Sie sind auf Seite 1von 353

ACADEMIE SERBE DES SCIENCES ET DES ARTS RECUEIL POUR L'HISTOIRE, LA LANGUE ET LA LITTERATURE DU PEUPLE SERBE II CLASSE TOME

E XXVI

, II XXVI

Marko Jacov

LES DOCUMENTS DE LA SACRE

CONGRGATION DE PROPAGANDA FIDE A ROME CONCERNANT LES SERBES (1622-1644)

O , 1622-1644 I
26. 1984, .

Regu a la Xe sance de la Classe des sciences histoniques du 26 dcembre 1984, a la base des rapports des membres de l'Acadmie Dejan Medakovic et Radovan Samardzic. Rdacteur RADOVAN SAMARDZIC Membre de l'Aoadmie

BEOGRAD
1986

1986

1.000

. Rsum Sommaire . Index nominum Index locorum .

IX 1 669 661 673 685

", " , 9

YU ISBN 86-7025-037-3

(Archivio della Sacra Congregazione 'de Propaganda Fide) no . 1622. . , < 1903. . . , , , (Memoria Reruim), . , nana VIII , . ( ), , , . XIX . , , , , . : , 74 . 1925. . , . XV 6. 1622. , , , . ,

XI

. , o , : 13 , , . 1 , a . , nane. Ha (Congregazioni Generali) , (Congregazioni Particolari). . (Congressi). nane (Udienze). , . 1892. . I) (Congregazioni Generali) : 1) Acta Sacrae Congregationis (Atti delda Sacra Congregazione), 2) Scritture Originali riferite .nelle Congregazioni Generali. II) (Congregazioni Particolari) Congregaz'ioni Particolari. Ili) (Congressi) Scritture riferite nei Congressi. IV) Udineze di Nostro Signore. V) : 1) Decreti; 2) Istruzioni; 3) Lettere. I-I) Acta Sacrae Congregationis (16221982) cy (Congregazioni Generali). : a) Ristretto _ (Ponente) o ;
1 Sacrae Congregationis de Propaganda Fide Memoria Rerum, 350 anni a servizio delle Missioni (16221972, voi. 1/1 (16221700), RomFreiburgWien 1971; voi. 1/2 (16221700), RomFreiburgWien 1972; voi. II (17001815), RomFreiburgWien 1973; voi. III/l (18151972), RomFreiburgWien 1975; voi III/2 (18151972), RomFreiburgWien 1976.

) Sommario o . , , ; ) Rescriptuim (: Decretum) o o . 1-2) Scritture Originali riferite nelle Congregazioni Generali (16221892) o (Conigregazioni Generali). , , , , , , , . : ) , a 16221669; ) , a 16691892. (voi. 4181044). , Lettere Aintiche, a Scritture corrispondenti agli Atti. , : Scritture OnigiinaiLi riferite nelle Congregazioni Generali. 417 (Lettere Antiche 16221669), (Scritture corrispondenti agli Atti 16691892) (Acta Sacrae Congreigationis). II) Ocmigregaziond iParticolari '(16221864) , , ' (Congregazioni Generali). , , , nana. , , ( :). , . , (Congregazioni Particolari) , , : Congregatio Particularis de Statu Temporali ( 1638), Congregazione Particolare per la Tipografia ( 1655), Congregatio Particularis de refous Sinarum et Inidiarum Orentalium ( 1664), Congregatilo super Correotione Li'brorum Ecclesiae nienitalls { 1719). o (Congregazioni Particolari) 1622. 1668. 417 Scritture Originali riferite nelle Congregazioni Generali, (Acta Saorae Congregationiis).

XII

XIII

1669. Congregatoni Particolari, 1864. Scritture Originali riferite nelle Congregazioni Generali, a , , , , . 1648. 1668. . 11. 161. no Scritture Originali riferite nelle Congregazioni Generali. Ili) Scritture riferite nei Congressi o je (Congressi). To , o , o . . : 1) Scritture riferite nei Congressi; 2) Scritture riferite nei Congressi dell'Eminentissimo Prefetto; 3) Scritture non riferite (. o ). , o (Congregazioni Generali). , , : ) . (. , , ); ) . , , . : 1) Sacra Congregazione (16221828; 18381892); 2) Cardinali, Segretari, Protonotari, Consultori; 3) Ministri; 4) Missioni; 5) Esami 'dei Missioinari (17241896); 6) Opera Apostolica; 7) Giuramenti dei Missionari (18441892); 8) Stato Temporale; 9) Stamperia; 10) Collegio Urbano; 11) Collegi vari;

12) Ospizi; 13) Visite e Collegi. (Miiscel'lanea). IV) Udienze di Nostro Signore (16661895) . 1665. nane (coram Sanctissimo). , 1666. . , , o . Udienze di Nastro Signore. (, , , ). , (Congregazioni Generali), (Atti della Sacra Congregazione), : Verbali. o (Regesti), a . Ha . (Regesti), : Ricordi per Monsignor Segretario, a : Foglio di Udienza. Udienze di Nostro Signore , , . , , : 1) Deputazioni e Facolt ordinarie (16891856); 2) Facolt straordinarie (17601850); 3) Registro delle Udienze (17641832); 4) Minute di Udienze (17641803); 5) Udienze (18101848). . V) Brevi e Bolle (17751952) (. , ). VI) Istruzioni (16231808) , , , , a

XIV

XV

. , o , . VII) Decreti (16221675, 1719^1819) (Congregazioni Generali). 1820. Lettere. Lettere e Decreti. (Decreti) Fondo di Vienna. Vili) Lettere (16221892) o (Congregazioni Generali), (Congregazioni Particolari) (Congressi) . . : 1) Lettere latine (voi. 1, anno 16221629; voi. 9, anno 1630 1646); 2) Lettere volgari (voi. 28, 1032, anno 16221657). 1658. 1669. no , 1670. 1679. : 1) Registro delle Lettere della Sacra Congregatone; 2) Lettere iscritte da Moinsignor Segretario. 1680. 1720. , . : Lettere della Sacra Congregazione e dd M'onsignor Segretario. , 1721. 1807. : 1) Lettere della Sacra Congregazione; 2) Lettere di Momsignor Segretario. 1808. 1819. : Lttere della Sacra Congregazione e Biglietti di Monegnor Segretario. , . (: 1) Atti della Comiissione per la revisione delle Regole (1887 1908); 2) Sinodi Diocesani; 3) Iniformaitioni (16961730); 4) Fondo di Vienna. - 1925. 74 ; , no , a , , . 1925. .

, : ) ScriUtture Originali niferite nelle Congregazioni Generali; ) Soriitture riferite nei Congressi; ) Decreti; r) Misoellaneae. 5) Miscellanee : , . , , . . : ) Miscellanee Varie; 6) Miscellanee Generali; ) Miscellanee Divensei. ) 7) 8) 9) Fondo Spiga {16861728); Pondo Consalvi; Regestuim Facultatum (1670189"5); Collezione d'Istruzioni, Ciiroolari e Decreti a stampa.2

, , . , , , , , , , . , . o (Coingregazioni Generali), (Congregazioni Particolari) (Congressi) , , a . , . ! - , . Ha , . , , Scritture Ordiginali irferite nelle Congregazioni Generali. o Acta Sacrae Congregationis, ce Le!ttere. Ha .
: N. Kowalsky OMI . Metzler OMI, Inventario dell'archivio storico della Sacra Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli o de Propaganda Fide, Roma 1983.
2

XVI

, . . . , . Ha 16221644. . , - . . . , a . (Pierre Duprey), . (Jbsef Metzler), , a , . , : XVIXVIII ".

1610.
- () o . - 12 , a . Relatio Episcopatus Mercanen[sis], et Tribumen[sis] facta tempore f[rat]ri Ambrosi] Gozei Ep[iscop]i anno 1610 Episcopatus Mercanen[sis], et Tribunen[sis] est partim in dominio Ill[>ustrissi]>mae et Ecc[ellentissi]mae Reipubflicjae Ragusinae, et partim inter Infedeles sub dominio Turcarfum]. Mercana est quedam Insula s'ita in mari Adriatico onge ab urbe Ragusa p[er] sex mille passus, et est sub ditione Ili[ustrssi]mae Rei[publicae] Ragusinae, habet in se duas Ecclesias unam in palatdo Ep[iscopal]i, sub nomine S[anc]ti Michaelis, alterum in inferiori parte [I>n]sule sub nomine Bfeatae] Virginis ad Nives, et S[anc]ti Dominici. Tribuna est longe a cavitate Racusina sexdecim milita passuum sub ditione [], habet sub se, te Castrum novum in quo surat duodecim domus Catholicortum], qui dant obedientiam. Est etiam et alia terra slve villa Popovo nuncupata in qua sunt circi ter quatuor casali Catholicorfum]. Sunt multae Ecclesiae dirute, et destructae ab Infidelibus, quarfum] videntur fundamenta, et muri, et facile possent in pristinum restitu, si aliquis preberent auxilium, et favorem. Episoapus residet in civdtate Racusina, et habet palatium speti ale alb antiquis, et ali-ani domum, et possessiones vinear[um] brenni, et Aqueducti, et Mercanae. Habet, et reditus annuos computatis omnibus ad summa'm d[ucatu]m 100. Episoopus fuit usqfue] ad tertiam villani Tr'ibune animo visitandi totani dioecesim, sed o<b periculum quod iminebat ultra non processit, sed revertus est Racusium animo iterum (cessante peri-

culo) redeundi ad dioecesim visiitandam. Ep[iscopu]s est absqfue] clero et Ecclesia solum secum tenet tantum tres servitores. F[rate]r Ambros[ius] Gozze Locus Sigilli Dalla sop[ra] detta nota si vede che il predecessor del p[rese]nte Vescovo mette Popovo nella Diocesi d Trib[uni]o. Et ultima possessio attenditur.
SOCG, voi. 262, f. 356r.

1623.

: (. : SOCG, voi. 262, i. 298r299v), jep y . . , no , : . , , . . M[olto] Ill[ust]:re et M[ollto] Reverendo] Sig[no]re Essendo fin dell'anno 1623 stato p[rese]ntato Mem[oria]le pieno d'assertioni [se]riam[en]te lontane dal vero alla Sac[ra] Cong[regatio]ne de Propaganda Fide [scritjte dalli R[everendissi]mi Vescovi d'Alessio, et di Scutari; la med[eadm]a [...] comise l'informat[io]ne a Monsfignor] Vesc[ov]o di Tribunio alias [...] la qual ricevuta con vera rela't[io]ne fu risoluto che [...] bisogno di mandar altro Vesc[o]vo. Ma p[er]ch p[er] quanto si pu oongieturare dalle cose [...] detto Mons[ignor] Vesc[ov]o di Scutari si mosse a porger il [...] pi per interesse proprio che comune, ripiglilo doppo [...] corso di tempo et m<utat[io]ne di Pontificato il nied[esijmo neg[otio] [...] tene, p[er] quanto egli si lascia intendere la mutat[io]ne del [Vescovato] di Scutari in un altro, ch'egli hora chiama Stefanense [alias] Mostarense, sott'l quali pretesto in loco di procurare [propagatone della fede Catholica in lochi che mancano de [...] procurato, et procura inquietando li R[everendissi]mi Vescovi di [Macarsca] et di Tribunio, alias di Mercana d'usurparsi con [...] pria, et altri illeg[itti]mi modi quasi il tutto, o almeno [...] delle Diocesi loro; Sopra di che essendo stata comessa [...] a V(ostra] Signoria] M[olto] Ill[ust]re dalla d{ett]a Sac[ra] Cong[regatio]ne, et aspettandosi [...] detti R[everendissi]mi di Macarsa, e di Tribunio, ch'i! detto [Vescovo] [Stefajnense o Mostarense introducesse come Auttore [...] lui ragg[io]ni, acci potessero col mezzo della verit [...] et ributtarsi, egli non dimeno pi volte de lei rice[...] [...] pendo il contraditorio, andato tergiversando co[n] [...] scuse, e finalm[en]te s' lasciato intender d'haver formato [...] stesso le u informat[io]ni senz'intervento degl'interessi [.. .] quelle mandate a Roma. Onde ancor che paia superfluo attesa la contumatia [...] Stefanense, il produr ragg[io]ni per parte delli sud[et]ti Rfeverendissimi] egline esser conservati nel possesso loro, tutta via [...] ricercati ex abundanti, et ad ogn'altro meglior fine, non s'astringendo,

,5. XII 1621.

da je , , 17 ". Adi 5. Decembre 1621. Nicolo Turco della Bossina adulto d'Anni 17 incirca battezzato da me Pfadre] Pasqualim soprad[et]to de licenza di Mons[ignor] Ill['ustriissi]mo e Reverendissimo Patriarcha Thiepolo come per sua polizza appar krffiizata nelle polizze de matrimoni. Comp[a]ri il S[igno]r Marco Negri caimorier deH'Ill[ustrissi]mo et Ecc[ellentissi]mo, Sig[nor] Fran[ces]co Erizzo procurator a nome di Sfua] Efmimenza].
SOCG, voi. 29, f. 5354.

, 25. X 1623. 7.500 305 . Diedi conto [...] d'haver erismato 7500 anime i<ncircha et convertite 305 anime Schismatiche et reconciliatole [. . .] Da Scutari alii 25 Ottobre 1623 Dom[enic]o Andriassi Vefscovo] di Scutari
SOCG, voi. 262, f. 139r.

et senza pregiud[iti]o delle loro >ragg[io]ni quemodocumque et qualunque da dedursi se bisognar a suo loco e tempo. Si dice primieraim[en]te, che nel Provinciale Ecclesiarfum] non si trova Vescovato Stefanense, n Mostarense, almeno nelle parti che si pretende negl'Arcivescovati di Spalato, o di Ragugia hanno tal suffraganeo ne loro Registri, che p[r] ne anco nella bolla ultimam[en]te promulgata da N[ostro] Sig[no]re dell'anno 1627 s[opr]a l'eret[io]ne dell'Colleggio Illirico vien fatta alcuna ment[io]ne di d(ett]o Titolo ancor che siano apecifrcamfenjte nominati tutti li suffragane! di Spalato, e di Ragugia, e la Ghiesiola, o Capella di S[an] Stefano Pirothomartire dalla quale pare, ch'il d[ett]o Mons[igno]r voglia prender Titolo, posta in loco e sito tale, che nianifestamfen]te si vede che sopra quella non pu far alcun fondamento, p[er]ch oltre la sua picciolezza situata in loco dove non al p[rese]nte ne si vede alcun segno, che vi sia stata Citt in alcun tempo, e discosta per bon spatio da lochi dove si vedono vestigij di Citt Antiche, et intorno a quella, in tempo, che se n'impadroni il Turco habitavano solam[en]te tre Casette de Catholiei, e doppo la destrut[do]ne sino a fondamenti fattane da quello, fu reedificata dalli Padri Zoccolanti del Convento di Zastrogh, i quali Vi nano esercitato, et esercitano la cura d'anime sotto la cura pastorale del d[efbt]o Monast[erio] di Macarsea. Moistar poi non Citt n vestigio di Citt non pu dar m[inim]a di .pretensione di Titolo di Vescovato, e quando pure il d[ett]o Mons[igno]r ne potesse pretender Titolo, dovrebbe formarsi la Diocese in lochi vacui, e non sottoposti ad altro Prelato senz'inquietar le altrui Diocesi come va tentando. Ma descendendo anco a maggior particolari pretende il d[ett]o Mons[igno]r Stefanense le Parochie di Popovo, et Zasabie, le quali [an]co con aiu!t[ori]t propria, e con violenza si ha usurpato, spogliafndo] de 'facto il detto Mons[igno]r di Tribunio o Mercana del suo [. . .] si come consta dalla sua scmtft[ur]a d'indolenza, et in parti [colare] l[ette]ra di detto Mons[igno]r Stefanense scritta al Curato di Gradfaz], potrebbe h[ave]r piena informai [io] ne dal d[ett]o Curato, et dall'alt[ri] [...] se non fosse interdetto il Comercio p[er] sospetto di Peste [. . .] cosa notoria che le dette dai Parochie appartengono [. . .] di Trebl'gne, o Tribunio, p[er]oh oltre all'iniemorabil [. . .] Giacomo Luccari negl'Annali di Ragugia circa l'anno [. . .] attesta che Michel Vesc[o]vo di Trebigne volendo trans[ferirs'i] a Ragugia raccomand la Diocesi a Can[oni]ci di S[an] Pieftro] et a Giofvann'i] Co [irte] di Trebigne e Popovo, in oltre Monspgno]r [. . .] Gozze Ves[co]vo di Tribunio predecessore del p[rese]nte nella [. . .] che fecce in scriptis del stato della sua Chiesa delT[. . .] visitando Limina Ap[osto]lor[um] fra l'altre cose dice, est [...] nuncupato Popovo in qua sunt plures Ecclesiae [. . .] che p[er] anco il P[ad]re fra Biaggio di Gradaz tanto coll[ebre] esaltato nel'antest[at]o Mem[oria]le ritrovandosi dell'anno [. ..] Parocho di Gradaz et di Popovo. Ha riconosciuto il Vescovo di [Trijbunio ip[er] suo vero D'ioce-

sano e leg[itti]mo Pastore, il quale [ ] tempo anco ha ordinato, et dato dimissione come tale [...] di Popovo, e di Gradaz, et [...] i Parodii nella Cu[ira] [...] Si prova in oltre per la vis'on locale nel dissegno di qujello] che si mostra a Vfostra] Signoria] M[olto] Ill[ust]re non potendo lasciarlo p[er] [...] ma s'offeriscono in caso che bisognava farne far [...] compirobar da Testimonij, e mandarla a Roma p[er]ch [...] Tribunio, o Trebigne Titol di Vescovato in capo del [...] piano di Popovo segue necessariam[en]te che Popovo sia [.. .]nenza, p[er]ch altrim[en]te il Ves[co]vo di Tribunio restairbbe sefnza] Diocese ritrovandosi p[er] sito, e ^positura di loco confinare insieme con quella di Macarsca p[er] linea di longhezza, p[er]ch la Tribuniense cominciando da parte dell'Oriente da Castel novo termina al fiume Narenta, et questa Diocesi dal loco di Os'tro confina con la Diocesi di Ragusa p[er] tutta lunghezza, e da Tramontana il paese del Turco, e finisce al fiume Narenta. Pretende poi il detto Mons[igno]r Stefanense i lochi et Parochie di Ci'tluch, Brochno, di Blatte lin' Mostaro, d'Imota, et dal fiume di Narenta sino a Zastrogh, le quali sono aminstrate dalli quatro Monasteri] de quali nel processo fabricato in Roma l'anno 1615. 22 Ap[ri]le s[opr]a il stato della Chiesa di Macarsca vien fatta testimonianza sopra il settimo Cap[ito]lo, che appartengono alla d[etta] Diocesi alla quale che si trova fra la Diocesi Metropolitana di Spalato da Ponente, il Vescovato di Tribunio da Levante, Vescovato di Dumno da Borra, il Mar da Mezzogiorno, levati 11 detti Monasteri] con le soprad[et]te cure a quelli sottoposte il Vescovato di Macarsca restarebbe in niente. Attese donqt'ue] le cose pred[et]te, ohe si provano con le scritt[ur]e, che insieme si producono, et anco p[er] via di Notorio, et altre che a suo loco, e tempo bisognando si produrano, et particolarm[en]te quando si potr h[ave]r notita de presenti (fondamenti del d[ett]o Mons[igno]r Stefanense, s'insta he da V[ostra] S[ignoria] M[oilto] Ill[ust]re sa data informat[io]ne alla Sac[ra] Cong[regatio]ne delle bone ragg[io]ni deffi d[ett]i Mons[igno]ri di Macarsca, e di Tribunio, acci cessino le molestie loro indebitam[en]te promosse dal d[ett]o Mons[igno]r Stefanense, e le occ[asio]ni manifegtis[i]me di gravissimi scandali con danno intolerabile de Catbolici non mancando lochi a d[ett]o Mons[igno}r Stefanense d'essercitar il suo talento mentre voglia faticarsi p[er] la propagatione della S[an]ta fede senz'usurparsi con ill[eggiti]mi modi di sopra espressi, et inquietar quei Popoli, che hano i proprij Prelati da quali con fatiche, e sudori [...] sono instratti, inanimirti, et conservati nella Relig[io]ne Oathfolica] et da simil inquietezze et vessat[io]ni non possono non [...] igrandam[en]te scandaliaati [...]
SOCG, voi. 262, f. 341r343r, 343v.

1623.

. o , , , 20.000 , 40.000 40.000 . , , no . . , . . \ (. SOCG, voi. 262, f. 341r344v). Ill[ustrissi]mi e Reverendissimi Sig[no]ri La Iliria, a q[ues]ti tempi detta Herzegovina, et anco Ducato de Potentia, e de S[an]to Sa[bba] ha il Regno di Bosna d'Occidente, la Servia d'Aquilone, l'Alb[ani]a d'Orien['te], e d'Austro la Republica de Ragusa, e parte de Dalmatia. In longhezza [si] extende dodeci gior[na]te, e quatro in larghezza. Fu da Turchi occupata circa l'anno del Sig[no]re 1470. Si divide nella citeriore et inferiore. La citeriore d'ccid[en]te principia a fiume ZetJtina, e d'Oriente si termina con fiume [Narjrona hoggi detta Narenta, dove a la famosa Narrona collonia de Rojmani], per destrutta. La superiore da Occid[en]te principia a detto fiume Narrona, da Oriente confina con l'Albania e Laco de Scutari. Q[ue]sta ampliss[im]a Prov[inci]a [. ..] la captivit corp[ora]le incorse ancora in q[ue]lla d'anima, imperoch li Prelati e Ministri catt[oli]ci per furore e spaventi de Turchi essendosi fuggiti, e subintrando li Scismatici la infetarano cos miserafoilm[en]te come apresto si intender discurendo per le sue Dioeese che hebbe. La citeriore ha maggior parte de catt[oli]ci per opera delli Padri de Bosna de S[an] Fran[ces]co, et ha adesso un Vescfovo] catt[oli]co ne [Ila] Dioeese di Makarsca. Il resto sono Turchi e Scismatici, ma questa Parte citeriore dell'Illiria lasciando a parte come una Vigna dei detti Padri. Il miserabile stato della superiore parte di detta Prov[inci]a si pane in consid[erazion]e di V[cetre] Signorie Ill[u!strdssi]me e R[everendissi]me. Q[ue]sta adunque Illiria superiore hebbe la nobilissima] Dioeese di Narrona e di Montar conesse et unite per la vicin[an]za. La Dioce[ee] di Blagai altres nobile. La Dioeese di Hoecia. La Dioeese di Tbunfio], e la Dioeese de Castello novo. Q[ue]sta Dioeese de Castello novo, eccetuati pochissimi] catt[oi]ci tutta caduta nello Scisma, e Maumetismo. La Dioeese de Tribfunjio, fuori di due tre Ville, che sono ancora de catt[oli]ci tutta pairim[en]te infettata] da Scisma. La Dioeese della Hoccia nessuno ha catt[oli]oo ma tutti

Tu[rchi] o Scism[ati]ci. La Dioeese de Blagai molto grande et opulenta alii tempi pa[ssati], eccetuati cinquanta incirca fameglie de catt[oli]ci il resto tutti ha Scism [artici] Turchi. La Dioeese di Narrona e Mestar ha pi de 20 infida] ca)ft[oli]ci, ma [dei] [Scijsmatici pi di 40 m[ila] et altro tanto de Turchi. Q[ue]sta Dioeese molto grande e racoglie in se questi sitati come tante Prov[inei]e Provinciole: la Marfcana] da Sastrogh fin alla Gabbella. La Gabella, Mostar con suoi contorni la Sassabia, Gradaz, Chelmo, la Papua. Poi di la da monte de [.. .]lasizza Glubigne, Dubrave, et Hrasno. La maritima perch cost[eggia] col mare cos detta, eccetuati alcune fameglie de Turchi, tutti li suoi [habi]tatori sono catt[oli]ci. Parim[en]te la Gabella ha Vile molto nobili intorno [...] de caitt[oli]ci ma la terra e la fortezza non ha altri che Turchi, vero poc[chi] catt[oli]ci. Mostar ha assai catt[oli]ci, ma incomparativ[amen]te pi Turchi e Scismatici]. Saissabia, Gradaz et Chelmo hano li suoi habitatori tutti catt[oli]ci, quali pfrinia] erano tutti Scism[ati]ci ma dalla fel[ice] meni [ori] a di Olemfente] Vili essendo manfdato] a loro il P[ad]re fra Biaggio lor Patrioto del ord[in] e di S[an] Fran[ces]co con un Breve l'ha con opera continua di 20 anni cos repurgato e cos revocato, che non v' pi nessuno Scism[aiti]co ma tutti buonissimi catt[oli]ci, et 'l'ha fabricato cinq[ue] Chiese delle q[ua]ili tre si sono fatte consacrare tra quali ancora detto Padre dimora, con attieni maravigliose, et per questo etiam apresso i Turchi in grand[issijmo credito. Sknilm[en]te ila Papua Patria dell'oratore ha molti anzi la maggior parte de catt[oli]ci. Questa Prov[inci]a ha giusta forma di bona Prov[inci]a, et molto famosa per un secreto de Natura, et : Questa Prov[inci]a ha una Pianura longa pi di 40 imigldia, che d'estate (produce Biade d'ogni sorte, legumi e Vini; et al 'tempo d'inverno la eopre un Lago tanto alto, che le pi gran Navi di mare po'trebbono navigarlo. Et all'hora produce una sorte di certo Pescie suavissimo, e tanto grasso che non solo si cuoce nel proprio oglio grasso, ma lo lascia tanto Che q[ue]lli habitatori l'adoperano in tutte cose eomestibile al tempo del digiuno, e nelle cose combustbile. La cura in q[ues]ta Prov[inci]a hanno tenuto li Padri della Prov[inci]a di Ragusa di quelli catt[oli]ci, per con tanlta negligenza, che pi di 12 Villaggi da fatto si sono fatti Scism[ati]ci, et in quelle terre ancora cattoliche, molte fameglie. Questo per l'absenza delli detti a tempo che moiono, che nascono li figlioli, e che si celebrano le nozze matrimonij comodit delli monachi Scism [ati] ci alii quali in questi casi riccorrendo astretti dalla necc[essi]t ancora li fano apostatare. Poi ha Glubigne, Dubrave, e Hrasno, questi stati non hano nessuno catt[oli]co, ma tutti sono Scism [atroci e Turchi. Ancora si aggionge Stolaz, Patria molto amena, ma li suoi habitatori sono 'tutti Scism[ati]ei et Turchi ancora. In conclusione questa Dioeese ha gra>ndiss[im]o bisogno del Pastore, accioch questa reliquia de catt[oli]ci non perisca, anzi la presenza del Pastore farrbbe ritornare l'altri dallo Scisma, come si vede per essempio chiaro in Gradaz e Sassabia per opera di detto Padre

10

11

fra Biaggio, homo di gran openione, de S[amti]t e bont. Questa Diocese ha fin a 8 Parochie .molto bone. Dair Alimemti sufficienti al suo Pastore purch sia delle medesime parti, et tra breve ancora lo farrebbe opolente. Ha le Chiese seguenti cio di q [u] Ile che si sanno. Chiese 1. S[an] Gioanni Evang[elist]a nella terra di Dracevo . consacrata 2. S[an] Stephano nella terra di Dublani . . . . consacrata 3. S[an] Elia nella terra di Belanichi consacrata 4. S[an] Gio[vainni] Evan>g[elis]ta nella terra de Val de Noce consacrata 5. S[an] Giofvanrii] nella terra de Ciavalina 6. Sjanta] Maria sub titt[olo] Nat[ivitt]is nella tenra di Ravnio consacrata 7. S[am] Dimitrio nella stessa terra consacrata 8. S[an] Giofvanni] EVang[elis]ta nella terra di Vellameghia consacrata 9. S[an] Nicolo nella villa di Duba 10. S[anta] Maria sub tit[olo]o Assupt[ion]is nella terra di Trebglia consacrata 11. S[an] Pieltro Ap[osto]lo nella terra di Glumina 12. S[anta] Maria sub t[i]t[olo] Assupt[ion]is in Sassaibia consacrata 13. Sfanta] Anna nella istessa Sassabia 14. S[an] Vito nella terra de Vidogne consacrata 15. Sanfta] Maria sub tit[olo] 'Nat[ivitat]is nella terra di Dobromani consacrata 16. San Stephano a Narona in loco della Cathedrale . . . . Sono altre tra maritima e Mestar che m[on] si sanno sotto che titt[ol]o de Sfanjti stanno. Questo adonque miserabile stato della superiore Diria al tempo presente per causa della Tirrania de Turchi e [.. .]tia delli Scismatici, quale si pone in consideratione [delle] Vfostre] Sig[no]rie Ill[ustrissi]me e Reverendissime supplicandole a degnarsi sov[venire] con un Pastore almeno [. . .] Io fra Benedetto Orsini Vesc[ov]o d'Alessio Io Dom[eni]co And'reassi Vescovo di Scutari.
SOCG, voi. 262, f. 298r299v, 362rv.

1623.

o . Beatiss[ian]o P[ad]re II Vescovo di Scutari ubligatissima creatura della S[anti]t

V[ostra] espone il faticoso corso et Visita del detto suo Vesce vato[. . .] Trov 'mlti di quelli preti pi heretici che catholici, in lettere ignorantissimi, che nisiuno d'essi sapeva dir la messa, nella vita drabolicif. . .] Trov in detto suo Vescovato 325 Sohismaitici quali con il dfetto] favore redotte alla verit catholica reconciliandoli con la S[anta] Chiesa. Trov gran numero di catholici batezzati dalli preti Schismatici per grande negligenza di detti preti parochi, quali batezzati tutti vivono alla Schismatica alii quali fece ritornar viver alla catholica con infinite fatiche. Erano molti lochi che da 100 anni in qua s'erano scostati dalla verit catholica per mancamento et delli Vescovi et delli religiosi et fatisi Schismaltici, quali havendo sentito li fruirti che faceva detto Vescovo mandorno pi volte a ricercharlo cPi venir a dimostrarli la verit della loro salute che sari-amo ritornarti alla verit catholica, et sin hora haveria convertto molti migliara delli Schismaltici se non fosse stato impedito del comun nemico del genere humano per mezzo delli suoi membri che furono sudetti preti apostati.
Visite e Collegi, voi. 1, f. 83r 85v.

, 18. IX 1623. / 30 ,
1623.

18 7bris, n. 6. . 58. Duo fr[atr]es ex Regno Bosnae minorum observantiae Romani venerunt, relationemque fecerunt 17 Conventuum, quos Religio

12

13

observantiae in Regno habt, et 30 m[ilia] Catholioorfurn] qui ibi degunt [...]


Miscellanee Varie, voi. Ili, f. 35r.

ogni impresa quasi tutti Albanesi. Cattolici di questa natione saranno 200 anime in circa ipoveri per le avanie, hanno /una Chiesa sola fabricata dalli loro antichi, et se bene era fornita di ricchi para-

16231624.

o ~ ' ~~ , , uju u ". , (. Istruzioni diverse dall'anno 1623 all'Anno 1638, f. 47r52r).

Relatone della Visita fatta da Pietro Masarecho da Prisrena Sacerdote Albanese eletto Visit[ato]re Apf osto] lieo della Ungaria, Bosna, Servia, et Bulgaria l'anno 1623, cominciata alii 18 d'Aprile del medesimo anno. Visita della Servia [. . .] Questa Provintia molto ampia, et la pi parte fecondissima, et per abbreviar il longo discorso, che si potrebbe fare circa essa, lla piena di Vilaggi Schismatici et hanno oltre il Schisma perversa opinione centra la Sede Apostolica, n concedono, ch'i! Pontefice Romano sia Supremo Pastore, et cos si rendono incapaci d'obedienza verso la Chiesa Latina[. . .]E quest' vero tanto dei Schismatici di Servia, quanto di quelli ch'habitano la Bulgaria et Bosna. Questi essendo tutti di linguaggio Illirico, del quale si servono con qualche differenza nella pronuntia solo, hanno oltre i Vescovi che sono da per tutto; il Patriarcha di Pechi pur Serviamo et nativo di Jagnevo il pfresejnte; et li Greci quello, che risiede in Constantinopoli. Il numero dei Schismatici innumerabile, onde la Servia, Bulgaria, parte della Bosna, et della Ungheria contengono infiniti vilaggi habitati da essi. LUOGO in Servia dove habitano Cattolici v' Preseren citt molto amena et riguardevole, che perci volentieri habitano Turchi, i quali godono molto la verdura, et le aque, le quali, oltre un fiume molto limpido che corre gi dai monti detti Scardi per mezzo della d[e]tta Citt, vi scaturiscono da per tutto. Si veggono in essa molte chiese, et belle fabricate dalli antichi Serviani; due le pi belle son fatte moschee dai Turchi, come ioti moliti altri luoghi. Ha Priseren dunque de Tusrchi 12.000 anime; sono di natura scaltriti, et atti ad

m[en]ti, sono per trenta anni appresso, che pat incendio con perdita di quanto haveva di fce'llo, et di buono; et a pena hebbero quei christiani potere di ricoprirla. De Serviani Vi sono da 600 anime. La Chiesa dei Cattolici ha un viaggio di 25 case, et per la vicinanza ha cura d'esso il Parocho di Priseren. In un tempo vi sono staiti molti casali habitati da Cattlici per la pianura di detto luogo: ma per la penuria di Ministri, et per le angherie sono diventati Turchi. Che per la medesima cagione in 200 vilaggi d'alcuni cantoni d'Albania vicini a Priseren (poich il fiume detto Brino li divide dalla Servia) da quattro anni in qua aderirono pi di 3000 anime alla Setta Othomana. [...] [...] Scopie. Quest' terra molto grande, che da Constantinopoli in poi, poche n'ha, che la superino di grandezza, habitata da Turchi la maggior parte sono Albanesi di Natione, i altri Asiatici: abonda d'ogni bene; lontano da Salonich doi giornate infra terra. Vi sono Ebrei, Serviani, et Greci pochi. De cattolici 15 fameglie, le quali tenevano un Cappellano: ma hora pare che siano divenuti impotenti, et per non perdere la Capplla eretta in un tempo da Mercanti Ragusei conviene che si pr vegga al Cappellano un 20 S[cu]di l'anno, che cos manterr un cinq[uan]ta anime xpne nella fede. [...] Oratovo, dove saranno 40 fuochi di Catolici [...] habitata da Turchi di qualit, Serviani, et 160 anime, e farei pi ca'toliche. f...] V' poi Monltenovo di frigida teimporie, ha un forte con suo Borgo, et habitata da Turchi, Serviani, et Catolici, de quali saranno 40 fameglie [. ..] Segue Jagnevo [...] terra ancor lei habitata da Turchi, et Serviani. Vi sono da 400 anime catoliche [. . .] Seguita poi Pristina terra habtaJtissima da Turchi molto armigeri i quali tutti sono Timarspahi, cio S[igno]ri di Vilaggi. posta questa terra sotto li monti neri nella pianura di Cossovo non molto lontano da quel luogo, dove Milosc Gobilioh Soldato di gran animo et valore amazz l'Aimuratihe Imp[erator]e de Turchi, lasciando lui ancora la vita con haversi indarno per molto spatio di tempo difeso intrepidam[en]te, che perci a eterna memoria vi sono piantate tre colonette molto discoste l'ima dall'altra per dimostrare (coirne dice il volgo) li tre saliti, che fece per iscamparsi: ma basti a credere, che quel spatio di luogo da una cotonina all'altra, sia stato il luogo, dove, raggirando difeso: poich detti salti eccedono l'agilit humana. Et per tornare a proposito nostro, oltre i Turchi vi sono Serviani in Pristina molti, et da 20 case xpne sar il nuimero di 100 anime, se per non haver fatto danno la peste, che l'anno passato daneggiava la terra, e M contorni. Alcuni anni sono questi pochi

14

15

christiani fa'hricorono una Chiesolina [. ..] Poco tempo fa da Albania vi sono venuste dieci fameglie catoliche ad babi'tare in detta terra. Ve Trepcie lontano da questa terra 20 milla, haver cinqfuanjta fameglie con anime da 200 et pi christiane [...] [...] Procopie dove sano dieci case di Mercanti Ragusei, i quali con molta spesa, et difficolt eressero alcuni anni sono una Cappella, et mantengono il CappeMano. V'erano altre tante case d'Albanesi transferiti da loro luoohi sterilii di certa parte d'Albania chiamata Puletti [...] Ve Jagodno [...] Vi sono da dieci case caitliche povere, et perch di questi sono alcuni della natione Ragusea di bassa qualit, et alcuni Ungari Schiavi fatti liberi [...] Ve poi Samandria overo Smederevo [...] habitato da molti Turchi, et da Serviani. Saranno dieci o 15 case di catolici [...] E qui finisce la visita della Servia. Visita dell'Ungheria Siegue nel terzo luoco la Visita dell'Ungheria, et comincia da Belgrado, la qua! citt se 'bene in Servia; niente dimeno al Visita [to]re parso di metterla in questo suo discoreo nella detta Provintia [.. .] Questa Citt come contano alcuni, avanti ch'il Turco l'occupasse non haveva molto Borgo forsi per la malignit dell'aere: ma poi da Turchi, ch'ogni fortuna buona o rea, morte o vita, bene o male pongono nel destino, non facendo molto conito di aere, n delle sue inequalit, tanto hora habitato et cresciuto il Borgo, che contiene, come alcuni credono pi di 20.000 fameglie. Vi sono ancora Serviani, et Ungari Eretici. Ve qualche Ungaro Catolico, et in somma de Catodici fra Ragusei Mercanti, Ungari, et una villa detta Viscgniza discosta 3 milla in circa da Belgrado saranno 1.200 anime [. ..] Da Belgrado fece passaggio i'1 Visitatore con una barchetta a Zemun, di dove tir verso le vastissime pianure di Sirmio chiamato antichamente Pannonia imferior. habitata questa Provintia da Serviani Sthismaltici, verso Podravia da Eretici, et di mezzo dell'uni, et dell'altri: da Catolici. La prima Parochia dunque Rabzka con altri otto vilaggi, et dimandato il Parocho, il quale era certo D[on] Giorgio, quant'anime erano nella sua cura disse doi milla poco pi [.. .] La 2a. Parochia era Morovich forte da non sprezzarsi con ddeci ville d'anime catoliche 2.200 in circa. Havea la cura certo D[on] Michaele Crovato intendente della lingua latina: ma di poca -scienza. La 3a. Ilac con otto ville contenevano anime 1.500, era Parocho certo D[on] Giovanni molto ignorante. La 4a. Niemze terra habitata da molti Turchi, v'erano 40 fameglie Catoliche. Quivi sitava il Parocho con haver cura di dieci

vilaggi ancora non molto distanti da detta terra. Anime circa 2.500. Il Prte era Nicolo Ivanovich [...] Seguita la 5. Parochia da Nemze poco discosta chiamata Otok con sette Vilaggi. Alla cura di questi era un frate di S[an] Fran[ces]co molto ignorante et di poca devotione, et esempio a un Popolo di 2.000 anime [...] La 6. Parochiia Zerna con sei Vilaggi, alcuni d'essi osservavano il Kalendario Gregoriano. Il Prete era Giovanni Croato dalla Diocese di Sagrebia [...] Saranno anime in questa cura 1.600 in circa. La T. Jancovo con nove Villaggi. Haveva la cura certo Prete Giorgio il quale teneva un'altra Parochia di 4 vilaggi [...] Nell'una, et l'altra Parochia erano da 3.000 anime. Appresso queste Ville sono molti Calvini, e Schismatici [.. .] La 8. Parochia Tompaievzl con otto vilaggi anime in tutto poco pi di mille [...] [...] Vucovar forte posto alla ripa d'un fiume detto Vuca, il quale sotto la Citt sbocca nel Danubio. Erano da 15 in 20 anime christiane, la cura di questi havea il sopranominato Prete Giorgio. Di qui and a Osiek forte over citt di molta importanza posta alla ripa del fiume Oravo. Habitato il Borgo da molti Turchi. Erano sette fameglie caitliche di lingua Illirica altre tanto Ungare Calvine [. . .] La P[rim]a Parochia in Podravio, che vuoi dire appresso Dravo, Vilievo con 13 Ville [...] saranno anime doi nrillia et pi osservateci del Kalendario vecchio. La 2a. Parochia S[an] Nicolo di Karascevo con otto casali de Catolici, et tengono il Calendario vecchio, n humanam[en]te si lasciano persuadere del novo. Era certo Preto Luca Parocho. Anime 1.500 in circa. La 3a. Parochia di S[an]ti Cosmo et Damiamo detto Cosminzi con nove vilaggi di pohe case, anime 1.000 in circa. Il Prete Vizenzo Raguseo. La 4a. Parochia S[amta] Croce con otto casali, il Prete havea la cura non solo di questa Parochia, ma di due altre ancora [...] sopradtti vilaggi di 1.500 anime in circa. In questo territorio di Podravio vi sono da cinq[uan]ta Vilaggi Calvini, et ogni Vilaggio contiene sessanta, et ottanta JEameglie, et ogni villa ha il suo Maestro di Schuola, et un Predicatore. Questi maestri, et concionatori sono .instnutti nella lingua Latina, et hanno qualche poco di Logica: Sono molto eolecti, et ferventi in conservare la loro perversa setta: ma s'astengono di predicare alii Catolici, et Schismatici [...] Oltre di questi Eretici, i quali sono di lingua et natione Ungara, v'erano tre Parochie over chiese al fiume Oravo di lingua et natione Illirica. La prima era S[an] Giorgio con dieci casali, di lingua et natione Illirica, Calvini.

16

17

La 2 . Santa Maria detta Marianzi con undeci ville. a La 3 . S[an] Gregario detta Gregoriana con nove villaggi pur Calvini. In tutto anime cinque mUia in circa [.. .] Al presente certo Pietro Ingovich di natione Illirico amaestrato nella sudetta setta fra Ungari C-alvini, venuto a danno maggiore di quelle anime predicandole in lngua materna [. . .] Ve nella Provintia di Sirmio /il Monasterio di Nassizza, che fu occupato da Turchi, che habitorono dentro per alcun tempo, et pochi anni sono fu recuperato delli frati di Boema, de quali si trovano da sei nel monasterio, et haveano cura xi 50 Ville pur attorno Bravo nella Diocese di Ddacovo. Tutti li sopradetti Vilaggi osservano il Kalendario vecchio [...] Della Provintia di Bosna [...] Tre sorti di gente ihabitano la Bosna: Turchi, Schismatici, et Catholici. De Turchi saranno tre parti, et a pena de Catolici una, Schismatici saranno per la met di Catalioi, dei quali saranno doicento cinquanta imilla anime in circa. Queli habitano le rive del fiume Savo; questi con Turchi i luochi montuosi di B'Osna, et in somma pochissime ville vi sono habitate da Catolici, nelle quali non vi sia qualche Turco, anzi vi sono moltissimi vllaggi, che non hanno ne pur un chiristanio [.. .] Nel 1349. Clemente VI Pontefice Romano mand nel sudetto regno doi frati 'minori di santa vita per destruggere con mezzo di questi l'eresia de Patarini, i quali hebbero origine (como scrive certo Historico) da Paterno Romano scacciato prima da Roma, et suues hum[aniita)te da tutta Italia con li suoi seguaci, et cos scacciati non trovando luoco dove fermarsi passarono in Bosna, ove alcuni si 'fenmorono, altri andorono alle rive di Danubio, et questi si c'hiamorono Paulichiani, i Patarinii alludendo forsi al nome di S[an] Pietro, eit li Pauliani al nome di Sfan] Paolo Patroni di Roma. L'uni et l'altri vivevano senza sacrificio, senza sacerdotio et senza (Sacramenti, et niente di meno si chiamavano christiani; Digiunavano Venerd, osservavano i giorni di Domenica specialm[en]te Ascensa del Sig[no]re, et il secondo giorno doppo l'Epifania il Prete eletto da popolo senza alcun ord[in]e ogn'anno li spruzzava con aqua, andando intorno per le case, et quest'intendevano, dhe fosse battesimo, come ancora hoggi d lo fanno quelli Pauliani, che non sono convcrtiti [. . .] et sopra tutto aborrivano la croce, ma torniamo al nostro proposito. Se bene i sudetti Padri dubitavano, che Steffano Bano Sigino] re della Bosna essendo del rito Greco non prestava ubedienza al Papa, non s'opponesse loro, che perci pensavano i buoni Religiosi mettersi a una impresa irriuscibile nietne dimeno avvenne il contrario: perch ricevedogli 'benignanti[en)te diede loro licenza di predicare publicam[en]te centra i Patarini, et introdurre la fede

Romana giudicando il buon Prencipe, che meglio era havere nel suo Regno huoniini della fede Catolica Romana, che poco discrepava dalla Greca, che gli Heretici tanto contrarij alla Chiesa Greca, et alila Latina, il oui rito poi fu abbracciato da Steff ano a persuasione d'un suo Segretario Raguseo, et delli medesimi Padri, ii quali per la benignit, et buona dispositione trovata in 'quel Prencipe cominciorono con gran fervore di spi/rito a disputare con quei Heretici, et convincedoli tutta via tirarono a se maggior parte della Bosna, nella quale con aiuto di quelli, ch'abbracciavano la fede Romana, eressero molti monasterij et conventi, et oltre l'Eresia dei Patarini, era quella dei Manichei, i quali (seondo rifferiiscono.il Volaterrano, et Sa'belio) habitavano nei monasterij posti nelle valli, et altri luoghi remoti, la qual Heresa dur fin' all'anno 1520, nel qual tempo il Turco s'era impadronito di Regno. Per non mera veglia, se la Bosna sia diventata Turca: poich essendo occupata dal Mahumetto nell'anno 1463, crederei, che molti ricordevoli ancora delle Eresie, come poco fermi nella fede, con l'occasione della venuta dei Turchi in Bosna pi facilm[en]te s'accostassero al Mabumetesmo petr haver qualche libert. L'altra ragione , ch'H Turco ogni cinque et dieci anni 'manda a far scielta dei gioveni per il suo imperio conducendoli a Constantnopoli, et dalla Bosna mparticolare si cava gran numero. Perci a (una fatto d'armi in Persia essendo restati ammazzati tutti li Jandzar, et data la nova di ci a Sultan Slimano rispose, che poco pensiero ne pigiava, perch le cavalle di Bosna ne davano di simili Poledri quanit' v'era d. bisogno. Di quSta giovent molti riescono Viziri, Passe, Sangiacchi, Ciausci et Spahiolani, i quali poi tirano a se il parentado con farli Turchi, alle quali ragioni s'aggiongonQ ancora le angherie, et tributi intolerabili, per li quali (come stato detto al Visitatore) nel teritorio di Sutieska ned anni andati mancarono d'alia fede chnistiaina appresso sei o sette milla anime [. . .] Fu detto, che la Bosna non era spartita in Parochie come l'Ungheria, Albania et Servia: perch se bene uno di quelli Padri mandati alla conversione dei Eretici fu fatto Vescovo di Bosna, niente di raeno i monasterij haveano la cura di amministrare al Popolo li Sacramenti, et mentre i Sommi Pontefici Eugenio stavano per rizzare in essa le Chiese, Ca'tiedral, il Regno venne in poter del Turco con grandissima strage dei Baroni fatta da Mahumette; il quale fece publica grida, che tutti i Baroni di quel regno, i quali desiderano haver le lor terre, e poderi dovessero presentarsi a lui, onde alcuni poco accorti non intendendo l'arte del Barbaro, vennero a sua presenza; i quali egli fece subitam[eoi]te morire: havendo fatto pochi giorni prima l'iStesBo del R Steffano, che s'era arreso ai giiuram[en]ti di Mehmet Bassa Capetan g[e]n[er]ale dell'esercito del Turco [...] Promise poco di sopra il Visitatore di dar raguaglio della Provintia o teritorio di Chelmo, Popovo, et Gradaz, ma lascia questo carico al Ves[cov]o di Mercana Raguseo [.. .] tutti li sopradetti ter-

18

19

ritorij con li suoi villaggi, i quali come fu da alcuni al Visitatore contenevano per il 'meno 10.000 anime cattoliche [...] Visite e Collegi, voi. 1, f. 66r82r; Krunoslav Dragando, Izvjesce apostolskog vizitatora Petra Masarechia o priUkama katol. naroda u Bugarskoj, Srbijl, Srijemu i Bosni g. 1623. i 1624, Starine JAZU, knj. XXXIX, Zagreb 1938, 1048.

, 1624.

. 1580. , 40 . 1593. , a 40 12. Seminario Romano, a . 100 ( 1.000 ), Collegio dementino, Dozena de Convittori Secolari. , , : , ". 1619. od nane V : , , , ". La S[an]ta Mem[oria] di Greg[ori]o XIII considerata l'ampiezza della Nat[do]ne Illyrica, quale, parlando di quella che habita di qua dal Danubio forma sette grandi, et gi felici Regni, di Bulgaria, Macedonia, Servia, Bosna, Slavonia, Groatia, et Dalmatia, oltra le grandissime Provincie deU'Ishria, Gamia, Carnithia, Camiola, et Stima in ampiezza di paese che eccede dd gran lunga per doi volte terreno dell'Italia, et vedendola ridotta in estremo bisogno d'agiuti spirituali per esservi la maggior parte deli-i ultimi tre Regni (che delle nominate Provincie come possesse da Principi Catholici non si parla), opressa dal Turco, di primi quatro to*alm[en]te possessi, et occuparti da q[ue]ilo per eentenara d'anni, et per ci rovinati, et quasi ester>minati dal dominante Maomettismo, et infetti in gran parte nelle reliquie di quelli che ritengono la professione Christiana dal contiguo Scisma, et heresia Greca, e parim[en]te dalle vicine heresie Tratnsilvane, Hunghere, et Alemane, vi fond il Collegio Illirico a Loreto s[opr]a l'entrate di quella S[an]ta Casa con educat[io]ne di 40 Alumni Ordinarij proveduti di Casa, Mastri, vitto,

vestito, libri, medicine, e di tutte l'altre cose necessarie, sotto la cura delli Padri Gesuiti con grandissimo ristoro, et giovamento della Chiesa Illyrica il che segu l'anno 1580. Nel 1593. di gi Sig[nor] Cardinal Gallo Prottetr della Casa S[an]ta allegando le carestie de viveri che correvano universalm[en]te all'hora, lev detto Seminario da Loreto, et lo transfer a Roma, riducendo il ['] di 40 in 12 soli, quali consegn alla cura delli medemi padri Gesuiti nel Seminario Romano con assignamento di mille scudi annui, et obligo alii detti Padri di mantener detti Alunni proveduti di tutte le cose necessarie come facevano a Loreto, et anco di viatici, che se gli danno al ripatriare, onde la Casa S[ain]ta non sentiva alcuna spesa oltra li mille scudi, ricevendo la Nait[io]ne agiuto grande anco da questi alumni; ma proportionam[en]te risptto alla diminut[io]ne del nuin[er]o. Nel fine del 1599. per le strettezze d'i quelli tempi havendo li Padri Gesuiti del Seminario Romano richiesto il Sig[nor] Cardinal Gallo, che per sostentamento delli detti alumni volesse cresergli almeno cento scudi s[opr]a li -molile, egli non valse assentirvi, ma levati li alumni dal Seminario Romano, li colloc nel Collegio dementino Dozena de Convittori Secolari, con accrescimento di doi cento scudi annui con nova provis[io]ne cossi di vestiti, come di biancaria, libraria, et altri utensili neccessarii, et con obligo alla Casa S[an]ta nell'avvenire di soministrarli tutta la biancheria, libraria, et viatici, venend'in oltre aggravati li ailuimni a doversi fare del proprio li primi vestirti quando entrano neU'Collegio, e convenendo in evento di malatia a chi vole essere goveranto come bisogna passarsene alii Hospedali publici per carestia di governo. Tutta volta il frutto delli Alumni poi che si trovano nel Clementine, a cosa incredibile di quanto poco momento, et servitio riesca per la S[an]ta Chiesa, et p[er] la Nat[io]ne Illirica. Le cause sono le seguenti. Perch non permettendo quelli Padri che li Alumni vadano alle Scole del CoMeggio Romano publiche, et universali a tutti li Colilegij et Seminarij di Roma, ma insegnandoli nelle lor Scuole domestiche fra li 'pochi convittori Secolari che vi sono a mala pena infarinaiti, che sono li Alumni d'un poco di Gramatica, di qualche caso di consienza studiata tra doi, overo tre Scolari senza emu(lat[io]ne, senza conferenza, e dispute ordinarie, vengono mandati fuori del CdTleggio ancor che non vi sia alcun demiinto delli poveri alumni, anzi mentre sono in quello <ben spesso per carestia de maestri sono necessitati starsene anni in una sola Classe di Gramatica, onde anco quei poco tempo, che se gli promette a stare dentro, sono astretti spenderlo inutilm[en]te, si che in spatio di 25 anni che si trovano li alumni nel dementino, mai ad alcuno stato permesso ultimar li suoi tali quali studij. App[ress]o questo essentdalissimo inconveniente li Alumni ivi non ricevono alcuna iinstrutt[io]ne delle cose pertinenti alla confutai [io]ne del Maometismo, del Scisma, et Heresie di quelli paesi, non vengono essercitati nella predicat[io]ne

20

21

della parola d'Iddio fine principalissimo della S[an]ta Chiesa nelli suoi operarij, e bisogno principalissimo della Chiesa mirica; non ricevono Cognitione delli Riti, et Computi Ecclesiastici, finalm[en]te non sono essercitati nell'ufficiature meno nel canto, et giamai nelle cerimonie, et altre att[entio]ni neccessarie per il culto divino, il che tutto li veniva insegnato nelli Seminarii di Loreto e di Roma dalli quali non si permetteva partir ad alcuno, inanti che havesse dato fine a quelli Studij, p[er] li quali veniva stimato atto dalli Superiori, dove nel dementino li fanno giurare che finito solam[en]te il studio di gramatica, et casi di consienza tornarano all'agiuto della Patria vietandoli a questa via impiicitam[en]te di studiare altrove quello che non imparano ivi, se non vogliamo dire, che non potendo studiare perfettam[en]te anco quello che giurano per non esserli concesso il giuramento p[er]ci non tenga. Oltre di ci da pochi anni quelli Padri hano compartito li loehi delli 12 alumni per le Chiese Dalmatine sottoposte alii S[igno]ri Venetiani, il che imediatam[en]te riesce contro i'inte>nt[ion]e della Sede Ap[osto]lica, et li bisogni della Chiesa Illirica, poi che il Colleggio fu principalm[en]te instituito per soccorso delli Christiani suditi Turcheschi privi totalm[en]te di Scuole, e di Maestri onde da questo segue, che la Sedia Ap[osto]lica fastidita, e gravata di continuo dalle spese che li convien fare nelle Dozene di Roma di Bosnesi, Serviani, et Bulgari. Nel 1619. li Cleri di Dalmatia vedendo la necessit delle loro Chiese per il mancamento delli alumni vechi, et per il poco num[er]o et imiinor frutto che s riceveva dalli Clementini mandorno suoi Oratori alii piedi di S[an]ta Mem[oria] Paulo V supplicandolo che si rimettesse il Colleggio a Loreto mostrando con la med[esiin]a spesa, che si fa in Roma con frutto molto magg[io]re s'haverrebbono educati pi di 20 Alumni in loco delli 12 soli, e venendo favorito il negotio dalla molta benignit dell' Ill[ustrissi]mo Sigfnor] Card[ina]le Borghese Prottetor della Nat[io]ne I-lirica, con tutto che il Cardinal Gaio lungo tempo vi s'opponesse. S[ua] S[anti]t esaud le domande della Cleri, il negotio p[er] non hebbe effetto essendo stati astretti a partirsene gl'Oratori da Roma per cause, che si sanno. Hora restituendesi il Colleggio Illirico a Loreto dove di gi fu fondato, si rimediarebbe a tutti gl'inconvenienti accenati, cio Primo, al poco numferjo delli alumni; 2. alla poco bona per non dir innutil educatione; 3. alla quasi total esclus[ion]e delli sudditti Turcheschi; 4. al fastidio, et spesa che esperimenta la Sedia Ap[osto]lica. Prima, perch con li 1.200 scudi, biancaria, libraria, viatico, et altre spese, che fa la Casa S[an]ta per li 12 Alumni in Roma, a Loreto se ne mantenirebbono pi di 20, et forse 24, rispetto alla molto miglior condicione di viveri che ivi, e rispetto airinformat[do]ni havute dalli periti di quel loco in diversi tempi per causa del medemo Colileggio.

2. Perch 'tenendo i Padri Gesuiti le scuole aperte a Loreto, li alumni non haverebbono bisogno contribuire con interesse dell' educatione loro per il viver de Maestri, come fanno nel dementino, et havendo la comodit delle scuole publiche non sariano neccessitati trattenersi in una sola Classe inutilm[en]te pi anni oltre l'emulation tanto efficace nella moltitudine de Scolari, che nel poco num[er]o non pu essere, app[re]siso sendovi l'officiatura Ecclesiastica nella Casa S[an]ta di quella essatezza et Maest che si sia, li alumni haverebbono occ[asio]ne d'approfitarsi in tutte le cose spettanti alla profess[io]ne Sacerdotale, e quello che pi importa venend'ivi allevati tra religiosi senza cornuto de Secolari con aquisto di virt rittenerebbono ila semplicit nationale, quale qui nel dementino facilm[en]te perdono in compagnia de Secolari, con aquisto di pochissime virt. 3. Perch nella Bolla della restitut[io]ne si potr spiegar, et stabilir il num[er]o delli Alumni che dovrano essere del Stato Turchesco, et del Christiano per eseguir l'intent[io]ne Ap[osto]lica, et sovvenir le neceessit miriche proportionatam[en]te, et senza confusione, il che fatto s'aggiustarebbe anco il quarto inconveniente, facendosi aperta la porta, e venendo assegnati li lochi alii gioveni Bosnesi, Serviani, Bulgari, et Macedoni, quali nell'avvenire non haverano pi occ[asio]ne di fastidir la Sede Ap[osto]lica. Et p[er] conclusion si haverebbe rocc[asdo]ne ad un gran num[er]o de giovani Illirici, che di continuo vanno vagando per Roma, con importunar la Sedia Ap[osto]lica, et il Prelati della Corte per ragiuto di viveri sotto pretesto di maintenirsi, sino che habbi loco tra li alumni, overo di finir li Studij, che non li sono stati permessi finir nel dementino. N con la restitut[io]ne del Colleggio Illirico nel primiero stato si farebbe torto alii Padri che al p[rese]nte ne hanno cura, perch oltra che la nat[io]ne deve cercare il bene suo, et la Sedia Apfosto]lica procurar di spender meglio che (pu il suo; detto Colleggio gi f instituito in Loreto sotto la cura, et dissiplina delli Padri Gesuiti come tutti gl'altri fondati dalla S[an]ta Mem[ori]a Greg[ori]o XIII, et il Colleggio dementino hebbe il suo principio senza alumni Illirici, e so come le truppe delli convittori, Secolari, che entrano, et escono dal detto Colleggio non li fanno torto, cossi l'Illirici collocati dentro senza Bolla o Decreto Ap[osto]lico possono esser levati senza pregiud[iti]o delli Clementini. N parim[en]te alcun Principe con ragg[io]ne pu dolersi di questa restitut[io]ne poich dovendovi esser almeno doi terzi delli lochi per li sudditti Tuircheschi, et un solo per li sudditti Christiani, quali sono l'Imp[erato]re, le Republiche Veneta, et Ragusea, non dbbio che la minima parte sar delti sudditti di ciascuno potentato Christiano; Et il Papa come Padre universale deve riguardar il benefficio della maggior parte, come il p[rese]nte Sommo Pontefice ha fatto, sendo anco Card[ina]le nelli Collegi j Scozzese et Greco.
Visite e Collegi, voi. 5, f. 383r385r.

22

23

11 10 , 27. II 1624.

, 12. Vili 1624. da da repuroguju_jcgj_Qj?CKe,6uvCKi/nuje ^ . . A Mons[ignor] Vescovo di Cattare Questa S[acra] C[ongregaitione] de P[ropaganda] F[ide] ha inteso, Che nella Diocese di V[ostra] Signoria] sono alcune Ville di Schiismatici, i quali si perdono per non haver chi li insegni la vera dottrina Cattolica, perci da med[esim]a Coog[jregation]e le ricorda l'oibligo, che tiene di provedere a i loro 'bisoigni spirituali. Se Vfostra] S[igmoria] trover, che fra Vincenzo Pasquali Bredicator D[ome]inicano sia idoneo, potr valersi di lui in questo servito, provedendole di quanto bisogner, conforme a quel, ch'ella deve per legge Divina, e Sagri Canoni, e per fine me le offero di cuore. Di Roma li 12. Agosto 1624. Lettere, voi. 3, f. 143v144r.

, , , . ". , , , ". I!l[ustri!ssi]mi et R[everend'issi]mi S[igno]ri Havendo io Giovanni Torneo Canonico dd Sibenico pigliato la cura d'instruiir nelle littere Illyriche tanto communi a tutta la natione Slava overo Illyrica cos nell'Europa come nell'Asia, et anco alii stessi Turchi Europei, li gioveni Bulgari et Serviani mantenuti dalla S[an]ta Sede Ap[osto]lica a queste scuole, e dovendo io al fine della Quadragesima partire ipfer] ila patria, a fine che detti gioveni h abbino il modo di conservar l'instrutione che gli havemo lasciato, supplico si degnino far stampare co [m] Caratteri Il'lyrici della Stamperia Vaticana la Dottrina Christiana dell'Ili[ustrissi]mo gi S[igno]r Card[inal] Bellarminio altre volte tradotta da me in lingua nostra et stampata oo[n] Caratteri Latini.
SOCG, voi. 384, f. 186r.

12
, 17. Vili 1624. da da ^5MKSSfi6ucj^7tuje ^ , KoHpeztifuJa . . Ai Vescovo di Nona Vien'avvisata questa S[acra] C[ongregatione] de Propaganda] F[ide], che nella Diocese di Vfostra] Spginoria] sono alcune Ville di Scismatici, i quali non si riducono all'obedienza di questa S[an]ta Sede per non vi essere chi attendi alla loro conversione, e perch questo obligo suo, ha voluto la med[esim]a Cang[regatk>in]e ricordaglielo, aocioche applichi l'an>imo a far questo servitio tanto grato a Dio, valeodosi dell'opra del P[adre] F[ra] Vincenzo Pasquali D[ome];niicano, se lo idoneo, il quale obligata per legge Divina, e Sagri Canoni di prevedere di quanto gli bisogner et a Vfostra] Sfignoria] p[er] fine. Roma li 17. Agosto 1624. Lettere, voi. 3, t. 144r.

, 27. II 1624, da . S[acra] Congfregatio] iussit Doctrinais Cardfinalis] Bellarmini in linguafim] translatas Illyrica[m] p[ro] eius linguae p[raed]ictos Theologos revdderi, et deinde charadtere Illyrico in sufficienti numero p[ro] Illyriae populis imprimi mandavit.
SOCG, voi. 384, f. 192v.

24

25

13 8. XII 1624.

o t&e . . . Accessit idem Djpminus] Visitator ad Visitandam Ecclesiam Sanctae Venerandae sitarti in olivo Momts a Sacerdotibus Graecanici ritus cutum, ubi ab iffius Sacerdote Josaphat appellato genuflexo D[ominus] Visitator exceptus fuit cum exhibitione debitae obedientiae, et successive visitavit i'Hius Ecclesiam, et habitationem.
Visite e Collegi, voi. 2, p. 494.

14

8. XII 1624.
_. o ioeoj . 1} . ". . 14 13 . 2) . . 70 . 3) . ". 4) . ". , , ". . ,-. 5) . . 57 13 . Sanati Nicolai de Bardo Graecorum Die octava eiusdem mensis Decembris Visitarunt Ecclesiam ruralem Sancti Nicolai prope Villani appellatami Bardo, sexto miliari ab Urbe distante, et prope scopulum,
[;.]
jf i

in quo equites stipendiarij stationem agunt, quae Ecclesia habet coemeterium annexum; interius habet unicum altare cum Iconula Nativitaltis D[omi]ini, ireliqua tota Ecclesia interius antiquisisimis picturis est ornata. Habet campanam, unicumq[ue] paramenituin cali ceni, tobaleas, et pallium, missale vero defectur a Sacerdote Djpniino] Francisci de observantia ex familia Moinasterij, quod in proximo scopulo situs est, qui fr[atr]es ex privilegio Sedis Ap[osto]licae, et assenso oird[ina]rij ob penuriam Sacerdotum curam habent amimarum. Domus incolarum sunt tresdecirn Catholicae religionis, quarta decima est Schismatica. Ecclesia nulliufm] haibet beneficium, nulla onera eleemosinis tantuni incolarum substentatur divinum officium. Nullam habett pila pr aqua Sancta, proviideatur de propterea de ea infra duos menses. Proxim occidentalem parteni versus est Ecclesiola sub invocatione Sancti Michaelis Archangeli ad austrum, cuius visuntur rudera exiniiae Ecclesiae, et Monasterij destincti, in quo olim censireverunt degere septuaginta Monaci, sub suo Abbate, seu Oeconomo Orieritaliis ritus, quae omnino destructa est, praefata Ecclesiola regitur a Graecis. Visitarunt Ecclesiam Sanctae Venerandae in Insula proxiima, in qua equites praefati stationem agentes devotonem suam peragunt, quae Ecclesia refert potrus formam Cappellae privatae, quam Ecclesiae, in ea multufm] beneficium, multumq[ue] enius adest, tantummodo stipe collata a Militia equesta praefata, evocatur praecipius sollemnitatibus aliquis ex proximis patribus de observantia, qui ibidem Sacra ministrat, adferens secum omnia necessaria pr Sacrificio altaris, exceptis tobalcis, et palio, quae ibi pr possibilitate loci satis decenter providentur. [. . .] [...] Ecclesia Sancti Lucae iuxta morem Orientalium co>mposita, antiquis picturis Sanctorum, et imaginibus exornata licet aliquantuilum terremotu concussa, iustratis altare, et imaginibus Graecorum more constructis, deiscenderunt in Villam a meridionali parte post Ecclesiam iacentem, ubi: Invenerunt Sacerdotem Graecanici ritus, sed Illyricae linguae nomine Stephanum. Villa vocata Cartella habet septuaginta domos, tresdecim Catholicae relgionis, et reliquas Graecanici ritus. Catholicae Domus curantur loco provisionis a patribus p[rae]fatis de observantia in Stopulo existentibus, qui missas, et Sacra ministeria exhibet Catholicis do'mibus in alia Ecclesia eiusdem loci sub nomine Sancti Joaninis, in qua altare Graecanici ritus est alterum, alterum vero Catholici. Praesbyter Curatus graecanici ritus p[rae]faotus Stephanus exhibet niaximam urbanitatem, et magna officia erga professores Catholicae Romanae Religionis, ita ut maximum honorem deferat, et Summo Romano Pontifici, et Il>l[ustrissi]mo D [omino] Visitatori,

26

27

eius minstris, qui etiam eiusdem professile est coram omnibus se obedientiissimum esse Romanae Ecclesiae, et eius Summu[m] Pontificem pr universali Pastre hafoere, et agnoscere.
Visite e Collegi, voi. 2, p. 148, 212217.

15

Virginis, quae pertnent ad eosdem Villicos.* Postea Catholici Romanae professionis cum conquerentur de angustia loci, in quo degunt lonige dMincti, et distruoti ab Incolis CatholiCfis, et immixti triginta s>uis domitous intra septuaginta graecae professioinis, idma magna inter eos scandala oriantur, eo quod dum ipsi secundum Grecorianuni Calendarium Sacras Festivitates observant; Graecanici meccanicis exentitijs student, et contra: Unde praeter contemptum Sacrarum rerum, maximi rumores inter eos oriuntur.
Visite e Collegi, voi. 2, p. 217218.

Sanoti Lazeri, similiter ultra montem Ecclesia Beatae Mariae

10. XII 1624.


o . . . , , ". 70 30 . . . , . , : ) . ; ) . ; ) . ; ) . Die decima eiusdem Mensis Visitaverunt Ecclesiam Paro[ehia]lem Sancti Nicolai in Villa Lustioae, quam tenet Sacerdos Graecanici ritus, sed Illyricae linguae, cum in eadem Villa sint septuaginta domus eisdem ritus, triginta vero Catholicae Romanae professionis, quae Ecclesiae licet sit decenter construc-ta indecente^ tamen servatur, et ornator, huic est proxiima. Ecclesiola Sanati Michaelis, in qua suprad[ict]i P[at]res de observantia administrant Sacramenta Villicis Romanae professionis,

16

11. XII 1624.

o . 1) 30 , , . : ) . ; ) . ; ) . ( ). 2) 70 5 . : ) , ; ) . ; ) . . Die unidecima eiusdem mensis Summo mane ascensis equis petrevint Vdllam dictam Lessevci, quae est in margine dictionis Catharen[sis], in qua invenerunt triginta domos professionis Graecanicae, quorum curam gerit praefac-

deferendo secum necessaria pr Saorificis. Ultraqfue] Ecclesia circundabur Coemeterio pluriniis sepulturis plenu. Professores Romanae ofbservantiae ob angustiam loci tradunt filias suas in uxores Villicis graecanici ritus, quae licet peirmittantur romano more vivere, attamen conbrahjuint matrimonia sine ulla dispensatione Sedis Aipostolicae. Sacerdos Graecanici ritus est nomine Marcus rudis, sicut, et coeteri. Ecclesia Sancti Nicolai habet campanam, Sancti Michaelis vero nullam. Su>nt eit aliae tres Ecclesiae niminuim Sanctae Venerandae Sancti Tri'phonie, et

tus praesibyter Stephanus, qui pr sua erga Romanam Sedem observantia ibi adfuit, Ecclesias aperuit, et eas visitati-ani subiecit Ecclesiae praefaotorum sunt tres: Sanctae Mariae Sanctae Venerandae, et Sancti Alexandri, quae postrema est Parochiais.
Omnes Ecclesiae haec sunt Graecor[um] (Visite e Collegi, voi. 2, p. 148).

28

29

Omnes iste Ecclesiae sunt male provisae more Graecanici ritus. Villici tamen ingenti gaudio Visitatore exeeperunt, et abeuntibus equos, et comeatum obtlerun't, qui inde retro flectentes paulo ante meridiem devenerunt ad Villiam Cartolarum, in qua sunt septuaginta domus graecanici ritus, quinqu[ue] autem Catholicae proifessionis, sunt in ea tres Ecclesiae, rumirum, S[anc]ti Nicolai Sanctae Venerandae, et Sancti Joannis, sub cura eiusdem praesbyteri Stephani.
Visite e Collegi, voi. 2, p. 219220.

17
, 17. XII 1624.

o . ". , ", . , . , , . . 20 , , .^.., ycneo da "25 . O . . ril[ustrosi]mo, e Reverendissimo S[ignore] mio, e P[ad]ron Colend[issi]mo II giorno di Sant'Andrea prossimo passato per gratia del Sigfnojre gionsi a Cattare, dove fui ricevuto con ogni honore tanto dal Clero, quanto dal Magistrato. La detta Citta d'ogni intorno circondata da Schismatici Serviani, quantunque] quella sia habitata da Cattolici Romani, non per molto popolata, rispetto alla peste, che l'anni ha fatto notabil danno. [. . .] nella Villa di Cartolile, posseduta insieme con molte altre da Serviani, per la magg[io]r parte Schisimatici, capo de quali un Sacerdote chiamato Stefano dal territorio di Buthua, il quale profess pubicamente, ch'il Pontefice Romano il vero, e supremo
[I

capo della Chiesa Universale, mostrando desiderio d'intendersi bene con li Prelati latini, et dalli suoi Parochiani le medaglie benedette, ch'io mandai, furono ricevute, con tanta riverenza, et affetto, che ringratiando la benignit della Sede Ap[osto]lica, che s' degnata visitarli, crai lacrime se le posero sopra il capo, e poi l'appessero al collo, et quanto a me, mentre se gl'usar nel trattare cortesia, et amorevolezza, se guadagnar assai, et perci ho lasciato ordini, ch'il Vescovo proceda con essi loro con ogni urbanit. [. . .] Me ne passai a Buthua, diecedotto miglia discosto da Cattare, accompagnato d'alcuni Soldati a cavallo, et a piede, destinatimi dall'Ili [ustorissimo S[ignor] Proveditore di Cattare, per mia sicurezza, dovendo caminare pi di quindeci miglia per il paese Turchesco, nel quale per gratia del S[igno]re, non solo, non ho ricevuto disoortesia veruna, ma pi tosto honorato da quelli Vessali Turcheschi del rito Serviano, poich per la magg[ior] parte di loro, nel passare s'ingenochiavano, per ricevere la benedizione, et in detto paese feci anco visitare il Monasteri, et Chiesa di Santa Maria officiata da Monaci Serviani, detti Callogiari [. ..] [...] Li Cittadini hanno mostrato intenso desiderio di havere il loro Vescovo [...] poich, quando ve fusse un Vescovo proprio, che Visitasse una Provincietta della sua Diocese, chiamata Pastrovichi, sottoposta al Dominio Veneto, quasi del rito Serviano, e con destrezza l'andasse xiducendo, si potoria sperare di guadagnare, mostrandosi docile, et inclinata alla Chiesa Romana, il che lo dimosstra un Conventino, che vi stato fabbricato di Zoccolanti, fattovi da un loro frate, da venti anni sono, nel qua! tempo si sono guadagnate da venticinque famiglie circonstanti [.. .] [...] due Principali del rito Romano hanno promesso le loro figliole a Principali Serviani, che hebbero scrupolo, ricorsero da me, per haver licenza, et non potendoli io consolare, si protestarono, che segueriano molti homicidij, et che le loro campagne sarriano desolate dai Serviani, patroni in un certo modo della campagna, mostrarono per di quietarsi, riavendoli io promesso di scrivere in loro agiuto, et quando anco a V[oistra] Signoria] Illfustrissi]ma, et a cotesti Ill[ustrissi]mi S[igno]ri paresse di allargare un poco la mano nel fare, che li Cattolici del rito Romano potessero in queste parti ricevere la dispensa, in terzo, et quarto grado, saria di grandissimo servitio d'Iddio, poich essendo poverissimi, et in paese angustissimo oontraheno nell'i d[ett]i gradi prohiJbiti, overo danno le figliole alii Serviani, et Schismatici senza veruna auttorit della Sede Ap[osto]lica, protestando con laorinie, che non vi possono arrivare, e per la povert, e per la lontananza, e per li pericoli, cos del mare, come dei Corsari, et in queste parti necessario trattenere questi Popoli, pi con l'amore, che con rigore, il quale piacerla anco sommamente alla Serenssima Republica, quando con esso si mettessero questi Popoli.

30

31

Devo anche rappresentare a V[ostra] Signoria] I;ll[ust'rissi]ma, che questi Popoli confinanti con Turchi, ben spesso per ogni poco di disgusto, sono provocati a Duello, et alcune volte li nostri provocano li Turchi, nel che mostrano grand'ardire, e nell'accettare, e nel provocare, restando per lo pi superiori, et rare volte se viene ad atto di combattere, perch li Turchi volentieri lo sfugono, et quando 'dalli nostri, per quanto nie dice ogn'uno, si mostrasse in ci debolezza, sarriano in maniera insultati da Turchi, che non potriano habitare il paese, e perci, quasi tutti questi confinanti sono incorsi, et incorrono nella Bolla delli Duellanti, insin' tanto, che anche le donne, ohe cooperano sono gravate dalla medema censura, e perch dalli Preti se gli nega rassolutione, restano per questo gl'anni, e gl'anni, senza sacramento con infinito dispendio della religione Christiana in questi paesi. Perci con ogni riverenza ricordo, che sarria utilissimo, quando si concedesse alii Vescovi facolt d'assolvere dalle censure quelli, che vi fossero incorsi per Duelli attivi, o passivi con Turchi solamente. [...] Di Cattaro 17 di Decembre 1624. Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, e R[everendissi]ma Hu>milis[sim]o et Devot[issim]o S[ervito]re Ottaviano Arciv[escov]o di Zara.
Visite e Collegi, voi. 3, f. 171r175r.

18 , 1624.

od da ce , , 80 , . , ( ") , . , . . Ha , , 10.000 . .

() da ce , da o , . A Mons[Lgnor] Arcivescovo di Zara Quanto alii Matrimoni] de'Latini con li Serviani, de'quali Vfostra] Signoria] scrive nella Visita di Buthua, perch sarebbe cosa di pessimo essempio di dispensar, che i Cattolici si congiungessero in matrimonio con li Scismatici, non occorre parlarne con N [ostro] S[igno]re, perch non conceder mai tal gratia, per potr Vfostra] Signoria] avvisar quei Cattolici, che desiderano detta dispensa, e gl'altri, che vogliono far li Matrimonij di fatto, che s'astenghino, se vogliono salvar l'anime loro, da simili congiamtioni, essendo espressamente prohibite, e detestate da diversi Concilij generali. E p[er] fine prontissimamente me le offero. Roma li 5. Marzo 1625. Lettere, voi. 4, f. 38v.

\ } \

12 16 15
25 19 18 36 28

160

140 100
80

140 220 230 200 170

120
80 50 40

32

33

150 300 160

400

2.500

111 [ustorissimi, et R[everendissi]mi S[igno]ri L'inifo>miat[ion]e della administrat[ion]e laboriosa di fra Biasio Grataz nella Diocesi Steffanense, alias Mostarense per spatio di 35 anni continui. Fra Biasio Grataz di Minori osservanti della Provincia di Ragusi theologo, et predio [aito] re, nativo nella Diocesi Steffanense nel Ducato di Santo Sabba, alias Hercegovina sottoposto al duro Dominio del Turco humilm[ente] espone, che essendo l'attore immerso nel mercanti! negotij mondani, et vedendo il culto Divino andar per terra, et l'anime della sud[ett]a Diocesi in perditione cos de suoi parenti, come d'altri Christiani catolici con gran offesa dell' honor di Dio, et detrimento delle dette anime lasciando detti negotij si applic a quelle dell'honor Divino, and alii Studij in Italia, quali consumati con aut[ori]t della F [elice] Mfemoria] di Clemente Ottavo, et Paulo Quinto, et per commandamenito de'suoi Superiori and in d[ett]a Diocesi, nella quale trov tutte le Chiese desolate, culto Divino poco stimato, cascando quelle anime nella Scisma et Maumetismo, dove col divino favore procur molti privilegi] del Gran Turco, Munti, Saneachi, Cad, et altri tribunali turcheschi, non senza fatica, e spese intolerabili, a fin che di poter predicar, administrar li Sant[issi}mi Sacram[en]ti, restaurar le Chiese vecchie, fabricar le nuove, cosa molto prohibita dalli Turchi, quali privilegij si p[resejntano a V[ostre] Signorie] Il[ustrissi]me, et R[everendissi]me. In primis and nella villa di Orahovo di case dicinuove di cento anime in cir[c]a tutte catoliche, in qual villa truov la Chiesa di S[an] Giovan Evangelista, qual restaur, app[ress]o della qual villa vi un monasterio de monachi Scismatici, co[n] quali l'or-[ator]e ha combatuto molto per haver ridotto un Conte Scismatico loro devoto alla verit Catolica con tutta la sua casa, quali monaci concepirno molto odio contro l'or[a;tor]e hoggi d. Poi and avariti et truov tre ville nominate Golubignaz di case dodici di 'Catolici, Kiudo di case sedici, Belenichi di case quindici tutti catolici di cento e sessanta anime in e [ire] a, quali havendo una Chiesa desolata la restaur d[ett]o or[ator]e, et condusse B[eata] M[emoria] Arcivescovo di An'tivari nativo in d[ett]o Vescovato, et la fece cansecrar con infinita allegrezza di quelle anime, quale fumo crismate dal detto Vescovo. Poi and nella villa di Dubgliaini, et Diacevo miste de catolici, et scismatici, nelle quali sono vinticinq[ue] case de catolici da

cento e quaranta anime in c[irc]a, in q[ues]ta villa vi una Chiesa di S[an] Georgio, qual fece conseorar dal sud[ett]o Arcivescovo] et con molta cansolat[ion]e di quelle anime, nelle quali ville truov alcuni matrimonij prhibiti dalla Santa Chiesa, li quali disfece. Poi and nella villa di Civaglina mista di scismatici e catolici di case dicioitto de catolici di ottanta anime in ci [re] a catoliche, alle quali predicando redusse alcuni scismatici alla verit della cognition christiana. In q[ues]ta villa non vi a Chiesa, -se non una de'lii Scismatici. Dopo and nella villa di Ravno, nella quale truov trenta sei case de catolici, la quale villa ha due chiese una dedicata alla Nativit della Madonna gi tempo consecrata dalla B[eata] M [emoria] fra Bonifacio Vescovo di Stagno un descepolo in Parigi della Ffelice] M[emoria] Sisito Quinto, et legato di tutti li Regni di Turchia sotto F[elice] M[emoria] Gregorio Decimoterzo, un'altra Chiesa di S[an] Dimitri Martire, in q[ues]ta villa truov or[ator]e alcuni matrimonij prohibiti, quali disfece, et and alla villa di Vellameglia, nella quale trouv vinti otto case de catolici, et una Chiesa di S[an] Nicolo posseduta dalli scismatici, la quale ricuper, e con liti, e con denari, e la fece consecrare dal sud[ett]o Arciv[escov]o, in q[ues]ta villa vi sono in ci [re] a da cento e quarafnta] anime catoliche. De qui and nel contado del Nicolo Andriassi di molte ville, nelle quali vi sono da cento, e vinti case catoliche, e ducento e vinti anime in ci [re] a con due Chiese, una di S[an] Nicolo, e l'altra di S[an] Rocco; q[ues]to Conte stato sempre catolichissinio con tutta la sua casa, et defensore acerrimo della fede Catolica in quelle parti. Poi and d[ett]o or[ator]e nel contado di Trebinglia, nel quale ci sono da ottanta case, et anime catoliche in ci[rc]a da ducento e trenta, qui non vi era Chiesa di sorte alcuna, solo una funditus destrutta; la quale or[ator]e fabric di nuovo a fundamentis, e stava gi per finirla tutta, ma impedito dal Vescovo di Marcana non hebbe poter di finirla ponendoli nome S[anta] Maria di Piombo, la quale non dimeno incominci far miracoli, liberar indemoniati, et far altre gratie alii suoi devoti. Dopo and in Grataz sua patria, nella quale truov un prete amogiliato, qui genuit filios, et filiais, qual haveva havuto per un padre prete isimi>lin[en]te maritato, i quali s per ignoranza, come per malignit havevano fatti infiniti mali a quelle anime, che possono paragonare a quelle di Calvino, qual .prete l'or[ator]e suspese, priv a divinis, sebene perseguitaito da suoi fi'g[lio]li a morte; non truov la Chiesa di sorte alcuna per tutto ci, ch'erano molte ville, ma la messa diceva in casa, et per li campi con grande pregimi[iti]o, e dishonore 'di Dio, dove in d[ett]o Grataz fabric due Chiese, una dedicata alila Madonna dell'Assunta, l'altra a S[anta] Anna, in q[ues]to Graitaz ci sono passa cinquanta case de catolici, ararne in c[ir]ca ducento. >

34

35

Poi and nella villa di Vidogne, Kissev Do1!, et molte altre ville, nelle quali faibric una Chiesa di S[an] Giorgio, non vi essendo stato mai alcuno vestigio d'altre Chiese in quelle ville, nelle quali ci isono da quaranta case in c[ir]ca de catolici, d'anime in c[ir]ca cento, e settanta, nelle quali ville truov molte faftuchiarie, et matrimoni] prohJbiti, li quali col Divino favore tutti destrusse. Poi and a Chelmo, dove truov una Chiesa di S[an] Staffano con molte case de catolici, quai Chiesa restaur, et alle dette anime diede aiuto secondo il loro bisogno. Poi pass in un'altra villa nominata Dobrane con molte altre ville d'intorno da cento, e cinquanta case in c[ir]ca de catolici, passa app[ress]o quattrocento anime, quali non havevano Chiesa di sorte alcuna, dove [] li fabric una Chiesa bellissima a fundamemtis dedicata alla Nativit della Madonna. Poi pass Nerenta dove truov app[ress]o trecento case de catolici con una Chiesa sola di S[an] Steff ano anticam[en]te grandissima, della qua! Chiesa quel Vescovato ha havuto nome Steffanense, se ben anticam[en]te fu chiamato Mostarense, la quale per essere destrutta l'orfatorje oper, e la fece restaurare facendo pi piccola assai della prima, non havendo havuto modo di rintegrarla in tutto, e per tutto. In q[ues]ta Nerenta ci sono da duoi millia e cinquecento catolici in c[ir]ca con pochissimi religiosi, per mancamento delli quali molti traboccano nella scisma, et nel turcismo, solo che in q[ues]ti trentacinque anni sono stati aiutati dall'or[atar] e, et da un'altro frate di q[ua]ndo in q[ua]ndo non sempre. Poi se ne pass alla Citt di sud[ett]o Mestar, nel qua! ci sono tutti Turchi, e di fuora della d[ett]a Citt sono molte ville, nelle quali ci sono da cerato, e sessanta case de catolici in c[ir]ca con molte anime catoliche, senza alcuna Chiesa solo che per le case si dicono le messe, et si administrano li Sant[issi]mi Sacram[en]ti in luochi per benesti. In q[ues]ta sud[ett]a Diocesi vi sono dieci millia anime catoliche molto esauste del culto Divino, e delli religiosi, et tutto q[ues]to per non bavere Vescovo, et proprio Pastore; per i! che sud[ett]o or[ator]e gi vecchio d'anni ottanta app[ress]o prosuit anima[m] suam pr ovib[u]s suis, et se bene gi quasi increpito, haverebbe non di meno fatto mlto pi, q[ua]ndo non fosse stato impedito daU'inimico del genere humano. Poich il Vescovo di Mercana ardi mittere mainu[xn] in messeni aliena [m], intrudendosi con violenza usurpando tutte le diocesi del sud[ett]o Ducato di S[an] Sabba quello non fu mai nella giurisd[ition]e n di sua, n di suoi antecessori, et q[ues]to senza l'aut[ori]t della Sede Apostolica, et quod peius est, non uscendo mai fuori dalle parti di Ragusa, discacciando li frati di S[an] Fran[ces]co, quali hanno convertito sud[ett]e parti dopo cinquanta anni della morte di S[an] Fran[ces]co, che saranno da trecento, e cinquanta anni in c[ir]ca, sitando in governo sempre di quelle anime; perch venendo duoi frati di Sardegna andorno, e canvertirno dette parti predicando nelle diverse lingue, come face-

vano l'Apostoli, quali frati son sepolti nella Citt di Stagno in monasterio di Prati Minori, quali non si lasciano mai opur n vedere, et in luoco di d[ett]i frati ha posto un prete, che fu laico cuciniere di Sfain] Dom[eni]co, et Spogliato, et datoli ordini l'ha mandato alla cura -di dette anime, qual tanto dotto, che non sa dir la messa de'morti, n conoscer che cosa K tra li caratteri, dove solevano essere ipred[icato]iri insigni, et esso prete s' fatto medico, et lasciando l'anime va a medicare i Turchi dispensando in tutti li casi etiam Papali, et pur un'altro prete ha posto in sudfettjo Grataz simil a q[ueis]to. Per il che dette anime vanno traboccando nella scisma, et turcismo, et il d[ett]o Vescovo non stato mai a visitarli, n vedere, solo che una sol volta per cinqfue] giorni per dar colore, che sia andato e visto; non dimeno ha fatto q[ues]ta volta tali errori, che non so, come si soportaranno, atteso che ha assoluto dalla scomunica uno il quale cacci la propria e leg[itti]ma moglie, la quale si fece Turca, et poi pigli un'altra contro la Sfanta] Chiesa, et dalli Monaci Scismatici li fu celebrato matrimonio in facia Eccflesia]e; per il che sud[ett]o or[ator]e dichiar detto contrahente per scomunicato, et cos ancora alcuni Christiani, quali havevano condotto in Turchia alcuni gioveni, e giovane del Stato di Ragusa, et vendutili alii Turchi per Schiavi, quali tutti furono scomunicati dal sud[ettjo orfatorje sino alla condegna satisfatt[ion]e; et dal d[ett]o Vescovo sono stati assoluti, et quello di duo moglie ratificato il matrimonio come ben fatto, et ammesso l'altri alii Sant[issi]mi Sacramfenjti, et q[ues]to a fine, che lo mantengono, e defendono per loro Vescovo, lasciando l'anime, che attengono alla sua giurisd[ition]e, che sono tre miglia lontane dalla sua casa, e per essere nel Stato de Turchi mai andato n vederli, n darli rimedij della loro salute, et gi tutti sono cascati nella scisma, e turcismo, che delle vintisette case non vi sono altre se non quattro, o cinq[ue] malam[en]te christiane, et quello peggio va mettendo in zelosia li Principi, e Sfignojri Christiani, delli quali si tace il nome per l'honest, acci non venga prop[rio] Vescovo in quella Provincia, n religiosi, mettendoli mille cavilationi in testa oppugnando tacitam[en]te la libert ecclesiastica, non facendo frutto n esso, n due ignoranti preti, n potendolo fare: perch se sentono, o vedono qualche Turco fuggono nel lontanissimo, vident lupufm] veniente[m], et ipsi artripiunt fuga[m]. Per tanto, et per debito della oonscienza dell'or[ator]e, et della parte di tutti quei popoli, quali l'hanno spento venir in qua sotto la sua decrepita et supp[li]ca Vfostre] S[igno]rie ril[ustrissi]me, et Reverendissime a volersi degnare dare opportuno remedio a tanti mali, che sono successi, e succedono, et o chiamare d[ett]o Vesc[ov]o a Roma, o commettere in particolare all'Arcivescovo] di Ragusa per informat[ion]e sopra q[ues}te cose sudfett]e, quando pur non volessero pren[der] piena fede all'or [ator]e, et conceder a quella Diocesi lor necessario Vescovo, e Pastore, qual Marnano infinitam[en]te, et sino q[ues]ta hora, pensavano havere la persona del Mons[ignor] Vescovo di Scutari, secondo

36

37

che stato decretato da Sua Santit, et dalla Sacra Congregat[ion]e de Propaganda, 'tanto pi che il d[ett]o Vescovo molti armi stato in quelle parti di Turchia, et di d[ett]a Diocesi a 'far infiniti frutti qui non conosciuti, et dalla detta Diocesi infinitaim[en]te desiderato, e bramato per la singolar bont, vita, e dottrina, e prediche sue, et all'or [ator] e conceder per loro smisurata bont f acuit di ritornar in quella Diocesi a finir la sud[ett]a Chiesa, et fabricar due altre, per le quali gi la matteria] preparata con darli titulo del Vicario G[e]n[er]ale di quella Diocesi, sino ala venuta del suo Vescovo, che altro non brama or [ator] e, che spender il restante della sua vita in servitio di Dio, et della sua Santa Chiesa, tanto pi che molto stimato non solo dalli oatolici, ma etiam da tutti li Turchi, e Scismatici per i singolari benefici], e doni c'hanno ricevuto dalla Maest Divina per mezzo dell'indegno or[ator]e, che qui non necess[ario] particularizare, perch son scritti tutti app[ress]o la Maest di Dio, et ricevendo q[ues]ta graftia] non mancare con tutti quei popoli di pregare Iddio per compita felicit di V[ostre] S[igno]rie Ill[ustriissi]me, et R[everendissi]me. Quas Deus.
SOCG, voi. 262, f. 189r192v.

da y . , o . A Monsfignor] Arcivescovo di Zara partita cosa straordinaria, che in Dalmatia si trovi quella Chiesa di S[an]ta Veneranda con Monaci Greci dependenti dal Patriarca di Oostantinopoli, e che nella medesima Chiesa, che s'offitia da Scismatici, vi sia un Altare per li Latini. La Sacra Congfregationje volendo far qualche previsione, desidera, che Vfostra] S[ignona] dia pi distinta iinformatione di d[ett]a Chiesa, e Monaci, cio se siano di S[an] Basi'lio, e come venga provista quella Chiesa di essi, e se nell'Altare latino vi si celebra da Preti latini, perch se le dar poi intorno a ci qualche pi preciso ordine. E p[er] fine. Roma li 5. Marzo 1625.
>
Lettere, voi. 4, f. 38rv.

19
, 13. I 1625. o . . . Visitai la Chiesa di Sanit Veneranda in un'angolo dela predetta Citt di Lesina, tenuta da due Monaci Greci, dipendenti dal Patriarca di Constantinopoli, che officiano alla Greca, dal superiore de quali fui ammesso alla Visita del Santissimo Sacramento conservato secondo il loro rito, et in essa Chiesa si conserva un'altare del rito latino assai ben tenuto. [...] Dall'Isola della Brazza nella Villa di Scrip, li 13 di Gennaro 1625. Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi}ma e Reverendissima Humilis[sim]o et Devot[issim]o iS[ervito]re Ottaviano Arciv[esoov]o di Zara.
Visite e Collegi, voi. 3, f. 183v.

20

, 15. II 1625. . , , , ". Budua haverbbe bisogno, che gli fusse restituito il Vesc[ovo], che non molto tempo, che l'havea, quale con quello, che offeriscono li poveri habitanti app[ress]o raasignam[en]to, che costuma dare cotesta Sacfra] Congreg[atio]ne alii Vescovi in partibus infedelium riuscirebbe instrum[en]to utiliss[im]o per la conversione delli Scismatici, per non dir heretici Serviani, che in quel Paese sono moltissimi, et potentissimi. In tanto sarebbe necessario], che |i Prelati delle predette tre Chiese [di Antivari, Budua e Cattare] navessero facolt di dispensare, che li Cattolici potessero maritar le figliole loro con detti Serviani, che de facto le pigliano per moglie, per la loro potenza, il che tanto pi si Coverebbe conceder,
..

38

Alla S[amti]t di N[os<t]ro S[igno]re Beatissimo P[ad]re

39

quanto che le figliole Catholicne vengono permesse a viver Catholicam[en]te [. . .] Di Sibenico li 15 febfbraio] 1625. Di Vfostra] Signoria] m[ol]to Ill[ust]re Oblig[atissi]mo Serv[ito]re Gioanni Tonico. Visite e Collegi, voi. 3, f. 5r.

21

16. II 1625.
o . . . , 80 . Eadem die decima sexta, qua supra immediate accessit ad Ecclesiam Saneti J/uliani, in qua est Sacellum Graecorum cum venerabili imagine Genitricis Dei Mariae, quae ex Nauplio, sive Napoli de Romania delata fuit anite octuaginta annos. Et facta eiusdem Ecolesiae Visitfatijne Praesbyter Graecus, qui inib degit, et curanti eiusdem Eoclesiae habet, obedientiam D [omino] Visitatori exhi-buit, coram quo Primatum Romani Ponti'fici professus est. Visite e Collegi, voi. 2, p. 1182.

Porfirio Palleologo Patriarca de p[ri]ima Giustiniana, servo devotissimo de V[ostra] B[eatitudi]<ne, essendosi partito da Roma, con Geremia Arcivescovo di Durazzo, per proseguir l'andata sua, al Patriarcato, stato necessitato trattenersi in viaggio, per il male della Gotta che grandemente l'ha travagliato, et per questa causa ha tardato a scrivere a V[ostra] Beatitudine]. Hora le da aviso haver trovato un' suo Parente, che dalla Patria lo veniva incontrando, et gli port nova da parte de suoi Vescovi et Arcivescovi, che non dovesse tornare alla residenza perch era molto forte minatiato per il debito de 40 m [ila] scudi che li suoi antecessori hanno 'lasciato; Li port anco nova de molti ribeloni che sussitano tra Turchi, li qfujali travag[lia]no molto li Cristiani, di q[u]llli paesi, et hanno cagionato la preggionia, de quatro de suoi Vescovi, per su&petto per queste cause non sapendo che partito prendere, essendosi gi partito da Roma, dove haveiria sper[a]to qualche aiuto da V[ostra] Beatitudine]; e per, arrivato a Mantova, et da q[u]ella Altezza, stato invitato, a trattenersi nella sua Citt che li provederebbe d'una Chiesa, da officiare conforme il suo rito, et che sarebbe bene trattato; Non li parso honesto, accettare l'invito, senza espressa licenza di Vfostra] B[eatitudine] alla q[u]ale intende fermam[en]te volere ubbedire, et perci la supp[li]ca con ogni riverenza, volerli far gratia, di notifficarli la sua volont che se ci sar in gusto di V[ostra] B[ea;titudine] accettare la buont et favore de questo Prencipe, et finir la sua Vitta in Cristianit, et sotto la sicura ombra de V[os*ra] B[eatitudine] alla q[u]ale con ogni riverenza li baccia li S[aritissi]mi Piedi. Mantova li feb[bra]io 1625 i i Di V[ostra] B[eatitudi]ne Humilissimo et Devotissimo Servo di V[ostra] B[eatitudi]ne Porfirio Paleologo O -, . - :

22

SOCG, voi. 358, f. 72r, 75v.

, II 1625. , ". , , . , ( 40.000 ). . , . da . Lecta die 21 feb[ruarii] 1625. Fuit remissufm] hoc neg[oti]u[ni] ad S[anc]tu[m] Off[ciu]m. SOCG, voi. 358, f. 75v.

40

24 10. IV 1625

41

23 22. III 1625.

ri:

, . , ". Relat[ion]e della Bulgaria Ill[<ustrissi]!mi et R[everendissi]mi S[ignori] Fra Timoteo Canali lda Ragusa Lettore dell'ordine di Predicatori espone alle S[igno]rie [Vostre] Ill[ustrissi]me et R[everendissi]me come del mese di Maggio del 1623 and in Turchia, cio in Constantinopoli con li Ambasc[iato]ri di Ragusa, col condotto, da essi S [ignori] dimor sette mesi, et in questo tempo sempfre] ha cercato di convertke qua! [che] Scismatico o Hebreo alla Santa Fede Catolica, per mezzo della parola di Dio, et con l'aiuto del Sig[no]re ha coinvertito un Hebreo, et un Turcho a pia] fede, et instruttoli nelli misteri] della fede gl'h lasciato nel medesimo luogho per non haver havuto comodit di condurli nella Christianit. Partito da Constaritinopoli, and in Sophia, over' Sardicha nella Regione di Bulgaria o vero Rumelia; dov' stato un'anno, et ha predicato una quad [resi] ina et per annu[um], tanto a quelli pochi Catolici, che ivi tra li Turchi dimorano, quanto alii Scismatici, Greci et Hebrei delli quali Giudei, ha convertito due, et delli Scismatici Serviani molti, et perch fu fatta una Scomunicha da Vladicha, cio il Vescovo delli Bulgari Scismatici, per a quelli, che venivano alla predicha, per questo cessorno di venire et frequentare la Santa predicatione, et per questa Causa hebbi molte persecutioni dalli Turchi, Subornati dalli Scismatici con li danari, et altri modi indebiti contro dell'oratore. Essendo p[oi] venuto il novo Vescovo di Sardicha ch' un P[ad]re di S[an] Fran[ces]co il detto fra Timoteo s' partito da Sardicha, et venuto a Roma per pigliar il S[an]to Giubileo, con animo di ritornare, non in Sophia, ma in Procupie, nella Provincia di Servia, che confina con il Regno di Albania, essendo stata grandem[en]te pregato da quelli Ghristiani, che abitano in d fetta] Cita tra li Turchi con speranza di far' qualche bene con l'agiuto del [Dio] in quelli popoli di Albania, et di tutto questo narrato, sono testi[moni] li padri che abitano in Constantinopoli, et li Ambasc[iato]ri di Ragusa [...] quali tiene fede in buona forma et Mercanti par Ragusei e [he] stano in Turchia.
SOCG, voi. 262, f. 305r, 306v.

o . Die decima eiusdem mensis Aprilis 1625. Idem ril[ustrissi]mus D[ominus] Visitator Apostolicus ad Thebyseni aed'iculam dicatam, et a Graecanica natione militiam Jadrae exercente instabili sede inorante orientali ri'tu cultam accessit, qua visitata. Graecus Sacerdos, qui inib degit, illusqfue] Ecclesiae curam habet eidem D [omino] Visitatori tanquam Delegato Apostolico omnia obsequia, obedientiamq[ue] praestitit, atq[ue] exhilbuit, coram quo Prknatum Romani Pontificis profesisus est.
Visite e Collegi, voi. 2, p. 1426.

25
, 15. IV 1625. o , . . 60 , 50 eepy u , 200 190 . . . . Illtuistrissijmo e R[everenddiSBi]imo S[iginor] mio e p[ad]rone Col[endissi]mo In Venetia risiede da gran tempo in qua l'Arcivescovo di Filadelfia dependente dal Patriarca di Costantkiopoli, qua! ha cura nello spirituale de tutti i Greci, ch'habitano in Venetia, e per tutta ia Dalmatia sottoposto al Dominio Veneto, e per agiuto del suo vivere gli viene somministrata certa provisione deirEcc[ellentiBisi]mo Senato. Quest'Arcivescovo deputa gli Sacerdoti del rito Greco per le Chiese di Dalmatia, nella qual'hanno tre Chiese una in Liesena, in Sebenioo, e l'altra in Zara, ch'hanno cura dell'anime delli

42

43

loro Greci, ma nofin] possono per n insegnare, n predicare nel loro Rito, venendo isemplecemente tolerati per la cura delli suoi, e nofn] so'lo non perturbano il rito latino, ma pi tosto delle loro famiglie si riducono al nostro, coni' succeduto in Sebenico che di 60 famiglie del rito greco pi di 50 sono redotte al rito Romano tra quali ve ne sono alcune congiontissime di sangue del loro Sacerdote, e d'i 200 famiglie dell'istesso rito, ch'erano in Zara al p[rese]nte sono poco pi di diece, essendo tutto il resto come m'ha esposto il loro Sacerdote residente qui in Zara. Ho visitato tutte tre p>red[ett]e Chiese nelle quali sono stato ricevuto con ogn'honore, e riverenza, et havendo conosciuto, che gli Sacerdoti d'esse nofn] eccedono gli loro termini; non gli ho fatto provis[io]ine veruna. Nella Chiesa di Santa Veneranda in Liesina tenuta d'un Sacerdote greco v' un Altare secondo il rito Romano, e sopra d'esso si celebra da Sacerdoti latini, l'introduttione del qual non ho potuto ritrovare da dove venghi sicuram[en)te, ma mi si dice, ch'essendo stata edificata d[ett]a Chiesa dalli Greci, che navigano sopra gli Vascelli Veneti gli padroni delli Vascelli, e Sopracoimiti, come Latini co volsero un'Altare del Rito loro, et il moderno Vescovo, ch'ha governato la Chiesa di Liesina asserisce, ch'in 40 anni ha sempre veduto, e tolerato il detto Altare, et uso Latino in d[ett]a Chiesa, et la verit che gli Naviganti di questi mari hanno gran devotione alla detta Santa, nella cui Chiesa vi sono appese delle galere in piccola forma per Voti, i quali nofn] possono esser stati fatti da altri, che da Sfignori] Venetiani; poich da loro soli in questi mari vengono commandati simili Vascelli, sopra le quali cose esseguir tutto quello che da Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma e dalla Sacra Congregfatiojne mi sar commandato. Con la prima occ[asio]ne mandare la relatione di Sebenico, Zara, e Nona gi visitate. Et a Vfostra] Sfignoria] faccio huml!issfim]a rivferen]za. Di Zara a XV. Aprile 1625. Di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma et R [everendissi] ma Humilisfsimjo et Devotfissimjo S[ervito]re Ottaviano Arcivescovo] di Zara.
Visite e Collegi, voi. 3, f. 14rv, 20v.

per Vfostra] Sfignoria] con destrezza, e prudenza vedr di levar l'abuso dell'Altare latino, che ha ritrovato in Santa Veneranda di Liesina, e per la medesima causa, ha fatto bene a non ordinar cosa alcuna nella Visita delle tre Chiese Greche, che significa, anzi sarebbe stato meglio, ch'ella non l'havesse visitate. Con che pfer] fine. Roma li 31 Maggio 1625.
Lettere, voi. 4, f. 81v; Visite e Collegi, voi. 3, f. 20v.

26

2. V 1625.
nany da ce (170 ), (80 ). , . Ha . ili Beatiissimo Padre Nella mia Diocesi si ritrovano tre Ville, che fanno 250 Case, di quale sono 80 del rito Greco scismatico, quali hanno preti del proprio luoco, ima li Romani non havendolo, n potendo soministrarli le spese necessarie si p[ro]cura di raccomandarli alii Rfeveren]di Padri di Sfan] Fran[ces]co di minor osservanza, che ivi alquanto lontano hanno il loro monasteri., con doi Sacerdoti, ne restano di far quella carit, che possono, ma pfer]che sono lontani, et nofn] sempre si ritrovano al convento, in casi di necessit detti Cathoici ricorono pfer] li Sacramfenjti dalli preti scismatici, con che occasione lassa q[ue]lla casa il rito Romano, pfer] toglier neravenire tal inconvenienti havendo io nella Diocesi altra cura, che competentemfenfte potala sostentar doi Sacerdoti, con quel poco, che si cavaria dalli Catholici habitanti tra scismatici predetti, si supplica V[ost]ra Beatitud[i]ne atesa la penuria di preti secolari mi conceda licenza potermi valer in detto servitio di Padri Regolari di minor osservanza di San Fran[ces]co con far che ugualm[en]te participano di fratti, et utili di dette cure dovendo cadauno d'essi reseder nella sua parochia. i m SOCG, voi. 385, f. 168r, 171v. , , 35. , 2. V 1625, -

. . A Mornsfignor] Arcivescovo di Zara Non essendo al presente lo Scisma de'Greci senza molte eresie, non si pu dalli Latini in alcuna maniera celebrare nelle loro Chiese,

44

45

. Instante Ep[iscop]o Caitharensi ob Sacerdotum pemuriam pr facilitate praeficiendi duos Fr[atr]es Minores de Observantia duabus Parochijs suae Dioecesis, eisqfue] assignandi ad eorum sustentationem redditus uni-us ex dictiis Parochijs ascendentes ad Sciita octaginta. Sacfra] Gongfregatio], S[anctissi]mo Dfomino] N [ostri] bante, mandavit G[e]n[er]ali Mmorurn de Observ[anti]a, ut Oratori assignet duos Fr[atr]es Linguam Illyricam callentes morum, honestati, doctrina et convenandi periitia probatos, ut possint ab eodem Or[ator]i cura supradicta provisione dictis Parochijs praefici non obstantibu'S constitutionibus Apostfolicis], et alijs quifouseuinqfue] i/n contrarii! [ni] facientibus.
Acta, voi. 3, f. 217rv, N. 6.

28

, 26. VI 1625. ULTO . , , o . Ill[ustrissi]mo e R[everendissi]mo Sfignor] mio e p[ad]rone Col [endissijmo Intanto ho visitato le tre chiese de Greci, in q[ua]nto ch'ho ritrovato nella Visita deiriill[ustrissi]mo S[ignor] Cardinal Valier buofna] memforia], che furono visitate anco da S[ua] Sfignoria] Ill[ustrisBi]ma, anzi essamin i sacerdoti greci sopra i loro riti, il che non ho vuoluto far'io, ma solo ho vuoluto sapere se stavano dentro delli te^rmini della toleranza per mantener' questa auttorit di non lasciare eccedere, et se a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, et al'la Sacra Congregatione parer, ch'io levi dagl'atti della Visita le predette funtioni, lo far pontualmente. Mans[ignor] Vesc[ov]o di Liesina si trova qua in Zara mi dice d'haver sempre nella sua Visita Diocesana visitato anco quella Chiesa p[er] mantenere la superiorit, e ch'il levar l'Altare latino della Chiesa di Santa Veneranda del rito greco della sua Citt, causarla gran'commutione; non restar per questo d'andar procurando modo perch sortiscili la resolut[ion]e di Vfostra] Sfignoria] Illfustriissd]ma, e della Sacra Congregatione. Mentre p[er] fine le facio humilissima riverenza. Di Zara a 26. Giugfno] 1625. Di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma e R[everendissi]ma Hu'milB[sini]o et Devot[iissim]o S[ervito]re Ottaviano Arcivescovo] di Zara.
Visite e Collegi, voi. 3, f. 46r, 55v.

27,

15. V 1625.

Ha (, , ) 500 . . 430 , . nany da . Beatissimo Padre Nella Diocesi di Cattare nella terra di Risano, Morigino, Glogovaz, et altre Ville circonvicine occupate in temperai della Tiranide dell'Turco, oltre li Maio/metani, et Greci, vi sono da cinque cento incirca del rito Catholdco, a quali senza ricever altro da essi, administrava li Sacram[en]ti Don Thimoteo Cisilla Abbate della Congregation Meitense, intertenendosi a PeraSto con viver dell' elemosine delle messe, et aiuto del fratel Parocho di detto loco, terra vicina Risano nel Saccho della qual fatto da Turchi l'anno passato fra quatrocento, e trenta schiavi fu preso anco detto Don Timoteo, da che detti Catholici restano privi del Sacerdote, che gli administri li Sacram[en]'ti, et p[er] povert non possono provedersi, p[er]ci si supplica V[ost]ra Beait[itudi]ne trovar modo di consolarli spiritualm[en]te con prevederli di Sacerdtfte, il tutto riceveranno dalla Singolarissima gratta di V[oist]ra Santit, quam Deus.
SOCG, voi. 385, f. 113r, 118v.

da da o npaeo , , . , . . A Monsfignor] Arcivescovo di Zara Non occorrer, che V[ostra] Signoria] levi gli atti della Visita de'Greci dagli altri, perch N[ost]iro Sigtnojre, e ila Sac[ra] Cong[re-

46

47

gation]e de Propag[an]da fide hanno ammesa la scusa da lei apportata, massimamente, che non passata pi oltre, ch' saper, se li detti Greci trasgrediscono li termini della tolleranza, se ben credono, che si fosse potuto ci sapere per alltra strada, che con entrar'a visitare le loro Chiese, poich dipendendo essi dal Patriarca di Costantinopoli sono in effetto Scismatici, Heretici, con li quali non s'h da bavere communicatione, massimamente m spi>ritualib[us]. E con questo fondamento si prohibisce quel Aitar latino nella Chiesa di S[an]ta Veneranda, del quale s'aspetta d'intendere quello, che sia seguito, confidando grandemente la Cong[regation]e nella destrezza di Vfos'tara] Signoria], la quale senza tumulto havr esseguita, o fatta esseguir la mente di essa Cong[regation]e. Potr communicar' a Monisfignor] Vescovo di Liesina questa l[tte]ra; accoche sappia, ch'il fondamento di conservar l'auttorit sopra li Greci non sodo, perch con queste Visite si communica con Scismatici, Eretici in spiritualibus contro la dispositene de' Sacri Canoni. E p[er] fine. Roma li 26. Luglio 1625.
Lettere, voi. 4, f. 121r; Visite e Collegi, voi. 3, f. 55v.

30

, 10. VIII 1625. . . . ibi S[igno]r Card[inal]e Ludovisij Iillfustrissijrno e Reverendissimo S[igno]re mio p[ad]rone Col[endissi]mo Ho dato ordine ad un cantoni]co di Liesina huomo m[ol]to da bene, e di credito in quelle parti, che con l'aut[ori]t mia prohibischi l'aitar latino nella Chiesa di Santa Veneranda de Greci, avvertendolo, che usi ogni destrezza, acci non segua tumulto. Ho communicato la Ifettejra con Monsfignor] di Liesina q[ua]le reputa il neg[oti]o per difficiliss[im]o. S' per offerto di coaggiuvare, et di quanto seguir ne dar particolar conto. Et a Vfostra] Sfignoria] in[ustrissi]nia faccio humil[issi]ma riv[eren]za. Di Zara 10 Agosto 1625 Di Vfostra] Sfignoria] Illfustrissijma et Rev[erendisei]ma Humilis[sim]o et oblig[atissi]mo S fervi to] re Ottavi-ano Arciv[escov]o di Zara. 'i .. Visite e Collegi, voi. 3, f. 275r.

29
i

27. VI 1625.
. S[an] Salvatore, e S[anta] Veneranda], e Sjan] Alesandro sul monte di Velia Scandagne Parochia grande adesso da frati occupate sol con braccio Turchesco p[er] li benefitij e molini. S[an] Blasio de Solomundi S[an) Dimitrio di Barda Vechia SJan] Alessio di Bodiana S[an] Giorgio di Cucuia S fan] Salvatore di Rebico. Fu Badia a tempi antichi come da questa inscrittione appare, che si vede sopra la porta della Chiesa di sotto, che dice cosi: Anno D[omi]ini Jesu Christi 1267. Inditione nona, residente in S[anc]ta et Ap[osto]lica Sede n[ost]ro Imperat[or]e Oostantinopoli Michaele Paleologo; Captar Ban Cimbri 1. Andreas urana veniens destruxit istam Ecclesiafm], Rex Mamfredo domsnavit Dirachiu[im] (cos dice) Rex Serviae Rosius.
[...1
Visite e Collegi, voi. 3, f. 430r.

31

, 17. Vili 1625. , , , . ^ " . ", .

48

49

Ill['UsferBBi]mo e R[everendissi]mo Sigino]re e P[ad]rone mio ool[endissi]!mo Nella Provincia di Paistrovich diocese di Buidua quasi tutti sono Serviani eccetto alcuni pochi ridotti al rito Romano p[er] opera d''Uin P[ad]re Zoccolante, che vi ha edificato un'hoapitiJo; L'altro giorno mi fu deinontiato che un Frate dell'istesso ordine nel predicare in quel paese affirmasse ch'ogn'uno si pu salvare nella sua fede con grandissimo pregiuditio di qoieffi, che stavano pensando di ridursi alla vera via, ho dato commiss[io]ne al Vesc[ov]o di Budua, che ne pigli informa'tione secondo le regole dedl'Inquiisitione, e procuro di far'venire a Zara il Frate, che ha predicato, qua! si trova fuori della Provncia di Damatia p[er] potermi assicurare della persona, quando ricercasse cos la gdustitia, e del ne dar particolar conto. Et a V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma faccio humiliss[im]a riv[eren]za. Di Zara 17. Agosto 1625. Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma R [everendissijma Humiliss[im]o et Oblig[atissi]mo Serv[itor]e Ottaviano Arciv[escov]o di Zara.
Visite e Collegi, voi. 3, f. 86r.

Ill[ustriissi]mo et Reverendissimo Sigfnor] mio e p[ad]rone Dar conto alla Sacra Congregatione del Santo Ufficio di quanto si operare nella causa di quel ch'ha predicato nella Provincia di Pastrovich, et essendo venuto a Zara quel tale, mi sono assicurato della persona, il che tutto anco lo far registrare negl'atti della Visita. E per fin' V[ostra] Signoria] Il![ustrissi]ma faccio humilissima riv[eren]za. Di Zara 5. Ottobre 1625. Di Vfoisitra] Signoria] Ill[ustrissi]ma et R [e verendissi]ima Humdlis[sim]o et Obligfatissijmo S[ervito]re Ottaviano Arcivescovo] di Zara.
Visite e Collegi, voi. 3, f. 73r, 74v.

e
33

29. X 1625.

. La l[ette]ra di S[ignoria] S[ua] che tratta del Frate Minor Osservante, che in Pastrovieh pfrejdica ch'ogn'uno si pu salvar nella sua fede stata rimessa al S[an]to Off[ici]o, perci potr scrivere p[er] l'avvenire q[ue]!lo gl'occorrer in q[ue]sto p[ro]posito a q[ue]lla Cong[regation]e, non lasciando per di registrarlo nella Visita, acci s'habbia poi ogni cosa insieme.
Visite e Collegi, voi. 3, f. 81v.

( ) . , 2.350, a 1.080 . Nota dell'Anime de Catt[oli]ci e Scismatici sotto notate, che sono in tutto 3.430. Numero dell'Anime Catholiche, che hanno in Custodia li Frati delli Minori Oss[ervan]ti al Scoglio della Madonna del Golfo de Cataro. 1) In prima nella Villa dell'Astra sono ducente, et cinquanta m circa. 2) Nella Villa di Barda sono circa ottanta. 3) Neffi Villaggi di Lustizza sono tra li Scismatici de Catholici saranno n[umer]o doicento cinquanta passa, et Scismatici saranno passa mille, tra grandi e piccoli. 4) A Cartolio saranno circa cento Anime de Catholici, et bcismatici saranno passa d-ucento. 5) Castel nuovo Citt del Turco ci sono circa cinquanta Anime de CathoJici. 6) A Risano Terra del Turco ci sono passa cento Anime de Catholici.

32
, 5. X 1625. o . .

50

51

7) A Bianca Villaggi del Turco saranno cinquanta Anime de Cattolici, et Scismatici saranno passa mille. 8) Paotrvic Villaggio de Venetiain saranno cento et passa A[n]i[m]e de Cattolici. 9) A Suz Villaggio del Turco saranno passa cento Anime. 10) A S'usania saranno passa ducente, et cinquanta Anime de Cattolici. Et queste Anime tutte parlano in Schiavo, e li piace tanto a Cattolici come Scismatici sentir pregar Dio in Schiavo, et stanno con gran devotione a sentir la messa, et il Batesinno, et altri Ufficij in linguaggio loro. Cattolici n[uimer]o 1.080 Scismatici n[umer]o 2.350
SOCG, voi. 385, f. 499r.

34
, 1. XI 1625. o od . . , : 1) nume da 2) da ce y . I'll[ustrissi]me et Reverendissime Princeps D[omi]ne mihi Col[endissi]me Albertus Pesler Praepositus in Ruedolfsberth Dioecesis Aquiliensis; humiliter exponit D[ommationi] V [estrae] Il[ustrissi]mae, et R[everendiissi]:mae, et modum proponi t iuvandi Ducatum Carnioae qui Ducatus cum sit sub protectione D[ominationis] V [estrae] Ill[ustrissi]mae; pr zelo, quem habet iuvandi Animas Christi sanguine redemptas; rogat; quatenus interposita sua Authoritate; dignetur proponere; media Me insinuata Saorae Congregationi de propaganda fide. In ducatu Carniolae penes Ruedollfsberth; ubi praefatus Praepositus resictet; 'sunt multa millia Uschocorum; qui ante sexaginta annos fugientes Turcicani tyrannideni; colonias integras transtulerunt et montes Pletriacos, duobus millarifous dissitos a Rudolfs-

berth, tunc incultos; ceperunt inhabitare. Hi Uschoci, non dfferunt a fide orthodoxa nostra; misi schismate graeco. Subd'itd sunt Augfustissi]mo Imperatori; iis ei>s Caipitaneuim praeponit; qui 'modo est Dfomdnuis] Hernestus Paraidaiser. Ordinarium niulum agnos'cunt, et licet de iure vicdnatis, spectairenit ad dioecesim Aquilienseni; quia tamen Uschoci, nomen Venetum, plusquam Vatiniano odio prosecuintur; nunquam Patriarcham agnoverunt pr Ordinario; confugiunt ad eos Sacerdotes scandalosi et eiecti ex dioecesi patriarchali; qui plerumq[ue] Schismaticos se profitentur; ut ab Uschocis, in Pastores, ne ddcam Lupos, assumantur. In eodem ducatu, sunt fer omnes sacerdotes; qui a'bsqfue] approbatione Ordinarii; exerceint curam animarum hanc curam silbi per Epicheiam errogairunt; tum quia ob invidum ipsis, et odiosum nomen Venetum; Ordmarium, accedere nolunt: tum ob loci distantiam, quae ad ducenta milliaria se extenditrtunc quia semper: vel proper bellum: vel propter pestem; non patet ex lio Ducatu, aditus ad Ventos; ubi residet Patriarcha, et quia nullus Vicarius foraneus: vel Comissarius hactenus constitutus est a Patriarcha; Clerus licentiose vivens; populum tara haereticum; quam Catholicum scandalizat potius, quam aedificat, hmc fit ut res Catholica in dies pessum eat; et nulla fiat haereticorfum] quesitio. Modus iuvandi hic esset. Primo. Si Sacra Congregatio, ad propagandam fidem; requiret Augustissimum Caesarem; ut eiectis Schismaticis Sacerdotbus; danst Catholicos; qui Uschocos ad fidem Catholicam reducerent. Secondo, si idem imperaret suo Capitaneo; quatenus is, omnes Sacerdotes transfugas, capi mandar et, eosq[ue] Judici Ecclesiatico traderet, nani ubi Uschoci, suis Schismaticis essent spoliat; facile ad Catholicam fidem, redfucerentur. Secundo. Patriarchae, soliti sunt; Praepositum in Ruedolfsberth constituere Vicarium foraneum et Comniissariurn suuni; in partibus Imperialibus; is delegata, sibi ab Ordinario iurisdictione; populos illos, et Clerum, regere solebat; qui et iscripto, et persolanaliter, quotannis; referebat Patriarchae, statam illius provinciae; et continendo in disciplina Clerum; subditi magnos progressus in fide catholica faciebant. Sic Franciscus Barbarus constituerat, Polidorum suum Commissarium, et Archidiaconum Archidiaconorum, et Vicarium Foraneum; qui per 30 Annos rexit Praepos>ituram in Ruedolfsberth. Hinc Polidoro defuncto; Hermolaus Barbarus Patriarcha; substituit Marcum Cunium itideni Praepositum Ruedollfsbertensem. Ubi vero modernus Patriarcha Antonius Grimanus, successisset; et difficultates in Curia Romana, de patriarchatu, fuissent propositae; vacavit illa Vicarij foranei delegat'io; iam per annoe tres. Soliti sunt Patriarchae substituere Praepositum in Ruedolfsberth, tum quia, is habet seesionem, et vocerei in Conimi tijs provincialibus: tum quia, prima est dignitas; quam habet Patriarcha, inter saeculares in provinci js knperialibus: tum quia Praepositura in Ruedolfsberth, est in nieditullio dioecesis patriarchalis; et proinde comimoda pr huiusmodi delegatione. Quare ad iuvaindas aninias illas; Sacra Congregatio, posset moderno Pa-

52

53

triarchae scribere; quatenus ad propagandam fidem; substitueret praesentem Praeposituni, Vicariimi Foraneum et Commiissarium; dando ipsi potestatem deigatam, et a se dependentam, super omnem Cleruxn, et populum; cum facilitate admittendi Clerum ad curam Animairum; et reducendi ad Or dinari j obedientiaim Uschocos; de qubus [...] Que res, ouim non isit praeiudiciaria ipsi Ordinario, nec eius Cancellariae, ob difficultates tactas superius; omnino necesse est; vai Patriarcha per personam doctam exemplarem, et Caesari Choram, iuvet animas illas, pastore destitutas. Quod eo libentis ipse Patriarcha, faciet; quia substitutus; iipsi quotannis, tanquam Ordinario, referet statura diocesis. Quam Deus.
SOCG, voi. 219, f. 200r202v.

Uschocos a Schisniaite ad unioinem, et obedientiam Romanae Ecc [lesi] ae reducant. 2. quoad petitioinem propositi RuedolMertieins^ cupientis sibi concedi auctoritatem Vicarij f orane j, et Commissarii sup[ra] d[ict]os Uschocos a Patriarca Aquileiensi, Sacfra] Cong[regatio] ussit or[ator]em adire Congireg[aitio]nem pr negotijs Patriairchatus Aquileiensiis peculiariter institutam.
Acta, voi. 4, f. 15v, N. 8; Joannes Sirmak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 43

, od da . , a . A Monsfignor] Nuntio in Germania Mando a V[ostra] Signoria] l'incluso mamoriale intorno al popolo di Montefeltrio di Croatia, accdoche tratti coirimp[erato]re, e procura con il braccio, et aiuto di Sua M[aes]t Cesarea di far visitar' il d[ett]o popolo da persona idonea, e di lingua Illirica, la quale trovando esser vero, che alla cura di quello siano stati mandati dal Patriarca di Costantinopoli Parrochi Greci, dovr ordinar, che subito siano cacciati, et in luogo loro postivi de Curati Catoliei. Della Visita V[ostra] Signoria] mander a suo tempo copia alla S[acra] Cong[regatio]ne. E p[er] fine. Roma il pfrmoj 9tbre 1625.
Lettere, voi. 4, I. 177v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 37.

, 10. XII 1625.

^ o . "20.000 . , [ ] ". ", . . , . Ha . Ill[ustrssi]nio e R[everandissi]ino Sig[nor] mio Sig[no]re et p [adjrane Col [endissi]mo L'informat[io]ne che Vfostra] Sfignoria] Ill[ustris!si]ma desidera da me sopra la l[ette]ira ricevuta dalla Sac[ra] Cong[regatio]ne di Propaganda Fide p[er] il memoriale esilbitoli nel partficolajre di quei popoli fuggiti dalli Paesi del Turco, et ricovrati nelli Stati della M[aes]t dell'Imp[erato]re sar che sormontano di gran lunga il n[umer]o di 20.000, et sono dispersi nelle Prov[inci]e di Croatia e Sclavonda tra li Confini di Ivanic, e Coprainiza, et passano p[er] tutta la Turcopoglia, et Metlica distendendosi sino a Carlostott, et pi oltre; Questi scino Valacchi, et Morlacchi, et vivono col ritto Greco, tenendo anco Sacerdoti dell'istesso ritto, gente molto superstitiosa, ma p[er] q[ua]nto io ho esperimentato assai docile, p[er] il che stimo, che con non molta difficolt, q[ua]ndo s'abbracci con spirito il neg[oti]o proposto dalla Sac[ra] Cong[regatio]ne, che si rid>uran[n]o facikn[en]te alla fede n[ost]<ra Cat[toli]ca, possia che

je o 51. . 6. 1626. . . Referente Ill[ustrissi]mo Card [inali] Cleselio statuim Uschocorum Monts Felletrij, in Carniola, Sacfra] Congfregaltio] p[rimo] mandavit scribi Nunfcio] Germaniae, ut curet p[er] Imperatorem praecipi Hernesto Paraidaiser Capitaaieo d[iotor>um] Uschocor[um], ut eijciantur e d[icto] Montefelletrio Sacerdotes Schismatci, et Latini fugitivi, et introducantur Sacerdotes idonei, qui d[ictos]

54

55

essendo gi anni eonvertito uno di loro, e fattosi sacerdote di n[ost]ri chiamato Martino Dobrovito, fece egli profitto tale, che ne ridusse al buon lume molte migliaia, e liber cantera d'obsess[ion]i, essendo col mandato dalla Mfaest] Ces[are]a, et pr visionato, non vi essendo sacerdoti n[ost]ri in quei Paesi, ne potendovi si cos faciLm[en]te provedere p[er] il mancam[en]to in quei contorni dal q[ua]le era cos amato, che ne faceva molta stima di lui, essendo tenuto da tutti vero huomo Ap[osto]lico, e se di q[ues]to V[otra] S[ignioria] Illfustrissijma ne parler con la M[aes]t S[ua] son certo, che di lui ne tenir fresca memoria. Se li loro sacerdoti siano mandati dal Patriarca di Constan[tinopo]li questo non lo posso affermativam[en]te dire a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]inia, perch meno l'ho potuto intendere, basta bene, che da buona congiettuira si pu credere, poich venendo soggetti tali, non si pu se non dire, che siano mandati, et confirmati da Prelato Greco, e tanto pi q[ua]nto che gl'ordinarii circonvicini non s'ingeriscono in loro, essendo della Diocesi di Monsig[no]r Patriarca d'Aquileia, delli quali non s'ha curato, come se fossero nullius Diocesis. Per mio parere direi, che il comettere la carica della visita a Mons[ignor] Vesc[ov]o di Zagabria ivi vicino sarebbe cosa molto buona, ma non per senza l'aggiuto di fervorati religiosi, che perci stimerei, che si potesse ricercare il P[ad]re G[e]n[er]ale della Compag[ni]a di Ges acci connettesse a P[ad]ri vicini di q[ue]lle Prov[mci]e, e che intendono il linguaggio loro, che non solo aggiuntassero, ma anco predicassero, e facessero ogn'ufficio necessario, e stimo anco, che nella Prov[inci]a della Stiria si trovariano delli Cappuccini assai idonei a q[ues]to proposito; se vi s'interponer inoltre l'autorit della M[aes]t Cesfarea] appresso li Sfignori] G[e]n[er]ali di Croatia, e Schiavonia, che presine il braccio nel cacciar quei loro Sacerdoti, stimo, che con presta facilit la Sac[ra] Congregat[ione] ricever non poca consolat[io]ne, con beneficio, et augum[en]to della fede Catt[oli]ca. Questo q[ua]nto io posso dire in risposta cos alla sfuggita, et p[er] informatfione] a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, alla quale facendo la mia dovuta riverenza le bacio le mani. Trieste li X di Xbre 1625. Di Vfostra] Signoria] ril[ustrissi]ma, et R [everendissi] ma Devotfissijmo Serv[ito]re obligat[issi]mo Rinaldo Vesc[ov]o di Trieste.
P.S. Aggiongo se rimp[erato]re terr q[ue]l stile che tiene con gl'Heretici, che si convertono nel portarli, e farli grandi mi rendo certo, che giovare non poco p[er]ch sono anco q[ues]ti genti assai gloriosi.
SOCG, voi. 66, f. 130rv, 135v; Joannes Sirmak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 3740.

36

31. XII 1625.


o , , ^ .. , , . ( ), ( ). , , , . o . 12 " , a , , . , . , . dea . Hl[ustrissi]nie P[ri]n[ce]ps Praesul Amplis[ime] ac Rfeverendissi]me Dfcumine] D[iomi]ne P[ad]rone Obser[vantissi]me Illam D [omini] N [ostri] Jesu Christ quam p[er] admirabile Inacarnat[io]niis sua Misteriufm], nobis apud Deum Patrem Misericordiarfum], ac consol[ati]o[n]is impetravit, efficacem gra[tia]m in benedictonibus, et praesidio Ma.gnae Matris Suae Virginis pr xenio, et saMte, ac quidquid valet praeterea peccatoiris in idipsum deprecatio. Praetiosas suas X. Decembris datas 21 huiusdem cum dbita reverentita accepi ad quas huimil[ite]r quave decet obedientia, ac promptitudine, hiscere resipondeo, et in verbo solitae veritats informo: Poipuluim (ouius ad Croatiae fines ex Turcia profugi, et adhuc sub Patriarchae Constantinopolitani obed[ient]ia existentis Sac[ra] Cardinaliu[m] Congregatio de propaganda meminit, et 111[ustrissi]ma Caelsitudo V[est]ra sub cuius reperiatur Diocesi, meane, an Pat[<riair]chae Aqu,ilien[si], cupi! certior reddi), non allium esse reor, quam Uscocos, et Valacos, qui ma^gno numero partes ins'ident extremas Carniolae Ducatus Zagabriam versus, qui sub Ferdinando I moderna Caesaris Avo gloriosae mem[oriae] ex Turcs, et Graeciae partibuis, ac regionibus ad Christianos prolapsi intantufm] aucti

56

57

sunt, ut iusto cum exercitu ad bellum excire ac n[ost]ris (nisi Sfancta] Cathfolica] Religione o[mn]ium gentium linguarfum], ac nationufm] unico Vinculo tenaci O'pttime] firmissimo imbuantur, et a Schisma tico Pat[riar]cha prorsus avulsi recedant) etiam terrori, vel exitio esse possent. Quod avertat Deus ipse S[ancta] Sedes Ap[osto]lica, et gloiriosiss[ini)us] Imperator, ac Rex Ungariae partium illarum verus, et legitimus D[omi]nus. Hi t[ame]n Uscooi, et Valachi praefati nullibi locorfum] in mea Diocesi Labacenfsi], sed partini sub Patfriarjcha Aquilienfsi] quotquot finibus insident Carniolanicis: maior vero pa-rs imo maxima, ac potissima illor[um] in disfaictu Ep[iscop]atus Zagabrien[sis], scilicet in Croatiae, et Scalvoniae Regnis, lociosqfue] limitaneiis, ubi sub Caesareanor[um] Ducum Vexillis, et imperio sufosunt, ac comtra Turcas militant, ab omni censu, aut praestianonia liberi sedes sibi iam a tanto fixerunt tempore. Quorfum] spiritalem animae desolationem miseratus ego sepiusq[ue] dum Graetij Caesaris in Excelso Regimine ab anno 1615 usq[ue] ad annu[ni] [16J21. inclusive locumtenentis officio fungerer mecum revovens ac considerane, quanam meliori via isti ad Fidem S[anctam] Catholicafm] traduci, aportune possent? Incidit Deo authore consilium bonum: quod etiam cum eiusdem gentis, et linguae pio et Cat[holic]o Sacerdote R[everendo] Mairtino Dobrovitio bojnae] mfemoiriae] fructuose satis contuli. Is cum natus esset Valacbus, et studia sua etiafm] Theologica Graetij in Summi Pontificiis Alumnatu absolvisset: missus fuit ad iistos Contribules suos Valachos ad S[anctam] Orucem, et [] versus in finibus Sclavoniae habitantes, et suis concionibus, doctrina, et Sacris Institutionibus magna[ni] ibi fecit frugem Animarfum] in tantu[m], ut Dei benegnitas miracula p[er] ipsum in infirmis operasi videretur. Sed postquam Spirtufm] Creatori suo reddidit, nihil de statu illic fidelium rescire potui, aut progressu. Meum porro tale fuit consilium id quod etiam moderno AugustfiS'SiJmo Caesari, tunc Archiduci tantum, et vivae vocis oraculo bis, et in scriptis tradito memoriali Spiritu Dei, et conscientia incitantibus fidelissime exposui. Sed postea numinatuni ac tractatum in Consilrjs praesertim in secretiori, sepositum evanuit. Cum Gens isthaec Barbara nullos alterius Nationis aut linguae Sacerdotes absq[ue] mortis eis intentato periculo faciie admissura videatur, si Caesar cometteret suo G[e]n[er]ali Sclavoniae Regni, aut Croatiae Carlstadiano, sive eor[um] subiectis Capitaneis qui Valachis ttis praesunt, ut no[m]i[n]e S[uae] Sfacratissimae] C[aesareae] M[aiesta]tis cum maiorLbus natu Voivodis Vaiachorfum] loquerentur benignius, ut si quispiam eorfum] filioe dociles haberet, aptosqfue] ad studia fore, ut ipse Caesar, Rexqfue] Augustss[imus] ipsorfum] in se curam, absq[ue] ullo Parentum sumptu, vel tedio susciperet. Hanc gra[tia]m Valachi maximi fecerent, et facile agnoscerent, se in memoria praetioqfue] cum filijs apud Caesarem esse. Cum alias instar canum, aut Beluarfum] inhumaniter a suis Praefectis

miseri habeanitur, atqfue] ex inde non pravum tiimendum est defectionis periculuim. Sic collecti ad minimufm] XII vel plures quoq[ue] boni ingenij pueri, aut juvenes Valachorfum] pasisent in Aluimnatu Graecensi aliquot in Ferdinandeo pari ter alij ab Ep[iscop]is, ac Praelatis Provinciar[um] (Dei, et aetemae retributionis intuitu) ad studia, et Sa-cerdotiu[m] successive sustentari: postmodum ad Valachos curamqfue] aniimarfum] (sicut b[onae] mfemoriae] R[everendus] Martinus Dobritius, Canonicus Zagabrie'nsis) salubri'ter dmitti. Et o[min]is Pat[riar]chae Constantinopolitani machinatio eludi penitusqfue] exoludd. Perplacuit Dobrovitio praefato, ac [...] alteri exposi'tum consilium: Sed et ipsi Serenissimo Archiduci vixqfue] aliud in rem magis opportunum ac salutare poterit, excogitare facile. Et ne nuda faciam verba duos juvenes Nobiles Zegnienses magnae apei, et expectat[io]nis ego suecepi et meis isumptitms ad Ferdinandeum hinc et hunc finem misi. Qui postea vita functi sunt praemissi ad vitam :beatiorem. Sed et nunc pariter Turcarfum] filios duos, adultum unum, alterum septennem, et ad Studia aptuim ambos baptizatos Catholicos hic alo. Deus det vela ventis, ut quod ipso inspirante fieri posse cogitavi eiusdem gratia, et benegnitate alquando perficiatur. Haec prolixius, quideni non oonnia, afferre Ill[ustriissi]mae ac Rteverendissijniae Ampl[itudi]nis Vestrae scripta censeo, quam miseratio Salvatoris S[anctae] Matris Suae Virginis intercessione ac praecibus Eccl[esi]ae Suae Sanctae, Reiq[ue] amicis et Clientibus galvani, sospitemqfue] tenet et conservet aeternum. Amen, Amen. Data ex Veteri Mariana Ep[iscopa]li Residen'tia Oberburgi, Ultima Decembris 1625. ril[ustrissi]mae ac R[everenidiSB]mae Celsitudinis, et Amppliitudi]nis V[est]rae Humilis ac devotus in Xpo Jesu Servus Joan[nes] Ep[iscop]us Labacen[sis]
SOCG, voi. 66, f. 132r133v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 4042.

, , o 51. , 6. 1626. . 31. 1625. , , , a . ,

58

59

". Referente Ill[ustiriesijmo Card [inali] Cleselio statum Uschocorum Montis FeleMj, in Carniola. Sac[ra] Cong[regati]o p[rim]o mandavi! scribi Nun[ci]o Germaniae, ut curet p[er] Imperatorem praeeipi Hemesto Paradaiser Capitaneo d[ictosru>m] Usehocor[um], ut eijciantur e d[ict]o Monte Felletrio Sacerdotes schismatici, et latini fugitivi, et introducantur Sacerdotes idonei, qui d[ictos] Uschocos a Schismate ad unionem, et obedientiam Romanae Ecc [lesi] ae reducant. 2. quoad petitionem propositi Ruedolsfertiensis cupientis sibi concedi auctoritattem Vicarij foranei, et Commissarij supfer] d[ict]os Uschocos a Patriarca Aqui'leiensi. Sac[ra] Cong[regati]o iussit o[imn]em adire Congreg[atio]nem pr negati js Patriarchatus Aquileiensis peculiariter institutam.
Acta, voi. 4, f. 15v, N. 8; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium curri Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 43.

37

1626.

, 130 15.000 . Eccl[esi]ae Stephanensis, seu MostarensJB ex Registris Sac[rae] Congfregatojnis de Proipag[ain]da Fide Eccl[esi]a Stephanensis, seu Mostarensis s'ita est in Liburnia hodie Cotmitatuts JadrenisiB nuncupata, estqfue] Suffraganea Archiep[iscop]i Ragusini. Dioecesis illius est satis ampia: nani duas Urbes, cum pagis 130 coimplectitfur] in qui'bus Catholici fere quindecim mille habitant inter Turcas, et Schismaticos in maxime numero. Ecc [lesi] a Cathedrals est in Urbe Mestar sub invocatione S[anc]ti Stephand PrOtomartyrie, a quo Ecc [lesi] a, quae Monstarensis potius dicenda esset, passim, et frequentius Eccl[esi]a Stephanensis nuncupatur. Vacam iam plures sunt anni, occiso a Turcis eius Ep[iscop]o Fr[atr]e Nicolao Ugrinovich Ord[i]nie Minor[iu.m] de Observantia. Hodie Catholici p[rae'dic]ti Sacram[en]ta suscipiunt a Fr[atrijbus S[anc]'ti Francieci eiuedem Ordimis Provinciae Bosnae, et Ep[iscop]us Tribuni, et Marcante aliquando eorfum] curam 'suscipit.
SOCG, voi. 262, f. 413r.

je od 14. II 1626. . A Mons[ignor] Nun[tio] in Germania Oltre a qul, che fu scritto a Vfostra] Signoria] intorno a gli Scocchi del Monte Feletrio in Carniola, desidera questa Sac[ra] Congreg[atio]ne de Propaganda] F[ide], ch'ella passi uffici con S[ua] M[aest] Cesarea, affinch commandi al S[ignor] Ernesto Paradaiser Capitano de detti Scocchi, che scacci dal siud[ett]o Monte Feletrio i Sacerdoti Greci Scismatici, et i Latini fuggitivi, accioche in luogo loro si possino introdurre Sacerdoti Cattolici atti alla Cura dell'anime, et a levar dallo Scisma i sud[ett]i Scocchi, et a fidurli all'unione, et obbed'ienza della Chiesa Cattolica Romana. In questa nuova occasione si promette la Cong[regatio]ne la solita diligenza di V[ostra] Signoria]. Roma 14 Febraro 1626.
Lettere, voi. 5, f. 28v29r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 4344.

38

, 21. II 1626. o o . , 15 , nanu u , ". . , , . , , , ". no . , a od , . HO

60

61

, , , . , , no , . , , . m[ustriissi]ime D[oimi]ne D [ornine] P[at]rone mihi Colfendissi]me salute-m et devotar[um] oratiomum mearuim commendationem

I}l[ustriissi]niae Cel's[itudi]nis V[est]irae l[itte]ras per nieuim Praep0'situ[m] mihi p[raese]ntatas ea qua potui humilitate accepi quidqOue] Ill['uetrissi]:ma Dfominatio] V[est]ra rnibi mandare! ex ijsdem entellexi mandato itaqfue] eiusdem serio (uti dbui) sati&facere suni adnixuis. Unde conferens me ad Confinia ubi Vailachorfum] in hoc Regno existenti'um et potior pars consedit, et in eorandem medio Ep[iscop]iuB eorundem Simeoin Vartana dictus recidei Hoc eodam Epfisoopfo ad me advocato, eidem Ill[>ustriissi]imae Celsfitudi]nis V[est]rae intesitione edocere vo'kii. Quantum attinet ad petrsonam ipsius Ep[it3cop]i, is ante annos propp modum quindecim Romafm] se se contulerat: Sanct[issij:moque Pontifici Paulo Quinto se se repraesentaverat, Saero Sanctae Eccl[esi]ae Catholicae se subiecerat:ac a Sede Ap[osto]Idea benedictione[m] petiverat; quam obtinuit, ac ab Dlfuistrisi&ijmo quonfdam] Cardinali Sanot[dssi]mae reminiscentiae Belarmioio Consecratoaiem Epdsoopalem acceperat. Inde demufm] ad meam Dioecesim, ac ad suos reversus mifhi ratione novae erectae Abbatiae Sancti Michaelis Ajrchangeli d[icat]ae aiuthoritate Apfosto]lica fudt subiectus, relictas tamen per eandem Sedem Ap[osto]licam in suo ri'to Graeco, quem is et an'tea et omnis ista gene Vafl-achiae observavit. Huic omneis Valachi tara in mea Dioecesi, quam et in Aquilienfsi] existentes obedientiani preastant; Hicq[ue] Ep[iecop]us in obedientia S[anc]tae Sedie Ap[otto]licae fidelissime haotenus praestitit, nec 'mihi de ilio dubiu[m] u-llum subordri p^test. Hdc Episcopus toti huic genti Valachicae more suo Sacerdotes consecrat, eosq[iue] in obedientia Sanctae Romanae Ecclesiae oontinet, nec aliunde isignamter au'tem a Patriarcha Conet'antnopold'tano mdssos admittit, neqfue] etiam mittentur. Potuit quandoq[ue] evenire, ut ex Turcia, ex diversis Monasterijs Monachorfum], seu Calugerorfum] linguae eorfium] sic vocabor[um] Ordimds S [aneti] Basili] praetextu petendae Elemosinae venirent, qui ubi aliquam Elemosina [m] accepissent, ad propriiam redi[tio]ne[m] redire solent. Hi Calugeri an aliquid aldud m-oldr quaindoqfue], aiu't expiscari isoleant, aut oogitent, haec in eorfumjdem conscientiarfuim] laitebris datent. Non inficiar etiam aninos ante sex advenisse quendam Gabriele'm, qui se Eipfiscopjuni dictitabat, vdluisseqfue] gentem tianc ab obedientia, et praefati Siimeoir Vratana, et p[er] consequens a Sfanctae] Sedie Ap[osto]licae avocare. Veruni araimadveftens hoc Simeoai dictum Gaibrielem bene clava more Valachico traota!bu[in] ad suos redire coegit. Quantum ad Sacerdotes Valachicos attinet ij vix aliquid

aliud sciunt quam sacrum more e suo peragere. Sunt enim rudes, nec aliud praeter legere propria 'lingua norunt, neq[ue] enim apoid illos scholae sunt uillae, in quitous filij eor[ium] aut educarentur, aut instruerentur. Unde evenit, ut et gens ipsa seu plebs tota sit rudis et agrestis mullisq[ue] moribus (nisi rarissimi, et dj, qui frequenttus cum nostratbus conversantur) exoulta. Haec erant quae ad mandatum V[est]rae Celstitudi]nis ex humili obsequio erant respondenda. Addo Ill[>ustri)ssi]me P[ri]n[ce]ps, et D[omi]ne me percepisse maximam benevolentiam eiusdem erga meam Ecolesiam, ac Statum Ecclesiasticum, et elaborasse de promovendo meo Praepotsito ad Infulam pr qua benevolentia ego indigna Cappellanus gra[tia]s ago immortales devotiss[im]e supplioans veldt, quod coepit ad finem deducere officereque ut temeritas haeretica confundatur, et authoritais Ecclesiastica augeatur. Deus ter Opt[imus] Maxfim'uis] Illusftrissi]mam Cefeitudinem V[est]ram salvam, et incolumen foelicissime conservet. Datum Zagrabiae 21 februarij Anno D[omi}ni 1626. Ill[ustriissi]mae Geleitudinis V[est]rae Servitor, et Cappellanus huraillimus Petrus Ep[iscop]u[s] Zagrabie[nsis].
h

SOCG, voi. 66, f. 84r85v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sanata Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 4446.

39

, 25. Ili 1626.

od 31. 1625. 14. 1626, o , , . , o , , . spere , . , , ". , , .

62

63

, , . , , . Ill[ustrissi]mo e R[everendissi]mo Sig[nor] mio p[ad]ron Col[endissi]mo Non ho potuto prima di q[ue]sto tempo eseguire il comandami[en]to di una di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma deH'ult[im]o d'Sbre pross[im]o passato, circa il trattar' con S[ua] M[aest] p[er] haver' braccio p[er] far una visita di quel Popolo d'Uscocchi di ritto Greco, che sta in MontefeRro ne' Confini di Croatia sotto il Patriarca d'Aquileia in Sp[irit]ualibus, essendo stato esposto alla S[acra] Congregai [io] ne, che egli riceva li Parochi Greci dal Patriarca Sismatico di Constan[tinopo]i, perch'essendo allora nella Dieta d'Ungheria in Edemburg, et havendo procurato haverne distinta notitia di tutto il sopradetto da alcuni Eccl[esiast]ici, che credevo fussero pratichi in q[u]eTle parti, et havutala assai confusa, e piena di mille pericoli, mi parse prima di parlar' a S[ua] M[aest] d'haverne diligente informat[io}ne dal Vesc[ov]o di Trieste, Vesc[ov]o di Lubbiana, e Vesc[ov]o di Zagabria vicini a detti paesi; II Vesc[ov]o di Trieste, e di Lubiana me risposero subito com' Vfosbra] Signoria] Ill[ustrissi]ma vedr dall'occluse coppie; il Vesc[ov]o di Zagabria s p[er] la lontananza del Paese, come p[er] le diligenze fatte S[ua] S[igno]ria R[everendissi]ma sopra q[ue]sto part[icola}re, ha tardato tanto a rispondermi, che prima m' sopragiunito il novo camandam[en]to sopra ci di V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]nia con la sua de' 14. di febraro, onde senz'altro aspettando parlai subito a S[ua] Mfaest], la q[u]ale mi disse, che se non mal si riccordava alcune volte era stato tentato di levar detti Parochi Greci tanto dal Popolo di Uscocchi, o Albanesi, che sta nel Monte Feltro venuto al tempo di Ferdinando p[r]imo, come da q[u]ell'altre, che istanfn]o in Schiavonia, et Croatia venuti al tempo suo; 'ma essendo d[ett]i Popoli antemurale di tutti q[ue]siti Paesi contro Turchi, era stato considerato, che si correva pericolo, che si rebelasero alii Turchi con danno irreparabile: tutta via laveria ordinato, che dai Govern[ato]ri di quei Popoli se ne pigliasse informat[io]ne p[er] far poi tutto quel che si potr fare p[er] servitio d'opera cos Santa, e cos stato ordinato. Doppo q[ue]l ord[in]e m' sopragiunta la qui inclusa informat[io]ne di d[ett]o Monfsignor] di Zagabria, dalla q[u]alle scorgendosi non esser' vero il presupposto fatto alla S[acra] Cong[regatiojne de Parochi Greci, che si mandino col dal Patriarca di Constan[tinopo]li. Supp[li]co Vfostra] Sfignoria] Iill[oistrissi]ma a comandarmi se debbia doppo venuta l'informat[,io]ne comandata dall'Inip[erato]re, conforme a q[ue]sta far faire la visita di d[ett]i Popoli

stante la diffsicult, p[er] non dire impossibilit di trovar' persona, che la vogli, (possa, e sappia farla per le barbarie de' quei Popoli, difficolt della lingua, e forze ancora per non sdegnare il p[rese]nte lar' Vesc[ov]o confinnato dalla Sede Ap[osto]ldca, q[u]'ale partendose potria caggionar' magg[k)]r danno, non vi essendo altro da sostituirli. Soggiunger nondim(en]o a Vfostra] Signoria] Ill[uBtrissi]ma con ogni dbita riverenza, che p[er] aggiuto di q[u]ell' anime forse saria meglio di com[m]etter' all'istesso Mons[igno]r Vesc[ov]o di Zagabria, che senza dar'ombra s'informasse meglio dal soprad[ett]o Vesc[ov]o di d[ett]i Popoli del stato della lor' Relig[io]ne, et in partficolare] degl'abusi per poter poi remediare come sar necessario, e >p[er] tal effetto saria u!ti:liss[im]a, anzi necessarijss[im]a una particolare] instrutt[io]ne della S[acra] Cong[regatio]ne a d[ett]o Mons[igno]r di Zagabria come si debbia governare in q[>ue]sto part[icoJ.a]re, p[er]ch sebene egl' zelante, e letterato, nondm[en]o in cose simili non credo habbi quell'esperienza, e theorica, ch' necess[ari]a. In quanto poi p[er] aggiuto di dette anime p[er] ravenire l'espediente rappfiresentato] da Mons[igno]r Vesc[ov]o di Lubbiana stimo assai utile, e buono, nondimeno di quello non ne tratter senza nuovo ordine di V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma, alla quale fo hum[ilissi]ma riv[erenz]a. Di Vienna a 25. di Marzo 1626. Di Vfostra] Signoria] Illfustrissijma e R[everendissi]nia Hum [ili'ssi]mo Ob [li]g [atiss]mo Devot[issi]mo S[ervito]re [. . .] Ves[cov]o d'Anversa.
SOCG, voi. 66, f. 81r83r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridonalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculi XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 4749.

O OBOM 57. , 1. 1626, . Relatis p[er] IM[ustriiSsi]mu[m] D[ominum] Cardfinalem] Cleselium l[itte]ris ;Nuntij Germaniae et ep[isco]por[um] Zagabriensi, Labacenisi, et Tergetstkid circa Uschocos Montis Feletrirj in Croatia. Sac[ra] Cong[regati]o censuit nihil esse statuendum antequam habeatur informatio quam Imperatori a p[rae]fectis dicti Montis petijt.
Acta, voi. 4, f. 60v61r, N. 12.

64

65

6. 1626. . A Monsfignor] Nunftio] d Germania Essendosi riferite nella Sac[ra] Gong fregaticene de Propag[an]da Fide le l[ette]re di Vfostra] Signoria] e qfuejlle deli 3 Vesc[ov]i: Triestino, Lalbacense, e Zagabriense, in materia degl'Uscochi del Monte Feletrio di Croatia, la med[esi]ma Sac[ra] Congfregatione] non ha voluto far alcuna determinai [ion] e circa la Visita di quei popoli ch'ella proponeva esser bene di commetter al Ves[cov]o di Zagabria, p[rim]a d'haver copia deri'inforniat[io]ne che li Capitani del d[ett]o Monte manderanno all'Imp[erato]re per qu[ando] quella si potr havere, V[ostra] Sfignoria] non manchi di mandarla subito, acci si poisisa pigliar qualche buon ripiego in negotio importante alla salute di cosi gran numero d'anime. Roma 6. Giugno 1626.
Lettere, voi. 5, f. 107rv; SOCG, voi. 66, f. 83v; Joannes Simrak, De relationibus Siavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. m XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 4950.

consuetud [in] e di celebrar le Messe e li divini ufficij in lingua Illirica vive nell'Istria, Daimatia, Sehiiavomia, Bulgaria, Bosna, e nelli paesi del Turco dove sono Christiani: ma in qual Provincia di queste sia pi essereiatata io non l'ho potuto sapere per la distanza loro, ne meno se si vada abrogando, ne posso venir a part[icola]re informat[io]ne solo che dei-li Vescovati di Segna, di Veglia, et Arbe, che sono nella Provincia di Dailmatia ne'quali seguita la lingua, ne s'officia in altra maniera. Qui nella Provfincijia dell'Istria i sacerdoti nel Vescovato di Fola sono buona parte, di Parenzo un terzo, di Citt nova la imita, di Capodistria un terzo, e nel mio quasi un terzo, che officiano, e celebrano in quella lingua. Nella Croatia, e nella Carniola si leggono l'Epistole, e i Vangeli Schiavi, e perch gli habitanti sono Schiavi si predica anco in quella lingua. Questo quanto io posso dare d'informatiomi a Vfoistra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma in questo part[icola]re con aggiunta che nelli Vescovati dell' Istnia pian piano si va levando, e mentre li prego dal Sfignojr vera prosperit con riverente afflito bacio a V[ostra] Sfignoria] Illfustrissijma la mano. Trieste li 24. di Maggio 1626. Di Vfostra] Sfignoria] Il![ustrissi]ma e Rfeverendissim] a Divotfissijmo et oblig[atissi]mo Servfitojre Rinaldo Vesc[ov]o di Trieste. Latini. ordinando io mai sacerdote Illrico pian piano me li faccio

40

, 24. V 1626. o . , ,, , , , , ". , , , ". , , , . , a , ". , - . I]il[ustrissi]mo e R[everendissi]nio S[ignor] mio p[ad]>ron CoIfendissilmo Al desiderio della Sac[ra] Ccg frega tio]ne de Propfaganda] Fide; et al oomandam[en]to di V[ostra] Sfignoria] Ill[(ustrissi]ma io sodisfo con la presente in quanto posso, e .perci le dico, che la

SOCG, voi. 66, f. 183r.

Ha da ce IL . Dovrebbe essere seve)ram[en]te rippreso detto Vescovo perch non ordini Sacerdoti mirici.
SOCG, voi. 66, f. 186r.

66

67

41 , 13. VIII 1626.

o . ( . ) : (, , ); (, , ~ , , ); ; ; - ; , ; ; ; ; , ; . , . ( . ) : ; , , , , ; ; . ( . ) ", , . , ( . X' ) ". Le Chiese che usano la lingua IHyrica in divirais con li caratteri di S[an] Geronimo, del rito Cattolico Romano sono: Gran parte del Patriarcato d'Aquiileia p[er] le provimtie di Carintia, Stima, Carniola, e Cragno. Gran parte delle Diocesi d'Istria ci di Trieste, Capo d'Istria, Citanova, Parenzo, Fola e Pedena. Parte delle Diocesi Cuneense e della Labacense nella Carniola e Cragno, come anco le commende Tevotaniche, cos nella Carniola, come nella Croaltia. Parte del Vescovato Zagaforienise nella Croatia e Sclavonia. Le Chiese di Modrussa e Segna con le loro Diocesi.

Le Diocesi dell'Arcivescovato di Zara e delli suoi suffraganei Vegliense, Ausseranse et Artbense. La Diocese Nonense. Buona parte della Sibenicense. L'Arcivescovato Spalaitense in parte, ma per le sue provintde di Pogliza e Radobiglia sottoposte al Turco del tutto officiano in Illyrico. Parte dello Vescovato Scardonense Tinonnense e Macarense sotto il Turco come anco parte della Diocese Pharentse overo Lesinense. Tutte l'altre Chiese e Diocesi Illyriche ancorch officijno im Latino, per li Vangeli et Ep[isito]le cantano in Illyrico massime le feste. Le Chiese che usano detta lingua in divinis con li caratteri Giriali sono: Nel Patriarcato d'Aquileia li popoli del Monte Feletro. La maggior parte dell'i Chiristiani Vassali del Turco nella Dalmatia, Onoatia, Slavonia, Servia, Macedonia, e Bulgaria. Li Principati della Valachia e Moldavia tutti, con la gran Monarchia di Moscovia, li Oincassi, li Georgiani, e li popoli Quinquenio intornii in Asia, qualli -tutti sono -del rito Greco e scismatici, eccettuati li popoli della Lituania, e Russia dfelle] quali alcune chiese sono unite con la Cattolica Romana Chiesa. Alcuni Monaci Serviani nella Terra S[an]ta. ''".'"
SOCG, voi. 66, f. 184rv.

O , u o , 62. , 13. 1626. . est inguae IMyricae usus in Divinis, et cum illis recitavi notulam de eadem re a Canonico Jeanne Tonco datam.
Acla, voi. 4. f. 108r, N. 16.

Ex M[tte]nis Niuntij Gerrnaniae retuli Provincias, in quibus

42

, 4. X 1626. , , , . , -

68

69

1439. .^ ". nitustrissijmi et Reverendissimi Sig[no]ri Sig[no]ri et P[ad]roni Col[endiissi]mi Con q[uest]a n[ost]ra faciamo humi[lissi]ma riverenza: con che eanno le Sig[ino]irie V[ost]re benissimo qualmente] da q[ue]l principio q[ua]n[do] venne la Relig[io]ne Francis[ca]na in q[uest]e parti di Bosna che fu Afinino] 1439. e ridusse molti Fatarmi, et altre sorte d'Heretici al Grembo della S(ant]a Chiesa, et si multiplic il culito divino in q[uest]o Regno:Noi da cotesta S[ant]a Sede Apo[sto]lica fossimo posti alla cura di a[n]i[rn]e, et col divin favore, et gra[tia] concessa a noi dalli Vicarij di Xpo habbiamo mantenuto fin' hora Nome Katolico, et la sintilla della fede: et t[ut]te le cose passavano con la quiefte] senza scandalo, ancor che molt, et varij disagi habbiamo pati[to] dalli Heretici, Sisniatici, et infidelli noi con li Xpni: pur con tfutto] ci erano loro, e noi sempre unanimi in laudare Dio, et sopportato] t[uit]to in Patiantia, la qual cosa risultava in edificat[io]ne et bo[n] [esetn]pio di tutti prefati. Hora ci dole molto, che tutto va Top [...] e noi gi pi volte habbiamo humilm[ente] avisa'to con scriver [e] oraculo vive vocis che Ill[ustrissi]me Sig[no]rie V[ost]re provedessero: ma n[on] vediamo tal provisione: anzi l'anuchi delle miserie n[ost]re (que[ste] non hanno provate ancora: essendo venuti di fresco) hanno tutte le gr[ati]e dell'Apo[sto]lica Sede: m' noi non si concedono gr[ati]e nuove; anzi le gi concesse si revocano; ancor ch'hora sia bisogno quanto q[ue]lla volta, e maggiore. La onde stupirne non sapendo chi tanto ci avilisse in conspeotu Sfanc!tssi]mae Sedis. Pur pensiamo t[ut]to procede dalle false informat[io]ni che si danno d'alcuni ambitiosi emuli n[ost]ri. Sappiano dunq[ue] Vfostre] S[ignori]e Ill[ustrissi]me et R[everendissim]me che si bene con divin aiuto in q[uest]o Regno sono moltiplicati li fratti, et Katholici, non mancano e credo per acrescer maggiorai[en]te la patienza n[ost]ra multipMcarM gionnalm[ente] li travagli, et l'Avania d[e]lli Governatori del Paese: vendendo spessi[ssi]me siate li n[ost]ri Monasterij, e Chiese, le quali riscatamo con le n[ost]re mendicat[ioni] [et] ellemosine; altre incredibili extorsioni p[er]cusiioni, [...] e custelate, con le Prigionie, con quasi infiniti altri insulti; et ci t[ut]to allegrami [ente] soportamo p[er] amor d'Iddio, attesoch' si inimdcus meus maledixisset michi justinvissem utique. Ma q [u] Ilo che ci viene fatto da q[ue]lli che professanno d'esser amici, e divengono domestici inimici pigliando le n[ost]re fatiche con le quali habbiamo mantenuto li n[ost]ri Monasteri, Chiese, et questi Popoli rispondendo alle imposture tiraniche delli RetJtori del Paese; et anco ci strapazzano, e (mettono in cos mal creditto apresso le V[ost]re Sig[no]rie H.l[ustrisi]me. Q[uest]o si che pi soportar non lo possiamo n noi n q[ues]ti Populi; in particolar da certi mercantuci Ragusei, con loro Vescovi frat' Al-

berfco R[everendissi]mo di Samandria, et Dominico Stefanense, quali non sappendo dove sono questi loro tituli; li dui titullari Bosnense, et Macai-mense non desistono a p[er]turbare con t[ut]ta Povera Provincia, et q[ues]ti Populi Xpiani, a quali non sono utili simili p[er]turbationi ne di Vescovi moltiplicat[k>]ni potendo questi sodisfare abbastanza; et q[ues]ti dui non mancaremo noi nelli Xpiani al possibile mantenere, servire, e diffendere come finhora fatto habbiamo. Per V[ostre] Signorie] Ill[iusitrissa|me prevedano, che fra di loro non reguiti n litti n questioni, p[er]ch noi, et M Xpiani lassiaremo la cura circa ci si che non star bene niuno nonch tanti. Per non pr vedendo V[ostra] Signoria] n mettendo giusti termini a t[ut]to seguiteranno gran inconvenienti, maggiori che fin' ho>ra, et reguendo non siano imputati a Chi non si deveve, come si fatto fin'hora. Et per esser enauditi come speriamo benignamente] mandaino R[everen]do Pie frat'Andrea difficile pregandole Sig[no]rie V[ost]re sii degnino gratamente] scollarlo, et benignamfente] gratificarlo, atio il mio ricorso sia utile. Con qual fine le prego dal Sig[no]re felicissimo fine. Dal mio hospitio di Bagna Luca li 4 di 8bre 1626. Di Vfostre] Signorie] Ill[ustrissi]me et Rfeverendiissijme Hum[ilisei]mo S[ervito]re fra Nicolo Braicovich Ministro Provinciale di Bosna.
SOCG, voi. 56, f. 290rv.

43

28. X 1626.

o , . 1) . : ) 130 ) 140 e) 100 2) . : ) 1 300 ) ) 60

70

3) : ) ) ) ) ) ) e) ) . . \ I I ' 100 120 120 100

quo merces confluunt quamvis non adeo magni valoris, et quantitatis. Dioecesis hac quatuor Monasteria fr[atr]um S[anc]ti Francisci Minorfuim] de Observantia oamplectitur. P[rimu]m est S[anctae] Mariae de Macarsca, in quo degunt Sacerdotes octo, Clerici quinque, Laici duo, Juvenes decetm, qui ita in hoc monastferio] sicut etam in reliqiuis magna cum alacritate, et studio Divina offifca] frequentant, iuxta consuetudinem dictae Religionis, et habentur apud ipsos loco novitiorfuim], qui omnes .processu t[em]poiriis habitum S[anc]t Frainc[isc]d assuimamt. Excedunt quasi omnes aonu[im] aetatds suae deciraiufm] qaiintufm] ijsqfue] m quolibfet] Montaistejilio assignatur unus ex doc tioribus, et Senioribus Patribus ad eos erudiefns] in qu'anbum t[em]puis, et occasio permittit. Qua Juvenufm] aeducatio sicut tendit in bonu[ni] finem ita etiam fit absq[ue] omni perioulo alicuius nefandi sceleri de quo aliquis suspiicari posst, et eo magie quod partiu[m] popfuli] non 'Sokun Christi fideles sed etiam plurimi ethnici non solum non sufnt] proclives ad tale facinus, sed etiani audientes simile quid nominare [.. .]iram de repente prorumpun't, ac imanibus la'borare sint paratissimi. [Hajbet Parochiais tres. P[rim]a est Vuerdo oontinens Domus 130, quaru[ni] [...] inumi familiae aMquae ad 20, aliquae ad 30, nonnuMae ad 40, et 50 num[eruim] personarfum] ascendunt. 2a. Cetina continens Domus 240, et in Parochda sumt duo Curati. 3a. est Primorye habens cireiter centum Domus. Habet Ecclesias seu Cappellas decem. 2m. est Sfancjtae Crucis, in quo degunt fr[atr]es 13 et Juvenes octo. Habet Parochias tres. P[rim]a est Blatta; 2a. Brochno quae continent Domus cireiter 300; 3a. es;t Primorye habens Domus 60 cireiter. Habet Eccflesijas. 4r unafm] a fr[atr]ibus erectam et tres ab aritiquitarte usq[ue] manentes. 3m. est Zastrogh in quo sunt fr[atr]es Sacerdotes decem, Clerici sex, Layc duo, Juvenes et famuli 14. HaJbet Parochias quatuor. Pfrimja est CitHuk in qua sunt Domus ferme centum. 2a. Zaezerye in qua sunt Dorous 120. 3a. Lyubuski in qua sunt pariter Domus 120, quae v[ide]il[ice]/t h[abe]nt suos proprios redditus. Sunt enim et aliae plurimae quae sunt *otal[ite]r siubiectae Turcds hoc est nihil proprij habentes, sed incoilentes vineas et campos Turcair[um] quommodo etfiaim] vivunt. 4a. est circumcirca Vergoratz, quae habet Domus 100 cireiter. ffis accedunt Domus quae sunt prope Monasteriufm] et sunt eirciter centum. Haibet Eccflesijas seu Cappelas 14, ex quibus quatuor erectae sunt a fundam[en]ts opera Ep[iscop]i aliarfum] auitem quaedam nianent, quaedam vero ab antquitate sunt semidirultae. 4m. Monasterdufm] est Imota, in quo habitant Sacerdotes septefm], Clerici 2, Laycd 2, Juvenes 10. Habet Parochias 4r. P[rim]a vocatur Podbilia, 2a. Sovichi, 3a. Drinovzi, ultima Camen most, et in his omnibus Parochijs sunt Domus cireiter 400. Habet Ecc[lesi]as seu Cap[pell]as 4or. quarufm] tres quasi destructas, et unafm] opera fratrufm] reediificatafin] quae nuncupatur Sfanctus] Stephanus.

4) : 400

, napoxuje y . Ha . napoxuje: ) dee y . ) e) . 200 150 60

no . . 1540". , , 1614. . , cada 60. 10 , . Ha : , , , , . 20, 30, 40, 50 . 1621. o , ". . In Nomine D[ami]ni Amen. Ecclesia Macarienfse] est sub Dominio Turcarfum] in Partibus Damatiae, in Archickicatu S [aneti] Sabae, sita iuxta Litus Maris Adiriaitici; Ecelesiae Cathedralis P[at]romus est S[anc'tuis] Petrus, quae Eccflesi]a sicut, et Civitas, solo aequata est a Turcarfum] rabia annis transactis, quamvis sint adhuc vestigia, qua in Civitate licet destructa residet exactor vestigalium, quam vulgo Jeminu[m] appel[ainit], cuim aldquot Turcis, qui tam a Christianis Mercataribus, qua a Turcis dieta vestigalia exigit: cum sit Macarsca Portus quidam

72

73

Ultra has Parochias quas tenent fr[atr]es sunt etiani aliae tres quas adminiistrant Presbiteri in Illyrico Idiomate Sacra facientes, quarum prima est Podgora ubi sunt duae Ecc[desi]ae. Pfrimja omniufm] Sanctorujm], 2a. S[anctae] Theclae. 2da. est Zagvozd, in qua est Ecclesia S[anct]ae Mariae atdificata annis praeteritis, 3a. Bre'hli in qua sunt Ecc[lesi]ae diuae v[ide]l[ice]t S[anoti] Nicolai et S[anc]'ti Stephani. 5m. Monasterium est Ramma quod proprie spectat ad Dioecesim Dalmenseim, quae Dioecesis, tutfertur, suo Pastore caret. Halaet Sacerdotes decem, Olericos 4, Laycu[m] unu[m], Juvenes 15. Habet Parochias. 4r. quarfuni] 2 sunt in Dalma et continent Domus 200, 3a. in Livno ubi sunt Domus cir-iter 150, 4a. in Ramma habens D[omus] 60. Habet Ecc[lesi]ais 2, una[m] in Livno, et aliam in Rosko polye. Et hoc [Mojnasterium pariter una cum Parrochijs adminiistratur ab Ep[iscop]o Madharenfsi], siquidem ei ab propinqitate[m] ab adiministratore Bosnae Conimendatu[m] sit. Ex his Parochijs tum nominati Sacerdotes, Clerici, Layoi, tium Juvenes praefati sustentantur necnon Toircarfum] rabiem isepe numero Hospites eos suscipiendo eviitant. Titulus Ep[iscop]i Stephanien[sis] noviter promoti desumptus est ab Ecc[lesi]a S [aneti] Step[hani] de Cithluk, quae Ecc[iesi]a seu Capela solo acquata fuit circa annu[m] 1540. a Turcis, et iterum Cura Ep[iscop]i Macarien[sis] et Fratrum erecta est anno 1614. In quo loco antiquitus tres solummodo Domus fuere nu[per] autfem] ob concursu[m] illar[um] partium populorfum] et causa Ecc[lesi]'ae noviter e[re]cta sunt 60 oirciter jux[t]a hanc Ecc[lesi]a[m] est Arx Turcarfum] in qua resident aiquot Turci. Quem locuim s[ci]l[ice]t Citluik numq[uam] fuisse Civitatem collig[tur] tum ex Istorijs illarfum] Regionu[m], .tum ex tradione. Item Mostar est locus ab ipsis Turcis constructus in quo vix 10 Dofmus] Christianor[um] reperiuntur, et id solum causa mercaturae. Quam [...] fuerit in d[ict]o loco unum Monasteriu[(m] Fratru[m] Minor[um] de Observantia. Omnia hactenus dieta loca sunt intra f lumina Narenta[ni] et R [ammaini] Item Dioecesis haec Macarienfsis] in longitudine est unius diei iti [neri) cum dimidio latitudinis vero unius in circa. Itaqfue] in Dioecesi Macariensi sunt hae Arces Turcarfum]: Verhgoraz, Lyubuski, Mostar, Imota, Citluk, Conyz, quae quasi onrmia loca cum suis Parrochijs suae Dioecesis esse novus iste Ep[iscop]us affirmat imo et Dioecesim Dalmensem sui esse Juris contendit. Ex alia parte Narentae quae nam loca sint, quive Epfiscop]atus vacantes et his similia consulatur Arehiep[iscop]us Ragusinus. Postulata Ep[iscop]i Macairieintsis P[rim]o. Petit siitoi a Sede Apostolica confirmari ooncessionem datam Anno 1621. sup[er] reconcildationefm] Heretioor[ium] Schismatieorfum], aliar[um]q[ue] siniiliu[m] ad gremiuni S[anctae] Matris Ecc[lesi]ae redeuntiu[m], et super alias casus Sedi Ap[oistoli]cae

reservatos praut in lia Concessione ponit. Item petit sibi concedi pr uno Altari privilegiato Indu'lgentiaim. 2do. Similiter petdt sibi confirmari aliam concessionefm] ad hc ut. possit ordinare etiam extra tempera ad id a Jure Statuta. Ultimo petit auxilium aliquod a Sede Apostolica, eius Ecc[lesi]a nullos habeat redditus et ipse laboret in Vinea D[omi]ni a tot annis absqfue] ullo auxilio. SOCG, voi. 262, f. 402r403v. O 66. , 20. 1626. . Recitatis petitionibus Ep[iscop]i Macharensis una Eccl[es]iae ipsius relatione, Sac[ra] Cong[regatio] q/uoad p[ri]ma[m] petitionem contra Ep[iscop]um Stephainensem, dixit iam esse provisum p[er] dationem Judicis, Arcbidiaconi [. ..] Pharensis. Quoad 2. de prorogatione faeultatum ei concessarum a S[anc]to Off[ici]o p[er] l[itte]'ras patentes, et a Paulo V. p[ro] Breve, Sacfra] Cong[rega]tio iussit adiri idem S[anc]tu[m] Off[ioi]um, et R[everendsissi]mum Vulpium. Quoad 3am. de aliquo subsidio, respondit non posse Or[ator]i satisfieri obstanti'bus Cap[itu]lis factis sub Greg[orio] XV. die 20. Februarij 1623.
Acta, voi. 4, f. 141r, N. 7.

44
(), 18. XI 1626. . , . .
[.-.] [. . .]sto a combater contro li Scismatici quali vogliono onininamente che gli conceda passino pigliar et maritarsi dalli Caitholci, quali poi don[n]e diventano pfe!r]fidiissime nello Scisma opponendomi che prima isempre gli stato concesso dalli detti Vescovi, cio di Marcane e di Macarsca, et Religiosii, cio Bosnesi, et io non lo

74

75

p[er]metter miai p[er]ch doppo nascono infiniti dan[n]i p[er] raggion che poi tutti tirano allo detto p[er]nicioso Scisma, si faccia la parola sop[ra] di questo nella Sacra Cong[regatio]ne [...] Dal Grataz in Lburnia alii 18 9tore 1626 V[ostra] Signoria] M[olto] Ill[ust]re et R [everendissijma aff[ettuosissi]mo Se[rvito]re fra Doni[eni]co Andriassi Vescovo Stefanense.
SOCG, voi. 146, f. 250rv, 257v.

45 1626.

, , , , , , . Il Can[oni]co Martino Bogdan di Zagabria riferisce, che la lingua Illirica s'intende in Dalmatia, Camicia, Croatia, Slavonia, Bosna, in media Stiria in multis p[ar]tib[us] Hungariae, ut in Ternavia in p[ar]te della Transiivania.
SOCG, voi. 219, f. 382r.

72. , 8. 1627. . Eodem Ep[iscop]o petente, an Mceret permittere, vel etfiam] lic[ent]iam concedere subditis suis, ut matrimonia cum Schisniatcis inire possint, Sac[ra] Congfregatio] negotium remisit ad S[anc]tu[m] Off[ici]um.
Acta, voi. 4, f. 197r, N. 23.

46

i
ufi

, 15. Ili 1627. '.

o -

13. 1627. Al Ves[cov]o Stefanense Sono molti mesi, che fu mandato a V[ostra] S[igno>ria] il Breve p[er] via di Raglisi, per, se no[n] l'ha ricevute faccia le diligenze, e no[n] trovandolo, avvisi, che se le far un applicato. Il neg[oti]o di matriimonij de Scismatici colli Cattolici, stato rimesso al S[an]to Ufficio e da quello V[ostra] Signoria] sar avvisata, ci che dovr fare. E p[er] fdme.
Roma 13. Marzo 1627. Lettere, voi. 6, f. 35r.

250 1.050 , () 350 . 50 ioduna , , 155 . 12 , 4. , . . 230 1.200 , 350 . 4 . , 250 . , , . Visita della nostra diocesi Stefanense alias Mostarense Primo nella parochia di Popua alias Popovo nella quale ci sono 2055 case incircha da mille et 50 persone over anime catholiche delle quali havemo crisma to 350. In questa erano no[n] sono 50 ain[n]i appresso 360 case, et per no[n] haver hauto lor pastore n Vescovo sono trabuchate nello Scisma. In questa Parochia sono 12 Chiese, la Principale dedicata alla Nativit della n[ost]ra

76

77

Sig[no]ra, oonsecrata del 1570 da fra Bonifatio Vescovo di Stagno, essendoli stato racomandato questo Vescovo della F [elice] M [emoria] Gregordo XIII. Altre 5. Chiese sono state consecrate della B[eata] M [emoria] Thomaso Ursino Arcives[cov]o d'Antivari, al quale questo Vescovato stato racomanadato della Ffelice] Mfemorda] demente 8. Il Ar>cives[cov]o ha governato 8. anni questo Vescovato nativo in q[ue]ilo, et delle dette 12 Chiese sono 4. usurpate et occupate dalli scismatici maxime quelle che sono trabuchate nello scisma, et tutto p[er] no[n] esser stato proprio Vescovo chi potrda diffender le raggi oni della S[anta] Chiesa, et quando no[n] fossi stato travagliato dalli Vescovi [di] Merchana et Macharscha sin' questa hora haveria fatto gran profitto, ma essi et altri perfidi Religiosi sono stati causa di simil dan[n]i. In questa parochia come in tutto altro Vescovato dove ho potuto penetrare ho trovato molti matrimonij danati. Molti hanno dischaciato proprie et legitime moglie, et maritatisi con altre facendo li loro sposalitij avanti li preti scismatici, quali cose ho remediato separandoli et altri come invechiati in tali erori ostinati gli ho scomunicati. Per la qual m'hodiano. In questa pairochia come in tutte altre ho trovato che sicome no[n] han[n]o haute proprio Vescovo cos sono seguiti sempre dan[n]i spirituali. In modo tale che sempre li catholic sono maritati con le scismatiche et concesso scismatici con le catholiche, et questo mai stato vietato: et cosa di maraveglia quelle catholiche che vano allo scisma diventano tanto perfide nello scisma ohe no[n] possono sentire nome di catholicd et quelle che vengono dello scisma al catholichismo diventano tanto ardenti nella fede che fan[n]o maravegliar a tutti; Per il che ho proibiti di dar alii scismatici le giovine sop[r]a qual cosa tutti m'han[n]o fatti instanza di scriver a Roma sop[r]a questo caso dove p[er] loro sodisfatione no[n] ho possuto manchar et molto dessidero la risposta p[er] mia diffesa. In questa parochia ho trovato uno maritato da parecchi an[n]i qual con una Giovene la quale pensava pigliar Vergine et doppo pochi giorni del maritaggio ha partorito la ha cacciato via et maritatosi con'altra facendosi sposar delli preti scismatici et si protesta avanti di noi che ha preteso di pigliarla Vergine, et poi ha portato il parto et che p[er] q[uest]o no[n] intende sia valido il maritaggio. Per p[er] mia et sua quiete dessidero haver risoluzione sop[r]a q[uest]o fatto. Ho visitato un'altra Parochia in Grataz alias Sasabie nella q[ua]le ho trovato da 230 case 1200 anime incircha delle quali crismato da 350 anime. In questa parochia sono 5 Chiese, 4 fabricate del P[ad]re fra Biagio et p[er] manchamento del prop[ri]o Vescovo 3. consecrate dal Vescovo di Marchiana. Per la qual cosa pretende sop[r]a queste parochie haver pacifico possesso nofin] havendo mai nesiun suo predecesore hauto pretension veruna, ma usurpativo et barbaro, contro o[<mn]ia iure. In questa parochia sono istessi disordeni come nella prima.

Poi essendo questa parochia convicina adla mia Catedrale stefanensi 10 miglia andando in q[ue]lla m'han[n]o scontrato li Turchi mandati dal detto Vescovo di Macharscha, et fr[at]i di Bosna con protesti che venero con 10 ducati mi fariano impalar dicendo che loro no[n] cognoschono altra giustitia che quella del paese, et nelli miei occhi detto Vescovo contro tanti protesti ha consecrato detta mia Catedrale et in essa pronuntiato Giubileo dell'an[n]o Santo con modo no[n] da prelato ma peggio che da Barbaro: il qual ha usurpato la detta mia Catedrale con 4 Parochie. Poi san andato per altre parte del mio Vescovato dove no[n] ho trovato Religioso alcuno ma molte case disperse per molte parti, che da 250 le quali da 10 et 12 an[n]i non han[n]o visto Religioso alcuno ma andati alle liturgie di scismatici seben rarissime volte, et appresso di loro fatto li sponsalitj sebene mai si son scostati della fede catholica et q[ue]ll[i] che han[n]o fatto constretti di necessit no[n] havendo l Relgiiosd loro. Questo sin'hora passato quello sar p[er] l'avenire si dar conto a V[ostre] Sfignorie] Ill[ustrissi]me et R[everendissi]me. Da Popovo alii 15 marzo 1627 II Vescovo Stefanense
SOCG, voi. 146, f. 263r264v.

47

, 15. Ili 1627. o , . , , ." IM[usitriesi]mo e R[everendissi]mo Sigfnor] mio e p[ad]rone Col[endissi]mo Li Parochi della lingua illirica sono di maniera deboli, che non hanno attitudine di poter sicuramente instruire li suoi parocchiaini nell'articoli della fede della materia de' Sacramenti, et dell' oratione necessarie alla salute eterna, come potriano fare quando havessero il Cathechismo in carattere, et lingua loro, per il che quest'opera vien resputata necessaria, non havendo di Clero della lingua 'illirica altri libri per supplire a questa necessit. Li Messali, e Breviarij sono tutti antichi, in maniera ch'in essi non ha luogo la riforma, et corret'tione della Santa me [moria] di Pio Quinto, et altri Sommi Pontefici posteriori, come stampati molto prima, in-

78

79

tanto che contengono dell'errori, et anco delli pesi rispetto alii Breviarij maggio-li, che non sono li contenuti nelli Breviarij latni, oltrech hanno tante feste, che quasi mai recitano l'Ufficio de' feria, et dependendo tutti questi tali in tutto, et per tutto dalle Cathedirali, quali ufficiano con libri latini s'accommodariano senza difficult veruna al contenuto nelli Messali, e Breviarij latini, perch fossero in carattere, et lingua loro, non havendo cognitione d'altre lingue. Circa all'esito di quest'opere, quando si stampassero ne ho scritto all'Arcivescovo d'i Spalatro, al Vescovo di Nona, di Veglia, d'Ossero, e d'Arbe, nelle Diocesi de quali vi sono molte Chiese Miriche, come V[ostra] Signoria] Ill[ustrisi]ma vedere dalla lista, che hanno l'uso della lingua, et carattere illirico, per intender il parer loro tanto circa la necessit del Cathechismo quanto circa al far' ritratto della spesa della stampa. Io non ho scritto al Vescovo di Sebenico, ch'ha tre, o quattro parocchiali dell'istessa lingua, non essendo ancora venuto alla sua Chiesa. Agl'altri Vesc[ov]i della Provincia no[n] ho scritto, poich nelle Diocese loro si ufficia con la lingua, e libri latini, ben'vero, che nella Diocese di Cattare, vi sono alcune Chiese illiriche, ma Sismatiche seguitando il rito Serviano. NM'Istria il Vescovo di Foia, di Parenzo, Capo d'Istria hanno assai Chiese nelle loro Diocese del rito Romano servendosi per della lingua illirica, e con questi presuppongo, che potr supplire la diligenza di Mons[igno]r Nuntio. Quando capitaranno le risposte delli Prelati, a quali ho scritto per sapere i loro pareri sopra di ci, l'inviar sub[it]o a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, e alla Sacra Congregat[io]ne, intanto rappresentar, che nella mia Diocese vi sono circa 34 parocchiali illiriche, con otto, o dieci cappellanie, che dependono da esse, tra quali si potria distribuire circa cinquanta volumi de Messali, et altretanti Catheohisnii, e vicino ad un' centinaro de Breviarij potendosi sperare, ch'all'istessa proportione si potr far' la distribu'tione nell'altre Chiese contenute pur nella lista delli volumi che si stampassero. E quanto a me credo, che la pi espediente saria il commandare che si comprassero questi libri, reputando, che si potessero sforzare legitimamente stante la necessit, che v' del Cathechismo, et gl'errori, che si contengono nelli Messali, e Breviarij, col qual modo si spediriaino buona quantit de volumi massime, se il prezzo fosse moderato, gi che la povert della maggior parte di questi assai grande, e per la cognitione, ch'io ho acquistata nella Visita Ap[osto]lica, io tengo, ch'i! Cathechismo sia necessfairi]o a tutte le Chiese illiriche della Provincia, e che tutti li Messali, et Breviarij contengono dell'errori, come stampati avanti la S[an]ta me[moria] di Pio Quinto, e mai pi restampati. Deli Breviarij se ne far pi facilmente esito rispetto a quelli che s'ordinaranno di nuovo essendo li vecchi, che vando per manus tanto cari, che si pagano sino a dieci ducati l'uno. Ho anco trattato con li P[ad]ri Terziarii di San Francesco, quali tutti celebrano, e ufficiano in lingua, et carattere illirico, eit un' loro Presidente mi dice, che quest'opere sono desiderate dalli loro P[ad]ri, e che piglia-

ranno cinquanta volumi di Messali, cinquanta di Cathechismi, et cento Breviaiij. Il Cathechismo in lingua, et Caratt[e]re Illirico, gi perfettionato quanto alla traduzione di quello che mancava; Sto aspettando un' Scrittore deH'istesso Carattere per ridurre essa traduttione in buona forma, il quale non pu star' a capitare, e sub[it]o spedito, rinviare a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, alla quale faccio humilissima riverenza pregandole dal S[igno]re ogni prosperit. Di Zara XV. marzo 1627 Di V[ostra] Signoria] Ill[ustriBsi]ma, et R [everendissi] nia Humilis[sim]o et o>blig[atissi]mo S[ervito]re Ottaviano Arciv[escov]o di Zara.

qi ]

Chiese della lingua Illirica nella Provincia di Dalmatia sottoposta al Ser[enissi]mo Dominio Veneto. Polizza nella Diocesi di Spalatro sottoposta al Turco Almissa nell'istessa Diocese una Cappellania Sefoenico Zara Cappellanie dependenti dalle Parocchiali di Zara Nona Dell'istessa Diocese sottoposta al Turco Arbe Ossero Veglia n. n. n. n. n. n. n. n. n. n. 24 1 4 34 10 7 12 2 12 7

n. 113
SOCG, voi. 146, f. 124r, 125r 126v.

O od 15. 1627. 76. , 5. 1627. . Relatis litteris Archiepiscopi Jadrensie, et aliorfum] Praelatorfum] Dalmatiae de Missalibus, Breviarij, et Cathechismis Illyricis imprimendis, Sac[ra] Cong[regati]o decrevit, ut infra. P[rim]o. Stenduni esse in decretis, ut sci'licet hu[ius]mo[d]i libri EcclesiJB Illyricis, tot Praelatorfum] testimonijs necessarijs omnimo imprimantur. 2. Eosdem libros corrigendo esse iuxta Romanos Codices lussu Pij V et Clenientis 8. recognitos. 3. Ut emenda tio eorfum] rectius fiat, instituendam esse preculiarem Oon.g[regatione]m ex Religiosis doctis, linguain Illyricam

80

81

callentibus, coram Episcopo Sarsinatensi habendam, ad quani Pater Nicolaus Novatius Ruthenus Monachus, et D[ominus] Petrus Benessa Ragusinus vocandi eru>nt. 4. Ut tam liinguae Illyricae, quam aliaarfum] exterar[um] nationum correctores libror[um] habeantur, praecipiendum esse Superioriibus Religionum, ut in Conventifous, et Monasterijs Urbis Religiosos diversar [um] natkmum, inter aios de familia collocent, ut eorfum] opera Ministri Sacfrae] Cong[regation]is, cum necesse fuerit, uti possint. Acta, voi. 4, f, 226rv, N. 3.
48

49

, 16. VI 1627.
da cy . , . , , no , a , 9.000 , , . , , . , . . Illfustrissijmo e R[everendissi]mo Sigfnor] mio p[ad]ran Coll[endissi]mo Sin' dall'anno passato V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrisisi]ma con una sua delli 6. di Giugno si degn significarmi non ha ver voluto la Sacfra] Cong[regatio]ne pigliar alcuna deteranmat[io]ne circa la Visita degli Uscocchi di Montefeletrio di Croatia di Rito Greco Scismatico da farsi da Mons[ignor] Vescovo di Zagrabia se prima non havesse intesa rinformat[io]ne delli Capitani di quel Monte alii quali S[ua] Mfaest] haveva scritto. Quest'informat[io]ne non prima della settimana passata si havuta s per la lontananza del paese, come per la solita lentezza, con che carminano in queste parti li negotij. La sostanza di essa consiste (per non haverne potuto haver la copia, ma solo S[ua] M[aest] me l'ha fatto intendere per mezzo del Canceliere Verda), che adesso stando le cose de' Turchi sospese per non essersi ancora conclusa la Pace, e potendosi dubitare di qualche solito motivo del Gabor, essendo detti Popoli ferocissimi, e che sono utili all'interesse di S[ua] M[aesit] mantenendo quel paese libero dall'incursioni de'Turchi che per prima in quelle parti facevano molti danni, non esser bene irritarli; perch potrebbe essere che abbandonassero il Paese, e si ritirassero in quel de'Turchi, e potrebbono fare di grand[issi]mi danni, massime che i loro capi di fameglia in tutto sono da 9 m [ila] senza i putti, e le donne, et altra gente inutile. Il farvi de'Seminarij per instruire i loro putti, n anco consiglio approvato, perch essendo gente barbara, non si cura se non di vivere ex rapto, e per poco conto fa delle scienze. Mi soggiunse poi detto Cancellier Verda che il miglior Consiglio di S[ua] M[aest] e del S[ignor] P[ri]n[ci]pe d'Eccherniberg saria di veder di poter far uno di quelli stessi Sacerdoti, che fusse pi inclinato al Catholicismo, Vescovo di quei Popoli, che forsi qualc'uno di loro vedendosi offerir una dignit cos eminente per quella borea, e colla speranza di poter gli altri ancor succedere a quella dignit applicassero l'animo a volersi far Cat[toli]ci.

5. VI 1627.

. , 300 . 4 . , , ode, . , , , 2.000 . Per conclusione tornando delle tre Ville di Lustiza, Cartolli, et Gliesce[vi]chi raggionare sono ivi trecento incirca anime di Greci Scism[ati]ci, et Here'tici, skte Pastore, nec Curatore sotto il Vescova[to] di Cattare con quatro preti Greci parimente Scismatici, li quali se bene accettano il Vesc[ov]o di Cattare nella visita toro, et mostrano in quel mentre qualche segno di riverenza subito partito, lavano gl'altari, e le -mense ove s'havevano celebrate le messe, dal Vesc[ov]o in quei giorni della visita con acqua molto bene [. . .] et poi fanno venir il loro Vesc[ov]o pur Scismatico p[er] rebe[ne]dir gl'altari quasi fossero profanati; Onde s'avertisce in q[uesto] fatto, che la Congreg[atio]ne commetta a chi vorr che tratti con qfuelli] preti Greci li quali p[er] la conversione al rito greco vero, bisognarebbe prometterli quindeci, o vinti Scudi p[er] uno p[er] riconoscer il Pontefice Romano p[er] Pastore Universale della Chiesa, vivendo loro nella libert del rito vero Greco ed far creder il medesimo alii loro parochiani, e cos convertiti q[ues]'ti quatro preti, tutti si convertirebono, et s'aetarebono ancora li circonvicini popoli, come Zuppa, ove sono doi milla anime almeno del medesimo rito Greco Scismatico, et Heretico. SOCG, voi. 262, f. 238r.

82

83

Questo a quanto devo significar riverentemfente] a Vfostra] Signoria] Ill[usitrissi]ma per esseguir li suoi comand[amen]ti rimettendomi nel resto in questo neg[oti]o a quanto io scrissi l'anno passato con una delli 25. di Marzo inviandole le lettere di Monsfignor] Vesc[ov]o di Lubiana, Trieste, e di Zagrabia, e li f hum[iiissi]ma riv[erenz]a. Vienna li 16. di Giugno 1627. Di V[ostra] S[igno>ria] Ill[ustrissd]ma e R[everendissi]ma Hum[iliss]mo obl[igatissimo] devotissimo] [Carlo Caraffa] V [escovo] d'Aversa.
SOCG, voi. 67, f. 39rv; Joannes Simrak, De relationibus Slavonim Meridione lium cum Sanata Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 5051.

iHor[um] cognoscere poterit, et deinde p[er] eundefm] remedia necessitatib[us] spmtua(lib[us] eorfum] opportuna applicare. Die 31 Augusti 1627.
Acta, voi. 4, f. 280v281r, N. 16; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 5152.

50

, 19. VI 1627. da , , o . da je y . ", , . ".


IM[!US)trissi]mo e R[everendiissi]mo Sig[nor] mio e p[ad]ron Coli [endissi] mo Ancorch il Decreto .fatto in materia trahendi Graecos ad ritu[m] Latinufm] con l'occasione della Visita d'Antivari, mi sij paruto sanltissiimo. Tuttavia il creder io, che molt sijno venuti, e possine venire spontaneaim[en]te, e duibitando, ohe l'Arcivescovo d'Antivari, e suo Vicario potessero dare a quella parola trahere qualch' interpretatione, che no[n] piacesse, ne havendo io havuto ardere d'interpretarla quanto a quelli, che venissero spontaneam[en]te, ho 'reputato meglio trattenere Tessecutdone, no[n] potendo massime apportare pregiudicio considerabile, e rappresentare a V[ostra] Sfignoria] IllfustirissiJ'ma, ch'in queste parti sempre stato solito di ricevere al rito latino li Greci, che spontaneamente sono venuti. Intanto che cento, e pi famiglie de Greci, che si trovavano in Zara sono ridotte al numero di quattro, o cinque, e l'istesso succeduto a Sebenco, come altre volte ho scritto, e quando no[n] si ricevessero correriano ad evidentissimo pericolo di irestare negl' errori loro, oltre poitriano far rumore, poich con grandissima difficult si troveriano Sacerdoti Greci, che si confermassero con la Chiesa Romana tependendo tutti li Preti Greci in questi paesi dal Patriarcha di Con^tantnopoli, che conservassero nel'la verit cattolica retenndo il rito Greco, quelli, che si volessero partire dalli Scismatici, e quando anco si trovassero, bisognarla provedergli da

80. , 28. Vili 1627, da ce da o . Sac[ra] Conig[regatio] niandavit agi cum Ill[ustrissi]mo Dfomino] Cardinali] Cleselio de negotio Uschocorfum] ut de s[e]nt[ent]ia Imp[erator]is eiusque Consiliari] circa Ep[isoop]um eis p[ro]ficiendum, quid ei videat, dicat. Die 28 Augusti 1627, Gong. 80.
SOCG, voi. 67, f. 44v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalim cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 51.

je 83. , 31. VIII 1627, , . Ill[ustrissi]m'us D[ominus] Card[inalie] Cleselduis s[e]nt[en]tiam Im[perator]is et eis Consiliarij p[ro]bavit nullam n [erape] meliorem r[esoLutio]nem inveniri posse arbitrat[ur], qua[m] ex Sacerdotibfusl Uschochis niagis eruddtufm] ordinare in Ep[iscop]um, eu[m]q[uej ipsis p[ro]ficere: p[er] eu[m] n[empe] Sac[ra] Cong[regatio] statu[ni]

84

85

vivere, e di Chiese: poich dall'intrate Ecc[lesiati]c[h]e, che sono in poter delli Sismatdci, no[n] caveriano cosa veruna; ne meno quando anco fosse conveniente, sariano ammessi ad essercitare nelle loro Chiese, ch'hanno part[icola]re forma per l'essercitio del rito Greco, gi che gli Greci Sismatiei odiano molto pi gli Greci, che si conformano con la Chiesa Romana, che li Latini stessi, e se li Sacerdoti, et altri Sismatici s'opponessero, come si pu dubitare, che fariano app[ress]o l'auttorit temporale, che non si ammettessero questi Sacerdoti, e dependenti loro; poich questi veneriano a canonizzare gl'errori loro, il che non vogliono tolerare, potr causare difficult forsi insuperabile, non solo in Antivari, ma anco in queste parti. Se a V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma come P[ad]rane mio part[icola]re parer, che le pred[ett]e cose sijno degne di consideratione, potr darne parte alla Sacra Cong[regatio]ne, ma se li paresse altrimente, la supplico humilissimam[en]te a non ne far motivo, e avisarmi quello, che dovere fare, che l'esseguir sub[it]o. Con ch' V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma faccio humiliss[im]a riv[eren]za. Zara 19. Giugfno] 1627 Di Vfostira] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma et R [e verendissi] ma Humilis[sim]o et oblig[atissi]mo S[ervito]re Ottaviano Arciv[escov]o di Zara.
SOCG, voi. 146, f. 143rv, 150v.

affatto, avvertendola per, che la mente di essa, non , che si ributtino li Greci, che volontariamente vengono al rito latino, ma che in tal caso, lodando il parer di V[ostra] Signoria], vuole,' che s'accettino senza alcuna difficolt. Che quanto.
Roma 31. Lug[li]o 1627.
Lettere, voi. 6, f. 115rv.

endis Graecis ad Ritum Laitinum, giudica bene, che lo revochi

51

, 20. VI 1627. , 20 .

, 78. , 28. 1627, o , . Relatis l[itte]ris Archiep[iscop]i Jadrensis, circa Graecos ad rituni latinum trahendos, Congfregatio] dixit non sufficere suspensionem Decreti ab ei in Visitatione Antibarensi facti, sed illum

rit di vita ha messo in odio li preti scismatici a quelli popoli pur dell'istesso rito ha anco convertito al rito Romano da 20 persone, et altri vengono alle sue messe, et prediche, et si ha ferma speranza, che sono per abrazar il rito Romano confessando fin hora il Sommo Pontefice per Pastor Universale, et successor di San Pietro [...] Di Cattare li 20 Zugnio 1627 Di Vjpstra] Signoria] Jll[ustrissi]ma et Rev [er endissijma Divotiss[i]mo et oblig[atissi]mo Ser[vito]r II Vescovo di Cattare.
SOCG, voi. 146, f. 179r 180v.

[...] [...] fra Serafino da Lesina, quale con somma bont, et exempla-

omnin esse revocandum; quia Graeci ad ritum latinum non inviti trahendi, sed t[a]m[e<n] spente venientes admittendi.

Acta, voi. 4, f. 264r, N. 32.

52

, 28. VII 1627. no , . , a ", -

od 31. VII 1627. AH'Arcives[cov]o di Zara Non parendo a questa Sfacra] Gong[regatio]ne, che basti la sospens[io]ne, che V[ostra] Signoria] ha fatta del Decreto de trah-

86

87

, . , ". Ill[ustri!ssi]mo et R[everenddsisi]mo Sig[nor] Osservantissimo Ricevute le l[ette]re di V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma delli 22 del corrente procurai subito prendere da pi periti l'inforniatione ricercatami a nome della Sacra Cong[regatio]ne de fide propaganda se fosse meglio stampare i Missali et Bireviarij con carattere cirilliano o di S[an] Girolamo; e per quanto ho potuto cavare, ritrovo, come lei apunto scrive, che il carattere di S[an] Girolamo usato per lo pi in Dalmatia, ma lo cirilliano in diversi regni, e Provincie. Onde dovendo quest'opera s santa, e necessaria riuscire a commun servitio, stimo bene stamparli in carattere cirilliano come pi universale. N la Dalmatia rester defraudata, perch gi in quella per lo pi si scrive con il cirilliano, il quale non molto differente dal stampato, et in poco tempo anco il stampato sar asppreso per il gran desiderio che s'ha d veder effettuata opera s buona. Ben vero si dole che a questa guisa il carattere di S[an] Girolamo si perder affatto. In quest'occasione m' capitata alle mani l'occlusa informatione del gi Dottor Alberti homo assai prattico in questa lingua la mando a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma in caso che potesse servire a qualche cosa, e p[er] fine le bacio le mani. Di Spal[at]o, li 28 luglio 1627 Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma et R [everendissi] ma Devotissimo] et oblig[atissi]mo Se[rvito]re Sforza Arciv[escov]o di Spalato.
SOCG, voi. 146, f. 146r, 147v.
l

Ingoii Roma Molto lll[ust]re, e m[o'l]to Reverendo] S[ignor] mio Ossfervantiissi]mo La gelosia ch'ho di soddisfare pontualissimamente airill[ustriBsi]mo Sfignor] Cardinal della Sacra Congregatione de Propaganda fide, m'ha dato un poco di mantello, che q[ue]lli S[igno]ri habbino creduto, ch'io habbi sospeso il Decreto trahendi Graeoos ad Ritum Latinufim], mentre io non ho fatto altro che trattenere l'essecutione sin' tanto che io sapessi il senso d'essa Sacra Congreg[atio]ne circa a quelli che volontarianifenjte venissero, e sub[lt]o, che l'ho inteso ho scritto, che s'osservi il Decreto senza per ributtare quelli che volontariamente venissero, e m'assicuro, che con questa dechiaratione far buoniss[m]o effetto. Supplico V[ostra] S[ignoiria] ad assicurar quelli Illustrassi] mi S[igno]ri, ch'io no [in] solo ho fatto decreto di sospensione, ch'habbi bisogno di revocatione; ma n'anco imbaginatami idi por mano nell'atti de' Superiori in altri eh' in intender meglio la volont loro. Don Pompeo mi scrive in nome di Vfostra] Sfignoria], che la Sacra Cong[regatio]ne nella relatione di Budua ha inclinato, che si provega d'un Vesc[ov]o p[er] q[ue]lla Citt dando ordine aU'Il] fustrissi]mo S[ignor] Card[ina]le Cornare, che ne tratti con la Ser[enissi]ma Repubfli]ca, l'assenso della quale mi fu significato dairEcc[ellentissi]mo Sfignor] G[e]n[er]ale Molino con una sua scrittura da Spalato sotto li 7. di febraro 1627. Mi scrive anco che l'Abbate Cesila ch'altare volte nominai per questa Chiesa no[in] sairia accetto, come anch'io credo: poich quelli di Budua no[n] si intendino con gli Catarini, e difficilme[n]te haveriano gusto d'esso Abbate per esser da Cattare, e no[n] piacendo questo reputare! molto al proposito D[on] Pietro Gaudentio Canonico di Spalato Alunno del Collfegijo Illirico nelli tempi buoni, Dott[o]re in Theologa, e sebene pare un poco freddo. Tuttavia havendoniene io servito nella Visita Ap[osto]lica, l'ho scoperto per huomo zelante dell'honor di Dio di vita purissima, e di gran' carit neU'aginti del prossimo, affettionatiss[im]o alla Santa Sede Ap[ostoli]ca di modo ch'in quei Popoli di natura, che partecipano del fiero, crederei, che facesse pi co[n] ressempio, che co[n] l'esser ardente tanto pi, che no[n] sparambiaria a fatiga, ove si tratasse il Serv[iti]o di Ddo. Se quelli Ill[ustrissi]mi S [ignori] (ricercassero gli Vescovi dello Stato della Ser[enissi]<ma Rep[ubl]ca d'Italia, ch'ogn'uno di loro applicasse overo unisse qualche cosa al mantenimento di questo Prelato lo potriano fare senza incommodo veruno tanto pi, che si tratta d'opera di gran' merito; poich riuscendo sperarei, che si riducessero tutti quelli di Pastrovich contenuti in quella Diocese quasi tutti del Rito Serviano. Ho inteso, ch' capitato il Cathechismo Illirico, e se quelli S [ignori] lo faranno stampare habbiliteranno senza duib[bi]o veruno gli Parodii della lingua illirica a poter fondatam[en]te instruire gli loro popoli, e ributtare qualch'opp[inio]ne falsa, che le volesse introdurre, al che di p[rese]nrte sono inhabili.

53
, 12. Vili 1627. . , , , ". npe dee ".

88

89

Ho di gi ritrovato un Messale Illirico scritto a mano doicento anni fa. Attendo a vedere se vi ne fossero delli pi antichi, e anco se si trovassero Breviarij manuscritti antichi, e fra .pochi giorni mandare qualche cosa. La supflico] a conservarmi nella sua graftia], e a credermi, che le vivo obligatss[im]o. Con che fine le bacio co[n] ogni affetto le mani. Ni Zara 12 Agosto 1627 Di V[ostra] S[iginoria] m[ol]to Ill[ust]re, e m[o]to Reverente] Aff[ettuosiissi]irno et Devot[issi]mo S[ervito]re Ottaviano Arciv[escov]o di Zara.
SOCG, voi. 146, f. 162r163v.

20. VIII 1627. All'Arcives[cov]o di Zara Essendosi riferita nella Sfacra] Cong[regatio]ne tenuta inanzi Suo S[anti]t la Visita della Chiesa di Cattare, si sono pigliate le risolutioni, che Vfostra] Signoria] vedr nell'incluso Decreto, il contenuto del quale ella procurer habbia la debita essecutione, perch per questo effetto se le manda. S' ricevuto il Cathechsmo Illirico, e le l[ette]re de' Ves[cov]i di Dalmatia intorno alla Stampa de' Messali, e Breviari Illirici, la quale N[ostro] S[igno]re sollecita grandemente. Intanto, ringratiandola in nome della med[esi]ma Sfacra] Coing[regatio]ne della diligenza nel mandar il d[ett]o Cathechismo, e le sudfettje l[ette]re, per fine.
Roma li 20. d'Agosto 1627. Lettere, voi. 6, f. 126rv.

Ill[ustrissi]mo, e Reverendissimo S[ignor] mio e p[ad]ron Col[endissi]mo Sub [ito] inteso il sentimento della Sacra Cong[regatio]ne de Propaganda fide, che nofn] si ributtino gli Greci, che volontariamente vengono nel rito Latino; ma s'accettino senza difficult alcuna, ho mandato al Vicario d'Antivari copia del Decreto fatto da essa Sacra Congregatione sotto li XXI. di maggio prossimo passato, in materia trahendi Graecos ad Ritum Latinum insieme con la dechiaratione, che no[n] ributtino quelli che volontairiame[n]te venghino; ma l'accettino senza difficult coxn[m]ettendogl, che notifichi l'uno, e l'altro a Mons[ignor] Arcivescovo suo, e che ogn'uno di loro osservi quanto stato resoluto, n c' stato necess[ari]o, ch'io revochi la sospensione: poich no[n] havevo fatto altro, che trattenere la notficatione sin' tanto ch'io sapevo la mente della Sacra Congregatione quanto a quelli, che venissero volontariam[en]te. Con che fine a Vfostra] Signoria] faccio hum[ilissi]ma riv[eren]za. Di Zara 12. Agosto 1627 Di V[ostra] S[i-gnoria] Ill[ustrissi]ma e R [e verendiBsi] ma Humilis[sim]o et oblig[atissi]mo S[ervito]re Ottaviano Arciv[escov]o di Zara.
SOCG, voi. 146, f. 161r.

55
, 30. Vili 1627. da . . . Ill[ustrissi]mo e Reverendissimo Sig[no]re mio e p[ad]ron Col[endissi]nio Ho dato conto a Mons[ignor] Vescovo di Cattare della relatione fatta dalla Sacra Congregatione de Propaganda Fide tanto circa il Breve per l'eettione de' Nobili alii Canonicati di Cattare, quanto circa il trovar modo, che nella Chiesa di San Giovanni di Cartolla gli Cattolici no[n] celebrino gl'uffici] divini nell'istessa Chiesa, della quale si servono gli Greci, e se riavessero modo essi Catt[olic]i di fabricarsi una Chiesa, mi rendo sicuro, ch'i! neg[oti]o sorteria buon fine ancorch saria necessario farlo sotto pretesto d'haver una Chiesa propria, e no[n] per fuggirgli, come Sismatici, o heretici. Poich

54

, 12. Vili 1627. da o .

90

91

tante volte quando venuto il caso in q[ue]ste parti di far'atto, che dechiari gli Greci per heretici ta[n]te volte si sono sollevati, e ha bisognato acquistargli con poco avartaggio. E quanto a me reputo, che la meglio sij avisare gli Vescovi, che destramente procurino, che gli Catt[oli]ci non conimunichino con essi, o vero intendersene prima con rEcc[ellenti$si]mo Senato Veneto. Ho sentito gusto, ch'il Cathechismo Illirico sia arrivato in poter della Sacra Gong frega tic] ne, e s'assicuri V[ostra] Signoria] m[ustriissi]ma che stampandosi gli Parochi di questa lingua potranno fondatamente rispondere, e instruire gli toro Parochiani, che di p[rese]nte no[n] lo possono fare. Dovendo venir un'imo di Casa a cotesta volta, inviare con quest' occasione un' Breviario scritto a mano l'anno 1366. e un'Messale pur scritto a mano l'anno 1402, Illirici, ch'ho di gi in ordine, e se dagl'altri Vescovi, a quali ho scritto mi sar mandata cosa a proposito, la mandare insieme con essi. E per fine a Vfostra] Signoria] Illfustrissijma faccio hiuniilissima riv[eren]za. Di Zara 30. Agosto 1627 Di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma, e R [everendissijma Humffisfsknjo et oblig[atissi]mo S fervi to] re Ottaviano Arciv[escov]o di Zara.
SOCG, voi. 146, f. 167rv, 174v.

, , , . . Ill[ustrissi]mi et R[everendissi]mi S [ignori] Per il passato ho dato conto a cotesto Sacro Tribunale della mia Visita fatta sin q[ue]U'hora. Hora mi conviene dar del resto sebene ancor no[n] ho fatto la mitt essendo impedito delli fr[at]i Bosnesi, quali posponendo timor di Dio lor conscienze et vera obfedienza] della S[anta] Sede Ap[osto]lica, si sono oposti con tutte le forze, et con braccio di Turchi no[n] stimando nisiuna censura Ecclesiasticha: et no[n] fan[n]o venire n Vescovi, n Visitatori Ap [osto] lici, n della loro Religione, ina tra di loro ellegono, et detti Visitatori et Superiori questo che no[n] si scoprono loro tristi tie et dififetti maggior parte astinenti al Sfan] Ufficio: et quelli che tengono cura dell'anime nella mia diocesi gli ho chiamati tante volte et con preghiere cantative et poi con le censure et per parte del Sfant] Ufficio di tenir a rendermi ub[edienz]a quatenus parochi, et finalmente fulminato le scomuniche delle quali no[n] si son curati, n si curano ma niinaciano di farmi impalar. Nella mia Visita fatta questo an[n]o ho ritrovato li seguenti diffetti. Primo che li detti fr[ati] q[ue]lle don[n]e Scismatiche che si maritano con li Catholici gli rebatezzano tutte con scandalo di tutti facendo mille altri spropositi et errori p[er]ch maggior parte di q[ue]llo che tengo le parochie no[n] san[n]o che cosa siasi tra li carater et quelli che san[n]o qualche cosa stano in casa et p[er] fugono et Vescovi et Vissite di tutte le sorti. Le don[n]e o catholiche nate o soismaltiche, et prima maritate con li scismatici cosa costumata, et celebrato matrimonio in faccie Ecclesiae per verbo de presenti Ritu Greco: p[er] et dalli mariti scismatici o fugite o dischacciate, novamente maritate con li catholici vivendo Primi loro mariti scismatici, ho trovato molti che dalli Parochi che pr tempore son stati stato dechiarato dalli detti curati Primo matrimonio nulius valoris, et che non tiene, et il Secondo con li catholici esser vero et legitimo, et ci sono molti maritati da molti an[n]i con le dette don[n]e vivendo lor mariti primi scismatici con quali hano molti figliuoli. Alii quali ho separati con maggior cautela et trema che s' potuto per esser tra l'infedeli, li quali si lamentano dicendo nunquid divisus est Xps (et ego no[n] embescho evangeliu[m]) dicono et Vescovi che andavano qualche volta de qua et parochi han[n]o concesso il tutto n han[n]o contradetto. Quali ho trovato che han[n]o dispesato la par[en]tella in 3. grado misto auctoritate propria sop[ra] qua! cosa ho fatto quanto comporta la legge.

82. , 9. 1627, . Referente eodem Ill[ustrissi]mo l[itte]ras Archiepfiscop]i Jadrensis de Altari/bus in Eccl[esi]a S[aneti] Joannis de Cartella Diocesis Catharensis, in qui'b[us] Latini, et Schismatici celdbrant, et de seditionis periculo in hoc abusu tollendo, et de Eccl[esia]e novae ad eum abolendufm] necessaria aedificatione, Sacfra] Congfregatio] censuit hu[ius]mo[d]i neg[oti]u[m] in Sancto Off[ici]o diligentius esse examinandum.
Acta, voi. 4, f. 296v, N. 7.

56

, 12. XI 1627. da .

92

Al Vescfovjo Stefanense

93

Illfustrissijmi Sfinori] tutti questi errori naschono per la parentela che fano passim catholici con li scismatici et conoscenze cosa tra di loro costumata doppo che li detti scismatici si sono discostati dall'ubedientla della Sfanta] Sede Ap[osto]lica: et questo nofn] solo in questa mia diocesi ma quasi in tutti Vescovati di queste parti sottoposte al Turche, per dove pi dove meno: et io in questa diocesi mia ho ritrovato molte Ville, et lochi quali ab antiquis sono stati Catholichissimi di 30 et 40 case pi e meno et tutto pfer] ha versi maritato con le scismatiche, sempre p[er] la causa delle quali nofn] solo q[ue]lla casa trabucchato nello scisma tanto pernitioso ma etiamdio tutto quello locho o villa maxime pfer]che son stati senza lori proprij Vescovi et pastori et pocho eruditi curati:et adesso non ce un vestigio de cathol>i[ci]smo, cosa di piangere. Di questo ho dato conto et a Vfostre] Sfignorie] Illfustrissijme et alla Sacra Congregatione del Sfant] Uff[ici]o, dal qual ho hauto l'ordine a prohibire simili matrimonij. Per il che son andato cos impotente di tante infirmit et extrema povert nella q[ua]le mi ritrovo et ho fatto p[er]sonalm[en]te: et alii Populi par cosa strana pfer] esser cosa invechiata, s'ancor p[er]ch gli stato da qualche Vesfcovjo concesso dicendo esser lecito pfer] essere christiani cos catholici come scismatici errando nell'equivocho. Et per esser questo errore comune a tutti questi paesi n s pu cos facilmente levare se nofn] cos giudico referendomi p[er] sempre all'alto loro giuditio, necessfarijo far una Bolla a tutti Vescovi et curati di questi regni nofn] piglino li catholici dalli scismatici pfer] la sudetta ragione n diano a loro. Perch pigliando li catholici da loro restano loro fglie quali pfer] forza necess[ari]o dar poi et alii scismatici et alii stessi Turchi, cosa particha et costume pfer] tutti questi regni: et questo sar remedio ottimo et sebene in Principio ci sar a dir non di meno in breve tempo si quieter il tutto. Questo ho detto pfer] ubligo mio et loro Ill[ustrissd]me et R[everendissi]me Sfignorie] arivarano con spirito datoli da Dio et farano quanto sar gloria di Dio et salute di questi Populi. Pregandoli da Dio ogni felice contento sempre. Da Ravno in Popovo alii 12 9bre 1627 Di Vfostre] Sfignorie] Ill[ustrissi]me et R [everendissi] me Humiliss [un] o Sefrvito]re II Vescovo Stefanense SOCG, voi. 147, f. 16r17v. O 90. , 8. 1628. . O 14. 1628.

Ha decretati questa S[acra] Cfongregatkme] scudi 25. per sovvenir' in qualche parte alle necessit dii V[ostra] Signoria], n si meravigli, se la somma poca, perch ci s' fatto contro l'Instituto della med[esim]a Sfacra] Cfongregatione], la quale ha ord[in]e da N [ostro] Sfignojre d'impiegar i denari solam[en]'te iin Miss[io]ni, et in Collegio]. Quanto alii casi de' matrimonij, de' Battesimi, e delle Turche, che vorrebbono essere Christiane occulte, si sono rimesse al Santo Ufficio, e da quello ella dovr attender la Esposta, sicome io aspetter di saper da lei a chi si dovranno sborsar li sud[ett]i s[cu]di 25. Che per fine a Vfostra] Signoria] rn'offero. Roma 14. Aprile 1628. Lettere, voi. 7, f. 47v48r.

57
, 13. XI 1627. -, , no . . Ill[ustirissi]mo S[ignor] Card[ina]l Ludovisio Illfustriisisijmo et Reverendissimo Sig[nor] mio p[adro]n Col[endissi]mo Scrissi al Vescovo di Cattare, che tratasse il negotio degli Altari Cattolici, che sono nella Chiesa di S[a]n Giovanni di Cartolla, parendomi, che lui fusse il pi atto per dfetto] negotio; Hora vedendo quello, che mi scrive Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma, gli ho scritto, che sovrasede, e credo, che sar in tempo, poich non ho sentito, c'halbbi operato cosa veruna. E con questo fine a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma faccio humiflissijnia riverenza. Di Venertia 13. 9bre 1627. Di Vfostra] Sfignoria] Ill[uistirissi]ma, e Reverendissima Humilis[sim]o et ofolig[atissi]mo Sfervitojre Ottaviano Arciv[escov]o di Zara. SOCG, voi. 146, f. 178r.

94

o
58

95

, 1627. . :

Nella Vila di Bianchi sono anime cento, e dieci, di Catholici {...] anime 15, di Schiismatici 60, et il resto di Turchi. In [detta] Villa ho convertiito al Rito Romano la consorte del Conte [della] Villa, quale era Greca Schismatica. Nella Villa di Josiza anime 28, di Catholici Romani 18, et di Greci Schismatici il resto. SOCG, voi. 262, f. 236r.

80 10 77 17 15 18

150 290

570

3
83 60 10 35
1628.

59

o , . Tria sunt praecipua loca (quantufm] ego scio) inter disiuncta ac valde d'istantia ab Illyricae gentis haminibue graeci Ritus in Croatia, et Camicia accupata, et habi'tata, qua propria [m] patriam a Turca possessam pro/pter eiusdem saevam tyranmidem deserantes, in Ditionem Chriistiani Principis multis abhinc anras sese receperunt, vudgoq[ue] a nostris Uskoci vocantur. Duo sunt supponenda. P[ri,m]o. Nulkum Romae posse meliorem, nec veriorefm] de hisce homimbus, ac lociis relatione[m] dare, quam Monacum Basilianum Methodium e'iusde[m] Ritus, qui personaliter ibi fuiit, omniaq[ue] (ut ipse dixit) illa loca perlustravit. 2. Sciendum hos homines non habitaire simul, et coniunctim, sicuti fit in Civitate, sed sparsimi, et seiunctim per Roira inter [...] disiuncta; Itaque praecipuus locuis nominatur, ubi deinde sunt plura alia, ciTCumcirca adiacentia Rura, Sedes, et illorum habitationes, prout ipsemet Methodius oculatus testis dicet. Roviscchia Horum trium vero locorum, primus, ac praecipuus, quoad numeru[m] animarum, ac Sacerdotum est in Croatia infra Zagrabiam, in Dioecesi Zagrabiensi, in ditione Coronae Hungariae, magis distane ab Adriatico mari, quam alia duo, vocaiturqfue] Roviscchia, seu Kriisevci. Metliika, seu Montes de Metlink Secundus locus est in Carniola in Montibus Metlink, seu nostra lingua Metlicke Gore, qui montes denominantur a Metllka, quod est opidum parvum in Carniola in ipsius fine, seu extrema parte

217

596

605

Num[er]o d'anime della Cura di Risano con Ville circonvicine della Diocese di Catt[ar]o soggette nel Temporale alla Tirannide del Turco circa 800. Nella terra di Risano sono anime di Xphani Catholici, che fanno alla Romana anime 80, di Greci Schismatici anfime] 150, et di Turchi i resto: Di Greci Schismatici una Chfiesa] [.. .] Margarita. Nella Villa di Morigno sono anime circa 300, di quali [. . .] del Rito Romano 10, et di Greci Schismatici il resto [...] Villa havendo persuaso un Padre di Famiglia Gieronimo Greco Schismatico a venir alla Messa, et alle mie Prediche, si [. . .] contentato, che anco predichi alla sua famiglia in casa [...] et doi sue figl[io]le con gusto del Padre sii sono convertite [. ..] alla Romana, et esso con la moglie n'ascolta volentferi] [. . .] tutto che resista di lasciar il Rito Greco havendolo [. . .] [ver] gogna p[er] esser vechio: tutta via spero total sua conversione] [. . .] confessando il Sommo Pontef[ic]e p[er] Vic[ari]o di Xpo, et sucessore [di San] Pietro. In detta Villa un altro Schismatico si converftito] [. . .] et fa alla Romana; Sono doi altri Padri di famiglia [. . .] anco sono persuasi di far alla Romana. Nella Villa di Costagniza vi sono anime 80 tutte del rito [. ..] fuori d'una casa, nella quale sono anime tre, quali m'[hanno dato] parola di convertirsi, n altro l'impedise, ch'il [. . .] in vechieza esser cosa detestanda. Nella Villa di Cruseviza si ritrovano anime 100, di quali sono d[el Rito] Romano Catholico anime 17, et il resto Greci Schismatici.

QQ

97

Croatiam vensus. Hic locus est in Dioecesi Aquileiensi in Ditione Serenissimi Archiducis Ferdinandi in praesentd Roimanoruni Imperatorie, et distat circiter quatuor dierum itinere Adriaticum mare versus a dicto primo loco vocato Roviscchia in Croatia. Gomerie Tertius IOCUB est in Croatia in Dioecesi Modrussiensi (prout frater Raphael asserit) in Ditione Coronae Hungariae. Huius loci habitatores sornt omniufm] postremi, qui e sua Patria fugientes in hanc Regione [m] (in confinibus Tur cani [m] sitam), venerunt et hac de causa a nostris Uskoci [...] vocantur. Quantum vero distat a Metlika seu a Montibus Metlink, mihi pr certi compertutm] non est. Dicat monacus Methodius qui ibi fuit. Hicque sunt vicniores Adriatico mari, quam ulli alij, et hic tertius locus vocatur Gomerie.
SOCG, voi. 70, f. 68rv; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. 1, Zagreb 1926, 7172.

61

, 3. IV 1628. , , , ". Ill[ustrissi]imo et Reverendissimo Sig[nor] et P[at]ron Col[ehdi!ssi]m>o Fra Seraphino da Lesina, serve per curato di Risano, e ville circonvicine, soggiette alla tirannide del Turco, doi anni sono, che non ha havuto la Pensione di 30 scudi assegnatigli dalla Sacra Congreg[atione] de Propaganda] Fide. Egli non cessa di administrar li Sacramenti, e procurar la conversione degl'Infedeli, e Schismatici, havendoli sin' hora convcrtito alla fede catolica venti s colle sue fruttuose predicationi, come anco coH'essemplarit della vita. E perch doppo haver ricevuto la prima annata, da Perastini sovenuto del vitto, lo unitamente colli Sigfnori] Perastini supplico riverentemente Vjpstra] Signora] Il[ustrissi]ima et R[everendissi]ma a restar servita, presane cost rinformatione del fruttuoso suo governo, scrivere a quella Sacra Congregatione per corrispondenza dell' assignata Pensione; acci esso coll'istesso fervore possa seguitar nel propagar la fede, et lo liberar cadaunno d'ogni suspitione della ricevuta di detto denaro, con che fine a Vfostra] Signoria] Illfustrissijma et R[everendisisi]ma humilniente m'inchino, pregandole dal cielo il colmo de' meritati honori. Cattare a di 3 Aprile 1628. Di V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma et R [e vrendissijma Divotissimo et oblig[atissi]mo Ser[vito]r II Vesc[ov]o di Cattare. SOCG, voi. 2. f. I41r.

60

, 25. Ili 1628.

, 4 5 ". Ali' Arcivesc [ov]o d' Antivari La compera, che Vfostra] Sfignoria] vuoi fare della Casa in Scopie col denaro delle sue provis[io]ni, stata approvata dalla Sfacra] Cfongregatione], poich in essa ella potr far' istruir 4, o 5. giovani Serviani, per mandarli pai al nuovo Colleg[i]o Illirico di Loreto. Roma 25 marzo 1628.
Lettere, voi. 7, f. 36v37r.

62

, 16 V 1628. da je , , . , a . .

98

99

Ill[u>strissi]'mQ et R[everendissi]mo Sigfnojre mio CoHfendisisiJimo sempre Grecie, ac Barbarie sapientibus et insipientibus dbitor sum.

Vescfovajto. Quando s-i aumenter il num[er]o di essi, havera considerat[io]ne alle Diocese di Vfostra] Signoria], a cui p[er] fine.
Roma 11. Agosto 1628. Lettere, voi. 7, f. HOv11 Ir.
63

Venendo a questo mio desolato Vescovato ho trovato 4 giover catholici nati di bone case, ma poveri per le inhumane extorsioni turchesche: quali dessiderano grandemente essere allevati a beneficio di quest'anime alii quali il Vecchio fra Biaggio gi defonto haveva promesso che sariano da Roma agiutati et venendo io qua mi fecero grandissima instantia come me la fano ogni giorno che gli ricevessi in casa mia ,p[er] allevarli et farli habili pfer] li collegi], et io essendo pi povero di loro et mendico no[n] lo posso far nofn] havendo n entrata, n pensione, n lemosine, ma solo gli tengo in bona speranza che sarano agiutati, sebene un di loro alla gran pfer] suasione delli Caloeri Sismatici andato a loro monastero: qual come sar allevato in q[ue]llo pernicioso et pestifero Scisma far grafndi] dafn[n]i, come lo farano altri 3. quando nofn] sarano aigiuitati essendo soiecitati instantem[en]te dalli detti Scismatici: et se da me no[n] fossero intertenuiti sin'hora ariano trabucchati. Per tarato humimente prostrato in terra pfer] la parte di Dio supppsjco ootesta Sacra Congregatione che si voglia degnar a dar tanto agiuto alii sudetti. gioveni che sia neccess[ari]o p[er] mantenirsi et far habili p[er] il Collegio et no[n] p[er]metter che vadino allo Scisma in gran dan[n]o et pregiuditio di questi Catholici, quali nofn] isolo trarano case loro ama molt'altri. Tanto pi che a qfuesltjo fine nisttoiita cotes'ta Sacra Congregatione: et io avanti di q[ue]lla sgravo la mia conscentia adesso et indi giufdijtio et s'havessi spogliarla me stesso et agiutario simil bisogno. Perch oupio anathema esse pr fratribus meis ut et ipsi salutem consequantur: et con tal fine huimilmente bago la sua Sacra veste. Da Slano alii 16 Maggio 1628. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma et R[everendiissi]ma Humiliss[im]o Se[rvito]re II Vescovo Stefanense
SOCG, voi. 147, f. 29rv.

, 17. V 1628. " . He, no , . . Iill[ustrissi]mo e R[everendissi]mo Sig[nor] mio ossjervantissi]mo

, od 11. 1628, no .

Degl'Alunri, che Vfostra] Sfignoria] scrive, non pu la S[acra] Cfongregatione] per hora riceverli, perch l'erett[io]ne del Colleg[i]o Illirico ripugna, essendos'in quella distribuiti 1 luoghi a ciascun

Gi S[ua] M[aest] ha scritto al co'nsiglio di Gratz che trovi modo p[er] manitener il Vesc[o>v]o della lingua illiricha p[er] poter aiutar li Val'lachi Scismatcii esso ne dia relatione a S[ua] M[aest]; della resol'utione che se se pigler ne dar subbito porsi a V[ostra] S[igno]ria R[everendissi]ma, alia quale gi scrissi quel tanto che rimp[eratore] haveva ordinato che si ponesse nel'instruttione ali' Amb[asciator] suo che mander alla Porta per operare che sia cacciato dal corte suo di Patriarcha di Conistantinopoli il Oirillo Calvinista e di novo se s'incaricher quando detto Ambfasciatore] ariver qui alla corte con occasione della lettera che Vfositra] S[ignoria] R[eveirendisisi]ma imi ha scritto sotto la data dell' 8 del passato con mandare copia d'una lettera scrtta da Constantinopoli ma in quella corte come V[oistra] Signoria] R[everendissi}ma sa meglio di me tutti l'uffitij del mondo non giovano n sanno superare la violenza del denaro e per chi pi doner pi sar esordito, et a questo bisogner pensare in qualche maniera trovandola difficile Pier] porsi del'Imp[ratore]. Con che bacio a Vfostra] Sfignoria] Reverendissima porgendoli ogni maggior sua esaltatione. In Pragha M 17 di Maggio 1628. Di Vfostra] Sfignoria] Illfustrissijma e R[everen>ct>issi]ma devot[issi]mo et ob[li]g[atisskno] S fervito]re [. . .] Vescfovo] d'Aversa.
SOCG, voi. 69, f. 72r, 79v.

100

101

64 , 7. VII 1628.

o , . . , 80 , , 6 . Illfustrissijmo et Reverendissimo Sig[no]re Essendo venuto Isaia Petrovtich Monaco professo d'ordine di S[an]ti Basilio, et Gioanni Chrysostomi Sacerdote del rito greco per ordine del suo Superiore, et d'altri Monaci, che sarano in nfumer]o 80 nel Monasterio di S[an]to Giorgio a render obedienza alla Sede Apostolica, come gi fu consti tuito, et abiur in S[an]to Offitio. Hora trovandosi in Roma esso Or[ator]e da 40 giorni sono, non havendo a chi riccorrere, e narrare il bisogno di quelli Monasterij, che sono poveri, et innumerabi'li Monaci ignorantissimi, che n meno intendono quello leggono, riccorre perci benignit di Vfostra] Signoria] Il[ustrissi]nia come al benigno Prot[eto]re del Regno di Bosna, che p[er] carit sia introdotto a basciar li piedi di S[ua] S[anlti]t. Procurando anco far venire al studio in Italia da sei giovani di quel'la Provin[ci]a, perch facendo progresso nelli studij, possine tornare alla loro patria p[er] instruire poi quelli povere ti, che vivono come tanti animali. E p[er] tal carit si ricever merito appresso Dio.
SOCG, voi. 388, f. 212r.

, . ". , . . Ill[uistrissi]mo e Reverendissimo Sig[nor] mio oss[ervatiss]mo Per il ritorno da Pragha a Vienna per la Dieta di Moravia non ho potuto prima che con questa posta rispondere alla lettera di Vfostra] Signoria] R[everendissi]ma delii 20 di Maggio sodisfo al debbito et ob-Kgho mio con Vfostra] S[ignoria] Rfeverendissijma con questa. Da persona degna di fede venuta tre giorni sonno da Croatia ho havuto informatione che sia vero quel Ves[cov]o tra li Vallacchi di Monti Feletro che fu fatto da Papa Clemente 8. ma per esser tanto vecchio et inabilissimo, non solo non pu supplire al mancamento del suo debbito ma lascia correre ch'alcuni preti di rito greco com' tutto della natione continuano nelli loro abusi et altri inconvenienti; onde li mezzi proposti dal Metropolita di Russia sicom'ha significato alla Sfacra] Cfongregatione] con la sua lettera della quale Vfostra] Signoria] R[everend)issi]ma me ne ha mandato copia che glela rimando, son bonissimi e del primo tentato da me come scrissi con Imperatore] se ne sta aspettando informatione p[er] la quale Sfua] Mfaest] ha 'scritto in quelle part. Circa al secondo non vi occore altro solo ch'ultimamente morto il Ves[cov]o di Zagabria et avanti che detta chiesa sia provista di persona idonea vi correranno molti mesi nelli quali sar facile ch'il sopradetto Ves[cov]o fatto da Papa Clemente mora oper acci non sia introdotto un' altro Scismatico sar necessario pensar al remedio se fra tanto non havera havuto effetto il primo mezzo con il Ves[cov]o di Samandria. Con che baciando a Vfostra] Sfignoria] Reverendissima le mani. Me le ricordo suo devot[issi]mo et ob[li]g[atissi]mo S[ervito]re. Da Vienna li 8 di Luglio 1628. Di Vfostra] Sfignoria] nifustrissijma et R [ever endissi] ma devotissimo et ob[li]g[atissi]mo S[ervito]re f. . .] Vesc[ov]o d'Aversa. Mi ero scordato di significar a Vfostra] Sfignoria] Rfeverendiscome la missione di Padri Cappuccini in Ungaria Superiore, in Transilvania viene traversata da questo Padre Provinciale per n privarsi d'alcuni sogeitti non che non siano hafoili come meglio vfostra] Sfi'gnora] R[everendiss]ma potr sapere dal Padre Meri

Ha da ce o 94. , 7. 1628. , .
SOCG, voi. 388, f. 217v.

65

, 8. VII 1628.

" ( ), nana VIII. , . .

102

103

procurator Generale, al quale si mandano sopra ci le fedi necessarie, e di uovo a V[ostra] Signoria] R[everendissi]ma bacio le mani.
SOCG, voi. 69, f. 86rv, 92v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculls XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 5758.

villa tanto fanno pi del ibravo a chi si spaventa del fatto loro, ma a chi li mostra li denti si aviliscono, usque ad pulverem. Desideriamo tutti la venuta del n[ost]ro R[everend'issi]mo p[er]o voressmo che fosse spedito quanto prima, e non occorendone p[er] adesso altro, prego alla Sua S[igno]ria Jll[ustiissi]:ma ogni bene dal N [ostro] Sfignore], et mi raccomando di co-re. Di Belgradi li 15 luglio 1628. Di Vfostra] S[igmoria] M[ustriBsi]ma Aff[etuosissi]mo Servo in Cristo F[irat]e Don Simone Matheocovich, vicario della diocesedi Samandria pub[li]co notano Apo[s]t[oli]co
SOCG, voi. 57, f. 17rv.

66

, 15. VII 1628. , , , . Ill[ustrissi]imo Sig[nore] Dalla Sua Sig[no].ria ril[ustrissi]ma ricevei la Sua Gratissima nella festa di Pentecoste e mi ralegri molto della promessa che far la Sacra Congregatione, provedendo, oportunam[en]te, agli inconvenienti delli quali lo informato, ma che Sua l'Illustrissima] Sigfno]ria scrive, che faccia esseguir gli bordini della med [esima] Sac[ra] Cong[regation]e circa la Capella di Belg[ra]di, che ultim>am[en]te, mi son sitati inviati. Io adesso, io [. . .] son venuto a Belg[ra]di da Muhac dove mi riterai caciato di qua [. ..] non volendo loro ricognioBcermi p[er] Vicario, non ho trovato [...] mandatimi di costa; Inconvenienti nascono pure giornalm[en]te, e [...] le cose sempre allo peggio, ma p[er] non atediarvi solo havisar [...] non so con che conscientia il Vescovo di Bosna non [. . .] sua Jurisditione, ha passato, et entrato nella Jurisditione [. . .] al Vescovo di Samandria, crismando senza nessuna [. . .] inposesarai della Jurisditione d'altrui, essendo poco tem[po] [. . .] stati crismati dal n[ost]ro Vescovo di Samandria, et promette [. ..] far le istesso p[er] l'altre Parochie, con gran scandalo anco [. . .] scismatici, tra quali stato un Vladica cio vescovo siB[matico] [. . .] greca il quale vene da me pregandomi che volesse venire [. . .] p[er]ch voleva tornare alla obedienza della Giesa Romana [. . .] informato costi della verit Catolica, questo si meravigliava [. . .] confusione che vedeva e sentiva, che facevano i frati Bofsnesi] [. . .] Vescovo, io di questo non li seppe di altro che esortarlo [. . .] a Romma dove haver di ogni cosa satisfattone piena f . . .] farli la compagnia non havendo le spese necessarie; p[er] Sigfnor] Illtustrissijmo bisogni .risolversi da dovere p[er] remediare a tempo a questi disordini avanti che diventino le cose afaitto iremediabile, se il Vescovo di Bosna coi suoi frati confidano nel favore del bracio secolare n manco a noi mancaranno i simiM favori e forse pi gagliardi, sono alcuni nomini fatti che quanto sono pi

67

, 4. Vili 1628. " o , , , , , ". Ill[ustrissi]mo, et Reverendissimo Sigfnor] Sal[ute]m Con questa occasione vengo havisar Vfostra] Signoria] Illfustrisisi]ma, come son venuto qui in Belg[rado] in salvam[en]to per gratia di N [ostro] S[ignore] so bene perch V[ostra] Signoria] Reverendissima desidera nostro viaggio, et pasagio. Come mi son partito da Roma semper ho [...] et ho trovato bona compagnia per gratia di Dio Ben[e]d[e]tto ma o trovato [...] dove son pasato gran infirmit di peste, febre pestifere, particolarmente] in Belgrado dove si sepelischono ogni giorno cento, ducente, [...] quatrocento tra Turchi, et altri infideli, et esendo venuto [...] con gran dificult ho potuto alogiar, et questa occasione [...] della Provintia di Bosna Argentina no[n] stano in Cappfella] [...] sin adeso ina sono schaciati da Signori Mercanti Ragufsei] [...] et adeso poveri frati non offitiano detta Cappella, ma va[nno] [. . .] minestrando Santissimi Sacram[en]ti dir messe sub massa [...] poveri Christiani Bosnesi, et il Giudice che si chiama Cad[i] [...] al lor tribunal, et a d[et]to et ord[ina]to alii det frati che no[n] in [. ..] per nisciun modo, et se s trovase qualcheduno che intra [...] [...] refobe severam[en]te castigato, et d[e]tto Cadi a chiamato Sig[no]r Lo [...] sua et in pen[iten]tia de altri Principi, Turchi dicendogli [. . .] di Papa lamentarsi, et cerchar da lui justtia, et d[et]to [. . .] Cadi, et a .tutti

104

105

principi dicendo si beane, e nfon] che io son staffo] [...] to visitar chiese, et per inerchantia dove vano Tur [chi] [...] et no[n] lanientarme, Sig[no]r Ill[ustrissd]mo io nofn] ho tempo manche nofn] p [...] [...] tanta tribulaton, et angustia che occore qui in Belgrado] [...] et Poveri Christiaiti Bosneisi, et questo tutto procede da [...] che fano tribular ducente e quaranta sei miglia An [...] [...] frati di Bosna Argentina, et questa tribulation, et Ang [...] [...] sei Ragusei. So bene perch Vfostra] Sfignoria] Reverendissima dir che io son [...] [...] ver, et metter queste cose in carta, ma son sforzato [...] havisar, et dir la verit acioche tante Anime no[n] vadino [...] perch io ho sentito dalia p[ro]p[ri]a bocha di questi poveri [...] [di]cendo che se Sacra Cong[regatio]ne de Propaganda Fide no[n] a vodufto] [...] cosa noi se sottometteremo alii altri superiori, quali [...] superiori di questi poveri Christiani, et questi superiori [...] inimici di Dio, et della Santa, e[t] Ben[e]d[e]tta fede nostra [...] per per Amor di Dio Bened[et]to procurate far la pace tra Ragusei, et Bosnesi, et levar a d[et]t Ragusei tanta Auctorit perch lori procurano, et atendono distruchier queste povere Anime che si trovano qui iin Regno et Stato di Gran Turche con gle lar gliftighe altro per adeso non mi occore se non gli Bacio Sacratissdme mani pregando da N[ostro] Sig[no]re felice, et longa vita nel governar [q]uest poveri Christiani et m'reconiando. Ali 4. di Agosto 1628 in Belgrado. [Di Signoria] Vfostra] Ill[ustrissi]ma et R [everendissljma HumiliBSimo Ser[vito]re fra Pietro di Bulgaria
SOCG, voi. 57, f. 19rv.

68

Ill[uistrissi]mo et Reverendissimo Sigfnor] mio ossfervatissi]mo Do parte a V fosfora] Sfignoria] Reverendissima come gi, lodato sia Dio, ho aggiustato il negotio di mandar il Ves[cov]o fra Alberto di Samandria pfer] aiutar li populi Vallacchi, che stanno in Croatia, poich si dar ad esso Ves[cov]o la parrocchia della cita di Coccvia che sta alii confini di detti Vallacchi e non vi altro in mezzo che un fiume e rende da tre mila fioreni con che potr sostentar molto bene se stesso, essendo ivi bonisskno vivere e di altri sussistati p[er] detta parrocchia di lingua tedescha e cos potr passarsene continuamente a trattar con detti Vallachi, quali ancora sogliono venir molto spesso a detta cita di Cocevia il cui presente parrocchiano tenendovi promesso di renuntiare ho procurato che sia fatto Cappellano di S[ua] Mfaest] come gi ho ottenuto e per questa sera li scrivo acci quando arriver col il sopradetto Vesfcov]o se ne vengha alla Corte. Ne mi mancher p[er]ch egli sa che ho tanto in mano p[er] processo fatto di poterlo privare. Con la seguente mander a Vfostra] Sfignoria] Rfeverendissi]ma una patente stampata della resolutione presa da Sfua] Mfaest] di mandar via tutti i nobili e baroni di Stiria, Corenthia, Crania, et altri paesi ivi vivono se fra sei mesi non si farano cartolici dandoli tempo un'anno di vender li loro beni sicome si fatto in Boemia, risoluitione stimata d'alcuni fosse periculosa p[er] lo quanto di nobili e baroni che vi sonno in esse provdncie tuttavia molti e ricchi necessaria p[er] la total riforma della religione in quei paesi p[er]ch li popul'i vennono ritardati secretamente dalli sopradetti. Io spero che la Sacra Congregatlone l'haver molto giusto e per l'avvenire bene dare io fatichato in questi, non vi cesser li negotij che commetter ad altri come stato oltre a quello delle Caroline e Gesuitesse, l'altro dell'allunni del Cardfinale] Dietristein e M[onsignor] Pallotto. Io ricevo ogni cosa in bene da mano di Padrone, ma non posso fare di non sentirne xnorsezzatine e per la confidenza che ho della protettione di Vfostra] Sfignoria] R[everendissi]ma ho ardire di sfogar un poco. Con che le bacio le mani, che prego dal cielo ogni contento. Da Vienna li 12 di Agosto 1628. Di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma e R [e verendissi] ma Devot[issi]mo et obflijgfatissimo] S[ervitor]e [.. .] Ves[cov]o d'Anversa. Ha je da ce , .

, 12. Vili 1628. o o . , , ", . , 3.000 . , no , .

106

107

A Monsigfnor] Ves[cov]o di Samandria, che la rimandi poi all'Ingoii.


SOCG, voi. 69, f. 87rv, 91v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, Zagreb 1926, 5859.

69

, 28. Vili 1628. co. " . ". , , . Santissimo Padre noi infra scriDfli Christiani Bosnesi con tutto il populo, ch[e] bora si ritrova nella Citt di Belgrado facciamo la supplica a Sua Beatitudine per gli n[ost]ri presenti bisogni. Gi sonno passati forsi cento anni, ch[e] gli Christiani merchadanti Bosnesi hanno cominciato ad habitare nella su detta Citt, e s[em]pre si hanno servito di Vescovi, e di frati Bosnesi, e mentre sonno sitati sotto la cura, et ubibedienza di Vescovo di Bosna, et ancho sotto la cura di suoi Parochiani, non nata mai nesuna [. . .] n divisione, n disturbo nel populo, come sa ognuno non solamente Christiano, ma etiamdio gli [. . .] Turchi fanno certa testimonianza a questo: Ma doppo che su detto luogo, cominciato governare [...] Vescovi stranieri, ci nascluta tanta sisma, tanta divisione, e tanto disturbo, e scandalo in q[uel] populo, chfe] hormai non sapiamo ch[e] farci, e siamo sforzati a lasciar le n[ost]re case proprie [ ..] gli n[oist]ri Beni doppo, ch[e] non possiamo vivere in questa maniera. Per Beatissimo Padre [...] Sua Santit come al vero Vicario di Christo n[ost]ro Sig[no]re, e la pregiamo, e supplichiamo [...] le viscere di Gies Xpo con gli giucchi nodi in terra, ch[e] doppo ch[e] habbiaimo [.. .] fra Alberto ha renunciato questo Vescovato, e ci andato in un altro luogo come [...] piacendo, a Sua Santit non faciate altro Vescovo straniero in questo luogo, ma [. . .]tore, il Vescovo d Bosna come ci stato per il passato, o veramente se lo volete [...] Beatitudine, ch[e] sia fatto un fratte di Bosna, quello, eh [e] sar buono, et approvato [...] perch[] altrimente facendo nascer maggior confusione, eh [e] non stato per il pass[ato] sotto la cura dei Preti grechi, e forisi fuori della Santa fede Catholica[...] Santissimo Pafdre] [...] ne siamo ridotti essendo stati tanto tempo

tra gli infedeli, e mantenuti sempre [] esso, quando dobbiamo essere pi fermi, e stabili in quella, la perdiamo per nien[te] [...] Padre in quel modo, ch[e] a lei sar pi espediente accioch[e] non si perdine tante [...] per interesse mondano, eh [e] per l'altro. Anchora dobbiate sappere, come il decrf...] [.. .]dato, ch[e] la Chiesia sia commune tanto a noi come a loro, e non Pha[...] [...] pigliato, o procurato un breve dal Gran Turcho, e con auttorit di quei [...] f uora dalla Chiesa, e cos andiamo ogni giorno per le Case, e Botege [...] messa, e per confessarsi, e ci hanno fatto venire doi fratti Ragusini, li qua[li] [...] la n[ost]ra lingua nativa, per a nessun modo volerne esser sugetti all'i [...] di Bosna, con gli quali siamo se[m]pre stati per il passato, e cos ancor [..] e con questa faciamo fine baciandogli humilmente gli santssimi] piedi [...] per lo felice Stato di Sua Santit. In Belgradi a 28 di Agus[to) [1628] Di Sua Santit Humffissimd Servi. *Io Lorenzo di Marco confirmo ut supra ... 4 Io Lorenzo di Marco confirmo ut supra Ha ( [...] Ha / [...] & "fcSfiw 8( [...] Stepan Tomic Svedechm gomemu pism[u] [...] !. / 8 [...] Giorgio confermo chome di sopra Ha / cropa. Ha / 81 mo . Mato Tomich ispoviedam daie ovo istilla. Ha M&mt / . Ha "8 ^ / crcpa. Dano Stiepanovic svedoch gornemu pismu. Ego Stephanus de Geor-gio testificor ut supra. [...] / . [...] 8 /8 / [] ^ /. [...] / .
[. . .] ^ 3118.

[...] / / [] ^. [...] Martini testimonio qu[an]to di sopura.

SOCG, voi. 57, f. 23rv.

108

o
70

109

, 4. IX 1628.

che s'habbia in consdd[eratio]ne in che main[ie]ra pu sostentarsi quel Vesc[ov]o vecchio, che vi hora. E s'egli ha da far la rinuntia pfrim]a di mandarvi il Vesc[ov]o di Samandria. Il Vese[ov]o di Ripa
SOCG, voi. 69, f. 88v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 59.

o o (end. SOCG, voi. 69, f. 87rv, 91v) nane o . Monsiigfnor] Ves[cov]o della Ripa Ill[ustrissi]mo e R[everendissi]mo mio Sig[no]re S[igno]re Oss [ervatissi] mo Mando a VJostra] Sfignoria] Illfusitrissijma la sostanza delle l[ette]re del Nunto di Germania in ma[teri]a de Vallacchi del Monte P'eletrio, delld quali pi voite s' fatta relat[ion]e nella Sac[ra] Cong[regation]e de Propaganda], et essendo venuta ult[imamente la risposita del'l'Imp[erato]re e del p[ri]n[ci]pe d'Etenberg, che p[er] provedere che quei popoli non fossero P[re]ti Scismatici, e Religiosi Apostati mal guidati, conveniva di far un Ves[cov]o della loro pi idonei Sacerdoti, fu proposta a S[ua] M[aes]t fra Alberto Ves[cov]o di Samandria di q[ue]lla lingua con condit[ion]e per, che bisognava p[roveder]lo, a q[ue]sta relat[:ion]e risponde il Nunitio q[ue]llo vedr dall' incluse: Ho fatte q[ue]ste diligenze p[er]ch il Sigfnojr Card[inale] S[an] Sisto mi disse, che N [ostro] S[ignore] haveva ord[ina]to, che si vedesse di trovar q[ua]lche ricapito al sud[ett]o Ves[cov]o del qual non voglio trattar in Cong[regation]e se non sapr la mente di S[ua] S[anti]t, e con q[ue]sto fine a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma b[aci]o hum,il[men]te le mani. Di Casa li 4. 7bre 1628. Di V[ostra] Sfignoria] iri[usitrissi]ma e R [e ver endissi] ma Humiliss[im]o e devfotissim]o Sfervitojre Fr[ances]co Ingoii
SOCG, voi. 69, f. 88r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 5859.

no , 93. , 5. 1628. . o 17. 8. 1628. (: SOCG, voi. 69, f. 72, 79v, 86rv, 92v). da ce da , . Relatis [itte]ris Nuntij Gerimaniae ad Searetarium datis die 8. Julij, et 12. Augusti circa Uscochos, seu Val'lachos Montis Feletrij, et Parochialem Cocaviae annui redditus trium millium florenor[um] fr[atr]i Alberto Samandrinensi Ep[iscop]o assignandam, ut d[icto]r[um] Valacorfum] curam habeat. Sac[ra] Congfregati]o mandavit perquiri titulum Eeclesiae, ad quam fuit p[er] Clem[entem] 8. senex Ep[iscop]us promotus ac eor[un]dem Vallacorfum] curae praefectus, ut si opus fuerit, d[iot]us fr[at]er Albertus p[raesen]ti Ep[iscop]i Coadiutor cum futura successione fieri possi/t.
Acta, voi. 6, f. 124v, N. 14; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 5960.

, 5. , . Dice Sfua] S[anti]t, che Vfostra] Sfignoria] R[everendissi]ma ne potr parlare q[ues]ta matt[in]a in Congreg[atione]. Ma avverte

, od da nana VIII, . , da . , da da . da , .

110

111

Al Nuntio di Germania Essendosi d'ord[in]e di N [ostro] S[lgno]re riferito in qu[es]ta Sfacra] Cfongregatione] quanto V[ostra] Sfignoria] ha avvisato al Seg[Teta]rio in mat[e>ri]a de'Vallacchi del Monte Feletrio, e del Vesc[ov]o di Samandria; q[ue]sti miei Il>l[us'trissi]mi S[igno]ri desiderano primieramfenjte, che Vfostra] Sfignoria] avvisi il nome del Vesc[ov]o, che fu dato a quei Popoli da Clemente] 8. e il titolo della Chiesa, alla quale fu promosso. 2. Se d[ett]o Vesc[ov]o di Rito Latino, o pur Greco, e sfimilm[en]te se d[ett]i Popoli sono in tutto, o in parte Latini, o Greci. 3. Se dandosi al d[ett]o Vesc[ov]o per Coadiutore quello di Saniandiria, che par'oppO'rtuno per quei Popoli pi d'ogn'altro, si pregiudicher ai vecchio Vesc[ov]o quanto alle rendite, colle quali 1 p[rese]nte si sostenta, e fi>nalm[en]te se trasferendosi il Samandriense a novembre in Cocevia, havr libero il possesso, e frutti della Parochia di quella Citt. Questi avvisi, Vfostra] Sfignoria] si compiacer da dar colla maggior sollecitudine, e prestezza, ohe porta, acci il Vese[ov]o di Samandria p[rim]a del verno possa trasferirsi alla d[ett]a Parochia, e conseguentem[en]te alla sua Residenza. Roma li 9. 7bre 1628.
Lettere, voi. 7, f. 128v129r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 60.

Vfostra] Sfignoa] R[everendisisi]ma lo sapere da un Alunno Ruteno di questo Colleggio di Vienna ch' andato in missione col, havendoli fatto dare dal Imperatore] li passaporti necessarj e ma sich e sar poi cost per informar Vfostra] Signoria] Reverendissima e la Sfua] Efminenza]. In ogni caso credo che il Ves[cov]o di Samandria potr far molto frutto appresso detti Vallachi dandoli la Parochia di Coccevia perch non dar lor sospetto e per la vicinanza potr far ristessi boni effetti come se fosse Ves[cov]o appresso di loro talch non si dovr perdere cos bona occasione. La lettera che Vfostra] Sfignoria] Reverendissima mi ha mandato pfer] il Pfadre] Theologo dfei] P[adri] Conventuali ho subbito recapitato, e con pregar Vfostra] Sfignoria] R[everendissi]ma a volermi comandare le bacio le inani e le prego del cielo ogni contento e l'esaltatone. Da Vienna li 16 di Settembre 1628. Di V[ostra] Signoria] Il[ustrissi]ma e R [ever endissi] ma devotissimo et ob[li]g[atissi]mo S[ervito]re [. . .] Ves[cov]o d'Anversa
SOCG, voi. 69, f. lllr, 118v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridwnalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 6061.

71

72
, 30. IX 1628.

, 16. IX 1628.

, , . . . Ill[ustriBS]mo e R[everendissi]mo Sigfnor] mio Oss[ervatissi]mo Aggiongo alii favori che Vjpstra] Sfignoria] Rte'verendisisi]ma m'ha fatto; questo che ho ricevuto con la sua delli 26. del passato essendomi allegrito del pensiero che per la commissione delle cause delle Caroline e Gesuitesse a Mfonsignor] Pai-lotto vi fosse qualch' ombra del mio servitilo. Sfua] Beatitudine] fa ogni cosa con somma prudenza et a me basta solo che riconoscila la mia volont e zelo in servirla. Il Veis[cov]o fatto da Papa Clemente 8 appresso li Vallachi credo sia del rito greco, ma presto e pi sicuramente

, , no . . , . , 2.000 . o , he o 4 . o Sfignor] Cardinale] Ludfovico] Sfacra] Congfregatio]ne de Prop[agand]a Fide Ilfustirissijrno e Reverendissimo Sigfnor] mio pfad]ron Coll[endissd]mo _ Secondo li benigfniissiijmi comandami[en]ti di Vfostra] Sfign ona] Hl[ustrissi]ma, che s' degnata impormi con una sua delli

112

113

9. del presente, devo riverentem[en]te significarle che per quanto ho potuto sapere il Vescovo dato da Clemente 8 alii Vallachi di Monte Feletrio ha nome Sianone, essendomi stato detto da alcuni che il titolo del suo Vesc[ova]to sia di Roviszense ma credo che equivocano pigliandolo dal Castello dove habita. Egli poco, o niente proffitevole a quelli Popoli per la sua sirnplicit, e per la troppa viecchiezza. di Rito Greco sicome sono tutti li Popoli Vallacchi a lui soggetti non vi essendo alcun di Rito Latino, per quanto m' stato referto. Non si pregiudicher in conto alcuno alle sue rendite con le quali si sostenta dandoseli per compagno il Vesc[ov]o di Samandria perch questo sar sostentato dalli frutti della Parochia della Citt di Cocevia, ch' alii confini di essi Vallacchi non si essendo in mezzo se non un picciol fiume, et esso Monsfignor] d'i Samandria ha vera a Novembre libero il possesso e li frutti di detta Parochia che ascenderanno almeno a 2 ni[i)lla] fiorini, sebene con peso di tener due Cappellani di lingua Tedesca che con poco si sostenteranno essendo ivi buonissimo Vivere; havendo io aggiustato tanto con S[ua] M [siesta] per la nomina; come con il Parochiano, che per non star bene ivi per alcune cause s' contentato di rinuntiare, et io per suo honore, e trattenim[en]t'o l'ho fatto fare Cappellano di S[ua] Mfaest] e vera ogni volta che io lo chiamer, et acci V[ostra] Signoria] Hl[ustrissi]ma habbi pi distinta relatione di detti Vallacchi e suo Vesc[ov]o dovendo venire cost il Sacerdote Methodio Terlecki, dell'ordine di S[an] Basilio uno delli due Alunni Rutheni che stanno in quest'Alunnanto Ponltficio. Li ho ordinato che arrivi sino col, et informatosi bene del tutto faccia poi relatione a Vfostra] Signoria] Ill[ustrisisi]ma havendoli per date mie patenti, e passaporti, et ottenutoli simili dall'Imp [erato] re. Devo ancora reverentem[en]te soggiungere a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma che in qualsivoglia caso che sar detta relatione non sar se non bene ponere in Cocevia detto Monsig[nor] Vescovo di Samandria poich egli senz'alcun' ombra e scrupolo, e senza sospetto alcuno potr aiutare grandemente detti Vallacchi, essendo com'ho detto Coccevia alii confini di essi Vallacchi, e per vi pratticano continuiamenite con che a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustirissi]ma fo hum[ilissi]ma riv[erenz]a. Vienna M XXX. di Settembre 1628. Di V[ostra] S[ignoria] Illfustrissijma e R [everendissi]'ma Humiliss[im]o obl[igattissimo] dev[otissini]o S[ervito]re [.'. .] Ves[covo] d'Anversa. SOCG, voi. 70, i. 54r55v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 62.

100. , 29. 1628, . Referente Rteverendissijmo Torniello negatium E[piscop]i Sama/ndrien[sis] praeficiendi eurae Uscochorfuni] Montis Feletrij in finibus Croatiae, et providendi de Pan-ochiali Coceviae, iuxta gratiam ei factani ab Imp[erato]re illius Parochialis Patrono, Sacfra] Congfregatio] censuit expectandum esse R[everendissi]mu[m] Epfiscop]um Aversanum, veterem Germaniae Nuntium, qui hu[ius]mo[d]i

negotum cum eodem Imperatore pertractavit, pr habenda de eo pleniori informatione.


Acta, voi. 6, f. 170v, N. 30.

73

, 16. X 1628.

da je da je , , , .
Illustrissime, ac Reverendissime Domine, Dfomijne Patrone observantissime, salutoni, et servitioru[m] meorum humillimam commendationem. Est quod magnoper et Ill[ustrissi]mae Etminentiae] V[estr]ae gratuler, et mihi animitus gaudeam; cum et ad I)ll[ustrissi]mae Efminentiae] V[estr]ae pij'simum desideriuni, et ad meum pridem animo conceptum votum, explendum, tandem aliquando occasione[m] obtulerit Deus. Cum enini Augustissimi Romanorum Imperatoris Ferdinand! IL Oraitor, Excellentissimus Dfomkms] loannes Ludovicus Liber Baro a Kuffstein, ad Portam Ottomanicam, pacis tractandae gratiafm], proficiscatur; Ill[ustrissi]ma Efminentia] V{estr]a, et Sancta de Fide Propaganda Congregatio, huius viri, singulari ad cultura Divinum promovendum zelo [...] mati, in Tyipographia Catholica Constantinopolim, et in alias Impe[rii] Turcici partes, inducenda, atq[ue] aliafm] qua[m]cunq[ue] Sectariorum, et S[chis]maticorum eliminandafm], opera[ni] et industriafm] uti posset: modo Sancta [de] fide Propaganda Oongregatio, dum Me Constanitinopoli negotium [...] cis pertractabit, ipsu'm aliquo scripto, et instructione requirat: [...] mihi exiguum allquod subsidium peouniarium subministret, quo [...] et itpsum Constantinopolim sequi, et ibi ipsi mea apella adesse [...] Porro ipse intra unum mensern circiter, ab harum

116

117

.
Reverendissimo Sig[no]re pfadjrone Col[endi!ssim]a Mando a V[ostra] Sfignoria] R[everendissi]ma rinformat[ione] che m'ha dato il P[ad]re Giesuita Penitentiere in S[an] Pietro, il quale discorre anco di molte altre cose di quel paese, p[er] esser stato 'in quei luoghi desidera a conferire a Vfostra] Signoria] R[everendissi]ma se resta servita luned prossimo a darle audienza doppo pranzo gli mandar a dire che venga. Se V[ostra] Signoria] me lo comandare p[er]ch sentire molte cose necessarie. Mi dice ancora che S[igno]r Alberto Pesglier agente dell'Imp[er]atore (che qui a Roma) ha la sua prepositura appresso a Cocevia qualche 15 miglia il quale potr darci qualche notitia, e tra tanto osservaremo la venuta >di Mettodio, e li aiuti del nuovo Nuntio p[er] fare le cose con buone forme, e staremo a sentire come intendere N [ostro] S[igno]re il negoto del passato che io mando la copia della risposta di Monsigfnor] Caraffa a Monsigfnor] Azolino e Benescia, e p[er] fine le bfacio] le m [ani]. Da Casa il di 26. di 8bre 1628. Di V[ostra] Signoria] R[everendissi]ma Servo [...] Il Vesc[ovo] di Samandria. SOCG, voi. 70, f. 62r.

di Monte Feltrio con disegno che passa far le funtioni episcopali p[er] li Vallacchi che si trovano verso quelle parti. Che da Monsfignor] Vesc[ovo] di A versa mi fu detto esser negotio aggiustato con Sfua] M[aes]t, e questi suoi Ministri, e quando Mons[ignor] Vescovo di Saimandria venisse, non haverebbe difficolt. SOCG, voi. 70, f. 79r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 64.

77
, ripe 29. XI 1628.

76

, 4. XI 1628.

Konuja nacyca o , , , . nacyca .


Coppia d'un captitelo d'una lettera di Mons[ignor] Nuntfiol alla M[aes]t Ces[are]a all'Ili[ustrissijmo Sig[nor] Card[ina]l Barberino. Di Vienna 4. Nov[emb]re 1628. Mi rest di .significaore a V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma in risposta delle l[ette]re di 7 di Ott[oib]re quanto a Mon[signor] Vescfovo] di Samandria destinato alla cura della Chiesa Parochiale

, , o . 60.000 . VIII ( ), , } ". , , ". , . 14. 1628. , 2.000 . ode y o . .


Relat[ion]e degl' Uscoohi del Monte Feletrio e della p[ro]visione, che si pensava di fare. Gl'Uscochi, o Vallachi dei Monte Feletro ne'confini della Croatia saranno in nu[mer]o di 60 mil'la, e per alcune relationi havute ultimaim[en]te, sono del Rito Greco. Da Clemente 8. li fu dato un Vets[cov]o, ma non s' potuto sapere, n ritrovare il suo titolo. Questo Ves[covo] al p[rese]nte vecchio, e non potendo attendere alla cura di quei popoli, si sono in essi intrusi varij

118

119

Sacerdoti Greci Scismatici, e Latini Apostati di maniera, che le cose di quella chiesa passano male. Si pens dalla Sac[ra] Cong[regatk>n]e di mandar alla cura deli-i sudetti Vallachi, che sono di lingua Illyrica il Ves[cov]o di Samandria della med[esim]a lingua, che non pu ritornar a Belgrado sua residenza, p[er] proveder poi q[ues]ta citt d'altro soggetto pi a p[ro]posito: e si scrisse al Nun'tio di Germania Caraffa, che ne trattasse coH'Imp[erator]e il quale approv il pensiere. Ma essendosi replicato al Nuntio sud[ett]o che bisognava proveder il Ves[cov]o di Samandria, acci si potesse sostentare, senza levar casa alcuna al V>es[cov]o di Clemfente] 8. Il Nuntio tratt di nuovo coli' Imp[eratore], il quale si content di far il curato di Cocevia, vicina alii detti Vallachi, suo capellano e di dar la parochial suo luspatfronato] di 2 m[illa] fiorini di rendita con peso per di tener due capellani di lingua tedesca al sud[ett]o Ves[cov]o di Samandria, e final[menjte il med[esim]o Nuntio alii 14. di 8bre 1628 scriue q[ues]te pfre]cise parole. A MonsSg[nor] mio successore ho dato nota di tutti li neg[ot]rj della Sacfra] Confgregatione] et in pta^tcollar di q[ue]llo del Vesfcovo] di Samandria, qual venendo sar subito messo al possesso delia parochia di Cocevia, essendo il tutto apparecchiato. In un'altra l[ette]ra p[rim]a scrisse il med[esim]o Nuntio, che p[er] informarsi meglio, se q[ue]lli popoli erano d'i Rito Greco, insieme col Ves[cov]o vecchio, e -dello sitato di q[ue]lla chiesa, havea con viatico deirimp[erator]e spedito il p[ad]re Mettodio Rutheno unito Alunno del collegfio] Pontificio di Vienna p[er] il sud[ett]o Monte con ord[in]e, che di l passasse a Roma p[er] informar pienam[en]te la Sacfra] Cong[regatione]. S'aspetta q['ue]sto Mettodio. Discorso dell'Ingoii in q[ue]sto neg[otio]. Da una parte pare, che sia nec[essar]io d'aspettar q[ue]sto Mettodio p[er] haver pi certa notitia dello stato di q[ue]lla chiesa, e con qfue]lla far poi una risolutfionje, che non s'habbia da ritrattare. Dal altra paite, se non si piglia quanto p[rim]a q[ue]sta parochia q[ue]sto Ves[cov]o star qui in Roma inutil[nien]te e non si potr p[rov]eder la parte del Regno d'Ungaria sotto il Turco di soggetto a proposito, essendo in d[ett]a pfarjte, come costa dalla visita del Masareccho gran numero di christiani, e di parochie ch'hanno bisogno di pastore. Il p[ad]re Antonio Giesu'ita, ch'ha data la congrunta Relat[ion]e della parochial di Cocevia, loda la risolut[ion]e di mandar il Ves[cov]o di Samandria: p[er]ch utcunq[ue] sar di gran p[ro]fitto in 'quei paesi aill'a[n]i[ini]e p[er] la distanza della popoli circonvicini dalli Ves[cov]i essendovene molti, che non crede siano mai stati visitati, n confermati da Vesfcovji. Essendo q[ues]ta parochia nel patriarchato d'Aquileia, forse rimp[erator]e haver sopra di q[ues]to Ves[cov]o qualche disegno, poich con tanta facilit l'ha provsftp.

Sarei perci di parere, che s'aspetasse il Nuntio, che vienine, et il d[ett]o p[ad]re Mettodio p[rim]a di far la risolut[ion]e p[er] informarsi pi a pieno di q[ues]to neg[oti]o.
SOCG, voi. 70, f. 58r59v, 69r70v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 6465.

100. , 29. 1628, no (. Acta, voi. 6, f. 170, N. 30).

78

, 16. XII 1628.

, " . . o . Ill[ustrissi]mo S[ignor] Sard[inal]e Bandino Ill[ustrissi]mo e R[everendissi]mo Sig[nor] P[ad]ron mio Col[endissi]mo Havendo oportunam[en]te passato con la M[aes]t dell'Imp[erato]re l'offitio, che V[ostra] S[gnoria] Ill[ustrissi]ma mi commanda circa la riforma delle Provirit'ie di Stiria Carinthia e Carniola con l'espulsione de Baroni, e Nobili heretici, stato da S[ua] M[aes]t gradito sommam[en]te e dichiarato sperar nel Sfignor] Iddio di promover p[er] quanto le sar possibile la Relig[ione] Cat[toli]ca sino che haver spirito. Ha parim[en]te sentito S[ua] M[aes]t volentieri la propositfiojne circa la deput[atio]ne di nuovo Vescovo nel Jutlart, e quanto al modo di parla in esecut[io]ne p[er]ch ne segua l'effetto che sii pretende, come anche quant'alla p[er]sona del Decano di q[ues]ta Catedrale, p[er] promoversi a d[ett]a Chiesa, mi disse ne parler al Sfignor] Pfri]n[ci]pe di Echemberg che si aspetta in breve, e ohe gli ne parlassi ancor' io come far p[er]ch Vfostra] Signoria]

120

121

Ill[ustrissi]ma e cotesti Ill[ustrissi]mi S[ignori] della Cong[regatio]ne siano ser[vi]ti, e sodisfaitto il loro pijss'imo zelo. Quanto alla parochia xii Coccevia in p[er]sona di Mons[ignor] Vesc[ovo] di Samandria, ho parlato con ministro di S[ua] M[aes]t, e sento, che S[ua] M[aes]t [] in quello, che fu stabilito con Monsfignor] Vescfovo] di Aversa, che quel Paroco sia accettato da S[ua] M[aes]t per suo cappellano, et alla parochia sia presentato Mons[ignor] Vescfovo] sud[tt]o. Ma per toglier' ogni duibio, sitante che Monspgnor] si posssa riputar' inhabile p[er] non saper la lingua che si parla in detta Parochia, et acci possa esercitar la cura nel paese de Va'lacchi (dove non si estende la sud[ett]a Parochia), si reputa necessario] che p[er] Autorit Ap[osto]lica resti Mons[ignor] habilitato p[er] la Parochia di Coccevia non ostante il difetto della lingua, et insieme a poter deputar' uno o pi Vicarij p[er] supplir questo difetto, come anche gli sia concesso di poter esercitar la cura di d[ett]i Valacchi non ost[ant]e, che siano fuori di d[ett]a Parochia, e finaikn[en]te, Ohe possa nel!' una e nell'altra Parochia cura esercitar li Pontificali p[er] benefitio di quelle anime. Di tutto ho voluto dar parte a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma p[er]ch possa secondo la sua prudenza pigliar l'esped[ien]te che giudicher oportuno, e quando alcuna di d[ett]e provis[io]mi non le paressero affatto necess[a]rie, potr forse parerle a propfosto] p[er] sodisfat[io]ne di chi le desidera, e p[er] quiete di quei popoli. Et a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]xna senza pi faccio hum[ilissi]ma riverenza. Di Vienna 16 di Xmfore 1628. Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma e R [ever endissi] ma Divot[issi]mo et hum[ilissi]mo Ser[vito]re G[oivanni] B[attista] A[rcivesco]vo di Tess[aloni]ca m[anu] pfropria] SOCG, voi. 70, f. 87rv, 94v. O 105. , 13. 1629. . , , a , , ". , o . Referente eodem R[everendisB]mo D[omino] Torniello Decretum in praecedenti Cong[regaition]e editum pr Ep[iscap]o Samandriensi ad Vallachos Montis Feletrij Visitatore destinato: Sac[ra]

Cong[regatio] censuit p[rim]o quoad Parochiam Coceviae, ne in Patriarchatus Aquiliensis negjbtiium] aliquod partibus praeiudicium inferatur, rogandum esse Imperatore [m], ut praesentationem praefati Ep[iscop]i ad eandem Parochiam in Curia Romana facere dignetur, pr habenda a S[anctissi]nio D [omino] N[ost]ro eiusdem Ep[iscop]i institutione. Quo vero ad eius missionem stetit in Decretis, ut idem Ep[iscop]us exped'iatur cum titulo Visitatoris Vallachor[uim] in Camicia, et Croatia, et Sclavonia, et praesertim in Montis Feletrij locis vulgo Rovischia, Metlink, et Gomerie degentium demitum p[ro] expedire Brevis et in fine huius Cong[regation]is. Acta, voi. 6, f. 230rv, N. 33.
;

da je nana , , . Al Nunftio] di Germania Ha risoluto N [ostro] S[igno]re e questa Sfacra] Con,g[regatiojne di mandare il Ves[cov]o di Samandria con titolo d Visitatore alii Vallachi del Monte Feletrio: p[er]ch in questa maniera niuno potr giustamfenlte ddlersi, e col med[esi]mo titolo far tutte le fontioni Pontificali senza licenza degl'Ordinarij di quei Populi. Quanto alla Parochia di Cocevia, s' giudicato per diverse rag[io]ni esser meglio, che S[ua] M[aes]t presenti in Curia a S[ua] S[anti]t il d[ett]o Vescfovo], e che S[ua] Bfeatitudine] ne gli faccia di essa l'istitutione [. . .] Roma 20 Febbraio] 1629. Lettere, voi. 8, f. 40v41r.

79

1628.
, , o , , . Ill[ustrissi]me ac R[evere]nd[i]ss[im]e D [orni] ne Methropolita Russiae pr zelo salutis proprimorum quem habet non tantum partibtus] Russiae quas iani per Dei gratiam ad grem-

122

123

um Sfancfee] R[omanae] E[cc'lesiae] reduxit paucis adhuc resistentibus Schismaiticis, veram etiam alijis parttbus succurrere cupiens: audivit quod sub Imperio inveniantfur] multi homines Ritus Ruthenici sive Graeci, quib[us] non tam fides, quam vitae deest probitas qui in sacris eadem lingua et ijsdeim libris utuntfur] cum Ruthenis imo etiam in lingua vulgari parum discrepant a Ruthenis. lili homines habent Episcopum suu[m] unitufm] cufm] Sfancta] R[omana] Efcclesia] qui habitat in Croatia penes Zagrabia[m] non sine turbatione tamen Schismaticor[um] qui tanquam lupi rapaces egredi solent ex Turcia et iritendum tentant de ipsius salute nisi slngulari patrocinio Episcopi Zagrabiensis Ritus Latini prcmoverettur] et custoidiretur qui ilu[m] et pane alit et tutella fovet, dictus Episcopus partum quidem deseruit conversioni ffioirum hominum, tum propter profundam senectutem in qua est, tum etiam propter imperitiam in literis aitqfue] propter multa alia quae ad huiusmodi conversionem sunt necessaria, nihiomines timent Sacerdotes qui illi subsunt et multo magis Religiosi Ritus Latini, qui ibi habitant ne succedat past morte-m in locum ipsius Scismafricus cum de unito digno viro tali statu prorsus non sciat[ur] in illis partib[us]. Cui rei occurrendi et saluton illorum hominum promovendi dat talem modurn Methrapo'lita si aptus videbitfur] Ill[uBtrissi]mae Dfominatio]ni Ves"brae. Primo commendaret hoc negotium Sfacra] Congregatilo Imperatori ostendens maignum fructam in animab[us] Chrisiti tam ilorum qui sunt sub Imperato^re quam etiam eorum qui habitant in confinibus sub Turca si honiinibfus] illis et Eccle[s]ijs illorum praeficeret[ur] Ep[iseo]pus bonus imprimfe Catholicus deinde in pietate et zelo p[ro]ximorum salutis promovendae fervens, tandem etiam in literis bene iinstitutfur], cui Imperator ostenderet certum locum et civitatem a qua postea possit habere sui denoiminationefm] Episcopat[us], tandem ex fundatiwne illi aliquid darei quod ille pr sua pietate ad instantiafm] Sacrae Congregationis facile praestaret. Vel si hor difficile vel impossibile videret[ur], tunc ad rninimu[m] scrberet Sfacra] Congrega[tio] ad Ep[iisco]pum Zagrabiense[m] ut ille si iste Ep[isco]pus moriatfur] 1 non intromittait nisi similem uniitum vel si talem non haberet ut Methropol[ita]e per literas significet qui interim submitteiret, aliquefm] ex Russia cui successu teniporis et negotij mitteret in auxilium aliquod religiosos no:stri Ordinis que non para [m] deservirrunt dicto Methropoitae in convertendis Ruthenis desudandi per pagos et opidas Schismaticos Cathechisantes, Sacerdotes Schismaticos adhuc in reib[us] fidei et 'Saoramentorfum] instruentes, pueros Schismaticor[um] in pietate et literis instituentes et his similia. De lingua vero dictis Religiosis nostris nu'lla esset difficulitas prorsus, cu{m] hom'ines illi parum dissimili idiomate loquantfur] a Ruthenis, et multo rninor de ritu qui eiund'e[m] habent cum iliis. Sed haec omnia Methropolita diligenter subijcit iudtio. Ill[ustriiS!Sima]e D[omi]n[a-

tion]is V[esitira]e ut si in D[omi]no Videbit[ur] proponat S[ac]rae Congregationi. Quam Deus.


SOCG, voi. 69, f. 479rv, 486v.
'"

94. , 5. 1628, , .
Relatis l[te]ris Nuntij Germaniae ad Secretariuni datis die 8. Julij, et 12. AuiguBti circa Uscochos, seu Vallachos MontiB Feletrij, et Panochiallem Ooceviae annui redditus trium milliium florenorfuim] f[rat]ri Alberto Samandriensi Ep[iscop]o assignandam, ut d[icto]r[umj Vallachor[um] ouira[m] habeat, Sac[ra] Con.g[regatio] mandavit perquiri tituluim Ecclesiae, ad quam fuit p[er] Clemfente] 8. senex Ep[iscop]us promotus, ac eor[um]dem Vallachorfum] cura praefectus, ut si opus fuerit, d[iot]us fr[at]er Albertus p[raedic]ti Ep[iscop]i Coadiutor cum futura successione fieri possit.
Acta, voi. 6, 1 124v, N. 14.

80
, 1628.

".
ni[uetrissi]nii et Reverendissimi Sig[no]ri II negotio della Capella di Belgradi, adesso si trova in pegior stato che mai, poich li mercanti Ragusei, non stimando li Decreti di eotesta Sacra Cong[regaitio]ne, di novo sono ricorsi al Tribunale del gran Turco, et hanno caciato violentem[en]te li fratt n[ost]ri dfalla] Capella, col scandalo publico del popolo, hora con questa] solo avisamo le Sfignorie] V[ostre] Ill[ustrBsi]me, et R[eveirendissi]me, che come sar [. . .] la Peste in detto Belgradi, dove sono morti in [. . .] mesi pi di tredeci miglia persone d'Infedeli [.. .] noi si agiusitarenio con miglior modo che [.. .jgia che loro, non hanno riguardo n [. ..] n alle scomuniche, le quali apresso di loro [. ..] no niente, li faremo castigare con meglio [. . .] che potremo, che gi molte volte havemo [.. .] con loro insieme li Decreti, non l'ha [. ..] li faremo stimare con altri mezzi, son [. ..] [...] V[ostre] Signorie] Ill[ustrissi]nie et R[everendissi]me, che venendo loro, o [...] con le solite loro bugie, li credono [. . .] et noi havemo tenuti li Decreti

124

125

con [...] e sempre li temeremo come figli obedienti [...] sono stati sempre primi al Tribuna! Turco [. . .] l'hanno perso, come sperarne sar anco [. . .] con lor grandiss[im]o danno, perch non si p[. . .] pi la lor superbia. Con che humilmfen]te [...] baciamo le Sacre Veste. Da Gressevo [...] Di Vfostre] Sfignorie] Ill[ustrissi]me et R [e verendisBi]me humiliss[im]i figli frat'Andrea da Camengrado Ministro Provinciale] di mi[no]ri oss fervanoti con tutti li Padri di detta Prov[inci]a.
SOCG, voi. 57, f. 33r.

81

rito greco. Per il tutto si rimette al prudente giud fitto] di Sfua] Santit. Tra tanto, ventilandosi questo punto, potr la Sacra congregatione, parendogli, determinare, che dfetto] Vescfovo] di Samandria, ritenendo il titolo del presente Vescovato, vada (conforme scrive Monsfignor] Caraffa) a prender il possesso della parochia di Coccevia il cui parocho (sicome il popolo) di rito latino, e tiene sotto di se due coadiutori di lingua Tedesca. E con la sua gita, dfetto] Vescfovo] di Samandria potr grandem[en]te giovare anco a gli altri popoli circonvicini, che n'hanno somma necessit, come ne fa fede Monsfignor] d'Avversa in una sua l[ette]ra con le seguenti parole. Devo ancora riverentem[en]te 'soggiunger a Vfostra] Sfignoria] Illfustrissijma, ch'in quaMvogia caso che non s'haver detta relatione, non sar se non bene poner in Coccevia dfetto] Monsfignor] Vescfovo] di Samandria; poich egli senza alcuna ombra, e scrupolo, e senza sospetto alcuno potr aiutare grandem[en]te detti Vallacchi, essendo, com'ho detto Coccevia alii confini d'essi Vallacchi, e per vi pratticano continuam[en]te.
SOCG, voi. 219, f, 204rv, 211v.

1628.
" ne ". Alla difficolt, che si pu allegare in proposito di dare alii popoli Vallacchi di monte Feietrio (che sono di rito greco) un Vescfovo] di rito latino; si risponde. Primo, che quel popolo misto di rito greco, e latino. Onde se la magg[ior] parte sar di rito latino, pare, eh' in tal caso se gli possa dar un Vescovo latino, ma se la maggfior] parte, o tutto il popolo sar di rito greco, si lascia in arbitrio di N [ostro] Sfignore] e della Sacra Congreg[aitio]ne il pensare 'in che modo si potria mandare colla per coadiutore il Vescovo di Samandria. 2. dato ancora, che tutto il popolo fusse di rito greco, si risponde, che non osta, che non se gli possa dar un Vescovo di rito latino, massime tenendo presso di se persone prattiche dell'altro rito. Degli essempi n'habbiamo parecchi nel regno di Napoli e Sicilia, dove ci sono terre, e citt intiere di rito greco; e non di meno stanno sotto il Vescovo latino. E l'anno 1625. N[ost]ro Sfignore] fece due Vescovi religiosi di Sfan] Francesco] di natione Veneti, e li mand fra li Greci in Arcipelago; l'uno de quali fu il Vescfovo] .di Milo, e l'altro. 3. non osta la d[ett]a difficolt, perch pare, che l'intent[io]ne deirimpferaitojre sia di ridurre quei popoli Vallacchi al rito latino, mediante un Vescfovo] dell'isteseo rito, e della lingua Illirica; sicome sotto Clemente Ottavo fece il presente R di Polonia, il quale ridusse alla communione della Chiesa Rom[an]a, e rito latino, tre Vescovi di Russia, coi loro sudditi, che tutti erano Scismatici, e di

O e 101. , 29. 1628. . Et postremo Referente R[everendissi]mo Torniello negotium Ep[i!scop]i Samandrienfsi] preficiendi curae Uscochorfum] montis Feletrij in fimfous Croatae, et providendi de Parochiali Coceviae, iuxta gratiarn ei factam ab Lmp[erator]e ITlius Parochialis Patrono Sacfra] Congfregatio] censuit expectandum esse R[everendissi]mufm] Epfiscop]um Aversanuni, veterem Germaniae Nuntium, qui hufiuBjmo[d]i negotium cum eodem Imperatore pertractavit, pr habenda de eo pleniori informatione.
Acta, voi. 6, f. 170v, N. 30; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 63.

, o . Risposta di Monsigfnor] Ves[cov]o d'Avversa nel neg[oti]o del Ves[cov]o di Samandria Monsigfnor] Ves[cov]o d'Avversa p[er] informatione della Sacfra] Conigfregationje nel sud[ett]o negfot'Lo] riferisce coirne segue.

126

127

P[rim]o. Che il punto della Parochia di Cocevia aggiustato di maniera coirimp[eratar]e, che quando il Ves[cov]o di Samandria ander dalli Val'lacchi del Montefeletrio, sar subito provisto di d[ett]a Parochia d'i rendita di 2 in 3 nulla fiorini, con peso di tener due Capelani di lingua tedesca. 2. Agl'obietti, che li sono stati fatiti, e p[rim]a, che non par conveniente, ch'un Ves[cov]o sia Parodio, e conseguentem[en]te soggetto all'ordinario, ch' il Patriarcha d'Aquileia con altro titolo, che di suffrag[aneo] il qual tit[olo] nel caso n[ost]ro non pratticabile. Risponde, p[rim]a, ch'in Germania ci non inconveniente, p[er]ch non solo li ves[covi] hanno delle parochie, ma anche li Ca!rd[ina]li, et al p[rese]nte il Si.g[nor] Card[inal] Cleselio Parocho di due Curati. 2. Chi si potr aggiustar coli'Imp[eratore] di dar al Ves[cov]o di Samandria la Parochia al di Cocevia in aimminist[ratione] e soggettar li Capellani all'ordinario. 3. A4 2. obietto, che non si facendo il Ves[cov]o di Samandria, Coadiutore del Ves[cov]o vecchio, nasceranno contrasti fra di loro e cos non si conseguir il fine, che si pretende. E farlo Coadiutore non si pu, se non p[re]tta il consenso il vecchio Ves[cov]o. Risponde: p[rim]a, che non si deve mandar direttamente il sud[ett]o Ves[cov]o alla cura di Vallacchi essendo p[er]sone rozze, e ch'hanno del Barbaro ma che praticando oon,tinuam[en]te li Vallacchi sud[ett]i alla Citt di Cocevia divisa da essi con un picciol fiume. Il Ves[cov]o potr andarsi insinuando con esso loro, et informarsi bene dello stato di q[ue]lli e di q[ue]l Ves[cov]o e poi avvisar la Sac[ra] Cong[regation]e, la qual ipotr poi pigliar q[ue]lla risolut[ion]e, che parer a proposito, et intanto il Ves[cov]o sar p[,ro] visto, e non star colla senza frutto, p[er]ch li popoli circonvicini, che sono in gran numero non hanno p[er] tango tempo veduto Ves[cov]o se non pochi anni sono, che v'and p[er] il Visitetor mandato da lui in virt della facolt della sua Niuntiatura. Il p[ad]re An[toni]o Giesuita, ch' stato in quei paesi qualche tempo attesta della necessit, eh' hanno quei popoli di Ves[cov]i, e che p[er]ci bisogner p[ro]vederlo d'autorit, acci li possa aiutare di consensu Patriarchae. E nella Cong[regattdon]e vi sono Relat[io]ni che li parodii p[er] lo pi sono concubioarij, e configlioli.
SOCG, voi. 219, f. 205rv, 210v.

104. , 30. 1629. . Referente eodeni R[everendissi]mo Dfomino] Tornielo negotium Ep[iscop]i Samandriensis, Sfacra] Ccngfregatio] considerans, p[raedic]tum Ep[iscop]um non posse aniplius in Tauruno viilg Belgrado residere, et exsequenter Romae inuitilitar, et cum Sedfis] Ap[osto]licae gravamine manere, et demum necessarium esse ut in d[ict]a UAe Belgradi alius constituatur Ep[iscop]us, qui plurimorfum] Caltholicorfum] in ea parte Unghariae, quae Turcis subiacet, degentium curam gerat, censuit, si S[anctissi]mo placuerit, oblationem factam aib Imp[erato]re de eo praesentando ad Eccl[esi]am Parochialem Coceviae in fmibus Croatiae, et in Dioecesi Aquiliensi sitam, valoris 2. vel 3. milliuni florenorfum] circiter, de Jure Patronatus, ut asseritur Sereniss[kn]ae Domuis Austriae, accepiendani esse, et Ep[iiscop]ium p[raedi'c] turai de lila esse nstituendum, cum vacaverit per translationem Parochi ad unam ex Capellanijs Imperialibus, ad ipsamq[ue] mittendum. 2. Eidem Ep[i>scop]o ciuaram Vallachor[um] Montiis Feietrij prqp d[ict]a[m] Parochialem degentiuni esse conimittendam, et quia supponitur, eosdem Vallachos h[ab]ere quendam Ep[iscop]um a fel[icis] recorfdationis] Clem[enti] Vili, illis datum no[m]i[n]e Simeonem iam senem, et inhabilem, interim donec maiores nformationes haibettur pfraedic]turai Ep[iscop]uni expediendurai esse cum titolo, ac no[m]i[n]e Visitatofis Ap[os)to]lioi p[raedic]tor[um] Vallachorfum], ut hoc modo sine cuiusquam iniuria, aut insta querla, in eor[um] territorio Pontificalia, et iurisidictionem Ep[iscopa]lem exercere, ac alla facere possit, quae alij Visitatores Ap[osto]lici consuevere. 3. Dispensandum esse cum eodem Ep[iscop]o d[ict]a[in] Parochialem obtinere possit, et iam si linguam Theutonicafm], cuius usus in ea Parochia est, non habeat, ea t[anie]n condtione, ut unum, vel duos Capellanos lingua^ Theutonicae, qui cuira animar[uim] exercent constituere teneatur, assignata eisidem congrua de p[raedic]tae Parochiali redditibus portione pr eorfum] sufficienti sustent[ato]ne.
Acta, voi. 6, f. 217r218r, N. 30; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 68.

, . Referente R[everendissi]mo Tornielo neg[oti]u[m] Ep[isoop]i Samandriensi providendi de Parochiale Coceviae, ut Vallachorfum] Montis Feietrij curam hafoere valeat S[anctiss]mus manda vit in Cang[regatio]ne Card[ina]'liu[m] diligentius examinari.
Acta, voi. 6, f. 199v, N. 35.

128

129

82

26. XII 1628.


o . P[ar]te d'una l[ette]ra di Monsig[nor]_Palotto circa il neg[oti]o del Ves[cov]o di Samandria della 26 Xbre 1628. Ho trattato col S[igno]re Baron Verda circa la deputatione di Mons[ignor] Vesc[ovo] di Samandria per la Cura di Cocevia, acci insieme habbi cura dell'anime di Vallacchi, ch'abitano quivi vicini senza indrizzo de Preti Catt[oli]ci, e pi tosto con la sedutione d'alcun Greco Schisma/bico. M'ratificalta la risolutione presa da S[ua] M[aes]t in tempo di Monsfignor] Vesfcovo] d'Aversa, d'accettar per suo Capellano quel Paroco, e di nominare in suo luogo d[ett]o Mons[igno]r Vesc[ovo]. Ma m'ha detto esser necessaria l'autorit di N [ostro] S[igno]re per due puniti, l'uno per poter Mons[igno]re esser come sopranominato, e deputato, non ostante, che si possa reputar inhaibile per il difetto della Lingua Thedesca, la quale, e non altra si parla in d[ett]a Parochia, e che per supplire a questo difetto possa Mons[igno]r deputar uno, o pi Vicarij idonei; l'altro che si conceda a Mons[igno]r sud[ett]o facolt d'essercitare non solo la cura di d[ett]i Valacchi, al che non s'estende il Jus della Parochia, alla quale viene deputato, ma ancora li Pontificali nell'una, e nell' altra cura per la 'distanza, e difficolt di supplirsi in altro modo. SOCG, voi. 70, f. 63r, 66v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 66.

sa resiti servita di pigliare informatione da lui, di quanto haver trattato coH'Imp[er]atore, p[er] mandare l'oratore in quelle parti (come gi la Santit V[ost]ra ha terminato nell'ultima congreg faticai] e de propaganda fide), acci possa mettersi in ord[ine] per viaggiare p[er] fare q[ua]lche profitto in quelle parti p[er] serv[itio] di Dio, e delia S[an]ta Chiesa. Sar ricevuto p[er] graffia] della Santit V[ost]ra. Quam Deus. SOCG, voi. 70, f. 74r; Joannes Sinirak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb
1926, 67.

Ha . Al Sfignor] Ingoii, che pigli Infarmatfionje da Mon[signor] Vfescovo] d'Aversa.


SOCG, voi. 70, f. 80v.

84

13. II 1629.
o , , , ." , , , , , , IL . : ,, ", . De Servianis, seu Illiricis nationds hominibus Graeci Ritus in Croatia, et Carniola comorantbus, Informatio. Tribus praecipue in locis (quantufm] e^go scio) infer se disiunctis, ac valde distantibus Illyricae gentis, ho[m]i[n]es graeci ritus in tota illa regione n[ost]ra lingua Illyrica Uskozi dicti, et ipsimet de se ipsis loquentes dicunt: (Mismo Vulassi, i Vulascki sini, id est: Noi siamo Valachi, e figli di Valachi, hinc, fit, uit ab aliq[ui]bus smt Valachi appelati) habitaarot: qui vel ipsorfum] progenitores p[ro]p[ter] Turcicafm] tirranidem, qua [m] in christianos, sub se degentes severe exsercent, proprias sedes patriamq[ue] sua [m] ab ilio possessa[m] deserentes, in regione[s] Croatiae, et Carniolae veneruint, sibiqfue] doimiciliu[m] elegerunt. Horum trlum vero (sicuti a pluriibus audivi) praecipuus quoad nunieru[m] animarufm], et sacerdotutm] eiusde[m] ritus est in

83

30. I 1629.
. o . Beatiss[imo] P[ad]re II Vescovo di Saimandria humilm[en]te ricorda alla Santit V[ost]ra, che essendo venuto Monsig[no]re Caraffa Vescfovo] d'Aver-

130

131

Croatia, infra Zagrabia[nti] in Goinfinibus Turcaru[m], in ditione coronae Hungariae, et in Dioecesi Zagrabiensi, valde longius distat ab Adriatico mari, quam reliqua duo. Veruni hi in Croatia habitantes, non coniunctim, veluti in Civitate seu Oppido una simul habitant, sed diversis in locis ac Ruribus inter se distantibus. Inter haec o[mn]ia loca ab illis ibide[m] infra Zagrabia[m] habitata, principalis (sicuti a multis audivi) Rovischia vocatur; circumcirca vero isunt ibidefm] in confinibus plures arces, inter se distantes, nostra lingua viocatae: Ivanizi, Krissevzi, Koprivniza, Jurjevaz, et aliae, apud quas arces (ut audivi) ipsi etia[m] Uskozi habitant, sed nullibi plures, quam in Rovischia. Alter locus, seu illorum domicilu[m], vel sedes, est in Montibus Metlimk in Camiola, in ditione Serenissimi] Archiducis Austriae, in dioecesi Aquiliensi (qui montes nostra lingua dicuntur: Meticke Gore). Metlink enim (n[ost]ra lingua: Metlilka) est oppidu[m] parvu[m] in confinifous, seu exirema parte dictae Provinciae Carniolae, et prope fineis Croatiae versus meridie[m]. Hi, q[ui] in MB montibus habitant peculiare [m] d[omin]um habent a Principe constitutu[m] in p[raese]nti est d[omi]n[u]s Rudolphus Paradaiser liber Baro, uti Capitaneus Arcis Sichlbergh (nositra lingua Sumberk) in dictis montibus sitae, circa qua [m] sunt ipsi Uskozi habitantes. Tertius vero locus, seu illor[um] sedes, vocatur, Gonierie, et est im confinibus Turcarfum], huius loci habitatores (ut audivi) sunt omniu[m] noviss[im]i, qui p[ro]p[ter] Turcica[m] Tirannide[ni], patrium soluni desserentes, in hanc regione[m] venerunt. De hoc loco Gomerie interrogandus est Pfater] F[ra] Raphael et eius socius, qui possun;t de ilio informatione[m] dare. Si est Gomerie ultra flumen Culpam, versus meridie[m], sicuti credo e[ss]e vere est in Croatia, quia dictu[m] flumen Culpa dividit Carnola[m] a Croatiae, dicat P[ate]tr Raphael. Ego f[rate]r Rap'hael Lovacovitius Croata, Minforum] Obs[ervantu]m, quantu[m] iad dictufm] locufm] Gomerie, nil certo scio de visu, dicere possufm] de auditu, t[ame]n infrascripta haec pono. Gomerie locufm] dicunt e[ss]e positufm] in Dioecesi Modrusienfsi], cuius habitatores, o[mn]em ferme sunt Uskozi, et Vlachos nominamus, o[mn]es ritus graeci, quare, sese vel ipso hoc plurimufml iactant dicentes: Mi snio, starovierzi, id est, nos Burnus vetenis fidei, intelligentes, Graecor[um] ritu[m]. Nos ipsos a loco, vel foftassis a Montibus Gomircie vocamus, quasi Goranes (Gora namqfue] monte[m] significat), sub quo no[m]i[n]e comprehenduratur, o[nin]es qui sparsim a Lice locus est apud Tarsatu[m] a imari Adriatico distans, itinere unius dies usqfue] ad confinia Turcar[um], p[er] montes (quos aliq[ui] catena[m] mundi nominant) degunt. Sunt in magno oum[ero] idiomatis Illirici, stipendiarij mdlites, ma'iori ex parte S[uae] C[aesareae] M[aiesta]tis. In rebus fidei iriiotae aideo, ut nec p[ate]r n[oste]r sciant. Solent pluries in anno ad emendu[m] sale, et alia necessaria turmatim Fiume [n] S[anc]t Viti (nos Reka nominamus)

adire, ubi du[i] Tarsacti in Mon [aste] rio B[eatae] V[irginis] Mfariae] commorarer, non semel et ipsos, et illorfum] Calugeros allocutus sum, atqfue] hac ipse occ[a'sio]ne ignaros dogmatufni] fidei, ut ipsos, sic illorf'um] curatos agnovi. S'avertisca qui qualm[en]te parte dalla parola n[ost]ra (Skok id est saltuis) parte d'alcuni Uskozi, che venivano a Segna ad habitare; li Segnani pigliarono (pochi anni sono) tal nome degli Uskozi, ne per hanno che fare q[ues]ti con quelli di Gomerie, o altri.
SOCG, voi. 70, f. 72r73v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 7274.

je na ceojoj 105. , 13. 1629, o , . Referente eoidem R[everendiBsi]mo D [omino] Toirniello Decretum in praecedent Cong[regatio]ne editum pr Ep[iscop]o Samadriensi ad Vallachos rnontis Feletrij Visitatre destinato: Sacfra] Congfregatoo] censuit: p[rim]o quoad Parochiam Coceviae, ne in Patriarchatus Aquiffiensis negfotio] aliquod pairtibus praeiudicium inferatur rogandum esise Imperatore [m], ut praesentationem praefati Ep[iscop]i ad eandem Parochiam n Curia Romana facere dignetur, pr habenda a S[anctissi]nio D[omino] N[osit]ro eiusdem Eip[iscop]i institutione. Quod vero ad eius missionem stetit in Deeretis, ut idem Ep[iscop]us expediatur, cuna Mulo Visltatoris Vallachor[uni] in Carniola, et Oroatia, et Slavonia, et praesetrtim in Monte Feletrio, locis vulgo Rovischia, Metlink, et Gomerie, degentium. Decretum p[ro] expedit[ionem] Brevis, et in fine huius Cong[regatio]mis.
Acta, voi. 6, f. 229rv, N. 33; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meri(lionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 74.

85

, 17. Ili 1629.

, , 20. 1629 (. Lettere, voi. 8, f. 40vlr) da , .

132

133

Ill[ustrissi]mo Sfignor] Cardtinalje Bandino (Coccevda, Carolina). Ill[ustriss'i]mo e R[everendisisi]mo Sig[nor] P[ad]ron mio Col[endiss'i]mo Dalla l[ette]ra di Vfostra] Signoria] Ill[ustnissi]ma delli 20. del pass[at]o giunta con l'ord[ma]rio di questa sett[ima]na vedo quel che si compiace conimunicarmi della resolut[io]ne presa da cotesta Sfacra] Cong[regatio]ne de propaganfda] fide circa la p[er]sona di Monsfignor] Vesc[ovo] di Samandria p[er] la cura di Coccevia e de Valachi, e circa Fun[iversi]t Carolina. Quant' quella mi stata data in)tent[io]ne p[er] l'ord[ina]rio seg[uen]te di mandar cost present[atio]ne di S[ua] M[aes]t, o l[ette]ra al Sfignor] P[ri]n[ci]pe di Albano di farla in nome della M[aes]t med[es]ma, e quant'alla Ca/rolina aspeittar di sentir dal Pfadre] M'agno li sensi et ordini della Sfacra] Cong[regaitio]ne. Ma non voglio lasciar d'insinuar' Vfostra] Sfignoiria] Illfustrissi]ma che pfer] evitar una tacita approvat[io]ne della remittenza et contumacia in admetter' e riconoiscer' il Patrfiarcja d'Aquileia, il pregiud[iti]o che in casi simili a questo potesse risultarne in futuro dal farsi e riceversi apfprejsso S[anti]t Sua la present[atio]ne di dfettjo Vescfovo] alla Parochia dli Coccevie, potrebbe forse senza questi dubbij lasciarsi far la medfesijma present[atio]ne in questo trib[una]le sotto pretesto che la Chiesa pfer] sentenza del medfesijmo tribfunajle sia al p[rese]nte vacante, et a Vfostra] Sfignoria] Illfustrissi]ma senza pi faccio hum[SHssi]ma rivferenzja. Di Vienna 17. di Marzo 1629. Di Vfoster] Sfigmoria] Illfustrissijxna R [everendiss]ma Devot[issi]mo et hum[ilissi]mo Ser[vito]re Gfiovanni] Bfattista] Arciv [escovo] di Tesis [aloni] ca
SOCG, voi. 70, f. 118rv, 125v.

Relatio de hominibus Ritus Graeci in Regnis Sclavoniae er Croatiae, sub Sacra Caesarea M[aies]t[a]te in Confinibus Turcarum existentii'b[us] Metropolita Russiae Sfanctae] R[omanae] Efcclesiae] arctissim unituiS, audiens reperir! in ditionbus Sfacrae] Caesareae M[aies]t[a]tis, multa minia hominum riituis Graeci, linguae ferme eiusdem cum Ruthenis: sed ob defectum magnum spiritualibus, et crassam ignorantiani illoruni, praeter consuetum Schisma, multis praeterea alijs erroribus, non solum haereticis, sed etiam Ethnicis involutos teneri. Audiensqfue] plures Religioisos, praeseirtim ex Ord finis] S [aneti] Franciisci in conversione illorum multum laborasse; nihilominus tamen, ob rtus discrepantiam, (cuius iffi summoper sunt tenaces) nihil proficesse. Ideo invandos esse censuiit homines fflos, per Religiosos Ruthenos Sfanctae] Rfomanae] Efcceslae] unitos, ac in ritu, et libriis Ecclfesjiasticis, cum illis convenie [n]tes proponens hoc medium Nuncio Ap [osto] lieo manenti penes Sfacram] Caesaream Mfaies]t[a]tem studio hac de re scri'bens ad ilum, et scire desiderans, an in placeret S[acram] Caes[aream] M[aies]t[a]te[m]. Libentissim igitur Nuncius Apfostojlicus, pium Metropolitae animi affectum acceptans, egit de hoc negotio cum Augustissimo Imperatore, qui gratum sibi id ducens, et medium Metropolitae ad iuvandos homines illos probans, me Methodium Terlecki OrdfiniB] Sfanct] Basilij Magni Presbyterum, euntem ad Lmina S[anot.ssknO'rum] Ap[osto]lorum, divertere ad illas Regiones iiussirt, ad investigandas populi illius conditiones. et modos iuvandi illos, muniens me literlis, quibfus] mei securiitatem Generailiibuis et Capitaneis suis d'iiligenter comendabat, quo facilius, omnibus exploratis S[aerae] Congregationi de prop[aganda] Fide, et deinde S[acrae] Caesfareae] M[aies]t[a]ti, referre possem. MunStus igitur Caesareis literie, veni ICrizium ad Capitaneuni, qui ad mandatum sui Generali, adMibitis mililtibus, ad mei secuiritatem, ob percula a Turcis, et ab ipsis Valachis, me deducere iussit, e quo veliera, idem fecerunt et alij Capitane!, qui me munieibant miiliitibus. Quare Deo favente, perveni secuirus ad homines illos, qui duplici de causa, nomine duplici vocitantur. Primo enim vocantur Wlas, seu Valachi, quia antequam Turca Illyricis Regnis potiretutr, videbantur originem duxisse ex Valachia, et habita'sse in Regnis Serbiae, Boigariae, Bosnae, Dalmatiae mediterraneae, Rasciae seu Heraegovinae, et caeteris adiacentibus Regnis. Tandem occupatis Regionibus illis a Turcis, excusso ingo ipsoruni, sese recepisse <(adduti ab Imperaitoribus) in partes Chriistianorum; et ob hoc vocantur secundo nomine Uskoci, ide&t Trasfugae, sive tranciati, quae videlicet se transtulerunt in partes Imperatoris. Alij quidem temporibus Ferdinand! parami Imperatorie, ante centum ferme annos, venientes in has partes, et occup^antes terras desertas, domicilia sua fixerunt in Capitaneaitu Zumbergensi, inter montes penes Carinthiam et Carniolam. Alij vero venientes diversis sub sequentibus temporibus ad fines Regni Sclavoniae, dispositi fuerant

86

23. Ili 1629.

o . .

134

135

in tres Capitaneatus, videlicet Copronicensem, Krizoviensem, et Ivanicensem. Deniq[ue] ultimi recente- vendentes in Regnum Croatiae, oonstlituerunt duos Capitaneaitus Goimeriensem et Ogluliensem. Dicti omnes Capitaneatus sunt confines Regnis Turcarum, occupantes spat'ium terrae fer per ducenta miffiaria Italica, in numero hominum multa imillia attngentium: Exceptis enim domibus, et personis manentibus in ipeis, ferme duo millia famiiarum numerantur in ffiis. linde terrori esse possent, non solis Turcis, quos ve'l illi soli facili negotio, a Minibus S[acrae] C[aesa>reae] M[aies]t[a]tis arrent, sed eti-am ipsis Cathoicds ob fidei d'isparitatem, et morum corruiptionem, ac nullam conscientiae curam ex nimio defectu suorum spiritualium. Meo neq[ue] nunc perfecte illis creditur a Catholicis. Nihilominus, ob auxiia magna, qua Caesareae M[aies]t[a]ti praestare solent, propelentes Turcas ab incursionibus in partes Christanorum praeter stipendia ordinaria a Caesfarea] M[ades]t[a]te que singulis imensibus percipi/unit, gaudent magnis libertatibus et privlegijs a diversis Imperatoribus ipsis eoncessis. Et quavis emergente necessitate consciibunt piura millia boni militis ad mandatium Imperatorie. Krdzio itaq[ue] ulterius pengens ad confinila Turciea eiusdem Capitaneatus (casu omittens Capitaneatuim Coprinicensem) substiti in Oppido Roviseiensi, ubi multos primarios inveni dictorum Valachorum, quos ipsi vocant Woievodas, sive Palatinos, qui eo convenerant ad nuptias celebrandas, quae tunc in aliquot locis habebantuir, et volens videre illorum ceremonias, quibus utuintur Sacerdotes ipisorum assistentes matrimonijs, accessi ad Ecol[esi]am. In qua praeter desolationem magnani dictae Eccl[es]iae, in ipsis eeremonijB vidi res adeo confusas, et corruptas, ut in multis gentilis are viderentur, et idem vidi missa Sacrificio, in quo inter caetera, adorabant simplicem panem nondum consecratum, idqfue] non soli saeculares, sed etiam ipsi Sacendotes. Nam dum more Giraecorum ex minori altari ad maius altare, pans aid consecrandum praepairatus a Sacerdote deferebatur, dabatur signum parvae camparne, quale dari solet in elevatione ipsaquo illi audito procidebant in terram adorantes illuni panem. Centra vero in ipsa coinseoratione, et elevatione, stabairiit electi tanquam statuae, nu'llum signum adoratonis facientes, etdam ipsi spiriltuales, tenentes, in capite pr more Turcarum pileos, quod process'it ex ignorantia fonmae consecratonis Corporis Christ, ulti andmadventi. Finitis ceremonijs in Eccl[es]ia, a supra dictis Woivodis, per triduum fui invitaitus ad prandia, quam nactus occasione[m] investigavi ipsorum errores, et illos in praesentia confutavi, ut contrarios Eccl[es]iae Orientali, ex quo illi agnoscentes me Graecis ritibus addictum, eorumqfue] peritu[m] libenter me loquentem aiuidiveru-nt, acceptantes ea, quae illis circa fidenti Catholicam et centra vita erroresq[ue] proposui, cum fructu multorum. Praesertim dum seni-culus unus Sacerdos in praesentia ornnium, nomine suo et aliorum me rogabatt, ut illos docerem tam fidem quam ceremonias eccl[es]iasticas, fatendo quod ob defectum librorum atq[ue] schola:rum, illas omnino ignorent. Item alter a medio

illorum satis grandaenus protestatus est corani omnibus, quod relicta domo, et familia rllet meeum ire in Russiam, ad dandam aperam studijs statura spiritualem concernentib[us]. Facta ig[itu]r in illis bona dispositione, quantum per angustias tempords licuit, excipiebam multorum confessiones, et praescribens sacerdo'tibus formam absolutionis, quam ignorabant, perrexi ad reliquos Captaneatus. Pervenieos ad Capitaneatum Ivanicensem, descendi ad Ep[iscop]um dictoruim Valachorum, nomine Simeonem Vartana, fere iam octogenarium habitantem in Monasterio sylvae unitus dictae Marczae, cum decem Calogderis sive Monachis, inter quos tres solummodo erant sacerdotes, reliqui vero omnes laici, homines rudes et simplices, cum quibus miscendo sermones de rebus spiritualibus (res enim fidei 'minime capiebant). Demonstravi ipsorum miserdas illis met ipsis quas patiuntur, tam ex parte corporis, quam ex parte animae, in quitbus id effeci, ut magno desiderio tenerentur sanae doctrinae a me percepiendae penitiuB, quam ob causam aliquot ex illis, relicto sene ilio volebant mecum ire in Russiam, nisi id denegassem, propter incomoda quae inde sequere[n]t[ur]. Dictus Ep[dsco]pus Simeon, temporibus, Pauld quinti Pont[i]f[icis] Maxfimi] fuit Romae, eiq[ue] reddiddt obedientiam. Propter nimiam temen ruditatein et ignorantiam in qua versatur, nullum fructum fecit, 'in illis hominibus, permittendo cuilibet illorum fidei libertatem. Atq[ue] ideo sacerdotes qui illi subsunt orant Deum in publics orationibUiS pr Episcopis Schismaiticis sub Turca manentibus. Alij vero cum nullo Ep[isco]po habentes notitam, habitante in Turcia, orant Deuni pr Ep[isco]pis defunctis, precantes ut illos. Deus diu bene sanos conservet. Simeoni vero adherentes pauci 'invend'Untur, tura ob Unionem, quam inivit cum S[ancta] Rfomana] Efcclesia] tum ob alia odia domestica. Contrada nottia cum dicto Epfisco]po Simeone, descendi cum ipso ad Eccl[es]iam, in qua nullum vidi ordinem, nulla vasa sacra, nullas vestes decentes ad divina peragenda, et si quae huiusmadi fuerunt, illa valde vilia et putrida, et quod maius est, portatile altare, quod parvo pretio comparar! solet, vidi nimis antiquum, et ob sui antiqudtatem valde dubiuni, cum nec signum exitaret in ilio; a quonam Ep[isco]po consecratum fuerit, quod tamen diligenter observatur apud Graeoos. Eas'dem desolatdones imo multo maiores in alijs dietorum Valachorum eccl[esi]ijs vidi, siquideni in multis, nec imagines ulla, neq[ue] alia ornamenta Ecc'l[es]iast!ioa reperiuntur; ideo die nctuq[ue] ianuis patentibus manent non observatae, nhilominus Divina in illis peraguntur cum magna offensa Divinae M[aies]t[a]itiis, quare ut facerem aliquod discrimen dnter Eccl[es]ias illorum et Calvdnistaruni, imagines in charta depictas, quas penes habui curavi in illis appendi, effeciqfue] ut noctu clauderentur. Tandem cum videreni Ep[isco]pum illuni mihi non bene effetum, eo quod metueret, ne a me extruderetur ex Ep[dsco]patu, videns affectum 'bonum 'omniurn erga me, discessi ad ipso versus Croatiam ad Uskokos Antiquos, quos uti et priores inveni multis, imo pluribus et gravioribus involuto erroiribuis, ita ut omini penitus

136

137

a-uxi'lio spirituali destituti, misere omnes pareant. Nam ob simplicitatem Sacerdotum, vix ipsum baptismi sacramentum apud ipsos non perielitatur. Inter dietos Sacerdoteis ipsorum, inveni , qui nefas esse dicebat Sacerdotem excipiente confessiones aiiorum, sua alteri peccata confiteri, et sic ex quo factus est Sacerdos a viginti quatuor annis, nec quidem semel est confessus. Inveni et alterum, qui ante octo annos, a quodam pseudoepiscopo vagabundo, nomine Epiphanio, puer presbyter factus, vix nunc agit vigesimum annum, rudi adeo, ut neq[ue] legere sciat. Idem pseudoep[isco]pus, rendiderat literas, aldquot Woievodis, pr triginta scutis, assolvendo illois per dictas literas a peccatis, non tantum praeteritis, sed etiam a futuris. Unus ex illis Woievodis, in confessione quam corani me faciebat, tradiditat mihi ilas litteras, quais dum a praesentia rnultorum hominum legereni, cum exaggeratione gravis sacrilegi], et hominis iiuis malitiae, contra quem omnes odio accensi, si non substraxissem manum cium dictis literis illas mihi manibue eripuiBsent et dilaterassent. Hic multorum excepebam confessiones, tam spiritauliium quam saecularium, quod dumi gratis facerem, et pecuniam siponte ab illis mihi oiblatam non reciperem, dixerunt me vere salutem ipsorum quaerere, et non pecuniam illorum, ut alij, qui venientes ad illos ex Turcia, pr Sacramentorum admiinistratione, pretiuim cum ipsis statuunt. Unde tummatim integrae familiae ex domibfus] prodeuntes confiteri mihi voluerunt. In quo ego operam meam non denegassem, nisi tanta multitudo hominum, multo longiori indiguisset tempore, quam ego illis impendeire potuerim, praesertim cum indigerent longa cathechisatone, et multo longiori confessione, eo quod multi illorum sexagesimuni agentes armum, et ultra nunquam confesisi fuerunt, nisi more haereticorum, in tmum multi congregati, et unica absolutione, sine speciali pec[ca]torum enumeratione, absoluti, et quidem a schismatcis Sacerdotibus, et formae absolutionis sacramentalis pnorsiUB ignoris, ideq[ue] eam in absolutione non adhibentibuis. Condolendo igitur illis, et promittendo me reveirsuruni ad psos, atqfue] procuraturum personas idoneas, ad iJlos erudiendor, cum magna laettitia illorum discessi ad <ultimoe capitaneatuB duos in Goimariae. In quibus duobus Capitaneatibus, pr aliquoit mll!itus hominum, unaim tantum reper Eccl[es]a, penes quam residet quidam Calogierus solus, in magna opinione doctrinae et prolbitatis, apud omnes. Sed quidqu'id sit de probitate, quae in schismatco et haeretico vera non reperitur, certe doctrinam nullam in ilio vidi, cum ignoraret formami, conficiendae Eiicharistiae, uti et caeteri illorum sacerdotes. Pollet nihilominus bono ingenio, cui si adiungeret veram probitatem et studium, niultum prodesset in illis partb[us]. Calogerus iste de affectu hominum erga me auddens, et fama quae spargebatur, antequam pervemissem ad ipsum, commovit homines cintra me, persuadendo illis, Imperatorem me misisse ad decipiendum illos, unum numero Jesuitarum callentem utrumqfue] ritum, sub habitu S [aneti] Basilij, monendo ilios, ut sib'i quam maxime a me canerent. Qua sua persuasione tentum profecit apud

omnes, ut in magno versarer periculo, videns odia illorum magna contra me, et verba minatia, dicentium, habere se frameas acutas, allatas ex Turcia ad defendendam fidem suam (per fidem intelligentes ritum), quas si al[ite]r defendere non possent quo vellent iterum redire ad Turcae Imperium. Sic ego inter illos constitutus in periculo quaesivi media, qiuibus fidem meam ap>ud ipsos liberassem quod sc[lice]t non venissem ad deciprendum illos, et destruendani fidem illorum, sed potiuis ad videndos regiones ipsoiruim, et ad servienduni ipsis, ii in aliqua re opera niea indigerent. Et quo citius probarem, et efficatius illis persuaderem, exhibui illis libros cum charactere Cyrilliano, quem illi communem cum Ruthenis et Moschis habent. Item -ostendi quadam ornamenta eccl[es]iastica, qua penes me habui ritus Graeci, quibus visis fidem mihi omnimodarn adhibuerunt, quod essem illorum ritus, et consequenter eiusdetm] fi dei cum illis, qoiin imter ritum et fidem descernere non sciant, utruniq[ue] pr eodem accipientes. Ideo non parum gratulabantur sibi, videnter quod in ipsorum ritu ac lingua inveniantur homines c"octi, qualem me putabant esse, atq[ue] depositi alijs, libenter ad colloquia, et ad domos suos me invitavetmnt, ex quo et Calogierus ille modestior factus, cum summa humanitate et benevolenitia me hospitio excepit, et post longas circa fidem controversias, eiurato schismate elegit me in partern spirituaiem, ac in siignum suae verae conversioniis, ipromisit se iturum mecum in Russiam, ut ibi manendo inter Religiosos nostros, cerenionias disceret eccl[es]iaisticas, et fidem catholicam, atq[ue] alia vitam spiiritualem et religiosam concernentia. Peractis itaq[ue] in illis Regionibus duobus integris meinsibus, atqfue] illis hominibus ad fidem Catholicam, atq[ue] Unionem cum Sfancta] R[omana] E[cclesia] ine:undam dispositis discessi ab ipsis. Errores et Superstitiones quae inter dictos Valachos reperiuntur 1. In Baptismo imponunt sibi nomina Genitilium v[erbi] g[ratia] Dean, Vran, Dido, etc. etc. 2. In sepultura mortui, mactant duo agmina apum, melle postea atqfue] tritico accepto miscent omnia simul, et conficientes cibum, itera mactant arietem, et illum integrum una cum comib[us] assant, et praeparata mansa ad sepulchrum mortui, sacerdotem vocant, qui solus mensae assidens comedit trititum cum melle et apibus, et deinde detracto cornu arietis, sugit illud more gentilium. 3. Virginem priusq[ua]m nubat ab ingreesu eccl[es]iae arcent, putantes id non decere, ut virgo compareat in Eccl[es]ia. 4. Ammalia accisa, quae non fundunt sanguinem comedere nefas esse dicunt. Item limaces, cuniculos, et huiusmodi animalia, quae a Catholicis Ro'manis ibi comeduntur, comedere dicunt esse peccatum montale, et homines qui talia comedunt immund-os esse dicunt.

138

139

5. Cibos a femina praeparatos non comedunt, putantes id esse grave peccatimi. Ammalia itera a f emina occisa non comedunt. 6. In convivijs, ut se ad melius bibendum excitent, surgit primo Sacerdos, queni sequuntur alij, et accipiens vas niagnum vini, ac facta oratione, vel potius oiurmuratione, bifoit per sanitatem Dei, totum evacuando, et attendendo strict, ut singuli id faciant. 7. Confitentur more haereiticorum, sine specifica peccatorum enumeratione, et simut plures colleoti, una afosolutione absolvuntur. 8. Sacerdotes numerum, et formas sacramentorum, non sciunt, imo aliqui neqfue] legere sciunt. 9. Sacerdos unus Calogierus a viginti quatuor annis, ex quo factus est sacerdos, nunquam est confessus, putans nullum habere potestatem maioirem supra illum: consequenter neqfue] habere potestatem illuni absolvendi, siquidem ipse alios a pec[ca]tis absolvit. 10. Ceremonias Eccl[es]iasiticas, corruptas omnes habent, et nullam decentiam in illis servant. 11. Eccl[es]ias more Calvinistarum, sine ulliis imaginibus habent, et tamen in illis celebrami. 12. Missas nonnulli celebrant sine calice, loco illius utentes simplici vase, et hoc vidi apud archipresbyte>rum Antiquoirum Uskokoruni, qui neqfue] portatile, neqfue] corporale in celebrando habuit. Imo neqfue] lbrum Evangelioirum: per totum amnuni unum evangeliuni egens, quod f . . . ] libro scriptum habuit, et hoc passim fit apud alios, ob niagnum defectum librorum typi Cirilliani. 13. Sacerdotes incedunt in habit-u saec.ula'ri, et solumjmodo distinguuntur a reliquis laicis capilis longis, et tonsura in capite. Unum ex illis vidi clebrantem cuni calcaribus. 14. Eccl[es]ias tenent non observates, die noctuqfue] patentibus ianuis. 15. Sacerdotes nolentes obedire Ep[isco]po unito, orant in orationibus, pr pseudoepiscopis in Turcia exsistentibus. Alij vero odium aliquod contra eundeni Ep[isco]pum unitium Simeonem habentes, pr mortuis Ep[isco]pis orant, ut illos Deus bene sanos servet etc. 16. Pseudoepiscopi vagabundi, illuc venientes ex Turcia, multos errores important, propter pecuniam ab ipisls extrahendani. Pueros quindecim annorum, qui nec dum legere sciunt ordinant in presbyteros. Literas absolutorias vendunt, absolventes per illas homines a pecc[a]tis praeteritis, et futuris, quales literas inveni, apud quendam Palatinum, quas lile dixerat se emisse, apud quendam Episcopum, nomine Epiphanium, pr triginta scutis. Et similia alia absurda committunt. 17. Tempore elevationis oculis ad terram vertunt, caventes ne videant Corpus Xpi quo viso dicunt se amplius non visuros Deum in vita futura.

18. Ablutionem oris de mane maxime cavent, tam sacerdotes quam laici, putantes id esse grave peccatum, et ideo tales non solum a comniunione, sed etiam a sumptione panis benedicti repellunt. 19. Ex populo Orationem Dominicam rarissimi sciunt, imo signo crucis se signare ignorant, sed more Turcico, manu tangentes terram, eadem manu tangunt frontem, quo facto toto tempore in Ecclfesjia otiose stant, cuni nullam Orationem ad Deum facere sciant. 20. Ad confessionem non acced-unt niei senes, vel agonis ante. De his omnibus erroribus, et superstitombus publice cum illis egi, convintendo illos varijs rationibus, et avocando ab illis, quanquam non omnes, nec totaliter, ob inveteratam consuetudinem suam consencerunt fit ea quae dixi.
SOCG, voi. 219, f. 189r 193r.

O 107. , 23. 1629. .


Recitatis per eundeni Ofominuni] Cardfinalem] Ubaldinum relatione Vallacorfum] Montis Feletrij in Croatia, Camiola, et Slavonia degentiuni, et eorum 20. erroribus annotafcis a Pfatri] Methodio Terlescki presbitero Rutheno Unito Ord[in]is S [aneti] Basili j, Sfacra] Congfregatio] censuit, eundem P[at]rem ad eosdem Vallachos esse mittenduni, ut eos nstruat, ac doceat, et simul Ep[iscop]o Samamdriensi ad eosdem Visitatori Ap[osto]lico destinato viam aperiat, et ut interini, et postea cum eodem Visitatore, possit eorum Confessiones audire, eosqfue] sipiritualiter adiuvare, eadem Sfacra] Congfregatio] censuit eidem Pfatjri concedendas esse faculltates, quae P[at]ri Neophito Rodino Miss[iona]rio ad Cimarram Albaniae fuerunt in Cong[regatio]ne Sfancti] Officij concessa die 27 Julij 1628. Eodem die Sanct[issi]nius deoretum Sfacrae] Oong[regatio]nis probavit, et mandavit expediri. Patentes, et facultates, ut in Decreto.
Acta, voi. 6, f. 245r, N. 10; Athanasius G. Welykyj, Acto S.C. de Propaganda Fide Ecclesiam Catholicam Ucrainae et Bielarusjae spectantia, voi I, 1622 1667, Romae 1953, 73.

O o , .
Al Nunftio] di Germaniia II P[aidre] Metodio Monaco di Sfan] Basiilio Ruteno Unito, et Alunno Pontificio di cotesto Collfegio], essendo stato mandato, con

140

141

partkipat[io]ne di S[ua] M[aes]t Cesarea, e di Mons[ignor] Ves[cov]o d'Aversa, precessore di V[ostra] Signoria], a visitare i Vallachi del Monte Feletrio, a quali destinato il Vesfcovo] di Samandria, et havendo nella Bua visita data gran sodisfatione a N [ostro] S[igno]re, et a questa S[acra] Cong[regatio]ne, s' p[er] diverse rag[io]ni giudicato, che sia bene di concedergli la patente della missione, colle solite facolt, acci colla sua destrezza, e prattica, ch'ha fatta neH'inclinatione di quei popoli faccia ivi qualche bene, et apra la strada alla formai visita del sudfetto] Vesc[ovo] p[er] potergli mag[giormenjte aiutare: ma p[er]ch q[ue]sta risolutione, senz'il braccio dell'Imp[erato]ire non potr haver alcun' effetto, questi miei Ill[ustrissi]mi S[igno]ri hanno voluto significarla a Vfostra] Signoria], acci partieipandola alla S[ua] M[aes]t efficacem[en]te procuri, ch'essa dia al med[esim]o P[ad]re tutti quegl'agiuti, che gli saranno necessari], e p[er] facilitar niaggiorm[en]te gl'off iti j di V[ostra] S[ignoria] le mandano 'rinchiusa relatione, ch'egli ha data di quelle genti; p[er]suadendosi, che la M[aes]t Sua in sentendo da essa, che tante migliaia d'anime si p[er]dono eternam[en]te per ma[ncam[en]to d'Operarij, che le dirigano nella via della salute, non tralascier quest'occ[asi]one p[er] essercitare la sua grafnde] piet, e p[er] guadagnar cos notatoli merito presso Dio. Questo negjotio] preme grand[emen]te alla med[esi]ma Sfacra] Cong[regatio]ne, e per lo raccomanda alla diligenza, e prudenza di Vfostra] Signoria].
Roma 14. Aprftle] 1629. Lettere, voi. 8, f. 63rv. Metropolitae Russiae In Visitaitione Vallachorfum] Montis Felletrij, et Provinciar[uei] Croatiae, Carniolae, et Slavoniae Pater Methodius adeo strenue segessit, ut S[anctissi]mus Dfominus] Nfoster], et Sfacra] Congfregatio] de Propaganda] fide eidem Missionem ad praefatos Vallachos cum amplissimis facultatibus decreverint: Renuebat ille Ap [osto] lici Missionarii honorem accipere, et potissimum Anipflitudo] Tua inconsulta, quae iaim illum Ep[iscop]ali dignitate condecorare deliberavit; verum salus tot milliuim animar [uni] (sunt nfempe] propemodum 60 m[ilia] sine RectorifouB Eccl[es)iast]icis, qui eos veritatis viani docere possint, et cum tot, tantisque erroribfus], ut in multis l'edoleant gentilismum, sicut inclusa eiusdem Pfatjris Methodij relatio, quae ad verbum coram S[anctissi]mo lecta fuit, indicabit). Deinde S[anctta]tis Suae, ac eiusdem Sacfrae] Cong[regatio]nis visio illum, ut huiusce S[anc]tae Sedis filium obedientem omnino devicit. Quae omnia Ampptudini] Tuae voluinius significare, ne de illius longiori fortasse mora in reditu admirationem susciperet, quam t[ame]n moram speramus non fore diuturniorum, cum nfempe] praefatus Paiter a;b ill'is Populis iam bene fuerit exceptus,

industria, et Doctrina sua facile ad Sedfis] Ap[osto]licae obedientiani eos disponet, et viam aperiet alijs Monachis Ruthens Unitis, qui loco ipsiuis in Russiam redituri, coeptum bonum opus prosequi valeant: Sane qui et deliberatio hu[ius]nio[d]i utilissima est, et rationes habet urgentissimas, pr certo habemus illam placituram esse eidem Amplitudini] Tuae, cui fausta cuncta a Xpo D[omd]no deprecantes, n[ost]ra officia semper paratiissima offerimus. Romae die Sabbaiti Sancti 1629. Lettere, voi. 1, f. 206v207r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 56; P. Athanasius G. Welykyj, Litterae S. C. de Propaganda Fide Ecclesiam Catholicam Ucrainae et Bielarusjae spectantia, voi. I (16221670J, Romae 1954, 86.

Simoni Ep[iscop]o Vallachorfum] Montis Felletrij Pater Methodius Monachus S [aneti] Basili j Ruthenus Unitus, qui ut Metropolitae Russiae nomine Sacra Apostolica Lmina visitaret, ad Urbem venit, plura nobis de Ampflitudinis] Tuae erga S[anc]ta[m] hanc Sedem Ap[osto]licam oboedientia, ac devotione retwlt, quifous non mediocriter legati sumus, sperantes, te in eisdem usque ad extremum vitae Spiritum constanter permansurum, curaturumque, ut subiecti administrationi tuae populi exeimplum tuum sequentis veram, et Catholicam in eiusdem Sedis oboedientia fidem teneant, ac profiteantur. Idem propterea P[ate]r Methodius nos tuo nomine peramanter salutavit, quod humanitatis officium libentissime Busoepimuis, ac in eo tuam erga nos benevolentiam agnoscentes, eidem P[ait]ri iniunximus, ut istuc rediens n[ost]ro nomine te charissime salutet, et amantissime oomplectatur, tuamque Amp[litudinm] hu[us]mo[d]i Charitatis, et amoris erga te n[iost]ri ostenisione certissimam reddat, nos peculiari, ac sincera prosequi diilectione, et cundta prosperea a Xpo D[omi]no tibi, populisque Jurisd[ictio]ni tuae subiectis percupere. Deus Optfimus] Max[imus] Amp[litudinem] Tuam diu servet incolunien, et donis gr[ati]ae suae cumulare dignetur. Romae die 20. Aprilis 1629. Lettere, voi. 1, f. 207rv; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Roman Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 3637; P. Athanasius G. Welykyj, Litterae S. C. de Propaganda Fide Ecclesiam Catholicam Ucrainae et Bielarusjae spectantia, voi. I (1622 1670), Romae 1954, 8687.

142

143

87

23. III 1629.


; . Media iiwandi Vallachos sive Uskokos, in ditionifous Caesareae M[aies]t[a]tis 1. Ante omnia summopere n [ecessa] riun est, ut mittantur aliquot Religiosi ex Russia OrdinSs S [aneti] Basilij in partes illas, qui confessiones illorum hominum excipiant, et alia sacramenta administrant, donec iipsimet Sacerdote dictorum Vaachorum, ad illa administranda fient idonei. Et ix ijsdem Religiosis Ruthenis mortuis Simeene haberetur in proniptu qui succederei in locum illiuis cum privilegio Caesareae M[aies]t[a]tis. 2. Habito Ep[isco]po digno viro et Catho'lico, providendus, erit illi ipanis, et locus in quo habitet, et a quo denominationem sui Episcopatus desumat. Cum modemus Simeon nullam denominationem loci hafoendo, nullam consequenter exercet iurisdietionem episcopalem [...] instar vagaibundi alicuius Graeci Mi habitat, sane nomine. Aptissimus ig[iitu]r loeus habetur pr futuro Ep[isco]po, a quo et denominationem sumeret in Oppido Metlicensi, quod Oppidum stat piane in medio iilorum sex Capitaneafcuum, penes Montem Feletrij, in quo dicti Valachi passini habitant, sub Capitaneatu Zumbergensi. 3. Cum defectus niagnus habeatur ibi spiritualium, et personae aptae non habentur, quae ad sacerdotem promoverentuir, ideo per necesssarium erit ut erigatur Seminarium pr filijs ipsorum; De loco saltem dticti seminarii erit dificulter, nam illi ad Collegia P[at]rum Soctet[aifcis] nullo modo mittere volunt, id mihi referentibus ipsimet Patribus Societfatiis] Vienae, qui dixeriunt, quod Ill[ustriissijmus Princeps Ekiemberg primarius Consiliarius totius Imperi], et primarius Capitaneus Zumbergensis, sponte sua offerebat sumptus pr pueris in scholis dictoruni P[at]num Societfatis] erudiendis quam tamen gratiam [...] non acceptarunt, imo illi hoc in re contrarij fuemrnt, ttmentes, ne filij ipsorum [...] Martini Duforoviitij qui studens Graecis in Styria factus erat Sacerdos Latinus, ipti quoq[ue] fianit Latini. Cuni igitur illi Scholis Patrum Societfatis] sunt contrarij, neqfue] semnariura aliud pr illis est fundaturai, ideo ne eti^am nunc auxilo destituaantur, agendum erit cuni illis, et diligenter instandum, ut permittant filios suos in Russiam ad Seminarium Ruthenorum deduci; >uti iam in hoc, aliquot ex praecipuis, me suadente conseserunt quod ubi fieret facile affectus parentum cum filijs transportaretur in Russiam, quo illis omissis partibuis Turcicis, et conversationibus cuim Graecis Schismaticis, comunctiones suas,

et correspondentias curai Ruthenis catholicis haberent, et ritus sui gloriam quererent ex Russila non ex Turaa. Et deinde amorem maioreni conoiperent erga illos nostros Patres, qui circa illoe laborarent. 4. In conifinijs ipsis, transitus Mber, uti hactenus Pseudoepiscopis Graecis, et Caiogieris schisniaiticis, ne noviter unitos turbent et seditiones excitent, maxime prohibendus erit, edicto Caesfareae] M[aies]t[a]tis. 5. In libris eorum eccl[es]iasticis, quos nunc (licet paucos) habent impressionis Venecianae, multi errores, et superstitiones inveniuntur, a quibus ut liberentur non est medium, nisi ut alij pr ilis imprtimantur, quos non soluni ili et alij in Regnis Turcicis gratissim coenient. Quod si tam cito libri no[n] poterit S[acrae] Caesareae M[aies]t[a]ti erit suplicandum, ut sumptum aliquem offerat pr commendis dictis libris in Russia. : : Fructus, qui ex conversione illorum hominu[m] sequerent[ur] 1. Salus aniimarum multorum millium. 2. [...] maior in servitijs Caesareae M[aiesta]tis reddendis in defensione confinii a Turcis. 3. Securitas ipsimet CatholiciB, manentib'us inter ipsos, qui ob multitudinem et robur merito sibi ab iilis timent. , 4. Ductu boni ordinis, qui haberetur inter illos in Spiritila^libus, multi ex regnis adiacentibus sub Turcia, uti ex Serbia, Bulgaria, Bosna, alijsqfue] Provincijs traherentur in partes Caesareae M[aies)t[a]tis. 5. Daretur occasio conversarddi cum schismatcis sub Turca manentibfus], et illos convertendi. 6. Auxiliante Deo, cum Caesarea M[aies]tas ulterius promovebit suos fines in Regna Turcica, alacrius homines illi, qui omnes sunt ritus Graecd, et degunt nunc sub Turca dabunt manus Imperatori, et illum fideliter adiuvabunt, cum intellexerint quod ipse promovet, et conservai illorum ritum. SOCG, voi. 219, f. 206rv, 209rv.

144

145

88

(), 28. VII 1629. TiucAio , " VIII.

necessaria p[er] il pos [sesso] [della] Parrocchia di Cocevia p[er] l'assistenza d Min [stri] Imp[er]aitctti, a q[u]ali ci [...] solo dico alle Sig[no]rie V[ost]re Ill[ustriissi]ime che falsissime sono state [le] informat[ion]i a q[ue]lla Corte del stato d[el]la detta Parrocchia [...] parte, tanto alla vacanza del Parroccho, q[ua]nto alii [...] e servit sp[mt]uale che al Parroccho [...] che p[er]ci in ogni cosa bisogna mutare li regi [...] astretto d'andare alla Corte. Senza pensare alla [...] suo stato, ma solo p[er] pigliare indrizzo dela [...] S[ua] M[aest] C[esarea] p[er] la visita delli Vallacchi, accomessa [...] no[n] sar di me risoluto, potr ritornarmene [...] residenza di Belgrado, gi che cos piace [...] che p[er]ci prego e supp[li]co le Sig[no]rde V[ost]re Ill[ustrissi]me a voler [...] p[er] la provisione nuova di q[u]elle chiese p[er] [. . ,] q[u]esta Parrocchia p[er] mio sostentam[en]to che si [...] bene che resti privo del Vescovato, e che [...] mendica[n]do ositatim. Tutto sic detto co[n] [...] appartiene a un suddito e seir[vito]re q[u]aile li desid[era] [.. .] Da Lubiana il di 13. d'Agosto 1629. Delle Sig[no]rie V[ostre] Ill[ustrissi]me e R [e ver endissi] me [. ..] Ser[vito]re [. . .] Alb[erto]
SOCG, voi. 57, f. 4r, 9v.

90
SOCG, voi. 57, f. 60rv.

, 14. Vili 1629.


89

, 13. Vili 1629. da ode , o napoxuju , . . Ill[ustrissi]mi e R[everendissi]mi Sig[no]ri p[ad]roni miei Col[endissi]mi Devo dare raguaglio alle Sig[no]rie V[ost]re Illfus'triissijme del stato mio insano a qfuesto] nel quale mi trovo qui in Lubiana Luogo principale [delle] Prov[inci]e dove si possono far l'esped[itio]ni

iyca, jep . . Molto Ill[ust]re e R[everendissi]mo p[ad]rone Col[endissi]mo Ho tratenuito la penna p[er] dare raguaglio a Vfoistra] Sfignoria] R[everendiss]ma del sitato mio insino a che da tutte le parti habbi pigliato vere informa[tion]i del neg[oti]o nel q[uale] habb[iam]o le mani, e se bene molto potrei dire tutta via digerire la f fatica] p[er] no[n] disgustare il pross[im]o, e p[er] no[n] sconciare me stesso. Solo d[ico] imendacos su[n]t filij homimum in stateris suis. Molto discorso, [. . .]rio il detto, e rinformat[ion]e data a qfujella Corte dal fatto del[la] Parrocchia di Cocevia, e io haverei molto gusto che altfri] [. . .] la briga a dairne re^latfionje a chi bisogna, ma poich

146

147

[...] parlare p[er] no[n] esser tassato. Le dico [...] di Cocevia ancora sta in possesso, n vuoi ceder [...] esserli stata fatta ingiustitia co[n] haversi potto [...] Per libera[m] et spontanea[m] resignatione[m] Parrocchi [...] 'ad huc no[n] resignavit. L'entrata delia Parrocchia [...] due milla fiorini, come spropositatam[en]te e senza [...] cardinal Caraffa, e si posto nelle bolle (co[n] p[re]ci [...] pr exped[iend]a 250 d[ucat]i d'oro) ma sarrano ad [.. .jespensis faciendis, qualibet an[n]o, che ascenderano a [...] dico solo, che si pagar p[er] li due preti, p[er] il [...] e p[er] altre spese, eccetuato le mie d[el]la casa, e cos sta [...] saraccha, e narando q[u]esto a Vfostra] Signoria] R[everendissi]ma n mi lamento, n [...] anco loro hanno fatto l'esped[itio]ne sopra 'informat[ion]e [...] Io sto assoluto d'andare alla Corte p[er] molti risp[etti] [...] giorno col stecchadete in mano, p[er]ch qui ogni [...] bene, e si mangia poco. 1. p[er]ch no[n] faccio fructus n del palazzo del Papi it est d[e]lla Parta, n d[el]la Parrocchia di Cocevia p[er]eh stando li frutti nelle raccolte di grani il p[rese]nte paroccho p[er] haver servito usq[ue] in hodiernufm] die[m] le pretende, e 'forse con ragg[io]ne tal che sarebbe necessario, che io litigassi, e litigando, si spende, e non si raccoglie. 2. causa dell'accesso alla Corte p[er] pigliar parole, e authorit dell'Impferjatore circa visitatioine[m] Valachor[um], e come caminaremo p[er] il paese [...] da q[u]e!li no[n] occorre sp[er]are, ne anco il fieno p[er] le cavalcature [...] chi vuoi colpire co[n] loro q[u]alche buon pensiero bisogna spogliarsi [...] interesse, e pi presto darli, che ultima[men]te sed nemo dat, tiec pot[est] [. . .] habet, a presto presto saremo al fine del viatico p[er]ch ogni [...] et omne finitima p[ro] oblationefm] partiufm], tandefm] consumitur [...] visita, (se altro no[n] sar di me rassoluto) pretendo di tornare [. ..] tale q[u]le Iddio mi aggiutar, e guardare dalli [...] V[ostra] Signoria] tratenghi il mio Vescovato p[er] me e cos scrivo alle [.. .] si facci altre provisioni (gi che col presente negoitio) [...] astretto d'andare mendicando p[er] le poste, e gi che ho [...] e -meglio esser povero Vesc[ovo] come che scontento, e sconsolato Paroccho [...] incognita, e che no[n] intende la mia, n io la loro lingua. Questo solo [...] inchinare a V[ostra] Signoria] R[everetndissi]ma lasciando molte cose nella penna [...] in fine le b[acio] le m [ani]. Da Lubiana ili di 14 d'Agosto 1629. [Di Vostra Signoria] Ill[ustrissi]ma e Reverendissima Oblig[a'tissi]mo Servo f rat'Alberto Vesc[ovo] di Samandria
SOCG, voi. 57, f. 5rv.

91

, 22. Vili 1629. no " ULTO o . , , . 250 . Molto Il[usit]re e R[eve>rendiissi]mo S[igno]r mio oss[ervatissimo] Io vado girando p[er] il mondo, p[er]ch, o no[n] ha avertto, o no[n] ha saputo dare la vera relat[ion]e Monsig[no]r Caraffa del stato di Cocevia, e d[e]lla sua cura, e co[n] tal relat[ion]e s' servito anco il Monsig[no]re Paletta Nuntio p[rese]nte dal q[u]ale hebbi rult[im]a l[ette]ra d[el]li sei di luglio, che mi sopragiunse in Anc[on]a, molto rissoluta che concludeva, come erano dati tutti li ord[in]i necessari] p[er] l'esecuitfionje del ne[gotio] e che io potevo andare sicu>ram[en]te nam (dicibat ipse) paratura [.. .] o[mn]ia, qual l[ette]ra mi fu di grandissima consolat[ion]e s speri frescha [. ..] pferjch mi ha trovato in viaggio, che mi facilit la strada. Ma arrivato che io feci a Lubiana, dove sta il Vic[ario] che mi deve dare il possesso temporale, e [. . .] (come vogliono dire) il Vic[ario] foraneo, che mi deve [.. .] possesso sp[iirit]uale, ambi due questi con molto gusto [. . .]parati p[er] servirmi, o sia p[er] amore, o p[er] retrib[utione] [...] al Vicedomino, in ogni modo bisognava coprire [...] borsa, co[n] q[ua]lche cento fiorini ad minus si trovorno [.. .]sitioni d[el]la proposit[ion]e contraditoria e perch [. . .]suo, essendoci ivi in actu il Piovano, ne vuoi ci [. ..] e perch li tre milla, o almeno due, esposti dal [...] e posti nelle bolle, si convertono, in oinqfue] cento [...] expensis necessarijs et inevitabi'lbus restavano q[u]alche 250 cojn] M quali io e la famiglia mia grataressimo li denti, e bisognerebbe spenderne molto pi p[er] fornire la casa di scuidelle, pignatelle che deili beni no[n] occorre parlarne p[er]ch [...] paese fresco, si potr dormire in terra, e coprirsi col terzo elemento. Perch, il paroccho p[rese]nte no[n] stato provisto d[el]la Capelania del Imp[er]atore, n si trova p[er] lui (p[er] questo fatto tanto) il luogo, nel memento de vivi, n de morti, e perch il detto Paroccho p[er] haver spinto q[<ue]sto arano (anco che se n'andasse via) vuole l'entrata di q[ue]sto anno, q[u]ale tutta consiste nelle biade, tanto che io resto necessitato d'andar a cercare il pane (p[er] hora) dove mi sar dato, mancandomi da [...] tre le parti, cio e dalla provisione del Vescovato, e della parte [...] Nfostro] S[igno]re mi dava p[er] gra[tia] e della pretensa entrata di Cocevia in modo [.. .] che p[er] me datur vacuufm] in natura. Mi resta [...] [spera]nza in Dio, ma tra tanto, certo Sig[nor] Ingoii mio Car[...]

148

149

che mi [...] a mal partito, poich mi sono occorse spese un poco mi stata fatta una burla p[er] strada, che mi ha costato q[ua]lche d[ispet]>to f . . . ] ailla Corte deirimp[e>r]atore Prencpe tanto pietoso, e benigno p[er] [prese]ntadM il caso ad ungue[m], e poi facci Iddio, che io p[er] suo honore [...] d[e'l]la S[an]ta Chiesa paratus su[m] et in carcere[m], et in morte [m] ire. Non si facci, (ce cos gli piace, e se io no[n] ho demeritato) p>rovisk>ne d'altro Vesc[ovo] di Samandria, p[er]ch come io haver visito, la quinta essenza di questo negotio (no[n] essendoci altro p[er] me qui) [.. .] poich Iddio vuoi cos. Questo ho voluto significare a Vfostra] Signoria] [Illustrissima] co[n] aggiungerli, e dirli: nolite omni speij credere, p[e>r]ch q[ue]sta una solenisis[im]a burla, p[er] la qfu]aile m'hanno compass[kmat]o insino aille [...] Potens in t[r]ia hu[iusm]o[d]i di tanta qualit, e considerat[ion]e a fare err[...] macaranici a condurre un povero vecchio d'Italia in Ger[mania] pfer] trombetar nell'aria certo che no[n] caso, da passarlo senza [...] mi escusar ogn'uno, se passare qfujalche termine di raggionam[ent]o tanto tacer, e p[er] fine le bfacio] l[e] m [ani]. Da Gratz il di 22 [d'Agosto 1629] Di V[ostra] S[ignoria] M[olto] Ill[ust]re e R[everendiBsi]ma Servo devotissimo] f rat'Alberto Vesfcovo] [di Samandria] SOCG, voi. 57, f. 6r7r.

92

, 17. IX 1629. o , , ". Ill[uS'trissi]mi et Rev[erendissi]mi Sig[no}ri et P[ad]roni miei sempre Coll[endiissi]mi Havendo lor Sig[no]rie Ill[ustriss]m.e, et Rev[eren'dissi]me a me imposto carigo (a Backa) della cura d'a[n]i[m]e Xpiane nelli Confini d'Ungaria Superiore, et inferiore dove haibitano diverse sorte d'Infedeli con mandarmi Breve, insieme con la patente, nelle quali ci contenivano diverse gratie, dove quanto stato possibile, non ho mancato d'affatigarci, di modo che d'Ariani, Luterani, Rasciani, et l'altri nemici son stato grandissiniam[ente] perseguitato sformandosi loro d'impedirimi publiche prediche, procesioni, e celebrationi [.. .] Da Saraglio li 17. di 7bre 1629. f...] fra Paolo Papich
SOCG, voi. 148, f. 333v, 347v.

, . Al Ves[cov]o di Samandria Ha vendo inteso questa Sfacra] C[ongrega)tione] le difficolt, che Vfostra] Sfignoria] incontra circa la Parochiale di Cocevia, sopraseder senz'altro nella provisione del suo Vescovado, sin'tanto che vedr stabilito lo stato di Vfostra] Sfignoria] d maniera, che si posisi sostentare, accioch non le succedendo questo, se ne possa ritornare alla sua residenza. Roma 15. 7bre 1629.
Lettere, voi. 8, f. 144r.

93
, 17. IX 1629.

. , ne . O . Ill[ustrissi]mi e Reverendissimi Sig[no]ri p[ad]roni miei Colend[issi]mi Li giorni passati con una mia diedi raguaglio alle Sig[no]rie V[ostre] IllfustirisB]me del mio arrivo in q[u]este parti, e del mancamfen]to che ho trovato nel raguaglio dato alle Sig[no]rie V[ost]re Ill[us;trissi]me del stato di q[u]ella Parrocchia soprafdetta], la q[u]'ale si fundava il man)tindm[en]to della p[er]sona mia p[er] poter [. . .]porre in esecut[ion]e il negotio della visita di popoli Valacchi

150

151

[...] che si pretende, con zelo, e chiarit christiana. Con questa li faccio sapere, co [m] e son arrivato qui alla [Corte] di S[ua] M[aest] C [esarea] p[er] esporli il bisogno, il q[u]ale condolendosi [...] sinistra mformat[ion]e datta da chi s'aspetava, ho tenftaito] di remediare in parte, e di far in modo che p[...] d'agiuto no [in] manchi l'esecutione dell' opere [...] giudicata, e pensata. Io sto aspetando il fatto [...] il debito 'mio, tra tanto suppflicatione] alle Sig[no]rie V[ost]re [...] restano servite a no[n] far nuova pr vista pfer] il V [escovato] [di] Samandria, p[er]ch no[n] trovandosi ripiego qui di[...] pretende possa io andare a servire l da dove son parti[to] [.. .] che fosse co[n] p[er]icolo d[el]la vita, purch si facci il [...] Dio e benef[ici]o d[el]le anime p[er] il q[u]ale siamo [.. .]domi altro co[n] q[u]esta pfer] fine do debita rivferenjza e le bfacio] [le mani]. Da Vien[n]a il di 17 di Tbre 1629. Delle Sigfnojrie V[oistre] Ill[ustrisi]me e R [ever endissi]me [...] Servo frat'Alberto Vescfovo] di Samfandria]
SOCG, voi. 57, f. 12r.

94
, 27. X 1629.

, , . o . . Ingoii Molto Ill[ust]re e Reverendissimo Sig[no]re mio oesfervatssi]mo Cupiens vitare Sylla[m], incidi caribdim; Ho desiderato molto d'esiser un giorno assoluto dalli giram[en]ti d'atoirno a q[u]elle corti Romane, p[er] poter dar quiete all'animo mio a fine di rassettar le cose del debito mio, p[er] acquisto della salute deira[n]i[m]a, ma ini vedo di nuovo nel bel princ[ipio] di partiche cortegiane, e conosendole, tutte f alaci, e mancataci di q[ua]nto co[n] belle parole vi[...] promettono, nofn] posso star senza noia, e tristezza, considerando] la 'mia zopica[n]te ventura. Gi si trovato manca [n]te il par [rocche]

di Cocevia, co [m] e gi ho scritto co[n] altre mie. Vero che [...] dato ord[in]e che mi si pr veda d'altro necessario p[er] mio [...] ma l'ord[ine] dato a fallaci corteggiami, che anco, che [...] sia liberale, e pronto. Loro sono scarsi p[er] verificare [...] D[omi]n[u]s largus, servus parcus, tanto che mi trovo imb[.. .] senza biscotto, no[n] parabolico, ma vero, et reale [...] q[ua]ndo co[n] cos .poca provista navigando, arrivaremo [...] e in t[er]ra ferma no[n] [...] p[e>r]ch 10 son venuto [...] soli panni d'estare, havendo lasciato li altri (senza [...] portare) dieci giornate adietro [...] d'haver [...] chiodi q[u]esto inverno a tutto potere, sia p[er] penitenza [...] A Belgrado ho dato 11 ord[in]i necessarij circa l'habilitaf...] confessione di quei Christiani, p[er] id disordine che [. . .] Si rapresenta hora un altro bisogno forse magg[io]re, et che a Belgrado, oltre il Capelano dei Ragusei vi un altro, o forse due fra[ti] di Basna, che aministrano li sagram[en]ti ad una parte di Bosnesi, e terrazani, che ostinata stanno, p[er] conseglio di .un certo I/orenzo, che l'anno passato fu a Roma, co[m]e sa bene V[ostra] Sfignoria] il cui figlio primogenito, alii 9. di 7bre s' fatto Turco pfer] la sua tirranica natura, o p[er] altro giuditio di Dio. Longa l'Istoria, Casus est. La comunione Pascale, e li matrimoni], et resi debbono pigliare dal propfprio] Parroceho. Quid faciendufm] in hoc casu [...] adesso il propfrio] parroccho, essendo co[m]e ho detto ex utraqfue] parte la pretensione. Vfostra] Sfignoria] facci rissolver pr pace, et quiete, e la >rio>luit[ion]e la mandi a Ragusa, acci da li opportunam[en]te sia mandata a Belgrado, a tempo debito, p[er] quiete di tutti. [...] m'haver a trattenir qui p[er] mia disgrafia] e la quaresima [.. .] fosse di vacanza, co[m]e credo che sar, procurar d'arrivar [...] ansino l pfer] trovairmi p[er] Pascha, e cos nessuno mi potr schifare, n rifiutare, e sar il vero, e il propfrio] parroccho iuitriusq[ue], ma tra tanto metiamoei in sicuro, e facci Vfostra] S[ignoraa] come le dico. Sair dato in nome mio mem[oria]le alla Congreg[atio]ne e anco sia q[ues]to a V[oStra] Signoria] [...] mi sia data la provisione p[er] natale, p[er]ch mi trovo haveme estremo bisogno qui co[n] molte spese, e legiere pietanze, e pur[...] alii serviti], e ob[ligh]i della chiesa co[n] buona e pronta volont. Quellii min[ist]ri ad quos spectat, che q[ua]ndo in q[ua]ndo si lasciano intendere che q[ue]sta visita di Valacchi stata richiesta dalla S[acra] Congreg[ation]e, e che loro si sono conte[n]tati, volendo forse inferire, che sono obligati pr rata, pensiero mio q[u]esto: sed exitus acta probabit, tra tanto Vfostra] Signoria] facci il mandato pfer] li cento scudi pfer] natale, e io dar ord[in]e al Sfagno]r Dfon] Antfonio] Deodati Arciprete di Sfan] Girolamo, acci s'imborsi d'essi, e me ne facci rimessa, ne deficiufm] in [...] son sicuro che appresso Vfostra] Signoria] necessaria poca p[er]suasione, sta[n]te la sua meco solita, et innata benignit, che [...] che io no[n] mi scordo di q[ua]nto ho promesso, e devo [...] piaccia al S[igno]re darci un dritto sguardo, e q[u]esto ci basta [.. .] mentre p[er] fine le b[ack>] l[e] m [ami].

152

153

Alla f[in]e s'aspetano belli Intrighi, e rumori poteva [...] il p[at]riarcha d'Aquileia, la cui morte, anco a [...] q[u]alche incomodo. Da Vien[n]a il di 27 di 8bre [1629] Di Vfostra] Signoria] mfolto] Ill[ust]re e R [everendissijma Oiblig[atiss]mo e devotis(sim]o Servi[tore] frat'Alberto Vescfovo] di Sam{andria] SOCG, voi. 57, f. 13r14r.

96

1629.
o . De fructu ex Visitai[ion]e Reverendissimi Samandriemfsis] apud Illirica[m] gente[m] Graeei ritus, in Croatia, et alibi nascituro. Informatio Fructus, qui ex laborifous a Reverendissimo Samandriensi pr gloria Dei faciendis, et ex ipsius visitat[ione] div[iai]a favente gra[tia] apud Illirica [m] gente [m] Graeci ritms in Croatia, Carniolaq[ue] habitante[m] facienda nasciturus est, in hoc (ultra doctrina[m] verbo, et exemplo) praecipue consistent, ut facta p[er] sonali ter, accurata, ac diligenti visitat[ion]e, et inq[ui]Bit[ion]e o[mn]ium, quae suae consc[ieniti]ae bene nota sun, iuxta formafm] ei pr inisitructione datam, dare ac distincte describat o[mn]es illor[um] christianoirum sa'luts o[mn]ia necessitates, periculaq[iue], atque errores fidei, in quibus versantur simulq[ue] ea media, ac remed'ia, notet proponatq[ue], quibus illor[um] 'saluti, facilime subveniri possit, quae o[mn]ia sic adaptata, ac detscripta, maiori, qua poterit dEigenta, atque efficacia ex xorde, Sum[m]o Pontiiici Chrifsti] in terris Vicario, in scripts referat, et quasi ob oculos ponat, et velut in tabula quadam coloribus expressam i^naginenl repraesentet, qui deinde pr sua persona a Deo sibi data, ac demandata cura, ac sollicitudine erga totius Christianitatls gregem [. ..] Hoc vero nullus unq[uam] hucusq[ue] apud hos Chritetianos ho[min]es (ex quo propriafm] patria[m] in Turcico dominio sita [in], deserentes, in dition[ni] christiani cha'toliciq[ue] Principis habitare venerunt) fecit, aut attentavit, illorumq[ue] salutem procuravit. Qui fabrica[m] construere desiderai, prius de fund[amen]to cogitet necesse est. Hoc illorfum] chriistianortum] salutile fundamentu[m], hoc illor[um] cum catholica ecclesia eiusq[ue] capite Xpi Vicario, unionis principiufm]. Et eo magis hoc faciendu[m] est, quandoquide[m], hoc idem ipse saecularis Princeps, pijssimus Impfer]ator sum[m]op[er]e desiderat, u)rt>roq[ue] offeft, ampliusq[ue] praebet. Si ad salutem animar[um] procuranda[m], et pr infideiiufm], scismaticor[um]q[ue] conversione tot missiones fiunt, ad ultimas terrae partes, ad orientis, et occidentis plagas, at Japonias Insulas, ad Chinorufm] regnu[m], in Ethiopiam, eft Persiani, ad quas terrae, partes, aliquando duoir[um], aliqu[ando] vero vix triu[m] annor[um] navigait[ion]e pervenitur quiofmodo] p[er]mittemus, seu permittemus nos tot milia animarufm], hic tam prope, fere domi et (ut ita dicam) ante ianuam Urbis, ultra Adaticupm] mare, in ditione Pijssimi, ac religiosissimi Principis Ro'mfanor[uni] Imip[er]atoris Ferdinand!

95

1629.
, , a . Popoli non sottoposti a Turchi in Albania, che stanno senza Sacerdoti. In Diocese di Scutari Pulati case Clinienti case Cucci case Crudi case Hotti case Kastrati case Piperi case Schirieli case Giamarat case Lugi case Teritorio di Drivasto fino a detto loco Dusimani con alcune altre Ville piccole sopra Scutari assai pi case . . . . Diocese Sappatense Balea case Puika case Diocese d'Alessio Dibri case Fandei Made case Diocese Albanese ha Trafandina, Fandei, Vagule, Merdita, Bulgari, Htela, Selita, con inolt'altre Trib, e Ioghi da noi non conosciuti dove saranno pi di tre milla case . . . 727 360 380 80 200 60 80 80 120 24 1000 200 300 150 80 3000

Oltre li d[ettji sono il Monte negro sopra Cataro, Bielopaulovichi con molti altri Ioghi, ma di rito Scismatico. SOCG, voi. 262, f. 161r, 165r, 181r.

154

155

in tenbris ignorantiae, ac schiamatis [. . .] cathoicae veritatis luinine perire? [. . .] et haec visitalo necessario faeienda est [. . .] illorfum] sahitis fundamentufm] dependet.
SOCG, voi. 70, f. 75rv; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi I, Zagreb 1926, 7475.

Continuationem meae Relationds in praesenti mittens Sacrae Congregationi, eidem me quam humill'ime d'ffligenter commedo. Datuni Viennae ultima Januarij A[nn]o 1630. Ill[ustrissi]maru[m] ac R[evere]nd[issim]aru[m] D[omi]!n[a]tionu[im] Vfestjrairufm] humillimus orator Methodius Teiiecki Predbyter Ordfinis] Sfancti] Bafei'lij Magni Ruthenus ni [ami] p[ropria]. Conitinuaitio Relationis factae Romae coram S[anctissi]mo D [omino] N[ost]ro in Oong[regatioin]e de Propaganda] fide per me Methodium Terlecki Presfoytenum Ordfinis] Sfancti] Basilij magni de Valachis sive Uskocis in Regnis Croatiae Dalmatiae et Slavoniae, in ritu Graeco exsiBtentilbfuB] Audita Relatione et successu in illa descripto Sfanctissi]mfus] Dfomhus] Nfoster] una cum Ill[ustrissi]mus Cardinalibus Co'ngr[egatio]niis de propfaganda] fide, iudicavit, ut ego siquidem faluiter prinicipium fidei cathoiicae, inter Valachos sive Uskokos incoepi, finem eltiam imponi curarem, propterea conettuit me ad eo'sldem populos Missonarium concedendo facultates varias, ad hoc munus necessarias, quibus acceptis iterum reversus suni iam ex obedientia SetdiB [] et ex professo ad praedicta Regna praedican'di grafta] Mi populo Bvangelium Chr[ist]i D[omijm, et doctirinam CaDhoilicam. Perveni itaqfue] primo ad Goimeiienses, qui uti antea de me suspicabantur, quot potius unus ex Jesuitis, quam illorum sacerdos, ita et postea in eadem sua opinione tenebantoM:, timentes sibi, ne aliquam in ritu suo turbationem paterentur, potius iudicarunt, si ilterum ad illos reversus fuero, positis insidijs in itinere, in locis aTiiquot me de medio auferre. Sed aiiiter res successit, alia enim via redij ad illos, quam ipsi opinarentur: deinde ex dispositone Dei, Venetijs imagine pr Eccl[es]ijs illorum mecum tuli, quas cum viidisisent ibi oblatas a me fuisse, aliter de me iudicarunt qua[m] anltea suS'picabantiur, et ita per illas imagines cmnino li ber evasi ab omni periculo, vitamq[ue] meam redemi. Quae omnia postmodum apenuerunt lili, qui iam facti erant catiholici, abiurato primo schismate et alijs erroribus, in confessione corani me facta. Intellecto ego igitur pravo animo dictorum honiinum centra me conspisratorum, et ut evellerem ipsum de cordibus ipsorum, manendum apuid ipsos aliquo tempore iudicavi, et mansi plusqua[m] integro mense, quo temporis spatio -auxilianite gratta Dei effeci i'ila omnia quae desiderabantur. Nam vix illorum aliquis, praecipu ex maiori'bus remansit, qui mihi non confiteretur, accepitata primo fMe

97

, 31. I 1630.
o . , . , . , , . , , , . , . , . Sacra Congregato llf.ustrissijmi, ac Reverendissimi D[omi]ni Deibitam MisstioniB ineae ad Valac'hos montis Feletrij Relationeni dare, ari hoc usqfue] tempuis distilli, quod ea quae praecipu referenda essent citius expediri non potuerint. Causa est, tum ipsa negotij difficultas, tuni maxime dufoium ortum apud Sacrarn Caesaream M[aies]t[a]tem, ob ambiguitateim commisBam circa me, et Samandriensem Episcopum, aeque missum et commendantum ad eundem fmem. Tandem mea causa praevaluit, quod manifestum esset, Samandriensem Ep[isco]pum ob rifcus diversitatem, el rei, non solum usui non futurum sed etiam impedimento. Igitur Sacrae Caesareae Maiestalti supplkiavi pr fiundando inter eos populos Episcopatu, sohoiis, et Monasterio ritus Graeci unltoruim. Benigneq[ue] habitus bona, horum omniuim, a Sacra Caesarea M[aies]t[a]te, spe accepta in Paltniam propero, illic pe:rsonas li(brosq[ue] Cyrilliani typi ad horum populorum provisurus, ut oum Sacrae Ca.esareae M[aies]t[a]ti visum fuerit, cum socijs stafcim aduolem. Reliquum,

156

157

catholica. Dispositis iam animis ad suseipiendam fidem Cathoilicam; ulteriius -ah ipsis profectus sum versus Capitaneatum Zumfbergenisem ad antiquos Uskokos, qui alias maximo animo me expecitabant. Sed cum sint long lateqfue] per montes dispersi, et necessarium eralt iacere ulbiq[ue] fondamenta veritatis Catholicae, aliquot inenses in praedicatione consumere cogebar. Hi ferme omnes ardentissime petebartt, ut vel ego ipse apud illos manerem, promittentes omne obsequium et ofoedientiam futuram, vel si id fieri non passili, saltem pnocurareim operarios pr ills partibus, mihi similes, cum iffi magis, quiam alij positi silnt, in maxima spirittuali desolatione. Promisi illis, quantum ex me fieri poterit unum horum, tam apud Caesaream M[aies]t[a]tem, quaim apud superiores meos procu>raturum. Deinde literis Sacrae Congregati onis de propfaganda] fide, ad Episcopum Simeonem Vartana, aetatis satis decrepitae, virum olim unlltum, in Slavoniam, et easdem literas redderem, perveni. Admonebar quidem, tam a Goimeriemsibus, quam a Zumbergerusibus UskociB ne eo proficiBcerer, maximo enim ddscrimini, et certo periculo vitam meam exponereim, propter Episcopum, et conspratioinem illium cum saecuRatrilbus, timebat einim sibi hic Episcopus, ne ipsius Episcopatum ambireim. Proteo tieni itaq[ue] me Dei commendavi neve saeniculus inde triumphareit, quod aliquo modo mortem tinierem, non via recita sed oireulari ad eondo, profectus sum recta Ivanicium ad Capitaneatum illius lod ubi ipse habitat. Illic omnia Capitaneo aperui, miralbatur quod horum sciverit certituidinis tamen maioris gratta, invitavit ad Coenam aliquot praecipuos Valachos, amicos Episcopi, qui tunc ipraesentes interfuerant custodiae propugnaculi. Ex his Vailachis faci'le collagi poterai; quos illis hospes non gratus fuerim, et quod animis suis infensissimis mala mihi rninarentur, advertiit hoc et Capitaneus, propterea curabat ne aliquid mihi adversi accideret sequenti die, ut tamen per me ipsum literae redderentur Episcopo, quiibus innuebatur illum esse Oathoiicum, capitaneus stipa-tus ^militibuis, tam equitibus, quam peditibus, ad Ep[Bco]pi residentiam me deduxit. Non minus apparebant signa et ex Ep[isco]po hostlis in me animi, declaraba't hoc tornus ipsius aapectus, et silent'iium profundum; ne unum enim verbum bonum ad me proferre d'ignatus est. Literis redditis Episcopo, post aliquam moram Ivanicium ad noctem redij. Eandem ob causam, in reditu apud Valachos Slavoniae rnanere non poteram. Intellexi tamen ex mul'tis, tam saecualriibus, quam spiritualibus, non male illos mihi alfectos. Ultimo ratonem facturus villicationis meae Sacrae Caesareae M[aies}t[a]ti, unius anni, Viennam, veni. Cui princiipijs et processu rerumi exposito voluntati illius commisi totum. An ipse ductus zeio gloriae Dei; et amore euorum subdiitorum, hanc reim prosegui per certa media velit. Sci'licet advocando plures operarios ad excolendam tam incultam vineam, ijsdemq[ue] locum alique[m] stalbilem assignando, ubi degentes victum et amictuim haiberent.
SOCG, voi. 219, f. SOlrv, 321v, 302rv, 320rv.

O 122. , 15. IV 1630. . . Referente eodem Ill[ustessi]mo D[omino] Cardinali] Ubaidino l[itte]ras, et relatonem P[at]ris Methodij de Uschocis, seu Valachis Montis Feletrij, Sac[ra] Gong [regalilo] iuss'iit commendari di'ligentias dficti] P[at]ris, et hartari, ut opus bene coeptum, sicuti in D[omi]no ei videbitur, prosequantur, et de suis progressibus, saep diligenter scriba!
Acta, voi. 7, f. 47v, N. 25.

od 25. IV 1630. . P[at]ri Methodio Terlecki Ruteno Monache unito

Recitata in hac Sfacra] C[ongregatione] de Prop[aganda] Fide, R[everentiae] T[uae] relaitione de Uscochiis, seu Vaillachis Montis Feletrij, Dll[ustriissi]mi P[at]res labores, ac diligentias tuas pr salute ilar[um] animarum summopere commendantes ad opus tam bene coeptum, sicurt in D[omi]no tibi viddbrtur, sedulo prosequendu-m, te iplumuim hortanitur, pr comperto habentes progressus tuos, et S[anctissi]imo D [omino] Nfoistro], et Caesaireae Maiestati pergiratas, ac iucundos fore, et proinlde de illis ijdem Ill[uistrissi]mi P[at]res crebriores desideranit l[it!te]ras. Romae die 25. Aprfilis] 1630.
Lettere, voi. 9, f. 8r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 57; P. Athanasius, G. Welykyj, Littere S.C. de Propaganda Fide Ecclesiam Catholicam Ucrainae et Bielarusjae spectantia, voi. I (16221670), Romae 1954, 9798.

98
, 8. V 1630. Konuja II . No Ferdinanduis IL Dei gratia eleotus Romanoxfum] Imperator, semper Augustuis, ac Germamae, Hungariae, Boihemiae, Dal-

158

159

matiae, Croatiae, Solavoiniae etc [etera] Rex, Archidux Austriae, Dux Burgundiae, Styriae, Carinthiae, Carniolae, Marchio Moraviae; Comes Tyroliis, et Gorltiae etc [etera]. Memoriae commendamus, tenere praesenitium, significantes quibus expedt umiversis; Quod Nos, cum ad noimullor[um] fideliuin nostror[um] humillimafm] supplicationem, et diligentem recommandationem, pr parte fidelis N[ost]ri fra tris Maximi Praedoievich, Ordims S[amc]iti Basilij, Conventus S[anc]tti Michaelis Archangeli in Marchenicza Guardiani, apud M[aiasta]tem N[ost]ram factam, tu [m] etiam pr n[ost]ra, qua erga Viros Religiosos ducimur affectio, ne Ep[iscQp]atuim Vretaniensem in Regno N[ost]ro Sciavoniae, inter nationem Vailachicami funriatum, p[er] spontanea [m], et benevolam cessionem fidelis nfostjri Rev[eren]di Simeonis, eiusdem Epfiscopa]'tus Vretam'en[!siis] Priorie scil[ic]et immediati possessoris de Jure, et de facto vacantis autem Juspatronatus N[ost]ri Regij, quod in Confereodis omnibus Eccl[es]iair[u>m] Benefitijs praefati Regni N[ost]ri Hungariae, et partm[m] eiuadem Coironae, su'biectar[uni] instar Divorfum], quondaim Hungariae Regum nostrorfum] vidfe]l[ice]it praedecessor['Uim] foel[ic]is reminiscentiae, habere, et exercere dignosciimur, Duxinius Eligendufm], Nomiinansdufm], et S[anctissi]imo Dfomino] N[ost]ro UAano Paipae Vili pr oonfermat[io]ne impetramda, praesentaindu[im], ac eundem Ep[iscap]atu[im] Vretanien[sem] simuli cu[m] o[mn]i!b[uis] suis liberatiibfuis], praerogativis, Juribus, Immunitatlibfus], et obven.tioinifb[ius], quilb['us] libet ad eundem Ep[iiscop]atu[m] Vretanienfseim], ex iipsa fundatione pertmentibfus], eidem Fratri Maximo Predoievich dandum, et oonferendu[m]. Ita ta'men ut eodem Ep[i9cop]atu suo, quod sui mumeris est, rite exequatur; limo ligimius, Nominam'us, con'fereimusq[ue], confirmamus, ac praesentamus. Har[um] Nostrar[um] vigore, et testimonio literarfuim]. Datu[m] in Clvitate N[ost]ra Posonien'si, die oct[av]a rnensis Maij, Anno D[omi]ini mi'll[esi]mio 'sexcent[esi]mo triges[i]imo: Regnor[um] N[ost]r[orum] Romani unidecimo, Ungariae, et reliquor[uim] duodecimo; Boemae vero deciiniotertio. Ferdinandus Steiphanus Sennieij Jau'rienfsis] Laurentius Ferenosftij SOCG, voi. 76, f. 6rv.

99

, 28. V 1630. , , ( ) ( ). , , , . Cardinai Ludovisio Ill[ustrisi]mo et Revferendissijmo Sig[nor] Siigfnor] et P[ad]ron Col[eodissi]mo Con lettere di Vfostara] Signoria] Ill[us1)risisi]ima, et Rev[ereindissi]ma ricevo la deputatione di m)issionario del P[ad]re fra Antonio Cassalarij, il quale senza risparmio della vita, et senza metter tempo di mezo s' con tutto il sipirito dato a redur li Schismatici di Luistizza, Cartoli, et Gliescevichi del'M mia Diocesi, et di Paistrovichi della Diocesi d'Antivari all'union con la Santa Chiesa Romana, et fatto si che li loro preti fin hora mi hanno dato parola di ridursi insieme con detto Padre per concluder l'unione, coirne con l'aiuto del Sig[no]re spero debba seguire, l'emissione di detto Padre per la Diocesi di Cattano, et Nona quale sta distante trecento miglia che perci io, et detto P[ad]re supplicamo Vfostra] Signoria] Ill[usferissi]ima et Rev[erendissi]ma restar servita in luoco di Nona darli la Diocesi d'Antivari, nella quale vi copia grande di Schismatici, et congionta con Ila mia di Cattare; con fine di che a Vfostra] Signoria] Dlfustrissijma et Rev[erenidissi]nia riverentem[en]te m'inchino. Di Cattare li 28. Maggio 1630. D Vjastra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, et Rev [er endissi]nia Divotissimo et obl[igatissi]mo Ser[vito]r Vesc[ov]o di Cattare.
SOCG, voi. 148, f. 249r, 256v.

125. , 8. 1630. . Referente EmfinentissiJ'mo Domino Caetano l[itte]ras Ep[iscopi] Catharensis, et p[at]ris Antonij Cassalarij ordfinis] min[o;rum] conventualfium] Missiionarij ad Ca'tharense[m] et Nonense[m] dioce-

160

161

progresisufm] instabat comutari N<onense[im] diocesem in Antibarensefm] diocesem, quia Nonensis distai a CatharensiB ultra 300 miliaria, et Antiibarensis e[st] vicina. Sac[ra] Cong[regati]o petiti d[ict]i Ep[iscop]i, et d[icti] p[at]ris Antoniij annuens comutavit Nonense[ni] diocese[m] in Antibarense[m] cu[m] ci [ausui] a solita, ut facultates ei datos in Antibarensi no[n] exerciat, nisi habiito consensu Archiep[iscop]i Antibarensi vel eius Vicarius.
SOCG, voi. 148, f. 256v.

ses in quibfuis] d[ictus] Ep[iscop]us significatis d[icti] r[atr]iis Antoni]

100

(), 5. VI 1630. , a . Sano stati cotanti li favori ricevuti dalla Sac[ra] Cong[regatiojne per mezzo di Vfostra] Sig[no]ria ril[ustrissi]ma non potendo

o 20. 1630. .
Al Vesc[ovo] di Cattare All'istanza, che V[ostra] Signoria] ha fatto per l'estens[io]ne della Miss[io]ne del p[ad]re Caissalarij nella diocese d'Antivari, queisti miei S[igno]ri Em[inentissi]mi hanno condisceso, come veder dall'inchiuso decreto, il q[ua]le ella dover mandare al sud[ett]o p[ad]re, accioch continui quei buoni progressi, con quali ella scrive ha vere cos f elicenti [em]te principiato, et a V[ostra] Sfignoria]. [Roma 20 luglio 1630] Lettere, voi. 10, f. 72r.

con pena esprimerli. Io con ogni spirito, e oharit non cesso operare secondo la bona mente delle Sg[<no]'rie V[ost]re Ill[uistrissi]me havendo per Dio graitia, non miei meriti convertito alla Santa fede quatro Turchi, duo'i sono foattezati, e duoi vado catechizanido sino siano capaci, e atti d'esser promoti alTSacraniento battesimale [...]. Di S[an] Bernardino, di Verona, li 5. di Giugno 1630. f[rat]e Pietro da Possega Bosnese, min [or e] 'dss[ervan]te
SOCG, voi. 2, f. 98r.

101
. '

, 6. II 1631.

Al p[ad}re Antfamjo Cassalarij Desiderando questa Sacfra] Con>g[regatio]ne di sodisfare ali' istanza di Vfostra] Riverenza] per la comut[atio]ne della Diocesi di Nona in quella di Antivari ha fatto il decreto, che ella ricever Manis[igno]re Vesc[ov]o di Cantaro in conformit del suo desiderio, dovr p[er]ci V[ost<ra] R[iveretnza] servirsene con osservare la clausula in esso posta, e tra tanto svisare di mano in mano i progressi, che ella ander facendo in salute dell'anime di cotesti popoli. [Roma 20 luglio 1630] Lettere, voi. 10, f. 72r.

" ( : Visite e Collegi, voi. 8, /. 479rv). Priisvietla Gospddo Velie vremena yest kakosmo pisali Vm. Pm. Gospostvam, za neke stvari dd ovieh nascieh stranah; ali neznajuohi yeli recena kgniga dosclia, zato odluicihmo svi opchenim nacinom pisati ovu opeta, da za glkilbavu Boxiai inako nam necinite, nego ono stosmo u parvfoj miolili; to yest da oriia koi u Kolegiu od Loreta stoje Bul-

gari nefbudu Papovi, zasctoh 'mi u ovieh zemgliah darxati nemoremo, nego 'kafcosu naisci stari uzeli fratre S. Franceska, i darxali takochiemo i \rnij, radjfbiemo dasu isvake vairsti Redovtizi 'kako cuiemo u karstianstvu alii dobro znate dase to u ovieh stranah nemore, nego yedva i ovia darximo. Ovdi gdigodsu fcarstiani ima i fratri, a zarkve mi velie neimamo da moxemo toliko podnositi, nego negdi yest zarkva, a negidi nie. Za velie ne diosadiati Vm. Pm. Gospostvam govorkno u kratko da nam poscaglete yedan brevu od Stoga Oza

162

163

Papu da nas nitko nemoxe usilovat da fratre izagnemo, koiemsmo Manastire od toliko godiscta pogradili, i naredbu od xivota gnih dali, nam mie potrebno da kaxemo scto vi boglie znate. Zato ako hochete uploditi u ovieh Bugarskih stranah Stu Vieru Kathoicansku, onako cinite da stoy kakoje dosada bilo; a sinovi nasci koisu u Loretu ako fratri nete biti, nam gnihova sluxba ne trebuie, i zaludu nemojte tratiti ina gndh. I cmechi svaku ostaiemo molechi Gospodina Boga za uzviscenie Ste Majke Zarkve, i rasplodenie viere. V Chiprovzu na 6. februara 1631. V. Pris.lih Cos.* Ponixeni Slughe Matteia Knez Bugarski, od strane svieh viernih.
Visite e Collegi, voi. 8, f. 480r.

dietro alle spalle tal domanda, e cos li Turchi sono venuti all'effetto. Hora lascio considerare a Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma il stato de poveri Christiani; Questo quanto scrive il sud[ett]o Vicario. V[ostra] Sfignoria] potr significare alla Sac[ra] Oong[regatio]ne, che non si pu pi sperare, che questa moschea si riduca al culto de Christiani, che le leggi de Turchi lo prohibisoono severam[en]te. Saria bene, che quei Christiani erigessero in altra Villa un Altare segreto, e p[er] fine le bacio le mani. Di Ragusa li 7. d'Aprile 1631. Di V[ostra] Signoria] m[ol]to Ill[ustre] e Rev[erenidissi]ma Aff[etuo8issi]'mo Ser[vito]re To>mmaso Arcivescovo] di Ragusa.
SOCG, voi. 73, f. 84rv.

102

103

, 7. IV 1631. da cy . , . Molt''Il![uiJStre] e Rev[erendisB]mo Sigfnor] mio Ossfervantissi]mo Per l[ette]re havute dal Vicario di Budua de 20. di Marzo tengo questo avviso. Mi occorre significarle un muovo, ma molto strano spettacolo occorso nella Citt d'Antivari li giorni adietro, et questo. Alii 7. del corrente cio di Marzo, giorno di Venerd tutta la Turchia della Citt viva vase si sono sollevati, e con inhumana deliberatione andati al tempio di S[an]ta Maria extra muros hora Cattedrale del Christianesimo in quella Citt, e buttate gi le porte con uBaire-molta crudelt cotntra il Santissimo Sacramento dell'Altare buttandolo gi Botto piedi, disfacendo Altari, e spezzando le Sacre Imagini, con havere il tutto abbrugiato, et le ossa de fedeli cavate fuori de monumenti, et buttate fuori, con haver fatto il tempio p[er] loro moschea, lasciando li .poveri xpiani senza tempio, e se non fugavano quella furia, gli tagliavano tutti a pezzi, et a questo caso si poteva rimediare con qualche poca di diligenza, e spesa, havendosi lasciati prima intendere, che farebbono tali stratij, se non li davano cento scudi, o pi, o meno, ma hanno lasciato andar

, 26. VI 1631. . . Molt'Il! [lustre] e Rev[erendissi]mo Sig[nor] mio Oss[ervantissi]mo Oltre a quello ho scritto a Vfoistra] S[ignoria] sotto li 22. del p[rese]nte circa il comandamento della Sac[ra] Cong[regation]e, ch'io devo dare raguaglio del motivo per il quale i Turchi habbino profanata la Chiesa Catted[ra]le d'Antivari, ho dovuto dapoi pi Particolare relat[io]ne cerne segue. La Chiesa d'Antivari ha posseduto molti terreni da seminare e particolarm[en]te molti piantoni d'olivi, per li quali li Turchi facevano di quando in quando instanza al Cad, ch' giudice loro, che facesse per decreto devolvere quei terreni al fisco, il Cad segretam[en]te ne aviisava i Christiani, o il Prelato, e cos con un donativo di quindici o venti scudi ributtava le instanze de Turchi, e manteneva in possesso li Cattolici, e la Chiesa. Quest'anno havendo fatte le med[esim]e instanze quei Turchi circonvicini a questi terreni per usurpairli, ili Cad lo fece intendere al Vicario, essendo assente Monsfignor] Arciv[escov]o, il quale come huonio da niente non dette orrecchie all'avvertimento, sicome neanoo fecero li Cattolici: cos ne primi giorni di quaresima il Cad si risolise con una gran mano de Turchi andar'alla detta Chiesa pi con iintentone di depredarla, che aipprapriairla ad culto maomettano, e fece quell'enormit, ch'altre

164

165

volte si sono scritte, e aggiudic li terreni potersi occupare dalli circonvicini. Fu daipoi <d[att]a Chiesa per un Turco Sacerdote, ohe chiamano Roggia, gridata all'uso loro perverso, che significa la Chiesa essersi fatta 'turca; che doppo questa cerimonia non c' essempio, che sia stata mai restituita al culto Cattolico. Sono stati usurpati li .terreni, et una mano de fedeli Christiani sono andati in Constantinopoli a far'instanza per la restitutione della Chiesa, e di detti terreni, potria essere, che cavassero qualche gratta per li beni, ma non per la restitutione della Chiesa, ch' quanto posso dir' in aggiunta dell'altra lettera, e tutto batte qui, che bisogna essere tributari delli Governatori de luoghi sottoposti al Turco, e con tutto l'animo le baco le mani. Ragusa 26. Giugno 1631. Di Vfostra] Signoria] m[ol]to Ill[ust]re e Reverendissima Ser [ vi to]r e A<ff [etuosissi] mo Tomfaso] Arcivfescovo] di Ragusa.
SOCG, voi. 73, f. 99rv.

s'impieghino nel servitio di Dio e nella conversione dell' infideli in quelle parti. A questo fine mandato dal mio P[ad]re Pro[vdncia]le a studiare in Napoli; ma per ritrovarmi io qui povero forestiero non conosciuto da nisisuino sono stato recapitato da 'miei supp[erio]ri in uno n[ost]ro Conv[en]to di Mattatone, terra lontana da Napoli 14 miglia, dove gi un'anno, che io perdo il tempo non essendovi comodit di studio a 'me propo'rtionato. p[er]ch per caggione del contaggio non ne posso dar' raguaglio al mio P[adre] Pro[vincia]le di Dalm[ati]a mi ritrovo quasi disperato non sapendo a chi ricorere; poich d'onde io speravo l'aiuto mi vengono solam[en]te date buone parole. Supplico per t[a]nto le Emin[en]ze V[ositre], che si degnino ordinare al n[osit]ro P[adre] Procur[ato]re Gen[era]le cost in Roma acci mi faccia haver luoco in Napoli in S[an]ta Cattar[in]a a farmelo o vero in altro Conv[en]to dove io mi possi avanzare, et esercitare nelli studij gi incominciati, aecioch poi finalm[en]te anche io conforme al fine preteso da cotesta Sacra Congreg[atio]ne de Propag[an]da Fide me possi impiegare in Dal[ma]tia mio Paese in off iti j di piet, resultanti a gloria di Dio et in benefitio del prossimo, condurre qualche smarita peccoreila al vero ovile, et al suo vero, et legitimo Pastore. Io non ho altro Procur[ato]re, n Avocato appresso l'Emlin[en],ze Vfostre], che la loro medesima benignit, e charit, alla quale supplico quanto posso, come di sopra. Matt[alo]ne 27 luglio 1631. Delle Eminenze V[ostre] R[everendissi]me Humiliss[kn]o Servo Fra Vicenzo Maria dalla Brazza Daknatino Dominic-ano
SOCG, voi. 6, f. 180r181r.

104

(-), 27. VII 1631. , ", . , eepy y . Emin[entissi]mi, et R[everendissi]mi S[ignori] miei P[at]roni Coll[endissi]mi Gi sono benisB[im]o informate l'Emin[en]ze Vfostre] come i P[adri] deH'Ord[in]e di S[an] Dom[eni]co in Dalmatia vivono in quelle parti fra Turchi a guisa di tra lupi rapaci, li quali di continuo s'industriano a pi puotere di infettare quelli Paesi de' loro falsi dogmi. Ma riesce vana la loro pretensione s per gra[tia] del Sig[no]re, come anche per l'industria delli n[ost]ri sudetti Pfadri], li quali ivi mantengono la S[an]ta Fede Catt[oli]ca Romana con grandiss[kn]o honore di S[ua] Div[in]a Mfaest] contro l'insidie de suoi nemici, come si vede in effetto per la continua conversione di quelli Turchi alla n[ost]ra S[an]ta Fede. A questo fine la n[ost]ra Pro vi [nei] a di Dalmatia suole mandare in Italia i suoi giovani Novitij, per studiare (dove pi fioriscono li studij, accioch a suo tempo

105
9. IX 1631.

" da . . Eminent[issi]mi e Reve[rendissi]mi Sig[no]ri Georgio Jeroluca et altri Greci di Ragusa, humil[men]te espongono, come concorrendo molti Vascelli in quella Citt, mercanti

166

167

Citt, aci detti Sig[no]ri, e l'Arcivescovo gli conceda un luogo, o drento, o fuor della Citt, di fabricare una Chiesa greca, la quale habbia da vivere a rito greco, ma catbdMeo, unito, et approtato dalla S[an]ta Chiesa Romana, la qua! gratia ricevendo per singola-rissimo beneficio, saranno sempre obligati et e [etera].
SOCG, voi. 391, f. 303r, 304v.

Greci, e per non sapere la lingua italiana restano privi di Sacramenti, e d'altri offici] divini, onde supplicano con ogni riverenza, che restino serviti scrivere al Arcivescovo e alii Signori della detta

questi paesi, perch di Narenta, et ha habitato in Ragusa, e fu preso qua, e mandato a Roma, et si ha vendicato. [...] Ragusa p[riim]o d'8bre 1631. Di V[ostra] S[ignoria] Molt'Ill[ustr]e e R[everendissi]ma Aff[etuosissi]mo Ser[vito]re Tommaso Aircrv[escov]o di Ragfusa].
SOCG, voi. 73, f. 106r.

146. , y nane, 9. IX 1631, da ce , , . Referente eodem Reverendissimo D [omino] Assessore iniettanti] am Graecorfum] Raguisij degentium, ut s[ci]l[ice]t eis liceat ibi comstruere Eccl[esi]am, et habere Capelanum Catholicum, qui eis in S[anc]ta Unione iuxta Sacfirum] Concfilium] Florentfinum] , 8. XI 1631.

107

viventbfus] secundum Ritum Graecum Sac[ramen]ta administret. Saefra] Cong[regati]o mandavit perquiri formami, qua Graecis Liburni, vei Anconae similis graftiae] a Sede Ap[osto]Mca concesisa fuit.
Acta, voi. 7, f. 383r, N. 25

, , Cane limina Apostolorum ". o , , , , ". Molto Ill[ust]re e R[eve>rendissi]mo Sig[nor] mio semp[re] ossfervantissijmQ Faccio huinile inchino a V[ostra] Signoria] R[everendissi]ma

106

, 1. X 1631. da je , , . , . Ma hoggi ad instanza di questi Ill[ustrissi]mi S[igno]ri il Gran Turco ha levato dal governo quel Bassa di Bosna, che ha fatto tanto

danno, et affocanti a queste Rep[ublic]a e sa/r lapidato dal popolo, e suo Secret[a]rio, uno ch' stato frate d S[an] Francesco in Bosna e fu quindici anni sono al Sant'Off[ici]o in Roma, et abiur e li fu data Roma per carcere, scapp, e si fece Turco, prese moglie in Constantinopol, et huomo perverso, e sa tutte le congiunture di

augurandole le prossime feste del natale fliciss[im]e con buon capo del anno novo. Apresso la faccio consapevole, come viene ali corte il Mons[ignor] Vescovo d Sappatense per visitare limina Apostolorfuim] et altri suoi bisogni, il quale non mancare rifferrire a Vfostra] Stignoria] et alla S[acra] Congregat[ion]e la n[ost]ra militia e vigilanza, martiri] e patimenti, che provarne assiduam[en]te per amor di Dio e della n[ost]ra sposa e la Chiesa di Scutari pi laboriose di quante ne sono in Albania, le quali ambedue ho visitato doppo il mio ritorno dalla corte et fatto crisma dappertutto, certo con molte adversit e incomodi per rispetto di questi cani infedeli dalli quali in Scutari assai ho patito e speso che Dio sa. Il Monsfignor] detto ancora le rifferrir verit sincerami [en]te per conto di Pulati, dove ecco diec'Anini ho collocato due Preti oltre quello di prima che hor sono tre, D[on] Gino, D[on] Andrea, D[on] Marino per nome un Pancia di Vfostra] S[ignoria] R[everendissi]ma et l'ho dato un Missale, Breviarii, B'ossole per gli S[an]ti libreti per ortdfine] offitio et insegnare li iputi, e nessuna cosa no[n] ho ancora ricevuto di quello ch'hanno promesso, et Arc[ivescov]o

168

108

169

di Ragusa dice no[n] bavere reali, n oro, ma grosceti Ragusei, ch'in queste parti loco nfon] nano, se n[on] con gran detrim[en]to siche la supplico dia a Sigfnor] Pietro Beneficia, che lui alii suoi lr[ate]lli o alii Sig[no]ri Marcoviehi di Perasto rimetta, e colsi si potr ricevere, havendo detti Sig[no]ri raffighi in Albania, et quello per noi assegnato supplico V[ostra] Signoria] ancora haverci per raccomandato, Dio sa come la posso qua. Il detto Monsfignor] Sappatense le raccomando Prelato certamente (pieno di isinceriss[im]o zelo di Dio, e che per sua chiesa s'ha esposto all'eccidentis[skno] pericolo della vita contro infedeli, et che ancora ha fatto la residentia quello ohe suoi Antecessori nessuno ha fatto, si-che per parte n[ost]ra n[on] mancare dare optima relatione nella S[acra] Congreg[atio]ne et alla Sua S[anti]t e favorirlo nelli suoi bisogni. Il detto Mons[ignor] li dar ancora relatione di sopra Scutari loch sono del linguaccio Slavonico o Illirico, e che quelli Populi sono senza sacerdote, come Cuci, Bratonesi, e molti altri, li quali desidero provedere di un frate certo sufficiente, ma essendo laico, ho scritto lo possa ordinare con licenza della S[acra] Congreg[atio]ne sich V[ostra] Sfignoria] R[eve<rendissi]ma supplico me sia favorevole per servitio de Dio, e se sar riclamato da frati Ragusei dove era spiri [tu]ale, no [m] li date orecchio perch la Sfanta] chiesa con tbreve Ap[osto]lico et il gen[era]'le loro, me l'hanno concesso, et di lui ho bisogno, s per propria infirmit, no[n] havendo qua altri medici, s ancora per servitio e >necc[essi]t della S[anta] chiesa, e per fine facendola di novo humil inchino di unico cuore me la offero e raccomando e baccio la Sacra Veste al Ill[ustrissi]nio Caetano S[an] Honoffrio, e Card[ina]l Caponi et a tutti cotesti miei Ill[ustssi]mi e Rev[erendissi]mi Sig[no]ri della Sjacra] Congregatione. Da Scutari li 8 novembre 1631. Di Vfostra] Signoria] M[olto] ni[ust]re e R [everendissi]ma aff[etuosissi]mo et oblligat[issi]mo Serv[ito]re Fra Benedetto Orsini Vescovo di Alessio et Scuitari. Abbate di S[an] Paulo viene con detto Mons[ignor], le sia raccomandato perch s'altro s'ha faticato per S[anta] chiesa lui ha fatto per continui dieci anni.
SOCG, voi. 58, f. 228rv.

, 15. XII 1631. da , . Molto ni[ust]re et Eev[erentissi]mo Sig[nor] Sig[nor] mio oss[ervantissi]mo Ricevo la risposta delle mie scrittele in racomandation del m[ol]to Rev[eren]do Vicario di B'udua, il quale per mancam[en]to del denaro se n' tornato alla resideoza, rerado pertanto a Vfostra] Sfignoria] m[ol]to Ill[ust]re, et Rev[erendissi]mia infinite gracie dell'affetto sicuro, che con effetti rilaverebbe favorito da me in altre occasioni provati. Mi resta in tanto ricordarle, che detto Vicfario] per non haver con che vivere, et dubitando in vechiezaa non venir in miseria, si risolto di voler lasciar detta Citt per esser ricercato d'esser provisto altrove di beneficio sufficiente, io non son restato, n restare di disuaderlo, come prego Vfostra] S[ignoria] m[ol]to Ill[ust]re et Reverendissima a passar seco otfficio con littere, et racornandarle detta Cura di Budua, perch non resti senza, come partendo seguirebe, non vi essendo Sacerdote alcuno a Budua che intenda in lingua lattina, ne meno le rubriche del niissale, et breviario, et a condur Curato forestiero non si ha con che sustentare. Con questa occasione m'occore dirle come per haver io impedito matrimoni] tra catholici, et scismatici di continuo ho havuto contrasti di non leve consequenza, ma con aiuto del Sig[nore] fkialm[en]te si sono -risolti li Scismatici d'unirsi con la Chiesa Romana, conservando il rito greche, si aspetta solo che convenghino insieme, et che alla presenza deiril'l[u!strissi]mo Rappresentante della Citt sia stipulata la convent[io]ne et ci vien da me ricercato, perch altrim[en]te non tenirebbono per valida la convent[io]ne, n sarebbe protetta da Rappresentanti della Ser[enissi]ma Repub[li]ca. Con fine di che pregandole da Cielo ogni desiderato bene le baccio le mani. Cattaro a 15 Decembre 1631. Di V[ostra] Sfignoria] m[ol]to Ill[ust]re et R[everendissi]ma af[ettuosissi]mo et obl[igatissi]mo Serfvotore] Vicenzo Bucchia Vesc[ovo] di Cattaro.
SOCG, voi. 58, f. 261r.

170

o
109

Emin[entissi]mo e R[everendissi]mo Sig[no]re mio Col[endissi]mo

171

, 28. II 1632. , ". , OH je npeeeo y 36 , ". , . R[everendissi]imQ Sigfnojre Sig[no]r e P[at]ron Col[endissi]mo Si sparge per tutto celebre il zelo, et titolo altissimo di V[ostraJ Signoria] Illfustrissijima nel propagar la fede catholica, il che da me sentito ho giudicato, che ogni effetto seguito conforme al suo pietosissimo fine, le sar di sommo gusto. Et il dovere, che a Lei si riferischa ogni propagatione di fede, gi che ella glorisamente ne gode l'officio. Dunque p[er] la occasione della prossima peste, essendo io infrascritto sfuggito da Venetia, mi ritirai in Palma, dove sono molti soldati di varie nationi, e sette, et piaciuto alla Divina bont per la mia lingua, et opera ricconciliare alla fede catholica 36 Heretici, battezzare un Turco, et un Giudeo, et catechizare un altro Turco, cihe poi stato battezzato doppo il mio ritorno a Venetia [...] Venetia li 28 febraro 1632. Di V[ostra] Signoria] Reverendissima Humi'lissimo e devotissimo Servo fra Giacomo Drasa da Cherso. SOCG, voi. 7, f. 89r.

Avanti oh'io partissi di Germania conobbi Mons[ignor] Abram d[etto] Patriarca d'Ocrida, et Arc[ivescov]o della P[rim]a Giustiniana il quale fu nella Corte dell'Irnp[erato] re per pi tempo, e tratt meco gl'interessi della Relig[iotn]e, e dell'unione di quei popoli alla Chiesa Romana, li mosse a far una g[e]n[er]al ppofess[ioin]e della vera fede, e di ricognit[io]ne della Chiesa med[esim]a per capo, valendosi appunto della forma, ohe gl'era stata data in Vienna da me. Havendo io queste notitie del merito, e qualit di questo Prelato, non ho potuto lasciar di co[mun]icarle a V[ostra] Emin[en]za hora massime, ch'egli si ritrova in cotesta Citt, et io tanto pi volentieri accompagno ad esse le mie humiliss[im]e instanze per ottenengli luogo neirhumainiss[i]>ma protett[io]ne dell'Emin[en].za V[ost}ra, quanto pi mi spinge l'affetto, e stima, che le porto a desiderarli ogni commodo, e prosperit. Assicuro per tanto V[0stra] Em[inen]za, che ogni favore, e gr[ati]e, che si degnar di compartirli in riguardo della mia huimiliss[im]a intercess[km]e accrescer il numero degli oblighi, che grandissimi le professo, e li bacio per fine con ogni humilt le mani. Di Ferrara li 13 Marzo 1632. Di Vfostra] Em[inen]za R[everendissi]ma Huimliss[im]o et oibligfatissijmo Ser[vito]re G[iovanni] Bfattista] Gard[ina]l Pallotto. SOCG, voi. 7, f. 291rv.

Ili

, 16. Ili 1632.


110

, 13. Ili 1632. Aepa, , ". ". Copia AU'EminfentissiJmo Sigfnor] Card[ina]le Barberino

da o . , . , . ". Molt'IllfuistJre e Reverendissimo S[ignor]e mio oss[ervantissi]mo ' Perch in q[u]esto punto che ho ricevuto lo spaccio della Sacfra] Cong[regatio]ne intendo, che parte un vascello per Ancona,

172

173

dar solam[en]te avviso d'haver ricevuto pi l[ette]re di essa Sac[ra] Congfregatione] e di V[ostra] Signoria] cio del ultimo di xmbre, de 2. di Gen[ai]o delli 10. delli 24 del med[esi]tmo, delli 14 di feb[braio] de 21 del med [esimo] con molte incluse, 4 per Monsfigno]re Arciv[escovo] d'Antivari, tre <per il Vescfovo] di Albania, due p[er] li Padri Conventuali a Pera in Cotstantinopodi cio con q[u]ella del Pfadre] mi[n]o[re] Angelo da Sonino, et una p[er] il Vicario Patriarchale, et una p[er] il Vesc[ovo] di Marcana con q[u]ella p[er] il P[adre] Vicario Daminicano, q[u]al ho recapitata subito, e l'altre procurar di maodarle per sicuro oaimlino, e quanto prima, sicome Vfostra] Signoria] m'incarica, particulanm[en]te per la l[ette]ra di Mons[igno],re Arcivescovo] d'Antivari, e p[er] q[u]elHa del Vescfovo] d'Albania, e mi informer ancora de sugetti, che potessero essere capaci d'una Chiesa in q fu] eia provincia, sicome V[osbra] Sfignoriaj m'ordina e fu qua a q[u]esti giorni un suo Vicario frate Franciscano, huomo gi d'et, e molto sensato per quanto potessi conoscere per q[u]el poco che trattai seco. Procurer ancora secondo l'ondine della Sac[ra] Conig[regatio]ne di sapere s'heblbe effetto l'ordine per la restitutione della Chiesa d'Antivari sicome scriveva il Bailo d'haver ottenuto. Parler con li Confrati di S[an] Rocco p[er] l'erettione del Collegio, et haver in considerat[io]ne quanto avvisa la Sac[ra] Congfregatione]. Ho inteso volentieri, che sia stata gradita la translatione del Testamento, e che si sia dato principio alla revisione, sino di qua ho penetrato, che qualche patricolare non vorria si desse im luce, tuttavia lo Spirito Santo, ch' la guida di tutte l'attioni de propaganda fide inspirer q[u]ello sar p[er] i'1 meglio. Ho sentito gusto che Mons[igno]re di Corf resti sodisfatto dell'ossequio, ma ho rossore, e temo che copra i miei mancamenti con la sua cortesia, perch non sono in termine, n posso farlo d'accarezzare, et allogiare i Prelati particiu!larm[en]te di q[u]ella stima come Mons[igno]re, e cos saria il debito d'un Arcivescovo] di Ragusa, che doverla essere rhoispitio di tutti li Prelati dell'Illirico, e dell'Oriente. Haver inteso l'alteratione seguita in Constantinopoli, che nel ritorno del Bascia di Persia otto milla soldati dell'istesso sono entrati nella Citt, e di longo andati al Palazzo del Grafn] Sig[no]re, dove si era ritirato il gran Visir, e l'hanno domandato, altrimenti che haveriano incorso in Palazzo, etiam contro la p[er]sona dell'Imp [erato] re, e cos il fu dato, e tagliato a pezzi, dicono con un altro suo luogotenente, e si dubita di q[u]alche sollevamento, ma pi a pieno hanno scritto q[u]esti S[igno]ri p[er] una stafetta a posta due giorni sono spedita p[er] il camino di Puglia, e N [ostro] S[igno]re haver gi havuto l'avviso. Mandai ultimam[en]te a Vfostra] S[ignoria] un piego di quei Padri Conventuali residenti a Pera oltre a q[u]el primo, che mi dice havere ricevuto. Per Mons[igno]re Arciv[escovo] d'Antivari gi scrissi essersi trovato qua un mercante Luca di Naie, che lo servir in tutte le sue occorenze di rimesse di denari, et io l'ho fatto sin'

hora, per obbedir a V[ostra] Signoria] n altro occorendomi p[er] la presente le bacio caram[en]te le mani. Ragusa 16 Marzo 1632. Di V[ostra] Signoria] Molt'IHfustJre e R[everendissi]ma Alt[issi]mo Ser[vito]re Tommaso Arcivescovo] di Ragusa. SOCG, voi. 58, f. 181r 182r

112
, 20. Ili 1632. od da da , . Eminentis[si]mo e Rev[erendissi]mo Sig[nor] e P[ad]ron mio Col[endissi]mo Per esseguire il comandam[en]to che mi fa V[ost]ra Em[inen]za con la sua d[e]lli 21. del passato ricevuta q[ues]ta sett[ima]n, da alcuni Mercanti di q[ues]ta Piazza negotianti in An ti vari mi sono informato intorno al particolar di q[u]ella Chiesa, et ho relatione, che non n' seguita la restitutione altrim[en]ti in poter de Catt[oli]ci, ma ohe tuttavia stava nelle mani de Turchi, e con una Barca giunta qui li giorni addietro di l, si inteso di pi, che gl'istessi Turchi, se l'erano fatta aggiudicare p[er] gl'essercitij della loro setta, q[ues]to si bene che havevano restituito alii Catt[oli]ci il possesso di alcuni stabili d[e]lla medesima Chiesa, che quanto aH'Em[inen]za V[ost}ra posso dir circa di ci, et humilm[en]te le faccio riverenza. Di Rag[uis]a ali 20 di Marzo 1632. Di V[ost]ra Eim[inen]za Rev[erendissi]ma Dev[otissi]nio et Hum[iliBsi]mo Ser[vitor]e Tommaso Arcivfescovo] di Ragusa. Devo soggiunger di pi a V[ost]ra Em[inen]za, che di Belgradi quei Mercanti di q[ues]ta Natione scrivono, che li Turchi hanno tolto ad un tal P[ad]re Jacomo Giesuita un Oratorio, che haveva in un 'suo Giardino, con una Casetta contigua, facendoli precetto sotto gravi pene, che nofn] si deva accostare a d[ett]o luogo, e di nuovo le faccio riverenza.
SOCG, voi. 58, f. 180r.

175

113

, 21. 111 1632. , a -." , , - . . . ." . , , ". . . , , a no , . da , ." Ill[ustrissi]mo e Reverendissimo Sig[no]re Li 6 del presente m'imbarcai in Ancona, li 16 poi arivai qui Ragusa luned notte, havendo nel viaggio di gi raccomandato l'anima nelle mani del Sig[no]re stando pi per morir nell'equa che per arivar in terra; sul far poi del giorno si trovammo alii confini d'Albania, discosto da terra ferma 60 miglia, e con molte lagrime, e voti siamo arivati a salvamento, o per non perire per le mani di Turchi, o per non anegarci. Ho trovato qui di nove come buone, cos anco cattive. Il gran Visiere che era andato in Persia cori l'esercito, stato deposto, et in suo luogo posto Afis basia, et il campo mandato in Persia ritornato col Vesiere deposto, con molta rabbia a Constantinopali, dove i soldati lapidato il nuovo, han riposto il gi deposto Visiere, et amazato il Cad giudice di campo con molti altri capi fra 500 persone incirca, e v' gran confusione, e disobedienza nella corte per il disgusto della rotta ricevuta in Persia. Tutti li pasci di gi per il paese sono mutati. Il segretario del Vesiere di Budim venuto a Belgradi molto arabbiato contro i Kristiami, et ha (butato per terra la chiesa delli Armeni, Cai vini, et altri Luterani, et ha fatto legare molti Bosnes, col pigliarli 2.000 ducati, et cacciarli dalla loro capeHa, et anco dalle loro case, et con pigliarli per forza tutte le scritture delli loro privilegi] ottenuti da diversi Gran Turci in favor della chiesa loro; e vole ancora da tutte le boteghe, dette dogagnie 100 ducati per una per faforicare una moschea al Gran Turco. Ha cacciato da Belgrado il Giesuita, acci in modo veruno pi non rissegga; et ci si dice essersi o per opera di Venetiani, o Bosnesi, col haver detto i Bosnesi quella stanza non esser di Ragusei, ma di Gasparo Gratiano, stava calvissima,

credanmi ohe meglio sarebbe che vi stessero ivi pi religioni, e preti, e frati, et Giesuiti, prima che cacciato il pastore vengano i lupi. Ho inteso da Greci esser stato scacciato il patriarca heretico da Constantinopoli, et aimaizato chi dice col fuogo, che chi sia morto di morte na[tura]le. Arcivescovo di Servia scismatico ha mandato i suoi vescovi a gridare alla corte contro i christiani, p[estendendo farseli tributarii. Se io fossi commodo di presentare il gran Vesiere vorei andare inanzi a lui, ma non essendo stato soccorso dalla Sacra Congregatione di cosa veruna, non so come fare: Si poveri christiani sono tanto oppressi che gi li manca il piato, venendoli a rapire insino al boccone che vengono nelle mani per inghiotire, et sono arivati a tale, che di gi la fede va cadendo. Et adeso pi che mai sarebbe tempo che S[ua] S[anti]t soccoresse in qualche modo le loro afffitioni, il che potrebbe fare anco la Sacra Congregatione. Baccio humiliss[imamen]te la sacra porpora al Card[inal]e S[an]to Siisto, ringratiandolo del p[re]sente fattomi, et da presentarsi per mie mani a quelli christiani con grandissima consolatione loro. Non dica V[ostra] Signoria] ch'io invidij a qualche d'uno, ma tenga p[er] certo, che a religiosi, e veri sacerdoti porto grandissima affetione et quanto ho inteso tanto le scrivo, accioch loro sapiano e per concchiuderla le baccio humliss[imamen]te le mani, raccomandendom si. Da Ragfus]a li 21 di marzo 1632. Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma et Reverendissima H'umilissimo servo D[on] Smone de Givani Matheocovich
SOCG, voi. 58, f. 275rv.

114

, 26. IV 1632.

o . 1. 5.000 , 50.000 . - . 2. , , nane Vili, y : , , .

176

177

3. 70 , . , , . , 200 . , . 4. , , . , . , , , . 5. , . . , dee : . . 6. , . 7. . Relaticme di Monsig[no]re Patriarcha d'Ocrida dello stato de Vallachi, overo Uscochi del Monte Feletrio ne Confini della Croatia, e del Vesc[ova]to di Zagrabia. P[rim]a. Li Valaehi del M[on]te Feletrio saranno da 5000 Case, le quali non essendo di minor numero, ohe di diece persone per ciascuna, arriveranno in tutto al numero di 50 m [ila] anime; gl'huomini sono valorosi, e dediti a<la militia, e servono molto bene, per trattener li Turchi, che non faccino maggiori progressi nella Germania. 2. Di queste n'ha la cura sp[iri>t]uale Mons[igno]re Vesc[ov]o Sianone, il qual fu ordinato in Roma a'1 tempo di Clem[ente] 8. da due Vescovi Greci, cio da Acacio, ch'allora serviva in Collegio Greco, e dal Metropolita di Lacedeimonia. In temporale poi sono soggetti all'Imp[erato]re. 3. Questo Vesc[ov]o Simone havr al p[rese]nte da 70. anni, ma assai robusto per l'et, e perch quelli popoli erano scismatici, conseguentem[en]te da essi era poco ulbbedito il sud[etto]o Vesc[ov]o, il quale ha un Capelano, per nome Massimo, che pur era scismatico, e pretendeva d'esser fatto Vasc[ov]o dal sud[ett]o mons[igno]re Patriarcha, alche egli non volse acconsentire, sicom' anche ricus

di far Vesc[ov]o Euthimio Archimandrita di Costantinopoli, che con lfette]re deirirap [erato] re faceva la med[esiim]a istanza, con risponderli, ohe sebene riveriva l'Imp[erato]re, come gran Prencipe; tuttavia perch nelle materie eccl[esiast]iche non havea luogo l'autorit delia Maest Sua; ima quella del Papa, non poteva, n doveva in ci ubbedirlo. Da questa negativa disgustato Euthimio and con 200 Vallachi a Vienna per aiutarsi, et arrivar a conseguir il suo intento, ma non passorono mlti giorni, ch'in q[ue]lla Citt se ne mor. 4. Monsig[no]re Patriarcha in tanto fece molte diligenze in aiuto sp[irit]uale di quei popoli e finalm[en]te li ridusse tutti a far la professione della fede nella forma, che li fu mandata dal Sig[no]r Cardfinale] Pailotto in Greco, et in ciascuna Chiesa congregato il popolo fece far d[ett]a professione in Greco da chi intendeva il Greco, et in Illirico da chi intendeva solam[en]te la lingua Schiavona, e tra quest'anch'il Capellano Massimo la fece manzi del Sig[nor] Cardinale] sud[ett]o, e da quello fu poi raccommandato, acci fosse fatto Vsc[ov]o, il che per non segu; perch fatto il popolo Cattolico, ricev e diede l'ulbbedienza al vecchio Vescovo Simone, il quale al p[rese]nte vive. 5. Il med[esim]o Vesc[ov]o Simone sa poco ed vecchio, e perci bisogner pensare al successore, e crede mons[igno]re Patriarcha, che quei popoli non riceverano altro Vesc[ov]o, che d[ett]o Capellano: poich Methodio Rutheno unito mandato dalla Sac[ra] Cong[regatio]ne poco ivi si pot fermare, essendo quasi subito stato col cacciato. Questo Capellano per ha due oppositioni; l'una si , ch' molt'ignorante, e l'altr' eh' nuovo Cat[toli]co per esser stato poco fa convertito dallo scisma. 6. Per questa volta crede mons[igno]re sud[ett]o che bisogner far quel Capeilano; ma per altre volte si potrebbe dar a questi Vallachi due luoghi nel Collegio Pontificio di Vienna, acci in quello s'istruissero due de loro giovani pi habili, che egli nel suo ritorno procurarebbe d'haverli, e di condurli al d[ett]o Collegio; e se venisse tanto il Vesc[ov]o Simone, come pu succedere perch robusto, che uno di d[ett]i giovani fosse sufficientem[en]te istrutto, questi si potrebbe far Vesc[ov]o qui in Roma come ci giudica d[ett]o mons[igno]re si debba fare ancora, se si volesse far Vesc[ov]o il d[ett]o Capellano. Di molti di questi part[icola]ri, et in sp[eci]e della professione della fede fatta da quei popoli n' testimonio il Sig[nor] Card[inale] Pailotto, come si vede da una l[ette]ra scritta da Sua Emin[en]za al Sig[nor] Cardinale] Barberino. 7. et ultimo. Asserisce d[ett]o mons[igno]re, che ha ridotto quei popoli alla fede Cattolica et all'ubfoedienza del Papa, con assicurarli sopra l'anima sua, ch'il contenuto nella professione, che se gl'offeriva era, et la verit, non volendo essi altra maggior certificatione. Dal che si comprende, che basta, che quei popoli habbino

178

179

credito alla persona che li regge; perch quella li pu ci, che vuole persuadere.
SOCG, voi. 219, f. 311r312v.

115 28. IV 1632.

O 157. , 26. IV 1632. . Referente eodem Emin[entissi]mo D[omi]no Cardinale] Spada statura VaTlachor[um] seu Uusehocorfum] montis Feletrij in Germania iuxta relatkmeni de illis faotam a Patriarcha Ocridae Graeco, qui il'los ad Catholicam fidem perduxit; Saefra] Cong[regati]o iussit iterfum] proponi corani S[anctissi]mo dictae relationis articulum de novo Ep[iscop]o Val'lachis p[er}ficiendo, et articulum de duobus Alumnis VaHachis in Coll[egi]o Pontificio Vienensi colocandis, ut ibi instruant[ur], et instructi cum Sacerdotis in Patria! remittant[ur] ad curam animarum p[raedic]tor[uni] Vallachorfum].
Acta, voi. 8, f. 63r, N. 23.

, , o . Modus iuvandi Valachos seu Uskokos Cum gens illa sit ritus Graeci, et nullum de medio sui habeat quo illi sedenti in tenebrie et in umbra mortis, lucem salutis demonstrare quaerendi essent illi, qui facilius in animos illorum illaberentur ob conformitatem ritus, et linguae affinitatem, et qui supra omnia non quae sua sed quae Jesu Christi suint quaerendo saluti illorum inservirent. Ante triennium Metropolita Russiae tactus dolore cardie intra secus, ob miserabilem statum illorum, qu parum abest quin gentiliibus adaequentur, expediverat p[at]rem Methodium nostri Ordinis Religiosum ut exploraret modos iuvandi illos, qui dictus P[ate]r munitus pr securitate Caesareae M[aies]t[a]tis literis ad Capitaneos illorum datis, functum officio sibi iniuncto ea quae ibi vidit Sacrae Cong[regatio]ni de propaganda fide retulit, a qua iterato ad illos missus, sex mensiuni spacio illis cohabitavit, et ob cognatione-m aliqualem linguae, et ritus conformitatem, carior illis redditus, plurium quam sex millium anima [rum] excepit confessiones. Quo invitatus dictus Pater, ad tana nofoilem piscaturam voluit socios vocare, et ideo contulit se denuo ad Caesaream M[aies]t[a]tem, petendo ab illa, ut assignaret sibi suisqfue] in illa vinea excolenda laboraturis provisionem; ita ut ex liberalitate Caesarea vivet et nulla re ab illis hominibus indigendo: clarius denionstrarent. Si nihil aliud nisi salutem illorum intendere: ad quam piani petitionem cum se iam pius princeps inclinaret, et literas ad Regem. P. de hac re daret; ingruens bellorum moles pium propositum illius et evidens animarum lucrum impedivit. Nunc si Sacra Congregatio p[ro] zelo salutis proximorum et primaevo suo instituto velet illam gentem iuvare, hoc medio per P[at]rem Methodium iam probato uti posset, procurato aliqua provisione illuc Religiosis Ruthenis, quo commodius saluti animarum inservire possint. lidem Religiosi Rutheni pr fundamentali et ulteriori auxilio illius gentis, et pr comparando siibi affectu et securitate apud illam. Filios illius qui aptiores studijs viderentur mitterent ad Seminarium Ruthemorum in Russiam, ut in proprio ritu Catholico, et probitate vitae, ac studijs, quae feras etiam gentes edomant eruditi, et ad Sacros rdines promoti, melius quam quispiam a/Iter suam gentem erudiant et reformarent. Nec credendum es[se]t ijs qui dicunt, odio P[at]rem Methodium ab illis habitum fiusse, scripsisset enim hoc P[ate]r Methodius Saorae Cong[regatio]ni ac mihi qui minima quaeq[ue] mihi scripsit, imo dum ab illis dictus Pater abiret, lachrimis dissedentem prosecuti, ut quantocins rediret aut sibi similes suibmitteret orarunt. Quod autern

, , . " ut supra inanzi N [ostro] S[ignare], al qual anche potr significar il parere del p[ad]re Nicolo Rutheno, che sia meglio di far un Monache Rutheno unito p[er] Ves[cov]o di pi dotti ch'habbia il Metropolita allevato ne' collegi pontificii p[er]ch'il p[ad]re Terleschi Rutheno hora Arcives[cov]o polocense in Russia Missionario della Sacfra] Cong[regation]e fece molto frutto in d[ett]i Vallachi.
SOCG, voi. 219, f. 312v.

V[ostra] Em[imen]za ha da riferir li due punti notati nel decreto

180

181

proponitur Saorae Cong[regatio]ni de dando Coadiutore dictorum Valachorum Episcopo, nomine Simeoni, cum futura successione, id ego non suaderem ne detur occasio seditionum et tumultus et ine anioni illorum hominum exulcerentur, sed mortuo ilio dandus esset aliquis ex jsdem Religiosis Ruthenis. Maximilianus enim ille qui Episcopatum, praetendit solet cum alijs excurrere in Turcarum confinia et praedas agere de fide autem cuius sit altum silentium. Et pr pleniori informatione et comprobatione veritatis supradictorum consultum esset designare pr visitatore illorum hominem aliquem Episoopuni viciniorem illis parti-bus prout ante triennium designaverat Sacra Congregatio Episcopum Samandriensem qui in ipso itinere morte sublatus illam visitationem exequi non potuit. Et ita sentio et teste Deo humiliter ex animo propone salvo meliori iudicio aliorum.
SOCG, voi. 219, f. 309r310v

116

, 6. V 1632. da -" , . , - , . , , , ". M[ol]to Ill[ust]re Sigfnor] mio S[ignor] Col[endissi]mo Gom'amtioo serv[ito]re me le presento inanzi senza batter alle porte della sua gratta con vane cerim[onie] le mie sciagure havr Vfostra] Signoria] intese dall'altrui penna, e forse da chi mi giudic, e non comport, ch'in quel tremendo giudicio restasse oppressa la mia innocenza, che fu vessuta in quel processo pi dalla persecutione che dalla giustitia, et il 'solito della sua benignit le havr fatto commiserar lo stato del suo serv[ito]re, a cui non si trov nella christianit citt per fargli far la purga della rabbia d'altri senza condannarmi qui fra gl'infedeli. Soffro il tutto patientem[en]te per chiarir li maligni. Non per tanto infelice il mio stato quanto se l'havevano imaginato li persecutori. Dopo che sono qui, tutto che renitente m'hanno voluto appresso quelli del comando. Aibbasa mi haveva molto affetto, e voleva, che lo seguitassi, e feci assai a restar da lui promettendoli con giuram[en]to, che lo

servirei ogni volta, che mutasse il governo, perch troppo aspro era il cielo sopra Silistria, n vorrei haver comune la sepoltura con Ovidio. Questo Visiro eh' Mussa Pasci mi vole a9solutam[en]te, e cercava di legarmi con stipendii, ma io l'ho ricusato per convenienti rispetti mi convenir seguitarlo almeno sino a Buda, desiderando egli con il mio mezzo ridrizzar la libraria che fu di gi Mattiais Corvino, et io volentieri lo servir in questo, e per veder comodami [en]te quelle frontiere, che all'invernata mi transferir in Cost[antinopo]li per goder un poco quella Corte con li privilegij della medicina, che veram[en]te ssono grandi, entrando il medico liberam[en]te da per tutto, e di non poco aiuto mi sar la lingua Turca, che mi ha fatto posseder comodami [en] te magister artis ingeniq[ue] larg tor. Tutto ci riferisco a Vfostra] Signoria] accioch non mi creda tanto precipitato nelle miserie, che non possi esserle di quelache serviggio quando ella si degni di prevalersi della mia opera in cosa, che sia di suo serviggio, et piacere, il che quando mi sortisse non mi lamenterei tanto della advensit della fortuna dandomi fra tante disgratie una cos fatta ventura. Questi mercadanti ricorrono alla sua gra[tia] in cosa concernente la riputatione ecclesiastica, honor della n[ost]ra patria, et interesse, et vita de loro medemi. Li frati Bosnesi pretendono, e palesam[en]te qui professano, che non vi sia auttorit ecclesiastica sopra di loro, e lo mantengono con fatti; poich hanno sradicato i preti da Bosna, et il nied[esim]o cercano di far da questo Vescovato, contrariando alii Visitatori Apostolici, alii Vescovi, perseguitando li P[adri] Gesuiti. La prescr[itk>ne] con li n[ost]ri, e sfacciata'mfenjte il ministro li cit in Buda, e li fecce havere m[ol]ti travagli. Li n[ost]ri con patienta infinita sopportomo il tutto, non pretendendo, ch'altri decidesse [ro] le loro diferenze, che la Sede Apos[toli]ca, ma questo rese pi insolenti li frati, e pi disvantaggiati li n[ost]ri, perch mettendo cost li frati in gran riputatione le -cose loro, e ingrandendole con menzogne, si ritardava il rimedio contro l'insolenz loro. Ha ultiniam[en]te mandato la S[an]ta Sede l'Arciv [escovo] d'Antivari prelato di vita essemplare, di buona fama in tutte queste parti, e di molta destrezza, accioch con l'auttorit che gli era data ponesse rimedio alii tanti disordini della chiesa in q[ues]te bande. Q[ues]to prelato per sua bont e credo ancor p[er] comess[io]ne havuta dal'la Congreg[ation]e cominci a secondar in tutto li gusti, e le sodisfattioni delli Bosnesi, ma tardi s'avvide quanto !nfruttuosam[en]te perch egli nied[esim]o vide non solam[en]te cacciato da casa con pericolo di restar lapidato il Pfadre] Gesuita dalli madrinani[en]ti delli med[esim]i, e poi con stupor infinito vide falbricato dalli medemi il suo precipitio, accusandolo con quel memoriale, che le sar inviato da Rag[usa], ch'io ho fedekn[en]te tradotto, e se questo non si trateniva di sicuro Mons[ignor] Arcivescovo era in grand[issi]mo rischio di perdersi, e se si ricomperava con gii altri colonniati, la somma del denaro sarebbe stata intollerabile. Viste tante perfidie di questi pseudo

182

183

catolici li n[ost]ri mercanti .ricorrono alla Sacra Congreg[atio]ne supplicandoli del rimedio, e perci ancor a lei si raccoimmandano come a interessato nella gloria della sua patria. Che potr far fede a S[ua] S fanti] t che gli Ragusei mantengono la religione in queste parti, e che senza loro protett[ion]e non pu durar qui n Vescovo, n Sacerdote, et per quello, ch'io posso comprender da una l[ette]ra, che scrive a questi il Cardinale] Bandino li Bosnesi danno diverse informationi; poich quel Card[ina]le scrivendo con fra Alb[ert]o Vescovo, dice habb[iam]o fatto, che il P[adre] G[e]n[er]ale di frfati] chiami il ministro della provincia, e che li commandi che non dian molestia a esso Vescovo che viene alla residenza, et p[er] di che ancora si meravigliano non senza rito li mercadanti. Li Bosnesi sono poveri schiavi miseri mercantuzizi, et artisti, e li mig[lio]ri amici di Turchi, e stimati, e da loro, e da gli altri p[ri]n[ci]pi, ma altrim[en]te cantano i frati Bosnesi, che promettendo Ili n[ost]ri Pfri]n[ci]pi le pru[denz]e di q[ues]ti mettono in cielo le opanlke e le zappe, e s'assicuri Vfostra] Sfignoria] che se non si rimedia alla loro insolenz ne sentir un giorno qualche essempio. Sa beniss[im]o Vfostra] S[ignoria] che delli Ven[etia]ni non habb[iam]o dubitato alla Corte Ottomana, e di questi tignosi che potiamo temere? Sin'hora s' portato rispetto alla chiesa, adesso si faranno le vendette della med [esima], e si mantenir il proprio honore e della Patria. S'ella si compiacer di parlar con Mons[ignor] Fr[ancesco] Ingoii Segretario] ne sia favorevole, e dia calore alle n[ost]re ragioni, che saranno autenticate, e dal processo che diede contro li med[esim]i frati Bosnesi l'Eminenza del Cardinal Pasman, e dalle querelle delli Pfadri] Gesuiti, et altri Sacerdoti, che sono perseguitati da questi tristi, e credo, ch'i! med[esim]o Arcivescovo, ch'era loro partiate non mancare di darne conto alla stessa Congregatione; il quale deve riconoscer, e la vita, e la reputatione da questa colonia delli nostri sin'hora tutti gli Amfoas[datori] delli P[ri]nfci]pi sono stati, e regalati, e ricevuti deli n[ost]ri e li medfesirnji Venetiani, et ultimam[en]te l'Ecc[ellentissi]mo Veniero hora Procuratore] di Sfan] M [arco] il quale sodisfatto del zelo della religione delli n[ost]ri, e delle cortesie loro gli p[ro]fessa ni[ol]ta affett[ion]e, dove delli Bosnesi non s' accorto se siano vivi. Unico rimedio in tanti inconvenienti sar un processo, ch'essi frati non s'ingeriscano nella giuriditt[ion]e di questo Vescovato, altrim[en]te n Gesuiti, n Sacerdoti d'altro ord[in]e potranno viver in questo paese. E se per avventure stasse per Vescfovo] di questa Diocesi un frate loro actum est, e non occorrerebbe che pensasse da chiesa Rom[an]a di fargli successore altri ch'un frate loro, e cos in infinito. Non se ne vede un bll'essempio nel Vescovato Sardicense di Sofia? dove primieramfenjte li frati di Chiprovaz si isono separati da quelli di Bosna, e che secondo la dottrina di questi non admettono li preti che vengono dello studio di Roma alii beneficij, anzi gli perseguitano, e non li veglino ord[ina]re. Ma io doppo tanto t[em]ipo l'havr attediato, se per li gran negotij, che per le mani le permetteranno poter legger

questi miei cianciari; per finisco et river[entemen]te li b[acio] le mani pregandola dal S[igno]re ogni colmo da prosperit, et honori. Belgradi 6 Maggio 1632. Di V[ostra] Sfignoria] m[ol]to Ill[ust]re dblig[atiissi]mo et devoftissi]mo sefrvitojre Francesco Grasso.
SOCG, voi. 58, f. 135r136v

117

, 30. VI 1632. , , . 120 , a cada je , . Al molto Ill[iuistrissi]mo et Re[verendissi]mo Sigfnor] mio Oss[ervantissi]mo Come si o partito da V[ostra] Sfignoria] molto Ill[ustrissi]ma ac Re[verendissi]ma nofn] o potuto scrivere essendo lontano di queste parti, e adeso si trovo in Belgradi, e son in quelli parti delli Calvinisti, e no[n] ce delli Sacerdoti se nofn] tre preti, e no[n] siamo molestati dalli Calvinisti, come siamo molestati delli frati di Bosna, lori desideranno schaciar fora li Vescovi e ancora li Sacerdoti di tutte queste parti, che nofn] si trovano nesuno in questi paesi, ma pfer] gratia di Dio spero che nofn] potranno fare quanto desiderano; adeso D[on] Pietro che venuto dalla Sacra Congregatione patisce delle p[er]secutioni di detti frati, e nofn] vogliono obedire il preceto del Monsigfnor] Archivescovo quello che gli coxnmanda, e lori dicono noi nofn] vogliamo che il nostro pane pigliano i Preti di Roma, e da altra parte ci infamano e dicono che lui spione, ma noi nofn] ci lasciaremo cos come lori pensano pfer] gratia di Dio, p[erci] prego Vfostra] Sfignoria] molto Ill[ustrissi]ma ac Refverendissi]ma che si degni mandarmi la licentia (overo dimisorio) a quel Subdiacono al nome Biagio di Paulo il quale andato meco di Rag[us]a che si possa ordinare in queste parti, io no[n] so come stato in d[ett]a Rag[us]a pfer] gratia di Dio ci testifico che in queste parti si soporta bene, che o mille piaceri di lui, ci tiene la sehola, e insegna gli tgliolini la dotrina Christiana, e li comandamenti della Santa chiesa, ci stiamo in questi parti dove nofn] stato nesuno sacerdote cento e vinti anni pasati sotto Veserio di Buda, adeso habbiamo fatto la sehola, e voremo fare ancora la Chiesa che si

184

185

multiplica la Santa fede Christiana, et io o gran necesit delli preti in queste parti, e p[er]cio prego V[ostra] Sfignoria] molto Ill[u'strissijma ac Reverendissima se vi piaci dimandarmi la licentia quanto prima, p[er]ch gran necesit delli Sacerdotti, e vi dico e testifico che degno, e vi prego che no[n] indugiate tardo, no[n] altro resto al servitio di Vfosbra] Signoria] molto Ill[ustrissi]ma ac Refverendissijma pregandovi da Dio ogni prosperit e felice stare. Adi 30 di Giugnio 1632 di Belgradi. Di V[ostra] Signoria] molto Ill[ustrissi]ma ac Re[verendissi]ma V[ost]ro Humilis[sim]o Servitore Smone di Givani Matheocovich. Non dubitate S[igno]r I>l'l[ustrisi]mo io far defero fredo caldo.
SOrG, voi. 58, f. 148r.

118

24. IX 1632.

o . , , a . ULTO . - . u ULTO o . . , . ", ". . , . da y o . . Eminentissimi, et Reverendissimi Sig[no]ri Gi con l'aiuto di Dio ho comenciato a lavorare in questa povera vigna deserta piena di spine, e di altre con gi invochiate, et fatte le radiche tanto Botto, che senza l'aiuto di Dio n[on] si

potrano sradicare. Trovo, che tanta disunione tra pretti, e pretti, tra secolari, e secolari, che uno desidera la morte all'altro disuniti tra di loro for di modo, e sempre stano con quel oddio al cuore, e presupongono di sapere pi di Aristotele, che a pena sanno dire quella messa che dicono, e n[on] vogliono ceder uno al altro, ma tutti datti alle mercantie et usure, e l'off[ici]o di Dio si fa lo sa lui, et q[ua]ndo gli volete amonire o dire qualche cosa non hanno altro in Bocha se non honorefm] meufm] neniini dabo, e questo regna in Antivari tra gli Sacerdoti, e nel suo territorio il Vicario, e sup[er]'bia la parte sua, mal voluto tanto dalli Christiani q[ua]nto dalli Turchi, e nisuno n[on] lo pu vedere con gli occhi tant' venuto in [...] e odio a tutti, perch coirne intendo, stata causa la sua sup[er]bia, che la Chiesa stata presa dalli Turchi, et hora hanno recuperato alcune possesioni della Chiesa, e quelle gli vano vendendo a pocho a pocho alii Turchi, e a questo, et a quello n[on] so in che modo bavere a caso, che venisse un ordine dalla Sacra Congreg[atio]ne espresso al Vicario, et alii pretti, che nfon] potessero alienare gli beni della Chiesa, perch in progresso di tempo non si trover in Antivari n Chiese n gli beni delle Chiese, se per l'arano come hanno comenciato nella Chiesa, poi non si trova pianeta, n comisi, ma celebrano in una Pianetta, che n[on] sarebbe buona per netar gli piatti in una cucina, et similm[en]te il comise della sporchicia poi della vergona n[on] gli posso dir altro, se non gli corporali sono pi negri, e pi saaziche la foligine, che viene alla p[er]sona l'angosia a vederli solo. La Chiesa, che hanno preso gli Turchi hora sta serata e n[on] possono andare n Turchi n Christiani dentro, perch stato i giorni passati un Sanzagho il quale per gli Christiani stato molto buono, ma per gli Turchi, che sono stati causa della presa e distrucione della Chiesa gli ha tonnato, e bastonato, e ha voluto inpicar alcuni, ma la Borsa sia maledetta ha comodato ogni cosa, dove da chi ha pigliato mille da chi doi milla da chi cinquecento scudi, e ha pigliato le chiavi della Chiesa, e gli porta seco per dove va e ha pigliato quel ordine, che dicono gli Turchi che stato mandato dal Gran Turche, che la Chiesa sia presa, vero dicono che un Cad habbia portato un ordine, che sia presa la Chiesa di S[an]to Ellia, che sta nella Citt ma n[on] quella che sta fori delle menia, ma vogliono dire che questo Cadia stato subornato e improbato dalli Turchi d'Antivari e ha falsificato quel ordine di Gran Sig[no]re e dove diceva S[an]to Ellia ha messo la Madona fora per amore delle possesioni, e cos ha mandato questo ordine con doi Imlbasciatori acertificarsi del fatto, e ha giurato, che se trover falsificato questo ordine n[on] voler lasciar memoria di loro questi che sono stati origine. Hora poi in Antivari q[ua]ndo more qualcheduno bisogna portarlo tre o quatro miglia lontano. Quelli poveri Christiani tutti stano afflitti, e travagliati p[er] la perdita di questa Chiesa, e sono alcuni gentil huomini che stanno nella Citt, i quali come intendo vano vendendo le loro possesioni, e cos a pocho a pocho p[er]

186

187

andarsene via da Antivari, perch gli Turchi gli hanno tanto in odio, che tutti gli vorebtano morti imparticolare adesso, che q[ues]to Sanzacho ha rivelato molto bene alcuni di loro. Ho trovato una Chiesa in un Villagio dove sono Chatolici, e Sismatici, e celebrano gl'uni et gl'altri nell'istesa Chiesa; i nfost]ri hanno un Altare, e loro hanno un altro, et intfer] vengono uno al altro alle corcioni, dove come intendo gli Siismatici si burlano delle n[ost]re funtioni, e gli n[ost]ri di loro, et hora tra gli n[ost]ri, e loro una grandissima Sisma, perch gli Sismatici dicono, che la Chiesa loro e non vogliono che gli n[ost]ri celebrano dentro, e questi dicono, che alb antiquo la Chiesa stata comune a tutti, e sempre hanno celebrato in questo modo, a me poi fu riferito, e ho fatto soprasedere alii m[ost]ri, che n[on] dovessero intervenire alle loro funtioni neimeno dovessero pi celebrare sino a tanto che si scrivesse a Roma alla Sacra Congreg[atio]ne e venisse novo ordine quid agendu[m] per V[ost]re Em[inen]ze determinarano, che cosa si deve fare, o proseguire come stato o vero tralasciare perch altram[en]te questi nemici ogni gorno ci trovano nove cavigliacioni. In una casa ho trovato deli Chatolici doi fratelli uno maritato, et altro n[on] viene a morte il marito, et l'altro fratello ha pigliato la moglie del fratello morto dove che fatto questo Giudaismo, e maledetto matrimonio tra q[ues]ti maledetti per [non] dire altrimfenjte ab illa die Mitrato in quella donna un tanto gran spavento, che in quella casa dove habbitano non puole intrare sola a niun tempo n di giorno n di notte, ma dice che nel ingresso gli comparisce una cosa negra spaventosa inanzi come un cavallo con una Boccha aperta a volerla divorare et hora cos stano in questo spavento credo p[er] il Divin volere, che sarano di esempio a molti, e q[ues]ti sono Chatolici, e mi hanno detto che n[on] so che prete gli sposato e gli confessa, e gli comimunica. Delli matrimonij poi nel 2, e 3. grado credo, che si trovano senza fine secondo che mi rifferiscono l'isteisi Pretti, e gli dimando perch gli fanno dicono che loro non sano niente sino a tanto, che hanno coniugo e fatto ogni cosa, e poi q[ua]nto sano, che ce qualche impedimento alhora poi vengono con Bracio Turchesco a sposarli per forza, e se il Prette volesse dire qualche cosa lo minaciano di amazarlo. Tutto questo trovo, che per hora che si fa in questo infelice paese ubi vivunt sine lege et sine lege peritunt, ma ancora n[on] sono venuto ali buono, che credo, che trovaranno poche belle cose. Ho trovato un matrimonio gi fatto dieci o dodici anni nel 5. grado consanguinitatis, e hanno saputo, e dal Prette sono stati amoniti, e n|on] hanno voluto 'ubidirlo giovanoti presi p[er] namuramento, e sono poverissimi, e sono credo pi notte che vano a letto senza pane, che con pane, ma senza dilettissime case, e Chatolici hora sono venuti da me, e gli dico perch hanno fatto questo erore sapendo esser parenti dicono che gli altri ancora sono, che l'hanno fatto, e nfon] gli stato detto niente, per se ci pot dispensare dispensateci se non se faremo Turchi per ogni modo tanto starno in pecato

mortale. Io gli ho detto che n[on] havevo tale autorit ma che procurassero p[er] la dispensa, e che gli bisonar spendere qualche cosa, mi hanno resposto, che loro n[on] hanno posibilit di poter pender, che sono poveri, e che pi presto stareTabomo cos cento anni o farsi Turchi, che poter spendere, che fosse posibile un Baioco per la dispensa. Per acci queste povere anime non vadino in pfer]dicione prego V[ost]re Em[inen]ze a degnarsi a far tanta opera di misericordia d'intercederli una dispensa gratis o vero farlo rimetter a qualche Ves[covo] che gli potesse asolvere acci n[on] stino in pecato mortale, ohe il tutto si riceverano p[er] gratia e favore pa[te]r[na]le dalle V[ost]re Em[inen]ze. Mi farano anco graftia] Vfostjre E[minen]ze p[er] la mia absenza a favorire di un indulto acci potesi partecipare delle mie distribut[io]ni dal Can[onica]to almeno p[er] un anno se per vorano egli compiacer, che io stia qualche tempo di poter aiutare queste povere anime, che si trovano prive di ogni aiuto spirituale, e stante che hora ho speso pi di venticinque scudi p[er] donativi a q[ues]ti maledetti Turchi, e q[ues]ti almeno mi potessero servire a vestirmi, p[er]ch qui tanta povert, che n[on] pericolo, che si vede unquatrin p[er] miracolo p[er] hora n[on] mi occore altro se n[on] p[er] il fine li io burnii riverentia a tutta quella Sacra Congreg[atio]ne. Di V[ost]re Em[inen]ze Humilissimo S[ervito]re Giorgio Vscovich miss[iona]rio
SOCG, voi. 58, f. 290r291v.

o 165. , 24. 1632, , , . Referente eodem emin[entissi]mo D[omino] Card[inali] Spada l[itte]ras D[omini] Georgi] Vuscovich miss[iona]rij in Albaniam, de pessimo statu ecc[lesia]e Antibarensis; Sac[ra] Cong[regati]o, quod articulum ecc[lesia]e, in qua promiscue Catholici et schisniatici exercitio Religionis faciuint, in primis dubitavit, an bene fecerit Missionarius prohibendo CatiholiciB, n in ea divina peragerent, donec consultus Suanmus Pontifex, aut disipensaret, aut quid esset agendu[m] p[rae]scriberet, nam cum in casu isto disputatio esset inter Catholicos, et schismaticos de D[omi]n[at]io p[raedic]tae ecc[lesia]e si in partibus Infidelium, et Schismaticorfum} in casib[us] similibus prohibeat[ur] Catholicis Eccl[esia]r[um] usus, ex eo, quia haeretici, et schiamatici in eis violentia adhilbita sua exercitia peragunt, cito ipsi Catholici usu omnium fer ecc[lesia]r[um], quae et plurimu[m] fuerunt Catholicorfum] ante Tyrannideni Turcar[um] privatountur.

188

189

Deiinde iussit huiusmodi articulum, quia casus frequens est in S[anc]to Off[ici]o diligentius examinari, ad quani etiam Congfregatio]nem eminlentissijmi Pfatjres censuerunt remittenda esse, quae d[ictu]s missionarius in mat[eri]a m[at]rimonior[um] in gradib[us] prohibitis contractorfum] scribit, ut aliquo modo pauperiibus Catholicis in peccato mortali existentifous consolai[ur].
Acta, voi. 8, f. 125rv, N. 8.

, da je nana no ". S'avvisi dd'la ri>solut[ion]e p[re]sa e che S[ua] S[anti]t inchinava a farla qualche graftia] in mat|"eri]a de matrimoni contratti in gradi p[ro]hibiti.
SOCG, voi. 58, f. 291v

119
, 5. XI 1632. , , , , " , , . . orni . Emkientisskni Sig[no]ri Noi Conti, Govern[ato]ri, Priori, Eletti, et Popoli de'cattholici della parte del Regno d'Ungaria, della Bosna, et altre Provincie eonvicine, con la presente veniamo a notificare all' [minenze] V[ostre] Ill[ustrissi]me parte delle nostre miserie, che del continuo patiamo da questi Turchi barbari nostri paesani, che per miracolo di Dio vivemo col titolo di Cattholici, tanti sono gl'oltraggi, e danni, che ci fanno; E quel che pi importa , che qui stiamo (gi che cossi voi Dio S[ignore]) senza Pastore dache haibbiamo perso quel Sfignor] Vescovo D. Giovanni Paleologo, che con la sua buona vita, e dottrina

ci consolava, e fortificava sempre nella S[an]ta fede. Onde dopo il d[et]to Vescovo defonto, il Scismatico Patriarcha di Constantinopoli ci fa il Vescovo della sua maledetta legge, e quantunque non ve ne sia adesso, per esser morto poch'anni sono, pur non dimeno minaccia del continuo, e dice assolutami [en] te d[et]to Scism[ati]co Patriarcha, mandarlo della sua legge; Noi non vogliamo Pastore Scism[ati]co, s perch haitbiamo vissuto sempre alla cattholica Romana, s anco perch qui volno per forza tali Vescovi Scismatici, che noi facciamo a loro usanza, onde per forza, e con favor del Turco pigliano per moglie le nostre cattholiche, e la fanno vivere scismatiche: Per fin' questa hora (per Dio gratia) l'habbia-mo impedito con li n[ost]ri danari, ogn'anno pagati al gran Visr di Buda, lo quale hora si contenta, che noi possiamo mettere il Vesc[ov]o cattholico in questo luogho, e ci lo fa a nostra petione, e del Sigfnor] Elia Paleologo Conte di Desni e suoi parenti; Per tanto veniamo tutti insieme unanimi, e concordi a supplicare rE[minenze] V[ostre] Ill[ustrissi]me che si degnino eleggere per n[ost]ro Vescovo il Rev[evendo] P[ad]re Giorgio di Vidagnia della Provincia di Bosna Sacerdote, e Predicatore dell'ordine di M[ino]ri Oss[ervan]ti, ohe hora sta in Napoli nel Convento di S[an]ta Maria della Nova, questo P[ad]re parente del defonto Vescovo, e figlio di d[et]to Conte Elia, quale mand suo figlio in queste parti per dar fine alle Sacre Lettere. Il Vescovo non tiene altra entrata, o rendita, fuor di quello, che da il sud[et]to Conte, e suoi parenti, che se verr qui per n[ost]ro Vescovo il detto fra Giorgio, il suo P[ad]re, suoi Parenti, e tutti noi ci oblig[hia]mo di accrescere le rendite del Vescovato, di tal modo, che sar sufficiente per gl'altri Vescovi, che verranno appresso; Ohe p[er]ci decoriamo alle benignit dell'E[minenze] V[ostre] I[llustrssime], a compiacervi, consolarci in questa n[ost]ra supplica per esser cosa pia, e giusta, che oltre il merito, che haveranno dalle anime, che saranno qui convertite per mezzo di questo buon P[ad]re, noi restaremo dbligati in vita. Et acci questa n[ost]ra supplica sia tenuta per vera, e per levare ogni dubbio, che in essa potesse occorrere, halbbiamo fatto fare questa scrittura, e firmatala con le nostre proprie mani, e siggellatala con il Sigillo maggiore del Regno di questa parte del Turco di Ungaria, di Bosna, e delle Provincie convicine dei Cattolici, e firmatala dalli n[ost]ri ordinarij scrittori. In quor[um] fidem. Data nella Citt di Belgrado il di 5. di Novembre 1632. Io Giorgio Pircovich, scrivano universale fui presente [o Conte de Flirta eletto canffirm]o, ut supra Io Conte de Struse conf[irm]o come di sopra Io Conte di Brogno eletto conf [irm]o come di sopra Io Giacomo Nicolich Conte reliato, et eletto del Popolo, ut supra Io Priore de Studenci confirmo come di sopra Io Conte di Bachina eletto conf[irm]o, ut supra Io Stefano Cacichi Capoconte conf[irm]o ut supra.

190

191

. :
SIZILLUM. UNIVERZALE. BOSNE. ARGENTINA. ET ERCEGOVINA. SOCG, voi. 75, f. 417r418r.

. . , : 1) - , . 2) , . 3) , , . . , . 4) ta , . 5) o , . 6) , . La supp[li]ca par falsa. Primo. Non ho mai inteso essere in quelle parti Conti, Governatori, e Sig[no]ri di quella cond[ition]e che conta la supp[lic]a e li Turchi non sogliono dare tali cariche e titoli alii christiani, ben vero alii Confini deU'Imperio si trovano Catholici massime Bosnesi assoldati dal Turco, i qualli coll'istessi Turchi fainno incursioni nelli paesi dell'Imperio, e dai frati di Bossina sono ammessi alla confessione, et altri Sacram[en]ti. 2. Non mi posso indurre a credere, ch'il Ves[cov]o Greco sforzi li Cattolici al suo rito, n lo sogliono fare, n il Turco comporteria: perch lui stesso s'astiene da quest'insolenz. 3. Etiam per legge Turchescha nullo il matrimonio contratto per forza e renitente la parte, et il rattore punito gravem[en]te in particolare quando questa forza venisse fatta dal Schismatico al Catholieo, et converso: massime in una Citt, e Luoco dove commanda il Vesiero, che non si pu corrompere, se non con gran somma di denari.

4. Q'ueH'istesso Bassa, e Turchi, che li vogliono favorire e dar aiuto quando fra Giorgio si facesse Vesfcovoo] perch non li possono diffondere dalla p[rese]nte insolenz. 5. Essendo Conti, Sig[no]ri e Governato]ri pur maraviglia, che si lasciano strappazzar dai Greci. 6. Con ragione si pu sospettare della comipositura d'essa supplica: se fatta in Belgrado, o in Italia: poich n Compositore Bosnese Ungaro in lingua Italiana. Ho visto in quella Citt, n sentito mai nomi dei Conti ch'hanno sottoscritto la supp[li]ca. 7. Par'affettato, e non molto lontano dall'inganno il dire ch'haver menato in quelle parti dai Padri Cappucini.
! .-. I

SOCG, voi. 75, f. 420rv, 427v.

je u 1 od 30. 1633, , ". Conte Elia Paleologo, al quale la S[acra] Cong[regation]e scrive et ho una lettera per lui in mano, non si trova, n v' stato per il passato [. . .]
SOCG, voi. 76, f. 248r.

120
, 16. XI 1632.

, , 167. , 16. 1632, da y 900 . Considerat[io]ni del Secretario Li p[ad]ri Bosnesi mai hanno voluto Ves[cov]o in Belgradi, n esser visitati, e p[er]ch a q[ue]sti sono devoti li Mercanti di Bosna, che habitano in Belgradi, e saranno da 900 a[n]i[m]e, li frati li fanno far ci che vogliono: Da q[uejsta unione de frati co[n] d[ett]i Mercanti sono succedute diverse contese tra li Mercanti Bosnesi e li Mercanti Ragusei, p[er] li quali final[imen]te si sono divisi nello spirituale, e nel temporale in maniera che qfuesjti hanno la sua colonia o universit, e la sua caipella retta al p[rese]nte da p[ad]ri D[ome]nicani, e quelli fecero p[rim]a la sua colonna, e poi p[er]

192

193

parere della Sac[ra] Cong[regatione] anche la capella. Ma no[n] vedendo H frati Bosnesi volentieri altri Religiosi in q[ue]lle parti, hanno com[m]ossi li lor Mercanti contro li p[ad]ri Giesuiti, e final[men]te gl'hanino cacciati da Belgradi, e contro rArcives[cov]o d'Antivari Visitator Apost [elico] co[<n] darli un Memoriale contro nel Tribunal [...]
SOCG, voi. 58, f. 98v.

121

, 15. I 1633. Ha , . 40 ". , nanu da , ". . . B[eatissi]mo P[ad]re Trovandosi in questa Diocese di Zagrabia sopra quaranta millia anime scismatiche di natione Serviana, chiamati commun[amen]te Vallacchi, ritiratisi dal Stato Turchesco da 40 anni in circa, unica custodia di queste fronitere, e questi vivendo senza cultura spirituale, che d'uno Simeone titolato Vescovo di Bretania, persona quasi centenaria, per ribambita a fatto, se bene sempre poco atto a tale cura, ancorch di gi in Roma habbia fatto professione di fede Cattolica, poich p[er] la sua grossolagine, accompagnata dall' avaritia, cancano p[er]petuo delli Eccl[es]ia[sti]ci del rito orientale, questi popoli, fuori del Battesmo, non si conoscono Christiani p[er] altro, che p[er] le grosse contributioni, che vengono forzati fare al suo Prelato, quale oltra le tasse di Battesmi, Confessioni, Communioni, e Matrimonij, p[er] ogni p[er]sona morta si fa pagare un Cavallo, overo 20 scudi in luoco di q[ue]llo. E p[er]ch lui cieco, sordo, e poco meno che muto, non pu pi operare p[er]sonalmente si vede d'alcuni pochi suoi sacerdoti, sopra modo ignoranti, capo de quali un tale Monaco chiamato Massimo, niente migliore d'altri, quale p[er] ambitione di succedere a Simeone, l'anni a dietro introdusse in questi paesi, li pestiferi: Archimandrita Constantinopolitano, e rArciv[escov]o d'Ochrida, p[er]sone in apparenza di zelo, ma in effetto tali, che se Dio non vi frapponeva la mano sua, e rimp[erato]re non vi sudava da davero, detta Christianit tale

quale, veniva ridotta in Turchia, rimanendovi sino al presente confusioni grandissime in quella, con pericoli gravissimi di questi confini; Ma q[ue]llo che sopramodo preme, che li preti Scismatici da quel tempo che furono sedotti dall'Archimandrita et Arciv[esoov]o d'Ochrida, ardiscono copulare li nostri Cattolici p[er] denaro, anco nelli gradi prohibiti, mentre dalli suoi Parochi Cattolici li Vienne fatta dificolt alcuna, con estrema confusione di questa Diocese p[er] altro Cattolica. In'oltre tanto s'avanza l'empio ordine del ribanibito Simeone e delli suoi Preti, che contro tutti quelli quali dal rito e Scisma greco volessero passare alla purit Cattolica, tendono di continuo tali insidie, p[er] via di secolari, gente p[er] lo pi militare, che non ardiscono d'accostarsi alle nostre Chiese Cattoliche, non che passare alla vera religione Cattolica. Appresso pfer] l'ignoranza di tal Vescovo e ministri, il popolo ridotto a tale termine, che a male stente si trova p[er]sona tra tanta moltitudine che sappi l'oratione dominicale. A questi inconvenienti si potrebbe rimediare, quando S[ua] S[anti]t con la Sacra Cong[regatio]ne operassero appresso la M[aes]t deH'Imp[erato]re che si contentasse, in luoco del rbambito vecchio Simeone, dimandar p[er] suo Coad[iuto]re con successione, dalla Sede Ap[osto]lica, Longino Vescovo delli Valacchi di Lippa, e Geno, alii confini d'Ungaria e Valacchia, p[er]sona che oltre l'havere il mese d'Agosto.mentre mi trovavo in Ungheria, di consenso del Emin[entissi]mo Cardinale] Pazmani protestato in voce e scrittura, ricevuta da me e traportata in lingua Latina, con legalit di mio sottoscrittorio e sigillo, e professato l'obligo che hanno li prelati orientali d'obbedienza alla S[an]ta Sede Ap[osto]lica Romana, p[er] l'esperienza che tengo della sua p[er]sona, coin zelo che ha verso l'augmento della Religione Cattolica potrebbe operare s fattem[en]te tra questi Scismatici, che almeno in breve si potrebbe vedere questa gente unita con la Chiesa Romana. Assicurando la S[anti]t V[ost]ra coram Deo, quo iudicaturus est vivos et mortuos, che quanto l'Arciv[escov]o d'Ochrida nelli sette capi di relatione fatto in proposito di Valacchi di q[ue]sta Diocesse sotto titolo di Monte Feletrio overo UZKOKI, ha esposto alla Sacra Cong[regatio]ne de propaganda] fide, sono fintioni mere, buggie greche, e imposture proprie di Scismatici et Heretici, p[er] non dire quello tengo da huomini degni di fede, artifici] di meri e puri Maomettani, come stato riconosciuto detto asserto Arciv[escov]o. Lavabo inter innocentes manus meas. Gioanni Vescovo di Bosna, Lettore et Coadiutore di Zagabria, Creatura della S[anti]t V[ost]ra e della Sacra Cong[regatio]ne de propaganda] fide.
SOCG, voi. 75, f. 220rv. ?

194

195

O 175. , 12. IV 1633. o . Ref[eren]te Em[inentissi]mo D[omino] Cardinali] S[ancti] Honophrij l[itte]ras Ep[iscop]i Bosnensis de statu Vallachorurn Montis Feletrij, et de Simone eor[um] Ep[iscop]o ob senectutem, et infirmi tatem non valente eos gubernare, et denique de Ep[iscop]o Lippae in Transilvania Ritus Graeci qui posset dari d[ict]o Simoni coadiutorem, Sac[ra] Congregati] o iussit reassumi relat[ion]es de statu d[ict]or[um] Vallachorfum], quae pr[opter] Methodius Ruthenus unitus reliquit et de h[uius]mo[d]i negotio iterfum] agi in Gong [regation] e Card [ina] lis.
Acta, voi. 8, f. 216v217r.

Mp 23. IV 1633. Al Vescovo di Bosna Del negotio del Vese[ov]o di Lippa, che V[ostra] Signoria] stima opportuno per proveder agl'abusi et alle necessit sp[irit]uali che si trovano ne popoli del M[on]te Feletrio, questa Sac[ra] Cong[regatio]ne, per accertar meglio nella provisione da farsi ha ordinato, che si riveda lo stato de med[esim]i Popoli signato gi distintam[en]te dal P[ad]re Methodio Rutheno.
Lettere, voi. 13, f. 49r

12. IV 1633.

122

o , ( . Visite e Collegi, voi. 11, f. 120r121v). Onuc , . , . Relat[ion]e della Chiesa di Samandria, e di molti luochi in Ungaria ch' eotto il Turco data dall'Arciv[escovo] d'Antivari alla Sfacra] Cong[regatio]ne de Propaganda] F[ide] II Borgo di Samandria di case seicento in circa un quarto di miglio discosto dal Danubio, il castello sta alle sue sponde haver

di circuito un miglio e 'mezzo, et guardato con qualche diligenza, e quando s'havesse cura di tener netto il fossato da -parte di terra fra la fortezza, et il Borgo gl'anderia l'aqua attorno, e lo renderla pi sicuro, e forte nei bisogni. assai riguardevole per le spesse torri, e baloardi. Il suo territorio in colline piene di vigne, et alberi fruttiferi; et abondante d'ogni cosa come tutte le citt, e terre di Danubio. Belgrado 30 miglia pi in su. Il Borgo di questa citt haver sei miglia di circuito, et habitatissfimo] e si va ogni d aumentando. Li oppidani parte habitano la ripa di Savo, e parte quella di Danubio: aira'bbracciamfenjto dei quali fabricata la fortezza sopra un monte, che tiene occhio sopra questi doi nobilissimi fiumi, e per covrir la fortezza con essi scorrono gi doi fila di mura con qualche distanza fra loro con molti baloardi e forti pieni d'arteglierie. Alla ripa del fiume Savo un granare fabricato nelle ultime guerre d'Ungaria di lunghezza un quarto di miglio appresso. Egli rnolto a proposito: poich l'inesausta grassezza dei terreni d'Ungheria ricercava un granaio per proveder con abondanza ai bisogni, che porteria il tempo di guerra, o di fame: In somma i sudetti fiumi oltre, che rendono questo luoco abondantiss[imo] di grano, di vino, di bestiami, di pesci, di fieno, d'orzi di legna, di legnami e di quant' necessario per la vita humana, vi sono molini in mezzo di Danubio sostenuti sopra l'aqua contro il corrente, da gran cestoni terrapieni callati nel fondo del fiume. Et inventione, come contano, delli Ungati. Pu macinare ogni molino in una notte di 12 hore 10 rubi di grano: purch non li sia il vento contrario; ch'alhora bisogna che fermi. L'aria di questa citt non molto salubre p[er] le vicine alluvioni di sudetti fiumi, se bene assai migliorata da alcun tempo in qua e per la quantit de fuochi, e per essersi diseccati con lustricate molti luochi paludosi, ch'erano nel Borgo. Il pesce che si piglia nel Danubio il pi laudato. Nella primavera e l'estate si pigiano sturioni, nell'autunno certa sorte di pesce chiamato moruna, ha forma di sturione, ma di smisurata grandezza perch pu arrivare a pi di centocinq[uan]ta libre, buono fresco, e salato. Si cava caivaro di tutta bont. Passato Savo, e volendo costeggiare Danubio per un miglio incirca s'arriva a Semun castelletto con terrapieni di poco rilievo. Vi sono alcune case, e doi hospitij per li viandanti, che quivi capitano p[er] pigliar tempo di viaggiar p[er] Ungheria, o da Ungheria per passar in Grecia, e Servia. Lasciando dunq[ue] alle spalle detto luoco s'entra nella pianura di Sirmio posta fra Savo, e Danubio. Loco insigne sul Savo Dmitrovizza detta cos da S[an] Dementrio gi Abbatta dei Benedittini di grandissima importanza, dalli antichi stato altrim[en]te chiamato. lontano da Belgrado 40 -nulla. Dirimpetto verso Danubio alle faldi del monte hoggi detto Frasca sono li Gregurianzi, terra 20 miglia discosto da Dimitrovizza. In tutto questo spatio sono Schisimatici di lingua Illirica. Nel detto monte chiamato dalli antichi mons aureus li monaci di S[an] Basilio

196

197

hanno alcuni Monasteri. Questo monte non nel mezzo di Sirmio: ma sta disteso per le ripe di Danubio cominciando vinti milla dentro il Sirmio e scorre sin' Vucovar castello sessanta milla dalla confluenza di Savo, e Danubio. La montagna in alcuni luochi di altezza grande. La parte verso Danubio che vien allagata dalle sue aque tanto delitiosa, che regionevolm[en]te sono state fabricate nobilissime citt e castelli come Slancami, Carlovazi, Petar Varadin, Banostar residenza dei Vescovi di S'irmio, Ilok, dove fu sepolto il B[attista] Giofvanni] Capistrano, Vochin, et altre citt e castelli sin' Vucovar termine di Sirmio. In quant' me io posso dire, che sia stata felicit grande in quelli tempi, quando dominavano i Ungari: poich a noi, che vedemo adesso un corpo p[er] cos dire storpiato dalla tirannide de Turchi, di tanto gusto. Questo monte e per fruttami, e bont, et abbondanza de vini rallegra non solam[en]te le citt, terre, e ville, che guardano Danubio ma ancora tutto Sirmio. Onde si pu dire, che Sirmio Pannello, et esso monte la gioia in cos vasta pianura. A Vucovar finisce il territorio di Sirmio, et detto Vucovar questo Ca'Stello per esser posto al fiume Vuca, che tira l'origine dalli monti d'Orahovizza verso fiume Oravo. Di qui tirando verso li confini deTl'Jmperio si va a Osiek 30 milla di camino in circa. Osiek terra sul fiume Drava cinta con doppie fratte riempite di terra. Qui si passa il fiume d'estate per il ponte sostenuto da barconi callati nel fiume, il qual passato, ch'haveria salite un ponte sopra certi paludi cinqfue] milla di camino. Io son rimasto maravigliato, ch'essendo Ungaria riparata da tanti fiumi e paludi non fu bastante a difendersi da uno, che veniva.per divorarla. Da Osiek sin' Peciui o siano Cinque chiese saranno 40 milla. Questa citt in belissimo sito, sotto certi monti d'aria Ibonissima, et abbondante d'aque assai buone, 'i vini sino eccellenti, e di colore, che tira al cedro. Domina una campagna ibelissima, e fertilissima. La citt murata tutt'attorno: sar di circuito tre milla; Ella stata pi bella che forse, e p[er] questo si rese a Sultan Soliman senza alcun contrasto. La chiesa Cathedrale stata la pi bella, e sontuosa fabrica che si possa vedere in quelle parti; hoggi moschea e si mantiene nel pristino splendore, cancellate per le pitture e levati li altari. Il palazzo dlli Vescovi, ch'erano Sig[no]ri nel temporale e nel sp[irit]uale contiguo alla Chiesa. Egli stato di tant' alto lavoro, e tanto ben compartito, ch'io ardisco dire, che non cederebbe ad alcun palaggio di questa citt n per artifitio, n per magnificenza. Ma perch non s'ha cura, n habitato minaccia per tutto rovina. In questa Diocese, come ancora in quella di Sirmio per tutto dove vi voltate si veggono Chiese, tempi, e monasteri] la maggior parte desitrutti: ch' di il vero movono li animi a Compassione, et alla devotione: a compassione; poich chi non piangerla vedendo tanti monasterij destrutti, tante chiese rovinate, e la vera religione conculcata da Turchi, da Luterani, da Calvini; a devotione perch

si scopre l'indicibile devotione dei Principi d'Ungheria, che non hanno sparniiato denaro alcuno per honorare, e glorificare Iddio e li suoi Santi. Del numero dei Popoli, et in particolar dei Catholici Samandria cio il castello non molto habitato. Nel Borgo saranno da 600 case de Turchi Gianizzari, e figlioul d'essi chiamati Culoglari. De Catholici saranno 16 fameglie mercanti Ragusei, e Bosinesi. Hanno un frate^ Bosinese per Curato. C' qualche quantit di Serviani, et i monaci di S[an] Basilio hanno un monasterio un millo lontano dalla citt. In Belgrado pi intendensi contano otto milla fuochi, et anime sessanta milla in circa. De Ragusei saranno 30 botteghe, con Servitori saranno 200 anime. De Bosinesi saranno 130 fameglie, anime 1500 in circa. La villa di Viscgnizza sotto Belgrado 3 milla alla ripa di Danubio haver da 120 anime Catholiche. La profession' loro di molinari. Quando furono divisi i Ragusei, et i Bosinesi, detta villa rest con li Ragusei. Vi va di quando in quando qualche fratte a dir la messa. La Cappella dei Ragusei ben fornita di quant' necessario p[er] il culto Divino, et officiata con devotione. Li Bosinesi hanno eretto un'Altare in una casa dove celebrano con molto seommodo, vanno per arrichendo questo lor oratorio con calici, e Sacri parati a emulatione dei Ragusei, e vi sono persone fra l'uni, e l'altri molto devoti. Anzi fra Ragusei trovandosi tre sorte di Confraternit, del Santissimo] Sacrani[en]to, della Concaptione, e del Rosario. I primi fanno cantar la messa del Sacramento la prima Domenica del mese, li secondi la messa della Conceptione la 2a. Domenica, li 3zi. la messa del Rosario la 3za. Domenica o sia tempo deU'Advento o della Quaresima cosa ch'ad alcuni non piace parendo di sconvenienza tralasciar la messa corrente col suo Vangelo p[er] simili devotioni, onde sar bene consultar di ci la S[acra] Gong frega tio]ne dei riti. Nel Sirmio le citt nominate di sopra cio Carlovzi, Varadin, Banostar, Illok, Vochin, e Vucovar hanno pochi Catholici. Sono ben habitate da Turchi guardiani delle citt e fortezze come Gianizzari, e loro figliuoli pessima razza d'huomini: perch sotto pretesto di Guardiani, e soldati par' loro lecito far ogni male. La parte superiore di Sirmio. Chiamo superiore quella che comincia da Dmitrovizza, e Tovarnik sino a Zerna, o per dir meglio sin' Ivancovo, e Vuoovar: perch come s' detto da Belgrado sin' Dmitrovizza per spatio di 40 milla di lunghezza, e 20, e pi di larghezza habitano Schismatici. La parte dunque superiore di Sirmio habitata da Catholici, come l'inferiore da Schismatici. E si come quella quasi tutta in boschi e selve, cos questa nuda, e priva di legna. La parte habitata da Catholici ha adesso dieci parochie. Liuba e Novak faranno sei milla anime, erano sott'un Curato: ma p[er]

198

199

essere questa moltitud[in]e di gente, e le ville lontano una dall'altra la divisi fra doi Curati: Gio [vanni] Croatta e Biaggio da Diacovo. Seguita quella d'Erdefana, saranno doi milla anime. posseduta dall'am'inistratore di Bosina, e vi sta un frate p[er] Curato giovane e di poca scienza. Ve per la Parochia di Laas ch'arriva sin' Vucovar pur occupata da d[etto] Vescovo. Haver tre milla anime. A Tovarnik sono Schismatici, e Turchi saranno da 30 fuochi e per essere su ila strada maestra di Buda e di Belgrado per Constantinopoli un hospitio per li viandanti. Li frati di Bosina hanno dato ad intendere alla Sfacra] Gong fregaticene] essere qui il Confine del Vescovato di Diacovo, che mai stato Vescovato, e Diacovo e sotto Posega com'ho inteso, e Tovarnik in mezzo Sirmio. Le quattro Parochie dette di sopra sono verso Danubio. Verso fiume Savo v' primeram[en]te Morovich, ch' un castello con terrapiena a canto del fiume Bosuth. Hafoitato da Turchi, nel Borgo sono alcuni christiami: ma attorno qualche milla lontano saranno da 15 ville, ch'haveranno 4 milla catholici. Parodio D[on] Nicolo Ivancovich. V' pod Ilac haver doi milla anime, Curato D[on] Michaele Croata. E fra quelle di sopra, e queste la Parochia di Nienizi, dove sta adesso il Sabbatirii Missionario della S[acra] Cong[regatione]. un castello pur di terrapieni sul fiume Bosuth. Il suo Borgo habitato da qualche quantit de Turchi, e vi sta Alai-Begh cio capo dei Tknar Spani di Sirmio. Saranno da 30 fuochi di catholici. Ha molte ville attorno che faranno 4 milla anime catholiche. Seguita la Parochia d'Otok, ch'haver doi milla anime. Sta un frate p[er] Curato. E Zerna pur alla ripa del fiume Bossuth haver tre milla anime in circa. Li catholici di queste due Parochie alcuni per non hanno accettato il Calendario movo. Nella visita ne ridussi alcuni. V' Ivancovo passato Bossuth fra questo et il fiume Vuca nel Sirmio 'sott'il Vescovo di Scardona et hanno cura li frati. Direi che tutto Sirmio haver pi di 40 milla anime catholiche senza mesculo d'eresia, molto devoti delle messe, e Indulgenze, e volentieri ascoltano la parola di Dio. Si trova ben chi repudia la prima moglie e piglia un'altra: ma i Prelati col tempo potranno rimediare. Sin'qui s' detto delle Parochie esistenti nel Sirmio, e da me ben sapute, se altre chiese, e christiani saranno, si dar nova relatione alla S[acra] Cong[regatio]ne. Passato il fiume Vuca s'entra nella Podravia, ch' sotto il Sangniaccato di Posega; e cominciano comparir Ungari infetti dell' eresia Calvina. Sono alcune Parochie d'Illirici come S[anta] Croce, detta da loro: Crisievzi e Cosminzi sono Catholici. Pi in su verso fiume Oravo com'ho inteso sono pi di 20 ville d'Illirici che p[er] mancam[en]to di Sacerdoti, e con versai [ion] e dei eretici hainno dato nel Calvinesmo. Questi luochi per esser dati all'amministrator di Bosina non furono visitati. Se a -me toccare visitarli veder di scorgere, che sorte di Sacerdoti sariano buoni, et atti per convertirli: perch a dir il vero n frati di Bosina, n Giesuiti si mettono a faticare dove v' travaglio, e si spera poco emolum[en]to. Detti

Eretici -sul Dravo sono pur della lingua Illirica, e frati di Bosina potriano fare qualche bene: ma non vogliono affaticarsi, se non cercano impossessarsi dell'apprecchiato, e cacciar via li Preti, e non riconoscere altri superiori, che l'amministratore di Bosina et il Provintiale. A Osiek saranno da 15 fameglie de Catholici. Il curato di Cosiminzi vien a dir messa qualche volta, e questi alle solennit vanno a Cosiminzi per haver le lor devotioni: I frati di Bosina, ch'ho trovato alle cure si come sono ignoranti di lettere, cos sono altretanto astuti, e maligni a punto per oppors ai Vescovi, e Ministri della Sfanta] Sede come ho provato nella mia persona. Nelle cerche sono importuni e sfrontati in modo, che per forza quasi estorciono le lemosine. Passato Oravo a Osiek sono le Parochie di Sogliusc, e quella di Muhac di lingua Illirica sott'il governo di D[on] Simone, e d'un altro Prete molto da bene, e timoroso di Dio. Tutti doi fanno bene Fuffitio loro. Haveranino sotto il loro governo cinq[ue] milla anime. Haveva D[on] Simone cominciato una Schuola, e venivano da 15 putti, teneva un Maestro, che gl'insegnava. Qui la giovent potria imparare quando s'havesse cura in Schiavone, et in Ungaro: che sariano a suo tempo di molto giovamento. Ma questo non si pu fare senza Schuole e Collegij. V' ancora la Parochia di Luuc, e vi stava un frate Bosinese, che quando arriv di qua D[on] Simone hebbero parole insieme: poich D[on] Simone voleva d[ett]a Parochia p[er] se come quella che gl'era vicina. Da questa Parochia si va a Peciui saranno 30 milla. In questo spatio c' qualche catholico ma molto pi Ungari Eretici, i quali perch nell'agricultura sono indefaticalbili, et attendono mirabilm[en]te stanno assai commodam[en]te, e vi sono villaggi di 100, e 200 case. Hanno i loro Predicanti, e Maestri di Schuola: quelli predicano al Popolo la Dottrina del Calvino, e li maestri insegnando la giovent. E perch prohibito parlar in altra lingua, ch'in latino nelle Schuole; sar qualche putto, che non sa ben leggere, e sapere in latino parlare. Si trovano ancora Serviani Schismatici venuti di fresco da luochi sterili per habitarvi in questi terreni grassi, e fertili. V' dunque Peciui detto Quinque Ecclesiae con 30, e pi villaggi, una, doi e tre leghe lontano habitati da Ungari Catholici perch d'Arrani, e CaLvini una infinit. A Peciui fra Illirici et Ungari Catholici saranno cinquecento anime. Le chiese dentro le mura sono fatte moschee. V' una nel Borgo la metta anzi pi della metta era occupata dalli Arriani, e l'altra metta era dei Catholici con haver tirato un muro di mezzo. I villaggi faranno 12 milla anime in circa: loro curati erano i Giesuiti residenti in Peciui, erano quattro di loro, uno Croata e li altri tre Ungari: Andava hor un, hor un'altro attorno per le ville con li param[en]ti celebrando, confessando, e sermoneggiando, et

200

201

a dir il vero attendevano molto si convertiva ancora qualcheduno massime quelli ch'infetti d'eresia habitavano fra li Catholici. A Peciui i Giesuiti tenevano Schuola di 30 giovani parte erano della citt, e parte deTle ville. Per le ville sudetti stavano certi predicanti. Questi battezzavano in mancami [en]k> del Sacerdote, assistevano ai matrimoni], e li giorni di festa, e di Domenica predicavano al Popolo, e sono ammogliati. Io dissi, che saria assai meglio, ch'in luoco loro fossero Sacerdoti, che paseeriano il popolo non solam[en]te della parola di Dio, ma ancora delli Sacramenti della confessione, e eommunione. Mi fu risposto, ch'essendo i Giesuiti venuti da 15 anni in qua a Peciui, gl'havevano trovato in qucH'uffitio, n li potevano levar senza pericolo, ma a suo tempo si procureria levarli, e sostituir Sacerdoti. Se v' qualche altro interesse non lo so ancora di certo, col tempo si saper: poich mi fu accennato da certo che li tralasciavano; perch se vi fossero altri Sacerdoti fuor di Giesuiti p[er] le ville, i Giesuiti perderiano remolum[en]to, che gli viene. Avvisate le soprad[ett]e ville della mia venuta, et assegnato il giorno, e le chiese dove, e quando mi troverei p[rese]nte concorreva tanta moltitud[in] e di gente, ch'in pi volte, et in pi luochi haver dato il Chresmo a quattro milla anime e perch non v'era frequenza di popolo, che non vi fossero Ungari, et Illirici: Un Giesuita sermoneggiava alii Ungari, et io alii Illirici, i quali restavano molto consolati perch non v'era soggetto, che sapesse ben in Schiavane fra detti Giesuiti. I Ungari se non sentivano nel proprio Iddioma cantare qualche verso delli Salmi, o della Scrittura non si partivano troppo consolati, e perci quelli P[adri] con li sopradetti Predicanti, e giovenotti oantavano dette cose sp[mt]uali in tono Ungaro, ch'il Popolo ascoltava con molta attentione, e poi si cominciava la messa, e si faceva la predica della quale ancora facevano gran conto forsi pi che della messa. E quest' arte dei Calvini, i quali votata che fu l'Ungaria di Prelati e Religiosi per la venuta del Turco, non furono negligenti a scorrere p[er] quelle parti con simili, et altre canzoni, e prediche seminando la loro eresia fra un Popolo abandonato e privo d'ogni ben sp[irit]uale, ne durorono fatica, a imbeverarlo del veleno che portavano seco, onde p[er] quella via, per la quale furono prevertiti, s'attende bora a convertirli e conservarli. Pi oltre verso li Confini dell'Imperio attorno il logo di Balathon cintorano moltitud[in]e de Catholici: ma per le scorrerie tanto dei Turchi, che sono ai confini quanto dell'istessi christiani era paura grande a viaggiare; per lasciai d'andare a quella visita; un altra occasione non si mancher. iDelli bisogni e necessit di quelle parti e dei loro rimedi] P[rimi]o. Li Giesuiti erano intelligenti come ancora i Capp[uci]ni di Belgrado non sono ignoranti: ma li Sacerdoti di Sirmio o siano frati o Preti sono di poche lettere, e pi i frati ch'i Preti.

2. Ho considerato, che dove li Preti havevano cura; le chiese erano resarcite, e ricoperte: ma p[er] dove i frati sono Curati scoperte, senza tetto, et andavano in rovina. Argomento chiaro, et evidente, che ad altro fine non stanno alle cure che per interesse proprio -[. . .] che per ci vengono a dar inscartate perseguitando ogn'altra religione, e sin' i Vescovi come fecero l'anno passato dando memoriali alPhuomini del Bassa di Buda spacciandomi per Spione, et persona che haverei fatto ribellare quella gente; onde ne mettevo alle cure Preti mandati dal Papa, cosa che non era mai stata fatta p[er] avanti. E per Sua Ecc[ellen]za doverebbe castigar et esso Patriarcha (cos ero chiamato nel d[etto] memoriale per aggravar maggiorai [en] te il caso) per nome Pietro; e quelli che lo prottegono per nome Thoniaso Gloghie, et And[re]a facili, che sono mercanti Ragusei a Belgrado. Backa Questa Prov[inci]a sta a quell'altra banda di Danubio verso Transilv[ani]a, et pi piana, e spatiosa di Sirmio, ch'ha il monte aureo gi nominato; il quale par fatto dalla natura per riparare le inondationi di Danubio, che non scorrono p[er] Sirmio, bastando a Sirmio quel'le di Savo. Onde detto monte le ributta nella pianura di Backa, la quale pi felice e fortunata p[er] abondanza de frumenti, et animali d'ogni sorte, che per vini e frutti. Saranno quattro milla anime Catholiche. Li frati Bosinesi hanno la cura. Verso Segedin contavano qualche quantit de Catholici, ma per sospetto dei assassini non s' potuto andare, come n anco verso Agria. In Segedin i Pfadri] zoccolanti hanno un monastero, e vi stanno quattro frati Ungari. Mandorono da me per gli egli Santi mostrando gran desiderio, che c'andassi. Mi fu detto che tutto questo paese detto hoggi di Backa conteneva 400 villaggi schiomatici di lingua Illirica, e di Catholici non arriva a 30 villaggi,* Visite e Collegi, voi. 11, f. 151r 152v, 155r 164v.

* OBOM (30 = 4000 ), 130 . 400, 55 000.

202

o
123i

203

, 10. VI 1633.

, , , ". Ha . . ". , , , , da ce spara ". , , . Quanto al Vescovo Serviamo, che intendo sia in viaggio di ritorno, malissim[amen]te sodisfatto, io bisogner che mi stringa le spalle con grandissima mia confusione, poich cotesti S[igno]ri cosi facilm[en]te credono pi tosto a chi si sia ivi, che a Prelati che da questi paesi consigliano quello toccano con mano esservi neccessario. E pur vero Monsfignor] mio, che l'Archimandrita, et l'Ochrida in scritto vi presentorno l'unione di questi Scismatici con la S[an]ta Sede, tengo essi scritti in mano datimi dal Sfignor] Paxich, tutta via, l'un e l'altro tanto fumo lontani dal vero, che in luoco di farli uniti, tentorno p[er] ogni modo confirmarli nel Scisma, e farli tornare sotto l'dbbedienza Turchesca, come processi formati da Comissarij Cesarei ne fanno fede, et loro stessi accortisi deirintentione dlli due detti, che in apparenza volevano essere Eccl[es]ia[sti]ei, et erano meri Maomettani, come attestano gente che l'hanno veduti orare nelle Moschee, hoggi giorno vi vivono tanto insospetiti, che sopramodo abboriscono ogni forestiere, quindi ancorch Longino non ha littere quanto cotesti S[igno]ri hanno voluto, mi bastava la bont della sua vita, la stima che ne fanno questi Scismatici, p[er] essere d'alta nascita, e la dependenza che haverebbe havuto da me. Le scuole non s'introdurano tra loro che <p[er] mezzo delli suoi Eccl[es]ias[sti]ci, tanto pi che tutti sono soldati. S[igno]r Paxich buona creatura, ma senza gusto e sanit, et in estrema povert, onde io ho speso giornalmfenjte con adorarli il magisterio delli riostri Chierici. Mandarvi Vescovi Rutheni p[er] l'allegati sospetti in alcun modo non conviene. Io far quanto mi commandarano in ogni tempo, ma mentre mi levate l'instromenti che sono al mio proposito, mi tagliate le mani. Vfostra] Signoria] R[everendissi]ma ripensi meglio. V'aggiongo in oltre, che havendo di gi S[ua] M[aes]t dell' Imp [erato] re p[er] sue libere patenti publicato pfer] Coad fiuto] re e

successore di Vescovo Simone, un tale Massimo monaco, che tutta la vita sua stato garzon di stalla d'esso Simone, e ci ad istanza del falso Ar[chim]andrta p[er] il suoi p[er]vensi fini, al sicuro Imp [erato] re non rivocava la sua gra[tia] senza ragione che le siano rapresentate da altri che da soli Nuntj Ap [estollici, p[er] cause che non posso toccare, che q[ua]n[do] la Sede Ap[osto]lica raccomandasse Longino, trovarci bene il modo di agiustare il tutto. Detto Simone l'ottavo di Corpus D[omi]ni venne render obbedienza al n[ost]ro Prelato, p[er] tema che hebbe del mio ritorno d'Ungaria, mi visit ancora in casa, parl bene della Sede Ap[osto]ica, essagero la piet et humanit della fel[ice] mem[oria] Papa Paolo, mi s'esib in 'Ogni cosa pronto. Fu presente alla publica processione, che fecci portando p[er] q[ue]ste piazze il S[antissi]mo Sacra[men]to, ma p[er] l'et decrepita non pot seguitarmi. Lui molto sodisfatto di Longino, ne credo sarebbe contrario li succedesse piutosto che Massimo, huomo senza costumi, littere, piet, in una parola alla Bue. Concludo che a sgrossar, et incaminar questi ostinatissimi, et sospettissimi Scismatici, vi necessario p[er] hora entrar, come si dice, con la loro, tp[er] escir con la n[ost]ra, cio, con p[er]sona della razza loro, ma della quale si potramo fidare, e p[er] mezzo suo farli capaci di quanto bisognia, tirando con tempo et occasioni il servitio di Dio. Per n Ruteni, n alcun altro saranno instrumenti p[er] edificare, ma si bene p[er] il contrario. Con che mi raccomando alle sue Orationi, et alla gratia di cotesti Emin[entissi]mi S[igno]ri. Zagrabia 10 Giugno 1633. Di V[ostra] S[ignoria] m[ol]to Ill[ust]re e R [everendissi]ma Oblig[atissi]mo Serv[ito]ire G[iovanni] Vescovo di Bosna.
SOCG, voi. 75, f. 237r239v.

204

o
124

205

13. VI 1633.

sertim circa huiusimodi provisonis executionem, et irnpedim[en]ta, quae possent occorrere, et modum ea removendi, ut suum possit sortiri effectum.
Acta, voi. 8, f. 236rv, N. 3; Athanasius G. Welykyj, Acta S. C. de Propaganda Fide, voi. I (16221667), Romae 1953, 126127.

, , . Ha . Essendosi conform'al Decreto della Cong[regatio]ne passata trattato col P[ad]re Niceforo Rutheno unito, che finiti li studij di

125
, 28. Vili 1633. * da ce . 15 . Molto R[everen]do in Ch[risto] Pad[ron]e Oss[ervantissi]mo Trovandosi nella Visita il Mons[ignor] R[everendissi]mo Vescovo Bosnese -mio Sigfnor] et P[ad]ron in Dalmatia, neM'absenta del quale ho voluto darli haviso di quanto al p[rese]nte m'occorre circha il negotio importante, acci Vfostra] Pfaternit] M[olto] R[everenda] sappia quello haver da fare. Essendo il Vescovo Vallacho gi diventato impotente d'ett di non poter administrare detto suo Vescovato nelli Confini di Croatia del rito Greco overo Sismatico s'h risolto di renuntiare il Vescovato suo Sismaticho overo Grecho ad un certo Monache Grecho p[er] nome Massimo, qUal ottenuta detta ressignatione dal detto Vescovo andato di farsi confirmare dal Patriarcha Constantinopolitaino Sismaticho, quale ha ottenuto detta Confirmatione dal detto Patriarcha Sismaticho Constantinopolitano, et de facto tornato, qual similmente p[er] venire in Roma quanto prima p[er] farsi confirmare dalla S[ua] S[anti]t non p[er] esser obediente alla Sede Romana, ma p[er] haver il Stipendio annuo, qual Sua Cesarea M[aes]t ha applicato che dalla Camera li sia dato annui ducati 500 dove V[ostra] Pfaternit] M[olto] Reverenda] facci ogni debito et diligentia acci tal Monaco non sia in modo alcuno confirmato si come ho trattato oretenus con il Mons[ignor] R[everendissi]mo Vescovo di Zagrabia similm[en]te ancho con il Mons[ignor] Preposito, et li R[verendissimi] P[adri] Gesuiti, dalli quali spero haver simil haviso, faciendo instanze o p[er] se overo p[er] altre persone inanti li S [ignori] Superiori, cio Sua Santit, suo Nepote Eminentiss[im]o Card[inal]e Barberino Prott[ett]ore della Diocese del Captitelo] di Zagrabia. Si ancho app[ress]o la Eminentiss[im]a Congregatione de fide propaganda non essendo cosa so .

Teologia sta di partenza per Russia, acci si contentasse d'accettare la carica di Vesc[ov]o di Vallachi del Monte Feletrio al numferjo di 40 rn[ila] e secondo altri 60 m[ila] sotto la cura di Mons[igno]re Simone, che prest ubbedienza a Paolo V; attesso che d[ett]o Simone vecchio, e sta quasi per l'infermit sempre nel letto, e si dubita, che morto lui s'introduca in quel Vescovato un Scismatico; dopo qualche renitenza finalm[en]te persuaso dal P[ad]re Tarqukiio Rettore del Collegio Greco, e dal suo Confessore, e finalm[en]te dagl'altri Alunni Rutheni Uniti, si contenta d'ubbedire, e sottomettersi a questo peso. nec[essar]io per questa speditione scriver prima al Nuntio Cesareo, che tratti coirimperat[o]re, acci per mezzo de'Capitanij di d[ettji Vallachi si persuada Mons[igno]re Simone a domandarlo per Coadiutore cum futura success[io]ne e poi pensare a procurarli qualche foenefitio, o provisione, acci si possa mantenere, sinch vive d[ett]o Mons[igno]re Simone, non potendo bastar la previsione, che ha il vecchio Vescovo a lui, et al Coadiutore.
SOCG, voi. 336, f. 435r, 442v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 92.

ceojoj 178. , y nane, 13. 1633, da da o . Referente eodem Emin[entissi]mo D [orni] no Card [inali] Ubald[in]o Decretum p[rae]cedentis Gong frega tio]nis circa provisionem pr Vallachis Montis Feletrij, mediante promot[io]ne p[at]ris Nieephori Rutheni Uniti ad Ep[iscop]alem dignitatem, et illius deputat[io]ne in Coadiutorem Eip[iscop]i Simonie senio, et infirmitate confecti. Sacfra] Cong[regati]o iussit Nun[ti]o Germaniae scribi, ut de hoc negotio agat cum Imp[erato]re eiusq[ue] sent[ent]iam exquirat, prae-

206

127

207

portatole, che in una Diocese nel Regno Slavonico di Zagrabia siano duoi Vescovi uno Catholico altro Greche overo Sismaticho, et che comparendo il sopradetto Monaco Massimo sia trattenuto in Roma, et che s'intenda qual qualificata persona, e come si dice, che sia un bandito di Turchi, delli quali ha suis proprijs manifous amazzati nfumer]o 15. Senza virt, et pochi boni Costumi. [...] Zagrabia ad 28 Agosto 1633. Di V[ostra] Paternit] M[olto] Reverenda] Antiq[isi]mo Ser[vitor], Amico et Capfellano] Don Gioanni Cutnivio Traurino Dalmata oli-m Piovano Carnoliano m[anu] p[rop]ria.
SOCG, voi. 75, f. 232r233v, voi. 76, f. 5r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVII/, voi. I, Zagreb 1926, 92.

, 8. X 1633.
. , ULTO npe , a . Al Nuntio di Germania Ha sentito molto piacere q[ues]ta Sac[ra] Cong[regation]e, che la M[aes]t Cesarea habbia approvato il pensiero di costituir Vescovo de' Vailacchi il P[adre] Niceforo Ruteno 'imito; E perch conforme Vfostra] Signoria] vedr dairinchiusa, s'intende ch'un tal Massimo Scismatico vuoi intrudersi nel Vescovado de' sud[ett]i Popoli, ella perci far nuove dilig[en]ze alla M[aes]t Sua; perch q[uan]to prima s possa promovere il sud[ett]o Pfadre] Niceiosro a quel Vescovado, e mandarlo subb[it]o in quelle parti. Che. Roma g' 8. d'8fore 1633.
Lettere, voi. 13, i. 109; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 93.

126

, 8. X 1633. da : , , , , , .
. II .[. . .] Antonio Casselari da Cattare di et d'anni 52 in circa di tona inteligenza, qual ha diversissime lingue: Latina, Italiana, Ilirica, Albanese, Greca, Turchescha, et altref. . .]

128

, 12. XI 1633.

Venetia li 8. 8bre 1633. fra Giac[om]o Drasa da Cherso Pro[vin]t[ia]le della Dalmatia.
SOCG, voi. 8, f. 220rv.

da , . , ( o , : SOCG, voi, 76, f. 6rv). , .

208

209

Em [mentissimo] S[ignor] Card[inal] Ant[onio] Barb[erin]o, Capo della Co>ng[regatio]ne de Prop[agand]a fide Eminent[issi]mo, e Reverendissimo Sigfnor] mio P[ad]ron Co>l[endissi]mo Alla lettera di Vfostra] Emin[en]za di 8 del passato dico, che sebbene l'Imp[erato}re (quand' io feci l'officio in nome della Sac[ra] Congrega tione, accioch la M[aes]t S[ua] approvasse il pensiero di dar per Coadiutore cum futura successione al Vese[ov]o Simone, ottuagenario, et inhabile, il Padre Niceforo Rutheno Unito) benignamente mi rispondesse di contentarsene, si com'avvisai Vfostra] Emin[en]za con la mia lettera di 13 Agosto, e facesse scrivere a suoi Min[ist]ri di Vallachia, accioch procurassero, che quel Vesc[ov]o vi consentisse, tuttavia dalia risposta, ch'ha data questa settimana il Conte di Shwarzemburgh Governatore di Schiavonia, si veduto, che S[ua] M[aes]t fin' l'anno 1630 haveva nominato, e presentato per successore al Vescovo Simone quell'istesso Don Massimo Predovich, del quale parla la lettera acclusami ultimamente, come V[ostra] Emin[en]za vedr dalla copia della presentatione Ces[are]a, ch'hora l'invio: Stante tal presentatione deH'knp[erato]re il medfesim]o Conte risponde di non haver eseguito l'ordine col Ves[covo] Simone, giudicando pericolosa ogni contraria dispositione, e soggiunge, che questo Don Massimo fin nel tempo del Sfignor] Card[ina]l Pallette cominci ad amministrare le cose Ecclesiastiche di quella Chiesa, e ch'havendo dopoi il d[etto] Vescovo Simone ceduto totalmente, ristesse Conte di Shwarzemburgh gl'haveva dato il braccio secolare per impossessaiio. Farmi scorgere in questo successo molt'inconvenienti, imperoch n il Vesc[ovo] Simone poteva o cedere, o rassegnare senz'il consenso Apostolico, n Don Massimo introdursi, o il Conte dar il braccio secolare per il possesso, prima della confirmatione Ap[ostoli]ca. Quando l'Imp[erato]re sar tornato dalle caccie rappresentare alla M[aes]t S[ua] il tutto, et insieme accennare il dubbio, che si pu havere del poco merito del primo presentato dalla M[aes]t S[ua], forzandomi per quanto potr, che S[ua] M[aes]t persista nel P[ad]re Nceforo. Se in tanto Don Massimo verr a Roma a cercare la sua confirmatione, come si legge nella copia della lettera occlusami, credo, che trover difficolt bastanti ad escluderlo; Et io del seguito qua dar a suo tempo parte a Vfpstra] Emin[en]za, a cui f humilissima riverenza. Di Vienna 12 Nov[embr]e 1633. Di Vfostra] Emin[en}za Hum'il[issi]mo, et Obligat[issi]mo Ser[vito]re Cir[ia]co Arciv[escov]o di Patrasso. SOCG, voi. 76, f. 2r3v; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica, voi. I, Zagreb 1926, 9394.

129

, . XII 1633.

o . dea 200 ", a da je 90 . , , ULTO . , dea , . ", . , , . 150 rada , da da do ". dee , (). od , . Ha . da je . da ce , . . , . COMO jedny da 12 od .
Em[inentissi]mi et Reverendissimi Sig[nori] et P[adro]ni miei Col[endissi]nii Adi 27 9bre prossimo passato fui chiamato da quelli infelici populi di Gruda, e di Byelo Pavilichi dalli quali fui aspetato con grandissima allegrezza, e se fosse un Prelato credo, che n[on]

haverebbono potuto far pi di quello, che hanno fatto, e si lamentavano infelici, che erano abandonati da tutte le orme della S[an]ta Chiesa, e maledicevano i loro antenati che havevano meso il primo saso in quel luoco, che morivano come gli animali dicevano senza com[m]unione, e confessione, e senza il Prencipale senza il Sacro Batesimo, che gi erano dodici anni, che tra di loro n[on] era stato sacerdote se n[on] doi volte, e quelle volte di notte entrare, e di

210

211

notte escire come il ladro, che va arobare, e questo acci, che n[on] fusse visto, e acustao alii Turchi. E dicevano, che in doi vilagi vicini si trovavano duecento case de Christiani, e nonanta de Turchi, e qfuesjtt tutti di una casata, e dimandai p[er]ch erano fatti Turchi stante, che loro non rendevano obedienza al Gra[n] Sig[no]re, mi risposero, che loro n[on] erano n Turchi n Christiani ina si erano fatti p [er]ch n[on] era chi li dicese q[ua]ndo erano le feste, le vigilie, le tempera, n quaresima, n altri giorni di precetto, e la principale credo che era p[er] la libert della cuscientia p[er]ch tra di loro non si tiene quaresima, n vigilie, n tempera, e q[ua]ndo sono p[er] viagio n venerd, e n sabbatto nisuno, una p[er]ch n[on] c' nisuno, chi li mostra n chi li reprenda, e l'altra p[er]ch s sono dati alla libert, e n[on] si curano, che n[on] ce se n[on] qualche vecchio o vecchia, che fa quaresima, altri tra di loro nisuno. La gente di fadone che n[on] mangia un terzo o la metta di un castrato a pasto e n[on] bevva tre quatro Bucali di vino n[on] era tenuto p[er] niente. Mi chiam un Turche a far un aniversario p[er] gli morti, che lui era stato Christiano di Padre, e madre, e fecce un pasto dove, che intervenero da cento cinquanta p[er]sone, e pi, e haveva rostito dieci castrati intieri, e sette alessi, e una vacina, e di tutta quella carne privo qul Turche, che p[er] la matina n[on] rest cosa alcuna se n[on] p[er] il pranzo amaz n[on] so q[ua]nte galline. E steti tra di loro cinque giorni. Batezai da quaranta putti, e sposai da vinti huomini, e gli putti erano grandi chi di 7 chi di 5, chi di pi chi di meno anni havevano, e molti di loro alle interogationi soli rispondevano, e si trovavano ancora abatizare senza nu[me]>ro, e n[on] poteti pi stare p[er] il timore, e n[on] mi lasavano ritornare, se n[on] gli prometevo di ritornare, e q[ua]nto mi posto era magior punto tra di loro, che se havessi vissuto molto tempo tra di loro, e a quelli Turchi molto pi dispiaceva mostravano in se steso, che alii Christiani, e mi pregavano, che p[er] l'amor di Dio ritornase speso, e credo, che se stassi qualche tempo tra di loro tutti torna rebero alla fede, ma no[n] si puola p[er] la paura di questi inimici della n[ost]ra S[an]ta fede, e la infelicit loro, e tanto gra[n]d[e] che se si potessero meter tutte le cose in carta s poterebero fare li processi. Si servono poi delle sup[er]sti[ti]oni, che credono, che li morti si servono in quel mondo di quelle comodit, che si sono serviti in questo mondo, e s sepeliscono con belisimi panni adoso, e anella alii ditti, e dicono, che ancora in quel mondo si servono di quelli panni p[er]ch s vedono uno con l'altro. E tra di loro sono pochi, che si sepeloscono nelle Chiese o sotto l'ombra della Chiesa, ma sar uno, che haver nella sua possesione o giardino un belissimo albero, che far una bella ombra e vera a morte, e la sar, che si depelisca sotto a quel albero a quella ombra e dicono, che ancora l si sta sotto l'ombra, e sotto gli alberi. Sar qualcheduno che haver doi tre moglie cio concubine bench loro li tengo [no] come moglie e se una n[on] li far figlioli subito la manda via, e piglia un'altra e cos anco, se gli f alise qualche cosa p[er] minimo che la

manda via. una cosa tra di loro, che sine lege vivtunt, et sine lege peribunt, l male qui sarebbe mal e pegi se n[on] havesero questo pocho freno delli Sacerdoti, p[er]ch si vedono esser in questa libert tra questi inimici, e cos ciascheduno vorebbe fare a modo suo al presente. Antivari si trova in pegior stato che si trovano quelli infelici populi tra quelli monti p[er]ch questi n[on] hanno se n[on] una Chiesa nella Citt dove la ve[n]gono giorno p[er] giorno, che li sia presa ancora quella, e in questa n[on] lasano a sepelirsi, e q[ua]ndo more qualcheduno vano pi lontano di dodici miglia a sepelirsi, e certo se n[on] li tenisse Iddio la mano sopra, et il gridare, e amonire non li se manca q[ua]nto sia posibile p[er] la disperat[io]ne si sarebbono fatti Turchi come loro stesi dicono. E capo supremo n[on] ce questo Vc[ari]o un discolo, che la vole con tutti n[on] vole bene p[er] cos dire a se steso, e dove n[on] ce capo le cose n[on] vano bene, e p[er] n[on] atediar pi con scriver q[ue]sto Sacro Collegio, p[er] il fine li bacio le Sacre vesti. Di Sestani li 3 Xbre 1633. Di Vfostre] Emin[en]ze Afffetuosissimo], et obligatissimo Serv[ito}re Giorgio Vscovich
SOCG, voi. 151, f. 366rv, 367v.

O od 3. 1633. u 15. 1634. 195. , 31. VII 1634. .

Refferenjte eod[em] em[inentissi]mo Card[inali] Ant[onio] l[itte]ras Georgi] Vscovich Missionarii in Albaniam, datas 3a. Decembris anni praeterit, et XVa. Junij anni praesentis; in quibus agebat de statu suae miss[io]nis, et de populis Paulichi, et Gruda nuncupatis; de 200 familijs, quae ob penuriam Sacerdotum transierunt ad Mahumetismum. De superstitonibus, et matrimoniorfum] dissolutionibus, de Populis Dioecesis Antibaren[sis], de quodam m[at]rimonio contracto a quadam muliere cum Turca, vivente p[rim]o marito, de fructibus sui Canonicatus, q[ui]bus indiget; et denique de quodam puero d<uodenne, quem petibat in aliquo Collegfio] collocari. Sac[ra] Cong[regati]o p[rim]o iusisit p[raedic]ti Georgi] diligentias commendari, et hortari ad permanendum in miss[io]ne, cum in tanta populi Albaniae operariorfum] nece'ssitate reperiantfur] 2. mandavit praecipi procurat[io]ni d[ict]i Georgi], ut portionem fructuum eius canonicatus duor[um] annor[um], iuxta S[anctissimum] D[ominum] N[ostrum] Indultum et eoind[eni] D[ominuni] Georgium pertinentium sequestret; quia habebit Em[inentissim]or[um] P[at]rum assistentiam. 3. iussit signari eiusd[em] D[omino]

212

213

Gergie matrimonium factum ato illa muliere cum Turca, vivente p[rim]o marito, esse invalidum, illamqfue] teneri ad p[rimu]m maritum reverti. 4. eidem praecipi, ut ad d[ict]os populos Paulichi, et Gruda interpum] se transferat, eosq[ue] proni poterit sp[irit]ualiter consolet[ur]. 5. Dixit Puerum, quem petibat in Collegfio] collocar! non e [ss] e in aetate sufficienti, et proinde expectandum e[sse], ut salter ad XV. annos perveniat, interimq[ue] magie cura instruat.
Acta, voi. 10, f. 94v95r, N. 33.

130

4. II 1633.
, , o . o . o , , o . , ". , , , ULTO je . . ". . Relatoni di Pietro Maserecco Arciv[escov]o d'Antivari Primate di Servia sopra la sua Diocese, e molti luochi d'Albania date alla Sfacra] Oongfregatione] de Propaganda] Ffide] l'anno 1633. Dio volesse Em[inentissi]mi S[igno]ri ch'io potessi pieinam[en]te informare le Vo[stre] Em[inen]ze della necessit estrema della Servia, et molto pi dell'Albania, e coirinformat[io]ne potessi infiammar i cuori di questa Sfanta] Sede ad aiutare tante anime, che si perdono tanto p[er] la tirannia del Turco, quanto per mancam[en]to de Sacerdoti. La nation'Albanese la pi misera et abandonata fra tutte le nationi, che sono in Europa, poich dove li Germani, Todeschi, Ungari, Greci, Illirici sin'i Turchi, et Ebrei hanno recapito appresso questa Sfanta] Sede; li Albanesi, che n per zelo di religione, n per obedienza, e devotione verso il Primato della Chiesa Romana cedono ad alcun'altra natione miserabil>m[en]te giacciono perdendosi ogni d per essere senza schuole, senza Collegij, e senza alcun'aiuto spfirit]uale.

La Citt d'Antivari neU'Illirico ai Confini d'Albania dirimpetto a Puglia a quell'altra banda del mare Adriatico in buon sito; il suo territorio pieno d'oiveri, nei quali consisteva buona parte dell'intrate delli Arcivescovi. La Citt posta su colline fra monti, che formano una valle p[iena] di prati, vigne, campi, et oliveti molto riguardevole. I monti in quanto pi s'avvicinano al mare, tanto pi s'abbassano lasciando tutta via maggior pianura di mezzo, restando la Citt lontano dal mare di milia in circa; non ha per porto sicuro cadette in man de Turchi nel tempo della guerra navale, essendo stato prima della Rep[uibli]ca Veneta, e per essere habitata da Turchi ha perso in tutto il suo splendore: poich dove le fa'briche d ; una Citt di poco recinto soglino essere di qualche bellezza, et artifitio, adesso si veggono in una deformit deplorabile. E per non multiplicar Vescovi in quelle parti (e .per il vero non necess[ari]o) mi fu dato in amministrat[ion]e il Vescovato di Priseren mia Patria, et altri luochi e terre in Servia, del cui regno la Metropoli d'Antivari primate. La Prov[inci]a di Servia chiamata anticamfenjte Missia comincia da Priseren e si stende sin' Samandria, che sar cinque gran giornate di camino di longhezza sar dove sessanta, e dove ottanta milla. Dalla parte settentrionale confina con Herzegovina, e Bosina, et all'Austro con la Macedonia. Ella Prov[inci]a abondante di frum[en]ti, e bestiami. Li habitanti sono chiamati Serbi di Rito Greco, e di lingua Schiavona, che loro chiamano Serbski Jesik, cio lingua Serbiana la pi polita e tersa, che ci sia tra Schiavoni, come in Italia la Toschana: poich il Bulgaro se bene parla in Schiavone differisce per in parte dal Serviano, e Bosinese, che questi molti convengono tanto nelli vocaboli, quanto nella pronuncia. Hanno un Patriarcha, che risiede appresso Priseren nel xnonasterio di Deciani. Tutti li Vescovi della lingua Servdana, e Bulgara a costui rendono obedienza, e costui al Patriarcha Constantinopolitano al quale paga l'anno dieci milla s[cu]di, che contribuiscono li Vescovi chi cento, chi docente s[cu]di l'anno. Egli di grandiss[im]a aut[ori]t fra queste nationi. Citt pi nobile di questa Prov[inci]a pare che vi sia stato Priseren s per il sito, s ancora per le fabriche di tempi e chiese fabricate dalli Prencipi di Servia [...] [.. .] [...] In tre villaggi verso la Servia vi saranno 800 huomini d'arme, che vanno dep[re]dando li Turchi, e li Serviani Scismatici. In due altri villaggi vi saranno mill'huomini, et in 4 altri, e pi villaggi si fanno tre milla huomini d'arnie bellicosissimi, e di valore indicibile, che in tutto saranno da 5 m[ila] huomini armati in circa, dalli quali si pu argomentare, che l'anime de Ducagini possono essere almeno venti milla. Sono tutti Cattolici Latini [. . .] Vi sono altri popoli nelle Diocesi di Scutari, Alessio, Sadrima d'Albania, che faranno altre sette milla huomini d'armi di tanto valore, che colli Ducagini fareibfoono tremar ogni gran potenza, e

214

215

sono tutti Cattolici oltre tanti Greci, e Serviani, li quali tutti, et in case e fuori peritano l'arnie, et armati stanino, e parlano a Magistrati Turchi, cosa, che non permessa ad altri xpani sotto il Turco. Questi popoli sono reliquie degli Macedoni antichi, et hanno lingua propria meschiata di molte parole Italiane, e Greche, e sono devotissimi alla Sede Ajp[osto]lica. [. . .] La gente di questa natione (secondo riferisce certo Tuberone Cerva nobile Raguseo Monache di S[an] Benedetto in un libretto composto in latino de Origine Turcar[um]) sono reliquie delli antichi Macedoni: poich n nell'hiistorie Greche, n Latine si trova, che siano venuti da Asia, come scrivono i moderni, ma spinti, e cacciati dai Serbi, Bolgari, et altre nationi forastiere si ritirarono nei luochi montuosi. Detti furono Albanesi dalla Citt in Albania chiamata Alba. Hanno lingua diversa dalle altre lingue con molti vocaboli Italiani, et Greci. Del numero delli Catholici dell' Arciv [esco va] to d'Antivari e dello stato loro La chiesa metropolitana fu fatta moschea pochi anni doppo la lerdita della citt, et alhora perse tutto il bello, e buono, e le intrate ancora, onde vac quella Chiesa pi di 20 anni continui sin' a Clemente Ottavo, il quale fece Arcivescovo] certo fra Thomaso dell'ord[in]e delli osserv[an]ti Raguseo, che visit la Servia l'anno 1603. Antivari pi habitata da Turchi, che da Christiani: questi fra quelli ch'nabitano dentro le mura, e quelli di fuori non arrivano a 60 famiglie. Havevano fra le altre chiese una chiamata Santa Maria fuori delle mura, con alcune posessioni, con le quali si mantenevano tre Preti, ch'ufficiavano la chiesa, et havevano cura delle anime: Ma sono honmai doi anni fu fatta moschea con essersi salvata buona parte delle posessioni, per le quali inteso, che io hebbi d[ett]a perdita, sped un Corr[ie]re a Consit[antinopo]li pregando li S[igno]ri Ballo, et Ambasciator di Francia, ch'aiutassero il mio Vic[ario] g[e]n[er]ale, ch'era andato per questo effetto, et adesso si servono della chiesuola idi S[an] Elia. Erano nel territorio d'Antivari, e per quelli contorni da 15 vilaggi di 15 e venti fuochi, con cinque Curati, e le Chiese massime delle ville molto mal in arnese. Saranno in tutto da 3 nulla anime. Andai dando il Sacram[en]to della confirimat[ion]e e sermoneggiando per quanto mi fu permesso dalli Turchi, i quali minacciavano d'aspettarmi alla strada, e spogliarmi d'ogni cosa, come mi fu fatto non in Antivari, ma appresso Priseren. Questa visita mi cost pi di 100 s[cu]di e poco manc che non mi costasse la vita. Li Turchi d'Antivari, e Dolcegno sono pessimi, e fanno ogni male senz' haver paura d'esser castigati, e per la residenza si rende molto difficile, e di spesa grande.

Priseren in Servia sta ai confini delli Albanesi, haver cinq[uan]ta fameglie de Catholici molto devoti ai Sacerdoti. Hanno una Chiesa ch' Parochiale, dedicata all'Assunta. Del 1592. s'abbruggi e(on danno grande di libri antichissimi, e del parato Sacro. Hoggi d piangono quelli, che sanno, e si ricordano la perdita dell'Imagine della gloriosa Assuntione, poich il parato fu rifatto in parte, ma l'altare privo di quella devota imagine. Parodio adesso D[on] Andrea nativo di Priseren Sacerdote esemplare e di bastevole dottrina p[er] haver studiato in Roma qualche anno. Stava costui fuor della Patria nel Sirmio, ma havendo io conosciuto di havere fatto maggior bene in Priseren, li anni passati, lo feci venire alla sud[ett]a Cura, che vacava per la morte di certo Don Marco. Qui appresso il territorio chiamato Sculaa, che vuoi dir per dirla in latino loca aprica sive apricationes habitato da Albanesi. Questi per essere vicini a Priseren sono stati sempre uniti con li Catholici della citt, e non li divide altro dh'il fiume Orino detto il bianco. Questi n per civilt di costumi, n per valor d'armi, n per dispositione di corpi, n per zelo di religione erano inferiori ad alcuni: ina mancando i Prelati e conessi i Sacerdoti, aggiungendosi le assidue tirannie de Turchi e diverse altre miserie, eominciorono apostatare, che da cinq[uan]ta e pi Parochie non ne sono rimaste altro che cinque ch'haveranno quatro nulla anime in circa, le quali sono state da me aiutate, trovandomi quasi sempre con loro, et appresso loro. Vi stanno doi Preti, e se vi fossero doi altri saria meglio. Andrea Bogdano di questo territorio. Nel corpo poi della Servia, ch' subordinata a quest'Arciv[escova]to isi trovano sparse in pi lochi i Catholici. La terra di Trepcia haver da 300 Catholici divenuti molto poveri per mancanza delle miniere, per occasione delle quali circa li anni 100, come rifferiscono, concorsero qui da pi parti, e per le ricche miniere d'oro, et argento vi fermorano, e fabricorno chiese, e tempi, come uno di S[an] Pietro Apostolo di molta magnificenza. Parodio Dfoin] Gregorio quinquagenario huomo da bene, ma dubito, eh' abandoner d[ett]a cura p[er] non haver da vivere. W' Jagnevo Parochia di S[an] Nicolo. Haver cinquecento anime di Catholici. Hanno il suo Parodio per nome D[on] Nicolo. Seguita Monte Novo pur S[an] Nicolo la chiesa con alcune ville annesse de Catholici, fra quelli di Monte Novo e delle ville saranno settecento anime in circa. Parocho P[ad]re Giofvanni] Cichin, che stato alunno a Loreto. Le ville patiscono alquanto sp[irit]uale per star discoste dal Curato, e mantenerlo a parte non possono. Il vilaggio di Letniza con dieci ville d'otto, e dieci case povere far in tutto da ottocento anime. Quelli di Letniza sono arteggiani, ma quelli dell'altre ville vivono coll'agricoltura. La chiesa Parochiale S[an] Giorgio. Curato certo Prete per nome Giec, di Nation"Albanese, che intende ben iai schiavone.

216

217

Seguita poi Scopie, ch' habitata da moltitud[in]e de Turchi potenti, orna di costumi soavi, e molto piacevoli. Come contano arriva a otto milla fuochi. Ve qualche quantit di Greci, e Bolgari. De Catholici in questi tempi non passano 15 famiglie. Havemo una Cappella con una casetta, e per non perderle pu ben credere la Sfacra] Cong[regatione] che la mia diligenza e spesa la mantiene. Altrim[en]te P[ad]re Giuro Curato, ch'ha la cura l'haverebbe abandonato, e non dovere che si perda la Cappella in cosa cos celebre, n da 80 anime catholiche restino abandonate. A Cratovo i Turchi sono la maggior parte Spani, cio Cavalieri del Gfran] Turco. Catholici saranno 40 case, e Schismatici appresso 100. La Chiesa la Nativit della Mad[on]a. Ve un Prete vecchiotto di 60 anni, se non havesse una vigna non haverebbe di che Vivere, ma tanto v'attende, che la fa fruttar p[er] forza un' altro dubio, che non ci potr stare. Procopie Terra di 600 fuochi de Turchi. Qui si trovano alcuni Ragusei, et Albanesi venuti poco tempo fa, quelli per negotiare e questi per mutar stanza. Saranno sotto il mio governo da 12 milla anime in circa, alle quali non s' mancato dar ogn'aiuto sp[irit]uale a tutti li sopradetti Popoli, che per esser di linguaggio differenti Albanese, e Schiavone, per la notitia, ch'ho dell'una, e dell'altra lingua, hanno cavato molto frutto [. ..]
SOCG, voi. 263, f. 266r 267v, 271r 275v, 277rv, 280r 282v.

at[io]ne de Regni da essi occupati. Si vede questo pensiere ne'Francesi, e Venetiani, che grandem[en]te premono, che si faccino Vesc[ov]i e Sup[erio]iri in Levante dependenti da loro. La 2a. parte di politica eccl[esiast]ica: perch si vede, che ne i Vesc[ova]ti, ove si sono fatti Vesc[ov]i residenti si trovano molti Preti e molt[issi]mi Xpiani come in Scio, Sira dell'Arcipelago, in Albania, nelli 3 Vesc[ova]ti: Albanense, Alessiense, Zappatense, nella Bulgaria, et in Bosna Argentina. Per lo contrario nel Regno di Servia, in Milo, et altre Chiese dell'Arcipelago, et in Candia, ove non sono stati Vesc[ov]i residenti si sono perduti quasi tutti li Xpiani, e li n[ost]ri Latini. La part[icola]re ragione, che riguarda li Vesc[ova]ti di Scutari, e di Budua , che essendo in quelli molti Xpiani e gran carestia d'operaij conviene d'aiutarli, massimam[en]te che il Vesc[ov]o d'Alessio Amministratore di Scutari ha detto non poter supplire all'una, et all'altra Diocese, e Budua sta abbandonata. Da q[ues]te considerai [io] ni si possono fare le seguenti conclusioni, e levar tutte le difficolt. La p [rimi] a si che conviene di far q[ues]ti Vesc[ov]i. 2. Che per farli risedere nec[essair]io d'assignarli qualche provisione da darseli dalla Sac[ra] Cong[regatio]ne, qufali] in effetto risedono e non al trini [enjte. 3. Che bisogna in questi Collegi Pontificii allevar giovanili di quelle Diocesi per farli poi Vesc[ov]i, perch questi senza duibio risedono, e si vista la sperienza in pi Vescovati.
SOCG, voi. 8, f. 40v, 28r.

131 , 1633.

132
, 1633.

partibus infidelium". Cansiderat[io]ni alla l[ette]ra del Sig[no]re Cardfinal] Comare Quanto scrive il Sig[inor] Card[inal] Cornare in materia de Vesc[ov]i in partibus Infidelium ha due gravi difficolt una g[e]n[er]ale, l'altra speciale. La g[e]n[er]ale ha due parti. La p[rim]a che non conviene che la Sede Apfostojlica perda il Jus di proveder le Chiese in Levante, e nelle paoli degl'Infedeli, e lasciar libera la briglia al Pat[riar]ca di Constantinop[oli] di mandar Vesc[ov]i Scismatici, che pervertine li Cattolici, et anche non spediente di lasciar di far questi Vesc[ov]i per il ben politico; perch venendo a cader la Monarchia del Turco la S[an]ta Sede pu colli Vescovi grandem[en]te aiutare la ricuper-

1629. o (. SOCG, voi. 219, f. 189r193r). Compendio dello stato de Vallachi del Montefeletrio in Croatia cavato dalle Relationi del P[adre] Methodio Rutheno Unito. Il P[ad]re Methodio Rutheno che visit li Popoli Vallachi del Montefeletrio, trov ivi molti abusi che hanno del Gentilismo, e sono pi di 20, quali dicono essersi col introdotti per diffetto de libri, et delle scuole, et anco per la conversat[io]ne de Greci Scismatici. Detti Popoli hanno un Vescovo ottuagenario che a Paolo V. prest ubbedienza, ma molto ignorante come li suoi Calogieri,

218

219

tre de quali trov essere sacerdoti, e tutti sono di Rito Greco, dal quale non sanno distinguere la Religione, n hanno suppelletili sacre, eccetto alcune poche molto indecenti, et essi com'anco i laici adorano il pane non consegrato; E perch questi Popoli, quali sono sotto rimp[erato]re per esser molto feroci, et in numero di molte milla persone, sono come un propugnacolo alla fede xpiana contro li Turchi perci si dovrebbono agiutar cogl'infrafscrijtti mezzi dal med[esim]o P[ad]re Methodio stimati opportuni per d[ett]o eff[ett]o e per la loro salute. P[rm]o. di mandar col molti monaci Rutheni del md[esim]o Rito per amministrare i sacram[en]ti, sinch allevassero di quelle genti, che a ci fossero idonee et anco perch morendo il d[ett]o Vescovo, si potesse subito sostituire uno de d[ett]i Monaci, il qual si dovrebbe far risedere nel Castello Mitlicense, che sta posto in mezzo di quei Popoli; poich al p[rese]nte il moderno Vescovo come Vagabondo non ha stanza ferma. E per vitto del Vescovo bisognerebbe assegnarli qualche cosa. 2. Bisognarebbe per allevar de soggetti mandarli al Seminario in Russia poich da Gesuiti non vogliono apprendere alcuna scienza. 3. Sarebbe nec[essar]io, che Sua M[aes]t Ces[are]a prohibisse il transito per quelle parti a Vescovi Scismatici, che sono cagione d'infettar tutti quei Popoli. 4. Che si coregessero, e stampassero li loro libri pieni di molti errori, et in tanto l'Imp [erato] re dasse agiuto per comperar di quelli, che si trovano in Russia.
SOCG, voi. 219, f. 305rv, 316v.

Tonco acci facesse le fontioni eccl[es]i[a]s[ti]che secondo il d[ett]o Rito, o pur con farlo il Can[oni]co del med[esim]o Rito Greco, importando molto il ridurre alla vera fede tanti popoli, che morendo il Vesfcovo] S[imeo]ne facil[men]te faranno far in luogo suo il [...] Capellano ignorantiss[im]o.
SOCG, voi. 219, f. 316v.

. 176. , 11. 1633. . . Referente eodem Emin[entissi]mo D[omi]no Cardinali] Pamphylio iuxta mandatu[m] Sanct[issi]mi statum Vallachor[um] montis Feletrij ex relatione P[at]ris Methodij, Sacfra] Coog[regati]o iussit agi cum P[atri] Niciphoro Rutheno Unito Alumno Collegij Graeci, qui studia Thedlogiae complet, eiqfue] proponi Coaddutoriam Epfiscop]i Simonis senis, et infirmi, qui eisdem Vallachis a Clemfente] Vili fuit p[rae]>fectus, nani si illam acceptaverit 1[1] p[raedic]tor[um] Vallachorfum] satis consultum erit.
Acta, voi. 8, f. 226v, N. 17.

je o 25. 1633. . Al Nuntio di Germania Si manda a Vfostra] Signoria] un compendio della relat[io]ne de Popoli Vallachi del m[on]te Feletrio soggetti a cotesta M[aes]t colle provisioni, che a questa Sacfra] Gong frega tio]ne sono per bora parute necessarie per la salute sp[irit]uale di quelle genti, acci che ella esseguisca con ogni diligenza il contenuto del Decreto fatto in q[ues]to part[icola]re dalla med[esim]a Sacfra] Cong[regatio]ne, alla quale del seguito ne dar poi distinto ragguaglio. Che. Roma 25 Giugno 1633.
Lettere, voi. 13, f. 63v64r; Joannes Simrak, De relationibus Slavorum Meridionalium cum Sancta Romana Sede Apostolica saeculis XVII. et XVIII, voi. I, Zagreb 1926, 92.

Ha . , , , . Ad Era [mentissimo D [omino] Card [inali] Pamphilio p[er] D[omino] Card [inali] Ubaldino S'ha da trattar di q[ue}sto neg[oti]o d'ord[in]e di N[ostro] S[ignore] p[er] veder di trovar q[ua]lche ripiego. Se si potesse haver un Monache Greco Cattolico allevato nei Collegi pontificij, si potrebbe far Ves[cov]o p[er] q[ues]ti Vallachi; ma non si potendo haver si potrebbe far il Can[oni]co Mixa di Zagabria Theologo, e che sa la lingua: Vi solam[en]te una difficolt p[er] la diversit del Rito, la qual si potrebbe sopire con pigliar in aiuto il Ves[cov]o di Rito Greco, p[ro]posto dal Monsigfnor]

220

221

133
1633.

O . Puncta de Episcopati! Valachorum sive Uscocorum Ex parte Oongregationis. 1. Elficere debet Sjacra] Congregatio apud Caesarem, ne intromittantur in illam Regionem Monachi fugitivi, ex Graecia, turbatore et incitatores Schismaticis. 2. Ut ille Diaconus qui hunc affectare d[ictum] Episcopatum vel ex illis partibus amoveatur vel a Caesare contentetur ut sileat siquidem spargitur Caesarem fecisse ei spem de eo Episcopatu. Alias posset multuin impedire opus sanctum, turbando Incolas. 3. Apud eunde[m] Caesarem S[acra] Congregatio efficiat, ut Voivodas seu Capitaneos bene existimare de novo Ep[isoop]o faciat, maxime de doctrina, pietate, et quod apud se in honore sit, et aliquam gratiam novi Ep[iscop]i policeatur concedere illis, et haec erit occasio captandus eorum benevolentiae, et si vellet, eo melius esset, si ex nunc aliquid horum ad intercessionem novi Ep[iscop]i concederet. 4. Ut idem Caesar mandet suis Capitaneis, ut ad Consilla et consultationes eorum pateat adiatus E>p[iscop]o, et sit pars eorum Reipublicae. Neq[ue] quidquam sit validum sine eiusdem consensu. Item adsit omnibus eorum conventiculis, et non postremufm] locum habeat, et a gubernatoribus Caesarianis honore prosequatfur] q[uo]d ij indentes facile idem praestalbunt. 5. P[ate]r Generalis Jesuitarum petendus est, ut ad suos Vienna [m] scribat, praesertim in Curia Caesariana existentes (magnos enim eorum in ea paftes sunt) ut hunc novum Ep[iscop]um iuvent, quem facile iuvare possunt, suadendo Caesari ut aliquod Monasteriolum pr Monachis S [aneti] Basilij in illis partibus praesertim Zagrabij fundet, ut aliquam pr Ep[iscop]o sustenta[n]t[ia]'m assignet. Item si quae difficultates superandae essent novo Ep[iscop]o, Consilio P[atrum] Jesuitarum et auxilio superet. Ex parte autem novi Ep[iscop]i. 1. Assignandi sunt illi aliqui redditus unde vivere, et spleindore[m] Ecclesiae procurare posset, qui splender hucusq[ue] nullus fuit, nec est, ut patet ex relatione P[atri] Methodij, non enim a tuguriolis quamvis miserrim'is dignoscuntur Ecclesiae immo peiores sunt, nani neqfue] ipsas ianuas quibus obserari possent habent hinc colligi potest, qualiter alijs necessarijs abundent. 2. Considerare debet Sacra Congregatio in nostro ritu non posse cum duobus, non Ep[iscop]um tantum, sed etiam simplicem praesbiterum Sacra persolvere, quoniam non sunt in usu Missae lectae, sed semper cantatae. Defoet erga Ep[iscop]us novus p[rae]ter

Diaconuim alere aliquot Cantores. Deinde adminimum duos Patres, unum propter oonfessionem suam et aliorum, quia solus Ep[iscop]us non p[otes]t tantum unus supportare Alterum, propter Scholam, quae plusquam necessaria est, quibus Patribus et antorbus, S[acra] Congregatio iudeat, tunde victus et amictus procurandus est. Ab Imperatore enim stante hac in Germania bellorum tempestate vix aliquid auxilij aut nihil sperandum est.

SOCG, voi. 219, f. 307rv.

134

1633.

, 19 , . Eminentiss[i]mi et Rever[endissi]mi D[omi]ni Sunt in Croatia Graeci Ritus Valachorum passim in confinijs 70.000 m[ilia] asniniae, destituti operarijs: ex quibus multae p[er]sonae ab annis quamplurimis inoonfessae, et ipsam geminam Catholicam fidem ignorantes. Quia litteras post gregem discunt, quas cum bene p[er]ceperint exercente in officijs Ecclesiae, et Sacerdotes creantur. Quare profundanda salutari gentis illius p[ro]visione Graecij in Stiria vel Vienae in alumnatu Sfanctissimi] D[omini] Nfostjri devotis[si]me capitulum Zagraibiense supplicai Eminentis[si]mis D[ominationis] V[est]ris vere enim ne (quod Deus opt[imu]s Max[imu]s avertat) p[ro]gressu temporis et nostri corrumpant[ur] labe Schismatica, et Turcica. Illinc adest defacto (non q[uo]dem Valadhus p[ro]prie) iuvenis 19 an/nor[um] IAICUS Cancinellich, et litteras novit is habet animum studend'i et post acta studia in partibus illis officrum suscipe parodii cui de occasione et loco Romae dignent[ur] prosudere. Quos Deus. SOCG, voi, 219, f. 308r, 313v.

135
, 1. Ili 1634. da, ] , . Parochus Gentis Vadacicae, ex oppido Goyemirye, loco sano, et omni morbo contagioso immufno] in nomine Basilius Predoyevich

222

223

proficiscitur, apud Patriarcham suum negocia certa expediturus, cui ubiqfue] locorfum] liber acceesus ac abitus concedi potest. Datura Karlostadij die prima martij 1634. Petrus Susich viris Consultus ibidem m[anu] p[rop]ria.
SOCG, voi. 151, f. 407r.

136

, 3. VI 1634. , o , daje u . , , . . , u . Illfustrissijmi et Eminentissimi Sig[no]ri et Patroni Colfendissi]mi Naqui in questa villa detta Spza nella quale si ritrovavano 120 almeno, (quando li Mahomettani s'inpatronirono di essa del 1571.) delle case, quasi tutte de cattolici, hora sono ckca 30. de cattolici, e pi de 40. de scismatici; et fui battezzato dal prete scismatico, non isolo io, et altri di casa n[ost]ra, ma molti di questa patria p[er] la carestia delli sacerdoti cattolici, e per li cattolici san mancati, e li scismatici aumentati; Poi mi mandorono li miei a Ragusi con intentione che col tempo riuscissi, dove mi feci frate degl'oss fervanoti di S[an] Fran[ces]co. Poi col favore delli Rfeverendissijmi Vescovi di Albania, di Scuttari, et di Alessio all'hora frati, caminai p[rim]i luoghi d'Italia imparando essendo stato circa 4. anni in Toscana, et il restante fino alii 10. compiti nella Marca Triviggiana, dove nella Prov[inci]a di S[an] Ant[oni]o me n'entrai nella Riforma per viver pi sicuro in conscientia cio del 1626. et del 1631. instai al M[olto] Rfeverendo] Pfadre] Custode, che mi concedesse di visitar li miei parenti doppo 10. anni, il quale mi concesse; et arivato che fui alla Patria il M[oto] Reverendo] Sigfnor] Vic[ari]o G[e]n[era]le di questa Diocesi d'Antivari mi preg, che nfon] mi dovessi partire finch venisse qualche risposta da loro, raccomandandomi le ville di Spka e Sosina, che n'havessi cura, nelle quali si ritrovano circa 340. anime cathoiche. A Spiza sono 12. chiese piccole, alcune sono cascate in parte, alcune altre ancora sono in piedi, ma nude senza tutti li requisiti al culto Divino, e p[er] la forza li catholici le hanno con li scismatici, e li cimiterij,

e ci sono 3. preti scismatici in questa patria Spiza senza li chierici che imparano p[er] farsi preti, facendosi ordinariamente li figliuli de preti, ma sono t[ut]ti ignoranti, dura cervice, incircumcisis cordibus, ressistens Spiritui sancto, sanam, et cattholicam doctrinam non sustinentes, iprurientes auribus, ad fabulas conversi, vaniloqui, superstitiosi, pseudo prophetae, simoniaci, ueurarij, seductores, semper mendaces, in insunuma malae bestiae, nemicissimi del nome christiano cattholico pi che ristessi Turchi. Et in questi 3. anni ho atteso di insegnare, et predicare la cattolica fede con ogni zelo, et carit ch'ho potuto, pattendo di molti dissaggi senza smanirmi p[er] amor di Sfua] D[ivina] Mfaest] del mangiare, del bere, del stare, del caminare, et del dormire; del mangiare, essendo il mio cibo ordinario p[er] li stomachi di strozzi; del bere, bevendo quasi sempre del acqua, e rare volte vedendo il vino; del stare, halbitando con li Padre, Madre, fratelli, et sorelle infra 12. persone in una casa stretta; del dormire, dormendo infra gl'animali bruti; del caminare, caminando molto et pattendo di caldo, et di freddo havendo le ville, le chiese, e le case distanti; e questi popoli sono poveri meschini tirraneggiati dalli barbari, che nfon] sono patroni delle loro facolt et sostanze, ima poco sono differenti, molti se n[on] tfutjti li cattolici dalli scismatici, essendo assuefatti con li preti scismatici, e per infettati, et volubili, pferjch quando [non] trovano commodamente il sacerdote cattolico, chiamano li scismatici, e cos questa mia patria in maggior parte passata al rito scismatico, e per molto c' da fare, pferjch in alcune case sono t[ut]ti cattholici, in alcune mischiati, il marito sar cattholico, e la moglie scismatica, et centra, li parenti cattholici, e li figliuoli scismatici, parte di questo, et parte di quel rito, come son stati foatteizati, o muoribondi communicati, dal cattolico, o dal scismatico, in quel rito persistono, in questo modo non solo q[ue]sta, ma altre ville di questi contorni sono passate al rito scismatico, alcune in tutto, et alcune altre in parte solamente. Questi 3. anni son stato con tanti dissaggi mantenendo la fede, ma quasi desperato senza il .placet de superiori, bench mi do a credere, che quando le sapessero come le cose passano, le darebbono ogni favor, et aiuto; ma credo, che anco il M folto] R [evenendo] Sigfnor] Dfon] Giorgio Vuzcovch Mission[ari]o che le hanno mandato le hafbbia dato informatione di me, hora io le dico, che nfon] cerco, n desid[er]o di fare la mia propria volont, ma quella delli superiori, et perch nfon] ligato in si stretta Religione, quando dovessi stare qua, che havessi il merito di sfanta] ubedienza, l'auttorit spirituale, l'aiuto di commodar le chiese, et di provedersi di tutte le cose necessarie pfer] la celebrattione delli Divini oficij, del amministra ttione de Stantissimi] Sacramenti, et in sumnia che li sacerdoti potessero poveramente mantenere la propria vita pfer] mantenere la fede. Per io questa cos le scrivo, e la mando al Mfolto] Rfeverendo] Sigfnor] Dfon] Pr[ances]co Crutta di Budua Vic[ari]o Apfosto]dico cos aperta, acci che quell'Sig[no]re di buona, et essemplar

224

225

vita la vogli includer e mandarla alle loro mani, con testimonianza

di quelli Reverendi) preti, et frati di quella citt, li quali tutti benissimo sanno come le cose passano, e le prego, et supplico per amor di Dio, che si oompaccino di darmi la risposta come le piacer, et il Sig[no]re le inspirer, o che stia qua proseguendo rincominciato essercitio et con opportuno tempo me ne venghi alla loro presentia, o veramente che me ne torni con honore a fare la quiete, et felice vita fra i Religiosi del mio o[r]d[in]e seraffico. P[er] fine humil[mente], et riverentemente inchinato in terra le fo riverenza. Da Spiza della diocesi d'Antivari adi 3 Giugno 1634. Delle Signorie loro 111 [ustorissime et Eminentissime Humili'ss[im]o fig[lio]lo et servo frate Donato Jelich da Spiza, Minor Oss[ervan]te Riformato della Prov[inci]a di S[an] Antonio.
SOCG, voi. 152, f. 263rv, 268v.

137

, 22. VI 1634. o , napoxuje y . , , . . , , , , ", . , , . . Molt'Ill[ust]re e R[everendissi]mo Sig[no]re pat[ro]n mio Co-

l[endssi]mo

P.C.
Non per mancamento della Carit, ma della provisione necessaria per il vestito all'usanza d[e]l paese, viatico, Calice, Messale, et altro p[er] dir Messa per li villagi, mi ritrovo ancor a Ragusa, dove arrivai a salvaime[n]t[o] li 15. di mairzo le l[ette]re havute 'Roma, e in Ancona n[on] dai subito, alle quali con questo vascello havr la risposta. Star qui sin'Agosto pfer] andar in Comp[agm]a di molti Christiani ch'aindaranno alla miracolosa Mad[onn]a d'Olovo, per la festa dell'Assunta. E perch[e] per gra[tia] sua m'ha sentito se[m]pre vole[n]tieri a Roma ogni volta ch[e] gl'ho parlato p[er] bene comune delle anime, e propagat[ion]e della S[anta] fede, per gli dir ancor quello ch[e] m' occorso qui, il tutto a maggior gloria di Dio. R[everen]do Basilio Predoevich Monaco Basiliano, e Parocho delli Illirici, overo USKOKI del Rito Greco ch'habbitano in Goyemirye, in Croatia, pi vicino di tutti gl'altri al mar Adriatico, arriv qui pochi giorni doppo di me, et de qui and in Turchia a trovar il Patriarcha di Constantinopoli p[er] scolparsi (come mi disse) di certe querelle dateli app[resso] di esso; da Massimo Monaco, (le cui qualit sono gi note alla Sfacra] Congreg[atdon]e) ritornato qua d[et]to Basilio dal suo viaggio, feci s buona conoscenza con esso, che li 27. del passato lo menai meco fuori della Citt alla Chiesa d[e]lla Mad[onn]a delle gratie a udir la mia Messa, camina[n]do meco p[er] strada mi disse che si voleva confessare meco, et io con doi interrogationi fatteli fuor d[e]lla Con/fess[ion]e trovatolo Sismatico, li dissi, ch'haveva bisogno d'esser assoluto prima dalla scom[m] unica, dalla quale io non lo potevo assolvere. Ho fatto quello ch'ho potuto, et dovevo p[er] interesse della sua eterna salute, et ho inviato l'istesso giorno con le mie l[ette]re al p[adre] Leonardo Bagni Rettore d[e]l Coll[egi]o n[ost]ro di Fiume come suo vicino, acci lo instruischi; egli dichi quello deve fare p[er] dive[n]tar vero

O 203. , 23. 1635. . Referente] eod[em] Em[inentissi]mo D[omino] Card[inali] Spada l[itte]ras fr[atr]is Donati a Spizza in Albania Reformati, et attestationes circa eius idoneitatem ad miss[ion]em, in qua nunc

reperitur in Albania, tam pr ipso, quam con[tra] pisum transmiissas, Sacfra] Conig[regati]o tres attestat[ion]es pr dficto] f[ratri] Donato preferens ucni t[a]m[en] con[tra] ipsum, iussit p[rim]o eid[em] f [ratri] Donato scribi, ut in d[ict]a miss[io]ne mancat donec aliud eidem rescrbatur. 2. mandavit aliis informationes de eod[em] f[ratri] Donato, eiusqfue] idoneitate ad munus miss[io]nis assumi.
Acta. voi. 10, f. 222v223r, N. 16.

.
Si scriva a fra Donato ut in decreto. SOCG, voi. 152, f. 268v.

228

o
140

229

142
, 1. Vili 1635. .

1634.
, , 6 7 . In alcuni luoghi della Bossina Provincia sottoposta al dominio turchese dove non ci sono negotij de camibij, n monti, n censi, n notarij da poter far rogiti de' contratti, si constumato, o possiamo dire nuovam[en]te introdotto che le vedove, pupilli, et orfani hanno dato denari a mercanti, che sono soliti a mercatare p[er] trafficarli con utile certo di sei, e sette p[er] c[en]to l'anno. Quello, che li piglia obliga, et hipoteca p[er] il denaro li suoi beni, stabili, e di restituirli ad ogni piacere di chi glieli ha dati; co-s p[er] patto espresso tra le parti. Si adimanda se questo utile non sia lecito.
SOCG, voi. 9, f. 208r.

141

1634.

o : , " (Bud. SOCG, voi. 76, f. 3r4v, 5r). ce u II JLOM (. SOCG, voi. 76, f. 6rv). In conformit di quanto scrisse Mons[igno]re Vesc[ov]o di Zagrabia, circa il Vesc[ov]o Scismatico Massimo Predoevich, vi la copia della l[ette]ra nominatoria deU'Imp [erato] re Ferdinando II. di felfice] memforia] nella quale espressam[en]te l'obligava, che dovesse presentarsi per la conferamt[ion]e alla S[anti]t di N [ostro] Signore] Papa Urbano 8. Vi parimi [en]te la l[ette]ra di Mon's[igno]r Nuntio di Vienna, con una copia della l[ette]ra di Don Giovanni Dalmata scritta sotto li 28 Ag[os]to 1633. da Zagrabia, nella quale vi si contengono molto mag[gio]ri enormit, et eccessi del Massimo sud[ett]o come di homicidij, e bando, che non ha espresso nella sua Mons[igno]rdi Zagrabia. In riguardo di che fu fatto dalla Sac[ra] Cong[regatio]ne il Decreto sud[et]to.
SOCG, voi. 219, f. 340r.

Josephus Veliamin Rutcki Dei et Ap[osto]licae Sedis gratia Archiep[isco]pus Kiovienfsis] Halicietnfsis] totiusqfue] Russiae Metropolita. Sacro Samctum esse Unionis vinculum ipse Deus Optfimus] Maxfimus] in quo omnis perfectionis inhabitat plenitudo, nedum in omnibus quae bonitas eius ad extra patrare dignit est, satis manifeste nos erudi't operibus, verum etiam tanto luculeritius in semetipso experimit, cum non minus hune nexum, quam bonitatem, Sapientiani, Potentiam caeteraque Divina sua propria sibi esse ostendit attributa. Et comprimis id clare in supersubstantiali eius euiet Natura, in qua etsi quideni tres confitemur Personas, unam tamen essentiam unumqfue] Deum credimus, idem quoq[ue] in omni tam ^spirituali quam corporali Animadvertere est Creatura, quam in utramq[ue] Deus Optfimus] Maxfimus] pr ea quam eis indidit capacitate semper sibi iunctam esse voluit, docens nos quanti sitoi apud ipsfum] preti] haec incomparabilis Unio et contrario, quam abominabile ante oculos eius; omne dissidiufm]. Quam splendida fuit a prima sua conditione universa Angelorum Natura, qui quafm]diu in Unione cu[m] Deo Creatore suo subditi illi permanebant, in coelo ipsi haMtationem obtinere meruerant. At postquam nonnulli e Princibus eorurai, illa qua omnem aliam Creaturam sine comparatione supera'bant decepti pulchritudine, iugumq[ue] prioris suum excutientes subiectionis similes Altissimo similes cupiverunt, dicto citius Omnipotenti eius dextra Altissimis suis deturbati sedibus atqfue] in longissiime albinde distans praecipitati infernale baratrum. Sed et hominem vix dici potest quam rectufm] idem Qmnipotens Deus condiderat et per originalem copulaverat sibi Justitiam, qua tamen Satanas Primufm] Parentem no [et] rum per 'summam expolians invidiam, faedeq[ue] a Divino eius avertene obsequio in infinitas eorporis et Animae iniecit miserias. Q[ui]d vero iam dicenius de his qu[ae] proxime diluvium sunt subsecuta temporibus; erat tunc universa terra unuis populus et unum labium omnibus coeperuint Filij Noe aedificare Turrim, ut eius culmen pertingeret ad coelum, con'Stitueruntqf'ue] non desistere a cogitationibus suis, donec eas complerent opere, sed non complacuit hoc D[omi]no, atqfue] ita confudit lalbia eorfum], et dispersit eos super faciem cunctarum Regionum divisitqfue] eos exilij loco per universam terram et cessaverunt aedificare civitatem. Consimili sane modo Veteris testamenti in Ecclesia consuirrexerant contra Moysen et Aaron Gore, Datan, Abiron et Abian caeteriq[ue] filiorum Israel ducenti quinquaginta viri, puoceres Synagogae renuentes subj ci potestati eorum, quos D[omi]nus Prinoipes populi constituerat. Moysen vero Deum

230

231

etiam Pharaonis appellare voluit. Sed dignas tulit poenas tanto nefarior honiinu[m] turba, divisio enim confestim secuta, et terra sub pedibus eorum aperiens os suum devoravit eos cura tafaernaculis suis et universa suibstantia eorufm] descenderuntqfue] vivi in infernum aperti humo, et perierant de medio multitudinis. Gbservandumq[ue] est q[uo]d lustissimus Deus non oib aliud peccatufm], tam inconsueto mortis genere p-raedictos ex Israelitico populo punivit viros, nisi ob solam potestatis, quae im Moyse et Aaron Sunirno Sacerdote erat, contemptufm]. Jeroiboam etiam Israelitici papuli Irapij Regis temporae facta erat in eadem Ecclesia legis veteris divisio, per quam separata fuit Samaria, cu[m] decerti tribus Israel a Jerusalem et a Summo qui pr tunc erat Successore Aaronis Pontefice. Indigne id tulit zelator suae Gloriae Deus, sumpsitq[ue] vindictam tam scelerati facinoris, non de leroboam solum sed etiam de omnibus qui eum in eodem impio sive successores Reg<es, sive subiecti ijstem ex Israelitico populo imitati sunt opere, eijciens ingrata[m] gentem ex melle et lacte affluente terra, in quam P[atr]es eorum potenti sua olim adduxerat dextra. Jam vero in nova lege Jesus Salvator noster ex omnibus illis per totufm] terrarum orlbem dispersis, diversaru[m] liniguarufm] gentibus coadunavit. Ecclesiam atqfue] tam vasta[m] Multitudine[ni] fidei unitate quam strictissime oonetrinxit. Unde una atq[ue] eadem procedit fides, in Oriente et Occasu, eadem in Meridie et Septentrione, omniumq[ue] credentiufm] erat cor unurn et anima una. Cuncti etenkn unum summumq[ue] cognoscefoant Pastore[m], cui Ch[ris]tus D[onii]nus n[oste]r commisit pascere oves isuas. Resttitit et huic Dei conscio maledictus Diabolus, seminatisque pluribus contra fidem Catholicam Haeresibus recte in ea sentientes, ab illa quam Salvator n[oste]r reliquit in Successore suo Ap[os'bo]lor[um] Principe Petro, nequiissime in hoc cooperantibus iniquis eius conatibus Fotio Sergio et Michaele dicto Cerulario Constantinopolitanis Patriarchis constituit, abducere a suprema potestate, et sic Ecclesia, veluti corpus mortuutm] aibsq[ue] capite suo mansit, inconsutilis Ch[ris]ti tunica neifarie est discissa, Sanctissimae Catholicae fidei Umitas, pr qua filius Dei animam sua[m] posuit convulsa, ipsiqfue] hostes a communione fidelium tanquafm] inu'tilia et putrida membra resecti destinatiqfue] aeternae (nisi resipuerint) perditioni; Interini autem traditi temporali abominabiliu[m] Agarenorufm] servituti. In eainde[m] quoqfue] et gens no[st]ira Ruthena sua quidem malitia, sed coecorufm] Ducu[m] inhaerens vestigijs misere prolapsa est perditione[m]. Non t[ame]n in finem iratus est ndbis Benignissimus Deus atqfue] avertit misericordia[im] sua[im] a gente n[ost]ra, submittens eis Saecularis et Ecclesiastici status homines viros izelantes in lege eius, qui divisa unire cupientes donec venisset tempus bene placiti eius, effecera[n]t olim de suis precibus apuid Euigenium Sum'mum Pontificem Piissimo ilio Graecor[um] Imperatore Jeanne Paleologo sese interponente, ut denuo vocaret universu[m] ipopulum Chritianu[m], Graecos iuxta et Latinos in unu[m], celeberimumqfue] fuit illud florentinum Conci-

lium, cui interfuerunt ipse Imperator cu[m] Patriarcha Bisantio Josepho, necnon rliqorfum] Patriarchar[um] Vicarij Legati, caeteriq[ue] Orientalis Ecclesiae complures Praesules, cum quibus noster quoqfue] Isidorus Kijovienfsis] totiuisqfue] Russiae adfuit ibidem Metropolita. Atq[ue] ita medius ille qui Dei Ecclesiafm] dividebat dirutus est, sanctissinia Unio pristino statui restituta, et in his n[ost]rdis Rusisicis prout ex multis eiusdem gentis patet scriptoribus publicata et amplissime suscepta est, partibus, non destitit, tamen et hic invidus inimicus ab impio suo conatu quominus firmufm] Charitatis disrumperet nexu[m], cum nihilommus in diebus no[st]ris Metropolitis Russiae cum reliquis uae potestati subiectis Ep[isco]pis fortiter reBistentibfus], inito prudenti cu[m] ijs consilio et unanimi facto consensu duos e medio sui ad Beatae memoriae Clementem Octavufm], qui tunc Romae Pontificatus tenebat gubernacula ablegarunt Ep[isco]pos Pijssimumqfue] Rege[m] Poloniae tunc Sigismundu[m] Tertiufm] in praecipuafm] in promovendo hoc Divino negotio p[re]cibus suis vocaverunt parte[m]. Hinc factufm] est ut Deo Optfimo] Max[imo] operis sui successimi prosperante Ecclesia no[st]ra Ruthena perfecte cu[m] Romana unita sit Ecclesia, speramusq[ue] quod usq[ue] ad consumationefm] saeculi alb ea non sit deflexura, et Portae inferi non sint et praevaliture, huius adeo inaestimabiliis spiritualis thesauri, sine quo nemo salvari potest, cuperemus quidem O'mnes nationes, q[uae] eundem quem et nos Graecu[m] observant ritufm] et praecipue Linguae Slavonicae habentes nobiscufm] communionem, fieri participes. Quocirca posteaquam Oninipotens Deus investigalbili de salute nostra providentia sua R[evere]nd[issi]mu[m] Loniginum Brancovitium Ep[isco]pum Joanopolitanuim ex Regno Hungariae atq[ue] TraniSylvaniae Principatu eiusdem Matris Sanctae Catholdcae et Ap[oisto]licae Ecclesiae Romanae filiuni, fratremq[ue] noistrum communi omnium Ch[ris]ti fideliium per obedientiam subiectu[m] Urbiis et Orbis Pastori in has Russiae detulit Regiones. Nos quoque peramanter cum omni qua potuimuis et debuimus complexi sumus benevolentia atq[ue] in testimoniu[m] huiusmodi nostrae cum eo fratemae coniunctionis, post emissam corafm] nobis Metropolita Chioviensi et sub id temperie adveniente ad nos Archiep[isco]po Polocensi Orthodoxae Catholicae fidei per eum professionem, ad eiusdeni fidei nostrae comniunione[m], tanquam unum ex no[st]ris Ep[isco]pis Russiae terrae suscepimus et ad Synodales nostros Conven'tus quotescunqfue] in hac Archidioecesi no[st]ra Metropolitana Kioviensi cogi eas contigerit illufm] ipsu[m] R [evere] nd [issi] mum Longinufm] Brancovitium, Ep[isco]pum Joanopolitanu[ni] Successoresq[ue] eius vocare promittimus, dummodo vicissim apud nos Metropolitani totius Russiae, et Successores no[st]ros in Unione cu[m] S[anct]a Romana Ecclesia exsistentes perseverantesq[ue] in Ep[isco]pos consecrentur, et id q[uo]d alij Ep[isco]pi huius Archidioeceseos N[ost]rae Metropolitanae nunc exsistens et post eos futuri praestant et praestabunt, ipsi quoq[ue] praestare velint. Q[uo]d dicto R[evere]nd[issi]mo Ep[isco]po

232

233

Joanopolitano et Successoribus eius de nobis et pariter de Successibus no[st]ris Archiepiscopis Metropoli'tanis Kiioviensibus totiusqfue] Russiae Sancte promittimus et policemur. Interini omnia haec iudicio et oonfirmationi S[anct]ae R[oman]ae Ap[oeto]licae Sedis subiecta esse volumus et subniisse subiiclmus ad qua [ni] etiam in hoc negotio scribinius. Dabantur Minsci, [] 1635, Partu Virginis, Mense Augus[ti] die prima. Josephus, Archiep[isco]pus
SOCG, voi. 59, f. 68r69v; R. P. Theodosius, T. HalusSinskyj P. Athanasius, G. Welykyj, Epistolae Josephi Velamin Rutskij Metropolitae Kioviensis Catholicl (16131637), Romae 1956, 321324; Metropolita Andreas Septickyj, Monumenta Ucrainae Historica, voi. XI, Romae 1974, 146150.

144

, 11. Vili 1635. od o ( 18. V 1636. . SOCG, voi. 17, f. 446rv). Al Vescovo di Cattare Essendosi riferito in questa Sac[ra] Cong[regatio]ne il part[icolar] avviso, ch' Vfostra] Signoria] si manda qui inchiuso circa li Popoli di Pastrovich; questi miei Em[inentissi]>mi Sig[no]ri desiderano, che Vfostra] Signoria] si trasferisca in d[ett]o luogo, per prendere rinformat[io]ni necessarie 'sopra la Verit dell'Unione, che quelle genti desiderano di far con questa Santa Chiesa, dandomene poi a suo tempo il dovuto avviso, acci se lo possino mandar l'istrutt[io]ni necessarie per ricevere d[ett]i popoli alla sud[ett]a Unione. Che. Roma 11 Agosto 1635. Lettere, voi. 15, f. 88rv.

143

, 2. Vili 1635. Mucuja , , ." . Emi[nentissi]mi ac R[evere]n[dissi]mi D[omi]ni, Antistites de Propag[anda] Fide D[omi]ni Colen[dissi]mi. Missionem ad Rascianos, vel Valachos, vel Uscocos, omnibus enim his nominibus vocantur illi qui in finibus Croatiae, excubias agunt, ad reprimendas incursiones Turcarum, hanc inquam missionem proniovet ipse Deus, dummodo S[aora] C[aesarea] M[aestas] proniovere eam velit: Quae omnia Em[inentissi]mis ac R[evere]n[dissi]mis D[omi]n[ation]ib[us] Vestris exp'licabit fusius R[evere]n[dissi]mus Raphael Episcopus Pinscensis, si praesentes offendent ipsuni adhuc in Urbe, ad ipsum enim misi sufficientes, supra hac missione informationes. Deus Op[ti]mus M[a]x[i]mus Emfinentissi]mis ac R[evere]n[dissi]mis D[omi]nationib[us] Vestris det tam in meta praesentl quam futura felicitatemi. Ego vero indignus Sacrae Congregationis de Propag[anda] fide in Russia Mimster, off ero me et meos, eidem, ad omne genus obsequiorum in quancunqfue] parte mundi. Datfum] Minsci in Alba Russia die 2 Augusti Anno 1635. Em[inentissi]marum ac R[everendissi]marum D[omi]nationum V[est]rarum humillimus Servitor Josephus Veliaminus Rutschi Metropolita Chioven[sis] totiusq[ue] Russiae
SOCG, voi. 59, f. 72r, 75v.

145

, 31. Vili 1635. . , nana. Eni[inentissi]mi Re[verendissi]mi D[omi]ni D[omi]ni mei colen[dissi]mi Ante paucas Septimanas dedi ad Em[inentissi]nias ac Re[verendissi]mas D[ominatio]nes Vestras litteras de missione ad Valachos in finibus Ungariae, Transilvaniae et Croatiae degentes, et promiseram me missurum opperarios ad Episcopum illorum populoruni Longinum Brancovitium, modo obtineat a S[e]r[enissi]mo Caesare provisionem pr ipsis, qui Episcopus postea substitit aliquantisper, apud me tandem obtinuit ut statini cum ipso mitterem duos nostros Monachos Sacerdotes, non expectato responso ipsius ex Austria. Existimabat hoc ipse necesisariuni ut statim irent cum ipso, misi igitur in nomine Dfomijni. Et quia hoc etiam inistanter petiit ut

234

235

cooptaretur dn numerami Episcoporum Metropolis Chioviensis pr maiori nexu, ipsius nobiscuni, hoc etiam concessi, sed in vim rati habitionis S[anctissimi] D [omini] N [ostri], proinde mitto litteras quas ipsi dedi, et supplico ut per mtercessionem Em [mentissi] marum et R[everendissi]marum D[ominatio]num Vestrarum confirmetur a Sua Sanctitate. Ego quia putabam, id esse utile huic huic novae missioni, propterea concessi subiiciendo, nihilominus hoc et me ipsum pedibus Suae Sanctitatis D[omi]ni nostri Clementissimi. De iis quae feruntur circa corpus piae recordationis Hieremiae Barbarigo Metropolitae Paronaxiensis qui a celertis hominibfus] familiaribus suis crudelibus occisus est, dum peragraret Regnum Poloniae expectando reditum Ser[enissi]rni Regis nostri ex Moschovia, iniunxeran't mihi Em[mentissi]mae ac R[ev>erendissi]niae D[ominatio]nes Vestrae, ut de veritate gestorum inveistigarem et authenticum testimonium ad ipsas transmitterem commisi hoc negotium Re[veren]dis Patribus lesuitis collegii Ravensis, prope quam civitatem perpetratum est hoc parricidiu[in], nlhll mihi certi scribitur, propterea hucusqfue] nihil hac de re ad Em[inentissi]mas ac R[everendissi]mas D[ominatio]nes Vestras scripsi. Si immediate ab Em[inentissi]niis ac Re[verendissi]mis D[ominationi]bus Vestris demandartur hoc adm[od]u[m] R[everen]do Patri Provinciali Soc[ietatis] lesu, ut ipse scribat ad Rectorem Collegii Ravensis commendando hoc negotium, efficatius expedient. Interini me meaq[ue] humillima obsequia semper parata off ero Em[dnentiissi]rnis ac Re[verendissi]mis D[ominatio]nibus Vestris. Minaci in Aliba Russia die 31 Augusti A[nn]o 1635. Em[inentiissi]marum ac R[everend:iss^i]marum D[omi]nationum [Yest]rarum humillimus Servitor losephus Veliaimin Rutschi Metropolita Chioven[sis] totiusqfue] Russiae. SOCG, voi. 136, f. 404rv, 407v; Metropolita Andreas iSeptickij, Monumenta Ucrainae Historica, voi. XI (16331659), Romae 1974, 155156; R. P. Theodosius, T. Haluscinskij P. Athanasius, G. Welykyj, Epistolae Josephi Welamin Rutskyj Metropolitae Kioviensis Cattolici (16131637), Romae 1956, 324325.

vania. Fece la p[ro]fess[ion]e della fede ad istanza di Monsigfnor] Tonco e poi si part di qua e se ne and in Russia, ove ricevuto dal Metropolita, incorpor il suo Ves[cova]to nella p[ro]vincia Ruthena, sotto per il Beneplacito Apostolico], spedendo il Metropolita sue 1 [ette] re deirincorporat[io]ne con una narrativa de mali successi de scismatici, cominciando da quella di Lucifero, e venendo poi a q [u] Ile del Test[ament]o Vecchio, e final[men]te descendendo a qjuejlla di Fotio patriarcha di Costatinop[oli], et all'unione fatta della Chiesa Orientale coll'Occidentale nel concilio Fiorentino, et alla p[ro]pria de Rutheni sotto Clemfente] 8 [...] Le l[ette]re sud[ett]e sono beniss[im]o distese e piene di spirito pio, e catholico, le quali desidera il Metropolita, che si confermino, e supplica ancora che si raccommandi d[ett]o Longino all'Imp[erator]e, acci li dia q[ua]lche cosa da sustentarsi, imiportando molto di ridurre q[ue]l ves[cova]to cattolico, p[er] il qua! effetto il Metropolita ha mandato co[n] d[ett]o Longino de suoi monaci dotti: li quali potranno ancora far q[ua]lche frutto negPUscochi, o Vallachi del Monte Feletrio, ove dopo la morte del ves[cov]o Simone consecrato da Clem[ente] 8 successo un tal Massimo pessimo scismatico il qual colla no[m]i[n]a dell'Imp[eratore] s' fatto consecrar ves[cov]o da Cyrillo Heretico patriarcha di Costantiniop^n], et hoggi si trova in posses'so in luogo del sud[ett]o Simone. Si scrisse airinipferatore], che no[n] era sta'to ben fatto dar la no[m]i[n]a al d[ett]o Massimo ma no[n] si fu a te[m]po: Si potrebbe scriver di nuovo arimpferatore] per cacciar il d[ett]o Massimo, se fosse possibile, e veder di mandarvi q [u] sto Longino, il qual poich'havesse ridotti alla sua ubbedienza d[ett]i Vallachi, potrebbe lasciar il ves[cova]to ad uno de Monachi Rutheni, e ritornar al suo, ove tra tanto uno de Monachi Rutheni potrebbe servir p[er] vicario in Lippa. SOCG, voi. 136, f. 407v; Metropolita Andreas Septickyj, Monumenta Ucrainae Historica, voi. XI (16331659), Romae 1974, 156.

211. , 10. 1635, . , ] ". . .


Questo Longino ves[cov]o di Rito Greco, e di lingua Illyrica nella citt di Lippa della Dacia Alpestre, hora p[ar]te della Transil-

o od 31. Vili 1634. 211. , 10. 1635, , , o .


Ref[eren]te eod[eni] em[inentissi]nio D [omino] Card[ina)li] S[anc]ti Sixti l[itte]ras metropolitae Russiae, in q[ui]bus instabat, ut confirmaretur incorporatio Ep[iscop]atus Lippensis, Daciae Alpestris, nuncupatus Transilvaniae in Ruthenam prov[inc]iam ab eo facta iniediante Longino Lipae Ep[iscop]o cum clausula reservato beneplacito ApoB't[oli]co, S[anctissi]mus D[ominus] Nfoster] considerans negotiufm] h[uius]m[od]i gravissimum esise propter consequentias, quas secum trahere potest p[raedic]ta incorporatio, part[icular]em Conig[regation]em aid illud examinandum insti'tuit haben-

236

237

dam ooram eod[em] em[inentissi]mo D [omino] Card [inali] S [aneti] Sixti cum Praelatis, et officialib[us] Sac[rae] Cong[regatio]nis Consistorialis, v[ide]l[ic]et Reverendissimi] Pfatres] D [omini] Datario, Maraldo, Paulutio, Cerro, et D[omini] Joannes Bapt[ist]a Dono Sec [reta] rio et Philippo Oasono Computista.
Acta, voi. 10, f. 356v357r, N. 22; P. Athanasius, G. Welykyj, Acta S. C. de Propaganda Fide Ecclesiam Catholicam Ucralnae et Bielarusjae spectantia, voi. I (16221667), Romae 1953, 155.

147

, 4. X 1635. Mapuje , , o . Nadin Castel de Turchi. Sotto questo Castello vi sono due ville cio una Hrastevichi, l'altra Polaccia. In queste due ville vi possono esser anime de Cnristiani in circa 260 tra piccioli e grandi. Di Novegradi gi nell'altre mie diedi raguaglio a V[ostre] Efminenze]. Garin Castello pur de Turchi p[re]sso Nove Gradi 6. miglia. Sotto questo Castello vi sono intorno quaranta case de Christiani; posson'esser puoco men di doicento anime. Ostrovizza pi dentro nella Turchia, Villa de Turchi apresso il Banadigo, in questi luochi ver[amen]te servono i frati Zoccholanti del Monastterao] di Vis-sovac; q[uest]a iuri[s]d[iitio]ne del Vesc[ovo] di Nona, e m[ol]to tempo ch[e] q[uest]i P[adri] n[on] voglon ricon-oscer il Diocesan' ord[ina]rio. Obrovazro presso Castel Garin dentro in Turchia. Vi Obrovazzo inferior, e superior, Castelli apresso una fiumara, questi hanno intorno Zelengrad, Jassenizze tra Christiani chiamati Carpanti, e nelli contorni della Montagna detta la Murlaccha sono 300 case de Christiani con pochissimi religiosi, e senza lettere. D[entr]o Isiam vi sono dell! Christiani in circa 150. Bicorne anco nella villa detta Prasquize presso Corat in Bonadego delle ville, Bigliani, Cassichi, e Cerinzzi. E di tutte quelle d'Obrovazzo e intorno, n[on] si pu dar partcolar raguaglio p[er]ch[] i P[adri] Zoccholanti suddetti servono in questi luochi, p[er] q[ua]nto habbi potuto scop[ri]re, e mi confirm il Vesc[ov]o di Nona, servono d[ett]o di propria auttorit, servendosi di q[uant]o detto. Per dove si stende la sdniittara, ch[e] v[uol] d[ire] spada del Turco e p[er] il frate con le sue bissazze, e col tributtar li Principal Turchi n[on] si curano d'altra licenza di poter confessar et di dove nascono m[ol]ti inconv[enien]ti, n stimano 11 mandati lor gi anteni v[ol]te fatti, ch[e] n[on] debbano ingerirsi neU'aminist[ratio]ne d[elli] S[antssi]mi Sacr[amen]ti senza previa concessione, e cognitfiojne del Prelato ch' quel di Nona, del quale anco turbano anco la iurisd[ito]ne, e restano deluse le pover'anime. Tanto p[er] hora li posso dar mf[ormato]ne piac[en]do al S[igno]re p[er] ser[vi]re aU'E[minenze] V[ostre] andare vedendo, ed investig[an]do il resto col pred[ica]re et inseg[na]re a quest'anime,

146

, 2. X 1635. da ce . Buda. 500 24 . Noi infrascritti testimoni] faciamo ampia, et indubitata fede, qualmente il Molto R[everen]do P[ad]re fra Fran[ces]eo Medin de Pastrovichi, Minor Oss[ervan]te stato n[ost]ro P[ad]re Spirituale da 18 anni, et si portato benissimo nel offitto d carit, dando il buon essenipio di se stesso a tutti essendo amato dalli Popoli de Pastrovichi, et di tutti li contorni dove conosciuto. Per humilissimamente preghiamo, et supplichiamo rEm[inentissi]mi, et RfeverendiBsi]mi Sig[no]ri, et P[ad]roni della Sacra Congregatione che si faccino il singolar favore, et gratta, che il detto P[ad]re tomi di nuovo al Castello di Pastrovichi alla Chiesa di S[an] Vido, per n[ost]ro Pastore, et Padre Spirituale, acci che n[on] nasca qualche disordine, minacciando molti di sottomettersi alii preti Scismatici essendo 24 Case de Catholici infra 500 de Scismatici in Pastrovichi, essendo stato mosso il sudetto P[ad]re dal sudetto luogo con grand[issi]mo dispiacere di quelli Catholici, che tant'affettione li portavano, in quor[um] fi. Data in Budua alii 2. di 8bre 1635. Et io fra Donato Jelich da Spiza Missionario confermo q[uan]to di sopra. Io Vuco Lecich govferantor] son testimonio q[uan]to di sopra. Io Nicolo Batuta sono testimonio q[uan]to di sopra.
SOCG, voi. 395, f. 34r.

238

239

et aiutare q[uest]a povera e rude gente. In[fi]ne a V[ostre] E[minenze] mi racomando.

F[ra] Giuseppe M [ari] a Buonald da Zara Dotminicano.


SOCG, voi. 152, f. 92rv, lOlv.

148
, 15. X 1635. da ca . TOMO cy za, , : , . , ". u da je nana , . , o . , a ". . Ha , : 1) ; 2) ; 3) , . npee dee , a y ". Eminentissimo et Rev[erendissi]mo Sig[nor] Sigfnor] et P[at]ron Coli [eindissi] mo

Per eseguir g' ordini di V[ost]ra Eminenza Rev[erendissi]ma ricevute le sue mi son trasferito nella Terra di Pastrovichi per prender informat[io]ne circa di desiderio della loro unione con la Chiesa Romana, dove ai mo arivo da Prete Zorzi Iguman del mo-

Vescovo in una Citt, quali stimai bene a nome di Sua Beatitudine riceverle, supplendo con sei Can[o]n[i]ci della mia Cathedrale che meco erano quanto stimai convenirsi con darli in ultimo la Beneditione Pontificale da essi, et altri che ivi erano gradito, et a nome di Sua Beatitudine gli resi gratie con offerirmeli in ogni loro bisogno spirituale, et in altro dove potessi esserli favorevole; Con che occasione intrassimo in discorso familiare, et il Prete Zorzi Iguman, et Prete Nicolo sopradetti, persone d'aut[ori]t, et seguito comondorno molto il governo del Som[m]o Pontefice Romano, et Vescovi d'esso elletti, confessando il Soin[m]o Pontefice esser successor di San Pietro, Prencipe d'Apostoli Capo di tutta la Chiesa, et Vicario di ChriSto in terra, biasimando il governo del loro Vescovo Greco di Cetigne, suddito del Turcho, qual dicevano che vende i sacramneti et li ha fatti tributarii annuali, quel che non fanno li Vescovi Catholici, al qual discorso li Caloeri, et Preti Greci applaudevano, ma li Greci Secolari mostravano disgusto nel sentir lodar il Som[m]o Pontefice, et biasimar il loro Vescovo. Io mostrando d'esser ivi come anco essi stimavano venuto per veder il loro paese, et visitarli come amici doppo longo raggionam[en]to fatto in modo di discorso comendai il rito vero Greco, et come tale esser abbrazato, scusai li Preti predetti Zorzi Iguman, et Nicolo di Steffano con dirli che non biasmavano il rito Greco, essendo anco essi Greci, ma la persona, che malamente esercitava il suo carico, et che non era elletto dal Capo della Chiesa, provandoli con aut[ori]t di Sacra Scrittura, et decreti di Sacri Concilij con oppinion anco di santi Dottori Greci il primato della Chiesa Universale resider nel Som[m]o Pontefice Romano come Successor di San Pietro Prencipe d'Apostoli, provandoli che da un Capo vien governato ogni Regno col resto eh' era necessario a convencerli, non esser altri Vescovi leggittimi che elletti dal Som[m]o Pontefice Romano, n alcuno mi rispose in publico altro, ma con longo discorso compresi esser divisi in tre opinioni, altri di viver sotto il Vescovo Greco di Cetigne, altri di levarsi dalla sua obedienza col sottopors al Vescovo Greco residente a San Zorzi di Greci di Venetia, li Preti Greci poi, et alcuni secolari di levarsi a fatto dall'oibedienza del Vescovo di Cetigne, et confessar il Som[ni]o Pontefice Romano per Capo, ma esser governati dal predetto Vescovo di San Zorzi di Venetia, n scorgendo alcuno risoluto d'unirsi totalmente con la Chiesa Romana presa occasione di veder' il loro monast[e]rio mi ritirai a parte con detti Preti Zorzi Iguman, et Nicolo di Steffano, a quali con quel spirito, et intelligenza che dal Sig[nor] Iddio m' stata soministrata lodato il vero rito Greco, et proposito di levarsi dalla soggettione del Vescovo di Cetigne s per esser simoniacho, come per non esser elletto dal Som[m]o Pontefice Romano, come lodai ancora il voler riconoscer per Capo il Som[ni]o Pontefice, et prestarli obedienza, ma biasmai

naet[e]rio di San Nicolo di Prasquiza da Prete Nicolo di Steffano, et d'alcuni altri Caloeri, tutto che fossi in habito di viandante m' hanno ricevuto con ceremonie solite farsi nel p[ri]mo ingresso d'un

240

241

il voler esser governati dal Vescovo Greco di San Zorzi predetto, il quale non era elletto dal Som[m]o Pontefice Romano, n a quello prestava obedienza, et quelli represd del error che com[m]ettevano in ci, da quali in risposta hebbi che in fatto accusavano se stessi del mancam[en]to, et error predetto, ma che da essi prima non era conosciuto, confessando d'esser stata fatta una scrittura da Preti, et Secolari Greci in nome di tutti Pastrovichi, ma che la loro intentione era stata sempre di confessar il Som[hi]o Pontefice per Capo, con haver per Vescovo quello di San Zorzi, et che dubitavano dalli contrarii non si venisse in cognitione, et che non fossero querelati d'avanti l'Ill[ustrissi]mo Rett[ore] et Prov [veditore] di Catt[ar]o loro superior in temporale, per esser detta scrittura fatta da pochi a nome di tutta la Terra di Pastrovichi senza comunicarla al loro Conseglio, ma io che dairill[ustrissi]mo Ant[oni]o Molin Rett[ore] et Prov[veditore] di questa Citt ero aiutato nel trattar la desiderata unione non meno da V[ost]ra Em[inen]za Rev[erendisei]ma et da me, che da detto Ill[ustrissi}mo Sig[no]re detti animo a detti Preti Zorzi Iguman et Nicolo, acci con magg[ior] spirito di p[ri]ma proseguissero l'incominciata unione loro con la Chiesa Romana con confessar, et ricognoscer per Capo di quella il Som[m]o Pontefice con prestarli obedienza, cos a Sua Beatitudine, come al Vescovo, o altro superior che le mandare al governo, con persuader p[r]ma li pi potenti con aiuto de quali poi facessero condescender tutti li Greci della loro Terra, et poi uniti concludessero nel loro Conseglio, con apportarlo per corroborat[io]ne, ali'Illustrissimo S[ignor] Rett[ore] et Prov [veditore] di Cattare, aedo niuno possa contravenire come in casi di dubbio di contradittioni alle deliberationi fatte nel loro Consiglio sono soliti di fare, et per loro magg[ior] certezza del dubio c'havevano stabilissimo insieme che il Prete Greco Zorzi Iguman pi volte nominato doppo alcuni giorni della mia partenza di Pastrovichi venisse a Catt[ar]o con doi altri secolari Greci come ha fatto, quali accolti da me in Vescovato, et inanimiti alla santa, et degna opera d'unione, et datoli il modo di facillitar s lodevol' impresa con promessa che siano conservati nel vero rito Greco, feci in mia presenza abbocar dtto Prete Zorzi Iguman con 'Ill[ustrissi]mo Sig[nor] Prov [veditore] di Cattare, dal quale fu accolto gratiosam[en]te comendato, et inanimito a non temer di contrario incontro, ma che intrepidam[en]te riducesse al fine la desiderata unione, et lo regal di degni presenti con promesse di magg[io]ri, il qual Prete con i compagni doppo haver da me ricevuto alloggi di pi giorni carit, et doni, oltra le forze che la miseria del mio Vescovato che non ariva cento scudi di Camera all'anno mi permettono sono partiti pi che consolatissimi con promessa di trattar, et concluder la desiderata unione, che prego il Sig[nor]e come spero, di breve darle aviso del bon fine. Mi condoni V[ost]ra Em[inen]za Rev[erendissi]ma se con longhezza l'haver attediata, et incolpi la sincerit del mio animo, con la quale ho con verit voluto espor

quanto ho trovato in fatti, et trattato di novo, con che a V[ost]ra Em[inen]za Rev[erendissi]ma humilm[en]te m' inchino. Cattare, li 15 ott[ob]re 1635. Di V[ost]ra Em[inen]za Reverendissima Divotissimo et obl[igatissi]mo ser[vito]r[e] il Vescovo di Cattare.
SOCG, voi. 17, f. 431r432r.

149 , npe 10 XII 1635.

. . : , , . ' ^, Bisogni della miss[ion]e d'Albania proposti da Don Giorgio Uscovich Missionario. P[rim]a. Desidera p[artico]lar authorit da Nfostro] S[ignore] di .poter ricevere all'unione di q[ues]ta S[an]ta Sede tre >p[ri]n[ei]pali Scismatici di Pastrovichi in Dalmatia con tutti delle loro famiglie, cio Gergie Cugliavia Igumeno d'una Chiesa di d[ett]a terra, Stefano Vucasinovich, e Gio [vanni] Andrea Rust e di assolver da tutti li loro peccati in confess[ion]e, e concederli l'Indulgenza plenaria. Desidera d[ett]o Don Giorgio questa facult speciale p[er] li sud[ett]i potendo l'essempio vedendosi par[tico]lare cos honorati, muover altri ad immitarli. 2. Supplica p[er] la facolt di dispensar in terzo con la figliola di Stefano di Sudovich Medin di Pastrovich, la qual p[er] non maritansi con Scismatici, come hanno fatto due sue Sorelle, ha p[re]so p[er] marito un suo parente Cattolico detto Giolvanni] Ruzovich.
SOCG, voi. 395, f. 16r, 42r, 70r,

242

o
150

243

, 1635. , , o . , .

710-

64 60 70 63 63 20 15

300 406 654 321 310


60 46

10 15 18 12 13

4 6 7 7 5

bisogni delle sue Pecorelle, come fece instando al P[ad]re Provinciale di Dalmatia, Min [ore] Conv[entuale] et ci in vigor delle facolt concessegli dalla Sacra Congreg[atio]ne, che quando fusse possibile gli mandassero un P[ad]re habile, et sufficiente al carico della Cura, che doveva assegnarli nella sua Diocese. Il P[ad]re Provinciale vista l'instanza fattagli dal Vescovo, et in conformit delle facolt accennate, di sopra, et per zelo della propagatione della Fede Cattolica, confer il tutto con li P[adri] nel Diffinitorio, che alPhora si tenne nella Citta d'Arfoe in Dalmatia, immediate fu eletto per tal carico frate Serafino Misercich da Sbenico, quale prontissimamente ricevendo l'obedienza, et benedittione delli Superiori, senza alcuna dimora si pose in viaggio, et gionto a Cattare present a quel Vescovo l'obedienza di chi lo mandava, quale tutto allegro ringra[ti] il P[adre] della prontezza, et fervore, che mostr in servire ovunque gli sar commandato. Onde il giorno seguente a d[ett]o P[ad]re fumo consegnate l'infrascritte Ville, cio 1. Marcevaz 2. Carni Piai 3. Bogdassichy 4. Lastica 5. Cavaz. II primo Villagio distante di Cattare miglia dodici, nel quale si numerano Case di Christani 64, anime 300. Case di Scismatici 10. Di questi il Padre ha convcrtito Case 4, restano da convertinsi Case sei anime 30. Dove da questa Villa per andar ad altre quattro vi distanza miglia 6, 3, 5, anzi si passa una fiumara detta Gradischiza, con pericolo evidente di perdere la vita, in particolar' d'inverno, sono montagne asprissime con tema perpetua d'esser invaso dalli Turchi. Nella detta Villa sono due Chiese, l'una sotto l'invocatione di S[an] Pietre, dove anco si ha fonte baptismale, l'altra Sfanta] Agatha. La Villa n[umer]o 2. sono Case 60, tutti Christiani, anime 406. Di Scismatici Case 15, di queste sono convertite sei, restano 9, anime 51. Vi 'sono due Chiese, la prima 'sotto l'invocatione di S[an] Simone, l'altra consecrata a S[an] Sergio, spogliate si pu dir'affatto di tutte utenslie, e senza Sacro fonte. Al n[umer]o 3. Villa di Bogdasichi Case de Christiani 70, anime 654. Quelle di Scismatici sono 18, convretite dal P[ad]re 7, restano da convertirsi Case 11, anime 60. Vi sono due Chiese, l'una consacrata a tutti li Santi, l'altra dedicata a San Giorgio, abbandonate delle cose necessarie; Onde il Parocho necessitato quando viene a celebrare portar seco li apparati per poter servire quelli Popoli, e quello che so dire della .p[rese]nte Villa milita anco nelle altre tre, in fuori della prima, dove risiede il Parodio. Villa n[umer]o 4. haver fuochi 63, anime 321, tutti Cattolici. Case di Scismatici 12, convertite dal P[ad]re 7, restano:Case.5, anime da convertinsi 40. Vi la Chiesa di S[an] Vito Martire.

252 150

Eminen[tssi]mi et R[everendissi]mi Sig[no]ri Monspgnor] ni[ustrissi]mo, et R[everendissi]mo Vescovo di Cattare del 1628. mosso dal zelo, et cura pastorale vedendo abbandonata la maggior parte della sua Diocese delli Operar!j, et Sacerdoti cos Secolari, come Regolari, et ci per la distanza delle Ville, et puoca, o per dir meglio quasi alcuna provisione delli Parrochiani, ma non solo per questo, quanto per essere il Paese sottoposto alla tirannide Ottomana, et li popoli instrutti, et ammaestrati nel Scisma. Come buon Pastore desideroso far alcun progresso nella Vigna del Signore, si diede con tutto l'animo a pensare qua! medicina dovesse essere pi opportuna, per sollevare quelle infelici anime per ridurle alla vera strada, et pascolo salubre della vera Religione; alla fine doppo molti disaggi si dimense, come di persona propria, che pat in visitare quei popoli pi, e pi volte, non vedendo esser proficuo il rimedio delle Visite, senza continua assistenza, deliber con maturo giuditio di instare alla Sacra Congreg[atio]ne de Propaganda fide, vero fonte di piet, che per la penuria della Sacerdoti Secolari gli fusse concesso poter eleggere ad'arbitrio suo, et in servitio della sua Diocese Sacerdoti Regolari, per sovenire alii urgenti

500 400

244

245

Nell'ultima Villa n[umer]o 5 sono Case di Christiani 63, anime 310. Case di Scismatici 13, di queste sono convertite dal P[ad]re cinque, restano da convertirsi Case 8, anime 60; ma per esser la Villa pi dell'altre confinante con l Turchi, non si pu fare tanto frutto, quanto si desidera per timore di Preti Scismatici, quali immediate riconrono dalli Turchi, mentre si veggono convinti dalle ragioni della n[ost]ra Santa Fede, contrasto de quali non consiste, solo che negano il Purgatorio, et la potest Pontificia. Oltre le sopranominate Ville ci sono altre due, cio 1. Lustiza, et 2. Cartoli. Nella prima Case di Scismatici 252, anime pi di 500. Quelle de Catholiei arrivano a 20, anime 60, n qui si pu dire si fa alcun frutto per essere le sud[ett]e Ville assolutamente sotto il Dominio Turchesco; Onde non cos facile discorrere con li Preti Scismatici per ricorso che hanno al Turco, li quali si ritrovano al numero 9. Queste Ville sono distanti da Cattare pi di 30 miglia. La seconda Villa ha Case de Catholici 15, anime 46. Case di Scismatici 150. anime 400. Queste Ville come si accennato essendo dominate da Turchi, si va con grandissimo pericolo di vita per fare funtioni Cattoliche, e di rado. Questo il stato della mia Cura, riportandomi alle lettere, et alle testimonianze dell'Hl[ustrissi]mo Mons[ignor] Vescovo. Ego f[rate]r Seraphinus da Seb[eni]co Parochus S[anc]ti Petri de Marcevaz confirmo manu propria.
SOCG, voi. 263, f. 474r475r.

risolut[io]ne p[er] servitio di cat[tol]ci nell'Ottomano in genere, e p[er] li luoghi S[an]ti s'ha bona intentione per la restitutione ' di chiave [...]
SOCG, voi. 11, f. 210r.

152

1635.

o , ." , , . , , , ". , , . , , , . Relatio de rebus Rascianorum, qui et Valachi et Uscochi vocantur Sacra Rom[an]a Congregatio de Propag[and]a Fide ante aliquot annos scripsit ad me ut apud hos Valachos, vel Uscochos, qui sub Ditione sunt S[acr]ae Cfaesare]ae M[aiesta]tis in finibus Croatiae, mitterem aliquos ex meis pr auxilio illorum 1, qui huiusque videbaintur nomine solum Christiani, nihil scientes vel valde parum de rebus Fidei, idque non sua culpa sed ob deffectum operariorum. Miseram ergo unum ex Ord[in]e S[ancti] Basilij Presbyterorum, qui authoritate Suae Cfaesareae] M[aiestatis] adiutus peragravit ipsorum Regiones, ab inito timebant sibi ab ipso, putantes non esse eum Sacerdotem mere Ritus Graeci, cuius ipsi sunt tenacissimi; Tamen quando legere, cantare, in Ecclesia ipsorum, Ritu Graeco et lingua antquiori Slavica (qua ipsi sicut et nos Rutheni utuntur) in omnibus Divinis coepit; Tandem sacra celebrare, Sacramenta

151

1635.
. do . . od , , o . D'Ungaria 5. stante, intendo che li Turchi sono con gran furia passati il Golfo di mare, p[er] andar in Africa. E che M Persiani s'haibbiano avanzati fin' a Damasco, l'Ungari nelli co[n]fini han' preso quantit di Turchi, et amazzati. Il S[ignor] Co[n]te d'Altham si deve aboccare c[on] il vizir di Buda p[er] agiustame[n]to, e c[on] q[<ue]sta occ[asio]ne si piglier

246

247

administrare, et oonnia niunia Sacerdotalia obire, in quibus ipse fuit magis exercitatus quam quisquam ex Sacerdotibus ipsorum, ita ipsum et amare et revereri coeperunt, Ep[iscop]o tamen loci illius homini iam decrepito non usque adeo gratus fuit, putabat en'im eum ambire Ep[iscop]atum ipsius. Quocirea visum est huic P[at]ri ire Romam, exponere Suae Sanctitati, et S[acr]ae Congregationi in quo statu esset loci illius Christianitas; Redijt postea Viennam cum litteris Ap[osto]licis et S[acr]ae Congregai[ion]is tanquani Missionarius exposuit S[acra] C[aesarea] M[aiestas] ea quae vidit et quid esset necessarium ad lucrandum Deo illos populos, videlicet ut ex liber alitate Suae M[aiesta}tis assignaretur Operali js, qui mitterentur a nobis Ruthenis, congrua provisio: Annuit Sua Maiestas et expectare hunc P[at]rem iussi't dum deliberaaretur, qualisnam et unde talis provisio assignari posset; sed subsecuti sunt tumultua bellici, qui impediverunt omnia, et P[ate]r ille rebus infectis ad propria remeavit. Seripsi de his S[acr]ae Congregationi, a qua iterum accepi litteras, quod quidam Mateovich velit suscipere curam nostrorum, ut recta irent ad ipsum: Respondi nos nec nosse de nomine hunc D[omi]num nec scire locum suae mansionis, bonum proinde esse ut ipse soriberet, ad nos de tali suo zelo, et significaret ad queni determinatum locum venire deberemus: Ipse non iscripsit, nos tiam non misimus. Sed benign'issimus Deus, qui non vult mortem Peccatorum, sed ut convertantur et vivant, providit illis miserie aliud medium, et quidern ut mihi videtur efficax: Permisit Calvinstas Transilvanos novis persecutionibus exagitare Longinuni Brancovium Ep[iscop]um Genovae et Lipae supra populos Ritus Graeci a Patriarcha Constantinopolitano Schismatico constitutum, in tantum, ut a Sua Ecclesia in exilium abire deberet, venit in Hungariam, ibi dum coni[m]oraretur Taurini, ad Ecclesiam Rascianorum illius loci, evocatus est ab Eminen[tiisisi]nio et R[evere]nd[dissimjnio S[acrae] Rfomanae] Efcclesiae] Cardinali Archiep[iscop]o Strigoniensi Selliam ad residentiam Ep[iscopa]lem, incidit in R[evere]nd[issi]mum Dfominum] Joannem Tomcum Marnavitium, Ep[iscop]um Bosnen[sem], qui pr suo zelo potenter egit cum Homine, et transegit ut abiecto Schismate ad Gremium Ecclesiae Catholicae Matris oninium Christi fidelium redierit, professionem Fidei Catholicae fecerit, absolutionem a Schismate accepert, et pr complemento bonorum animae suae et sibi subiectorum, vel subijciendorum Romani abijt et Vicario Christi obedientiam praestitit. Redijt Viennam quaesiturus quali ter non ia[m] Genovae et Lipae in Transilvania, sed apud Uscocos sub Pratectione Caesarea operam suam off erre posset. Inde suasu Patrum nostrorum Monachorum S [aneti] Basilij qui sunt Vienae suscepit difficilem et periculosam peregrinationem in Russiam, quaerendo me hinc inde, tandem invenit me, et conversatus sum cum ipso per trium fer mensium spa'tium cum magno gustu .meo, potissimuljm] hinc quod habeat bona desideria animabus, quarum curam gerit, valde proficua, et talia quae non dificul'ter ad optatum possunt deduci finem, modo adsit Gratia

Sfacrae] C[aesareae] M[aiestatis] in providendo ipsi de victu et iis quibus natuira humana carere non potest.
SOCG, voi. 59, f. 62r63v; R. P. Theodosius, T. Halusinskij P. Athanasius

G. Welykyj, Epistolae Joseph! Velamin Rutskyj Metropolitae Kioviensis Catholici (16131637), Romae 1956, 329330.

O 211. , 10. 1635. . , , , . ' Ref[eren]te eod[em] Em [mentissi] mo Dfomino] Card[inali] S[anc]ti Sixti l[itte]ras Metropolitae Russiae, in q[ui]bus instabat, ut confirmaretur incoriporatio Ep[iscop]atus Lippensis Daciae Alpestris, nunc partis Transilvaniae in Ruthenam prov[iint]iam ab eo facta mediante Longino Lipae Ep[iscop]o cum clausula reservato beneplacito Apost[oli]co S[anctssi]mus D[ominus] N[oster] considerans negotium h[uius]mo[d]i gravssiniuim esse propter consequentias, quas secum trahere posset p[raedic]ta incorporatio, part[icularjem Cong[regation]em ad illud examinandum instituit habendam coram eodfem] Em[inentisisi]mo D[omino] Card[inali] S[ancti] Sixti cum Prelatis, et Officialibfus] Sacfrae] Oong[regatio]nis Consistorialis, v[ide]l[ice]t Reverendissimi] D[omini] Datario, Maraldo, Paulitio, Cerro, et Joannes Bapt[ist]a Dono Sec[reta]rio, et PhHippo Casono Co'mputista. Acta, voi. 10, f. 356v357r, N. 22.

153
1635.

Literae Ill[ustrissi]mi Metropolitae Russiae ad R[everendissi]mu[m] Pinscensem Mense Juno venit ad me R[everendissi]mus Longimus Branchovitius Ep[iscop]us Genovae et Lipae in finibus Transilvaniae et Hungariae quem suscepi ut hospitem: postea examinavi et vidi quali'ter sit Metropolita illius loci a Patriarcha Cyrillo, qualiter ab Ill[ustrissi]mo E[minentrssi]mo Cardinali Strigoniensi Primate Regni Hungariae vel ex commissione ipsius a R[everendissi]mo D [orni] no Jeanne Torneo Marnovitio Ep[iscop]o Bosnensi a Schismate afosolutus

248

249

ivit Romani ibi obedientiam reddidit, quanti vere unitimi esse et bene affectum erga Eccl[esi]am Christi cognovi, l[ice]t latine nil sciat et sit ignarus qfuae] controversiae inter noe et Schismaticos intercedant. Conclusi itaqfue], ut antea voluit S[acra] Congreg[atio] de Propaganda] Fide, subvenire illi populo p[er] n[ost]ros Ruth_enos, quo ante et expedivera[m] Methodium, et ille dedit Romae B[eatissi]mo Pfatri], Relationem, deinde scripsit mihi S[acra] Congreg[atio] ut mitterem meos ad D[ominum] Matheovik quem ubi querere ego debili nescivi, et sic nemineni eo misi. Interea S[aera] Comgreg[atio] eo promovit Ep[iscop]um dictum Maximum in Bulgaria a Schismatcis consecratum. In vim ratae habitionis ipsius S[a]n[ctita]tis cura Reverendissimo Longino sic processi, dextras dedimus nob[is] societatis, ut ipse iret in illas partes ad sua[m] Eccl[esi]am in Opidum distans a Vienna 10 milliaribus; libros imp[re]ssos multo illi dedi, quos potui tunc h[abe]re, cum et apud nos sdt eoruni inopia, etiam destinavi dare ei duos Patres, alterufm] Praesbiterum alterum Diaconum, quos mittere statini non potui quia illi ipse caruit quo se suistentaret, tanto minus poterai eos sustentare. Scripsi commendando illuni et eius res ad Em[inentissimum] Cardinale [ni] Pasman et alios; quarum l[itte]rarum copias R[everendissi]mae Domini mitto, ex quibus intelliget statum eius Eccl[esi]ae et Ep[iscop]i et exponet S[acra] Congreg[atio] de Prop[aganda] Fide, quae deinde B[eatissi]mo P[at]ri, quos et petet ut intercedant apud S[acram] Caes[aream] M[aies'ta]tem, ut adiuvet euni, providendo primo ei unde vivere po'ssit ipse et ii qui cum eo erunt, cum nil ha[be]at. Ex Copia l[itte]rarum ad S[acram] Congreg[ationem] de Prop[aganda] Fide Petit Metrop[olita] Russiae ut Missione[m] hanc ad Rascianos, Valachos vel Uiscooos (sic enini hi populi vocantur) Sfacra] Congregfatio] cum ipso Deo promovenite intei-positione sua apud S[acram] Caesareani Maiestatem pironioveat. De quo melius R[everendiissi]imus Episcopus Pinscensis debebat informare.
SOCG, voi. 59, f. 70r71v.

pisset tanto magis quod secu[ni] poftavit literas Ep[iiscop]i Bosnensis et quod dixerit se reddidisse Romae obedientiam. Tum petit ut dictum Ep[iscop]uni iuvet, op[er]arios se submittere ei promittit, modo Efminentissijmus Cardinal[is] interponat isuam auctoiritatefm] et pr eo inercedat apud Sfacrani] Caes[aream] M[aiesta]tem, ut dicto Ep[iiscop]o unde vivere possit provideat[ur], si quideni nec palmu[m] terrae h[abe]t, nec hortu[m], ne ullum reditufm] unde vivere possit, nec op[er]arios, qui mitti a se d[ebe]nt, sustentare potest.
SOCG, voi. 59, f. 70v; R. P. Theodosius, T. Halusinskyj P. Athanasius, G. Welykyj, Epistolae Josephi Velamin Rutskyj Metropolitae Kioviensis Catholici (J6131637), Romae 1956, 331332.
'
j:
;

i ';...'..:

.::

155

1635.
o .
.

Ex Copia ad Ep[iscop]um Boisnenfse^m] Grata[m] dicit Metropolita sibi fuisse coniendat[io]ne[m] eius R[everendissi]mi Longini Ep[iscop]i, eamq[ue] dicit correspondisse suis li'teris, q[ue]m bene affectum erga Sedem Ap[osto]licam et res fidei rep[er]it; proinde dedit illi libros impressos, et alia officia charitatis ei p[rae]stitit. Cu[m] quo volebat expedire duos Patres, eosq[ue] Theologos, sed dificultas se obtulit, siquidem ipse carebat quo per viam sustentaret[ur] multo mnus h[abe]ret quid illis dart; quos Metropolita mitere statini e[st] paratus, modo S[acra] Congregat[io] interponat se apud S[acram] Caesarea[m] M[aiesta]tem, ut eis et Ep[iscop]o de victu provideat[ur], quod p[otes]t facile efficere per Nu[n]ciu[ni] Viennae residentem; cum iam ante Imp[er]ator promiserit fundare aliqua monasteria per eas partes pr familia Basiliana Ruthena, qui facile fructu[m] insignem ibi sunt facturi, siq[ui]dem ijs sunt illae gentes affecfesimae, ut retulit P[ater] Methodius, qui eo expeditus erat.
SOCG, voi. 59, f. 70v; R. P. Theodosius, T. Halus6inskyj P. Athanasius, G. Welykyj, Epistolae Josephi Velamin Rutskyj Metropolitae Kioviensis Catholici (16131637), Romae 1956, 332.

154

1635.
o . ' - ' . - ' . . > Ex Copia ad Eminent[issi]mum Cardinalem Pasman Diclt Metropolita quod R[everendissimu]m Longinum venientem in Ru'ssiam p[ro] impetrando auxffio animabus libenter exce-

250

251

156 1635.
, , o . Ex Copia R[everendissi]mu<m Ep[iscop]um Jaurinenfsem] Primatem Regni Hungariae Quoniaim, inq[ui]t, n[on] paucas esse sciat oves sub suo Dominio, Rasciano'rum et Valachorum, ad quos R[everendissi]mus Longinus Ep[iscop]us ipsorum intrat per ostiufm], cura Ill[ustrissi]mi D [omini] Tornei, cuius op[er]a obedientiam ille Vicario Xti praestitit, quo ut et[ia]m suas deducat oves, petit ut eutn adiuvet, intercedendo et[ia]im apud S[acram] Caesfaream] Maiestatem, ut ei provideatur unde vivere ille p[oss]it, et illi quos illi sulbmittet, qui oooperabuntfur] in hoc S[acro] negotio. Cu[m] etiam S[acra] Caesarea M[aies]tas p[er}miserat p[rae];stare aliqua Familiae Basilianae Rutheno.rum de quo instabit etiam apud eandem S[acram] Caesfaream] Maiestatem S[acra] Congreg[atio] de Propaganda] Fide. Idem ferme scribi'tur ad Nuncium Ap[osto]licum Viennae residentem. Idem ad Confessarium Caesaris dictufm] Pfatrem] Lamerman. Idem ad ril[ustrissi]mum Comitem Abaltaim, huius negotii Patronum et promotorem, et dicti R[everendissi]mi Ep[iiscop]i Longini et ut ad finem caeptum negotium promoveat adhortatur eufm] Metropolita tanquam h[omi]nem in fide Catholica zelantem. Qui Comes e[st] Militiae Grucigerorum Patronus, et multa facit pr fide Catholica.
SOCG, voi. 59, 1 70v, 71; R. P. Theodosius, T. Halusinskyj P. Athanasius, G. Welykyj, Epistolae Josephi Vela-min Rutskyj Metropolitae Kioviensis Catholici (16131637), Romae 1956, 332.

Sotto al Castello di Garin vi saranno da 40 case de Christiani, e saranno poco men di 200 a[n]i[m]e. Obrovazzo Superiore, et inferiore dentro in Turchia p[re]sso una fiumaira questi hanno intorno Zelengrad, Jassenezze e la montagna detta la Morlaccha vi saranno 300 case de Xpani con pochissimi religiosi e senza l[ette]re. Sotto al Castel Isiam e nella Villa detta Prasqueze saranno da 150 Christiani, e sono in tutto fra case, e Xpani 910.
SOCG, voi. 152, f. 91r.

158

1636.
u nana u . Alunni Bulgari mantenuti da N [ostro] S [ignare] nel Colleg[i]o Ilirico in Loreto Pietro Parsecvich, che sta in Collegio dalli 15 Aprile 1629. Marco Babich, che sta in Colleg[i]o dalli 15 Aprile 1629. Pietro Boscevich, che sta in Colleg[i]o dadli 7 Marzo 1629. Giacomo Omodei, cheesta in Colleg[i]o dalli 3 Febraro 1635. Andrea Marcevich, che venne in Colleg[i]o Illirico in Loreto alii 12 di Decemibre 1635. per ordine deirEm[inentissi]mo Protettore e della Congreg[atio}ne de Propaganda Fide, et entr sopra il num[er]o ordinario, alii 16. di Gennaro 1636. prese il luogo tra li 6 Alunni Bulgari mantenuti da N [ostro] S[ignore] lassato da Pietro Levcevich partito il giorno prima, cos da Roma fu scritto dal Sigfnor] Ingoii. Pietro Diodati venuto in Colleg[i]o alii 24. di Novembre 1636. per ordine dell'ordine delFEm[mentissimo] Protettore, e per decreto d[el]la Sfacra] Cong[regatio]ne de Propag[and]a Fide in luogo di Giojyanni] Piino, che part dal Colleg[i]o alii 14. Gennaro 163-6. con licenza deirEm[inentissi]mo Protett[or]e per ritornare, ma n[on] per ancora ritornato, ne ci speranza del suo ritorno, come altra volta si avvenuto. Alunni mantenuti dalla S[acra] Cong[regatio]ne de Prop[aganda] Fide nel Colleg[i]o Illirico in Loreto D[on] Andrea Bogdani Albanese partito con licenza deH'Em[inentiissi]mo Protettore verso la Patria alii 2. Settembre 1636. Paolo Prianh, che sta in Colleg[i]o dalli 11. di Maggio 1632.

157

1635.
Mapuje o . Sotto il Cartello di Nadin vi sono due ville una chiamata Hrastevich, e l'altra Polaccia e tra tutte due vi saranno da 260 Christiani fra piccoli i grandi.

252

o Giacomo Massarico, che sta in Colleg[i]o dalli 18. di 9bre 1633. Giorgio Batukovich, che sta in Coleg[i]o dalli 18. Marzo 1636. Per li pred[et]ti Alunni si pagano scudi 6 il mese.

160

253

, 17. V 1636. . , , . Noi Antonio Molino per la Ser[enissi]ma Rep[ubli]ca di Ven[eti]a Rett[ore] et Pro[weditore] di Cattare, et Sua Giurisdittfiojne Havendosi da lungo tempo da noi procurato con intelligenza et propria applicat[io]ne del Rev[erendissi]mo Mons[igno]r Vincenzo Bucchia Vescovo di questa Citt, et diligente impiego del Sigfnor] Cav[aliere] Fran[ces]co Bolizza apresso del Commun, et Paese tutto di Pastrovichi, di sollevarli dall'errore, et pericolo, che con la continuatione nel rito serviano, et altri errori sempre pi soprastava alle loro anime et di altri circonvicini, et confinanti Popoli con tal essempio, et pessimi progressi, per qual effetto resosi fruttuoso il n[ost]ro impiego et di esso Monsfignor] Rev[erendissi]mo Vescovo apresso gli medesimi Pastrovichi, li quali si sono dichiarati et obligati con replicate loro littere a noi scritte di voler quanto prima le sar proveduto il necessario modo transferirsi alcuni di essi per comun ordine, et nome in Roma a Piedi di S[ua] Santit per confessar il precedente loro mancani[en]to, et sottoporsi aH'oibedienza, et soggettione del vero rito Greco, con riconoscer et ubedire nella predetta fede S[ua] Beatitudine, et quelli che dalla med{esim]a per Superiori le saranno proveduti, et assegnati. Di qual verit ricercati dalli stessi Pastrovichi le habbiamo concesso il p[rese]nte Publico n[ost]ro Attestato. Gr[az]ie. Cattare a 17 maggio 1636. Ant[oni]o Molino, R [etto] re Pro[vveditore]
SOCG, voi. 17, f. 445B.

SOCG, voi. 16, f. 187rv.

159
Korop, 11. IV 1636. . : . Molto Il[lust]re et Reverendissimo S[ignor] S[ignor] mio Coll[endissim]o In conformit del desiderio di co testa Sac[ra] Cong[regatione] de Prop[agan]da Fide et mio, doppo molte controversie si sono unite le colonie di Pastrovichi con sbrazessi a fatto dal loro vescfovo] schismatico et abbrazato di non voler altro capo in sp[mtua]le che il Sommo Pontefice Romano con esser conservati nel rito vero greco, ma nel principio non si potuto far altra inovatione solo la sogettione fra 'breve li loro amb [asciatoci corrono costa per ricognoscer p[er]sonal[men]te p[er] sup[er]iore la chiesa Romana, essendo questi giorni comparsi da nie quatro di principali di Caloieri et doi secolari capi del consiglio, n io ho mancato con la mia debolezza far pi di quello le mie forze mi p[er]metono, n mancher nell'avenire, come non manco di operar con quelli di Lustiaza, Cartoli et Gliesevichi miei diocesani schismatici da quali spero ancora haver il desiderato fine fra breve, io in fede di verit le dico che non posso pi resister alle spese nell'alloggiar in casa di continuo uni et altri spero per che Vjpstra] Signoria] m[ol]to Il[lust]re operar s che almeno p[er] l'avenire mi si dia susidio non gi p[er] me p[er] opulentarmi, ma ben s perch habbia con che passar la vita non ascendendo il mio Vesc[ova]to a ducati di Camera cento che fanno doi cento Venetiani con che a V[ostra] Signoria] in[ol]to Il[lust]re Reverendissima p[re]gando dal S[ignor]e ogni desiderato bene le baccio le mani. Catt[ar]o, li 11 Aprile 1636. Di Vfostra] Sfignoria] m[ol]to Il[lust]re et R [everendissi] ma Divotissimo et obl[igatissi]mo ser[vito]r[e] il vesc[ov]o di Catter.
SOCG, voi. 17, f. 457rv.

254

o
161

255

, 18. V 1636. 11. VIII 1635 (. Lettere, voi. 15, f. 88rv). , , a , 5. 1636. , . Emnentissinio et Rev[erendissi]mo Sigfnor] Sig[nor] et P[ad]ron Col[lendissi]mo In conformit dell'ordine di V[ost]ra Emin[en]za Rev[erendissijma, et di cotesta Sac[ra] Cong[regazio]ne havuto per lettere del d 11 Agosto 1635, personalmente mi sono transferito a Pastrovichi li p[ri]mi d'Ott[ob]re prossimo passato, come ristesse ho fatto sotto li p[ri]mi di Genario, et del operato dato distinto conto secondo le operat[io]ni fatte, havendo ricevuto da essi sempre promesse, ma non effetti rispetto alla diversit d'opinioni, et timor del loro Vesc[ov]o schismatico, che oltre non li scomunichi, che come suddito del Turcho non li faza far qualche oltraggio rispetto alla vicinanza, in 'som[m]a nascevano sempre novi dubbi], et obstacoli, finalmente non havendo io sparegnato a faticha, n a apesa altri con carezze, altri con persuasioni d'accostarsi alla verit, sotto li 5 Aprile prossimo passato fatto il loro oomun Consiglio sono venuti in accordo di ricognoseer il Som[m]o Pontefice Romano per Capo, et ricever da Sua Santit il loro superiore con esser conservati ne1! rito greche vero, di che con quattro loro a!rribasciat[o]ri diretti a cotesto Illfustrissi]mo Rettore, et a me significorno il tutto, quali oltre l'ordinario da me sono sitati honorati, et accarezati superando le mie debolissime forze, non attivando il mio Vescovato scudi di Camera cento, promettendo di tornar questa Pascha a Cattare per ricever da me, et dairill[ustrissi]mo Rettore di questa Citt l[ette]re di credenza per inviarsi aldi piedi di Sua Santit, como 'anco il simile speravo di miei diocesani Schismatici di Lustiza, Cartoli, et Gliesevichi, di che anco subbito a V[ost]ra Emin[en]za Reverendissima diedi raguaglio; Detti Pastrovichi conforme la promessa sono comparsi questi giorni passati per inviarsi a cotesta volta, ma perch io non ho havuto comodit di accomodarli del danaro necessario, havendomi anco estenuato nel accoglierli, et dar danari perch siano carezati per conoorer all'unione, n trovando modo di farlo quest' ott[ob]re venturo come li ho promesso, n essi acquescendo senza comparir personalmente a Piedi di Sua Beatitudine, n io havendo mai alle mie havuto risposta, son astretto mandar il lattar delle presenti eh' il Prefte] fra Serafino da Sibenicho Curato di San Pietro di

Marcevaz a Vfostjra Eimin[en]za Rev[erendissi]ma, et a cotesta Sacfra] Cong[regazione], quale per ardente desiderio che tiene di detta unione, alla quale si anco impiegato con ogni spirito di coadiuvarla, si disposto di far questo viaggio con elemosine che li saranno offerte per strada, perch rapresenti il bisogno per l'effetto di detta opera, mie fattiche, spese, et travagli perci sostenute, con pregarle riverentemente che alla povert per non dir miseria del mio Vescovato, et alla continuat[io]ne delle spese resti suffragato, et sollevato, et perch a voce le raguagli del tutto, con che a V[ost]ra Emin[en]za Rev[erendissi]ma m'inchino. Cattaro li 18 Maggio 163-6. Di V[ost]ra Emin[en]za Rev[erendissi]ma Divotissimo et humilissimo ser[vito]r[e] il Vesc[ov]o di Cattaro. i
SOCG, voi. 17, f. 446rv.

. Al Vescovo di Cattaro Ha sentito Nfostro] Sfignore], e questa Sac[ra] Cong[regation]e con part[icolar] contento la ridutione degl'Scismatici di Pastrovich a q[ue]sita Santa Sede, non senza la dovuta commendatione delle diligenze usate da V[ostra] S[ignoria] in questo part[icola]re e della zelante assistenza in ci prestatali da cotesto Sig[no]re Proved[ito]re, al qua! ella render in nome di questi miei Em[inentissi]mi Sig[no]ri molte gratie, come anche fanno a lei colla p[rese]nte. In tanto si manda a Vfostra] Sfignoria] rinchiusa professione della fede fatta per i Popoli Orie>n[ta]li acci conforme a quella riceva i p[ri]n[ci]pali Preti di quel luogo nell'unione di questa Santa Sede Apost[oli]ca. Roma 28 Giugno [1636] Lettere, voi. 16, f. 54rv.

162
, 20. V 1636. , . Noi Archidiaco.no, Can[o]n[i]ci, et Capitolo della Catthedral di Cattaro attestemo in parola di verit, qualm[en]te entrate del

256

257

Vescovato di Cattare quando buon racolto non arivano a cento scudi di Camera, et il Rev[erendissi]mo Monsfignor] Vicenzo Bucchia presente Vescovo di questa Citt essendosi transferito in doi volte a Pastrovichi per quelli unir alla Santa Chiesa Cattolica Romana, in una volta con sei di noi altri Can[o]n[i]ci, et l'altra con quatro, oltre la servit g' convenuto far spesa straordinaria alle sue forze, et di continuo sono sette mesi da primi d'ott[ob]re che per detti trattati comparono li Pastrovichi hora con 1 [ette] re, hora mandati come Ambasciatori per detto effetto d'unione, hora senza l[ette]re, et di continuo il predetto Vescovo li alloggia in Casa, accarezandoli con presenti, et contribuendo denari, perch li renitenti siano con tal mezzo abbassati, et perch in detto Paese li renitenti non nabbino poter di disentir dalla promessa, come altre volte hanno fatto la Sua Sig[nor]ia Reverendissima trovato maniera d'operar il tutto con assenso, et aiuto dell'Ill[ustrissi]mo Sigfnor] Ant[oni]o Molin Rett[ore] et Pro v [veditore] di Cattare Sig[no] re di somma bont, et prudenza impiegando anco in ci il inferito] d'Illustrissimo Sigfnor] Cavaliere] Fran[ces]co Bolizza, che finalm[en]te ha conseguito con molta fatica, et spesa la desiderata unione, ma perch alcuni d'essi per universa!, et comun consiglio sono destinati comparir per sonatati [en] te da Sua Beatitudine, ma che li sia suiministrato il viatico, n detto Mons[ignor] Reverendissimo Vescovo havendo modo, ha destinato per tal effetto, et per suo solevo di tante spese mandar a Roma il R[everen]do P[ad]re fra Serafino da Sibenico Curato di S[an] Pietro di Marcevaz, per non haver havuto modo mandar altri ch'esso, il quale con ellemosine et alloggio di monasterij si sostentare. In quorum fide es't. Datufm] Cattari in Sacrestia Cathedfraljs Eccl[esi]ae, Die 20 Maij 1636. Io Giov[anni] Francesco] Bolliza, Archidiachono Io Pranc[esc]o Braiano, Arcip[re]te Fran[ces]co Pasquali, Canoniche Trifon Risanti, Can[onico] Giacomo Mexa, Canonico Matio Maich, Can[o]n[i]co Marco Bucchia, Can[oni]co Lod[ovi]co Cappello, Can[o]n[i]co Joannes Pasquali, Can[oni]co Nicolo Pasquali, Can[oni]co Vinc[enz]o de Nadal, Can[oni]co SOCG, voi. 17, f. 443r,

163
, 2. VI 1636. , , , . Em [mentissimo e R[everendissi]mo S[ignor] P[ad]ron mio Col[endissi]mo M'assicura la grandezza dell'a[n]i[m]o di V[ostra] Em[inenz]a, ma molto pi il zelo, verso di noi, che sia per ammettere benignam[en]te i n[os't}ri preghi, che con somma humilt io suo servo le presento. Non ritoccare) i pass[a]ti travagli] ben noti all' [minenza] Vfostra] per la mia absenza, et originati da quel Comiss[ari]o che mandai cost p[er] esser' castigato, conoscendo non poter' io cost senza scandalo mortificarlo; ma riverentem[en]te le portare a notitia l'intiimatione del nuovo Breve del Patriarcha di Costantinopoli ottenuto dal Turcho, che contiene non solo una som [m] a ubedienza ali p[er]sona sua, ma un tributo annuale di gran' consideratione, tanto a Religiosi, quanto a secolari. Il negotio porta seco m[oi]tirequisiti, e q[ues]to peso insoportabile a tutta la Provincia, e con qualche monmoratione, aggiungendosi, che dovendo gk>rna!m[en]te sentire q[ues]te gravezze, dovrebbero anco esserle conservato il breve dell'elet[io]ne de Vescovi. Io concorsi in quella del P. f. Girfolam]o p[er]ch come figlio ubediente di N[ostro] S[ignore] intesi da Mons[igno]r Ingoii, mio S[ignore], al quale per non cometter' errore lasciai un'ifoglio sotto scritto, esser' ord[in]e di S[ua] S[anti]t p[er] Albania, o Belgrado, a cui cenni, e di Vfostra] Em[inenz]a sottoporr sempre pronta la mia volont, acci potesse formar' l'elev[atio]ne in conformit del senso di S[ua] B[eatitudin]e. Se V[ostra] Em[inenz]a per carit, e conservatione della fede Catt[oli]ca non ci mette questa volta della suprema sua auttorit, vedo a mal passo le cose de poveri Christiani. Se a me non fosse anco talvolta minacciato di levar la carica da chi riverir perpetuam[en]te, concessa/mi da q[ues]ti P[ad]ri, e confirmatami da chi ne tien' suprema potest mortificarci i detrattori de'sacrisanti ordini, com' anco i vagabondi, ma per sfuggire tutti gli sinistri incontri, e non dar' occ[asio]ne a queste Bestie di strapalare; Humilm[en]te riccoro a benignissimi piedi di V[ostra] Eminenza], supplicandola p[er] le viscere di Gies Xpo dar' quanto prima gl'ordini necessarij, e remediare a grincovenienti, che ne potrebbero nascere, che di tal gra[ti]a, oltre il merito, che ne ricever presso S[ua] D[ivina] M[aes)t prestaremo di vantaggio p[er] la conservatione di S[ua] S[anti]t, e di Vfos'tra] Em[inenz]a a cui resto.

258

o Di Vfostra] E[minenza] Humilissimo, et Divotissimo Ser[vito]re fra Nicolo Braicovich Ministro di Bosna.

259

217. , 16. 1636, .


Referente eodfem] Em[inentiss]mo Dfomino] Cardinali] Spada, Sacfra] Congfregatio] declaravit fr[atr]em Bonaventurafm] de Palazzolo ord[in]is stfictioris obs[ervantia]e Missionis Albaniae Praefectimi, eiusque Socios Missionarios facutatibfus] eis concessis, uti posse in o[mn]ifo[us], et singulis locis, quale in Albaniae Provi[nci]a, eiusqfue] districtu communiter esse reputantur etfiam] si d[ict]or[um] locorfum] populi illyrica loquantur lingua. Insuper eid[em] fr[atr]i Bonaventuarae, ac Socijs p[at]ris potestatem dedit u'tendi eiusdfem] ifacultatub[us] in Castro Pastrovich nuper ad fidem Catholicam converso, ac in eius Comitatu, se districtu. Acta, voi. 12, f. 93rv, N. 17.

Di Sutsca li 2 Guigno 1636. SOCG, voi. 17, f. 315r.

164
16. VI 1636.

, ". da OH u , a ". . 700 , 30 .


Sant[iissi]mo P[ad]re Essendo io fra Bonaventura da Palazzsolo Rif[orma]to min[ore] oss[ervan]te povero Idiota stato eletto dalla Sac[ra] Cong[regatio]ne Prefetto della Missione d'Albania con ristesse facult eh' haveva il Prefetto mio antecessore, perch li paesi sogetti al Turco volgarmente detti Albania parte parlano Albanise, parte Illirico, et temo essercitare dette facult in quelle parti dell' Albania ove si parla Illirico. Perci supplico si degni dichiarare, e concedere ch'io, et Missionarii possiamo anco essercitare dette facult in t[ut]te quelle parti che parlano Illirico, e volgami[ent]e sono reputate Albania; anco supplico si degni concedere, che predette facult le possiamo essercitare nel contado di Pastrovich della Diocesi d'Antivari, piccola Provincia sogetta a Venetiani, alla Turchia congiunta, nella quale solo sono settecento case, trenta del rito latino, l'altre poco fa erano Schismatiche, et io ho procurato russer ridotte aH'o!bed[ienza] di V[ostra] S[ant]t. necessarijssima predetta concessione per salute di quelli populi, onde con ogni humilt supplico Vfostra] S[ariti]t, quam Deus conservet. SOCG, voi. 396, f. 225r.

165
, npe 7. VII 1636.

nanu da ce ( 8.000 ) .
Beat[issi]mo P[ad]re Trovandosi a Confini di Dalmatia molti Scismatici in particolare al Confine di Cattare li Popoli Pastrovichi, che 'saranno da 8.000 anime in circa, et tenendosi quasi ferma la loro Conversione ogni volta, che se li mandassero oiperarij sufficienti. Si supp[li]ca humpimenjte la S[anti]t Vfoistra] a degnarsi per salute di quei poverelli, et augum[en]to della S[an]ta fede ordinare alla Sac[ra] Congfregatio] ne de Propaganda Fide, che trovi a questo effetto missionarij atti, uno de quali si tiene essere molto a proposito, che Fran[ces]oo Leonardis Archidiacono di Tra Dottore in Theologia, perito in Canoni, e noto bene a questa Corte. E pregarano il Sig[no]re per la felicit della Santit V[ost]ra. Quam Deus. SOCG, voi. 396, f. 278r.

221. , 23. IX 1636, da ce y : .


Referente eodfem] Emfinentissilmo D [omino] Card [inali] Spada, Sacfra] Congfrega'tio] Missionem D[omini] Francisci de Leonardis,

260

261

et Joanniis Tininl ad Oppidum Pastrovich, et Schismaticos dioecea sum Catharenfsis], et Nonenfeis] die 4 . Augusti proxime praeteriti decrtam confirmavit, et singulis eor[um] Scuta 300 annua ad triennium t[ame]n cum competenti Viatico decrevit, et pr facultatib[us] iussit adiri S[anc]tu!m Off[iciu]m.
Acta, voi. 12, f. 163rv, N. 5.

6 ioduna npeeeo , , o , . o , . , . In tutte l'aggionte scritture il Ves[cov]o di Cattare domanda l'infrascritte cose. P[rim]o. Avvisando la conversione intiera della terra di Pastrovichi, che far da tre milla a[n]i[m]e dallo scisma alla fede cattolica, e la speranza, che ha di guadagnar due altre terre della med[esim]a p[ro]vincia di Pastrovichi. Supplica, che se li dia qualche cosa, acci possa mandar alcuni principali de Pastrovichi a p[re]star l'ubbedienza a S[ua] S[anti]t no[n] navendo potuto ci fare p[er] la loro povert. La Sacfra] Congfregatione] decret, che si mandassero scudi 100 al Ves[cov]o sud[ett]o sotto il beneplacito di Nfostro] Sfignore], il quale si deve pigliare in questa Congfregatione] inanzi S[ua] S[anti]t. 2. Ch'essendosi affaticato p[er] 6 anni continui il p[ad]re Serafino Misercio min [ore] conventfuale] nelle parochie della sua diocesi sotto il Turco con molto frutto, e riduttione di pi ville dallo scisma alla fede cattolica, con p[er]icoli e patimenti grandi, degno del magisterio, e supplica, che di q[ue]llo sia honorato, e manda fede del p[ro]vinciale di d[ett]o p[ad]re circa buone qualit del med[esim]o p[ad]re, il qual p[er] servitio di q[ue]lli di Pastrovichi venuto a Roma mendicando portando le l[ette]re circa la conversion di Pastrovichi del Ves[cov]o sud[ett]o, e del p[ro]veditor di Cattare, che s' .potuto molto fare in procurar la d[ett]a conversione. 3. Da conto delle molte spese fatte da lui in andar pi volte a Pastrovichi, et in alloggiar, e regalar li p[ri]n[ci]pali di d[ett]a terra: e che non havendo la sua chiesa pi di cento ducati di rendita raccomanda a S[ua] S[anti]t la povert sua e di q[ue]lla chiesa: p[er] qualche aiuto di persone o d'altro. 4. Havendo ottenuto da Nfostro] S[ignore] gra[tia], che li canonici di Cattare, che non hanno se non 25 paoli di rendita all'anno possono servire in un'altra chiesa di S[anta] Maria di Fiume p[er] poter colle rendite di q[ue]lla sostentarsi, servendosi questa, e la cattedrale in diversi tempi, supplica come nel memoria! p[er] li canonici segnato A. 5. P[er] provedere a Pastrovichi Vfostra] Em[inen]za legga q[ue]llo, che ho notato sotto la l[ette]ra del Ves[cov]o di Cattare, segnata B.

166

, 4. Vili 1636. Korojjcjcujfedkz/n je 3.000 ~ . Em[inentissi]mi et Reverendissimi Sig[no]ri Monsig[no]r Vescovo di Cattare doppo lunghe fatiche, et molti disaggi patiti s in persona, et come anco del suo Capitolo, et missionarij di q[ues]ta Sacra Gang[regati]one ha finalm[en]te ridotto a felice stato, et alla fede Cattolica li popoli Pastrovichi al numero di tre mula anime, quale p[er] poterli maggiorm[ent]e allettare con q[ue]lla imica della entrata del suo Vescovato, quale non eccede cento ducati di camera, quasi mantiene un cotidiano hospitio di quella gente, che a giornata capitano. P[er] tanto supplica le Em[men]ze loro R[everendissi]me a ricompensarli il speso, et p[er] l'avenire supplicare N[ost]ro Sig[no]re di qualche pensione acioch possa maintenire la dignit Ep[iscopa]le, et sovenire q[ue]lli popoli nell'i bisogni loro, et il tutto. Quos Deus. SOCG, voi. 17, fol. 441r.

167
, 4. Vili 1636. 219. , 4. VIII 1636. , , . o 3.000 , .

262

263

6. Coovlen dar un poco di viatico al p[ad]re Serafino, acci possa ritornar colle risposte, che si dovranno dar al Ves[cov]o in tutti li sud[ett]i punti. 7. Si referisca il memorial segnato C. SOCG, voi. 17, f. 454v. O , , , 219. , 4. 1636. . 100 15 . O , , , , . Ref[eren]te eodfem] Em[inentissi]mo D[omino] Cardinali] Spada petitiones Ep[iscop]i Catharenfsi], Sac[ra] Cong[regatio] decrevit, ut infra. P. Oommendatis rursus diligintijs p[raesen]ti Ep[iscop]i in convertendo oppido Pastrovich censuit ad eum esse transmittenda esse scuta centum, ut saltem duos alterami ex clero, alteram vero ex Laycis eiusdfem] oppidi ad prastanda[m] S[anc'tissimo] D [omino] N [ostri] ofbedientia[.m] imttere facilius possit. 2 . S[ancti]tas Sua iussit dari memoria[m] Reverendissimo] P[atri] D[om%io] Datario instantiae eiusd[em] Bp[iscop]i de subsidio quod ei necessariufm] esise asserit, et per attestationem sui cleri confirmat, attenta tenui tate redditum Eccl[esi]ae Catharensis, qui non excedunt centum Ducats de Camera. 3. De magdstris conferendo f[ra'tr]i Seraphino Misercich Ord[in]is minforuim] Ck>nv[entualium] Sac[ra] Cong[regatio] iussit agi cum Emfinentissijmo D [omino] Cardinali] Lantes pr habenda eius Sententia. 4. Ed[ais]d[em] f[rat]ri Seraphino Ord[in]is minforum] Conv[entualium] scuta 15 decrevit pr viatico. 5. De grata, seu dispensai [io]ne, quam petunt 4r. Can[oni]ci Catharenfsi], v[ide]l[ice]t Mattheus Maich, Marcus Bucchia, Nicolaus Pasqualis, et Jacoibus Mexa, ut possint in eccl[esi]a S[anc]tae Mariae de flumine deservire iuxta Deeretum ab Sacfra] Cong[regation]e edi'tum die 11 7bris 1626 Emtinentissijmi P[at]res censuerunt, si S[anctissi]mo placuerit, petitioni o[rato]rum esse annvendufm], et in d[ict]a graftia], ac dispensatione exipedienda addenda[m] esse clausulam, quod sola signatura sufficiat, iuxta p[raedic]tum Decretum. Eod[em] die S[anctisi]mus D[ominus] N[ostr] Decretum Sac[rae] Cong[regation]is profoavit. 6. et postremo de missione Francisci de Leonardis cum titulo Vicardj Apost[oli]ci, et Joannis Tinini cum titulo misisionarij ad

d[ictu}m ^oppidum de Pastrovich. Sfantissijmus iussit scribi ad Archiep[i8eop]'um Antiibarensem ordinariuni d[ict]i oppidi Pastrovich pr habenda eius Sententia. Acta, voi. 12, f. 137v138r, N. XI. , .
'

Al Vescovo di Cattare Questa Sac[ra] Cong[regation]e si co'me con molta lode delle diligenze dd [!] Sfignoria] intese l'Unione del Popolo di Pastrovidh a questa S[an]ta Sede, cos ha decretato scudi cento, acci possi mandar un Eccl[esiasti]co, et un Laico a prestar ubbedienza alla S [arati] t di N [ostro] S[igno]re, la quale per sovvenir alle necessit di M, ha ordinato, che se ne dia mem[ori]a a Mons[ignor] Datario, come si far. Al P[ad]re Serafino ancora ha decretato scudi 15 per viatico, e quanto al Magistro che desidera, se ne tratter col Sfignor] Card[inale] Lanti procur[ato]re della sua Religione [...] Roma li 16 Agosto 1636. Lettere, voi. 16, f. 77v78r. All'Arcivescovo d'Antivari Essendosi nuovam[en]te unito a questa S[an]ta Sede il Popolo di Pastrovich, che si dice esser soggetto alla Giurisd[ition]e di V[ostra] Signoria], questa Sac[ra] Cong[regation]e giudica esser necessario mandarvi D[on] Fran[ces]co de Leonardis per Vicario Persona di lettere, ch'in questo p[ri]n[ci]pio potr istruirlo, e D[on] Giovanni Tinino per missionario; il che ha voluto communicare a V[ostra] S[ignoria], acci ne possa signare il suo parere, assicurandola, ch'ili d[ett]o D[on] Fran[ces]co potr esserle di molto agiuto massima[men]te per consultar le mat[eri]e Theologiche, et il d[ett]o Tinino p[er] insegnar a Giovanni molto sar a proposito. [Roma] 16 Agosto 1636. Lettere, voi. 16, f. 78rv. 8. X 1636 (. Lettere, voi. 16, f. 98r99r), de .

264

265

Al Sig[nor] D[on] Francesco de Leonardis Essendosi riuovam[en]te ridotta alia Catt[o'li]ca fede la Terra di Pastrovich, e trovandosi nelle Diocesi di Cattaro, e di Nona molti Scismatici, ch'anno bisogno d'agiuto per venire alla cognitione della verit, la Sac[ra] Cong[regation]e de Propaganda] Fide conforme aH'oblat[io]ne altre volte fatta da Vfostra] Signoria] di servirla in qualche Missione, gliel'h decretato nella forma, che vedr nel Decreto che le presenter D[on] Giovanni Tinino Sacerdote allevato qui in Roma a spese per lo pi della med[esim]a Sac[ra] Cong[regation]e, et assegnato a Vfostra] Signoria] per compagno, acci possa meglio servirla nella sudfettja Miss[io]ne, il qua! D[on] Giovanni dovr star sotto la sua ubbedienza, e far quanto da lei gli sar ordinato. E p[er]ch ella possa meglio servir in q[ue]sta Carica Apost[oli]ca le mando rinchiusa istrut[io]ne, conforme la quale si dovr governare, per esseguir puntualm[en]te la Santa mente della Sacfra] Cong[regatione]. Roma 8 Ottobre 1636. Lettere, voi. 16, f. 99vlOOr.

dovesse sino a nuovo mio a viso astenersi dal celebrare; mentre io credevo, che questo giovanile si venisse habilitando, sono avisato, ch'egli all'improviso si partito questa mattina, non si sa per dove. Se venuto a Roma probabile, che se la sia intesa con un tal sacerdote addimandato Don Antonio Bolonese, che li 'giorni adietro venendo dalla Bosna pass di qua per cotesta volta. Pu anche D[on] Andrea essersi trasferito in Ancona, dove intendo esser' un suo paesano per ritrovarsene al suo paese. Ho stimato mio debito dare a Vfostra] Em[inen]za pieno ragguaglio del tutto, baciandole le vesti. Di Loreto li 30 Agosto 1636. Di V[ostra] Em[inen]za Reverendissima Hu [mi'lissi] mo Ind [igmissi] mo Ob[li]g[atssi]mo Servo Pietro Martire Mulini , , . [ . . . ] D[on] Andrea Bogdani Albanese, il quale fatto sacerdote, e gi maturo nell'et per la necessit di quell'Anime del suo Paese, stato rimandato alla Patria dalla Sacra Congreg[atio]ne de Propaganda Fidef...] SOCG, voi. 16, f. 165rv, 167r.

168
, 30. Vili 1636. , " ycneo da . . Em[ineritissi]mo Sigfnor] Cardfinal] P[at]rone Em[inentissi]mo, e Reverendissimo Sig[nor] P[at]rone Ool[endissi]mo Con .mie littere dell'ultimo di luglio io scrissi a Vfostra] Em[inen]za, supplicandola di concedere licenza a Don Andrea Bogdan Albanese sacerdote, di tornar' a casa sua, attesa, che in capo a sei anni di stanza in questo Colleg[i]o Illirico, havendo fatto pochiss[im]o profitto nelle lettere, era anco stimato incapace dal Rettore d'apprendere alcuna cosa di vantaggio. Hebbd per bene d'accertarmi di poi, se realm[en]te era in tale stato d'ignoranza, et d'incapacit, e lo feci condurre, et essaminare alla mia presenza, e lo trovai non solo lontanissimo dal sapere quelle cose, che sogliono sapere tutti i sacerdoti, ma anco ignorantissimo di quelle, che san[n]o comunem[en]te i Christiani Idioti, non havendo in part[icola]re delli dieci precetti del Decalogo altra no'titia, che del primo. Ond'io hebbi per bene di essortarlo ad'applicarsi allo studio delle materie necessarie a sapersi da un sacerdote, et fra tanto gli dissi, che

169
, 12. XI 1636. da o u . . da, y , . 25.000 , . , . Mons[ignor] Reverendissimo Incoii inclusa Roma M[ol]to I!l[ust]re et Reverendissimo P[ad]rone Coleind[issi]mo Pi spesso non faccio scriverci a Vfostra] Signoria] R[everendissi]ma, ma il luogo, dove mi ritrovo, e la distanza di esso non

266

267

lo p[er]mette, patienza s'appaghi della mia buona volont, e del desiderio grande ho sempre di servirla, e co[n] tal'occas[io]ne gli auguro le buone feste del Natale di N [ostro] Sfignore] con u buon capo, meglior mezzo, e ottimo fine dell'Anno futuro, pregandola a ricever q[ues]to uffitio cordiale che da un suo S[ervito]re se li augura con ogni effetto. Di nuovo per q[ues]te parti altro non vi solo, che per di timore de Turchi, sperando essi destruggere, e scacciare dal Principato di Transilvania Giorgio Ragoty, e portare Bettelem Stefano, al Dominio di esso, si vive in grandissima vigilanza .p[er] ordine di S[ua] M[aest] C [esarea], qual intima a tutti sette questi Gomitati, che tutti li Baroni, e Sig[no]ri eschino fuori in campo e defendino li Confini d'Ung[heri]a Sup[erio]re, p[er] il che agni comitato difende li suoi confini, invigilando nelli suoi Padiglioni, o tentorij di giorno, e di notte p[er] aspettare il fine del seguito di esso Turco contro il Regno di Transilvania. Per l'ultimo di Settembre venne il Bassa di Buda, detto il Vexerio con d[ett]o Stefano Bettelem Gabor con la comitiva di 25 mila Turchi p[er] esser Prencipe di Transilvania, onde avanti che giungesse nelli confini di Transilvania il Prencipe co[n] il suo G[e]n[er]ale se l'oppose con Tartari, Polacchi, e Ungari, andandogli in contro d[ett]o G[e]n[er]ale Sigismondo Gornis ottimo difensore della n[ost]ra S[an]ta fede, et il Prencipe rimase in Varad p[er] aspettar il successo del fatto, p[er] li 3 di ottobre incominci a combattere tanto coragiosam[en]te, che rimasero morti duoi mila Turchi daU'hora di mezzo giorno sino a notte, et altre tanti fatti schiavi p[er] q[ues]te fortezze di sette Comitati d'Ung[heri]a, no[n] sapendo come inesperti del paese dove fuggire, e riconcentrarsi p[er] salvarsi, e p[er] timore fugendo, e tenendo alcuni animali vociferare di notte, stimorno, che fossero Ungari usciti fuori de Padiglioni d'Ung[heri]a p[er] difensione di d[ett]o Prencipe, sich si ritorn in una Isola, da una parte di essi erano circondati dall'acqua, e dall'altra dall' inimico, sioh si oominciaiva a raggionar di pace, et il dfetto] Bettelem, quasi sorridendo scrive latino (culici percuntienti Leonem nunquam bene erit), e tra pochi giorni accrescendosi il numero molto pi de quaranta mila Turchi, quali p[er] la mutatione de tempi, e p[er] il gran ostaculo di esso Prencipe aiutato anco da Ungari p[er] ordine di S[ua] Mfaest] C [esarea], quale p[er] la presente strage de Turchi scopre fraude, ordina di pi, che tutt'eschino fuori, e gioveni, e vechi, sotto la p[er]dita de beni, affinch esso Turco impadronandosi sotto co[m]p[os]ta di portar altro a quel principato di Transilv[ani]a n[on] si impadronischi in puoco progresso de tempo d'Ung[heri]a p[er]ch inter duos litigaintes tertius gaudet, e volendo il Turco haver despotico dominio di Translv[ani]a, S[ua] Mfaest] C [esarea] n[on] acoosente p[er] appetenersi a lui la confirmat[io]ne, hora si sta su l'aviso, e se prima haveva ordinato, che p[er] esser l'uno, e l'altro Ungaro, n[on] si accetasse n il Prencipe n Bettelem Stellano], hora aderisce a d[etto] Racotio per contiguit del Regno, il G[e]n[er]ale di Cassovia, e Giudice della

Camera regia e fuori in campo, e p[er] queste parti hora sono tre esserciti: il primo di S[ua] M[aest], il 2. del Prencipe di Trans[ilvanija, il 3. di Bettelem, nell'infrascritta 'guerra dei-li Ungari son morti 125, in q[uesto] primo principio, l'Ungari sono vincitori p[er] l'avenire si teme p[er] la gran multitudine de Pagani pure hora principiando l'Inverno si ritirando p[er] quanto si giudica, essendo solito di loro p[er] S[an] Demetrio ritornare, si tratta la pace dal Palation, Dio benedica] sij quello, che la ponghi quanto prima, p[er]ch se prima era difficile a cattolici il vagar p[er] Ungaria, hora mpossilibitissirno p[er] il gran odio c[he] .portano li n[ost]ri contrarii, vedendo, che buona parte de principali vengono alla S[an]ta fede, et in conseguenza tra boschi, e deserti vengono spogliati, uccisi, e delusi, se non li possono resistere, lascio il tutto al giud[iti]o di Vfostra] Signoria] Reverendissima, alla q[ua]le di pi fo sapere, che li altri 3 compagni sono tanto distanti da me quanto Lei da Venetia, e Roma, anzi pi, e tutti in diverse Provincie a fatigare nella vigna del Sig[no]re Iddio, appena posso havere un minimo verso securo p[er] il rispetto, che le l[etter]e devono passare p[er] tante mani, e me creda che di gi verso ad un anno, che p[er] q[ues]ti paesi si vive in sospetto, che li nostri contrarii non insorgano contro Cattolici p[er] il gran presente rumore de Turchi, de quali Iddio ne liberi. La supplico p[er] charit rimetter l'acclusa p[er] la .posta di Macerata, e volendomi gratificar di resposta l'invii al P[adre] Bonaventura da Genova Miss[ionari]o p[er] qfueste] parti appresso rEminfentissimo] Card[ina]le Pasman, e p[er] fine humilm[en]te le bacio le mani. Di Seredgno li 12 Novembre 1636. Di Vfostra] S[ignoria] R[everendissi]ma Humiliss[imo], et oblig[atissi]mo Ser[vito]re sempre fra Pietro da S[an] Angelo di Fermo Dominican Con[ventua]le di S[an] Fran[ces]co.
SOCG, voi. 79, f. 145rv, 151v.

170
, 24. XI 1636. , , o " , . Resta a questi tempi il fertile, et amplissimo Contado di Zara quasi tutto intiero occupato da Turchi parte nella guerra, che fu

268

269

l'anno 1537, e parte in quella del 1570. si che la Citt non possed altro, che gli estremi liti del mare, o puoco di vantaggio, come nel dissegno della linea rossa, et dalla diversit de collori, con quali segnato si potr vedere. Quelle Ville, che sono nella n[ost]ra Giurisd[itio]ne sono sufficientem[en]te provedute di buoni Parodii, quali ricevendo quotidiane instrutt[io]m, et eccitamenti nelle cose appartenenti il loro ministerio, servono assai bene alla cura delle anime, anzich ne sentono beneficio le Ville convitine del Paese Turchesco, che tal'una non pi distante di doi, o tre miglia, et per la vicinit vengono alle messe, et al sentir la parola di Dio. Nel paese Turchesco sono quaranta otto Ville, oltre alcuni Borghi, habitate da Morlachi christian del rito Latino, che fanno un numero di 14 m [ila] anime in circa, e si entra poi nella Provintia di Licca di l deli Monti della Morlacca, ove quantit molto magg[ior]e di Ville, et habi tanti del rito Greco, nei quali regna tanta ignorantia di tutte le cose, che ristessi Pretti loro, dalla sola osservanza del rito in poi, non sanno dir pur4ina parola del'li dogmi della fede; onde chi con prudenza, e desterit s'insinuasse tra di loro, et non biasimando il rito, andasse instillando pian piano le cose necessarie alla salute, riuscirebbe sicuram[en]te di gran profitto. [...] Se le cose si riducessero a segno, che dalla dispositione di un solo dipendesse la sopraintendenza della cura d'anime di tutto il Contado, che io ristringo nelle quaranta otto Ville, et Borghi, che gi ho detto inviarne occlusa la nota col n[ume]ro delle anime di ciascheduna, aion solo sarebbe a bastanza <proveduto alla cura di esse, n vi sarebbe bisogno di altri Predicatori, o Missionarij, ma questi Parochi stessi colla vicinit alle Ville pi a dentro nelle Provintie di Licca, et di Corbavia, tutte del rito Greco, che sono moltissime, potrebbero insinuarsi, et instruirli nella fede con singolarissimo profitto, et senza alcun disconcio [. . .] Nota delle Ville, che sono nel Contado di Zara, tutte soggette a Turchi, compresovi quelle, che nel spirituale erano soggette all'Arcivescovato di Zara, et alii Vescovati di Nona, Tnina, et Scardana; in oltre il numero delle anime de Christiani di rito Latino, che in cad[aun]a di esse Ville si ritrovano, et li Parochi, da quali sono officiate. Sotto il Castel di Tin II Borgo del d[ett]o Castello i n c[ir]ca Gorizza . . . . in essa Hraschiane . . . . . . Percos habitato da Turchi: . . . in esso anime christiane . . . . . . . anime christiane in c[ir]ca . in essa anime in c[ir]ca in essa anime in c[ir]ca

Buibgnane in essa anime in c[ir]ca . . 250 Vlissane in essa anime in c[ir]ca . . 120 Berchgliazzina Polazza . . . in essa anime in c[rr]ca . . 200 Alii stte 'luochi predetti serve per Parocco P[ad]re S'teffano Subotich, ridotto alla cond[itio]ne degli altri Parochi, che sono nel Territorio possesso dalla Citt di Zara. Sotto Zemonico, terra haibitata da Turchi, ove hanno la Moschea, et fu altre volte Parochiale di Zara, cinque miglia soli distante dalla med[esi]ma, vi il Borgo, et le seguenti Ville habitate da Christiani del rito Latino, cio: . II Borgo della detta Terra . . in esso anime in c[ir]ca . . 260 Camegnane in essa anime in c[ir]ca . . 150 Podbargiane in essa anime in c[ir]ca . . 160 80 Starossane Superiori . . . in essa anime in c[ir]ca . . 50 Starossane Inferiori . . . . in essa anime in c[ir]ca . . Percos grande in essa anime in c[ir]ca . . 180 Sotto Isiam, Polissane, et Suhovare, Castelli habitat! da Turchi, sono Borghi, ove habitano Christiani di rito Latino, et fanno anime in c[ir]ca 500 Doi Ville sotto li nied[esi]mi Castelli, habitate pure da Christiani, cio: : 300 Cassich in essa anime in c[ir]ca . 180 Bigiiane in essa ani>me in c[ir]ca . Tutti li luochi suidett sono officiati da Fra Gieronimo da Imota fratte del Monasterio di Vissovaz vicino a Scardona. Venso il Banatioo pi a dentro del paese turchesco sono l'infrascritte Ville, habitate da Christiani del rito Latino: . 120 in essa anime in c[ir]ca Corlat . 130 in essa anime in c[ir]ca Boista 60 Abbatia in essa anime in c[ir]ca Le sudette tre Ville sono officiate da P[ad]re Gregorio Cassiuncovich. Harlichi Milohanich Bucvichi Carsulovci Colarina Useazze Bogosaglci .in in in in in in in essa essa essa essa essa essa essa anime anime anime anime anime anime anime in c[ir]ca in c[ir]ca in c[ir]ca in c[ir]ca in c[ir]ca in cfirjca in c[ir]ca . . . . . . . . . . . . . . 150 160 90 200 160 170 300

230 400 250 100

270

271

Le sudette sette Ville sono officiate da P[ad]re Gregorio Chersulovich. Bulichi in essa anime in c[ir]ca . . 200 Vussichi in essa anime in c[ir]ca . . 250 Dogliane in essa anime in c[ir]ca . . 50 Qui cominciano le Ville del rito Greco, e la confinante in distanza di un miglio alla sudetta di Dogliaine, la Villa di Vulagevci con anime c[ir]ca doicento, hanno preti del rito loro. Miragne . . . in essa anime del rito Latino in circa . . 400 Zegar in essa anime in c[ir]ca . . 600 Mocropoglie in essa anime in c[ir]ca . .. 400 Plavno . in essa anime in c[ir]ca . . 500 Pagene in essa anime in c[ir]ca . . 300 Zagrovich in essa anime in c[ir]ca . . 300 Butnschizza in essa anime in c[ir]ca . . 200 Chistagne in essa anime in c[ir]ca . . 500 Queste sono sotto il Vescovato Tiniense, si passa poi in Licca, ove sono tutti del rito greco, s'attrovano ivi pi di settanta luochi habitat! da Turchi, et li Morlachi Christiani fanno loro i Borghi d'intorno. Verso Scardona dalla Villa di Bulichi in Levante, sono le seguenti 'tre Ville, habitate da Christiani del rito Latino, cio: Meggiane in essa anime in c[ir]ca . . 30 Naplastovo in essa anime in cfirjca . . 150 500 Rupe in essa anime in c[ir]ca Intorno Scradona sparsi iin diverse habitationi sopra possessioni de Turchi sono c[ir]ca trecento Case, et in esse anime c[ir]ca . 1.000 Intorno Vurana, terra ha'bitata da Turchi sono le seguenti sei Ville, ove stanziano Christiani del rito Latino; le tre prime di special ragione di Halil Bei, et le tre altre d'Ibraim Bassa. Ceragne in essa anime in c[ir]ca . . 250 Pristiga grande . . . . . in essa anime in e[irjca . . 220 Pristiga piccola in essa anime in c[r]ca . . 60 Dobra vada in essa anime in cfirjca . . 300 Stamcovci in essa anime in c[ir]ca . . 400 Boinevci in essa anime in c[ir]ca . . 360 A tutte le sud[ett]e vinti Ville, compreso il numero delle trecento Case 'sparse intonno a Scradona serve p[er] Parocco fra Pietro Dongiarcevich fratte pur del Monasterio di Vissovaz nonostante che da tal Villa all'altra siano giornate intiere di distanza.

In Buccovizza, che uno delli Monti magg[io]ri della Morlacca sopra il Mar Adriatico, sono le seguenti Ville, habitate da Christiani pur del rito Latino, cio: Popovichi in essa anime in c[ir]ca . . 600 Canpote in essa anime in c[iar]ca . . 400 Zuzzule . . . . . . . . in essa anime iin c[ir]ca . . 150 Farcichi in essa anime in c[ir]ca . . 200 Arvenich in essa anime in c[ir]ca . . 500 Nelle sud[ett]e conque Ville serve Parocco fra Zuarane da Vissovaz. Tutto il t[erito]r[i]o dal fiume Titio sino alle Montagne di Lica, possesso da Turchi, non ha altro, che sei soli sacerdoti alla cura dell'anime Christiane, cio: P[ad]re Steffano Subotich, sette luochi, et in essi anime . 1.550 Fra Andrea da Imota, nove luochi, et in essi enime . . 1.860 Fra Gregorio Cassivucovich, tre luochi, in essi anime . . 310 P[ad]re Gregorio Chersulovich, sette luochi, in essi anime 1.230 Fra Piero Dongiarcevich, vinti un luoco, in e!ssi anime . 6.970 1.850 Fra Zuanne da Vissovaz, cinque luochi, in essi anime . . 6 Sacerdoti 51 Luoghi 13.700 Anime . . . . . . . . . . . . . . . . . . Se mi sar cortese d'aviso solo della ricevuta delle presenti, lo ricever a gratia singolarissima, e bramare- sempre l'honore de suoi commamdamenti, in tanto riverentissimo le bacio le mani. Di Zara a 24 Novembre 1636. Di V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma, et Rev [erendissijma H'umilissimo et Devotissimo S fervito] re Vincenzo Foza Vicario G[enera]le.
SOCG, voi. 268, f. 434r447r.

272

o
171

273

, 4. XII 1636. , , " . o , , , a ". Ill[ustrissi]mo et R[everendissi]mo Sig[nor] et P[at]rone mio Col[endissi]mo Vengo con la presente par la confidanza, che io ho nella benignit di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma, et nel suo santo zelo dalla gloria di Dio, et aiuto dell'anime ad esporre lo stato miserabile della mia Patria Servia, nido de scismatici, e quello, che peggio de crudeli Turchi insieme, principali nemici della nostra Santa Religione, la quale adesso massime va a poco a poco cadendo per terra, et ogni giorno via pi mancando, parte per la carestia de Parodii, poich adesso non se ne trovano, se non 3, o 4 in tutta quasi Provincia, et quelli anche sono forestieri : e parte anco per la poca cura del Pastore, overo Vescovo, il qual'essendo di diversa natione, et quello pi importa di diversa lingua, si che ne esso il linguaggio intende del Paese, n da quello inteso, et sin hora mai stato in visita essendo molto discosta Albania, nella quale lui dimora, della Servia miserabil Patria mia, la testimonianza certa di ci la fa Messo Visitator Apostolico, quale scrivendomi ultimamente, si lamenta gravemente della poca cura del Vescovo, dicendomi, che io debba avisare quanto prima Vfostra] Signoria] Illfustrissi]ma quanto ne possa; Sono anco testimoni] Messi Christiani, seicento case de quali, questo presente anno hanno haband[on]ata la nostra Santa Fede, et si sono date alle mani del diavolo facendosi tutte parte scismatici, e parte Turchi, cos lo scrive istesso Visitator Apostolico D[on] Filippo Stanislao Bulgaro, non per altro se non per la carestia de Parodii, e poca cura del Pastore, del che puoi racoglier Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma quanto bisogno nel quel' infelice Paese del'aiuto de sacerdoti. Hora non essendovi stato sin'hora niun sogetto proprio di quella natione in questo Collegio, se non io, non per li miei meriti, ma per gratta, e misericordia di Dio, e bont de superiori; intendo, che doppo la mia partenza il Monsig[no]r Arcivescovo pretende di metter uno della sua natione, e fare, che questo unico luogo di Servia se ne perda, la quale pi, che ogni altro Paese ha bisogno de sogetti, dalli quali fosse instruita in qualche 'modo, acci non vadino tutti seguitando le prime case nello scisma, il che si sarebbe grand'ingiuria, et a Dio, et alii huomi, et ingiustitia universale, essendo che della loro natione sono 4, o 5 in questo Collegio, et

di nostra un solo, et questo ancora, si pretende, che ci sia tolto, e dato alii altri, quali ne centesima parte tanto hanno di bisogno 'de Sacerdoti, quanto il nostro, come si vede in fatti. Nel che prego Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma come quello, che ha riguardo al ben pu'blico, et massime a quello, che apartiene alla Santa Fede, e che vogli provedere in questo caso, facendo, che non sia defraudate la Provincia di questo luoco, la quale meritamente dovrebbe havere tre, et quattro per la necessit grande, con tutto ci, havendone un solo, che sia priva ancore di esso, et rassicuro, che se si lever, et perder questo luoco risulter in grand' ingiuria di Dio, et molte enime, che per questo si sarebbono salvate endarenno in perditione come le sei cento case. Con che facio il fine bramandoli dal Cielo ogni felicit, et li baccio reverentemente le vesti.
-" ' ' ' ' " "

Di Loreto 4 di De[cem]tore 1636. Di Vfostra] Sfignoria] llfustrissima] et R [e ver endissi] me Huanilissimo, et Devotissimo Serfvitojre Metteo Metich Serviano Alunno nel Collegio Illyrico. Ha , o . ne , , , ". . Io non ho bene inteso la l[ette]ra di Vfostra] Sfignoria] p[er]ch se parla del Regno di Servia, nofn] dice il vero, che non sia stato visitato, havendo in una visita distilitissfim] a e pi acurata di quella di Monsfignor] Massarechio bfeatae] mfemoriae] dal pfrese]nte moderno Arcivescovo d'Antivari il qua! sa ambe le lingue Albanese, et Illyrica et anche la Turca, et ha mandato a chiamer il Bogdani pferjch l'aiuti, e vorebbe altri sacerdoti. E quanto el luogo, ch'ha la Servia in cotesto collegio Vfostra] Sfignoria] non dubiti che il dfett]o Arcivesfcovo] faccia torto alii nativi di q[ue]l Regno p[er]ch oltre, che stante la Bolla nofn] pu nofmjifnjar altri, egli p[er]sona giusta, che nofn] vorr pfrejgiudicar la sua chiesa. Se poi parla del Ves[cov]o di Soffia, come mi par voglia dire mentre fa mentione dello Stanislao: quel Vesfcovo] vecchio, ed frate e bisogna p[er]ci haver patienza sinch vive. Intanto si ander p [re] vedendo cofn] le miss[ion]i di voi altri Alunni, come s' fatto dello Stanislao. Vfostra]

274

173

275

Signoria] intanto si dichiari meglio, acci lo possa intendere, e poi no[n] creda tanto allo Stanislao: p[er]eh appassionato troppo co[n]tro il Ves[cov]o di Soffia, e contro li frati Bulgari.
SOCG, voi. 16, f. 298rv, 301v.

, 1636. da o MUCUJU . , , ." , . . , . . .

172
, 5. XII 1636. 20 , ". Ill[ustrissi]mo et R[everendissi]mo Sig[no]re Dopo che arrivai a Zara, intesi .che il Sigfnor] Leonardis era tornato de novo a Venetia, onde io subito li scrissi come, che ero arrivato a Zara con le lettere della Sac[ra] Cong[regatio]ne di P[ropagan]da Fide, e poi usus fui bona fide, me ne andai al Vescovo di Nona; acci me ne impiegasse in qualche negoto p[er] non stare otioso a Zara, fino, che vienga da Venetia il mio colega, quale Vescovo mi mand ad una Villa, nella quale v'erano vinti anime, non Scismatiche, ma heretiche, quale con aiuto dello Spirito Santo ho reddotto tutte alla verit Catholica, et ne ho confessati molti, quali mai l'havevano confessati, con patto per che osservino il loro rito antigo, come il tutto V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma intender presto dalle informationi del d[ett]o Vescovo. Dopoi, havendo accomodato il tutto, ritornai a Zara alii 2. di Decembre,_et subitto ricevi le lettere dal Sig[nor] Leonardis scrittemi alii 18. 9ibre, nelle quali m'havisava che fra li dieci di Decembre sarebbe stato a Zara, dove io l'aspeto con grandis[si]mo desiderio, acci andiamo verso Catharo. Li miei parenti mi sono venuti a visitarmi con molti presenti di cose manggiative, e assigoro V[ostraJ Signoria] Ill[ustrissijma che, se havessi dove, ne tiraria a me fra Turchi, e Scismatici almeno cinquanta famiglie [...] Da Zara adii 5 Decembre 1636. Di V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma et R [everendissijma Humi'lissirnQ Servitore et 0blig[atissi]mo quanto figliolo al padre naturale Don Giovanni Tmindo.
SOCG, voi. 268, f. 357rv.

Alcuni Serviani Schismatici essendo afflitti dalli Sangiacchi, e Spai Turchi perci si ritirorno nella Prov[inci]a de Clementi, e anco minaciorno essi Schismatici a detrahere a S[ua] Beat[itudi]ne, il che udendo li Clementi tanto si sdegnorno che subbito intimorno ad essi Serviani che sotto pena grave non dicessero male del Sommo Pontefice, e subbito si partissero dalla loro Prov[inci]a. Li Turchi, e Schismatici molto temono la maled[itio]ne di noi altri fr[at]i, e perci li Turchi s'astengono da dir male di noi. Il P[ad]re Cherubino n[ost]ro Compagno ha ordinato, nel pred[ica]re, alii Catholici che non conversino con Schismatici, p[er]ch essi sono scomunicati, con schismatico principio. Si trov ad essa predica, onde sparse voce fra Sudi che quel P[ad]re gl'haveva maled[ett]o tremavano dicendo, tfut]te le n[ost]re cose anderanno male p[er]ch il fr[at]e c'h maled[et]ti. Vedendo predetti Scismatici, che non conversavano con loro, sono andati dal Cad giudice Turco lamentarsi contro Catholici, pferjch non conversano con loro, hanno risposto li Catholici, che essi sono scomunicati dal S[an]'to Papa, e che sono huomini scandalosi, e p[er]ci non volevano n pa[rlare n] praticare con loro, esso Cad ha datto ragione a Catholici. Hora li Scismatici molto [fanno] p[er] havere la bened[itio]ne da d[ett]o P[ad]re, quale non haverano mentre non si convertono. Il Patriarcha di Constantinopoli ha mandato in Albania p[er] havere denari dalli Latini, inviando perci un metropolitano, sono ricorsi li Latini all'Aga di Scutari, quale ha prohibito il dare denari al Patriarcha dicendo Latini non hanno che fare col Patriarcha di

276

175

277

Oonstantinopoii, sono sotto il Papa di Roma, quando il Papa verr in Albania o mandar p[er] haver denari ad esso Papa li diano. Fra Bonaventura da Pallazzuolo Riformato Min[ore] Osservante] Prefetto Apost[olic]o delle Missioni. SOCG, voi. 263, f. 43r45v.

1636.

.
Em[inentissim]i et R[everendissi]mi Signori Frate Serafino Missercio di minori Coventuali anni sono mandato fu in missione nelli confini di Turchia diocese di Cattare, quale doppo continuate fatiche, et duplicati viaggi per Roma in servitio di q[ues]ta Sacra Congregatione, et di quelle anime molte delle quali p[er] op[e]ra di sud [etto] Padre sono state convertite alla fede Cattolica, come pi a pieno consta p[er] le fedi autentche di quel Vescovo. P[er] tanto si supplicano le Emi[nen]ze loro a spedir sud[etto] Oratore, et provederlo del viatico del quale ne ha grandissimo bisogno, e il tutto est. Quos Deus. SOCG, voi. 17, f. 459r.

174

, 1636.

da .
Ill[ustrissi]mo et R[everendissi]mo Signore] Non vengo personalm[en]te p[er] non incomodarla pi ma dubitando non haver rimesso nel memorial di Pastrovichi che li 100 Scudi asignatili p[er] viatico al'Amb[asciato]ri fossero dati a quelli che sono ari vati fino Ven[et]a, et per causa d'haver speso con indebitarsi ancora et per esser tra di essi il R[everen]do Joseph dimandato p[er] Vesc[ov]o con il suo chierico gli soccorrebbe la vita che le servera per novo ritorno per condursi a Roma, et altri doi essendo li principali et autnorevoli sarr p[er] ogni modo bene farglien'havere come di ci anco le scrive rill[ustriss]mo Nuncio di Venetia il tutto ricever dalla gra[tia] di Vfostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma et R[everendis]ma. Quam De is. Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma et R [everendissi]ma Div[otissi]mo et ofo[ligatissi]mo Ser[vito]r II Vesc[ov]o di Cat[tar]o. SOCG, voi. 397, f. 88r.

176

, 24. I 1637.

da . o .
ril[ustrissi]mo, e Reverendissimo Sig[no]r P[ad]rone Col[endissi]mo II rigore della stagione] ma ha trattenuto sin'al p[rese]nte; hora ch' raddolcito il tempo, et riesce alquanto trattabile, dimani piacendo al Sig[no]re, havuta la benedittione dairill[ustrissi]mo Mon[signor] Nuncio m'imbarcar. Questa dimora non a stata totalm[en]te infruttuosa; poich'in questo mentre mi sono informato di diversi particolari riguardanti le conditioni et qualit di Pastrovichi, et ho scoperto ale [une] difficolt, le quali a suo luogho mentre l'haver pratticate conferir a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma et di gi le ho comunicate con sud[et]to Mon[signor] Nuncio, da cui ho riportato avvisi, e documenti m[ol]to salutari. L'opera di Dio, -intemt [amente] mia indrizzata a sua maggior gloria; nel resto ne segua quell'effetto, che vuole, che procuralo sempre risegnarmi intieramente al suo santo volere. Ho fatto la

278

o
177

279

ricevuta della pirovis[ion]e, se bell'ancora non ho havuto li danari, l'attendo per dimani. Mi raccomando alle sue orationi, e li bacio divotam[en]te le mani. Yenetia li 24 Gennaro 1637. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustdssi]ina, e R [everendissi] ma Dev[otissi]mo, et o>blig[aitissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis SOCG, voi. 18, f. 357r.

15 23

130 144
40 15

300 100

7
18 11 15

40 81 40
5

60

300
!

, 1. II 1637. o . , , a , , .

\ 1

110
5

20

Mecrc

8 . 50 300 . 10 . . 8 . . 10 . . 15 .
40 10

1 \ }

12

106

50

300

. . 50 , 300 .
20
16 30 30

120
60

27


20

130

200

19

280

o
300

281

10 27 20 20 40 30 30
25 20 80 40 20 30 244 130 900 200 100

30

300

50

500

2 2 500
15
2.000

140

700

( )

10. 300, 900.


25

105

16 10 10 10 20
15 15

60

270

30

230

20
15

20 10

Emineti(se[m]i Sig[n>o]ri Havendo io fra Santo da Spaiato Missionario caminato con gran pericolo per le parti di Dalmatia, et Albania sotto il Turco per veder ove bisogno di Sacerdoti, per aiutar s)piiritualm[en]te li christiani, e convertire gli sismatici, ho trovato prima. 1. Che in Castelnovo logo della diocesi Tribunense vi una sol chiesa del titolo di S[an't]a Ana di chatolici, et quella minacia la ruina. Et ivi sono altre doi de sismatici: cio S[ant]a Maria, et San Sebastiano. 2. Alla chiesa de sismatici vi assiste continuamente un prete sismatico: Ma a quella de chatolici non vi assiste curato alcuno: Et quello che ho potuto apprender dal 1612. in q[ua] non vi stato ivi curato alcuno: Ma solo talvolta quelli poveri christiani inter[ve]ndo alii Vescovi di Cataro sono stati confessati, et comunicati p[er] Pasqua solamente. [I] padri di S[ant]a Maria di Scoglieto dell'ordine di San Francesco de minori oss[ervan]ti. Et q[uesta] Pasqua prossima

282

283

passata non hanno havuto n messa n administratione [dei Sacra] menti. Et perch in Casitelnovo dificlissimamente potria stare paroco forestiero] suplicano serva sacerdote, che fosse messo a Xainica contentandosi di contribuire [...] l'elemosina secondo la capacit, et possibilit loro. 3. Li christiani di Castelnovo sono poveri, et vivono di industria. Et non sono pi di [12] case in circa, et anime 106 in circa. De sismatici intorno a Castelnovo vi sono [...] case 50, et anime aravano insino a 300. 4. Io in Castelnovo mi son fermato giorni 12, celebrando, e predicando ogni matine, ho dato il Jubileo ivd; ho confessato et comunicato in quello da 50 persone, et havendo radonato p[er] il jubileo lire 28. Ho dato ordine, che [per] tal elemosina sia comprato un missale Romano, non riavendone la chiesa [...] 5. La chiesa di Castelnovo ha 4 pezi di terreno, uno delti quali, et principale le inp[.. .]naito ad un Turco per 100 reali. Et doi di quelli sono dati al livelo, uno p[er] 4 lire, et altro per 6, et il quarto sta incolto: Per non ho mancato di persuadere a quelli christiani di farlo pastinare, et con quelle entrade subvenire al Paroco, che sar per tempo ivi; et mantenere la chiesa delle cose necfessarie]. Et acci meglio, et con maggior diligentia le sopradete cose possine metersi [...] gli ho persuaso di eriger la confraternit di S[ant]a Ana nella deta loro [...] et cos suplicano ap[press]o il n[ost]ro Sig[no]re p[er] la matricola, per li privilegi], et [induljgentie, che ha la confraternita S[ant]a Ana dentro di Roma. 6. Li abusi, che in Castelnovo vi si ritrovano sono qusti, che li morti de cartolici] sono sepolti dalli sismatici, moiono senza estrema untume, et senza [...] Sacra[menti,]non sano, che cosa sia il Sacramento della confirmatione, li figlioli loro sono ba[te]zati dalli sismatici, matrimoni] loro sono similmente celebrati dalli sismatici, et tutto ci proviene, p[er]ch non hanno il loro paroco, per. 7. Con ogni riverente modo gli si espone qualmente in Roma vi un iovane studente, et sacerdote ivi in Roma chiamato per nome p[ad]re Zuane, figliolo de Mitro Zorzi Nichicich, et questo potria liberissimamente in Castelnovo esercitar cura dell'anime, essendo quello, et il suo padre di Castelnovo. 8. Havemo inteso che il p[ad]re Min[ist]ro de min[o]ri ess[ervan]ti a peticione della Ser[enissi]ma Republica di Venetia habi messo un prete a Xainica per la cura di quel intorno delle anime, il quale quantunque cum niagibus comodit servir a Castelnovo che li p[ad]ri di S[an]ta Maria di Seoglieto tutavia quel tal prete saria di magior necesit in Castelnovo. Li vi'lagi di Castelnovo, li quali sono Trebesichi, Chameno, Brazcovichi, et molti altri, nelli quali vi stano tutto sismatici p[er] causa dei pericolo, et p[er] non rendermi sospeto alii Turchi non ho potuto visitare. -

Da Castelnovo caminando per la riviera del mare sotto il Turco, ma diocese Catarense, et andando inver Risano vi si ritrovano le seguenti vile, et p[rim]a [...] di Michovichi nella quale vi sono da 50 case tra Turchi e sismatici vi sono in quelle da 300 anime in circa. Seguitano poi Baovichi ove vi sono da 20 case in circa, et anime 130, per tutto sismatici; et ha una chiesa dedicata ad onore di S[a]n Nicolo. A Baovichi vi vicino Bila, nella qua! vila vi sono da 30 case de sismatici divise p[er] quella vale. In questo vilagio vi una sol casa che fa alla Romana. In questa casa vi sono da 16 anime incirca, et del Conte; et p[er]ch l'ho ritrovato, che n le vigilie, n meno le feste osservava secondo il tempo, non essendoli enunciate gli ho detto, che le vigilie, et le feste oservase almeno secondo il Kalendario antico: ma che nel resto servase tutto quello, che osserva la S[ant]a Chiesa Apostolica Romana: et questo anco p[er] molti altri pericoli, che egli diceva incorer non confrontandosi col digiuno, et con le feste con li soi vilici, et locali, li quali sono tutto sismatici. Sopra questa vila sopra il monte vi Crusseviza, nella quele vi sono in n[umero] 30 case in circa tutto de sismatici. Andando poi p[er] la riviera del mare vi si ritrova vila di Josica, ove vi sono case n[umero] 5 de christiani, et anime 20, de sismatici vi sono doi sol case, nelle quali sono da 19 anime. In questi tre vilagi, cio Bila, Crussevica, et Josica vi sono 3 chiese, una vi dedicata ad honore di S[a]n Pietro, altra ad honore di S[ant]a Ana, et la 3a. di S[ant]a Domenica. Questi vilagi sono dati dal Ill[ustrissi]mo Vescovo di Cataro in cura al p[ad]r fra Serafino da Liesioa. A questo vilagio vi vicino il vilagio della Ser[enissi]nia Republica Veneta chiamata Jurichi di case 15 in circa, et d'anime 130, et ha doi chiese. Incontro a queste doi vile, Josica, et Jurichi oltra il mare mezzo miglio in circa vi pur sopra dello Stato della Ser[enissi]ma Republica un vilagio detto Lepetane, qual vilagio paga 12 ducati p[er] dodici messe che li vengono dette al anno, et fano le spese a quello, che vien di celebrare. 6. Per qui si ricorda all'Eminenze loro, ohe in questi vilagi Bila, Crussevica, Josica, Jurevichi, et Lepetane stana bene un curato nella vila di Lepetane, qual stando ivi potria bene atender a questi vilagi, et a queste anime, et con magior como[dit] sariano servite di quello, che secondo il presente sono servite da pi curati li quali tutti stano in Perasto. Contribuiscono questi vilagi chi una cosa chi un'altra tanto, che potria viver il paroco, et magiormente contribuiriano se si vedessero paroco vicino, et assistente, et tutto ci sta in ordinatione, et dispositione deirill[ustrissi]mo Vescovo di Cataro. Lepetane dano come di sopra Jurichi, et Josica dano dodici libre del grano p[er] p[aroco.] 7. Si passa inoltre, et s'ariva alla viia di Morigne, et Costainica ove vi sono case de christiani n[umero] 23 et anime nfumero] 144,

284

285

et delli asmatici vi sono case nfumero] 40, et [anime] nfumero] 300 in circa. Le chiese di questi doi vi'lagi 'sono S[an] Triphone pfer] li chatoflici]; S[a]n Tomaso, S[ant]a Ana, et S[a]n Zuane p[er] li sismatici. Paroco di questi vilagi vi so[pra]deto fra Seraphino da Liesina. 8. In Utole vi sono case n[umero] 15, et anime nfumero] 100 tutto sismatici. Apresso a questa [vila] vi vila di Crivossie pure de sismatici. Et in oltre di questa vila vi si ritrova altra vila detta Foglici di case 7, et anime 40,et ha la chiesa del titolo di S[a]n Zfuane]. Sotto Foglici vi un'altra vila della Ser[enissi]ma Republiea de 15 case in circa ma tutti christiani, et vi curato il m[ol]to R[everen]do Abbate di Perasto. In quella, che nelle altre vile di sopra le il medemo P[ad]re fra Serafino da Liesina. 9. Risano ha la chiesa dedicata ad onore di San Pietro, la quale comune alii catolici, et alii sismatici. L'altra la quale tutta de sismatici dedicata ad onore di S[a]n Luca. In Risano vi sono case de chatolici nfumer] 18, et anime de comunione 81. Case de sismatici in Risano sono n[umero] 60, et anime n[umero] 300 in circa. Questi chfistiani non dano pi che 20 messe al anno dal p[ad]re fra Seraphino da Liesina, il quale loro parochiano. 10. Sopra Risano pfer] parte dal Levante vi vilagia di Ledenice di case nfuimero] 11, et anime 40 del medemo curato. Seguitando poi, et arivando sop[ra] Perasto (che vilagio della Serfen'issi]ma Republiea) vi vilagio di Glogovac, Gomila, et Velehnichi, et anche Orahovac della cura del istesso fra Serafino di Liesina. In Glogovac, et Gomila vi la chiesa pafrochiale] in muro senza calcina ad onore di S[a]n Zuane Batista, et in Velehnichi [ad] onore di Sant'Elia. Ma in Orahovac vii la chiesa dedicata ad onore di San Zorzi. In Glogovichi, et Gomila vi sono case de christifani] nfumero] 15, et anime nfumero] 110. Et dano questi christiani 12 libre del formenfto] al anno pfer] ciascheduna casa. In Velehnichi sono case 5, et anime 20 tutto sismatici. In Orahovac sono case nfumero] 50, et anime 300 de sismatici, tra questi sismatici vi sono da 8 o dieci done chatoliche maritate in sismatici. 11. P[ad]re fra Serafino da Liesina curato di tutte queste vile citate da Castelnovo in qua. Tiene la sua habitatione apreso la chiesa di S[ant]a Maria del Scarpelo sopra un scoglieto vicino al Perasto, con 3 secolari, et una donna sua sorela. Questo Pfadjre non da robedientia al suo superiore, et dice di non haver altro superiore che il Vescovo di Cataro: non voi ricever li frati del suo ordine; ne meno nella chiesa. Et a me, che venivo da Risano tutto bagnato, non solo non ha usato la carit, ma havendosi nascosto non mi ha lasciato entrare nemeno nella chiesa. Dicono alcuni che questo religioso habi deto, che piutosto si farebe sismatico, che tornarebe alla sua religione. Et cos si vede che con quelli molto liberale in donarli, et farli altri asceti: Superiore non sol haver sopra questo frate dominio, n autorit merc alla protecione dell'Ili [ustrissi]mo Vescovo di Cataro, et alii Perastini.

Le gente di questa provincia sono povere, mendiche, che vive piutosto nelli tuguri che nelle case, arando, zapando, et con altri laborlcij vilici, eccetuando, che in Risano vivono con industria del trafico. Io in questa visita o spartito da 200 medaglie, et 2 maiza di corone. Et questo quanto ho potuto osse>rvare in sopradetti logi per dar informatione a quella Sanctiss[im]a Congregatione. Et questo quanto alla plaga aquilonare dalla parte di Cataro, et soto il Turco. Parte sententrionale di Cataro Passando io fra Santo da Spalato Missionario Cataro (nel quale ho riverito quel Ill[ustrissi]mo Vescovo) in ver setentrione, et dando principio dalla ponta di Cataro ho visitato gli infrascritti logi. Et p[rim]a vi vilagio di Rose di case 10, tra christiani, et sismatici. Dopo questi seguitano Crussichi, che ha 8 case, de qui si va a Pristan picolo, che ha 10 case, et poi s'ariva a Pristan grande che ha case nfumero] 15. Et queste case tutte sono dalla parte di borea sopra il mare sotto la cura delli p[ad]ri di Scoglieto de minori oss[ervan]ti. Camdnando poi inver parte australe vi si ritrovano 8 vilagi, chiamati Luschizza, che hano queste chiese, una dedicata pfer] li chatolici ad onore di S[a]n Nicolo, et l'altra pfer] li sismatici pure ad onore di S[a]n Nicolo. Vi poi la terza chiesa dedicata ad onore di S[ant]a Maria fuori di boca sopra un scoglieto. In questa chiesa per insino al presente vi sono stati 4 caluieri sismatici, et al presente procurano li Sig[no]ri di metere un p[ad]re minore oss[ervan]te, In questi vilagi vi sono 160 case in circa, delle qual case non sono pi che 40 de catolici, che il restante poi sono tutto li sismatici. Questi pure vilagi sono soto la cura delli pfadjri di S[ant]a Maria di Scoglieto come di sopra. Caminando da Luschiza inver levante vi si ariva alla villa de Cartoli, nella quale vi sono 3 chiese, una dedicata ad onore di S[an] Zuane, et questa de chatolici. L'altra dedicata ad onore di Sfant]a Maria, et la terza dedicata ad onore di S[a]n Luca et queste sono de sismatici alla quale continuamente assiste un prete sismatico. Case in Cartoli vi sono in nfumero] da 70 in circa, et non sono de catolici altro che dieci. Che da borea de Cartoli vi sta un convento de frati di S[a]n Francesco de minori ossfervanti] mezzo miglio in circa distante sopra un scoglieto, et chiamato S[ant]a Maria del scoglieto. 4. A Sfanta] Maria del Scoglieto al presente non vi stano se non doi frati, cio fra Gerolimo Bergamesco al presente guardiano con un altro sacerdote, et apresso di se mantengono tre garzoni terciarij con il fine di farli coltivar le vigne, et seminar li campi, et de tutto ci inventore il sopradetto Guardiano. In questo loco stavano prima tre, et quatro sacerdoti, che tenivano cura di tutto quel paese della bocca, ma al prfesente] si sta secondo vi dico.

286

287

5. Lessevichl hano case n fumer] 27 tutto de slamatici, et hano la chiesa dedicata ad onfore] di Sfantja Barbara. Et tutto ci che sino al presente ho descrito sotto il Stato della Repuffica Veneta. 6. Ho voluto visitar questo paese pfer] causa di questi slamatici, che si ritrovano, [per] causa di molte imprudenze, che sono passate tra Ill[ustrissi]mo Vescovo di Cataro et pfadjri minori ossfervanjti. La causa .precisa non mi nota: Ma so bene, che sotto gli [.. .Jvi predecessori di questo Vescovo di Cataro con gran carit, et amorevoleza exortavano, et favorivano li p[ad]ri del Scegliete alla cura dell'anime della diocesi loro: et questo senza litigio, et pretensione della iurisdicione di vofler] castigare p[ur] servendosi della jurisdicione ordinaria, d'aprobatione [...] Et li p[ad]ri con gran humilt, et affeto corespondevano alla benignit di tali Illfustrissimi] [...] Cos oltra prenominate vile tenivano cura dell'anime li predeti p[ad]ri [...] di Lepetane, di Lastova, di Barda, di Risano, di Bila, et posso dire di tfutta] la boca di Cataro: Ove gli buoni p[ad]ri servivano non risguardando n al stipendio, n alla mercede; ma semplicemente si contentavano delle elemosine vo[lon]tarie, et stavano nel monasterio, et cinque, et sei frati professi. Ma doppo poco tempo in qua, et doppo la venuta di questo Illfustrissijmo Vescovo in Cataro: alcuni Guardiani a Scoglieto, che hano risguardato la mercede delle cose [...] et laboritio, che hanno disposto molti di quelli popoli alia contributione delle elemosine, debite pfer] la loro cura, et servit parochiale: le quali ottf...] come a Lepetane, et Lastova Illfustrissijmo questo Vescovo presente subito h a f . . . ] sopradete parochie dalli p[ad}ri ossfervanjti. Et Lastova ha dato al pfadjre fra Sefrafino] da Sebenico conventuale, et le Lepetane, ad un suo prete da Perasto. Et contende f . . . ] p[ad]ri oss[ervan]ti, et cerca app[ress]o gli superiori, che qfueljli ossfervanjti di Scoglieto vole, che habino delli lochi dove non vi alcuna mercede, n utile, et pretende anche volere, che siano sottoposti alla sua jurisdicione, et che li superiori possano remover di tal loco secondo l'opportunit, exigenzza, et costume della Provincia, et secondo che hano fatto sempre per il passato: et p[er]ch per queste pretensioni sono stati appfressjo i seculari molte admirationi, et scandali. Per con ogni riverentia, et debito modo fo informatione di questo alle Eminenze loro. Seguita parte pfer] Levante di Cataro et pfrimja Garbai Garbai ha 4 Contee, et diviso in molte vile: con una parte boreale, et pfer] la costa del Monte Negro, dalla via che conduce da Bud.ua a Cataro; et con un'altra australe che va sopra orizonte del mare: questo paese abraza in longeza di 16 o 17 milia, queste vile sono tutte sotto il Turco et Prima venendo da Cataro in ver Budua pfer] la parte del mare vi si ritrovano queste vile: Franovichi, Glavaticichi, Topicichi, Vranovichi e Napodbardie. Appresso di Franovichi, et Glavaticichi vi la chiesa dedicata ad onore di Sfantja Barbara. Apresso Topicichi

et queste altre vile vi chiesa dedicata ad onore di Sfantja Ana, Apresso a queste chiese assiste prete Comin sismatico. Questi vilagi hano da 200 case in circa, et questo pfrimja Contea, Nella Contea del Conte Lupo vi sono vilagi: Piatomcini, Grimo viza, Nehode, Puhovichi, Visgneva, et Covaci. In questi vilagi vi sono da 300 case in circa, soto regimento in spirituale del prete Vlatco, et duoi suoi figlioli sisniatici, et questo vi dalla parte del mare. Dalla parte del Monte Negro venendo da Cataro a Budua vi si ritrova prima il vilagio di Dubac, che ha 30 case di sismatici, et la chiesa dedicata ad onore di Sfanta] Barbara. De Dubac si vene a Colosscin, et poi alla vila di Sfajn Martino, et queste vile hano la chiesa dedicata ad onore di Sfan] Martino. Seguitano poi Fissichi, che ha la chiesa dedicata ad onore di Sfajn Michele. De qui si viene al vilagio deto Culmi, che ha la chiesa dedicata ad onore di Sfajn Nicolo. Seguita poi la vila di Goroevichi, ove vi sono doi chiese, una dedicata ad onore di Sfanta] Maria, et altra ad onore di San Zorzi. Vila di Lastova ha la chiesa dedicata ad onore di Sfanta] Maria, et io ho pernoctato apreso di quella con doi Caloieri sismatici. Seguitano poi Svinista, et Privor, vile vicino a Budua. Tuti questi vilagi sono di doi Conti sismatici, et sono in quelli da 300 case et forai pi et questo pfer] la costa di Monte Negro. Io non ho potuto visitar tutto il Monte Negro, merze alla dificult, et periculo del paese. '''.: )- ' ' < / ' Mahlne Mahine paese, che va citra Budua ha da 140 case in numero et 700 anime in circa, et questo con le creature picole. Hano Mahine 7 chiese, una delle quali dedicata ad onore di Sfantja Ana, l'altra di Sfantja Domenega, et apresso di queste vi stano doi Caloieri; terza dedicata ad onore di Sfan] Nicolo, questa di San Salvatore, questa di San Zuane, sesta di Sfan] Clemente, et setima ad onore di Sfan] Pietro, apresso alle qual chiese vi stano 3 preti sismatici. Questi vilagi confinano con Budua in doi milia in circa, et sono contigui con Pastrovichi. Gente di Garbai, de Mahine, et di tutto questo paese sono gente povere, che vivono con laboritio di terra. Sopra Budua vi il monte sopra del quale vi una chiesa dedicata ad onore [di San] Salvatore. Intorno a questo monte vi sono da 10 case tra sisniatici, et catolici. Budua loco dove vi sta Vicario Apostolico; Budua ha 300 case in circa, et anime 900. Vi [so]no 4 preti in tutto, et doi chierici. Vi la chiesa del domo dedicata ad onfore di San] Zuane. Vi anche un monasterio de frati minori ossfervanjti, dedicata apresso [qua]le la chiesa ad onore di Sfantja Maria, nel qual monasterio vi stano tre [chierici] et un laico. Vicario di Budua molto insidioso a quelli frati: pfer] le qufali] sono nati molti scandali tra quelli popoli. Io havendomi fermato ivi a predicare pfer] questo ad vento, et quadra-

288

289

gesirna p[er] far qualche frutto in quelle a [ni] me, et otenuta da Vicario la benedifrione, havevo dato principio di predica, ove fatte alquante prediche con gran sodisfatione di quel popolo, egli mosso non da qual zelo m'ha inibito la predicatione, et per non havendo altro [spirituale tratenimento in quelle parti mi son retirato a Spalato loco di Dalmatia, [do]ve star aspetando li comandi da quella Santa Sede. Pastrovichi 1. Pastrovichi in spatio di 20 milia in circa sono divisi in vile 70, et case 535 in circa, et hafnno] delle chiese in nfumero] 40 in circa. In queste chiese vi stano doi caloieri, et 10 preti, et in una vila vi sta il frate de ordine di San Francesco de minori oss[ervan]ti. 2. Lastova principal vila di Pastrovichi, che ha la chiesa dedicata ad onore di S[a]n Vito, et apr[esso] di questa vi stano ora uno, ora doi frati dell'ordine de minori oss[ervan]ti, et al presente vi sta pfadjre Bartolo da Budua con un servitore. Questa chiesa fu data dalla felice recordatione de Papa Clemente Vili del 1602 al pfadjre fr[] Felice de Pastrovichi. Quando San Vito fu dato al sopradeto pfadjre nella vila di Last[ova] non vi c'erano altro che doi sol case de catolici, cio la sol casa del p[ad]re di detto frate [et] altra apresso: et ora (pfer] gratia del Sig[no]re) vi sono in n[umero] 25, et de sismatici non vi [sono] che 16. In Lastova anime che vivono alla Romana vi sono in nfumero] da 105, et de sisimfatici] da 60. Sboro di Pastrovichi doppo la venuta di deto p[ad]re 6 o 7 anni in circa consti tu [irono] [am]bassatori p[er] mandar a Roma p[er] rendersi obedienti al N[ost]ro Sig[no]re, et alla S[ant]a Sede Apostolica, ma fu defraudato di deti nuncij, P[er]ch arivati a Venetia spesero li danari, et [...] venir a Roma tornorno a casa senza fruto alcuno. 3. La Provincia di Pastrovichi secondo ho potuto dessegnare, et capire le divisa in qfueste] vile cio: Venendo da Dabine, et tirando inver levante vi si ritrovano p[rim]a Becichi vila di 10 case in circa. Dopo di questi vi si va a Vrisna, pur vila di 10 case. Dopo di questi vila di Martovica pure di 10 case. De qui vi si va a Berissino selo vilagio di 20 case in circa, et ha la chiesa del titolo di S[an] Zorzi. Vi sono delle altre chiese. Tra questi vilagi delli qualli non sapendo dedicatione, per le tralasso. Duglievo ha case 15, et la chiesa di San Zorzi pure. Sopra queste vile p[er] li monti vi 'sono la vila di Mihoievichi, che ha 15 case in circa, et ha la chiesa dedicata ad onore di San Zuane. Seguita poi vila deta Napesdac di case 20, che ha la chiesa dedicata ad onore della Santissima Trinit. De qui s passa poi alle vile di Dobrusse, e Lagraienice doi vile che hano in numero 15 case in circa. Tornando di novo p[er] quelli monti sopra la ripa del mare seguita la vila di Todorovichi, che ha delle case in nfumero] ^0, et tre chiese, cio di S[ant]a Ana, di S[ant]a Domenica, et di B[a]n Stefano. Da questa vila vi si va a Reisevichi che ha da 30 case in

circa, et doi chiese, una dedicata ad onore di S[ant]a Maria, et altra di San Stefano. Seguita poi Lastova della quale ho dato relatione nel principio della Provincia di Pastrovichi. Da Lastova vi si va a Camida vila di 10 case, et ha doi chiese [una] dedicata ad onore di Sfanjta Maria, et altra ad onore di S[ant]a Domenica. Xacova vila che seguita ha 10 case, et la chiesa dedicata ad onore di S[a]n Tomaso. Vila chiamata Nalbarda ha 27 case in circa, et la chiesa dedicata ad onore di S[a]n Zorzi. Caluieraz ha delle case 20 in circa, et la chiesa del titolo di S[an] Pietro. Gradista hano pure 20 case in circa, et doi chiese, una dedicata ad onore di S[ant]a Maria, et l'altra di S[an] Nicolo. Suro vichi, Gradac, et Golubovichi: questi tre vilagi hano da 40 case in circa, et si servono delle sopradette chiese. Popovo selo, et vila d'Ugo hano 30 case in circa, et la chiesa dedicata ad onore di San Dimitrio. Seguitano poi vila di Zaptine, Bila smoqua, e Dubac, che hano da 30 case in circa, et la chiesa dedicata ad onore di S[ant]a Ana. Tra questi vilagi vi sono alcune vile di 3 et 4 case, le quali p[er] brevit non ho volsuto metere, et tanto pi che sono discomode pfer] quelli monti. Et tanto che io posso dar sapere a quella Sanctiss[im]a Congregatione di Pastrovichi.
;

Spiza Spiza parochia del p[ad]re fra Donato, divisa in spatio di 3 milia in 75 case che sono in pi lochi sparse: et intorno a quello tra chiese rovinate che minacano mina, et poco buone vi sono da 12, cio Sfan] Andrea, S[an] Pietro, S[an] Nicolo, S[ant]a Veneranda, S[an] Dimitrio, S[an] Nicolo, Sfan] Roco, S[anto] Elia, Sfan] Silvestre, S[an] Zuane, S[an] Zorzi, et S[ant]a Tecla. Tutte queste chiese gode un prete sismatico. In Spie vi sono case che ho deto 75, delle quali de chatolici non vi sono altro che 25, e che de sismatici vi sono 50. Delle anime de christiani non passano nfumero] di 244, et de sismatici passano 500. 2. Sopra delli monti de Spie, et nella medema parochia vi vilagio di Sosine, che ha doi chiese, una del titolo di S[ant]a Maria, et l'altra di S[a]n Nicolo senza entrade per. In questo vHagio vi sono case 22, et doi sole de sismatici, che resto sono de chatolici. Anime in queste case sono in n[umero] 130 in circa. Gente de Spiza, et de Pastrovichi sono gente povera, ma fiera, et quasi indomita [.. .] Susan Susan un vilagio di 80 case in nfumero] et di 900 anime in circa tutto de katolici [...] et devoti. In questa vila vi sono 370 anime de comunione. Questo vilagio [ha] sol una chiesa dedicata ad onore di S[ant]a Veneranda. Assdtste in questa parochia un prete [tanjto pio chiamato per nome Pietro Giorgo [...]

290

291

Soto questo vilagio vi una Abatia deta S[ant]a Maria di Rotaz, tutta minata, et non ha altro, che le mura tutte per rote. Intorno a questa Abatia vi si sepeliscono tanto quelli de Spiza, quanto questi da Susan. Zuibci Vila de Zubci ha la chiesa dedicata ad onore di S[a]n Nicolo, et di S[a]n Zuane. In questa vila vi sono da 40 case in circa et questo de Katolici, et de Sismatici non vi sono altro, che doi. Anime de Katolici vi sarano da 200 in circa, et de Sismatici 15. Paroco in questa vila vi il m[ol]to R[everen]do p[ad]re Antonio de Tomas Archidiacono de Antivari. Entrade di questo paroco sono che ogni casa li contribuisce 12 libre di grano al anno. Togomeli Togomeli la pi propinqua vila d'Antivari. Ha la chiesa dedicata ad onore di San Nicolo. Ha case 20, et anime de Katolici 100 in circa. Parochiano di questa vila don Pietro Samueli Vicario d'Antivari. Queste case contribuiscono 12 libre [di] grano al suo parochiano. [In] tutti questi vilagi vi sono le genti povere, che procurano di vivere con il laiboritio [di] terra, et sono assai molestati dalli Turchi. Delli vilagi, che passano li monti in ver l'ago, come sono li Pepichi, Ruda, Belichi, Goraza, Luchichi, Juravci, Chrignice, Repaza, Pincichi, Morichi, Livari, Bruschi, e Pteli, che con il resto della cragina non ho potuto visitare p[er] causa della febre, che mi molestava inolto p[er] tanta stracheza che havevo fato p[er] il tanto difficultoso caminare. Similiter non l'ho fata, perch sapevo, che il m[ol]to R[everen]do don Zorzi Vuscovich c'era Missionario in quelle parti, il quale dar plenissima relatione di quella alle Eminenze loro. Maroovichi vilagi, che stano da parte del levante di Antivari p[er] la riva del fiume di Boiana non ho havuto ardir di visitare p[er] causa del pericolo grande, che qui ci cere tanto p[er] causa delli Turchi, quanto p[er] causa delli Sismatici. Mi Stato referto, che in questo paese -sono da 500 case, et da 2.000 anime in circa per tutto Sismatici. Antivari n Antivari da quelli christiani, et d'alcuni R[everen]di Presbiteri me son informato, che dentro in Antivari non sono pi che 10 case de Christiani, et anime in circa 70; che nel borgo poi vi sono de Katolici case 20, et anime 200. Ma de tornatici vi sono in numero case 30, et anime ducente e trenta. Chiesa qua! c'era chatedrale, et dedicata ad onore di San Zorzi ancora dal principio della presa d'Antivari Turchi hano convertito in Moschea. La chiesa

del titolo di S[anta] Maria fuori delle mura d'Antivari sono 4 anni in circa, che per causa, et scandali dati da Samueli Vicario d'Antivari, slmilmente gli Turchi hanno convertito in Moschea [...] La terza chiesa, che del titolo di S[ant]o Elia dentro della cita d'Antivari, e v'assistono questi R[everen]di: P[ad]re Piero Samueli Vicario, P[ad]re Antonio de Tomas Arcidiacono, et P[ad]re Francesco Pasquali Arciprete huomo vechio et assai ven[eran]do. In Spalato il p[rim]o di Febraro 1637. Fra Santo da Spalato Missfionarijo in Partibus [Infidelium].
SOCG, voi. 263, f. 54r59r.

178
, 22. II 1637. da " o . Di nuovo circa la Guerra no[n] li posso dir altro solo, che si

vive in pace. Si approssim di gi il Vexerio di Buda in Compagnia del S[ignor] Conte Stefano Bettelem Gaibor con grandissimo esserci to de Turchi p[er] poner d[tt]o Bettelem al Principato di Transiivania, dove arrivato tra li confini d q[ues}ta Ung[heri]a Sup[erio]re, e Transilvania, oppostosi il Prencipe p[er] una parte, e p[er] l'altra il R d'Hungaria dopo la morte di molti pagani, sopragiungendo l'Inverno, e vedendosi anco l'impresa essa difficile p[er] riportarvi vittoria p[er] il Turco, detto Bettelem si compose in pace con il Prencipe di d[ett]a Transilvania restituendogli quanto da lui pretendeva, et il Turco se ne ritir in Buda sotto coperta di lasciar q[ues]ti paesi in pace p[er] sino a S[an] Giorgio martire e poi di nuovo tentar l'impresa, bora si spera n[on] sar altro p[er] d[ett]a compositione tra d[et]ti Sig[no]ri, bora d[et]to Betlem si ritrova in Hust, sua giurisditione di Transilvania, n[on] puoi ritornare alii suoi beni, qui p[er] Huing[ari]a senza licenza di S[ua] M[aest] C [esarea] p[er] essersi partito dal re'gno p[er] dimandar aiuto al Turco contro d[ett]o Prencipe, e contro il voler di d[ett]a S[ua] M[aest] C [esarea], alla quale hora spedisce Nuntij, e Legati, che lo voglia rimettere in pristina servit, e gi, p[er] hora n[on] si havuta nouva alcuna. Il R di Polonia tien preparato grandissimo eseercito da 70 mila persone p[er] andare contro duci Regni Vallachia, e Transilvania, posseduti, al presente, dal Turco, sich, se da una parte cess il

292

293

rumore di guerra p[er] q[ues]te parti, dall'altri confini incomincia di nuovo. La Dieta di Ratisbona fu di gi finita, il figliolo di S[ua] M[aest] C [esarea] alii 18 Xbre fu coronato R, et Imperatore de Romani di giorno in giorno si aspetta in Vienna il ritorno di S[ua] M[aest] C [esarea] p[er] la gran eoronatione furono fatte p[er] q[ues]te parti grandissime allegrezze. Dicesi hora, che la figliola di S[ua] Mfaest] C[esarea] sij promessa al figliolo del R di Polonia, il che piaccia a S[ua] Dfivina] Mfaest], che succedi p[er] benef[iti]o et essaltat[io]ne della S[an]ta fede cattolica p[er] q[ues]te parti; me scusi scrivo in fretta, baciandole le mani, et augurandogli da S[ua] D[ivina] M[aest] ogni compito bene se desidera honorarmi di resposta scrivi] al P[adre] Bonaventura da Genova in Possonio alii servitij del'Em[inentissi]nio Sig[nor] Cardinale Pasnian, e di nuovo le facio profoinda riverenza. Della fortezza di Zseredgne in Ungaria Sup[erio]re li 22 feb[brai]o 1637. Di V[ostra] Signoria] m[ol]to IU[ust]re e R [everendssi] ma Humiliss[imo] e Devotissimo Ser[vito]re sempre Pietro da S[an] Angelo da Fer[mo] missfionario]
SOCG, voi. 79, f. 148r 149v.

180

, 14. Ili 1637. de o o . 13. 1637. , , . . , 60 . . , , , , . m[ustriesi]mo e Reverendissimo Sig[no]re e P[ad]rone Col[endissi]mo II m[ol]to R[everen]do Si>g[no]r Pasquali Vi[ncenzo] dell' Ill[ustrissi]mo Mon[signor] di Cattare informatosi, che li Pastrovichi non haveranno a male la nostre venuta, n che vi nascer altro disturbo, s' risoluto darli la bened[itio]ne, et accompagniarci con le sue l[ettte]re. L'Ili[ustrissi]'mo Sig[no]r Prov[vedito]re ha fatto venire li principali, et raccomandandoli le nostre persone facendo il med[esi]mo per l[ette]re alii Capi dell'Universit. Mercoled sera arrivassimo qui, e hieri si presentassimo alla raddunanza, dove con parole, ch'il Sig[no]re si compiaque inspirarmi li rap[prese]ntai, quanto si conteneva nelPistrutt[ion]e. Il guasto di S[ua] S[anti]t, e di cotesta Sac[ra] Cong[regatio]ne p[er] l'unione loro alla S[an]ta Sede, la destinai [ion] e delle nfostjre p[er]sone alla servit loro nelle cose riguardanti la salute dell'anime, la comiss[ion]e par[tico]l[ar]e di non mutar' il loro rito greco, purch facciono la professione della fede secondo la formula fatta stampare da N [ostro] S[igno]re p[er] gl'Orientali, e che professino il determinato nel Conc[ili]o fiorentino sott'Eugfenio] 4. Dalla maggior parte riportassimo parole amorevoli, e piene di riverenza verso S[ua] San[ti]t dicendo, che p[er] renderli ubed[ienz]a, et impetrare la sua bened[itio]ne di gi havev[an]o inviato due Proc[urato]ri che li ringratiav[an]o m[ol]to della cura pa[sto]r[a]le, che si compiac' havere dalla salute loro p[er] mezzo della n[ost]ra miss[ion]e, che p[er] hora n'assegnav[an]o p[re]stanza nella Villa chiamata Castello, da dove potremo anco andare p[er] l'altre Ville facendo, quanto ricerca il minest[eri]o, che n' comesso;

179
, 7. Ili 1637. , . Intendo ch'il Morasig[no]r Vescovo di Cattare s'aspetta a Venetia con alcuni Pastrovichi scismatici p[er] dare obedienza alla Santit di N [ostro] Sig[no]re, prego Iddio sia il verof. . .] Venetia li 7 marzo 1637. D[on] Fran[cesc]co Bravi Curato di Rialto
SOCG, voi. 18, f. 312r.

294

295

che li doleva m[olt]o, che p[er] la povert ord[ina]ria del paese, e p[er] la carestia straor [dina] ria dell'anno corrente non trovavano modo di sovenirci delle cose ne [cessa] rie al vite. Li ringratiai del buon'affetto, e dissi, ch'ai p[trese]nte la passeremo con la provis[ion]e assegnataci dalla charit della Sac[ra] Cong[regatio]ne, nel resto disponessero li'beram[en]te delle n[ost]re p[er]isone ad ogni tempo, et in ogni luogho in tutto quello, che riguarda la salute dell'an[im]e loro. Accennarono anco indirettam[en]te, ch'in questi p[ri]n[ci]pij li sarebbe d'i poco gusto, che celebrassimo nella Chiesa del rito loro, cosa, che mi riesce sospetta, et anco molesta, p[er]ch tra sessanta Chiese in e [ire] a di questo paese non v' se non una del nostro rito. Degli Eccl[es]iastici erano tre soli Sacerdoti loro, con li quali passai l'istesso ufficio, e stabilissimo d'esser' insieme luned venturo. Con questi trattare a parte p[er] la professione della fede, et andar osservando li sentina [en] ti loro, se sono conformi alla verit Catt[oli]ca. Nella raddunanza pub[i]ca non ho stimato prudenza sub[it]o p[ri]n[ci]pio premere m[ol]to nel pari [ari] della d[ett]a professioni e, p[er]ch giudicano meglio disporre p[ri]ma Ti Sacerdoti a farla, se sar possibile, che questi poi facilm[en]te persuaderanno, et indurranno gl'altri. In una di queste Ville s'ha qualche pensiere di fabricar' una Chiesa p[er] li Sacerdoti Latini, ma p[er]ch quelli del rito greco non intendono contribuir'alla spesa senza, che vi s' erriga un'altar' al m [od] o p[er] il rito loro, e senza la contributt|ion]e di quelli non si potr fare la d[ett]a fabrica, desiderare! intendere quanto p[rim]a il sen]tim[en]to della Sac[ra] Congfregati]one, o di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma alm[en]o in questo particolare, acci possi pi sodam[en]te op[er]are. Del frutto della n[ost]ra missione] non li posso promettere certezza ale [un] a dependendo questo neg[otio] dalle mani di Dio, ne vedendo sin'al p[rese]nte sufficiente disposition'in questi popoli. Scorgo solo ubbed[ienz]a, e venerat[ion]e notabil'alla S[an]ta Sede, et a Sua Sa[ntit] cosa, che stimo m[ol]to in questi p[ri]n[ci]pij. Se li piacesse far parte del contenuto in questo all' [minentissi]mo Spada mi sarebbe di favore, acci intenda il seguito doppo la relat[ion]e mandatali. Raccomando di cuore l'op[er]a, e le p[er]sone a V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissima] et alle sue orat[io]ni, e li bacio devotam[en]te le mani. Di Pastrovichi hi 14 Marzo 1637. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, e Reverendissima Dev[otissi]mo, et oiblig[atissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis Archid[iaco]no di Tra.
SOCG, voi. 60, f. 200rv.

181

, 14. Ili 1637. Ca ". Ill[ustrissi]mo et Reverendissimo S[ignor] S[ignor] Oss fquentissi]mo Sopra ogni dificult che si interponeva alla partenza di Pastrovichi per inviarsi a p[re]star obedienza alla S[anti]t di Nfostro] S[ignore] finalm[en]te si sono meco posti in viaggio, et arivati a Ven[eti]a gi sono quatro giorni ne quali oppresso di un poco di doler di podagra non han' potuto senza di me procurar d'esser licenziati in conformit delli atestati deirill[ustrissi]mo et Ecc[ellentissi]mo G[e]n[er]al d Dalmatia et Albania, et dell'Ili[ustrissim]o Rettor di Catt[ar]o a -proseguir il viaggio con gr[ati]a della Ser[enissi]ma Rep[ubli]ca come spero l'ottenirano se altro non incontra, sin heri di sera p[er] riverir rill[ustrissi]mo et R[everendissi]mo S[ignor] Nuntio non era legit['imament]te impedito dal quale quello seguir haveran' piena inforna[atio]ne ne essendo q[uest]a p[er] altro solo p[er] darle aviso di q[uant]o sin hora seguito senza pi le p[re]go dal S[gnor]e ogni desiderato bene. Ven[eti]a li 14 Marzo 1637. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma et R [everendissi] ma Divotissimo et o!bl[igatissi]mo Ser[vito]r II Vesc[ov]o di Catt[ar]o
SOCG, voi. 18, f. 351r, 354v.

182
(), 21. Ili 1637. da " o o . Di nuovo n[on] li posso dir altro solo, che il nuovo R intima

alii Consiglieri, che si trovano p[er] q[ues]te parti sup[erio]ri, che si ritrovino p[er] li 22 di feb[brai]o in Vienna p[er] nuovo Consiglio, o Dieta, di pi p[er] la Dom[eni]ca letare, che fu la 4 Domenica di quaresima fu la sepoltura di S[ua] Mfaest] C [esarea] in Grazzi, dopo

2&6

297

questa s'incomincia la Dieta in Possonio, dove tutti li Consiglieri di S[ua] Mfaest] C [esarea] si ridurando p[er] q[ues]te parti si teme all'aperta del Turco, sdeganto contro Transilvania p[er] haver prese le arme con far stragge di molti Turchi, e quel Veserio, che si venne c[on] gran quantit di Turchi pfer] porre in possesso del Principato Bettelem Stefano Gabor, stato levato dal Vesariato, et eletto nuovo R, o Vexerio in Buda di pi quel Bassa di Buda fatto morto, e gettato in acqua pfer] ordine del Gran Turco, il quale ritrovandosi gabbato, e defraudato di promesse fatteli da d[ett]o Bettelem, e di pi p[er] esser stato lasciato ritornare in Hungaria senza sua saputa, pi si sdegnato con intentione di mover Guerra nouvam[en]te pfer] q[ues]te misere parti: d[ett]o Bettelem ha vendo havuto la rimessione, da S[ua] Mfaest] C [esarea] rimettendolo in pristino stato pfer] li 20 di marzo se ne ritorn nella sua fortezza di Ecced, dove si ritrova al presente in giurisditione di S[ua] Mfaest] Cfesarea] e p[er] fine humilm[en]te le bacio le mani, mancandomi il tempo, et augurandogli da S[ua] Dfivina] Mfaest] in q[ues]te feste prossime pascuali il compimi [enjto d'ogni suo desiderio, e di nuovo le facio riverenza. Del Comitato d'Unguar in Rad, li 21 Marzo 1637. Di Vfostra] Signoria] mfolto] Ill[ust]re e Reverendissima Devotissimo, e Cordfialissijmo Ser[vito]re fra Pietro da S[an] Angelo di Fermo miss[ionari]o SOCG, voi. 79, f. 147r.

ne, in neg[otio] dove si tratta della salute di tant'anime; Questi poveretti sono venuti da me et si eravo mandavo, et in ogni modo si vogliono sforzare d'essere a Roma dove sperano nella clementia di N [ostro] Sfignore] restar consolati, sono buoni poveretti siano raccomandati a Vfostra] Sfignoria] dove fo, et venendo li faccia fare carezze perch saranno trombe in quelli paesi e potrebbero giovare assai la Vfostra] Signoria] baccio la mano. Di Venfetia] li 24 di Marzo 1637.

SOCG, voi. 18, f. 49r, 51v.

184

, 4. IV 1637. da cy . O .
... Di Venetia li 4 Aprile 1637

L'i poveri Pastrovichi aspettavano qualche subventione havendo speso molti denari a venire qua et aspettavano li 100 scudi che dicono si gli veno promessi, ma Mons[ignor] V [escovo] di Cattaro dir il tutto a Vfostra] Sfignoria].
183

, 24. Ili 1637. , , , da o . , . Molt'Ill[ustrissimo] Sigfnor] mio Oss[equentissi]mo Gli huomini de Pastrovich sono qua, et sino a Gioved non potrano haver la resolut[ion]e dal Collfegio] sopfra] la loro venuta cotesta volta, ma dubitano del esito del negfotio] per quelle cagioni che gli saranno dette. A Dio cos piacie che siamo in qfuejsto termi-

Ha o o npa ( ). [ . . . ] Quanto alii Pastrovichi, Monsig[no]r Vfescovo] di Cattaro sudfettjo porta efficacemente li loro interessi, e nella pfrima] cong[regation]e si tratter del Vesfcovo] Greco, che desideroso della benedit[ion]e pfer] le loro possess[ion]i, delle Reliq[ui]e che bramano, e final[men]te delli 100 scudi pfer] vedere, che si sparte tra q[ue]lli che hanno affaticato nell'unione, e par[tico]l[armen]te in questa p[ar]te, che ha da venir a Roma pfer] esser p[ro]mosso[...]
SOCG, voi. 18, f. 57r, 58v.

298

299

185
11. V 1637.

. 1) da ; 2) ", ; 3) nana ; 4) (, , ); 5) ; 6) ; 7) , , . Eniinentissimi et Reverendissimi S[igno]ri II Popolo di Pastrovichi imito novani[en]te alla Santa Sede Ap[osto]lica haveva destinato in compagnia del Vescovo di Cattare Rev[eren]do Joseph Monache di S[an] Basilio, Nicolo Becich, Fran[cesjco Babich, et Marco Ncolin per suoi Oratori per prestar obedienza alla Santit di N[ostro] Sig[no]re, quali arivati fino Venetia, ne trovando li cento Scudi assignatili per viatico, et per altri rispetti restorno di proseguir il viaggio di Roma, prego>rno il Vescovo predetto a supplir per essi quanto dal loro Conseglio gl'era commesso, per nome di quali riverentem[en]te supplica, che il Rev[eren]do Joseph le sia per gratia della benignit Ap[osto]lica concesso per Vescovo titolar in partibus, che ivi reseda per essercitar le funtioni Pontificali conforme il rito Greche, cos a detti popoli, come ad altri circonvicini che si spera s'uniranno alla Sede Ap[osto]lica, essendo tenuto da tutti per religioso di buona vita, ottimi, et essemplar costumi, per tal anco cognoseiuto d'ai Vescovo predetto nel corso d'un anno, e mezzo, che seco ha pratticato nel trattar l'unione, et nel viaggio con esso fatto da Cattare fino Venetia con quello che ivi con esso s' fermato, et di mediocre dottrina, ci sar ottimo mezzo per sbandir a fatto il Vescovo Schismatico di Cetigne suddito del Turche con essi confinante, cos dalie lar terre, come da molte altre circonvicine li popoli delle quali per non haver Vescovo Grecho nell'occorrenze di neccessit ricorevano al Schismatico. Et in oltre che dalla Santit di N[ostro] Sig[no]re le sia concessa la beneditt[io]ne sopra le lor Case, Terre, et beni, et fatta gratia di reliquie di Santi, appresso di quali son tenute in gran veneratione. L'Orator predetto riverentem[en]te ricorda fino che sia provisto di Vescovo esser bene commetter il governo Spirituale di Greci

uniti, et che si unissero al predetto Joseph Monache, con accarezar partioolarm[en]te il R[everen]do Zorzi Gugliaza, il quale ha dato principio, et affaticatosi 'molto per l'unione, ma perch il Commun non l'abbraccia ha per di buoni che lo seguitano potrebbe suscitar qualche disturbo quando non si vedesse nominato, et accarezato pi d'altri, et che per Missionario in detto loco sarebbe a proposito un Greco Cattolico per instruir nelli veri riti detto Joseph, et altri Religiosi Greci, perch da essi il Popolo riceva li veri dogmi della fede per levarli in questi principii ogni suspitione conceputa di non esser ridotti mei rito lattino, et per allettar anco la plebe, et eccittarla maggiornifenjte alla devotione della Santa Sede Ap[osto]lica, et obedienza della San[ti]t di Nfostro] Sig[no]re usarli carit di qualche paramento per le lor Chiese, con mandarli delPImagini, Corone, Medaglie, benedette con Indulgenza et Agnus Dei per facilitarli alla total credenza d'Indulgenze, ch'i! tutto si ricever per graftia] singolare dU'Efminenze] V[ostre]. Quas Deus.
SOCG, voi. 397, f. 115rv, 118v.

O 231. , 11. V 1637. 50 . , nana. O nane. Ref[eren]te eod[em] Em [mentissi] mo D [omino] Oard [inali] Spada, quae proposuit Ep[iscop]us Catharensis ad confirmandufm] in obedientia Apost[oli]cae Sedis populum Oppidi Pastrovich nuper a Schismate ad Fidem Catholicam per eund[em] Ep[iscop]uni perductam, Sac[ra] Congfregatio] decrevit, ut infra. Pfrimo]. Mandavit scribi Nuntio Venetiar[um], ut ex Scutis centum decretis pr Oratoribufs d[ict]i Populi ad praestandafm] S[anctissi]mo D [omino] N[ostro] obedientia[m] destinatis, quinquaginta eisd[em] solvantur cum n[on] steterit per ipsos, quominus iter, quod non sine impensis inceperant, persequerentur. 2. Censuit ad excludendu[m] Ep[iscop]um Schismaticum (de Cetigne) nuncupatum, promovendufm] esse, si S[anctissi]mo placuerit, Dfominum] Josephum Sacerdotem eiusd[em] Oppidi eod[em] Ep[iscop]o Catharensi attestante morib[us], et scientia pr qualitate loci, et rer[um] p[raese]ntiu[m] statu idoneu[m] cum titulo in partib[us] Infideliu[m] ad Episcopale[m] dignitatem, eique administratkme[m] p[raedic]ti Oppidi, et alior[um] looorfum] d[icto] Ep[iscop]o de Cetigne subiector[um] ; si fidem Catholica[m] amplectentur, esse co-mmittenda[im]. 3. aDe reliquia eiusd[em] popuU petitionib[us] v[ide]l[ice]t 2a. 3a. a a 4 . 5 . 6 . et 7a. iussit referri in Cong[regation]e ceram S[anctissi]mo,

300

301

duin 2um. Decreti! [m] pr habendo S [andata] tis Suae Beneplacito referetur.
Acta, voi. 12, f. 284v285r, N. 8.

186

, 15. V 1637. de o , 700 24 . , da , . , da nana . E[minentissi]mi, e Reverendissimi Sig[no]ri, e P[ad]roni Col[endissi]mi Conform'alla comiss[ion]e datami rapp[rese]nto aH'Em[inen]ze loro Reverendissime q[ua]nto con la graftia] del Sig[no]re ho op[er]ato, et osservato sin'hora. Doppo essermi p[rese]ntato alii Capi di q[ue]sti popoli d'ord[in]e loro mi sono trattenuto nel luogo chiamato Lastua, dove tutte le feste la mattina ho sermoggienato sopra l'Evang[el]o corr[ent]e. Doppo pranzo ho tenuto la dottrina xpana. E se bene li p[rim]i giorni v'intervenissero a pena quatro, o cinq[ue] putti, ad ogni modo in progresso promovendo il Sig[no]re l'op[er]a moltiplic il n[umer]o di fig[lio]li d'un, e l'altro rito con l'aggionta d'adulti; e p[er]ch buona p[art]e non sapeva nuance il P[ate]r n[oste}r, n'alc[un]o di loro haveva inteso che cosa sia la Corona, o il Rosario doppo haverli istrutti nell'una, e l'altra cominciai ogni festa finita la dottrina recitar'alternatam[en]te con loro la 3a. p[art]e del Ros[ari]o. E continuo tutt[avi]a quest' ess[empio] stimandolo giovevole p[er] far'apprender'il P[ate]r, e l'Ave a quelli, che non li sanno, p[er] istruirli pi facilm[en]te nelli Mist[er]ij della n[ost]ra Relig[ion]e, e p[er] essercitarll nella devot[ion]e. Ogni luned non impedito celebro la messa cantata p[er] li morti p[er] fondarli nella credenza del Purg[atori]o, e p[er] incitarli alla piet verso li def fonti. Ho giudicato ben'in questi p[ri]n[ci]pij impiegarmi p[ri]n[ci]palm[en]te nen'instrutt[ion]e, et aiuto di fedeli del n[ost]ro rito, che ne vedevo necessit, e p[er]ch speravo, ch'il buon'ess[empi]o di q[ue]sti movesse quelli del rito greco al desiderio di] intendere la verit, et essercitarsi neU'op[er]e salutari. E pare ch'il Sig[no]re favorisce q[ue]sto [...] p[etr]ch m[ol]ti di q[ue]sti p[ri]n[ci]pali o

p[er] essersi trovati alii n[ost]ri essercitij, o p[er] haverne sentito discorrere [...] invitato ad intervenir' alle solennit 'loro, e predicarli la parola di Dio. E cos l'Annunciata a Gradista Monast[eri]o di Calogieri, la Sett[ima]na S[an]ta a Pasquizza pure Monastjerio] di Calog[ie]ri, le feste di Pasqua loro a Rustovo Parochiale di X Ville. In q[ue]sti luoghi, e nelli sermoni pub[li]ci, e discorsi privati ho procurato con quello spirito, ch'il Sig[no]re s' compiaciuto comunicarmi [anun] ciarli la verit, e coop[er]ar'alla salute di quest'an[im]e rifiutando secondo l'occas[ion]e gl'errori, c'h avev[evano] [...] Vi sono parim[en]te delle sup[er]stitioni, alc[un]e de quali pizzicano dell'[...] come 1'abhorimento delle rane, e lumache stimandole sp[eci]e di mali Demonii [...] se n'astengono, bench li Secolari comincino accomodarsi. Danno ad intendere] che nella Sacra Scritt[ur]a si leggono rimedij p[er] diverse malatie. Che nell'istessa si legge, ch'Elia tornand'al mondo davanti il giud[iti]o amazzar il Gran Turco, e con il suo sangue abibrucciar il mondo. [...] In tutto questo paese vi sono da sette cento fameglie numerose distinte in tante Ville sparse p[eir] li monti, vintiquatro solam[en]te del n[ost]ro rito, il resto del rito greco. Si trovano due Monast[er]i di Monaci o Calogieri con le Chiese loro sotto ristesse titolo di S[an] Nk[ol]o. Un' Pasquizza con due soli Calog[ie]ri e l'al'tro a Gradista con tre; l'Igumeno, o il Sup[erio]re 'di quali tiene cura d'afnime] di circonvicini. Si trovano due altri Calogieri fuori del monast[eri}o, uno d quali essercita cura d'an[iim]e in alc[un]e di q[ue]ste Ville, e l'altro s' ritirato in un Romitorio. Li Sacerdoti Secolari so[no] sette, e tutti tengono cura d'an[im]e, bench due di loro non arrivano a vinti anni. Sta nell'aria[itri]Q d'ogni P[ad]re di fameglia in par[tico]l[a!r]e d'elegger', o mutar' il Curato a suo piacfere]. Dalche ne nascono danni notabili aH'an[im]e. P[rim]a li Curati non possono sodisfar' al debito loro p[er] havere le cure divise, e sparse p[er] diverse Ville distanti. 2. non havendo alc[un]o di 'loro Chiesa determinata non l'officia, se non che le solennit magg[io]ri s'uniscono insieme in alc[un]e Chiese p[ri]n[ci]pali due, o tre Curati, uno de quali celebra solam[en]te, l'altre feste non si celebra se non p[er] accidens. 3. p[er] timore di non essere mutati trascurrano [dd] reggere li Secolari lasciandoli viver' a modo loro. 4. nell'elett[ion]e di Curati [...] riguardo alle qualit; ma solo a fini h[uma]ni, di modo ch'in alc[un]a Villa p[er] ang[...] sia p[er] la diversit d'affetti, q[ua]nte fattioni sono, tanti Curati si trovano. Quest', et [altre] consid[eratio]ni ho portato ad alc[un]i p[ri]n[ci]pali [...] Tutti li Parodii son'allevati fra queste montagne. Se la scienza lor'arriva a [...] sofficiente si stimano riguardevoli [...] Li Calogieri sono meno biasimevoli nelli diffetti esteriori, come ritirati dal comercio [...] E uno di q[ue]sti Calogieri d'et di cento, e dieci an[ni] [dice ricor]darsi beniss[im]o, quando nelle Chiese loro si publicav[an]o li Giubilei, e l'Indulg[enz]e [...]

302

303

Le Chiese loro, che passano il nfumero] di 60 son'anguste senza provis[ion]e d'apparati ne[cessa]rij [. . .] Li Calog[ie]ri p[er] le tengono con decoro competente [...] 'Fra li Secolari usure, duelli, vendette sin'alla desolat[ion]e delle Case, spergiurij, e biasteme, eccessi nel foevere [.. .] [...] Questi popoli sono tenacissimi del loro rito. Non hanno Vesc[ov]o Catt[olic]o, e gl'Eccl[es]iastici ricevono gl'ordini dalli Scismatici. Questo ricorso, e subord[inatio]ne durar sino che vi sia Prelato Catt[oli]co del rito loro. Che se si potesse procurare, ch'H Vesc[ov]o di Cietina Scismatico, sotto la cui giurisd[itio]ne Sp[irit]uale vivono, s'unisca realm[en]te con cotesta S[an]ta Sede, sarebbe certa la convers[ion]e s di q[ue]sta, oome dell'altre Prov [indi] e vicine soggette al Turco. O s'anco la San[ti]t di N [ostro] S[igno]re stimasse bene creare uno di q[ue]sti Calog[ie]ri Vesc[ov]o del rito loro, come di gi stato ricordato d'altri, si sperarebbe l'istesso eff[ett]o. Che s'anco q[ue]sto partito non sar riuscibile p[er] hora, resta che la piet dell'Em[inen]ze loro R[everendissi]me gratij queste gente con rassignam[en]to di quatro luo'ghi, o di due alm[en]o in cotesti Coll[eg]ij p[er] li fig[lio]li loro. E crederei gra[tia] concessibile, p[er]ch posson'esser' amessi nel Greco, nel Neofito, comOltramariini, e confinanti al Turco nell'Illirico a Loreto, e in quello di cotesta Sacfra] Cong[regation]e. Che quest' allevati nella fede, e piet R[oma]na con l'aiuto del Sig[no]re conservarebbero li convertiti, e odurebbero li deviati. E p[er]ch D[on] Giovanni Tinino mio compagno stato astretto di partire p[er] la stretezza di viveri, che p[er] hora si patisce in q[ue]sti luoghi, e p[er] la speranza c'h di ridurre li suoi alla Fede Catt[oli]ca, n potend'io solo essere suff[icien]te p[er] promovere la salute di tant'an[im]e fra q[ue]sti monti. Supplico humilissiim[amen]te i'Em[inen]ze loro R[everendissi]me a comipiacersi decretarmi un compagno, e conoscendo di q[ua]nto benef[ici]o riuscirebbe in q[ue]sto m'inist[ero] l'impiego di P[ad]re Giuseppe Calog[ie]ro, qua!' era destinato da q[ue]sti popoli p|er] render'uibb[edienz]a con l'Amb[asciato]ri a S[ua] S[anti]t, e supplicare, che sia creato Vescfovo] loro; poich con la sua aut[ori]t m'introdureibbe da [er] tutto, acci po'si eseerci'tare liberam[en]te le mie funt[io]ni, propongo con humil[issi]ina riv[erenz]a all'Em[inen]ze loro R[everentissi]me, che stimando a proposito si degnino assegnarmelo p[er] compagno con la provis[ion]e di gi assegnata [al] sud[et]to R[everen]do Tininio o anco minore [.. Pastrovichi li 15 Maggio 1637. Di Vfostre] E[minenze] R[everendissi]me Humil[isisi]mo, e Devtotissijmo Serv[ito]re Francesco de Leonairdis Archid[iaco]no di Tra Miss[ionari]o in Pastrovich. SOCG, voi. 263, f. 491r492v.

25. VII 1637, , , 20 . . , da ce y .


.

A D[on] Pratn[ces]co de Leonardis Dalla l[ette]ra di Vfostra] Signoria] de 15 maggio havendo questa Sac[ra] Congreg[ation]e veduto quanto ella accuratem[en]te tratti i negotij di co testa sua Miss[ion]e ne ha ricevuto molto contento, e desidera che cos continui nell'avvenire. Quanto agl'errori trovati da V[ostra] Signoria] neiraministrat[ion]e de Santissimi Sacram[en]ti si sono rimessi alla Cong[regation]e de Dubbij, acci siano ben esaminati. In luogo poi del Tinino se l' dato p[er] Compagno quel Calogero Gioseffo con provisione annua di 20 scudi p[er] tre anni, e si tratter a suo tempo con N [ostro] S[gno]re p[er] honorarlo del titolo vescovile. Quanto finalm[en]te a luoghi dell'Alunni non trovandosene al p[rese]nte de vacanti non si pu p[er] adesso consolar cotesto popolo. [Roma] 25 Luglio 1637.
Lettere, voi. 17, f. 74rv.

187
, 16. V 1637. de o . Relatione di Francesco de Leonardis Missionario alii Pastrovichi Alla Sacra Cong[regatio]ne de propaganda fide E[minentissi]mi, e R[everendissi]mi Sig[no]ri Sub [ito] arrivato in questa Citt ini presentai insieme con D[on] Giovanni Tininio mio Compagno alii m[ol]to R[everen]di Sig[no]ri Vicarij di questo Mon [signor] Ill[ustrisB]mo Vesc[ovo] partito pochi giorni prima per Venetia mostrandoli il decreto della Sac[ra] Cong[regatio]ne supplicandoli per la benedfMolne et ricordi giovevoli per la mia Missione. Mi dissero, che ultimam[en]te per mezzo di

304

305

[signor] Vescfovo], et dell'Ecc[ellentisei]mo G[e]n[era]le Mocenigo tutte le Ville, et Terre di Pastrovichi havevano creato due Proc[urato]ri di gi incaminati con Mon[signor] R[everendissi]mo, et un Calogiero, o Sacerdote loro verso Roma per render'ubbedienza a S[ua] San[ti]t, et abbracciare la fede Catt[oii]ca. Che stante questo stimarebbero necessaria la sospensione del nostro impiego, perch trattandosi con gente gelosa di riti lor'antichi, et sospettissima d'ogni novit seguirebbe facilm[en]te mutat[ion]e del concluso, tanto pi, che mostrandosi disgustati di Mon [signor] Vescfovo] un Calogiero, et alc[un]i vecchi del luogo per non haverli condotto seco conform' all'intent[ion]e havuta con ogni poco d'apertura si sforzarebbero per la rivocatkme delle procure, et ri trattai [don] e dello stabilito. Che se fra tanto volesse transferirmi a Budua per informarmi pi da vicino di costumi, et maniere d'essi Pastrovichi stimarebbero m[ol]to a proposito; perch col ritorno di Mon[signo]re e delli Proc[urato]ri fatti prima capaci dell'intent[ion] e di S[ua] Sanftijt di conservarli nel rito loro saresisimo facilini [enj'te introdotti nel paese per affatticarci in Servfitio] di Dio. Ho risposto di tenere comiss[ion]e particolare di conservarli nel rito loro, e che per non temerei di disturbo, o solevat[ion]e, pure, perch, la missione tende in aeditficationem, non in destructionem, e riguarda solo raccrescim[en]to della gloria di Dio, che pensassero bene, se riuscir pi conform' quella, o la dilatione del nostro impiego, o la translat[ion]e a Budua, o il valersi della nostra opera in altri luoghi della giurisd[itio]ne, perch'essequiremo quanto termineranno. Parim[en]te nel passare per Lesina li R[everen]di Sig[no]ri D[otto]re Nembri, et Giulio Costagna Can[oni]ci, mi dissero che Mon[signor] Vescfovo] di Cattaro ha ricevute le mie lettere, nelle quali li davo parte com'ero in viaggio peer transferirmi da S[ua] Signoria] Ill[ustrissi]ma d'ord[in]e della Sac[ra] Cong[regatio]ne per esser' impiegato nella cura di Pastrovichi, si fece intendere, che non vedeva frutto di questa missione, perch'alia cura di Cattolici v'erano li P[ad]ri Osservanti, e nel par[tico]l[ar]e di Scismatici dubitava di confusion'all'arrivo di Sacerdoti di diverso rito. Ch'essendovi stato ultimam[en]te P[ad]re fra Santo da Spalato Missionario per la povert del paese, per l'asprezza delle genti, per la diversit di religion' a pena veduto il luogho era partito. A questi R[everen]di risposi, che mi doleva m[ol]to di non esserm'incontrato in Monfsignor] Vescfovo] per ricevere personalm[en]te li suoi ricordi, ma che lo far per lettere, e gi che mi son'avanzato nel viaggio per non mancar' al mio debito arrivato sin' Cattaro ricorrer alii Vicarij di Mon [signor], m'informar dell'affari commessimi, dar conto alii Superiori, et essequir le terminationd loro. Fui anco a riverire l'Ili[ustrissi]>mo Prov[edito]re con supplicarlo per l'assistenza della sua protet[ion]e. M'essib ogn' aiuto depend[en]te dalla sua auttorit, che bisognando far venire li p[ri]n[ci]pali, e quelli anco, che sono disgustati, e li racconiandar l'opera, e le persone. Che sin'al p[rese]nte era stato buona parte

dell'operato, perch con occas[ion]e, che li Vesc[ov]i Scismatici delle parti di Turchia venendo con una comitiva di Turchi a visitare quelli luoghi, e pigliare le recognitioni aggravavano notabilm[en]te tutti quelli popoli, fece intender'alli Capi, che non comportarebbe in conto veruno, che li stranieri aggravassero li sudditi di Sfua] Serfeni]t per non esservi reputat[ion]e pub[li]ca, per che vi pensassero al rimedio; e che mossi anco da interessi particolari havevfano] risoluto di ricorrer' S[ua] San[t]t per un Vescfovo] del paese di rito loro. Che ream[en]te li motivi sono stati humani, ne sapeva, che frutto si possa per bora promettere di questa conversione, se bene nell'avvenire confidava bene. Soggiunsi, che forsi il Sigino] re ha voluto con questi mezzi ridurli alla verit, e che con l'assistenza del zelo, e piet di Rapresentanti pu!b[li]ci da questi principii si doveva sperare progresso, et avanzarn[en]to. Avanti la mia partita da Venetia procurai informarmi di quest'affari. Il Sigfnor] Governatore Beccich soggetto principale, et d'auttorit grande fra Pastrovichi mi diede qualche lume. Mi disse, che le cose venivano rapresentate a Roma con diversit del fatto, che sin'al presente v'era convers[ion]e in apparenza solo non in sostanza, perch quale [uno] di quelli Calogieri, o Monaci Serviani per l'accoglienze fatteli da Mon[signor] Vescfovo] con alc[un]i Capi di quelle Ville indotti da speranze mostran'do abbracciare la fede Romana, ma che per minimo disgusto, o quelli medesimi Calogieri, o altri del paese Turchesco riducevano il tutto agl'antichi errori. Che la conversione di tante migliaia d'anime nate, allevate, et invecchiate nella falsit di dogmi non si poteva moralm[en]te sperar'in un'instante, ma in progresso di tempo per mezzo di Sacerdoti, che con la rassegnai[ion] e di costumi, e con la verit della dottrina confondino li ministri loro deffettosi in molte cose, et procurino allevar li figlioli di quelle genti con affetto, et charit xpiana, et instruirli nelli principi] essentiali della n[ost]ra fede. Che quella gente era indomita, intrattabile, ostinata nelli sensi proprij, interessata al possibile, e se ben'hoggi pfer] qualch'amorevolezza usatili mostrava d'accostarli alla verit, tutt[avi]a la mattina seguente ritornava alii suoi errori. Di questi particolari diedi conto a Mon[signor] Nuncio, e riportai diversi docum[en]ti, di quali mi valevo a luogo, e t[em]po piacendo al Sig[no]re.
SOCG, voi. 268, f. 381r382r.

306

307

188
, 16. V 1637. . , , , , nona . Ill[ustrissi]mo, e R[everendissi]mo Sig[nore] e P[ad]rone Col[endissian]o Non poteva V[cetra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma procurarmi miss[ion]e pi a proposito p[er] fare penitenza di miei peccati delia p[rese]nte app[ress]o questi popoli. Il Sig[no]re riceva il tutto a sua g [ori] a, e benef[ici]o di quest'anime. D[on] Gio[vanm]i Tinino non potendo resister alii patim[en]td, e difi[icol]t di vivere, ha voluto partire con speranza d'impiegarsi nella redutt[ion]e delli suoi alla fede. Io l'ho essortato a trattenersi p[er] qualche tempo anco con qualche mio interesse, ma senza fru'tto. Facci il Sig[no]re, ch'il suo impiego riesca pi fruttuoso altrove, se 'bene crederei, ch'in simili funt[io]ni vi vuole flegma, e patienza. La sua partenza m' d'incomodo notabile, p[er]ch fra queste montagne non posso essere solo, e attendere con frutto a popolo numeroso sparso in luoghi m[ol]to distanti. Tanto pi, che vengo ricercato anco da circonvicini, come li far fede il Sig[nor] Vicfario] d'Antivari, a consolarli con li discorsi sp[irit]uali, ne posso gratificarli p[er] non mancar' chi son'obligatio. Nella relat[ion]e aggionta (quale prego V[ostra] S[ignoria] Illfustrissijma si degni rivedere) supplico la Sac[ra] Cong[regation]e mi sia asslgnato p[er] Compagno P[ad]re Giuseppe da Rustovo, quale doveva essere portato al Vesc[ova]to di q[ue]sta Prov[inoi]a dalli Amb[asciato]ri destinati p[er] render'ubb[edienz]a a S[ua] San[ti]t. So che quest'affare dipende buona p[art]e dall' autt[orit] di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, la supplico di cooperarne efficacem[en]te [.. .] Pastrovichi 16 Maggio 1637. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma e R [everendissi]ma Gblig[atissi]mo, e Dev[otissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis.
SOCG, voi. 268, f. 386rv.

dt; , . , , nana . Mol[to] Iil[ustr]e e Mol[to] R[everen]do Ho veduto dalle 1 [ette] re di Vfostra] Signoria] quanto passa in cotesta sua miss[ion]e e con molta mia sodisi att [ione] osservata la prudenza e circospett[ion]e colla quale camina che veram[en]te adequata al bisogno di cotesti popoli. Scrivo al Tinino che ritorni alla miss[ion]e non potendo almeno p[er] l'anno nel qual stato pagato lasciarla. Quanto al Calogiero Gioseffo la Sacfra] Cong[regatione] sin'hora rhavrebbe honorato con titolo Ves[covi]le se non fosse stato amalato N[ostro] Sfignore], havendo quella rd[ina]to, che nella p[rim]a Cong[regation]e da tenersii inanzi S[ua] S[anti]t se ne tratti seriam[en]te con S[ua] B[eatitudine] conoscendosi, che d[ett]o Oaloiero pu coli' aiuto di Vostra] Sfignoria] stabilir [] cost la fede Cattolica p[er] esser egli del Rito loro, intanto V[ostra] Signoria] lo vada instruendo nelle forme, e materie de Sacframenjti, e nella Dottrina Christ[ia]na, acci bisognando cometter l'essame a V[ostra] S[ignoria] o ad'altri, possa haver le l[ette]re testimoniali de sufficientia quod sciam p[er] lo stato p[rese]nte delle cose di Pastrovichi.

SOCG, voi. 268, f. 395v.

189

, 21. VI 1637. o . . eepe y (.: SOCG, voi. 157, f. 22r, 29v).

308

309

Allij molto mag[nifd]cij Sig[no]iij Osse[rvantissi]mi li S[igno]rij Nic[ol] BuccMa Vecchio Nic[ol] Zanovichio anbasiatarij per Ila eo!m[uni]t di Pastrovichio apresso Sua Se [reni] t Venetia Molto m[a]g[nifi]ci Sig[no]rij Qss[ervantissi]mij Abiamo intesso da pi parti con n[ostr]a molta mortificatione et dispiacere: come il bon Sig[nor] Reverendissimo veschovo di Chattaro ch'ora si atrova in Roma p[er] avantiarssij nelli soi interessi] et meritti da altro suo fine avese raprese[nta]to in V[eneti]a et Roma di eser Sua 3[igno]ria Revere[ndissi]ma pi volte capit[at]o in queste pariti p[er] disponer questi popullij alla fede chattollicha et p[er]ci progura di esser richonpensato dal prencipe et papa progurandosi ancora p[er] partte di esso S[igno]r veschovo fedi da particolari p[er]sone di questo paiesse di talle sue espresioni p[er] il che abiamo voll[u]to scrivervi le presenti j in nome comune pregandovi di progurare intendere: Se ci sia vero p[er] avisare di sulf[at]to p[er]eh non mancharemo dove bisognare di far conoser con verit come detto Mons[igno]re veschovo non mai qui capottato, n altrij p[er] sua partte, n noi oblig[an]dosi di abandonar il n[ostr]o Rito come vi notto bens di richonosere et ricevere la Santa benedi[tion]e dal Santis[si]mo papa come sempre abiamo pensato, et se altrijmente verano fedi private da queste parti non mancherette di far conoser la sua falsit p[er] onore di tu[t]to questo Sboro nel qual proposito non dovrebbe alguno estendersi pi di quello deve et la veritt lo permet[t]e, lasiando noi ch'il Reverendo archidiachono da Trav continui de qui apresso questij popullij con sue bone opere per disponere quelli che vollontariam[en]te a tal fede Romana volliono redursi sentito et veduto da tut[t]i con molto piacere et conttento p[er] tallij suoi portamenti et predichationij speriamo presto l'avisso di esere espedito da Sua Serenit sop[r]a li n[ost]rij capit[o]lij et bisogni] con consolatione di tu[t]ti et il S[ignor] Iddio vi salvi con bon rettorno. Da Pastrovichi li 21 Zugnio 1637. Di V[ostre] S[igno]rie frattellij Afe[tuQSissi]mij come: Li sudetij Comu[ne] et Sfooro di Pastrovichi et io Nic[ol]o Nichosich cav[alie]r del Sboro pred[et]to ho s[crit]to la pr[esen]te con ord[i]ne soprad[et]to che sar bollata col il N[ostr]o Bollo ordinario.
SOCG, voi. 157, f. 23rv, 28v.

190

, 27. VI 1637. , , . , . o eeo y . Al mio cugnado con tutta la sua famiglia non spettra altro, se non il mio ritorno a Zara, che subitto vole venire a stare a Zara, abraciando il nostro Rito, e deponendo tutti l'errori, e scisme passate; ma io non voglio tornare, se prima non acquisto con che li posso nel principio aiutare, accio non vada mendicando, poich lassa tutto il suo non potendo far di manco. Non ho mai tenuto nascosto cosa alcuna a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustri)ssi]ma come a mio amorevolissimo; non voglio tenere ne'anco come, non havendo denari di liberare il mio sangue almanco, non solo dalle mani del demonio, ma dalle mani delli Turchi ancora, ho messo una scola di grammatica in Venetia, con la quale attender d'arrivare il mio fine, se cos piacer a Vfostra] Sfignoria] Illfustrassi]ma et alla Sacfra] Cong[regatio]ne, poich loro non vogliono aiutarmi con dimandata bagattella di scudi 30. Senza la fede del vescovo, il quale non far mai la fede, se prima non vede esser venuta la gente, e la gente venire non vole, ne meno voglio io, se prima non ho trovato il luogo sicuro, dove metterli, e denaro d'aiutarli; accio non vadano. Desidero grandis[simamen]te sapere se V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma habbia ricevuto rinformatione delli scismatici da me convertiti nelle diocesi dell'Ili [ustrissijnio vescovo di Nona da d[ett]o vescovo oltra la mia. Nel cui vescovado bisognerebbe mandare un Visitatore App[osto]lico, e questo li basti p[er] informatione, quale non tocca a me di dargliela, ma la potr intendere da altri[. . .] Da Venetia li 27 Giugno 1637. Di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma et R [everendissijma Humil[issi]mo et Oblig[atissi}mo Ser[vito]re Dfon] Gio[vann]i Tinimio.

310

311

. , . Non buona la strada che Vfostra] Signoria] ha [re] sa di lasciare la miss[ion]e nella qual almeno doveva trattenersi p[er] un anno p[er] il qual ha havuta la p[ro]vis[ion]e, per l'essorto a ritornar quanto p[rim]a dal Sigfnor] Leonardis inanzi che venga a notitia della Congfregatione] del suo star fuori della miss[ion]e e conseguentemente in continuo peccato di disubbidienza ai superiori. Vjpsttra] Signoria] non stata allevata dalla Sede Apostolica] p[er]ch tenga scuola in Venetia, per ella si trova fuori del vero camino, con non poco pericolo della sua salute, se morisse, per sbrigati li negoti, eh'haveva qui se ne ritorni alla sua miss[ion]e non potendo il Sigfnor] Leonardis supplire senza compagno. SOCG, voi. 18, f. 288rv.

191

, 2. VII 1637. -, , . , . . - . Molto Ill[ust]re S[ignore] S[ignore] Amico mio Coll[endissi]mo Ho recevuto le sue littere nelle quali ho inteso la racomadaoione sua p[er] li fratti riformati venuti in queste parti, che posono predicare alii xpani bisognosi di lochi con loro fatiche, e caritt. Hora li haviso Ill[ust]re che fino hora non stato che li frati someglia a quelli posono caminare p[er] questi lochi e di qualsivoglia religione p[er]ch in tempo mio vene uno fratte in voce p[er] observar la carit appreso li xpni del paese, ma con sua malignit faceva la ribelatione di questa forteza dove che fece far le chiave di novo dele porte di questa forteza. Et uno venerd quando ierimo

in oratione in no[st]re Moschee il deto frate prov le dete chiavi, et apr le porte, ma p[er] gra[ti]a di no[stro] S[igno]re Iddio fu visto da certi na[st]ri li quali pigliando il detto fecero la voce di queli suoi fatti, et noi unitamente con altri Capi di questo locho, et con braccio di iustitia habiamo fato morire di mala morte secondo fu il suo merito. Et p[er] tal modo li Turchi di questo loco non vogliono li patii in queste bande, ma in pi volte si solevorno contro li predeti patri reformati a farli morire di cativa morte; ma io sempre a indusiare metevo la cosa alii domani, et intanto mi furano gionte le sue litere per le mani di Sig[nor] Mateo Thomazzi di Ant[iva]ri in racomandatione di essi reformati, ma se non fuse in tanto Mateo venuto con le sue in recomandatione di lori primo venerdi di questi giorni, lori sariano decapitati di mala morte p[er]ch certi Capi di qui miei nemici furono atestai di certi preti di questi lochi. Ma io come suo antico amico et amor che stato sempre ab antico tra me, et sua honorata Casa, fidandosi sopra sua ul[ust]re S[igno]ria et consienza vedendo, et intendendo le sue a me molto grate in racotmandatione tante e tante di essi frati mandate da lei, li abiamo donato la vita prima p[er] gratia de Nfostro] Sig[no]re, e poi p[er] l'aiuto di Sua Ill[ust]re Sig[no]ria li avemo dato la libert che posono predicare p[er] questi lochi a quei xpni ma dele cose sinistre potete avisare che se guardano p[er]ch sono oto, me par che bastano duo in tuto quello teritorio, et sono andati p[er] le montagnie disobediente a noi. Ma lei considera un poco che nisun non senza nemici quanto io in queste parti. La prego V[ostra] Signoria] m folto] ITl[ust]re che la si degni avisarme del pretio de lane et altre merc[an]tie in Venetia come pasano et se qualche letera mia venir da Venetia p[er] man sue la prego che me li f aresi recapitare et avisarme del recapito della presente. Non altro li resto ali suoi comandi desiderando dal N[ost]ro S[igno]re la conserva in sua bona gratia. Saluto di core li m[ol]ti Ill[ust]ri S[igno]ri suoi Pa[dro]ni. Di Scutari li 2 Luglio 1637. Di V[ostra] Signoria] Mfolto] Ill[ust]re Aff[etuosissi]mo p[er] p[aro]la di Gore Mustaffa Aga Dasdaro et Cad di Scutari [ - ]
SOCG, voi. 268, f. SOOrv,

312

313

192

, 4. VII 1637. , . Ill[ustrissi]mo, e Reverendissimo Sig[nore] e P[ad]rone Col[endissi]mo Nell'aggionta rappresento alla Sac[ra] Oong[regation]e il desiderio di questi popoli del ritorno di Monfsignor] Ill[\ittrissi]nio di Cattaro per intendere l'operato circa l'unione loro con la S[an]ta Sede, e ricevere la bened[ifcio]ne di S[ua] San[t]t. E p[er]ch conosco il fervore di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma nell'affari spettanti airaccrescim[en]to della gloria di Dio, e so parim[en]te di quant'auttorit riesce il suo impiego in questo particolare, stimando gi0vevoliss[im]a la presenza di d[et]to Monfsignor] Ill[ustrissi]mo per la perfett[ion]e dell'opera incominciata, la supplico per la sua presta, e favorevole spediti [ion] e, acci al suo arrivo in conformit della comiss[ion]e datami possi impiegarmi nell'effettuat[ion]e di suoi comandi in serv[iti]o del Sig[no]re. Supplicai Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma nelle mie precedfen]ti, che si compiacesse farmi assignare per compagno il P[ad]re D[on] Gioseppe Calogiero desiderato da questi popoli in Vesc[ovo] loro con la provis[ion]e uguarall'altro mio compagno partito; e parim[en]te farmi capitar'il viatico decretato [...] Pastrovichi li 4 Luglio 1637. Di Vfostra] Sfignoria] Illfustarissijma e R [everendissi]nia Dev[otissi]mo, et obligfatissijmo Serv[ito]re Francesco de Leonardis SOCG, voi. 268, f. 373r. od 1. Vili 1637. . Al Sigfnor] Don Francesco de Leonardis Dalle Ifettejre della Sacfra] Cong[regatio]ne Vfostra] Sfignoria] vedr le risolut[io]ni p[re]se circa la sua relatfionje. Mi spiace degriincontri che trova pfer] cagion de n[ost]ri, ma spero, che ritornando al solito servitio con occas[ion]e di valersi pfer] coinupagmo del Caloiero Gioseffo, il qual intendo ander istruendo, acci si possa

p[ro]mover al titolo Ves[covi]le. Seguiter l'incominciata impresa con cos buoni principi]. S' daito nuovo del Tinio al Caloiero sud[ett]o pfer] eh egli stando in casa sua, non havr tanto bisogno, et a V[ostra] Sfignoria] s' mandato il suo viatico di 15 scudi considerando, che ella se trovava in Venetia, cio a mezzo il camino, incominciandolo da Roma, come fece il Tinino. Non mi paruto bene di p[ro]movere li suoi bisogni cos p[re]sto alla Sacfra] Cong[regation]e ma aspettar l'anno finito, nel qual dando Vfostra] Signoria] conto della spesa supplicher la Sacfra] Cong[regation]e p[er] augumento. Ho scritto gi due l[ette]re al Sigfnor] Cavallfiere] Boliza, che facil[men]te a q[ue]st' hora l'havr havute, e gli scrive anche la Sacfra] Cong[regation]e, con che facendo fine a Vfostra] Signoria] baccio aff[etuosamen]te le mani.
[Roma] p[rim]o Agosto 1637. SOCG, voi. 268, f. 374v.

193
, 4. VII 1637. de da , . E[minentissi]mi, e Reverendissimi Sig[no]ri e P[ad]roni Col[endissi]mi Per debito del ministerio ingiuntomi rappresento humilm[en]te all'Em[inen]ze loro Reverendissime, che tenendo questi popoli desiderio singolare di vedere l'essito dell'operato da Mon[signo]r Ill[ustrissi]mo di Cattano per l'unione loro con cotesta Sfanjta Sede, sarebbe m[ol]to giovevole per il Serv[iti]o di Dio, e beneficio di quest'anime la presta speditt[ion]e d'esso Mon[signor] perch ritornando consolato con raggiustam[en]to del trattato, con la beneditfionje un[iversa]le di N [ostro] S[igno]re tanto bramata, con qualche provisione d'apparti per queste Chiese povere in estremo, e sollevo dell'Amb [asciato] ri per le spese fatte a quest'effetto; sperarci che quest'unione incominciata con tanto Zelo, e fervore da d[et]to Mon[signor] Ill[ustrissi]mo sarebbe con la graftia] di Dio, e sua prudenza ridotta a perfettfionje in accrescim[en]to della gloria del Sig[no]re, sodisfatt[ion]e di S[ua] San[ti]t, e di cotesta Sacfra] Cong[regation]e,

314

315

et salute di questi fedeli. Io non ho mancato con la mia debolezza in adempkn[en]to del mio obligo eooperar'alla gratia del Sig[no]re per la dispositione necessaria a questo fine con quelli termini, e maniere, ch'i! Sig[no]re s' compiaciuto soministrarmi; nell'avvenir' attender solam[en]te il ritorno di d[et]to Mon[signor] Ill[ustiissi]mo di Cattare per dover'esseguire li suoi ordini conform'alle mie comissioni; Prego il Sig[no]re prosperi, e feliciti l'Em[men]ze loro R[everendissi]me, mentr'io devotam[en]te li bacio le vesti. Pastrovichi li 4 Luglio 1637. Di Vfostre] E[minenze] R[everendissi]me Humil[ijssi]mo, e Dev[otiss]nio Serv[ito]re Francesco de Leonardis Arehid[iaco]no di Tra. SOCG, voi. 157, f. 24r, 27v.

tioni di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, a cui vicendevolmfenl'te prego le celesti consolat[io]ni e li bacio devotam[en]te le mani. Pastrovichi li 15 luglio 1637. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, e R [everendissi]ma Dev[otissi]mo et Oblig[atissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis Archid[iaco]no di Tra. SOCG, voi. 157, f. 22r, 29v.

195
, 1. Vili 1637.

194
, 15. VII 1637. de (Bua.: SOCG, voi. 157, f. 23rv, 28v). Ill[ustrissi]mo e R[everendissi]mo Sigfnor], e P[ad]rone Col[endissi]>mo Dopp'il tumulto promosso contro di me da nemici del Serv[iti]o di Dio, et quietato per opera, et auttorit del Sig[nor] Cavfalier] Francesco Boiizza, come di gi nelle mie precedenti significai a V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ima, mi sono capitate l'alligate scritte dallo Sboro, o Universit di questi Sig[no]ri Pastrovichi ali' Ambfasiatojri loro a Venezia. E perch da quelle si comprende, che mentr'il p[rese]nte affare sar maneggiato con termini suoi naturali indrizzandolo a mera gloria di Dio senz'altri riguardi potranno sperarsi effetti salutari; ho stimato ben'inviarle a Vfostra] Signoria] Ill[ustrissijma, supplicandola a rappresentar' alla Sacfra] Cong[regatio]aie quelli particolari che dalla sua prudenza saranno giudicati a proposito per raccresci!m[en]to del culto divino, e benef[iei]o di quest' anime. Attender le sue comissioni, et in tanto andare perfettionando T'informaitione per ridurre, e conservare questi popoli con maniere proprie, e creali nella strada della salute, pregando ii Sigjno]re mi conceda gratia, che l'unico oggetto del mio impiego sia la santificatione del suo nome. A questo fine mi raccomando all'ora-

od de da je do cada ", . da . . , ". [ . . . ] Ho ricevute lettere dal mio compagno da Paistrovichi, quale sta sano, ma con travagli, e fino adesso senza frutto. Il Padre fra Giuseppe da Zara gli bacia le mani offerendosegli humilis[si]mo servitore, si trattene qui a Venetia p[er] dare in luce una opera in lingua Slava molto bella, e utile al salva[men]to delle anime[...] Subito poi che haver aggiustato a Zara li parenti, quali pure sono sotto la iurisditione del vescovato di Nona nostra Missione, mi partir p[er] li Pastrovichi da Leonardis mio compagno, accio siamo insieme, nel servitio d'Iddio in quelle bande. Venetia a di primo Agosto 1637. D[on] Gio [vanni] Tininio
SOCG, voi. 18, i. 285r.

316

o
196

197

317

, 11. VIII 1637. . Ill[ustrissi]mo e R[everendissi]mo Sig[nor], e [ad] rane Col[endissi]<mo All'arrivo di MOTI [signor] di Cattaro, fui sub [ito] a riverirlo, et havendomi rassegnato al suo indrizzo con supplicarlo, vogli favorirmi di ricordi opportuni al mio ministerio, mi disse, che di gi s'era affatto dttracciato dalle cose di Pastrovichi per non essere della sua Diocese, e non ostante, che replicasse pi volte le supplicat[io]ni per l'assistenza, riportai sempre fermo proponim[en]to di non vo'lersen'mgerire nell'avvenire [. ..] Pastrovichi li XI. Agosto 1637. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, e R [ever endissi] ma Dev[otissi]mo e oblig[atissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonaidis Archid[iaeo]no di Tra. SOCG, voi. 268, f. 378r. da pad , o . Non so p[er]ch il Ves[cov]o di Cattaro si sia cos disgustato, che non voglia pi sapfer] delle cose de Pastrovichi. Forse gl' stato parlato in Venetia, ove anche fu impedita l'ambasciaria di d[ett]a Terra. Vfostra] Signoria] seguiti pure a servir quel ipopolo coll'indrizzo del Sigfnor] Cavaliere] Boliza e del p[ad]re Buonaventura che spero Vfostra] Sfignoria] aggiuster in maniera ch'ella n'havx lode da q[ue]sta Sacfra] Gong frega tiene]. Mando a Vfostra] S[ignoria] una cassetta con medaglie, e corone datemi dal p[ad]re Vergilio Spada, la porter facil[men]te il p[ad]re Spezza, ch' in Ancona, al qua! conforme la l[ette]ra del >med[esi]imo [ad] re Virgilio ne far parte, con che pfer] fine a Vfostra] Sfignoria] bfacio] le mani. SOCG, voi. 268, i. 385v.

, 10. IX 1637. de ; Visitatio ad limina", a da . . Pfer] rill[ustirissi]mo Monfsignor] Ingoii Ill[ustrissi]mo, e R[everendissi]mo Sigfnor], e P[ad]ron Colfendissijmo Per non essere tanto molesto a Vfostra] Signoria] Iillfustrissi]ma, ho comesso diversi particolari al Sigfnor] Prim[ice]rio di Tra mio Cug[i]no, che deve essere cost per qualche tempo. Egli necessariani[en]te dovr ricorrer' atta sua auttorit. La supplico d'esserli favorevole, come ne sono certo, trattandosi del Servfitio] di Dio. Attendo airistrutt[ion]e del Prete Dfon] Joseffo, se bene nell'essecut[ion]e del pen:siere accennatomi dubito s'incontrer delle difficolt, oom' miglior' occae[ion]e gline dar conto. Raccomando riverentem[en]te alla sua protett[don]e il sud[et]'to S[igno]r Primficejrio con il S[igno]r Dfon] Gir[ola]mo suo ir[at]ello pure mio Cug[i]no, che se ne viene cost a perfettionare il suoi studij. D'ogni favore, che si compiacer passare con toro, li restaremo tutti insieme obligati, n potendo riconoscerla in altro modo, lo faremo, con pregar'ogni bramata felicit a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma, alle cui orat[io]ni mi raccomando, e ii bacio devotam[en]te le mani. In Pastrovichi X. Settfembjre 1637. Di Vfostra] Sfignoria] Il)l[ustrissi]ma, e Rfeverendissi] ma Obligfatissijmo, e Dev[otissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis Archid[iaco]no di Tra. SOCG, voi. 157, f. 31r, 35v. de , o . Al Decreto della Sacfira] Cong[regatio]ne per la provis[io]ne del Caloiero Gioseffo inviato gi con altra mia a Vfostra] Sfignoria] soggiungo hora il duplicato, et accertandola, ch'i! Sigfnor] Primicerio

318

319

loro, mi off ero altres per altre occasioni a V[ostra] Signoria] e le b[acio].
SOCG, voi. 157, f. 35v.

col' suo fr[a>t]ello cugini di lei mi ritrovaranmo pronto nell' occorenze

scismatici, e 25 catholici, dove li n[ost]ri frati con gran stenti gl'hanno mantenuto da molti anni in qua. Hora essendo venuto il S[ignor] Leonardi in quelli paesi, che sta co [me] frate, nuomo dotto, essemplare, di stima, e degno d'ogni honore, qual non manca di

fare la caritt a q[ue]ili popoli della verit catholica; ma essendosi

198
, 14. IX 1637. o . 40 40 .

Ci 3 certi luochi sapr d'Qbla ch' deH'Stato 'di Rag[us]a sotto il Turco detti Zurovici, al modo di n[ost]ri paesi quali senza Sacerdoti ca'tholici sono passati, e passano al rito scism[atic]o et si ritrovano circa 80 case, 40 catholiche, et altre tante scism[atich]e [...] Di San Bart[olome]o di Brugiaro li 14 7bre 1637. Di V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma et R [evarendissi]ma Humiliss[im]o figl[iol]o in Xpo Fra Donato da Spizza.
SOCG, voi. 268, f. 360rv.

t, havendogli anco menato fin a Venetia, l'ha p[er] male, che il S[ignor] Leonardi habbia q[ue]lla lode; et essendo, come l', piaccia a Dio, che si facci frutto, essendo il Mons[igno]re sdegnato, che non sar favorevole, che se la cosa proseguiva, bench li Pastrovichi medesimamente sarebbono tutta via scismatici, n[on] dimfeno] li loro posteri sarebbono, se non in tfutto] almeno in parte catholici, che li sono prattichissimo; Per ricordo a V[ostra] Signoria] IIl[ustrissi]ma in cui stanno tutti li negotij, che la cosa sia favorita, e messa avanti; il Mons[ignor] di Cattaro in ci riconosciuto, et honorato; et il Monaco Joseffo, figlio di prete Nicolo da Rustovo sia fatto Vesc[ov]o bench l' ignorante, come li altri, secondo il pretende, e ci p[er] manco male, p[er]ch loro ut supra vanno dalli loro Vescovi scismatici, et se li vogliono mandare delli libri stampati nel loro carattere Cirilliano, li saranno grati. Ci sono particolari Caporioni de Pastrovichi, il vechio Steffano Becich scismatico, ma di noi amorevole, un nepote del quale si fare'bbe sacerdote catholico, mentre l'havesse il favore di qua, studiando le n[ost]re lettere. Et il P[ad]ron Pietro Medio, hor catholico, hor scism[atic]o, che sa legger, et scriver latino, e con la bocca fa p[ro]fessione di esser il vero cath[olic]o. C' ancora il n[ost]ro P[adre] Buonav[entu]ra Davidovich di casato potente, il quale q[uan]do fusse favorito di venire qua p[er] li negotij de PastrovicM, potrebbe far assai. Io fra Donato da Spizza faccio ricordo a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma et Rfeverendissi]ma.
SOCG, voi. 268, f. 358r.

messo [er] mezzo anco di .me in buona parte, il Mons[ignor] di Cattaro, huiomo sensitivo, p[er] ridurgli aiH'o'b[edienz]a di Sua Santi-

199

, npe 22. IX 1637.


1, 500 25 . , nona ", , ". Ill[ustrissi]mo, et R[everendissi]mo Sig[no]re Acci che la mia venuta a Roma sa totalmente diretta a Dio. Q[ue]lk> che p[er] (rispetti ho tacciuto, esplico, che li Pastrovichi sono simili in tutto affi miei paesi, essendo contigui, e sono 500 case
200

, 28. X 1637. de . , , , , ". , de -

320

321

. () no . E[iminentisisi]mi, e Reverendissimi Sig[no]ri, e P[ad]roni Col[endissi]mi Ricevo, con humiliiss[im]a riverenza le comiss[ion]i di V[ostre] Efminenze] R[everendissi]me di 25. luglio decorso, e conforme a quelle con l'aiuto del Sig[no]<re studiare d'aggiustare le funtoni di questa missione per quanto comporta la mia debolezza con la cooperatione del Calogiero Gioseffo, datomi dalle benignit loro per compagno. E sperarei, che quest'assignat[ion]e risultar a gloria di Dio, e salute di quest'anime; poich tenendo lui cura di diverse Ville da parte d'Oriente, e trovandosi Paroco di buona parte di questi popoli Prete Nicolo di S teff ano suo [ad] re Autore principale di quest'unione, et aifatticandomi io nel disporre gl'altri Sacerdoti a qualche termine di speranza, confidare nel Sigfnolre, ch'in progresso di tempo per mezzo dell'in vigilanza, e piet deir[minenze] loro R[everendissi]nie si compiacer ridurre questi popoli a stato di salute. Havendone qualche probabilit sin'al p[rese]nte; poich dove prima la maggiore parte di queste genti abboniva li Sacerdoti del nostro rito al paro di Mahomettani med[esi]mi, venendo acertate c'habbiamo l'istessa scrittura, honoriamo ristessi Santi, riceviamo li decreti di sette [ri] [ci] pali Concili] d'Oriente, si mostrano appagati, e sopratutto si consolano, quando s'assicurano, che S[ua] San[t]t, e cotesta Sacfra] Cong[regation]e si contenta conservarli nel rito loro in tutto quello, che contiene di lodevole, e permissibile. E che non desidera altro, eh l'unione con la S[an]ta Sede, e l'osservanza del decretato nel Sac[ro] Oonc[ili]o Fiorentino con la profess[ion]e della fede in conformit di quello. Oltre gl'errori accennati nelle mie precedenti scopro anco, ch'alc[un]i cos Eccl[es]iastici, come secolari tengono, che la Chiesa non hafobi auttorit di fare nuove constitutioni, havendo li primi sette Concilij Orientala regolato a sofficienza l Chnistianit. E che li quattro Patriarchi d'Oriente sono di pari auttorit con quella della S[an]ta Sede. Nell'estrema untione (oltre che li Preti semplici 'benedicono l'oglio nell'aministrat[ion]e med[esi]ma di questo Sacram[en]to cosa comportabile p[er] la p[er]missione di Clemente 8. di fel[ice] meni [oria] neH'istrutt[ion]e sopra li riti di Greci) non ongono le sedie di sensi, ma solam[en]te il fronte, e le guancie, e la gola; e circa questo, bench m[ol]ti Theologi tengono, che per l'essenza di questo Sacram[en]to si micerca l'ontione nelle sedie di sentm[en]ti, come soggetto di necessit, tuttavia desiderarei havere la certezza da cotesta S[an]ta Sede, per potermi conform' quella regolare; et avertre questi Sacerdoti. Ad altra occasione, e migliore comodit supplicare rE[minenze] loro R[everendissi]me ad applicar il pe[nsiero] alla revisione, e rifor-

ma del Missale, e Rituale loro, et d'alcuni libri canonici massime di Profti, perch contengono errori, e quelli per avventura essentiali. Questa gratia riuscirebbe di som[m]a consolatione a quest' Eccl[es]iastci; perch non essendosi stampati da m[ol]te decine d'anni in qua li libri loro, ne restano senza, e li manuscritti li riescono di spesa intolerabile, et anco con errori notabili. Che s'in questi luoghi s'aggiustasse la scrittura, e si stabilisse la fede Catt[oli]ca, potrebbe facilm[en]te aprirsi l'ingresso nel Monte negro, Zenta inferior, e Superiore, et altre Prov[inci]e della Servia, piene di Scismatici; per esser' il paese di Pastrovichi come Porta a tutti quelli luoghi; et havendo conformit con quelli nella credenza, leggi, instituti, e costumi. E perch'io in queste parti non ricevo altro suffragio, se non quello, che la charit dell'E[minenze] loro R[everendissi]me si compiace soministrarmi, n potendo con la tenuit di quello in modo alcuno mantenermi, havendo sin'al p[rese]nte supplito del proprio p[er] le mie necessit, come potran[n]o, degnandosi, vedere dalla nota delle spese qui aggionta; Supplico humilm[en]te le benignit di quelle per l'accrescimento acci proveduto per le mie necessit possi senz'altro pensiere attender'aH'essecutione di loro comandi, a gloria di Dio, e salute di quest'anime. Il Sig[no]re conservi, e feliciti rEfminenze] loro R[everendissi]me, mentr'io con humil[issi]nio inchino li bacio le vesti. Pastrovichi li 28 Ottobre 1637. Di Vfostre] E[minenze] R[everendissi]me Humil[issi]mo e Dev[otissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis.
SOCG, voi. 157, f. 30rv, 36v.

201
, 28. X 1637. de da cpn . , a . ULTO , a .

322

323

. . Ill[ustrissi]imo, e R[everendissi]mo Sig[nor] e P[ad]rone Col[endissi]mo Io non mancar d'attender' aH'iBtrutt[ion]e del Calogiero Gioseffo, conform'al'la commissione datami da Vfostra] Sfignoria] IIl[ustrissi]ma, et ho di gi aggiustato, ch'oltre le feste, e le solennit loro, siamo due volte almeno alla settimana insieme; havendolo cominciato instruire nella dottrina xpiana. Accennare) bene, che dubito, ch'il pensiere di crearlo Vescovo in partibus haver delle difficolt nell'esseoutione per il fine intento; perch n questi popoli s'induraii[n]o a ricever' il Vescfov]o senz'il consenso del P[ri]n[ci]pe, n'il Vescovo riuscir fruttuoso senza l'assistenza delTauttorit temporale; per havendo il P[ri]n[ci]pe di gi diferito il suo consentirti [en]to, non so, se sarebbe ripiego giovevole eludere la sua volont con termini indiretti, perch temerei, che restarebbe delusa insieme la creatione con non permetterli l'essecutione delle sue funtioni o con connettere, che non sia accettato da questi popoli, o in altro modo. Oltre, che s'in questi principi] non s'havesse, appoggio sodo all'auttorit secolare, che portasse, e protegesse il Servitio di Dio, non so se si conseguirebbe l'intento in quant'all'esclusione del Vescovo di Cietina Scismatico, perch la maggior parte di questi Calogieri, massime li pi vecchi, a cui parerebbe molto grave, vedersi anteposto uno pi giovane, ogni volta, che non fossero trattenuti dall'ubbedienza, e riverenza dovuta al P[ri]n[ci]pe, e che vedessero, ch'il neg[oti]o non dipende dal suo volere, nell'occorrenze spirituali, rioorrefobero a chi sono soliti non essendo sin'hora a soffieienza persuasi, ch'alii Catt[oli]ci vietato siimi ricorso. Aggiongo, che dovendo il Vescfovo] da crearsi esercitare le funtioni anco in tutta la Diocese di Cattare sapra quelli del rito greco non veggo, come possi stabilirsi con frutto quest'affare senza l'assenso del P[ri]n[ci]pe. M'ha parso necessario portare queste considerationi alla prudenza di V[ostra] S[ignoria] Ill[ustrissijma, acci stimandole di momento procuri per hora lasciare niaturire questo frutto, perch temo, che volendolo coglier' imaturo, et acerbo, se ne perda ogni speranza, e maturandosi riuscir forsi di gusto, e sodisfatt[ion]e, tanto pi, eh' in questo mentre il Calogiero destinato s'andar perfettionando, o il Sig[no]re prevedere in altra maniera. Mi rimejo per in tutto, e per tutto, perch' in quanto a me non mancar effettuare quanto mi sar imposto. M'assicuro bene che Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma haver merito app[ress]o il Sig[no]re p[er] haver operato, che mi sia assegnato per compagno il d[et]to Calogiero; poich con questo mezzo s'andaranno disponendo questi popoli per esser' esso Calogiero Padre Spirituale (il che se bene pare contrario ad una terminatione di Clemente 8., tuttavia stimo potersi comportare p[er] giuste cause)

della magg[io]r parte di Pastrovichi verso l'oriente; II suo Padre Prete Nicolo attende alla cura di quelli dell'occidente; e nel resto trovandomi io nel cuore di Pastrovichi m'andar insinuando negl' animi di Sacerdoti per iridarli a poveri sensi; com' accenno alla Sac[ra] Cong[regatio]ne. E se V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma desidera accrescere li suoi meriti appresso il Sig[no]re procuri com' altare volte ricordai; et hora replico le supplicat[io]ni rassignamfen]to di qualche luogho in cotesti Collegi] pfer] questi figlioli per stabilir' il fondam[en]to di quest'unione; perch quando vedessero abbracciati li proprij figfliojli dalla Sfanjta Chiesa crescerebbero in reverenza, e venerat[ion]e verso quella, e verso li suoi intervenienti. Oltre che cosi s'escluderebbero facilmfenjte li Ministri Scismatici; perch ritornati, che fossero li figlioli loro haverebbero indufoittam[en]te queste Pairochiali; perch la scariscezza di Preti del paese, si servono li forastieri, et al p[rese]nte vi sono quatro forastieri, uno da Spizza, l'altro da Monte Negro, il terzo dal Ducato di Sfanjto Saibba, et il quarto da Castel Nuovo. Sono stato anco dal Pfadjre fra Bonaventura p[er] beneficio di questa missione. E tra gl'altri particolari habbiamo concluso, ch'io vadi disponendo questi Sig[no]ri p[ri]n[ci]pali si contentino accettare due Padri Riformati, n mancar d'affatticarmi p[er] quest'effetto, e confiderei di colpire; perch vedere, che li sia assegnata per hospitio quell'istesa Casetta, ch'uno di questi Sig[no]ri va mettendo all'ordine p[er] la mia habitatione; la difficolt consiste nell'ottener' il placet da S[ua] Ser[eni]t, essendo questi luoghi di grand[issi]ma gelosia; E dubitarei anco, che li Minori Osservanti s'opponessero per haver qui un'hospitietto loro. Pure da canto mio si far il possibile, et il Sigfnojre facci quello li piace. E perch s'avvicina il fine dell'anno in conformit dell'ordine di Vfostra] Sfignoria] Iil[ustrissi]ma niando la nota delle spese fatte, essendo andato ristretto al possibile, con mettervi solam[en]te le necessit della propria persona, havendo per havuto di continuo un Chierico almeno in mia compagnia, per beneficio delPistessa missione per istrutt[ion]e di figfliojli in mia absenza, non v'aggiongo anco la spesa del vestito, che pure a necessaria; accenno solam[en]te, che nelle scarpe sole mi son' andati sin'bora due scudi d'argento, rimettendomi intieram[en]te alla charit di V[ostra] Signoria] IIl[ustrissi]ma, da cui so, che depende buona parte di questo favore, assicurandola sopra la mia coscienza, che li trenta scudi non mi sono sufficienti n'anco [ex] otto mesi, et che de qui non ho aiuto, n suffraggio veruno; onde non potr in modo alc[un]o passarla con la provis[ion]e assegnata, se non vorr rimettere del mio il terzo almeno, com'h fatto nel viaggio, nel qual' ho speso m[ol]to pi di quindeci scudi. Ringratio per del tutto la Sac[ra] Cong[regation]e, e V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma, e mi raccomando alla charit di quelle persuadendomi, che non permetteranno, ch'oltre le tattiche proprie vi rimetta anco del mio. Mi raccomando anco alle sue orationi, e mentre m'obligo di continuare di pregar' il Si-

324

325

g[no]re p[er] ogni consolai [ion] e di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma li bacio devotam[en]te le mani. Pasifcrovichi li 28 ottobre 1637. Di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma e R [everendissi]ma Dev[otissi]mo, et Oblig[atissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis.
SOCG, voi. 157, f. 33r34v.

Quanto alii 50 scudi de Pastrovichi mando a Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma il Decreto dal quale vedr, che bisogna pagar il sudtetto] denaro alii deputati, che venero a Venet[i]a per sar bene trasemetterli al Sig[no]r d[on] Francesco de Leonardis con ordinarli, che li distribuisca alii sud[ett]i deputati, che cos si guadagner gl'a[nim]i loro.
SOCG, voi. 18, f. 120rv, 121v.

203 202
i

, 14. XI 1637. da he . , , , . Di Venfetia] li 14 Nov[e<mb]re 1637 Vi qui uno de Pastrovichi chi era tra deputati che dovevano venire a Roma e vorebbe il denaro che Vfostra] Sfignoria] mi avvisa che si paghi al Leonardis e veramfenjte nofn] mi pare espediente di sborsarlo a questo che potrebbe pigliarsele per se senza renderne conto alii altri nofn] mostrando ordfinje alc[<un]o dell'altri, che il Leonardis far come sera pi servitio penso per inprovatt[ion]e f?] inviarle al sudfetjto senza m'ordina intanto Vfostra] Sfignoria] altrimenti, ma nonch non penso far altro per l'ord[in]e ohe tengo nella Ifettejra di Vfostra] Sfignoria] di mandarle al Leonardis. ULTO 50 . , , . Ha fatto bene Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma a non dar li 50 scudi al deputato di Pastrovich, p[er]ch facil[men]te gl'altri deputati sarebono stati senza.
SOCG, voi. 18, f. 135rv, 138v.

, 31. X 1637. od ( 11. IV 1637) 50 , . , , . Con lettere di XI d'Aprile mi scrisse Vfostra] Sfignoria] che si dovesse pagare agli Pastrovichi, che s'affaticorono p[er] l'unione, il cui pagamento non venn'effettuato, perch quegli non si ferono pi vedere da me, da che comparvero a Ven[eti]a. Hora per, con lettere di Mfonsignor] il Vesc[ov]o di Cattare, ritornato uno de' principali col farmi istanza per la sodisfatt[ion]e, il che ho voluto avvisare a Vfostra] Signoria], perch mi avisi ci, che devr replicargli. Et pi le bacio aff[etuosanient]e le mani. Di Ven[eti]a li 31 ott[ob]re 1637. [...] Mi pare che l'ultimo] ord[in]e di V[ostra] S[ignoria] russi di pagare cinq[uan]ta scudi alii Pastrovichi, ma per esser verso tanto tempo non mi passo di sborsarli senza novo ord[in]e di V[ost>ra] Signoria] venuto uno di quelli ch'era deputato l'altra volta, et vorebbe lui il denaro [...] Ha 50 .

326

327

204

, 21. XI 1637. , 50 , 10 , . Si trovava qui in Ven[eti]a uno de deputati de Pastro vichi con farmi continu' instanze della provisione delli cinquanta scudi decretati dalla S[acra] Cong[regatio]ne. Non per stato possibile di non compiacerlo, in parte, poich si doleva esser venuto qua per tal' eff[ett]o, e che non haveva il commodo di poter tornare indietro; onde mi convenuto di soccorrerlo di dieci ducatoni, con havermeli fatto obligare prima da secura persona di dovern' io essere reintegrato, tuttavolta il d[ett]o pagamento non mi venga approvato dal S[ignor] Leonardis, a cui devo rimettere il resto. Ho del tutto stimato dar parte a Vfostra] Signoria], perch sappia quanto seguito. Et le bacio aff[ettuosament]e le mani. Di Ven[eti]a li 21 Nov[emb]re 1637.
SOCG, voi. 18, f. 136r.

Vfostra] Signoria] Illtuttirisisijma perch non vorrei, che con affrettar' il parto, ne segua l'aborto. Questo negfotio] m[olt]o delicato, e conviene trattarlo con soavit, e dolcezza. E mentre si prevede, che la solecitudine, o celerit non solo non habbi da riuscire fruttuosa, ma anco facilm[en]te possi sovertire li fondam[en]ti med[esi]mi d'ogni speranza; Stimo non solo prudenza; ma chardt rimettersi all'opportunit del tempo. Non descendo a magg[io]r particolare; perch so d'esser' inteso, et di gi a sofficienea mi sono spiegato nelle precedenti. Doppo le venture festivit imi sforzare d'essere con il sud[et]'to Sigfnor] Cav[alie]re per conferire seco alcuni pensieri riguardanti la promotione di questa missione, e dell' aggiustato gli ne dar parte. Pfadjre fra Donato da Spizza arriv sin'alli giorni passati, non per port la cassetta di coron', e medaglie dal P[ad]re Spada, dice bene d'attenderle d'hora in hora; capitarebbero m[ol]to a proposito se s'havessero per le future solennit. Inviai anco secondo l'ordine di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma la nota delle mie spese, e voglio sperare presto sollevo per mezzo della sua charit gettandomi nel seno della sua protett[ion]e. Mi raccomando alle sue orat[io]ni, e mentre per fine li prego felicit dal Sig[no]re, li bacio devotam[en]te le mani.
I+*J

Pastrovichi il p[r,im]o di xmlbre 1637. Di Vjpistra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, e R[everendissi]ma Dev(otissi]mo, et obligfatissiijmo Serv[ito]re Francesco de Leonardis.
SOCG, voi. 157, f. 25r, 26v.
;
,:

205

de npu . Ho inteso quanto Vfostra] Sfignoria], et il Sig[nor] Cavali [iere] Boliza mi significano circa il Caloiero, io mi rimetto alla loro prudenza; La Sacfra] Coing[regation]e sormander a V[ostra] S[ignoria] la risposta che s' havuta dal S[an]to uff[ici]o in mafterija delle forme della consec[ration]e usata cost, acci significhi quanto si desidera. Delle sue p[ro]visioni, q[ua]n[do] sia finito l'anno si dar l'ord[in]e, che sia sodisfatto usandosi q[ue]sto termine p[er] decreto g[e]n[er]ale della Sac[ra] Cong[regation]e con che p[er] fine.
SOCG, voi. 157, f. 26v.

, 1. XII 1637. de . [] rill[usta:issi]mo Mon[signor] Ingoii Ill[us:trissi]mo, e R[everendisei]mo Sig[nor], e P[ad]rone Col[endissi]mo Dal Sig[nor] Cav[alier] Bolizza intendo, quanto V[ostra] S[ignoria] Illustrassi] ma mi cornette e [ire] a 11strutt[ion]e del Calogiero. Io sin'al p[ri]n[cii]pio di Sett[emb]re decorso cominciai conformarmi con li suoi ordini in questo particolare tutto che stimavo bene, e stimo per ogni modo, che l'essecutione di quest'affare si debba per ho>ra differire per le considerationi gi fatte alla prudenza di

328

329

206

, 20. XII 1637. ( : SOCG,

voi. 157, f. 4rv).

Gi m[ol]ti anni sono, che prima il [ad] re mio; et poi io monaco fra Gioseffo ho pregato il Sig[no]re, che mi conceda gratia. che potesse venir', e baciare li Santi piedi al S[antissi]nio nostro Papa Romano, e dimostrar' cotesta Sac[ra] Cong[regation]e, come per inspiratione dello Sp[irit]o S[an]to ho cercato unirmi nella credenza con cotesta? Santa Sede; E se bene sin'al presente non m' stato concesso conseguire questa gratia; nulla di meno confido, ch' suo tempo il Sig[no]re si compiacer essaudire le mie orationi; acci si come desidero viver', e morire in unione della S[an]ta Chiesa Romana, cos possi personalm[en]te prometterli; et giurarli ubbedienza; In tanto, io, et il mio Padre procuraremo con opere mostrare questa nostra risoluta volont attendendo al Serv[iti]o di Dio, et alla propagai[ian] e della Sua Santa fede in compagnia, con l'aiuto, e istrutt[ion]e del R[everen]do Archid[iacono] Frane [esco] Leonardis; tanto maggiorm[en]te, che Bon'obligato per il carico, che s' compiaciuta impormi la benignit loro Em[inentissi]ma. Iddio le prosperi, et allegri per molti anni; et io humilm[en]te le bacio le Sacre vesti: Fu scritta questa l[ette]ra del mese di Xmbre alii 20. Pastrovichi nel Monasterio di Gradista. 1637. in

Di V[ostre] Sfignorie] E[minentissi]me, e R[everendissi]me Huimile Serv[ito]re in Xpo Hyeromonaeo Gioseffo. Amen.
SOCG, voi. 157, f. 4rv; Carolus Nezic, De Pravoslavis Jugoslavis saec. XVII ad Catholicam Fidem reversis necnon de eorum conceptu Romanae Ecclesiae, Romae 1940, 9596.

245. , 20. 1638. . 20 . . Essendosi .riferita la l[ette]ra del Calloiero Gioseffo in q[ues]ta Sacfra] Cong[regatione] co[n] isodisfatt[ion]e de Sig[no]ri Cardinali] p[er] haver intesa la sua buona disposit[ion]e verso q[ues]ta S[an]ta Sede, e l'unione, che co[n] essa p[ro]fessa, hano ordinato a Nuntio di Venetia, che rimetta a V[ostra] Sfignoria] scudi sessanta 40 de quali riterr per se, et il resto dar al d[ett]o Calloiero; e perch egli ha chiesto licentia di venir a Roma, p[ro]curer di p[er]sisterlo p[er] adesso da q[ue]sto pensiero p[er] la spesa, che far e p[er]ch al p[rese]nte tempo ch'insieme co[n] V[ostra] S[ignoria] attenda a confermar il popolo di Pastrovich, et a ridurre gl'altri popoli vicini insieme col Ves[cov]o di Cetigne all'unione.
SOCG, voi. 157, f. 13v.

SOCG, voi. 157, . 3r, 13v; Carolus Nezic, De Pravoslavis Jugoslavis saec. XVII ad Catholicam Fidem reversis necnon de eorum concepiti Romanae Ecclesiae, Romae 1940, 94 95.

(: SOCG, voi. 157, f. 3r, 13v). de . Efminentisisiijmi, e R[everentiBsi]mi Sig[no]ri, e P[ad]roni miei Col[endissi]mi

330

331

207

, 21. XII 1637. . . . , . , . . Ill[ustrissi]mo, e R[everendissi]mo Sigfnor] e P[ad]rone mio Col[endissi]mo Ricevo quelle di V[ostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma di tre 8bre decorso. Non crederei, ch' Mon [signor] di Cattare sia stato connesso da altra parte a non ingerirsi negl'affari di quest'anime: Si lamenta bene di non essere stato cost solevate delle spese gi fatte. S' anco dichiarato d'havere per questa causa levato mano, e per non esporsi a nuovi dispendi]. Che nel resto sperare, ch'aggiustate le correnti ^differenze all'arrivo dell'Amb[asciato]re cost, ogni v[olt]a che S[ua] Sanftijt si compiacer passare parola seco, il negfotijo se bene geloso, e delicato in se stesso rispetto al luogho, et alla natura di queste genti, sostir buon effetto, in tant'io attender aU'istrutt[ion]e del Calogiero, et al Serv[iti]o di Dio, e di questi popoli con l'indirizzo del P[ad]re fra Bonaventura, e del Cavfaliere] Bolizza conform' alla comissione datami. E perch stimo mio debito invigilar a tutti queH'avenim[en]ti, che posson'essere pregiudiciali alla S[an]ta Chiesa, et alla vera fede in queste parti, fo consapevole V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, com'iritendo, che dal Sigfnor] Marco Qinami a Venetia si allestisse la stampa per ristampare le liturgie, lo psalterio, et il rituale Serviano. Questo particolare mi vien' attestato da un Igumeno tornato questi giorni da Venetia qual' stato (ricercato ad assister'ad essa stampa. E perch nelle liturgie e nel Rituale [][]1[]te si contengono molti particolari diffettosi, infoii] ti dubij, e m[ol]ti inutili, ho stimato termine di necessit dargliene parte, acci procuri per mezzo di Mon[signor] Nunaio, o impedir, o differire per hora la d[et]ta stampa; perch quand' tempo opportuno la Sac[ra] Cong[regation]e si risolver d'applicarvi il pensiere alla ristampa e riforma di sud[et]ti libri. Ho per le mani un Calogiero prattichiss[im]o e del carattere e di riti Serviani, et anco di m[ol]to buoni sentirai [en] ti, quale si contentar trasferire dove li sar comandato con poca, o nessuna recogmt[ion]e et attender'ad essa stampa. In tal caso si potranno confrontare le liturgie, il Rituale, et altri libri con quelli di Greci Cattolici con corregere gl'errori, levare le su-

perfluit, et aggiungere le cose ne [cessa] rie. E perch'il d[ett]o Calogiero in concetto app[ress]o tutte queste genti, di persona erudita, e da bene, uscendo li sud[et]i libri sotto il suo nome saran[n]o da tutti abbracciati, et iposti in uso. Se giudicassi a proposito rappresentare quest'affare alla Sacfra] Cong[regation]e, acci con la sua auttorit ne possi rimediare, mi rimtto alla sua prudenza, che quant'al mio debole sentimfen]to lo tengo per negfoti]o di considerat[ion]e, e che ricerca nefcessajria provis[ion]e. Parimfenjte quest'ultimi giorni fu per questi Monasterij il Vesc[ov]o di ietina, sotto la cui giurisd[iitio]ne sono tutti questi luoghi circonvicini, et havendomi mandato a chiamare non potei esser'a tempo; perch'intervenivo alla festa di Sfan] Nicolo in una di queste Ville; mi lasci per detto, che desidera abboccarsi meco, et che quando non mi fosse molesto mi vederebbe volentieri a Cietina. Io ho qualche pensiere (per conferir p[rim]a con il Sfignor] K[avalie]r Bolizza) d'arrivare col; perch potrebbe risulater' in Servfiti]o d Dio, e della sua Chiesa. Ho voluto anco di questo particolare darli parte; acci sappi il tutto, e raccomandi l'opera di Dio a Iddio. Il Callogiero Gioseffo scrive l'aggionta alla Sacfra] Congfregation]e e bench si trovino cost soggetti prattici del carattere Serviano, tutt[or]a ho giudicato bene facilitar' il negotio con aggiongere la tradutt[ion]e. A man' mano finisce l'anno, ch'io sono partito da Ven[eti]a, mi raccomando alla charit di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma per la presta soventione havendone bisogno in estremo sperandon'anco l'accrescimfenjto conforme alla supplica gi mandata; perch'in parola di verit non posso vivere con la provision'assegnatami. La supplicar anco fare rimetter' insieme in mano di Monfsignor] Nuncio li vinti Scudi per Callogiero sud[et]to, acci possi con maggior fervore continuare nell'impiego pfer] Servfitio] della S[an]ta Chiesa, facendo la rimessa si contentar accen[n]ar' a Monfsignor] Nuncio vogli trattener' app[ress]o di se il danaro sin' tanto, ch'io li scriva a chi lo dovr consegnare. Mi raccomando alle sue orat[io]ni, e benignit, con augurarli feliciss[im]e le venture solennit li bacio humilm[en]te le mani. Pastrovichi 21 Xmbre 1637. Di Vfostra] Sfignoria] Ill[ustrissi]ma, e R [everendissi]ma Oblig[atissi]mo, e Dev[otissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis.
SOCG, voi. 157, f. Irv, 2r, 14v, 15v.

332

333

o 245. , 20. 1638, . Ref[eren]te eod[em] Em[inentissi]mo D[omino] Cardfinali] Spada 1 fitte] ras D [omini] Francisci de Leonardis de liibris ecclesiasticis in lingua Illyiica, quos Schismatici apud Marcum Ginamum Venetjs imprimere volunt. Sac[ra] Cong[regatio] iussit scribi Nuntio Veneto, ut curet per dictum Maircum supersederi in impressione dictor[um] libroram, et interini, qui nam, et quot sint illi libri, singularumqfue] titulos tam in lingua Illyrica, quam in Latina signent. Acta, voi. 13, f. 78v, N. 24. Oey ceojy Be od 24. 1638. . Al Nuntio di Venetia Havendo inteso questa ] Cong[regation]e ch'alcuni Scismatici vogliono far stampar dal Ginami certi libri Ecclesiatici in lingua Illirica, Vfostra] Sfignoria] procurer, che s'ospenda la stampa, e che in tanto avvisi, che libri sono q[u]elli, che vogliono stampar' d[ett]i Scismatici, e quanti siano, co[n] loro titoli tanto in lingua Illirica, quanto nella Latina. Che. 24 Ap[ri]le [1638] Lettere, voi. 18, f. 47v.

solo 20 christiane, il resto tutta Turchi, e Scismatici. Nelle altre ville poi circonvicine tutti sono Turchi, ecetto molte done christiane perch li huomini sono diventati Turchi, e le molie sono restate nella lor fede. [. . .] Per andar dalla parte del Settentrione sopra Jacova incominciano li Scismatici, e non vi so[no] che tre case Catoliche, e poi ville Scismatiche, e di Turchi assai assai. Una giornata lontano da Jacova si ritrova un belissimo Monasterio con una belissima Chiesa delle belle di Italia, fatta tutta da Pietre Mischie, con una copola con molte capelle, coperta tutta di Piombo con Marmori lavorati, piena tutta di figure Delissime di tutta la vita di Giesu Christo, di Maria, della Apostoli, Patriarchii, Prefetti, e altri Santi. Di pi vi un Re quale tenuto per santo in una cassa ornato con anelli, perle, et con altri ornamenti, il quale ha la mano destra intiera, e la testa un puoco lesa, si dice esser un Re tenuto per S[an]to fundator del predetto Monasterio e Chiesa. In quello Monasterio stanno 30 Calogeri Scismatici.
SOCG, voi. 263, f. 87v.

209

1637.
da . Beatissimo P[ad]re II Vescovo di Cattare divotissimo Orator di V[ost]ra Santit non havendo havuto risguardo, n a spese, n a fatiche per eseguir l'ordini di questa Sacfra] Congfregatione] concluse l'unione di Pastroyichi alla Santa Sede Ap[osto]lica, che p[ri]ma erano Schismatici, et per nove comissiom di med[esi]ma fece far la professione della fede alii loro principal'Ecclesiastici; Essa Sac[ra] Congfregatione] sotto li 16. Agosto 1636. ordin che fosse data memoria a Mons[ignor] Dattario per sovenir le sue neccessit accresciute doppo con la continuat[io]ne nell'allogiar detti Popoli, et a loro instanza inviarsi a questa volta a proprie spese con loro Ambasc[iato]ri destinati per bacciar li Piedi, prestar obedienza, et per tutto il popolo, et territorio ricever la bened[itio]ne da V[ost]>ra Beatitudine, con li quali arivato a Venetia, gPAmbaisc[iato]ri pred[et]ti contro proprio voler fumo da urgenti rispetti astretti far ritorno alla patria, et l'Orator predetto da essi pregato transferirsi qui a Roma, et per esequir quanto essi dovevano, et per raguagliar V[ost]ra Santit, et questa Sac[ra] Congfregatione] come ha fatto quanto ha

208

1637.
u da . 500 , 20 , a . . ". , . . 30 . [. . .] sta il Contado di Jacova in una belissima Pianura, dove sono assai, assai ville. In Jacova sono (credo) cinque cento case, ma

334

335

giudicato neccessario, perch da V[ost]ra Beatitudine, et Sac[ra] Cong[regatione] .sia presa quella risolut[io]ne che pi opportuna sar stimata per sta>bilim[en]to dell'union pred[ett]a. Onde ricevuti li comandam[en]ti possa con ritonno metterli in esequitione. Supplica per tanto riverentem[en]te V[ost]ra Beatitudine, che la med[esi]ma Sacfra] Congfregatione] sinch da Monsfignor] Dattario sar messo ad effetto l'ord[in]e pred[et]to la sia assignata provig[io]ne neccessaria, perch in parte possa solevarsi da debiti contratti per causa pred[ett]a, stante la miseria del suo Vescovato che non li rende all'anno Scudi cento, et acci possa continuar nll'accoglier li prenominati Pastrovichi, et altri Schismatici circonvicini sudditi anco del Turco appresso li quali hanno gran forza nelle persuasioni le carezze, acci questi possa con maggior facilit con amaestramenti confermar, et conservar in questi principii nell'unione, et l'altri unir a questa Santa Sede Ap[osto]lica come spera, et tiene buona capara. Quam Deus.
SOCG, voi. 397, f. 90r, 91v.

aggregar nove genti circonvicine a questa Santa Sede Ap[osto]lica,

come spera mentre haver modo di continuar nell'accarezarli, come ha fatto fin'hora. Quas Deus.
SOCG, voi. 397, f. 95r, 102v.

211

1637.

da, , , a . Sant[issi]mo Padre, II Borgo di Perasto posto alla ripa del mare al pi d'un Monte,

210

, 1637.
, , , . (. SOCG, voi. 397, f. 90r, 91v). Eminentissimd et R[everendissi]mi Sig[no]ri II Vescovo di Cattaro divoto Oratore di V[ost]re Eminenze poverissimo d'entrate del Vescovato, che solo s'affattano all'anno duccatti venetiani doicento, indebolito in oltre con accarezar li Pastrovichi per unirli a questa Sede Apostolica, per il che la Sac[ra] Congfregatione] de propaganda fide conoscendo li suoi bisogni

alla destra, et alla sinistra, e sopra il Monte ha li Tenitorij del Turco. In esso Borgo vi un'usanza m[ol]to dannosa, quando more .uno, la moglie sta serrata in Casa un'anno, altre donne cugine, et m altro grado stanno un mese serrate; desiderano alcuni Principali, eh' io procuri sia tolta questa prava usanza, perch mentre stanno serrate, mai vanno a messa, n alla Chiesa [...]
SOCG, voi. 397, f. 277r.

212

1637.

ordin sotto li 16 Agosto 1(636, che se ne desse memoria a Mons[ignor] Dattario per sovenir alle sue necessit, ne essendoli previsto finhora d'altro, et l'Orator predetto fatto nove spese, et contratto debiti oltra le sue forze nel condursi con gl'Ambasciatori di Pastrovichi per prestar obedienza alla Santit di Nfostro] Sig[no]re restati per degni rispetti a Venetia, et esso arrivato qui a Roma per stabilir, e ricever ordini in detto proposito. Supplica V[ost]re Eminenze che restino servite all'Orator proveder d'aiuto necessario, acci ricevuti gl'ordini possa far ritorno alla sua Chiesa .per stabilir M predetti Pastrovichi nell'unione, et

, " , . . Beat[issi]mo Padre

La Citt di Spalato si ritrova alii Confini di Turchia in Dalmatia, nella quale per l'ordinario vi habbitano Turchi, Hebrei, e Scismatici, con occasione della scala che ivi si tiene delle mercantie che vengono e passano in Turchia, Transilvania, et altre parti oltramontane [.. .]
SOCG, voi. 399, f. 187r.

336

o
213

215

337

1637.

, 1637.
1.000 , a cada je 12. o . . Alii 20 Ottobfre] 1637 habiamo incominciato la Seconda Visita d'Antivairi con le sue Ville In primo venimo in Antivari havendo prima portato presente alii Sigfnojri Turchi della Citt; di poi trovai una habitatione drento nella Citt, dove feci dimora pfer] spatio di 40 giorni celebrando drento in detta Citt nella Chiesa di S[an]to Helia senza nisuno impedimento dalli Infideli [. . .] Chresmati in Antivaii Anime 22, case delli Christiani drento nella Citt erano 11 dico undeci case, nel Borgo delli Xprai erano n[umero] 60. Anime Xpne fuora e drento della Citt erano fumer] 332. Case de'Turchi drento in Citt erano n[uimero] 117, fuora della Citt erano case n[umero] 90 [...] Alii 25 di Novembre venimo nella Vila di Subcif...] Case in detta Vila erano fumer] 40, Anime christiane sarano nfumero] 500 [. ..] [...] Vila chiamata Sciuscianif...] sono case nfumero] 80, Anime xpiane sarano nfumero] 900 [...] Alii 29 Nove [m] bf re] si levamo di detto luogo; et andamo nella Vila di Spiza. Celebramo la messa nella chiesa overo Capela di San Giovani dove erano drento doi Altari, in uno si servivano li Catholici e in un'altro gli Scismatici; Slmilmente un altra capela di S[an]ta Thecla cossi sono doi Altari uno pfer] scismatici, e un altro pfer] gli catholici: le supulture tutte mesciate con gli scismatici. In detta Vila sono 2 capele anco una di San Pietro e una di S[am]ta Veneranda cossi anco in dette capele gli scismatici havevano a un Altare, et gli catholici a uno. Tutte queste capele erano coperte ma non havevano nissuna spoglia pfer] Culto Divino. Sotto Spizza, in cima d'un monte aspro, e precipitoso era un casteo chiamato Castel del Fran[ces]co, che nel tempo che furono prese Doltigno, e Antivari il detto catello era stato datto per accordo. In detto catelo era una chiesa di San Demetrio per havanti era stata chiesa matrice, e parochiale quelle rare volte si visitava detta chiesa. Chiesa cathedrale era statta pfer] havanti S[an]ta Maria di Rottezzo che stata Abbatia. Case in detta Vila erano nfumero] 35, Anime christiane nfumero] 230. Delli scismatici case erano nfumero] 43, delle Anime quelli christiani non sapevano dar conto. Curato di detto luogo era pfadre] fra Donato Jelich. [...] Vila chiamata Sosina f . . . ] Case de' christiani in detto luogo erano nfumero] 20, de' scismatici case 2. Anime christiane erano nfumero] 220 [. ..]

Beatissimo P[ad]re II Popolo della Villa di Sonice in Bosna, vedendo ohe le loro Terre sono divenute infruttifere, e ch'll Popolo, ch'era di ben mille famiglie, s' ridotto a 12 Case sole, e con diligenze fatte non s' mai potuto aumentare dal tempo, ch'ii Beato Giacomo della Marca maledisse quel Paese; perch segarono li Piedi del Pulpito, nel qual predicava; e la Terra detta Curabanni nella med[esim]a Bosna trovandosi in simil disgrafia p[er] un'altra maledit[io]ne del sudfettjo B[eato] Giacomo; Supplicano la Santit Vostra a dar autorit a Monsfignor] Vesc[ov]o di Drivasto di benedire li sudetti luoghi, e le persone, acci Sfua] Dfivina] M[aes]t placti l'ira sua, e li faccia graftia], che le Terre diventino fruttifere, che famiglie s'aumentino. Quaon Deus.
SOCG, voi. 399, f. 359r, 366v.

214

1637.
, , , , . , a , .
... L'anno passato quando io so [no] pratito d'Albania, certamente ch'erano privi totalmente di Sacerdoti: li Clementi, Cuci, Grulidi, Othi, Castrati, Scarieli. Provedetteli d'i Santi Religiosi. Li Cuci parte so[mo] catolicd parte schismatici, li altri prenominati popoli sofno] catolici latini.
SOCG, voi. 400, f. 64r.

338

339

[...] Vila di Thogemili [...] Case in detta Vila erano n[umero] 20, Anime christiane n[umero] 230 [...]
Visite e Collegi, voi. 16, f. 234r236v.

217

, 3. Ili 1638. de da je ". , . . . , ". . . . , , , . Ha ". . E[minentissi]mi e R[everendissi]mi Sig[no]ri, e P[ad]roni miei Col[endissi]mi Mosso dall'obligo della mia carica rappresento con humil[issijma riv[erenz]a all'Em[inen]ze loro R[everendissi]me li seg[uen]ti particolari. Ho procurato tradurre fedelm[en]te alc[un]i capi esisentiali dal Rituale, e Liturgia di Serviani. N'aggiongo il trassunto con rannotatione di quant'h osservato neH'aministrat[ion]e di Sacram[en]ti, acci vedano la necessit deirespurgat[ion]e, e Riforma di quelli. L'importanza di questo neg[oti]o da se med[esi]ma si raccomanda alla chariit Ap[osto]lica; perch tende alla destrutt[ion]e di falsi fondam[en]ti, et alla fondat[ion]e di veri, ne[cessa]rij p[ri]n[ci]pij, senza la quale tutte l'altre diligenze, e f attach riuscirano inutili, e quella tanto pi ne[cessa]ria, quanto pi durabile per mezzo della stampa. Me ne promette anco frutto convenevole (supposta la promotion]e, e cooperai[ion]e della graftia] di Dio) la tenuit del saper', et havere della magg[io]re parte di questi Ecel[es]iastici, perch li Preti senz'altro studio sii contentano della semplice lettura appresa da proprij Padri, o Avi. E quella poca d'erudit[ion]e professata da Calogieri pi tosto ricevuta per traditione, che fondata sopra l'apparenza alm[en]o di rag[gion]e, e per o nella corroborat[ion]e degl'errori loro, o nell'impugnatfionje delle verit,

216

, 1. Ili 1638. . ". Ill[usitnissi]mo e Reverendissimo Sigfnor] P[ad]ron Colfendissi]mo Per gra[tia] del Sig[no]re son arrivato hieri sera qui in Ancona, dove spero q[ue]sta sera imbarcarmi per passar il mare. Il tempo stato buono, e sin' adesso ho havuto buon viaggio, cos piaccia al Sig[no]re concedermelo per rimanente. Ho ritrovato qui alcuni mercanti da Soffia, i quali raccontano ch'il Gran Turco intende far guerra al Tartaro: e vuoi che li Cristiani paghino dopplicato il tribu)to. Supplico, che Vfostra] Signoria] Ill[>ustrissi]ma si ricordi di quel Breve per il Prencipe di Valachia, e me lo potr inviare a Vienna in mano di Mon[signo]r Nuntio. La supp[li]co anche, farmi avvisato se venisse qualche cosa nuova in mat[eri]a de' luoghi Santi, e non servendo questo p[er] altro, che per testimonio della mia divot[io]ne verso Vfostra] Signoria] Illfustrissijnia. Prego Dio, che al mio ritomo la possi trovar Cardinal, et li bacio divotam[en]te la mano. Ancona il primo di Marzo 1638. Di Vfostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma e R[everendisisi]nia Oblig[atissi]mo S[ervito]re fra Raffaele Croato
SOCG, voi. 23, . 156r.

340

341

e riti n[ost]iri ricorroin' a mere favole quanto vane, tant' empie. Per questa considerat[io]ne confidare!, che le liturgie, e li Rituali purgati, e riformati passarebbero senza contraditt[ion]e. E p[er]ch m[ol]ti sono poveri in estremo, e tutti interessati, sperarei anco, che mentre li potessero havere gratis, o a prezzo mediocre, l'abbracciarebbero 'di tutto cuore; tanto pi, che per non essersi gi m[ol]to lempo ristampati, cominciano patirne necessit, e quelli, che si trovano, corrono quasi a prezzo d'argento. Il modo anco sar facile, e i poca spesa alla Som[m]a prudenza, e benignit do cotesta Sac[ra] Cong[regation]e; p[er]ch quando si compiacer comettenmi l'inviar un' due Calogieri di pi prattici dell'idioma, e carattere Serviano per assister' alla stampa, e facendo confrontare cos le liturgie, come li Rituali con l'originale di Greci Catt[oli]ci si ridurebbero alla purit del suo fonte. Che mentr' uscissero parim[en]te sott'il nome d'essi Calogieri haverebbero niagg[io]re dispazzo per essere di p[ri]n[ci]pali, pi famosi in queste parti. Quando anco stimar a proposito la mia debolezza incontrare ogni fattica p[er] serv[ito] di Dio, et essecutone d suoi comandi. Quest'affare ricerca suib[it]o provedim[en]to, perch' Ven[eti]a (come sin'alli mesi passati significai al Sig[nor] Sec[reta]rio) s'allestisse la stampa di sud[et]ti libri; anzi ch'ale [un]i di questi med[esi]mi Calogieri sono stati ricercati [per] l'assistenza, e haverebber' abbracciato il partito, s'io non l'havesse divertito con qualche speranza, che facilm[en]te potrano esser'impiegati cost nell'istessa opera. E quanto sia pregiudicia!' alla purit della fede, che li Libri, e mass[im]e li fondamentali della Relig[ion]e sii stampino senza revision', et approvat[ion]e dell'Intervenienti della S[an]ta Sede, e a sufficienza nota alla Som [m] a intelligenza deH'Em[inen]ze loro Reverendissime. Fatta respurgat[ion]e, e la Riforma s'attender con maggiore facilit all'estirpat[ion]e, et incendio della vietati. Che s'il Sig[no]re ne gratiar, che questi luoghi sian' in progresso coltivati da Sacerdoti Catt[oli]ci sd potr sensim introdurre l'uso comune della Chiesa, com' seguito p[er] l'altre parti dell'Illirico, dove prima s'adoperava l'idioma, et carattere proprio; perch per esperienza conosco quanto sarebbe pi utile porre in essecutione il pensere di S[an] Basilio, S[an] Gir[ola]mo, et altri P[ad]ri a non divulgare le scritture a tutti indifferentem[en]te; II che essendo per hora possibile, stimo minor male haverle pure, et incorrotte, bench divolgate, che lasciarle cos deprovate, et adulterate potendosi rimediare. E p[er]ch la salute di questi popoli non si pu con f ondami [en]to sperare, se non si leva la subordinat[on]e et il ricorso nell' Decorrenze sp[irit]uali alii Scismatici, com'altre volte ho ricordato, nel ritorno del S[igno]r Cav[alie]r Bolizza dalla sua Amb[asciato]ria app[ress]o il Bassa di Bossina mi sono trasferito da lui a Budua per ricevere dalla sua prudenza, et auttorit qualch'aiuto, e remedio in questo particolare. Habbiamo aggiustato d'esser' un giorno insieme a Cattare con il Vesc[ov]o di Cietina del Monte Negro, della cui giurisd[itio]ne son'anco li Pastrovichi, e proporli l'unione con la

S[an]ta Sede; che s'il Sig[no]re si compiacesse moverli la volent, et illuminarli l'inteletto non solo s'assodarebbe il negfotio] di questi popoli; ma di tutti li circonvicini soggetti ad esso Vesc[ov]o in augura [en]to notabile della gloria del Sig[no]re. E se bene nell' aggiustanti [en]to di quest'affare vi prevedo incontri malagevoli; tutt[or]a fatto da questo canto, quanto si pu, sperarei; ch'i! Sig[no]re inspirarebbe alle piet dell'Era [inen]ze loro R[everendissi]me pensieri opportuni per superare quelle difficolt, ch'alia prudenza humana si rappresentan' insuperaibili. Quand'il sud[et]to Vesc[ov]o perseverare nella cecit et indurat[ion]e, sar ne [cessa] rio supplicare S[ua] San[ti]t ad effettuare la risolut[ion]e di crear' un Vescfovo] a queste genti del rito, e paese loro con intelligenza, e partecipat[ion]e del P[ri]n[ci]pe, acci possi essere fruttuoso, e si precida totalm[en]te la dependenza da Heretici. Parim[en]te la necessit estrema, che patiscono quest'anime di sussidij sp[irit]uali, m'astringe a ricordar' anco humiliss[imamen]te, che sarebbe m[ol]to salutare rintrodutt[ion]e di P[ad]ri Reformati in queste parti, quali mentre non saranno coltivate continuanti [en] te con essempi, e dottrina remaran[n]o tutt[or}a sioffocate tra trioli, e spine d'errori. E crederci, che riuscir facile quest'introdutt[don]e, ogni v[ol]ta, che si raccomandar al sud[et]to Sigfnor] Cavfalier] Bolizza, quale si com'ha tranquillato app[ress]o il gi d[et]to Bassa la Missione d'Albania ondeggiante sin'hora, cos trovar modo d'introdurre, e stabilir' un'altra in questi luoghi, quale serva per ingresso alii Catt[oli]ci cos nel Monte Negro come nella Zenta inferior', e Superior', et in tutto il Regno di Servia pieno di Scism[ati]ci, et Heretici. Finalm[en]te rinovo la riverente supplicat[ion]e jp[er] l'assegnam[en]to di qualche luogo in cotesti Collegi a questi fig[lio]li, essendo quest'uno di mezzi tanto ne[cessa]rio, q[ua]nto qualsiv[ogli]a di preced[en]ti p[er] conseguire la p[er]fetta redutt[ion]e di questi popoli all'unione co[n] la S[an]ta Sede; p[er]ch questi dovend'essercitare la cura d'an[mi]e, l'instillaran[n]o la verit, et piet Ap[osto]lica, nella quale s:aran[n]o allevati. In questa maniera anco, s'escluderan[n]o li Calogieri Rassiani, di quali p[er] non havere tanta copia di proprij Sacerd[o]t si sogliono servire, et che capitando di quand'in quando attendon' a sparger semi di Scisme, et heresie. Nel mio particolare continu negl'essercitij gi rapp[rese]ntati airEm[inen]ze loro R[everendissi]me in conformit deU'istrutt[ion]e datami. Del frutto n' consapevol' il Sig[no]re, n'o mi posso promettere m[ol]to, p[er]ch il neg[otio] arduo, e difficile. Sperare bene, ch'Iddio andar mollificando le volont di questi popoh', e che forsi per mezzo della mia fievolezza si compiacer aprire la strada; acci la charit di cotesta Sac[ra] Cong[regation]e continui mandar' op[er]arij p[er] sradicar', e dissipare gl'errori, e p[er] fabricar', e piantare la vera fede, e Reldjg[ion]e in tutte le Pro-

342

343

v[imci]e circonvicine affette dalla pestilenza hereticale. Il tutto a magg[io]r santificat[ion]e del suo glorioso Nome. Queste feste decorse del S[antiissi]mo Natale uno della Villa di Lastua p[er] ratificare la sua convers[ion]e ha voluto abbracciar' il n[ost]ro rito. E bench sono certo, che non si debbe vietar' il rito loro, com' illecito, mentre sia puro, et antico, n violentarli al rito n[ost]ro, come ne[cessa]rio p[er] la salute, purch convenghino nella profess[ion]e di dogmi ess[enti]ali; Stimo p[er] ogni modo giovevole la mutat[ion]e, mass[im]e dove vi sono d'altri del rito R[oma]no, si p[er]ch si leva roccas[ion]e al relapso nello quale simili p[er]sone p[er]severando nel rito loro cadando pi facilm[en]te, come n'accerta Pesp[er]ienza; s p[er]ch non si generi scandalo app[ress]o questi Catt[oli]ci del n[ost]ro rito, quali facilmente titubarebbero vedendo ch'alii Serviani non si concede il rito latino. Per come non persuado la necessit, cos non impedisco la libert. Questa mutat[ion]e p[e:r] esser' il convertito di qualche conto fra li Pastrovichi, haveva generato qualche susurro, e mormorio app[ress]o di loro contro di me. Mi sono raccomandato al Sig[no]re, e con quelle maniere, che s' compiacciuto inspirarmi, ho procurato sfugire li primi movim[en]ti, et il tutto s' quietato. Mi conceda gra[tia] in progresso di poter' a gloria sua, e serv[iti]o della sua S[an]ta Chiesa fare la sua S[an]ta volont, con esseguire le comissioni deH'Em[inen]ze loro R[everendissi]me. Quas Deus felicitet, mentr' io humilm[en]te inchinato li bacio le vesti. Pastrovichi li 3. Marzo 1638. Di V[ostre] E[minenze] R[everendissime] Humil[issi]mo, e Dev[otiBsi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis Archid[iaco]no di Tra. SOCG, voi. 157, f. 8r9v.

. , , no , . Ill[ustrissi]mo, e R[everendissi]mo mio Sig[nore] e P[ad]rone Col[endissi]mo Ricordo nell'alligate alla Sac[ra] Cong[regation]e l'espurgat[ion]e, o Riforma delle liturgie, e del Rituale di Serviani; la missione di Reformati, l'assegnami [enjto di qualche luogo p[er] questi fig[lio]li mezzi tutti necessarijss[im]i p[er] il fine desiderato. L'espurgat[ion]e, quanto sia ne[cessa]ria mass[im]e del Rituale conoscer p[ri]n[ci]palm[en]te dalla formula, che tengono nel far abiurare li n[ost]ri Apostati la fede latina. La miss[ion]e di P[ad]ri Reformati riuscir giovevolissimi]a p[er] cominciar' a propagare la fede nelle Prov[inci]e circonvicine colme d'Heresie. E s'introdurr anco facilm[en]te, mentre si raccomander alla chairit, et prudenza del Sig[nor] Cav[alie]re Bolizza, qual'ha stabilito quella d'Albania, come veder dall'aggionto ord[in]e del Bassa, con haver' anco ottenuto una comiss[ion]e p[er] fra Donato da Spizza, che non sia tenuto a contribuir' alii Vesc[ov]i Scismatici. E sperar anco, che colpir con l'aiuto del Sig[no]re nel p[er]suadere l'unione con la S[an]ta Sede al Vesc[ov]o di Cietna, attiene di grand[issi]mo Serv[iti]o di Dk>, rassegnam[en]to di luoghi nelli Collegi p[er] questi fig[lio]li non solo servir p[er] l'istesso fine, ma anco conciliare l'affetto di queste genti verso la S[an]ta Sede, e li suoi ministri. Anzi che crederei, che nessun'altro mezzo sia tant'efficace q[ua]nto questo p[er] la [er] fetta convers[ion]e; p[er]ch tengo p[er] informat[ion]e, che queste poche case di Cattolici, che si trovano, si sono convertite p[er] haver havuto uno della loro famiglia P[ad]re di Minori Osservanti. Et essendovi qui magg[io]r necessit, ch'in altri luoghi la charit ricerca; che prima sia sovenuto. Considerat[io]ni, che si potran[n]o aggiunger' all'altre espresse in quell'alla Sac[ra] Cong[regation]e. So, che quest'affari in buona parte dipendono dalle mani di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma, e p[er] con tutto lo spimito li raccomando al suo zelo, ricordandoli, c'hanno bisogno di presta, anzi sub[bit]a risolut[ion]e, mass[im]e respurigat[ion]e p[er] il dub[bi]o, che s'ha, che si ristampino a Ven[eti]a mavedutam[en]te con l'heresie, che contengono. Raccomando anco ristessi parftioo]l[ar] al fervore del P[ad]re Spada; acci bisognando possi solicitarne l'espeditt[ion]e app[ress]o il Sig[no];r Card[ina]le suo fr[at]ello l'aggionta p[er] la Sac[ra] Cong[regation]e mi capita dal Sigfnor] Vic[ari]o d'Antivari, quale con alc[un]i del suo Clero si trova a Scutari p[er] ricup[er]ar' app[ress]o il Bassa la Chiesa della Mad[on]na, et p[er] diversi altri interessi Eccl[es]iastici; et si spera, ch'aggiustar diversi par[tico]l[ar]i. Replico la suplicat[ion]e p[er] li libri ricercati; e p[er] presto sussidio della provis[ion]e con Tace-

218

, 3. Ili 1638. de , . , . " [ ] ".

344

345

rescim[en]'to supplicato (se p[er] sin' al p[rese]nte no[n] fatta la rimessa) p[er]ch ne tengo necessit; p[er] tanto la prego a scrivere al M-oin[signor] Ill[ustrissi]mo Nuncio, che si degni consegnar' ali' Agente del Sig[no]r Cavaliere] Bolizza quant' stato, o quanto sar rimesso p[er] conto mio, e del Calogiero; quale si porta assai bene, et favorisce m[ol]to l'unione, et se non sortisse il proponim[en]to con il Vesc[ov]o di Cietina sar ne[cessa]rio crearlo Vescjpvo] con le cautelle altre volte accennate; in tanto s'andar avanzando nell' et, e nel sapere. Io, se bene non necessit queste genti alla imutat[ion]e del rito in essecut[ion]e deiristrutt[ion]e datami; tutt[or]a mentre tal'uno si risolve volontariam[en]te abbracciarla, non posso, n devo impedirlo p[er] le consideratfioini accennate nell'aggiunte. Facesse Iddio che tutti l'abbracciassero, che cos sarebberro navigati, dove al p[rese]nte andeggiano. Mi raccomando alle sue orationi; et affettioni. Raccomandi al Sig[no]re questa niiss[ion]e, e la facci raccomandare da tutti li suoi conoscenti [er] ch'ha bisogno di gratia particolar', et efficace. Il Sig[no]re conservi V[ostra] Signoria] I]l[u>strissi]ma p[er] beneficio della sua Chiesa; com'io lo prego di continuo. E co[n] questo li bacio devotam[en]te le mani. Pastrovichi 3. Marzo 1638. Di Vfostra] S[ignoria] Ill[ustrissi]ma, e R [everendissi] ma Dev[otissi]mo, et oblig[atissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis.
SOCG, voi. 157, f. 5rv, 12v.

219

(), 11. Ili 1638. o . Al Monsig[nor] Ingoii [.. .] Ma gra[ndi] travagli patiscono q[ues]ti. fedeli per causa di un Bassa il quale stato mandato dal Gra[n] Turco contro li Clementi con 20 mula soldati, ma per gra[tia] di N[ost]ro Sig[no]re restato rotto da lor. Hora li suoi soldati si sono sparsi per il paese co[n] gra[n]de oppressione delli Christiani, e no[n] sono ancora partiti. Il Sig[no]r ril[us'trissi]mo Cavalier Bolizza stato dal predetto Bassa a farli il presente et ha parlato per noi, e ci ha cavata

una lettera di poter far ogni bene (come intender dal M folto] Reverendo] Pfadre] Bonav[entur]a). Io no[n] ho mancato, n ma[n]co di affaticarmi per le anime. Son stato a Jacova dove sono pochissimi Christiani. Nella terra di Jacova solo 20 case di Catolici, il resto sono diventati tutti Turchi per ignoranza, e puoca cura de ec[clesiastici]. Ho predicato liberam[en]'te in quel luogo, e a Turchi, e Christiani condanando la setta di Macometto esser falsa, e solo la fede Christiana esser la vera strada di salute, e a far ci p[rim]a mi consigliai, e preparai, et era necessario, chi voleva confirmar il resto delli Christiani ben sia stato in pericolo di qualche travaglio della propria vita. Son andato una giornata di l da Jacova, dove sono quasi tutti Scismatici, e imparticolar dove un belissimo Monasterio con una Chiesa belissima delle belle di Italia con una bella copola coperta di piombo fatta tutta di pietre mischie, dove stanno trenta, e pi Calogieri, ivi sta un Corpo di un Re, e lo adorano per S[an]to. Tutta la Chiesa poi tutta piena di belissiime figure. Andai con un Sacerdote Catolico, e nuove altri Christiani, e ritrova/i solo cinq[ue] o sei Calogeri, li altri erano andati ad un altro Monasterio a Pez dal suo Metropolita a far il suo Sinodo, e fra quelli ve ne era uno che parlava Albanese. L'interogai di molte cose imparticolar, che forma usavano nel batezzar, come tenevano per S[an]to quel Corpo, e se credevano, e obedivano al S[om]mo Papa, et essi sono molto ignoranti, no[n] sanno n quello, che tengano, n quello che credano. Mi dissero qualche parola brutta circa q[ues]to cio cossi una volta si fece congregatione tutti i dotti del Mondo in q[ues]te n[ost]re parti, per comedar le cose della n[ost]ra fede, e aspetavamo il S[an]to Papa che ci venisse a ricever. Ma perch'esso etc. no[n] ardisco dir q[ue]lla biastema che mi dissero. Io li riprese, e li facevo conoscer il suo inganno, e di poi mi scoltavano. Ordinai poi a q[ue]lli ch'erano co[n] me che no[n] facessero atto alcuno di adoratione a quel Corpo, n orassero in q[ue]lla Chiesa, no[n] gi per far ingiura a quelle imagind, o a q[ue]l S[an]to (se fosse), ma per no[n] scandalizar il Mondo, poi che dapoi si sarebbono gloriati quelli Scismatici co[n] dir hora li frati latini hanno adorato il n[ost]ro S[an]to, il quale dicono ch' dei loro Scismatico, e han[n]o adorato nella n[ost]ra Chiesa in segno che siamo benedetti, nemeno volsi dir Messa in q[ue]lla Chiesa, ma bens celebrai in un luogo decente del Monasterio per confusione loro. Poi osservai le sue cerimonie, e in verit grafn] Miracolo di Christo che no[n] con vertano li Christiani, e Turchi co[n] se, vendendo le grafn] cose, che fanno, e le grandi astinenze parano quelli S[an]ti Pjadri] antichi dell'heremo. Mi partij poi e ritornai a Jacova, e per strada ritrovavo molte ville di Scismatici, Turchi, e qualche Chrlistiano. Entrai in doi o tre, e si gloriavano alcuni, e dicevano, sa benedetto Dio P[adre] ch'in casa n[ost]ra halbbiamo tre fede Turchi, Christiani, e Scismatici, e da ci pigliavo motivo di predicarli, li quali dapoi mi pregavano, che ritornasse, e si farebbono Catolici. Cossi molti Turchi

346

347

mi dissero a Jacova. Per la pianura di Jacova sono ville assai assai, e no[n] vi sono che done christiane li huomini sono ranegati [...] Di Zadrima nel Oratorio di S[anta] Maria Trionfante li 11 Marzo 1638. Di V[ostra] Signoria] Ill[ustrissi]ma e R [ever endisiskna] Indeg[no] figlio e Servo fra Cherubino della Provin[ci]a di Ven[eti]a Ref[ormato] Miss[ionari]o
SOCG, voi. 158, f. 207rv, 209rv.

la Santa fede, et questo mezo pi espediente di propagarla in q[ue]lle parti, perch ritornando a loro Casa ritornarebbono all'istesso rito, facino q[ue]llo che N[ost]ro Sig[no]re l'inspirava, ch'io in tanto pregare per la loro salute, et esaltatio della Santa fede. Gratie.
SOCG, voi. 399, . 103r, 108v.

243. , 16. III 1638, . Ref[eren]te eod[em] Em[dnentissi]mo Dfomino] Card[inali] Brancatio, reiecta fuit instantia fr[atr]is Hieronymi de Bergamo pr aliq[ui]bus filijs Schisniaticor[um] ab eo in Grammatica instructis, ut collocarentur in aliquo Collegio, quia Sacfra] Cong[regatio] est nimis nunc gravata impensis.
Acta, voi. 13, f. 53v, N. 40.

220 16. Ili 1638.

da . . , , . Eminentissimi Signori Ritrovandosi io fra Gerolimo da Bergamo della Prov[inci]a di Dalmatia di Minori Osservanti di S[an] Fran[ces]co, Guard[ian]o nel Conv[en]'to del Scoglio della Mad[onin]a nella Boca di Cattaro, sul confin di Turchi, et Scismatici; ove esercito la Cura dell'anime, che tra di loro fideli Romani si ritrovano, senza premio alcuno, ma per meza charit, et cos l'anno essercitato li miei antecesoiri della mia Religione da 118 anni in qua; Et havendo io sempre hauto cura particolare di propagare in quelle parti la S[an]ta Fede, ho stimato espediente procurare d'alevare nel mio Conv[en]to figlioli picolini di Scismatici nella fede Romana con mantenerli di q[ue]lla poca charit, che ci vien fatta daTistessi Scismatici, Turchi, et da quelli pochi fideli Romani, che tra di loro si ritrovano, et della industria delle n[ost]re fatiche, senza le quali in quelle parti non potiamo vivere, et al presente ritrovandomi nel Conv[en]to quatro figlioli di detti Scismatici instrutti nella fede Romana chi di anni 10, chi di 12, et uno di tredici passati qual sa ben legere, et li principi] della Gramatica, per io non potendoli pi mantenere nel Conv[en]to essendo l'Elemosine tenue; Suplico le loro Eminenze Ill[ustrissi]me di ritrovarli luoco in queste parti acci potessero imparare qualche cosa, che poi per meizo di loro con tempo m[ol]to si potrebbe esaltare

221
, III'IV 1638. je de ynyruo nomi u . je ycneo da . , , (, ), . ". , . - ". B[eatissi]mo [ad] re, E[minentissi]mi e R[everendissi]mi Sig[no]ri e [ad] reni Col[endissi]mi Lodato ne sia il Sig[no]re, che si conupiace mostrar' in effetti l'assistenza par[tico]l[ar]e della sua gra[tia] alii Santi pensieri di S[ua] B[eatitudi]ne, e dell'Em[inen]ze loro R[everendissi]me intenti alla Santificat[ion]e del suo glorioso nome, et aH'essaltatfionle della sua S[an]ta Chiesa. Il Sigfnor] K[avalie]r Franc[esc]o Bolizza, havendo siin' Gennaro pass[ato] con occas[ion]e deila sua Amb[asciato]ria app[ress]o il Bassa di Bosna con il solito zelo della sua piet

348

349

assortati) il Vesc[ov]o di Montenegro alla S[an]ta Unione con cotesta S[an]ta Sede; havendo anco conferito meco nel suo ritorno a Budua, quell'haveva operato, compreso di quanto merito li riuscirebbe app[ress]o Iddio, e la S[an]ta Chiesa la p[er]fett[ion]e di quest'opera p[er] le conseguenze di grandiss[im]o momento; applic talm[en]te il pensiero ad attione cos degna, ch' pena arrivato a Cattare fece venir'esso Vesc[ov]o, e doppo anco havermi comesso a trasferirmi dal [det]to p[er] intendere li sentimenti della sua credenza, convenuti finalm[en]te tutti tre insieme qui a Cattare l'ha persuaso, et indotto ad obligare la parola d'abbracciare la S[an]ta Unione, riconoscere p[er] Capo della Chiesa S[ua] San[ti]t, transferirsi p[er]sonalm[en]te alii suoi piedi, e renderli la dovuta ubbed[ienz]a. B[eatissi]mo P[ad]re, E[minentissi]mi, e R[everendissi]mi Sig[no]ri, l'importanza di questa graftia] m!i costringe a lodare di nuovo la divina bont, e ringratiarli della comunicai [ion] e di suoi favori; perch se bene dal pfri]n[ci]pio della mia missione, osservando le qualit, e le conditioni di questi popoli, conoscevo, che tutti gl'altri impieghi sarebbero facilm[en]te riusciti frustratoli] senza questo fondam[en]to; pure scorgendo le difficolt, che si fraponev[an]o perduta ogni confidenza nell'industria, o virt humana raccomandavo, et rimettevo il tutto all'efficacia di quella graftia], che con soavit non compresa dispone, e con forza non intesa muove li cuori, e le volont hfumajne; hora vedendo il neg[oti]o tanto ben'incaminato, debbo confessarlo per effetto di quelli benefici], che sono proprij della destra dell'Eccelso, e che si devono riconoscere con la continua replicat[ion]e delle sue lodi; quali confido, che per mezzo di quest'Unione s'andaran[n]o accrescendo, et propagando; p[er]ch con quella non solo si stabilir la reduttione di Pastrovichi; ma ugualm[en]te si dilatare p[er] tutt'il Monte negro, per buona parte della Diocese di Cattaro, come Lustzza, Cartole, e Gliessevichi, per tutta la Zupa, e Mahine, luoghi tutti colmi di gente del rito Serviamo, e compresi sotto la giurisd[itio]ne del gi d[et]to Vesc[ov]o, e m[ol]to ampli, poich'il solo Monte negro contiene settanta due Contee instituite gi da Giovanni Carnoevichio. Dal che suprema prudenza di cotesta Sac[ra] Congfregationje comprender quanto raggiustam[en]to di questo tratto complir al S[an]to fine di quella, aggiuntovi anco la consideratione, che servir per apertura all'ingresso di Cattolici nella Zenta inferior', e Superior', et in tutto il Regno di Servia. E p[er]ch grad[i]to Vesc[ov]o desidera d'effettuar' a prima occas[ion]e, quant'ha promesso ad esso Sig[no]r Cav[alie]re con transferirsi pensonailm[en]te cost per giurare la dovuta ubbedienza, baciare li piedi a S[ua] San[ti]t, e le vesti all'Em[inen]ze loro Reverendissime, e ricevere la beneditt[ion]e, e l'istruttioni necessarie significando anco, che li sarebbe a grado la mia servit in questo viaggio; Cos il Sig[no]r Cav[alie]re com'io l'habbiamo accertato, eh', e da S[ua] B[eatitudi]ne, e da cotesta Sacfra] Cong[regation]e sair veduto 'bene, et abbracciato, del che m'assicura la Som[m]a Charit di S[ua] San[ti]t, e dell' Em[inen]ze

loro R[everendissi]me, e la qualit dell'affare degno d'esser'abbracciato, et favorito dalla piet, et munificenza di cotesta S[an]ta Sede, e p[er] le sue conditioni, e p[er] allettam[en]to d'altri, e p[er] tutte le conseguenze beniss[im]o note all'amirata intelligenza loro. E quant' me non mancare di servirlo conform'all'intentione datali, mentre mi venir comandato; e sperarei, che sarebbe fruttuosa la mia venuta p[er] l'espurgat[ion]e di libri loro gi ricordata, e p[er] diversi particolari, che dovr riverentem[en]te ricordar' a voce. Nel particolare comessomi sotto li 13. febraro ho di gi significato, che questi popoli si servono di liturgia in lingua illirica Serviana, et mandato insieme uno trassunto delle forme cos della consecrat[ion]e, come d'alc[un]i altri sacram[en]ti. Nel resto supplico humiliss[imamen]te cotesta Sac[ra] Cong[regation]e ad honorarmi delle sue comiesioni acci procuri d'essequirle con ogni riv[erenz]a con raccomandar' al zelo, et auttorit deHOltres[ta]to Sig[nor] Cav[alie]re la continuai [ion] e della sua premura; acci perfettioni l'impresa tanto meritevole appresso Iddio, et la Sua Chiesa. Il tutto ad essaltatfion]e di quella, sodisfatt[ion]e, e consolat[ion]e di S[ua] B[eattudi]ne, e deirEm[inen]ze loro R[everendissi]me, quas Deus felicitet, mentr'io prostrato li bacio humilm[en]te li piedi, et le vesti. [PastrovicM, marzoaprile 1638] Di S[ua] San[ti]t, e deH'Em[inen]ze loro R[everendissi]ime Huimdl[issi]mo, e Dev[otissi]mo Serv[ito]re Francesco de Leonardis Archid[iaco]no di Tra.
SOCG, voi. 157, f. 7rv.

222

, IIIIV 1638.

1638. (.: SOCG, voi. 157, f. 5rv, 7rv, 8r, 9v, 16rv).
Sommano d'alcune 1 [ette] re scritte da D[on] Frane [esc] o de Leonardis Miss[iona]rdo alii Pastrovichi delli mesi di Marzo, et Aipr[il]e 1638

P[rim]o. Avvisa, che il Vescovo di Monte negro Schismatico, per l'ostacolo, et oppositione di cui si rendeva quasi impossibile la conversione di quei Popoli alla fede Cattolica, ha rissoluto ultimam[en]te a persuasione del Cav[alie]re Bolizza di lasciar' il

350

351

Schisma, et si transferirer in Roma per baciar li Piedi, et per render obedienza a N[ost]ro Sig[no]re, che per supplica ch'egli sia accarezzato, atteso che l'unione di lui sar di molta conseguenza, s per dover scrivere al stabilim[en]to della reduttione dei Pastrovichi, come per esser il paese di Monte negro in se stesso tanto ampio, che contiene settantadue contee ripiene tutte di habitatori di Rito Serviano, li quali bench siano sudditi al Turco, con tutto ci vivono come li Clementi, et Pulati liberi fra li monti; et col' mezzo loro si aprir la strada alle missioni per la Zenta inferiore, et Superiore, e per tutto il Regno della Servia. 2. Stimaria molto giovevole alla salute di quell'Anime, che si facessero correggere, e ristampare le liturgie, et Rituali loro, li quali contengono errori gravissimi, d'alcuni delli quali osservati da lui invia nota, e fra gl'altri vi si ritrova una formula antica per far abiurare alii rinegati la fede latina. Corretti, et ristampati che fossero, sarebbero facilm[en]te accettati da tutti, perch hanno penuria grande di q[ues]ti libri, essendo venuti meno hormai tutti li vecchi, et sono tanto ignoranti li Preti, che si contentano della semplice lettura; e per la povert loro gl'abbracciaranno pi che volentieri ogni volta, che gli siano mandati senza l'obligo di sborsarne il prezzo, et per maggior sicurezza mandarebbe lui duoi Calogeri delli pi accreditati di quelle parti, et prattichi nella lingua, affinch rivisti con d'assistenza loro, et confrontati li Rituali, e Liturgie Serviane con gl'originali dei Greci Cattolici, et ridotte alla purit antica passassero senza difficolt, e replica alcuna nelle mani di tutti. negotio ricerca sollecitudine, acci che in q[ues]to mentre non siano ristampati senza correttione in Venetia, come pure si va trattando, et porta pericolo. 3. Che sia fondata una nuova missione di P[ad]ri Minfori] Osservanti] in Monte negro, perch vi sono molte heresie, et ancorch se n'acquistano molti, con tutto ci non restando alcuno alla coltura loro ritorneranno ad inselvatichirsi nelli errori [.. .] et acci che la miss[io]ne riesca felicem[en]te, baster che sia raccomandata al Cav[aTie]re Bolizza, il quale ha stabilito ancora le Missioni dell' Albania, con ottenere ordini dalli Bascia, et Sangiachi, che non siano molestati li frati nell'essercito delle sue funtioni; et ha fatto dichiarare il P[adre] f[ra] Donato da Spizza libero dalle contributioni, che li Vescovi Schismatici pretendevano da lui, come Parodio. 4. Che siano assegnati luoghi in q[ues]ti Collegij ad alcuni di quei figl[iol]i, perch in q[ues]ta maniera s'affettionaranno maggiorm[en]te alla S[an]ta Sede Ap[ostoii]ca, et in progresso di tempo si escluderanno li Sacerdoti Rassiani, delli quali essendo constretti servirsi per mancami [en]to delli Cattolici, restano sempre per il comniertio loro infetti di molti errori, et soggiunge, che si come tutti li Christiani, che al pre[se]nte vi si rittrovano Cattolici riconoscono la