You are on page 1of 1

Attila

E’ il capo barbaro più citato della storia. Per molti Attila è stato un feroce invasore, per altri un fiero
giustiziere. I cristiani lo chiamavano il “flagello di Dio”; in Ungheria è considerato un eroe nazionale. La sua
storia comincia nell’attuale Ungheria. È il 446 d.C.. Attila uccide il fratello Bleda e rimane capo unico e
indiscusso degli Unni, il popolo barbaro proveniente dalla Siberia. Con il suo esercito arriva fino alle porte di
Costantinopoli e costringe l’Imperatore romano d’oriente a ottenere la pace a carissimo prezzo. Per anni
Attila tiene in pugno gli eserciti romani, finché, nel 452, marcia verso Roma e proprio quando il suo impero
ha raggiunto la massima estensione, misteriosamente si arrende e torna indietro. Muore poco tempo dopo,
all’improvviso e per cause naturali la notte della sua festa di nozze. E con lui muore il suo impero. Il
professor Alessandro Barbero ci guiderà nella storia di Attila fatta di leggende e di realtà a volte molto
difficili da distinguere per un personaggio di tale fama.

Il tempo e la storia: Attila

di Michela Guberti

con Alessandro Barbero