Sie sind auf Seite 1von 14

Lezione 41

Piel: III-Aleph, III-Hē, Geminati


‫‪ִ e Ptc‬מלֵּא ‪Piel III-Aleph: Pf‬‬
‫‪3m‬‬ ‫מלִא‬
‫מלִא‪ִ /‬‬
‫‪ִ egli riempì‬‬ ‫מ ִלאּו‬
‫ִ‬
‫‪3f‬‬ ‫מלִאה‬‫ִ‬ ‫מ ִלאּו‬
‫ִ‬
‫‪2m‬‬ ‫אָ‬
‫מלִ ִ‬‫ִ‬ ‫אָם‬ ‫מ ִל ֶ‬ ‫ִ‬
‫‪2f‬‬ ‫מלִאָ‬‫ִ‬ ‫אָן‬‫מ ִל ֶ‬‫ִ‬
‫‪1‬‬ ‫מלִאָ‬‫ִ‬ ‫מ ִלאוּו‬‫ִ‬

‫‪Ptc.‬‬ ‫‪singolare‬‬ ‫‪plurale‬‬


‫‪m‬‬ ‫מלִא‬
‫מִ‬‫ִ‬ ‫מלִא ם‬‫מִ‬‫ִ‬
‫‪f‬‬ ‫מלִאה‬
‫מִ‬ ‫ממלאָ‪ִ /‬‬
‫ִ‬ ‫מ ִלאֹוָ‬
‫מִ‬‫ִ‬
‫)מַ לֵּא( ‪Piel III-Aleph: Impf e Impv., Inf.Costr.‬‬
‫‪3m‬‬ ‫מלִא‬
‫ִ‬ ‫מלִאּו‬‫ִ‬
‫‪3f‬‬ ‫מלִא‬
‫תִ‬ ‫מ ִֶלאוה‬‫תִ‬
‫‪2m‬‬ ‫מלִא‬
‫תִ‬ ‫מ ִלאּו‬
‫תִ‬
‫‪2f‬‬ ‫מלִא‬‫תִ‬ ‫מ ִֶלאוה‬‫תִ‬
‫‪1‬‬ ‫מלִא‬
‫ֲא ִ‬ ‫מלִא‬ ‫וִ‬

‫‪Impv.‬‬ ‫‪singolare‬‬ ‫‪plurale‬‬


‫‪m‬‬ ‫מלִא‬
‫ִ‬ ‫מלִאּו‬
‫ִ‬
‫‪f‬‬ ‫מלִא‬‫ִ‬ ‫מ ִֶלאוה‬
‫ִ‬
Piel III-Hē: Pf ‫ עִ נָּה‬e Ptc
(la sola caratteristica non prevedibile è la prevalenza di -î- su -ê- )

3m ‫ענִה‬
ִ ‫עִנּו‬
3f ‫עִנִָה‬ ‫עִנּו‬
2m ָ
ִ ‫עִִנ‬ ‫עִִנ ֶָם‬
2f ָ ‫עִִנ‬ ‫עִִנ ֶָן‬
1 ָ ‫עִִנ‬/ ָ ‫עִנ‬
ִ ‫עִִנ וּו‬

Ptc. singolare plurale


m ‫ענִֶה‬
ִ‫מ‬ִ ‫מעִִנ ם‬
ִ
f ‫ענִה‬ִ‫מ‬ִ ָ‫מעִנֹו‬
ִ
‫)עַּנֹות( ‪Piel III-Hē: Impf e Impv., Inf.Costr.‬‬
‫‪3m‬‬ ‫ענִֶה‬‫ִ‬ ‫עִנּו‬
‫‪3f‬‬ ‫תעִנִֶה‬ ‫תעִנִֶ וה‬
‫‪2m‬‬ ‫תעִנִֶה‬ ‫תעִנּו‬
‫‪2f‬‬ ‫תעִִנ‬ ‫תעִנִֶ וה‬
‫‪1‬‬ ‫ענִֶה‬‫ֲא ִ‬ ‫ועִנִֶה‬

‫‪Impv.‬‬ ‫‪singolare‬‬ ‫‪plurale‬‬


‫‪m‬‬ ‫ענִה‬‫ִ‬ ‫עִנּו‬
‫‪f‬‬ ‫עִִנ‬ ‫עִנִֶ וה‬
‫‪ִ e Ptc‬הלֵּל ‪Piel Geminati: Pf‬‬
‫)‪(no dageš dopo šƏwa‬‬

‫‪3m‬‬ ‫הלִל‬
‫ִ‬ ‫הלִלּו‬‫ִ‬
‫‪3f‬‬ ‫הלִלה‬‫ִ‬ ‫ה ִללּו‬
‫ִ‬
‫‪2m‬‬ ‫ת‬
‫הלִל ִ‬
‫ִ‬ ‫ה ִלל ֶתם‬ ‫ִ‬
‫‪2f‬‬ ‫ת‬
‫הלִל ִ‬
‫ִ‬ ‫ה ִלל ֶתן‬‫ִ‬
‫‪1‬‬ ‫הלִלת‬‫ִ‬ ‫הלִלוּו‬ ‫ִ‬

‫‪Ptc.‬‬ ‫‪singolare‬‬ ‫‪plurale‬‬


‫‪m‬‬ ‫הלִל‬
‫מִ‬‫ִ‬ ‫ה ִלל ם‬
‫מִ‬‫ִ‬
‫‪f‬‬ ‫הלִלה‬
‫מִ‬ ‫ה ִֶל ֶלָ‪ִ /‬‬
‫מִ‬‫ִ‬ ‫הלִלֹוָ‬
‫מִ‬‫ִ‬
Piel Geminati: Impf e Impv., Inf.Costr. (‫)הַ לֵּל‬
(no dageš dopo šƏwa)

3m ‫הלִל‬
ִ ‫ה ִללּו‬
ִ
3f ‫הלִל‬
ִ‫ת‬ ‫ה ִללוה‬ ִ‫ת‬
2m ‫הלִל‬
ִ‫ת‬ ‫ה ִללּו‬
ִ‫ת‬
2f ‫הלִל‬
ִ‫ת‬ ‫ה ִללוה‬ ִ‫ת‬
1 ‫הלִל‬
ִ ‫ֲא‬ ‫ה ִלל‬ִ‫ו‬

Impv. singolare plurale


m ‫הלִל‬
ִ ‫ה ִללּו‬
ִ
f ‫הלִל‬
ִ ‫הלִלוה‬ ִ
Forme pausali

Lambdin 41
Il testo della Bibbia Ebraica è diviso in versi.
Ogni verso è di solito diviso in due parti, spesso di
lunghezza ineguale.
La fine della prima parte è segnata dall’accento
᾿aṯanaḥ (֑);
La fine della seconda parte da sillûq (ֽ).
Il sôp̄ pāsûq (‫ )׃‬segnala la fine del verso.

`#r<a'(h' taewî > ~yImßV: 'h; taeî ~yhi_la{ / ar"Bä ' tyviÞarEB.
Ogni parte del verso è suddivisa ulteriormente a
seconda delle esigenze della sintassi; ogni unità
accentuale è dotata di un segno d’accento.
Gli accenti sono classificati in due gruppi
principali: accenti congiuntivi e accenti disgiuntivi;
i primi vengono usati quando una parola è
sintatticamente legata in modo stretto con la
parola che segue mentre i secondi negli altri casi.
Le parole che stanno alla fine delle parti maggiori
dei versi, e dunque quelle con ᾿aṯnaḥ e sillûq,
sono dette “in pausa” (forma pausale) poiché la
recitazione del testo viene interrotta in questi
punti.
Tali parole possono avere una vocalizzazione
leggermente differente.
I più frequenti cambiamenti sono:
• a → ā: ‫( כָב‬egli scrisse) invece di ‫כָב‬
• e → ā in alcuni sostantivi segolati: ‫ק ֶבר‬
(tomba) invece di ‫ֶק ֶבר‬
• Se una parola finisce con la sequenza -əCv̄́
l’accento è di solito ritratto e lo ə viene
sostituito dalla vocale piena a cui corrisponde
altrove nel paradigma:
‫ָּֽכָבה‬ → ‫כָבה‬ ella scrisse

‫ָּֽכבדה‬ → ‫כבדה‬ essa era pesante


• Lo ə del suffisso della seconda persona masch.
sing. -əḵā è normalmente sostituita da e:

‫מלכָך‬ → ‫מל ֶכָך‬ il tuo re

‫סּוסָך‬ → ‫סּוסָך‬
ֶ il tuo cavallo

‫ש ֶֹׁמרָך‬ → ‫ש ֹׁמ ֶרָך‬ il tuo guardiano


• Le forme pausali di ‫ לָך‬e ‫ בָך‬sono ‫ לְך‬e ‫בְך‬,
(identiche alle forme femminili).
• Altre preposizioni subiscono cambiamenti simili.

`%l"-) xq:) vkuÞr>h'w> vp,N<ëh; yli-ä !T, ~r"_b.a;-la, ~doßs.-%l,m,( rm,aYOðw:


(Gn 14,21)