Sie sind auf Seite 1von 1070

Grammatica diacronica del napoletano

Adam Ledgeway

Max Niemeyer Verlag

BEIHEFTE ZUR ZEITSCHRIFT FR ROMANISCHE PHILOLOGIE


BEGRNDET VON GUSTAV GRBER HERAUSGEGEBEN VON GNTER HOLTUS

Band 350

ADAM LEDGEWAY

Grammatica diacronica del napoletano

n
MAX NIEMEYER VERLAG TBINGEN 2009

To my parents, Al fred and Brenda Ledgeway, for their unwavering support

Bibliografische Information der Deutschen Nationalbibliothek Die Deutsche Nationalbibliothek verzeichnet diese Publikation in der Deutschen Nationalbibliografie; detaillierte bibliografische Daten sind im Internet ber http://dnb.ddb.de abrufbar. ISBN 978-3-484-52350-0 ISSN 0084-5396

 Max Niemeyer Verlag, Tbingen 2009 Ein Imprint der Walter de Gruyter GmbH & Co. KG http://www.niemeyer.de Das Werk einschlielich aller seiner Teile ist urheberrechtlich geschtzt. Jede Verwertung auerhalb der engen Grenzen des Urheberrechtsgesetzes ist ohne Zustimmung des Verlages unzulssig und strafbar. Das gilt insbesondere fr Vervielfltigungen, bersetzungen, Mikroverfilmungen und die Einspeicherung und Verarbeitung in elektronischen Systemen. Printed in Germany. Gedruckt auf alterungsbestndigem Papier. Gesamtherstellung: Hubert & Co, Gttingen

Indice

Abbreviazioni..............................................................................................................XIX Lista delle tabelle..................................................................................................... XXIII Introduzione ..................................................................................................................... 1 0.1. Scopi.......................................................................................................................... 1 0.2. Napoli e Campania: Breve profilo storico .............................................................. 5 0.3. La regione e i suoi dialetti......................................................................................13 0.4. Dati e fonti ..............................................................................................................16 0.4.1. Elenco delle fonti testuali ...................................................................................18 FONETICA E FONOLOGIA .......................................................................................29 Capitolo 1: Prosodia, struttura sillabica e rafforzamento consonantico.....................31 1.1. Intonazione..............................................................................................................31 1.2. Accento ...................................................................................................................32 1.3. Struttura sillabica e fonotattica ..............................................................................36 1.4. Rafforzamento consonantico (RC)........................................................................39 1.4.1. Voci marcate [+RC] ............................................................................................40 1.4.1.1. Casi misti ..........................................................................................................42 1.4.2. Distribuzione .......................................................................................................46 1.4.2.1. Restrizioni lessicali e sintattiche .....................................................................46 1.4.3. Morfologizzazione del RC..................................................................................47 Capitolo 2: Vocalismo...................................................................................................49 2.1. Vocalismo: Panorama generale .............................................................................49 2.2. Vocalismo tonico....................................................................................................49 2.2.1. Dittongazione.......................................................................................................50 2.2.1.1. Dittonghi spontanei ..........................................................................................50 2.2.1.2. Dittonghi ereditati ............................................................................................52 2.2.1.3. Dittonghi innovativi .........................................................................................53 2.2.2. Metafonesi ...........................................................................................................54 2.2.2.1. Esito metafonetico............................................................................................55 2.2.2.2. Distribuzione ....................................................................................................57 2.2.2.2.1. Metafonesi nel verbo ....................................................................................58 2.2.2.2.2. Metafonesi nei nomi e negli aggettivi..........................................................60 2.2.2.2.2.1. 1a declinazione ...........................................................................................61 2.2.2.2.2.2. 3a declinazione ...........................................................................................64 2.2.2.2.3. Casi irregolari ................................................................................................65 V

2.2.2.2.4. Sviluppi recenti .............................................................................................70 2.3. Vocalismo atono.....................................................................................................71 2.3.1. Vocalismo protonico ...........................................................................................71 2.3.1.1. Vocali medie.....................................................................................................71 2.3.1.2. Vocali alte e basse............................................................................................72 2.3.1.3. Armonia vocalica .............................................................................................73 2.3.1.4. Centralizzazione ad [a] ....................................................................................73 2.3.1.5. Dileguo ed epentesi..........................................................................................74 2.3.1.6. Dittongo (-)au- .................................................................................................75 2.3.2. Vocalismo postonico...........................................................................................76 2.3.2.1. Generalit..........................................................................................................76 2.3.2.2. Dileguo ed epentesi..........................................................................................76 2.3.2.3. Vocali in sillaba finale .....................................................................................77 2.3.2.3.1. Situazione nei testi antichi............................................................................77 2.3.2.3.2. Situazione moderna.......................................................................................78 2.3.2.3.3. Ripristinazioni ...............................................................................................78 2.3.2.3.3.1. Casi non etimologici e lessicalizzati .........................................................80 Capitolo 3: Consonantismo ...........................................................................................85 3.1. Consonantismo: Panorama generale .....................................................................85 3.2. Sonorizzazione vs lenizione / fortizione ...............................................................85 3.3. Lunghezza consonantica ........................................................................................88 3.3.1. Geminazione di nasali e liquide .........................................................................88 3.3.2. Casi di geminazione sporadici............................................................................90 3.3.3. Correlazione tra lunghezza consonantica e lunghezza vocalica.......................90 3.3.4. Casi di consonanti scempie.................................................................................90 3.4. Ostruenti..................................................................................................................91 3.4.1. Plosive..................................................................................................................91 3.4.1.1. Serie sorda ........................................................................................................91 3.4.1.2. Serie sonora ......................................................................................................91 3.4.1.2.1. Betacismo ......................................................................................................92 3.4.1.2.2. Indebolimento della dentale sonora .............................................................94 3.4.1.2.3. Gammacismo.................................................................................................97 3.4.1.2.3.1. Il nesso [-gr-]..............................................................................................99 3.4.2. Fricative e affricate..............................................................................................99 3.4.2.1. Sibilanti .............................................................................................................99 3.4.2.1.1. La fricativa e laffricata palato-alveolari sorde .........................................100 3.4.2.1.1.1. Laffricata palato-alveolare sonora.........................................................101 3.4.2.1.2. Laffricata alveolare....................................................................................102 3.4.3. Nasali .................................................................................................................102 3.5. Liquide ..................................................................................................................104 3.5.1. La laterale ..........................................................................................................104 3.5.1.1. Sviluppo della laterale geminata ...................................................................105 3.5.1.2. Rotacismo, velarizzazione e dileguo della laterale preconsonantica ..........106 3.5.1.3. Altri sviluppi minori.......................................................................................108 3.5.2. La vibrante alveolare.........................................................................................108 3.5.2.1. Il nesso [-[s]tr-]...............................................................................................109 3.5.2.2. Metatesi...........................................................................................................110 3.6. Palatali...................................................................................................................110 VI

3.6.1. Lapprossimante palatale iniziale, intervocalica e postpalatale .....................110 3.6.2. Approssimante palatale vs affricata palatale sonora .......................................112 3.6.3. Lapprossimante postconsonantica ..................................................................113 3.6.3.1. Esiti duplici.....................................................................................................114 3.6.4. I nessi di laterale postconsonantica ..................................................................116 3.6.5. I nessi [-kW-] e [-ks-]..........................................................................................118 GRUPPO NOMINALE ...............................................................................................119 Capitolo 4: Il nome ......................................................................................................121 4.1. Sistema flessionale: Panorama generale .............................................................121 4.2. Sviluppo dei casi...................................................................................................123 4.2.1. Vocativo.............................................................................................................126 4.3. Declinazioni ..........................................................................................................127 4.3.1. 1a declinazione...................................................................................................127 4.3.2. 2a declinazione...................................................................................................131 4.3.3. 3a declinazione...................................................................................................132 4.3.4. 4a Declinazione..................................................................................................135 4.3.5. 5a declinazione...................................................................................................137 4.4. Numero..................................................................................................................140 4.4.1. Nomi ambigeneri ...............................................................................................141 4.4.1.1. Plurali in -ora .................................................................................................141 4.4.1.2. Residui del plurale neutro in -A > -a .............................................................143 4.4.2. Marca della categoria [-num.] ..........................................................................150 4.5. Genere ...................................................................................................................154 4.5.1. Distribuzione del genere ...................................................................................154 4.5.2. La marca del genere ..........................................................................................158 4.5.3. Correlazioni semantiche del genere grammaticale..........................................160 Capitolo 5: Determinanti e quantificatori...................................................................167 5.1. Determinanti .........................................................................................................167 5.1.1. Articolo determinativo: Forme .........................................................................167 5.1.1.1. Emergenza delle forme aferizzate.................................................................170 5.1.1.2. Variet insulari e costiere ..............................................................................172 5.1.1.3. Discrezione e concrezione dellarticolo........................................................173 5.1.1.4. Sintassi dellarticolo determinativo ..............................................................174 5.1.2. Articolo indeterminativo: forme.......................................................................184 5.1.2.1. Sintassi dellarticolo indeterminativo ...........................................................186 5.1.3. Il partitivo ..........................................................................................................189 5.1.3.1. DE + nome .......................................................................................................189 5.1.3.2. Partitivo nullo .................................................................................................191 5.1.3.3. Quantificatori lessicali ...................................................................................191 5.1.3.4. Perifrasi ...........................................................................................................193 5.1.4. Dimostrativi .......................................................................................................195 5.1.4.1. Sviluppi formali..............................................................................................195 5.1.4.2. Il sistema ternario del napoletano antico ......................................................198 5.1.4.2.1. CHILLO ..........................................................................................................199 5.1.4.2.2. CHISTO e CHISSO ...........................................................................................200 5.1.4.2.3. Panorama generale ......................................................................................205 VII

5.1.4.3. Il sistema binario del napoletano moderno...................................................208 5.2. Quantificatori ........................................................................................................212 5.2.1. Quantificatori variabili ......................................................................................212 5.2.2. Quantificatori invariabili...................................................................................214 5.2.3. Numerali ............................................................................................................216 5.2.3.1. Numeri cardinali.............................................................................................216 5.2.3.2. Numeri ordinali ..............................................................................................220 5.2.3.3 Numeri collettivi .............................................................................................220 Capitolo 6: Laggettivo ...............................................................................................223 6.1. Sistema flessionale: Panorama generale .............................................................223 6.2. Aggettivi prenominali ..........................................................................................224 6.3. Comparativo e superlativo ...................................................................................226 6.3.1. Superlativo assoluto ..........................................................................................229 6.4. La posizione dellaggettivo..................................................................................230 6.4.1. Periodo: Seicento ad oggi .................................................................................230 6.4.1.1. Considerazioni morfolessicali .......................................................................231 6.4.1.2. Considerazioni semantiche ............................................................................232 6.4.1.3. Considerazioni sintattiche..............................................................................236 6.4.2. Il napoletano antico ...........................................................................................238 6.4.2.1. Aggettivi in posizione prenominale ..............................................................239 6.4.2.2. Aggettivi in posizione pre- e postnominale..................................................241 6.4.2.2.1. Aggettivi a duplice significato ...................................................................243 6.4.2.3. Riassunto.........................................................................................................243 Capitolo 7: Il possessivo .............................................................................................247 7.1. Forme ....................................................................................................................247 7.1.1. Forme toniche ....................................................................................................248 7.1.2. Forme clitiche ....................................................................................................251 7.2. Sintassi ..................................................................................................................252 7.2.1. Forme toniche attributive: Duecento-Cinquecento .........................................252 7.2.1.1. Posizione.........................................................................................................253 7.2.1.2. Distribuzione dellarticolo .............................................................................256 7.2.2. Grammaticalizzazione della posposizione.......................................................259 7.2.3. Ordine con aggettivi..........................................................................................261 7.2.4. Costrutto partitivo .............................................................................................263 7.2.5. Possessivi pronominali......................................................................................266 7.2.6. Forme clitiche ....................................................................................................267 7.2.6.1. Possessivi proclitici........................................................................................267 7.2.6.2. Possessivi enclitici .........................................................................................268 Capitolo 8: Pronomi personali ....................................................................................271 8.1. Panorama generale ...............................................................................................271 8.2. Pronomi tonici ......................................................................................................271 8.2.1. Le forme.............................................................................................................271 8.2.1.1. 1 / 2 singolari e plurali ...................................................................................271 8.2.1.1.1. Forme nominativali .....................................................................................271 8.2.1.1.2. Forme oblique .............................................................................................275 8.2.1.1.3. Forme comitative ........................................................................................275 VIII

8.2.1.2. 3a persona........................................................................................................276 8.2.1.2.1. Forme nominativali .....................................................................................276 8.2.1.2.2. Forme oblique .............................................................................................279 8.2.1.2.3. Forme anaforiche ........................................................................................280 8.2.2. Sintassi ...............................................................................................................281 8.2.2.1. Distribuzione del pronome soggetto esplicito e nullo..................................281 8.2.2.1.1. Focalizzazione e topicalizzazione..............................................................281 8.2.2.1.1.1. Persona grammaticale..............................................................................282 8.2.2.1.2. Omofonia formale nel verbo ......................................................................282 8.2.2.1.2.1. S: Marca di continuit di topic ...............................................................284 8.2.2.1.3. Frasi principali e subordinate .....................................................................285 8.2.2.1.4. Pronomi di 3a persona .................................................................................286 8.2.2.1.4.1. Trecento ....................................................................................................286 8.2.2.1.4.2. Seicento ....................................................................................................289 8.2.2.1.4.3. Novecento.................................................................................................290 8.2.2.1.4.4. Obbligatoriet del soggetto esplicito CHILLO .........................................290 8.2.2.1.4.4.1. CHILLO espletivo ...................................................................................293 8.2.2.1.5. Forme di allocuzione ..................................................................................294 8.3. Pronomi clitici ......................................................................................................300 8.3.1. Le forme.............................................................................................................300 8.3.1.1. Forme di 3a persona accusativali ...................................................................303 8.3.1.2. Forme di 3a persona dativali ..........................................................................307 8.3.1.3. (N)ce non dativale ..........................................................................................311 8.3.1.4. Ne genitivo-partitivo ed elativo.....................................................................313 8.3.1.5. Alterazioni morfofonemiche nei nessi clitici ...............................................314 8.3.2. La sintassi ..........................................................................................................315 8.3.2.1. Omissione .......................................................................................................315 8.3.2.1.1. Coordinazione .............................................................................................317 8.3.2.2. Collocazione dei clitici ..................................................................................319 8.3.2.2.1. Strutture con avverbio interposto ...............................................................319 8.3.2.2.2. Legge Tobler-Mussafia...............................................................................320 8.3.2.2.2.1. Lenclisi ....................................................................................................321 8.3.2.2.2.2. La proclisi .................................................................................................325 8.3.2.2.2.3. Riassunto ..................................................................................................327 8.3.2.2.2.4. Collocazione con forme non finite..........................................................328 8.3.2.2.3. Proclisi / Enclisi: Cinquecento ed oltre .....................................................333 8.3.2.2.3.1. Collocazione con le forme non finite......................................................333 8.3.2.2.3.2. Panorama storico della collocazione con linfinito preposizionale ......337 8.3.2.2.4. Collocazione con presentativi ....................................................................338 8.3.2.2.5. Salita dei clitici............................................................................................339 8.3.2.3. Combinazioni di clitici...................................................................................344 8.3.2.3.1. Pronomi di 1 / 2a persona............................................................................345 8.3.2.3.2. Se ..................................................................................................................347 8.3.2.3.3. ((I)n)de / Ne .................................................................................................350 8.3.2.4. Dativo etico.....................................................................................................351 8.3.2.5. Raddoppiamento clitico .................................................................................353

IX

GRUPPO VERBALE..................................................................................................359 Capitolo 9: Generalit..................................................................................................361 9.1. Introduzione ..........................................................................................................361 9.2. Ristrutturazione del sistema coniugazionale ......................................................361 9.3. Struttura interna del verbo ...................................................................................362 9.4. Alternanze apofoniche .........................................................................................363 9.5. Ampliamento del tema .........................................................................................364 9.5.1. Infisso -isc- / -esc- .............................................................................................364 9.5.2. Infisso -e(i)- .......................................................................................................366 9.6. Desinenze di persona e di numero: Panorama generale.....................................370 Capitolo 10: Forme dellindicativo.............................................................................375 10.1. Presente indicativo .............................................................................................375 10.1.1. Flessioni ...........................................................................................................375 10.1.2. Modificazioni del tema ...................................................................................377 10.1.2.1. Alternanza tematica velare / palatale ..........................................................377 10.1.2.2. 1sg. in -go e -co ............................................................................................377 10.1.3. Verbi altamente irregolari...............................................................................380 10.1.3.1. sse(re) .........................................................................................................381 10.1.3.2. Av(re) ..........................................................................................................382 10.1.3.2.1. Av(re) a / da.............................................................................................385 10.1.3.3. D(re), f(re), st(re) e sap(re).................................................................386 10.1.3.4. Potere > put e volere > vul......................................................................388 10.1.3.5. (re) e andare................................................................................................390 10.2. Imperfetto indicativo ..........................................................................................391 10.2.1. Verbi in -e- / -i-: Alternanza -e(v)a- / -i(v)a-.................................................392 10.2.2. Irregolarit .......................................................................................................393 10.2.2.1. Av(r)e ed sse(re) .......................................................................................393 10.3. Passato remoto....................................................................................................395 10.3.1. Formazione regolare .......................................................................................395 10.3.1.1. Testi antichi ..................................................................................................395 10.3.1.1.1. Forme in -ette(-) ........................................................................................400 10.3.1.2. Seicento al giorno doggi.............................................................................402 10.3.1.2.1. Verbi in -a- ................................................................................................403 10.3.1.2.2. Verbi in -e- / -i- .........................................................................................406 10.3.2. Formazioni irregolari ......................................................................................409 10.3.2.1. Temi forti ......................................................................................................412 10.3.2.1.1. Forme con modificazione della vocale radicale......................................412 10.3.2.1.2. Forme in -UI- .............................................................................................413 10.3.2.1.3. Forme sigmatiche......................................................................................415 10.3.2.1.4. Il verbo sse(re).........................................................................................419 10.3.2.2. Perdita delle forme irregolari ......................................................................419 10.4. Futuro ..................................................................................................................420 10.4.1. Oscillazioni nella vocale tematica..................................................................420 10.4.2. Oscillazione -rr- / -r-.......................................................................................423 10.4.3. Temi irregolari.................................................................................................424 10.4.4. Flessioni ...........................................................................................................424 10.5. Condizionale / Futuro del passato .....................................................................425 X

10.5.1. Forme in -ra.....................................................................................................426 10.5.2. Forme in -a .....................................................................................................428 10.5.3. Forme in -ebbe.................................................................................................430 Capitolo 11: Uso dei tempi indicativi.........................................................................431 11.1. Presente ...............................................................................................................431 11.1.1. Accezione futurale ..........................................................................................431 11.1.2. Presente semplice vs st + gerundio ..............................................................433 11.2. Imperfetto............................................................................................................435 11.2.1. Futuro del passato............................................................................................435 11.2.2. Impieghi modali ..............................................................................................437 11.3. Passato remoto e passato prossimo ...................................................................439 11.3.1. Rilevanza attuale .............................................................................................442 11.4. Trapassato prossimo e remoto ...........................................................................444 11.5. Futuro ..................................................................................................................446 11.5.1. Valori modali...................................................................................................448 11.5.2. Altre espressioni del futuro.............................................................................449 11.5.2.1. Volere............................................................................................................449 11.5.2.2. Dovere...........................................................................................................450 11.5.2.3. Avere a / Av(re) da .....................................................................................452 11.5.2.4. J a.................................................................................................................454 11.6. Condizionale e futuro del passato .....................................................................455 11.6.1. Espressioni perifrastiche del futuro del passato ............................................459 11.6.1.1. Volere e dovere.............................................................................................459 11.6.1.2. Dovere e av(re) a / da ................................................................................461 Capitolo 12: Forme e uso del congiuntivo .................................................................463 12.1. Forme ..................................................................................................................463 12.1.1. Presente congiuntivo .......................................................................................463 12.1.1.1. Irregolarit ....................................................................................................466 12.1.2. Imperfetto congiuntivo....................................................................................467 12.2. Distribuzione del congiuntivo ...........................................................................469 12.2.1. Fattori semantici ..............................................................................................471 12.2.1.1. Congiuntivo volitivo ....................................................................................472 12.2.1.1.1. Predicati indicanti desiderio e volont.....................................................472 12.2.1.1.2. Predicati indicanti risoluzione e intenzione.............................................474 12.2.1.1.2.1. Congiunzioni col valore finale..............................................................475 12.2.1.1.3. Predicati indicanti accordo, permesso e consiglio ..................................477 12.2.1.1.4. Predicati indicanti comandamento e ordine ............................................478 12.2.1.1.5. Predicati indicanti obbligo, dovere e necessit .......................................480 12.2.1.1.6. Predicati indicanti preghiera / richiesta e divieto / ammonimento.......481 12.2.1.1.7. Predicati indicanti attesa e opportunit....................................................482 12.2.1.1.8. Frasi relative ..............................................................................................483 12.2.1.2. Congiuntivo epistemico ...............................................................................484 12.2.1.2.1. Predicati indicanti credenza e opinione ...................................................484 12.2.1.2.2. Predicati dubitativi ....................................................................................488 12.2.1.3. Congiuntivo fattivo ......................................................................................490 12.2.1.3.1. Le frasi concessive....................................................................................492 12.2.2. Fattori sintattici................................................................................................494 XI

12.2.2.1. La negazione.................................................................................................494 12.2.2.2. Linterrogazione...........................................................................................497 12.2.2.3. La condizionalit..........................................................................................498 12.2.2.4. La comparazione ..........................................................................................500 12.2.3. Crisi del congiuntivo.......................................................................................501 12.2.3.1. Dialetto moderno: Scomparsa del presente congiuntivo ...........................501 12.2.3.2. Napoletano moderno: Distribuzione del congiuntivo ................................503 12.2.3.2.1. Congiuntivo del desiderio in frase principale .........................................504 12.2.3.2.2. Congiuntivo volitivo in frase subordinata ...............................................504 12.2.3.2.2.1. Predicati indicanti desiderio e volont..................................................504 12.2.3.2.2.2. Predicati iussivi ......................................................................................509 12.2.3.2.2.3. Altri contesti volitivi..............................................................................511 12.2.3.2.3. Congiuntivo dellirrealt...........................................................................513 12.2.3.2.4. Congiuntivi epistemico e fattivo ..............................................................513 12.2.3.2.5. Fattori sintattici .........................................................................................515 12.2.3.2.6. Il futuro del passato del congiuntivo........................................................517 12.2.3.3. Scomparsa del congiuntivo..........................................................................522 Capitolo 13: Imperativo...............................................................................................533 13.1. Imperativo di 2sg................................................................................................533 13.1.1. Forme abbreviate.............................................................................................538 13.1.2. Forme irregolari...............................................................................................539 13.2. Forme di 1 / 2pl. .................................................................................................541 13.3 Imperativo negativo.............................................................................................543 13.3.1 Altre strategie ...................................................................................................543 13.4. Forme di 3a persona............................................................................................544 Capitolo 14: Forme nominali ......................................................................................547 14.1. Infinito.................................................................................................................547 14.1.1. Desinenze.........................................................................................................547 14.1.2. Coniugazione in -(re)....................................................................................550 14.1.3. Coniugazione in -(re) ....................................................................................550 14.1.4. Coniugazione in `-e(re)...................................................................................552 14.1.5. Coniugazione in -(re).....................................................................................553 14.1.6. Casi particolari ................................................................................................554 14.1.7. Semplice tema verbale in luogo dellinfinito ................................................555 14.2. Gerundio .............................................................................................................558 14.3. Participio presente ..............................................................................................559 14.3.1. Distribuzione del participio presente .............................................................560 14.4. Participio passato................................................................................................561 14.4.1. Forme regolari .................................................................................................561 14.4.1.1. Distribuzione di -uto e -to...........................................................................563 14.4.1.1.1. Tre-, Quattro- e Cinquecento ...................................................................563 14.4.1.1.2. Sei- e Settecento........................................................................................565 14.4.1.1.3. Secondo Ottocento e primo Novecento ...................................................567 14.4.1.2. Estensione del suffisso -uto ai verbi irregolari...........................................568 14.4.2. Forme irregolari...............................................................................................570 14.4.2.1. Participi in -to ...............................................................................................570 14.4.2.2. Participi in -so ..............................................................................................573 XII

14.4.2.3. Participi in -sto .............................................................................................575 14.4.2.4. Participi in `-ito ............................................................................................576 14.4.2.5. Accordo metafonetico..................................................................................577 14.4.2.6. Participi a suffisso zero................................................................................581 14.4.3. Participi forti e deboli: Distinzioni aspettuali................................................582 14.5. Forme flesse: Infinito, gerundio e participi ......................................................585 14.5.1. Genesi e perdita delle forme flesse ................................................................588 Capitolo 15: Perifrasi verbali attive............................................................................591 15.1. Selezione degli ausiliari perfettivi.....................................................................591 15.1.1. Testi dalle origini fino al Cinquecento...........................................................591 15.1.1.1. Predicati transitivi e inergativi ....................................................................591 15.1.1.2. Predicati inaccusativi ...................................................................................592 15.1.1.3. Predicati riflessivi.........................................................................................592 15.1.1.3.1. Riflessivi mediali ......................................................................................592 15.1.1.3.2. Riflessivi argomentali...............................................................................594 15.1.1.3.3. Riflessivi antipassivi .................................................................................594 15.1.1.4. Verbi servili e la ristrutturazione.................................................................594 15.1.1.5. Tempi sovraccomposti.................................................................................596 15.1.1.5.1. Distribuzione dei tempi sovraccomposti .................................................597 15.1.1.5.2. Origini del paradigma sovraccomposto ...................................................598 15.1.1.6. Erosione di SSERE a favore di AVERE ..........................................................600 15.1.1.6.1. Inaccusativi................................................................................................601 15.1.1.6.2. Se passivante-indefinito ............................................................................608 15.1.1.6.3. Riflessivi mediali ......................................................................................608 15.1.1.6.4. Riassunto ...................................................................................................611 15.1.2. Testi dal Cinquecento fino al Settecento .......................................................612 15.1.3. Testi dallOttocento ed oltre ...........................................................................614 15.1.4. La variazione parlata moderna .......................................................................617 15.1.4.1. Estensione di AVERE ......................................................................................618 15.1.4.1.1. Percorso storico dellestensione di AVERE................................................620 15.1.4.2. Estensione di SSERE ....................................................................................622 15.1.4.2.1. Persona grammaticale...............................................................................622 15.1.4.2.1.1. Persona grammaticale e raddoppiamento delloggetto........................623 15.1.4.2.2. Fattori sociolinguistici ..............................................................................623 15.1.4.2.3. Tempo ........................................................................................................624 15.2. Tenere + participio .............................................................................................626 15.2.1. Struttura ...........................................................................................................628 15.2.2. Funzione...........................................................................................................629 15.3. Perifrasi con gerundio ........................................................................................632 15.3.1. St(re) ..............................................................................................................632 15.3.2. J(re) e ven(re)................................................................................................633 15.3.3. Mann(re) ........................................................................................................636 15.4. Perifrasi infinitive aspettuali..............................................................................636 15.4.1. Aspetto fasale ..................................................................................................637 15.4.2. Aspetto abituale...............................................................................................638 15.4.3. Aspetto progressivo.........................................................................................638 15.4.4. Aspetti continuativo e iterativo ......................................................................639

XIII

Capitolo 16: Costruzioni copulari...............................................................................641 16.1. Introduzione........................................................................................................641 16.2. Distribuzione di av(re) e ten(re) ....................................................................641 16.2.1. Testi presecenteschi ........................................................................................641 16.2.2. Testi preottocenteschi .....................................................................................644 16.2.3. Testi otto- e novecenteschi .............................................................................645 16.3. Distribuzione di sse(re) e st(re) .....................................................................648 16.3.1. Complementi locativi......................................................................................650 16.3.2. Complementi aggettivali.................................................................................652 16.3.2.1. Selezione di copula grammaticalizzata.......................................................653 16.3.2.2. Selezione di copula contrastiva ...................................................................657 16.3.2.3. Variazione diacronica e variazione libera ..................................................658 16.3.2.4. Complementi participiali .............................................................................662 Capitolo 17: Costrutti passivi e indefiniti ..................................................................665 17.1. Passivo con sse(re) ...........................................................................................665 17.1.1. Et moderna.....................................................................................................667 17.1.2. Soggettivizzazione di argomenti dativali.......................................................667 17.1.3. Altri ausiliari....................................................................................................668 17.1.3.1. Ven(re) .........................................................................................................668 17.1.3.2. St(re) ...........................................................................................................668 17.1.3.3. Volere............................................................................................................669 17.1.4. Impersonale passivo ........................................................................................671 17.2. Il se passivante-indefinito ..................................................................................672 17.2.1. Testi tre- e quattrocenteschi............................................................................672 17.2.2. Testi successivi................................................................................................674 17.3. Strategie attive ....................................................................................................677 17.3.1. Dislocazione a sinistra ....................................................................................677 17.3.2. Soggetti nulli di 3a persona .............................................................................678 17.3.3. (L)(h)o(m)mo e uno........................................................................................679 CATEGORIE MINORI...............................................................................................683 Capitolo 18: Negazione ...............................................................................................685 18.1. Negazione proposizionale e di costituente: Riflessi di NON ............................685 18.1.1. Posizione di non > nun....................................................................................686 18.1.1.1. Salita della negazione ..................................................................................687 18.1.2. Rafforzativi ......................................................................................................687 18.2. Elementi a polarit negativa ..............................................................................689 18.2.1. Posizione..........................................................................................................693 18.2.2. Ordine ..............................................................................................................696 18.2.3. Interpretazione esistenziale.............................................................................697 18.3. Negazione espletiva............................................................................................698 Capitolo 19: Preposizioni ............................................................................................701 19.1. Preposizioni semplici .........................................................................................701 19.1.1. A(d)...................................................................................................................701 19.1.2. Addo .................................................................................................................703 19.1.3. Con ...................................................................................................................703 XIV

19.1.4. Da .....................................................................................................................704 19.1.5. De .....................................................................................................................705 19.1.6. In.......................................................................................................................706 19.1.7. Infra / Intra ......................................................................................................707 19.1.8. Per ....................................................................................................................708 19.2. Preposizioni complesse ......................................................................................710 Capitolo 20: Avverbi ...................................................................................................717 20.1. Formazione .........................................................................................................717 20.2. Avverbi quantitativi............................................................................................718 20.3. Avverbi di maniera.............................................................................................720 20.3.1. Avverbi in -mente............................................................................................720 20.3.2. Avverbi aggettivali..........................................................................................722 20.3.3. Avverbiali lessicali e locuzioni avverbiali.....................................................729 20.4. Avverbi temporali...............................................................................................733 20.5. Avverbi spaziali..................................................................................................737 STRUTTURA DELLA FRASE .................................................................................741 Capitolo 21: Ordine delle parole.................................................................................743 21.1. Napoletano trecentesco ......................................................................................743 21.1.1. Introduzione.....................................................................................................743 21.1.2. Napoletano antico: Lingua V2 .......................................................................744 21.1.2.1. Analisi quantitativa ......................................................................................744 21.1.2.2. Analisi qualitativa ........................................................................................746 21.1.2.2.1. Anteposizione dei costituenti frasali........................................................746 21.1.2.2.2. Rimescolamento........................................................................................747 21.1.2.2.3. Inversione verbo-soggetto ........................................................................748 21.1.2.2.4. Focus informativo .....................................................................................749 21.1.2.2.5. Collocazione dei clitici: Lalternanza proclisi-enclisi ............................750 21.1.2.2.6. Frasi a ordine V1 e le posizioni soggetto ................................................751 21.1.2.2.7. Proposizioni subordinate ..........................................................................754 21.1.2.2.7.1. Anteposizione dei costituenti frasali.....................................................754 21.1.2.2.7.2. Alternanze del complementatore ..........................................................755 21.1.3. Conclusione .....................................................................................................756 21.1.4. La particella s .................................................................................................756 21.1.4.1. S: Marca di continuit di topic ...................................................................758 21.1.5. Rimescolamento ..............................................................................................761 21.1.5.1. Anteposizione del verbo non finito.............................................................761 21.1.5.2. Verbi sintetici ...............................................................................................763 21.2. Napoletano quattrocentesco...............................................................................765 21.2.1. Residui del V2 .................................................................................................768 21.3. Ordine delle parole non marcato: Quattrocento al giorno doggi ...................771 21.3.1. Frasi predicative ..............................................................................................771 21.3.2. Frasi rematiche ................................................................................................775 21.3.3. Posizione del verbo .........................................................................................777 21.3.3.1. Verbi non finiti con verbo servile / ausiliare ..............................................781 21.4. Ordine delle parole marcato: Quattrocento al giorno doggi...........................784 21.4.1. Focalizzazioni..................................................................................................784 XV

21.4.2. Topicalizzazioni ..............................................................................................790 21.4.2.1. Dislocazioni a destra ....................................................................................795 21.4.3. Focalizzazione e topicalizzazione del verbo .................................................795 21.4.4. Ordine di costituenti allinterno della periferia sinistra ................................796 Capitolo 22: Le interrogative ......................................................................................801 22.1. Le interrogative dirette.......................................................................................801 22.1.1. Le interrogative s-no ......................................................................................801 22.1.2. Le interrogative parziali..................................................................................804 22.1.3. Le frasi scisse ..................................................................................................806 22.2. Le interrogative indirette....................................................................................807 22.3. Le interrogative non canoniche .........................................................................808 22.3.1. Che to ddico a ff? .......................................................................................811 22.3.2. Particelle interrogative ....................................................................................811 Capitolo 23: Codifica argomentale.............................................................................815 23.1. Soggetto ..............................................................................................................815 23.1.1. Costrutto a doppio soggetto ............................................................................815 23.1.1.1. Interpretazione pragmatico-semantica........................................................818 23.1.1.2. Soggetto neutro chello .................................................................................821 23.1.2. Accordo verbale ..............................................................................................822 23.1.2.1. Verbo finito ..................................................................................................822 23.1.2.1.1. Accordo ad sensum ...................................................................................823 23.1.2.2. Participi.........................................................................................................827 23.1.2.2.1. Accordi anomali ........................................................................................829 23.2. Oggetto................................................................................................................831 23.2.1. Accusativo preposizionale ..............................................................................831 23.2.1.1. Testi preottocenteschi ..................................................................................831 23.2.1.1.1. Considerazioni etimologiche / lessicali ...................................................831 23.2.1.1.2. Considerazioni sintattiche e semantiche..................................................833 23.2.1.1.3. Considerazioni pragmatiche .....................................................................835 23.2.1.2. Testi otto- e novecenteschi ..........................................................................837 23.2.1.3. Origine dellaccusativo preposizionale.......................................................842 23.2.2. Alternanze casuali ...........................................................................................843 23.2.2.1. (a)domandare e simili..................................................................................843 23.2.2.2. Soggettivizzazione degli argomenti dativali ..............................................843 23.2.2.3. Marca accusativale degli oggetti dativali ...................................................844 23.2.2.4. Indebolimento e rafforzamento dativale.....................................................847 23.2.2.5. Uso transitivo dei verbi intransitivi.............................................................850 23.2.3. Accordo participiale........................................................................................852 23.2.3.1. Testi presecenteschi .....................................................................................853 23.2.3.2. Testi postcinquecenteschi ............................................................................857 Capitolo 24: Subordinazione.......................................................................................863 24.1. Complementazione finita ...................................................................................863 24.1.1. Doppia serie di complementatori del napoletano antico...............................863 24.1.1.1. Distribuzione di CA / CHE in antico napoletano ..........................................865 24.1.1.2. Descrizioni tradizionali................................................................................866 24.1.1.2.1. Modo verbale.............................................................................................868 XVI

24.1.1.2.2. Classe verbale............................................................................................869 24.1.1.3. Effetti di Topic e Focus su CA / CHE ...........................................................871 24.1.1.4. Conclusioni...................................................................................................874 24.1.1.4.1. Influsso greco? ..........................................................................................874 24.1.1.4.2. La struttura fine della periferia sinistra....................................................875 24.1.1.4.2.1. Ripetizione del complementatore .........................................................876 24.1.2. Doppia serie di complementatori nei testi se- e settecenteschi ....................878 24.1.3. Perdita della doppia serie di complementatori ..............................................881 24.1.4 Omissione del complementatore .....................................................................882 24.1.5. Complementazione paratattica .......................................................................883 24.1.5.1. Coordinazione asindetica.............................................................................884 24.1.5.2. Coordinazione con ET ..................................................................................886 24.2. Infinitive..............................................................................................................888 24.2.1. Infinito canonico .............................................................................................888 24.2.1.1. Introduzione..................................................................................................888 24.2.1.2. Infinito sostantivato .....................................................................................890 24.2.1.3. Infinito in funzione di soggetto ...................................................................892 24.2.1.4. Infinito in funzione di oggetto.....................................................................895 24.2.1.4.1. Accusativo con linfinito ..........................................................................895 24.2.1.4.2. Costrutto causativo e percettivo ...............................................................896 24.2.1.4.2.1. Costrutto causativo ................................................................................896 24.2.1.4.2.1.1. Faccio abber e simile .......................................................................900 24.2.1.4.2.1.2. Forme imperativali non ristrutturate..................................................901 24.2.1.4.2.2. Costrutto percettivo ...............................................................................903 24.2.1.4.3. Infinito apreposizionale ............................................................................904 24.2.1.4.4. Infinito introdotto da de > e....................................................................909 24.2.1.4.4.1. Complementatore infinitivo de > e......................................................911 24.2.1.4.5. Infinito introdotto da a(d).........................................................................915 24.2.1.4.5.1. Complementatore infinitivo a(d) ..........................................................916 24.2.1.5. Infinito in funzione avverbiale ....................................................................917 24.2.1.6. Infinito in frase interrogativa dipendente e in frase relativa......................920 24.2.2. Infinito flesso...................................................................................................920 24.2.2.1. Distribuzione ................................................................................................921 24.2.2.1.1. Facoltativit ...............................................................................................925 24.2.2.2. Propriet del soggetto ..................................................................................926 24.2.2.3. Propriet dellinfinito...................................................................................927 24.2.2.4. Esclusione dellinfinito flesso .....................................................................929 24.2.3. Infinito personale.............................................................................................932 24.2.3.1. Distribuzione ................................................................................................933 24.2.3.2. Propriet del soggetto ..................................................................................935 24.2.3.2.1. Posizione....................................................................................................935 24.2.3.2.2. Caso ...........................................................................................................936 24.2.3.2.3. Soggetti nulli .............................................................................................936 24.2.3.3. Propriet dellinfinito...................................................................................937 24.3. Gerundio flesso (e personale) ............................................................................938 24.3.1. Distribuzione ...................................................................................................939 24.3.1.1. Gerundio personale ......................................................................................942 24.3.2. Facoltativit .....................................................................................................944 24.4. Periodo ipotetico.................................................................................................946 XVII

24.4.1. Periodo ipotetico della realt ..........................................................................947 24.4.1.1. Orientazione sul presente-futuro .................................................................947 24.4.1.2. Orientazione sul passato ..............................................................................948 24.4.1.3. Tipi incrociati ...............................................................................................949 24.4.2. Periodo ipotetico dellirrealt .........................................................................950 24.4.2.1 Si putesse, facesse / Si avesse pututo, avesse fatto .....................................950 24.4.2.2. Si putesse, fa(cia)rra / Si avesse pututo, avarra fatto .............................952 24.4.2.3. Si potesse, facera / Si avesse potuto, avera fatto .......................................954 24.4.2.4. Si potesse, farei / Si avesse potuto, avrei fatto...........................................955 24.4.2.4. Si puteva, faceva ..........................................................................................955 24.4.2.5. Tipi incrociati ...............................................................................................957 24.4.3. Concordanza mista reale.................................................................................960 24.5. Frasi relative .......................................................................................................962 24.5.1. Relative con antecedente ................................................................................962 24.5.1.1. Continuazione del pronome latino ..............................................................962 24.5.1.1.1. Distinzioni di caso e di genere .................................................................963 24.5.1.1.2. Distinzioni di animatezza e di agentivit.................................................965 24.5.1.1.3. Pronome retto da preposizione.................................................................967 24.5.1.2. (Lo) quale .....................................................................................................969 24.5.1.3. Complementatori che e c(h)a ......................................................................973 24.5.1.3.1. Che .............................................................................................................973 24.5.1.3.2. C(h)a ..........................................................................................................975 24.5.1.3.3. Relative deboli ..........................................................................................979 24.5.1.4. Altre forme pronominali ..............................................................................981 24.5.2. Relative senza antecedente .............................................................................981 Riferimenti bibliografici..............................................................................................985 Indice dei nomi ..........................................................................................................1007 Indice delle lingue e dei dialetti................................................................................1015 Indice analitico...........................................................................................................1019

XVIII

Abbreviazioni

1 2 3 = # ## * ** ?(?) > < a. a.C. abl. abruz. acc. agg. ALCam anter. AP ar. Aus. AV Avv. BA BN C cal. capr. cat. CE cfr. cfv cl ClLD com.

1a persona 2a persona 3a persona cliticizzato a confine di parola posizione iniziale assoluta forma / struttura ipotetica o ricostruita forma / struttura agrammaticale, impossibile di grammaticalit (molto) dubbia diventa deriva da zero; soggetto implicito antico avanti Cristo ablativo abruzzese accusativo/-ale aggettivo Atlante Linguistico della Campania anteriore provincia di Ascoli Piceno arabo ausiliare provincia di Avellino avverbiale provincia di Bari provincia di Benevento consonante calabrese Capri, caprese catalano provincia di Caserta confrontare (interrogativa di tipo) cant find the value clitico dislocazione a sinistra con ripresa clitica comune XIX

comp. cond. cong. coniug. cos. CP CS d.C. dat. det. encl. f. fless. Fless Foc FocCon. FocInf. fr. FR franc. ger. got. gr. imp. imperf. indic. inf. ing. isch. it. lat. LE lett. loc. lomb. long. LT m. med. mont. n. N NA nap. neg. nom. num. XX

complementatore condizionale congiuntivo coniugazione cosentino complementiser phrase (sintagma del complementatore) provincia di Cosenza dopo Cristo dativale determinante enclisi / enclitico femminile flessione Flessione / Accordo verbale (ing. INFL(ection)) focus / focalizzazione focus contrastivo focus informativo francese provincia di Frosinone francone gerundio gotico greco imperativo imperfetto indicativo infinit(iv)o inglese ischitano italiano latino provincia di Lecce letteralmente locativo lombardo longobardo provincia di Latina maschile medievale Monte di Procida, montese neutro nome provincia di Napoli napoletano negazione nominativo/-ale numerabile

obl. obs. occ. occit. O(gg.) oland. osc. part. pass. pass.rem. perf. pers. pl. PP prep. pres. pro PRO proc. procl. pron. ptg. pugl. put. PZ QIndef. RC reg. rel. RI SA SAvv. SC sc-sett. SD sg. sic. SN S(ogg.) sost. sp. SP STV SV t t. TE

obliquo obsoleto occorrenza/-e occitanico oggetto olandese osco participio passato passato remoto perfett(iv)o persona plurale participio passato preposizionale presente pronominale non anaforico foneticamente nullo pronominale anaforico foneticamente nullo Procida, procidano proclisi / proclitico pronome / pronominale portoghese pugliese puteolano, di Pozzuoli provincia di Potenza quantificatore indefinito rafforzamento consonantico regionale (pronome) relativo provincia di Rieti sintagma aggettivale; provincia di Salerno sintagma avverbiale sintagma del complementatore costituente di tipo scene-setting sintagma del determinante singolare siciliano sintagma nominale soggetto sostantivo spagnolo sintagma preposizionale semplice tema verbale sintagma verbale traccia (o posizione sottostante) di elemento spostato token(s) provincia di Teramo XXI

ted. temp. top. Top TopDisl. tosc. TS V V2 voc.

tedesco temporale toponimo topic(alizzazione) topic dislocato toscano tema sospeso vocale; verbo (costrutto / struttura a) verbo secondo vocativo

XXII

Lista delle tabelle

Tabella 1.1: Alternanze allofoniche provocate dal RC ...............................................39 Tabella 1.2: Lefficacia rafforzativa dei determinanti e dei pronomi clitici .............47 Tabella 2.1: Vocalismo tonico e atono del napoletano moderno................................49 Tabella 2.2: Metafonesi nel paradigma verbale...........................................................58 Tabella 2.3: Alternanze apofoniche nel verbo .............................................................72 Tabella 3.1: Fonemi consonantici del napoletano moderno .......................................85 Tabella 3.2: Alternanza [v] vs [bb]...............................................................................93 Tabella 3.3: Alternanza [d] vs [|] .................................................................................96 Tabella 3.4: Alternanza [V] vs [gg] ..............................................................................98 Tabella 3.5: Alternanza [tS] vs [S] in posizione iniziale ............................................100 Tabella 4.1: Sistema desinenziale delle 5 declinazioni napoletane ..........................121 Tabella 5.1: Forme dellarticolo determinativo .........................................................167 Tabella 5.2: Sistemi dimostrativi latino e napoletano ...............................................195 Tabella 5.3: Distribuzione delle forme rafforzate e semplici in funzione adnominale ..............................................................................................196 Tabella 5.4: Sistema ternario del napoletano antico..................................................199 Tabella 5.5: Rappresentazione binaria del sistema dimostrativo del napoletano antico........................................................................................................207 Tabella 6.1: Paradigmi aggettivali del napoletano moderno.....................................223 Tabella 7.1: Forme del possessivo..............................................................................247 Tabella 8.1: Forme dei pronomi tonici.......................................................................272 Tabella 8.2: Distribuzione dei soggetti pronominali espliciti in base alla persona grammaticale ...........................................................................................282 Tabella 8.3: Distribuzione diacronica di ILLO, ISSO e CHILLO pronominali .............286 Tabella 8.4: Forme dei pronomi clitici .......................................................................300 Tabella 8.5: Distribuzione di (l)le e (n)ce con riferimento animato .........................310 Tabella 8.6: Distribuzione della proclisi e dellenclisi con linfinito preposizionale..........................................................................................337 Tabella 8.7: Ordine dei pronomi nei nessi clitici.......................................................345 Tabella 9.1: Le classi coniugazionali del napoletano ................................................362 Tabella 9.2: Opposizioni di persona singolare nel verbo vvere bere ...................370 Tabella 9.3: Opposizione singolare / plurale nel sistema verbale ............................372 Tabella 10.1: Paradigmi paralleli di av.....................................................................383 Tabella 10.2: Desinenze regolari del passato remoto del napoletano antico ...........396 Tabella 10.3: Desinenze personali del passato remoto debole del Sei- / Settecento ....................................................................................402 Tabella 10.4: Passato remoto regolare nel dialetto moderno ....................................403 Tabella 10.5: Passato remoto nelle variet della Corricella e della Chiaiolella ......406 Tabella 10.6: Distribuzione delle forme forti e deboli nel corso del Sei- e Settecento ..............................................................................................420 XXIII

Tabella 10.7: Distribuzione delle quattro formazioni del condizionale ...................425 Tabella 12.1: Flessioni del presente congiuntivo ......................................................463 Tabella 14.1: Forme nominali flesse ..........................................................................586 Tabella 15.1: Distribuzione di tenere + participio.....................................................627 Tabella 20.1: Distribuzione degli avverbi spaziali in napoletano moderno.............738 Tabella 21.1: Posizione del verbo nelle proposizioni principali nel LDT................744 Tabella 21.2: Posizione del verbo nelle proposizioni subordinate nel LDT ............745 Tabella 21.3: Posizione del verbo nelle proposizioni principali in De Rosa ...........766 Tabella 21.4: Posizione del verbo nelle proposizioni subordinate in De Rosa........767 Tabella 21.5: Posizione del verbo lessicale semplice rispetto alle varie classi di avverbio .............................................................................................778 Tabella 21.6: Posizione del verbo infinitivo / gerundivo con verbo servile ............781 Tabella 21.7: Posizione del participio con verbo ausiliare .......................................782 Tabella 24.1: Frequenza dei complementatori CA e CHE ...........................................868 Tabella 24.2: Distribuzione di CA / CHE con diversi elementi della periferia sinistra....................................................................................................872 Tabella 24.3: Distribuzione del complementatore preposizionale a nel costrutto causativo ................................................................................................901 Tabella 24.4: Distribuzione del complementatore infinitivo de dopo parere..........907 Tabella 24.5: Distribuzione dei pronomi relativi chi / che in funzione soggettiva nel LDT ..................................................................................................966

XXIV

Introduzione

0.1. Scopi
Il presente libro si inserisce in un quadro in cui si avverte un crescente interesse da parte della comunit linguistica verso variet non standard ossia dialettali come il napoletano. Anche se si suol guardare allItalia come uno straordinario osservatorio di variazione sincronica e diacronica a causa della notevole profusione di variazione linguistica concentrata in unarea geografica cos limitata, i dettagli di tale ricchezza linguistica sono rimasti per molto tempo inaccessibili ai non specialisti. Non fa eccezione a tale riguardo il napoletano. Effettivamente, mentre negli ultimi decenni cresciuto progressivamente linteresse per i dialetti settentrionali basti pensare a iniziative come lAtlante sintattico dellItalia settentrionale (ASIS, PadovaVenezia) e allintensa attivit di ricerca su alcuni temi specifici come i clitici soggetto (Renzi e Vanelli 1983; Poletto 2000), la negazione (Parry 1989; Zanuttini 1997), le costruzioni interrogative (Munaro 1997; Parry 1999) e la struttura della periferia sinistra della frase (Beninc 1996; Beninc e Poletto 2004) che sollevano questioni importanti per la teoria linguistica linteresse per i dialetti meridionali stato sensibilmente minore. Come ci ricorda per lappunto Radtke (1997, 15), linteresse scientifico per i dialetti campani stato finora piuttosto scarso (v. anche Varvaro 2005). Tale situazione risulta ancora pi sorprendente quando si considera che il napoletano presenta una ricca e lunga tradizione letteraria risalente al tardo Duecento (con i Placiti cassinesi si risale addirittura al decimo secolo), nonch una notevole abbondanza di variazione diacronica e sincronica. Tali caratteristiche conferiscono al dialetto una posizione privilegiata tra le lingue romanze, in quanto offrono al romanista una preziosa occasione per esplorare levoluzione strutturale di una delle variet romanze meno studiate. A differenza dei dati empirici di altre variet romanze che hanno spesso contribuito allindagine e alla rivalutazione di idee e di ipotesi circa questioni riguardanti la struttura linguistica, la variazione tipologica e il mutamento linguistico sia in chiave prettamente romanza che in chiave pi generale limportanza dei dati napoletani rispetto ai temi ora ricordati invece passata quasi sotto silenzio, perch i dati in questione o non sono generalmente noti o non sono stati oggetto di analisi sufficientemente approfondite per ottenere una corretta valutazione della loro rilevanza comparativa e/o teorica. Effettivamente, un esame degli studi finora compiuti mette in evidenza che, mentre i domini della fonologia e del lessico del napoletano hanno tradizionalmente goduto di maggior attenzione da parte dei dialettologi e dei linguisti, rimane ancora molto lavoro da fare per registrare e catalogare la ricca diversit morfosintattica del dialetto, la quale avr un ruolo importante da giocare nel colmare la lacuna tra i dati ben noti delle lingue romanze 1

standard e i dati delle variet romanze meno studiate. A tale proposito si sono affermate in et pi recente nuove e importanti iniziative, sia da parte di ricercatori individuali che hanno studiato singoli fenomeni relativi al napoletano che da parte di diversi gruppi di ricerca quali lAtlante linguistico della Campania (ALCam, HeidelbergNapoli), lArchivio di testi dialettali parlati dellarea flegrea (Napoli), lAtlante sintattico dellItalia meridionale (ASIM, PadovaVenezia) e la Sintassi degli antichi volgari italiani (SAVI, BristolManchester), i quali si sono prefissi lo scopo di studiare il napoletano nel contesto comparativo di altre variet o campane o meridionali. Sebbene non ancora giunte alla fase di completamento, tali iniziative hanno in molti casi gi dato risultati validi, i quali mostrano come il ricco patrimonio dialettale napoletano offra al linguista un ricco banco di prova per indagare e valutare importanti questioni riguardanti la variazione e la struttura delle variet (italo)romanze. Lobiettivo principale della presente opera consiste perci nel colmare le lacune individuate sopra attraverso una ricca documentazione e unapprofondita descrizione storica della fonologia e, in particolare, della morfologia e della sintassi del napoletano. Il risultato , si spera, una descrizione che risulta sufficientemente comprensiva da potersi qualificare come una grammatica di consultazione e, al contempo, formulata secondo unimpostazione che agevoli lo studio in diacronia e in sincronia di fatti individuali come parte di un sistema coerente, nonch il loro confronto con altre variet (italo)romanze. Malgrado la presenza del termine grammatica nel titolo del libro, la presente opera non va per intesa, n come una raccolta di stipulazioni o di regole prescrittive, n come una singola grammatica unitaria, ossia unidealizzazione di un insieme di regole strutturali ritenuto innato nei parlanti e negli autori napoletani a fasi diverse nella storia del dialetto. La presente grammatica va intesa invece come una semplice, ma ricca e esauriente, documentazione descrittiva delle varie strutture attestate in un vasto corpus, certo sotto molti aspetti eterogeneo, composto da pi di 165 testi prodotti nellarco di pi di sette secoli e comprendenti unampia selezione di tipologie testuali quali atti notarili, commedie (in prosa, in versi, musicali), epistolario, farse, fiabe, poesie, prosa (cancelleresca, cronistica, diaristica, narrativa), ricettari, statuti, trattati e volgarizzamenti (in prosa e in versi). Vista la poca omogeneit della tipologia dei testi considerati, nonch il vasto arco temporale interessato, palese che abbiamo a che fare con pi grammatiche, anche nei casi in cui si confrontano testi coevi ma differenziati per tipologia o stile diversi. Di fatto, come rivelano i seguenti capitoli, il dialetto caratterizzato da una polimorfia notevole (Radtke 1997, 3942; v. anche Maturi 2002, 206203), una sorta di elasticit strutturale che conferisce al dialetto una straordinaria fisionomia mutevole che rende, sia in diacronia che in sincronia, una descrizione monolitica e univoca di molti aspetti linguistici del dialetto pressoch impossibile. Piuttosto che minimizzare tale variazione a favore di unartificiosa idealizzazione certo ristretta e ben lontana dalla realt linguistica, si preferito dare pieno spazio a tale ricchezza variazionale, riconoscendo e documentando, nei limiti del possibile, la complessit della situazione linguistica partenopea con la compilazione di una grammatica che tiene pienamente conto di eventuali dimensioni di variazione diacronica, diatopica, diastratica, diafasica e, dove possibile, anche diamesica. Bisogna notare tuttavia che, a parte le inchieste orali in epoca relativamente recente, la natura prevalentemente 2

scritta del corpus fa s che la presente opera costituisca necessariamente una descrizione delle diverse grammatiche del napoletano scritto piuttosto che parlato, sebbene le poche testimonianze indirette delluso orale del dialetto in passato, nonch quelle forniteci dai testi pi vicini alluso orale, offrano a volte la possibilit di fare ipotesi (anche se niente di pi concreto) sul carattere del dialetto orale. Pu anche forse stupire la nostra osservazione che una grammatica di un dialetto cittadino come il napoletano possa comportare una variazione di tipo diatopico, dal momento che si soliti attribuire alle variet cittadine unidentit linguistica relativamente omogenea. Nel caso del napoletano si avverte, tuttavia, una notevole diatopia, dal momento che la struttura sociodemografica della citt si configura ab antiquo secondo un modello di paesi contigui (le cui origini risalgono agli antichi Sedili, ossia rioni, della citt; v. De Blasi 2002b; Greco 2006), cosicch possibile riconoscere allinterno della variet genericamente definibile napoletana tutta una serie di sottovariet diatopicamente marcate. In effetti, a tale proposito De Blasi (2002b, 127128) segnala che a Napoli molti abitanti sono radicati nel proprio luogo (zona o quartiere) di origine, legati a condizioni di vita tradizionali, fedeli alle consuetudini locali con un senso di appartenenza e di identit locali, oltre che in una stabilit di rapporti interpersonali. La metropoli quindi dialettale, perch in fondo simile a un paese o, meglio, a un aggregato di paesi. Inoltre, la dimensione diatopica della presente grammatica viene arricchita dallinclusione nel nostro corpus di non pochi autori e testi tradizionalmente associati al canone letterario napoletano, pur provenienti da luoghi fuori dalla citt (p.es. Basile da Giugliano, Viviani da Castellammare di Stabia), dalla provincia (p.es. gli Statuti dei disciplinati di Maddaloni (Caserta), Brancati da Policastro (SA), Braca da Salerno / La Cava) e, in alcuni casi, persino da fuori dalla regione (p.es. Sarnelli da Polignano (BA)), ma in ogni caso sempre appartenenti allantico Regno. Laspetto diatopico viene ulteriormente rafforzato dalla frequente considerazione, dove sono disponibili i dati, delle variet periferiche delle localit costiere quali i Campi Flegrei (compresi Monte di Procida, Bcoli, Pozzuoli) e il Golfo vesuviano (compresi Portici, Ercolano, Torre del Greco, Torre dellAnnunziata, Castellammare, Bosco Trecase, Pompei, Sorrento), nonch delle variet insulari di Procida, Ischia e Capri. Pur condividendo nella maggior parte dei casi un alto grado di omogeneit strutturale con le variet pi prettamente del nucleo urbano, potendosi senzaltro considerare a tutti gli effetti variet napoletane, queste variet dette periferiche presentano a volte delle divergenze strutturali minime ma perci significative e rivelatrici. Come vedremo, lindividuazione di tali divergenze permette di isolare e di osservare ci che sottost alle differenze superficiali di particolari scelte linguistiche attraverso una serie di grammatiche comunque altamente omogeneizzate. Approfittando di tale microvariazione possibile stabilire quali fenomeni siano correlati a determinate opzioni linguistiche e come tale microvariazione si traduca nella fonologia o nella morfosintassi. Per quanto riguarda la variazione diastratica, questa non invariabilmente definibile in base a considerazioni areali. Senzaltro, in determinati casi, possibile individuare fenomeni diastraticamente marcati con minor o maggior distribuzione in particolari aree dello spazio urbano. Certo, la concentrazione dei ceti borghesi e/o abbienti in tempi moderni nei quartieri occidentali collinari e costieri fa s che spesso saltino fuori sensibili distinzioni di tipo diastratico tra luso del dialetto dei residenti di queste aree, spesso caratterizzato da innovazioni e frequenti italianizzazioni, 3

e luso del dialetto dei residenti di quartieri socioeconomicamente pi svantaggiati e con livelli distruzione tipicamente pi bassi come, ad esempio, i Quartieri Spagnoli, dove si parla un dialetto pi conservativo (v. anche Bianchi 2006c, 212). Tuttavia, fino alla prima met del Novecento la caratteristica convivenza delle diverse classi sociali in insediamenti socialmente compositi, nella fattispecie nelle stesse strade e negli stessi palazzi, dava luogo a una diversificazione diastratica che si attuava, non in orizzontale secondo il canonico modello di sviluppo urbanistico che crea spazi differenziati per gruppi di diverso livello socioeconomico e di istruzione, bens in verticale in quanto il popolino abitava nei bassi, a livello della strada su cui si apriva la porta, mentre i signori abitavano ai primi piani e negli altri ci si insediava secondo le classi sociali, restando [] le case ai piani pi alti le pi modeste (Greco 2006, 255). Tale convivenza se favoriva la comunicazione interclassista e luso del dialetto, certo non annullava la distanza tra le classi sociali, in quanto le relazioni comunicative avvicinavano persone che tuttavia rimanevano, letteralmente, su piani diversi (De Blasi 2002b, 125). Un lavoro di questo tipo raramente, se mai, il prodotto di un singolo individuo. In particolare, ho avuto la fortuna di potermi servire degli studi e delle ricerche di numerosi filologi e dialettologi che si sono dedicati, chi in misura minore e chi in misura maggiore, a varie questioni riguardo al dialetto. Senza il precedente lavoro e limportante contributo di questi, e soprattutto di chi ha attentamente voluto curare e produrre una sempre pi ricca raccolta di edizioni di testi dialettali, la presente grammatica sarebbe risultata testualmente e cronologicamente molto pi impoverita nonch linguisticamente pi limitata. Porgo perci un sentito riconoscimento di gratitudine verso tutti quegli studiosi, generosamente citati nei capitoli successivi, che, direttamente o indirettamente, hanno in qualche modo contribuito alla presente opera, sia per la documentazione dei dati sia per le analisi da loro proposte. In particolare, sono risultati indispensabili a tale riguardo i vari studi di Andal, Avolio, Bafile, Barbato, Bianchi, Bichelli, Capozzoli, Castagna, Cennamo, Coluccia, Como, Compagna, De Blasi, Del Puente, Fanciullo, Formentin, Gentile, Antonio Iandolo, Carlo Iandolo, Imperatore, Librandi, Loporcaro, Malato, Maturi, Parascandola, Perrone, Radtke, Rohlfs, Russo, Sabatini, Sornicola, Varvaro, e Vincent. Inoltre, ringrazio i molti studiosi e amici, nonch informatori, che nel corso degli ultimi quindici anni si sono gentilmente dimostrati disposti a discutere con me diversi aspetti del dialetto e/o a commentare diverse parti delle descrizioni e delle analisi esposte nelle seguenti pagine, analisi che, in molti casi, sono state presentate in relazioni orali in diverse sedi universitarie. In particolare, vorrei ringraziare Paola Beninc, Delia Bentley, Theresa Biberauer, Laura Cammarota, Antonio Carat, Michela Cennamo, Enzo Cioffi, Silvio Cruschina, Roberta DAlessandro, Federico Damonte, Nicola De Blasi, Vittorio DIschia, Ferdinando De Marco, Claudio Esposito, Stefania Esposito, Giuliana Fiorentino, Carla Franceschini, Don Gennaro, Carlo Iandolo, Anna Laura Lepschy, Giulio Lepschy, Alessandra Lombardi, Michele Loporcaro, Martin Maiden, Ciro Manna, Salvatore Marra, Raffaele Napolitano, Giuseppe Orso, Daniele Palumbo, Sandra Paoli, Mair Parry, Elvira Patraglia, Cecilia Poletto, Eva-Maria Remberger, Ian Roberts, Anna Maria Russo, Antonella Russo, Enrico Salerno, Salvatore, J. C. Smith, Rosanna Sornicola, Gigliola Sorrento, Alfredo Stussi, Alberto Varvaro, Nigel Vincent, Carmela Vitiello e Tersilla Vitiello. Sono anche grato a Gnter Holtus, curatore dei Beihefte zur Zeitschrift fr roma4

nische Philologie, per il suo appoggio, nonch a Ulrike Dedner e a Norbert Alvermann della Max Niemeyer per la loro costante assistenza ad ogni stadio della produzione e pubblicazione del presente libro. Infine, colgo loccasione per ringraziare lArts and Humanities Research Council (Award number: 112648), lUniversit di Cambridge e Downing College per aver generosamente finanziato un anno di congedo sabbatico nel 20052006, durante il quale si svolse una gran parte della presente ricerca. A titolo personale, vorrei ringraziare di tutto cuore mia moglie, Alessandra, per i suoi preziosi commenti sul testo e per i suoi importanti suggerimenti stilistici, nonch per la pazienza e la comprensione che lei insieme ai nostri due figli, Luca e Chiara, mi hanno mostrato durante la stesura della grammatica. Una particolare parola di gratitudine va anche ai miei suoceri, Anna Maria Ferrari e Luigi Lombardi, purtroppo recentemente deceduto, che mi hanno offerto un ambiente piacevole ed accogliente in cui ho steso una gran parte del presente lavoro. Infine vorrei anche porgere un sentito ringraziamento ai miei genitori, Brenda e Alfred Ledgeway, a cui il presente libro dedicato in segno di riconoscimento dellamore e del sostegno continuo e inesauribile di cui mi hanno ricolmato nel corso della mia carriera accademica. A loro devo tutto.

0.2. Napoli e Campania: Breve profilo storico1


Lodierna regione della Campania si estende su una superficie di 13, 595 km2 confinando con il Lazio a nord-ovest, il Molise a nord, la Puglia ad est, la Basilicata a sud-est e il Mar Tirreno che bagna una costa di circa 500 km ad ovest. Tali confini geopolitici coincidono tuttavia solo in parte con quelli del territorio in antichit. Dallisola di Euba nel mar Egeo nella prima met dellVIII secolo a.C. arrivarono nellarco del Golfo partenopeo i primi Greci colonizzatori, insediandosi inizialmente a Pithecusa (Ischia), Cumae (Cuma) e Dicearchia (Pozzuoli) prima di fondare Partenope (oppure Palaeopolis) sullattuale collina di Pizzofalcone. Non fu per questultima bens Cumae a rivestire per prima nellItalia meridionale antica il ruolo di principale sede commerciale e culturale della regione. Soltanto nellanno 438 a.C., quando Cumae fu conquistata definitivamente dai Sanniti, i suoi abitanti greci, ora profughi, si stabilirono nei pressi di Partenope, ormai agglomerato urbano, dove ricostruirono la Nuova Citt (Neapolis), la quale non tard ad ingrandirsi con larrivo, in seguito, di nuove ondate di colonizzatori venuti dalle citt di Atene e di Calcide. Grazie al suo importante ruolo commerciale, e non meno per la sua posizione strategica sul Mar Tirreno, la citt di Neapolis fin collallearsi nel 328 a.C. con Roma e fu dichiarata foederata civitas, titolo che ritenne fino al crollo dellImpero Romano. Ai Romani tale alleanza offr la possibilit di tenere a bada i Sanniti, mentre agli abitanti di Neapolis assicur invece lautonomia della citt, nonch la conservazione dei loro usi e costumi e, in particolare, delluso della lingua greca.
1

Per un ottimo trattamento dettagliato della storia del dialetto in Campania, dal quale la presente discussione attinge, v. Bianchi, De Blasi e Librandi (1992; 1993). Si veda ora anche Barbato (2002) e De Blasi (2006a, cap. 1).

La maggior parte del resto della regione fu invece abitata dagli Ausoni (o Aurunci), popolo potente e bellicoso gi noto ai greci fin dal V secolo a.C. il quale si era stabilito sulla costa occidentale fra il Volturno ed il Liri. Tradizione ci tramanda che il territorio occupato dagli Ausoni fu successivamente conquistato da un popolo protolatino denominato gli Opikoi (Opici) i quali, crollato il dominio etrusco intorno alla met del V secolo a.C., furono anchessi sconfitti dai Sanniti che si vennero estendendo verso meridione dai loro insediamenti montagnosi del Sannio (lattuale Abruzzo). Il popolo ibrido risultante parl la lingua italica delle trib del Sannio denominata dai Romani osco. Allinfuori della Puglia meridionale e degli insediamenti greci lungo la costa, la lingua osca, allavvento delle prime conquiste romane (IV secolo a.C.), si era estesa per tutto il territorio meridionale al di sotto del Liri e del Sangro, penetrando perfino nella Sicilia nordorientale nel II secolo a.C. con la conquista mamertina di Messina. In seguito, per, alla sconfitta degli Osci nella Guerra sociale del 9088 a.C., luso ufficiale della lingua osca cess, sebbene essa continuasse sicuramente ad impiegarsi come patois locale per ancora molto tempo (a riprova di ci basti pensare ai graffiti pompeiani del 79 a.C.), sopravvivendo in tutta probabilit per diversi secoli successivi nelle parti pi remote del Sannio (Avolio 1995, 17). Infatti, tradizionalmente si attribuiscono alcuni dei tratti dei dialetti campani moderni al sostrato osco (v. Iandolo 1994, 2632; Avolio 1995, 6 10), fra cui i pi notevoli sarebbero lassimilazione dei nessi nasali -MB- > -mm- e -ND- > -nn- (p.es. GAMBAM > gamma, QUANDO > quanno; v. per Varvaro 1979 e la discussione al 3.4.3), e la conservazione del perfetto debole in -tt(p.es. osc. prfatted prov, teremnattens terminarono, nap. chiagnette piansi/-e, fujttero fuggirono), nonch certi elementi del fondo lessicale quali *tufa > tofa buccina, tromba marina, *lunfos > luffo lombo; anca,2 *glefa > ghiefa / gnifa zolla (SA), htufri > attrufo ottobre (obs.; cfr. ottufro (Ferraiolo 88r.5), octufro (Lupo I.51.7)), *SCARAFAIUM > scarrafone scarafaggio, *TAFANUM > tafano zanzara, vafer + -ONEM > mafrone pagello (sorta di pesce); furbacchione (Rohlfs ([1972] 1997, 19, 5455), tutti termini indubbiamente di origine osca in virt della loro risoluzione dellantica media aspirata bh nella fricativa labiodentale sorda (di contro al latino che la rende con locclusiva bilabiale sonora: TUBAM, LUMBUM, GLEBAM, (MENSIS) OCTOBER, SCARABEUM, TABANUM, VABER). Qui bisogna far riferimento anche alla tesi tradizionale, sebbene polemica, che vede nel passaggio da un sistema vocalico quantitativo latino ad un sistema qualitativo romanzo un sensibile influsso dellosco, il quale, caratterizzato da un forte accento intensivo, avrebbe favorito un sistema vocalico fondato sulla qualit (Devoto 1967, 135sgg.; Avolio 1995, 78). La dominazione germanica della Campania inizi nel V secolo d.C. marcata dalle incursioni dei Vandali e dei Goti, ma fu interrotta, nel VI secolo, dallarrivo dei Longobardi, i quali durante la met del VII secolo assorbirono la maggior parte dellodierna regione nel Ducato di Benevento, il cui dominio allora si estendeva su gran parte del Mezzogiorno. Napoli, per contro, si era alleata con Bisanzio in seguito al crollo dellImpero Romano nel 476 nel tentativo di sottrarsi alle minacce gotiche. Trovandosi comunque lontana da Bisanzio, Napoli fin col capitolare ai Goti che
2

Si noti anche lallotropo lummo lombo di origine latina (< LUMBUM) con assimilazione del nesso -MB- > -mm-.

occuparono la citt fino al 536, anno in cui cadde nuovamente sotto il dominio greco per poi essere brevemente ripresa dal re goto Totila nel 543, prima di essere riconquistata definitivamente dai Bizantini nel 553. A parte tre falliti assedi longobardi tra il 581 e il 599, la Napoli bizantina godette in seguito di uno straordinario periodo di stabilit, che doveva durare quasi sei secoli. Sotto il controllo bizantino, il suo porto, insieme a quelli di Gaeta e di Amalfi, funse da via daccesso importante per Costantinopoli e verso lOriente. Secondo la testimonianza di Ibn-Hawqal (Von Falkenhausen 1983, 343), viaggiatore arabo della Campania bizantina del X secolo, sarebbe stata Amalfi la citt pi prospera ed illustre del territorio, mentre Napoli fu giudicata bella ma di importanza minore. Tuttavia, lodierna capitale campana si afferm come significativo intermediario culturale fra Occidente e Oriente grazie alla fondazione di una scuola di traduttori responsabile della diffusione in Occidente di un gran numero di traduzioni greco-latine di testi agiografici. Fu precisamente durante questo periodo che molti ellenismi penetrarono nel dialetto locale campano, tra altri, kkkabos > cccavo pentola grande, kdos > cato secchio, kntaros > cntaro orinale, gstra > (g)rasta frammento di ceramica, zmaros > zmbaro caprone, e sklanthron > scalandrone scala di legno.3 Fuori della Campania bizantina, ora sotto il controllo longobardo (la cosiddetta Langobardia minor), la romanizzazione dei conquistatori germanici procedette a ritmo accelerato, sebbene linfluenza longobarda sulle parlate romanze locali fosse tuttaltro che insignificativa, come ci ricordano prestiti tuttora vitali quali *waifa terreno pubblico > gaffio terrazzino di balcone sporgente; pianerottolo di scala esterna (cf. anche proc. vfio muro parapetto di terrazzino) e zizza seno (v. Rohlfs [1972] 1997, 24; Parascandola 1976, 282; Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 18). Per pi di due secoli le autorit ecclesiastiche riuscirono a tenere a bada il Regno longobardo, ma nel 754 il Papa Stefano II persuase Pipino, re dei Franchi, a sottomettere i Longobardi con la forza. Nel 781, anno che marc linizio del crollo del dominio longobardo, lItalia era diventata il regno di Pipino, figlio di Carlo Magno. Ciononostante, il Ducato di Benevento si rivel impermeabile allavanzamento carolingio e rimase sotto il controllo dei Longobardi fino allavvento dei Normanni nel 1053. Durante questo periodo la produzione letteraria longobarda si concentr principalmente nel monastero di Montecassino (Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 1922), centro culturale di massimo prestigio del Ducato, responsabile di opere come la Historia Langobardorum e il Chronicon Salernitanum, nonch dei Placiti cassinesi, primi testi italoromanzi composti da quattro brevi atti notarili formulaici del 960963 redatti a Capua, Teano e Sessa Aurunca.4 La dominazione normanna della regione cominci nel 1039 quando al normanno Rainulfo Drengot fu donata da Sergio IV, Duca di Napoli, la povera borgata di Aversa come compenso per laiuto militare offertogli da Rainulfo per riconquistare la citt, che era stata occupata dal principe longobardo Pandolfo IV. Cos Aversa divenne il centro da cui si irradi in tutta la regione il dominio normanno con le conquiste di Benevento nel 1053, Capua nel 1058, Salerno nel 1077, e infine Napoli
3 4

V. Rohlfs ([1972] 1997, 19), Bianchi, De Blasi e Librandi (1993, 17), Iandolo (1994, 236, 238), Avolio (1995, 2122), Iandolo (2001, 21). V. Bartoli (19441945), Dionisotti e Grayson (1949, 413), Castellani (1973, 5976), Bianchi, De Blasi e Librandi (1993, 211212), Michel (1996).

nel 1137, data che marca la fine dellisolamento della citt. Lunificazione della regione sotto legemonia normanna segn un importante dietrofront della fortuna di Napoli. Il commercio nella citt divenne fiorente cos come il traffico marittimo che si avvantaggiava del declino di Amalfi, il che fece della citt partenopea il porto pi importante della Campania e del Mediterraneo, un vero polo di attrazione per commercianti provenienti da Amalfi, Ravello, Scala, Pisa, Genova e Venezia. Tuttavia, la morte di Tancredi nel 1194 segn la conclusione della dominazione normanna della citt, che si arrese agli Hohenstaufen, la dinastia sveva, la cui egemonia era destinata a protrarsi fino al 1266. Nel 1224 Napoli fu riconosciuta da Federico II come centro culturale non solo della regione ma di tutto il regno di Sicilia con listituzione delluniversit. Naturalmente lunica lingua che si presentasse come veicolo adatto allistruzione e allo studio era il latino, e non il dialetto locale, che non era mai stato ritenuto idoneo agli usi ufficiali. In seguito alla battaglia di Benevento e alla morte del re svevo Manfredi nel 1266, sal al trono Carl DAngi, fratello di Luigi IX di Francia, successione che segnal linizio del periodo del dominio angioino e il trasferimento da Palermo a Napoli della capitale del regno di Sicilia, nonch della corte reale, che non manc di esercitare la propria influenza sulla vita e sulla cultura della citt. Ad esempio, appartengono proprio a questo periodo le prime sperimentazioni in volgare che sfociarono nelle traduzioni francesi di opere quali la Historia Langobardorum e la Historia Normannorum. Linfluenza del francese (e del provenzale) non si limitava tuttavia semplicemente alla Corte e alla nobilt locale, ma riusc anche a penetrare il dialetto della citt, come ci dimostrano prestiti quali vaingnu > guaglione ragazzo, semana > semmana settimana, pertus > pertuso pertugio, buco, chiper > scipp tirare, strappare, tirebouchon > tirabusci cavatappi, framboise > frambuasso lampone, mucad > muccaturo fazzoletto, gifle > jffula schiaffo (v. Zinno 1932, 239241; Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 2728; Iandolo 1994, 237, 239). A Corte, invece, luso del dialetto locale per scopi letterari fu fortemente scoraggiato, cosicch la nostra prima testimonianza del dialetto, ossia la Scripta amalfitana (1288), una breve dichiarazione contrattuale fra Bartolomeo de Fonto, sua moglie e il monastero di Santa Maria di Atranib (Sabatini [1962] 1996a; Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 212214), proviene da fuori della capitale. Sotto il dominio angioino Napoli vide nuovi afflussi di commercianti provenienti da Genova, Pisa, Firenze, Provenza, Marsiglia, Fiandre e Catalogna, la cui presenza allinterno della citt, pur contribuendo enormemente allopulenza di Napoli, ostacol tuttavia la formazione di una prospera classe di commercianti autoctoni al pari di quelle sorte in altre parti della penisola, che avevano effettivamente promosso luso del dialetto locale a scopi pratici, persino con la fondazione di scuole per linsegnamento di esso. Solo sotto il regno del re Roberto (13091343) e della regina Giovanna I (1343 1381), quando i rapporti economici, culturali e politici tra la capitale angioina e Firenze venivano intensificandosi sempre di pi, si intravedono i primi germi di un interesse per la letteratura in volgare, prima in toscano e poi in napoletano (Sabatini [1992] 1996c, 524sgg.). La diffusione della Commedia e di altre opere toscane tra la classe letterata napoletana suscit una maggior sensibilizzazione dei meriti del volgare come valido strumento di espressione letteraria. Mentre i fiorentini si compiacevano nellusare il dialetto napoletano in conversazione, la letteratura poetica toscana era apprezzata dai napoletani a tal punto che la ritenevano un modello adatto 8

alla propria espressione letteraria. Non dester perci stupore che il primo esempio di prosa napoletana, risalente al 1339 circa, lEpistola napoletana (v. Sabatini [1983] 1996b; Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 214221; DAscoli 1996, I, 24 26), sia di una mano fiorentina, Giovanni Boccaccio, e che la produzione letteraria locale in volgare risalente a quel secolo esibisca vari gradi di interferenza toscana. A tal riguardo si tengano presenti le traduzioni volgari del poemetto De balneis puteolanis (Prcopo 1887; Pelaez 1928) e del Regimen sanitatis (Mussafia 1884; Altamura 1977; Petrucci 1975), e in particolare le sperimentazioni letterarie di poeti quali Bartolomeo Di Capua, Paolo DellAquila, Guglielmo Maramauro e Landulfo Di Lamberto (Coluccia 1971; 1975; 1983; 1992), i quali tendono, per esempio, a rifiutare i caratteristici dittonghi metafonetici (De Blasi e Imperatore 2000, 139). Durante questo stesso periodo cominciarono ad apparire opere di natura cronistica e narrativa quali la traduzione volgare della Historia Destructionis Troiae (De Blasi 1986) collocabile intorno al 13301340, e la Cronaca di Partenope (Altamura 1949, 138 158; Sabatini 1975, 133139; DAscoli 1996, I, 27), composta da mani diverse a pi riprese dal 1350 al 1385 (con anche unaggiunta tardiva del Quattrocento), opere che sottolineano entrambe limpiego sempre maggiore del volgare anche per la prosa. Spiccatamente meno sfruttato che in altre parti della penisola fu invece il volgare in testi religiosi (Sabatini [1992] 1996c, 511512), sebbene probabilmente adottato pi frequentemente ad usi informali negli ordini religiosi, come attesta luso del volgare in una lettera del 1393 redatta dal vescovo di Pozzuoli ai canonici della sua cattedrale durante una missione papale a Lisbona (Ambrasi e DAmbrosio 1988, 170; Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 221222). Malgrado lesistenza di una letteratura cortigiana in castigliano, ladozione del volgare a fini letterari fu tuttavia di nuovo scoraggiata sotto il regno aragonese (14421503) quando, principalmente in virt degli sforzi di Alfonso DAragona (14421458), amante della cultura, che chiam a corte i pi insigni letterati e che istitu lAccademia Alfonsina e la Biblioteca Reale, la capitale si trasform in un centro di cultura e di erudizione umanistica. A quel tempo la capitale accolse numerosi catalani che, sotto il regno di Alfonso, ricoprirono i posti chiave dellamministrazione e riuscirono ad esercitare pertanto un influsso considerevole sulla vita della capitale, nonch sul suo dialetto (Coluccia 1987a). Solo nel 1458, con la salita al trono di Ferrante, il quale adoperava il volgare locale sia nello scritto che nel parlato, il popolo autoctono cominci a svolgere un ruolo pi attivo nellamministrazione del regno, sviluppo corrisposto a sua volta dalla ripopolazione della capitale. Gli anni successivi videro risorgere un interesse per la produzione letteraria in volgare locale, bench la variet linguistica adottata in tale produzione spesso evitasse in maniera deliberata gli elementi pi stigmatizzati del dialetto parlato e, a partire dal 1480, cominciasse ad esibire una toscanizzazione sempre maggiore (si ricordino a tal proposito il genere letterario dello gliommero; cfr. Parenti 1978; De Blasi 1993; 1995a; 1996; 1998) per dar luogo ai germi di una variet che si pu legittimamente definire, a tutti gli effetti, un dialetto letterario. Con lannessione dellItalia meridionale al regno di Ferdinando il Cattolico nel 1503, la regione pass sotto il dominio della Spagna e fu destinata ad essere governata da una lunga serie di vicer. Al pari del secolo precedente, linterferenza iberica nello sviluppo sociale e culturale della citt fu considerevole, come rivelano le abbondanti tracce lasciate nel lessico del dialetto locale, il quale assorb, tra gli altri, il 9

diffusissimo titolo onorifico (D)on (da cui il femminile (D)onna) e concetti quotidiani quali sp. adonarse > addunar(e)se accorgersi, cat. amohinar > ammuin(re) fare chiasso, sp. cara > cira aspetto, faccia, sp. entraa > ntragne interiora, sp. guapo > guappo camorrista, sp. nio > ninno ragazzo, cat. rua > rua strada, sp. desmayado > smajato pallido, sp. escabeche > scapce salsa piccante per conservare pesce o ortaggi, sp. cencerro > zerrezerre / zerri-zerri raganella (v. Zinno 1932, 238239; Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 8182; Iandolo 1994, 237, 239). In origine, continuarono le attivit poetiche in volgare del secolo precedente anche sotto il dominio spagnolo, ma esse si trasferirono, a partire dal 1510, alla Corte ischitana di Vittoria Colonna. bene notare che, allinizio del Seicento, una variet del dialetto pi autentica e pi simile a quella delluso parlato quotidiano si era affermata grazie ad opere quali le farse di Vincenzo Braca (15661625; cfr. Mango 1973) e veniva ormai spesso messa in confronto diretto con litaliano, come esemplifica in modo particolarmente efficace Lamor giusto di Silvio Fiorillo, il quale giustappone napoletano e toscano ottenendo un risultato comico. Ciononostante, gi prima della fine del Seicento la produzione letteraria a Napoli si effettuava in gran parte nella lingua letteraria toscana, cosicch luso del napoletano si releg in larga misura a specifici e limitati scopi letterari (Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 95). Non si dimentichi, daltra parte, che il fiorire di numerose case editrici nella citt fin dal primo Cinquecento aveva portato ad un sensibile aumento della produzione letteraria in volgare locale, diffondendola ad un pubblico pi ampio di quello rappresentato dalla tradizionale lite letterata. Il lungo periodo di dominazione spagnola si concluse nel 1713 con il trattato di Utrecht che prevedeva il trasferimento del regno al borbonico Amadeo II, duca di Savoia. Da questi il regno ripass brevemente sotto il dominio spagnolo per poi essere consegnato allAustria nel 1720. A partire dal 1738, anno in cui fu firmato il trattato di pace a Venezia con il quale lAustria riconosceva Carlo di Borbone sovrano del regno di Napoli, la capitale torn, seppure con vari gradi di instabilit, sotto il dominio borbonico, il quale, marcato da un crescendo di tensione rivoluzionaria (si ricordi a tal proposito leffimera storia della Repubblica partenopea che, nata il 24 gennaio del 1799, dur meno di 5 mesi) era destinato a protrarsi fino allUnit dItalia nel 1861. Bench luso del dialetto rimanesse normale tra le classi inferiori incolte, nonch alla Corte dellaristocrazia borbonica, ladozione di unautoctona variet di italiano regionale come codice sia scritto che orale cominciava gi a guadagnare terreno presso le classi istruite della Napoli ottocentesca,5 sviluppo destinato a verificarsi solo in seguito presso le classi istruite di altre regioni fuori dalla Toscana (De Mauro 1976, 303304; Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 127). Tendenze verso un impiego maggiore e stabile della lingua nazionale e, in particolare, verso limpiego di una variet di italiano pi moderna, si andavano intensificando nellOttocento. Tuttavia, a giudicare dallo sviluppo dellanalfabetismo nella regione (l86% nel 1861, il 54% nel 1911, e il 23% nel 1951; v. De Mauro 1976, 95), che interpretiamo qui come indizio del numero di persone con poca oppure senza alcuna conoscenza dellitaliano, si costretti a concludere che litalianizzazione procedette a ritmo rallentato.
5

Secondo Naddeo (2001, 49), il toscano avrebbe gi cominciato a diffondersi come codice orale tra i cosiddetti ceti civili fin dal Settecento.

10

Oggi la situazione linguistica a Napoli sarebbe caratterizzata da un bilinguismo con diglossia (De Mauro 1976, 7678; Sobrero 1997, 414415): sebbene litaliano si sia diffuso in tutta la citt, sussisterebbe ancora una distinzione abbastanza netta tra i domini dellimpiego dellitaliano e del dialetto (anche se il concetto di una variet pura sia del dialetto che dellitaliano rappresenta sempre meno la realt linguistica della maggior parte dei parlanti che nella comunicazione quotidiana ricorrono al code-switching e al code-matching), per cui la maggior parte dei napoletani e qui non sembrano avere rilevanza eventuali differenze di strato sociale mostra tuttora una buona padronanza del dialetto oltre ad una competenza sempre maggiore dellitaliano, ossia naturalmente una sua variet regionale abbastanza marcata (v. Radtke 1982; 1997, 103112; Bianchi, De Blasi e Librandi 1992; 1993, cap. VII; Iandolo 1994, 251254; De Blasi 2002a, 111; 2002b, 137; 2006a, cap. 4; Montuori 2006, 179)). Per converso, Bianchi e Maturi (2006) identificano per lattuale territorio napoletano e campano un modello multiforme di opposizioni tra gli impieghi del dialetto e dellitaliano, in cui italiano e dialetti si contendono lo spazio degli usi parlati informali con modalit molto differenziate in funzione di diverse dimensioni sociolinguistiche (p. 1; v. anche Milano 2006a, 23). Di conseguenza, scartano lipotesi di una netta distinzione diglottica tra dialetto e italiano, che sicuramente caratterizzava lo spazio urbano in passato e che continua tuttora nei centri pi piccoli della regione, a favore di uno dei seguenti modelli di evoluzione (v. p. 2): i) un abbandono generalizzato delluso attivo del dialetto presso i parlanti con un grado di istruzione medio-alto a favore di un italiano pi o meno connotato in senso regionale; ii) una diffusa dilala tra i parlanti dei ceti (medio-)bassi, anche presso soggetti con istruzione medio-alta, che conservano una competenza attiva del dialetto come madrelingua accanto a una competenza acquisita dellitaliano; iii) la conservazione di una dialettofonia quasi esclusiva, seppur inevitabilmente influenzata sempre pi dallitaliano, nelle generazioni pi anziane e nei gruppi meno istruiti. Dato questo modello complesso e multiforme dei domini delluso del dialetto e dellitaliano, Bianchi e Maturi (2006) riportano, in base a unindagine quantitativa sugli usi linguistici in situazioni comunicative diverse, un basso indice di dialettalit per le situazioni formali (svolte, ad esempio, in luoghi pubblici o per telefono) e caratterizzate da una relazione di non solidariet con linterlocutore (costituito, ad esempio, dal datore di lavoro, impiegato, estraneo). Aumenta leggermente invece lindice di dialettalit, certo in alternanza con litaliano, in situazioni comunicative meno formalizzate e caratterizzate da un rapporto con linterlocutore pi rilassato (comprese, fra laltro, comunicazioni con i propri dipendenti, con i commercianti del proprio quartiere e con i colleghi di lavoro). Non sorprende constatare che la dialettalit raggiunge il suo massimo negli atti comunicativi interessanti i vicini di casa, gli amici intimi e, soprattutto, i familiari, una prova dello stretto vincolo di comunit che si instaura nel territorio anche grazie al sistema di residenza a lungo termine in uno stesso luogo ancora tipico dellarea (Bianchi e Maturi 2006, 18). Questultima categoria delle relazioni familiari non presenta per un indice di dialettalit uniforme per lintera categoria, dal momento che si osserva un indice di dialettalit inferiore per gli atti comunicativi con le generazioni pi giovani (p.es. figli, nipoti) che non con i parenti della stessa generazione (fratelli, partner), nonch un indice di dialettalit superiore per situazioni comunicative con le generazioni pi anziane (genitori, nonni). In conclusione, Bianchi e Maturi (2006, 20) sostengono 11

che emergono linee di tendenza di un processo che vede da un lato la graduale, lenta riduzione (ma non la scomparsa) della dialettofonia esclusiva, e dallaltro lestensione (ma solo in alcuni contesti) dei casi di italofonia esclusiva. Ma soprattutto emerge il prevalere, in modo trasversale e con modalit e gradi di diffusione molto differenziati, degli usi e delle produzioni mistilingui, in cui dialetto e italiano si alternano (e probabilmente si mescolano) in varia proporzione percentuale. Di fronte a tale vitalit del dialetto, seppur con concessioni sempre maggiori allitaliano, non stupir constatare che De Blasi (2006b) conclude in base ai risultati tratti da unindagine sulluso del dialetto e dellitaliano condotta su un campione di circa mille famiglie in area napoletana che a Napoli il dialetto usato abitualmente (se non sempre, almeno spesso) nella comunicazione da circa il 70% dei parlanti; mentre solo il 12% di essi non userebbe mai il dialetto, cosicch si pu concludere che in circa un terzo delle famiglie residenti a Napoli [] il napoletano trasmesso come lingua materna in una linea di diretta continuit dai genitori ai figli, mentre nelle altre famiglie il dialetto presente in misura maggiore o minore (pp. 281 282). E anche in quelle famiglie dove non si parla il dialetto, De Blasi (2006c) segnala che ci non solitamente dovuto a unostilit antidialettale,6 bens alle origini non napoletane, seppure spesso campane, di tali famiglie le quali, anche a distanza di due o tre generazioni, hanno invece una lingua madre diversa. A riprova di tale ipotesi, lo studioso (p. 225) ricorda che non sono pochi i napoletani di Napoli che in realt appartengono a famiglie di origine irpina, lucana, cilentana, sannita, in quanto la citt ha sempre rappresentato un obiettivo di immigrazione dalle province. In breve, malgrado una progressiva espansione dellambito degli usi linguistici della lingua nazionale a scapito del dialetto, anche avvertibile nella comunicazione spontanea, privata, orale, informale (Bianchi e Maturi 2006, 1), il dialetto a Napoli tuttora molto parlato: la rinnovata contiguit con litaliano [] non ha dunque prodotto quella crisi decisiva del dialetto che in passato si paventava. Tanto pi, insomma, varrebbe per larea urbana napoletana la constatazione di segnali di ripresa del dialetto in settori dove prima sarebbero stati impensabili (De Blasi 2006b, 282). Infatti, il dialetto, o meglio una variet letteraria di esso, gode oggigiorno di un prestigio eccezionale non solo in Campania ma in tutta la penisola, prestigio dovuto in parte al successo delle celebri tradizioni letterarie locali quali la canzone napoletana e le opere popolareggianti di drammaturghi e di poeti quali Eduardo Scarpetta (18531925), Salvatore Di Giacomo (18601934), Ferdinando Russo (18661927) e Eduardo De Filippo (19001984), per non parlare del successo di personaggi cinematografici e musicali in questo e lo scorso secolo quali, tra gli altri, Eduardo Bennato, Nino DAngelo, Pino Daniele, Peppino De Filippo, Mario Merola, Vincenzo Salemme, Tot, Massimo Troisi (v. De Mauro 1976, 144145; Radtke 1997, 119 122; Bianchi 2006, 211; di Bernardo 2006). Non va neppure dimenticato il ruolo propagatore, pi dellitaliano regionale che non proprio del dialetto, giocato dalla
6

Fanno eccezione numerose famiglie borghesi autoctone con un grado di istruzione medio-alto, perlopi concentrate nelle aree occidentali collinarie e costiere della citt, le quali, si visto sopra (v. Bianchi e Maturi 2006), hanno progressivamente abbandonato luso attivo del dialetto a favore dellimpiego di un italiano di uso medio connotato in senso regionale.

12

popolarissima fiction napoletana Un posto al sole (Napolitano 2006, 9394), cos come luso accattivante e simpatico del napoletano (ed altri dialetti regionali) nella versione italiana del cartone animato I Simpson (id. 95), nonch nel film della Disney La carica dei 102 (id. 97).7

0.3. La regione e i suoi dialetti


Considerata nel suo insieme, la regione campana caratterizzata da un notevole livello di unit linguistica (v. per Radtke 1997, 39sgg.), sicuramente attribuibile al ruolo centripetale svolto dalla capitale regionale nei secoli precedenti su tutto il territorio. Cionondimeno, rimane tuttora un importante desideratum della dialettologia campana unesauriente classificazione e descrizione della variazione dialettale,8 e non solo a livello diatopico ma anche a livello sociolinguistico, per poter render conto della notevole polimorfia caratterizzante i parlanti campani i quali, malgrado una provenienza comune, possono facilmente presentare tutta una gamma di realizzazioni diverse in base a fattori diagenerazionali e situazionali (Radtke 1997, 3233, 3942). A nord, lisoglossa determinante, che si estende fino nel Lazio meridionale, viene identificata tradizionalmente con il confine di PL > [kj] (cfr. PLUMBUM > piu(m)mo vs nap. chiummo), issoglossa che Radtke (1988, 653; 1997, 31) situa a nord di Gaeta e a sud di Itri tra Frosinone e Sora. A est (Molise, Abruzzo, Puglia) Radtke asserisce invece che non ci sia alcun confine linguistico preciso, bens un criterio solo impressionistico di maggiore o minore dipendenza dallegemonia di Napoli. Tuttavia, indagini svolte da Avolio (1989) mettono in rilievo unisoglossa Salerno (/Eboli)Lucera che delimita i confini meridionali e orientali dellarea dialettale campana per cui possibile grosso modo distinguere unarea dialettale a nordovest di tipo campano (campano settentrionale, napoletano) da una parte e unarea dialettale a sudest di tipo lucano (irpino, cilentano) dallaltra (v. anche Radtke 1997, 32; De Blasi 2006a, cap. 3). Tale divisione caratterizzata da un fascio di isoglosse fonetiche, morfologiche e lessicali che comprendono: lesito di -CI- > [-ttS] ad ovest vs > [-tts-] a sudest, ma anche del napoletano antico (v. 3.6.3.1; p.es. BRACHIUM > ["vrattS] / ["vratts] braccio). Una distribuzione opposta presenta invece il doppio esito di -TI- che si risolve in [-tts-] (p.es. *PATIUM > ["patts] pazzo) ad ovest e perfino ben oltre Salerno, mentre lesito [-ttS-] (["pattS]) interessa unarea orientale con unisoglossa Eboli-Lucera che corre verso nord ad ovest di Acerno, Avellino, Benevento e Croce del Sannio per poi piegare al punto pi settentrionale verso est a sfiorare il confine molisano con punti a Castelpagano e Bartolomeo in Galdo (v. anche Avolio 1995, 6970).
7

Anche a Napoli stessa non infrequente luso del dialetto a fini comici, specie nel cabaret della televisione locale, come conferma il successo di personaggi comici fortemente connotati in senso dialettale quali Tony Tammaro e Giggino don Perignon (v. Montuori 2006, 180181). A tal riguardo si vedano per Del Donno (1965), Pellegrini (1977), Radtke (1988, 652 654; 1997), e Avolio (1989; 2001, 120122). Per un panorama generale della variazione fonetica della regione, v. De Blasi (2006a, cap. 3).

13

il passaggio di -LL- a [-dd-] a sudest (p.es. ECCU+ILLU > ["kidd] quello), con ulteriore sviluppo a dentale retroflessa [- -] (p.es. Montemiletto) o a vibrante [-|-]) di fronte alla sua conservazione ad ovest (["kill]; v. Radtke 1988, 655656; Avolio 1995, 68; De Blasi 2006a, 47), anche se si riscontrano tuttora nelle attuali variet costiere residui di un antico indebolimento (Como 2007). lesito di -NG- + vocale anteriore > [- -] ad ovest vs > [- dZ-] a sudest (p.es. PLANGERE > ["kja r] / ["kja dZr] piangere; v. anche Avolio 1995, 70). lesito della desinenza della 1 / 3sg. dellimperfetto indicativo di verbi con infinito in -ere (p.es. [ri"tSev] (ovest) vs [ri"tSia] (sudest) dicevo/-a). la conservazione del condizionale arcaico derivato dal piuccheperfetto indicativo latino (p.es. [fa"tSer]) a sudest di fronte a forme alternative derivato dal piuccheperfetto congiuntivo latino (p.es. [fa"tSess]) o dalla perifrasi FACERE + HABEBAM (> [fa(tSa)r"ria]) ad ovest. le forme del pronome clitico accusativo-dativo di 1pl. *HINCE > (n)ce (ovest) vs NOS > ne (sudest, nonch ad Ischia e a Procida) e del pronome tonico di 3sg. IPSUM > isso (ovest) vs ILLUM > iddo (sudest; cfr. anche Avolio 1995, 52; Radtke 1997, 85). la conservazione di tipi lessicali arcaici ad est (p.es. gr. nake vello di pecora > naca culla, CRAS > craje domani), di fronte ai corrispondenti CUNULAM > cnnola e DE MANE > rimane largamente diffusi ad ovest (Varvaro 1997, 215216; De Blasi 2006a, 87sgg.). Qui bisogna anche accennare al vocalismo tonico di tipo siciliano che caratterizza i dialetti del Cilento meridionale (a sud di Vallo, p.es. Camerota, Laurito, Policastro, Roccagloriosa, Sapri, Torre Orsaia; v. Rohlfs 1966, 10; 1988, 8485; De Blasi 2006a, 4647), per cui si giunge ad un sistema pentavocalico con neutralizzazione delle opposizioni di apertura delle vocali medie (si confrontino i napoletani neve, catena, noce, voce con gli equivalenti cilentani meridionali nivi, catina, nuci e vuci). Anche di natura eccezionale presso i dialetti campani risulta la conservazione delle distinzioni qualitative delle vocali atone finali caratteristica dei dialetti cilentani (altrove sistematicamente indebolite a [-]; v. Rohlfs 1966, 184, 187; 1988, 8687; Devoto e Giacomelli 1994, 110; De Blasi e Imperatore 2000, 33; De Blasi 2006a, 37), cosicch al maschile singolare dei sostantivi e degli aggettivi derivati dalla 2a declinazione si ha [-o] (Cilento settentrionale) oppure [-u] (Cilento meridionale): ["sikko\"sikku] secco; magro (cfr. nap. ["sikk]). Tuttavia, Radtke (1997, 63) osserva una recente napolitanizzazione dei dialetti di questa zona per cui tutte le vocali finali vengono indebolite. Avolio (1989) propone che tali isoglosse, che attraversano la Campania moderna risultando nelle due grandi aree dialettali appena individuate, vadano proiettate allindietro per ricostruire la situazione linguistica del passato (v. anche Avolio 2001, 121). In particolare, il fascio di isoglosse moderne tradirebbe un movimento di espansione da Sud a Nord e da Est a Ovest, probabilmente databile allepoca in cui il centro politico e culturale del regno era oltre il Faro, e la Sicilia esportava il suo modello linguistico nelle provincie pi vicine allo stretto (Avolio 1989, 3). Un esame dei testi napoletani tre- e quattrocenteschi non tarda a rivelare invece la fissazione relativamente recente di tali isoglosse, dal momento che si osserva la presenza 14

di molti dei cosiddetti tratti di tipo lucano (Barbato 2002, 40). Ad esempio, linterpretazione della risoluzione grafica del nesso -CI- nei testi antichi sembra favorire laffricata dentale come esito locale originario, ancora oggi osservabile in coppie allotropiche quali *AD+ VIVACIUM > abbibzio / abbivccio affrettamente, la quale veniva man mano sostituita dallesito palatoalveolare sotto linflusso del modello toscano (Barbato 2002, 58; v. 3.6.3.1), sebbene questo processo non fosse ancora del tutto compiuto (Barbato 2002, 40). In modo analogo, nei testi napoletani tre- e quattrocenteschi prevale il clitico di 1pl. ne, mentre le coppie pronominali di terza persona isso / illo e le desinenze rivali dellimperfetto -eva / -a se alternano in maniera relativamente libera. In alcuni casi addirittura legittimo sospettare unantica variazione di tipo diastratico. A tal proposito Barbato (2001, 546547) associa al condizionale in -era e al pronome illo un connotato basso nei testi antichi, interpretando tali forme come varianti arcaiche abbandonate dalluso colto, laddove lesito del nesso nasale [- dZ-] e il pronome di 1pl. ne apparterrebbero alluso colto di fronte alle forme innovative di connotato basso [- -] e nce che non si erano ancora affermate. A prescindere dalle differenze notate sopra, anche vero che molti dei tratti ritenuti caratteristici del dialetto napoletano presentano una diffusione assai pi ampia, riscontrandosi in numerose altre variet campane (Radtke 1988, 652654), quantunque occorra per riconoscere che la centralit di Napoli un fatto relativamente recente nella storia meridionale (Barbato 2002, 46) in quanto non esiste ancora, come dominante nel mezzogiorno, un modello linguistico napoletano (Varvaro 1995, 160) agli inizi del primo millennio. Fra tali tratti ricordiamo nellambito della fonologia: gli effetti metafonetici agenti sulle vocali toniche /e E/ (> [i je]) e /o O/ (> [u wo]) provocati dalle finali antiche -u e -i (p.es. SICCUM > sicco secco; magro (cfr. SICCAM > secca), GROSSUM > gruosso (cfr. GROSSAM > grossa); v. De Blasi 2006a, 2128). il cospicuo indebolimento delle vocali atone (specie finali) a schwa (p.es. stmmaco ["stOmmk]). la perdita in inizio di parola di /i-/ davanti a consonante nasale (p.es. invitare > mmit). lindebolimento di /-d-/ > [-|-] in posizione intervocalica (p.es. pede ["pE|] piede). la realizzazione lenita di /p t k/ tranne quando in fine di sillaba (p.es. ha capito ["k3ap#it3]). la sonorizzazione delle consonanti sorde dopo nasale (p.es. dente ["dEnd]). il fenomeno del betacismo manifestantesi nellalternanza allofonica [v-] vs [bb-] (p.es. o vaso il bacio vs tre bbase tre baci). la vocalizzazione della laterale quando occorre in posizione preconsonantica (p.es. alto > auto). il rafforzamento consonantico provocato da un processo storico di assimilazione di un nesso consonantico in sandhi esterno (p.es. AD PEDEM > a pede [a p"pE|]). Anche a livello morfosintattico colpisce lalto grado di omogeneit condivisa dai dialetti campani, per cui risultano diffusissimi fenomeni quali: 15

la conservazione del cosiddetto genere neutro latino nellefficacia rafforzativa del determinante come marca innovativa di una categoria [-num.] presso una sottoclasse di sostantivi maschili (v. Iannucci 19481949; Avolio 1996; p.es. o [f]ierro ferro da stiro vs o [ff]ierro ferro (metallo)). una serie di possessivi enclitici adoperati con i nomi di parentela (p.es. fratemo mio fratello). strutture possessive partitive del tipo e sorde de mieie i miei soldi (lett. i soldi dei miei). la confluenza delle 2a, 3a e 4a coniugazioni latine in una singola coniugazione (cfr. parlaie parlai (< PARLARE) vs verette vidi (< VIDERE), vencette vinsi (< VINCERE), partette partii (< PARTIRE)). la conservazione della distinzione aspettuale passato prossimo / passato remoto (p.es. aggio abballato ho ballato vs abballaie ballai). la perdita del (presente) congiuntivo (p.es. primma che se ne va Arturo). luso generalizzato di HABERE AD / DE-AB + infinito come marca di futurit a scapito del futuro sintetico tradizionale (< infinito + HABEO; v. Loporcaro 1999): aggia parl vs parlarraggio parler. il frequente raddoppiamento clitico dei complementi verbali (Ledgeway 2000a, 37; p.es. o liggiste o libbro? (lo) leggesti il libro?). la salita obbligatoria dei pronomi clitici con i verbi modali-aspettuali (Ledgeway 1998a; p.es. o vulimmo mmit lo vogliamo invitare). la marca differenziale degli oggetti diretti denotanti referenti animati e specifici, il cosiddetto accusativo preposizionale (Sornicola 1997b; Ledgeway 2000a, 17sgg.; p.es. chiammaie a Giuanne chiamai (a) Gianni). limpiego del dimostrativo chillo quello come soggetto espletivo in strutture tipo chillo mo vene o marito (perch) viene il marito (Sornicola 1996; Ledgeway in stampa a). limpiego dellinfinito con soggetto esplicito in luogo di proposizione avverbiale con verbo finito (Ledgeway 1998b, 36; 2000a, 115; Mensching 2000; p.es. primma e partere o treno prima che parta / partisse il treno (lett. prima di partire il treno)).

0.4. Dati e fonti


I dati napoletani presentati nei seguenti capitoli sono di due tipi, ossia scritti e orali. Come gi constatato al 0.1, i dati scritti sono tratti da un corpus composto da pi di 165 testi di varia lunghezza e prodotti nellarco di pi di sette secoli. Tale corpus raccoglie una ricca esemplificazione delluso scritto del dialetto in un gran numero di stili diversi che ci permettono di osservare e di studiare il dialetto, non solo sullasse diacronico, ma anche sullasse diafasico in base alle sue testimonianze in unampia selezione di tipologie testuali in prosa e in versi, compresi atti notarili, commedie, epistolario, farse, fiabe, poesie, prosa cancelleresca, cronistica, diaristica e narrativa, ricettari, statuti, trattati, e volgarizzamenti. I dati orali provengono invece o dalle indagini di studi pubblicati nel corso del secolo scorso o del secolo attuale (nel cui caso compaiono assieme a una citazione della relativa fonte), o dalle varie indagini personali del presente autore (nel cui caso compaiono nel testo senza alcuna 16

citazione) svolte nel corso degli ultimi quindici anni con vari informatori dialettofoni di area napoletana. Sebbene non sia affatto possibile pretendere che gli informatori dialettofoni interrogati costituiscano un campione sotto tutti gli aspetti rappresentativo dellintera gamma di gruppi e sottogruppi sociali appartenenti alla comunit linguistica interessata, in quanto la selezione di informatori stata, purtroppo ma necessariamente, prevalentemente dettata da fattori logistici, piuttosto che da fattori di tipo sociolinguistico, ci si sforzati, nella misura del possibile, di rivolgersi ad un gruppo di informatori massimamente differenziati in senso diastratico, diagenerazionale, diasessuale e diatopico. Nella fattispecie, nel corso delle indagini svolte durante gli ultimi quindici anni si variamente ricorsi a 24 informatori di cui 10 donne e 14 uomini con et che vanno dai 15 anni agli 84 anni e caratterizzati da vari gradi di istruzione (dalla scuola elementare fino alluniversit), e perci con gradi diversi di competenza linguistica in italiano, e da diverse attivit professionali (p.es. carrettiere, commesso/a, casalinga, impiegata di ufficio, docente, studente), e residenti in varie aree dello spazio urbano (p.es. centro storico, Vomero, Campi flegrei, costa vesuviana). Infine si noti che negli esempi napoletani riportati vengono offerte traduzioni, perlopi di parole individuali piuttosto che di sequenze o di frasi intere, solo quando gli esempi in questione presentano difficolt di comprensione non immediatamente deducibili da una buona padronanza dellitaliano. Pertanto, una frase come doppo poco tiempo se ne morette pure essa (Scarpetta 6 II.6) comparir senza traduzione, in quanto i lessemi individuali, sebbene caratterizzate in alcuni casi da forme morfofonologiche (e perci anche ortografiche) leggermente diverse rispetto allitaliano (p.es. doppo, tiempo, morette), sono tutti immediatamente riconoscibili in base allitaliano (cf. Ledgeway 2008a, 102104), persino nel caso di morette dove il suffisso del passato remoto -ette, pur non impiegato in italiano con i verbi con infinito in -ire come morire, tuttavia relativamente frequente in italiano con i verbi regolari con infinito in -ere (p.es. vendette, sedette). In modo analogo, sebbene il pronome di 3sg. essa risulti particolarmente raro nellitaliano moderno, specie con referenza animata, caratterizza tuttora i registri scritti formali della lingua e in modo particolare le fasi precedenti della lingua, per cui non dovrebbe presentare difficolt alcuna per chi conosce litaliano. Per contro, in un esempio come respose ca se ce scornava [vergognava] (DAntonio 437.16), necessario fornire una glossa tra parentesi quadre della voce scornava, dal momento che il verbo non trova riscontro etimologico in italiano, e perci di significato opaco a chi non ha familiarit con i dialetti meridionali. Considerazioni analoghe valgono per i seguenti esempi che presentano una o pi voci che non trovano un riscontro etimologico diretto in italiano: pone in lo caccavo [pentola < lat. CACCABUS < gr. kkkabos] lentecchia (Brancati1 25.17), Isso remmase quase nzallanuto [rimbambito < gr. selenizo essere lunatico] (Cortese2 5.14), n te pozzo chi padiare [digerire < lat. PADI(G)ARE], ca me ntorza [mi si gonfia < lat. THYRSUS > gr. thyrsos bastone bachicco cinto di edera] la guallara [ernia < ar. adara] (Basile 542), Me s scetato [svegliato < EXCITARE] tante buonumore (De Filippo2 119). In altri casi abbiamo a che fare con i geo-omonimi, ossia voci che, pur riscontrate in italiano, hanno unaccezione diversa in dialetto per cui vanno accompagnate di glosse (cf. Ledgeway 2008a, 101102). Tale il caso nella frase io so venuto pe te 17

cerc [chiedere] no gruosso piacere (Scarpetta10 II.4), dove cerc, bench sia immediatamente riconducibile alla forma italiana cercare, assume spesso, come qui, anche il significato di chiedere. Altri esempi di questo tipo comprendono Lo prencepe [] fatto portare la testa [il vaso] a la propia cammara soia , la fece mettere a na loggia [terrazzo] (Basile 54), a stagione [lestate] nun se rispira po calore (De Filippo1 344), me sento li rine [la schiena] rutte! (Scarpetta1 138), Vide si on Vicienzo sta [] ancora apierto (Di Giacomo1 150), a sera sta [] tanto stanca ca nun se fida [se la sente] nemmeno e parla (De Filippo1 370). Pi raramente necessario fornire una traduzione di unintera frase, soprattutto dove la morfologia o la sintassi dellesempio napoletano diverge notevolmente da quelle dellitaliano. A tal proposito, si consideri, ad esempio, la discussione del costrutto causativo con le forme imperativali positive di seconda persona singolare al 24.2.1.4.2.1.2, dove si osserva che, a differenza dellitaliano, leventuale salita degli oggetti clitici in dialetto pu servire a distinguere linterpretazione di tipo passivo detta faire-par (p.es. faccio s che sia servito) dallinterpretazione di tipo attivo detta faire-infinitif (p.es. lo costringo a servire). Di conseguenza, nella discussione stato necessario fornire delle traduzioni intere per coppie minime quali facitelo serv fate s che lui sia servito e facite o serv costringetelo a servire. 0.4.1. Elenco delle fonti testuali Qui di seguito vengono elencate in ordine alfabetico le fonti testuali cui pi frequentemente si ricorre nel testo, accompagnate (a meno che non sia gi evidente dal titolo) da: i) una breve indicazione della natura del testo; ii) la data di composizione (ossia necessariamente molto approssimativa in certi casi) oppure la data di nascita ed, eventualmente la data di morte, dellautore dove non stato possibile ottenere informazioni pi precise sulla data di composizione; e iii) le modalit di citazione impiegate nel testo.9
Aloisio = Sinodo del vescovo Giovanni Aloisio, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 1993, 242246. Tipo testuale: prosa (costituzioni sinodali). Data: 15121519. Citazione: cifra arabica = riga. Anonimo = Anonimo, Rime, in: Rosario Coluccia, Tradizioni auliche e popolari nella poesia del Regno di Napoli in et angioina, Medioevo romanzo 2 (1975), 44153 (p. 104). Data: 1400 ca. Citazione: cifra arabica = riga. BagniN = Prcopo, Erasmo (ed.), I bagni di Pozzuoli. Poemetto napolitano del secolo XIV, Napoli, Federico Furchheim, 1887. Tipo testuale: volgarizzamento in versi. Data: 1340 1350. Citazione: cifra arabica = riga. BagniR = Pelaez, Mario, Un nuovo testo dei Bagni di Pozzuoli in volgare napoletano, Studj romanzi 19 (1928), 47134. Tipo testuale: volgarizzamento in versi. Data: 12901310. Cifra arabica = riga. Basile = Rak, Michele (ed.), Giambattista Basile, Lo cunto de li cunti, Milano, Garzanti, 1986. Tipo testuale: prosa (Lo cunto) e versi (Le muse). Data di pubblicazione: 16341636 (1566/75?1632). Citazione: cifra arabica = pagina.

Per un panorama generale della produzione dialettale dalle origini al giorno doggi, v. DAscoli (1996).

18

Bozzuto = Coluccia, Rosario, I sonetti inediti di Cola Maria Bozzuto: Gentiluomo napoletano del secolo XV, Zeitschrift fr romanische Philologie 108 (1992), 293318. Data: 1430 1440. Citazione: numero romano + cifra arabica = sonetto + riga. Braca = Mango, Achille (ed.), Vincenzo Braca, Farse cavaiole. La ricevuta dellimperadore alla cava, Roma, Bulzoni, 1973. Tipo testuale: commedia in versi. Data: 15961600. Citazione: cifra arabica = riga. Brancati1 = Gentile, Salvatore (ed.), Giovanni Brancati, Vita e favole di Esopo. Volgarizzamento del secolo XV (Glossario di Rosa Franzese), Napoli, Liguori, 1988. Tipo testuale: volgarizzamento in prosa. Data: 14801481. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. Brancati2 = Barbato, Marcello (ed.), Il libro viii del Plinio napoletano di Giovanni Brancati, Napoli, Liguori, 2001. Tipo testuale: traduzione in prosa. Data: 1479 ca. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. Caianiello1 = Caianiello, Raffaele, Leredit, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo di testo: commedia (in due atti). Data: secondo Novecento. Citazione: numero romano = atto. Caianiello2 = Caianiello, Raffaele, E figlie unice, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: secondo Novecento. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. = Caianiello, Raffaele, A ricchezza d povert, Caianiello3 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: secondo Novecento. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. = Caianiello, Raffaele, E grazie do paravise, Caianiello4 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (un prologo e due atti). Data: secondo Novecento. Citazione: P = prologo / numero romanzo = atto. Cavalcanti = Cavalcanti, Ippolito, Cucina casareccia in dialetto napoletano, Napoli, Tommaso Marotta Editore, 1837. Tipo testuale: ricettario. Data: 1837. Citazione: cifra arabica = pagina. CDP = La cronaca di Partenope, in: Antonio Altamura (ed.), Testi napoletani dei secoli XIII e XIV, Napoli, Perrella, 1949, 147158. Tipo testuale: prosa cronistica e narrativa. Data: 13501385 (con unaggiunta tardiva del Quattrocento). Citazione: cifra romana = paragrafo. CDT = Cronaca dei tumulti del 1585, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 1993, 246253. Tipo testuale: prosa cronistica e narrativa. Data: 1585. Citazione: cifra arabica = riga. Chiurazzi = Chiurazzi, Raffaele, O purgatorio, Napoli, BIDERI, 1989. Tipo testuale: poesia. Data: 1951 (18751957). Citazione: cifra arabica = pagina. Cortese1 = Cortese, Giulio, Micco Passaro, in: Opere di Giulio Cesare Cortese (1o tomo), Napoli, Centro Editoriale del Mezzogiorno, 1976, 197 (Ristampa anastatica delloriginale del 1783). Tipo testuale: poesia. Data: 1621. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = canto + verso. Cortese2 = Cortese, Giulio, Lo cerriglio ncantato, in: Opere di Giulio Cesare Cortese (1o tomo), Napoli, Centro Editoriale del Mezzogiorno, 1976, 99170 (Ristampa anastatica delloriginale del 1783). Tipo testuale: poesia. Data: primo Seicento (15751627 ca.). Citazione: cifra arabica + cifra arabica = canto + verso. Cortese3 = Cortese, Giulio, Viaggio di Parnaso, in: Opere di Giulio Cesare Cortese (1o tomo), Napoli, Centro Editoriale del Mezzogiorno, 1976, 171252 (Ristampa anastatica delloriginale del 1783). Tipo testuale: poesia. Data: 1621. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = canto + verso oppure cifra arabica = pagina dellintroduzione. Cortese4 = Cortese, Giulio, La vajasseide, in: Opere di Giulio Cesare Cortese (2o tomo), Napoli, Centro Editoriale del Mezzogiorno, 1976, 1239 (Ristampa anastatica delloriginale del

19

1783). Tipo testuale: poesia (e prosa = annotazioni). Data: 1615. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = canto + verso oppure cifra arabica = pagina delle annotazioni. Crisci = Dialetto e lingua in un dialogo di Giovan Battista Crisci, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli: Tullio Pironti, 1993, 261264. Tipo testuale: prosa. Data: 1625. Citazione: cifra arabica = riga. DAniello = DAniello, Roberto, Meza guapparia, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un unico atto e unica scena). Data: secondo Novecento. DAntonio = DAntonio, Giovanni, La vita e morte de lo sciatamone mpetrato, in: Antonio Borrelli (ed.), Giovanni DAntonio. Le opere napoletane, Roma, Benincasa, 1989, 377 447. Tipo testuale: prosa. Data: primo Settecento. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + paragrafo.10 De Falco = De Falco, Renato, O vangelo. Versione napoletana del vangelo secondo Marco, Napoli, M. DAuria, 1987. Tipo testuale: prosa. Data: 1987. Citazione: cifra arabica = riga. De Filippo1 = De Filippo, Eduardo, I capolavori di Eduardo, Torino: Einaudi, 1973. Tipo testuale: commedie in prosa. Data: 19001984. Citazione: cifra arabica = pagina.11 De Filippo2 = De Filippo, Eduardo, Le poesie di Eduardo, Torino: Einaudi, 1975. Data: 1900 1984. Citazione: cifra arabica = pagina. De Filippo3 = De Filippo, Eduardo. Le bugie con le gambe lunghe, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1947 (19001984). Citazione: numero romano = atto. De Filippo4 = De Filippo, Eduardo. Il dono di natale, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data: 1932 (19001984). = De Filippo, Eduardo. Quei figuri di trentanni fa, De Filippo5 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1929 (19001984). Citazione: numero romano = atto. De Jennaro1 = Corti, Maria (ed.), Pietro Jacopo De Jennaro, Rime e lettere, Bologna, Carducci, 1956. Tipo testuale: poesia ed epistolario. Data: 14361508. Citazione: numero romano / numero arabo + numero arabo = sonetto (canzoniere / rime) + riga (/numero romano + numero arabo (lettere) = lettera + riga). De Jennaro2 = Parenti, Giovanni, Un gliommero di P. J. De Jennaro Eo non agio figli n fittigli, Studi di filologia italiana 36 (1978), 321365 (pp. 348365). Tipo testuale: poesia. Data: 14361508. Citazione: cifra arabica = riga. De Jennaro3 = De Jennaro, Pietro Jacopo, Fra scogli in alto mar mostrar Carena (manoscritto viennese 3220*), in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 1993, 223226. Tipo testuale: sonetto. Data: 14701489. Citazione: cifra arabica = riga. De Rosa = Formentin, Vittorio (ed.), Loise De Rosa, Ricordi, Roma, Salerno, 1998. Tipo testuale: diario di un famiglio/maggiordomo. Data: 14521475. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga.

10

11

In maniera pi sporadica si fa riferimento nel testo anche ad altre due opere di DAntonio raccolti nello stesso volume, ossia Scola cavaiola (pp. 321343; citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga) e Scola curialesca ncantata (pp. 345373; citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga). Salvo indicazione contraria, ogni riferimento a DAntonio rinvia allopera intitolata La vita e morte de lo sciatamone mpetrato. Le commedie contenute in questedizione sono: Ditegli sempre di s (1927; pp. 343), Sik-Sik, lartefice magico (1929; pp. 4562), Natale in casa Cupiello (1931; pp. 63120), Non ti pago (1940; pp. 121165), Napoli milionaria! (1945; 167252), Questi fantasmi! (1946; 253304), Filumena Marturano (1946; 305360), Le voci di dentro (1948; pp. 361 410).

20

De Santis1 = De Santis, Oreste, La famiglia Bruscolin, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1996 (1961). Citazione: numero romano = atto. De Santis2 = De Santis, Oreste, Io, Alfredo e Valentina, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1998 (1961). Citazione: numero romanzo = atto. DellAquila = DellAquila, Paolo, Rime, in: Rosario Coluccia, Tradizioni auliche e popolari nella poesia del Regno di Napoli in et angioina, Medioevo romanzo 2 (1975), 44153 (pp. 98104). Data: 1390 ca. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = verso + riga. Della Porta = Conversazione di Giovan Battista Della Porta, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 1993, 258261. Tipo testuale: prosa. Data: 1611. Citazione: cifra arabica = riga. Detto = Romano, Maria, Il detto campano dei tre morti e dei tre vivi, Studi medievali 3 (1985), 405434. Tipo testuale: versi. Data: 1350 ca. Citazione: cifra arabica = riga. Di Capua = Di Capua, Bartolomeo (Conte dAltavilla), Rime, in: Rosario Coluccia, Tradizioni auliche e popolari nella poesia del Regno di Napoli in et angioina, Medioevo romanzo 2 (1975), 44153 (pp. 8997). Data: 13501355. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = verso + riga. Di Giacomo1 = Di Giacomo, Salvatore, Di Giacomo. Tutto il teatro, Roma, Grandi Tascabili Newton, 1991a. Data: 18601934. Citazione: cifra arabica = pagina.12 Di Giacomo2 = Di Giacomo, Salvatore, Di Giacomo. Tutte le poesie, Roma, Grandi Tascabili Newton, 1991b. Data: 18601934. Citazione: cifra arabica = pagina. Di Giacomo3 = Di Giacomo, Salvatore, O mese mariano, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data di pubblicazione originaria: 1900. Citazione: numero romanzo = scena. Di Lamberto = Di Lamberto, Landulfo, Napoli, bench l mio lamento indarno, in: Rosario Coluccia, Un rimatore della Napoli angioina: Landulfo di Lamberto, Studi di filologia italiana 29 (1971), 191218 (pp. 210218). Tipo testuale: poesia. Data: 13891393. Citazione: cifra arabica = riga. Di Maio1 = Di Maio, Gaetano/Di Maio, Olimpia, Gennaro Belvedere, testimone cieco, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: (1927 1991). Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Di Maio2 = Di Maio, Gaetano, Il morto sta bene in salute, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 19271991. Citazione: numero romanzo + cifra arabica = atto + scena. Di Maio3 = Di Maio, Gaetano/Di Maio, Olimpia, Arezzo ventinove in tre minuti (Tassista veloce), http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 19271991. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. = Di Maio, Gaetano, asciuto pazzo o parrucchiano, Di Maio4 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1989 (19271991). Citazione: numero romano = atto. Di Maio5 = Di Maio, Gaetano, Madama quatte solde, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 19271991. Citazione: numero romanzo = atto. Di Maio6 = Di Maio, Gaetano, Mettimmece daccordo e ce vattimme, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1927 1991. Citazione: numero romano = atto.

12

Le commedie contenute in questedizione sono: O voto (1894; pp. 2570), A San Francisco (1895; pp. 7186), O mese mariano (1900; 87105), Assunta Spina (1909; 10746), Quand lamour meurt (1911; 147163), Labb Pru (1914; 165177).

21

Di Maio7 = Di Maio, Gaetano, Mpriesteme a mugliereta, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 19271991. Citazione: numero romanzo = atto. Di Maio8 = Di Maio, Gaetano/Di Maio, Olimpia, Ce penza mamm, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1982 (19271991). Citazione: numero romanzo = atto. Epistola = Boccaccio, Giovanni, Lepistola napoletana, in: Francesco Sabatini, Prospettive sul parlato nella storia linguistica italiana (con una lettura dellEpistola napoletana del Boccaccio), in: Vittorio Coletti/Rosario Coluccia/Paolo DAchille/Nicola De Blasi/Livio Petrucci (edd.), Francesco Sabatini. Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, Lecce, Argo, 1996, 425466 (Versione originale in: Federico Albano Leoni/Daniele Gambarara/Franco Lo Piparo/Raffaele Simone (edd.), Italia linguistica: Idee, storia, strutture, Bologna, il Mulino, 1983, 167201). Tipo testuale: lettera in prosa. Data: 1339 ca. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. Ferraiolo = Coluccia, Rosario (ed.), Ferraiolo, Cronaca, Firenze, Accademia della Crusca, 1987. Tipo testuale: prosa cronistica e diaristica. Data: 1498 ca. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. Galeota = Formentin, Vittorio (ed.), Francesco Galeota, Le lettere del Colibeto, Napoli, Liguori, 1987. Tipo testuale: epistolario (e poesie). Data: secondo Quattrocento. Citazione: numero romano + cifra arabica = lettera (poesia) + riga. Grasso = Grasso, Corrado, Penniello, rasulo forbice, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data: 1995 (1943, Caiazzo (CE)). Grasso & Marcuccio = Grasso, Corrado/Marcuccio, Giovanni, Il testamento, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1992 (1943, Caiazzo (CE); 1934, Caiazzo (CE)). Citazione: numero romano = atto. LAFGP = Chiosi, Lucia, Il Libro de li antichi facti de li gentili o de li pagani: Un testo det angioina, Bollettino campano 2 (2002), 87167. Tipo testuale: trattato didascalico in prosa. Data: primi decenni Quattrocento. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. LDC = Libro di Cato, in: Antonio Altamura (ed.), Testi napoletani dei secoli XIII e XIV, Napoli, Perrella, 1949, 105137. Tipo testuale: poemetto. Data: Trecento. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = verso + riga. LDT = De Blasi, Nicola (ed.), Libro de la destructione de Troya. Volgarizzamento napoletano trecentesco da Guido delle Colonne, Roma, Bonacci, 1986. Tipo testuale: prosa cronistica e narrativa. Data: 13301340 (manoscritto parigino) / primo Quattrocento (manoscritto oxoniense). Citazione: cifra arabica + cifra arabica (O / P) = pagina + riga (manoscritto oxoniense / parigino). Lettera1 = Lettera del tesoriere Tommasino da Nizza a Lapa Acciaiuoli in Buondelmonti, in: Francesco Sabatini, Volgare civile e volgare cancelleresco nella Napoli angioina, in: Paolo Trovato (ed.), Lingue e culture dellItalia meridionale (12001600), Roma, Bonacci, 1993, 109132 (p. 123; ristampato in: Vittorio Coletti/Rosario Coluccia/Paolo DAchille/Nicola De Blasi/Livio Petrucci (edd.), Francesco Sabatini. Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, Lecce, Argo, 1996, 467506). Data: 15 giugno 1353. Citazione: cifra arabica = riga. Lettera2 = Lettera del re Luigi dAngi-Taranto e di Giovanni I a Roberto dAngi, imperatore titolare di Costantinopoli e principe di Acaia, trascritta in una lettera degli stessi sovrani a Nicola Acciaiuoli, in: Francesco Sabatini, Volgare civile e volgare cancelleresco nella Napoli angioina, in: Paolo Trovato (ed.), Lingue e culture dellItalia meridionale (1200 1600), Roma, Bonacci, 1993, 109132 (pp. 124126; ristampato in: Vittorio Coletti/Rosario Coluccia/Paolo DAchille/Nicola De Blasi/Livio Petrucci (edd.), Francesco Sabatini. Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, Lecce, Argo, 1996, 467506). Data: 9 marzo 1356. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga.

22

Lettera3 = Lettera del re Luigi dAngi-Taranto al fratello Roberto dAngi, imperatore titolare di Costantinopoli e principe di Acaia, trascritta in una lettera dello stesso sovrano a Nicola Acciaiuoli, in: Francesco Sabatini, Volgare civile e volgare cancelleresco nella Napoli angioina, in: Paolo Trovato (ed.), Lingue e culture dellItalia meridionale (1200 1600), Roma, Bonacci, 1993, 109132 (p. 127; ristampato in: Vittorio Coletti/Rosario Coluccia/Paolo DAchille/Nicola De Blasi/Livio Petrucci (edd.), Francesco Sabatini. Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, Lecce, Argo, 1996, 467506). Data: 16 marzo 1356. Citazione: cifra arabica = riga. Lettera4 = Lettera del re Luigi dAngi-Taranto e di Giovanni I a Roberto dAngi, imperatore titolare di Costantinopoli e principe di Acaia, trascritta in una lettera inviata dagli stessi sovrani a Nicola Acciaiuoli, in: Francesco Sabatini, Volgare civile e volgare cancelleresco nella Napoli angioina, in: Paolo Trovato (ed.), Lingue e culture dellItalia meridionale (12001600), Roma, Bonacci, 1993, 109132 (p. 128; ristampato in: Vittorio Coletti/Rosario Coluccia/Paolo DAchille/Nicola De Blasi/Livio Petrucci (edd.), Francesco Sabatini. Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, Lecce, Argo, 1996, 467506). Data: 1 aprile 1356. Citazione: cifra arabica = riga. Lettera5 = Lettera del re Luigi dAngi-Taranto al fratello Roberto, imperatore titolare di Costantinopoli e principe di Acaia, trascritta in una lettera inviaa dallo stesso re a Nicola Acciaiuoli, in: Francesco Sabatini, Volgare civile e volgare cancelleresco nella Napoli angioina, in: Paolo Trovato (ed.), Lingue e culture dellItalia meridionale (12001600), Roma, Bonacci, 1993, 109132 (p. 129; ristampato in: Vittorio Coletti/Rosario Coluccia/Paolo DAchille/Nicola De Blasi/Livio Petrucci (edd.), Francesco Sabatini. Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, Lecce, Argo, 1996, 467506). Data: 14 aprile 1356. Citazione: cifra arabica = riga. Lettera6 = Lettera della regina Giovanna I a Nicola Acciauiuoli, in: Francesco Sabatini, Volgare civile e volgare cancelleresco nella Napoli angioina, in: Paolo Trovato (ed.), Lingue e culture dellItalia meridionale (12001600), Roma, Bonacci, 1993, 109132 (p. 130; ristampato in: Vittorio Coletti/Rosario Coluccia/Paolo DAchille/Nicola De Blasi/Livio Petrucci (edd.), Francesco Sabatini. Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, Lecce, Argo, 1996, 467506). Data: 5 giugno 1356. Citazione: cifra arabica = riga. Lupo = Compagna, Anna Maria (ed.), Lupo de Spechio, Summa dei re di Napoli e Sicilia e dei re dAragona, Napoli, Liguori, 1990. Tipo testuale: prosa cronistica e narrativa. Data: 1468. Citazione: numero romano + cifra arabica + cifra arabica = parte + capitolo + riga. LVP = Lettera del vescovo di Pozzuoli, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 1993, 221222. Data: 1393. Citazione: cifra arabica = riga. Maramauro1 = Maramauro, Guglielmo, Quattro sonetti, in: Rosario Coluccia, Tradizioni auliche e popolari nella poesia del Regno di Napoli in et angioina, Medioevo romanzo 2 (1975), 44153 (pp. 8689). Data: 13601370. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = verso + riga. Maramauro2 = Coluccia, Rosario, Due nuove canzoni di Guglielmo Maramauro: Rimatore napoletano del secolo XIV, Giornale storico della letteratura italiana 160 (1983), 161202 (pp. 192198). Data: 13741378. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = verso + riga. Maramauro3 = Maramauro, Guglielmo, O spirito gentile, o vero dante, in: Pier Giacomo Pisoni, Expositione sopra lInferno di Dante Alighieri, Padova, Antenore, 1998, (p. 514). Tipo testuale: poesia. Data: 1374. Citazione: cifra arabica = riga. Masello & Di Maio = Masello, Nino/Di Maio, Gaetano, Nu bambeniello e tre San Giuseppe, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: fine Novecento. Citazione: numero romano = atto. Masuccio = Petrocchi, Giorgio (ed.), Masuccio Salernitano, Il Novellino, con appendice di prosatori napoletani del 400, Firenze, Sansoni, 1957. Tipo testuale: prosa. Data di pubbli-

23

cazione 1476 (1410?1475). Citazione: cifra romanza + cifra arabica = novella + paragrafo o cifra arabica + cifra arabica = pagina + paragrafo (dellintroduzione di una delle cinque parti). Mattone & Vaime = Mattone, Claudio/Vaime, Enrico, Cera una volta scugnizzi, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data: fine Novecento. Oliva = Oliva, Francesco, Aminta, in: Carla Chiara Perrone (ed.), Francesco Oliva. Opere napoletane, Roma, Bulzoni, 1977, 197. Tipo testuale: commedia in versi. Data: 1720 1725. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. Palumbo = Palumbo, Mauro, Il gobbo di Notrenaple, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia musicale (in un atto unico). Data: inizio 2000. Citazione: numero romano = scena. P.De Filippo1 = De Filippo, Peppino, Il romoscello dulivo, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: farsa (in un atto unico). Data: 1933 (19031980). Citazione: numero romano = scena. = De Filippo, Peppino, Trampoli e cilindri!, P.De Filippo2 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data di pubblicazione: 1927 (19031980). = De Filippo, Peppino, Cupido scherza e spazza, P.De Filippo3 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: farsa (in un atto unico). Data di pubblicazione: 1931 (19031980). P.De Filippo4 = De Filippo, Peppino. A Coperchia caduta una stella, traduzione in dialetto napoletano e adattamento di Vincenzo Vigilia, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: farsa (in due atti). Data di pubblicazione: 1933 (19031980). Citazione: numero romano = atto. Petito1 = Petito, Antonio. Tre surice dinta no mastillo, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data: 18221876. Citazione: numero romano = scena. Petito2 = Petito, Antonio. Pascariello surdato cungedato, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data di pubblicazione: 18221876. Citazione: numero romano = scena. Placito1 = Placito capuano, in: Carlo Dionisotti/Cecil Grayson (edd.), Early Italian Texts, Oxford, Blackwell, 21972, 49 (p. 9). Tipo testuale: giuramento orale allinterno di un atto notarile. Data: marzo 960. Placito2 = Formula testimoniale di Sessa Aurunca in: Carlo Dionisotti/Cecil Grayson (edd.), Early Italian Texts, Oxford, Blackwell, 21972, 1011 (p. 11). Tipo testuale: giuramento orale allinterno di un atto notarile. Data: marzo 963. Placito3 = Formula testimoniale di Teano (6 July, 963), in: Carlo Dionisotti/Cecil Grayson (edd.), Early Italian Texts, Oxford, Blackwell, 21972, p. 12. Tipo testuale: giuramento orale allinterno di un atto notarile. Data: luglio 963. Placito4 = Formula testimoniale di Teano (October 963), in: Carlo Dionisotti/Cecil Grayson (edd.), Early Italian Texts, Oxford, Blackwell, 21972, p. 13. Tipo testuale: giuramento orale allinterno di un atto notarile. Data: ottobre 963. RDF = McArthur, Douglas (ed.), Il Romanzo di Francia. Une version du Libro di Fioravante, dit daprs le manuscrit unique conserv la Bibliothque nationale, Universit di Parigi, tesi di dottorato inedita, s.d. Tipo testuale: prosa cronistica e narrativa. Data: primo Quattrocento. Citazione: cifra arabica = pagina. Regimen1 = Mussafia, Adolfo, Ein altneapolitanisches Regimen Sanitatis, Sitzungsberichte der philosophisch-historischen Classe der kaiserlichen Akademie der Wissenschaften 106 (1884), 507626. Tipo testuale: volgarizzamento in versi. Data: 12901310. Citazione: cifra arabica = riga.

24

Regimen2 = Petrucci, Livio, Un nuovo manoscritto del compendio napoletano del Regimen sanitatis, Medioevo romanzo 2 (1975), 417441. Tipo testuale: volgarizzamento in versi. Data: Trecento. Citazione: cifra arabica = riga. Riccora1 = Ricorra, Paola, Nu mese o frisco, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: fine Novecento. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Riccora2 = Ricorra, Paola, Pronto? 6 e 22?, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1993. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Rocco = Perrone, Carla Chiara (ed.), Michele Rocco, Virgilio napoletano. La buccoleca de Vergilio. La greogeca de Vergilio, Roma, Benincasa, 1994. Tipo testuale: volgarizzamento in versi. Data: 1789. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga / verso. Ruccello = Ruccello, Annibale, Ferdinando, in: Luciana Libero (ed.), Dopo Eduardo. Nuova drammaturgia a Napoli, Napoli, Guida Editori, 1988, 87138. Tipo testuale: commedia in prosa. Data: 1985. Citazione: cifra arabica: pagina. Ruocco = Ruocco, Pasquale, Allinferno, Napoli, Edizioni BIDERI, 1989. Tipo testuale: poesia. Data: 189519. Citazione: cifra arabica = pagina. Russo = Russo, Ferdinando, N paraviso, Napoli, Edizioni BIDERI, 1989. Tipo testuale: poesia. Data: 1891 (18661927). Citazione: cifra arabica = pagina. Salemme = Salemme, Vincenzo, Premiata pasticceria Bellavista, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1998. Citazione: numero romano = atto. Sannazaro1 = Lo gliommero di Sannazaro, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 1993, 234239. Tipo testuale: poesia. Data: 1490 ca. (1456?1530) Citazione: cifra arabica = riga. Sannazaro2 = Sannazaro, Iacopo, Arcadia, in: Alfredo Mauro (ed.), Iacobo Sannazaro. Opere volgari, Bari: Laterza, 1961, 1132. Tipo testuale: prosa e versi. Data: 1502 (1456?1530). Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. Sarnelli = Malato, Enrico (ed.), Pompeo Sarnelli, Posilecheata, Firenze, Sansoni, 1962. Tipo testuale: prosa. Data: 1684. Citazione: cifra arabica = pagina. Santoro = Santoro, Roberto, Che ne parlammo a ffa?, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: inizio 2000. Citazione: numero romano = atto. Scarnicci & Tarabusi = Scarnicci, Giulio/Tarabusi, Renzo, Caviale e lenticchie, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1957. Citazione: numero romano = atto. Scarpetta1 = Marrone, Romualdo (ed.), Scarpetta. Tutto il teatro, Roma, Grandi Tascabili Newton, 1992. Data: 18531925. Citazione: cifra arabica = pagina.13 Scarpetta2 = Torre, Luca (ed.), Qui rido io. Commedie di Eduardo Scarpetta, Napoli, Torre, 1994. Data: 18531925. Citazione: cifra arabica = pagina.14

13

14

Le commedie contenute in questedizione sono: La casa vecchia (1895; pp. 759), La Bohme [sic] (1896; pp. 6198), Lalbergo del silenzio (1896; pp. 99148), Nina Bom (1898; pp. 149192), La pupa movibile (1899; pp. 193246), A cammarera nova (1899; pp. 247289), Duje chiapparielle (1899; pp. 291343), Na figliola romantica (1899; pp. 345382), A nanassa (1900; pp. 383438), Cane e gatte (1901; pp. 439494), Il debutto di Gemma (19901; pp. 495515), Madama Sangella (1902; pp. 517559). Le commedie contenute in questedizione sono: O scarfalietto (1881; pp. 158), Tre pecore viziose (1881; pp. 59101), No turco napolitano (1888; pp. 103156), Na santarella (1889; pp. 157210).

25

Scarpetta3 = Scarpetta, Eduardo, Duje marite mbrugliune, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1880. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta4 = Scarpetta, Eduardo, Amore e polenta: na paglia e Firenze, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in quattro atti). Data: 1883. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta5 = Scarpetta, Eduardo, Felice maestro di calligrafia ovvero Lu curaggio de nu pompiere napulitano, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1877. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta6 = Scarpetta, Eduardo, Gelusia ovvero Amore sposalizio e gelusia, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1875. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta7 = Scarpetta, Eduardo, Lamico e pap, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1881. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta8 = Scarpetta, Eduardo, La nutriccia, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1882. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta9 = Scarpetta, Eduardo, Lu caf chantant, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1893. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta10 = Scarpetta, Eduardo, Lu marito de Nannina, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1885. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta11 = Scarpetta, Eduardo, Lu pagnottino, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in due atti). Data: 1880. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta, Eduardo, Mettiteve a f lammore cu me!, Scarpetta12 = http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1880. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta13 = Scarpetta, Eduardo, Miseria e nobilit, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1888. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta14 = Scarpetta, Eduardo, Na bona quagliona, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in quattro atti). Data: 1895. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. = Scarpetta, Eduardo, Na commedia e tre atte, Scarpetta15 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1876. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta16 = Scarpetta, Eduardo, Na mugliera zetella, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in quattro atti). Data: 1907. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta17 = Scarpetta, Eduardo, Li nipute de lu sinneco, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1885. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta18 = Scarpetta, Eduardo, Il non plus ultra della disperazione ovvero La bottiglieria del rigoletto, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: scherzo comico (in un atto unico). Data: 1880. Citazione: numero romano = scena. Scarpetta19 = Scarpetta, Eduardo, No pasticcio, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in quattro atti). Data: 1881. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena.

26

Scarpetta20 = Scarpetta, Eduardo, Nu brutto difetto, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1884. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta21 = Scarpetta, Eduardo (in collaborazione con Eduardo Minichini), Nu frongillo cecato, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in quattro atti). Data: 1883. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta, Eduardo, Nu ministro mmiezo a li guaje, Scarpetta22 = http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1894. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. = Scarpetta, Eduardo, Nun la trovo a mmaret, Scarpetta23 http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1882. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta24 = Scarpetta, Eduardo, Pazzie di carnevale, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: bizzarria comica (in tre atti). Data: 1890. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta, Eduardo, Il romanzo dun farmacista povero, Scarpetta25 = http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in quattro atti). Data: 1882. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta26 = Scarpetta, Eduardo, Tetillo, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1880. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scarpetta27 = Scarpetta, Eduardo, Tetillo nzurato, http://www.gliantinati.it/copioni2.php. Tipo testuale: commedia (in quattro atti). Data: 1881. Citazione: numero romano + cifra arabica = atto + scena. Scripta = Scripta amalfitana, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 1993, 212214. Tipo testuale: dichiarazione contrattuale tra Bartolomeo de Fonto e sua moglie e il monastero femminile di santa Maria di Atrani. Data: 1288. Citazione: cifra arabica = riga. SDM = Matera, Vincenzo/Schirru, Giancarlo, Gli statuti dei disciplinati di Maddaloni. Testo campano del XIV secolo, Studi linguistici italiani 23 (1997), 4788. Tipo testuale: statuti in prosa. Data: 1350 ca. Citazione: cifra arabica + cifra arabica = pagina + riga. TBP = Trattato dei bagni di Pozzuoli, in: Erasmo Prcopo, I bagni di Pozzuoli. Poemetto napolitano del secolo XIV, Napoli, Federico Furchheim, 1887, 97138. Tipo testuale: volgarizzamento in prosa. Data: ex. Trecento / iniz. Quattrocento. Citazione: numero romano + cifra arabica = verso + riga. TVMA = Tavolette votive di Madonna dellArco, in: Patricia Bianchi/Nicola De Blasi/Rita Librandi, I te vurria parl. Storia della lingua a Napoli e in Campania, Napoli, Tullio Pironti, 254258. Data: 15901632. Citazione: numero romano + cifra arabica = tavola + riga. Velardiniello = Croce, Benedetto, Una sconosciuta versione della Storia di cientanne arreto di Velardiniello, Archivio storico per le province napoletane 39 (1914), 8194. Tipo testuale: poesia. Data: 1550 ca. Citazione: cifra arabica + numero romano = pagina + verso. Viviani1 = Viviani, Raffaele, Tuledo e notte, in: Guido Davico Bonino/Antonia Lezza/Pasquale Scial (edd.), Raffaele Viviani. Teatro I, Napoli, Guida, 1987, 87127. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data: 1918. Citazione: numero romano = scena. Viviani2 = Viviani, Raffaele, O vico, in: Guido Davico Bonino/Antonia Lezza/Pasquale Scial (edd.), Raffaele Viviani. Teatro I, Napoli, Guida, 1987, 5180. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data: 1917. Viviani3 = Viviani, Raffaele, A museca de cecate, in: Guido Davico Bonino/Antonia Lezza/Pasquale Scial (edd.), Raffaele Viviani. Teatro V, Napoli, Guida, 1991, 177193. Tipo testuale: commedia (in un atto unico). Data: 1928.

27

Viviani4 = Viviani, Raffaele, Lultimo scugnizzo, in: Guido Davico Bonino/Antonia Lezza/Pasquale Scial (edd.), Raffaele Viviani. Teatro V, Napoli, Guida, 1991, 567527. Tipo testuale: commedia (in tre atti). Data: 1932. Citazione: numero romano = atto. Zito = Zito, Egidio, Voglio bene a llammore, Napoli, Fratelli Conte Editori, 1968. Tipo testuale: poesie. Data: 1968 (1908). Citazione: cifra arabica = pagina.

28

FONETICA E FONOLOGIA

Capitolo 1: Prosodia, struttura sillabica e rafforzamento consonantico

1.1. Intonazione
In termini prettamente parafonici limpronta della parlata campana, e in particolare di quella napoletana, facilmente riconoscibile dalla caratteristica pronuncia di tipo cupo o cavernoso per via di unimpostazione a laringe abbassata, nonch da una velocit denunciazione inferiore alla media italiana (Canepari 1999, 249, 449). Purtroppo, la conoscenza attuale dellintonazione del napoletano rimane ancora a uno stadio molto approssimativo, in virt del fatto che finora essa non stata oggetto di studi approfonditi. Ciononostante, descrizioni in linee generali ma certo significative dellintonazione del napoletano e dellitaliano regionale di Napoli vengono esposte in Maturi (1988; 1989; 1996), Canepari (1979, 227229; 1999, 243sgg., 449) e DImperio (2001). In maniera molto generale possiamo pertanto riconoscere le seguenti caratteristiche intonative della variet napoletana. Innanzitutto, a differenza del cosiddetto standard che nella pretonia conosce un andamento tonetico medio [] con le antetoniche [] un po ascendenti e il resto [] tutto leggermente discendente dalla prima protonica [] allultima intertonica (Canepari 1999, 194), il napoletano caratterizzato nella pretonia da una successione di andamenti tonetici di tipo ascendente-discendente; ne consegue che le antetoniche e le intertoniche sono marcate da un movimento ascendente (cio tonalit media inferiore media superiore), mentre le protoniche sono caratterizzate da un movimento discendente (cio tonalit alta inferiore media superiore). Quanto alla tonia, va notata la presenza eccezionale di un accento secondario sullultima sillaba (p.es. veneno cchi doppo ["vEnn kkjud "dopp] vengono pi tardi), nonch i seguenti contorni intonativi fondamentali, in varia misura tutti divergenti dalla norma neutra dello standard:1 i) un profilo intonativo discendente a partire dalla sillaba accentuata, ossia tonalit (media ) media (fortemente discendente) bassa superiore-bassa inferiore, per marcare le dichiarative e le interrogative parziali; ii) un contorno intonativo ascendente-discendente, ossia tonalit (media ) media (leggermente discendente) alta inferiore-media, per marcare le interrogative s-no; e iii) un andamento (ascendente-)discendente-costante, ossia tonalit
1

Nella pronuncia neutra dellitaliano, le tre tonie diverse hanno le seguenti caratteristiche tonetiche (Canepari 1999, 197199): i) dichiarativa (andamento discendente): tonalit (media ) media medio-bassa; ii) interrogativa (andamento ascendente): tonalit (media ) media inferiore medio-alta superiore; iii) sospensiva (andamento ascendente-discendente): tonalit (media ) alta inferiore alto-media.

31

(media superiore ) alta inferiore-media media inferiore, per marcare le enumerazioni, le pause (tipo suspense) e, in senso pi generale, anche i confini frasali.

1.2. Accento
Per quanto riguarda laccentuazione delle singole parole, il napoletano risulta una lingua caratterizzata da una ritmicit basata sulloccorrenza di sillabe accentuate ad intervalli regolari. In virt di ci, e grazie ad un accento di tipo espiratorio (De Blasi e Imperatore 2000, 28), il napoletano opera una netta distinzione tra le vocali toniche e le vocali atone, per cui queste ultime, specie quando postoniche, risultano notevolmente pi brevi delle corrispondenti toniche (Radtke 1997, 78). Tale minore forza articolatoria tipica delle vocali atone si manifesta nella frequente perdita di esse o persino dellintera sillaba atona, (p.es. AD+DE+ RETRO > arreto dietro, corico > cocco, MATUTINAM > matina, livate > lte / lte lvati, togliti, bergamotto > briamutto, fr. forestier > frostiero (proc. frastiero) forestiero, aveva > va avevo/-a, vularra > vurra vorrei/-ebbe, sserese > sserse alzarsi, estate > est (Amato e Pardo 2001, 80), grano > ra grano; moneta (id. 169), GINGIVAM > proc. gnina gengiva, CUBITUM > proc. (ve)to gomito),2 oppure nel loro innalzamento (> [i u]) o centralizzazione (> []).3 Inoltre, questultima vocale centralizzata viene regolarmente eliminata o, almeno, appena bisbigliata e si manifesta come debole aspirazione quando in fine di parola dopo due consonanti (v. Rohlfs 1966, 161; Castagna 1982, 22; Devoto e Giacomelli 1994, 110), il che d luogo a frequenti nessi consonantici del tipo tiempo ["tjemb], vosco ["vOSk] bosco, Che faccio? [k f"fattS], a pizza [a pitts], nonch a contrazioni vocaliche tra parole adiacenti in fonetica sintattica. Tipicamente, tali contrazioni si traducono nella fusione delle vocali atone finali degli elementi clitici (v. Altamura 1956, 26; Iandolo 1994, 247; Radtke 1997, 77): a a + o il > [o] al, o mese ottobre (< o mese e [e] ottobre) il mese di ottobre, nu lietto attone (< nu lietto e attone) un letto dottone, nu pttene argiento (< pettene e argento) un pettine dargento, sciure arance (< sicure e arance) fiori darancio (Ruocco 89), citt e Pulecenella [tSit"tEpulS"nEll] citt di Pulcinella, stuocchie (< sti uocchie) (que)sti occhi, vanno Avellino [avl"lin] (< vanno a Avellino), sha [sa] vevuta (< sa ha vevuta) se (l) [lett. se lha] bevuta, t passatappetito [app"tit]? (< t passato o (< lo) appetito?) t passato (l)appetito?, a mamm accumpagnammo [akkumba " am] nuie (< a mamm (la >)a accumpagnammo nuie) mamma laccompagniamo noi (De Filippo1 358). A livello della parola, laccento non pu posizionarsi oltre la terzultima sillaba (p.es. scrreca scarica (sdrucciola), scarrecje scaricai/- (piana) e scarrec scaricare (tronca)), bench occorra riconoscere una sensibile preferenza generale per laccentuazione parossitona (v. infra). In pi, si osserva una tendenza delle sillabe postoniche finali in tonia a recare un accento secondario (Canepari 1999, 449;
2 3

Cfr. la coppia allotropica MACULAM > mcula macchia, disonore e macchia macchia; boscaglia (DAscoli 1990, 316). V. Gaspary (1874, 425), Malato (1970a, 1617), Castagna (1982, 22), Iandolo (1994, 124), Bafile (1997, 4.2), Radtke (1997, 64), De Blasi e Imperatore (2000, 3334).

32

v. sotto): pede ["pE|] piede, femmena ["fEmmn] donna, mio ["mi], cuntaste [kun"dast] raccontasti. Da unottica puramente fonologica, lassegnazione dellaccento primario risulta impredicibile, come dimostrano le seguenti coppie minime: comm [kom"mO] com, cassettone vs comme ["komm] come, capille [ka"pill] capelli vs capill [kapil"lO] compratore di capelli, lttera ["lettr] lettera vs lettera [lt"tEr] lettiera, bomba ["bomb] vs bomb [bom"bO] (< fr. bombon) caramella, mnna ["mann] manda vs mann [man"na] mandare, mmma ["mamm] mamma vs mamm [mam"ma] mamma (voc.), vde ["ver] vede vs ved [v"re] vedere, bu [bu"a] boa vs bua ["bu] bua, dolore (voce infantile). In alcuni casi particolari (Iandolo 2001, 46, 48), per, la posizione dellaccento si rivela labile (p.es. stura / stria studia, cunzolo / conzulo pranzo mandato da vicini / amici alla famiglia di un defunto),4 tendenza che interessa in maniera particolare gli infiniti derivati dalla 4a coniugazione: durm / drmere dormire, sagl / sgliere salire, part / prtere partire (ma cap capire vs cpere starci, essere capiente), nonch ten / tnere (p.es. Li a [devi] ten annascunnuto [nascosto] dinto cappiello (De Filippo1 54) vs Me fai tnere sta torcia?! (Russo 111)). Per le ragioni appena elencate, qualsiasi tentativo di costruire una teoria capace di predire lassegnazione dellaccento dovr anche far riferimento ad informazioni morfologiche per distinguere, ad esempio, gli affissi accentuati da quelli non accentuati (Bafile 1994, 14). Ad esempio, a differenza delle altre desinenze di persona / numero del paradigma del presente indicativo, solo le desinenze delle 1 / 2pl. (-`Vmmo / -`Vte) sono accentuate: trc-o indugio vs tric-mmo/-te indugiamo/-ate. In altri casi, invece, informazioni di tipo morfologico non aiutano sempre ad individuare la posizione dellaccento. A titolo desempio, si consideri che nel presente indicativo bisogna riconoscere un certo grado di arbitrariet lessicale in quanto laccento pu colpire sia la sillaba finale (p.es. spargn-a risparmia) che la penultima (p.es. frvec-a fabbrica) del tema lessicale, ma mai la terzultima (per cui si dice, ad esempio, telfon-a, e non **tlefon-a). Tuttavia, se, come nel caso precedente, laccento colpisce la penultima sillaba del tema, laggiunta del suffisso di 3pl. non accentuato -no fa s che esso venga spostato sulla penultima sillaba, il che comporta a sua volta lallungamento concomitante della nasale perch si mantenga la quantit maggiore caratteristica delle rime delle sillabe toniche: gnnerranno / gneranno (Regimen1 245 / 293), desideranno / desidera(n)no (LDT 62.38, 119.9 / De Rosa 46r.19), partirenno partire.fless.3pl. (LDT 267.10; cfr. per partireno (266.20)), dovetanno dubitano (ib. 250.13), persequetanno (ib. 107.5), profferono offrono (ib. 166.11), illumenenno (SDM 65.15), perseveren(n)o (ib. 65.17), vocera(n)no vorrebbero (De Rosa 36v.34), essere(n)no essere.fless.3pl. (id. 9v.26), estudianno studiano (Lupo I.59.4), imparanno (id. I.62.3), meritanno (id. I.64.6), si delectan(n)o (LAFGP 3r.a.3), generanno (Cortese4 91), prattecanno (id. 111), fravecnno fabbricano, navegnno navigano, scutulnno scuotono, prerecnno predicano, talefonnno telefonano; isch. vummecnne vomitano, se nfracetnne si infradiciano (v. Rohlfs 1968, 265; Iandolo 1994, 63; Formentin 1998, 257258). Tuttavia, tale processo non costituisce affatto uneccezione alla natura non accentuata del suffisso di 3pl. -no, ma rispec
4

DAscoli (1990, 179) ritiene per la forma parossitona cunzolo caratteristica della provincia.

33

chia invece una regola fonologica di riaggiustamento che esclude sistematicamente le sequenze metriche malformate in cui laccento colpirebbe una sillaba oltre la terzultima (v. Castagna 1982, 109; Bafile 1994, 15; Iandolo 1994, 63). Infatti, capita spesso che persino le parole sdrucciole vengano assimilate al modello parossitono preferito, come dimostrano forme verbali quali (SMINAT >) semmna semina (Rocco 201.51, in rima per con avena); isch. tuccnne toccano (Castagna 1982, 109). Una spia importante della preferenza dellaccentuazione parossitona si verifica pure nel trattamento dei forestierismi uscenti in consonante (rafforzati inoltre da una [-] paragogica): utobus > autobsso, Bin Lden > Bin Ladn(ne), cmion > caminne, compter > computr, De Amcis > De Amicsse, hambrger > amburghr, Hllywood > Ollivdde, Juvntus > Juventsse, Maria Pris > Maria Parsse, Mary Pppins > Mary Poppns, ing. plice > pulsse polizia (Andreoli [1887] 1993, 473), pllman > pulmnno, Txas > Texsse, ing. trmway > tramu [tram"mwej] (Scarpetta 2 96), vlzer > valzrre (Viviani1 VI), ygurt > yogrtte. Reazione ipercorretta a tale tendenza allaccentuazione parossitona si osserva in pronunce correnti dellitaliano regionale del tipo (piazza) Cvour, Mdrid, De micis, Rvel,5 nonch forse lisolato ctena cotnna (Amato e Pardo 2001, 65; < *CUTNNAM, diminutivo di CUTIS). Come in altri dialetti meridionali, tale regola risulta ancora pi evidente nei casi di enclisi pronominale, in cui un pronome clitico venga eccezionalmente a recare laccento primario.6 In particolare, laggiunta di un pronome enclitico provoca sistematicamente un spostamento dellaccento alla penultima sillaba (manifestantesi nel rafforzamento della coda consonantica di essa) qualora tale enclisi risultasse nellaccentuazione di una sillaba oltre la terzultima (p.es. frveca + la > fraveclla fabricala), tendenza osservabile fin dai primi testi: mandicaosllo se lo mangi (Epistola 181.17), crederello crederlo (LDT 58.4), darenomme dare.3pl.fless.=mi (ib. 182.34), fecerollo lo fecero (De Rosa 46v.23), vasanosse si baciano (id. 39r.27). Altrimenti, un eventuale spostamento dellaccento sulla penultima sillaba appare a tutti gli effetti opzionale (p.es. astta + la > asttala / astutlla spegnila; proc. sse + me > sseme / assmme lasciami),7 fenomeno riscontrabile anchesso nei primi documenti della regione campana, come dimostrano esempi quali parlandosse / Venendose (LDT 58.4 / 141.13), farella / chiamase (RDF 34 / 37).8 Pertanto, leffetto di questa regola di accentuazione fa s che in caso di aggiun
5 6 7

V. Bianchi, De Blasi e Librandi (1993, 202), Radtke (1997, 78), Canepari (1999, 449), De Blasi e Imperatore (2000, 2829), Iandolo (2001, 80). V. Rohlfs (1966, 442), Kenstowicz (1991, 179sgg.), Bafile (1994), Radtke (1997, 7879), Formentin (1998, 258259), Monachesi (1999, 4653), Iandolo (2001, 47). Al contrario di quanto asserito in Kenstowicz (1991, 180) e Bafile (1994, 15, 18); v. anche Capozzoli (1889, 214215), Parascandola (1976, 13), Radtke (1997, 89), Iandolo (2001, 153); cfr. per esempio allecrdate / allecordtte ricrdati (Capozzoli 1889, 215), Assnce [lasciaci] sntere (De Filippo1 182). Come evidenziato da alcuni degli esempi di cui sopra (cfr. fraveclla, fecerllo, crederllo, vasannsse), va sottolineato per che, sebbene si soglia parlare di clitici accentuati, tale spostamento dellaccento in presenza di un singolo enclitico non risulta sempre in un clitico accentuato, bens spesso in una desinenza accentuata (p.es. allecrda ricorda + -te allecordtte).

34

ta di due pronomi enclitici, il primo di essi rechi laccento primario (v. 8.3.1.5): dicte + melo > dicitemllo ditemelo, purtanno + ncele > purtannanclle portandocele. Si noti per che nei testi antichi i clitici accusativali di 3a persona presentano generalmente nei nessi enclitici la laterale geminata solo nelle forme del cosiddetto neutro (p.es. narraolello (n.) glielo raccont (LDT 103.3132) vs vedendosilo / vedendosela (m. / f.sg.) vedendoselo / -sela (ib. 163.33 / 58.30), dicitimello (n.) ditemelo (De Rosa 13r.29) vs donolilo / mangiasela (m. / f.sg.) glielo do / se la mangia (id. 38r.31 / 36v.30)) e del plurale (p.es. conceselelle (m.pl.) glieli concesse (LDT 220.31), aytelle (f.pl.) abbitele (ib. 88.37), havisse a caro levartelle dinante (f.pl., Galeota XXVIII.12), riendemelle (m.pl., De Rosa 18r.10)). Significativo a tal riguardo risulta lo spostamento dellaccento manifestantesi nelle forme verbali imperativali monosillabiche come da da e d di, le quali presentano unaccentuazione parossitona, qualora vengano aggiunti ad esse due pronomi enclitici: dammllo damelo, dincllo diglielo. Limpossibilit di unaccentuazione proparossitona in tali casi (ossia **dmilo, **dncelo),9 che dovrebbe destare sorpresa se paragonato al modello di alternanze tipo asttala / astutlla notato sopra, sottolinea lestensione paradigmatica del modello di accentuazione parossitona a tutte le forme verbali con aggiunta di due enclitici, siano esse a livello sottostante ossitone oppure (pro)parossitone. Alla luce di ci, dobbiamo concedere che a livello fonologico lenclisi napoletana si sia in certa misura cristallizzata oppure lessicalizzata, in quanto non risulta pi possibile ritenere i nessi enclitici, allo stadio sincronico, come il risultato di un accoppiamento produttivo di due clitici distinti (ossia me + lo, ecc.). Essi andrebbero invece interpretati come suffissi pronominali complessi ormai lessicalizzati e dotati di propriet accentuali indipendenti, ossia -mllo -melo, -nclla -cela, ecc. (v. Kenstowicz 1991, 184; Bafile 1994, 1920). Inoltre si osserva una tendenza generale ad evitare laccentuazione ossitona, per cui le parole ossitone del latino vengono in genere rafforzate in napoletano tramite lepentesi vocalica (cio [-]) o sillabica (cio -ne),10 questultima in netto declino da tempo per a Napoli,11 sebbene apparentemente vitale ancora nellentroterra della provincia (cfr. proc. malaciurtto tene! sfortunato te!; Capozzoli 1889, 21; Imperatore 1974, 61; Radtke 1997, 89; De Blasi e Imperatore 2000, 34, 177): AMEN > amenne, LAPIS > lppese matita, MEL > mele miele, COR > core cuore, cantai > cantaie cantai/-, s > sine si, no > none no, cc > ccanne qua, ll > llanne l, perz > perzone (obs.) perci, tu > tune, se > sene (obs.) s, accuss > accussine (obs.) cos. Tuttavia, laccentuazione ossitona si riscontra tuttora regolarmente in due contesti nel dialetto moderno, luno riguardante unesigua classe di
9

10

11

Ancora nellOttocento Capozzoli (1889, 214215) riporta per la possibilit di unaccentuazione proparossitona proprio in questi stessi casi: dmmelo / dimmllo, dmmene / dammnne. V. Capozzoli (1889, 21), Zinno (1934, 394), Rohlfs 1966, 336), Iandolo (1994, 76, 82, 122123), Maturi (2002, 130). Meno frequente risulta lepentesi di -(c)co (p.es. fr. gilet > gil > gilecco (Andreoli [1887] 1993, 183), gru > gruoko (id. 188)). Cfr. forme ormai disusate quali tene (Epistola 182.13), pecchne (ib. 183.9), tune (ib. 183.11), mene (ib. 183.13), rene re (RDF 18), mene (ib. 46), cossine (ib. 53), dine giorno (Ferraiolo 79v.42; v. Coluccia 1987b, 151).

35

nomi e di aggettivi di origine straniera, e in particolare francese (p.es. fr. comme il faut > commif (agg.) per bene; a dovere, fr. buffet > buff credenza, fr. caf > caf caff; bar, fr. bouquet > buch fascio di fiori, fr. jabot > sciabb gala, merletto, fr. fichu > fisci scialletto triangolare (da donna), fr. bijou > bisci gioiello, fr. je men fous > scemanf vanit, boria, fr. croquet > crucch croquet di patate, fr. corset > curz busto, corsetto, fr. landau > land carrozza, sp. caracol > (a) carac (a) chiocciola), e laltro riguardante il troncamento di una sequenza postonica riscontrabile nei seguenti casi (Iandolo 1994, 121): il vocativo dei sostantivi (Iandolo 2001, 275): Tot Antonio!, Mar Maria!, dutt dottore!; limperativo di 2sg. (specie quando reduplicato; Rohlfs 1966, 451): gu vedi; guarda; senti, v vedi, t ecco, toh, aspetta asp aspetta, trase tr entra; gli infiniti continuatori delle 1a, 2a e 4a coniugazioni latine: cant cantare, ved vedere, fern finire (ma la 3a coniugazione VINCERE > vncere; 14.1.1); le parole piane latine uscenti in -TATEM (troncamento diacronico): CARITATEM > caritate > carit, CIVITATEM > citate > citt.

1.3. Struttura sillabica e fonotattica


Le parole individuali possono essere composte da una o pi sillabe e sono soggette alla condizione generale che finiscano in vocale, come testimoniano prestiti uscenti in consonante finale a cui viene regolarmente aggiunta una vocale finale paragogica (con contemporaneo allungamento della consonante precedente; v. Zinno 1934, 394; Iandolo 1994, 122123; Iandolo 2001, 79, 164; Bafile 2002, 161, 166167): buss[], gass[], snobb[], gratiss[], festivall[], puss[], ted. Kaffeehaus > cafeamuss[] piccolo edifizio in un giardino o sopra una terrazza in forma di tempietto / pagoda (Andreoli [1887] 1993, 63), ing. bulldog > buldocco cane da guardia (DAscoli 1990, 111), picch[]-nicch[] pic-nic. Apparentemente eccezionali sono le poche voci grammaticali come per > pe(d), con > cu(d), che(d), gran (obs.), nu(n) non, in > n, don, san(t), le quali comunque non ricorrono mai in posizione finale di frase in virt della loro natura proclitica, per cui si risillabificano con la parola seguente, processo spesso accompagnato o dal rafforzamento consonantico o dallassimilazione (Bafile 2002, 153154): pe nuje [pn-"nu-j] per noi, cu pacienza [kup-pa-"Sjen-ts] con pazienza, ched ? [k-"dE] cos?, nun vene [num-"bE-n] / [num-"mE-n] non viene, nun esce [nun-"nES-S], don Antonio [dOn-nan-"dOnj], nfaccia ["fat-tS] di fronte, in faccia, invece > mmece ["mmeS], san Rafele [sar-ra-"fEl]. Inoltre si avverte una forte tendenza ad eliminare le monosillabe per via di: i) risillabificazione, spesso accompagnata da rafforzamento consonantico (p.es. o capisco [ok-ka-"piS-k] capisco ci); ii) aggiunta di [] paragogica con allungamento della consonante precedente (p.es. tram > tramm[], bar > barr[], miss > miss[]); e iii) suffissazione della sillaba paragogica -ne, oramai in declino nel dialetto urbano (p.es. s > sine, no > none no (cfr. anche no + -pete > nppete no, Zinno 1934, 394), me > mene (obs.), tu > tune, te > tene (obs.), se > sene (obs.) s, cc > ccanne qui, ll > llanne l, porz > porzine (obs.) anche, perz > perzonne (obs.) perci, accuss > accussine (obs.) cos). A 36

livello di frase, invece, le vocali atone finali di parola sono soggette allelisione davanti ad altra vocale con concomitante risillabificazione (Bafile 1997, 455456; Maturi 2002, 124, 127): chiste ommo ["kis-t "Om-m] [kis "tOm-m] questuomo, ditto a verit ["dit-t a-v-ri-"ta] [dit ta-v-ri-"ta] detta la verit, pe asc [p aS-"Si] [paS-"Si], cu Antonio [ku an-"dO-nj] [k-an-"dO-nj], stammo ancora assettate [seduti] ["stam-m aN-"gOr as-st-"ta-t] [s"tam-maN"gO ras-st-"ta-t]. Per quanto riguarda le condizioni fonotattiche operanti sulla struttura sillabica, si possono fare le seguenti osservazioni. Sia gli attacchi che le code possono cominciare in teoria con qualsiasi consonante (p.es. vp-pe-to bevuto, pa-ta-na patata), sebbene // e / / risultino alquanto rari in posizione iniziale di parola (Schmid 2000, 346; p.es. gliandra ghianda, glimmero gomitolo, gnneto nascita, gnavul miagolare), questultimo in genere il risultato di aferesi: ignurante > gnurante, signora + matre > gnomatre (signora) madre; suocera, segnefec > gnefec significare. Le approssimanti [j] e [w], pur derivando storicamente dalle vocali alte /i/ e /u/, si comportano da consonanti negli attacchi sillabici, come dimostra limpossibilit dellelisione del pronome clitico o dellarticolo determinativo in casi quali o / **l [j]ette a truv landai a trovare, o / **l [w]uaglione il ragazzo. I nessi consonantici degli attacchi sono invece soggetti a determinate restrizioni combinatorie: /s/ + ostruente: sbentorato sfortunato; ostruente + liquida (in genere /r/): criente cliente; /s/ (= [S] oppure [Z]) + ostruente + liquida: scram esclamare, strunzo;12 /N/ + ostruente: mpnnere appendere, impiccare, mmoca in bocca, nzuonno in (nel) sonno; /N/ + ostruente + liquida: mprunt prestare, ncredbbele;

Gli ultimi due nessi di cui sopra costituiscono il prodotto dellantica cancellazione sistematica di /i-/ atona, per cui la nasale divenuta iniziale forma un nesso omorganico con lostruente successiva. Simili sono i casi di doppie iniziali (ormai lessicalizzate) prodotte dallaferesi di unantica vocale iniziale atona (v. 2.3.1.5): lloro (< ILLORUM), ll (> ILLAC), lloco (< *ILLOCO) cost, cost (l vicino a te), llzeto illecito (cfr. lzeto lecito), llumminazione, ssecuzione esecuzione, ssubberienza disubbidienza, sso / ssa (< IPSUM/-AM) codesto/-a (obs.), ccellenza eccellenza, (a)cc (< *ACCU+HAC) qua, attacccaglia > ttaccaglia legaccia, ttaliano (in) italiano. In pratica, per, tali attacchi consonantici nella fonosintassi vengono estesi alla coda della parola precedente, per cui le parole in questione esibiscono in genere un attacco sillabico pi semplice (p.es. nguajate [Ngwa-"ja-t] nei guai, ma stammo nguajate ["stam-mN gwa-"ja-t] siamo nei guai, lloco ["llok] ma sta lloco! [stal "lok] stai cost / l!). Discorso analogo vale anche per le parole che iniziano per uno dei suoni intrinsecamente intensi, ovvero [bb-], [ddZ-], nonch per le parole
12

Non va dimenticato che gli attacchi [(-)gr-] e [-(s)tr-] in posizione postonica si riducono spesso a [(-)r-] e [-(s)t-] (Capozzoli 1889, 22; Castagna 1982, 29): nigro > niro nero, gratt > ratt grattare, fenestra > fenesta, atro > ato, quattro > quatto.

37

inizianti per [s] + C(C): gelato [ddZ-"la-t] ma sha magnato nu gelato [sa-ma -" at nud-dZ"la-t], scurd [Skur-"da] scordare ma isso so scorda ["is-s soS-"kOr-d] lui se lo scorda. Volgendo a considerare ora il nucleo sillabico, questo spesso presenta una struttura monovocalica, ma ammette anche una struttura bivocalica o anche trivocalica (nel caso delle voci plurisillabe), tutte e due generalmente di tipo ascendente (Schmid 2000, 347348; p.es. qu-ru-la avelia (nome di uccello), cuie-to). Quanto alla struttura delle code, il tipo sillabico preferito , al pari dellitaliano, e soprattutto in fine di parola, quello aperto, ma in posizione interna anche ammesso un esito sonorante o sibilante monoconsonantico (p.es. scuor-no vergogna, mas-to maestro),13 nonch il primo segmento di una geminata (p.es. schiat-t scoppiare). Unapparente contraddizione costituita da code biconsonantiche secondarie in fine di parola prodotte dalleventuale dileguo di una finale atona (p.es. nott(e), facci(a), spuorc(o); v. Rohlfs 1966, 176, 184, 187188; Castagna 1982, 22; Avolio 1995, 39). Anche di rilievo qui la scissione dei nessi consonantici mediali con lintroduzione di una [] epentetica, in virt di una tendenza, avvertibile gi ab antiquo,14 verso una struttura sillabica semplice CV: *propte > prpete proprio, mreva malva, sreva (obs.) serva, BARBAM > varva > vreva mento, Ersemo, osemare fiutare, annusare, cataplsema, rtemo, cunzvera conserva (di pomodori), abb(o)lativo (DAscoli 1990, 9), acirvo / acivero acerbo (id. 23); proc. plemo palmo, schlemo scalmo, COCHLEAM > vcchela chioccia (cfr. nap. vccula), sciarem sfasciare, guastare; disarmare; (a Bcoli) [plese mee ker] pacemaker (Milano 2006b, 284).15 Andrebbe ricordato anche lavverbio rafforzativo ben(e), il quale soleva in testi antichi apocoparsi davanti a parola cominciante per consonante (p.es. cose ben nove (LDT 47.8)), ma assumeva la forma piena con schwa finale qualora precedesse una parola con attacco consonantico multiplo (p.es. uno homo bene stiso de persona (ib. 110.38)). Pi raramente si ricorre invece allassimilazione, come evidenziato nellavverbio cras + matino > crammatino domattina (DAscoli 1990, 183) e nelladattamento della voce inglese football volta alla forma napoletana fubballo (id. 247). Si nota infine che non di rado si ricorre anche allepentesi, in questo caso di [-v-], per separare due vocali in iato (Capozzoli 1889, 1920; Iandolo 1994, 122): Divo Dio (Cortese4 149), po(v)eta (Capozzoli 1889, 20), stto(v)a (id.), duv(i)ello duello (Andreoli [1887] 1993, 148; DAscoli 1990, 213), Luvisella Luisella (Russo 105), restivo restio (Amato e Pardo 2001, 174), Pvolo Paolo, flvuto, appavur impaurire, vuro euro. Concludiamo con losservare con Schmid (2000, 3334) che il napoletano presenta un totale di 21 tipi sillabici, compresi 15 dei 18 tipi ritenuti il denominatore comune della fonotassi italo-romanza, ossia CV ("ka-p testa), CVC ("vor-p
13 14

15

Si noti che in questa posizione la laterale viene sistematicamente sostituita dalla vibrante nel dialetto moderno (p.es. vorpa). Cfr. esempi come sopera e munedana che si leggono sulla lapide votiva di Franceschino da Brignale del 1361 (Sabatini [1992] 1996c, 537539), nonch qualeche (Ferraiolo 111v.12), indullicencia (De Rosa 60r.25), denotro dentro (id. 8v.17), porottava portava (id. 65v.4), fantasima (id. 51r.15; v. Formentin 1998, 266). V. Capozzoli (1889, 18), Zinno (1934, 392), Rohlfs (1966, 471), Parascandola (1976, 238, 240, 243, 288), Castagna (1982, 28), Iandolo (2001, 7778).

38

volpe), V ("a-nm), VC ("ar-vul albero), CCV ("kra-p capra), CSV ("kjO-v piove),16 CVS ("fawts falso), CCVC ("vruS-k brusco), CSVC ("mwor-t), SV ("ju-t andato), CCCV (Skri-"a dileguarsi), CCSV (Skja-"ri), CCCVC (Sprm-"mu-t), CCSVC ("Spwor-k), SVC ("jaN-g bianco), ma non i tre tipi sillabici con dittongo discendente VS, CSVS e CCVS. In compenso, il napoletano ammette tre di-/trittonghi ascendenti non riscontrati in altre variet centromeridionali esaminate da Schmid (2000), vale a dire CCSVC ("Sprwuok-ko-l ramo secco), CSSV ("kjwo-v chiodo), e SSV ("jwo-k gioco), nonch i tre tipi CCCSV (sprjo-"ra spodestare), SSVC ("jwor-n) e, in comune con gli altri dialetti meridionali, C (N-"gOppa sopra).17

1.4. Rafforzamento consonantico (RC)


Al pari di altri dialetti centromeridionali, il napoletano caratterizzato da una regola di rafforzamento consonantico (RC), il cui esito si manifesta in un contrasto di durata tra consonante breve e consonante lunga in inizio di parola dopo un ristretto numero di voci lessicalmente marcate dallefficacia rafforzativa (p.es. a [s]eggia la sedia (-RC) ma e [ss]egge le sedie (+RC)). In molti casi le alternanze interessate non danno tuttavia luogo semplicemente ad unopposizione tra consonante breve e consonante lunga, ma coinvolgono invece anche cambiamenti di maniera e di luogo di articolazione, cosicch sembra pi appropriato parlare di unopposizione tra suoni leni e suoni forti (Loporcaro 1997a, 47). Le cinque coppie di alternanza fondamentali, che verranno studiate in dettaglio ai 3.4.1.2.13, 3.4.2.1.1, e 3.6.1, sono esposte nella Tabella 1.1:
Tabella 1.1: Alternanze allofoniche provocate dal RC -RC +RC j gg v bb | dd V gg S tS

In linea di massima, i segmenti consonantici del rango superiore della Tabella 1.1. rappresentano le varianti leni, non marcate (almeno dal punto di vista storico) di ogni coppia, in quanto occorrono dopo voci che non provocano il rafforzamento consonantico (RC), laddove il rango inferiore presenta la variante marcata, caratterizzata da unarticolazione pi forte e lunga, che tende ad occorrere dopo consonanti (esplicite o cancellate). Come verr precisato di seguito, per, il segmento lene pu occorrere anche in contesti di RC e viceversa, il che pu indurre certi parlanti a reinterpretare la variante originariamente marcata come forma basica sottostante. Tali variazioni allo schema fondamentale abbozzato nella Tabella 1.1 qui sopra possono per solo essere comprese in seguito a una considerazione di diversi fattori diacronici, sincronici e sociolinguistici che permettono di
16 17

In questesempio e quelli seguenti, S sta per semi-vocale/consonante. Bench si sia osservato sopra che lattacco nasale semplice, nonch la prima consonante di alcune geminate iniziali lessicalizzate (p.es. lloco cost), si leghi in fonosintassi ad una vocale precedente, occorre per attribuire a queste consonanti uno statuto sillabico (Schmid 2000, 348), dal momento che possono ricorrere anche in inizio di enunciato.

39

identificare vari schemi di alternanza fonemica che, in parecchi casi, funzionano sincronicamente in concomitanza gli uni agli altri (Andal e Bafile 1991). Riassumendo, si riconoscono pertanto diversi paradigmi di variazione allofonica comune ai vari segmenti. Sebbene ogni coppia allofonica presenti criteri leggermente diversi per tale variazione allofonica, comunque possibile rilevare un singolo processo fonologico operante per ogni coppia in questione, dal momento che i modelli di alternanza osservabili rappresentano il prodotto dellapplicazione o meno di una regola di rafforzamento. In altri contesti, per, vedremo come certe regole fonologiche di alternanza del tutto indipendenti siano state reinterpretate come lesito di tali regole di rafforzamento, portando spesso alla ristrutturazione lessicale delle forme sottostanti. Infine, conviene notare come la conservazione di tali alternanze allofoniche, sebbene innovative, risulti funzionalmente significativa per il contesto morfosintattico, in quanto essa fornisce un ulteriore indizio auditorio, oltre al semplice contrasto binario di durata (breve / lungo), per evidenziare in maniera distinta quei contesti dove si produce rafforzamento (o forse meglio, fortizione). Ci acquisisce ovviamente una notevole funzionalit nel dialetto moderno dove spesso il RC costituisce lunica marca formale, allinterno del gruppo nominale, delle categorie morfosintattiche di genere e numero. 1.4.1. Voci marcate [+RC] Al pari di molti altri dialetti meridionali, ma a differenza delle variet centrali quali il toscano e il romano, il RC napoletano non un fenomeno prosodicamente condizionato, bens un fenomeno di natura squisitamente lessico-sintattica, le cui origini vanno ricondotte ad un processo storico di assimilazione consonantica in sandhi esterno (Loporcaro 1988b, 353354; 1997a, 47): ET TE > e te [et"te], AD NEAPOLIM > a Napule [an"napul], *QUAL+QUID LIBRUM > quacche libbro ["kwakkl "libbr] qualche libro. Sebbene nella maggior parte dei casi la consonante finale che in origine condizionava il RC sia andata perduta, in alcuni casi essa ritorna in posizione prevocalica (Perrone 1977, 214; p.es. ched (< QUID) (stato)? Cos (successo)?, quacchedauta cosa (Cortese2 4.28; cfr. per quacchauto ncanto (id. 4.37)), a(d) Isca a Ischia, nun allucc! non gridare! (cfr. nu [bb]ene non viene)). Questa tendenza si sar analogicamente estesa in passato anche alle preposizioni co / cu con e pe per e alla negazione n, manifestandosi nella consonante finale -d etimologicamente non giustificata:18 cud / ped isso con / per lui, nd a mene mediemo n a me stesso (Epistola 53).19 In genere, per, il contesto condizionante il RC diventato fonologicamente opaco, dal momento che le parole dotate di efficacia rafforzativa finiscono ormai in vocale e non pi in consonante. Pertanto, in chiave prettamente sincronica risulta impossibile predire la distribuzione del RC in base alla forma fonologica delle parole condizionanti, cosicch si notano in diacronia parecchi esempi di perdita della propriet rafforzativa (cfr. la posizione sempre pi instabile di ha, nonch le oscillazioni nellefficacia rafforzativa di ogne) e di estensione analogica della propriet
18 19

Cfr. lanalogia con lindebolimento /d/ > [|] osservabile in ched > cher: cher (stato)? Per analogia si spiega la [-d-] nel numerale cardinale dicedotto / decedotto (cfr. Cortese2 4.12).

40

rafforzativa (cfr. STO > sto [+RC], presumibilmente per analogia con (SUM >) *SON > so [+RC]). Il RC va necessariamente ritenuto perci una propriet lessicalizzata di determinate parole. In virt della natura lessicale opaca del fenomeno, non dester stupore scoprire che neppure fra gli studiosi esiste un consenso assoluto sulla questione di quali parole siano dotate della propriet di provocare il RC.20 Ciononostante, possiamo essere sicuri dellefficacia rafforzativa delle seguenti parole: Avverbi: *ACCU+HAC > (a)cc qui, qua (acc [dd]into qua dentro), *ILLOCO > lloco cost, cost (lloco [ff]ora cost fuori), ILLAC > ll l, l (ll [bb]ascio l basso [laggi]), PLUS > cchi pi (cchi [dd]oppo pi dopo [pi tardi]), *ACCU+SIC > accuss cos (accuss [gg ]elato cos gelato), nonch lobsoleto SIC > s (v. 21.1.4; p.es. Quisto libro o questa opera s sse intitula [] (LAFGP 1r.a12)); Negazione: NON > nu(n) non (nu [kk]urrveve non correvate), NEC > n (n [bb]uie n voi); Preposizioni: AD > a (a [tt]iempo), CUM > co con (cu [kk]arma con calma), PER > pe (pe [dd]imane per domani), INTER > nfra / ntra fra (nfra [dd]e nuje tra di noi; v. Malato 1970b, 74 n. 31; Perrone 1977, 219); Quantificatori: TRES > tre(je) tre (tre [pp]ummarole tre pomodori), ed altri derivativi (p.es. trentatr [ll]ibbre, per non in trrece tredici), * QUAL+QUID > carche / cacche qualche (cacche [ff]mmena qualche donna), OMNES > ogne (ogne [gg ]uorno ogni giorno, Ogne bajassa (Cortese4 1.17)); Determinanti / Quantificatori / Aggettivi prenominali maschili (uscenti in [-u]) occorrenti con sostantivi non numerabili (appartenenti alla cosiddetta classe del neutro; v. 4.4.2.): ILLUD > o il (o [ff]uoco), (ECCU+)ISTUD > (che)stu questo (chestu [kk]af), (ECCU+)*IPSUD > (chi)ssu (obs.) codesto, (ECCU+)ILLUD > chillu quello (chellu [ll]atte), tantu (tantu [ff]ierro), atu altro (atu [pp]ane), quantu, pocu (pocu [bb]eleno), bellu, bruttu, poveru, ecc.; Determinanti / Quantificatori / Aggettivi prenominali femminili plurali (uscenti in [-i]): *ILLAES > e (e [tt]etlleche le ascelle), (che)sti queste, (che)ssi (obs.) queste, chelli quelle (chelli [pp]azzielle quei giochi), ati altre, cierti / certi alcune (cierti [ttS]erase alcune ciliegie), quanti, pochi, belli, brutti, poveri (poveri [kk]reature povere bambine), ecc.; Pronomi clitici: ILLUD > o lo (maschile [-num.]; o [kk]apesco capisco ci), e li, le (e [bb]eco li / le vedo);21 Verbi: EST > (y) ( [mm]uorto), POTES > pu puoi (pu [rr]umman puoi rimanere), POTEST > p pu (Lucia se ne p [gg ]i Lucia se ne pu andare),
20

21

Si vedano a tal proposito gli elenchi e/o le descrizioni esposti in Capozzoli (1889, 57), Rohlfs (1966, 237238), Malato (1970b, 7477), Bichelli (1974, 6062), Imperatore (1974, 41), Perrone (1977, 219), Iandolo (1994, 99), Avolio (1995, 4950), Formentin (1998, 275sgg.), Bullock (2000, 4647), De Blasi e Imperatore (2000, 4849), Iandolo (2001, 123127, 167168), De Blasi (2006a, 2930). La forma del f.pl. deriva da *ILLAES, mentre il m.pl. sarebbe continuatore di un ILLI che avr acquisito la sua efficacia rafforzativa per analogia con la forma femminile plurale (Andal 1991, 243); per unipotesi alternativa, v. 1.4.3.

41

(SUM / SUNT >) *SON > so sono (1sg. / 3pl.; me ne so [ss]agliuto, so [kk]are sti pummarole [pomodori]), SIS > s sei (si [gg ]uto sei andato), STO > sto sto; sono (per analogia con so (< *SON), sto [pp]arlanno sto parlando (De Blasi 2006a, 30)), dongo > do (per analogia con sto e, a sua volta, questultimo con so; ce do [dd]enare gli do soldi), FAC > fa fa(i) (2sg. imp.; fa[ll]o! fallo!), DIC > di d (2sg. imp.; di[mm]llo! dimmelo!), *STA(S) > sta sta(i) (2sg. imp.; sta[ll]o vecino stagli vicino!), *DA(S) > da da(i) (2sg. imp.; da[tt]e na mossa! datti una mossa!), *VA > va(i) (2sg. imp.; va[ll]o a pigli! vallo a prendere!), ERAT / ERANT > isch. era / erano (erano [bb]enute; v. Freund 1933, 65), *FAT > proc. fa (fa [ff]rto fa freddo (Parascandola 1976, 67);22 Congiunzioni: ET > e (e [nn]uie e noi), AC > a e (CASEUM AD OLIUM > casadduoglio pizzicagnolo, DECEM+AC+ SEPTE > diciassette), QUID > che (vulimmo che [bb]ene? vogliamo che venga?); Titoli: MAGISTER > masto maestro, capo (mastu [ttS]iccio),23 MATER / PATER > madre / padre (titolo religioso; madre [rr]ita (cfr. anche il nome composto matrepperla madreperla (Andreoli [1887] 1993, 225)), padre [kk]arlo), FRATER > fra (fra [tt]otonno Frate Antonio; v. Iandolo 2001, 41 n. 2); Interiezioni: ah interiezione di correzione (Ah [kk]ane, chesto faje? Ah cane, questo fai?; Malato 1970b, 30), e / o marche vocative (e [ss]ingniore, o [ff]iglio; Formentin 1998, 277); Si noti che, differentemente dallitaliano-toscano, i seguenti lemmi sono privi di efficacia rafforzativa in napoletano: ma, ggi, chi, comme, (AUT >) o, va / da / fa / sta (3sg. indic.),24 AD+ / DE-AB+ DE-UBI > add / a ddo (oppure a ro) (a) / da dove (p.es. a ddo s asciuto? da dove sei uscito? (Iandolo 2001, 135, 139)). Altri invece, pur essendone privi nel dialetto moderno, presentano indizi residui di unantica efficacia rafforzativa: *SE(D) > si se (se buoi tu (Epistola 181.18); v. anche Maturi 2002, 119), SIC > s (sicch; Formentin 1998, 277), ECCE HOC > cz (cz cche; Formentin 1998, 277), FUIT > fu (fu ghianca [bianca] (Cortese3 4.5), fu ghiettato (Cortese4 149); v. anche Maturi 2002, 111), *VAT > va (Vasse chesto confrontanno co la settenzia dAvidio (Cortese4 135)), DE-AB > (d)a (io aggio da ghire [andare] a Napole (Sarnelli 174)).25 1.4.1.1. Casi misti Alquanto confusi sono i dettagli riguardo alla capacit rafforzativa di pecch perch, che e ha. Per quanto riguarda il primo, c da un lato chi sostiene che pecch raddoppia solo nelle interrogative dirette (p.es. Pecch [rr]ispunne? (Bichelli 1974,
22 23

24 25

Si noti che, a differenza dellitaliano ho, la corrispondente forma procidana h non raddoppia (p.es. [o "fett] ho fatto; v. Maturi 2002, 117 n. 71; Sornicola 2002, 140). Cfr. anche il rafforzamento anche ortografico nei nomi composti mastuffacenna faccendone, affannone (Andreoli [1887] 1993, 225), mastuggirgio infermiere di ospedale psichiatrico; chi assume atteggiamenti altezzosi e autoritari (DAscoli 1990, 332). Le corrispondenti forme dellitaliano regionale sarebbero invece marcate [+RC] (Canepari 1999, 447). Da non confondersi per con AD DE- UBI > add (a) dove.

42

60)) ma non nelle interrogative indirette n quando assume funzione di congiunzione (v. Rohlfs 1966, 237238; Bichelli 1974, 60; cfr. per Pecch ghieva [andava] sto giovene norato (Cortese1 2.22), dove funge da congiunzione causale), osservazione parzialmente confermata inoltre dagli esempi che si possono ricavare dalle trascrizioni fonetiche in Battisti (1921, 113114), ossia [pk"ke l l e "fatt]? perch lhai fatto?, ma [pk"ke n u mm "fid kkju] perch non me ne fido pi (= non ho pi voglia). Daltro canto, Loporcaro (1997a, 48) e De Blasi e Imperatore (2000, 49) asseriscono esplicitamente che pecch non raddoppia mai. Con tutta probabilit, tale situazione alquanto confusa va interpretata come un altro riflesso del noto polimorfismo del napoletano (e degli altri dialetti campani), per cui la parlata di individui e, nel senso pi largo, di una comunit, va ritenuta non un rigido insieme di strutture assolutamente fisse, bens un continuum di possibili strutture fra cui ogni parlante pu scegliere a seconda di vari fattori (pragmatici, diastratici, stilistici, ecc.). Interpretato in questa maniera, si potrebbe ammettere che pecch, specie in funzione interrogativa, ha la possibilit di provocare il RC. Argomento simile pare valere per che. Alcuni autori (Rohlfs 1966, 237; Imperatore 1994, 4) notano, senza distinguere oltre, che che raddoppia, mentre altri (Bichelli 1974, 60; Bullock 2000, 49; De Blasi 2006a, 30) sostengono invece che raddoppia solo in funzione di interrogativa diretta (p.es. che [bb]u? che vuoi?),26 ma non in funzione di congiunzione (p.es. che [l]u ha fatto che lha fatto).27 Altri ancora sono pi precisi. Ad esempio, De Blasi e Imperatore (2000, 48) attribuiscono al che interrogativo, esclamativo e relativo lefficacia rafforzativa (che ppiensi? che ffemmena! che ccapa!). Analogamente, Iandolo (1994, 99) osserva che il che pronominale e aggettivale, in funzione sia interrogativa sia esclamativa, provoca il RC, e Malato (1970b, 73 n. 26) asserisce che nel dialetto moderno che sempre investito di efficacia rafforzativa. Inoltre, Capozzoli (1889, 6) riconosce ed esemplifica leffetto rafforzativo di che in funzione di congiunzione / complementatore (A Ttaddeo na staffetta fuie mannata, / Che ghiesse a Ttebba a pport na mmasciata), di aggettivo esclamativo (Vi che ghistizia bella cchessa cc) e di pronome relativo (Lo piacere, che bglio). Anche in napoletano antico appare che tanto il che relativo (p.es. chilli fratri che llo senteno (SDM 60.56), vuy che lligite (De Rosa 11v.21), la crodeltate, / che ghiea [andava] facenno (Cortese1 4.4), tutto chello che ghiate [andate] cercanno (Sarnelli 120)), quanto il che congiunzione / complementatore (p.es. voglio che ssia vostro (De Rosa 37v.17)), fossero sistematicamente caratterizzati dallefficacia rafforzativa (Formentin 1998, 276). Uno spoglio dei dati disponibili in Battisti (1921, 113114) rileva invece la presenza del RC provocato dal che pronominale e aggettivale in funzione sia interrogativa (p.es. [k t t sta aSpt"tann]? che ti stai aspettando?, [ma k l l e fatt a ffa stu "vut]? ma che lhai fatto a fare, sto voto? (per leventuale allungamento della laterale del clitico accusativale, v. 8.3.1.1.), [k k ka"ten]? che catena?) che esclamativa
26

27

Si confrontino a tal proposito esempi sia antichi (p.es. E che ghiocammo []? (Cortese1 3.3)) che moderni (p.es. che ssaccio, so spuntuto! (Russo 104), Ma che vvu camp felice []? (Chiurazzi 92), e che ppnne vste? che tipo ? (Amato e Pardo 2001, 148)). Per non chiaro qui se che sia complementatore o relativo. Per una discussione delleventuale rafforzamento dopo che in area beneventana a seconda della funzione di questultimo, v. Maturi (2002, 112113).

43

d (p.es. [ma k d "d itS]! ma che dici!), ma la sua assenza dopo che in funzione relativo (p.es. [a k"kell k "s tammu fa"tSEnn] a quelle che stiamo facendo).28 s Levidente polimorfismo dellefficacia rafforzativa di che osservabile negli studi esaminati sopra viene ribadito in maniera esplicita da Oliva (Malato 1970b, 72) nella sua trattazione settecentesca di tale argomento:
La particella che per sua natura non radoppia la consonante che le siegue, scrivendosi che te pare, che ne dice, che te mporta. vero per che alcuni fanno radoppiarla, scrivendo che tte ne pare, che nne dice, che tte mporta, ecc., il che non errore, pronunziandosi ancora cos, ma dalla plebbe; e perch da civili non vi si fa quella forza stimo esser meglio non radoppiarla. Nulladimeno, seguendo al che lv consonante, questo si muta in b da tutti indefferen(temen)te, dicendosi che buoje, che boglio, che bedo, che bedono, ecc; come anco seguendole j consonante lo mutano in ghi, dicendo che ghielo, che ghioja, che ghiostizia, ecc.

Sebbene le connotazioni diastratiche associate alleventuale RC provocato da che sottolineate dallOliva non sembrino pi valere, lopzionalit del RC dopo che (pronome / aggettivo in funzione interrogativa (in)diretta ed esclamativa) viene anche segnalata nel dialetto contemporaneo da Iandolo (2001, 125, 133, 212) con esempi quali che (f)femmina! che donna!, che ddelinquente! che razza di delinquente!, che (v)vaje truvanno? che cosa vai cercando?, che (b)bu? che cosa vuoi?, nu ccapisco cche (d)diceno non capisco che cosa dicono, nonch da Canepari (1999, 48) per litaliano regionale di Napoli (cfr. anche esempi frequenti come E tu che ffaie cc, a chestora? (De Filippo1 78)). significativo osservare inoltre che Iandolo (2001, 125, 133, 138) nota una simile opzionalit anche per i lemmi quacche qualche e (pi raramente) pe per: quacche (p)prvite qualche prete, quacche (d)dulore qualche dolore (cfr. anche quacche ghiuorno e chisto (Santoro I)), pe (s)sap a verit per sapere la verit, io venetti pe (d)dicere na cosa io venni per dire una cosa. Passando infine alla forma clitica della 3sg. del presente indicativo di av, ossia (h)a (qui non ci interessa la forma piena ave ha, riceve; v. 10.1.3.2), si nota, al pari di pecch e di che, un notevole grado di polimorfismo di difficile caratterizzazione. In breve, si avverte in et moderna una tendenza sempre maggiore per il RC a non verificarsi dopo ha. Ad esempio, notiamo che in passato la propriet rafforzativa di ha era senzaltro pi stabile, come notato peraltro da Capozzoli (1889, 7), il quale cita esempi settecenteschi quali Fastidio non le d, ca no ncha ghiusso (Nunziante Pagano, 16831756?), Ha bolto (LEneide di Nicol Stigliola 1699), esempi largamente riscontrabili anche in testi di epoche precedenti (Formentin 1998, 279 n. 808): chi ha biento naveca (Basile 678), Duna che lha boluto secutare [inseguire] (Cortese1 9.14), Ma no lo credarr chi no lha bisto (Cortese3 2.7), ha boluto (Sarnelli 100), e ttanta collera chisto sha ppegliato (Rocco 103, Argomiento). interessante osservare inoltre che, anche quando agglutinato allinfinito nella forma
28

Come si vedr in seguito, lassenza del rafforzamento in questesempio non pu essere attribuita alla presenza del nesso consonantico iniziale st-. Ciononostante, lefficacia rafforzativa di che relativo si vede chiaramente in esempi quali chella povera figliola dAverza che ghieva vennenno [vendendo] lasprinia [vino bianco della zona di Aversa] (Scarpetta14 III.8), ["kel k diSEt] (Bafile 1997, 455).

44

zione del futuro sintetico (v. 10.4), ha dimostra di provocare il RC (Formentin 1998, 279 n. 808), come ci dimostrano esempi come mostreratte (De Rosa 72r.27). Nel dialetto moderno, invece, la situazione risulta molto pi fluida. Sebbene Rohlfs (1966, 237) e Imperatore (1974, 41) non segnalino nessuna variazione, attribuendo tout court ad ha lefficacia rafforzativa, Loporcaro (1988b, 354), De Blasi e Imperatore (2000, 49), Maturi (2002, 39 n. 13, 109) e De Blasi (2006a, 30) ne negano la propriet rafforzativa, situazione rispecchiata anche da altri studiosi come, ad esempio, Iandolo (1994, 99) che non ne fa neppure menzione nella sua discussione del RC. In confronto, tutti paiono riconoscere lefficacia rafforzativa sistematica (per non dire cristallizzata) di ha nella perifrasi deontica / futuristica ha dda. In conclusione, si pu riconoscere nel dialetto contemporaneo un indebolimento sempre maggiore delleffetto rafforzativo dellausiliare perfettivo ha, sebbene esso non sia del tutto scomparso e persino ancora vitale presso certi parlanti: ha durmuto [a ddur"mut] / [a rur"mut] ha dormito. Significativa a questo proposito anche losservazione di Canepari (1999, 448), che sottolinea anche nellitaliano regionale di Napoli linstabilit dellefficacia rafforzativa dellausiliare perfettivo ha (v. per Maturi 2002, 109). Va anche notato che alcuni lemmi oscillano nella propria capacit di provocare il RC a seconda dal loro diverso impiego morfosintattico. Ad esempio, in genere, la forma verbale sto apporta il rafforzamento della successiva consonante quando funge da ausiliare progressivo con il gerundio (p.es. me sto [kk]armanno mi sto calmando), ma non provoca il RC quando funge da predicato copulare sostituendo il pi frequente allomorfo stongo (p.es. sto [k]armo sto calmo; v. Andal 1991, 246; Canepari 1999, 447448), bench Iandolo (2001, 135; v. anche p. 220) sostenga che il RC dopo sto (in funzione sia di ausiliare che di copula) sia completamente opzionale: sto (v)venenno sto venendo, sto (m)malato sono malato, sto nniro sono rabbuiato / adirato. Qui si potrebbe anche menzionare il comportamento ambiguo di ogne, il quale, sebbene dotato di propriet rafforzativa quando adoperato con sostantivo femminile (p.es. ogne [ss]ignora), provoca solo opzionalmente il rafforzamento con sostantivi di genere maschile (Iandolo 1994, 39): ogne [ss]ignore, ogni ghiuorno (Scarpetta10 I.9). Qui sorge il sospetto che tale distribuzione del RC si sia sviluppata sul modello analogico di quanto succede con i SN plurali (cfr. e [ss]ignore le signore vs e [s]ignure i signori), ipotesi resa tanto pi plausibile dalla semantica di ogne che equivale a tutte + sostantivo plurale (tutte [ss]ignore / tutte [s]ignure). Sebbene comunemente classificati come tali, i lemmi nun e che non sembrano, in realt, essere voci dotate di efficacia rafforzativa. A differenza degli altri lemmi caratterizzati dallefficacia rafforzativa, nun e che (qualora occorrano in posizione prevocalica) finiscono tuttora in consonante: nun partuto [nun n Ep par"tut], nun asc! [nun n aS"Si] non uscire!, o saccio ched [os"sattS kd \k| E] lo so cos, d | Ched stato? [kd \k| E stat] Che cosa successo?. Dal momento che tale cond | sonante presente nella struttura lessicale di tali lemmi, apparenti casi di rafforzamento quali [nu ttuk"ka] non toccare e o saccio che fa [os"sat k f fa] lo so che fa vanno ritenuti invece semplici casi di assimilazione sincronica in sandhi esterno, come confermano esiti multipli come nun vneno [num "bEnn] / [num "m Enn] / m m m [nu b "b Enn] non vengono. b

45

1.4.2. Distribuzione 1.4.2.1. Restrizioni lessicali e sintattiche Mentre normalmente qualsiasi parola preceduta da lemma marcato [+RC] subisce rafforzamento sotto condizioni sintattiche appropriate (v. sotto), fanno eccezione a tal riguardo gli articoli indeterminativi nu (m.) / na (f.) e il pronome clitico dativo / locativo ce (anche nce), le cui consonanti iniziali non raddoppiano mai (v. Bichelli 1974, 62; Iandolo 1994, 99; Canepari 1999, 448; Iandolo 2001, 76, 124, 268): s nu fesso [si nu "f ess] sei un fesso (ma cfr. s fesso [si f "fess]), pecch ce lhe amf munnato? [pk"ke t S ll e ammun"nat] perch non glielhai sbucciato?. Limpossibilit di rafforzamento in questi casi si spiega se assumiamo che ad un livello sottostante le voci in questione inizino tuttora per vocale, poich storicamente sono state soggette allaferesi: UNUM / UNAM > unu / una > no / na, *HINCE > *ince > (n)ce. Anche qui vanno inclusi i nessi composti da nasale + C, i quali non si rafforzano mai in conformit con le particolari condizioni fonotattiche del dialetto (p.es. mpazzito [E m bat"tsit] impazzito, cchi nzalata [kkju n "tsalat] pi insalata; v. Bichelli 1974, 62; Castagna 1982, 47), ma che possono analizzarsi a livello sottostante anchessi come voci inizianti per vocale. Contrariamente al toscano-italiano, per, i nessi di /s/ + C sono in genere passibili di rafforzamento (p.es. cchi spesso [kkju S "Spess] pi spesso, tre sfugliatelle [treS -Sfua"tEll] tre sfogliatelle; S v. per Malato 1970b, 72; Imperatore 1974, 4142). Non essendo il rafforzamento un fenomeno prosodicamente condizionato, la sua distribuzione in napoletano risulta altamente sensibile alla configurazione sintattica (v. Fanciullo 1986, 88, 1997; Andal 1991; Loporcaro 1997a, 49; De Blasi e Imperatore 2000, 4950), in quanto parole marcate [+RC] provocano il rafforzamento della consonante iniziale della parola successiva solo se le due parole entrano in una delle seguenti tre relazioni centrali: modificatore-testa: accuss friddo [akkus"si ffridd] cos freddo (cfr. per accuss chiammaie subbeto [akkus"si kjam"maj "subbt] cos chiamai subito), nun vevo cchi vino [nu "vev kkju b"bin] non bevo [berr] pi [altro] vino (cfr. per nun vevo cchi vino [nu "vev kkju "vin] [gi] non bevo pi [la] birra, dove cchi modifica il verbo e non il complemento nominale), cc sotta [kka s"sott] quaggi (ma cc sgarre [kka "Zgarr] qua [in questo] sbagli); testa-testa: nu chiagne [nu k"kja ] non piange, o saccio [o s"sattS] lo so [ci]; testa-complemento: sto penzanno [sto ppn"tsann] sto pensanno (cfr. per ce sto pecch [tS sto pk"ke] ci sto perch), so pap [sO ppa"pa] sono pap (cfr. per si so comme rice tu [si sO "komm "riS tu] se sono come dici tu), pe vuie [pp b"buj] per voi; Nel caso in cui intervenga uno stacco, per quanto minimo, tra un lemma marcato [+RC] e il lemma successivo come, per esempio, una breve pausa, esso basta, a differenza di quanto accade in toscano, ad impedire leventuale rafforzamento (Iandolo 2001, 124): vaco a (m)marripus vado a riposarmi, cchi (t)te guardo e cchi (m)me pare bbella pi ti guardo e pi mi pari bella. 46

Losservata sensibilit strutturale dellapplicazione del RC spiegherebbe anche perch nella parlata di certi parlanti (come notato sopra) linterrogativa pecch provochi il RC nelle interrogative dirette (p.es. pecch cantano? [pk"ke k"kandn] perch cantano?), ma non nelle interrogative indirette del tipo nu saccio pecch cantano [nu s"sattS pk"ke "kandn] non so perch cantano. Solo nel primo caso pecch entra in una relazione di modificatore-testa (= specificatore-testa) con il verbo finito sollevato alla posizione del complementatore, mentre nel secondo caso il verbo, sebbene adiacente a pecch sollevato nella periferia sinistra, rimane invece allinterno del nucleo frasale. 1.4.3. Morfologizzazione del RC Nel sistema dei determinanti gli effetti del RC si sono morfologizzati come marca di genere e/o di numero. Pi specificamente, i determinanti provocano il rafforzamento di certi sostantivi maschili non numerabili (i cosiddetti neutri) e di tutti i sostantivi femminili plurali (De Blasi 2006a, 3241). Storicamente, il motivo del rafforzamento in tale contesto risale alla progressiva assimilazione di unantica consonante finale, ossia -D nel caso del maschile [-num.] (p.es. (ECCU+)ILLUD PANE > chellu / o [pp]ane quel / il pane), e -S nel caso del plurale femminile (p.es. (ECCU+)ILLAES CASA(S) > chelli / e [kk]ase quelle / le case; v. Rohlfs 1968, 418; Loporcaro 1988b, 353; Iandolo 1994, 30; Avolio 1996, 309, 312, 320). Per quanto riguarda i pronomi clitici accusativali di 3a persona, in essi si nota solo un sincretismo parziale con i determinanti non pronominali: mentre il clitico maschile [-num.] o provoca il RC al pari dellarticolo determinativo, distinguendosi perci dallomofono clitico maschile [+num.] (p.es. o [ss]accio lo so [ci] vs o [s]accio lo conosco), la distinzione di genere caratterizzante il sistema dei determinanti si neutralizzata nei corrispondenti pronomi clitici, cosicch il RC opera dopo pronomi di entrambi i generi (Iannucci 19481949, 239): e [l]ibbre (m.pl.), e [bb]eco i libri, li vedo e e [kk]ase (f.pl.), e [bb]eco le case, le vedo. La capacit rafforzativa delle varie forme dellarticolo determinativo e dei corrispondenti pronomi clitici viene riassunta nella Tabella 1.2:
Tabella 1.2: Lefficacia rafforzativa dei determinanti e dei pronomi clitici Determinante Pronome clitico m.sg. [+num.] m.sg. [-num.] + + f.sg. m.pl. + f.pl. + +

Andal (1991, 243) ipotizza che lestensione dellefficacia rafforzativa al clitico maschile plurale sia stata favorita dallomofonia dei pronomi plurali maschile e femminile, entrambi [e] (oppure [i]). Rimane per da spiegare perch larticolo determinativo maschile plurale non provochi il RC, poich anchesso omofono dellarticolo determinativo femminile plurale. Per, non chiaro che si tratti effettivamente di unestensione dellefficacia rafforzativa dal paradigma dei determinanti (nella fattispecie dellarticolo determinativo) al paradigma dei pronomi. A riprova di ci, si consideri il fatto che il rafforzamento dopo il pronome maschile plurale piuttosto antico, come conferma il riscontro ortografico diretto nei testi se- e settecenteschi (p.es. se no se le bedea stennerire [morire] (Sarnelli 152), Chi le ble, 47

che bgale [vada-] cercanno / chisse guste damore (Oliva 9.910), Conservate le ttengo (Rocco 44.101), le bide ghi [andare] pe llaria (id. 220.101), senza che le ssiente / tocca le cciampe [zampe] n terra (id. 259.55), a te le ddedeco (id. 100.221)). Questo indurrebbe pertanto ad ipotizzare unetimologia diversa del pronome maschile plurale rispetto allomofono articolo determinativo, ossia ILLOS > le (li) > e (pronominale) (con -S finale alla base del rafforzamento) di fronte a ILLI > le > e (articolo). In virt della neutralizzazione generale delle vocali atone finali ridottese a [], il RC provocato dai determinanti ha assunto una funzione morfosintattica centrale,29 marcando una distinzione tra il maschile [-RC] ed il femminile [+RC] nei SN plurali (cfr. e [f]gilie i figli vs e [ff]iglie le figlie), nonch una distinzione [num.] in una sottoclasse di sostantivi maschili (cfr. o [p]ane quel pane, la pagnotta vs o [pp]ane il pane (generico)).30 Nel dialetto moderno la situazione si rivela per pi complessa, in quanto la classe di lemmi marcati [+RC] stata estesa ad includere altri elementi prenominali, cio termini cardinali e quantificatori quali quanto, tanto, poco, nisciuno nessuno, ato altro, tutto, ogne, paricchio parecchio, primmo, secunno secondo, rdemo ultimo, prssimo, e una ristretta classe di aggettivi spesso adoperati in posizione prenominale quali bello, brutto, buono, granne, viecchio, pvero, malo cattivo (v. 6.4.1.1). Il rafforzamento opera quindi in contesti come tantu [pp]ane (m. [+num.]), ati [pp]ummarole altri pomodori (f.pl.), belli [rr]ecette (f.pl.), granni [kk]ase grandi case (f.pl.), ma non in sequenze come tantu [s]ole (m. [+num.]), ati [k]urtielle altri coltelli (m.pl.), belli [r]iale bei regali (m.pl.), granni [p]aiese grandi paesi (m.pl.). In sequenze di pi elementi prenominali, per, solo il primo a provocare il RC (Iannucci 19481949, 238): o [mm]eglio [p]ane il miglior pane. Si noti inoltre che tutti i lemmi provvisti dellefficacia rafforzativa sono anche quelli che escono in vocale finale distinta (v. 2.3.2.3.3.1), una classe che viene esaminata in maggior dettaglio al 6.4.1.1.

29 30

V. anche la discussione della morfologizzazione della metafonesi al 2.2.2.2.2. Avolio (1996, 320) ipotizza che lattuale omofonia dellarticolo maschile [+num.] e dellarticolo maschile [-num.] (ossia o) possa essere il risultato di una generalizzazione (intorno alla fine dellOttocento) delloriginaria forma maschile [-num.] lo > o che venuta subentrando alloriginaria forma maschile [+num.] con vocale alta lu.

48

Capitolo 2: Vocalismo

2.1. Vocalismo: Panorama generale


Presentiamo nella Tabella 2.1 il vocalismo tonico e atono del napoletano moderno (v. anche Radtke 1997, 53sgg.):
Tabella 2.1: Vocalismo tonico e atono del napoletano moderno Vocalismo Tonico i e E a A\A) u o O i Vocalismo Protonico u a Vocalismo Postonico i a u

2.2. Vocalismo tonico


Al vocalismo tonico del napoletano sottost il sistema vocalico del protoromanzo occidentale (Vincent 1988, 33), caratterizzato dalla fusione delle antiche e nella [e] (p.es. P RAM > pera, T LAM > tela), e delle antiche e nella [o] (p.es. N CEM > noce, S LEM > sole). Delle otto vocali toniche il riconoscimento di una vocale bassa posteriore /A/ (eventualmente nasalizzata: [A)]) risulta alquanto problematico in quanto apparentemente non farebbe parte dellinventario fonemico di tutti i parlanti. Per esempio, De Blasi e Imperatore (2000, 2526) la identificano soprattutto con la parlata dei ceti popolari (v. anche Maturi 2002, 44), mentre Canepari (1979, 14.60), Radtke (1988, 654) e Sornicola (1997a, 332) la ritengono invece corrente nella parlata della maggior parte dei dialettofoni, almeno in contesti specifici. In base ai dati dellALCam, Radtke (1997, 5051, 59) fornisce invece una descrizione molto pi dettagliata della distribuzione della /A/: nel napoletano urbano essa troverebbe maggior riscontro in periferia (p.es. a Pozzuoli), sebbene non paia possibile collegarne limpiego con determinati fattori sociolinguistici, mentre nel centro di Napoli limpiego di /A/ caratterizzato da connotazioni stigmatizzanti, risultando pi usuale fra i ceti popolari. A prescindere da queste differenze diatopiche e diastratiche, la /A/ (oppure [A)]) ricorre di regola pi spesso nelle sillabe toniche aperte finali delle parole apocopate: fare > fa [fA] (oppure [fA)]), mamma / masto > ma [mA] (oppure [mA)]) mamma / maestro (voc.). Pi raramente, /A/ si riscontra anche nelle sillabe atone, specie nel discorso enfatico (Sornicola 2006b, 300): che casino! [k kkA"sin]. Tuttavia, la scelta di trattare /A/ da fonema distinto tuttaltro che chiara cosicch forse converrebbe considerarla come allofono di /a/ dal momento che entra 49

solo raramente in opposizione contrastiva con questultima (e anche in tal caso si trova sempre in libera variazione con /a/) in coppie minime quali che fa? [k ffA)] che fare? vs che f? [k ffa] che fa?; ma [mA)] mamma! (voc.) vs ma [ma]. Dalla Tabella 2.1 sopra emerge che a livello fonematico il vocalismo tonico napoletano caratterizzato da quattro livelli di apertura e da una distinzione anteriore / posteriore. Tutte e otto le vocali ricorrono in sillabe sia aperte che chiuse: chi [ki], pizza ["pitts], me [me], vncere ["ve dZr], pere ["pEr] piede, penza ["pEnts] pensa, aspett [aSpt"ta] (oppure [aSpt"tA] / [aSpt"tA)]), mamma ["mamm] (oppure ["mAmm] / ["mA)mm]), bona [b"bOn] buona, forte ["fOrt], mo [mo] ora, monno ["monn] sbuccio, o ra [orra"u] rag, fummo ["fumm] fumo. In pi, /i/ e /u/ presentano i rispettivi allofoni [j] e [w] in posizione non nucleare: cchi [kkju] pi, buono [b"bwon]. Per quanto riguarda le vocali medio-alte /e/ ed /o/, bisogna notare che si realizzano sensibilmente pi strette delle loro corrispondenti toscane (Malato 1970a, 19; Bichelli 1974, 35 n. 1; De Blasi e Imperatore 2000, 26), al punto tale che ad un orecchio poco abituato si lasciano facilmente confondere con le vocali di massima apertura /i/ e /u/: e bbene [e b"ben] le vene, o sole [o "sol] il sole. In modo analogo, anche le vocali medio-basse /E/ e /O/ sono caratterizzate da una realizzazione pi stretta rispetto alle loro corrispondenti toscane (Sornicola 1997a, 332): vene ["vEn], sola ["sOl] suola. Quanto allopposizione medio-alta / -bassa, la quale veicola unalta portata funzionale, questa si verifica soltanto nelle sillabe toniche (v. Malato 1970b, 32; Castagna 1982, 40; De Blasi e Imperatore 2000, 26; Iandolo 2001, 5153): v[e]na vs v[E]ne viene, v[e]ngo vendo vs v[E]ngo, m[e]ta pagliaio vs m[E]te miete, m[e]la mele vs m[E]le miele, t[e] vs t[E] tieni, ecco, t, s[e]rva selva vs s[E]rva domestica, v[o]ta volta, volge vs v[O]ta volta, occasione, s[o]le vs s[O]le suole, c[o]la vs C[O]la Nicola, c[o]rre corre vs c[O]rre corna, c[o]zzeca crosta vs c[O]zzeca cozza, [o]gne unghie vs [O]gne ogni; isch. p[e]nne penne vs p[E]nne panni. In maniera eccezionale, tali distinzioni di apertura vengono conservate anche quando le vocali medie occorrono in sillaba dotata di accento secondario (Iandolo 1994, 3536): gentarella [dZEnda"rEll] gentuccia, gentaglia, scolamaccarune [SkOlamakka"run] scolapasta. Infine, a volte la distribuzione delle vocali medie si allontana da quella toscana (Iandolo 1994, 3536; Iandolo 2001, 5354) per cui, ad esempio, dove il toscano ha la vocale medio-alta, il napoletano presenta quella medio-bassa in voci quali ancora, doppo, vero, mentre, torna, verde, -ento (p.es. mumento momento), e -mente (suffisso avverbiale). 2.2.1. Dittongazione 2.2.1.1. Dittonghi spontanei Prescindendo dagli effetti metafonetici sulle vocali medie (v. .2.2.2), notiamo inoltre che le vocali medio-alte /e o/, nonch le vocali alte /i u/, vengono sistematicamente coinvolte in processi di dittongazione spontanea nelle parlate del Golfo di Napoli (p.es. Ischia, Procida, Monte di Procida, Pozzuoli, Portici, Torre Annunziata, Ercolano, Torre del Greco) producendo vari tipi di dittongo discendente. Perci, quando non soggette alla metafonesi sotto linflusso di unoriginaria - o - , le /e/ ed 50

/o/ toniche delle sillabe aperte e chiuse passano ai rispettivi dittonghi discendenti [aj] e [aw] (o pi sporadicamente a [ej] e [oU]):1 Forio dIschia tela > taila, neve > naive, secca > saicca (cfr. sicco (m.sg.)), essa > aissa (cfr. isso (m.sg.)), recchie > raicchie orecchie, voce > vauce, rossa > raussa (cfr. russo (m.sg.)), sorda > saurda (cfr. surdo (m.sg.)), fronte > fraunte; Panza (isch.) lummineke domenica, rummoure, cipoulla (Sornicola 2002, 139); put. *milu > *melo > mailo mela, seta > saita, vvere > vivere bere, tre > traje, vena > vaina, sola > saula, nepote > nepaute, noce > nauce. Quanto alle /i/ e /u/ toniche (siano esse originarie o esiti metafonetici), queste, specie quando in sillaba aperta, ma non esclusivamente (Avolio 1995, 62 n. 129),2 si dittongano rispettivamente in [Pj] / [{j] e [ew]: put. vino > v[Pj]no, *pelu > pilo > p[Pj]lo, pesci > pisce > p[Pj]sce (cfr. pesce > paisce), *solu > sulo > s[ew]lo solo (cfr. sola > saula), luna > l[ew]na, fiori > *fiure > h[ew]re (cfr. fiore > haure (sg.)). Pur occorrendo liberamente tali dittonghi discendenti (tranne quello derivato da /u/, ossia [ew]) sia in sillaba aperta che chiusa, a Pozzuoli si constata uninteressante interazione tra lunghezza vocalica e lunghezza consonantica in base alla pesantezza della sillaba accentuata (Russo 2002a, 285289). Pi precisamente, lesito dittongale fa s che uneventuali consonante lunga successiva venga abbreviata, in maniera che la sillaba tonica non contenga pi di due elementi: ["fPj] figlio/-i (cfr. nap. ["fij]), ["pPjS] pesci (cfr. nap. ["piS]), ["sajk] secca/-che (cfr. nap. ["sek]).3 Nel caso di /s/ seguita da consonante, la quale suole passare in posizione di coda della sillaba precedente (p.es. gi-nes-tra) come elemento ambisillabico, si nota invece una sua collocazione nellattacco della sillaba successiva in presenza di un dittongo discendente (p.es. [dZi-"naj-str]; Russo 2002a, 286287). In certi casi la qualit dellesito dittongale pu variare in base a fattori sociolinguistici e fonosinttatici. Ad esempio, nel dialetto di Barano (Ischia) Rohlfs (1966, 28) attribuiva i dittonghi [aj] / [aw] ai parlanti anziani, ma i varianti [Ej] / [Ow] ai parlanti delle generazioni pi giovani (p.es. saicca / seicca secca; magra, nepaute / nepoute nepote). Per Pozzuoli, invece, Rohlfs (1966, 3031) riporta limportanza della posizione dellaccento sintattico della frase nel determinare il prodursi o meno della dittongazione spontanea. A titolo desempio, nel sintagma nominale semplice a sita la seta si verifica il passaggio di /e/ a [aj] come conseguenza del fatto che laccento frasale cade sul sostantivo, mentre nel sintagma nominale pi complesso a seta jnga la seta bianca il sostantivo seta reca solo un accento di parola, laccento frasale colpendo invece il modificatore aggettivale janga bianca (ben saldi invece rimangono i dittonghi metafonetici di fronte al cambiamento dellaccento fonosinttatico, come dimostrano esempi quali o pietto / o pietto malato il petto / il petto malato). Simili spiegazioni si applicano ai seguenti contrasti: [a
1

2 3

V. Rohlfs (1966, 27, 85, 99), Castagna (1982, 2425), Guaraldi (1982, 55), Devoto e Giacomelli (1994, 112), Iandolo (1994, 3435), Avolio (1995, 6162), Radtke (1997, 58 59), Sornicola (1997a, 332; 2002, 139140), Iandolo (2001, 71), Russo (2002a; 2002b, 202204). Russo (2002a, 276) nota per che la /u/ (a differenza della /i/) non presenta dittongazione in sillaba chiusa (p.es. b[u]rro, ma c[ew]lo). Inversamente, quando preceduta da vocale breve, una consonante breve pu a sua volta allungarsi (sebbene in maniera meno sistematica; Russo 2002a, 274).

51

"nawS] / [a "noS "rOss] la noce / la noce grossa, [nu "fPjl] / [nu "fil "fPjn] un filo / un filo fino, [vn"newt] / ["addZu vn"nut a "kas] venduto / ho venduto la casa. Radtke (1997, 5859) sottolinea peraltro la connotazione stigmatizzante del passaggio /i/ > [j] / [aj] caratteristico della parlata puteolana, spesso impiegato con effetto comico, nonch gli ipercorettisimi come spritt [Spritt] per la bibita Sprite (nella pronuncia urbana ["Sprajtt]). Quanto alle vocali medio-basse /E/ e /O/, quando non soggette alla metafonesi (v. 2.2.2.1), queste rimangono inalterate in napoletano (p.es. fr[E]ve febbre, p[E]de piede, f[E]le fiele, c[O]re cuore, r[O]ta ruota). Eccezionale invece il loro comportamento in sillaba aperta nei dialetti di Ischia, Procida e di Monte di Procida, dove un originario allungamento della vocale aperta ha finito col trasformare questultima in vocale stretta (Rohlfs 1966, 130, 156; Avolio 1995, 64 n. 139; Russo 2002b): Forio dIschia fr[e]ve, p[e]le piede, f[e]le, [kos], [puma"rol] pomodori; Procida c[o]re, r[o]ta. 2.2.1.2. Dittonghi ereditati Dei tre dittonghi latini /oj/, /aj/ e /aw/, solo questultimo, gi tendente alla monottongazione nel tardo latino (cfr. CAUDA / CODA), avrebbe in certa misura resistito alla monottongazione nei testi antichi (v. Perrone 1977, 211; De Blasi 1986, 360361; Formentin 1998, 142143; Barbato 2001, 117): POENAM > pena, SAETAM > seta, ma 1 LAUDEM > laude (Regimen 463, LVP 9, Galeota XII.26), AURUM > auro/-u oro (Epistola 182.15, LDT 51.27, LAFGP 5r.a.11 / Detto 23; ma oro (Ferraiolo 100r.30, Lupo II.41.2, Masuccio XXXII.3)), *CLAUDES > claudi chiodi (BagniR 476), FRAUDEM > fraude (LDT 57.27, Galeota XII.15), THESAURUM > thesauro / tresauro (LDT 50.19, DellAquila 2.6 / RDF 20; cfr. per thesoro / tresoro (Di Lamberto 235 / Lupo I.44.1)), TAURUM > taoro / tauro toro (RDF 7 / 8; ma toro (Masuccio XXXVII.23)), LAURUM > lauro (Brancati2 196v.24), AUDI > aude odi (De Rosa 28r.22, De Jennaro2 13), CAUSAM > causa cosa (De Rosa 38r.34), GAUDIUM > gaudio (id. 36v.20, Masuccio V.20). Caso particolare lesito della 3sg. del passato remoto -AVIT dei verbi della 1a coniugazione: il dittongo originario in -au ricorre solo sporadicamente nei testi tre- e quattrocenteschi quando seguito da pronome clitico, trovandosi invece pi spesso sostituito dalla forma maggioritaria -ao e, in misura minore, dal monottongo toscaneggiante in - (De Blasi 1986, 384386; Pasquarelli Clivio 1994, 183195; Formentin 1998, 143): trubaulu lo trov / pregao / bagn (BagniR 416 / 36 / 321), andausende / andaosende (LDT 190.2930 / 190.24), donaula / donao / duon diede(-) (De Rosa 3v.1 / 9v.18 / 70v.11). Diverso comportamento offrono invece le voci apparentemente dotte (p.es. PAUCUM , PAUPERUM) e di prestito (p.es. franco rauba), le quali non presentano mai il dittongo grafico (Rohlfs 1966, 67): povero (BagniR 17, Masuccio IX.18), cosa (Brancati2 184v.11), parole (id. 184v.25), roba (De Rosa 13r.22, Masuccio XIX.14), poco (Della Porta 24), coda (Basile 20). Quanto al dialetto moderno, bisogna notare che, al contrario della situazione descritta per numerosi altri dialetti meridionali (Rohlfs 1966, 6667), gi da tempo le forme dittongate primarie si sarebbero monottongate in [O] (a prova di ci basti peraltro uno sguardo ad uno dei vari vocabolari moderni), per cui si dice, ad esem52

pio, tisoro (o tresoro), toro, cosa, (CAUDULAM >) cdola osso sacro, oro (anche a Procida, v. Parascandola 1976, 188). Stabilire quando avvenne il passaggio di au > o non compito facile, in quanto nei testi antichi non si sempre sicuri di trovarsi di fronte ad uneffettiva pronuncia arcaica oppure semplicemente ad una grafia latineggiante, dal momento che si assiste ad alternanze grafiche quali i seguenti esempi quattrocenteschi auro / oro (De Rosa 21r.2 / 37v.21), tauri / tori tori (Brancati2 186v.10 / 205v.25), nonch alla semplice mancanza totale di varianti grafiche con il dittongo per alcune voci (p.es. cosa (BagniR 499, LVP 3, 11), holocasto (LDT 252.27), ripuoso (ib. 53.4), agusto (SDM 60.23), parole (De Rosa 1v.12, 8r.10)), a cui si possono forse aggiungere poco e povero se, al contrario della tesi rohlfsiana, non sono da interpretarsi come prestiti dotti. Pi sicura risulta invece la situazione in testi posteriori, in particolare dal Seicento circa in poi, dove lesito monottongale sembra essersi definitivamente affermato: oro (Basile 20, Sarnelli 78), tresoro (id. 46.25, id. 198), toro (Cortese3 3.3, Oliva 43.24). Pi resistente alla monottongazione in genere stato il dittongo secondario prodottosi in seguito alla vocalizzazione della laterale preconsonantica (p.es. sbalza > sbauza (obs.), caldo > caudo (oggi sostituito dalla forma cvero)), salvo in alcuni casi lessicalizzati dove prevalsa la forma monottongale in et pi recente (p.es. auto > ato altro). 2.2.1.3. Dittonghi innovativi Il napoletano conosce tutta una serie di dittonghi nuovi, di cui alcuni presentano per una distribuzione molto limitata, comprendenti undici dittonghi ascendenti (p.es. p[je]de piedi, ch[jE]tta coppia, v[ja]to biato, sc[jO]cco fiocco, l[jo]ne leone, kk[ju] pi, g[wi]da, p[we]ta poeta, f[wE]rze forse, s[wa]le soave, t[wo]no tono), e otto dittonghi discendenti (p.es. s[ej]e sei (numerale), d[Ej]e dei (sost.), [aj]za alza, d[oj]e (f.) due, v[Oj]o bue, d[uj]e (m.) due, c[Ew]za gelsa, mora, s[aw]za salsa). Combinazioni monosillabiche di tre vocali sono anche alquanto frequenti: m[jej]e miei, g[waj]e guai, v[woj]e buoi, nquieto [N-"gwje-t]. Altra fonte di dittongazione sono le combinazioni vocaliche latine EA, EO, AE e OE, in cui si osserva la chiusura di E e O tonica in iato: CREATOREM > criatore bambino, NE(G)OTIUM > nizio negozio, giugrafia geografia, AETEM > ait et, POETAM > pueta. Nei casi eccezionali in cui EA, EO e AE continuavano a formare iato, in napoletano antico si tendeva a intromettere lapprossimante [j] (Capozzoli 1889, 19; Rohlfs 1966, 474; Malato 1970a, 1718), tendenza per in netto declino nel dialetto moderno (Iandolo 1994, 38, 218): *PA(G)ENSEM > paiese > paese, MA(G)ISTRAM > maiesta > maesta, cuffeio > cuffeo sfotto, vrucculeia > vrucculea vezzeggia, scafareia > scafarea vaso di terracotta. A giudicare per dalle osservazioni del grammatico settecentesco Oliva (Malato 1970b, 51) a tale riguardo, lalternanza tra una pronuncia con iato -ea- e una pronuncia dittonghizzata -ia(p.es. pazzeammo / pazziammo giochiamo, scherziamo), doveva costituire in passato anche un indicatore sociolinguistico importante, la prima caratteristica del [l]uso della plebbe e la seconda delluso de civili. Discorso a parte meritano invece le sillabe toniche finali, in cui si conserva fino ad oggi la [j] epentetica (in seguito rafforzata da una [] paragogica; v. Malato 1970a, 18; Iandolo 1994, 76, 82):

53

MA(G)IS > (m)maie mai, DUOS / DUAS > dduie / ddoie due (m. / f.), MEAS > meie mie, NOS > nuie noi, VOS > vuie voi, BO(V)EM > voio bue, * FAS > fai > faie. Infine anche di qualche interesse sono gli effetti della vocalizzazione che ha creato una serie di dittonghi innovativi (Malato 1970a, 18; Iandolo 1994, 37): *ALTIARE > alzare > auzare > aiz(re), ALTUM > alto > auto (> veto), CALDARIAM > caudara caldaia (oggi sostituito da caurara / caurarone), EX+SL(U)TUM > sciuolto > sciuuto (> (epentesi) sciuveto), lomb. milzi > muza (Basile 510) > mvuza milza, COGNATUM > *coinatu > cainato cognato. Per in altri casi si riscontra la semplice scomparsa delloriginaria occlusiva velare sonora o della liquida: COGNOSCERE > canscere conoscere, CALCEAM > calzina > cazina (anche cauzina), PULVERUM > plvere > prvere > pvere. Si noti che il tipo di vocalizzazione che interessa la /l/ postvocalica precedente una delle quattro occlusive /t d s z/, esemplificata sopra, viene sostituito nel dialetto moderno dal rotacismo della laterale, la quale a sua volta provoca la sonorizzazione di uneventuale consonante successiva. Perci, prestiti italiani recenti presentano /r/: molto > murdo, soldi > sorde, bolso > burzo, smaltire > smard, dolce > dorge (pi popolare doce).

2.2.2. Metafonesi Conseguenze notevoli sul vocalismo tonico napoletano si manifestano negli effetti del processo metafonetico, le cui origini vanno ricondotte ad unepoca prima di molti altri sviluppi fonetici spontanei, dal momento che gli esiti metafonetici dimostrano in numerosi casi di aver spesso alimentato ulteriori regole fonologiche (Russo 2002a, 276; p.es. put. *MEL mela > *["mil] (forma metafonetica) > ["majl] / ["mPjl] (dittongazione spontanea di /i/ tonica, v. 2.2.1.1)). In termini articolatori, la metafonesi consiste nellinnalzare la lingua verso la regione anteriore del palato duro (vocali anteriori) oppure verso il palato molle (vocali posteriori) sotto linflusso di unoriginaria /U/ (< ) o /i/ (< ) finale atona (entrambe indebolitesi a schwa ab antiquo): ROSS M/*- > russo/-e ["russ] rosso/-i vs ROSSAM/*-E > rossa/-e ["ross]. Di regola, la metafonesi agisce sulle vocali medie /e E o O/ delle sillabe toniche aperte e chiuse, nonch sulle sillabe dotate di accento secondario (Iandolo 1994, 68; Iandolo 2001, 84; p.es. viennard (LDT 90.34), miercur mercoled, quattuordecina (La Ghirlanda di Silvio Fiorillo, I.231, citato in De Caprio 2004, 98), vienetenne vienetene (Basile 744), tienatille (De Filippo1 163), vinnatllo vnditelo). In certe variet del Golfo di Napoli, che Radtke (1997, 57) identifica con un corridoio Ischia occidentale Procida Monte di Procida Capella, la metafonesi agisce, soprattutto, ma non esclusivamente, in sillaba aperta (Milano 2002, 201202), anche sulla vocale bassa /a/ (> [E], meno spesso > [e]; v. Rohlfs 1966, 45; Castagna 1982, 24; Devoto e Giacomelli 1994, 112; Avolio 1995, 63 n. 135; Como 2007, 194196):4 5
4 5

Eccezionale il napoletano MART S DIE > miercur mercoled. Lesito del processo metafonetico su /a/ parrebbe alquanto instabile, come dimostra Milano (2002) che riporta per le variet montesi vari gradi di palatalizzazioni, ossia [] (p.es. ["skk]), [E] (p.es. [pa"lEtts]) e [e] (p.es. ["vren] grano); v. anche Russo (2002a, 295) e Sornicola (2006b). Al contrario delle variet procidana e montese dove il processo metafonetico agente sulla vocale bassa [a] si del tutto morfologizzato, la sua distribuzione nelle variet ischitane per contro alquanto erratica, spesso assente dai paradigmi nominali

54

Forio dIschia ASIN M/*- > ["Esn] asino/-i (cfr. ["asn] (f.)), BRACHI M > ["rEttS] braccio (cfr. BRACHIA > ["rattS] braccia), *CAN > ["kEn] (cfr. CANEM > ["kan]), CALID M/*- > ["kevl] caldo/-i (cfr. CALIDAM/*-E > ["kalv] (f.)); proc. MART S DIEM > [mErt"ri], CANTAT M/*- > [kan"dEt] cantato/-i (cfr. CANTATAM/*-E > [kan"dat] (f.)), GALL M/*- > [VEdd] gallo/-i, CASE M > ["kes] formaggio, PASSAR M > ["pEssr] passaro; mont. ANN M/*- > ["Enn] anno/-i, SACC M/*- > ["sEkk] sacco/-chi, AC M/*- > ["Ek] ago / aghi, NAS M/*- > [nEs] naso/-i; put. COGNAT M/*- > [kaj"nEt] cognato/-i (cfr. COGNATAM/*-E > [kaj"nat] (f.)), LONTAN M/*- > [lun"dEn] lontano/-i (cfr. LONTANAM/*-E > [lun"dan] (f.)). Tuttavia, dalla descrizione di Castagna (1982, 44) della variet ischitana di Forio emerge che la metafonesi agente su /a/ risulta opzionale (p.es. nnammurate / nnammurete innamorato, chistanne / chistenne questanno, scarpare / scarpere calzolaio), conclusione ribadita, a sua volta, da Como (2007, 195) per il montese, dove la palatalizzazione di A tonica parrebbe rientrare, in maniera non del tutto sistematica, in un processo di morfologizzazione caratterizzata dallestrema irregolarit nella frequenza, e dalloccorrenza limitata ad alcuni tipi lessicali ed ad alcune categorie morfologiche (v. anche Sornicola 2006c, 214217 per le variet procidane). Sul piano diafasico, tale processo di palatalizzazione viene risentito in tale localit come un tratto stigmatizzato e considerato proprio di una lingua lontana nel tempo (la lingua dei nonni) o nello spazio (la lingua che si parla a Procida o soltanto in alcune zone del paese) (Como 2007, 196). Si noti infine come in certi casi rari lesito della metafonesi di /a/ (cio > [E]) possa perfino trovarsi soggetto alla metafonesi alla pari di /E/ originaria, per cui passa al dittongo [je]: isch. *ros[a]ri > *rus[E]ri > rus[je]re rosari (di fronte al singolare *rus[a]rio > rus[E]rio; v. Castagna 1982, 54); proc. *v[a]gni > *v[E]gni > v[je]gne bagni, *v[a]nci > *v[E]nce > v[je]nce ganci, *p[a]lmi > *p[E]lmi > p[je]lme (di fronte ai singolari *v[a]gnu > v[E]gno, *v[a]ncio > v[E]ncio, *p[a]lmo > p[E]lmo; Parascandola 1976, 202, 282283). 2.2.2.1. Esito metafonetico Lesito della metafonesi pu essere o monottongale come nel caso delle vocali medio-alte /e/ e /o/ che passano rispettivamente a [i] e [u] (p.es. *seccu > sicco secco; magro, *rossu > russo rosso), o dittongale come nel caso delle vocali medio-basse /E/ e /O/ che passano rispettivamente a [je] e [wo] (p.es. *denti > diente, *grossu > (g)ruosso grosso). Appare comunque che la qualit di queste ultime due sia soggetta a un certo grado di variazione sullasse sia diacronica che diastratica. Ad esempio, pur riconoscendo nel dialetto moderno la prevalenza di una realizzazione ascendente dei due dittonghi metafonetici,6 in cui il secondo elemento, a contrario dellitaliano (toscano), ha pronuncia stretta (De Blasi e Imperatore 2000, 31),7
(cfr. isch. (Buonopane) mustacce baffi, sciano fianco vs proc. mustecce, scenco) ma non dai paradigmi verbali (Sornicola 2006a, 133). V. Bichelli (1974, 45), Formentin (1988, 149 n. 41; 1998, 99 n. 132), Petrucci (1993, 38), Avolio (1995, 36), Radtke (1997, 56), Iandolo (2001, 53, 83, 87). Si noti che pronunce aperte in voci quali pazzilla gioco, giocattolo sono il risultato della fusione del suffisso -lla ad una base uscente in -i (pazzi-).

6 7

55

non ci pare possibile escludere completamente le varianti discendenti ["i] / ["u], le quali presso certi parlanti occorrono accanto ai corrispondenti ascendenti in maniera non del tutto ovvia (De Blasi e Imperatore 2000, 138139), forse da ricondurre alla variazione dellaccento di frase.8 Infatti tale oscillazione fra una realizzazione ascendente e discendente potrebbe continuare direttamente unantica instabilit della natura dei dittonghi metafonetici gi osservabile nei testi antichi. In particolare, accanto alle prevalenti grafie -ie- e -uo- si assiste nei primi testi anche a casi in cui laspettato dittongo viene sostituito da una vocale scempia -i- / -u (p.es. huomine / humini (LDT 49.9 / 98.25), duonno / dunno dono (RDF 75 / 76), casstiello / castillo (De Rosa 2r.26 / 23v.19), riesto / risto (id. 11v.27 / 71v.29), intuorno / inturno (id. 16v.17 / 53r.29)), indizio di una pronuncia affievolita del secondo elemento del dittongo e perci della natura discendente di esso (Sabatini 1996d; De Blasi 1995b, 177; De Blasi e Imperatore 2000, 139; Moro 2003, 85). Una maggior frequenza di tali grafie scempie presso autori meno colti come il Ferraiolo (p.es. buno buono (123r.25), grusso grosso (102v.3), dice dieci (id. 139r.23), mizo mezzo (id. 102r.38), v. De Blasi e Imperatore 2000, 143), potrebbe forse indicare la presenza gi nel napoletano quattrocentesco di una variazione diastratica tra una pronuncia prestigiosa / alta (ovvero [je] / [wo]) e una pronuncia stigmatizzata / bassa (ovvero ["i] / ["u]).9 Formentin (1993, 185), per contro, afferma, in base alla distribuzione dellinnalzamento della -e- e della -o- protoniche nei testi antichi, lesistenza di una pronuncia discendente generalizzata dei dittonghi (v. 2.3.1.3). Prove forse pi salde di uneffettiva oscillazione nella pronuncia dei dittonghi vengono da opere secentesche quali Basile, dove la grafia -ue- (generalmente interpretata come indizio di una pronuncia discendente; v. De Blasi 1995b, 178) si alterna spesso con quella in -uo- (p.es. ueglio / uoglio olio (10 / 78), cuerpe / cuorpe (32 / 118), nuestre / nuostre (24 / 426); v. Rohlfs 1966, 153; De Blasi e Imperatore 2000, 143144; Moro 2003, 142145; De Caprio 2004, 100101), mentre eccezionalmente nella voce uerco orco la variante discendente sembra addirittura essersi lessicalizzata data la bassa frequenza di grafie con il dittongo ascendente, ossia 88 esempi di uerco di fronte a solo 23 esempi di uorco (Moro 2003, 143).10 Anche di interesse sono le osservazioni del grammatico settecentesco Niccol Amenta (De Blasi e Imperatore 2000, 144), il quale comment il dittongo discendente napoletano attribuendolo persino ad influsso spagnolo (bench forse sia pi plausibile attribuire i suoi commenti alla grafia spagnolizzante -ue-, data la natura ascendente del ditton
8 9

10

Per esempio, lautore ha avuto occasione di avvertire il seguente contrasto: (parlando dei cornetti) vuoto ["vut] meglio vs o cornetto vuoto ["vwot]. Si tengano presenti nel Ferraiolo anche le grafie -ue- / -e- (ma forse di influsso spagnolo) che indicherebbero una pronuncia di tipo discendente (p.es. cuente (100r.22), accere coro della chiesa (100r.47), suene (112v.15)). Noi abbiamo invece rilevato 89 occorrenze di uerco (di fronte a 23 occ. di uorco) presso Basile. Le altre frequenze rilevate su tale testo per tutte le voci presentanti lalternanza -ue- / -uo- sono: accuerto / accuorto (1 / 3 occ.), cuerpo/-e vs cuorpo/-e (6 / 78 occ.), fuerfece / fuorfece forbice/-i (1 / 6 occ.), nuestro/-e vs nuostro/-e (2 / 15 occ.), puerto / puorto (1 / 23), taluerno vs taluorno/-e seccatura, fastidio (2 / 4 occ.), uecchio/-e vs (mal)uocchio/-e (5 / 186 occ.), ueglio / uoglio (2 / 15 occ.), uerto / uorto (1 / 12 occ.), vuestro vs vuostro/-e (1 / 13 occ.).

56

go spagnolo). Invece, un suo contemporaneo, Francesco Oliva, il quale nel 1728 scrisse la prima grammatica del napoletano, sembra riconoscere solo il dittongo di tipo ascendente qualificando come stretta la o nel dittongo -uo-. In conclusione, sia in passato che oggigiorno le testimonianze testuali e dirette da parte dei grammatici e degli studiosi indicano una situazione in cui la realizzazione dei dittonghi metafonetici pu oscillare da un lato tra una pronuncia ascendente (prestigiosa e in et moderna prevalente) e una pronuncia discendente (popolare e in passato apparentemente pi diffusa). 2.2.2.2. Distribuzione In certi testi antichi (specie tre- e quattrocenteschi) influenzati da modelli toscani non raro rilevare la mancanza dei dittonghi metafonetici, al contrario dei monottonghi metafonetici [i] (< /e/) e [u] (< /o/) i quali in genere sono tollerati negli stessi testi.11 Tale asimmetria nella distribuzione degli esiti metafonetici si spiegherebbe con il fatto che quello monottongale coincide spesso con il latino (p.es. dicto, illo, mundo, secundo; v. De Blasi 1995b, 177; De Blasi e Imperatore 2000, 145146). Caso diverso quello della mancata metafonesi in parole quali bello, che veniva tradizionalmente ritenuta un prestito letterario e pertanto esclusa dal processo metafonetico (v. Rohlfs 1966, 131; De Blasi 1986, 352 n. 26; Formentin 1998, 106 n. 172). Bisogna tener presente per che, come vedremo sotto, anche le voci dotte e i prestiti tendono in napoletano a subire la metafonesi (p.es. dbbeto / dibbete debito/-i (cfr. D BITEM/*- ), fr. conte > cuonte conti, fr. jour > juorno; v. Malato 1970a, 3638; Petrucci 1993, 41 n. 48; Formentin 1998, 95), per cui la mancata metafonesi in bello risulta eccezionale. Di conseguenza, le forme dittonghizzate boccaccesche biello e bielle dellEpistola, in passato generalmente considerate ipercaratterizzazioni, sono state interpretate invece da Fanciullo (1997, 1820) come eventuali rappresentazioni di uneffettiva pronuncia trecentesca (v. anche Sabatini [1983] 1996b, 437; De Blasi e Imperatore 2000, 140141; Moro 2003, 80). A tal riguardo si ricordi larcaismo a biellanne per mille anni ricordato da Capozzoli (1889, 82),12 nonch la forma metafonetica arcaizzante biddu dellischitano (Castagna 1982, 57), oggigiorno generalmente sostituito dalla forma non metafonetica, e il comunissimo biero del procidano di fronte al meno comune bello (Parascandola 1976, 39). In virt dellalta frequenza delle vocali metafonizzanti - e - in fine di parola, si capisce come la metafonesi venga ad interessare molte parti del discorso, ossia numerosi sostantivi ed aggettivi (v. 2.2.2.2.2) e determinate persone di certi paradigmi verbali (v. 2.2.2.2.1), nonch varie voci indeclinabili (per lo pi preposizioni e/o avverbi) quali NOS > noy > nuie noi, VOS > voy > vuie voi, PS M/- > isso/-e lui / loro (cfr. le forme femminili: PSAM/-AS > essa / esse), LL M/- > illo/-i (obs.) lui / loro (cfr. le forme femminili: LLAM/-AS > ella / elle (obs.)), DUOS > *doi >
11 12

La presenza dei monottongi metafonetici non risulta per sempre costante (p.es. sorici / surici (Brancati1 140.24 / 141.7)). Cfr. Eccotella, sia la toia da cc a biellanne, co sanetate e bellarede! (Basile 722), nonch, per stavolta in rima con noviello, biello in funzione predicativa: retroverrai chogne noviello biello (id. 242).

57

duie, *deci > riece dieci, VI(GI)NT > vinte, CENT M > ciento cento, AD PRESS M > appriesso appresso, AD HER > aiere ieri, MEC M / TEC M > mico / tico, FORS (T) > fuorze forse, *SPISS M > spisso (adesso generalmente spesso), CRAS > crai (obs.) (> proc. creje; Parascandola 1976, 87); proc. *TANDO > tenno allora, quenno quando (cfr. nap. tanno, quanno; Sornicola 2006a, 133). Conviene anche notare che, al contrario di quanto ci si aspetta, talvolta le vocali finali - e - non provocano la metafonesi in maniera sistematica (Avolio 1995, 38); questo fenomeno si riscontra per esempio nella 3pl. del perfetto forte (p.es. RESPO(N)SER (NT) > resposero) e nel modello analogico presentato da numerosi nomi maschili caratterizzati da una forma singolare non metafonetica sviluppatasi per contrassegnarsi da una forma plurale metafonetica etimologica (p.es. mnaco (cfr. lat. MONAC M ) vs munace (< *MONAC ) monaci). In origine, per, la metafonesi napoletana avrebbe giocato solo un ruolo funzionale secondario, in quanto le categorie di genere, numero e persona venivano gi marcate nei paradigmi nominali e verbali tramite le desinenze flessionali. Ciononostante, appare che le alternanze metafonetiche, pur essendo superflue, si morfologizzassero gi in epoca antica, sebbene la morfologizzazione di singole alternanze metafonetiche paia essersi stabilizzata in periodi diversi (v. infra). Fu soltanto in epoca successiva quando le desinenze vocaliche finali si furono indebolite sistematicamente a schwa, sviluppo di cui si avvertono tracce gi nei testi pi antichi, che la metafonesi assunse un ruolo morfosintattici fondamentale. Pertanto nel napoletano moderno le alternanze metafonetiche risultano pertanto molto spesso lunica marca esplicita di tali categorie flessionali. 2.2.2.2.1. Metafonesi nel verbo Le principali forme verbali soggette alla metafonesi sono esemplificate per il verbo ven venire nella Tabella 2.2 di cui sotto:
Tabella 2.2: Metafonesi nel paradigma verbale pres.indic. "vENg "vje n "vEn v"nimm v" nit "vEnn imperf.indic. v"nev v" niv v"nev ve"nevm v" niv v v"nevn imperf.cong. v"ness v" niss v"ness v"nessm v" nissv v"nessn pass.rem. " vin n v"nist "venn " vin n m v"nistv "vennn cond. vnar"ri v n ar"riss vnar"ri vnar"rim v n ar"rissv vnar"rin imp. "vjE n v"nimm v" nit

Nel presente indicativo la metafonesi alla 2sg. viene provocata da [-i] finale, che pu essere o primaria (< - S (4a coniug.) / - S (3a coniug.)) oppure secondaria ( < *[-ej] < - S (2a coniug.)): SENT S > siente, REND S > rienne, TEN S > tiene hai; tieni. Nei verbi della 1a coniugazione invece bisogna ricorrere ad una spiegazione morfologica basata sullanalogia con la 2sg. delle altre coniugazioni, dal momento che tali verbi presentano in origine la desinenza non metafonizzante -AS (p.es. *porti > puorte (cfr. PORTAS)). Considerazioni analoghe valgono anche per le forme della 2sg. dellimperfetto indicativo, le quali presentavano in tutte e quattro le coniugazioni latine la desinenza non metafonizzante -B S, per cui bisognerebbe senzaltro supporre una desinenza 58

analogica *-vi, nonch per limperativo di 2sg. nei verbi derivanti dalle 1a, 2a e 3a coniugazioni, le quali presentano in origine le vocali finali non metafonizzanti -A > -a (1a coniug.) e -E > -e (2a / 3a coniug.). Di fatto, il processo storico della metafonizzazione dellimperativo di 2sg. non si ancora compiuto nel dialetto moderno, in quanto sono ancora numerosi i verbi esenti dalla metafonesi (specie quelli della 1a coniugazione; v. 13.1; p.es. resta! (cfr. 2sg. pres.indic. rieste)), mentre altri verbi presentano forme imperativali sia metafonetiche che non (p.es. assttete / assittete! siediti! (cfr. 2sg. pres.indic. tassiette), sctate! / sctate! svegliati (2sg. pres.indic. te scite)), ed altri ancora, specie i verbi derivati dalle 2a, 3a e 4a coniugazioni latine, presentano solo la forma metafonetica: vide! vedi! (anche 2sg. pres.indic.), viene! vieni! (anche 2sg. pres.indic.; v. 13.1; Iandolo 1994, 88; Avolio 1995, 38 n. 29; Iandolo 2001, 85, 93). Poco problematico risulta invece lesito metafonetico alla 2pl. provocato da [-i] finale della desinenza -T S (e perci anche del futuro la cui desinenza alla 2pl. continua una precedente (HAB)ET (S) > -ite): TENET S > tenite tenete; avete; *TENERE+HABET S > tenarrite terrete. In maniera pi generale conviene anche notare che, al contrario della 2sg., gli esiti metafonetici evidenti della 2pl. dellimperfetto indicativo / congiuntivo e del condizionale non svolgono alcuna funzione morfologica, dal momento che lantica encliticizzazione al verbo del pronome VOS > -ve (anche scritto -vo) serve gi a contraddistinguere in maniera inequivoca la 2pl.13 Di pi difficile interpretazione si rivelano le forme della 1pl. nei verbi derivati dalla 2a coniugazione latina, in cui si suole affermare la presenza della metafonesi nellesito -immo da una precedente -EM (S) (Gaspary 1874, 431; Rohlfs 1966, 7; Avolio 1995, 62): TENEM S > tenimmo teniamo; abbiamo. Linterpretazione alternativa ritiene la desinenza -immo nei verbi derivanti dalla 2a coniugazione il prodotto di un conguaglio delle 2a, 3a e 4a coniugazioni latine (Formentin 1998, 116117), le quali sono venute a convergere in una singola coniugazione comune in napoletano (v. 9.2). Pare tuttavia altrettanto plausibile una spiegazione opposta che ritiene proprio la presenza della metafonesi alle 1pl. e 2pl. dei verbi derivati dalla 2a coniugazione un catalizzatore che avrebbe favorito e addirittura accelerato laggregazione dei verbi della 2a con quelli derivati dalle 3a e 4a coniugazioni. Questultima ipotesi trova appoggio nella constatazione che nelle variet periferiche dellarea flegrea come quelle di Monte di Procida, dove passibile di metafonesi anche la vocale bassa /a/, la metafonesi coinvolge anche il 1pl. dei verbi appartenenti alla 1a coniugazione (p.es. [mbru"emm] imbrogliamo; Milano 2002, 211) che sono senzaltro esenti da qualsiasi tendenza a conguagliarsi con i verbi delle altre coniugazioni che presentano -immo.14 Peraltro, lefficacia metafonizzante
13

14

Discorso analogo vale per il suffisso -te (< -T S) in fasi anteriori (p.es. sentvete [sn"divt] sentivate, sentssite [sn"disst] sentiste; cfr. vidisseti (Lettera2 125.33); v. Rohlfs 1968, 552, 563). In alcune parlate dellarea flegrea la metafonesi ricorrerebbe anche alla 3pl. del presente indicativo (p.es. ["vnn] (Milano 2002, 211); cfr. nap. vanno ["vann]). Si noti per che in questultimo esempio la forma verbale interessata foggiata sulla suffissazione della flessione -no alla forma della 3sg (ossia, va + no), per cui lesito metafonetico (se cos va interpretato) non pu essere determinato da una [-U] finale (ossia, VAD (NT)).

59

della - finale della desinenza -M (S) viene ulteriormente ribadita dalla constatazione che nella lingua antica tale desinenza induceva, anche se poi non in modo sistematico nella grafia, la metafonesi nelle forme forti della 1pl. del passato remoto (p.es. puossemo ponemmo (LDT 69.32; cfr. 3sg. non metafonetica posse (185.24)), vinnimo venimmo (ib. 55.6, allato a vennemo (140.9); cfr. 3sg. non metafonetica venne (53.30)), impromisemo promettemmo (De Rosa 41v.5; cfr. 3sg. non metafonetica inpromese (71v.2)), vi(n)nemo (id. 22v.23; cfr. 3sg non metafonetica ve(n)ne (1r.3)). Dobbiamo constatare anche la forza metafonizzante della [-i] finale che caratterizza la 1sg. del passato remoto. Nelle forme forti in uso nel napoletano antico, questa [-i] continua direttamente la - etimologica (p.es. POTU > puotti potei (LTD 90.36, di fronte a POTU T > potte (95.22)); si noti per che la - finale della 3pl. in -ER (NT ) non suole avere effetto metafonizzante: *PTUER NT > pottero poterono (ib. 95.5; cfr. per FUER NT > fuoro- (ib. 99.9), accanto al pi frequente foro (p.es. ib. 74.24)). Nelle forme del passato remoto debole, questa [-i] continua invece la vocale finale della desinenza della 1sg. *(ST)-ETU > -ietti > -iette (p.es. cridietti (De Rosa 50v.27), vediette vidi (Basile 426), nasciette nacqui (id. 338), faciette feci (Sarnelli 102)), sebbene nel dialetto moderno la metafonesi in tali forme si sia persa: vedette, cridette, servette (per tuttora in uso in periferia e nellentroterra: Castellammare di Stabia aviette / faciette ebbi / feci vs avette / facette ebbe / fece; proc. muvitte / mettitte mossi / misi vs muvtte / metttte mosse / mise).15 Infine notiamo come in fasi precedenti del dialetto la metafonesi potesse interessare, sebbene raramente e in maniera alquanto erratica, la radice verbale (dotata di un accento secondario) del futuro e del condizionale alla 2sg. Ad esempio, in Cavalcanti riscontriamo forme del futuro quali lievarraje (46) leverai, tiennarraje terrai; avrai (61), stiennarraje stenderai (82), vuotarraje (75), meniestrarraje rimesterai condendo (39), mbruogliarraje immischierai (37), vidarraje (39), nonch alternanze quali miettarraje / mettarraje (22 / 33), metterai, siervarraje / servarraje servirai (25 / 35). 2.2.2.2.2. Metafonesi nei nomi e negli aggettivi Gli effetti della metafonesi sui paradigmi nominali e aggettivali svolgono un maggior ruolo funzionale che non nei paradigmi verbali, in quanto la metafonesi nei nomi e negli aggettivi serve a distinguere sia il genere che il numero (ma non necessariamente contemporaneamente). In particolare, vengono coinvolte dalla metafonesi: le forme sia singolari che plurali dei sostantivi e degli aggettivi maschili derivanti dalla 2a declinazione (p.es. VENT M/*- > viento/-e vento/-i, GROSS M/*- > gruosso/-e grosso/-i); le forme del plurale dei sostantivi e degli aggettivi (di entrambi i generi in origine) derivanti dalla 3a declinazione (p.es. * C CER > ccere ceci, * TORR > turre
15

V. Iandolo (2001, 73). Nelle variet montesi tale metafonesi continua non solo alla 1sg. ma anche alla 3sg. del passato remoto debole dei verbi della 1a coniugazione, ossia *-aj > -e (p.es. [kus"te] costai/-, [pur"te] portai/-; Milano 2002, 204, 210).

60

torri, *I VEN > givene giovani); qui va ricordata anche la voce neutra la quale passata al genere femminile (nonch in tutta probabilit alla 4 a declinazione), esibisce metafonesi sia al singolare che al plurale in quelle variet dove -a- passibile di metafonesi (p.es. proc. chepa/-e testa/-e (Parascandola 1976, 69)); le forme singolari e plurali dei sostantivi derivanti dalla 4a declinazione in - (M) (p.es. MAN M > isch. / proc. ["mEn] mano (Freund 1933, 2, 3 n. 3; Parascandola 1976, 157, 165), AC M > proc. eca (Parascandola 1976, 104), re cchrne le corna (id. 11)), sebbene Castagna (1982, 48) noti per lischitano una frequente oscillazione a tal proposito, ossia a mane / e mmane accanto a a mene / e mmene la/le mano/-i (v. anche Radtke 2002, 26); le forme del plurale dei sostantivi derivanti dalla 5a declinazione (p.es. *FORTIT (ES) > furticcze fortezze), nonch occasionali residui del genitivo in - /- S (p.es. PETR > Pietre Pietro, VENER S DIE > viernard venerd), dellablativo in - S (p.es. PUTEOL S > Pozzuole Pozzuoli; v. per Formentin 1998, 289 n. 838), e del locativo in - (p.es. T RIVENT > Triviente Trivento); varie forme pronominali quali MEC M / TEC M > mico / tico (con) me / te, NOS / VOS > noi / voi > nui(e) / vui(e) noi / voi, PS M/*- > isso/-e lui / loro, LL M/*- > illo/-i egli, loro (obs.);
CAP T,

Per capire per la distribuzione della metafonesi nei nomi e negli aggettivi, occorre ricordare qui i principali rimaneggiamenti verificatisi nel passaggio dal latino al napoletano (v. anche 4.3). I sostantivi maschili e neutri (assieme ad alcuni di genere femminile) della 4a declinazione furono aggreggati alla 2a declinazione maschile, cosicch allaccusativo le desinenze singolare e plurale del maschile dovevano essere - (M) e *- , condivise peraltro dagli aggettivi maschili e neutri della 2a declinazione (p.es. *["kOrnU] / *["kOrni] corno/-i). In virt delleffetto metafonetico di queste due flessioni [-U] e [-i], sia nomi che aggettivi di questa classe nominale presentano in napoletano moderno la metafonesi: cuorno / cuorne ["kworn] corno/-i, PEL / PEL > pilo / pile pelo/-i, NEGR / NEGR > niro / nire nero. Quanto ai sostantivi e agli aggettivi femminili, i sostantivi della 4a e della 5a (con leccezione, almeno in origine, di quelli in -IT ES > [-itts]; v. 4.3.5) passarono alla 1a declinazione, per cui si ottennero le comuni desinenze femminili accusativali singolare e plurale -A(M) e -A(S) (> *-aj > -e): MATERIA / *MATERIE > materia / materie, ROSA / *ROSE > rosa / rose. Vista la natura non metafonizzante di queste desinenze, risulta chiaro che i sostantivi e gli aggettivi femminili di questa classe si distinguono dai maschili metafonici della 2a declinazione: NEGRA / *NEGRE > nera / nere. 2.2.2.2.2.1. 1a declinazione Almeno fino alla met dellOttocento non risultava rara la metafonesi in determinati sostantivi plurali derivati dalla 1a declinazione, pur trovandosi soggetta a delle restrizioni specifiche. In primo luogo erano soltanto i sostantivi, e non gli aggettivi, della 1a declinazione a presentare lopzione di un plurale metafonetico (p.es. forma / furme forma/-e (oppure non metafonetico forme), corona / corune corona/-e (Basile 490 / 758, oppure corone (760; cfr. anche Detto (23)), forca / furche (Ma61

succio II.54 / VII.43, oppure forche (XIX.15; cfr. anche Ferraiolo 123v.13, De Rosa 6r.14)), torre / turre (oppure torre)), ma ne(g)ra / ne(g)re nera/-e, e non **ni(g)re (pl.)).16 In secondo luogo, fu solo una sottoclasse dei sostantivi della 1a declinazione a presentare la metafonesi, ossia quelli dotati di una vocale medio-alta (p.es. coda / cude coda/-e (Cavalcanti 59 / 57), cotena / cutene cotenna/-e (Basile 44 / 718, allato al plurale non metafonetico (sette) cotene (716)), grotta / grutte (id. 742 / 740, allato ai metaplasmi singolare e plurale non metafonetico (la) grotte / (tante) grotte (932 / 468)), persona / persune persona/-e (De Rosa 4v.19 / 59v.25)), per sella / selle sella/-e (e non **sielle). Infine, la distribuzione della metafonesi era ben lungi dallessere sistematica e potrebbe definirsi tuttal pi instabile. Istruttive a tal riguardo sono le osservazioni del grammatico settecentesco Oliva (v. Malato 1970b, 49), il quale definisce il plurale metafonetico frizze (sg. frezza freccia) caratteristico della parlata della plebe, mentre la variante non metafonetica frezze sarebbe tipica delluso civile. A parte questi brevi commenti, la metafonesi nei sostantivi della 1a declinazione non viene considerata altrove nel suo saggio grammaticale, osservazione che si potrebbe interpretare come eventuale indizio della natura gi regressiva della metafonesi nel parlato settecentesco (v. per a questo proposito i commenti in senso contrario di Capozzoli 1889, 4952, 5659). Riguardo alla distribuzione erratica della metafonesi nei sostantivi femminili della 1a declinazione, Maiden (1991, 7.6.4., 8.4) offre delle spiegazioni convincenti. In particolare, per quanto riguarda lassenza della metafonesi negli aggettivi plurali della 1a declinazione, lo studioso sostiene che furono solo i sostantivi della 1a declinazione a sviluppare una marca plurale metafonizzante *-i accanto alla flessione plurale etimologica -e (< -AS). Sebbene le origini della marca plurale metafonizzante *-i rimangano incerte (v. per 4.3.1), Maiden osserva uno sviluppo identico negli odierni dialetti laziali di Ascrea e di Subiaco, in cui i sostantivi della 1a declinazione presentano al plurale la desinenza metafonizzante -i, mentre gli aggettivi della stessa declinazione presentano al plurale la desinenza non metafonizzante -e. Da ci conclude che le origini della metafonesi dei sostantivi della 1a declinazione in napoletano antico vanno identificate con unantica flessione *-i.17 A prova di ci si tenga anche presente che nella parlata ischitana di Forio i sostantivi della 1a declinazione presentano ancoroggi due plurali (Castagna 1982, 24, 48, 5455), luno non metafonetico (carte) e laltro metafonetico (cherte), i quali vanno sicuramente ricondotti alle due flessioni rivaleggianti -e and *-i ipotizzate per il napoletano da Maiden, ma che saranno sopravvissute pi a lungo ad Ischia, come si vede peraltro dal fatto che viene coinvolta, come in questesempio, anche la vocale basse [a]. Analoga situazione si trova anche a Procida, dove, ad esempio, cla coda presente il plurale metafonetico cule e il plurale non metafonetico cle (Parascandola 1976, 82). Perfino in napoletano moderno persiste ancoroggi un isolato residuo metafonetico di tale situazione nella voce eccezionale perzona persona con
16 17

Del tutto strana risulta la forma femminile singolare metafonetica nuostra riscontrata nel LDT: se per nuostra bona bentura (70.5). Qui si tengano presenti le flessioni femminili plurali in -i rilevate nella Scripta, ovvero isti carti (1, 34), li potei le botteghe (6), nelle quali Sabatini ([1962] 1996a, 391) intravede unestensione della flessione plurale delle 2a e 3a declinazioni per via di una tendenza isomorfica a generalizzare limpiego di un unico morfema a marcare una comune funzione.

62

plurale sia metafonetico perzune (cfr. nati cciento perzune (De Filippo1 173)) che non perzone.18 Neppure si dovranno dimenticare a tal proposito le forme apparentemente mascolinizzate di certi determinanti nel napoletano moderno (Formentin 1998, 136 n. 351), i quali presentano un esito metafonetico, e spesso tuttora anche una -i finale (p.es. cierti fmmene certe [delle] donne (accanto all forma regolare certe), paricchie miglie parecchie miglia (Masuccio XLIII.8), paricchie primmavere (Zito 25)). Per spiegare poi la restrizione della metafonesi ai sostantivi femminili dotati di vocale tonica medio-alta, Maiden ricorre ad una gerarchia implicazionale riguardante la metafonesi. In particolare, osserva che leffetto metafonetico sulle vocali basse presuppone quasi sempre un uguale effetto metafonetico sulle vocali pi alte, ma una predizione opposta (cio laspettiva di un effetto metafonetico sulle vocali basse di fronte ad una metafonesi delle vocali pi alte) non si riscontra mai (Maiden 1991, 6.2.3.). Per esempio, mentre la metafonesi della /a/ implica sempre anche la metafonesi delle vocali medie, la metafonesi della /e/ invece non presuppone a priori la metafonesi di /a/. Assumendo pertanto unalternativa flessione plurale metafonizzante *-i accanto a quella etimologica in -e, Maiden sostiene che durante il periodo in cui fu introdotta questa prima, la metafonesi napoletana avrebbe interessato ancora solo le vocali medio-alte. In un periodo successivo, la flessione *-i avrebbe ceduto a quella regolare in -e, eliminando cos nei sostantivi della 1a declinazione la possibilit della metafonesi sulle vocali pi basse, le quali sarebbero state per coinvolte in seguito dalla metafonesi altrove, ad esempio nei sostantivi e negli aggettivi della 2a declinazione: LECT > *letti > lietti, NEGR > *neri > niri. Perci secondo lidea di Maiden, quando la *-i finale della 1a declinazione scompar a favore di -e finale, la desinenza *-i non si sarebbe perduta completamente nel napoletano antico, siccome provoc un successivo innalzamento metafonetico delle vocali medio-basse nei sostantivi e negli aggettivi maschili. Possiamo dedurre da ci che le alternanze metafonetiche opzionali dei sostantivi della 1a declinazione si erano gi morfologizzate prima dellerosione dellambiente condizionante, in quanto la metafonesi occorreva ormai assieme alla flessione plurale femminile -e, cio vucche bocche. Infine rimane da spiegare la natura alquanto instabile della metafonesi nel plurale dei sostantivi della 1a declinazione, nonch la perdita successiva di essa verso la fine dellOttocento. Visto che la metafonesi dei sostantivi della 1a declinazione precede necessariamente la neutralizzazione delle vocali atone finali e persiste, sebbene in maniera non sistematica, fino allOttocento, non possibile ricorrere ad una spiegazione basata sulla perdita dellambiente condizionante della metafonesi. Invece, la scomparsa definitiva della metafonesi nei sostantivi della 1a declinazione va ricondotta a due fattori indipendenti. Primo, come si osservato in dettaglio sopra, leffetto metafonetico nei sostantivi della 1a declinazione sempre stato di ordine facoltativo e mai sistematico in virt della concorrenza delle due flessioni plurali alternative, ossia -e ed *-i (p.es. forche / *furchi > furche). Ad un livello intuitivo sembra plausibile ipotizzare che alternanze
18

V. Formentin (1998, 136 n. 352), De Blasi e Imperatore (2000, 81). Andreoli ([1887] 1993, 55) d anche la forma plurale metafonetica bellizze fattezze belle, sebbene assegni ad essa il genere maschile, nonch le forme plurali cruce (in cruce suade e farse i cruce; p. 116).

63

morfosintattiche che non sono mai state morfologizzate in tutto il paradigma (si ricordi che i sostantivi della 1a declinazione dotati di vocale tonica medio-bassa nonch tutti gli aggettivi della 1a declinazione non furono mai soggetti allalternanza metafonetica) siano pi suscettibili di erosione linguistica rispetto alle alternanze morfosinttatiche che sono state massimamente sfruttate. Secondo, le alternanze metafonetiche del napoletano sono sempre state maggiormente associate al genere maschile, il quale ha sempre conosciuto alternanze metafonetiche sistematiche in tutti i paradigmi interessati. Non parrebbe illegittimo pertanto sostenere che questi due fattori indipendenti abbiano favorito la perdita della metafonesi in una sottoclasse dei sostantivi della 1a declinazione. 2.2.2.2.2.2. 3a declinazione Passando ai sostantivi e agli aggettivi della 3a declinazione, notiamo innanzitutto che i nomi neutri passarono al genere maschile (p.es. TEMP S > tiempo), mentre i sostantivi e gli aggettivi femminili rimasero inalterati. Storicamente, nelle forme singolari e plurali dellaccusativo, i sostantivi e gli aggettivi maschili e femminili presentavano le desinenze -EM e -ES, le quali diedero luogo alle desinenze singolare (non metafonizzante) e plurale (metafonizzante) -e ed *-ej > -i, rispettivamente. Al contrario dei sostantivi e degli aggettivi plurali maschili, le alternanze metafonetiche nei sostantivi e negli aggettivi plurali femminili, le quali sopravvivono fino alla fine dellOttocento circa, si trovavano spesso in concorrenza con forme plurali non metafonetiche, specie con gli aggettivi in funzione predicativa (p.es. alcune nuocte / multe nocte (LDT 55.32 / 139.27), Le nuobele dompne / una donna delle plu nobele (ib. 152.56 / 102.1112), cortise parole / cheste femene [] multo cortese (ib. 263.38 / 185.912), multe raysune / chunquanta persone (RDF 6 / 10), le sante oracione [] et le spesse processiune (Ferraiolo 79v.3536), le ssirve / cierte llegge (Rocco 161.91 / 130.15)). Infatti, Capozzoli (1889, 56sgg.) elenca un gran numero di sostantivi e di aggettivi femminili con doppio plurale, luno metafonetico e laltro non, tra cui ricordiamo qui esempi quali semmente (sg.) vs semmiente / semmente (pl.), neve (sg.) vs nive / neve (pl.), feroce (sg.) vs feruce / feroce (pl.), giovene (sg.) vs giuvene / giovene (pl.), osservando che le varianti metafonetiche erano meno comuni e gi in declino ai suoi tempi, osservazione indipendentemente corroborata da Perrone (1977, 208209) per il napoletano settecentesco in base agli scritti di Oliva. In virt dellesistenza di tali doppie forme plurali, sembrerebbe corretto postulare loccorrenza di due flessioni plurali nei testi antichi napoletani (v. Maiden 1991, 7.6.5), luna in -i (derivata dalla marca plurale -ES) e laltra in *-e, marca innovativa foggiata su quella della 1a declinazione (v. 2.2.2.2.2.1). Infatti, proprio una distribuzione analoga delle flessioni plurali dei sostantivi e degli aggettivi della 3a declinazione stata largamente rilevata nei testi antichi (v. Folena 1952, 6263; Corti 1956, CXLVIII; Formentin 1987, 6566; Compagna 1990, 210). In particolare, osserviamo che i sostantivi e gli aggettivi femminili della 3a presentano prevalentemente la flessione finale -e (< -ES) e molto pi raramente la flessione finale -i (< *- ), laddove i loro corrispondenti maschili sono caratterizzati in maniera sistematica da -i finale, e soltanto molto raramente da -e finale. Tale distribuzione, ben troppo sistematica e regolare da potersi considerare una convenzione puramente ortografi64

ca, andrebbe interpretata come riflesso esplicito di unantica distinzione morfologica di genere nei sostantivi e negli aggettivi della 3a declinazione. A prova dellesistenza di due flessioni plurali rivaleggianti si consideri anche il fatto che nellodierno dialetto di Ischia i sostantivi femminili della 3a declinazione (come quelli della 1a declinazione visti di cui sopra) presentano tuttora la possibilit di un plurale metafonizzante (p.es. TRABES > *travi > treve) accanto a quello non metafonizzante (*TRABE > trave; v. Castagna 1982, 24, 48).19 Ne consegue in maniera naturale la perdita nel tempo della metafonesi nel plurale dei sostantivi e degli aggettivi femminili della 3a declinazione, in quanto questi ultimi, per analogia dei sostantivi femminili della 1a declinazione, venivano caratterizzati sempre pi da -e finale piuttosto che da unoriginaria -i metafonizzante. Pertanto, con leliminazione della metafonesi nei sostantivi femminili con vocale tonica medio-alta della 1a declinazione intorno alla fine dellOttocento (come osservato sopra), si perdette in maniera parallela la metafonesi nei sostantivi e negli aggettivi della 3a declinazione, sebbene i plurali femminili metafonetici della 3a fossero perdurati pi a lungo di quelli della 1a a giudicare dalle loro rispettive distribuzioni (sempre minori) in testi se-, sette-, otto- e novecenteschi (Moro 2003, 105 114). Come conseguenza di tali sviluppi, nel napoletano moderno presentano la metafonesi solo i sostantivi e gli aggettivi maschili della 3a declinazione, dove lalternanza metafonetica marca una distinzione sia di genere che di numero (p.es. verde (m. / f.sg.) vs vierde (m.pl.)), nonch una distinzione di genere al plurale (p.es. vierde (m.pl.) vs verde (f.pl.)). 2.2.2.2.3. Casi irregolari Sebbene la distribuzione della metafonesi sia stata descritta finora come fenomeno regolare, esistono per numerose eccezioni nei paradigmi nominali ed aggettivali alle tendenze presentate sopra. A titolo desempio, si consideri che un gran numero di parole sdrucciole derivate dalle 2a declinazione sono caratterizzate da un tipo di metafonesi parziale, in quanto manca la metafonesi al singolare sebbene uscente in origine in [-U] finale: CARYOPHILL (M) > carfano vs *CARYOPHILL > carufane garofano/-i, MONACH (M) > mnaco vs *MONACH > munace monaco/-ci, CEFAL (M) > cfaro vs *CEFAL > cifare cefalo/-i, FICAT (M ) > fcato vs *FICAT > fcate fegato/-i, CHOLERIC (M ) > colreco vs *CHOLERIC > colireche (Capozzoli 1889, 84). Rohlfs (1966, 22) propone che la metafonesi in tali casi non sia determinata dalla qualit della vocale finale, bens da una /i/ o /u/ della penultima sillaba come succede in parole quali FORFICE > furfice forbice, * GLANDULA(M) > isch. jnnala ghianda e isch. pmmn pampina. Pertanto conclude che in una forma singolare come mnaco la /a/ della penultima sillaba avrebbe impedito la
19

Si noti per che a Sud trave suole presentare il genere maschile (DAscoli 1990, 678), come si vede da esempi quali li trave (Ferraiolo 101v.13), no travo de la casa reiale (Basile 738), li trave (id. 758). Anche a Procida i plurali metafonetici dei sostantivi e degli aggettivi della 3a declinazione paiono continuare (p.es. pizza rngia pizza dolce (tipo di pasta frolla imbottita di crema) con plurale pizze rngie (Parascandola 1976, 103, 211), vtta botte con plurale vutte (id. 288)). Anche in napoletano lautore (dorigine ischitana) Bichelli (1974, 45) rileva le due forme isolate nuce e accasiune.

65

metafonesi, bench la vocale finale continui una - (M ) originaria, mentre nella forma plurale munace la metafonesi verrebbe provocata invece da una *- finale originaria in virt della sua maggior forza metafonizzante rispetto alla - (M) finale (v. anche De Blasi e Imperatore 2000, 24). Non neanche esclusa qui la possibilit di un effetto armonizzante al plurale tra le vocali della sillaba finale e della penultima, ossia mnaco / *mnici (Rohlfs 1966, 22 n. 1). Maiden (1991, 128) propone invece una spiegazione che non tratta i proparossitoni come eccezioni alle tendenze generali della metafonesi. In particolare, sottolinea che tutti i proparossitoni coinvolti contengono vocali medio-basse, specie /O/, le quali si sanno essere particolarmente resistenti alla metafonesi. Secondo Maiden, le vocali medio-basse avrebbero perci resistito originariamente alla metafonesi ma avrebbero finito in seguito col trovarsi soggette alla metafonesi dopo che la flessione finale *-u del singolare si fosse centralizzata a [-]. Di conseguenza, solo il plurale (ma non il singolare) di tali voci proparossitone avrebbe sviluppato una forma metafonetica perch la flessione finale -i si sarebbe centralizzata molto pi tardi. Tuttavia, tale spiegazione ci pare poco probabile dal momento che, al contrario di quanto sostenuto da Maiden, la -i finale sembrerebbe indebolirsi a [-] ben prima della -u finale (v. 2.3.2.3.1). Spiegazione diversa che a noi pare pi plausibile offerta da Fanciullo (1994a, b) che vede nei parossitoni unalternanza metafonetica singolare / plurale di ordine squisitamente morfologico. Specificamente, Fanciullo osserva che tali alternanze fra un maschile singolare non metafonetico e un maschile plurale metafonetico coinvolgono anche i proparossitoni dotati di - - o - - toniche (p.es. C MICE(M)/-E(S), P LICE(M)/-E(S)), che dovrebbero in teoria non essere passibili di metafonesi (v. anche Gaspary 1874, 429), ma che presentano invece una vocale pi bassa al singolare cosicch le forme plurali con vocale pi alta sembrano essere il risultato di un precedente innalzamento metafonetico, ovvero cmice / cmice cimice/-i, lmmete / lmmete limite/-i (cfr. L MITEM/-ES), pllece / pllece pulce/-i, jdece / jdece giudice/-i (cfr. I DICEM/-ES), cnnola / cnnole culla/-e (cfr. C NULAM/-AS). Qui vanno considerati anche i sostantivi misti quali deta (< D GITA) / dito (< D GIT M), vcole (< V CULA) / vico (< V C M) viottoli/-o, fosa (< F SORA) / fuso (< F S M ) fusa/-o (Rohlfs 1966, 55; Fanciullo 1994a, 583). Al contrario di Rohlfs (1966, 2324, 55, 63), il quale sostiene che la forma plurale costituisce effettivamente un esito metafonetico provocato da -i finale in virt di una tendenza reperabile in vaste zone dellItalia meridionale ad abbreviare la - - e la - - accentate dei proparossitoni (per cui si parte da forme quali * C MICE(M )/-E (S) e *P LICE(M)/-E(S)), Fanciullo asserisce che non fatto insignificativo che tale comportamento dei proparossitoni si verifichi solo in quei dialetti meridionali dove si ha anche la metafonesi della /e/ e della /o/ toniche. Da ci arguisce che il comportamento dei proparossitoni osservato sopra deve rappresentare unestensione del modello di alternanza singolare (non metafonetico) / plurale (metafonetico) che coinvolge originariamente i sostantivi dotati delle vocali toniche medio-alte, e non perci riconducibile ad una regola arbitraria e circolare di abbreviamento vocalico. A questo proposito si tengano presenti anche le osservazioni di Capozzoli (1889, 53), il quale riporta che i nomi sdruccioli quali dbbeto debito, strpeto strepito e trmene termine (tutti e tre con vocale tonica medio-bassa) presentavano ai suoi tempi forme plurali sia metafonetiche che non (ossia dbbete / dibbete, strpete / 66

stripete, trmene / tirmene), le quali rispecchiano presumibilmente unestensione in atto del modello di alternanza metafonetica prima che le forme metafonetiche avessero sostituito del tutto i plurali non metafonetici oggi assenti dal dialetto moderno. Inoltre, Fanciullo segnala che il fenomeno in questione interessa anche i proparossitoni dotti (perci pi recenti) quali rsteco rustico (cfr. rsteca (f.)), tseco tisico, rigido (cfr. tseca (f.)), sofstico (cfr. sofsteca (f.)),20 sttico (cfr. stteca (f.)),21 dove non possibile parlare di abbreviamento vocalico (De Blasi 1986, 357; Formentin 1998, 122123; Barbato 2001, 104). In breve, Fanciullo ritiene la metafonesi nei proparossitoni unestensione analogica di un modello di alternanza regolare tra un singolare non metafonetico e un plurale metafonetico (cfr. mese / mise mese/-i, sole / sule sole/-i), alternanza che, una volta morfologizzatasi come marca di numero canonica, sarebbe stata importata in quei sostantivi che storicamente non presentavano una vocale tonica passibile di metafonesi, sviluppo denominato da Fanciullo morfometafonesi. Secondo questa proposta nelle coppie singolare / plurale come pllece / pllece pulce/-i e pantfano / pantufane pantofola/-e si sarebbe introdotto un modello di variazione metafonetica morfologizzato a sostituire le forme metafonetiche foneticamente regolari *pllece e *pantufane, nelle quali la distinzione di numero singolare e plurale non sarebbe stata resa esplicita in origine. A riprova di ci si noti inoltre che lestensione di tal modello (tipo verme (sg.) / vierme (pl.) < V RME (M) / *V RM ) non riguarda esclusivamente i proparossitoni, ma coinvolge anche i parossitoni dove etimologicamente ci si aspetterebbe la metafonesi sia al singolare che al plurale (p.es. mbrello / mbrielle ombrello/-i, terno / tierne, cummento / cummiente convento/-i, scemo / scieme; v. Capozzoli 1889, 53; Fanciullo 1994a, 588 n. 34), nonch il suffisso vezzeggiativo dotto in -etto che al plurale presenta la forma metafonetica -iette (p.es. confiette (Ferraiolo 108r.12, Basile 678), defiette (Basile 256), soniette (id. 260), conciette (id. 262), corpetto/-iette (Capozzoli 1889, 47), lazzetto/-iette catenina (id.), merletto/-iette (id.), mazzetto/-iette (id.)).22 Secondo Fanciullo, in questo modo troverebbero una spiegazione naturale e immediata i casi non etimologici delle vocali toniche /e/ e /o/ nei sostantivi e negli aggettivi femminili quali conclosa conclusa, definita (Ferraiolo 79v.47), (gr. med. (a)tsnganoi >) zngara zingara (cfr. zngaro (m.)),23 (longob. milzi >) muza milza, ponta punta (cfr. P NCTAM), torca turca (cfr. turco (m.)), dove lintroduzione inaspettata di [e] e [o] serve a contrassegnare il genere femminile
20

21 22

23

La morfologizzazione della morfometafonesi in questa voce, nonch in scerpia macilenta (di fronte a scirpio (m.)) e forba (di fronte a furbo (m.)), sarebbe stata solo parziale nellOttocento secondo Capozzoli (1889, 78) che registra ancora le forme originarie sofsteca, scirpia e furba. Probabilmente andrebbe considerato qui anche il suffisso superlativo -ssimo/-ssema -issimo/-a. La produttivit di tale modello morfometafonetico in epoca moderna si intravede anche nelle forme napoletanizzate scherzose dellinglese friend riscontrate presso De Filippo1 (p. 203), ossia un frendo (con monottongo) vs tre freind (con dittongo). Capozzoli (1889, 38) avverte che al femminile la (morfo)metafonesi risulta labile, ossia zngara / zngara; (cfr. anche a zincara (Riccora1 I.2)).

67

(Imperatore 1974, 39; De Blasi e Imperatore 2000, 4142).24 Qui va incluso anche il prestito femminile mastressa (< fr. matresse) donna che pretende di comandare; donna autoritaria e faccendona (DAscoli 1990, 331), sul quale fu foggiata la corrispondente forma maschile morfometafonetica mastrisso facchino, faccendiere (id. 332), nonch la femminile morfometafonetica sberessa donna dinamica, dal temperamento virile e autoritario (Amato e Pardo 2001, 183) foggiata sul maschile sbirro. Analisi analoga vale per la forma pedno / pirno per uno, ciascuno, dove la [o] tonica di no (< NUM) andrebbe sicuramente ritenuta un contrassegno del numero singolare (cfr. guaglione (sg.) / guagliune (pl.) ragazzo/-i), nonch per forme verbali quali me sfastrio mi infastidisco (cfr. FASTIDIUM) e pulzzo pulisco (< *POLIZO), dove ad una [i] originaria subentrata una [e] non etimologica per contrassegnare le forme della 2sg. te sfastrie e pulzze, in cui la ritenzione della [i] originaria si conforma superficialmente al modello di una 2sg. metafonetica tipo scinne scendi di fronte ad una 1sg. scengo (De Blasi e Imperatore 2000, 4344). Infine, si noti anche lestensione (ormai quasi completa) nel dialetto odierno dei possessivi maschili singolari con dittongo tuoio e suoio ai danni degli obsolescenti tuio e suio sul modello analogico delle corrispondenti forme maschili plurali con dittongo metafonetico originario (tuoie, suoie), creando cos allinterno del paradigma possessivo unopposizione regolare tra forme maschili con dittongo metafonetico e forme femminile mia / meie, toia / toie senza dittongo (De Blasi 2002a, 114 115; v. 7.1.1). Altro eventuale caso di morfometafonesi riguarda una classe limitata di participi aggettivali di verbi con valore trasformativo (tipicamente di formazione parasintetica con prefisso in (i)n-) studiati da Del Puente (19971999; v. anche Fanciullo 1994a, 586). In particolare, Del Puente ha rilevato che molti di questi verbi, i cui infiniti escono in -(re) (p.es. nzuzz(re) insudiciare) e in -(re) (p.es. ncafunirse invillanirsi), oppure oscillano fra tutte e due queste coniugazioni (p.es. ncepullarse/-irse arrabbiarsi), presentano doppi suffissi participiali in -to tipico della coniugazione in -(re) e in -to tipico della coniugazione in -(re) (p.es. nzuzzato/-uto insudiciato, ncafunato/-uto invillanito, ncepullato/-uto arrabbiato, ntesecato/-uto teso; intirizzito). Invece di occorrere in variazione libera in ogni caso, come ci si potrebbe aspettare, i due suffissi participiali tendono ad impiegarsi in molti casi, e presso molti parlanti, a seconda di una distinzione relativa al genere grammaticale. Pi specificamente, il suffisso ["-ut] tende a venir adoperato per marcare il genere ma
24

Lestensione di tale modello morfometafonetico non si riscontra tuttavia in ogni possibile caso, come testimonia il prestito scicco (< fr. chic) che al femminile conserva la vocale alta invece di abbassarla alla vocale medio-alta, ossia **scecca (p.es. na csa trppa sccca una raffinatezza (Amato e Pardo 2001, 196)). In maniera analoga, il sintagma spregiativo piezzo e pezzo di mantiene il dittongo metafonetico anche quando assume il genere femminile (p.es. sta piezza e carogna (Masello & Di Maio I)). Altri casi di mancata morfometafonesi comprendono (v. Capozzoli 1889, 38) zita (**zeta; cfr. zito (m.)), pellegrina (**pellegrena; cfr. pellegrino (m.)), ciuccia asina (**cioccia; cfr. ciuccio (m.)), mula (**mola; cfr. mulo (m.))). Un caso contrario riguarda il femminile di lupo, il quale presenta sia la variante non metafonetica originaria con vocale medio-alta lopa (< L PAM) che una variante metafonetica analogica lupa modellata sul maschile (forse anche sotto linflusso dellitaliano), nonch una variante con suffisso femminile distinto lopessa (v. Capozzoli 1889, 38).

68

schile e ["-at] per quello femminile. Ad esempio, in unindagine eseguita da Del Puente, tutti i parlanti interrogati distinguevano tra il maschile ntesecuto e il femminile ntesecata raddrizzato/-a, intrizzito/-a, mentre solo 3 su 22 informatori osservavano invece una distinzione analoga tra le forme ncarognuto / ncarognata avvilito/-a, impaurito/-a. Ciononostante, i risultati generali della sua indagine hanno un certo valore e lasciano intravedere una tendenza, sebbene oggi in regresso, a reinterpretare ["-ut] e ["-at] come esponenti di unopposizione maschile e femminile, rispettivamente. Pur non essendo il risultato di metafonesi, lalternanza vocalica osservabile in tali participi deriverebbe dallestensione analogica di modelli metafonetici gi stabiliti nel dialetto, ossia il prodotto di un processo di morfometafonesi. Esempi poco polemici di morfometafonesi quale lalternanza maschile / femminile osservabile in INF SU(M) > nfuso / INF SA(M ) > nfosa bagnato/-a, dove la [-u-] tonica caratterizzante in origine sia il maschile che il femminile (*(i)nfusa) fu reinterpretata come lesito di un innalzamento metafonetico (/o/ > [u]) con la creazione concomitante di un femminile analogico nfosa, forniscono una prova diretta della grammaticalizzazione delle alternanze metafonetiche oltre il proprio contesto etimologico originario. Nello stesso modo in cui la -- in questesempio fu reinterpretata come marca metafonetica del genere maschile, la -- nel suffisso ["-ut] sarebbe stata pertanto reinterpretata per analogia come marca del genere maschile, mentre -- nel suffisso ["-at] venne identificata per default con il genere femminile. Si osservi inoltre che laspettata retroformazione analogica di una forma femminile non metafonetica in **-ota, con la quale il suffisso maschile -uto sarebbe potuto entrare in unopposizione metafonetica canonica, fu bloccata dallinesistenza di una vocale tematica in -o- allinterno del paradigma di tali verbi. Ne consegue che la qualit della vocale tonica in tali participi non risulta cruciale per la marca del genere femminile; basta invece che la vocale sia diversa da --. Tale ipotesi viene confermata da unaltra serie di participi (della coniugazione in -(re)) con suffisso in -uto e ito (v. anche la discussione al 14.4.1.1). Di nuovo, questi participi dimostrano una tendenza sensibile a riservare il suffisso in ["-ut] per contrassegnare il genere maschile e quello in ["-it] per il genere femminile, per cui riscontriamo coppie minime quali nzallanuto / nzallanita stordito/-a, appezzentuto / appezzentita impoverito/-a, ngialluto / ngiallita ingiallito/-a, ncapunuto / ncapunita ostinato/-a. Pertanto, lestensione di un originario modello metafonetico grammaticalizzato porta col tempo ad un offuscamento della natura dellopposizione metafonetica originaria, cosicch [-u-] del maschile non alterna pi esclusivamente con [-o-] del femminile ma alterna ora anche con -V-, dove -V- va intesa come qualsiasi vocale diversa da [-u-]. Infine il napoletano offre numerosi esempi irregolari e erratici di monottongizzazione, dove ci si sarebbe aspettati un dittongo metafonetico (p.es. FOR S > fore fuori, BOSC M > vosco (allato alla forma metafonetica vuosco)), nonch lo sviluppo opposto dove lesito metafonetico sopravvissuto (oppure si esteso) nella forma nominale femminile che opzionalmente presentava in origine una flessione metafonizzante (ossia -i) accanto a quella usuale in -e (p.es. cierti femmene alcune donne (cfr. per e cose certe; 5.2.1); isch. sta spisa frische (e non fresche) (que)sta spesa fresca (Castagna 1982, 57)). Altro caso interessante quello di CONTENT M discusso da Oliva (Malato 1970b, 4748), il quale nota come, in funzione di aggettivo, 69

presenti la metafonesi al purale secondo il modello morfometafonetico discusso sopra, cio contento / contiente contento/-i, ma in funzione di sostantivo sinonimo di guadio presenta invece la metafonesi sia al singolare che al plurale: lo contiente mio la mia soddisfazione, li contiente tuoie le tue soddisfazioni. Qui va considerata infine una serie di voci miste che hanno sviluppato varianti sia metafonetiche che non (p.es. PUPUL M > p(u)polo, FORS T > f(u)orze forse, desc(i)enzo eclampsia (Andreoli [1887] 1993, 141), citro / cetro cedro (id. 107), acc(u)ordio accordo, intelligenza (DAscoli 1990, 19), apar(u)olo grottaione, merope (id. 57), def(i)etto (id. 204)), mentre in altri casi tali doppioni vengono opposti semanticamente: POS(I)T M > puosto posto di vendita allaperta; posto di parcheggio vs posto posto (di lavoro), luogo, GUBERN M > guvierno governo, cura (del bestiame, vino, tirreno ecc.) vs guverno governo (politico), MEDI M > miezo mezzo vs mezzo (< prestito dallitaliano) mezzo di trasporto, SOCI M > suoccio identico, uguale, pari vs soccio socio, ACCESS M > acciesso sopralluogo, visita giudiziaria vs accesso eccesso, esagerazione; sopralluogo (v. Iandolo 1994, 34; De Blasi e Imperatore 2000, 44; Iandolo 2001, 192). 2.2.2.2.4. Sviluppi recenti Consideriamo infine alcuni contesti nel dialetto moderno in cui la metafonesi parrebbe trovarsi sempre pi in regresso. Iniziamo con lalternanza metafonetica nei participi irregolari che si venuta errodendo sempre di pi, malgrado il fatto che servirebbe a distinguere il maschile dal femminile. In loro vece si trovano sempre di pi participi regolari. Per esempio, pognere pungere aveva originariamente le forme participiali maschile e femminile punto (metafonetica) e ponta (non metafonetica), laddove nel dialetto moderno sono state sostituite dallinvariabile pugnuto/-a [pu " ut], come anche il caso per le forme irregolari tuorto (metafonetica) / torta (non metafonetica) torto/-a sostituite dal participio regolare turciuto. In molti altri casi dove sopravvissuto il participio irregolare, la forma maschile metafonetica si spesso generalizzata al genere femminile (p.es. spiso (m.sg.) / spesa (f.sg.) > spis-o/-a speso/-a, miso (m.sg.) / mesa (f.sg.) > mis-o/-a messo/-a; v. 14.4.2.5). Molto significativi sono i risultati delle ricerche di Del Puente (1995) che mettono in rilievo come la metafonesi nei sostantivi e negli aggettivi non sia distribuita in maniera cos robusta come si suol asserire. In particolare, appare che in varia misura la metafonesi si trovi in regresso sotto linflusso dellitaliano e a seconda di fattori come let, il genere e la classe sociale dei parlanti. Le conclusioni generali che emergono dalla sua ricerca si lasciano riassumere cos. Primo, la metafonesi sarebbe in regresso per tutta la citt, in misura maggiore nei quartieri borghesi (p.es. Vomero) che non nei quartieri pi popolari (p.es. S. Lorenzo) o in periferia (p.es. Capodichino). Pertanto, nei quartieri borghesi si riscontrano forme non metafonetiche quali scemo/-a/-e (m.sg. / f.sg. / pl.) e occhio/-e occhio/-i, mentre nei quartieri pi popolari e in periferia continuano in genere le alternanze metafonetiche tradizionali, cosicch rimangono ancora vitali forme quali sciemo/-e (m.sg. / m.pl.) vs scema/-e (f.sg. / f.pl.), uocchio/-e. Secondo, la perdita della metafonesi si verifica maggiormente nei sostantivi che non negli aggettivi, in virt presumibilmente del maggior valore funzionale della metafonesi in questi ultimi: negli aggettivi le alternanze metafonetiche marcano generalmente sia il genere che il numero, mentre nei 70

sostantivi, secondo Del Puente, la metafonesi marcherebbe solo il numero. Terzo, la metafonesi tende a essere in maggior regresso presso i parlanti pi giovani, nella cui parlata molte delle alternanze metafonetiche originarie sono state livellate a favore o della variante non metafonetica (p.es. mozz-o/-a; cfr. in passato muzzo (m.sg.) / mozza (f.sg.)), o della variante metafonetica (p.es. cuoc-o/-a; cfr. in passato cuoco (m.sg.; cfr. Scarpetta10 I.7) / coca (f.sg.; cfr. Scarpetta8 III.1)). In modo significativo, in entrambi questi casi il risultato sempre foneticamente pi affine alla corrispondente forma italiana (cfr. it. mozz-o/-a, cuoc-o/-a; si consideri a tal proposito anche la variazione osservabile nellaggettivo muscio / moscio registrato in Andreoli ([1887] 1993, 362)). Per contro, nella parlata dei giovani maschili provenienti da alcuni dei quartieri meno prosperi (p.es. S. Lorenzo), il plurale metafonetico di coppie quali mnaco / munace e stmmaco / stummace si generalizzato anche al singolare, ossia munaco/-e, stummaco/-e, prufite (sg. e pl.), garufano/-e, sebbene manchi il dittongo nelle corrispondenti forme italiane monaco/-i, stomaco/-i, profeta/-i, garofano/-i. Le giovani della stessa et tendono invece ad impiegare forme non metafonetiche, foneticamente pi affini alle corrispondenti forme italiane (p.es. stmmaco/-e, profete (sg. e pl.), garfano/-e (nonch la forma plurale alternativa garufane)). Nellinsieme sembra che la metafonesi risulti pi suscettibile a scomparire in quelle voci che trovano un equivalente etimologico diretto in italiano. Infine bisogna notare per che la metafonesi non destinata alla scomparsa nel dialetto moderno, come i precedenti paragrafi potrebbero forse lasciar intendere. Anzi, un esame dei prestiti recenti dimostra invece la propagazione della metafonesi secondo un modello strutturale che pare ben attecchito nel dialetto, come si visto sopra per quanto riguarda gli sviluppi definiti morfometafonetici. A questo proposito vanno ricordate voci quali spiniello/-e spinello/-i (prestito italiano), telifono/-e telefono/-i (sost.) e telifone telefoni (verbo; cfr. Pecch nun o teliefene e cio [glielo] dice! (Caianiello1 I)) di fronte alla 1sg. telfono e linfinito telefon (De Blasi e Imperatore 2000, 44), macchiavillo furbacchione (prestito italiano; Amato e Pardo 2001, 108), maciello (id. 108; cfr. per burdello bordello; chiasso (id. 41)), (ing. to reset > it. resettare >) resiette tu risetti / fai ripartire il computer (Maturi 2002, 186).

2.3. Vocalismo atono


2.3.1. Vocalismo protonico 2.3.1.1. Vocali medie In posizione protonica lopposizione qualitativa delle vocali medie viene neutralizzata, in quanto /e/ e /E/ convergono generalmente in [] e /o/ e /O/ in [u] (p.es. v[e]de vs v[]d vedere, v[E]ne viene vs v[]n venire, m[o]nna sbuccia vs m[u]nn sbucciare, p[O]rta vs p[u]rt portare), 25 bench il comportamento di tali vocali
25

V. Rohlfs (1966, 170), Iandolo (1994, 3637), Bafile (1997, 453), De Blasi e Imperatore (2000, 27), Iandolo (2001, 6365).

71

protoniche nei testi antichi sia di pi difficile interpretazione date alternanze frequenti quali potei (Scripta 6) botteghe vs cus (ib. 6), prodeze / prudeze (LDT 71.30 / 50.32), Roberto / Ruberto (Lupo I.4.8 / I.4.ru.) e la possibilit di assimilazioni armonizzanti (v. infra). La neutralizzazione su gran scala di tali opposizioni delle vocali medie tramite linnalzamento a [u] o la centralizzazione a [], processo tradizionalmente definito apofonia, la fonte di variazioni allomorfiche diffusissime nei processi morfologici flessionali e derivazionali (v. Bichelli 1974, 46). In questi casi, le regole che sovrappongono il vocalismo atono su quello tonico risultano particolarmente apparenti nel paradigma verbale, dove si osservano alternanze regolarmente nella vocale della radice verbale come quelle illustrate nella Tabella 2.3 (men lanciare; picchiare, penz pensare, munn sbucciare; mondare, truv trovare):
Tabella 2.3: Alternanze apofoniche nel verbo Rizotonico 1sg. / 3sg. / 3pl. pres.indic. men-o/-a/-ano ["men-\-\-n] penz-o/-a/-ano ["pEnts-\-\-n] monn-o/-a/-eno ["monn-\-\-n] trov-o/-a/-ano ["trOv-\-\-n] Arizotonico infin. / 2pl. pres.indic. / 1sg. pass.rem. men-/-ate/-aie [m"n-a\-at\-aj] penz-/-ate/-aie [pn"ts-a\-at\-aj] munn-/-ate/-aie [mun"n-a\-at\-aj] truv-/-ate/-aie [tru"v-a\-at\-aj]

Tale variazione allofonica ricorre spesso anche nei processi derivazionali nominali e aggettivali: e deta [e d"de t] le dita vs e detilla [e dd "till] le piccole dita, e sciore ["So r] fiore vs sciurillo [Su "rill] piccolo fiore, meglio ["me ] meglio o u e vs megliulillo [m u"lill] leggermente meglio, doce ["do S] dolce vs ducino o [du "Sin] dolcino. Variazioni allofoniche analoghe colpiscono i pronomi clitici, i u quali riacquistano la loro qualit vocalica piena quando in posizione enclitica accentata: parlame ["parlm ] vs parlamnne [parla"me nn] parlamene. Unalternativa e alla centralizzazione della -e- protonica, specie quando reca un accento secondario (De Blasi e Imperatore 2000, 27), linnalzamento a [i] (cos come /o/ e /O/ vengono innalzate a [u]): recchia ["re kkj] orecchia vs recchiella [r k"kjEll] / [ri k"kjEll] e i piccola orecchia, legge ["lE ddZ] (verbo) vs leggette [l d"dZEtt] / [li d"dZEtt] lesE i si/-e, pescatore / piscatore, de > e [e] / i [i] di (v. anche Altamura 1956, 16; Bafile 1997, 454). Analogo innalzamento si nota quando -e- e -o- si trovano in iato: riame, pueta (De Blasi e Imperatore 2000, 152). In determinati casi, soprattutto sotto effetto dellaccento secondario, ma anche sotto linflusso dellitaliano, le vocali medie non si riducono (Iandolo 2001, 6465): serenatella [serena"tEll] / [srna"tEll], telfono, per, miettancllo metticelo, suggiet societ, colazzione colazione, fotgrafo, orario, arioplano aeroplano. 2.3.1.2. Vocali alte e basse In senso contrario, le vocali alte /i u/ e bassa /a/, che in genere resistono allaffievolimento in sede protonica, oscillano talvolta tra una pronuncia nitida e una pronuncia centralizzata (Iandolo 2001, 6566), come rivelano i seguenti esempi: 26
26

Cfr. anche il passaggio della protonica [i] > [u] in buglietto (Amato e Pardo 2001, 41).

72

fravic [fravi"ka] / [frav"ka] fabbricare, cummigli [kummi"a] / [kumm"a] coprire, tavuletta [tavu"lEtt] / [tav"lEtt] spianatoio (per la pasta), ciucculata / cecculata cioccolata (Andreoli [1887] 1993, 92, 107), terramoto [tErra"mOt] / [tErr"mOt] terrmoto. grazie a tali alternanze che si spiegherebbero ripristini antietimologici quali luv levare e pucuraro pecoraio (Maturi 2002, 64 n. 35). 2.3.1.3. Armonia vocalica Nei testi antichi le -e- ed -o- protoniche sembravano invece soggette a un processo di armonia vocalica che le faceva innalzare rispettivamente ad -i- ed ad -u- davanti a -i- o -u- toniche (Formentin 1998, 155sgg.).27 A titolo desempio Formentin (1993, 182186) fornisce in base ad uno spoglio di De Rosa esempi antichi quali cridsse credessi (51r.8), prisne prigioni (2r.25), Du(m)mnico Domenico (61r.9), gruriso glorioso (10r.35), i quali si oppongono ad esempi dove larmonizzazione non ha potuto verificarsi come credva (31r.19), presne prigione (2r.17), do(m)mneca (12v.19), grorisa gloriosa (3r.7). Il fatto che i dittonghi metafonetici -ie- e -uo- non blocchino tale innalzamento (p.es. cridette credei (50v.27), te ricorde ti ricordi (61r.26), succzeso successo (55v.3)),28 fornirebbe una prova indiretta della natura discendente dei dittonghi metafonetici nei testi antichi napoletano (ossia [-"ie-\-"i-] e [-"uo-\-"u-]), in quanto la [j] blocca sempre tale armonizzazione vocalica nei dialetti centromeridionali (Formentin 1993, 185). Non si pu neanche escludere la possibilit di un effetto armonizzante sulle vocali protoniche nel dialetto moderno in voci quali isch. (Barano) [puku"rar] pecoraio, [makka"tur] fazzoletto, [kala"vawn] carbone (Maiden 1988; Radtke 1997, 6263). In antico larmonizzazione vocalica pareva essersi anche morfologizzata in alcuni casi per indicare il numero dove mancava la metafonesi o dove la metafonesi, presente sia al singolare che al plurale, non era pertanto capace di svolgere nessun ruolo morfosintattico (Formentin 1998, 163164): veneciale / viniciale veneziano/-i (De Rosa 22v.3 / 19v.9), gettato / gittate gettato/-i (id. 5r.15 / 9r.13), desspuosto / disspuoste disposto/-i (id. 44v.16 / 60r.5). 2.3.1.4. Centralizzazione ad [a] Caso diverso di centralizzazione non infrequente che interessa soprattutto /o/ quella visibile nelle seguenti voci, dove la vocale protonica passa ad [a] (p.es. afferta, affesa, afficiale, acchiale (oppure ucchiale), apeneone opinione, annore onore, canosce, Tatonno / Totonno Antonio; isch. ortica > ardico (Castagna 1982, 38)), coinvolgendo anche /i/ e /e/ originarie (Rohlfs 1966, 164):29 addiota
27

28 29

Tale spiegazione parrebbe valere anche per labbassamento e la centralizzazione della [e] originaria osservabile nella voce matamteca (Andreoli [1887] 1993, 225), nonch per la vocale postonica nella voce duzzana dozzina, variante delle forme duzzena e duzzina (id. 148). Cfr. per credva (De Rosa 31r.19), me recrdo (id. 25r.5), socczse successa (id. 3r.17). V. Savj-Lopez (1906, 39), Rohlfs (1966, 166), Perrone (1977, 211), Coluccia 1987b, 131), Iandolo (1994, 74), Radtke (1997, 62), Formentin (1998, 168169), Barbato (2001, 119).

73

idiota, angrese inglese, (IMPLERE >) anchire riempire, vascuotto biscotto, viernard venerd, (EXIRE >) asc uscire, ciciarone cicerone, astremo, asempio (obs.), marenna merenda, arroico eroico, Agitto, alifante (allato alla forma, presumibilmente esponente metatesi della protonica iniziale, liofante (Amato e Pardo 2001, 106)). In altri casi si osservano invece oscillazioni nella qualit della vocale protonica: accasione / occasione, canscere / cunscere, aternit / eternit, accellente / eccellente (Vaughan 1910, 161). 2.3.1.5. Dileguo ed epentesi Laffievolimento delle vocali protoniche pu portare in taluni casi addirittura al dileguo. Tale situazione si nota abbastanza comunemente nellaferesi di /e a o u/, e meno spesso nellaferesi di /i/ (p.es. taliana (De Rosa 1r.15), Talia Italia (Cortese1 3.41)), in voci quali cchies(i)a (< ECCLESIAM), (e)tichetta, (e)vangelo, (e)ternamente, (e)state, (e)sperienza, (e)spricare spigare, resibbula / resibbea eresipola, lemmsena elemosina, vaculare / vacuvare (< (E)VACUARE), scet (< EX-CITARE) svegliare; proc. merrite emorroidi (cfr. per voci dotte come ecnumo, elevazione, embrema emblema, eruzione), (a)rasso lontano (obs.), (a)sparace asparago, (am)mirgalio, mericano, (o)peneione, (o)razzeione, (o)staggi ostagi, (u)neverzale universale, unu > nu un.30 Come succede in altri dialetti meridionali, /i/ inziale davanti a /N/ viene sistematicamente eliminata nel dialetto moderno, processo risalente con tutta probabilit ad epoca antica a giudicare da esempi quali ntesero (LDT 70.34), ncapperray cadrai (ib. 172.15), nsarmato non armato (ib. 175.56), ntando (ib. 180.20), ncendesse (ib. 185.30), ncommenzao (ib. 187.34), per cui si arriva a forme quali mpannuto folto; paffuto, nteresse, mmano in mano, ncchies(i)a in chiesa, gnurante ignorante, mmiria invidia, mmoca in bocca, tutte caratterizzate da nessi consonantici iniziali estranei allitaliano (v. Zinno 1934, 389; Iandolo 1994, 37; Iandolo 2001, 145). In alcuni casi laferesi origina nella discrezione dellarticolo determinativo (p.es. lascella > a scella lala, larena > a rena la sabbia, laurecchia > a recchia orecchia, Acerra > a Cerra (cfr. Strada della Cerra; Rohlfs 1966, 479), lospizio > o spizio, lospitale > o spitale ospedale, lorinale > o rinale orinale, pitale; v. Iandolo 1994, 38; Iandolo 2001, 313), laddove il fenomeno inverso manifestantesi nella concrezione dellarticolo ha prodotto casi di vocale atona iniziale non etimologica (Rohlfs 1966, 478; Radtke 1997, 62): la jeta > lajeta bietola, la gente > laggente, o vero > overo davvero; verit, la rcola > larcolo rughetta (con passaggio al genere maschile come succede spesso peraltro nellitaliano regionale di Napoli per la parola lascensore, che viene reinterpretata come sostantivo femminile la scensore in seguito alla discrezione dellarticolo; Iandolo 2001, 313); proc. u llrdemo / a llrdema lultimo/-a (Parascandola 1976, 278). Pi rara invece risulta laferesi di unintera sillaba iniziale: (se)gnefec significare, (si)gnora, (si)gnore, imbuto > mmuto > muto (la nasale si allunga comunque
30

V. Capozzoli (1889, 22), Savj-Lopez (1906, 3739), Vaughan (1910, 162), Malato (1970a, 1617), Perrone (1977, 216), Santagata (1979, 123), Compagna (1990, 198199), Iandolo (1994, 119), Formentin (1998, 270272), Iandolo (2001, 145).

74

in fonosintassi o [mm]uto limbuto), immunnezza > (m)munnezza immondizza, innammurato > (n)nammurato, Annunziata > Nunziata, arracqu > (r)racqu innaffiare (Iandolo 2001, 146). Il caso contrario, ossia la prostesi di [i-], risulta oltremodo rara e si restringe ad alcuni testi antichi (p.es. iscrivitimi (Lettera1 3,) ispisse (RDF 101), lo nustro Ispirito santo (ib. 26), ignudo (Masuccio VII.39), isdegnoso (id. XI.29), ingnudo (CDT 17)), il che tradirebbe la natura non autoctona del fenomeno. In napoletano, come in molti dialetti centromeridionali, il fenomeno contrario della prostesi si manifesta con una certa frequenza nellagglutinazione (oramai lessicalizzata) di [a-] ai verbi, sostantivi e aggettivi (p.es. addenucchiarse inginocchiarsi, abbast, abbagn, arrepos, arraccumann raccomandare, annascnnere nascondere, arruman rimanere, arresposta, arrissa, arroina rovina, arrequia requie, arricietto ordine; riposo, abbrusciore bruciore, annuro nudo, abbastante sufficiente, ammaturo), mentre in certe voci sembra invece opzionale (p.es. (ab)ball, (ar)rischi, (a)stip conservare, (ad)defnnere, (ar)rial regalare, (ar)rubb; proc. (ar)ruoggia orologio da campanile (Parascandola 1976, 27)).31 Notando che la maggior parte di tali esempi interessa arr- (p.es. arrobba, arraggia rabbia, arrepezz rattoppare, arresrvere risolvere, arrmpere), Rohlfs (1966, 171, 223) postula che la a- iniziale abbia potuto originare come vocale dappoggio, la quale sarebbe stata introdotta per facilitare la pronuncia in tali voci di un antico rafforzamento della /r-/ iniziale analogo a quello che si ode negli odierni dialetti siciliani e calabresi meridionali. 2.3.1.6. Dittongo (-)auInfine consideriamo lo sviluppo del dittongo (-)AU- il quale, al contrario del suo trattamento in sede tonica, viene generalmente conservato in posizione protonica sia nei testi antichi che in et moderna: laudabele lodevole (Regimen1 12), audive udii (BagniR 10), laudato lodato (Epistola 182.15), clausure chiusure (LDT 253.32), ausasse osasse (ib. 264.9), Augustino (CDT 6, Masuccio XXXIII.18; cfr. per Agustino (De Rosa 20v.22)), nullo autor(e) (LAFGP 8r.b.10), audetti ud (Lupo I.59.4) esauduto esaudito (De Rosa 55v.14), laudevoli (Masuccio II.10), sti ste fraude (Velardiniello 86.VII), aurecchie orecchie (Cortese1 8.6), gaudere godere (Basile 20), tauriello (id. 444), aurecchia orecchia (Sarnelli 32), la grotta dAurora (Oliva 17.207), laucielle uccelli (ib. 43.21), aulive (Di Giacomo1 91), fauce fauce (< FAUCEM; ma anche falce < FALCEM), aurata orata, auciello uccello. Non mancano comunque alcune eccezioni notevoli, fra cui qui ricordiamo esempi quali AUREFICEM > arefice / orefice (De Rosa 63r.31 / 37v.26), LAURIANUM > Loriano paese in Terra di Lavoro (presso Trentola) (id. 50v.34), AUGUSTUM > agusto / agosto (Lupo I.59.2 / TVMA VI.1), AURICULAM > (a)recchia.
31

V. Capozzoli (1889, 1718), Vaughan (1910, 161), Zinno (1934, 390), Malato (1970a, 21), Compagna (1990, 198), Iandolo (1994, 4546, 104105, 120), Radtke (1997, 62), Formentin (1998, 272). Alquanto eccezionale la forma verbale assap(re), la quale fin dai primi documenti (cfr. Faove assap(er)e che [] (Lettera1 1)) si vede limitata al costrutto causativo (24.2.1.4.2.1.1).

75

2.3.2. Vocalismo postonico 2.3.2.1. Generalit Contrariamente al vocalismo protonico, in linea di massimo il numero di opposizioni sfruttato dalle vocali postoniche maggiormente ridotto a causa di una tendenza condivisa da tutte le vocali a centralizzarsi verso [], specie in fine di parola (Altamura 1956, 16). Quando non in fine di parola, per, /i/ e /u/ postoniche e, in modo particolare, /a/ possono ritenere il timbro pieno, sebbene sempre in libera variazione con [] (v. Iandolo 1994, 72; Bafile 1997, 453; De Blasi e Imperatore 2000, 27; Iandolo 2001, 6566, 198): mmmama ["mamm m] / ["mamma m] mia mamma, a scppala ["Sippa la] / ["Sipp la] toglila, cmmara ["kammar] / ["kamm r] camea ra, bbaco/-eco (Andreoli [1887] 1993, 1), cncaro / cnchero cancro (id. 68), cnnavo / cnnevo canapa (id. 71), cntaro / cntero vaso, pitale (id. 72), pussbbele [pus"sibb l] / [pus"sibbi l], sbbito ["subbi t] / ["subb t] subito, elttrico i i ["lEttri k] / ["lEttr k], vuto ["avu t] / ["av t] alto, scvuzo ["Skavu ts] / i u u ["Skav ts] scalzo, Nnpule [n"napu l] / [n"nap l] Napoli. u 2.3.2.2. Dileguo ed epentesi Nei casi pi estremi laffievolimento delle vocali finali pu portare anche al dileguo (Malato 1970a, 1617),32 esito che si riscontra specie dopo consonante geminata e/o consonante sorda (p.es. cuorpo ["kworp()] corpo, viento ["vjend()] vento, faccia ["fattS)], a gatta [a "att] la gatta, crapitto ["krapitt] capretto, laggiu visto [l addZu "vist] lho visto; isch. lnk lingua, brutt brutta, lient denti, uoss osso; v. Rohlfs 1966, 176, 184, 187188; Castagna 1982, 22; Avolio 1995, 39; Maturi 2006, 250; Montuori 2006, 189), nonch al troncamento dellintera sillaba (Radtke 1997, 64; cfr. anche lantico napoldano (BagniR 109)): ["nAp] Napoli, qua(le), MODO > mo ora, frsseno / frasso frassino (Andreoli [1887] 1993, 170), sa(pe) sa, a(ve) ha, e le infinite forme vocative del tipo Pasquale > Pasqua, pap > pa, guagliu o ragazzi. Uno sviluppo in senso opposto allo scadimento delle vocali postoniche riguarda linserzione di [] per interrompere eventuali nessi consonantici (Zinno 1934, 392) che violano la struttura fonotattica dialettale, ossia lepentesi (p.es. concoredia (RDF, citato in McArthur s.d., xii), repenetire (ib.), sivelo (ib.), gargarseme (Basile 646), taxi ["takss], Etna ["Etn] Etna, *propte > prpete proprio, sema, fantsema, aresneco (Ruccello 92), leca alga (Andreoli [1887] 1993, 18), burgo > bvero (id. 60), lepre > lpere (id. 205)), oppure per mantenere una struttura sillabica CV, vale a dire la paragoge (AD+SATIS > assaje assai, STAS > staie stai, amenne, lppese lapis, aliasse, gratisse, pe fasse o pe nfasse in ogni modo, bisse, tticche ttacche tic tac, ticchettio, albumme; (dal fr.) chic > scicco, dessert > dessere dolce, frutta; (dalling.) tram > tramme, bar > barre, gas > gasse, business > bisinisse affare pi o meno pulito
32

Possibilit anche osservabile nelle atone non finali (p.es. LEPOREM > lparo / lpere / lepre (DAscoli 1990, 302), NASICAM > nasca narice; naso camuso (id. 367), UTEREM > t(e)ra otre (id. 414)).

76

(Amato e Pardo 2001, 38), bulldog > buldcco (o buddcco) cane da guardia; uomo aggressivo e selvatico (id. 41), sweater > proc. ssura giacca di lana).33 2.3.2.3. Vocali in sillaba finale 2.3.2.3.1. Situazione nei testi antichi Come spesso osservato (v. De Blasi 1986, 368; Compagna 1990, 193194; Avolio 1995, 3839; De Blasi e Imperatore 2000, 150), la tendenza allaffievolimento deve risalire almeno ai primi testi napoletani, dal momento che questi ultimi abbondano di numerosi esempi allinterno del sintagma nominale di accordi erronei, indizio sicuro di un antico indebolimento delle vocali atone finali: vini blanche (Regimen1 408), Niervi dure (BagniR 56), alcune de li facti vechy (LDT 47.2), diversi turri ben fuorti et altissime (ib. 78.36), tucti li parenti vostre et amici (LVP 222.11), tucte sti quatto frate (RDF 83), Quiste figlioli (Lupo II.19.4), fedeli cristiano (id. I.4.4), multi conti et baruni, coss de catalane como taliani (id. I.48.4; cfr. tucti li altri baruni catalani et italiani (I.48.7)), tutte quille cinco ginitili ommini (Ferraiolo 84v.2021). Signficativi a questo riguardo sono esempi molto frequenti come persune (LVP 3), li diente (LDT 50.10), le vuce mortale e stridienti (ib. 256.35) e tridici misse (Lupo II.1.10), dove, malgrado la presenza della metafonesi che presuppone necessariamente una -i finale originaria, la grafia -e indica uno stadio successivo in cui [-i] era gi passata a [-] (Moro 2003, 83). Per tale pronuncia indebolita delle vocali finali nei testi antichi pare sicura solo per gli esiti di *-E e di *- del latino parlato, come dimostra in modo particolarmente convincente Formentin (1998, 178188) in base al testo derosiano quattrocentesco: mentre *-E e *- sono, salvo poche eccezioni determinate dalla fonosintassi (v. infra), rappresentate dalla grafia -e [], ben salde invece rimarrebbero i continuatori di -O/- (M) e -A(M ) che vengono sistematicamente rappresentati dalle grafie -o e -a. 34 Avolio (1995, 39 n. 33), per contro, identifica nella frequente alternanza tra grafie in -o ed in -u in testi come i BagniR (p.es. defiecto (187), luongo (343) di fronte a ioiusu gioioso (220) e andamientu (475)), la spia di influssi toscaneggiante (-o) e sicilianeggiante (-u) sullo scrivano, il quale, insicuro delluscita vocalica etimologi
33 34

V. Zinno (1934, 394), Rohlfs (1966, 467), Malato (1970a, 18), Iandolo (1994, 78, 104), Radtke (1997, 62), Formentin (1998, 266268). Si considerino a questo proposito anche i sostantivi e aggettivi uscenti storicamente in -e, i quali esibiscono una notevole oscillazione nella rappresentazione ortografica della propria vocale finale, sicuramente pronunciata in ogni modo [-]: mare / maro (Ferraiolo 79v.31 / 112r.3), cane / cano (id. 79v.29 / 79v.30), pella (id. 79v.16), riamo (id. 99v.9), dociembro (id. 145v.7), Carmino (id. 141r.7), fiumo (RDF 26), nomo (ib. 29), infanto (Lupo I.44.5), Fiorensa (id. I.53.9), Carmino (id. I.21.6), abrili (id. I.60.5), sango (id. I.61.8), Cesaro (id. II.52.3). Rappresentazioni sporadiche come uno bastonetta (Ferraiolo 127r.15), dobretta dobletto, panno di lino e di bambagia (id. 142r.6), cavalletta sostegno di ferro (per armi) (id. 123v.20), e llo Preffetta prefetto, magistrato (id. 128v.7), in confronto, andrebbero meglio ritenute o indizi di un incipiente indebolimento anche delle -o e -a finali o di una specializzazione della -a finale come marca caratteristica dei nomi diminutivi dorigine francese (Sabatini ([1983] 1996b, 443, 464 n. 29; Coluccia 1992, 296 n. 14; Formentin 1998, 109 n. 205; De Blasi e Imperatore 2000, 45, 150).

77

camente corretta in virt della propria pronuncia affievolita di tutte le vocali finali, si sarebbe trovato costretto a far una scelta (non sistematica) tra le due eventuali grafie. 2.3.2.3.2. Situazione moderna Senza dubbio la maggior vittima della neutralizzazione delle vocali postoniche stata la flessione nominale ed aggettivale, dove le vocali atone finali -u (> -o; m.sg.) / -a (f.sg.) / -i (m.pl.) / -e (f.pl.), importanti veicoli di informazioni morfologiche relative alle categorie di genere e di numero, passarono a [-] producendo cos forme ambigue quali, ad esempio, laggettivo moderno [b"bEll], rappresentato nello scritto da almeno tre grafie diverse, ossia bell-o/-a/-e, oppure una sequenza quale [mu"rEttap"pis] rappresentante sia murette appiso mor impiccato che murette a Pisa mor a Pisa (Iandolo 2001, 2829). Si noti a tal riguardo pure la funzione apparentemente disambiguante degli aggettivi msculo maschio e fmmena femminile in frasi quali appe uno biello figlio masculo (Epistola 181.78), fece uno figliolo mascolo (Ferraiolo 89v.24), lo re nebbe quactro figlioli maschi et doi figlioli femene (Lupo I.60.3), aggio sette figlie mascole (Basile 114), era restato co tre figlie femmene (Sarnelli 108). Discorso a parte va fatto comunque per la -a finale, la quale, a differenza delle altre vocali finali, pu a volte assumere un timbro pi distinto con realizzazione localizzabile a met strada tra [a] e [] (p.es. maruzza [ma"rutts] / [ma"ruttsa] lumaca; v. Rohlfs 1966, 176; Castagna 1982, 22; Iandolo 1994, 33, 70). Avolio (1995, 4142 e n. 47) e Radtke (1997, 6364) adottano invece uninterpretazione pi sfumata, attribuendo alla situazione campana una polimorfia notevole. In particolare, secondo loro la realizzazione delle vocali atone andrebbe vista in base ad un continuum di eventuali realizzazioni, i cui estremi si identificano con una pronuncia con timbro pieno da una parte e il dileguo completo dallaltra. In questo modo Avolio in grado di spiegare la frequente realizzazione aperta e anteriore della -a postonica (nonch, meno spesso, delle altre vocali) che trasforma la vocale postonica in [-] in esempi quali maschera ["maSkr] maschera, e bberite, vanna mille lira [e bb"rit vann a m"mill "lir] li vedete, vanno a mille lire, so buone [so b"bwon] sono buoni. Una tale realizzazione delle vocali atone spiegherebbe peraltro pronunce comuni nellitaliano regionale di Napoli come talfono (De Blasi e Imperatore 2000, 45) e potrebbe anche fornire una soluzione semplice dellimpiego di -a finale nei nomi propri maschili, tipicamente dorigine francese, nei testi antichi (p.es. Jannetta Giannetto (Epistola 184.5), Lanczellotta (Ferraiolo 105v.22), Traunetta Dragonetto (id. 84v.7), Milana (id. 99v.25, Lupo I.48.5, De Rosa 9r.20; cfr. per Milano (Lupo I.63.ru.)), Marchionna Melchionne (De Jennaro2 67), Manfreda (Lupo I.21.ru.); v. Sabatini [1983] 1996b, 443, 464 n. 29; Coluccia 1992, 296 n. 14; Formentin 1998, 109 n. 205; De Blasi e Imperatore 2000, 45, 150). 2.3.2.3.3. Ripristinazioni Uneccezione notevole allaffievolimento delle vocali finali si osserva in sequenze di parola1 + parola2 dove per fonetica di frase la vocale finale di parola1 si trova in 78

["atu bik"kjer], bella u posizione protonica derivata: ato ["at ] altro + bicchiere [b"bEll ] + fmmena donna [b"bElla "fEmmn] (cfr. na fmmena bella [na a "fEmmna b"bEll]), tante ["tand ] + piatte a ["tandi "pjatt], quante ["kwand ] + i lgreme ["kwandi l"lagrm].35 Tuttavia, tale ripristinazione della vocale finale i solo possibile se parola1 forma un nesso sintattico (ossia un costituente) con parola2 (De Blasi e Imperatore 2000, 34). Perci una sequenza come a casa nova la casa nuova pu avere due pronunce diverse in una frase quale facette a casa nova fece la casa nuova, a seconda che nova funga da modificatore aggettivale allinterno del sintagma nominale [SN a [casa [SA nova]]] o da complemento predicativo aggettivale (complemento risultativo), ossia facette [SN a [casa]] [SA nova] rifece la casa (come) nuova, dove casa e nova non formano invece un costituente. Solo nel primo caso viene ripristinata la -a finale di casa, mentre nel secondo viene indebolita a schwa. Tuttavia la semplice costituenza non pare essere sempre condizione sufficiente in quanto spesso due voci adiacenti formanti un singolo costituente non danno luogo alla cosiddetta unione vocalica. Ad esempio, bench in una sequenza come cantammo na canzone cantiamo una canzone il verbo cantammo e il SN na canzone formino un sintagma verbale a un determinato livello strutturale, la -o finale della voce verbale non viene affatto ripristinata (cio innalzata a [-u]) bens ridotta a schwa: [kan"damm na kan"tson]. Tali considerazioni inducono pertanto a sospettare che le alternanze vocaliche osservate non siano fonologicamente determinate, dal momento che non si lasciano predire in base al semplice contesto fonologico, ma che sono invece specificate lessicalmente in un ristretto numero di voci come eventuali esiti vocalici pretonici (Bafile 1997, 462). Generalizzando dai casi pi frequenti, risulta che la ripristinazione della vocale finale si verifica soprattutto con: una classe ristretta di voci grammaticali quali aggio ["addZ ] ho (p.es. aggio + visto aggiu visto ["addZu "vist]), addo [ad"do ] dove (p.es. addo + Mario u o addu Mario ["addu "marj] da Mario, a casa di Mario), no [no ] un (p.es. no + u o rilorgio orologio nu rilorgio [nu ri"lOrdZ]), non [no n] (p.es. non + tric u o tardare nun tric [nu n dri"ka]), co [ko] con (p.es. co + mamm mamma u cu mamm [ku mmam"ma]);36 categorie lessicali reiterate ai fini di enfasi quali chiano ["kjan ] piano (cfr. chianu chiano ["kjanu "kjan] pian piano, pianissimo), coppa ["kOpp ] u
35

36

V. Rohlfs (1966, 177), Bichelli (1974, 31, 42), Castagna (1982, 4647), Iandolo (1994, 38 39), Bafile (1997, 454), Iandolo (2001, 6770), Maturi (2002, 128). Si considerino anche casi lessicalizzati quali cincuciento, coccupinto cocco dipinto (regalato a Pasqua) (Andreoli [1887] 1993, 108), dimanummatina, ficusecca, parcuscnico (DAscoli 1990, 430), casumje (Amato e Pardo 2001, 54). Andrebbe chiaramente ritenuto invece un latinismo o Spiritussanto (De Falco 11) vista la presenza della sibilante lunga. Bafile (1997, 462) osserva lopzionalit dellinnalzamento nel caso di aro dove (p.es. [a"ro / a"ru "vaj]). Si nota per che, a differenza degli altri esempi in questo caso, linnalzamento coinvolge una vocale accentuata. Simile opzionalit si constata anche nelleventuale innalzamento di [o] tonica osservabile nellavverbio comme: [nun "tsatS kom / kum "adZ a fA] non so come devo fare.

79

a sopra (cfr. coppa coppa ["kOppa "kOpp] proprio sopra), fumma! ["fumm] fuma! (cfr. fumma fu! ["fumma fu] fuma, dai!); forme verbali dotate di due enclitici con concomitante spostamento di accento (p.es. magne ["ma ] mangia (imp.) + -telo magnatllo [ma a"tell], crisce ["kriSS ] cresci (imp.) + -ncela -gliela criscianclla [kriSSa "dZell], pia gliate [pi"at ] + -velo pigliativllo [piati "vell], facimmo [fa"Simm ] faci ciamo (imp.) + -ncelo -glielo facimmancllo [faSimma "dZ ell], iammo a Z ["jamm ] andiamo (imp.) + -ncene -cene iammuncnne [jammu "dZenn], u purtanno [pur"tann ] portando + -mele purtannamlle [purtanna "mell]; a v. Bichelli 1974, 140142). modificatori prenominali, comprendenti determinanti, quantificatori e certi aggettivi (cfr. anche brutto, buono, malo cattivo, bello, granne grande, givene, viecchio, santo, prssemo, primmo, secunno, terzo, rtimo, miezo, mastu maestro, ecc.; v. Altamura 1956, 16; Imperatore 1974, 3738; Bafile 1997, 454 n. 42; Iandolo 2001, 6769; Ledgeway 2007b, 105107): chillo/-e ["kill ] quel lo/-i + libbro/-e libro/-i ["kill-u \-i "libbr], chella/-e ["kell ] quella/-e + cau i sa/-e ["kell-a "kas / "kell-i k"kas] (cfr. anche chisto questo, ato altro, tana i to, quanto, cierto, poco, troppo, paricchio, ecc.), pvero/-a/-e ["pOvr ] (m.sg. / f.sg. / pl.) + figlio/-a/-e (m.sg. / f.sg. / pl.) ["pOvr-u \-i "fi] povero/-i fiu i glio/-i e ["pOvra "fi\"pOvri f"fi] povera/-e figlia/-e). a i Siamo pertanto costretti a concludere che le vocali finali si indeboliscono a schwa solo quando seguiti da una pausa o da uninterruzione nella sequenza sintattica (in quanto la parola non forma un costituente con quella seguente), e non semplicemente quando sono in fine di parola (De Blasi e Imperatore 2000, 34). 2.3.2.3.3.1. Casi non etimologici e lessicalizzati Non nemmeno chiaro che la presentazione dei fatti proposta finora risulti la pi adeguata, dal momento che alcune delle ripristinazioni prodottesi per unione vocalica non possono derivarsi tramite una semplice regola fonologica sincronica di innalzamento delle vocali originarie (per non dire sottostanti) al pari di quanto osservato per le vocali protoniche allinterno delle parole. Per esempio, mentre la flessione maschile singolare -o, altrimenti indebolita a schwa, viene innalzata a [-u] (p.es. nu bell[u] guaglione un bel ragazzo) al pari delle vocali protoniche /o O/ in cucc coricare (vs ccco corico) e purt portare (vs prto), cos come la flessione femminile singolare -a rimane distinta (cfr. na brutt[a] cammisa una brutta camicia) come la -a- protonica in brutt[a]rello parecchio brutto, la flessione plurale ambigenere -e viene innalzata a [-i] (p.es. at[i] purtualle (m.pl.) altre arance, at[i] maruzelle altre lumache (f.pl.), tant[i] curtielle tanti coltelli (m.pl.), tant[i] furchette tante forchette).37 Allinterno delle parole, invece, la -e- protonica, come si visto al 2.3.1.1, viene normalmente centralizzata (p.es. screvette ["SkrvEtt] scrissi/-e, sebbene linnalzamento a [i] non sia escluso: scrivette), esito mai riscontrato per la flessione plurale -e. Altro problema potenziale riguarda le voci di entrambi i
37

Spiegazioni analoghe valgono anche per la vocale anteriore alta osservabile nelle forme lessicalizzate duiciento e duimila.

80

generi uscenti storicamente in -e (< -EM) al singolare, le quali in casi di unione vocalica si trasformano in [-u] (m.sg.) e [-a] (f.sg.), esiti del tutto inaspettati che non possono derivarsi da una precedente [-e]: nu grann[u] palazzo, na grann[a] surpresa. Invece, tali uscite vocaliche andrebbero interpretate come dei casi di metaplasmo, per cui le -u / -a finali si sarebbero estese a tali voci per analogia con i nomi ed aggettivi derivati dalla 1a e dalla 2a declinazioni e pertanto affatto passibili di una derivazione fonologica. Problemi maggiori presenterebbero talune delle formi verbali di cui sopra con aggiunta di due enclitici, dove la vocale finale originaria (o sottostante), variamente -e, -o, viene trasformata in [a]: scrive + -tella scrivatlla scrivetela, scrivenno scrivendo + -ncela scrivennanclla scrivendogliela (Bichelli 1974, 140141). Con tutta probabilit, tali casi vanno considerati al pari dello sviluppo delle /o i e/ inziali considerate al 2.3.1.4, le quali tendono anchesse a passare a [a-] in sede immediatamente protonica (cfr. afferta offerta, addiota idiota, astremo estremo). Sicuramente non vanno inclusi a tal proposito i casi di generalizzazione di -a finale etimologicamente non giustificata allinterno del SN che Rohlfs (1966, 177) considera alquanto diffusa in fonetica sintattica nei dialetti meridionali: pugl. tanda brgand tanti briganti, quanda tiemb quanto tempo, raita strett rete stretta, vsta verd ; abruz. la carna fresk, na ntta sol, narta [mestiere] bbon; isch. na vtta vakant una botte vuota, tanda tiemb tanto tempo, lupiniona mi la mia opinione, a mugliera nov la nuova moglie, tanda bregand tanti briganti (v. Malato 1970b, 106; Castagna 1982, 22; Iandolo 1994, 39, 178). Secondo Rohlfs, in questi casi la presenza della [-a] finale si spiegherebbe semplicemente come vocale jolly, ipotesi che pare tuttavia poco convincente, almeno per il napoletano. In modo particolare, la -a finale dei quantificatori plurali tanta e quanta,38 fenomeno riscontrabile fin dai primi testi con esempi quali non saccio [so] quanta delli mieglio mieglio di Napoli (Epistola 182.67), sapissove [aveste] beduto quanta bielle de Nido e di Capovana (ib. 182.11), si tu appisse vippite [avessi bevuto] tanta surci [sorsi] de acqua quanta ay gittate lacrime (LDT 104.13 14), Iasone, quanta angustie patesco per te (ib. 65.1), li quali me aveno afflicto de tanta doluri (ib. 129.1112), tanta dommagi (ib. 126.19; cfr. per tanti domagi (125.34)), cutanta periculi (ib. 60.15; cfr. per cutanti nuostri domagi (242.37)), cutanta nuostre angustie con doluri (216.2122), Quanta giornati simo de lotanno a Friorio mio fillo? (RDF 266), Di-me, e buy, quanta moliere pillate a vustra fede? (ib. 175), no(n) vedette tanta cose maravegliose quanta aio vedute yo (De Rosa 17r.17v.1-2), mo ve voglio dire quanta riale aio serbute yo in Napole (id. 17v.21-2) tanta anne (Lupo I.18.3), tanta migliara de francisi (id. II.1.14; cfr. per tante volte (II.34.10)), Quanta homini (id. I.63.6), tanta migliara de francisi (id. II.1.14), voce [volle] intennere et vedere quanta perzune armate posseva fare la terra (Ferraiolo 127v.23), va considerata lesito regolare della desinenza del neutro plurale in -A (v. Loporcaro 1988a, 64; Formentin 1998, 308309; De Blasi e Imperatore 2000, 183), la quale si sarebbe conservata in maniera eccezionale in questi due quantificatori (nonch nel quantificatore derivato cutanto) e mai con altri elementi prenominali
38

V. Amato e Pardo (2001, 166) che traducono quanta agg. pl. con quanti, quante; v. anche Santagata (1979, 134), Formentin (1987, 67).

81

plurali, p.es. belli / *bella parole),39 cos come in sostantivi neutri reinterpretati come maschili al singolare (miglio) e femminili al plurale (miglia; v. 4.4.1).40 A prova di ci si consideri il fatto che mentre le forme plurali alternative, altrettanto frequenti, in -i finale (Malato 1970b, 106; Iandolo 1994, 39, 178), ossia tanti e quanti,41 vengono distinte per il genere dalla efficacia rafforzativa della variante femminile (p.es. quanti [k]ane quanti cani vs quanti [kk]ane quante cagne, tanti [f]iglie tanti figli vs tanti [ff]iglie tante figlie; v. 1.4.3, 5.2.1), la forma plurale invariable in -a, sia maschile che femminile, non raddoppia mai: quanta [k]ane / [k]ane quanti/-e cani / cagne. Se tale -a finale fosse perci semplicemente una vocale jolly venutasi ad aggiungere alle forme plurali maschili e femminili originali in virt della sua posizione protonica, ci si aspetterebbe che la forma femminile provocasse il rafforzamento consonantico. Tuttavia, lassenza di rafforzamento indicherebbe invece unorigine nella forma neutra plurale, la quale non mai uscita in consonante finale e pertanto non mai stata capace di provocare il RC. Peraltro si ricordi che ad eccezione, ovviamente, della femminile singolare, la -a finale interessa solo gli elementi prenominali plurali (e mai quelli al maschile singolare; v. per n. 34 di cui sopra), distribuzione del tutto coerente con una sua origine nel neutro plurale. Altro motivo per ritenere le forme plurali invariabili come residui di un antico neutro consiste nel fatto che, almeno nei testi antichi, ricorrevano anche quando impiegati in un SN senza testa nominale (cfr. il primo esempio della Lettera 1 citato alla n. 41 sotto) dove linserzione di -a finale non si pu spiegare come conseguenza della sua posizione protonica.42 Infine la natura non puramente fonologica delle ripristinazioni vocaliche discusse sopra viene confermata anche dal fatto che allinterno del SN non tutti gli aggettivi impiegati in posizione prenominale sono passibili di tali ripristinazioni. In particolare, basti confrontare aggettivi prenominali come viecchio o santo, i quali presentano una [-u] finale davanti a sostantivo maschile singolare (p.es. nu viecchi[u] rilorgio un vecchio orologio, stu sant[u] prufessore), con aggettivi come bravo e ricco che davanti a sostantivo maschile singolare escono sempre in [-], e mai in [-u] (p.es. nu ricc[] / **ricc[u] pranzo, nu bbrav[] / **bbrav[u] guaglione un bravo ragazzo;
39

40

41 42

Se non semplici errori grafici (coprendo uneventuale pronuncia []), si dovrebbero forse ammettere qui in chiave eccezionale i numerali centesimali, i quali ricorrono in certi testi antichi con una flessione plurale in [-a] per analogia con tanto e quanto, nonch con le decine uscenti anchesse in -a (p.es. trenta): trecenta fante per guardia de Salierno (Ferraiolo 125r.22), docenta fante (id. 127r.6), quattocenta fante (id. 126v.22), cincocenta fante (id. 130r.2), ma et ciento homine presune (id. 128v.89), triciento francise con ciento taliane et trecienta cantara [misura di peso] de viscotte (id. 135v.45). Non desteranno pertanto stupore i tre esempi di uscita in -a davanti a sostantivo denotante referente astratto [-num.] segnalati in Formentin (1998, 308 e n. 904): quanta fo lo magnialimo [magnamit] (De Rosa 10r.34), tanta streminio tanto sterminio (Diurnali, Manfredi 1958, 116.22), tanta ammoinamiento tanta confusione (Basile 426). Cfr. limpiego di entrambi i tipi flessionali in Lettera1 del 1353: sa qua(n)ta illi sono (32) e qua(n)ti puoviri da(n)no ma(n)giati (23). Cfr. anche esempi quali quanta nce nde trovaro de quilli miseri (LDT 122.34), Quale beneditto sia Dio et santo Inaro e ssantAniello et tutte lautre sette patrune de Napole, che gie tnnino le mmano, ch(e) quanta ne venevano sopre le case per tutto quillo tienpo che loro tnnino lo castiello, quanta ne devano sopre le case o alle vie (Ferraiolo 116r.2932).

82

v. Imperatore 1974, 3738; Iandolo 1994, 72 n. 2; De Blasi e Imperatore 2000, 37; Ledgeway 2007b, 106107). Tali dati inducono a pensare che le ripristinazioni vocaliche dei pochi aggettivi interessati (in tutto una ventina comprendenti quegli aggettivi che tipicamente occorrono in posizione prenominale) andrebbero interpretate come fenomeno non solo fonologico ma anche morfolessicale, idea che si sviluppa ulteriormente al 6.4.1.1.

83

Capitolo 3: Consonantismo

3.1. Consonantismo: Panorama generale


I fonemi consonantici del napoletano moderno, 18 in tutto, sono esposti nella Tabella 3.1:
Tabella 3.1: Fonemi consonantici del napoletano moderno labiale p f v m dentale t alveolare s ts n r j l palato-alveolare S tS palatale velare k V

occlusiva fricativa affricata nasale laterale vibrante approssimante

ddZ

3.2. Sonorizzazione vs lenizione / fortizione


Il sistema consonantico napoletano diverge notevolmente da quello italiano in quanto le opposizioni di sonorizzazione giocano un ruolo fonologico minore (De Blasi e Imperatore 2000, 55, 57), eccezion fatta per la coppia fricativa labiodentale /f v/ per cui si possono citare rare coppie minime quali fa(nno) / va(nno), pur notando in ogni modo che, quando rafforzata, la variante sonora si trasforma in occlusiva intensa [bb] (p.es. e [ff]anno / e [bb]anno). Come dimostrato da questultima alternanza allofonica /v/ vs [bb], la maggior opposizione fonologica del sistema napoletano riguarda invece una distinzione tra le consonanti leni (scempie) da una parte e le consonanti forti (intense) dallaltra (De Blasi e Imperatore 2000, 52, 55). Per esempio, in napoletano le occlusive sorde del latino /p t k/ non entrano in opposizione fonologica con una serie sonora corrispondente /b d g/, come succede in italiano (cfr. cupo / cubo, mota / moda, quanto / guanto). In genere, i continuatori napoletani delle sonore latine /b d g/ si realizzano invece come fricative (/b g/ > /v V/) o vibranti (/d/ > /|/), le varianti occlusive sonore ridottesi ad allofoni intensi impiegati unicamente in posizione rafforzata (p.es. BASIUM > vaso bacio (ma tre [bb]ase, pussibbele), DI(GI )TUM > rito dito (ma e [dd]eta le dita, addose dose addore adore, addefizio edificio (Cortese3 4.18), mortetuddene multitudine (Cortese4 40)), GALLUM > [V]allo (ma tre [gg]alle, leggo)), e dopo consonante (p.es. sbacant vuotare, sorde soldi, largo). 85

Tale situazione pare essere testimoniata anche nella grammatica settecentesca di Oliva (Malato 1970b, 34), il quale osserva che nel b i labri fanno pi forza in apriresi, ma nel p appena toccandosi saprono, presumibilmente un riferimento alla natura pi intensa dellocclusiva sonora ([bb]) rispetto alla sorda (/p/), cos come quando evidenzia che nel d con la punta della lingua si toccano i denti di sopra, verso la radice, e nel t si tocca la serratura dessi, la posizione pi alta della lingua descritta per questa prima potrebbe indicare una pronuncia vibrante. Di conseguenza, il grado di sonorizzazione delle originarie occlusive sorde latine risulta abbastanza variabile, in quanto una loro pronuncia pi o meno sonora non provoca nessuna confusione allinterno di un sistema in cui le originarie occlusive sonore si sono indebolite passando al grado di fricativa o vibrante, ossia P > p / b, B > v, T > t \ d, D > |, C > k \ g, G > V (Radtke 1997, 7071). Pertanto, tranne in fine di sillaba, le occlusive sorde vengono assoggettate a vari gradi di lenizione anche nella pronuncia dello stesso parlante, potendosi realizzare da un lato come sorde leni [p# t3 k3] e, specie nelle parlate pi stigmatizzate, come sonore forti [b d g] dallaltro (Canepari 1979, 220; Radkte 1988, 656; 1997, 7071; 2002, 231; Maturi 2002, 82): aspett [aSp#t"t3a] / [aSbt"da], spennuto [Sp#n"nut3] / [Sbn"nud] speso, fracasso [fra"k3ass] / [fra"gass], na patana [na p#a"t3an] / [na ba"dana] una patata. Tale situazione parrebbe gi rispecchiata nei primi testi dove si rilevano frequenti oscillazioni grafiche nella rappresentazioni delle originarie sorde (Capozzoli 1889, 910; De Blasi e Imperatore 2000, 57, 160161): aguto (LDT 130.25), appligaro / applicaro (ib. 86.56 / 67.32), lagrime / lacrime (ib. 104.1 / 104.14), gamilli cammelli (ib. 150.24), fatigati / faticati (ib. 53.3 / 167.14), resblandienti / splandienti (ib. 145.3637 / 113.1213), arragamata ricamata (Ferraiolo 99r.6), obrile aprile (id. 89v.1), barco parco (id. 130v.25), giesie chiese (id. 111v.17), ongnie gosa (id. 115v.24), gamillo (De Rosa 54v.27), gattive prigionieri (id. 6r.25), Raganata Recanati (id. 18v.23), galee / calee (id. 10r.21 / 10r.22), sadesfare (id. 48v.8), Odo / Otto Ottone (di Brunswick) (id. 1r.3 / 42v.19), redifico ratifico (id. 68r.15), subbeture / suplutura sepulture/-a (id. 17v.9 / 64v.12), pagie pace (Lupo I.12.1), fegie fece (id. I.4.1), Costantinobili (id. I.4.2), cagiatore (I.59.4), Progita Procida (id. I.26.5), jodigie / judicio (id. I.51.4 / I.44.6), monagi (id. II.36.3), gattivo / cattiva (Masuccio XV.36 / L.14). In seguito ad unalfabetizzazione pi diffusa a partire dal 1550, tali oscillazioni ortografiche divengono sempre pi rare, ma continuano a far capolino ancora solo negli scritti delle persone meno colte (De Blasi e Imperatore 2000, 162). Anche nei nessi consonantici le sonore originali /b d g/, se non gi intense (p.es. abbrile aprile, libbro, bbreca epoca, bbabbilonia confusione, cummddia), tendono a trasformarsi nella variante forte intensa tramite lassimilazione, soprattutto nella pronuncia dei parlanti di ceto basso (p.es. problema > pobbrema (oppure probblema), albergo > abbergo, rbitro > bbitro, Camldoli > Camddoli, ing. football > fubballo (DAscoli 1990, 247); v. Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 202; De Blasi e Imperatore 2000, 55, 166168), cos come la /d-/ iniziale assoluta, dove eccezionalmente persiste, si allunga (p.es. dduie / ddoie (m. / f.) due, Ddio, ddiece (Russo 61)) o, nel caso dei prestiti eruditi, si allunga e viene rafforzata da una [a-] prostetica (p.es. addavero davvero (Petito2 VII), addanza (Andreoli [1887] 1993, 12), addavero (id. 12), addummannare / addimmannare domandare (id. 13), addonca dunque, adddeca dedica, Addvete Davide, Addieco Diego; 86

v. Parascandola 1976, 102; Perrone 1977, 212; Iandolo 1994, 44). Pertanto la distinzione originaria tra consonante sorda e consonante sonora viene normalmente mantenuta anche in entrambi questi casi tramite una distinzione fra consonante scempia (con variabile grado di sonorizzazione) e consonante intensa, come dimostrano coppie allotropiche quali puca / bb(r)eca, aprile / abbrile, capesuciet/-suggiet capo autorevole della camorra (DAscoli 1990, 133); proc. frubbice / frvice forbici (Parascandola 1976, 122). In posizione postnasale per le sorde originarie si sonorizzano (p.es. campagna [kam"ba ], dente ["dEnd], manco ["maNg] nemmeno; cfr. forme ipercorrette quali zincara (Riccora1 I.2)), processo alquanto antico a giudicare da esempi tre- e quattrocenteschi come HINCE > ingi ci (Epistola 181.17), non boco sbavottute non poco sbigottiti (LDT 65.2122), rangore (ib. 208.10), tranguilla (Ferraiolo 105r.4), ed eventuali esempi ipercorretti quali (a.fr. estendart >) li stantali gli stendardi (LDT 141.6), motante mutande (De Jennaro2 109, in rima per con contante (110)), e sequento (Lupo I.54.2). Comunque, la distinzione tra sorda e sonora originaria non viene neutralizzata in tal contesto, in quanto la bilabiale e la dentale sonora originaria viene coinvolta da un processo di assimilazione storica -MB- > -mm- e -ND- > -nn-, per cui continuano a contrastare coppie come RUMPO > rompo ["romb] vs RHUMBUM > rommo, VENTUM > viento ["vjend] vs VENDET > venne vende. Nemmeno nel caso delle originarie occlusive velari /k g/ viene meno la distinzione, dal momento che in posizione postnasale le consonanti sorde, secondo le analisi sperimentali effettuate da Albano Leone e Maturi (1991, 255) sullitaliano regionale di Nusco (AV), risulterebbero ancora pi sonore delle sonore stesse (cfr. cinco ["tSiNg#] cinque vs songo ["soNg] sono). Inoltre, come nelle assimilazioni regressive delle originarie occlusive sonore osservate sopra (cfr. sorbetto > sobbretto), anche in posizione postnasale la sorda velare originaria /k/ si realizzer medio forte se non del tutto doppia (De Blasi e Imperatore 2000, 55). Concludiamo che la distinzione tra consonante sorda e consonante sonora assume ben poca rilevanza fonologica in napoletano, dal momento che la sonorizzazione si avverte in modo chiaro solo nelle consonanti intense in maniera che le occlusive sonore hanno sempre realizzazione intensa. Pertanto, mentre litaliano oppone la serie sorda /p t k/ (siano esse scempie o intense) alla serie sonora /b d g/, sempre scempia o intensa (p.es. pasta vs basta, testa vs desta, callo vs gallo), il napoletano oppone una serie occlusiva scempia /p t k/ (con gradi di sonorizzazione variabile, ossia [p\p#\b9\b; t\t3\d9\d; k\k3\g(\g]) ad una serie intensa sonora [bb dd gg], a loro volta varianti forti di una serie lene (e perci scempia) fricativa / vibrante /v | V/: pace vs vase / (tre) bbase (tre) baci, tanno allora vs ranno / (e) ddanno (le) danno, callo vs [V]allo / (tre) ggalle. Analoga opposizione allinterno del sistema tra suoni scempi e suoni intensi riguarda i fonemi /S j/ i quali presentano le varianti intense [ttS gg ] in posizione forte: [S]ore fiore vs tre [ttS]ure tre fiori, [j]anco bianco vs cchi [gg ]anco pi bianco. Le mancate distinzioni di sonorizzazione allinterno del sistema consonantico napoletano vengono ribadite inoltre dai fonemi /s ts tS/, i quali, a differenza dellitaliano, non entrano in unopposizione fonematica con i corrispondenti sonori [z dz dZ] che hanno solo stato allofonico in napoletano (qui non si confonda lallofono [dZ], tipo Francia ["fra dZ], con il fonema /ddZ/, tipo ggiacca, raggione, mastuggiorgio infermiere di manicomio (Amato e Pardo 2001, 114) che sempre intenso. 87

3.3. Lunghezza consonantica


Al pari del toscano hanno sempre pronuncia intensa in posizione intervocalica le palatali / / (storicamente provocata da un legamento /j w/ non tautosillabico seguente): SALIRE > s[]ere, BALNEUM > ba[ ]o. Come appena osservato sopra, diversamente dal toscano, in napoletano sono per sempre lunghe [bb dd gg],1 nonch laffricata palato-alveolare sonora /ddZ/ (la quale si riscontra prevalentemente nei prestiti dallitaliano quali ggiacca [d"dZakk], jeep [d"dZipp]; v. anche 3.6.2).2 Comportamento ambiguo a livello sincronico caratterizza invece la fricativa palatale /S/ e laffricata alveolare /ts/, le cui corrispondenti italiane si realizzano intense in posizione intervocalica. In napoletano, invece, la prima viene allungata in posizione intervocalica solo quando continua -SC- oppure -X-, rimanendo scempia quando derivata dal nesso iniziale FL -: a scena [a S"SEn] (< SCAENAM), a scella [a S"Sell] (< AXILLAM) lala, o sciaurato [o SSau"rat] (< EX-AUGURATUM) lo sciagurato, trascurato, ma a sciamma [a "Samm] (< FLAMEN) la fiamma, o sciore [o "Sor] (< FLOREM ) il fiore (v. Iannucci 19481949, 237; Andal e Bafile 1991, 255; De Blasi e Imperatore 2000, 62). Quanto alla seconda, questa risulta sempre lunga in posizione intervocalica dove storicamente era seguita da un legamento non tautosillabico, come per / / (p.es. *POTIO > po[tts]o posso), ma pronunciata scempia quando rappresenta lesito di una precedente semplificazione -lz- > -z-: calzetta > ca[ts]etta (De Blasi e Imperatore 2000, 63). Si osservi inoltre che, a differenza dellitaliano, laffricata lunga in posizione intervocalica, tipo e zie [e t"tsi] gli zii, acquisirebbe addirittura unintensit ancora maggiore quando preceduta da voce provocante il RC (p.es. e zzie [e t"tsi] le zie (Iandolo 1994, 285 n. 5; Iandolo 2001, 119); v. per Maturi 2002, 105 n. 63). 3.3.1. Geminazione di nasali e liquide In posizione interna di parola, e soprattutto dopo la tonica nelle parole proparossitone, lallungamento consonantico coinvolge in maniera pi generale anche le nasali /m n/ e le liquide /l r/ intervocaliche (Iandolo 1994, 4142; Iandolo 2001, 131), fra cui la nasale bilabiale parrebbe la pi interessata, allungandosi sistematicamente sia in sillaba protonica (p.es. ACADEMIAM > accaremmia, DOMINICAM > rummneca domenica, gr. eleemosyne > lemmsina elemosina, AMOREM > ammore, cummettiva comitiva, LIMARE > limm), che in sillaba postonica (p.es. 1pl. -VMUS > -Vmmo -iamo (cfr. sturiammo studiamo, verimmo vediamo, nchiattimmo ingrassiamo), HOMO > ommo, FLUMEN > sciummo, FLAMAM > sciamma, STOMACHUM > stmmaco); strano il contrasto osservabile in camorra vs cammurrista.
1 2

V. Iannucci (19481949, 237), Malato (1970b, 72), Iandolo (1994, 90), Radtke (1997, 70), Iandolo (2001, 32). Vaughan (1910, 176), Zinno (1934, 391392), Altamura (1956, 1617), Malato (1970a, 17), Perrone (1977, 219), Iandolo (1994, 92), De Blasi e Imperatore (2000, 52).

88

La nasale alveolare tende invece ad allungarsi nella sillaba postonica immediata (Zinno 1934, 392; p.es. TENERUM > tinnero, UNICUM > nneco, CUNULAM > cnnola culla, PIULULAM > *PINULA > pnnolo (o pnolo (cfr. DAntonio 384.10)) pillola, GENERUM > innero genero, CINEREM > cnnere, it. canottiera > cannuttiera (per ANIMAM > nema)); solo molto pi raramente si riscontrano casi di allungamento in posizione protonica come, ad esempio, LUNES DIEM > lunner, FUNERALEM > funnarale funerale, mortorio. In alcuni casi rari la nasale viene persino accorciata: fichi dIndia > *ficurinnia > ficurinie fichi dIndia, grano dIndia > *granorinnia > granorinio granturco, mais, gallo dIndia > *gallorinnia > gallurinio tacchino,3 pisciavnolo (oppure pisciavnnolo) pescivendolo, scanagli scandagliare (Iandolo 2001, 130; cfr. per a Procida scannagghj (Parascandola 1976, 237)). Quanto alle liquide, esse si allungano in maniera pi erratica, sia in posizione protonica (p.es. dellitto (Cortese1 3.6), mellone (cfr. li melloni (Sannazaro1 44)), dellicato, delluviare diluviare, Musullino Mussolini (si noti per la sibilante scempia), musullina (o mussulina) mussola, mussolina (si noti per la sibilante scempia quando la laterale lunga), UMBILICUM > vellcolo ombelico, pullicino (o pulicino) pulcino, Pullicinella (o Pulicinella) Pulcinella, vallena balena, *BARILEM > varrile, fr. ragot > o rra il rag, sarraggio sar, gr. sarakens > sarracino, *SCARAFAIUM > scarrafone scarafaggio, barracca, carrubbina carabina, carrubbiniere carabiniere), che in posizione postonica (p.es. vallna (forma apparentemente pi volgare di balena secondo Andreoli ([1887] 1993, 51)), cllera, cetrullo (o cetrulo) cetriolo, crreco (Iandolo 1994, 104)). Tuttavia sembrerebbe la sillaba postonica immediata quella pi favorevole in generale allallungamento delle nasali e delle liquide, dal momento che provoca un rafforzamento delle forme enclitiche inizianti in /m n l/ e del suffisso di 3pl. -no in quei casi in cui laccento principale si sposta alla penultima sillaba ai fini di evitare unaccentuazione (bis)proparossitona (v. 1.2): (l)assa lascia + -me > (l)assmme (o (l)ssame), r da + -mene > rammnne, pulzza pulisci + -tela > pulizzatlla, telfona telefona + -no > telefonnno telefonano, nveca naviga + -no > navecnno. La laterale viene allungata anche nella forma elisa dellarticolo determinativo (entrambi i generi e numeri) e del pronome clitico di 3a persona (entrambi i generi e numeri, acc. e dat.), ossia l > ll, specie prima di vocale accentuata (llate gli altri, llacqua, ce llaggio cuntato glielho raccontato), sebbene in realt si tratti non di allungamento bens di conservazione della laterale lunga originaria in tali contesti (< ILLE). C anche da sospettare che, al pari del siciliano e del calabrese meridionale, la vibrante fosse anche un tempo pronunciata intensa in inizio di parola, dal momento che numerose parole inizianti originariamente in r- adesso cominciano in arr(p.es. arrial regalare, arrmpere, arripus riposare, arroico eroico, arraggia rabbia, arresrvere risolvere, arrissa), dove la a- iniziale andrebbe intepretata come vocale prostetica dappoggio (v. 2.3.1.5; Rohlfs 1966, 171, 223; Iandolo 1994, 101).
3

Strana comunque la conservazione della nasale intensa nelle forma semplice (India >) Innia (DAscoli 1990, 279).

89

3.3.2. Casi di geminazione sporadici Altri casi meno sistematici di allungamento consonantico allinterno di parola non sono nemmeno infrequenti e qui ricordiamo, fra altri, esempi quali sfriddo calo; strazio, ddoie / dduie due (m. / f.), ddiece, LAPIS > lppese matita, BIBITAM > vppeta bibita; bevuta, *MOVITUM > muppeto mosso, DE+POST > doppo, fr. pipe > pippa pipa, marciappiede, (q)quatto quattro, NUTRICEM > nutriccia nutrice, *AD+GLUTERE > aglittere ingoiare, cuttone, ciuccio asino, varricchina candagina, pianufforte, carciffula carcioffo, oland. dejk > dicco diga, Macchiavellara astuzia, Machiavellismo, musso muso, adde(s)sa adesso; quasi; allora (DAscoli 1990, 27). Esiste inoltre una ristretta classe di voci inizianti per consonante intensa (in alcuni casi prodottasi come conseguenza di una precedente aferesi), fra cui ricordiamo qui: cchiesia (< ECCELSIAM), cchi (< IN PLUS) pi, Ddio, cc qui, qua (< *ACCU+HAC), ll (< ILLAC) l, l, lloro (< ILLORUM), lloco (< *ILLOCO) cost, mmannaggia, mmaledcere maledire, mmenest scodellare, mmerda, mmalatia, Nnpole, nnemico, rre (v. Capozzoli 1889, 31; Iandolo 1994, 95sgg.; Iandolo 2001, 121122). Si osservi infine che tale rafforzamento della consonante iniziale si verifica con notevole frequenza, sebbene sempre di natura opzionale, nelle frasi enfatiche e/o esclamative (Iandolo 2001, 275): P(p)iezze carogna! Che carogna!, C(c)arogna!, M(m)aronna! Madonna mia!. 3.3.3. Correlazione tra lunghezza consonantica e lunghezza vocalica Alquanto eccezionale la situazione descritta in Russo (2002a) per le variet puteolane in cui la lunghezza consonantica risulta strettamente correlata con la lunghezza vocalica. In breve, le consonanti doppie in tali variet, quando immediatamente precedute da dittongo discendente, si abbreviano per mantenere la massima pesantezza della sillaba tonica, la quale non pu ospitare pi di due elementi allinterno del proprio nucleo (p.es. ["sPj-k] secco/-chi; magro/-i (cfr. nap. ["sik-k]), [ka"pPj-S] capisci (cfr. nap. [ka"piS-S])). Inversamente, ma in maniera meno sistematica, le vocali brevi toniche indurrebbero la geminazione di uneventuale consonante scempia successiva. 3.3.4. Casi di consonanti scempie Abbastanza rari invece sono i casi lessicalizzati in cui il napoletano, al contrario dellitaliano, presenta una scempia invece di una doppia. Ricordiamo qui esempi quali (sp. avisar / aviso >) avis / aviso avvisare / avviso, (ad)davero davvero (DAscoli 1990:24), ted. medio pifer > bfero piffero (Amato e Pardo 2001, 38), carafa (id. 50), ctena cotenna (id. 65; si noti peraltro laccentuazione sdrucciola), facenna faccenda, ciuculata (Ruccello 93), malatia malattia. Si noti anche il seguente caso dove viene scempiata la sibilante ma allungata la dentale: addesa [adesso] (Sarnelli 162).

90

3.4. Ostruenti
3.4.1. Plosive 3.4.1.1. Serie sorda Come notato sopra (v. 3.2), le occlusive sonore /p t k/ del latino sono per lo pi rimaste immutate, sebbene colpite ab antiquo da un variabile grado di lenizione come ci testimoniano nei testi antichi le frequenti oscillazioni grafiche tra -p-, -t-, -c(h)- da un lato e -b-, -d-, g(h)- dallaltro, le quali andrebbero sicuramente interpretate come indizio certo delle difficolt nel rappresentare la pronuncia lene delle occlusive sorde (Malato 1970a, 26; De Blasi 1986, 369370; 1995b, 181182). La sonorizzazione delle occlusive sorde in testi antichi in voci come Gaterima Caterina (Scripta 1), soberbo (< SUPERBUM) e (Santo) Sobburco (< SEPULCHRUM), a differenza della loro conservazione in voci quali ripa e capeccza corda per impiccare, si lasciano meglio spiegare invece come esiti di unassimilazione regressiva del tratto di sonorit della liquida della sillaba successiva (Formentin 1993, 187), al pari di quanto si osserva in voci quali SPIR(I )TUM > spirdo e CRUCEM > groce, URTICAM > ardica ortica (cfr. proc. bresbbio presepe (Parascandola 1976, 41)). In genere, le sorde vengono anche conservate dove in toscano si sono invece sonorizzate (p.es. batessa, strata, spata, spitale, gr. apothke > puteca bottega, fcato, lattuca, spica, scuto, laco, luoco, aco, cuvern governare).4 Nei pochi casi in cui le sorde originarie subiscono la sonorizzazione, questi casi risalgono per lo pi al tardo latino o ad influssi della lingua latina: recvere, arriv, pvero, gatto, grid, gravone carbone, gamma gamba, resbbola / resibba erisipola. Alquanto eccezionale il passaggio /t/ > /l/ (p.es. flauto > frauto > fraulo, forma che Andreoli ([1887] 1993, 170) considera pi volgare rispetto a frauto), nonch il passaggio /t/ > /k/ (p.es. TURMAM > chiorma torma, VOMITARE > vummec (Altamura 1956, 17; Castagna 1982, 32)), sebbene sia riuscito a morfologizzarsi nella 1sg. del presente indicativo dei verbi con tema uscente in -(t)t- (Castagna 1982, 108111): porto > porco, parto > parco, aspetto > aspecco, metto > mecco, ratto > racco gratto (v 10.1.2.2).5 3.4.1.2. Serie sonora Le occlusive sonore originarie /b d g/, in confronto, sono state vittima di un cospicuo indebolimento passando al grado di fricativa / vibrante o addirittura a zero (cfr. un caso antico nella voce potei botteghe (Scripta 6)), e solo raramente fuori dei proparossitoni (p.es. archeta oregano, CATHEDRAM > ctetra, ((S)CHEDULAM >) ctula cedola, catfero cadavere, ftera, (sp. Mlaga >) mleca vino pregiato, permmete piramide, rentnula rondinella, rtena redine, strleco astrologo, abittene, spete aspide, lceto lucido, pulito, lngueto, lqueto), si assiste a
4 5

V. Rohlfs (1966, 270, 276, 279), Formentin (1998, 202sgg.), De Blasi e Imperatore (2000, 160), Barbato (2001, 135137), Iandolo (2001, 100). Forme perlopi ormai limitate allentroterra napoletano ed alle isole (v. Radtke 1995, 47; 1997, 3940, 87).

91

una loro desonorizzazione (v. Formentin 1998, 207sgg.; Iandolo 1994, 4041; De Blasi e Imperatore 2000, 163; Iandolo 2001, 101): vachegiando (Di Lamberto 159), alicante elegante, Caribbaldi Garibaldi, doca doga, *FATIGAM > fatica lavoro, Matalena Maddalena, murtatella, navec, paparacianne barbagianni; pene, streca; isch. speto sabato; proc. FRIGIDUM > frito freddo, tiarr diarrea. 3.4.1.2.1. Betacismo La bilabliale sonora partecipa al fenomeno storico del betacismo per cui -V- e -Blatine sono nella maggior parte dei casi confluite in un unico suono /v/ (con allofono forte [bb]). Semplificando alquanto, appare dai testi antichi che in posizione iniziale /v-/ e [bb-] costituivano varianti posizionali (De Blasi 1986, 381382), il primo tendendo a comparire dopo vocale in contesti leni privi di RC tipo li (< ILLI) vuoschy, e il secondo dopo consonante (esplicita o cancellata) in contesti forti (eventualmente in presenza di RC) tipo E (< ET) bemoti insorato [sposato] alla chiazza (Epistola 183.19): come vota vs alle bote (Sannazaro1 27 / 40), la vita vs doj bolti due volte (CDT 68 / 31), chesta vota vs cchi bote (Cortese1 3.29 / 8.3). Una distribuzione analoga si riscontra anche allinterno delle parole (p.es. *TROPARE > trovare di fronte a FIB(U)LAM > fi[bb]ia). Di conseguenza, sia allinizio che allinterno di parola la /b/ (< (-)B-) originaria si realizza come labiodentale sonora (p.es. BASIU(M) > vaso bacio, BIBERE > vvere bere, BARCAM > varca, BARBAM > varva), al pari della /w/ (< (-)V-) originaria (p.es. VACANTEM > vacante vuoto, VESTIRE > vest, LAVARE > lav (Altamura 1956, 16; Avolio 1995, 4142; Radtke 1997, 64)). Soprattutto in posizione interna si rileva per una forte tendenza per la labiodentale a dileguarsi (p.es. *deva > *dea > (epentesi) *dega > (desonorizzazione) deca debba (Ferraiolo 127v.7), FAVOREM > favore [fa(v)"or] (cfr. faore (Cortese1 7.16)), ar. tabut > tavuto [tav"ut] bara (Altamura 1956, 16; De Blasi 1995b, 184)), mentre in inizio di parola il dileguo di /v/ limitato alla voce presentativa derivata dallimperativo singolare del verbo ver vedere, ossia a i (< vi) ccnno / llnno eccola qua / l. Tale distribuzione delle due consonanti labiali deve necessariamente rispecchiare unoriginaria distribuzione alquanto rara di /v-/ in inizio di parola dopo parola uscente in consonante, siccome in tal contesto la labiodentale sonora si sarebbe assimilata a [b[b]-] o a qualche altro esito pi avanzato, come succede nel dialetto contemporaneo: (i)n varca [m"bark] / [m"mark]. Deducendo da tali esempi, i parlanti avrebbero poi rianalizzato [b[b]] come allofono di /v/ in posizione postconsonantica, e perci anche in contesti di RC, mentre /v/ avrebbe continuato ad occorrere in posizione assoluta (p.es. [v]arca) ed intervocalica (p.es. la [v]arca), tranne quando intensa quando si sarebbe impiegata la variante forte [bb] (p.es. [bb]ile). In seguito ci sarebbe verificato un processo di ristrutturazione lessicale per cui /v/ iniziale si sarebbe stabilita come forma sottostante di quasi tutte le voci interessate, siano esse derivate da unoriginaria (-)B- o (-)V- latina, mentre locclusiva sarebbe finita collo stabilirsi come variante allofonica limitata ad occorrere in posizioni forti tramite una regola fonologica di rafforzamento /v/ > [bb] / C____. Fanno eccezione per alcune voci che presentano in ogni posizione la sonora intensa (Bichelli 1974, 51), voci spesso denominate prestiti o non autoctone (Rohlfs 1966, 195196; p.es. bar(re) bar, bidello, bicicletta, bomba, burdello), denominazione apparentemente implau92

sibile nel caso di voci di natura poco esotica del fondo lessicale comune di tutti i dialetti come bagno, banca, bello, bicchiere, brutto, bene, buono, buttone / bettone bottone e butteglia (p.es. a [bb]anca (e non **a [v]anca) al pari di tre [bb]anche).6 Qui andrebbe incluso anche il pronome clitico di 2pl. ve (< *VE < VOS) vi (Malato 1970b, 46), il quale, al contrario dei casi precedenti, presenta la forma fricativa in ogni posizione.7 In napoletano moderno la distribuzione di /v/ (o di una delle sue varianti allofoniche [B] o [w]) e [bb] stata modificata ulteriormente in maniera da distinguersi notevolmente da fasi precedenti. Innanzitutto, bisogna riconoscere limportanza sempre maggiore dellitaliano, soprattutto tra le generazioni pi giovani, che ha introdotto numerosi termini nuovi con [bb-] iniziale, i quali, esenti dalla variazione allofonica, presentano [bb-] in ogni posizione (p.es. a / e [bb]anan-a/-e la / le banana/-e), e non unalternanza morfofonemica del tipo **a [v]anana vs e [bb]anane. In quanto ai lessemi autoctoni, si riconoscono vari sottosistemi di variazione allofonica come riportati sotto nella Tabella 3.2 (v. Andal e Bafile 1991, 249):
Tabella 3.2: Alternanza [v] vs [bb] 1 2 3 ##_____ [v]aso bacio [v]arca ([bb]arca) barca [bb]arcone balcone V#_____V o [v]aso il bacio a [v]arca (a [bb]arca) la barca o [bb]arcone il balcone [+RC]#_____ cchi [bb]ase / [vv]ase pi baci cchi [bb]arche / [vv]arche pi barche cchi [bb]arcune pi balconi

Il primo rango esemplifica le voci con /v/ sia in posizione assoluta che intervocalica, mentre il secondo rango rappresenta quelle voci con /v-/ iniziale che hanno acquisito una forma parallela con /bb-/ iniziale (perci non pi allofono) in virt dellesistenza di una corrispondente forma italiana con /b-/ (cfr. it. barca). Il terzo rango esemplifica invece quei lessemi sia autoctoni che prestati dallitaliano che presentano locclusiva intensa in ogni posizione. La prima innovazione da tener presente riguarda limpiego di [vv-] invece di [bb-] in contesti di RC (ranghi 2 e 3; cfr. Ma che vvulite? (Zito 71)), tendenza maggiormente osservabile presso i parlanti giovani (De Blasi e Imperatore 2000, 54; v. anche Maturi (2002, 71) per una situazione parallela nel Sannio beneventano) a differenza dei parlanti pi anziani che preferiscono la variante forte tradizionale [bb-]. Infatti, questultima variante tradizionale va stigmatizzandosi sempre di pi a Napoli, sebbene ancora diffusissima nellentroterra, dove viene ritenuta una pronuncia di tipo cafonesco (Radtke 1997, 6869). La seconda innovazione di interesse viene esemplificata dal secondo rango dove voci autoctone quali [v]arca in posizione iniziale assoluta si trovano ormai in libera variazione con la forma innovativa [bb]arca che risente sicuramente dellinflusso dellitaliano.
6 7

Cfr. a Procida vrora broda per i maiali (autoctono) vs broro brodo (prestito letterario) (Parascandola 1976, 289). Eccezione sarebbe la forma rafforzata gghi da un precedente *ji (< (I)BI) conservata nella frase cristallizzata che gghi ? che c? (Iandolo 1994, 127; Iandolo 2001, 109).

93

Ancora una volta let sembrerebbe costituire una variabile significativa, in quanto tali forme innovative vengono tipicamente impiegate da parlanti giovani, presumibilmente in virt di una loro maggior conoscenza e familiarit della lingua standard rispetto ai parlanti pi anziani. Come conseguenza della sovrapposizione e delloffuscamento di due sistemi allofonici diversi, non risulta affatto sorprendente che lessemi di questa classe presentino anche la possibilit della variante lene in posizione forte, ovvero [vv-]. Si riscontra pertanto un numero sempre maggiore di lessemi, con e senza corrispondenti quasi omonimi in italiano, che in origine presentavano una /v-/ iniziale sottostante ora anche interpretabili come forme con /bb-/ sottostante (p.es. vrv(er)a / bbarba,8 valena / bbalena, valicia / bbalicia valigia, vuosco / bbuosco, vvere / bbvere bere). Per tener conto perci dellalternanza morfofonemica [v] / [bb] in napoletano moderno, necessario far ricorso a fattori sociolinguistici come let ed il livello di italianizzazione dei parlanti. Peraltro gi verso la fine dellOttocento Andreoli ([1887] 1993) osserva parecchi casi allotropici, in cui la forma originaria con la labiodentale scempia veniva considerata generalmente pi volgare (p.es. vallna vs balena (51), vuosco vs bosco (58), e viglietto vs buglietto (60)). Per quanto riguarda gli sviluppi futuri, il paradigma abbozzato sopra per le alternanze morfofonemiche del dialetto moderno, specie quelle caratterizzanti le generazioni pi giovani, forniscono degli indizi interessanti su cui ipotizzare. In particolare, non pare troppo implausibile assumere che sotto linflusso dellitaliano, la distribuzione originaria di /v/ e /bb/ del latino in posizione iniziale finir col restaurarsi, reintroducendo cos anche lopposizione fonematica originaria. 3.4.1.2.2. Indebolimento della dentale sonora Con leccezione della posizione intervocalica nellultima sillaba dei proparossitoni, dove /d/ viene abitualmente realizzata sorda (Perrone 1977, 214; p.es. HUMIDUM > mmeto, LIMPIDUM > lmpeto, GRAVIDAM > grveta, LUCIDUM > lceto, FRACIDUM > frceto marcio, LAPIDEM > lpeto grosso chicco di grandine, STUPIDEM > stpeto, *PROCIDA > Prceta), locclusiva dentale sonora viene coinvolta in unalternanza morfofonematica consistente storicamente in una regola di indebolimento (Bichelli 1974, 5455; Iandolo 1994, 119, 135; Iandolo 2001, 99100), il cui esito produce o la fricativa sonora [D] o la pi comune monovibrante alveolare [|] (anche possibile, per meno comune, la vibrante [r]): trase dinto ["|ind] / ["Dind] entra dentro, Ma[|]onna, pe[|]re piede, ca[|] cadere, mi[|]eco medico (cfr. anche lo scioglilingua rlle r ra c r ra llj r dagli due grani [= soldi] che due grani gli hai da dare (Amato e Pardo 2001, 169)). Ad Ischia, e anche in maniera pi sporadica a Procida, la /d/ intervocalica passa normalmente invece a [l] (p.es. isch. u [l]ente il dente, trase [l]ainte entra dentro, Ma[l]onna, cru[l]o, u
8

Caso speciale sarebbe la coppia allotropica vrv(e)ra / bbarba mento / barba, gi presente in et antica (Formentin 1998, 189), in cui il primo rappresenterebbe lesito fonetico e semantico popolare del latino BARBAM mentre il secondo costituirebbe un prestito toscano. Altra coppia allotropica differenziata a livello semantico rilevata in Andreoli ([1887] 1993, 58) riguarda Borza Borsa vs vorza borsa (v. per Amato e Pardo (2001, 39) che riportano brsa / brza borsa valori / borsa, borsetta).

94

[l]ito, mi[l]eche (o mi[|]eche), pe[l]e piede; proc. a luttrina la dottrina).9 Lo stadio finale di tale indebolimento, altrettanto comune, porta al dileguo totale dellocclusiva originaria (p.es. creo credo (Epistola 182.13, Lupo I.62.1, Cortese1 2.24), trase [entra] dinto ["ind], (d)on / (d)onna (m. / f.) titolo onorifico, (d)itto detto (p.es. Me la itt essa me lha detto lei (DAniello)), ammnne dammene), e dove produce iato, veniva inserita in passato una [v] epentetica (Altamura 1956, 16 17; De Blasi 1995b, 182): va(d)o (obs.) / vavo (obs.), ve(d)o (obs.) / vevo (obs.), nivo nido (DAscoli 1990, 390), paraviso (id. 430). Sullasse sincronico, conviene osservare che lapplicazione di questa regola fonologica ha subito dei mutamenti sensibili. Di nuovo assumono un rilievo significativo i fattori sociolinguistici, in quanto tale regola di indebolimento /d/ > [|] comporta forti connotazioni dialettali e stilistiche e, almeno fino a qualche anno fa, la sua applicazione veniva ritenuta caratteristica dei parlanti anziani e/o dellentroterra napoletano (Radtke 1988, 655). Tuttavia ricerche pi recenti (Radtke 1997, 69) hanno messo in luce una tendenza deliberata sempre crescente presso i parlanti delle generazioni pi giovani a rafforzare tale rotacismo come segno della propria identit regionale. In molti casi, per, non conviene pi parlare di una regola di indebolimento, perch la similarit percettuale della monovibrante alveolare [|] e della vibrante alveolare /r/ ha indotto i parlanti a rianalizzare una vibrante intervocalica non come lesito di una regola di indebolimento, bens come il fonema sottostante (Iandolo 2001, 109110). Tale il caso per voci come pere piede, sur sudare, annuro nudo, pummarola (< pumma doro) pomodoro, mmericina medicina, lunner, marter, grare gradini, nrico nodo, peragna pedana, mmiria invidia, merullo midollo, a ro da dove, meraglia (Andreoli [1887] 1993, 232), che vengono invariabilmente pronunciate con la vibrante intervocalica. In senso opposto, si riscontrano anche casi dove una /r/ sottostante stata reinterpretata erroneamente come lesito della regola di indebolimento (Iandolo 2001, 159; p.es. per uno > pe[d]uno per ciascuno), nonch casi di ipercorrezione come
9

V. Castagna (1982, 29), Radkte (1988, 655; 1997, 69). Casi sporadici si notano anche nel napoletano come, per esempio, pelagre podagra (Ferraiolo 92v.5), Lartanello Dardanelli (id. 79r.33), cola coda (Cortese1 2.28), vedetta > veletta (Perrone 1977, 214), cola (De Filippo 1 130), nonch la laterale geminata in (HEDERAM > dera (> rera ?) >) llera (id. 7.1). Inoltre si osservi che anche Andreoli ([1887] 1993) e DAscoli (1990) registrano nei loro vocabolari diversi casi del passaggio /d/ > /l/, nonch di /r/ > /l/ (questultimo con tutta probabilit prodotto della confusione tra /d/ e /r/ provocata dal frequente indebolimento /d/ > [|] / [r] discusso sopra, che avr a sua volta trascinato anche casi di /r/ originaria), i quali Andreoli identifica con la parlata pi volgare: cdice / clice (Andreoli [1887] 1993, 108), dttolo / lttero dattero (id. 138; v. anche DAscoli 1990, 298), duttrina / luttrina dottrina cristiana, catechismo (id. 148, 211; v. anche DAscoli 1990, 308), fudo / fulo (id. 162), fr. gueritte > galitta piccolo ricovero di legno / pietra per le sentinelle, garetta (id. 179), lbbrecare replicare (id. 203), REFRICARE > refrec / lefrec strofinare; cavillare (id. 203), legistro (id. 203), Riccardo / Liccardo (id. 206), *DE+IN+TORNI > lentuorne pericardio (DAscoli 1990, 302), leprbbeca repubblica (id. 303), lequera loquela (id. 303), lever reverire (id. 304), UCULUM > (l)ccaro/-olo > lccaro/-olo gufo (id. 309), mrmoro/-olo marmo (id. 328), mrtola/-ora madia; giornello (id. 329), nspera/-ola nespola (id. 381), pidoto / piloto pilota (id. 455), quarela/-era (id. 485); cfr. anche leverenzia reverenza (Basile 602).

95

dengraziaje ringrazi (Sarnelli 156); proc. dmpere rompere (Parascandola 1976, 102), dispnne rispondere (id. 102), duner luned (id. 103; cfr. /d/ > [l]). Anche interessanti sono esempi procidani quali Gelardo Gerardo (Parascandola 1976, 125), Liccardo Riccardo (id. 142), litratto ritratto, fotografia (id. 143), lvito (< *rvito < *vrvito) brivido (id. 143), malaciurtto / maraciurtto malavventurato (id. 147), dove il duplice esito ambiguo della regola di indebolimento di /d/, la quale a Procida produce o [|] (come a Napoli) o [l] (come ad Ischia), pu portare anche a confusione tra /|/ e /l/ . Allinizio di parola si osserva invece un processo di ristrutturazione lessicale su larga scala in corso nel dialetto moderno, per cui risulta difficile parlare di paradigmi distinti e separati, dal momento che abbiamo a che fare piuttosto con tendenze generalizzate. Ciononostante, si possono estrapolare i seguenti modelli distribuzionali fondamentali:
Tabella 3.3: Alternanza [d] vs [|] 1 2 3 4 ##_____ [d]ito dito [d]ito dito [|]ito dito [|]oco dito V#_____V o [d]ito il dito o [|]ito il dito o [|]ito il dito o [|]ito il dito [+RC]#_____ e [dd]eta le dita e [dd]eta le dita e [dd]eta le dita e [rr]eta le dita

Il primo rango della Tabella 3.3. dimostra come la regola di indebolimento possa sotto linflusso sempre maggiore dellitaliano risultare opzionale, cosicch ricorre la variante occlusiva [(d)d] in ogni posizione, tendenza soprattutto avvertibile, come notato sopra, fino a qualche anno fa tra le generazioni pi giovani (si ricordi comunque che in posizione iniziale locclusiva viene generalmente allungata (p.es. ddoie due, (a)ddosa dose; v. Parascandola 1976, 102; Perrone 1977, 212; Iandolo 1994, 44). Nel secondo rango viene presentata invece la pronuncia pi conservatrice in cui la regola viene applicata solo in posizione intervocalica, laddove il terzo rango illustra lesito di un processo di rilessicalizzazione, oramai diffusissimo tra parlanti di ceti diversi, per cui si riscontra /r/ (in genere [|], mentre ad Ischia e, in misura minore, a Procida [l]) in posizione sia assoluta che intervocalica, al contrario dellocclusiva intensa [dd-] la quale si restringe alle posizioni forti (v. Altamura 1956, 17; Parascandola 1976, 102; Iandolo 1994, 91; De Blasi e Imperatore 2000, 53): (a) rongo (la) do vs e ddongo le do; proc. relore dolore (Parascandola 1976, 7), rbbeto debito (id. 17), ricotto decotto (id. 227), luttrina dottrina, lezione di catechismo (id. 145); isch. o lito il dito vs e ddaita le dita. Questa rappresenta una distribuzione innovatrice dove la [|] intervocalica del rango precedente si reinterpretata come la forma sottostante, ossia /r/, da cui si deriva [dd-] a sua volta tramite una regola di rafforzamento /r/ > [dd-] / [+RC]___. Linnovazione pi estrema costituita dallultimo rango in cui il processo di ristrutturazione lessicale stato interamente compiuto, cosicch /r/ finisce col generalizzarsi anche ai contesti di RC (cfr. proc. rja rte due dita (Parascandola 1976, 102)). Detto ci, va riconosciuto tuttavia che questultimo rango rappresenta semplicemente una tendenza piuttosto che un processo di ristrutturazione compiuto. Sar pi realistico perci assumere due forme sottostanti per cui i parlanti possono usu96

fruire indifferentemente sia dellocclusiva che della monovibrante alveolare. Qua si osservano paralleli con lalternanza allofonica /v/ e [bb]: in entrambi i casi lestensione della variante debole, ossia /v/ e [|], ai contesti di RC risulta meno frequente della sua estensione alla posizione iniziale assoluta. Si constata per una ristrutturazione completa nel caso di particolari lessemi dove tutti i parlanti presentano oramai una forma innovatrice sottostante, come nel caso delle preposizioni DE > de e *DE+AB > da, nelle quali loriginaria occlusiva in posizione assoluta e intervocalica passata al grado della vibrante (re, ra) o cade del tutto (e, a). Solo in contesti di RC si riscontra pertanto locclusiva: [dd]e Caserta, nu [dd]a Npule non da Napoli. Sarebbe legittimo assumere che la variazione allofonica esibita da queste due preposizioni in napoletano moderno esemplifichi lo sviluppo futuro dellalternanza [d[d]] / [|], per cui la regola di indebolimento tradizionale /d/ > [|] verr sostituita da una regola di rafforzamento /r/ > [dd] in seguito ad una ristrutturazione completa della /d/ sottostante a favore di /r/. 3.4.1.2.3. Gammacismo Non troppo dissimile al caso precedente il processo di indebolimento che ha coinvolto loriginaria occlusiva velare sonora /g/, la quale in posizione intervocalica si ridotta al grado della fricativa /V/ (Altamura 1956, 1617) o addirittura a zero (Capozzoli 1889, 21; Rohlfs 1966, 451; Bichelli 1974, 5556; Iandolo 2001, 9899): pag [pa"Va], frgula ["fraVul], fragaglia ["fraVa] frittura mista di pescolini, asto agosto, Purtugallo > purtullo arancia, fr. ragot > ra.10 Dove la caduta della fricativa intervocalica produce iato, non raro riscontrare linserimento successivo della labiodentale sonora come consonante epentetica (p.es. pa(g) > pav, fr(g)ula > frvula, spa(g)o > spavo, fra(g)aglia > fravaglia frittura mista di pesciolini, r(g)ola > rvola, pa(g)ura > pavura, pappagallo > pappavallo (DAscoli 1990, 428), paragone > paravone (id. 430); isch. avuste agosto, levumme legume),11 bench /g/ sia indipendentemente caratterizzata da una tendenza pi generale a mutarsi in /v/ quando seguita da vocale labiale, come testimoniano le seguenti coppie allotropiche (dove la seconda forma di ciascuna coppia risulta generalmente pi tipica delluso plebeo): bagaglio / bavaglio (Andreoli [1887] 1993, 51), burgo / bvero (id. 60), (caso) sguizzero (cacio) svizzero (id. 87), guzzo / vuzzo gozzo, barchetta da pescatore (id. 191 / 466), jugo / juvo giogo (id. 196), magazzeno / muvazzeno (id. 213), cannagola / cannavola golosit (DAscoli 1990, 128 129), prvola / prgola pergola (Amato e Pardo 2001, 162). Qui vanno ricordate anche le retroformazioni GAVIANAM > guaguina gabbiano (id. 188), fr. ouatte > vatto > guatto (id. 190, 452). Lesito dellocclusiva velare in posizione iniziale invece esposto nella Tabella 3.4.
10 11

Fenomeno di data antica, come si vede da esempi quali Preove vi prego (LVP 4), paane pagani (Ferraiolo 129r.2), paare pagare (id. 138v.10). Cfr. lepentesi di [v] in voci quali flvuto flauto (Iandolo 1994, 122); v. anche Capozzoli (1889, 1011), Altamura (1956, 1617), Rohlfs (1966, 473), Castagna (1982, 32), Iandolo (1994, 134135), De Blasi (1995b, 180), Radtke (1997, 71, 75), De Blasi e Imperatore (2000, 164), Iandolo (2001, 104).

97

Tabella 3.4: Alternanza [V] vs [gg] 1 2 3 4 ##_____ [v]atta gatta []atta gatta []atta gatta [v]atta gatta V#_____V a [v]atta la gatta a []atta la gatta a [v]atta la gatta a [v]atta la gatta [+RC]#_____ tre [gg]atte tre gatte tre [gg]atte tre gatte tre [bb]atte tre gatte tre [bb]atte / tre [vv]atte tre gatte

In posizione iniziale sia assoluta che intervocalica locclusiva originaria passa in genere al grado della fricativa (rango 1) oppure cade del tutto (rango 2), ma torna sempre come suono intenso [gg-] in posizione forte (ovvero in contesti di RC):12 (a) guagliona [a "Vwa"on] (la) ragazza (cfr. e [gg]uaglione le ragazze), e [gg]arge branchie (cfr. a gargia [a "VardZ] la branchia), gullera ["Vwallr] ernia, gallina [Val"lin], gumma ["Vumm] gomma, Aitano Gaetano. Come per la posizione intervocalica allinterno di parola, quando per fonetica di frase la fricativa iniziale trovatasi in posizione intervocalica cade provocando iato, pu venire inserita la labiodentale sonora (rango 3): a vatta la gatta, a (g)unnella > a vunnella, o (g)ulo > o vulo la voglia, o (g)uzzo > o vuzzo barca da pesca, (a gallina >) a vallina (Grasso); isch. u vuste il gusto. Tale epentesi pu a sua volta portare presso certi parlanti a casi di ristrutturazione lessicale, come dimostrato nel rango 4 dove la labiodentale sonora stata reinterpretata come suono basico sottostante (e non pi lesito di una regola epentetica applicatasi in seguito ad una precedente regola di indebolimento /g/ > [V] > ), ricorrendo ora anche in posizione iniziale assoluta e trasformandosi addirittura nellocclusiva bilabiale intensa [bb-] (oppure [vv-]) in contesti di RC (p.es. a vunnella / tre vunnelle (Ruccello 104)).13 Si considerino anche a questo proposito coppie allotropiche come gngola / vngola, dove la seconda forma con originaria consonante epentetica, ormai lessicalizzata, addirittura penetrata nellitaliano, nonch forme come vummene uomini (nce so vuommene (Rocco 198.44)), dove il segmento iniziale [wo-] di ummene sar stato erroneamente interpretato come lesito di un precedente indebolimento [Vwo] > [wo] (cio si parte da una forma *gummene) e perci passibile di epentesi con [v] per produrre vummene, forma sicuramente rilessicalizzata dal momento che qui la labiodentale occorre anche in forma intensa dopo so [+RC]. Casi molto simili riguardano i pochi prestiti inglesi presentanti [w-] iniziale, la quale viene trattata esattamente come lesito della regola di indebolimento /gw-/ > [w-], come si vede dalla presenza etimologicamente ingiustificata dellocclusiva sonora quando viene rafforzata: nu [w]estrn un (film) western vs tre [ggw]estrn (cfr. nu guanto [nu "wand] vs tre guante [tre g"gwand]; con tutta
12

13

V. Vaughan (1910, 171), Radtke (1997, 69), De Blasi e Imperatore (2000, 54). Si noti anche un interessante caso di ipercorrettismo nella locuzione avverbiale a guffo a ufo (DAscoli 1990, 274), dove la [u-] iniziale originaria di uf(f)o stata interpretata erroneamente come lesito dellindebolimento di una precedente [g-] e perci introdotta sotto forma rafforzata. Si consideri a tal proposito anche la voce OFFULAS > guffule guance; mascelle (DAscoli 1990, 274). Cfr. anche proc. *gunigghio > vunigghio coniglio, veddo gallo, vencio gancio, verbo garbo, vorgia gorgia, gola (Parascandola 1976, 198, 282283, 288). DAscoli (1990, 4) ritiene a vatta / e batte opposizione innovativa caratteristica della parlata montese.

98

probabilit andrebbe trattato al pari di tali esempi anche lesmepio di origine araba balakhsh > *balascie > *valascie > gualascie balasci, gemme (Ferraiolo 100r.29)). 3.4.1.2.3.1. Il nesso [-gr-] Merita considerazione anche il nesso consonante [-gr-] (questultimo anche lesito di un precedente [-gl-]), dove, eccezion fatta per le parole erudite (greco, grazia, grato; Vaughan 1910, 171), lelemento occlusivo in genere cade:14 gruosso ["rwoss], Piererotta Piedigrotta, (g)ruongo grongo, granfa > ranfa artiglio, (g)rancio (fellone) granchio, a (g)rattacaso grattugia, allegro > allero, grilla > a rilla > arillo grillo; isch. grasso > resso, granete > ranete granata. Tuttavia locclusiva torna di nuovo quando rafforzata (p.es. gruosso [E g"grwoss]), distribuzione allofonica (ossia /r-/ vs [ggr-]) che porta frequentemente allipercorrettismo con voci presentanti una /r-/ iniziale originaria: rnceto > grnceto rancido, rutt > grutt, ranocchia > granocchia (Zinno 1934, 391). 3.4.2. Fricative e affricate 3.4.2.1. Sibilanti Passando ora alle sibilanti, notiamo che, al contrario dellitaliano, alla fricativa alveolare /s/ manca il corrispondente fonema sonoro, il quale assume solo valore allofonico in napoletano. In posizione iniziale seguita da vocale oppure quando fra vocali si riscontra in genere /s/ (Iandolo 2001, 97; p.es. [s]uonno sonno, [s]orde soldi, ca[s]a, ro[s]a). Per Radtke (1997, 75) ritiene labile la pronuncia della sibilante intervocalica, la quale nei dialetti campani urbani e rurali oscillerebbe tra un massimo di quattro gradi di sonorit [s s# z( z] (p.es. fasule [fa"zul] fagioli, spus [Spu"za] sposare), tendenza che si avverte sempre di pi anche nellitaliano regionale di Napoli (De Blasi e Imperatore 2000, 63) e spesso presso i soggetti di ceto medio(-basso) e di sesso femminile (Maturi 2002, 84 n. 48). Davanti a consonante dentale o alveolare la sibilante assume il valore sordo / sonoro della consonante seguente, cio [s] e [z] (p.es. [s]tennere stendere, [z]dellevato slavato [z]lug slogare), mentre davanti a suono labiale o velare viene realizzata come palato-alveolare, cio [S] e [Z]: [S]pnnere spendere, v[S]pera vespa, [Z]burz sborsare, [Z]mani smaniare, pa[Z]m spasimare, [S]fizio, mi[S]ferio emisferio, [Z]vacantato vuotato, O[Z]valdo, ma[S]catura toppa, cerenfr[S]cole bizzarrie, bagattelle, [Z]grato. Dopo nasale la fricativa sorda si trasforma regolarmente in affricata sorda [ts] (pronuncia alquanto stigmatizzata invece la sonora [dz]): nsomma ["ntsomm] insomma, in+sieme > nzieme ["ntsjem] (v. Castagna 1982, 35; Iandolo 1994, 46). Questo lesito normale della sibilante anche dopo le liquide /r l/ (v. Altamura 1956, 17; Malato 1970a, 2324; Iandolo 1994, 46): surso ["surts], prseca ["pErtsk] pesca, fuorse ["fworts] (o ["fwordz]), urso > urzo ["urts] orso, blsamo > brsamo ["bartsam], pulso > puzo ["puts], cunserva [kun"tsErv]
14

V. Capozzoli (1889, 22), Zinno (1934, 390), Bichelli (1974, 56), Castagna (1982, 33), Iandolo (1994, 136), Iandolo (2001, 99).

99

sugo (di pomodoro). Si noti infine che in posizione immediatamente postonica la sibilante intensa caratterizzata da una forte tendenza a scempiarsi (Altamura 1949, 27; Iandolo 2001, 135): MISSUM > miso messo, SUCCESSUM > succieso (cfr. per *MUSUM > musso). 3.4.2.1.1. La fricativa e laffricata palato-alveolari sorde Quanto alla fricativa palato-alveolare /S/, questa presenta una certa sovrapposizione con laffricata palato-alveolare /tS/, in maniera che in determinati contesti lopposizione fonematica tra i due suoni risulta alquanto indebolita. Per tale motivo esse verranno qui trattate insieme. Come gi osservato (v. 3.3), a differenza dellesito di -SC- / -X-, la fricativa derivata dal nesso iniziale FL- risulta sempre scempia in posizione intervocalica, a meno che non sia preceduta da voce con efficacia rafforzativa:15 mo [SS]enne (< *(DE)SCENDIT) ora scende, ma mo [S]ata (< FLATAT) ora soffia (v. Iannucci 19481949, 237; Andal e Bafile 1991, 255; De Blasi e Imperatore 2000, 62). Quanto allaffricata /tS/, in posizione intervocalica lene questa presenta opzionalmente la variante fricativa scempia [S]: cerasa [tS"ras] ciliegia ma a cerasa [a t(S)"ras] la ciliegia (Vaughan 1910, 178; De Blasi e Imperatore 2000, 60). La scelta tra laffricata e la fricativa viene largamente determinata da fattori sociolinguistici, in quanto la prima viene generalmente preferita da parlanti anziani mentre la seconda dalle generazioni pi giovani (Canepari 1999, 446; Maturi 2002, 87, 88), bench in alcune voci la fricativa sia stata lessicalizzata ai danni dellaffricata originaria: braciola > brasciola, micio/-a > miscio/-a, mucillo > muscillo gattino, muscia muscia / miscia miscia (< mucia / micia) voce di richiamo per gatti (v. Andreoli [1887] 1993, 237; De Blasi e Imperatore 2000, 60), CLOCCAM > ciocca > sciocca (DAscoli 1990, 562).16 In posizione interna di parola, lopposizione fonematica tra /tS/ e /S/ rimane per ben salda, dal momento che il fonema fricativo (< -SC- / -X-, non essendoci pi parole con -FL - interna; cfr. per nei testi antichi AFFLARE > ascire trovare) sempre intenso, mentre lallofono fricativo (< tS) sempre scempio: COGNOSCIT > cuno[SS]e conosce vs COCIT > co[S]e (o co[tS]e) cuoce.
Tabella 3.5: Alternanza [tS] vs [S] in posizione iniziale 1 2 3 4 5 6 ##_____ [S]ore fiore [S]iemo scemo [tS]era cera [tS]ore fiore [S]ore fiore [S]era cera V#_____V o [S]ore il fiore o [SS]iemo lo scemo a [S]era la cera o [S]ore il fiore o [S]ore il fiore a [S]era la cera [+RC]#_____ cchi [SS]ure pi fiori cchi [SS]iemo pi scemo cchi [ttS]era pi cera cchi [ttS]ure pi fiori cchi [ttS]ure pi fiori cchi [ttS]era pi cera

15 16

La fricativa continua anche la francese [Z-] in voci quali jardin > sciardino, tagre > etasc piccolo mobile con ripiani (De Blasi e Imperatore 2000, 61). Caso inverso sarebbe il FLOCCUM > cicco ["tSOkk] registrato in Amato e Pardo (2001, 63), dove la fricativa originaria, ossia ["SOkk] (cfr. sciucc nevicare), sar stata erroneamente reinterpretata per ipercorrettismo come variante lene di unaffricata sottostante.

100

In posizione iniziale di parola lopposizione tra /S/ e /tS/ pu invece venir meno presso certi parlanti, come dimostrato nella Tabella 3.5. Il primo rango esemplifica il comportamento tradizionale di voci con /S/ iniziale derivante dal nesso iniziale latino FL- (p.es. FLOREM > sciore), la quale viene allungata solo quando preceduta da voce marcata [+RC] (De Blasi e Imperatore 2000, 62). In confronto, /S/ iniziale derivata da -X- e -SC- (p.es. *EX+SEMUM > sciemo) risulta sempre intensa tra vocali oltre a quando preceduta da voce marcata [+RC] (secondo rango). Quanto allaffricata /tS/ (3 rango), come si osservato sopra questa tende a presentare la fricativa palato-alveolare come variante allofonica lene in posizione intervocalica nel dialetto contemporaneo, bench si continui a trovare tuttora laffricata tra le generazioni pi anziane (ossia a [tS]era). Questo processo innovativo di rifonologizzazione, per cui la fricativa e laffricata risultano due varianti posizionali, ha portato alla ristrutturazione lessicale di lessemi che presentavano in origine la fricativa come suono sottostante, ovvero sciore > ciore, FLUNDULAM > scioncha / cioncha fionda (DAscoli 1990, 172), SCHISTUM > scisto / cisto petrolio (che serve per accendere lumi) (id. 173 / 563). Pertanto, come si vede dal quarto rango, la fricativa ricorre solo come variante allofonica lene in posizione intervocalica, mentre laffricata si generalizzata come la nuova forma sottostante che ricorre in ogni altra posizione. Infine, possiamo distinguere un ulteriore paradigma di ristrutturazione lessicale altrettanto frequente nel dialetto moderno (ranghi 56), per cui, al pari delle alternanze allofoniche leni / forti notate per [v \ bb] e [| \ dd], il segmento lene (/S/) rimasto (sciore) oppure ha rimpiazzato laffricata sottostante originaria (cera > scera), cosicch questultima ricorre ora solo in contesti di RC: a sciorta (< SORTEM) la fortuna vs che cciorta! Che fortuna!, nu sciardino (< fr. jardin) vs tre cciardine (De Blasi e Imperatore 2000, 5455; Maturi 2002, 86). Si pu concludere pertanto che col generalizzarsi dei paradigmi esposti nei ranghi 56 (oppure di quelli nei ranghi 34), si viene perdendo anche lopposizione fonematica originaria, almeno in posizione iniziale, tra la fricativa (< FL-) e laffricata a favore di unopposizione allofonica innovativa /S/ vs [ttS] (oppure /tS/ vs [S] nel caso dei paradigmi esposti nei ranghi 34). Si tenga ben presente per che laffricata originaria non viene mai confusa con la fricativa iniziale derivata da -SC- / -X-, la quale, tranne quando in posizione iniziale assoluta, ha sempre pronuncia fricativa intensa (e mai pronuncia affricata intensa): a / e scella/-e [a \ e S"Sell] lala/-i (e mai **[e t"tSell]). 3.4.2.1.1.1. Laffricata palato-alveolare sonora Come rivelato dalla Tabella 3.1, a differenza dellitaliano laffricata palato-alveolare sorda non entra in unopposizione fonematica con la sua corrispondente sonora (cfr. it. cielo / gelo), in quanto questultima ricorre solo in forma intensa nel dialetto (Iannucci 19481949, 237; De Blasi e Imperatore 2000, 52): ggiro, staggione stagione; estate. Peraltro, laffricata palato-alveolare sonora conosce solo una distribuzione ristretta, ricorrendo principalmente in prestiti italiani, dove entra (oppure entrava) in concorrenza con il suono palatale autoctono (/j S/) (p.es. justo / giusto, raysone (-ys- = [S]) > raggione), per cui verr trattata insieme alla palatale /j/ (v. 3.6.2). 101

3.4.2.1.2. Laffricata alveolare Al pari dellaffricata palato-alveolare, anche allaffricata alveolare /ts/ manca un suo fonema sonoro corrispondente (v. Iandolo 1994, 94, 242; De Blasi e Imperatore 2000, 67), per cui, al contrario del toscano, si pronuncia zero ["tsEr], zona ["tson], miezo ["mjetts] mezzo e pranzo ["prants] accanto a zio ["tsi], chiazza ["kjatts] piazza e forza ["fOrts]. Il valore sordo dellaffricata pare venire testimoniato anche per il napoletano settecentesco dallOliva (Malato 1970b, 3435) che paragona la pronuncia dellaffricata napoletana con la pronuncia lombarda delle grafie -ce- e -ci-. Nella parlata pi sguaiata si sente per a volte anche laffricata sonora (sempre come allofono della pi comune affricata sorda) in particolari parole (p.es. soluzzione [solud"dzjon], grazzia ["graddzj]), e specie nel suffisso nominale -nzione (p.es. menzione [men"dzjon], attenzione [atten"dzjon], funzione [fun"dzjon]; v. Iandolo 1994, 46, 94 n. 7, 242 n. 1). 3.4.3. Nasali Nelle sequenze /N/ + C, il napoletano neutralizza la distinzione tra [m n N], rendendo il nesso omorganico, sia questultimo in posizione interna di parola o prodottosi per fonetica di frase (Bafile 2003, 153). Tale omorganicit, assieme al processo storico dellaferesi della /i/ iniziale davanti a nasale, produce una serie di attacchi consonantici estranei allitaliano del tipo [mb-], [n1d-], [Ng-], [v-]: mpussibbele [mbus"sibbl], ntnnere ["n1dEnnr] intendere, ncanna ["Ngann] in gola, nfaccia ["fattS], n sciore [ "Zor] in fiore, ncielo [" dZjel], (i)n ggiro [ "dZir], INGENIUM > ngenio [" dZEnj] > ggenio [d"dZEnj] desiderio, voglia, nnammurato [nnammu"rat]. Nel caso delle labiali /b v m/, lassimilazione con una nasale precedente produce tradizionalmente lattacco [mm-] (semplificata in modo eccezionale a [m-] in imbuto > mmuto > muto): mmarcarse (< imbarcarse), mmano (< in mano / in vano), mmit (< in mit in met / invit(re)), mmocca (< in bocca), mmiria (< invidia), nun voglio [nu m"mO]; isch. buon vspero > bommspre buona sera (Malato 1970a, 21; 1970b, 45). Nel dialetto moderno si rileva per una tendenza sempre maggiore, per cui la sequenza /N/ + /v/ non si assimila pi a [mm-], tendenza gi attestata nellOttocento (Capozzoli 1889, 1516): mmit / mvit, mmiria / mviria, num moglio / num boglio. Si osserva pure nei nessi esemplificati sopra anche la regolare sonorizzazione di consonante sorda in posizione postconsonantica, eccezion fatta per laffricata [ts] (salvo a volte nel suffisso nominale nzione (cfr. menzione [mn"dzjon]; Iandolo 1994, 46); p.es. nzuccar [ntsukka"ra], nzizza ["ntsitts] in braccio), e la fricativa sonora /s/ che tende invece verso laffricazione (Castagna 1982, 35; Iandolo 1994, 46): cunserva [kun"tsErv] sugo (di pomodoro), pens [pn"tsa], persona [pr"tson]. In maniera non dissimile alle assimilazioni consonantiche del dialetto moderno del tipo albergo > abbergo, turbe > tubbe, normale > nommale, finalmente > finammente, Hulk > Hukke, arco > acco, alto > atto, universit > univessit, traversa > travessa, forse > fosse, Mergellina > Meggellina, almeno > ammeno, specialmente > speciammente (v. Bianchi, De Blasi e Librandi 1993, 202; De Blasi e Imperatore 2000, 166; Puolato 2006, 295296; Sornicola 2006c, 222), spesso nei testi antichi si assiste nei nessi nasali anche ad unassimilazione progressiva, per cui 102

si perde lelemento nasale (v. De Blasi e Imperatore 2000, 166168; p.es. roppere rompere (BagniR 511), settencia sentenza (De Rosa 40r.24, Lupo I.16.4), Infa[n]tte infante (figlio di re spagnolo) (De Rosa 42v.10)), la cui effettiva pronuncia viene confermata da forme ipercorrette come epilensia epilessia (Regimen1 595), tuttora in uso nel dialetto moderno (cfr. epilenza (Amato e Pardo 2001, 79)), ottmbre (Amato e Pardo 2001, 145) e cazzimb (< cazzibb) sampietrino (id. 56). Quanto alla sonorizzazione delle originali consonanti sorde in posizione postnasale, fenomeno sporadicamente attestato nei primi testi (p.es. tranguilla (Ferraiolo 105r.4)), si ricordi (v. 3.2) che queste continuerebbero a distinguersi dalle corrispondenti sonore grazie a un loro maggior grado di sonorizzazione (Albano Leone e Maturi 1991, 255; p.es. manco ["maNg#] nemmeno vs mango ["maNg]). Inoltre, le occlusive bilabiale e dentale sonore continuano a distinguersi dalle corrispondenti sorde, in quanto vengono assimilate a [-mm-] e a [-nn-], sviluppo assimilatorio sincronicamente non pi produttivo (p.es. bbomba (per bomma (DAscoli 1990, 106)), ottombre (sulla scia di settembre, nuvembre; Iandolo 1994, 43)),17 che si suole tradizionalmente rimandare al sostrato osco-umbro (Iandolo 1994, 29): CAMPUM > campo ["kamb] vs GAMBAM > gamma, DENTUM > dente ["dEnd] vs GRANDEM > granne (eccezionale sarebbe lassimilazione prodottasi in sintassi di frase nella voce composta bon d > bonn (Andreoli [1887] 1993, 58)). Ipercorrezioni sarebbero CAMOMILLAM > *cammomilla > (de-assimilazione ipercorretta) cambomilla (DAscoli 1990, 124) > (desonorizzazione ipercorretta) > campumilla / campumirra (Andreoli [1887] 1993, 67; DAscoli 1990, 127; Amato e Pardo 2001, 46), palandrana > *malandrana > (desonorizzazione ipercorretta e metaplasmo) > malandrano (DAscoli 1990, 319), e il proc. *durmm > dumbr dormire (Parascandola 1976, 102), mentre esempi come (gatta) cennernnula cenerentola, donna buona a poco pi che stare intorno al fuoco (Andreoli [1887] 1993, 94) ed i procidani menncculo lenticchia (Parascandola 1976, 158) e pmmena pampino, foglia della vite (id. 202) rappresentano assimilazioni secondarie, ossia *cennerntula > *cennerndula, *mentcculo > *mendcculo e *pmpena > *pmbena. Indubbiamente, per, la presunta origine osco-umbra dellassimilazione non trova conferma testuale, dal momento che le prime attestazioni risalgono ai testi quattrocenteschi. Sulla scia di Varvaro (1979; v. anche Formentin 1998, 226229; De Blasi e Imperatore 2000, 165166; De Caprio 2004, 126128) sembrerebbe invece pi plausibile ricondurre lorigine del fenomeno ai dialetti centrali (Abruzzo, Umbria, Lazio), dai quali si sarebbe in seguito estesa gradualmente verso sud. A riprova di ci, si consideri che il primo (e unico) esempio di -nd- > -nn- viene attestato nei trecenteschi Bagni, ovvero comanna (BagniR 328), dove lassimilazione risulta comunque necessaria alla rima con ma[n]na, condanna e affanna, e con tutta probabilit da interpretarsi come la prima spia di uninfiltrazione del fenomeno proveniente dallentroterra che sarebbe andato estendendosi largamente nel dialetto cittadino
17

Qui vanno ricordati anche i diversi esempi registrati da Andreoli ([1887] 1993), in cui laspettata assimilazione non si verifica: benda (55), cundanna / (e pi com[unemente]) cunnanna (124), cundmino condomino, compadrone (124), cundotta (125), cunduminio condominio (125), fundara (e meno comunemente funnara) fondaria (175), fundiaria / (pi volg[armente]) funniaria tassa sui fondi, imposta fondiaria (175); cfr. anche abbandun / abbannun (DAscoli 1990, 5), benda / benna (id. 103).

103

solo nel secolo successivo.18 La fino ad allora mancata diffusione del fenomeno viene ribadita anche dalla sua assenza nellEpistola, osservazione di particolar rilievo vista lattenzione generalmente attendibile di Boccaccio per le particolarit fonetiche locali.19 Solo nel Quattrocento cominciano a emergere con una certa frequenza le prime attestazioni delle assimilazioni di -nd- > -nn- e -mb- > -mm- (v. Formentin 1987, 5253; p.es. faremnne farmene (Galeota V.8), daretnne dartene (id. XII.4), gremmo (id. XLIV.13, allato a grembio (LXXX.4)), e specie presso autori con poche pretese letterarie (Lupo, Ferraiolo),20 ma continuano a mancare del tutto in Brancati2 (Barbato 2001, 149). La diffusione sempre maggiore delle assimilazioni nel dialetto cittadino quattrocentesco viene inoltre confermata da forme ipercorrette quali tirande tiranni (RDF 129), conbenda commenda (De Rosa 33r.18) e a[n]bbacczao ammazz (id. 9v.12), mandara mannaia (Ferraiolo 121v.18, sempre allato a mannara 95v.2), nonch dallabbondanza di forme assimilate in autori tardo quattrocenteschi come De Jennaro (De Blasi 1995b, 180; p.es. retonne rotonde (De Jennaro2 199), Parlanno (id. 84), annato (id. 6)). Cionondimeno forme non assimilate continuano a ricorrere con frequenza in autori quattrocenteschi come Brancati1/2 (p.es. scenderia scenderei (Brancati1 141.9), mirando (id. 141.7)) e De Rosa, il quale, pur scrivendo dal 1452 al 1475, usava un dialetto acquisito nel tardo Trecento. Persino nel secolo successivo si riscontrano forme non assimilate (accanto a quelle assimilate): ESENNO essendo (TVMA III.1), sapenno (ib. V.3), avenno (ib. V.1), ma avendo (ib. IV.1), e banno (CDT 66), ma grandissimo (ib. 4), mundo (ib. 49). Concludiamo collosservare che le vocali nasalizzate del francese vengono rese con le corrispondenti orali in dialetto: caf chantant > caf sciant (Amato e Pardo 2001, 44), calepin > calep quaderno per appunti; agenda (id. 44).

3.5. Liquide
3.5.1. La laterale La laterale alveolare tende a velarizzarsi davanti a consonante, e specie quando preceduta da vocale posteriore (p.es. cuollo ["kwo:l] collo, Puzzuole [put"tswo:] Pozzuoli; v. Maturi 2002, 97 n. 56), e in un ristretto numero di casi lessicalizzati cade del tutto in posizione iniziale (p.es. (l)assa! lascia!, (l)assate! lasciate!,
18 19 20

A riprova della sua provenienza dallentroterra, si considerino le tracce rilevate nei trecenteschi SDM di origine casertana (p.es. annare (59.2); cfr. per (com)manderranno (60.22)). V. Sabatini ([1983] 1996b, 462 n. 30); si notino anche le forme (tardo) trecentesche non assimilate: p(re)ndano (Lettera2 124.10), grande (LVP 10). Cfr. agravanno (Lupo I.12.2), imparanno (id. I.62.3), stanno (id. II.35.14), vedenno (Ferraiolo 84r.6), granne (id. 89v.8; cfr. per grande (100v.14)), stanno (id. 79v.30), trom(m)ette trombettieri (id. 99v.19; cfr. per trombette (102r.16)), retonne rotonde (id. 100v.7), quanno (id. 106v.12; per quando (106r.12)), scnnare scandali (id. 111v.16), gamma (id. 99r.6), banna (99r.5; per banda 115v.58), e in fonetica sintattica, con Nio con Dio (id. 97r.21; per con Dio (131v.12); cfr. connio / conno (Sarnelli 52 / 206)).

104

(l)assammo lasciamo, add laddove, lo / la / le > o / a / e (articoli determinativi e pronomi clitici m.sg. / f.sg. / pl.)),21 nonch in posizione interna (Rohlfs 1966, 450; Iandolo 1994, 138; Iandolo 2001, 99, 288) miercud mercoled, MULTUM > muto (Cortese1 7.33)). 3.5.1.1. Sviluppo della laterale geminata Quando intensa, a Napoli la laterale rimane conservata (p.es. pe[ll]a pelle, mane[ll]a manina), mentre a Procida, Ischia occidentale ed a Monte di Procida la laterale intensa soggetta a vari gradi di indebolimento (come tipico dei dialetti della Campania sud-orientale), specie nella parlata degli anziani, per cui passa variamente a [-dd-] > [- -] > [-r-] / [-|-]:22 proc. cappie[ ]o, cuo[ ]o, a[ ]erta in piedi, fe[ ]a fetta, pe[ ]a pelle, ari[ ]a grillo, che[ ]o callo, ge[ ]o / gia[ ]a giallo/-a, [ ]oro loro, biro / bra bello/-a, chi[|]o quello, e[|]a ella, dd (= [ ]) urto luorto (< ILLUM), [|]i capdde i capelli (< ILLI; Parascandola 1976, 138). Del tutto eccezionale lo sviluppo ulteriore [- -] > [--] limitato alla parlata degli anziani a Forio dIschia e certe localit di Procida (v. Avolio 1995, 6869 n. 160; Radtke 1997, 71), il quale secondo Castagna (1982, 3031) si sarebbe fonologizzato, in maniera apparentemente sporadica, in certi lessemi ma non in altri (p.es. [aw"Sje] uccello/-i, [ka"pi] capelli, ["ki] quello, [ka"vE] cavallo/-i), di fronte a forme con la dentale quali mi[ ]e mille, [ ] (< ILLAM) isola lisola, saper[ ]e saperle. Nel suo studio dellischitano, Pianese (2002, 245sgg.) rileva tuttavia nelle voci funzionali un impiego maggiore dellesito indebolito, il quale comprende sulla gamma variazionale (e in ordine di frequenza) [--], [- -], [--], [-dd-] e [-|-], che non nelle parole lessicali. In pi, mette in evidenza delle preferenze areali per luno o laltro esito, cosicch si constata una preferenza, ad esempio, a Forio dIschia per locclusiva palatale, a Serrara-Fontana per locclusiva retroflessa e, infine, a Barano per la laterale intensa. Comunque, lindebolimento della laterale intensa non dappertutto uniforme, come dimostrano in maniera significativa Como e Milano (2002) che evidenziano una frequenza maggiore dellesito indebolito (tipicamente cacuminale) a Procida rispetto a Monte di Procida. Segnalano inoltre che la distribuzione dellindebolimento, sia a Procida che a Monte di Procida, caratterizzata da una distribuzione lessicale estremamente ristretta (v. anche Como 2007, 130), in quanto interessa soprattutto determinati tipi lessicali come, per esempio, quelli dotati del suffisso diminutivo in -iello (p.es. proc. [ga " in] gallina, [krapet"tjedd] capretto; mont. [favt"tEdd] (piccola) fava, [koSS"tEdd] piccola coscia), sempre in concorrenza per con la forma non indebolita (p.es. proc. [gal"lin]; mont. [vrt"tSill] piccola breccia, [kakka"vjell] pentol(in)a, [kammi"sEll] ca
21

22

Caso particolare quello di luffo > uffo anca; lombo (Andreoli [1887] 1993, 210), dove in realt la prima forma, meno frequente di uffo (< long. huf), costituirebbe un semplice caso di agglutinazione dellarticolo determinativo l impiegato davanti a vocale. V. Avolio (1995, 68 n. 159), Radtke (1997, 72), Como e Milano (2002), Pianese (2002), Sornicola (2002, 140). Per un quadro complessivo del problema con particolare riferimento alla variet montese, si veda ora anche Como (2007).

105

micetta; camicia da notte), e pi raramente forme isolate quali proc. [S"podd] cipolla, [md"dun] melone (cfr. nap. me(l)lone); mont. [lla N"gwodd] l addosso, ["fEdd] fetta, [tsd"dos] zellosa (tipo di focaccia). Per contro, altre voci lessicali con laterale intensa non occorrerebbero mai con lesito cacuminale (p.es. mille, allora). Quanto allesito rotacizzato (ossia [-r-] / [-|-]), Como (2002, 172) rileva una sua maggiore frequenza nelle variet di Monte di Procida (e di Procida) che nelle aree limitrofe di Bcoli, Pozzuoli ed Ischia, sebbene tale esito rotacizzato in montese si restringa, salvo rare eccezioni (v. anche Como 2007, 130132) come biero / bera bello/-a, ["kOddr] collera, [rrOk ab"baSS] (< lloco abbascio) laggi), a certe voci funzionali tutte derivate dal latino ILLE (Como 2007, XXI). Tali voci funzionali comprendono, in ordine di frequenza crescente, gli articoli determinativi (f.pl. / m.sg. [-num.] [|]; p.es. [| ppa"tan] le patate), i pronomi clitici accusativali di 3a persona (m.pl. / f.pl. / m.sg. [-num.] [|]; p.es. [i n | p"pOtts v"|e] io non le posso vedere), e i dimostrativi di terzo grado (p.es. ["ki| "frat "mi] quel fratello mio; v. Como 2002, 178183). Como (2002, 187188; 2007, 129sgg.) identifica inoltre alcuni fattori sociolinguistici importanti nella distribuzione dellesito rotacizzato nelle variet montesi come, ad esempio, una sua maggior distribuzione nel cuore conservativo del centro montese (definito Case Vecchie), nonch una maggior frequenza di tale esito presso le donne. 3.5.1.2. Rotacismo, velarizzazione e dileguo della laterale preconsonantica In posizione interna di parola davanti a consonante, la laterale risulta alquanto instabile (v. Avolio 1995, 46; Radtke 1997, 72; Formentin 1998, 221223; De Blasi e Imperatore 2000, 169; De Caprio 2004, 124126), in quanto partecipa talvolta alla rotacizzazione, specie davanti a consonante labiale o velare con concomitante sonorizzazione della seguente consonante (p.es. Amarfi, barcone, curtiello, farcone, gurfo golfo, mardese maltese, parma palma, rivordella rivoltella, serva selva, sarv, sarzuso pieno di salsa, scilta / scirda diarrea, surco solco, surdato, surzo sorso, urmo olmo, rgiola ulcera, urzo orso, vorpe; proc. arfabto; mont. purmanne pullman, autobus),23 e talvolta alla vocalizzazione (p.es. falso > fauzo, alzare > auzare (nel dialetto moderno > aiz), volse > vo(u)ze volli/-e (obs.), scelse > scuze scelse (obs.)),24 comportando spesso in questultimo caso lepentesi di [-v-] (Castagna 1982, 38; Iandolo 1994, 35): *EX+L(EC)TUM > scilto > scuto > scveto scelto, *CL(LEC)TUM > cuolto > cuuto > cuveto (rac)colto, falso > fauzo > fvezo, celsa > cuza > cvuza gelso, alto > auto > veto, caldo > curo > cvero, calce > cuce > cvece; isch. calcio > cucio > chvecio.25 In casi
23

24

25

Cfr. anche la sonorizzazione della dentale provocata dalla laterale osservabile nel seguente esempio antico: napoldano (BagniR 109). Alquanto eccezionale il passaggio -l- > -r- in sede intervocalica attestata in scnnaro scandalo, delitto (Ferraiolo 111v.12). E non solo davanti a /t d s z/ (v. Malato 1970a, 2324), ma soprattutto davanti a consonante dentale o palatale. Davvero rari sono i casi di vocalizzazione di /t/ preconsonantica come, ad esempio, in mautone per il meno volgare mattone (Andreoli [1887] 1993, 226). In casi molto rari si nota anche nei testi antichi lassimilazione alla consonante successiva (p.es. accuno alcuno (SDM 61.12)).

106

pi estremi, specie quando preceduta da vocale posteriore, la laterale cade invece del tutto: plvere > prvere > pvere, volta > vorta > vota, pulcino > pucino, calzone > cazone, dolce > doce (ma cfr. o dorge torta), pulso > puzo, salsiccio > sasiccio salsiccia. In alcune parlate del Golfo (p.es. Ischia, Procida, Monte di Procida, Pozzuoli) la laterale passa invece a nasale davanti a dentale o palatale (Rohlfs 1966, 346; Radtke 1997, 72): Monte di Procida alt(r)o > ando, felso > fentso falso; proc. volta > vonta (Parascandola 1976, 5), elto / alta > ento / anta altro/-a, (id. 106), calza > canza (id. 53), dulce > dungio / rungio dolce (id. 103), pulzo > punzo polso (id. 216), salza > sanza salsa, condimento per pesce fritto (id. 233). Tale esito non del tutto sconosciuto nemmeno nel dialetto cittadino, per cui si riscontrano forme quali prna / perne perla/-e (Amato e Pardo 2001, 155 / Epistola 182.15; v. Coluccia 1987b, 182). Sebbene tutti e tre questi mutamenti della laterale preconsonantica (ovvero rotacizzazione, vocalizzazione e dileguo) si riscontrino nei testi antichi, sembrerebbero per appartenere piuttosto alluso basso e popolare, dal momento che occorrono prevalentemente nei testi con minori pretese letterarie che cercano intenzionalmente di imitare la parlata popolare (De Blasi 1995b, 180181; De Blasi e Imperatore 2000, 168169). Pertanto non se ne rivela traccia in testi come il Regimen e i Bagni, e solo sporadicamente in testi come il LDT (p.es. baudanza (120.22), faude falde (122.29)) e il RDF (p.es. auto alto (60), autro (86), caude caldi (191), coucie colse (51)), mentre nellEpistola troviamo cuorpo colpo (181.16), arcuna (183.1; cfr. per alcuna (LVP 11)), puorpo polpo (181.17); nel Ferraiolo auz (79v.31), autre / altre (92r.12 / 138r.19), corpe colpi (115r.8), autaro altare (100v.14), autissime / altissimo (101v.8 / 97r.8), sautavano (116r.15), assautaro assaltarono (123v.18), fauzo (131v.3), parmo / palmo (130v.8 / 99r.9), voce (< volce) / voze volle (142r.13 / 150v.16); in De Rosa (v. Formentin 1998, 221222) cuorpo (8v.22), faucza falsa, nascosta (23v.22), scauczo scalzo (25v.6), couta colta (44v.25), piutraro peltraio (37v.28), riprecare replicare (40v.4), utimo ultimo (33v.26); in De Jennaro 2 cortiello (65), Marchionna Melchionne (67), caudo (29), smi[o]zo smilzo (115); e in Lupo (v. Compagna 1990, 203) Amarfa / Amalfa (I.2.1 / I.4.1), Arbania (I.4.2), cortello (II.16.2), arcune / alcuno (I.62.2 / I.59.4); in Ferraiolo (v. Coluccia 1987b, 132) araudo (105v.21), arbe alba (89v.25), arboro albero (della nave) (108r.4), assauto (121v.5), cauze calce / calze (149v.26 / 102r.49). Verso la fine del Cinquecento e linizio del Seicento tali forme diventano maggiori anche nei testi con ambizioni letterarie. Per esempio, riscontriamo presso Velardiniello forme quali sautava saltava (91.XX), pormone (91.XXI); presso Basile autro (118), sauta (182), fauce falce (284), couze colse, (342), caudamente caldamente (326), cauzone (158), vorpe (328), serva selva (556), surco solco (618), quarche (628), porva polvere (562), resorvette risolvette (688), doce dolce (814), puzo polso (58), vota volta (62); presso Cortese1 cortellate (1.1), arba (2.5), quarcuno (2.24), farza (7.12), Amarfa (6.30), sauza (2.17), assautato (5.23), ascotare (3.28), docemente (9.1); e presso Sarnelli forme quali quarche (50), caudaro caldaione (172), auto altro (16), fauce (108), cauze (52), vota (36), voze [volle] (116), auzarese alzarsi auzarese (102).

107

3.5.1.3. Altri sviluppi minori Persino in posizione intervocalica non raro che /l/ si trasformi in vibrante, specie nellultima sillaba dei proparossitoni (p.es. scnnare scandali (Ferraiolo 111v.16), cfaro, BUFALUM > vfaro (cfr. bufaro (Regimen 1 307)), loch(e)ra loquela (Bozzuto I.15), stuorlo / stuoro stuolo, flotta (De Rosa 66v.5 / 66v.7), nisporo nespolo, TUTELAM > tutra (obs.), acchiale / acchiara occhiale (Andreoli [1887] 1993, 6), cautela / cuatera (id. 90), (lece / elecina >) lecina / recina elce (id. 149); mont. vureva voleva, orientare orientale (Como 2002, 174; 2007, 131), [u Spusa"rittsj] lo sposalizio (Como 2007, 134), [u rik"kEtt] il lucchetto (id. 134); v. Iandolo 1994, 138; Como 2007, 131, 134),26 nonch in posizione iniziale assoluta: LAPILLI > rapille (Altamura 1949, 25; Amato e Pardo 2001, 170; Como 2007, 131; cfr. rapilleca brecciolino (TVMA IV.34)), LUSCINIOLUM > rescignuolo usignolo. Meno spesso si trasforma in [d] (p.es. bssola / bssoda (Altamura 1949, 25)) o in [n] (p.es. pantfano pantofola,27 mbrusuli/-ni bisbigliare (DAscoli 1990, 338)). La laterale viene anche frequentemente colpita dalla metatesi (v. Rohlfs 1966, 456; Compagna 1990, 203; Formentin 1998, 269), per cui si incontrano forme quali FIB(U)LAM > *fliba > sciva ganghero inanellato, GUTT (U)LAM > gliotta goccia, COP(U )LAM > *cloppa > chioppa coppia, CAP (U)LAM > *clappo > chiappo cappio, POP(U )LUM > *pluppo > chiuppo pioppo, SPEC(U )LUM > *splecco > schiecco (obs.) specchio, PUBLICUM > *plubbicu > prbbeco; proc. animale > alimano (Parascandola 1976, 3), jelata > liata gelata, rugiada (id. 141). 3.5.2. La vibrante alveolare In qualit di allofono la vibrante alveolare /r/ presenta la monovibrante alveolare [|] con il quale parrebbe trovarsi in libera variazione nella maggior parte dei contesti (p.es. ricco ["rikk] / ["|ikk], sera ["ser] / ["se|]), bench si noti una forte tendenza per la monovibrante a prevalere come esito lene di unoriginaria [d] intervocalica: Madonna [ma"|Onn], pere ["pE|] piede (meno spesso [ma"rOnn], ["pEr]). In alcuni casi lessicalizzati, la vibrante iniziale sempre intensa (v. Rohlfs 1966, 223; Iandolo 1994, 101; Formentin 1998, 199200), ossia o rre il re, a rrobba la roba, o rra il rag, a rrequia, a rrissa, o rrecietto aiuto, protezione, esempi indicativi forse di una tendenza generale per la pronuncia intensa della vibrante in posizione iniziale di parola, come si deduce dal largo impiego della a- prostetica (v. 2.3.1.5).28 Nelle forme infinitive (salvo quelle proparossitone in `-ere), la /r/ postonica cade sistematicamente, tendenza osservabile fin dalla met dellOttocento
26 27 28

Cfr. anche campumilla > campumirra camomilla (DAscoli 1990, 127, Amato e Pardo 2001, 46). Si noti anche un interessante caso inverso, forse per ipercorrezione, ossia fisunumia / fisulumia (Andreoli [1887] 1993, 166). Per nei casi di a rrobba e di o rra il raddoppiamento iniziale andrebbe meglio interpretato come conseguenza della referenza [-num.] di tali sostantivi (v. 4.4.2). Per uneventuale spiegazione simile anche per o rre, secondo la quale la doppia iniziale sarebbe originata nel significato [-num.] di la carrica reale in seguito estesa anche al significato di un singolo monarca, rimandiamo ad Avolio (1996, 315).

108

(v. 14.1.1; Perrone 1977, 218; p.es. cuccare > cucc coricare, tenere > ten tenere, avere, nchiattire > nchiatt ingrassare), ma viene restaurata in presenza di uno o pi pronomi enclitici: cuccarse, tenerlo, nchiattirse. A parte i comuni esempi di rotacizzazione agente su /l/ preconsonantica (p.es. parma palma, carma calma, asfardo asfalto, parco palco (nonch parco)), si riscontrano altri pur rari casi di rotacizzazione del tipo ttano > ttaro (cfr. per TURTUREM > proc. trtena tortora (Parascandola 1976, 77)), furtuna / furtura (Andreoli [1887] 1993, 178), *COCHLEOLAM > chichiora peperone, papaccella, MALE AD ME > maramm me infelice!, nonch casi inversi di /r/ > [l(l)]: arricurdarse / allicurdarse ricordarsi, arbare / allarbare albeggiare (Andreoli [1887] 1993, 19),29 pumma doro > pummarola pomodoro, *RASORIUM > rasulo rasoio, stora / stola specie di sacco per trasporto a basto, avolio (Amato e Pardo 2001, 31), galitta (id. 94), murmuli mormorare (id. 126). Anche parecchi sono i casi di epentesi di r (Iandolo 2001, 156): fern finire, bbreca epoca, vrenna avena. 3.5.2.1. Il nesso [-[s]tr-] La vibrante alveolare anche dinteresse nel nesso consonantico [-[s]tr-], dove si suole sostenere che cade (Iandolo 1994, 45; Formentin 1998, 215): canistro > canisto canestro, fenestra > fenesta, vuostro > vuosto, masto maestro, capo dun arte / maesta maestra; donna decisa e pugnace, menestra > menesta minestra (Andreoli [1887] 1993, 231), menistro > menisto ministro (Ascoli 1990, 341), orchesta orchestra (Amato e Pardo 2001, 145). Contro questa tesi si constata per che il dileguo della vibrante non comunque sistematico (p.es. trappano villanzone, petrusino prezzemolo, squatra squadra, gnost(r)a inchiostro, agliast(r)o oleastro, olivo selvatico (DAscoli 1990, 35), (CYLINDRUM >) celent(r)a cilindro con il quale si pressa la stoffa o si incollano le copertine sui libri (id. 153, ma celintro (orologio a) cilindro), chist(r)a piastra (id. 162), jenest(r)a ginestra (id. 285), jost(r)a giostra (id. 287)), in maniera che si potrebbe pensare che in certe voci, soprattutto quelle caratterizzate dal tratto [+animato], si tratti effettivamente di un residuo di un antico nominativo piuttosto che accusativo (De Blasi e Imperatore 2000, 170): PATER > pate, FRATER > frate, MAGISTER > masto (al pari di QUATTUOR > quatto quattro (cfr. quatto (Ferraiolo 98v.3)). In altri casi sembrerebbe che il dileguo della vibrante fosse condizionato da considerazioni di tipo sociolinguistico, dal momento che Andreoli ([1887] 1993) individua nelle coppie allotropiche la variante senza vibrante quella pi tipica delluso volgare (p.es. balestra / balesta (51), chiastra / chiasta piastra (100)). Nel nesso [-rj-] si assiste a un duplice sviluppo (Rohlfs 1966, 402), per cui talvolta il nesso originario rimane intatto, specie in voci dotte (p.es. CONTRARIUM > cuntrario, SECRETARIUM > secretario), talvolta lelemento approssimante subisce la metatesi passando alla sillaba tonica (p.es. CARIEM > cairo carie), oppure si attestano entrambi gli sviluppi nella stessa parola (p.es. ARIAM > airo (obs.) / aria (cfr. airo / aria (Basile 914 / 458)),30 CORIUM > cuoiero / cuorio cuoio (cfr. cuoyro
29 30

Forse anche qui appartiene llera (< *rera < dera). Si osservi che nei primi testi occorre solo la forma con metatesi (p.es. airo (Regimen1 115, Ferraiolo 99v.8), ayro (LDT 65.19, RDF 27)).

109

(BagniR 93)), CICHORIA > ceciera / cecria cicoria). Abbastanza comune anche lo stadio ulteriore nel quale, una volta stabilitasi nella sillaba tonica dove produce dittongo (ossia -oi- / -ai-), lapprossimante si dilegua, producendo cos un esito monottongale: *febrario > *febrairo > febraro, *jennario > *jennairo > jennaro gennaio; Gennaro, *cucchiario > cucchiaro, *scarpario > *scarpairo > scarparo calzolaio, *pario > *pairo > paro paio, *morio > moiro > moro muoio, STOREAM > *storia > *stoira > stora / stola stuoia; stola; capr. / isch. / proc. aria > aira > ara. 3.5.2.2. Metatesi Rispetto alla laterale, la metatesi risulta ancora pi diffusa con la vibrante alveolare,31 che pu venire colpita sia in posizione preconsonantica (p.es. BARBAM > vv(e)ra (obs.) mento, serva > sevra (obs.), permmttere > premmttere, erva > evra > vera erba, BURGUM > *brevo > bvero, acervo > acrevo > acvero acerbo, frbice > frbbece, fremma ferma, trmmeno termino, trommiento tormento, wrstel > vrustel; isch. ghirlanda > grillande, trbido > trvelo; proc. furgone > frugone), che in posizione postconsonantica (p.es. Capri > Crapa, vrito vetro, preta pietra, fvrica > frveca (cfr. frabicatore (TVMA IV.2)), freva febbre, triato teatro, frebbaro febbraio, crapie caprioli, strupo, bralestata balestrata; proc. ventre > vrente). Andrebbero considerati qui anche casi di propagazione in voci quali rilorgio orologio, APERIRE > arap(re) aprire, viernard venerd, grolia gloria, trasoro tesoro (Cortese1 3.35), cavalcando > *cavarcanno > cravaccanno (id. 7.8); proc. quattordice > quartuddice (Perrone 1977, 218; Iandolo 1994, 123), nonch oscillazioni quali ["fekt] / ["fetk] fegato, ["fOrfr] / ["frOfk] forfora (Andreoli [1887] 1993, 158; Radtke 1997, 75; Iandolo 2001, 162), furtuna / furtura (Andreoli [1887] 1993, 178), vapore / papore vapore; vaporetto (Amato e Pardo 2001, 149).

3.6. Palatali
3.6.1. Lapprossimante palatale iniziale, intervocalica e postpalatale A differenza dellitaliano, lapprossimante palatale dopo i segmenti palatali [-tS-, -S-, -ddZ-], anche quando appartiene al dittongo metafonetico [-je-], viene pronunciata (p.es. auciello [aw"tSjell] uccello, scienza ["Sjents], sociale [so"tSjal], luciano [lut"Sjan] residente del quartiere di Santa Lucia, reggione [red"dZjon]; v. Bichelli 1974, 29; De Blasi e Imperatore 2000, 6465), pronuncia spesso distinta
31

V. Altamura (1949, 27), Rohlfs (1966, 454455), Perrone (1977, 218), Castagna (1982, 37), Compagna (1990, 203), Iandolo (1994, 122123), Avolio (1995, 49), Radtke (1997, 75), Formentin (1998, 268), Iandolo (2001, 161). Capozzoli (1889, 2930) osservava nellOttocento che in certi casi si oscillava liberamente tra forme con e senza metatesi (p.es. permettere / premettere), mentre in altri casi la forma con metatesi sembrava essersi lessicalizzata a scapito della forma originaria (p.es. cravone carbone, vera erba, svera serva in luogo dei precedenti carvone, reva, sreva).

110

nei testi antichi tramite limpiego dei grafemi -cie- / -scie- / -gie- (di contro ai grafemi -ce- / -sce- / -ge- dove lapprossimante non andava pronunciata; Petrucci 1993, 38). In altre posizioni lapprossimante continua non solo lantica semivocale latina (p.es. IUDICEM > jdece giudice, *IECTARE > jett gettare, buttare, IUCUNDUM > iucunno giocondo, IUNIPERUM > junpero ginepro, IUSTUM > justo, IUNCUM > junco, IUMENTAM > jummenta, IUGUM > jugo / juvo giogo, IEIUNUM > deiuno (> riuno) / jeiuno (proc. jaiuno) digiuno, RAIAM > raia razza (pesce), *MAIU+ENSEM > maiese maggese; v. Rohlfs 1966, 214, 305; Formentin 1998, 196197), ma rappresenta anche lesito di (-)G- + vocale anteriore e di *(-)GJ- < (-)GL(p.es. GELARE > jel, GENTILEM > jentile, GYPSUM > jisso gesso, REGERE > riere, FAGEUM > faio faggio, CORRIGIAM > curreia correggia, GLACIEM > jaccio ghiaccio, GLADIUM > jio freddo intenso; v. Rohlfs 1966, 211, 301; Formentin 1998, 194195; Barbato 2001, 137141), nonch lesito del nesso [bj] e di < BL (p.es. HABEO ["aBjo] > ayo (obs.) ho, CAVEOLAM > *gabiola > gaiola gabbia; Gaiola (top.), IBI > ji vi (loc.) (ora apparentemente limitato allespressione cristallizzata che gghi ? che c?, in cui [j] viene trasformata in [gg ] sotto lefficacia rafforzativa di che (< QUID) che; v. Rohlfs 1966, 241, 247, 393394; Avolio 1995, 47),32 BLANCUM > janco, *BLASTEMIARE > jestemmi bestemmiare, BLASIUS > Jaso Biagio, *BETULAM > *bleta > aieta bietola), e del nesso [dj] (p.es. DIURNUM > iuorno, janara (< Diana+-ra) strega, DIES TERTIA > jesterza laltro ieri, DIACONIAM > jacona, RADIUM > raio raggio). In posizione intervocalica la semivocale pu anche dileguarsi (Formentin 1998, 195; p.es. MAGISTER > masto, PAGENSEM > paiese > paese, DIGITUM > dito, FUGERE > fiere > fu, regina > reina (Epistola 181.13, Sannazaro2 236)),33 comportando lepentesi di [v] dove tale dileguo produce iato: peio > peo > pevo (oggigiorno peggio). Quando preceduta da parola dotata di efficacia rafforzativa, la /j/ iniziale si realizza come affricata palatale [ggj] (variante allofonica forte presente fin dai primi testi; cfr. E ghronci E andaronci (Epistola 182.7)), ma perlopi trascurata nello scritto (p.es. lo plu iovene (LDT 93.1), tre iornate (SDM 61.17), li tre yorni (Aloisio 46)): [j]uc giocare vs pe [ggj]uc per giocare, [j]nnero genero vs pe [ggj]nnero per genero, [j]unno biondo vs cchi [ggj]unno pi biondo, [j]urnata giornata vs che [ggj]urnata! che giornata!. Come notato da Andal e Bafile (1991, 248), nel dialetto contemporaneo esiste una tendenza sempre maggiore per cui la variante affricata forte sostituisce quella lene, cosicch laffricata palatale pu essere percepita o reinterpretata (in particolare presso parlanti giovani) come la forma sottostante (p.es. gghiastemm bestemmiare), ai danni della forma lene tradizionale jastemm (cfr. llagghiustasse, sta valanza! laggiusterei la bilancia (Russo 98)).34
32 33 34

Se non si tratta invece della antica forma verbale di 3sg. i / j , con rafforzamento della [j] in [gg ] dopo che (v. anche Maturi 2002, 191). Nel dialetto moderno si conosce per solo la forma (prestata dallitaliano) reggina. Comunque, lopposizione originaria tra il fonema lene /j-/ e la sua variante allofonica forte [gg -] sembrerebbe tuttora salda e produttiva, dal momento che si sentono neologismi quali tre [gg ]ogrt tre yogurt (di fronte a o [j]ogrt lo yogurt).

111

3.6.2. Approssimante palatale vs affricata palatale sonora Eccezion fatta per il nesso BL- che volge sempre a [j-], lesito semivocale risulta per alquanto instabile dal momento che viene spesso sostituito dallaffricata palatale sonora intensa [ddZ], specie, ma non esclusivamente, in quelle voci che si sogliono attribuire ad infiltrazioni dalla lingua letteraria o dorigine forestiera (v. Rohlfs 1966, 215; Perrone 1977, 213; Formentin 1998, 195): giacunno giocondo, Giove, giace, genovese, giugno, giallo, gelato, reggione, (ag)gente, girare, arraggia rabbia, gerggeco chirurgo, leggero, aggio ho, gaggia gabbia, seggia sedia, uorgio orzo, gioia, gioiello. In un numero di casi sempre maggiore alternano liberamente la semivocale e laffricata (p.es. jett / gett, jel / gel, jenella / ginella davanzale, jnnero / gnnero genero, jubbeleio / giubileio, faio / fagio (DAscoli 1990, 224), lggere / liere, striere / strggere distruggere, riere / rggere, justo / giusto).35 Tale oscillazione tra la semivocale e laffricata risale ai testi antichi (p.es. iugho / giogho (Brancati2 191r.20 / 184v.4), iacerno / giacere (id. 209r.14 / 191v.24), iniuria / ingiurie (id. 190v.33 / 194r.18), maio / magio (id. 192r.31 / 207r.11), iente / gente (De Rosa 52v.14 / 2r.8), iebbeleo / gebbeleo (id. 73v.3 / 61r.12), ietta / getta (id. 18v.3 / 5r.12), peio / pegio (id. 3r.6 / 14v.21), oye / ogie (id. 10v.3 / 8r.22), iornata / giornata (Ferraiolo 79r.3 / 121v.18), iusticia / giusticia (id. 94v.44 / 121v.12), maio / magio (id. 89v.27 / 88r.7)), purch si sia corretti ad attribuire tali valori alle rispettive grafie -i- / -j- / -y- da un lato e -g- dallaltro, visto che questultima potrebbe costituire semplicemente una grafia di copertura per [j] (v. Formentin 1998, 194, 196; De Blasi e Imperatore 2000, 171). Inoltre la situazione parrebbe complicata dal fatto che limpiego delle diverse grafie (e perci anche di eventuali pronunce diverse) varia notevolmente da autore ad autore (De Blasi e Imperatore 2000, 170sgg.). A mo desempio, si noti nellEpistola che i continuatori di -I- e dei nessi composti da [g] + vocale anteriore producono invariabilmente [j] (p.es. Jannello (182.4), jace (182.18), Jannetta (184.5), jcati (183.5), judice (183.7), reina regina (181.13)), mentre la resa dei nessi [bj] e [dj] oscilla tra lapprossimante (scaia scabbia (181.18), iati abbiati (184.7), juorno (184.3)) e laffricata (aggio- ho (183.3), battigiare battezzare (181.19)). In maniera analoga, lesito semivocale prevale anche nel LDT (De Blasi 1986, 370372, 376378; p.es. i (184.26), yaceva (268.9), iniuria (55.89), mayestate (176.1), peyore (176.35), oy (48.8), speriura (254.27), vyayo viaggio (51.12), Aiustao aggiust (ib. 316.7), ayo (55.21), deya (55.20), yundi biondi (111.5; cfr. per giundo (RDF 121)), soyecte (262.8), assieyo (176.21), ayonse aggiunse (314.25 P), ayueterrayo aiuter (60.6), oy oggi (48.8)), nonch in De Rosa (Formentin 1998, 194197; p.es. Iacobo (1r.4), yocare (46v.4), iudio (49r.18), maiure (1r.22), Iorgio (66r.21), ayo (18r.20), deio debbo (30v.24), iacono chierico (35v.13), iorne giorni (24r.8), aiuto (43v.3), oie oggi (10v.3), cChiaya Chiaia), mentre esempi con lesito affricato risultano pi rari: gyuso gi (LDT 56.34),
35

Andreoli ([1887] 1993, 183) riporta che juoco viene eccezionalmente sostituito dallitalianismo gioco nelle locuzioni gioco de cavalle circo equestre, olimpico, e gioche dacqua scherzi dacqua.

112

domagi (ib. 176.27), legiere (ib. 53.16), gett (De Rosa 35v.24), magesstate (id. 9v.18), Genua Genova (id. 19r.13), agia abbia (id. 73r.4), co(r)rege (id. 37v.23). La situazione nei BagniR, in confronto, risulta pi varia, sebbene si noti un impiego pi libero dellaffricata. Ad esempio, la semivocale originaria rimane generalmente intatta (p.es. iunche (91), iuso (578), iudicio (436), iuventute (238), iuvene (624), iocu (378)), bench in alcuni casi si riscontri variazione libera (cfr. anche maio / magio (Ferraiolo 89v.27 / 88r.7)): iuve (3sg.) aiuti (329; cfr. anche iuvamiento (77)) vs giova (354), maiure / maiore (369 / 494) vs magiore (516). In altri casi ancora ricorre soltanto laffricata (p.es. gire (585), go- and (280), girinci andarci (256), girray- andrai (411), gi (357)). Stabile invece risulta laffricata in quelle voci che in latino presentavano il grafema -G- (p.es. gente (277), gentil (631), gingi gengive (384), digesto (390), vigilare (366), lentiginaccia (391), frigida (421), vertigine (490), serpentigene (616), fugire (341), Girmano (36), Gimburuso (577)), distribuzione che fa sorgere dubbi sulleffettiva pronuncia affricata in questi casi, in quanto luso del grafema -g- potrebbe rappresentare semplicemente una grafia latineggiante. Quanto al nesso [dj], questo viene sempre rappresentato dalla semivocale (cfr. per in BagniN agiute (591), nonch nel Regimen1 la coppia ajuto / agiuto (2 / 5)): gauiura (369), gauyu (414; cfr. anche fr. joyeux > ioiusu (220)), aytu (257), ayute (che lui) aiuti (627); per converso, lesito del nesso [bj] oscilla enormemente: scabia (391), agi- tu abbi (537) / acze tu abbia (300) / aia abbia (3sg.; 322) / aya- abbia (3sg.; 248), dige devi (79) / divi- devi (572) / degiatedobbiate (548). In tempi recenti per la semivocale palatale cede sempre di pi allaffricata palatale, tendenza che va sicuramente collegata ad una maggior influenza della lingua standard. A titolo desempio si consideri che molte voci che in passato presentavano la semivocale presentano ora esclusivamente laffricata palatale (De Blasi e Imperatore 2000:173174), fra cui citiamo gi, givene, ge(n)nerale, maggio, giugno (cfr. iunio (Regimen1 81), iugnio (Ferraiolo 89v.5)), giuved (cfr. iuvid (Ferraiolo 99r.13), joved (CDT 1)), geluso, aggio, peggio, giurnale. Nel caso di altre voci invece sussiste tuttora la semipalatale, sebbene la variante con laffricata sia ormai quella prevalente nel dialetto contemporaneo: oie / ogge, jel / gel, liere / lggere, Jennaro / Gennaro. Ciononostante, esistono ancora voci in cui la semivocale si mantiene salda di fronte allaffricata, soprattutto quando luscita dialettale coincide con quella italiana: iuorno, jcono diacono (Amato e Pardo 2001, 100), juc, j andare, jettatura iettatura, friere, ((TRITICUM) GERMANUM) > jurmano segala (DAscoli 1990, 288), raio, aiuto. 3.6.3. Lapprossimante postconsonantica Sicuramente leffetto pi significativo dellapprossimante palatale sullinventario consonantico stato quello di introdurre una serie di segmenti palatalizzati, coinvolgendo le occlusive (APIUM > a[ttS]o sedano, HABEO > a[ddZ]o ho, MATEAM > ma[tts]a, DIURNUM > [j]uorno giorno, BRACHIUM > vra[ttS]o braccio, *PLAGIAM > chia[j]a spiaggia di mare; Chiaia (top.)), le liquide (MULIEREM > mu[]era moglie), e le nasali (VINDEMIAM > venne[ ]a vendemia, SIMIAM > sci[ ]a scimmia, VINEAM > vi[ ]a, SENIOREM > se[ ]ore, LINEAM > li[ ]a filare di piante di 113

pomodori).36 Tranne qualche esempio isolato nei primi documenti,37 la sibilante sorda al contrario del toscano non colpita dalla palatalizzazione, il nesso [-sj-] riducendosi normalmente alla sola sibilante (Rohlfs 1966, 407): CASEUM > caso cacio, CAMISIAM > cammisa camicia, *CO(N)SIO > coso cucio, PERTUSIUM > pertuso pertugio, buco, LUISIUM > Luise, CERASIAM > cerasa ciliegia, PHASEOLUM > fasulo fagiolo, PHASIANUM > fasano fagiano (eccezionali sono SIMIAM > scigna scimmia e, in senso inverso, SCIATICAM > proc. siteca sciatica (Parascandola 1976, 252)). Anche in chiave sincronica si osserva una tendenza alla palatalizzazione delle occlusive velari in contatto con lapprossimante palatale (v. Canepari 1979, 221; 1999, 445; Castagna 1982, 3031; Radtke 1997, 71), fenomeno forse di antica data se la grafia di Guido Cavalcanti nella resa del nesso [-kj-] nella pronuncia di Della Porta (ossia, vieccio vecchio (18)) va interpretata come indicativa di una realizzazione palatale della velare: chivere ["k Ovr] / ["cOvr] piovere, uocchio ["wOkk ] / ["wOcc], pe gh [pp g"g i] / [pp "i] per andare, tre gghiurnate [tre gg ur"nat] / [tre ur"nat] tre giornate, sicche ["sikk ] / ["sicc] secchi (pl. di sicchio secchio) vs sicche ["sikk] secchi; magri (agg. m.pl.) (Montuori 2002, 77 n. 65), tracche ["trakk ] / ["tracc] costole del maiale; cicatrici (pl. di tracchia) vs tracche ["trakk] fuochi di artificio (id.). 3.6.3.1. Esiti duplici Oltre alla gi osservata alternanza tra [j] e [ddZ], si nota un apparente duplice esito palatale anche in altri casi, molti dei quali vanno ritenuti prestiti dalla lingua letteraria o dal francese. Ad esempio, oltre agli esiti [j] o [ddZ], in alcuni casi isolati [-dj-] produce anche laffricata dentale [-tts-] (p.es. MEDIUM > mie[tts]o mezzo, ma HODIE > o[j]e / o[ddZ]e). Daltra parte, dove ci si aspetterebbe laffricata dentale come esito regolare del nesso [-tj-] (p.es. PUTEOLI > Pozzuole Pozzuoli), in alcune parole si riscontra nei testi antichi un polimorfismo notevole (ovvero -s-, -i-, -is-) forse, in origine, di tipo diastratico (Varvaro 1978, 436; Formentin 1998, 248; p.es. malvaso / marvaio malvagio (cfr. MALFATIUM), raione / raysone ragione (cfr. RATIONEM), staysone estate; stagione (cfr. STATIONEM)), esiti sicuramente adattati dal francese [-iz-] (cfr. mauvais, raison, saison),38 A loro volta, tali esiti francesi furono successivamente sostituiti dal corrispondente esito toscano [-Z-], il quale in napoletano pass allaffricata intensa [-ddZ-], vale a dire marvaggio, raggione, staggione estate; stagione (De Blasi e Imperatore 2000, 56, 175), situazione
36

37

38

V. Formentin (1998, 237sgg.). Si nota per la mancanza di palatalizzazione in > capitanio, variante di CAPITANUM > capitano (Andreoli [1887] 1993, 76), nonch in (fr. manire >) maniera, variante della forma autoctona, sebbene lessicalmente pi ristretta (cfr. id. 219), (MANNARIUM >) manera. Cfr. DIXI > disce dissi (Regimen1 383), SIC > sci s (ib. 438), FORSIT > forsci forse (BagniN 292; cfr. fuorse (497)), SIANT > scian siano (ib. 453), sc s (ib. 179), SILENTIUM > scilentio (LDT 92.37), *BRUSIARE > abrosciare bruciare (Ferraiolo 116r.26; cfr. per bruso (De Jennaro1 7.3; v. Coluccia 1987b, 124)). V. Rohlfs (1966, 405, 409), Varvaro (1978), De Blasi (1986, 375), Formentin (1998, 248), Barbato (2001, 156157).
CAPITANEUM

114

gi avvertibile almeno fin dal Seicento (cfr. raggione (Crisci 6)).39 Vanno ricordati anche i diversi esiti della laterale sotto palatalizzazione, la quale ad Ischia (Castagna 1982, 31, 38) e a Procida volge normalmente allocclusiva palatale sonora [], ma alla laterale palatale [] in prestiti recenti: proc. cigghio ciglio, orlo (Parascandola 1976, 78), cgghie cogliere (id. 82), gghio aglio (id. 105), mggjo meglio (id. 51), figghio figlio (id. 116); isch. megghie meglio, cunzigghie consiglio, mugghiere moglie, egghie aglio, migghiere migliaio, ma figlie figlio, paglie paglia. Caso pi significativo riguarda il nesso velare [kj] (pi raramente anche [gj]) che, oltre a produrre laffricata palato-alveolare in parole quali FACIO > faccio ["fattS] (cfr. anche PLAGIAM > chiaia piaga), volge talvolta anche in affricata dentale (Iandolo 1994, 128129; De Caprio 2004, 120; p.es. LACIUM > lazzo laccio (cfr. anche GREGIUM > grizzo grezzo, LEGITTIMUM > lezzttemo, (AE)RUGIN+-mma > arruzzimma ruggine), *AD+CINNIARE > (az)zenni accennare, strizzar locchio, ACCEPTARE > azzett, *AD+CYM -+-ARE > azzimm cimare, gr. akaka > gazza gagga, *CERCEAM > cerza quercia (La Ghirlanda di Silvio Fiorillo, IV, 63, citato in De Caprio 2004, 120), GIACCIUM (lat. med.) > jazzo recinto; gregge; piccolo cortile (DAscoli 1990, 284), LANCEA(M ) > lanza lancia; barca a remi (id. 296), NUCEOLAM > nzzola specie di ghiro, moscardino (id. 390391)), nonch a casi di oscillazione quali jodicio/-izio (Capozzoli 1889, 1112), arteficio/-izio (id.) sacreficio/-izio (id.), accetto / azzetto (id.), AD+ VIVACIUM > abbibzio/-ccio affrettatamente, LICITUM > lzeto / lceto lecito, (*AD+RICIU(M)+-ARE >) aggrezzarse/-cciarse abbrividire (Andreoli [1887] 1993, 16), afficio/-zio/-ggio ufficio (DAscoli 1990, 31), judicio/-zio giudizio (id. 288), LUCIDUM > lceto/-zeto lucido (id. 309 / 311).40 Con tutta probabilit laffricata dentale rappresenterebbe lesito locale originario, il quale, a differenza di molti altri dialetti della regione come, per esempio, quelli del Cilento, del Sannio e dellIrpinia dove si conserva tuttora (Avolio 1995, 6970), sarebbe sopravvissuto solo in pochi casi residui come quelli appena visti (v. Rohlfs 1966, 388389; Formentin 1998, 240; Barbato 2001, 151153). Infatti, tale situazione parrebbe rispecchiata nei testi antichi dove lesito di [kj] confluisce con quello di [tj], entrambi rappresentati tipicamente dal grafema -c(z)z- (e anche a volte dal semplice -(c)c- o --): ACCE+HOC > Acz ci (BagniR 536; cfr. *POTEATI(S) > poczate possiate (555)), FACIO > fao- faccio (Regimen 1 214; cfr. *POTEO > pooposso (271)), BRACHIA > braza braccia (LDT 59.12; cfr. *ALTIATI(S) > alzate (55.31)), FACIEM > face faccia (ib. 178.21), LANCIAM > lanza lancia (ib. 177.22), facczie faccia (De Rosa 6v.29; cfr. PETTIAM > peccza pezza di stoffa (20r.21)), lacczo laccio (ib. 42v.8), NUTRICIAM > nutricczie nutrice, balia (ib. 59v.24), PLACEAT > piaccze piaccia (ib. 10r.26), bracio (Ferraiolo 102r.30; cfr. *CAPATIAM
39

40

In altri casi la [-Z-] toscana volgerebbe a [-SS-] in napoletano (p.es. farmisciano parmigiano (Ferraiolo 118v.3), carnascione (Andreoli [1887] 1993, 80), curtisciano (id. 135), griscio (id. 187)), esito anche documentato per la [-Z-] francese: tagre > etasc mobiletto a ripiani, scaffale (Amato e Pardo 2001, 80). Ugualmente la /S/ dei prestiti francesi viene conservata: bombche > bumbscia padellina (da candele). Caso ancor pi strano il passaggio di [-kj-] a [-j-] in jaio (< GLACIE( M); v. Andreoli [1887] 1993, 193), forse un caso di metatesi, accanto al regolare jaccio.

115

> Capaczia (94v.18)), aczetto accetto, (id. 140v.7), lanzate colpi di lancia (id. 79v.7), ccazia (sost.) (id. 115r.9), EXCELLENTIAM > Azzellenzia (Cortese, introduzione tomo I, p. 4), PUTEOLI > Pezzulo Pozzuoli (Cortese1 6.30), OFICIUM > affizio ufficio (id. 2.8).41 La successiva penetrazione dellaffricata palato-alveolare ai danni dellaffricata dentale come testimoniata nel dialetto moderno sarebbe poi il prodotto di interferenza toscana (De Blasi e Imperatore 2000, 171172): di fronte a un contatto sempre maggiore con il toscano, in cui gli esiti di [kj] e di [tj] erano rimasti distinti (ossia FACIO > faccio vs PLATEAM > piazza), i parlanti napoletani avrebbero provato sempre pi difficolt a distinguere quelle voci con laffricata dentale estranea al toscano (ossia fazzo) da quelle in cui lesito affricato dentale coincideva pienamente con lo sviluppo toscano (ossia chiazza). Di conseguenza, si sarebbe finito col far coincidere tutte tali parole, tranne poche eccezioni (p.es. lazzo), al modello toscano. 3.6.4. I nessi di laterale postconsonantica Altra casistica frequente di palatalizzazione interessa i nessi [C + l-] (Petrucci 1993, 6165; 6869; Formentin 1998, 217221; De Caprio 2004, 111118), sebbene nei testi antichi gli esiti locali siano spesso rivaleggiati dalle forme in veste toscana, in quanto i primi sarebbero penalizzati dal [loro] maggiore stravolgimento della fonetica latina (Petrrucci 1993, 68).42 Iniziando con le occlusive, notiamo che, sebbene PL- volga tipicamente a [kj-] (ad Ischia volge invece a [c-]; Castagna 1982, 30; p.es. PLENUM > chino pieno, PLANCAM > chianca macelleria, (IN) PLUS > cchi pi, PLANGERE > chignere piangere, PLICARE > chiej piegare, PLACITARE > chiait chiedere, contendere), lesito toscano [pj-], pur con numerose restrizioni lessicali non limitate alle parole culte (Montuori 2002, 75), caratterizza ab antiquo voci quali piatto (sost.) piatto; grasso (cfr. per laggettivo chiatto grasso, grosso; Moro 2003, 57), piacere (il chiacere boccaccesco sarebbe ipercorretismo),43 nonch prestiti italiani recenti quali pianufforte, piano piano (parte della casa),44 e alcune parole in cui oscillano entrambi gli esiti (Radtke 1997, 74): chianta / pianta (cfr. piante (Della Porta 25)), chianella / pianella pantofola, chiazza / piazza, chianeta (m. o, meno spesso, f.) / pianeta (f.) pianeta (corpo celeste) / pianeta (veste del prete) (Andreoli [1887]
41 42

43 44

Eccezionale invece la voce PATIENTIAM > pacienzia (Cortese1 4.23), dove lesito di -TIrisulta duplice, ossia [-S-] e [-ts-]. Ad esempio, Petrucci (1993, 69) osserva nei testi di et angioina che, mentre lesito locale di PL- > [kj-] risulta oltremodo raro, lo stesso nesso [kj-] viene molto pi frequentemente rappresentato graficamente quando costituisce lesito di CL- o -TL-. Per contro, De Caprio (2004, 113) segnala come in La Ghirlanda di Silvio Fiorillo del primo decennio del Seicento sia del tutto assente la conservazione del nesso, modestamente presenti le forme con rotacizzazione della liquida, ampiamente documentati gli esiti locali, non solo per TL e CL, ma anche per BL, FL, PL, GL. Altri casi antichi di ipercorrezione comprendono capilli longhi e pyari [chiari] (TBP XXXVIII.17) e carne pyara [chiara] (id. XL.9; v. anche Montuori 2002, 75). Piano nel senso di uno di pi livelli di un palazzo ma, in qualit di avverbio, la forma indigena chiano rimane ancora salda.

116

1993, 99, 298).45 Quanto allocclusiva bilabiale sonora, nel nesso BL- d luogo allapprossimante palatale (con allofono forte [ggj-]; p.es. *BLUND- > junno biondo (cfr. [ggj]onna bionda), *BLANK- > janco bianco, *BLETAM > aieta bietola (DAscoli 1990, 38)), mentre esempi come BLADA > biava biada (Amato e Pardo 2001, 38) sono da attribuire ad interferenza toscana (cfr. coppia allotropica iancaria / biancaria (Moro 2003, 57)). Al pari dei nessi (-)GL- e (-)LI-, in posizione interna produce invece la laterale palatale (Moro 2003, 55; p.es. NEB(U)LAM > neglia nebbia, SUB(U)LAM > suglia lesina, NIB(U)LUM > niglio nibbio), la quale (come lesito di [-lj-]) volge ad Ischia e a Procida a [--]: isch. negghia, sugghia (Castagna 1982, 31). Passando ora alle velari, osserviamo che CL - passa regolarmente a [kj-] (p.es. CLAVEM > chiave), mentre lequivalente sonoro (-)GL- conosce un esito pi radicale, ossia [] (ad Ischia [];46 Castagna 1982, 30): VIG(I)LIAM > veglia, *GLUTTIRE > glittere inghiottire, GLADIUM > jio freddo intenso (DAscoli 1990, 283), *GLERUM > (ga)gliero (oppure, con [] > [j], jaliero) ghiro (id. 36, 283); isch. *CUN(I)GLUM > cunigghie coniglio, *MAG(U)LUM > magghie maglia. Si noti inoltre che in tutti i casi visti finora la laterale latina originaria soggetta alla rotacizzazione nelle voci dotte (Vaughan 1910, 166167, 171172; Moro 2003, 56sgg.): prtano platano, prebba plebe (cfr. per plebbeo / plebei (CDT 4 / 45)), pracca placca, crasse classe, Cravia Claudia, crimma clima, gruobbo globo, grolia gloria. Anche interessata qui la fricativa labiodentale sorda, la quale seguita dalla laterale passa a [S-] (ma ad Ischia e Procida volge a [-] o, secondo Barbato (2002, 34 n. 10), a [X-]): FLUMEN > sciumme fiume, FLATUM > sciato, FLOREM > sciore fiore, FLANCUM > scianco fianco, FLACCARE > sciacc ferire; isch. FLOCCARE > []ucc nevicare, FLAVIANUS > []aiano Fiaiano; proc. FLOREM > []aure fiore.47 Nelle voci dotte si ha invece [fr-] (Vaughan 1910, 166167; Moro 2003, 54): frauto (cfr. li frauti (Brancati1 132.2)), f remma, fracco fiacco. Anticamente, per, il risultato di FL - tendeva probabilmente allapprossimante palatale [j] (Moro 2003, 56; De Caprio 2004, 116117),48 risultato abbastanza comune in Italia meridionale (Rohlfs 1966, 248), successivamente alterata nella fricativa sorda [-], pronuncia apparentemente tuttora in vigore presso certi parlanti istruiti di ceto medio-alto (De Blasi e Imperatore 2000, 62). A riprova di ci si noti che presso alcuni autori, e in particolare il secentesco Basile, si osserva una tendenza quasi assoluta ad impiegare la grafia (-)sh(i)- esclusivamente per lesito di (-)FL- (Moro 2003, cap. 3). Perci, in Basile si rilevano le grafie ashevolire affievolire (12), shiamme fiamme (202),
45

46 47

48

Casi antichi di alternanza, almeno grafica, comprendono (De Blasi 1995b, 179): achygaro / apligaro arrivarono (LDT 97.14 / 117.37), schiate dispiegate / pligate (ib. 160.37 / 134.14). Cfr. anche ad Ischia -LG- > [] in COLL(I) GERE > cgghiere cogliere, *EXELIGERE > scgghiere scegliere (Castagna 1982, 31). V. Rohlfs (1966, 248), Avolio (1995, 45). Secondo le descrizioni rilevate in Andreoli ([1887] 1993), in alcune parole gli esiti [S-] e [fj-] si sarebbero alternati (almeno verso la fine dellOttocento), questo primo impiegandosi soprattutto nella parlata dei pi plebei: sciano / fianco (162), sciatare / fiatare (163), sciato / fiato (163). Eccezionale a tale riguardo lattestazione tardo trecentesca della fricativa palatale nella voce sciamma fiamma (Maramauro2 2.83).

117

shiommare fiumare (14), shianco fianco (244), shioccavano nevicavano (214), shiore fiore (32), shionneia fionda (34), shioshiare soffiare, fiatare (36), shiorentina fiorentina (208), shiuocco fiocco, ashiare (< AFFLARE ) trovare (302; cfr. per -sci- in ascia < ASCIA), di fronte alla grafia (-)sc(i)- adoperata per la fricativa palatale intensa da EX- / AX- (p.es. (a)scella ala, scellevrellare scervellare, scnnere scendere, scetare svegliare), e per la fricativa palatale scempia da fonti varie (p.es. buscia bugia, mascese (< sp. majeza) scelto, muscio moscio (De Blasi e Imperatore 2000, 155156)). In base allopposizione grafica molto salda presso autori come Basile, Moro (2003, 6465) ipotizza che le grafie distintive -sh(i)- e -sc(i)- servissero a contraddistinguere unopposizione di lunghezza consonantica, ossia [(-)S-] (< (-)FL-) e [(-)SS-] (< (-)EX- / (-)SCI -) rispettivamente. Tale ipotesi viene ulteriormente ribadita dalle osservazioni di Oliva (Malato 1970b, 20), il quale rileva in maniera significativa alcuni pochi villaggi intorno a Napoli, che lo sci pronunziano sh. 3.6.5. I nessi [-kW-] e [-ks-] Notiamo infine che il processo di palatalizzazione agente sui nessi [-kW-] e [-ks-] non sistematico. In alcuni casi il primo passa alla semplice velare [-k-] (p.es. ECCU+ILLUM > chillo quello), mentre in altri passa a [-tS-] (p.es. QUINQUE > cinco cinque, QUERCULAM > crcula quercia), ma QUINDICEM > qunnece quindici al pari del nesso QU- + [a] con conservazione dellelemento labiale: QUANDO > quanno (eccezionali sono *QUAL(I)CHE > carche qualche, QU(I)A > ca che (rel., comp.), *ACCU+HAC > (a)cc qua; cfr. anche loscillazione osservabile in LINGUAM > lengua / lenga). Quanto a [-ks-], esso passa a [-ss-] quando seguito da vocale posteriore mentre volge a [-SS-] davanti a vocale anteriore: LAXARE > lass lasciare, COXAM > cossa gamba; coscia,49 *GANATHUM (incrociato con MAX(ILL)AM) > ganassa, EXIRE > asc uscire, AXILLAM > scella ala, ma (LAX- + -ITO >) lsseto o lsceto lascito (Andreoli [1887] 1993, 200).

49

Anche comune nel dialetto moderno (per influsso dellitaliano) lo sviluppo palatale: coscia.

118

GRUPPO NOMINALE

Capitolo 4: Il nome

4.1. Sistema flessionale: Panorama generale


Delle cinque declinazioni del latino sono le prime tre a rimanere le pi salde, mentre i pochi resti della 4a e 5a declinazione, sebbene godenti di una modesta fortuna in epoche precedenti, sono definitivamente scomparse dal dialetto moderno. Il sistema flessionale di ciascuna classe viene riportato sotto nella Tabella 4.1:
Tabella 4.1: Sistema desinenziale delle 5 declinazioni napoletane 1a 2a 3a 4a 5a Singolare forc-a castiell-o ped-e (m.) / croc-e (f.) man-o facc-e Plurale forch-e (furch-*i > -e) castiell-i > -e pied-i > -e / croc-e (cruc-*i > -e) man-o facc-i > -e

Si nota che, oltre alle desinenze, venuta assumendo un ruolo sempre pi vitale anche la metafonesi nel marcare le categorie morfosintattiche di numero e, in misura minore, di genere. In particolare, una -i finale nei sostantivi plurali (specie maschili) della 3a declinazione e dei sostantivi femminili plurali della 5a declinazione produce un plurale metafonetico contraddistinto da una forma singolare uscente in -e priva di innalzamento metafonetico:1 pede / piedi, ricchezze / ricchizze. Tale parallelismo tra la 3a e 5a declinazione avr fatto s che, in sincronia, questultima venisse aggregata alla 3a declinazione. Del resto, questo modello detto morfometafonetico di alternanza tra un singolare non metafonetico e un plurale metafonetico, come gi osservato al 2.2.2.2.3, si presto morfologizzato estendendosi a molti sostantivi della 2a declinazione dove ci si dovrebbe aspettare a priori una forma singolare metafonetica (p.es. mnaco vs munace), nonch a taluni sostantivi della 2a declinazione dotati originariamente di vocale tonica alta (ossia -i-, -u-) non metafonizzabile (p.es. pllece / pllece (m.) pulce/-i; v. Rohlfs 1966, 24, 55, 63; Maiden 1991, 128; Fanciullo 1994a, b; De Blasi e Imperatore 2000, 24). Altrimenti, nei sostantivi della 2a declinazione, cos come quelli della 4a ad Ischia e a Procida dove anche -a- tonica passibile di metafonesi, la metafonesi agisce indiscriminatamente sia sul singolare che sul plurale (p.es. viento/-e vento/-i; proc. mno mano/-i), servendo a marcare una distinzione di genere solo nelle coppie sostantivali di comune genere (p.es. mirulo / mrula merlo/-a).
1

Pi raramente nei sostantivi femminili della 3a declinazione (croce / cruce croce/-i), e in misura ancora minore in quelli della 1a declinazione (forca / furche forca/-che).

121

Prima della crisi delle vocali finali, nella 1a e 2a declinazione le vocali finali fornivano una spia alquanto sicura del genere, in quanto la -a finale caratterizza prevalentemente i sostantivi femminili (p.es. porta, figlia) e la -o finale quelli maschili (p.es. libbro, figlio). Invece i nomi della 3a declinazione uscenti in -e possono essere delluno o dellaltro genere (p.es. neve (f.), classe (f.), pace (f.), sciore (m.) fiore, ccere (m.) cece, mele (m.) miele, givene (m. / f.)), come vale anche per i sostantivi derivanti dalla 4a declinazione in -o: frutto (m.), mano (f.), aco (m. / f.) ago. Pur coincidendo perci in parte con la distinzione tra maschile e femminile, la declinazione trascende per anche in parte tale distinzione. Tuttavia, la distribuzione dellaccordo dimostra che il genere una categoria inerente distinta: determinanti, quantificatori e aggettivi esibiscono accordo con la testa del sintagma nominale per il genere, ma non per la declinazione.2 Ad esempio, surdato soldato nome maschile della 2a declinazione, mentre prufessore nome maschile della 3a. Ciononostante, laccordo esibito da eventuali dimostrativi e aggettivi modificanti risulta identico per entrambi i nomi, in quanto solo il tratto maschile a risultare determinante nei processi di accordo: chillu viecchiu surdato / prufessore quel vecchio soldato / professore. Come abbiamo gi avuto modo di constatare (v. 2.3.2.3.1), le desinenze esposte nella Tabella 4.1, sebbene spesso tuttora conservate in ortografia, si indebolirono in et piuttosto antica centralizzandosi a schwa, sviluppo che coinvolge almeno -e e -i fin dallapparenza dei primi testi, laddove il timbro pieno delle -a e -o finali si sarebbe mantenuto saldo almeno fino al secondo Quattrocento (Formentin 1998, 178sgg.). Pertanto, mentre ortograficamente si continua a distinguere, ad esempio, tra un singolare castiello e un plurale castielle oppure tra un maschile cano cane e una femminile cana cagna, in realt tali coppie risultano foneticamente indistinguibili, ossia [kas"tjell] e ["kan]. In pratica il numero ed il genere costituiscono perci delle categorie inerenti ai sostantivi che in molti casi non si manifestano nemmeno direttamente sui sostantivi stessi. Di conseguenza, la marca del numero e del genere nei sostantivi (cos come negli altri membri del gruppo nominale) va generalmente segnalata diversamente oppure, come spesso accade, non trova affatto espressione. Normalmente per le categorie di numero e di genere vengono esplicitate mediante altre flessioni allinterno del gruppo nominale tramite loperazione dellaccordo. Per esempio, distinzioni di numero e genere nel sostantivo vengono spesso veicolate mediante le flessioni vocaliche recate da eventuali modificatori prenominali (determinanti, quantificatori, determinati aggettivi prenominali; v. Como 2007, 66) concordanti con la testa nominale (p.es. tant[u] tiempo, tant[a] (oppure tant[i]) guagliune tanti ragazzi). Anche di gran rilievo sono gli effetti dellefficacia rafforzativa che caratterizza i suddetti elementi prenominali qualora modifichino sostantivi femminili plurali (p.es. e [pp]orte le porte vs e [p]uorte i porti) e una sottoclasse di sostantivi maschili detti [-num.] (p.es. o [pp]epe il pepe vs o [p]uorto il porto).
2

Eccezioni sono i seguenti esempi antichi in cui il quantificatore / aggettivo plurale prenominale assume forma metafonetica (quindi propriamente maschile) in armonia con la seguente testa nominale metafonetica plurale (sebbene di genere femminile): buone p(er)sune (De Rosa 24r.13), duy dute (id. 55r.33).

122

4.2. Sviluppo dei casi


Al singolare le cinque declinazioni del napoletano escono rispettivamente in -a (fmmina donna), -o (anno), -e (aggente gente), -o (mano) e -e (fede), vocali flessionali che continuano rispettivamente le desinenze accusativali -A(M ) (FEMINAM), -U(M ) (ANNUM ), -E(M) (GENTEM; cfr. anche NEAPOLI(M) > Npule), -U(M ) (MANUM), e -E(M ) (FIDEM), il caso accusativo rappresentando nelle variet romanze la fonte usuale della maggioranza dei sostantivi e degli aggettivi. A tale generalizzazione esistono per delle eccezioni significative costituite da continuatori di forme nominativali (v. Rohlfs 1968, 344; Tekav i 1980, 3637; Formentin 1998, 285286; Iandolo 2001, 203), tipicamente sostantivi denotanti referenti animati che in virt del loro significato sarebbero ricorsi frequentemente come soggetto frasale o in funzione vocativa: RE(X) > re (cfr. acc. REGEM), HOMO > ommo (cfr. acc. HOMINEM),3 LATRO > latro (cfr. acc. LATRONEM), PRAE (S)BYTE(R) > prvete prete.4 A tal riguardo si tenga presente anche il plurale di numerosi sostantivi maschili della 2a declinazione con tema uscente in consonante velare al singolare. In base ad una ricca esemplificazione dialettale antica e moderna, Maiden (2000) sottolinea in modo convincente che qui bisogna presupporre un antico sistema bicasuale che prevede da un lato una flessione obliqua -OS > *-oi ( > -i), chiaramente senza effetto palatalizzante, e dallaltro una flessione nominativale -I > -i con ovvio effetto palatalizzante. Mentre la prima si imposta nella stragrande maggioranza dei casi (p.es. fuoco/-che, arco/-che, sacco/-cche, malecco/-cche uomo/uomini di truce aspetto, tacco/-cche, trabucco/-cche trabocchetto/-i), la seconda si rivelata particolarmente resistente nei: i) sostantivi con plurale semanticamente non marcato (p.es. fungio/-ge fungo/-ghi (cfr. li sierpe e ffunce ntossecuse (DAntonio 400.25), fatte mur co li funge (Petito1 IX)), spraco/-ce asparago/-i (cfr. li sparace (Regimen1 233)), puorco/-ce (cfr. puorce sarvateche (Basile 114), allato al meno comune puorche; Iandolo 1994, 160)), dove la relativa infrequenza del singolare con tema uscente in consonante velare non avrebbe favorito la forma plurale obliqua non palatalizzata,5 come era successo invece nei sostantivi con plurale semanticamente marcato (p.es. fuoco/-che);
3 4

Forma dotta sar il nominativo cci-ommo ecce homo; persona ridotta in condizioni pietose come limmagine del Cristo flagellato (Amato e Pardo 2001, 5). Mentre in ommo e latro continuano i temi imparisillabi del plurale (sincreticamente nominativale e accusativale), ossia ummene e latrone (cfr. latroni (Brancati2 192r.7)), il tema di re non viene invece ampliato al plurale, ossia ri (obs.) > re. La mancata ampliazione al plurale potrebbe essere un indizio della presunta importazione di tale voce in et medievale (v. Alessio 1980, 30; Loporcaro 1988a, 34). Accanto al plurale latrone, troviamo comunque pi spesso ab antiquo un plurale parisillabico analogo: latri (Masuccio XIII.26, Basile 984). Nel caso di funge funghi, lalta frequenza della forma plurale con tema uscente in consonante palatale ha addirittura portato alla sua estensione al singolare, ossia fungio fungo (cfr. no funcio de contentezza (Basile 818)), lo funcio (DAntonio 419.8)) sostituendo in parte loriginario fungo.

123

ii) sostantivi denotanti referenti animati che sarebbero presumibilmente ricorsi con maggior frequenza in funzione di soggetto o al vocativo (Capozzoli 1889, 46): ammico/-ce, cuoco/-ce, grieco/-ce, mnaco / munace, nemmico/-ce, puorco/-ce, prtteco/-ce medico/-ci apprendista/-i, mseco/-ce eunuco/-chi; musicista/-i, mideco/-ce (allato al meno comune mideche).6 Di pi difficile interpretazione risultano soro > sora sorella; suora, frate fratello; frate, pate padre, mate madre e masto maestro. Al pari di quanto constatato in altri dialetti meridionali e nellantico toscano, secondo Rohlfs (1968, 6, 18) il primo partirebbe non da un nominativo SORO(R), bens da un nominativo *SORU(S) > soro della 4a foggiato per analogia concettuale su NURU(S) nuora, come indicherebbe lantico plurale le soro (cfr. le soro (LDT 81.35)).7 Vista per lefficacia metafonetica dellantica - , lassenza di dittongazione metafonetica in *SORU(S) > soro contraddice in pieno tale ipotesi. Invece sembra pi probabile che lantico esito napoletano continui semplicemente il nominativo SORO(R) (dove la -O > -o finale non avrebbe avuto forza metafonizzante), forma aggregatasi in seguito alla 4a declinazione per analogia con forme quali NURU(S) > noro, SOCRU(S) > socro (v. Formentin 1998, 97 n. 126), le quali finirono tutte col passare alla 1a declinazione, ossia sora, nora (cfr. gi nel Ferraiolo e lla nora (129r.3)), socra.8 Quanto a frate, pate, mate e masto, potrebbero continuare sia un accusativo FRATRE(M ), PATRE(M), MATRE(M) e MAGISTRU (M) con semplificazione del nesso -TR- > -t(cfr. FENESTRAM > fenesta, VOSTRUM > vuosto), quanto un nominativo con la perdita della vibrante finale del tipo FRATE(R) > frate (De Blasi e Imperatore 2000, 170). In ogni caso, lorigine accusativale pare sicura per le forme rivali patre e matre di cui pate e mate potrebbero essere semplici varianti fonetiche (cfr. gnost(r)a inchiostro). Altrettanto incerta lorigine nominativale di serpe che, oltre a continuare un
6

7 8

Eccone alcune attestazioni: amico / amici (Masuccio XIV.12 / XIV.18), cuoco / cuoce (De Rosa 55.23 / 7r.35; ma li cuoche (Basile 386, 1008), li cuochi (Cavalcanti 74)), greco / Grieci (LDT 54.11 / 69.24), monaco / monaci (Basile 692 / Masuccio IV.50), nemico / nemici (LDT 128.9 / 128.27), miedeco / miedece (Basile 724 / 892). In De Rosa si rilevano anche calonace (35v.3) e sindice (16r.5). Tale trapasso pare pi plausibile per le forme con dittongazione metafonetica come il cos. suoru (sg. / pl.). Dal punto di vista etimologico, la mancata dittongazione in noro (< NUR (S)) e socro (< SOCR (S )), forme largamente diffuse nel Meridione (v. Rohlfs 1968, 354), risulta invece inaspettata. A noi pare preferibile una spiegazione di tipo morfologico, per cui si intravede in tali forme femminili una tendenza a estendere il modello flessivo maschile [+metafonetico.] vs femminile [-metafonetico] (cfr. suocro suocero) ampiamente attestato nei nomi di genere comune (cfr. coppie quali cuoco / coca, mireco / mreca medico/-a, puorco / porca). A prova di ci, si tengano presenti le variet ischitana e procidana dove, a differenza della - finale dei sostantivi femminili inanimati della 4a (inclusi quelli aggregaticisi per metaplasmo) che provoca invariabilmente la metafonesi (p.es. *CAPU > ["kEp] testa, -e, MANU > ["mEn], ACU > ["Ek] ago; v. Freund 1933, 23 n. 3; Parascandola 1976, 9, 104, 157, 165; Castagna 1982, 48), la - finale dei sostantivi femminili animati della 4a nora e socra (di fronte al maschile suocro), ed eventualmente anche sora (Parascandola 1976, 254, 135), priva di effetto metafonetico. Chiaramente, tale interpretazione morfologica della mancata metafonesi nelle forme femminili animate risulta del tutto compatibile anche con letimologia *SORU(S) > soro proposta da Rohlfs.

124

nominativo SERPE (NS) della 2a declinazione (accanto alla forma accusativale rivale serpente), potrebbe anche derivare da un accusativale *SERPE (M) della 3a declinazione (con nominativo in SERP(E)S). Altri apparenti casi di sopravvivenza del nominativo, i quali dal punto di vista semantico risultano alquanto eccezionali in quanto, a differenza della maggior parte dei casi gi visti, denotano referenti inanimati, sono i toponimi SPIRITUS SANCTUS > Spiritu Ssanto (De Blasi e Imperatore 2002, 49), *CIVITAS+VECULA > Civitavecchia (De Rosa 5r.2), Santo Fele (< FELIX in Basilicata) (id. 5v.6), i due sostantivi FETO(R) (cfr. acc. FETOREM) > fieto fetore (cfr. lo fieto de lo letamme (Basile 468)), LAMPA(S) (cfr. acc. LAMPADEM) > lampa lampada (cfr. na lampa (id. 548)), e lavverbiale jesterza (< DIES TERTIA) avantieri. Probabilmente semidotti invece sono i residui nominativali che si osservano nelle forme benediccizio (De Rosa 33r.6), OCCASIO > accaiso (m.) cagione, motivo (id. 62r.9; cfr. la forma accusativale accaysune (LDT 53.6)), e o Spiritussantu (De Falco 11), nonch lauso lode (DAscoli 1990, 776) e la procidana vobsa voce, diceria, rumore (Parascandola 1976, 288) con tutta probabilit da ricondurre a LAUS e a VOX, rispettivamente. Infine, si noti come, al contrario dellitaliano, il napoletano conosca forme non nominativali bens accusativali in casi quali sartore (allato al pi comune cusetore; cfr. per la forma nominativale nel femminile sarta, sempre allato al pi comune cusetora/-trice), mugliere moglie (cfr. per la forma nominativale mogle (TVMA V.1)), dra(g)one (cfr. uno drahone (LDT 50.5)). Oltre a residui del nominativo, si rinvengono in varia misura anche attestazioni alquanto sporadiche degli altri casi (Rohlfs 1968, 811; Formentin 1998, 286289). Iniziando dal genitivo, la maggior parte dei resti di esso interessano nomi propri come quelli contenuti nella prima componente del nome dei giorni lavorativi, ossia LUNAE / MARTIS / *MERCURIS / IOVIS / VENERIS + DIE > lunner / marted / miercud / juved > ggiuved / viernard, ed i nomi PETRI > Pietre (allato a Pietro; cfr. Petre / Petro (Lupo I.17.7 / I.23.7)), ANTONIU > (An)tuone / Toni (cfr. per Antuono (Epistola 182.10)), e forse anche il toponimo Montederise (< MONTE + long. AUDERIS) Monteodorisio (De Rosa 4r.22). Eccezionale un resto del genitivo plurale in (FESTA) *CANDELORUM > Cannelora Candelora, festa della Purificazione della Madonna. Unico eventuale esempio del dativo continua nellisolato toponimo flegreo SUBVENI HOMINI > Subbiene Omene (Dr Rosa 60r.8; Formentin 1998, 289 n. 836). Maggior fortuna invece hanno avuto lablativo e lantico locativo i quali interessano sempre toponimi, fra cui qui si ricordano ARCHIS > Arche Archi, CAPREIS > Crape Capri, EBURI > Yevole Eboli (De Rosa 6r.21, Ferraiolo 125v.13), FUNDIS > Funde (De Rosa 28r.32), PUTEOLIS > Puzzu(o)le (v. per Formentin 1998, 289 n. 838), POMPEIS > Pumpeje, TREBIS > Trieve Trevi (De Rosa 13r.18), TRIVENTI > Triviente Trivento (id. 54r.6), VENAFRI > Venafre (id. 59r.30).9 In antico non mancano neppure casi di obliquo senza preposizione (Formentin 1998, 380): a piede uno arboro (LDT 49.7; cfr. per a piede de questa nostra citate (ib. 151.15)), la trovao in bocha la porta (ib. 61.2021), quella porta Dardanida (ib. 149.23; cfr. per quella porta de Troya (ib. 147.13)), lo (con)te Nola (De Rosa 10r.32), lo (con)te Arbe (id. 54r.3), in boccha la porta (id. 59v.11), in boccha Napo
9

Meno sicura lorigine ablativa di Amalfi, la quale nei testi antichi spesso finisce in -a finale (p.es. Malfa (Ferraiolo 92r.5); v. Rohlfs 1968, 11).

125

le (id. 70v.14), in capo lo Mercato (id. 15r.2), in capo la marina de Picczulo (id. 60r.8), in piede la finestra (id. 69r.5; cfr. per in piede de lo ponte de Beneve[n]to (id. 63r.1516)), in miezo la via (Ferraiolo 112v.5), stevano sorte [ancorate] lontano lo molo (id. 123r.10), le furche in miezo lo Merchato (id. 123v.13), comme fu sciuto [uscito] Porta Capoana (Basile 142), a bocca la porta (id. 318), se sedette n mocca la porta (id. 102), miezo na carcara [calcara] de fuoco (id. 76), n miezo le stelle (id. 154), compare miezo la sala no brutto mascarone [mascherone, viso truccato in modo pesante] (id. 390), na cammarella miezo le scale (id. 914), a pede la porta (id. 102), na casa vecchia a pede na torre (id. 144).10 Fuori Napoli in provincia Radtke (1997, 92) riporta ancoroggi un ampio impiego dellobliquo senza preposizione (p.es. a Trevico (AV) [lu p"rid la vr"nat] il periodo (del)linverno; v. Rohlfs 1969, 630). 4.2.1. Vocativo Tutti i sostantivi napoletani, oltre alla loro forma canonica che abbiamo visto continuare di regola il caso accusativo, presentano in pi una forma vocativa distinta formata mediante il troncamento del materiale dopo la vocale accentuata, e opzionalmente preceduta dalle interiezioni oi / oja:11 Maria > Mar!, Filumena > Filum, Gennaro > Genn!, (D)onna Ndriana > (D)onna Ndri, Alfredo > Alfr!, (D)on Biagio > (D)on Bi, Direttore > Dirett!, Duttore > Dutt!, Maresciallo > Maresci, Napulitano > Napulit, Passariello > Passari!, Sole > Oi bbellu S, (auc(i)elluzzo >) Aucellu Uccellino! (De Filippo1 270). Nelle sequenze di due nomi propri, lultimo esclusivamente a subire il troncamento: Maria Grazia > Maria Gr!, Gian Franco > Gian Fr!. In modo significativo, tale troncamento
10

11

Presso Basile si nota che miezo ricorre con maggior frequenza insieme ad a (p.es.miezo a na certa campagna (76)). In confronto, delle 10 occorrenze del sintagma preposizionale a pede, se ne rileva solo uno in cui compare insieme alla preposizione de, ossia a pede de no shiummo [fiume] (id. 670, sempre allato per a a pede no shiummo (146)). V. Rohlfs (1966, 449), Malato (1970b, 8081, 95), Bichelli (1974, 8385), Iandolo (1994, 121), De Blasi e Imperatore (2000, 82). Riguardo alla questione di quando entrassero in uso tali forme vocative, possiamo constatare che mancano nei primi testi, situazione che si mantiene nei testi almeno fino al Settecento: O lupo rapace et insaciabele (LDT 154.2), O valienti cavalieri (ib. 156.4), O infortunato Alexandro (LAFGP10r.b.2122), Di-me o peratrice (RDF 284), O amico (ib. 31), O Costancia (ib. 38), Che diavolo vuol dire questo, o Agata? (Masuccio III.37), O vile ribaldo, poltrone, ingannatore de Dio e degli uomini (id. IV.30), O Antonio mio (id. XLIII.27), O pecorelle ardite (Sannazaro2 7), O riverenda Dea (id. 11), O felice Androgeo, addio, eternamente addio! (id. 1920), O vajasselle meie belle (Cortese4 1.16), O Vardiello (Basile 98), O mamma, o mamma (id. 102), O bello figlio mio (id. 416), Che te pare, sio Dottore, []? (Sarnelli 32 ), Perdona, o bella Sirvia (Oliva 64.81), Cc vienetenne, Galatea (Rocco 107.77). solo a partire dal secondo Ottocento che le forme vocative cominciano a comparire per la prima volta nei testi: Gu, Pepp, sctete [svegliati]! (Di Giacomo 118), Mar, nun me di niente! (id. 154), Don Mich, che bulite? (id. 114), Tu per Ros, nun ne haje j [andare] parlanno cchi male (Scarpetta1 155), Cicc, scopa buono (id. 30), statte buono, Miche (De Filippo1 26), Ce faciarramo ridere nfaccia, Alfre! (id. 359), Luvis [Luisella], pecch stai cc? (Russo 108), Ferdin, bello da zia, va te cocche [a coricarti] v (Ruccello 109).

126

coinvolge anche la sequenza postonica di modificatori aggettivali dipendenti dalla testa nominale, piuttosto che la testa nominale stessa (p.es. capille doro > Oi Capilled (e non **Cap doro); isch. mamma rossa [grossa] > mamma r nonna, zio monaco > zi mm! zio monaco; v. Rohlfs 1966, 448). Tale anche il caso dei sostantivi ommo, f mmena, f igliolola ragazza, guaglione/-a, giovene, i quali vengono preceduti dagli aggettivi bellu/-a: Bell! O uomo!, Bella f! O Donna!, Bellu/-a guagli! O ragazzo/-a!, Bellu/-a gi! O giovane!. Alcuni nomi ricorrono invece al suppletivismo nella formazione della propria forma vocativa. Per esempio, mamma e pato pap presentano le rispettive forme speciali mamm e pap, sebbene si riscontrino anche le forme regolari m e p (Rohlfs 1966, 448).12 Anche irregolari sono le forme vocative dei nomi p(u)pelo e gente, i quali vengono normalmente ripetuti sotto forma troncata (Bichelli 1974, 85): Oi ppelo p, Oi gente g. Si noti inoltre che i nomi di parentela zio/-a e nonno/-a si distinguono per il loro impiego altrimenti eccezionale dellarticolo determinativo quando adoperati in funzione vocativa (Bichelli 1974, 85; De Blasi e Imperatore 2000, 78): O z! Zio!, A n Nonno!. Infine richiamiamo lattenzione su alcuni nomi propri, che specie quando impiegati con valore vezzeggiativo, assumono una forma vocativa foggiata sulliterazione della sillaba tonica (p.es. Dummneco > Mim, Ntnio > Tot, Francsco > Cicc, Affnzo > Fof), oppure della sillaba atona finale (p.es. Luigge > Gegg, Vito > Tet).

4.3. Declinazioni
4.3.1. 1a declinazione I sostantivi femminili della 1a declinazione, in pratica la maggioranza, terminano in -AM > -a al singolare e in -AS > -e al plurale (lengua/-e), questultima una flessione che nelle sue fasi iniziali (ossia -AS > *-ai) non avrebbe avuto effetto palatalizzante sui sostantivi con tema uscente in consonante velare quali forca/-che e ammica/-che (al tempo della comparizione della successiva -e finale (< *-ai) il processo di palatalizzazione si sarebbe gi terminato).13 Fino allOttocento la marca del plurale poteva peraltro venire veicolata in sostantivi dotati di vocale medio alta anche da un innalzamento metafonetico (p.es. boca / buchy (LDT 190.37 / 65.17, sempre allato al plurale non metafonetico boche (117.19)), coda / cude (Cavalcanti 59 / 57)), sebbene apparentemente meno frequente dei plurali non metafonetici (v. Perrone 1977, 208209): forca: forche / furche, scopa: scope / scupe, rezza: rezze / rizze rete/-i, serva: serve / sirve selva/-e (Capozzoli 1889, 56sgg.). Come gi proposto al 2.2.2.2.2.1 a cui rimandiamo per maggiori dettagli, la distribuzione limitata della metafonesi nella 1a declinazione sarebbe un indizio della breve vitalit dellantica flessione metafonizzante *-i (probabilmente estesa dai sostantivi femminili della 3a declinazione; v. sotto) la quale scompar prima che la metafonesi venisse ad interes
12 13

Oliva (v. Malato 1970b, 95) osserva che la plebe adopera la forma vocativa speciale tata, forma ormai caduta in disuso nel dialetto moderno. I rari casi di palatalizzazione nei testi antichi, specie quatttrocenteschi, vanno ricondotti a latinismi (v. Barbato 2001, 167; p.es. arabice (Brancati2 207r.33), olimpiace (id. 194r.31)).

127

sare le vocali medio basse.14 Per converso, nelle variet ischitane, e in misura minore, procidane continua ancoroggi la metafonesi nel plurale dei sostantivi della 1a declinazione (accanto alle forme non metafonetiche), dove la maggior vitalit dellantica *-i viene testimoniata dalla constatazione che qui provoca anche la metafonesi di -a- tonica, lultima delle vocali a venir interessata dal processo metafonetico: isch. carta: carte / cherte, bellezza / bellizze (Castagna 1982, 24, 4849, 5455); proc. cola coda: cole / cule, vtta / vutte botte/-i (con trapasso dalla 3a alla 1a declinazione; Parascandola 1976, 82, 288). Qui va ricordata anche leccezionale alternanza metafonetica ancora osservabile nel napoletano perzona/-une (Formentin 1998, 136 n. 352; De Blasi e Imperatore 2000, 81).15 Circa lorigine del plurale metafonetico, come si gi accennato, si pu pensare a una tendenza a generalizzare il modello flessivo della 3a declinazione a scopi di una maggior caratterizzazione della distinzione singolare / plurale. A tal riguardo non vanno dimenticati i non infrequenti metaplasmi dalla 1a alla 3a declinazione del tipo persone (sg.) / persune (pl.), lettere (sg.) / littere (pl), grotte (sg.) / grutte (pl.), 16 i quali avrebbero sicuramente contribuito alla creazione di due plurali rivali, luno metafonetico (3a declinazione) e laltro no (1a declinazione), che in seguito sarebbero potuti essere adoperati indiscriminatamente con luna o laltra forma del singolare.17 Tuttavia, tali metaplasmi non possono aver dato origine al plurale metafonetico dei sostantivi della 1a declinazione dal momento che la metafonesi nei sostantivi della 1a declinazione coinvolge solo le vocali medio alte (Maiden 1991, 7.6.4, 8.4), mentre in quelli della 3a, nonch quelli venuticisi ad aggiungere per metaplasmo (cfr. paruole (De Jennaro1 XXIII.12, Masuccio V.16)), la metafonesi agisce anche sulle vocali medio-basse. Del resto, in De Rosa il plurale metafonetico pe(r)sune (59v.25) conosce solo il singolare p(er)sona (4v.19), prova dello sviluppo indipendente della metafonesi allinterno della 1a declinazione senza lintermediario di metaplasmi alla 3a declinazione. Preferiamo pertanto vedere nei plurali metafonetici della 1a declinazione unantica estensione della flessione *-i dai sostantivi femminili della 3a, presso i quali risultava comunque minore rispetto alla pi frequente flessione -e priva di effetto metafonetico (v. infra.), in virt del modello flessivo maggiormente efficace di questi ultimi.
14

15

16

17

Del resto, lesistenza di una flessione plurale in -i ben attestata per la Toscana e il Lazio, nonch per il Settentrione (v. Rohlfs 1968, 362). Si ricordi peraltro la flessione plurale femminile in -i osservata nella Scripta, ossia isti carti queste carte (1, 34), intepretata da Sabatini ([1962] 1996a, 391) come estensione dalle 2a e 3a declinazioni. Data levanescenza delle vocali atone finali risulta del tutto impossibile decidere se perzune vada ritenuto plurale metafonetico del singolare perzona (1a declinazione) oppure del singolare perzone (3a declinazione; v. Castagna (1982, 52) che d per lischitano na perzone / tre pperzune). V. Rohlfs (1968, 1213), Corti (1956, CXLVI), De Blasi (1995b, 184), Formentin (1987, 65; 1998, 133 n. 339 n. 340, 291 n. 842, 297), De Blasi e Imperatore (2000, 182), Barbato (2001, 172173), De Caprio (2004, 129). Per esempio, nel LDT si rilevano al singolare persona (66.28) e persone (51.25), e al plurale persone (54.30) e persune (50.21); nel Ferraiolo al singolare persona (79r.37) e persone (97r.20), ma al plurale solo perzune (99v.10), distribuzione valida anche per Lupo (v. Compagna 1990, 209).

128

A prescindere dai metaplasmi dalla 3a declinazione che verranno trattati sotto (4.3.3), fra i sostantivi venuti ad aggregarsi alla 1a declinazione ricordiamo qui dalla 2a fica (Andreoli [1887] 1993, 163), dalla 4a nora nuora (Basile 564), socra suocera, sora sorella; suora,18 mana (nonch il composto bonamana mancia (Amato e Pardo 2001, 39)), capa testa;19 dalla 5a faccie > faccia,20 scaia scabbia (cfr. Epistola 181.18, voce oggi sostituita da grattosa (Andreoli [1887] 1993, 187)), arraggia rabbia (Basile 824), materia (Masuccio VI.31), nonch i nomi uscenti precedentemente in -ezze (ricchezze > ricchezza). Al pari dellitaliano vanno inclusi qui anche vari neutri plurali della 2a e 3a declinazione (spesso, ma non necessariamente, con significato collettivo) che furono reinterpretati in virt della -a finale come sostantivi femminili singolari della 1a (Rohlfs 1968, 60; Formentin 1998, 291):21 ARMA > arma (cfr. le arme (Lupo I.61.12), con arme (CDT 5), arme prohibite (Aloisio 12)), EXEMPLA > assmpia esemplare di pagina scritta (Andreoli [1887] 1993, 44; DAscoli 1990, 81), CANALIA > canaglia (Basile 154), COLEA > coglia scroto (DAscoli 1990, 175), FARRA > farra farro, FOLIA > foglia (anche in De Rosa 59v.13 col significato di cavolo), frutta (ricostruzione sul singolare frutto passato alla 2a dalla 4a declinazione), *GRIDA > grida le grida; diceria, voce (LDT 71.27, RDF 85, De Jennaro1 CXVII.106), LIGNA > lengnia legna (De Rosa 58v.11), LUTA > lota fango (Basile 624), MARMORA > mrmora marmo,22 MATIA > mazza intestini, budella (DAscoli 1990, 334), MEMBRA > menbra pene (De Rosa 31r.32), OPERA > opera (Masuccio III.21), FABULIA > pampuglia piallatura,
18 19 20

21

22

Per sora il trapasso sar stato SORO(R ) > soro (3a) > soro (4a; cfr. noro, socro) > sora (1a). Come si vedr sotto, i riflessi napoletani di CAPU(T) oscillano tra la 3a e la 4a declinazione. Co-occorrono entrambe le forme in Basile (p.es. la faccie / la faccia (764 / 868)), sebbene la forma originaria prevalga ancora su quella metaplastica (ossia 22 occ. di faccie fronte a solo 12 occ. di faccia); cfr. anche la secentesca la faccia (Crisci 24). Alcune delle forme seguenti (p.es. legna, membra) vengono pi comunemente impiegate come plurale femminile (v. .4.4.1.2). Caso di reinterpretazione inversa quello di lentecchia (< LENTICULAM), voce che in Brancati1 pare assumere valore collettivo: pone in lo caccavo lentecchia (25.17), posse uno acino solamente de lentecchia (25.20), Hogi mangerite con meco de la lentecchia (25.24). Cfr. uno mirabile templo de marmore (CDP V), colo(m)pne de marmora (LAFGP 6v.b.4), marmora / marmura (De Rosa 64r.10 / 51v.32), petre de marmole (Lupo 1.42.3), UNA TESTA DE MARMORE (Brancati1 90.25), marmola (Ferraiolo 128r.1011), na preta marmora (Sarnelli 94), porva mrmora polvere di marmo (Perrone 1977, 221), nonch forme plurali: la mura intruorno erano tucta de marmore gentile (LDT 80.2829), saldissime marmore (Galeota LVII.1). Andreoli ([1887] 1993, 222) registra sia marmo che mrmulo (con passagio da -r- > -l- e metaplasma di genere) marmo, lastro di marmo (entrambi apparentemente singolari e di genere maschile; cfr. so rimasto e marmulo (Di Maio1 I.12)), differenziandoli solo per registro in quanto questultimo sarebbe detto pi volgar.[mente]. Per lIschia, Castagna (1982, 61) oppone invece un maschile plurale e marme, senza per specificarne il significato, ad un femminile plurale e mmreme le lastre della piazza (contrastato da lui con il nap. mrmora lastra di marmo) che, esclusa la possibilit poco probabile che si tratti di un caso di metatesi (ossia *e mmrmere > e mmreme), sembra essere una neoformazione plurale femminile di tipo neutrale (cfr. o dito / e ddeta il dito / le dita) fatto sul singolare marmo con epentesi vocalica (ossia *e mmarme > e mmarema; cfr. fantasma > fantasema, serva > sreva selva, gargarismo > gargarsemo, ecc.).

129

trucioli; cose da nulla (DAscoli 1990, 423), PECORA > pcura (Basile 776), > ramma rame; complesso dei vasi di rame da cucina,23 RAPA > rapa (cfr. Delle rape (Regimen1 205)), RETIA > rezza rete (Basile 481), RISA > risa il ridere, riso (me scappa la risa (Scarpetta15 I.6); cfr. per f.pl. le maior risa (Masuccio XIII.15), Io m moro da li risa! (Scarpetta4 I.2)), EXAMINA > smmena esame (DAscoli 1990, 519), SPLENIA > la splene milza (Regimen1 544), TESTIMONIA > testemmonia testimonianza (BagniR 638, De Rosa 23r.22), VELA > vela (Masuccio XXX.27), VICTUALIA > vettoaglia vettovaglie, viveri (De Rosa 52r.6; per m.pl. victuagli (Brancati2 205v.15)), BRENNA > vrenna crusca (Basile 504). Rientrano forse nello stesso schema anche molti singolari femminili denotanti frutti quali mela, pera e nspola, i quali, pur segnalando in origine il numero plurale (ossia le mmela, le ppera, le nnspola), fanno sempre pi concorrenza nel dialetto moderno alle forme tradizionali del maschile singolare milo, piro e nispolo (Del Puente 1995, 5758; v. 4.5.3). Contrariamente ai sostantivi femminili, i maschili della 1a declinazione, quasi tutti di origine dotta,24 sono caratterizzati da un modello flessivo piuttosto incerto. 25 Tipicamente, al singolare presentano la desinenza -a (p.es. artista, duca, papa, pirata, pueta, profeta, turista, tronbetta / trombetta trombettiere (De Rosa 5r.14 / Ferraiolo 126v.25, Brancati1 143.19), cortisana (Ferraiolo 126v.17)), quantunque si osservino talvolta anche metaplasmi di declinazione secondo il sesso del referente: iuristo (De Rosa 63r.31), remito (id. 72r.13), desspoto (id. 58r.31), pidoto / piloto (DAscoli 1990, 455). Mentre nel dialetto moderno tali nomi risultano omofoni al singolare e al plurale per effetto dellindebolimento delle vocali finali (p.es. artista/-a [ar"tist]), troviamo nel dialetto antico almeno tre marche plurali diverse: la prima soluzione, che possiamo definire latineggiante, quella con uscita in -e, mentre quella dimpronta pi popolare prevede luscita invariabile in -a, entrambe le forme testimoniate, ad esempio, nel LDT (p.es. li altri poete / li poeta (47.1819 / 52.4), duche / quali duca (274.12 P / 48.12)), e in Lupo (p.es. li pape / li papa (II.3.3 / I.17.7)).26 La terza soluzione, certo anchessa di impronta popolare,
AERAMA

23 24

25 26

Cfr. rama (De Jennaro1 CXVI.28), Andreoli ([1887] 1993, 324); non nemmeno esclusa la possibilit che ramma sia metaplasmo del singolare AERAME(N). Non vanno confusi qui i nomi propri maschili con uscita in -a del tipo Jannetta Giannetto (Epistola 184.5), Lanczellotta (Ferraiolo 105v.22), Traunetta Dragonetto (id. 84v.7), Lionetta (De Rosa 29r.21). Questa -a finale sembra essersi specializzata invece come marca caratteristica dei nomi diminutivi dorigine francese (cfr. anche bastonetta (Ferraiolo 127r.15), dobretta dobletto (id. 142r.6), cavalletta sostegno di ferro (per armi) (id. 123v.20), Preffetta prefetto, magistrato (id. 128v.7); v. Sabatini [1983] 1996b, 443, 464 n. 29; Coluccia 1992, 296 n. 14; Formentin 1998, 109 n. 205; De Blasi e Imperatore 2000, 45, 150). V. Migliorini (1934, 105108), Capozzolo (1889, 44), Rohlfs (1968, 1920), Compagna (1990, 209), Formentin (1998, 298300), Barbato (2001, 167168). Cfr. le forme singolari quillo poeta (LDT 131.32), Lo duca Nestore (ib. 111.25), uno papa aragonesse (Lupo I.41.6; v. Compagna 1990, 209). Nel LDT bisogna per rilevare che il plurale di tipo latineggiante in -e risulta oltremodo raro (poete 2 occ., duche 1 occ.). Daltra parte, in De Rosa solo attestato il tipo popolare (Formentin 1998, 298), come anche in Lupo dove si assiste solo al plurale di tipo popolare per la voce duca (cfr. lo quinto delli duca dAnjoi (I.61.6)).

130

prevede unuscita in -i al pari dei nomi maschili della 2a , tipo particolarmente ben illustrato in Brancati2 (v. Barbato 2001, 168): poeti (Masuccio I.2), artisti (id. VI.10), Cydoneati (Brancati2 212r.11), Celthi (id. 184v*.3), Galati (203v.4), luchi (186r.15), Sarmati (203v.30), Scyti (203r.20), Scythi (199r.30).27 Infine, di diffusione decisamente minore il tipo flessivo rilevabile nei sostantivi femminili originariamente della 3a con uscita nominativale / genitivale in -TAS / -TATIS, i quali sfruttano loriginaria distinzione imparisillaba ai fini di una marca singolare / plurale (Barbato 2001, 163). Ad esempio, in Brancati2 rileviamo al singolare cit (186r.16), difficult (188r.35), infirmit (184r.29), variet (192r.12), ma al plurale citate (197r.11), difficultate (194v.32), infirmitate (184r.29) e varietate (197r.35).28 4.3.2. 2a declinazione Questa classe aggrega dalla 2a declinazione latina sia gli originari maschili (p.es. socro suocero, maisto maestro, anno) che gli originari neutri (p.es. cielo, accio sedano (< APIUM), vaso bacio), nonch un modesto numero di femminili, principalmente denotanti alberi (Rohlfs 1968, 382), con uscita nominativale in -US (p.es. PIRUM > piro, *MELUM > milo, ULMUM > urmo, POPULUM > chiuppo).29 inoltre confluito in questa classe anche un buon numero di neutri della 3 a (p.es. tiempo, cuorpo, marmo), e in parte i maschili nomo / capo testa (v. 4.3.3), i maschili della 4a (p.es. laco lago, grado, frutto, vierzo) cos come loriginario neutro cuorno e, in parte (v. 4.3.4), loriginario femminile aco,30 e infine qualche caso sporadico dalla 5a tipo GLACIES > jaccio. Al singolare i sostantivi della 2a continuano la desinenza accusativale -UM > -o con effetto metafonetico (p.es. cuorpo, titto), mentre le testimonianze della metafonesi (p.es. cuorpe, titte) indicano indubbiamente una flessione plurale *-i.31 Come gi indicato al 4.2 riguardo ai plurali dei sostantivi maschili con tema uscente in consonante velare, seguiamo Maiden (2000) nellipotizzare in origine due flessioni casuali diverse, quella nominativale in -I > -i (con effetto palatalizzante) conservata in modo eccezionale sia nei sostantivi inanimati con plurale non marcato (tipo funge funghi, sprace asparagi) che nei sostantivi animati (spesso adoperati al nominativo / vocativo, p.es. ammice, puorce,
27

28 29 30

31

La concorrenza dei tre modelli flessivi viene anche ribadita dal comportamento oscillante della metafonesi al plurale dei nomi dotati di vocale passibile di modificazione metafonetica (p.es. profeta (sg.): profiete / profete (Capozzoli 1889, 53)). Barbato (2001, 170 n. 19) riporta per il napoletano antico anche le coppie singolare / plurale crodelit / crodelitati (Lupo), cit / citate (Brancati1). Piuttosto rari sono i casi di trapasso dalla 1a alla 2a declinazione come pianeto (Galeota IX.2), mammuneco ammoniaca (Andreoli [1887] 1993, 216). Cfr. esempi quali un aco (Brancati1 96.16), lo aco (id. 155.28) e chillaghe (Ruccello 106), dove la forma maschile dellarticolo e la forma metafonetica del dimostrativo sottolineano il genere maschile di ago. Oltre allo scambio della vocale finale, la forma plurale pu anche comportare in rari casi un ampliamento del tema del singolare (p.es. ommo / ummene uomo / uomini). Insieme a tali casi vanno ricordati i plurali in -ora (> -ola), in passato molto pi diffusi, che comportano laggiunta di una sillaba in pi rispetto alla forma singolare (p.es. lato / ltora (obs.), truono / trnola tuono/-i; v. 4.4.1.1).

131

mirece), e quella obliqua in -OS > *-oi (senza effetto palatalizzante) conservata in tutti i restanti casi che sarebbe volta a -i solo in seguito al processo di palatalizzazione.32 Accanto ai plurali in *-i, sono molto comuni anche i plurali collettivi derivanti dallantico neutro in -A > -a (p.es. o braccio / e bbraccia) discussi al 4.4.1.2. 4.3.3. 3a declinazione Tanto i nomi maschili quanto quelli femminili della 3a declinazione escono al singolare in -E (M) > -e (p.es. dente (m.), notte (f.)), mentre al plurale entrambi presentano in origine -ES > *-ei > -i, flessione che nei contesti appropriati provocava la metafonesi (p.es. diente, nuotte (obs.)). Sebbene nei sostantivi femminili tale flessione abbia avuto un modesto successo, come ci testimonia peraltro la sua estensione parziale ai sostantivi femminili della 1a declinazione,33 si nota per ab antiquo la prevalenza di una flessione plurale non metafonetica -e di contro ai sostantivi maschili della 3a che conservano in maniera piuttosto sistematica la flessione metafonetica -i (v. Corti 1956, CXLVIII; Formentin 1987, 6566; Compagna 1990, 210; Barbato 2001, 168169; v. anche 2.2.2.2.2.12). A tal proposito, si ricordi la distinzione flessionale abbastanza salda nei testi antichi sviluppatasi analogicamente nel numerale per mille, il quale al maschile suonava milli e al femminile mille (p.es. milli tormenti e milli afanni (Galeota XXXIX.4), ma mille cavalieri / Le quale nave tucte foro in summa mille CC XX II (LDT 137.16 / 115.33)).34 Sicuramente c da vedere in tale distinzione flessionale -e (f.pl.) vs -i (m.pl.) dei sostantivi della 3a declinazione uno sviluppo di tipo morfologico e non fonologico sulla falsariga del modello flessivo caratterizzante i sostantivi plurali delle 1a e 2a declinazioni, rispettivamente femminili e maschili, per cui si viene a privilegiare la distinzione di genere a quella di numero.35 Comunque sia, nel dialetto moderno sia al singolare che al plurale i sostantivi di entrambi i generi della 3a escono in [-], ortograficamente -e, mentre la distinzione tra sostantivi maschili e femminili si mantiene al plurale (qualora la tonica risulti passibile di metafonesi) mediante la rispettiva presenza e assenza di innalzamento metafonetico (p.es. prufessore/-ure professore/-i, torre torre/-i, givene / givene giovani (f. / m.)). Come si avuta occasione di notare prima (2.2.2.2.2.2), mentre nel napoletano moderno lalternanza metafonetica si venuta identificando sempre
32 33

34

35

Non da escludere qui anche la possibilit di un influsso dal modello flessivo dei maschili della 3a uscenti in -i (< *-ej > -ES). Tuttavia la presenza della metafonesi (sebbene opzionale) nei sostantivi femminili della 3a declinazione con tonica medio bassa (p.es. semmiente semi), indicherebbe che la -i finale sia sopravvissuta pi a lungo nei sostantivi femminili della 3a che in quelli della 1a declinazione. V. Folena (1952, 65), Corti (1956, CXLVIII), Formentin (1987, 66). Tale distinzione manca del tutto per in Lupo (Compagna 1990, 210), dove milli forma sia per il maschile che per il femminile, e De Rosa (Formentin 1998, 344). Caso inverso, alquanto eccezionale, il passaggio dalla 1a alla 3a declinazione osservabile nella coppia singolare / plurale lctere / lctere (p.es. nel LDT si rileva quale lectere / certe lictere (274.1 P / 91.20), questultimo allato alla forma non metafonetica le nostre lectere (109.6)).

132

di pi con il modello flessivo dei sostantivi maschili, per cui intorno alla fine dellOttocento scompare definitivamente dal modello flessivo dei sostantivi femminili, nelle variet ischitana e procidana il plurale metafonetico dei sostantivi femminili si dimostrato pi resistente (p.es. isch. trave / treve (allato a trave) trave/-i, perzona/-une persona/-e; proc. croce / cruce, vtta / vutte botte/-i; v. Parascandola 1976, 88, 211; Castagna 1982, 24, 48, 52). A giudicare per da quanto affermato in Castagna (1982, 49), anche in queste variet il plurale femminile metafonetico parrebbe piuttosto indebolito, dal momento che questultimo ricorda che lantico plurale metafonetico in -ise delle voci femminili uscenti al singolare in -se (p.es. na panzse / e ppanzise, na lacchse / e llacchise) stato ormai sostituito dal plurale non metafonetico in -se (ossia e ppanzse, e llachese). Apparentemente sussisterebbero delle eccezioni fossilizzate anche nel napoletano moderno. Ad esempio, nel suo dizionario del 1887, Andreoli (1993) registra per i sostantivi (ed aggettivi) femminili plurali forme esclusivamente non metafonetiche, lunica eccezione essendo lentrata per la voce croce (p. 116). Per questultima riporta una forma plurale metafonetica sia per il composto cruce saude quei ferri della toppa chentrano in corrispondenti trafori o intagli della chiave, che per la frase idiomatica farse i cruce maravigliarsi grandemente, fare il segno della croce. Fin dai tempi antichi si sar fatta sentire nei sostantivi della 3a declinazione uscenti al singolare in -e una maggior necessit di contraddistinguere il genere sul modello analogico delle prime due declinazioni, portando cos in molti casi allaggregazione dei sostantivi femminili e maschili della 3a declinazione alla 1a e 2 a declinazione, rispettivamente.36 Esempi di sostantivi passati alla 1a declinazione comprendono vesta (De Jennaro1 LXXXVI.2), effigia (id. CVIII.13), (AERAME (N) (m.) >) rama (id. CXVI.28), Smirna (id. LVI.9), lode lodi (id. XXXII.73), ale ali (id. XXXVIII.6), costume costumi (id. XCV.12), pella (Ferraiolo 79v.16), fronda (De Rosa 24r.10), inmagena (id. 34r.5), padula orto (id. 64r.9, con plurale Padule (44r.2)), popa poppa (id. 43r.16), seta sete (id. 25v.8), presona prigioniera (id. 17r.2), Venera (id. 49r.5), nepota (Lupo I.60.1; allato a nepote (XI.35.1)), Fiorensa Firenze (id. I.53.9), setta setta, eresia (id. II.1.5), fronda (Brancati2 196v.19), rupa (id. 200r.15), apa (Oliva 26.138), porva polvere (id. 79.112), pella (TBP II.13 / CDT 43), (ALUME(N) (m.) >) allumma (Andreoli [1887] 1993, 21), apa (id. 30), basa (id. 53), caucia calce (id. 89), serpa, parenta, giovana, nepota, commara, mogliera, sora sorella (Capozzoli 1889, 3536), mana (De Falco 13), parta (id. 14), semmenta (id. 21; cfr. per chesta semente (LDT 50.11)), vesta (id. 26), carna (id. 63), serva (id. 65), catramma catrame (DAscoli 1990, 148; si noti anche il cambiamento di genere rispetto allitaliano). Fra i sostantivi della 1a declinazione passati alla 2a ricordiamo qui (AEREM >) airo aria (Regimen 2 36), (MINATIONEM (f.) >) menaczi / minaccio (LDT 129.6 / De Jennaro1 CIV.3; sempre allato al femminile, p.es. le menaze / minacce (f.pl.) (LDT
36

V. Corti (1956, CXLVVII), Rohlfs (1968, 16), Perrone (1977, 220), Santagata (1979, 133), Formentin (1987, 65; 1998, 293, 295296), Compagna (1990, 208209), De Blasi e Imperatore (2000, 183), Barbato (2001, 172174), De Caprio (2004, 128, 130). Davvero rari invece sono i metaplasmi verso la 3a declinazione come lettere lettera (De Rosa 23v.33 / Ferraiolo 141r.14) con plurale metafonetico littere (De Rosa 8v.5 / Ferraiolo 104r.20), arme (De Rosa 52v.16), la beffe (id. 71v.28).

133

86.13 / Masuccio II.11)), decembro (Epistola 181.7), altaro (LDT 118.22), fiumo (RDF 26), ayro (ib. 27), riamo (Ferraiolo 84v.10), maro (id. 79v.7; allato a mare (79v.6)), airo (id. 89v.16), sango sangue (id. 79v.29), cano (id. 79v.30; allato a cane (id. 79v.29)), lumo (id. 93r.7), Carmino (id. 141r.7), airo aria (De Rosa 58v.8), a(l)taro (id. 20v.23), (ARBOREM (f.) >) arboro (id. 72v.12), fiumo (id. 62r.32; allato a fiume (6v.2)), martoro (id. 40v.30), papagorio pugnale (id. 43r.6, allato a papagorge (27r.6)), presiento dono (id. 48r.20), ria(m)mo (id. 31v.22), sango sangue (id. 46r.23), (MINATIONES (f.) >) minaccii (Galeota XXIX.4), infanto (Lupo I.51.1), sango sangue (id. I.61.8; cfr. per sangue (CDT 29)), riamo (id. II.38.1; allato a riame (II.60.5)), Cesaro (id. II.52.3), aero (Brancati2 199r.21; allato a aere (184v.11)), consulo (id. 184v.23), insamo sciame (id. 203v.10), novembro (id. 208v.24), ottufro (id. 200r.25), tigro (id. 185r.27), maro (Basile 514), sanco sangue (Oliva 71.80), carttolo carattere (Andreoli [1887] 1993, 79), cattero / catetro (id. 89), lnneno lendine, comparo, cano, cavaliero, cocchiero (Capozzoli 1889, 36). Sebbene possa sorgere qui il dubbio che in molti casi tali metaplasmi siano solo di natura ortografica in virt dellantico scadimento generalizzato delle vocali finali a [-] (v. 2.3.2.3), si tenga presente per la larga diffusione di tali adattamenti fin dai primi testi quando il valore fonetico delle vocali finali ortografiche -o e -a era ancora saldo. Peraltro si constata una sorprendente stabilit ortografica di tali nomi presso gli autori, il che sembrerebbe confermare la legittimit di riconoscere in tali forme degli effettivi metaplasmi. A livello prettamente fonetico, si rilevano infatti delle prove indisputabili riguardo alla natura fonetica di tali metaplasmi. Per esempio, frequentemente nella fonosintassi la vocale finale dei sostantivi in questione, in virt di una sua posizione protonica derivata, pu venire ripristinata sotto particolari circostanze (cfr. 2.3.2.3.3): Ah, fratu bello mio (Iandolo 2001, 192), frtu mo amico mio, caro mio (Amato e Pardo 2001, 89), a pella sporca. Se lusanza di scrivere frato e pella fosse soltanto ortografica in casi come quelli appena visti, 37 ricoprendo unantica -e ormai ridottasi a [-], non sarebbe possibile derivare le protoniche [-u] e [-a], le quali rappresentano invece gli esiti normali di una [-o] o di una [-a] sottostante in sede protonica. Infine, osserviamo che unulteriore conferma della natura foneticamente autentica di tali metaplasmi proviene dalla distribuzione della metafonesi in voci maschili singolari quali ottufro (obs.) ottobre, deciembro (cfr. dociembro (Ferraiolo 145v.7)), presiento regalo; isch. erie aria (Castagna 1982, 48); proc. FRATE(R) > frto fratello (Parascandola 1976, 120), PATE(R) > pto padre (id. 200; allato al pi comune pato).38 Indubbiamente, la vocale tonica in tali casi pu solo essere interpretata come lesito metafonetico di un innalzamento provocato da una [-u] finale originaria.
37

38

Usanza puramente ortografica invece sembra il caso della femminile FICUM > fica fico (frutto) (Amato e Pardo 2001, 86), viste forme lessicalizzate quali ficusecca fico secco (id. 87). Dove manca per la metafonesi (p.es. snapo senape), si intravede invece un metaplasmo di data pi recente in seguito alloriginario processo metafonetico molto antico (v. Formentin 1998, 295296).

134

4.3.4. 4a Declinazione Come abbiamo gi avuto occasione di osservare sopra, nel passaggio al napoletano i sostantivi maschili (assieme allisolato neutro CORNU > cuorno) della 4a declinazione latina si sono aggregati al modello flessivo della 2a declinazione (p.es. arco (TVMA IV.6), lo frutto (Della Porta 30, e li frutte (25)), grado (Masuccio IV.7; con f.pl. certe grade / le ggrade i gradini, le scale, la scalinata (LDT 199.29 / De Rosa 23v.21)), laco (BagniN 23), parto (Masuccio VI.34), vierso (LDT 316.9 P)). Maggior fortuna invece hanno avuto certi sostantivi femminili (inclusi alcuni aggregaticisi per metaplasmo) che hanno conservato loriginario modello flessivo invariato in -o (< -U(M) (sg.) / -U(S) (pl.)):39 domu casa (unica attestazione risale ai BagniR (20)), soro sorella/-e (LDT 109.28 / 81.35), *socro > socra suocera, *noro > nora, fico fico/-chi (Basile 562 / 864), mano mano/-i (RDF 29 / 281), aco ago/-ghi (Andreoli [1887] 1993, 10), capo testa/-e (LDT 73.18 / 71.20), nomo nome/-i (ib. 54.9 / 114.7). Sopra si visto come soro, derivato dal nominativo SORO(R), fosse stata con tutta probabilit assimilata alla 4a per analogia semantica con gli affini a NURUS e SOCRUS,40 sebbene questi ultimi due paiano essersi gi aggregati alla 1 declinazione ab antiquo (p.es. nora (Ferraiolo 129r.3, De Rosa 55r.33), socra (De Rosa 45v.19)). Ladattamento di soro alla 1a (ossia sora) risulta invece di data molto pi recente (cfr. le sore (Sarnelli 182)). Pi stabile per contro stato tale modello flessivo nei sostantivi mano e fico,41 bench le forme metaplastiche mana e fica non siano del tutto sconosciute in tempi pi recenti (p.es. na fica (Petito1 V)), come ci testimoniano le loro entrate in dizionari quali Andreoli ([1887] 1993, 163, 216) e DAscoli (1990, 235, 322). Di fatti, per lischitano Castagna (1982, 48) riporta che la coppia metaplastica a mane / e mmane ricorre nel dialetto moderno con una frequenza altrettanto alta quanto la coppia tradizionale a mene / e mmene.42 Discorso a parte meritano i riflessi napoletani di ACU(M), CAPU(T) e NOME(N), i quali sono caratterizzati ab antiquo da una notevole oscillazione tra la 2a (maschile) e la 4a (femminile) declinazioni. Nei testi antichi rinveniamo, per esempio, accanto
39

40

41

42

In virt di forme plurali metafonetiche del tipo isch. / proc. ["mEn] mani, ["Ek] aghi, ["kEp] capi, teste, bisogna presupporre al plurale una vocale breve, ossia *- (S), piuttosto che il classico - (S). Cfr. in De Rosa, per esempio, soro sorella/-e (46v.19 / 40v.21). Si noti inoltre che la mancanza di metafonesi consegue dal fatto che soro deriva da un SORO(R), e non da un ipotizzabile *SORU(S) (v. anche n. 8). V. Corti (1956, CXLVII), Rohlfs (1968, 17, 35), Malato (1970b, 97), Formentin (1987, 65; 1998, 298), Compagna (1990, 209), Barbato (2001, 170). Eccone alcuni esempi rappresentativi: se fico te delectano (Regimen1 165), Fico secche (ib. 187), Le mmano / chella mano (BagniR 241 / 356), lle mano (LAFGP 8r.b.2122), na mano / le mmmano (Ferraiolo 115r.12 / 79v.32), in mano / colle mano (De Rosa 6r.7 / 6v.28), la mano / le soi mano (Lupo I.41.4 / I.11.2), me mangiria queste fiche (Brancati1 7.2627), fico secche (Basile 82), si sto bello arvolo [] darr na fico (id. 562), ste sette fico (id. 930), le mano (id. 944), le mmano (Sarnelli 46), cierte ffico (id. 34), navimmo mangato fico? (id. 34), le ffico (id. 164), e ffico (Rocco 204.60). Per attestazioni rare di un plurale fiche, v. Barbato (2001, 170 n. 13). Tuttavia lassenza di innalzamento metafonetico nella coppia metaplastica indicherebbe piuttosto un recente prestito dallitaliano.

135

al maschile metaplastico lo aco (Brancati2 208r.17) anche il femminile aco aghi (De Rosa 59v.18),43 mentre nel dialetto moderno prevalso il genere maschile (p.es. chillaghe (Ruccello 106; v. anche Salzano 1979, 18)), ma non apparentemente a Procida a giudicare da forme metaplastiche come eca (Parascandola 1976, 104).44 Oscillazioni maggiori, persino presso lo stesso autore, caratterizzano capo e nomme. Come evidenzia la presenza della metafonesi nella corrispondente forma ischitana e procidana ["kEp], CAPU(T) sar passata in epoca piuttosto antica alla 4a declinazione, ossia *CAPU(S) (Rohlfs 1968, 18), per cui avrebbe assunto il genere femminile. Allo stesso tempo, per, luscita in *-U(S) > -o (almeno al singolare) avrebbe invece assimilato capo ai sostantivi maschili della 2a, sviluppo tipico dei neutri della 3a declinazione (cfr. TEMPU(S) > tiempo). Di conseguenza, nei primi documenti si rilevano frequenti alternanze quali lu tou capu (BagniR 42), lo capo / la capo (LDT 65.35 / 73.18), la capo (LAFGP 3r.a.3233), la capo / lo capo (De Rosa 36v.3 / 73r.21), a lo capo / lo lavare de lo capo (TBP XXVI.4 / XXXVIII.17). 45 Impiegato con significato metaforico, capo risulta invece generalmente maschile (Formentin 1998, 298 n. 867): Dallaltro capo di quella sala (LDT 81.6), erano capo de doe scuatre (De Rosa 27v.17), dalluno capo allautro (Ferraiolo 101v.11), allo capo della Rua Catalana (id. 116r.2526), con li capo nustre citatine popolane (id. 127r.5), Et lo capo della rebellione (Lupo I.59.7). Dal Seicento in poi, per, capo (con senso anatomico) sembra essersi stabilito definitivamente come sostantivo femminile (p.es. avennole lavato bona la capo senza sapone (Basile 32), Savesse nautra capo, eo maucedera [ucciderei] (Braca 358), se rompono la capo pelle dispute (Della Porta 2021), la capo de Medusa (Sarnelli 94), Ha dave lo cavallo aggrazeiata / la capo (Rocco 245.23)),46 stabilit che ha portato al suo trapasso alla 1a declinazione nel dialetto moderno (cfr. anche proc. chpa / chpe (Parascandola 1976, 9)): sempe a capa pazza tene (De Filippo1 23). Solo quando assume un significato traslato, assume anche il genere maschile nel dialetto moderno, ossia o capo il capo vs a capa la testa (Iandolo 2001, 189190; Castagna 1982, 48).47 A differenza di CAPU(T), il trapasso di NOME(N) alla 4a declinazione (ossia il femminile nomo) si sar verificato in epoca successiva, come attesta la mancanza di dittongazione metafonetica che si sarebbe invece aspettata se fosse derivato da un antico *NOMU(S). In un primo momento, perci, NOME(N) > nome avrebbe continuato come sostantivo della 3a declinazione, assumendo talvolta il genere maschile com usuale degli antichi neutri, talvolta il genere femminile sulla falsariga analo
43 44 45

46 47

Barbato (2001, 170) riporta anche le forme femminili acu / aco (sg.) e acu (pl.) in Moamin. V. anche Andreoli ([1887] 1993, 10) dove, per il singolare aco, si registra la forma plurale ache (forma puramente ortografica?). Per in Brancati2 (Barbato 2001, 170) e nel Masuccio capo sempre di genere maschile. Nel LDT invece il genere femminile prevale ancora sul quello maschile, dove rinveniamo le seguenti distribuzioni sicure dei due generi con capo in senso anatomico: maschile (5) vs femminile (24). Ad esempio, tutte le 106 occorrenze di capo in senso anatomico (con genere inequivocamente indicato) in Basile sono di genere femminile. Allato ai gi menzionati a cape testa, sommit, cima vs u cape capo, Castagna (1982, 48) riporta per lischitano anche una forma maschile metafonetica nella sola accezione di bulbo (p.es. chepe degghie capo / capi daglio).

136

gica dei neutri in -MEN normalmente assimilati al femminile in napoletano.48 49 Solo in un secondo tempo la forma femminile nome si sarebbe aggregata alla 4a declinazione, dando luogo cos alla femminile nomo, forma suscettibile indubbiamente anche di reinterpretazione come sostantivo maschile della 2a.50 Infatti, mentre nei primi testi le occorrenze femminili riguardano principalmente la forma metaplastica nomo (McArthur s.d., xvi),51 quelle al genere maschile ricorrono sia sotto la forma nomo (metaplasmo 3a > 2a) che sotto la forma originaria nome,52 (p.es. per sua nomu / lo nome (BagniR 367 / 182), nomo (m.) (De Jennaro1 CXVI.26), cognomo (m.) (id. XCII.7), la nomo / lo nome (LDT 122.1314 / 53.27), le lloro nomo / li nommo loro (id. 114.7 / 138.1718), uno nomo (LAFGP 3v.b.23), la nomo / lo nomo (RDF 29 / 17), la nomo / altro nomo (De Rosa 7r.9 / 4r.2), lo nomo / Li nomi (Lupo I.1.3 / I.2.ru), el digno nome (De Jennaro1 III.13 (lettere))). Al pari del gi visto capo, dal Seicento in poi no(m)me assume rigorosamente il genere maschile (p.es. lo nomme / li nomme (Basile 82 / 528), lo nomme (Crisci 16), li nomme (DAntonio 432.8), lo nome (Rocco 204.60), nomme / nuomme nome/-i (Capozzoli 1889, 54)).53 4.3.5. 5a declinazione Come abbiamo gi avuto modo di constatare sopra, molti dei superstiti della 5 a declinazione sono in virt del loro genere esclusivamente femminile (per i continuatori del maschile DIES, v. infra) passati alla 1a declinazione (p.es. arraggia rabbia, materia, scaia scabbia),54 essendo rarissimi i casi di trapasso alla 2a (con ovvio metaplasma di genere) come jaccio ghiaccio. Tuttavia, in epoca relativamente
48

49 50

51

52

53

54

Interessante a tal proposito risulta il seguente esempio in cui il dimostrativo ricorre al femminile ma laggettivo prenominale assume laccordo maschile: quella medesmo nommo de Troya (LDT 78.26). Cfr. voci quali legume, ramma, f racitumma (Rohlfs 1968, 6263; v. 4.4.2). La successiva reinterpretazione di nomo come sostantivo della 2a viene inoltre ribadita dallesistenza degli antichi plurali femminili nomura (BagniN 91) e nomuyra (BagniR 145), foggiati sul modello flessivo con singolare maschile di fronte al plurale femminile in -ora (cfr. cuorpo / corpora) frequente presso i sostantivi della 2a declinazione (v. 4.4.1.1). Gli unici residui delloriginario femminile nome sono attestati in LDT (p.es. a lo quale foy posta nome Achilleyde (306.10 P)), Ferraiolo (p.es. La nome delli conti et baruni (94v.16); v. Coluccia 1987b, 176), e Del Tuppo (Barbato 2001, 170 n. 17). Unica forma attestata in Brancati2 (Barbato 2001, 170) e in Masuccio (p.es. il cui nome (X.7), il suo nome (IV.50)). Uno spoglio completo del LDT ha rivelato le seguenti ripartizioni sicure delle varie forme: no(m)mo m.sg. (8 occ.), m.pl. (1 occ.), f.sg. (6 occ.), f.pl. (1 occ.); no(m)me m.sg. (5 occ.), f.sg. (1 occ.); no(m)mi m.pl. (1 occ.). Per esempio, presso Basile si rilevano 18 occorrenze di nomme (sg. e pl.) con indicazione sicura del genere, tutte con genere maschile; v. anche Andreoli ([1887] 1993, 264) e DAscoli (1990, 394). Salzano (1979, 166) registra, per, come femminile nmme nome; giorno onomastico. Con tutta probabilit, il plurale metafonetico di fronte al singolare non metafonetico nel dialetto moderno andrebbe ricondotto al tipo flessivo denominato da Fanciullo (1994a, b) morfometafonetico (v. anche Formentin 1998, 127 n. 315). Gi si avverte una tendenza nel latino classico per i sostantivi della 5a a presentare una forma alternativa integrata alla 1a declinazione del tipo MATERIES / MATERIA, MOLLITIES / MOLLITIA, pi raramente integrata alla 3a declinazione (p.es. PLEBES / PLEBS ).

137

antica sussistono non pochi resti dellantica 5a , i quali per la loro uscita finale in -E(M) > -e al singolare e -ES > *-i > -e al plurale (con effetto metafonizzante qualora la tonica lo permetta) vanno in sincronia aggregati al modello flessivo della 3a declinazione. Qui ricordiamo FIDE(S) > fede (LDT 224.35), * CARITIE(S) > caric(c)ze,55 e FACIE(S) > faccie (spesso rappresentato anche dalle grafie varianti fac(z)e / fa(i)e / faccz(i)e),56 forma che sopravvive sicuramente fino al Seicento come ci testimoniano esempi come sta faccie (Basile 112; v. n. 20), se non addirittura fino allinizio del Settecento a giudicare da esempi quali la facce (DAntonio 401.28). Pi cospicuo invece per il suo numero stato il suffisso dei nomi femminili astratti in -ITIE(M) > -e(c)ze, con plurale metafonetico in -ITIE(S) > -i(c)ze, il quale ricorre con una certa frequenza nei documenti antichi:57 pegree (Regimen 1 120), magrecze (BagniR 104), scurecze (ib. 405), letecze letizia (ib. 612), gravecze (Lettera2 124.15), firmecze (ib. 125.20), allegrece (LDT 256.12), belleze (ib. 57.34), blancheze (ib. 99.35), careze / carize (ib. 105.32 / 234.21), dolceze (ib. 265.12), dureze (ib. 89.6), fermeze (ib. 55.16), forteze (ib. 60.10), francheze (ib. 261.28), grandeze (ib. 54.23), graveze (ib. 53.17), grosseze (ib. 80.31), largheze (ib. 78.29), lateze (ib. 78.25), longheze (ib. 78.25), lordeze (ib. 80.7), mobeleze (ib. 57.10), prudeze / prudize (ib. 50.32 / 47.5), recheze / richize (ib. 50.7 / 261.19), salveze (ib. 59.27), secureze (ib. 51.22), sfronteze / sfrontize (ib. 58.9 / 98.21), vechyeze (ib. 47.3), le gentilice (Di Lamberto 122), fermeze (De Jennaro1 6.28), bellizze (id. CVII.6), fortecze (LAFGP 4v.b.4, accanto a forteczia (4v.b.23)), parenteccze matrimonio (De Rosa 43v.7), domestecheccze (id. 17r.23), largeccze / largiccze (id. 17r.23 / 19v.1), forteccze / furticcze (id. 16v.12 / 19r.10), richecze / ricchiczi (Lupo I.29.2 / II.9.7), saviecze (id. II.35.1), carize (Brancati1 31.12; allato a careze (30.5)), cari(c)cze (Brancati2 191r.32, 191v.35), fortellize fortilizi (Ferraiolo 122v.5).58 Nel corso del Quattrocento, per, il suffisso -e(c)ze / -i(c)ze si trov sempre pi minacciato dal tipo toscaneggiante della 1a declinazione, ossia -ITIA / (-ITIAS >)*-ITIE > -ezza / -ezze (Savj-Lopez 1900, 505; Coluccia 1987b, 127; Barbato 2001, 169), dal quale fu definitivamente sostituito, sebbene il plurale metafonetico -ize si dimostrasse per un certo tempo alquanto pi resistente del suo singolare corrispondente (De Blasi 1995b, 185).59 Moro (2003, 97102) infatti dimostra in base a vari
55

56 57

58

59

V. Marcello (2001, 169). Nel napoletano moderno, carizzo passato al genere maschile dopo la rianalisi del plurale metafonetico carizze come maschile plurale (Moro 2003, 99 101). Cfr. facze (BagniR 169, TBP XXXVIII.15), faccz(i)e (De Rosa 19v.23, 44r.17), facie (Ferraiolo 111r.38), faccie (Brancati2 210v.21, CDT 19); v. Savj-Lopez (1900, 507). V. Savj-Lopez (1900, 504507), Corti (1956, CXLVII), Rohlfs (1968, 19), De Blasi (1986, 382384), Compagna (1990, 209), Formentin (1998, 298), Barbato (2001, 169170), Moro (2003, 8182). De Caprio (2004, 135) ci ricorda un vestigio primo secentesco della singolare in -ezze in La Ghirlanda di Silvio Fiorillo, ossia prontezze (I, 314), di fronte al pi comune singolare in -ezza (p.es. allegrezza (P, 50), bellezza (IV, 348), prestezza (I, 214)). Effettivamente, in Masuccio non ricorre affatto il singolare in -ezze, solo quello in -ezza: allegrezza (XI.38), altezza (XX.2), bellezza (XXI.18), bianchezza (X.47), caldezza (XXI.16), cautezza (XXXIII.34), chiarezza (IV.34), contentezza (VII.12), convenevolezza (XVII.2), dolcezza (XXXIV.22), domestichezza (XXXVI.4), durezza (XXI.10), fanciullezza (XIV.5), fermezza (XXI.13), fierezza (VI.19), finezza (L.15), fortezza (L.21), gentilezza

138

autori (fra cui Basile, Cortese, Sgruttendio e Sarnelli) e grammatici (p.es. Oliva e Capozzoli) che alcuni casi fossilizzati del plurale metafonetico in -izze sopravvivono almeno fino alla fine del Novecento (p.es. bellizze, grannizze, allegrizze, docizze), bench limpiego di tali forme possa essere anche stato soggetto a fattori sociolinguistici, come ci testimonia Oliva (Malato 1970b, 49) quando asserisce che nel napoletano settecentesco forme metafonetiche come frizze frecce erano piuttosto de la plebe mentre quelle non metafonetiche (frezze) erano invece tipiche dei civili. Del tutto eccezionale a tal proposito la situazione descritta per lischitano moderno da Castagna (1982, 49), il quale osserva che i sostantivi femminili uscenti al singolare in -zze conservano tuttora plurali metafonetici in -izze (p.es. a bellzze / e bbellizze, a bruttzze / e bbruttizze, na prudzze / e pprudizze, a rzze / e rrizze, a trzze / e ttrizze, a pzze / e ppzze). Ci pare per pi legittimo ricondurre tali sostantivi non alloriginario suffisso locale -ITIE(M) / -ITIE(S) della 5a declinazione, bens a quello di tipo toscaneggiante -ITIA / *-ITIE della 1a, visto che nella variet ischitana (v. 2.2.2.2.2.1, 4.3.1) i femminili della 1a esibiscono tuttora al plurale la possibilit di alterazione metafonetica.60 Autentico residuo della 5a persiste invece nel napoletano e settebellizze le sette bellezze / meraviglie (cfr. al singolare a bbellezza; De Blasi e Imperatore 2000, 181),61 nonch fattizze (Andreoli [1887] 1993, 157), plurale femminile di fattezza. Caso da parte, invece, la forma plurale carizze carezze, la quale ricorre con una certa frequenza a partire dal Settecento fino al giorno doggi, ma che va piuttosto interpretata come un caso di metaplasmo con cambiamento di genere (Moro 2003, 99101), ossia carizze (f.pl. con singolare carezza) > carizze (m.pl. con singolare maschile analogico carizzo). Oltre ai cinque giorni lavorativi della settimana, dove stato fossilizzato nella forma maschile (luner, marter, miercur, giover, viernar), e allavverbio jesterza (< DIES TERTIA) laltro ieri (DAscoli 1990, 286), il continuatore di DIE(M) > d(e)
(XV.5), giovenezza (XIII.8), grandezza (XXXI.11), grossezza (XIII.17), lietezza (L.32), longezza (XLVI.23), piacevolezza (I.50), prodezza (XX.4), prontezza (XXIII.31), ricchezza (XXV.15), rigidezza (XXI.22), salvatichezza (XXI.15), tenerezza (XXVII.2), vaghezza (XXXII.7), vecchiezza (XLIII.7). Invece al plurale ricorre ancora la forma metafonetica in -izze, sebbene in misura minore rispetto a quella in -ezze. In particolare, abbiamo riscontrato 9 occorrenze del plurale metafonetico, ossia bellizze (XXXI.23, XXXII.5, XXXVII.8, XXXVII.27, XLII.12), carizze (XXII.11, XXV.6), piacevelizze (XXXI.2), prodizze (XXXVII.27), di fronte a 41 occorrenze del plurale in -ezze, fra cui allegrezze (XLV.35), bellezze (I.13), contentezze (XLII.38), fortezze (L.8), frenetichezze (XVII.11), piacevolezze (VIII.9), prodezze (III.43), ricchezze (V.6). Esempi quali il secentesco mille carizze (Basile 14) non andranno per interpretati come residui di un femminile plurale metafonetico, bens come plurale maschile del singolare maschile carizzo carezza (v. Andreoli [1887] 1993, 80). Forse rilevante qui anche lischitano maschile singolare u trizze crocchia, derivato dallantico plurale femminile metafonetico (ossia < e ttrizze le trecce) del singolare femminile a trzza (oggi con plurale non metafonetico e ttrezze) registrato in Castagna (1982, 49). Infatti, non per caso la lista elaborata da Castagna comprende anche nomi femminili (ossia rezze, trezza, pezze) in cui il suffisso -ITIES (o -ITIA) risulta irrilevante. Il plurale bellizze fattezze belle, bellezze (p.es. e bellizze da rosa (Ruccello 128)), invece, nome maschile (Andreoli [1887] 1993, 55).

60 61

139

(invariabile) continua nei primi testi allato al prestito iuorno dal quale sarebbe in seguito stato definitivamente sostituito. Nella maggior parte dei casi, fedelmente al latino, d(e) assume il genere maschile (p.es. multe die (BagniR 590),62 in fine a lo d de oge (CDP V), ai d (Di Capua 4.6), il d (id. 9.13), lo meczo d (LDT 294.11), tuctu lu d (Lettera 2 1), infra poco d in pochi giorni (Lettera4 24), il d (Di Capua 9.13; cfr. anche d e nocte (4.14)), chisto d (LAFGP 5r.b.26), i(n) del d de oge (ib. 5r.b.30), Uno d (De Rosa 1r.21), nel d di Santo Sebastiano (Lupo I.13.2), en uno d (id. I.22.1, II.49.2), un d (Brancati1 7.12), alcuna parte del d (id. 3.9), in tanto pochi d (id. 3.2122), in lo d denante (Brancati2 203v.31), un d (Masuccio V.10), alcun d (id. I.35), in quei d (id. I.50), infino a d chiaro (ib. XIX.15)). Rispecchiando forse un uso latineggiante (cfr. DIES (f.) giorno stabilito, fisso), solo nel Regimen1 troviamo d(a) impiegato regolarmente al femminile (non sar causale la -a finale in questi casi; p.es. da la dia primera (358), chella dia (598), la dia (633)), nonch nel Ferraiolo (p.es. quella dia arrivaro (79r.10), Et l stette certe d (107v.6), per sempre allato al maschile: quisto d (84v.14)).63

4.4. Numero
Come osservato sopra, in linea di massima i sostantivi napoletani presentano unopposizione di numero singolare / plurale mediante modificazione della finale flessionale con eventuale alterazione metafonetica della vocale tonica al plurale qualora la finale sia [-i]. Esistono per alcuni sostantivi difettivi che, in virt della loro semantica particolare, non esibiscono distinzioni di numero, fra cui qui ricordiamo i pluralia tantum (p.es. acchiare occhiali, baffe / mustacce (m.) baffi, buccaglie (f.) eruzione cutanea agli angoli della bocca (Amato e Pardo 2001, 40), calenne calende, (ten i) cefscule (f.) (avere le) traveggole, ciaraffe (f.) denaro, cicercuoglie (m.) cianfrusaglie, chincaglierie (id. 62), essequie, fettiglie (f.) fastidi, sottili tormenti (id. 86), franfellicche (m.) ninnoli, bagattelle; zuccherini caratteristici di Napoli, preparati con miele e giulebbe, funnielle fondelli (dei calzoni), fttere stizza, bile (Andreoli [1887] 1993, 179), futtesse (f.) inezie (Amato e Pardo 2001, 93), gattefelippe (m.) premura affettuosa, simpatia; carezza, gavegne (f.) tonsille, gntule (f.) bagatelle, cose di poco conto, (GRADA >) grare (f.) scale, jacuvelle (f.) moine; astuzia, jute (f.) diarrea, landre (f.) organo genitale femminile (cfr. landra prostituta, sgualdrina), (al)licchesalemme (m.) lusinghe, salemesalecchi, lente lenti, occhiali, merce (f.) interiora, frattaglie, mignole (m. / f.) denaro, quattrini, nasafazie (f.) carta straccia, mucchio di scartafacci, (gr. gongylos) > ngngole (f.) fave secche cotte con la buccia, nozze, per(ec)oglie (f.) cianfrusaglie (Amato e Pardo 2001, 155), primmete (m.) dissenteria, rine (nonch il plurale feliette (m.)) reni; schiena (Amato e Pardo 2001, 84; Radtke 1997, 97), risi (m.) minestra (Iandolo 1994, 254 n. 4), squase (m.) carezze, ture (m.) tonsille, vsciole (f.) viscere), i sostantivi [-num.] (p.es. fieno, grano, veleno,
62

63

Si noti per che in BagniR la flessione plurale -e marca sia il maschile (p.es. Occhi lippuse (254; sempre accanto a -i: miembri calidi (262))) che il femminile (p.es. plage nove (234)), per cui lesempio multe die risulta effettivamente ambiguo. Cfr. anche lo sonno de meridie (Regimen1 634).

140

sale, pepe, f ierro, mercia le interiora; v. anche 4.4.2), e i sostantivi singolari astratti (p.es. abbiento riposo, curaggio, mmiria invidia, pace, rraggia rabbia, sete, tossa).64 Solo raramente si riscontrano casi in cui la distinzione morfologica tra singolare e plurale non comporta alcuna opposizione semantica discernibile (p.es. frfece / furfece foribici, cazone / cazune pantaloni). Giova notare che, sebbene di numero grammaticale singolare, i sostantivi collettivi in funzione di soggetto (pre- e postnominali) legittimano spesso laccordo verbale plurale (v. 23.1.2.1.1): Chello che modo dicote, vedro multa gente (BagniR 277), el quale loco lo popolo lo chyamano lo bangno de Prato (TBP XIX.12), E tucta Francia ademandavanno a lo duce lo fillo pe signore (RDF 75), se isso mannava la giente et fossino rutte, che avessino dove se resarvarino (Ferraiolo 105r.20 22), dereto San Francisco reparate se avevano quella canaglia [gente spregevole] per donarene morte (id. 79r.51), La gente che parevano formiche (Velardiniello 88.XI), venne lo popolo plebbeo [] dicendono (CDT 45), veneno gente (Cortese 1 3.26), Nce stanno tanta gente (Scarpetta18 I), Mo vneno gente (De Filippo1 230), Io che lle dico a gente ca veneno? (Di Maio5 II). Di particolar rilievo al riguardo sono casi misti come il seguente: la gente de lo riamme suo ben guarnuta e muntati a buoni cavalli (LDT 150.3536), Ma chella, a ggente, e ppizze nun e vv! Nun e vvonno mo? (Viviani1 I), C a gente se lamenta dicene ca se fa troppa ammuina [chiasso] (Mattone & Vaime). 4.4.1. Nomi ambigeneri 4.4.1.1. Plurali in -ora Altro tipo di formazione plurale, caratteristica specie dei primi testi, riguarda il suffisso plurale -ORA > -ora, in origine foggiato dalla combinazione della sillaba finale del tema neutro in -s- della 3a declinazione -OR- (con successiva roticizzazione di [-s-]) e della flessione plurale neutra -A, ossia CORPOR-A > crp-ora corpi (cfr. CORPU(S) > corpo). In via eccezionale, tale formazione produce unopposizione tra il singolare di genere maschile e il plurale, dove la -A > -a finale della desinenza -ora provoc lassimilazione di tali sostantivi al genere femminile (cfr. la flessione singolare -a dei sostantivi della 1a declinazione). In seguito alla caduta della -S finale del singolare dei sostantivi della 3a declinazione, cio CORPUS > cuorpu (> cuorpo), sostantivi di questa classe divennero indistinguibili dai sostantivi della 2a declinazione uscenti in -u (> -o), ossia CAMPU(M) > campu (> campo), per cui -ora non tard a estendersi anche ai sostantivi della 2a declinazione come cmpora campi (Meyer-Lbke 1974, II, 1819; Tekav i 1980, 85), e infine, sebbene in misura molto minore, ai nomi della 1a declinazione (p.es. ripura / derrpure rupi / dirupi (BagniR 128 / 399)).65 Infatti, nei testi antichi sono proprio i nomi derivati dalla 2a declinazione, sebbene non esclusivamente questi, che risultano maggiormente interessati dal suffisso
64 65

Davvero rari sono i casi dove il dialetto ricorre ad una forma singolare che assume forma plurale in italiano (p.es. la Shiannena le Fiandre (Basile 704)). Rohlfs (1968, 41) ricorda anche per i dialetti abruzzesi e salentini moderni lisolato csra case.

141

plurale in -ora: lenguaiora (Rohlfs 1968, 40), gucture (Regimen1 607), locora (BagniR 2), latora (ib. 243), bagnora (ib. 103), nomura (ib. 145), snora (ib. 148), corpora (ib. 218), morbora (ib. 424), reposora (ib. 548), tenebrura (ib. 564), guctura gola (BagniN 50), litora (CDP I), marmore (LDT 78.22), sompnora sogni (LDC 77.1), nomora (LAFGP 2r.a.34; cfr. sg. uno nomo (3v.b.23)), (porva) mrmora (Perrone 1977, 221; cfr. marmo (sg.)). Rimane comunque chiaro che la morfologizzazione della flessione -ora risultava solo parziale nei testi antichi, dal momento che gli stessi sostantivi (anche allinterno dello stesso testo) ricorrono pi spesso con la flessione plurale in -I > -i, come testimoniano i seguenti esempi tratti da BagniR: locora / luoche (15 / 8), bangnora / bangni (103 / 18), nomura / nuomme (145 / 636), corpora / cuorppe (218 / 297). Sebbene nella stragrande maggioranza dei casi la pluralit grammaticale di tali nomi venga ribadita dalle forme plurali assunte da eventuali modificatori accordati (p.es. le autre bangnora (BagniR 469), De tucte soe morbora (ib. 424)), in altri casi, a giudicare dalla forma apparentemente singolare assunta da modificatori accordati, tali nomi paiono essere stati reinterpretati come singolari collettivi femminili (p.es. chesta bangnora (BagniR 103)), talvolta con plurali femminili analogici in -e: saldissime marmore (Galeota LVII.1). Comunque, laccordo verbale plurale osservabile in esempi quali Ma sola chesta locora ne poteno sanare (BagniR 15), lascia sottintendere invece che la flessione -a assunta da eventuali modificatori, almeno in certi casi, non sia altro che il riflesso di un meccanismo di armonizzazione morfologica. A parte esempi molto rari quali pratora (La Ghirlanda di Silvio Fiorillo (1600 1610), P, 100, citato in De Caprio 2004, 134), chelle scgliare quegli scogli (Rocco 77.88; v. anche Capozzoli 1889, 61), ortora orti, giardini (id. 88.121), ssrcora solchi (id. 70.141), mrole more (id. 75.47), le scimmora le fiumari (id. 166.104), i plurali in -ora ricorrono solo molto raramente in testi successivi ai Bagni, sebbene risultino tuttora ben conservati fuori Napoli (p.es. ssere, ltere (Radtke 1997, 84)). Anche eccezionali a questo riguardo sono le variet napoletane periferiche dove sopravvive il suffisso plurale -ora (Rohlfs 1968, 40): mont. pittera, dtera, dencchiera ginocchia, ["O r] unghie (cfr. sg. ["O ]; Russo 2002b, 207), ["Ocr] occhi (id.); proc. cchiere (Parascandola 1976, 10), dencchiere (id. 10), scgghiere (id. 25), trnere tuoni (id. 139, 273), rtere (oppure rte) dita (id. 228), vzzere (oppure vuzze (m.pl.) / vozze (f.pl.)) vuzzi, barche da pesca (id. 291); isch. pertsele (oppure pertose) buchi, trnele tuoni, rppele (con sg.m. analogico rppele) rupi, vcole vichi, mrzele (oppure morze) morsi (Castagna 1982, 5354); mont. / proc. (Russo 2002b, 207) ["vESpr] vespe (cfr. sg. ["vESp]), ["tsItr] giovani nubili (cfr. m.sg. ["tsIt] giovane scapolo). Anche qui vanno inclusi i residui lessicalizzati del napoletano mrola mora (Andreoli [1887] 1993, 241, adesso grammaticalmente singolare e detto anche mora), rtola, ssora (DAscoli 1990, 414), trnole, vcole e tmpora,66 in cui si osserva, salvo nellultimo esempio, la dissimilazione -ora > -ola (Rohlfs 1968, 41; De Falco 2000, 19).67
66 67

Limitato alla locuzione quattro tmpora le quattro stagioni; quattro digiuni di tre giorni fatti nelle quattro stagioni dellanno (Andreoli [1887] 1993, 425, DAscoli 1990, 665). Mrula mora (Andreoli [1887] 1993, 241, DAscoli 1990, 350) sar stata rianalizzata come singolare (accanto alloriginaria forma mora). Forse anche residuo di un antico plura-

142

4.4.1.2. Residui del plurale neutro in -A > -a Caso pi cospicuo nonch pi durativo di conservazione di un originario plurale neutro latino sopravvive nei sostantivi della 2a declinazione. I discendenti di tale declinazione esibiscono un paradigma misto in cui un singolare maschile in -o si oppone a un plurale femminile in -a, flessioni che continuano le desinenze del neutro singolare e plurale -U(M ) e -A (p.es. PARIU(M) > paro (m.sg.) vs PARIA > para (f.pl.; cfr. doie pare de case (Cortese1 I 2.10), tre para de scarpe (Sarnelli 132))). 68 In un gran numero di casi tale modello flessivo, limitato peraltro ai nomi inanimati, si estese anche ai sostantivi maschili della 2a declinazione (p.es. dito / deta; cfr. DIGITU(M ) / DIGITOS).69 Ne consegue che il napoletano presenta tutta una serie di nomi ambigeneri, di cui ricordiamo qui fra i pi comuni:70 cntaro/-a misura di peso (= 100 rotoli antichi; v. Coluccia 1987b, 139); pitale/-i (cfr. trecienta cantara de viscotte (Ferraiolo 135v.45)), crcere/-a carcere/-i (cfr. La porta de le ccarcere aparata [preparata] (Cortese3 6.2)), cvolo/-a (Malato 1970b, 76; cfr. li tallune a cavola caviglie a cavolfiore (Basile 616)), centenaro/-a centinaio (cfr. Masuccio XXXII.4), cetrngulo/-a melangolo/-i, arancia/-e amara/-e (pianta e frutto) (cfr. Basile 656 / 758), citro / cetra cedro (pianta e frutto) (cfr. Basile 1000 / 1010; per Citri (Regimen1 193)), cotugno / cotogna (pianta e frutto), (*disio/) disia desideri (solo in Bagni: sua disia (BagniN 146 / BagniR 200), ad toe disie (BagniR 592)), grado/-a scala/-e (cfr. scinne sti ggrade (Russo 39)), granato/-a melograno/-i (pianta e frutto) (cfr. Regimen 1 168, 426), grisummolo/-mmola pompelmo/-i (pianta e frutto) (cfr. No grisuommolo aciervo (Cortese2 4.5)), gveto/-a (oppure vuto / vota) gomito/-i,71 (i)nteriore/-a (cfr. Cavalcanti 44), megliaro/-a migliaio (cfr. plu de CL miliara de gente (LDT 81.24), ducece migliara de muraglia (Cortese1 5.8)), miglio/-a (cfr. miezo miglio / circa iiij miglia lontano (Ferraiolo 115v.14 / 115r.6), no miglio / quatto miglia (Cortese1 5.15 / 6.9), trenta miglia da rasso [lontano] (Basi
le in -ora il singolare mzzara meconio dellintestino del neonato (DAscoli 1990, 335), ossia MATIA (n.pl.) > mazza (f.sg.) intestini, budella > *mazza+ora > mzzara. Si considerino a tal proposito esempi quali uno (m.) de cheste (f.pl.) mela (f.pl.) (Sarnelli 128). Con tutta probabilit andrebbe incluso qui anche il sostantivo grano moneta da quattro centesimi (v. anche De Caprio 2004, 133), visti esempi plurali femminili quali doje grana damenta (Cavalcanti 80); v. anche Formentin (1998, 294) gr. grana. Maggior produttivit avr avuto tale formazione plurale nelle variet rustiche dove, peraltro, non si restringe solo ai nomi maschili ed inanimati (p.es. le seggia, i traditora; v. Del Donno 1965, 43; Radtke 1997, 83). V. Capozzoli (1889, 5152), Rohlfs (1968, 36), Iandolo (1994, 161), De Blasi e Imperatore (2000, 39), De Falco (2000, 19), Iandolo (2001, 192193, 199200). Eccezionali sarebbero i plurali femminili LEGUMENA > legumma legumi (DAscoli 1990, 301), HORTUALIA > ortaglia ortaggi (id. 413), i quali mancano di forma singolare. Cfr. E le plaze erano multo larghe et spaciose plu de XV gobita onnuna (LTD 79.78); v. anche Andreoli ([1887] 1993, 191, 466). Si nota per il plurale maschile nel LDT (alta LX cubiti (79.11), nonch allato al plurale femminile nellesempio et erano in alteze D cubita e de grosseze era lo muro de quillo palazo XX cubiti (80.3031)), e in Brancati2 (goveti (188v.25, 193v.21, 195r.18)).

68 69

70

71

143

le 116)), milo / mela (pianta e frutto; cfr le mela (Verlardiniello 86.VII), no Milo sciuoccolo [fioccolo] (Cortese3 1.16), sto milo / ste mela (Sarnelli 126)), mulino/-a, nispolo / nspola (pianta e frutto), pagliaro/-a pagliaio,72 panaro/-a paniere/-i, percuoco/-oca pesca/-e gialla/-e, pescacotogna (anche pianta), pirzeco / przeca pesca/-che (anche pianta) (cfr. homo che mangia perseca (Regimen1 170)), piro / pera (pianta e frutto), preto / preta peto/-i,73 rutolo / rtola rotolo/-i (= unit di peso di 36 once) (cfr. no miezo ruotolo / quatto rotola de pommadoro (Cavalcanti 26 / 37), pigliarraje doje rotola de sciore, e no ruotolo de semmola (id. 38)), suorvo / sorva sorba/-e (anche pianta), telaro/-a telaio/-i, tetlleco / tetlleca ascella/-e (cfr. alle tetelleche (TBP XXXV.10), le tetelleca (De Rosa 5v.22), da vostre tetelleca (Cortese4 1.23), sotta tetilleco (Basile 340), mme nasconniette [nascosi] sotta le ttetelleca? (Rocco 105.43)), trapanaturo/-ora aspo/-i, naspo/-i (Malato 1970b, 97), uovo / ova (cfr. lova (Velardiniello 87.VIII), dattova a Cola (Cortese1 10.34), ova fresche (Basile 928), m faccio quattove cu nu poco de muzzarella (Scarpetta1 260)), vudiello / vudella budello/-a (cfr. le bodelle (Cortese3 1.9)). In modo significativo, il genere femminile associato al plurale di tali sostantivi risulta cos radicato che anche quando vengono modificati da suffisso valutativo si ottiene normalmente il genere femminile (Capozzoli 1889, 72): ditiello / detella (m.sg. / f.pl.) ditino/-i (DAscoli 1990, 209; cfr. co doje [due] detella ne lieve tutte lle fronne [foglie] (Cavalcanti 24)), cantariello / cantarella (m.sg / f.pl.) piccolo/-i vaso/-i da notte, turzillo / turzella m.sg. / f.pl.) (piccolo/-i) torsolo/-i (cfr. a le torzelle [cime di broccolo] ne lieve tutte le fronne [foglie], restannoce [lasciandoci] lo cemmolillo co lo torzillo [gambo] (Cavalcanti 28)), morzillo / morzella pezzettino, bocconcino, melillo / melella, percochiello / percochella piccola/-e pesca/-che gialla/-e. Anche non infrequenti sono le retroformazioni che producono a partire da un femminile plurale originario un singolare maschile analogico del tipo medullo/merullo midollo (rifatto sul f.pl. medolla/merolla; Rohlfs 1968, 60), carizzo carezza (rifatto sul pl.f. carizze; Iandolo 1994, 161; Moro 2003), e sasiccio (rifatto sul f.pl. sasicce; Iandolo 1994, 161),74 nonch i sostantivi plurali femminili analogici in -a che si erano aggregati a tale modello flessivo in virt del loro significato collettivo (p.es. io ve cavarr le fecate dal corpo! (Lupo II.53.4)). Altra formazione analogica che rientra in questa casistica il procidano maccaturo / muccaturo fazzoletto (< sp. mocador) che, accanto al plurale maschile regolare maccaturi / muccaturi, presenta anche la variante femminile non metafonetica maccatore / muccatore (Pa
72

73 74

Cfr. scavate dinto a lo pagliaro (Sarnelli 120), ieva cercanno pe le pagliara (Basile 372). A giudicare dai seguenti esempi, pagliara sar stato in parte anche rianalizzato come sostantivo singolare femminile: Quello li mostr una pagliara (Brancati1 127.6; allato al singolare maschile videndo in un certo pagliaro stepato un pezo de carne (131.78)), serano annasconnute sotto a na pagliara (Scarpetta2 148). In effetti, in La Ghirlanda di Silvio Fiorillo (primo Seicento), ricorre anche il femminile plurale regolare in -e, ossia le pagliare (I, 337; De Caprio 2004, 128). Si registra solo la forma femminile, ossia preta flatulenza sonora, presso Amato e Pardo (2001, 155). Pi frequente la forma del singolare femminile sasiccia.

144

rascandola 1976, 146). Qui va incluso anche il sostantivo femminile singolare (SEMENTE(M) >) semmenta semente, seme, il quale presenterebbe plurali analogici maschile, ossia e semmiente semenza, passatempo, e femminile, ossia e ssemmente passatempo (Iandolo 2001, 192, 199). Infine, sono davvero eccezionali i seguenti esempi isolati che interessano nomi animati: Ma li gentilj [] demonia adoravano (LAFGP 1r.a.411r.b.12), surto mo lo tiempo de li latra (Velardiniello 88.XII). Al pari dellitaliano, in innumerevoli casi tale alternanza del genere determinata dal numero ha portato alla creazione di un plurale maschile regolare analogico in -i per denotare uninterpretazione numerabile e/o traslata (p.es. quilli duy castielli (LDT 124.28); cfr. per doye castella, che se chaimano Merrone et Civita (Ferraiolo 139r.12)), laddove la variante plurale femminile in -a viene riservata a marcare uninterpretazione non numerabile e/o letterale (p.es. signore fo de multe citate e de multa castella (LDT 113.1415), (con)struxe multe cetate e castella (LAFGP 1v.b.34), le Casstelle Castelluccio di Valle(maggiore) (De Rosa 44r.28)):75 ciavariello capretto: ciavarielle capretti / ciavarelle tradimenti fatti dalla donna al marito, corna (Andreoli [1887] 1993, 105), cufano cesto (con due manichi); quantit grande: cufane cesti / cfana quantit grandi (cfr. le cofena (Ferraiolo 130v.16), li pastune [cibi] le sarriano portate a cuofane (Sarnelli 86), nu cuofeno e cose (Ruccello 104), Cu stu cufene e peccate! (Russo 110)), cuorno: cuorne / corna (cfr. Li tammurre [tamburi] sonavano, e li cuorne / co doie corna se fece no Toro (Cortese2 4.3. / Cortese3 3.3), corna e voio [bue], corna e vacche, corna e capra (Di Maio4 II), rumpete e ccorne a leggere sta lettera (Ruccello 101), a muglira labbffa e crna la moglie lo riempie di corna (Amato e Pardo 2001, 3)), dito: dite / deta (cfr. delle degeta delle mano (LAFGP 11r.a.67), uno dito (CDT 4647), Tre deta de la ponta de la spata / isso le ddeta se liccava (Cortese2 6.17 / Cortese3 1.42), le deta (Basile 1000), e co doje deta li ncavarraje (Cavalcanti 39), sotto e ddeta (Zito 65)),76 labbro: labbre/-a (cfr. De labri fessi (BagnoN 347), quilli labre (LDT 100.18), ste lavra (Basile 58)), frutto: frutte/-a (cfr. li fructi estivi
75

76

Si notano non di rado anche casi in cui viene foggiato un plurale femminile regolare analogico (in -e). Nellopera di De Jennaro1, per esempio, Corti (1956, CIL) rileva le forme mei labre mute (C.14; accanto al plurale labia (XIV.1)) e le grosse et incomposte verbe (VII.22), e, analogamente, presso Lupo Compagna (1990, 209) elenca le forme dona doni (accanto a done / doni), regne (accanto a regni), idole, e privilegie. Per le variet procidane e ischitane si notano i seguenti nomi ambigeneri (a volte con plurale maschile oltre quello femminile): (registrati in Parascandola 1976) cufeno / cfene cesto/-i (25), fuso: fusi / fse (124), usso: usse / ssa (189), pietto: piette / piatte piatto/-i (207), punzo: punzi / ponze polso/-i (216), rito: rite / rte(re) dito/-a (228), semmnto seme: semminte semi sparsi / semmnta insieme di semi (249), vrummo / vrmme grumo/-i (289); (registrati in Castagna 1982, 5354) recce / racce braccio/-a, lite / lete dito/-a, uosse / osse, centenere/-are, migghiere/-are, lenzuole/-ole, uove / ove, cuorre / corre corno/-a, caniste/-este cestino, scuogghie / scogghie scoglio/-i, mbruogghie / mbrogghie imbroglio/-i, surche / sorche solco/-chi, mure / mure muro/-a, presutte/-otte prosciutto/-i, pertuse/-ose(le) buco/-chi, rppele / rppele rupe/-i, vcule / vcole vico/-chi, varrile/-ele barile, tratture/-ore cassetto. Si noti per in Brancati limpiego del plurale maschile con significato collettivo in esempi quali ponendose li diti in bocca (Brancati1 8.3334), dudeci digiti (Brancati2 193v.30).

145

(Regimen1 125), li primme frutte acierve puoste dintro lacito forte (Cortese4 56)), 77 lenzuolo: lenzuole/-ola (cfr. steva accovato [accovacciato] sotta le lenzola (Cortese4 68), stace arravogliata [avvolta] dinto a no meserabele lenzulo (Sarnelli 148), Me vennette [vend] [] doje lenzole (Scarpetta5 II.2), E lenzole pulite add e tenite? (De Filippo1 12), Cheste so e llenzole pulite (id. 333)), ligno: ligne / legna (cfr. una statua de legno (LAFGP 9v.a.33), un fascio de legna (Brancati1 134.25), ste legna (Basile 76), appiccia doie lignezzolle (De Filippo1 178)), miembro: miembre / membra,78 sasiccio: e sasicce gli affari / e ssasicce salsicce,79 uosso: uosse / ossa (cfr. le nude ossa (Masuccio XXVIII.16), radon le ossa de cento boi (Brancati1 132.26), Chelle galline chiene et senza losse! (Sannazaro1 51), lossa (Velardiniello 90.XVII), lossa [] de perzeca [pesca] (Basile 340), se gliotte [inghiottisce] la carna, e perz luosso (Cortese2 1.6), Ed ave no catarro co na tossa, / Luosso a lo pede, e no dolore a lossa (id. 4.19), si no ve rompo llossa (Petito 1 X)),80 vraccio: vracce/-ia (cfr. ne le sue braccia (Di Capua 1.4), e mangiosse le bracgia (Lupo I.29.8), le bracia (Ferraiolo 116r.23), Et de suo corpo non ne remase solo uno braccio (CDT 42), le braccia longhe fi a le stelle (Cortese3 2.23), avite truvato ddoie braccia ca vhanno astrignuto (Viviani4 I), curreva cue braccia aizate [alzate] (De Filippo1 127)).81 Pi spesso, comunque, tali paia plurali vengono impiegati in maniera pi o meno indiscriminata senza comportare alcuna differenza semantica (Capozzoli 1889, 59 63; Iandolo 1994, 162):82 ceno: cene/-a acino/-i, aniello: anielle/-ella (cfr. le prete de li loro anelli (LAFGP 6r.b.2728), le fe [fece] uno anello (Lupo II.20.2), lanella de nostre mogliere (Ferraiolo 131v.18), laniello (Cortese1 4.15), E cannacche de perne [collane de perle] commantire, / E danella, e catene no trasoro?
77

78

79 80 81

82

Eccezione lesempio li frutti (Della Porta 25) con significato letterale / concreto invece del plurale femminile, nonch la mancata distinzione rilevata nella seguente coppia: couze le primme frutte (f.pl.) de lammore suio / cogliette li frutte (m.pl.) dammore (Basile 342 / 844). Si noti per lapparente oscillazione tra maschile e femminile senza alcuna ripercussione semantica nei seguenti esempi antichi: per certo dive credere le membre e linteriore (Regimen1 44), li miembre (BagniR 85), le membra del leone / li soi membri (Brancati1 98.31 / 168.21), lautre menbra / membri guasti (TBP III.9 / IV.89). Il maschile si limita alla locuzione faciteve e sasicce vuoste fatevi i fatti vostri. Anche il significato di nocciolo conosce il plurale femminile: aulive nere senza losse (Cavalcanti 64). Per il procidano, Parascandola (1976, 224) d il singolare rccio braccio con plurale maschile ipercaratterizzato ricci, forma dittongata che sembra essere derivata dal singolare metafonetico tramite un ulteriore processo metafonetico (ossia [-E-] > [-je-]). A tal proposito, si considerino i seguenti esempi tratti dal LDT: quilli cigly vestuti de negrore / in mezo delle ciglye (100.23 / 110.36), inde li supercigly / le soprecigly ayonte (99.36 / 111.33); v. anche Formentin (1998, 294) per olimenta (f.) / olimiente (m.) in De Rosa (61r.27 / 61v.2). In maniera analoga, si rilevano per il procidano i seguenti casi: usse (m.pl.) re pumme i noccioli di mela / dsse (f.pl.) rammnnule i noccioli di mandorla (Parascandola 1976, 189); la lngua nen tne usse (m.pl.) e ddompe [rompe (= pu rompere)] ddsse (f.pl.) (id. 277); ddusse (m.pl.) re lu rannto le ossa del dannato (id. 278); punzi / ponze polsi (id. 216); vuzze / vzze(re) barche da pesca (291); e per lischitano dencchie / dencchie ginocchi/-a, muorze / morze (Castagna 1982, 54).

146

(id. 3.35)),83 carcagno: carcagne/-e calcagni/-a (cfr. Io torno a Sarchia, che dali li carcagne / Chino de contentenzza aff a li diente (Cortese2 7.8)), castiello: castielle/-ella, cavicchio: cavicchie/-a tappo/-i, cereviello: cereviello/-ella (cfr. Quaccosa inta cervella / te dice e nun guard? (Zito 27), a primma cosa ca me facette avut [girare] e cervelle (Ruccello 108)), cetrulo: cetrule/-ola, chiuppo: chiuppe/-oppa pioppo/-i, ciglio: cigli/-a (cfr. quilli cigly vestuti de negrore (LDT 100.2 3), e spennate le cciglia (Cortese1 6.9), le ciglia ngriccate [ritte] e pelose (Basile 618), Si po a la stelle vuo appezza [aguzzare] le cciglia (Rocco 127.9)), cuorio: cuorie/-oria cuoio/-a, dencchio: dencchie/-cchia ginocchi/-a (cfr. ste denochia (De Jennaro2 35), le ddenocchia (Cortese1 10.18), a denocchie scoperte (Basile 374), era sciuta [uscita] da lo denucchio [grembo] de la mamma (Sarnelli 58), co le mmano stese ncoppa [sopra] le denocchia (id. 46), Mo a putesso [potrei] pigli ncopp e ddenocchie (Di Maio8 I)), gliummaro: gliummare/-mmara gomitolo/-i (di lana ecc.), filo: file/-a, fuorno: fuorne / forna (cfr. per lo pane, se vendeva per li nobili dalle portelle alle forne allo popolo (CDT 6061), aveva magnato pane de chi forna (Basile 666), cinche forne aperte (Chiurazzi 82)), fuso: fuse / fosa (cfr. li fusarie chi faceano li fusi delle femmene (LDT 79.3031), Se filanno mogliereta [tua moglie], lo fuso / Le cade (Cortese4 1.32), le puoie nnuosso [addosso] appennere le ffuse (Cortese3 5.10), non voglio pe nchire [riempire] tante fusa [fusi], devacare [vuotare] lo fuso de la vita mia! (Basile 724), nchive le fuse riempivi i fusi (id. 722), Deritto comme a nu fuso (Ruccello 108)), muoio: muoie / moia moggio/-a (cfr. sto muoio de terreno (Basile 380)), muorzo: muorze / morza (cfr. quarche muorzo (id. 424), li muorze (id. 446)), muro: mure/-a (cfr. Soy muri (BagniR 543), fore alle mura della cit (Lupo I.35.2), sopra le mura (Ferraiolo 79v.11), le mura de la cetate (Basile 688), Fore [fuori] re mmure! (Ruccello 136)), nier(e)vo: nier(e)ve / ner(e)va (cfr. Niervi dure mullifica (BagniR 56), li niervi (LAFGP 8r.b.19), chillo niervo (Cavalcanti 52)), nido: nide/-a (cfr. lo nido (Basile 738), e nnida bone (Rocco 170.113)), nreco: nreche / nreca nodo/-i (cfr. sto nudeco matremoniale (Basile 362), ciento nodeca (id. 442)), pedamiento: pedamiente/-enta (cfr. le ppedamenta de Napole (Cortese4 30), lo pedamiento coss bello (Basile 134), fecero tremmare lo palazzo da le pedamenta (id. 768)), pertuso: pertuse/-ose pertugio/-i, buco/-chi (cfr. facevano pertose alle mure delle pote per ponere bare (CDT 6263), posto locchio per un pertuso (Masuccio V.23), Isso mese lo filo a no pertuso (Cortese1 3.21), mese laurecchie pe le pertose (Basile 312), so ghiuto [andato] mettenno li recchie pe li pertose (Scarpetta 14 III.8), va a guard dinto a lo pertuso de la mascatura [serratura] (Scarpetta15 I.6)), pummo: pumme / pomma melo/-i (anche frutto); maniglia/-e (cfr. pareano levate le soy cize [tette] commo a duy pummi (LDT 100.36), imboctonato co li pometta [chiusure ornamentali] (Aloisio 15),84 sotto un odorifero pomo arangio (Masuccio XXI.21), il pomo de detta daga (ib. XXXI.37), lo pummo era a milo tramontano (Corte
83

84

Uninterpretazione particolare del plurale femminile viene tuttavia riconosciuta da Amato e Pardo (2001, 18) che traducono anlla come boccoli (p.es. ten e caplle anlla avere i capelli inanellati). Questultimo esempio fornisce unimportante testimonianza della produttivit dei plurali femminili in -a in quanto estesi perfino al suffisso -etto non autoctono nel Mezzogiorno (Rohlfs 1969, 1141); a questo riguardo v. anche Formentin (1998, 295).

147

se21.26)), presutto: presutte/-otta prosciutto/-i (cfr. no presutto (Cavalcanti 26), tu tiene recchie [orecchie] o presotte? (Petito1 VII)), punio: punie / ponie pugno/-i (cfr. ogne punio sentiose otto jornate (Cortese3 6.5), Stese tutto a no tiempo, e punio, e passo (Cortese1 5.17), ed aggio fatto a punia (id. 8.9), na scareca e ponie ncapo [in testa] (Petito 2 IV)), puzo: puze / poza polso/-i (cfr. toccame lo puzo (Basile 58), le forgie [narici] de lo naso e poza (id. 740)), scuoglio: scuoglie / scoglia (cfr. uno grandissimo scoglio (Masuccio XLVIII.3), sopra no bello scuoglio (Basile 702), lo maro co la sparmata [bacchetta] dellonne zollava [batteva] li scuoglie (id. 796); cfr. anche il plurale femminile scgliora (v. Capozzoli 1889, 61)), sopreciglio: sopreciglie/-ceglia, spruccolo: spruccole/-ccola fuscello/-i, bastoncino/-i, (cfr. sto spruoccolo (257.38), essa iette ad abuscare quatto sproccola a lo vosco lei and a prendere dei legnetti al bosco (Basile 374)), stentino: stentine/-a intestino/-i/-a (cfr. le stentine (BagniR 251), chelle stentina (Cavalcanti 51)), strmmolo: strmmole/-mmola trottola/-e (cfr. lo strummolo de la vita (Basile 564), li decrete se facevano a spacca-strommola [con la trottola] (id. 690)), surco: surche / sorca solco/-chi (cfr. pe li surche (Rocco 231.127)), tammurro: tammurre/-orra tamburo/-i (cfr. Lo tammurro a battaglia co lo cuono (Cortese2 3.28)), 85 trunolo: trunole/-nola tuono/-i (cfr. lo truono de marzo (Basile 686), le tronola (id. 642), e ttruone (Rocco 170.113)), turzo: turze / torza torso(lo)/-(l)i, gambo (cfr. gi se ne jeva [andava] pe le ttorze (Cortese1 6.15), A la tornata fece cocenare / Lo patrone doie torza (Cortese4 4.26), no gran turzo doro (Basile 926), arnate e ttorze! (Russo 128)). In senso inverso, accanto ai plurali femminili in -a si nota spesso anche un plurale femminile analogico in -e, forse dovuto a un processo di parificazione analogica con larticolo (Formentin 1998, 295; De Caprio 2004, 133):86 le membre e linteriore (Regimen 1 44), e lle interiore de quilli animali (ib. 252.37), castelle convicine de Capua / le Casstelle / le castelle (CDP XII / De Rosa 44r.28 / CDT 66), in mezo delle ciglye (LDT 110.36), colle bracczie (De Rosa 19v.22), certe grade / le ggrade / delle mure delle grade / certe grade de cristallo i gradini, le scale (LDT 199.29 / De Rosa 23v.21 / CDT 17 / Cortese3 6.40), le stentine / le intestine (De Rosa 25r.29, CDT 46 / Brancati2 200r.9), le pedamente (De Rosa 60v.12), le corne (Brancati2 189r.32), le genocchie (id. 186v.1415), Le pronostiche (id. 196v.30), le sterpe (id. 193v.34), le cancelle (CDT 50), v che senchia [riempia] le bodelle (Cortese3 1.9), Se vanno ntonacanno po le cciglie (Cortese4 1.12; cfr. per le cciglia (Cortese1 6.9)), ste mure (La Ghirlanda di Silvio Fiorillo, 16001610 ca., V, 109; De Caprio 2004, 133).87 Molte per delle alternanze tradizionali elencate sopra tra plurale maschile in -i e plurale femminile in -a risultano pi caratteristiche di fasi anteriori del dialetto, non
85

86 87

Iandolo (1994, 192) registra tammorra nel dialetto moderno come singolare femminile (equivalente al singolare maschile tammurro). Nel Ferraiolo risulta maschile al plurale (p.es. tamburre grusse (102r.1920)). In Brancati2, ad esempio, i plurali femminili in -e risultano ben pi numerosi di quelli in -a (Barbato 2001, 171). Sullalternanza condizionata tra plurale maschile in -i e plurale femminile in -e in Brancati2, v. Barbato (2001, 171172) che identifica una predilezione per il plurale maschile qualora i vincoli dellaccordo siano allentati.

148

riscontrandosi pi nella variet moderna in seguito alla perdita o del plurale femminile (p.es. castella, cavecchia) o del plurale maschile (p.es. pedamiente, ciglie, tammurre, lenzuole). A volte lalternanza tra il singolare maschile e il plurale femminile si offuscata in maniera tale che il plurale femminile si reinterpretato come singolare femminile collettivo. Gi si sono visti parecchi casi antichi lessicalizzati di tale sviluppo (p.es. arma, f oglia, mazza intestini (cfr. m.sg. mazzo ano, sedere (DAscoli 1990, 336), rezza, vrenna; v. 4.3.1). In altri casi antichi, per, la reinterpretazione sembrerebbe solo parziale, dal momento che si notano ancora oscillazioni nelle relazioni di accordo assunte da eventuali modificatori e/o verbi in cui si percepisce un conflitto tra laccordo di tipo grammaticale e quello di tipo semantico, cio accordo ad sensum (p.es. la tetelleca / alle tetelleche (al)le ascelle (De Rosa 5v.22 / TBP XXXV.10), Destructa e desolata la citate de Troya fine a la fondamenta (LDT 75.29) vs Foro la fundamenta de la mura de questa citate multo larga (ib. 78.31), co la braza plygata / la braza stesa (ib. 59.12 / 100.31) vs le braza grossa / co la forza de li braza suoy (ib. 111.6 / 212.32), le porte de le citate e de la castella (RDF 65), lo peratore [imperatore] fece andare la grida che [] (id. 85), per lla languide ossa (De Jennaro1 III.10 (lettere))).88 Particolarmente interessante a tal riguardo il comportamento variabile di mura, il quale, nel LDT ad esempio, presenta apparenti casi di rianalisi come singolare collettivo (p.es. intuorno de la mura (78.36), iammay Helena non averia veduta la mura de Troya? (243.32), e tutta murata a lo tuorno de ben grossa et alta mura (265.39266.1)), ma che occorre esclusivamente con verbo plurale qualora in funzione di soggetto (p.es. tucta la mura de quelle case s erano fabricate de marmore blanche devussate (79.1112), la mura intourno erano tucta de marmore (80.2829)).89 Non mancano neppure casi misti quali Lo quale loco fece monire e fortificare tucto intono de alte e forte mura (ib. 309.1213 O) vs E fece frabicare intuorno quillo luoco de altissima mura e fuorte (309.1213 P). In tempi pi recenti, spesso sulla falsariga dellitaliano, si constatano pi casi lessicalizzati di reinterpretazione quali a legna, a fila, a pedamenta,90 a marmora, a budella le budella, a ciglia (cfr. no cierro [ricciolo] de capille calato sopra la ciglia (Cortese4 20)), a trnola (allato a o trunolo, a sua volta allato a o truono) il tuono (Iandolo 2001, 199). Apparentemente, tale processo analogico risulta alquanto esteso soprattutto nelle variet ischitane (Freund 1933, 110; p.es. a lbbye le labbra), nonch in quelle procidane (p.es. andda (allato al m.sg. aniddo) anello (Parascandola 1976, 20)). Come viene discusso sotto (4.5.3), tale processo di rianalisi ipercaratterizza in napoletano soprattutto i nomi di frutta. A volte tale rianalisi del plurale femminile in -a come singolare collettivo ha dato luogo successivamente a una forma plurale analogica in -e, per cui, dove esiste anche un plurale maschile (eventualmente marcato [+num.] / [+letterale]), possibile contare un massimo di quattro forme diverse
88 89

90

Per un panorama di numerosi esempi antichi, si veda Formentin (1998, 292 n. 844). Situazione analoga rilevata in altri testi antichi: la mura (RDF 116), sopra le mura / sagliero alla mura (Ferraiolo 79v.11 / 79v.14), se no la mura no(n) so belle, tutte le altre so mirabbelemente (De Rosa 58v.6). Forma registrata ancora come plurale femminile (ossia paramente) in DAscoli (1990, 429), nonch, certo stranamente, come plurale maschile (ossia pedamnta; id. 439).

149

appartenenti allo stesso paradigma: o percuoco / a percoca (entrambe le forme singolari) e e percuoche / e ppercocche (entrambe le forme plurali) pesca/-che gialla/-e (Iandolo 2001, 91), o cereviello / a cerevella (entrambe le forme singolari) e e cerevielle / e ccerevelle (entrambe le forme plurali; id. 2001, 200).91 4.4.2. Marca della categoria [-num.] Oltre alla canonica opposizione tra singolare e plurale, il napoletano grammaticalizza in certi casi unopposizione tra un singolare maschile [+num.] e un singolare maschile [-num.] (o collettivo), distinzione tradizionalmente, ma erroneamente, definita neutro.92 Nomi interessati dalla distinzione [-num.] vengono distinti nel dialetto moderno tramite il rafforzamento consonantico delliniziale provocato da un determinante, quantificatore o aggettivo precedente: o [kk]af caff (sostanza), o [bb]eleno veleno, o [bb]ello la cosa / parte bella, o [gg ]anco il color bianco, o [mm]agn il mangiare, il cibo, o [nn]uosto i beni nostri, ci che ci appartiene.93 Tradizionalmente tale rafforzamento viene interpretato come riflesso dellassimilazione di una [-d] finale (oppure di una *[-k] finale secondo Merlo (1906, 449)) del determinante neutro ILLUD (oppure, secondo Merlo, *ILLOC < ILLE + HOC e, secondo Avolio (1996, 323), un *ILLOD rifatto su QUOD ), ossia ILLUD VINUM > *[lo b"bino] > [o b"bin] (Iannucci 19481949, 238; Agostiniani 1975, 196197; Avolio 1996, 320). In antico il rafforzamento consonantico provocato da determinante o altro modificatore prenominale non viene segnalato in ortografia (De Blasi e Imperatore 2000, 184); infatti uno dei primi esempi risale addirittura al secentesco Crisci, ossia, dallo mmale (39),94 anche se non si pu neanche escludere la possibilit che la nasale
91

92

93

94

Si confrontino a tal riguardo le due entrate per cerevella e cereviello in Andreoli ([1887] 1993, 96): Cerevella, cervello di bestia macellata, Cervello, plur. Le cervella. I cerevelle, dicesi anche della intera massa del cervello umano, Cervello, e in taluni casi anche Le cervella. Levare i cerevelle a uno, intronargli il capo, confonderlo, Torgli il cervello, Levarlo di sentimento. Chi tene male cervelle ha da ten bone gamme, Chi non ha cervello, o testa, abbia gambe, e Cereviello, Cervello. Lammeccarse u cereviello Lambiccarsi ed anche Stillarsi e Beccarsi il cervello. Stare ncereviello, Stare in cervello, Avere il cervello con s. Tenere poco cereviello, Avere poco cervello, Aver poco di quel che si frigge. Tenere u cereviello da coppa a cppola, essere scervellato, Avere il cervello sopra la berretta. V. Iandolo (1994, 187), Avolio (1995, 5052; 1996), Formentin (1998, 304305), De Blasi e Imperatore (2000, 6873), Iandolo (2001, 125127, 193194, 199200), De Blasi (2006a, 3441), Como (2007, 8486). Qualora manchi un modificatore prenominale, il rafforzamento viene meno (Iandolo 2001, 190): Che me sia riso tuosseco pe mele [miele]? (Cortese1 6.3), nu poco e [f]uoco, na goccia e [k]af. Quando invece il nome interessato compare in una perifrasi quantificata, liniziale di questultima a subire il rafforzamento consonantico (p.es. co nauto ttanto de caso grattato (Cavalcanti 73)). In seguito, per, cominciano ad occorrere con pi frequenza esempi di rafforzamento consonantico quali i seguenti esempi tardo se- e settecenteschi: Lo ppane frisco, lo ccaso, e lo vino! (Cortese1 3.9), Ed avarria gustato lo ffilato (id. 3.23), sto ccontrastare (Rocco 43.67), Sto ccanta tuio (id. 67.88), lo cchiovere (id. 161.91).

150

doppia in questesempio sia dovuta alla tendenza ad allungare la nasale bilabiale in sede intervocalica (cf. 3.3.1). Invece la marca del numero [-num.] si lascia generalmente intravedere nella conservazione della laterale lunga dellarticolo determinativo, la quale normalmente viene resa scempia davanti a nome singolare [+num.] (Formentin 1998, 282283, 305 318sgg.; 1994a): per lo affanno dello combattere (LDT 148.1213), laltri dovetando dello peyore (ib. 159.67), allo presente (ib. 126.25), allo trasire [entrare] de la citate (ib. 147.10) di fronte a la morte de lo frate loro (ib. 162.23), a defensa de lo cavallo (ib. 169.24), vicino a lo sole (ib. 138.5), nante a lo figlyo (ib. 147.11), dello Fie(r)ro (De Rosa 60r.13), dello pane (id. 73v.5), allo fuoco (id. 25r.2), allo bene paterno (id. 40v.7) di fronte a a lo disierto (25v.7), sano de lo cuorpo (id. 45v.26), co lo duca (id. 48r.18), p(er) lo piscopo (id. 56r.45), collo bello parllare suo (Ferraiolo 140r.67) di fronte a co lo pupolo de Napole (id. 115v.39). Altra spia importante della categoria semantica del [-num.] si manifesta nelle forme non metafonetiche dei dimostrativi (ossia chesto, chesso e chello): chesto mutare a nullo face danno (Regimen1 71), Che serr chesto []? (LDT 104.89), chello que meglyo le pare (ib. 181.89), tucte se maravellanno de questo sonare (RDF 61), chesto dire (De Rosa 64r.28), chello poco de signioria (id. 29v.27), Et fatto questo in ditto castiello (Ferraiolo 116r.27). I nomi coinvolti dalla distinzione [-num.] formano una classe lessicalmente chiusa, fra cui ricordiamo qui:95 o bbeleno il veleno, o bisco il vischio (De Blasi 2006a, 37), o bbrito il vetro, o bbrodo (chello brodo (Cavalcanti 28), accanto per a chillo brodo (id. 34); v. anche De Blasi 2006a, 37), (d) o bbuie (dare de) il voi (Mo me daie o vvuie (Ruccello 116)), o ccf caff (bevanda, chicchi; cfr. per o caf il bar, locale),o ccaso il formaggio (cfr. anche la forma italianizzata lo fformaggio (Scarpetta9 I.3)), o ccvero il calore, (quanno lo ccaudo pe benire stesse (Rocco 164.97)), lo ccaviale (Malato 1970b, 69), o ccontrario (chi dice lo ccontrario (Cortese3 7.2)), o ccopierto luogo coperto (Quanno vulevo durmi nu poco o ccupierto (Viviani4 I)), o ccuttone il cotone (De Blasi 2006a, 37), o ffcato (almeno nella locuzione frjere lo ffcato fare qualcosa di irreparabile; p.es. avarria fritto lo ffecato (DAntonio 383.6)), o ffele (O ffele mo ddaie tu (Ruccello 110)), o ffieno, o ffierro il ferro (metallo; cfr. per o fierro il ferro da stiro), o ffilo, o ffilato (Ed avarria gustato lo ffilato (Cortese1 3.23)), o ffolk la musica folk, o ffrceto co che fracido, marcio (De Blasi 2006a, 37), o ffrangese la lingua francese (nun tene manco lleleganza do ffrangese (Ruccello 99)), o ffrisco la frescura, o ffuoco (accal o ffuoco abbassare il fuoco (Amato e Pardo 2001, 4); cfr. per il [+num.] o [f]uoco fuoco dartificio, con plurale regolare e fuoche (id. 92)), o gasse, o ggesso (De Blasi 2006a, 37), o gghiaccio (id. 37), o gghiusto la dose / parte giusta, o ggrano (quello grano (LDT 255.11), Tengo o ggrano pa pastiera! (Viviani4 II)), o ggrasso (fa che saggia lo ggrasso [concime] ncorporato (Rocco 135.27)), o llardo, o llatino la lingua latina (ha capito o llatino (Viviani4 II)), o llatte, o llignammo (Chellu lignammo ca ce steva che
95

Per le isole si nota, per il procidano, re ssale (Parascandola 1976, 232), re llatte (id. 290), e per lischitano (Castagna 1982, 47), u ssale, u ppane, u llatte, u ppepe, u cchese, u llerde, u bbitre il vetro, u ffreffe il sudiciume, u rress il grasso, u ssive il sego, grasso, u lluse il lusso, u llutte il lutto, u llerio il largo, la spianata, u bbelene, u ffelete il filato.

151

navite fatto? (De Filippo1 248)), o lligno, o mmarmo (Avolio 1995, 51), o mmassimo tuttal pi (O mmassimo ce pigliavemo nu fazzuletto (Viviani4 II)), o mmele, o nnapulitano il dialetto napoletano, o ppane, o ppassato il (tempo) passato (chesti ffacce do ppasato (Zito 117)), o ppepe, o ppoco (o ppocco e luce (Russo 20)), o ppresente il (tempo) presente (Iandolo 1994, 187), o ppresutto, o pprincipio (A lo pprincipio spusate seguitaje a viaggi (Scarpetta9 I.10)), o pprofumo (Te si mmiso o pprufumo (P.De Filippo4 II)), o ppusse, a rrobba, o rra rag (De Blasi e Imperatore 2000, 60; l assassinto, st rrag hai rovinato il rag (Amato e Pardo 2001, 28)), o rrep il rap, o rreslio il rosolio (De Blasi 2006a, 37), o rrock, o ssale, o ssapone ( venuto bellu stu ssapone (De Filippo1 366)), o ssive il sego, grasso di mucca, (come) ssolito (come) al solito, o ssango il sangue, o ssurogato (ce sta o ssurrogato! (De Filippo1 173)), o ttabbacco (De Blasi 2006a, 37), o ttalco (De Filippo1 210), o ttardo lora tarda (viene a lo ttardo (Cortese1 8.16)), o tt (Lo tt ve lavite pigliato? (Scarpetta1 130)),o ttusseco tossico, veleno, o ttennerumme la parte tenera (Iandolo 2001, 263), o ttaliano la lingua italiana (Nun voglio sent o ttaliano dinta sta casa (Ruccello 91)), (d) o ttu (dare de) il tu (te narricuorde e me parl co ttu! (Ruccello 118)), o ttureno il terreno (Iandolo 2001, 190;96 j sotto o tturrno morire (Amato e Pardo 2001, 245)). Pur appartenendo molti di essi al genere neutro latino (p.es. LACTE (M), VINU(M ), FERRU(M ), SALE(M ), VENENU(M )), un certo numero deriva invece dal genere maschile (p.es. CASEU(M), PANE(M ), FOCU(M ), SANGUINE(M)). Non ne consegue tuttavia che ogni sostantivo maschile con referenza [-num.] venga caratterizzato dalla distinzione fonomorfologica in questione. Ad esempio, liniziale di (CIBU(M) >) civo non viene rafforzata dopo larticolo determinativo (ossia, o [(t)S]ivo e non **o [ttS]ivo), pur denotando un referente [-num.].97 Daltro canto, gli aggettivi sostantivizzati denotanti referenti [-num.] risultano del tutto produttivi (Iannucci 19481949, 238), come si pu osservare dalle seguenti coppie minime: o [nn]apulitano il dialetto napoletano vs o [n]apulitano cittadino napoletano (cfr. anche o [tt]aliano la lingua italiana vs o [t]aliano il cittadino italiano), o [rr]usso il (color) rosso, ci che rosso vs o [r]usso il (/quello) rosso, o [ff]risco il fresco, la frescura vs o [f]risco il (/quello) fresco, o [nn]iro il (color) nero, ci che nero vs o [n]iro il (/quello) nero, o [tt]riste la cosa / parte triste vs o [t]riste il (/quello) triste, o [dd]oce la dolcezza vs o [|]oce il (/quello) dolce, o [tt]uojo i beni tuoi, ci che tuo vs o [t]uojo il (/quello) tuo. Analogamente, quando sostantivizzati, gli infiniti vengono anchessi assegnati sistematicamente alla categoria del maschile [-num.] (p.es. o [ff]ric il fregare, il rubare, o [ff]umm, o [gg ]astemm bestemmiare), nonch ogni altra categoria
96

97

Anche vino nellaccezione [-num.] assume a volte la marca del [-num.] a giudicare dai seguenti esempi con dimostrativo non metafonetico: chello vino de chianto (Scarpetta1 23), chesto vino che f camp [vivere] cientanne (id. 40), chellu vino saglieva, saglieva (Di Giacomo1 75). I nomi maschili [-num.] o [v]ero (p.es. o vero la verit) e o [v]ino, pur non presentando la doppia iniziale, sarebbero anchessi coinvolti dalla distinzione [-num.] secondo Avolio (1996, 315316).

152

sostantivizzata (p.es. Non saccio a ddi lo ccomme (Oliva 77.59), Tutto o llassato perzo! (Ruccello 122), o ccucenato quel che stato cuincato (De Blasi 2006a, 37), o [pp]ecch, o [dd]umane). Solo raramente risulta possibile identificare presso i sostantivi delle coppie minime in base allopposizione [num.]: o [pp]ane il pane (generico) vs o [p]ane questo pane (particolare), la pagnotta, o [kk]af caff (chicchi, bevanda) vs o [k]af caff (locale), o [ff]ierro ferro (metallo) vs o [f]ierro ferro da stiro, o [bb]ino il vino (generico) vs o [v]ino questo vino (particolare), o [ff]ilo laccia, gugliata di filo vs o [f]ilo il filo; lordine (Malato 1970b, 69), o [bb]rito il vetro (sostanza) vs o [v]rito questo pezzo (particolare) di vetro (Avolio 1995, 51), o [ll]igno il legno (generico) vs o [l]igno questo legno (particolare) (Iandolo 2001, 191), o [kk]vero il calore (artificiale ma stagnante di un braciere ecc. o di un ambiente chiuso) vs o [k]vero il caldo (naturale atmosferico) (id. 194), o [ff]orte il gusto forte vs o [f]orte il (/quello) forte (id. 194), o [gg ]usto la dose giusta vs o [j]usto il (/quello) giusto (id. 194). A parte gli aggettivi e gli infiniti sostantivizzati, necessario quindi assumere nel dialetto moderno un certo grado di lessicalizzazione, in quanto il rafforzamento iniziale, pur avendo le sue origini nellassimilazione della consonante finale di un precedente modificatore neutro (tipo ILLUD), si verifica anche con sostantivi che in latino erano del genere maschile e perci esclusi da tale processo storico di assimilazione consonantica (p.es. atu [ff]uoco (cf. lat. ALTERU(M) FOCU(M)). Particolarmente illustrativi a tal riguardo sono esempi moderni (De Blasi e Imperatore 2000, 7172) quali o [rr]ep il rap, o [rr]ock il rock, o [bb]lues, o [ff]olk, o [tt], o [gg]asse, o [ff]urmaggio (per analogia con o ccaso (p.es. o ffurmagge (Russo 93)), che hanno penetrato il dialetto solo in data relativamente recente ma che sono stati ciononostante aggregati alla classe del [-num.] in virt della loro affinit semantica. Infatti non sarebbe troppo azzardato asserire che la classe grammaticale di nomi [-num.] si sta estendendo nel dialetto moderno, oltrepassando persino i confini del genere maschile. Ad esempio, De Blasi e Imperatore (2000, 7273) e De Blasi (2002, 117; 2006a, 9) rilevano la categorizzazione [-num.] del sostantivo femminile robba, la quale non solo subisce rafforzamento delliniziale quando preceduta da determinante o aggettivo (p.es. a [rr]oba, ata [rr]oba), ma che pu anche essere ripresa dal clitico [-num.] o, anchesso con efficacia rafforzativa, (p.es. Nun purt rrobba inutile ca to cchiavo [butto] nfaccia (De Filippo1 239), Tonino o [tt]ene a [rr]oba,98 piglio a [rr]obba e o [gg ]etto [piglio la roba e la butto via, rrobba soia, nun ce o [pp]utite lev), in cui laccordo di numero [-num.] viene favorito ai danni dellaccordo di genere. In maniera analoga, si nota la ripresa con clitico maschile [-num.] dei sostantivi femminili [-num.] nei seguenti esempi (De Blasi e Imperatore 2000, 73; De Blasi 2002, 117; 2006a, 3840; Maturi 2002, 236): (carne) a carne nisciuno o [bb]; a muzzarella o [kk]atte [compri] tu; (mozzarella) (La sera la mozzarella pu essere pesante) No, e chi so [mm]angia; (cucaina) E dateme a cucainasi nun mmo [dd]ate; (medicina) quella medicina o [tt]engo signato cc; (tutte cose tutto) leva tutte cose, o [mm]iette cc fore; (chilo) che
98

Anche possibile Tonino a [t]ene a [rr]obba. Si confronti anche il seguente esempio in cui il sintagma chella rrobba viene ripreso dal dimostrativo [-num.] chello, ossia M lepoca che chella rrobba vonno [vogliono], e io chello le dongo [do] (Scarpetta1 181).

153

bellu chilo e carne. Chesto o [ff]acimmo a brodo; (currente) sulo nuie stammo senza currente. Stu palazzo o [tt]ene, chilato o [tt]ene. Per contro, Iandolo (2001, 127) segnala come il rafforzamento consonantico provocato dal clitico o risulti opzionale nel dialetto moderno anche quando rinvia a sostantivo maschile [-num.] (p.es. o [pp]rusutto a salumera nun mo [dd]ette / [|]ette; Nun tengo sale; mo [bb]u / [v]u accatt tu?). Va infine segnalata altra marca molto produttiva e frequente del numero [-num.], ossia il suffisso denominale femminile (-VMEN >) -Vmme -ume, il quale nel dialetto moderno conosce una produttivit considerevole (v. Rohlfs 1968, 6263; Radtke 1997, 84; De Blasi e Imperatore 2000, 82 183; De Falco 2000, 36). In numerosi casi comporta anche una connotazione spregiativa. Qui di seguito vengono esposte le formazioni pi comuni: arraggimma rabbia, arruzzimma ruggine, calimma tepore, caldo persistente, canimma puzzo di cane; branco di cani; gente spregevole, carnumma carne tenera, catramma catrame, cazzimma furbizia opportunistica, malvagit, chiantimma germoglio, cunnimma condimento, curriamme tutti gli arnesi di cuoio dun soldato; finimenti dei cavalli, f racidume (obs.) / fracetumma, gatimma fregola, effusione amorosa, giallimma, grussamma la parte grossa di qualunque materia non compatta, guazzamma basso fondo, jenimma/-emma generazione, genia, jettecumma porcheria, schifezza, legumme, letterumma letteratura, lutamma letame, fanghiccio, mazzamma minutaglie di pesce; gentaglia, nfentimma finta, inganno, simulazione, nzarimma sovescio, concimazione mediante erbe, parentamma parentado, pecurimma pecorame; gruppo di persone vili e timorose, perimma muffa, purcellamma porcellana, ramma, rattimma libidine espressa attraverso parole, gesti o altri atti sessuali, razzimma stirpe, generazione, scazzimma cispo, salimma saliva, salumma salumi, sarziamma sartiame, tutte le sartie di una nave, sudamma/-ramma sudore, sfaccimma sperme, tenerumma cartilagine, tenerume, ussamma ossame, mucchio di ossa, residui di macelleria, vecchiumma mucchio di roba vecchia, vecchiume, zitellamme, zuzzimma sporcizia.

4.5. Genere
4.5.1. Distribuzione del genere Il napoletano conosce unopposizione binaria tra il genere maschile e quello femminile. In larga misura, tale opposizione deriva semplicemente dalla declinazione dei singoli sostantivi, per cui i sostantivi appartenenti alla 1a e 2a declinazione sono prevalentemente femminili e maschili, rispettivamente, mentre quelli appartenenti alla 3a risultano talvolta femminili talvolta maschili al pari dellitaliano. Di conseguenza, eventuali metaplasmi di declinazione comportano in genere anche un cambiamento di genere (p.es. ACU (4a f.) > aco (2a f. / m. > m.), ARBOREM (3a f.) > rvaro (2a m.)). Con la perdita del genere neutro, i nomi neutri della 2a e 3a declinazione passarono, salvo poche eccezioni (p.es. CAPUT > capo, NOMEN > nomme), al genere maschile (p.es. PERICULU(M) > perculo, CAELU(M) > cielo, TEMPU(S) > tiempo, COR(S) > core, CICERE(M ) > ccere cece), alcuni di essi reinterpretati in seguito (insieme a certi originari nomi maschili) come membri di una sottoclasse di sostan154

tivi maschili di materia [-num.] (v. 4.4.2) contraddistinti dal rafforzamento consonantico provocato da eventuale determinante / aggettivo prenominale: o [ll]atte, o [pp]ane, o [ss]ale, o [pp]epe, o [bb]eleno veleno, o [ff]ierro. Prevale invece il genere femminile nei casi in cui un originario plurale neutro (di solito con significato [-num.]) stato reinterpretato come femminile singolare per effetto analogico della -a finale (Iandolo 2001, 191): COLEA > coglia testicolo, FOLIA > foglia, LIGNA > legna, LAETAMEN > lutamme letame, RETIA > rezza. In linea di massima il genere grammaticale pertanto rimasto alquanto stabile. Solo raramente si notano in diacronia casi di oscillazione del genere grammaticale, come i gi notati casi di capo, nom(m)o e d(e) / dia (v. 4.3.45), nonch lantico (AERE(M ) > *AERU >) ayro / airo (RDF 12 / De Rosa 58v.9) > aria,99 serpe,100 ventre (Barbato 2001, 174175), fine la fine,101 e forse anche parte (m.pl.), oggigiorno definitivamente del genere femminile, a giudicare dal dimostrativo maschile in sintagmi quali in chisse parti / in chisse p(ar)te (Lettera3 16 / Lettera4 10, allato per a invero de chesse parte (Lettera2 125.1)), a meno che non si abbia a che fare con unestensione del dimostrativo maschile plurale anche ai sostantivi femminili caratteristica dei determinanti (Rohlfs 1968, 208; si consideri a tal proposito, fra altri, gli ambigeneri cierti, belli, e ati). A questi bisogna per aggiungere parapiglia confusione, voce che ha tentennato tra entrambi i generi in passato (p.es. Le mettea ncore no gran parapiglia (LEneide di Nicol Stigliola 1699, citato in Capozzoli 1889, 195) vs Io aggio fatto chella parapiglia pe mbrogli le ccarte (Gennaro Antonio Federico 17001750 ca., citato in Capozzoli 1889, 195)), ma che oggigiorno risulta generalmente maschile (cfr. DAscoli 1990, 429). Per contro, chianeta pianeta; sopravveste del sacerdote continua ad oscillare tra tutti e due i generi, bench il genere maschile tenda a prevalere nel dialetto moderno. Quando compare per sotto
99

100 101

Cfr. gi in Brancati2 aero (199r.21) accanto ad aere (184v.11). Castagna (1982, 48) riporta per lischitano la forma maschile erie aria, in cui lo sviluppo [a] > [E] della tonica leffetto dellinnalzamento metafonetico provocato da unoriginaria -u finale (*airu > *ariu > eriu > erie). Cfr. chillo marditto serpe (Basile 344). Entrambi i generi sono ancora registrati per serpe nel dialetto moderno in Amato e Pardo (2001, 206). Cfr. acz che p(er) voy (et) nuy se pocza dare bono fine [] a li cose che avimo ad far(e) (Lettera4 1213), (et) dare bono fine ad maiore fatti d(e) chiste (Lettera5 17), a la fine / reducto a crodelissimo fine (LDT 59.7 / 76.1819), dal principio insino al fine / infino a la fine (Masuccio II.33 / 207.2), La vita mala merita finirse con malo fine (Brancati1 100.25), considerano primo lo fine de le cose che quelle comencieno (id. 123.2728), a la fine del suo cantare / nel fine del tuo cantare (Sannazato2 26 / 62), da lo prenzipio a lo fine / la certa fine de le miserie nostre? (Basile 1018 / 170); v. anche Capozzoli (1889, 42), Barbato (2001, 174). Nel senso di obiettivo invece ricorre sempre al maschile nei testi antichi (p.es. quelle cose de le quale lo fine serr dolore de amara morte (LDT 92.2829), perseveren(n)o p(er)fine alu loro fine (SDM 65.17), s lieto fine (Masuccio XXXII.33), il nostro ottato fine (id. II.49)), non aveva autro fine (Basile 550), Tutto lo fine suio (id. 932), parendomi lo amore [] non essere a quel fine che io avrei desiderato (Sannazaro2 26)). Per il dialetto moderno, Andreoli ([1887] 1993, 166) distingue i due generi secondo la stessa distinzione dellitaliano moderno, ossia Fine, femm. termine, fine (A la fine; senza fine; stare nfine) vs fine, masc., scopo, intenzione delloperante (Secunno fine, pi fine suoje).

155

la forma italianizzata pianeta, risulta sempre femminile e denota unicamente in tal caso la veste del sacerdote (v. Andreoli [1887] 1993, 99, 298). In maniera analoga, il genere di fonte fonte; piccola fossa e di fronte non si ancora definitivamente stabilito,102 cos come il genere dei nomi alterati cammariello / cammarella, fenestriello / fenestrella, fonciello / foncella (Capozzoli 1889, 69). Caso da parte, invece, la forma plurale maschile carizze carezze, la quale ricorre con una certa frequenza a partire dal Settecento fino al giorno doggi, ma che va piuttosto interpretata come un caso di metaplasmo con cambiamento di genere (Moro 2003, 99101), ossia carizze (f.pl. con singolare carezza) > carizze (m.pl. con singolare maschile analogico carizzo). Per quanto riguarda i prestiti, quando derivati dallinglese assumono quasi sempre il genere maschile (p.es. lAIDS [ladi"dass] (m.) lAIDS). In altri casi talvolta assumono il genere della lingua dorigine (p.es. banana (f.)), talvolta un genere distinto (p.es. fr. framboise (f.) > frambuasso (m.) lampone, fr. bote (f.) > butta (m.) barattolo di latta che contiene conserve alimentari; conserva di pomodoro; carica di esplosivo per la pesca di frodo (Amato e Pardo 2001, 40; cfr. per il dimostrativo femminile in sta butta (id. 83) e in chelli buatte (Scarpetta1 103)), fr. ouate (f.) > guatto / vatto (m.) ovatta (Andreoli [1887] 1993, 452), ptg. ananaz (m.) > nanassa (f.) ananas; bella donna). Negli ultimi due casi lo slittamento di genere andr ricondotto allerronea reinterpretazione della vocale iniziale come articolo determinativo, ossia ananaz > a nanassa, ouatte > o (g)uatto (> / vatto), sviluppo comune (cfr. anche o spitale lospedale, o spizzio lospizio, o rinale lorinale, il pitale) che spiega peraltro il cambiamento di genere anche nei sostantivi seguenti (Iandolo 2001, 313): allumma (f.) allume (Andreoli [1887] 1993, 21), (a)sprinia sorta di vino, Asprino (id. 43), astia rancore, astio (id. 45), ascensore > a scensore (cfr. it. reg. la scensore), ORIGANUM (m.) > arcato (ancora usato) > larcata / a rcata > arcata (DAscoli 1990, 66). Occorrono anche casi inversi di agglutinazione dellarticolo con scambio di genere quali a rcola > larcolo rucola (Andreoli [1887] 1993, 42)), APIUM (n.) > accio (m.) sedano (ancora usato) > *laccia / la ccia > alccia (DAscoli 1990, 39).
102

Cfr. i seguenti esempi rappresentativi di fonte: tante lacrime che una fonte ne avera remasta vta (Masuccio XXV.20), Sblendisce un fonte simile a largento (Brancati1 102.3), La formica per site descese in un fonte (id. 154.13), presso un chiaro fonte sorge verso il cielo un dritto cipresso (Sannazaro2 3), a la margine dun fresco e limpidissimo fonte (id. 32), il fonte di Cupidine (id. 39), al tuo bel fonte (id. 67), la fonte de la recchezza (Basile 670). Col senso prettamente anatomico si rilevano nei testi antichi le seguenti attestazioni di fronte, perlopi col genere femminile: la fronte (LDT 99.34, 99.37, 100.3, 161.33, 161.34, 161.35, 200.10, 206.29), la fronte (Masuccio V.8, L.11), la sua fronte (id. I.56), con lieta fronte (id. XI.11; per nel senso traslato ricorre al maschile: con baldanzoso fronte (I.12)), la soa ramosa fronte (Brancati1 102.56), havendo lo naso, la fronte et li denti rocti (id. 159.1314), la fronte (Sannazaro2 22, 46), la malinconica fronte (id. 30), con fronte esangue e palida (id. 34), la rugosa fronte (id. 40), con lieta fronte (id. 57), la picciola carne rapita dal fronte del nascente cavallo (ib. 46), lo fronte (Basile 254), no fronte de maglio (id. 480), la fronte de maglio (id. 614616), la fronte ncrespata (id. 198, 618), sta fronte (id. 56), la fronte (id. 34, 78, 158, 182, 198, 378, 668, 732), na fronte (id. 422), a primma fronte (id. 224; ma col senso traslato ricorre al maschile: a buono fronte buono pisaturo! (426)).

156

Davvero numerosi per sono i casi in cui il genere diverge rispetto a quello dellitaliano (Iandolo 2001, 191),103 fra cui qui ricordiamo lo accaiso cagione, motivo (attestato solo in De Rosa 62r.9), aglia (Andreoli [1887] 1993, 17),104 agresta (id. 17; v. sotto anche), cnnavo canapa (id. 70), caparro (Andreoli [1887] 1993, 74; DAscoli 1990, 133), capa testa, carcere (f.; cfr. na carcere (Basile 364)), carata (Amato e Pardo 2001, 50), carciffola carciofo, casumirro cascimirra (Andreoli [1887] 1993, 88), dicco diga, fox (f.; cfr. sunate na fox (Scarpetta 26 II.4)), galessa calesse (Andreoli [1887] 1993, 179), gatta gatta e gatto (ossia forma non marcata impiegata per denotare la specie) (id. 181; cfr. anche guarda se ama le cose che tu ame, czo uno cane o una gatta o una cosa che se sia (De Rosa 51v.1011)), (*NCAUSTUM > *GNAUSTUM >) gnost(i)a inchiostro, e ggrare scale, gradini (di fronte al sg.m. o graro), guardarobba (f.) stanza in cui si conservano abiti (cfr. guardarobba (m.) armadio; Andreoli [1887] 1993, 189), guazzo guazza (tosc. < *(A)QUATIA) rugiada (id. 190), legumma (id. 204), guardio guardia; vigile urbano (Iandolo 2001, 313; cfr. volarria che nu guardia arrestasse a nepoteme [mio nipote] (Scarpetta18 VII)), (LEPOREM (m.) >) lp(e)re (m.) lepre (Barbato 2001, 175, Andreoli [1887] 1993, 205; DAscoli 1990, 302), linguino, (LUTA (n.pl.) >) lota loto (Andreoli [1887] 1993, 209), magliola (MALLEOLUM (m.) >) magliolo, talea di vite (Andreoli [1887] 1993, 213; DAscoli 1990, 317), malario (Andreoli [1887] 1993, 214), mammuneco ammoniaca (id. 216), mneca manico (di un oggetto); manica (di un capo di vestiario) (DAscoli 1990, 323, allato a mneco manico (di scopa, zappa) (id. 323; v. Formentin 1998, 303)), mscola mestolo (Amato e Pardo 2001, 118), nemmcculo lenticchia (DAscoli 1990, 259, allato alla variante femminile nemmccula (Amato e Pardo 2001, 133)), ombrella (cfr. chestombrella (De Filippo1 105)), oropella orpello (DAscoli 1990, 413), pmpena pampino (< PAMPINUM) (id. 423), pantfano pantofola, (PENSIONEM (f.) >) o pesone la pigione, laffitto, o piello pelle (solo nella locuzione f o piello far la pelle, uccidere), p(n)nulo pillola, (PULICEM (m.) >) pl(l)ece (m.) pulce (Amato e Pardo 2001, 160; cfr. lo pulice (Brancati1 169.9), vaccido [uccido] comme a nu police (Scarpetta16 IV.5)), pulmanna pullman (Iandolo 2001, 313), pummarola pomodoro (con passaggio di -|- > -l-), rosamarina, scatolo (E stu scatolo che tenite mmano (Scarpetta4 I.3)), sangue,105 scuorzo scorza; strato di sporcizia (allato a scorza scorza; buccia), serpe (m.), snapo / snapo senape (un poco de salsa del sinapo (Masuccio XI.24)), surbetta sorbetto, gelato (Amato e Pardo 2001, 232), tanfa (id. 235), tarla (id. 236), (TILIAM >) teglia tiglio (DAscoli 1990, 665), terramuto (f.) terremoto (Ferraiolo 139r.6; v. Coluccia 1987b, 199),
103

104

105

notevole anche il genere divergente dellitaliano regionale di Napoli e provincia nelle voci gli analisi (cfr. De Santis2 II; sempre allato a le nalisi), i formichi e gli olivi (cfr. Iandolo 1994, 254 n. 4; Radtke 1997, 83; Iandolo 2001, 312313), le quali, stranamente, non trovano riscontro diretto nel dialetto. Parlanti moderni assegnano invece il genere maschile a tale voce (p.es. chist (**chest) aglio, laglio bbuono (**bbona)), sebbene da alcuni parlanti il genere femminile fosse avvertito come pi accettabile al plurale (cfr. la forma femminile (?) aglie (Rocco 204.60), ma sicuramente maschile in aglli (Regimen1 227)). Maschile tranne in RDF, come si vede dalluso del dimostrativo femminile in esempi quali Che sangue ey quessa de lo naso? (95).

157

tina (TINUM >) tino (DAscoli 1990, 670), (TRABEM (f.) >) travo trave (DAscoli 1990, 678; cfr. li trave (Ferraiolo 101v.13), un travo (Brancati1 82.14), quarche travo rutto (Cortese3 1.3)), virzo verza, cavolo; uomo sciocco, vzz(ol)a gozzo, zite (m.) ziti (pasta), zaffarana zafferano (Amato e Pardo 2001, 259); proc. (a)rruggia orologio da campanile (Parascandola 1976, 27), carretta carretto; cargo (id. 56), menncculo lenticchia (id. 158), ciedda ucello (id. 77), nonch gli innumerevoli sostantivi femminili in -ame / -ime / -ume del tipo fracitumma fracidume (v. 4.4.2).106 4.5.2. La marca del genere In virt del fatto che le categorie morfosintattiche del genere e del numero si realizzano spesso in maniera inestricabile mediante un singolo esponente cumulativo (associato a sua volta a declinazioni particolari), una gran parte della nostra discussione della marca morfologica dei generi maschile e femminile gi stata coperta nei paragrafi precedenti dedicati alle declinazioni e allespressione del numero. Per riassumere, per, possiamo notare che, in seguito alla neutralizzazione delle flessioni finali (tutte volte a [-]), il genere grammaticale non viene normalmente pi marcato esplicitamente, ma va ritenuto invece un tratto idiosincratico inerente dei sostantivi. Marche esplicite del genere sopravvivono comunque nelle alternanze metafonetiche che interessano particolari sostantivi maschili delle 2a (p.es. cuonto/-e) e 3a (p.es. pere / piere piede/-i) declinazioni. Ancor pi rara, e lessicalmente condizionata a una manciata di coppie nominali di genere comune, lopposizione di genere che si manifesta nelle alternanze plurali di tipo palatale-velare (p.es. ammice (m.) vs ammiche (f.); v. 4.2). Perci nella maggior parte dei casi la declinazione e il genere grammaticale vanno considerati propriet idiosincratiche inerenti del nome, in quanto non possibile dedurre tali categorie in base alla forma fonologica, perlopi invariante, del nome. Persino nei sostantivi derivanti dalla 2a declinazione, storicamente coinvolti dalla metafonesi sia al singolare che al plurale, non chiaro che i parlanti intravedano una marca del genere maschile nella qualit della vocale tonica, dal momento che loriginaria vocale dell input del processo metafonetico non loro pi accessibile da poter ricostruire loriginaria alternanza vocalica in questione (si osservi che il numero di sostantivi di genere comune metafoneticamente contraddistinti quali ninno / nenna bambino/-a e zngaro / zngara non sembrerebbe cos significativo). Tale sicuramente il caso per i sostantivi provvisti di originaria vocale alto-media, il cui output nel processo metafonetico, ossia -i- (cfr. *pelu > pilo) e -u- (cf. *pollu > pullo), risulta in chiave sincronica uguale alle originarie -i- e -u- toniche dei sostantivi femminili (cfr. pippa, fune). Indizio pi sicuro del genere maschile a tal riguardo sono i dittonghi metafonetici -ie- e -uo-, i quali si lasciano pi facilmente interpretare come esponenti del genere maschile (sebbene gli originari processi metafonetici responsabili di tali dittonghi non siano ovviamente noti ai parlanti), dal momento che non ricorrono nei sostantivi (ed aggettivi) femminili (salvo in poche
106

Notevole eccezione sarebbe lutamme per la quale Iandolo (1994, 192) registra il genere sia maschile che femminile.

158

casi davvero eccezionali (p.es. TE(G)ELLA(M ) > tiella padella).107 Tuttavia, come notato al 2.2.2.2.4, in tempi pi recenti tali dittonghi conoscono una distribuzione sempre pi diffusa, estendendosi anche ai nomi e agli aggettivi femminili, cosicch si rilevano, almeno in certe aree della citt e presso specifici settori della comunit linguistica (Del Puente 1995), forme quali cuoca e cierti (ai danni delle forme coca e certe), nonch numerosi participi metafonetici ambigeneri come lietto/-a, puosto/-a, muosso/-a. I processi derivazionali possono anche giocare un ruolo significativo nel marcare esplicitamente il genere grammaticale. Ad esempio, in molti casi il genere dei suffissi nominalizzatori fissato e perci indizio sicuro del genere: -ggio (m.) (veveraggio beveraggio, passaggio), -zzo (m.) (palazzo), -glia (f.) (aggentaglia), -azzine (f.) (criazzione), -a (f.) (ceca cecit, surda sordit), -nia (f.) (lentnia lentiggine, velnia albume), -mma (f.) (suzimma sudiciume), -mento (m.) (bastimento), -tate > -t (f.) (citate > citt, caretate > caret). Malgrado unappartenenza sistematica alluno dei due generi, lassociazione di tali categorie derivazionali alluno dei due generi grammaticali risulta per del tutto arbitraria a livello semantico e fonologico. Pi trasparente a tal proposito, sebbene lessicalmente condizionati, risultano le coppie suffissali - (m.) / -essa (f.) e -tore (m.) / -trice (o -tora) (f.) che marcano il genere naturale nei nomi di genere comune (Capozzoli 1889, 3738),108 fra cui ricordiamo qui alifante/-essa, ragammatore / aracamatrice ricamatore/-trice (Basile 434 / Masuccio XXXII.4), artesciano/-essa (Capozzoli 1889, 37, nonch artesciana), barone / barunessa, abbate / (ab)batessa, cacciatore/-tora (Capozzoli 1889, 37), conte/-essa, covernatore/-trice (De Rosa 21r.28 / 49r.27; cfr. anche governatore (LDT 116.12)), cusetore/-tora/-trice sarto/-a (Capozzoli 1889, 38), deputato/-essa (tutte li deputatesse (Scarpetta22 II.5)), duttore/-essa (cfr. Basile 512 / 882), duca/-chessa, duttore/-essa, jdece/-chessa (Andreoli [1887] 1993, 195; cfr. anche il femminile, sebbene semanticamente distinto, iudicatrice (LDT 101.4)), lione / liunessa (la leonessa (Brancati1 152.34)), lupo/-essa (pi spesso lopa; Andreoli [1887] 1993, 205, 209), mastrisso/-essa uomo / donna autoritario/-a, facendone/-a (il maschile morfometafonetico retroformato sul femminile mastressa < fr. matresse; id. 225), mercante/-essa (cfr. Basile 910 / 18), mideco / medichessa (Andreoli [1887] 1993, 230, nonch mdeca (Capozzoli 1889, 37)), ministro/-essa (avarra avuto j [sarei dovuto andare] a fa visita a li ministresse
107

108

interessante notare a tale proposito come la voce dittonghizzata guantiera vassoio, guantiera venga spesso sostituita dalla variante non dittonghizzata guantera (Amato e Pardo 2001, 98), presumibilmente in virt dellassociazione al genere maschile del dittongo nel dialetto moderno. In alcuni casi manca addirittura una forma femminile corrispondente (p.es. sagittatore arciere (LDT 138.21), favrecatore muratore (Basile 62), scupatore (De Filippo1 38)), oppure una forma maschile corrispondente (p.es. meretrice (Basile 538), nutrice (Masuccio XLII.32), stiratrice (Di Giacomo1 122)). In altri casi ci manca invece unattestazione della forma femminile corrispondente nel nostro corpus (p.es. compositore (Basile 904), compratore (id. 94), debetore (id. 920), fatecatore (id. 168), guastatore (id. 546), ioquatore (id. 688), Masciatore (id. 338), pagatore (id. 464), peccatore (id. 312), sonatore (id. 422)). Si noti anche il caso di chicchiaressa donna pettegola o chiaccherona (cfr. m se mette a perdere tiempo cu quacche chiacchiaressa mmiezo mercato (Di Maio6 I)), che manca di forma maschile corrispondente.

159

(Scarpetta 22 II.5)), monarca/-chessa (nonch monarca anche al femminile (Capozzoli 1889, 37)), mperatore/-trice, parlatore/-trice (LDT 111.19 / 112.8), prncepe/-essa, prvete/-essa (Capozzoli 1889, 37), prufessore/-uressa (nonch prufessora (Capozzoli 1889, 37)), piscatore/-trice (cfr. Basile 814 / 84), pap/-essa,109 pueta/-essa (cfr. tutte li Poete, e Poetesse (Cortese3 1.18)), sbirro / sberessa (Nu sbirro e certi sberresse (Di Maio1 I.8)),110 segnore/-essa (Capozzoli 1889, 37, accanto al pi comune segnora), servetore/-trice (De Rosa 7r.16 / 11v.17), snnaco/-chessa (nu poco de pazienzia cumm Sinnachessa mia (Scarpetta22 I.1)), surdato/-essa (Iandolo 1994, 194), tessetore/-tora (cfr. Basile 950, nonch tessetrice (Capozzoli 1889, 38)), Torchessa (Basile 602; cfr. turco / torca), tradetore/-tora (id. 610 / 608, nonch tradetrice (Capozzoli 1889, 74)), vincituri/-trice (LDT 165.28 / 317.15 P). Determinati suffissi con valore diminutivo, aumentativo, vezzeggiativo e spregiativo (troppo numerosi da elencare qui tutti) spesso esplicitano anchessi distinzioni di genere tramite alternanze metafonetiche (in taluni casi limitate al plurale): -llo / -lla (p.es. nasillo nasino, manella manina), -one / -ona (p.es. stipune armadi grandi, mappenone grande/-i strofinaccio/-i), -uzzo / -ozza (p.es. aucelluzzo uccellino, prerecozza predichina). 4.5.3. Correlazioni semantiche del genere grammaticale Di regola, il genere grammaticale fermamente correlato con il genere naturale nei nomi animati: ommo, frate fratello, cano cane (tutti maschili) vs femmena, sora sorella, cana cagna (tutti femminili). Tuttavia esistono delle eccezioni, in cui il genere grammaticale e il genere naturale non coincidono. Per esempio, al pari dellitaliano, sentinella, nonch fazione sentinella (Andreoli [1887] 1993, 158), sono di genere femminile pur denotando un referente tipicamente maschile. Altri nomi di un unico genere grammaticale ma denotante referenti di entrambi i generi naturali (Iandolo 1994, 195) includono, del genere femminile, canaglia, carogna (p.es. Chella carogna e maritemo [mio marito] (Ruccello 92)), guida (cfr. una loro guida [= uomo guida] (Masuccio XXXI.16)), spia (cfr. era sciuta [uscita] a fa la spia (Cortese2 1.25), a la fine te vide puosto nante / no boffone, na spia (Basile 240)), vpera persona maligna, vttima, e di genere maschile vggile.111 In altri casi, per contro, la pressione semantica tale da poter annullare il genere grammaticale originario, sicch il genere grammaticale dei nomi interessati ora risulta mobile in base al referente inteso (Iandolo 1994, 244; Iandolo 2001, 185, 313): (malnema >) mallnema cosa grande / grossa (da far paura), cosa esagerata (nu mallnema de cano / na mallnema de mazza; Andreoli [1887] 1993, 215), nu/-a pveru/-a (Gisu) Cristo/-a un/-a povero/-a sventurato/-a, nu/-a pveru/-a Maronno/-a un/-a povero sventurato/-a, o mammasantissima (m.) / o mammamia
109 110

111

Nelluso corrente la variante femminile indica normalmente una donna soddisfatta e felice (Amato e Pardo 2001, 149). Nelluso corrente la variante femminile viene normalmente adoperata con significato traslato di una donna dinamica, dal temperamento virile e autoritario (Amato e Pardo 2001, 183). Interessante il caso antico di lo vangnia il custode del bagno (De Rosa 31r.28) del tipo il porta, il procaccia (Formentin 1998, 299).

160

(m.) il grande boss mafioso, nu/-a guardio/-a, nu/-a mammachiatta un/-a grassone/-a, nu/-a pellecchiella un/-a magro/-a, nu do e guio un grosso guaio / na do e jurnta una giornata splendida (Amato e Pardo 2001, 77), sto mala lengua (Cortese3 Intro; cfr. vpera sopra), sto cazzera [brachetta] de sto nnammorato (id. 5.29), sto zuppa de vino (DAntonio 396.17), sto facce de grattacaso questa faccia di grattugia (id. 445.34), chisto sorte de bagno (Scarpetta 1 25), sta piezze nfame vene puressa a f ammore (id. 65), sta piezza e carogna (Masello & Di Maio I), stu mmalora accidacane [medico incompetente] (Russo 77), chella piezza e stronza e mammeta (Stromboli 2003, 125). Infatti tale modello di distribuzione di genere grammaticale in base al genere naturale del referente il tipo pi frequente con i nomi animati, soprattutto nel dialetto moderno dove la centralizzazione delle vocali finali a [-], ha fatto s che i nomi stessi spesso non esibiscano pi nessuna marca di genere grammaticale. Pertanto, nelle coppie seguenti lopposizione di genere naturale continua ormai solo a livello ortografico tranne nei casi di alternanza metafonetica: abballarnulo/-a ballerino/-a, bizzuoco/-oca pinzochero/-a, bigotto/-a, cantarnulo/-a cantante di variet, canteniere/-era vinaio/-a (DAscoli 1990, 131), cavallo/-a (allato a jummenta (Andreoli [1887] 1993, 196)), chianchiere/-era macellaio/-a, criaturo/-a bambino/-a (il maschile retroformato sul femminile originario; cfr. tene o criaturo cu a tosse convulsiva (Di Maio 3 II.13)), cuniglio/-eglia coniglio / coniglia; donna molto prolifica (Amato e Pardo 2001, 70), demmonio/-a diavolo/-a; persona molto attiva o ardita, divulo/-a diavolo/-essa; persona ardita o furiosa, Ddio / dea (cfr. Li suprad(i)cti dey et dee (LAFGP 9v.a.16)), figlio/-a, granavuttolo/-ttola ranocchio/-a, lep(e)re/-a, lupo/-a (allato al meno comune lupessa (Andreoli [1887] 1993, 211)), maccarunaro/-a venitore di pasta, mariuolo/-riola ladro/-a, patino/-a padrino / madrina (femminile foggiato sul maschile patino; DAscoli 1990, 436), marchese/-a, mir(u)lo / mr(u)la, siervo / serva, suocro / socra, uorco / orca, vavo/-a nonno/-a (Amato e Pardo 2001, 250-1); isch. zetiegghie / zetegghie celibe / zitella (Castagna 1982, 45). Tali coppie somigliano pertanto alle coppie storicamente invariabili del tipo accatte-e-bbinne venditore/-trice di panni usati; bottegaio/-a (DAscoli 1990, 15), guardaporta portinaio/-a, maccarone sciocco/-a, malaleng(u)a, mpagliaseggia impagliatore/-trice di sedie, nipote, parente, presidente, (Iandolo 1994, 195). Meno frequenti sono i casi in cui il genere grammaticale viene marcato tramite il suppletivismo. Qui ricordiamo fra i casi pi frequenti cumpare / cummare padrino / madrina, dio / deia (cfr. li dei et le dee (Brancati1 64.20), le Ddeie de la bellezza (Cortese4 2.20)), frate / sora, frate cucino / sora cucina cugino/-a (Andreoli [1887] 1993, 118; cfr. e denare e sorema cucina (Ruccello 118)), gallunnio / gallttola tacchino/-a (DAscoli 1990, 257), jnnero / nora, maiale (oppure puorco) / scrofa (oppure troia),112 marito / mugliera, ommo / fmmena, suocro / socra,113 tauro (oppure toro) / vacca, srece (m.) / zccula (f.) topo, zmmero / crapa becco / capra, rre / regina.
112 113

Obsoleto il ve(r)re (De Rosa 54v.17), il maschio della scrofa. In realt ci sarebbe unulteriore forma femminile, in quanto Iandolo (1994, 194) riporta una distinzione tra socra madre della moglie vs (signora >) gnora madre del marito.

161

Passando ora ai nomi inanimati, sul piano sincronico il genere grammaticale ovviamente caratterizzato da una distribuzione del tutto arbitraria, come attesta la femminile penna di fronte al maschile lppese. Non mancano nemmeno casi in cui il genere pare oscillare liberamente (Capozzoli 1994, 161):114 sp. basca > abbasco/-a respiro affannoso, ansima (Andreoli [1887] 1993, 2), addiasillo/-a sequenza della liturgia dei defunti (DAscoli 1990, 27), feto/-a puzza, alito cattivo (id. 29), OLEARIUM orciolo da olio > agliaro/-a vaso di latta (Andreoli [1887] 1993, 17; DAscoli 1990, 35), arancino/-a arancina, pasticcio di riso (DAscoli 1990, 64), banco/-a banca (istituto di credito), banca (tavolo, bancarella) (Iandolo 1994, 200), canciello/-ella cancello, cancellata (id. 200; cfr. ssa cancella de fierro (Basile 502)), cannicchio/-ecchia canna, gola; voce acuta (Andreoli [1887] 1993, 7071; DAscoli 1990, 130), CATA+FORICAM > carafocchia/-uocchio (anche carafcchiola/-ucchiolo) stanzuccia assai misera e stretta, sgabuzzino, buca, tana (id. 78, 137), carretto/-a (Iandolo 1994, 161; cfr. pigliasse na carretta (Zito 107)), casato/-a cognome di famiglia (DAscoli 1990, 144), caudariello/-ella calderuola, pentola (Andreoli [1887] 1993, 89; DAscoli 1990, 148), cer(e)viello/-ella (Iandolo 1994, 192, 200), chiuocco/-occa tempia, testa, cervello (Iandolo 1994, 192; cfr. anche Basile 826), cucuzziello/-ella a zucchino (Andreoli [1887] 1993, 118), cuperchiulo/-ola cuperchiolo, piccolo coperchio (id. 131), cupertino/-a copertina (id. 131), fenestiello/-ella finestrino (Iandolo 1994, 192), fra(v)glio/-a miscuglio di piccoli pesci fritti (DAscoli 1990, 241), medullo/-olla midollo (Andreoli [1887] 1993, 230), (? sp. para usted >) paraustiello/-ella pretesto, ragionamento contorto (DAscoli 1990, 430), pernacchio/-a (id. 446), pignatto/-a pentola (Iandolo 1994, 192), (? sp. regao >) recoglio / recaglia litigio, lite (DAscoli 1990, 497), rechippo/-ieppa ruga, grinza; rattoppo (id. 498), sasiccio/-a salsiccia (Iandolo 1996, 200),115 tvulo/-a (id. 161), tiano/-a (anche tianiello/-ella) (piccolo) tegame (id. 192, 200). In altre coppie, per contro, il cambiamento di genere correlato con una netta differenza di significato, come dimostra la seguente lista rappresentativa di esempi: agresto/-a salsa agrodolce / salsa agrodolce; specie duva che non matura perfettamente; quattrini; refurtiva (DAscoli 1990, 37), cammarata (m. / f.) compagno di milizia / linsieme dei collegiali che dormono nello stesso camerone (Andreoli [1887] 1993, 65), ancino/-a uncino / riccio di mare (id. 52), campo/-a campo / bruco, capo/-a capo, padrone; ciascuna delle bestie tenute in stalla o al pascolo / testa (id. 72, 76, DAscoli 1990, 132, 135; Iandolo 1994, 189190),116 capitale (m. / f.), cappotto/-a cappotto / sorta di cappello da donna (Andreoli [1887] 1993, 77), cavalletto/-a, cisto / cesta cesto/-a (id. 77), ciocco/-a fiocco / ciocca (Ama
114 115

116

Al contrario dellitaliano che presenta il doppione cioccolato/-a, il napoletano conosce solo la forma femminile cecculata (v. DAscoli 1990, 152). Solo il maschile viene adoperato con il senso metaforico di pene. Al plurale si rileva anche unaltra differenza: e saciccie (m.) fatti propri vs e ssasiccie (f.) le salsicce (Iandolo 1994, 200). Castagna (1982, 48) nota per lischitano che la forma maschile u cape viene sostituito dalla forma maschile metafonetico quando significa bulbo (p.es. chepe degghie capo/-i daglio). Nel dialetto cittadino invece tale accettazione ricorre sempre al femminile (p.es. na capa dglio (Amato e Pardo 2001, 11)).

162

to e Pardo 2001, 63), cunzurdo/-a (Andreoli [1887] 1993, 129), currente (m. / f.) stanghetta della serratura / corrente (dacqua o daria) (id. 134, DAscoli 1990, 198), cusariello/-ella oggettino; ometto piccolo e insignificante / cosina (Amato e Pardo 2001, 73), farenello/-a cascamorto, uomo fatuo e ridicolo / polenta (id. 82), ftero/-a fodero, guaina / fodera; rivestimento (di pietre o di mattoni) (Andreoli [1887] 1993, 168), giacco/-a vestimento da donna a maniche larghe che copre dal collo alla vita; maglia di acciaio (portata da guerriero) / giacchetta (id. 182), guardarrobba (m. / f.) armadio / guardarobba (stanza) (id. 189), latrino/-a individuo spregevole / latrina, cesso (Amato e Pardo 2001, 103), livello/-a (DAscoli 1990, 304), matino/-a (il primo ora solo avverbio, ossia di buon mattino, la mattina presto; Andreoli [1887] 1993, 225), murzillo/-ella piccolo morso (atto o residuo) / pezzetto di cibo (Iandolo 1994, 192), paneriello/-ella panierino (per portare la merendina) / piccolo paniere; parallela (DAscoli 1990, 423), palummo/-omma colombo / farfalla (Iandolo 1994, 189), parmo/-a palmo/-a (DAscoli 1990, 430431), patano/-a beccamorto / patata (id. 435), piezzo/-ezza pezzo / staccio (id. 193), ruoto/-ota teglia grande / ruota (id. 193), segno/-a segno / fessura (id. 193), vuzzolo / vzzola nodo, groppo / gozzo (id. 192 193); proc. pummo/-a mela; pomo (dei vecchi letti di ferro battuto) / tipo di pesca (Parascandola 1976, 217), zizzinieddo/-edda ugola / mammellina; guadagno senza fatica (id. 294). Altro effetto semantico del cambiamento del genere, in modo pi produttivo rispetto allitaliano, quello che consiste nellindicare la relativa grandezza (Rohlfs 1968, 386; Radtke 1988, 657; Iandolo 1994, 161, 193). In particolare, il genere femminile serve a denotare una versione pi grande del concetto denotato dalla forma maschile e, viceversa, il genere maschile rinvia a una versione pi piccola del concetto denotato dalla forma femminile, bench la forma non marcata possa essere talvolta quella maschile (p.es. curtiello coltello) talvolta quella femminile (p.es. canesta cesto). Nei seguenti esempi diamo per prima la forma non marcata: bbuco / bbuca, cammarella / cammariello cameretta / camerino, stanzino, canesta / canisto canestra, cesta; vettura piccole di vimini / cestino; arnese nel quale i piccoli imparano a camminare (cfr. Mo aggio avuto na canesta (Russo 68)), cucchiaro / cucchiara cucchiaio / grosso cucchiaio di legno; mestola; cazzuola da muratore (cfr. pigliando con la cocchiara dal caccabo [pentola] lo acino de la lentecchia / Io te la ho poco innante data in lo cocchiaro (Brancati1 26.1213 / 26.21), e buotarraje [vuoterai] sempe co la cocchiara / la cocchiara de ligno (Cavalcanti 43 / 75)), curtiello / curtella coltello / grosso coltello da cucina o macelleria (cfr. ma vedenno mmano a chillo / na curtella e chesta posta (Russo 86)), fenestella / fenestiello, funecella / funeciello (cfr. chille capille, cherano funicelle / curre co lo funiciello! (Basile 558 / 626)), fuosso / fossa (cfr. pe non trovare la strata de na fossa, me ne iaraggio [andr] a no fuosso! (id. 562), metto lo dito appresso e rimanette nauto fuosso, doje fosse (Scarpetta 10 I.5)), vrasiero / vrasera braciere / bracciere (grande); fornello; focara (cfr. nu vrasiero viecchio (Scarpetta 5 II.2), lampa stu vrasiere (Ruocco 32)), vreccella / vreccillo sassolino / sassolino; ghiaia; isch. tiene (m.) / tiane (f.) piccolo / grande tegame, cavulere (m.) / cavulare (f.) piccola / grande caldaia (Castagna 1982, 47).

163

Infine, unaltra sottoclasse importante di sostantivi da considerare quella dei frutti e dei loro alberi o piante associati. In origine, il maschile denotava il frutto, almeno al singolare, in quanto continuava tipicamente un neutro latino della 2a declinazione (p.es. MALU(M ) > *MELU(M) > milo mela, PIRU(M ) > piro pera), forma coincidente con la denominazione dellalbero MALU(M) > * MELU(M) > milo e PIRU(M) > piro, la quale, sebbene di genere femminile in latino, venne riassegnato al genere maschile in virt della flessione finale in -o.117 Al plurale invece il frutto venne reinterpretato come femminile in virt delloriginaria flessione neutra plurale in -A > -a (ossia MALA > *MELA > mela mele, PIRA > pera pere),118 laddove il genere maschile prevalse nella denominazione dellalbero (*MELI > mile meli, *PIRI > pire peri). Tuttavia, vista lidentit formale dellalbero e del frutto al singolare, il primo poteva assumere per analogia anche il genere femminile con flessione in -a al femminile (mela meli; Capozzoli 1889, 5152). In seguito si produsse pertanto un maggior grado di sincretismo nelle denominazioni del frutto e dellalbero, cosicch entrambi potevano suonare omofoni sia al singolare che al plurale: o milo / o piro la mela / la pera vs e mela / e pera le mela; i meli / le pera; i peri (nonch e mile / e pire i meli / i peri). A sua volta il plurale femminile denotante il frutto si estese al singolare, eliminando cos lopposizione tra singolare e plurale, la quale viene segnalata unicamente mediante il rafforzamento consonantico interessante la forma plurale: a [m]ela la mela / e [mm]ela le mele. Ne consegue che nel dialetto moderno il maschile singolare e plurale servono a denotare prevalentemente lalbero, laddove il riferimento al frutto viene veicolato dal femminile singolare e plurale, in larga misura al pari di quanto osservato in
117

118

Cfr. Lo granato et lo melo (Brancati1 166.11), lo omo y uno pede de pu(m)mo che encze da la te(r)ra et la fe(m)mena y lo frutto, czo lo pu(m)mo (De Rosa 72v.1112; v. anche Formentin 1998, 302 n. 882). V. Malato (1970b, 9798). Di scarso aiuto a tal riguardo sono i commenti di Galiani (Malato 1970a, 29), il quale, pur osservando che il frutto e lalbero convergono al singolare nella forma maschile (p.es. lo piro, lo milo, lo pruno ecc.), omette di specificare il significato delle forme femminili plurali (ossia le pera, le mela, le pruna, ecc.). Molto rivelatori invece dellalternanza tra maschile singolare e femminile plurale nella denominazione del frutto sono i seguenti esempi in cui il numerale singolare compare al maschile ma il nome al femminile plurale: uno o doi perlicoccha amantotate uno o due albicocche ammaccate (Sannazaro1 63), uno de cheste mela (Sarnelli 128). Altri esempi indicativi dellalternanza tra maschile (singolare) e femminile (plurale) nei nomi denotanti il frutto comprendono puma dulci / la (< ILLA) pruna / Granata dulce / de pera (Regimen1 175 / 177 / 181 / 183), lossa [le nocciole] [] de perzeca, de gresommola (Basile 340), no milo / chelle mela (id. 588 / 470; cfr. per starvariello de mele (930)), piro monnato / doi pera (id. 742 / 528), no cetrangolo / frunne de cetrangola (id. 442 / 758), se tu cavi da uno citrangolo [arancia forte / amara] lo seme (Della Porta 26), sto milo / ste mela (Sarnelli 126), no cetrulo (Cortese1 10.30), ma lo Franzese non monnarria [sbuccerebbe] nespola (Cortese3 1.16), no Milo (id. 1.16), le ffico (id. 3.39), le ccerase (id. 5.19), le ppera (DAntonio 424.16, Rocco 108.101), le pera / le percoca (Cavalcanti 28), nu soldo de sorve / Nu soldo de nespole (Scarpetta19 II.3), Veneva a cogliere e ffiche (Viviani2 II), astipare u milo pe quanno se tene sete (Andreoli [1887] 1993, 45), Chi sa chelli mmele se mangiaie (De Filippo1 223).

164

italiano (Iandolo 1994, 196 n. 2; Del Puente 1995, 5758). Sostantivi che seguono questo modello moderno di alternanza comprende aulivo/-a olivo/-a, ceraso/-a ciliegio/-a (DAscoli 1990, 155), cetrngulo/-a arancio/-a amaro/-a, citro / cetra cedro (albero / frutto),119 cotugno/-ogna cotogno/-a, fico/-a fico (albero / frutto), granato/-a, grisummolo/-mmola pompelmo (albero / frutto); albicocco/-a,120 nispolo / nspola, pirzeco / przeca pesco/-a, piro / pera, percuoco/-oca pesco/-a giallo/-a, suorvo / sorva (anche suvero / svera) sorbo/-a; in altri casi la situazione non sembra essersi ancora stabilita in quanto la sovrapposizione di diversi modelli di alternanza sincronici persiste,121 offrendo cos contemporaneamente pi varianti (Iandolo 2001, 91, 192, 199): percuoco/-oca pesca gialla vs e percuoche / e ppercoche le pesche gialle (v. anche Castagna 1982, 46 per lischitano), e pirzeco / przeca pesca (di fronte per al solo plurale femminile e pprzeche le pesche), purtuallo/-a arancia (frutta) vs e purtualle / e ppurtualle le arance (frutto), suvero / svera sorba (di fronte al solo plurale femminile e ssvere le sorbe). La complessit della situazione diacronica appena descritta viene ulteriormente complicata dalla constatazione che a volte il singolare femminile pu anche denotare lalbero, per esempio, a fica (scritto anche a fico) il fico (frutto e albero) (v. DAscoli 1990, 235; E saglire a na fico lajutaje (Cortese3 2.36), no vosco de fico (Basile 372)),122 cos continuando presumibilmente lambivalenza del FICUS latino congregatosi in napoletano alla 4a declinazione (cfr. capo, soro). Meno frequente il caso di nomi come nanassa (f.) lananas (DAscoli 1990, 367) e limone (m.), tipicamente denotanti frutti di natura pi esotica o caratterizzati da una breve storia allOccidente, che presentano un unico genere per denotare sia il frutto che lalbero (cfr. vicino a lalbero de limone (Scarpetta8 II.6)). Giova infine notare che unalternativa inequivoca alquanto frequente per denotare lalbero consiste nelladoperare una locuzione perifrastrica con rbore e / pere e pianta (isch. pele; Castagna 1982, 46): uno pede de pu(m)mo (De Rosa 72v.11),
119

120 121

122

Cfr. taglia no citro / tre cetra che parevano tanno tanno [appena appena] cogliute dallarvolo (Basile 1000 / 1000). Invece Andreoli ([1887] 1993, 97) osserva per la voce cetro che denota lalbero e il frutto (v. anche DAscoli 1990, 157, 173). Rileva una situazione analoga anche per i seguenti frutti / alberi: cresuommolo (p. 115; invece Parascandola (1976, 88) distingue per il procidano crismmola albicocca e crisummolo albicocco), cutugno (p. 137), frambuasso (p. 169), granato melograno/-a (p. 185), mannarnolo mandarino (p. 20; cfr. anche proc. mandarino (Parascandola 1976, 152)); si veda anche DAscoli (1990) per i seguenti frutti: milo (p. 345; anche in procidano chiru milu quella mela (Parascandola 1976, 251)), noce (p. 393), pirzeco pesca (p. 456), pruno (p. 471). Diversa invece la situazione in ischitano descritta da Castagna (1982, 46), dove il maschile (chetugne, mile, pire) indicherebbe lalbero e il femminile (chetogne, mele, pere) il frutto. DAscoli (1990, 187) registra tanto per il frutto quanto per lalbero la forma maschile invariata crisummolo al singolare, ma la forma femminile al plurale, ossia crismmole. A tale proposito si confronti, ad esempio, presso Amato e Pardo (2001) le seguenti entrate rappresentative: mla mela (118) / mlo melo; mela (120), di fronte a pro pero; pera (159) e prna prugna vs prno prugno (163). Si nota per, presumibilmente, sul modello dellitaliano, in De Falco (p. 59) il maschile o fico fico (frutta).

165

un arbore de fico (Brancati1 9.18), no bello pede de citro cedro (Basile 1010), ammnnula mandorla / pede dammnnula mandorlo (Andreoli [1887] 1993, 25), castagna castagna / pede de castagna (allato a castagno; id. 87), centrngula / pede de cetrngula (allato a cetrngulo; id. 97), fica / pede i fiche id. 163), mela / pede e mele (allato a milo; id. 236), pre e fico (De Falco 50); isch. u pele fiche / a fiche il fico (albero / frutto), u pele prune / a prune susino/-a.

166

Capitolo 5: Determinanti e quantificatori

5.1. Determinanti
5.1.1. Articolo determinativo: Forme Le varie forme dellarticolo determinativo derivano tutte dal dimostrativo remoto latino ILLE e stanno in proclisi ad un seguente nome, quantificatore o aggettivo. Com tipico degli elementi funzionali, le forme dellarticolo determinativo conservano dei tratti di accordo esplicito, marcando sia il genere che il numero del proprio sintagma nominale (v. sotto). Nella Tabella 5.1 vengono elencate le varie forme attestate dai primi testi fino al giorno doggi.
Tabella 5.1: Forme dellarticolo determinativo Singolare Maschile lo (lu, l, il, el, (l)l) lo ((l)l) o ((l)l) li (gli, (l)l) li i > e Femminile la ((l)l) la ((l)l) a ((l)l) le ((l)l)1 le > li e Origini Cinquecento Cinquecento Ottocento Seicento Origini Cinquecento Cinquecento Ottocento Seicento

Plurale

Mentre le forme del femminile (singolare e plurale) presentano nei testi antichi poche variazioni, le corrispondenti forme maschili sono caratterizzate da una notevole variazione intertestuale, nonch intratestuale (v. Barbato 2001, 178180). In linea di massima al singolare prevale lo (e a volte nei testi trecenteschi anche lu),2 e li al plurale: lo cielo / li soi giorni (Regimen1 4 / 89), lo primo / li soi proffiecte [profitti] (BagniR 446 / 12), lo quarto libro / li romani (CDP VI / VI), lo paviglyune / li Greci (LDT 171.11 / 171.15), lo mese / li puovere (Lettera1 12 / 11), lo iorno / li cante et li rise (Detto 8 / 21), lo populo / li parenti (LVP 9 / 10), lo tempo / li tempi (LAFGP 5r.a.3738 / 9r.b.2), lo lebruso / li cristiane (RDF 9 / 2), lo figlio / ly vassielle (De Rosa 6r.23 / 6v.24), lo passato / li sorici (Brancati1 3.8 / 140.27),
1 2

Si notino anche esempi occasionali della forma li (prettamente maschile) davanti a sostantivo femminile plurale: li soi mano (LAFGP 4v.a.26, di fronte a lle mano (8r.b.2122)). Cfr. le seguenti attestazioni: lu airo (Regimen1 115), lu to vicino (ib. 303), Lu primo bangno (BagniR 19), lu effectu (ib. 145), lu patino il parroco (Epistola.11), lu demone (183.78), lu mundo (LDT 51.34), lu duca (ib. 69.5), Lu primo re (Detto 1), lu voltu (ib. 24), lu mese (SDM 60.11), lu officio (id. 62.25). Tranne due occorrenze, lo preconsonantico risulta invece del tutto assente presso De Jennaro1 (Corti 1956, CXLIII).

167

Lo tarando [renna] / li colori (Brancati2 199v.1 / 199r.30), il frutto / li frutti (Masuccio XXI.17 / XLVII.13), lo cavallo / li capo (Ferraiolo 118v.21 / 127r.5). Nei testi quattrocenteschi (specialmente, ma non esclusivamente, la lirica), che risentono pi spiccatamente degli influssi toscaneggianti, non risultano invece infrequenti le forme rivali singolari (V +) l (specie quando preceduta da monosillabo), il e el (questultimo, non solo in corrispondenza con il toscano del tempo, ma anche in accordo con luso iberico) e plurale gli, forme certo non indigene vista la loro mancanza in autori davvero popolari come De Rosa:3 el tristo core / il ciel / porti l foco / gli sventurati (Di Capua 91.13 / 91.2 / 94.4 / 1.14), el crudel Demophonte / il mattin / che l mondo / glocchi tuoi (Maramauro2 2.23 / 1.3 / 1.29 / 1.49), el filliolo / lo filliolo (LAFGP 11r.b.32 / 1v.34), el vero pregio / e l Maximo Valerio (Anonimo 8 / 3), el fior / il raggio / che l ciel / gli spirti / gli occhi (De Jennaro1 LXXIX.11 / V.14 / XIV.46 / LVIII.8 / III.4), el sangue / il core / che l viver (Galeota XXXIII.3 / XXVII.5 / XIX.11), il judicio / el populo (Lupo I.44.6 / I.9.2; cfr. anche lo pupulo (I.10.ru.)), il gacto / el gacto (Brancati1 140.24 / 141.2; cfr. anche lo gacto (141.4)), il pelo / El cane / che l cane (Brancati2 197v.2324 / 201v.20 / 201v.32), lo frate / che l frate / li frati / gli frati (Masuccio III.1 / I.55 / VI.32 / VII.33), El s(igniore) duca / E llo signiore / E l s(igniore) Lodovico (Ferraiolo 79v.2 / 126v.17 / 119v.1).4 Non va dimenticata anche la forma femminile plurale la impiegata davanti a sostantivi femminili plurali (spesso con significato collettivo) uscenti in -A (v. 4.4.1.2), in tutta probabilit da interpretarsi come riflesso diretto della forma originariamente neutra plurale ILLA (Formentin 1998, 316):5 co la braza plygata (LDT 59.12), la fondamenta (ib. 75.29), le porte de le citate e de la castella (RDF 65), la mura (De Rosa 58v.4), sagliero alla mura (Ferraiolo 79v.14). Come dimostrato in Formentin (1994; v. anche Formentin 1998, 316), prescindendo dallefficacia rafforzativa o meno delle forme individuali (v. sotto), le varie forme dellarticolo si distinguerebbero anche per la conservazione o meno della laterale lunga. In modo particolare, si nota che nelle preposizioni articolate la laterale dellarticolo non viene di norma allungata,6 eccezion fatta per le forme del maschile [-num.] (il cosiddetto neutro) e del femminile plurale che presentano in maniera quasi sistematica la laterale allungata; ad esempio, in De Rosa si riscontra la scempia in a lo mundo / a la cacczia / a ly mallarde (49v.19 / 49v.18 / 49v.10), ma la doppia in allo fuoco / alle lancze (25r.2 / 46r.2). Inoltre tale rappresentazione
3

5 6

V. Corti (1956, CXLIIIII), Coluccia (1971, 203), Formentin (1987, 6264), Compagna (1990, 206207), De Blasi (1995b, 4.3.1), De Blasi e Imperatore (2000, 178179), Barbato (2001, 176180.). Chiaramente non locale luso dellarticolo personale dorigine palesemente catalana en / em (< DOMINUS) davanti al nome re Pietro dAragona in Lupo (Compagna 1990, 207): em Pere (I.24.1), en Petro (I.23.9). Si riscontrano oscillazioni ancora nel Cinquecento tra lo (maggioritario), il e l (p.es. lo popolo / il popolo / del popolo (CDT 4 / 34 / 25)), nonch a volte anche nel primo Seicento tra lo (sempre maggioritario) e il (p.es. lo tierzo / il tierzo (Basile 258 / 990)). Peraltro non limitato allarticolo determinativo, come dimostra la forma del dimostrativo femminile plurale chesta in Ma sola chesta locora ne poteno sanare (BagniR 15). V. Corti (1956, CXLIVV), Formentin (1987, 63; 1998, 318319), Barbato (2001, 182 183). Eccezione importante Lupo (v. Compagna 1990, 207208).

168

ortografica lunga della laterale compare anche quando larticolo maschile [-num.] o femminile plurale precede un elemento perlopi monosillabico: che llo meglio / che lle legie (De Rosa 58r.89 / 48v.17).7 In base a tale distribuzione, possibile quindi postulare le seguenti forme dellarticolo: [lo] (m.sg. [+num.]), [llo] (m.sg. [-num.]), [la] (f.sg.), [li] (m.pl.), e [lle] (f.pl.). Anche davanti a nome o aggettivo (entrambi i generi e i numeri) cominciante per vocale tonica ricorre molto spesso nei testi antichi la forma elisa con laterale allungata, ossia [ll] (Corti 1956, CXLIII; Formentin 1994; 1998, 317): llaltro (LDT 47.20), llaltra (ib. 180.7), dellaltri suoy compagnuni (ib. 64.9), llacque (ib. 114.11), llautro (De Rosa 8v.10), allautra fiata (id. 33v.3), allarme (id. 15r.9), llaltre (De Jennaro1 C.2), lladversarii (id. XC.1), llaltra (id. XXXII.70). Davanti a vocale (sia tonica che atona), per, risulta anche possibile la forma elisa con laterale scempia: lairo / lavantagio (Regimen1 40 / 474), lun[a] (ib. 182), lore / linteriore (ib. 43 / 44), lomini (ib. 458), lanimo / lamore (LDT 50.37 / 58.58), lisula / laccaysune (ib. 53.29 / 56.10), luochy / linganne (ib. 165.2 / 67.28), laltre cose / lalteze (ib. 52.20 / 78.37), luna e laltra regione (LAFGP 5v.a.5), lotto giorne / lacqua / lautre gli altri (RDF 5 / 5 / 269), lomo / lomayo (De Rosa 14r.12 / 46v.32), larte / llotiritate [autorit] (id. 1v.30 / 65v.19). Fino alla fine del Cinquecento risultano molto frequenti anche le forme non elise davanti a vocale secondo una tradizione meridionale ben nota: 8 lo anno / li altri / li humuri (Regimen1 73 / 86 / 94), lo hommo / li hommine (BagniR 236 / 247), lo hoste / li ochy / le arechye le orecchie (LDT 269.10 O / 100.1 / 85.22), lo octavo libro / li abitaturi de Cuma / la aiuncione (CDP VIII / VI / IX), li unc(e) (Lettera 1 10), lo exercito / la Eneida / li ho(min)i / le arme (LAFGP 6r.b.89 / 5r.a.33 / 5r.b.6 / 8v.a.18), lo iperatore / la ibassata / li ochie (RDF 110 / 86 / 6), li antiqui et clari principi / laltre cose (Brancati1 3.11 / 3.30), lairo / lo inbasciatore (Ferraiolo 149v.20 / 104v.3), larmata / la autorit (id. 79v.31 / 148r.4), li inimice / lstrache terrazzo (id. 135v.29 / 102r.1), lo amico / lamico (Masuccio 11.20 / XIII.21), la ora / lora (id. XXIII.15 / XXIV.22), li infelici / gli inimici / glinvitati (id. XXXI.2 / XXIV.21 / XVII.8), le orecchie / losse (id. XXIII.26 / VII.4), lo episcopo / a la octva de la ephifani / le altre oblacioni (Aloisio 3 / 44 / 6), de lo electo morto / alli Orifici / le Ecclesie (CDT 108 / 107 / 79). Per dal Seicento in poi si riscontrano solo le forme elise (p.es. lanema / allAfrica (Della Porta 26 / 35), laere / luocchi (Crisci 20 / 23), lommo / lantecammara / luommene / laute le altre (Sarnelli 14 / 76 / 102 / 50)). Comunque proprio in questo periodo che cominciano a comparire le forme aferizzate dellarticolo, ossia o (m.sg.), a (f.sg.), i (m.pl.) ed e (f.pl.). Pi precisamente, ricorrono per la prima volta nelle farse tardo cinquecentesche di Braca
7

Si noti peraltro che la vibrante lunga iniziale di re fa s che, per analogia con i nomi maschili [-num.], co-occorra anchesso con la forma dellarticolo [llo] (p.es. ca llo re (De Rosa 43v.24)). V. Formentin (1987, 63; 1998, 317), Barbato (2001, 176). In Lupo, mentre le forme maschile e femminile singolari possono elidersi davanti a qualsiasi vocale (ossia l), il maschile plurale (li) e il femminile plurale (le) si elidono solo davanti a i- iniziale e a e- / a- iniziali, rispettivamente (Compagna 1990, 207). In Brancati2 invece non si elidono mai le forme plurali dellarticolo (Barbato 200, 176).

169

(p.es. o Mperatore (2), a nneversetate (8), i Santi (69), e gentilezze (94)), sviluppo rispecchiato peraltro, e non a caso, nellemergenza parallela di forme aferizzate dei pronomi accusativali di 3a persona (cfr. le piace de o bolere (44), Mi o sonnava sto contratto stipuato! (179), perfi a creo (486)), sebbene non allesclusione totale delle forme non aferizzate, le quali, specie al plurale, continuano a cooccorrere nello stesso testo: li triumfi (94), li guai (158), le grandezze (93), le spie (253).9 Altro esempio del primo Seicento lisolato esempio e parole (Basile 610), e del tardo Settecento segnaliamo lisolato i lupi (Rocco 109.108), sempre accanto alle forme non aferizzate (p.es. lo viento / la terra / li munte / le ffosse (172.117 / 211.77 / 206.64 / 211.77)). Per tali indizi testuali sono davvero eccezionali, in quanto sono le forme non aferizzate a risultare prevalenti nello scritto, come nei dialetti campani interni moderni (De Blasi 1995b, 183), fino alla fine dellOttocento (Perrone 1977, 217): lo core / la capo / pelle dispute (Della Porta 18 / 2021 / 21), lo buono / la notte / li vicine / le femmene (Crisci 45 / 38 / 20 / 40), lo manechitto [manichetto] / la sera / li scioccaglie [orecchini] / le cannacche [collane] (Sarnelli 50), lo marito / la vita / li sospire / le ffontane (Oliva 16.170 / 16.170 / 16.179 / 17.191), lo calannario / la fede / li nomme / le ppera (DAntonio 402.32 / 387.18 / 432.8 / 424.16), lo brodo / la scorza [pelle] / li maccarune / le spine (Cavalcanti 24 / 27 / 36 / 63). 5.1.1.1. Emergenza delle forme aferizzate Cos poco popolari risultano le forme non aferizzate nello scritto al punto che nella grammatica di Oliva del 1728 non viene nemmeno fatta menzione dellesistenza di tali forme (Malato 1970b, 68, 93); Oliva si limita a ricordare le forme integre lo (m.sg.), li (m.pl.), la (f.sg.) e le (f.pl.). Diversa per la trattazione fornita dal Galiani nel 1779 (Malato 1970a, 29), il quale dopo aver notato le forme integre segnala effettivamente che il napoletano spesso elide la l dellarticolo, e dice o patre, a mamma, o re, a regina. In maniera analoga, Capozzoli (1889, 2223) osserv che le forme aferizzate dellarticolo risultavano alquanto rare nello scritto, pur ricorrendo frequentemente nella lingua parlata della plebe. Tale situazione gi pienamente rispecchiata nelle deliberazioni del 1878 dellAccademia de Filopatridi di Napoli (Imperatore 1974, 103sgg.), la quale ritenne le forme aferizzate caratteristiche della parlata della plebe, promuovendo invece limpiego delle corrispondenti forme non aferizzate nello scritto. Illustrative a tal riguardo dellevasione delle forme aferizzate nello scritto sono le commedie di Eduardo Scarpetta (18531925), in cui le forme non aferizzate dellarticolo (nonch dei pronomi clitici accusativali di 3a persona) prevalgono di gran lunga sulle forme non aferizzate davvero rare (p.es. lo marito (Scarpetta 1 452), lo ffuoco (id. 263), la porta (id. 25), la recchia lorecchia (id. 266), li patrune (id. 441), li capille (id. 303), le mugliere (id. 209), le nespole (id. 242), di fronte a o juorno il giorno (id. 377)). Anche conservatrice a tal riguardo lopera di Cavalcanti del 1837, la quale conosce solo le forme integre, ossia lu baccal / la conomia leconomia / li luotone lagnanze (17), le crosche le
9

Gli indizi pi antichi delle forme aferizzate sarebbero gli isolati esempi quattrocenteschi y (m.pl.) rilevato in Bozzuto (tra y boni famoso (I.15)) e in De Rosa (e y frate (10r.24)), emendato da Formentin (1998, 315 n. 918) in e [l]y frate.

170

croste (18). Per contro, nelle commedie coeve di Salvatore Di Giacomo (1860 1934) le forme non aferizzate risultano oltremodo rare (p.es. la mano (Di Giacomo1 61)), di fronte alle forme aferizzate maggioritarie, ormai divenute usuali nel dialetto scritto e parlato moderno (p.es. o guardaporte (id. 42), o piacere (id. 31), a messa (id. 34), a fenesta (id. 99), e diebbete (id. 173), e marciappiede (id. 127), e carte (id. 55), e pparte (id. 121)).10 anche interessante notare in questi ultimi esempi come le forme plurali, in passato differenziate per la qualit vocalica diversa (ossia, maschile (l)i e femminile (l)e), paiano essersi confluite in ununica forma, ossia e [e] (se non addirittura [i]). 11 Ciononostante, normalmente non si verifica nessunambiguit nel distinguere il maschile dal femminile dal momento che questultimo, apparentemente derivato da una forma *ILLAES (v. 1.4.3), dotato dellefficacia rafforzativa (p.es. *ILLAES CASAS > e [kk]ase; Rohlfs 1968, 108110; Loporcaro 1988b, 353) al pari del maschile [-num.] (cf. ILLUD SALE (M) > o [ss]ale il sale),12 ma a differenza dal maschile plurale (p.es. ILLI PEDES > e [pp]iere i piedi). Davanti a sostantivo (maschile o femminile, singolare o plurale) iniziante per vocale si impiega in genere la forma con laterale generalmente lunga ll (Bichelli 1974, 67; Fierro 1989, 7677; Formentin 1998, 317; Como 2007, 80), sebbene la forma con laterale scempia risulti apparentemente sempre pi frequente nel dialetto moderno (Iandolo 1994, 153154; Iandolo 2001, 133, 183184) e specie davanti a vocale atona (Malato 1970b, 9596; Bafile 2003, 173174 n. 12): (l)lommo, (l)lauciello luccello, (l)lnema, (l)let, (l)lummene, (l)laucielle, (l)lneme, (l)lidee.13 Oltre allallomorfo ll (l), le forme aferizzate moderne dellarticolo possono addirittura impiegarsi davanti ad una [a] atona, trasformandosi mediante un processo di coalescenza assimilatore nella
10

11

12

13

Visto lovvio rifiuto delle forme aferizzate nello scritto, De Blasi e Imperatore (2000, 178 179) ipotizzano che le forme aferizzate fossero probabilmente gi in uso nella parlata dei ceti bassi anche prima del loro uso presso Braca, ma che fossero con tutta probabilit evitate nello scritto sotto linflusso del modello toscano. Anche se vero, anche probabile, sostengono, che le forme non aferizzate sopravvissero fino allOttocento in quanto parlanti nati intorno al 1890 ricordavano di aver giocato da piccoli a lu ccal (a meno che non si tratti, chiaramente, in questo caso di un residuo lessicale fossilizzato). Si nota, per esempio, che in Scarpetta1, presso il quale risultano ancora normali le forme non aferizzate, il femminile plurale le (p.es. le mugliere (129), le speranze (329)) stato in gran parte sostituito da li (omofono con il maschile plurale): li ssoje (31), Songo [sono] li tre (441), li poltrone (505), li cammere (497). In Di Giacomo1, per contro, la situazione sembra aver trovato maggior stabilit, in quanto larticolo del plurale maschile e femminile suona invariabilmente e: e matarazze (79), e femmene (121). Non mancano neanche esempi antichi di apparente confusione delle due forme: li scripture (LDT 47.11), le denare / li denare (SDM 63.12 / 63.15), le frate (De Rosa 34r.30), le scontri (Brancati2 189v.7; v. Barbato 2001, 129 n. 150). V. anche Maturi (2002, 140) per la variazione nella forma dellarticolo maschile plurale nel Sannio beneventano. Avolio (1996, 320) ipotizza che lattuale omofonia dellarticolo maschile [+num.] e dellarticolo maschile [-num.] (ossia o) possa essere il risultato di una generalizzazione (intorno alla fine dellOttocento) delloriginaria forma maschile [-num.] lo > o che venuta subentrando alloriginaria forma maschile numerabile con vocale alta lu. Poco fondata invece ci sembra loscillazione, unicamente al femminile, tra laterale breve (singolare) e lunga (plurale) asserita in Imperatore (1974, 28), ossia l (f.sg.) / ll (f.pl): laquila / llaquile (sg. / pl.).

171

vocale allungata [a] (Bichelli 1974, 6970): ammore (ossia, [am"mor]) na catena lamore una catena, e cumpagne e amice (ossia, [a"miS]) i compagni e gli amici. 5.1.1.2. Variet insulari e costiere Quanto alle variet insulari, anche qui si presentano delle differenze notevoli. Secondo la descrizione di Parascandola (1976, 138), nonch da quanto si pu arguire dai suoi numerosi esempi, le forme dellarticolo procidano sono al singolare lu (m. [+num.]), re (m. [-num.], con efficacia rafforzativa), e la (f.) (p.es. lu mare, lu specchio, re ssale, re llatte, la chepa la testa, la butteglia), e al plurale ri (m.) e re (f., con efficacia rafforzativa) (p.es. ri capidde i capelli, ri sciuri i fiori, re nnnnule i riccioli, re nnreve i nervi). In modo particolare, si osservi, a differenza del dialetto cittadino, la conservazione al plurale della distinzione vocalica (ossia ri (m.) vs re (f.)), nonch la conservazione della laterale nelle forme del maschile e del femminile singolare, bench Parascandola rilevi come tendenza sempre maggiore limpiego delle forme aferizzate napoletanizzate al singolare (p.es. u rimmo il remo, a varca) e al plurale maschile (p.es. e capidde), ma apparentemente non al plurale femminile (p.es. re ssore le sorelle). Lesito vibrante, esito dellindebolimento -LL- > [-dd-] > [- -] > [-r-] / [-|-] tipico specie delle forme grammaticali (3.5.1.1), indica inoltre la conservazione delloriginaria laterale lunga nelle forme plurali e nel maschile [-num.], ossia (I)LLI > ri, *(I)LLAES > re, ILLUD > re, laddove la presenza della laterale breve nelle forme singolari (numerabili) sottolineerebbe invece unantica aferesi della sillaba atona, ossia (IL)LU(M) > lu e (IL)LA(M) > la. In conformit con il dialetto cittadino dove viene preferita la forma con laterale lunga davanti a vocale, anche nel procidano viene di norma impiegata la forma con laterale lunga, sebbene variamente indebolita a [-dd-] > [- -] o a [-r-] / [-|-]: dduocchio, ddommo, ddreva, raddore, rardegne gl attrezzi. Non tanto diversa sarebbe la situazione descritta da Castagna (1982, 6064) per lischitano. Al pari del procidano, lautore riporta per lischitano unoscillazione tra le forme con e senza laterale, ossia lu / u (m.sg.), la / a (f.sg.) e le / e (m. / f.pl.), pur notando tuttora in questultimo caso la possibilit di una distinzione tra maschile e femminile tramite la differenziazione vocalica (Castagna 1982, 61: li (m.pl.) vs le (f.pl.)). Allato a queste forme sussistono anche delle forme rivali, definite sporadiche da Castagna (1982, 62), con laterale lunga, sebbene trasformata per processo di indebolimento in suono palato-velare: gghiu (m.sg.), gghia (f.sg), gghi (m.pl.), gghie (f.pl.).14 Una volta dovevano anche esistere le forme con occlusiva, oggi ristrette alla posizione prevocalica (p.es. ddseno lasino, dduocchio, dummene, ddisola, darte), le quali Castagna (1982, 6364) considera comunque ormai arcaiche e perlopi sostituite dalle forme in ggh- (p.es. gghuocchio, gghisola), nonch da ll (p.es. llore).
14

Vista lovvia somiglianza con le forme del dimostrativo remoto (vale a dire chigghiu/-a/-i/-e quello/-a/-i/-e), Castagna (1982, 62) ritiene tali forme dellarticolo derivate da forme abbreviate del dimostrativo, il cui significato si era indebolito col tempo a quello di articolo. Si noti per che tale somiglianza invece il risultato dellidentico sviluppo della laterale lunga alla base dellarticolo e del dimostrativo (< ECCU ILLUM).

172

La distribuzione delle varie forme osservate sopra per le variet procidana e ischitana sono rispecchiate in grandi linee anche in montese (Como 2007, 90). In questa variet, Como (2007, 65sgg.) evidenzia al singolare maschile [+num.] e femminile una preponderanza delle forme vocaliche [O o u] (m.) e [a] (f.) in posizione preconsonantica (p.es. [o rjest e njend] lett. il resto di niente [= proprio niente] (id. 67), [u potts] il pozzo (id. 69), [rind a pOrt] nella porta (id. 83)), mentre in posizione prevocalica, specie in posizione avantonica, ricorre normalmente la laterale intensa per entrambi i generi (p.es. [ll Ov] (id. 87), [ll akkwa] (id. 80)); decisamente minoritario invece luso della variante con occlusiva dentale in posizione prevocalica (p.es. [ngOpp add "estk] sul lastrico (id. 87), [dd akkwa] (id. 80)). Nel marcare la categoria del m.sg. [-num.] (Como 2007, 8486), risulta invece normale la forma con vibrante e vocale centralizzata (p.es. [r ppan] (id. 77)), forma a volte estesa analogicamente anche a determinati sostantivi femminili con significato [-num.] (Como 2007, 7475): [mannattS ra marin] mannaggia la marina!, [tS mttEv ra "Sennr NgOpp i pann] ci mettevo la cenere sui panni, [r kkm"mOan ku |a tErr] le coprono con la terra. Al plurale ricorrono di norma forme vocaliche (i / e) al maschile (p.es. [i pann]), mentre al femminile plurale si alternano prevalentemente la forma vocalica e la forma con vibrante (p.es. [ki i kkOSS bbEll [] k r kkOSS tutt bbEll esatt] (id. 82)) in maniera non sistematica e non spiegabile attraverso condizioni di linguistica interna ma a seconda di un tipo di variabilit che stimola linteresse dellanalisi sociolinguistica (Como 2007, 82).15 Sporadicamente, si rinviene, per analogia con il femminile plurale, anche lestensione della variante con vibrante al maschile plurale (Como 2007, 88): [ri SkOddZ] gli scogli, [r pponts] i polsi. Come al singolare, la laterale intensa prevale in posizione prevocalica (p.es. [ll o ] le unghie (id. 83)), a volte concorrenziata dalla laterale scempia in posizione atona (p.es. [l ifermjer] le infermiere (id. 83)), nonch dalla variante con dentale (p.es. [dd wo] gli occhi (id. 89)). Complessivamente, la distribuzione delle diverse forme dellarticolo rilevate in queste tre variet costiere sembra continuare molto fedelmente lopposizione tra laterale scempia e laterale intensa proposta da Formentin (1998, 316) per il napoletano quattrocentesco. Pi specificamente, la variante intensa (sia essa rappresentata da [ll-], [r-] o [dd-]) ricorre in posizione prevocalica (specie avantonica) e al maschile singolare [+num.] e al femminile plurale (v. anche Como 2007, 9091 n.30). 5.1.1.3. Discrezione e concrezione dellarticolo Infine conviene notare un buon numero di casi di discrezione dellarticolo, per cui unoriginaria vocale atona iniziale stata reinterpretata erroneamente come larticolo determinativo (Iandolo 1994, 38; Iandolo 2001, 313):16 lascella > la (> a) scella lala, larena > la (> a) rena la sabbia, laurecchia > la (> a) recchia orecchia, Acerra > la (> a) Cerra (cfr. Strada della Cerra; Rohlfs 1966, 479),
15 16

Meno frequente la variante con dentale (p.es. [d ffEst] le feste (Como 2007, 82)). Casi frequenti dellitaliano regionale di Napoli (Iandolo 2001, 313) includono: la scensore, la lemmosina, la scella, il rinale, lo spedale, lo spizzio, la strazzione, le nalisi (allato a gli analisi).

173

lananas > la (> a) nanassa, lospizio > lo (> o) spizio, lospitale > lo (> o) spitale ospedale, lorinale > lo (> o) rinale orinale, pitale, langravio > langravio (DAscoli 1990 53). Non sono infrequenti neppure i casi inversi di concrezione dellarticolo, processo che produce o vocale atona iniziale o laterale non etimologica: la jeta > lajeta la bietola (DAscoli 1990, 38), la gente > laggente, o vero > overo davvero; verit, la rucola > larucolo (m.) la rughetta (Andreoli [1887] 1993, 22), la menta > lamenta (id. 22; Amato e Pardo 2001, 15), la ruta > laruta (id. 42), lmmeto > o lmmeto lamido (id. 198), luffo > o luffo lanca (id. 443), laccio > a laccia (f.) il sedano (DAscoli 1990, 39), lecco > o lecco leco (id. 217), gr. agnhs > lgano > o lgano agno casto (id. 294), lapa > a lapa lape (id. 296), lscolo > o lscolo lombricco; bambino pallido e magro (id. 280, 307), loca > a loca gioco delloca (di dadi) (id. 209), sp. iusoncuerpo > lisoncuorpo ipogeo, cripta (id. 307), UCULUM > lccaro / lccolo > o lccaro / lccolo gufo (id. 309); proc. u llrdemo / a llrdema lultimo/-a (Parascandola 1976, 278). 5.1.1.4. Sintassi dellarticolo determinativo In linea di massima si pu dire che limpiego dellarticolo nel dialetto moderno segue largamente quello della lingua standard, in quanto la sua forza deittica contestuale e testuale, cio la sua capacit di poter individuare referenti, si venuta indebolendo parecchio col tempo, a tal punto che in alcuni contesti particolari risulta addirittura privo di alcuna funzione deittica, come attesta il suo impiego con referenti astratti (lodio, lammore, a puvert, e ricchezze, a pecundra la malinconia, la depressione, o tiempo, a famma la fame, a seta la sete), unici (p.es. o sole, a luna, a terra, a camorra, o ttaliano la lingua italiana, lltalia (cfr. per; Ddio)) e generici (p.es. o vino, a pasta, o ffuoco, o mmale, o bbene, e francise, llanemale gli animali). Infatti la maggior forza deittica dellarticolo nei testi antichi viene palesemente dimostrata, sebbene in misura sempre minore col tempo, dalla frequente assenza di questo nei primi testi proprio negli stessi contesti appena descritti:17 Airo de tucti dicise unu de li limenti, / lo plu necessario a lomo certamenti (Regimen1 3738), se fico te delectano (ib. 165), Niervi dure mullifica (BagniR 56), Et zo fare non pctera [potrebbe] n Sole n Diana (ib. 142), Danno e vergognia pote lomo schifare [evitare] (LDC 23.5), [] az che vechyeze antiqua le non poza storvare (LDT 47.3), Iniuriosa cosa a gentile homo, e specialemente ad homo cavallaruso, fare minaze (ib. 55.1819), E si laboraturi de li campi sempremay pensassero [] (ib. 92.910), Magnifichi principi, amici miey carissimi, honore e salute ve se accresca (ib. 135.3), fo accostumato sempre indello suo parlare dicere verdate (ib. 112.17), tu dive sapere che de guerra non po procedere may buono amore, nn da odio pote procedere caritate (ib. 182.2628), n degiano portare arme (SDM 59.3), Vale ad membri guasti (TBP IV.89), Italia piange con pietoso sdegno (DellAquila 4.13), non desiderando altro che morte dea rimedio a
17

Si trovano anche occasionali esempi inarticolati, dove il sintagma nominale chiaramente individuato (p.es. Quanto plu ey paurusu focu [il / quel fuoco], Tanto plu li infirmi sana chisto locu (BagniR 4041), Guarda o(r)rore che ave fatto Cesaro! (De Rosa 52r.23), fuorse ave(r)ra(n)no mutato preposito (id. 52v.17)).

174

tanto foco (Galeota XV.10), Sar possibile che Amore habia mutate lege, costume et ordine []? (id. LXXII.6), D, misero a chi piangendo se dinega vita e morte! (id. XXVII.11), ave abuta ventura essere re (De Rosa 43v.12), morte natural (De Jennaro3 14), constrengendoli forcza (Brancati2 200r.14), quisto Riamo in mano de turche (Ferraiolo 105r.24). Tuttavia, nella maggior parte dei casi luso moderno sembra essersi gi stabilito, come attestano i seguenti esempi rappresentativi:18 Lo vomico est utile de quisto tiempo estivo (Regimen 1 109), li cibi fridi et humidi sun buoni (ib. 106), dura la vita (ib. 42), per lomo se studie cercare lo megllore (ib. 46), Per quactro tiempi partese lo anno in veretate (ib. 73), Lalma biata e lu corpu securu / de chi a Dio serve (LDC 2.56), chisto bagno sana le stentine [intestini] (BagniN 203), la vergogna la vetava (LDT 58.19), se la morte y priezo de tanta fama (ib. 59.34), ammao assay la iusticia (ib. 112.1718), se nde andao alle porte de lo inferno (ib. 52.12), intre tucti li bructi animali lo cane lo pi sagace (LAFGP 3r.a.3435), io voria inante lo cristiano per marito ca lo paano (RDF 117), a lora de la cenna (ib. 147), Scurao lo sole et la luna (De Rosa 17v.9), lo piacere de lamore et de la gloria, ancze la bont, quale rara in lo homo, la prudencia, la iustitia, anchora la religione et la veneracione delle stelle et del Sole et de la Luna (Brancati2 184r.18 20), pareva che la terra iesse [andasse] a ffuco (Ferraiolo 116r.43), E lla iusticia s llo voce [volle] avere in mano (id. 121v.1314). Particolarmente rappresentativi della situazione antica ancora in transizione sono i seguenti esempi misti, in cui allinterno della stessa frase compare talvolta la forma inarticolata talvolta la forma articolata: Se llommo avesse pastule [pustole] oy rongna per sua cute (BagniR 32), coss dalluodio non p procedere se non nemmestate (LDT 182.2930), tu li dai pace e tu li fai la guerra (Galeota (poesie), XXXVII.3), hamava li homini da bene et li libri et sciencia (Lupo I.57.4). Daltra parte, si notano comunque anche dei casi antichi in cui larticolo ritiene tuttora un valore deittico forte, grosso modo equivalente al dimostrativo remoto: lo inpicchato fo lo re Andrea quello che fu [] (De Rosa 37r.8), Lo tagliata la testa fo lo figlio de lo re Co[r]rao quello a cui fu [] (id. 37r.1011). La forza maggiore dellarticolo in passato anche evidenziata dalla sua assenza con i nomi propri, i quali, di natura intrinsecamente referenziali, rifiutavano spesso larticolo nei testi antichi. In tale categoria rientrano i nomi geografici come quelli denotanti i paesi, le nazioni (nonch gli abitanti di esse), le regioni e le isole maggiori (Formentin 1998, 392): la quale concitao Grecia contra Troyani (LDT 48.4), fo inde lo scombattimento e destructione di Troyani (ib. 48.10), tutto lo riamme de Franza fece clamare Frana (ib. 53.2728), una provincia che se clamaya Spartena delle pertinentie de Romania (ib. 68.1516), le doy parte de lo mundo, le quale so Africa et Europa (ib. 89.3334), se fossemo in Pulla (Lettera4 25), venendo da
18

Lindebolimento deittico dellarticolo sottolineato in modo particolarmente notevole nelloccasionale impiego nei testi antichi della forma articolata nellespressione del complemento di materia (Formentin 1987, 64; Barbato 2001, 232): li panni de la lana (LDT 79.35), col suco de lorgio [di orzo] (Brancati2 187r.12), del suco del lacte bovino [di latte bovino] (id. 189r.9), col suco del fenocchio [di finocchio] (id. 196v.2), quil [cio il gilifalco] de loro [di oro] (dalla novella di Americo 198r, citato in Formentin 1987, 64), li rampiglioni del ferro (Masuccio XXXI.16).

175

Span(n)ya (LAFGP 5r.a.7), Italia piange con pietoso sdegno (DellAquila 4.13), tucta Provencia de fo alegra (RDF 75), E tucta Francia (ib. 75), lo contato de Provencia (ib. 66), et se trabagli multo con grandi armate per ricoperare Cicilia (Lupo I.26.1), se non li donasse Sicilia (id. I.26.2), et coss fece che ebbe Sardennya (id. II.39.1), tutta Italia / tutta Francza (De Rosa 2r.1617 / 29v.28), llo meglio de Oropa y Italia (id. 58r.8), va essperto p(er) Italia (id. 4r.1), con ci sia cosa che Africa produca questo animale (Brancati2 189r.17), li castorei de Ponto (id. 197v.17), in Sicendo (id. 212r.3), et qua ei tornata Navarra ad unirse con Aragona (id. II.54.1), Et sei cavaliere partute sono da occidente (Ferraiolo 79r.45), re de Franza partuto da Franza per venire in Talia (id. 107r.10), tutta Italia lera contra (id. 107r.2728), era venuto da Calabria (id. 123r.35), venevano da Puglia (id. 131r.78). Ciononostante, nella maggior parte dei testi antichi si assiste a una situazione di tipo misto, dove luso dellarticolo risulta effettivamente ancora oscillante davanti a nomi geografici (Barbato 2001, 231), come dimostrano i seguenti esempi articolati: signoriava tucta la Persia e la Perusia, e tucto loriente (RDF 23), signorenno tucta lIndia, la Maiure e la Mennore (ib. 83), tucto lo Piedemonte (ib. 113), nella Spannya era uno papa aragonesse (Lupo I.41.6), vencio e conquist lAfrica (id. II.36.1), venne nova certa da la Lombardia (Ferraiolo 119r.1314), per tutta la Talia (id. 107r.25), como la Asia (Brancati2 189r.20). Come nella casistica precedente, non mancano nemmeno qui esempi misti: E po se parto da Francia e vene a suo paese a la Mangna (RDF 67), signoreava tucta la Sollia [] tucta la Rossia [] tucta Africca (ib. 83), signoreava la Ispangna [] signoriava Purtogallo (ib. 84), teneva tutta Canpagnia / et Maretema e lo Patremonio [Marittima e il Patrimonio di San Pietro (province dello Stato della Chiesa)] et Tosscana e la Marca (De Rosa 4v.12), Septentrione produce anche le grege de vavalli salvaggi, come la Asia et la Africa de li asini (Brancati2 189r.1921), La lana de la Histria et de Liburnia (id. 207v.15). Col tempo larticolo si viene imponendo (p.es. tutte le verghe [ori] che veneno da lInnia (Basile 20), da ch allAfrica (Della Porta 35));19 oggigiorno larticolo risulta perci obbligatorio con i nomi geografici (p.es. i che bbelli nomme che teneno ncoppa llAbruzzo! (Di Giacomo1 134), chille ca stanno inta Giudeja (De Falco 57), Se llera purtata allAfrica (Rucello 129)), salvo dopo le preposizioni in > n e de > e (p.es. Nfrancia, o rre e Spagna, n Agitto, Nzicilia, o bergamutto e Calavria il bergamotto di Calabria). Quanto ai nomi di citt e di localit minori (v. Capozzoli 1889, 209210), questi rifiutano larticolo tranne in pochi casi lessicalizzati (Rohlfs 1969, 28; Formentin 1998, 289290) quali lo Cairo / lo Cayro (De Rosa 61v.10 / De Jennaro2 156), le Celle Celle (San Vito) (De Rosa 2v.28), lo Guasto Vasto (id. 22v.1112), la
19

Per sempre nel Seicento si trovano esempi inarticolati quali Steva lontano dece miglia da Scozia (Basile 572; cfr. per Lo quale non ce lassai pertuso a lItalia, non caracuoncolo [bugigattolo] a la Franza, n parte a la Spagna che non cercasse; e, passato lIngrise [lInghilterra] e scorza la Shiannena [le Fiandre] e visto la Polonia e nsomma camminato Lo Levante e lo Ponente (704)), Fu fatta a Spagna, mo a Franza (Cortese3 174), Dove jarraggio [andr] Nfranza, o a Lommardia? (id. 1.4), la famma era sparzeta pe tutta Auropa (Cortese4 46). Eccezionali invece sono esempi inarticolati del tardo Settecento come cierte cane da caccia da Spagna (Rocco 9.7; cfr. per ne la Libbea (192.29)).

176

Motta Motta (Santa Lucia) (id. 50v.32), lOrczara Orsara (di Puglia) (id. 70v.30), la Peregula Pergola (id. 47r.28), la Precina Apricena (id. 15r.23), la To(r)re dello Grieco / la Torre dello Griecho (id. 48r.29 / Ferraiolo 115v.9), lAquila / Lquela (Ferraiolo 96v.56 / Capozzoli 1889, 210), a Cerra (< Acerra con discrezione dellarticolo; cfr. la Cerra (Ferraiolo 140r.11 / Cortese2 1.12)), [al]lAuletta terra in provincia di Salerno (Ferraiolo 145r.7), la / a Cava Cava dei Tirreni (De Rosa 56v.7, Masuccio XIX.6 / Braca 113), a Torre Torre Annunziata, i Bagnole, lAstrune Astroni (localit vicino al Lago di Agnano) (Basile 326), a lo casale de la Varra casale presso Napoli (id. 556). Altri nomi propri che bisogna considerare a tal riguardo sono i nomi di fiumi, laghi, oceani, mari e venti, nonch monti, montagne e valli. Al pari dei casi precedenti, nei testi antichi talvolta manca larticolo in virt della sua forza deittica maggiore (p.es. se clama Strato de Sibilla et de Secta (LDT 52.3132), uno flume multo grande chi se clamava Esanto (ib. 80.12), pi che neve in Alpe (Di Lamberto 169), In Olympo (Brancati2 212r.6), E chillo bello mio sciummo [fiume] Sebeto (Cortese1 6.23), n Pinno [il Pindo] n miezo Grecia (Rocco 113.26)), talvolta compare a seconda delluso odierno (p.es. lo mare Mediterraneo (LDT 52.29), fo da poy facto lo Tebere de Roma (ib. 80.9), se le lagrime mie avanzasser lArno (Di Lamberto 5), sul monte Parnaso (id. 84), el monte Aventino, allato a lo Tibero (LAFGP 5r.a.34), De li surici de Ponto et delle Alpe (Brancati2 200r.30), lo monte de Falerno (CDP IV), e vasende [se ne va] a lo monte Seracco (RDF 4), quillo gran fiumo de lo Danubio (ib. 26), p(er) uno fiumo che se chiama lo Da(n)nubio (De Rosa 12r.23 24), a la ripa de lo Tevere (Cortese4 149), n te vastaria lo Tevere (Basile 428), lo Lago dAgnano (id. 990), n lo monto Parnaso, n laonio / Aganippo (Rocco 113.2526), ne lo Ioneo (Rocco 192.29), intallEridano (id. 78.117), la valle dEmo (id. 227.119), lo Scerocco (id. 192.29), E che ce trase [entra] o Vesuvio? (Di Giacomo1 123)). Diverso comportamento hanno invece i nomi delle strade, piazze, palazzi, chiese, quartieri e altri monumenti cittadini, i quali, sia in passato che nelluso moderno, sono caratterizzati da un uso oscillante dellarticolo: se chiamma lo Chiatamone [= quartiere di Napoli] (De Rosa 59r.1314), lo Gaudo il Gaudo (sito di caccia nella zona flegrea) (id. 59r.5), lo Casstiello dellUovo (id. 59r.15), allo capo della Rua Catalana (Ferraiolo 116r.2526), p(er) la via de Capoa (id. 112r.67), una casa che sta vizino la porta de Santa Sufia (id. 84r.1011), steva assigiato intro lo Castello Novo (id. 120v.78), lautro alla Matalena [Maddalena (spiaggia)] (id. 144v.9), Et como fo alla Sellaria [antica strada della Napoli vicereale] (CDT 910), se la magn in la strata della Nuctiata [strada dellAnnunziata] (ib. 2829), uno dello Lavinaro [Lavinaio (quartiere della citt)] (ib. 89), la festa de santo Joanne alli Orifici [la zona degli Orefici] (ib. 106107), lavorava a lo Spirito Santo [Spirito santo (chiesa in via Toledo)] (TVMA IV.2), a le Cceuze [quartiere malfamato di Napoli] puro songo [sono] stato (Cortese1 4.25), Abbiammonce susso a [avviamoci su verso] a la Chiazzetta [luogo malfamato di Napoli] (id. 4.26), lo Mercato quartiere di Napoli, con la piazza principale (id. 1.25), la Vicaria uno dei tribunali maggiori di Napoli (Basile 42), se consignava [] a la Preta de lo pesce [Pietra del Pesce (mercato allingrosso del pesce)] (id. 326), a la Zecca al tribunale della Zecca (id. 426), a lo Vommaro (id. 536), sabbiaie [si avvi] verzo la Torre de Sarno (id. 540), lo Cetrangolo vicolo malfamato di Na177

poli (id. 524), me pensava de stare quietamente a la Dochesca [zona di Napoli] (id. 508), na casa passato lo palazzo de Medina (Sarnelli 22), la fontana de la Sellaria (id. 138), Chiarastella steva [= a o] Pennino al Pendino (sezione della citt di Napoli) (Bichelli 1974, 293), ma in Castiello de Capoana steva retenuto (Ferraiolo 145v.12), et uno quarto a Chiaya Chiaia (quartiere di Napoli) (id. 144v.8), comme fu sciuto Porta Capoana (Basile 142), se vedarr si Arco Felice [antico arco fra Pozzuoli e Cuma] [] s Chiazza Larga [zona di Napoli] (id. 562), va facenno a culumbrina [civetta] pe ncoppe marciappiede e Tuleto! (Di Giacomo1 120), avessero potuto mettere pede dinta Palazzo Lucanigro! (Ruccello 94). Quanto ai nomi e ai cognomi di persona, questi, sia maschili che femminili, rifiutano larticolo (fa eccezione luso metonimico dei nomi propri con riferimento allopera di un determinato artista o autore; p.es. Lu Cato ch de gran doctrina Plino / translateraio per vulgare latino (LDC 1.56), legi in-nilu Virgiliu si y cura / de sapere de la terra la cultura (ib. 42.56)): Cristo me done gracia de ben vulgariare (Regimen1 33), E llaltro poeta s fo Virgilio (LDT 47.20), E alora Iesue prea la reyna (RDF 64), Francesco Antonio Russo stando infermo (TVMA VI.12), e cha lhaggia ditto Aristotele tu che sai? (Della Porta 22), Canosce Carmosina a lo pparlare (Cortese2 5.4), quanno Cicerone ne le fece na lavatella e capo (Sarnelli 16), Aminta amava Sirvia (Oliva 42.2), Publeio Vergileio Marone nascette a na pecocca [bicocca] poco descuosto da Mantova (Rocco 7.1), Lesto Vergileio responnette (id. 10.10), Vito Amante nun ma faciarria accuss (Di Giacomo1 49), ce vulesse a penna e Dante (Ruocco 93), si Di Giacomo era vivo (Chiurazzi 51). Fanno eccezione a questa regola i cognomi impiegati al plurale indicanti casata o famiglia (Formentin 1998, 390;20 p.es. ly Sansoverine (De Rosa 46r.6), o quanta so ly Esforsa! (id. 14v.5), tutte ricchezze dei Lucanigro! (Ruccello 92)), nonch i nomi con valore di soprannome: la Damicella Giovanna dArco (De Rosa 30v.3), lo Marda capitano darmi (id. 47r.28), lUngaro Antonio di SantAngelo (id. 9r.4), lo Braca Pietro Paolo da Viterebo (id. 13v.29), mess(ere) lo Brassco Spiniello Francesco Spinello (id. 54r.26), Sarraie chiammato lo Micco secunno (Cortese1 7.6), O Battista resuscitato (De Falco 29), Peppe o Cricco (De Filippo1 217). Vogliono larticolo anche i nomi modificati da aggettivo o epiteto (p.es. Lu carissimo comuni fratello Philippo de Tarento (Lettera3 21), al buon Tulio romano (Anonimo 8), Come la bella Chiaricia ude tale novella (RDF 50), Che far oramay la piacente Gissolina? (ib. 227), alla gloriosa Vergiene Maria (Lupo II.53.11), quello pelo chebbe l buon Virgilio (Di Lamberto 83), io feci voto a la gloriosa vergene M a di larco (TVMA IV.56), Lo nigro Antuono (Basile 42), larraggiata [arrabbiata] Pascaddozia (Sarnelli 148)), ma non i nomi modificati da suffisso vezzeggiativo: Petruccio (Sarnelli 22), Silviuccia (Di Giacomo1 155). Come in italiano, i titoli esibiscono un comportamento misto, in quanto alcuni rifiutano larticolo (p.es. E fronci compari Jannello Borsaro, Cola Scrignaro, Tuccillo Parcetani (Epistola 182.34), Loco [cost] sta abbate Ja Boccaccio (ib. 183.2), E chillo me dice judice Barillo (ib. 183.7),21 Loco sta Zita Burnacchia (ib. 184.1),
20 21

Notevole per la mancanza dellarticolo nel sintagma casa + cognome (p.es. a ttutta casa Urcina (Ferraiolo 145v.20)). Nelluso moderno judice / giudice, come in italiano, vuole larticolo.

178

Do(n)no Roberto vi se a(r)recoma(n)da [] (et) mastro Tolmo sta (con) ip(s)o [] frate Philippo (et) frate Luca vi se a(r)recoma(n)dano (Lettera1 1921), s(er) Piero (ib. 28), q(ui)sti mi deve(r)ria dare mis(er) Fra(n)cisco (ib. 2930), lo dio Marte (LAFGP 7r.b.7), se chia(m)mava Fra (m)Messchino (De Rosa 26r.29), dio Bacho (Brancati2 191v.3, 191v.15, 193v.16; cfr. per lo dio Bacho (184v.7)),22 parea che fosse donna Margarita (Velardiniello 87.VIII), Masto Titone sera gi affacciato (Cortese1 132.1), manco lo remmedio de mastro Grillo (Basile 10), Onn [Donna] Emilia mme sape piccerillo [conosce da piccolo] (Di Giacomo1 125), E San Pietro sape niente? (Russo 110), Quant bella onna [Donna] Carmela! (Ruocco 14), A zia e Bertolini (De Filippo1 156), E sentette parl Padre Cicogna (De Filippo2 205), Padre mhaggia cunfess! (Ruccello 116)),23 mentre altri invece lo vogliono: la (con)tessa de Catanano (Lettera 1 23), lu conti Lando (Lettera2 124.8), lu duca dAndre, lu Gran Senescalco (ib. 126.11), lo peratore Costantino (RDF 9), lo precepe Paulino (ib. 21), fo multo favorito dalla rigina Johanna [] lo infanto don Juhanne (Lupo I.44.5), Andamo allo inperatore Fuderico Barvarusso (De Rosa 33r.12), lo singniore do(n)no Alonso (id. 1r.21), lo cardenale Brancacczo (id. 7r.24), lo cavaliere de Brione (id. 2v.15), llo s(igniore) Lodovico Sforza [] lo maist de re Alfonso (Ferraiolo 107r.910), lo barone de Noia et de Canpa (id. 79r.2829), lo prencipe de Bisigniano (id. 142v.8), alli p[iede del s(igniore) don Fed]erico (id. 137v.3132), o prufessore Buffa (Di Giacomo1 110), o dottore Croce (De Filippo1 9), a se Cuncettlla la signora Concettina (Amato e Pardo 2001, 212)). In certi casi luso, specie nei testi antichi, risulta alquanto oscillante: A (n)Napole re(n)nava re Carlo tierczo (De Rosa 7r.21), mai le vidi usare ad re Gautieri (De Jennaro2 143), Re Jacobo ce stecte ipso scuro (id. 94), figliolo de re Alfonso (Ferraiolo 107r.30), ma Lu re da Ragona (Lettera3 12), come papa Sirvisto vide tacta gente (RDF 4; ma foro tucte davante a lo papa santo Servisto (6), alor andao a lo papa Leo (23)), lo re Carlo (Lupo II.34.12), papa Buonifacio lo fece metter presone (De Rosa 45v.7), lo re Carlo, essendo in Napole co la regina Margarita (id. 45v.10), lo re Carllo (De Jennaro2 135), Tittone, figlio de lo re de Verde Colle (Basile 700), lo Rre de Monteretunno (Sarnelli 140). Al pari di quanto osservato anche in italiano, manca per sempre larticolo qualora un titolo venga adoperato nel discorso diretto: o precepe Paulino (RDF 22), Signure, illo e sua matre ey a mio ustiere (ib. 21). Anche quando compaiono senza nome, i titoli, nonch le denominazioni metonimiche, richiedono di norma larticolo: avea tutte li bulle de lu papa (Lettera3 8), priego che prieghi lalta Maestate (Maramauro3 13), lo Spirito Santo (TVMA IV.2), Se rebellaie da lo Segn Marchese (Cortese1 2.19), o Signore sa chiammaie (Di Giacomo1 98),24 lo Mperatore da Crotone (Rocco 8.5), O Pate Eterno s stracquato [stancato]! (id. 59), A madonna, sultantEssa, / va e se mette contro a legge! (Russo 46). Si noti per lassenza dellarticolo nei seguenti esempi: tutte quelle vie che Sua Maist aveva da
22 23 24

Cfr. anche lo nomo de lo Dio Iuppiter (LDT 61.27), lo Dio Mercurio (ib. 91.13), in nomo de lo Dio Venus (ib. 97.1920). Quando non funge da titolo religioso, pat(r)e / padre vuole larticolo (p.es. Corrado fo fatto imperatore vivendo lo patre Federico (Lupo I.18.1)). Si nota per lassenza dellarticolo qualora Signiore compaia insieme al possessivo: pareva che fosse venuto nostro S(igniore) in terra nautra vota (Ferraiolo 116r.42).

179

fare (Ferraiolo 112v.23), sua maist se nne passava in Castiglia (id. 105v.67), il palaczo de sua excellentia del Vicerr (CDT 3031), Sua Eminenza saddona [accorge] (Ruccello 98). Limpiego dellarticolo risulta anche frequente con i numerali, come dimostrano i seguenti esempi indicanti la data (Barbato 2001, 232): receppimo heri sera, lu octavo di chistu p(re)senti mese (Lettera 2 125.46), i(n)na(n)te infallibilime(n)te lu p(ri)mo merculid, a li sey jorne de chisto mese de aprile (Lettera 4 78), simo applicati [arrivati] hoy iovid, a li quatordece iorne de chisto mese (Lettera5 9), tu nassiste de ottrufo, o ly xiiij o a ly xvj, uno pi de ly xv o meno de xv (De Rosa 21v.4 5), a li quattro delle none de maio (Brancati2 192r.31), a li dudeci de magio [] a li deceotto de iulio (id. 207r.1112), a li quattordece de le kalende de ottufro (id. 200r.45), quello iorno de la octava (Aloisio 49), O AVUTO GRATIAM 1595 A LI 15 MARZO (TVMA II.45), amice do Quarantotto (Di Giacomo1 63), Cc stamme gi e primme e nuvembre (Ruccello 115).25 A parte qualche esempio antico (p.es. Dal meo de lo maro (Regimen 1 79; cfr. per dura fine a meo de septembro (83), a lo meo de lo junio dura la sua potena (ib. 81), vene lo maio di maggio (De Rosa 61r.78)), si osserva che i mesi rifiutano normalmente larticolo (p.es. III misi in zascheduno anno, zo Aprile, Mayo e Iugno (LDT 234.56), fo incoronato alla fine de frebaro anno 1459 (Lupo I.58.3), Era e maggio (Ruocco 89)), a differenza delle stagioni che spesso, ma non sempre, assumono forma articolata anche quando precedute da preposizione: Per certo lairo mutase de vierno in primavera, / in estate similiter muta la sua manera, / in autunno removese de la sua via primera (Regimen1 6769), La vera [primavera] calda et humida (ib. 91), La state calda dicise (ib. 103), Incontinente levase autunno lo guerreri (ib. 84), era lo vierno (De Rosa 25r.3), la state, cuotte da lo sole (Sarnelli 138), lacqua de vierno (Rocco 148.59), nne lo vierno (id. 157.80), lo vierno e state / arroinano [rovinano] campagne e semmenate [piantagioni] (id. 202.53), inta staggione in estate (Di Giacomo1 121), a vierno e a primmavera (Zito 75). Al pari dellitaliano, larticolo viene sempre impiegato con lespressione dellora (eccezionali per sono gli esempi ad ora de nona (De Rosa 15v.7) e A 14 hore (CDT 2)): alle doye hore de notte (Ferraiolo 123r.16), Songo [sono] li tre. Li tre. Juste li tre. Chille li patrune a li tre se mettene a tavola (Scarpetta1 441), mmerz [verso] e sette, e sette e mmeza (Di Giacomo1 158), Sto scetato [sveglio] de ccinche! (De Filippo1 172). Normale anche luso dellarticolo nellespressione dellet (p.es. femena che passa li trenta anni (Regimen1 547), sperlonga lo termene per fine a li sectanta (ib. 670), e quella che facea masculo da ch a li III anni s lallactava (LDT 234.9),26 ave una figlia et y de a(n)ne v trasuta [entrata] a ly vj (De Rosa 56r.2425), nommo sotto e cinquantanne (Chiurazzi 81), Ha passato buono o diciassette! (De Filippo1 43)), e con significato distributivo (Formentin 1998, 392): dui candele de meza libra luna (SDM 58.18), Et o(m)ni (con)fratre se (con)fesse una fiata [volta]
25 26

Occasionali esempi inarticolati comprendono Die xiij del sopraditto mese, 1486 (Ferraiolo 94r.1), A 13 del decto mese (CDT 8283), A d 15 di agosto 1632 (TVMA VI.1). Cfr. per lesempio da ch a duy anni (LDT 182.32), dove non si fa invece riferimento allet bens a un lasso di tempo.

180

lu mese (ib. 60.11), et si no(n) potesse venga una volta lu mese (ib. 60.1617), Et omne (con)fratre degia venire ala casa tre nocte dellano (ib. 60.19), et pi le donava a la matre ducate vj lo d (De Rosa 13r.2021), uncze ciij lxvj la(n)no (id. 17r.16), una peccza de pa(n)no de Lando che valeva uno alfuncino la ca(n)na (id. 20v.1112), leona che vale gr. v la sarma [salma] (id. 51v.25), appe de veviragio [compensa] xxv onze lanno da la doana de Napole (Ferraiolo 115v.4950), se ittao lo banno in la cit de Napole che se abassciasse le ci[n]quine a denare deyce luna (id. 145v.910), doi volte lo anno (Brancati2 209r.25), Se vendeva lo vino a doi docati la bocta (CDT 5657; cfr. per la cit pagava oltra de lo preczo tre carlinj per tumolo de farine (7071)), chille cunte che me so parzete chi a proposeto de ve sborzare [distribuirvi] uno lo iuorno (Basile 284), Quanto vuoie lo mese? (id. 34), cchi bote llanno (Rocco 214.85), quatto piatte a lo juorno pe nanno sano (Cavalcanti 17), se pagano 70 lire o mese (Scarpetta 2 19), A chiste le dongo [do] meza lira o juorno (id. 4), Dicite a quanto lo vennite [vendete] a lo litro (Scarpetta 8 I.9), saffittaie a mugliera pe treciento lire o mese (Viviani3), Si me retirasse diece vote o iuorno (De Filippo1 299), cinche chile e caf a sittanta lire o chilo (id. 173), teneno permesso, na vota allanno, e saffacci po munno (De Filippo2 66); e con le frazioni: chi avesse ciento ducate de malo tollitto, deande lo quarto, czo xxv, [] et y osoluto de tutty ly cj (De Rosa 61r.1415). In nesso con preposizione, specie nelle frasi cristallizzate, spesso compare la forma inarticolata: ad clara voce (Regimen1 54), mangiare con misura (ib. 101), in paragi (ib. 339), pesce che stai in lago et in stagnone (ib. 377), dolore in capo genera / genera in testa dolore (ib. 434 / 450), a recoperatione de la regina Helena (LDT 109.15), in terra / a terra (ib. 118.14 / 173.18), in mare (ib. 122.18), a ccavallo / da cavallo (ib. 137.10 / 173.26), da nostra parte (ib. 126.3031; cfr. per da la parte di li Grieci (116.2), da la parte de li Troyani (139.2)), in verdate in verit (ib. 139.7), con raysone (ib. 139.20), senza licencia de lo duca (ib. 141.18), in miezo delle schere (ib. 143.36), a periculo de morte (ib. 146.12), la soa spata che tenea in mano (ib. 172.7), le la [gliela] roppe in testa (ib. 172.8), in miezo de la follata (ib. 174.14), feriolo [lo fer] co la soa spata in face (ib. 174.19), in suo soccurso (ib. 174.21), in compagna de multi altri cavalieri (ib. 174.24), sotto speranza de vectoria (ib. 201.1011), per suo amore in vattaglya (ib. 235.3738; cfr. per p(er) lamor de Dio (Lettera1 15), pe lamore mio (RDF 181)), sencza dimurancza (Lettera2 126.5), Lu re da Ragona, essendo in Corte (Lettera3 12), in povertate (Detto 20), in ultra mare (CDP XI), per sacro baptisimo (ib. XI), per honore de Dio [] per salute delle consiencie vostre (LVP 56), i batalla (RDF 3), i segia in sedia (ib. 9), i canpo (ib. 24), per vertute de isso vero Criatore (ib. 27), per rassone [ragione] (ib. 29), pille questa per molere [moglie] (ib. 227), in periculo de la vita (De Rosa 21v.21), in altro mar (De Jennaro3 1), per mare et per terra (Brancati1 3.22), sopre maro / in maro (Ferraiolo 90v.2 / 79v.7; cfr. per verso lo mare (id. 79v.6)), a ppiede (id. 101r.20), in potere del s(igniore) Paulo Vitiello (id. 141v.23), a m(m)ezanotte (id. 133r7), yre [andare] a ccanpo (id. 140r.14), stevano a ppatto (id. 141r.26), Mandamo che nullo previte [] yoche a zara [gioco dazzardo con i dadi], carte o altro yocho prohibito (Aloisio 89), in pace (CDT 93), in testa (ib. 10), a mano a mano (Velardiniello 86.V), n vita (Basile 66), la votte fu portata e iettata a maro (id. 82), n canna in gola (id. 86), prommettite de daremillo pe marito (id. 350), n terra (Sarnelli 118), a despietto de la fortuna 181

(id. 102), a gusto sujo / a gusto vuosto (id. 24 / 204), a lettere doro (id. 100), n tavola (id. 36), sotto pena de la vita (id. 94), n lengua toscanese (id. 14), mmano in mano (id. 68), pe terra (id. 102), a mmare (Oliva 39.39), se iettaie de capo sotta (id. 85.89), a la nnuda (id. 68.24), n faccia a le pporte (Rocco 15.22), non saccio si a ccavallo o si n carrozza (id. 234.133), n area (id. 220.100), n core (id. 46.138), n ponta Posileco [Posillipo] (id. 19.29), Vuie mmavarrsseve [dovreste] sput nfaccia (Di Giacomo1 117), sotto terra (id. 98), nun tengo capille ncapo [in testa] (id. 59), ncuorpo in corpo, addosso (Scarpetta 1 546), mmocca in bocca, ngammisa in camicia, a [sic] tavola (Scarpetta2 75), afforza per forza (id. 65), nganna in gola (id. 28), mmieza li grade [scale] (id. 163), in manicomio (De Filippo1 15), ngalera (id. 20), a posto (id. 12), appiere [ai piedi di] o lietto (Ruccello 106), a colazione (id. 92), a disposizione (id. 119), ntavula (De Falco 16). Come osserva giustamente Barbato (2001, 232), lassenza dellarticolo in tali casi nei testi antichi risulta pi frequente al plurale che non al singolare: non piacque ad romani (Brancati2 186r.31), un de Romani (id. 186v.31), contra veneni (id. 194v.14), essendo da pastori [] appesi (id. 196v.14), in le poteche [negozi] de ferrari, et in quelle de aurifici (id. 211r.30), con observation anche del celo et de venti et de pioggie et de tempestate (id. 196v.3233). In altri casi invece usuale la forma articolata, di cui qui ricordiamo a la fiata alla volta (Regimen 1 167), allacqua (ib. 386), corsero allarme / se portaro sotto larme (LDT 141.17 / 174.9), per la ventura (ib. 171.21), per le mano de Achilles (ib. 200.3738), sotto la guida mia (ib. 201.37), a la merc de li nuostri Diey (ib. 201.38202.1), montaro alle nave / montaro a la nave (ib. 103.20 / 67.22), al cor (Di Lamberto 240), per layro (RDF 12), per la via (ib. 179), per la gracia de Dio (ib. 77), da la parte mia (De Rosa 20r13; cfr. per da parte mia / toa / soa (20r.21 / 65v.29 / 72r.11)), a la pena de la vita (id. 5r.24), sotto lacchua (id. 24v.25), alla allerta in piedi (id. 4v.18), a la inbuccune bocconi (id. 5r.12), alla inpressa (id. 8v.6), a la catalana (id. 2v.5), alla pena della vita (Ferraiolo 84r.17), alli p[iede del s(igniore) don Fed]erico (id. 137v.3132), erano alle mmano (id. 130r.19), per la briglia (id. 84r.2223), a la pena de unza aurea (Aloisio 3334; cfr. per il latineggiante sub pena de uno Agustale (id. 1213)), Mandamo che nullo clerico vada a bevere a la taberna (id. 2021), drinto lo giardino in giardino (Basile 318), a lo munno (id. 330), beve a lo bicchiero (id. 10), a lo mmacaro almeno (Sarnelli 14), Vaga [vada] chi vle a la guerra (id. 30), a lo mmeglio (id. 112), sopra lo truono (id. 102), a lo ddereto lett. al dietro (= in passato) (Rocco 18.25), a lo ffrisco (id. 227.119), ve menate dinta sacca? ve li mettete in tasca? (Viviani3), ncoppallasteco sul/in terrazzo (Scarpetta2 90), dinta sacca in tasca (De Filippo1 280), po vico per la strada (id. 179), annante alluocchie (Ruccello 96), sotta guida vosta (id. 107), ntrasatta allimprovviso (De Falco 59), int a llInferno (Ruocco 67; cfr. per n Paraviso (id. 35)), o [lett. ho] venuto a Marsiglia cu laereo (Di Maio1 II.9), allerta in piedi, ncoppo ffuoco sul fuoco. Notevole a tal riguardo il nome casa, il quale, a differenza dellitaliano moderno, occorre di norma, salvo poche eccezioni (p.es. i sua casa / inante a nustra casa (RDF 21 / 24), da casa del s(igniore) re nessciette [usc] tutta questa adestrata et peregrina gente (Ferraiolo 79r.14)), in forma articolata (Formentin 1998, 390): Desiderao Helena de insire de la casa soa [uscire di casa sua] (LDT 99.56), and 182

a la casa (De Rosa 6v.4), yo te preo che viene a la casa mia (id. 73v.145), arrivaie a la casa de la mamma (Basile 40), se la sfilaro guatto guatto [quatte quatte] verso la casa (id. 136), A la casa toja (Sarnelli 168), se la portava co la cravaccata [cavalcata] a la casa (DAntonio 407.8), chillo trasuto [entrato] dinta la casa soja (Scarpetta 2 185), state inta casa vosta (Di Giacomo1 59), Tengo e mariuole [ladri] dinta casa! (De Filippo1 150), Uno iesce [esce] da casa pe fatte suoie (id. 338). Rientrano in questa categoria anche nomi quali scola (ba jcati alla scola colli zitielli (Epistola 183.56), Io stongo [sto] [= a a alla] scola (Bichelli 1974, 293)), lietto (jace allo lietto (Epistola 182.18), gittaose abandonatamente sopre lo liecto (LDT 207.7), se levao da lo liecto (ib. 207.36), standosse a lo liecto (ib. 208.4), andiamo al lecto pi fredi (Di Lamberto 142), iettaose a lo lietto (De Rosa 5r.22), trovala a lo lietto (id. 27r.56), mavraggia [dovr] metter nata vota dinto lietto (Ruccello 138)),27 ca(m)mara (eo mo mo lo amacczo donde lo trovo, o a la camera o a la sala (De Rosa 14v.2324), vieneme o purte dinta cammera mia (Scarpetta 2 64)), cucina (servio chille frate a la cucina (De Rosa 35v.67), jamme [andiamo] a portarlo dinta cucina (Scarpetta2 79), Dinta cucina quattro ce ne stvano (De Filippo1 110), s miso isso dinta cucina (id. 157)), poteca bottega, negozio (essendo a la poteca in bottega (De Rosa 63v.5)), spitale ospedale (Nun voglio ca me portano a o spitale (Zito 113)), cchies(i)a (E che stammo inta cchiesa? in chiesa (Di Giacomo1 115)), triato teatro (Isso juto [= a o al] triato (Bichelli 1974, 293)). Altri casi di rilievo di presenza / assenza dellarticolo comprendono: ca nce glie puozza [possa], se buoi tu, benire scaia [la scabbia] (Epistola 181.18), E pusoronli nuome [il nome] Antuoniello (ib. 182.910), Era poco passato lo miezo iuorno (LDT 90.37), tucti fiati [tutte le volte] ve placza de [] ni [ci] rescrivere (Lettera2 126.45), venne lu archiep(iscop)o de Brandicce da Curte de Roma [dalla Corte di Roma] (Lettera3 7), aio trovate [] ly sacche [de ly] ducate ho trovato sacchi di ducati (De Rosa 25v.2123), facevano ly gran fuosse scavavano grandi fossi (id. 69r.21), partuto da Franza per venire in Talia contra Riamo [contro il Riame] (Ferraiolo 107r.1011), Prohibetur [ vietato] che nullo previte ignoto et omne previte furestiere celebre messa [(la) messa] (Aloisio 12), nanze me schiaffa gotta [mi venga la gotta] (Basile 352), nce fo cuoto [colto] da lo miezo juorno (Sarnelli 110), porta lo lutto (id. 34), no piatto che se fa spisso lo Carnevale (Cavalcanti 38; cfr. per lassenza dellarticolo con le feste religiose come la matina de Pasca (id. 24), ma O viernar santo (Di Maio3 II.16)), Diciste ca te piaceva dicere Messa (Ruccello 118; ma Chillo scenne albante iuorno [di prima mattina] pe dicere a messa (Di Giacomo1 34)), dicere o rusario (Ruccello 91), parl co ttu! dare del tu (id. 118), overo / ov vero; veramente, davvero (lett. il vero; cfr. Tu overo dice? (Di Giacomo1 94), O parrucchiano th fatta sta bbona ov? (Ruccello 109)),28 io a verit [in verit], a iesse [andrei] a chiamm (Di Giacomo1 29), avesse nchiurere [chiudere] lluocchie ncoppa quacche fissazione da soia
27

28

Sono eccezioni guarda no gire a llecto (Regimen1 643), se levao da liecto (LDT 194.23), stava a dormire a suo lietto (RDF 110), se deo a llietto (De Rosa 6v.2526), mettese a llietto (id. 28r.1516). Cfr. nei testi antichi esempi quali Ma bene y lo viro che eo nde ayo incommenzato a pparlare con quillo prevete (LDT 250.22).

183

(id. 48), mo arriveno e ccarte a llIntendenza (id. 96). Si nota inoltre limpiego eccezionale dellarticolo nella formazione del vocativo dei nomi di parentela zio / zia, nonno / nonna (v. 4.2.1; p.es. A n! Nonna! (cfr. anche il seguente esempio antico: O singniore lo inperatore (De Rosa 20v.67)). Infine ricordiamo che usuale anche limpiego dellarticolo con gli oggetti inalienabili (eccezionale il seguente esempio Tosse n cuorppo magro non averray (BagniR 174)): appe [aveva] li capilli yundi [biondi] ma crispi, appe li ochy gruossi e cynnatusi e laspiecto forte paguroso, appe lo piecto largo e lle spalle late [larghe], la braza grossa e li rine [schiena] larghe (LDT 111.46), Savarria fatto arrapp [aggrinzire] li mostacce [baffi] (Cortese2 2.23), aveva la capo chi grossa che na cocozza [zucca] (Basile 34), Aveva li capille come a na scopa de vrusco [rusco] (id. 190), teneva laurecchie a leparo [da lepre] (id. 118), la freve me s cosuta a filo duppio co ste vene (id. 364), avennose chiene le sacche [essendosi riempito le tasche] de docate (Sarnelli 160), lautro che ttene lo mostaccio [baffi] (Rocco 44.97), lo gnore tene la podagra [gotta] (Petito1 VI), mavota [gira] la capa e lo stommaco! (Scarpetta1 123), Comme tu nun lo tiene lo rilorgio [orologio]? (Scarpetta20 II.1), Ve so mancate e fforze, nun overo? (Di Giacomo1 30), Mme trmmeno e ggamme [gambe] (id. 124), le sbatteva o core mpietto (Russo 85), Vincenzo Gallucci tene a saluta e fierro (De Filippo1 33), vuie tenite a freva [febbre]! (id. 153), Tene o diabete (id. 267), curreva cue braccia aizate [alzate] (id. 127), aggio avuto a mala sciorta [sorte]! (Ruocco 88), tenevo e bbracce e e ggamme [gambe] / sempe chiene e mulignagne [melanzane] (Chiurazzi 92), mpietto lle sbatteva forte o core (Zito 21), tengo pure a diarrea (De Santis1 I). 5.1.2. Articolo indeterminativo: forme Continuando il numerale latino per uno, le forme dellarticolo indeterminativo marcano chiaramente lopposizione di genere maschile / femminile, ossia UNUM > uno > no > nu (m.) e UNAM > una > na (f.),29 tranne davanti a vocale dove tale opposizione viene neutralizzata tramite limpiego della forma elisa indifferenziata un > n (p.es. nitaliano/-a).30 Diversa invece era la situazione nei testi antichi dove davanti a vocale veniva preferita di gran lunga la forma integra (Santagata 1979, 123; Compagna 1990, 208; Formentin 1998, 319): unora / unaltra cosa (Regimen1 39 / 561), ma uno anno (ib. 621), un altro infante / uno altro governatore (LTD 214.7 / 203.7), una autra lectera / una una (Lettera 1 9 / 16), uno homo / una altra (LAFGP 5r.b.2 / 10r.b.28), unora / una ora (RDF 5 / 58), uno amico (De Jennaro2 10), un omo / uno omo (De Rosa 3v.18 / 1v.21), un altro bangno / uno homo (TBP
29

30

Davvero rarissimi sono i casi di articolo maschile apocopato (ossia un) davanti a consonante. Ad esempio, nel LDT si rilevano solo quattro esempi: un troppiello (73.34), un poco (144.30), un figliolo (275.8), un puorto (299.20 P). Castagna (1982, 65) osserva invece per lischitano che gli articoli indeterminativi nu / na subiscono un ulteriore indebolimento fonetico unicamente davanti alle voci poche e picche / picco poco, per cui si neutralizza lopposizione tra maschile e femminile, ossia ne [n] (p.es. ne picche de cumpiacemente, pe tament ne poca na piciocche, vulimme cumann ne poche nuie, Ne picco e luve appaisa).

184

XIX.1 / XV.9), uno altro Salamone / uno anello (Lupo I.32.3 / II.20.2), unaltra bona battaglia / unaltra vota / un altro cavallaro (Ferraiolo 119r.23 / 135v.12 / 119r.1), ma una ora / una incegnia [segnale] / uno anno (id. 116r.11 / 98v.6 / 125r.16). A riprova di ci basti considerare che nel LDT si contano solo 39 occorrenze della forma elisa, tutte davanti a parola iniziante per vocale tonica (ossia, pi precisamente, solo davanti a altro / altra).31 Si osserva una situazione largamente analoga per il testo derosiano (Formentin 1998, 319), in cui lelisione si fa anche qui solo davanti a vocale tonica e sempre in numero nettamente minoritario rispetto alla forma integra; per esempio larticolo maschile si elide solo 6 volte di fronte a 39 occorrenze della forma integra, e larticolo femminile si elide 30 volte, sempre nel sintagma unautra, di fronte a 6 occorrenze della forma integra (due delle quali non interessano il sintagma unautra, cio una anpla (com)missione (37v.18) e una accua (59r.14)). A differenza dellarticolo determinativo, le forme aferizzate dellarticolo indeterminativo no (> nu) / na sono attestate fin dal Trecento, sempre accanto alle forme integre tuttora di gran lunga maggioritarie (v. Corti 1956, CXLIV; Formentin 1998, 319): co na gran schera de combattienti (LDT 169.36), co no gran troppiello de cavalieri (ib. 154.2122), co na grande compagna de multi cavalieri (ib. 172.3 4), co na grande copia de gente (ib. 205.56),32 na spata / na lematria [maraviglia] / na pullandra (RDF 42 / 59 / 290),no vedere (De Rosa 71v.29), na gran poeta (De Jennaro2 30), como no lione (Ferraiolo 79v13), vestuto co na robetta [indumento] de velluto nigro (id. 101r.2324), na mano (id. 115r.12), co no francese (id. 115v.30), co na lettere (id. 141r.14), na galea (id. 98r.1), na cosa sbombocata [rivoltante] (Sannazaro1 47). A partire dalla fine del Cinquecento tali forme aferizzate cominciano invece a impiegarsi sempre maggiormente e nel Settecento prevalgono nettamente sulle forme integre: na picca un poco (Braca 198), na fama magna (id. 485), nomo grande (id. 695), no lacierto (Velardiniello 92.XXIV), no incoronato (id. 92.XXIV), no pormone (id. 91.XXI), na infermit (TVMA I.3), na fata (Basile 398), na freve [febbre] (id. 58), na carrafa (id. 108), na palommella una farfalla (id. 126), no molino (id. 14), no fascio derve (id. 342), no tavernaro (id. 32), no gattone (id. 98), nuerco un orco (id. 110), norca (id. 284), no cato un secchio (Cortese4 3.3), no cetrulo (id. 1.19), no cierro de capille una ciocca di capelli (id. 20), na tiella un tegame (id. 3.3), na scalogna (id. 1.29), na scafareia
31

32

Eccone gli esempi: unaltra (57.15), unaltra camara (58.12), unaltra vertute (63.22), unaltra provincia (68.21), un altro cavallo (73.1415), unaltra nomo (77.78), un arbore (91.6), un altro castiello (123.2), unaltra compagna (150.17), unaltra volta (154.17), unaltra fiata (154.22), un altro Troyano (157.2), unaltra parte (157.12), unaltra volta (166.13), unaltra plu grande schera (169.37), un altro cavallo (170.7), unaltra volta (175.78), unaltra volta (176.35), unaltra volta (177.6), un altro duca (196.41), un altro (203.4), un altro infante (214.7), unaltra volta (215.20), unaltra dura vattaglya (215.38), un altro Deyphebo (218.16), un altro cavallo (221.20), unaltra volta (222.16), unaltra sepultura (228.30), un altro gran citadino (240.31), unaltra face (242.3536), unaltra volta (246.5), unaltra cosa (246.12), un altro prevete (253.18), un altro iuorno (262.1), unaltra volta (262.7), un altro figliolo (276.7), unaltra volta (287.11), un altro mio compagno (289.910), unaltra volta (290.3). interessante notare come le uniche quattro occorrenze della forma aferizzata nel LDT interessino esclusivamente il sintagma preposizionale introdotto da co con.

185

un vaso, catino (id. 3.3), nagliariello (id. 3.3), no poco (Crisci 45), na fetientia una porcheria (id. 19), no mese (Sarnelli 174), no paro de scarpe (id. 50), no Mperatore (id. 76), na casa (id. 22), na gallina (id. 158), na semmana una settimana (id. 180), no vuosco un bosco (Oliva 17.198), no sfortonato (id. 68.19), na vota (id. 16.3), na fontana (id. 62.37), no scuoglio (DAntonio 430.6), no paro un paio (id. 386.15), na pizza (id. 399.25), na grasta de piatto un coccio di piatto (id. 397.21), no sanco niro un sangue nero (Rocco 289.127), no sordato un soldato (id. 29.161), na varca (id. 316.48), na bona femmena de casa (id. 156). Grazie alla generalizzazione delle forme aferizzate pertanto emersa nel dialetto moderno una distinzione lessicale tra la forma dellarticolo (no / na) e la forma del numerale per uno, il quale ha ritenuto la forma integra (ossia uno / una): uno lo iuorno uno al giorno (Basile 284), lo re [] provaie lo chianiello [scarpetta] ad una ped una (id. 134), uno de cheste mela (Sarnelli 128), Ntra chiste nce nnera uno (Rocco 8.5), li cavallune a uno a uno (id. 192.29), accurto accurto [a bruciapelo] te ne diciarraggio quarche duna (Cavalcanti 64), confromme [mentre] se ne coce uno (id. 73).33 Diversamente dallitaliano, ma analogamente ad altri dialetti meridionali, larticolo indeterminativo del napoletano moderno, pur mancando canonicamente di forma plurale, viene (opzionalmente) impiegato in via eccezionale sotto forma elisa nel sintagma plurale lessicalizzato nati altri/-e + numero cardinale (+ nome plurale): aspetta nati 2 minute (Scarpetta3 II.10), lo Sinneco [sindaco] ha mannato nati diece guardie vicino a lo [al] caf (Scarpetta9 II.11), E tne gi nati dduie ferimente ncuollo! (Di Giacomo1 123), Stevo io e nnati quatto o cinche cumpagne de mieiee ghiucavemo (id. 75), ce stanno nati cciento perzune ca o ffanno (De Filippo1 173), aumentato nati dieci lire? (id. 176), nati tre mmuorte e truviemo [trovammo] ajere (id. 196), ce ne stanne nati mille (Mattone & Vaime). 5.1.2.1. Sintassi dellarticolo indeterminativo Il trafilo diacronico dellimpiego dellarticolo indeterminativo segue in grandi linee quello normalmente riconosciuto anche per litaliano. In modo specifico, si osserva che, mentre larticolo determinativo spesso caratterizzato da un valore anaforico (p.es. saccattaie [compr] na mchina, ma a mchina se rumpette sbbeto), larticolo indeterminativo, per contro, assume di norma funzione cataforica, segnalando tipicamente referenti nuovi sia specifici che non (p.es. me vulesse accatt [vorrei comprare] na mchina nova). Larticolo indeterminativo ricorre dunque spesso nel marcare sintagmi nominali rematici (p.es. A Napule sparito nu piroscafo cu tutto o carico (De Filippo1 241)). Diverso invece era limpiego dellarticolo nei testi antichi, il quale doveva assumere un valore deittico maggiore in quanto serviva soprattutto a marcare i sintagmi
33

Come nota giustamente Iandolo (2001, 185 n. 3, 186), larticolo indeterminativo pu anche assumere valore di numerale (p.es. na vota e ppo basta una sola volta e poi basta, pe na guardata storta sapissi ch succiso! per un solo sugardo storto (se tu) sapessi che cosa successo!, na vota ca dicesse a verit! una sola volta che dicesse / dica la verit!). Esempio ancora pi palese di tale valore numerico dellarticolo indeterminativo il seguente: me s nfilato sulo nu scarpone (De Felippo2 119).

186

nominali denotanti referenti nuovi ma specifici.34 Referenti nuovi non specifici invece comparivano spesso sotto forma inarticolata, come si intravede ancora a volte nei primi testi da esempi quali pejo che serpente (Regimen1 62), De li cibarij donoti utile documento (ib. 151), altra dieta no volere fare / se voli tua salute conservare (ib. 155156), homo che mangia perseca [pesche] (ib. 170), Lo stomaco fortifica multo comma lleone (BagniR 166), Si per avventura (ib. 177), Se lo hommo avesse ulcera oy rongna per soa cute (ib. 236), Iniuriosa cosa a gentile homo, e specialemente ad homo cavallaruso, fare minaze (LDT 55.1819), commo se nze fosse brasa [una brace] bene abampita (ib. 65.8), da la mia bocha may non insio parola che non fosse stata grande vertate (ib. 92.2324), non conveneva ad homo sapio de respondere a lo pazo (ib. 129.3637), infra spacio de cierti iuorni entro un termine di alcuni giorni (ib. 251.11), farrimo resposta a lo re Agamenone (ib. 130.34), n altre fratre de autra casa se degino [debbano] fare vestire in chesta casa (SDM 59.2860.1), Omne co(n)frate chi mullere (ib. 60.3), ad avere certa risposta [una certa risposta] (Lettera2 126.2), et a me farrite grande placere (LVP 9-10), isso ve anderia con grande armata (Lupo I.26.2), A la toa mugliere parla cose honeste, accioch non desidere altro homo (Brancati1 54.3334), in loco solitario (Brancati2 185r.3), le pi belle corziere [corsieri] che avesse mai re (Ferraiolo 102v.24), venne nova certa da la Lombardia como [] (id. 119r.1314), io ho sempre desiderato ch(e) me accadesse oportinit de fare qualche cosa (id. 135v.16 17). Con i referenti specifici, per contro, viene di norma impiegato larticolo (p.es. E lo re e la reyna le mandao uno ricco duonno (RDF 75)), sebbene si rilevino anche qui, ma molto raramente, degli esempi inarticolati: descesa de s gran lignayo (LDT 128.36), per lo amor(e) de ip(s)o Yulo Iulum fortissimo castello si (con)struxe (LAFGP 11v.b.1314), e donaro-le assay bello dunno de torcie e sottane [cera] e candele de cera (RDF 76), la quale lea dissiato luogo tienpo [desiderato (durante) un lungo periodo] (ib. 50), fece fillo mascolo multo bello (ib. 75). Col tempo, per, la forma articolata si stabilita anche con referenti non specifici, per cui larticolo compare regolarmente in esempi quali doppo volluta [bollita] la faje felle felle [a fettine], e laccuonce dinta no ruoto [in una (determinata) teglia] (Cavalcanti 47), a nu scupatore [uno scopatore (o un altro)] te faccio spus, ma no a chillo! (De Filippo1 38). Fanno invece eccezione i nomi [-num.] (specifici e meno), i quali continuano a comparire in forma inarticolata oppure accompagnati dal quantificatore cierto / certa certo/-a (p.es. llate mavevano mannato ciertoglio; v. 5.1.3.23). Oltre alla forma inarticolata osservata sopra, si nota che nei testi antichi i sintagmi nominali rematici non specifici comparivano spesso anche insieme al quantificatore alcuno (arcuno / accuno). Grosso modo sembra possibile postulare una situazione molte simile a quella identificata da Stark (2002) per il toscano tre-/quattrocentesco. In particolare, larticolo uno (o pi raramente c(i)erto) serve ad introdurre nel discorso sintagmi nominali rematici caratterizzati da uninterpretazione specifica che svolgono un ruolo informazionale di primo piano
34

In antico larticolo assume a volte in contesti negativi anche valore enfatico, equivalente a neanche un/-a (p.es. no (n)ce fo una candela (De Rosa 5r.28), la vita toa no(n) vale uno picczolo [antica moneta] (id. 51v.23)).

187

nel discorso narrativo. Perci limpiego di uno risulta maggiore nelle proposizioni principali e/o nelle proposizioni caratterizzate da un modo verbale detto reale (p.es. uno signore chi se clamao lo re Ylio s fondao antiquamente questa citate de Troya (LDT 249.2930), Quisto re Ylio fece fare in questa citate uno tiemplo (ib. 249.33), ayo i certa speranza de lo poteremo avere alle mano nostre (ib. 250.24), de tutte le cose che eo ademanday appi [ebbi] certa resposta (292.56 P)).35 Invece alcuno (o pi raramente la forma inarticolata) risulta specializzato ad introdurre referenti rematici in contesti non specifici, i quali assumono in genere un ruolo informazionale solo secondario nel discorso narrativo. Ne consegue che sintagmi nominali marcati da alcuno ricorrono pi facilmente in proposizioni caratterizzate da una modalit irreale con verbo, per esempio, al condizionale o al congiuntivo oppure con verbo negato (v. Stark 2002, 323326): Novellamente vnneme plenaria volontate / alcuno dicto scrivere per fare utilitate (Regimen1 1314), Si alcune male happese la tua cute, / Per chisto bangno tucta ce lastute (BagniR 287 288), se per alcuno benigno parlare non se decesse (LDT 53.2021), excepto se alcuna de lloro lo llassasse per alcuna astinentia de honestitate (ib. 57.1819), li quali per alcuno iusto scuntro andassero ad arrivare a li lloro riamme (ib. 76.910), E, se per ventura, alcuno homo de quisti cutali amaturi vole a questo premere (ib. 185.56), per non dare a vedere che llavesse facti venire senza alcuna accaysune (ib. 245.3), se vuy [] avete aducto in questo buosco alcuna cosa da manyare (ib. 300.289 P), non facendo alcuna mentione dello cavallo predicto (ib. 314.15 P), Si alcuno frate devesse recepere denare da alcuno frate suo (SDM 61.21), si alcuno nostro frate andasse de nocte per arrobare (ib. 62.11),36 Et azoch no le fosse facto alcuno torto (Ferraiolo 79v.50), mand supplicando [] se volesse digniare de manderle de alcuna cosa de medicine (id. 120v.810). A tal riguardo si noti la differenza interpretativa tra i sintagmi una fiata in unoccasione (passata) particolare e alcuna fiata a volte, delle volte nei seguenti esempi: Una fata [volta], trovase, se nce bagn una scrufa (BagniR 321), ma nante che lo falcone la piglye dayle [gli d] diverse cuolpi tanto duri che alcuna fiata lo falcone se parte da lluy feruto (LDT 126.68). Come in italiano, risulta frequente anche lassenza dellarticolo impiegato con i sintagmi nominali in funzione di complemento predicativo (p.es. Achilles fo homo de grande belleze (LDT 111.4), illo vallente cavalire (RDF 32), io so cristiano e so Romano (ib. 35), io te songo [sono] mamma (Di Giacomo 1 35)), bench sia possibile anche la forma articolata, soprattutto qualora la testa nominale sia modificata: si uno iusto iudice et aspro et aguto parlatore (LDT 130.2425), Avarria [dovrebbe] essere pure nu bellommo (De Filippo1 16), na femmena ca se faciarria accidere [si farebbe uccidere] pa famiglia (id. 244), Uh, che naso muca
35

36

Questimpiego di cierto / certa non va confuso chiaramente con quello di cierto / certa abbinato con uno/-a (p.es. eo ve nde dicerr uno cierto insignale lo quale recipive [ricevei] da li Diey certamente (LDT 90.3132), li Troyani mandaro petendo [chiedendo] a li Grieci la tregua per uno cierto tiempo (ib. 205.1314)). Si noti per limpiego di uno nei seguenti esempi dove marca un sintagma nominale non specifico: Quando uno fratre volesse trasire [entrare] alu luco, vinga (et) toche la porta (SDM 59.78), ma decano [debbano] elegere uno tresaurere ch[i] piace ad ip(s)i (ib. 63.14).

188

riello! / E se sape! navucato! (Russo 45). Anche in funzione appositiva risulta di norma la forma inarticolata (p.es. lo re Agamenone, homo de grande cavallaria e discrieto in onnen consiglyo (LDT 109.2122)). Mentre si visto che larticolo determinativo risulta normale con i referenti inalienabili (tipo ha la tosse), viene di regola impiegato invece larticolo indeterminativo con i referenti inalienabili poco usuali o recanti propriet (spesso inaspettate) che li individuano come personalizzati (tipo ha una tosse stizzosa, gli venne un colpo apoplettico): aveva na vocca coss larga che parea de lupo (Sarnelli 24), laccommenzaje a chiammare co na vocella tremmante (id. 134), ma po a me m venuta na convulzione (Scarpetta2 176), Tiene na faccia pallida (De Filippo1 18), Tenite na bella voce (id. 277; cfr. per a picerella [piccola] ca tene a freva forte (251)). Frequente anche limpiego dellarticolo con valore iperbolico: po mha fatto mettere na paura (Scarpetta2 147), me sarria costata na miseria (id. 133), Sti bagne a Castiellammare fanno ven nappetito (Scarpetta16 II.2), Tengo na sete (De Filippo1 33; cfr. Tiene sete? (id. 368)), Chella, a figlia vosta, ha avuto na furtuna (id. 203), Io ti voglio bene e ti voglio sposare. na parola [facile a dire] (id. 36), Cierti bracce! E ttrezze [trecce] nere! / Lluocchie tanteNu bisci [delizia]! (Russo 71), Mhaggio pigliato na paura (Ruccello 101), tenarraggio nu male e cape, ma nu male e cape accuss fforte (id. 116). Altri casi di rilievo di presenza ed assenza dellarticolo comprendono: E alora qua foy uno gran dicere (RDF 59), perch si fosse estata injusta eleccione (Lupo II.49.2), Et quisto ditto mese fo uno gran chiovere [piovere] (Ferraiolo 135r.14), curze simmo / non saccio si a ccavallo o si n carrozza (Rocco 234.133), o nce se caccia / autra sciorte [unaltra sorta] de sierpe velenuse (id. 202.53), No mmoglie [non voglia] maie lo Cielo chio facesse / cosa che le despiaccia (Oliva 55.5152), aissera ce ittemo [andammo] a fa nu bicchiere (Di Giacomo1 65), E mo mme fumo pure mezzo toscano [un mezzo toscano] (id. 113), alluna meno nu quarto (De Filippo1 7), Pe me nce vularria [vorrebbe] nommo e na mezza et (id. 16), Basta nu niente (Zito 13), dinta nu niente, se ncapriccia (id. 115), dinta nu maggio, / tantanne fa (id. 105). 5.1.3. Il partitivo 5.1.3.1. DE + nome A differenza delle variet galloromanze, il napoletano moderno manca di articolo partitivo. I testi antichi, per contro, forniscono non pochi esempi di un costrutto partitivo perifrastico composto da de (+ articolo determinativo) + N (v. Coluccia 1987, 150; Compagna 1990, 222). Tipicamente, in tali casi il nome preceduto o da un semplice aggettivo, ma non necessariamente (p.es. aio de fatica ho lavoro (De Rosa 51r.11), et domandolo de bestie (Brancati1 11.24), non sulo de parole ce metea (Ferraiolo 79v.16)), formando cos un SN privo di quantificatore esplicito (p.es. non mangiare de lactante aynelli (Regimen1 287), de averray de toy cortesi doni (LDC 88.6), fe [fece] de gran bactagli (Lupo II.50.1), de infiniti miraculi facea (Masuccio II.14), tirando de bone bonbardate [colpi di bombarda] (Ferraiolo 115v.14)), oppure da un quantificatore esplicito (p.es. et ve sonno de multi monagi [monaci] (Lupo II.36.3), de multi baruni lo despreczavano (id. II.16.1), et feceno de multe 189

battaglie con li mori (id. II.18.4), vede de multy surice (De Rosa 60v.56), nce morevano de multa gente (id. 47r.3031), trovavano de multy tappite esspase in te(r)ra (id. 49v.78), (n)ce potevano stare de tanta tro(m)metta (id. 7r.1), fandoli de multe carizze (Masuccio XXV.6), e continuamente de multi miraculi gli mostrava (id. XXX.11), e quantunque facciano de gran prede (id. XXX.33), il loro ben cultivato terreno produsse de multi frutti (id. VI.7), e fatti de multi belli tratti al versaglio [bersaglio] (id. VI.16), aremo [avremo] spacio de pelarlo de paricchi mesi (id. VII.24), e disiderando lasciarlo dopo lui, ultre la ricchezza, de alcune vert (id. VIII.3), a quella de multi secreti e dolci basci donava (id. XI.29), E fatti venire de multi ricchi e nobili duoni (id. XLVI.25), de multe bonmarde tirao alla terra (Ferraiolo 111v.26), dove era lo signore re Ferrante e lla signioria riina [] et de multe autre donne [] et de multe autre signiure (id. 92r.1213), et incole innante [] lo conte de Potenza [] et de multe agente (id. 93v.4), gie stettino con isso de multe squizare [svizzeri] (id. 111v.7)). Qualora manchi larticolo, il SN pu ricevere uninterpretazione indefinita in quanto non gi noto nel contesto (p.es. A la fiata [volta] se placete de ciciri [ceci] mangiare (Regimen1 241), fece de nobili pinture et panni [] tenea [] de cavalli et falcuni e cani (Lupo II.53.1), Alfonso da fare de grande cose nello mundo (id. II.54.6), et avevance de belle citelle (De Rosa 48r.1213), et derole de multe basstonate (id. 1v.2627), se insorao [si spos] et fece de belle figlie mascole et fe(m)mene (id. 11r.26), aveva de multy nigromante che andavano trovando ly tresaure (id. 19v.1213), a(m)macczao de multy prievete et fece de multo male alle ecclesie [chiese] (id. 35r.2930), tiranno sempre maye de bone bonbardate [colpi di bombarda] alli nustre neapolitane (Ferraiolo 123v.22), per le dare de belle botte (id. 130r.23), fcino de belle curpe [colpi] (id. 130v.17)), e pi raramente uninterpretazione definita in quanto gi noto nel discorso (p.es. non amava manco de me (LDT 182.17), agio husato et pratticato de quisti contrapunte [contraccolpi] (Lupo II.56.3), no(n) ma[n]giare de chisto frutto (De Rosa 72v.32), la preao che le desse a bevere de chella accua (id. 73r.3031), mai il ditto cherichetto se arrest gittare de ditte cartoline (Masuccio II.33), como avezzi a fare de questi scandalazzi (id. III.44), gli mettea de gran longa miglior ragione che l suo mestiero antiquo (id. V.12), donatili de pi cari gioielli (id. VII.35), Videndo la vulpe li rappi [grappoli] de le uve gi pieni et maturi, desiderosa mangiar de quelli (Brancati1 162.14 15)). Quando invece ricorre il partitivo articolato, il SN ha generalmente interpretazione indefinita (p.es. e mancavale de la forza (LDT 65.37), dando de li speruni a lo cavallo (ib. 153.2324), fa(r)raio de ly figlie et aumento lo mio lingniaio (De Rosa 11r.25), loco [cost] trova viecchio et nuo[vo] et dello buo(n) vino grecisco (id. 59r.1617), Mandamo che nullo previte [] venda de lo vino (Aloisio 2627), si sono ingegnati a devenire de le belle giovini compari (Masuccio IX.2), repezzava un giuppone [rappezzava un giubbone] per avere del pane (id. 8.7), colze [colse] de le fiche (Brancati1 7.13), Dance de le foglie (id. 23.26), Hogi mangerite con meco de la lentecchia (id. 25.24)), pi raramente uninterpretazione definita (p.es. Se de pisce sobenete, mangia de li marini (Regimen 1 379), Et qualuncha beve dellacqua [= dellacqua del Bagno de la Preta] (TBP X.7), Et se lo infirmo spisse fyate [volte] bevesse de la acqua de lo predicto bangno (ib. XI.46), vide se te d dellova (De Rosa 51v.5), la prea che le desse de la gracia soa, czo dello pane che 190

ma(n)giavano ly apuostole (id. 73v.56), andando ad un puzo, tir de lacqua (Brancati1 9.20), Mo voglio assage [assaggiare] de li mei cibi (id. 62.4)). Si noti che solo negli ultimi esempi articolati dove larticolo assume maggior forza deittica si ottiene una lettura davvero partitiva, in quanto il SN interessato rappresenta una parte dellintero, laddove nei primi esempi articolati, dove la forza dellarticolo severamente indebolita assume valore generico, il SN fa riferimento invece allintero. Vista la relativa frequenza del partitivo nei testi antichi,37 compresi testi popolari come De Rosa, con tutta probabilit tale costrutto non andrebbe interpretato come unimportazione centrosettentrionale, bens come costrutto autoctono.38 5.1.3.2. Partitivo nullo Pi spesso la quantificazione indefinita viene marcata mediante mezzi diversi, fra cui il pi semplice, nonch il pi frequente, sarebbe quello di lasciare la posizione del determinante vuota, opzione particolarmente frequente con i nomi [-num.] e con i sintagmi nominali preceduti da preposizione: homo che mangia perseca [pesche] (Regimen1 170), recipiola [] somettendosse a lluy con humili e gratiose parole (LDT 106.1011), Et mand imbassaturi in Palermo (Lupo I.26.2), pone in lo caccavo [pentola] lentecchia (Brancati1 25.17), Mandamo che nullo clerico [] porte arme prohibite (Aloisio 1112), facevano pertose [buchi] alle mure delle porte (CDT 6263), Fe [fece] fare banno chi havesse vino lo revellasse et chi havesse grano ancho (ib. 6667), stienne lenzola (Basile 38), tu damme passe [uva passa] e fico (id. 84), chiovettero [piovvero] passe e fico secche (id. 102), Cuoglie fasule [fagioli], e torna fra doje ore (Cortese3 2.33), Commo se funge [funghi] avessero mangiate (Cortese4 1.26), te faccio provare corde, cicere [ceci] (id. 27), navimmo magnato fico? (Sarnelli 34), quanno vede uommene se nce mena ncuollo [ci si butta adosso] (Scarpetta21 IV.8), Io mme ne voglio fa rise (Di Giacomo1 154), Quanti vvote thaggio truvata ca mazzecave tabacco? (Rucello 93), ce mettarraggio arseneco e cianuro! (id. 106), ce sta caso [formaggio] se ne vulite. Fanno eccezione per i sintagmi nominali in funzione di soggetto (sia preverbali che postverbali), i quali compaiono invece sempre insieme a un quantificatore lessicalmente realizzato (nella fattispecie generalmente cierti): **(cierti) guagliune jucavano mmieza via, addu [da] Gennaro hanno bussato **(cierti) zingare stammatina, arrivaieno po **(cierti) ammice. 5.1.3.3. Quantificatori lessicali Al pari di quanto osservato per larticolo indeterminativo nei testi antichi, per cui grosso modo i referenti specifici venivano marcati mediante uno e c(i)erto e i referenti non specifici mediante alcuno, sembra presentarsi una situazione analoga per i sintagmi plurali indefiniti. In particolare, alcuni/-e tende ad impiegarsi nei contesti
37 38

A tal riguardo, Coluccia (1987, 150) sottolinea per il Ferraiolo che piuttosto frequentemente de contrassegno del partitivo. Per un esempio moderno del Sannio, v. Maturi (2002, 146).

191

non specifici e/o con i referenti situati in secondo piano dal punto di vista informazionale: alcuni homini trovase che lo desia et ama (Regimen 1 440; si noti in questesempio anche il mancato accordo: lett. si trova, desidera, ama; v. 23.1.2.1), Alcuni acture [] llaqua de fontana / multo migllore judica dellacqua pluviana (ib. 469470), alcune poete [] queste storie delle grande vactaglye de Troya s le ayano voluti rescrivere (LDT 47.1214), volcesse puro astinire in alcune cose dalle menzogne de Homero (ib. 47.2223), E plu fiate [volte] alcune cavalleruse et usate persune et ardite, da diversi parte de lo mundo [] s nce andaro (ib. 50.2022), Chesta preta alcuni antiqui phylosophi la clamavano achatem (ib. 63.25), Medea s pregao Iasone che per alcuni iuorni devesse fare demoranza in quella citate (ib. 67.1617), iniuriao alcune caporale nuostri parienti di Grecia (ib. 85.1), Anthenore, in presentia de lo re e de alcuni altri suoy figlyoli referio a lluy [] (ib. 86.1112), ve nde scrssimo p(er) lu conte da Sperk misser(e) Ja(n)notta Stantardo e p(er) alcune altri sp(eci)ali missagi (Lettera3 1719), declarandote (et) avvisandote exp(re)ssame(n)te, p(er) alcuni raggionibili (con)siderationi note alla (con)sci(enci)a n(ost)ra (et) alla toa, che sempre toa p(erson)a p(re)s(er)vi da ognie obligat(i)o(n)e (Lettera6 1517). Per contro, cierti (m.) / certe (f.) ricorre insieme ai sintagmi nominali denotanti referenti specifici, situati tipicamente in primo piano dal punto di vista informazionale: Et incontinente nascevano de chesta semente cierti cavalieri armati (LDT 50.1112), una iniuria che avea facto quillo re Laumedonta a cierti nuostri sequace (ib. 84.1415), Et in quisto pummo so scripte certe lictere grece (ib. 91.2021), era venuto in Grecia [] per ademandare da cierti signuri de Grecia una dompna soro [sorella] de lo suo patre (ib. 98.47), Helena clamao cierti suoy familiari (ib. 99.1011), con certe nave loro se possero in mare (ib. 109.27), offerero cierti duoni de argento per amore de quillo Dio (ib. 118.2122), se fece curare neccessariamente de certe soy ferute (ib. 152.2021), da uno canto [lato] erano certe grade [scale] de cristallo (ib. 199.29), poy chilli XV iuorni deveano celebrare certe feste sollempne exequiose (ib. 205.2627), voglyo che tu figlyo mio dige [debba] stare nascuso secretamente con cierti de li nuostri fidili (ib. 229.1415), lo re Menelao con certe delle soy nave se posse in viayo (ib. 230.3637), E quisto cavallo devea avere certe serrature facte coss artificiosamente (ib. 253.2728), a lo quale aveano date certe chyave a guardare (ib. 255.2526), Ulixe intese certi remury de la mollere soa Penelope (ib. 295.7 O), Avimo intise certe novelle no troppo grate ad nuy (Lettera5 15), De che la sua magesstate mand certe galee [navi] (con) uno inbassiatore (De Rosa 39r.31), nuy avimo certe grutte le quale se chiamano le Grutte dello re (id. 59r.1112), tucte cose [] quale se haveano da portare, cio certi sacchi, certi strame et certi canistri [cesti, canestri] (Brancati1 13.3536 14.1), Portando il cane in bocca certa carne (id. 70.2021), incontr certe busscaine [abitanti di Biscaglia] (Ferraiolo 84r.22), avevano conzertate [stabilito] certe tradimiente con li franzise (id. 106v.1718), Et l stette certe d [giorni] (id. 107v.6), fece certe atte in poysia [codice] (id. 132r.11), lo s(igniore) Virgilio Orzino sta assigiato [assediato] a sSan Civiere con sidice squatre de cavalle et certe balistriere (id. 138v.56). Come abbiamo visto sopra (cfr. 5.1.2.1) a proposito dellimpiego in antico del quantificatore alcuno/-a singolare che fu col tempo sostituito da uno/-a nel marcare i sintagmi rematici non specifici, cambiamento che possiamo con relativa sicurezza 192

situare intorno al Cinquecento, altrettanto avvenne ad alcuni/-e plurale sostituito da cierti (m. / f.), il quale compare in seguito sia con referenti specifici che non (Rohlfs 1968, 119; Castagna 1982, 87):39 carreja / Certa lotamma [letame] co na ciucciarella (Cortese1 6.11), Ora craie [domani] vengo co cierte autre ammice (id. 7.31), s cierte nnemmice (Cortese2 1.33), Peppo avea stipato [conservato] cierto ssale (id. 2.29), Vennero cierte musece famuse (id. 3.8), Pe bennere [vendere] a Cerriglio certa seta (id. 3.29), Vennero cierte brave recetante (Cortese3 5.21), corze a certe fate ammiche soie (Basile 400), dapo cierte poche mise (id. 830), alleccavano n terra cierto sanco (Oliva 71.80), Ed abbistato cierte ffico (Sarnelli 34), magnannose certe nocelle [nocciole] (id. 76), ciertamice hanno puosto n perecuoccolo [in primo piano] sta fratosa [malinconica] fatica mia (Rocco 4.3), Ora fuieno mannate a lo Mperatore da Crotone, n Calavria, cierte pollitre [puledri] (id. 8.5), Dapo fuieno rialata ad Augusto cierte cane da caccia da Spagna (id. 9.7), ha dato cierte llegge (id. 130.15), non se poteva asc [uscire] da cierti tiermene pe te fa cap (Cavalcanti 18), Nuje simme asciute pe f cierti spese (Scarpetta3 I.2), sento, arreto a cierti ffrasche [] nu remmore (Russo 40), Songo [sono] cierti sfugliatelle! (id. 68), avanzava cierti llire (id. 102), aggia [devo] fa cierti spese (De Filippo1 23), Aggio ntiso cierti remmore! (id. 39), Ce regalaine [regalarono] cierti bigliette (id. 111), Po me ne scappaie nzieme a ciertati napulitane (id. 224), certa semmenta carette [cadde] pa via (De Falco 21), Veco [vedo] ciertuommene ca camminano comme fossero rbere [alberi] (id. 38), le mannajeno cierti Fariseje (id. 53), Ce steveno pure cierti femmene ca tenevano mente [guardavano] a luntano (id. 69), si no cierte piccie [capricci] nunne pigliasse (Ruccello 111); isch. Pe pett cierte brutte purcarie (Castagna 1982, 87), Pe ciertalice denta na cugnette [barile] (id.), Figghiu mieie, cierte ccose tu a [devi] cap (id.). 5.1.3.4. Perifrasi Infine notiamo lesistenza di tutta una serie di perifrasi partitive volte allespressione della quantificazione indefinita. Fra i pi frequenti ricordiamo limpiego dei numerali da 1 a 7 (tutti con significato di alcuni/-e; Bichelli 1974, 6869; Iandolo 2001, 186), ossia dduje (m.) / ddoje (f.), dduje (m.) / ddoje (f.) (o) tre, (tre o) quatto, quatto o ccinche, cinche o sseje, seje o ssette, nonch le seguenti locuzioni quantitative (Bichelli 1974, 69; Iandolo 2001, 186): nu poco (poco) e, nu pucurillo e un pochino di, na picca e un poco di, nu paro e un paio di, cchi de nu (m.) / na (f.) diversi/-e, nu pzzico e, nu muorzo e un morso di, nu piezzo e un pezzo di. Eccone alcuni esempi rappresentativi: ppimo a [dovemmo] fare una picca [un poco] de chillo fatto ca sai tune (Epistola 183.18), y grande neccessario de vinire ad audireme quatto parole (De Rosa 62v.910), doie pare de case (Cortese1 2.10), Falle quatto carizze (Cortese4 1.19), te mprommetto fare quattro cascarde (id. 39), essa iette [and] ad abuscare quatto sproccola [prendere dei legnetti] (Basile 374), ogne picca de tiempo (id. 420), non passaro tre o quattanne che []
39

La forma femminile plurale certe, pur sopravvivendo fino allOttocento, entra in competizione con la forma maschile plurale cierti fin dal Seicento (p.es. cierte bone lezziune (Cortese1 I.3)) dalla quale stata ora definitivamente sostituita (v. anche 2.3.2.3.3.1).

193

(id. 974), dapo quatto carizzielle nsipete [sciocchi], se ne iette [and] (id. 186), trattienete cinco o sei iuorne (id. 504), me disse quatto parole (Sarnelli 24), nce farraje dare no paro de vulli lo bolli un poco (Cavalcanti 56), potennoce mettere pure dinta lo brodo quatto pani, e pignuoli (id. 57), piglia doje o tre rotola [= unit di peso di 36 once] de vongole (id. 39), no piezzo de lardo viecchio pesato (id. 21), no poco poco de sale (id. 83), v duje file de vermicielle (Petito1 X), Io sette otto vote mme so appiccecato [litigato] cu nove diece perzune (Petito2 IV), faccio quattove cu nu poco de muzzarella (Scarpetta 1 260), chillo me mena appriesso [butta addosso] sette o otto buatte [scatole] vacante (id. I.6), me so rimaste quattro solde dinta a la sacca [tasca] (id. I.3), venene no quatte cinche perzune (Scarpetta 14 III.3), Duie sciure [fiori] frische (Di Giacomo1 34), Faccio quatte passe anfi abbascio [fino gi] a marina (id. 66), Mme voglio i [andare] a sent nu muorzo e prreca [predica] (id. 48), Mme vaco [vado] a gghiuca [giocare] tre solde! (Viviani1 I), Cu duie tre colpe e tosse (Ruocco 58), fa nu muorzo e sunnariello? (Russo 44), me prumettette nu pare e chile e fagioli pe nuie (De Felippo1 177), Aggio avuto duie schiaffe tremende (id. 39), Tu he a dcere ddoie parole (id. 52), appiccia doie lignezzolle accendi un po di legnetto (id. 178), me vaco [vado] affitt ddoie cammere (id. 22), Nuie facimmo quatte passe (id. 217), Chillo, fra dduie tre ghiuorne o pappavallo [pappagallo] more (Di Maio8 II), quatto o cinche pagliette alcuni cappelli di paglia (Bichelli 1974, 69), chi de nacctteto diverse compre (id.), nu pucurillo e natta un poco di panna (id), voglio d(d)uje vermicilli (Iandolo 2001, 186), datemi nu paro e minuti (id.), quatto parole po ringarazzi (id.). Iandolo (2001, 187) osserva che mentre (d)doje / (d)duje possono indicare la quantit giusta o ridotta (p.es. (d)duje spaghetti un po di / una porzione di spaghetti, vulimme fa duie bucatini? (Santoro I), (d)doje parole e mme ne vaco poche parole e me ne vado, io vaggio da dicere doje parole (Scarpetta14 I.8)), quando ripetuti indicano invece una quantit molto esigua (p.es. pasta e ffasuli? Ne voglio dduje dujje ne voglio ben pochi), valore abituale apparentemente assunto anche dal numerale quatto (p.es. quatto zilli ncapo solo alcuni capelli in testa, capelli radi, quattossa scarno, quasi con unossatura di sole quattro ossa, quatto passi un po di passi, passeggiatina, Quatto gatte poca gente, quattro gatti (Andreoli [1887] 1993, 181), to cctte cu qutto srde lo compri per poche lire (Amato e Pardo 2001, 167)). Notiamo infine che, al pari dellitaliano, la quantificazione indefinita, perlopi non specifica, pu anche essere veicolata tramite linvariabile quarche / quacche (ad Ischia anche qua; Castagna 1982, 87), quantificatore che seleziona una testa nominale singolare: quarche travo rutto (Cortese3 373), ieva cercanno [andava cercando] [] quarche lemmosena pe mantenere la vita (Basile 372), Quacche malattia ha avuta av! [deve aver avuto] (Scarpetta1 113), nu mporta cavesse nchiurere [chiudere] lluocchie ncoppa quacche fissazione da soia (Di Giacomo1 48), Manco cchi te pu fa na parlatella / cu quacche Santa femmena! (Russo 91), sfrunnaie qualche camelia (Ruocco 58), Io laggio aperta pav quacche nutizia (De Filippo1 216); isch. cu qua pemmena ngiagghie con qualche foglia gialla (Castagna 1982, 87), Ognune cu qua ddente arruinete [rovinato] (id.), A quacche luoco lerio [largo] (id.). Quando seguito da cosa (de >) e, quarche / quacche assume il valore di un po di (cfr. anche lantico mand supplicando [] ch(e) sua maist se 194

volesse digniare de manderle de alcuna cosa de medicine (Ferraiolo 120v.8-10)): porta quacche cosa de denare (Scarpetta13 I.5), pe sabbusc [guadagnare] quacche cosa e denare (Riccora1 II.5). 5.1.4. Dimostrativi40 5.1.4.1. Sviluppi formali Al napoletano, come ai restanti dialetti centromeridionali, si suole attribuire un sistema dimostrativo ternario i cui tre membri continuerebbero direttamente le categorie semantiche di persona del sistema latino, sebbene gli esponenti formali di essi siano cambiati in maniera significativa, come ci rivela la Tabella 5.2.
Tabella 5.2: Sistemi dimostrativi latino e napoletano latino 1a persona 2a persona 3a persona
HIC ISTE ILLE

napoletano > (i)sto IPSU > (i)sso ILLU > illo


ISTU ECCU+ISTU ECCU+IPSU >

> chisto chisso ECCU+ILLU > chillo

Oltre alle forme rafforzate da riflessi di ECCU esposte nella Tabella 5.2,41 il napoletano presenta in varia misura anche forme semplici non rafforzate (ossia (I)STO, (I)SSO, ILLO), le prime impiegate in funzione sia adnominale che pronominale e le seconde quasi esclusivamente in funzione adnominale.42 Contrariamente alle varianti non rafforzate della 1a e 2a persona,43 le quali abbondano fin dai primi testi e specie nei testi in versi (p.es. isti carti / ista uncia (Scripta 34 / 45), sto dectato / isti facti / sta semana [settimana] (Regimen1 178 / 35 / 471), sto langore / issi mali (BagniN
40

41 42

43

V. Corti (1956, CLIV), Rohlfs (1968, 208), Compagna (1990, 217), Formentin (1998, 333 335), Iandolo (2001, 208). Si veda ora anche Vincent (1999) e, per un panorama generale dello sviluppo e della distribuzione dei dimostrativi nei dialetti centromeridionali nonch con particolare attenzione al napoletano nelle sue varie fasi diacroniche, Ledgeway (2004a), su cui la presente discussione in gran parte basata. Gi in latino si osserva una certa variazione libera nella distribuzione di tutte e tre le forme deittiche con le loro rispettive forme rafforzate da ECCU (Vincent 1999, 17). Davvero eccezionali sono i rari casi, tutti antichi, delluso pronominale delle forme semplici (p.es. illa mangiare dvenose sola (Regimen1 173), cum vino dolce e rubeo devese illa parare (ib. 285), acqua megllore de illa nulla trove (ib. 468)). Come in altre aree, nei primi testi campani il valore di ISSO, piuttosto che variante semplice del rafforzato CHISSO, si era specializzato perlopi come deittico testuale servendo a rinviare anaforicamente a un referente animato previamente introdotto nel discorso, perci con il senso di il suddetto / summenzionato (Rohlfs 1968, 211; Formentin 1998, 335; Barbato 2001, 196): ipso Bartholomeo (Scripta 5), Monstrase in essa pecora (Brancati2 208r.33), lo quale isso Idio io preo (RDF 135), Et con isso inbasciatore venne lo s(igniore) Gammillo Pannone (Ferraiolo 104r.15), per invencione isso Ioan Carllo portava in mano uno bastonetta (id. 127r.15), isso povero signiore vene a contesa co la regina (De Rosa 5v.12), et essa regina (id. 3v.1). Nei testi di data successiva, per, gli impieghi delle forme semplici (ossia sso, ssa, ecc.) rispecchiano pienamente quelli della forme rafforzate (ossia chisso, chessa, ecc.), le quali insieme a quelle semplici, oltre ai loro impieghi testuali anaforici, vengono anche adoperati in maniera pi generale per far riferimento al ruolo dellascoltatore.

195

99 / 479), sti bangni / sto luoco (BagniR 18 / 34), sto mese / sta tia minchia (Epistola 181.7 / 184.7), tucto sto male (LDT 53.19), esta vista dura / esti lochi scuri (Detto 10 / 40), sto pupolo / isso vero Criatore (RDF 12 / 27), sso tuo pompuso stare / sti dissiti [dissidi] (De Jennaro111.10 / 5c.26 (anomimo); v. Corti 1956, CLIV), ste denochia [ginocchia] / sti singnure / sta citate (De Jennaro2 35 / 73 / 199200), staltre cose / sti fitichi [cose puzzolenti] (Sannazaro1 24 / 48), ste sorte / sto gran cane / isse francise (Ferraiolo 79v.22 / 79v.29 / 124r.7); v. Corti 1956, CLIV; Vitale 1986, 24), la variante non rafforzata della 3a persona si rivela molto rara in quanto limitata ad un piccolo numero di esempi forniti da alcuni testi tre- e quattrocenteschi:44 illi libri (LDT 47.15), I primo illo vero Criature che onne cossa fece e criao / luy cavallo (RDF 16 / 30). Per quanto riguarda la distribuzione in napoletano antico delle forme rafforzate e di quelle non rafforzate di 1a e 2a persona nei loro usi adnominali, risulta abbastanza difficile individuare regole precise, soprattutto perch le nostre testimonianze testuali probabilmente evitano le forme semplici perch ritenute meno formali e pi tipiche della lingua parlata, come indicherebbe infatti luso maggiore di tali forme in opere quali lEpistola o Ferraiolo.45 Ciononostante, parrebbe abbastanza sicura innanzitutto una distinzione di tipo tonico (CHISTO, CHISSO) vs clitico (STO, SSO), dal momento che sono solo le forme rafforzate, e mai le forme clitiche semplici, a riscontrarsi nei contesti di enfasi pragmatico-semantica. Inoltre, un nostro spoglio effettuato su un campione di dieci testi dalla fine del Duecento alla fine del Seicento mette in evidenza un graduale aumento in diacronia delle forme semplici ai danni delle forme rafforzate nei lori impieghi adnominali:46
Tabella 5.3: Distribuzione delle forme rafforzate e semplici in funzione adnominale
CHISTO STO CHISSO SSO

BagniR LDT (pp. 4749) RDF (pp. 251) Braca Cortese1 Basile (pp. 10134) Sarnelli (pp. 14114) Oliva DAntonio (pp. 379429) Rocco (pp. 353)

70 210 190 3 25 1 8 28 19

17 1 8 53 131 189 100 61 54 65

1 8 14 0 13 3 3 6 1

6 16 7 10 15 20 6

44

45 46

Corrispondenti alle forme rafforzate chigghiu (m.sg.), cheggia (f.sg.), chegghie (f.pl.) CHILLO, Castagna (1982, 62) riporta per lischitano di Forio le forme semplici gghiu (m.sg.), gghia (f.sg.) e gghie (f.pl.), il cui significato pu indebolirsi talvolta a quello dellarticolo definito, situazione molto simile a quella rilevata da Rohlfs (1968, 209 n. 5) per il salentino ddu / dda (< chiddu / chidda). Nei dialetti dellestremo sud, invece, forme non rafforzate del semplice ILLU risultano usuali (Rohlfs 1968, 208209). Non neanche da escludere che a CHISTO e CHISSO nelle scritture corrispondessero STO / SSO nella pronuncia. Nel caso di opere particolarmente lunghe sono stati utilizzati, dove indicato, campioni testuali di 50 pagine.

196

Tale situazione si sviluppata ulteriormente nel dialetto moderno a tal punto che in funzione adnominale le forme rafforzate della 1a persona risultano oltremodo rare in quanto limitate ai contesti marcati, tendenza che varrebbe in modo pi generale per gran parte dei dialetti. Ad esempio, uno spoglio di Scarpetta 1, Di Giacomo1 e De Filippo1 conferma ancora oggi limportanza della prosodia nel determinare lalternanza tra forma rafforzata tonica e forma semplice atona. Basti considerare il fatto che sono solo le forme rafforzate (spesso rafforzate ulteriormente dallaccoppiamento dellavverbio di luogo cc qua), e mai le forme semplici clitiche, a riscontrarsi nei contesti di enfasi pragmatico-semantica come la topicalizzazione (p.es. E chestata lettera ched? (Scarpetta1 112), Io o saccio [so] ca chisto nu favore assaie speciale, ma vuie mme facite chesta carit e Dio ve naccresce bene ncoppa [su] chella figlia vosta! (Di Giacomo1 50), E vuie cu chesta calma mo dicite? (De Filippo1 152)) e la focalizzazione (p.es. Isso, primma de me spus, me laveva dicere che me faceva f chesta vita! (Scarpetta1 109), E lantico nnammurato e chestata femmena [] mha ditto tutto cosa (Di Giacomo1 85), No, sapite che d []? Ca io cu chistocchio cc (mostra quello destro) non ci sfessecheio [vedo] tanto bene (De Filippo1 205)). Infatti, su un totale di 369 esempi (Scarpetta1), 185 esempi (Di Giacomo1) e 236 esempi (De Filippo1) del termine tradizionalmente associato alla 1a persona, le forme clitiche e rafforzate si ripartiscono rispettivamente secondo le seguenti proporzioni: 323 / 46 (Scarpetta1), 171 / 14 (Di Giacomo1) e 208 / 28 (De Filippo1). Tali fatti ci inducono pertanto a concludere che la distribuzione delle due serie in funzione adnominale si stabilita nel dialetto moderno a seconda di una distinzione pragmatico-semantica, solitamente riflessa nella sintassi tramite un ordine di parole marcato (dislocazione a sinistra / a destra, anteposizione).47 Tuttavia, bisogna tener presente che nemmeno tutti gli esempi dellesiguo numero di occorrenze di CHISTO rilevate nei tre testi (ossia 88 occ.) mostrano usi produttivi di tale termine. Anzi, la met degli esempi presenta tre impieghi particolari con i sostantivi parte (meno spesso pizzo parte) (11 occ.), ora (meno spesso mumento) (22 occ.), e manera (11 occ.), i quali vanno considerati, a tutti gli effetti, lessicalizzati: Trase [entra] Miche, a chesta parte (De Filippo1 338), S, poco primma lo diceva cc, a chisto pizzo, parlanno co linquilino viecchio (Scarpetta1 22), E add vaco [vado] A chestora? (Di Giacomo1 161), E pecch proprio a chistu mumento? (De Filippo1 219), Comme, io me laggia [devo] spus e chella me tratta de chesta manera (Scarpetta 1 82). Non sar casuale che i sintagmi preposizionali (d)a chesta parte (oppure (d)a chesti pparte), a chestora e (d)e chesta manera corrispondano rispettivamente ai semplici avverbi lessicalizzati spaziale, temporale e modale qua / qui, adesso / ora e cos. Effettivamente, la lessicalizzazione di CHISTO in tali forme avverbiali, soprattutto temporali, fenomeno ampiamente diffuso in ambito italoromanzo, persino in quelle variet dove (CHI)STO ormai scomparso (v. Ledgeway 2004a, 3.1).
47

Distribuzione diversa identificata da Como (2007, 117118) per il montese, dove si impiega la forma rafforzata davanti a nome iniziante per vocale, tonica o atona, (p.es. [gest akkw] questacqua), e prevalentemente la forma semplice davanti a nome iniziante per consonante (p.es. [stu vrattS] (que)sto braccio).

197

Notiamo infine che quando impiegati in funzione adnominale i dimostrativi, al pari degli altri determinanti, continuano a marcare esplicitamente le categorie morfosintattiche del genere e del numero, le quali rimangono spesso sottospecificate altrove allinterno del sintagma nominale. Tali tratti di accordo vengono marcati in parte dal rafforzamento consonantico (maschile [+num.] e femminile plurale), dalla metafonesi (maschile singolare [-num.] e plurale) e dalle desinenze flessionali ([-u] (m.sg.), [-a] (f.sg.), [-i] (pl.), elise per davanti a vocale): chisti [f]iglie questi figli, chesti [ff]iglie queste figlie, chestu [ss]ale questo sale. Accanto alle forme [-num.] dette del neutro chesto (p.es. E chesto vasatarria [basterebbe] pe ppaga ntera / a namante norato (Oliva 19.235236)), chesso (p.es. Non saccio [so] pecchne se lo fa chesso (Epistola 183.89)) e chello (p.es. tutto chello che taggio scritto nnante (Cavalcanti 18)), si riscontra anche nei testi antichi (c)z / ci ci (Formentin 1998, 334): De vino nigro scr[ivo]te tucto o che -nde sento (Regimen 1 427), Lo re Menelao avisava multo de volere offendere Paris, e Paris, de z bene adonandose [accorgendosi] (LDT 174.3031), p(er) quillo modu che tte parer p(ro)cura de a cci p(ro)vedere (Lettera6 145), tucto ci vener buno (RDF 252). 5.1.4.2. Il sistema ternario del napoletano antico Come gi osservato sopra (v. Tabella 5.2) ed ulteriormente ribadito dalle varie descrizioni disponibili,48 il napoletano, almeno fino allOttocento, possedeva un sistema dimostrativo ternario le cui principali distinzioni dovevano basarsi, come quelle del latino classico, sulle tre persone grammaticali.49 Pertanto, si suole sostenere che CHISTO e CHISSO verrebbero impiegati rispettivamente per individuare sullasse spazio-temporale referenti in relazione positiva rispetto al solo parlante e al solo ascoltatore, mentre CHILLO individuerebbe invece referenti definiti negativamente rispetto ai due partecipanti allatto comunicativo. Concepito il sistema in questo modo, ci si aspetta pertanto una sovrapposizione esatta di ciascuno dei tre termini formali del sistema alle corrispondenti categorie semantiche di persona grammaticale. In realt, per, non si verifica una tale situazione dal momento che non di rado si attribuisce a tale sistema ternario un grado di confusione o incongruenza nellimpiego dei primi due termini del sistema. Ad esempio, Capozzoli (1889, 211 212) nota che sebbene il popolo ed anche talvolta gli scrittori adoprino indifferentemente luno per laltro gli aggettivi indicativi sto, chisto, sso, chisso [], tuttavia stimiamo pi acconcio avvalersi de due primi per denotare un oggetto vicino a chi parla [], e degli altri due per denotare un oggetto vicino a chi ascolta. In modo analogo, Rohlfs (1968, 208) asserisce che nel napoletano odierno chisso viene usato nel senso di chisto (e viceversa). Di conseguenza, si propone che il sistema di opposizioni personali sottostante al sistema dimostrativo del napoletano antico possa essere definito in maniera esau
48 49

V. Corti (1956, CLIV), Compagna (1990, 217), De Blasi (1995b, 183), Formentin (1998, 333), De Blasi e Imperatore (2000, 180). V. Vincent (1999, 13). Per semplicit, dora in poi verr indicato come napoletano antico la fascia cronologica del dialetto (dalle origini fino allOttocento) in cui vigeva tuttora un sistema dimostrativo ternario. La fascia cronologica successiva caratterizzata da un sistema di tipo binario verr indicato invece come napoletano moderno.

198

riente in base ai due tratti binari [1pers.] [2 pers.], come illustrato nella Tabella 5.4, e non in base alle tre persone grammaticali come si suole sostenere tradizionalmente (cfr. Tabella 5.2):
Tabella 5.4 Sistema ternario del napoletano antico
CHISTO CHISSO CHILLO

1 2

Esclusivo + -

Inclusivo + +

Esclusivo +

Inclusivo + +

Esclusivo -

Senza dubbio, il numero di contrasti e di opposizioni previsto dalla rappresentazione del sistema riportato nella Tabella 5.4 risulta maggiore a quello tradizionalmente previsto (cfr. Tabella 5.2 di cui sopra). 5.1.4.2.1. CHILLO Il terzo termine CHILLO marca una categoria esclusiva, individuando invariabilmente referenti situati allesterno delle sfere deittiche sia del parlante che dellascoltatore. Per esempio, in Costantino ademanda lo cavalire come fo che ve trovastevo da chelle vande [parti]? (RDF 51), le coordinate spaziali di Costantino (parlante) e del cavaliere (ascoltatore) al momento dellenunciazione risultano diverse da quelle di interesse a Costantino nel suo interrogare il cavaliere su una sua precedente posizione. Analogamente, in Cianna mia, porta chille ciefare [cefali] (Sarnelli 28), sia il parlante che lascoltatore stanno seduti a tavola nella sala da pranzo, mentre i cefali che lascoltatore pregato di andare a prendere si trovano invece nella cucina. importante per tener presente come il sistema deittico napoletano differisca da quello dellitaliano comune, il quale, basato su una semplice distinzione binaria, individua referenti in relazione positiva o negativa rispetto al solo parlante (v. Maiden 1995, 115; Vanelli 1995, 324; Berretta 1996, 206; Maiden e Robustelli 2000, 83): QUESTO [+1pers.] vs QUELLO [-1pers.]. A livello linguistico non vengono fornite perci informazioni sul rapporto tra la localizzazione del referente indicato e la localizzazione dellascoltatore. Di conseguenza, mentre QUELLO dellitaliano comune rimane neutro per quanto riguarda le coordinate spazio-temporali dellascoltatore, le quali possono venire o incluse o escluse dalla sua sfera di riferimento, ma in ogni caso non codificate grammaticalmente dal sistema, CHILLO del napoletano antico esclude esplicitamente il riferimento al ruolo dellascoltatore, nonch, ovviamente, del parlante, ossia [-1pers., -2 pers.]. Ne consegue che litaliano QUELLO non traduce, se non parzialmente, il napoletano CHILLO. Interpretando, ad esempio, lultimo esempio in termini del sistema deittico dellitaliano sostituendo chille con quei, il risultato semantico alquanto diverso. In particolare, quei potrebbe assumere un valore esclusivo per cui lascoltatore assieme al parlante verrebbe posto sullasse spaziale in relazione negativa rispetto al referente, oppure potrebbe assumere un valore inclusivo per cui lascoltatore si situerebbe poi in un luogo definito positivamente rispetto al referente ma lontano dal parlante. In altri casi, limpiego di CHILLO appartiene alla deissi testuale, per cui il contesto situazionale viene sostituito dal discorso, cosicch il centro deittico pu spostarsi man mano che si spostano e si evolvono le coordinate del discorso. In tali casi la 199

funzione di CHILLO risulta essenzialmente anaforica, rinviando a referenti precedentemente introdotti nel contesto linguistico (p.es. staie commodo pe dareme chille quatto picciole [soldini]? (Basile 102), porta chillo fiasco de Lagrema (Sarnelli 3638)), oppure considerati a far parte delle conoscenze comuni condivise dai partecipanti allatto comunicativo (p.es. Adunca, ve astinate da quelle cose de le quale lo fine serr dolore de amara morte (LDT 92.2829), avite pillata la fede de chillo dio che moro a la croce (RDF 6), sarria morta cessa [subito], se tu non me sanave da chella feruta (Sarnelli 100)). 5.1.4.2.2. CHISTO e CHISSO I primi due termini CHISTO e CHISSO, oltre ai loro usi canonici, o meglio esclusivi come li definiremo dora in poi, che pongono rispettivamente un referente in relazione positiva al solo parlante e al solo ascoltatore, conoscono anche degli impieghi inclusivi. Come vedremo in maggior dettaglio sotto, la sfera spazio-temporale di riferimento individuata da CHISTO pu essere compresa per includere non solo il parlante ma anche lascoltatore, e in maniera analoga quella di CHISSO pu essere compresa per includere non solo lascoltatore ma anche il parlante. La differenza tra i due termini nei loro usi inclusivi, certo sottile, risiede perci nel fatto che nel primo caso il centro di attenzione deittica viene a ricadere sul parlante, mentre nel secondo caso viene a coincidere collascoltatore. Nelle loro funzioni esclusive, CHISTO e CHISSO si limitano a individuare referenti collegati in relazione positiva con il solo parlante (p.es. levame sto frusciamiento [fastidio] de spalle! (Basile1 44)) e il solo ascoltatore (p.es. mo te levo / sso dolore che siente (Oliva 25.109110)), rispettivamente. In altri casi, per, un determinato referente pu risultare compatibile con le sfere deittiche sia del parlante che dellascoltatore, come avviene spesso negli atti conversazionali in cui entrambi i partecipanti allatto comunicativo occupano lo stesso territorio spazio-temporale. Di conseguenza, mentre CHISTO pone senza dubbio un referente in relazione positiva rispetto al centro deittico del parlante, ci non toglie che il referente possa contemporaneamente rientrare anche nella sfera deittica relativa allascoltatore, bench il centro di attenzione deittica continui sempre ad identificarsi con il parlante. In maniera analoga, CHISSO identifica un referente in relazione positiva rispetto allascoltatore, ma lo stesso referente pu anche ritrovarsi allinterno della sfera deittica del parlante. In tali circostanze, CHISTO e CHISSO vengono adoperati nelle loro funzioni dette inclusive, per cui appaiono indistinguibili in quanto entrambi specificati positivamente per i tratti [1pers.] e [2pers.]. Ci d luogo allinterno del sistema a una notevole sovrapposizione che permette di realizzare sottili cambiamenti di enfasi tramite una scelta discriminata tra CHISTO e CHISSO. I casi pi chiari di tale impiego inclusivo si trovano in esempi contenenti possessivi come i seguenti: de queste toy promissiune voglyonde essere certa e secura (LDT 60.2122), Non me credate atterrire con queste vostre pagure (ib. 59.3031), de la pace de quisto re tuo Priamo poco ne curamo (ib. 85.12), e pe sta bella grazia toja te vorria servire (Sarnelli 88), io sperare voglio / caverr da feni co ccontentezza / stamore tuio (Oliva 30.220222). Allinterno di un sistema ternario concepito secondo quanto esposto nella Tabella 5.2 in cui tradizionalmente previsto un termine specializzato nellindividuazione 200

della sfera dellascoltatore, c da aspettarsi a priori che qualsiasi referente accompagnato da possessivo di 2a persona venga sistematicamente individuato da CHISSO. Per lappunto nelle frasi appena riportate osserviamo referenti accompagnati da un possessivo di 2a persona che li pone naturalmente, a tutti gli effetti, in relazione positiva rispetto allascoltatore. Per, daltro canto, gli stessi referenti sono anche individuati da CHISTO, il quale dovrebbe invece situarli nella sfera deittica del solo parlante. Una semplice analisi composizionale secondo la quale il possessivo sarebbe specificato [+2pers.] e CHISTO [+1pers.] condurrebbe pertanto ad unovvia contraddizione. Se, invece, a CHISTO viene riconosciuto in tali esempi un valore di 1a persona plurale inclusiva, lapparente contraddizione viene eliminata. Per esempio, i referenti indicati nei cinque esempi appena riportati, pur risultando senza dubbio attinenti allascoltatore che viene pertanto automaticamente incluso nella sfera deittica individuata, rientrano per sullasse sia temporale sia psicologico anche nella sfera deittica del parlante verso cui viene diretta lattenzione del lettore mediante luso di CHISTO. Nel primo, ad esempio, le promesse sono state fatte dallascoltatore al parlante, il quale ora pu essere ritenuto al momento dellenunciazione il ricevente o possessore di tali promesse. Leffetto quindi la condivisione di un interesse comune da parte di entrambi i partecipanti allatto comunicativo per le promesse in questione e uninterpretazione inclusiva concomitante di CHISTO. Spiegazioni analoghe valgono per i due esempi successivi in cui il parlante costituisce il destinatario (o ricevente) delle paure e della generosit che hanno origine nellascoltatore. Per contro, il quarto esempio presenta un esempio di deissi testuale in cui il re Castore (il parlante) scarta gli sforzi che Antenore (lascoltatore) fa, per conto del suo re (Priamo), allo scopo di prevenire la guerra con i greci. Il senso perci di quisto re tuo Priamo sarebbe il tuo re Priamo di cui mi hai parlato / abbiamo parlato. Osservazioni simili si applicano allultimo esempio in cui la presenza di CHISTO segnala linclusione del parlante nella condivisione di informazioni sulla vita sentimentale dellascoltatore, per cui la frase stamore tuio assume il significato di il tuo amore di cui mi parli / parliamo. Al contrario, si riscontrano esempi in cui CHISSO viene collocato insieme a possessivi di 1a persona quale Quisso mio patre (LDT 94.22), quissi nuostri nemici (ib. 94.19). Qualora il deittico venga semplicemente inteso come [+2pers.], tali esempi rimangono del tutto inspiegabili dal momento che il referente individuato risulta senza dubbio attinente anche al parlante. Comunque sia, se CHISSO viene inteso con valore inclusivo comprendente le sfere deittiche sia del parlante che dellascoltatore, lapparente paradosso sparisce completamente. In particolare, CHISSO in questi due esempi viene impiegato con una funzione deittica testuale, per cui rinvia a un referente gi stabilito nel discorso e quindi noto ad entrambi i partecipanti allatto comunicativo: ne consegue che il significato implicito in questi esempi mio padre / i nostri nemici di cui vi parlavo / parlavamo (v. anche Vincent 1999, 12). Particolarmente significativi a questo riguardo sono contrasti come quello esemplificato nella seguente coppia minima: Adunqua, ve plaza oramay moverevo da quessa vostra opinione (LDT 216.33) vs Adunca, se ve place, signore, astinateve da questa vostra oppiniune (ib. 94.3334). In tutti e due gli esempi il parlante chiede allascoltatore di abbandonare una determinata opinione. Sebbene lopinione in questione appartenga indubbiamente allascoltatore, il parlante, avendola sentita 201

esprimere nel discorso precedente, pu in un certo senso essere inteso come il destinatario / ricevente di essa. Pertanto possibile concludere che entrambi i partecipanti allatto comunicativo condividono un interesse comune per lopinione in questione. Tuttavia, malgrado i contesti situazionali a tutti gli effetti identici in cui vengono enunciati entrambi gli esempi, quessa viene adoperato nel primo e questa nel secondo. Tale variazione mette in evidenza i vari gradi di enfasi che si possono comunicare mediante tale sistema. Nel primo esempio lopinione viene posta in relazione positiva rispetto allascoltatore, il quale costituisce il centro di attenzione poich ideatore dellopinione. Ciononostante, limpiego di quessa qui risulta inclusivo in quanto lascoltatore ha condiviso tale opinione con il parlante. Nel secondo esempio, per contro, lopinione dellascoltatore viene individuata da questa, il cui effetto consiste nellallontanare il centro di attenzione dallascoltatore per farlo coincidere invece (sullasse temporale / psicologico) prevalentemente con la sfera deittica del parlante. Possiamo concludere pertanto che limpiego di quessa nella prima frase serve in un certo senso a mettere in primo piano lattenzione diretta verso lascoltatore (a tal proposito risulta anche significativo limpiego dellinfinito flesso moverevo), mentre nella seconda frase luso di questa mette in evidenza linteresse del parlante per lopinione dellascoltatore. Un altro sottile contrasto si osserva nella seguente coppia minima, in cui il parlante (Silvia) interroga lascoltatore (Dafne) circa lamore non corrisposto di Aminta per questultima e lodio riservato da Dafne per lui: o che se sbota [cambia] / pamore dautra, o pe chissodio tuio? (Oliva 13.9495), di fronte a Da dove nasce / chistodio tuio? (id. 14.121122). Limpiego di chiss nel primo esempio pone il centro di attenzione sullascoltatore, laddove leffetto dellimpiego di chist nel secondo esempio mette in rilievo il coinvolgimento e linteresse da parte del parlante per la situazione difficile di Dafne. Tale variazione sostiene ulteriormente la nostra proposta che il riferimento alla sfera deittica relativa allascoltatore vada identificato non solo con CHISSO ma anche (e come vedremo in seguito, pi frequentemente) con CHISTO. Nel complesso, la deissi testuale parrebbe quindi costituire un contesto frequente in cui si nota una notevole sovrapposizione di CHISTO e CHISSO, anche quando mancano, al contrario degli esempi precedenti, termini possessivi che mettano in rilievo il loro valore inclusivo: (con CHISTO) Che vole dicere questo? [questo che ti ho appena detto?] (LDT 88.25), tucto questo che eo ve ayo dicto serr verdate [verit] (ib. 92.32), Ora sacce [sappi] ca sto prencepe, che taggio mentovato [menzionato], na pentata criatura chiammato Tadeo (Basile 12); (con CHISSO) Saciati [sappiate] che quisse duy ante [prima] foro disipuli a lo nustro Salvatore [questi due, di cui parlate, prima furono ] (RDF 5), Fillo mio, tu y fatto male a tornare a chesa fede chey coss falacie [questa fede, di cui mi hai scritto, ch] (ib. 6), Per mie f, duca, tu my mo mo inamorata de quisse payse coss belle [questi paesi cos belli, che mi vieni descrivendo] (ib. 74), Comme se chiamma sso gra mastro? [questo gran maestro di cui hai parlato?] (Oliva 43.25). In tali esempi non risulta possibile in termini assoluti stabilire in base alle circostanze dellatto comunicativo il referente individuato da CHISTO o CHISSO. Lidentit del referente va invece stabilita anaforicamente tramite il rinvio relativo a qualche punto specificato nel discorso precedente. In linea di massima, la funzione 202

di CHISTO e CHISSO in tali esempi risiede perci nellindividuazione di un determinato referente, la cui esistenza stata previamente stabilita nel contesto linguistico e perci gi noto ai partecipanti allatto comunicativo. Tale meccanismo viene illustrato in maniera molto chiara in due degli esempi di cui sopra, dove CHISTO accompagnato da una frase relativa in cui il parlante ricorda esplicitamente allascoltatore lintroduzione del referente nel discorso che precede. Comunque, che venga adoperato CHISTO o CHISSO, entrambi assumono grosso modo la medesima funzione in quanto segnalano uno scambio e una condivisione di informazioni tra i partecipanti allatto comunicativo. Lunica differenza tra i due termini consiste nel fatto che CHISTO pone il centro di attenzione deittica sul parlante, laddove CHISSO lo pone sullascoltatore. Significativi a tal riguardo sono esempi come E che termene so chisse, che parole songo [sono] cheste che me dice? (Sarnelli 100), dove lo spostamento del centro di attenzione deittica dallascoltatore verso il parlante attraverso gli impieghi rispettivi di CHISSO e CHISTO allinterno dello stesso enunciato evidenzia la quasi equivalenza di entrambi i termini deittici adoperati con il loro valore inclusivo. In particolare, sia chisse che cheste in tale esempio rinviano alle parole appena pronunciate dallascoltatore e dirette verso il parlante. Si intende che tali parole coinvolgano o interessino indubbiamente sia il parlante che lascoltatore. Concludiamo perci che le parole rientrano in una comune sfera deittica condivisa da entrambi i partecipanti allatto comunicativo, per cui tanto CHISSO quanto CHISTO risultano ugualmente idonei alla localizzazione di esse in virt dei loro valori inclusivi. Sovrapposizioni tra le funzioni inclusive di CHISTO e CHISSO non si restringono solo alla deissi testuale ma interessano ugualmente gli usi deittici contestuali dei due termini. Per esempio, tanto CHISSO (p.es. me deranno la potencia a mene che io te aiute de chesso grano male tuo (RDF 5), O amico, vuy-me tu iprestare quessa lancia? (ib. 31), Lassa andare quesse toe molestie (Brancati1 18.6), Damme de ssacqua fresca nautro surzo (Cortese1 18.24), Tienete sso buono veveraggio [compenso] (Basile 314), sso ffegnere tuio / Ma che cchianto sso tuio? (Oliva 13.108 / 80.125), Io nabburlo, ma tu co sso pretesto / lammore mio nazziette (id. 50.180181)) quanto CHISTO (p.es. vorria che questa cosa romanesse, e che vuy ve reposassevo da questa impresa (LDT 64.1718), Ammazza, ammazza, sti lupacchiuni! (Braca 850), Che farrai nfelice? sauta sto fuosso! auzate de sto nietto [guaio]! (Basile 64), E non se vregogna no paro tujo de perdere lo tiempo a ste bagattelle? (Sarnelli 14), lo buono essere tujo tha portato a sto luoco, ad essere Regina (id. 60), Sto sospetto ddo te vene / chio pozza dire chello che te spiace? (Oliva 47.104105), che te spiace che te leva / sta bella grolia [gloria]? (id. 79.110111)) possano individuare referenti definiti positivamente in relazione alla localizzazione fisica dellascoltatore, oppure indicano in senso pi generale referenti considerati attinenti allascoltatore. Le frasi differiscono tuttavia in quanto il centro di attenzione deittica viene diretto verso lascoltatore negli esempi con CHISTO, ma verso il parlante negli esempi con CHISSO . Tale sovrapposizione colpisce ancora di pi quando si considerano i referenti inalienabili (parti del corpo, abbigliamento, qualit personali, ecc.), i quali possono identificarsi in senso fisico soltanto rispetto alluno dei partecipanti allatto comunicativo. Come ci si potrebbe aspettare, referenti inalienabili relativi allascoltatore possono venire individuati da CHISSO: Che sangue ey quessa de lo naso? (RDF 95), 203

Voglio schitto [soltanto] vedere ssuocchie tuoje, / chissuocchie belle, ssuocchie de farcone, / Channo chestarma mia posta mpresone (Cortese1 53.21), Vascia [abbassa] ssa voce, e schiaffate ssa lengua dereto (Basile 112), Perz auza la tela de sso cuoiero fetuso e famme vedere lapparato de sse bellizze, leva leva le frunne da coppa [sopra] sso sportone e famme pigliare na vista de ssi belle frutte; auza sso portiero e f trasire [entrare] stuocchie a bedere la pompa de le meraviglie! (id. 364), scuopreme ssuocchie [i tuoi occhi] de farcone pellegrino e lassale pascere de sto core [il mio cuore]! (id. 51.67), E stipate [consrvati] ssa vocca pe le ffico (Sarnelli 164), tammollesca / sso core chaie de fierro (Oliva 12.9192), Perdona, o bella Sirvia, a chesta mano [la mia mano] si ha troppo ardire de tocca sse ccarne [la tua carne] (id. 64.8182). In tali esempi il parlante stabilito in senso assoluto come il centro deittico, per cui lindividuazione di un oggetto di possesso inalienabile relativo allascoltatore viene segnalata mediante limpiego di CHISSO. Tale osservazione risulta tanto pi palese nel secondo, quarto, quinto e ottavo esempio dove vengono contrapposti oggetti inalienabili relativi sia al parlante che allascoltatore: quando viene fatto riferimento a un oggetto inalienabile attinente al parlante si impiega CHISTO, ma quando il possessore di un determinato referente viene identificato con lascoltatore si ricorre a CHISSO. Cionondimeno, si ricorre spesso anche a CHISTO per lindividuazione di referenti inalienabili attinenti allascoltatore, sebbene, contrariamente agli esempi appena riportati, il centro di attenzione deittica in tal caso metta in rilievo anche il coinvolgimento o linteresse del parlante: Lacqua la quale bivinci [ci bevi], tllete sto langore (BagniR 153), quanno sti belluocchie tuoie vedette [vidi] (Cortese1 63.24), tassesto sto jeppone [giubbone] (id. 77.10), Crisce, crisce, prencepe mio, no chi, no chi! scumpe [smetti] sto trivolo [piagnucolio], stoiate [ascigati] stuocchie, lassa la collera, stienne sto musso [asciuga (que)sto muso] (Basile 64), Crisce, bella figliola mia, no strudere [rovinare] sta bellezza chiagnenno [piangendo] (id. 114), Se tu vuoi fare a muodo de sta capo [questa] pazza, io te sarraggio [sar] mamma (id. 126), Chi tha fatto ste belle scarpette? [queste belle scarpette che porti] (Sarnelli 38), pe ssanarete tu mo sta freve [febbre] (DAntonio 418.3). Infatti, in alcuni casi addirittura possibile rilevare la compresenza di entrambe le strategie deittiche allinterno della stessa sezione di dialogo: iettame [dammi] cinco ventose [baci] a ste lavra [le mie labbra] co ssa bella vocca [la tua bocca]! Non voglio autra scergazione [palpeggiamento] a sta vita che na maniata [carezza] de sta manzolla [la tua manina] (Basile 58). Nella parte iniziale dellesempio viene marcata esplicitamente lopposizione deittica tra le labbra del parlante da un lato e la bocca dellascoltatore dallaltro mediante i rispettivi impieghi di ste e ssa. Nella parte successiva, in confronto, non si constata pi alcunopposizione di possesso inalienabile tra i partecipanti allatto comunicativo e, di conseguenza, lindividuazione della manina dellascoltatore viene indicata semplicemente da CHISTO, non essendoci nessun pericolo di fraintendimento e perci nessuna necessit di ricorrere a CHISSO. Tali esempi forniscono pertanto una prova convincente del fatto che il termine deittico non marcato relativo allascoltatore costituito da CHISTO, in quanto le forme rivali di CHISSO rappresentano varianti marcate limitate a contesti in cui necessario dirigere particolare attenzione verso lascoltatore. 204

Per converso, si osservano casi, sebbene alquanto infrequenti, in cui si ricorre a per individuare un referente inalienabile relativo al parlante: Aggiate [abbiate] vuje piet de chisso core, / Vuje che sentite sti chiante [pianti] e sospire (Lo Spassatiempo Giornale 18751880, Capozzoli 1889, 211), E si pe fforza chessa mano avraje, / Sto core no sper maje e po maje (Michele Zezza, 17801837, id.). In tutti e due gli esempi vengono adoperati entrambi i termini deittici al fine di indicare referenti inalienabilmente collegati al parlante, bench la scelta tra i due termini non risulti casuale. chiaro che nel primo esempio il cuore e i pianti e sospiri in questione appartengono al parlante. Comunque sia, in senso metaforico il parlante, grazie al suo senso di franchezza e di sincerit, ha aperto il proprio cuore allascoltatore quando lo prega di dimostrargli piet nel suo momento di dolore e di sofferenza. Leffetto di chisso in questesempio serve perci in qualche modo a sottolineare lattenzione diretta verso lascoltatore a cui viene concesso di accedere al cuore del parlante. Contrasto simile si constata nel secondo esempio: con riserva la parlante concede che, sebbene il suo corteggiatore indesiderato (lascoltatore) riesca forse a prenderla come moglie (mano), non riuscir mai a conquistare il suo amore (cuore). Perci viene adoperato chessa nel primo caso in cui si riconosce a malincuore la concessione della mano allascoltatore, ma chisto nel secondo caso dove il cuore rimarr sempre irraggiungibile per lascoltatore. Concludiamo pertanto che in tutti e due gli esempi CHISSO non funge semplicemente da deittico relativo allascoltatore ma indica invece referenti situati nella sfera fisica / psicologica di entrambi i partecipanti allatto comunicativo, pur sottolineando in ultima analisi il ruolo dellascoltatore.
CHISSO

5.1.4.2.3. Panorama generale Oltre ai loro impieghi canonici in cui CHISTO e CHISSO individuano referenti relativi al solo parlante e al solo ascoltatore, abbiamo stabilito che ambedue si prestano anche a un impiego detto inclusivo, secondo il quale la loro sfera di individuazione deittica si estende per includere rispettivamente lascoltatore e il parlante. Sebbene le loro funzioni specifiche convergano in tali contesti, CHISTO e CHISSO continuano ciononostante a essere contraddistinti dalla rispettiva enfasi che richiamano sul parlante o sullascoltatore. Tuttavia, come notato per primo da Vincent nel suo studio inedito della deissi nei Ricordi di Loise De Rosa, la distribuzione del termine relativo allascoltatore risulta alquanto limitata in quanto caratterizzata da una frequenza testuale molto bassa: mentre CHISTO e CHILLO rappresentano luno il 62% (114 occ.) e laltro 33,2% (61 occ.) sulla totalit di occorrenze di dimostrativi rinvenute nel suo spoglio, le occorrenze di CHISSO costituiscono invece soltanto il 4,8% della casistica. Le conclusioni di Vincent vengono ribadite inoltre dallindagine maggiore effettuata in Ledgeway (2004a, 2.2.3) sulla frequenza di tutti e tre i termini deittici del sistema dimostrativo condotto sullo stesso campione di dieci testi (ca. fine Duecento fine Settecento) adottato per la Tabella 5.3 di cui sopra. Sebbene i diversi dimostrativi non ricorrano con una frequenza identica in tutti e dieci i testi, il che rispecchia presumibilmente la natura non omogenea degli stili narrativi adoperati in ciascun testo, il quadro generale che si ricava risulta abbastanza regolare per quanto riguarda il termine deittico relativo allascoltatore. In particolare, CHISSO esibisce 205

sistematicamente una frequenza molto bassa al confronto di quella rilevata per gli altri due termini del sistema (ossia CHISTO: 64,3%, e CHILLO: 29,3%): esso infatti non supera in genere il 10% della casistica dei singoli testi e raggiunge una media complessiva solo del 6,4% per tutti e dieci i testi esaminati.50 Queste osservazioni circa la distribuzione di CHISSO sono per parecchio sorprendenti. Data lalta frequenza in generale della deissi di 2a persona in tali testi, specie per il largo uso di dialogo e il frequente coinvolgimento del lettore da parte del narratore, ci si potrebbe aspettare a priori di rinvenire un numero proporzionalmente alto di occorrenze del dimostrativo relativo allascoltatore. Invece, tale dimostrativo caratterizzato da una frequenza testuale talmente bassa che pare non solo legittimo ma anche preferibile ritenere CHISSO un termine spiccatamente marcato per sottolineare il riferimento deittico al ruolo dellascoltatore. Infatti, sulla base dello stesso spoglio testuale impiegato per la Tabella 5.3 di cui sopra, un paragone delle occorrenze di CHISTO e di CHISSO nei loro impieghi di deissi contestuale in cui individuano referenti attinenti alla sfera deittica relativa al solo ascoltatore (frasi del tipo DIMOSTRATIVO + camicia dove si ricava in maniera inequivoca che questultima indossata dallascoltatore) ha rivelato un quadro molto sistematico (v. Ledgeway 2004a, 2.2.3). Al contrario di CHISSO, CHISTO esibisce una frequenza testuale molto alta, rappresentando oltre il 50% della casistica in singoli testi e una media complessiva del 66,4% per tutti e dieci i testi spogliati. Tali cifre lasciano sottintendere pertanto che nel caso non marcato i referenti attinenti alla sfera deittica relativa allascoltatore vengono in genere individuati da CHISTO (valore inclusivo), mentre il ricorso a CHISSO rappresenta lopzione marcata restringendosi ai casi in cui risulta necessario porre una certa enfasi sul ruolo svolto dellascoltatore. Infatti, una volta escluso limpiego generalizzato di CHISSO per indicare referenti relativi alla sfera deittica dellascoltatore, ne consegue che lunico dei due rimanenti deittici idoneo a individuare lascoltatore sia effettivamente CHISTO, siccome CHILLO definito negativamente in relazione ad entrambi i partecipanti allatto comunicativo. Siamo pertanto costretti a concludere, in base allalta frequenza testuale di CHISTO e CHILLO di fronte alla frequenza notevolmente bassa caratterizzante CHISSO, che le opposizioni deittiche fondamentali del sistema dimostrativo nel napoletano antico sono organizzate a livello binario, ossia CHISTO vs CHILLO, in quanto qualunque tentativo di integrare CHISSO in tale sistema, come si visto, lascia inspiegata la sua relativa rarit testuale. Si tratter quindi di un sistema binario (cf. Tabella 5.5), dove la distinzione fondamentale oppone da un lato CHISTO indicante prossimit (spaziale, temporale o psicologica) al parlante e allascoltatore nelle sue funzioni inclusive, e dallaltro CHILLO indicante distanza (spaziale, temporale o psicologica) da entrambi i partecipanti allatto comunicativo.

50

Manca addirittura un singolo esempio di (CHI)SSO in determinati testi come, ad esempio, LAFGP, Masuccio, Brancati2 (Barbato 2001, 196) e Galeota (Formentin 1987, 69). Similmente, presso il quattrocentesco Lupo (v. Compagna 1990, 217) si rileva un singolo esempio di CHISSO (ovvero Quissi che vanno denante de me []), il quale, significativamente, ricorre probabilmente nel senso di questo .

206

Tabella 5.5: Rappresentazione binaria del sistema dimostrativo del napoletano antico
CHISTO CHILLO

1a persona 2a persona

Dunque, qual il ruolo di CHISSO? Secondo quanto esaminato finora, CHISSO andrebbe considerato rappresentativo di una categoria marcata ed enfatica di individuazione della sfera deittica relativa allascoltatore, capace esclusivamente di sottolineare lattenzione diretta verso lascoltatore in contesti particolari (p.es. contrasti, paragoni) in cui limpiego di CHISTO con funzione inclusiva non sarebbe adatto. Oltre a individuare la sfera deittica del solo ascoltatore, abbiamo dimostrato, sulla scia di Vincent (1999), come la sfera di individuazione deittica di CHISSO possa anche estendersi ad includere il ruolo del parlante, specie quando si avverte la condivisione o lo scambio di un dato referente tra i partecipanti allatto comunicativo. Proponiamo perci che in napoletano antico il riferimento alla sfera deittica relativa allascoltatore venga non necessariamente, o comunque non spesso, segnalato da una categoria morfosintattica distinta. Referenti in relazione positiva rispetto allascoltatore si trovano invece soggetti ad una categorizzazione alquanto fluida, rientrando, nel caso non marcato, nella categoria che unisce indiscriminatamente entrambi i partecipanti allatto comunicativo (CHISTO), oppure, e a quanto pare in maniera molto pi rara, nella categoria specializzata nel riferimento allascoltatore (CHISSO). Si noti che la nostra interpretazione del sistema dimostrativo dellantico napoletano trova perfetto riscontro con i fatti relativi ai vari rimaneggiamenti avvenuti allinterno del sistema dei dimostrativi nel periodo tardo latino / romanzo (per cui v. Vincent 1999, 15sgg.; Ledgeway 2004a, 2.2.4). In breve, con la perdita di HIC (in gran parte dovuta senzaltro agli effetti erosivi del mutamento fonetico), che doveva occupare il centro deittico, lo spazio deittico occupato da esso venne direttamente ereditato dalla sfera di ISTE. Cos si spiega come ISTE venisse nel tardo latino a indicare il ruolo del parlante. Implicita in tale analisi per lulteriore implicazione che ISTE non pass semplicemente ad indicare il ruolo del parlante in seguito alla scomparsa di HIC, come si suole sostenere, ma, ereditando lo spazio deittico di HIC, conobbe unespansione della propria sfera di riferimento oltre la tradizionale 2a persona, per poi includere anche la 1a persona. Di conseguenza, si cre unespansione parallela del centro deittico, in origine ancorato esclusivamente al ruolo del parlante fino alla sopravvivenza di HIC, per includere ora anche il ruolo dellascoltatore. Il risultato quindi una categoria di 1a persona inclusiva (ECCU+)ISTU, come ci testimoniano gli impieghi inclusivi di CHISTO del napoletano antico osservati in precedenza. In seguito alla ricategorizzazione di ISTE nel latino tardo, entr nel sistema dimostrativo in certe parti del territorio romanzo un nuovo termine per marcare la 2a persona, ovvero (ECCU+)IPSU. Al contrario dellopinio communis che, stranamente, suole identificare il valore deittico di 2a persona del nuovo termine con IPSE, aggettivo di identit e/o rafforzativo privo in origine di qualsiasi valore deittico, Vincent (1999, 1718) riporta invece il valore deittico di 2a persona proprio al presentativo ECCE > ECCU . Come tiene a sottolineare, questultimo, al pari dellitaliano ecco, si distingue in senso deittico per il proprio riferimento inerente allinterlocutore 207

(cfr. anche il fr. voici / voil < voi(s) vedi! (imp.) + -ci / -l qui / l). Serve infatti secondo losservazione di Parenti (2001, 182) per richiamare lattenzione dellascoltatore su un referente che si trova o che compare nel campo di percezione dellascoltatore stesso. Invece, IPSE il cui valore in latino si divideva tra lenfatico e il contrastivo, si prestava naturalmente ad un eventuale uso rafforzativo del nuovo termine deittico di 2a persona ECCU. In seguito, in analogia con la struttura semantica degli altri due membri del sistema dimostrativo ECCU (rafforzativo) + ISTU / ILLU (valore deittico), secondo Vincent loriginaria struttura interna del deittico marcante la 2a persona, cio ECCU (valore deittico) + IPSU (rafforzativo), fu col tempo rianalizzata anchessa sulla falsariga degli altri due termini del sistema, ossia ECCU (rafforzativo) + IPSU (valore deittico). Infine, data lesistenza di varianti rafforzate e meno per la 1a (ECCU+)ISTU e 3a (ECCU+)ILLU persona, il deittico ECCU IPSU marcante la 2 a persona comincia anchesso ad occorrere in forma non rafforzata (ECCU+)IPSU. Quanto al valore inclusivo di (ECCU+)IPSU osservato nei vari impieghi del napoletano CHISSO, possibile qui pensare che questultimo acquisisse tale valore per analogia con CHISTO con il quale, abbiamo visto, condivideva una notevole sovrapponibilit distribuzionale. Tuttavia, con tutta probabilit tale valore era gi presente nel deittico ECCU+IPSU > CHISSO fin dallinizio, in quanto il presentativo ECCU, oltre a richiamare lattenzione sulla sfera deittica dellascoltatore come abbiamo appena osservato sopra, serve anche a porre in relazione positiva la localizzazione del parlante rispetto al referente indicato. Come notano giustamente Anderson e Keenan (1985, 279), presentativi come il latino ECCE > ECCU are used to indicate an items location or to signal its appearance in (or relative to) the observational field of the Sp[eaker]. Concludiamo ancora una volta che i valori osservati sopra per i primi due termini del cosiddetto sistema ternario dellantico napoletano continuano sviluppi gi verificatisi nel latino tardo comune e non sono da considerarsi pertanto particolari del napoletano. Infatti, la rideterminazione dei ruoli di (ECCU+)ISTU e (ECCU+)IPSU allinterno del sistema dei dimostrativi abbozzata qui d luogo alla ricorrente osservazione che in area centromeridionale CHISTO e CHISSO sembrano venir spesso scambiati. In realt, come abbiamo avuto occasione di constatare, la struttura delle opposizioni del cosiddetto sistema ternario tale che viene addirittura prevista una notevole sovrapposizione dei primi due termini del sistema. 5.1.4.3. Il sistema binario del napoletano moderno Come accennato sopra e nonostante testimonianze come quelle di Rohlfs (1968, 208),51 il napoletano moderno non conosce pi da qualche tempo forme appartenenti al paradigma di CHISSO. Ad esempio, Iandolo (1994, 168) osserva che tali forme
51

CHISTO

Con tutta probabilit, i commenti di Rohlfs che identificano un uso indiscriminato di e CHISSO nel dialetto moderno, sono da ricondurre direttamente a Capozzoli (1889, 211), per il cui v. sotto. Anche senza fondamento ci pare il presupposto conguaglio delle forme plurali maschili e femminili che secondo Rohlfs (1968, 207) suonerebbero chisti e chilli nel dialetto moderno. Invece, il femminile plurale continua a contraddistinguersi dal maschile plurale per la sua mancata partecipazione al processo metafonetico, ovvero chesti e chelli. Su alcuni casi antichi di conguaglio, per, si veda Formentin (1998, 334).

208

sono in netto abbandono e oltremodo rare, quando non risalgono a difetti di pronunzia, qualificandole in seguito (p. 174) [d]imostrativi ormai al tramonto delluso. Analogamente, Avolio (1995, 53 n. 101) afferma che nel dialetto cittadino un sistema tripartito ormai presso che scompars[o], sebbene sopravviva tuttora in zone della Campania occidentale come larea flegrea e la costiera amalfitana (v. per Como 2007, 114115).52 Anche Radtke (1997, 86) segnala come ormai normale, salvo sporadiche eccezioni, lassenza di CHISSO nel discorso spontaneo, mentre De Blasi e Imperatore (2000, 180) sono pi categorici nellasserire che i continuatori di CHISSO oggi sembrano ormai usciti del tutto dalluso corrente. Effettivamente, le indagini del presente autore confermano inoltre la totale assenza di tali forme nel dialetto cittadino.53 Stabilire con precisione di dettagli quando esattamente CHISSO usc dalluso generale non compito facile, sebbene la sua scomparsa sembri potersi situare con relativa sicurezza tra la fine dellOttocento e linizio del Novecento. Ad esempio, il grammatico tardo ottocentesco Capozzoli (1889, 211212) not che il popolo esibiva una grande libert nellimpiego indiscriminato di CHISTO e CHISSO, e individuava tale tendenza a volte anche nello scritto. Comunque sia, gli esempi da lui citati provengono tutti da autori preottocenteschi e si conformano agli impieghi inclusivi di CHISTO e CHISSO gi osservati sopra per il periodo preottocentesco; perci non si possono ritenere minimamente aberranti. Ciononostante, parrebbe che nel periodo in cui Capozzoli scrisse la sua grammatica CHISSO fosse gi in regresso, per non dire largamente obsoleto. Ad ulteriore prova di ci, si consideri che Andreoli ([1887] 1993) nel suo vocabolario pubblicato solo due anni prima, non previde, al contrario di CHISTO e CHILLO, alcunentrata per CHISSO, il quale riceve solo un fuggevole accenno nella spiegazione ed esemplificazione dedicata alla voce CHISTO, ossia Chisto, da taluni detto anche Chisso (p. 103), ma che non viene affatto menzionato invece sotto la distinta entrata per chisto in funzione aggettivale (p. 103). Del resto, lattestazione pi tarda di CHISSO nel nostro corpus risale alla raccolta di ricette scritte nel 1837 e pubblicate nel 1839 da Cavalcanti (17871860 ca.). Visto che praticamente tutto il testo scritto alla 2a persona a mo di istruzioni e consigli su come preparare una variet di piatti, ci si aspetterebbe di riscontrarvi unalta proporzione di occorrenze di CHISSO.
52 53

V. anche Fierro (1989, 89) che nota che CHISSO forma che va scomparendo e nel dialetto difficilmente si trova. Eccezionale la rappresentazione ternaria del sistema dimostrativo presso lo studioso ischitano Bichelli (1974, 145), per cui si escludono qui eventuali interferenze dal sistema ischitano, dal momento che il sistema dimostrativo ischitano descritto da Castagna (1982, 79sgg.) conosce una semplice opposizione binaria CHISTO (chisto) vs CHILLO (chillo / chiddo / chigghio), forme di CHISSO occorrendo isolatamente nei testi di Ascia (pp. 81, 83). Identica situazione vale anche per il procidano (chisto vs chiro) secondo la descrizione elaborata in Parascandola (1976, 74). Si rilevano per alcuni apparenti esempi in area montese (p.es. [ss ttakk kardit k m ven] questi attacchi cardiaci che mi vengono (Como 2007, 120), [ss ddZent akkussi trasEvn Ind a gjes] questa gente cos entrava nella chiesa (id. 70), [e ss a kkattat s su kkA] e si comprato questo qua (id. 117)), sebbene Como (2007, 115) sostenga che la presenza di forme in -ss- (sette occorrenze) non prova lesistenza di tale dimostrativo, dal momento che questi casi possono essere il risultato di unassimilazione -st- > -ss-.

209

Per su un totale di 22 esempi di termini deittici rilevati dallo spoglio, si contano 2 occorrenze di CHILLO e 14 occorrenze di CHISTO di fronte a solo 6 occorrenze di CHISSO, ossia Dinta chisso brodo nge pu f qualunque sciorta [tipo] de menesta verde (21), Chisso stesso spezzatiello [spezzatino] se p fa pure de vitella, e de pulli (43), vi ca chisso piatto buono assaje (71), taggio da dicere, purz che quanno vu fa chisso piatto taje da scet matino [svegliare presto la mattina] (52), Ncoppa a [sopra] chessova nce pu mettere pure la sauza de pommadore (75), na perzona redenno [ridendo] me strellaje [rimprover], e pe chesso me laggio scordato (51). Limpiego di CHISSO in tutti e sei gli esempi rientra nella cosiddetta deissi testuale. Ad esempio, le prime cinque frasi ricorrono ciascuna alla fine di una ricetta dopo che il piatto in questione stato presentato al lettore, per cui il senso delle frasi grosso modo questo brodo / spezzatino (ecc.) di cui ti ho parlato. Come nelle epoche precedenti, la funzione inclusiva di CHISSO savvicina molto a quella di CHISTO, il quale ricorre in contesti identici. A tale riguardo si confrontino i primi tre esempi sopraccitati con i seguenti tre esempi: Dinto a chisto brodo, nce pu f la menesta janca (23), Chesta menesta assai bona pe la matina de Pasca (24), Vi ca chesta la pasticera la chi accellente che nce pozza essere (87). Un esame di altri scrittori ottocenteschi produce risultati analoghi: mentre CHISSO continua ad adoperarsi presso quelli che stanno a cavallo tra il Settecento e lOttocento (p.es. da chessa bellezza / da chessa bbont, Michele Zezza, 1780 1837, citato in Spagnoletti e Vivaldi (1991, 928929)), se ne osserva lassenza sistematica presso scrittori nati nellOttocento quali Luigi Chiurazzi (18311926), Raffaele Ragione (18511925), Eduardo Scarpetta (18531925), Giovanni Capurro (18591920), e Ferdinando Russo (18661927),54 nonch, ovviamente, presso autori novecenteschi come De Filippo (19001984). Possiamo pertanto affermare con una certa sicurezza che CHISSO era gi scomparso dalla competenza grammaticale della maggior parte dei parlanti nati nellOttocento e, presumibilmente, apparteneva solo alla periferia della competenza grammaticale dei parlanti nati nel secondo Settecento i quali fornirono linput necessario per la sua scomparsa nella generazione successiva. Come fu allora che CHISSO scomparve dal napoletano? Gi si sono viste ampie prove che nel napoletano antico CHISSO non era riuscito ad integrarsi come membro centrale del sistema dimostrativo, rimanendo sempre ai margini delluso. Peraltro naturale pensare che elementi o fenomeni di natura marcata, come certo doveva ritenersi CHISSO nellantico napoletano, siano tra i pi suscettibili di cadere dalluso. Inoltre avr avuto un ruolo significativo nellobsolescenza di CHISSO il semplice fatto che il riferimento alla sfera deittica relativa allascoltatore veniva nella stragrande maggioranza dei casi segnalato mediante CHISTO (funzione inclusiva), cosicch il ruolo di CHISSO allinterno del sistema dimostrativo risultava largamente ridondante. In ogni caso parrebbe senza dubbio da escludere leventualit che litaliano abbia favorito lo sviluppo in napoletano di un sistema di tipo binario: il sistema dimostra
54

Eccezionali sono i pochissimi esempi rinvenuti presso Salvatore Di Giacomo (18601934) e Raffaele Caianiello, ossia E che ne cacce? Chisse non te rispnneno manco! (Di Giacomo1 78), chessa a fine ca a fatte (Caianiello2 II.1), qualche vote e chesse (Caianiello4 P), chisse so servizi ca e puo fa sule tu (id. P).

210

tivo binario del napoletano moderno non pu paragonarsi, se non formalmente, a quello dellattuale italiano standard comune dal momento che le opposizioni del primo, ossia chisto [+1/2 pers.] (in quanto continua la sfera deittica estesa del tardo latino ISTE) vs chillo [-1/2 pers.], non si sovrappongono a quelle del secondo, ossia questo [+1 pers.] vs quello [-1 pers.]. Per esempio, mentre una semplice frase quale Quanto me piaceno sti scarpe! pu far riferimento alle scarpe indossate sia dal parlante che dallinterlocutore, in quanto il termine CHISTO identifica referenti appartenenti alla sfera deittica di almeno uno dei partecipanti allatto comunicativo (se non addirittura di tutti e due i partecipanti allatto),55 la stessa frase in italiano potrebbe invece suonare in due modi diversi, ossia Quanto mi piacciono (que)ste scarpe!, oppure Quanto mi piacciono quelle scarpe! Se viene pronunciata la prima, le scarpe in questione possono rientrare sullasse spaziale nella sfera deittica o del parlante o dellinterlocutore, mentre se viene pronunciata la seconda frase le scarpe individuate possono identificarsi con lo spazio deittico del solo interlocutore. 56 Comunque sia, al contrario del napoletano, il ruolo dellascoltatore non grammaticalizzato dal sistema dimostrativo dellitaliano comune che tiene conto solo della sfera deittica relativa al parlante. Concludiamo pertanto che, malgrado la scomparsa di CHISSO, il sistema dimostrativo del napoletano moderno effettivamente cambiato ben poco, in quanto opera tuttora in base a una struttura di opposizioni binarie come quella di cui si sostenuta la pertinenza per il napoletano antico. Ciononostante, interessante osservare a tale proposito come gli sviluppi avvenuti nel sistema deittico dei dimostrativi non abbiano esercitato nessun influsso sullaltro principale sistema deittico del dialetto, ossia quello degli avverbi spaziali che continua una ripartizione spaziale di tipo tripartito:57 *ACCU+HAC > (a)cc qua / qui, *ILLOCO > lloco cost / cost,58 e ILLAC > ll l / l (v. 20.5). grazie a questo termine relativo allascoltatore lloco che possibile dire che lorganizzazione del sistema dimostrativo del napoletano moderno, a prescindere da differenze formali, risulta identica a quella del napoletano antico, perch qualora sia necessario porre particolare attenzione sullascoltatore, nel dialetto moderno si ricorre alla perifrasi discontinua (chi)stolloco (cfr. tene buono carattere chistu lloco che te lha scritta? (Petito 1 IV), ma chesto lloco non lo tengo (Scarpetta 1 33), Ma stato proprio sto bocchino lloco? (Scarpetta10 II.10), Chisto lloco vaco tro
55

56

57 58

Si confrontino ad ulteriore riprova del legame tra CHISTO e la sfera deittica relativa allascoltatore i seguenti esempi rilevati presso De Filippo1: E che facite cu stu fazzuletto nfronte? (40), stateve cu sta capa (131), Vuie levateve stu pensiero ca tenite cu stella (133), Quant bella sta veste ca vavite misa oggi (207), E nun fa sta faccia! (217), Ma o vvulevo sentere a teo vvulevo sente a sta vocca sacrilega (324). Ovviamente facciamo astrazione qui dallinterpretazione secondo la quale le scarpe in questione verrebbero identificate con lo spazio deittico relativo ad una terza parte assente allatto comunicativo. V. Parascandola (1976, 144), Iandolo (1994, 227), Avolio (1995, 54), Radtke (1997, 90), Iandolo (2001, 249), Ledgeway (2004a, 2.3). Particolarmente rivelatori sono i seguenti esempi dove la sfera deittica relativa allascoltatore viene simultaneamente segnalata da LLOCO da un lato e da STO dallaltro: O vi lloco o v, venuto stu pazzo (Scarpetta1 63), O vvi lloco, stu bello mobile (De Filippo1 91; cfr. O vi canno, stu bello mobile! (39)).

211

vanno [cerco] (Scarpetta 19 II.6), e le forme chistulloco / chestalloco costui / costei, sta cosa lloco cotesta cosa cost registrate in Andreoli ([1887] 1993, 209)). Si noti infine come tali strutture discontinue evidenzino ulteriormente lorganizzazione strutturale diversa sottostante al sistema dimostrativo binario del napoletano moderno rispetto a quello dellitaliano comune, pur risultando ambedue analoghi sul piano formale (ossia chisto / chillo vs questo / quello). In particolare, il fatto che lloco risulti compatibile perifrasticamente solo con CHISTO, e mai con CHILLO, dimostra che la sfera deittica di riferimento indicata dal primo deve necessariamente includere il ruolo dellascoltatore. Se CHISTO e CHILLO avessero invece i valori dei corrispondenti formali italiani, non esisterebbe a priori nessun motivo per cui CHILLO non dovrebbe co-occorrere nella perifrasi discontinua con lloco visto che QUELLO dellitaliano comune risulta del tutto compatibile con il ruolo dellascoltatore.

5.2. Quantificatori
5.2.1. Quantificatori variabili Dal punto di vista puramente formale i quantificatori si suddividono in due gruppi, luno il quale, al pari dei determinanti (5.1), realizza esplicitamente i tratti di accordo dellintero gruppo nominale mediante delle flessioni salde (v. 2.3.2.3.3), ossia -u (m.sg.), -a (f.sg.), -i oppure -a (pl.),59 e laltro a cui invece manca qualsiasi marca di accordo desinenziale. Del primo gruppo i membri pi importanti comprendono: alcuno (obs.; simo (con)tenti [] de sustinire alcuna gravecze de plu muneta (Lettera2 124.1415), Se alcuna cosa posso fare per vuy (LVP 1112), alcuni papa (Lupo I.41.5)),60 alquanto parecchio (dapuoi alquanti juorni (Epistola 181.19), dopo alquanto spacio (Masuccio XIV.6), con alquanta rigidezza (id. XLIX.12), alquanti sospiri ardentissimi (Sannazaro2 12), alquante frondi verdissime (id. 14.41)), a(l)t(r)o (autra sciorte [tipo] de sierpe veleunse (Rocco 202.53), llati bbte [volte] (Petito 2 II), natu mariuolo [ladro] (De Filippo1 241), lati varche (De Falco 24), llati pariente (Iandolo 1994, 178)), cierto de + articolo [partitivo] (cierti bote alcune volte (Cavalcanti 27), cierti mbruoglie (De Filippo1 176); v. 5.1.3.3), ciascuno (cascheduno membro (Regimen1 576), zascheduno homo (LDT 181.5), ciascuno debitore (Masuccio XLV.2)), medes(e)mo (obs.; quella medesmo nommo de Troya (LDT 78.26), da suoi medesmi servi (Masuccio XLIII.11), quelle medesme note (Sannazaro2 32), lo medesemo luoco (Basile 458), li medesime giuve
59

60

In alcuni casi la conservazione di tali flessioni permette di distinguere i quantificatori dai corrispondenti avverbi quantitativi con finale in [-] (Iandolo 2001, 251): tropp[i] / tropp[] scieme troppi/-o scemi, erano tutt[i] allere / erano tutt[] allere erano tutti (quanti) allegri / del tutto allegri, poch[i] / poch[] signure pochi / scarsamente signori, so ppoch[i] / ppoch[] fmmene sono poche donne / scarsamente educate. Chiaramente, davanti a parola cominciante per vocale vengono meno tali distinzioni, in quanto si impiega una forma elisa: qualubbrecazione? quale obbligo?, Quantesca? Anche frequente la posizione postnominale quando alcuno assume valore negativo (p.es. non havea anche assagiata cosa alcuna (Brancati1 8.35)).

212

ne (id. 904)),61 mu(l)to (obs.; multi privilegie et lictere (Lupo I.33.1), co (m)mute nave et galee (De Rosa 10r.21), multi iucundissimi misi (Masuccio XXVI.25)), niuno (obs.) / nisciuno nessuno (sencza niuna altra spirancza (Lettera2 124.31), nesum di quei de la nomata schera (Anonimo 13), penna niuna (De Jennaro1 IV.2 (lettere)), senza niuna dottanza (Masuccio XXXI.16), Niuna fiera [fiera, belva] (Sannazaro2 27), nissiuna persone (Ferraiolo 84r.20), non teneno nisciuno sapore (Cavalcanti 48), e nisciuna manra (De Filippo1 84), nisciuno lavannaro [lavandaro] (De Falco 39)), nullo (obs.; in nullo modo (Regimen 1 599), no(n) cu(r)re progidicio nullo (De Rosa 23v.1617), no(n) ne voleva sentire patto nullo (Ferraiolo 121v.29), con nulla plicatura delle genocchie (Brancati2 189r.25), Mandamo che nullo clerico [] porte arme prohibite (Aloisio 1112)), PLURIORES > plusure (obs.) diversi, parecchi (Plusure volte (Regimen1 451)), poco (li mea poca scripta i miei pochi scritti (LDC 105.1), non poche volte (Sannazaro2 31), pochi signure (Iandolo 2001, 251)),62 quale (Quali facce? (Bichelli 1974, 122), Spicheme [spiegami] quala nziria [capriccio] ha pigliato (id.), Ma qualu marito? (Di Maio1 I.2)), 63 quanto (Quanta giornati simo de lotanno a Friorio mio fillo? (RDF 266), quanta perzune armate (Ferraiolo 127v.3), v quanta parole azzeccose [affettuose] dice (Scarpetta 3 I.3), Quanta meliune tiene? (De Filippo1 247), Quantu terreno! (Bichelli 1974, 123)), stisso > stesso (La stessa revola [regola] (Cavalcanti 61), A stessa perzone (De Filippo1 177), e stessi juorne (Ruccello 123)), (cu)tale (cutali consigly (LDT 132.5), in tali termini (Masuccio IV.32)), tanto (tanta chiacchiarelle (Cortese2 4.27), tanta duone suoie (Rocco 46.142), tanta porpette [polpette] (Cavalcanti 57), doppo tanta stiente, tanta fatiche (Scarpetta14 I.2), M vurria [vorrei] tanti parole (Scarpetta 20 I.7), Simme asciute tanta vote (De Filippo1 133)), troppo (non se trovao troppa agiente [gente] (Ferraiolo 111v.2829), troppi mmosse (Ruccello 121), troppi rappe [rughe] (Bichelli 1974, 119), troppo viento (Iandolo 1994, 178)),64
61

62

63

64

Di gran lunga pi frequente nei testi antichi, tuttavia, risulta limpiego di medesmo (< *METIPSUM), non in funzione di quantificatore, quanto in funzione di aggettivo focalizzante impiegato quasi esclusivamente dopo pronome (p.es. chello che ay voluto tu medesmo sapere (LDT 119.45), e coss ipso medesmo deceva che [] (ib. 176.11), vuy medesmo (ib. 224.6), lei medesma si persuase (Masuccio I.20), essendo a me medesmo venuto in odio (Sannazaro2 65), le dicette che non se lamentasse dautro che de se medesemo (Basile 906)). Spesso nei testi antichi poco assume forma invariabile (v. Corti 1956, CLXXI; Rohlfs 1969, 957; Formentin 1987, 66; 1998, 309310; Compagna 1990, 212): in poco parole (LDT 60.12), citadini de poco canoscenza (ib. 107.45), poco forza (ib. 126.5), poco iuorni (ib. 122.16), chilli poco Grieci (ib. 142.21), poco iorni passati (Lettera3 17), alcuni poco de la nostra gente (Ferraiolo 79v.2), Et da ll poco d (id. 128v.11), poco jente (Lupo I.16.2), poco denari (id. II.60.7), poco stima (De Rosa 43v.19), poco gente (id. 6r.18), aveva poco varva [barba] (Basile 12), ommo de poco parole (id. 100), chelle poco foglietelle derva (Sarnelli 70). Forse qui poco andrebbe interpretata come forma ellittica, ossia un poco de > poco. Nel dialetto moderno quale conosce anche la forma accorciata invariabile qu: Ma qu balcone? (Scarpetta10 I.8), Ma qu (quala) canzunettista he scuntrato? (Bichelli 1974, 123), Qu (quali) secce songo [seppie sono]? (id.). Castagna (1982, 89) osserva per lischitano che troppo (p.es. namma demette [ci dobbiamo dimettere] ma cu troppa frette nun se decide) forma raramente impiegata

213

tutto (Tucta fiata che ogni volta che (Lettera 6 21), tutti le provincie (LDT 50.39), non se trova chi sappia tucte cose [tutto] (Brancati1 18.31), tutta cosa tutto).65 Peraltro qualora modifichino un nome maschile [-num.] oppure un nome femminile plurale, tali quantificatori sono dotati di efficacia rafforzativa (p.es. cierto ssale del sale (Cortese2 2.29), cierti bote delle volte (Cavalcanti 27; cfr. sg. vota volta), tutte cchesti cose (id.), Cierti bracce! (Russo 71; cfr. sg. vraccio), pocu [kk]asu poco formaggio, ati [ff]rvule altre fragole, Quanti vvote (Ruccello 93), troppe ["troppi] ccose (id. 117), e stessi ccose (De Santis1 I); mont. [S s"tEvn Sjert t"tSjerkul] cerano delle querce (Como 2007, 70)), eccezion fatta per le forme plurali alternative in -a dei quantificatori quanto e tanto con tutta probabilit da ricondurre a unoriginaria flessione neutra plurale (v. 2.3.2.3.3.1; p.es. tanta [f]mmene di fronte a tanti [ff]mmene (Iandolo 1994, 178)). Possiamo pertanto individuare la periferia sinistra allinterno del gruppo nominale napoletano come la sede morfologica dellaccordo esplicito in quanto ospita una classe chiusa di elementi appartenenti alle categorie dei determinanti (articoli, dimostrativi), degli aggettivi valutativi (p.es. buono, viecchio, santo, ecc.) e dei quantificatori. 5.2.2. Quantificatori invariabili Gruppo pi ristretto quello dei quantificatori che presentano una flessione invariabile a prescindere dai tratti di accordo del sostantivo associato: assaie (uno cimiro de valore assay (RDF 43), fece cavaliere assaie (Ferraiolo 84v.20), aio (con)pagnie assay? (De Rosa 3v.22), hanno peccerille [piccoli] assaje (Sarnelli 18)),66 che che, quale (Che tiella [padella] chesta? (Bichelli 1974, 122), Che bbusca [bugia]!),67 plu > cchi pi, diversi (chi fiate / plu fiate pi volte (Epistola 183.3 / LDT 50.20), fece pi figlie (De Rosa 3v.5), cchi carizze (Cortese2 2.32)), cunc(h)a chiunque (E cunca poi di quelli sempre agrappa (DellAquila 1.13), cuncha la vedeva (Ferraiolo 114r.5), chiunche me va trovanne [cercando] (Scarpetta1 15)), ogne (/agne; omgni suo inimico (Lupo I.31.1), ogne punio [pugno] (Cortese3 6.5), ogne gghjuorno (Ruccello 106)), paricchie (pariccli iorni (Lettera3
in quanto pi frequentemente sostituita dal pi locale asseie (p.es. cu frette asseie; cfr. nap. (cchi) assaie). Quando abbinato con il quantificatore quanto, assume eccezionalmente la forma invariata tuttu: lhe vattute [hai picchiato] a tuttuquante (Petito2 IV), tutte cumpagne suoie se so tuttuquante sistemate (Viviani4 II), Tuttuquante a vanno appriesso (Di Giacomo1 122; cfr. per Stanno ancora tuttequante abbascio (128)), E po va diceno a ttutu quante ca [] (id. 173), Site Sante tuttuquante (Russo 46; cfr. per Annascuso e tuttequante (56); suppurtava a tuttequante! (97)). Si noti la solita posizione postnominale di assaie (p.es. malamente assaie molto cattivo), il quale solo raramente, sul modello dellitaliano (Iandolo 2001, 271), precede il suo nome associato (p.es. assay barune (De Rosa 2r.34), Saccio fare, dissessa, assaie coselle (Cortese1 7.29), cu assaje sudisfazione (De Falco 55)). Anche di uso frequente con lo stesso significato di assaie nel dialetto moderno la perifrasi nu cufano e un sacco di (p.es. dcere nu cufano e fessare dire un sacco di stupidaggini (Amato e Pardo 2001, 71)). Davanti a vocale assume la forma c (p.es. Cora (che ora) ? / Core (che ore) songo [sono]? (Bichelli 1974, 122)).

65

66

67

214

127.1011)), (qualeche >) quacche / carche (azoch non gie intravenesse qualeche scnnaro [scandolo] (Ferraiolo 111v.1112), dapo quarche mese (Basile 914), pe foire quarche [qualsiasi, qualunque] pericolo (id. 300), sfrunnaie qualche camelia (Ruocco 58), quacche treglia [triglia] (id. 63)),68 qualsiasi / qualunca (q(ua)n(d)uncha alcuno nobele (LAFGP 9v.a.29), qualunque sciorta [tipo] de fritto (Cavalcanti 80), Ammentate [inventate] na scusa qualunque (Scarpetta 3 I.6), a qualunqua parta (De Falco 14)).69 70 Eccezionale a tale riguardo il quantificatore paricchio che marca tuttora il genere mediante lalternanza metafonetica, ossia paricchie (m.pl.) vs parecchie (f.pl.): paricchie fasule parecchi fagioli, parecchie fronne parecchie fronde. Spesso per viene generalizzata la forma maschile anche ai sostantivi femminili in armonia con una tendenza frequente del napoletano a far conguagliare i due generi al plurale (cfr. anche cierti, ati, tanti, ecc.; v. Formentin 1998, 136 n. 351): paricchie centenara de miglia (De Rosa 17v.28), con paricchie lance (id. 28r.8), paricchi centinara de fiorini (Masuccio VII.10), paricchie vote (Cortese4 71), paricchie primmavere (Zito 25). Come ci attestano esempi quali paricchie ccose (Scarpetta8 III.6), anche se morfologicamente maschile in superficie, il quantificatore dotato per dellefficacia rafforzativa alla stregua dei quantificatori e dei determinanti femminili plurali canonici (cfr. e / chesti / tanti / ati [bb]ote le / queste / tante / altre volte). Anche possibile la posizione postnominale (cfr. assaie in pummarole assaie molti pomodori), nel cui caso occorre sempre la forma maschile non marcata (p.es. co acqua paricchio (Cavalcanti 74)). In altri casi distinzioni di genere e di numero vengono marcate tramite il rafforzamento consonantico. Ad esempio, mentre qualsiasi raddoppia davanti a sostantivo maschile appartenente a quelli della classe [+num.] (p.es. qualsiasi [kk]af qualsiasi caff), viene meno tale efficacia rafforzativa davanti ad altri sostantivi maschili: qualsiasi [k]af qualsiasi caff [bar, locale]. Potenzialmente, ogne raddoppia invece davanti a sostantivo sia maschile che femminile; in pratica, per, solo davanti ai sostantivi femminili che tale rafforzamento si rivela saldo, in quanto risulta solo opzionale con i sostantivi maschili: ogne [ss]ignora, ma ogne [(s)s]ignore (Iandolo 1994, 39). Tale distribuzione andrebbe senza dubbio spiegata in senso morfologico, piuttosto che fonologico (cfr. la -S di OMNES), dal momento che sul piano sincronico il rafforzamento consonantico risentito sempre pi come marca
68

69

70

Castagna (1982, 87) osserva per lischitano che quacche presenta anche le varianti quarche e qua: Ognune cu qua ddente arruinete, quarche sculemo. La forma qua anche attestata in napoletano: va trove [chiss] qua juorno de chisto nce ncuitammo [ci arrabbiamo] (Scarpetta7 I.1). Eccezionalmente Bichelli (1974, 121) nota una distinzione di genere, ossia qualunque (m.; qualunque matarazzo) di fronte a qualunqua (f.; qualunqua mappata [fagotto]), distinzione non universalmente riconosciuta (v. DAscoli 1990, 484, il quale fornisce una singola forma qualonca per ambedue i generi). Anche possibile, come in italiano, la posizione postnominale insieme a determinante o quantificatore prenominale: na vrnzola [brandello di stoffa] qualunque (Di Giacomo 120), duje pagliare qualunque (Bichelli 1974, 121). Qui vanno incluse anche molte perifrasi partitive (v. 5.1.3.4) quali nu ppoco e (nu poco e acqua e limone (Ruccello 103)), duje / quatto (Dimane me vaco a affitt ddoie cammere (De Filippo1 22), nu cufeno e un sacco di (nu cuofeno e cose (Ruccello 104), nu pare e un paio di (me prumettette nu pare e chile e fagioli) (De Filippo1 177)).

215

del genere femminile plurale piuttosto che maschile (v. 1.4.1.1). Diverso il caso di quacche e di che, i quali presenterebbero un rafforzamento della consonante seguente non sistematico, ma in ogni caso non determinato dal genere e/o numero del sostantivo interessato: quacche (p)prvite, che (f)fmmina! (v. 1.4.1.1; Iandolo 2001, 125, 133, 138, 212). Nel caso di questultimo loriginaria consonante sottostante al rafforzamento consonantico (QUOD / QUID > che) si manifesta tuttora di fronte a voce iniziante per vocale (p.es. Ched (/Cher) ora ?). 5.2.3. Numerali 5.2.3.1. Numeri cardinali Le forme principali dei numeri cardinali napoletani rappresentano, salvo poche eccezioni, il risultato fonologico regolare delle corrispondenti forme del (tardo) latino. I termini dall1 al 19 sono: unu/-a (m. / f.), DUI (forma attestata presso il grammatico Virgilio) > duy / dui > (d)duje (m.) / DUAE > due / doe > (d)doje (f.; nonch la forma epentetica dove (De Rosa 52r.19)), tre(je), quattro > quatto, cinco, se(je), sette, otto, nove, dece (< DECEM, allato a diece),71 ndece > nnece, ddece > drece, trdece > trrece, quatturdece, qundece > qunnece, sdece > srece, diciessette, diceotto, dicennove.72 Solo i primi due cardinali hanno conservato distinzioni flessionali di genere, in quanto tre(je), al contrario della sua corrispondente latina, rimane invariabile (p.es. duy frati / doy parte (LDT 109.31 / 72.18),73 dui
71

72

73

La metafonesi nel numerale per 10 andr con tutta probabilit interpretata come conseguenza della frequente generalizzazione nei testi antichi della -i nei numerali seguiti da sostantivo maschile in -i (Barbato 2001, 131, 199): li cinqui anni (Brancati2 203v.35; cfr. per ne fanno cinque (199v.22)), li novi anni (id. 207r.9; cfr. per nove anni (194r.27)), deci anni (id. 208v.13; cfr. per dece anni (187v.20)); cfr. anche il moderno esempio montese [otti jworn] (Como 2003, 140). Forme ischitane particolari registrate da Castagna (1982, 92) comprendono: duie (m.) vs doie / doia / dauie (f.), tre / tri / treie / traie, dce / diece / liece, nnece / vnnece, ddece / llece, trdece / trlece, slece, deciassette / riciassette, decennove / recennove. Non mancano per nei testi antichi, almeno fino al Seicento, casi di generalizzazione della variante maschile anche ai sostantivi di genere femminile. In certi casi, come osservato da Formentin (1998, 344 n. 999), ladozione della variante metafonetica, propriamente maschile, pu essere il risultato di un processo di adeguamento analogico con un seguente sostantivo plurale femminile metafonetico: p(er) duy raiune (De Rosa 19v.24), duy dute (id. 55r.33; cfr. anche lisolato esempio tardo ottocentesco: duie perzune (Scarpetta5 I.5)). Tuttavia, in numerosi casi riscontrati il sostantivo femminile con cui viene accoppiato il numerale non esibisce (oppure non passibile di) metafonia (p.es. duy cose (LDT 206.26), dui candele (SDM 58.18), duy battalle (RDF 91), dui nere veste (Masuccio XLVII.19), ambedui le mani (id. I.43), doi volte lo anno (Brancati2 209r.25), dui autre deta (Basile 16, allato a doi deta (16)), dui autre notte (id. 920, allato a doi o tre notte (60)); e forse anche dui pomme doro (id. 80) di genere femminile in napoletano (v. 4.5.3; cfr. per anche dui belle pumme doro (id. 948) dove la forma metafonetica pumme indicherebbe il genere maschile)). Infatti, su un totale di 23 esempi del numerale con sostantivo femminile nel LDT, 7 di essi presentano la forma metafonetica (ossia, duy volte (47.8), duy parte (123.33, 163.3, 196.33), duy cose (206.26, 258.18), duy altre parte (123.34)), di contro a 16 occorrenze della variante non metafonetica (ossia, doy derradane (70.5), doy cose (248.20), doy

216

serpenti / Cheste doi fiate [volte] (LAFGP 4v.a.10 / 4r.a.45), duy mise / alle doye hore de notte (Ferraiolo 124v.3 / 123r.16), dui anni / doe generatione (Brancati 2 187v.21 / 192v.14)). Oltremodo rara invece nei testi antichi una forma femminile analogica del numerale 6: sey ry et see regine (De Rosa 17v.22; cfr. per sey ry et sey rigine (1r.23)).74 Accanto alle forme unu/-a, si noti che anche le forme ridotte nu/-a, normalmente limitate alla funzione di articolo indeterminativo (v. 5.1.2), si possono impiegare con valore cardinale numerico (Iandolo 2001, 185 n. 3, 186): na vota e ppo basta una sola volta e poi basta, na vota ca dicesse a verit! una sola volta che dicesse / dica la verit!, se magnaie tre recchie, dduie nase, quatto dete e nu musso [un muso]! (Viviani2), Ma na vota sola (Viviani4 I). Nelle elencazioni il cardinale 1 spesso ricorre anche in posizione postnominale, dove assume le forme uno/-a ["un]: brelocche uno ciondoli uno, zuccarere una zuccheriere una (Bichelli 1974, 107). Per motivi ancora poco chiari, il genere femminile, e non il maschile, del cardinale 2 che viene impiegato con funzione non marcata. Ne consegue che la forma femminile viene adoperata nelle enumerazioni (p.es. uno, doje (**duje), tre, quatto 1, 2, 3, 4).75 Ancora pi strano risulta limpiego della forma femminile preceduto dallarticolo determinativo maschile nel marcare la data (p.es. O ddoje e marzo (Bichelli (1974, 109)). Di frequente le forme cardinali per 2 vengono pronunciate con iniziale dentale intensa (dduje / ddoje), allato alle forme con iniziale monovibrante alveolare, ossia [|]uje / [|]oje, le quali risultano obbligatorie qualora precedute da altro termine cardinale in una forma cardinale composta (p.es. trenta[|]oje 32). Davanti a parola cominciante per consonante viene spesso impiegata (soprattutto dalla plebe secondo Andreoli ([1887] 1993, 142)) la forma ridotta indifferenziata di per entrambi i generi (Malato 1970b, 105; p.es. di curtielle due coltelli, di ccase, strignelo co dd fune (Rocco 336.94), d crapette (id. 23.33)), nonch la forma dui quando seguito da ciento o mila: duiciento, duimila. Oltre alla distinzione metafonetica, le due forme rivali si distinguono anche per lefficacia rafforzativa della forma femminile: ddoje [ff]iglie due figlie, ma dduje [f]iglie due figli. Tre(je) provoca sempre il rafforzamento consonantico in virt di unoriginaria -S sottostante, ossia TRES (p.es. Trecase [trek"kas] Trecase (localit del Golfo di Napoli)), e spesso assume, insieme al termine per 6, seje, la forma ridotta tre (cfr. seje > se) davanti a parola cominciante per consonante, rispettivamente
parte (72.18, 89.33, 232.16), doy polcelle (290.8 P), doe cose (126.35, 252.31), doe lanze (155.1), doe volte (53.12, 54.17), doe lanze (173.11), doe regine (266.30), doe false lictere (270.9 O), doe sorelle (290.8 O), doe nave (294.16 O)); del tutto eccezionale limpiego della variante non metafonetica, propriamente femminile, con sostantivo maschile: doy figlioli (269.7, P; cfr. anche doe re (Lupo II.54.5)). Alla luce di tali dati, sembrerebbe preferibile una spiegazione di tipo morfologico, per cui, sulla falsariga degli altri quantificatori (5.2.1) e di certi aggettivi prenominali (6.4.1.1), si sarebbe generalizzata (almeno in parte) la flessione [-i] (-y / -i) per entrambi i generi. Cfr. anche laccordo (grafico?) in quattre vie (Ferraiolo 95v.12; cfr. per quatto bfare [pifferai] (93v.5)). A tal proposito si osservi anche luso del cardinale 1, nonch del cardinale 2, al femminile nella locuzione esortativa una doje e tre! (Bichelli 1974, 108).

74 75

217

(p.es. tre / se cammise, se perzune (Viviani3)). Rohlfs (1969, 973) osserva leventuale inserzione di una [v-] prostetica nel termine per 11, vale a dire vnnece (cf. anche isch. vune uno (Castagna 1982, 92)). Al contrario dellitaliano e di altri dialetti, per, nei termini da 1619 dici- viene coordinato al cardinale seguente mediante ET > e (v. anche Formentin 1998, 344), e non mediante AC > a.76 Peraltro, si osserva anche lintroduzione frequente di una [r] intrusiva nel termine per 18: dice(r)otto, da ricondurre allindebolimento di unoriginaria [d] (Gentile 1961a, 69 70; cfr. dicedotto anne (RDF 62), dicedotto (De Rosa 16r.9), dicidotto (Ferraiolo 105v.3)) prodottasi a sua volta in seguito alla sonorizzazione della dentale del coordinatore ET. Circa limpiego dei cardinali da 25 per indicare quantit scarse (p.es. quatto gatte poca gente (Andreoli [1887] 1993, 181), me magno dduje spaghette) e/o in funzione di perifrasi partitiva (p.es. m faccio quattove cu nu poco de muzzarella (Scarpetta2 260), me fa lucr quatte cinche lire a lo juorno (Scarpetta21 I.3)), si veda 5.1.3.4. I termini cardinali decimali sono: vinte, trenta, quaranta / caranta, cinquanta, sessanta > sissanta, settanta > sittanta, ottanta > uttanta, novanta > nuvanta. Nelle forme da 22 a 29 (salvo 28, il quale suona vintotto) si conserva la -i finale originaria di VI(GI)NTI (p.es. vintiruje, vinticinco, vintinove). Presso i parlanti anziani dellarea putoleana Rohlfs (1969, 975) riportava vestigia di un sistema vigesimale (p.es. aggio scumputo quatte ventane [80]), forme per poco usate attualmente se non del tutto scomparse. Le principali forme cardinali, incluse quelle composte, da 100 in poi comprendono: ciento,77 du(i)ciento, treciento, quattuciento, cincuciento, seciento, setteciento, uttociento, noveciento, mille (isch. migghie / midde; v. Castagna 1982, 92), duimilia > duimila, nu melione, duje meliune, nu meliardo. Si osservi che alleccezione dei numeri composti da 101116 e i termini cardinali mille (solo al singolare), melione e meliardo, i quali richiedono la coordinazione tramite ET > e (p.es. ciento e uno, ciento e sette, ciento e ddiece, mille e tre, mille e vintisette, nu melione e tremila, sette meliarde e cincucientesemila), i numeri composti vengono coordinati asindeticamente (p.es. cientediceotto, cientuvintiseje, settecientuttanta, quattomilacinucientetrentanove 4539). Anche da notare in alcuni testi antichi sono le forme dei numerali centesimali uscenti in -a per analogia con le forme plurali dei quantificatori (cfr. tanta, quanta), flessione certamente riconducibile alla desinenza neutra plurale (v. 2.3.2.3.3.1): septecenta cavalieri (LDT 73.11), octocenta milia e novanta milia plu combattienti (id. 116.45), docenta fante (Ferraiolo 127r.6), quattocenta fante (id. 126v.22; cfr. per loscillazione (grafica?) in triciento francise con ciento taliane et trecienta cantara de viscotte (135v.4-5)), erano cavalle cincocenta (De Rosa 30r.3132), canpao a(n)ne novecenta (id. 17r.3117v.1), pi de ducenta vele grosse et picczole (id. 12r.22-3). Meno salda invece la distinzione flessionale che si rileva a volte nei testi antichi nel cardinale per 1000, il quale al maschile spesso (per non sempre)
76

77

Iandolo (1994, 176177) identifica invece le forme con AC alla loro base come napoletane (p.es. diciassette) di fronte alle forme coordinate mediante ET (p.es. dicessette) che identifica con le parlate ischitane. Specie quando accentuato, il numerale pu seguire la sua testa nominale (p.es. provillo volte cento (Regimen1 202), lo segniore tuo arma galee ciento (De Rosa 38v.1617), dentro Napole (con) cavalle deicemilia (id. 43v.22)).

218

suonava milli di fronte alla forma femminile mille (Formentin 1987, 66): milli tormenti e milli afanni (Galeota XXXIX.4), fra milli pericoli e milli affanni (id. LXIV.11).78 In alcuni casi i cardinali hanno acquisito un significato particolare, spesso come risultato di unoriginaria ellissi (p.es. na mille (lire) una banconota da 1000 lire (cfr. ma faccio mprest io na mille lire (Scarnicci & Tarabusi I)), na cientemila una banconota da 100,000 lire, sta cinque lire vostra (De Filippo1 90)). Anche frequente limpiego iperbolico del cardinale diece, il quale assume il genere del referente associato: nu diece e mbruglione un grandimbroglione, na diece e cufecchia uninfedelt del primo ordine, era nu ddiece e fetente [un fetentone] (Di Maio 8 II), na diece e guagliona una gran bella ragazza (Amato e Pardo 2001, 76). I cardinali sono anche spesso associati con determinati concetti in virt dellossessione napoletana per la Smorfia, secondo la quale sogni particolari corri
78

Ecco alcuni esempi rappresentativi dei cardinali: infra dui jorni mangia tre fiate (Regimen1 594), septe giomelle integre de acqua calda e necta (ib. 537), vinte et octo (ib. 615), femena che passa li trenta anni (ib. 547), Sagnia fare no devese poi anni i sixanta / n innance li quactordici [anni] (ib. 667668), sperlonga lo termene per fine a li sectanta [anni] (ib. 679), provillo volte cento (ib. 202), scripte avemo tre libelli [libri] (BagniR 637), duy duca e tre cuonti (LDT 115.3), plu di cinquanta caporale (ib. 117.9), octo miglya (ib. 123.4), octocenta milia e novanta milia plu combattienti (ib. 116.45), mille cavalieri (ib. 137.16), quatro milia cavalieri (ib. 132.3738), cu(n) cinquicentu oy quatrucentu (Lettera2 124.24), lo inperatore (con) dudice altre trasero (De Rosa 33v.1415), quatto o cincomilia cavalle (id. 3r.25), cavalle dicidottomilia et fante dudicemilia et otto nave et dudice galee (id. 5v.19), miliune et miliune (id. 51r.26), quacto ordini (LAFGP 3v.b.2425), dinare o giente a ccavallo per dudicemilia overo quindicemilia (Ferraiolo 105r.1617), Et accsonole tricenta fante et levatele ottante cavalle et ciento homine presune (id. 128v.89), tutte quille cinco ginitili ommini (id. 84v.2021), doi o tre notte fora de casa (Basile 60), fattole mille carizze (id. 792), dapo sei mise (id. 688), sette vote (id. 720), fra otto iuorne (id. 202), nove femmene de le dece (id. 878), lautre unnece fratielle (id. 900), dudece dammecelle (id. 502), tridece anne (id. 958), quattuordece anne (id. 746), quinnece anne (id. 920), vinte e trenta fegure (id. 880), vintequatto carate (id. 466), ciento miglia (id. 510), uno de ciento vinte a carrino (id. 20), cinquantacinco (id. 510), quattociento (id. 658), ciento cinquanta (id. 658), doje o tre rotola [= unit di peso di 36 once] de vongole (Cavalcanti 39), sei mazzetielli de torzelle sei mazzetti di cime di broccolo (id. 27), quatto pietti de gallina (id. 26), Seje mise fa se spusaje a nepoteme [mia nipote] (Scarpetta1 254), li mille lire nce laggio da fa annuzz nganna [restare di traverso] (Scarpetta2 144), te faciste d cinche lire (id. 202), tenive gran desiderio de mangiarte quatte purpetielle [polipetti] vive vive (id. 63), aggio scennute cchi de ciente scaline (id. 189), so sissanta franche (Scarpetta6 III.3), Duie sciure [fiori] frische (Di Giacomo1 34), E ha fatto stu bello quatto e maggio! [ha traslocato] (id. 82), Ma io a vulesse [vorrei] sput nfaccia quarantamila vote! (id. 161), nu piccerillo [piccolo] e srece mise (id. 98), dinta dduie tre ghiuorne (id. 111), Simmo iusto quatto (id. 63), Stevo io e nnati quatto o cinche cumpagne de mieie (id. 75), nu ve nascite [uscite] maie meno e seie sette lire (id. 155), nun o veco [vedo] a nove mise (id. 95), mhadda d cincucientemila lire (Di Maio6 I), Ce aggio dato quattucientomila lire (De Filippo1 215), settecientomila lire (id. 210), Aggio vinciuto duicientocinquantamila lire (id. 25), Isso teneva trecientomila lire (id. 212), Io dieci lire tenevo (id. 20), guarda quanta bigliette e mille lire (id. 25), Aiere, cinche chile e caf a sittanta lire o chilo chi e ppurtaie? (id. 173), Jere [eri] gialla gi a quattanne (Ruccello 106), Ncapo a quinnece juorne (id. 115).

219

sponderebbero a dei numeri specifici (p.es. tu s nu vintiroje sei pazzo, era nu vintitr era un balordo (Iandolo 1994, 185), chella na sittantotto [puttana], stanno a qquatturdece sono ubriachi, e quarantaquatte il carcere (Amato e Pardo 2001, 166)). 5.2.3.2. Numeri ordinali I numeri ordinali sono regolarmente foggiati sui corrispondenti cardinali tramite laffissazione del suffisso ordinale -semo (p.es. sirecsemo sedicesimo, cincantsemo, quattuciento e unsemo). Eccezioni sono gli ordinali da 110, i quali continuano le forme latine suppletive: primmo, secundo/-onda > secunno/-onna, t(i)erzo,79 quarto (p.es. i(n)de lo quarto (et) i(n)de lo quinto libro (LAFGP 11r.a.38 39)), quinto, sesto, sttemo, uttavo, nono, dcemo (cfr. lo decimo (LAFGP 10v.b.12)).80 Al contrario dei termini cardinali, tutti gli ordinali marcano, almeno storicamente, distinzioni flessionali di numero e genere: nu terzo, duje tierze, cinco trentseme. Una particolarit notevole delle frazioni limpiego dellarticolo indeterminato nu invece del cardinale unu (p.es. nu quarto). Se viene invece adoperato il cardinale, la frazione viene interpretata in senso strettamente restrittivo (p.es. unu quarto solo un quarto). 5.2.3.3 Numeri collettivi I numeri collettivi minori di 100 vengono generalmente formati mediante la suffissazione di -ina, suffisso col significato di circa X oppure una quantit di X (p.es. decina, quinnecina, trentina, uttantina: quarche decina de docate (Basile 722), na quarantina de perne [perle] (id. 912), na sessantina dalizze e vernacchie [sbadigli e pernacchie] (id. 38), tccote [eccoti] sta decina di lino (Sarnelli 86), Chisto vestito tene na quindicina danne (Viviani4 I), vengo a Napole pe st na quinnicina de giorne (Scarpetta3 I.3), M me faccio prest na cinquantina de lire (id. I.6), manname na quarantina duommene (Scarpetta11 I.7), cchi de na diecina de vote (Scarpetta20 I.5), na ventina e minute (De Filippo1 50), me naggio pigliato na ventina (Zito 105)). Non sono nemmeno infrequenti i suffissi alternativi -ena e -ana (p.es. ventana/-ena, duzzina/-ena/-ana: essenno mpossibele [] che quarche strenga rotta non se metta n dozzana [si svilisca] (Sarnelli 14)). Normalmente tali
79

80

Nella variet moderna il singolare maschile viene contraddistinto dal plurale maschile tramite unalternanza metafonetica, ossia terzo vs tierze, secondo un modello detto morfometafonetico (v. 2.2.2.2.3). Tracce di tale modello analogico si manifestano gi nei testi antichi dove al singolare maschile si attestano entrambe le forme. Per esempio, nel LDT si rilevano quattro esempi metafonetici su tre non metafonetici: laltro suo tierzo frate (92.56), lo tierzo figlyo (112.35), lo tierzo (137.11), lo tierzo iuorno (313.1 P) vs lo terzo iorno (50.34), Lo terzo figlyo (77.9), quillo tierzo iuorno (209.12); in De Rosa invece si rileva ununica occorrenza della variante non metafonetica di fronte a ben 22 occorrenze della variante metafonetica (Formentin 1998, 345). In antico i cardinali da 1119 sono a volte anche formati composizionalmente ma, a differenza dellitaliano, le unit precedono la decina (p.es. a lo quindecimo iuorno (LDT 283.16 P)).

220

suffissi non risultano del tutto interscambiabili in quanto alcune formazioni si sono ormai cristallizzate con un particolar significato: quarantina/-ena quarantina vs quarantana quarantena (cfr. chi fa fare la quarantana a ssa bella mercanzia drinto a no cafuorchio [bugigattolo]? (Basile 204)). Con i numeri da 100 in poi le forme collettive vengono foggiate tramite laffissazione del suffisso -aro (con inserzione di [-n-] epentetica nel caso delle forme centesimali) al cardinale corrispondente (p.es. centenaro (cfr. paricchi centinara de fiorini (Masuccio VII.10), no centanaro de passe (Basile 36)), migliaro (cfr. con assai migliara de fiorini (Masuccio VIII.5), De chisse te ne conto le migliara (Basile 258), na mano de migliara de docate (Sarnelli 180)), miliunaro, miliardaro). Infine, si noti come, al pari dellitaliano, i numeri collettivi approssimativi possono anche venire espressi tramite i cardinali preceduti dallarticolo indeterminativo maschile (p.es. nu cincuciento, nu cinquantacinco sculare, nu treciento mchine).

221

Capitolo 6: Laggettivo

6.1. Sistema flessionale: Panorama generale


Gli aggettivi napoletani seguono le stesse classi delle prime tre declinazioni nominali discusse al 4.3 per i sostantivi. A titolo di illustrazione, vengono esposti sotto nella Tabella 6.1 i paradigmi singolare e plurale delle tre declinazioni del napoletano moderno:
Tabella 6.1: Paradigmi aggettivali del napoletano moderno sg. pl. 1a Declinazione granna, bona, secca granne, bone, secche 2a Declinazione granno, buono, sicco granne, buone, sicche 3a Declinazione fcele, verde fcele, virde/verde (m./f.)

In linea di massima gli aggettivi napoletani si svilupparono in maniera parallela ai sostantivi,1 ad eccezione di una notevole differenza che interessa gli aggettivi della 1a declinazione. Come discusso al 4.3.1, questi ultimi, quando provvisti di vocale medio alta, presentavano lopzione di una alternanza metafonetica al plurale come conseguenza dellintroduzione di una flessione metafonizzante *-i, accanto alloriginaria flessione non metafonizzante -AS > *-ej > -e (p.es. corona : corone / corune). Stupisce per osservare che gli aggettivi della 1a declinazione non hanno mai conosciuto invece una tale alternanza metafonetica al plurale (p.es. bone, e non **buone). Come sottolineato comunque da Maiden (1991, 175), lassenza di modificazione metafonetica negli aggettivi della 1a declinazione non va comunque ritenuta una propriet eccezionale del napoletano, dal momento che si osserva in altri dialetti lo stesso modello differenziale di alternanze metafonetiche nei paradigmi nominale e aggettivale. Notevole limpiego aggettivale del suffisso normalmente avverbiale -mente con un ristretto numero di aggettivi in funzione predicativa: tutte le altre so mirabbelemente (De Rosa 58v.6), y iustamente? (id. 64v.20), i bonamente (Diomede Carafa, citato in Formentin 1998, 310), ma non iustamente (nellAlgorismus, citato in
1

Perci metaplasmi quali (3a > 1a / 2a) tristo / trista (LDT 312.10 O / 230.7), fino puro (ib. 81.9), paro (ib. 105.17), trista / tristo (De Jennaro1 10.36 / 4.28), alpestra / alpestro (id. LXXXII.1 / XCVIII.9), agro (id. IX.40), ilustro (id. 6.21), cilestro (De Rosa 60v.14, allato al regolare cilestre (72r.19)), fino puro (id. 37v.27), illustro (id. 8r.2), paro (id. 49r.35), popolaro (id. 21r.22), tristo / trista (id. 2v.18 / 51v.27), vetera vecchia (Lupo II.41.2), sollenna (id. II.49.3), granda (De Falco 18), fino puro (Ruocco 23); (1a > 3a) scontente (De Jennaro1 CXV.4), contente (m.sg.) / (con)tente (f.sg.) (De Rosa 67v.31 / 62r.9, allato alle forme regolari (con)tento / (con)tenta (1v.33 / 17r.1)).

223

Formentin 1998, 310), stamme allegramente (Basile 366), stanno tutte allegramente (id. 566), Magnammo, e stammo allegramente! (Sarnelli 26). Nel dialetto moderno spicca la forma malamente cattivo, scadente, disonesto il quale, oltre ai suoi usi avverbiali (p.es. io nun vaggio risposto malamente (Di Giacomo1 35), si no fernesce malamente (De Filippo1 133), Ma si capitato malamente (Ruccello 104)), simpiega anche come aggettivo sia in funzione predicativa che attributiva (sempre postnominale): nce stanno marite buone e marite malamente (Scarpetta3 I.3), Pecch, cheste so mmalamente? (Di Giacomo1 62), lle succedette nu fatto malamente (id. 9697), malamente chello ca sto facenno (De Filippo1 330), Ma fosse malamente Mario Bertolini comme marito? (id. 134), nu bosco malamente (Ruocco 77), nommo malamente (Radtke 1997, 92), mmalamente assaje (Iandolo 2001, 215). Tuttora in vigore nel dialetto moderno laggettivo alle(g)ramente: bisogna st allegramente (Scarpetta 10 I.11). Infine, eccezionale il comportamento degli aggettivi attiento attento e cetto / citto (obs.) zitto, silenzioso, i quali rimangono invariati nella perifrasi con st(re): state attiento state attenti (De Rosa 14r.28; per attenta stando (Masuccio XXVIII.10), starete attenta (id. XXX.20)), ormai state cicto (Brancati1 166.15), li piscatori anche in lo mare stanno citto (Brancato, citato in Formentin 1998, 139 n. 362).

6.2. Aggettivi prenominali


A differenza degli aggettivi postnominali, i quali hanno conosciuto una graduale erosione delle loro desinenze flessionali ormai neutralizzate nella vocale centrale [-] (p.es. na muneta antica [na mu"net an"dik], nu signore vero [nu si " or "ver]), gli aggettivi prenominali, o almeno la stragrande maggioranza di essi, conservano tuttora delle marche desinenziali di accordo esplicito al pari di altri elementi prenominali, perlopi determinanti e quantificatori (p.es. nantica muneta [n an"dika mu"net], nu vero signore [nu "veru si " or]). In particolare, tali aggettivi esibiscono le flessioni -u (m.sg.), -a (f.sg.), e -i (pl.), tutte e tre tipiche dei modificatori prenominali (v. 2.3.2.3; Altamura 1956, 16; Imperatore 1974, 37-38; Iandolo 2001, 67-69):2 brutt[u] tiempo, na bell[a] nutizia, pver[i] signure, grann[i] fameglie.3 Qualora occorrano invece in posizione postnominale o in funzione predicativa con valore restrittivo, tali aggettivi sono caratterizzati da una [-] finale: nu mumento brutt[], na citt bell[], signure pver[], fameglie grann[]; stato nu mumento brutt[], me pare na citt bell[], sti signure so pver[], na famegla grann[].
2

A differenza di tali aggettivi prenominali, i quantificatori tanto, quanto e ato presentano anche una desinenza plurale ambigenere in -a (probabilmente prodotto di unestensione analogica della -A plurale del neutro latino; v. 2.3.2.3.3.1), la quale, al contrario della desinenza plurale in -i, non ha forza rafforzativa (p.es., tanti [ff]iglie / tanta [f]iglie tante figlie). Cfr. anche i seguenti esempi testuali moderni: na granda pupulazione (De Falco 18), Che bellu raggio e luna ca trasuto [entrato] (Ruccello 110), Che belli capille ca tiene (id. 108), Dice brutti ccose ncoppe a vvuie e ncoppe a Amedeo! (id. 123), a peggia criminale (id. 92), E ffiglie de mmali cundotte (id. 106).

224

Come gi osservato al 2.3.2.3.3.1, le desinenze caratterizzanti gli aggettivi in posizione prenominale, pur con tutta probabilit dorigine fonologica in quanto la vocale finale, venuta a trovarsi in posizione pretonica per fonetica di frase, risult soggetta ad innalzamento (ossia -o > -u, -e > -i (pl.)) o ripristinamento (ossia -a [-] > [-a]), vanno sul piano sincronico considerate morfologizzate, dal momento che alcune di tali desinenze non si possono spiegare in base ad una semplice regola fonologica. Tale il caso degli aggettivi singolari della 3a declinazione i quali presentano al maschile -u (p.es. grannu) e al femminile -a (p.es. granna), malgrado unoriginaria flessione antica in -E(M) in entrambi i casi. Il carattere morfologizzato di tali desinenze viene ulteriormente ribadito dalla constatazione che non tutti gli aggettivi impiegati in posizione prenominale assumono tali flessioni. Anzi, esse interessano unicamente quegli aggettivi che dal punto di vista semantico denotano un significato valutativo soggettivo e pertanto caratterizzati sintatticamente da una forte tendenza a favorire la posizione prenominale. Ne consegue che gli aggettivi provvisti di tali desinenze comprendono quelli che in numerose altre variet romanze occorrono con maggior frequenza in posizione prenominale, ossia antico, bello, buono, brutto, caro, cierto, givene, granne, gruosso, luongo, malo cattivo, miezo mezzo, nuovo, pvero, santo, sulo, viecchio, nonch aggettivi specificanti rango o ordine quali prssemo, primmo, secunno, t(i)erzo, nneco, rdemo. A tal proposito basti confrontare aggettivi prenominali come viecchio o santo, i quali presentano una [-u] finale davanti a sostantivo maschile singolare (p.es. nu viecchi[u] rilorgio un vecchio orologio, stu sant[u] prufessore), con aggettivi come bravo e ricco che davanti a sostantivo maschile singolare escono sempre in [-] e mai in [-u] (cfr. nu doce lamiento (Zito 53); v. Iandolo 1994, 72 n. 2): nu ricc[] / **ricc[u] mnaco, nu bbrav[] / **bbrav[u] guaglione un bravo ragazzo (v. Imperatore 1974, 3738; Iandolo 1994, 72 n. 2; De Blasi e Imperatore 2000, 37). Tali dati inducono a pensare che i pochi aggettivi passibili di ripristinazioni vocaliche (in tutto una ventina comprendenti quegli aggettivi che tipicamente occorrono in posizione prenominale) formano una classe lessicale chiusa. Pi specificamente, le ripristinazioni vocaliche appena osservate andrebbero interpretate come fenomeno non solo fonologico ma anche morfolessicale. In effetti, la natura non puramente fonologica delle ripristinazioni vocaliche discusse sopra viene ulteriormente confermata da unaltra propriet fonolessicale che questa sottoclasse di aggettivi prenominali condivide solo con i determinanti e quantificatori, ossia il rafforzamento consonantico. Al pari dei determinanti e dei quantificatori prenominali, gli aggettivi di questa sottoclasse sono dotati dellefficacia rafforzativa qualora modifichino un sostantivo femminile plurale o maschile [-num.]: belli [kk]ose (cfr. sti / ati [kk]ose), granni [ss]ignore grandi signore (cfr. e / pochi [ss]ignore), cierti [ss]egge certe / delle sedie (cfr. chelli / tanti [ss]egge), chelle brutti [pp]arole (cfr. tanti / troppi [pp]arole), viecchiu [ff]ierro (cfr. o ffierro), mont. [bbEllu ppan] (Como 2003, 140; cf. o ppane).4 Quando invece occorrre un aggettivo canonico in posizione prenominale, opzione apparentemente pi ristretta nel dialetto moderno
4

Cfr. anche i seguenti esempi testuali moderni rappresentativi: tutte sti bbrutti ffigure (Di Giacomo1 160), haggio gi fatto mangi brutti fforme e curtielle a panze assaie cchi ttoste de ttoie (Ruccello 105), Dice brutti ccose ncoppe a vvuie e ncoppe a Amedeo! (id. 123), Clotilde ha truvato belli pparole (id. 135).

225

che in italiano (v. 6.4.1), esso non presenta la forza rafforzativa: timide [f]mmene (**[ff]mmene), preziose [l]ttere (**[ll]ttere). Particolarmente rivelatore al riguardo laggettivo cierto (anche determinante; v. 5.1.3.3) che assume la forma plurale metafonetica, storicamente maschile, cierti ["tSjerti] quando impiegato in posizione prenominale con sostantivi di entrambi i generi: cierti [g]uagliune certi / dei ragazzi, cierti [gg]uaglione certe / delle ragazze. Tuttavia, quando impiegato in posizione postnominale con sostantivi plurali femminili, assume la forma femminile non metafonetica uscente in [-] (p.es. parole certe [pa"rOl "(t)SErt]).

6.3. Comparativo e superlativo


I gradi comparativi e superlativi dellaggettivo napoletano rivelano un avanzo delle strutture analitiche ai danni delle forme sintetiche originarie. In particolare, le strutture del comparativo e del superlativo, le quali vengono distinte solo con aggettivo in funzione predicativa dalla presenza dellarticolo determinativo in questultimo caso,5 seguono la seguente falsariga analitica: (articolo determinativo +) cchi pi / manco > meno (o, pi raramente, cchi poco, lett. pi poco) + agg.,6 e meno frequentemente lordine inverso (articolo determinativo +) agg. + cchi / meno (p.es. io s freddegliuso [freddoloso] meno e te (Bichelli 1974, 93)):7 la coda ei lo plu sano de li pissi (Regimen1 402), et a flematico no meno sano (ib. 444), che usare tu -nde poi la plu pura (ib. 462), Culma plu biatu (BagniR 469), lo chi biello puorpo [polipo] (Epistola 181.1617), me parite la plu delicata e bellessema femena che sya inde lo mundo (LDT 60.1314), li altri luochy plu umbrusi (ib. 70.2122), E Iasone era non manco obedente a lo re Peleo (ib. 49.2728), Altramente fora manco male che si ripillassiro li castella (Lettera2 124.4041), lo quale ppi disfacto (Detto 41), um pi dolce camin (Di Capua 93.6), le pi belle corziere [corsieri] (Ferraiolo 102v.24), la pi spantosa [meravigliosa e terrificante] cosa del mundo a vedere (id. 115v.4), mo lea se avea fatta pi bella (RDF 290), con la mia voce pi humile (Galeota X.9), Tenea lo pi bello tinello [sala grande] et la pi bella cappella che tenesse senyore nullo dello mundo (Lupo II.53.1), se han sforzati deventarono pi prudenti (Brancati1 3.12), Il preite ad ognora pi infocato nel suo amore (Masuccio V.25), per lo pi breve modo (id. VI.36), costui como meno gattivo se
5

Non di rado, specie nei testi antichi, il superlativo viene contraddistinto dal comparativo tramite loccorrenza (oppure la ripetizione) dellarticolo prima dellaggettivo postnominale alla francese: Airo de tucti dicise unu de li limenti, / lo plu necessario a lomo certamenti (Regimen1 3738), omnen gente la plu experta de lo suo riamme (LDT 68.2930), in uno luoco lo plu alto de la citate de Troya (ib. 80.2526), X de li suoy fratelli vastardi li plu expierti (ib. 151.6), onne via et onne muodo li plu utili e li miglyuri (ib. 202.3031), duie compagne li cchi care (Cortese2 2.12), aje de pigli le pommadore le chi tonne [tonde] (Cavalcanti 69), Cc lo pizzo [angolo] lo cchi friddo lo focolaro! (Scarpetta9 I.1). Cfr. pe spennere chi poco (Cavalcanti 29), costano chi poco (id. 32), sassettava [si sedeva] e te screveva / o cchi ppoco Edipo re (Chiurazzi 43). Si noti inoltre che il concetto di meno era spesso veicolato nei testi antichi mediante manco. Interessante lordine invertito (nonch scisso) rilevato nel seguente esempio: Non chi cosa goliosa [sfiziosa] a lo munno [] quanto lo sentire li fatti dautro (Basile 22).

226

possea in parte commendare (id. VIII.23), a foire [fuggire] una mano dammiche cchi perfette (Cortese1 1.20), lo cchi scuro torrione (Cortese2 3.13), E cchi norato assaie se ne teneva (Cortese3 3.27), starrimmo chi secure (Basile 84), la chi bella creatura de lo munno (id. 94), lo moto cchi biolento mierzo [verso] la fine (Sarnelli 34), m(m)ele [miele] cchi doce haie a ssi labre (Oliva 39.32), pe sta cchi segreto (id. 5.47), nauta pelle chi peccerella [piccola] (Cavalcanti 48), sarraggio lommo lo cchi cuntente de sta terra (Petito1 I), stammo cchi sicure (Di Giacomo1 82), Me so venute le delure cchi forte (Scarpetta 1 547), a cosa cchi cara ca io teneva (Scarpetta 2 97), me so fatto cchi sicco [magro] (id. 182), Io songo frato [fratello] cchi gruosso (Di Maio8 I), A femmena cchi bella da nfrascata! (DAniello), s addeventate cchi cumplimentose (De Filippo2 125), e ccanzone cchi doce e appassiunate (Chiurazzi 77), Stai cchi chiatto! [grasso] (Russo 102), e cchi guappe paladine / da cchi bella poesia (Ruocco 23), si uno e vuje v essere o chi gruosso (De Falco 47), te s fatta ogne gghjuorno [giorno] cchi ffresca e cchi ttosta (Ruccello 106), a sora meno spruceta [bisbetica] Cuncetta (Bichelli 1974, 93); proc. so stato lommo chi nfame do munno (Stromboli 2003, 127). Davanti ai nominali il termine di paragone suole introdursi tramite uno dei complementatori finiti ca (< QUAM ) e che (< QUOD / QUID) o, pi spesso, tramite il complementatore non finito de > e: de lo blanco plu caldo (Regimen1 422), plu digno homo de tene (LDT 262.22), quatro oy cinque caporali manco potienti de nuy (ib. 117.1011), se crede essere plu bella dellaltra (ib. 91.22), plu de lo custumato (ib. 61.9), blanchessema plu che lacte (ib. 99.34), fiammanti pi che quei di Veno (Di Lamberto 163), era avataiosa [vantaggiosa] pi ca lautre (RDF 42), lo quale era nigro pi che carvone (ib. 41), era pi bello iovene de isso (De Rosa 71v.4), Peio novella ince y che chesta (id. 30v.16), fa py vere experiencie che li altri bangni de lo mundo (TBP X.1112), io, essendo [] pi fresco de te (Masuccio XXXVII.16), diliber la vita del suo amante essergli pi che la sua cara (id. XLIII.7), aveva la capo chi grossa che na cocozza [zucca] (Basile 34), lo quale fu stimato niente manco bello dellautre (id. 94), so chi vecino li diente che li pariente (id. 776), era grossa chi de na votte [botte] (id. 390), na cosella chi mellese [tenera] e morbeta de lana varvaresca, chi pastosa e cenera [cedevole] de coda de martora, chi delecata e tenera de penne de cardillo [cardellino] (id. 54), singhe [sii] bella cchi de Cocetrigna (Sarnelli 186), de nuie cchi llesta (Rocco 194.33), Ca cc stammo cchi scuraggiate e te! (Di Giacomo1 111), Tiene a capa cchi tosta e na preta [pietra] (De Filippo1 159), cchi do ssoleto abbattuto (Russo 92), Alfredo steva / cchi do ssoleto svitato (Ruocco 64), Appriesso a me vne uno ca chi gruosso e me (De Falco 11), haggio gi fatto mangi brutti fforme e curtielle a panze assaie cchi ttoste de ttoie (Ruccello 105), e ssape cchi cose isso ca tutta corte e rre Burbone mis'assieme (id. 105). Quando il termine di paragone di qualsiasi altra categoria, si impone uno dei complementatori finiti c(ha) oppre che: assay ne y meglyo de essere intre quisti cha de moriremo (LDT 187.18), Credimmo bene essere plu fuorti cha non so ipsi (ib. 87.3132), era plu utele che se facesse pace co li Troyani cha de morireno tanta signuri (ib. 217.2829), era nigro pi che carvone (RDF 41), sta meglio a me che no(n) a buy (De Rosa 20v.33), No(n) y meglio co la paciencia accuistare la gracia de Dio che co la superbia p(er)derela? (id. 24v.56), l tacere ne pi onesto che l 227

parlarne (Masuccio XXXVI.18), so chi belle che mai (Basile 834), Fu sempre chi defficele allommo lo conservare lacquistato che lacquistare de nuovo (id. 910), co nallegrezza granne chi che savesse guadagnato no regno (id. 912), chi fcele ca nu camle passe pa curona e laco [ago] (De Falco 4546), Totonno chi pirchio [tirchio] ca disperato (Bichelli 1974, 92). Accanto al tipo analitico appena visto susistono tuttora delle forme comparative e superlative sintetiche del tipo meglio (migliore ora obsoleto), peggio (peggiore ora obsoleto), maggiore, minore, superiore: pejo che serpente (Regimen1 62), la vidanda [carne] megllore (ib. 141), nullo succurso le potte essere meglyore (LDT 123.23), se deverria sperare meglyo fine (ib. 89.32), lo peyore periculo suo (ib. 233.2627), era minore de tre anni (ib. 193.27), aspettamo meglio fine (De Rosa 12v.1718), Et po lappe peio (id. 25r.11), un fra minore (Masuccio I.7), ho abuta la peggiore notte che mai avesse alcuna femena (id. XXXII.29), E con semele e assai peggio parole (id. XXXVI.17), lo meglio cavallo che sasciava [si trovava] (Cortese1 2.5), Larme cchi meglio, e le ccose cchi bone (Cortese2 3.27), la meglio bannera (id. 3.1), li meglio anne de la vita (Cortese3 1.3), non c meglio misso [messaggere] che te stisso (Basile 20), le fece li maggiore carizze de lo munno (id. 154), lo fratello menore (id. 154), tu s (n)nata meglio disso? (Oliva 13.96), nfurnavo o mmeglio pane (Chiurazzi 82), E pparole toie so peggio re curtellate! (Ruccello 92), Tu s a peggia criminale (id. 92), Tu mh mparate e ppeggie cose (id. 117), E meglie nobbele e Napule (id. 137), o meglio amico mio (id. 137). Fin dai tempi dei primi testi si attesta una tendenza a considerare tali forme sintetiche come se fossero non graduate, perci spesso impiegate analiticamente (cchi peggio peggio(re); Rohlfs 1968, 83), nonch spesso sostituite da forme analitiche canoniche (p.es. cchi buono meglio, migliore): multo plu peore di quisto (LDT 267.35), sonde [ne sono] venuti a lo plu peyore (ib. 98.25), fo multo plu peyore de questo (ib. 176.3536), ancora e plu peyo (ib. 207.27), stavano co luy li plu mayuri caporali (ib. 130.39), e lle condiciune delle persune de li plu gran caporale (ib. 110.2526), multo plu grande luxuria (ib. 62.35), la plu grande citate de Thesalia (ib. 50.2930), La pi minima cosa che nce y [y] lo argento (De Rosa 32v.19 20), som pervenuto al pi pegiore (Brancati1 158.28), se fece chi peo pe la mardezzione de norca (Basile 372), Larme cchi meglio, e le ccose cchi bone (Cortese2 3.127), sarria cchi meglio che ll dinta mmettere [riposare] / a cchella grotta fresca nce ne iessemo [ce ne andassimo] (Rocco 63.1213), nun p av cchi bona cra [aspetto]! (Russo 77), pe me sti stata / a cchi mmeglia simpatia! (ib. 108), llipocrisia o cchi peggio difetto (Fierro 1989, 84), isso cchi mmeglio e te (Iandolo 2001, 215). Quanto al comparativo duguaglianza esistono due costrutti rivali, ossia (accuss / tanto) + agg. + comme / quanto e agg. + tale e quale: coss armato como illo era (LDT 194.36), non tanto deveva sperare de nce potere essere honorata quanto inde lo regno de la soa propria natione (ib. 67.2628), Chi se pote astinire da le lagreme che sia tanto adollorata quanto so eo? (ib. 105.2324), feceno uno cavallo de metallo grande tacto quanto foy sua iomenta (RDF 30), vuy siate li ben venute coss come a miey fratielle (ib. 52), La maist del s(ingiore) re le fa stare astritte como moschette [moscerini] (Ferraiolo 138v.7), coss povero como sono (Masuccio X.31), accostumato quanto una doncella (id. XXIII.3), legiera como uno gatto per essa su vi mont (id. XXVII.14), sera fatta rossa comme a no milo [mela] (Basile 228

278), deventaie sano comme no pesce (id. 304), era tenuta cara quanto na figlia (id. 484), no patre, ricco quanto a lo maro (id. 584), nun sarria stato bbravo comme a vvuie (Ruccello 107), Ciccio (accuss / tanto) aggarbato comme / quanto frate (Iandolo 1994, 179), a nanassa [ananas] doce tale quale mele (Bichelli 1974, 93). 6.3.1. Superlativo assoluto Il superlativo assoluto sintetico del latino formato mediante la suffissazione del formativo -ISSIMUM > -ssimo (m.) / -ssema (f.) (con allomorfo -rrimo/-a) alla radice aggettivale,8 sebbene abbastanza frequente in epoca passata (p.es. acqua de laco pessema (Regimen 1 495), le nocte longhesseme (ib. 142), civo [cibo] delicatissimo (ib. 272), Quanto si graciosessema (BagniN 601), Et a ccasata [casa tua] sanissimo tu te nde tornarray (BagniR 466), quillo gentilissimo e magnifico Troylo (LDT 226.2930), era stato piessimo traditore (ib. 182.12), re prudentissimi (Detto 26), circuita de nobilissime mura (CDP V), il fidellissimo popolo (CDT 9293), hora tardessima (Lettera2 125.47), Patres et Fratres carissimi (LVP 1), li occhi tuoi bellissimi (Galeota LXIII.13), Io conosco la S(acra) M(aist) del s(igniore) re (crist)ianissima, iustissima et virtuosissi(m)a (Ferraiolo 94r.27), una bella et nobillissima gentildonna (Lupo I.19.2), lo nomo tuo santissimo (RDF 26), ottimo e perfettissimo iudicio (Masuccio XXVIII.2), il miserrimo amante (id. XXIV.12), na bellissima fata (Basile 52), na iornata pessima (id. 900), no banno crudelissimo (id. 416)),9 conosce una distribuzione particolarmente limitata nel dialetto moderno (Altamura 1956, 20; De Falco 2000, 20; Iandolo 2001, 215, 271). Una distribuzione ugualmente ristretta caratterizza anche le forme irregolari del superlativo assoluto come ttemo (p.es. nottemo conziglio (Cortese2 4.14)). Anche quando impiegato, il tipo sintetico tende a co-occorrere in maniera pleonastica con avverbio superlativo (p.es. bellissimo assaje (Iandolo 1994, 181)).10 Al posto del superlativo assoluto sintetico in ssimo / -ssima, si preferiscono varie formazioni perifrastiche, fra cui laggettivo non graduato qualificato da modificatore avverbiale (p.es. Assai legre rendelo (BagniN 27), multo riccha (De Rosa 3v.14; v. Formentin 1998, 314), y grande necessario (id. 62v.9), multo devoto / grande devoto (Lupo I.57.1 / II.52.8; v. Compagna 1990, 211), chistommo assaie norato (Cortese2 1.10), assai bona (Cavalcanti 24), Sta mancanza grossa assaie (Russo 66), nu sito nfame assaie (id. 18), Sta resatella ve fa assaie cianciosa [aggraziata] (Zito 81), Michele nquartato [arrabbiato] assaje (Bichelli 1974,
8 9

10

Non mancano nemmeno casi di suffissazione ad altre categorie per effetto rafforzativo (p.es. signure mieie orchissime (Basile 304)). Occorrono anche forme incrementate da formazione analitica del tipo quillo fortissimo plu de tutti laltri Hector (LDT 171.26), la vattaglya se defrescava plu duressema e crodele (ib. 191.3), La pi minima cosa (De Rosa 32v.20), lo pi iustissimo signiore (id. 67v.12), la dieta [il digiuno] lo chi ottemo tabacco [rimedio] dogne male (Basile 512). Cfr. anche esempi antichi quali lo re Priamo fece fare lo sepulcro ad Hector multo nobelissimo e sollempne (LDT 199.1011), dui catafarche grande [molto] autissime (Ferraiolo 101v.8), con altre assai dolcissime parole (Masuccio XXVII.20), multo prodentissimo (Lupo I.62.2), multa honestissima (id. I.38.2).

229

93), stasera a luna llucente comma cche (ib.), bbrutto forte (Iandolo 1994, 180), nu mellone [anguria] propetamente russo (ib.), stongo [sto] stanco murto (ib.), era o vero fesso (ib.), ricco sfunnato (Iandolo 2001, 215), Deritto comme a nu fuso (Ruccello 108)), la ripetizione dellaggettivo (quanno s fatta jonna jonna [bionda bionda] (Cavalcanti 57), tante pezzelle tonne tonne [rotonde rotonde] (id. 80), Mme facite fa rossa rossa (Petito 2 VIII), na bella cammera calda calda (Di Giacomo1 92), nu vestito nuovo nuovo (De Filippo1 321), nu varrile chino chino un barile pieno pieno] (Ruocco 14), cu nu core scuro scuro (Chiurazzi 63), nu caf ddoce doce (Iandolo 2001, 215), na figliola bbona bbona (ib.), zeppe zeppe (Perrone 1977, 222), sana sana (id.), nova nova (id.); chiatto chiatto molto piatto (De Falco 2000, 20), sicco sicco molto magro (id.), curto curto (id.), niro niro (id.), na nuttta chira chira una notte in bianco (Amato e Pardo 2001, 141); isch. (Castagna 1982, 58) cu lu penziere farme chine chine [molto pieno], leggia leggia molto leggiera, Quanna spilave ncuogghie [sturavi adosso] sana sana)), e limpiego di alcuni sostantivi aggettivi specializzati (p.es. lrdema zandraglia la peggiore donna volgare (Bichelli 1974, 94), a meglia sciveca la migliore sciabica (id.), e pegge capestuteche le peggiori convulsioni (id.), o primmo mariuolo il fior fiore dei ladri (Iandolo 1994, 180), lo primmo barbiere de Roccapulita (Scarpetta 22 I.1), o capo mbruglione il pi grande imbroglione (id.), na cpa penzta unidea geniale (Amato e Pardo 2001, 50), a cpa fmmena la donna in gamba (id. 50), mhanno fatto na cuffiata [presa in giro] nummero uno (Scarpetta21 III.4), io aggio pigliato no catarro [raffreddore] proprio nummero uno (Scarpetta25 I.2).

6.4. La posizione dellaggettivo


Laggettivo napoletano pu assumere allinterno del SN una di due eventuali posizioni, vale a dire o quella prenominale o quella postnominale (v. anche Ledgeway 2007b). Tuttavia, la scelta della posizione dellaggettivo allinterno del SN non risulta libera e parrebbe soggetta a una variazione diacronica piuttosto notevole. In particolare, giover qui considerare il dialetto in base a due periodi cronologici distinti, ossia un primo periodo comprendente i testi dalle origini fino alla fine del Cinquecento circa e un secondo periodo comprendente i testi dal Seicento circa fino al giorno attuale. 6.4.1. Periodo: Seicento ad oggi Iniziando con i testi dal Seicento in poi, notiamo una situazione alquanto semplice e non del tutto diversa da quella valida anche per litaliano moderno. In particolare, possiamo identificare la posizione prenominale come quella marcata in quanto col passar degli anni sempre pi limitata a una classe di aggettivi semanticamente e, in gran parte, anche morfolessicalmente ristretti, mentre la posizione postnominale risulta quella non marcata in quanto di gran lunga pi frequente e apparentemente disponibile a qualsiasi classe di aggettivo. Nel primo caso, laggettivo interviene tra la testa nominale a destra ed eventuali determinanti e/o quantificatori situati imme230

diatamente a sinistra (p.es. (tutta) chella mala jurnata (tutta) quella brutta giornata, na santa cosa una santa cosa [= rimedio]), mentre nel secondo caso laggettivo ricorre a destra della testa nominale (p.es. a cascia vecchia una cassa vecchia, nu caf lasco un caff lungo). Qualora la testa nominale selezioni un complemento preposizionale, laggettivo postnominale segue anche questultimo, ossia nu masto (**viecchio) e canto viecchio un maestro di canto vecchio, nu raggio (**forte) e sole forte, nu carro (**sgarrupato) d spazzamento sgarrupato un furgone della nettezza urbana rovinato, na cammera (**scicca assaie) e lietto scicca assaie una camera da letto molto elegante, ma precede o segue eventuali modificatori avverbiali a seconda dellinterpretazione desiderata (p.es. nu masto e canto viecchio ch mustacce luonghe [con i baffi lunghi] oppure nu masto e canto ch mustacce luonghe viecchio). Si osservi tuttavia che, al contrario dellitaliano dove flessioni aggettivali distinte giocano un ruolo importante nello stabilire il dominio di riferimento dellaggettivo, la qualit indistinta delle flessioni finali in napoletano fa s che, fattori pragmatici a parte, la portata dellaggettivo postnominale possa, almeno in teoria, risultare ambigua. Ad mo dillustrazione, nel sintagma nominale scorze e pesielle vullute, laggettivo participiale vullute [vul"lut] bolliti/-e pu essere inteso come modificatore sia della sola testa nominale femminile plurale scorze bucce, ossia bucce di piselli bollite (cfr. anche laltro possibile ordine scorze vullute e pesielle bucce bollite di piselli), sia della testa nominale maschile plurale pesielle, ossia bucce di piselli bolliti. 6.4.1.1. Considerazioni morfolessicali Gli eventuali fattori che determinano la posizione dellaggettivo allinterno del SN napoletano non sono del tutto analoghi a quelli vigenti in italiano moderno in quanto, non solo sintattici e semantici, ma anche in parte morfolessicali. In particolare, lanteposizione si rivela severamente ristretta in senso morfolessicale in napoletano, in quanto gli aggettivi pi suscettibili della posizione prenominale appartengono, tranne poche eccezioni, a una classe lessicale chiusa contraddistinta morfologicamente da flessioni ben salde (v. 2.3.2.3), ossia [-u] (ms.g.; p.es. nu mal[u] crestiano un cattivo soggetto), [-a] (f.sg.; p.es. na bbrutta[a] razza), e [-i] (pl.; p.es. bbelli[i] ccose). A tale classe morfolessicale di aggettivi, tutti provvisti di flessioni salde, appartengono gli aggettivi denotanti valori valutativi e/o soggettivi, vale a dire bello, buono, brutto, caro, cierto, curto, givene, granne grande, gruosso, luongo, malo cattivo, meglio migliore, miezo mezzo, nuovo, peggio peggiore, pvero, santo, sulo, vero, viecchio, nonch alcuni aggettivi deittici specificanti rango o ordine come prssemo, primmo, quarto, quinto, secunno, t(i)erzo, nneco, rdemo ultimo.11
11

Come in italiano, tali aggettivi permettono anche la posizione postnominale senza apparente distinzione semantica (p.es. a quarta fila / a fila quarta (Iandolo 2001, 213)). Ovviamente, con riferimento a monarchi e papi, lordine postnominale risulta sempre obbligatorio: Federico secunno (**secunno Federico).

231

6.4.1.2. Considerazioni semantiche Anche a livello semantico si rilevano importanti restrizioni sulla collocazione dellaggettivo rispetto alla situazione vigente in italiano. Ad esempio, in italiano (scritto) la situazione si pu riassumere grosso modo cos (v. Nespor 1988): la funzione semantica della posizione postnominale fondamentalmente restrittiva, in quanto stabilisce una caratterizzazione contrastiva, laddove la funzione semantica della posizione prenominale connotativa in quanto stabilisce una caratterizzazione non contrastiva. Ne consegue che le posizioni prenominale e postnominale veicolano rispettivamente: i) valori valutativi / denotativi (p.es. un giovane attore vs un attore giovane); ii) valori soggettivi / oggettivi (p.es. un brutto quadro vs un quadro brutto); iii) valori traslati / letterali (p.es. una frizzante serata vs una bibita frizzante); e iv) valori inerenti / non inerenti al sostantivo (p.es. la buia notte vs una stanza buia). La produttivit delle due posizioni in napoletano, in confronto, si rivela molto pi limitata, dal momento che la posizione prenominale risulta poco sfruttata e la posizione postnominale risulta obbligatoria con molti aggettivi, i cui corrispondenti in altre lingue romanze, incluso litaliano, tendono a precedere la testa nominale (p.es. na (**piccerella) maruzza piccerella una (piccola) lumaca (piccola)). Tale situazione gi testimoniata nel Settecento da Oliva (Malato 1970b, 90), il quale asserisce che mentre [i] Toscani pongono laggettivo indifferentemente avanti o dopo il sostan(tivo) [] noi per lo mettiamo dopo il sostantivo. Una situazione largamente analoga viene descritta da Rohlfs (1969, 330) anche per i moderni dialetti meridionali dove la postura dellaggettivo dopo il sostantivo ancor pi frequente e generale che nellitaliano. Infatti, come osserva lo studioso tedesco, [s]olo pochi aggettivi (per esempio bello, buono, grosso, grande), possono porsi dinanzi al sostantivo, descrizione valida anche per il napoletano,12 come ci confermano le osservazioni di Bichelli (1974, 89) che laggettivo qualificativo, di solito, viene collocato dopo il nome, eccezion fatta per laggettivo pvero (povero) e alcuni avverbi in funzione di aggettivo: meglio (migliore), peggio (peggiore) e malo (cattivo), cos come gli aggettivi buono, bello e brutto che possono essere collocati o prima o dopo del nome (p. 90).13 Osserviamo pertanto che la posizione prenominale generalmente riservata ad aggettivi con i valori di (i) e (ii) discussi di cui sopra, purch appartengano inoltre alla ristretta classe morfolessicale provvista di flessioni distinte identificata sopra: brutta chiarchiosa [donnaccia] (Cortese1 3.39), na grossa frotta [folla] (id. 10.25), certe belle parolette (Cortese2 4.3), li primme frutte acierve (Cortese4 56), na povera palommella [farfalla] (Sarnelli 56), ssa bella giovent (Oliva 9.2), na bona femmena de casa (Rocco 156.79), essere na mala / brutta carne essere un
12

13

interessante notare che unidentica distribuzione dellaggettivo anche nei dialetti del Sannio, dove, secondo Maturi (2002, 157 n. 96), in posizione prenominale possono occorrere, oltre agli aggettivi / pronomi dimostrativi, interrogativi e indefiniti, soltanto alcuni aggettivi qualificativi, tra cui bello, bravo, grande, povero. Bichelli (1974, 9091) segnala anche caro (p.es. nu caramico) e santo (p.es. Santu Nicola) come aggettivi che occorrono normalmente in posizione prenominale. Senza fondamento, invece, ci pare lasserzione in Altamura e DAscoli (1970, 16) che la scelta di collocazione fatta per raggiungere, come in italiano, determinati effetti di eufonia o di icasticit.

232

cattivo / tristo arnese (Andreoli [1887] 1993, 81), corta vista vista corta, miopia (id. 135), mala femmena meretrice (id. 159), no bello brodo (Cavalcanti 40), nu buono cunziglio (Di Giacomo1 84), O vero generale de mbriacune [ubriaconi] (id. 97), Vuie site luneca perzona coo sapite! (id. 138), tutte sti bbrutti ffigure (id. 160), mo mme fumo pure mezzo toscano (id. 113), na bella pizza doce [torta] (Scarpetta 1 330), E sceta [sveglia] a chillo poverommo (id. 404), aggio fatte fa doje grosse corone de fiori (Scarpetta2 180), m fenuto lo primatto (id. 180), Lo primmo marito mio (Scarpetta5 I.5), na giovine cantante (Scarpetta 9 I.2), non credere a li male lingue (Scarpetta 27 II.3), serve le meglie case napolitane (id. III.3), Manco cchi te pu fa na parlatella / cu quacche Santa femmena! (Russo 91), Aggio av a mala nutizia (De Filippo1 354), Nun pozzo vncere na meza lira (id. 135), aggio avuto a mala sciorta [sorte]! (Ruocco 88), tene na bella memoria (Ruccello 110), acquietalla tu nu poco a chella vecchia bizzoca [bigotta] (id. 124), Tu s a peggia criminale (id. 92). Quando per gli stessi aggettivi ricorrono in posizione postnominale (in questo caso con vocale finale evanescente; Iandolo 1994, 173), assumono invece una caratterizzazione contrastiva dal momento che la posizione postnominale ora costituisce una posizione di rilievo semantico (cfr. amica mia cara, figlio mio bello): nchieme no caudaro [riempimi un caldaione] granne de latto (Sarnelli 172), Lo tiempo lluonco mpara llommo a mmettere / la vriglia [briglia] a li liune ed a le ttigre (Oliva 21.2728), cazune curte (Andreoli [1887] 1993, 91), ommo granne uomo di et, vecchio (id. 185), no pesce gruosso volluto (Cavalcanti 60; cfr. no piezzo de no gruosso pesce (60)), so benuta a fa opera bona! (Di Giacomo1 117), venuta la cammarera nova (Scarpetta1 258), Cu e pparole brutte ca me dice annanze a ggente (Ruccello 110), Na marila [ladra] bella (Zito 61), tutte e nnenne [bambine] belle (id. 63), inta stagiona nova (id. 63). Concludiamo che, a differenza dellitaliano, dove in teoria qualsiasi aggettivo suscettibile di caratterizzazione valutativa o soggettiva possa porsi in posizione prenominale (p.es. un noioso discorso, il tuo insopportabile amico), in napoletano tale possibilit si vede severamente ristretta in senso morfolessicale. Di conseguenza, in napoletano moderno aggettivi veicolanti valori valutativi e/o soggettivi privi di tale caratteristica morfologica sono tipicamente esclusi dalla posizione prenominale (p.es. chisso velo meserabbele (Oliva 72.119), Aggio avuto duie schiaffe tremende (De Filippo1 39), E chi ha avuta sta bella penzata geniale? (De Santis1 II)).14 Infatti, man mano che ci si sposta verso lepoca moderna, sempre pi rari e stilisticamente marcati (e qui sorge il dubbio di un eventuale influsso del modello italiano) risultano quegli esempi in cui si assiste allimpiego prenominale di un aggettivo con vocale finale in [-] (p.es. le ffauze parole (Cortese2 6.37), cierte brave recetante (Cortese3 5.21), cheste pestifare femmene (Crisci 1617), venuto o ricco sacerdote (De Filippo1 357), nu doce lamiento (Zito 53)).
14

Si notino anche esempi con nomi propri quali Lo nigro Antuono (Basile 42), larraggiata [arrabbiata] Pascaddozia (Sarnelli 148), co sto ricco Pullone (DAntonio 407.8). La maggiore frequenza di aggettivi prenominali impiegati con i nomi propri sar conseguenza della natura referenziale intrinseca dei nomi propri, i quali rifiutano sotto condizioni pragmatiche normali laggettivo postnominale che serve tipicamente ad identificare ulteriormente il referente del sostantivo associato.

233

Per converso, i valori (iii) e (iv) elencati di cui sopra per laggettivo prenominale italiano risultano ancora pi difficili e poco produttivi in dialetto. Dei pochi aggettivi suscettibili di una lettura traslata / letterale in base alla posizione pre- vs postnominale, ricordiamo qui no buonommo / nommo buono un uomo da bene / un uomo di riguardo (Malato 1970b, 90), nu poverommo / nommo povero (Iandolo 1994, 179), che bruttu tiempo / che tiempo brutto Che brutto tempo (atmosferico) o Che bruttepoca / Che brutto tempo atmosferico (id. 179), na bona figliola / figliola bona una buona ragazza / una ragazza formosa (Bichelli 1974, 91), o vero signore / signore vero il galantuomo / il signore vero (Iandolo 2001, 269), na certa risposta / risposta certa (id. 214), nu viecchio amico / namico viecchio (id.). Anche di interesse qui sono gli impieghi traslati di buono e bello prenominali col significato di generoso, abbondante (Coluccia 1987b, 135, 137; p.es. fcino de belle curpe (Ferraiolo 130v.17), una bella battaglia (id. 124v.17), uno bello tratto (id. 130v.6), bone bonbardate molti colpi di bombarda (id. 115v.14), bona rotta grande disfatta (id. 118v.26), bona battaglia grande battaglia (id. 119r.3), Na bona fella [fetta] de caso cavallo [caciocavallo] (Cortese1 7.32), Piglia na bona cepolla (Cavalcanti 22), nce miette pure no bello saciccio (id. 24), laggio fatto bevere na bona botteglia de vino (Scarpetta14 IV.2), e le facite na bona mazziata [bastonata] (Scarpetta19 I.1), mavita [dovete] da na bella liquidazione (De Filippo1 134)). A parte questi esempi, gli impieghi traslati di altri aggettivi in posizione prenominale risultano oltremodo rari e ricorrono perlopi in poesia: la doce commertazione [riunione di amici] (Cortese2 4.20; cfr. No canto doce (id. 3.10)), sso nigro cunto (Oliva 83.29). Discorso analogo vale anche per il collocamento prenominale di aggettivi denotanti valori inerenti al sostantivo (tipo (iv) di cui sopra): Ogne sguancia [guancia] parea na fresca rosa (Cortese1 10.33; cfr. Lo ppane frisco (id. 3.9), comme a na pummarola [pomodoro] fresca (De Santis2 I)), la gloriosa vergine maria dellarco (TVMA V.45), lo potente fuoco (Oliva 16.177), mme s trovato a Pezzulo [Pozzuoli] comme a cammariere in casa de nu ricco signore (Scarpetta 9 I.9; cfr. me voglio spos no viecchio, no bello viecchio ricco (Scarpetta 15 III.5)). Risulta che la posizione postnominale quella di gran lunga maggiormente sfruttata in napoletano, dove si legittimano, ma non esclusivamente, interpretazioni restrittive (denotative e referenziali), perci la posizione tipica degli aggettivi indicanti colore (p.es. La capo negra (Cortese2 2.4), Le ccapo rosse (id. 4.2), le rripe vierde (Rocco 83.21), aulive nere senza losse [noccioli] (Cavalcanti 64), Tiene na faccia pallida (De Filippo1 8)), forma (le pperzone granne (Cortese4 155), lo naso allongato (Crisci 24)), provenienza geografica (Co no capo de filo marfetano [amalfitano] (Cortese1 3.19), dinte vvene caveva correre paricchio sangue normanno (Ruccello 108)), e degli aggettivi argomentali (p.es. co stilo Aroieco (Cortese1 2.13), lo seme delle ccose naturali (Della Porta 24), lo palazzo olimpeco (Rocco 68.109), lha mannata na lettera amorosa (Scarpetta 15 III.6), o principe ereditario (De Filippo1 134), frato / sora carnale/-a fratello / sorella nati dallo stesso matrimonio), e dei participi aggettivati, eventualmente conservanti in questa posizione tutti i complementi verbali (p.es. a denocchie scoperte (Basile 374), una candela accesa, posta sotto allo seme o anema dello citrangolo [arancio amaro] (Della Porta 2829), le case scarrupate [abbattute] (Sarnelli 64), cierte capille rutte 234

(Oliva 77.45), le ppera cotte (DAntonio 424.16), no piezzo de lardo viecchio pesato (Cavalcanti 21), Mavite portate li castagne sceruppate? (Scarpetta2 182), nu suonno scurdato ca t paruto vivo (De Filippo2 85), avita [dovete] sazzi na famma arretrata (Ruccello 97)). Infine si noti che la minore disponibilit della posizione prenominale in dialetto rispetto allitaliano per tutti e quattro i valori individuati di cui sopra andrebbe intesa anche nel contesto delle diverse sfere di impiego delle due variet: mentre il dialetto rappresenta tipicamente un codice parlato piuttosto che scritto, specie in tempi pi recenti, litaliano costituisce invece un codice altrettanto parlato che scritto. Ne consegue che lo sfruttamento della posizione prenominale, soprattutto con i tipi (iii) e (iv) di cui sopra, che caratterizza notevolmente i registri stilisticamente pi marcati (tipo testi burocratici e letterari), si rivela pi libero in italiano (scritto) che non in dialetto, dove la natura principalmente orale del codice non si presta facilmente a tali usi. Per contro, precisamente con i tipi (i) e (ii) che tanto litaliano quanto il napoletano, sebbene in misura sempre minore a seconda degli osservati limiti morfolessicali, ricorrono con maggiore facilit alla posizione prenominale, in quanto le letture valutative e soggettive degli aggettivi sono pi proprie delluso orale. Infatti, caratterizzazioni non contrastive, che nelle lingue romanze si identificano tipicamente con lanteposizione dellaggettivo, fungono a tutti gli effetti da espressioni di opinione, il che spiega, a sua, volta perch gli aggettivi preposti tendano allinterpretazione soggettiva e interessino maggiormente, almeno nel parlato, le valutazioni pi rudimentali (perci lanteposizione frequente di aggettivi quali buono, bello, brutto, granne, malo).15 Parrebbe allora forse pi corretto concludere che le differenze riguardo alla posizione dellaggettivo osservate in italiano e in napoletano siano, considerazioni morfolessicali a parte, piuttosto di ordine quantitativo che non qualitativo. Tuttavia, ci non toglie che rispetto allitaliano la posizione postnominale sia maggiormente sfruttata in napoletano, persino nella variet letteraria, dove si verificano regolarmente caratterizzazioni non contrastive anche in posizione postnominale. Ad esempio, nella frase chillo fuje nu pueta granne, laggettivo granne, pur occorrendo in posizione postnominale, riceve indubbiamente linterpretazione valutativa soggettiva canonicamente associata alla posizione prenominale. Esempi come questo sottolineano come linterpretazione degli aggettivi dipenda non solo dal loro significato e dalla loro collocazione, ma anche, e soprattutto, da come possano interpretarsi in contesti pragmatici particolari. Pi specificamente, ci che fa prevalere effettivamente linterpretazione non contrastiva in questesempio il significato stesso della testa nominale pueta, in quanto quello che ci interessa normalmente dei poeti non tanto la loro statura o altezza, bens la qualit della loro produzione letteraria. Ad ulteriore riprova della caratterizzazione non contrastiva legittimata dalla posizione postnominale, si considerino esempi quali int sta casa c unaria elettrica (Di Maio2 II.12), dove la lettura traslata dellaggettivo elettrica (cio tesa, nervosa)
15

Con tutta probabilit, tali tendenze relative alla frequenza di aggettivi valutativi di base avrebbero portato col tempo alla specializzazione e alla restrizione della posizione prenominale osservata nel dialetto moderno agli aggettivi esprimenti le valutazioni pi rudimentali (della serie buono, bello, brutto, granne, malo).

235

viene legittimata in posizione postnominale (cfr. it. unelettrica atmosfera vs un radiatore elettrico), nonch coppie minime sinonime quali a santa croce / a croce santa (Bichelli 1974, 91), nu santommo / nommo santo (id.), m sposa e piglia na forte dote / tene na dote forte (Scarpetta 4 I.1 / 2), e, infine, il comportamento idiosincratico di aggettivi qualificativi come malamente cattivo (Bichelli 1974, 91) e piccerillo piccolo, i quali conoscono solo la posizione postnominale a prescindere dalla loro eventuale interpretazione denotativa o valutativa: me magnasse e pesce piccerille (De Filippo2 23), nommo malamente (Radtke 1997, 92). Anche significativo a tale riguardo infine un breve confronto con gli aggettivi possessivi. Come discusso al 7.2.1.1, nei testi presecenteschi la posizione dei possessivi era alquanto variabile, in quanto il possessivo poteva occorrere sia in posizione postnominale che prenominale, pur risultando questultima quella maggiormente sfruttata. Al pari dellarticolo determinativo e dei dimostrativi, i possessivi sono tipicamente caratterizzati dalla propriet di rinviare a referenti ritenuti dal parlante noti allinterlocutore, cosicch il valore dei possessivi in genere presupposizionale servendo a definire determinati sostantivi in rapporto con i partecipanti (1 / 2a pers.) e non (3a pers.) dellatto comunicativo; solo in contesti marcati acquisiscono invece un valore contrastivo, lettura tipicamente associata con la posizione postnominale (cfr. it. il tuo errore vs lerrore tuo (, non mio)). Malgrado questa loro caratterizzazione tipicamente presupposizionale, interessante osservare che proprio nel Seicento, data che non a caso abbiamo identificato sopra con linizio del secondo periodo cronologico rilevante per lo studio delle posizioni aggettivali, che la posizione postnominale simpone obbligatoriamente per i possessivi senza riguardo alla loro eventuale interpretazione presupposizionale o contrastiva. Indubbiamente, tale constatazione sottolinea ulteriormente il sempre maggiore svincolamento in atto durante questo periodo della posizione prenominale dalle caratterizzazioni non contrastive, letture leggitimate in seguito non tanto pi dalla sintassi (ossia lordine delle parole differenziato) quanto dalla semantico-pragmatica. 6.4.1.3. Considerazioni sintattiche Oltre ai gi visti fattori morfolessicali e semantici agenti sulla posizione dellaggettivo allinterno del SN, si notano anche delle restrizioni di ordine sintattico. In particolare, la posizione postnominale simpone se laggettivo seleziona un complemento (p.es. nautro aniello simele a chillo (Basile 702), certe femmene triste gelose disso (id. 52), cosa disonesta a vvnnere [vendere] o ccaf? (De Filippo1 173)), oppure se reca una qualsiasi modificazione,16 inclusa la reiterazione (p.es. nautra pazza arraggiata [arrabbiata] comma mammata [tua mamma] (Basile 722), tante pezzelle tonne tonne [rotonde rotonde] (Cavalcanti 80), Me so venute le delure cchi forte (Scarpetta1 547), na serata veramente scicca [elegante] (Scarpetta27 I.6), nu biglietto gruosso gruosso (De Filippo1 148), A carna troppa cotta (Ruccello 107), nu male e cape accuss fforte (id. 116)). Inoltre, mentre in posizione postnominale possono co-occorrere due o pi aggettivi, con o senza coordinazione esplicita (p.es. avea na facce rossa, janca [bianca], e bella (Cortese1
16

Rare eccezioni comprendono Era accuss bona guagliona [ragazza] (Di Giacomo1 137).

236

2.20), quarche recreazione leceta ed onesta (Sarnelli 14), Feletto de puorco arrostuto sano (Cavalcanti 53), naria fresca e profumata (De Filippo2 160), dinta llaria fresca e doce (Chiurazzi 105), Cuncettina na brava guaione, sincera, genuina (De Santis2 I)), la posizione prenominale si limita generalmente ad un solo aggettivo (p.es.??na bbella givena guagliona [ragazza] / ??na givena bbella guagliona (bens na bbella guagliona givene / na givena guagliona bbella), ??na mala longa nuttata / ??na longa mala nuttata (bens na mala nuttata longa)). Nel caso di multipli aggettivi postnominali, lordine degli aggettivi risulta libero se coordinati (p.es. La terra nera e grassa [fertile] (Rocco 201.51, ma anche possibile a terra grassa e nera)), ma fisso quando subordinati a seconda dallinterpretazione desiderata (p.es. sacicce secche vollute (Cavalcanti 53, di fronte a sacicce vullute secche), no pesce gruosso volluto (id. 60, di fronte a ?no pesce vulluto gruosso)). Come dimostra questultimo esempio, di solito gli aggettivi pi rudimentali e comuni vanno generalmente posti prima di aggettivi meno comuni denotanti propriet pi specifiche, perci lordine preferito gruosso > vulluto (cfr. anche la discussione della serializzazione non marcata delle diverse classi di SA in Cinque 1995, 298299); altri esempi rappresentativi comprendono: na mano piccerella pelosa (?na mano pelosa piccerella), na cana granne prena una cagna grande incinta (?na cana prena granne), nu caf luongo cauro un caff lungo caldo (?nu caf cauro luongo), chelli pizze grosse abbrusciate (?chelli pizze abbrusciate grosse). Interpretando tali fatti come conseguenza di un principio pi generale a procedere dal dato verso il nuovo, si spiega anche perch gli aggettivi denotanti propriet inerenti o permanenti precedano aggettivi indicanti propriet passeggere o accidentali: o ppane janco frisco (?o ppane frisco janco), nu telfono purttile nuovo (?nu telfono nuovo purttile). Tali principi per vengono meno qualora luno degli aggettivi rechi una modificazione avverbiale, nel cui caso tale aggettivo va posto per ultimo: na mano pelosa prpeto [proprio] piccerella, chelli pizze abbrusciate grosse assaie. Anche di interesse qui sono alcune generalizzazioni di ordine pragmatico che comportano dei riflessi sintattici. In particolare, i nomi pi suscettibili di una caratterizzazione contrastiva comprendono quelli che rinviano a referenti non considerati noti o identificabili in un dato contesto, laddove sono pi facilmente interessati da caratterizzazioni non contrastive quei nomi che rinviano a referenti ritenuti noti o identificiabili in base al contesto dato. Ne deriva perci che gli aggettivi preposti risultano alquanto pi frequenti con: i) nomi in funzione di soggetto preverbale piuttosto che in funzione non soggettivale o in funzione di soggetto postverbale (p.es. o viecchio zio se ntricava assaie dint [si ingeriva troppo nei] fatte e llate vs se ntricava assaie dint fatte e llate o zio viecchio); ii) nomi accompagnati da articolo determinativo o dimostrativo piuttosto che da articolo indeterminativo (p.es. aierassera canuscettemo [conoscemmo] viecchio snnaco [sindaco] / a nu snnaco viecchio); iii) nomi propri (compresi nomi comuni intrinsecamente referenziali) che non con nomi comuni (p.es. o viecchio Sarvatore (??viecchio)). Concludiamo collosservare come, al contrario della posizione postnominale, la posizione prenominale paia dimostrare una maggior coesione col nome, a tal punto che in molti casi aggettivo e nome si presentano come parola composta in cui risulta difficile, se non del tutto impossibile, riconoscere pi una qualsiasi modificazione da parte dellaggettivo prenominale: bonamana mancia, a bbonanima il / la defun237

to/-a, bbona fmmena prostituta (cfr. fmmena bbona donna sexy), bbella cosa regalino / dolcino portato a bambino, malaparola parolaccia, primma donna, (mmizo) e ffrsche frsche (al)laria aperta (Amato e Pardo 2001, 89). Pochi invece sono i casi fossilizzati di nome + aggettivo postnominale: dito gruosso alluce, dito pcculo mignolo, pateterno Padreterno, campusanto, mammasantissima camorrista di spicco. 6.4.2. Il napoletano antico Al pari del toscano antico (Alisova 1967; Giorgi in stampa; Giusti in stampa) e delle altre variet antiche (Vincent 2007), ma a differenza dellitaliano moderno, la distribuzione dellaggettivo nei testi napoletani antichi, sia in poesia che prosa, risulta alquanto libera. In particolare, si nota che la lettura contrastiva non si limita unicamente alla posizione postnominale come in italiano e napoletano moderno (Barbato 2001, 298; p.es. li membri calidi (BagniN 214)), ma si ottiene anche in posizione prenominale (p.es. chaldi mienbre (BagniR 115)).17 A tal proposito Compagna (1990, 211) sottolinea, ad esempio, che nel quattrocentesco Lupo [l]a posizione dellaggettivo libera: esso si pu trovare sia anteposto che posposto al nome. Sebbene indubbiamente pi libera, la posizione dellaggettivo nei testi antichi, come si vedr, non per senza restrizioni. In particolare, va sottolineato che mentre la lettura contrastiva (ossia interpretazione restrittiva o determinativa) pu venir legittimata in posizione sia postnominale che prenominale, la lettura non contrastiva (ossia interpretazione appositiva o qualitativa) si limita alla posizione prenominale. Per risulta difficile stabilire se tale apparente maggiore libert nella collocazione dellaggettivo costituisca effettivamente un autentico tratto del dialetto antico oppure unimitazione latineggiante. Certo, come ribadisce Alisova (1967, 277), nel periodo delle origini delle lingue romanze il latino doveva costituire la norma scritta che forniva a chi scriveva non solo le necessarie parole assenti dalla lingua parlata, ma anche i nessi sintattici associati a tali parole, compresa lanteposizione nel caso degli aggettivi denotativi.18 A riprova di questipotesi, si considerino inoltre le testimonianze offerteci da testi pi vicini alluso parlato come, in particolare, il quattrocentesco diario derosiano, in cui la posizione dellaggettivo non gode dellampia libert osservata in altri testi coevi (v. sotto), ma segue in larga misura i criteri identificati sopra per litaliano moderno. In particolare, un nostro spoglio completo del testo ha rivelato che la posizione prenominale generalmente limitata agli aggettivi con valore valutativo / soggettivo (v. sotto) o, meno spesso, agli aggettivi con valore traslato (solo tre esempi, ossia le Grutte dello re, che nce ave una gintile accua (59r.12), dolcessema
17

18

Alisova (1967, 285286) sostiene che lanteposizione pu servire anche come strategia di rilievo enfatico come si desume dai seguenti esempi, in cui laggettivo anteposto fa parte di un SN spostato in posizione di focus iniziale: legya cosa serr a perderevo le persune (LDT 55.2425), Costumata cosa y intre le femene de non desiderare amore de nullo homo (ib. 58.8), Verace cosa y che a li nuostri Diey fo sempremay grata (ib. 125.28), naturale cosa y a lo pazo de monstrare la soa pazia (ib. 129.38). Tale era lapparente intercambiabilit delle due posizioni aggettivali nella lingua antica che le due posizioni dovevano anche venir sfruttate come pure varianti ritmiche.

238

do[n]na mia (60v.3), faciteme una anpla (com)missione (38r.7)) e denotanti propriet inerenti al nome (solo undici esempi, ossia Santo Padre (1r.29), la Santa Eclesia (4v.4 / 37r.56), la sacra Scrittura (24r.10), lo Santo Suburco (33r.1011; cfr. per le ve(n)ne voglia volere accuistare la Casa Santa [il Santo Sepolcro] (33r.4)), tutto lo universo mundo (11r.32), no(n) ave a ffare lo libbero arbitio co ly disastre (25r.18), iuraro de essere fidile vassalle a cchillo (40r.1516), restao in tranquilla pace chisto Riamo (42v.6), chisto y lo liale amore (48v.12), le dero una crodele battaglia (52r.1112)). Per contro, la frequenza di aggettivi restrittivi in posizione prenominale si rivela davvero molto limitata, di cui abbiamo riscontrato solo tre esempi (tutti e tre con aggettivi relazionali: vuy site catolico cristiano (33r.26), et p(er) amore no(n)n pu(r)ria pigliare una cristiana gintile do(n)na ca (m)me y vassalla? (49r.3233), [] che nde fosse fatto uno prubico essturmiento [atto pubblico fatto da notaio] (39v.1718)). 6.4.2.1. Aggettivi in posizione prenominale Fra gli aggettivi che favoriscono la posizione prenominale si ricordano qui quelli correlati alla determinazione, comprendenti aggettivi con funzione anaforica (p.es. non avea iamay veduto homo de semele belleze (LDT 101.56), lo dicto re Agamenone (ib. 125.9), lu d(i)ctu conti cu(n) tucta la dicta Compagna (Lettera2 124.18), ad devuta punicione (ib. 125.1920), se ne [ci] parisse de requeder(e) altri p(er)sone che facissino simile sacrame(n)to (ib. 126.1415), De lo prefato [suddetto] Robberto (De Rosa 32v.28)), aggettivi di quantit (p.es. siale data dobla penetencia (SDM 62.45), i(n) nocte de s(an)c(t)a Maria de mezo agusto (Lettera 2 60.2223)) e aggettivi ordinali (p.es. lo tero autunno dicise de la primera etate / lo quarto tiempo yeme succede immediate (Regimen1 7576), ne lo quarto libro (CDP VI), Lo quinto figlyo se clamao Troylo (LDT 77.12), intrando a la vattaglya lo septimo iuorno (ib. 227.29), li ultimi iuorni suoy (ib. 211.27), la matina de lo sequente iuorno (ib. 202.23), Lu secondo re (Detto 9), Lu terzo mortu (ib. 41), lo secundo re Lanczalao (De Rosa 1r.4; cfr. per lo re Carlo secundo (40v.29)), ly prime muote no(n) so in potestate dellomo (id. 1r.24), Lo secuente d (id. 16v.10), Lo papa se vistio frate de lo tierczo ordene (id. 35r.3435)). Pi raramente questi ultimi si collocano in posizione postnominale: agllo con pepe o inibaro da la dia primera (Regimen1 358), E quella nocte ultima de quillo mese (LDT 193.24), Venendo la matina dellaltro iuorno sequente (ib. 205.13). La posizione prenominale risulta anche prevalente nel caso degli aggettivi valutativi ma, a differenza del napoletano moderno, non conosce restrizioni morfolessicali: p(er) alcuni raggionibili (con)siderationi (Lettera6 16), una bella e grande nave (LDT 51.29), lo chiamano sum(m)o e potente dio (LAFGP 2r.a.35), intra li quali foro valenti ho(min)i [] cento e m(u)lti altri grandi oraturi e phi[losophi] (ib. 1v.b.3033), la malvasa putana (RDF 287), Chesto nustro pastore e nustro citatino ey uno santomo (ib. 9), tutte quille cinco gintili ommini (Ferraiolo 84v.20 21), uno notabele cavallo (Lupo I.9.2), nelle male lengue (id. I.40.2), Mo di(r)rimo de arcune lassive p(er)sune (De Rosa 11r.11), lo fece mangiare (con) isso, tristo [cattivo] pane et pegio vino (id. 63r.2425), lo groriuso soldano mand tre donczelle (id. 12v.8), deventaro miserabbele p(er)sune (id. 7r.23). Al pari del dialetto moderno non esclusa neanche la posizione postnominale con gli aggettivi valutati239

vi, come attestano le seguenti coppie: quisto re Phyon avea con sico uno maraviglyoso carro de grande belleze / E tanto y la fama de le cose maraviglyose che fece quisto Hercules (LDT 150.20 / 52.1819), una soa nobele cit chi se clamava Salemina / era ordenato lo seyo reale con una tabula multo longa e nobele (ib. 115.2 / 81.23), murio sencza una maledetta candela / Ly duy figlie maleditte pigliaro chella lettere (De Rosa 4v.9 / 27v.1920), (con)gregao tanta gente che era una mirabbele cosa / yo voglio scrivere una cosa maravegliosa (id. 32v.2324 / 47r.15). Nel caso dei nomi propri laggettivo occorre invece sempre in posizione prenominale in quanto laggettivo pu solo avere valore attributivo: A(r)re(com)ma(n)datimi [] a la devota mada(m)ma Margarita (Lettera1 2426), Et poi giunse el dengno duca de Venosa (Ferraiolo 79r.20), Che far oramay la piacente Gissolina? (RDF 227), lo biato papa Sirvisto (ib. 9), isso e io ordinirimo tacta che la bella Costancia te sia molere (ib. 39), lo malo re Roderico (Lupo II.1.8), lo Malo Goglierimo et lo secundo lo Buono Goglierimo (De Rosa 37r.17), lo illustrissimo duca de Milana mand a sseco(r)rere Gaeta (id. 10r.2122), la groriosa Vergene Maria (id. 18r.23), el limato dire del fiorentin Voccaccio (De Jennaro 1 VII.4 (lettere)). Anche al comparativo o superlativo viene preferita di nuovo la posizione prenominale (p.es. era delle plu belle femene de lo mundo (LDT 99.28), circuita de nobilissime mura (CDP V), Ip(s)i stissi in pessimi errurj se reduxero (LAFGP 1r.a2829), inde lo q(u)al(e) lago si era uno grandissimo serpente (ib. 5r.b.1617), per lo amor(e) de ip(s)o Yulo Iulum fortissimo castello si (con)struxe (ib. 11v.b.1314), foria [sarebbe] stato nomenato lo pi ssavio et gloriuso re del mundo (Lupo I.32.9), Tenea lo pi bello tinello [grande sala] et la pi bella cappella (id. II.53.1), pi forte cosa y chesta che [] (De Rosa 17v.29 30), Fo fatta una grandessema festa (id. 42v.1), fo uno singularissimo omo (id. 5v.23), lo quale fo lo pi iustissimo singniore (id. 67v.12), aspettando dalli bianchissime mano resposta (De Jennaro1 I.34 (lettere)), il fidellissimo popolo (CDT 9293)), sebbene si riscontri anche la posizione postnominale: allora poti cocere la vidanda [carne] megllore (Regimen1 141), e le nocte longhesseme passare in gran vigore (ib. 142), Et intuorno de la mura erano diversi turri ben fuorti et altissime (LDT 78.36), li romani uno templo grandissimo (con)struxero (LAFGP 1v.b.3738), lo singniore cappellano maiure dello re (De Rosa 56v.1011), Lo frate maiure dice a lo picczolo (id. 18r.16). Infine si noti che al pari dellitaliano letterario moderno di gran lunga favorita la posizione prenominale con aggettivi denotanti propriet inerenti al sostantivo modificato (p.es. inde la secca plagia de la terra soa (LDT 76.21), per sacro baptisimo (CDP XI), per le soy magich(e) inca(n)taciuni (LAFGP 8v.a.910), il duro ferro (Maramauro1 1.1), Marino Branchazo con sua forte lanza (Ferraiolo 15.45), Tucti chilli chi voleno fare chesta s(an)c(t)a penetencia (SDM 59.1), la santa Iscripttura (RDF 58), lo robicundo sangue (De Jennaro1 I.78 (lettere)), fui trasformato in bianco cigno (id. III.14), patisce il fredo vento boreale (Brancati1 70.14), un stricto vico [vicolo] restregneva lo asino (id. 97.15), Le lusenghe noceno pi che li crudeli veneni (id. 113.3031)), e con aggettivi con valore traslato (p.es. O doce mio fratillo (RDF 63), erano state triste tenporale quille d (Ferraiolo 105v.89), faccio un dulce canto (Brancati1 51.13), havendo smarrita la dricta via (id. 9.14), La ricca quiete de lanimo (id. 75.1718), dintorno ad un povero fuoco (Masuccio XXXIV.17)). Pi raramente viene fatto ricorso alla posizione postnominale, come si 240

vede dalla seguente coppia minima dove laggettivo denota in entrambi i casi una qualit inerente: Credeano [] li mortali ho(min)i [] la et(er)na gloria (et) im(m)ortalit meretar(e) / E per loro false e sophisteche raisuni ip(s)i ho(min)i mortali credeano esser(e) facti (LAFGP 1r.a.2932 / 1r.a3234). 6.4.2.2. Aggettivi in posizione pre- e postnominale Come osservato sopra, il napoletano antico diverge in maniera piuttosto sensibile dal dialetto moderno nel frequente ricorso alla posizione prenominale anche per gli aggettivi con funzione restrittiva, come si vede da esempi quali contra Troyani s foro la Grande e la pizola Grecia inde lloro potere assemblate (LDT 48.78), dove gli aggettivi grande e pizola, sebbene prenominali, assumono chiaro significato constrastivo, disambiguando tra lItalia (la Grande Grecia) e la Grecia (la pizola Grecia). Un analogo sfruttamento della posizione prenominale si osserva nelle seguenti coppie quasi minime dove laggettivo, che occorra in posizione prenominale o postnominale, serve invariabilmente a restringere il riferimento del sostantivo modificato: non avite in vostra memoria la morte crodele de li vuostri avy / tanta scandali sonde nate, e sequetatande crodele morte de multi huomini (LDT 88.25 26 / 98.3334), parar a vui allora la n(ost)ra vinuta utili p(er) lu co(mun)i honore / cose che avimo ad far(e) che tendeno a lu honor(e) comune (Lettera2 125.9 / Lettera4 1213), dechiaramo per questa nostra diffinitiva sentencia [] devrenose privare et coss le privamo per quest nostra diffinitiva asentecia de tutti et singuli cit / Et tutti li preditti beni [] esserono aperti et confiscate per questa nostra sentencia diffinitiva (Ferraiolo 94r.810 / 94r.1416), io te lo mando dicendo a tene o filla mia che tu lo diche a quisse cristiane cavaliere / averevo concordia co lo iperatore cristiano (RDF 194 / 110). Per la funzione restrittiva si nota pertanto nei testi antichi una ripartizione tra la posizione prenominale e quella postnominale, anche se questultima pare leggermente prevalere in molti testi: (posizione prenominale) non mangiare de lactante aynelli (Regimen1 287), avimo de zo una papale bulla (Lettera3 15), Italia piange con pietoso sdegno (DellAquila 4.3), una caritativa affeccion(e) (LAFGP 4r.b.4), una (con)version(e) e (con)fexione de la pagana fede (ib. 2r.a.3031), le mandao uno ricco duonno (RDF 75), domand li fosse dato il cotidiano pane (Brancati1 7.22), offerevano [] a le pecore perpetua pace (id. 50.1920), sta steso in una secura grocta (id. 101.21), stando infermo com mortal posteme [tumore] (TVMA VI.2); (posizione postnominale) lo vino agro togllele toste so nocimento (Regimen 1 363), le festivitate solen(n)e per soa memo(r)ia dedicao (LAFGP 1v.b.1011), m(u)lte fem(m)ene alle selve e luochi montuosi demenao [port] (ib. 3v.a.1314), a li pasturi colle cosse [gambe] pilose e caprine li apparse (ib. 9v.a.911), Una sua figlia inmaritata (De Rosa 6r.35), mangiando erba sarvagia (id. 25v.89), vinde lo pane crudo (id. 65r.7), essendo con la testa grande, con locchi aguzi, con lo color nigro, con le ganghe [denti] longhe, con lo collo corto, con le gambe grosse, con li pedi grandi, con una bocca grandissima (Brancati1 7.47), Cosa difficile la povert (id. 23.56), Mandamo che nullo clerico porte vestimento inhonesto (Aloisio 17 18), agiuto humano (TVMA VI.3). Come conseguenza del maggior ricorso alla posizione prenominale, a differenza dellitaliano risulta anche normale la collocazione prenominale, per non ad esclu241

sione di quella postnominale, con gli aggettivi di nazionalit, di relazione, di colore, e di forma e di dimensione. Ricordiamo qui alcuni esempi rappresentativi tratti da vari testi antichi: aggettivi di nazionalit: li Goti populi pervennaro in Italia (CDP XII), deveano portare in loro compagnia in Grecia co lo troyano navilyo (LDT 93.2627; allato per a ultra li confine de lo regno troyano (49.38)), la romana patria de quella pestilencia liberao / s(e)c(un)do se lege nelle roman(e) ystorie / Sono certe altre fe(m)i(n)e i(n)de lo ebreo flume (LAFGP 5rb.1112 / 6r.b.3435 / 10v.a.14 15; allato a De chisto cridectino monstro s nar(r)ano li antichi romani storie / lo regno delle fem(m)en(e) amaczon(e) (5v.a.79 / 3v.a.32)), lo ciciliano messere Raimondo (Ferraiolo 79r.30, qui ciciliano ha ovviamente valore appositivo), li spangnoli soldati (CDT 3435, allato per a tucte le compangnie spangnole (65)); aggettivi di relazione: generati erano da li estivi fructi (Regimen1 128, allato a fecero li fructi estivi (125)), multo la trovi semele a la humana natura / quisti aveano hu(m)ana descreccion(e) e parlamento (Regimen1 297 / LAFGP 10r.a.3435; allato per a dal lato de nanczi aveano fig(u)ra h(u)mana (LAFGP 10r.a.1617)), E quando plaze [piacque] a lo nuostro signore Ihesu Christo de recipire carne humana per la salute de la humana generatione (LDT 118.11 12), per mundana cupiditate de avaritia (LDT 50.2122; allato per a lassamo li dilecte e l[e] cose mundane (Detto 5)), per le soy magich(e) inca(n)taciuni (LAFGP 8v.a.910; allato per a era coss peritissima inde la arte magica (1r.b.1011)), lo exercicio se fa maiur(e)mente per invocacione de li infernali spiriti (ib. 2v.b.1719; allato a fo de la compagna de li diemoni infernali (LDT 187.89)), (Et) i(n)per lo verile membro de lomo da ip(s)o Priapo d(i)cto n(e) (ib. 8v.b.911), queste doy finalme(n)te si res(er)vano a devino iudicio / Queste tale cose se producuno per divina providentia (LAFGP 11r.b.1718 / Brancati1 24.78; allato per a saglyuti in cielo per volontate divina / alora per vertuti divina ce mostrao uno bello miracolo / deiate vacare a lo servicio divino et officiare bene la ecclesia (LDT 110.15 / RDF 12 / LVP 56), lo official per publica auctorit li dixe (Brancati1 48.1516; allato per a per commandamiento publico banduto a suono de tromba (LDT 124.29)), la nigromantica arte soa (LDT 62.17; allato a per arte nigromantica (59.21)); aggettivi di colore: appe [aveva] blanca carnatura (LDT 110.38 111.1; allato per a erano fabricate de marmore [marmi] blanche (79.12)), et cachase li soy blondi capilli de la testa (ib. 312.89 O), per coronarti al vivo e verde lauro (DellAquila 2.2), la tua bionda treza (Di Lamberto 24), commossa da nigra colera (Brancati1 32.1112; allato per a vestuto co na robetta [indumento] de velluto nigro (Ferraiolo 101r.2324)); aggettivi di forma e dimensione: A chesta larga e placevele resposta Medea fo multo allegra (LDT 60.20; allato per a andavano per le plaze large e longhe de la citate (56.6), la ponta longa (Aloisio 15), Quelle dance retonne (De Jennaro 2 199)), posse dentro lo mio ventre un longo et nervoso tronco (Brancati1 63.19 20), fece chon una grande deligencia in remote selve (LAFGP 1v.a.35; allato per a in una parte remota (LDT 79.16)), a muodo de due tonde palle (LDT 100.37; allato a li ochy gruossi e rotundi (111.3233)). 242

6.4.2.2.1. Aggettivi a duplice significato Mentre in italiano certi aggettivi presentano una duplice interpretazione in base alla posizione assunta (p.es. un alto ufficiale / un ufficiale alto, un granduomo / un uomo grande), tale distinzione sintattica solo rispecchiata in parte in napoletano antico (p.es. el grande Ruberto Biscardo / Foy homo grande de persona (Lupo I.4.ru. / LDT 112.26), y sopervenuta intre loro una nova questione / la nave nova giva bene (LDT 91.17 / 52.38), so scripte certe lictere grece / E per toglialo Idio tale pensare, de promettere cosa certa (LDT 91.2021 / Masuccio XLVI.20), incontr certe busscaine [abitanti di Biscaglia] / venne nova certa da la Lombardia como [] (Ferraiolo 84r22 / 119r.1314)), dal momento che la funzione restrittiva, come appena osservato sopra, si rivela compatibile anche con la posizione prenominale: in Napoli fo un gran terremoto (CDP IX), non nova cosa che [] (LDT 88.1415), Ma certa cosa che [] (ib. 62.19), tucto quisto tresauro date per li puovere amice de Dio (RDF 20; cfr. con interpretazione traslata: foy homo de povero core (LDT 111.13)), respondendo a tanti e a s diversi argomenti (Masuccio 454.17; cfr. con funzione quantitativa: dopo diverse e losenghevole paruole (V.16)). 6.4.2.3. Riassunto La sintassi della posizione aggettivale del napoletano antico si pu grosso modo riassumere a seconda della falsariga seguente: Agg.Appositivo (N) Agg.Restrittivo (N) Agg.Restrittivo. Come si pu notare, mentre gli aggettivi restrittivi permettono lo sfruttamento di entrambe le posizioni, gli aggettivi appositivi conoscono solo la posizione prenominale. Tale asimmetria si lascia pertanto interpretare in modo pi naturale non come conseguenza della possibilit di una libera generazione delle posizioni aggettivali restrittive (come si suole sostenere), bens come conseguenza della variabilit posizionale del nome. In particolare, sosteniamo che lordine degli aggettivi sia rigidamente fissato come Agg.Appositivo + Agg.Restrittivo, cosicch la variabilit posizionale dellaggettivo restrittivo pu essere semplicemente intesa come effetto superficiale del nome che occorre o in una posizione bassa (ossia N1: Agg.Appositivo + Agg.Restrittivo + N1),19 oppure si sposta a una posizione pi in alto situata allinterno del campo degli aggettivi restrittivi (ossia N2: Agg.Appositivo + Agg.Restrittivo + N2 + Agg.Restrittivo. (N1)),20 o addirittura a una posizione a sinistra del campo degli aggettivi restrittivi (ossia N3: Agg.Appositivo + N3 + Agg.Restrittivo (N2) + (Agg.Restrittivo) (N 1)).21 Tale interpretazione dei fatti spiega immediatamente limpossibilit dellordine
19

20

21

Cfr. quillo maraviglyuso e franco cavalieri Achilles (LDT 133.27), lo sciagurato e tristo cuore (DellAquila 5.14), Legesi indelle antiche troiane ystorie (LAFGP 11r.b.2223), una diva et fortunata nave (De Jennaro3 2), mali et inutili servi (Brancati1 64.67), Un bono et prudente homo (id. 71.22). Cfr. alcune cavalleruse et usate persune et ardite (LDT 50.21), per alcuna mu(n)dana excellencia sucza [sporca] (et) i(n)honesta (LAFGP 1r.a.3031), tucti li altri valenti ho(min)i e prodi (ib. 4v.b.3031). Cfr. appresso bivi buono vino russo (Regimen1 395), appe uno biello figlio masculo (Epistola 181.78), re prudentissimi e dilectosi e arditi (Detto 26), criaro m(u)lti e grande cose (con)t(ra)facte (con)t(ra) natura (LAFGP 5r.a.2526), li novi homini electi (Lupo II.60.2), vengono in un loco alto et precipite (Brancati1 63.3435).

243

**Agg.Restrittivo + Agg.Appositivo, nonch limpossibilit della lettura appositiva degli aggettivi postnominali in quanto non prevista unulteriore posizione nominale (ossia N4) a sinistra di Agg.Appositivo. In pi, tale approccio ci permette di capire le differenze diacroniche riscontrate nella collocazione dellaggettivo nelle varie fasi del napoletano. In particolare, ora possiamo concludere che quello che cambiato nel passaggio dal napoletano antico al napoletano moderno la variabilit posizionale del nome: mentre in passato il nome caratterizzato da una maggior libert nel poter raggiungere qualsiasi delle tre eventuali posizioni nominali (N 1, N2 e N3) allinterno del SN, nel periodo moderno il nome invece costretto ad occorrere almeno nella pi alta delle tre posizioni nominali (N 3) senn addirittura, e questa lopzione pi frequente nella variet moderna, in una posizione ancora pi alta (ossia N4) a sinistra dellaggettivo appositivo (perci la relativa rarit degli aggettivi prenominali notata sopra). In breve, si osserva in diacronia un progressivo avanzo del nome verso la parte sinistra del SN in armonia con il noto spostamento tipologico da un ordine con testa a destra tipico del latino verso un ordine con testa a sinistra tipico delle variet romanze.22 Infine altro fatto di rilievo che contraddistingue il napoletano antico rispetto al napoletano moderno riguarda la separazione dellaggettivo dal proprio nome attestata a volte nei primi testi (p.es. carne mangia laudabele (Regimen 1 153), vino bive odorifero (ib. 154)). In entrambi i casi riportati la testa nominale inarticolata del complemento verbale (ossia carne, vino) viene anteposta, apparentemente lasciando indietro il modificatore aggettivale (ossia laudabele, odorifero). Come discusso nel trattamento dellordine delle parole ai 21.1.2.2.2, 21.1.5, tali esempi andrebbero ricondotti al fenomeno pi generale del rimescolamento abbastanza frequente nellantica fase V2 del dialetto, per cui un determinato costituente viene spostato dalla sua posizione canonica per raggiungere una posizione a met di frase, modificando cos lordine delle parole sottostante (p.es. Medea disse a Iasone queste parole (< queste parole a Iasone; LDT 61.2829)) e separando pertanto in molti casi
22

Con tutta probabilit la variabilit posizionale del nome nei testi antichi spiega anche la variabilit posizionale degli aggettivi modificati, i quali nei testi antichi occorrono sia in posizione postnominale, da interpretare come conseguenza di una posizione nominale piuttosto alta (ossia N2/3; p.es. luoco multo angustioso et affannoso (LDT 52.32), syegi assay gentilischy (ib. 81.45), lo canistro mezo vacuo (Brancati1 14.25)) che in posizione prenominale, da interpretare come conseguenza di una posizione nominale piuttosto bassa (ossia N1/2; p.es. vestiose de multo belli panni (LDT 97.28), e donaro-le assay bello dunno (RDF 76), a s alto viaggio [] te mando (Masuccio 454.17)), al contrario del dialetto moderno dove gli aggettivi modificati occorrono obbligatoriamente in posizione postnominale (da interpretare come conseguenza della maggior tendenza del nome ad occorrere nella posizione nominale pi alta (ossia N4; p.es. nu (**brutto assaie) cappiello brutto assaie). Come previsto, il testo derosiano segue il modello del napoletano moderno nellesibire la posizione postnominale con gli aggettivi modificati (p.es. aveva duy figlie multo gintile (18r.45), prese chisto prisiento tanto caro che no se pu(r)ria dire (27r.32), induna valle muylto forte (29v.24), Una cosa multo maravegliosa ve dico (59v.28), una p(er)sona troppo legia (65r.18)), ad eccezione dei due esempi seguenti: fo acconpangniata da multe do(n)ne et assay gintily omene (20v.23, a meno che gintily omene non sia da interpretare come nome composto), yo ve porto uno s grande prisiento che may a nullo re fo fatto tale prisiento (65v.2627).

244

una testa sintattica da eventuali modificatori (Stava multo perz angussuso (< multo angussuso; ib. 74.2)) e complementi (p.es. Iniuriosa cosa a gentile homo, e specialemente ad homo cavallaruso, fare minaze (< fare minaze a gentile homo []; ib. 58.1819)). Ipotizziamo quindi che nei nostri due esempi di sopra si applichi prima una regola di rimescolamento che sposta il SA dalla sua posizione basica allinterno del SN ad una posizione a met di frase (ossia mangia [SN carne laudabele] > mangia laudabele [SN carne], bive [SN vino odorifero] > bive odorifero [SN vino]), dopodich il SN in funzione di complemento oggetto del verbo (meno il SA ora estratto) viene posto in posizione iniziale di frase al fine di segnalarne linterpretazione rematica in virt della regola V2 (ossia mangia laudabele [SN carne] > carne mangia laudabele, bive odorifero [SN vino] > vino bive odorifero). Tale analisi in termini di rimescolamento spiega anche strutture frequenti, in cui un aggettivo restrittivo viene separato dal proprio complemento sollevato a una posizione a met di frase: lo dio Marte si fo homo audace, valente, temerario (et) in facti de arme multo expertissimo (< homo [] multo expertissimo in facti de arme; LAFGP 7r.b.79).

245

Capitolo 7: Il possessivo

7.1. Forme
Al pari di altre variet centromeridionali (Rohlfs 1968, 429430), il napoletano conosce una doppia serie di possessivi, luna di tipo tonico e laltra di tipo clitico. Mentre la serie tonica presenta un paradigma personale completo che si presta alle funzioni sia adnominali che pronominali, la serie clitica risulta invece difettiva. In particolare, notiamo che il paradigma della serie clitica limitato alle sole persone singolari e pu impiegarsi solo in funzione adnominale. Qui sotto nella Tabella 7.1 riportiamo le varie forme delle due serie del possessivo attestate dai primi testi fino al giorno doggi:
Tabella 7.1: Forme del possessivo m.sg. mio tuo, tou > tuio > tuoio suo, sou > suio > suoio n(u)ostro > nuosto v(u)ostro > vuosto Forme Toniche m.pl. f.sg. mei / mey, mia miey > mieie toi / toy, tuoy tua / toa > tuoie > toia soi / soy, suoy sua / soa > suoie > soia n(u)ostre > nostra > nuoste nosta v(u)ostre > vostra > vuoste vosta (l)loro > lloro f.pl. mei / mey > meie toi / toy, toe > toie soi / soy, soe > soie nostre > noste vostre > voste Forme Clitiche Procl. Encl. -mo/-a to so -to/-a (-sa)

1sg. 2sg. 3sg. 1pl. 2pl. 3pl.

A differenza dei possessivi clitici che sono caratterizzati da una forma invariabile (le eventuali alternanze di vocale finale -o / -a (m. / f.) con i possessivi enclitici, le quali non sono nemmeno sistematiche nei vari testi, sono sicuramente di natura puramente ortografica), cos come il possessivo tonico di 3pl. lloro che continua il pronome plurale genitivo ILLORUM, i possessivi tonici marcano in maniera esplicita, grazie in parte alle alternanze metafonetiche, i tratti di genere e, in misura minore, di numero della testa nominale modificata. Oltre al genere e al numero, tutti i possessivi sono specificati per la persona, per non il genere, cosicch eventuali casi di ambiguit alla 3a persona vanno risolti tramite limpiego di un costrutto perifrastico (de >) e + pronome obliquo, (p.es. e scarpe disso, o rilorgio e chella il suo orologio (= di lei), llamice e chelle).

247

7.1.1. Forme toniche Cominciando dai testi antichi osserviamo che le tre persone singolari, al contrario delle tre persone plurali, presentano una notevole polimorfia non facilmente caratterizzabile in termini n di tipo testuale n di periodo cronologico. In particolare, nei testi specie due- e trecenteschi, ma anche quattrocenteschi, non raro rinvenire una neutralizzazione di genere nelle forme plurali dei possessivi di 1a, 2a e 3a persona singolare mediante le forme indifferenziate [mEj] (pi raramente mie; v. Barbato 2001, 185 n. 72), [tOj] e [sOj]: li toi salsamenti / consento alle toy pregarie (Regimen 136 / LDT 64.2425), i soi riguri / le soi morbora (BagniN 194 / 388), gli occhi mei / mei piaghe (De Jennaro1 LXIV.13 / XCIII.8), con soi trattati / con soi manere (Lupo I.11.2 / I.11.1), ripiena de li mei sospirie delle mei lachryme (Galeota II.1). Pi frequenti, almeno a partire dalla met del Trecento circa, sono invece forme maschili contraddistinte da dittongo metafonetico (ossia miey / tuoy / suoy), i quali danno luogo solo a un parziale modello di opposizione di genere (ossia, miey / mey, tuoy / toy, suoy / soy), dal momento che le forme metafonetiche ricorrono, sebbene in misura minore, anche con i sostantivi femminili plurali secondo una tendenza frequente a generalizzare la forma metafonetica maschile ad entrambi i generi (cfr. i quantificatori cierti, paricchie, duie): le miey plaghe (LDT 82.20), le tuoy grande turre (ib. 95.14), le suoy battaglye (ib. 71.7).1 Indicazione certo pi sicura del genere femminile plurale nelle forme di 2a e 3a persona fornita dalle varianti toe e soe, uniche forme impiegate presso De Rosa (Formentin 1998, 84; p.es. colle arecchie toe (14v.6), le soe necessetate (29r.4)), 2 nonch frequenti in altri testi antichi allato alle forme uscenti in [-j]: Le soe virtute & nomora (BagniN 609), toe disie (< DESIDERIA) (BagniR 592), p(er) toe lict(er)e (Lettera6 13), le cose toe (LDC 140.1), en soe mano (Lupo I.45.4), le toe bellee (Galeota II.15), quesse toe cose (Brancati1 93.12), le soe medesme arme (Brancati2 191v.8). Si riscontra anche una certa variabilit formale nelle forme singolari delle prime due persone, vale a dire al maschile tuo / tou e suo / sou (anche teu / seu in LDC), e al femminile toa / tua e soa / sua. Nel primo caso, prevalgono le forme regolari tuo e suo (p.es. il ragio suo (De Jennaro1 V.14), i(n) ocello [uccello] del suo nomo (LAFGP 2v.a.1415), lo tuo singniore (De Rosa 66r.9), suo core (RDF 250), chesso gran male tuo (ib. 5), lo suo singniore (ib. 14v.29), al tuo re (Brancati1 54.25), lo suo tempio (id. 62.26)), in quanto le forme tou / sou (teu / seu) si limitano ad alcune occorrenze in pochi testi antichi: lo ventre tou (Regimen1 627), lu tou capu (BagniR 42), tuo corppo (ib. 259), tucto lo tou essere (ib. 255), a sou commando (ib. 188), sou curso (ib. 298), a sou putere (Lettera 2 125.16), lo factu teu (LDC 58.6; cfr. per lo tuo animo (104.2)), nullo te d lo seu (ib. 100.4; cfr. per lo suo lavorare (128.1)). Nel secondo caso invece lalternanza, dove esiste in quanto quasi o del tutto assente
1

Ciononostante, uno spoglio di un campione delle prime 50 pagine del LDT rivela un ricorso maggiore alle forme metafonetiche per contraddistinguere il maschile plurale rispetto al femminile plurale marcato pi facilmente dalle forme senza dittongo (ossia, m.pl. (miey: 11, mey: 1; tuoy: 4, toy: 1; suoy: 47 (+ suoi: 1), soy: 1), f.pl. (miey: 3, mey: 6; tuoy: 2, toy: 2; suoy: 10, soy: 11)). Lopposizione formale di genere risulta quindi salda presso De Rosa, dove si rileva la seguente distribuzione di forme: m.pl. (miey: 3; tuoy: 7; suoy: 22 (+ suy: 1)) vs f.pl. (mey: 12; toe: 6; soe: 16); v. anche Compagna (1990, 210).

248

in alcuni testi a favore della generalizzazione delluna o dellaltra forma, parrebbe il riflesso fonologico di una distinzione sintattica. Pi specificamente, in quei testi dove si constata una larga distribuzione delle due varianti, la variante con chiusura della vocale in iato si limita, tranne pochissime eccezioni, alla posizione prenominale, laddove la variante con vocale aperta ricorre prevalentemente in posizione postnominale (Formentin 1998, 328329): la tua iuventute / la vita toa (LDT 64.16 / 61.36), la sua terra / la camara soa (ib. 55.7 / 64.56), sua lancia / de vollotaria [volont] soa (RDF 89 / 284), la sua acqua / la virt soa (TBP III.1 / V.10), la tua ventura / a la casa toa (De Rosa 21v.23 / 18r.11), la sua barca / la mente soa (id. 15v.16 / 51r.34).3 Anche di interesse sono le forme riscontrate presso il Ferraiolo e il Galeota (cfr. Formentin 1987, 7071). In particolare, presentano spesso in posizione postnominale, sia al singolare che plurale, forme aumentate da [-j-] al pari di quanto riscontrato nel dialetto moderno (v. sotto) (p.es. larmata soia (Ferraiolo 79v.31; cfr. con sua armata (id. 126v.18)), una delle figliole soye (id. 148v.13; cfr. con sue squatre (79r.3031))), forme la cui autenticit ulteriormente ribadita dalla loro presenza in BagniN (lanche tuoie (478)) e nellEpistola (lamore suoio (181.14), alla boglia suoia (183.16)). Dal secondo Cinquecento in poi i possessivi delle tre persone singolari esibiscono una maggior omogeneit formale, riflesso questo forse della rigidificazione simultanea della posizione postnominale del possessivo. In particolare, al plurale emerge una chiara opposizione tra un maschile con dittongo metafonetico (ossia miei(e) / tuoi(e) / suoi(e)) e un femminile non metafonetico (ossia mei(e) / toi(e) / soi(e)), entrambi sempre pi caratterizzati col tempo dallaggiunta di uno schwa paragogico secondo uno sviluppo generale interessante le sillabe toniche uscenti in [-j] (cfr. *FAS > fai > faie, MA(G)IS > mmaie; v. 2.3.2.2): o guste mieie iute [andati] n fummo, piacire miei iute a lacito! / tutte le desgrazie meie (Basile 64 / 380), stuocchie tuoie / ste bellezze toie (id. 156 / 212), li cavalle suoie / le ragiune soie (id. 288 / 690), li compagne suoie / le ffatiche soie (Cortese1 7.3 / Cortese4 88), li pajesane mieje / le miserie meje (Sarnelli 18 / 50), ssuocchie tuoje / le bregogne [vergogne] toje (id. 50 / 178), comma fegliule suoje / le mmano soje (id. 116 / 128), li guaie mieie / le mmano meie (Rocco 4.4 / 329.78), li fatte mieje / e braccia meie (Petito 1 4 / Petito2 8), e denare mieie / cu e mmane meie (Viviani2 / Viviani4 I), li denare suoje / la mmit delle ricchezze soje (Scarpetta18 VI / Scarpetta17 II.8), E cumpagne tuoie / Allossa toje (Riccora1 II.14 / Riccora 2 II.6). Al singolare viene invece sradicata qualsiasi traccia delle precedenti alternanze tua / toa e sua / soa a favore, senzaltro, della variante originariamente postnominale (con successivo inserimento di [-j-] a spezzare lo iato: toia, soia). In tempi pi recenti si nota un ulteriore cambiamento interessante i possessivi maschili singolari delle 2a e 3a persone, i quali per analogia con le forme maschili plurali dittongate vengono anchessi contraddistinti sempre pi da un dittongo di tipo morfometafonetico (v. 2.2.2.2.3), ossia tuio > tuoio, suio > suoio. Di conseguenza,
3

In testi antichi caratterizzati dallesclusiva collocazione prenominale del possessivo, tale alternanza formale, dove esiste, andrebbe con tutta probabilit interpretata come semplice variazione grafica (p.es. tua salute / la toa ademurata (Regimen1 156 / 540), p(er) tua solicitudine / la toa solicitudine (Lettera3 32 / 29)).

249

si venuto creando un paradigma innovativo che sfrutta massimamente la presenza o meno del dittongo come contrassegno univoco della marca del genere. Come osserva De Blasi (2002, 114115), tale sviluppo di data molto recente, in quanto le forme non dittongate originarie sono ancora ben attestate presso scrittori del primo Novecento, nonch le uniche forme tuttora registrate nelle grammatiche e nei vocabolari anche pi recenti.4 Quanto alle persone plurali, queste presentano una stabilit formale maggiore. Nei possessivi di 1a e 2a persona le distinzioni di genere sono marcate fin da antico mediante unalternanza del dittongo metafonetico (p.es. lo nuostro potere / la gente nostra (LDT 82.1314 / 88.3),5 li Diey nuostri / le nostre iniurie (ib. 82.3 / 88.11), per vuostro consiglyo / vostra virtute (ib. 93.37 / 51.1), li vuostri curagy / le vostre parole (ib. 88.13 / 70.12), docenta yuvene napolitane nustre / lanella de nostre mogliere (Ferraiolo124v.2122 / 131v.18), p(er) nuostre a[n]bbassiature (De Rosa 53r.10)), sebbene la scripta dei primi testi spesso non rispecchi sempre tale distinzione: nostro summo doctore (Regimen1 320), li nostri aucturi (ib. 635), De li vostri avi (BagniR 639; cfr. Stringite vostra gola (558)), nullo nostro nemico (LDT 51.45), li nostri Diey (ib. 51.89), vostro signore (ib. 55.7), tutti vostri commandamenti (ib. 59.16), a n(ost)ri s(er)vicii / li s(er)vicii n(ost)ri (Lettera 2 124.11 / 124.33), lu carricu v(ost)ro n(ost)ro (et) lu n(ost)ro vostro (ib. 125.3132), Imp(er)ator(e) fratre nostro (Lettera 5 24), vostri occhi (Di Capua 2.4), vostro disdegno (id. 2.6), null[u] deli nostri fratelli (SDM 59.60), allo fatto vostro (Ferraiolo 148r.23), nissciuno delli nostri (id. 120r.7), li vostri (LVP 4), tucti li parenti vostre et amici (ib. 11), nostro seynore (Lupo I.17.4), delli nostri ri (id. I.24.4), al vostro re (id. I.26.3), lo onore nostro (De Rosa 52v.9), ly nostre pecchate (id. 26v.16), lo denaro vostro (id. 12v.32), ly cavalle vostre (id. 52r.1920), lo nostro Signore Jesu Christo (Aoisio 2 4546). Entro la fine del Cinquecento / linizio del Seicento le alternanze del dittongo metafonetico diventano sistematiche (p.es. lo paiese nuostro / co le moglierelle nostre (Basile796 / 710), sti peccerille [piccoli] vuostre / le boglie vostre (id. 830 / 464)), e nel corso del secondo Seicento attecchiscono le forme senza vibrante (eccezionale lantico esempio Et la giente nosta da Lecie (Ferraiolo 79r.910)): lo grado nuosto (Sarnelli 166), lo cortiglio [cortile] vuosto (id. 112), le besuogne vuoste (id. 124), la mammarella vosta (id. 118). Infine consideriamo il possessivo di 3pl. (l)loro (isch. gghiore; Castagna 1982, 85), forma invariabile in virt della sua derivazione dal pronome plurale genitivo ILLORUM. A volte per si riscontrano in testi antichi anche forme apparentemente concordate, se non da interpretare come semplici assimilazioni ortografiche vista la qualit indistinta delle finali ab antiquo: in potestate lora (Scripta 4), inde llore grande memoria (LDT 47.2; cfr. inde lloro dellectatione e memoria (47.7)), a con
4

V. Bichelli (1974, 99), Salzano (1979, 269, 284), DAscoli (1990, 649, 684), Iandolo (1994, 175, 2004, 318, 340), Iandolo (2001, 211); cfr. anche oscillazioni quali stamico tuio / o nonno tuoio (Santoro II / I). Eccezionale il seguente esempio del possessivo femminile singolare con dittongo metafonetico per nuostra bona bentura (LDT 70.5), forma (ipercorretta?) altrimenti regolare nellEpistola: la reina nuostra (181.13), della chiazza nuostra (182.9), la chiazza nuostra (182.17), alla chiazza nuostra (183.19 184.1).

250

te[n]placione lore (De Rosa 67v.27), co llore dire (id. 31v.29). Vista la natura anomala di (l)loro rispetto ai restanti membri del paradigma, nel dialetto moderno si trova in una posizione molto precaria, sebbene apparentemente alquanto stabile in passato, in quanto prevalgono oggigiorno le sue funzioni di pronome nominativo / obliquo di 3pl. a scapito di isse / esse (m. / f.) loro. Di conseguenza, i suoi impieghi possessivi sono stati considerevolmente limitati, se non del tutto abbandonati, nel dialetto attuale a favore della perifrasi preposizionale (de >) e + pronome di 3pl. (p.es. a mchina e lloro / e chille piuttosto che a mchina lloro; v. Rohlfs 1968, 124; Bichelli 1974, 100). Tale tendenza potrebbe risalire a data molto anteriore a giudicare dalla descrizione grammaticale settecentesca di Oliva (Malato 1970b, 107), dove lloro classificato come pronome nominativo / obliquo di 3pl. con corrispondente genitivale perifrastico de lloro o de isse / esse. Sulla scia del modello latino si nota limpiego occasionale nei testi tre- e quattrocenteschi dei riflessi di SUUS con rinvio a referente plurale (specie in presenza di ciascuno): Se le rine habesseru arena in soe vie (BagniR 589), vide tacta femene con suy fille i bracia (RDF 3), et quando forneva la robba soa andavano a mettere a ssaccho le case dellautre (De Rosa 47v.56), perch li homini [] mirano ciascuno li soi sterchi? (Brancati1 38.2829; cfr. dubitandono li homini de tal caso [] mirano lor sterchi (38.3335)), Quando li morti in la resurrectione recercheranno ciascuno il suo corpo (id. 29.78), gectano da s la urina venenosa, la qual noce al suo coiro (Brancati2 200v.15), ad molti dette sua [loro] morte (Ferraiolo 79r.3). Molto raro anche luso dellaggettivo anaforico di 3a persona prop(r)io (Iandolo 1994, 175), il quale, a differenza degli altri possessivi, pu occorrere sia in posizione prenominale che postnominale: pagaie tutte e diebbete propie, vulette [volle] parl de propie vizzie / de vizzie propie). Infine si noti limpiego, non particolarmente frequente (Iandolo 1994, 175), degli avverbi rafforzativi proprio > propio e medsimo (obs.) con i possessivi: a li suoy facti propry fo cecata? (LDT 62.1819), inde lo regno de la soa propria natione (ib. 67.2728), Tucta fiata [volta] che la p(ro)pria toa p(erson)a reste i(n) lib(er)tate (Lettera6 2122), Questa supracdicta cit [fe] ad soy proprie spese (CDP V), una lectera de mano vostra p(ro)pia (Lettera 1 56), quello che jo vidde con li propie occhi mey (TBP XXIII.910), delle carne soe p(ro)p(r)ia (De Rosa 69r.10), delle carne loro medesimo (id. 43r.2829), fatto portare la testa [vaso] a la propia cammara soia (Basile 54), la portaie a la casa soia medesema (id. 844), li vierze suoie propie (Cortese4 95). 7.1.2. Forme clitiche Il napoletano conosce due serie di possessivi clitici, luna proclitica e laltra enclitica. A parte qualche rarissimo esempio quattrocentesco, i possessivi proclitici si restringono ai primi documenti (fine Duecento / inizio Trecento), dove paiono gi in regressione, e ricorrono unicamente alle 2 / 3sg. nelle forme invariabili to / so: lo to c[a]po (Regimen1 132), la fora de to stomaco (ib. 147), la to cura (ib. 626), to figllo (BagniR 642), in so dominio (ib. 100), In tucto lo to essere (BagniN 207), A lo to corpo (ib. 59), a so comando (ib. 134), l(o) so dire (ib. 10), per so magior vigore (ib. 489), lo to bon servente (LDC 9.1), a to patre (ib. 111.5), no dura so deporto

251

(ib. 60.3), so cursu (ib. 17.4), del to languido factore (Galeota II.9), nel to servicio (id. V.7), al bel to nido (id. IX.13), p(er) to f (De Rosa 1v.5). Maggior fortuna invece conoscono i possessivi enclitici che ricorrono alle 1 / 2sg. (ossia, MUS/-A > -mo/-a, TUS/-A > -to/-a; Castellani Pollidori 1970, 9091) e, in misura molto limitata, anche alla 3sg. in qualche testo antico (ossia, SA > -sa; Castellani Pollidori 1970, 94):6 No te tornnare a ccasata (BagniR 290), a ccsasa illo de tornerray (ib. 106), ma puru ptritu e mmata (LDC 103.3), ptritu (ib. 111.3), No credere a mullerita (ib. 9.1), patremo (Lupo I.63.2), neputemo (Basile 236), patreto (id. 362), mogliereta (id. 628), vavomo mio nonno (id. 948), mariteto (Cortese4 1.28), frateto (id. 1.29), era vava de vvema [nonna di mia nonna] (Sarnelli 150), marteto (78), frateto (Rocco 54.3), pateto (id. 11.13), zeto (Petito 2 V), stu vestito e sorema (id. V), Muglierema (Viviani2), frateme (Scarpetta17 I.2), mmmema (Di Giacomo1 58), figliema (De Santis1 I), frateme (De Santis2 I), fratemo cuggino / sorema cuggina mio/-a cugino/-a (Iandolo 1994:247); proc. caintemo / cainteto, caintema / cainteta mio/-a, tuo/-a cognato/-a (Parascandola 1976, 48), ztemo / zteto, ztema / zteta mio/-a, tuo/-a zio/-a, sucremo / sucreto mio / tio suocero, neptemo / nepteto, neptema / nepteta, nrema / nreta mia / tua nuora (id. 135).

7.2. Sintassi
7.2.1. Forme toniche attributive: Duecento-Cinquecento Al contrario del dialetto moderno dove, al pari delle altre variet centromeridionali moderne (Castellani Pollidori 1966a, 67; Rohlfs 1968, 431), i possessivi tonici ricorrono di regola con determinante e sempre in posizione postnominale (p.es. a canzona toia, na zppula [fritella] toja, sti puverielle [mendicanti] suoje, duie mesale [tovaglie] nuoste, ogne quatro [quadro] vuosto (Bichelli 1974, 99100)), nei testi antichi la situazione era caratterizzata da una notevole variabilit inter- ed intratestuale in base allante- / posposizione del possessivo e alla presenza / assenza di un determinante / quantificatore (nella fattispecie tipicamente larticolo determinativo), come si desume dai seguenti esempi (v. anche Lombardi 2007): la so acqua / lacqua sua (BagniR 190 / 135), Lu tou corppu / tou corppo (ib. 94 / 259), li vuostri avy / li avy vuostri (LDT 88.26 / 88.29), la mia soro Exiona / la soro mia Exiona (ib. 82.24 / 81.3233), le case vostri e li grandi vostri palazi (ib. 81.39), per commandamiento de lo suo patre / per nulla pregaria de suo patre (ib. 88.2223 / 107.78), aveno predati li nuostri paviglyuni / se avenerr che pozammo ponere e fermare nuostri paviglyuni (ib. 136.3435 / 216.23), in tucto lo tempo de soa vita et del suo episcopato (CDP X), a li toy compagni / a li compagni toy (LDC 35.5 / 35.1), io sperancia a lo nustro vero Idio / a lo dio nustro Maccone piaciuto (RDF 252 / 118), quisso vustro signore / chisso signore vustro (ib. 86 / 34), p(er) lo vostro stato / p(er) lo stato vostro (De Rosa 38r.15 / 30v.24), p(er) la mia f / P(er) mia
6

Vista la qualit indistinta ab antiquo delle finali -o/-a, lapparente accordo del possessivo enclitico (in quei testi dove si mantiene) andrebbe con tutta probabilit interpretato come fenomeno puramente ortografico.

252

f / p(er) la fede mia (id. 7r.5 / 2r.12 / 10v.5), a la casa toa / a ccasa toa (id. 18r.11 / 24v.3). Questi due parametri, anteposizione / posposizione (dora in poi tipi A / B) e presenza / assenza di un determinante / quantificatore (dora in poi tipi 1 / 2), producono pertanto quattro costrutti possessivi possibili: det. + poss. +N (ossia, tipo A 1), poss. + N (ossia, tipo A 2), det. + N + poss. (ossia, tipo B1) e N + poss. (ossia, tipo B2). In linea generale, possiamo pertanto intravedere nel napoletano un graduale spostamento da una situazione originaria abbastanza fluida verso una situazione sempre pi rigida che privilegia il tipo B 1 a scapito degli altri tre tipi possessivi. 7.2.1.1. Posizione Guardando da pi vicino i dati dei testi individuali, osserviamo sulla scia di Castellani Pollidori (1966a, 78), Formentin (1998, 398399) e Barbato (2001, 233) che nei primi testi (Duecento-Quattrocento) predomina il tipo A sul tipo B. Ad eccezione dellEpistola e delle sei lettere trecentesche studiate da Sabatini (1993) dove prevale la posposizione (Epistola: 7 / 2,7 Lettera1/2/3/4/5/6: 35 / 32),8 il tipo A prevale in Regimen1 (33 / 3), BagniR (50 / 3), LDT (529 / 198),9 CDP (23 / 1), LDC (70 / 25), Brancati2 (108 / 11), RDF (v. Formentin 1998, 339 n. 114), De Rosa (360 / 262) e nel Ferraiolo (v. Castellani Pollidori 1966a, 78),10 mentre negli SDM sono ripartite le due posizioni in maniera uguale (ossia 7 / 7):11 la sua malicia / li nostri aucturi / lo loro effectu / mio dectato (Regimen1 6 / 212 / 635 / 260) vs la ntencione mia / larte nostra (11 / 224), per la sua dulcedine / la tua vita / da suoy fuorte calure (BagniR 112 / 261 / 244) vs se fronte tua se inclina (513), Quisso mio patre / le nostre iniurie / lo vostro pecoro de auro / a lloro raysonamiento (LDT 94.22 / 88.11 / 64.14 / 87.1415) vs l animo mio / tutti li parti tuoy / tutta la gente soa / la vostra pizoletate (50.37 / 95.17 / 70.1819 / 88.32), determenarono partiresi da loro patria / per suoi versi / le loro habitaciuni (CDP I / III / VI) vs i citatini suoy (IV), guarda tua fede e toa lianza / sti mei dicti / pe la loro sciencia (LDC 82.2 / 154.1 / 46.2) vs sopra lo capo tyo / tucti li dicti soy (61.1 / 125.2), le parole del suo linguagio / la sua gloria / in le loro arme (Brancati2 184v.2526 / 190r.34 / 184v.32) vs del
7

9 10 11

Cfr. la reina nuostra (181.13), per lamore suoio (181.1314), chille zitelle della chiazza nuostra (182.9), la chiazza nuostra (182.17), figlio meo (voc.; 183.5), alla boglia suoia (183.16), alla chiazza nuostra (183.19 184.1) vs a nuostro compare Pietro dellu Canaiano (183.15), sta tia minchia (184.7). Le seguenti ripartizioni delle posizioni pre- / postnominali sono state rilevate: (Lettera1) 1 / 4, (Lettera2) 14 / 12, (Lettera3) 4 / 3, (Lettera4) 0 / 4, (Lettera5) 1 / 4, (Lettera6) 11 / 9. Si noti inoltre che gli unici due esempi di possessivo nella Scripta sono di tipo B, ossia vel uxore sua (3), e in potestate lora (4). Spoglio fatto su un campione delle prime 50 pagine. Per il solo loro adnominale, Coluccia (1986, 170) conta un totale di 28 esempi, di cui 9 in posposizione. La situazione in De Jennaro1 non del tutto chiara, dal momento che lanteposizione e la posposizione vengono entrambe definite frequenti da Corti (1956, CXLIV): mei piaghe (XCIII.8), rengrazia tua fortuna e sua bontate (LXVIII.9), il lume de toa chiara lampa (LXXXVIII.51), a sua salute (XI.4), il ragio suo (V.14), la forza soa (LXVIII.4), lanima afflitta mia (LXXII.6), gli occhi mei (LXIV.13).

253

sentimento suo / la potentia soa (184r.12 / 185r.35), nno loro fille in bracia vive / vustra sanetati / lo nustro Ispirito santo / inante a nustra casa (RDF 3 / 2 / 26 / 24) vs chesso gran male tuo / a la tornata mia / co li uchie miey chiare (5 / 32 / 107), lo suo onore / ly loro cavalle / de tua natura / in vostra lebbert (De Rosa 52r.29 / 64r.4 / 22r.15 / 52r.4) vs in tienpo mio / a bboglia loro / colle mane mey (18v.30 / 36v.36 / 62v.11), le loro signorie / alli nustre neapolitane / per mia f / contra sua maist (Ferraiolo 148r.21 / 123v.22 / 132r.23 / 148v.16) vs per lo seccurzo loro / da parte mia / innante la mayst soya (129v.1112 / 97r.18 / 141r.18), la sua fama / la soa oratione (SDM 58.11 / 59.12) vs no(n) so dela casa n(ost)ra / la salute della a(n)i(m)a sua (61.10 / 64.22). Lapparente prevalenza del tipo A rispetto al tipo B nei testi antichi per solo parziale in quanto bisogna anche prendere in considerazione il secondo parametro, ossia quello della presenza / assenza dellarticolo o, in termini pi generali, del determinante / quantificatore. In particolare, una considerazione dei due parametri in parallelo rivela un quadro di tipo misto in cui il tipo B1 rivaleggia il tipo A2 per il secondo posto nella gerarchia di frequenza, ossia tipo A1 > tipo B1 (/) > tipo A2 > tipo B2. Va detto che tale gerarchia vale solo per quei testi come LDT e De Rosa che presentano gi una proporzione abbastanza vasta di esempi di posposizione, se non sempre inferiore agli esempi di anteposizione. A riprova di ci, riportiamo le ripartizioni dei quattro tipi rilevate nel nostro campione del LDT e nei Ricordi derosiani: LDT tipo A1 (405) > tipo B1 (177) > tipo A2 (124) > tipo B2 (21); De Rosa tipo A1 (185) > tipo B1 (175) / tipo A2 (175) > tipo B2 (87). Al contrario di quanto tradizionalmente sostenuto per il napoletano antico (p.es. Castellani Pollidori 1966a; 1966b; 1970), siamo pertanto portati a concludere che la posizione prevalente del possessivo nei testi antichi non pu essere correlata tout court con lanteposizione, ma occorre invece riconoscere un ruolo maggiore della posposizione almeno rispetto allanteposizione inarticolata (tipo A2). Quanto ad eventuali generalizzazioni riguardo alle due posizioni, possiamo notare che la posposizione risulta normale con i SN al vocativo (Formentin 1998, 398; p.es. O fidili citadini miey (LDT 93.32), Segnore mio (ib. 104.23), O signore nustro (RDF 24), Occhi mei tristi, ancor pianger volete? (Di Capua 4.1), ho figlio mio (De Rosa 4v.11), Do(n)na mia (id. 14r.31), Lucrecia mia (id. 48v.12)), e anche in genere con i SN in apposizione (p.es. E tu, carissimo figlyo mio (LDT 88.34), lo re Menelao, caynato loro (ib. 109.29), Peleo frate suo (ib. 49.16), lu Imp(er)ator(e) fratre nostro (Lettera5 24), le nocze, seu sponsalia (Aloisio 41), co lo duca Ioa(n))ne, inimico suo (De Rosa 28r.13)) e in funzione predicativa (p.es. lo facto tuo, lo quale me reputo facto mio (LDT 63.9), ve prometto [] de ve avere per grande e reverente muglyere e sposa mia (ib. 60.1617), era stato inimico suo (Ferraiolo 80v.67), se(r)r singniore tuo et mio (De Rosa 21r.29), y usancza loro (id. 44r.1011), vole essere figlio vostro (id. 36r.30)). Pi rara invece risulta lanteposizione negli stessi contesti: (vocativo) carissimo mio patre (LDT 312.10 P), O mio ciano (RDF 37), o mio (con)pagnio et frate (De Rosa 55v.30); (appositivo) O fidile e care citadine, miey compagnuni (LDT 81.28), a lo consiglyo de Paris mio frate (ib. 92.13), madamma Viatrice sua sore [sorella] (Ferraiolo 89v.29), la regina Ioa(n)na, nostra naturale do(n)na (De Rosa 46r.1011); (predicativo) li ri chy nce sono nuostri parienti (LDT 108.37), non tua colpa (LDC 76.6), tuo pare (ib. 149.2), io so tuo signore

254

(RDF 159), luy ser suo presoniere (ib. 242), yo Loyse fuy suo mastro de casa (De Rosa 15v.4), se(r)r vostro covernatore (id. 62r.16). Lanteposizione del possessivo pare invece particolarmente favorita qualora la testa nominale venga qualificata da aggettivo attributivo o da frase relativa (Corti 1956, CXLIV; p.es. de la sua via primera (Regimen 1 69), per la sua gran vertute (BagniR 538), da suoy fuorte calure (ib. 244), tutti li suoy angustiosi lamienti (LDT 78.16 17), quillo suo magnifico e forte palazo (ib. 81.1516), per la sua robusta potentia (52.7), laltro suo tierzo frate (ib. 92.56), tante vostri gran duoni (ib. 60.16), per la lloro usata virtute (ib. 96.28), la soa gente che se clamavano Mirmiduoni (ib. 146.26), li nostri Diey, li quali te serrano in ayuto (ib. 51.89), loro bona intencione (Lettera 2 124.24), Scrivimo a lu conte Lando p(er) li nostre licter(e) de li quale de ma(n)damo la copia a lu Imp(er)ator(e) fratre nostro (Lettera5 2324), la mia trista vita (Di Capua 6.9), la mia mente gioliva (DellAquila 3.4), la mia pena / constrecta ne lo sciagurato e tristo cuore (id. 5.1314), la servit di tua franca radice (Di Lamberto 8), la tua gentile torma (id. 14), no sia tua manu avara (LDC 36.2), reposa de tuo piczulo statu (id. 52.1), pe toa mala guardia (ib. 108.1), lo mio utile consillo (ib. 80.6), la soa vita juliva (ib. 107.5), per la tua virt sancta (TBP XXXVII.10), li ho(min)i cholle soi dulce losenghe (LAFGP 9r.a.1011), per le soy magich(e) inca(n)taciuni (ib. 8v.a.910), per loro false e sophisteche raisuni [ragioni] (ib. 1r.a33), de mio lignao naturale (RDF 233), per sua santa missericordia (ib. 26), tuy ispirite che so i curpo a lo tauro (ib. 7), allo nostro grande re Alfonso (Lupo I.42.5), Una sua figlia inmaritata, che aveva uno de casa Ca(r)rafa p(er) marito (De Rosa 6r.35), Yo ve lasso p(er) sengniore mio figlio primogenito, che y lanima mia et de lo patre, a lo quale ve lo re(com)mando (id. 37v.67), chista illustressema do(n)na mia mada(m)ma la duchessa de Calapria (id. 72r.2), Lo mio pede, qual per certa spina sta greve (Brancati1 98.2728), ammaza tu il tuo inimico, qual sta steso in una secura grocta (id. 101.2021), La mia mano destra (id. 115.17), conviense a soa grandeza franca (De Jennaro1 LXX.6), mia cruda e dispietata stella (id. VIII.8), con toa santa mano (id. LXXXVIII.76), con soa dolce favella (id. XCI.7), con sua lanza forte (Ferraiolo 79r.3), de lo suo gran pechato (id. 79v.29), questa nostra diffinitiva sentencia (id. 94r.8), loro essercito francise (id. 141v.2425). Altro contesto molto favorito dallanteposizione, non per a totale esclusione della posposizione, costituito dalle formule preposizionali inarticolate, in cui il possessivo funge da complemento o soggetto del predicato nominale (per ulteriori esempi, v. 7.2.1.2): sou proffectu (BagniR 146), per toa iuvenetute (ib. 535), in soa potestate (LDT 83.33), in loro compagnia (ib. 93.27), per soa defensione (ib. 103.7), per vostro commandamiento (ib. 90.3334), a soe spese (CDP V), a n(ost)ri s(er)vicii (Lettera2 124.11), di mia parte (DellAquila 5.84), in loro grado (Di Lamberto 172), in soa storia (LDC 44.3), a sua correctione (ib. 111.2), per sua misericordia (RDF 23), per suo amore (ib. 72), i suo core (ib. 102), p(er) suo difietto (De Rosa 52r.26), ad nostre esspese (id. 32r.11), p(er) lloro natura (id. 47r.10), in sua vita (id. 50r.26), per loro parte (Lupo II.60.3), en soe mano (id. I.45.4), per mia volunt (Brancati1 51.34), in nostra presentia (id. 21.13). Quanto ai nomi di parentela, questi esibiscono anchessi una forte tendenza allanteposizione a seconda di quanto constatato in Castellani Pollidori (1970), nonch in (Formentin 1998, 397398). A mo desempio, uno spoglio dei nomi di parentela (esclusi quelli in funzioni vocativa, appositiva e 255

predicativa) nel nostro campione del LDT e di De Rosa ha rivelato una chiara preponderanza di casi anteposti rispetto ai casi posposti (ossia 33 / 7 e 66 / 11, rispettivamente). Concludiamo col notare che Castellani Pollidori (1966a, 33) ipotizza che lalternanza tra le due posizioni sia da ricondurre anche a differenze espressive in quanto il tipo A esprimerebbe una carica espressiva pi blanda, perci pi usuale nei testi, laddove il tipo B si sarebbe specializzato sul piano emotivo per veicolare maggior rilievo, perci meno usuale nei testi, distinzione che in ultima analisi avrebbe pertanto le sue radici nella lingua parlata. Contro tale ipotesi giova per osservare che in contesti di maggior rilievo come, ad esempio, quando occorre marcare la contrastivit, si verifica anche lanteposizione (p.es. per (con)sideracione de loro difecti (et) no(n) n(ost)ri (Lettera 2 126.78), Carlo, tuo patre, no(n) mio figlio, ave abuta ventura (De Rosa 43v.12)). Inoltre, si appena visto sopra che la percentuale di posposizioni, in particolare di tipo B1, relativamente alta in testi pi vasti come LDT e De Rosa, se non addirittura maggioritaria nellEpistola e nelle sei Lettere curate da Sabatini (1993), in maniera che ci pare pi legittimo ritenere le due posizioni semplici varianti libere (lanteposizione forse favorita a seconda di un modello latineggiante), come parrebbero confermare le seguenti coppie quasi minime: se eo te potesse dare morte, commo lo mio animo desidera / Assay se glorifica lanimo mio (LDT 182.1011 / 50.37), Eo era allora multo stanco, e lo cavallo mio plu fatigato / me romase e no lo volce plu secutare, e lo mio cavallo era tanto forte sudato che [] (ib. 91.34 / 91.45), manday in Grecia lo mio ambassatore Athenore / manday in Grecia lo discrieto e fedele ambassatore mio, Anthenore (ib. 129.4 5 / 93.3738), Hercules sollicitao devotamente che assemblasse omnen gente la plu 30 experta de lo suo riamme / la promessa che avea facta a Iasone suo nepote de le lassare lo riamme suo (ib. 68.2930 / 67.3536), de lo mio lingliayo dAlfiere no (n)de y nullo a lo mundo se no yo / Iacobo y puro de lo ligniagio mio (De Rosa 11r.2324 / 14v.1920), Faciteme securo che benga a vuy p(er) lo vostro stato / Eo deio [devo] morire p(er) lo stato vostro (id. 38r.1415 / 30v.24), de la vinuta n(ost)ra invero de chesse parte, vi risc(r)ivemo che nui, conoscendo la n(ost)ra vinuta utile no(n) tanto invero vui (Lettera2 125.12). 7.2.1.2. Distribuzione dellarticolo Passando ora a considerare la distribuzione dellarticolo, Castellani Pollidori (1966b, 98; v. anche Barbato 2001, 234) sottolinea per il napoletano antico una decisa simpatia per il costrutto sintetico, non solo in verso ma anche in prosa, come dimostrato dallevidenza del Ferraiolo dove prevarrebbe il possessivo inarticolato.12 In confronto, Corti (1956, CXLIV) parla di una semplice alternanza della forma articolata e inarticolata presso De Jennaro1, senza per segnalare la prevalenza delluna o dellaltra, e Compagna (1990, 208) nota addirittura la prevalenza del costrutto articolato presso Lupo, ritenendo la variante inarticolata un residuo di uno stadio anteriore del dialetto; anche in Brancati2 prevale il costrutto inarticolato rispetto al costrutto
12

Altro caso, anche se il numero totale di esempi di possessivi prenominali molto esiguo, la CDP, dove si contano 10 esempi inarticolati contro 6 esempi articolati ma nessun esempio postnominale.

256

articolato (70 / 38; Barbato 2001, 234). Peraltro, lipotesi di Castellani Pollidori anche confutata dalla distribuzione appena esaminata delle forme articolate e inarticolate nel LDT e in De Rosa (v. 7.2.1.1), dove stata notata la maggior frequenza del tipo A1. La maggior distribuzione del costrutto articolato anche ribadita da altri testi: Regimen1 (tipi A1/2 (25 / 8), tipi B1/2 (3 / 0)), BagniR (tipi A1/2 (24 / 26), tipi B1/2 (2 / 1)),13 CDP (tipi A 1/2 (10 / 6), tipi B1/2 (0 / 0)), SDM (tipi A1/2 (7 / 1), tipi B1/2 (7 / 1)), Lettera1/2/3/4/5/6 (tipi A 1/2 (14 / 17), tipi B1/2 (31 / 5)), LDC (tipi A1/2 (35 / 35), tipi B1/2 (25 / 0)). Assumendo pertanto nel complesso una maggior distribuzione delle forme articolate nei testi antichi, cerchiamo ora di stabilire alcune tendenze generali circa luso dellarticolo. Innanzitutto segnaliamo che le forme inarticolate ricorrono tipicamente in contesti in cui risulta di norma un SN piuttosto che un SD (Castellani Pollidori 1966b, 81; Longobardi 1994), cio in contesti vocativi,14 appositivi e predicativi (per cui si vedano gli esempi citati sopra in 7.2.1.1). Al contrario dellitaliano, per il costrutto inarticolato si rivela infrequente con i nomi di parentela (sia singolari che plurali) a giudicare dalla sua distribuzione nel (nostro campione del) LDT e in De Rosa dove, gli esempi vocativi, appositivi e predicativi a parte, si rilevano rispettivamente solo 3 e 11 esempi inarticolati di fronte a 30 e 53 esempi articolati. Anche di rilievo il frequente impiego del solo articolo con i nomi di parentela per identificare un possessore di 3a persona coreferente con il tema discorsivo, nella fattispecie tipicamente il soggetto frasale (Formentin 1998, 392393): E coss Hector recepio licentia da lo patre (LDT 151.3334), e lo re Peleo, in presentia de tutti parlando a lo nepote, s disse queste parole (ib. 50.3637), aveva data la filia [sua figlia] a lo frate de lo prencepe (De Rosa 5v.8), lo frate [suo fratello] era sengniore de Canpangnia et de Yevole [Eboli] (id. 6r.2021), Como fo in Cipre, and allo patre (id. 27v.8), Ancora pi le donao lo prencepato de Salierno p(er) lo nepote et pi, che le donao lo (con)tato de Arbe p(er) la matre (id. 13r.1920). Anche significativa nel determinare la distribuzione dellarticolo determinativo con il possessivo la relazione assunta dal SN allinterno della frase in cui occorre. In particolare, Castellani Pollidoro (1996b, 130) identifica delle tendenze, per cui larticolo manca pi facilmente nelle frasi avverbiali che non nei complementi verbali e, a sua volta, pi spesso in questi ultimi che non nei SN in funzione di soggetto. 15 Effettivamente, questipotesi trova una conferma irrifiutabile nei nostri testi, come illustrano le seguenti ripartizioni dei costrutti A2 / B2 in base alle loro relazioni sintat
13 14

15

Date tali ripartizioni, non sostenibile la tesi di Castellani Pollidori (1966b, 98) e, a sua volta ripetuta da Barbato (2001, 234), che il tipo A2 sia dominante nei Bagni. Andrebbero inclusi qui anche gli appellativi cristallizzati del tipo Sua / Vostra maiest: sua magestate (De Rosa 28v.9), Vostra Magest (id. 39v.1920), Nostro Singniore (id. 16v.22), Sua Maist (Ferraiolo 112v.3), Vostra Maist (id. 135v.17). A tal riguardo, anche Corti (1956, CXLV) osserva presso De Jennaro1 che il possessivo inarticolato risulta pi frequente nei SP, i quali pi spesso fungono da frase avverbiale (p.es. il stame de mia vita (LXXV.1), insegna de mia nave (LXXVIII.10), il lume de toa chiara lampa (LXXXVIII.51), con toa santa mano (LXXXVIII.76), con soa dolce favella (XCI.7), appresso a toa vista decora (C, 4)), osservazione sottolineata anche da Compagna (1990, 208) per Lupo (p.es. con soi trattati (I.11.2), en soe mano (I.45.4), con soi manere (I.11.1)).

257

tiche: BagniR (sogg.:5 / 1, ogg. dir.: 6 / 0, ogg. prep.: 2 / 0, avv. prep.: 13 / 1), LDT (sogg.: 1 / 0, ogg. dir.: 9 / 2, ogg. prep.: 12 / 0, avv. prep.: 56 / 11), Lettera 1/2/3/4/5/6 (sogg.: 1 / 0, ogg. dir.: 3 / 1, ogg. prep.: 1 / 0, avv. prep.: 12 / 4), CDP (sogg.:1 / 0, ogg. dir.: 1 / 0, ogg. prep.: 1 / 0, avv. prep.: 7 / 0), SDM (sogg.: 0 / 0, ogg. dir. / prep.: 0 / 0, avv. prep.: 1 / 1), LDC (sogg.:6 / 0, ogg. dir.: 13 / 0, ogg. prep.: 2 / 0, avv. prep.: 14 / 0), De Rosa (sogg.: 22 / 0, ogg. dir.: 37 / 5, ogg. prep.: 11 / 7, avv. prep.: 92 / 35).16 Ne consegue che larticolo manca pi spesso nei SP avverbiali, ma pi difficilmente nei SN argomentali (specie in funzione di soggetto), distribuzione che rispecchia esattamente limpiego dellarticolo nei testi antichi in contesti privi di possessivo (Castellani Pollidori 1966b, 81). In particolare, si osservato sopra (v. 5.1.1.1) che in nesso con preposizione, soprattutto nelle frasi cristallizzate, di norma la forma inarticolata, situazione che riscontriamo regolarmente anche nei nessi con possessivo (Corti 1956, CXVL; Castellani Pollidori 1966a, 36; Compagna 1990, 208): Per loro amore (Regimen1 19), per sua vert (BagniR 4), a sou commando (ib. 188), ad tua laude (ib. 637), senza mia preghera (LDT 59.14), contra mia voglya (ib. 64.24), in mia potestate (ib. 90.29), a toa electione (ib. 51.13), de toa persona (ib. 59.2728), in suo core (ib. 51.19), per suo commandamiento (ib. 58.26), a soa ruyna (ib. 51.2021), a nuostro potere (ib. 70.2526), a soe spese (CDP V), per soy meriti (ib. X), a loro sat(is)faccione (Lettera 2 124.22), p(er) tua solicitudine (Lettera3 127.33), da sua parte (DellAquila 1.4), in loro grado (Di Lamberto 172), secundo mio parere (LDC 74.3), in tua memoria (ib. 87.2), in toa vita (ib. 107.2), a nustra casa (RDF 24), a suo lietto (ib. 147), da sua parte (ib. 64), a lloro modo (Lupo I.4.7), per suo piacere (id. II.35.14), a lloro despese (II.58.4), in mia presencia (De Rosa 19r.28), da sua p(er)sona (id. 6r.17), in sua vita (id. 50r.26), p(er) testimonia toa (id. 23r.22), in sua figura (De Jennaro1 V.7), per soa arte (LAFGP 1r.b.3639), per soa memo(r)ia (ib. 1v.b.10), de mya libertate (Bozzuto I.9), contra mia voglia (Galeota LXIII.8), ad mia voglia (Brancati1 33.36), in mio potere (id. 11.16), per mia volunt (id. 51.4), per mia f (Ferraiolo 132r.2324), in loro potere (id. 141v.11 12). Non per caso in tali SP con possessivo il sostantivo ha normalmente referente astratto e/o generico (p.es. amore, voglia, potere, vita, (de)spese, fama, parere), esattamente la stessa classe di sostantivi che nei testi antichi potevano ancora occorrere, sebbene in modo residuale, in forma inarticolata in virt della loro incompatibilit con la maggior forza deittica originaria dellarticolo che emerse prima con i sostantivi concreti (Castellani Pollidori 1966b, 124).17 Spesso per viene osservato (Corti 1956, CXLV; Castellani Pollidori 1970, 48; Compagna 1990, 208) che la preposizione appare in forma articolata qualora il possessivo segua la testa nominale (p.es. te tiene lo Palladio a tyrannia lo quale non conquistasti per toa virtute / Ma certamente
16 17

Controesempio significativo Regimen1 (tutti esempi di tipo A2): sogg.: 1, ogg. dir.: 5, ogg. prep.: 1, avv. prep.: 1. Lassenza dellarticolo con sostantivi astratti e generici non per sistematica neppure nei primi testi e si fa sempre meno frequente col tempo, per cui rileviamo oscillazioni nellimpiego dellarticolo nei SP come nei seguenti esempi rappresentativi: una lectera de mano vostra p(ro)pia / una autra lectera puro de la vostra mano (Lettera1 56 / 9), in tucto lo tempo de soa vita et del suo episcopato (CDP X).

258

la gloria de la virtute toa plu me magnificar (LDT 261.25 / 51.5)). Tuttavia, tale osservazione vale tipicamente solo con i SN argomentali (p.es. y la soa intentione de mantinire suo riamme in pace / y avimmo incommenzato ad invadire con potente brachio lo riamme suo (LDT 54.2728 / 125.3334)), dal momento che i possessivi posposti rappresentano una variante, sebbene minoritaria, non infrequente nei SP: in tiempo suo (LDT 52.8), in vita mia (ib. 51.17), p(er) honore suo (SDM 62.27), p(er) (con)sideratione n(ost)ra (Lettera6 9), per bona fama vostra (LVP 6), in mano vostra (ib. 34r.12), in conpangnia mia (De Rosa 2r.11), p(er) testimonia toa (id. 23r.22), in casa toa (Brancati1 129.31), da parte mia (Ferraiolo 97r.18). Altra generalizzazione importante di Castellani Pollidori (1966b, 120) riguarda un potenziale caso di variazione diastratica, secondo la quale lomissione dellarticolo caratterizzerebbe il linguaggio pi spontaneo e perci pi frequente nei testi di carattere popolare, conclusione confermata in parte dai nostri testi dal momento che le proporzioni di possessivi inarticolati sono maggiori in testi di natura pi popolare come De Rosa (possessivi inarticolati / articolati: 42,1% / 57,9%) rispetto a testi di natura pi letteraria come il LDT (possessivi inarticolati / articolati: 19,9% / 80,1%). Chiari controesempi interessanti testi di carattere poco popolare sono per i BagniR e le Lettera 1/2/3/4/5/6 dove il tipo A1 risulta minoritario rispetto al tipo A2 (ossia, 24 / 26 e 14 / 17, rispettivamente), e parimenti per il LDC in cui bilanciano le ripartizioni del tipo A1 e il A 2 (ossia, 35 / 35).18 7.2.2. Grammaticalizzazione della posposizione La posizione del possessivo si irrigidita col tempo cosicch nel dialetto moderno sono prevalsi i tipi B1 e, in misura minore, B2 ai danni dei tipi A1/2 (Bichelli 1974, 99; Iandolo 1994, 175; Iandolo 2001, 211), situazione gi pienamente riconosciuta nellOttocento (Capozzoli 1889, 210), nonch nel Settecento (Malato 1970a, 29; 1970b, 110). Come sostenuto al 6.4.1.2, tale sviluppo da mettere in stretto rapporto con gli analoghi sviluppi interessanti gli aggettivi, i quali hanno ugualmente conosciuto una severa restrizione della posizione prenominale man mano che si imponeva sempre pi la posposizione anche per linterpretazione presupposizionale. Non casuale perci che fosse proprio intorno al (primo) Seicento che la posposizione diventasse obbligatoria per i possessivi e, tranne alcune eccezioni, anche per gli aggettivi, come illustrano i seguenti esempi secenteschi (v. anche De Caprio 2004, 138139 per la primo secentesca testimonianza de La Ghirlanda di Silvio Fiorillo): Eo noo creo ca se cacasse a fazze [cacherebbe la faccia] soa / pe tutta a robba toa (Braca 193194), pe a fede toia (id. 670), lo cunto mio (Basile 102), luocchie suoie (id. 470), allecordateve de lo tata [pap] vuostro (id. 326), li terretorie loro (id. 60), nelle mani tuie (Della Porta 3031), alla camera suia (id. 32), la storia soja tanto fammosa (Sarnelli 16), no compare sujo (id. 108), lo patre e la mamma lloro (id. 118), la mammarella vosta (id. 118). Infatti, nei testi del primo Seicento sono davvero esigui i residui dellanteposizione (cfr. Capozzoli 1889, 211; p.es. de tuoie fatte norate (Cortese1 2.26), E chillo bello mio sciummo [fiume] Sebeto (id. 6.23),
18

Non stato invece possibile riscontrare conferma per laltra tendenza identificata da Castellani Pollidoro (1966b, 130), secondo la quale il costrutto inarticolato ricorrerebbe spesso anche nelle frasi di senso negativo.

259

chistauto mio tributo (Cortese2 1.3), pe paura de lo suio patrone (id. 1.25), non avite potuto scauzare [interrogare] vostra figlia (Basile 80), Ben venga la mia mogliere! (id. 156), Chi mhave addociuto la mia voccuccia, le sia addociuta la soa ventoruccia [fortunuccia]! (id. 930), co vostra bona lecienzia (id. 390)),19 al contrario dei testi cinquecenteschi che rivelano tuttora una libera alternanza delle due posizioni (p.es. de lo suo vicario / la resurrexione de lo nostro Signore Jesu Christo / innele loro ecclesie (Aloisio 3 / 4546 / 5657) vs sta fore terre seu / lo episcopo suo / lo castello loro (id. 21 / 24 / 2122), Stendi mia curtina / figlio mio (Velardiniello 86.V / 88.XII)).20 Pertanto, a partire dal Seicento in poi cadono in disuso i tipi A1/2, cosicch i possessivi dallora in poi seguono i tipi B 1/2, di cui la variante articolata risulta di gran lunga la pi frequente, anche con i nomi di parentela: lo patre e la mamma lloro (Sarnelli 118), tutti li studiente [studenti] compagne suoie (Rocco 8.3), sta fratosa [malinconica] fatica mia (id. 4.3), nesciuno se v fa li fate suoie (id. 179.35), cresce sotto la mamma soia adaso adaso [adagio adagio] (id. 183.6), le scorze [cortecce] lloro (id. 96.132), lesempio suio (DAntonio 415.27), la mammarella soia (id. 381.1), rento [dentro] li piede suoie (id. 382.4), a lo cacciacore [innamoratina] suio (id. 400.27), a la casa soia (id. 406.7), stanima mia (id. 417.2), le stentina meie (Oliva 38.14), pe chissodio tuio (id. 13.95), la vista soia (id. 72.122), co lluocchie lloro (id. 21.19), li diebbiti loro (Cavalcanti 29), la penna mia (id. 18), co la lengua nosta (id. 18), lo nomme mio (id. 18), la sentenza vosta (Petito1 X), la panza [pancia] toja (id. IV), e vvunnelle [gonnelle] noste (Petito2 VIII), o ciuccio [asino] suio (id. IV), la serva lloro! (Scarpetta13 I.7), cu cierte a