Sie sind auf Seite 1von 5

INCONTRO CON UN UOMO STRAORDINARIO - 40

tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella

Contemplando quella magnifica natura, mi lasciai condurre dal fiume dei miei pensieri; meditazioni su svelamenti. Non esiste un solo universo, e quello che vediamo non il pi importante. Ho scoperto cosa c dietro il visibile, linvisibile, laltro sole... lo spazio contenuto nel Pensiero. Con i viaggi cosmici scoprivo linfinito nelle cose. Perch la vera mistica non che lo straordinario dell'ordinario. Il reale molto di pi di quello che i nostri sensi possono percepire. Il miracolo alla radice delle cose, lessere stesso di ci che siamo e di ci che ci circonda. Scandurra mi dimostrava ad ogni occasione che il sovrannaturale implicito nel naturale. Noi troviamo la vita al suo pi alto grado dintensit. Siamo alchimisti perch purifichiamo la terra col nostro corpo. Noi viviamo ogni istante l'esperienza d'un Universo la cui immensit, mediante l'alchimia dei nostri sensi e della nostra ragione, si raccoglie sempre pi semplicemente in ciascuno di noi. Non da tutti percepita coscientemente, ma comunque vissuta, registrata, interiorizzata. Anche il nostro corpo tessuto di immensit, attraversato da linee epidermiche, strade connesse all'infinito. Parti di un tutto. Si stabilisce sin dall'inizio un vincolo organico tra il Divino e ogni uomo. Il decadimento dei mondi e dell'asse strutturale ontologico poi, attenuer tale rapporto, ma non potr mai essere reciso, perch noi esseri viventi siamo penetrati nell'Universo da una porta sovrannaturale. Scandurra direbbe che l'umanit cos come la conosciamo e tutte le civilt extraterrestri, sono apparse da un numero consistente di botole, athanor cosmici al servizio di fabbricanti d'universi. Le botole, ma cosa sono in realt? Sono punti di transito che possono essere confrontati ai cambiamenti di stato (solido, liquido, vapore) dei corpi fisici. Quando la superficie si riduce a un punto, il solido cede, il liquido bolle. Sarebbe come dire che al punto critico di una curva geometrica si produce una reazione chimica, l'intensificazione di un colore produce l'energia elettrica, ecc. La sfera intera delle cose si trova ad avere la propriet essenziale di contrarsi poco a poco sul suo centro, per avvicinamento sempre pi riflesso degli elementi [centri] che la compongono. L'Universo si completa in una sintesi di centri, in conformit perfetta con la legge dell'Unione. Scandurra era l'icona di questa legge, difatti cercava, quando accoglieva qualcuno nella sua bottega magica, di farsi vuoto, di non interporsi, di aprirsi simultaneamente allaltro e al Divino. Quello che compresi e feci mio dopo che, per arrivare a questo doppio vuoto, bisogna aver raggiunto la preghiera spontanea che non si separa pi dal respiro e dal battito del cuore.. Allora luomo non prega pi, egli preghiera, in lui si formula la celebrazione delluniverso, egli diviene sullaltare del cuore, il ponte del mondo. Tutto riempito di luce. Su quell'altissimo pinnacolo stava per accadere qualcosa di grande e, tanto per cambiare, mi sentivo inadeguato. Qualunque esperienza si possa fare, non arriveremo mai a comprendere interamente il concetto di immortale, che domina i cieli, le stelle e i pianeti, le tempeste elettroniche e termonucleari, gli orrori e gli incanti della Natura. Lass, in prima fila cresceva in me il desiderio di eterno, di immortale. Eppure ero agitato, inquieto. Stavo per compiere un viaggio sino ai limiti del creato, del tempo e dello spazio. Certamente ci sarebbe voluta una penna ben pi agile e
Incontro con un uomo Straordinario 40 / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella

immaginifica di quella mia, per descrivere le sensazioni sovrumane che avrei provato. Ma i grandi eventi sembrano capitare ai dilettanti volenterosi... Ogni cosa che vidi rimase impressa a fuoco nella mia giovane anima, sebbene le parole non riusciranno mai a descrivere compiutamente quanto da me vissuto. Fissavo smarrito quel panorama, mi confondevo con esso. La coppia di stelle luminosissime si avvicinava decisamente alla nostra postazione. Mentre le osservavo concentrato, con la coda dell'occhio feci caso di sfuggita ad un fatto che la mia mente non poteva, non voleva accettare. D'un tratto, delle onde mostruose stavano sormontando le montagne tutt'intorno a noi. Dapprima sembrava un ammasso di nuvole, poi si faceva sempre pi evidente un'onda immane che scavalc le cime montane. Il paesaggio mutava velocemente. Ebbi un moto di terror panico. Cercai il braccio di Scandurra. Non riuscivo nemmeno ad emettere un suono. Il cielo divent nuvoloso e l'onda-oceano copr tutta la valle in un batter d'occhio a velocit altissima, fino ad infrangersi di poco sotto la piattaforma della torre. Il mare era mosso, agitato da enormi cavalloni che per rallentavano curiosamente, rasentando il bordo del piano dove ci trovavamo, senza sommergerci. Spumeggiavano, ci incalzavano, ma c'era qualcosa che li frenava, solo alcuni schizzi freddi ci colpivano. L'aria s'era fatta pregna di acqua salsoiodica polverizzata. Stavamo in mezzo ad un mare grigioazzurro. Impressionante il rombo sordo di quella massa d'acqua, come un maglio mi colpiva al plesso solare. Il maestro mi strinse il polso e ne ebbi un giovamento immediato di elettricit diffusa in tutto il corpo. Di fronte a certe cose emergeva la mia vulnerabilit, la mia debolezza. Le stelle si avvicinavano sempre pi verso la nostra direzione. E cos vidi due lance volanti, che emettevano quel bagliore accecante. S, due barche leggere che sfiorarono agilmente la superficie delle acque, come se nulla fosse. A bordo di ogni lancia vi erano due esseri misteriosi in piedi, che ci guardavano. Il cuore mi batteva forte e la mia coscienza si accorciava in un punto piccolo piccolo. A pochi metri da noi, sospesi sulle acque, stavano quattro esseri rivestiti d'una succinta tunica rosso cupo, che lasciava vedere le gambe nude e senza maniche, stretta ai fianchi da una cintura colore dell'olivo. Giovani, dalle sembianze umane, portavano un berretto nero, che sulla fronte si apriva a raggiera e si ripiegava sulla nuca. Con mia evidente sorpresa, uno di loro mi parl in italiano o almeno cos intesi. Rasserenati come la nuova veste che ti ricopre!

Guardai i miei vestiti e con meraviglia mi vidi addosso una tunica blu. Dove erano andati a finire i miei vestiti? Vivevo un'allucinazione? O cosa? il tuo corpo sidereo mi fece Scandurra rassicurante ora stai percependo questo tuo nuovo stato.

Ma chi sono? Angeli? Uranidi, per la precisione, soltanto uranidi mi corresse il maestro.

Incontro con un uomo Straordinario 40 / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella

L'essere che mi aveva parlato fece un gesto universale per invitarmi a bordo della piccola barca. In maniera dapprima maldestra poi, quasi con naturalezza, spiccai un salto ed entrai nella lancia luminosa. Non sentii paura n disorientamento. Approderemo oltre la linea dei mondi, per meglio vedere i tempi che verranno.

Quasi li sfioravo. Erano alti 190cm o poco pi. Avevano una pelle luminosa e bianca. Letteralmente bianca. Profumavano di cose belle, anche se non saprei dire quali. Bello l'aspetto, dolce l'atteggiamento. Erano angeli? Riferirai agli uomini. Comunque pochi ascolteranno. Altri navigatori prima di te, hanno visto e riferito. Ti scambieranno per folle o per profeta, l'ennesimo. Siamo esseri provenienti da altri mondi, fatti di forma che governa l'energia, come te.

Quelle frasi mi rinfrancarano. Anche se non erano angeli, sicuramente mi trovavo di fronte ad esseri cos progrediti da sembrarlo. Uranidi, secondo Scandurra. Balbettai non so quali parole. Pochi istanti dopo, mentre tentavo di porre qualche domanda, la lancia si oscur. All'improvviso l'oscurit fu rotta da due linee abbaglianti, che sfrecciavano fino all'infinito, dove pareva si congiungessero in un cerchio potentissimo, che diffondeva fasci di luce dai riflessi d'oro. Le linee partivano dalla nostra navetta sulla quale mi trovavo. Essa per aveva perduto ogni luminosit; ma correva velocemente e sicura sulle acque in tempesta, tutto superando, tutto vincendo. Dove mi avrebbero condotto gli uranidi? Il mistero avvolgeva la mia vita. Cosa mi avrebbe riservato il destino? L'atlantideo ha formato una forte gena nel corso degli anni. Hai molto tempo davanti per crescere. Prima di te, altri della talenti si sono immersi nei varchi. Hanno veduto quello che verr. Saprai descrivere, trasmettere e trasformare la gente che ti seguir? un peso conoscere, a volte acceca, perci gli umani spesso chiudono gli occhi.

Ascoltavo sbalordito. Mi trovavo con esseri cosmici elevatissimi. Sembravano divinit greche o ind. Eppure erano come me, come ogni altro essere umano della Terra. Ogni vivente possiede un'essenza, ci che ci accomuna tutti. Osservai meglio la lancia che mi trasportava. Sembrava pi una tavola come quella usata dagli sportivi californiani per cavalcare le onde dell'oceano. Il suo colore era celeste chiaro. La sua base era piana ma semitrasparente. Uno strato, tipo silicone o gomma, lasciava intravedere intricati geroglifici sottostanti. Non capivo come facessero a guidare la navetta. N comprendevo come potessi stare in
Incontro con un uomo Straordinario 40 / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella

piedi, dritto, senza alcuna fatica e senza avvertire la gravit e la forte accelerazione. Incominciammo ad allontanarci dalle acque, e mi sentii ad un tratto come trasportato da una forza sovrumana che mi attraeva. Salivamo a velocit pazzesca. Stavamo lasciando Deya. In quell'universo, gli astri e i pianeti li avvertivo vicinissimi, li vedevo in movimento e la mia mente comprendeva, cos naturalmente, come le varie forze, sviluppantisi dai movimenti impressi loro dal Creatore, generassero altre forze, che con i loro contrasti, tenevano sospesi i corpi celesti. Ogni sole o pianeta che incontravamo, emetteva un suono. Guardavo e ascoltavo. Mi commossi. L'infinito azzurro, seminato di astri, mi attraversava. Poi, una domanda scema mi distolse. Come facevo a respirare nello spazio? Lo percorravamo sopra una tavola non pi grande di una barca, scoperta, e respiravamo senza problemi. Mi spaventai. Notarono la mia paura, evidentemente. L'altro che non aveva ancora parlato, sorrise e appoggi la sua mano sulla mia spalla. Provai un tepore strano ma positivo. Gli chiesi quale fosse il suo nome, se poteva dirmelo. Bina, il mio nome. Mio fratello Saril-Da. Gli altri due si chiamano Tion-De e Far. Abbiamo visitato gi la tua terra ed bella. Voi siete cos estremi nel sentire e nell'agire. Ho conosciuto degli uomini e delle donne. Ho apprezzato le vostre speranze, compreso le vostre paure. Attendete un segno dal cielo perch la vostra epoca cos povera di futuro. Ma perdonami, tu volevi farmi anche un'altra domanda. Non posso fare a meno di sentirla dentro di te, ma per rispetto rivolgo altrove il mio fuoco.

Bina, volevo chiederti come facciamo a muoverci sopra questa tavola e, poi, beh io respiro pur trovandomi nello spazio. Come possibile questo? Vuoi che ti sveli i misteri degli uranidi, cos come ci chiama Scandurra? Non abbiamo divieti n limitiamo la conoscenza a pochi prescelti. Abbiamo donato tutto a tutti negli universi in cui siamo stati, e ognuno ha preso secondo possibilit e fine. Non si pu riempire una brocca pi della sua capacit, e la sua misura sempre quella giusta. Talvolta gli esseri dei mondi terreni non hanno cognizione della loro grandezza ma nemmeno della loro finitudine. Ah! Vuoi sapere come ci muoviamo. Conosci di massima come certe civilt costruiscono le loro navi stellari, come scivolano tra i varchi. Alcune usano elementi naturali seppur trasformati, altre ancora, poche per la verit, hanno raggiunto livelli insuperati. Parlo di materia binomiale, filosofale direbbe Scandurra. Ora tu ti trovi sulla prima navicella interdimensionale costruita dagli ingegneri cosmici. Viene descritta nei libri sacri di tutti i popoli. Non immateriale come tu puoi ben vedere, eppure il suo stato sottile. Ha due facce, esterna e interna. indistruttibile, pu essere durissima ma anche fluida. La guida semplice: c' un rapporto d'ordine cosmobiologico che collega la navicella al suo pilota. Attraversa i varchi tra dimensioni, perch in grado di farsi attraversare da essi. Non in vendita, per.

Battuta regolare. Si fece una gran risata e questo me lo rese umano. Ma allora la Bibbia sarebbe una cronaca che descrive i vostri viaggi nel nostro mondo? Tutte le religioni hanno origine da un'accadimento speciale: una interferenza terra-cosmo. I

Incontro con un uomo Straordinario 40 / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella

racconti sulle origini delle civilt, sono descrizioni puntuali di questi contatti. Vanno per distinte le gerarchie tra i celesti e noi. Entrambi abbiamo comunque assolto a dei compiti elevati per il bene dell'umanit. Noi siamo fatti come voi, forma ed energia, i celesti, invece, sono pura energia. Poi ci sono gli oscuri e come ben sai, perseguono la distruzione dei mondi. Anch'essi si dividono in due manifestazioni, evanescenti e densi. Gli oscuri, diciamo, pi densi hanno stabilito alleanze con i titani provenienti dal sottomondo. Gli altri hanno scelto di colonizzare l'anima degli uomini e di deviarne il cammino.

Ero tutto preso ad ascoltare Bina che non mi resi conto che ci stavamo avvicinando all'emisfero della Luna avvolto nella notte. La riconobbi facilmente perch intravidi la nostra Terra, azzurra e bellissima, sospesa sull'orizzonte del satellite. Insomma, avevamo attraversato un altro universo per ritornare dalle mie parti. E senza passare dagli scali. Rimasi interdetto, ma non cercai risposte subito, attesi gli eventi. Mi si offr allo sguardo un paesaggio grigio, eppure interessante. Crateri qua e l d'ogni grandezza, catene di montagne e pianure, si delineavano nitide in quel sereno tempestato di stelle. Ma quello chi vidi mentre ci avvicinavamo ad un gigantesco cratere, fu qualcosa di stupefacente. Mai e poi mai mi sarei aspettato di vedere una cosa simile l.

Incontro con un uomo Straordinario 40 / tratto dal blog http://ilgrandeignoto.blogspot.com di Angelo Ciccarella