Sie sind auf Seite 1von 24

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 16 febbraio 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 6 euro 1,20 - contiene I.P.

6
7 Spettacoli
I film proposti dallAssociazione delle famiglie

Diocesi
Terminati i lavori di restauro in Episcopio
uovi pavimenti, Nda un muro impianti, porte, e comparso un antico affresco

Speciale
Diocesi e conti Costi, ricavi e raccolte di carit
ilancio 2010: in Bcifre pagina tutte una le che transitano dalla nostra Chiesa locale

Chiesa
Non ci pu essere libert senza verit
l messaggio Iturito a Romascadal convegno Ges nostro contemporaneo

19

Fino all11 marzo una rassegna cinematografica a


misura di genitori e figli

EDITORIALE La lezione della neve


di Francesco Zanotti

Un metro di neve in citt, due metri in collina e anche oltre nellAlta Valle del Savio

a neve arrivata tra tante polemiche. Allinizio le lamentele si sono sprecate. Poi, col passare dei giorni e laumento delle difcolt di ogni genere, le voci di protesta hanno lasciato spazio a un pi fattivo comportamento da parte di tutti. Non sono mancati i disagi e le fatiche dovute allisolamento di chi si trovato di colpo a fare i conti con una nevicata che rimarr epica. Alla ne hanno prevalso il buon senso e la volont di portare un contributo personale per migliorare una situazione che in alcuni casi stata drammatica. Si trattato di unesperienza straordinaria. Nessuno si poteva aspettare quasi quindici giorni di emergenza neve. Nessuno era preparato per un evento di tale portata. E dovuto intervenire lesercito con mezzi che mai ci saremmo sognati di vedere in azione dalle nostre parti. Il Carisport ha ceduto sotto il peso della neve e rester chiuso per molto tempo. I collegamenti stradali, ferroviari e aerei sono stati sconvolti. Dai tetti delle abitazioni sono state spalate tonnellate di neve come avevamo visto fare solo in televisione. Diciamolo: ci siamo trovati in unaltra realt. Adesso che ne stiamo uscendo ci pare sia trascorso un tempo molto pi lungo di due settimane. Abbiamo vissuto a ritmi lenti, ma intensi, con gli occhi incollati ai vetri per vedere se cessava di nevicare. Siamo scesi in strada con i vicini, li abbiamo conosciuti meglio. Nelle difcolt, specie se notevoli, ci si aiuta a vicenda. La neve ci ha fatto scoprire un aspetto che gli ultimi anni avevano un po sepolto e che la bufera di questo inizio di febbraio ha scoperchiato con unevidenza che ha sorpreso tanti. S, la neve stata anche stupore. Stupore per la bellezza di un evento meteo che in ogni occasione ci fa tornare bambini, ma soprattutto per ci che ha saputo suscitare nel momento in cui se ne accumulata a metri. La neve ci ha costretti a una convivenza in famiglia a cui non eravamo pi abituati, ma che ci ha fatto bene. Non si contano gli episodi di chi ha lavorato giorno e notte per raggiungere persone bloccate o allevamenti senza pi viveri. Come non si raccontano i gesti di chi si fatto carico del vicino e di continuo gli ha aperto un passaggio per varcare il cancello o ha procurato la spesa ad anziani rimasti per giorni in casa. La neve ci ha segnati. Ce lo siamo gi detti, ma vale la pena ribadirlo. Ora che ci siamo ritrovati grazie allemergenza neve, torniamo alla normalit consapevoli che siamo in possesso di buone carte da giocare. Basta solo metterle sul tavolo, per il bene nostro e della comunit cui apparteniamo.

IL NEVONE DEL 12

IL DEPOSITO NEVE AL PARCO IPPODROMO A CESENA (FOTO MAURO ARMUZZI)

Un evento eccezionale, che ha sconquassato i normali ritmi di vita. Dal 31 gennaio al 12 febbraio il cesenate stato investito da una nevicata fuori dellordinario. E gli strascichi si avranno ancora per diverso tempo. Abbiamo sospeso la pubblicazione del nostro giornale per una settimana (9 febbraio), mentre il numero del 2 febbraio in alcune zone non stato ancora consegnato. Nei giorni del nevone ci siamo concentrati sul sito internet aggiornando di continuo le notizie e raggiungendo picchi SPECIALE VERATOUR di 2500 contatti al giorno. In collina, specie a Sogliano, sono capartenze di GENNAIO e FEBBRAIO duti oltre 2 metri di neve. Ma il territorio ha risposto bene. Speciale alle pagine 11-14

Cesena 9 Pievesestina, morto il parroco don Agostino Grassi Mercato S. 17 Un testimone oculare della ritirata di Russia

Cesenatico 15 Ancora guai al porto, serve un dragaggio Sport 22 Il calcio di serie A perde milioni su milioni

Opinioni

Gioved 16 febbraio 2012

LEuropa che non ti aspetti C

FOTO ARCHIVIO SIR

he sta succedendo in Europa? Il Consiglio dEuropa, che riunisce 47 Stati del vecchio continente (compresi gli ex Paesi comunisti), ha varato un testo che esprime un netto no alleutanasia e al suicidio assistito. LEuropa - sollecitata dal Ppe - ribadisce quanto affermato dalla Convenzione di Oviedo per quanto riguarda le dichiarazioni anticipate di trattamento. Si afferma infatti analogamente a quanto contenuto nel disegno di legge in discussione al parlamento italiano - che deve essere sempre vietata leutanasia, nel senso di procedure attive od omissive volte a provocare intenzionalmente la morte del paziente, quandanche realizzata nella supposizione di un suo beneficio. Purtroppo la Svizzera, ove attualmente si pu chiedere di andare a morire con suicidio assistito (come ha fatto recentemente Luciano Magri, esponente della sinistra storica italiana), non tra i Paesi firmatari. La notizia del divieto di eutanasia passata quasi del tutto inosservata. Eppure di grande importanza, specie se la si considera assieme a unaltra notizia. Nello stesso momento in cui il Consiglio dEuropa assume questo impegno, la Corte Europea dei Diritti dellUomo investita della questione riguardante lobbligo, da parte degli stati membri, di acconsentire allacquisizione di sostanze letali a scopo di suicidio, a fronte di unespressa richiesta del cittadino (Affaire Koch contro Germania). Per il momento, la Corte ha dichiarato la questione ammissibile, e dunque si attende una sua decisione definitiva in merito, che sar particolarmente decisiva al riguardo. Il Consiglio dEuropa espressione della volont dei paesi membri. La Corte Europea dei Diritti dellUomo ha invece il potere di sindacare le legislazioni dei singoli stati, in rapporto alla eventuale violazione dei diritti umani, cos come enucleati nella Carta Europea dei Diritti dellUomo e come interpretati dalla stessa Corte. Sar interessante vedere come si coordineranno i due organi europei. Certo, penso che a questo punto la Corte non possa ignorare completamente limpegno assunto dal Consiglio dEuropa, facendo entrambi parte della medesima istituzione comunitaria. Deve comunque evidenziarsi una sorta di recupero, in ambito europeo, di una nuova prudenza in merito alla facile introduzione dei cosiddetti nuovi diritti civili, che in realt rappresentano laccoglimento di libert non corrispondenti alloggettivit dellesperienza umana, svincolate da qualsiasi giudizio di bene per luomo. Almeno cos mi pare di poter leggere ci che accaduto qualche mese fa. In quella occasione, davanti alla Corte di Giustizia Europea si discusso della legittimit di un brevetto tedesco relativo a procedimenti per la produzione di cellule progenitrici neurali, a partire da cellule staminali embrionali, e relativo allutilizzazione di dette cellule per ricerca scientifica. E se ne esclusa la brevettabilit. Se si pensa che siamo in un mondo sempre pi globalizzato e regolato dal mercato, se si pensa al potere dispotico odierno dello spread, che sa di cosa brutta e cattiva anche solo nel nome, appare una specie di quasi miracolo il fatto che sia stato invece sottratto al potere della commercializzazione una cosa minuscola, ma sacra e miracolosa, come lembrione umano. Mi piace pensare che queste decisioni siano il frutto delle parole del papa risuonate nel settembre 2010 al bureau dellAssemblea del Consiglio dEuropa: questi valori, diritti e doveri sono radicati nella dignit naturale di ogni persona, qualcosa che accessibile alla ragione umana. La fede cristiana non ostacola, bens favorisce questa ricerca, ed un invito a cercare una base soprannaturale per questa dignit. un invito - credo - a ripensare profondamente anche al senso dellEuropa e alla fondazione dellUnione Europea su basi che facciano riferimento alle proprie radici cristiane. Stefano Spinelli

Uno sguardo attento sul vecchio continente Un ritorno allessenziale per superare la crisi
ome di fronte alla emergenza neve, pi che abbandonarci ai piagnistei e il puntare lindice accusatore, ci siamo rimboccati le maniche, ciascuno nelle proprie responsabilit, si attivato per far fronte alle difficolt, a volte drammatiche, che si sono abbattute sulle nostre citt, sulle nostre campagne e sui monti dellAppennino, cos necessario e urgente riprendere coscienza e attivarsi per ridare significato e valore alla politica. I tecnici al governo del nostro Paese, recuperata la fiducia dissipata a piene mani negli anni passati, partecipando a fronte alta ai consessi internazionali, stanno adoperandosi per rimettere in ordine i conti. Lamara e devastante lezione dei crolli di una finanza che si arrogava la pretesa di moltiplicare il denaro con il denaro, mobilitato da un capo allaltro del mondo con velocit supersoniche, a prescindere da quei fondamenti etici che solo danno consistenza e durata allagire delluomo, non sembra essere stata recepita con convinzione. necessario defilarsi tuttavia dalla contro-politica che minaccia di travolgerci in derive che mettono a rischio la stessa democrazia. Mettere mano a quelle riforme (in primis, la legge elettorale) che possano consegnare responsabilmente lesercizio dellautorit a coloro che il popolo sovrano (non manipolato!) elegge per rappresentarlo negli ambiti definiti dalla Costituzione e ai quali chiedere conto, non delegando pi e di fatto lesercizio di questa sovranit alla magistratura. Rendere pi efficace la lotta contro il riciclaggio del denaro estorto dalla criminalit organizzata e levasione fiscale. Tuttavia, ancora pi necessario riprendere coscienza con quei valori, quelle radici, quei fondamenti che hanno definito lungo i secoli la nostra storia, la nostra identit di popoli che vivono solidarmente nella grande casa comune che ha nome Europa: la verit delluomo, della famiglia, le sue responsabilit educative, del lavoro, dellimpegno politico, la condizione umana delle carceri. avvenuto allindomani delle grandi e secolari crisi che lhanno investita: icone preziose ed eloquenti sono san Benedetto e poi i santi Cirillo e Metodio; pi vicine a noi la testimonianza evangelica di santa Caterina da Siena, di santa Brigida di Svezia, di santa Benedetta della Croce, Edith Stein, travolta dal dramma della Shoah. E ancora, dopo la tragedia scatenata dalle ideologie totalitarie che avevano tentato di rimuovere la presenza di Dio dalla storia dellantico continente, i servi di Dio Alcide De Gasperi e Robert Schumann e quel galantuomo che

La Vignetta

ridiede speranza al popolo tedesco Konrad Adenauer. E puntualmente, ed buona notizia di questi ultimi anni, il nome dei martiri della Chiesa della Santa Russia e delle Chiese del Silenzio. Testimonianza a Ges Cristo, vivente nella sua Chiesa, sorgente di speranza per lEuropa. La forza dello Spirito che Ges risorto ci dona ci rende capaci di questo ritorno allessenziale, alla vita buona del Vangelo. Ed , gi oggi, speranza forte per tutti, soprattutto per i giovani, almeno per quelli che sono sopravvissuti alle stragi dellaborto. Non dimenticando mai il suggerimento del Piccolo principe di Saint-Exupry lessenziale invisibile agli occhi del volto. Piero Altieri

Gioved 16 febbraio 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Convegno missionario diocesano


Domenica 19 febbraio alle 14,30 in seminario a Cesena
LUfficio Catechistico diocesano e lUfficio Missionario diocesano organizzano e invitano al convegno missionario che si terr domenica 19 febbraio, dalle 14,30 alle 18,30, nellaula Alberto Mondardini, in seminario a Cesena. Linvito rivolto particolar modo ai catechisti e ai chiunque desideri aprire cuore e catechesi alla mondialit e alla missionariet.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Rinnovaci, Signore, col tuo perdono
Domenica 19 febbraio - Anno B 7 domenica Tempo Ordinario Is 43,18-19.21-25; Salmo 40; 1Cor 1,18-22; Mc 2,1-12
es ritorna a Cafarnao ed entra in casa. Molta folla lo cerca e si raduna davanti a quella casa. Come faremo anche noi oggi recandoci in chiesa come ogni domenica. Perch quella gente cerca Ges certamente per i miracoli e per ascoltare la sua Parola, perch parla come uno che ha autorit e non come gli scribi. Fra i malati c anche un paralitico per il quale non c posto. I suoi quattro accompagnatori lo calano dal tetto per presentarlo a Ges. Vista la loro fede, Ges compie due miracoli: ti sono perdonati i tuoi peccati, e poi, alzati e cammina. Gli scribi presenti si scandalizzano che Ges perdoni i peccati. Spettava solo a Dio. E cos inizia la prima controversia con Ges, secondo Marco. A quel tempo si pensava che la malattia fosse un castigo di Dio per il male commesso. Con questo gesto Ges non approva questo modo di pensare, del resto ancora oggi diffuso. Ricordiamo la risposta di Ges ai suoi discepoli di fronte al cieco nato. La malattia non conseguenza del nostro peccato, ma il segno della nostra fragilit e il segno anche del nostro peccato. la paralisi dello spirito che dobbiamo temere. Ges con questo miracolo ci ricorda che Lui non un taumaturgo, ma Colui che Dio ha mandato a liberarci dal peccato offrendoci il suo perdono. Quello il giorno della risurrezione di quel paralitico. La domenica anche per noi il giorno della nostra risurrezione, della vita nuova che ne deriva dallincontro con Cristo nella Messa, dallascolto della sua Parola, dal perdono che ci dona in modo speciale nel sacramento della confessione. Anche noi siamo soggetti a tante paralisi interiori, compresa quella di aver perduto il senso del peccato. Ci confessiamo forse raramente perch ci riteniamo giusti, senza peccato. Con questo miracolo, Ges ci ricorda che anche noi siamo peccatori e che Lui venuto proprio per perdonarci e farci risorgere. Un altro insegnamento vogliamo raccogliere. I quattro uomini che portano il paralitico a Ges rappresentano la Chiesa, le nostre comunit, che si fanno attente agli ammalati, ai bisognosi, alle persone in difficolt di ogni genere e portano loro lamore di Dio. Non solo, ma conducono a Ges i peccatori, coloro che vivono nel male con una vita sbagliata, perch incontrino Ges e possano risorgere e cambiare vita. Quella gente a Cafarnao se ne and piena di meraviglia, lodando Dio: Non abbiamo mai visto nulla di simile. Accada anche a noi oggi, tornando a casa, la stessa cosa. Sauro Rossi

Celebrazione del Mercoled delle Ceneri


Mercoled 22 febbraio in Cattedrale a Cesena
Alle 20,30 di mercoled 22 febbraio, in Cattedrale a Cesena, il vescovo Douglas Regattieri presieder la celebrazione delle Ceneri, inizio della Quaresima. Allinterno della messa, il rito delliscrizione del nome per i catecumeni che riceveranno il Battesimo durante la Veglia di Pasqua.

La Parola di ogni giorno


luned 20 febbraio santi Remo Gc 3,13-18; Sal 18; Mc 9,14-29 marted 21 san Pier Damiani Gc 4,1-10; Sal 54; Mc 9,30-37 mercoled 22 mercoled delle Ceneri Gl 2,12-18; Sal 50; 2Cor 5,20-6,2; Mt 6,1-6.16-18 gioved 23 san Policarpo Dt 30,15-20; Sal 1; Lc 9,22-25 venerd 24 san Sergio Is 58,1-9a; Sal 50; Mt 9,14-15 sabato 25 san Cesario Is 58,9b-14; Sal 85; Lc 5,27-32

Il vaticanista Sandro Magister ai Dialoghi per la citt


Luned 27 febbraio alle 21 nellaula magna di Psicologia
Raccontare la Chiesa al tempo di internet sar il titolo della relazione che il vaticanista Sandro Magister terr luned 27 gennaio alle 21 nellaula magna di Psicologia, a Cesena (di fronte alla stazione ferroviaria), secondo appuntamento dei Dialoghi per la citt.

CHIESA INFORMA

Azione Cattolica, festa di Carnevale


Sabato 18 febbraio presso la parrocchia di Case Finali di Cesena
LAzione Cattolica diocesana propone per sabato 18 febbraio alle 20,45, la Festa di Carnevale per giovanissimi e giovani.

Incontro per separati soli


Luned 20 febbraio a San Vittore di Cesena
Lappuntamento mensile per separati soli, promosso dallUfficio famiglia, per luned 20 febbraio alle 21, presso la parrocchia di San Vittore, sul tema ... poi va, pieno di gioia... La gestione dei sentimenti. Per info: Ivan e Floriana (tel. 0547 662055), don Virgilio (cell. 339 3191586).

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Madonna del Fuoco, Gattolino, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, Bulgaria, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, San Mauro in V., Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, Casalbono, Borello Ronta Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Capannaguzzo, Gattolino, Bulgaria, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, San Mauro in V., Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria della Speranza, San Pietro, Case Finali, San Pio X, Basilica del Monte, Istit. Lugaresi Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini Cattedrale, San Domenico, Osservanza, San Rocco San Pietro, Cappuccini San Bartolo 20 Sala; 20,30 Villalta Festivi: 8.00 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9.00 Cappuccini di Cesenatico; 9.30 Villalta; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini di Cesenatico, San Giuseppe; 11.00 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 20.00 Crocetta, Budrio Festivi:ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8.00 Budrio; 8.45 Longiano-Parrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10.00 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11.00 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18. Santuario Santissimo Crocifisso. Gatteo ore 18.30 (sabato); 9 / 11.15 / 17.00 SantAngelo: 20.00 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17.00 (sabato); 8.00 / 11.15. Villamarina: 16.00 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8.30 / 10 / 11.15 / 17 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.00; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9.00 / 11.00 / 17.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17.00. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 17.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10.00 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, SantEgidio, Cappella cimitero; 9.00 Suffragio, Addolorata; 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato); 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Cappuccini 20.00 San Pio X, San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche)

15.00 17.30 18.00 18.30 19.00

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata, San Vittore 18.00 Cattedrale, San Domenico, Case Finali, San Rocco, Osservanza, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, SantEgidio, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Bulgarn 19.00 San Giorgio, Tipano 20.00 San Pio X, Calisese, San Giovanni Bono, Gattolino, Villachiaviche, Bulgaria 20.30 Ponte Pietra, Ruffio, Santa Maria Nuova, Pievesestina, San Cristoforo, Pioppa

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 San Giuseppe; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo;

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 5 del 2 febbraio 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 14 febbraio 2012

Vita della Diocesi

Gioved 16 febbraio 2012

Episcopio

Completati in tempi veloci i lavori di ristrutturazione che hanno riguardato lo studio e labitazione privata

In breve
Al Cantiere 411 incontro e film insieme
Un tesoro in vasi di creta. Preziosit e fragilit dei legami familiari il tema del terzo incontro del ciclo Lorlo dei legami promosso dal Cantiere 411 (suore francescane della Sacra Famiglia). Lappuntamento, inizialmente previsto per il 16 febbraio, si terr gioved 23 febbraio alle 20,45 presso il Cantiere in via Mami 411, Cesena; relatrice lavvocato Silvia Pracucci. FILMiamoci qui...: la nuova iniziativa promossa dal Cantiere 411 rivolta a regalarsi del tempo per fermarsi di fronte a delle immagini e chiacchierare, ascoltando gli occhi provocati a vedere linvisibile. Il primo dei tre appuntamenti stato rinviato a venerd 24 febbraio. Sar visto insieme il lm Il concerto, di Radu Mihaileanu (Francia, 2009). Per info: suore della Sacra Famiglia, 331 6138724.

Una casa rinnovata per il vescovo e per la diocesi


lzando lo sguardo verso lepiscopio, dalla primavera scorsa fino ad oggi si potuto notare un progressivo avanzamento lavori della ristrutturazione degli ambienti a disposizione del vescovo diocesano. Ambienti che gi da qualche giorno prima di Natale ospitano monsignor Douglas Regattieri. Don Marco Muratori, parroco a SantAngelo di Gatteo e vice economo della diocesi, si occupato dei lavori di ristrutturazione e risanamento degli ambienti

Veglia diocesana di Quaresima


Sabato 25 febbraio alle 20,45, in Cattedrale a Cesena, il vescovo Douglas presieder la Veglia diocesana di Quaresima, animata dai giovani. La Veglia culminer con la preghiera notturna e la possibilit di dialoghi e confessioni. I canti saranno a cura del coro giovani di Pievesestina.

Gli ambienti sono ora pi funzionali e accoglienti. Ristrutturati anche mobili e porte. E non sono mancate le piacevoli sorprese
che hanno riguardato i due piani dellepiscopio, 700 mq quadrati complessivi con accesso da via Vescovado, accanto alla Cattedrale di Cesena. Lintero progetto di ristrutturazione era stato presentato durante lepiscopato di monsignor Antonio Lanfranchi, predecessore del vescovo Douglas. Il periodo di passaggio tra un episcopato e laltro stata unoccasione colta al volo per compiere i lavori in tempi rapidi. Ambienti accoglienti, caldi, illuminati da vetrate che si affacciano su piazza della Libert. Nellepiscopio si respira la lunga storia della nostra diocesi che ha visto nei secoli lavvicendamento di decine di vescovi e di numerose, successive rivisitazioni degli spazi da loro abitati. Il lavoro pi sostanziale ha riguardato la divisione dei due piani a disposizione: mentre fino allo scorso anno il primo piano vedeva la coabitazione degli ambienti privati del vescovo, con il suo studio e la cappella - e il piano superiore era occupato dallarchivio diocesano, ora trasferito a Santa Cristina, in via Chiaramonti - oggi entrambi i piani compongono lepiscopio. Al primo, oltre alla cappella privata, vi lufficio del vescovo, la sala delle riunioni e lufficio del segretario; al piano superiore labitazione privata del vescovo. Una ristrutturazione che ha riguardato lavori di muratura, rifacimento degli impianti, montaggio di pavimenti in marmo e nuovi infissi. I lavori di ristrutturazione hanno coinvolto anche gli arredi esistenti. Sono cos stati recuperati vari quadri che, negli anni, erano rimasti nascosti in depositi della diocesi e che oggi impreziosiscono il largo e luminoso corridoio centrale, una sorta di galleria dei vescovi della diocesi di Cesena, cronologicamente ordinati. Ultimo, gi in bella mostra il ritratto del vescovo Antonio Lanfranchi, a cura dellartista cesenate Adelmo Calderoni. I quadri arricchiscono le pareti colorate con tinte pastello, gli stessi toni e giochi di colore utilizzati nella ristrutturazione della chiesa di SantAgostino. Anche le porte, cos come gran parte del mobilio, sono state recuperate. Segnaliamo a questo proposito la porta della sala

EPISCOPIO DI CESENA: IL VESCOVO DOUGLAS REGATTIERI IN OCCASIONE DELLINAUGURAZIONE (FOTO MAURO ARMUZZI)

Esercizi spirituali diocesani


Da marted 28 febbraio a venerd 2 marzo, dalle 20,30 alle 22,20 in seminario a Cesena si terranno gli Esercizi spirituali diocesani. Tema degli Esercizi: Quaresima: un itinerario di fede nella gioia della riscoperta del Tesoro. Guider gli incontri il vescovo Douglas Regattieri. Il vescovo e altri sacerdoti saranno disponibili per colloqui e confessioni. Per informazioni: Centro Pastorale, Palazzo Ghini di Cesena, tel. 0547 611001.

I protagonisti
ono state le di del Sterritorio edecinesoloimpresesonoartigiani e aziendedal gi non che si alternate nella ristrutturazione dellepiscopio di Cesena, coordinate citato studio Morri. Ne elenchiamo i principali: Soms Costruzioni (Sarsina), Zammarchi Mirco impianti elettrici (SantAngelo di Gatteo), A++ Associati studio progettazione impianti tecnologici (Cesena), Nucci Elio termoidraulica (Cesena), Fiore Eliseo inssi (Forl), Tavar pavimenti in legno (Ravenna), Budri Marmi (Mirandola), restauri mobili e porte: Fiore Restauro (Cesena), restauro mobili antichi: Giunchi Andrea (Cesena), tinteggiatura: La Fenice (Cesena), cartongesso: Immagine dArredo (Castrocaro Terme), arredamento: Mar Mobili (Gatteo).

Cresima per adulti


Sabato 3 marzo alle 16, presso la casa del clero in via Isei, a Cesena, avr inizio un corso di preparazione al sacramento della Cresima per adulti. Per informazioni: don Sauro, 349 1589353.

Video di Tele-Osservanza
Sul sito www.teleosservanza.it disponibile il video della conferenza Cesena e la Shoah: la pi grande avventura di don Odo Contestabile, che si tenuto gioved 26 gennaio al Palazzo del Ridotto.

EPISCOPIO DI CESENA: ULTIMI RITOCCHI AL RECUPERO DELLAFFRESCO RITROVATO (FOTO MAURO ARMUZZI)

riunioni di cui possibile risalire allanno di realizzazione, attorno al 1500: il falegname lungimirante - che ne cur le fattezze, vi inser allinterno una moneta dellepoca e grazie a questo curioso ritrovamento da parte dei restauratori ora possibile datarne la realizzazione. E tra le belle scoperte che la ristrutturazione ha permesso, ricordiamo laffresco recuperato in una parete della ex sala gialla, attribuito al pittore cesenate dei Sei-Settecento Andrea Mainardi; sullaffresco riprodotto lo stemma dellallora vescovo Vincenzo Maria Orsini (1680-1686), poi papa Benedetto XIII (vedi Marino Mengozzi in Corriere Cesenate n. 45 del 15 dicembre 2011). Nel luminoso corridoio centrale sono stati recuperati e valorizzati i capitelli che per decenni erano rimasti nascosti sotto lintonaco. Si tratta di capitelli che datano la primaria costruzione delledificio e che hanno scolpiti lo stemma dellallora vescovo di Cesena Giovanni Venturelli (1475-1486). Il tutto, con unattenzione particolare al risparmio energetico e alla domotica,

cos come precisamente richiesto dalla Conferenza episcopale italiana: il riscaldamento a pavimento e laccesso ora possibile anche ai portatori di handicap grazie al moderno ascensore. Meritano un grazie davvero grande le maestranze che in questi mesi si sono avvicendate nei lavori tiene a precisare don Marco -. Oltre cento persone tra progettisti, muratori e artigiani, coordinati dallo studio di architettura Pier Vittorio Morri di Cesena - e in particolar modo alla cura dellarchitetto Paola Lucchi - che in pochi mesi hanno permesso di portare a termine un lavoro impegnativo. La casa del vescovo resa ora ancora pi accogliente, funzionale negli spazi, valorizzata negli arredi - ha detto il vescovo Douglas ai tanti sacerdoti che in occasione degli auguri di Natale, per primi, hanno avuto la possibilit di visitare lepiscopio -. E ancora di pi ora desidero che questa casa venga considerata la casa di tutti, aperta a tutti. Qui, ciascuno si deve sentire a casa. Sabrina Lucchi

Mercoled delle Ceneri I passaggi dei catecumeni verso la Veglia pasquale


Un giovane albanese insieme alla madre, una ragazza rumeno-italiana, una signora armena e il glio di dieci anni, unaltra signora armena faranno il Rito dellaccoglienza da parte del vescovo, rito detto anche Iscrizione del nome. Il vescovo gi li conosce. A lui, dopo lunga preparazione, hanno fatto pervenire la domanda personale di essere ammessi a ricevere i sacramenti nella Veglia pasquale. Tutta la prossima Quaresima per loro un tempo di intensicata attesa della rinascita in Cristo. Si traduce in una pi forte preparazione ai sacramenti del Battesimo, della Cresima e dellEucaristia. In questo impegno sono in primo piano i catecumeni stessi. Ma non solo. Lequipe che li ha seguiti in questi due anni e gli accompagnatori parrocchiali sono pi di sempre al loro anco. Non solo. Anche le comunit parrocchiali nelle quali entreranno a far parte sono impegnate allo stesso scopo. Limpegno consiste nella preghiera e nellapprofondimento della realt dei sacramenti. Soprattutto nel pregustare quella vita cristiana che avr inizio ricevendo i sacramenti. La Quaresima diviene un richiamo alla fede per le parrocchie coinvolte. Si propone come un segno per tutta la nostra Chiesa. don Mario Morigi

Gioved 16 febbraio 2012

Speciale

uesta settimana dedichiamo una pagina intera ai conti della Diocesi. Pubblichiamo il bilancio 2010, e le cifre relative alle raccolte di carit della Quaresima e del recente Avvento. Si tratta di un gesto voluto in maniera particolare dal nostro vescovo Douglas che intende dare maggiore visibilit possibile a come vengono gestiti e investiti i tanti soldi che transitano dalla nostra Chiesa locale. Si tratta di importi importanti. Oltre due milioni di euro in un solo anno non sono un fatto trascurabile. Cos come bene ed giusto dare conto di quanto si raccoglie quando si promuovono gesti particolari che coinvolgono migliaia di persone. Allora diciamo subito che sono stati quasi 17mila gli euro raccolti durante la Quaresima, mentre si superata la cifra di 46mila euro in Avvento. In questo caso il vescovo stesso si

BILANCIO 2010
I conti della Diocesi Costi, ricavi e raccolte di carit
fatto promotore della colletta che andr tutta in favore della missione diocesana di Carupano dove opera il sacerdote fidei donum, don Giorgio Bissoni, di recente visitato da monsignor Regattieri. Nel lungo elenco di offerenti, merita una citazione a parte lazienda cesenate Trevi che ha contribuito con 18mila euro. Sul versante del bilancio, partendo dalla sezione dei ricavi (in questa sede si prende in esame solo il conto economico), alla voce affitti si pu dire che si tratta di importi relativi alla locazione di negozi, uffici e appartamenti, mentre le questue pro diocesi costituiscono la quota spettante alla Chiesa di Cesena-Sarsina in base al numero degli abitanti. La voce Comuni costituita dai contributi provenienti dagli enti locali che per legge sono tenuti a devolvere alle religioni il 7 per cento degli oneri di urbanizzazioni. La voce di gran lunga pi consistente quella dei contributi da Cei 8x1000. Culto e pastorale e carit si spiegano da sole: si tratta di tutta lattivit messa in atto dalla Diocesi per lordinariet della sua missione (compresi tanti interventi nelle parrocchie e le cause dei santi), mentre la carit, 353mila euro, viene gestita dal vescovo direttamente e dalla Caritas diocesana, sempre in prima linea per le urgenze e le emergenze di ogni tipo e numerose altre associazioni impegnate sul fronte dellaiuto al prossimo, come si evince dal dettaglio che si trova nei costi. Alla voce beni culturali ci sono i restauri realizzati a Santa Cristina, Gattolino, Gualdo e Ardiano, a quella nuova edilizia 294mila euro si trova il rifacimento del teatro parrocchiale a San Giacomo di

Cesenatico. Alla voce partite di giro troviamo importi che vengono trasmessi a chi di dovere per giornate particolari: missioni, universit cattolica, obolo di San Pietro, solo per citare qualche caso fra i tanti. Fra le gestioni separate c anche il Corriere Cesenate, assieme allalbergo Monte Fumaiolo e alla Casa del clero: si tratta di attivit autonome in tutto e per tutto che per confluiscono nel bilancio generale della Diocesi. Fra i costi si trovano tutte le cifre che fanno comprendere come i ricavi vengono impiegati. Ad esempio, per il Centro pastorale ci sono 120mila euro, vale a dire per il funzionamento degli uffici pastorali, come lufficio famiglia, quello catechistico o quello missionario, solo per citarne alcuni. Sempre fra i costi sono elencate anche tutte le spese per il funzionamento della curia diocesana.

TOTALE COSTI

2.167.236,09

TOTALE RICAVI

2.167.236,09

Vita della Chiesa

Gioved 16 febbraio 2012

Il messaggio del convegno internazionaleGes nostro contemporaneo


ROMA, 11 FEBBRAIO: IL CARDINALE CAMILLO RUINI HA CHIUSO IL TERZO GIORNO DI LAVORI DEL CONVEGNO INTERNAZIONALE GES NOSTRO CONTEMPORANEO (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Catholica
di Stefano Salvi

INAUGURATA SCUOLA CATTOLICA IN UGANDA


Il 3 febbraio lagenzia Fides ha pubblicato la notizia che i lavori artigianali delle donne malate di Aids permettono la costruzione di una scuola a Kampala in Uganda. Lo stesso giorno il quotidiano Avvenire ci informa che si tratta della Luigi Giussani high school, una scuola secondaria per 400 alunni del quartiere Kireka. In un edificio di 3 piani, 20 insegnanti e 12 classi permetteranno quindi laccesso a preziosi anni distruzione prima delluniversit. () La scuola nata grazie alla vendita di 32mila collane fabbricate dalle donne del Meeting point in Uganda utilizzando carta riciclata e successivamente distribuite grazie al lavoro di oltre mille volontari Avsi in Italia. Lagenzia Fides ha commentato cos la notizia: Si tratta di una nuova formula di finanziamento, soprattutto considerando che oggi i sussidi delle nazioni per i Paesi pi fragili si stanno esaurendo o comunque diventano sempre pi limitati. Inoltre i 400 studenti che vanno ora a scuola, lo fanno grazie al sostegno a distanza, e anche qui, grazie a un nuovo meccanismo di solidariet e sviluppo tra persone.

dere oggi Cre

Non c libert senza verit S


eparare Cristo dalla sua Chiesa operazione che conduce alla falsificazione sia delluno che dellaltra. Cos ha detto il cardinale Angelo Bagnasco, introducendo i lavori del convegno Ges nostro contemporaneo, svoltosi a Roma dal 9 all11 febbraio. La storia del cristianesimo, pur con tutte le sue contraddizioni e i suoi fallimenti stata giustamente qualificata come storia della libert. Parole del cardinale Camillo Ruini, chiudendo il medesimo convegno. Cristo e Chiesa, cristianesimo e libert sono due legami, che meritano di essere stabiliti e approfonditi, perch la loro negazione oggi pi o meno latente. Cristo senza la Chiesa - ha proseguito Bagnasco - realt facilmente manipolabile e presto deformata a seconda dei gusti personali, mentre la Chiesa senza Cristo si riduce a struttura solo umana e in quanto tale struttura di potere. Chi dice di credere in Cristo, ma non di credere la Chiesa pu facilmente costruirsi unimmagine molto soggettiva: Ges sarebbe un maestro tra i tanti apparsi nella storia dellumanit, pi uomo che Dio, avrebbe fatto i suoi sbagli e per questo capirebbe i nostri. La sua missione sarebbe stata quella di fare del bene, impegnandosi nelle emergenze del suo tempo, cos che oggi chi vuole seguirlo dovrebbe impegnarsi al punto da perdersi nel sociale. E deformazioni simili ne esistono molte. Che cosa manca a questo Ges terreno? Tutto quello che gli viene dal suo essere Dio. Egli Maestro di una parola che, talvolta, non esige compromessi. Egli la piena e definitiva rivelazione del Padre, al punto che chi vuole conoscere chi sia Dio realmente, deve passare attraverso di lui. Non solo. Egli il Salvatore, che venuto a liberare luomo dalla vera malattia: quella del peccato. Ora, limmagine piena e vera di Ges ci consegnata dalla Chiesa, che custodisce le parole del Maestro, le parole di coloro che hanno scritto del Maestro e le parole di coloro che hanno interpretato le une e le altre. La verit di Ges e su Ges quella che appare dalla Scrittura e dalla Tradizione vivente, che nei secoli conserva, accresce e trasmette la verit di Cristo. La Chiesa custode delluna e dellaltra, ma non lo come un guardiano del museo. La parola di Cristo viva ed efficace, interpella luomo e gli comunica la salvezza, attraverso lazione sacramentale della Chiesa. Non esagerato dire che, se Cristo fa continuamente vivere la sua Chiesa, la Chiesa rende vivo ed operante il Cristo, in quanto animata essa stessa dallo Spirito. E la Chiesa senza Cristo? Si riduce ad una struttura solo umana, perch le manca quellorizzonte soprannaturale, che conferisce la misura e il giusto peso alla dimensione umana. Senza Cristo ci si apre al potere, al carrierismo, allefficienza dei propri mezzi, ai programmi troppo umani e, talvolta, al peccato. No: non possibile separare Cristo dalla Chiesa, come non si pu separare la testa dal corpo (cfr. 1Cor. 12,12). Proprio perch Cristo legato alla sua Chiesa, il cristianesimo necessariamente una storia di libert. La Chiesa rende Cristo contemporaneo, rende efficace lazione del mistero pasquale, che continuamente rinnova lesistenza, conducendola verso la pienezza del bene. Levento pasquale nel suo dinamismo di morte e risurrezione, di passaggio dal vecchio alla condizione

di colui che fa nuove tutte le cose (cfr. Ap. 21,5), la fonte di operosit del cristianesimo. Dirige la storia, orientandola verso la crescita del genere umano, realizzando unautentica storia di libert. Da quando il cristianesimo, nella pienezza del tempo della Pasqua, ha cominciato il suo cammino molte cose nel mondo sono cambiate in bene. cresciuta, ad esempio, la concezione della dignit della persona, che ha portato alla condanna e allabolizione della schiavit; cresciuta la sensibilit verso il debole, cos che associazioni laiche di solidariet vivono, in realt, valori cristiani. Si ricordi ancora la cura dei malati: per tanto tempo stata svolta da organizzazioni religiose e, solo in un secondo momento, assunta dalla comunit civile; questi ed altri esempi documentano che il cristianesimo ha aiutato lumanit a migliorare se stessa. Esempi che conducono a toccare quasi con mano come oggi - ha rilevato Ruini Ges sia in realt molto pi presente nella vita e nella cultura di quanto noi stessi siamo consapevoli. E la Pasqua non ha ancora perso la sua efficacia! La presenza di Cristo nella storia e lincontro personale con lui, riconosciuto come il Maestro e il Salvatore, che non cessa di educare e di salvare, sono le condizioni per tendere a una umanit nuova e piena. Egli parla allintelligenza e agisce nel cuore di ciascuno, raggiungendo tutti gli uomini di buona volont. Questo il Cristo annunciato dalla Chiesa e donato dal cristianesimo nei secoli. Come lontana limmagine sfocata di un Ges che nulla esigerebbe, che mai rimprovererebbe, che tutto accoglierebbe e in ogni scelta ci approverebbe! Lontana e poco coinvolgente. Marco Doldi

LA SITUAZIONE DEI CRISTIANI IN SIRIA


Nella newsletter della Fondazione Internazionale Oasis del 10 febbraio, intitolata Siria, ultimo appello, padre Paolo DallOglio che dal 1991 vive nel monastero di San Mos lAbissino in Siria ha affermato: La sensazione, per quanto riguarda il grosso della popolazione cristiana, duplice: da una parte quella di essere stritolati in un conflitto che in definitiva fra musulmani, e daltra parte sono molti coloro che si sentono interamente solidali con la Siria degli Assad. Essa aveva assicurato un livello di laicit dello Stato percepito come unoccasione di promozione da parte della minoranza cristiana; ci nel momento in cui la maggioranza sunnita lo percepiva come il potere di unalleanza per minoranze. Sul terreno, un importante numero di cristiani si schiera con il governo. Molti sono funzionari e impiegati dello Stato e altri partecipano al conflitto in quanto membri dellesercito, la polizia e i servizi di sicurezza. Non pochi giovani sono andati volontari nelle truppe impegnate nella repressione al terrorismo. Va anche rilevata una presenza di cristiani nei movimenti di opposizione, e naturalmente scelgono i partiti meno caratterizzati sul piano religioso. Tuttavia, come per lIraq, il sentimento dominante che una guerra civile generalizzata sarebbe infinitamente deleteria proprio per i cristiani che probabilmente emigrerebbero in massa.

IN ECUADOR GESTO EROICO DI UN MISSIONARIO LAICO


Il 5 febbraio in Ecuador morto Pedro Manuel, un missionario laico di 43 anni dopo avere salvato la vita a 7 bambini che erano stati trascinati al largo di fronte alla spiaggia di Quinind.

Gioved 16 febbraio 2012

Attualit
i tratta ai Secittadinidilauna sentenzadiche restituisceattentae percezione una giustizia vicina sottolinea anche una precisa via da seguire: la persona, ogni persona, il centro della vita sociale; e tutelare questo valore nellambiente di vita e di lavoro non pu mai essere soltanto un costo e un obbligo. Cos monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, intervenendo luned sera 13 febbraio sulla sentenza del Tribunale di Torino, che ha condannato a 16 anni di reclusione i proprietari della Eternit per la drammatica vicenda dellamianto nei comuni di Casale Monferrato e Cavagnolo. Le tante persone morte a causa dellamianto e della supercialit e incuria con cui nel passato si gestito questo problema sono un peso troppo grande - prosegue larcivescovo -. Anche per questo, ci sentiamo vicini alle famiglie e comunit che hanno lottato in questi anni per avere giustizia e in particolare a quelle che, anche se confortate da questa sentenza favorevole, vivono oggi con rinnovato dolore la mancanza dei propri cari. Prego per loro il Signore affinch dia conforto e forza per guardare avanti con rinnovata speranza in Lui e per continuare a impegnarsi insieme per una societ pi giusta e solidale nelle fabbriche.

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

DIO SI SCARICA SULLIPAD


Da quando si sono diffusi gli smartphone, i telefonini di ultima generazione, e i tabletpc, il posto donore nel panorama digitale stato preso dalle app. La parola sta per applicazione, o meglio application software, e indica dei piccoli programmi, molto spesso gratuiti, pensati per aiutare gli utenti a gestire servizi specifici. Che so, la versione elettronica di un giornale, le previsioni metereologiche in tempo reale, il ritocco delle foto, il blocco degli appunti. E, naturalmente, i giochi! Con il diffondersi dei nuovi gingilli elettronici, le app hanno conosciuto un vero boom. Solo per citare quelle di casa Apple, nello scorso dicembre si toccato il record di sei milioni di app scaricate quotidianamente dalla rete. Naturalmente, non mancano le app a sfondo religioso, come la versione digitale del breviario o Rosario, che include il conteggio automatico delle Ave Maria. Due veri best seller negli store su internet. Meno acquistata e per fortuna Confession, il confessionale virtuale della societ americana LittleApps, realizzato pare con laiuto di due sacerdoti. Scaricabile con 1,59 euro, l'app propone al penitente una sorta di esame di coscienza, con tanto di modulo da compilare in base ai peccati commessi. Raccolti i dati, il software poi in grado di indicare allutente una penitenza, scelta tra una combinazione di sette diverse preghiere. Inutile (forse) sottolineare che lapp non dispensa lassoluzione sacramentale. Non si deve per pensare che siano solo i cristiani ad essersi tuffati in questo mondo magico. Ormai, infatti, non esiste confessione sul pianeta che abbia resistito al fascino delle app. LIslam, ad esempio. Siete lontani da casa o in viaggio? Niente paura: FastingnPray vi dice lorario esatto dellalba e del tramonto in ogni parte del mondo essenziale per regolare i tempi della preghiera musulmana. Lapp include anche il calendario del Ramadan e un allarme che suona quando ora di rivolgersi ad Allah. Zabihah, invece, rivela se nelle vicinanze ci sono moschee o ristoranti e negozi halal, per rispettare le norme religiose sui cibi. Meno gradita da imam e mullah, ma ugualmente scaricatissima, iQuran, la versione digitale del Corano. E se i giovani ebrei possono prepararsi al Bar Mitzvah con liPhone, The Buddha box lapp perfetta per concentrarsi e meditare. Finora, per, sembra che a battere ogni record sia Tao te chin, che d accesso agli ottantuno capitoli del testo fondamentale del taoismo. Seguita a ruota da iMantra, che cito alla lettera permette agli utenti di registrare i loro mantra preferiti, scegliendo la propria divinit tra le foto in archivio, oppure caricandone una nuova.

Sentenza eternit
GRECIA EUROPA ITALIA Si sta vivendo il passaggio pi arduo dellintegrazione europea, con un occhio ai conti e con laltro alla qualit della vita sociale

GRECIA, 29 GENNAIO: PROTESTE CONTRO LE MISURE DI AUSTERITY PROPOSTE DAL GOVERNO (FOTO AFP/SIR)

Una sfida nella sfida


forse il passaggio pi arduo nellormai lunga storia dellintegrazione e dellunit europea, quello di questi mesi. Le manifestazioni e gli scontri che hanno accompagnato il varo ad Atene di un drastico piano di austerit ci fanno toccare con mano quanto rigorosi debbano essere ormai gli standard. Partecipare allEuropa diventa un fatto sempre pi concreto: per partecipare ai benefici bisogna farsi carico dei costi e degli oneri corrispettivi. Insomma, sotto la pressione della speculazione internazionale, che volta per volta seleziona nuovi obiettivi per generare profitti finanziari, sempre ovviamente sulla pelle di qualcuno, lEuropa (e la zona Euro, che di fatto ne rappresenta il nucleo propulsivo e decisivo) costretta ad accelerare. Del resto solo la spinta dellemergenza, storicamente, permette ai sistemai democratici, e in particolare a quelli in cui il sistema decisionale pi complesso e articolato, dunque

necessariamente lento, di agire in fretta e con efficacia. Certo un passaggio difficile: bisogna infatti tenere la barra dei conti, ma nello stesso tempo garantire quei livelli e quella qualit della vita sociale che qualifica lUnione europea e la rende cos attrattiva. Oltre che garantire quellarmonia, quellequilibrio tra i diversi stati membri, che fin dai primi anni Cinquanta ha permesso il successo della scommessa europea. Allinterno insomma della sfida economica c una sfida sociale ed una sfida politica: i piani si richiamano lun laltro. La soluzione quindi non pu che essere complessiva. Per questo un passaggio arduo, perch bisogna tenere insieme i piani. Tanto pi che lEuropa, cos articolata al proprio interno, si deve muovere in un sistema economico mondiale in affanno. Grande ovviamente la responsabilit della leadership tedesca, cos come ovvio che questa leadership non si pu sviluppare in solitaria, ma deve essere in grado di suscitare circuiti virtuosi di collaborazione e di

sviluppo. Sembra, da diversi segnali, che lItalia sia riuscita, negli ultimi mesi, a sintonizzarsi su questa lunghezza donda. C una sterminata letteratura che garantisce che non solo gli Italiani, ma lItalia capace di dare il meglio di s nellemergenza. In realt ogni tanto il nostro Paese ha bisogno di essere messo di fronte alle proprie responsabilit. Pi esattamente, le molteplici realt geografiche, sociali, culturali, economiche, che articolano la straordinaria ricchezza e complessit italiana, devono periodicamente essere richiamate alla necessit di cooperare. Ogni tanto questa operazione richiede una certa ruvidezza, ma richiede nello stesso tempo anche il dovuto respiro e il dovuto spessore morale e culturale. Ai tanti attori del pluralismo italico bisogna sapere indicare mete non retoriche e obiettivi realistici di interesse comune. Certo siamo ancora sul crinale. Qualche segnale per sembra recepito. Certo c ancora molto da fare, per tutti. Francesco Bonini

il Periscopio

di Zeta
sofferenza e dolore. Purtroppo non ho santi in paradiso (anche se ho un angelo sulla terra: Nadia) e non facile per me trovare una grande casa editrice che pubblichi i miei romanzi. E poi, una volta pubblicati, non posso promuoverli. Questo fatto mi fa soffrire pi della mancanza di libert perch mi fa sentire un non scrittore. Mi fa sentire uno scrittore ombra. Mi fa sentire uno scrittore a met. Dalla rabbia smetterei persino di scrivere, ma in questo modo farei un favore allAssassino dei sogni. E poi scrivere mi serve per leggermi nel mio cuore e per scoprire chi ero, chi sono e purtroppo chi non potr mai diventare. A me piace molto che le persone mi leggano perch non c cosa pi bella per uno scrittore che essere letto. E ci vale soprattutto per me che sono un uomo ombra, sepolto da sbarre e cemento e impossibilitato a fare sentire nel mondo dei vivi la propria voce. Carissimo Carmelo, nel mio piccolo ti lascio il mio spazio settimanale. Spero ti possa tornare utile. Il tuo libro un pugno nello stomaco per molti benpensanti . un libro da leggere. Mi limito a dire che a nessun uomo va tolta la speranza del domani. Auguri sinceri. A presto, spero. (734)

Lergastolano ostativo Carmelo Musumeci ha scritto un libro su 11 ore di libert

Non si pu togliere la speranza

a un po di tempo ho stabilito una corrispondenza epistolare che merita attenzione. Ne ho gi parlato in questo spazio. Torno in argomento perch in questi giorni di grande neve arrivata sulla mia scrivania via posta ordinaria una lettera da Spoleto, in provincia di Perugia. Il mittente Carmelo Musumeci, un ergastolano ostativo, cio uno di quelli che non vedranno mai la fine della loro pena. In Italia sono millecinquecento le persone nella stessa condizione. Musumeci porta avanti una battaglia che non fa molti proseliti. Parlare di detenuti, in pi di ergastolani, non porta voti n simpatie. Eppure si tratta sempre di persone con una loro dignit. Quella dignit che cercano di ricostruire e di difendere i volontari della associazione papa Giovanni XXIII, quella fondata da don Oreste Benzi, che pr Musumeci e per ogni situazione di emarginazione in genere si battono come dei leoni. Proprio come fa da tempo Nadia Bizzotto che segue Musumeci da tempo e per lui tiene i contatti con il sottoscritto. La lettera in questione, per, mi arriva direttamente. Ne pubblico qualche stralcio. Caro Francesco, spero ti sia arrivato il mio ultimo libro Undici ore di amore di un uomo ombra. E spero che mi scriva una breve recensione. Ho altri libri nel cassetto. Purtroppo le grandi case editrici preferiscono pubblicare i libri di cucina e di personaggi noti, non certo i miei libri grondanti sangue,

Cesena

Gioved 16 febbraio 2012

Il parroco morto la scorsa settimana

Amianto
Si concluso liter relativo al bando dellAsse 3 con il quale la Regione EmiliaRomagna ha inteso promuovere la competitivit energetica e la riqualicazione energetico-ambientale del sistema produttivo, attraverso lerogazione di ecoincentivi alle imprese che hanno presentato progetti innovativi nalizzati alla rimozione di coperture o coibentazioni contenenti cemento-amianto, migliorando cos lambiente di lavoro e tutelando la salute e la sicurezza dei lavoratori. 258 le domande presentate, 214 quelle ritenute ammissibili, di cui 17 nella Provincia di Forl-Cesena, che riceveranno nanziamenti per un totale di 876.944 euro, mettendo in moto investimenti per oltre 4,8 milioni di euro. Lo rende noto Damiano Zoffoli, presidente della Commissione "Territorio Ambiente Mobilit, proprio nei giorni in cui lamianto torna di "dolorosa" attualit, alla luce della sentenza del processo Eternit, che vede i proprietari dellomonima azienda condannati per disastro doloso permanente, e in cui la Regione EmiliaRomagna, sin dalla prima fase istruttoria, si costituita parte civile. "Si tratta di un contributo signicativo che risponde ad una richiesta degli imprenditori e delle aziende, per rilanciare una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. - dichiara Damiano Zoffoli -. Insieme alleliminazione dellamianto il bando prevedeva linstallazione di pannelli fotovoltaici, per favorire il risparmio e lautoproduzione di energia, e la riduzione di emissioni di gas serra. I nanziamenti in arrivo consentiranno di ammodernare le piccole imprese del territorio della nostra Provincia".

Pievesestina piange don Agostino Grassi


ella notte fra domenica 5 e luned 6 febbraio, colto da infarto morto allimprovviso don Agostino Grassi, parroco di Pievesestina e amministratore parrocchiale di SantAndrea in Bagnolo e San Cristoforo. I funerali si sono svolti nella chiesa parrocchiale di Pievesestina, gioved 9 febbraio, presieduti dal vescovo Douglas e con lui tanti confratelli e una folla di amici e fedeli che hanno espresso le loro condoglianze alla famiglia. Don Agostino era nato il 15 novembre 1941. La sua famiglia, di profonde radici cristiane, abitava nella parrocchia di Gambettola. Questa stato per lui, nel clima entusiasta dellAzione cattolica, il suo primo seminario. Ha vissuto il suo itinerario formativo in preparazione al ministero pastorale prima nel seminario diocesano di Cesena, poi al regionale di Bologna. Ordinato sacerdote l11 aprile 1965, ha fatto le sue prime esperienze pastorali a Pievesestina, con lallora parroco don Emilio Zoffoli. Nominato parroco a

Aveva 70 anni In precedenza aveva svolto il ministero anche a Gatteo Mare, Carpineta, Boschetto e Balze
Gatteo Mare nel 1969, qui rimasto fino al 1973. Nel 1974 ha promosso, nella parrocchia di Carpineta, la comunit "Grazia e pace" che successivamente si trasferita con lui a Saiano. Parroco a Boschetto di Cesenatico negli anni Novanta, nel 1999 ha iniziato il suo servizio pastorale come parroco di Balze dove ha lasciato una preziosa eredit di amicizia sacerdotale. Nel 2004 stato nominato parroco a Pievesestina assumendo nel contempo la cura pastorale delle vicine parrocchie di SantAndrea e San Cristoforo. Ha svolto il suo ministero, con impegno particolare, coi giovani e le coppie di sposi, grazie alla sua passione per la liturgia e per il canto, sempre accompagnato dallascolto della Parola di Dio. Quando era parroco a Saiano aveva dato inizio alla settimana biblica poi entrata a fare parte del calendario diocesano. Poco tempo dopo la notizia della sua morte nel sito del Corriere Cesenate stato pubblicato questo intervento: "tu sei un uomo a cui non possibile dare unet: entusiasta con i giovani, rassicurante con gli adulti, paziente con gli anziani. Quando torneranno le feste di Natale ci mancheranno i tuoi bigliettini di auguri cos pieni di colori, arricchiti dalla tua testimonianza gioiosa della tua fede". Piero Altieri

Le raccomandazioni di Hera

ANNIVERSARIO

ANNIVERSARIO

Non abbandonare i rifiuti


Dopo lulteriore ondata di maltempo dellultimo fine settimana, il servizio di raccolta sta ritornando gradualmente alla normalit nel territorio cesenate, compatibilmente con la praticabilit delle strade: Hera invita quindi la cittadinanza a utilizzare le postazioni in cui sia possibile laccesso dalla strada in attesa della completa regolarizzazione del servizio. Nel week end le squadre di Hera hanno proseguito, seppure con le difficolt dovuta al maltempo, i turni di svuotamento dei contenitori e di pulizia dei cassonetti dalla neve per permettere ai cittadini di raggiungere in sicurezza i contenitori e ripristinare il servizio di svuotamento. Si conferma, per ragioni di sicurezza e praticabilit, la chiusura temporanea di tutte le stazioni ecologiche del territorio provinciale "Hera - si legge in una nota - desidera ringraziare i cittadini per la collaborazione e lattenzione che hanno dimostrato in questo momento di grande emergenza e li invita a continuare a farlo, evitando labbandono di rifiuti che, oltre a creare problemi igienici, rende pi problematico o rallenta il lavoro di pulizia neve a fianco delle aree non ancora liberate. E fondamentale inoltre ricordare di non forzare lapertura dei cassonetti quando sono bloccati dalla neve e dal gelo, per evitare rotture e incidenti causati dagli accumuli sopra i coperchi". Non va dimenticato che molti cassonetti erano stati liberati dalla neve dalle squadre di volontari organizzati dai quartieri e dai paesi, sia a Cesena, sia nei Comuni limitrofi. In certe zone di Cesena, come in via Deledda, sono state segnalate situazioni di degrado a causa della maleducazione di gente, spesso residente in altre zone, che ha lasciato i sacchetti fuori dai contenitori.
10 febbraio 2002 10 febbraio 2012

ALESSANDRO ANTONELLI Con il tuo spirito giovane e puro hai lasciato in noi la forza di continuare Una vita che Dio ti ha levato, ma che un ricordo di te ha lasciato I tuoi cari Una santa messa stata celebrata venerd scorso nella chiesa di Bulgarn

Il Signore mia luce e mia salvezza 10 anniversario DON PAOLINO RICCI Sempre riconoscenti al Signore per la preziosa testimonianza Sacerdotale che ci hai lasciato, uniti nella preghiera ti ricordiamo con immutato affetto. Dinanzi alle prove della vita aiutaci a fidarci di Lui e ad affidarci a Lui

10

Gioved 16 febbraio 2012

Cesena

LAmministrazione comunale rilancia il piano poliennale degli investimenti


onostante lemergenza neve e la necessit di far fronte agli enormi disagi che ha provocato, lAmministrazione comunale di Cesena va avanti anche con lattivit corrente. E cos, facendo lo slalom fra lallerta meteo, la pulizia delle strade, i soccorsi alle famiglie isolate, la Giunta comunale nei giorni scorsi ha trovato il tempo per approvare il programma triennale 2012-2014 dei Lavori Pubblici che dovr essere votato dal Consiglio comunale insieme al bilancio. "Buttiamo il cuore oltre lostacolo per riconquistare la normalit - sottolineano il sindaco Paolo Lucchi e lassessore ai Lavori pubblici Maura Miserocchi - pur nella consapevolezza che ci vorr del tempo e servir limpegno di tutti per tornare alle condizioni precedenti alla nevicata del 31 gennaio. La neve ci ha obbligato a rinviare nuovamente lapprovazione del bilancio, slittata a fine marzo, ma ci stiamo preparando per riprendere il percorso, e questo atto uno dei primi in tale direzione. Va tenuto presente che su questa programmazione specifica non influisce la conta dei danni e provocati dal maltempo e i progetti di ripristino, che saranno invece affrontati nellambito del bilancio". Da non confondere con il Piano degli investimenti (che individua le opere ritenute prioritarie e che si intende finanziare), il programma triennale dei lavori pubblici un documento molto operativo, perch di fatto mette in

Cesena guardaavanti

Per il triennio 2012-2014 il programma il varo di una sessantina di opere, per un importo complessivo di oltre ventotto milioni e mezzo di euro Nel solo 2012 prenderanno il via 22 realizzazioni

agenda i cantieri che apriranno questanno e nei due successivi. Per il triennio 2012-2014 il programma il varo di una sessantina di opere, per un importo complessivo di oltre ventotto milioni e mezzo di euro. Nel solo 2012 prenderanno il via 22 realizzazioni (anzi, alcune sono gi partite, come nel caso della rotonda Diegaro - E45 e della pista ciclabile di via Savio) per un totale di 11 milioni e 635mila euro. Spicca su tutti, con un importo di un

milione e 800mila euro, lampliamento della scuola elementare di Pievesestina. Sul fronte delledilizia scolastica, in scaletta compare anche la riqualificazione energetica della media Plauto per un importo di 900mila euro. Sul fronte della viabilit, che mette insieme lavori per circa 6,5 milioni di euro, lintervento pi rilevante la pista ciclabile di via Savio, per un importo di 855mila euro, seguito da quello che raggruppa lampliamento del percorso ciclabile in via Dismano e il collegamento ciclabile fra Ronta e San Martino in Fiume (per un ammontare di 700mila euro). Completano il quadro dei lavori pubblici la prima tranche del 3 lotto della Grande Malatestiana (300mila euro), la manutenzione straordinaria di Villa Silvia (400mila euro), un primo blocco di interventi per ladeguamento del Palazzo Comunale (400mila euro), la realizzazione delle aree di laminazione del fiume Savio nella zona di Ca Bianchi (600mila euro) e la creazione del parco lineare sopra il tunnel della Secante (330mila euro). Nel pacchetto degli interventi previsti per il 2013 compaiono, fra gli altri, lampliamento della materna di San Vittore, la realizzazione del Tecnopolo, le riqualificazioni di piazza della Libert e delle vie Albizzi e Fantaguzzi. Nel 2014, invece, si metter mano, fra le altre cose, allampliamento della scuola elementare di San Vittore e al consolidamento delle mura malatestiane.

11 FEBBRAIO 1962 - 11 FEBBRAIO 2012

NOZZE DORO
Alfonso Massari e Lauretana Moretti hanno festeggiato i 50 anni del proprio matrimonio, celebrato a Gattolino Hanno ricordato levento insieme ai figli e ai parenti

Madonna del Fuoco In parrocchia una cena di solidariet


Una cena a base di piatti tipici del Burkina Faso per raccogliere fondi a sostegno della costruzione di un ospedale nel villaggio di Niaogho. Ecco lobiettivo delliniziativa organizzata dalla parrocchia di Madonna del Fuoco in collaborazione con la comunit del Burkina Faso (Arni onlus) presente in provincia di Forl-Cesena. Lappuntamento per sabato 18 febbraio alle 20 nei locali della parrocchia di Madonna del Fuoco (Case Castagnoli). I fondi raccolti saranno destinati alla prosecuzione dei lavori nel grande villaggio dellAfrica occidentale. La struttura, che sar a servizio di circa 25 mila abitanti, sar dotata di un moderno reparto maternit, una farmacia interna, nuovi alloggi per gli infermieri, ambulatori e una grande sala dattesa. Per info e prenotazioni possibile rivolgersi a Davide 339/1031695 e Chiara 333/7197070. Bab

E morto Romano Pieri

Cesena ha perso lesperto del teatro


La scorsa settimana morto Romano Pieri, uomo di grande cultura e conosciutissimo a Cesena. In una nota, lo staff del Bonci ha voluto ricordarlo. "Il Teatro Bonci - si legge - ricorda con profondo affetto e grande considerazione Romano Pieri che ci ha lasciato. Egli, non solo stato un uomo di scuola, insegnante e dirigente, di grande valore e ha conservato questa virt per tutta la vita, non solo stato un critico e organizzatore darte di notevole competenza, scopritore di talenti, ma ha avuto un rapporto costante e ricco con il palcoscenico e il teatro. Le sue presentazioni degli spettacoli teatrali che ha proposto per decenni dalle colonne del Resto del Carlino, no a pochi mesi fa, sono state illuminanti per tutti gli spettatori: attese e lette con interesse, sempre originali, ricche di informazioni, ricordi e aneddoti, hanno legato ancor di pi il Teatro Bonci al suo pubblico. Spettatore assiduo di tutte le forme di spettacolo, storico del Teatro, curatore di esposizioni, mancher a tutti per la sua acuta capacit di comprensione degli spettacoli e le sue critiche teatrali, improvvise e a braccio.

Speciale

Gioved 16 febbraio 2012

11

Il sindaco di Cesena, luned scorso, ha fatto il punto della situazione


Domenica 5 gennaio: operazioni demergenza per alleggerire il tetto del Carisport a Cesena

Esserci
Un numero non uscito e un altro ancora in distribuzione. Lemergenza neve ha sconvolto i ritmi del Corriere Cesenate. Tutto iniziato marted 31 gennaio, verso sera. Poi la mattina del primo febbraio, verso le 8 iniziato a nevicare. Il nostro giornale, quel giorno, non mai arrivato alle Poste di Cesena. In edicola stato distribuito dal venerd successivo, il 3 febbraio. Poi, con la neve che non accennava a smettere, abbiamo dovuto decidere in fretta di rinunciare a unuscita. Cos il giornale di gioved 9 febbraio non stato confezionato. Non per questo il Corriere Cesenate rimasto a guardare. Abbiamo utilizzato ci che la tecnologia ci mette a disposizione. Ci siamo messi al lavoro con il sito Internet. Da subito. Infatti da mercoled primo febbraio iniziato un appuntamento sso nella sezione delle brevi quotidiane, inaugurata il 22 agosto scorso, dedicata allemergenza neve. Aggiornamenti precisi e continui che

Tornare alla normalit


Michelangelo Bucci
erso la normalit dopo due settimane eccezionali. Un periodo nel quale la nevicata che passer alla storia come "il nevone del 12" ha costretto tutti i cesenati a ripensare le proprie abitudini, i propri ritmi di vita, le proprie priorit. Luned scorso il sindaco Paolo Lucchi e gli assessori della sua Giunta hanno presentato un piano, da attuare in dieci giorni, per lasciarsi definitivamente alle spalle lemergenza neve. Anche se i danni provocati dalla memorabile nevicata lasceranno ferite aperte sul territorio per i mesi a venire e voragini nei bilanci pubblici. "Tutti i dipendenti comunali stanno gi lavorando per tornare alla normalit - ha spiegato Lucchi - ma non si potr cancellare di colpo tutta la neve caduta, come spingendo un semplice tasto. Per questo chiedo a tutti i cittadini "pazienza e grinta", due termini che di solito non vengono affiancati e che invece ci hanno permesso superare questa fase". Ad oggi il Comune ha sparso oltre 10mila quintali di sale sulle strade. Ora il lavoro si concentra sulla raccolta dei rami spezzati (raccolti allex mercato ortofrutticolo) e della neve dalle strade, portata al parco Ippodromo. Il Genio civile, dopo un rifiuto iniziale, ha concesso al Comune anche lo scaricamento parziale della neve nel fiume Savio. La polizia municipale sta monitorando i rischi di caduta ghiaccio e neve dai tetti. Viabilit e trasporti Tutti i principali parcheggi a pagamento sono stati riaperti, qualcuno pure gratuitamente (fino al ripristino della normalit). Accessibili gli scambiatori Ippodromo e Montefiore, il parcheggio nord stazione, i silos Barriera e quelli di piazzale Franchini-Angeloni, cos come il parcheggio sotterraneo tradizionale Cesena Anni 90 (sotto Blockbuster) e il silos ex Giacomoni (via Martiri della libert). Aperti senza pagamento di tariffa il sotterraneo Macchiavelli (ex Zuccherificio) e il parcheggio sotto la piastra servizi dellospedale, mentre nel multipiano del Caps possibile accedere anche con tessere settimanali da 25 euro. Per sgomberare il resto dei parcheggi su strada dalla neve, il Comune ha cominciato a piazzare dei cartelli di preavviso di 48 ore per la rimozione delle auto. Solo cos si potr procedere alla pulizia delle aree.

Ancora in vigore per qualche giorno lobbligo di gomme invernali (M+S) o catene montate, mentre quasi tutte le linee degli autobus sono tornate alla normalit (tranne qualche collegamento extraurbano). Edifici pubblici Lattivit didattica in tutte le 54 scuole del Comune (dai nidi alle medie) ripresa marted scorso. Tutti gli edifici scolastici sono agibili e sicuri. Solo un paio di casi il Comune sta svolgendo altre verifiche. Tra le strutture sportive si segnala il crollo dei campi coperti al circolo tennis Stadio, oltre al cedimento delle travi del Carisport. Situazione, questultima, sotto controllo, ma che render il palazzetto inagibile per mesi. Accessibili i cimiteri principali, con un picco di 60 richieste di cremazione negli ultimi giorni (forse per limpossibilit di tumulare le salme in terra). Pagamenti Tutti i termini di presentazione di documenti in Comune o pagamenti di servizi con scadenza nei giorni scorsi vengono posticipati di 15 giorni. Ai genitori con figli allasilo saranno rimborsate sulle prossime rette le giornate di mensa non fruite. A tutti gli operatori della pulizia strade sar richiesta fattura, dopo di che il Comune pagher subito loro un terzo del dovuto. Servizi sociali La collaborazione tra Comune, Asp e Ausl ha permesso di continuare ad assistere le famiglie in difficolt anche nel periodo demergenza. Sono un centinaio le persone che ricevono cibo e medicine ogni giorno. I centri diurni per anziani e disabili sono tornati alla normalit, tranne quello della comunit Papa Giovanni XXIII temporaneamente trasferito da San Tomaso alla parrocchia di Case Finali. Rifiuti Il 50 per cento delle 3mila postazioni cittadine di cassonetti era stata liberata prima della seconda ondata di neve. Ora Hera di nuovo al lavoro per ripristinarle tutte. Il servizio porta a porta allOltresavio torner alla normalit luned prossimo. Nel frattempo saranno ritirati solo organico e indifferenziato. Il mercato ambulante riprender probabilmente nella giornata di sabato.

hanno costituito un punto di riferimento per tanti cittadini bloccati nelle proprie abitazioni. Abbiamo pubblicato pi di trenta notizie al giorno accompagnate da numerose foto che hanno mostrato a migliaia di utenti della rete la realt che si stava vivendo nel nostro territorio. Si trattato di un lavoro intenso, reso possibile grazie alla rete di collaboratori che dalle diverse localit ci hanno aggiornato con puntualit e con immagini. Spesso siamo partiti alle 5 di mattina per terminare verso mezzanotte e anche oltre per caricare i tantissimi scatti che hanno narrato dellimpegno incessante di centinaia di uomini e mezzi. Il nostro Cristiano Riciputi andato nei posti pi sperduti. Ha seguito i Carabinieri e la Protezione civile. Ha raggiunto casolari isolati e ha avuto incontri ravvicinati con animali in cerca di cibo. Grazie al telefono cellulare ha descritto in diretta operazioni di soccorso avvenute con la neve oltre i due metri. Abbiamo accompagnato i colleghi di TV2000 (nella foto durante unintervista al vicesindaco), la televisione che fa capo alla Cei, che per tre giorni si fermata nel Cesenate per mostrare a tutta Italia i disagi di tante famiglie. Nellemergenza ci siamo fatti compagni di viaggio, come nel dna di ogni settimanale diocesano, da oltre un secolo. Non potevamo fare diversamente. Sul sito www.corrierecesenate.it abbiamo incontrato tantissimi nuovi amici, a migliaia ogni giorno, come non ci saremmo mai immaginati. Tanti nuovi amici che ora non vorremmo pi perdere. Francesco Zanotti

Gambettola, il pino ha ceduto

Una turbina a Bagno di Romagna

La neve ha avuto la meglio sul pino centenario, quello che sovrastava il monumento allo straccivendolo. Date le sue condizioni gi precarie, gli esperti hanno deciso che occorreva abbatterlo per evitare un crollo rovinoso. Nel territorio comunale i disagi causati dalla neve sono stati affrontati nel migliore dei modi (Ps).

Luned 6 febbraio, Saiaccio (Bagno di Romagna), ore 19, temperatura -8 gradi. La turbina deiVigili del Fuoco di Bolzano apre due chilometri di sentiero nel bosco per raggiungere lallevamento di Marco Rossi, con 20 cavalli ormai senza pi cibo. Un intervento coordinato dallAmministrazione comunale. (foto C. Riciputi)

12

Gioved 16 febbraio 2012

Speciale

GLI INFATICABILI UOMINI DEL SERVIZIO SPARTINEVE

I VIGILI DEL FUOCO INTERVENGONO A SAN CARLO DI CESENA

CARABINIERI IN PRIMA LINEA. A DESTRA, DIEGO POLIO, CAPITANO DELLA COMPAGNIA DI CESENA

UN BULLDOZER LIBERA UNA STRADA IN LOCALIT LIZZANO DI CESENA (FOTOSERVIZIO CRISTIANO RICIPUTI)

Al lavoro

Dagli spartineve alla Protezione civile, dai Carabinieri alla Polizia, dallEsercito ai Vigili del fuoco fino ai sindaci: tutti mobilitati

Un grande impegno nellemergenza


li infaticabili della neve. Cos potrebbero essere definiti tutti coloro che hanno lavorato, spesso in maniera del tutto volontaria, per la collettivit di fronte allemergenza neve. Proviamo ad elencarli, almeno per categorie, certi che non saremo esaurienti. Un primo pensiero a tutti i trattoristi spartineve che hanno trascorso ore e ore sui propri mezzi, a volte senza dormire per giorni, allo scopo di rendere praticabili le strade. Nei primi due giorni c chi ha protestato, chi si lamentato perch passavano poco o perch i trattori ributtavano la neve di fronte al passo carraio. Ma quando la situazione precipitata, quando ci si accorti che si trattava di un evento eccezionale, le proteste sono pressoch svanite e gli spartineve hanno avuto il plauso unanime di tutti.

Vanno ricordati tutti gli uomini della Protezione civile, sia di Cesena sia dei Comuni limitrofi, che hanno raggiunto famiglie isolate, hanno spalato neve, hanno dato un incoraggiamento. Cos come i loro colleghi provenienti volontariamente da tutta Italia. Molti dipendenti dei vari Comuni hanno fatto ore di straordinario, oppure si sono recati in ufficio gratuitamente, per affrontare la situazione e poter coordinare gli interventi. Ci giunta notizia che allospedale Bufalini diverse infermiere hanno dormito in reparto per evitare il rischio di rimanere bloccate a casa e non poter essere presenti al lavoro il giorno seguente. I Carabinieri si sono "sporcati le mani" intervenendo in prima persona: il sindaco di Verghereto li ha espressamente ricordati e noi li abbiamo incontrati in molte

zone dove cerano famiglie isolate o dove interveniva lesercito. La Polizia municipale, la Stradale e gli agenti del Commissariato si sono fatti in quattro per cercare di dare sicurezza ai cittadini. Gli Alpini hanno trascorso domenica pomeriggio a mettere in sicurezza la Stazione e corso Cavour, a Cesena. Abbiamo incontrato i Vigili del fuoco nelle situazioni pi disparate: dai tetti delle case e dei capannoni da liberare dalla neve, ai sentieri di montagna per raggiungere case o allevamenti isolati. Leggendo gli interventi dei cittadini sui vari siti internet, sono tanti i ringraziamenti indirizzati ai sindaci e agli amministratori per come hanno saputo affrontare, con sangue freddo e determinazione, lemergenza-neve. Cristiano Riciputi

Spartineve fai da te

Esercito allopera

In campagna tanti agricoltori sono dotati non solo di trattore, ma anche della pala anteriore che risulta utilissima per spalare la neve. A Luzzena, una delle zone pi bersagliate con quasi due metri complessivi di neve, Primo Bagni (sul trattore davanti) ha aiutato tanti vicini. In questa foto ripreso mentre libera la strada del 76enne Sauro Bambini (rimasto bloccato 8 giorni) insieme allamico Leopoldo Turci

La loro presenza risultata indispensabile. Anche se gli uomini dellesercito non erano molti (qualche decina) i loro mezzi si sono rivelati utilissimi per rimuovere la neve in situazioni difficili. Nella foto, uno dei primi interventi, a SanTomaso di Cesena, domenica 5 febbraio.

Speciale

Gioved 16 febbraio 2012

13

CROLLO DI PARTE DELLA STALLA DELLAZIENDA SEVERI, A CESENA

UNA TETTOIA CROLLATA NEL SARSINATE

STALLA CROLLATA A TEZZO DI SARSINA, AZIENDA GIANNINI (FOTOSERVIZIO RICIPUTI)

Danni alle strutture Aziende agricole in ginocchio


Gli ampi tetti senza pendenza non hanno sopportato il peso della neve: registrati crolli ovunque

Una troupe diTV2000 ha intervistato la famiglia Mingozzi. Altri danni segnalati in allevamenti avicoli di Gualdo, Bora, Borello

disagi nella viabilit si possono superare. Le ore di scuola perse potranno essere recuperate. Ma i danni alle strutture restano e devono essere riparati. Sono tantissime le aziende che hanno visto crollare i propri capannoni, le stalle, i ricoveri delle macchine e degli attrezzi, le tettoie. Non possibile citare tutti i crolli che abbiamo visto in questi giorni e di tanti non abbiamo avuto notizia. Ne citiamo alcuni, emblematici che abbiamo verificato in prima persona. Davvero dura la situazione per lazienda agricola Mingozzi che si trova sulla vecchia statale che da Borello porta a Mercato Saraceno. Abbiamo conosciuto la realt dei Mingozzi gioved 9 febbraio quando, dovendo recarci a Sarsina, abbiamo notato sulla sinistra un capannone danneggiato. "Tutto accaduto venerd 3 febbraio - spiega Stefano Mingozzi, 30enne che, insieme ai genitori, conduce 54 ettari di azienda - quando il capannone dove custodiamo gli

attrezzi crollato sotto il peso di quasi due metri di neve. Pochi istanti prima mia mamma si trovava l sotto e solo per puro caso non le crollato tutto addosso". Per raggiungere labitazione dei Mingozzi si sale per un ripido viale. Al culmine, a destra, vi il grande capannone crollato, a sinistra la casa e la stalla dove sono custodite le vacche da carne, una trentina di capi in tutto. Pi in l, vi il fienile con le grandi rotoballe: anche la copertura di questa struttura non ha retto e tutto franato sulla paglia. Venerd 10 febbraio la troupe di TV2000 (canale 28 e 801 di Sky), che rimasta a Cesena per tre giorni per documentare lemergenza neve, ha fatto la diretta delle 15,15 dallazienda Mingozzi. Maurizio Di Schino, con i tecnici Lucio Ciavola e Stefano Arditi ha raccontato ai telespettatori di tutta Italia lesperienza dei Mingozzi, intervistando Stefano e i due anziani genitori. "La sfortuna si accanita contro di noi aggiunge Stefano Mingozzi - in quanto poco prima del crollo abbiamo acceso un trattore e questo, per un cortocircuito, si incendiato. A nulla sono valsi i miei interventi con lestintore: il trattore, di una decina danni, bruciato in pochi minuti". Lazienda ha subito danni per almeno 200mila euro. "O qualcuno ci d una

mano, o dobbiamo chiudere", il commento sconsolato di Stefano, il quale lunico dei 6 fratelli ad aver scelto di continuare il lavoro del padre. Sempre in valle del Savio, a Tezzo di Sarsina, una porzione di stalla ha ceduto di schianto. Per fortuna la maggior parte degli animali sono stati portati in salvo e solo un vitello morto. Sono tante le aziende agricole che hanno subito danni, pur di entit diverse. Lallevamento Severi di Cesena ha visto crollare parte di una stalla: un puledro morto sul colpo, mentre le pecore si sono salvate. Una maiale invece morto a causa di un blocco intestinale, forse dovuto al freddo. In campagna tante serre sono crollate, soprattutto quelle con i teli in plastica. Gravi danni anche ad allevamenti di polli con alcuni crolli che hanno causato la morte di alcune migliaia di pollastre a Ciola, Bora, Gualdo. Fra i capannoni crollati, da segnalare quello del mobilificio Faedi di Montenovo (Montiano): un terzo della struttura non ha retto e il tetto rovinato sui mobili in esposizione. Cristiano Riciputi Nelle foto: il giornalista di TV2000 Maurizio Di Schino intervista la famiglia Mingozzi. A fianco, il fienile crollato

Cari futuri sposi,


vi invitiamo a visitarci per offrirvi le nostre splendide proposte per la vostra LUNA DI MIELE: viaggi, soggiorni, crociere. Vi offriamo sconti fino a 200 euro a coppia, oltre a quelli del tour operator e la vostra lista di nozze da noi gestita gratuitamente. Vi invitiamo in agenzia per ritirare il nostro catalogo a voi dedicato! VIAGGI VENERI ROBINTUR CESENA SIAMO SPECIALISTI IN VIAGGI DI NOZZE

VIAGGI DI GRUPPO E SOGGIORNI AL SOLE


VIAGGI ESCLUSIVI FIRMATI VENERI ROBINTUR, DI GRUPPO, CON ACCOMPAGNATORE. 12 PARTENZE PREVISTE PER IL 2012 RICHIEDETECI I PROGRAMMI DETTAGLIATI TOUR DEL PORTOGALLO, un mondo di sapori: 11 giorni dal 12 al 22 aprile TOUR DELLA MALESIA, un viaggio da sogno: 15 giorni dal 7 al 21 maggio CAPONORD, in cima al mondo: 9 giorni, dal 16 al 24 giugno TOUR STATI UNITI, un viaggio nella leggenda: San Francisco, i parchi, Gran Canyon, Los Angeles, 15 giorni, dal 6 al 20 luglio TOUR DELLA SCOZIA, magiche atmosfere: castelli e natura, 8 giorni, dal 5 agosto TUTTI QUESTI PROGRAMMI SONO GI PRONTI, RITIRATELI IN AGENZIA!
Da settembre a novembre 2012, programmi in preparazione: i parchi del Kenia e della Tanzania; tour dellIndia del nord; tour della Thailandia e Cambogia

VIAGGI VENERI

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it

CHIEDETECI I PROGRAMMI DEI NOSTRI PELLEGRINAGGI 2012: TERRASANTA, LOURDES E PELLEGRINAGGIO DIOCESANO A FATIMA DAL 16 AL 18 AGOSTO (in bus da Cesena e volo)

14

Gioved 16 febbraio 2012

Speciale

Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi e lassessore Elena Baredi ritirano alimenti deperibili dalle scuole per portarli agli anziani

Alpini di tutto il nord dItalia tolgono il ghiaccio dai marciapiedi di corso Cavour a Cesena

TV2000 in collegamento in diretta dalla parrocchia di Case Finali

Sarsina, si toglie neve dal tetto della scuola

Cesenatico, la spiaggia innevata


Pippofoto

Foto Michela Mosconi

Longiano, arriva lesercito

Santa Maria Riopetra (Sogliano)

Foto Matteo Venturi

Slavina in Corso Comandini a Cesena

Formignano, i Vigili col gatto delle nevi

Foto Sabrina Lucchi

Cesenatico

Gioved 16 febbraio 2012

15

Il Portocanale deve essere dragato al pi presto: sono a rischio tutte le barche


ei giorni scorsi i pescherecci di Cesenatico hanno finalmente ripreso a lavorare. Nella tarda serata di domenica sono state riaperte le Porte Vinciane, il meccanismo attivato per difendere il centro storico dalle mareggiate del fine settimana, e gi allalba una parte della flotta peschereccia ha ripreso a navigare per calare le reti dopo tre settimane di stop. Le condizioni di marea alta hanno consentito luscita anche dei pescherecci pi grossi che catturano il pesce azzurro, tuttavia ci sono stati seri problemi per tutti al ritorno, perch hanno toccato il fondale, rischiando di rimanere nuovamente arenati. I pescatori per questo fanno appello al Comune e alla Regione, affinch venga al pi presto realizzato il dragaggio del porto canale. I pescherecci pi grossi che hanno effettuato la battuta, domenica hanno pescato complessivamente circa 2mila casse di cefali di buona pezzatura. La maggior parte delle imbarcazioni di piccole e medie dimensioni ha preso il largo marted, quando anche lintera area mercatale stata ripulita dalla neve e dal ghiaccio.

Pescatori fra neve e sabbia

Pippofoto

I pescherecci pi grossi che hanno effettuato la battuta, domenica hanno pescato circa 2mila casse di cefali di buona pezzatura La maggior parte delle barche ha preso il largo marted

Ci sono buone notizie per i ristoratori e le massaie: le difficolt dei trasporti legate allemergenza neve hanno mantenuto bassi i prezzi medi, con lopportunit di fare scorpacciate di pesce, specie di pesce azzurro, spendendo relativamente poco. Nonostante i lunghi e costosi lavori per consolidare le cerniere in acciaio, installare i disgregatori e montare bracci pi potenti, le porte non si sono aperte completamente, in

quanto le mareggiate hanno portato parecchia sabbia alla base dei meccanismi. La Protezione Civile del Comune di Cesenatico si immediatamente attivata per risolvere il problema. E molto probabile che si interverr la prossima settimana, quando arriver il pontone della ditta Menela, che effettuer il dragaggio del porto. A tal riguardo marted scorso sono iniziati i lavori di carotaggio dei fanghi da rimuovere, per consentire di effettuare le analisi, affidate alla ditta Ecotec. In relazione al risultato delle analisi, si sapr con quali criteri dovranno essere trattati e smaltiti gli stessi fanghi. Il tutto sar poi trasmesso ai funzionari della discarica con la quale il Comune di Cesenatico ufficializzer laccordo. Manca ancora la firma, ma sembra che lAmministrazione comunale sia vicinissima a firmare un contratto con Sogliano. Per completare questo lavoro occorrer appunto una settimana, poi si dar via libera al dragaggio tanto atteso dai pescatori e dai diportisti. Poi stata disposta la rimozione degli sbarramenti a monte del Ponte del Gatto. Il porto canale dunque libero, ora deve essere ripulito. Giacomo Mascellani

Bruna Lugaresi ha vinto un premio ad un concorso a Savignano

ANNIVERSARIO

Quando larte si fa con uncinetto e maglia


Lartista cesenaticense Bruna Lugaresi ha vinto un altro premio con le sue creazioni originali, realizzate a maglia e a uncinetto. Al concorso allestito dalla parrocchia di Castelvecchio di Savignano sul Rubicone, la giuria ha premiato ancora una volta il talento di una donna che riesce a trasformare dei gomitoli colorati in autentiche opere darte. Al presepe costruito dalla Lugaresi stato conferito il primo premio per la bellezza e loriginalit. Negli ultimi cinque anni lartista ha realizzato altrettanti presepi, dando prova di una creativit unica, apprezzata da un pubblico sempre pi vasto. Bruna realizza le sue opere esclusivamente per passione e non le vende. Per ogni figura lartista impiega due-tre giorni di lavoro, seguendo minuziosamente i dettagli e le finiture. Oltre ai presepi, la Lugaresi realizza figure di Babbo Natale e altri soggetti, ispirandomi agli "amigurumi", il nome che i giapponesi danno ad alcuni pupazzi realizzati alluncinetto. Fra gli altri personaggi realizzati da Bruna alluncinetto e ai ferri, ci sono Lupo Alberto, Puka, Omar Simpson, i protagonisti di South Park, gli Orsetti, Hallo Kitty. Bruna Lugaresi ha un suo sito internet, www.lecreazionidibruna.webnode.com, dove possibile visitare le opere da lei create. Gia.Mas.

18 febbraio 2012 7 anniversario della scomparsa del caro

CARLO SACCHETTI
Il tempo passa rapido e rende pi acuto il ricordo e il rimpianto di chi ci ha lasciato. Cerchiamo conforto in Colui che ha detto: Io sar con voi fino alla fine del mondo Una Messa di suffragio sar celebrata domenica 19 febbraio alle 8,30 nella chiesa parrocchiale di Bagnarola Unaltra Messa verr celebrata a Roma nella Basilica di San Giovanni in Laterano domenica 19 alle 9

La Fondazione Banco Alimentare Emilia Romagna onlus


anche a nome delle 817 strutture caritative accreditate

RINGRAZIA
FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CESENA DIOCESI DI CESENA-SARSINA COMUNE DI CESENA

per il supporto ricevuto nellanno 2011

16

Gioved 16 febbraio 2012

Valle del Rubicone


Imu a Sogliano
Imu per la prima casa pari a zero, dimezzata quella della seconda, quella per gli insediamenti produttivi, dei fabbricati rurali e di ricoveri attrezzi. Siamo a Sogliano al Rubicone dove per incentivare anche le nuove residenze e le aree produttive, nonch per tutelare lesistente, lAmministrazione guidata dal sindaco Quintino Sabattini ha deciso di alleggerire lex Ici. "La legge stabilisce che per la prima casa le persone debbano pagare lo 0.4 per cento, ma abbiamo deciso di dimezzarlo allo 0.2 per cento - spiega il primo cittadino - e per la detrazione dimposta sino a decorrenza della stessa sar pari a zero. Questa decisione deriva dalla convinzione che la prima casa un bene per il quale molto spesso lavorano generazioni gravate da mutui; dunque non deve essere considerata fonte di reddito e conseguentemente agevolata nella

Per i residenti nei Comuni dellUnione

Ecco il bando per avere i libri gratis. O quasi


uscito il bando per la richiesta della fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo per lanno scolastico in corso nei comuni dellUnione. I fondi statali per la fornitura dei libri di testo rivolta agli alunni frequentanti la scuola secondaria di I grado (media) e di II grado (superiori), le cui famiglie presentino un valore Isee, calcolato con riferimento ai redditi 2010, inferiore o uguale a 10.634 euro. La domanda di concessione, corredata dellattestazione di reddito, va consegnata entro il 10 marzo prossimo alle Segreterie degli istituti comprensivi. Per Savignano i genitori degli alunni si dovranno recare in via Galvani,4; a Gatteo in via Don Ghinelli 10 e a San Mauro Pascoli in vai P. Nenni. Il modulo di richiesta pu anche essere ritirato presso gli Urp di Savignano in piazza Borghesi, 9 dalle 8 alle 13.30 (dal luned al venerd) e dalle 8 alle ore 13 del sabato; "Rosa lo sportello sociale della Citt" dal luned al venerd (mercoled chiuso al

Ne possono beneficiare le famiglie a basso reddito che compileranno la domanda entro il 10 marzo

Foto Pagliarani

pubblico) dalle 8,30 alle 13,30. E ancora: a Gatteo in piazza Vesi 6 dalle 8 alle 13 (dal luned al venerd) e dalle 8 alle 12,30 del sabato. A San Mauro Pascoli in piazza Mazzini, 3 dalle 8 alle 13,30 (dal luned al sabato) e il primo marted ogni mese dalle 14,30 alle 17,30. La domanda, debitamente compilata in ogni sua parte, deve indicare lesatta residenza anagrafica del richiedente (genitore o avente la rappresentanza), del beneficiario, il recapito telefonico per eventuali e urgenti comunicazioni. La firma in calce va apposta direttamente alla presenza del dipendente incaricato a ricevere la documentazione o allegando alla domanda copia di un

documento di identit in corso di validit del richiedente. Infine per le funzioni attribuite allUnione dei Comuni in materia di controlli verr estratto un campione di domande non inferiore al 5 per cento e sottoposte a verifica della veridicit di quanto dichiarato con autocertificazione avvalendosi degli Enti preposti. Nel caso in cui il richiedente presenti dichiarazioni non veritiere, i contributi economici concessi verranno revocati e sar effettuato il recupero delle somme eventualmente erogate. Per ulteriori chiarimenti ci si pu rivolgere allufficio scuola dellUnione Comuni del Rubicone allo 0541/809658 Cristina Fiuzzi

Montiano, struttura "Il Sorriso"

Gente generosa che aiuta la casa famiglia


Un bonifico da cinquemila euro, un camion di legna, cinque nuove biciclette e soldi per comperare i pannolini ai bambini pi piccoli. Questa la solidariet che privati e ditte hanno effettuato nella scorsa settimana a favore della casa famiglia "Il Sorriso" di Montiano. Ed Emanuela Gianfanti, insieme al marito, che da pi di un decennio accolgono minori in disagio sociale nella loro struttura vogliono ringraziare pubblicamente i benefattori. "Attualmente abbiamo sei bambini in affido di cui cinque molto piccoli - spiega Emanuela - e sosteniamo spese onerose per i nostri due stipendi da dipendenti. Fortunatamente c tanta solidariet che ci viene manifestata da persone, famiglie, aziende che si ricordano di noi e dei nostri bambini. Proprio la scorsa settimana il comitato organizzatore della "2XBene", la gara ciclistica a sfondo benefico che si tiene a Longiano ogni anno, ci ha donato un assegno di cinquemila euro. Un privato sempre a fine settimana ci ha regalato un camioncino di legna per il caminetto; in questo modo in questi giorni di grande freddo possiamo riscaldare ulteriormente la casa. Inoltre una famiglia ci ha donato un assegno che ci servir nel prossimo mese per comprare i pannolini per i cinque bambini pi piccoli, mentre unazienda ci ha regalato cinque nuove biciclette. Non posso fare altro che ringraziare tutti - conclude Emanuela Gianfanti - facendo un appello. Abbiamo in affido un ragazzo diciottenne in cerca di lavoro; se qualcuno potesse offrirgli un posto gli saremmo molto grati. Il numero della casa famiglia 0547 58241". Cf

tassazione". Anche le abitazioni appartenenti ad anziani che sono stati trasferiti in residenze protette verranno equiparate alla prima casa, mentre le seconde case, se affittate scenderanno come aliquota dallo 0.76 per cento allo 0.40 per cento; "Questo perch riteniamo che la locazione sia comunque un servizio importante per la sistemazione di quelle famiglie che non possiedono questo bene - sottolinea Sabattini -. Abbiamo anche deciso di dimezzare laliquota prevista per i fabbricati ad uso rurale, per le stalle o ricovero attrezzi che passer dallo 0.2 per cento allo 0.1 per cento. Per i nuovi insediamenti produttivi e per le unit immobiliari di nuova costruzione ci sar uulteriore agevolazione - conclude - ; i soggetti passivi dellIres pagheranno lo 0.4 per cento per i primi cinque anni invece dello 0.76p er cento per incentivare le iniziative sul territorio. Tutte quegli immobili non compresi nei criteri precedenti avranno una riduzione dellaliquota di base che si attester allo 0.4 per cento nellottica di non gravare sui cittadini del nostro territorio, gi penalizzati da lunghe distanze verso i servizi essenziali e da una viabilit tortuosa". Cf

La grande arte di Fioravanti

Un libro diTinin Mantegazza voluto dalla Fondazione Balestra di Longiano

Allindomani del congedo dal maestro Ilario Fioravanti, vissuto mercoled 1 febbraio nella cattedrale di Cesena, segnaliamo la pubblicazione de "Il giocoliere" scritto da Tinin Mantegazza, illustrato da una serie di "inchiostri" dipinti da Fioravanti. Il volume pubblicato dalla Fondazione Tito Balestra di Longiano a cura di Flaminio e Massimo Balestra. E una storia struggente che porta, piccoli e grandi,

nel mondo incantato del circo equestre e, percorrendo la storia di Vioris De Bois, quasi al seguito di multicolori carovane di zingari giostrai o impegnati sotto il tendone del circo, dalla Francia, oltre le Alpi, si approda nelle piazze di tanti paesi dItalia affascinati dalla misteriosa vita di questo popolo, i Sinti, che continuano a sentire "Altro" da noi. I disegni di Ilario Fioravanti ci conducono nel cuore di questo popolo e suscitano quello stupore che riempie gli occhi e il cuore dei nostri bambini quando assistono agli spettacoli del circo; una eco ultima nel tempo, di un fascino che continuamente

riscontriamo nelle sculture del maestro che a Longiano e alla Fondazione Balestra ha consegnato tante testimonianze della sua arte. La Fondazione Balestra che gi si resa benemerita per la pubblicazione del volume di Vittorino Andreoli "Le mani nella creta. I mondi di Ilario Fioravanti" (a presto un secondo volume dedicato alle Incisioni?) certamente torner godendo dellospitalit della signora Adele, a convocare gli amici nella Casa dellUpupa, lantico frantoio restaurato da Ilario, a ridosso del castello di Sorrivoli. Piero Altieri

Valle del Savio

Gioved 16 febbraio 2012

17

Michele La Greca abita a Bora e in guerra ha fatto la Campagna di Russia


Michela Mosconi
na cartolina allimprovviso e ti tocca partire per il fronte russo. E la storia di Michele La Greca, classe 1920, di Bora (Mercato Saraceno) partito, come migliaia di suoi coetanei, per la tragica spedizione militare dellArmir, lArmata Italiana in Russia. Arruolato nella 3^ Divisione Celere Motorizzata, Michele, siciliano di Nicosia (Enna), parte da Verona nel 1942 e, oltre a salvare la pelle, si trover a mettere in salvo un gruppo di ebrei altrimenti destinati ai campi di concentramento tedeschi. "Sono stato in Russia 3 anni e mezzo", racconta in un misto di siciliano e romagnolo. Dopo un anno e mezzo di combattimenti nelle steppe russe, viene ferito ad una gamba, sar costretto a pi di un mese di letto ed ospedale. "Mi dovevano rimpatriare ma cera bisogno di persone. Per ricompensa mi hanno mandato nella base logistica di Zartschnka, in Ucraina. Cera un deposito l, arrivavano i medicinali dallItalia e io li dovevo spedire al fronte". Nella stessa localit c anche una miniera di carbone. Diventer, grazie a Michele, luogo di salvezza per molti ebrei che da quella stazione sarebbero stati dirottati verso la Germania. "Mi era stata data la possibilit di scegliere due di loro perch venissero a fare le

I ricordi del reduce


pulizie nel mio ufficio. Ma io andavo in stazione ogni volta che passava il treno carico di ebrei, e tutte le volte ne sceglievo due, la volta dopo ancora due, e poi ancora due. Le sentinelle naturalmente non sapevano che li avessi gi presi. Alla fine ne avevo rimediati 56. Tra loro cerano 4 bambini, qualche donna, ma la maggior parte erano uomini". Michele La Greca racconta di essere stato lunico a sapere degli ebrei nascosti. "Ci avrebbero fucilato tutti, altrimenti. Neanche i russi lo sapevano confessa - Ero io che mi occupavo di portare loro il cibo. Andavo in giro per i campi la notte a raccogliere pannocchie, patate, girasoli, quello che trovavo, insomma". Dopo lavanzata dei russi in quel territorio i soldati italiani incominciano a sbandare, si disperdono e si allontanano dal gruppo. Anche Michele costretto a fuggire. "Ho camminato otto giorni e otto notti senza mangiare n bere, da solo. Avevo una pistola con me, ad un certo punto ho pensato di farla finita. Sono

devoto a San Michele Arcangelo e sono sicuro che in quella circostanza mi ha aiutato". Pi di 50 gradi sotto zero, del grasso da mangiare e da spalmare sul corpo, nientaltro. Fermato da soldati tedeschi lo salva una ferita rimediata ad un braccio. "Mi hanno mandato allospedale, ma io mica ci sono andato. Sono scappato e mi sono rifugiato in una famiglia. Li ho costretti ad aprirmi, ricordo ancora che cerano tre ragazze e due uomini. Mi hanno ospitato per un po. Io uscivo spesso al mercato e compravo da mangiare anche per loro, patate per lo pi". Con lavanzata dei tedeschi, per Michele e un altro gruppetto di italiani giunto il momento di scappare. Prendere un treno e tornare in patria. "Dovevamo attraversare un ponte, nei presi di Dniepropetrowsk, in cui erano appostate delle guardie tedesche. Insieme a una ventina di italiani abbiamo deciso di stilare un elenco di nomi falsi, li abbiamo fregati. Ci hanno lasciato passare e abbiamo preso il primo treno diretto in Italia". Un treno a vapore, per Michele e i suoi. Un mese per arrivare in Italia, a Montesanto (Gorizia) con poche lire in tasca. Altri 30 giorni per raggiungere, con mezzi di fortuna, lamata Sicilia "nascosto in un camion di contrabbandieri del grano", e la futura sposa che porter in Romagna dopo aver acquistato dei terreni a Bora.

Bagno di Romagna

Una storia travagliata che ha portato allabbandono totale gi a fine anni 60.

Ruscello, un paese fantasma


Merita di essere ricordata, a 400 anni dalla consacrazione della propria chiesa avvenuta il 20 febbraio 1612, la parrocchia di Ruscello di Bagno di Romagna. Una frazione oggi totalmente deserta, che ha visto fiorire la vita parrocchiale dopo labbandono, per ragioni di scomodit, dellantica chiesa di Facciano, a 900 metri daltitudine, della quale rimangono ancora sembianze in un grande edificio sul monte. A Ruscello cera gi una chiesa, di remote origini, nel 1500 gi distrutta e inagibile. Sorgeva poco sopra il rudere dellattuale chiesa parrocchiale e la zona ancora detta oggi popolarmente "la chiesa vecchia". A Ruscello, dal 1603 viene spostata la sede parrocchiale che a Facciano viveva da prima del Mille. Qui il vescovo Nicola Casali, accusato di furto alle prebende parrocchiali della sua Diocesi di Sarsina, vi trova rifugio dal dicembre 1797 al marzo 1798. Dal 1850 al 1908 Ruscello, facente parte del Granducato di Toscana, passa alla diocesi di Modigliana e diventa sede di vicariato. La vita della comunit, che sorge a 670 metri daltezza sul livello del mare, va avanti regolarmente fino al 1956, quando il parroco don Francesco Castellani, oramai quasi solo, viene spostato e qui continuer il servizio, salendo con un motore da Valbiano, il fratello don Renato. Nel 1945 gli abitanti sono 150. Qualche centinaio di metri prima della chiesa cera il villaggio di Ruscello, del quale non rimangono neanche le pietre, con annessa una piccola chiesetta eretta nellAnno Giubilare 1800. Nel settembre 1964 viene chiusa la chiesa di Careste e le pochissime famiglie rimaste vengono convogliate a Ruscello per la messa. Il numero di abitanti, nel 1945 di 150 persone e nel 1966, di 9 persone divise in 3 famiglie, una della quale non frequenta quasi mai la chiesa, da come leggiamo nel resoconto della Visita Pastorale. Nellottobre 1967 partono anche le ultime tre famiglie, facilitate anche dalla costruzione della strada del 1966 e la chiesa viene abbandonata. Di questo periodo la foto, lunica conosciuta, che ci presenta la chiesa ancora agibile con le campane al loro posto. Queste due piccole campane sono andate disperse. Ne resta fotografia e schedatura: la maggiore, fusa a Ranchio dalla fonderia Santini, era del 1572 e la minore del 1871. Daniele Bosi

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

18

Gioved 16 febbraio 2012

Solidariet
Brevi
Famiglie per laccoglienza
Accogliere per educare, educare per accogliere il tema del ciclo di incontri promossi dallassociazione Famiglie per lAccoglienza. Amici del Pellicano. Gli incontri su accoglienza in famiglia ed esperienza educativa si tengono presso Villa Pallavicini (via Marco Emilio Lepido 196), a Bologna. Lincontro di sabato 25 febbraio alle 17 avr come tema Posso farlo anchio? Storie di famiglie provocate dallaccoglienza, con Roberta e Rossano Santuari, Paola e Fabio Giorgi. Durante lincontro garantito il servizio di baby sitter. Al termine dellincontro sar possibile cenare insieme, ma necessario prenotare utilizzando le stesse modalit indicate per il servizio baby sitter. Per info: cinziaferri@acantho.it, 347 4491178. I prossimi incontri: domenica 25 marzo alle 10: Io di chi sono? La certezza affettiva attraverso lo sguardo di chi mi accoglie (dottoressa Adele Tellarini). Domenica 15 aprile, ore 10: Vieni a studiare a casa mia. Esperienze di sostegno allo studio (dottoressa Luisa Leoni Bassani).

alle 21 lAgesc propone una serata rdi Gioved 1 marzo favore delle popolazioni del Corno dAfrica teatroVe di beneficenza a

Un po diNapule in aiuto allAvsi P


are che sulla Romagna torni a splendere O sole... mio! Infatti, dopo tanta neve e ghiaccio, finalmente torneranno a scaldarci le canzoni napoletane. A far rivivere la passionalit, i colori e le atmosfere dei bassi partenopei sar il Trio Napolincanto con uno spettacolare concerto di musica napoletana. Lo spettacolo si svolger gioved 1 marzo alle 21 presso il teatro Verdi di Cesena. Insieme godremo della bellezza e del fascino nostalgico della musica di Napoli e insieme daremo un aiuto alle popolazioni del Corno dAfrica. Infatti, nellambito della campagna Tende di Natale 2011-12, AGeSC (Associazione Genitori Scuole Cattoliche) Forl Cesena, Avsi (Associazione Volontari Servizio Internazionale) e GiPre (genitori insieme per una presenza) intendono dare un concreto aiuto ai rifugiati africani. In Africa orientale 11 milioni di persone stanno soffrendo la pi grave carestia degli ultimi ventanni. A Dadaab in Kenya, situata a 500 km da Nairobi e 80 km dal confine somalo, si rifugiano quotidianamente centinaia di famiglie somale che fuggono la sete e la fame; attualmente le persone

Donazione di sangue, rapporto nazionale


Una riduzione delle unit di sangue del 2,9 per cento entro il 2020. questo il dato pi signicativo rivelato dallo studio La donazione del sangue alla luce dellevoluzione demograca del Paese, avviato dalla Federazione italiana associazioni donatori di sangue (Fidas) in collaborazione con Censis. Nei giorni scorsi presso lospedale San Giovanni Calabita Fatebenefratelli in Roma, stato presentato il volume con i risultati della ricerca, che ha coinvolto 3.367 donatori volontari recatisi tra il 2010 e il 2011 nei centri collegati alle 69 associazioni Fidas. Per i prossimi dieci anni - ha dichiarato Aldo Ozino Caligaris, presidente Fidas - si prevede un aumento signicativo degli ultra 75enni, a fronte di una diminuzione altrettanto rilevante della fascia di et tra i 18 e i 45 anni, ad oggi la forza donazionale del Paese. Negli ultimi sei anni - ha detto Carla Collicelli, vicedirettore generale Censis - aumentato il numero dei donatori, ma diminuito il numero di quelli sotto i 30 anni; se va avanti cos si va incontro a un calo dei donatori di quasi il 3 per cento, e quindi del sangue. Secondo Fidas, oggi tre terapie trasfusionali su quattro vengono richieste per pazienti che hanno pi di 75 anni.

accolte nel campo sono 450mila di cui il 54 per cento costituito da bambini e ragazzi. A Dadaab operativo dal 2009 un progetto di cooperazione internazionale gestito da Avsi. Il progetto prevede la costruzione di scuole e centri educativi semi permanenti e attivit di formazione ai maestri che insegnano ai bambini. La

logica dellintervento quella di rispondere allemergenza educativa attraverso il miglioramento della qualit e laccesso alleducazione, riqualificando gli insegnanti e costruendo spazi sicuri e amichevoli dove bambini e adolescenti possano trascorrere il tempo e imparare a leggere e a scrivere, oltre che ricevere sostegno psicosociale.

Tutto il ricavato della serata andr per la costruzione di scuole e centri di formazione nel campo profughi di Dadaab. previsto un biglietto dingresso di 10 euro (disponibile in prevendita) e ai partecipanti proposto di aderire con offerta libera a sostegno delliniziativa. Per informazioni: Antonio Belluzzi, 334 154 2229 (presidente AGeSC Provincia Forl-Cesena).

In Emilia Romagna gli anziani amano lo sport e meno il pc


In Emilia Romagna, secondo i dati Istat, circa il 15 per cento degli ultra sessantacinquenni dichiara poi di sentirsi poco sicuro e il 7,7 per cento dice di non avere nessuna sicurezza a uscire di casa da solo la sera. Pi della met degli anziani, inne, pratica sport o fa qualche attivit sica e il 36,5 per cento per cento ascolta la radio, mentre solo il 7 per cento utilizza il computer.

NOTIZIARIO PENSIONATI
variazione stata ssata in via previsionale per lanno 2012 in misura pari al 2,6 per cento dal 1 gennaio 2012. Per gli anni 2012 e 2013 la percentuale di aumento per variazione del costo della vita si applica: per intero sullimporto di pensione non eccedente il triplo del minimo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti (per il 2012 1,405,05 euro lordi); per le pensioni di importo superiore a tre volte il suddetto minimo Inps. Le pensioni superiori a tale ultimo importo non saranno rivalutate. In merito alle modalit di attuazione delle disposizioni, sar presa in considerazione la rata mensile di pensione in pagamento al 31 dicembre 2011. Per le pensioni comprese tra 1.405,50 e 1.441,59 euro verr corrisposta la differenza con la rata di febbraio compresi gli arretrati di gennaio.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Sempre pi anziani in Emilia Romagna


L'Emilia Romagna una delle regioni pi vecchie d'Italia (e d'Europa). Ma sta ringiovanendo. il quadro presentato nel corso della quarta conferenza sul Piano d'azione regionale per la popolazione anziana che si tenuta nei giorni scorsi in Regione. Secondo i dati dell'ufficio statistica, negli ultimi anni i ritmi di crescita della popolazione anziana sono risultati inferiori a quelli dei giovani in Emilia Romagna. C' stata insomma un'inversione di tendenza, grazie alla ripresa della natalit e all'immigrazione. L'indice di vecchiaia dunque calato: dai 197 anziani ogni 100 giovani registrato nel 1999, si arrivati a 167 anziani su 100 giovani l'anno scorso. L'Emilia Romagna rimane per una regione 'vecchia': l'indice europeo di 56 punti pi basso (111), quello italiano di 23 (144 anziani su 100 giovani). Le previsioni demografiche stimano una crescita del numero di anziani, tra il 2010 e il 2030, che potrebbe superare il 20 per cento. Ad aumentare sar soprattutto la popolazione di grandi anziani, tant' che tra 20 anni si calcola che circa un terzo degli anziani in Emilia Romagna avr pi di 80 anni. Al momento, gli anziani residenti in Emilia Romagna sono quasi un milione (986mila per la precisione), pari al 22 per cento della popolazione regionale. Circa la met di loro (517mila) sono over 75, mentre ammontano a 314mila le persone che hanno superato gli 80 anni. Le donne sono il 57,6 per cento tra gli ultra sessantacinquenni, ma diventano il 65 per cento tra i grandi anziani (con pi di 80 anni). Da un'indagine Istat realizzata nel 2010, emerge poi che il 27,6 per cento degli anziani in Emilia Romagna vive da solo: si tratta di oltre 270mila persone. Il 30 per cento degli over 65 dichiara di stare bene o molto bene, mentre il 19 per cento dice di essere in cattive condizioni di salute.

Meno spese militari e pi fondi per il welfare


Lassessore regionale alla Sanit, Carlo Lusenti, ha preso posizione. I fondi per il welfare a livello nazionale ci sono, basta tagliare le spese militari. La regione Emilia Romagna intende sollecitare la ricostruzione del fondo nazionale per la non autosufficienza. Penso che sia necessario sostenere e sollecitare - ha affermato Lusenti - la ricostruzione del fondo nazionale per la non autosufficienza, che signicherebbe per la Regione risolvere il problema del prossimo triennio. Inoltre bisognerebbe collaborare per la revisione completa dei ticket. Dal 2014 infatti entreranno in vigore due miliardi di nuovi ticket aggiuntivi, decisi nella manovra di luglio 2011, che per lEmilia Romagna signicano 160 milioni di euro in pi chiesti ai cittadini.

La famiglia lemblema della gratuit


Sostegno delle nascite, sviluppo degli asili nido, contributo per il terzo glio, agevolazioni per i mutui per la casa, revisione dellIsee nazionale. Sono alcune delle linee guida della politica che il Governo intende adottare in favore della famiglia e presentate dal ministro per la Cooperazione e lintegrazione Andrea Riccardi, che ha recentemente ricevuto anche le deleghe per la famiglia e che intervenuto al convegno sulla famiglia organizzato dalla Cisl. Sto studiando quel che il Governo pu fare.

Perequazione 2012
A tutte le pensioni verr conguagliata nel mese di gennaio limporto relativo alla differenza tra la perequazione dovuta nel 2011 (1,6 per cento) e quella che stata effettivamente corrisposta del 1.4 per cento. La percentuale di

Mi rendo conto - dice il ministro - che in un quadro di risorse limitate e di difficolt crescenti tutto pesa sempre pi sulla famiglia. La famiglia - afferma il ministro - sottoposta a sforzi incessanti che la mettono sotto stress e

la rendono pi fragile, anche perch gli enti locali e le istituzioni si aspettano tanto da essa senza dare in cambio il sostegno necessario, visto che lItalia in Europa il Paese che spende meno per la famiglia, l1,1 per cento del Pil contro

una media europea del 2,5 per cento per cento. Il problema insomma che la famiglia fa lavori che non sono i suoi, e che le sue potenzialit non sono innite, ma vanno esaurendosi, sottoposte a un logorio quotidiano. In sostanza, dice Riccardi stiamo arrivando al punto limite in cui si rischia la rottura. Riccardi poi critica il supposto egoismo degli italiani che fanno pochi gli ( unidea moralista e infondata) e attribuisce il calo demograco alla difficolt e in alcuni casi allimpossibilit di conciliare maternit e lavoro. La legge - dice - su questo aspetto pu essere migliorata. Gli uffici del dipartimento sulla famiglia studiano un sistema per inserirsi nel contrasto al declino demograco con un sostegno economico alle nascite e ai nuovi nati, sempre tenendo conto del quadro accidentato del nostro bilancio. Ma non bisogna dimenticare, verrebbe da aggiungere, che i gli crescono e con essi crescono le spese necessarie per garantire il loro futuro e in denitiva quello della nostra societ. Riccardi, inne, rende omaggio alle donne che si prendono carico della fragilit della famiglia e conclude ricordando come la famiglia rappresenti uno degli ultimi ma radicati spazi di gratuit in una societ mercantile dove tutto si vende, si compra e si misura sul prezzo. Ma, aggiunge, il valore della famiglia non quanticabile in euro. La famiglia lemblema della gratuit. E un suo indebolimento segna un impoverimento dellintera societ.

Cultura&Spettacoli
Teatro Bonci, rinviato lo spettacolo del 18 febbraio
er il protrarsi delle Pdifficolt causate dalle condizioni meteo, il teatro Bonci di Cesena ha rinviato anche gli spettacoli in programma dal 13 al 18 febbraio (Uno scrittore, le sue musiche e Quartetto di Cremona). Saranno presto comunicate le nuove date di programmazione. Il cartellone teatrale riprender sabato 25 febbraio con il concerto di Fabrizio Sirotti Suite in cinque movimenti per Alan Turing. Domenica 26 febbraio Il Risorgimento a Cesena. Uno scrittore le sue musiche, letture e musiche a cura di Maurizio Ridol.

Gioved 16 febbraio 2012

19

Cinema di Filippo Cappelli


Uci Savignano

THE IRON LADY - di Phyllida Lloyd


Molta Streep per nulla. Una nuova, magistrale interpretazione dellattrice non basta a salvare un prodotto fiacco, con poche idee e meno gusto. Un vero peccato, perch le premesse per realizzare un biopic di tutto rispetto erano evidenti. Purtroppo, quando di un film si parla solo ed esclusivamente della performance di un attore/attrice, il sospetto che non ci sia nientaltro da dire forte. E per quanto riguarda il film della Lloyd, fondato. La trama. Sono i giorni nostri. Margaret Thatcher unanziana signora ormai svanita che, di fronte alla necessit di liberarsi degli abiti del marito defunto da tempo (ma ancora ben presente...), inizia a fare pulizia fra armadi e cassetti, fin nella propria memoria e nel proprio passato. Tra flashback e rimbalzi continui fra il presente e il passato, si dipana la storia umana e politica della Lady di Ferro Lesercizio della Lloyd, pi che biografia della Thatcher, funzionerebbe meglio come documentario sul talento della Streep. Basta il minuto iniziale (la protagonista che compra il latte al market) per chiudere la questione: in quella scena, non senza un balzo al cuore per il pubblico, lex premier inglese si presenta in modo puro e semplice. Non pi un attore che impersona: la Thatcher stessa, come non la si mai vista prima, pi vera del reale. un inizio potente e straniante, a suo modo bello. Ci che non funziona tutto il resto. La Lloyd, in modo anche eticamente ambiguo, narra la Storia attraverso la storia della Thatcher. lei a tessere il filo del passato, lei a conferirgli senso, giudizio. Ma da questa prospettiva monoculare The Iron Lady non si sposta mai, spacciando per veduta introspettiva ci che solo un appiattimento di sguardo. Il film, insomma, nel suo voler essere troppo finisce per diventare nulla. Come opera biografica troppo approssimativa e disinteressata allessenza del personaggio. Come grottesco non ha alcun mordente. Come riflessione sulla vecchiaia (qualcuno ha provato a insinuarlo) banalissimo: il Grande che al termine dellesistenza piccolo come ognuno di noi. Come tragedia alla Shakespeare, lettura indicata dalla coraggiosissima regista, ridicola (lex leader che si scontra coi fantasmi del passato? Andiamo, siamo seri). Questa ambiguit di contenuto travolge poi anche la forma: un film nervoso, di carrellate continue e raccordi molto disinvolti, tagli troppo bruschi e affastellamenti sonori non del tutto chiari (esplosioni, il grande punk e Bellini). Colpi di tosse che smuovono solo la superficie di una pellicola fin troppo piatta. La cinepresa non scava, ma assottiglia. Quello che ne esce un processo di standardizzazione della complessit di un essere umano. Il timido tentativo, abbandonato immediatamente, di cogliere la persona dietro il personaggio, con uno sguardo ambiguo non sempre giustificato e quasi sempre giustificatorio. La Thatcher non ne aveva bisogno. Noi neanche.

Cesena all11 marzo un ciclo di proiezioni promosse dallAfi

Nella sala cinematografica allOsservanza dall11 febbraio

AllAstra il cinema per famiglie


n ricco programma di cinema per famiglie: questa la proposta dellAfi (Associazione delle famiglie) cesenate per questo fine inverno. Cinque tripli appuntamenti presso la sala cinematografica Astra, in via Osservanza, con ingresso a 3,50 euro, gratis dal secondo figlio per le famiglie al completo. Ogni fine settimana sono previsti tre spettacoli: alle 16,30 il sabato, alle 15 e alle 17 la domenica pomeriggio. La programmazione

FOTO ARCHIVIO CLAUDIO PAGLIARANI

Lingresso di 3,50 euro. Per le famiglie al completto ingresso gratuito dal secondo figlio in poi
iniziata l11 e 12 febbraio con Il figlio di Babbo Natale; per sabato 18 e domenica 19 febbraio sar la volta di Le avventure di Tintin. Febbraio si conclude, il 25 e 26, con Happy feet 2; si passa poi a marzo: sabato 3 e domenica 4 il film in proiezione sar Il gatto con gli stivali. Chiusura il 10 e 11 marzo con Alvin superstar 3.

Il ciclo di film per famiglie segue il precedente, tenutosi allEliseo in novembre e che ha visto il tutto esaurito, consentendo alle famiglie di andare insieme al cinema duetre volte al mese invece che allanno, ha commentato Alberto Pracucci presidente dellAfi. Un altro risvolto positivo quello economico, inoltre si favorita la socializzazione fra i bambini. Liniziativa patrocinata dal Comune di Cesena e sostenuta dal Centro

Famiglie Benedetta Giorgi. Accanto alla proposta per famiglie, lAfi affianca uno specifico percorso per insegnanti, genitori ed educatori, dal titolo Ragazzi e computer? Ragazzi al computer! Alla ricerca di una via per governare un mondo nuovo. Si tratta di due incontri a ingresso gratuito, con relatore il dottor Giuseppe Messina docente alla scuola primaria Carducci e magistrato onorario presso il Tribunale di Bologna. Gli incontri si

terranno presso la sala del Quartiere Oltresavio in piazza Magnani 143: si parte marted 28 febbraio dalle 20,30 alle 22,30, per concludere con gli stessi orari marted 6 marzo. Si tratta di formazione per tutti, in unottica di famiglia tradizionale, sotto il profilo sociale e civile - ha aggiunto Pracucci -; ci rivolgiamo non solo al mondo cattolico, ma vediamo che sono interessate tante persone di diversa estrazione sociale. Per informazioni: afiforlicesena@afifamiglia.it e info@cinemastra.it. Claudia Coppari

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


IL CODICE DI DIRITTO CANONICO con ilcommento giuridico-pastorale di Luigi Chiappetta
(edizioni Dehoniane Bologna) Una segnalazione per i lettori di questa rubrica, per i frequentatori della Libreria San Giovanni di piazza Isei, con la speranza che abbia a raggiungere gli addetti ai lavori e pi in generale quanti hanno responsabilit istituzionale nella vita della Chiesa, universale e locale. Le Edizioni Dehoniane di Bologna hanno messo mano alla pubblicazione della terza edizione de Il Codice di Diritto Canonico, con il commento giuridico-pastorale di Luigi Chiappetta (+1998), per cura di F. Catozzella, A. Catta, C. Izzi, L. Sabbarese. Lopera in tre volumi pubblica il testo in lingua latina del nuovo codice emanato il 25 gennaio 1983 da papa Giovanni Paolo II, con relativa traduzione in lingua italiana e un apparato di note e commenti che a partire dai testi del Concilio Ecumenico Vaticano II tiene conto degli aggiornamenti che nel frattempo sono stati promossi dalla Santa Sede per la Chiesa Universale e nellambito pi particolare dalle Chiese locali. Per quanto riguarda le Chiese in Italia, si tenuto conto dei necessari riferimenti alle norme pattizie conseguenti alla revisione del Concordato siglata il 18 febbraio 1984 e delle norme

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)


cedurali. Ricordiamo in modo particolare anche per la triste eco suscitata in tante regioni, i delitti contro il sesto comandamento del Decalogo commessi da un chierico con un minore. Anche attraverso le norme del Codice, puntualmente aggiornate in ascolto del magistero della Chiesa, significativamente espresso dai Dicasteri della Santa Sede, attuate da coloro che nella Chiesa devono esercitare il governo della comunit, il Regno si realizza nella fedelt allo Spirito, tenendo presente, senza ingenuit, che bisogna pur fare i conti con la fragilit delluomo, nel comune cammino che si vive sotto lo sguardo paterno di Dio. Tutti figli del Padre celeste, nessuno nella condizione di suddito; anche gli antichi romani erano convinti che sub lege libertas. Piero Altieri

emanate dalla Conferenza Episcopale Italiana. In un ampio saggio premesso nelle pagine introduttive del primo volume, viene ripercorsa la storia della legislazione canonica per la Chiesa latina lungo i secoli. Dalle collezioni canoniche medievali alla promulgazione del Codice di Diritto Canonico nel 1917 il cosiddetto Pio (X) - Benedettino (XV); si giunge al nuovo Codice del 1983 che papa Giovanni XXIII aveva voluto gi nel contesto dellannuncio del Concilio Ecumenico, quale strumento adeguato per lattuazione della Riforma della Chiesa che sarebbe scaturita dai lavori conciliari. Il nuovo Codice consta di sette libri che portano questi titoli: Le norme generali; Il Popolo di Dio; Le norme generali; La funzione di insegnare nella Chiesa; La funzione di santificare della Chiesa; I beni temporali della Chiesa; Le sanzioni nella Chiesa; I processi. Gi la formulazione dei titoli richiama alla nuova ecclesiologia del Concilio Vaticano II. Superata a suo tempo la necessit di varare come premessa la Legge fondamentale della Chiesa, i canoni che erano stati formulati nella bozza, sono stati inseriti nel primo libro, sottolineando ulteriormente la pastoralit che anima tutto il Codice. Da notare come i curatori di questa terza edizione, nei canoni del Libro VI Le sanzioni nella Chiesa, abbiano inserito quanto la Congregazione per la Dottrina della Fede, in fasi successive, a partire dal 2001, ha emanato a proposito dei Delicta Graviora, e come pene inflitte e come norme pro-

20

Gioved 16 febbraio 2012

Cesena & Comprensorio


Elezioni al Panathlon club Vallesavio Notizie Flash Cesena
Mostra fotografica
Chiuder domenica 19 febbraio la mostra "Ri-guarda Cesena. Un secolo di memorie" allestita al Palazzo del Ridotto. E promossa da Confcommercio e organizzata da "Il Vicolo". Si tratta di fotograe degli anni 1951 e 1952 messe a disposizione da Confcommercio, cartoline depoca di Paolo Montalti e fotograe conservate alla Biblioteca Malatestiana. Si pu visitare no a domenica dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 19,30.

Provincia
Rischio frane
Presentata in Provincia da Maria Grazia Bartolomei (foto), capogruppo UdC, uninterrogazione urgente sullemergenza neve, che propone di affrontare da subito i conseguenti rischi di dissesto idrogeologico del suolo e quelli derivanti dal prevedibile ingrossamento dei corsi dacqua. "Considerato che dal 31 gennaio ad oggi si sono vericate su tutto il territorio provinciale copiose nevicate, le pi abbondanti a memoria duomo e pertanto dalle conseguenze difficilmente prevedibili, e che nel corso del 2010 e 2011 in particolare, a seguito delle precipitazioni (soprattutto piovose) il territorio provinciale franato in diverse zone, prevalentemente collinari e montane e si sono vericati signicativi fenomeni di erosione sulle coste" - scrive Bartolomei - "si richiede di conoscere quali sono le valutazioni circa limpatto dello scioglimento della coltre nevosa, per quanto attiene i fenomeni di subsidenza ed il prevedibile ingrossamento dei corsi dacqua a seguito dello scioglimento del consistente manto nevoso." La capogruppo UdC chiede inoltre di sapere "come sintende intervenire a difesa del territorio, si auspica anche con azioni urgenti e per quanto possibile preventive, tenendo presente il problema sin dalle operazioni di rimozione di cumuli di neve."

l ristorante "La Cerina" a San Vittore di Cesena, ha avuto luogo lassemblea ordinaria dei soci del Panathlon Club Vallesavio. Il Club, 363 nella storia del Panathlon International, che a luglio festegger con soddisfazione il dodicesimo anno dalla propria fondazione, ha riconfermato per il biennio 2012-2013 il presidente uscente Rudy Roberto Dalpozzo, autentica icona del rally nazionale e internazionale, affiancato dal decano past president Fabio Amadori. Alle successive votazioni, che hanno completato lorganigramma statutario, sono risultati eletti i seguenti soci. Consiglio direttivo: Ugo Vandelli (vice presidente); Sergio Santi (segretario); Dorotea Dolcini (consigliere); Ennio

Confermato Dal Pozzo A

Gatteo
Pasini (consigliere); Carlo Mancini (consigliere); Paolo Pieri (consigliere); Massimo Sirotti (consigliere). Collegio arbitrale: Gianni Biasini; Stefano Angeli; Raffaele Zacchini. Collegio dei revisori: Daniela Campana; Alessandro Carli; Gabriella Magalotti.

Festival musicale
Sono aperte le iscrizioni alla XXIX edizione del Festival di Gatteo. Possono parteciparvi ragazzi e adulti. Le esibizioni avranno luogo domenica 26 febbraio, 4 e 11 marzo alle 16,30 e sabato 17 marzo alle 20,30 al teatro parrocchiale "Lina Pagliughi". E organizzato dallassociazione "Diffusione Musica" in collaborazione con lassociazione "Var Ragazzi", e la Bcc di Gatteo, col patrocinio del Comune. Per informazioni ed iscrizioni telefonare al 335 5478155 o allo 0541 933569.

Cesena

Al Bogart "Qui ad San Zili"


Al teatro Bogart di SantEgidio, il gruppo parrocchiale "Qui ad San Zili" presenta "L mei terd che mai", tre atti comici in dialetto romagnolo, liberamente tratti da una commedia di Loredana Cont. La commedia andr in scena luned 20 e marted 21 febbraio, alle 20,45. Per prenotazioni: da sabato 18 febbraio dalle 8,30 alle 20,30, cell. 327 8358964. Ingresso 7 euro (ridotto 6). Il ricavato sar devoluto in benecenza.

Cesena

Dialetto al Bogart
Sar la compagnia Amici del teatro di Cassanigo (Ra) a portare in scena, sabato 18 febbraio alle 21 al Bogart di SantEgidio, la commedia dialettale E zuzed sol a Cassanig, due tempi della stessa compagnia. Ingresso 7 euro, ridotto 6.

Cesena
Concorso di pittura
La parrocchia di San Rocco ha indetto il 37 concorso nazionale di pittura, graca- acquerello, e piccolo formato "La Margherita dargento". Le opere possono essere consegnate dal 22 al 26 febbraio dalle 15 alle 19 presso il teatro parrocchiale. Il montepremi ammonta a 22.030, 00 euro. La giuria formata da Ario Franciosi, Marco Fiumana e Pierguido Raggini. Teleromagna trasmetter la cerimonia delle premiazioni domenica 4 marzo alle 17.

Gambettola

Incontro formativo

Cesena

Cd...vertiamo band al Verdi


La Cd...vertiamo band si esibir gioved 16 febbraio alle 16 al teatro Verdi di Cesena. Sar presentato il nuovo album. Ingresso 5 euro (adulti); gratis i bambini.

Savignano

Conferenza e concerto
Laula magna dellAccademia dei Filopatridi, domenica 19 febbraio dalle 10, ospiter il coro lirico "Alessandro Bonci" di Cesena che eseguir brani di Verdi e Beethoven. Il sindaco di Forl, Roberto Balzani, parler sul tema "Romagna. Conni amministrativi e governi locali (17972012). Liniziativa resa possibile grazie al contributo della Fondazione della Cassa di Risparmio di Cesena.

Nei locali parrocchiali, sabato 18 febbraio alle 17, guider il primo incontro formativo del "Progetto Circolatorio" Andrea Canevaro dellUniversit di Bologna sul tema "Educhiamoci ad educare". Sono invitati genitori, nonni, docenti, educatori e operatori sociali.

San Piero
Spettacolo teatrale
Sar presentato sabato 18 febbraio alle 21,30 al Garibaldi lo spettacolo "I Menecmi alla terza" di Samuele Boncompagni da Plauto, con gli attori Samuele Boncompagni, William Catania e Riccardo Valeriani. Ingresso 10 euro, ridotto 8.

San Piero
Corsi per stranieri
Sono oltre cinquanta gli stranieri immigrati regolari che si ritrovano ogni luned sera e, suddivisi in vari gruppiclasse, imparano la lingua italiana. Inoltre i sette volontari che hanno dato la loro disponibilit come insegnanti questanno, per la quarta edizione delliniziativa, hanno anche frequentato un corso di formazione per insegnanti di italiano, dove si sono approfondite la conoscenza e la sperimentazione delle tecniche di insegnamento. Questo corso si svolto a cura della Scuola Palazzo Malvisi di Bagno di Romagna che ha sempre offerto con grande disponibilit, competenza, professionalit e sostegno. Le lezioni per i volontari insegnanti, per un totale di sedici ore, sono state tenute da Silva Bellucci, Sylvia Camagni e Maria Ida Tassinari, coordinate da Cesare Portolani, direttore della scuola. Il corso, promosso dallAmministrazione Comunale e dal Centro Sociale di Iniziative Culturali, si concluder il 28 maggio; prevede un totale di 40 ore di lezione ed offre agli interessati la possibilit di sostenere lesame di competenza linguistica A2, utile per il permesso di soggiorno europeo a tempo indeterminato.Il progetto importante dal punto di vista didattico e culturale, ma lo soprattutto dal punto di vista umano, per la promozione dellintegrazione di persone provenienti da paesi diversi e, da non sottovalutare, per la stessa integrazione tra persone provenienti da paesi diversi. Alberto Merendi

Cesena
Lirica al Victor
In differita dal teatro Regio di Torino al cine-teatro Victor di San Vittore sar trasmessa mercoled 22 febbraio alle ore 20.30 lopera di Giuseppe Verdi "I vespri siciliani". Sar proiettato il lm Sherlock Holmes marted 21, gioved 23, sabato 25 e domenica 26 febbraio alle 21.

Cesenatico
Tributo a De Andr
LXI edizione di "Amico fragile" a cura di Arci Cesena e Bandeandr si terr venerd 17 e sabato 18 febbraio alle 21 al teatro comunale. Il gruppo musicale formato da Gianluigi Tartarell, Nazzarena Galassi, Caterina Sangiorgi, Loretta Pompignoli, Stefano Fabbri e Raimondo Raimondi. Ingresso palchi e platea 15 euro, loggione 10.

Longiano
Teatro dialettale
E stata rinviata a domenica 19 febbraio alle 15 al teatro Petrella la cerimonia di premiazione dellXI edizione della rassegna di commedie dialettali organizzata dalla locale lodrammatica "Hermanos". La compagnia longianese presenter, fuori concorso, la commedia di Giusi Canducci "La suocera". Ingresso 5 euro.

Sport

Gioved 16 febbraio 2012

21

Con la Lazio una brutta sconfitta

Lo stadio Manuzzi innevato (foto A. Mazza)

Un Cesena ibernato attende i diavoli del Milan


on la classifica che piange La partita col Catania stata sempre di pi, il Cesena rinviata al 7 marzo a causa dei dovr affrontare domenica prossima al problemi dovuti alla nevicata Manuzzi il Milan campione eccezionale dei giorni scorsi dItalia in carica. Dopo aver clamorosamente scialacquato loccasione romana sponda Lazio, i bianconeri di Romagna tornano alla Fiorita per cercare di invertire squadra romagnola nelloccasione ha evidenziato la rotta contro una formazione ritrovata. Nello ancora una volta tutti i suoi limiti, non solo scorso week-end i rossoneri allenati da strutturali, ma anche caratteriali. La classifica Massimiliano Allegri si sono imposti sul proibitivo pesante, ma d ancora spazio a rimonte. campo di Udine grazie alle reti di Maxi Lopez ed El Chiaro per, che i bianconeri devono Sharawy in rimonta. Privi di Ibrahimovic per squalifica, il "diavolo" fa dunque tanta paura anche assolutamente cambiare registro, se non vogliono rischiare di rendere il restante cammino in con sostituti deccellenza. Il Cesena potr campionato una lenta e dura agonia. Bravo dovr comunque contare su un attacco rigenerato dalla essere soprattutto mister Arrigoni chiamato pi presenza di Vincenzo Iaquinta. che mai a vestire i panni dello psicologo se non Il nuovo bomber proveniente dalla Juve ha subito vuole vedere andare alla deriva il proprio vascello. dimostrato alla prima occasione di che pasta Dai nuovi come Iaquinta, Santana e Pudil ci si fatto. Contro la Lazio, lariete calabrese si reso aspetta molto, ma molto devono dare anche quelli protagonista di un assist a Mutu sul primo gol della vecchia guardia. Ci si sono messi poi gli cesenate e del raddoppio su calcio di rigore di infortuni a gente come Von Bergen e Moras a Iaquinta (foto Getty Images). Un 2-0 che aveva intralciare il lavoro del tecnico di Borello. Nonch illuso i ragazzi di Arrigoni, tremendamente la neve che ha costretto il Cesena a dover andare riportati alla realt dal 3-2 laziale maturato in pi di una volta in ritiro fuori regione. appena 10 minuti (dall8 al 18 della ripresa). La

Col calendario "ballerino" per colpa delle condizioni atmosferiche, tra rinvii vari ne hanno approfittato in cosa il Novara e il Lecce. Il Novara di Mondonico ha addirittura sbancato San Siro battendo lInter e agganciando proprio il Cesena a quota 16 punti sullultimo gradino della classifica. Un piccolo passo avanti (a 18 punti) lha invece fatto il Lecce pareggiando a Bergamo. E luned scorso il Siena ha battuto la Roma. Se gi era dura prima, ora lo di pi. Eric Malatesta

Un Cesena vincente

I galletti da squadra neopromossa sono ben presto diventati la rivelazione del campionato di serie A

Romagna Rugby, stagione esaltante


Stagione a dir poco esaltante per il Romagna RFC. I galletti romagnoli, alla loro prima esperienza nel campionato di serie A di rugby, si stanno dimostrando squadra rivelazione di questa stagione. I ragazzi di mister Urbani dopo quattordici partite e ben 46 punti allattivo, hanno raggiunto la prima posizione in classifica con 4 punti di vantaggio sullUnione Rugby Capitolina, seconda della classe. Grinta, sacrificio e determinazione alla base dei successi della squadra romagnola. Se lobiettivo dinizio stagione era il raggiungimento di una salvezza tranquilla, ora il Romagna RFC pu ambire a traguardi pi importanti. Grazie alla bella vittoria per 37-27 nellultima partita disputata domenica 29 gennaio sul campo del Rugby Club Valpolicella, il Romagna ha ottenuto la sesta vittoria consecutiva, conquistando anche il punto di bonus per aver segnato pi di quattro mete. Per la prima volta in questa stagione i galletti hanno dovuto lasciare anche agli avversari la soddisfazione di conquistare il punto per le mete segnate, ma di fronte agli ottimi risultati non si possono muovere delle critiche a questo incredibile gruppo. Vittoria che sa di rivincita per i ragazzi di mister Urbani, perch la formazione veneta nella partita dandata era stata capace di infliggere ai galletti lunica sconfitta interna delle ultime due stagioni. Capitan Fantini e compagni, dopo le due settimane di sosta dovute al Torneo delle Sei Nazioni, riprenderanno la loro avventura allo Stadio del Rugby di Cesena domenica 19 febbraio alle 14.30, quando dovranno vedersela con lAvezzano Rugby, formazione che allandata ha sconfitto i galletti per 15-10: un motivo in pi per continuare la marcia vincente in questo incredibile campionato.
CLASSIFICA DOPO LA 14 GIORNATA:

Romagna RFC 46, Unione Rugby Capitolina 42, Rubano Rugby 40, Amatori Rugby Alghero 39, Rugby Paese 37, Amatori Rugby Capoterra 36, Rugby Badia 36, Avezzano Rugby 36, Rugby Club Valpolicella 33, Club Amatori Sport Catania 29, Rugby Milano 11, Gladiatori Sanniti 6. Mirko Giordani Foto Filippo Venturi

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA CENTRALE (adiacenze Stazione): appartamento al 1 piano con ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, cantina interrata e ripostiglio a piano terra. 160.000 / Rif. 1114

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

CASE FINALI: appartamento di nuova costruzione al secondo piano composto da soggiorno-angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, balcone, loggia verandata, ampio sottotetto, garage doppio. Pronta consegna. MADONNA DELLE ROSE: appartamento di notevoli dimensioni in palazzina da 6 unit posto al primo piano composto da ingresso, salone con camino, cucina, 3 letto, 2 bagni, veranda, balcone. Ampie cantine e garage. Da ristrutturare. 370.000 / Rif.1091 LOCAZIONI

SAN MAURO IN VALLE: a pochi passi dal centro, immersi nel verde, appartamenti di nuova costruzione ad alto risparmio energetico. Possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta, giardino e ingresso indipendente o allultimo piano con ampio sottotetto. NESSUNA SPESA DI INTERMEDIAZIONE. ZONA PORTA TROVA: appartamento luminoso al quarto piano composto da ampio soggiorno, cucina abitabile, 2 letto, bagno, balcone verandato, cantina. Possibilit di acquistare garage nelle vicinanze. 185.000 / Rif. 0843

VIALE MARCONI (adiacenze McDonald): affittasi al primo piano con ascensore ufficio in ottimo stato di mq. 110 con cantine e 2 posti auto riservati. 1.250 ZONA CENTRALE: appartamento ristrutturato al 4 piano con ascensore composto da salotto, cucina, 2 letto, balcone verandato, bagno, cantina. NON ARREDATO. 600 PONTE PIETRA: ampio bilocale composto da soggiorno, cucina in nicchia, 1 letto matrimoniale, 1 bagno, terrazzo, garage. ARREDATO. 550 SAN MAURO IN VALLE: appartamento al 2 piano senza ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, ampio balcone (in parte verandato), cantina, garage. PARZIALMENTE ARREDATO. 600.

ZONA EX ZUCCHERIFICIO: appartamento allultimo piano con ascensore composto da ampio soggiorno, cucina, 2 letto, 2 bagni, ripostiglio, loggia verandata, garage doppio. Luminosissimo e in perfetto stato. Informazioni in ufficio.

22

Gioved 16 febbraio 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Tracciate le basi per lattivit del prossimo decennio

In breve
Pattinaggio a rotelle, seconda parte di stagione
Si svolta recentemente la riunione della Commissione di Pattinaggio (composta da Cesare Poni, presidente, Giuseppe Degli Angeli, responsabile tecnico, Patrizia Franchi, consigliere, Claudia Celli e Veronica Bazzocchi, allenatrici) per programmare lattivit della seconda parte dellanno agonistico in corso (gennaiogiugno 2012). Alcuni appuntamenti devono attendere ancora la conferma delle date denitive, quali il Trofeo Topolino, le gare regionali e provinciali della Federazione e le gare regionali e provinciali promosse dallUisp, ente di promozione sportiva, che da diversi anni organizza queste competizioni, mentre le gare regionali indette dal Csi sono previste nelle giornate del 25 marzo, 6 maggio e 3 luglio 2012. Il Trofeo Primavera Csi si svolger il 22 aprile, la festa dellU.S. San Marco si effettuer il 2 giugno e la manifestazione, divenuta ormai un classico appuntamento di ne primavera, Pattini sotto le stelle, presso larea cortilizia dellIstituto Lugaresi di Cesena, in calendario per il 9 giugno 2012.

Stati Generali, a Rimini un Csi in ascolto


a tre giorni di Rimini del Csi, dedicata agli Stati Generali dellattivit sportiva e alla Convention nazionale della Formazione, che si conclusa domenica 29 gennaio, pu essere interpretata come un ponte sul futuro. Sono state tracciate le basi per orientare il decennio dellAttivit Sportiva dellassociazione, come pure le linee strategiche della formazione dei prossimi anni. Rimini ha significato una delle pi grandi iniziative di ascolto della base associativa nella storia del Csi: sono stati183 gli interventi orali nelle dieci sessioni di lavoro per 60 ore complessive di audizioni. Sono 75, in tutta Italia, i Comitati che hanno portato idee per favorire il rinnovamento, raccolte negli 87 punti nel documento preparatorio. Grande la partecipazione, a cos poco tempo dallappuntamento nella citt di San Francesco (Assisi, a inizio dicembre 2011), dove si radunarono

Sono stati 75 i Comitati che hanno portato idee per favorire il rinnovamento
circa 500 dirigenti da tutta Italia, ecco che pi o meno altrettanti (460) hanno risposto a questa nuova chiamata, pronti, come accaduto, a guardarsi dentro (il territorio, i vertici dellassociazione, lattivit sportiva e formativa). Tutta questa ricchezza associativa verr sintetizzata in un documento, che verr sottoposto al prossimo Consiglio nazionale, programmato per l11 febbraio a Roma. Dagli Stati Generali emerso infine un quadro dettagliato dellattivit sportiva promossa dallAssociazione: lanno scorso i campionati degli sport di squadra hanno coinvolto 130 comitati di tutte le regioni italiane, con 2174 manifestazioni e 16mila formazioni impegnate; negli sport individuali proposti dal Csi atleti e societ di 89 comitati (anche in questo caso di tutte le regioni italiane) hanno dato vita a 509 appuntamenti. Cerano a Rimini 63 comitati territoriali, rappresentativi di 17 regioni italiane; 33.715 gli operatori iscritti negli Albi nazionali, registrati sulla piattaforma Skynet da settembre 2009 sino a fine 2011 e, nello stesso periodo, 792 i corsi di formazione, offerti a diverse figure associative.

11 Campionato Sociale di scacchi


Prosegue lintensa attivit di scacchi promossa dal Circolo Paul Morphy di Cesena, che ha sede presso il comitato cesenate del Csi. la volta infatti del campionato sociale di scacchi, aperto ai soci non classicati, 3N del circolo, tesserati per lanno 2012, che occuper tutto il mese di febbraio, dal 3 al 28. La sede di gioco in via Canonico Lugaresi, 202 a Cesena; i turni previsti sono 8, il tempo di riessione di unora a giocatore per completare la partita. Il regolamento prevede che il punto a forfait sar assegnato al giocatore presente, trascorsi trenta minuti dallinizio del turno. Le partite si effettuano nelle serate di marted e di venerd.

Cara Serie A I conti in tasca dei maggiori campionati e squadre

Il calcio professionistico a sostegno dello sport di base


stata pubblicata recentemente una ricerca dellUniversit degli Studi di Milano-Bicocca sul calcio professionistico per rispondere alla domanda: quanto ha perso complessivamente il calcio professionistico nel 2010? Il risultato davvero sconcertante:la bellezza di 346 milioni di euro. Tenete conto, ad esempio - sottolinea Massimo Achini, presidente nazionale del Csi - che il Coni riceve ogni anno dallo Stato circa 400 milioni di euro per far funzionare tutto il sistema sportivo italiano (dallalta prestazione allo sport di base). Diamo ora unocchiata ai ricavi della Serie A. Il 63 per cento arriva dai diritti televisivi. Il 24 per cento dal marketing e dintorni. Solo il 13 per cento dai ricavi da stadio. In Europa il quadro invece diverso: in di dimensione popolare E ancora Germania, nella Bundesliga, solo il 30 numeri: nel 2010 ben 16 club su 20 hanno per cento arriva dai diritti televisivi, il chiuso il bilancio in perdita. Chi ha perso 45 per cento dal marketing e il 25 per di pi lInter, con meno 69 milioni di cento dai ricavi da stadio. euro, seguito dal Bari (-19 mln) e dal Tutto ci si traduce nel mettere la Palermo (-17mln). Perdite per solo 11 Serie A italiana di calcio come fanalino milioni per la Juve e di 9 milioni per il di coda nella media spettatori delle 5 Milan. A chiudere in attivo Fiorentina, top leghe europee. Bundelisga 42mila Catania, Livorno e Napoli. Imbarazzanti i a partita; Premier 34mila; Liga 29mila; dati sugli stipendi dei calciatori. Nel 2006 Serie A italianasolo 24mila presenze la spesa complessiva lorda in serie A era a partita. Andando avanti cos avremo di 546 milioni di euro, nel 2011 arrivata stadi sempre pi vuoti. Sono allimpressionante cifra di 1.100 milioni preoccupati di ci i presidenti delle di euro, laddove oltre il 70 per cento dei societ di calcio italiano, ma anche noi ricavi totali di un club serve a coprire gli del Csi, specifica Massimo Achini, stipendi. In nessun altro campionato perch un calcio con gli stadi vuoti questo rapporto cos elevato. Altro dato perde di umanit, di festa, di allegria, che interessa molto: in questo mare di

Ci si aspetterebbe che una piccolissima fetta della montagna di soldi che ruota intorno alla Serie A venisse destinata per sostenere le societ sportive di base (ossia di quartiere, di periferia, doratorio). Invece nulla
soldi che la Serie A quanto viene investito nei settori giovanili? Mediamente le societ italiane investono il 50 per cento in meno rispetto ai club europei. La media europea dei giocatori che esordiscono in prima squadra arrivando dal settore giovanile del 22 per cento. In Italia tristemente solo del 12 per cento. Sarebbe ragionevole infine aspettarsi che una piccolissima fetta della montagna di soldi che ruota intorno alla Serie A venisse destinata a sostenere le societ sportive di base (ossia di quartiere, di periferia, doratorio). Una logica di sussidiariet imporrebbe una scelta di questo genere. Invece nulla. La ricerca non riporta un euro speso in questa direzione. E non una svista.

13 Campionato Calcio amatori over 35


Approttiamo della pausa, legata al termine del girone di andata del campionato di calcio amatori, rivolto alla categoria Over 35 e giunto alla sua 13 edizione, per fare il punto della situazione. Dieci le squadre partecipanti alla competizione (Pro Loco Ranchio, Pol. Osservanza 1980, Cesena Over 35, Asd Ruffio. Moreno & Co., Asd San Colombano Italtex, Pol. Forza Vigne, Pol. Sala, Club Forza Forl, Asd Pol. Polis, Cesenatico Ponente), che vede in testa nettamente il Cesena Over 35,con dieci lunghezze di vantaggio nei confronti dellAsd RuffioMoreno & Co., undici nei riguardi dellAsd San Colombano Italtex e quattordici sulla Pol. Osservanza 1980.

Pagina Aperta

Gioved 16 febbraio 2012

23

Il direttore risponde
Sono pi felice oggi di venticinque anni fa

LOcchio indiscreto

aro direttore, in occasione della festa di san Valentino, mio marito Marino mi ha fatto trovare questo scritto che vorrei condividere con tutti voi. Se ero felice 25 anni fa, lo sono molto di pi ora perch il nostro amore cresciuto giorno dopo giorno e voglio gridarlo al mondo intero. Rosanna Onofri (Borello di Cesena) Raccogliendo il detto popolare e guardando le foto di 25 anni fa quando mi sono felicemente sposato, dicendo le famose parole io Marino prendo te Rosanna come mia sposa e prometto., passati 25 anni posso dire che sono cambiato. Ho perso i capelli, sono invecchiato, sono meno atletico, non sono pi quel bel ragazzo capelli biondi occhi azzurri un bel fisico, ma se fosse colpa del matrimonio con Rosanna, beh lo rifarei subito. Sono fiero di essermi speso per lei. Sono fiero di volerle bene. Quel bene che vuol dire: Rosanna voglio il tuo bene. Quando guardo il suo volto, ancora adesso mi commuovo perch mi accorgo di avere vicino un dono da accudire generosamente e valorizzare continuamente. Un dono che cerco di onorare sempre. Sono felice di poter camminare assieme a lei tutti i giorni. Sono felice di avere sposato 25 anni fa una Donna con la D maiuscola. Terminato di creare tutti i fiori delluniverso Dio disse: Questa cosa buona bella e giusta. Ma vorrei creare un fiore ancora Pi bello pi attraente pi profumato pi gentile pi amabile pi fragrante pi dolce pi grande pi furbo pi. insomma che raggruppi tutte le doti pi belle immaginabili cosi cre

la DONNA. Questo quello che io intendo quando parlo di Donna. Comunque tornando alla festa di san Valentino vorrei dire che lessere innamorati una cosa fantastica. Come tutte le cose belle occorre coltivarle accudirle volergli Bene, perch di momenti duri ce ne sono. Vengono da soli non c bisogno di andarli a cercare. Quindi, con la volont di un buon contadino si coltiva tutti quanti i giorni questa splendida pianta che si chiama Amore. P non mi sono messo a dire che tutti i .S. giorni la chiamo stella polare, stella mattutina, sole della mia vita, luna splendente, rugiada del mattino, ecc. Sono tutte cose che spesso le dedico anche quando non andiamo sempre daccordo, ma con lintento di coltivare poco dopo passa tutto. Insomma, il 28 giugno 1987 sono stato proprio fortunato, ma anche lei. Carissima Rosanna, la ringrazio moltissimo per questo suo pensiero di condivisione. Il solo termine matrimonio oggi porta con s unaccezione spesso giudicata in maniera negativa. La vostra testimonianza racconta unaltra realt, molto pi diffusa di quanto si creda. Sono molto felice di darvi tutto lo spazio che meritate perch le vostre parole dicono molto di pi tanti bei discorsi sulla vita di coppia. Nessuno si nasconde le difficolt, ma certo occorre anche fare emergere tutta la bellezza di una vita a due che troppo spesso non viene raccontata. E lassunzione di responsabilit che fa di un ragazzo un adulto. E le responsabilit, pur accompagnate da numerosi sacrifici, sono il sale della vita. Infiniti auguri a voi per i vostri 25 anni di matrimonio e grazie sinceri per le vostre parole di incoraggiamento. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Continuiamo nella rubrica Occhio indiscreto la pubblicazione di foto curiose ricevute da nostri lettori. In alto, la statua di Leonardo Lucchi in vicolo Cesuola, dove gli equilibrismi sono resi ancora pi difficili dalla tanta neve... In alto, una ghiacciata bicicletta in corso Garibaldi, a Cesena. Qui sopra, la chiesa parrocchiale di San Pio X alle Vigne (foto di domenica 12 febbraio): dal tetto un curioso e fitto gioco di stalattiti.

di quei sogni che ormai non si realizzeranno pi; so che bello imparare a gustare i severi colori dellautunno e la dolcezza dei suoi notalgici tramonti e proprio per questo voglio continuare a vivere e non mi pesa pi di tanto dissodare la terra brulla del mio spirito e poi tornare a seminare e piantare. Io amo linverno con le nebbie, la neve e il gelo: non posso vedere sempre chiaro mi fermo, rifletto imparo a camminare adagio, a vedere solo col sentire, imparo a non far niente, a soffrire e piangere e un po anche a morire perch so che la vita si prepara a riemergere in me sempre pi vera e forte. Io amo la primavera perch torna puntuale a darmi ragione: riappare il verde dellerba e del grano allo sciogliersi dellultima neve; sono come un risveglio di sogno le prime tiepide giornate di sole, vedo i fiori nuovi del mandorlo e del pesco allora anchio lascio il freddo e laridit della mia solitudine e sento la presenza di Dio e degli altri che sono ancora con me; tutto mi chiama ogni giorno a ricominciare ad amare e la mia anima si riempie di pace, perch ora io so che lestate davvero vicina.

Le stagioni della vita, poesia di don Agostino Grassi


In occasione dei funerali di don Agostino Grassi, il parroco di Pievesestina deceduto nella notte tra domenica 5 e luned 6 febbraio, stata letta questa poesia scritta dallo stesso don Agostino (vedi pag. 9). La riproponiamo per i lettori del Corriere Cesenate. Un tempo volevo che fosse sempre estate stagione del sole e del raccolto colori, profume e sapori di frutti dogni specie, ti pare di saziare cosi il tuo bisogno di vita, e proprio nulla ti manca se puoi anche estinguere larsura allacqua di una limpida sorgente. Ma come puoi attendere o pretendere la pienezza di vita dellestate se non hai saputo entrare con fiducia nellautunno, mantenere viva la speranza nel gelo dellinverno, e coltivare la gioia dellattesa allo sbocciare della primavera? Ora io amo anche lautunno: c sempre qualcosa di vecchio ormai che devo lasciare cadere; tempo che mi lasci spogliare di ci che non mi da pi respiro, passi il vento della delusione e si porti via le foglie avvizzite