalle
opere della legge, quando si specifichi che la legge produce in
e~etti il contrario della giustificazione. Essa provoca l'espenenz del peccato, suscita il peccato. Che cosa ci voglia dire
precisame.nte, emerger poi nel corso della lettera. Con questo enunciato sorprendente e ancora oscuro si conclude la szione della lettera che va da r ,r8 a 3,19. Questa sezione prende luce, per un verso da l,r6 s., per l'altro da 3,20. Ci non
toglie che I ,r8-3,19 contenga una sua particolare verit. Giu
dei e pagani sono soggetti al peccato, come i fatti dimostrano.
Ma dietro a ci sta un dato pi importante e pi radicale. Pagani e Giudei non possono essere oLxaLoL. La legge, infatti,
qualunque legge, provoca il peccato, e non la giustizia. Nessuno ottiene la giustificazione eseguendo opere comandate da
una legge.
In tal modo 3,20 segna anche la transizione a 3,2 r ss. ed
apre, per cos dire, la porta all'evangelo vero e proprio Clell'Apostolo. 10 stato dell 'umanit ha subito un cambiamento effettivo. N~n vi sono pi soltanto la legge e il peccato, bens v'
anche la gIUstizia di Dio, la quale si manifestata mediante
Ges Cristo e in Ges Cristo ed accessibile a chi ha fede (3,
2 1-3 r). Che la grazia e la fede procurino la giustificazione
di~ostrato dal grande esempio di Abramo, padre di tutti
nOi (4,I-25).
2. La rivelazione della giustizia di Dio (3,21-31)

Nuv! o xwpl VO[1ou o,x",oeruvTJ ilEOV 1tE'Pav'pw"", [1ap"upou[1VTJ .


1t "OV v0[10U x"l ,,",v 1tP0'PTJ""'v, Z2 o,x",ocrUVTJ O ilEOV o,. 1tLer"EW

21

'I1]O"ou Xpt.O"'tOU ELt; 1tIx''J'ta 't'o 7tLO""t'Euov't'a. OV yap

EO""C't.V Ol.fXO""t'O-

:q, "1ttiV"E y.p ij[1"P"ov x"l er"Epovv"a, "ii oO!;TJ "OV ilEOV "o,
Xa'OU[1EVO' OWpE.V "'ii ",;"ov xtip,,,, o,. "ii "'1to).u"pwerEw "ii v
Xp,er"'ii> '!TJerov' 25 8'.1 1tPOilE...-G oilEO !).acrt1;p'OV l,,,, ["'ii] 1tLcr"'EW
v "'ii> au",ov al[1a"" EL ~VOEL!;'v "'ii l,xa,ocrUvTJ "u'tov
't1]V 1tti
pEer,v, 't"'v 1tpOyEyOVO'twv "'!1ap'tTJ[1"''''WV 26 v"tii ",vox'ii 'tov ilEOV,1tP
't1]v ~VOEL!;'" 'tii l,x",ocrUVTJ au'tov v "ii> vvv x"'Pii>, Et 't E,va,
au'tv oLxa,ov x"l /),xa,ovv't" "'v x 1tter'tEw '!TJerov.
Tl 1tOV ovv 1] xaUXTJer'; !;EX).ELcri}TJ. /), 1tOLOU V0[10U; 't"'v ~pywv; OUXL,

o,

t"
Rom.

3,21-]1

}').. liL. VO[lOU 'lt("'tEW<;. ")"o1'Ll;O[!Eil" 1'.p liLX"LO"il"L 'lt("'tEL /iv

ilp"l'lto" XWpL ~P1'W" VO[lOU. "l 'Iouli,,(wv O ilE [l0"0"; OXL X",
EwGiv; V", x"l EwGiv, "EL'ltEP d O ilE 8 liLX"LW"EL 'ltEPL'tO[li]" EX
'lt(O"'tEW X"L lixpo[1uO"'t("" liL. 'ti'j 'ltLO"'tEW. 31 ,,6[lOV OV" X"'t"P1'O'
[lE" liLIi 'ti'j 'lt(O"'tEW; [li] 1""OL'<O' Ii)")". "0[l0" l"...Ii"O[lE".
21 Ora invece senza il concorso della legge si rivelata la giustizia di
Dio attestata dalla legge e dai profeti, Z2 e la giustizia di Dio mediante
la fede in Ges Cristo si applica a tutti coloro che credono, senza di
stinzione. 2J Tutti invero hanno peccato e sono privi della gloria di
Dio 24 e tutti vengono giustificati dalla sua grazia in virt della reden
zione che si attua in Ges Cristo. 25 Dio infatti, tenendo fede all'alleano

za, ha stabilito lui come strumento di espiazione nel suo sangue, al fine

di manifestare la propria giustizia (per la remissione dei peccati com


messi dianzi l6 al tempo della pazienza di Dio), al fine, dico, di mani
festare la

pr~pria giustizia nel tempo presente, cos da essere giusto in

quanto giustifica chi ha fede in Ges.


:li Dov' ora il vanto? escluso. Da quale legge? Dalla legge delle ope
re? No, dalla legge della fede. 28 Noi pensiamo infatti che l'uomo giu
stificato per la fede indipendentemente dalle opere della legge. "O forse Dio soltanto Dio dei Giudei e non anche dei gentili? S, anche dei
gentili, 3Q perch vi un solo Dio che giustificher per la fe?e tant~ i
circoncisi quanto gli incirconcisi. 31 Ma allora con la fede nOI annullia
mo la legge? Non sia mai detto; anzi, confermiamo la legge.

i:

Nell'ambito di questa pericope, che rappresenta il primo


vertice della lettera ai Romani, in quanto essa - preparata
solo da 1,17 e 3,20 - reca l'affermazione fondamentale dell'evangelo paolina circa la OL"aLOCTVVT) l}EOU rivelata in Ges Cristo, si possono distinguere due parti che, per contenuto e forma, hanno carattere diverso. Quanto al contenuto, vien detto: I. che la giustizia di Dio ora apparsa ed divenuta accessibile a chi ha fede (3,21-26); 2. che la giustificazione, la
quale esclude ogni vanto dell'uomo, pu essere conseguita da
chiunque, non con le opere, bensi con la fede, e che proprio
in tal modo viene ristabilita la legge nel suo vero senso, ossia
come volont originaria di Dio. Per quanto concerne la far.
ma, nei vv. 21-26 predomina una sorta di stile proclamatorio,
il quale assume una certa solennit per l'accentuazione o la ripresa di taluni concetti fondamentali (oL"aLOCTVVT) )Eou, OL"aLouv, 1tlCT'nt;, 1tLCT"tEVELV, l11to.v-tpWCTLt;, t,aCT'tilPLoV, ELC;
EVOELLV, 1tpt; 'tl}V EVOELLV), per la frequenza di nessi prepo-

sizionali (OLa, V, Ett;, 1tpet;) e per lo scarso impiego di verbi e


aggettivi. Invece nei vv. 27-31 ritorna lo stile della diatriba in
polemica con un avversario fittizio nel quale si riconosce il
giudeo, con una triplice ripresa di domanda e risposta, la quale due volte mette capo all'enunciazione di una tesi paolina
fondamentale (vv. 28-30), che risulta cosi pi efficace.
2I. Il versetto, e quindi tutta la pericope, cominciano con un
vuvl, messo innanzi in posizione enfatica e contrapposto, mediante un o, al discorso precedente. vuvl (o vuv) pu avere
in Paolo un significato <<logico, o anche temporale. Per la
prima accezione dr. ad es. 7, I 7; I Coro 13,3. Pi frequente
per negli scritti dell'Apostolo il vuvl temporale, che, in complesso, si riferisce a due aspetti della storia della salvezza. Da
una parte esso designa il nunc del nuovo eone instaurato dall'evento salvifico di Cristo, un nunc che pu dirsi vuv "aLpet;, il tempo attuale, che si sostituito a tutti i tempi trascorsi (dr. 3,26; 8,18; I I ,5; 2 Coro 8,14). Cosi va inteso vuv,
ad es., in I Coro 15,20; 2 Coro 6,2; anche in Eph. 3,5.10; Col.
1,22.26; 2 Thess. 2,6; Rom. 16,26. Ma il vuv indica anche
l'inserimento del credente in questo tempo attuale; cosl,
ad es., 6,21.22; 7,6; 8,1; inoltre Eph. 2,13; 5,8; Col. 3,8.
A mezzo tra i due vuv si trova quello di 5,9. I 1. Nel nostro
passo con vuv s'intende ovviamente il nunc della storia della
salvezza, il momento presente, che con la vicenda salvifica di
Ges Cristo denota l'avvento del nuovo eone. Si tratta di quel
momento che pu essere caratterizzato anche in altri modi:
cosi, ad es., in Gal. 4,4 come pienezza dei tempi, oppure in 2
Coro 5,17 come novit o rinnovamento delle cose, o anche, in
I Coro IO ,I I, come esperienza della fine degli eoni.
Ma che cos' accaduto ora (v. 21)? Qual il fatto per cui
il tempo antico giunto alla fine e tutto si rinnovato? Che
cos' avvenuto ora, in contrasto col tempo descritto in I,
18-3,19, quando l'ira di Dio si manifestava contro i pagani e
segretamente si accumulava contro i Giudei? Ora apparsa la oL"aLOCTVVT) )EOU. Per la terza volta, dopo 1,17; 3,5,
ritorna l'espressione oL"aLOCTVVT) l}EoU, e questa volta non di

T
186

Rom.

],2l

passaggio, ma con un preciso valore tematico; per convincer


sene basta osservare che giustizia di Dio ricorre quattro vol
te in 3,21-26 e che al v. 24 si parla dei oLxaLov~EvOL e al v. 26
Dio presentato come il olxaLo xal oLxaLwv I. La manifestazione della OLxaLoa-vVTj }EOU viene ora posta in luce secondo vari aspetti. Gi l'enunciato di I,I7 ci aveva fatto ritenere
che la giustizia, la quale presentemente nell'evangelo, potenza di Dio, investe chi ha fede, indichi un evento che sovranamente afferma la potenza sua nell'evangelo. Qui, in 3,3,
la oLxaLoa-vVTj }Eou designata in maniera pi precisa come
l'evento della fedelt di Dio; tale evento porta alla luce la
verit di Dio (3,4.7), ossia l'agire di Dio, il quale dimostra
la sua verit nella sua fedelt, quell'agire nel quale si manifesta anche la gloria di Dio (3,7). In 3,21 si dice appunto che questa giustizia di Dio si ora manifestata. Si badi
che qui, come in 1,I7; 3,5 e poi in 3,22 ed anche in 2 Coro 5,
2 I, OLxaLoa-VVTj }EOU senza articolo, mentre l'articolo si trova quando della giustizia di Dio si parla non al nominativo
e quindi non come soggetto (cos in 3,25 s.; IO,3; cfr. Phil. 3,
9). Ci potrebbe mostrare che oLxaLoa-vVTj }EOU concetto
preesistente a Paolo; che l'ha ripreso senza per mantenerne
sempre il significato tradizionale, come risulta, ad es., da IO,
32. A noi per interessa soltanto il modo in cui Paolo inten
de la giustizia di Dio nel nostro contesto 3. Si tratta invero

! ;

3,21

Rom 3,24~26, in Exeg. Verso und Besinn. I 96-100; Id., Gotfesgerechtigkeit bei
Paulus: ZThK)8 (1961) (= Exeget. Verso und Besinn. II, 1964, 181-193); Id.,
Recht/erfigung und Heilsgeschicbte im Rom, in Paulin. Perspektiven 108-139; R.
Bultmann, dT.XalooaVv1} ilEOU: JBL 83 (1964) 12-16; Id., Tbeologie des N.T.
(5 19 6,) 271-28,; Conzelmann, Grundriss (1967) 237-243. Inoltre W.H. Cadrnan,
.6.LXa.LOuVV1} in Roman ),2I-26, in StEv n, ed. F.L. Gross, Berlin 1964,532-534; J.
Cambier, L'E.vangile de Dieu I (1967) 66-146.
2. La mancanza dell'articolo andr annoverata tra i semitismi di traduzione; in
Rom. 3,26; 1O,3b l'articolo anaforico e rimanda ad un concetto noto; in 10,3a

di una interpretazione che in certo modo rappresenta per lo


meno un'apertura sul concetto veterotestamentario di giustizia di Dio. Anche se negli scritti pi antichi dell'A.T. giustizia di Dio (sdqt jhwh) non una dizione abituale (ma si
veda Deut. 33,21), essa indica per fondamentalmente l'agire
di Dio che salva il suo popolo; da questa accezione si svolge
poi a indicare la permanente fedelt di Dio all'alleanza, e tale
significato assume col Deuteroisaia una portata escatologica
e universale. In Paolo la giustizia di Dio si carica di un significato escatologico. Ora apparsa la giustizia di Dio,
apparsa cio nell'operato escatologico di Dio che salva e giudica. epavEpouv in Paolo ha un duplice significato: I. comunicare, annunziare, portare alla luce, far vedere, mostrare, ossia un modo di rivelare nel quale ha particolare
spicco il momento del comparire in piena luce (per es. I,
19.20, ma anche rCor.4,5; 2Cor.5,Io ecc.); 2. far accadere (nella manifestazione). Dunque epavEpouv contiene insieme la nozione del venire alla luce e quella dell'efficacia di
ci che si manifesta (per es. r Coro 12,7, ma anche 2 Cor.4,2,
specialmente 2 Coro 2,14). Questo duplice senso si pu cogliere anche nel1tEepd.vpw--raL del nostro passo; esso quindi
vuoi dire che la OLxaLoa-vVTj }Eou venuta alla luce e si esplicata efficacemente; notevole in proposito anche l'uso del perfetto, il quale indica trattarsi di un evento unico e irripetibile, che come tale perdura coi suoi effetti nel presente.
Questa manifestazione di una oLxaLoa-vVTj i}Eou rivolta a
noi, operata ora da Dio (cfr. il passivo), si attuata xwpt ve~ov. Questo nesso, che ha gran rilievo per la sua collocazione
anticipata, , nella frase, il terzo elemento di caratterizzazione. Il v6~o naturalmente quello stesso che produce, come
test si detto (3,20), l'esperienza del peccato. E in riferimento a questo effetto della legge, xwpl significa che la giustizia
di Dio intervenuta senza cooperazione di sorta, quindi senza
avvalersi in alcun modo del ve~o. Il testo non consente qui

condizionato dall'antitesi; cfr. Blass-Debr. 259; L. Raderrnachef u6.


3. Per la preistoria del concetto - il motivo veterotestamentario della giustizia di
Dio, il modo in cui esso fu inteso nell'apocalittica tardogiudaica, il suo-impiego

negli scritti di Qumran e nei rabbini - dr. la chiara ed accurata indagine di K. Kertelge, Rechtfertigung, specialm. 1'-28.

I. Per OT.xa.T.OuUVi} &ov, cfr. la bibliografia in G. Schrenk II 194; Kasemann 18 s.,


e soprattutto la discussione relativa in P. Stuhlmacher, Die Gerechtigkeit Gottes
bei Paulul (FRLANT 87), GOttingen 1963; E. IGisemann, Zum Verstiindnis von

: :

Rom.

188

'"

" , I,

una distinzione pi precisa. Di per s xwpte; vOIJ.OV si potrebbe intendere anche nel senso di al di fuori della legge, ma
sarebbe un significato troppo debole. L'opposto di xwpte; voIJ.OV in effetti OL!X VOlJ.ov. E xwpte; VOIJ.OV corrisponde a un
xwpte; Epywv vOIJ.OV (3,28; 4,6; Gal. 2,16; 3,5). La legge non
aveva alcun legame con la manifestazione della giustizia di
Dio, in quanto non produceva tale manifestazione; come fattore di salvezza, la legge ha finito la propria parte. Per un altro
verso, invece, un legame esiste: la giustizia di Dio, che ora si
manifestata senza il concorso della legge, gi attestata
dalla legge e dai profeti, ossia dalla Scrittura e in primo luogo della tor. Essa quindi si ricollega alla storia d'Israele e
perci la sua irruzione come fatto salvifico sulla scena del mondo non alcunch di nuovo e di inatteso. Legge e profeti
una formula con la quale la primitiva tradizione cristiana designa l'A.T. (cfr. Mt. 5,17; 7,12; I 1,13; 22,40; Le. 16,16; Aet.
13,15; 24,14; 28,23 [10.1,45; Le. 24,44]). Una formula tripartita con .jJaIJ.OL (cfr. Le. 24,44) invece rara nella letteratura veterotestamentario-giudaica. Il nesso bimembre non
stato per coniato dai cristiani, come dimostra 4 Maeh. 18,10:
oe; OLoaO"XEV VIJ.!Xe; En WV crv VIJ.LV "tV VOIJ.OV xat "toe; 1tpOepTJ"tae; (cfr. 2 Maeh. 15,9; Eeclusprol. 8s.). Legge e profeti
furono dunque gi testimoni della oLxaLocruV1] }EOU. In riferimento all'A;T., lJ.ap"tvpELV 4 usato solo qui da Paolo, mentre si trova in IO5,39.46s.; 1,45 e Aet. 10,43; Le. 24,27.
45 s. Una sola volta Paolo adopera il verbo parlando dell'evangelo: ICor. 15,15. Non si tratta perci di un concetto specificamente paolina. Il senso che Paolo attribuisce a questa testimonianza dell'A.T. risulta, ad es., da 10,5 ss.; inoltre dal
cap. 4, e da Gal. 3 e 4 ec. L'Antico Testamento, tor e profeti, gi preannunziava e prometteva quella giustizia di Dio
che ora si manifestata con Ges Cristo e viene bandita nell'evangelo.
22.

I,

Rom. 3~2I.22

Ma di che natura questa giustizia? E come viene elargi-

4. In !J4p-t'UPEL\1 contenuto il momento della proclamazione pubblica.

Rom.

),22

ta? La prima risposta l'abbiamo da questo versetto. Il o ha


valore esplicativo e indica un contrasto. La oLxaLocruV1] }EoU
una particolare giustizia di Dio e la specialit sua consiste
nel modo in cui si diviene partecipi di essa. Si tratta infatti di
una oLxaLocruV1] }EOU OL!X "tTi 1tLcr"tEW XPLcr"tOU 4a. Il genitivo XPLcr"tOU oggettivo. La giustizia di Dio diviene quindi
presente o accessibile mediante la fede in Cristo (cfr. 3,26;
Gal. 3,14.20; 3,22; Phil. 3,9; Eph. 3,17). Essa dunque, come
subito risulter chiaro, deve avere un qualche rapporto con
Cristo. Il senso di 1tLcr"tLC; controverso; si pu intendere la
fede in contrasto con VOlJ.o, ossia in senso oggettivo come
la nuova via e il nuovo patrimonio di salvezza, come il messaggio della fede' (cfr. Gal. 1,23; 3,23.25, o Rom. 3,27 [voIJ.OC; 1tLcr"tEWe;] , o ancora 10,8 [pTilJ.a "tTic; 1tLcr"tEWC;]); in altre
parole come fides quae creditur, oppure possibile interpretare il vocabolo secondo un'altra accezione che in Paolo pi
frequente, nel senso di atto di fede, fides qua ereditur. Si potrebbe per obiettare che la nozione di fides qua ereditur
espressa nell'dc; 1tav"tac; "toC; 1tLcr"tEuov"tac;. Ma va osservato
che: I. 1iL!X 1tLcr"tEWC; in altri passi paolini si pu intendere anche nel senso di fides qua creditur (3,25.28.30; Gal. 3,14;
Eph.2,8; 3,17; I Thess. 3,2), e 2.che dC; 1tav"ta "to 1tLcr"tEuov"ta stato aggiunto a motivo del1tav"tE, il quale risponde al1tav"tEe; di 1t!XV cr"tOlJ.a (3,19); lo dimostrano le considerazioni che vengono subito dopo incentrate sui 1tav"tE e
quindi sull'universalit della salvezza (3,23.25S. 29.30) 6. 3.
1tEepavpw"taL oLxaLocruV1] }EOU OL!X 1tLcr"tEWe; corrisponde a
ov 1tPO}E"tO }E tacr"tTJPLoV (v. 25). In entrambi i casi siamo di fronte a un evento salvifico che accessihile solo attraverso l'atto di fede o per la via della fede. La giustizia di Dio
della quale ora si tratta, quella giustizia che gi l'A.T. ha indicato, ma che si manifestata nel presente, una giustizia a cui
43. 'l'I1CTOU XPLa''t'O: S G fil DP' Cl; 'JT)CTOU: B Mcion.
,. Bultmann in ThWb VI 2!4; Kuss, Exkurs, in Glaube 136i Wilckens, Zu Rom
),2I-4,25: EvTh 24 (1964) ,86-6IO; G. Klein, Exegetische Probleme in Rom ),
2I-4,2j. Rekonstruktion und Interpretation I70;I79.
6. Cfr. Et 1t(iv-rocc; xaL :1tt 1ta.v"tt7.c;:
DG 33 pm Vg"I.

sr

Rom. 3,22-24

accede soltanto la fede in Cristo; pi precisamente, tutti coloro che hanno fede, senza eccezioni di sorta e senza il concorso della legge.
22b-24. L'essere questa giustizia di Dio accessibile a tutti i
credenti risponde alla situazione presente dell'umanit, che,
come abbiam visto, tale da oscurare e nascondere pur sempre
la giustizia di Dio (cfr. 1,18). I vv. 22b-23 forniscono una motivazione all'enunciato del v. 22a. Essi fanno riscontro al concetto che gi i vv. 19b e 9 avevano formulato in diversa forma
e sulla cui dimostrazione converge tutta la parte della lettera
che va da 1,18 a 3,20. Ora silegge: ov yap cr"tw OLa.cr"to:rr
7tav"tEC; yp 11lJ.ap"tOV. OLacr"to.1), vocabolo che ricorre su iscrizioni e papiri e anche nei LXX (cfr. I Coro 14,7), significa differenza, distinzione. Hanno peccato tutti senza differenza
o distinzione di sorta. Il 7tCiV"tEC; 11lJ.ap"tOV del v. 23 nella sostanza era stato gi enunciato in 2,12; 3,9 e ritorna poi in 5,
12 S. La conseguenza o l'effetto di questo peccato generale
cbe tutti gli uomini vcr"tEpouv"taL "tiic; 06~1]C; "tou ikou. Il xaL
ha senso consecutivo. vcr"tEpELcrllaL al medio vale mancare
di, essere priv, come in I Coro 1,7; 8,8; 2 Coro II,9; Phil.
4,12. Il contrario sarebbe 7tEpLcrcrEVEW. proprio questa.conseguenza o effetto del peccato a determinare la presente condizione umana in cui si rivelata la giustizia di Dio. 06~a indica qui la gloria,> che gli uomini possedevano un tempo in
quanto creature di Dio, e non quella che possederanno in avvenire, come intendono, ad es., Kuhl, Schlatter, Nygren, AItbaus, Kuss. Altrimenti vcr"tEpELcrllaL dovrebbe significare essere inidoneo a: tutti hanno peccato e sono perci caduti
in uno stato che li rende inidonei alla gloria futura del compimento escatologico (la quale per nei credenti sin d'ora presente in forma misteriosa ed embrionale) (cfr. 2 Coro 3,18).
Ma, a prescindere dal significato di cr"tEpELcrllaL, il fatto di
commettere azioni peccaminose potrebbe rendere gli uomini
<<nidone a quella gloria futura che la fede anticipa? Non
possono forse convertirsi e pervenire alla fede? In realt il
senso del testo piuttosto che coloro i quali hanno peccato

Rom. J,:22b-24

(7taV"tEC;!) non posseggono la 061;a delle creature. Questo della 061;a e della sua perdita un motivo che ricorre anche negli
scritti giudaici, tanto rabbinici, quanto apocalittici. Leggiamo
cos che Adamo era rivestito di 061;a. Questa 061;a era la sua
oLxaLocrvV1] ed egli la perdette col suo peccato. Dovunque c'
il peccato, questa 061;a scompare, mentre invece i giusti la
ricevono. Oppure si legge che la 061;a, l dove esiste, si accrescer nel giorno del giudizio. Diamo alcuni esempi. Vito Ad.
20 s.: Contemporaneamente mi si aprirono gli occhi e conobbi che ero spoglia di quella giustizia, che era stata il mio vestito. Allora piansi e dissi: 'Perch hai fatto in modo che venissi privata della mia gloria di cui ero rivestita? ' (dice Eva al
serpente). E Adamo dice ad Eva: O empia donna, che hai
fatto? Tu mi hai privato dello gloria di Dio!. Della gloria di
Dio che l'uomo ha perduto si parla anche in Bereshit Rabba
12,36: Adamo perdette la gloria per cagione del peccato.
Cfr. Pirke Aboth, R. El. 14 (7d,7); Ceno R. I I (8a) e passim 7.
Un altro esempio Bar. gr. 4,16: Sappi ora, o Baruch, che,
proprio come Adamo per cagione di questa pianta (la vite) riport la dannazione e fu spogliato della gloria di Dio, cos anche gli uomini d'oggi, quando bevono in quantit sovrabbondante il vino che si ricava da quella pianta, commettono una
trasgressione ben peggiore di quella di Adamo e con ci si
allontanano molto dalla gloria e si consegnano da s al fuoco
eterno (cfr. Bar. syr. 51,1 ss.). Nei testi di Qunran la 061;a
adamitica insieme presente e futura (cfr. I QS 4,23; I QH
17,15; Dam. 3,20). Ma anche lo stesso Paolo conosce, come
abbiam visto, il nesso fra 061;a e creatura (1,20.23) e la perdita di questa gloria per opera di Adamo (8,17-22), come pure il legame che intercorre fra questa llEou oLxaLocrvV1] e la
061;a (3,5.7; 8,30). Quest'ultimo legame risulta anche dal nostro passo. Infatti al V. 24, in sostanziale antitesi col V. 23. si
legge: Essi vengono giustificati gratuitamente. Il trovarsi
un participio all'inizio del V. 24 non di per s indizio che il
versetto contenga, come pensano Bultmann, Kasemann, Ker-;. Cfr. Strack-BiI1erbeck

IV

887.940 s.

Rom. }.22b-24

telge e altri, un enunciato che Paolo attinge, modificandolo e


correggendolo, a una tradizione precedente; si tratta invece
dell'uso, attestato anche altrove in Paolo (cfr. 2 Coro 5,6; 7,5;
8,18 ss.), dixiprendere il verbo finito con un participio'.
Troviamo ora otxatoveri}at per la quarta volta (dopo 2,13;
3.4.20). Se nei casi precedenti il signific~to era esser dichiarati giusti, oppure (3.4) risultare giusti nel processo, tale
accezione qui inammissibile, giacch si tratta ora di un concreto mutamento che investe colui il quale, in quanto peccatore, privo della gloria di Dio. Il nostro contesto dimostra
come sia mutato il senso originario di otxatovv. Stando appunto al contesto, otxatoverlht : 1. il contrario di a[.Lap"rtiVEtv o in primo luogo di er"rEpovv"rat "rfie; 061;Tje; "rOV DEOV.
Dunque la 061;a di Dio viene riacquistata, ma non ancora
specificato in che consista. Ad ogni modo nelotxatovcri}at la
gloria di Dio ritorna su colui che aveva peccato_ 2. otxatovcri}at un evento che si attua per il credente (v. 22), del quale
stato detto che attraverso la fede riceve la otxatoeruvTj DEOV.
L' essere dichiarato giusto dunque un divenire partecipe,
nella fede, della giustizia di Dio, la giustizia di Dio che si
attua per i credenti. Un OtxaLOU[.LEVOe;, un dichiarato giusto,
un uomo al quale nella fede si dischiusa ed pervenuta la
. otxatoeruvTj i}EOV, quella otxatoeruvTj DEOV che, secondo 3,3,
non altro che la 7t(er"rte; "rOV DEOV e, secondo 3.4.7, la sua a.i}DEta. Il giudizio di Dio possiede una forza creatrice. La giustificazione del peccatore ha un significato non soltanto fo8. Blass-Debr. 4SS,!. Anche gli altri argomenti addotti dal Bultmann, Theologie
(5 19 6,) 49 e corroborati dal Kasem~nn. Zum Verstiindnis von Rom ),24'26: ZNW
43 (195/51) 150-154 (= Exeget. Verso und Besinn. l,196o, 96.100) - dr. anche
E. Lohse, Miirtyrer und Gottesknecht (!I963) 149 n. 4; P. Stuhlmacher, Gechttgkeit Gottes 86-91; e Kertelge, Rechtfertigung 53-62 - per dimostrare che in 3,2425 (26a) Paolo avrebbe ripreso una formula}), non hanno, a mio avviso, il peso
che si attribuisce loro. Prescindendo da altri particolari, bisogna pure domandarsi:
1. di che genere la supposta formula o tradizione e in che ambito si pu col~
locare? 2. Perch Paolo nel bel mezzo della frase dovrebbe incorrere, per dir cos1,
nella citazione di una formula? 3. Una considerazione metodologica e di principio:
quando si trova un termine che Paolo altrove non usa, oppure usa di rado (ad es_
aliJ.(l. i..aq"n;pLov, 1to)..u"t"pwcnc; ecc.), ci significa forse necessariamente che l'A
poslOlo riprende una formula tradizionale?

I93

rense, ma, in quanto forense, anche 'effettuale' (Kertelge,


Reehtfertigung 123). 3. Ci risulta ancor meglio da quanto
segue, ossia dalle indicazioni pi precise che vengono fornite
sulla maniera in cui si attua il otxatovcri}at. Anzitutto, il OtxatoverDat avviene owpEav, che qui vale senza pagamento,
nel senso di gratuitamente, a mo' di dono. Cfr. ad es.
~,,,..
EX.2I,II: owpEav
avEU apyuptou; M t.10,8; A poe.21,6;
22,17; Paolo (2 Coro II;7; 2 Thess. 3,8; Rom. 5,17) parla di
una owpEa "rfie; OtxatoeruVTje; che l'uomo riceve (cfr. 5,15). Il
credente ottiene la otxatoeruvTj i}EOV senza averla meritata con
nessuna opera. Coloro che ricevono gratuitamente sono
gli stessi che peccarono e che son privi della 061;a i}EOV. Ma la
giustizia di Dio si impadronisce di loro presentandosi come
un dono 9. Al owpEav corrisponde "rTI a"rov Xtipt"rt. Il dativo
indica il modo in cui si compie la giustizia di Dio, ossia come
grazia (cfr. 5,15.20 s.; 6,1.17; 7,25; I Coro 15,9 s.; Eph. 2,
5. 8 ; Tit. 3,7 [Hebr. 2,9; 13,9]). Ma ilowpEtiv e la Xapte; come si sono concretamente attuati? o~a "rfie; a7to.u"rpwerEwC;
"rfie; EV Xpter"r@ 'ITjerov_ i) a7to.U"rpwerLe;, vocabolo attestato
nelle epigrafi a partire dal n/r sec_ a.c. (il verbo gi in Platone, Demostene e altri) IO, indica, strieto sensu, l'affrancamento del prigioniero di guerra, dello schiavo, del delinquente (cfr. anche ep. Ar. 12,35; los., ant. 12,27; Philo, omn.
prob.lib. 114, e in senso pi largo liberazione, redenzione, e sim., ad es. Dan. 4,34. Tale appunto l'accezione predominante anche nel N.T., ad es. in Hebr. I I ,35 (in riferimento a peccati precedenti) e 9,5. Secondo I Coro 1,30, Cristo divenuto la nostra redenzione. In lui abbiamo, secondo
Eph. 1,7; Col. 1,14, la redenzione mediante il suo sangue.
Per indicare la liberazione escatologica troviamo a7to.u"rpwene; in 8,23; Eph. 4,30 (Le. 21,28). Anche in 3,24 il termine
inteso nel senso di riscatto. che avvenuto in Ges Cristo.
a7to.u"rpwerte; non dunque, anche nella sua accezione originaria, un termine giuridico, e neppure deriva da una tra9. owpeav accusativo di owpea, usato avverbialmente.
IO. Bauer, Wb. 190 s.

194

dizione non paolina, giudeocristiana, bensi un vocabolo familiare all'Apostolo che lo usa in senso generale (cfr- 8,23; I
Coro 1,30). Resta ora da chiedersi come si debba intendere
EV XpLCT"t't;l 'I1]CTou. Un significato strumentale possibile (Michel), ma, per analogia con 8,38; Gal. 3,14, sembra meglio
intendere <mella o con la persona di Cristo, il quale, come
gi abbiamo visto, secondo I Coro I ,30 la nostra redenzione.
Non ci pare si possa intendere come vuole il Kuss, che cio in .
Ges Cristo la redenzione si applica al singolo: L'applicazione della redenzione al singolo ... , la quale si attua nella
sfera di Cristo. Infatti oL "t'iic; 'ltO,U"t'PWCTEWC; spiega il "t'TI
XaPL"t'L e quindi il compimento della grazia di Dio, e quest''ltO,U"t'PWCTLC;, in quanto evento di redenzione che si attua in
Cristo eeon Cristo, viene meglio specificata nei VV. 25 s.
Dunque tutti coloro che hanno peccato e sono privi della
OOIX. di Dio vengono giustificati in quanto la giustizia di Dio
si dischiude a coloro che hanno fede, attuandosi come grazia
in Cristo e con Cristo senza il concorso preventivo di prestazioni umane. Il OLXIX.LOuCTl}IX.L, che, come abbiamo visto, un
termine processuale e forense, indica qui sostanzialmente un
atto efficace di grazia, che si compie in una storia di grazia,
quella di Ges Cris to, e che, mediante la fede, viene sperimentato dal credente. insomma l'atruarsi della giustizia di Dio
nella grazia di Ges Cristo, la quale si dischiude a chi ha fede.
25. Una frase relativa collega il versetto a quanto precede.
Neppure questo legamento basta di per s a indicare, come
ritengono invece molti esegeti, che qui Paolo riprenda un e- .
nunciato gi presente nella tradizione. I sostenitori di questa
ipotesi si richiamano a 4,25; Phii. 2,6; Col. 1,3 e a testi analoghi. Ma in questi casila ripresa di formule tradizionali confermata dallo stile, dal ritmo, dai concetti non paolini e da particolarit analoghe. Nulla di tutto ci si trova nel nostro passo. Qui certamente non v' sullo sfondo una professione di
fede o un inno. Soltanto i termini usati risentono forse di una
tradizione e non appaiono specificamente paolini. Ma ci pu
al massimo indicare la ripresa di concetti tradizionali, non di

Rom. 3.25

195

formule prepaoline. I vv.25 e 26 costituiscono un unico enunciato dottrinale, in cui il V. 2 5a rappresenta la proposizione
principale, che si integra con due indicazioni di significato finale strutrurate in modo non esattamente parallelo: dc; EVOELW (v. 25b) e 'ltP "t''jv EVOELW (v. 26a) e mette capo ad
una frase consecutiva (v. 26b). In primo luogo si afferma (v.
25a) che Dio ha fatto di Cristo Ges un t,IX.CT"t'TJPLOV, il quale
viene riconosciuto e afferrato mediante la fede. Il relativo OV
indica naruralmente Cristo Ges 11. 'ltPO"t'Ll}ECTl}IX.L qui non pu
significare, come in Rom. 1,13; Eph. 1,9 proporsi, risolvere ecc., bensi va inteso in uno degli altri significati che hanno riscontro nell'uso greco-ellenistico, ossia: a) esporre in
pubblico, ad es. Hdt. 31,48: 'ltO"t'TJPLIX. XpUCTEIX., cfr. Thuc. 7,
34: "t' Oa'CTIX. 'ltP0"t'Ll}ECTl}IX.L "t'wv a'lto'rEvo[1vwv 'ltpO"t'pL"t'IX. CTX1]v'jv 'ltOLTJCTIX.V"t'E<;; b) affiggere pubblicamente, notificare,
riferire e sim., ad es. UPZ 106,20 (II sec. a.c.): E'lt'IX.u"t'iic;
"t'iic; OtXL!X.<; 'ltP0"t'Ll}ECTl}IX.L EV ,EUXW[1IX."t'L, cfr. P. Oxy. VIII
~
, r[1IX."t'OC; 'ltpO"t'EvEV"t'OC;
" . .U'lt "IX.U"t'OU-,EV
11002 ( 20 6 dC)
. . : uLIX."t'
IX.'
"t'TI ,IX.[1'ltpO't'ci"t'n 'ltO,EL "t'WV 'A,EIX.vopLWV av't'L'rpIX.q>OV; c)
riferire, drizzare pubblicamente, ad es. IG IX (2) II09,
35 (II sec. a.C.); d) erigere, porgere, metter fuori e
sim. ad es. Syll. 325 (= '708),15: "t'LCTLV o 't'wv 'ltO,L"t'WV
E[tC;] .U't'PIX. 'ltpO't'Ll}etc; (scii. XpTJ[1IX.'t'IX.) EOELEV IX.u"t'v 'ltPC;
'ltiiCTIX.V vav't'1]CTLV 't'WV CTWSO[1EVWV EUO[1EL,1]'t'OV. Nel nostro
contesto non si tratta tanto di render noto pubblicamente,
quanto di esporre in pubblico, presentare, offrire, ossia di una generica accezione intermedia fra a), c) e d). Qui, infatti, non si parla dell'evangelo (come in Gal. 3,1), bensi del- .
l'evento che l'evangelo rende presente. E l'evento consiste per
l'appunto nell'avere Dio pubblicamente esposto, presentato,
mostrato Cristo Ges come t,IX.CT't'TJPLOV.
t,IX.CT't'TJPLOV attestato nel N.T., oltre che qui, in Hebr. 9,
5, dove indica, in una enumerazione degli oggetti che si trovavano nel Sancta Sanctorum del tempio, il coperchio dell'arII. Cfr. anche 1tp6fl"EcrW; nel senso di 'proposito' in
II; 2 Tim. I,9; 3,10.

Rom.

8,28; 9.IIj

Eph.

l,II; 3.

I,
I
,

'

19 6

,
, !

Rom. 3,25

ca, dell'alleanza. Con ci Hebr. 9,5 riprende l'uso linguistico


dei LXX. In Ex. 25 ,I71a kapporet per la prima volta viene designata con L)"aO""tl}pLov E1ttltE!J.a, mentre negli altri casi la traduzione il semplice L)"aO""tl}pLov (Ex. 25,r8 ss.; 31,7; 35,12
ecc.), che dunque il neutro sostantivato dell'aggettivo D..r:-O""tl}pLOC;. La kapporet poi il luogo sul quale Jahv appare lfl
una nube. Essa viene spruzzata col sangue espiatorio delle vittime, che in questo modo deve avvicinarsi il pi possibile alla
divinit (Lev. 16,14). Quale importanza ci avesse, balza e,:,idente dal fatto che in I Chr. 28,1 I il Sancta Sanctorum chIamato bet hakkapporet. Filone riprende l'uso del vocabolo in
senso tecnico (cher. 25; vito Mos. 2,25: 7ttltE!J.a wO"aVEL O"w.!J.a "t .Ey6!J.EVOV v LEPO"LC; !3L!3.tOLC; L.aO""tl}pLov; dr. 2,37),
mostrandosi cos ben consapevole di usare un termine biblico. Ma non questo l'unico significato di L.aO""tl}pLov nel giudaismo ellenistico. Nei LXX L.aO""tl}pLov anche traduzione
di 'aziira una delle parti dell'altare degli olocausti di cui parla
Ezechiel~, la quale nel rito della purificazione e dell'espiazione viene bagnata con un po' di sangue della vittima (Ez: 43,
14. Ii' .20; L.aO""tl}pLov "t !J.ya -"t !J.L%p6v). Il termine non
dunque legato a un particolare oggetto materiale, bens all'essere questo un luogo di espiazione. Cos Simmaco chiama L~a
(f"tl}pLovl'arca di No (Cen. 6,I6[ 15]), e, d'altro canto, GIUseppe Flavio, ad esempio, ignora L.aO""tl}pLov come designazione tecnica di quel coperchio" dell'arca dell'alleanza, ma parla una volta (Ios., ant. 16,182) di "tOU 10uc; L.aO""tl}pLov !J.v"ij!J.a usa cio L.aO""tl}pLov con valore di aggettivo come avviene ~nche in 4 Mach. I7 ,2 I s.: OL "tou L.aO""tl}ptoU lta\lri"tou,
attraverso la morte espiatrice e sacrificale. Il significato di
L.aO""tl}pLov non quindi vincolato alla kapporet e resta ben
viva la consapevolezza che L.aO""tl}pLoc; aggettivo e L.aO""tl}pLOV un neutro sostantivato. Ci risponde altres all'uso,linguistico ellenistico-giudaico, il quale conosce, da un lato, L.aO""tl}PLOC; aggettivo e col significato di conciliativo, espiatorio, ad es. P.Faj., Grenfell-Hunt (1900), p. 3,13 nr. 337:
[.aO""tl}pt!1-<; ltuO"tac;, e, dall'altro, il neutro sostantivato per
indicare un oggetto determinato, ad es. un'offerta votiva, co

Rom. 3,25

197

me in un'iscrizione di Cos (Paton-Hicks [1891], 81) risalente al tempo di Augusto: lii!J.oC; \J7tp "t"ijc; "tOU 'Au"t0%prl.1:0poc;
KatO"apoc; ltEOU ULOU ~E!3aO""tou O"w"tl}p(ac; ltEO"LC; L.aO""tl}pLov,
ibid. 347: d ~a"tprX.7t(jl L.aO""tl}pLov, Dio Chrys., or. II,
121: L.aO""tl}pLov OL 'AXaLoL "tU 'I.LrX.oL = vrX.ltl}!J.a %rX...LO""tOV %aL !J.yLO""tOV. Stando a queste testimonianze si dovr intendere, a mio avviso, L.aO""tl}pLov in Rom. 3,25 nel senso generale di mezzo di espiazione, forse anche di segno
di espiazione, realt espiatrice e sim. Oltre a quanto abbiamo detto, si consideri ancora che i lettori dell'epistola ben
diflicilmente avrebbero inteso l'uso di L.aO""tl}pLov nel senso
di kapporet 12 (l'Apostolo, peraltro, non sempre si d cura di
tali diflicolt), ma soprattutto che gli elementi della concreta
kapporet nonch avere un qualche significato nel nostro contesto, sono in contraddizione con quanto Paolo viene dicendo.
Non v' qui il significato di <<luogo della presenza di Dio e
nemmeno si parla dell'aspersione col sangue, bens del versamento di sangue inteso come l'evento in cui si compie il 7tpO"t(ltEO"ltaL deIl'L.aO""tl}pLov. Con v "t@ aL!J.a"tL si allude alla
morte di Cristo o pi precisamente al suo morire, come in 5,
9: IO; ICor. II,25; Eph. 1,7; 2,13; Col. 1,20. Se proprio si
vuoI pensare alla kapporet come a un tipo, il suo antitipo potrebbe essere la croce di Cristo, non Cristo stesso. Inoltre v"
da considerare che la kapporet non veniva innalzata o pubblicamente esposta.
Ecco dunque: tutti, Giudei e pagani, hanno peccato e vengono giustificati da Dio senza nessun merito precedente da
parte loro. Ora, questa giustificazione avviene in quanto
Dio, nella sua grazia, d corso all'evento del riscatto, il quale
fa tutt'uno con la persona di Ges Cristo ed avvenuto tramite Ges Cristo, che Dio ha pubblicamente stabilito e presentato come strumento di espiazione nel versamento del suo
sangue, nella sua morte cruenta sulla croce. Vero che, in
quanto L.aO""tl}pLov, Cristo pu essere riconosciuto e afferrato soltanto daUa fede. Il nesso lu~ 7t(O"1;EWC;, che tien dietro a
12. Kiimmel, rrci.pEO'LC; 265.

Rom.

),25

n.aO"'t"1)p~ov (ed omesso dal cod. A) non va trascurato. Non

:[

certamente il caso di vedervi la rielaborazione paolina di una


formula precedente, ma pu benissimo trattarsi di uno schiarimento paolino. Con o~. 1ttO"'t"EWC; si vuoi esprimere la certezza che il1tpo't"ti)EO"i)a~ [.aO"'t"1)p~ov, per quanto sia un evento storico e pubblico di questo mondo, pu essere compreso
e sperimentato solo tramite la fede l3.
Ma a che fine avvenuto questo 1tPOi)E't"O [.aO"'t"1)p~ov? La
risposta vien data dalle due espressioni di significato finale articolate in maniera pressoch parallela: EtC; EVOE~1;LV e 1tPC;
't"']v EVOE~1;LV. Non si tratta per di una risposta senz'altro
perspicua, e quindi controversa ne l'interpretazione. Procediamo passo passo. La pubblica presentazione di Ges Cristo
quale segno di espiazione avvenuta l. per mostrare o manifestare la giustizia di Dio. EVOE~1;~c; qui non significa certamente, come invece, ad es., in Plat., lego 12,96oB oppure in Filone, op. mund. 45.87, prova,> ('t"0 .'Y~!) o dimostrazione,
bens manifestazione, come ad es. in Aeschin., Ctesiph. 3,
21 9 (ed. Blass, p. 271). lo stesso significato che ritorna in .
2 Coro 8,24 e forse anche in Phil. 1,28. Esso risulta in primo
luogo dall 'uso inequivocabile del verbo VOELxvvva~ nella medesima accezione (2,15; 9,I7.22; 2Cor. 8,24; Eph.2,7; I
Tim. I ,I6 ecc.), la quale del resto si trova gi nella lingua profana (ad es. ThuC.4,126: 't" Eil<jJuxov VOE~xvvva~, dimostrare coraggio; Aristoph., Plut. 785: Eilvo~av VOE~xvvva~,
dimostrare benevolenza) e allo stesso modo nei papiri, nei
LXX e anche test. Zab. 3,8 ecc. 14. Il senso dunque che Dio ha
esposto pubblicamente nel cosmo Ges Cristo quale (strumento di) espiazione, o, se si preferisce, l'ha offerto come tale
per manifestare la sua o~xa~oO"vv't]. Notiamo che non v' nessuna ragione per intendere qui 't"']v o~xa~oO"vv't]v av't"ou in modo diverso da 3,2 l S. o 3,5. La giustizia di Dio si rivelata
perch Dio l'ha mostrata in Ges Cristo. La dimostrazione
avvenuta con la morte cruenta di Ges Cristo in croce, e quin-

13. Cos, tra gli altri, Bisping, Bardenhewer, Dodd, Lagrange, Lietzmann, Michel,
Kuss.
14 W.G. Kiimmel: ZThK 49 (1952) 158 n. 5

Rom.

),25

'99

di xwptc; v!J.ou, senza il concorso. della legge, e per chi ha


f~de. Si? qui tutto chiaro. A questo punto insorge per una
dlfficolta, la quale peraltro non dev'essere esagerata. Si tratta
di stabilire: l. che cosa significhi 1tCiPEO"~C;' 2. come si debba
intendere o~a con l'accusativo; 3. a che co;a si riferisca in sostanza v 't"TI !:voxfi 't"ou i)EOU e quale significato abbia; 4. in
che rapporto stia 1tpC; 't"']v EVOE~1;LV ... con quanto precede.
proposito di l: 1tapEO"~C; si trova nel N.T. soltanto qui;
nel LXX manca affatto ed raro anche nell'uso linguistico.ellenistico. Le due testimonianze riportate da Liddell-Scott e
Bultmann 15 non sono di per s univoche. Il problema se 1t!:pEO"~C; significhi <<lasciare andare nel senso di <<lasciar correre, oppure voglia dire condonare" e perdonare. In altre
parole: 1tapEO"~C; 16 uguale ad Ii<pEO"~C; o no? Non possiamo qui
addentrarci nei particolari, ma siamo d'avviso che in 1tapEO"~C;
il senso di <<lasciar correre ecc. prevalga su quello di condonare, anche se talvolta nella sostanza i due significati vengono a coincidere 17. Il verbo 1tap~va~ pi frequente di 1tapEO"~C;; nel N.T. ricorre per vero soltanto in Le. II,42; Hebr.
12,12, ma con un altro senso ancora. Abbiamo soltanto due
passi non del N.T. che possono servire: a) Xenoph., Hipparehus 7, l o: 't"!: ov 't"o~au't"a !:!J.ap't"1)!J.a't"a ov Xp'] 1tap~va~
!:x~.aO":!l; n?n significa condonare le mancanze (si aggiunge mfattl axo.aO"'t"a), bens <<non lasciar passare impunito.
b) los;, ant. 15,3,2(48): 1tapTjxEv O 't"']v !:!J.ap't"tav (il sog?etto e Erode) potrebbe esser inteso cosi: egli perdon loro
Il fatto. Ma badando al contesto, si vede che il senso que
s~o: Egli mostr loro indulgenza per trarre vendetta pi tar
dI. Sul momento egli presenta solo l'atteggiamento esterno del
perdono. Ma allora la frase non significa propriamente: egli
perdon loro la colpa, bens: la lasci correre momentaneamente. L'uso linguistico non consente, almeno per quanto ri-

l''

15. ThWb I 508.


16. Cos, tra gli altri, Bultmann, Kiimmel, Kasemann, Stuhlmacher.
~7. Cos anch~ R.C.H. Tr~nch, Synonyma des N.T., Tiibingen 197. 69-74 distingue
l due concetti nel senso mdicato.

,-

'I
'00

!.

guarda 1tapECl"tC;, di stabilire con sicurezza il significato, anche


se, a mio avviso, 1tapECl"tC; va inteso nel senso di lasciar correre, lasciar andare, piuttosto che in quello di perdonare . .Il testo quindi farebbe riferimento al <<lasciar correre i
peccati commessi per l'addietro. Del resto, per indicare degli
!J.ap"t1)!J.o."to., Mc. 3,28 s.; I Macb. 13,39 usano <ptvo.t.
A proposito di 2: ota con l'accusativo significa per solito
a motivo di, a cagione di, ma talvolta trapassa nell'accezione di <<in virt di, oppure anche per merito di qualcuno, <<in conseguenza di; si avvicina cio al senso di tramite, per merito di 18. Nel N.T. questo significato risulta chia,ramente solo in 10.6,57; Apoc. 12,II; 13,14. Altrove, Oto.
con l'accusativo si dovr tradurre con a causa di, in conformit di, a cagione di; cos sempre, a mio avviso, nei testi paolini (cfr. 2,24; 4,25; 15,15; ICor. II,9; Gal. 4,13 e
passim, e anche 8,20). E ci costituisce, se non una prova rigorosa, certo un buon indizio che anche nel nostro passo ot
si deve intendere in questo senso.
A proposito di 3: V"tTI voxTi "tou l)Eou va con 1t!XPECl"tC; o
con "twv 1tPOyEyOVO"twv !J.o.p"ttwv? Il Kasemann afferma
ora 19 di non riuscir pi a comprendere perch mai si voglia
riferire l'espressione, contro il suo accento e la sua collocazione nella frase, a 1tpoyEyOVO"twv. D'altro canto, se in questa formulazione v' un elemento il quale richiede di essere
meglio specificato, appunto 1tPOyEyoVO"twv e la specificazio.
ne pi precisa viene data da v "tTIvoXTI l)EOU. Anche la collocazione alla fine della prima met della frase costituisce, a parer mio, un indizio in questo senso. Ma che significa v "tTI
voXTI l)EOU? voX1) talvolta il differimento, la dilazione, <<la pausa ecc.; cos, ad es., I Macb. 12,25: o ... EOWXEV
o."to"LC; vox"}v "tOU !J.f3o."t"EUCl"o.t EtC; "t"}V XWpo.v o:"tou. Ma
voX1) anche l'atteggiamento di chi si trattiene, l'indulgenza,
la pazienza, ad es. Epict., diss. 1,29,62: vox"}v EXW'". Tale
accezione coincide con quella del verbo VX0!J.o.t, che, per
18. Cfr. Lietzm.ann a proposito di Rom. 3,25; W. Bauer a proposito di lo. 6,57
19. Zum Verstiindnis va" Rom 3J24~26, in Exeget. Verso und Besinn. I (1960) 96100,98.
20. Bauer, Wb. 144; H. Schlier in ThWb I.

Rom.3,2j

201

es. in Is. 64,11; 42,14, indica l'atto di Dio che si trattiene.


Da questo significato facile il trapasso a quello di sopportare (gli uomini) (Is.63,15; cfr. 2 Macb. 9,12; Epb.4,2;
Col. 3,13). Dell'voX1) nel N.T. si parla soltanto in Paolo e
precisamente due volte qui e in 2,14, dove, come abbiamo visto, collocata tra la XP1]Cl""to"t1]C; e la !J.o:xpol)u!J.(o. di Dio (la
bont e la longanimit di Dio), che lasciano ali 'uomo una certa dilazione perch possa salvarsi. A me pare che anche nel nostro passo si possa vedere l'voX1) solo in un contesto siffatto
_ e .intendere perci in questo senso la 1tapECl"tC; di cui si parla,
considerando i peccati precedenti come accaduti nel tempo che
dev'essere qualificato come voX1), ossia come il tempo in cui
Dio tratteneva la sua PY1) e la sua Otxo.tOXptCl"(o. 21. E proprio in considerazione di questa voX1) di Dio risulta probabile, a mio avviso, che 1tapECl"tC; indichi la tolleranza dei peccati commessi per l'addietro. Dio non perdon quei peccati, ma
li lasci correre benignamente perch rimanesse un certo tempo, nel quale o potesse convertirsi chi voleva, o su chi non voleva si accumulasse l'ira per il giorno escatologico del giudizio.
Ma da quando la Otxo.tOCl"UV1] l)Eou si rivelata in Cristo
Ges, il tempo della 1tapECl"tC; finito e ad esso succeduto il
tempo della decisione, sebbene in effetti la manifestazione della giustizia di Dio sia una dimostrazione di grazia, o meglio
proprio perch tale. Nel rapporto con la grazia si concreta
anche il giudizio di Dio. Ora il rapporto personale con la gra
zia in quanto tale la fede. La nostra frase (3,25) va perci intesa cos: Dio, senza alcun concorso della legge, ma in un modo predetto dalla Scrittura, ha manifestato nel cosmo la sua
giustizia, che poi la sua fedelt, la sua verit e la sua gloria.
I! cosmo, vero, non reca pi l'originario splendore della creazione, bens soggetto al peccato, ma la giustizia di Dio si ma
nifesta come grazia che giustifica il credente. E il modo della
manifestazione questo: Dio presenta ed offre Ges Cristo
come strumento di espiazione, che in quanto tale viene cono-

"tu

l"
:voxn "t'ov aEOV formalmente identico all'" ,.ii O'ocpi.q. 't'ov b-Eo0 di
Coro 1,21, che significa nel tempo oppure anche ~nen'mbito. nella sfera
deJIa sapienza creatrice di Dio.
21.
T

, I

202

Rom. J,25.26

sciuto e riconosciuto solo dalla fede. E cos la temporanea tal


leranza dei peccati giunta alla fine. Ora non pi il tempo
in cui Dio si trattiene, ma il tempo in cui pronunzia la sua
decisione.

,
,

26. Ma questo tempo nuovo pu essere descritto anche in altro modo. Il versetto, al quale formalmente gi appartiene il
richiamo alla a.VOX"} "tOU !lEoU, non ancora finito. Esso contiene ancora una frase parallela alla precedente e di struttura
analoga, la quale integra gli enunciati del v. 25 e vale a mettere in risalto un aspetto che nel v. 25 non era stato chiaramente formulato. Forse proprio per questa ragione abbiamo
qui non solo 7tp6C; in luogo di dc;, ma anche l'articolo prima di
EVOEI~IC; con valore dimostrativo. Tutto l'enunciato gravita su
V"t</l vuv XlX.lp</l. Di vuv XlX.lp6C;, che molto spesso (13,rr;
I Coro 4,5; 7,29; Eph. 5,16; Col. 4,5) detto semplicemente
8 xcup6C; e, secondo la citazione di 2 Coro 6,2 XlX.lpC; E7tp60"OEX"tOC;, abbiamo gi parlato. Ecco ora il significato quale risulta dal contesto: Dio ha pubblicamente offerto al mondo
Ges Cristo come strumento di espiazione nella sua morte
cruenta di croce e ha fatto questo per mostrare la sua giustizia nel presente momento escatologico. In altre parole: 7tPC;
"t"}v EVOEI~\V intende assicurare ci che per via del richiamo
alla 7tCX.pEO"IC; si prestava a malintesi, ossia la dimostrazione della giustizia di Dio nel nunc escatologico, il quale pone fine appunto a ogni 7tCX.pEO"IC;. Ma ci implica ancora un altro concetto, che trova espressione nella frase conclusiva del periodo con
l'dC;"t dVIX.I consecutivo 22 e forse anche finale 2J La manifestazione della giustizia di Dio comprende due aspetti: che Dio
giusto e rende giusti. La EVOEI~IC;, la rivelazione escatologica
della giustizia di Dio, che poi la sua grazia in Ges Cristo,
una sola, ma essa ci presenta Dio come il Giusto e il Giustificante insieme. Il OLXIX.IOC; ... EVIX.I non significa altro che questo Dio, ben lungi dall'essere nella sua pazienza indifferente
22. Cosi Kasemann.
23. Cfr., per un EU;. "t' Et\Ja~ di questo tipo, Rom. I,II.20; 4,1L16.18 e passim.

Rom. 3,26

23

ai peccati commessi per l'addietro, li giudica ora con la manifestazione della sua giustizia in Ges Cristo, proprio nella persona di coloro che in quei peccati perseverano. OLXt1.IOC; in riferimento a Dio usato da Paolo soltanto qui e pertanto il
senso dell'aggettivo deve e pu essere determinato in rispondenza al contesto. La 7tCiPEO"IC; e l'a.voxn di Dio si appalesano
nella loro provvisoriet ora che egli (nella grazia!) si manifesta giusto Giudice. Ma la manifestazione della sua giustizia,
che lo mostra giusto, ha ancora un altro aspetto, il quale riguarda il presente e il futuro. Dio anche e soprattutto colui
che per pura grazia rende giusto il credente. Nella sostanza, ci
era stato gi detto nel V. 24. Ma tutta la pericope ha lo scopo
di porre in risalto questo aspetto che, soltanto un po' occultato dall'idea inserita nel V. 25, balza ora in piena luce. Il V. 26
alla fine ritorna al concetto del v. 22. In conseguenza della manifestazionedella giustizia di Dio in Ges Cristo, Dio stesso
appare come colui che dichiara giusto "tv x 7tLO""tEWC; '11}O"ou. Insomma, la giustizia di Dio apparsa in Ges Cristo diviene in quanto tale un evento giustificante per il singolo credente. x 7tLO""tEWC; 'I1}O"ou indica qui il credente. erVIX.I ... x significa vivere di una certa realt e comprendere se stessi in
conformit di essa, essere regolati da qualcosa nel proprio
modo di vivere (cfr. 4,12.16; Gal. 3,7.8.10 e passim). In
7tLO""tIC; 'I1}O"ou il genitivo 'I1}O"ou oggettivo, come in 3,22;
Gal. 2,14.20; 3,22; Phil. 3,9. Fa meraviglia l'uso del semplice 'I1}O"ou. In Paolo esso si trova soltanto qui (tutt'al pi si
pu confrontare Philm. 5: 7tpC; XPIOV 'I1}O"ouv). Altrove
attestato soltanto in formule fisse o tradizionali (ad es. I
Thess. l,IO; 4,14; I Coro 12,3) e pi spesso in connessione
con XVpIOC; (cfr. 10,9), ma si trova anche dove si vuoi porre in
speciale rilievo il Ges terreno (ad es. 2 Coro 4,5, tenendo presente 4,IO.II.~4; 2 Coro rr,4; Gal. 6,17; Eph. 4,21). Nel nostro passo non si vede alcun motivo particolare che spieghi l'uso del semplice 'I1}O"ouC;. Nessuna differenza si pu comunque
stabilire rispetto a 7tLO""tIC; 'I1}O"ou XPIO""tOU (Gal. 3,22), 7tLO""tIC;
XPIO""tOU 'I1}O"ou (Gal. 2,16), o 7tLO""tIC; XpIO""tOU (ibid.3,22).
La nostra pericope (3,21-26) gravita, come abbiamo visto,

Rom. 3,26.27

; ,

I
I:
l!
! I

sull'annunzio dell'evento salvifico agganciato alla descrizione


dello stato in cui versava l'umanit prima di Cristo e senza
Cristo. In pari tempo si fa per rilevare che questo avvenimen
to salvifico, il quale con Ges Cristo si compiuto nel mondo,
viene colto e sperimentato soltanto nella fede. Cos pure l'evento salutare di Ges Cristo sperimentato nella fede viene
descritto nella sua efficacia alla stregua di un singolarissimo
iustum declarare, che insieme un iustum efficere, senza per
che questo concetto si trovi al centro dell'enunciato. Con questa funzione, a cui si accompagna un chiaro spostamento del
fulcro del discorso (il quale, come abbiamo gi accennato, si
rivela anche dallo stile) troveremo 1ttl1"t~C; e I~xa~oiiv anche
nella seconda parte della pericope centrale (vv.27-3I). In
questa parte vien tratta in un certo senso una conclusione da
quanto si detto finora. La giustificazione per la fede, quale
procede dalla manifestazione della giustizia di Dio, non consente pi alcun vanto umano n per i Giudei, n per i
gentili.

Rom. },27.28

20 5

2, il riferimento va al vanto del giudeo, ossia dell'uomo sottoposto alla legge. Quest'uomo trae la sua forza e il suo pregio
dal proprio operare e dalla circoncisione, intesa come garanzia
divina della sua appartenenza al popolo di Dio; si edifica insomma nel proprio o del proprio. Ma un vanto siffatto e di
qualsiasi altro genere ora escluso. ExX.EtEW significa escludere, in senso sia letterale, sia traslato (dr. Gal. 4,17). L'atteggiamento di chi si vanta e si edifica da se stesso stato
escluso e ormai non trova pi alcun posto nella sfera della salvezza. Dio stesso l'ha bandito. La domanda prosegue ora in
una guisa che sulle prime fa meraviglia, ma che poi si comprende con quel che segue.
In che modo Dio ha escluso il vanto? Forse mediante una
legge che richieda assai pi della tor, sicch ben difficilmente pu esser praticata e recar vanto? Paolo espone al v. 28 un
concetto che gi era stato toccato in 3,20. Ma egli gioca col
~ermine v6~oC;, il quale nella domanda I~ 1tOtOli v6~ou; "twv
Epywv; designa ancora la legge giudaica imperniata sulle opere, ma nello stesso tempo accenna gi sommessamente al significato generico di regime, ordinamento, che troverem~ poi in 7,21.23; 8,2. Nella risposta alla domanda <no,
mediante la legge della fede) questo significato formale di
v6~oc; risulta ben chiaro, senza tuttavia perdere il suo carattere paradossale. v6~oc; 1ttl1"tEWC; il nuovo regime di salvezza,
la nuova legge salutare invalsa con la fede (dr. Gal. 3,23.25),
la quale a sua volta giunta con Cristo. La fede la richiesta
perentoria che si pone ora al mondo. Questa richiesta esclude
l'antica legge, la quale esige le <<opere e attraverso le <<opere
provoca un vanto. Ora Dio ha stabilito la fede come via di
salvezza ed la legge della fede che regola il mondo.

27. Il v. 27 comincia, nello stile'della diatriba, con una domanda che contiene gi in s una risposta: Dove resta il vanto? 24. Tj xaUXT}I1~C; 2S l'atto del vantarsi, mentre "t xauXT}~a l' oggetto e la ragione del vanto, ma la distinzione
non sempre netta. Cos, ad es., in 2 Coro I ,12 xaUXT}I1~C; equivale a xaUXT]~a. Qui non intendiamo ancora esporre nei
particolari l'uso quasi soltanto paolino di xauxiil1l}a~ nel N.T.
(al di fuori del corpus paolino il vocabolo ricorre in Iac. 1,9 s.;
4,16; Hebr. 3,6), ma vogliamo solo rilevare che xauxiiQ"l}a~
e i sostantivi connessi designano un modo fondamentale del
concreto esistere umano e per il senso non divergono o divergono pochissimo da confidare (dr. Phil. 3,3 s.; 2 Coro 10,7
s. [2]; 2 Coro 1,12; 3,4). Vantarsi di qualcosa o di qualcuno
significa confidare in una realt di cui si vive e con la quale ci
si edifica. AI v. 27, come lascia intendere il legame col cap.

28. Se ne d conferma con un enunciato che attesta il convincimento tanto dell'Apostolo quanto dei cristiani 26. .oytso~a~ ha qui, come in 6,II; 8,18; 14,14; 2Cor. II,5, il senso

24. G g cl vg Ambr e lo Zahn aggiungono uou, che per troppo scarsamente


altestato.
25. Bu1tmann in ThWb III 649

26. In l~ogo di "l'cip che si legge in S A D* G '1' 81 326 ecc. vg syP copt (sah bo)
arm Gtlg lat Ambrstr ecc., abbiamo ovv in B C D" k P 33 88 ecc., Ephr Thclt ecc.

Rom.

206

),28

di essere convinto in forza di un giudizio 27 (naturalmente


non agevole cogliere l'esatta differenza di questo significato
rispetto ad ammettere, ritenere, pensare [dr. ad es.
anche 2,3; Phil. 3,13]). Il convincimento che Paolo qui esprime per cosi dire in nome di tutti i cristiani, o anche in
nome della fede, formulato a mo' di assioma. Si tratta in effetti del seguente principio: L'uomo viene giustificato dalla fede senza le opere della legge. Il oLxaLouCTll"aL ha significato di presente come in 3,26, in contrasto con il significato
futuro di 3,20. avll"pW1tOC;, senza articolo come in I Coro 4,1;
7,1; 7,7, significa <<un uomo in senso generale ed equivale
al si impersonale 28. La giustificazione si attua nell' atto di fede; ci significa, come ora vien detto espressamente, xwptc;
EpyWV v6!J.ou. Soltanto la fede procura all'uomo l'effettiva giustificazione di Dio; presupposto di tale iustificatio impii
la manifestazione in Ges Cristo della giustizia giustificante
di Dio, la quale investe chi ha fede. Le opere della legge, le
prestazioni legalistiche fornite dall 'uomo con le sue forze e
in ispirito di autonomia non hanno parte alcuna nella giustificazione; rimangono al di fuori di essa. La corrispondenza
tra: VUV xwptc; v6!J.ou oLxaLOCTuVT) ll"Eou 1tEepavpw'taL e OLxaLOU'taL 1tLCT'tEL avll"pw1tOC; xwptc; EpyWV v6!J.ou. Ha dunque
ragione il Kuss a rilevare che la traduzione di Lutero soltanto
per la fede sostanzialmente giusta; ma bisogna considerare
attentamente l'antitesi in cui si colloca una versione siffatta.
Ora l'antitesi - e qui a pater mio sta l'errore del Kuss - non
tra la fede e le opere della legge mosaica; in tal caso per i
cristiani questa opposizione apparterrebbe al passato e per i
convertiti dal paganesimo non avrebbe alcun significato. Il
senso fondamentale dell'antitesi invece questo: soltanto per
la fede e non per quelle opere che qualitativamente sono 027.

Heidland in ThWb

IV 290.

28. Cosl Mjchel, Kiisemann, G. Klein, Rom 4 und die Idee der Heilsgeschichte, in
Rekonstruktion und Interpretotion (1969) 145'169, ritiene che in &:vitPW7tO l'indistinzione teologica di Giudei e gentili trovi per la prima volta la sua espressione
anche terminologica e concettuale. Ma davvero la parola avpw1tOC; ha tanta imo
portanza?

l'

l'

Rom. ),28.29

20 7

pere della legge, opere cio che la legge e le sue prescrizioni


strappano all'occulto egoismo di ogni uomo che non crede,
opere di ingiustizia e opere di giustizia autonoma. Il pensiero dell'Apostolo va a tutte le opere non ispirate dalla fede
in colui che si fatto giustizia per noi (I Coro 1,30), alle opere legalistiche dell'uomo in genere, il quale, per essere discendente di Adamo, asservito dal peccato all'egoismo peggiore e pi sottile e non pecca solo quando trasgredisce la legge, ma anche quando l'osserva con spirito di autosufficienza.
La giustificazione quindi avviene soltanto per la fede, e non
per le opere che, su prescrizione della legge, vengon fatte dall'uomo prigioniero di se stesso, dall'uomo che si vanta e
dunque ravvisa nelle opere non la testimonianza feconda della propria edificazione, bensi il fondamento di essa. Di con
tro a siffatte opere vi sono per le opere della fede (dr. Gal.
5,6; I Thess. 1,3), ossia dell'uomo che, affrancato nella fede
dalla propria autosufficienza, compie queste opere in quanto
le riceve per grazia; Non perci vero che l'uomo viene giustificato solo per la fede senza riguardo alcuno alle opere. Non
l'operare in se stesso inutile ai fini della salvezza, bens un
determinato modo di operare, che per vero ogni uomo si porta
appresso dalla nascita, ossia l'operare autosufficiente e sicuro
di s in cui palese il vanto di chi si edifica da se stesso.
L'Apostolo qui non si sofferma oltre su questi problemi, i quali risultano piuttosto da tutto il complesso dei suoi enunciati
sulla fede e sulla legge. L'assioma sulla fede e le opere della
legge contenuto nel v. 28 va inteso alla luce di un'interpretazione complessiva. E a questa appunto la lettera ai Romani ci
condurr gradualmente.
29 Ora l'Apostolo si premura di mettere il principio test
formulato al riparo da una certa concezione giudaica che proprio a quel principio si opponeva. 'Forse che il Dio della OLxaLOCTUVT) e del oLxaLouv non solo il Dio dei Giudei, il quale, in forza della tor, non pu rinunziare alla giustificazione
per le opere? questa un'idea che si trova espressa, ad es., da
Rabbi Shimeon ben Johai (150 d.C.). In Ex. R. 29>4 (88d) si

' 1

,I

r!.
!

: ;
!

; I:
i'

'

.1l

208

legge: lo sono Jahv, il tuo Dio, Ex. 20,2. R. Shimeon ha


detto: 'Dio cos parl agli Israeliti: lo sono Dio per tutti co
loro che vengono al mondo, ma ho associato il mio nome soltanto a voi e non mi chiamo Dio dei popoli del mondo, bens
Dio d'Israele'. Dio dunque creatore e giudice di tutti gli uomini, ma soltanto per Israele il Dio dell'alleanza, il Dio che
lo ama e che lo ha destinato alla salvezza. Vero che qui l'Apostolo, per garantire l'assioma del v. 28, in sostanza altro
non fa che specificare, applicandola all'agire salvifico di Dio,
quella professione di fede monoteistica (dr. Deut. 6,4), riconosciuta anche dai Giudei e da essi ripetuta nella quotidiana
recita dello 'fe ma,. Al pari del 27, il v. 29 si articola in una domanda bipartita a cui segue la relativa risposta che viene poi
motivata nel v. 3 o.
30. Naturalmente Dio anche il Dio dei pagani, se vero (E~
TIEp come in 8,9.17; I Coro 15,15; 2 Thess. 1,6; TIELTIEp V. r)
com' in effetti, o com' certo", che vi un solo Dio il quale
nella frase relativa viene indicato come colui che giustifica per
la fede ogni uomQ, giudeo o pagano che sia. La frase relativa
del v. 30b ha un certo ritmo e suona come una citazione. A
proposito di Dio essa afferma semplicemente ci che in effetti
dovrebbe essere dimostrato e quindi ripete in altra guisa l'enunciato del v. 28. oLxaLwcTEL probabilmente futuro logico
(Kuss); ma, se si ammette che Paolo abbia qui ripreso una
formula tradizionale, andr inteso in senso piuttosto escatologico. Ancora una volta i termini TIEPL'tO[lT) e chpo~vo-'tLa designano i circoncisi e gl'incirconcisi, quindi Giudei e pagani
nella loro totalit, come gi in 2,26(27). Non v' differenza di
significato tra x TILo-'tEW'; e oL 'tii.; TILo-'tEW';; si tratta soltanto di una variatio stilistico-retorica (cfr. 3,22.25: 24; Gal. 2,
6, similmente in 4,1 I s.; 5,10; I Coro 12,8; 2 Coro 3,II). x
TILo-'tEWC; detto ora di tutti i cristiani (5,1; cfr. Gal. 3,24), ora
degli etnicocristiani (Gal. 3,8), la cui giustificazione, secondo
il nostro passo, avviene oL 'tii.; TILo-'tEW';.
29 Blass-Debr. 454.2; Bauer, Wb. 436.

Rom. ],3D.P

29

Ma se cos stanno le cose, se la giustizia di Dio si manife


stata in Cristo Ges al di fuori della legge e senza il concorso
di essa (3,2 I) e se la giustificazione avviene soltanto per la fede indipendentemente dalle opere della legge (3,28.30), che
ne del v[loc;? Con la fede sopprimiamo forse la legge?.
31. Cos certamente pu sembrare, e un rimprovero in questo
senso sar stato mosso all' Apostolo da parte giudaica e giudeocristiana. Da questa domanda finale risulta come l'Apostolo si
renda conto delle conclusioni che si potevano trarre dalla sua
interpretazione della legge, e quindi della necessit di fissare
precise distinzioni, e come di questa consapevolezza faccia partecipi tutti i suoi lettori. xa'tapYEi:v significa qui ancora una
volta, come in 3,9, sopprimere, abrogare, e sim. Alla domanda vien subito data una risposta con un [li] yVOL'tO. La
nuova strada che porta alla salvezza, la strada della fede apertasi con Ges non ha punto abrogato la legge; al contrario,
<<noi confermiamo la legge. Lo-'ta.VEW, che posto con forte
rilievo alla fine, una forma secondaria di ~o-'t1][lL, collocare, porre, che qui e in 10,3 (14,4?) vale ridare forza,
confermare 30. Una conferma di tale significato si ha nel contesto: infatti, solo intendendo il verbo in questo senso, si ha
un'antitesi cos netta con xa'tapYEi:v. Si aggiunga che siamo di
fronte ad un enunciato paradossale, schiettamente paolina,
che si fonda sulla theologia legis dell'Apostolo e si chiarisce
poi in 8,2 SS. I cristiani confermano la legge in quanto, liberi
dalla schiavit di se stessi, mossi dalla fede in Ges Cristo,
manifestazione della giustizia di Dio, e quindi affrancati da
ogni spirito di autosufficienza, adempiono la legge non come
un' opera, ma secondo l'intenzione originaria di essa, ossia
come un dono della volont e della pedagogia di Dio Jl. La
30. Forse anche mantenere, come ad es. I Mach. 2,27, dove Mattatia lancia nella
citt il suo grido: 1t1<; t;,l])..Wv 't4l v6~ xaL tl1"t'bN 81.I1l}fp(;l]V !;E)..i}'tW onicrw
!J.ou. Cfr. 4 Mach. 5,25: xa;I}LO"'ttlVt11. ~v v6l-lo'J (detto di Dio: serbare la legge
nella sua validit).

31. G. Klein, op. cito I6455., in contrasto con U. WiLckens, Die Rechtfertigung
Abrahams nach Rom 4, in Studien rur Theologie der atl. rJberlieferungen. Fest-

Ronl3.)1

210

I
;1

maggioranza dei commentatori intende in altro modo, dando


cio a \16[10\1 LG"'ta\lO[1E\I il significato di <<noi manteniamo la
legge. Non escono per dal generico quando si tratta di specificare pi da vicino il senso di questo mantenimento. Una
cosa certa, cio che l'evangelo la volont di Dio e non
quindi che il fine proprio anche della legge veterotestamentaria, dice, ad es., il Kuss. Oppure: Paolo ode proprio nell'A.T.la voce dell'evangelo (Rom, 1,3.17; 3,21; 4,9); inoltre
egli si sottomette alla volont di Dio, la quale esige dall'uomo
giustizia (Rom. 6,13), intende il Miche!. Ma assai dubbio
che il ravvisare nell'evangelo il fine vero dell'antica legge o,
per converso, il cogliere nell'A.T.la voce dell'evangelo si poso
sa qualificare come un LG"'ta\lO[1E\I \16[10\1 che avviene OtI 'tTjc;
7tiG"'tEWC;. Ci vale anche per il modo in cui per es. il Lietzmann
intende il v. 3Ib: Noi confermiamo la legge, nel senso che
noi affermiamo il valore permanente di essa dimostrando che
proprio la.legge annuncia la fede. In tal caso \l6[10C; non sarebbe pi 'tW\I Ep-yW\I \l6[10C; (3,27 s.), bens abbraccerebbe, come in 3,19, tutto l'A.T. Verrebbe poi svigorito il significato
di LG"'ta\lO[1E\I \16[10\1, che si dovrebbe integrare con OtI 'tTjc;
7tiG"'tEwc;. Secondo questa esegesi il v. 3 I apparterrebbe gi
come formula di trapasso o introduttiva'a 4,1 ss. Eppure 4,1
comincia con un 'ti 01)\1 EpOU[1E\I, che introduce una nuova argomentazione e quindi una nuova pericope, com' il caso di
6,1; 7,7; 8,31; 9,14.30. L'interpretazione riferita cade dunque anche di fronte a questa considerazione formale.
Ripassiamo ora brevemente ci che sin qui stato detto in
quella che per noi la prima parte della lettera ai Romani. In
I, I 6 s. Paolo afferma di esser pronto ad annunziare anche in
Roma l'evangelo, che una potenza di Dio perch in esso si
manifesta la giustizia di Dio. Il mondo, cio tanto. i pagani
quanto i Giudei, soggetto al dominio del peccato. Esso infatti regolato e informato da un principio, quello della legge, che non pu non indurre al peccato gli uomini quali con-

Rom3,Pi 4,1- 2 5

2I!

cretamente sono. Ora per la giustizia di Dio, che non altro


che la sua fedelt, verit, grazia e gloria, si rivelata in Cristo
Ges e investe con la sua efficacia giustificante chiunque abbia
fede in Cristo. L'uomo dunque viene giustificato per questa
fede e non per i suoi adempimenti della legge. Ma con ci la
legge, ben lungi dall'essere abrogata e soppressa, risulta invece
confermata e corroborata. Proprio nella fede l'uomo diviene
libero di comprendere la legge in modo retto e di osservarla.
Per l'uomo credente, la legge ripiglia il suo primitivo significato di dono della volont salvifica di Dio.
Ma l'Apostolo non si ferma al pensiero espresso in :3,3 I,
bens, riallacciandosi al vocabolo tematico xaUX'lJG"tc;-xaUX'lJ[1a, passa a confermare l'assioma enunciato in 3,28 con l'esempio di Abramo, il quale, come padre di tutti, il tipo dell'uomo giustificato per la fede.
3. Abramo padre di tutti noi nella fede (4,1-25)
4 1Ti ov pOU~EV Eprptva.!. 'A~pa~ 't''" 7tpomi"topa TII-J.W'J lta:'t.
O'cip"a; 2 Et ycip 'ABpal<J1 El; EpyWV ESL""",;'ll1j, EXEL "avX1jJ1a, cin'ov
1tp llE6v. 3 't' ycip 1) cppay1) )"EYE'; '1ttO''tEuaEV S. 'ABpal<J1 't<ii llE<ii
xal EOytal1} av't<ii Et SL""'LOaUV1jV. 4 't<ii S Epy",C;0J1EVIjl J1Lall
cv oytSi't"'L x"''tl< XciPLV ciiL x"''t cpE(1jJ1"', 5 't<ii S. J11) EPY"'C;O-

jJ.V~ 7tt.C""tEUOV"tL

o 1d "t'" oLxaLoi:hrt'a. 'tv aaE~ii ,oYLsE'taL 1) 7!;LCT"'CLC;

",,'to Ei SLX"'LOa\N1jV' 'X",M.7lEP x",l ,1",ulS )"EYEL 'tV J1",x",pLaJ1V


~o civllp';'7loU ii> llE Oy(C;E't"'L 8Lx"'LOaUV1jV xwpl ~pyWV' 7 J1axci-

at

pLOL wv acpih]aav
VOI-LLaL xaL WV E1tExa)."ucpt)'Y}CTav
lJ,.axapLoc; V1)p OV Oli wl) OYLCM'J"t'aL XVPLOC; aj..tap'tLavo

cd

l!

al-Lap'tLtx.L o
.

"O J1",x",pLaJ1 ovv oV'to E1t' 't1)V 1tEPL't0J11)V i x",, '1t' 't1)V cixpoBua'tt",v; )"EYOJ1EV ycip' 'oytall1j 't<ii 'ABp",I<J11) 7lta'tL Ei SLX"'LO,

CTUV1]V.

lO

'r

1."\

'3

1.

"

"..

(l

1tWC; OUV t.1\.0YLCTvll; t:V 1tEpL'tQlJ.Tl OV"'CL 'Y) EV axpOtJUCT"'CLq;; OUX

interpreta 3,3Ib nel senso che

EV 1tEPL'tOJ1TI !i'EV !ixpoBua'tt~ Il X"" a1jJ1ELOV ~",BEV 1tEPL'tOJ11j


aCPP"'YLS", 't1j SLX"'LOaVV1j 't1j 1t(a'tEw 't1j EV -r:fi !ixpoBua't(~, Ei
~ dV"'L "'V'tV 1t"''tEP'" 1tciv'twv 'twv 1tLO"tEU6v'twv SL'!ixpoBua't,,,,,
Et 't OYLcrll1jV"'L [xa'l "'V'tOL ['t1)vl SLx"'LOauV1jV, "X"" 7l"''tp",
1tEpL'tOJ11j 'tOL ovx Ex 1tEpL'tOJ11j J16vov !iI< x"', 'tOL a'tOLxoaw
'tOL lxvEaLv 't1j EV !ixpoBua't'~ 7lta'tEw 'to 1t"''tp 1)J1WV 'ABp",ciJ1.
13 ov yp SLI< v6J1ou 1) '1t"'yYEt", 't<ii 'ABp",l<J1 i 't<ii O'1tPJ1"''tL "''to,
't x1jpov6J1oV "''tV Elv"'L x6aJ1ou, !iI< SLI< SLX<1LOaVV1} 1tta'tEw.

1a dottrina della giustificazione porta a compimento ci a cui la legge propriamente

EL yap 010 t.X VOlJ.OV XA1]pOV0I-L0L, XEXEvw"'CaL Il 1tLCT'tLC; xaL xa'tT)p"'(1l-

schrifr fiic G. v. Rad, Neukirchen 1961,


mirava (125).

llI-I22

14

'

J 1.'

"\'

,J,.'

~"'L 1) /7l",yYEt", 15 yl<p v6J1o opy1)V x,,'tEpyciC;E't"'L' OV S. ovx ~a'tLV

:i.".:

:'

I.

Rmn. 4,I"25

212

v~o OOE 1tlZprif3cteTl.c;. 16 St.

't'OU't'o

% 1t~O"'t'EWC;. i'Vct XtX't',z Xripw, EtC;

" Elva, ~E~aLav "TIV E'ltaYYE.Lav 'ltav"L "i!> (f'Jtp[!a"" ou "iii EX


-,;cv v6[!ov [!6vov <..I xaL "iii lx 'ltLer'tEW 'A~pa<[!, 8 cr'tLV 'lta"TIP 'It<v"wv i)[!WV, 17 xallw yypa'lt"a, S", 'lta"pa 'lto..wv Ell-

vwv 't'i}er..xli O"E x(J."t'.vav't"L ou E1t~O"'t'EVO"EV i}EOV 't'ov scpo1tol"oihrt'oc;


~a'. xa.ouv't'oC; 't'l. 1J..i} (hrtlZ WC; oV'ta" 18 0C; 1ta.p'H,,7Ct.OtX
E'It'E.'It(O, E'ltLer"EVerEv Et " YEverlla, au'tv 'lta"Epa 'lto..wv EWWV
xa"I " Etp'lj[!EVOV oQ'tw
" er'ltp[!a erov, 19 xaL [!TI <crllEv.qero;
't'TI 1t'CJ''tEf. Xct't'EV01)O"EV 't au't'ou O"w!J.(( [11011] VEVEXpWIJ..vov, Exa't'ov

't'OC; VEXpOC;

w"a,

"aE".q 'ltOV \m<pxwv, xaL "TIV vxpwerLV 'tii [!.q"pa ~<ppo;. 2J) d
o;: 'tTIV E'ltayyE.Lav "OV llEov 00 OLExp(ll'lj "TI 1'ltt.cr'tL<;t <..'vEovva[!Wll'lj 1:fI 'It(er'tEL, oo 06!;av "i!> ilEi!> 2L xaL 'lt.'ljpocpop'ljIlEt 5-,;, 8 'It.qyYEha, ouva,,6 er",v xaL 'lto'iiera,. "o, [xal] E.OyLcril'lj au'ti!> E'
o,xa,ocrUv'ljv. 23 oux Eyp<cp'lj ii oL au"v [!6vov S't, E.oy(erll'lj a;u'ti!>
" <..I xaL oLi)[!fi, OL [!E..EL .oY(SEcrlla" 'tOL mer"Euover,v E'ltL "v
YELpav"a 'l'ljerouv 'tv xup'ov i)[!WV EX VEXpWV, 25 o 'ltapEl61l'lj lLI 'tI
'ltapa'lt"w[!a"a i)[!WV xal i)YEpll'lj lLI "TIV l,xaLwer,v i)[!wv.
l Che diremo dunque che ha trovato Abramo, nostro progenitore secondo la carne? 'Se Abramo fosse stato giustificato per le opere, avrebbe

certo avuto motivo di gloriarsi, ma non davanti a Dio.

J Che

dice infatti

la Scrittura? Abramo ebbe fede in Dio e ci gli fu computato a giustizia. 40ra , a chi esegue un'opera, la mercede non viene computata
per grazia, ma viene commisurata al debito, 5 mentre invece a chi non
compie opere, ma ha fede in colui che giustifica l'empio, la sua fede
viene computata 'a giustizia. 6 Cosi anche David proclama la beatitudine
dell'uomo al quale Dio computa la giustizia senza tener conto delle opere: 7 Beati coloro dei quali sono state rimesse le colpe. Beato I"uoma al quale Dio non imputa il peccato.
9 Questa beatitudine riguarda soltanto i circoncisi o anche gli incirconcisi? Abbiamo detto che ad Abramo la fede fu computata a giustizia.
lO Come dunque gli fu computata? Quand'era circonciso o quand'era
incirconclso? 11 Quand'era incirconciso, ed egli prese poi il segno della
circoncisione quale sigillo della giustizia che aveva acquisito con la fede
senza essere ancora circonciso. Cosi pot diventare padre di tutti coloro
che hanno fede senza essere circoncisi perch venisse a loro computata
la giustizia, 12 e padre dei circoncisi che non soltanto sono tali, ma ancbe camminano sulle orme della fede lasciate dal padre nostro Abramo
quand'era incirconclso.
13 Infatti non per la legge fu rivolta ad Abramo e alla sua discendenza
la promessa cbe avrebbe ereditato la terra, ma per la giustizia della fede. 14 Invero se gli eredi sono coloro cbe hanno la legge, la fede risulta
svuotata e la promessa non ha alcun valore; 15 giacch la legge ha soltanto l'effetto di suscitare l'ira, ma dove non c' legge non c' neppure
trasgressione. 16 Quindi per fede, perch fosse per grazia e la pro-

Rom. 4,1-25

21 3

messa restasse cosi assicurata a tutta la discendenza, non soltanto a


quella che procede dalla legge, ma altres a quella che procede dalla fede
di Abramo, che padre di tutti noi, 17 come sta scritto: lo ti ho costituito padre di molti popoli. Egli credette a quel Dio cbe resuscita
i morti e chiama ad essere ci che non . 18 Sperando contro ogni speranza, credette che sarebbe divenuto padre di molti popoli secondo
quanto gli era stato detto: Cosi sar la tua discendenza. 19 E senza
indebolirsi nella fede consider cbe il suo corpo era ormai senza vita
(aveva pressappoco cent'anni) e il grembo di Sara non era pi fecondo; 20 ma non dubit, per incredulit, della promessa divina; anzi, si
rafforz nelIa fede dando gloria a Dio, 21 pienamente convinto che egli
pu fare ci che ha promesso. 22 Perci gli fu computato a giustizia.
23 E non soltanto per lni fu scritto che gli fu computato, 24 ma anche
per noi, ai quali pure dev'essere computato; per noi che crediamo in
colui cbe ha risvegliato dai morti il Signore nostro Ges, 25 il quale fu
dato a morte per i nostri peccati e fu resuscitato per la nosUa giustificazione.

Con ragione O. Michel ha definito questo capitolo un mi-

drash esegetico e con ragione ha fatto rilevare che esso appare come una relativamente ampia dimostrazione scritturistica delle relativamente brevi ma fondamentali considerazioni di 3,21-31. Ci risponde al diverso ufficio delle due pericopi: nella prima (3,21-31) si trattava di proclamare l'evento
della salvezza e d'introdurre nel discorso, con due proposizioni assiomatiche (3,28.30), la nozione della fede intesa quale strada di salvazione aperta proprio da quell'evento. Nel capitolo quarto si tratta invece di recare la dimostrazione scritturistica delle proposizioni test enunciate 1; di addurre la prova che esse gi si trovano nell'A.T. e che quindi la giustizia
per la fede e la giustizia di Dio hanno gi, per (;osl dire,
una preistoria, la quale per non va intesa come un antefatto
verincabile coi metodi nostri d'indagine, bens1 come un tipo che tale in virt della potenza di Dio che agisce nella
storia, tutto abbracciando e regolando'. In questo capitolo il
I. Quanto l'immagine ellenistico-giudaica di Abramo sia lontana da quella che ne
d l'Apostolo, risulta da G. Mayer, Arpekte des Abrahamsbildes in der hellenistisch-iudische Literatur: EvTh 32 (I972) II8-H7. E. Kiisemann, Der Glaube
Abrahams in Rom 4, in Paulinische Perspektiven (1969) 140.
2. aro L. Goppelt, Typos. Die typologische Deutung des A.T. im Neuen, Giitersloh 1939; Id., Apokalyptik und Typologie bei PauluI: ThLZ 89 (1964) 321.344;

Rom4,I-25,r

21 5

procedere di Paolo relativamente sistematico: I. in 4,I-8


egli riporta un passo della tor (4,3=Cen. I5,I6) e uno del
Salterio (4,7 s.=Ps. 32,I) i quali avvalorano la tesi della giustificazione per fede di Abramo e di tutti i credenti. 2. In 4,
9-I7 dimostra poi, con procedimento esegetico, che Abramo
dev'essere ritenuto padre di tutti i credenti, siano essi pagani
o Giudei. La circoncisione soltanto il sigillo della sua giustizia ottenuta per fede, non il presupposto di essa (4,9'I2); la
promessa fu rivolta ad Abramo non perch avesse compiuto le
opere della legge, ma perch aveva ottenuto la giustizia della
fede (4,I3-I7). 3. Questa fede di Abramo, che fede nella
promessa di Dio a dispetto di ogni apparenza, il tipo della nostra fede (4,I8-25), proprio come Abramo tipo di ogni
credente.

[J.wv', la domanda resta affatto incomprensibile. Per trovare


una soluzione qualcuno 7 richiama Ceno I8,3, dove si narra che
Abramo, presso il querceto di Mamre, all'apparizione dei tre
uomini si prostra a terra e dice: XVPLE, E' a.pa: EVpOV Xa.pLV
va:v .. 'OV uov, non passare accanto al tuo servo senza fermarti. La domanda paolina implicherebbe quindi una risposta scontata ma inespressa: Abramo ha trovato Xa.PLC; davan-.
ti a Dio 8. Si tratta per di una spiegazione assai lambiccata,
tanto pi che EVpLUXELV xa.PLV (miira &esed) una formula caratteristica dei LXX', che qui per giunta non si trova espressamente. Ben si comprende che i manoscritti B ecc. abbiano
semplificato il testo omettendo EPTJXVa:L .. questa la lezione che Zahn, Kiihl, Barth, Schlatter e altri ritengono origina
ria e secondo la quale si dovrebbe tradurre: Che dobbiamo
dire di Abramo, nostro progenitore secondo la carne? lO. In
tal caso avremmo un giro di frase irreprensibile per l'orecchio greco (Schlatter) e il v. 2 seguirebbe senza forzatura.

2I4

I. Questo versetto assai malcerto sia per quanto riguarda la


tradizione testuale, sia per il significato. I. EPTJXVa:L manca
in B (I799: 1Ca:'tpa:) Orig Ephr (Chrys 00")3. 2. Si trova dopo 'Af3pruX.ll 'tv 1Ca:'tpa: 1)IlWV in ~ P 33 88 ecc. sy p,a) Chrys
Thdt ecc. 3. Si legge avanti 'Af3pa:&1l 'tv 1Cpomx...opa: 1)llwV:
a) AC 8I 230 2I27 syP.l copt sah arm Cyrill Joh Damasc;
b) prima di 'Af3pa:&1l 'tV 1Ca:'tpa: 1)llwV S' C 3 G 'P 4. La le
zione 3 a) la meglio attestata. Essa per acquista un senso
soltanto se, contro l'uso abituale della formula retorica 'tL ovv
poiillEv, si stacca 't' ovv da poiillEV riferendolo a EPTJXVa:L.
Che diremo dunque che ha trovato Abramo? 5. Ma anche
intendendo in questo modo restano aperte due possibilit secondo che xa:'t& (nx.pxa: vien riferito: a) a .. v 1Cpomx...opa: 1)llwV oppure b) a EPTJXVa:L. Questa seconda interpretazione
comporta per come termine antitetico un xa:'t& 1CvEiilla:, che
sarebbe fuorviante rispetto a tutto il contesto. Tuttavia anche
se, come appare ovvio, xa:'t& ua.pxa: va con 1Cp01Ca.'tOpa: 1)-

"
"

Id., Paulus und die Heilsgeschichte. Schlusslolgerungen (Jus ROm IV und


IO,H3: NTSt 13 (1966) 3"42.
I
!

,I

3. la lezione accolta da Zahn, Sanday~Headlam. KiihI, Schlatter, Barth.


4. Cfr. Lietzmann.
,. -Di che cosa diciamo che Abramo l'ha trovato? (Schlatter).

Kor

Si specifica ora quel che si potrebbe o si dovrebbe dire dell'Abramo terrestre. Se Abramo fu giustificato per le opere,
avrebbe qualche motivo di vanto, ma non davanti a Dio ".
Questo periodo ipotetico pu essere inteso come dell'oggettivit o deIl'irrealt; in ogni caso esso accoglie, a mo' di concessione, un'idea giudaica pi o meno in questo senso: se
Abramo fu giustificato (come voi ritenete), o fosse stato giustificato (come io ritengo) per le opere della legge, allora egli
ha, o avrebbe, motivo di vantarsi. Per - e questa la correzione subito apportata da Paolo - non davanti a Dio, ma sol2.

6. Cfr. Zahn; Schrenk in 1'hWb V 1000 n.3'7; Dietzfelbinger, Paulus und das
N.T.: Theologische Existenz heute 9' (1961) 18 ss.
7. MicheI, Bibel '7; Jeremias, GedankenfUbrung 47, 2.
8. Zeller 99 propone d'jntendere coslla domanda di 4,1: Trov forse Abramo
SI.xex.I.ocruvrrv El; Itpywv?.
9. La locuzione si trova anche nel N.T.: Le.I,}o; ACI. 746; 2 Tim. 1,18; Hebr.
4,16.

10.1tP01Ca.-rWP , come indica il v. 12, il1Cex."t'1]p nel senso pi lato; cfr. Is. 51,2. I
Cinici chiamano Diogene loro 1tpoTta-rwp.
II. yap congiunzione con valore coordinativo, non causale.

Iii
!

l'

i,
!I
i I

I
, I

rtanto dinanzi agli uomini. All'occorrenza si potrebbero quindi intendere i vv. 1-2 in questo modo: Che dobbiamo dire di
Abramo, nostro progenitore terreno? Se Abramo fu giustificato per le opere, egli ha ben motivo di vantarsi, non per davanti a Dio. Sennonch EVP1jXVctL, come abbiam detto,
stato con ogni evidenza omesso per appianare il testo. Dobbiamo quindi lasciare irrisolta la complessa costruzione, che
peraltro non tocca la sostanza del pensiero. L'enunciato del
v. 2 rivolto contro una certa interpretazione giudaica di Abramo, quale si rispecchia ancora in taluni testi apocalittici e
rabbinici. Ecco un esempio dell'apocalittica: Iub.23,10: Abramo fu perfetto in tutto il suo agire verso Dio e fu bene accetto nella giustizia per tutti i giorni della sua vita (cfr. I ub.
24,II; anche EccluS44,I9SS.)'2. Ed ecco un esempio rabbinico che si trova in fama 28b: Rab ha detto: 'Il padre nostro Abramo ha osservato tutta la tor; si legge infatti: per ricompensa di...' (Gen. 26,5). A tutto ci l'Apostolo oppone
che Abramo non trov affatto benevolenza presso Dio a motivo delle sue opere. Queste gli avrebbero procurato soltanto
gloria fra gli uomini. 7tp6c; equivale a li/ne.
3. Come si debba effettivamente intendere la giustizia di Abramo risulta dalla Scrittura. La parola ypctCjlT) indica anzitutto il complesso della Scrittura, l'A.T. (cfr. 9,17; IO,II) B.
Qui per viene citato quasi alla lettera il testo di LXX Gen.
15,3, dove 7tLCT'tEUCTE si riferisce alla promessa di una discendenza fatta da Dio ad Abramo. Veramente la citazione fa riferimento all'obbedienza di Abramo anche altrove attestata,
solo che proprio questo testo di LXX Gen. '5,3 contiene due
termini e due concetti tanto importanti per Paolo: 7tLCT'tEVELV
e OLXctLOCTVV1j. Naturalmente possibile intendere questo enunciato in senso giudaico e quindi la sua citazione non avr
gran che impressionato gli avversari dell'Apostolo. La fede
pu anche essere concepita alla stregua di un' opera, e cos
in effetti stata considerata nel mondo giudaico. Di certo nel
12.

il

.,l

216

Altri esempi in Strack-Billerbeck

III 186

s.

13. Schrenk in ThWb

753.

Rom. 4,3

21 7

giudaismo la fede stata anche intesa alla stregua di una professione di monoteismo e del corrispondente orientamento
della vita verso Dio e quindi molto spesso come la spinta fondamentale dell'esistenza umana. Ma anche cos concepita, essa erapur sempre un'opera meritoria al pari delle altre (cfr.
4 Esdr. 9,7; '3,23; Mekb. Ex. 14,15 [356]). Conforme a tale
interpretazione in questi testi l'esegesi di Gen. 15,6; cfr. ad
es. I Macb. 2,52 oppure tutto il passo 2,50-53: Abbiate zelo, o figli, per la legge! Date la vostra vita per l'alleanza dei
vostri padri. Ricordatevi delle opere che i vostri padri compirono al tempo loro e conquistatevi una gloria grande e un
nome imperituro! Abramo non si forse mostrato fedele nella prova e questo non gli venne forse computato a giustizia?.
Cfr. anche Mekb. Ex. 14,15 (356): Sh"maja (50 a.c.) disse:
('Dio cos parl: ) La fede, con la quale il padre vostro Abramo ha creduto in me, merita che io divida per loro il mare,
come sta scritto: Ed egli credette in Jahv ed io glielo tenni in
conto di giustizia (=merito')>> ecc. In fondo la stessa interpretazione che d Filone, il quale cita abbastanza spesso Gen.
15,6, ma intende la fede di Abramo, e pi in generale qualsiasi fede, come un fatto psicologico e in definitiva come una
sorta di fiducia in Dio concepita alla stregua dell'opera di una grande e olimpica ragione, che sa sottrarsi alla seduzione esercitata da tutto ci che noi possediamo (rer. div. ber.
6,18; cfr. migro Abr. 9; Abr. 46; lego ali. 3,228 ecc.). Al contrario Paolo intende la fede di Abramo e la fede in generale
tra l'altro come l'opposto di quell' operare che, come subito vedremo, richiesto dalla legge. Cos egli batte in breccia
la concezione giudaica e ritorna in certo senso all'Antico Testamento, dove n si cerca di cogliere la fede come un fatto
psicologico, n la si intende alla stregua di un'opera, dell'adempimento di un comando. A mente dell'A.T. Gen. 15,6 significa che Abramo, posto di fronte alle parole di Jahv: Cos sar la tua discendenza, si rafforz in Jahv, accolse cio
con spirito di obbedienza la parola di lui, si affid alla sua promessa e proprio per questo risult nel giudizio di Dio come
l'uomo che accetta quanto Dio ha stabilito per entrare in co-

218

Rom. 4,3.4-5

munione con lui, ossia l'alleanza e i comandamenti, e in questo


senso giusto l4. Ma come intende Paolo e come vuole sia
inteso il testo della Scrittura da lui citato a sostegno della sua
tesi della giustificazione per fede? Lo dice egli s tesso nei vv. 4
e 5, ricorrendo a un'immagine la quale per vero, nel modo in
cui presentata, gi risente della realt che dovrebbe servire.
ad illustrare, ossia della giustificazione per fede.
4-5, L'immagine anzitutto questa (v.4): a colui che lavora
la mercede viene pagata per dovere e non concessa come dono,
Chi lavora merita una ricompensa. .OyL~EO"1}a;~ significa qui
registrare e precisamente xa;" CjlEL.'rU.1a; e non xa;" Xlipw, con un'antitesi che gi si trova in Thuc. 2,20,4 15 , Ma dal
V.5 risulta che nell'pyli~EO"1}a;~ si nasconde gi un epya; vol-tov 7tO~ELV e che xa;" Xlipw gi indica la grazia di Dio, Infatti, anzich proseguire il discorso in maniera logica, cio
coerente con l'immagine e quindi cos: Ma se qualcuno non
lavora, eppure riceve una mercede, ci avviene per grazia,
l'Apostolo scrive: Mentre invece a chi non esegue opere,
bens crede in colui che giustifica l'empio, la fede viene computata come giustizia". Qui si abbandona affatto n.discorso figurato e si passa all'opposizione reale (adombrata dianzi dall'immagine) fra 7tLO""~C; e Epya; VOl-tov. Ill-t1} pya;~Ol-tEVOC; colui che non vive ~ EpyWV VOl-tOV, bens crede, Codesto atteggiamento di chi non esegue opere,) bens ha fede,) non approda alla ricompensa, bens EtC; o~xa;~oO"VVlJV, all'essere giusto, che per l'Apostolo consiste nel riconoscimento della giustizia di Dio, della sua fedelt all'alleanza in Ges Cristo. Si
badi che n 'ltLO""EVEW inteso da Paolo in modo talmente radicale da risultare - conformemente alla o~xa;~oO"vvlJ 1}EoU, la
quale la xlip~c; 1}EoU - un atto di fede nel Dio che giustifica
l'empio, la fede - e Paolo la vede cos configurata anche nella fede di Abramo - che da un lato presuppone quella O"(3E~a;
dell'uomo di cui si parlato in 1,18 e dall'altro fa s che quel14. Cfr. G.v.Rad, Die Anrecbnung des Glaubens tur Gerechtigkeit: ThLZ 76
(19.51) 129-132 = Gesammelte Studien zum A.T. (19,8) 130-135. K.Kertelge,
Rechtfertigung (1967) 185'195.
15. Hauck in ThWb V 565

h:

Rom. 4,4-5.6

21 9

la aO"(3E~a; venga rimossa dalla giustizia di Dio con un atto di


grazia assoluta. Questa fede che ha come corrispettivo la giustizia di Dio,) implica: I. n riconoscimento del proprio essere
aO"E(31Jc; e 2, l'abbandono di s alla xap~c; di Dio 16, Ma tutto
ci qui non detto esplicitamente. Si trova invece una seconda
citazione, come vogliono tanto n principio giudaico secondo
cui la verit dev'essere confermata da due testimonianze,
quanto la gezerii siizii, la seconda delle sette norme ermeneutiche di Hillel, la quale viene a dire che parole identiche (e di
eguale terminazione) che si ritrovano in due luoghi diversi della Scrittura, si spiegano reciprocamente 17 e che, oltre alla
tor, si devono citare i profeti e i ketubim (Michel, Kasemann), Questa seconda citazione, che, essendo tratta da un
salmo, subordinata alla precedente ricavata dalla tor, pone
in risalto che un siffatto o~xa;~ouv "v aO"E(3i'j comprende in s
n perdono dei peccati. Il tenere in conto di giustizia,) indipendentemente dagli epya; VOl-tOV implica nei riguardi dell'aO"E(3Tj n perdono dei peccati.
6, Questo versetto si riallaccia strettamente a quanto precede
con un xa;1}li7tEp xa;L (= come anche,) in senso giustificativo-causale: dr. 2Cor. 1,14; rThess. 3,6.12; 4,5, Il contenuto della citazione che segue viene previamente caratterizzato come un l-ta;xa;p~O"l-tOC;, un'attribuzione di felicit,), un
grido che annunzia fortuna e salvezza,) (Schlatter) pronunciato da David, l-ta;xa;p~O"l-toc;, che vocabolo anteriore all'uso
biblico, non indica qui e in 4,6.9 un augurio di bene per colui
al quale la frase rivolta, bens una dichiarazione di felicit
alla stregua dell'inizio di un salmo: 'iifre 18, In Paolo si trova
ancora in Gal. 4,6.
16. Nel cap. 4 questa formulazione (S'!.xat.Wv "C'ov d;CTE~ii) non ha per l'Apostolo
il peso che le attribuisce il Kiisemann, il quale, richiamandosi ad esso, poggia su
quest'unico dato tutta la dottrina della giustificazione. Gi in 4,I7b 5S. il Dio a cui
si rivolge la fede di Abramo appare caratterizzato anche in altro modo.
I7. Jeremias, GedankenfUhrung 149 ss.
IS. ~ assurdo tradurre il macsrismo come un augurio di bene, perch in tal modo
non si coglie il suo significato peculiare.

221

220

7-8. La ci tazi~ne tolta da LXX P s. 3 I ,I s., un salmo di ringraziamento nel quale l'uomo pio riconosce dai suoi patimenti di essere peccatore, confessa la propria colpa e sperimenta
la salvezza. Il versetto del salmo citato alla lettera secondo
il testo dei LXX. Dio dunque condona le trasgressioni (concetto che negli scritti paolini si trova formulato soltanto in
questa citazione), copre i peccati, non imputa il peccato: tutto ci compreso nel OLXo.LOUV 'tv O"E~ij e nel .OyL~EO"l}o.L
OLXo.LOcnJVT)V XWpLC; EpyWV. Ma vi compreso (non dimentichiamolo!) perch la manifestazione della giustizia o della fedelt di Dio al patto consistita nell'essere Ges Cristo stabilito quale L.o.O"'t"DPLOV, nella sua espiazione cruenta. E questa
OLXo.LOO"VVT)l}EOU, la quale una xapLC;, si esplica nel OLXo.LOUV,
potremmo dire: nell'esercizio sovrano di essa, e pertanto non
EpyWV v[.tou rispetto a colui che pu vantare il compimento delle opere della legge, bens rispetto all'O"E~"DC;, il
quale vive x 7tLO"'tEWC; Tr]O"ou (3,22), ossia un 7tLO"'tEVWV 7tL
'tv OLXo.LOUV'to. 'tv O"E~ij (4,5). Giustificare l'empio vuoI dire fargli sperimentare, per pura grazia, quella fedelt di Dio
al patto che si pubblicamente manifestata con l'espiazione
compiuta da Ges Cristo, e che nel suo ncciolo significa remissione dei peccati. Paolo d'avviso che proprio al 7tLO"'tEVELV cos concepito si riferiscano le parole di Ceno 15,6: Abramo credette a Dio ... e che proprio questo sia il .OyL~E
O"l}o.L o.v't@ ELC; OLXo.LOO"VVT)V. Perci appunto Abramo, se e in
quanto ha ragione di vantarsi agli occhi degli uomini, non ha
vanto alcuno di fronte a Dio. In realt, tutto il vanto spetta a
Dio, perch tutto procede dalla grazia di Dio.
9- I 7a. Paolo avvia ora un nuovo svolgimento del suo discorso 18. su Abramo, presentando ai lettori, al modo dell'argomentazione rabbinica e anche della diatriba, un'obiezione che per
il giudeo era ovvia; il macarismo di PS. 3 I ,I S. non val forse
soltanto per i Giudei? Tale in effetti l'interpretazione proposta da P'siqtaR. 45 (I85b). Egli perdona,soltanto Israele.
18a. U. Luz, Geschichtsverstandnis 173'186.

Il

Quando David vide come Dio rimette i peccati degli Israeliti


e usa loro misericordia, prese a dichiararli beati e a magnificarli: Beato colui al quale sono state rimesse le colpe ... (Ps.
21,1) 19. L'Apostolo pone la domanda al V. 9a nei seguenti termini: questo macarismo vale (soltanto) 20 per i circoncisi o
anche per gl'incirconcisi? Ma egli non risponde esaminando
il testo del salmo o avviando una disquisizione sul modo di
intendere le Scritture (come aveva fatto in 3,19), benS ri
torna sulla vicenda di Abramo e, riproponendo il testo di
Ceno 15,6, scalza esegeticamente quell'obiezione. Anzitutto
(v.9b) egli cita ancora una volta Ceno 15,6. .yO[.tEV qui pu
essere tradotto con <<fioi (Paolo) ripetiamo 21. Senza volerlo
Paolo ricaduto nello stile vivace di domanda e risposta, nel
lo stile cio della diatriba, ma anche dell'argomentazione rab
binica; questo' stile si mantiene ancora nel V. IO, mentre su
bito dopo cede allo stile didattico. Si potrebbe dire che nei vV.
9 e IO siamo di fronte non pi a un rabbi, ma a una sorta di
filosofo popolare. Eppure ancora una volta Paolo argomenta
col metodo rabbinico. Egli interpreta PS. 3I ,1 S. alla luce di
Ceno 15,6, cos come dianzi aveva per converso addotto PS.
31,1 S. a conferma e schiarimento di Ceno 15,6. Secondo il
pensiero della sinagoga il macarismo del salmo valeva soltan
to per Israele. Secondo l'Apostolo, invece, se si vuole stabilire
a chi vada applicato l'ov [.ti] .oyLO"T)'to.L di PS. 32,1, occorre
rifarsi al .oyL~Ecrl}o.L di Ceno 15,6, che si riferisce ad Abramo,
il pagano 22. La citazione di Ceno 15,6 ripetuta ad sensum
nel V. 10a e viene poi la seconda domanda concernente ilm;)c;,
ossia la circostanza in cui la fede fu computata. La stessa
domanda formulata in modo pi preciso al V. l ob: Quando
era in istato di circoncisione o di incirconcisione?. Ad essa
Paolo risponde con brevit e con la massima sicurezza al V.
10C: non nello stato di circoncisione, ma in quello di incir
19.

Strack-Billerbeck

III 202

s.

20. Dopo 1tL 't''';v 1tEPl.-rOjJ.1]v Dg, vgcl inseriscono (.lOVOV, che certo al1propriato
per il senso, ma rappresenta un'aggiunta tardiva.
21. Il Kasemann intende: Citiamo.
22. Paolo usa anche qui l'argomentazione analogica dei rabbini detta ginra siiwa.

Rom.4,9-:17 d

222

concisione. Tale risposta concorda in effetti col racconto dell'A.T., che la sinagoga interpretava nel senso che la circoncisione di Abramo, secondo Gen. 17,10 s., sarebbe avvenuta 29
anni dopo la stipulazionedell'alleanza (Gen. 15,10). chiaro
quindi che Abramo ricevette la giustizia per fede quando era
ancora un pagano incirconciso. Dunque la giustificazione di
lui non pu essere avvenuta per effetto della circoncisione.
Perci l'Abramo di cui si dice che credette e fu giustificato
non pu essere il padre solo d'Israele, bens anche dei gentili.
Ma che pensare allora della circoncisione? In 2,25-29 Paolo aveva messo in chiaro che essa non sostituisce le opere. Qui
egli spiega che la circoncisione concessa da Dio non in ragione delle opere, bens della giustizia ricevuta per fede. La
circoncisione fu (v. II) il sigillo della giustizia ottenuta per
fede nello stato di incirconcisione. AI v. Ila si dice: 1. la 7tEPL-rO[.lT] un a1][.IEiov, un segno, cfr. LXX Gen. 17,Il: xa;l
Ea-ra;L EV O'1][.IEL~ oLa;l}T]X1], 2. come tale essa una aq>pa;yL,
dove aq>pa;yL vale sigillo, inteso nel senso di conferma e
autenticazione della giustizia ottenuta per fede (analogo il
significato in I Coro 9,2) 23. La giustizia per fede non ha quindi
il suo fondamento nella circoncisione, ma soltanto viene confermata o convalidata dal segno della 7tEPL-rOllT]. La circoncisione dunque, almeno per quanto riguarda Abramo, ha un
certo significato positivo, al quale per nel discorsopaolino
non vien dato alcun risalto. L:uomo debitore a Dio della
fede; Dio si colloca dalla parte di chi ha fede e gli accorda la
sua benevolenza: con la circoncisione tutto ci diventa una
verit inoppugnabile (Schlatter). Ma che risulta da tutto ci

I
I

,!

23. Ci sembra da escludere che gi qui si trovi quell'uso del termine sigillo in
riferimento alla circoncisione, che attestato sporadicamente nei Targum1m del
quarto secolo dopo Cristo, cfr. Strack-Billerbeck IV 32. S.; Fitzer in ThWb VIi -947.
Neppure il caso di pensare che Paolo abbia qui in mente, diciamo cosi per contra
sto, l'uso di aq>pa.y~ per designare il battesimo cristiano e che ci gli suggerisca di
applicare lo stesso termine aUa circoncisione in quanto tipo del battesimo. Infatti
1e prime testimonianze di Q'tppa.ytt; nel senso di battesimo si hanno in Herm.., sim.
8,6,3; 9,I6,3-'; 9,I7A; 2 Clem. 7,6; 8,6; cfr. anche Bam. 9.2. Vero che acppa.y!.
~ELV in 2 Coro '.22; Eph. 1,13; 4.30 si pu mettere in relazione col batt~simo e che
j} legame tra circoncisione e battesimo risuha, nella sostanza. presente in Col.
2,11

s.

223

per il nostro contesto? quanto viene diffusamente esposto


nei VV. II b e 12. Importante soprattutto l'enunciato del V.
1Ib: per due volte un infinito" (Et -r ELva;L) spiega le conseguenze di quanto si trova espresso al V. II a: 1. a) che (infinito
finale) per effetto della giustizia, conseguita da Abramo con
la fede e non con la circoncisione, egli divenuto padre anche di tutti i credenti che non sono circoncisi 25 e quindi anche
padre di tutti i pagani credenti, degli etnico-cristiani; b) per
modo che (infinito consecutivo) a costoro, gi pagani e ora
credenti, vien comunicata la oLxa;LOaVV1] di Dio; 2. risulta per che Abramo padre anche della 7tEPL-rOllT], dei circoncisi,
purch questi abbiano non solo la circoncisione, ma, come Abramo, anche la fede. Quest'ultimo concetto formulato al
v. 12 in modo un po' macchinoso. Il v. I2b si presta addirittur a un malinteso. L'articolo posto davanti a a-roLxouaLV potrebbe far pensare che l'Apostolo intenda riferirsi a due distinti gruppi di Giudei. Ma naturalmente il-roi dovuto soltanto a un impaccio espressivo e il pensiero questo: Abramo
anche il padre dei circoncisi, dei Giudei, di quei Giudei per che non vivono soltanto della circoncisione ossia dei Giudei xa;-rI C7apxa;, bens dei Giudei credenti, dei giudeocristiani, dei Giudei che seguono Abramo padre <<uostro, ossia
di Paolo e dei cristiani, in quella fede che egli gi ebbe quando era pagano e incirconciso. Per a-roLXEiv -roi LxvEaLV cfr.
7tEpL7ta;-rEiv -roi LXVEC7LV in 2 Coro 12,18, E7ta;xo.oul}Eiv -roi
ixvEaLV in I Petr. 2,2 I, 7tP -rI LXV1] -rLV EpEMiva;L in
Mart. Polyc. 22,1; per a-rOLXEiv cfr. Gal. 5,25; Phil. 3,16. Il
senso dell'espressione : camminare sulle tracce del padre Abramo, associarsi a lui nella fede e incamminarsi per la sua strada. Quel che Abramo ricevette da Dio, fu accordato alla sua
fede, e quel che egli fece, fu prescritto dalla sua fede. In tal
modo egli divenne modello e guida dei suoi figli, i quali dive ngon tali in quanto si collocano nella schiera dei credenti
24 oL'xpo~uO"'TLac; indica, come in Rom. 2,27: Ol.OC "pal-lJJ.a.'TOC; Xa.L 1tEpl.'TOI-~n.
la circostanza concomitante.
2.5. Kiihl, Kasemann; Bu1tmann in ThWb VI 207.

224

(Schlatter). Posto dunque che Abramo fu giustificato per la


fede, non si potr obiettare che ci avvenne a motivo della
circoncisione, perch in realt questa fu preceduta dalla fede
e dalla giustificazione del patriarca. quanto Paolo ha dimostrato.
Viene ora spiegato, in 4,I3-17a, he neppure la legge il
fondamento della giustificazione. La legge non aveva avuto
parte alcuna in quella promessa nella cui accettazione consiste
la fede di Abramo. Il v. 13a enuncia la tesi seguente: Giacch la promessa non fu fatta ad Abramo o alla sua progenie
in forza della legge. Il yap, se non una semplice particella
di trapasso, si riferisce all'intera affermazione precedente secondo cui Abramo padre di tutti i credenti, e quindi all'enunciato fondamentale della giustificazione per fede. & v!J.OV non ha articolo per via della preposizione e non perch
significhi a motivo di una legge. i) 'Ttayye.La significa spesso in Demostene, nelle iscrizioni, nei papiri, in Filone ecc.,
avviso, <<notificazione, nella grecit pi recente soprattutto promessa; ad es. Polyb. 143,6; 713,2 e passim; Diod. S.
15,3; 416,2 ecc.; Epict., diss. 1,4,3; I Mach. 10,15; Philo,
mul. nom. 201; los., anI. 5,30 S. ". Nell'apocalittica si parla
di promessa o del bene promesso, che il giusto riceve; ad
es. Bar. syr. 14,13; 51,3; 57,155.: Dopo di ci tu vedi delle
acque luminose; esse sono Abramo, le vicende della sua vita,
l'avvento di suo figlio e di suo nipote e di coloro che assomigliano a lui. Giacch in quel tempo la legge non era scritta ma
era del tutto nota ad essi e le opere della legge erano allora praticate e la fede nel giudizio futuro era allora nata; la speranza
nel mondo che sar rinnovato era allora edificata; e l'attesa
della vita che verr era allora iniziata. T ullO ci sono le acque
luminose che tu hai visto (cfr. 59,2; 4 Esdr. 7,II9)". Nel
26. Cfc. LiddellSoott, s.V.; Bauec, Wb. 554 S.
.
27. Sulla tradizione veterotestamentaria della promessa dr. I.G. Plger, Zar atto
Verheissungstradition (Diss.), Bonn 196.5.71 S5.; Cl. Westermann, Arten der E,
ziiblung in der Generis (= Gesammelte Studien) (TbB 24), Miinchen 1964. ~r.
Per il termine 1'CaYYE.ta nella sua specifica accezione paolina cfr. l'excursus lum

Begr;1f 1tayyE.Loc in U. Luz, Das Geschichtrverstiindnir des Paulus (BEvTh 49),


Miinchen 1968, 6655.

225

N. T. 'Ttayye.La per lo pi riferito alla promessa divina, ad


es. Rom. 9,9; 15,8; Gal. 3,17.18.29; Eph. 6,2; 2Petr. 3,9; al
plur. Rom. 9,4; 2Cor. 7,1; Gal. 3,16; Hebr. 7,6; 8,6; II,17
ecc. Nel nostro passo Emx,yye.La in quanto vocabolo dei LXX
, per cos dire, un termine biblico. La E'Ttayye.La rivolta ad
Abramo consiste, secondo l'A.T., 1. nella promessa di Dio che
Sara avrebbe avuto un figlio (Gen. 15,4; 17,16.19); 2. nella
promessa della presa di possesso di Canaan (Gen. 12, r .4; 13,
14.r5.17; 15,7.18-21; 17,8); 3. nella promessa di una di,scendenza innumerevole (Gen. 12,2; 13,16; 15,1 SS.; 17,5 s.;
18,r8; 22,17); 4.nella promessa di benedizione per tutti i
popoli della terra (Gen. I2,2 s.; 18,18; 22,18). probabile
che queste due ultime promesse (che hanno importanza nel discorso paolino di Rom. 4,17.18)28, combinate con la seconda,
abbiano segnato il passaggio a quell'interpretazione piuttosto
tarda che troviamo in Ecclus 44,2 I: Perci Dio gli promise
con giuramento di benedire tuttE popoli nella sua discendenza, di renderli numerosi come la polvere della terra e di esaltare la sua stirpe come le stelle, di darle in eredit il paese dall'uno all'altro mare e dalla corrente dell'Eufrate sino ai confini dell'Egitto. Questa promessa contiene gi elementi messianici quali poi risulteranno chiaramente in Mekh. Ex. 14,3 l
(40b) in un detto di R. Nehemja (databile intorno al 150 d.
C.): E cos tu trovi, nel caso di Abramo, che egli venuto in
possesso del mondo presente e del futuro, come sta scritto:
'Egli credette" a Jahv e Jahv glielo mise in conto di giustizia' '". Del resto un accento messianico non si pu non cogliere anche nella formulazione paolina: .. x.TJpov!J.ov a.. v erva~ xu!J.ov. Questa E'TtayyE.La rivolta, secondo l'Apostolo, ad Abramo il ..ii> O"l'Cp!J.a.. ~ a..o, dove O"l'CEPv.a non
indica, come in Gal. 3,16, il Cristo, benS i figli nella fede,
come dimostra subito dopo Rom. 4,14: i x.TJPov!J.o~ (cfr.
28. Si deve per considerare che in Paolo, come fa rilevare Ch. Dietzfelbinger,
Paulus und dar A.T. (1961) 17 s., il contenuto dell'1rayye..!a ha minore importanza rispetto al fatto dellbta.YYE)...~a ad Abramo.
29. La fede anche qui il presupposto della giustificazione, ma in quanto concepita alla stregua di opera meritoria.
30. Strack-Billerbeck III 200.

--,

~~---------------------------

226

,I
,

Gal. 3,29). La congiunzione i'I (non xcx(), che ha valore coordinativo o associativo 31, indica non esservi fra Abramo e la
sua progenie alcuna differenza per quanto concerne l'rccxyYE.(CX; significa cio che la promessa e l'eredit del mondo
valgono tanto per il patriarca quanto per la discendenza di lui.
Ma se questa rcCXYYE.(CX messianica stata rivolta ad Abramo e a rutti i credenti, ci avvenuto non in ragione della
legge, bens OL~ OLXCXLOO'UVTJC; rc(O'"rEWC;, ossia in ragione del. la giustizia da essi acquisita nella fede.
Per chiarire questa tesi ne viene proposta un'altra nei vv.
14 s., dove l'enunciato del v. '5 ha l'ufficio di giustificare quello del v. 14. Dice il v. 14: se fosse la legge a determinare l'e
redit, la fede e la promessa non avrebbero alcun significato.
o~ x v6lJ.ov (cfr. x rc(O'"rEWC; 'ITJO'O di 3,26) sono coloro la
cui vita trae edificazione dalla legge ed regolata dalla legge, o meglio: nel senso indicato dalla legge. Se l'esistenza che
si edifica con le opere avesse una prospettiva escatologica,
ossia un fururo reale a parte Dei, la fede risulterebbe svuotata. XEVOV, oltre che nel caso speciale di Phil. 2,7, attestato
negli scritti paolini in I Coro 9,15; 2 Coro 9,3: "r xcxuXTJlJ.CX
XEVOV = annichilire il vanto, e I Coro 1,17: vanificare la croce di Cristo facendola essere qualcosa che dialetticamente af
ferrabile e quindi non pi kerygma, che esige la fede. XEVOV
significa dunque svuotare nel senso di rendere inefficace, e
quindi priva di significato, qualcosa, nel caso nostro la fede.
Proprio la fede, ove le opere comportassero una speranza escatologica, risulterebbe priva di forza trascendente e quindi inutile e senza significato. Se le prestazioni offerte dall'uomo che
confida in se stesso e obbedisce cos al v6lJ.oC; fossero determinanti per l'avvento del futuro escatologico, non soltanto la via
della fede sarebbe un'illusione, ma la stessa rccxyyE.(cx risulterebbe fallita. Vi sarebbe allora, stando al v. '5, soltanto il
giudizio dell'ira di Dio, poich la legge provoca la trasgressione. xcx"rEpya:1;EO'i}CXL significa procurare, cagionare,
<<far sorgere qualcosa, come in Rom. 2,9; 7,8.13.18 ecc. Il

227

processo qui richiamato si chiarisce meglio se si tien conto di


Rom. 7,9 ss. La legge provoca il giudizio dell'ira di Dio. Perch? La risposta viene in forma negativa dal v. 15b: perch
dove non v' alcuna legge, non v' neppure alcuna rccxpa:~cx
O'LC;. In forma positiva: perch la legge provoca la rccxpa:~cx
O'LC;. rcCXpa:~CXO'LC; e pyi) sono ovviamente connesse tra loro,
mentre parimenti ovvia la successione causale v6lJ.oc; - rccxpa:~CXO'LC; (cfr. 3,20). Nel N.T. il vocabolo rcCXpa:~CXO'LC; ricorre nel .
corpus paolino (Rom. 2,23; 5,14; Gal. 3,19; I Tim. 2,14 e
Hebr. 2,2; 9,15), ma attestato gi nell'uso ellenistico, dove
per non risulta connesso, alla maniera paolina, con v6lJ.oc; 32.
Naturalmente questa proposizione, nelle due parti in cui si
articola, per il giudeo un'altra bestemmia, cos come gi le
parole di 4,4 ss. suonavano blasfeme ad orecchie giudaiche.
Ma senza una pi precisa determinazione, quale si trova in
Rom. 7,7 ss., l'asserzione del v. '5 poteva sbigottire anche i
cristiani. Eppure essa, almeno come tesi negativa, altro non
fa che sostenere il fondamentale convincimento di Paolo: l' esistenza umana in balla del peccato appunto per effetto della legge e delle sue richieste, in quanto tali richieste vengono
assolte in guisa autonoma e autosufficiente. Con la legge e in
virt della legge non sussiste alcuna promessa di Dio e quindi non sussiste neppure una giustizia che si acquisisca non con
le opere ma con la fede. La promessa, se cos pu dirsi, della
legge la morte, perch l'effetto della legge , in ogni caso,
una trasgressione. Ecco perch si affermato il principio
della fede e quindi della grazia gi nella promessa di Dio ad
Abramo, il quale per l'appunto ebbe fede e non fece della legge il fondamento della sua vita n delle opere da essa prescritte una sorta di elisir di vita. In realt la fede necessaria
perch la grazia necessaria. Soltanto cos la promessa rimane
incrollabile per rutti.
Tale appunto il concetto che viene svolto in modo un po' .
macchinoso nel v. 16. Anzitutto abbiamo al v. 16a un'espressione molto concisa ed ellittica che non ben chiaro come si

"

31. Blass-Debr. 446.

32. Bauer, Wb. I2I4.

229

228

possa o si debba integrare. Forse nel senso del V. 13: per que
sto la promessa fu fatta a motivo della giustizia acquisita per
fede, perch avvenisse secondo il criterio della grazia. Oppure 33 , in sintonia col v. 14: per questo si ha l'eredit per fede,
perch la grazia regni. Ma forse la frasetta s'intende meglio
cosi com' in un senso affatto generale: quindi per fede,>
perch viga la grazia (come principio dell'agire divino). Solo
cosi la promessa fatta da Dio ad Abramo pu valere per tutti
(4,I6b). Ma proprio in ci si manifesta il principio della grazia, nel suo abbracciare chiunque, giudeo o pagano, viva della fede di Abramo. Se l'1taYYE),,(a 1ta\l"tt "t@ O"1tp[.I.a"tL {k
~a(a - il che qui significa, per cos dire, giuridicamente (per
Paolo, come oVvio, giuridicamente in riferimento all'alleanza) valida, e quindi giuridicamente garantita e dunque stabile, sicura ecc. - allora effettivamente vige il principio della
grazia 34. Ora proprio questo principio della grazia deve rimanere ben garantito ed efficace, e tale si dimostra se la promessa rivolta a tutta la discendenza di Abramo, non solo a quella che vive della legge, ma anche a quella che vive della stessa
fede del patriarca. O"7tp[.I.a la discendenza naturale di figlio
in figlio come in Rom. 4,18; II,1; 2Cor. II,22, ma anche, come qui e in 4,13; 9,7 s. 29; Gal. 3,16.19.29, la discendenza in
senso traslato, soprannaturale, ossia la discendenza nella fede; si deve per considerare che nel caso del giudeo credente
le due cose coincidono, il che non sempre pu risultare in maniera esplicita, ad esempio qui, dove 1ta\l"tt "t@ O"1tp[.I.a"tL designa la discendenza soprannaturale della fede, mentre l'o,)
"t@ x "tov \lO[.l.OU [.1.0\10\1 comprende insieme il giudeo in quanto tale e il giudeo credente. In ragione della sua visione universalistica Paolo riafferma di continuo l'idea che Giudei e
pagani sono compresi nella salvezza - in questo caso nella promessa di Dio (cfr. in precedenza 3,22 ss. 29 s.; 4,II s.; e ora
4,16 s.). E proprio perch la salvezza universale, la fede
l'unica via per raggiungerla.
A conferma dell'essere Abramo padre di tutti i credenti,
33. Cfr. Kiisemann.

34. Per {U{3OCI.OC; cfr. SchIier in ThWb

60455.

non pure dei giudeocristiani, ma anche dei convertiti al paganesimo, vien citato al v. I7a ancora un testo della Scrittura:
LXX Ceno I7,5, il quale, per via dell'uso di gojim tradotto dai
LXX con fW"!] e forse anche per un senso universale presente
gi nell'A. T. (dove il nome di Abramo si trova spiegato come padre di una moltitudine di popoli), doveva sembrare
all'Apostolo particolarmente atto allo scopo, tanto pi che esso anche nella tradizione giudaica pi recente veniva inteso
in un significato universale (ad es. Ecclus 44,19 s.) 35. Alla frase relativa con cui si chiude il v. 16 appartiene sintatticamente, ma in parte anche per il concetto, il v. I7b. Abramo padre di tutti noi davanti a quel Dio al quale aveva creduto ... ,).
xa"t\lav"tL ov 1t(O""tEUO"EV l}Eov equivale, per l'attrazione del
relativo, a xa"t\lav"tL "tov l}Eov, cfr. 2 Coro 2,17; 12,19 (=
li/ne) iii 1t(O""tEUO"EV 36 I predicati participiali di Dio, agganciati a una frase relativa attratta, in un certo senso si ricollegano ancora a quanto precede, giacch fanno intendere qual
il Dio che fa e pu fare una promessa del genere. Ma per un
altro aspetto il v. I7b appartiene gi alla seguente illustrazione della fede di Abramo, la quale predomina ora nell'ultima
pericope del capitolo (4,I7b-25) di pari passo con l'illustrazione della <<nostra fede (4,23 ss.).

i..

I 7
Con un trapasso piuttosto duro la nostra fede viene ora
presentata in riferimento a colui al quale essa rivolta e dal
quale perci trae la sua realt e la sua forza; subito dopo inve- .
ce, ai vv_ 18-22, la stessa fede viene caratterizzata in riferimento a ci che essa rappresenta nel suo attuarsi. Abramo credette
a Dio, <di quale fa vivere i morti e chiama ad essere ci che
non . L'uso dei predicati participiali obbedisce a un ritmo
particolare e reca l'impronta liturgica di una professione di
fede; si noti il parallelismo dei participi. L'idea che Dio faccia
vivere i morti si trova gi nell'A.T.: Deut. 32,39; I Samo 2,6:

35. Esempi rabbinici si trovano in StrackBillerbeck]lI

211.

Cfr. anche Kasemann.

Perspektiven 156; Ch. Dietzfelbinger, P(/I/Im und das A.T. 9.


36. BIassDehr. 294,2.

I,

23 1

23

xup~OC; lh1.va"t"oL xat S!POyOVEL, Xa"t"ayE~ ELC; ~OOU xat avayE~,

4 BaCT. 5,7; Sap. 16,13: cr yp swTjc; xat Dava"t"ou EOUCTLav


EXE~C;, xat xa"t"ayE~C; E~C; 1tuac; ~OOU xat,vayE~C; (cfr. Tob,
13,2). Ricorre poi con valore liturgico nella seconda benedio
zione della Preghiera delle diciotto richieste: Sii lodato, o
Jahv, che fai rivivere i morti (cfr. 2 Coro 1,9). Anche l'altra
idea riguarda la potenza taumaturgica di questo Dio e preci
samente la potenza creatrice: xat xaouv"t"oC; "t" (J.TJ ov"t"a WC;
oV"t"a. WC; oV"t"a si pu forse interpretare in senso comparati
va: come ci che , ma pi probabilmente ha significato
consecutivo": in modo che il non essere passa all'essere, le
cose non esistenti prendono ad esistere. Questo modo d'inten
dere corroborato anche dalla tradizione. Vero che, proprio
in riferimento ad Abramo, in un testo di Filone (migr, Abr. 9)
si legge: (L'anima di Abramo) aggrappata e appesa a una va
lida speranza (l'E1tayyELa di Cen, 12,1) e convinta senza
esitazione che gi fossero in atto le cose che ancora non erano,
per la fede incrollabile in colui che aveva fatto la promessa,
trov come ricompensa il bene perfetto (cfr. I os. 22). Ma il
legame con la vivificazione dei morti suggerisce piuttosto (e
in questo senso si muove la tradizione pi diffusa) l'idea della
creatio ex nihilo, la quale del resto trova rispondenza gi nel
xaELv inteso come chiamata del Creatore (Is. 48,13; Bar. syr.
2I ,4). questo un concetto che ricorre spesso nel giudaismo
ellenistico e poi nel primitivo cristianesimo giudeo.ellenistico.
In Bar. syr, 48,8, nel contesto di un salmo rivolto a colui che
crea e governa la storia, si legge: E con una parola chiami
alla vita ci che non esiste, e con grande potenza domini ci
che non ancora comparso (cfr. 21,4). In 2 Mach. 7,28 si
dichiara: ~w CTE, "t"xvov, va~q,av"t"a E~C; "t"v oupavv
"aL "t"Y}V yiiv" xaL ~ v aU"t'ott; 'l'ta:v"t'rL (8ov'tet yvwvat., o"t't.
oux ov't'wv 'JtOLTlCTEV a-r. DE "a.L "t' 't'w" vllpw1twV
yVOC; oihw yLvE"t"a~. Philo, de creato princ. 7 dice: "t"I yp (J.TJ
"oV"t"a "
, '"t"o
T
xalloECTEV E~C;
Ewa~ ( cf r. op. mund.81; spec.leg. 2,
187; migro Abr. 183; lego ali. 3,10; muto nom. 46; rer, div.

37. Lietzmann, Barrett, H.W. Schmidt, IGisemann.

her. 36). Ma anche in Sanh. b. 9Ia si afferma: Ci che non


era venuto alla vita, e ci che era non dovrebbe a maggior
ragione poter ritornare alla vita?. Del primo cristianesimo
giudeo.ellenistico ricordiamo Herm., viso 1,1,6; mando l,I; 2
Clem. 1,8; const.Ap. 8,12,7. Cfr. anche Ios.etAs. 8,9: Tu,
o Dio altissimo e potente, che vivifichi (sW01tOLl}CTac;) l'univer
so e lo chiami dal buio alla luce e dall'errore alla verit e dalla
morte alla vita,). La fede di Abramo si rivolgeva e aderiva al
Dio che risveglia dalla morte alla vita e chiama dal non essere
all'essere. Essa confida nell'onnipotente Dio creatore e reden
tore, il cui divino operare non pu essere intralciato n dalla
morte n dal nulla. Si osservi come i participi siano tutti pre
senti: si tratta in effetti del Dio che continuamente agisce con
sconfinata potenza nel presente.
18. Ma che significa tutto ci per quanto attiene all' Abramo
credente, al modo in cui egli ebbe fede? Nel v, 18 la caratte
ristica della fede di Abramo brevemente delineata con una
parafrasi di Ceno 15,6 e appresso viene illustrata pi diffusa
mente. Di Abramo e della sua fede deve dirsi che egli 1tap'E
1tLOa E1t'E1tLO~ E1tLCT"t"EUCTEV. 1tap'E1tLOa indica, con un 1tapli:
avversativo (quale si trova anche in Rom. 1,25; II,24; 16,
17; Cal. 1,8), che Abramo credette contro ogni speranza nel
senso che nessuna realt terrena poteva suscitare la sua spe
ranza. Vi era soltanto l'E1tayyELa di Dio, la sua parola, la
sua promessa. Ma proprio questo svegli la speranza credente
di Abramo, sicch egli credette E1t'1tLL, sul fondamento di
una speranza siffatta. E1t'1tLOL un'espressione formulare
gi nel greco profano e ritorna in Rom. 5,2; 8,20; I Coro 9,10.
La 1tLC; intesa in senso tanto oggettivo quanto soggettivo.
La caratteristica della fede di Abramo consiste in questo, che
egli, senza avere motivo alcuno di speranza e quindi senza spe
ranza, prese nondimeno a sperare in virt della parola di spe
ranza pronunciata da Dio. La fede di Abramo dunque spe
ranza e poggia sulla speranza che la parola di Dio dest in lui
che per la sua condizione terrena non aveva motivo alcuno di
speranza. E proprio grazie a questa fede egli divenne, secondo

Rom4,I8.I9

233

il passo della Scrittura (Gen. 17,5) padre di molti popoli.


Il nesso EtC; "t YEvC"ilaL non designa il contenuto della speranza di Abramo 38, bens ha valore consecutivo. Questa fede,
intesa come speranza contro ogni speranza, continua ora ad
essere descritta nelle proposizioni seguenti. Si ponga mente al
xaL che richiama l'oc; del v. 18.

chi ricorre ai sogni per mascherare la propria impotenza


(Schlatter). La speranza contro ogni speranza d prova di
s proprio nella disincantata spassionatezza che non sorvola
sui dati della vita umana. Il dativo"tTI 7tLC""tEL , l'abbiamo gi
detto, un dativo di relazione, come ad es. I Coro 14,20; Pbil.
2,17 41. Vi sarebbe stato l'aC"ilEvELv "tTI 7tLC""tEL se la disperazioneumana avesse sopraffatto Abramo ed egli avesse ritenuto la promessa di Dio impossibile, irragionevole e non realistica. Si pu anche dire - e forse Paolo pensa proprio a
ci - che Abramo si sarebbe indebolito nella fede se non fosse
andato oltre quel ridere di cui parla Ceno 17,17: Allora
Abramo si prostr fino a terra e rise dicendo in cuor suo: 'Po
trebbe forse nascere un figlio a un uomo di cento anni? E Sara
a novant'anni potr avere ancora prole?'. La sua fede si sarebbe infiacchita se egli si fosse lasciato impressionare da quel
che la situazione aveva di risibile. Ma la fede di Abramo si
qualifica proprio per aver accettato, di contro ad ogni dato vi
sibile e stimabile, la promessa di Di, semplice parola di fronte ai cosiddetti fatti. Nei vv. 20 s. continua l'esposizione di
questo concetto e l'illustrazione della fede di Abramo nella sua
caratteristica speciale.

19. Per il senso, il verbo principale di questo versetto aC"ilEcl


VELV, il quale per qui si trova al participio. Si: D G pm it vg
inseriscono un o prima di xa"tEv1]C"EV; si tratta evidentemente di una leelio facilior che permette di attribuire al participio che precede un significato causale pi o meno di questo tenore: Poich non si indebol nella fede, non consider
... . Ma l'attestazione di o relativamente scarsa. Il senso
del v. I 9a piuttosto: E senza indebolirsi nella fede egli consider il suo corpo gi privo di vita ... 39. xa"tavoELv significa
osservare, considerare, riflettere su e sim. "t au"tou
C"wJ..la VEVEXpWJ..lvov il suo corpo senza vita, il corpo la
cui capacit generativa spenta. Ed ecco il motivo: egli aveva
circa cent'anni. Ma Abramo consider pure "ti]v vxpwC"Lv"'del grembo di Sara. Anche nel grembo di Sara, ormai
atrofizzato, non si poteva pi destare vita alcuna. L'indicazione di ci che Abramo ebbe a considerare singolarmente ampia. Essa mette in rilievo come la situazione di Abramo fosse,
sotto l'aspetto umano, priva affatto di speranza e in contrasto
pieno con la promessa; in altri termini, pone in risalto che la
fede di Abramo poggiava soltanto sulla speranza eccitata dalla
promessa di Dio, ma in pari tempo fa anche intendere che questa fede di Abramo, e quindi anche la sua speranza, non prescindevano dalla realt e non trascuravano la situazione concreta. Non si tratt insomma di una speranza germinata dai
sogni. La fede dunque tutt'altra cosa dall'atteggiamento di
38. Bu1tmann in ThWb

VI 207;

Kuss.

39. Cfr., a 'proposito di un morto, un epitaffio (IG III 2, nr. ]355: VEVEXpWJ,.tvov
cr~a). 'tU nl.cr't'EL dativo di relazione; Blass-Debr. 197
40. Cfr. Deissmann, Licht vom Os/en 76 n. 7

20a. Si reca anzitutto una formulazione negativa: o OLEXplil1]. Il medio oLaxpLvEC"ilaL vale <<lottare contro se stesso, esitare, dubitare e anche essere irresoluto, intimamente
scisso ecc. Esso attestato soltanto nel N.T. o a partire dal
N.T. (Rom. 14,23; MI. 21,21; Me. II,23; Le. II,38D; Iae. I,
6; 2,4; Iudae 22; Acl. 10,20: un esitare pieno di scrupoli).
"tTI a7tLC""tLq: significa: rmutandosi di credere, assumendo un atteggiamento di incredulit. L'incredulit insieme la scaturigine e la dimostrazione del dubbio e dell 'incertezza per quanto concerne (EtC;) la promessa divina. Ma
Abramo non ebbe dubbi e incertezze; la sua fede nella ve41. Cfr. Blass-Debr. S 197. Non si tratta di un dativo con valore strumentale
(Schlatter), bens di un dativo di specifica determinazione, mentre "tii &.7tl.I7d~
del v. 20 ha significRto causativo (Kiihl, Kasemann). D* p G Orig, Zahn ed altri
aggiungono '\I.

i I

T
I

Rom4,2o.2l

234

racit della promessa di Dio era e rimase semplice e schietta.


Egli si attenne ali '1CaYYE),,(a e non diede ascolto alla sconsolata realt dei fatti; non divenne o(</Ivxoc; (dr. Iac. 1,8; 4,
8) irresoluto. La sua fede resse alla prova di fatti che pur eran~ innegabili, anzi si rafforz proprio in questa prova: egli,
Abramo, VEovva[1WDl} 't'TI 1C(a''t'E~. vovva(J.ouv vale raff~r
zare (ad es. Phil. 4,13; 2 Tim. 4,17), al passivo rafforzarsI
(dr. Eph. 6,10; 2 Tim. 2,1). Abramo si rafforz nella ~ede e
rese anche onore a Dio. Si nega che Dio sia degno di fede
quando ci si rifiuta di rendergli l'onore che gli dovuto
(Schlatter). In virt della fede Abramo - e ad Abramo appartiene anche la sua situazione concreta - si libera da tutto e ascolta soltanto Dio, dando cosi a lui la sua gloria. Per ol:,av
't'iii DEiii o~ova~ dr. Ios. 7,19; LXX Ps. 67,35; I Esdr. 9,8; 2
Chr. 30,8epassim; nelN.T.: Le. 17,18; lo. 9,24; Act. 12,23
2 L Ma tutto ci presuppone e include quel che .il v. 2 I ag:
giunge, ossia il pieno convincimento che Dio. ha. d pot~re di
adempiere la sua promessa. 1C)"l}POq>opE~o-)a~ significa qUI essere pienamente convinto, essere pienamente compenetrato (dr. Col. 4,12) ". Ci di cui Abramo era pienamente perche Dio pu fare quel che ha
suaso viene indicato con
promesso. Il passivo 1CnYYE),,'t'a~ di per s rimanda a Dio.
ovvo:'t'C; "O:L 1CodiCTO:~ , alla maniera di Filone (Abr. 32 -4 6 ;
IOS.4 0 ; somn. 2,19; spec.leg. 1,4), un predicato di Dio. I~
sintesi dunque la fede di Abramo I. fede ne~la promes.sa di
Dio manifestata dalle sue parole; 2. fede nel DIO che fa vivere
i m~rti e che con la sua parola, chiama ad essere ci che non
; 3. fede acc~mpagnata ed animata da una s~er~nza schiettissima, la quale, lungi dal s?rv~l~re sulla realta di qu~sto ~on:
do la considera con occhIO dlslllcantato, senza pero laSCiarSI
indurre da essa a mettere in dubbio la parola di Dio; 4.la fede
di Abramo quindi fede collaudata e rafforzata dalla tentazione; 5. fede persuasa che Dio abbastanza potente da man-

on ... :

I
!

.p. Or. anche test. G. 2,4: 1t)...TJpocpop.q&rU.LE\I 'tTlC; a,vaT.pO'EWC; au"t"ou, eravamo

pienamente certi di ucciderlo. Cfr. Delling in ThWh vr 308 .

235

tenere la sua parola; 6. una fede che, nel suo fondo, equivale
a un rendere gloria a Dio.
22-25.Di questa fede si pu dire (v. 22) che Dio la mette in
conto di O~"O:~OCTUVl}, che essa riceve la &"a~OCTuvl} di Dio. In
tal modo Paolo ritorna, per concludere, sulla citazione scritturistica di 4,3.9, facendo cosi intendere che in realt tutto lo
svolgimento del capitolo altro non che un midrash su Abramo e sulla sua fede, un midrash agganciato a quella citazione
e rivolto a spiegare la fede <<nostra. Proprio questa esplicazione viene, diciamo cos, aggiunta, nei vv. 23 .24a, i quali integrano le considerazioni precedenti mettendo in chiaro il rapporto tra la fede di Abramo e la nostra di cristiani. Di certo la Scrittura a proposito di Abramo ha detto (o, come si pu
intendere il &' o:u't'v per analogia col seguente o~'n(J.ac;, con
riguardo a lui, nel senso di a motivo di lui) quel che Paolo
ha appena citato ancora una volta, non solo a motivo di lui,
ma anche a motivo di noi (v. 24). In effetti, come Paolo dir
pi avanti, la Scrittura parla fondamentalmente per noi (Rom.
15,4; dr. I Coro 9,8 SS.; 10,II) che viviamo nell'epoca finale,
n~ll'epoca del compimento e del disvelamento, per noi che abbiamo l'evangelo escatologico 43. Ma chi sono i <<noi ai quali,
come ad Abramo, la fede vien computata a giustizia? Il (J.)"),,EL
da riferire al giorno escatologico del giudizio 44, il quale per
i credenti si attua gi, in via provvisoria, nel presente. Chi siano i <<noi viene spiegato nei vv.24b e 25, dai quali risulta
esservi una differenza fondamentale fra la fede <<nostra e
quella di Abramo, che pure tanto hanno in comune.
24 b . Anche noi siamo credenti come Abramo, e ci significa
43 Dio stesso fece si che nella storia si manifestasse questa rispondenza con
l'A.T. e la volle fissata nella Scrittura (Goppelt, Paulus und die Heilsgeschichte:
NTSt '3 ['966] 33).
44 .. Futuro-escatologico (Schlatter)j Kiisemann, Michel, Barrett: futuro riferito alla parusia. Altri pensano che !-L}..)..Et indichi un futuro nella prospettiva
della Scrittura veterotestamentaria, oppure - cosa affatto inverosimile - rispetto
a coloro che devono ancora essere convertiti (Zahn, Kiihl).

I i

237

I
,

'li'

i,

'I

che anche noi crediamo al Dio che fa vivere i morti (4,


J 7). Ma noi crediamo a questo Dio nel senso che crediamo al
Dio che ha risuscitato Ges Cristo dai morti. Noi crediamo che
la resurrezione dei mrti si gi appalesata in Ges Cristo e
che, sempre in Ges Cristo, Dio ha gi dato prova di essere
colui che fa vivere i morti. In altre parole: nella nostra fede
quella vittoria di Dio sulla morte assume concretezza e compimento, in certo senso prende il suo nome. Noi crediamo che
Dio in Ges Cristo ha vinto la morte e con ci ha confermato
in concreto la sua OVVtll!L<;. Cos stata mantenuta la promessa
fatta da Dio ad Abramo e la <mostra fede abbraccia appunto
quella promessa, compiutasi con l'evento della resurrezione
di Ges dai morti. Non senza significato che nei vv. 24b e 25
ricorrano le formule caratteristiche di una professione di fede
che Paolo usa anche altrove (ad es. in 1,3 s.; 8,II; 10,9; 2
Coro 4,14; I Thess. 1,10 l. Notevole il titolo maiestatico 'tv
XVPLOV ill!wv, che si accompagna a 'I1]O"ov<; senza XPLO"'tO<;. Ma
chi questo Signore nostro Ges? La specificazione viene
data con una proposizione relativa di stile predicativo, articolata in due membri, tra loro coordinati, che hanno i verbi al
passivo e contengono inoltre termini gi fissati dalla tradizione. Vi sono quindi indizi sufficienti per ritenere nient'affatto
indimostrabile, come vorrebbe il Kuss, l'ipotesi che a Paolo
sia venuta in mente a questo punto una breve professione di
fede 45, o che per lo meno si sia espresso in guisa rispondente
a una professione del genere. Naturalmente la distinzione nei
due momenti del 7ttlptloollijvaL e dell'yEpllijvtlL dell'unica
operazione divina indicata dianzi semplicemente con yEipELV
'I1]O"ovv non altro che un espediente retorico. Elementi liturgici sono l'alternanza dei costrutti relativo e participiale,
il parallelismo antitetico di membri dall'eguale lunghezza, la
collocazione anticipata dei verbi, la rispondenza formale dei
due OLa.. Il 7ttlpEooll1] ha naturalmente relazione con la nostra
45. Michel, Althaus, Barrett, H.W. Schmidt; BuItmann, Theologie s,; W. Popkes,
Chrillu! TrfJdilus 1955. 20055. 20855.; K. Wengst} Ch,islolog;scbe Formeln Ul1d
Lieder des Urcbristen/ums (1972) 101-103.

OLXtliwO"L<;, cos come, a sua volta, l'-f}ypll1] ha relazione coi


nostri 7tapa7t'twl!tl'ta o con la remissione di essi. Formalmente, come ~i detto, il significato dei due OLa. appare identico.
Solo che Il senso complessivo questo: egli fu dato a morte
per i peccati da noi commessi ... al fine di espiarli; e fu resuscitato per la nostra futura OLxtliwO"Le; ... perch potessimo riceveda. Il p~imo OLa. ha dunque significato piuttosto causale, il
secondo ~lU~tosto finale. Nella prima met della frase fa spicco, ma rIchiama appunto formulazioni tradizionali, il 7ttlpEooll1]. Al passivo 7ttlpaOiOWl!L si trova in Paolo, oltre che qui,
soltanto nel racconto tradizionale dell'istituzione dell'Eucarestia (rCor. II,23); ma in tutto il N.T. 7taptlOiOWI-I-L
~erbo caratteristico della passione del Signore; per l'uso paolino, cfr. Rom. 8,32; Gal. 2,20; Eph. 5,2. Nel nostro passo
sembra esservi un'allusione al Servo di Dio di Is. 53,12: avIl'wv 7ttlpEoolllj Eie; MVtl'tov ljJuxil tlV'tOV (cfr. 53,6). Forse
la professione di fede a cui Paolo attinge sorta in ambienti
nei quali era ancor viva la teologia del Servo di Dio. Nella
seconda parte della frase fa specie il termine OLxtliwO"LC;. Esso
attestato nel N.T. solo due volte (oltre che qui, in Rom. 5,
18), ma ricorre nell'uso profano da Tucidide in poi nei LXX
si trova in Lev. 24,22; inoltre in Symm.1jJ 34,23. I~ Rom. 4,
2.5 il vocabolo indica il processo del OLXtlLOVV, la giustificazIOne nel suo compiersi; in Rom. 5,18 designa invece il risultato della giustificazione, che consiste nella ~w-f}. La OLxtliw(TLe; di 4,25 quella che ora si attua nel OLXtlLOVV x 7tiO"'tEWe;
'I1]O"ov.
Con questa formula tradizionale, sorta probabilmente nel
giudeocristianesimo ellenistico", viene dunque raggiunto lo
scopo della prima parte della lettera ai Romani e si dimostra
che le due enunciazioni fondamentali di 3,21-31 (la giustizia
di Dio si manifestata in Ges Cristo e parallelamente si
instaurata la giustificazione per fede) sono attestate gi nella
Scrittura (dell'A.T.) e precisamente nella vicenda di Abramo.
La giustizia di Abramo giustizia per fede. Per essa non ha

46 . Hahn, Hoheitstitel 62 s.; Wengst, Formeln 51 e 94 s.

23 8

alcuna importanza la circoncisione che ne fu in un secondo


tempo il sigillo, sicch Abramo divenne padre dei Giudei e dei
pagani credenti. Anche la legge non ha avuto parte alcuna nella giustificazione del patriarca. La premessa di Dio si legava
alla o~xa~ocru\ll} )EOU, che ha il suo corrispettivo nella Xa:p~.;,
mentre la legge provoca soltanto la trasgressione e il giudizi~
dell'ira di Dio. Abramo, che anche per questo fu padre dI
tutti noi", credette contro ogni apparenza e contro ogni spe
ranza e rese cos gloria a Dio. La sua fede la nostra fede e la
sua giustizia la nostra giustizia. Ecco. il s~nso di ci che ~a
Scrittura dice di lui. Ma alla fede genenca dI Abramo nel DIO
che resuscita i morti si ora sostituita la nostra fede, la quale
ha fatto l'esperienza di questo Dio nella resurrezione dai morti del Signore nostro Ges Cristo. Il Dio in cui crediamo ha
gi mostrato in Ges Cristo l'onnipotenza della sua xa:p~.; ':
o~xa~ocrU\ll}, nella quale Abramo credette sperando e che egli
esperiment nella speranza.

I,

II. I DONI DI GRAZIA


DELLA GIUSTIFICAZIONE PER FEDE

:1

239

(5,1-8,39)

Come abbiamo gi visto nell'indicare per sommi capi lo


svolgimento concettuale della lettera ai Romani, con 5,1 co
mincia una parte nuova che in certo senso la pi importante
di tutta la lettera e che giunge sino a 8,39. Essa ha i suoi presupposti in 1,18-3,20 e soprattutto in 3,21-4,25. Nel mondo
dei gentili che respingono Dio e dei Giudei che mirano alle
opere e si ritengono giusti per merito loro, Dio ha manifestato ed eseguito nella persona espiatrice di Ges Cristo la sua
o~xa~ocru\ll}, ossia la sua azione salvifica, azione giusta e giustificante, di modo che noi, al pari di Abramo '<Dostro padre
comune diventiamo giusti non per le opere della legge, ma
per la fede. Rispetto a ci i capp. 5-8 hanno il compito di sviluppare questo annunzio della giustificazione per fede procurata dall'opera salvifica di Ges Cristo e di svilupparlo sotto
un aspetto ben determinato, illustrando ~io tutto ci ch~
implicito nell'essere giustificati per fede, In altre parole sple-

gandol'evento del o~xa~oucr)a~ x 1tLcr'UW'; in riferimento ai


doni che esso comporta.
Basta por mente ai termini usati per avvertire che il tema
del o~xa~oucr)a~ EX 1tLcr"t"EW'; in quanto tale viene ora abbandonato. I vocaboli collegati a quel tema quasi scompaiono nei
nostri capitoli. Ecco un breve prospetto statistico:
o~xa~ocru\ll} )EOU ritorna sei volte nei primi quattro capi
toli: 1,17; 3,5.21.22.25.26; nel cap. IO due volte: 10,3, e
manca affatto nei capp. 5.8;
o~xa~ou\I, o~xa~oucr)a~ nei capp. I -4 compare nove volte:
2,13; 3,4.20.24.26.28.30; 4,2,5; nei capp.5-8 quattro volte: 5,1.9(6,7); 8,30.33, cio all'inizio e alla fine;
oLxa~o.; nei capp. 1-4 si legge quattro volte: 1,17; 2,13; 3,
10.26; nei capp.5-8: 5,7.19(7,12), due volte cio in riferimento all'uomo nel cap. 5;
O~XttLWcr~.; una volta nel cap. 4 (v. 25) e una nel cap. 5
(v. 18);
o~xaLwlla, che a stretto rigore non dovrebbe comparire in
questo elenco, si trova nei capp: 1-4 due volte: 1,32; 2,26; tre
volte invece nei capp. 5-8: 5,16.18; 8,4.
Questi dati mostrano chiaramente che nel cap. 5 il tema del
o~xa~oucr)a~ EX 1tLcr"t"EW'; ha ancora qualche propaggine. Nel
cap. 8 esso ritorna di quando in quando nell'mbito di un'esposizione riassuntiva e retrospettiva. Tra il quinto e l'ottavo
capitolo il discorso verte su altri temi, i quali sono per sempre connessi con quanto stato detto nei capp. 1-4.
Ci confermato dalla frequenza dell'uso di 1tLcr"t"~.; e 1t~
cr"t"EUEW.
1tLcr"t"~.; nei capp. 1-4 si trova usato in senso assoluto ben
ventiquattro volte e precisamente diciassette a cominciare da
3,21: 1,5.8.I2.q (2 volte); 3,3; 3,25.27.28.30 (2 volte).31;
4,5.9.II.12.13.14.16 (2 volte).19.20; nei capp. 5-8 si legge
soltanto in 5,1, mentre ritorna poi in 9,30.32; 10,6.8.17; II,
20; 12,3.6; 14,1.22.23, cio nei capitoli su Israele e nella paradesi per complessive undici volte.
mcrnuEw attestato nei capp. 1-4 otto volte: 1,16; 3,22;
4,3.5.11.17.18.24; assente dai capp. 5-8, se si prescinde da

, i

,
, ,

Rom. 5,r-8,J9

I,
I

6,8, e nella parte rimanente della lettera si trova ancora in 9,


33; 10,4.9.10.11.14 (2 volte); I3,rr; 14,2; I5,I3,ossiadieci volte. Naturalmente questi son dati meramente esteriori e
lessicali; essi valgono per a dimostrare che la giustificazione
e la fede non sono pi il tema specifico dei capp. 5-8.
Ma che dire della tesi, sostenuta da non pochi studiosi, che
fa cominciare la seconda grande sezione della lettera ai Romani con 5,12 o addirittura con 6,I? Circa quest'ultima opinione va osservato lo stretto legame tra 6,1 ss. e 5,20 s. che
rende improbabile uno stacco tra i due capitoli. Per quanto
concerne invece l'altra ripartizione, bisogna considerare anzitutto tre cose: 1. l'attacco di 5,r: oLxaLw}v-rEC; ovv x 7t~
er-rEWC;, chiaramente formulato a mo' di conclusione tratta
da 3,2 I ss. e 4,1 ss. E se 4,25 per qualificare la fede cristiana
si concludeva, riecheggiando una formula professionis, con
xal iryplhj OL -r1}V IiLxa~werLV 1}[1GJv (dove ritorna ancora
una volta il vocabolo tematico oLxaLouer}aL che predomina da
3,21 in poi), 5,1 prende l'avvio con oLxaLw}v-rEC; ovv x
7t~er-rEwc; Etpl}VTjV EX0[1EV 7tpC; -rv }E6v. In questa proposizione l'Apostolo volge indietro lo sguardo all'evento della giustificazione per fede, vi si richiama espressamente con l'ovv e ne
trae le conseguenze. 2. Il mutamento stilistico fra il capp.4
e 5,1 ss. singolare e fa spicco. Qui in 5,1 ss. predomina l'uso della prima persona plurale nell'mbito di un linguaggio
kerygmatico nel complesso assai sostenuto; mentre iIlinguaggio del cap. 4 era nell'insieme didattico e argomentativo. 3.
5,1 ss. si appalesa un tutto unitario sino alla fine del cap.8,
anche per il fatto che non casuale il prendere l'avvio con un
richiamo alla o61;a -rou }EOU escatologica (5,2) e il mettere capo a un'esposizione di questa o61;a in 8,17-30.
I .

La speranza di coloro
che sono giustificati per fede (5,I-II)

j l A'Xo:,wi}V'tE~ ouv EX "It~O'"<EW~ E~pl)V1]V ~XO[1EV "ltpO~ 'to" i}EO" S,Ii


-cov XVptOV l)[U7>v 'I1]O'ov Xp,O""tov 'S,' ov xo:t 't"]v "ltpoO'o:ywy"]v O'xl)Xa:[1EV [-cii "lttO''tE<] d~ 't"]v xap<v 'tO:')'t1]v EV ii O''tl)xO:[1Ev xo:t xo:u-

Rom.J,I'H

24'

XW[1el}o: "It'n."lttS, 'tfi~ S1]~ 'tov i}EOV. 3 0U [16vov S, a..1 xo:t xo:uXW[1E"O: v 'tO:L~ i}MIjiEO"V, EtS6'tE~ o't, "] i}.LIji,~ "ltO[1Ovlv "a:'tEpya~E
'tCL', 4"] S "ltO[1Ov"] SOX'[1l)v, "] S. SO"'[1"] '."lttSo:. 5"] S ."ltt~ ov
xa."t'aI.O'XVvEI., O't!. il tiya1tT( "t'OV aEOU EXXxu"'Cal. tv 't'ar xa.poia.t.C; i)r.r.wv
S, "ltVE\J[1O:'to~ aytov 'tOV lioi}v'to~ l[1LV. 'l", ylp Xp,O''t~ ov'twv
"][1WV Oecri}EVW" E't, xo:'t xo:,pv "ltp OeO'E~wV Oe"lti}O:VEV. 7 [16.~ yp
1tEP OI.Xa.~ou "t't. a.1tot}aVEr't'C(I.' tntp -r.p "tov :yaD"o "t'axa. "rl. "a.L
'to.fl4 Oe"ltOi}O:VELV' O'UVtO''t1]O''v Ii 'tlv o:v'tOV OeYOe"lt1]V Et "][1< 6
i}E, o't, lh, Oe[1a:p'tw.wv ov'twv 1')[1wv Xp,O''to "ltp 1')[1Giv Oe"ltllO:VEV.
'"lto..<ii ouv [1<..ov li,xo:,wllv'tE vvv v 't<ii a:1[10:'t, o:u'tov O'wll1]O'6
[1Ella:,'o:u'tov Oe"ltO 'tfi opyfi. lO Et yp xllpot oV't< xa:'t1]..ay1][1Ev
-r<ii llE<ii 1i'1 -COV i}o:va-rov -COV viov o:u"'ov, "lto..<ii [1<..o" xa:'to:..o:yV-rE O'wll1]O'6[1E"0: v -rTI ~WTI o:';",ov II ou [16vov Ii, Oe..Oe xo:t "O:vXW[1EVO' v -r<ii llE<ii 1i,1i -rOV XVptov "][1WV 'I1]O'ov Xp,O'",ov S,'oCi VVv
"'"]v xO:"'O:..a:y"]v .Oe~O[1EV.
I Giustificati dunque per la fede, abbiamo pace con Dio in virt del
Signore nostro Ges Cristo, 2 mediante il quale abbiamo anche atte.
nuto l'accesso [per la- fede] allo stato di grazia in cui ci troviamo e ci
(Cc gloriamo anche delle tribolazioni, sapendo che.la tribolazione produce
perseveranza, 4 la perseveranza produce virt provata, la virt pro~
vata produce speranza 5 e la speranza non inganna perch l-'amore di
Dio si gi riversato nei nostri cuori mediante lo Spirito santo che ci
stato dato. 6 Difatti quando eravamo ancora infermi, proprio allora
Cristo mori per noi empi. 7 Ora difficilmente tra gli uomini qualcuno
muore per una persona giusta e forse soltanto per una persona buona
qualcuno giunge a sacrificare la propria vita. 8 Dio invece manifesta il
suo amore per noi in questo che, quando eravamo ancora peccatori
Cristo morto per noi. 9 Se dunque siamo ora giustificati in virt dei
sangue di lui, a maggior ragione tramite lui saremo salvati dall'ira. IO Se
cio quando eravamo nemici siamo stati riconciliati con Dio mediante
la morte del Figlio suo, tanto pi, una volta riconciliati, saremo salvati
mediante la vita di lui. Il Non solo, ma possiamo anche gloriarci per
ii Signore nOstro Ges, grazie al quale abbiamo ricevuto ora la ri~
conciliazione.

Notiamo anzitutto che questa prima pericope ha una sua


articolazione in certo modo autonoma. L'enunciato fondamentale cade in 5,2b, ripreso poi dal v. I I con una formulazione
retrospettiva e riassuntiva. 5,I-5a fornisce di quell'enunciato
un'illustrazione, 5,5blo ne d la motivazione, mentre 5,II
ne segna la conclusione.
.
1.

Sinora, eccezion fatta per il futuro OLxaLw}l}erov-ra~ di

2,

l'

24 2

I.

Rom. 5,1

13 3 2 O il verbo oLxaLovC")aL stato usato solo al presente


ac:onico ~ al futuro gnomico, in un'accezione affatto generale
e di principio, per significare che Dio giustifica l'uomo per la
fede (3,26.30; 4,5) oppure che l'uomo viene giustificato p~r
la fede (3,24.28); inoltre, solo in riferimento ad Abramo e In
una frase condizionale si parlato di un oLxaLw)TjvaL del Patriarca, il quale, se Epywv OLxaLw)T} (4,2), avrebbe avuto gloria presso gli uomini, ma non dinanzi a Dio. Adesso in
vece in 5, I Paolo dice di noi ~ ossia dei cristiani ai quali egli
si associa - che siamo stati ora giustificati per la fede. Dun
que con l'aoristo passivo oLxaLw)v't"E ... egli si riferisce a
qualcosa che avvenuto a noi e che oggi contraddistingue
noi, in quanto cristiani, come esperienza nostra. La stessa formulazione ritorna ancora una volta in 5,9 con una differenza:
che qui si parla di un oLxaLw)V't"E vvv v 't"0 atJ.-ta't"L whov
e l invece di un oLxaLw)v't"E ouv x 7tLC"'t"EW. In altre pa
role, in 5,9 viene spiegato su quale evento poggia il nostro
essere giustificati: ossia sul sangue di Ges Cristo, mentre
in 5,1 detto in che modo la giustificazione compiutasi. sulla
croce ci ha giustificati: x 7tLC"'t"EW. Lo stesso avvemmento, che per i cristiani si colloca quale avvenimento fondamen
tale nel passato, indicato in 5,10 con l'aoristo passivo xa't"T}..aY1JJ.-tEv e con il participio aoristo passivo xa't"a..ayv't"E. In 5,1 l'aoristo passivo allude evidentemente a un momento preciso della vita dei cristiani, che appartien.e al passato. N pu esservi dubbio, stando a I Coro 6,I1, cuca Il momento che vien richiamato. il momento in cui i cristiani furono <<lavati e pertanto santificati e giustificati nel nome di Nostro Signore Ges Cristo e nello Spirito del nostro
Dio; si tratta insomma del battesimo. Dalla data appunto
del battesimo pu dirsi che i cristiani sono giustificati per fede. Naturalmente x 7tLC"'t"EW non in contrasto con questa
affermazione. Per l'Apostolo infatti il battesimo rappresenta
l'avvio e insieme il sigillo della giustificazione per fede. Esso
presuppone la fede come accesso alla giustizia rivelata in Ges
Cristo (3,2 I s.), include la fede quando viene amministrato e
avvia il battezzato alla vita di fede. x 7tLC"'t"EW va riferito an-

Rom.

),1

243

che in 5,1 all'atto di fede e non al1'annunzio della fede o alla


fides quae creditur (H.W. Schmidt). Per Paolo il battesimo
il sacramen to della fede perch esige la fede e conduce alla
fede, perch il battezzando lo riceve nella fede e dimostrando
la sua fede, e perch esso, come gi abbiam detto, avvia il battezzato all'esistenza di fede. Nella fede postbattesimale si mantiene la giustificazione fissata ex fide et in fide nel battesimo,
e cosi il credente, giustificato una volta nel battesimo, riceve
continuamente una nuova giustificazione.
Noi dunque - pensa l'Apostolo - siamo stati giustificati per
la fede. Ma, in concreto, che ne venuto a noi? Anzitutto (e
questa risposta significativa) abbiamo pace con Dio o,
pi precisamente, in rapporto a Dio (7tp6) 1. La lezione EXWJ.-tEV sicuramente meglio attestata di EXOJ.-tEV. Cos leggono infatti S* A B* G D K 3381 ecc.lat bo arm Mcion Tert Ambst
Orla' syP Chrys Thdt, inoltre vg Pelag, mentre hanno EXOJ.-tEV
se B2 Gg, P 'l' 0220v;d 88 104 al syh sah vgh" Bas. Ephr. ecc.
Eppure proprio qui abbiamo una dimostrazione che la critica
testuale, nella cernita delle varianti, non pu affidarsi soltanto
ai dati della tradizione e che in definitiva tutto il contesto
a decidere. E in questo caso, anche se nell'originale si fosse
trovato EXWJ.-tEV perch l'amanuense Terzo aveva udito male,
il co.ntest0 2 esige, senz'ombra di dubbio, una forma indicativa e non esortativa 3. Qui infatti Paolo, come risulta anche
da quel che segue, non ammonisce n pone richieste, bens ri, leva quel che avvenuto a noi giustificati per la fede ed il
nuovo stato di salvezza in cui ci troviamo. In fondo poi questo il tema di tutta la parte della lettera che va dal capitolo
quarto all'ottavo (cfr. subito dopo 5,2; 5,9 s.). Naturalmente
anche il xauxwJ.-tE)a di 5,2 s. indicativo e cos pure xauxwJ.-tEVOL di 5,11. Vero che nel primo caso non possibile distinguere, quanto alla forma, l'indicativo dal congiuntivo,
mentre nel secondo abbiamo un participio che sostituisce l'inBlassDebr. 239,5.
2. Foerster in ThWb II 414.
3. exwJl.E\I la lezione ammessa e sostenuta da Lagrange, Sanday.Headlam, Kuss
e altri.
L

,
, '

244

Rom5,r

dicativo '. Ma, anche astraendo da queste considerazioni, l'xnv nel senso di acquistare, ottenere, acquisire non
sarebbe paolina, mentre paolina Elpl]VljV EXO(.1EV, come
l}EpLG.V EXELV di Gal. 2,4, .1tLOG. EXELV di Rom. 15,4 ecc.
Questa pace che noi abbiamo in quanto giustificati per
fede costituisce un tema ricorrente in Paolo. la pace, la pace
della salvezza (cfr. Is. 48,18 ecc.), che viene dal Dio della
pace (Rom. 15,33; 16,20; ICor. 14,33; 2Cor. I3,II; anche I Tim. 1,2 ecc.), la pace di cui ci riempie il Dio della
pace (Rom. 15,13), che il XVp~O<; ,;fi<; Elpl]V'I]<; ci dona (2
Thess. 3,16). Secondo Col. 1,;1.0 ed Eph. 2,14 ss. quella pace
che Cristo, morendo sulla croce, ha fondato in cielo e in terra
e che egli, <<nostra pace (Eph. 2,14), in quanto glorificato annunzia (Eph. 2,17; cfr. 6,15). anche la pace alla quale tende lo spirito (Rom. 8,6) e alla quale Dio nell'evangelo ci ha
chiamati (I Coro 7,15). In essa consiste tra l'altro la ~G.CTt
.ELG. ';OU l}EOU (Rom. 14,17), in essa vien serbata l'unit del
corpo di Cristo, la chiesa, nell'unit dello spirito (Eph. 4,3)
la pace che l'Apostolo si augura che possa accompagnare
l'dsraele di Dio, la chiesa (Gal. 6,16; cfr. Eph. 6,23), che
possa regnare come pace di Cristo nei cuori (Col. 3 ,I 5); essa,
in quanto pace inesauribile che supera ogni immaginazione,
custodir i cuori in Ges Cristo (Phil. 4,7), la pace che
noi dobbiamo sforzarci di ottenere (Rom. I4,I9). Nel nostro
contesto si tratta in particolare della pace che, secondo 5,10,
si instaurata quando noi, <<nemici di Dio, fummo riconciliati da lui con lui. il regno della pace che Dio ha fatto spuntare. La pace non quindi <do stato di equilibrio dell'animo
nostro (Kiihl, Jiilicher) e neppure una disposizione del nostro vivere, la pace del cuore, anche se, come abbiam visto,
questa incomprensibile ma realissima pace di Dio pu e deve albergare nei nostri cuori e diffondersi (Phil. 4,7; Col. 3,
15). Pace non indica neppure primariamente il nostro comportamento pacifico, sebbene si appalesi anche in questo (r
Coro 7 ,I 5; Eph. 4,3). La pace in primo luogo la pace di Dio

n.EU-

l'. '
l"

i,

4. Blass-Debr. 468,

Rom. 5,1.2

245

intesa come la pace in cui ci troviamo, lo stato di pace che ci


sorregge e del quale siamo divenuti partecipi in quanto giusti
ficati per la fede. E cos la pace che viene a noi in Cristo Ges
mediante lo Spirito anche la pace 1tp<; ,;v l}EOV, dove, come
abbiamo detto, il1tpo<; indica il rapporto con Dio, ossia la pace
con Dio. E questa pace, come vien rilevato nella nostra frase,
pace con Dio o~ ';OU XVPLOV l](.1WV 'IljO'ou Xp~O',;ou. La far
mula non allude alla fondazione della pace avvenuta per ef
fetta delJ'~.G.O',;l]p~ov... v ,;iii G.L(.1G.';~ G.v,;ou (3,25), bens
vuoI dire, in connessione con EXO(.1EV, che colui che ha instaurato la pace continua ora a trasmetterla, in quanto - cos peno
sa l'Apostolo - egli ce la ispira nell'evangelo della pace me
diante lo Spirito che appunto dischiude quella pace (cfr. Rom.
8,6; ICor. 7,15; Eph. 2,I7ss.; 6,15). Negli enunciati fondamentali Paolo non dimentica mai questo o~ ,;ou XVpLOV
l](.1WV 'IljO'ou Xp~O',;ou. Egli infatti pienamente convinto che
noi dobbiamo la salvezza e la nostra vita di salvati non solo
all'evento unico e irripetibile della venuta, della crocifissione
e della resurrezione di Ges Cristo, ma anche a una continua
e perdurante azione proprio di questo Ges risorto e glorificato (in virt dello Spirito che lo rende presente) 5.
2. Il medesimo Ges Cristo, che, in quanto Signore glorificato
e presente, dona la pace con Dio a noi giustificati per fede,
anche colui che ci procura l'accesso alla grazia in cui ci troviamo (v. 2). 1tpoO'G.ywyl] significa accesso o ingresso in senso
intransitivo e cultuale, come in Eph. 2,18; 3,12. In altre parole, tramite lui si dischiusa e si fatta accessibile la grazia
in cui ci troviamo. I due perfetti O'Xl]XG.(.1EV e O',;l]XG.(.1EV sono veri perfetti che esprimono il perdurare dell'evento; tramite lui abbiamo acquisito l'accesso alla grazia e l'abbiamo
tuttora. Per O'Xl]XG.(.1EV cfr. 2 Coro 1,9; 7,5. Questo accesso
che ora abbiamo l'accesso alla grazia alla quale siamo pervenuti e nella quale ci troviamo. la Xcip~<; che, in quanto po,. Cfr. I. Hermann, Kyrios und Pneuma, 1961; W. Thiising, Per Christum in
Deum (1965) 183 S5.

------------!

2~

l'

"l!,
I

I; ,

----- -

--

~p

tenza di grazia, insieme dimensione di grazia. Essa la pace


di cui si parlato in 5,1 ma che ora viene considerata sotto un
altro aspetto, ossia, in quanto rappresenta un'immeritata propensione di Dio verso di noi, la sua pura grazia che noi riceviamo. Anche di questa xap~c; in cui ci troviamo l'Apostolo
parla in diverse guise. Noi siamo stati da Dio chiamati a
questa xap~c; (Gal. 1,6), l'abbiamo ricevuta (Rom. 5,17;
dr. 2 Coro 6,1; Phil. 1,7). Essa regna su di noi e noi siamo ad
essa sottoposti (Rom. 6,14 s.). Alla xap~c; occorre per tenersi
ben fermi (nella libert della fede) giacch da essa si pu decadere (Gal. 5,4) se si torna ad impostare la propria vita sulle opere. Si pu e si deve rendere feconda la xaptc;, dando prova di essa nel servizio, incrollabile e autentico, dell'evangelo
(2 Coro 6,1 ss.). A questo proposito v' da considerare un fatto: la xap~c;, che si dischiusa a noi mediante il Signore Ges e nel cui mbito ci troviamo in quanto giustificati per la
fede, , al pari della I~Xa:~OCTU\l'!J ~EOV, la xap~c; della dimostrazione di grazia o, se si preferisce, della vicenda di grazia che
Dio ha compiuto in Ges Cristo (cfr. Rom. 8,32; Gal. 2,20 S.,
ma soprattutto Rom. 5,I5b.1]). La grazia di Dio, che in Ges Cristo (e nell~xa:Lw[1a: e nella \J7ta:xol) di lui, Rom. 5,18 s.)
traboccata su tutti, quella xap~c; di cui possibile ricevere
la sovrabbondante ricchezza. In quanto tale, essa la potenza
che ora regna (Rom. 5,20 s.). indispensabile por mente a
tutte queste connessioni per avere un'idea di quel che Paolo
intende con xap~c;. Essa l'opera compiuta da Dio in Ges
Cristo, quell'opera che riuscita vittoriosa nella sua grazia
traboccante e alla quale siamo sottoposti come a una potenza
di grazia che si rivolge a noi, giustificati per fede, e ci avvolge
nel suo abbraccio. Vi poi ancora da ricordare che questa potenza e dimensione di grazia accessibile a noi in virt della
presenza del Signore Ges, sicch noi in quella dimensione
possiamo stare, trovarci; bisogna altres ricordare che ci
avviene 'tu 1tLCT'tE~, nell'atteggiamento di fede. 'tu 1tLCT'tE~ non
per criticamente sicuro. Manca infatti in B D G 0220 itd.e.f.g
sah aeth Or Ephr. Diversamente da Kiihl, Dodd e altri, il
Lietzmann ravvisa in questa mancanza una delle particolarit

~~2

247

immotivate che il testo egiziano rappresentato da B e da Origene ha talvolta in comune con le versioni latine. L'omissione
di 'tu 1tLCT'tEt risalirebbe dunque all'originale. Ma anche se cos non foss,e (e a favore di quest'ipotesi si possono addurre
buone ragioni) il complemento rappresenta comunque un 'interpretazione giusta e un'adeguata illustrazione del modo in
cui, mediante il xup~OC;, noi otteniamo l'accesso alla dimensione di grazia nella quale ci troviamo.
Ma non soltanto questo si pu dire dell'uomo che stato
giustificato per fede. Infatti la proposizione principale di 5,2b
continua cos: xa:t Xa:UXW[1E~a: E1t'E.1tLI~ 'tTjc; 161;1)C; 'tov ~EOV.
Queste parole esprimono un quid maius rispetto agli enunciati precedenti e gettano una luce nuova su coloro che sono
giustificati per fede. Essi non soltanto si trovano in pace con
Dio, non soltanto sono investiti dalla grazia, ma si gloriano
per la speranza della gloria di Dio. Abbiamo qui una formulazione piuttosto complicata e impacciata. Tre sono gli elementi che essa contiene: I. essi si vantano; 2. in quanto sperano; 3. nella gloria di Dio; la speranza dunque l'oggetto
del loro vantarsi ed E.1tLC; indica in qual modo e per qual motivo sorge il vanto.
In Paolo Xa:UXiiCT~a:~ alla maniera prettamente semitica
(Kiisemann) un vocabolo fondamentale. Esso designa una fiducia profonda alla quale l'uomo s'innalza gioiosamente e che
si estrinseca nella professione solenne e nella lode. Mentre infatti nell'uso greco profano, e talvolta anche nei LXX, xa:uXiiCT~a:~ indica piuttosto il vanto esterno inteso alla stregua di
una millanteria, in Paolo il verbo messo in parallelo con 1tE1tOt~\la:~, cos per es. Phil. 3,3 s.; 2 Coro 10,7 s.; anche 2 Coro
1,12; 3.4; nei LXX per es. \fI48,7. Il xa:uXii~a:t , potremmo dire, il condensato della fiducia. Nel Xa:UXiiCT~a:~ l'esistenza si edifica su un fondamento che pu essere autonomo: E\I
CTa:PXL (Phil. 3.4; Gal. 6,13), xa:'t CTapxa: (2 Coro II,I8), E\I
\l~pW1tO~C; (I Coro 3,2I), ma pu anche essere E\I XptCT't@
'I1)CTOV (Phil. 3,3) oppure E\I XUPLl!l (I Coro 1,31; 2 Coro IO,
6. Cfr. Kiisemann: Il vocabolo tematico degli ultimi due capitoli viene ripetuto
con forte rilievo.

Il

~8

~y

17) O 'i ("r!ji) DE!ji (Rom. 2,17; 5,II). Nel primo caso il xauxiicrDaL si potrebbe chiamare autoedific32ione, la quale in
Paolo si trova designata altres con epucrLoiicrDaL, gonfiarsi.
Cos, per es., il xauxiiO"DaL v a'iDpW1tOLC; di I Coro 3,21 non
altra cosa dall'dc; 1tp "roii VC; epucrLoiicrDaL xa"r E"rEPOV di
I Coro 4,6. Quello che effettivamente edifica, che costruisce
l'esistenza, l'aya1tl]. Perci l'Apostolo pu dire: i] aya1tl]
ou epucTLoii"raL (I Coro 13,4) ed i] yVWCTLC; epUCTLoi:, i] o
1t1] OLXOOO[J.EL (I Coro 8,1); l'amore edifica perch in esso l'uomo respinge la tendenza ad autoedificarsi (con le proprie qualit, con le proprie opere, con i riconoscimenti che riceve)
e nell'aya1t1] del prossimo e di Dio fa getto della propria
individualit egoistica. Ma xauxiicrDaL rappresenta anche,
in certo senso, un modo di stabilire e di rafforzare la fiducia, come risulta chiaramente dall'enunciato parallelo di Rom.
2, 17: 1taVa1taUELV VO[J.!tl e 2,2 3a: xauxiiO"DaL v v6[J.!tl.
Quando un uomo trae il suo vanto dalla legge (o dalle opere della legge), egli, davanti a se stesso o davanti agli altri,
s'appoggia es' affida alla legge, la quale viene dunque a essere il suo fondamento. Vantarsi avere una fiducia radicale.
Quando invece l'uomo si vanta di Dio, del Signore (dr.
ICor. 1,31; 2Cor. 10,17; Pbil.3,J; anche Gal. 6,13; 2Cor.
II,30; 12,9), allora al xauxiicrDaL si lega il momento della
gioia e del giubilo. In tal caso vantarsi assume in qualche
modo il senso di un riconoscimento gioioso. Il vanto diviene
un'attestazione di ringr32iamento e di lode. Cos nell'A.T. la
comunit cultuale o le singole persone pie si vantano delle
opere soccorritrici di Dio; cfr. per es. Deut. 33,29; I Cbr. 16,
27 s.; '29,II; PS. 88,17 s.; ler. 17,14. E cos nei LXX xauxiicrDaL spesso associat~ a aya..LiicrDaL e a EueppaLvEO"DaL 7.

aya-

, !

; i
i
I
;

7. Per ci tare solo due esempi:


S.: xaL EvcppavJH)"t'WO'tlv '1ta'\l'tE<; cl .'1t~~ovtE n:' (TE'
d.c; aLWva. O:ya,"MOV'tIXI., )taL lta:'t'aCTX1)VWCTEI. v a."t'o~,;.
xcd xa.vx1Juo'V'taL EV O'OL '1ttXV'tEC; oL a.YCX1CW'V"t'EC; "'C 0\10(.14 aou.
13: o"t'T. a E)..oy1)CTE~ 6'''(11.0\1'
)cUP!.E, wc; i:S1t"-4> e:6ox!rLC; O"'tEcpavwxru; 'l'IlJ.aC;.
\jJ 3I,Il: Ecppa'Vih)"'t'E E:rtL xupt.ov il ya)...). . !.IiaiU. lUxa.I.ot.,

Rom. 5,2

Questo vanto trova il suo compimento definitivo nel tempo


della salvezza escatologica, del quale anzi uno dei contrassegni (dr. Zacb. 10,12; ljJ 149,5; I Cbr. 16,33 ss.).
Anche qui, in 5,2, xauxw[J.EDa va inteso in questo signifi.
cato fondamentale di profonda fiducia, a cui s'accompagna
un'edificazione della vita che pu talvolta prorompere in
una giubilante sicurezza. Su che cosa poggi un tale xauxiicrDaL
e che cosa lo sorregga detto con l'espressione 1t'.1tLOL "r1)C;
061]C; "roii DEoii, che indica insieme il fondamento e l'oggetto
del vanto '.
Al V. 3 abbiamo, con lo stesso significato, V; ora, mentre
1tL corrisponde all'uso dei LXX, v la preposizione abituale
negli scritti paolini, cfr. I Coro 1,31; 2 Coro 10,15; 12,9. Per
1t'.1tLOL dr. Rom. 4,18; 8,20; I Coro 9,10. Per coloro che
sono giustificati ex fide il vivere non dunque soltanto un
permanere nella pace elargita da Dio per sua grazia, ma anche
un vanto fatto di ringraziamento e di lode per la speranza nel
la gloria di Dio. un vivere che si attua altres come un fidere
cum spe e uno sperare fidenternella futura 06a "roii DEOG, che
pure si gi riversata sui giustificati per fede (dr. Rom. 8,
30) '. Proprio di questa 06a vive colui che spera e che loda.
E forse si pu cogliere un nesso tra le due proposizioni ab
biamo pace con Dio e ci gloriamo nella speranza della glo.
ria di Dio>, nel senso che la pace con Dio che noi abbiamo in
quanto giustificati per fede la pace - concessa per pura gra
zia! - di coloro che, in quanto sperano, vivono della gloria di
Dio, ad un tempo futura e presente, e verso di essa si proten
dono. Nello stato di grazia proprio di colui che giustificato
per fede, aver pace con Dio pur sempre anche avere sperano
za non in un futuro intramondano e neppure in un generico
futuro trascendente, bens nel futuro col quale irrompe il re-

W5.12

xaL xaux(ia1)e:,

I
I

7UXV'tEC;

at

Eh~c;

"tu xapS!'J..

8. Cfr. Bla,,Debr. I96.32,.


9. La S6~a. "tO\) i)EOU il compimento della giustizia gi donata ed ha in questa
la sua anticipazione, di modo che la 'speranza', mentre aspetta il compimento av
venire, di esso sicura in forza del dono ricevuto. E"lI;~ non significa pi, al modo
greco, il volgersi dell'animo verso qualcosa che potrebbe capitare, bens) l'attesa di
una realt gi garantita (Kiisemann).

[
I

250

!.

Rom. 5,2

gno di Dio. Si tratta - per dirla con Phil. 4,7 - di una pace che
trascende ogni intelligenza e che quindi non pu essere afferrata e sperimentata nell'mbito di questo mondo.
Che l'esistenza cristiana sia lo stato della speranza del resto un concetto che in Paolo ritorna spesso e con accenti molteplici. Riportiamo qui alcuni enunciati caratteristici IO. Co. loro che hanno lo Spirito sono stati salvati "tu n:ld&~ (Rom. 8,
24), cio in virt della speranza. Egli li esorta "tu n.7tL&~ Xa.tpE~\I (Rom. 12,12), a rallegrarsi nella speranza, e prega il
Dio della speranza di ricolmarli di ogni gioia e pace nella fede, di modo che siano ricchi di speranza nella potenza dello
Spirito (Rom. 15,13). In Gal. 5,5 quale oggetto della speranza menzionata la OL"a.~ocrU\l1], cos come in Rom. 5,2 il
&61;a. "tov l}EOV. La gloria e la giustizia sono tra loro collegate, anzi sono in definitiva la stessa realt, considerata sotto aspetti diversi. La &61;a. la potenza divina e lo splendore
della giustizia escatologica, la quale, in quanto grazia regner per la vita eterna (Rom. 5,21). Riferendosi alla &~a."O\lLa.
"tfj &~"a.~ocrU\l1] dell'Apostolo, che &~a."O\lLa. "tOV 7t\lEU[1a."to, Paolo in 2 Coro 3,9 pu dire che essa 7tEp~crcrEUE~ ... &61;11.
L'Apostolo distingue, anche nel concetto di &61;a., tra la gloria presente e quella futura, tra la &61;a. in cui gi ci troviamo
e quella che aspettiamo. Distingue, ma non separa. In effetti,
quella in cui gi ci troviamo non altra &61;a. da quella che ci
attende. Noi ci troviamo nella &61;a. anticipata. Il Ges che
le potenze del mondo hanno crocifisso il "up~o "tfj &61;1]
(I Coro 2,8). E la &61;a. "tOV Xp~cr"tov risplende nell'evangelo
(2 Coro 4.4). Attraverso l'evangelo noi siamo chiamati alla
&61;a. (I Thess. 2,12), la vediamo e, proprio in quanto la vediamo nell'ev!!ngelo, da &61;a. a &61;a. siamo trasformati nella
&61;a. celeste (2 Coro 3,18). Cos Dio ci ha gi posti nella &61;a.
(Rom. 8,30). In quale? Proprio in quella che <<Del futuro si
riveler su di noi (Rom. 8,18), in quella della cui libert godono i figli di Dio (Rom. 8,21), in quella &61;a. alla quale tutIO.

Cfr. H. Schlier, A6t;a bei Paulus als heilsgeschichtlicher BegriD: Stud. PauI.

Congr, Intern. Cath. 1961 (AnBib 17/18) I, Roma 1963. 45-56.

Rom. 5,2.)

I
"

25'

to anela e verso la quale si protende l'attesa del tutto (Rom. 8,


17 ss.), nella &61;a. che, secondo Col. 3,4, apparir con Cristo
e sar allora la nostra 7tEpmOL1]cr~, il nostro possesso (2 Thess.
2,14). Questa &61;a. futura i giustificati per fede sin d'ora
la posseggono e in pari tempo la sperano; essi fanno cos, di
tutta la loro vita, un atto di speranza nello splendore ineffabile
della gloria di Dio che gi ora si dischiude con Cristo nell'evangelo e induce coloro che per la fede vengono giustificati ad
un atteggiamento di vanto, ossia di gratitudine e lode.
Ecco dunque ci che pu risultare da 5, I - 2: la iustificatio
ex fide della nostra esistenza, la quale si decide nel battesimo
e consiste nel nostro inserimento, mediante la fede, nella vicenda della giustizia di Dio in Ges Cristo. Questa giustificazione della nostra esistenza da parte di Dio ci concede la pace con Dio, ci fa essere nella grazia di Dio e fa s che noi rechiamo a compimento questa grazia col nostro vanto nella speranza della gloria di Dio. Come si vede, in questi cinque membri delle proposizioni di 5,1 s. sono raccolti quasi tutti i concetti fondamentali della teologia paolina: &~"a.~ovcrl}a.~ (&~
"a.~ocrU\l1]), EtpT)\l1] (xa."ta...a.yT)), xap~, 861;a., 7tLcr"t~C;, .7tL, "a.vXlicrl}a.~ ed anche la formula OLtk "tov XVpLOV iI[1w\I
'I1]crov Xp~cr"tov, che ha, grammaticalmente e logicamente, valore copulativo. Ma l'affermazione che noi, in quanto giustificati per fede, abbiamo pace con Dio, riceviamo la grazia e conduciamo una vita che si attua con vanto o con fiducia nella
speranza della gloria di Dio, potrebbe esser fraintesa; potrebbe cio sonare troppo remota dalle realt terrestri, dimentica
di queste, troppo trionfale. Potrebbe insomma destare l'illnsione che l'EcrXa."tO\l sia gi presente.
3. E cos Paolo, con una formula copulativa che omette il verbo precedente (ou [16\10\1 U,
ma non soltanto ci vantiamo ... bens li; dr. Rom.5,rr; 8,23; 9,10; 2Cor. 8,19),
aggiunge un secondo "a.VXW[1El}a. che paradossalmente con-

aU,a,

II. Cfr. Blass-Dehr. 479,1; Winer 545. Il costrutto correttamente greco


(Lietzmann), ma anche semitico (Delitzsch, Romerbriel 81),

Il

252

Rom. 5,3

ceme le ll.LIjiEL della vita terrena, le quali per in definitiva servono a rafforzare la speranza e quindi in sostanza sono
comprese in quel primo xauxwf.LElla. Il xaL risulta spostato,
come spesso avviene in Paolo (cfr. Rom. 8,11.24; 9,24; 15,
14.19; 2 Coro 6,1; I Thess. 2,13). Nel nostro passo infatti la
sua collocazione normale sarebbe davanti a tv ''l'ai: ll.LIjiEow.
Dunque non solo ci vantiamo per la speranza nella futura 001;a, ma ci gloriamo anche delle tribolazioni (presenti). L'v
non indica la situazione in cui ci gloriamo <in mezzo alle tribolazioni 12) - in tal caso non vi sarebbe alcun contrasto -,
bens ci di cui ci vantiamo, come ad esempio in Rom. 2,
17.23. E il xauxwf.LElla manifesta qui, ancor pi chiaramente che in 5,2, il suo significato fondamentale. Anche dalle tribolazioni che ci aflliggono noi ricaviamo con vanto gioioso l'edificazione della nostra vita. Proprio questo vanto dimostra
l'autenticit di quello. Infatti in un tale vanto, che paradossalmente intende la sciagura come salvezza, il tramonto
della vita come avvio della medesima, l'abisso come un fondamento, la vita terrena e priva di speranza come una speranza,
proprio in questo vanto si dimostra la fiducia sconfinata e
si corrobora la speranza. Lo stesso Paolo adduce altrove due
esempi di un siffatto vanto paradossale (2 Coro 1,8 ss. e 12,6
ss.) e in questi casi egli intende il concetto di ll.i:ljit in un senso molto ampio e caratteristico 13. In proposito osserviamo:
I .ll.i:ljit viene associata a O'''I'Evoxwp(a (Rom. 2,9; 8,35; 2
Coro 6A), tormento, angustia, angoscia Ba, si trova per anche abbinata ad v&.yxTj (I Thess. 3,7; cfr. 2 Coro 6A; 12,10)
e a' OtwYf.LO (Rom. 8,35; 2Cor. 4,8s.; 2 Thess. lA). 2.Ma
ll.i:ljit non indica soltanto le tribolazioni esterne. Ad es. in
2 Coro 2,4 alla ll.i:ljit corrisponde la O'UVOX'] xapo(a. In 7tiiO'a ll.i:IjiL di 2 Coro 1,4; 7 A; I Thess. 3,7 e nell'v 7tav"l't ll.t~Of.LEVOL (2 Coro 4,8; 7,5; inoltre 2 Coro 1,5 s.; Col. 1,24) sono
12.

13.

D'altro avviso sono Zahn, Dodd, Miche! (?).


Cfr. Schlier in ThWb III 139 S8.

13a. In un caso, per vero, U't'EVOXWPMz. significa qualcosa di pi di t'L\fJ""


4,8: t'II 1ta.v't'L D.."fJ6p.evOt, 4)..)..'0\1 CT't'EVOXWPOUIl'VOf. (schiacciati).

.2

Coro

Rom. 5,)

253

comprese anche afflizioni e sofferenze interiori. Appunto a


queste sofferenze, inquietudini, tristezze si riferisce il vocabolo in Phil. 1,17; 2Cor. 7,5. Cos in 2Cor. 7,5 il contrario
di ll.i:ljit pu essere aVEO'L (cfr. 2 Thess. 1,7), che indica
ristoro, respiro, tranquillit ecc. 3. Per lo pi ll.i:ljit (ll.(~E
crllat) indica in Paolo la tribolazione subita a motivo di Cristo
e della fede, ad es. in I Thess. 1,6; 3,3.7; 2 Thess. 1,4.6; 2
Coro 1,8; 6A; ma anche il castigo nel giudizio di Dio (Rom. 2,
9; 2 Coro 4,17; 8,13) vien designato con questa parola e cos
pure le afflizioni che le chiese procurano all'Apostolo. Ma ll.i:IjiL designa anche genericamente le pene e i travagli della vita terrena (cos probabilmente va inteso il vocabolo in Rom.
12,12; I Coro 7,28; 2 Coro 1,4; 4,17; 8,2 ed anche nel nostro
passo 5,3). Le ll.(IjiEt sono dunque gli svariati aspetti del dolore umano. Concretamente questi aspetti vengono enumerati
in Rom. 8,35 e cos pure - senza per che ricorra il termine
ll.i:ljit - nella grande <<lettera di dolore di 2 Coro 4,8 sS.; 6,
4ss.; II,23ss. (ma si veda anche ICor.4,Il-q). 4.Le ll.(IjiEt per l'Apostolo non sono qualcosa di casuale, bens una
realt necessaria. D'accordo col giudaismo apocalittico Paolo
ritiene che esse costituiscano un segno degli ultimi tempi. Ma
poich questi, secondo Paolo, sono cominciati con Ges Cri
sto, altro che ll.(IjiEt non ci si pu attendere. Il cristiano in
tutte le sue tribolazioni partecipa delle sofferenze di Cristo
(2 Coro I,3SS.); le reca a compimento in quanto sofferenze
escatologiche del Signore (Col. 1,24). quindi lontanissima
da Paolo la singolare credenza umanitaria in una progressiva
scomparsa del dolore. Secondo l'Apostolo l'avvenire che ci
separa dalla fine sar sempre pi carico di tribolazioni (cfr. I
Cor7,26.28; I Thess. 3,2 SS.; 2 Thess. 1,3 ss.). E in questa
sofferenza escatologica l'Apostolo prosegue, a motivo di Ges, la morte di lui per l'xx.TjO'(a (2 Coro 4,7 sS.; Col. 1,24).
5 La pena pi comune che la ll.i:IjiL comporta, la sua vera e
propria OVVaf.LL, la morte, come risulta da 2 Coro 1,8 s.; 4,
10SS.; II,23; Rom. 8,35S. In ragione di questo suo fulcro
di morte la ll.i:IjiL diventa una tentazione permanente e quindi, in rapporto all'uomo <<naturale, essa non va in alcun mo

Rom. 5>3

I
I

do considerata come l'elemento che serve a edificare la vita


e a dar prova della speranza nella gloria di Dio, bens come
una realt che scuote mortalmente l'esistenza e la fede (I
Thess. 3,2 ss.). A questa tentazione si pu resistere solo tenendosi ben fermi a ci che essa attacca, cio alla speranza, a
quella speranza che fa apparire la sofferenza di tutta la nostra
vita presente come un travaglio momentaneo e la fa addiritrura scomparire di fronte alla 061;a futura. Un buon commento all'affermazione di Rom. 5,3 che noi ci vantiamo anche delle afflizioni costituito da 2 Coro 4,16-18.
Colui che giustificato per la fede non si vanta dunque soltanto della speranza nella futura gloria di Dio, ma anche delle
tribolazioni, il che di primo acchito sembra paradossale. In
che senso possibile un vanto di tal genere? La risposta
viene da una climax introdotta dal participio Et06"m; ed articolata al modo del sorite rabbinico 14. Forse EtoEva~ va inteso
nel significato di sperimentare, pi o meno come in Rom. 7,
7; 2 Coro 5,II; Eph. 1,18: Ci gloriamo anche delle tribolazioni perch sappiamo per esperienza. Invero la i}.i:<V~c; non
ha affatto la stessa efficacia per tutti gli uomini e in tutti i casi.
Decisivo il modo in cui essa viene interpretata e tale modo
si appalesa poi e si esplica in un particolare rapporto con la
stessa i}.i:<V~C;. Noi - che siamo giustificati per fede e quindi
viviamo in pace con Dio, ci troviamo nello stato di grazia e
pieni di speranza confidiamo con senso di vanto nella futura
061;a - noi sappiamo per esperienza che la i}.i:<V~C; - intesa
appunto alla luce della fede e della speranza - V1toll.ov"]v xaTEpyal;ETa~. xaTEpyal;EO"i}a~ significa ottenere a forza,
procurare, produrre, suscitare, <<far nascere e sim.
l'accezione che nella nostra lettera abbiamo gi trovato in
4,15: py"]V xa"t"Epya.l;ETa~, e che ha poi riscontro in Rom.
7,8.13; 2 Coro 4,17; 7,lob; 9,II 15. La tribolazione, accettata
con la fede (del giustificato) alla luce della speranza nella gloria di Dio, genera V1tOll.OVT). V1tOll.OVT) (V1tOll.EVEW) vocabolo
14. Cfr. Strack-Billerbeck

III 222.

anche lest. IOl. 10,1: opa-rE. OV, '"txva. ~OU, '1tOao. xa:t'Epytit;E"tal.'i) U11:0~1.0\l''} xaL iI 1tPOCTEVXi) I-tE"t'. \l'l)C1'tdl.uc;;.
15. Cfr.

'!

Rom. '.).4

255

relativamente frequente in Paolo, per es. Rom. 12,12; I Coro


13,7; 2Cor. 1,6; 6,4; 12,12; Col. l,II; 2 Tim. 2,10.12. Con
un'indicazione pi precisa dell'oggetto o delle circostanze, si
parla della V1tOll.ov"] ... 1tai}ljll.aTWV (2 Coro 1,6), o della V1tOll.ov"] ... EV 1tiiO"w .oi:c; o~wYll.oi:C; v[lliiv xaL Tai:c; i}.t<VEO"W,
atc; VXEcri}E (2 Thess. 1,4), o di TTi i}.t<VE~ V1t0ll.VEW (Rom.
12,12). Si trova per anche V1t0ll.0v"] ~pyoli yai}o (Rom.,
2,7), dove il genitivo soggettivo. V1tOll.OVT) vale pazienza,
perseveranza, fermezza, resistenza e sim. Tale appunto il significato nei vV. 3 b /4. Anche altrove V1tOll.OVT) spesso e in varia guisa collegato con E).,1tLC;: per Rom. 15,5 Dio
i}EC; T1jC; V1t0ll.0v1jc;, il Dio paziente che concede pazienza
e consolazione, mentre in Rom. 15, l 3 si parla di 6 i}EC; T1jC;
E.1tLOOC;, il Dio che speranza e d la speranza. Egli concede
la speranza che genera la pazienza, e la pazienza in cui si rav
viva la speranza. In Rom. 12,12 si trova, come abbiamo gi
visto, l'ammonimento: TTi E).,1ttO~ xatpOVTEC;, e subito dopo:
TTi i}.L<Vn V1tOll.EVOVTEC;. una speranza la quale non vede il
suo oggetto, ma appunto lo spera e precisamente nel senso
che attende con pazienza (Rom. 8,24 s.). Anche secondo I
Thess. 1,3 la V1t0ll.0VT) strettamente collegata con E.1ttC;. A
quel modo in cui la fede si manifesta come tale nell'~pyov (nell'opera missionaria) e l'ya1tlj comporta oneri e travagli, co
s la speranza si appalesa nella pazienza. Quindi l'uomo giustificato per fede, che si vanta della speranza, pu vantarsi anche delle tribolazioni, perch queste generano in lui - e non
in qualsiasi uomo -la pazienza e quindi il frutto della speranza, che conduce alla speranza.
4 Quest'ultimo concetto viene espresso al V.4 con l'inserimento di un altro elemento intermedio: questa pazienza, che
mette alla prova e preserva la speranza, produce OOX~ll.T). Essa
ci rende e.sperti e provati in mezzo alle tribolazioni e nelle sopportazioni di quelle e in tal modo rafforza la speranza. oox~
ll.T), vocabolo raro nel greco ellenistico, non deriva da 06x~ll.0c;,
bens una retroformazione da oox~ll.a.l;ELV 16 nel senso di
16. Blass-Debr. S IIO,2, appendke.

IT

:I

Rom.

),4-.}

mettere alla prova. Nel N.T. ricorre soltanto in Paolo e


per lo pi nell'accezione di prova, saggio, esperimento, verifica (2Cor. 2,9; 9,13; Phil. 2,22); in un caso designa quasi un saggio o una verifica ~he rappresentano I~
prova di una realt invisibile: 2 Coro I3,3. In 2 Coro 8,2 SI
parla di EV 1to.:jj OOXL!J.TI .L~EWC;, di una prova abbondante data nella tribolazione, che consiste poi nella gioia della
semplice generosit. La pazienza che germina dalla speranza e
che manifestazione di speranza costituisce una solida verifica. Cosi essa si muove sulla via della speranza; vale a dire,
proprio perch la 1to!J.ovn sorge dalla speranza e mette alla
prova colui che spera e pazienta, da essa nasce continuamente
una speranza nuova e pi gagliarda. Ci per non avviene nel
senso che dice il Kuss: Da questa gioiosa certezza di aver
dato una buona prova di s nasce una nuova speranza. In
realt Paolo non considera affatto i riflessi soggettivi della prova superata e di certo non attribuisce ad essi, n in questo
passo n altrove, la capacit di suscitare la speranza (nella gloria di Dio!) neppure in un moto di orgoglio spirituale; del resto egli rifugge sempre da riflessioni di natura psicologica.
L'Apostolo afferma con la massima chiarezza che la OOXL!J.n
produce speranza, come come la 1to!J.ovn produce oOXL!J.n e
come la .L~LC; procura 1to!J.ovn a chi spera. La prova a cui
ci sottopone la 1to!J.ovn, figlia della .i:~LC;, conduce ad una
nuova speranza. Ben si comprende quindi come coloro che sono giustificati per la fede possano anche vantarsi delle tribolazioni e trarne anche l' edificazione della propria vita. Gli
che esse corroborano il sorgere e il declinare della vita.
5. E questa speranza, che non viene distrutta bens ravvivata

dalle tribolazioni, non ci porta alla delusione. Presa a s, questa affermazione suona come un aforisma sapienziale. Nell'edizione del Nestle la frase stampata a mo' di citazione, ma
in realt essa contiene soltanto l'eco di alcune espressioni dei
salmi ". xa'tlw1XUVELV in quanto tale significa svergognare,
5 'ltL O'ot f))...mCTtX'V ot 1t1X'tpe.<; Ttf.1w'V,
I i'. Cos, ad es., in LXX ~ 2[,5 si legge:
i1)..'l't~o"(Lv. xai. ppvaw o:,j't'ou~'

Rom, 5,5

257

o, al passivo, essere svergognato, oppure anche vergognarsi, per es. ICor. 1,27; II,22; 2Cor. 7,I4; 9.4. Pu avere
altres il senso di disonorare (I Coro I I,4 s.), portare alla
vergogna, confondere e, al passivo, essere portato all'ignominia, essere confuso, come nel nostro passo e in Rom.
9,33; 10,1 I (citazione); 2 Coro 10,8 (verbo semplice come in
Phil. r ,20) 18. Si pu leggere xa'taLO"xuvEL o xa'taLO"xvvEL, ma'
il riferimento va comunque al giudizio. Se coloro che sono giustificati per fede hanno speranza nella 061;a di Dio, questa
061;a non li delude, non li porta alla vergogna. La 061;a fa si
che colui che spera non resti confuso, ossia (si potrebbe specificare con un'immagine apocalittica) che nOI) si trovi a non
avere alcuna parrhesia di fronte a Dio, a non potere n levare
gli occhi davanti a lui, n parlare con lui.
Ma perch la speranza nella quale ci troviamo e che addirittura le tribolazioni stesse, attraverso la perseveranza e la
prova, contribuiscono a render pi gagliarda' e profonda, perch questa speranza non inganna, non porta all'ignominia? La
risposta che ci attenderemmo sarebbe: perch questa speranza viene adempiuta, perch trova compimento, perch, se vogliamo dirla con I Coro 13,13, rimane ci che . Invece qui
la risposta formulata in maniera pi diffusa e, per cosi dire,
pi indiretta, gi in vista del pensiero che sar svolto subito
dopo: quello cio del sacrificio incomparabile di Ges Cristo.
Al V. 5b la motivazione suona anzitutto cosi: Perch l'amore
di Dio si riversato nei nostri cuori attraverso lo Spirito san6 1tPO, er. xxpa;cx:'V xa.. EO"wih]crav

o in LXX ""'24,3.20:

E'ltt O'o. f) ..maav xal ov xa.'tuaxuvllEcrav,


3 xaL y.p na.v"t'E, oL V'ltolJivO\l't'<; trE.
ov (.L1) xa:'t'aLoxuvD'Waw,
a.~uxvvih1't'wO'av 1ta.v"t'~ ot tivof1Ouv"t'E':; S'L. XEVijC; ...
20 cpU.~ov

1'"

TI)'V \fJux'hv llou xaL

puaa'

(.L'I) xCl;-ra."axUVaE~1)V, ~"t" ll.mera. TCL


<rE.

aro ojI n8,3I.


18. Bultmann in ThWb I 189.

25 8

,
I,
"

Rom. 5,5

to che ci stato dato. Dunque a noi stato dato lo Spirito


santo. Ancora una volta in "rov ooi}\I"rOC; 1)[l~\I abbiamo un
aoristo passivo che probabilmente ha di mira in primo luogo
il battesimo inteso come il momento risolutivo e oggettivamente determinabile della conversione, dell'accettazione della fede e quindi dell'essere in Cristo. Ma naturalmente si
dovr pensare anche a tutti gli altri modi di comunicazione
dello Spirito santo. Ad illustrare nella sostanza il nostro enunciato possono valere testi come 2 Coro 1,2 I s.; cfr. 2 Coro 5,5
Ma ci si pu richiamare anche a I Coro 12,13; Gal. 3,3; Eph.
1,13; 4,30. Che noi continuiamo nel presente a ricevete lo
Spirito santo si pu dedurre ades. da Gal. 3,2,5, dove si legge
che lo Spirito viene 1; xo'iic; 'ltLO'"rEWC; (cfr. Gal. 3, I 4 e le considerazioni svolte in I Coro 2,12 SS.; 2 Coro II,4 o in I Coro
12,1 SS. ecc.). Di un OLo\la,L "r 'lt\lEV[la, a,"rOV (scii. i}EOV) al
presente si parla in I Thess. 4,8 (cfr. I Coro 2,4). In Rom. 8,9
Paolo dice poi che i cristiani ai quali nel battesimo stato dato
lo Spirito e che continuano a riceverlo nell'ascolto dell'evangelo sono <<nello Spirito (e quindi come nella XpLC;), si trovano cio nell'mbito in cui si esplica l'efficacia dello Spirito.
In questo senso si pu anche dire che noi abbiamo lo Spirito (Rom. 8,23). Ma nel contesto di Rom. 5,5b all'Apostolo
non importa primamente il dono dello Spirito in quanto tale,
bens l'essersi tramite lo Spirito (detto con forte rilievo 'lt\lEV[la, iiyLO\l, come in Rom. 9,1; 14,17; 15,13.16; I Coro 6,19;
12,3; 2 Coro 6,6 ecc.) l'amore di Dio riversato nei nostri cuori e questo - non dimentichiamolo - come motivazione del
fatto che la speranza non inganna, non conduce alla vergogna.
Lo Spirito santo che ci stato dato fa entrare l'amore di Dio
nei nostri cuori. Quest'amore riversato tramite lo Spirito
santo nei nostri cuori, e ci fa s che la nostra speranza nella
gloria di Dio non venga mai meno anche nelle tribolazioni della vita. L'uso del verbo EXXXV"ra,L (il perfetto indica un'azione i cui effetti perdurano) significativo. EXXELV (EXXV\I\IELV)
tanto nei LXX quanto nel N.T. detto pi volte dello Spirito:
Ez. 39,29, nel testo ebraico, ma altrove anche nei LXX, per es.
Zach.12,10: xa,t xXEW ... 'lt\lEV[la, xapL"rOC; xat OLX"rLp[lOV.

Rom.;,}

259

Nel N.T. vedi Act. 2,17 S. (= Ioe12,28 s.); 2,33; 10,45; Tit.
3,6. Nell'A.T. (nel testo del LXX) oltre che dell'effusione dello Spirito si parla dell'effusione di altri doni di Dio, ad es.:
xapLC; (<jJ 44,3), O'o<pLa (Ecclus 1,9), "r n.ECC; a,"rOV (Ecclus
r8,II), "r1)\1 E),,0YLa,\I (Mal. 3,10), 1) o1;a, [lOV (Lam. 2,II);
spesso anche opy1] e i}v[lC; e sim.; ad es. <jJ 68,25; 78,6; Ecclus r6,IIecc.; OS.5,IO: E'lt'a,"rOC; xXEW WC; vowP"r op[l'!j[la [lOV, ecc. E cos secondo Paolo viene ricevuta l'ya.'lt'!j
"rov i}Eov, la quale poi descritta con maggior precisione nei
vv. 6-8. In Rom. 8,35 si parla dell'ya'lt'!j "rov XpLO'"rOV (cfr.
2 Coro 5,14; Eph. 3,19), in Rom. 8,39 dell'a.ya'lt'!j "rov i}Eov
1) E\I XpLO'"rii> 'l'!jO'ov "rii> XVPLCjl 1)[lW\I. Infine in Rom. 15,30
compare l'ya'lt'!j "rOV 'lt\lEV[la,"rOC;. Sempre a proposito di questo amore di Dio in Eph. 2,4 si legge: b o i}EC; 'lt)"OO'LOC; W\I
E\I EMEL, SL "r1)\1 'ltoH1)\I ya'lt'!j\l a,"rov, ii\l '}ya.'lt'!jO'a\l 1)[liiC;. Esso dunque l'amore che Dio in Ges Cristo, mediante lo Spirito santo, nutre per noi. E quest'ya'lt'!j "rOV i}Eov
mediante lo Spirito santo si riversata E\I "ra,~C; xa,poLaLC; 1)[1W\I. Essa afferra l'uomo nell'intimit pi profonda dell'esser
suo, l dove soltanto Dio e lo Spirito posson vedere, ma dove
i pensieri dell 'uomo storico e le sue decisioni effettive sovente
cozzano con le sue conoscenze e rappresentazioni oggettive
(vedi quanto si detto a proposito di Rom. 1,21). In questo
centro dell'esistenza umana penetrato, mediante lo Spirito,
l'amore di Dio, che ora lo regola e muove. Proprio questo fa
s che quella speranza da cui procede l' edificazione della nostra vita e che la dissoluzione stessa della vita rende solo pi
forte, non sia illusoria. L'uomo giustificato per fede afferrato e posseduto nel fondo della sua persona dall'amore di Dio
tramite lo Spirito che quell'amore riversa nei nostri cuori: perci la speranza nella quale egli conduce la propria vita e che si
ravviva anche e soprattutto nelle tribolazioni, la speranza che
mira alla 061;a "rov i}Eov, una speranza concreta ed infallibile. L'amore di Dio poi tale che nessuna vicenda e nessuna
potenza del mondo pu strapparcelo. Anche qui Paolo pensa
e si esprime in termini puramente oggettivi. Egli non vuoI dire, come spesso viene inteso, che la consapevolezza o la cer-

Rom. 5,5.6

tzza dell'amore di Dio, posta dallo Spirito santo nei nostri


cuori, rende sicura la speranza. Neppure vuoi dire (come pensa il Kuss) che la speranza non inganna perch <<io Spirito dato
da Dio genera nei nostri cuori una certezza sovrabbondante di
essere amati da Dio,). Non perch siamo certi dell'amore di
Dio in virt dello Spirito santo, ma perch Dio, tramite lo Spirito santo, si assicura di noi nell'amore - detto in breve: mediante lo Spirito santo ci mantiene nel suo amore - per questo
viene a noi ci che appunto speriamo, ossia la liGt di lui.
I! discorso svolto sinora nel cap. 5 si pu dunque cosi riassumere: noi siamo stati giustificati per la fede (nel battesimo).
Perci abbiamo pace con Dio mediante il Signore nostro Ges Cristo, grazie al quale noi ci troviamo altresi nella sfera della grazia. Chi si trova in tale stato vive fiduciosamente nella
speranza e della speranza nella futura gloria di Dio. Le stesse
tribolazioni, mentre nuocciono alle speranze terrene, si trasformano paradossalmente, grazie alla perseveranza e alla collaudata speranza nella gloria di Dio, in una nuova speranza,
la quale non un'illusione fallace, bensi realt. Essa ha infatti una garanzia soverchiante: l'amore di Dio, che, mediante
lo Spirito santo, ricolma il centro stesso della nostra vita, il
nostro cuore: un amore che pi forte di ogni sorte avversa
e di ogni potenza terrena (Rom. 8.35 ss. 39 ss.) e che per iniziativa di Dio stabilisce con noi un vincolo indissolubile. Ma
di quale uya.1tT} 't'ov l}EOV si sta parlando? Ce lo spiegano i
vv. 6- I I : il meraviglioso amore di Dio in Ges Cristo morto per i nemici di Dio, l'amore che dischiuder quel futuro di
salvezza ai giustificati e ai riconciliati. Ond' che noi ci vantiamo di Dio in virt del Signore nostro Ges Cristo, il quale
ci ha procurato la riconciliazione. I! v. I I si rif a 5,2b.

,i

6. La tradizione testuale del v. 6 malsicura. Ci dipende,


probabilmente, dalla pesantezza delle argomentazioni paoline
che nei vv. 6 e 7 servono solo a preparare l'enunciato vero e
proprio, che si trova nel v. 8 19. Di per s il v. 8 potrebbe stare
:19. Sui vv. 6-8, dr. G. Borokanun, Poulinische Anllkoluthe, in Dos Ende des Gesetzes. Miinchen I9,2, 78-80.

'

Rom. 5,6

subito dopo il v. 5; ma in tal caso verrebbe a mancare una considerazione che all'Apostolo importa assai: quella del carattere unico e incomparabile della morte di Ges e quindi dell'amore di Dio.
La tradizione testuale del v. 6 si present cos 20: 1. E't'L
ya.p: S A D* C K P syh min Or Mcion Chrys Thdt; per K P
Orig min Chrys Thdt tralasciano il secondo ~'t'L dopo UO'l}E\lW\I, rendendo pi facile il testo; 2. ELC; 't'L ya.p: D b G lat
Irl Ambrstr (u! quid enim) d; 3. EL yE: B sah (= se vero
che,), secondo questa lezione il v. 6 si aggancerebbe al v. 5);
4. Et ya.p: bo Ambrstr Aug vg Isid Pel (ep. 2,117) syP, talvolta con l'omissione del secondo hL. Avremmo in tal caso un
anacoluto. Tanto la critica testuale quanto il contesto fanno
apparire hL ya.p come lezione poziore, mentre tutte le altre
sono tentativi di appianare il testo. Ecco dunque come il v. 5
e il v. 6 si legano fra loro: la speranza non lascia posto alla
delusione; infatti l'amore di Dio possiede il nostro cuore mediante lo Spirito santo. Proprio questo avvenuto quando eravamo ancora deboli,>: a quel tempo Cristo morto per gli
empi (che eravamo noi). In altre parole: l'hL O\l't'W\I nv.w\I
uQ"l}E\lW\I viene ripreso dall'hL xGt't'IX XGtLp\I U1tp UO'E~W\I.
Dal canto suo xGt't'IX xGtLp\l potrebbe riferirsi ad U1tl}Gt\lE\I
e quinai significare: nel tempo (stabilito da Dio) egli mor
per gli empi,). Ma v' da osservare che questa interpretazione
non motivata dal contesto e che il concetto essenziale da essa
inteso, ossia stabilito da Dio,), in realt non espresso (d'al"
tra avviso sono Michel, Leenhardt, cfr. Ridderbos). Oppure
20. M. Thrall, Greek Por/ieles in tbe N.T. Linguistic und Exegetical Studies, Leiden 1962,8358., espone coslle varianti:
1~. y<ip (+ E~' post Mit.vwv) S A C n* sy' min.
E'n D" w Chrys al.
E~ or' ycip D' G lat Ireo Ambrstr
Et y<ip 'OI lsid lsid PoI Aug
Et "'(lp ~-rT. sypal

El. ylp

8't'I.

COpIab

Et yp ~1'L coptbo
Et St sy'"
L'autrice accetta come lezione originaria Et ')'E B e a p. 90 traduce: Ad ogni modo
se Cristo mori per gli empi, come siamo convinli che fec~ ... .

Rom. 5,6

I:

xa," xa~p6v va con OV,"WV i][J.Wv acri}Evwv e serve a rinforzare l'ih~ OV'"WV i][J.Wv acri}Evwv: Quando eravamo ancora
deboli, proprio a quel tempo Cristo morto per gli empi.
Non ne risulta certo una frase piana e scorrevole. Ma ci ac
cade non di rado nelle parti propriamente argomentative degli scritti paolini e, per tacere d'altro, basterebbe a dimostrarlo
quanto viene subito dopo. Vi sarebbe infine una terza possibilit, quellll cio di riferire ih~ xa," xa~p6v a imp aO"E~wv:
per coloro che erano empi in quel momento. Ma in tal caso - poich l'Apostolo spesso impacciato nell' argomentare
ma non proprio nella grammatica - non dovremmo piuttosto
attenderci: ih~ imp '"wv xa," xa~pv aO"E~wv? A me pare
quindi che la seconda interpretazione sia la migliore. certo,
in ogni caso, che l'Apostolo definisce la condizione in cui si
trovavano gli uomini per i quali Cristo morto come una condizione ancora (<<a quel tempo) di debolezza e qualifica
aO"E~ELC; i beneficiari di quella morte. In tal modo egli pone
in risalto il carattere straordinario della morte di Cristo, la
quale non richiede alcuna disposizione morale in coloro per
i quali (e ci significa anzitutto a favore dei quali) avvenuta. Essi erano aO"ilEvELC;, aO"E~ELC;, [J.ap,"woL (v. 8), XilPOL
(di Dio) (v. I o) . acrilEvi]c;, che negli scri tti paolini ricorre in
varie accezioni (<<fisicamente debole, caduco, limitato,
debole nella fede, nella conoscenza ecc.) non ha qui un significato diverso dagli altri aggettivi elencati. aO"E~1]c; termine caratteristico per qualificare l'esistenza precristiana, cfr.
Rom. 4,5; I Tim. 1,9 (dove aO"E~ELC; sta con [J.ap,"woL) ed
anche Rom. 1,18. Si tratta dell'empiet non nel senso di ailE6'"l]C; (cfr. Epb. 2,12), bens nel senso di opposizione alla volont di Dio. Si spiega quindi come aO"E~ELC; venga ripreso da
[J.ap,"woL, peccatori, quali erano gli uomini per il loro
comune passato (cfr. Rom. 3,7; Gal. 2,17; I Tim. 1,9.15). Ma
in quanto [J.ap,"woL essi erano anche XilpOL, ossia nemici di
Dio (cfr. Rm. 8,7). XilPOL ha qui, diversamente che in Rom.
I 1,28, un significato attivo. Per costoro dunque Cristo morto e con ci ha dimostrato l'amore di Dio che nei nostri cuori e che ci garantisce la speranza nella sua gloria. Per designare

Rom. 5,6.;

la morte di Ges Cristo ricorre sovente anche l'espressione


compendiaria e tradizionale a1tOilvuO"xEW imp (cfr. Rom. 14,
. 15; I Coro 8,II; 15,3; 2 Coro 5,14 s.; I Tbess. 5,10) o semplicemente a1tOilvUO"XEW (Rom. 8,34; 14,9; Gal. 2,21; I Tbess.
4,14). Come abbiamo gi detto, il significato primo di 1tp i][J.wv in Paolo a vantaggio nostro (Rom. 8,31.34; I Coro
II,24; Gal. 2,20 [cfr. 1,4]; inoltre 2Cor. 5,21; Gal. 3,13);
come significato secondario si pu cogliere talvolta in vece
nostra, che discende appunto da a vantaggio nostro 21. In
tendere per 1tp i][J.wv nel senso di comunque senza di noi
insufficiente. Per amore dei deboli, dei miseri peccatori,
dei ribelli a Dio, degli uomini quali si trovavano ad essere allora (e anche oggi se non hanno fede) in conseguenza della loro provenienza, per amore di costoro Cristo morto. Davvero
singolare e unico l'amore di Dio e davvero singolare e unica
la morte di Cris to.
7 . Tutto ci viene ribadito nel v. 7. [J.6~C; significa difficilmente o a mala pena 22. 1tp o~xa(ov ... 1tp ... '"ov ayailou vanno intesi come maschili 23, non neutri 24. Infatti anche
se altrove Paolo non usa mai ayail6c; in riferimento a persone,
nel nostro passo tale riferimento assicurato dalla connessio
ne con aO"ilEvi]c;, aO"E~1]c; e quindi con [J.ap,"wMc;, Xilp6c;.
Non poi possibile fare alcuna distinzione tra o(xa~oc; e ayail6c;. Il senso dell'enunciato non quindi che si muore per una
persona buona piuttosto che per una persona giusta. Sarebbe
questo un concetto ben difficile da motivare, ed in effetti chi
vuoi motivarlo deve appigliarsi ad artifici, come fa ad esempio
lo Zahn, che intende il buono nel senso di stretto congiunto o di amico. Ma, anche prescindendo da ci, l'articolo collocato prima di ayail6c; mostra che Paolo ha in mente non una
singola persona ma un tipo". Forse il v. 7b corregge l'asser21. Il rapporto tra i due significati concepito in modo inverso per es. da G. Del
Iing, Der Tod ]esu in der Verkundigung, in Apophoreta. Festschrift fiir Ernst
Haenchen, Berlin 1964. 85-96, 87 s.
22. Bauer, Wh. 1042.
23. Cos1 fra gli altri Gutjahr, Miche!, Ridderbos.
24. Sanday-Headlam.
25. Cfr. Moule, Idiom Book III.

RO/n5,7 8

zione di 7a restringendone il significato. Cristo morto per


gli empi. Ci singolare, anzi sconcertante, giacch a malapena si muore per un uomo giusto; oppure, per dirla meglio
ed in modo positivo, forse qualcuno si accolla il sacrificio di
morire per un uomo buono. Cristo invece morto per i peccatori e gli empi. Quindi la morte di Cristo non ha analogie
di sorta. Coi nostri criteri umani non possibile darne una ragione: quella morte appare assurda.
8. Tanto maggiore quindi il peso dell'enunciato seguente,
che chiarisce meglio l'ay/bt1]'t'ov llEov menzionata al V._5. Abbiamo qui una sorta di ricapitolazione del concetto. La posizione di llEoc; oscillante nella tradizione diretta e indiretta:
r. omesso da B Ephr. arm; 2. all'inizio della frase in sah;
3. precede Etc; T}[liiC; in D G L lat syh vg min Mcion Chrys Bas;
4. dopo ELC; T}[liiC; in S A C bo K P min sy' Or. Quest'ultima
lezione, la meglio attestata, probabilmente l'originaria. Essa
colloca efficacemente il soggetto alla chiusa della frase. Paolo
non ha dimenticato di voler parlare dell'amore di Dio, che si
appalesa come tale proprio nella morte di Ges Cristo. Di Dio
si parla poi implicitamente al v. 9, esplicitamente al v. IO e
con forte rilievo al v. I I. In tedesco [e in italiano, n.d.Tr.]
naturalmente noi anticipiamo il soggetto: Dio invece manifesta il suo amore per noi in questo che, quando eravamo ancora peccatori, Cristo morto per noi. CTVVLCT't'1][lL (con la variante CTvvLCT't'avw) significa esporre, spiegare, mettere
in evidenza, dimostrare, come in Rom. 3,5 oppure (col
doppio complemento oggetto) in 2 Coro 6,4; Gal. 2,18 '". Etc;
T}[liiC; o indica la direzione e il fine dell'amore di Dio e si ricollega quindi a crvVLCT't'1][lL, oppure (ed pi probabile) va
con 't'T}V av't'ov aya7tT)v, di cui rappresenta una specificazione. il suo amore per noi che egli dimostra. Anche dell'amore fra uomini l'Apostolo parla come di una T} aya1t1] ELC;
't'wa: 2 Coro 2,8; Col. 1,4; I Thess. 3,12. Pi importante
nel nostro passo il presente LCT't'1]CTL. Dopo Exxxv't'aL (v. 5)
26. Kasch, in ThWh VII 836.

Rom.

26 5

j,8.g-JO

e le considerazioni svolte nei VV. 6 e 8b ci attenderemmo


piuttosto un aoristo. Ma Paolo vuole evidentemente presentare l'evento unico e irripetibile della morte di Cristo 1tp
T}[lWV come un'attestazione continua del suo permanente amore per noi. Questo amore risiede poi nei nostri cuori e nell 'evangelo rivolge incessantemente a noi il suo appello e la sua
richiesta sovrana, e continuamente ci vien donato nell'eucarestia. Il costante amore di Dio per noi appunto l'amore attestato da quest'evento della morte di Ges per noi peccatori.
La congiunzione
del V. 8b ha valore epesegetico. 'L'hL a[lap't'w).,wv oV't'wv T}[lWV pone ancora una volta in risalto
quanto sia stata meravigliosa e singolare la morte di Ges Cristo. L'amore di Dio per noi l'amore di Dio per i peccatori.
chiaro quindi che la speranza della oo1;a 't'OV llEov, la speranza che alimenta l'esistenza e il vanto dei giustificati per fede
e che nelle tribolazioni stesse si irrobustisce con la perseveranza e la prova, non delude chi non solo spera ma anche adempie la sua attesa. In effetti colui che spera, ancorch sia peccatore, sorretto dall'amore di Dio, da quell'amore che, a differenza dell'amore degli uomini, si sacrificato senza riserve in
Ges Cristo.

o'n

Ma se tutto ci accaduto e ha investito la nostra esistenza, la salvezza di coloro che sono giustificati per fede, di
coloro che sperano, non pu mancare. Saremo dunque salvati:
ecco il senso dei vv. 9 e IO. Il concetto viene svolto in due proposizioni parallele che fanno entrambe ricorso alla nota argomentazione rabbinica a minori ad maius (qal wiih6mer = facile e difficile)17. Tanto pi o con quanta maggior ragione
noi ... (v. 9). Ossia: ora davvero, ora s, stante il V. 8, noi, in
quanto giustificati per fede ... saremo, grazie a lui, salvati dall'ira. Di nuovo, come in 5,1, il participio oLxaLwllv't'Ec; designa tutto il processo salvifico dal quale siamo stati investiti e
trasformati. Il vvv si riferisce appunto allo stato presente del9'10.

27. aro Strack-Billerbeck III 223 S5. Cfr. Ch. Maurer, Der SchIuSI 'a minore ad
mojus) a/s Elemente der pauUnischen Theologie: ThLZ 8, (1960) 149'152; H.
Miiller, Der Qal-Wachomer-SchluJS bei Paulus: ZNW
(1967) 73-92.

,8

266

I.

Rom. 5/)-10

la giustificazione la quale avvenuta v 'te/! aLf-La'tL av'tov 28.


Il sangue (versamento di sangue) dunque il fondamento
di questa giustificazione che dispiega ora la sua efficacia. aLf-La
, in questo contesto, un vocabolo consacrato dalla tradizione
per indicare la morte di Cristo sulla croce secondo un uso che
in Paolo si trova anche in Rom. 3,25; ICor. II,25.27 (nella
1tapaooO'L'; dell'eucarestia); Eph. 1,7; 2,13; Col. 1,20; anche
Act. 20,28 ed Hehr. possim. Nella proposizione parallela del
v. IO in luogo di v 'te/! aLf-La'tL av'tov troviamo OLl 'tov }ava'tov 'tov VLOV av'tov. Se Dio dimostra nel presente il suo amore
verso di noi attraverso la morte di Cristo avvenuta per noi peccatori, noi, giustificati nella fede mediante il battesimo, o mediante il battesimo nella fede, in virt del sangue versato da
Ges Cri:sto, proprio ora saremo salvati dal giudizio annichilatore dell'ira. La salvezza finale viene qui designata come un
O'w}TjO'EO'}aL". a1t 'tii.; apYii.;. Anche altrove Paolo usa questa formulazione o altre analoghe (cfr. Rom. 10,9.13; II,26;
I Cor. 3,15; 5,5 ecc.), oppure parla della O'w'tTlPLa escatologica, come, per es., in Rom. 1,16; 13,II; I Thess. 5,8 s. Nel
nostro passo viene poi specificato da che cosa saremo salvati:
dal giudizio escatologico dell'ira di Dio. i} apyTj, usato in questo senso con valore assoluto, si trova anche in Rom. 2,5; I
Thess. l,IO; 5,9. Questa salvezza nel giudizio di Dio non significa quindi che il giustificato per fede ormai non debba pi
render conto di nulla (ci sarebbe in esplicita contraddizione
con Rom. 14,10; 2 Cor. 5,10 e anche con I Cor. 3,14 s.). Significa invece che l'ira di Dio pu essere stornata dal capo di
colui che giustificato per fede tramite lui, ossia tramite Ges
Cristo. Tramite lui indica il Cristo che agisce nella parusia, che ci associa alla sua vita di risorto, risvegliandoci dai
morti e recando in tal modo a compimento quell'azione pneumatica e dispensatrice di vita che sin d'ora esercita verso di
noi (Thiising, op. cit. 206). Si potrebbe pensare anche a Rom.
28. Il Barrett accenna alla possibilit che EV sia un ebraismo (=b") da tradurre: a
prezzo di. Ma l'uso largamente attestato di oLxa.LoalhxI., OLXctLOO"UVT] con v (dr.
G. Schmitz, Die Opleranschauung des spiiten ]udentums und die Opferaursagefl
des N.T., 1921, 224), fa pensare piuttosto ad un EV strumentale.

6,5; 8,21 ecc., ma forse meglio ancora - e del resto l'una


cosa non esclude l'altra - richiamarsi a Rom. 8,34, che certo
non va riferito soltanto alla vita terrena di Ges. Il v. IO ripete le enunciazioni del v _9 con altri termini e concetti, tali
per da rappresentare in maniera egualmente obbiettiva l'evento passato ed il futuro, ponendo in risalto il proprio ora
ed il tanto pi ora. Il v. IO spiega quindi il v. 9, come dimostra anche il yap, che non propriamente giustificativo,
benS esplicativo: se noi cio._.. I giustificati per fede vengono ora qualificati, con riguardo alloro passato, come X}POL
OV'tE';; l'evento salvifico che abbiamo sperimentato definito
perch equivale a xa'tTlaYTJf-LEV 'te/! }Ee/! oLa 'tOV }ava'tov
'tOV VLOV av'tov, e coloro ai quali andata la salvezza son detti in breve, con un participio aoristo passivo, xa'ta.ayv'tE';. Vi sono quindi, nei vv. 9 e IO, enunciazioni parallele assai significative, che si spiegano reciprocamente: giustificati
- riconciliati; saremo salvati in virt del sangue di Cristo - in
virt della morte del Figlio suo. Ora nel v. IO, un po' per dar
risalto ancora una volta all'aspetto meraviglioso di quest'evento, un po' per illustrare il xa'taaO'O'ELV di Dio, viene
aggiunto l'x}pot OV'tE';, che ha un senso attivo come Ex}pa
in 8,27 29 Il dativo 'te/! }Ee/! designa naturalmente colui col
quale siamo stati riconciliati. Il passivo significa che la riconciliazione procede da Dio. A schiarimento del nostro enunciato pu valere 2 Cor. 5,18 ss. xa.'taaO'O'ELV, detto di Dio, indica l'azione riconciliatrice da lui compiuta in Ges Cristo e
non qualcosa come un mutamento della sua disposizione verso di noi. Perci, anche quando detto di noi, xa'ta.)"aO'O'EO'}aL non designa il mutamento della nostra mente, bens un
dato oggettivo, ossia che coloro i quali vivono ora nello stato
di riconciliazione (cos come in 5, I coloro che vivono nello
stato di pace con Dio) vengono in realt afferrati dall'azione riconciliatrice di Dio. Si tratta di un rinnovamento dell'esistenza, gi avvenuto e tuttora efficace, che pu essere presentato vuoi come un IiLxaLw}iivaL vuoi come un xa'ta)"),,ayii29. Zahn, KGhl, H.W. Schmidt, Kasemann.

Rom5,9- I O. II

268
Vct~ "'.

Se dunque attraverso la morte di Cristo siamo passati


dallo stato di inimicizia con Dio a quello di pace con lui, ora
davvero otterremo la salvezza eterna. A questo concetto Paolo aggiunge, nel v. IO, due elementi che disturbano un po' il
parallelismo col v. 8. Anzitutto col participio passivo Xct't"ct..ctyvn<; riprende il Xct't"1)..a.y1)~EV del v. 1Oa, dandogli cos un risalto particolare; in secondo luogo introduce una variatio: noi siamo riconciliati con Dio o~ 't"ou ~ctva.'t"ou 't"ou
utou ct,hou - saremo salvati EV ""tii ~wU ct't"ou. Le alternanze
o~a-Ev e lta.Vct't"o<;-~W1J non hanno alcuna importanza per il
significato, ma sono puramente retoriche (in particolare per
Mvct't"o<;-~W1J cfr. Rom. 4,25). L'EV 't"U ~WU ct't"ou non si
riferisce all'i)YEpl)fjVct~ o allo ~wo7to~Ei:crllct~ di Cristo, bens
alla ~W1J attuale di lui in quanto Risvegliato dai morti. In
Rom. 5,I7b si dice che, grazie a lui, noi regniamo nella vita:
qui, sotto la stretta dell'antitesi retorica, il richiamo alla sua
persona sostituito da quello alla sua ~W1J e all'efficacia di questa ~W1J. Considerando i vv. 9 s. si pu dire: coloro che sono
. giustificati per fede - nel sangue di Ges Cristo - ora davvero
saranno salvati dal giudizio dell'ira di Dio, e ora davvero coloro che sono riconciliati con Dio tramite la morte di Ges
Cristo verranno salvati grazie alla vita di Ges Cristo. Quindi
i) oPY1J e i) ~W1J si contrappongono. Ma il presupposto questo: Egli in persona l'irrevocabile 'per noi' di Dio ... (Kiisemann).
11. Si

conclude cos l'argomentazione che, in senso lato, serve


ancora a giustificare l'enunciato di 5,5a. Ma Paolo non termina qui la pericope. Egli ha pur sempre in mente quel xctuXiio-ltct~ in cui si risolve la vita di coloro che sono giustificati per
fede (5,2-5) e al v. I I ritorna ancora ad esso come a realt del
presente. Per la seconda volta riappare altres l'o ~ovov OE
del v. 3. Ma difficile stabilire con quale verbo si debba qui
Cfr. Schlatter, Nygren, Barrett, Kuss, Kiisemann e altri. R. Bultmann, Adam
und Chr;stus nach Rom .5: ZNW
(19'9) 14'-160. Per la terminologia della rironcili2:ione dr. anche Eph. 2,16; Col. 1,20.

. )0.

'0

Rom.

j,II

269

integrare o ~vov o e quindi come si debba intendere il nesso. Certamente non come fa il Lietzmann, che interpreta: Noi
non abbiamo soltanto il sentimento negativo della colpa cancellata, ma possiamo anche vantarci positivamente ... con pi
ragione del giudeo, 2,17. In realt qui non si tratta n di un
sentimento, n dell'antitesi positivo-negativo, n del giudeo.
ammissibile piuttosto un'interpretazione la quale sottintenda o ~6vov o Xct't"ct..ctYV't"E<; o-W~o-~Eltct e poi continui: .. xctl XctUXW~EVO~ EV 't"1ii ltEIii (bens anche in quanto ci vantiamo di Dio). In tal caso Xct't"ct..ctyV't"E<; e Xctuxw~EVO~ andrebbero a qualificare i cristiani e il concetto principale sarebbeo-wlt1)o-[J.Eltct. Ma che senso avrebbe poi questo
accostamento: riconciliati e pieni di vanto per Dio, (<Doi
saremo salvati? Senza dire che verrebbe del tutto meno il parallelismo tra questo XctUXW~EVO~ e quello dei vv. 2b e 3. Mi
sembra quindi pi probabile - ma in definitiva la cosa rimane
dubbia - che l'o ~vov o, a.. xctl Xctuxw~EVO~ vada riferito a tutto quanto stato detto dal v. 5 b in poi e che si debba vedere in questa conclusione una ripresa piuttosto forzata
di quei due Xctuxw~Eltct, dove il participio XctUxw~EVO~ del
v. II fa le veci di un modo finito, anche qui indicativo 3\ secondo un uso che attestato anche altrove in Paolo (cfr. Rom.
12,3 ss.). Noi ci vantiamo soltanto della speranza nella futura gloria di Dio, e non soltanto delle tribolazioni che continuamente ravvivano la speranza a chi l'ha, ma anche - e, si potrebbe quasi dire, soprattutto - di Dio, il quale ha dischiuso
in modo irrevocabile questa speranza nella sua o6l;ct col suo
amore manifestato in Ges Cristo. Non soltanto noi, cos giustificati e riconciliati tramit~ Ges Cristo, saremo salvati in
virt della morte e della vita di Cristo; noi (sin d'ora) affidiamo anche gioiosamente la nostra vita a Cristo. Qui, nel terzo
XctUxw!J.Eltct, si direbbe che quasi prevalga il significato di
professare, confessare, lodare. Non soltanto tutto ci
che abbiam detto su Ges Cristo e sull'amore di Dio, garanti
della nostra futura salve2za, fa trionfare il nostro vanto (che
31.. Il Kuss pensa invece che il participio abbia valore esortativo.

27

I!

I.
!:

Rom. ),II.I22I

poi la nostra vita) per la speranza; noi ci vantiamo anche di


Dio stesso e precisamente ot 't'OV XUpLOU 1)~wv 'ITlCl"OV XptCl"'t'OV. Un siffatto otcL. si trova occasionalmente anche altrove: nelle preghiere e nei ringraziamenti (cfr. Rom. 1,8; 7,25a;
Col. 3,17 ecc.). E che lt ... 'ITlCl"oV XptCl"'t'ov abbia un significato ben rigoroso si pu dimostrare con 2 Coro 1,20: se ci vantiamo di Dio, Ges Cristo che vanta. Questa stessa proposizione denota altres che ci troviamo di fronte ad un vanto
comunitario e quindi anche ad una lode cultuale. Il medesimo
Ges Cristo (ch, in definitiva, lui ad eseguire il nostro xauxiicri}at quando ci vantiamo di Dio) viene alla fine qualificato
ancora una volta nel senso che, tramite lui abbiamo ricevuto
ora la riconciliazione. Il vvv di nuovo posto in forte risalto (cfr. V. 9) e questa volta in connessione con E.a~o~Ev. Il riferimento non va quindi a Cristo come a colui che con la sua
morte ha stabilito la riconciliazione, o che, per meglio dire,
l'ha dischiusa a noi, giustificati per fede. Egli, il Riconciliatore
riconciliante, che ora, nella sua condizione di Glorificato e di
Innalzato, concede a noi la riconciliazione, anche colui in
virt del quale noi, di fronte a tutte le afflizioni, anzi attraverso tutte le affiizioni, edifichiamo con vanto la nostra vita
nella speranza della sua gloria.
Finisce cos la prima importante sezione della seconda parte della lettera. ai Romani. Dopo averla letta o ascoltata i fedeli della chiesa romana conoscono ora in qualche misura ci
che hanno ricevuto in quanto giustificati per fede. Al centro
di tutto sta la speranza nella futura gloria di Dio, una speranza
che si fondata e continua a fondarsi sull'amore di Dio in Ges Cristo. Questo amore di Dio, manifestatosi nel sacrificio di
Ges Cristo a pro degli empi, ha valore assoluto e garantisce
il compimento della nostra speranza in quello splendore della
maest divina che del resto gi spuntato per noi.
2.

Adamo e Cristo (5,12-21)

12 aLa 't'OV't'o W<rnEp OLV avilpol1tov 1) a[letp't'iet Ei 't'V ,,6CT[lov EtaijMEV "ett oLa 't"ij a[lctP't'ict b Mvet't'O, "ett o~'t'w E( 1tliv't'et liv-

Rom.

),12-2I

2lI

ilpol1tov b Mvet't'o OLijMEV, t'P'i!> 1tliv'tE i][letp't'w B IfXPL ylp vo[lov a[letP't"et Tiv iv ,,00'[l"', a[letp't'iet o ov" ).,).,oYEhetL [l1) oV't'O vo[lOV, 14 a).,).,a l!3etO'().,EVaEV b Mvet't'o a1t 'Aoa[l [lXPL MwuO"w "et,
i1tt 't'o [l1) a[letP't'1)O'etv't'et h, 't'l> [lOLW[let't'L 't'ij 1tetpet{3liO'EW 'A.
oa[l 5 iO''t'LV 't'U1tO 't'Ov [l).,).,ov't'O. J5 a).,).,'ovx w 't' 1tetpli'1<'t'w[let,
o~'t'w "et, 't' XliPLCT[let d yap 't'<ii 't'Ov v 1tetpet1t't'W[lct't'L oi 1to).,).,o'
a1tiletvov, 1to).,).,l> [lii).,).,ov 1) XliPL 't'OV ilEOV xo:t 1) owpEa v XliPL't'L
Tii 't'OV v livilpw1tov 'I1]O'ov XpLO''t'oii d 't'o 1to).,).,o 1tEpiO'O'EVO'EV.
""et, OVX w OLV 4[letP't1)O'etv't'o 't' OWpl][lct 't' [lv yap "pi[let
lI; v E( "et't'Ii"PL[let, 't' o XliPLCT[let x '1<o).,).,;;-'v '1<etpet'1<'t'w[lli't'wv E'
.
'
17'
,. 't'4)
- 't'OV
- 'V 'Jta.pa.'Jt't'WIJ.a.'t't.
" AO
L
'o,
OLXa.t.Wl-La..
EL rttp
Vtt'Va.'t'o EjJaa~II.EVO'EV oLa 't'OV v6, '1<0).,@ [lii).,).,ov oi 't'1)v '1<EPLO'O'Eietv 't'ij XliPL't'O "et,
'tij OwpEii 't'1j OL"etLOO'UVl] ).,et[l!3liVOV'tE~ iv ~wii !3etO'L).,EUO'OVO'LV
OLa 't'OV V~ 'll]O'ov XP'O''t'ov. "lfpet oilv w~ OLV~ '1<etpet'1<'t'W[let"O~
E(~ '1<liv't'et~ livilpw'1<ov d "et'tIi"PL[let, ofi't'w~ "et, OLV~ O'''etLW[let't'o~ d '1<liv't'et avilpw'1<ov d OLXet(WO'LV ~w1j' IO OJO''1<Ep yap OLa 't'1j
'1<"pet"oij 't'OV V~ livilpw'1<oV a[letp'tw).,ot "et't'EO''t'liill]O'etv ot '1<0).,).,0(,
oihw "<Lt OLa 't'ij~ ,,,,,,,,o1j 't'OV v O,,,etLOL """etO''t'etilijO'ov''et, oi
,"\

'1tOIl.1I.0L.

:IO'

t'"'

-'!\""\'

"

VOIJ.O oE 1ta.pEI"U1)AVE.'V I L'Va. 1tIl.Eo'Vaan 't'O 1ta.pa.'Jt't'wlJ.a. OV

O b').,EOV"O'EV 1) a[letp't'(et, '1<EPE'1<,p(O'O'EVO'EV 1) xliPL~, 21 ivet OJO''1<Ep


l[3etO'().,EVO'EV 1) a[lctp't'(" v "l> il"vli""" o~"w~ "et(1) XlipL [3etO'L).,EUO'11
OLa OL""LOO'UV1] E(~ ~(1)v et(WVLOV OLa 'll]O'ov XPLO''t'OV "ov "up(ov
1)[.tGiv.
11 Pertanto, come per cagione di un solo uomo il peccato entr nel mondo e per effetto del peccato la morte, la quale si cos1 estesa a tutti
gli uomini in quanto che tutti hanno peccato ... B infatti prima della
legge vi era peccato nel mondo, ma il peccato non viene imputato se
non c' la legge; 14 eppure la morte regn da Adamo a Mos anche su
coloro che non avevano prevaricato alla stessa maniera di Adamo iI
quale figura di colui che doveva venire. 15 Ma non come il fallo
il dono di grazia. Se infatti per il fallo di uno solo tutti sono morti,
molto di pi l'amore grazioso di Dio e il dono che ci viene dalla grazia
dell'unico uomo Ges Cristo sono ridondati a vantaggio di tutti. 16 E,
per il dono, non avvenuto coine per il peccato commesso da uno solo;
ch il giudizio venne dopo un solo pecca tore e port alla condanna,
mentre invece il dono della grazia viene dopo molti peccati e porta
alla giustificazione. 17 Se infatti, per il fallo di un solo uomo e quindi
per cagione di quell'unico, ha regnato la morte, tanto pi coloro che
hanno ricevuto in abbondanza la grazia e il dono della giusti2ia regneranno nella vita in virt dell'unico Ges Cristo. 18 Quindi, come da
una sola colpa deriv la condanna per tutti gli uomini, cosi da un solo
atto di giusti2ia procede per tutti gli uomini la giustificazione che d
la vita. 19 Infatti, come per la disobbedienza di un solo uomo tutti gli
altri divennero peccatori, cosi per l'obbedienza & uno solo gli altri

27 2

Rom5,I2-2I

diverranno giusti. 20 La legge poi sopravvenuta perch abbondasse il


peccato. Ma dove ha abbondato il peccato ivi ha sovrabbondato la gra2l affinch come il peccato ha regnato nella morte, cosi anche la
gr~ia regni m'ediante la giustizia per condurre alla vita eterna in virt

zia

di Ges Cristo Signore nostro.

ii

Basta leggere attentamente e sino in fondo questa seconda


parte del cap. 5 per avvedersi che l'indole del discorso ca~
biata affatto rispetto a 5,1-1 L Anzich proseguire nella spIegazione di quel che ha significato per noi l'essere giustificati
per la fede e della condotta di vita che ne deriva (di ci~ si torner a parlare in 6,1 ss.), l'Apostolo prende ora a c?nsidera,,:
la storia dell'umanit nel suo complesso, quella stona che ogm
singolo uomo non solo trova davanti a s come realt data, ma
anche contribuisce a fare. Questa storia dell'umanit intesa
appunto come realt data che si presenta a ogni uomo perch
se ne faccia cooperatore, reca l'impronta per un verso di ~d~
ma e per l'altro di Cristo, di ci che l'uno e l'altro hanno sIgmficato e hanno compiuto. Per Paolo non vi singolo uomo e
non vi esistenza umana che non rechino, sia pure in guisa
diversa, il segno di questa origine.
.
Che questi enunciati abbiano una struttura affatto dIversa
da quella di 5,I-II risulta per non soltanto dal contenuto a
cui si accennato, bens anche (e in connessione col conte'
nuto) dal loro genere letterario e dal loro stile. Abbandonato
l'uso della prima persona plurale e anche il pathos dell' annunzio, l'Apostolo espone con fare didattico, deduce ~ argomenta; procede faticosamente passo passo, perdendOSI talvolta e
riavviando poi il discorso. Prima di raggiungere il fine che ha
in vista ossia l'enunciato dei vv. 18 ss., egli inserisce molte
idee co~comitanti che gli sembrano necessarie (vv. 13 s. 20).
Non si saprebbe quindi individuare un'articolazione di tutto
il ragionamento. In un certo senso appaiono connessi tra loro
i vv. 12-14,15-17 e infine 18-21; ma non ci azzardiamo a definire pericopi cosi minuscole con un titolo qualsiasi. Seguiremo quindi punto per punto la successione dei pensieri l
:I. Si veda in proposito la controversia dibattuta da K. Barth, ChriJtus un~ Adam
nach Rom 5. Ein Beitrag lur Frage nach dem Menschen und der Menschhett: ThSt

Rom. 5,I2

273

Gi le prime parole sono molto controverse ne1loro significato. Come si dovr intendere il oL 't'ou't'o e a che va riferito? A 5,IIb oppure a 5,I-II o addirittura a I,q-5,II? Inteso nell'accezione rigorosa di per questo, oL 't'ou't'o non
avrebbe senso. Si consideri, per esempio, un aggancio a 5,1 Ib,
che sembrerebbe il pi naturale: Tramite Cristo abbiamo ricevuto ora la riconciliazione. Quindi per la disobbedienza di
Adamo si ebbe la condanna di molti e per l'obbedienza di Cristo avvenuto che molti sono diventati giusti. Non meno improponibile un aggancio a 5,I-II: In quanto giustificati
per fede abbiamo pace con Dio e viviamo nella speranza della
gloria di Dio; speranza che non ci delude. Perci, come attraverso un uomo la potenza del peccato entrata nel mondo
ecc.. N le cose stanno diversamente se si riferisce oL 't'ou't'o
a tutto quanto precede, da 1,17 ili poi. Si dovr quindi, come
fanno Zahn, Lagrange, Lietzmann, vedere in oL 't'ou't'o un
semplice nesso di transizione senza significato pregnante, analogamente al oL6 di Rom. 2,1; 15,22. Non siamo di fronte ad
un'espressione causale.o giustificativa, bens soltanto ad un
modo di proseguire il discorso pressappoco in questo senso:
Bisogna in effetti considerare ... . Con ci si apre anche la
possibilit d'intendere 5,12 ss. come presupposto di 5,1 SS.,
come richiede la sostanza del discorso. invece ben difficile
ammettere che all'Apostolo, mentre dettava, sia involontariamente venuto sulle labbra un nesso improprio perch il concetto dapprima inteso sia stato diverso da quello che poi stato svolto. Il secondo elemento che nella nostra frase risulta gi
esteriormente singolare che essa, dopo il &L 't'ou't'o, comincia con un WO'1tEP, dopo il quale ci aspetteremmo (come dopo
l'wC; o l'WO'1tEp dei vv. 18 e 19) un oihwc;, che per non si trova. In altre parole: la prima frase, relativamente lunga 2, e in
I.2.

[B] 55 (195'); R. Bul'mann, Adam und Christus nach Rom 5: ZNW 50 (1959)
1450165 (= Exegetica 1967, 424-444); E. Brandenburger, Adam und Christus.
Exegetisch-religionsgeschichtliche Untersuchung lU Rom i,I2-2.I (I Kor Ii), Neukirchen 1962; E. ]iingel, Das Geset% %wischen Adam und Christus. Eine theolo.gische Studie lU Rom 5,I2-2I: ZThK 60 (1963) 44-74.
2. Il Kiisemann d'avviso che l'anacoluto giunga sino al v. 17, il che per ben
difficile da giusti6care.

274

Rom5,!2

ogni caso importante, un anacoluto e ci costituisce anche


una prova che l'Apostolo incrocia CO? altre id.ee l'enunc~ato
fondamentale che ha in mente. DobbIamo anzitutto consIde
rare l'anacoluto come enunciato principale. I concetti che
in esso si esprimono sono i seguenti: I. attraverso un solo
uomo il peccato entrato nel mondo. L'Etc; &vllpw1toC; , co
me dimostra il v. 14, 'Aou[J. quale "tU1tOC; "tov [J...ov"tOC;. Egli
menzionato come EtC; !ivllpW1tOC; ancora una volta al v. 19 e
come b EtC; nei vv. 15.16.17.18. E gi per questa via s'insinua
che l'Erc; &vllpw1toc; non un qualsiasi individuo umano, bensi
in certo modo l'((uomo primordiale 3, che lascia la sua imo
pronta decisiva e fatale su tutti gli uomini che vengono dopo
di lui e rappresenta quindi il loro intrinseco destino. In che
modo tramite lui il peccato sia entrato nel mondo qui non
detto. Ma al v. 14 si parla della 1t(xpu~acnc; (della trasgressione) di Adamo nei vv. 15.17 e 18 del suo 1tapu1t"tw[J.a (del
suo fallo e della ~ua caduta), al V. 19 della sua 1tapaxo1J (della
sua disobbedienza) e al v. 16 del suo ci[J.ap"tuvEw. Il peccato
entrato nel mondo attraverso un solo uomo in quanto quest'uno ha trasgredito un comandamento, ha commesso un fallo stato disobbediente, in breve ha peccato. iJ ci[J.ap"tLa
, 'in questo contesto, la potenza del peccato, come suggerisce
5,2 I. E tale potenza col peccato di un solo uomo penetrata
in tutti gli uomini; ha quindi assoggettato a s tutto il mondo degli uomini. Questa potenza del peccato che si impossessata dell'uomo passa, diciamo cos" allo stato acuto nei peccati
commessi dai singoli uomini. A questo peccato inteso come
potenza del peccato si riferiscono anche 6,1 SS. 12,14 ecc.; 7,8.
9 ecc. (cfr. anche I Coro 15,56). La proposizione del V. 5,123
non significa quindi: Adamo pecc e col suo peccato individuale entr nel mondo il peccato, bensi: Attraverso la trasgressione, la colpa e la disobbedienza di Adamo, 'dell'un!co
uomo', entrato nel mondo il regime del peccato che ora vIge
nell 'umanit e che la signoreggia in ciascuno dei suoi mem3. Per il posto che questa concezione tiene nella storia delIe religioni dr. Brandenburger, op. cit., 68 S5. spec. 135-139.

,I

Rom. 5,12

275

bri. Col suo fallo Adamo ha dato inizio a quel genere di peccato che comune a tutta l'umanit. Proprio in quanto suscitatore della potenza del peccato, Adamo rappresenta l'origine
che impronta di s ogni uomo. Ma dire questo, secondo Paolo,
significa anche dire un'altra cosa (v. I2bc):' xaL &!X "tfjc; ci[J.ap"tLac; b lluva"tOC; (scii. Etc; "tv xocr[J.ov Etcrfj.llEv). Attraverso il
regime del peccato, che trae origine dall'azione peccaminosa
di Adamo, di pari passo entrata nel mondo la morte o, come anche qui possiam dire, il regime della morte. Si tratta della ptenza della morte, come in 5,14.17; 7,5; I Coro 15,21.
22.26 (cfr. 24!); I Coro 15,54bf; 2 Coro 4,12, ma soprattutto in I Coro 3,22; Rom. 8,38 S.; della morte come potenza cosmica. E questo regime della morte non si concreta soltanto
nelle varie forme di distruzione fisica, psichica e spirituale, insomma nei fenomeni terreni di morte e di dissolvimento; al
contrario 6 lluva"toc; in quanto tale l'estrinsecazione e la dimostrazione del giudizio annichilatore di Dio (xa"tuxpL[J.a)
menzionato in 5,16-18 (cfr. xpL[J.a, Rom. 2,2), la manifestazione della oPY1J di Dio (cfr. Rom, 2,5.8; 3,5; 5,9; Eph. 5,6; Col.
3,6; I Thess. l,IO; 5,9). illluva"toc; inteso come CX1tw.ELa
e ci1to..vcrllaL (cfr. Rom, 9,22; Phil. 1,28; 3,19; Rom. 2,12;
ICor. 1,18; 8,II; 15,18; 2Cor. 2,15; 4,9), come la rovina
e la di$truzioneper antonomasia che promanano dall 'ira di
Dio. Poich in dipendenza da Adamo ogni uomo pecca, ogni
uomo deve anche morire; ma poich la morte un effetto dell'ira di Dio, essa viene a cessare quando non ha pi corso l'ira
di Dio. Quindi la morte a cui tutti siamo sottoposti in parte
un retaggio di Adamo e in parte colpa nostra, in quanto cio,
col modo nostro di agire, provochiamo l'ira di Dio. Non questo l'unico testo in cui Paolo istituisce una connessione molto,
stretta fra peccato e morte. Non solo il peccato reca con s la
morte come sua punizione (Rom. l,V) o ricompensa (ljJwVLa, Rom. 6,23), ma anche la carne dominata dal peccato
anela, aspira (CPPOVEt, medita, pensa) alla morte (Rom. 8,
6), ha una brama perversa di morte. La morte il "t.OC; del
peccato (Rom. 6,2 I l, ci a cui esso tende. Il peccato fa il gioco della morte (Rom, 7,5). Esso stimola la morte a guisa di

Rom. 5,I2

I,

,I
,I

XV'tpOV (I Coro 15,56). Il peccato - e questa forse la formulazione pi comprensiva e pregnante - regna nella morte
(Rom. 5,21). In altre parole: la morte la forma e il modo in
cui il peccato esercita il suo dominio. Il regime del peccato, che
attita sull'umanit il regime della morte, esercita di fatto il suo
potere appunto in questo regime di morte. Per i morti, col primo viene a cessare anche il secondo. Ma se la morte (insieme
col peccato) penetrata nel mondo, ci vuoi dire che essa ha
raggiunto tutti gli uomini: xal oihwc; EtC; ml.v'tac; vl}pw1toVC;
M:vtt'toc; OLi'j.l}EV. ILpXEO"l}aL significa giungere a, raggiungere qualcosa, per es. Mc. 4,35: l'altra riva (cfr. L~. 8,
22; Act. 18,27). Ben difficilmente pu esservi nel verbo l'Idea
che il regime della morte abbia, per cos dire, percorso tutte
le generazioni umane. L'Apostolo vuole invece mettere in rilievo che la potenza della morte penetrata nel mondo in guisa da dominare senza eccezione o distinzione tutti gli uomini,
generazione dopo generazione, e che questo un effetto e insieme una manifestazione della potenza del peccato entrata
nel mondo col fallo di Adamo. Cfr. anche I Cor. 15, 2I s.: v
'tii> 'Ao!J. 1teXV'tEC; 1tol}vUO"XOVO"LV.
Ma allora il peccato inteso quale potenza del peccato non
viene forse a configurarsi per i discendenti di Adamo come una
vera e propria fatalit? Per le sue comuni origini l'umanit~
adamitica non forse destinata o predestinata al peccato? SI
dovr concludere che gli uomini personalmente non hanno,
per dir cosi, nulla che fare col peccato e che solo il peccato ha
che fare con loro? Per quanto concerne il regime della morte
a cui tutti gli uomini sono soggetti, non v' dubbio che gli uomini devono personalmente misurarsi con esso nell'atto del
morire. E per quanto riguarda il peccato da cui deriva il regime della morte? Fu evidentemente la consapevolezza di questo problema che indusse Paolo ad aggiungere al v. I2d le pa
role ep'iii 1teXnEC; i\!J.ap'tov che costituiscono la frase conseguente di 5,I2C e 5,12b. L'ingresso nel mondo del regime del
peccato (insieme con la sua potenza di morte) viene quindi motivato in due modi: I .OL'VC; vl}pw1tov, per causa di Adamo
e della sua disobbedienza (5 ,12a), e 2. tep'iii 1teXV'tEC; i\!J.ap'tov

277

(5 ,12d). certo che in Paolo l!J.ap'teXvELV indica il compimento dell'azione peccaminosa da parte del singolo uomo, per es.
Rom. 2,12; 3,23: 1teXV'tEC; ... i\!J.ap'tOV, ma anche Rom. 5,14.
16; 6,15; I Coro 6,18 ecc. Non v' ragione che imponga o permetta d'intendere, nel nostro passo, il verbo, come fanno il
Lagrange e altri, nel senso di avere il peccato originale dando cosi a i\!J.ap'tov il valore di un piuccheperfetto. Ma che significa ep'iii 4? La pregnanza dogmatica del passo rende assai
controverso il significato del nesso. Ecco le varie interpretazioni: l. ep' equivale a tv e iii maschile, nelle versioni latine
in qua riferito da taluni (Ambrosiaster, Agostino, Sedulio,
Fulgenzio e altri 5) a per unum hominem. Ma ep'iii non identico a v iii e soprattutto ep'iii troppo lontano da EtC; avl}pw1tOC;. Per questa ragione alcuni esegeti riferiscono v iii a l}eXva'toc; 6. In tal caso ep'iii significherebbe: In ragione della
quale (morte>, oppure per effetto della quale (morte>. Avemmo allora un concetto ammissibile s, ma non paolino, ossia che le azioni peccaminose traggono origine dall'essere l'uomo destinato alla morte. evidente che secondo questa esegesi la morte potrebb'essere soltanto la morte terrena 7. Allo stesso concetto si approda anche se 2. in ep'iii si intende
(cfr. per es. Zahn) iii come un neutro: a motivo. di che, nelle quali circostanze. Ma 3. con ogni probabilit ep'iii non va
inteso in senso relativo bensi come un nesso di congiunzione
equivalente a 1tl 'totmp (hL B, in conseguenza dell'avere tut.
ti peccato, o perch tutti hanno peccato, che poi anche
altrove il significato di ep'iii, per es. in 2 Coro 5.4; Phil. 3,12
(4,10) (Bardenhewer, Huby, Kasemann e altri). Il senso del
v. 12 risulta allora questo: Come attraverso un solo uomo
il peccato entrato nel mondo e attraverso il peccato la morte
e cosi la morte si estesa a tutti gli uomini perch tutti hanno
peccato ... . Se si aggiunge un v 'AoeX!J., come l'ha aggiunto
4 Per la s~oria delle varie interpretazioni cfr.]. Freundorfer, Erbsiinde und ErhtoJ
,-8.

6. Cosi Zahn, Nygren; Cerfaw<, Ch,istus '49.


7. Forse in questo senso va inteso Hehr. 2,15.

,. Huby.Lyonnet

190

n.

2.

8. Blass-Debr. 294A.

Rom5,I2

tutta una serie di esegeti da Cornelio a Lapide sino al Bardenhewer e al Freundorfer, [lo:p'tavELv torna a significare
avere il peccato originale. Ma ci arbitrario. Naturalmente
questo l1[lO:P'tov avvenuto <<in Adamo nel senso che l'atto
particolare accaduto nella dimensione complessiva dell'umanit, e quindi del/'uomo che noi singoli esprimiamo nella nostra esistenza; accaduto per come [lo:p'tavELv dei 7tav'tE<;,
cio non alla stregua di un compimento del retaggio adamitico, bens come scelta a favore del peccato fatta di volta in
volta dai singoli individui. Posto che 5,1 2d vada inteso in
questo modo, il significato di tutto il passo risulta essere il se
guente: I. attraverso la disobbedienza di un solo uomo, del1'uomo primordiale, Adamo, il quale comprende in s tutti
gli uomini, entrata nel mondo la potenza del peccato; 2. con
questa, tramite questa, anzi in questa ha fatto il suo ingresso
nel mondo la potenza della morte che ha raggiunto tutti gli
uomini; 3. e li ha raggiunti in quanto tutti hanno peccato. In
tal modo per 1'Apostolo enuncia una duplice asserzione sull'avvento nell'umanit del regime della morte: ossia che questo regime, in cui si esercita la signoria del peccato (5,21), poggia per un verso sul regime del peccato derivante da Adamo
e per un altro sui peccati individuali degli uomini. Ma non
sono forse affermazioni contrastanti? Effettivamente molti
hanno avvertito nel nostro testo una contraddizione e hanno
cercato in vario modo di appianarla. Cos per il Lietzmann il
v. I2d conterrebbe <<un'idea accessoria che disturba pi che
aiutare, mentre, a giudizio del Kuss, Paolo, trovandosi di
fronte a un pensiero difficile ... , non riesce a esprimerlo con la
chiarezza desiderata. Per il Bultmann 9 il v. 5,rzd pro
priamente superfluo, e cos via. Ma un pensiero davvero
superfluo o non invece addirittura necessario per un'espressione adeguata della res de qua agitur? In verit Paolo non
tenta nessun appianamento. Ma l'avere egli inserito 5,rzd un
po' come aggiunta, trovandosi poi, come vedremo, addirittura costretto a una spiegazione che non sulla linea del con9 Op. cito 157"433.

RlJm5,I2

279

cetto principale, invita per lo meno chi legge o ascolta a farsi


un giudizio sul suo intendimento. Infatti dalla frasetta aggiunta in 5,1 2d risulta chiaro che la potenza del peccato, entrata nel mondo attraverso un solo uomo, ha sempre domina
to, nel senso che gli uomini, assoggettati a quella potenza, hanno fatto anche personalmente, nei loro atti peccaminosi, una
scelta a favore del regime di peccato trasmesso da Adamo. Co.
s questo regime che, in dipendenza dal passato comune a tutti gli uomini, investiva il singolo individuo, pigli concretezza
proprio perch i singoli lo recavano in atto con i loro peccati
personali IO. In altre parole: soltanto con questa giustapposizione dei due enunciati sul peccato e sulla morte che regna nel
mondo, ossia soltanto con gli enunciati di 5,1 2a + d e con l'aggiunta della frasetta propriamente superflua di 5,1 2d viene
ad essere compiutamente descritta l'essenza del peccato: la potenza del peccato consiste nell'atto del peccare. Per converso
l'atto del peccare sempre un cedimento o un'adesione alla potenza del peccato. Il regime di peccato che sin dall'inizio della
storia penetrato nel mondo, non un'idea o un'ipostasi, bens esiste nelle concrete azioni peccaminose. Viceversa, l'atto
del peccare non una risoluzione esclusivamente autonoma
del singolo individuo che di tanto in tanto cade in un mondo
sano, bens comporta sempre un assenso attivo al regime del
peccato, un assenso che fa concretamente esistere quel regime. Peccare significa insomma portare alla luce il regime del
peccato compiendo un'azione peccaminosa. Solo se si interpreta in questo modo, e quindi solo combinando 5,rza e 5,
I2d, si pu evitare d'intendere il peccato o come una pura e
semplice fatalit del mondo storico o come un prodotto mera
IO. Cfr. E. Brandenburger, op. cito 118: Paolo dunque da un lato vede la p0tenza che gi a priori investe l'uomo; dall'altro, per, gli preme non considerare

l'esistenza del singolo di fronte a Dio come regolata e preliminarmente determi


nata da un'ava.yx1}. La vincolante e inevitabile sottomissione di tutti al peccato
e alla morte va dunque intesa come l'effetto di una realt configuratasi ormai storicamente in questo modo piuttosto che in un altro, non come il prodotto di una
necessit fatale. Si veda anche Jiingel, op. cito 5I: Senza questa frase giustifi
cativa, il regime di morte stabilitosi con Adamo su tutti gli uomini apparirebbe
come un fato.

280

,,

I,

Rom~

'.I2

mente individuale dei singoli uomini. Se il peccato fosse soltanto una condizione fatale dell'uomo, il discorso di Paolo si
avvicinerebbe a quan to si legge in numerosi testi di Qumran,
oppure a concezioni gnostiche. Ma se per converso si parlasse
soltanto di !X!J.a;p"t"O:vELV e non della !X!J.a;p"t"la; come potenza,
se cio si dicesse che il male sta soltanto nei singoli peccati attuali, allora il pensiero dell'Apostolo si muoverebbe nella direzione di quel moralismo giudaico (ed in parte anche pagano)
che, nella versione di moralismo cristiano, noto nella storia
dei dogmi come pelagianesimo. In tutt'e due i casi verrebbe formalmente ignorato che l'esistenza sempre un att~ggia
mento verso il passato, al quale siamo vincolati, un atteggiamento presente, che nasce dalla tensione verso il futuro.
La formulazione impacciata e la non appianata giustapposizione dei due enunciati sul peccato e sull'atto del peccare (la
quale giustapposizione, come s' visto, in sostanza una compenetrazione, a differenza di quanto avviene, per es., in Bar.
syr. 54,15 s.) dipendono naturalmente anche da questo, che
nell'enunciato principale l'Apostolo intende parlare non propriamente del peccato, bens della morte e non pu concepire
la morte, la potenza di morte presente nel mondo, se non come il regime di morte instaurato dalla !X!J.ap"t"la;. Anche la morte, ed in modo ancor pi palese del peccato, un retaggio fatale che i singoli uomini devono affrontare e subire di volta
in volta nelle loro morti individuali.
Dopo il v. 12 Paolo interrompe la frase e non fa seguire all'WIT7tEP nessun oihwC;. Evidentemente egli ritiene che una
frase correlativa con oihwc; non sia ancora abbastanza preparata e possa essere variamente fraintesa. Di per s una frase
con oihwc;, in rispondenza di quella con WIT1tEp, potrebbe essere solo di questo tenore: Cos, attraverso un solo uomo,
la giustizia , entrata nel mondo (o vi entrer) (cfr. 3,21) e attraverso la giustizia di Dio la vita (cfr. 5,21). Qui per finirebbe il parallelismo. Infatti un'aggiunta del tipo: perch
tutti hanno praticato la giustizia non andrebbe esente da
fraintendimenti. Ma anche senza una precisa rispondenza for,male, per s non necessaria, la frase si presterebbe a malintesi

Rom. 5,12.13".14

28r

in un altro senso. vero che peccato e giustizia, morte e vita,


sono le potenze opposte e decisive che improntano di s il passato degli uomini e, attraverso il passato, anche il loro presente e il loro futuro. Ma l'opera di Cristo davvero consistita
soltanto nel riscatto e nel pareggiamento del passato, in una
compensazione di ci che stato? Certamente no! E allora qui,
almeno in primo luogo, ci vuoI ben altro che un wIT1tEp-oihwc;;
ci vuole anzitutto e soprattutto un OX wC;-oihwC; eun 1to..i;i
!J.ii..ov. E proprio in questi termini Paolo si esprime con insistenza nei vv. 15-17. Dopo di che il suo discorso pu sfociare in un tripiice WIT1tEp-oihwc;.
[3-14. L'Apostolo per non passa direttamente all'enunciato
dei vv. 15 ss. Fra i vv. 12 e 15 si trovano le frasi dei vv. 13
e 14, che svolgono un'idea complementare ma necessaria. Essi
ribadiscono, sotto un determinato aspetto, l'enunciato del v.
12 e ne difendono la giustezza contro una possibile obiezione,
esprimibile pi o meno in questi termini: come pu essere che
attraverso un solo uomo (Adamo) il peccato e la morte siano
entrati nel mondo e vi siano entrati in guisa che questo peccato (insieme con la sua morte) passa in atto nei peccati concreti
dei singoli uomini? Com' possibile, se vero che da Adamo
sino a Mos non vi era legge e di peccato si pu parlare solo
quando vi sia una legge (cfr. 4, 1..5 )? evidente che una tale
obiezione, facilmente comprensibile se si muove da presupposti giudaici, preoccupa l'Apostolo. Con questa sono tre finora le volte che il v!J.oc; , per cos dire, sopravvenuto in un
pensiero accessorio, e ogni volta si trovato in un rapporto
speciale col peccato (cfr. 3,20; 4,15b e ora 5,13 s., pi avanti
5,20; 7,5). Ma soltanto nel grande excursus di 7,7-25 questo
rapporto verr assunto come tema specmco, mentre qui, in
5,13 s., esso trattato solo brevemente e subito dopo vien
lasciato cadere. L'universalit del peccato pu sembrare in efietti malsicura, se si pensa che il peccato.in senso proprio esiste soltanto l dove c' la legge. E la legge, la tor, non esistita prima di Mos. Ma, dice Paolo, vi fu certamente peccato (senza articolo nel testo greco!) nel mondo' anche avanti

Rom5,I4

la comparsa della legge, o, ch ' lo stesso, I'lt 'AIiIp. P.XPL


Mwvaijo; (v. I3a), in quello che del resto, secondo l'Apostolo, un periodo ben definito della storia umana. Eppure c' una
differenza: quando non c' il vp.oo;, il peccato non viene re
gistrato e quindi non viene reso esplicito. ),,),,0YELV 11 vocabolo del linguaggio commerciale ellenistico e significa mettere in conto (dr. Pbilm. 18), addebitare. Qui va inteso
alla luce di concezioni specificamente giudaiche: nel giudai.
smo infatti la messa in conto dei meriti o delle trasgressioni pu essere presentata alla stregua di una registrazione nei
libri celesti, dr. test. B. I 1,4; Bar. syr. 24,1; Herm., viso 1,2,1,
di un IvaypacpEO'}aL, come si diceva, ma pu anche succedere
che una determinata azione venga messa in paragone con un'al.tra di cui noto il valore contabile 12. Sovente per si dice in
modo generico che una determinata azione vien messa in conto quale merito o trasgressione 13. Una combinazione dei due
usi si trova, per es., in Iub. 30,17, dove, a proposito dei due
figli di Giacobbe, scritto che le loro azioni furono imputate
a giustizia e come tali registrate. In altre parole: quando
Paolo afferma he vi fu certamente peccato nel tempo anteriore alla promulgazione della legge mosaica, ma che prima di
questa non veniva messo in conto, ossia registrato con la
sua entit e qualit nei libri celesti, egli non vuoI dire, come
spesso s'intende, che il peccato di coloro che vissero avanti
Mos fu commesso in guisa non personale o non attiva o
non consapevole e che per questo ricevette una punizione
pi mite o addirittura non ne ricevette alcuna. VuoI dire invece che quel peccato, poich non era messo e non poteva esser
messo in conto - nel senso particolare gi spiegato - non pu
dirsi una 'Itapa~aO'LO; 't'ou vp.ou e non pu essere accampato
in questo senso. Soltanto il vp.oo; pu qualificare il peccato
come tale. Anche prima di Mos - e in sostanza ci significa:
anche fuori del regime della tor - c'era il peccato, ma non vi
era ancora il peccato riconosciuto e qualificato come tale dal
vp.oc:;.
II. Cfr. G. Friedrich, <4uxP~'" oux ).).oYE'~a, Rom 5,IJ: ThLZ 77 (I9j2) j 0 4'"

n. Strack-Billerbeck

III 12155.

13-

Brandenburger, op. cito 197 55 .

283

14. Ci viene confermato dal V. 14. La morte ha esercitato il


suo dominio anche su coloro che, a differenza di Adamo, non
hanno peccato nel senso di trasgredire una legge 14. Infatti anche il peccato non messo in conto pur sempre peccato, ed
il peccato sprigiona la morte. Ora la morte non bada certo all'),,),,0YELV del peccato e costituisce di per s una prova che
il regno del peccato di tutti i tempi. La morte ha regnato
anche sui p.'] ap.ap't'l}O'aV't'EO; 'ltL 't'@ p.OLC;Jp.a't'L 't'fio; 'Itapa~aO'Ewo; , Aoa!J" su coloro dunque che non avevano peccato
come Adamo trasgredendo un comando espresso. 1)"),,a significa qui, come spesso anche altrove, tuttavia, ciononostante, o, come particella di trapasso, semplicemente pure (dr.
Rom. Io,r8 S. ed anche Le. 22,36; 10.4,23 ecc.). p.oLw!J,a
vale qui somiglianza,), quindi 'ltL 't'@ p.oLwp.a't'L ... , significa: <<in una maniera simile a quella della trasgressione di Adamo15. Adamo pecc violando un comandamento con un'esplicita 'Itapa~aO'LO;, mentre gli uomini dopo di lui, sino a Mos, non agirono in maniera analoga. Eppure anch'essi pecca:
rono e perci anche su loro regn la morte entrata nel mon-'
do lL 't'fio; ap.ap't'La ,Aoa.!J,. Cosi Paolo ha fornito la dimostrazione del suo enunciato di 5,I2a+d; l'ha cio confermato
e corroborato contro un'obiezione specifica. Il peccato e la
morte sono, nel mondo prima di Cristo, fenomeni onnicomprensivi. Poich essi provengono da Adamo e quindi da un
solo uomo, quest' <<uno il tipo dell'altro che qui vien chiama to !J,)"),,wv e che (ma ci non viene ancor detto qui) reca
oLxaLoO'uv'l] e 1;wl} per tutti toloro che si affidano a lui. Il vocabolo 't'U'ltOo; 16, che in greco pu significare stampo, ci
che conia e ci che vien coniato, ossia l' <<impressione prodotta dallo stampo, ma anche ci che vien formato, la figura, la riproduzione, inoltre il campione, l'esempla14 Sul peccato di Adamo e sulla sua importanza per l'umanit dr. StrackBillerbeck
III 22755.; P. Volz, Eschatologie 7.189.3055.; A. Marmorstein, Paulus und die
RAbbinen: ZNW 30 (I93I) 27I28j.
15. aro Bauer, Wb. II23 s.; Lietzmann, Michel. Di opinione contraria il Kiisemann.
16. Per le molteplici interpretazioni di questa parola cfr. Bauer, Wb. 1642.

284

i
i

Rom. 5,L4

re, ricorre spesso in Paolo, oltre che nelle accezioni di modello, esempio (Phil. 3,17; I Thess. 1,7; 2 Thess. 3,9; cfrI Tim. 4,12; Tit. 2,7) e di forma, figura (Rom. 6,17),
in connessione con la tipologia veterotestamentaria menzionata, per es., in I Coro 10,6.1 I. A quest'ultimo significato
si pu rapportare anche il nostro passo sebbene in esso non
si tratti di un evento tipologico, bensi di una figura tipologica. Adamo il "",U1tOe; di Cristo; nella sua persona, per quanto
essa significa nella storia della salvezza, il prototipo che
rimanda a Cristo come a suo antitipo. Rimane il dubbio se
!J...wv riferito a Cristo vada inteso alla stregua di un sostantivo (come, ad es., PX0!J.EVOe;, Mt. II,3; Hebr.lo,37 =
Abac. 2,3) oppure, ci che sembra pi naturale, di un aggettivo: !J...WV 'Aoa!J., cosi come oEunpOe; avi}pW1tOe; (I Coro
15.47) o meglio EGXIl"",Oe; 'Aoa!J. (I Coro 15,45). L'inizio del
dominio universale del peccato e della morte in Adamo rimanda alla fine di tale dominio nell'Adamo escatologico, nel
Cristo 17 .
Dunque Paolo nello svolgimento della nuova pericope 5,
12-21 ha sinora proceduto in questa maniera: dopo avere interrotto la frase cominciata con un WCT1tEp, a cui non corrisponde alcun oihwe;, e dopo aver parato un'obiezione riguardante
il problema del peccato e della morte nel tempo fra Adamo e
Mos, ora, riferendosi all'efficacia e all'importanza universale
di Adamo, pu parlare di lui come ",U1tOe; dell'Adamo avvenire. Ma perch l'Apostolo ha avviato il discorso con un anacoluto (5,l2) e poi passa a delimitare e a corroborare il suo enunciato, come richiede lo sviluppo dell'argomentazione (5,13 s.),
dopo di che, in modo alquanto sorprendente e proprio ancora
con una frase relativa (oe; CT"",W "",U1tOe; "",oii !J...ov"",oe;, 5,14
b), ritorna al motivo dell'wCT1tEp-oihwe;, senza per c~)fitinua
re subito con un wCT1tEp-oihwe;? Evidentemente egli ha ancora un altro concetto da chiarire e da inculcare: si tratta della superiorit incomparabile dei beni recati dall'Adamo av17. Sul problema del rapporto fra l'apocalittica e la tipologia dr. L. Goppelt, Apo-

kalyptik 321.344.

Rom5,L4 I 5- I l

28 5

venire, Cristo, rispetto alla rovina procurata agli uomini dal


primo Adamo. L'Adamo futuro non rappresenta soltanto la
compensazione del primo e di ci che questi ha prodotto, bensi molto di pi, ha una superiorit incomparabile ed inesauribile. Una volta spiegato ci (appunto in 5,15-17), l'wCT1tEpoihwe; pu essere svolto senza tema di equivoci (5,18-21) l .
15-17 In questi versetti il discorso sulla superiorit dell'evento e del dono di Cristo si presenta, sotto l'aspetto formale, singolare assai: I. le varie proposizioni non hanno tutte la
medesima struttura. I vv. 15 e 16 constano ciascuno di una
asserzione: 15a e 16a, e della rispettiva motivazione: 15b e
16b (yap). Al v. 17 invece l'asserzione non espressa, ma si
d soltanto wi.a motivazione (yap) la quale per si riferisce
all'asserzione del v. 16 che vien cosi ad essere motivata due
volte. 2. Anche per un altro verso le due proposizioni non sono articolate formalmente alla stessa maniera. Vero che rutti gli enunciati dei vv. 15.16.17 poggiano sull'argomentazione
a minori ad maius o meglio sul procedimento rabbinico qal
wii~omer. Ma nel nostro contesto soltanto i vv. 15 e 17 rendono espliito, con 1to..@ !J.ii..ov, tale procedimento. Il v.
16 lo contiene solo implicitamente e si pu dire che in Paolo
questo tipo di argomentazione (intesoCla stabilire quanto pi
una cosa sia vera, e soprattutto quanto pi sia sicura) appare nella sua forma pi complicata. Per la forma semplice si
pu richiamare l'esempio di Pesikta 99a: Bello il tacere
per i dotti e quanto pi per i semplici. Per la forma pi complicata citeremo due testi che anche nel contenuto hanno qualche affinit col nostro passo, senza per essere identici ad esso.
In S. Lev. 5,17 (12oa) si legge: R. Josa (verso il 150) disse:
'Se tu vuoi apprendere quale sia la ricompensa che attende i
giusti, va e imparalo dal primo uomo; a lui fu dato un solo
comandamento a mo' di proibizione ed egli lo trasgredl. Guar18. Cfr. L. Goppelt, op. cito 330: Tipo e antitipo sono formalmente collegati da
una risl>Ondenza che comprende un passaggio dall'inferiore al superiore. Per Rom.
5,1517 dr. H. Miiller, op. cito 80 55.

Rom. 5,.15-17

286

da quante volte la morte stata decretata per punizione dopo


Adamo alla sua progenie, alla progenie della sua progenie, sino alla fine di tutte le generazioni! E che? Quale misura
pi grande? La misura della bont (divina) o quella delle punizioni? lo dico: la misura della bont. Ora, se nella misura
della punizione che la pi esigua, chi sa mai quante volte la
morte stata decretata per castigo a lui, alla sua progenie, alla
progenie della sua progenie sino alla fine di tutte le generazioni, quanto pi vero per colui che si astiene dal piggUl (ossia dal consumare, oltre il tempo stabilito, le carni sacrificate)
e dall'ingestione (proibita) dei resti dei sacrifici, che digiuna
nel giorno della riconciliazione, quanto pi vero, dico, che
costui acquista meriti per s, per la sua progenie, per la progenie della sua progenie sino alla fine di tutte le generazio\9 C
' ncor
. deremo 4 Ed
m , ..
ome second
o esempIO
s r. 4,30 s.:
In effetti un chicco di cattiva semenza era stato al principio
seminato nel cuore di Adamo; e come poteva non produrre e ancora produrr - delitti fino al tempo della messe? Calcola: se un chicco di cattiva semenza ha prodotto tanti frutti,
quando saranno seminate le buone spighe, che sono senza numero, quale immensa messe non porteranno? ... . Come si vede, questa forma di qal wahOmer caratterizzata non solo dal
quanto pi, quanto meglio, ma anche dall'essere collegata all'idea, gi presupposta come affatto ovvia, di sovrabbondanza del bene, della bont divina, rispetto alla misura del castigo, come anche in Rom. 5,15-17. Per la forma pi semplice
cfr. Rom. 5,8 s. IO, ma anche I I ,12.24; 2 Coro 3,8.II e molti
altri passi del N.T. 3. Ma v' ancora un terzo elemento che
dev'essere preliminarmente rilevato: nonostante la loro disparit formale e la loro dipendenza dalla tradizione, le proposizioni paoline segnano nel loro svolgimento logico un avanzamento sostanziale e precisamente (diciamolo sin d'ora in via
provvisoria) in questi concetti: l'incomparabile superiorit
del dono di grazia recato da Ges Cristo per tutti (v. 15), il carattere impareggiabile dell'evento di grazia che si compie per
19 Strack-BiI1erbeck

III

230; cfr. 223-228.

Rom. 5,15

opera di uno e investe tutti (V. 16), la grandezza senza paragone del dono di grazia e del destino di grazia per i credenti
(v. 17).
15. La tesi dell'Apostolo viene agganciata con un a).,).,a avversativo alla precedente frase relativa del V. 14b e vien posta in
netto contrasto con l'affermazione ivi contenuta. Se Adamo
il 'tlntOC; 'tOV f.\).,).,ov'toc;, dovrebbe ora propriamente seguire
un oihwc; corrispondente all'wCTrcEp del V. 12. Si trova invece
un OX wc; - oihwc;. Il peccato di Adamo viene ora inditatocon
't rcaparc'twf.\a, viene cio colto sotto l'aspetto del passo falso e del fallo. Oltre che in Rom. 5,15.17.18.20; II,I1.I2,
dove va inteso come un singolare collettivo, rcaparc'twf.\a ricorre in Paolo al plurale (Rom. 4,25; 5,16; 2 Coro 5,19; Eph .
1,7; 2,1.5; Col. 2,13ab). In 5,15.17.18 si riferisce all'unico
fallo di Adamo e coincide con l'af.\ap'tavEw menzionato al
V. 16 oppure con la rcapaxoi} del v. 19 e con la rcapa~aCTtC; del
v. 14. A rcaparc'twf.\a corrisponde il non adeguato 't XaptCTf.\a, che va probabilmente inteso nel senso corrente di dono
di grazia e non in quello di atto di grazia. Dono in
effetti il significato del vocabolo anche nel greco ellenistico,
dove peraltro ricorre assai di rado, in LXX Ecclus 7,33 var.;
38,Jovar. e soprattutto in Paolo stesso (Rom. 5,16; 6,23; II,
29; cfr. Rom. l,II; 2 Coro l,Il). Anche l'accezione particolare di carisma (Rom. 12,6; I Coro 1,7; 7,7; 12,4.9.28.30.
.31) richiama naturalmente questo significato fondamentale.
Non pochi sono inclini a tradurre xaptCTf.\a con atto di grazia, perch altrimenti non vi sarebbe nella nostra pericope
un 'esatta rispondenza fra i termini rcaparc'twf.\a-xaptCTf.\a.
Ma, senza contare che anche in seguito una rispondenza siffat
la non si trova, secondo l'interpretazione da noi seguita Pao
lo, come ben dice il Bultmann (op. cito 156), viene a indicare
le conseguenze del rcaparc'twf.\a ed il presupposto del XaptCTf.\a. Egli ha fin dal principio in mente <<l'unit di atto ed
effetto (Brandenburger, Adam und Christus 220). Ma forse
xaptCTf.\a stato scelto anche come antitesi retorica di rcaparc'tWf.\a (allo stesso modo di otxa(wf.\a del v. 18) in luogo di

288

Rom. 5,15

xa,pL~, che pu designare insieme

il dono di grazia e l'atto di


grazia (Barrett). Il primo Adamo il "t"U1tO~ dell'Adamo escatologico. Ci non significa per com' il fall, cos il dono
di grazia. La motivazione vien fornita dal v. 15b che si aggancia a quanto precede con un ya,pe che implica, quale pre
supposto della motivazione, !'idea di una superiorit della
grazia divina rispetto al castigo divino. Di questa superiorit
del dono di Dio si parler poi sotto un particolare aspetto nel
v. 16. Nella nostra proposizione (v. 15b) si dice soltanto: non
vero che il dono sia come la trasgressione, perch la grazia
superiore al castigo e perci, se per la colpa di uno solo <d molti sono periti, tanto pi sicuramente o tanto pi la grazia di
Dio giunta ai molti o si riversata sui molti. Nella prima
proposizione del v. 15b non si dice nulla di nuovo rispetto al
v. I2bc. Si menziona ancora una volta la conseguenza del1tapa,1t"t"w(.la di un solo uomo per con un'altra formulazione,
e ancora una volta il contrasto posto in termini non precisamente rispondenti: "t" ... 1tapa,1t"t"w(.la - iJ Xa,pL~ "al iJ OWPEa,.
In ambedue i casi nell'ultima parte il riferimento va al dono
di grazia. Ma dobbiamo proprio ritenere che si sia voluto soltanto scegliere un'espressione ridondante? Possiamo anche
pensare che con iJ Xa,PL~ "t"ou l)EOU s'intenda l'atto di grazia e
con iJ OWPE!X EV Xa,PL"t"L il dono che consiste nell'atto di grazia,
nell 'atto compiuto dall'unico uomo Ges Cristo. Forse dapprima il dono divino di grazia viene contrapposto in generale
al fallo di Adamo e poi si specifica - con un'espressione singolare - in che cosa precisamente quel dono consista, ossia
nell'Er~ iivl)pw1to~ 'IT}CTou~ XPLCT"t"~. Ma allora si dovr tener
conto di passi come 2 Coro 8,9 e naturalmente ci si dovr ben
guardare dallo scindere il dono che consiste nella grazia della
persona di Ges Cristo dal dono che consiste invece nella vicenda di grazia dell' unico uomo Ges Cristo. Anche o~ 1tO..ol a,1tl)avov - iJ Xa,PL~, .. EL~ 1to..o~ E1tEpLCTCTEVCTEV non
un contrasto puntuale, giacch, se cosi fosse, dovremmo avere: 1to..(ji (.l1l..OV o~ 1to..ol"t"TI Xa,PL"t"L "t"ou l)EOU ... "t"i}v ~wjv
E.a~ov, oppure anche i!T}CTav. Ma Paolo nella sua argomentazione ha di mira principalmente non il con tras to, bens la

28 9

Rom. 5,15.16

res de qua agitur e proprio perch la res de qua agitur incomparabile sul piano della salvezza, il dono divino di grazia (e
quindi l'atto divino di grazia) vien contrapposto al destino co- .
mune di tutti gli uomini, che l'a.1tol)avErV. In questo caso o~
1tO..OL significa, secondo l'uso ebraico (cfr. Deut. 12,13; Is.
53,II s. [= 53,6: 1ta,v"t"E~l), 1ta,V"t"E~ (hiirabbim = i molti
che non si possono calcolare) 20. Cfr. o~ 1tO..OL di 15 b =
1ta,V"t"E~ iiVl)PW1tOL di 12cd e 1 8ab; 19ab; anche I Coro 15,
22ab. Merita ancora attenzione l'aoristo E1tEpLCTCTEVCTEV. Il vero
bo 1tEpLCTCTEUELV, che Paolo predilige, ha, nell'uso transitivo
e intransitivo, il senso di (far) traboccare, straripare in
no stato di sovrabbondanza. Sinora quindi l'enunciato decisivo questo: posto che Adamo figura di Cristo, ci non significa un'equivalenza tra il suo fallo ed il dono divino di grazia; al contrario, l'agire di Dio comporta sempre un sovrappi
(1to..(ji (.l1l..OV) ed il suo dono di grazia, pi precisamente
("aL ha valore epesegetico) il dono impersonato nell'unico
uomo Ges Cristo, giunto in misura sovrabbondante a tutti
su tutti. Quello che avvenuto in Ges Cristo, che l'Adamo escatologico, , rispetto all'Adamo primigenio, non solo un pareggiamento, bens un superamento, una realt incomparabile e sovrabbondante. Ed proprio questa sovrabbondanza che Paolo pu mettere in risalto anche in altri contesti, in altre formulazioni, come, ad es., in 2 Coro 3,9 s. e
Phil. 3,7 ss.

...

16. A questa prima motivazione dell'oux w~ oihw~ ne tien


dietro una seconda al v. 16. Questa, a differenza della precedente che a rigore soltanto un'asserzione, adduce nel v. 16b
una motivazione ben precisa e ponderata. Il v. 16 al suo inizio si ricollega, con un "aL, al v. 15, presentandosi come una
tesi formulata in maniera stringatissima (senza verbo ed ausiliare) e senza un w~ che corrisponda all'ox w~. Letteralmente
tradotto il v. r6a significa: E non come attraverso uno solo
che ha peccato, il dono. chiaro che bisogna sottintendere
20.

Jeremias in ThWb

VI

536 S5.

Rom. 5,16

qualcosa. Per esempio, il Bultmann (op. cito 152) rende la frase in questo modo: E non come il1ta.pa1t"tw[l.a. che interviene mediante un solo uomo che ha peccato, stato il OWpT][l.a._
Dal canto suo il Branderburger d questa formulazione (op.
cito 224): E non come attraverso uno solo che ha peccato (sono venute le conseguenze) - (cosl venuto anche) il dono. In
modo pi semplice, ma anche meno comprensibile si pu dire: E il dono non corrisponde al peccato dell'uno. Il significato risulta per chiaro se si pon mente alla connessione col
seguente V. 16b. Si vuoI dire che il dono non si attuato in
guisa rispondente al peccato, bens in maniera che supera di
gran lunga le conseguenze del peccato stesso 21. Dunque al v.
I6a: due eventi, il fallo di Adamo, il suo peccare, come ora
vien detto, ed il dono impersonato nell'unico Ges Cristo vengono ancora una volta contrapposti, in modo da mettere in risalto gi a priori la superiorit incomparabile del dono. Infatti,
come si configurano l'a[l.a.p"tavE~v di Adamo da una parte e il
OWpT][l.a. di Ges Cristo dall'altra? Il v. 16b risponde con una
proposizione di struttura antitetica e dal carattere spiccatamente retorico. L'evento di Adamo fu questo: :nella sentenza
giudiziale si ebbe la condanna a motivo (della trasgressione)
di un solo uomo. Il vocabolo "t XpL[l.a. indica la sentenza la
decisione giudiziale; esso viene qui manifestamente distinto da xa."taxp~[l.a., che significa condanna, come in Rom. 8,
I ; in entrambe le parti della frase occorre poi sottintendere un
verbo. In contrasto con la vicenda di Adamo (!; voc;) che
mise capo alla condanna (da sottintendere: yVE"tO), l'evento
di Cristo si svolse cosi: la grazia venne a cagione di molteplici
trasgressioni e condusse alla giustificazione. Il contesto richiede che venga qui sottintesa una forma verbale come ool'T]_
Anche in questa proposizione l'antitesi non del rutto centrata: in luogo di XpL[l.a. dovrebbe a rigore trovarsi 1ta.pa1t"tw[l.a. e invece di xap~cr[l.ll. ci aspetteremmo 1] iJ1ta.xo1] oppure
1] o~xa.~ocrUVT]_ Ma sarebbe in fondo una pretesa pedantesca:
21. La lect;o facilior a(..l4p-tTU.l.a.-rOC; (D G pc it vr:1 sy") mostra per un verso la dif
ficolt dd testo e per l'altro le difficolt interpretative dei c~pisti: ~E non come
per un solo peccato (oppure: per il peccato di uno solo) stato il dono.

Rom. 5,16

29 1

tanto pi che nei vv. 15.16.17 di contro all'opera di Adamo


non ancora l'opera di Ges Cristo che dev'essere posta in
rilievo, bensl il dono di Dio, concepito naturalmente come
opera di Ges Cristo. Soltanto ai vv. 18_19 si parla anche di
O~Xa.LW[l.a. e di U1ta.XOT]. Decisiva per nel V_I 6 la contrapposizione di VOC; e x 'lio..wv mxpa.1t"tw[l.a"twv, dove si
deve tener conto che, a quanto risulta dai vv. 1 6a e 17a, anche
qui nel 16b (e quindi sempre) VOC; va inteso come un man
schile e che quindi nell'antitesi con x 1to..wv 1ttlpa.1t"tW[l.a"twv compare una nuova inconcinnitas. Perch dunque il
dono non rispondente al peccato di un solo uomo? Perch
le strade che conducono rispettivamente dc; xa."taxp~~tl ed
dC; I~Xa.LW[l.a., cio all'opera di grazia (Kasemann) - cos
I~Xa.LWcr~C; (v. 18) per motivi retorici viene posto a riscontro
di xa."taxp~[l.tl (1ta.pa1t"tw~a., xap~cr~tl, XpL[l.tl, IwpT]~tl) non sono tra loro paragonabili. Le strade, abbiam detto, e ci
significa il punto di partenza (x), il primo Adamo, che in ragione del suo peccato subisce la condanna a morte, e le molte
trasgressioni da lui prodotte e compiute dai suoi discendenti;
non solo, ma significa altres la meta ed il risultato: xtl"taxp~
[l.a.-I~XtlLW[l.a.. C()n un solo uomo si instaur una dinamica di
perdizione che h:i'investito tutti gli uomini; la grazia invece
prende l'avvio proprio dai molti (= tutti). La grazia quindi una reazione immensamente pi vasta del suo contrario. Ma
ci significa in sostanza che <da grazia si trovava di fronte ad
un compito infinitamente pi difficile nel rispetto comparativo ... _ Il v. 16b vuole porre in evidenza, nel suo complesso, la potenza incomparabilmente superiore che l'evento di
grazia dispiega fin dall'inizio della sua azione salvifica ...
(Brandenburger, Adam und Cbristus, p. 226). I~XtlLW[l.tl, inteso come il traguardo a cui approdato, movendo dalle molte trasgressioni, il xap~cr~a. di Dio, il suo agire come xap~c; in
Ges Cristo, va probabilmente inteso alla stregua della OLXa.LWcr~C; swijc; del V. 18 (del resto D* L* vg portano anche
qui l'integrazione swijC;)- quindi evidente che il vocabolo
22. Cfr. Schlatter, Michel , Barrett, Kuss, Ridderbos, Kasemann.

29 2

Rom 5,I6.q

designa quella giustificazione escatologica la quale sin d'ora


accessibile in anticipo a chi ha fede e proprio da chi ha fede
vien colta (dr. Rom. 5,1). Ecco dunque in che consiste non
solo la superiorit, ma anche l'impareggiabilit dell'altro .Adamo , Ges Cristo: tramite lui si instaura la futura glUstificazione come risposta alle molte trasgressioni compiute,
mentre la condanna si avuta a motivo di un solo uomo (e
del suo fallo). Il dono divino di grazia si , per cos dire, contrapposto ad un flusso di trasgressioni umane e l'ha fatto disperdere nel mare della giustificazione. Il xll:ttbepLIM1. ( . M.va'to,;) ha rappresentato il regolare processo di ritorsione: il
giudizio di Dio, che colpiva l'unico uomo e la sua unica azione,
fu analogamente un xa'taxpL!J.a.
.

Ii
.1

I
I
I
I

I,
j,

l'

I7.Dal punto di vista formale questo versetto contiene una


frase parallela al v. 15b ed in certo senso anche al v. 1 6b. Manca per la premessa, la tesi. Dovremo perci intendere il v. 17
come una nuova motivazione ed una nuova conclusione di
ci che detto ai vv. 15a e 16a, cio della disuguaglianza che
caratterizza, pur nell'analogia, le vicende di Adamo e di Cr!sto. Il suo aggancio al v. 16a viene assicurato dalla marcata ti"
presa di Et.; ('t@ 'tOV EV'; 'ltapa'Tmll!J.a'tL - OL 'tOV Ev.;), al
quale per qui non fa riscontro nessun 'ltav'tE';, e ci per ragioni obbiettive. Il legame del v. I7 col v. 15 balza evidente
dalla ripetizione del 1to..@ !J.iiU,ov e dal rilievo che vien dato alla superiorit incomparabile dell'evento della salvezza
rispetto all'evento di morte intitolato ad Adamo. Al v. I7b
per questa superiorit senza paragoni non viene pi eSl?ressa col mettere in risalto il dono di Dio elargito a tutti glI uomini, bens col riferimento all'accettazione, da parte dei credenti, della 1tEpLo-o-ELa della grazia. E proprio in ci visibile
il progresso dell'argomentazione dal v. 15 al v. 17 attraverso
il v. 16. Il v. I7a si riaccosta alla formulazione del V.I2bc.
Anche l (I2a) l'Et.; i1vl}pw'lto.; Adamo era messo in contrasto
con l'altro Et.; i1vl}pw'ltO'; Cristo. La somiglianza col v. I2bc
appare tanto chiara in quanto vien detto che, attraverso quest'unico uomo, l}ava'to.; e(3ao-L-EVo-EV, in quanto cio vien

Rom5,I7

293

menzionata la potenza e la signoria della morte. A sua volta


il oL 'tTj.; !J.ap'tLac; Mva'toc; di I2bc divenuto qui 't@
",ov EVC; 1tapa'lt'tw!J.a'tL l}ava'toc;e(3ao-L-EVo-EV. Vero che
anche al v. 15b si diceva 't@ 'tov EVC; 'ltapa'lt'tw!J.a'tL ol 'lto--ol 1tl}avov. La potenza della morte appalesa il suo dominio
nella morte concreta di tutti. Descritto dunque nel v. 17,
con una variazione di I2bc e 15b, l'evento di Adamo, il discorso ritorna sull'evento di Cristo, ora per, come abbiam
detto in via provvisoria, con riguardo non pi all'umanit,
bens ai fedeli. A questi infatti ci si riferisce quando al v. 17b
si parla di coloro che hanno ricevuto la sovrabbondanza della
grazia e con ci la vita eterna. Che la xapLC; 'tOV l}EOV ... si sia
riversata con traboccante abbondanza (E'ltEPLo-o-EUo-EV) fu detto al v. 15b. Ora si dice che tanto pi ol 't1]V 'ltEpLo-o-ELaV 'tTjc;
XapL'tOC; ... -a!J.(3avov'tEC; v ~wfj (3ao-L-Euo-OUo-LV. Per 'ltEpLo-o-ELa 'tTjc; XapL'tO'; ... cfr. 2 Coro 8,2: 1] 1tEpLo-o-ELa 'tTjc; XapiiC;;
10,15 (Vulg.: abundantia). La nostra attenzione viene richiamata sulla pienezza, sulla sovrabbondanza, si potrebbe dire:
sull'eccesso della grazia. La formulazione ancora una volta
ridondante: 't1]V 'ltEpLo-o-ELaV 'tTj.; xapL'toC; xal 'tTjc; owpEiic;
'tTi,c; oLxaLoo-uv'r]';. A questo punto quindi chiaro che il dono, consistente nella grazia dell'unico uomo Ges Cristo, il
dono della giustizia di Dio manifestatasi in Ges Cristo (cfr.
Rom. 3,21) o, come anche si potrebbe dire: la giustizia di'
Dio manifestatasi ed att\latasi in Ges Cristo come dono, come elargizione. A quest'o proposito non si pu dimenticare
che, secondo Paolo, la oLxaLOo-uV1j, stando all'enunciato di
Rom. 3,1 SS., connessa alla 1tLo-'tLC;, all'-l)l}ELa e alla o1;a
e si esprime nei -yLa 'tov l}EOV. La grazia, la giustizia di Dio,
in Ges Cristo la fedelt di Dio al patto, quella fedelt in
cui si appalesa in tutto il suo splendore la verit di lui. Come
owpEa la si pu ricevere, e in proposito da osservare che
il -a!J.(3avELv, cos fortemente rilevato, si compie nel battesimo e nella fede. Coloro che nella fede ricevono il dono inesauribile della giustizia, o la grazia sovrabbondante, regneranno nella vita. Dunque non si parla pi di un (3acn-EuELV
della ~wl) corrispondente al (3ao-L-EuELV della potenza della

.------~.-----------------------~--~----~

294

i, '

Rom5,I7

morte (5,I4) o della XapLo; (5,2I; cfr. Rom. 6,I5 ss.). Il regno della ~w1} tale che coloro i quali ricevono nella fede (e
nel battesimo) la grazia regneranno come viventi. La misura incomparabile e sovrabbondante della grazia si manifes ter quando coloro che la ricevono regneranno nella libert
regale della vita vera (dr. Rom. 8,2I). Di questo ~~Cl'L)"EUEL\I
si parla altres in I Coro 4,8; cfr. Rom. 6,I2 s.; 2 Tim. 2,I2
(Cl'U[1~~Cl'L)"EUELV) e anche Apoc. 2004. L'espressione v ~wU
!3~Cl'L)"EUCl'OUCl'L\I va intesa in senso escatologico e si colloca sulla stessa linea del Cl'W}TjCl'O[1E}~ di 5,9 s. L'effusione sovrabbondante della grazia su tutti gli uomini, avvenuta in Cristo,
si attua hic et nunc per gli uomini che quella grazia accolgono
con fede, in quanto a loro si dischiude il futuro definitivo come
libert e signoria della vita, e ci non per opera loro bens, come in Rom. 5,II: OL&. 1:0U v 'ITjCl'oU XpLCl'1:0U, oppure 5,
21: /iL&. 'ITjCl'ou XPLCl'1:0U 1:0U XUPLOU T][1wv. Questo vivere
futuro e questo regnare in esso si attueranno in virt di Ges Cristo che sempre l'Unico anche nel senso che egli passato, futuro e presente e, in contrasto con Adamo, ha donato, dona e doner la libert della vera vita e la vita della vera libert.
cos conclusa la pericope 5,15-I7 dove si chiarita l'impareggiabile superiorit dell'evento di Cristo. Soltanto ora,
ma ora in modo tanto pi chiaro e sicuro, l'Apostolo pu svolgere il concetto che aveva in mente sin da 5,I2 e, per cos dire,
pu colmare l'anacoluto del v. I2, pu collocare l'oihwo; che
corrisponde all'wCl'7tEp. A questo punto infatti, secondo la convinzione dell'Apostolo, non pi possibile fraintendere il dono di Dio in Ges Cristo come se fosse soltanto la compensazione di un errore o il bilanciamento del male che da Adamo
in poi regna nel mondo adamitico. Ora non vi pi alcun pericolo che nella contrapposizione di Adamo e Cristo, di coloro
che vivono soltanto nell'eredit di Adamo e di coloro che vivono della fede, si possa dimenticare che ci che Ges Cristo
-ha dato, ossia la grazia di Dio (cio la sua giustizia), essenzialmente 7tEpLCl'Cl'E(~, sovrabbondanza, pienezza, una realt inaudita, inesauribile e quindi incomparabile.

Rom5,rB- I 9

I8-I9' Le proposizioni dei vv, I8,I9 mostrano, se si prescinde dall'iip~ ouv introduttivo (v. 18) e del yap giustificativo
(v, I 9), un esatto parallelismo pur in una netta antitesi di fondo. In proposito v' da osservare che il parallelismo si riscontra nella terminologia concernente la dottrina della giustificazione 23. Ci dimostra gi sotto l'aspetto linguistico che
l'wCl'7tEp-oihwo; ora in pieno svolgimento. L'iip~ denota una
conclusione tratta da quanto stato esposto dianzi. L'ouv indica qui, come anche altrove, (<il ritorno al tema principale
(dopo osservazioni intermedie> 24, ossia, nel nostro contesto,
ritorno a 5, I2a-c, Esso riprende il discorso principale l cominciato ma poi interrotto: In questo senso, dunque, diciamo ... (Lietzmann) oppure anche: Dunque (si deve dire) ...
(Kiisemann). La costruzione della frase nel V. 18 risulta ellittica per la mancanza del verbo. Ma per il resto l'enunciato
chiaro. Ed il V. I 8, al pari del 1 9, dimos tra che l'essere Adamo
1:U7tOo; 1:0U [1)"),,OV1:0o; non cosa che riguardi soltanto le due
persone in quanto tali, bens anche il loro agire e l'efficacia da
loro esercitata. Ancora una volta ritorna il OL'Vo; 7t~P~7t1:W
[1~1:0 ed incerto se VOO; vada.inteso in senso attributivo perch senza articolo 2S - e quindi come neutro, oppure con
valore di sostantivo e quindi come maschile'. A favore dell'ultima ipotesi starebbe il parallelo del V. 19: 1:0U v av}PW7tOU - 1:0U VOo;. L'enunciato corrisponde a quello del V.
16b, solo che adesso formulato in modo pi corretto: chiamato 7t~pa7t1:w[1~ anzich 1: xp([1~, ci che ha avuto come
esito il X~1:aXpL[1~, Nella seconda met della frase al V. 18
l'interesse converge su /iLX~LW[1~, che in Rom. I,32; 2,26; 8,
4 significa la giustificazione ed in 5,16 la giustificazione intesa
come la sentenza giudiziale dalla quale si vien dichiarati giusti.
Qui non v' n l'un significato n l'altro; OLX~LW[1~ designa
invece, in parallelo con \J7t~xo1) del v, 19, l'atto di giustizia,
come, ad es., in LXX 3 Reg. 3,28; Bar. 2,I9 ed anche nel gre23 ]Ungel, op. cito 66.

24. Blass-Debr. 4JI,t.

25. Sanday-Headlam, KUhl, Schlatter, Althaus; Bultmann, op. cit.; H.W. Schmidt
e aleri.
26. Ch". Si< pc + tX\lDpr:l7tov

Rom. 5. T8-19

II.

,
l
I

"

co profano 27. Ora dunque non il dono di grazia di Dio in Cristo, bens la giusta azione di Ges Cristo viene contrapposta ad Adamo ed al suo fallo. In che consista precisamente
l'<<atto di giustizia di Ges Cristo non viene spiegato. chiaro per che quell'atto il fulcro del dono di grazia della sua
persona. Questo dono, come ripetutamente vien detto (cfr.
5,I2cd.18a; I Coro 15,21 [= ot 7tOOL, Rom.5,15bc.19a
b]), ha avuto per tutti gli uomini, e quindi per il mondo intero, una conseguenza: E oLxaLwcnv swij. Paolo non vuole
si dimentichi che in ambo i casi l'evento ha dimensioni universali, anche se l'esperienza della oLxaLwcn swij riservata
soltanto ai credenti. oLxaLwcn la giustificazione intesa come
azione giustificante e come suo risultato (cos anche in Rom.
4,25). Essa il oLxaLw[J.a del v. 16 che per nella nostra frase
gi usato in un'altra accezione. Nella sostanza, se non nella
forma, la nostra proposizione ha il suo parallelo in oLxaLoL xa-racr-rahicrov-raL ot 7tOOL del v. I9b. swij si pu intendere
o come un genitivo epesegetico (= una giustificazione che
vita) oppure - ma in fondo poi la stessa cosa - come genitivo di direzione o di fine 28 (= una giustificazione che ha come oggetto la vita o dischiude la vita). insomma la oLxaLwcn che racchiude in s vita e la comunica. Si tratta della OLxaLwcrL escatologica, la quale per, come gi abbiamo notato,
sin d'ora pu essere ricevuta nella fede. Il compimento da
parte di Ges Cristo di questa azione di giustizia ha inaugurato per tutti gli uomini un futuro in cui essi vengono giustificati e avranno la vita, un futuro che per gi presente
nella fede.
La frase parallela del v. 19 non motiva espressamente il
v. 18, bens lo spiega con nuove formulazioni. Il "yap ha anche un valore prosecutivo, come spesso in Paolo. Ora al v. 19
il 7tapa.7t-rw[J.a di Adamo detto 7tapaxoT) 29, disobbedienza
(cfr. 2 Coro 10,6), vocabolo associato in Hebr. 2,2 a 7tapa~a27. Bauer, Wb. 392.
28. Blass-Debr. S 166.
29. Cfr. 1tapa.xovE~V in M/. 18,17; Mc. 5,36; 2 Clem. 3.4; 6,7; 15,5; Herm., viso
4,2.6.

Rom. 5,18-19

297

crL. La conseguenza di questa 7tapaxoT) viene definita nel seno

so che tutti gli uomini (<<i molti) sono divenuti peccatori.


xa~La-ra.vaL -rLVa. -rL significa: fare di qualcuno qualcosa,
stabilire, <<Dominare ecc., al passivo essere stabilito in
una condizione oppure semplicemente divenire 30. Ci che
nel v. I2a era cos espresso: attraverso un solo uomo la potenza del peccato entrata nel mondo, ed al v., l 2d era riba
dito con il richiamo all'avere tutti peccato (cfr. 5,14) si trova
ora formulato in questa maniera: per effetto della disobbedienza di un solo uomo i molti sono divenuti peccatori. In tal
modo l'argomentazione dell'Apostolo viene ricondotta alla
[J.ap-rLa e alla signoria che essa esercita sui discendenti di A,
damo. AI v. 19b si menziona ancora una volta la OLxaLwaL
quale effetto dell'opera di Cristo, in quanto si dice che, in virt dell'obbedienza di uno solo, i molti vennero resi giusti.
Stante il parallelismo con I9a: cX.[J.ap-rwot xa-rEa-ra~T]crav aL
7tOOL, con oLxaLoL xa-ma-ra~T)crov-raL ot 7tOOL non si pu
naturalmente voler dire che i molti saranno (giuridicamente) considerati o dichiarati giusti, secondo un uso linguistico
che ha paralleli ellenistici (anche 3 Mach. 1,2; 3,5)31. Infatti
per cagione del fallo di Adamo i suoi discendenti non furono
dichiarati peccatori, ma divennero peccatori. Cosi i molti,
gli uomini nel loro complesso, in virt dell'obbedienza di Cri
sto non saranno dichiarati giusti, bensi diverranno giusti 32.
Questo naturalmente solo se l'uomo appartiene ai a[J.~a.vov
-rE del v. l 7b. Nel suo intendimento l'opera di Cristo si estende a tutti gli uomini, torna cio a profitto di tutti gli uomini
quale grafia praeveniens, quale XapL aperta a tutti. N ha
rilevanza il fatto che non tutti in concreto l'accettano. Coloro
per che l'accettano concretamente come presupposto della
vita presente e della futura diventano giusti, non nel senso
che assumano la qualit di oLxaLoL, bens nel senso che l'obbedienza di Cristo, la sua giustizia li fa essere giusti e la oLxaLa-

a,

30. Bauer, Wh. 771; Oepke in ThWb III 447 ss.

31. O. Miche!, ad /.
32. Lietzmann, Kuss, H.W. Schmidt; BuItmann, op. cii.; Kasemann, Bauer, Wb.
771; Oepke in ThWb III 477 ss.

------~-

-- -

Rom 5,18-19

;1
I

crVVT} l}EO, operante nell'obbedienza di Ges Cristo, li comprende nel suo mbito. E tutto ci si compie nella sfera escatologica. Infatti il futuro xa.'t"a.C"'t"a.l}i)C"ov't"a.~, che di per s,
come dice lo Zahn, potrebbe essere espressione diun postulato logico 33, sembra a me, come a Lietzmann, Schlatter,
Kuss, Ridderbos, Thiising, Schrenk (ThWb II I93) ecc., un
futuro escatologico 34, mi pare cio che esso richiami con altra
formulazione quel che stato detto in 5,9 s., I7b e I8b. Ma
naturalmente questa iustificatio per oboedientiam Christi
sempre anticipata nel o~xa.~oC"l}a.~ x 1tLC"'t"EW<;'; in altre parole, essa presente ed inaugura il futuro in quanto giustificazione attuale che, come qui risulta con particolare chiarezza,
un render giusti ed ha fatto il suo ingresso nel mondo con
la giustizia di Dio in Ges Cristo. Per le enunciazioni che
riguardano il futuro cfr. Rom. 2,I3, Gal. 5,5. significativo
che l'opera di Cristo chiamata &Xa.LW~a. al v. I 8, venga ora
definita 1] \J1ta.xo"] 't"o v6. In realt l'Apostolo pu interpretare quell'opera sotto vari aspetti. Nella nostra lettera l'ha
gi qualificata in 3,25; 4,24b.25; 5,6.8.9.IO e l'ha qualificata
- per dirla in termini sommari - come evento di espiazione e
nella prospettiva dell'tJ1tp ossia del Servo di Dio. Ci implica
una connessione col nuovo popolo di Dio che sorge appunto
da quell'opera e da quell'1tp. Nel nostro passo la 1ta.xoi)
(in questo caso la \J1ta.X01] dell'Adamo secondo ed escatologico
la quale investe tutti gli uomini) che vien messa in risalto come l'evento salvifico da cui nasce la nuova umanit degli ultimi
tempi. In Paolo un rilievo cos forte dato all'\J1ta.xo1], se si prescinde dal testo poco chiaro diRom. 6,I6, ha riscontro soltanto in un altro passo dove il concetto inserito nella concezione della kenosis di Ges e del conseguente innaIzamento di lui
a kyrios: si tratta dell'inno cristologico ripreso ed interpretato

Rom5,l8-[9

2 99

34. Tengono una posizione intermedia Sickenberger, Dodd, Leenhardt; ne dnno

da Paolo (Phil. 2,5 s.) 35. La tJ1ta.xoi) di Cristo quindi l'obbedienza di colui che fu 1ti)xoo ~xP~ l}a.vci't"ou, dunque un'obbedienza estrema, un'obbedienza sic et simpliciter e perci vi
si accenna in connessione col sacrificio totale di s per noi
e con l'espiazione per noi deboli, empi, peccatori, nemici (cfr. 5,8 ss.). L'obbedienza radicale di Ges Cristo
l'assoluta dedizione di s a profitto di noi, peccatori in ragione
della nostra discendenza da Adamo. Ecco dunque in che consiste l'opera del secondo ed ultimo Adamo, che distrugge il regime del peccato e della morte instaurato in questo mondo
dalla disobbedienza del primo Adamo (regime attuantesi nei
singoli peccati e nelle morti individuali) e che fa giungere agli
uomini il regno della grazia incomparabile e sovrabbondante
di Dio: consiste in quell'obbedienza radicale a Dio nel sangue di Ges Cristo, che costituisce il O~Xa.LW~a., l' atto di
giustizia e proprio in quanto tale insieme dono per noi
ed espiazione. Attraverso questa obbedienza, che il dono divino di grazia e che porta (o ha portato, se si riguarda la cosa
ponendo mente all'evento dell'obbedienza di Ges Cristo) al
&Xa.LW~a. universale, al OLXa.~O~ xa.'t"a.C"'t"a.l}i)C"EQ"l}a.~, alla O~
Xa.LWC"~ l;wfi, all'v l;wij ~a.C"~.EVE~V proprio attraverso questa obbedienza, avvenuta la svolta degli eoni. Ci di cui
ora gli uomini possono (e devono) vivere la vita offerta da
Ges Cristo e gi attuata nella sua donazione per noi, quella vita che ci viene concessa dalla xap~ di Dio in quanto sua owpEa
e giustizia. Dopo questa svolta, avvenuta storicamente nella
storia, dal regime del peccato e della morte in Adamo al regime
della sovrabbondante grazia e potenza di vita in Ges Cristo,
non realistico l'atteggiamento di chi punta ancora sull'esistenza e sull'eone adamitico e non invece sulla salvezza nell'obbedienza di Ges Cristo, sulla salvezza che si manifestata appunto in Ges Cristo e che impronta di s tutto il futuro e anche tutto il presente. Non un atteggiamento realistico perch non corrisponde pi al fondamento della storia

un'interpretazione temporale, tra gli altri, Bisping, Lagrange, Sanday-Headlam,


secondo i quali per il futuro avrebbe relazione col presente in quanto esprimereb.
be un processo non ancora concluso; dr. Thusing.

3.5. Cfr. Hebr. 5,8, ma anche Rom. 8,3 e Gal. 4,4 s., dove per vien posta in primo
piano l'incarnazione.

33. Cfr. Hofmann, SandayHeadlam, KGhl, Lagrange, Huby-Lyonnet; Bultmann,


Theologie 274: Lohse, Miirtyrer I59 n. 3.

"
I

I,

3.00

del mondo e si discosta dalla retta via, dalla via della fede che
sola giustifica.
Col v. 19 si conclude quell' an titesi che Paolo aveva in meno
te sin da 5,12 e che, dopo avere in due riprese assicurato il concetto da possibili fraintendimenti, ha potuto chiaramente esporre nei vv. I 8 e I 9. Adesso per l'Apos tolo ritorna ancora
una volta (e in modo inatteso che stupisce) al v6lJ.o o, per meglio dire, alla funzione e al significato del v6lJ.o nella vicenda
di Adamo e di Cristo e nella storia del mondo che ruota intorno ai due poli del primo e dell'ultimo Adamo. Gi in 5,13 8.
il v6lJ.o faceva capolino, come abbiam visto, e serviva in quel
caso a mettere in risalto l'universalit del peccato nel mondo
adamitico, in quanto veniva affermato che anche avanti la promulgazione del v6lJ.o, cio nel tempo da Adamo a Mos, c'erano il peccato e la morte nel mondo: solo che il primo non
esisteva in quella forma specifica conosciuta dal giudeo, ossia
come peccato registrato e messo in conto. Vi una connessione esteriore tra 5,13 s. e 4,15, dove, in riferimento alla
promessa fatta ad Abramo, si diceva che tale promessa non
discendeva dalla legge bens dalla iustitia ex fide acquisita da
Abramo. La legge produce soltanto l'ira, poich senza la legge non c' alcuna 1to.pci:~o.(TL. questa, come si vede, un'affermazione pi radicale di quella di 5, I 3 s. Essa ha di mira il
v6lJ.o come suscitatore di trasgressioni e non pi soltanto come ci che consente la registrazione e la messa in conto
del peccato. L'affermazione per legata al contesto e mira ad
illustrare la 1to.YYE.Lo. e la 1tLO"n di Abramo. Ma si tratta
di un pensiero intermedio, che non viene svolto oltre. Prima
di 4,13-15 si era parlato del v6lJ.o nel suo rapporto col peccato in 3,20. Ma in questo caso si trattava soltanto di un'osservazione la quale in certo modo fornisce sommariamente ed in
via supplementare la prospettiva a tutta la grande sezione I,
18-3,19 e serve a preparare 3,21 ss.
20. Anche nel nostro passo (5,20) la menzione del v6lJ.o nel
suo rapporto con l'lJ.o.p.. Lo. vien fatta in maniera incidentale,
nel senso che il pensiero non trova continuazione in ci che

Rom.

5,:20

30r

segue. In effetti soltanto in 7,1 ss.; 7,7 ss. si assume come tema
specifico il rapporto tra v6lJ.o e peccato. Eppure in 5,20 s. il
v6lJ.o non appare, come in 5,13 s., soltanto a mo' di osservazione occasionale. Dobbiamo infatti leggere 5,20a in connessione con 5,20b e 5,2 I. La frase, che a tutta prima sembra parentetica, viene immediatamente inserita in una concatenazio
ne di pensieri che gi formalmente indicata dal duplice LVo..
E cosi la menzione del v6lJ.o illumina la seconda met del v.
16b. I 1to..c 1to.po.1t.. WlJ.o... o. esistono perch esiste il regime
del v6lJ.o. Ma questa soltanto la conseguenza diretta del vlJ.o, il quale possiede anche un'efficacia indiretta, occulta e
salvifica (pur essendo la legge maledizione [Gal. 3,13]) ed
quella che viene accennata al v. 20b. Il v6lJ.o contribuisce
alla sovrabbondanza della Xci:PL, alla sua 1tEpLO"O"ELo.. Infatti,
quanto pi esso accresce il peccato, tanto pi la Xci:PL sovrabbanda (\J1tEp1tEPLO"O"EUEL) e alla potenza della morte sostituisce
il regime della grazia. Circa la legge al v. 20b si dice anzitutto
che 1to.PELoij.}EV, sopravvenuta, intervenuta, dove
forse c', come in Gal. 2,4, un tono spregiativo 36 La legge
quindi un dato della storia. Non , come insegnavano i rabbi
ni, una delle sette cose che furono create prima del mondo.
Non neppure, come si legge, per es., in Abot 6,II, la mediatrice della creazione in quanto sapienza di Dio. Non eterna 37. Non nemmeno, come abbiam veduto (5,13 s.), la
realt che informa di s tutta la storia della progenie di Adamo. La legge comincia ad esistere con Mos ed quindi, se
cosi si pu dire, un elemento della storia recente. Eppure essa
aveva il suo compito assegnatole da Dio: per effetto di lei doveva 1t.Eovci:1;ELV " 1to.pci:1t.. WlJ.o.. 1t.Eovci:1;ELV intransitivo
significa moltiplicarsi, aumentare, crescere; cfr., a proposito di Xa:PLC;,cRom. 6,1; 2 Coro 4,15; del frutto, Phil. 4,17;
dell'&:ya:1t"l), I Thess. 3,12; 2 Thess. 1,3. Questo moltiplicarsi del1to.pa:1t.. WlJ.o. (di Adamo) uno svolgimento ed una diffusione di quel fallo nei singoli 1to.po.1t.. WlJ.o... o. della progenie di Adamo. Al v. 20b anzich di un moltiplicarsi del1to.36. Diversamente intendono Zahn, Kasemann.

37. StrackBi1lerbeck

I 24555.

30 3

3 02

: i

pa1t't"WJ.l.a si parla poi di un 1t,Eova~Ew dell'aJ.l.ap't"La. In che


modo ci avvenga per effetto del vOJ.l.OC; sar spiegato in 7,7
ss. Eppure quale conseguenza ebbe mai il1t,Eova~E~v del1tapa1t't"wJ.l.a, del fallo: V1tEP1tEPLC1C1EVO"EV 1] xap~c;. In proposito
significativo: I. che ancora una volta si parli di un 1tEp~O"
Cl'EUEW della xap~c; e non, poniamo, del1t,Eova~Ew (si pensi a
V1tEpE1t,EovaO"Ev di I Tim. 1,14) e 2. che il verbo semplice 1tEP~O"O"EUEW non basti e, come in 2 Coro 7>4, si parli di un V1tEP1tEp~O"O"EUEW. L dove, per effetto della legge, ha pigliato sviluppo e forza il regno del peccato, ivi la grazia ha sovrabbondato eccedendo ogni misura 38. In definitiva la legge ha s610 in
apparenza dispiegato la sua efficacia. La grazia ha ragione anche del peccato diffuso per effetto della legge. Qual era dunque nell'intenzione di Dio l'ufficio transitorio assegnato alla legge?
21. Il v. 2 I risponde a questa domanda, e cos facendo ricapitola ancora una volta in maniera conclusiva la nuova situazione di Cristo succeduta a quella di Adamo. Per questo motivo
si trova ora (anche come variatio dell'ov I del v. 2ob) l'wO"1tEp-oihwc; nell'mbito della seconda frase finale e consecutiva (Kasemann). Il v. 2Ia porta, per dir cosi, a un minimo
comun denominatore 5,I2a-c; 5,I4.I5a.I6b.I7a.I8a. Il regime del peccato, che si concreta e si manifesta nei singoli atti
peccaminosi, ha esercitato il suo potere v 't"0 itavch~ (= I~
't"OV itava't"ov, cfr. I~a IiLxa~oO"uvT]C; in 2Ib). La morte, intesa
quale regime o potenza della morte, lo strumento mediante
il quale domina la potenza del peccato, o anche il modo in cui
essa domina 39. Ma questa, vista alla luce della svolta degli
eoni, la situazione passata dell'umanit. Ora venuta la grazia sovrabbondante che ha sopraffatto il peccato e la morte.
Questa grazia regna e, come viene poi specificato, regna: I. liL
l~xaLocrUVT]C;, attraverso la l~xaLoO"uVT] itEOV, apparsa ora e

38. Cfr. superabundllns in 4 Esdr. 4,'0; Hauck in ThWb VI 59.


39 Lietzmann, Kuss, Battett, Michel; Brandenburger, Adllffl e altri; secondo il
IGisemann tv 'Ti;l t(1"m't'~ indica la sfera, l'mbitolP>. Ma che vuoI dire?

attuatasi in Ges Cristo, la giustizia" della fedelt di Dio al


patto, la quale tutti comprende nella giustizia" della sua gra
zia (cfr. 3,2 I s.; 5,17). La giusta azione di Dio, che in Ges
Cristo dichiara giusto e rende giusto il credente e che ha dischiuso la l~xaLWO"~C; come nostro futuro, il modo in cui la
grazia esercita il suo potere; 2. essa regna ora I~a l~xa~oO"uvT]C;
E~C; ~w1]v a~wv~ov, percorrendo cio la strada della giustizia
giustificante di Dio verso la meta della vita eterna che ora si
apre ome traguardo e come realt avvenire. La signoria del
peccato ha anch'essa un traguardo e un fururo, che non propriamente un futuro, bensi un tramonto: la morte. Il regime
della giustizia per grazia, instaurata ora da Ges Cristo, mette
capo invece alla ~w'] a~wv~oc;; 3. in una nuova chiusa solenne
(I~a 'IT]O"ov XP~O"'t"ov 't"ov XVpLOV 1]J.l.wv) il regno della grazia
viene ancora una volta qualificato con riferimento alla sua
realt centrale. Nel contesto abbiamo gi colto questi elementi: a) la grazia ci stata gi data e consiste (<nll'unico uomo Ges Cristo (5, I 5) ; b) attraverso ill~xaLwJ.l.a di lui si
giunti alla l~xaLwO"~c;, e quindi alla ~w1] (5,18), e per la sua
v1taxo1) tutti divengono giusti (5,19); c) coloro che ricevono
il dono della giustizia regneranno nella vita attraverso l'unico
Ges Cristo (in quanto egli agisce come Glorificato o nella sua
parusia); d) cosi anche oggi attraverso la giustizia (di Dio) regna la grazia per la vita eterna in virt di Ges Cristo glorificato, Signore nostro. Potremmo aggiungere quoad sensum:
nella potenza dello Spirito che produce la fede e cosi ci include
come giustificati nella l~xa~oO"uvT] o xap~c;.

EXCURSUS

ADAMO SECONDO PAOLO


Solo occasionalmente sin qui ci toccato di parlare del modo
in cui l'Apostolo considera la figura di Adamo. Dovremo ora
andare pi a fondo alla questione, giacch essa ha molta importanza per il problema del peccato. A tal fite, oltre a Rom.

I
,
"

Excursus

li

:i

'Il. , ..

l'

I.

5,12 ss., terremo presenti, a scopo integrativo, 1. I Coro 15,


20-22; 2. I Coro 15.44b-49.
Da questi tre testi quale risulta essere il discorso dell' Apostola su Adamo?
A) 1. Adamo <<un uomo (I Coro 15,21). Ma <<il primo
uomo (ICor. 15,47), il primo uomo Adamo (ICor. 15,
45). Appartiene quindi alla serie storica degli uomini, e precisamente il primo della sede.
2.Ma in quanto <<uomo e primo uomo, egli non soltanto un uomo qualsiasi, il primo al quale tengon dietro un
secondo, un terzo, un quarto e cos via; bens il primo uomo al quale, sebbene sia un uomo storico al pari degli altri,
si contrappone solo il secondo uomo (I Coro 15.47), l' <<ultimo Adamo (I Coro 15.45). Nel senso in cui si parla dell'uomo Adamo, che il primo di tutti gli uomini, si pu parlare
soltanto del secondo uomo, che l'ultimo Adamo, oppure, giusta l'espressione di Rom. 5,14b, colui che deve venire. Questi naturalmente <<l'unico uomo Ges Cristo
(Rom. 5,15), l'unico Ges Cristo (Rom. 15,17), Ges
Cristo, Signore nostro (Rom. 5,21), Cristo (I Coro 15,20.
22). Gi questa contrapposizione indica che Adamo, il primo uomo, si distingue dagli altri non solo per il suo trovarsi
all'inizio della serie degli uomini, ma anche per avere come suo
contrapposto soltanto la manifestazione escatologica di Ges Cristo.
3. Adamo dunque un uomo, il primo uomo, di fronte al
quale vi soltanto il secondo e l'ultimo; <<l'unico uomo
(Rom. 5,12.19a), o l'<<unico (Rom. 5,15b; 5,16ab.17a [due
volte] .18ab), al quale si contrappone <<l'unico uomo Ges Cristo (Rom. 5,I5b), <<l'unico Ges Cristo (Rom. 5 ,17b), l'Unico (Rom. 5,18b.19b). cos posta in rilievo, anche terminologicamente, la singolarit e quindi l'importanza di Adamo.
4. Questa singolarit e questa importanza risultano ancora
pi spiccate (per ora ci contentiamo di notarlo senza scendere
ad un'analisi minuta) se si pon mente a due fatti: a) il contrasto assoluto fra i due uomini. Secondo Ceno 2,7 Adamo divenuto <!Jux'l swcm:, il che viene inteso da Paolo (ma non da

Adamo secondo Paolo

35

Ceno 2,7) in senso negativo. Adamo semplice <!Jux'li o semplice <!JuXLxev (15,46), vale a dire EX rij xoi:xe (ICor. 15,
47). Egli xoi:xe (I Coro 15,48 s.). A lui si contrappone il se:
condo uomo Cristo, l'ultimo Adamo~; il quale divenuto
(con la resurrezione) 1CVEV[1a.SW01COLOVV (I Coro 15.45). Egli
rappresenta 't 1CVEU[1CX'tLX6v (I Coro 15.46). Di lui si dice che
E ovpa.vov (ICor. 15.47) oppure E1Coupa:vLo (ICor. 15,
48 s.). b) Ciononostante, il primo Adamo 'tV1CO 'tOV [1E).,).,OV'to (Rom. 5,14), tipo di colui che ha da venire e quindi
col [1E).,).,WV ha certamente una rispondenza formale; sino a
che punto giunga questa rispondenza, si chiarir pi avanti.
Adamo non si pu ad ogni modo considerare un uomo come
gli altri, primo soltanto in ordine di tempo.
B) Adamo, al pari di Cristo, detto l'unico uomo in rapporto a tutti gli uomini (Rom. 5 ,I2Cd.18a), oppure ai molti (Rom. 5,15b.19a), sempre come Cristo (Rom. 5,15C.18b.
19b). Questo rapporto consiste, per quanto riguarda Adamo,
nel fatto che tutti gli uomini, essendo sua progenie, sono stati
coinvolti da lui, dal suo fallo (poich per causa sua entrata
nel mondo la potenza del peccato e della morte). e sono stati
coinvolti nel senso che tutti sono divenuti peccatori (Rom. 5,
19) ed hanno peccato, sono caduti in balia della morte e sono
morti. Ma ci significa che Adamo rappresenta la comune origine di cui tutti gli uomini portano il segno; rappresenta la
scaturigine della potenza del peccato, che, insieme con la morte, regna nel mondo e si attua in concreto nell'esistenza del
singolo. significativo che qui non venga presa in considerazione la persona di Adamo astraendo dalla sua azione peccaminosa, che investe tutto il mondo, e dalla concomitante potenza di morte; cos pure significativo che non si dica come
avviene che la comune discendenza da Adamo continui a segnare in modo cos funesto tutti gli uomini (e quindi, per esempio, non si parli di una trasmissione ereditaria mediante
la generazione), ma si rilevi semplicemente il dato di fatto. Il
peccato deriva sempre dal peccato dell'uomo, la morte deriva
sempre dalla morte, secondo una trafila che risale fino agli
inizi dell'umanit.

3 06

" ':

ExclIfsus

C) Ma sul rapporto che lega l' <<unico e primo uomo Adamo a tutti gli altri uomini ed indirettamente sul modo in
cui Paolo concepisce la figura di Adamo vi sono ancora altri
enunciati che si devono considerare insieme con Rom. 5,12 ss.
Sono tre:
l. tutti gli uomini hanno in comune con Adamo la loro condizione terrestre. Considerati nel modo loro di essere su questa terra, sono come Adamo e Adamo come loro; in altri termini, essi sono suoi simili ed egli loro simile (I Coro 15,
47 s.).
2 Tutti gli uomini sono simili a lui, nel senso particolare
che risulta da I Coro 15,49. Come singoli individui essi recano l'dxwv di Adamo. dxwv letteralmente significa <<immagine, figura, intesa per come la manifestazione dell'intima
essenza (cfr., per es., Rom. 8,29; 2 Coro 3,18). dxwv dunque l'espressione dell'intima essenza della natura, sicch I
Coro 15>49 pu dire che nella nostra esistenza terrena, cio nel
modo in cui l'uomo ex-sistit (emerge, si presenta), noi esprimiamo sino in fondo l'essenza o la manifestazione dell'essenza di Adamo. Noi come singoli rappresentiamo il primo uomo
dal quale discendiamo e del quale portiamo quindi il segno
nel nostro esistere; noi, in quanto suoi simili, rendiamo presente il modo suo di essere. Nella nostra esistenza noi riproduciamo il primo uomo nella manifestazione della sua essenza,
anche a prescindere dall'essere egli pur sempre la nostra origine che ci qualifica e ci segna con la sua impronta. Noi, quindi, non soltanto abbiamo un'impronta ed una destinazione che
vengono da lui, non soltanto siamo suoi simili, ma esprimiamo
e riproduciamo l'essere di lui in tutto e per tutto, sino in fondo. L'uomo discende da lui ed egli emerge, esiste (ex-sistit)
con noi. Il singolo individuo, nella sua esistenza, non esprime
mai soltanto se stesso, bens anche l'uomo che lo qualifica e lo
segna all'origine e che il singolo rappresenta tamquam sui similem.
3. Ugualmente importante un terzo enunciato. Esso contenuto in I Coro 15,22. Adamo non soltanto la nostra origine, a cui siamo vincolati e di cui portiamo il segno, non

Adamo secondo Paolo

solo in quanto tale simile a noi e non neppure soltanto colui


del quale noi singoli individui rappresentiamo il modo di essere, bens anche colui nel quale moriamo, ossia, per dirla
in termini pi rigorosi: nel quale noi di volta in volta esistiamo come singoli individui. Noi viviamo (e moriamo) come coloro che, in quanto suoi simili, fanno e-mergere, e-sistere (exsistere) Adamo, nella sua immagine o manifestazione della
sua essenza, quale nostra comune origine di cui rechiamo il
segno. E lo fanno emergere o esistere pur sempre nella sua dimensione, nell'mbito, da lui stabilito, delle sue possibilit,
nell'orizzonte da lui concesso. L'uomo non va mai oitre Adamo, non lo supera mai; il suo esistere sempre un ex-sistere
in direzione della sua origine, del suo simile, di quell'ELxwv
essenziale che egli esprime. A questo punto, se teniamo presente tutto ci che l'Apostolo dice a proposito di Adamo - ossia: l. Adamo un uomo di questa terra; 2. Adamo il primo
uomo; 3. Adamo l'<<unico>> uomo che si contrappone a tutti gli altri uomini; 4. il peccato di Adamo, con la morte che
l'accompagna, rende tutti gli uomini peccatori, facendoli peccare e morire; 5. Adamo quindi la comune origine di cui tutti
gli uomini recano il segno e l'impronta; 6. egli nostro simile
e noi siamo suoi simili; 7. tutti gli uomini manifestano il suo
modo di essere, tutti sono una rappresentazione ed un'attestazione di lui, delIa.sua figura essenziale; 8. tutti esistono (exsistunt) in lui in quanto lo fanno e-sistere (ex-sistere) - dobbiamo concludere che l'Apostolo, quando parla di Adamo, intende parlare dell'uomo, dell'essere uomo, dell'essenza o natura umana nella sua concretezza. Proprio l'uomo cos inteso
la nostra comune origine, che storicamente segna la nostra
destinazione; l'uomo cos inteso rappresentato da ogni singolo individuo umano e per il singolo individuo rappresenta
]'mbito delle sue possibilit, il suo orizzonte ed il suo limite,
insomma la sua dimensione. L'individuo discende storicamente dall'uomo, fa e-sistere (ex-sistere) l'uomo ed e-siste (exsistit) nell'uomo come nel suo simile. Ma se cos , allora dal
nostro testo (Rom. 5,12 ss.) sorge la domanda: che mai il
peccato o, per meglio dire, il peccato di Adamo?

308
I.

'I

!i

'i

I
I

Il,)

Excursus

Il peccato di Adamo secondo Paolo

I. Nel nostro contesto, ed anche altrove, il peccato viene


inteso da Paolo come una potenza che impera allo stesso modo
della morte. Del ~O:O"L.EVEW, ossia del regno di entrambe
le potenze si parla in Rom. 5,14.17.21, al XVpLEVEW del peccato ci si riferisce in Rom. 6,14, mentre in Rom. 6,6.16 ed altrove detto che la soggezione al peccato soggezione da
schiavi. In Rom. 8,38 s. la morte viene associata ad altre potenze ed in I Coro 15,25 definita l'ultimo nemico, l'estrema potenza visibile (cfr. ICor. 15,54SS.)..
..
.
2. Questa condizione di peccato, che preeslste al smgoh peccati commessi dagli individui, che li trascende e che tutto pervade, si stabilita nel mondo per opera dell'unico e primo uomo, Adamo. Possiamo quindi ben comprendere il significato
della seguente proposizione: la potenza del peccato (e della
morte) entrata nel mondo attraverso quell'uomo e con quell'uomo, che, per essere la nostra origine, sempre ci segna con
la sua impronta, quell'uomo che noi, suoi simili nel nostro essere uomini, facciamo e-mergere, e-sistere (ex-sistere), quell'uomo che la nostra dimensione, la dimensione della nostra
esistenza. La potenza del peccato impera nel mondo attraverso
l'esistenza storica e con l'esistenza storica di quell'uomo che
siamo noi. Essa appartiene alla vicenda storica dell'uomo e
del cosmo; invece estranea all'ordine della creazione ed alla
natura dell'uomo in quanto creatura. Tutto ci in Rom. 5,12
ss. non oggetto di specifica riflessione ma implicito nel
concetto di entrare. Se ci atteniamo a quanto detto in 5,
12, possiamo ben vedere che Paolo non intende esporre u?
mito sulla genesi del peccato, un mito inteso a spiegare iI
fenomeno dell'a(-to:p"tLO:, bens afferma soltanto che la potenza
del peccato un dato della condizione umana, quale storicamente si presenta, e si contenta di indicare il modo in cui il
singolo individuo rappresenta l'uomo e in cui la singola azione peccaminosa attua concretamente la potenza ed il regime
del peccato.
3. Abbiamo visto che la breve frase di Rom. 5, 12d non

Adamo secondo Paolo

propriamente superflua, bens costituisce un'aggiunta necessaria, la quale risponde esattamente al concetto che tutti gli
uomini rappresentano l'uomo. La potenza o il regime del peccato si manifesta come tale, cio si attua in concreto nelle singole azioni peccaminose degli uomini, e queste per converso
rappresentano quella potenza o regime. Peccare significa sempre recare in atto, con un assenso deliberato ed efficace, quel
peccato che discende dalla nostra origine.
4. Questo peccato che attua la sua potenza ed il suo regno
nei singoli peccati una realt universale. Esso domina su tutti gli uomini in conseguenza della loro comune origine e nessuno pu sottrarsi a tale dominio. Il peccato regna anche l
dove non c' ancora la legge che lo provochi e dove quindi
non si pu ancora parlarne come di una trasgressione. Vi
sono taluni - e per l'Apostolo si tratta dei pagani - i quali
peccano senza la legge (Rom. 2,12). Come si debba intendere quest'affermazione risulta da Rom. 1,18 ss. Il peccato
non dunque soltanto la trasgressione del comandamento di
Dio in senso stretto, fermo restando che la trasgressione parte integrante ed originaria di quella condizione di peccato che
si sviluppa nei peccati singoli.
5. Attraverso il peccato entra nel mondo la morte, alla quale tutti gli uomini soggiacciono all'atto delle loro morti individuali. Si tratta, come s' visto, della potenza e del regime
della morte che scaturiscono dall'ira della condanna divina e
che diventano esperienza di morte nel mondo degli uomini allorch questi, per l'appunto, muoiono. Ma la morte esercita il
suo dominio anche in ogni de-perimento dell'esistenza, in ogni
epl}opa (dr. Rom. 8,21; I Coro 15,42.5; anche Eph.4,22).
La morte non solo ci che compete al peccato, la sua conseguenza e il suo guadagno. Il peccato non solo stimola la morte,
ma la contiene in s come sua tendenza e sua entelechia occulta. In pari tempo la morte rappresenta il modo in cui si esplica il dominio del peccato e la dimostrazione dell'essenza stessa del peccato. La morte ci che e-merge, e-siste (ex-sistit)
con l'uomo e ci che spetta all'uomo proprio per il suo esser
uomo, ci che tutti gli uomini devono impersonare.

3 10

6, A questo peccato ed a questa morte, che tutti hanno assunto come un retaggio della loro condizione storica di uomini, si contrappone la xapLC; di Dio, che la manifestazione de:fnitiva e totale della sua giustizia, ossia della sua fedelt,
verit e gloria. Questa xapLC; data col secondo ed ultimo uomo, con l'uomo celeste, con Ges Cristo e con la sua azione
giusta, con la sua dedizione obbediente a Dio in pro degli
uomini peccatori e soggetti alla morte. Se noi accettiamo ed
accogliamo questa grazia di Dio e diventiamo cos discendenti
di Cristo, e-sistiamo (ex-sistimus) in lui, segnati cio da lui,
nella sua dimensione, di lui portiamo l'ELxwv e di lui rappresentiamo il modo di essere; siamo sottratti al nostro passato,
ossia al dominio del peccato manifestantesi nei peccati attuali
e non siamo pi peccatori, bens giustificati. Questa accettazione della grazia di Dio da parte di chi l'accoglie, questa accoglienza da parte di chi l'accetta, avviene nella fede che si
abbandona a Dio, nella fede che d vita alla speranza ed agisce nell'amore. Soltanto per opera di Ges Cristo viene infranto Adamo, ossia l'uomo che ognuno di noi rappresenta.
Nella fede in Cristo (e quindi nella speranza e nell'amore) cade il regime di morte instaurato dalla potenza del peccato.
:2.

l,

l:;!!
l'-I;
1

Excursus

La concezione paolina del peccato di Adamo


nel suo sfondo storico-religioso

A) Ceno 2 s. descrive, nel contesto di Ceno 2-1 I, gli inizi


della manifestazione del peccato, la quale va di pari passo col
diffondersi del genere umano: Caino, Lamec, matrimoni di
angeli, torre di Babele. Poich quest'esordio del peccato riferito diffusamente, appare chiaro che il testo vuoI rappresentare, insieme con l'essenza del peccato, anche le sue conseguenze: i travagli dell'uomo e la sua esclusione da una vita che
pur sarebbe stata possibile. Che il peccato di Adamo ed Eva
sia la causa dd peccati commessi dalla loro progenie, non
detto neppure implicitamente. In Ceno 2-II si descrive soltanto il peccato che domina di fatto alle origini dell'umanit e
che spinge l'umanit stessa alla rovina: Ceno 6,5 s. 12 s. Nem-

Adamo secondo Paolo

3 11

meno si fa parola dell'universalit del peccato intesa nel senso


che tutti gli uomini peccano (cfr., per es., No, Ceno 6,8; [P
6,9])
Quest'ultimo concetto si avverte piuttosto in Iob 14,4:
Chi pu trarre una cosa pura da una impura? Nessuno. Il
senso questo: dalla sfera dell'impurit (tum'd) non emerge
nessun uomo puro. Non vi sono eccezioni. Di un peccato che
trascende il deliberato proposito del singolo e che va al di l
della sua stessa persona si fa menzione in Ps. 5 1,7: Ecco,
nelle colpe sono nato (portato fra le doglie) e mia madre mi
concep nel peccato. Il significato di queste parole dovrebbe
essere che il peccato dell 'individuo risale fino al momento del
suo ingresso nel mondo (cfr., a proposito dell'empio, Ps. 58,4)
e che anche la madre visse in peccato. In complesso per va
notato che i passi citati non hanno paralleli nell'A.T. e che
ad essi se ne potrebbero opporre altri di senso contrario: Ps.
18,24; Iob 33,9; 2 Samo 22,24 (cfr. Iob 4,I7 ss.). Ma quel che
pi conta la mancanza di qualsiasi legame tra questi enunciati e Ceno 3.
Una connessione di tal genere si nota invece in due passi
della letteratura sapienziale: r.Sap. 2,23 s.: Dio ha creato
l'uomo per l'immortalit e lo ha fatto ad immagine della sua
propria natura. Ma per l'insidia del diavolo la morte entrata
nel mondo (Mva:"toc; derfj.i)Ev ELC; "tV xeer[LOv) e quelli che
lo seguono ne fanno l'esperienza. Si tratta di un'interpretazione eziologica di Ceno 3 nella quale implicita !'idea del
peccato: causa di questo il diavolo. Non si accenna per alla
trasmissione del peccato, bens vengono menzionate la sua
conseguenza e la sua punizione, la morte.
2. In Ecclus 25,24, nell'mbito di una pericope che tratta
della malvagit muliebre, si legge: Da una donna ha tratto
origine il peccato, a cagione del quale muoiono tutti. Qui si
parla effettivamente dell'[La:p"tLa:, del peccato, e quale sua
conseguenza vien menzionata la morte di tutti gli uomini. V'
per da osservare che l'agiografo, mentre richiama Eva, tace di
Adamo e presenta Eva soltanto come l'inizio della nostra storia di peccato. Non si fa parola di una trasmissione di quel pri-

Excursus

3 '2

mo peccato o di una sua perdurante efficacia. Inoltre in Ecclus


15, I 2 detto espressamente che non dovrebbero esservi peccatori, ed ancor pi chiaramente in Ecclus I5,I4S. si dice:
Al principio Dio cre l'uomo e lo affid al suo volere. 15 Tu
puoi, se vuoi, osservare i comandamenti; soltanto la fedelt
necessaria per adempiere la sua volont.
I primi scritti a noi pervenuti, nei quali si ponga il problema del rapporto di Adamo (o Eva) con il peccato e la morte
di tutti gli uomini, sono i testi dell'apocalittica giudaica del
I secolo dopo Cristo. Non possiamo qui sviluppare il tema in
rutta la sua ampiezza, ma citeremo solo alcuni esempi caratteristici '.1. vito Ad. (opoc. Mos.). Apoc. Mos. IO: Guai a me!
Guai a me! se arriver al giorno della resurrezione, tutti i peccatori mi malediranno e diranno: 'Eva-non ha osservato il comandamento del Signore'. Apoc. Mos. 32 (parla Eva): Ho
peccato, o Dio, ho peccato, o Padre di tutto il creato, ho peccato contro di te ... ho peccato, Signore, molto peccato, xa;L
7tiiera; !X[la;p.,;ta; OL'[lOV yyOVEV V";TI XpterEL. Analogamente
in vito Ad. 44 si legge: E Adamo disse ad Eva: 'Che cosa hai
fatto? Tu hai attirato su di noi un grande flagello, la morte ed
il peccato su tutta la nostra progenie ... coloro che nasceranno
da noi ci malediranno e diranno: tutti i mali ci hanno arrecato
i nostri progenitori che furono al principio'. 2.4 Esdr. 8,17:
Cosi io ti offrir la mia preghiera per me e per loro; perch
vedo la caduta nostra, di noi che abitiamo sulla terra ... ; ibid.
35: ln verit, non c' alcun nato di donna che non abbia commesso empiet, n alcun vivente che non abbia peccato (cfr.
3,35; 7,68).4 Esdr. 3,21: Fu infatti per il suo cuore malvagio che il primo Adamo (!) trasgredi il comandamento e fu
condannato lui e tutti i nati da lui. E perci perdura questo
stato di infermit, di modo che la legge , si, nel cuore del popolo, ma permane in essi anche la radice del male (ie!er baro');
e ci che buono vien meno, mentre il male resta. Ibid. 26:
Ma gli abitanti di questa citt peccarono comportandosi come s'era comportato Adamo e i suoi discendenti, perch anI.

Il

Strack-Billerbeck

111 22655.

Adamo secondo Paolo

313

ch'essi avevano il cuore malvagio. 4 Esdr. 4,30: Un chicco


di cattiva semente era stato da principio seminato nel cuore
di Adamo: e come poteva non produrre - ed ancora produrr - delitti fino al tempo della messe?. 4 Esdr. 7,II6ss.:
lo risposi e dissi: 'Ecco la mia prima ed ultima parola: sarebbe stato meglio che la terra non avesse prodotto Adamo
o che, avendolo prodotto, gli avesse impedito di peccare. Infatti, quale vantaggio abbiamo a condurre nel presente una vita triste per attenderci dopo morte delle pene? O tu Adamo
che ci hai fatto mai? Perch, se tu hai peccato, la tua caduta
non soltanto la tua, ma anche quella di tutti noi che da te
discendiamo. A che servono le promesse di vita immortale,
se abbiamo fatto opere degne di morte?'. Da questi passi
risulta dunque che: I . l'universalit del peccato posta in forte risalto; 2. il peccato inteso come un retaggio fatale lasciato
da Adamo (e da Eva) all'umanit; 3. il malvagio seme o
spirito (3,22; 4,28 ss.; 7,92; 8,53 ecc.) che procura la rovina ad Adamo e alla sua progenie inducendoli al peccato
qualcosa di congenito. Bisogna per osservare che l'autore in
questo libro dialogico ammette qualche eccezione all'universalit del peccato. Si ponga mente a 3,35 s.: O quando mai
gli abitanti della terra non han peccato contro di te? Qual nazione ha mai, al pari di noi, osservato i tuoi comandamenti?
Tu potrai trovare singoli indvidui, di cui si sanno j nomi, i
qual hanno osservato i tuoi comandamenti, ma nazioni non
ne troverai. E cosi il mondo futuro reca pur sempre a pochi il ristoro (a molti invece la pena) (4 Esdr. 7.47.48.I39
ecc.). Lo stesso Esdra non appartiene ai peccatori, ma ai giusti (7,76; 8.47) e cosi pure i suoi <<fratelli (8,51-62) e i
suoi simili (8,62; cfr. 14,49). Ma ancor pi importante
un altro elemento. Coloro che han peccato sulle orme di Adamo l'hanno fatto per deliberata risoluzione: Non indagare
oltre sul gran numero di coloro che vanno in perdizione; giacch essi hanno disprezzato l'Altissimo per libera scelta, hanno
rigettato la sua legge, hanno abbandonato le sue vie (8,55
s.). Tramite la legge gli uomini possono raggiungere la vita
eterna (14,23.30). Infatti - e questo il terzo elemento da

314

Excursm'

notare - ci che propriamente unisce Adamo agli uomini che


nel cuore tanto dell'uno quanto degli altri seminato o congenito il ;e!er bara', il germe malvagio o lo spirito malvagio, ma in pari tempo vi seminata anche la legge, sicch ognuno deve lottare al pari di Adamo, e al pari di Adamo
la maggior parte dei suoi discendenti in questa lotta soggiace
alla spinta dell'impulso malvagio e crebbe in loro il cuore cattivo_ Un paio di esempi varranno ad illustrare ancor meglio
questo processo. Abbiamo gi citato 3,21 ss. Ecco ora 4,28
s.: Riguardo al male sul quale mi interroghi, esso seminato,
ma il tempo della sua raccolta non ancor giunto. Se non si
miete dapprima ci che stato seminato e se non sparisce il
campo dove stato seminato il cattivo grano non potr apparire il campo dove stato seminato il bene; 9,31: Oggi
io semino nel vostro cuore la mia legge, che produrr frutti in
voi.... Ma questa legge rimane anche se noi ci perdiamo a
motivo dei nostri peccati. E cos1 la prima gioia di coloro i
quali hanno custodito le vie dell'Altissimo l'aver combattuto con grandi fatiche per vincere le cattive immaginazioni formatesi con loro, affinch non li trascinassero dalla vita alla morte (7,92). Sulla medesima linea di 4 Esdr. e vito
Ad. si muove la cosiddetta Apocalisse siriaca di Baruch. Anche secondo questa, le conseguenze del peccato di Adamo sono la morte e i travagli della vita. Giacch, quando Adamo
pecc e fu decretata la morte per tutti i nascituri da lui.. . (23,
4). Oppure: Giacch, a causa del suo peccato, la morte entr
nel mondo arrivando prima del tempo e fu conosciuto per nome il dolore, preparata l'afflizione, creata la sofferenza, e la
fatica fu compiuta e l'orgoglio cominci ad imporsi (56,6).
Particolarmente chiaro 48,42 s.: Allora io risposi e dissi: 'O Adamo, che hai tu fatto a coloro che san nati da te?
E che cosa si dir alla prima Eva che diede retta al serpente,
sicch per colpa sua tutta questa moltitudine soccombe alla
perdizione ed innumerevoli sono quelli che il fuoco divora?'.
Il peccato di Adamo ed Eva ha come conseguenza la miseria
e la morte degli uomini. Ma in quale senso? Nel senso che dopo quel principio la gran massa degli uomini ha peccato. Ci

Adamo secondo Paolo

315

viene risolutamente affermato proprio in questa Apocalisse siriaca di Baruch, per es. 54,15: Giach, se il primo Adamo
ha peccato e ha portato la morte prematura su tutti quelli che
ancora non erano, tuttavia di quelli che sono nati da lui ciascuno ha preparato alla propria anima i supplizi futuri e ciascuno a sua volta ha scelto la gloria futura. 54,19: Adamo
dunque stato causa per s soltanto; ma in quanto a noi tutti,
ciascuno per se stesso Adamo (cfr. anche 18, I s.; 19, I sS.;
51,15 ss. e passim). Volendo ancora una volta riassumere, da
questo e da altri passi risulta: I. che nel giudaismo apocalittico era generale la convinzione che i discendenti di Adamo sono in prevalenza peccatori. Si ammette per l'eccezione rappresentata da pochi individui. Dagli stessi testi risulta inoltre:
2. che si parla di un rapporto di causalit che intercorre tra il
fallo di Adamo (e di Eva) ed i malanni e la morte (precoce)
dei suoi discendenti. Talvolta si dice pure (vit. Ad. o apoc.
Mos.) che Eva ha reso peccatrice la sua progenie, ma non si
chiarisce in che modo. 3. Un punto di riferimento centrale e
normativa sembra essere l'idea che in ogni uomo si trovi, per
cos1 dire, il cuore di Adamo e di Eva nel quale congenito il
possente ;e!er bara', che quasi sempre ha la meglio nella lotta
con la legge (cfr., ad es., 4 Esdr. 3,21). 4. Con quest'idea ben
s'accorda il forte rilievo in cui vengon poste, accanto al retaggio infausto di Adamo ed Eva, la necessit, la possibilit ed
anche l'effettiva realt della libera decisione individuale.
Negli scritti rabbinici dei primi tre secoli d.C. vi sono tracce di una concezione secondo la quale Abramo col suo fallo
perdette la somiglianza con Dio non soltanto per s, ma anche
per la sua discendenza. Il suo splendore luminoso (l~(X.), riflesso della l~(X. di Dio, dopo il suo peccato, da Dio gli fu
tolto. Sul Sinai quello splendore venne ridato agli Israeliti, ma
fu passeggero per via del peccato commesso col vitello d'oro.
Soltanto nell'et messianica esso ritorner in maniera duratura. Allora i giusti risplenderanno come le stelle 2. Si pu ricordare anche Jeb. I03b; A.Z.22b; Sbab. I46a. Cos1 disse R.
2. Strack-Billerbeck IV 887.

- - - - - - -- -

---

i!

!
Ex~rsus

;,

I:

..il

l,I:

,I

Johanan: 'Quando il serpente si accost ad Eva le arrec una


contaminazione (o un'impurit: l6biima'). Gli Israeliti, che
stavano sul monte Sinai, perdettero quella macchia; i pagani,
che non stavano sul monte, mantennero la contaminazione'.
Va detto per che qui la contaminazione ha un significato
specifico: si tratta dell'inclinazione lussuriosa contro natura.
Va anche detto che affermazioni del genere sono del tutto marginali. Quasi sempre i rabbini accettano l'idea del je~er bara'
congenito che per principio dev'essere sconfitto in virt della
tor data da Jahv appunto a questo scopo. Se vuoi, puoi
(s'intende se poni mente alla tor) dominarlo (sci!. il je~er bara'l (S. Deul. 45 a II,r8)3. Adamo (o Eva) furono soltanto
i primi peccatori.
B) Nel nostro testo (Rom. 5,r ss.) il discorso non vette pi
soltanto sul peccato e sulla morte, che attraverso Adamo sono
entrati nel mondo, benS anche sull' Adamo che tipo di olui
che deve venire, in quanto al primo Adamo si contrappone
l'unico uomo Ges Cristo. Pi chiara, come abbiamo visto,
risulta questa contrapposizione del primo e dell'ultimo Adamo in I Coro 15,20 SS. 45 sS. Si posson trovare anche per questa concezione addentellati giudaici? Se si pon mente ai testi
rabbinici e apocalittici, o anche agli scritti sapienziali, la risposta non pu essere che del tutto negativa. In tutti questi
scritti non si trova neppure, in riferimento al solo Adamo, l'idea (implicita invece nella contrapposizione paolina dei due
Adami) di un Adamo che racchiude in s la sua discendenza e
la rende partecipe del suo destino. Non basta, a questo proposito, rifarsi alla concezione di un capostipite che determina
l'inclinazione al bene o al male dei suoi discendenti, alla dottrina cio della corporale personality 4. Persino in un enunciato dal senso cos ampio come Iub. 22,20 s. (<<Tutta la sua progenie sar sradicata dalla terra. Infatti, a causa della prevaricazione di Cham, Canaan ha peccato e tutta la sua progenie sar cancellata dalla faccia della terra e nessuno dei suoi discendenti si salver per il giorno del giudizio) non v' propria3. StrackBi1lerbeck

Il

III 130.

4. Cfr. KJisemann 134.

Adamo secondo Paolo

31 7

mente l'idea di una discendenza presente nel capostipite; il


senso piuttosto che (<i discendenti agiscono come il capostipite e vanno incontro al suo stesso destino. Anche Hebr. 7,9
non fa al caso nostro; si badi al per cos dire e si consideri
che il testo allude ad un solo discendente. Neppure si pu ravvisare un parallelo della dottrina di Paolo nella concezione
rabbinica di Adamo quale gul (<contenitore). questa una
concezione sorta ed attestata in et relativamente tarda e d'altra parte essa riguarda, e per giunta soltanto in pochi testi,
a) la presenza delle anime nel corpo di Adamo; b) questa
presenza si riferisce ad un'epoca remota, all'epoca delle origini; c) non si dice mai che le anime, per il loro essere in Adamo,
siano da lui segnate nelle proprie inclinazioni.
Eppure gli enunciati paolini su Adamo hanno un loro sfondo e un loro addentellato, anche se difficile da cogliere, ma in
tutt'altro mbito. un mbito che prende a delinearsi non
appena si consideri che, nel cap. r 5 della I Cor., Paolo si vol
ge manifestamente contro una particolare concezione di Adamo sostenuta dagli entusiasti di Corinto. Era una concezione
che distingueva un Adamo celeste da un Adamo terrestre, disposti appunto in quest'ordine di successione. L'Adamo terrestre viene chiamato, sulle orme di Gen. 2,7, .jJUX'J Swcra, o
.jJuXLxv, ma non nel senso inteso dal Genesi, di essere vivente, bens in senso spregiativo, vale a dire: solo psichico,
non pneumatico. Gli uomini hanno la stessa natura di questo
Adamo, partecipano della sua sembianza essenziale, soffrono in lui (si noti il presente!) la loro sorte. A fare un po' di
luce in questi elementi frammentari valgono un paio di tradizioni gnostico-giudaiche, la cui datazione peraltro incerta.
Riferisco soltanto un esempio che relativamente antico (precristiano) e chiaro: il ncciolo della cosiddetta Predica dei
Naasseni (Hippol. rei. 5,6-I1). Secondo questa, Adamo anzitutto il primordiale uomo celeste, l'uomo dall'alto, grande, bellissimo, beato, perfetto. Egli l'apxavi}pw'lto
caduto nel profondo ed ivi imprigionato, l'uomo che si trova ora nella forma terrestre (nel corpo) e nella stirpe variamente frantumata degli uomini mortali, nel regno della

318

'i '

ExCl/YSUS

morte. Egli "t 1t.uO"[l/l XOLlI.O\l, oppure mi.wo\l o <jJUXLlI.O\l


e s'identifica con tutth>. In tutti si trova <<l'uomo androgino, appunto l'uomo celeste che caduto. Noi, gli pneumatici, siam venuti dall'alto, siamo discesi da Adamo. In questa
sfera di morte l'Anthropos (l'uomo) decaduto chiama e alza
la sua voce verso l'Adamo celeste (che poi lui stesso!) invocando salvezza. E la promessa rivolta - con citazioni dell'A.T. - al figlio o ai figli, poich egli in tutti ed identico a tutti. Nell'ii\looo o nell'u\I/lyW1]O"L sta la salvezza
per colui che imprigionato nella sfera terrestre. Nell'ascesa
e nella rinascita l'Anthropos decaduto ridiventa pneumatico. S'intende che la nostra un'esposizione un po' schematica nel complesso. Ma, seppure velato in diverse guise e con
molteplici variazioni, questo schema si trova anche inZosimo, nel cosiddetto Poimandres del Corpus Hermeticum, nell'Apocrifo di Giovanni, in una preghiera giudaica analizzato da E. Peterson che ci pervenuta in duplice recensione nei
papiri incantatori, e si potrebbe continuare.
Se abbracciamo ora con un solo sguardo lo schema riferito
e le idee serpeggianti a Corinto, quali ci sono frammentariamente note, queste ultime si appalesano subito come elementi
parziali di quello schema mitico. A noi per risulta chiara soprattutto la correzione che l'Apostolo apporta a quello schema, o meglio l' anti tesi sovrana che egli stabilisce rispetto
alla terminologia e alle idee proprie del mito dell'AdamoAnthropos: 1. prima dell'Adamo celeste c' l'Adamo terrestre, l'Adamo psichico, l'Adamo appunto del Genesi. L'uomo, potremo anche dire, un essere non celeste o pneumatico, bens terrestre. Non un essere celeste traviato o
decaduto che si trova ora prigioniero ed anela di ritornare al
modo suo proprio ed originario 'di essere. L'uomo insomma,
vuoI dire Paolo, appunto l'Adamo terrestre e concreto. 2.
In lui, ossia simili a lui, propaggini ed espressioni di lui,
sono tutti i singoli individui umani. In quanto fanno capo a
lui, essi sono partecipi della sua sorte, generazione dopo generazione: ln Adamo tutti muoiono (I Coro 15,21). Sono partecipi del suo destino di morte, lo soffrono. 3. Questa per

Adamo secondo Paolo

3I 9

soltanto la conseguenza di un fatto la cui rilevanza nello schema del mito scarsa o nulla, mentre invece fondamentale
per l'Apostolo: ossia che gli uomini vivono come Adamo, in
Adamo e in quanto Adamo, sotto il dominio della morte, poich soggiacciono al regime del peccato stabilitosi con Adamo.
Questo concetto non trova espressione nella polemica contro i
Corinti, bens in Rom. 5,I2 ss. E cos, per quanto singolare
possa sembrare la cosa, il momento della responsabilit vien
posto in rilievo come dato fondamentale del modo di essere
adamitico. Quando si dice peccato e si afferma che il regime o la potenza del peccato ha fatto il suo ingresso nel mondo attraverso Adamo, ci significa che l'esistenza adamitica
non semplicemente una fatalit di morte, intesa come il destino di un essere celeste decaduto, bens una decisione personale sia dell'uomo dal quale io provengo, sia anche di me
stesso. Si tratta allora di un'adesione radicalmente egoistica
alla mia origine, di un'adesione che questa origine mi ha, s
imposto, ma pur sempre per via di proposta. Per gli uomini
di tutti i tempi l'esistenza una fatalit determinata da altre
fatalit. Per il cristiano essa il continuo rinnovamento del
peccato gi avvenuto e una sempre nuova accettazione di quel
regime del peccato che si instaurato con l'uomo. 4. Ma la
patetica figura gnostica dell 'uomo celeste decaduto che ha nostalgia di se stesso e (mediante la gnosi) ritorna a se stesso,
vien meno soprattutto perch, secondo Paolo, l'Adamo terrestre, oltre ad essere il primo, non identico al secondo, all'Adamo celeste. Questi Ges Cristo, ossia non sempre lo
stesso uomo visto soltanto in un altro modo di essere. L'Adamo celeste una figura affatto diversa, anche se vien chiamato
l'uomo Ges Cristo. Egli !'EO"X/l"to 'Aou[l, nel quale Dio
ha manifestato la sua giustizia, vale a dire la sua grazia, della
quale diviene partecipe chi, nella fede, accetta quest'evento
salvifico. E cos Paolo strappa agli Gnostici anche l'idea della
salvezza intesa quale conversione e ritorno dell'uomo a se stesso (mediante un'illuminazione sulla propria natura). Per l'Apostolo la salvezza si ottiene abbandonandosi all' Adamo se
condo e ultimo, diverso dal primo e donatore di vita.

,,

32 0

i:

I:

i
i
', :
l!
l
1

i,
,I
'I

Excursus

Possiamo cos riassumere:


I.Adamo, stando a Rom.5,I2sS.; rCor.I5,2IS.; ICor.
15 ,44b-49, <<l'unico uomo a cui si contrappone Ges C~i
sto quale secondo Adamo. Egli il primo uomo che, In
quanto tale', rimanda al secondo (rispetto al quale costituisce il tipo). Rappresenta quindi l'origine dell'uomo, il modo in cui e-siste (ex-sistit) l'uomo il quale poi da Ges Cristo
trae una nuova origine. Rappresenta in altre parole quell'origine che l'uomo reca sempre con s come una realt data che
accampa diritti su di lui. Quando parla di Adamo, l'Apostolo
non in alcun modo interessato al problema del monogenismo, bens ad una questione affatto diversa, se cio gli uomini
quali in concreto e-sistono (ex-sistunt) facciano pur sempre
e-sistere (ex-sistere) un passato comune che anche la loro
sorte comune.
2. A questa domanda egli d una risposta affermativa. I~
peccato di Adamo, e la morte che si instaura per effetto dI
quello, esistono con gli uomini in quanto provengono dall'origine e dal passato degli uomini. I singoli individui sono
segnati dalla loro comune provenienza da Adamo, nel senso
che sono simili a lui e lo rappresentano. Per la loro comune
origine storica essi sono uomini e partecipano del modo d'essere umano (detto in termini paolini: tutti gli uomini sono
come il primo uomo e recano l'immagine del terrestre). Coi
loro atti peccaminosi essi attualizzano la potenza del peccato
entrato nel mondo per cagione di Adamo.
3. Ma Adamo rappresenta altres l'origine comune che diviene realt presente, hic et nunc, nei singoli uomini; rappresenta la dimensione che propria degli uomini in quanto uomini e che gli uomini da soli non possono mai trascendere. ln
Adamo tutti muoiono. L'humanitas dalla quale ciascun uomo procede e che ciascuno rappresenta anche la sfera in cui
ciascuno vive. L'individuo umano non esce da quella sfera, in
quella sfera a casa sua, uomo.
Volendo raccogliere il tutto in poche parole, si pu forse
dir cos: Adamo per l'apostolo Paolo l'uomo visto in rapporto alla sua origine unica e comune a tutti; quell'origine dal-

3 2I

Rom.6,I-I4

la quale l'uomo pur sempre segnato nella sua destinazione,


quell'origine che egli esprime sino in fondo nel suo vivere e
nel cui mbito resta inevitabilmente chiuso. Adamo l'esistenza umana nella sua concretezza, l'esistenza da cui l'uomo
procede, che l'uomo attua e che non pu trascendere.
3. Nel battesimo la liberazione
dalla potenza del peccato (6, I

-I

4)

6 J T( ouv ~pOV[.<EV; ~1<L[.<VW[.<EV 'tfi ,z[.<ap't(q:, iva l X,zp, 1tMOV.zuu;


2[.<l yVO''tO. O,",,'VE ,z1tEIla:vO[.<EV 'tTI ,z[.<ap't(q:. 1tW
~l)ITO[.<EV ~v
au't'fi; 3i y'VOEL't'E o'n. 00"0(, at11t'tla'hl!J.Ev El,C; XPf.O"'t", 'ITJO"OU\I, Etc;
'tv Mva'tov av'tov ~~a1t't(CTh][.<EV; 4 cruVE'ta:cp1][.<EV OUV aV'tiii o,,z 'tOV
~a1t't'lT[.<a'to E( 'tv Ila:va'tov, iva ~1T1tEP lypll1] XP'IT'tO h VE"PWV
&,z 'tij 06!;1] 'tov 1ta'tp6. oihw "al l[.<E' ~v "a",o1:1]'t' ~wij "':p'1ta'tl)ITW[.<EV. 5 Et y,zp crU[.<cpU'to, YEyova[.<EV 'tiii o[.<o,w[.<a't' 'tov Ilava:'t'OV au't'ou, ).,.. "aL "t'ije; cv/W''ta.t1EW Ea6~E1}a' 6 't'oii-to yl.vwaxo\l'tE 5't, 1taa,o l[.<wv avllpw1to ITUVEIT'taupwll1]. iva "a'tapy1]llii
't ITw[.<a 'tij ,z[.<ap't(a, 'tov [.<1]"'t' OOUEUE'V l[.<ii. 'tfi ,z[.<ap't'q: 7 o
y,zp li1tollavwv oEo,,,a(w'ta, li1to 'tij <[.<ap't(a. 8 Et o li1tEMvo[.<EV
ITJV XP'IT't<!i, 1t'IT'tEVO[.<EV 5't, "al ITU~l)ITO[.<EV aV'tiii, 'd06'tE 5't, Xp'-

j"",

O"'t'C; "tEp&e:Lc;

EX

VXPW'V ox't'1. a:ltOWuaXEL,

iM..va."t'oc;

av't'ou

ox"",1.

"UP'EUE'_ lO 8 y,zp li1tllavEv, 'tTI ,z[.<ap't(q: li1tllavEv cpli"'1-!;- 8 o ~TI,


~TI 'tiii itElji_ Il oO'tw "al U[.<E' Oy(~EITllE "-u'tO [Elva,] VE"PO
[.<v 'tfi ,zl-"'-p't(q: ~wv'ta o 'tiii IlEiii ~v Xp'lT'tiii '11]lTov_
u [.<l oilv ~"-IT'EU'tW l ,zl-"'-P't("- ~V 'tiii llv1]'tiii u[.<wv aWl-"'-'tc E( 'to
tntaXOUEI.V 't'ai: 1tt.ihJl-L~a.LC; au'tov, Il fL'r)O

1tapI.O"'t'avE't'E

"t ~:I'}

u-

[.<wv 51t,,- lio,,,(a 'tTI ,z[.<ap't(q:, li,z 1t,,-paIT'tllTa'tE ~au'to 'tiii


IlEiii wlTEl ~" VE"PWV ~wv'ta "al 't,z ~1] u[.<wv o1ta oc"a,ocrUv1] 'tiii
ilE4). 14 a(1.CXp"t'Lct yp ull-WV OV XUPLEUCTEL ov yap O""tE U1t v(1.oV a...oc
imo Xlipw_
1

Che diremo dunque? Dobbiamo persistere nel peccato perch ab-

bondi la grazia? Non sia mai. 2 Come potremo noi, morti al peccato,
vivere ancora in esso? J O forse ignorate che tutti noi che siamo stati
battezzati in Cristo Ges, siamo stati battezzati per essere partecipi

della sua morte?

Col battesimo dunque fummo sepolti con Cristo per

essere morti con lui, affinch, come Cristo risorto dai morti in virt
delIa gloria del Padre, cosi anche noi camminassimo in una vita nuova.
S Se infatti fummo innestati nell'immagine della sua morte, saremo an-

che partecipi della sua resurrezione _ Sappiamo invero che il nostro


uomo vecchio stato crocifisso con Cristo perch fosse distrutto il corpo del peccato e quindi non fossimo pi schiavi del peccato stesso,

Rom. 6,1.2

3 22

giacch chi morto libero dal peccato. 8 Se dunque siamo morti con
Cristo, noi crediamo che anche vivremo con lui, 9 ben sapendo che
Cristo risorto dai morti non muore pi e la morte non ha pi alcun

potere su di lu.

IO

Egli iofatt, morendo, morto al peccato una volta

per tutte; ma ora vive e vive per Dio. Il Cosl anche voi dovete stimarvi
morti al peccato e viventi per Dio in Cristo Ges.
12 Non continui dunque a regnare il peccato nel vostro corpo mortale
s da rendervi schiavi delle sue concupiscenze; Il e non persistete apre
stare le vostre membra al peccato come strumenti di iniquit, ma datevi
a Dio come risuscitati da morte e porgete a lui le vostre membra come
strumenti di giustizia, 14 giacch il peccato non avr alcun potere su di
voi. Non siete infatti sotto la legge, ma sotto la grazia.

Il cap. 6 si collega al cap. 5 con un retorico "tL ouv pOU~EV,


che Paolo ha gi usato per introdurre il cap. 4,1 (cfr. 3,5). Comincia cos una parte argomentativa che si appunta su un' obiezione rivolta contro la dottrina di Paolo. Al v. I quest'obiezione viene forse esposta a mo' di citazione diretta: Pecchiamo, sicch abbondi la grazia!, oppure (ci che pi probabile) viene ripresa dall'Apostolo e presentata in maniera indiretta: Dobbiamo allora peccare, sicch abbondi la grazia?
... . In ogni caso il v. Ib si riallaccia a15,20b e ne stravolge il
senso. Si tratta con ogni probabilit, come lascia intendere
anche 3,8, di un'obiezione affatto generica 1 mossa all'Apostolo per la sua dottrina della giustificazione e della grazia.
Infatti in 3,8 Paolo dichiara espressamente che certi calunniatori, falsando il senso delle sue parole, gli attribuivano in
sostanza un pensiero come quello che viene qui riferito. Gli
avversari, che andranno ricercati nell'mbito del giudaismo,
si appalesano con la loro obiezione non solo rabbiosamente
ostili alla dottrina dell'Apostolo sulla grazia, ma anche molto
abili nella loro polemica. Basta in effetti apportare una piccola
modificazione a 5,20b per distorcere il senso dell'enunciato
paolino. Dice l'Apostolo: ou o 1t,E6vctCTEV i} ~ctp'tLct, imEpE7tEpLCTCTEVCTEV i} Xa:pLC;. Gli avversari cambiano l'ou o in (hL
oL. In altri termini: Paolo rileva oggettivamente la correlazione di grazia e peccato che nei fatti e nella storia della sal1.

i!

vezza: la moltitudine dei peccati si perduta e si perde nel


flusso della grazia. Gli avversari di Paolo stravolgevano questa correlazione in un rapporto di causa ed effetto <poich il
peccato divenne cosi frequente e difIuso, anche la grazia si
fece abbondante) e ne traevano la conseguenza pratica: Aumenta il peccato se vuoi aumen tare la grazia 1. Dovremo forse pensare che questo maligno fraintendimento avesse anche
nelle comunit paoline (e magari nella stessa comunit romana) un qualche appiglio che l'Apostolo qui coglierebbe per
dare alla questione una risposta esauriente? Sappiamo che in
talune sette gnostiche di et posteriore si usava dare e praticare questa stessa parola d'ordine. Ma nella nostra lettera non
vi indizio di siffatte idee e pratiche '. La domanda dunque:
Dobbiamo allora rimanere nel peccato, perch abbondi la
grazia?. i} ~ctp'tLct naturalmente quella potenza e quel regime del passato di cui si parla nel cap. 5. L'm~vELv "t'ii
~ctp'tLq; si attua naturalmente nel compimento dell'azione
peccaminosa, nell'~ctp'ta:vELV. Per m~vELv col dativo cfr.
Rom. II,22: 't'ii XPljCT't6'tlj'tL; II,23: 't'ii mCT'tLq;; Phil. I,
24; Col. 1,23: "tU 7tLCT'tEL. L'uomo resta nella potenza del
peccato quando acconsente a questa potenza compiendo l'azione peccaminosa e cosi facendo si riallaccia concretamente al
suo passato adamitico, alla sua origine. La risposta che Paolo
d a quest'obiezione assai significativa.
.2_ Anzitutto abbiamo ancora una volta un reciso wl} yVOL'tO,
che soltanto nella nostra lettera ricorre ben sette volte 3. Subito dopo il wl} yVOL'tO motivato con l'affermazione del nostro esser morti al peccato, ossia col richiamo ad un evento che
ci ha riguardati. La risposta dell'Apostolo non consiste quindi
nell'addurre argomenti obbiettivi e di fatto: egli non accusa
n rettifica la distorsione del suo enunciato sulla correlazione
fra grazia e peccato e neppure prende a spiegare le realt teologiche indicate con Xa:pLC;-OLXctLOCTVVlj. Il suo procedimento

Rom. II,I7 55.;


de! Miche!).

2.

I.

Cosl intende anche il IGisemann, ma prima di lui gi il KiihI e altri.

32 3

12,3 5S.

non hanno alcun riferimento a ci (contro l'opinione


3. Cfr. BlassDebr. 384; 440,2.

Rom. 6,2.;

324

tutto diverso: l. pronuncia un'affermazione che naturalmente


comprensibile solo nella fede: <<noi, i cristiani, - Paolo no~
fa qui eccezioni di sorta - siam morti e precisamente morti
1:'ii a[LGtp1:LQ; nella quale si dice che vogliamo e dobbiamo rimanere' 2.mada ci trae una conclusione: noi, in quanto
morti al ~eccato, non possiamo pi vivere in esso e qu~di
rimanere in esso. Si badi come la frase relativa che contiene
la motivazione dell'enfatico [Li) rVO~1:0 venga anticipata con
forte rilievo: Oi:-r~VEC; (quippe qui giustificativo), per far subito
risaltare l'evento sconvolgente e l'assurdit dell'obiezione. La
domanda posta dagli avversari non solo maligna, ma a?-c~e
insensata. Essa infatti non considera e non comprende chi siamo noi in quanto cristiani, o, per essere pi precisi, non
considera e non comprende che la nostra esistenza attuale si
distingue dall'esistenza precristiana come la vita dalla morte.
La nostra un'esistenza che si muove non pi nella dimensione della potenza del peccato, bens in tutt'altra. Per il pec~a~o,
nei confronti del peccato e della sua morsa possente, nOI siamo dei motti. E dei morti come potrebbero vivere nel peccato? Dove potrebbero rimanere i morti, se non nella morte?
Ma quando ed in che modo avvenuto che noi morissi~o. al
peccato? A questa domanda Paolo risponde nelle proposIzIoni seguenti.
3. Anzitutto al v. 3. Anche altrove, per esempio 7,1, Paolo si
appella al sapere dei cristiani di Roma, naturalmente alloro
scire per fidem: in questo caso si tratta di sapere che il nostro
morire al peccato avvenuto nel battesimo. per difficile
stabilire se quest'appello, di tono retorico, a ci che i lettori
sanno (appello che Paolo rivolge anche con altre formulazioni,
ad es. ox otlGt1:E Rom. 6,16; II,2; I Coro 3,16; 5,6; 6,239
15.16.19; 9,13.24) presupponga e~ttivamente certe conoscenze oppure abbia soltanto un sigmc'ato pi o meno pedagogico, quello di esortare gli uditori al sapere. Ad ogni modo,
ci che conta questo: oO'o~ (= ml:V1:EC;, oL.) 4 !3Gt1t1:LO'1)1j4. BlassDebr.

S304

Rom. 6,;

32 5

[LEV ELC; XPLO'1:V '1T}O'ovv, ELC; 1:v1)avGt1:0V Gt1:0V !3Gt1t1:LO'l}1j[LEV. Il verbo !3Gt1t1:LSE~V qui, come in altri passi degli scritti
paolini, gi termine tecnico per designare l'amministrazione del battesimo (cfr. I Coro 1,13.14.17; 10,2; 12,13; 15,
29; Gal. 3,27), in rispondenza all'uso generale del vocabolo
nella chiesa primitiva. Sembra da escludere che, proprio rivolgendosi a una comunit non sua, l'Apostolo volesse dare al
verbo il significato originario di immergere 5. Si dovr allora
tradurre !3Gt1t1:LSEL'II ELC; XPLO'1:V '11jO'ovv con battezzare in
Cristo Ges. Si tratta di una formula abbreviata in luogo dell'ELC; 1: OVO[LGt 1:0V XUpLOU '11jO'ov o sim. (cfr. Acl. 8,16; 18,5;
MI. 28,19) che anche Paolo conosce, come risulta da I Coro I,
13, mentre in I Coro 10,2 dice: 1taV1:EC; ELC; MwiiO")v !3Gt1t1:LO'GtV1:0 in rispondenza a !3Gt1t1:LSE~V ELC; Xp~0'1:6v. Battezzare
nel nome di Cristo Ges e battezzare in Cristo Ges
la stessa cosa. !3Gt1t1:LSEL'II ELC; XP~O'1:V '1T}O'ovv significa dunque il passaggio del battezzando in propriet di Cristo Ges,
il quale passaggio avviene appunto nel battesimo e tramite il
battesimo 6. Infatti la locuzione EL 1: CVO[LGt attestata nellinguaggio giuridico e commerciale dell'ellenismo 7, assieme, per
esempio, a ILGtrpacpE~'II (<<fare la voltura sul conto), esprime
il trapasso giuridico di qualcosa in propriet di una determinata j:lersona. Ma !3Gt1t1:LSEL'II ELC; XPLO'1:0V '11jO'ovv pu anche
significare (cos intende il Kasemann) che, come si evince da
2 Coro 1,2 I; Gal. 3;27, il battezzato viene integrato nel nuovo Adamo, il che per non si risolve in una partecipazione
al regnum Chrhti.), bens nella sottomissione alla tutela e alla
signoria di Cristo. Se quindi il significato di !3Gt1t1:LSEL'II ELC;
XpLO'1:V '11jO'ovv relativamente stabile, anche l'ELC; 1:V l}aVGt1:0V !3Gt1t1:LSEL'II sar inteso nel senso che il battezzato passa
in propriet della morte di Cristo e in questa viene accolto.
Ad ogni modo, se si tien conto dell'uso linguistico paolino e
in parte ellenistico, la traduzione abbastanza comune essere
,.E.Stommel, Das Abbild seines Todes und der T,mlritus: RQ 50 (I955) Il 4.
6. Pcr questo ed in genere per tutta la pericope 6,I-II dr. R. Schnackenburg Das
Heilsgeschehen bei der Taufe nach dem Apostel Paulm (= MiiThSt ],1), Miin,ben 1950, I.5SS.
7. Bauer, Wb. II34.

Rom.6,J.4

immersi nella sua morte risulta inadeguata alla res de qua

agitur.

Ii'

ii
,

"

, ,

Ed ecco in sintesi il contenuto di questi primi tre versetti:


Dobbiamo rimanere nel peccato e peccare perch la grazia
aumenti? No di certo. Noi siamo morti al regime del peccato.
In che maniera? Quando nel battesimo passammo in propriet di Ges Cristo, o quando, sempre nel battesimo, fummo
realmente incorporati a Cristo, proprio allora fummo consegnati alla morte di Cristo, oppure in quella inseriti e accolti.
Ma quali sono le conseguenze che da ci derivano?
4. Diciamolo in via provvisoria attenendoci al v. 4: la conseguenza un essere stati sepolti con lui e in senso particolare
la partecipazione alla resurrezione di Cristo. L'ouv (v. 4) indica qui una continuazione e una conseguenza. L'7tol}l1vE~V
che avvenuto col nostro passaggio in propriet alla morte
di Cristo, nel battesimo per la sua morte, comporta un CTVV..11q>'ijVI1L con Cristo. Questo CTVV .. I1q>'ijVI1L pu essere implicito, come risulta da 6,8, nell'7tEl}6;vo(.l.EV CTV XpLCT..0. D'altro canto, esso rappresenta la conclusione dell'7tol}l1vE~V, secondo il sentire antico (e non soltanto antico) per il quale l'evento della morte definitivamente compiuto soltanto con 1>1
sepoltura 8. L'Apostolo per non avrebbe probabilmente usato CTVVE.. tiq>1j(.l.EV in luogo di CTVVI17tEl}tiVO(.l.E\I, o forse neppure l'avrebbe aggiunto all'essere battezzati nella morte di
Cristo, se non avesse avuto presente 1'l:-.tiCjl1J della professione comunitaria di fede (cfr. I Coro 15,3 s.; Col. 2,12). Ma ancora una volta vien ripetuto che noi siamo sepolti (con Cristo)
liL "ov ~117t.. (CT(.l.I1"0C; EtC; .. v l}tiVI1"ov, parole che vanno
considerate come un nesso unico 9. Certo sarebbe stato pi
corretto dire, come osserva il Kuss, oL "OV ~117t"(CT(.l.I1"0C; "OV
dC; .. v l}tiVI1.. ov I1v .. ov. Ma una correttezza del genere non
8. E. Stommel, op. cito I 7, Il 9.
9. BlassDebr. 269.272. K. Radermacher 117. KiihI, H.W. Schmidt, IGisemann;
cosi anche R. Schnackenburg, Dar Heilrgerchehen bei der Taute 30. D'altro av~
viso sono G. Bornkamm, Taute und neues Leben bei Pautar, in Das Ende des
Gesetzes (19j2) 34-5, 38 0.6; Kuss, Tauflebre 124 n.j.

Rom. 6,4

32 7
sempre si trova neppure nel greco classico. Inoltre ~ti7t"LO"(.l.I1

deverbale nomenactionis ammette anche un simile nesso senza articolo. Il battesimo, che ci associa alla morte di Cristo e
ci fa morire con Cristo, ci unisce con lui anche nella tomba.
Ora per interviene il pensiero fondamentale di tutto il
contesto. Il battesimo, che ci consegna alla morte e alla tomba
di Cristo e quindi ci fa partecipi della sorte di lui, non ha solo
questo aspetto. Esso ha anche un altro fine e un altro effetto
voluti da Dio, per i quali impossibile la permanenza nel pec~
cato (per aumentare la grazia): si tratta del nostro comportamento v XI1LVo..1j.. L1;w'ijc; che corrisponde alla resurrezione
di Cristo (v. 4b). L'tvl1 ha valore finale. La frase finale si articola ancora una volta sulla correlazione WCT7tEp-oihwc;. In tal
modo non vengono contrapposti tra loro due avvenimenti,
bensi da un lato la resurrezione di Ges Cristo dai morti dall'altro ci che Dio col battesimo persegue ed esige; la n~ova
vita del cristiano, cio del battezzato. La frase introdotta da
WCT7tEp concerne la resurrezione di Cristo dai morti. Sullo sfondo sempre pi riconoscibile una formula di professione di
fede: 7tl}I1VEV -l:-.tiq>1j - Trypl}1j. Da Rom. 8,34 e 2 Coro 5,
15 (cfr. I Thess. 4,14, con VCT"1j) risulta che tale formula
esisteva anche in versione bimembre. Qui Paolo in aggiunta
all'i)ypl}1j precisa il modo in cui la resurrezione avvenuta:
liL .. 'ijc; OO1jC; .. ov 7t11"pOc;, che manca soltanto in alcuni testimoni dell'antica tradizione latina (m Iren. Tert.). In proposito fanno spicco due particolari: I. si parla del Padre senz'altra specificazione, il che accenna forse a un uso prepaolino; 2.00l1 sta in luogo di OVVI1(.l.LC; (cfr. 2 Coro 13,4; anche
Eph. 1,19 s.), e ci dimostra che lo splendore e la potenza sono la stessa cosa. Questo, dunque, avvenuto col Cristo
. morto e sepolto. Ma che avvenuto di noi, battezzati e quindi
morti e sepolti con lui? Siamo stati resuscitati con lui? S e
no. Se l'Apostolo avesse inteso dire che con lui siamo resuscitati, la frase con oihwc; dovrebbe suonare precisamente:
oihwc; Xl1l i)(.l.E~C; CTVV1jypl}1j(.l.EV o sim.; dovrebbe avere insomma una formulazione analoga a quella di Col. 2,I2 e 3,1.3
(cfr. Eph. 2,5 s.). Ma cos non , e alla fine abbiamo alcune

Rom. 6,4

,l!

considerazioni che si riferiscono al nostro 1tEpma"tEiv e che,


presentandosi come integrazione della frase introdotta da tva
col congiuntivo aoristo (=presente), acquistano un larvato
. senso imperativo. 1tEpma"tEiv in senso metaforico si trova ano
che in Epict., diss. 1,18,20 e in LXX 4 BaCT. 20,3; Provo 8,20;
Ecci. II,9; nel N.T. vocabolo usato solo da Paolo, per indicare la condotta di vita, il camminare in senso figurato (cfr.
Rom. 8,4; 13,13; 14,15; ICor.3,3 e passim). Paolo dunque
vuoi dire che nel battesimo siamo morti e sepolti con Cristo,
non propriamente perch anche noi fossimo con lui risuscitati, bens perch potessimo condurre la nostra vita in modo
retto e conforme alla resurrezione di lui. Ma allora non si parla affatto della nostra resurrezione dai morti? Al contrario!
Essa implicita nella frase finale con tva ed poi espressa nella formula v xawo"tT)"tt ~wii. Solo sul presupposto della nostra resurrezione possibile e doveroso un siffatto 1tEpL1ta"tEiv. E questa novit di vita prodotta dal battesimo e fondata nella resurrezione di Ges Cristo. la xawo"tT) 1tVEVl!a"to (Rom. 7,6), il nuovo modo di essere creato dallo Spirito appunto nel battesimo, la sfera nella quale viviamo e nella quale perci dobbiamo anche vivere. Nel battesimo, per viro
t dello Spirito, siamo v XptCT"t1> e quindi xawi] X"tLCTL (2
Coro 5,17; Gal. 6,15), <<nuova creatura, dove non si deve trascurare il senso escatologico di xawo e xawo"tT) (2 Coro
11,25; 2 Coro 3,6; Eph. 2,15; 4,24; Rom. 7,6). Attraversoil
battesimo questa dimensione della <<nuova vita escatologica
divenuta nella fede il nostro spazio vitale in cui ci dobbiamo
muovere e quindi la nostra nuova possibilit vitale che dobbiamo attuare. Noi dobbiamo camminare in modo confor
me a questa possibilit che si dischiusa a noi con la resurrezione di Ges Cristo; dobbiamo attestarla nella nostra esisten
za. Non possiamo, vero, crearla col nostro 1tEpma"tELv, giacch essa si aperta ai battezzati in virt della resurrezione di
Ges Cristo; dobbiamo per darne prova col modo nostro di
vivere. Con questo imperativo, cos accennato, la risposta negativa alla domanda se dobbiamo rimanere nel pecca to riceve
una nuova motivazione. No, non dobbiamo rimanere nel pec-

Rom. 6,4.5

cato, perch nel battesimo siamo, con Cristo, morti al peccato.


Non dobbiamo rimanere nel peccato, perch nel ba ttesimo si
dischiusa a noi la xawo"tT) ~wii proprio affinch conduces
simo la nostra vita in guisa rispondente a quella novit. In
conclusione: dunque non possiamo rimanere nel peccato, per
ch il battesimo, creando, in virt della resurrezione di Cristo
un modo di essere nuovo ed escatologico, esige da noi un'esi:
stenza nuova (cfr. Eph. 2,10).
5 Ma in quale senso si instaurata per noi la xatvoiT) ~wii
nella quale ora pu e deve muoversi la nostra vita? Ci viene spiegato ancora una volta nel V. 5. Si instaurata - potremmo dire in modo sommario - in quanto, col battesimo
siamo divenuti partecipi della risurrezione avvenire e si
quindi aperta a noi la prospettiva della resurrezione. Il V. 5
giustifica (yap) dunque in primo luogo i'v xatvo"tT)"tt ~wii
1tEpma"tEiv, e in senso pi largo l'enunciato complessivo del
V. 4. Al riguardo v' da osservare la nuova formulazione usata
per indicare i due aspetti dell'evento battesimale. Per quanto
concerne il v. 5a, esso si riallaccia al V. 3, rispetto al quale nella sostanza non dice alcunch di nuovo ma soltanto precisa
ancora questo evento del baptismus in mortem Christi. CTUfJ.cpU"tOL yEyoVal!EV un aggettivo verbale con verbo ausiliare.
CTVfJ.cpu"to vale cresciuto insieme, ma gi nell'uso ellenistiC? il s!gnificato appare sbiadito e generico; sarebbe quindi arbItrarlO pretendere che il termine possa indicare soltanto una
connessione fra realt omogenee e che quindi CTVV debba essere
mtegrato con un aV"t1> (XptCT"tI. Dagli esempi raccolti in
Liddell-Scott (i primi risalgono a Platone e Aristotele) emerge
piuttosto il significato generico di connesso, collegato,
unito e sim. Quindi: noi siamo cresciuti insieme (= ci
siamo uniti) e precisamente (si noti il perfetto!) in un evento
unico e irripetibile i cui effetti perdurano tuttora. E il CTVV si
riferisce chiaramente al "t1> Ol!OLWfJ.a"tt "toii Dava"tou aV"toii.
OfJ.OLWfJ.a l'immagine, la copia, come risulta da Rom. 1,23
e 5,14. Nei due passi cristologici (Rom. 8,3; Phil. 2,7) il si
gnificato del vocabolo risulta con nettezza ancor maggiore.

33

,!I

i
,

!l'

Rom. 6,5

o!J.oiw!J.O: O"O:PXC; l.!J.o:p't"io:c; (Rom. 8,3) indica la carne di


Ges, che la stessa carne degli uomini peccatori, eppure non
essa stessa carne del peccato. L'immagine riprodotta e
non la stessa realt raffigurata. Cristo, in quanto v o!J.o~w
!J.o:'t"~ &.v~pW'ltwv yEVO!J.EVOC;, e non uomo; egli O"xn!J.O:'t"~
EVPE~EtC; wc; iiv~pw'ltoC; (Phil. 2,7). Alla luce di questi enunciati va inteso anche l'o!J.oiw!J.O: del nostro passo: l'o!J.oiw!J.O:
't"OV ~o:va't"ou o:\hov la morte di Cristo eppure non questa
morte in quanto tale. E a codesto o!J.oiw!J.O:, alla sua morte e
tuttavia non proprio ad essa, noi siamo stati uniti nel battesimo. Ma che cos' allora l'o!J.oiw!J.O: 't"ov ~o:va't"ou o:v't"ou? La
cosiddetta teologia misterica di Odo CasellO, di cui poi si
fatto propugnatore soprattutto V. Warnach Il, ravvisava nel. l'o!J.oiw!J.O: 't"ou ~o:va't"ou o:\hou, a cui nel battesimo siamo stati uniti, il rito battesimale che, in quanto simulamen della
morte e della resurrezione del Signore, produrrebbe il nostro
morire e risorgere con lui. Ma, in primo luogo, non risulta da
nessun'altra testimonianza della chiesa primitiva che il rito
battesimale dell'immersione e dell'emersione fosse inteso come una rappresentazione della vicenda di Cristo; in secondo luogo impossibile che un rapporto cosi concepito venga
designato con un'espressione come O"v!J.cpu't"o~ YEyOVO:!J.EV 't"0
o!J.o~w!J.o:'t"~ 't"ou ~o:va't"ou o:v't"ov. Per lo meno si sarebbe dovuto dire che siamo stati uniti a Cristo attraverso il battesimo
quale simulamen della morte di lui. Ma, come abbiamo gi not.ato, quel che manca proprio un o:v't"0 o un Xp~0"'t"0. La teologia misterica ha per ragione in un altro senso. Effettivamente Paolo vuoI dire soltanto che noi siamo stati uniti alla
morte di Cristo. Ma con quale morte? Con quella che presente nel battesimo. Ponendo in risalto l'o!J.oiw!J.O: della morte
di Cristo Paolo mira ad evitare che s'intenda la morte di Cristo, a cui siamo stati uniti, soltanto come la morte storica sul
Golgota e quindi come un avvenimento passato. Si tratta inIO. Per esempio: JLW 6 (1926) II 3-24; 8 (1928) 145-224; Dar cbristliche Kultmysterium (41960). Per una disamina esegetica di questa teologia si pu vedere
Kuss, op. cito 13685.
II. Per es. Rom. 6, ALW 3 ([953) 284'366; Rom. 6, ALW 5 ([958) 274-33 2 .

Rom. 6.5

33 1

vece della morte presente nell'amministrazione del battesimo,


e quindi non di quella che si pretende raffigurata nel rito battesimale. Noi siamo stati uniti alla morte presente nel battesimo.
Nel contesto per l'accento non batte propriamente su questa protasi del v. 5. La motivazione decisiva della xo:wo't"1]C;
~wiic; del v.4b sta nella frase principale: xo:t 't"iic; &.vO:O"'t"aO"EWC; O"O!J.E~O:. Non una frase del tutto chiara. Molti esegeti
ritengono che si tratti di un'abbreviazione di &'..I. xo:t 't"0
o!J.o~w!J.o:'t"~ 't"iic; &.VO:O"'t"WEWC; O"v!J.cpu't"o~ O"O!J.E~O:. Il futuro
dovrebbe allora esser considerato logico e il senso della
frase risulterebbe all'incirca questo: se siamo stati uniti alla
raffigurazione della sua morte, ne segue che saremo uniti anche alla riproduzione della sua resurrezione. Ma un'abbreviazione siffatta nel V.5 b quanto mai dubbia tanto pi che la
frase si pu ben intendere alla lettera. 't"iic; &.vO:O"'t"aO"Ewc; un
genitivo di appartenenza ed O"O!J.E~O: un futuro temporale
che richiama un evento escatologico, ossia la futura partecipazione dei battezzati alla resurrezione; in altri termini, richiama la loro resurrezione avvenire, la quale gi anticipata in
quella novit di vita dischiusa dal battesimo con la partecipazione alla morte di Cristo che esso comporta. E cosi il v. 5
risulta essere propriamente una motivazione dell'enunciato
del v. 4, in special modo dell'v xo:wo't"1]'t"~ ~wiic;. Nel battesimo dunque avvenuto quanto segue: I. noi siamo stati (<uniti alla morte di Cristo quale presente appunto nel battesimo; 2. in tal modo siamo stati aggiudicati alla futura resurrezione dai morti; 3. nel senso che questa futura resurrezione sin
d'ora ha dischiuso la nuova dimensione della ~wn e impronta
di s la nostra condotta di vita. Quindi l'Apostolo pu parlare
tanto di un O"U~nO"O!J.EV (v. 8) quanto di uno ~iiv 't"0 ~E0 v
Xp~0"'t"0 'I1]O"ov (v. II) e di x VEXPWV ~WV't"EC; (v. 13).
Dopo aver risposto alla domanda dobbiamo rimanere nel
peccato affinch aumenti la grazia? con un motivato no, con
un richiamo alla nuova situazione di fondo del cristiano prodotto dal battesimo, l'Apostolo, a rigor di termini, potrebbe
ora proseguire con l'enunciato del v. II, ossia con l'esortazio-

Rom. 6,5.6

332

ne a considerarsi morti al peccato e viventi per Dio in Ges Cristo.

i!
I

6. Ma Paolo si accorge evidentemente che non sufficiente


quel che ha detto. La nuova situazione deve essere ancora illustrata sotto un altro aspetto e da ci possiamo vedere quanta
importanza essa abbia per lui. Egli pensa che ci che sta per
dire sia o debba essere noto ai cristiani di Roma (v. 6). Il participio ywwCTXOV'tEC; sostituisce un indicativo 12 che ha in pari
tempo senso imperativo: Questo voi sapete, questo dovete
comunque sapere ... . Il sapere naturalmente il sapere proprio di una fede che capisce, oppure di una fede matura per
capire. Ma che cosa sanno o che cosa devono sapere? An~ora
una volta viene espresso in primo luogo l'aspetto <<negativo
dell'evento battesimale: il nostro uomo vecchio stato crocifisso con Cristo. L'enunciato si colloca accanto a quelli del v.
2: noi siamo morti al peccato, del v. 3: noi siamo stati consegnati alla morte di Cristo, ~el v. 5: noi siamo s.tati u~~ti alla
morte di lui. Ora al v. 6 abbiamo una formulazIOne pm concreta. b 7ta.IXLc; ']~wv iivltpw7toC; non una parte di noi, bensl siamo noi sotto un particolare aspetto, cio <<noi prima del
battesimo e quindi noi con riguardo alla nostra or~gine ~ al
nostro passato adamitici, noi come <<uomo veccblO VIsto
alla luce dell'uomo nuovo. lI nostro uomo vecchio siamo
noi, cos come eravamo prima che nel battesimo si dischiudesse come nostro futuro la resurrezione con Cristo e si rinnovasse coslla nostra vita. Questo nostro uomo vecchio C'UVECT'taupwlh), naturalmente CTV XPLCT'tIjl, come ~U\lE'tliq>T),~E::'
(v. 4) e li7tEMvo~EV C'v XpLCT't1jl (v. 8) e CTU~T)C'O~E~ au:~
(v. 8). Nel battesimo il nostro destino ha potuto tnSenr~I
nel suo per riviverlo e assimilarl? in virt del ~atto, che C~I
sto gi sulla croce ha legato a se e ha accolto tn se proprIO
questo nostro destino; e ci appunto si fa present~ nel battesimo. Della variet di modi con cui l'Apostolo deSigna queBlass-Debr. S 468; J.H. Moulton, Einleitung in dal Griechisch des N.T., Hei
de1berg 19II, 35 2 '3,6.

Rom. 6,6

333

sta realt indice anche Gal. 2,19: XpLC''t1jl C'U\lEC''taupw~aL


(cfr. Gal. 6,14 [5,24]).
Ma quale effetto ha sortito la crocifissione battesimale o
per dirla in altri termini, qual era il fine? Risponde a qu~st~
domanda, con una collocazione chiastica del verbo, la frase finale del v. 6b, la quale in pari tempo consecutiva. Il nostro
essere crocifissi con Cris to Ges nel battesimo ha come scopo
e conseguenza, in primo luogo, la soppressione del corpo del
peccato e, in secondo luogo, la fine della nostra soggezione
all'impero del peccato. 't CTw~a 'tTic; .[J.ap'ttac; il corpo sottomesso alla potenza del peccato, la realt corporea dell'uomo vecchio, signoreggiata dal regime dell'.[J.ap'tta. Secondo
Rom. 7,24 't C'w[J.a 'tov ltavli'tou, secondo Col.2,II 't
CTw[J.a 'tTic; CTapxc;, cio il corpo che in balia della morte perch in esso l'uomo in balia di se stesso. Perci 't CTw[J.a secondo Paolo 13 l l'elemento costitutivo dell'uomo in quanto
persona: anche i risorti vivranno in un corpo (I Coro 15,35
ss.); 2. l'elemento che costituisce la persona umana nel senso
che l'uomo non solo ha un corpo ma anche corpo (cfr., ad
es., Rom. 6,12 s.; 12,1 s.); C'w[J.a dunque l'uomo corporeo;
3. ma l'uomo corpo nel senso che tramite il suo corpo ha
un rapporto con se stesso, pu fare di s l'oggetto del proprio
agire e sperimenta se stesso come oggetto di una sopportazione o sofferenza (cfr. I Coro 9,27; 13,3; Phil. 1,20 e Rom. 6,12
e 8,13: il corpo esegue azioni; l'uomo pu <<uccidere le azioni). In altri termini: il corpo l'uomo nella sua realt fisica
che a lui sottratta e della quale tuttavia pu disporre. E questo corpo (che un corpo del peccato cio la realt corporea dell'uomo segnata e improntata dal peccato) in quanto
tale stato distrutto nel battesimo. xa'tapyE~v, frequente,
come abbi~ visto, in Paolo (cfr. Rom. 3,3.31; 4,14 in contes~ivari,com~anche~7,~.6;.ICor. 1,28; 2,6; 6,13epassim),
SI t~ova sp~$So usato tn tlfenmento a un fatto escatologico di
anntentamento o di eliminazione e non significa solo qualcosa come comprimere nella sua attivit, paralizzare e sim.,

12.

I).

aro K.A. Bauer, Leiblichkeit 1'.2.

334

Rom. 6,61

bens distruggere: ut destruatur corpus peccati, traduce


la Vulgata. Poich dunque il nostro uomo vecchio stato crocifisso con Cristo nel battesimo, la sua realt corporea soggetta al peccato e alla morte, o meglio, egli stesso nella sua realt
corporea stato soppresso, tolto di mezzo, annientato. E quello che noi, battezzati, ancora abbiamo, o pi precisamente
siamo , detto in termini paolini, il corpo mortale che res ta
soggetto (ma nulla pi) alla tentazione e alla morte fisica (cfr.
Rom. 6,12; 8,1 I; r Coro 15,53 s.; 2 Coro 4,II; 504) e in quanto tale il corpo dell'umiliazione in contrasto con il corpo
della gloria (Phil. 3,21) celeste ed occulto. Sebbene noi in
questo corpo abbiamo lo spirito (Rom. 8,3 sS. 23; r Coro 6,
19) e sebbene per questo motivo il corpo sia idoneo alla resurrezione futura (Rom. 8,1 I), tuttavia noi aneliamo alla sua redenzione (Rom. 8,23). Ci in cui noi battezzati viviamo, ci
che noi battezzati, il cui passato finito con la morte di Cristo,
ancora siamo il corpo, tuttora soggetto al peccato (Rom. 6,
12!) e tuttora mortale, ma sottratto al dominio del peccato e
della morte in virt dello spirito della resurrezione che tramite il battesimo e nella fede alberga in lui. Tale appunto il
concetto affermato nel nostro passo con la massima chiarezza
e sicurezza dall'infinito 'tov p''l]X'tL OOV.EVEW i]p,ii~ 't'ii p,o;p'tLft ( 6,6) che segna il passaggio dal discorso sul modo di essere
del cristiano a quello sul modo cristiano di agire. L'infinito finale o semifinale grammaticalmente ha valore epesegetico 14.
Il corpo del peccato stato distrutto nel battesimo e quindi il
b~ttezzato sottratto alla necessit di peccare. Non pi
schiavo del peccato; pu non peccare. Ora egli soggetto ad
un'altra potenza alla quale pu e deve dare tutto se stesso,.
ossia a Cristo.
7. Questa liberazione viene illustrata o confermata nel v. 7 La
proposizione del v. 7 suona come un aforisma di natura generale. Forse Paolo l'ha foggiato sul modello di analoghi enunciati giudaici o forse l'ha addirittura ripreso tale e quale. Si

Rom. 6.. 7.8-10

335

ricordano a questo proposito Shabb. b. 151b: Appena morto, l'uomo libero dai comandamenti di Dio, oppure S.
Num. 112 a 15,31: Tutti quelli che muoiono ottengono l'e..
splazlOne
attraverso l a morte ISS
. i pu confrontare anche .r

".
.
,
.,
o
Pt
e r. 4,1: o 'ltO;uW'oI C'o;PXL 'ltE'lto;V'to;L o;p,o;p'tLo;~.
Nel v. 7 oLXo;LOVQ"l}o;L ha un significato diverso da quello che abituale
in Paolo e ci probabilmente sta ad indicare che l'Apostolo
ripete una locuzione gi fissata nell'uso. OLXo;LOVQ"l}o;L vale qui
esser liberato (cfr. Ecclus 26,29; test. S. 6,1; Act. 13,38 s.;
Herm., viso 3,9,1; ma lo stesso significato si trova anche in
p oim. 9 e in tes ti epigrafici 16). Prettamente paolina per
la specificazione 'lt 't1j~ p,o;P'tLo;~ per indicare la liberazione dalla potenza del peccato che avviene mediante la morte
e quindi anche attraverso la morte battesimale. Vediamo
dunque che nel V. 6 Paolo ha in effetti solo ripetuto quello che
gi aveva esposto, con formulazioni diverse, nei VV. 2a e 3-5.
Ma, ribadendo il concetto con espressioni sempre nuove, l'Apostolo ha confermato e corroborato il suo no alla domanda
dobbiamo rimanere nel peccato? richiamandosi all'impossibilit di un siffatto rimanere. Eppure non ha finito: di nuovo
non intende fermarsi all'aspetto negativo dell'evento battesimale, bens vuoI porre in luce anche il positivo. Ed significativo che per far questo ancora una volta allarghi lo sguardo
sulla vita avvenire che si - dischiusa per noi (vv. 8- I o) e che
ora viene definita come un futuro C'v1;1j'ol XPLC''tt;l.
8-10. Il V. 8 raccoglie anzitutto quanto detto nel v.6 con
una terminologia che quasi identica alla precedente. Abbiamo qui la formulazione pi semplice e chiara. In proposito v'
da osservare che 'ltLC''tEVOp,E'oI O'tL non significa: Se siamo morti con Cristo, crediamo che ... , non vuole cio presentare la
nostra fede come il risultato del nostro esser morti con Cristo'
la frase invece parallela a quella del v. 5: Se siamo morti
con Cristo, vivremo anche - cos crediamo - con lui. 'ltLC''tEVOp,E\I O'tL va dunque inteso a mo' di parentesi ed in quel'. K.G. Kuhn,

Rom. 6,7: ZNW 30 (1931) 30'-310.

16. Cfr. Lietzmann.

Rom. 6,8-[0

,,

sto senso ricorda di sfuggita - come fanno altri enunciati analoghi - che si tratta di fede, al modo in cui, per es., il ywwa-XELV del v. 6 o l'Etln del v. 9 (dr. anche Rom. 13,II; I
Coro 2,2; 2 Coro 4,14; Eph. 1,18; 5,5) indicano una conoscenza della fede. In concreto l'Apostolo si riferisce probabilmente ad una tradizione fissata in formule di cui s' conservata
traccia anche in 2 Tim. 2,II, forse al frammento di un breve
inno. Il a-US1)a-O(J.EV ctu't"0 ancora una volta un futuro non
soltanto (<logico, ma temporale. Ci risulta: I. dal significato
escatologico che hanno abitualmente le espressioni con a-u"
XpLa-'t"0 ('I1]a-oii) (dr. Rom.8,pb; 2 Coro 4,14; 13,4; Phil.
1,23; I Thess. 4,14.I7; 5,10; Col. 2,13; 3,3)" e 2. dalla continuazione della frase stessa, dove si mette in rilievo il perma
nente siiv di Cristo da cui dipende la nostra vita futura, in
quanto essa una vita a-uv XpLa-'t"0 (vv. 9 s.). Queste realt da
noi conosciute nella fede rassodano la fiducia nella nostra vita
con Cristo. Il credente sa in effetti che Cristo, in quanto resuscitato dai morti, sottratto al potere della morte. Tale con" 'ct1to'vvlla-xEL
" '
'"
cetto e, espresso due volte al V.9: OUXE't"L
- 'vctVct't"o ctu't"oii OUX''t"L XVpLEUEL. Del XUpLEUEW dell'a(J.ctp't"Lct si
parla al v. 14, di quella del v(J.o in Rom. 7,1. ll'avct't"o, a(J.ctP't"tct, v(J.o sono potenze che tengono soggiogati a s
gli uomini. Cristo, il Resuscitato dai morti, sottratto alla potenza della morte e, come vien detto in Rom. 14,9, ora egli
stesso (e per sempre) Signore dei vivi e dei morti. Ma la fede sa pure che la vita di Cristo consiste nello siiv 't"0 ll'E0
Nel v. IO ci si trova espresso con un'antitesi che risente della
professione di fede comunitaria: morto-divenuto vivente (dr.
Rom. 14,9; I Thess. 4,14; 5,10 e passim). La morte di Cristo
in 10a viene inoltre cartterizzata in duplice maniera. Anzitutto con 't"U a(J.ctp't"LQ:. Egli morto al peccato, a danno
della potenza del peccato 18, nel senso che ha tolto al peccato
ogni potere sugli uomini, in quanto egli stesso fu reso peccato dal peccato degli uomini, ne fu coperto (dr. 2 Coro 5,21).

Rom.6,8-IO.zr

La seconda specificazione dell'a1toll'ctvEL" di Cristo 1tll'ctVEV cpa1tct: una volta per tutte 19. La sua mort fu un even. to unico, straordinario, definitivo, che, come tale, non pu essere ripetuto ma pu essere ripetutamente rappresentato. L'Apostolo per non fa parola di quest'ultima possibilit, anche
se, come dimostra I Coro I I ,26, essa entrava nel suo orizzonte. Nell' azione cultuale proprio quest'evento unico ed irripetibile della morte di Cristo viene proclamato, ossia vien
reso presente in tutta la pienezza delle sue legittime richieste.
L' esser morto una volta per tutte ha messo capo - attraver
so la resurrezione dai morti - allo siiv, e precisamente ad un
vivere che sempre, ed ora pi che mai, uno siiv 't"0 ll'E0,
un vivere per Dio e, in quanto tale, anche un vivere per noi.
I su equivale ad un 't"TIV SW1)v, 11V su. Il dativo 't"0 ll'E0
un dativus commodi. Esso esprime il docile orientamento a
Dio e la pronta dedizione a lui, ossia quell'atteggiamento di
Cristo che contiene in s un'eternit d'amore per noi edi in
terve~to a nostro favore (Rom. 8,34).

~l._~~ che cosa .risulta da tutto ci per i cristiani ai quali


rivolto il discorso? Secondo l'Apostolo ne risulta unparticolare giudizio, che i fedeli pronunziano su se stessi, una deter
minata convinzione che essi acquisiscono riguardo a s, un'autocomprensione che essi devono fare propria. Per questo -oYLsEa-ll'ctL dr. Rom. 3,28; 8,18; ICor. 4,1; 2Cor. 3,5; II,5;
Phil. 3,1 e passim. Esso non significa (bisogna dirlo a scanso
di fraintendimenti) considerare come se ... , bens conside
rare (una o pi persone) in quanto sono ... . Nella riflessione
del -0YLsEa-ll'ctL si appalesa ai credenti una realt di cui essi
non erano dianzi consapevoli, ossia la realt del loro essere
morti per il peccato, ma vivi per Dio in Ges Cristo. A questo punto l'esser morti con Cristo nel battesimo vien designato, con riferimento ai suoi effetti, come un VEXp E!VctL 't"U
a(J.ctp't"tQ:. E se di Cristo si detto che 't"U a(J.ctp't"LQ: a1tll'ctVEV
(v. IO), proprio per questo dei cristiani, dei battezzati; si pu

17. E. Lohmeyer, I:v Xp~O'"'t'i[l, in Festgobe fUr A. Deissmann (I927) 218-287.


18. Thiising, Per Cbristum in Deum 72.

il
,

337

I9. StiihIin in Th \'V'b l 382 S.

Rom. 6,11

I~
,

il
I

affermare: VEXpOL EtCTLV 'tU I(J.Gtp'tLQ.. E del resto anche di loro


si era detto:l7tdttvo(J.Ev 'tfi I(J.Gtp'tLQ. (v. 2; cfr. 6,6.7). L'esser morti al peccato ha come suo corrispettivo (giacch ancora
una volta all'enunciato negativo si contrappone il positivo) lo
~WV'tEC; (dVGtL) 't@ itE@ v XpLCT't@ 'Il)CTov. Una cosa dunque
risulta chiara: l'v xGtw'tl)n ~wijc; "ltEPL"ltGt'tELV, che si fonda
sulla possibilit di esser partecipi in avvenire della resurrezione di Ges Cristo (v. 5) 6 su un futuro vivere con lui (v.
S), proprio per questo pu esser definito un vivere per Dio
gi nel presente. Il vivere insieme con Cristo (v. S) una possibilit che si apre ai cristiani con la loro rinascita battesimale.
Essi quindi non solo possono, ma devono vivere per Dio (e
non pi per se stessi). Attingendo a quel futuro che si loro
dischiuso, essi gi nel presente vivono per Dio, e in questo
senso devono comprendere se stessi. L'esistenza umana sempre caratterizzata e qualificata dal suo futuro. Questo pu
coincidere col passato adamitico a cui l'uomo si attacca, e cos
avviene per i non battezzati. Ma quando si stati battezzati e
incorporati in Ges Cristo, il futuro si chiama Dio. L'uomo allora nel modo suo di agire e di pensare, nel suo 7tEPL7tGt'tELV
e eppOVELV, palesa la direzione in cui vive: o vive in direzione
di un futuro che in realt non tale, ma solo un passato apertosi con Adamo e quindi necessariamente limitato all'ambito di questo mondo e dell'esistenza finita, oppure vive in direzione di un altro futuro; vive cio del futuro di Ges Cristo al quale il battesimo lo ha destinato e che rimane aperto
nella fede. E il vivere in direzione di questo futuro, che non
nostro, significa SWV'tEC; dVGtL -c@ ltE@ v XPLCT't@ 'Il)CTov 20,
. significa cio esistere per Dio in quell'mbito della signoria
di Cristo nel quale fummo accolti col battesimo. Il battezzato
vive in tale dimensione per effetto di una rinascita (cfr.
Rom. S,I [12,5]; ICor.I,2.30 [15,22]; 2Cor.5,I4; Gal.
3,2.3 ss.; 5,6 ecc.). Non pi vive in dipendenza della sua primitiva origine adamitica, nella quale anzi muore (cfr. I Coro
15,22), non pi vivev CTGtpXL (Rom. 7,5; S, s. [Eph. 2,3; Col.
20.

i i!

S c SP pl

vg<1

bo syP Chrys e altri.

Rom.6,1I

339

2,II ]), in ci che suo, non pi v XCT(J./p (Col. 2,20), nella


dimensione chiusa del mondo e delle sue potenze, bens v
XpLCT't@ 'Il)CTov, nel quale e tramite il quale il battezzato nel
suo essere e nel suo esistere si apre a Dio e quindi vive per Dio.
Per l'Apostolo questo sijv -c@ itE@ v XpLCT't@ 'Il)CTov non
ancora un CTV~ijV XPLCT't@. Ma il vivere conforme a quella
realt futura, perch si muove in direzione di essa, riceve da
.essa la sua impronta.e in questo modo ne costituisce un'anticipazione. I cristiani debbono acquisire la convinzione che questo i}lofom~do di vivere.
.
P?ol<:> dun.quf giustifica l'enfatico (<00 ~pposto alla domanda dI chI mahgnamente stravolgeva la dottrIna sua della grazia,
ricordando che se pigliamo come norma quella realt, nascosta
ancora ma effettiva, che il battesimo inaugura e la fede conserva, non ci pi possibile restare sotto il dominio del peccato. Noi siamo battezzati, cio siamo inseriti nella vicenda
della morte di Ges Cristo. Ma ci significa che noi siamo (con
lui) morti e sepolti ed ora, diremmo, il peccato pu farsi seppellire. A noi per col battesimo si anche dischiusa la futura vita con Cristo e precisamente nel senso che, in direzione
di questa vita futura, sin d'ora possiamo e dobbiamo camminnre in una vita nuova (perch abbiamo una nuova origine).
Quel che eravamo, soggetti cio alla potenza del peccato e
della morte, :finito. Quel che saremo, ossia viventi con Cristo, cominciato. Il nostro vivere si muove quindi gi ora da
quel passato in direzione di quel futuro. Rimanere nel peccato sarebbe contro la nostra realt di battezzati, contro il nostro nuovo essere e la nostra nuova esistenza. Sarebbe un
anacronismo.
Come battezzati, per, dobbiamo non soltanto acquisire
una nuova autocomprensione - appunto di questa nuova vita - ma, nell'mbito della nuova autocomprensione, trarre le
conseguenze pratiche ed anche adeguate. La potenza del peccato e la morte che l'accompagna hanno perduto il loro dominio
e non devono ripigliarlo. Il battesimo in pari tempo un richiamo ad attestare concretamente nella fede che la potenza
del peccato stata debellata. Tale il senso dei vv. 12-14.

Rom.6,II

l'
I

;!II.I

il

affermare: VEXPOL d(nv 'tU t:llap'tLq.. E del resto anche di loro


si era detto: 'cX1tEiM:VOllEV 'tu t:llap'tLq. (v. 2; cfr. 6,6.7). L'esser morti al peccato ha come suo corrispettivo (giacch ancora
una volta all'enunciato negativo si contrappone il positivo) lo
~WV'tE (ErvaL) 't@ i}E@ v XPLCT't@ 'I1]CTou. Una cosa dunque
risulta chiara: l'v xawo't1]'tL ~wii 1tEpL1ta'tE~v, che si fonda
sulla possibilit di esser partecipi in avvenire della resurrezione di Ges Cristo (v. 5) o su un futuro vivere con lui (v.
8), proprio per questo pu esser definito un vivere per Dio
gi nel presente. Il vivere insieme con Cristo (v. 8) una possibilit che si apre ai cristiani con la loro rinascita battesimale.
Essi quindi non solo possono, ma devono vivere per Dio (e
non pi per se stessi). Attingendo a quel futuro che si loro
dischiuso, essi gi nel presente vivono per Dio, e in questo
senso devono comprendere se stessi. L'esistenza umana sempre caratterizzata e qualificata dal suo futuro. Questo pu
coincidere col passato adamitico a cui l'uomo si attacca, e cosl
avviene per i non battezzati. Ma quando si stati battezzati e
incorporati in Ges Cristo, il futuro si chiama Dio. L'uomo allora nel modo suo di agire e di pensare, nel suo 1tEpL1ta'tELV
e q>pOVE~V, palesa la direzione in cui vive: o vive in direzione
di un futuro che in realt non tale, ma solo un passato apertosi con Adamo e quindi necessariamente limitato all'ambito di questo mondo e dell'esistenza finita, oppure vive in direzione di un altro futuro; vive cio del futuro di Ges Cristo al quale il battesimo lo ha destinato e che rimane aperto
nella fede. E il vivere in direzione di questo futuro, che non
nostro, significa ~WV'tE EvaL 't@ i}E@ v XPLCT't@ 'I1]CTOU 2.,
significa cio esistere per Dio in quell'mbito della signoria
di Cristo nel quale fummo accolti col battesimo. Il battezzato
vive in tale dimensione per effetto di una rinascita (cfr.
Rom. 8,1 [12,5]; ICor. 1,2.30 [15,22]; 2Cor. 5,14; Gal.
3,23 ss.; 5,6 ecc.). Non pi vive in dipendenza della sua primitiva origine adamitica, nella quale anzi muore (cfr. I Coro
15,22),nonpivivevCTapxL(Rom. 7,5; 8,s. [Eph. 2,3; Col.
20. S C

oR pl

vg<1 bo syP Chrys e altri.

Rom.6,II

339

2,II]), in ci che suo, non pi v XOCTll!jl (Col. 2,20), nella


dimensione chiusa del mondo e delle sue potenze, bens v
XPLCT't@ 'I1]CTou, nel quale e tramite il quale il battezzato nel
suo essere e nel suo esistere si apre a Dio e quindi vive per Dio.
Per l'Apostolo questo ~iiv 't@ i}E@ v XpLCT't@ 'I1]CTou non
ancora un CTv~iiv XPLCT't@. Ma il vivere conforme a quella
realt futura, perch si muove in direzione di essa, riceve da
.essa la sua impronta.e in questo modo ne costituisce un'anticipazione. I cristiani debbono acquisire la convinzione che questo il loro modo di vivere.
Paolo dunque giustifica l'enfatico <<00 opposto alla domanda di chi malignamente stravolgeva la dottrina sua della grazia,
ricordando che se pigliamo come norma quella realt, nascos ta
ancora ma effettiva, che il battesimo inaugura e la fede conserva, non ci pi possibile restare sotto il dominio del peccato. Noi siamo battezzati, cio siamo inseriti nella vicenda
della morte di Ges Cristo. Ma ci significa che noi siamo (con
lui) morti e sepolti ed ora, diremmo, il peccato pu farsi seppellire. A noi per col battesimo si anche dischiusa la futura vita con Cristo e precisamente nel senso che, in direzione
di questa vita futura, sin d'ora possiamo e dobbiamo camminare in una vita nuova (perch abbiamo una nuova origine).
Quel che eravamo, soggetti cio alla potenza del peccato e
della morte, nnito. Quel che saremo, ossia viventi con Cristo, cominciato. Il nostro vivere si muove quindi gi ora da
quel passato in direzione di quel futuro. Rimanere nel peccato sarebbe contro la nostra realt di battezzati, contro il nostro nuovo essere e la nostra nuova esistenza. Sarebbe un
anacronismo.
Come battezzati, per, dobbiamo non soltanto acquisire
una nuova autocomprensione - appunto di questa nuova vita - ma, nell'mbito della nuova autocomprensione, trarre le
conseguenze pratiche ed anche adeguate. La potenza del peccato e la morte che l'accompagna hanno perduto il loro dominio
e non devono ripigliarlo. Il battesimo in pari tempo un richiamo ad attestare concretamente nella fede che la potenza
del peccato stata debellata. Tale il senso dei vv. 12-14.

34

Rom.6,I2-r4

Il-14. Proprio perch liberati, non dobbiamo pi ridar forza


ai nostri vecchi padroni. Questa l'esortazione che l'Apostolo
svolge nei vv. 2-13 in due proposizioni negative e due positive, alle quali nel v. 14 si aggancia una promessa che segna
anche il trapasso alla pericope seguente 21. Noi non abbiamo
pi, come gi s' visto, il corpo del peccato ed il corpo
della morte, cio nella nostra corporeit non siaQlo pi asserviti a queste potenze. Ma abbiamo ancora lo l}v'rj't"ov Cl"w\J.a
. ed il corpo soggetto alle tentazioni (per esprimere quest'ultimo concetto Paolo non dispone di un aggettivo corrispondente). E nei confronti del corpo mortale e soggetto alle tentazioni dobbiamo e possiamo impiegare la nostra libera determinazione, che naturalmente una determinazione di fede. Dice
Paolo al v. 12: Non regni dunque il peccato nel nostro corpo
mortale s che obbediate alle sue concupiscenze. La potenza
del peccato pu regnare soltanto se le si ubbidisce. E ubbidirle
vuoI dire obbedire alle e:ml}u\J.taL del corpo, alle sue concupiscenze che sono poi sempre tendenze egoistiche 22. In ogni
caso si tratta di un (3aCl"L.EuEW e di un "ltaXauEw. L'infinito
con E~ 't"o (sottinteso \J.li) designa non tanto una conseguenza, quanto il modo in cui si dispiega la potenza del peccato:
al Eml}u\J.taL a't"av sono, per cos dire, il fondamento su CUl
poggia il dominio del peccato in noi, nei mortali. Esse quindi
non sono morte nel battesimo. Il Cl"w\J.a che nutre le concupiscenze non ancora annientato, anche se 't"o l}v'rj't"ov Cl"WlJ.t1: esso continua a vivere nelle sue Eml}ulltaL. Il vocabolo
non qui usato in senso <<neutro, o meglio formale, cio
pressappoco nel significato di intenzione come l'ml}u\J.E~v
di Gal. 5,17 (cfr. Phil. 1,23; I Thess. 2,17); bens designa,
come per lo pi avviene (e in Paolo, al plurale, sempre), una
brama egoistica e quindi una "ltLl}ullta xaxi) , com' detto

i
I

,I

Iii

Il Kiisemann che, al pari di Lagrange, K. Barth, Kuss e altri, assegna i vv. 12.alla perirope seguente, non tiene conto della necessaria connessione fra il tOO?
indicativo dei vv. I-Il ed il tono imperativo dei vv. n-q e neppure della cornspondenza che esiste, pur nella diversa formulazione, fra 6,[ e 6,I5
22. In luogo di "t'a.i:'C; !-r~auJ..L~~C; a.'t'ou p46 D G it lren Tat hanno a\.l't'U che
un'evidente leclio facilior.

Rom.6,I2-14

34 1

una volta in Col. 3,5 (cfr. Rom. 1,24; 7,7 s.; 13,14; Gal. 5,16.
24; Eph. 2,3; 4,22; I Thess. 4,5). Le ml}u\J.taL appartengono, come risulta da Eph. 4,22, all'<<uomo vecchio e ne costituiscono la rovina. Nelle e:ml}ulltaL il passato dei battezzati ritorna, diciam cos, a far sentire la sua voce. Sebbene i cristiani tramite il battesimo, per effetto della rinascita loro concessa, siano divenuti radicalmente nuovi, tuttavia bisogna
che questo modo nuovo di essere venga in ogni momento afferrato e mantenuto esistentivamente nella sua novit. Ora proprio questa cupiditas sui legata alla nostra corporeit mortale
e soggetta alle tentazioni, proprio questa la realt a cui nessun battezzato deve pi soggiacere. Giacch, se il battezzato
obbedisce in questo senso, cio al suo egoismo (Paolo pu
anche dire: Eml}u\J.tav CTapxo 't"E.E~ [Gal. 5,16]), e non uccide le "Itpa1;EL 't"av CTwlla't"a (Rom. 8,13), il peccato e la
morte ripigliano il loro potere.
L'esortazione in forma negativa del v. 12 viene specificata
da un secondo ammonimento al v. 13. E qui vengono adoprate anche altre formulazioni; si dice infatti: <<non dovete porre
le vostre membra a servizio del peccato come armi per l'ingiustizia. "ItapLCT't"avELV significa mettere a disposizione, apprestare, presentare, esibire e sim. Qui, come in Rom.
6,16.19; J2,1 (dove forse vi un'eco del linguaggio sacrificale), il suo significato mettere a disposizione 23. 't" \J.E.'rj
\J.Wv sono le membra del nostro corpo nelle quali esistiamo in
quanto uomini, sono lo strumento del nostro agire (cfr. Rom.
3,10-J8) e quindi, in Col. 3,5, le azioni stesse. Le membra
sono quindi !'Io in quanto agisce di volta in volta in un modo
24
o nell'altr0 Nelle membra io metto a disposizione me stsso, come del resto 't" \J.E.'rj \J.wv del v. 13a s'alterna con au't"aue; nel v. 13b. Obbedire alle concupiscenze del corpo significa che io mi metto a disposizione del peccato nel mio agire

21.

14

23 Horst in ThWb IV 566; Reicke in ThWb v 839.


24 Alle membra non si collegano quindi solo i peccati. come si potrebbe pen-

sare leggendo E. Schweizer, Die Siinde in den Gliedern, in Abraham unser Vater, Festschrift fUr O. Michel (I963) 437 S5.

I
Rom, 6,12-14

Rom.6.f2-I4

i:
l'

l!
I,

ed in ci che serve al mio agire, cio nelle mie membra, quali


01t.~ a&x~~. 01t.~ pu indicare tanto gli strumentiquanto le armi. In Paolo, qui e altrove, il vocabolo ha il secondo
significato (dr. Rom. 13,12;2 Coro 6,7; 10;4). Nel nostro
passo anche il contesto rimanda a questa accezione, giacch il
peccato consegue il suo dominio naturalmente con le armi
e non con gli strumenti 25. Il valore dei genitivi aotx~!1 o
OtX~toC"uv1] sfugge ad una definizione precisa (dr. anche 2
Coro 6,7: "t"ij OtX~toC"UV1], Rom. 13,12: "t"ou cpw"t"OC;). Di so
lito vengono intesi come genitivi di qualit che - secondo l'uso
ebraico - contengono una determinazione specifica di qualcuno o qualcosa (in questo caso delle armi) e fanno quindi le veci
di aggettivi 26. Ma in fondo non sarebbe poi diverso intendere:
armi che conseguono la giustizia o l'ingiustizia, che impongono la giustizia o l'ingiustizia e sim. Le armi insomma pigliano
la loro qualit, ad esempio di armi dell'ingiustizia, perch stanno al servzio dell'ingiustizia e a disposizione del peccato. La
formulazione negativa del v. 13a viene dunque a significare
questo: non bisogna far dominare il peccato cedendo alle brame egoistiche del corpo e mettendo al servizio del peccato le
proprie membra in quanto sono atte a imporre l'alitx~~.
Nel v. 13b Paolo formula il concetto anche in termini psitivi. In proposito v' da osservare: lo L'imperativo presente ... , che impone la fine di quella soggezione all'!J.~p"t"~~ rimasta come retaggio del passato, viene sostituito (v. 13b) dall'imperativo aoristo, che esorta il battezzato ad impegnarsi
subito nel servizio di Dio 27. 2. Come gi abbiamo accennato,
ora si dice: 1t~p~C""t"1}C"~"t"E ~u"t"ou. Noi esistiamo nelle
nostre membra attive. 3. L'opposto di"t"TI !J.~p"t"~q; "t"@ l)E@,
sicch il peccato appare in qualche modo un avversario di Dio,
quasi come il diavolo. 4. Il porsi a disposizione di Dio corrisponde semplicemente al nostro essere x VEXpWV ~GlV"t"E.
2'. Cfr. Kasemann 167: qui, come in 13,13; 2 Coro 6,7; 10,4, fa capolino il motivo
della militia Chrirti. Cfr. anche Kuss, Leenhardt; Thiising, Per Christum 93.
26. Genitivo di qualit (Blass.Debr. 16,).

27. K.A. Bauer, op. cito

1". che si richiama a Blass-Debr. 335.357.

.~43

Ancora una volta si ricorda al battezzato quel che egli ora e


per conseguenza l'evento salutare che si compiuto in lui. oC"EL
col participio significa: pensando a questo che... 28. Non
soltanto una particella comparativa (<<al pari di coloro
che ... ) e meno che mai esprime una finzione (<<come se foste),
bens
rimanda a un dato di fatto che introduce una mo

29
~lVaz.lOne : In quanto SIete coloro che ... . Ma in pari tempo
Imphca un appello ad essere coscienti di questa realt. I battezzati debbono porsi a disposizione di Dio, e non del peccato,
nella consapevolezza di essere risorti da morte a vita, di vive~e, come dice il v. 4, EV x~wo"t"1]"t"t ~wij. Questo appunto li
Impegna a mantenersi a disposizione di Dio, perch proprio
questo rende possibile il vivere per Dio. 5. Viene poi una seconda formulazione che l'antitesi del v. 13a. Le membra dei
battezzati devono essere armi che, guidate dalla giustizia con. seguono la giustizia, e la conseguono "t"@ l)E@, com' detto
per la seconda volta in contrasto con a!J.~p"t"~~. In effetti il
peccato che costringeva a peccare ha perduto ormai il suo
potere assoluto su di noi. Ed finito anche l'impero della
legge che suscit~ e sviluppa il peccato. Ora regna la Xlipt, la
quale Cl comunIca la giustizia di Cristo, che noi quindi dobbiamo soltanto cogliere nella fede. questo il senso del v. 14,
che per, come vediamo, si ricava solo da tutta la concatenazione dei pensieri paolini. Il v. 14 si ricollega con ylip a quanto precede e ne fornisce la motivazione in quanto mostra la
possibilit, che ora data, di mettersi a disposizione di Dio.
n peccato ha finito la sua parte: u!J.G>v o XUptEUEt, cos come
la morte (V.9). In Rom. 7,1 XUPtEuEW detto del vO!J.o, in
Rom. 14,9 del xuptO, in 2 Coro 1,24 dell'Apostolo che non ,
e non vuoI essere, padrone della fede dei credenti. Nel motivare questa tesi al v. 14a Paolo non riporta il discorso sui concetti svolti nei vv _I -II, bens lo sposta - ancora una volta
~on una mossa singolare e inaspettata - sul v6!J.o, messo ora
In contrasto con la Xlipt (v. qb). L'enunciazione positiva
voi siete sotto la Xlipt richiama il discorso di Rom. 5,12
28.

BIass-Debr. 42),1.3.

29 Kiihl. Michd, Kuss, Ridderbos, Kiisemann.

344

i,

Rom.6,I2- I 4

ss., ossia la svolta della salvezza e la nuova situazione salvifica


che si instaurata col dono dell'atto di grazia o di giustizia
compiuto da Cristo. Ma il presente regime della XaPLC; ha il
suo opposto non pi, come in Rom. 5,21, nell'allo:pdo:, bens nel VOllOC;. La parola VOll0C; compare qui per la quinta volta,
dopo 3,20; 4,15; 15,13.20, ed ancora in maniera incidentale.
Il VOll0C; contrapposto a XapLC;, in un contesto volto a giustificare la fine del peccato quale potenza assoluta, appare esso
stesso come una potenza che imperava prima di Cristo e produceva il peccato. L dove regna questo VOllOC;, ivi ogni resistenza al peccato vana. Il VOlloC; infatti suscita il peccato (cfr.
Rom. 3,20; 4,15; 5,20). Ma ora regna la XapLC; e i cristiani
sono soggetti non pi alla legge delle opere, bens alla legge
della grazia di Cristo, a quella legge che ci tiene anche a disposizione di Dio e che, ben lungi dal moltiplicare il peccato,
lo mostra impotente, decaduto, spodestato. Di nuovo tutta
la questione paolina della legge che vediamo delineatsi sullo
sfondo. Essa per non viene ancora affrontata ma soltanto
accennata.
Il contenuto di 6,1-14 si pu quindi brevemente riassumere
come segue: se conseguenza del peccato la grazia - pi peccati, pi grazia -, non dobbiamo forse insistere a peccare con
tutte le nostre forze? No! Perch nel battesimo noi siamo stati aggregati, per quel che eravamo, alla morte di Cristo, ammessi nella sua tomba, e si aperta a noi, in confor-mit ed
in virt della resurrezione di Cristo, una vita nuova, escatologica, alla quale siamo vincolati. La resurrezione si dischiusa
per noi come nostro avvenire ed in questo senso per noi gi
avvenuta. Noi non siamo pi quelli che eravamo, ossia succubi del peccato e della morte: la crocifissione dell' <<uomo vecchio ha segnato per noi una rinascita, un nuovo principio,
perch nuovo il nostro futuro, ossia il vivere con Cristo>"
col Signore, il quale, una volta morto al peccato, non muore
pi, ma vive per Dio. Perci dobbiamo considerare noi stessi
morti al peccato e viventi per Dio in Ges Cristo. Per lastessa
ragione non dobbiamo restaurare l'allo:p-t"~o:, ancora efficace
come retaggio del passato, nella sua condizione di potenza, ma -.

Rom. 6,15-23

345

dobbiamo nelle nostre azioni metterci fisicamente a disposizione di Dio. Ci possibile ora, giacch a regnare non pi
la legge, forza motrice del peccato, bens la grazia, nella quale,
.
col battesimo, siamo stati collocati.

4. Liberati per l'obbedienza (6,15-23)


IS Tt OV\I; a,p.ap"t'llO"wlLEv, O'tI.. ovx CTll,V tJ1tb \l6~ov ,..I. 7t xcipl.V;
J-L'l yVOL'tO. 16 CV" eioa'tE o't!. iil'Itapt.CT'TavE'tE Eau:..co oov.ou E~C:; u'l'taXoT)'v, OOU.OL <J'tE ifl U1taXovE'tE, freol. al1t1p'tLa ELC; ttd.Vt11'OV il unaxoij L OLXI1LOcnlv1)v; 17 X<iPL o -cii> IlEIi> S-cL il"E OOUOL -cij a[.'l1p-

-CLI1 V1t1)XOVcrI1"rE o EX xapoLt1 et 8v 1tapE66Il1)"E "V1tOV oLoaxij,

l' EEUIlEpwllv"E I a1t "ij a[.'ap-cLa ooUWIl1)-CE -cii oLxaLocrvVTI.

19 <iVIlPW1tLVOV yw oLa -c1)V <icrllv..a" "ij crapx VIJ.Wv. Wcr1tEP yll.p


1tapEcr-C1Icra-cE -cII. [.'1) v[.'w" ooua "ii axallapcrL~ xal -cii ';;VO[.'L~ EL
"1)V ';;vo[.'(a", ofi"wvu" 1tl1pacr"1Icra"E -ca [.'1) v[.'Wv ooua -cii OLXI1LOcru"U- E!, ayLaCT[<v. 20 5"E yap OO;;OL il"E -cij a[.'ap"ta, EvIlEpOlo -ll'tE Ti] Ot.XCu.oaUVTI. 21 "t'L'Ja OV" xap1tv EEXE'tE -rO"rE; tep'orC; \lVV
E1tI1LcrXVVEcrIlE, -r: yap -r:o EXE("WV Ilq.VI1"o. "vwl o EEuIlEPWWV-CE a1t -cij a[.'ap-c(a oouWIlV-r:E I "Ii> IlEIi> ~XE-CE -cV xap1t"
,,[.'wv et ';;yLa.CT[.'V, -c I -r:o l;w1)v aLwvLov. "-ca yap 6.yWVLa "ij
a[.'ap-cta Il<iva"o, ,,6 I X';;PLCT[<111:OU ilEO;; l;W1) a'WVLo EV XPLcr,,1i>
'l1)cro;; -r:1i> xup'", 1)[.'Wv.

l' Che diremo dunque? Pecchiam~ perch non siamo pi sotto la legge,
ma sotto la grazia? Non sia mai.

16

Voi sapete che, se vi mettete

al ser~

vizio di qualcuno per obbedirgli, siete schiavi di colui al quale obbedite, quindi o del peccato che conduce alla morte, o dell'obbedienza
che conduce alla vita.

17

Ma, grazie a Dio, voi, che eravate un tempo

schiavi del peccato, avete poi obbedito di tutto cuore a quella forma
di insegnamento alla quale foste consegnati. 18 Affrancati dal peccato,
siete divenuti schiavi della giustizia.

19 (Parlo

alla maniera umana con~

siderando la debolezza della vostra carne). Quindi: come un t~mpo


avete posto le vostre membra a servizio dell'impurit e dell'ingiustizia
e il risultato fu che cadeste nell'iniquit, cos1 ora mettete le vostre
membra al servizio della giustizia, per giungere alla santi:6cazione. 20 In-

fatti quando eravate servi del peccato, eravate liberi rispetto alla giustizia;

21

e quali frutti aveste allora? Tali che oggi vi fanno arrossire

perch il risultato la morte. 22 Ora, invece, che siete liberi rispett~


al peccato e servite Dio, il frutto che ne traete la santi:6cazione e il
fine ultimo la vita eterna. "Infatti il compenso del peccato la morte,
mentre il dono di Dio la vita eterna in Cristo_Ges nostro Signore.

Rom. 6,[5-[6

15-16. Il v. 14b che fornisce una motivazione a quanto stato


dianzi affermato, diventa ora anche il punto d'avvio e il fondamento di una nuova argomentazione. Ed ecco in che modo
ci avviene: Paolo riprende a guisa di parola d'ordine l'CT"tE ...
7I XapLV e vi aggancia la vecchia obbiezione di 6, I formulata
in altra maniera. Si badi che l'ox ... 7I VO[lOV compare in
modo esplicito nella risposta che poi vien data al v. 15. Tale
risposta al quesito del v. 15 ribadisce solo in parte i motivi di
6,2-14, se si prescinde dal non meno energico [li) yVOL"tO. Di
certo le formulazioni passive come 7IO:PEboi}1]"tE (v. I 7b), .EUi}Epwllv"tEc;-bou.w~"tE (vv. 18.22) richiamano variamente
gli effetti del battesimo che hanno investito i neofiti. Ma, senza contare che ora i termini prevalenti per qualificare il fatto
del battesimo o la sua efficacia sono .EUi}EpouV e bou.ouv,
questi passivi si inseriscono in un contesto che rappresenta l'evento del battesimo anche alla stregua di una risoluzione personale. Si comincia al v. 16 con 7Io:pLCT"tavE"tE o:u"tOC; bOu.OUC; dC; 7Io:xo1]v ... 7IO:XOUE"tE e si continua al v. 17b con
7I1]XOUCTo:n. Se noi battezzati non possiamo peccare, il motivo anche che nel battesimo ci siamo risolti all'obbedienza
una volta per tutte. D un lato v' ci che il battesimo ha fatto in noi e di noi, dall'altro v' la nostra decisione di obbedire, presa all'atto del battesimo: queste due realt concorron?
nell'impegnarci a non pi peccare. Insistere ora a peccare Significherebbe un ritorno personale in quel passato al quale
fummo strappati e insieme significherebbe annullare la nostra
risoluzione di fede legata al battesimo e il vincolo nuovo allora
contratto. Il "tL ovv che introduce il v. 15 corrisponde al "tL
ovv pOU[lEV di 6, I. Ancora una volta si tratta di una locuzio
ne caratteristica della diatriba. Essa va integrata cosi: Ora,
che cosa si pu dedurre da ci? o, pi semplicemente: Che
segue ora da ci?. Una possibilit sarebbe questa: Dobbiamo peccare per la ragione che non siamo sotto la legge ma sotto la grazia? . Ma l'esistenza di una tale possibilit viene ri~o
lutamente negata, e ancora una volta con un [li) yvoL't"o.11
v. 16 sviluppa questo <<no con una domanda che insieme
un appello al sapere dei cristiani di Roma (OX Otbo:'t"E O"tL),

347

con una similitudine che richiama una condizione giuridica


e di fatto universalmente nota: quella dello schiavo che deve
obbedire a colui al quale appartiene. Nella costruzione della
frase il secondo ili riprende il primo e rappresenta una lieve
correzione. Letteralmente tradotta la frase suona: Di colui
al quale vi mettete a disposizione come schiavi per obbedirgli, siete schiavi; schiavi, intendo dire, di colui al quale obbedite. La correzione vien fatta perch l'Apostolo costruisce
la similitudine avendo in mente il nostro diventare ed essere
cristiani e solo con una certa fatica trova poi l'aggancio al paragone cos costruito. Se gi 7Io:pLCT"tavELV o:u"toC; bou.ouC;
un'espressione poco o punto comprensibile secondo il diritto tanto romano quanto giudaico - il Lietzmann, sulla scorta
di E. Meyer, Ursprung und An/tinge des Christentums III 472
n., richiama in proposito il fatto che in et imperiale molti si
rendevano schiavi per avere chi provvedesse loro - anche la
formulazione che Paolo usa nella similitudine, 7Io:pLCT"tavELv
o:u"touC; (cfr. v. 13 [19]), 7IO:XOUELV (cfr. v. 12) e in genere
lo speciale risalto dato nel contesto a 7Io:xo1], denotano che
l'Apostolo, come spesso gli accade, guasta un po' la comparazione proprio con quella realt che vorrebbe illustrare. Ci
balza evidente al v. 16b. Nel rapporto normale di schiavit
non vi certamente nulla che possa corrispondere all'antitesi
EtC; i}avO:"tov - ELC; bLXO:LOCTUV1]V: questa si capisce solo tenendo
presente la concezione paolina del peccato o dell'obbedienza
(cfr. 5,12.14.21 ecc.; 6,22.23). Fa specie come vengano qui
indicati, alla stregua di padroni dei bOU.OL, da un lato la
P.o:p"tLo: (ELC; MVO:"tovl. dall'altro la 7Io:xo1] (Etc; bLXO:LOCTUV1]V), mentre come termine antitetico di .[lo:p"tLo: ci aspette
remmo piuttosto bLXO:LOCTUV1] (dC; ~w1]v). Ma ~w1] la bLXO:LOCTUV1], come risulta, ad es., da Rom. 5,18, dove si parla di
bLxO:LwCTLC; ~wiic;. Come si dovr intendere in questo caso la
7Io:xo1]? Probabilmente nel senso di 7ILCT"tLC;, cos come in
Rom. 1,5 si parla di 7Io:xoi) 7ILCT"tEWC; (cfr. 15,18; 16,19.26;
2 Coro 10,5 s.) e come, nella sostanza, 7IO:XOUELV in Paolo e
quivale spesso a 7ILCT"tEUELV (cfr. Rom. 6,17; 10,16; 2 Thess.
1,8 [3,14]). Si pu dunque intendere schiavi dell'obbedien-

a-

Rom.6,L.5-L6.17-L8

349

za come un'antitesi sottilmente efficace di schiavi del peccato. O si appartiene al peccato che porta con s la morte, o
si appartiene all'obbedienza della fede la quale si apre alla btXatOCTUV1]. Con tutto ci la formulazione rimane strana, giacch in nessun altro testo la fede .appare mai come una realt
opposta alla potenza del peccato e formalmente rispondente
ad essa. Ci si potrebbe allora chiedere se U7taXOT) non si riferisca per avventura all'obbedienza di Cristo, della quale si
parla in Rom. 5,I9b e Phil. 2,8. In tal caso bOV.O Ervat 7taxo1jc:; non sarebbe pi una tautologia, ma rimarrebbe singolare il contrasto il7taxoT),a.p.ap"da. Comunque sia, il pensiero dell'Apostolo risulta nel complesso chiaro. Se si sotto (!) la grazia, non si pu dire: Pecchiamo, allora!. Infatti,
com' noto, uno schiavo impegnato in cuor suo all'obbedienza. Ora, questo vale nel caso in cui ci si pone a disposizione, come schiavi, dell'obbedienza (delIa fede o di Cristo).

comune (n"tE boV.ot "t1jc:; a.p.ap"t(ac:;), la proposizione di forma


passiva, che non esce dall'immagine e racchiude in s l'aspetto
sia negativo sia positivo: E.Wl}EPWl}V"tEC:; b... (v. 18). Naturalmente questo .Wl}EPWl}V"tEC:; b a.7t "tfic:; a.p.ap"t(ac:;, ossia l'evento della liberazione, nella sostanza non altra cosa
da quel che in Rom. 6,2 stato designato con a.7tEl}avop.Ev "tU
tX.p.ap"t"(q., oppure da ci che in 6,6 vien detto distruzione del
corpo del peccato e crocifissione delI'uomo vecchio, in 6,7 btxatovcri}at a.7t "t1jc:; a.p.ap"t(ac:;, e i cui effetti sono compendiati nel VExpot ErVat"t'ii a.p.ap"t(q. (Rom. 6,II). La liberazione dei battezzati dal potere del peccato fu un morire e, per
converso, quel morire al peccato fu una liberazione. L'bou.Wl}1]"t"E "tU btXatOCTuvu indica da parte sua l'evento nel quale si
dischiuse ai battezzati la xatv6"t"1]C:; 1;wfic:; (Rom. 6,4) ed essi
divennero 1;wv"t"Ec:; "t@ l}E@ v XptCT"t@ 'I1]CToV (Rom. 6,1 I).
Ora si afferma che proprio questa vita nuova" un legame
nuovo. La novit di vita, che, come abbiam sentito, esige
un camminare in questa nuova vita, in pari tempo la vita
di coloro che nel battesimo sono vincolati alIa giustizia, la vita di coloro che, tramite il battesimo, furono consegnati alla
giustizia come schiavi. bou.ovv significa rendere schiavo
(dr., ad es., I Coro 9,19), al passivo esser fatto schiavo, come, per es., in Rom. 6,22; I Coro 7 ,I5; Gal. 4,3; Tit. 2,3. "t'ii
txatOCTuvu del v. I8 corrisponde a "t@ l}E@ di 6,22. Ma il dativo "t@ l}E@ normale per indicare la persona o cosa di cui si
vien fatti schiavi, ad es. Tit. 2,3: "t@ o~v<tJ l. Secondo Paolo la
vita umana sempre soggetta a una potenza - sia essa i) a.p.ap"t(a o i) btXatocrUv1] - che la reclama per s. La libert dell'uomo, acessibile soltanto nelIa fede mediante il battesimo, consiste nel potersi impegnare, da battezzato, all'obbedienza. E
proprio la libert di questa decisione o la decisione di questa
libert una xaptc:; della quale siam debitori a Dio. Sin qui il
contenuto dei vv. I7 e I8 risulta chiaro.
Ora per, nel v. I 7, dopo l'enunciato: Eravate schiavi del
peccato, e in riferimento ad esso, si inserisce un'altra propo-

17-18. E voi - cos continua l'argomentazione - avete effettivamente compiuto questo passo, vi siete decisi all'obbedienza verso il "tU7toc:; tbax1jc:; (v. 17). Per la verit la formulazione del v. 17 non cos lineare, perch in essa l'enunciato test
riferito s'incrocia con un altro: E voi eravate schiavi del peccato, ma siete stati liberati dal peccato e siete divenuti schiavi
delIa giustizia (v. 18). A proposito del v. 17 si osservi: a) il
ringraziamento rivolto a Dio; la svolta risolutiva consiste nel
ringraziare Dio. Questa formula (Xaptc:; b"t@ l}E@) ricorre sovente .negli scritti paolini quando vien preso in considerazione un qualche rivolgimento con tutto ci che esso comporta
(confronta Rom. 7,25; ICor. 15,57; 2Cor. 2,14; 8,16; 9,
14). L'Apostolo si esprime alIora nello stile delIe preghiere
di ringraziamento (Michel), cio non solo rileva il fatto, ma
ringrazia, e appunto con accenti di gratitudine e non in tono
semplicemente obbiettivo parla delI'avvenimento che segna
la svolta. b) Questo ringraziamento a Dio ha per oggetto l'e,
vento, che nel suo aspetto 'negativo vien presentato in un modo solo, mentre per l'aspetto positivo la formulazione duplice, attiva e passiva. Anticipiamo, dopo l'enunciato negativo

,.
"

lo

Gr. Philostr., vito Ap. 2,36: tnt -rv OLVOV, come Gal. 4,3: u~ -rt O''t'o~XEi:a..

35

Rom.6,L7-L8

sizione che non ha pi come oggetto quel che il battesimo ha


prodotto nei neofiti, bens quel che essi hanno compiuto quando si attu la loro liberazione. Cos, a mio avviso, si deve qualificQfe, sotto l'aspetto formale, l'accostamento di un'espressione col verbo attivo e di una col verbo passivo ll7tT}XOVO"o:"tt
- 1to:pt06l}T}"tE. V1tT}XOVO"o:"tE un aoristo ingressivo: essi hanno abbracciato l'obbedienza, sono divenuti obbedienti. Erano
schiavi del peccato, ma (o!) hanno preso una risoluzione, sono entrati in un diverso rapporto di obbedienza. E questo
ll7tO:XOVO"O:L avvenuto x xo:po~o:, il che, nel linguaggio paolina, significa: nell'intimit pi profonda e inaccessibile della
persona. L'espressione x xo:po~o: nel N.T. si ritrova tale e
quale soltanto in I Pelr. 1,22 con riferimento all'yo:1tiiv .."Jj.ou; vi sono per le espressioni analoghe ~ (i.T} ("tn)
xo:po~o: (O"ou) di Mc. 12,30.33; Lc. 10,27; Acl. 8,37 var., oppure x xo:l}o:pii xo:po~o: di I Tim. 1,5; 2 Tim. 2,22. Il concetto si coglie per anche l dove Paolo designa (Rom. 10,9)
il1tLO""tEUELV come un atto compiuto dal cuore (v "tTI xo:pl~q.
~'"
~
,.
O"ou), cf r. Rom. 10,10: Xo:poLq:1tLO""tEUE"tO:L
EL oLXO:LOO"UVT}V.
L'u1to:xouELV e la U1to:xo"Jj EL OLXO:LOO"UVT}V sono dunque la
fede obbediente che si attua nel cuore, col cuore, dal
cuore.
Ma a chi va questo U1to:xovO"aL per il quale siamo strappati
al dominio del peccato? La risposta contenuta nel v. 17b:
EL cv 1tapEo6l}T}"tE "t"U1tOV oLoaxn. questa un'antitesi nuova e singolare deloov.oL "tn ~ap"t~o: E~VO:L. Con ogni probabilit 2 la formulazione va cos risolta: "tii> "tumjl OLOO:Xn,
d cv 1to:pEo6l}T}"tE. Il dativo in u1taxovO"aL "tii> "tumjl risponde
pi o meno a quello di Rom. lO, l 6: U1taXOvELV"t"ii> tUO:YYE~(jl (cfr. 2 Thess. 1,8). Ma che cos' il "tU1tO oLoaXn?
.

- '

2. Altri imendono cos: il1tT))tOVaa"tE dc; 't'V "tU1to'V o~oaX1)e;, 8'V 'JtapEOOa1)"tE, do
ve 8" 'JtapEo61h}'tE sarebbe una costruzione personale in luogo di Be; 'Jtapdi6b1) iI~u;'V, cos come in Tit. 1,3 abbiamo a 'JtLCT'tEV*n'V EyW (dr. 1 Thers. 2,4; Gal. 2,7;
1 Cor.9,17 ed anche Rom. 3,2). Ma assai dubbio che napaootn;'Val. ammetta, al _
pari di 1tLO""tEuDi)'Val., un costrutto personale, e cos pure che unaxovEl.v E~ possa
significare -in considerazione di, con riguardo a, mentre sarebbe corrente un
dativo. Cfr. Zahn, BlassDebr. 294,.5; Biichsel in ThWb II 173; L Kiirzinger,
-nJ7tOC; o~oaxii und der Sinn von Rom 6,7/: Bib 39 (19.58) 156-176, 170 s.

Rom.6,L7- 18

3jI

Delle molte accezioni di "tU1tO solo tre nel nostro caso si possono prendere in considerazione: l. "tU1tO la forma, "t"u1tO OLOO:Xn la forma dell'insegnamento, nel senso di una
dottrina che esiste in una forma particolare, dove forse influi.
sce anche un altro significato di "tU1tO, ossia modello, e.
semplare. In concreto si potrebbe pensare alla OLOO:X"Jj nella
forma di un simbolo battesimale, o anche a una dottrina fissata a mo' di catechismo e tramandata oralmente (cfr. I Coro
II,23; 15,1 SS.)3. 2. "t"U1tO pu significare anhe contenu.
to, ad es. 3 Mach. 3,30: "tne; 1tLO""tOne; "tU1tOe;, ep. Ar. 34;
Acl. 23,25; inoltre Iamb!., vii. Pyth. 35,259: "t"wv yEypa~
~vwv. In tal caso il senso della frase verrebbe ad essere: divenuti obbedienti verso il contenuto dell'insegnamento al quale siete stati affidati. Per quanto concerne 1tapaoLo6vaL si
potrebbe anche supporre un significato specifico quale si trova
in un'iscrizione del tempo dei Nabatei scoperta in Transgiordania ': 1to:pEo6l}T}v de; ~a.l}T}O"LV "tXVT}e;: fui messo ad imparare un mestiere 5 e quindi nel nostro passo: fui affidato
a ci che insegna la dottrina, perch lo imparassi. 3. "tU1tOe;
pu anche indicare una particolare conformazione della dottrina, un tipo d'insegnamento (cfr. Iamb!., vito Pylh. 23,
10 5: "t"U1tOe; "tne; oLoaO"xO:~ac;). Ma evidente che la terza
e la seconda accezione hanno poco senso nel nostro contesto 6.
A quale specifico tipo d'insegnamento furono affidati i battezzati di Roma? E perch dar risalto al contenuto della doto
trina anzich semplicemente alla dottrina? La prima accezio.
ne merita quindi, a mio avviso, di essere preferita. Essa si at.
taglia benissimo alla situazione del battesimo che l'Apostolo
ha davanti agli occhi e nella quale effettivamente avveniva la
consegna o l'affidamento a una professione di fede battesima3 Qualcosa c~me una professione di fede da recitare durante l'amministrazione
deJ bauesimo (Kiisemann). Cfr. Sanday-Headlam, Kuss, Ridderbos; Bornkamm,
T aule und neue! Leben bei Poulus, in Das Ende des Gesetzes (Z19.58) 34-5 ..5 8 .
4 Cfr. A. Fridrjchsen, Exegetisches zum N.T.: ConiNeot 7, Lund 194 2 ,4- 8 .
,. Bauer, Wb. 1220.
6. Cos come non hanno senso il cristianesimo in generale (Lietzmann) oppure
l'ammaestramento morale (Lagrange, Huby.Lyonnet).

I
I

35 2

I '

Rom.6,El-L8

le nel senso che questa veniva comunicata al battezzando sot'"


1 L" U1t1]XOUCTa."tE
,
, Xa.puLa.C;
~,
. da
to'forma d iO(lOIl.OyLa..
... EX
ncor
da vicino Rom. 10,9 s., dove si trovano accostati 1tLCT"tEUEL\I e
(lO .OyEL\I.
.
Non mancato naturalmente chi ha. fatto notare la stranezza dei termini e la singolarit dell'introduzione di 6,17b fra il
v. 17a e il v. 18. Da ci il Bultmann 8 ha tratto la conclusione
che il v. 17 sarebbe una glossa tardiva. Ecco i suoi argomenti
principali: 1. terminologia non paolina: x xa.pOta.C;, "tU1tOC;
OLOa.XTiC;; 2. senza l'introduzione di 17b l'enunciato di 17 a +
18 presenta un'armoniosa struttura bimembre. Ma si pu obiettare: 1. x xa.pOta.C; ricorre, come abbiam visto, solo due
volte nel N.T. e di rado con qualche variante; l'assenza di altre attestazioni in Paolo non ha quindi alcun peso, tanto pi
che il concetto non estraneo all'Apostolo. "tU1tOC; OLOa.XTiC;
un'espressione unica nel N.T. e nella rimanente letteratura
protocristiana, sicch anche qui la mancanza di altre attestazioni in Paolo non significa nulla. 2. Per quanto concerne la
struttura dell'enunciato, essa appare effettivamente maldestra: U1t1]XOUCTa."tE o troppo contiguo a .Eu}EpwlM\I"tEC; U.
Ma proprio nei nostri capitoli, ed in genere l dove Paolo sv?lge un'argomentazione, l'impaccio stilistico non ha nulla d'msolito. E soprattutto bisogna considerare che, nell'mbito del
nostro contesto, il breve enunciato di 17b risponde addirittura ad un'esigenza dell'argomento. Per vero, soltanto in 17b si
dice che per i cristiani un 1ta.pLCT"ta\lEL\I a.u"tOC; oou.OUC; ELC;
umxxoT)\I avvenuto gi all'origine, si menziona cio l'altro
aspetto dell'evento battesimale che l'Apostolo tiene qui presente, ossia l'obbedienza della fede a cui proprio nel battesimo ci impegnammo. Se la nostra pericope opera di un interpolatore il quale seppe cogliere appieno l'intento dell'Apo-j
stolo, bisogna ammettere che costui doveva essere un glos~a
tore molto attento e non certo uno stupido, come lo chIama il Bultmann.
7. E. Norden, Agnostos Theos (1913) 270 s.
.
8. ThLZ 72 (1947) 193'198; cfr. anche E. Fuchs, Freiheit 44; Leenhardt; dl altro parere sono Kuss, Goppelt in ThWb VII 2jI; Kiisemann.

Rom. 6,1"9-20

353

19- 20 . Ma su ci, basta! Paolo, il quale ringrazia Dio che i cristiani di Roma nel battesimo si siano risolti per l'obbedienza
all'evangelo e siano stati liberati dalla potenza del peccato, divenendo schiavi della giustizia, trova inadeguata l'espressioneOou.W}1]"tE "tTI OLXa.LOCTU\lU'. Si scusa quindi, in certo
mo~o, nel v. 17b specificando di parlare umanamente, a
motivo della debolezza della loro carne (cfr. 3,5). L'espressione \l}pw1tL-vO\l .yw significa qui pressappoco: mi servo di
un'immagine tolta dalla vita umana IO, parlo per analogia
con i rapporti umani. OL "t"]\I CTM\lELtl.\I "tTic; CTtl.pXC; U(lW\I
giustifica appunto, questo modo di parlare appellandosi alla
finit~zza umana (carnale) e ai limiti dell'intelletto, il quale pu
coghere l'argomento soltanto in categorie cos insufficienti come questa: schiavi della giustizia. In tale accezione - ossia
per indicare la finitezza del linguaggio nel senso pi profondo - CT}\lELtl. ritorna in Rom. 8,26. La scusa per il proprio
modo di esprimersi non riguarda l'uso dei termini oou.OU\I
oou.OC;, OOU.EUEL\I in quanto tali. Anche altrove Paolo parl~
del ~ristiano come di un oou.oc; XpLCT"tOU (I Cor, 7,22), oppure d! se stesso, apostolo, come di un OOU.OC; XPLCT"tOU 'I1]CTou
(Rom, l,I; Phil. l,I; Gal, l,ro ecc.) e adopera il verbo oou.EUEL\I per qualificare la vita cristiana (Rom, 7,6; 12,II; 16,
18 [XpLCT"t@]; I Thess. 1,9 [}E@ ... ])' Nel nostro contesto
egli si riferisce evidentemente all'oou.w}1]"tE "tTI OtXtl.LOCTU\In. Questa schiavit in effetti libert, libert della giustizia e quindi anche libert per la giustizia, ossia libert
nell'amore e per l'amore sul presupposto della libert dalla
legge (cfr. Rom. 8,2 SS.; 2 Coro 3,17; Gal. 5,1.13; anche I
Cor, 7,23).
La dichiarazione dell 'Apostolo al V. I 9a si riferisce in primo
luogo a quanto stato test detto. Ma si riferisce anche alla
parte seguente, in cui Paolo ritorna quasi inavvertitamente al
9 o~xa.t.oO'u'VT) nei vv. r6.18.19 ha lo stesso significato che in IO 3; Miche!: La
~u.stizia. ch.e il cristiano riceve nella fede in pari tempo la giu~tizia al cui serVIZIO eglI Vien posto ed il fine al quale viene chiamato.
IO. Cfr. le espressioni simili, ma diverse per il senso, in Rom. 3,5; Gal. 3,15; I
Cor9.8.

'

354

Il

Ii

tono imperativo, ora - dopo una fase, diciamo cos, di avviamento come in 5,12 ss. - con proposizioni regolari, strutturate in maniera relativamente chiara. Il v. 19b costruito
a mo' d'antitesi con wcr1tEp-oihw; in esso il parallelismo, eccezion fatta per una piccolezza, si estende fino ai singoli elementi della proposizione. Allo stesso modo i vv. 20-22 si ri
solvono in un parallelismo abbastanza elaborato; in pari tempo essi forniscono una motivazione all'imperativo del v. 19b.
L'antitesi del v. 23 giustifica ed insieme ribadisce le conclusioni rispettivamente dei vv. 2 I e 22.
Il ya.p del v. 19b si pu intendere come una generica particella di transizione pi o meno in questo senso: si pu dire
cos. Ma pi probabilmente si riferisce, con valore esplicativo e giustificativo, al v. 18. Prima del battesimo la situazione
era questa: gli uomini (compresi coloro ai quali Paolo si rivolge) nelle loro membra, e quindi nelle loro azioni, si mettevano
a disposizione, come servi o sudditi, della a.Xa:i}a:pcrLa:
e dell'a.vo!J.La:. oou-a: aggettivo e qui rafforza il1ta:pEcr"t"ncra:"t"E. L'articolo premesso ad a.Xa:i}a:pcrLa: e a.VO!J.La: pu significare l'a.Xa:i}a:pcrLa: e l'a.VO!J.La: che conosciamo, oppure, come
nel caso di i) a.!J.a:p"t"La:, pu designare la potenza dell'a.xa:i}a:pcrLa: o a.VO!J.La:. Il termine a.Xa:i}a:pcrLa:, che nei cosiddetti cataloghi di vizi si trova accostato a 1topvda: (Gal. 5,19; Eph. 5,3;
Col. 3,5; anche 2 Coro 12,21), significa <<impurit di ogni
genere (cfr. Eph. 4,19; 5,3: a.Xa:i}a:pcrLa: 1tiicra:), ivi compresi
i sentimenti (cfr. I Thess. 2,3; Barn. 10,8). Nel suo aspetto di
impurit sessuale l'a.Xa:i}a:pcrLa: , secondo Rom. 1,24, una caratteristica del mondo pagano. Non ad essa Dio ha chiamato
i cristiani (I Thess. 4,7). a.vo!J.La: s'alterna in Rom. 4,7 (=
\fi 82,1 LXX) al plurale con [ka:p"t"La: ed in 2 Coro 6,14 l'opposto di OLXa:LOcrUV1j. In 2 Thess.2,3 si parla dell'Anticristq,
come di !ivi}PW1tO "t"ii a.VO[kLa: (var.: !J.a:pda:) ed in 2,7
del !J.ucr"t"npLOV ... "t"ii a.VO!J.La: (cfr. Tit. 2,14; inoltre I lo. 3,
4). L'a.vo[kLa:, nel suo duplice aspetto di opposizione ai co~
mandamenti di Dio e di licenza che si crea da s i suoi comandamenti, caratterizza l'apostasia negli ultimi tempi. Mettersi
a disposizione di questa a.VO!J.La: significa altres raggiungerla,

Rom.6,19- 20 . 2 I

355

e ci appunto indicato da EL a.VO[kLa:V. Di contro a questo


vecchio servizio che un residuo del passato pagano ma in verit anche un'anticipazione del tempo che s'approssima alla
fine, bisogna ora mettersi a servizio di quella giustizia che mira alla santificazione (v. 19C). Il vuv ha un forte rilievo. Esso
designa il tempo presente che per il singolo cominciato
col battesimo, il tempo nel quale il battezzato si trova e che
affonda esso stesso le sue radici nella svolta escatologica. In
effetti, secondo Paolo, il battezzato vive in un tempo nuovo,
diverso da quello del non battezzato. Una spiegazione di questo concetto si ha nei vv. 21 s., dove il vuv contrapposto ad
un "t""t"E e riferito con ogni evidenza al battesimo inteso come
la svolta nella vita del singolo, che corrisponde alla svolta escatologica. Mediante il battesimo il singolo viene accolto nel vuv
del tempo finale cominciato con la manifestazione della giustizia di Dio in Ges Cristo (cfr. Rom. 3,21). Ora, dice l'Apostolo, dovete prestare un altro servizio; ora dovete mettere
voi stessi e le vostre membra al servizio della OLXa:LOcrUV1j nella certezza che ooU-Wi}1j"t"E "t"TI OLXa:Locruvn (6,18) e che, oou-Wi}V"t"E"t"<ii i}E<ii (6,22), siete pervenuti all'obbedienza. Anche qui l'uso dell'articolo vuole con ogni probabilit indicare
la giustizia come la potenza determinante. Si tratta - non
dimentichiamolo - della giustizia giustificante di Dio apparsa
con Ges Cristo (cfr. 5,q.18.21), nella quale il credente si
inserisce, divenendo cos giusto, quando - nella fede! - si
mette al suo servizio. Il credente perviene allora EL a.yLa:CT!J.v. In Paolo yLa:CT!J. pu significare tanto santificazione (I Thess. 4,3.4.17; 2 Thess. 2,13 [I Tim. 2,15?]) quanto santit (I Coro 1,30), intesa per sempre come il risultato
di un servizio prestato a Dio 11 e prestato nella santificazione.
Questo imperativo del v. 19c viene ora pi precisamente motivato nei vv. 20-22 con riferimento al "t""t"E e al VUv.
2 I. In quanto schiavi del peccato, eravate liberi rispetto alla ILX!XLOcrUV1j. "t"TI OLX!XLocrUvn dativo di relazione. -Eui}EII.

aro Sanday-HeadIam, Kiihl, Lagrange, Sickenherger e altri.

Rom,6,21

l'
I

pOL 1j't"E 't"TI &xaLOCTVVU suona quasi ironico. In effetti esser


liberi rispetto alla giustizia non libert, bens schiavit.
Ma questa libert", che una schiavit nel peccato, rendeva
poi qualcosa? La risposta viene dal v. 21 che consiste di due o
tre frasi con domanda e risposta, e non solo di una. I frutti della trascorsa schiavit nel peccato e nella libert,> dalla giustizia sono tali che ora ve ne vergognate. Eep' oLC; va integrato con
't"oLaiha. Di solito l'oggetto di E7taLCTxvvo[1aL viene espresso
con l'accusativo 12; ma Bauer, Wb. 558 nota che in Is. 1,29 si
trova , come variante, un E7t( "tLVL, detto di cosa. xap7tOC;,. quan. .
d' usato con valore metaforico, ha sempre in Paolo un slgm
ficato positivo (dr. V.22; Phil. l,II; Gal. 5,22; Eph5,9)
L'eccezione del nostro passo dettata dal contrasto parallelo
del v. 22. I risultati della cosiddetta libert erano in ogni caso
tali, da far vergognare i cristiani ora che il loro vovc; rinnovato (Rom. 12,2) ed essi hanno acquisito una nuova comprensione della volont di Dio (cfr. Eph. 4,23; Col. 1,9 s.; Phil. I,
9 ss.) 13. Ma perch ora si vergognano delle cose che quella
libert,> regalava loro? La risposta molto concisa (v. 2 I b).:
il loro 't")"oC; la morte. Non per una risposta del tutto umvoca. Pu voler dire che quelle cose mettono capo alla morte
concepita alla stregua di xa't"a.xpL[1a (Rom. 5,16.18; 8,1).0 di
.7tw)"ELa (Rom. 2,12; 9,22; Phil. 1,28; 3,19), ed allora SI dovrebbe intendere che i cristiani arrossiscono ora di quelle cose
perch pensano all'onta che subiranno nell'ultimo giudizio (a
favore di questa interpretazione si potrebbe citare Gal. 5, I 9
ss.). Ma la risposta pu anche significare che la morte il fine (occulto) di quelle cose, ci verso cui esse sono orientate,
pi o meno come in Rom. 8,6 si parla del eppovll[1a "tiic; CTapxoc;, che la morte. In tal caso il vergognarsi di queste cose
starebbe ad indicare una ripugnanza metafisica (se cos si pu
dire) per questo frutto di morte, la quale ripugnanza prende
ora i convertiti proprio in quanto san divenuti cristiani. Tale
dunque era il peccato visto alla luce del presente. Ma il presente poi com'? Ce lo dice il v. 22.
I2.

Blass-Debr. 149.

I3. Eph. 5,8

5S.

pu servire da commento al nostro passo.

357
22. L'articolazione dell'enunciato non esattamente parallela a quella del v. 21. Non v', anzitutto, la frase interrogativa; inoltre il frutto non viene qualificato menzionando il
giudizio che ne dnno ora i cristiani, bens indicando con Etc;
.yLaCT[10V il fine ed il risultato di quel frutto. Ora i cristiani
godono della vera libert; ora prestano il giusto servizio, quello cio dei servi di Dio, e cos hanno il loro frutto che
orientato verso la santit e conduce ad essa. Gal. 5,22 enumera questo frutto (xap7tOc;al singolare) come frutto dello Spirito,>. Esso viene alimentato e portato a maturazione quando
ci si lascia guidare dallo Spirito nelle 7tpa.ELC; (Rom. 8,I}b s.).
E sempre a proposito di questo frutto va detto che esso rende
ai cristiani la swi) atwvLoc;. Ora il discorso non verte pi sul
"t)"OC; del <<frutto", bens sul "t.OC; di coloro che hanno il
"frutto,> dc; tXYLaCT[10v. Per loro sotto il frutto si trova la swi)
tXLWVLOC;; quindi per loro sotto la santit spunta la vita eterna.
L'accusativo swi)v atwvLov dipende anch'esso da EXE"tE. I battezzati hnno come scopo e risultato la vita eterna,>.

23 Questo versetto fornisce una motivazione dei vv. 2IC e


22C. un enunciato di carattere generale, che ancora una volta met,te in luce la connessione, tanto importante per il cap. 6,
fra peccato e morte da una parte, grazia di Dio e vita dall'altra. In ci molto significativa anche l'antitesi che, proprio in
ragione dell'argomento, non pu risultar puntuale. Non si legge infatti: la ricompensa del peccato la morte, la ricompensa della giustizia (o della santit) la vita,>, bens: <<la ricompensa del peccato la morte - il dono di Dio invece la vita
eterna in Ges Cristo, nostro Signore. 't"tX ljJwvLa (cfr. Le. 3,
14; I Coro 9,7) il soldo, la paga,> del militare l'. In 2 Coro
I 1,8 si trova nel significato di compenso. Il peccato dunque paga col soldo della morte chi milita per lui (6,13!); Dio
invece elargisce come dono della sua grazia la vita eterna in
Ges Cristo, nostro Signore. Non sono dunque la giustizia o la
santit a pagare (anche se in un certo senso si potrebbe dir
14 HeidJand in ThWb v 592.

Rom.6,2J

I:

cos), ma Dio. E Dio non retribuisce con una mercede: befo's


dona. xa.p~O"lla; pu indicare una elargizione straordmana,
quale si faceva per esempio all'avvento di un nuovo sovrano
(donativum) 15. Ma se l'Apostolo ha qui in mente il donativum, di certo lo ricollega a quel che per lui significava Xa.P~
C"lla; in Rom. 5,15.16: il dono di grazia nell'atto di grazi~ co~
piuto da Dio in Ges Cristo. Questo donativum di DIO - il
suo libero dono di grazia - la r;wi) a;twv~oc; (cfr. Rom. 5,1718.22) e precisamente la vita eterna v Xp~C""t0 'I1lC"ou"t0 ~u
PL<p TJllWV. Ancora una volta qui, come in 6, I I; 5, I I. 2I , vle~
posto a mo' di conclusione, e quindi fortemente inculca~o, I~
concetto che la r;wi) a;twv~oc;, la quale dono della graZia di
Dio, si riceve nel Signore, e insieme col Signore glorificato.
Questo donativum, che compete al servizio ed al frutto della
giustizia e della santit, un puro dono e viene concesso com,:
vita eterna in colui e con colui al quale ci siamo assoggettati
nella fede tramite il battesimo.
In conclusione come la prima, cosi anche la seconda parte
del cap. 6 (6,15-23) ha di mira il battesimo. Essa comincia con
una domanda analoga a quella che introduce la prima parte
(6,1 -I 4) ed anch'essa risponde alla domanda CO? un richiamo
al passato ed al presente, che nel battezzato SI contrappongono come la morte e la vita. Ma Paolo usa ora una diversa
terminologia: oou.OUV-.EUl}EPOUV, mettendo in forte r~lievo
lo stato presente del cristiano. Egli accentua inoltre la ~Isolu
zione presa dal neofita all'atto del battesimo e, proprIO ?el
bel mezzo delle sue considerazioni,. passa al tono parenetlco
(v. 19bc). In complesso per ripete il concetto fondamentale
che non pi possibile per noi rimanere nel peccato, giacch,
provenendo da una nuova esperienza che implica altresi un.a
nuova decisione, ne siamo stati affrancati e ce ne siamo hberati', siamo entrati in un modo nuovo di essere ed in una
nuova esistenza.
15. Zahn, Gutjahr, Michel e altri; Pauly-Wissowa v 1533.

Rom. 7,1-6

359

5. La libert dalla legge (7, I -6)

7 I "H ayvoEL"'E, aE.cpoL, yl.vwaxouO"!.v yp v6fJ.ov .a..W. O'tL vIJ.O~


"UploEVEL "tov <vilpw1tou q,acrov Xpvov r;ii; 21) y<p U1tO:Vopo yuv1)
"t<ii r;WV"tL <VOP' OOE"tO:L VOf.L"' <v O <1toil<vn 6 <v1)p, "O:"tTtPY1J"tO:L
<1t "tov vf.Lou "tev <vop. J /J.po: OVV r;wv"to "tov <vop f.LOLXo:'
XP1Jf.Lo:"t(crEL <v yv'l]"taL <vop, hp",' ,<v o <1toil<vn <VTtP, EUilpo: cr"tLV <1tO "tov vf.Lou, "to;; f.L1) ELvaL au"t1)v f.LOLXo:(Oo: YEVOf.LV'I]V
<vop' "tp",' 4 ;;'cr"tE, <OErpo( f.LOU,
f.Ld ilavo:"twil'l]"tE "t<ii VOI-"<'
OLa "'OU O'w~a:to 't'OU XPLO""tOU, Ete; 't YE"critaL v.ci 'tpt{.), 'tG EX VE"pG>v YEpilV"tL, (va xo:p7torpopi)crWf.LEV "t<ii ilE<ii. 58"tE yp i'jf.LEV v "tTI
aapxl., 't'a 'JtailiUJ.t1'ta 't'wv at-tarc'!.wv "t'a bLcX 't'OV v6I-Lou EVT}PYEL"t'O v
"'COLe; fJ..ECn.V TlI-J.WV, dc; "'Co xap'1tocpopTj(j(l,L 't'~ )'ava't't{.) 6 vuvt OE xa."'CTlp,i}ihu.J.EV a1to "'Cov v6~ou a1to1}avov"'CE lv t!l Xa."'CEI.X.OIJ.E1la., WU"'CE oou,EVEI.V n~a. E'V xa.l.vo"'C1]"'C1. 1tVEv~a"'Co xaL ov 1tf1,al.o"'CT}"'C1. ,p6:l-L~a"'Co.

,,0:,

I Ignorate forse, o fratelli, (parlo a chi conosce la legge) che la legge


ha potete sull'uomo sinch vive? 2 Cos la donna sposata legata per
legge al marito solo finch questi vivo; se muore il marito, libera
dalla legge che la legava a lui. J Perci finch vive il marito viene chiamata adultera se si d ad un altro uomo; ma se il marito viene a mancare, essa libera dalla legge e non quindi adultera se si accompagn~
ad un altro. 4 Cos, fratelli miei, anche voi, per effetto del corpo di
Cristo, siete morti al1a legge per darvi ad un altro, a colui che resuscitato dai morti per consentirci di produrre frutti per Dio. 5 Infatti,
quando eravamo l1ella carne, le passioni peccaminose eccitate dalla legge agivano nelle nostre membra e noi producevamo frutti per la morte. ti Ora invece siamo sgravati dalla legge, siamo morti a quel che ci
teneva soggetti, e perci serviamo a Dio nel nuovo regime dello spirito,
non pi secondo il vecchio principio della norma scritta.

Ridotto all'essenziale qnesto il discorso svolto nei capp.


5 e 6: in quanto giustificati per fede, noi ci gloriamo della speranza nella gloria futura (5,I-rr). Infatti, attraverso il o~
xa;Lwlla; di Cristo, secondo Adamo, sono entrate nel mondo
la xa.p~c; e la r;w1] (5,12-21); ora noi nel battesimo abbiamo
questa Xa.p~c; e siamo stati cosi sottratti alla potenza del peccato; di qui l'obbligo di mettere noi stessi a disposizione, non
pi del peccato, bens della giustizia di Dio (6,1-14). Noi dunque, liberati dalla potenza del peccato tramite la fede e il battesimo, siamo coloro che vivono per Dio, ossia hanno ricevuto la vita eterna in Cristo Ges, nostro Signore (6,15-23). Ma

Rom7,I

noi, continua Paolo in 7,1-6, siamo stati anche liberati dalla


legge, la quale suscita e promuove il peccato (7,7-25). E cos
l'Apostolo, dopo i brevi accenni al rapporto tra legge e peccato fatti in Rom. 3,20; 4,14s.; 5,13.20, assume ora questo rapporto come tema specifico del suo dire.

Cfr. B. Weiss, Kiihl, Lagrange, Sickenberger e altri.


Cornely, Zahn, Bardenhewer, Schlatter, Litzmann, Alrhaus, Miche1, Kuss,
H.W. Schmidt, SchmithaIs e rutri.

3. Sanday-Headlam, Michel, H.W. Schmidt e altri. Diversamente intende il Kasemann: L'ordinamento regolato per legge (come Bultmann, Theologie 260).
4. Strack-Billerbeck 111 234; cfr. NTSr 8 (1962) 272 s.

1.

I, .

dire se qui il riferimento vada in modo specifico alla legge matrimoniale giudaica. pi probabile che l'Apostolo abbia in
mente la legge mosaica com'era generalmente nota ai cristiani di Roma J _ Ma che cosa sanno precisamente gli interlocutori
di Paolo, conoscendo la legge? La risposta vien data nella proposizione introdotta da on. Questa ha tutto l'aspetto di una
norma giuridica, la quale, cosi com' formulata, non si trova
nell'A.T., ma ben nota alla tradizione rabbinica. Per fare un
esempio, Pesiqta 200b spiega Iob 3,19 (<<II servo. libero
[con la morte] dal suo padrone) in questo modo: II servo
libero dal suo padrone si riferisce agl'Israeliti; infatti quando
un uomo morto, libero dall'osservanza dei comandamenti 4. Questo principio giuridico secondo cui la legge ha potere - lCUPLEVEL, dr. Rom. 6,9-14; 14,9 = siila! - e comanda
sull'uomo finch egli vive, voi ben lo conoscete, dice Paolo
rivolto ai cristiani di Roma.
Ma quali conseguenze discendono da ci? Se consideriamo
che a questo punto l'Apostolo, movendo da tutto il discorso
precedente, intende parlare di quella legge che gi da tempo
fa da sfondo alle sue parole, ci aspetteremmo un enunciato di
questo genere: Ma voi siete morti (dr. 6,7), e quindi la legge
non vige pi per voi.
2_ L'Apostolo invece preferisce illustrare il lCUpLEUEW della
legge specificando anzitutto l'universale principio giuridico
con un esempio tratto dal diritto matrimoniale e dandone un' espressione inattesa al v. 2. Qui egli spiega la durata a vita del
vincolo legale col caso della donna sposata. Questa legata al
marito finch quegli vive, ma se il marito muore, la moglie
affrancata dalla legge che la vincolava a lui. ihto:v/ipoc; vocabolo ellenistico e significa maritata, ad es. Polyb. 10,26,3;
Aelian. 3,42 p. 77,3 ecc.; ma anche LXX Num. 5,20.29; Provo
6,24.29; Ecclus 9,9; 4 1,23. Per lCo:"to:pyELO'llO:L 1t6 dr. Rom.

2.

I.

36r

Per agganciare nel v. 1 il nuovo concetto a quanto precede,


Paolo si avvale di un l YVOEL-tE attinto alla diatriba. Conosciamo gi questa formula da 6,3; ma qui ancor pi chiaramente si vuoI dire che gli interpellati effettivamente sanno. E gli
interpellati sono /if,cpo!, cos1 apostrofati per la prima volta
dopo 1,13 e nuovamente qualificati in tal modo subito dopo
(7,4). Dicendo /iE.cpO! l'Apostolo esprime la sua partecipazione e la sua urgente volont di intervenire proprio a questo
punto. Quanto forte sia il suo desiderio di guadagnare i lettori al suo pensiero risulta per anche dalla captatio benevolentiae contenuta nella parentesi yWWO'lCOUGW yp (!) v6!J.ov .o:Mi. Essi dunque son detti - e ci rende possibile, o per lo
meno facilita, la domanda di Paolo - coloro che conoscono
la legge. Ma a quale v6!J.0c; si fa riferimento? Alcuni esegeti I pensano alla legge romana e dicono, per esempio: <,Con
un richiamo di sapore quasi umanistico alla cultura giuridica
dei Romani, universalmente noti per il loro ius, Paolo fa attestare da loro stessi che una persona umana sottoposta alla
legge solo fin che vive (Jiilicher). Ma trattare da iurisprudentes la povera gente che componeva la comunit cristiana di
Roma sarebbe stato davvero troppo. molto pi probabile
che v6!J.0c;, come quasi sempre in Paolo, indichi la legge mosaica'. Due considerazioni reggono questa interpretazione:
I. anzitutto una frase come la legge ha potere sull'uomo finch vive meglio si adatta alla legge mosaica (Michel); 2. in.
caso diverso, Paolo avrebbe usato, qui e ai vv. 4 sS., il mdesimo vocabolo v6!J.0c; con significati differenti. Non possibile
I.

.!

Rom7,I.2

Rom. 7,2)-4

a
7 6' Gal. 5 4 nel senso di esser messo fuori causa rispetto
t
,
qualcosa, essere liberati, essere esonerati e sim. o vO!J.OC;
'toii avop6c; indica la legge da cui la donna vincolata all'uomo (pi esattamente si sarebbe dovuto dire, come osserva B.
Weiss, 'o v6!J.oc; o1tEpt 'toii avop6c;), L'applicazione specifica
che nel V.2 vien fatta del principio' enunciato al v. Ib non
del tutto logica. A rigore infatti l'Apostolo avrebbe dovuto
scrivere: La donna sposata vincolata per legge al marito finch ella vive. Ma se ella muore, per ci stesso sgravata dalla
legge che la vincola all'uomo. E ci saremmo aspettati questa
conclusione rispondente in certo modo a Rom. 6,r Cos anche voi, in quanto morti, siete liberi dalla legge. Ma l'Apostolo evidentemente ha gi di mira un secondo concetto e lo
inserisce fin d'ora nella comparazione, col risultato, per, di
guastare l'immagine.
,

3-4. Quest'altro concetto balza evidente gi al v. 3, in cui vengon tratte le conclusioni dal v. 2 (apa. oVv). La libert dalla
legge viene intesa come libert di contrarre un vincolo nuovo.
XP1J!J.a.'t(SEW qui non significa naturalmente trattare, (<negoziare, oppure dare un avvertimento, benS portare un
nome esser chiamato s. .EVJ)pa a1t 'toii v6!J.ou fa le veci
di un g~nitivo di separazione 6. Nella similitudine si era detto
che la donna, se si unisce ad un altro dopo la morte del marito, non vien chiamata adultera, mentre sarebbe chiamata cos,
se lo facesse vivente il marito. Il v. 4 reca subito l'applicazione dell'esempio e mette in luce a che cosa Paolo mira e che cosa evidentemente gli sta molto a cuore, come risulta dalla nuova apostrofe aOE.qJoC Essi, i cristiani di Roma, sono morti
alla legge a cui erano vincolati e ora possono appartenere ad
un altro , cio al Cristo resuscitato dai morti. Quella realt che
dianzi si voleva illustrare con un esempio, per la verit non
molto perspicuo, tratto dai rapporti giuridici, ora esposta
chiaramente e senza ricorrere a paragoni. Si pu anche notare
che essa non viene accordata in tutti i particolari con la similij.

Moulton 26.5; Bauer, Wb. 1751; cfr. Miche!.

6. Blass-Debr.

182,3

Rom. 7.3-4

tudine dei vv. 2 e 3. Gli che all'Apostolo, come osserva il


Kuss, preme in sostanza dar rilievo alla libert che si acquista
con la morte che rende possibile contrarre un nuovo vincolo.
<<1 fratelli, i credenti e battezzati, sono morti alla legge per
poter cosi appartenere a Cristo. Quel che avvenuto nel battesimo pu anche esser definito con l'espressione J)a.va.'twJ)1J'tE 't0 v6!J4l, cio siete stati liberati dalla legge '. J)a.va.'twJ)1J'tE sta per a1tEM:vE'tE (cfr. 6,2.5.6.8; 7,6), ma, senza volerlo, la formulazione al passivo fa pensare all'efficacia attiva
dell'azione battesimale. C' stata in effetti una messa a morte che, come risulter dal v. 6, una liberazione (xa.'t1JpyiJJ)1J!J.EV). un unico e medesimo avvenimento che ci fece morire al peccato e produsse il nostro J)a.va.'tOiiQ'J)a.L nei confronti
della legge (cfr. 6,2.6.IO.II). cosi finito l'1t vO!J.ov EtVa.L
(cfr. 6,I4). Non si dice ancora in quale maniera il morire al
peccato ed il' morire alla legge possano attuarsi nell'unico
evento del battesimo, e quale rapporto intercorra quindi fra il
v6!J.oC; e 1'.!J.ap't(a.. Invece, l'J)a.va.'tWJ)1J'tE 't0 vO!J.C!l viene
ancora specificato con OL&. 'toii Q'w!J.a.'tOC; 'toii XpLQ''toii, ossia
con un richiamo al corpo di Cristo dato a morte per noi 8. Fu
questa morte che rese possibile e produsse la nostra morte nel
battesimo, quando, come abbiamo letto, noi fummo battezzati
<<in questa morte oppure fummo uniti alla sua riproduzione, ossia alla morte di Cristo in quanto essa presente nel
battesimo, quando, in altre parole, fummo sacramentalmente inseriti nella vicenda di Cristo. OL&. 'toii Q'w!J.a.'tOC; 'toii XpLQ''toii non significa quindi voi siete morti alla legge per essere stati accolti nel corpo di lui, la xx.1JQ'(a '. In tal caso
infatti (senza contare che il concetto sarebbe affatto singolare
in Paolo) dovremmo avere Etc; 't Q'w!J.a. 'toii XpLQ''toii, oppure
v 't0 Q'W!J.a.'tL 'toii XpLQ''toii. Non siam morti al peccato perch siamo stati accolti nel corpo di Cristo, la chiesa; al COll7. Cfr. in proposito le testimonianze rabbiniche raccolte in W. Dietzfelbinger, U n~
ter Toten Irei geworden: NT .5 (1962) 272 S. t=: pi dubbio che per l'Apostolo
l'addentellato sia ~ 87,16.
8. Bultmann, Theologie I49; Schwezer in ThWb vn 1064; Kasemann.
9. Cos, ad es., Barrett.

i
I",I

I,

Rom. 7,5

trario, proprio in quanto morti alla legge mediante il battesimo, siamo entrati nel corpo di Cristo (dr. ICor. 12,13). Si
potrebbe al massimo considerare l'ipotesi che oL "tOV Cl"(~IlCl
"t0C; "tov XpLCT"tOV indichi non la morte di Cristo presente nel
battesimo alla stregua di OIlOLWllCl, benslla morte di Cristo
in quanto tale, e che in essa quindi si ravvisi soltanto il fondamento della nostra possibilit di morire nel battesimo tramite lui in quanto uniti a lui. In tal caso crwllCl sarebbe il corpo
di Cristo in croce, secondo un'accezione che si ritrova in soli
altri due passi: Eph. 2,16; Col. 1,22. Ad ogni modo, conseguenza del morire alla legge nel battesimo che il battezzato appartiene ad un altro. Etc; "t con l'infinito va inteso in
senso consecutivo IO. L' altro il Crocifisso resuscitato dai
morti del quale al v. 6, I o stato detto che egli vive per Dio.
Ma l'essere in propriet di Cristo (e quindi l' esser morti alla
legge per il corpo di Cristo) ci rende atti a qualcosa che anche il suo fine: tVCl XClp1toCPOPTJcrwllEv "t@ i}E@. L'Apostolo
parla ora nuovamente di <<no. L'esser morti alla legge e
l' esser liberi da essa non avvenuto perch noi, sottratti
alla signoria della legge, appartenessimo a noi stessi e producessimo per noi frutti (nelle mi}lillLClL "tov crwllCl"tOC;, Rom.
6, I2) dei quali ora ci vergogniamo (Rom. 6,2 I), ma perch
appartenessimo a Cristo e recassimo frutti per Dio. Per questo
XClp1tOcpOPELV in senso traslato dr. Col. l,IO: v 1tClV"tL EPYIjl
tXYCli}@ XClp1tOcpOpOVV"tEC;. La frase finale naturalmente ancora
una volta un imperativo indiretto, quale dopo non si ritrova
pi. Infatti le proposizioni seguenti nei vv. 5 s. hanno un altro
compito. Esse intendono cio motivare perch il recar frutti
a Dio possibile solo ora, solo a colui che morto alla legge
e appartiene al Signore Ges Cristo. Ma nel far questo contrappongono ancora una volta il vecchio ed il nuovo modo di
essere e anticipano cos brevemente da un lato il tema di 7,725, dall'altro quello di 8,1-1 1_
'j.

Questo versetto richiama ancora una volta il vecchio modo

di essere, cessato col battesimo, e nel far questo si avvale di


formulazioni in parte nuove. Il passato ormai trascorso viene
ora definito come un dVClL V crClpXL Il. Con ci non s'intende
naturalmente il modo di essere terreno in quanto tale, come,
per es., in Gal. 2,20; 2 Coro 10,3; Phil. 1,22, bens questo modo di essere in quanto esso era un dVClL XCl"t crapxCl o un
1tEpL1tCl"tELV XCl"t crapxCl (dr. Rom. 8,4 s. 8.13; 2 Coro 10,2
s.) oppure uno ~fjv xCl"t crapxCl, cio un modo di essere e di
comportarsi improntato alla crap!;, all'egoismo della nostra
vecchia esistenza. Perci ai credenti e ai battezzati detto in
,,
, ,EV crClpXL,"\\"
,
NI
R om. 8,9: OliX
Ecr"tE
Cl,,-,,-Cl EV 1tVEUllCl"t"L.
e nostro passo (v. 5) l'v crClPXL dVClL viene per specificato ancor
meglio nel senso che allora <<le passioni peccaminose erano
all'opera <<nelle nostre membra. 1tai}1l11Cl equivale in questo
caso a 1tai}oc; ed in Paolo si trova soltanto qui e in Gal. 5,24
al plurale e in senso negativo. Quest'ultimo nel nostro passo
risulta dalla specificazione "twv tXllClP"tLwv, dove aL allClp"tLClL
(al plurale, come in Rom. 4,7; II,27; I Coro 15,3.17; Gal. I,
4; Eph. 2,1; I Thess. 2,16) designa in concreto i singoli peccati. I 1tCli}TJllCl"tCl "twv a[.tClp"tLwV corrispondono alle mi}li[.tLClL di 6,I2, dalle quali si distinguono solo per una pi spiccata connotazione di attivit. Le passioni peccaminose sono all'opera <<nelle nostre membra, quindi nelle nostre azioni. Il
medio intransitivo VEPYELcri}ClL significa mostrarsi efficace,
esplicarsi, essere all'opera, come per es. in 2 Coro 1,6; 4,
12; Gal. 5,6; Eph. 3,20; Col. 1,29; I Thess. 2,13; 2 Thess. 2,
7. Ma i 1tCli}TJllCl"tCl "twv a[.tClp"t"LWV vengono anche qualificati
.(e ci dimostra come Paolo non si allontani dal problema del
rapporto fra il peccato e la legge) nel senso che essi sono "t
oL "tov vllOIi, cio le passioni che vengono suscitate dalla legge (dr. Rom. 3,20; 7,7 ss.). In I Coro 15,56 si parla anche della OVVCl[.tLC; "tfjc; llClP"tLClC;, della potenza che si esplica nel peccato. Ma anche nel nostro passo il rapporto tra la allClp"tLCl
e la legge appena sfiorato; ben presto per sar al centro
del discorso.

IO.

Blass--Debr. S 402,2.

II. Cfr. Kuss, Kasemann; Bultmann, Theologie


und Geis! 42 55.

23255.;

Brandenburger, Fleisch

, ,

Rom. 7,6

[.

~
, ,

i:

6. Ma qual la conseguenza di questa efficacia dispiegata dalle passioni peccaminose eccitate dalla legge? Un xap7tocpopijcraL "0 ilava"ljl. Et .. o con l'infinito va inteso in senso consecutivo 12. Il peccato prodotto dalla legge ha una sua resa che
la morte, cos come la libert dalla legge fruttifica per Dio
(7,4). vuvt o, ora, invece, ora, nel presente della salvezza
in cui il battesimo ci ha trasferiti, la nostra vita cambiata affatto ed cambiata in senso sia negativo (v. 6a) sia positivo
(v.6b). Il xa..1}py1j..aL a7t .. ov vop.ov di 7,2 viene ripreso
(cfr. anche 6,6) questa volta alla prima persona plurale dell'aoristo passivo. Ora noi per la legge non esistiamo pi, siamo
stati sciolti e liberati da essa. In che modo? La risposta a7toilavov"E, cio, ancora una volta, una forma verbale intransi
tiva, come in 6,2.8. v iii equivale a"0 vop.ljl, v iii 13 e non va
inteso come neutro ("ou"ljl, v iii ... 14) e riferito al contenuto
del v. 5. Il xa"ELxop.Eila si adatta meglio a vop.o e a tutto
il contesto, in cui si vuoI descrivere il fatto e il modo della nostra liberazione dalla legge. xa..XELv significa tener fermo,
ad es. v cpu.axTI (Diod.S. 1265,9; Diogn. 6,7)15. La situazione che l'Apostolo ha in mente la stessa di Gal. 3,23. Nel
battesimo siamo stati liberati dalla prigione della legge. Per
essa siamo come morti. La prigione vuota. Ma che cosa consegue da quell'evento? Ce lo dice in termini positivi il v. 6b:
che noi serviamo v xawo"1j .. L 7tVEup.a.. o xat ou 7ta.aLo"1j-rL yptip.p.a.. o. Wcr"E con l'infinito o con l'accusativo e l'infinito, cQme in I Coro 13,2 o Rom. 15,19; r Coro 5,1, significa
<<in modo che ... .OOV.EUELV usato in senso assoluto (cfr. Rom.
14,18) designa ci che in Rom. 6,4 era cbiamato 7tEpL7ta"E~v,
ossia il modo cristiano di vivere. Iloov .EUEW non ha fine con
la nostra liberazione dal carcere della legge. La vita un continuo servire. Solo che questo OOV.EUELV si attua ora nella
novit dello spirito e non pi nell'antica norma scritta.
A dischiuderci e a tenerci aperta quella xaLvo"1j nella quale
n. Lagrange, MicheJ, Kuss, H.W. Schmidt e altri.
13. SchJatter, Kuss, Gaugler, Ridderbos, Kasemann e altri.
14. Zahn, Lagrange, Kiihl e altri.

15. Bauer-, Wh. 836.

Rom. 7,6

come battezzati viviamo e dobbiamo vivere (cfr. Rom. 6,4)


il 7tVEvp.a. Il 7tVEup.a ci rende accessibile (nella fede e nel
battesimo) la novit e ci tiene saldi in essa. Questa xawo"1j
prodotta e conservata dallo Spirito, nella quale ora compia
mo il servizio della nostra vita, in contrasto pieno con la
7ta.aLo"1j ypap.p.a.. o, che era dianzi la nostra dimensione
vitale. Tutta l'esistenza precristiana vecchia e ora <<invecchiata, invecchiata in senso assoluto. L'esistenza <<nuova
non verr pi superata e non invecchier mai: Wcr"E EL .. L
v XpLcr..0, xaLv'j X .. (crL .. apxaLa 7tapij.ilEv, too yyoVEV xawa (2 Coro 5,17). L'esistenza nuova, creata dallo Spi-

rito, l'esistenza escatologica. L'esistenza ormai antiquata e


trascorsa era dominata dal yptip.p.a, che poi la stessa cosa
del vop.o, nostro carcere di allora. L'antitesi 7tVEvp.a-ypap.p.a
fa capolino gi in Rom. 2,29; e si trova esposta soprattutto in
2 Coro 3,6 ss. Qui appunto balza evidente che non si tratta dell'opposizione idealistica fra spirito e lettera bens del contrasto fra la legge che uccide e condanna (in quanto suscita
sempre il peccato) e lo Spirito vivificante che dona la giustizia. Per l'Apostolo ,<l'antitesi fra Spirito e lettera identica
a quella fra carne e Spirito (Kiisemann). lI servizio che il
battezzato compie dunque rivolto al nuovo, ossia allo
Spirito. Esso non ba pi nulla che fare col vecchio, col
ypap.p.a, ossia con la legge e col servizio della legge. .
In breve l'argomentazione di 7,1-6, che sviluppa concetti
cos importanti, si pu cos riassumere: La legge, o fratelli,
ha potere, come ben sapete, soltanto sull'uomo vivente. Cosi, per esempio, la legge che lega la moglie al marito, vige solo
finch il marito in vita. Dopo la morte di lui, la moglie pu
appartenere ad un altro senza per questo esser chiamata adultera. Voi, fratelli miei, siete morti per la legge e appartenete
ora al Cristo risuscitato dai morti. Cos ora noi possiamo fruttificare per Dio. In passato, nella vecchia esistenza, 'nella carne', le passioni del peccato, suscitate dalla legge davano frut
ti per la morte. Ora invece la 'norma scritta', la legge, non ci
tiene pi avvinti a s. Noi siam morti perlei e viviamo nella
nuova esistenza escatologica dello Spirito.

368
, I
I

Rom. l,l-I]

6. La legge e il peccato (7,7-13)


T~ OUV EpOVIJ.EV; VOIJ.OC; aJ.1.ap . da; !-Li) yVOI.'tO J. . .a. 't1v ciitap't"a.'V
o" Ey~W~ E~ !L'l 0,<1 ~6!Lou' 't-r..~ 'tE Y<1P ",ilu[.'(a:v O" "ilOEW E~ [.''l "
v6[.'0~ n.EyEV O" t",}u[.'-r..,m~. 8 <1qlOp[.''l~ o .a:~oO<Ta: i) <1[.'a:P't(a:
lio<1 'tii~ t~'to.ii~ "a:'tE<py<1<Ta:'to t~ [.'ol 1tii.<Ta:~ 1tdju[.'(a:~ xwpl~ Y<1P
vO[.'ou <1[.'a:p't(a: ~E"pa. 9 yw o E~W~ xwpl~ ~o[.'ou 1to't, .}oUO'1]~ 0<.
'tii~ v'to.ii~ i) <1[.'a:p't(a: aV~1]<TE~, IO yw o a1t}a:~ov "a:l EUpl1] [10'
i) ~'to.'l i) E~~ ~w-r..~, a:0't1] E~~ Mva:'to~' 11 -It Y<1P <1l-'!Xp't(a: <1qlOp[.'i)v
.oc~oO<Ta: 0,<1 'tii~ ~'to.ii~ E1ta't1]<Tv [.'E "a:l o,'a:'tii~ <11t"'tEWE~.
12 WO""t'E Cl (J.V VOllOC; ay!.oc; "a.L " EV'tO.1 .y{.a; ')GaL ol.xata "aL aya,-&1}.
!3 'tb o~ <1ya:ilbv [lol y~E'tO M~a:1:o~; [.'i) y~o,'to' <1..<1 i) "[la:p't(a:,
,~a: qla:~ii "[.'a:P't(a:, o,,, 'toO "ya:iloo [.'0' "OC'tEpya:~o[l~ ila~a:'to~,
LVa: yV1]1:a:, "a:il'U1tEP~O.'l~"[la:p'tw.~ -It "[.'a:p't(a: o,,, 'tii~ V'to.iic;.
7

Che diremo dunque? Che la legge il peccato? Certamente no. Eppure io non avrei mai conosciuto il peccato se non fosse stato per la
legge; avrei infatti ignorato la concupiscenza se la legge non avesse detto: Non desiderare. 8 E cosi il peccato, colta l'occasione, produsse
in me ogni sorta di concupiscenza mediante il precetto, giacch senza
la legge il peccato morto. 9 Un tempo, quando non c'era la legge,
vivevo io. Ma quando sopraggiunse il comandamento, il peccato prese
vita lO e io morii. E cos1 il comandamento, che doveva condurre alla
vita, mi si appales strumento di morte. IL Il peccato infatti colse l'oc
casione e proprio mediante il comandamento mi ingann e mi fece ma
rire. 12 Quindi la legge di per s santa e il comandamento santo,
giusto e buono. B Ma allora ci che . bene sarebbe divenuto per me
causa di morte? Non sia mai detto. il peccato che, per manifestarsi
peccato, mi ha recato la morte servendosi di ci che bene; attraverso
il comandamento il peccato doveva diventare peccaminoso all'eccesso.
7

l'
I

i:

In Rom.. 7,1-6 l'Apostolo aveva spostato il discorso su un


tema nuovo. In quanto giustificati per fede (5,1) non soltanto
viviamo, in conseguenza dell'atto di obbedienza compiuto da
Cristo (5,12-21), nella speranza della futura gloria di Dio
\5,I-II), non soltanto (nel battesimo) siamo stati sottratti al
regime del peccato e siam passati all'obbedienza, in guisa da
non pi metterci al servizio del peccato (Rom. 6,1-23), ma siamo altresi morti al peccato, sicch possiamo fruttificare per
Dio (Rom. 7,1-6). Sorge allora una domanda: - Non forse
singolare il parallelismo tra l'enunciato di Rom. 6 (<<siamo
morti al peccato) e quella di Rom. 7,1-6 (<<siamo morti alla

Rom. 7,7

369

legge)? La. nostra liberazione dal dominio del peccato pu


essere effettivamente anche liberazione dalla legge e viceversa? A prima vista parrebbe che legge e peccato siano tra loro
. s~retta~ente connessi o a~dirittura identici! E questa impressione SI rafforza quando SI pensa alle formulazioni occasionati
che almeno sfiorano il rapporto fra peccato e legge: Rom. 3,
20; 4,15; 5,20; 7,5. Detto in breve, questo il problema: se
la legge suscita il peccatQ, non forse peccato la legge stessa?
La risposta vie~e anzitutto dai vv. 7,7- 1 3.
7 L'enunciato di questo versetto comincia con una formula
retorica: "tL OV\I EPOV[lE\I;, che in altri casi serve a introdurre
parti argomentative di una certa estensione, nello stile diatribico (cfr. Rom. 4,1; 6,1 [15]; 8,31; 9,14.30). La domanda
vera e propria formulata in termini quanto mai concisi. Sono
t re parole: o \lo[lo a;[la;p"t~a;;, dove naturalmente si dovr
sottintendere E'T"tL\I. E, ancora una volta, come nel caso di
Rom. 3.4.5 s. 31; 6,2.15; 7,13; 9,14; II,I.II; Gal. 2,17; 3,
2 I; I Coro 6,15, la risposta un chiaro ed energico [l'] y\lo~
"to; Tuttavia Paolo, qui come altrove, non si accontenta di questo no, precisando gi cosi il senso della risposta. Il rapporto fra legge e peccato non certo un rapporto di identit.
Se la legge non il peccato, per vero (cH".ti in senso restrittivo, che concede qualcosa [cos intende il Kiimmel' di altro avviso il Kasemann] ): io non avrei conosciuto il peccat? ~e non. attraverso la legge. , in sostanza, la stessa proposlzlOn~ d: 3,20 ..Y\lw\la;~ "t']\I cX.[lap"tLa;\I (cfr. 3,20: 7tLy\lWcn) Significa qUi conoscere nel senso di sperimentare e
quindi in pratica di fare la conoscenza al modo di 2 Coro 5,
2 I, cosi come il seguente etI\la;~ corrisponde a quello di 2
Coro 5,II. Ci risulta chiaramente da 7,8 e 9. Il concetto non
dunque che tramite la legge l' lo di cui l'Apostolo parla
ha avuto notizia del peccato e ne ha preso conoscenza, bens
che attraverso la legge 1' lo giunto a peccare. Chi sia il sogg~tto .di O,X Ey\lW\I non chiaro di primo acchito. In proposlt<? SI. p~o comunque dire: I .la natura generale delle formulaZIOni di 3,20; 4,15; 5,20 (7,5), che hanno di mira un'espet

Rom. 7.7

37

l: :

'

'

rienza comune a tutti gli uomini, gi a priori fa pensare che nel


nostro passo si tratti di un <<lo generico e non individuale,
o non addirittura autobiografico. 2. Che Paolo possa esprimersi in questa forma stilistica provato da Rom. 3,7; I Coro
6,12.15; 10,29s.; 13,1 SS. II; 14,I1.14S.; Gal. 2,18ss. Si
possono addurre inoltre numerose testimonianze dalla letteratura ellenistica e giudaico-ellenistica l. 3. Questo lo, l'uomo in quanto tale, e naturalmente anche Paolo in quanto uomo, parla di una realt ormai trascorsa. Egli ha dunque di mira un fenomeno del suo passato, che poi un passato comune
a tutti gli uomini. L'uso dell'aoristo vien mantenuto sino al
V. 13. Questo dunque il pensiero dell' Apostolo: la legge non
il peccato. Tuttavia, considerando il passato, si deve ad essa
se io (cio ogni uomo) ho fatto l'esperienza del peccato.
A schiarimento e motivazione di ci nel v. 7b viene esposto
il modo in cui di volta in volta sorge la 1td}VI--\LII. Anche qui
ml}vI--\LII corrisponde a ci che in Gal. 5,16 vien chiamato
ml}VI--\LII O'IIpx6: la brama egoistica. Qui essa appare direttamente collegata all'tll--\lIp't'LII. Con l'1tLl}VI--\LII si d l'tlI--\IIp't'LII
e, per converso, l'ml}vI--\LII data dall'tll--\lIp't'LII. Cfr. 7b, dove 't'TJV tlI--\IIp't'LIIV yVWVIIL corrisponde a!xII't'Epya1;Eul}IIL 'ltL}VI--\LIIV del V. 8. Ma !'Io, che qui parla, come ha fatto conoscenza di questa ml}VI--\LII in cui agisce il peccato? Per effetto
del divieto di 'ltLl}VI--\EL\I contenuto nella legge: ovx 'ltLl}VI--\TJO'EL. A questo punto 1tLl}VI--\LII coincide con l'tlI--\IIp't'LII\I y\lwVIIL di 7a che, come abbiamo visto, si trova gi in 2 Coro 5,2 I.
Il divieto della legge non colto in questo o quel comandamento bens presentato con forte rilievo come volont fondamentale e ufficio primario della legge stessa: ovx ml}VI--\TJO'EL,
che richiama Ex. 20,17 LXX: ovx 'ltLl}VI--\TJO'EL 't'TJ\I yVVIILXII
't'O 1t,1]O'LOV, OVX 1tLl}VI--\TJO'EL 't'TJ\I OLXLII\I 't'O 1t,1]O'LOV O'ov
... x't',. (cfr. Deut. 5,21). Questa proibizione caratterizza la
legge nel suo complesso; e con ci Paolo riprende una tesi giu'daica che appare cos formulata in 4 Mach. 2,6: ChE I--\TJ 'ltL}VI--\EL\I ELp1]XEV TJI--\i v61--\0 '. Ma anche in altri testi, ad es.
1.

Kiimmel, Romer 7 126 ss.

2.

Bikhsel in ThWh

III 171.

Rom. ?,l.8

37I

vii. Ad. 19; Philo, decal. 142.150.173, l''ltLl}VI--\LII presentata come inizio di un peccato (cfr. 10.1,15). Tuttavia in
Paolo essa indica non soltanto l'inizio, ma anche l'intima struttura della condizione di peccato (cfr. I Coro 10,5 ss.). La legge
produsse l'ElIVIIL 't'TJV 'ltLl}VI--\LIIV, ma, cos facendo, produsse
lo yVWVIIL 't'TJ\I tlI--\IIp't'LIIV. In proposito si dovr osservare ancora una volta che Paolo non intende dire che <<la legge lo
mette in presenza del volere di Dio e in questo momento l'uomo sente nascere in se stesso la resistenza contro tale volere
(Kuss). Che egli senta nascere o no abbastanza indifferente, quel che conta !'insorgere della sua resistenza. Ma il senso inteso dall'Apostolo non neppure che <<l'uomo, riflettendo sulla resistenza che la legge oppone alle varie sue concupiscenze, diventa consapevole di desiderare, ci d'appetire il
peccato (Kuss). Spesso l'uomo non giunge alla consapevolezza, ma di fatto desidera. E Paolo considera appunto la realt effettuale, cio l'indole, in effetti provocatoria, dell'ovx 1tLl}VI--\TJO'EL. Il discorso non verte su un sentir nascere la propria resistenza alla legge o sul prender coscienza di tale resistenza, benS sul fatto che l'1tLl}VI--\LII si scatena proprio perch la legge contraria ad essa, sul fatto che l'uomo viene eccitato aUa concupiscenza egoistica proprio dalla legge che non
vuole quella concupiscenza.
Ma come pu avvenire ci? Paolo sviluppa il tema in due
brevi pericopi tra loro collegate (vv. 8-10 e v. I I l. Non dipende dalla legge in s, bens dalla potenza del peccato, se l'incontro fra la legge e l'uomo avviene in guisa che la legge provoca
il peccato o l'egoismo concupiscente, e in guisa che attraverso
la legge si dispiega il peccato.
8. Con questo versetto ritorna' in campo TJ tlI--\IIp't'LII, quella
potenza del peccato che, per effetto di Adamo e della sua disobbedienza, entrata nel mondo come la potenza che vincola
ciascun uomo in ragione della sua ascendenza, ma che, proprio
come potenza, venuta meno, in virt dell'obbedienza di Cristo, per chiunque accetti il dono della giustizia di lui e venga
inserito, tramite il battesimo, nella sua morte e nella resurre-

Rom. 7,8

37 2

l'

zione. In altre parole, si tratta della stessa !X[J.ap"da dei capp.


5 e 6. Di essa detto: cX.<pop[J.]v o ..af3ovcra il cX.[J.ap"t"La, dove
cX.<poP[J.TJ significa occasione" (cfr. 2 Coro II, I2), !X<pop[J.]v o~
o6va~ (2 Coro 5,12), dare occasione, come in I Tim. 5,14
(cfr. Gal. 5,13). cX.<pOp[J.]v ..a[J.f3civE~v una espressione ellenistica (Polyb., Dion. Hal.), cos come ellenistico il significato di cogliere l'occasione (Philo, Flaee. 47) 3, non di
ricevere l'impulso. o~!X "t"ijc; EV"t"O..ijC; andr dunque riferito a xa"t"E~pycX.cra"t"o, non ad cX.<pop[J.]v ..af3ovcra. Altrimen
ti ci che fornisce l'occasione dovrebbe trovarsi al genitivo semplice come in Le., I,I,54D e passim, oppure dovremo
mo avere Ex "t"ijc; EV"t"O..ijC;, come in Polyb. 3,32,7. La po
tenza del peccato avvert o afferr l'occasione e produsse'
in me 7tiicrav E7t~u[J.Lav. Qui xa"t"EpyaC;Ecra~ (a differenza
di Rom. 1,27; 2,9; 7,17 S. 20; "5,"8; 2 Coro 12,12; Eph.6,
"3, dove significa fare, comQiere) usato nel senso di
suscitare, produrre, generare, come ad es., anche in
Filone, plant. 50; test. IOS:'IO,I; Rom. 4,15; 5,3; 7,13.15; 2
Coro 4,17; 7,10. La potenza del peccato suscit, 1iL!X "t"ijc; EV"t"o..ijc;, EV E[J.Ot 7tiicrav E7t~u[J.Lav. il EV"t"O..TJ non indica qui il
singolo comandamento distinto dal complesso della legge, bens lo stesso v6[J.oc; nel suo aspetto imperativo (cfr. Rom. 7,8a/
b; 9a/b.Io; II/I2)'. Si badi come, rispetto a 7,7C, si ponga
qui l'accento su (miicrav E7tLu[J.Lav. Con ci si vogliono si
gnificare non soltanto i diversi modi di E7tLU[J.EtV enumerati
in Ex. 20,17; Deut. 2,21, non soltanto le specifiche e varie
concupiscenze che si manifestano nella trasgressione della legge, ma soprattutto anche quell'E7tLu[J.La che agisce negli epya
v6[J.ou, negli adempimenti e nelle opere della legge. Questi epya v6[J.ou che non possono giustificare l'uomo (Rom. 3,20.27
s.; 4,6; 9,12.16; II,6; Gal. 2,16; 3,10 [cfr. Gal. 3,6; 4,29])
secondo Paolo si esprimono nel xauxiia1ta~, nel vanto per il
proprio comportamento morale (Rom. 3,27; Eph. 2,9), per
la yvwcr~c; (I Coro 4,7) e per altri pregi (I Coro 1,29; 2 Coro 5,
3. Bauer, Wb. 2.53
4- Kiimmel, Rom 7. pssim; Schrenk in ThWb

Il

.547; diversamente Kiisemann.

Rom. 7,8

373

I2; Gal. 6,13), oppure nel <pucr~ovcra~ (I Coro 4,6.18.19; 5,


2; 8,1; 13.4 [Col. 2,18]). Infatti, come vi la trasgressione
cos vi anche un adempimento della legge tutto particolare,
imperniato sull'Io, che si ha appunto quando la si vuoi praticare, nel senso di compiere le opere della legge gloriandosi di se stessi, traendo la propria edificazione da se stessi e
innalzando se stessi. Ed stato dunque il peccato, accortosi
dell'occasione propizia, a produrre questa concupiscenza di ogni gener